Ente Bilaterale del Terziario di Genova e provincia

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Ente Bilaterale del Terziario di Genova e provincia"

Transcript

1 Fondo Interprofessionale FOR.TE. Piano Formativo PIT STOP Relazione Finale 1. Dati identificativi del Piano Piano Formativo: Codice RUP: Natura del piano: Settore: Presentatore: Attuatore: Supporto: Durata del piano: PIT STOP pf476_pr857_av210 Settoriale Commercio autoveicoli Confcommercio Liguria Iscot Liguria Ente Bilaterale del Terziario di Genova e provincia 24 mesi 2. Il contesto di riferimento L attuale situazione del settore auto italiano è pesantissima sia dal punto di vista del mercato, che della produzione. Il mercato, nel 2012, si è ridotto di quasi il 20% rispetto all anno precedente e del 44% rispetto al 2007, riportandosi sui livelli del 1979, ed è previsto in flessione del 10% circa per il Questa situazione ha pesato enormemente sui concessionari: basti pensare che nel corso del 2012 le imprese che hanno chiuso i battenti sono stati il 7% del totale. Quasi 400. In 10 anni si sono dimezzati. Questo trend negativo è una delle ragioni che ha portato nel 2010 alla proposta di piano formativo PIT STOP. Infatti, la contrazione del mercato, senza una prospettiva di ripresa in tempi brevi, porta a che le aziende facciano uso di tutti gli strumenti necessari per rendere efficienti e profittevoli tutti gli aspetti delle proprie attività e tra questi la crescita professionale dei collaboratori risulta determinante, non solo nei risultati in termini economici che permetterà di conseguire, ma anche nel livello di soddisfazione che gli stessi collaboratori potranno manifestare con l opportunità di una crescita formativa e professionalizzante. 1

2 3. Gli obiettivi del Piano L obiettivo prioritario del piano formativo PIT STOP è stato quello di operare un azione di formazione continua sui dipendenti delle imprese di concessionari autoveicoli, aderenti al Fondo FOR.TE. e facenti parte di Autocom (associazione di categoria locale aderente a Confcommercio Imprese per l Italia di Genova). Questo nella consapevolezza che il patrimonio aziendale di ogni operatore è tanto più performante quanto più il fattore umano nelle figure dei collaboratori tutti sia costantemente in linea con le esigenze operative e di mercato. Proprio in collaborazione con Autocom, infatti, è stata realizzata, durante la fase di progettazione del piano, un analisi di mercato e dei fabbisogni formativi. Inoltre, sono stati effettuati vari incontri con il delegato Autocom ed un focus group specifico (il a Genova) con i rappresentanti delle imprese di concessionari autoveicoli. Al termine di questo percorso si è rilevato che l utilizzo di apparecchiature, sistemi di diagnosi e programmazione, tecniche di vendita innovative, unitamente a sempre maggiori conoscenze specifiche del settore, volte a porsi come consulenti al cliente potenziale, portano alla necessaria formazione delle risorse umane dell azienda. 4. I contenuti e la metodologia del Piano Il Piano Formativo si è articolato in cinque progetti (tematiche): 1. Vendita e marketing, della durata di 42 ore (di cui 18 erogate in modalità FAD) e destinato al personale dipendente con mansione di "venditori" 2. Gestione aziendale; della durata di 36 ore (di cui 12 erogate in modalità FAD) e destinato al personale dipendente con mansione di "responsabili della Qualità in azienda". 3. Informatica; della durata di 16 ore e destinato al personale dipendente con mansione di "backoffice ed amministrazione". 4. Tecniche e tecnologie di produzione; della durata di 16 ore (di cui 8 erogate in modalità FAD) e destinato al personale dipendente con mansione di "responsabili officina e tecnici diagnostici". 5. Salute e sicurezza sul lavoro; della durata di 8 ore (di cui 4 erogate in modalità FAD) e destinato al personale dipendente che ha l obbligo dell aggiornamento della sicurezza in azienda. I progetti si sono articolati in moduli ed, in termini di contenuti didattici, sono state fornite le seguenti conoscenze: Conoscenza degli strumenti finanziari sulla vendita del prodotto (finanziamenti, leasing, etc.). Conoscenza degli strumenti assicurativi sulla vendita del prodotto. Conoscenza degli aspetti e della normativa fiscale sulla vendita del prodotto. 2

3 Conoscenza delle tecniche e della gestione CRM. Conoscenza della pianificazione e gestione di un processo di qualità (norme ISO 9000, CSR, etc.). Conoscenza dell utilizzo strumenti informatici di base. Conoscenza dell utilizzo data base aziendali ed ambiente web. Conoscenza dell elettronica e dell'utilizzo della tecnologia informatica applicata all assistenza e servizio clienti. Conoscenza degli strumenti diagnostici, delle tecnologie e delle tecniche di revisione dell autoveicolo. Conoscenza della normativa sulla sicurezza sul lavoro. Sotto il profilo metodologico, sono state due le metodologie utilizzate: la formazione "in aula" e la formazione a distanza (FAD), con piattaforma informatica, attivata attraverso il portale del soggetto attuatore sulla quale, in maniera dedicata (nello specifico: PIT STOP - area riservata FAD per Concessionarie Auto) ogni lavoratore poteva accedere con login aziendale. Gli strumenti utilizzati sono stati sia quelli tradizionali di "aula" quali proiezioni, dispense, esercitazioni, confronto su case history, che quelli più tecnici quali l'utilizzo degli strumenti tecnologici diagnostici. Inoltre, sono stati utilizzati gli strumenti informatici quali pc, rete internet, supporti multimediali. Oltre la progettazione e l analisi dei fabbisogni con metodo bottom-up, cioè attraverso incontri e focus group settoriali con i rappresentanti datoriali di categoria, il piano ha realizzato un attività di orientamento e selezione dei partecipanti effettuata all interno delle imprese aderenti. Inoltre, per riconoscere e certificare le competenze acquisite, è stato attivato un Osservatorio di Piano Formativo, di natura bilaterale, con funzioni anche di monitoraggio, valutazione e misura dei risultati attesi. Infine, il piano formativo ha avuto una durata di 24 mesi. 5. I risultati conseguiti L'acquisizione delle conoscenze erogate durante l attività formativa e, quindi, il rafforzamento delle competenze dei lavoratori a tutti i livelli in azienda (certificate dal "libretto formativo" previsto), ha consentito di ottenere un effetto positivo su tre fronti: - verso i consumatori, in termini di migliore, più tutelato e più competente servizio; - verso i lavoratori, in termini di garanzia dell'occupabilità; - verso le imprese, in termini di migliore competitività. Sotto il profilo dei risultati generati dall attività formativa del piano, rispetto alle previsioni effettuate in fase di progettazione e presentazione del piano stesso al Fondo, la successiva Tab. 5.1 riassume il quadro generale con il numero dei lavoratori ed il numero delle ore di formazione come indicatori. 3

4 Tab. 5.1 Indicatori Previsti in Formati Diff. Assoluta Diff. % formazione N. lavoratori ,9% Previste Erogate Diff. Assoluta Diff. % N. ore di formazione totali ,2% Come si vede, al termine delle attività sono stati formati 183 lavoratori, con una differenza positiva dell 8,9% rispetto a quelli previsti in formazione all approvazione del progetto e corrispondenti a 168 unità. Invece, per quanto riguarda il numero delle ore di formazione, la differenza fra quelle previste e quelle erogate in totale è del -13,2%: sono state, infatti, realizzate attività formative che hanno impegnato ore a differenze delle ore previste. Per quanto riguarda il numero d imprese coinvolte, hanno aderito e beneficiato del piano N. 10 aziende, così come previsto in fase di presentazione del piano stesso. Il piano ha avuto un coinvolgimento della componente femminile della forza lavoro in formazione pari al 28,4% dei dipendenti formati, una percentuale interessante se realizzata in un contesto lavorativo tipicamente e storicamente maschile come quello del mondo dell automobile. Questo risultato è stato raggiunto anche in virtù di una particolare azione di sensibilizzazione della componente femminile stessa, realizzata nelle attività propedeutiche di preparazione alle attività del piano stesso. Rispetto al totale dei lavoratori formati, nel successivo grafico 1 possiamo vedere che ben l 80,3% è stato formato in materia di sicurezza sul lavoro, il 34,4% ha partecipato al progetto informatica, il 27,3% a quello di vendita e marketing, il 15,8% ha svolto i moduli di gestione aziendale ed infine il 2,7% quelli di tecniche. 4

5 Graf. 1 Quota % lavoratori formati sulle tematiche del piano Rispetto allo sviluppo dei contenuti didattici del piano, la successiva Tab. 5.2 mostra la distribuzione delle ore di formazione erogate per le tematiche progettuali. Tab. 5.2 Tematiche (Progetti) N. ore formazione erogate Gestione aziendale 492 Informatica 176 Sicurezza sul lavoro 668 Tecniche 48 Vendita, marketing Totale

6 In termini percentuali (graf. 5.2) il totale delle ore erogate dal piano la quota maggiore (44,6%) riguarda la vendita e marketing, poi segue la sicurezza sul lavoro con il 26,7%, quindi la gestione aziendale con il 19,7%, poi l informatica con il 7% ed infine le tecniche con l 1,9% del totale delle ore di formazione svolte. Graf. 5.2 Quota % delle ore di docenza erogate per tematica del piano Come si può notare ben il 44,6% delle ore del piano sono state utilizzate per accrescere le conoscenze di vendita e marketing, in ragione anche della necessità di sviluppare nuovi servizi commerciale in un contesto congiunturale che, come ricordato in precedenza, soffre di una grave crisi strutturale. 6

7 Più in particolare (Tab. 5.3), la suddivisione delle ore di formazione erogate, suddivise per modulo, mostra meglio la distribuzione dei pesi non solo fra progetti, ma fra i contenuti didattici specifici. Tab. 5.3 Progetto Modulo N. ore erogate % ore sul totale Gestione aziendale Gestione aziendale Informatica Sicurezza sul lavoro Sicurezza sul lavoro Tecniche Tecniche Vendita, marketing Vendita, marketing Pianificazione e gestione di un processo di qualità - AULA 144 5,8% Pianificazione e gestione di un processo di qualità - FAD ,9% Utilizzo strumenti informatici, data base aziendali ed ambiente web - AULA 176 7,0% Normativa sulla sicurezza sul lavoro - AULA 80 3,2% Normativa sulla sicurezza sul lavoro - FAD ,5% Strumenti diagnostici, tecnologie e tecniche di revisione dell''autoveicolo - AULA 8 0,3% Strumenti diagnostici, tecnologie e tecniche di revisione dell''autoveicolo - FAD 40 1,6% Strumenti finanziari-assicurativi, normativa fiscale, CRM - AULA 216 8,6% Strumenti finanziari-assicurativi, normativa fiscale, CRM - FAD ,0% TOTALE % In termini di ore di formazione ogni modulo aveva uno sviluppo diverso, secondo la seguente composizione (Tab. 5.4): Tab. 5.4 Modulo N. ore AULA N. ore FAD N. ore TOT. Pianificazione e gestione di un processo di qualità Utilizzo strumenti informatici, data base aziendali ed ambiente web Normativa sulla sicurezza sul lavoro Strumenti diagnostici, tecnologie e tecniche di revisione dell''autoveicolo Strumenti finanziari-assicurativi, normativa fiscale, CRM

8 Per quanto riguarda l organizzazione logistica della formazione in aula, nel complesso sono state realizzate n. 47 edizioni, così suddivise (Tab. 5.5): Tab. 5.5 Modulo N. Edizioni Pianificazione e gestione di un processo di qualità 6 Utilizzo strumenti informatici, data base aziendali ed ambiente web 11 Normativa sulla sicurezza sul lavoro 20 Strumenti diagnostici, tecnologie e tecniche di revisione dell''autoveicolo 1 Strumenti finanziari-assicurativi, normativa fiscale, CRM 9 Sotto il profilo finanziario la seguente tabella (Tab. 5.6) riassume le macrovoci del piano, mentre i dettagli e le specifiche sono nelle tabelle della rendicontazione finanziaria, e mostra come tutte le risorse previste sono state investite per il completamento delle attività Tab. 5.6 Voci del piano Presentato Finale Finanziamento For.Te , ,00 Contributo privato obbligatorio , ,44 Totale valore del piano , ,44 Come si può notare, a parità di finanziamento del Fondo, le imprese hanno conferito, a rendicontazione, un contributo obbligatorio maggiore di quello necessario e quantificato in fase di presentazione del piano. Questo fatto deriva dal maggior valore del costo del lavoro dei dipendenti formati e porta il valore stesso del piano ad un livello ben più alto del minimo necessario. Ultimo, ma crediamo non meno importante risultato, soprattutto in termini di marketing associativo per il Fondo FOR.TE. in particolare, è che lo sviluppo del piano ha consentito di informare meglio le imprese di questo settore commerciale, soprattutto quelle non ancora aderenti, delle opportunità date dal Fondo per finanziare le attività di formazione continua. 6. La gestione del Piano Il Piano Formativo PIT STOP è di natura settoriale ed ha coinvolto imprese e lavoratori operanti in provincia di Genova e per venire incontro alle esigenze dei partecipanti le attività didattiche si sono svolte in 10 sedi formative e questo ha comportato un notevole lavoro di coordinamento da parte del soggetto attuatore. Per quanto riguarda l attività di docenza sono stati impiegati n. 16 docenti, mentre l attività di tutoraggio ha coinvolto N. 9 unità. 8

9 In particolare, si sottolinea che il piano, nella fase di apprendimento attraverso FAD, ha visto una specifica azione di tutoraggio, a cui sono state dedicate due unità di personale, per assistere i lavoratori in formazione nel miglior accesso alla piattaforma ed all utilizzo dei contenuti didattici. Per quanto riguarda la gestione del piano, i soggetti in campo, che hanno interagito sono stati: - Confcommercio Liguria per L Italia Liguria, con funzione di soggetto proponente e beneficiario del finanziamento; - Iscot Liguria, con funzione di soggetto attuatore del piano (specificatamente delegato), che con il proprio staff interno e con l ausilio di consulenti esterni ha provveduto alle funzioni di direzione, coordinamento, gestione, amministrazione e controllo; - L Ente Bilaterale del Terziario di Genova, con funzione d indirizzo (ante) monitoraggio (durante) e valutazione (post) delle attività del piano, nell ambito dell accordo e dell assistenza al piano stesso stabilita in fase di presentazione; - Autocom (l associazione di categoria), che ha collaborato, durante la fase di progettazione del piano, all analisi di mercato e dei fabbisogni formativi e che ha posto in essere, al termine del piano, un azione di diffusione e pubblicizzazione dei risultati; - Ascom Confcommercio Genova(l associazione di categoria), che ha collaborato, durante la fase di progettazione del piano, monitoraggio (durante) e valutazione (post) delle attività del piano, al termine del piano, un azione di diffusione e pubblicizzazione dei risultati. - Le imprese; - I lavoratori coinvolti nelle attività di formazione, destinatari e beneficiari finali del piano. 7. Le criticità emerse Al precedente paragrafo 2 (contesto di riferimento) abbiamo ricordato come il settore del commercio autoveicoli in questi ultimi anni sia andato incontro ad una crisi strutturale dovuta sia alla mutata congiuntura economica che a dei mutamenti di mercato piuttosto articolati e repentini. A Genova, poi, a questi fattori generali si è anche aggiunto un evento calamitoso alluvionale che ha colpito alcune delle aziende aderenti, ubicate proprio nella zona esondata. Il piano, quindi, progettato a fine del 2010, ha dovuto essere riconvertito, nel corso degli anni durante il suo sviluppo, ai nuovi scenari organizzativi e di mercato per essere realmente di aiuto alle aziende aderenti. In effetti, il tempo intercorso fra la scadenza dell Avviso 2/10 (dicembre 2010), la sua approvazione da parte del Fondo (giugno 2011), la sottoscrizione della convenzione e l avvio delle attività (settembre 2011) ed infine i suoi due anni di sviluppo segnano un arco temporale di circa un triennio, forse un tempo eccessivo per non avere necessità di modifiche didattiche. Per quanto riguarda, invece, il livello operativo non si evidenziano particolari criticità, se non segnalare qualche problematica legata all utilizzo della piattaforma informatica per il caricamento dei dati. Genova, 30 settembre

Il sistema di gestione di SINTESI SpA è certificato UNI EN ISO 9001:2008 (settori EA 35 e EA 37).

Il sistema di gestione di SINTESI SpA è certificato UNI EN ISO 9001:2008 (settori EA 35 e EA 37). Carta di qualità dell offerta formativa La Carta della Qualità ha la finalità di esplicitare e comunicare al sistema committente/beneficiari gli impegni che SINTESI SpA assume nei suoi confronti a garanzia

Dettagli

FORMAZIONE FINANZIATA Fondi Interprofessionali e FSE

FORMAZIONE FINANZIATA Fondi Interprofessionali e FSE FORMAZIONE FINANZIATA Fondi Interprofessionali e FSE TD GROUP E LA FORMAZIONE FINANZIATA La formazione finanziata consiste nella progettazione ed erogazione di percorsi formativi che sono finanziati totalmente

Dettagli

BUDGET E CONTROLLO DIGESTIONE. RELAZIONE Diffusione

BUDGET E CONTROLLO DIGESTIONE. RELAZIONE Diffusione Corso BUDGET E CONTROLLO DIGESTIONE Asse I Adattabilità RELAZIONE Diffusione Introduzione 1. Attività specifiche 1.1 Corrispondenza e pertinenza dell analisi dei fabbisogni formativi 1.2 Qualità progettuale

Dettagli

FAC SIMILE STAMPA FORMULARIO SMART

FAC SIMILE STAMPA FORMULARIO SMART N.B. In celeste le note e le indicazioni del Fondo come supporto alla compilazione FAC SIMILE STAMPA FORMULARIO SMART Proposta Piano Formativo Avviso n. 29 del 17/03/2015 Piano Formativo: Legenda colori

Dettagli

DGR 784 del 14 Maggio 2015 Aziende in rete nella formazione continua Strumenti per la competitività delle imprese venete

DGR 784 del 14 Maggio 2015 Aziende in rete nella formazione continua Strumenti per la competitività delle imprese venete FONDO SOCIALE EUROPEO IN SINERGIA CON IL FONDO EUROPEO DI SVILUPPO REGIONALE POR 2014 2020 Ob. Investimenti a favore della crescita e dell'occupazione DGR 784 del 14 Maggio 2015 Aziende in rete nella formazione

Dettagli

Regolamento per l accesso e la gestione

Regolamento per l accesso e la gestione FONDO PARITETICO INTERPROFESSIONALE NAZIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA NEGLI STUDI PROFESSIONALI E NELLE AZIENDE COLLEGATE Regolamento per l accesso e la gestione al nuovo canale di finanziamento sperimentale

Dettagli

C2.1) Carta di Qualità dell offerta formativa

C2.1) Carta di Qualità dell offerta formativa C2.1) Carta di Qualità dell offerta formativa Politica della Qualità L IIS A. Petrocchi adotta un sistema interno di gestione della qualità per garantire l efficacia e il continuo miglioramento dei servizi.

Dettagli

SETTORI E AZIONI FORMATIVE

SETTORI E AZIONI FORMATIVE L'attuale scenario economico, caratterizzato dalla contrazione del credito e da una crisi globale del sistema bancario, ha contribuito a mettere in discussione molte delle certezze basilari relative all'economia

Dettagli

Schema della Stampa del formulario di presentazione dei piani formativi concordati

Schema della Stampa del formulario di presentazione dei piani formativi concordati AVVISO N.11 del 6 MAGGIO 2009 PIANI PER INTERVENTI FORMATIVI DI SOSTEGNO A IMPRESE E LAVORATORI COLPITI DALLA CRISI ECONOMICA Schema della Stampa del formulario di presentazione dei piani formativi concordati

Dettagli

FORMAZIONE CONTINUA Finanziata da Fondi Interprofessionali

FORMAZIONE CONTINUA Finanziata da Fondi Interprofessionali FORMAZIONE CONTINUA Finanziata da Fondi Interprofessionali INDICE LA FORMAZIONE CONTINUA: definizioni e riferimenti normativi I FONDI INTERPROFESSIONALI: definizioni e riferimenti normativi IL PROGETTO

Dettagli

ALLEGATO A TRA. la Regione Liguria UNIVERSITÀ DI GENOVA ASSOCIAZIONI SINDACALI ASSOCIAZIONI DATORIALI. di seguito denominate Parti.

ALLEGATO A TRA. la Regione Liguria UNIVERSITÀ DI GENOVA ASSOCIAZIONI SINDACALI ASSOCIAZIONI DATORIALI. di seguito denominate Parti. ALLEGATO A Apprendistato 2013 2015 PERCORSI DI ALTA FORMAZIONE (art. 5 D. Lgs. 14 settembre 2011, n. 167 ) (art. 41 della Legge regionale 11 maggio 2009 n. 18) PROTOCOLLO DI INTESA TRA la Regione Liguria

Dettagli

Il catalogo MARKET. Mk6 Il sell out e il trade marketing: tecniche, logiche e strumenti

Il catalogo MARKET. Mk6 Il sell out e il trade marketing: tecniche, logiche e strumenti Si rivolge a: Forza vendita diretta Agenti Responsabili vendite Il catalogo MARKET Responsabili commerciali Imprenditori con responsabilità diretta sulle vendite 34 di imprese private e organizzazioni

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI AL LAVORO

CARTA DEI SERVIZI AL LAVORO PRESENTAZIONE OPERATORE CARTA DEI SERVIZI AL LAVORO La Cooperativa Sociale Conedia è stata costituita a maggio 2011, come emanazione dell Associazione F.L.E.G. Formazione Lavoro e Gioventù. Ha come oggetto

Dettagli

MASTER di I livello in Banking and Financial Services Management

MASTER di I livello in Banking and Financial Services Management MASTER di I livello in Banking and Financial Services Management Il Master universitario di 1 livello Banking and Financial Services Management è nato dall accordo tra la Scuola di Amministrazione Aziendale

Dettagli

Consorzio Italbiotec

Consorzio Italbiotec Consorzio Italbiotec Università e Industria insieme per lo sviluppo delle Biotecnologie I FONDI PARITETICI INTERPROFESSIONALI PER LA FORMAZIONE CONTINUA LE SEDI DEL CONSORZIO ITALBIOTEC SEDE LEGALE E UNITÀ

Dettagli

REGIONE AUTÒNOMA DE SARDIGNA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA

REGIONE AUTÒNOMA DE SARDIGNA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA RURAL trainer REGIONE AUTÒNOMA DE SARDIGNA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Assessorato dell agricoltura e riforma agro-pastorale RURAL trainer il progetto che sostiene le giovani imprese agricole della

Dettagli

Risultati finali piano formativo AV/266/S14 «Different Together» AVVISO 1/2014 FORMAZIONE SU SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO

Risultati finali piano formativo AV/266/S14 «Different Together» AVVISO 1/2014 FORMAZIONE SU SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO Risultati finali piano formativo AV/266/S14 «Different Together» AVVISO 1/2014 FORMAZIONE SU SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO Soggetto proponente: TALENTFORM srl Soggetto delegato: POLITECNICO DI

Dettagli

Avviso 1/2015 Piani aziendali, settoriali e territoriali

Avviso 1/2015 Piani aziendali, settoriali e territoriali Avviso 1/2015 1. Attività finanziabili 1.1. Il Fondo paritetico interprofessionale nazionale Fondo Banche (di seguito FBA), reso operativo con D.M. 91/V/2008 del 16 aprile 2008 del Ministero del Lavoro,

Dettagli

IL PROGETTO E-LEARNING. della Ragioneria Generale dello Stato

IL PROGETTO E-LEARNING. della Ragioneria Generale dello Stato IL PROGETTO E-LEARNING della Ragioneria Generale dello Stato Il Contesto Nel corso degli ultimi anni, al fine di migliorare qualitativamente i servizi resi dalla P.A. e di renderla vicina alle esigenze

Dettagli

Vademecum tecnico per la presentazione dei Progetti

Vademecum tecnico per la presentazione dei Progetti Vademecum tecnico per la presentazione dei Progetti Si tratta di una breve guida contenente indicazioni operative per la presentazione e la progettazione di Progetti formativi a valere sullo Sportello

Dettagli

Executive Master in. Acquisisci o trasforma il tuo stile di vendita per diventare un professionista vincente, ai vertici dell eccellenza

Executive Master in. Acquisisci o trasforma il tuo stile di vendita per diventare un professionista vincente, ai vertici dell eccellenza Executive Master in Vendite Acquisisci o trasforma il tuo stile di vendita per diventare un professionista vincente, ai vertici dell eccellenza Obiettivi del Master Il Master ha il preciso scopo di formare

Dettagli

Carta di Qualità dell offerta formativa

Carta di Qualità dell offerta formativa Carta di Qualità dell offerta formativa Livello strategico Politica della Qualità della HOLLYWOON & FASHION SRL La HOLLYWOON & FASHION SRL definisce la propria politica della Qualità come segue: essere

Dettagli

Allegato 2 Facsimile formulario aggiornato

Allegato 2 Facsimile formulario aggiornato Allegato 2 Facsimile formulario aggiornato Il presente documento riporta le informazioni che saranno richieste nel formulario on line. Sezione 1 - Dati sintetici del Piano Formativo 1.1 TITOLO DEL PIANO

Dettagli

APPRENDISTATO PER PERCORSI DI ALTA FORMAZIONE. L alta via in Liguria. 11 giugno 2010 PerForm - Università degli Studi di Genova

APPRENDISTATO PER PERCORSI DI ALTA FORMAZIONE. L alta via in Liguria. 11 giugno 2010 PerForm - Università degli Studi di Genova APPRENDISTATO PER PERCORSI DI ALTA FORMAZIONE L alta via in Liguria 1 PERIODO DI RIFERIMENTO 2006 2010 7 Master Universitari a livello regionale 4 (pari a 75 laureati) gestiti da Perform Servizio Formazione

Dettagli

ACCORDO DI PARTENARIATO POLO TECNICO PROFESSIONALE M.S.M. Milano Sistema Moda

ACCORDO DI PARTENARIATO POLO TECNICO PROFESSIONALE M.S.M. Milano Sistema Moda ACCORDO DI PARTENARIATO POLO TECNICO PROFESSIONALE M.S.M. Milano Sistema Moda Istituto di Istruzione Superiore Statale Caterina da Siena soggetto richiedente con..,.. codice fiscale:, rappresentato da:.

Dettagli

Nuove soluzioni e nuovi strumenti per migliorare i risultati nell amministrazione e nella gestione delle strutture alberghiere

Nuove soluzioni e nuovi strumenti per migliorare i risultati nell amministrazione e nella gestione delle strutture alberghiere Nuove soluzioni e nuovi strumenti per migliorare i risultati nell amministrazione e nella gestione delle strutture alberghiere 6 MARZO 2014 BUSINESS VALUE SRL BUSINESS VALUE è una società di consulenza

Dettagli

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione.

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. La Compagnia Della Rinascita PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si

Dettagli

PROGETTO I.C.A.R.O. Centro di Orientamento e Tutorato di Ateneo ORU08

PROGETTO I.C.A.R.O. Centro di Orientamento e Tutorato di Ateneo ORU08 Ufficio stage "formazienda" Incubatore di imprese innovative (Centro ISO - Industrial Spin-Off); Sportello informativo Start-up I.F.eG. (Imprenditorialità Femminile e Giovanile) Rilevazione annuale presso

Dettagli

Formulario e Piano Finanziario

Formulario e Piano Finanziario Il formulario si compone di 6 Sezioni: Sezione 1 ANAGRAFICA Sezione 2 DATI PIANO Sezione 3 DESCRIZIONE DEL PIANO FORMATIVO Sezione 4 DATI PROGETTO FORMATIVO Sezione 5 - PIANO FINANZIARIO Sezione 6 RIEPILOGO

Dettagli

REV. 6 PAG. 1/6 MANUALE INFORMATIVO

REV. 6 PAG. 1/6 MANUALE INFORMATIVO REV. 6 PAG. 1/6 MANUALE INFORMATIVO MANUALE INFORMATIVO REV. 6 PAG. 2/6 1 PRESENTAZIONE DEL CONSORZIO Il Consorzio Multisettoriale Piemontese, nuova denominazione del Consorzio Aziende Metalmeccaniche

Dettagli

Schema della Stampa del formulario di presentazione dei piani formativi aziendali concordati a valere sul Conto Formativo saldo 2008

Schema della Stampa del formulario di presentazione dei piani formativi aziendali concordati a valere sul Conto Formativo saldo 2008 LINEE GUIDA DEL 1 MARZO 2010 Schema della Stampa del formulario di presentazione dei piani formativi aziendali concordati a valere sul Conto Formativo saldo 2008 DENOMINAZIONE DEL PIANO: EVENTUALE ACRONIMO:

Dettagli

Programma di Recupero Rilancio Riposizionamento commerciale delle Piccole Imprese del Commercio Turismo e Servizi della Provincia di Ravenna

Programma di Recupero Rilancio Riposizionamento commerciale delle Piccole Imprese del Commercio Turismo e Servizi della Provincia di Ravenna Programma di Recupero Rilancio Riposizionamento commerciale delle Piccole Imprese del Commercio Turismo e Servizi della Provincia di Ravenna Da un idea e progettazione del CAT (Centro di Assistenza Tecnica)

Dettagli

INDICE. p. 3 AZIENDA. p. 4. FORMAZIONE - Formazione Finanziata - Formazione Obbligatoria - Formazione Continua. p. 6 RICERCA E SELEZIONE DEL PERSONALE

INDICE. p. 3 AZIENDA. p. 4. FORMAZIONE - Formazione Finanziata - Formazione Obbligatoria - Formazione Continua. p. 6 RICERCA E SELEZIONE DEL PERSONALE Indice INDICE AZIENDA FORMAZIONE - Formazione Finanziata - Formazione Obbligatoria - Formazione Continua RICERCA E SELEZIONE DEL PERSONALE CONSULENZA - Risorse Umane - Sviluppo Organizzativo - Commerciale

Dettagli

LA FORMAZIONE COME STRUMENTO ELETTIVO PER LA DIFFUSIONE DELLA CULTURA DELLA SICUREZZA, DELLA DIFFUSIONE DELLE CONOSCENZE

LA FORMAZIONE COME STRUMENTO ELETTIVO PER LA DIFFUSIONE DELLA CULTURA DELLA SICUREZZA, DELLA DIFFUSIONE DELLE CONOSCENZE LA FORMAZIONE COME STRUMENTO ELETTIVO PER LA DIFFUSIONE DELLA CULTURA DELLA SICUREZZA, DELLA DIFFUSIONE DELLE CONOSCENZE LA FORMAZIONE COME STRUMENTO DEL MIGLIORAMENTO DEI PROCESSI PRODUTTIVI E LA VALORIZZAZIONE

Dettagli

Sede Di Lauria. Database, elaborazione statistica e grafica : Labanca Nicola

Sede Di Lauria. Database, elaborazione statistica e grafica : Labanca Nicola Database, elaborazione statistica e grafica : Labanca Nicola S ommario Preparazione...3 Erogazione o realizzazione (Docenza/Tutoraggio)... 1 LE TABELLE CHE SEGUONO, RIPORTANO I DATI SOPRA ELENCATI RELATIVI

Dettagli

AVVISO TEMATICO 1/12

AVVISO TEMATICO 1/12 AVVISO TEMATICO 1/12 AVVISO TEMATICO 1/12 FONDO PARITETICO INTERPROFESSIONALE NAZIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA DEL TERZIARIO FOR.TE. Promozione di Progetti formativi per la formazione in materia di

Dettagli

Sei stato sospeso, ti trovi in mobilità, hai perso il lavoro? Fai la mossa giusta.

Sei stato sospeso, ti trovi in mobilità, hai perso il lavoro? Fai la mossa giusta. UNIONE EUROPEA MINISTERO DEL LAVORO, DELLA SALUTE E DELLE POLITICHE SOCIALI Direzione Generale per le Politiche per l Orientamento e la Formazione PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Investiamo nel vostro futuro

Dettagli

Master Universitario di I livello in Gestione dei Processi di Vendita

Master Universitario di I livello in Gestione dei Processi di Vendita Master Universitario di I livello in Gestione dei Processi di Vendita Gestione dei processi di vendita Master di I livello L Università degli Studi di Torino Dipartimento di Management, attraverso il Bando

Dettagli

Business plan. (schema di riferimento ) DENOMINAZIONE IMPRESA:

Business plan. (schema di riferimento ) DENOMINAZIONE IMPRESA: Business plan (schema di riferimento ) DENOMINAZIONE IMPRESA: 1 Dati progettuali di sintesi Nome impresa Indirizzo (sede legale) Forma giuridica Data di costituzione Numero soci Capitale sociale Attività

Dettagli

8.2.2 Codice e titolo della misura Mis. 2 - Servizi di consulenza, di sostituzione e di assistenza alla gestione delle aziende agricole (art 15)

8.2.2 Codice e titolo della misura Mis. 2 - Servizi di consulenza, di sostituzione e di assistenza alla gestione delle aziende agricole (art 15) 8.2 DESCRIZIONE DELLA MISURA 8.2.2 Codice e titolo della misura Mis. 2 - Servizi di consulenza, di sostituzione e di assistenza alla gestione delle aziende agricole (art 15) 8.2.2.1 Base Giuridica Art.

Dettagli

Istituto Tecnico Commerciale GUGLIELMO OBERDAN. 2. Competenze - Abilità - Conoscenze da acquisire in classe 3^

Istituto Tecnico Commerciale GUGLIELMO OBERDAN. 2. Competenze - Abilità - Conoscenze da acquisire in classe 3^ Format progetto Alternanza Scuola Lavoro Anno Scolastico 2011-12 Attività previste per il percorso da realizzare nella fase di sensibilizzazione per le classi 2^ L attività di alternanza è prevista su

Dettagli

LOGISTIC MANAGER. STRUTTURA DEL PERCORSO: 700 ore di formazione d aula, 300 ore di stage e 3 mesi di Work Experience.

LOGISTIC MANAGER. STRUTTURA DEL PERCORSO: 700 ore di formazione d aula, 300 ore di stage e 3 mesi di Work Experience. LOGISTIC MANAGER. CONTESTO: La figura professionale Logistic Manager trova la sua collocazione in aziende operanti nell ambito del trasporto/logistica, di media/piccola o grande dimensione, in cui v è

Dettagli

LINGUA INGLESE COMMERCIALE APPLICATA ALLA NAUTICA DA DIPORTO RELAZIONE. RELAZIONE Diffusione Verifica finale azione

LINGUA INGLESE COMMERCIALE APPLICATA ALLA NAUTICA DA DIPORTO RELAZIONE. RELAZIONE Diffusione Verifica finale azione Corso LINGUA INGLESE COMMERCIALE APPLICATA ALLA NAUTICA DA DIPORTO Misura D1 RELAZIONE RELAZIONE Diffusione Verifica finale azione Introduzione 1. Attività specifiche 1.1 Corrispondenza e pertinenza dell

Dettagli

Premesso che il Sistema di e-learning federato per la pubblica amministrazione dell Emilia-Romagna (SELF):

Premesso che il Sistema di e-learning federato per la pubblica amministrazione dell Emilia-Romagna (SELF): CONVENZIONE PER L ADESIONE AL SISTEMA DI E-LEARNING FEDERATO DELL EMILIA-ROMAGNA PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E L UTILIZZO DEI SERVIZI PER LA FORMAZIONE Premesso che il Sistema di e-learning federato

Dettagli

ISTITUTO D'ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE

ISTITUTO D'ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Corso Serale I.G.E.A. LA FORMAZIONE TRA SCUOLA ED AZIENDA ANNO SCOLASTICO 2010 2011 DIRIGENTE SCOLASTICO : Dott.ssa ADDOLORATA BRAMATO RESPONSABILE DEL PROGETTO :Prof.ssa LOREDANA CAROPPO REFERENTE SCUOLA

Dettagli

TEMA DELL OPERAZIONE... 3 IL SOGGETTO PROPONENTE... 4 LE AREE TEMATICHE DI INTERVENTO... 4 FINALITÀ E OBIETTIVI GENERALI... 7

TEMA DELL OPERAZIONE... 3 IL SOGGETTO PROPONENTE... 4 LE AREE TEMATICHE DI INTERVENTO... 4 FINALITÀ E OBIETTIVI GENERALI... 7 DOCUMENTO PROGRAMMATICO PER LA FORMAZIONE CONTINUA L AIM E LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE INDICE TEMA DELL OPERAZIONE... 3 IL SOGGETTO PROPONENTE... 4 LE AREE TEMATICHE DI INTERVENTO... 4 Area Trasversale:

Dettagli

ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. TITOLO DEL PROGETTO: Giovani e Europa: rete a sostegno della mobilità internazionale

ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. TITOLO DEL PROGETTO: Giovani e Europa: rete a sostegno della mobilità internazionale ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: Giovani e Europa: rete a sostegno della mobilità internazionale SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e promozione culturale

Dettagli

COMITATO TECNICO SCUOLA E UNIVERSITA

COMITATO TECNICO SCUOLA E UNIVERSITA Emilia Gangemi COMITATO TECNICO SCUOLA E UNIVERSITA Linee di indirizzo 12 dicembre 2012 Il quadro disegnato dai dati più recenti, tra cui le indagini ISTAT, in merito al mercato del lavoro nel Lazio non

Dettagli

FondItalia fa un salto da te

FondItalia fa un salto da te FONDO FORMAZIONE ITALIA Campagna informativa 2011 FondItalia fa un salto da te PREMESSA I Fondi Paritetici Interprofessionali sono stati chiamati, in questa fase di crisi economica, a svolgere una funzione

Dettagli

CARTA DI QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA

CARTA DI QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA Pagina 1 di 7 CARTA DI QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA Livello strategico Politica della qualità L Istituto Aniene Srl si pone come obiettivo quello di raccordare le finalità formative con i bisogni e la

Dettagli

Tuttavia il settore non riesce a sfruttare appieno le caratterizzazioni potenziali e l offerta agricola regionale appare, di fatto, poco qualificata.

Tuttavia il settore non riesce a sfruttare appieno le caratterizzazioni potenziali e l offerta agricola regionale appare, di fatto, poco qualificata. Il settore agroalimentare siciliano, per numero di occupati, potenzialità di qualità, diversità, tipicità e tradizioni alimentari e salutistiche è tra quelli portanti dell economia regionale. Le caratteristiche

Dettagli

Politica per la Qualità della Formazione

Politica per la Qualità della Formazione Politica per la Qualità della Formazione Valutazione e accreditamento lasciano un segno se intercettano la didattica nel suo farsi, se inducono il docente a rendere il suo rapporto con i discenti aperto,

Dettagli

ALLEGATO 2 FIGURE PROFESSIONALI DI FILIALE IMPRESE

ALLEGATO 2 FIGURE PROFESSIONALI DI FILIALE IMPRESE ALLEGATO 2 FIGURE PROFESSIONALI DI FILIALE IMPRESE INDICE Direttore di Filiale Imprese... 3 Coordinatore... 4 Gestore Imprese... 5 Addetto Imprese... 6 Specialista Estero Merci... 7 Specialista Credito

Dettagli

MODELLO DI. Livello strategico

MODELLO DI. Livello strategico ALLEGATO II.1 MODELLO DI CARTA DI QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA ELEMENTI MINIMI La Carta della Qualità ha la finalità di esplicitare e comunicare al sistema committente/beneficiari gli impegni che l organismo

Dettagli

Q&C dei sistemi di gestione in base alla norma UNI CEI EN 16001

Q&C dei sistemi di gestione in base alla norma UNI CEI EN 16001 Ing. Sandro Picchiolutto Fabbisogni di qualificazione e certificazione (Q&C) di competenze, servizi e sistemi per l efficienza energetica e le fonti rinnovabili Q&C dei sistemi di gestione in base alla

Dettagli

FORMULARIO E GUIDA PER LA PRESENTAZIONE DEI PIANI DI POTENZIAMENTO

FORMULARIO E GUIDA PER LA PRESENTAZIONE DEI PIANI DI POTENZIAMENTO ALLEGATO 3 POR SARDEGNA 2000-2006 MISURA 4.2 P.A. PER L IMPRESA: ANIMAZIONE, SERVIZI REALI, SEMPLIFICAZIONE, INFRASTRUTTURAZIONE SELETTIVA AZIONE 4.2.B SERVIZI REALI ALLE PMI PROGRAMMA SERVIZI PER IL POTENZIAMENTO

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ Premessa PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ Le recenti e numerose modifiche previste nell ambito del vasto progetto di riforma della P.A. impongono agli Enti Locali il controllo e la

Dettagli

Servizi per il turismo e la cultura

Servizi per il turismo e la cultura Servizi per il turismo e la cultura Servizi per il turismo e la cultura Il meglio dell Italia cresce ogni giorno insieme a noi. Marketing del territorio Siamo un network di professionisti che integrano

Dettagli

Progetto F.I.S.I.Agri Formazione Integrata per la Sostenibilità e

Progetto F.I.S.I.Agri Formazione Integrata per la Sostenibilità e Progetto F.I.S.I.Agri Formazione Integrata per la Sostenibilità e l Innovazione in Agricoltura Progetto finanziato dal FSE e dalla Provincia di Pistoia 1 Bando MM 2006-2007 FSE POR OB 3 mis. D1, C3 PROGETTI

Dettagli

1 - CODICE PROGETTO 3.5.4 - COSTRUZIONE DI UN SISTEMA PER L A P P R E N D I S TAT O 2 - TIPOLOGIA DI INTERVENTO/AREA FUNZIONALE DEL PPL

1 - CODICE PROGETTO 3.5.4 - COSTRUZIONE DI UN SISTEMA PER L A P P R E N D I S TAT O 2 - TIPOLOGIA DI INTERVENTO/AREA FUNZIONALE DEL PPL 3.5.4 - COSTRUZIONE DI UN SISTEMA PER L A P P R E N D I S TAT O 1 - CODICE PROGETTO Il progetto è riconducibile a quella che il Piano Provinciale del Lavoro definisce quale Area 3: Servizi all Utenza -

Dettagli

Gli interventi di formazione professionale per le persone con disabilità promossi e finanziati dalla Provincia di Torino

Gli interventi di formazione professionale per le persone con disabilità promossi e finanziati dalla Provincia di Torino ISTRUZIONE, ORIENTAMENTO E FORMAZIONE PROFESSIONALE Gli interventi di formazione professionale per le persone con disabilità promossi e finanziati dalla Provincia di Torino Enrica Pejrolo 11 dicembre 2014

Dettagli

La Formazione finanziata INGENIA Group

La Formazione finanziata INGENIA Group La Formazione finanziata INGENIA Group Come funziona la Formazione finanziata? Manuale commerciale 11/2013 Per informazioni: coordinamento@ingeniagroup.it LA FORMAZIONE FINANZIATA FORMAZIONE FINANZIATA:

Dettagli

L A FOR MAZIONE A PAR MA, DA L 1987

L A FOR MAZIONE A PAR MA, DA L 1987 CO M PA N Y P R O F I L E L A FOR MAZIONE A PAR MA, DA L 1987 2 3 CISITA PARMA. La formazione a Parma, dal 1987 Cisita I NUMERI DI CISITA PARMA AZIENDE CLIENTI - 1.061 ORE DI FORMAZIONE EROGATE - 38.132

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

COMUNICAZIONE PER L INNOVAZIONE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

COMUNICAZIONE PER L INNOVAZIONE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE COMUNICAZIONE PER L INNOVAZIONE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Corso di Alta Formazione - Pubblica Amministrazione, Sanità e No Profit Premessa E comprovato che in ogni organizzazione la formazione riveste

Dettagli

La Formazione Finanziata. Fondi Interprofessionali - FSE

La Formazione Finanziata. Fondi Interprofessionali - FSE & La Formazione Finanziata Fondi Interprofessionali - FSE Come ottenere formazione a costo zero tramite i fondi interprofessionali ed il FSE Per far formazione all interno delle aziende si possono chiedere

Dettagli

A T R A K S O L U T I O N S S. R. L Centro di eccellenza per la formazione ICT CARTA DELLA QUALITA. REVISIONE 00 del 16 Marzo 2015

A T R A K S O L U T I O N S S. R. L Centro di eccellenza per la formazione ICT CARTA DELLA QUALITA. REVISIONE 00 del 16 Marzo 2015 A T R A K S O L U T I O N S S. R. L Centro di eccellenza per la formazione ICT CARTA DELLA QUALITA REVISIONE 00 del 16 Marzo 2015 A t r a k S o l u t i o n s S. r. l. Te l e f o n o + 3 9 0 6 8 7 7 5 6

Dettagli

GESTIONE DELLE RISORSE UMANE

GESTIONE DELLE RISORSE UMANE Titolo del pag. 1 di 6 Titolo del I N D I C E 1. SCOPO 2. GENERALITÀ 3. CAMPO DI APPLICAZIONE 4. LISTA DI DISTRIBUZIONE 5. DETERMINAZIONE DEL FABBISOGNO 6. SELEZIONE DEL PERSONALE 7. ITER DI INSERIMENTO

Dettagli

Questionario sui fabbisogni. di servizi per l internazionalizzazione delle aziende

Questionario sui fabbisogni. di servizi per l internazionalizzazione delle aziende Via Valentini, 14-59100 Prato tel. 0574 4551 - fax 0574 604595 www.ui.prato.it e-mail: uip@ui.prato.it Questionario sui fabbisogni di servizi per l internazionalizzazione delle aziende L IMPRESA E I MERCATI

Dettagli

adatta formazione sviluppo e formazione storia, attività, obiettivi

adatta formazione sviluppo e formazione storia, attività, obiettivi adatta formazione sviluppo e formazione storia, attività, obiettivi ENTE ACCREDITATO DALLA REGIONE VENETO ai sensi della Legge Regionale n. 19 del 09/08/2002 per la FORMAZIONE CONTINUA CODICE ENTE: 4034

Dettagli

FONDI COMUNITARI: OPPORTUNITÀ, STRATEGIE, GESTIONE E RENDICONTAZIONE PER I DIPENDENTI PUBBLICI

FONDI COMUNITARI: OPPORTUNITÀ, STRATEGIE, GESTIONE E RENDICONTAZIONE PER I DIPENDENTI PUBBLICI FONDI COMUNITARI: OPPORTUNITÀ, STRATEGIE, GESTIONE E RENDICONTAZIONE PER I DIPENDENTI PUBBLICI I fondi comunitari non sono solo una fonte finanziaria supplementare ma anche e soprattutto uno stimolo all

Dettagli

FORMULARIO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI FORMATIVI PER LA PARTECIPAZIONE AL GRAN PRIX DELLA FORMAZIONE EDIZIONE N 5 ANNO 2015

FORMULARIO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI FORMATIVI PER LA PARTECIPAZIONE AL GRAN PRIX DELLA FORMAZIONE EDIZIONE N 5 ANNO 2015 FORMULARIO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI FORMATIVI PER LA PARTECIPAZIONE AL GRAN PRIX DELLA FORMAZIONE EDIZIONE N 5 ANNO 2015 TITOLO DEL PROGETTO: ENTE/IMPRESA PROPONENTE 1 Alla GIURIA DEL GRAN PRIX

Dettagli

(INDICARE ASSE, Obiettivo Specifico e Azione, come declinati in allegato all avviso)

(INDICARE ASSE, Obiettivo Specifico e Azione, come declinati in allegato all avviso) SEZIONE 0 - DATI IDENTIFICATIVI DEL PROGETTO 01 Titolo: Accompagnamento Operatori Reti d aiuto 02 Acronimo: AgORA 03 Soggetto proponente capofila e partenariato operativo 03.1. Denominazione soggetto proponente

Dettagli

LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELAZIONALI DEL PERSONALE INTERNO A CONTATTO CON IL CLIENTE

LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELAZIONALI DEL PERSONALE INTERNO A CONTATTO CON IL CLIENTE LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELAZIONALI DEL PERSONALE INTERNO A CONTATTO CON IL CLIENTE La qualità del servizio passa attraverso la qualità delle persone 1. Lo scenario In presenza di una concorrenza

Dettagli

Descrizione della misura Titolo della misura Misura 1 - Trasferimento di conoscenze e azioni di informazione

Descrizione della misura Titolo della misura Misura 1 - Trasferimento di conoscenze e azioni di informazione Descrizione della misura Titolo della misura Misura 1 - Trasferimento di conoscenze e azioni di informazione Base giuridica Regolamento (UE) n. 1305/2013, Articolo 14 Regolamento (UE) n. 1303/2013 Descrizione

Dettagli

Avvisi FOR.TE 2012/2013 I nuovi bandi per la formazione gratuita dei dipendenti

Avvisi FOR.TE 2012/2013 I nuovi bandi per la formazione gratuita dei dipendenti Avvisi FOR.TE 2012/2013 I nuovi bandi per la formazione gratuita dei dipendenti Confcommercio Imprese per l'italia della provincia di Pordenone sta predisponendo i nuovi Piani Formativi a valere sul bando

Dettagli

Report di monitoraggio trimestrale Piani formativi promossi dai Fondi Paritetici Interprofessionali N. 6

Report di monitoraggio trimestrale Piani formativi promossi dai Fondi Paritetici Interprofessionali N. 6 Servizio Assistenza tecnica e supporto al funzionamento Osservatorio Regionale per la Formazione Continua Rif.to contratto rep. n. 1236 del 24.09.2013 1.b) Implementazione periodica del monitoraggio trimestrale

Dettagli

Piano di business preliminare

Piano di business preliminare Piano di business preliminare Sistema di valutazione di business idea e/o start-up innovative Piano di business preliminare DOCUMENTO DA RIEMPIRE A CURA DEL PROPONENTE Indice 1 Analisi tecnica del Prodotto/Servizio

Dettagli

Indirizzi per la regolamentazione dell Apprendistato per la Qualifica e per il Diploma Professionale ai sensi del Regolamento 47/R del 2003 e s.m.i.

Indirizzi per la regolamentazione dell Apprendistato per la Qualifica e per il Diploma Professionale ai sensi del Regolamento 47/R del 2003 e s.m.i. Allegato A Indirizzi per la regolamentazione dell Apprendistato per la Qualifica e per il Diploma Professionale ai sensi del Regolamento 47/R del 2003 e s.m.i. Indirizzi per la regolamentazione dell apprendistato

Dettagli

IL SISTEMA ARTIGIANATO: COMPETENZE E SERVIZI A SUPPORTO DELLE IMPRESE. Opportunità per la Opportunità per la formazione aziendale

IL SISTEMA ARTIGIANATO: COMPETENZE E SERVIZI A SUPPORTO DELLE IMPRESE. Opportunità per la Opportunità per la formazione aziendale + IL SISTEMA ARTIGIANATO: COMPETENZE E SERVIZI A SUPPORTO DELLE IMPRESE Opportunità per la Opportunità per la formazione aziendale + FORMAZIONE FORMA la dimensione delle regole, dei criteri di un percorso

Dettagli

Fondimpresa è il più importante tra i Fondi

Fondimpresa è il più importante tra i Fondi INFORMATIVA AI PARTECIPANTI DEL PROGETTO C.R.E.S.C.O in Sicurezza Corsi di Riqualificazione e Specializzazione delle Competenze.in Sicurezza FINANZIATO DA FONDIMPRESA Gentile Partecipante, desideriamo

Dettagli

Europrogettazione e Project Management

Europrogettazione e Project Management Executive Master in Europrogettazione e Project Management Sida Group Alta Formazione dal 1985 Strategia Consulenza Formazione Sedi: Roma Napoli Bologna Parma Chieti Perugia Ancona www.mastersida.com OBIETTIVI

Dettagli

Avviso 4/2013. Corsi Professionalizzanti e Master

Avviso 4/2013. Corsi Professionalizzanti e Master Avviso 4/2013 1. Attività finanziabili 1.1. Il Fondo paritetico interprofessionale nazionale Fondo Banche (di seguito FBA), reso operativo con D.M. 91/V/2008 del 16 aprile 2008 del Ministero del Lavoro,

Dettagli

Servizi per la formazione

Servizi per la formazione Ingenium Servizi per la formazione Formazione finanziata, formazione per l apprendistato, servizi di politiche attive del lavoro 13 L approccio La caratteristica dell offerta di Ingenium risiede in un

Dettagli

PROGETTO QUALITA PIANO FINANZIARIO

PROGETTO QUALITA PIANO FINANZIARIO PROGETTO QUALITA PIANO FINANZIARIO Progetto Qualità INTESA-CCA 2014-2016 Pagina 1 PROGETTO QUALITA 2014-2016 PREMESSA: Il progetto dopo il periodo di avvio e consolidamento, in base alle osservazioni poste

Dettagli

SCHEDA TECNICA CORSI DI ORIENTAMENTO, DI FORMAZIONE PROFESSIONALE E TIROCINI

SCHEDA TECNICA CORSI DI ORIENTAMENTO, DI FORMAZIONE PROFESSIONALE E TIROCINI SCHEDA TECNICA CORSI DI ORIENTAMENTO, DI FORMAZIONE PROFESSIONALE E TIROCINI Caratteristiche e priorità trasversali e generali Gli interventi richiesti hanno le seguenti finalità: sostenere ed agevolare

Dettagli

LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE PER UNA FORZA VENDITA VINCENTE

LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE PER UNA FORZA VENDITA VINCENTE LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE PER UNA FORZA VENDITA VINCENTE Non c è mai una seconda occasione per dare una prima impressione 1. Lo scenario Oggi mantenere le proprie posizioni o aumentare le quote di mercato

Dettagli

DIPARTIMENTO DELLA PROTEZIONE CIVILE. Ufficio Volontariato, Relazioni Istituzionali e Internazionali SERVIZIO FORMAZIONE

DIPARTIMENTO DELLA PROTEZIONE CIVILE. Ufficio Volontariato, Relazioni Istituzionali e Internazionali SERVIZIO FORMAZIONE DIPARTIMENTO DELLA PROTEZIONE CIVILE Ufficio Volontariato, Relazioni Istituzionali e Internazionali SERVIZIO FORMAZIONE MODELLO DI INTERVENTO FORMATIVO PER ISCRITTI ALLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO

Dettagli

I N D I C E LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI

I N D I C E LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI COACHING LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI I N D I C E 1 [CHE COSA E IL COACHING] 2 [UN OPPORTUNITA DI CRESCITA PER L AZIENDA] 3 [ COME SI SVOLGE UN INTERVENTO DI COACHING ]

Dettagli

Delibera del Collegio dei Docenti. Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante

Delibera del Collegio dei Docenti. Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante Delibera del Collegio dei Docenti Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante Anno scolastico 2013/2014 IL COLLEGIO DEI DOCENTI VISTI CONSIDERATO ESAMINATE PRESO ATTO TENUTO CONTO

Dettagli

PROGETTI SPECIALI. AVVISO 5/12Ter. Promozione di Progetti formativi per la formazione in materia di innovazione tecnologica e di processo

PROGETTI SPECIALI. AVVISO 5/12Ter. Promozione di Progetti formativi per la formazione in materia di innovazione tecnologica e di processo PROGETTI SPECIALI AVVISO 5/12Ter Promozione di Progetti formativi per la formazione in materia di innovazione tecnologica e di processo AVVISO PROGETTI SPECIALI 5/12Ter FONDO PARITETICO INTERPROFESSIONALE

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE PER RESPONSABILI DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DEI LAVORATORI SUI LUOGHI DI LAVORO RSPP - ASPP

CORSO DI FORMAZIONE PER RESPONSABILI DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DEI LAVORATORI SUI LUOGHI DI LAVORO RSPP - ASPP CORSO DI FORMAZIONE PER RESPONSABILI DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DEI LAVORATORI SUI LUOGHI DI LAVORO RSPP - ASPP www.gruppomidi.it Sede di svolgimento Ge.Ma Via S. Sonnino 21/A 43126 PARMA

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER LA REALIZZAZIONE DI

AVVISO PUBBLICO PER LA REALIZZAZIONE DI AVVISO PUBBLICO PER LA REALIZZAZIONE DI ATTIVITÀ INERENTI LA FORMAZIONE PER LA SALUTE E SICUREZZA SUI LUOGHI DI LAVORO. ANNO FORMATIVO 2011-2012. Relazione finale Settembre 2012 1 INDICE Premessa pag.

Dettagli

Schema della Stampa del formulario di presentazione dei piani formativi aziendali concordati a valere sul Conto Formativo saldo 2009

Schema della Stampa del formulario di presentazione dei piani formativi aziendali concordati a valere sul Conto Formativo saldo 2009 LINEE GUIDA DEL 18 GENNAIO 2011 Schema della Stampa del formulario di presentazione dei piani formativi aziendali concordati a valere sul Conto Formativo saldo 2009 DENOMINAZIONE DEL PIANO: EVENTUALE ACRONIMO:

Dettagli

SCHEDA PROGETTO BCNL - SCUOLA

SCHEDA PROGETTO BCNL - SCUOLA PROGETTO TRASFERIMENTO BORSA CONTINUA NAZIONALE DEL LAVORO SCHEDA PROGETTO BCNL - SCUOLA Piano di attività integrate fra i progetti: Ministero Pubblica Istruzione - Impresa Formativa Simulata e Ministero

Dettagli

UN NOSTRO PROFESSIONISTA SI RICONOSCE...

UN NOSTRO PROFESSIONISTA SI RICONOSCE... UN NOSTRO PROFESSIONISTA SI RICONOSCE... consulman Il Gruppo Consulman nasce nel 1991 dall aggregazione di professionisti provenienti da qualificate esperienze nell ambito del management, della consulenza

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Relazione Annuale 2015 della Commissione Paritetica Docenti Studenti Dipartimento/Facoltà di : Fisica Dipartimento di afferenza a partire dal 1 novembre 2015 (se modificato): Denominazione del Corso di

Dettagli

4. Quota di iscrizione per partecipante (al netto di Iva) 3.500,00

4. Quota di iscrizione per partecipante (al netto di Iva) 3.500,00 1. Titolo del corso TECNICHE PER LA PROGRAMMAZIONE DELLA PRODUZIONE E DELLA LOGISTICA (LIVELLO BASE) 2. Tematica formativa del catalogo Abilità personali Contabilità finanza Gestione aziendale - amministrazione

Dettagli

Patto politiche attive del 16 giugno 2009

Patto politiche attive del 16 giugno 2009 Patto politiche attive del 16 giugno 2009 1 Premessa: per il lavoro oltre la crisi L'Accordo sottoscritto in Lombardia il 4 maggio 2009 prevede uno stretto rapporto tra le politiche passive, attraverso

Dettagli

Scheda Attività Corsuale

Scheda Attività Corsuale Scheda Attività Corsuale * Ai sensi della legge 675/96 si comunica che i dati contenuti nel presente formulario verranno utilizzati unicamente per la gestione dei progetti e per le interazioni tra Regione

Dettagli