Come integrare Google Maps sul proprio sito

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Come integrare Google Maps sul proprio sito"

Transcript

1 Come integrare Google Maps sul proprio sito Autore: Ivan Venuti Tratto dal libro: JavaScript dalle basi ad Ajax Tra le più sorprendenti e riuscite applicazioni AJAX realizzate da Google figura Google Maps, un applicazione web che consente di esplorare l intero pianeta con mappe molto dettagliate e fotografie satellitari di sicuro effetto. Google Maps viene utilizzato anche da migliaia di siti con diversi utilizzi. In questo articolo Come fare a... vi illustrerà come usare questa applicazione web sulle pagine del vostro sito personalizzandola al meglio. Mappe per tutti Oramai le mappe di Google (chiamate Google Maps) compaiono in migliaia di siti di tutti i tipi che offrono un variegato tipo di informazioni: dalle case in vendita ai ritrovi più in, fino alle previsioni meteorologiche o semplici indicazioni stradali per raggiungere un azienda o un evento. Il loro successo è dovuto sia alla resa grafica particolarmente efficace di ogni mappa, sia alla semplicità d uso e di personalizzazione. In questo articolo si imparerà a usare le mappe e a creare nuove e sorprendenti applicazioni. Registrazione Prima di poter usare le mappe nelle proprie pagine è necessario richiedere un identificativo registrandosi alla pagina L identificativo è legato a uno specifico dominio. Per questo motivo, in fondo alla pagina di richiesta, è necessario specificare l URL del sito dove le mappe verranno pubblicate. Prima di procedere è bene leggere le condizioni d uso. Tra le più importanti c è quella per cui le mappe devono essere usate in siti il cui contenuto sia accessibile a tutti, senza vincoli e senza la possibilità di rendere le mappe accessibili a pagamento. Chi volesse realizzare applicazioni a pagamento o private deve far riferimento alla versione commerciale, chiamata Google Maps for Enterprise all indirizzo: Figura 1: per ottenere la chiave è necessario indicare un nome di dominio 1 -

2 La generazione dell identificativo è immediata. Esso è visibile nella pagina successiva dopo aver fatto clic sul pulsante Generate API Key. La stessa pagina specifica l URL per cui l identificativo è valido e presenta una pagina di cui si può fare il copia e incolla per il primo test, come visibile in figura 2. Il risultato del test, salvato in una pagina di nome primamappa.htm, è mostrato in figura 3. Figura 2: la pagina che indica la chiave da usare Figura 3: la mappa inserita su una pagina È giunto il momento di analizzare questa prima pagina e, a partire da essa, di illustrare le API che si possono utilizzare per personalizzare le Google Maps. 2 -

3 Creiamo la prima mappa La prima riga di interesse consiste nella dichiarazione di inclusione di un file JavaScript esterno: <script src= HIAVE> type= text/javascript ></script> Al posto di <CHIAVE> va inserito l identificativo ottenuto. Il file ottenuto contiene la definizione degli oggetti per gestire e manipolare le mappe. Il fatto che sia esterno, ovvero fornito da Google, ha due importanti implicazioni: la prima è che si dà la facoltà a Google di cambiare il contenuto delle API in qualsiasi momento (e questo è specificato nelle condizioni d uso accettate in fase di registrazione la seconda è che le mappe di Google sono accessibili solo quando si è connessi in rete: non è possibile usarle in pagine html visualizzare off-line. Nella pagina c è anche uno script locale: function load() { if (GBrowserIsCompatible()) { var map = new GMap2(document.getElementById( map ) map.setcenter( new GLatLng( , ), 13 } } La funzione fa uso di oggetti e metodi specifici di Google Maps. Questi oggetti si possono riconoscere perché iniziano tutti con il prefisso G. Il primo metodo è GBrowserIsCompatible e il significato è facilmente intuibile: verifica che il browser in uso sia compatibile con la libreria (al momento la lista dei browser supportati è piuttosto nutrita: Internet Explorer 6.0, Firefox 0.8, Safari 1.2.4, Netscape 7.1, Mozilla 1.4 e Opera 8.02, comprese tutte le versioni successive). Poi ci sono le seguenti istruzioni, che contengono tre nuovi oggetti e metodi: var map = new GMap2(document.getElementById( map ) map.setcenter( new GLatLng( , ), 13 Nella prima viene creato un oggetto di tipo GMap2; esso accetta come parametro un elemento della pagina (il cui id è map ; si vedrà in seguito qual è l elemento). Successivamente, sull oggetto creato viene invocato un setcenter: è il centro della mappa, specificato da coordinate latitudinali e longitudinali e da un numero (13). Le coordinate sono i numeri utilizzati per costruire l oggetto GLatLng, mentre il 13 rappresenta il livello di zoom della mappa. Quanto illustrato rappresenta tutte le informazioni necessarie per la costruzione della mappa. Quello che manca è un posto, all interno della pagina, dove mostrare la mappa e un modo per caricare la funzione; questo è realizzato dal resto della pagina html: <body onload= load() onunload= GUnload() > <div id= map style= width: 500px; height: 300px ></div> </body> 3 -

4 Al caricamento della pagina viene invocata la funzione load e il <div> rappresenta l elemento con id map sul quale verrà mostrata la mappa. È interessante notare che quando la pagina viene chiusa si invoca la funzione GUnload: essa non fa altro che eliminare eventuali oggetti creati e che certi browser non riescono a distruggere. Il suo utilizzo è sempre raccomandato. Approfondimenti Le librerie di Google per le mappe sono in continuo aggiornamento. Un indispensabile fonte di informazioni sugli oggetti a disposizione e sulle loro proprietà e/o metodi è disponibile alla pagina: (in inglese). In caso di dubbi specifici è la prima pagina da consultare. Personalizzare della mappa Dopo aver salvato la stessa pagina come secondamappa.htm si può procedere alla sua personalizzazione. Per esempio, si potrebbe centrare la mappa sulle coordinate dell Italia e con un livello di zoom di 5. Inoltre, è interessante mostrare, al posto della mappa, l immagine ottenuta da Google Earth (ovvero immagini satellitari della terra). Per farlo, si deve usare il metodo setmaptype: map.setcenter(new GLatLng(42.0, 11.5), 5 map.setmaptype(g_satellite_map Al posto della costante G_SATELLITE_MAP si possono usare G_NORMAL_MAP, per la mappa normale, o G_HYBRID_MAP per una mappa ibrida (ci sono elementi di entrambe le modalità; in particolare, lo sfondo è dato dall immagine dal satellite e sono evidenziate le principali città e i confini). Il risultato della nostra personalizzazione è mostrato in figura 4. Figura 4: la mappa centrata sull Italia e con l immagine dal satellite Controlli Avere una mappa è sicuramente interessante, ma poterla navigare rende ancora più utile la sua fruizione. Google Maps mette a disposizione dei controlli predefiniti per farlo. Il metodo che permette di aggiungerli è: map.addcontrol( quale La lista dei possibili controlli è sintetizzata nella tabella 1. Ciascun controllo è un oggetto che va creato e assegnato come parametro al metodo precedente. 4 -

5 Tabella 1: controlli predefiniti di una mappa GLargeMapControl Inserisce, sulla sinistra, un controllo che permette sia di sostare in una direzione qualsiasi, sia di aumentare o diminuire lo zoom. GSmallMapControl Come il precedente, ma più piccolo e compatto. GSmallZoomControl Due soli pulsanti: uno per aumentare lo zoom e uno per diminuirlo. GScaleControl Posiziona in basso la scala (una in miglia, secondo lo standard americano, e una in chilometri). GMapTypeControl Posiziona in alto a destra diversi pulsanti, uno per ciascun tipo di mappa (normale, satellitare e ibrida). Facendovi clic sopra, l immagine viene ricaricata nella modalità scelta. GOverviewMapControl Posiziona in basso a destra un riquadro a uno zoom più elevato per agevolare la navigazione su parti molto distanti rispetto alla mappa visualizzata. 5 -

6 I diversi controlli si possono anche integrare tra loro. Per esempio, inserendo: map.addcontrol(new GOverviewMapControl() map.addcontrol(new GMapTypeControl() map.addcontrol(new GLargeMapControl() si ottiene l immagine di figura 5. Figura 5: la mappa con i controlli per la navigazione Come si è detto, ciascun controllo ha una sua posizione predefinita; però, tale posizione può essere variata. Per farlo, va usata una delle costanti tra G_ANCHOR_TOP_RIGHT (alto a destra), G_ANCHOR_ TOP_LEFT (alto a sinistra), G_ANCHOR_BOTTOM_RIGHT (in basso a destra) o G_ANCHOR_BOTTOM_LEFT (in basso a sinistra). Questa costante va specificata come secondo parametro del costruttore dell oggetto GControlPosition e l oggetto così costruito va passato alla funzione addcontrol come secondo parametro: map.addcontrol( new GOverviewMapControl(), new GControlPosition(G_ANCHOR_TOP_LEFT) 6 -

7 L oggetto GControlPosition può, a sua volta, avere un secondo parametro, di tipo GSize, che rappresenta l offset relativo alla posizione specificata dal primo parametro. Così, il seguente esempio posiziona il controllo in alto a sinistra, ma spostato di 100 pixel a destra: map.addcontrol( new GOverviewMapControl(), new GControlPosition( G_ANCHOR_TOP_LEFT, new GSize(100,0) ) Il risultato complessivo è mostrato in figura 6. Figura 6: la mappa con i controlli per la navigazione Oggetti sulle mappe Una mappa, con i suoi controlli per navigarla e personalizzarla, è già di per sé un utile strumento da inserire nei siti Web. Però, è ancora più interessante poter intervenire sulle mappe per inserirvi oggetti. Gli oggetti possono essere usati sia come marcatori per evidenziare determinate posizioni (monumenti di interesse, localizzazioni di sedi e così via) sia per inserire linee allo scopo di evidenziare percorsi e direzioni o delimitare aree. L insieme degli oggetti è chiamato overlay (spesso si preferisce usare i termini in lingua inglese, in quanto la documentazione di Google per le Google Maps è tutta in inglese). Un qualsiasi oggetto viene mostrato sulla mappa quando viene invocato il metodo: map.addoverlay( quale 7 -

8 Informazioni sul traffico Uno degli overlay predefiniti permette di evidenziare sulla mappa la situazione del traffico; tale funzionalità è disponibile solo per alcune città e per includerla basta aggiungere un oggetto di tipo GTrafficOverlay: map.addoverlay( new GTrafficOverlay() Il risultato, a una risoluzione molto elevata, è l indicazione di un semaforo su ogni città che possiede indicazioni sul traffico. Facendo clic su un icona appare l indicazione della città con un link, visibile in figura 7, per visualizzare la mappa dettagliata della città visibile in figura 8. I colori indicano la situazione del traffico: più intenso a mano a mano che si passa dal verde al giallo e, infine, al rosso. Figura 7: città con informazioni sul traffico Figura 8: i dettagli in una città (Miami) 8 -

9 Questo layer può essere utile ed è particolarmente semplice da aggiungere. Ci sono anche altri overlay, molto più semplici altamente personalizzabili e utilizzabili in contesti anche molto diversi. Marcatori Un marcatore (marker) viene costruito grazie all oggetto GMarker. Il costruttore accetta come parametro un punto di tipo GLatLng (lo stesso usato per impostare il centro della mappa). Ecco, pertanto, come inserire un marker proprio al centro della mappa creata in precedenza: map.addoverlay( new GMarker( new GLatLng(42.0, 11.5) ) Di marcatori se ne possono creare senza limiti. Ecco, per esempio, come crearne 30 disposti sui principali assi rispetto al centro come visibile in figura 9: for(i=-5; i<5; i++) map.addoverlay( new GMarker( new GLatLng( i, 11.5) ) for(i=-10; i<10; i++) map.addoverlay( new GMarker( new GLatLng(42.0, i) ) Figura 9: tanti marcatori sugli assi rispetto al centro 9 -

10 Come accade per le immagini dei documenti HTML, per esempio, anche per i marcatori è possibile associare un tooltip che viene mostrato quando il mouse vi si ferma sopra; lo si fa aggiungendo un ulteriore parametro al costruttore. Tale parametro è un array di coppie chiave, valore. Il tooltip si imposta mediante la proprietà title: new GMarker(point, {title: un esempio } Un altra chiave che è possibile specificare è icon. Il valore può essere una qualsiasi immagine usata come icona sulla mappa: new GMarker(point, {icon: quale} Tale icona è un oggetto di tipo GIcon: var icona1 = new GIcon(G_DEFAULT_ICON icona1.image = test1.png ; map.addoverlay( new GMarker( new GLatLng(45.0, 10.5), {icon: icona1} ) In questo modo è possibile inserire numerosi marcatori auto-esplicativi. In figura 10, per esempio, sono mostrati quattro avatar che potrebbero riferirsi ad altrettanti amici localizzati su una mappa. Figura 10: tanti marcatori sugli assi rispetto al centro 10 -

11 Si noti che un icona non è solo l immagine di primo piano. Infatti, GIcon ha molte altre proprietà; esse sono elencate in tabella 2. Tabella 2: alcune proprietà per l oggetto Glcon Proprietà image shadow iconsize shadowsize printimage printshadow imagemap Descrizione URL con immagine in primo piano associata all icona URL con immagine che fa da ombra all icona Oggetto GSize con le dimensioni dell icona in primo piano Oggetto GSize con le dimensioni dell ombra URL all immagine da usarsi per la stampa URL all immagine che fa da ombra da usarsi per la stampa Coordinate x ed y espresse come array di interi. Ciascuna coppia definisce una regione di mappa cliccabile (non funziona con Internet Explorer) Finestre di informazione Su ogni mappa è possibile inserire una (e non più di una) finestra di informazione. Essa appare come un fumetto, al cui interno è possibile specificare qualsiasi testo html; si aggiunge a una mappa esistente con: map.openinfowindowhtml(punto, qualehtml dove punto è il solito oggetto di tipo GLatLng e qualehtml contiene il codice html da visualizzare all interno della finestra. Per esempio: map.openinfowindowhtml( new GLatLng(42.0, 11.5), <p>testo</p> fa visualizzare la finestra mostrata in figura 11. Figura 11: una finestra che appare come un fumetto sulla mappa 11 -

12 Esistono anche altri tipi di finestre. In tabella 3 è riportata per ciascuna una breve descrizione. Tabella 3: tipi di finestre di informazioni associabili a una mappa Finestra openinfowindow (pt, node, opt) openinfowindowhtml (pt, html, opt) openinfowindowtabs (pt, tabs, opt) openinfowindowtabshtml (pt, tabs, opt) showmapblowup (pt, opts?) updateinfowindow (finestra, callback) updatecurrenttab (finestra, callback) closeinfowindow() getinfowindow() Descrizione Crea una finestra di informazioni sul punto pt. Il contenuto della finestra è il secondo parametro come elemento del DOM; nel terzo, opzionale, sono specificate eventuali personalizzazioni Come la precedente ma il contenuto è specificato come documento HTML Apre una finestra con schede (tab il contenuto di ogni scheda è espresso come nodi DOM Come la precedente, ma il contenuto è specificato come documento HTML Apre una finestra di informazioni il cui contenuto è una mappa dettagliata del punto in cui viene aperta Aggiorna il contenuto della finestra di informazioni che risulta aperta. L ultimo parametro specifica, opzionalmente, una funzione callback che viene richiamata quando il contenuto viene effettivamente aggiornato Come la precedente, ma si applica a una finestra di informazioni a schede Chiude l attuale finestra di informazioni aperta Recupera l oggetto della finestra di informazioni della mappa. Se non esiste, la finestra viene creata, ma non visualizzata Attenzione Se si usano delle immagini dentro il codice HTML di una pagina di informazioni, è importante specificare le loro dimensioni (con gli attributi width, per la larghezza, e height, per l altezza). In caso contrario, può darsi che la finestra di informazioni si apra con dimensioni errate e lasci trasbordare l immagine contenuta. Spezzate e poligoni Su una mappa è possibile definire una serie di punti di lunghezza arbitraria e far sì che i punti, a due a due, siano congiunti con una linea spezzata. Per farlo si usa un oggetto di tipo GPolyline. Per costruire una spezzata si può usare il seguente metodo: GPolyline( arraypunti, colore, peso, opacità, opzioni) Solo l arraypunti è un parametro obbligatorio: è un array di oggetti di tipo GLatLng che rappresentano i vertici della spezzata. Il colore è quello usato per disegnare la linea (si utilizzano i normali colori 12 -

13 esadecimali nel formato HTML). Il peso è la larghezza della linea disegnata (misurata in pixel). Se è specificata (il numero deve essere compreso tra 0, per nulla opaca, e 1, completamente opaca) l opacità indica come si vede in trasparenza la mappa sottostante. Ecco un esempio di spezzata i cui vertici sono Roma, Firenze, Venezia e Milano, visibile in figura 12. var punti = []; // Roma punti[0] = new GLatLng ( , // Firenze punti[1] = new GLatLng ( , // Venezia punti[2] = new GLatLng ( , // Milano punti[3] = new GLatLng ( , var pol = new GPolyline( punti, #000000, 10, 0.5 map.addoverlay(pol Figura 12: esempio di polyline Attenzione Affinché Internet Explorer interpreti correttamente le mappe contenenti spezzate e poligoni, è necessario che l intestazione della pagina html contenga quanto segue: <!DOCTYPE html PUBLIC -//W3C//DTD XHTML 1.0 Strict//EN > <html xmlns= xmlns:v= urn:schemas-microsoft-com:vml >

14 Una volta costruita la spezzata, l oggetto GPolyline che la rappresenta possiede alcuni metodi interessanti. Primi fra tutti: hide(), per nasconderla, show(), per visualizzarla, e getlength(), per restituire la lunghezza totale in metri. Per esempio, usando questa alert si può sapere che, sulla base della mappa appena vista, andando da Roma a Milano passando per Firenze e Venezia si percorre una distanza in linea d aria di metri: alert( Distanza totale: + pol.getlength()+ metri Si faccia attenzione al fatto che la lunghezza calcolata comprende il calcolo del raggio di curvatura della superficie terrestre. Ma come trovare agevolmente le coordinate delle varie città? Farlo per tentativi è oltremodo dispendioso. O si conosce un indirizzo (e si vedrà in seguito cosa farne) oppure si potrebbe fare clic sul punto della mappa e conoscerne le coordinate. Per farlo, è necessario gestire gli eventi Gestire gli eventi Per gestire l interazione degli utenti con la mappa si deve riuscire ad ascoltare la loro attività, sia essa un clic su un oggetto della mappa, il movimento del mouse sopra certe zone o altri eventi a cui si è interessati per fornire, al loro verificarsi, risposte personalizzate. Per farlo si usa un namespace chiamato GEvent (un namespace non è propriamente un oggetto, ma un suffisso che permette di identificare l origine degli oggetti che seguono). Esso, in particolare, include la funzione addlistener, che accetta tre argomenti: l oggetto su cui mettersi in ascolto, l evento da ascoltare (sua descrizione) e la funzione da invocare al verificarsi dell evento: GEvent.addListener( map, click, function() { alert( Hai fatto clic } Il metodo addlistener indica di associare un ascoltatore (ovvero una funzione che risponde a determinati eventi) alla mappa specificata come primo parametro; il secondo parametro specifica l evento e il terzo e ultimo parametro indica la funzione da invocare al verificarsi dell evento (questa è chiamata anche funzione di callback). Alcuni tra gli eventi intercettabili sono elencati in tabella 4 (per altri eventi si veda all indirizzo:

15 Tabella 4: gli eventi intercettabili Evento click dblclick mousemove mouseover mouseout mousedown mouseup drag dragstart dragend infowindowprepareopen infowindowopen infowindowbeforeclose infowindowclose Descrizione Clic con il pulsante del mouse Doppio clic del mouse C è stato un movimento del mouse Il cursore del mouse è sopra l elemento Il cursore del mouse ha abbandonato l elemento Pulsante del mouse premuto Pulsante del mouse rilasciato Spostamento Inizio di un nuovo spostamento Termine dello spostamento Si sta per aprire una finestra di informazioni Aperta finestra di informazioni Si sta per chiudere la finestra di informazioni La finestra di informazioni è stata chiusa Ovviamente, l oggetto su cui ci si può mettere in ascolto può essere sì una mappa, ma anche uno degli oggetti in essa contenuti (marker, polyline, finestre di informazioni e così via). Una volta impostato un listener, esso resta sempre in ascolto. Se, in un momento successivo, lo si volesse togliere, è necessario dapprima memorizzare l oggetto restituito dalla funzione, poi occorre usarlo come parametro per la funzione removelistener: var eventlistener = GEvent.addListener(... //... fai altro GEvent.removeListener(eventListener Ecco come potremmo realizzare una semplice applicazione che notifica alcuni tra gli eventi disponibili su di una mappa. Essa fa uso di una funzione di utilità (addevento) con due argomenti obbligatori e un terzo facoltativo: i primi due servono a conoscere l oggetto e l evento da ascoltare; il terzo indica se, dopo aver intercettato il primo evento, si deve togliere il listener o meno (questo perché alcuni eventi, come mousemove, sono piuttosto frequenti e avere ogni volta una finestra di notifica è troppo scomodo): function addevento(map, evento, remove){ var listener = GEvent.addListener( map, evento, function() { if (remove) GEvent.removeListener(listener alert( Evento: +evento } } 15 -

16 function load() { if (GBrowserIsCompatible()) { var map = new GMap2(document.getElementById( map ) map.setcenter( new GLatLng( , ), 13 map.addcontrol(new GLargeMapControl() addevento(map, click addevento(map, mousemove, true addevento(map, mouseout, true addevento(map, mouseover, true addevento(map, zoom addevento(map, drag addevento(map, move } } In partnership con: Informazioni associate Nel caso di alcuni eventi, la funzione può anche ricevere dei parametri. È questo il caso dell evento clic. In particolare, la funzione riceve due parametri: uno è overlay, l altro point. Da quest ultimo si possono ricavare le coordinate del punto dov è stato fatto clic. Ma è anche possibile conoscere lo stato della mappa al momento del clic: infatti, accedendo all oggetto map e ai metodi getcenter e getzoom, si può sapere dov è centrata la mappa al momento del clic e il suo livello di zoom. Ecco un esempio che mostra tutte queste informazioni in un fumetto, vedi figura 13: GEvent.addListener(map, click, function(overlay,point) { var myhtml = <p>click sul punto: ( + point.lat() +, + point.lng() + )<br/> + con mappa centrata su + map.getcenter()+ con zoom + map.getzoom()+ </p> ; map.openinfowindow(point, myhtml } Figura 13: informazioni sul punto e stato della mappa al momento del clic 16 -

17 Dagli indirizzi alle coordinate Collegandosi alla pagina e digitando un indirizzo, Google mostra una mappa con al centro la localizzazione dell indirizzo cercato; l indirizzo può essere nella forma nome via/piazza, numero, città, provincia, stato. Non tutte le informazioni sono obbligatorie; in figura 14, per esempio, è mostrata la mappa ottenuta cercando Corso Sempione, Milano. Il processo di localizzazione si chiama anche georeferenziazione. Figura 14: localizzazione di un indirizzo (georeferenziazione) In alcune applicazioni potrebbe essere utile riuscire a compiere questa operazione: in pratica, dato un qualsiasi indirizzo, si potrebbe desiderare di visualizzarlo sulla mappa; per farlo, è necessario recuperare le coordinate del punto identificato. La classe utilizzabile per questo è GClientGeocoder. Questa classe, una volta istanziata, ha dei metodi che permettono di interagire con i server di Google al fine di ottenere le georeferenziazioni degli indirizzi. Il metodo che lo fa, getlatlng, ha due parametri: l indirizzo da localizzare e la funzione callback, che viene invocata quando il risultato è reso disponibile. Ecco un esempio, basato sull indirizzo dell esempio precedente: var mostra = new function(punto){ alert( Latitudine: +punto.lat()+ Longitudine: +punto.lng() }; var coder = new GClientGeocoder( coder.getlatlng( corso sempione, milano, mostra 17 -

18 Oppure, si posso sfruttare i marker. Ecco come visualizzarli in base a un array di indirizzi (il risultato è mostrato in Figura 15): var marker = function(punto){ map.addoverlay( new GMarker( punto ) }; var coder = new GClientGeocoder( coder.getlatlng( corso sempione, milano,marker coder.getlatlng( piazza del quirinale, roma,marker coder.getlatlng( piazza san marco, venezia,marker coder.getlatlng( piazza della signoria, firenze,marker Figura 15: localizzazione di indirizzi e loro visualizzazione tramite dei marker Alcune applicazioni Ognuno di noi potrebbe pensare di realizzare mappe relative alla propria città (con informazioni turistiche, gastronomiche, sportive o relative a qualsiasi altro interesse). Per esempio, all indirizzo: potete trovare un tour di Pisa corredato da informazioni sui monumenti da visitare e sul percorso ottimale per realizzarlo. Altri esempi di applicazioni riguardano la localizzazione di taxi o autobus (si pensi a un azienda di trasporti che, in tempo reale, potrebbe fornire indicazioni sulle autovetture in movimento), ma anche la localizzazione di librerie dove trovare certi libri o, ancora, i luoghi dove si svolgono eventi o manifestazioni e così via. Bisogna inoltre considerare che qualsiasi sito aziendale potrebbe fornire, grazie a Google Maps, informazioni su come raggiungere le proprie sedi

19 Ricerche commerciali Google sta puntando molto sulla georeferenziazione delle attività commerciali. Questo gli consente di proporre le aziende che rispondono a determinate parole chiave di ricerca e sono localizzate nella zona di interesse dell utente. La cosa interessante è che questa funzionalità è integrabile in maniera molto semplice nelle Google Maps. Infatti, è sufficiente utilizzare un controllo, chiamato Local Search Control, e assegnarlo (come si fa per gli altri controlli) alla propria mappa. Per esempio, si potrebbe inserire la seguente istruzione in una propria pagina Web: map.addcontrol(new google.maps.localsearch() L unico inconveniente, se così si può dire, è che questo controllo fa parte di un file JavaScript diverso da quello standard. Per questo motivo è necessario inserire anche queste istruzioni in testa alla pagina (nella usuale sezione all interno dello header): <script src= js&v=1.0&key=propria_chiave type= text/javascript ></script> <script src= gmlocalsearch.js type= text/javascript ></script> Il componente fa anche uso di propri CSS; essi vanno inclusi con le seguenti istruzioni: <style type= text/css url( url( css </style> Approfondimenti Maggiori informazioni sul componente sono disponibili alla pagina: per le informazioni specifiche sulla sua gestione e personalizzazione si può far riferimento alla pagina: Come guadagnarci? AdSense! Siccome Google guadagna grazie agli annunci delle aziende, permette di condividere parte del proprio guadagno con i Web Master che espongono i suoi servizi. Per farlo, è sufficiente aprire un account su AdSense, lo strumento di controllo degli annunci di Google. Usando il Local Search Control è possibile fornire il proprio id di AdSense e iniziare a guadagnare con le ricerche effettuate dai propri utenti. In questo modo si ha un duplice vantaggio: si offre un servizio all utente e si guadagna grazie a Google. Novità dove? Le Google Maps, come tutte le API di Google, sono un progetto in continuo divenire. Vengono aggiornate e migliorate in maniera molto veloce. È perciò importante sapere dove si possono reperire le informazioni più aggiornate sulle novità introdotte. Molto utile è il blog ufficiale di tutte le novità, che è consultabile alla pagina: Invece, il luogo ideale dove chiedere consiglio in caso di eventuali dubbi è il newsgroup dedicato alle mappe, raggiungibile all indirizzo:

20 Conclusioni Le Google Maps sono un sorprendente esempio di applicazioni AJAX flessibili e notevolmente scenografiche. Se poi si considera che le mappe possono essere affiancate a dati presenti sugli altri servizi di Google (da Google Mail, ai fogli di lavoro, ai blog) si comprende come la flessibilità di tale strumento sia davvero ai massimi livelli. I possibili impieghi delle Google Maps sono innumerevoli e saperle utilizzare rappresenta un interessante marcia in più per aggiungere un tocco di professionalità e di sicuro impatto alle proprie applicazioni web. Per mantenervi sempre aggiornati sulle novità che renderemo disponibili, abbonatevi alla nostra newsletter all indirizzo: o, se utilizzate Windows Live Messenger abbonatevi al nostro Windows Live Alerts all indirizzo Il Libro JavaScript dalle basi ad Ajax Da sempre chi realizza pagine HTML sente la necessità di renderle interattive e di aggiungervi sofisticati effetti grafici o animazioni. Questo è possibile, senza ricorrere a plug in di terze parti, inserendo script in JavaScript. Gli script, oltre ad arricchire e rendere più sofisticate le applicazioni, possono anche aiutare a validare i dati, fornire funzionalità avanzate come l auto-completamento dei campi e così via. Tutto questo può essere fatto anche evitando, grazie ad AJAX, di aggiornare le pagine, superando così l usuale meccanismo di richiesta/risposta delle pagine HTML tradizionali. Il libro, partendo dalle basi, aiuta a conoscere e comprendere tutte le caratteristiche del linguaggio, comprese quelle avanzate e per questo più utili. Dopo i necessari fondamenti teorici, presenta come realizzare applicazioni AJAX e mostra l uso di sofisticati framework per realizzare script complessi, senza dover scrivere molto codice e facendo sì che i progetti realizzati siano interoperabli tra i diversi browser. Il tutto mostrando applicazioni concrete che, tra le altre cose, fanno uso di Google Maps per presentazioni particolarmente accattivanti e intuitive. Tra gli argomenti: - Le basi del linguaggio e le sue diverse versioni; - Come interagire con le pagine HTML; - L uso della programmazione ad oggetti e gli oggetti predefiniti; - Cosa si intende per applicazioni AJAX e quali sono gli oggetti che ne permettono la realizzazione; - Framework per realizzare funzionalità avanzate e interoperabili, quali Prototype e Scriptaculous; - Le Google Maps: come utilizzarle e personalizzarle nelle proprie pagine. Se desideri acquistare questo libro vai all indirizzo: La recensione Per conoscere e approfondire gli argomenti trattati del libro è disponibile la recensione di questo manuale. Visita la pagina JavaScript dalle basi ad Ajax disponibile all indirizzo: L autore Ivan Venuti: autore di numerosi libri sulla programmazione e sulle tecnologie Web, è un analista/ programmatore di applicazioni aziendali che fanno uso di varie tecnologie server e client. Da anni scrive per le principali riviste di informatica italiane ed è membro attivo di forum e gruppi di discussione dedicati ai linguaggi di programmazione

Le librerie JavaScript

Le librerie JavaScript Le librerie JavaScript Nelle lezioni precedenti abbiamo notato che per garantire la maggior accessibilità e usabilità di un sito il codice JavaScript aumenta e occorre ricorrere a tecniche di programmazione

Dettagli

Esploriamo Javascript! 1 di Ivan Venuti

Esploriamo Javascript! 1 di Ivan Venuti Esploriamo Javascript! 1 di Ivan Venuti L Html è stato pensato (e creato) per presentare contenuti statici che, visualizzati da utenti diversi, diano sempre lo stesso risultato. Per sopperire a questa

Dettagli

SardegnaMappe Manuale utente

SardegnaMappe Manuale utente SardegnaMappe Manuale utente [2] Indice 1. Introduzione 4 2. Requisiti dell utente 5 3. L applicazione SardegnaMappe 6 3.1. Panoramica dell applicazione 6 3.1.1. Accesso all applicazione 6 3.1.2. Icona

Dettagli

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6 Manualino OE6 Microsoft Outlook Express 6 Outlook Express 6 è un programma, incluso nel browser di Microsoft Internet Explorer, che ci permette di inviare e ricevere messaggi di posta elettronica. È gratuito,

Dettagli

Siti web e Dreamweaver. La schermata iniziale

Siti web e Dreamweaver. La schermata iniziale Siti web e Dreamweaver Dreamweaver è la soluzione ideale per progettare, sviluppare e gestire siti web professionali e applicazioni efficaci e conformi agli standard e offre tutti gli strumenti di progettazione

Dettagli

Presentazione Mind42 Mind42 Mind42

Presentazione Mind42 Mind42 Mind42 Presentazione Mind42 è una recente applicazione che consente di realizzare mappe mentali on-line in forma collaborativa, utilissima per il brainstorming e per la condivisione in rete. Il suo nome, infatti,

Dettagli

Informativa sui cookie secondo la normativa europea

Informativa sui cookie secondo la normativa europea Informativa sui cookie secondo la normativa europea Il sito web che state navigando è conforme alla normativa europea sull'uso dei cookie. Per far funzionare bene questo sito, a volte installiamo sul tuo

Dettagli

Metodologie Informatiche applicate al Turismo

Metodologie Informatiche applicate al Turismo Metodologie Informatiche applicate al Turismo 11. Realizzare Siti Dinamici e Applicazioni Web Paolo Milazzo Dipartimento di Informatica, Università di Pisa http://www.di.unipi.it/ milazzo milazzo di.unipi.it

Dettagli

La pagina di Explorer

La pagina di Explorer G. Pettarin ECDL Modulo 7: Internet 11 A seconda della configurazione dell accesso alla rete, potrebbe apparire una o più finestre per l autenticazione della connessione remota alla rete. In linea generale

Dettagli

Esercizi di JavaScript

Esercizi di JavaScript Esercizi di JavaScript JavaScript JavaScript é un linguaggio di programmazione interpretato e leggero, creato dalla Netscape. E' presente a patire da Netscape 2 in tutti i browser ed é dunque il linguaggio

Dettagli

Informativa sui cookie secondo la normativa europea

Informativa sui cookie secondo la normativa europea Informativa sui cookie secondo la normativa europea Il sito web che state navigando è conforme alla normativa europea sull'uso dei cookie. Per far funzionare bene questo sito, a volte installiamo sul tuo

Dettagli

tommaso.iacomino@gmail.com INTERNET EXPLORER Guida introduttiva CAPITOLO 1 Fig. 1

tommaso.iacomino@gmail.com INTERNET EXPLORER Guida introduttiva CAPITOLO 1 Fig. 1 INTERNET EXPLORER Guida introduttiva CAPITOLO 1 Fig. 1 IMPORTANTE: forse non visualizzate questa barra, se così fosse usiamo questa procedura: posizioniamo il cursore sulla parte vuota tasto destro del

Dettagli

Come utilizzare il servizio di creazione di siti Internet. Creazione di Site Internet

Come utilizzare il servizio di creazione di siti Internet. Creazione di Site Internet Come utilizzare il servizio di creazione di siti Internet Sommario 1) Come mi connetto al mio conto cliente? 2) Come creare il mio sito Internet? 3) Come amministrare le pagine del mio sito Internet? 4)

Dettagli

Praticità e comodità

Praticità e comodità Le 4 ragioni per avere un booking system sulla scheda di alberghieturismo.it Il turismo ha subito cambiamenti profondi con la diffusione di Internet. Il web è una miniera di opportunità per aumentare i

Dettagli

Geoportale web gis. Provincia Regionale di Enna

Geoportale web gis. Provincia Regionale di Enna Geoportale web gis Provincia Regionale di Enna Guida alla consultazione del geoportale della Provincia Regionale di Enna Introduzione Cos è il Geoportale: Il Geoportale della Provincia di Enna ha la finalità

Dettagli

Introduzione a Microsoft Word 2007

Introduzione a Microsoft Word 2007 Introduzione a Microsoft Word 2007 Autore: Alessandra Salvaggio Tratto dal libro: Lavorare con Word 2007 Non ostante che Microsoft Office 2007 sia uscito da un po di tempo, molte persone ancora non sono

Dettagli

Workshop NOS Piacenza: progettare ed implementare ipermedia in classe. pag. 1

Workshop NOS Piacenza: progettare ed implementare ipermedia in classe. pag. 1 1. Come iscriversi a Google Sites: a. collegarsi al sito www.google.it b. clic su altro Sites Registrati a Google Sites e. inserire il proprio indirizzo e-mail f. inserire una password g. re-inserire la

Dettagli

Scopri il nuovo Windows. Bello, fluido, veloce

Scopri il nuovo Windows. Bello, fluido, veloce Scopri il nuovo Windows Bello, fluido, veloce Schermata Start La schermata Start e i riquadri animati offrono una nuova esperienza utente, ottimizzata per gli schermi touch e l'utilizzo di mouse e tastiera.

Dettagli

Guida all uso di Firefox 4 per dispositivi mobili. Contact us: press@mozilla.com

Guida all uso di Firefox 4 per dispositivi mobili. Contact us: press@mozilla.com Guida all uso di Firefox 4 per dispositivi mobili Contact us: press@mozilla.com Indice Mozilla 1 Come iniziare 2 Scrivi di Meno, Naviga di Più 3 Mettiti in Moto 5 Personalizzalo ovunque 7 Le funzioni più

Dettagli

GUIDA AI CORSI OFFICE PER IL PERSONALE TECNICO AMMINISTRATIVO

GUIDA AI CORSI OFFICE PER IL PERSONALE TECNICO AMMINISTRATIVO GUIDA AI CORSI OFFICE PER IL PERSONALE TECNICO AMMINISTRATIVO INDICE Verifica dei requisiti tecnici... 1 *Rimozione blocco popup... 1 In Internet Explorer... 1 In Mozilla Firefox... 4 In Google Chrome...

Dettagli

STRUMENTI PER L ACCESSIBILITÀ DEL COMPUTER.

STRUMENTI PER L ACCESSIBILITÀ DEL COMPUTER. STRUMENTI PER L ACCESSIBILITÀ DEL COMPUTER. Windows 7 e 8 strumenti per l ipovisione. Windows Seven/8 offrono ottimi strumenti per personalizzare la visualizzazione in caso di ipovisione: - una lente di

Dettagli

Manuale scritto da Fuso Federico 4 A Anno scolastico 2011/2012 Parte 1

Manuale scritto da Fuso Federico 4 A Anno scolastico 2011/2012 Parte 1 Manuale scritto da Fuso Federico 4 A Anno scolastico 2011/2012 Parte 1 Chi può riuscire a creare pagine HTML? La realizzazione di pagine web non eccessivamente sofisticate è alla portata di tutti, basta

Dettagli

Il browser Microsoft Edge

Il browser Microsoft Edge Il browser Microsoft Edge Il nuovo browser della Microsoft, rilasciato con la versione Windows 10, è Microsoft Edge. Esso sembra offrire nuovi modi per trovare contenuti, leggere e scrivere sul Web. Per

Dettagli

7.6 USO DELLA POSTA ELETTRONICA

7.6 USO DELLA POSTA ELETTRONICA 7.6 USO DELLA POSTA ELETTRONICA La principale utilità di un programma di posta elettronica consiste nel ricevere e inviare messaggi (con o senza allegati) in tempi brevissimi. Esistono vari programmi di

Dettagli

UTILIZZO DI WORD PROCESSOR

UTILIZZO DI WORD PROCESSOR UTILIZZO DI WORD PROCESSOR (ELABORAZIONE TESTI) Laboratorio Informatico di base A.A. 2013/2014 Dipartimento di Scienze Aziendali e Giuridiche Università della Calabria Dott. Pierluigi Muoio (pierluigi.muoio@unical.it)

Dettagli

L interfaccia di Microsoft Word 2007

L interfaccia di Microsoft Word 2007 L interfaccia di Microsoft Word 2007 Microsoft Word 2007 è un Word Processor, ovvero un programma di trattamento testi. La novità di questa versione riguarda la barra multifunzione, nella quale i comandi

Dettagli

Tutorial su CommunityWalk

Tutorial su CommunityWalk Tutorial su CommunityWalk Benvenuti all interno di questo tutorial! Attraverso queste pagine cercherò di illustrarvi l uso, la convenienza e l utilità di questo Tool. Per rendere più chiaro e pratico l

Dettagli

Strumenti per lo sviluppo

Strumenti per lo sviluppo Strumenti per lo sviluppo Librerie Javascript jquery script.aculo.us Componenti aggiuntivi per i browser firefox e chrome Firebug Web developer Alcune utility on-the-fly Generatore di sorgente di codice

Dettagli

Layout dell area di lavoro

Layout dell area di lavoro Layout dell area di lavoro In Windows, Dreamweaver fornisce un layout che integra tutti gli elementi in una sola finestra. Nell area di lavoro integrata, tutte le finestre e i pannelli sono integrati in

Dettagli

Gestione home page. Intranet -> Ambiente Halley -> Gestione homepage

Gestione home page. Intranet -> Ambiente Halley -> Gestione homepage Gestione home page egovernment L home page del portale Halley egovernment permette all Amministrazione di pubblicare contenuti e informazioni e di organizzarle in blocchi. Questa struttura per argomenti

Dettagli

Centro Iniziative Sociali Municipio III

Centro Iniziative Sociali Municipio III Centro Iniziative Sociali Municipio III C.I.S Municipio III Corso di informatca Roberto Borgheresi C ORSO BASE DI I NFORMATICA Centro Iniziative Sociali Municipio III Coordinatore: Roberto Borgheresi Insegnanti:

Dettagli

Uso di un browser (con riferimento a Microsoft Internet Explorer 7.0)

Uso di un browser (con riferimento a Microsoft Internet Explorer 7.0) Uso di un browser (con riferimento a Microsoft Internet Explorer 7.0) Nota Bene: Si raccomanda di leggere queste dispense di fronte al computer, provando passo dopo passo le funzionalità descritte. Per

Dettagli

Creare e formattare i documenti

Creare e formattare i documenti Università di L Aquila Facoltà di Biotecnologie Esame di INFORMATICA Elaborazione di testi Creare e formattare i documenti 1 IL WORD PROCESSOR I programmi per l elaborazione di testi ( detti anche di videoscrittura

Dettagli

Guida al sito - Leader

Guida al sito - Leader Guida al sito - Leader 1 1) ACCEDERE AL BACKEND... 3 2) VISUALIZZARE E MODIFICARE I CONTENUTI DELLA PAGINA PRINCIPALE... 4 a) Inserire testi... 6 b) Inserire un immagine all interno della pagina... 6 c)

Dettagli

Uso del computer e gestione dei file

Uso del computer e gestione dei file Uso del computer e gestione dei file Sommario Uso del computer e gestione dei file... 3 Sistema Operativo Windows... 3 Avvio di Windows... 3 Desktop... 3 Il mouse... 4 Spostare le icone... 4 Barra delle

Dettagli

Reti Informatiche: Internet e posta. elettronica. Tina Fasulo. Guida a Internet Explorer e alla posta elettronica Windows Live Mail

Reti Informatiche: Internet e posta. elettronica. Tina Fasulo. Guida a Internet Explorer e alla posta elettronica Windows Live Mail Reti Informatiche: Internet e posta elettronica Tina Fasulo 2012 Guida a Internet Explorer e alla posta elettronica Windows Live Mail 1 Parte prima: navigazione del Web Il browser è un programma che consente

Dettagli

Dipartimento di Storia, Società e Studi sull Uomo Università del Salento Ing. Maria Grazia Celentano Mariagrazia.celentano@gmail.

Dipartimento di Storia, Società e Studi sull Uomo Università del Salento Ing. Maria Grazia Celentano Mariagrazia.celentano@gmail. Dipartimento di Storia, Società e Studi sull Uomo Università del Salento Ing. Maria Grazia Celentano Mariagrazia.celentano@gmail.com Indice: La finestra di Word Barra del titolo Barra dei menu Barra degli

Dettagli

Relazione sulla verifica accessibilità

Relazione sulla verifica accessibilità Relazione sulla verifica accessibilità Sito web: www.comune.stresa.vb.it Premessa Il presente rapporto e l effettiva attività di controllo requisiti per l accessibilità, sono stati effettuati seguendo

Dettagli

Dispensa per corsi FSE For.em. Lezioni pratiche per il software in corso di apprendimento. prof.apollonio

Dispensa per corsi FSE For.em. Lezioni pratiche per il software in corso di apprendimento. prof.apollonio Dispensa per corsi FSE For.em Lezioni pratiche per il software in corso di apprendimento. prof.apollonio Introduzione I due programmi proposti sono scelti al fine di fornire la capacità di lavorare con

Dettagli

InfoWeb - Manuale d utilizzo

InfoWeb - Manuale d utilizzo InfoWeb - Manuale d utilizzo Tipologia Titolo Versione Identificativo Data stampa Manuale utente Edizione 1.2 01-ManualeInfoWeb.Ita.doc 05/12/2007 INDICE 1 INTRODUZIONE... 3 1.1 ACCESSO A INFOWEB... 6

Dettagli

aggiunge del testo nella parte finale del tag, in questo caso la stringa da controllare.

aggiunge del testo nella parte finale del tag, in questo caso la stringa da controllare. Capitolo 6 jquery Negli ultimi anni è stata rilasciata una mole incalcolabile di framework JavaScript, più o meno completi, realizzati per supportare nel miglior modo possibile lo sviluppatore web aiutandolo

Dettagli

STRUMENTI DI PRESENTAZIONE POWERPOINT 2003

STRUMENTI DI PRESENTAZIONE POWERPOINT 2003 STRUMENTI DI PRESENTAZIONE POWERPOINT 2003 INDICE 1 Strumenti di Presentazione... 4 2 Concetti generali di PowerPoint... 5 2.1 APRIRE POWERPOINT... 5 2.2 SELEZIONE DEL LAYOUT... 6 2.3 SALVARE LA PRESENTAZIONE...

Dettagli

Uso di un browser (con riferimento a Microsoft Internet Explorer 6.0)

Uso di un browser (con riferimento a Microsoft Internet Explorer 6.0) Uso di un browser (con riferimento a Microsoft Internet Explorer 6.0) Nota Bene: Si raccomanda di leggere queste dispense di fronte al computer, provando passo dopo passo le funzionalità descritte. Per

Dettagli

UTILIZZO DEI COOKIES (informativa conforme al Provvedimento del Garante Privacy del 8 Maggio 2014)

UTILIZZO DEI COOKIES (informativa conforme al Provvedimento del Garante Privacy del 8 Maggio 2014) UTILIZZO DEI COOKIES (informativa conforme al Provvedimento del Garante Privacy del 8 Maggio 2014) Star Link srl, Titolare del trattamento dei dati personali, informa che questo Sito internet fa uso di

Dettagli

Tecniche per un blog accessibile e usabile

Tecniche per un blog accessibile e usabile DIODATI.ORG Accessibilità e traduzioni dal W3C Tecniche per un blog accessibile e usabile Roma, 3 novembre 2005 Presentazione di Michele Diodati michele@diodati.org http://www.diodati.org http://pesanervi.diodati.org

Dettagli

Uso del browser, posta elettronica e motori di ricerca Gmail e Google

Uso del browser, posta elettronica e motori di ricerca Gmail e Google Facoltà di Lettere e Filosofia Cdl in Scienze dell Educazione A.A. 2010/2011 Informatica (Laboratorio) Uso del browser, posta elettronica e motori di ricerca Gmail e Google Author Kristian Reale Rev. 2011

Dettagli

5. Fondamenti di navigazione e ricerca di informazioni sul Web

5. Fondamenti di navigazione e ricerca di informazioni sul Web 5. Fondamenti di navigazione e ricerca di informazioni sul Web EIPASS Junior SCUOLA PRIMARIA Pagina 43 di 47 In questo modulo sono trattati gli argomenti principali dell universo di Internet, con particolare

Dettagli

MANUALE MINI-SITI ANAP

MANUALE MINI-SITI ANAP MANUALE MINI-SITI ANAP 1 INDICE o Note importanti sul corretto funzionamento del portale e dei mini-siti pag. 03 o Come accedere alla propria area di amministrazione? pag. 04 o Cosa appare una volta entrati

Dettagli

GUIDA DI PRIMO SOCCORSO

GUIDA DI PRIMO SOCCORSO GUIDA DI PRIMO SOCCORSO SULL USO DEL CODICE HTML NELL EMAIL MARKETING Il marketing via email è sicuramente uno dei più potenti ed efficaci strumenti di promozione. Veloce da implementare, offre risultati

Dettagli

Pratica guidata 4. Navigare nel web

Pratica guidata 4. Navigare nel web Pratica guidata 4 Navigare nel web Principali browser web e uso del browser Ipertesto e link; Siti e pagine web; Indirizzi web Inserire un indirizzo web e navigare un sito Comprendere cos è e come funziona

Dettagli

FAQ DOMANDE FREQUENTI

FAQ DOMANDE FREQUENTI FUNZIONAMENTO DELLA PIATTAFORMA FAQ DOMANDE FREQUENTI In cosa consiste la VideoFad? La VideoFad è la nuova formazione a distanza video. Si tratta di corsi Audio e Video con slide sincronizzate, nei quali

Dettagli

INSERIMENTO DI IMMAGINI,DOCUMENTI,SFONDI E OGGETTI FLASH

INSERIMENTO DI IMMAGINI,DOCUMENTI,SFONDI E OGGETTI FLASH INSERIMENTO DI IMMAGINI,DOCUMENTI,SFONDI E OGGETTI FLASH IMPOSTAZIONE DI UNA IMMAGINE ALL INTERNO DI UNA PAGINA WEB: In questo capitolo è spiegata la procedura di inserimento e modifica di una immagine

Dettagli

Sulla colonna a destra si trovano invece i blocchi dedicati alle utilità e all amministrazione:

Sulla colonna a destra si trovano invece i blocchi dedicati alle utilità e all amministrazione: GUIDA STUDENTI Benvenuti sulla piattaforma Des-K, basata su Moodle! Di seguito una breve introduzione alla navigazione nell area dedicata alle Work Experience. Per i sistemi Windows si consiglia fortemente

Dettagli

Servizio Feed RSS del sito CNIT

Servizio Feed RSS del sito CNIT Servizio Feed RSS del sito CNIT Informiamo tutti gli utenti CNIT che è possibile sincronizzare i propri Reader (RSS) per essere aggiornati in tempo reale sulle nuove pubblicazioni di articoli postati sul

Dettagli

STRUMENTI. 1. Navigare in Internet. Introduzione sui termini

STRUMENTI. 1. Navigare in Internet. Introduzione sui termini STRUMENTI 1. Navigare in Internet Figura 1. Un esempio di pagine web collegate tra loro che costituiscono un sito web Introduzione sui termini Internet è la rete globale, ovvero la più grande rete di connessioni

Dettagli

HTML 1. HyperText Markup Language

HTML 1. HyperText Markup Language HTML 1 HyperText Markup Language Introduzione ad HTML Documenti HTML Tag di markup Formattazione del testo Collegamenti ipertestuali Immagini Tabelle Form in linea (moduli) Tecnologie di Sviluppo per il

Dettagli

Gestione dei contenuti web Ultimi eventi

Gestione dei contenuti web Ultimi eventi Gestione dei contenuti web Ultimi eventi Questo manuale illustra le operazioni più comuni per la manutenzione e aggiornamento del sito web http://terremoti.ingv.it/ultimi eventi/ tramite l interfaccia

Dettagli

MODULO DOMANDE INDICE

MODULO DOMANDE INDICE INDICE INDICE... 2 IL PROGRAMMA... 3 LA VIDEATA PRINCIPALE... 4 IL MENU FILE... 7 Esportare i file... 9 LA FINESTRA DELLA RISPOSTA... 11 TUTTI I MODI PER INSERIRE IL TESTO... 11 I Collegamenti... 12 MODELLI

Dettagli

Programma per costruire ipertesti e multimedia

Programma per costruire ipertesti e multimedia Programma per costruire ipertesti e multimedia MINI GUIDA COSA PERMETTE DI FARE Amico 4 permette di realizzare semplici applicazioni IPERTESTUALI ed IPERMEDIALI. In realtà gli autori Antonio Calvani, Jacopo

Dettagli

Nuove funzionalità SEE Electrical V5

Nuove funzionalità SEE Electrical V5 Nuove funzionalità SEE Electrical V5 Le informazioni contenute nel presente manuale sono soggette a modifiche senza preavviso. Se non specificato diversamente, ogni riferimento a società, nomi, dati, ed

Dettagli

JavaScript - 4. Modello ad oggetti tradizionale. L ambiente del web browser 1

JavaScript - 4. Modello ad oggetti tradizionale. L ambiente del web browser 1 JavaScript - 4 Modello ad oggetti tradizionale L ambiente del web browser 1 Per capire come funziona JavaScript lato client bisogna capire la struttura dell ambiente di programmazione offerto da un web

Dettagli

Corso di HTML. Prerequisiti. Modulo L3. 1-Concetti generali. Browser Rete Internet Client e server. M. Malatesta 1-Concetti generali-12 28/07/2013

Corso di HTML. Prerequisiti. Modulo L3. 1-Concetti generali. Browser Rete Internet Client e server. M. Malatesta 1-Concetti generali-12 28/07/2013 Corso di HTML Modulo L3 1-Concetti generali 1 Prerequisiti Browser Rete Internet Client e server 2 1 Introduzione In questa Unità introduciamo alcuni semplici elementi del linguaggio HTML, con il quale

Dettagli

Lezione 1: Introduzione Struttura e aspetto di PowerPoint Sviluppare una presentazione. Patente Europea di Informatica ECDL Modulo 6

Lezione 1: Introduzione Struttura e aspetto di PowerPoint Sviluppare una presentazione. Patente Europea di Informatica ECDL Modulo 6 Patente Europea di Informatica ECDL Modulo 6 Lezione 1: Introduzione Struttura e aspetto di PowerPoint Sviluppare una presentazione Anno 2009/2010 Syllabus 5.0 Microsoft PowerPoint è un software progettato

Dettagli

Corso di Informatica di Base

Corso di Informatica di Base Corso di Informatica di Base LEZIONE N 3 Cortina d Ampezzo, 4 dicembre 2008 ELABORAZIONE TESTI Grazie all impiego di programmi per l elaborazione dei testi, oggi è possibile creare documenti dall aspetto

Dettagli

INTERNET EXPLORER Breve manuale d uso

INTERNET EXPLORER Breve manuale d uso INTERNET EXPLORER Breve manuale d uso INDICE INTRODUZIONE... 3 COME IMPOSTARE LA PAGINA INIZIALE... 3 LA WORK AREA... 3 LE VOCI DI MENU... 5 IL MENU FILE... 5 IL MENU MODIFICA... 6 IL MENU VISUALIZZA...

Dettagli

LA SOLUZIONE MODULARE ESPANDIBILE PER LA CREAZIONE E GESTIONE DI SITI INTERNET. Quick Start

LA SOLUZIONE MODULARE ESPANDIBILE PER LA CREAZIONE E GESTIONE DI SITI INTERNET. Quick Start LA SOLUZIONE MODULARE ESPANDIBILE PER LA CREAZIONE E GESTIONE DI SITI INTERNET Quick Start 2 indice Login Pag. 05 Webproject Pag. 06 Sicurezza Pag. 07 Setup e Installazione Pag. 08 Web Manager Pag. 09

Dettagli

MANUALE D USO Stazione editoriale MIR cms

MANUALE D USO Stazione editoriale MIR cms MANUALE D USO Stazione editoriale MIR cms Come si accede: Per entrare alla parte amministrativa del sito è sufficiente digitare nella barra dell url l indirizzo del sito seguito da: /admin/ nome del sito

Dettagli

Germano Pettarin E-book per la preparazione all ECDL ECDL Modulo 3 Elaborazione testi Word Argomenti del Syllabus 5.0

Germano Pettarin E-book per la preparazione all ECDL ECDL Modulo 3 Elaborazione testi Word Argomenti del Syllabus 5.0 Germano Pettarin E-book per la preparazione all ECDL ECDL Modulo 3 Elaborazione testi Word Argomenti del Syllabus 5.0 G. Pettarin ECDL Modulo 3: Word 2 Modulo 3 Elaborazione testi Word G. Pettarin ECDL

Dettagli

GUIDA UTENTE INTERNET CAFE MANAGER (Vers. 5.2.0)

GUIDA UTENTE INTERNET CAFE MANAGER (Vers. 5.2.0) GUIDA UTENTE INTERNET CAFE MANAGER (Vers. 5.2.0) GUIDA UTENTE INTERNET CAFE MANAGER (Vers. 5.2.0)...1 Installazione e configurazione...2 Installazione ICM Server...3 Primo avvio e configurazione di ICM

Dettagli

Avvio di Internet ed esplorazione di pagine Web.

Avvio di Internet ed esplorazione di pagine Web. Incontro 1: Corso di aggiornamento sull uso di internet Avvio di Internet ed esplorazione di pagine Web. Istituto Alberghiero De Filippi Via Brambilla 15, 21100 Varese www.istitutodefilippi.it Tel: 0332-286367

Dettagli

Esercitazione n. 10: HTML e primo sito web

Esercitazione n. 10: HTML e primo sito web + Strumenti digitali per la comunicazione A.A 0/4 Esercitazione n. 0: HTML e primo sito web Scopo: Creare un semplice sito web con Kompozer. Il sito web è composto da una home page, e da altre due pagine

Dettagli

MICROSOFT ACCESS. Fabrizio Barani 1

MICROSOFT ACCESS. Fabrizio Barani 1 MICROSOFT ACCESS Premessa ACCESS è un programma di gestione di banche dati, consente la creazione e modifica dei contenitori di informazioni di un database (tabelle), l inserimento di dati anche mediante

Dettagli

Portale cartografico del Servizio Geologico, Sismico e dei Suoli Guida utente

Portale cartografico del Servizio Geologico, Sismico e dei Suoli Guida utente Portale cartografico del Servizio Geologico, Sismico e dei Suoli Guida utente 1. Introduzione Il Portale cartografico del Servizio Geologico, Sismico e dei Suoli (SGSS) rappresenta l evoluzione dell ambiente

Dettagli

Privacy e Cookie Policy

Privacy e Cookie Policy Privacy e Cookie Policy INFORMATIVA SULLA PRIVACY In questa pagina si descrivono le modalità di gestione dell informativa della privacy di questo sito internet in riferimento al trattamento dei dati personali

Dettagli

Basi di dati. Microsoft Access. Cosa è. Pietro Pala (pala@dsi.unifi.it) Come iniziare. Aprire un database. Creare un database. Creare un database

Basi di dati. Microsoft Access. Cosa è. Pietro Pala (pala@dsi.unifi.it) Come iniziare. Aprire un database. Creare un database. Creare un database Cosa è Basi di dati Pietro Pala (pala@dsi.unifi.it) Microsoft Access Access è un DBMS relazionale in grado di supportare: Specifica grafica dello schema della base dati Specifica grafica delle interrogazioni

Dettagli

Microsoft Access Maschere

Microsoft Access Maschere Microsoft Access Maschere Anno formativo: 2007-2008 Formatore: Ferretto Massimo Mail: Skype to: ferretto.massimo65 Profile msn: massimoferretto@hotmail.com "Un giorno le macchine riusciranno a risolvere

Dettagli

Crea questionari on-line, test e quiz in pochi minuti!

Crea questionari on-line, test e quiz in pochi minuti! Crea questionari on-line, test e quiz in pochi minuti! 1. ACCEDI Utilizzando Microsoft Internet Explorer (è necessario questo browser) vai all indirizzo http://demo.ewebtest.com e inserisci il tuo nome

Dettagli

Modulo 1: Fondamenti per scrivere una pagina web

Modulo 1: Fondamenti per scrivere una pagina web Modulo 1: Fondamenti per scrivere una pagina web Indice del modulo Introduzione al linguaggio di marcatura Contenuto, struttura, presentazione Elementi e attributi Proviamo a scrivere una pagina HTML Aggiungere

Dettagli

UN TOPO SFUGGENTE. CoderDOJO su Javascript - Trento. Augusto Ciuffoletti. 26 maggio 2015

UN TOPO SFUGGENTE. CoderDOJO su Javascript - Trento. Augusto Ciuffoletti. 26 maggio 2015 UN TOPO SFUGGENTE CoderDOJO su Javascript - Trento Augusto Ciuffoletti 26 maggio 2015 Un topo nella pagina Il tuo browser (quello che usi per navigare) può leggere un file del tuo computer, e mostrarti

Dettagli

MODULE 4 BASIC IT SKILLS

MODULE 4 BASIC IT SKILLS MODULE 4 BASIC IT SKILLS Nel modulo 4 abbiamo preparato una guida per le competenze informatiche di base che condurrà passo dopo passo i principianti che vogliono imparare a usare Word e Internet o da

Dettagli

USARE WORD. - non solo per scrivere - Un corso per chi vuole imparare ad usare Word senza fare fatica

USARE WORD. - non solo per scrivere - Un corso per chi vuole imparare ad usare Word senza fare fatica Pagina 1 di 32 USARE WORD - non solo per scrivere - Un corso per chi vuole imparare ad usare Word senza fare fatica Indice: - La finestra di Word pag. 2 - Barra del titolo pag. 3 - Barra dei menu pag.

Dettagli

USARE WORD - non solo per scrivere -

USARE WORD - non solo per scrivere - GUIDA WORD USARE WORD - non solo per scrivere - corso Word Un corso per chi vuole imparare ad usare Word senza fare fatica Indice: - La finestra di Word pag. 2 - Barra del titolo pag. 3 - Barra dei menu

Dettagli

lo 2 2-1 - PERSONALIZZARE LA FINESTRA DI WORD 2000

lo 2 2-1 - PERSONALIZZARE LA FINESTRA DI WORD 2000 Capittol lo 2 Visualizzazione 2-1 - PERSONALIZZARE LA FINESTRA DI WORD 2000 Nel primo capitolo sono state analizzate le diverse componenti della finestra di Word 2000: barra del titolo, barra dei menu,

Dettagli

NUOVO PORTALE ANCE. MANUALE per la GESTIONE della HOME PAGE VAI ALL INDICE DEI CONTENUTI

NUOVO PORTALE ANCE. MANUALE per la GESTIONE della HOME PAGE VAI ALL INDICE DEI CONTENUTI NUOVO PORTALE ANCE MANUALE per la GESTIONE della HOME PAGE VAI ALL INDICE DEI CONTENUTI DEI CONTENUTI ACCESSO AL MENU PRINCIPALE PAG. 3 CREAZIONE DI UNA NUOVA HOME PAGE 4 SELEZIONE TIPO HOME PAGE 5 DATA

Dettagli

GUIDA AI PROBLEMI DI ACCESSO E VISUALIZZAZIONE

GUIDA AI PROBLEMI DI ACCESSO E VISUALIZZAZIONE GUIDA AI PROBLEMI DI ACCESSO E VISUALIZZAZIONE Lotus Quickr 1. PROBLEMI DI ACCESSO L accesso avviene digitando la matricola (non lo user id) come nome utente e la password dello sportello internet (myportal).

Dettagli

Gestione servizio SuperSite Versione 7

Gestione servizio SuperSite Versione 7 Gestione servizio SuperSite Versione 7 Il servizio SuperSite di Aruba, grazie ai vari strumenti messi a disposizione dell utente, consente di creare un sito web personalizzato, in modo facile e veloce.

Dettagli

GUIDA STUDENTI HOMEPAGE DEI CORSI ON-LINE

GUIDA STUDENTI HOMEPAGE DEI CORSI ON-LINE GUIDA STUDENTI Benvenuti sulla piattaforma Des-K, basata su Moodle. Di seguito una breve introduzione alla navigazione tra i contenuti e le attività didattiche dei corsi on-line e una panoramica sui principali

Dettagli

Concetti di base della Tecnologia dell'informazione e della Comunicazione. Studio Elfra sas Via F.lli Ruffini 9 17031 Albenga SV 0182596058

Concetti di base della Tecnologia dell'informazione e della Comunicazione. Studio Elfra sas Via F.lli Ruffini 9 17031 Albenga SV 0182596058 by Studio Elfra sas Concetti di base della Tecnologia dell'informazione e della Comunicazione Aggiornato a Aprile 2009 Informatica di base 1 Elaborazione testi I word processor, o programmi per l'elaborazione

Dettagli

pag. 1 Centri tecnologici di supporto alla didattica 2009-2010: progettare ed implementare ipermedia in classe

pag. 1 Centri tecnologici di supporto alla didattica 2009-2010: progettare ed implementare ipermedia in classe 1. Come iscriversi a Google Sites: a. collegarsi al sito www.google.it b. clic su altro Sites Registrati a Google Sites e. inserire il proprio indirizzo e-mail f. inserire una password g. re-inserire la

Dettagli

5.2 UTILIZZO DELL APPLICAZIONE

5.2 UTILIZZO DELL APPLICAZIONE 5.2 UTILIZZO DELL APPLICAZIONE Base offre la possibilità di creare database strutturati in termini di oggetti, quali tabelle, formulari, ricerche e rapporti, di visualizzarli e utilizzarli in diverse modalità.

Dettagli

La navigazione in internet

La navigazione in internet 57 La navigazione in internet Cos è Internet È una rete di composta da migliaia di reti di computer interconnesse fra loro e distribuite su tutto il pianeta. Gli utenti di tutto il mondo, tramite tale

Dettagli

PIANO DI TUTELA DELLE ACQUE DELLA SICILIA (di cui all'art. 121 del Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n 152)

PIANO DI TUTELA DELLE ACQUE DELLA SICILIA (di cui all'art. 121 del Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n 152) Commissario Delegato per l Emergenza Bonifiche e la Tutela delle Acque in Sicilia PIANO DI TUTELA DELLE ACQUE DELLA SICILIA (di cui all'art. 121 del Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n 152) Sistema WEB-GIS

Dettagli

Indice generale. Introduzione...xv. Parte I Per iniziare Capitolo 1 Introduzione allo sviluppo ios con tecnologie web...3

Indice generale. Introduzione...xv. Parte I Per iniziare Capitolo 1 Introduzione allo sviluppo ios con tecnologie web...3 Introduzione...xv A chi si rivolge questo libro...xv Gli argomenti trattati...xv Com è organizzato il libro...xvi Cosa occorre per utilizzare il libro...xvii Convenzioni adottate...xvii Il codice sorgente...xviii

Dettagli

Talento LAB 2.1 - GUIDA E ASSISTENTE LA GUIDA IN LINEA. In questa lezione imparerete a:

Talento LAB 2.1 - GUIDA E ASSISTENTE LA GUIDA IN LINEA. In questa lezione imparerete a: Lab 2.1 Guida e assistente LAB 2.1 - GUIDA E ASSISTENTE In questa lezione imparerete a: Descrivere la Guida in linea e l'assistente Office, Descrivere gli strumenti della Guida in linea di Windows XP,Utilizzare

Dettagli

Creazione di percorsi su Colline Veronesi

Creazione di percorsi su Colline Veronesi Creazione di percorsi su Colline Veronesi Per inserire i dati nel portale Colline Veronesi accedere all indirizzo: http://66.71.191.169/collineveronesi/index.php/admin/users/login Una volta inserito username

Dettagli

CORSO DI INFORMATICA DI BASE - 1 e 2 Ciclo 2013-2014. Programma del Corso Sistemi Microsoft Windows

CORSO DI INFORMATICA DI BASE - 1 e 2 Ciclo 2013-2014. Programma del Corso Sistemi Microsoft Windows CORSO DI INFORMATICA DI BASE - 1 e 2 Ciclo 2013-2014 Programma del Corso Sistemi Microsoft Windows CORSO BASE DI INFORMATICA Il corso di base è indicato per i principianti e per gli autodidatti che vogliono

Dettagli

MANUALE IMMEDIATO DI HTML

MANUALE IMMEDIATO DI HTML MANUALE IMMEDIATO DI HTML Realizzato da NiktorTheNat Iniziato il giorno 9 aprile 2010 - terminato il giorno 22 aprile 2010 email autore: niktorthenat@tiscali.it canale youtube: http://www.youtube.com/user/niktorthenat

Dettagli

PredictiOnDemand Manuale Utente 1. Benvenuti nel mondo della previsione delle parole! Benvenuti in PredictiOnDemand!

PredictiOnDemand Manuale Utente 1. Benvenuti nel mondo della previsione delle parole! Benvenuti in PredictiOnDemand! PredictiOnDemand Manuale Utente 1 PredictiOn Demand for Windows La predizione quando serve! 1. Panoramica Benvenuti nel mondo della previsione delle parole! Benvenuti in PredictiOnDemand! PredictiOnDemand

Dettagli