SOMMARIO. Parte I La cancelleria fallimentare: aspetti giuridici, analisi e funzionamento

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SOMMARIO. Parte I La cancelleria fallimentare: aspetti giuridici, analisi e funzionamento"

Transcript

1 SOMMARIO Premessa... Profilo autori... III VII Parte I La cancelleria fallimentare: aspetti giuridici, analisi e funzionamento Capitolo 1 - Procedura fallimentare: aspetti giuridici sostanziali e procedurali 1. La tutela giurisdizionale dei diritti e l azione esecutiva Tipi di azione Il processo esecutivo La figura dell imprenditore, l inadempimento e lo stato di insolvenza L inadempimento e l esecuzione forzata Il debitore comune Il debitore imprenditore e caratteristiche attinenti alla figura di imprenditore L imprenditore commerciale, il piccolo imprenditore e l assoggettabilità al fallimento Il fallimento: natura giuridica e cause che portano alla dichiarazione di fallimento I soggetti passivi L esdebitazione Caratteristiche della procedura fallimentare confrontate con la forma di esecuzione ordinaria Soggetti legittimati alla presentazione dell istanza di fallimento Ricorso del creditore Richiesta di fallimento da parte dello stesso debitore Istanza del Pubblico Ministero Desistenza IPSOA Wolters Kluwer Italia S.r.l. IX

2 7.5. Il provvedimento che respinge l istanza di fallimento L istanza di fallimento: aspetti pratici ed applicativi nell ambito dei servizi di cancelleria La sentenza dichiarativa di fallimento (art. 16 l.fall.) Comunicazioni ed operazioni che vengono effettuate dal Tribunale dopo l emissione della sentenza dichiarativa di fallimento La nomina del giudice delegato: aspetti pratici ed applicativi La nomina del curatore: aspetti pratici ed applicativi Rilevanza della figura del Pubblico Ministero nell ambito della procedura fallimentare Gli effetti della sentenza dichiarativa di fallimento Effetti di diritto privato Effetti di diritto processuale L insinuazione al passivo del fallimento (art. 93 l.fall.) Formalità e documenti allegati L accertamento del passivo (artt l.fall.) L insinuazione tardiva (art. 101 l.fall.) L opposizione allo stato passivo e l impugnazione dei crediti ammessi (art. 98 l.fall.) Organi preposti al fallimento (Capo II l.fall.) Il tribunale fallimentare (artt. 23 e 24 l.fall.) Il giudice delegato Il curatore Il comitato dei creditori Analisi del funzionamento delle cancellerie della sezione fallimentare Cancelleria del ruolo generale Cancelleria del campione fallimentare Cancelleria del dirigente della sezione fallimentare Cancelleria delle procedure fallimentari e prefallimentari Contenzioso fallimentare Le nuove norme attinenti alla procedura fallimentare entrate in vigore dal D.L. 179/2012 (c.d. decreto sviluppo bis ) convertito in L. n. 221/2012 e integrata con la Legge di Stabilità X IPSOA Wolters Kluwer Italia S.r.l.

3 Parte II L attività del curatore fallimentare Capitolo 1 - L organizzazione dell ufficio e del lavoro 1. Premessa Informazioni generali Comunicazioni ai creditori ed insinuazioni al fallimento Verbale di verifica dei crediti Piani di riparto parziali e finali Ricorsi presentati al giudice delegato (archivio generale) Azioni revocatorie e transazioni Verbali emessi e documentazione fiscale (da parte del curatore) Rapporti con istituti di credito Corrispondenza Vendite/Rivendiche Situazione dipendenti Giornale del fallimento (allegati) Fiscale (documenti) Capitolo 2 - Liste di controllo delle principali procedure organizzative dell attività del curatore fallimentare 1. Introduzione Scopo ed usi Valutazione del sistema In generale Le procedure Nomina a curatore Analisi del fascicolo Prime operazioni ed azioni che il curatore deve svolgere Individuazione dei creditori L interrogatorio del fallito L inventario dei beni Verifica dei crediti (preparazione da parte del curatore) Verifica dei crediti (artt l.fall.) IPSOA Wolters Kluwer Italia S.r.l. XI

4 2.9. Opposizione al decreto che rende esecutivo lo stato passivo Impugnazione dei crediti ammessi Revocazione (mod. dal D.Lgs. n. 169/2007) Nomina del Comitato dei creditori L azione revocatoria Premessa alla vendita fallimentare L accertamento e la liquidazione dell attivo Vendita dei beni del fallimento La vendita di beni (artt l.fall.) Piano di riparto Rendiconto (art. 116 l.fall.) Chiusura del fallimento Concordato fallimentare (artt l.fall.) Capitolo 3 - Istanze, ricorsi e comunicazioni al Giudice o al Tribunale 1. Modalità di presentazione e di compilazione di un istanza Premessa Modalità espositive Allegati Formule F001 Istanza per la dichiarazione di fallimento (presentata dal creditore) F002 Ricorso per la dichiarazione di fallimento (presentata dal lavoratore dipendente) F003 Istanza di fallimento in proprio (richiesta dal liquidatore della società F004 Decreto di rigetto (due ipotesi) F005 Istanza di fallimento (contro società o ditta individuale proposta ai sensi dell art. 7, R.D. 16 marzo 1942, n. 267, l. 14 maggio 2005, n. 80 e D.Lgs. 9 gennaio 2006, n. 5, dal procuratore della repubblica) F006 Decreto di rigetto F007 Reclamo contro il decreto del tribunale che respinge l istanza per dichiarazione di fallimento come modificata dal decreto correttivo n. 169/ XII IPSOA Wolters Kluwer Italia S.r.l.

5 F008 Decreto di accoglimento del reclamo contro il provvedimento del tribunale che respinge il ricorso per la dichiarazione di fallimento F009 Dichiarazione di desistenza da domanda di fallimento F010 Sentenza dichiarativa di fallimento F011 Sentenza dichiarativa di fallimento (riapertura) F012 Enti avvisati dal tribunale della sentenza di fallimento F013 Estratto di sentenza dichiarativa di fallimento F014 Reclamo alla Corte d Appello ex art. 18 (così come modificato dal decreto correttivo D.Lgs. n. 169/ F015 Accettazione dell incarico di curatore F016 Rinuncia del curatore F017 Decreto di surroga F018 Istanza per la nomina di un coadiutore (un ipotesi) F019 Ricorso del curatore per essere autorizzato a rinviare il deposito della relazione ex art. 33 l.fall. modificato dal D.Lgs. n. 169/ F020 Istanza del curatore perché sia fatta intervenire la forza pubblica onde rintracciare l amministratore unico della società fallita F021 Istanza per la concessione di un sussidio alimentare al fallito (in calce: decisione assunta) F022 Autorizzazione ad agire in giudizio per promuovere azione revocatoria F023 Comunicazione di nomina legale per la costituzione in giudizio F024 Autorizzazione alla temporanea prosecuzione dell esercizio (un caso) (in calce: parere del comitato dei creditori e decreto di autorizzazione del tribunale) F025 Domanda di concessione della cassa integrazione straordinaria F026 Istanza per autorizzazione a richiedere l assistenza del cancelliere... per l erezione dell inventario IPSOA Wolters Kluwer Italia S.r.l. XIII

6 F027 Verbale giuramento perito stimatore F028 Ricorso per autorizzazione ad effettuare transazione ex art. 35 l.fall. così come modificato dal D.Lgs. n. 169/ F029 Modulo per la registrazione delle insinuazioni al fallimento F030 Istanza del curatore per essere autorizzato a ritirare e trattenere presso il proprio studio le domande di credito F031 Verbale di verifica dello stato passivo F032 Dichiarazione di esecutività dello stato passivo da parte del giudice delegato F033 Dichiarazione del curatore di non interposta opposizione ex art. 98 l.fall F034 Ricorso ex artt l.fall. così modificato dal D.Lgs. n. 169/ F035 Decreto di accoglimento del ricorso di opposizione allo stato passivo del fallimento F036 Verbale di udienza nel giudizio di opposizione allo stato passivo F037 Domanda tardiva d insinuazione al passivo fallimentare ex art. 101 l.fall. (in calce: decisione assunta dal giudice delegato) F038 Verbale di udienza nel giudizio di insinuazione tardiva al passivo del fallimento F039 Rinuncia all istanza di insinuazione al passivo fallimentare F040 Domanda di sospensione dell azione esecutiva (art. 51, D.P.R. 29 settembre 1973, n. 602) F041 Relazione periodica del curatore ex art. 33, ultimo comma, l.fall F042 Provvedimento di convocazione del curatore innanzi al tribunale per eventuale revoca dello stesso F043 Richiesta di rimborso credito iva e ricorso all ufficio XIV IPSOA Wolters Kluwer Italia S.r.l.

7 F044 Istanza ex art. 69 l.fall. (relativa all acquisizione al fallimento di un bene del coniuge del fallito nel periodo anteriore alla dichiarazione di fallimento) F045 Raccomandata R.R. ex art. 92 l.fall. ovvero lettera inviata via telefax o a mezzo posta elettronica F046 Raccomandata R.R. ex artt l.fall F047 Nota di trascrizione (ai registri immobiliari) della sentenza dichiarativa di fallimento F048 Istanza per l autorizzazione a chiedere la cancellazione della trascrizione della sentenza dichiarativa di fallimento (in calce: decreto del giudice delegato) F049 Nota per la cancellazione della trascrizione della sentenza dichiarativa di fallimento F050 Istanza per la cancellazione della trascrizione al p.r.a. della sentenza di fallimento (in calce: decreto del tribunale) F051 Istanza per la cancellazione di ipoteca su autovettura (in calce: decreto del tribunale) F052 Effettuazione di pubblicità alla vendita dei beni del fallimento mediante inserzione sui giornali F053 Fac-simile d inserzione per la vendita dei beni F054 Gara informale per vendita di beni mobili acquisiti alla procedura (gara innanzi al curatore) F055 Istanza del curatore per la convocazione degli offerenti (in calce: decreto del giudice delegato che ordina la convocazione degli offerenti) F056 Provvedimento che indice la gara tra gli offerenti nella vendita immobiliare senza incanto F057 Offerta d acquisto d immobili F058 Verbale di udienza destinata allo svolgimento della gara tra gli offerenti nella vendita immobiliare senza incanto F059 Provvedimento di aggiudicazione della vendita immobiliare senza incanto F060 Istanza per la vendita di immobili all /senza incanto IPSOA Wolters Kluwer Italia S.r.l. XV

8 F061 Avviso di vendita immobiliare con / senza incanto F062 Avviso di offerta di aumento di un quinto nel prezzo di aggiudicazione di immobile ex art. 584 c.p.c F063 Verbale di aggiudicazione immobiliare F064 Mancato versamento del prezzo da parte dell acquirente: decadenza all aggiudicatario e provvedimenti conseguenziali ex art. 587 c.p.c F065 Provvedimento del giudice delegato che dispone lo svolgimento di una gara tra i rincaranti, dopo la presentazione di offerte di acquisto in aumento di un quinto F066 Verbale di diserzione d incanto F067 Ricorso per eventuale rifissazione di vendita con incanto di attività immobiliari ex art. 591 c.p.c F068 Decreto di trasferimento di bene espropriato F069 Comunicazione di nomina legale per inserimento nella procedura esecutiva immobiliare F070 Istanza per assegnazione somma costituente ricavo d asta mobiliare alla massa fallimentare F071 Svincolo cauzione F072 Istanza per la vendita di beni mobili a trattativa privata F073 Nomina perito per la stima di beni mobili del fallimento F074 Ricorso per la fissazione delle modalità di vendita e decreto del giudice delegato (un caso) F075 Liquidazione compenso e spese al perito F076 Autorizzazione al pagamento del campione fallimentare in calce: fac-simile di campione fallimentare e facsimile di comunicazione alla banca dell autorizzazione ad effettuare pagamenti F077 Istanza per la liquidazione di spese e competenze, spettanti al precedente dimissionario (o revocato) curatore F078 Istanza per primo rimborso spese sostenute dal curatore nel corso della procedura XVI IPSOA Wolters Kluwer Italia S.r.l.

9 F079 Istanza per la concessione di acconto sul compenso al curatore (in calce: decreto di liquidazione dei compensi e delle spese dovute al curatore del fallimento) F080 Ricorso per assegnazione fondo spese al curatore F081 Ricorso per autorizzazione a versare l iva incassata in relazione a cessioni effettuate relative al periodo F082 Autorizzazione al pagamento al cancelliere di competenze connesse ad operazioni di inventario (in calce: decreto di liquidazione) F083 Rendiconto art. 116 l.fall. e relativa fissazione dell udienza da parte del giudice delegato (in calce: decreto di fissazione di udienza da parte del giudice delegato e un ipotesi di rendiconto) F084 Rendiconto a norma dell art. 116 l.fall. (nell ipotesi di fallimento con attività zero) con raccomandata R.R. avviso di deposito del rendiconto F085 Verbale di approvazione del rendiconto finale F086 Liquidazione del compenso al curatore (un caso) (in calce: decreto di liquidazione del compenso e delle spese dovute al curatore del fallimento) F087 Prospetto delle somme disponibili e progetto di riparto parziale F088 Raccomandata R.R. comunicazione di avvenuto deposito del progetto di riparto parziale ai creditori F089 Verbale di approvazione che rende esecutivo il piano di riparto parziale F090 Provvedimento del giudice delegato che ordina il deposito in cancelleria del piano di riparto F091 Esecutività del piano di riparto parziale con autorizzazione al prelevamento delle somme F092 Istanza per la chiusura della procedura (in calce: decreto del tribunale) IPSOA Wolters Kluwer Italia S.r.l. XVII

10 F093 Istanza per la chiusura della procedura fallimentare (nel caso di nessun creditore ammesso al passivo). In calce: istanza di chiusura in caso di prosecuzione che non consente, nemmeno in parte, di soddisfare i creditori concorsuali né i crediti prededucibili e le spese di procedura F094 Ricorso per riapertura del fallimento F095 Insinuazione al passivo nel caso di riapertura di fallimento F096 Istanza per lo svincolo di libretto postale infruttifero F097 Istanza di autorizzazione a depositare somme di denaro, destinate ai creditori irreperibili, su libretto postale infruttifero F098 Verbale di deposito libretti postali per creditori irreperibili Capitolo 4 - Il Registro del fallimento 1. Modalità e tenuta Capitolo 5 - La relazione del curatore (art. 33 l.fall.) e relative disposizioni in materia di procedura penale (artt c.p.p.) 1. Finalità della relazione ex art. 33 l.fall Il tempo a disposizione del curatore per il deposito della relazione I destinatari delle relazioni: la relazione «base» e le successive integrazioni I contenuti relativi alle integrazioni successive alla prima relazione Modalità di presentazione della relazione ex art. 33 l.fall Argomenti da trattare nella relazione Scheda riassuntiva del fallimento Elenco dei creditori Elenco delle attività del fallimento Elenco delle revocatorie esperite Copie di eventuali dichiarazioni raccolte dal curatore o dal Giudice Delegato XVIII IPSOA Wolters Kluwer Italia S.r.l.

11 6.6. Notizie circa fatti di sottrazione o distrazione di attività da parte del fallito Notizie circa i fatti di dissipazione posti in essere dal fallito Notizie specifiche circa transazioni o tentativi di concordato extra-giudiziale con taluno e con la messa dei creditori, in periodo antecedente al fallimento Notizie circa l intervento di terzi finanziatori o «rilevatori» di parte delle attività o, in blocco, dell azienda Cause del dissesto ed epoca in cui lo stesso si è manifestato Individuazione delle singole attività gestionali, nell ipotesi di più amministratori succedutisi Generalità e domicili dei soci, degli amministratori, dei sindaci, degli organi di controllo e dipendenti Eventuale emissione di titoli privi di un rapporto sottostante Cause di eventuale sproporzione tra l entità dei debiti ed il volume d affari Indicazione di soggetti a vario titolo informati sulle vicende dell impresa con i relativi indirizzi Documenti da allegare alla relazione: bilanci con relazioni ed estratti significativi dei libri delle assemblee Eventuale esercizio di azioni di responsabilità e valutazione sull operato Notizie circa la regolarità del pagamento dei salari e degli stipendi ed il versamento dei contributi agli enti previdenziali Notizie circa gli accertamenti effettuati a carico del fallito: le opposizioni ed i ricorsi, promossi da quest ultimo, agli atti esecutivi promossi dai creditori e loro esito Notizie circa eventuali fatti di contrabbando Istituti bancari e finanziari: notizie circa l inizio dei rapporti di crediti con il fallito Notizie in genere circa procedimenti penali definiti o pendenti a carico del fallito, dei dipendenti, collaboratori o rappresentanti IPSOA Wolters Kluwer Italia S.r.l. XIX

12 6.23. Notizie circa altre attività, palesi od occulte, intraprese dal fallito o dai suoi rappresentanti o collaboratori Notizie circa i beni mobili od immobili acquistati dai responsabili dell impresa con mezzi ed in periodo sospetti Notizie circa i furti, appropriazioni, distrazioni, in danno del fallito, da parte di dipendenti, o di terzi estranei o di altri creditori Notizie circa l ordine amministrativo e contabile dell impresa Epoca eventuale della perdita del capitale sociale ed altre notizie sulla contabilità e sul capitale Relazione semestrale Il programma di liquidazione Parte III Profili fiscali del fallimento Capitolo 1 - Gli adempimenti fiscali del curatore di Marco Casero 1. Premessa Gli adempimenti all apertura della procedura IVA Le imposte sul reddito IRAP Assolvimento imposte L IMU e le procedure fallimentari Cassetto fiscale Liti fiscali pendenti Gli adempimenti nel corso della procedura IVA Le imposte sul reddito Le scritture contabili IRAP Il curatore sostituto d imposta Comunicazione operazioni IVA Le imposte indirette sulle vendite immobiliari XX IPSOA Wolters Kluwer Italia S.r.l.

13 6. Gli adempimenti fiscali alla chiusura della procedura IVA Le imposte sul reddito La determinazione del reddito del periodo fallimentare Capitolo 2 - Imposta di registro di Marco Casero 1. Profili generali Alternatività IVA Registro: l affitto dell unica azienda dell imprenditore individuale La cessione dell azienda Capitolo 3 - Liste di controllo dei principali adempimenti fiscali di Laura Pesce 1. Obblighi civilistici e fiscali di tenuta delle scritture contabili Fallimento: soggetto passivo Adempimenti fiscali IVA Adempimenti fiscali IMU ICI Adempimenti fiscali Imposta di registro IRPEF IRES IRAP Il curatore sostituto d imposta Parte IV Problematiche di attualità nella gestione Capitolo 1 - Il curatore telematico di Agostino Barbata 1. Normativa e link utili La diffusione del PCT esecuzioni individuali e concorsuali Cos è il processo civile telematico Cosa si può fare con il PCT Cosa occorre La procedura in pillole IPSOA Wolters Kluwer Italia S.r.l. XXI

14 3. Breve guida informatica sulla trasmissione telematica atti PCT Fallimenti Atti principali depositabili Requisiti Come si compone e si trasmette un atto Capitolo 2 - Il riciclaggio e il fallimento di Gian Gaetano Bellavia 1. Le funzioni del curatore Pubblico Ufficiale nella denuncia degli illeciti Il contrasto al riciclaggio e le sue fasi operative La normativa di repressione del riciclaggio La sorte del provento del reato I principali reati presupposto al riciclaggio Alcuni reati societari Alcuni reati di cui al codice penale I reati tributari I reati fallimentari L autoriciclaggio La normativa di contrasto al riciclaggio Il curatore fallimentare e la legge antiriciclaggio I coadiutori ed i professionisti di cui si avvale il curatore in relazione alla legge antiriciclaggio La definizione di riciclaggio ai soli fini della legge antiriciclaggio Il concetto di attività criminosa ai fini della legge antiriciclaggio La mancanza dell esimente dall obbligo di segnalazione Capitolo 3 - Il curatore e il trust del fallito di Guido Battagliese 1. Premesse Il trust: definizioni Il trust: effetti giuridici Analisi preliminare Azioni da intraprendere Un ipotesi di cooperazione XXII IPSOA Wolters Kluwer Italia S.r.l.

15 Capitolo 4 - Il trust nella procedura fallimentare di Guido Battagliese 1. Premesse La funzione di garanzia La funzione di riscossione Note critiche I procedimenti di composizione della crisi da sovraindebitamento Parte V Gli aspetti penali derivanti dal fallimento Capitolo 1 - I reati fallimentari di Fabio Signorelli 1. I soggetti attivi della bancarotta propria I soggetti attivi della bancarotta impropria La bancarotta fraudolenta patrimoniale La bancarotta fraudolenta documentale L art. 216, comma 1, n. 2: i reati commessi in itinere La bancarotta preferenziale La bancarotta semplice patrimoniale La bancarotta semplice documentale Il ricorso abusivo al credito Parte VI I compensi del curatore fallimentare Capitolo unico Appendice normativa 1. Regio Decreto 16 marzo 1942, n Regio Decreto 16 marzo 1942, n Circolare ministeriale 14 novembre 1984, n Decreto ministeriale 30 maggio Decreto del Presidente della Repubblica 30 maggio 2002, n Decreto Ministeriale 25 gennaio 2012, n Indice analitico IPSOA Wolters Kluwer Italia S.r.l. XXIII

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 206 23.07.2013 Sospensione feriale dei termini processuali Categoria: Contenzioso Sottocategoria: Processo tributario Anche quest anno, come di

Dettagli

FONDAZIONE FORENSE DI PESARO

FONDAZIONE FORENSE DI PESARO FONDAZIONE FORENSE DI PESARO Palazzo di Giustizia, Piazzale Carducci n. 12 GUIDA PRATICA ALL ACQUISTO DI IMMOBILI ALL ASTA Perché acquistare un immobile all asta? Acquistare all asta è spesso più conveniente.

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

TRIBUNALE DI ROMA IV SEZIONE CIVILE

TRIBUNALE DI ROMA IV SEZIONE CIVILE ALLEGATO AL VERBALE DELL UDIENZA DEL TRIBUNALE DI ROMA IV SEZIONE CIVILE PROCEDURA N R.G.E. PROCEDIMENTO DI DIVISIONE N. I L G I U D I C E Visto il provvedimento reso all udienza del nella procedura esecutiva

Dettagli

NOTA OPERATIVA N. 15/2014

NOTA OPERATIVA N. 15/2014 NOTA OPERATIVA N. 15/2014 OGGETTO: La crisi di impresa e le possibili soluzioni - Introduzione La crisi economica, che ha investito il nostro Paese, sta avendo effetti devastanti sulle imprese; la presente

Dettagli

TRIBUNALE CIVILE DI SASSARI

TRIBUNALE CIVILE DI SASSARI TRIBUNALE CIVILE DI SASSARI UFFICIO ESECUZIONI IMMOBILIARI Disposizioni generali in materia di espropriazione immobiliare Modalità di presentazione delle offerte e di svolgimento delle procedure di VENDITA

Dettagli

CURATORI E INFORMATIZZAZIONE PROCEDURE CONCORSUALI. presentazione novità Legge 221/2012 e Legge Stabilità

CURATORI E INFORMATIZZAZIONE PROCEDURE CONCORSUALI. presentazione novità Legge 221/2012 e Legge Stabilità CURATORI E INFORMATIZZAZIONE PROCEDURE CONCORSUALI presentazione novità Legge 221/2012 e Legge Stabilità Zucchetti Software Giuridico srl - Viale della Scienza 9/11 36100 Vicenza tel 0444 346211 info@fallco.it

Dettagli

8. È ammesso l intervento di altri creditori nel processo esecutivo?

8. È ammesso l intervento di altri creditori nel processo esecutivo? 252 Parte Sesta 8. È ammesso l intervento di altri creditori nel processo esecutivo? Riferimenti normativi: artt. 499-500 e segg. c.p.c. Definizione: identificare le categorie di creditori legittimati

Dettagli

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Patrimoni destinati ad uno specifico affare A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Riferimenti normativi D.Lgs. Numero 6 del 17 gennaio 2003 Introduce con gli articoli 2447-bis e seguenti del

Dettagli

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso Roma, 12 febbraio 2014 OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

5)- COME VIENE DEFINITA LA FORMALITÀ PRESSO IL P.R.A. RELATIVA AD UN IPOTECA? A - Annotazione B - Iscrizione C Trascrizione

5)- COME VIENE DEFINITA LA FORMALITÀ PRESSO IL P.R.A. RELATIVA AD UN IPOTECA? A - Annotazione B - Iscrizione C Trascrizione 1)- PER UN VEICOLO ESPORTATO ALL'ESTERO E SUCCESSIVAMENTE REISCRITTO IN ITALIA DALLO STESSO INTESTATARIO QUALE IPT PAGA?: A - L'IPT si paga in misura proporzionale B - Non si paga IPT C - L'IPT si paga

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA

PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA (Elaborato a seguito delle disposizioni contenute nella L.

Dettagli

di Roberto Fontana, magistrato

di Roberto Fontana, magistrato 10.1.2014 LE NUOVE NORME SULLA FISSAZIONE DELL UDIENZA E LA NOTIFICAZIONE DEL RICORSO E DEL DECRETO NEL PROCEDIMENTO PER DICHIARAZIONE DI FALLIMENTO di Roberto Fontana, magistrato Sommario. 1. La nuova

Dettagli

STUDIO LEGALE Avv. Antonella Nigro

STUDIO LEGALE Avv. Antonella Nigro L irregolarità della notifica dell atto di precetto e l opposizione agli atti esecutivi ex art. 617 c.p.c. di Antonella Nigro L opposizione agli atti esecutivi è disciplinata dall'art. 617 del Codice di

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

REGISTRO DELLE IMPRESE

REGISTRO DELLE IMPRESE REGISTRO DELLE IMPRESE SCIOGLIMENTO, LIQUIDAZIONE e CANCELLAZIONE 1/2005 maggio 2005 www.an.camcom.it 1 PREMESSA... 3 SOCIETÀ DI CAPITALI... 3 DELIBERA DI SCIOGLIMENTO E NOMINA DEL LIQUIDATORE... 3 SCIOGLIMENTO

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

Camere di Commercio della Lombardia Prontuario adempimenti pubblicitari in materia di procedure concorsuali Gennaio 2014.

Camere di Commercio della Lombardia Prontuario adempimenti pubblicitari in materia di procedure concorsuali Gennaio 2014. CAMERE DI COMMERCIO DELLA LOMBARDIA PRONTUARIO ADEMPIMENTI PUBBLICITARI IN MATERIA DI PROCEDURE CONCORSUALI Settima Edizione Gennaio 2014 CONTATTI LE CAMERE DI COMMERCIO DELLA LOMBARDIA CAMERA DI COMMERCIO

Dettagli

OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre

OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre Informativa per la clientela di studio N. 131 del 05.09.2012 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre Gentile Cliente, con la stesura del presente documento

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

FALLIMENTO E PROCEDURE CONCORSUALI MASTER PART TIME LIVORNO. When you have to be right

FALLIMENTO E PROCEDURE CONCORSUALI MASTER PART TIME LIVORNO. When you have to be right MASTER PART TIME FALLIMENTO E PROCEDURE CONCORSUALI 2 0 1 4 TRENTESIMA EDIZIONE LIVORNO N A P O L I When you have to be right LA SCUOLA DI FORMAZIONE IPSOA La Scuola di formazione IPSOA fa parte del Gruppo

Dettagli

chiede l ammissione dell impresa medesima alla gara indetta per l affidamento del servizio in oggetto. Al proposito

chiede l ammissione dell impresa medesima alla gara indetta per l affidamento del servizio in oggetto. Al proposito ALLEGATO 1 Via A. Picco Oggetto: istanza di ammissione alla gara relativa servizio di manutenzione ordinaria e straordinaria delle macchine operatrici di ACAM Ambiente s.p.a.. Il sottoscritto...., nato

Dettagli

Linee guida per le ESECUZIONI IMMOBILIARI

Linee guida per le ESECUZIONI IMMOBILIARI ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TRENTO TRIBUNALE CIVILE DI TRENTO Linee guida per le ESECUZIONI IMMOBILIARI FORMA DEL PIGNORAMENTO L atto di pignoramento deve contenere l avvertimento al debitore che, se intende

Dettagli

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie)

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie) Codice del processo amministrativo - Commissione per l esame dei profili organizzativi ed informatici - PRONTUARIO DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle

Dettagli

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo ALL. 1) Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo 1. Sono eleggibili a sindaco, presidente della provincia, consigliere comunale, provinciale e circoscrizionale gli elettori di un qualsiasi

Dettagli

Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2)

Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2) Istanza di fallimento e procedimento di concordato preventivo in bianco Dott. Francesco Pedoja Presidente del Tribunale di Pordenone Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2) 1- La L. n.134/2012

Dettagli

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012,

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, RIFORMA DELLA LEGGE PINTO Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, riforma la legge Pinto (L. n. 89/2001) per l indennizzo per la durata del processo. Le nuove disposizioni

Dettagli

NUTRIAD ITALIA S.R.L. CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA

NUTRIAD ITALIA S.R.L. CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA NUTRIAD ITALIA S.R.L. CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA INTERO CONTRATTO Le presenti Condizioni Generali di vendita ed i termini e le obbligazioni in esse contenute sono le uniche e sole obbligazioni vincolanti

Dettagli

Regolamento sul diritto di accesso agli atti e documenti amministrativi

Regolamento sul diritto di accesso agli atti e documenti amministrativi Comune di Lendinara Regolamento sul diritto di accesso agli atti e documenti amministrativi ALLEGATO ALLA DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N. 96 DEL 29.11.2007 ESECUTIVA A TERMINI DI LEGGE. Dopo l esecutività

Dettagli

TARIFFE FORENSI (in vigore dal 1 aprile 1995)

TARIFFE FORENSI (in vigore dal 1 aprile 1995) TARIFFE FORENSI (in vigore dal 1 aprile 1995) Decreto del Ministro di Grazia e Giustizia 5 ottobre 1994, n. 585 - Deliberazioni del Consiglio Nazionale Forense 12 giugno 1993 e 29 settembre 1994, in G.U.

Dettagli

IL DIRITTO FALLIMENTARE RIFORMATO

IL DIRITTO FALLIMENTARE RIFORMATO IL DIRITTO FALLIMENTARE RIFORMATO Commento sistematico a cura di GIORGIO SCHIANO DI PEPE APPENDICE DI AGGIORNAMENTO G. SCHIANO DI PEPE (a cura di), Il diritto fallimentare riformato - Appendice di aggiornamento.

Dettagli

INTEGRAZIONE E DEFINIZIONE PER GLI ANNI PREGRESSI DEFINIZIONE DEI RITARDATI OD OMESSI VERSAMENTI

INTEGRAZIONE E DEFINIZIONE PER GLI ANNI PREGRESSI DEFINIZIONE DEI RITARDATI OD OMESSI VERSAMENTI 2003 AGENZIA DELLE ENTRATE INTEGRAZIONE E DEFINIZIONE PER GLI ANNI PREGRESSI DEFINIZIONE DEI RITARDATI OD OMESSI VERSAMENTI artt. 8, 9, 9-bis e 14 della legge 27 dicembre 2002, n. 289, e successive modificazioni

Dettagli

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969).

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969). Il commento 1. Premessa La sospensione feriale dei termini è prevista dall art. 1, co. 1, della L. 07/10/1969, n. 742 1, il quale dispone che: Il decorso dei termini processuali relativi alle giurisdizioni

Dettagli

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 Il Tribunale di Imperia, la Procura della Repubblica sede, l Ufficio Esecuzione Penale Esterna Sede di Imperia, l Ordine degli avvocati

Dettagli

REGISTRO DELLE IMPRESE

REGISTRO DELLE IMPRESE ISTRUZIONI PER L ISCRIZIONE E IL DEPOSITO DEGLI ATTI AL REGISTRO DELLE IMPRESE - MODULISTICA FEDRA E PROGRAMMI COMPATIBILI - MAGGIO 2014 INDICE E SOMMARIO P r e s e n t a z i o n e 9 N O T E G E N E R

Dettagli

LA NUOVA PROCEDURA DI COMPOSIZIONE DELLA CRISI DA SOVRAINDEBITAMENTO

LA NUOVA PROCEDURA DI COMPOSIZIONE DELLA CRISI DA SOVRAINDEBITAMENTO DEBT RESTRUCTURING AND BANKRUPTCY ALERT Febbraio 2012 LA NUOVA PROCEDURA DI COMPOSIZIONE DELLA CRISI DA SOVRAINDEBITAMENTO Negli ultimi mesi i giornali hanno parlato molto di due interventi legislativi

Dettagli

fac-simile dichiarazione di cui alla Busta 1) punto 1.2 dell art. 2 del disciplinare di gara

fac-simile dichiarazione di cui alla Busta 1) punto 1.2 dell art. 2 del disciplinare di gara fac-simile dichiarazione di cui alla Busta 1) punto 1.2 dell art. 2 del disciplinare di gara Oggetto: Procedura aperta per la fornitura di generatori di molibdeno tecnezio per l U.O.C. di Medicina Nucleare

Dettagli

l agenzia in f orma GUIDA PRATICA alle COMUNICAZIONI FISCALI e alle CARTELLE di PAGAMENTO Ufficio Prodotti Editoriali

l agenzia in f orma GUIDA PRATICA alle COMUNICAZIONI FISCALI e alle CARTELLE di PAGAMENTO Ufficio Prodotti Editoriali 1 l agenzia in f orma 2006 GUIDA PRATICA alle COMUNICAZIONI FISCALI e alle CARTELLE di PAGAMENTO Ufficio Prodotti Editoriali 1 l agenzia in f orma 2006 GUIDA PRATICA alle COMUNICAZIONI FISCALI e alle CARTELLE

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 (N.B. la presente dichiarazione deve essere prodotta unitamente a copia fotostatica non autenticata

Dettagli

BANDO DI GARA PER LA VENDITA MEDIANTE ASTA PUBBLICA DEL FABBRICATO EX SEDE DELLA SCUOLA ELEMENTARE SOARZA IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO TECNICO

BANDO DI GARA PER LA VENDITA MEDIANTE ASTA PUBBLICA DEL FABBRICATO EX SEDE DELLA SCUOLA ELEMENTARE SOARZA IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO TECNICO COMUNE DI VILLANOVA SULL ARDA PROVINCIA DI PIACENZA ---------------------- Tel. 0523/837927 (n. 3 linee a ric. autom.) Codice Fiscale 00215750332 Fax 0523/837757 Partita IVA 00215750332 Prot. n 2868 BANDO

Dettagli

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI 1. Aspetti fiscali generali Gli enti di tipo associativo, di cui fanno parte anche le associazioni sportive dilettantistiche, sono assoggettate

Dettagli

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 (CIG ) (CPV ) Io sottoscritto... nato a... il...... nella mia

Dettagli

> IL RIMBORSO PARTE VI DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI

> IL RIMBORSO PARTE VI DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI PARTE VI > IL RIMBORSO DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI Rimborsi risultanti dal modello Unico Rimborsi eseguiti su richiesta 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI Accredito su conto corrente

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

Parte viii> contenzioso e strumenti Per evitarlo

Parte viii> contenzioso e strumenti Per evitarlo Parte viii> contenzioso e strumenti Per evitarlo 1. come rimediare a errori e dimenticanze: il ravvedimento Il ravvedimento per imposte dirette e Iva Modalità di pagamento Presentazione della dichiarazione

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Allegato A alla delibera n. 129/15/CONS REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24

Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24 A cura di Raffaella Pompei, dottore commercialista, funzionario dell Ufficio fiscale Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24 Il Decreto Renzi ha ampliato i casi in cui è necessario

Dettagli

DIREZIONE REGIONALE DELL EMILIA ROMAGNA

DIREZIONE REGIONALE DELL EMILIA ROMAGNA DIREZIONE REGIONALE DELL EMILIA ROMAGNA La riscossione coattiva DOSSIER TEMATICO A cura di Sandra Amovilli - Responsabile Relazioni esterne Alessandro Zambonelli Responsabile Ufficio Audit Esterno Aggiornamento

Dettagli

DECISIONE. contro. per la riforma

DECISIONE. contro. per la riforma 1 di 8 04/05/2009 8.00 REPUBBLICA ITALIANA N.2401 Reg.Sent. IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Anno 2009 IL CONSIGLIO DI STATO IN SEDE GIURISDIZIONALE N.4481 Reg.Ric. Sezione Quinta Anno 2008 ha pronunciato la

Dettagli

CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI. Articolo 1 Definizioni

CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI. Articolo 1 Definizioni Regolamento in materia di procedure di risoluzione delle controversie tra operatori di comunicazioni elettroniche ed utenti, approvato con delibera n. 173/07/CONS. [Testo consolidato con le modifiche apportate

Dettagli

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 TRIBUNALE DI PORDENONE Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 Il Tribunale, riunito in camera di consiglio nelle persone dei magistrati: - dr. Enrico Manzon - Presidente - dr. Francesco

Dettagli

Tra gli odori inconfondibili del tartufo, dal prezzo mai come quest anno, inarrivabile,

Tra gli odori inconfondibili del tartufo, dal prezzo mai come quest anno, inarrivabile, Tra gli odori inconfondibili del tartufo, dal prezzo mai come quest anno, inarrivabile, e della cioccolata, in una cornice resa particolarmente suggestiva dal sole che illuminava la bella valle circostante,

Dettagli

Allegato 3 ALTRI DOCUMENTI 1) SCHEMA DA UTILIZZARE PER REDIGERE LA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI ATTO NOTORIO

Allegato 3 ALTRI DOCUMENTI 1) SCHEMA DA UTILIZZARE PER REDIGERE LA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI ATTO NOTORIO Allegato 3 ALTRI DOCUMENTI 1) SCHEMA DA UTILIZZARE PER REDIGERE LA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI ATTO NOTORIO La Dichiarazione Sostitutiva di Atto Notorio, da compilarsi in caso di Offerta Segreta o Offerta

Dettagli

TITOLO I DENOMINAZIONE SEDE OGGETTO E DURATA

TITOLO I DENOMINAZIONE SEDE OGGETTO E DURATA TITOLO I DENOMINAZIONE SEDE OGGETTO E DURATA ARTICOLO 1 - DENOMINAZIONE Ai sensi dell Art. 113 del Decreto Legislativo 18 agosto 2000, n. 267, come modificato dal comma 1 dell art. 35 delle legge 28/12/2001

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

Art. 54 decreto legge

Art. 54 decreto legge Art. 342 c.p.c. Forma dell appello L appello si propone con citazione contenente l esposizione sommaria dei fatti ed i motivi specifici dell impugnazione nonché le indicazioni prescritte nell articolo

Dettagli

StarRock S.r.l. Bilancio 2014

StarRock S.r.l. Bilancio 2014 StarRock S.r.l. Bilancio 2014 Pagina 1 StarRock S.r.l. Sede legale in Milano 20135, Viale Sabotino 22 Capitale sociale sottoscritto Euro 35.910,84 i.v. Registro Imprese di Milano, Codice Fiscale, P.IVA

Dettagli

CIRCOLARE N. 19/E. OGGETTO: Transazione fiscale e composizione della crisi da sovraindebitamento Evoluzione normativa e giurisprudenziale

CIRCOLARE N. 19/E. OGGETTO: Transazione fiscale e composizione della crisi da sovraindebitamento Evoluzione normativa e giurisprudenziale CIRCOLARE N. 19/E Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso Roma, 6 maggio 2015 OGGETTO: Transazione fiscale e composizione della crisi da sovraindebitamento Evoluzione normativa e giurisprudenziale

Dettagli

Regolamento di Accesso agli atti amministrativi

Regolamento di Accesso agli atti amministrativi ISTITUTO COMPRENSIVO DANTE ALIGHIERI 20027 RESCALDINA (Milano) Via Matteotti, 2 - (0331) 57.61.34 - Fax (0331) 57.91.63 - E-MAIL ic.alighieri@libero.it - Sito Web : www.alighierirescaldina.it Regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL DIRITTO DI ACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL DIRITTO DI ACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO COMUNALE PER IL DIRITTO DI ACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Approvato con deliberazione consiliare n. 45 del 27.9.2010 INDICE CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI - ARTICOLO 1 FINALITA ED AMBITO

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI. Art. 1 - Fonti

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI. Art. 1 - Fonti REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI Art. 1 - Fonti 1. Il presente Regolamento disciplina la composizione, la durata e le modalità di funzionamento del Collegio dei Revisori

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA Prospetto di cui all'art. 8, comma 1,D.L. 66/2014 (enti in contabilità finanziaria) Bilancio di Previsione 2015 E I Entrate correnti di natura tributaria, contributiva e perequativa 0 0 E II Tributi 0

Dettagli

TABELLA OBBLIGO-FACOLTÀ DAL 3 OTTOBRE 2013 Strumenti del Programma di razionalizzazione degli acquisti

TABELLA OBBLIGO-FACOLTÀ DAL 3 OTTOBRE 2013 Strumenti del Programma di razionalizzazione degli acquisti TABELLA OBBLIGO-FACOLTÀ DAL 3 OTTOBRE 2013 Strumenti del Programma di razionalizzazione degli acquisti Merceologia Importo Amministrazioni statali Amministrazioni regionali i Enti del servizio sanitario

Dettagli

REGOLAMENTO ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI ISTITUTO di ISRUZIONE SUPERIORE - Luigi Einaudi Sede Legale ed Amministrativa Porto Sant Elpidio (FM) - Via Legnano C. F. 81012440442 E-mail: apis00200g@istruzione.it Pec: apis00200g@pec.istruzione.it

Dettagli

L accertamento dello stato passivo. 1 Caratteristiche e finalità del procedimento

L accertamento dello stato passivo. 1 Caratteristiche e finalità del procedimento L accertamento dello stato passivo 1 Caratteristiche e finalità del procedimento L accertamento dello stato passivo è finalizzato all identificazione dei creditori (aventi titolo anteriore alla procedura)

Dettagli

Il sottoscritto... nato il.. a... in qualità di... dell impresa... con sede in... via. n. telefono...n. fax... indirizzo e-mail...pec...

Il sottoscritto... nato il.. a... in qualità di... dell impresa... con sede in... via. n. telefono...n. fax... indirizzo e-mail...pec... ALLEGATO A Istanza di inserimento nell Elenco operatori economici consultabile dall AGC 14 Trasporti e Viabilità Settore Demanio Marittimo Opere Marittime nelle procedure negoziate di cui all art. 125

Dettagli

COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE

COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE SUBINGRESSO NELL ESERCIZIO DELL ATTIVITÀ DI VENDITA SU AREE PUBBLICHE SIA DI TIPO A (su posteggi dati in concessione per dieci anni) SIA DI TIPO B (su qualsiasi area purché

Dettagli

Consiglio Nazionale del Notariato

Consiglio Nazionale del Notariato Consiglio Nazionale del Notariato REGOLAMENTO DEL FONDO DI GARANZIA DI CUI AGLI ARTT. 21 E 22 DELLA LEGGE 16 FEBBRAIO 1913, N. 89 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI Capo I Istituzione e finalità del Fondo di garanzia

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Conti d ordine Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

Indice sommario. PARTE PRIMA Il contratto e le parti

Indice sommario. PARTE PRIMA Il contratto e le parti Indice sommario Presentazione (di PAOLOEFISIO CORRIAS) 1 PARTE PRIMA Il contratto e le parti Capitolo I (di CLAUDIA SOLLAI) 13 Le fonti del contratto di agenzia 1. La pluralità di fonti. Il codice civile

Dettagli

SCHEDA RIASSUNTIVA. Le Procedure Concorsuali

SCHEDA RIASSUNTIVA. Le Procedure Concorsuali SCHEDA RIASSUNTIVA ARGOMENTO: Le procedure concorsuali la riforma del diritto fallimentare sentenza dichiarativa di fallimento: annotazione e cancellazione DESCRIZIONE: Le Procedure Concorsuali COSA SONO:

Dettagli

1 ESECUZIONI MOBILIARI TELEMATICHE

1 ESECUZIONI MOBILIARI TELEMATICHE Protocollo PCT di Reggio Emilia 1 ESECUZIONI MOBILIARI TELEMATICHE 1.1 Premessa Per effetto dell art.16 bis, 3 comma, del D.L. n.179/2012, conv. con modifiche nella L. 24.12.2012, n. 228 e dell'art. 44

Dettagli

Al Responsabile del S.U.A.P.

Al Responsabile del S.U.A.P. Marca da bollo Da inviare al Comune competente mediante lettera A/R Al Responsabile del S.U.A.P. Comune di Penna Sant Andrea (TE) M0297/83-AB OGGETTO: Domanda di rilascio nuova autorizzazione di tipo A

Dettagli

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.)

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) COSTITUZIONE DELLA SOCIETA INVALIDITA DELLA SOCIETA L ORDINAMENTO PATRIMONIALE Mastrangelo dott. Laura NOZIONE (ART. 2291 C.C) Nella società in

Dettagli

CONSIGLIO DELL ORDINE DI TORINO Domande frequenti sul tirocinio forense

CONSIGLIO DELL ORDINE DI TORINO Domande frequenti sul tirocinio forense Sezione generale 1. Il Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Torino ha adottato un regolamento specifico per i praticanti avvocati? Il Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Torino ha approvato con

Dettagli

CODICE DI PROCEDURA PENALE LIBRO I SOGGETTI TITOLO I GIUDICE CAPO I GIURISDIZIONE

CODICE DI PROCEDURA PENALE LIBRO I SOGGETTI TITOLO I GIUDICE CAPO I GIURISDIZIONE CODICE DI PROCEDURA PENALE LIBRO I SOGGETTI TITOLO I GIUDICE CAPO I GIURISDIZIONE Art. 1. (Giurisdizione penale) - 1. La giurisdizione penale è esercitata dai giudici previsti dalle leggi di ordinamento

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

DUAL RC professionale

DUAL RC professionale P.I. LINE - tailor made DUAL RC professionale Proposta di assicurazione per la Responsabilità Civile Professionale di Commercialisti, Tributaristi, Avvocati Consulenti del Lavoro, Società di Servizi (EDP)

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O AUTODICHIARAZIONE Oggetto: Appalto n. FNN2012/0003

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011)

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) Art. 1 Fonti 1. Il presente regolamento, adottato in attuazione dello Statuto, disciplina

Dettagli

Ente Appaltante: Istituto Comprensivo Statale GIOVANNI FALCONE - VIA PISA - P.ZZA GIOVANNI XXIII - 95037 - SAN GIOVANNI LA PUNTA (PROV.

Ente Appaltante: Istituto Comprensivo Statale GIOVANNI FALCONE - VIA PISA - P.ZZA GIOVANNI XXIII - 95037 - SAN GIOVANNI LA PUNTA (PROV. All. 2) al Disciplinare di gara Spett.le Istituto Comprensivo Statale GIOVANNI FALCONE Via Pisa - P.zza Giovanni XXIII 95037 - San Giovanni La Punta Oggetto: GARA PER L AFFIDAMENTO DEI LAVORI RELATIVI

Dettagli

PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE

PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 41 DEL 5 SETTEMBRE 2006 1 PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE REGOLAMENTI DELLA GIUNTA REGIONALE REGOLAMENTO N. 2 del 31 luglio 2006 Regolamento per l accesso

Dettagli

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014 SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI Bologna, 22 luglio 2014 INQUADRAMENTO NORMATIVO FISCALE La nuova disciplina sulle società tra professionisti non contiene alcuna norma in merito

Dettagli

REGOLAMENTO SUL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AZIENDA OSPEDALIERA ISTITUTI OSPITALIERI DI CREMONA

REGOLAMENTO SUL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AZIENDA OSPEDALIERA ISTITUTI OSPITALIERI DI CREMONA REGOLAMENTO SUL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AZIENDA OSPEDALIERA ISTITUTI OSPITALIERI DI CREMONA CAPO I OGGETTO DEL DIRITTO D ACCESSO 1. OGGETTO DEL REGOLAMENTO E DEFINIZIONI 1. Al fine di favorire

Dettagli

AVVISO PUBBLICO SPORTELLO SOCIALE PER MINORI E GIOVANI ADULTI A RISCHIO PENALE CON PROBLEMI DI TOSSICODIPENDENZA

AVVISO PUBBLICO SPORTELLO SOCIALE PER MINORI E GIOVANI ADULTI A RISCHIO PENALE CON PROBLEMI DI TOSSICODIPENDENZA AVVISO PUBBLICO E DISCIPLINARE DI GARA D APPALTO Affidamento di servizio di cui all allegato II B Art. 20 D. Lgs. 163/2006 e ss.mm.ii. Affidamento di n. 1 azione progettuale denominata Sportello sociale

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni DOMANDA DI CARTA DELL AZIENDA ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di DATI DELL AZIENDA Denominazione

Dettagli

DISCIPLINARE CIG: 5153273767

DISCIPLINARE CIG: 5153273767 DISCIPLINARE GARA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DEI LOCALI DOVE HANNO SEDE GLI UFFICI DELLA CASSA NAZIONALE DEL NOTARIATO CIG: 5153273767 1. NORME PER LA PARTECIPAZIONE ALLA

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici?

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quali regolamenti si applicano per gli appalti sopra soglia? Il decreto legislativo n. 163 del 12 aprile 2006, Codice dei

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI DIGNANO Provincia di UDINE REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO *** Testo coordinato Allegato alla deliberazione C.C. n 10 del 21-02-2011 SOMMARIO Art. 1 - Istituzione del servizio Art. 2

Dettagli