ANNO SCOLASTICO 2013/ 14. Approvata dal Collegio Docenti in data Approvata dal Consiglio di Circolo in data

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ANNO SCOLASTICO 2013/ 14. Approvata dal Collegio Docenti in data 21-11- 13. Approvata dal Consiglio di Circolo in data 5-12- 13"

Transcript

1 ANNO SCOLASTICO 2013/ 14 Approvata dal Collegio Docenti in data Approvata dal Consiglio di Circolo in data

2 INDICE AREA DELLA PROGRAMMAZIONE PROGETTI DI CIRCOLO/BUONE PRATICHE... 3 OBIETTIVI FORMATIVI.8 CONTINUITA /ACCOGLIENZA...10 PROGETTO DIDATTICO INDIV.O PERSON...12 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA ALUNNI STRANIERI.. 13 PROGETTAZIONE DEL PERCORSO FORMATIVO..17 PROGRAMMAZIONE SETTIMANALE DELL EQUIPE PEDAGOGICA/ DISPOSIZIONI ORGANIZZATIVE.18 FASI DELLA PROGETTAZIONE DELLE UA/PROCEDURA 20 MODELLO UA 21 CRITERI BES-PEI.42 PDP- PDP DSA- UA SEMPLICE.63 CRITERI SCELTA LIBRI DI TESTO.. 83 ATTIVITA NELL AMBITO DELLA FUNZIONE DOCENTE...84 INDICAZIONI PER LA COMPILAZIONE DEI DOCUMENTI SCOLASTICI: PROCESSO EROGAZIONE DELLA DIDATTICA.89 ISTRUZIONI E MODALITA COMPORTAMENTALI IN CASO DI EMERGENZA/EVACUAZIONE 93 AREA DELLA VALUTAZIONE CRITERI DI VALUTAZIONE 94 MODALITA DI VALUTAZIONE NELLA SCHEDA DEGLI ALUNNI BES-INDICAZIONI PER LA SOMMINISTRAZIONE DELLE PROVE STRUTTURATE.97 PIANO DELLE ATTIVITA FUNZIONALI ALL INSEGNAMENTO..98 La MISSION ed i VALORI della Scuola sono sviluppati in STRATEGIE OPERATIVE visionabili nel fascicolo del POF, esposto all albo della Scuola, consultabile presso la segreteria scolastica, reperibile presso il sito della scuola Presso la segreteria, nel sito e nell albo sono visionabili anche i seguenti fascicoli: PROGETTI IN CORSO ASPETTI TECNICO-ORGANIZZATIVI Carta dei servizi, Regolamento di Circolo e Regolamento delle Uscite Didattiche CARTELLA DELL INSEGNANTE

3 BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI strategie personalizzate per l inclusione dei soggetti con disabilità e per la soddisfazione dei bisogni educativi speciali INTEGRAZIONE ACCOGLIENZA attenzione al positivo inserimento degli alunni nel contesto scolastico AGGIORNAMENTO/RICERCA AZIONE formazione docenti- sperimentazione Formazione lingua inglese secondo gli standard ESOL SICUREZZA CONOSCENZA CONSAPEVOLEZZA PREVENZIONE SPORTELLO DOCENTI In collaborazione con le ASL (su richiesta)

4 ELABORAZIONE DI PERCORSI DI APPRENDIMENTO INTER/TRANSDISCIPLINARI attenzione all unitarietà dell insegnamento SPERIMENTAZIONI COMENIUS AMBIENTE DI APPRENDIMENTO INTERCULTURA accoglienza, inserimento-integrazione dell alunno straniero. Formazione- educazione interculturale. PRENDIAMOCI PER MANO attenzione ai valori della pace e della convivenza

5 SPORT in collaborazione con il territorio CONTINUITA tra tre ordini di scuola PROGETTO AMBIENTE SCIENTIFICO/GEOGRAFICO/SOCIO- STORICO Conoscenza Integrazione Rispetto Collaborazione con enti esterni SCREENING DSA (legge 170/2010) I disturbi specifici di apprendimento EDUCAZIONE alla PARTECIPAZIONE ed alla SICUREZZA pericoli Alla larga dai

6 CONSIGLIO COMUNALE APERTO CITTADINANZA ATTIVA CONOSCENZA-RICERCA PARTECIPAZIONE SCUOLA APERTA in collaborazione con associazioni del territorio (attività sportive, artistiche, musicali, teatrali) INFORMATICA - L2 Scuole dell Infanzia- alunni 5 anni QUALITA Adozione di un proprio Sistema di Gestione per la Qualità AMICI DELLE PROPRIE EMOZIONI PROGETTO EDUCAZIONE ALIMENTARE COMENIUS educazione alla socio- affettività NUOVE INDICAZIONI PER IL CURRICOLO Attività di ricerca-azione sull ambiente di apprendimento

7 Criteri metodologici DIDATTICA LABORATORIALE Che punta alla motivazione AZIONE DIDATTICA CHE parta dall esperienza dell alunno privilegi il coinvolgimento attivo proceda per tappe, adeguando i ritmi alle reali esigenze dei bambini privilegi le attività cooperative e socializzanti valorizzi le proposte creative e i contributi personali problematizzi l esperienza per incrementare la motivazione all apprendimento valorizzi l errore come occasione di riflessione PROMUOVERE L esplorazione e la scoperta APPRENDIMENTO COLLABORATIVO Ascolto e scambio con l altro RIFLESSIVITA Sul proprio percorso formativo

8 Consigli di classe ponte S.Primaria e S.Secondaria di 1 grado: Sono previsti due incontri annuali: -nel primo quadrimestre (ottobre/novembre) ogni équipe della Scuola Primaria (classi quinte anno prec.) si incontra direttamente con il Consiglio di classe (prima media) della Scuola Secondaria di 1 grado, per approfondire la conoscenza dei singoli alunni; -il successivo incontro avviene nel secondo quadrim. (febbraio/marzo), gestito con modalità diverse: *in parte collegialmente, per analizzare l andamento globale degli alunni delle classi prime e la congruenza tra le valutazioni effettuate nei due ordini di scuola; *in parte, se necessario, si effettuano i colloqui sui singoli alunni. Incontro di verificaconfronto tra S.Infanzia e S.Primaria: Nel corso del primo quadrimestre (dicembre) è previsto un incontro tra insegnanti delle classi prime della Scuola Primaria e insegnanti della Scuola dell Infanzia, per verificare il percorso didattico effettuato dagli alunni di prima classe rispetto a: o maturazione emotiva, o comportamento, o aspetto relazionale, o apprendimenti. Microcurricoli in verticale tra diversi ordini di scuola: Le classi ponte di ogni ordine scolastico progettano ed effettuano microcurricoli in continuità, che si esplicano in una serie di incontri nei quali si lavora insieme. Tali percorsi riguardano Scuola dell Infanzia, Scuola Primaria e Scuola Secondaria di 1 grado ed hanno la finalità di garantire un offerta formativa comune a tutti i bambini nei tre ordini di scuola rispetto alle discipline interessate. 8

9 9

10 10

11 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA ALUNNI STRANIERI PREMESSA Questo documento intende presentare un modello di accoglienza che illustri una modalità corretta e pianificata, con la quale affrontare e pianificare l inserimento scolastico degli alunni stranieri. Il protocollo è opera della COMMISSIONE INTERCULTURA dell Istituto ed è stato deliberato dal Collegio docenti del Il protocollo costituisce uno strumento di lavoro e come tale può essere integrato e rivisto sulla base delle esigenze e delle risorse della scuola. 1.FINALITA Attraverso le indicazioni contenute nel Protocollo di Accoglienza, il Collegio dei Docenti si propone di: definire pratiche condivise all interno dell Istituto in tema di accoglienza di alunni stranieri facilitare l ingresso a scuola degli alunni stranieri e sostenerli nella fase di adattamento al nuovo ambiente favorire un clima di accoglienza nella scuola entrare in relazione con la famiglia immigrata 2.CONTENUTI Il Protocollo d Accoglienza: prevede la costituzione di una Commissione di Accoglienza contiene criteri e indicazioni riguardanti l iscrizione e l inserimento a scuola degli alunni stranieri traccia fasi e modalità dell accoglienza a scuola, definendo compiti e ruoli degli operatori scolastici e di coloro che partecipano a tale processo propone modalità di interventi per l apprendimento della lingua italiana e dei contenuti curriculari regola i rapporti tra la scuola e le famiglie 3.LA COMMISSIONE ACCOGLIENZA La Commissione Accoglienza è formata: dal DS dal docente referente per gli alunni stranieri e/o da uno o più componenti della Commissione Intercultura, nominata dal Collegio Docenti ad inizio anno. ha il compito di seguire le varie fasi di inserimento degli alunni stranieri di recente immigrazione a partire dal momento della richiesta di iscrizione a scuola. la Commissione Accoglienza, sempre in collaborazione con gli insegnanti di classe, si occuperà in particolare delle attività destinate agli alunni stranieri, delle difficoltà da loro incontrate e dei risultati ottenuti 11

12 4.PRIME FASI DI ACCOGLIENZA COSA CHI QUANDO MATERIALI a. Domanda di iscrizione Al momento del primo Domanda di iscrizione - dare prime informazioni contatto con la scuola (allegato1) sulla scuola URP solo la prima pagina - richiedere la documentazione (ufficio relazioni con il pubblico-centralino) - fissare un appuntamento b. Colloquio con genitori e - Materiale tradotto in varie alunno Docente della Su appuntamento nei lingue -raccolta di informazioni sul Commissione Accoglienza giorni successivi al - Scheda rilevazione dati: ragazzo e la famiglia, storia (eventualmente affiancato primo contatto con la scheda di ingresso (allegato 2) scolastica, progetto migratorio dei genitori da mediatore linguistico) scuola - opuscolo informativo sugli indirizzi della scuola: POF - 2 parte della domanda di -aiuto nella compilazione iscrizione della domanda di iscrizione e nella scelta delle opzioni offerte dalla scuola c. approfondimento della Insegnante di classe, Una o più giornate Materiale bilingue conoscenza - presentazione dell organizzazione della scuola (orari, attività, locali, ecc.) e dell ambiente eventualmente affiancato da docente della Commissione, nell arco della prima settimana dell ingresso a scuola CENTRO COME Scheda di rilevamento del comportamento linguistico e relazionale scolastico da mediatore linguistico o - indagine conoscitiva sulla situazione di da alunno della scuola che conosce la lingua partenza:comprensione linguistica 12

13 5. INSERIMENTO DEGLI ALUNNI NELLE CLASSI 5.a Proposta di assegnazione alla classe L alunno straniero deve essere inserito tenendo conto dell età anagrafica nel rispetto delle disposizioni legislative e dei sistemi scolastici del paese di provenienza. E opportuno tenere conto che l inserimento in una classe di coetanei consente al neoarrivato: - di instaurare rapporti più significativi, alla pari con i nuovi compagni - di evitare un pesante ritardo scolastico - di ridurre il rischio di dispersione scolastica - la scelta della classe in cui verrà inserito l alunno straniero deve essere operata in un ottica che supera il criterio numerico e che tiene conto anche di altri fattori utili ad individuare in quale situazione l allievo starà meglio SARANNO PRESI IN CONSIDERAZIONE: - presenza nella classe di altri alunni provenienti dallo stesso paese - criteri di rilevazione della complessità delle classi (disagi, handicap, dispersione ecc) - ripartizione degli alunni nelle classi evitando la costituzione di sezioni con predominanza di alunni stranieri specialmente se provenienti dallo stesso paese - presenza di figure stabili di riferimento 6.INDICAZIONI AGLI INSEGNANTI DI CLASSE 6.a. prima accoglienza nella classe Si sottolinea l importanza della prima accoglienza di un alunno straniero nella classe, specialmente se arriva in corso d anno, al fine di creare rapporti di collaborazione da parte dei compagni, in modo che si sentano anch essi coinvolti nell accoglienza. - L equipe degli insegnanti contatti preventivamente un membro della Commissione Accoglienza per predisporre l ingresso dell alunno - L insegnante in servizio accoglie il nuovo alunno e lo presenta alla classe - I ragazzi e gli insegnanti cercheranno di trovare forme di comunicazione e modi per facilitare l inserimento: l importante è avere un atteggiamento di disponibilità così da far sentire da subito il nuovo alunno parte della classe. 13

14 6.b. obiettivi di partenza 1. favorire l integrazione nella classe del nuovo alunno 2. programmare o prendere informazioni sui percorsi di alfabetizzazione o consolidamento linguistico che potranno essere attuati sulla base delle risorse disponibili (docenti con ore a disposizione, insegnanti volontari, progetti di istituto e finanziamenti extrascolastici) in orario scolastico ed extrascolastico e prevedere la possibilità di uscita dal gruppo classe per interventi individualizzati di supporto in piccolo gruppo insieme ad alunni di altre classi anche in orario curriculare per l apprendimento della lingua italiana 3. individuare modalità di semplificazione o facilitazione linguistica per ogni disciplina da usare appena l alunno acquisisce una minima conoscenza dell italiano 6.c. strumenti e risorse - A tutte le classi che hanno alunni stranieri saranno forniti, su richiesta, una sorta di pronto soccorso plurilingue, scaffale interculturale, dispense ecc. - L alunno della stessa nazionalità che ha assistito il compagno neoarrivato durante la prima fase di accoglienza, potrebbe esser coinvolto, soprattutto nei primi tempi, con la funzione di tutor, un compagno di viaggio a cui anche gli insegnanti potranno rivolgersi nelle situazioni di difficoltà linguistica. - Eventuali collaborazioni con un mediatore linguistico. - Sarà possibile consultare un archivio(cartaceo e informatico) che raccoglie: testi semplificati di argomenti di varie discipline, esercitazioni, schemi e sintesi, testi di lezioni tradotti in altre lingue (inglese, francese) indicazioni bibliografiche ecc. Tale archivio si arricchirà di anno in anno dei contributi dei docenti che vorranno mettere a disposizione dei colleghi il loro lavoro e il materiale raccolto durante i corsi di aggiornamento. 14

15 PROGETTAZIONE DEL PERCORSO FORMATIVO PROGETTAZIONE COLLEGIALE DELLE DIVERSE UNITA DI APPRENDIMENTO (UA). NELLO SVILUPPO DELLE UA È INDISPENSABILE GARANTIRE UNA DIVERSIFICAZIONE DEI CANALI (APPROCCI METODOLOGICI) IN MODO DA GARANTIRE PERCORSI MIRATI AI DIVERSI BISOGNI DEGLI ALUNNI. NEL RISPETTO DEI TEMPI E DELLE CAPACITÀ DI OG PROGETTAZIONE DELLA FLESSIBILITÀ DIDATTICA E ORGANIZZATIVA: IN VISTA DELLA MASSIMA VALORIZZAZIONE DEI TALENTI DI OGNI ALUNNO, LA RISPOSTA SEMBRA ESSERE LA FLESSIBILITÀ NELL AMBITO DELLE SCELTE OPERATE DA OGNI SCUOLA NEL POF LA FLESSIBILITÀ DEI TEMPI NELL ARTICOLAZIONE DEL MONTE ORE ANNUALE, MA ANCHE NELLA DEFINIZIONE DELLE UA, AL FINE DI RICAVARE SPAZI E RISORSE PER ARTICOLARE ULTERIORMENTE L OFFERTA FORMATIVA LA PROGETTAZIONE DI PERCORSI DIDATTICI RISPONDENTI AI BISOGNI E L ARTICOLAZIONE DEI RAGGRUPPAMENTI DEGLI ALUNNI PER ESIGENZE DI RECUPERO, POTENZIAMENTO, ARRICCHIMENTO L ORGANIZZAZIONE NELLE UA DI PERCORSI DIDATTICI TRANSDISCIPLINARI, CHE COINVOLGANO PIÙ ATTIVITÀ, IN UNA LOGICA CHE PROMUOVE LE COMPETENZE L ORGANIZZAZIONE DI ATTIVITÀ PER INTERVENTI DI SOSTEGNO ORGANIZZAZIONE DEI PERCORSI PER INIZIATIVE DI CONTINUITÀ MODALITÀ E CRITERI PER UNA VALUTAZIONE DEGLI ALUNNI CHE NON RINUNCI AD ESSERE FORMATIVA E ORIENTATIVA PROGRAMMAZIONE SETTIMANALE DELL EQUIPE PEDAGOGICA: COMPITI 15

16 PREDISPOSIZIONE DI UA ADEGUATE ALLE EFFETTIVE ESIGENZE E CAPACITÀ DEGLI ALUNNI E ALLE INDICAZIONI PER IL CURRICOLO VERIFICA E VALUTAZIONE DELLE UA VALUTAZIONE IN ITINERE DEI RISULTATI DELL INSEGNAMENTO NELLE SINGOLE CLASSI E DEL RENDIMENTO DEGLI ALUNNI COORDINAMENTO DELLE ATTIVITÀ DI SOSTEGNO CON L ATTIVITÀ DIDATTICA GENERALE ORGANIZZAZIONE DEI TEMPI E DELLE ATTIVITÀ DESTINATE AL RECUPERO, INDIVIDUALMENTE O PER GRUPPI RISTRETTI, DI ALUNNI CON DIFFICOLTA DI APPRENDIMENTO PROGRAMMAZIONE SETTIMANALE DELL EQUIPE PEDAGOGICA: DISPOSIZIONI ORGANIZZATIVE Riferimenti legislativi Nell art. 28, comma 5, del CCN del comparto scuola 2006/ 09 si legge: alle 22 ore settimanali di insegnamento stabilite per gli insegnanti elementari, vanno aggiunte 2 ore da dedicare, anche in modo flessibile e su base plurisettimanale, alla programmazione didattica, da attuarsi in incontri collegiali dei docenti interessati, in tempi non coincidenti con l orario delle lezioni. L articolo 13 della legge n.104, del , recita al comma 6: Gli insegnanti di sostegno assumono la contitolarità delle sezioni e delle classi in cui operano, partecipano alla programmazione educativa e didattica e alla elaborazione e verifica delle attività di competenza dei consigli di interclasse, dei consigli di classe e dei collegi dei docenti. La C.M. n.29/2004, concernente Indicazioni ed istruzioni per l applicazione del D.L. 19 febbraio 2004 n. 59, attuativo della Riforma, conferma il dettato dell art.7, comma 5, del suddetto Decreto, enunciando espressamente la contitolarità educativa e didattica di tutti i docenti dell équipe pedagogica. L attività di 16

17 programmazione, come quella di valutazione, si intende quindi svolta collegialmente da tutti i docenti che operano con uno stesso gruppo di alunni. Criteri organizzativi: Nei plessi del Circolo Didattico Jole Orsini di Amelia le équipe si riuniscono, di norma, per h.2,40, nei primi tre martedì del mese. Gli insegnanti specialisti di L2, di IRC, di sostegno o titolari di una itineranza effettuano la programmazione settimanale ruotando nelle équipe di cui fanno parte, garantendo una presenza il più possibile assidua, in particolar modo nelle riunioni dedicate alla stesura delle UdA. Gli insegnanti di L2 e di IRC attueranno fino a tre incontri annuali per condividere e confrontare i percorsi disciplinari. Nei plessi dove sono presenti classi parallele, tutti i docenti titolari degli insegnamenti nelle suddette classi programmano insieme. Le équipe operanti nelle classi che non hanno sezioni parallele nel plesso, si intendono composte da tutti gli insegnanti operanti nelle stesse classi. IN SINTESI Le équipe sono formate da tutti gli insegnanti operanti sulle classi, che potranno essere parallele e/o verticali. Gli incontri possono essere condotti ed organizzati in modo flessibile, ma salvaguardando sempre il principio della collegialità. 17

18 PROCEDURA COMPILAZIONE UNITÀ DI APPRENDIMENTO In ottemperanza a quanto indicato nelle Indicazioni nazionali per il curricolo, la Scuola Jole Orsini ha predisposto un Curricolo d Istituto, che è stato pubblicato sul sito. Il Curricolo è stato predisposto con riferimento al profilo dello studente al termine del primo ciclo di istruzione, ai traguardi per lo sviluppo delle competenze, agli obiettivi di apprendimento specifici per ogni disciplina. A partire dal curricolo di istituto, è compito del team docenti individuare le esperienze di apprendimento più efficaci, le scelte didattiche più significative, le strategie più idonee, con attenzione all integrazione fra le discipline. Le competenze-chiave Il sistema scolastico italiano assume come orizzonte di riferimento verso cui tendere il quadro delle competenze-chiave per l apprendimento permanente definite dal Parlamento europeo e dal Consiglio dell Unione europea (Raccomandazione del 18 dicembre 2006) che sono: 1) comunicazione nella madrelingua; 2) comunicazione nelle lingue straniere; 3) competenza matematica e competenze di base in scienza e tecnologia; 4) competenza digitale; 5) imparare a imparare; 6) competenze sociali e civiche; 7) spirito di iniziativa e imprenditorialità; 8) consapevolezza ed espressione culturale. 18

19 TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE Al termine della scuola dell infanzia, della scuola primaria e della scuola secondaria di primo grado, vengono fissati i traguardi per lo sviluppo delle competenze relativi ai campi di esperienza ed alle discipline. Essi rappresentano dei riferimenti ineludibili per gli insegnanti, indicano piste culturali e didattiche da percorrere e aiutano a finalizzare l azione educativa allo sviluppo integrale dell allievo. OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO Gli obiettivi di apprendimento individuano campi del sapere, conoscenze e abilità ritenuti indispensabili al fine di raggiungere i traguardi per lo sviluppo delle competenze. Essi sono utilizzati dalle scuole e dai docenti nella loro attività di progettazione didattica, con attenzione alle condizioni di contesto, didattiche e organizzative mirando ad un insegnamento ricco ed efficace. Procedura di compilazione delle Unità di Apprendimento Nel predisporre collegialmente il percorso delle UdA i docenti della Scuola Jole Orsini attuano le seguenti azioni didattiche: - Individuazione, nel Curricolo di Istituto, dei Traguardi a cui fare riferimento nel periodo di progettazione, in relazione alle Competenze-chiave. - Individuazione degli opportuni Obiettivi di Apprendimento, relativi ai Traguardi su cui si intende lavorare nel periodo. - Esplicitazione delle metodologie che si intendono attivare e degli strumenti di lavoro. - Puntuale registrazione, nel registro digitale, dei vari percorsi d aula attuati per lo sviluppo degli Obiettivi di Apprendimento concordati. In fase di progettazione la cooperazione tra docenti è condizione irrinunciabile, poiché solo integrando più saperi professionali è possibile predisporre itinerari adeguati ed efficaci. MODELLO UA SCUOLA PRIMARIA: 19

20 PLESSO..CLASSE. PERIODO DAL.AL TRAGUARDI E OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO Traguardi 1-ITALIANO-COMPETENZA CHIAVE: LA COMUNICAZIONE NELLA MADRELINGUA Obiettivi METODOLOGIE/STRUMENTI 2-LINGUA INGLESE-COMPETENZA CHIAVE: LA COMUNICAZIONE NELLE LINGUE STRANIERE Traguardi Obiettivi METODOLOGIE/STRUMENTI 3-STORIA-COMPETENZA CHIAVE: CONSAPEVOLEZZA ED ESPRESSIONE CULTURALE-IDENTITÀ STORICA Traguardi Obiettivi METODOLOGIE/STRUMENTI 4-GEOGRAFIA-COMPETENZA CHIAVE: CONSAPEVOLEZZA ED ESPRESSIONE CULTURALE- GEOGRAFIA E USO UMANO DEL TERRITORIO Traguardi Obiettivi METODOLOGIE/STRUMENTI Traguardi 5-MATEMATICA-COMPETENZA CHIAVE: LA COMPETENZA MATEMATICA Obiettivi METODOLOGIE/STRUMENTI 6-SCIENZE-COMPETENZA CHIAVE: LA COMPETENZA DI BASE IN CAMPO SCIENTIFICO Traguardi Obiettivi METODOLOGIE/STRUMENTI 7-MUSICA-COMPETENZA CHIAVE: CONSAPEVOLEZZA ED ESPRESSIONE CULTURALE- ESPRESSIONE MUSICALE Traguardi Obiettivi METODOLOGIE/STRUMENTI 20

21 8-ARTE E IMMAGINE-COMPETENZA CHIAVE: CONSAPEVOLEZZA ED ESPRESSIONE CULTURALE- ESPRESSIONE ARTISTICA Traguardi Obiettivi METODOLOGIE/STRUMENTI 9-EDUCAZIONE FISICA-COMPETENZA CHIAVE: CONSAPEVOLEZZA ED ESPRESSIONE CULTURALE- ESPRESSIONE CORPOREA Traguardi Obiettivi METODOLOGIE/STRUMENTI 10-TECNOLOGIA-COMPETENZA CHIAVE: COMPETENZA DI BASE IN CAMPO TECNOLOGICO. COMPETENZA DIGITALE Traguardi Obiettivi Traguardi Obiettivi METODOLOGIE/STRUMENTI 11-CITTADINANZA E COSTITUZIONE METODOLOGIE/STRUMENTI 12-RELIGIONE CATTOLICA-COMPETENZA CHIAVE: CONSAPEVOLEZZA ED ESPRESSIONE CULTURALE Traguardi Obiettivi METODOLOGIE/STRUMENTI 21

22 DIREZIONE DIDATTICA DI AMELIA Scuola dell Infanzia A.S.../ UNITA DI APPRENDIMENTO N COMPETENZA:... Scuola: Insegnanti e bambini impegnati nell UA Tempi:... 22

23 INDIVIDUAZIONE DEL BISOGNO FORMATIVO ai fini della scelta della Competenza che ad esso risponde 23

24 RILEVAZIONE BISOGNO FORMATIVO COMPETENZA CLASSE/SEZ.. INS... SITUAZIONE Alunni Descrittori Indicatori SI NO FORSE 24

25 RILEVAZIONE BISOGNO FORMATIVO SINTESI DEI DATI RACCOLTI COMPETENZA... DESCRITTORI INDICAT. SEZIONE SEZIONE SEZIONE SEZIONE TOT. SI NO FORSE SI NO FORSE SI NO FORSE SI NO FORSE SI NO FORSE 25

26 ARTICOLAZIONE DELL UNITA DI APPRENDIMENTO RIFERIMENTO AI DOCUMENTI: CURRICOLO PER COMPETENZE, INDIC AZIONI PER IL CU RRICOLO, POF CONOSCENZE DICHIARATIVE E PROCEDURALI ENTRO LE QUALI SI CIRCOSCRIVE L AREA DI INTERVENTO (riportate sotto forma di mappa concettuale o in modo discorsivo) 26

27 CAMPI DI ESPERIENZA Obiettivo formativo CAMPI DI ESPERIENZA IL SÉ E L ALTRO TRAGUARDI Apprendimento unitario OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO Compito di realtà 27

28 IL CORPO IN MOVIMENTO TRAGUARDI LINGUAGGI CREATIVITÀ ESPRESSIONE TRAGUARDI OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO 28

29 I DISCORSI E LE PAROLE TRAGUARDI CONOSCENZA DEL MONDO TRAGUARDI OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO RELIGIONE TRAGUARDI ED 29

30 RELIGIONE TRAGUARDI ED OBIETTIVI RESIDUALI OBIETTIVI (MIUR CEI) TRAGUARDI NUCLEI TEMATICI E OBIETTIVI DI CITTADINANZA E COSTITUZIONE (C M n.2079 del ) OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO 30

31 MEDIAZIONE DIDATTICA E SCHEDA DI ESPANSIONE DISCIPLINARE ATTIVITA TEMPI SPAZI METODOLOGIA STRUMENTI 31

32 VERIFICA DEGLI OBIETTIVI FORMATIVI, EFFETTUATA DALL EQUIPE PEDAGOGICA SEZIONE..DATA... UNITA DI APPRENDIMENTO N. Compito di realtà in situazione: LIVELLI DI ACQUISIZIONE DELLE COMPETENZE IN USCITA: NR non raggiunto; I iniziale; P parzialmente raggiunto; R raggiunto; CR consapevolmente raggiunto. INDICATORI: SI; IN PARTE; NO. Descrittori Alunni LIVELLO DI ACQUISIZIONE DELLA COMPETENZA 32

33 CRITERI B.E.S. E LORO ESPLICITAZIONE Per l individuazione e l esplicitazione dei criteri che caratterizzano i B.E.S. si fa riferimento al modello BIO-PSICO-SOCIALE alla base della classificazione ICF (International Classification of Functioning Disability and Health),con la relativa strutturazione in: a) FUNZIONAMENTO E DISABILITA Funzioni e Strutture Corporee Attività e Partecipazione b) FATTORI CONTESTUALI Fattori Ambientali Fattori personali Ed attraverso i Costrutti ad essi riferibili: Cambiamento nella Struttura Corporea Cambiamento nella Funzione Corporea Capacità Performance Facilitatore/Barriera Leggere i B.E.S. attraverso l ICF I Bisogni sono molti e diversi, l ICF è uno strumento che ci parla di Salute, non di Disabilità o Patologia. Secondo l OMS (a cui si deve la stesura e la promulgazione dell ICF), infatti, la situazione di una persona deve essere letta nella sua globalità, secondo diverse prospettive, in maniera interconnessa e reciprocamente causale. La situazione di salute di una persona è data dalla reciproca influenza tra fattori contestuali personali e fattori ambientali, tra queste due classi si trova il Mio Corpo, nella sua forma concreta, come è fatto (Struttura) e come realmente funziona (Funzioni). Il Mio Essere agisce con reali capacità (Attività Personali) e partecipa socialmente (Partecipazione Sociale). L ICF, pertanto, è uno strumento che ci aiuta a leggere le diverse e molteplici situazioni di difficoltà degli alunni: alcune di esse saranno caratterizzate da problemi di natura biologica, di capacità; altre, da problemi contestuali, ambientali, di partecipazione; alcune saranno Permanenti; altre Transitorie. In ogni caso si dovranno mettere in campo RISORSE AGGIUNTIVE, che non significa solo ORE DI SOSTEGNO, ma Formazione Mirata ovvero MODIFICHIAMO IL CONTESTO IN BASE AI BISOGNI. È necessario dunque costruire OBIETTIVI, ATTIVITA DIDATTICHE, Su Misura in relazione alle singole e specifiche difficoltà evidenziate in un contesto che miri alla COEVOLUZIONE dell intero gruppo-classe. 33

34 MOD.22-11/09 PIANO EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO ANNO SCOLASTICO CIRCOLO PLESSO. DATI RELATIVI ALL ALUNNO: COGNOME E NOME. DATA DI NASCITA. LUOGO RESIDENZA. CLASSE. DATI RELATIVI ALLA PRECEDENTE SCOLARIZZAZIONE ANNO SCOLASTICO SCUOLA FREQUENTATA CLASSE TIPO DI FREQUENZA (regolare/irregolare) 34

35 INTERVENTI SOCIO EDUCATIVI 1. INTERVENTI RIABILITATIVI IN ORARIO SCOLASTICO (Operatore di riferimento, tempi, modalità, metodologia di raccordo scuola/operatore) 2. INTERVENTI RIABILITATIVI IN ORARIO EXTRASCOLASTICO (Operatore di riferimento, tempi, modalità, metodologia di raccordo scuola/operatore) 35

36 INTERVENTI EDUCATIVI TERRITORIALI Tipo di intervento Operatore di riferimento Tempi Modalità Metodologia di raccordo scuola/operatore 36

37 INTERVENTO EDUCATIVO SCUOLA-FAMIGLIA Familiari di riferimento Frequenza degli incontri scuola/famiglia; tipologia di incontro (colloqui informali, gruppo tecnico ) Descrizione delle aspettative della famiglia nei confronti dell alunno, della scuola, degli insegnanti Definizione degli obiettivi formativi condivisi 37

38 RISORSE DELLA SCUOLA Descrizione della classe Attività di compresenza Laboratori Sperimentazioni Operatore psicopedagogico, Operatore tecnologico Classi aperte Progetti 38

39 ASSE 1: AFFETTIVO RELAZIONALE OBIETTIVO A LUNGO OBIETTIVO A MEDIO ATTIVITA VERIFICA TERMINE TERMINE 39

40 ASSE 2: AUTONOMIA OBIETTIVO A LUNGO OBIETTIVO A MEDIO ATTIVITA VERIFICA TERMINE TERMINE 40

41 ASSE 3 E 4: COMUNICAZIONALE E LINGUISTICO OBIETTIVO A LUNGO OBIETTIVO A MEDIO ATTIVITA VERIFICA TERMINE TERMINE 41

42 ASSE 5: SENSORIALE E PERCETTIVO OBIETTIVO A LUNGO OBIETTIVO A MEDIO ATTIVITA VERIFICA TERMINE TERMINE 42

43 ASSE 6: MOTORIO PRASSICO OBIETTIVO A LUNGO OBIETTIVO A MEDIO ATTIVITA VERIFICA TERMINE TERMINE 43

44 ASSE 7: NEUROPSICOLOGICO OBIETTIVO A LUNGO OBIETTIVO A MEDIO ATTIVITA VERIFICA TERMINE TERMINE 44

45 ASSE 8: COGNITIVO OBIETTIVO A LUNGO OBIETTIVO A MEDIO ATTIVITA VERIFICA TERMINE TERMINE 45

46 ASSE 9: APPRENDIMENTO CURRICOLARE OBIETTIVO A LUNGO OBIETTIVO A MEDIO ATTIVITA VERIFICA TERMINE TERMINE 46

47 RACCORDI CON LA PROGRAMMAZIONE DELLA CLASSE: 47

48 ATTIVITA EXTRA SCOLASTICHE (Attività svolte in orario scolastico ma fuori dalla scuola) 48

49 ATTIVITA DISCIPLINARI INDIVIDUALI (Descrizione sintetica degli adattamenti disciplinari resisi necessari) 49

50 PROGRAMMAZIONE SETTIMANALE DELLA CLASSE Per ogni materia (scriverne il nome sulla linea tratteggiata) indicare il tipo di attività svolta utilizzando il colore: giallo: attività di classe (con tutti gli alunni della classe) rosso: attività individuale (svolta sia in classe sia fuori classe) verde: attività di gruppo ogni corrisponde ad 1 ora Laboratorio.. Laboratorio.. Altro. 50

51 ORARIO DELLA CLASSE Lunedì Martedì Mercoledì Giovedì Venerdì Sabato ORARIO DELL ALUNNO Lunedì Martedì Mercoledì Giovedì Venerdì Sabato 51

52 STRATEGIE PER L EMERGENZA In presenza di crisi momentanee dell alunno (determinate da fattori legati alle esperienze scolastiche ed extrascolastiche o dall assenza di figure di riferimento, ecc..)descrivere le caratteristiche dell emergenza e le strategie elaborate per superarla. 52

53 PER CONSENTIRE L ATTUAZIONE DEL PRESENTE PIANO EDUCATIVO CHE E STATO CONCORDATO E REDATTO DA: Nome FAMIGLIA. REFERENTE DEL CASO.. Firma OPERATORI... INSEGNANTI Si sono utilizzate.ore di sostegno settimanale Si sono utilizzate ore di intervento dell ente locale Si sono utilizzate..ore di un operatore Per il prossimo anno scolastico si richiedono:.ore di sostegno settimanale.ore di intervento dell ente locale.ore di un operatore IL DIRIGENTE SCOLASTICO.. Data 53

54 Mod. n.95/pdp/11-08 CIRCOLO DIDATTICO DI AMELIA Anno Scolastico.. Piano Didattico Personalizzato ( P.D.P ) Scuola. Plesso Alunno/a Classe. Insegnanti dell equipe pedagogica 54

55 Situazione di partenza Lettura ed interpretazione diagnostica con specialisti; Osservazioni degli insegnanti; Incontri con i genitori; 55

56 Organizzazione Insegnante/i coinvolte/i nelle attività: Numero alunni gruppo classe: Numero ore settimanali di insegnamento personalizzato: Partecipazione dell alunno/a ad attività di tipo laboratoriale: Eventuali interventi riabilitativi/ se sì specificarne la tipologia: Patto con la famiglia: Familiari di riferimento: Incontri: Altro: 56

57 Strategie Metodologiche e Didattiche 57

58 Strumenti Compensativi e misure Dispensative 1 1 Questa sezione è da compilare se si è in presenza di alunni con DSA 58

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L integrazione è un processo di conoscenza di sé e dell altro, di collaborazione all interno della classe finalizzato a creare le migliori condizioni

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE IL PASSAGGIO da INTEGRAZIONE a INCLUSIONE NON si basa sulla misurazione della distanza da normalità/standard ma sul processo di piena partecipazione e sul concetto di EQUITA.

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ESPERIENZE CHE INSEGNANO IL FUTURO BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI GUIDA ALLA NUOVA NORMATIVA AA. VV. AGOSTINO MIELE Il presente volume nasce dall esperienza maturata all interno dell Istituto Tecnico per il

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP SCUOLA PRIMARIA PARITARIA SCUOLA PRIMARIA PARITARIA via Camillo de Lellis, 4 35128 Padova tel. 049/8021667 fax 049/850617 e-mail: primaria@donboscopadova.it website: www.donboscopadova.it GRUPPO DI LAVORO

Dettagli

PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ

PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ Amministrazione Comunale Amministrazione Scolastica Zanica I.C. Zanica Commissione Inter-istituzionale La Commissione Inter-istituzionale è una commissione mista tecnico-politica

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI?

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI? FAQ: AREA DELLA PROGRAMMAZIONE (PDP) QUAL È LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO SUI DSA NELLA SCUOLA? Al momento è in vigore la Legge 170 che regola in modo generale i diritti delle persone con DSA non soltanto

Dettagli

LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI: LA PROSPETTIVA IN BASE AL MODELLO ICF LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI Ins. Stefania Pisano CTS I.C. Aristide

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. COSSAR -da VINCI GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani Esso pertanto, anche per gli alunni con disabilità deve costituire l occasione per un oggettivo

Dettagli

DSA e EES ESIGENZE EDUCATIVE DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO SPECIALI

DSA e EES ESIGENZE EDUCATIVE DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO SPECIALI DSA e EES DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO ESIGENZE EDUCATIVE SPECIALI DISTURBI SPECIFICI dell APPRENDIMENTO Interessano alcune specifiche abilità dell apprendimento scolastico in un contesto di funzionamento

Dettagli

A cura dei Supervisori SSIS-Sostegno Modena. E.Tarracchini V.Bocchini A.Barbieri. La documentazione. Dall ICF alla DF al PDF al PEI

A cura dei Supervisori SSIS-Sostegno Modena. E.Tarracchini V.Bocchini A.Barbieri. La documentazione. Dall ICF alla DF al PDF al PEI A cura dei Supervisori SSIS-Sostegno Modena. E.Tarracchini V.Bocchini A.Barbieri La documentazione Dall ICF alla DF al PDF al PEI La Diagnosi Funzionale (DF) 1. Utilizzo degli items di ICF nella definizione

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA:

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: BILANCIO E PROPOSTE Edizioni Erickson Presentano il Rapporto: Attilio Oliva Vittorio Nozza Andrea Gavosto Intervengono: Valentina Aprea Maria Letizia

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N.1

ISTITUTO COMPRENSIVO N.1 PIANO ANNUALE PER L INCLUSIONE ANNO SCOLASTICO 2013-2013 Sommario PIANO ANNUALE PER L INCLUSIONE... 1 Bisogni educativi speciali... 2 Sezione 1. Definizioni condivise... 3 I B.E.S. non sono una categoria...

Dettagli

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti M.I.U.R. - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto Comprensivo Via Casalotti n. 259-00166 Roma tel. 06 61560257 fax 06 61566568 - C.F. 97714450588 Cod. mecc. RMIC8GM00D Plesso scuola primaria:

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Vademecum per il sostegno Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Gli strumenti della programmazione DIAGNOSI FUNZIONALE: descrive la situazione clinicofunzionale dello stato

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Istituto Comprensivo 1 F. GRAVA CONEGLIANO PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Anno scolastico 2012/ 2013 A pagina 2 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA MEDIA A pagina 9 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI ISTITUTO COMPRENSIVO SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO v. Marconi, 62 15058 VIGUZZOLO (AL) Tel. 0131/898035 Fax 0131/899322 Voip 0131974289 Mobile 3454738373 E_mail: info@comprensivoviguzzolo.it

Dettagli

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6 54 Distretto Scolastico ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE AD INDIRIZZO MUSICALE De Amicis Baccelli di Sarno (Sa) Sede Legale: Corso G. Amendola, 82 - C.M.: SAIC8BB008 - C.F.:94065840657 E mail:saic8bb008@istruzione.it

Dettagli

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12 Un Mondo Di Feste Proposta di progetto e preventivo economico a cura dell Area Intercultura della Cooperativa Sociale Apriti Sesamo. 1

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

Rapporto di autovalutazione

Rapporto di autovalutazione Rapporto di autovalutazione Sommario 1. Codice meccanografico istituto principale...3 2. Griglie di autovalutazione...3 1.1 Esiti...3 1.2 Contesto e risorse...4 1.3 Processi...5 3. Individuazione obiettivi

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170. Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. (10G0192)

LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170. Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. (10G0192) Gazzetta Ufficiale N. 244 del 18 Ottobre 2010 LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170 Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. (10G0192) La Camera dei deputati ed il Senato

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione 10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione LA MAPPA Il RAV non è solo prove Invalsi, ci sono molte altre cose da guardare in una scuola: i processi organizzativi, la didattica, le relazioni, ecc.

Dettagli

La/Il sottoscritta/o.. (cognome e nome) madre padre.. dell alunna/o.. (cognome e nome) CHIEDE L iscrizione dell... stess alunn per l a.s.

La/Il sottoscritta/o.. (cognome e nome) madre padre.. dell alunna/o.. (cognome e nome) CHIEDE L iscrizione dell... stess alunn per l a.s. n..reg.iscriz. n..matr. MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO Liceo Classico e Linguistico Statale ARISTOFANE 00139 ROMA - VIA MONTE RESEGONE, 3 068181809 - FAX

Dettagli

Gli strumenti per una didattica inclusiva

Gli strumenti per una didattica inclusiva STRUMENTI PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA Ottilia Gottardi CTI Monza Est Gli strumenti per una didattica inclusiva Ottilia Gottardi CTI Monza Est PRINCIPI della PEDAGOGIA INCLUSIVA Tutti possono imparare;

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA?

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? La scuola è obbligatoria dai 6 ai 16 anni e comprende: 5 anni di scuola primaria (chiamata anche elementare), che accoglie i bambini da 6 a 10 anni 3 anni di scuola secondaria

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA Via Albergati 30 40069 Zola Predosa (BO) Tel. 051/755355 755455 - Fax 051/753754 E-mail: BOIC86400N@istruzione.it - C.F. 80072450374 Pec : boic86400n@pec.istruzione.it

Dettagli

STRUMENTI D INTERVENTO PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI E ORGANIZZAZIONE TERRITORIALE PER L INCLUSIONE SCOLASTICA : CONCETTI CHIAVE E

STRUMENTI D INTERVENTO PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI E ORGANIZZAZIONE TERRITORIALE PER L INCLUSIONE SCOLASTICA : CONCETTI CHIAVE E STRUMENTI D INTERVENTO PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI E ORGANIZZAZIONE TERRITORIALE PER L INCLUSIONE SCOLASTICA : CONCETTI CHIAVE E ORIENTAMENTI PER L'AZIONE Milano, dicembre 2013 Il documento

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA ISTITUTO COMPRENSIVO C. LEVI MANIACE RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 AUTOANALISI D ISTITUTO Anno scolastico 2012/2013 RELAZIONE In data

Dettagli

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa Allegato 1. Carta dei servizi scolastici Patto educativo di corresponsabilita Premessa Il patto educativo di corresponsabilità ribadisce i contenuti presenti nella Carta dei Servizi dei P.O.F. precedenti.

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO Report Progetto ERGO VALUTO SUM PON Valutazione e miglioramento (Codice 1-3-FSE-2009-3) Anno Scolastico 2012-2013 Relatore

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO PORDENONE CENTRO PORDENONE 33170 PORDENONE - Via Gaspare Gozzi, 4 SEGRETERIA - PRESIDENZA: 0434520104 0434520089

ISTITUTO COMPRENSIVO PORDENONE CENTRO PORDENONE 33170 PORDENONE - Via Gaspare Gozzi, 4 SEGRETERIA - PRESIDENZA: 0434520104 0434520089 ISTITUTO COMPRENSIVO PORDENONE CENTRO PORDENONE 33170 PORDENONE - Via Gaspare Gozzi, 4 SEGRETERIA - PRESIDENZA: 04345204 0434520089 PROT. n. 199/B19 Pordenone, 15 gennaio 2014 Ai Sigg. Genitori Oggetto:

Dettagli

PAI Piano Annuale per l Inclusione

PAI Piano Annuale per l Inclusione ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA Via Albergati 30 40069 Zola Predosa (BO) Tel. 051/755355 755455 - Fax 051/753754 E-mail: BOIC86400N@istruzione.it - C.F. 80072450374 Pec : boic86400n@pec.istruzione

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

Presentazione di un caso

Presentazione di un caso Presentazione di un caso Corso Tutor per l autismo (Vr) Roberta Luteriani Direzione Didattica (BS) Caso: Giorgio 8 anni! Giorgio è un bambino autistico verbalizzato inserito in seconda elementare. Più

Dettagli

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ALCUNI DATI L Istituto Trento 5 comprende 3 scuole primarie e 2 scuole secondarie di I grado. Il numero totale di alunni

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA

RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA A CURA DELLA DOTT.SSA MARIANGELA BRUNO (LOGOPEDISTA E FORMATRICE AID) ANNO SCOLASTICO 2011-2012 1 INDICE 1. ARTICOLAZIONE DEL PROGETTO...

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it Indirizzi di studio 1. Meccanica, Meccatronica ed Energia 2. Elettronica ed Elettrotecnica 3. Informatica e Telecomunicazioni

Dettagli

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F.

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Giovanni Caboto GAETA CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. A.S. 2013-2014 1. Richiesta per accedere alle Funzioni strumentali al P.O.F.

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014. Si trasmette, in allegato, il piano delle attività per l a. s. 2014-2015.

CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014. Si trasmette, in allegato, il piano delle attività per l a. s. 2014-2015. CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014 Ai Docenti Agli Studenti Al Personale A.T.A. Alle Famiglie Al D.S.G.A. Oggetto: Piano delle attività a.s. 2014-2015 Si trasmette, in allegato, il piano delle attività

Dettagli

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~(c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i(' qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('!11~",fi:j:/lé'i7(?:/l(?/u~/(v,',f7t:{(jn~/lrt//lé':/iu kyjlf?jtf..ét:'é' h l/m f /tf7.. ~t:;'j/i'é' (~/;àk//lrt /IUXr(;/lrT~

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Progetto FEI Rete e Cittadinanza 2014-2015 Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Luana Cosenza, Università per Stranieri di Siena Marzo 2015 Piano di lavoro Principi della verifica e della valutazione

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO UGO FOSCOLO VESCOVATO SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO PIANO ANNUALE DELLE ATTIVITA' A.S. 2013/14

ISTITUTO COMPRENSIVO UGO FOSCOLO VESCOVATO SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO PIANO ANNUALE DELLE ATTIVITA' A.S. 2013/14 STTUTO COMPRENSVO UGO FOSCOLO SCUOLA SECONDARA D 1 GRADO PANO ANNUALE DELLE ATTVTA' A.S. 2013/14 PROT. N. 5991 /A-19 Vescovato, 19/09/2013 Data Giorno Sedi scolastiche Classi Orario Durata ATTVTA' COLLEGO

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

La didattica personalizzata: utopia o realtà?

La didattica personalizzata: utopia o realtà? La didattica personalizzata: utopia o realtà? L integrazione di qualità è anche la qualità positiva per tutti gli attori coinvolti nei processi di integrazione, non solo per l alunno in difficoltà. Se

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

Oggetto: presentazione disponibilità per lo svolgimento delle attività connesse alla realizzazione del POF - Anno Scolastico 2011/2012.

Oggetto: presentazione disponibilità per lo svolgimento delle attività connesse alla realizzazione del POF - Anno Scolastico 2011/2012. Circolare interna n. 25 Ai docenti Al DSGA Alla segreteria alunni Alla segreteria docenti E, p.c. ai collaboratori scolastici Ve Mestre, 15 settembre 2011 Oggetto: presentazione disponibilità per lo svolgimento

Dettagli