LE CELLULE 1. LE CELLULE STAMINALI: UNA SPERANZA PER IL FUTURO IL DIFFERENZIAMENTO CELLULARE CELLULE E CANCRO... 8

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LE CELLULE 1. LE CELLULE STAMINALI: UNA SPERANZA PER IL FUTURO... 2 2. IL DIFFERENZIAMENTO CELLULARE... 6 3. CELLULE E CANCRO... 8"

Transcript

1

2 LE CELLULE CHIARA CAMPANELLA, GIROLAMA LA MANTIA 1. LE CELLULE STAMINALI: UNA SPERANZA PER IL FUTURO IL DIFFERENZIAMENTO CELLULARE CELLULE E CANCRO LA CRESCITA E LA DIVISIONE CELLULARE SONO ACCURATAMENTE CONTROLLATE GENETICA E CANCRO COME CONTINUANO GLI STUDI...15 INTERVISTE AI LAUREATI Chiara Campanella è Professore Ordinario di Biologia dello Sviluppo presso il Dipartimento di Biologia Strutturale e Funzionale ed è attualmente titolare del corso di "Biologia dello Sviluppo" al I anno del Corso di Laurea Specialistica in Biologia della Riproduzione e del Differenziamento Girolama La Mantia è Professore Ordinario di Genetica presso il Dipartimento di Biologia Strutturale e Funzionale ed è attualmente titolare del corso di "Genetica ed Ingegneria Genetica" al II anno del Corso di Laurea triennale in Biologia

3 1. LE CELLULE STAMINALI: UNA SPERANZA PER IL FUTURO Stiamo vivendo una fase di grandi speranze e notevoli progressi nel campo della rigenerazione dei tessuti e degli organi. L'impiego di cellule staminali ha avuto successo nella sostituzione di tessuti danneggiati nell'uomo aprendo nuove frontiere per la terapia cellulare di varie patologie. Qual è la realtà dei fatti dietro a queste notizie? Intanto vediamo cosa sono queste cellule staminali. Durante lo sviluppo di un embrione, si differenziano tanti tipi di cellule. Tra di esse, alcune conservano la capacità di proliferare che riprendono quando è necessario sostituire cellule danneggiate (es. le cellule del fegato o epatociti nella rigenerazione del fegato). La maggior parte delle cellule differenziate, tuttavia, non si divide più, ma può essere 2 Fig. 1 Stem cells= cellule staminali; cell division= divisione cellulare Cell differentiation = differenziamento cellulare. Differentiated cell = cellula differenziata. sostituita dalla proliferazione di cellule poco differenziate presenti nei tessuti degli animali adulti. Ecco qui le cellule staminali! Esse si dividono per produrre cellule figlie che possono sia differenziarsi che rimanere cellule staminali (Figura 1). Per esempio il mantenimento della popolazione di cellule differenziate del sangue dipende da una continua proliferazione delle cellule staminali pluripotenti. Sebbene, in genere, le capacità proliferative e di sviluppo potenziale delle cellule staminali presenti nei tessuti dell' adulto siano piuttosto circoscritte, ogni giorno nuove ed insospettate conoscenze ne allargano gli orizzonti. Un esempio importante per le sue potenzialità riguarda il caso di nicchie di cellule staminali che sono state trovate in una regione dell'ippocampo e nella zona subventricolare del cervello anteriore. Queste cellule continuano a dividersi nell'adulto generando neuroni. Ebbene esse possono differenziarsi anche in astrociti ed oligodendrociti, i tre tipi principali di linee cellulari del sistema nervoso centrale. I nuovi neuroni possono funzionalmente integrarsi e quindi potenzialmente queste cellule staminali potrebbero essere usate in malattie degenerative del sistema nervoso, quali il morbo di Parkinson e la malattie di Alzheimer. Qualche esempio più concreto riguardante altri tessuti? Ecco cosa fanno midollo osseo e cordone ombelicale. Le cellule del midollo osseo non solo danno luogo a tutte le cellule del sangue, ma anche ad altri tipi cellulari, quali gli epatociti, e possono essere usate per combattere l'epatite. Inoltre, in animali di laboratorio, sono state utilizzate con successo per la produzione di cellule che esprimono proteine tipiche delle cellule neurali. In chirurgia umana sono state poi impiegate per riparare cuori danneggiati da infarto, con esito positivo a breve, ma non a lungo termine. Le cellule del cordone ombelicale di due gemellini, iniettate nel fratellino malato di talassemia, lo hanno guarito. L'intervento è avvenuto al Policlinico di Pavia. 3

4 L'impiego delle cellule staminali ha il grande vantaggio di aprire la strada all'autotrapianto, che non richiede terapia di rigetto nei pazienti che lo subiscono. In Arizona, cellule muscolari immature estratte dalla gamba di un paziente, dopo essere state coltivate in laboratorio, sono state iniettate nello stesso paziente, nella zona del cuore infartuata. I mioblasti impiantati non solo sono sopravvissuti ma hanno riparato il danno cardiaco. Le cellule prelevate dagli embrioni iniziali ES (Embryonic Stem cells) sono cellule staminali con capacità differenziative ancora più ampie perché possono dar origine a tutti i tipi di cellule differenziate presenti nell'organismo adulto. Nel 1998, due gruppi di ricercatori ottennero l'isolamento di ES da embrioni umani, e proposero che fossero usate per applicazioni mediche. Nacque il concetto di clonazione terapeutica, attualmente permessa in Occidente solo in UK, e, nel privato, anche in USA. Nella clonazione terapeutica, un nucleo derivante da una cellula umana adulta, trasferito in un oocita fecondato, viene usato per produrre un embrione iniziale in coltura. Le cellule ES derivanti da tale embrione clonato, coltivate appropriatamente, potrebbero essere usate per generare cellule differenziate per effettuare terapie di trapianto senza problemi di rigetto, se vengono impiantate nel donatore del nucleo. Rivelare le capacità potenziali delle ES rimane però a tutt'oggi una sfida molto appassionante, ma anche piuttosto sfuggente. La sperimentazione ha attualmente i seguenti obiettivi: 1. indirizzare il differenziamento delle ES verso genealogie cellulari specifiche (tessuto cardiaco, nervoso, endocrino), 2. ottenere la purificazione di tipi cellulari di interesse, 3. Ripopolare gli organi danneggiati con cellule differenziate, derivate dalle ES. Non è difficile immaginare che la strada per arrivare a questi importanti risultati è tappezzata da mille difficoltà. Non ci deve quindi sorprendere che ci siano ancora pochi esempi di approcci clinici in cui le ES abbiano potuto fornire una efficace terapia. La sperimentazione è comunque attiva. Per esempio è stato visto che ES di topo se iniettate nel fegato guariscono una forma di emofilia analoga alla emofilia B umana, in cui manca il fattore IX. A tal fine le ES sono state trattare con il fattore che promuove la crescita cellulare che le trasforma in cellule precursori dell'endoderma, che normalmente formano lo strato interno dell'embrione e da cui deriva il fegato. Dopo l' impianto esse sopravvivono bene e forniscono il fattore IX, tipicamente prodotto dalle cellule epatiche. Esperimenti compiuti su embrioni di topo fanno sperare in sempre più vaste ed ancora inesplorate capacità terapeutiche delle ES, nel ridare normalità per esempio a cuori con danni e difetti letali. In questo tipo di esperimenti, è stato visto che l'effetto benefico delle ES non è dovuto al differenziamento delle cellule ES in cellule cardiache, ma al fatto che le cellule trapiantate secernono fattori specifici che fanno scattare la proliferazione dei miociti nel cuore embrionale, agendo sia localmente sul cuore malato che tramite la circolazione materna placentare. A lungo termine ciò fa sperare che, una volta isolati i fattori rilasciati dalle cellule ES, essi possano essere utilizzati, senza impiego diretto di cellule ES, nel trattamento di malattie cardiache di adulto. Quindi c'è tanta speranza, e molto da fare. A parte i problemi etici, occorre migliorare le tecniche di trasferimento nucleare e sviluppare procedure attendibili che differenzino le cellule ES in appropriati tipi cellulari prima del trapianto. E' quindi quanto mai importante ricorrere alla ricerca di base e studiare in dettaglio gli eventi molecolari che sono alla base dei processi che portano una cellula a acquisire le caratteristiche tipiche delle cellule che si desidera sostituire e quindi occorre capire che cos'è il differenziamento cellulare. 4 5

5 2. IL DIFFERENZIAMENTO CELLULARE Le cellule differenziate sono dunque molto diverse tra di loro eppure hanno tutte lo stesso genoma e derivano da un'unica cellula, l'uovo fecondato. Per differenziamento cellulare si intende quel percorso graduale compiuto da una cellula primordiale indifferenziata per arrivare ad un' assortimento stabile ed irreversibile di espressione genica. Gli assortimenti sono molteplici ed altrettanti sono i tipi di cellule differenziate che fanno parte di un organismo vivente. Cellule prismatiche, con apice ricco di microvilli e cariche di enzimi digestivi, sono delle cellule differenziate in quantocchè, sia per forma che per attività hanno la funzione precisa di provvedere alla digestione. Altri esempi? Le fibre muscolari, le cellule nervose, quelle adipose, quelle epatiche etc. (Fig 2). Le strategie per arrivare alla molteplicità cellulare di un organismo sono molte, ma le prime adottate nello sviluppo embrionale sono la base della futura diversità cellulare. Subito dopo la fecondazione, lo spermatozoo provoca vistosi cambiamenti nel citoplasma dell'uovo. Molecole che prima erano distribuite in modo omogeneo nel citoplasma assumono una distribuzione asimmetrica e producono una cascata di avvenimenti molecolari altrettanto localizzati. Quando l'embrione si divide in tante cellule, queste non saranno tutte eguali perché in esse sarà stato racchiuso citoplasma di composizione diversa a seconda del territorio in cui esse si sono formate. Le cellule A,B,C.D etc interagiranno tra loro nello sviluppo successivo e non se ne staranno ferme, ma verranno a far parte di gruppi di cellule che migreranno in modo diverso. A seconda delle loro caratteristiche andranno a formare una tasca profonda, l'intestino, oppure a tappezzare un tubo molto complesso, quello neurale, oppure ancora a sistemarsi tra questi due tubi e formare i tessuti mesodermici. Fig. 2 6 Tutto qui? No, perché adesso viene il bello. Infatti i vari gruppi di cellule sono in grado di far cambiare destino e significato alle popolazioni cellulari vicine, inducendole ad assumere destini diversi. Ecco l'induzione embrionale, che, a vari livelli, nei vertebrati provvede a determinare le varie parti dell'organismo. Successivamente, le cellule istruite ed indirizzate verso un destino preciso si moltiplicano ed incominciano a differenziarsi ed allora sì che si scatenano le più impressionanti cascate di attivazione successiva e sequenziale di molti geni, i cui prodotti sono spesso proteine che vanno a regolare l'espressione di altri geni. Molte proteine rego- 7

6 lative hanno domini funzionali con strutture complicate, chiamate "dita di zinco", "elica-anse-elica", "omeodomini", che si attaccano ai siti sensibili dei geni e ne modulano l' espressione, in modo da formare un tipo cellulare e non un altro. Quindi, da un segnale asimmetrico, un vero e proprio 'disordine', si arriva corpo di un animale fatto da più di 200 tipi di cellule diverse disposte un ordine così perfetto che il nostro occhio ormai lo considera come 'default'. 3. CELLULE E CANCRO In un individuo sano, le cellule crescono e si dividono per produrre nuove cellule soltanto quando c'è necessità, per esempio per sostituire cellule morte. Tuttavia a volte una cellula inizia a dividersi anche quando non è necessario, formando una massa di tessuto o tumore. Per esempio, nell'epidermide, le cellule dello strato basale si dividono quanto basta per sostituire le cellule morte dello strato superficiale. Ogni volta che una cellula si duplica, una delle cellule figlie rimane nello strato basale e conserva la capacità di riprodursi, mentre l'altra migra verso gli strati superiori, perdendo la capacità di dividersi. In tal modo il numero di cellule capaci di duplicare nello strato basale rimane lo stesso. I tumori possono invadere e distruggere tessuti circostanti e disturbare in vari modi le normali funzioni del corpo. Possono inoltre dotarsi di una rete di vasi sanguigni per procurarsi nutrienti e, infine, alcune cellule possono staccarsi dalla massa tumorale, migrare attraverso i vasi sanguigni e linfatici e trasferirsi in altri organi e tessuti, dove riprendono a crescere formando le metastasi. 4. LA CRESCITA E LA DIVISIONE CELLULARE SONO ACCURATAMENTE CONTROLLATE Durante lo sviluppo del cancro della pelle, questo equilibrio viene perturbato: le cellule basali si dividono più spesso di quanto necessario e spesso mantengono la capacità di replicarsi, portando ad un aumento del numero totale di cellule. Si forma così un tumore, o neoplasia. Le "istruzioni" per una corretta divisione cellulare sono conservate nei geni, porzioni del DNA che costituiscono delle subunità funzionali e si ritrovano nei cromosomi presenti nel nucleo di ogni cellula del nostro organismo. Ciascun gene istruisce una cellula su 8 9

7 come costruire uno specifico prodotto, che in molti casi è un particolare tipo di proteina. Il DNA è composto da due filamenti intrecciati a formare una doppia elica e ciascun filamento è formato da milioni di quattro diversi tipi di blocchi, le basi azotate. Con soltanto quattro basi, adenina, timida, citosina e guanina, disposte in sequenze variabili, si riescono a comporre diverse migliaia di informazioni, così come le lettere di un alfabeto possono essere combinate in differenti maniere per formare parole e frasi diverse. In altri termini il DNA può essere considerato come un "data-base" di informazioni. La sequenza di basi di un gene viene copiata (trascritta) in un messaggio, costituito da un filamento di RNA, che si sposta dal nucleo al citoplasma di una cellula, dove, in organelli cellulari chiamati ribosomi, una sorta di officina, dirige la costruzione di una proteina, formata dall'assemblaggio di 20 diverse subunità, gli amminoacidi. Ciascuna cellula del nostro organismo contiene le informazioni per produrre tutte le possibili proteine umane ma, mentre alcuni geni che svolgono funzioni basilari nella cellula vengono mantenuti attivi praticamente in tutti i tipi cellulari, altri geni vengono attivati soltanto quando c'è necessità del loro prodotto, mentre altri vengono selettivamente spenti. Ad ogni replicazione cellulare le informazioni genetiche vengono duplicate e passate alle cellule figlie ma, in seguito all'esposizione ad agenti mutageni di vario tipo o semplicemente per "sfortuna", queste informazioni possono subire alterazioni. Le mutazioni più semplici consistono in una sorta di errore tipografico, per cui una base azotata viene sostituita da un'altra. Alternativamente, segmenti piccoli o grandi di DNA possono essere persi, aggiunti, ripetuti o spostati. In conseguenza di questi errori vengono prodotte proteine non funzionanti o scarsamente funzionanti o funzionanti in maniera anomala, con risultati che dipenderanno dal ruolo svolto da quella particolare proteina. Affinché una cellula si accresca e si divida soltanto al momento giusto, c'è bisogno di un accurato e raffinato equilibrio tra proteine che stimolano la cellula alla divisione e proteine che rallentano la divisione stessa. 5. GENETICA E CANCRO Alcuni geni, i protooncogeni, dirigono la produzione di proteine coinvolte nel normale controllo della proliferazione cellulare. Queste proteine sono componenti del circuito che trasporta uno stimolo alla crescita dalla membrana cellulare fino al nucleo, attraverso una complessa cascata di segnali. Tipicamente, un "fattore di crescita" lega sulla membrana di un determinato tipo cellulare un recettore, il quale a sua volta stimola proteine segnale che, a loro volta, attivano dei fattori di trascrizione, cioè delle proteine che entrate nel nucleo, "accendono" geni i cui prodotti sono necessari per la divisione cellulare

8 Una mutazione in un protooncogene può portare di conseguenza alla produzione di una versione alterata o di una eccessiva quantità di una di queste proteine. Il risultato netto di questo evento è l'accellerazione del circuito descritto e quindi la crescita e la divisione incontrollata della cellula. I protooncogeni mutati sono noti come oncogeni o geni induttori di tumori. In una cellula normale, d'altra parte, esistono geni, detti oncosoppressori, i cui prodotti hanno il compito di rallentare la crescita e la divisione cellulare. L'assenza, o la mancanza di funzionalità, di tali proteine avrà la conseguenza di accelerare la progressione cellulare. Poiché in ogni cellula ci sono due copie di ogni gene, ciascuna ereditata da un genitore, è necessaria la mutazione o l'inattivazione di tutte e due le copie perché la cellula possa diventare cancerosa. Una straordinaria proteina con funzione oncosoppressore è la proteina p53, che è capace di rallentare la crescita cellulare quando la cellula è mutata, per consentire che il danno (la mutazione) possa essere riparato. Di fronte a un danno troppo esteso e non riparabile p53, inoltre, è capace di iniziare un processo che si concluderà con la morte della cellula (apoptosi). In sostanza, anzichè correre il rischio di lasciar riprodurre una cellula difettosa (e possibilmente pericolosa) p53 preferisce sacrificare la cellula stessa. Da quanto appena detto, è evidente che un'altra categoria di geni, quelli i cui prodotti sono capaci di riparare il danno al DNA, è importante per lo sviluppo del cancro. Se mutano questi geni "riparatori", le mutazioni potranno accumularsi in una cellula e portare ad una cellula cancerosa. Il cancro infatti si formerà proprio per l'accumulo di mutazioni che interessano oncogeni, geni soppressori di tumori e geni del riparo

9 E' chiaro che dalla moltiplicazione delle cellule somatiche (del corpo) nelle quali è avvenuta una mutazione si originano cellule figlie portatrici di quella mutazione. In più, in alcune di queste può avvenire una seconda e poi successive mutazioni, che alla fine producono cellule tumorali. In questo senso il cancro è una malattia genetica, poiché, perché si sviluppi, è necessario che venga modificata l'informazione genetica portata da una cellula. Nella maggior parte dei casi, però, il danno genetico riguarda soltanto il " soma" e non la linea germinale. Questo significa che la maggior parte dei tumori non è ereditaria. Alcune volte, però, un individuo eredita dai suoi genitori un gene mutato, per esempio un oncosoppressore (mentre l'altra copia è normale). E' quindi più probabile per quest' individuo sviluppare un tumore, perché basterà una sola mutazione nella seconda copia del gene, in una delle sue cellule somatiche, per produrre una cellula che comincerà a riprodursi in maniera anomala. In una cellula, le mutazioni possono avvenire per caso oppure essere indotte da agenti chimici, fisici e biologici (alcuni virus e batteri). L'esposizione quindi ad un agente mutageno, per esempio al fumo di tabacco che contiene svariate sostanze chimiche capaci di indurre mutazioni, porta quindi ad un rischio molto più alto di produrre cellule mutate e quindi potenzialmente cancerogene. COME CONTINUANO GLI STUDI I corsi di laurea in Biologia si collocano nella Facoltà di Scienze MM.FF.NN. L'esperienza vissuta nella scuola superiore vi ha certamente mostrato le varie sfaccettature della cultura biologica e certamente vi apparirà ovvio che, essendo approdati a corsi superiori, ognuno di quegli argomenti studiati, a volte in maniera accennata nei programmi delle scienze naturali, diventi una disciplina a se stante che cercherà di fornirvi tutte le conoscenze storiche e le ultime acquisizioni di quel particolare aspetto biologico. Tutti i corsi di laurea attinenti alla Biologia: Biologia generale e applicata, Biologia delle produzioni marine, Scienze Biologiche hanno una organizzazione triennale fondata nel primo anno sull'acquisizione di solide basi culturali nei campi della Matematica, della Chimica generale inorganica ed organica, della Fisica, dei principali elementi di Informatica e di lingua straniera europea. Il percorso culturale si sviluppa, poi, affrontando, fin dal primo anno, le discipline più propriamente biologiche che vedono lo studio della cellula, della botanica, della zoologia. Il secondo anno è ancora dedicato in gran parte alle materie di base della cultura biologica con lo studio delle reazioni alla base della vita, lo studio dell'ereditarietà, degli aspetti fisiologici, dell'interazione ambientevivente. Già nel secondo anno però, i due corsi di Biologia generale e applicata e Scienze Biologiche presentano delle differenze, in relazione alla scelta di approfondire diversi aspetti culturali, differenziazione che diventa più marcata nel III anno. Premesso che i due corsi di laurea si svolgono in luoghi diversi, Biologia generale e applicata nella sede di Monte S. Angelo e Scienze Biologiche nella sede del Centro Storico, i loro aspetti professionalizzanti tendono a sviluppare nel corso di MSA conoscenze nutrizionistiche e dei meccanismi molecolari del funzionamento degli organismi ed aspetti di fisio

10 patologia ed ambientali nei corsi del Centro Storico. Un discorso a sé va per il corso di Biologia delle produzioni marine, del Centro Storico, che tratta tutti gli argomenti di base della biologia con una visione più dedicata agli organismi marini ed alle produzioni. Entrando più nel merito dei due corsi di Laurea di Scienze Biologiche e di Biologia generale e applicata si può affermare che il primo dopo il biennio di base sviluppa due curricula (fisiopatologico e bio-ecologico) i cui elementi professionalizzanti da una parte sono la Patologia molecolare, le analisi biochimico cliniche e dall'altra l'ecologia applicata, le analisi ecologiche. INTERVISTA A VINCENZO INFANTE Il secondo, invece, completa la sua preparazione professionalizzante con corsi di biologia e fisiologia della nutrizione e di biologia cellulare e molecolare, per sviluppare i due curricula di Biologia molecolare e cellulare e di Biologia della nutrizione. In tutti i curricula gli studenti hanno a disposizione crediti a scelta, circa 10, che possono essere utilizzati per completare la preparazione biologica in modo coerente con le scelte fatte, per approfondire argomenti già trattati, oppure per ampliare le proprie conoscenze dedicandosi ad altri argomenti. Il periodo di studi si conclude con una tesi di laurea che può essere svolta presso le strutture universitarie oppure all'esterno con un periodo di stage. In entrambi i casi, va considerata come familiarizzazione con l'ambiente di lavoro, con le tecniche e le apparecchiature che saranno poi utilizzate nei diversi approcci lavorativi. - Quando si è laureato e qual' è la sua attuale posizione lavorativa? Mi sono laureato in Biologia nel 1994, all' Università Federico II di Napoli. Oggi sono embriologo clinico presso il centro di Medicina della Riproduzione AGOI sito in Gragnano (Napoli), oltre che presso il "Clinic Center Hera Medicina della Riproduzione" di Giugliano di Napoli. - Può descrivere brevemente in cosa consiste il suo lavoro? Mi occupo di riproduzione assistita, ma anche dell'aspetto nutrizionale delle coppie affette da sterilità, oltre che da soprappeso. Noi embriologi concretizziamo le speranze dei futuri genitori e li accompagniamo in un' impresa che è faticosa sia dal punto fisico che psicologico. La gioia poi di vedere concretamente il "frutto" dei nostri e dei loro sforzi è la soddisfazione più grande. - Può mettere in risalto il ruolo della sua formazione universitaria nella sua esperienza lavorativa? Sin da quando mi sono iscritto al Corso di laurea di Biologia avevo ben in mente che non avrei voluto laurearmi senza conoscere direttamente ciò che studiavo. Appena ho potuto ho richiesto la tesi spe

11 rimentale e qui posso dire che lì è iniziata la mia vita professionale. Ho avuto la fortuna di incontrare persone che mi hanno permesso di crescere sia umanamente che professionalmente. Mi sono occupato da sempre di fecondazione prima da studente e poi da dottorando. È stato abbastanza naturale che mi indirizzassi verso la fecondazione umana, sia per concretizzare tutto ciò che avevo studiato sia per avere ciò che mi mancava: il contatto con i pazienti. - Con il senno di poi, quali argomenti avrebbe voluto che le fossero stati illustrati durante i suoi studi? Tutto è perfettibile certo ma almeno per quanto mi riguarda sono abbastanza soddisfatto di ciò che mi ha dato il mio corso di studi. Il resto lo dobbiamo fare noi stessi, aggiornandoci continuamente e non smettendo mai di essere quello che un biologo è in primis: una persona curiosa Poi, se c'è un argomento che vorrei che la nostra Facoltà prendesse a cuore è proteggere la figura professionale del Biologo, assicurare le sue competenze, insomma fare in modo che il Biologo abbia identica dignità professionale delle altre figure sanitarie. Non dimentichiamo che negli Stati Uniti i Biologi sono tra gli scienziati che permettono a questo paese di essere un grande paese. Speriamo che accada presto anche in Italia. INTERVISTA A MARIA PIA ZIBELLA - Quale è la sua attuale posizione lavorativa? Sono dipendente presso una azienda farmaceutica, la Tecnogen ScpA, dove svolgo attività di ricerca nel settore biotecnologico. Può descrivere brevemente il suo lavoro? Lavoro nell''ambito di un progetto volto all'individuazione di farmaci da utilizzare nella terapia di patologie infiammatorie croniche. - Dove e quando si è laureata? Ho conseguito la laurea in Biologia presso la Facoltà di Scienze dell'università di Napoli Federico II nel luglio del '98. - Può mettere in risalto il ruolo della sua formazione universitaria nella sua esperienza lavorativa? La formazione universitaria ha avuto un ruolo fondamentale nella mia esperienza lavorativa. Ho iniziato molto presto la tesi sperimentale e sia durante il periodo della tesi che del tirocinio post laurea ho avuto l'opportunità di collaborare con un gruppo di ricerca francese presso il CNRS di Lione. L'esperienza personale e professionale acquisita in quegli anni ha senza dubbio facilitato il raggiungimento del mio obbiettivo:lavorare nel campo della ricerca applicata

12 - Con il senno di poi, quali argomenti avrebbe voluto che le fossero stati illustrati durante i suoi studi? La mia formazione universitaria è stata completa, grazie soprattutto al periodo di svolgimento della tesi sperimentale con esperienza all'estero. Incentiverei pertanto esperienze di questo genere all'estero o in strutture aziendali dove si possano apprendere tecniche ed espandere il panorama delle possibili applicazioni. 20

Differenziamento cellulare

Differenziamento cellulare Differenziamento cellulare Differenziamento: acquisizione progressiva di nuove caratteristiche che porta a tipi cellulari specifici (es cell muscolari, neuroni,.) Dopo la fecondazione lo zigote va incontro

Dettagli

Cellule staminali: evoluzione e rivoluzione della medicina moderna

Cellule staminali: evoluzione e rivoluzione della medicina moderna Cellule staminali: evoluzione e rivoluzione della medicina moderna Le cellule staminali (SC), embrionali (ES) e somatiche o adulte (SSC) sono cellule dotate della singolare proprietà di rinnovarsi mantenendo

Dettagli

CELLULE NON DIFFERENZIATE Si replicano continuamente non specializzate. CELLULE DIFFERENZIATE Specializzate a volte non Si dividono

CELLULE NON DIFFERENZIATE Si replicano continuamente non specializzate. CELLULE DIFFERENZIATE Specializzate a volte non Si dividono CELLULE STAMINALI CELLULE NON DIFFERENZIATE Si replicano continuamente non specializzate CELLULE DIFFERENZIATE Specializzate a volte non Si dividono Le cellule staminali sono delle cellule in grado di

Dettagli

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Facoltà di Medicina Veterinaria Embriologia e Terapia Genica e Cellulare Le cellule staminali adulte:

Dettagli

Fonti di cellule staminali pluripotenti: Le cellule staminali possiedono 2 caratteristiche principali: -La massa cellulare interna della blastocisti.

Fonti di cellule staminali pluripotenti: Le cellule staminali possiedono 2 caratteristiche principali: -La massa cellulare interna della blastocisti. possiedono 2 caratteristiche principali: Fonti di cellule staminali pluripotenti: -Si autorinnovano a lungo termine. -Danno origine a tutti i tipi di cellule differenziate. -La massa cellulare interna

Dettagli

La cellula. Copyright (c) by W. H. Freeman and Company

La cellula. Copyright (c) by W. H. Freeman and Company La cellula Gli organismi contengono organi, gli organi sono costituiti da tessuti, i tessuti sono composti da cellule e le cellule sono formate da molecole Evoluzione molecolare L evoluzione è un processo

Dettagli

Capitolo 11 Il controllo dell espressione genica

Capitolo 11 Il controllo dell espressione genica Capitolo 11 Il controllo dell espressione genica La regolazione genica nei procarioti e negli eucarioti 11.1 Le proteine che interagiscono con il DNA attivano e disattivano i geni dei procarioti in risposta

Dettagli

Che cos è una cellula staminale?

Che cos è una cellula staminale? Che cos è una cellula staminale? Una cellula che ha la capacita di rigenerarsi - self renewal (dare origine ad altre cellule staminali) dare origine a cellule specializzate Una cellula staminale è una

Dettagli

APPLICAZIONI TERAPEUTICHE

APPLICAZIONI TERAPEUTICHE CELLULE STAMINALI: Cellula che ha una elevata capacità di differenziarsi in qualsiasi altro tipo di cellula. Durante la formazione dell'embrione, dalle divisioni dello zigote si formano cellule totipotenti

Dettagli

Le cellule del corpo non vivono isolate ma si organizzano a formare tessuti

Le cellule del corpo non vivono isolate ma si organizzano a formare tessuti Le cellule del corpo non vivono isolate ma si organizzano a formare tessuti I tessuti studio dei tessuti: è compito dell I STOLOGIA (dal greco istos, tela e logos, discorso). I tessuti UN TESSUTO: è formato

Dettagli

Determinazione del sesso Cromosomi sessuali

Determinazione del sesso Cromosomi sessuali Determinazione del sesso Cromosomi sessuali Negli Eucarioti un cromosoma del sesso è un cromosoma presente in forme diverse nei due sessi. Uno è un cromosoma "X", l'altro strutturalmente e funzionalmente

Dettagli

Tutte le cellule, anche quelle più differenziate, esprimono molti geni comuni, detti housekeeping, che codificano per proteine strutturali, del

Tutte le cellule, anche quelle più differenziate, esprimono molti geni comuni, detti housekeeping, che codificano per proteine strutturali, del Tutte le cellule, anche quelle più differenziate, esprimono molti geni comuni, detti housekeeping, che codificano per proteine strutturali, del metabolismo o richieste per altre funzioni basali Nei mammiferi

Dettagli

Le cellule staminali: una risorsa..una speranza

Le cellule staminali: una risorsa..una speranza AVIS NAZIONALE/REGIONALE MARCHE Ancona, 31 Ottobre 2008 Il Sistema Trasfusionale tra necessità e disponibilità Le cellule staminali: una risorsa..una speranza Prof.ssa Gabriella Girelli Sapienza Università

Dettagli

Cellule, tessuti, organi ed apparati

Cellule, tessuti, organi ed apparati LE CELLULE UMANE Il corpo umano contiene circa 100 000 miliardi di cellule che si uniscono a formare i tessuti e più tessuti formano organi come i muscoli, il cervello, il fegato, ecc. EMBRIOLOGIA-UNIPG

Dettagli

Biologia Cellulare e DNA «Bigino»

Biologia Cellulare e DNA «Bigino» Biologia Cellulare e DNA «Bigino» Giulio Barigelletti www.baveno.net Premesse 2 Sempre più frequentemente si sente parlare di DNA, Proteine, Amminoacidi, etc., relazionati all esistenza dell essere umano.

Dettagli

Il termine deriva dal greco antico κλών(klōn, ramo", "ramoscello"), e perclonazione, inbiologia, si intende lariproduzione asessuata, naturale o

Il termine deriva dal greco antico κλών(klōn, ramo, ramoscello), e perclonazione, inbiologia, si intende lariproduzione asessuata, naturale o Il termine deriva dal greco antico κλών(klōn, ramo", "ramoscello"), e perclonazione, inbiologia, si intende lariproduzione asessuata, naturale o artificiale, di un intero organismo vivente o anche di una

Dettagli

Rigenerazione del Sistema. Biotecnologie Farmaceutiche

Rigenerazione del Sistema. Biotecnologie Farmaceutiche Rigenerazione del Sistema Nervoso Biotecnologie Farmaceutiche Concetti Generali Il Sistema Nervoso Centrale (CNS) è resistente a fenomeni rigenerativi Le cellule staminali del CNS sono Presenti in piccolo

Dettagli

CELLULE STAMINALI. LA RICERCA ENTRA NEL VIVO.

CELLULE STAMINALI. LA RICERCA ENTRA NEL VIVO. CELLULE STAMINALI. LA RICERCA ENTRA NEL VIVO. CELLULE STAMINALI. LA RICERCA ENTRA NEL VIVO. Fin dalla sua fondazione per opera di padre Agostino Gemelli, l Università Cattolica del Sacro Cuore ha orientato

Dettagli

La cellula staminale. Una cellula in grado di autorinnovarsi e di differenziarsi. Viene mantenuta la riserva

La cellula staminale. Una cellula in grado di autorinnovarsi e di differenziarsi. Viene mantenuta la riserva La cellula staminale Una cellula in grado di autorinnovarsi e di differenziarsi Viene mantenuta la riserva Cellule staminali Malattie fino ad oggi incurabili, per le quali si può prospettare un terapia

Dettagli

Biotecnologie ed OGM. Prima parte: DNA ricombinante e microorganismi geneticamente modificati.

Biotecnologie ed OGM. Prima parte: DNA ricombinante e microorganismi geneticamente modificati. Biotecnologie ed OGM Prima parte: DNA ricombinante e microorganismi geneticamente modificati. COSA SONO LE BIOTECNOLOGIE? Si dicono Biotecnologie i metodi tecnici che permettono lo sfruttamento di sistemi

Dettagli

«Vita, morte e miracoli della cellula staminale»

«Vita, morte e miracoli della cellula staminale» «Vita, morte e miracoli della cellula staminale» Prof.ssa Gabriella Vannelli Sezione di Anatomia Umana e Istologia Dipartimento di Medicina Sperimentale e Clinica Firenze, 13 marzo 2015 Il lungo e affascinante

Dettagli

Cos è la clonazione? Dal greco: klon, germoglio. La possibilità di duplicare il patrimonio genetico di una struttura molecolare (essere vivente)

Cos è la clonazione? Dal greco: klon, germoglio. La possibilità di duplicare il patrimonio genetico di una struttura molecolare (essere vivente) La CLONAZIONE Cos è la clonazione? Dal greco: klon, germoglio La possibilità di duplicare il patrimonio genetico di una struttura molecolare (essere vivente) Perchè clonare? Finalità della clonazione animale

Dettagli

L ORIGINE DEI TESSUTI

L ORIGINE DEI TESSUTI L ORIGINE DEI TESSUTI Tutte le cellule dell organismo derivano dallo zigote Embrioni di topo a diversi stadi di sviluppo: A, stadio a 2 pronuclei; E, stadio a circa 16 cellule B, stadio a 2 blastomeri;

Dettagli

Cose su cui riflettere Le cellule staminali possono fare copie di loro stesse. Noi chiamiamo questo processo autorinnovamento.

Cose su cui riflettere Le cellule staminali possono fare copie di loro stesse. Noi chiamiamo questo processo autorinnovamento. Differenziamento: Generare cellule specializzate Un blocco di metallo, che può dare origine a tanti tipi di chiodi Cos è una cellula specializzata? Una cellula specializzata ha un compito particolare nel

Dettagli

Crescita e divisione cellulare

Crescita e divisione cellulare 08-04-14 CANCRO Crescita e divisione cellulare ogni cellula deve essere in grado di crescere e riprodursi una cellula che cresce e si divide genera due nuove cellule figlie gene4camente iden4che alla cellula

Dettagli

La riproduzione cellulare

La riproduzione cellulare La riproduzione cellulare La riproduzione è una proprietà fondamentale dei viventi, che si manifesta a partire dalle singole cellule. Attraverso la riproduzione viene assicurata la continuità della vita.

Dettagli

Le Distrofie muscolari colpiscono i muscoli scheletrici del paziente

Le Distrofie muscolari colpiscono i muscoli scheletrici del paziente Le Distrofie muscolari colpiscono i muscoli scheletrici del paziente Le Distrofie muscolari colpiscono i muscoli scheletrici del paziente Distrofia dei cingoli Le diverse distrofie dipendono da mutazioni

Dettagli

Source: Florida Institute for Reproductive Science and Technologies

Source: Florida Institute for Reproductive Science and Technologies Staminali: concetti, risultati ti e problemi Lo zigote La prima divisione cellulare Source: Florida Institute for Reproductive Science and Technologies Blastula 5 giorni dopo la fertilizzazione Source:

Dettagli

Genetica umana. Storia. Storia. Storia. Storia. Ramón Lucas Lucas, LC lucas@unigre.it www.ramonlucas.org

Genetica umana. Storia. Storia. Storia. Storia. Ramón Lucas Lucas, LC lucas@unigre.it www.ramonlucas.org Genetica umana Ramón Lucas Lucas, LC lucas@unigre.it www.ramonlucas.org P Anni 30: coperta dei difetti congeniti del metabolismo (difetto ereditario nei processi normali del metabolismo) P Anni 30-45:

Dettagli

Lo sviluppo del cancro è un processo complesso che coinvolge parecchi cambiamenti nella stessa cellula staminale. Poiché tutte le cellule staminali

Lo sviluppo del cancro è un processo complesso che coinvolge parecchi cambiamenti nella stessa cellula staminale. Poiché tutte le cellule staminali Tumore Cos è il tumore? Il tumore o neoplasia (dal greco neo,, nuovo, e plasìa,, formazione), o cancro se è maligno, è una classe di malattie caratterizzate da una incontrollata riproduzione di alcune

Dettagli

Cellule staminali. inal GmbH SWISS BIOTECHNOLOGY. dal tuo tessuto adiposo. Salute Benessere Bellezza

Cellule staminali. inal GmbH SWISS BIOTECHNOLOGY. dal tuo tessuto adiposo. Salute Benessere Bellezza Cellule staminali dal tuo tessuto adiposo Crea la tua riserva di cellule staminali adulte non espanse per Salute Benessere Bellezza inal GmbH persona per la quale è previsto l utilizzo in non espanse,

Dettagli

Nei sistemi modello approcci di modificazione genetica che producono o sequenze genetiche alterate o espressione genetica alterata fenotipo alterato.

Nei sistemi modello approcci di modificazione genetica che producono o sequenze genetiche alterate o espressione genetica alterata fenotipo alterato. Nei sistemi modello approcci di modificazione genetica che producono o sequenze genetiche alterate o espressione genetica alterata fenotipo alterato. Correlazione tra fenotipo alterato, o a livello cellulare,

Dettagli

COMMISSIONE TEMPORANEA SULLA GENETICA UMANA E LE ALTRE NUOVE TECNOLOGIE NEL SETTORE DELLA MEDICINA MODERNA

COMMISSIONE TEMPORANEA SULLA GENETICA UMANA E LE ALTRE NUOVE TECNOLOGIE NEL SETTORE DELLA MEDICINA MODERNA COMMISSIONE TEMPORANEA SULLA GENETICA UMANA E LE ALTRE NUOVE TECNOLOGIE NEL SETTORE DELLA MEDICINA MODERNA AUDIZIONE del 26 aprile 2001 Carlos Alonso BEDATE Curriculum accademico Laurea in filosofia Università

Dettagli

Progetto scuola-lavoro Consiglio Nazionale delle Ricerche. Chiara Cuccodoro L.s.s. Francesco d Assisi Classe VE A.s. 2014/2015

Progetto scuola-lavoro Consiglio Nazionale delle Ricerche. Chiara Cuccodoro L.s.s. Francesco d Assisi Classe VE A.s. 2014/2015 Progetto scuola-lavoro Consiglio Nazionale delle Ricerche Chiara Cuccodoro L.s.s. Francesco d Assisi Classe VE A.s. 2014/2015 1 Vaccini a Dna Sono costituiti da un plasmide, cioè un anello di dna, di origine

Dettagli

LE CELLULE STAMINALI: dalla ricerca di base alle applicazioni

LE CELLULE STAMINALI: dalla ricerca di base alle applicazioni LE CELLULE STAMINALI: dalla ricerca di base alle applicazioni Perché ci troviamo oggi a parlare delle cellule staminali? Driesch (fine 800) dimostra la totipotenza dei blastomeri dell embrione embrione

Dettagli

Michaela Luconi, PhD

Michaela Luconi, PhD Michaela Luconi, PhD Unità di Endocrinologia Laboratorio di Biologia Cellulare dell Organo Adiposo Dipartimento di Scienze Biomediche Sperimentali & Cliniche «Mario Serio» michaela.luconi@unifi.it COSA

Dettagli

Approfondimento Biologia IN QUESTO NOSTRO APPROFONDIMENTO SI PARLERÀ DEI SEGUENTI ARGOMENTI: CELLULE STAMINALI & BIOTECNOLOGIE

Approfondimento Biologia IN QUESTO NOSTRO APPROFONDIMENTO SI PARLERÀ DEI SEGUENTI ARGOMENTI: CELLULE STAMINALI & BIOTECNOLOGIE Approfondimento Biologia IN QUESTO NOSTRO APPROFONDIMENTO SI PARLERÀ DEI SEGUENTI ARGOMENTI: CELLULE STAMINALI & BIOTECNOLOGIE Cellule staminali Le cellule staminali sono cellule primitive,dotate della

Dettagli

Cellule staminali Cosa sono, come si ottengono e qual è il loro uso nella terapia rigenerativa

Cellule staminali Cosa sono, come si ottengono e qual è il loro uso nella terapia rigenerativa Uni-ATENeO "Ivana Torretta" - Anno Accademico 2013-2014 Cellule staminali Cosa sono, come si ottengono e qual è il loro uso nella terapia rigenerativa Caterina Bendotti Dept. Neuroscience caterina.bendotti@marionegri.it

Dettagli

Biomarkers per la diagnosi precoce di tumori

Biomarkers per la diagnosi precoce di tumori Università degli Studi di Bari Aldo Moro Dipartimento di Bioscienze, Biotecnologie e Biofarmaceutica Biomarkers per la diagnosi precoce di tumori Dott.ssa Maria Luana Poeta Cos è un Tumore Omeostasi Tissutale

Dettagli

Cos è una cellula staminale

Cos è una cellula staminale Cos è una cellula staminale Le cellule staminali sono cellule primitive non specializzate dotate della singolare capacità di trasformarsi in qualunque altro tipo di cellula del corpo. Esistono 4 tipi di

Dettagli

Il DNA: la molecola della vita

Il DNA: la molecola della vita Il DNA: la molecola della vita Gli acidi nucleici comprendono il DNA (acido desossiribonucleico) e l RNA (acido ribonucleico). Sono costituiti da molecole molto grandi, formate da unità dette nucleotidi,

Dettagli

Cellule staminali e ricostruzione d'organo

Cellule staminali e ricostruzione d'organo Cellule staminali e ricostruzione d'organo Marina Morigi, Barbara Imberti Laboratorio Biologia Cellulare e Xenotrapianto, NegriBergamo Il trapianto d organo spesso rappresenta l unica scelta terapeutica

Dettagli

Breve presentazione dei momenti più interessanti e significativi che hanno caratterizzato questa esperienza.

Breve presentazione dei momenti più interessanti e significativi che hanno caratterizzato questa esperienza. Nell ambito del progetto GENETICA e DNA sono stati studiati gli aspetti della medicina rigenerativa in riferimento alle cellule staminali. Il 24 aprile 2012 ci siamo recati presso il Dipartimento di Istologia

Dettagli

LA PRIMA SETTIMANA. La segmentazione

LA PRIMA SETTIMANA. La segmentazione LA PRIMA SETTIMANA La segmentazione Embrioni di topo a diversi stadi di sviluppo. LA PRIMA globulo polare SETTIMANA A, uovo fecondato; B, C e D, stadi a 2, 4 e 8 blastomeri. LA PRIMA SETTIMANA 24-30 ore

Dettagli

Liceo Scientifico Tecnologico N. Scarano Prof.ssa Serena Scarano Amicone Sara, Guidone Antonio, Ciafardini Antonio, Di Lisa Nicola, Griguoli Mario,

Liceo Scientifico Tecnologico N. Scarano Prof.ssa Serena Scarano Amicone Sara, Guidone Antonio, Ciafardini Antonio, Di Lisa Nicola, Griguoli Mario, Liceo Scientifico Tecnologico N. Scarano Prof.ssa Serena Scarano Amicone Sara, Guidone Antonio, Ciafardini Antonio, Di Lisa Nicola, Griguoli Mario, Colella Sara, Amicone Alessia Cellule staminali CELLULE

Dettagli

immagine Biologia applicata alla ricerca bio-medica Materiale Didattico Docente: Di Bernardo

immagine Biologia applicata alla ricerca bio-medica Materiale Didattico Docente: Di Bernardo Esperto in processi innovativi di sintesi biomolecolare applicata a tecniche di epigenetica Materiale Didattico Biologia applicata alla ricerca bio-medica immagine Docente: Di Bernardo Per animali transgenici

Dettagli

DIFFERENZIAMENTO E COMUNICAZIONE TRA CELLULE - LE CELLULE STAMINALI. www.fisiokinesiterapia.biz

DIFFERENZIAMENTO E COMUNICAZIONE TRA CELLULE - LE CELLULE STAMINALI. www.fisiokinesiterapia.biz DIFFERENZIAMENTO E COMUNICAZIONE TRA CELLULE - LE CELLULE STAMINALI www.fisiokinesiterapia.biz sito dell NIH sulle cellule staminali in genere http://stemcells.nih.gov/info/basics/basics4.asp sito completo

Dettagli

LEZIONE 4 area biologica. Le cellule staminali

LEZIONE 4 area biologica. Le cellule staminali Corso di Comunicazione delle Scienze 2011 Lunedi 30 maggio LEZIONE 4 area biologica Le cellule staminali Yuri Bozzi, PhD bozzi@science.unitn.it Laboratorio di Neuropatologia Molecolare CIBIO, Università

Dettagli

Ricerca scientifica e Cellule Staminali

Ricerca scientifica e Cellule Staminali Ricerca scientifica e Cellule Staminali Come studenti di questo Liceo Scientifico sarete, spero, naturalmente portati alla curiosità verso ciò che non sapete, ciò che non è ancora stato scoperto e ciò

Dettagli

staminali Ricercatore su cellule

staminali Ricercatore su cellule Ricercatore su cellule staminali Ci sono molte buone ragioni per accettare questo progetto: La ricerca sulle cellule staminali embrionali offre la possibilità di accrescere le nostre conoscenze sulle cellule

Dettagli

MEDICINA RIGENERATIVA CELLULARE Il progresso delle cellule staminali

MEDICINA RIGENERATIVA CELLULARE Il progresso delle cellule staminali Uni-ATENeO "Ivana Torretta" - Anno Accademico 2010-2011 MEDICINA RIGENERATIVA CELLULARE Il progresso delle cellule staminali Caterina Bendotti Dip. Neuroscienze Nerviano, 10 Febbraio 2011 Da dove originano

Dettagli

Cellule staminali e invecchiamento

Cellule staminali e invecchiamento Cellule staminali e invecchiamento Ilaria Zanardi IBF CNR Genova Cellule staminali e invecchiamento di Ilaria Zanardi @ IBF- CNR Genova La popolazione del mondo sta invecchiando rapidamente. Entro il 2050,

Dettagli

Le cellule cancerose

Le cellule cancerose Le cellule cancerose Cosa è il cancro? Malattia che insorge in conseguenza di anomalie della funzionalità cellulare E la Seconda causa di morte si possono sviluppare in quasi tutti gli organi Le diverse

Dettagli

Tumore (gonfiore) o neoplasia (nuova crescita):

Tumore (gonfiore) o neoplasia (nuova crescita): Tumore (gonfiore) o neoplasia (nuova crescita): *popolazione cellulare di nuova formazione che ha preso origine quasi sempre da una sola cellula somatica dell organismo, colpita da una serie sequenziale

Dettagli

Conoscenza delle tecniche per studiare le cellule in coltura

Conoscenza delle tecniche per studiare le cellule in coltura Corso di Laurea in Biotecnologie Tecnologie per linee cellulari e staminali Docente: Grazyna Ptak Ricevimento: per appuntamento; contatto: e-mail: gptak@unite.it Obiettivo del corso: Conoscenza delle tecniche

Dettagli

TOSSICOLOGIA. TOSSICO Ogni sostanza capace di provocare in un organismo modificazioni funzionali DANNOSE mediante una azione fisica o chimica.

TOSSICOLOGIA. TOSSICO Ogni sostanza capace di provocare in un organismo modificazioni funzionali DANNOSE mediante una azione fisica o chimica. TOSSICOLOGIA COS E UN FARMACO? - ogni sostanza capace di provocare in un organismo modificazioni funzionali mediante un azione fisica o chimica. - Per l OMS è farmaco una sostanza o un prodotto utilizzato

Dettagli

Cellule, tessuti, organi ed apparati

Cellule, tessuti, organi ed apparati LE CELLULE UMANE Il corpo umano contiene circa 100 000 miliardi di cellule che si uniscono a formare i tessuti e più tessuti formano organi come i muscoli, il cervello, il fegato, ecc. EMBRIOLOGIA-UNIPG

Dettagli

Vengono definiti STATI DI PRE EMBRIONE i seguenti: 2 cellule: ZIGOTE

Vengono definiti STATI DI PRE EMBRIONE i seguenti: 2 cellule: ZIGOTE Vengono definiti STATI DI PRE EMBRIONE i seguenti: cavità blastocelica ICM 2 cellule: ZIGOTE 8 16 cellule: MORULA: inizia la sintesi attiva di RNA e proteine trofectoderma BLASTOCISTI 32 64 cellule: BLASTOCISTI:

Dettagli

Ogni individuo è diverso dai propri simili..

Ogni individuo è diverso dai propri simili.. GENETICA Ogni individuo è diverso dai propri simili.. Per identificare un individuo qualche tempo fa si usavano le impronte digitali Oggi si esamina il DNA Ma cos è il DNA? Il DNA o Acido DesossiriboNucleico

Dettagli

Che significa animale transgenico o animale Knockout???

Che significa animale transgenico o animale Knockout??? Che significa animale transgenico o animale Knockout??? ORGANISMI TRANSGENICI Gli animali che sono stati ingegnerizzati per inserzione di un gene, delezione di un gene o sostituzione di un gene si chiamano

Dettagli

GUIDA PER COPPIE DI TALASSEMICI ETEROZIGOTI (A CURA DELLA REGIONE LOMBARDIA) PREFAZIONE

GUIDA PER COPPIE DI TALASSEMICI ETEROZIGOTI (A CURA DELLA REGIONE LOMBARDIA) PREFAZIONE GUIDA PER COPPIE DI TALASSEMICI ETEROZIGOTI (A CURA DELLA REGIONE LOMBARDIA) Le informazioni fornite attraverso queste pagine, sono state tratte da un opuscolo pubblicato e curato dal Gruppo di Lavoro

Dettagli

Come nasce un tumore. La cellula "impazzisce"

Come nasce un tumore. La cellula impazzisce Come nasce un tumore La cellula "impazzisce" Non si può parlare di un'unica malattia chiamata cancro, ma di diversi tipi di malattie, che hanno cause diverse e distinte, che colpiscono organi e tessuti

Dettagli

B.A.M.C.O MANTOVA 28 GENNAIO 2013. CELLULE STAMINALI E MALATTIE NEURODEGENERATIVE: stato dell arte e prospettive future. CHIARA FORONI, Ph.D.

B.A.M.C.O MANTOVA 28 GENNAIO 2013. CELLULE STAMINALI E MALATTIE NEURODEGENERATIVE: stato dell arte e prospettive future. CHIARA FORONI, Ph.D. B.A.M.C.O MANTOVA 28 GENNAIO 2013 CELLULE STAMINALI E MALATTIE NEURODEGENERATIVE: stato dell arte e prospettive future CHIARA FORONI, Ph.D. Sì, ma io sono così confusa Sai, quando ero una piccola cellula

Dettagli

Differenziamento Cellule Staminali

Differenziamento Cellule Staminali Differenziamento Cellule Staminali Differenziamento Tutte le cellule hanno funzioni di base Respirazione, crescita, divisione, sintesi La maggior parte ha inoltre delle capacità particolari 200 differenti

Dettagli

Dr. med. Lucio Bronz FMH Ostretricia e medicina feto-materno Piazza Indipendenza 4 6500 Bellinzona www.drbronz.ch TEST PRENATALI

Dr. med. Lucio Bronz FMH Ostretricia e medicina feto-materno Piazza Indipendenza 4 6500 Bellinzona www.drbronz.ch TEST PRENATALI Dr. med. Lucio Bronz FMH Ostretricia e medicina feto-materno Piazza Indipendenza 4 6500 Bellinzona www.drbronz.ch TEST PRENATALI Introduzione Cromosoma Cellula Nucleo Ormai a tutti è noto il ruolo del

Dettagli

INDICE. VOLUME 1 Cellula. VOLUME 2 Genetica. Capitolo 9 Comunicazione cellulare 181. Capitolo 1 Introduzione alla biologia 1

INDICE. VOLUME 1 Cellula. VOLUME 2 Genetica. Capitolo 9 Comunicazione cellulare 181. Capitolo 1 Introduzione alla biologia 1 00PrPag_Vol_02_BROOKER 30/07/10 11:22 Pagina V VOLUME 1 Cellula Capitolo 1 Introduzione alla biologia 1 PARTE I Capitolo 2 Chimica Basi chimiche della vita I: atomi, molecole e acqua 19 Capitolo 3 Basi

Dettagli

Cellule impiegate nell Ingegneria dei tessuti

Cellule impiegate nell Ingegneria dei tessuti Cellule impiegate nell Ingegneria dei tessuti La cellula La cellula è l unità strutturale e funzionale più piccola degli esseri viventi capace di esistenza indipendente. La cellula in genere interagisce

Dettagli

VADEMECUM PER COPPIE PORTATRICI DI TALASSEMIA

VADEMECUM PER COPPIE PORTATRICI DI TALASSEMIA VADEMECUM PER COPPIE PORTATRICI DI TALASSEMIA Questo vademecum non ha alcuna pretesa medica, ma intende essere uno strumento informativo di base per le coppie portatrici di talassemia. Invitiamo gli interessati

Dettagli

TEST Lo Studente Ricercatore edizione 2011

TEST Lo Studente Ricercatore edizione 2011 TEST Lo Studente Ricercatore edizione 2011 1. A chi soffre di colesterolo elevato è sconsigliato mangiare i crostacei, che ne contengono una quantità elevata. Dovrà pertanto eliminare dal suo menù soprattutto

Dettagli

Le cellule staminali, caratteristiche biologiche, prospettive terapeutiche e conseguenti problemi etici

Le cellule staminali, caratteristiche biologiche, prospettive terapeutiche e conseguenti problemi etici Le cellule staminali, caratteristiche biologiche, prospettive terapeutiche e conseguenti problemi etici Definizione e caratteristiche delle cellule staminali. A tutt oggi non esiste ancora una definizione

Dettagli

1. Capacità di autorinnovamento illimitato

1. Capacità di autorinnovamento illimitato 1. Capacità di autorinnovamento illimitato 2. Capacità di dare origine in risposta a stimoli adeguati e specifici a cellule progenitrici di transito dalle quali discendono popolazioni di cellule altamente

Dettagli

LE CELLULE STAMINALI: dalla ricerca di base alle applicazioni

LE CELLULE STAMINALI: dalla ricerca di base alle applicazioni LE CELLULE STAMINALI: dalla ricerca di base alle applicazioni Perché ci troviamo oggi a parlare delle cellule staminali? Driesch (fine 800) dimostra la totipotenza dei blastomeri dell embrione precoce

Dettagli

Meccanismi di trasporto attivo e passivo 1

Meccanismi di trasporto attivo e passivo 1 Meccanismi di trasporto attivo e passivo 1 Il trasporto di sostanze attraverso la membrana cellulare può avvenire con la partecipazione attiva della membrana: in questo caso si parla di trasporto attivo

Dettagli

LA GENETICA: DNA e RNA LA GENETICA. DNA e RNA. Prof. Daniele Verri

LA GENETICA: DNA e RNA LA GENETICA. DNA e RNA. Prof. Daniele Verri LA GENETICA DNA e RNA Prof. Daniele Verri L'acido desossiribonucleico o deossiribonucleico (DNA) è un acido nucleico che contiene le informazioni necessarie per la formazione di RNA e proteine. LA GENETICA:

Dettagli

Riproduzione e ciclo cellulare

Riproduzione e ciclo cellulare CAPITOLO 7 Riproduzione e ciclo cellulare Gli organismi pluricellulari complessi, come l essere umano, sono formati da miliardi di cellule diverse che svolgono funzioni specifiche: difendono da agenti

Dettagli

Nozioni di base. cromosoma. 2. I cromosomi sono composti dal DNA. Ogni essere vivente è composto di cellule DNA. corpo cellulare

Nozioni di base. cromosoma. 2. I cromosomi sono composti dal DNA. Ogni essere vivente è composto di cellule DNA. corpo cellulare Nozioni di base cromosoma Ogni essere vivente è composto di cellule 2. I cromosomi sono composti dal DNA batterio cellula vegetale cellula muscolare cellula nervosa DNA corpo cellulare 1. I geni sono situati

Dettagli

DMM SCIENTIFIC MEETING PADOVA, 29-30 MAGGIO 2014

DMM SCIENTIFIC MEETING PADOVA, 29-30 MAGGIO 2014 DMM SCIENTIFIC MEETING PADOVA, 29-30 MAGGIO 2014 DMM SCIENTIFIC MEETING - PADOVA, 29-30 MAGGIO 2014 QUESTIONARIO RISPOSTE CORRETTE 1. I vaccini a DNA sono potenziati dall uso della elettroporazione in

Dettagli

Classe 2^D A.S. 2003/2004. Scuola Media Statale Vibo Marina

Classe 2^D A.S. 2003/2004. Scuola Media Statale Vibo Marina Classe 2^D A.S. 2003/2004 Scuola Media Statale Vibo Marina 1 Presentazione Introduzione La composizione del sangue Cos è il midollo osseo Alcune malattie del sangue: anemia mediterranea e leucemia. Il

Dettagli

LE NUOVE FRONTIERE DELLA MEDICINA LE CELLULE STAMINALI

LE NUOVE FRONTIERE DELLA MEDICINA LE CELLULE STAMINALI LE NUOVE FRONTIERE DELLA MEDICINA LE CELLULE STAMINALI DEFINIZIONE DI CELLULA STAMINALE Le cellule staminali si caratterizzano per le loro capacità biologiche. Capacità di automantenimento: sono in grado

Dettagli

Diagnosi prenatale di malattie geneticamente trasmissibili. Trasferimento genico. Terapia genica DNA per l ambiente

Diagnosi prenatale di malattie geneticamente trasmissibili. Trasferimento genico. Terapia genica DNA per l ambiente Diagnosi prenatale di malattie geneticamente trasmissibili Distrofia muscolare Fibrosi cistica Corea di Huntington Trasferimento genico Insulina Ormone della crescita Eritropoietina Terapia genica DNA

Dettagli

Un paziente su cinque con cancro al polmone sopravvive dopo 3 anni

Un paziente su cinque con cancro al polmone sopravvive dopo 3 anni http://salute24.ilsole24ore.com/articles/17936-un-paziente-su-cinque-con-cancro-al-polmone-sopravvive-dopo-3-anni Un paziente su cinque con cancro al polmone sopravvive dopo 3 anni Un paziente su cinque,

Dettagli

Genoma umano: illusioni, realtà, prospettive

Genoma umano: illusioni, realtà, prospettive Genoma umano: illusioni, realtà, prospettive Giovedì 15 Marzo 2007 - ore 17.30 Istituto Veneto di Scienze, Lettere ed Arti - Venezia Giuseppe Borsani e Gerolamo Lanfranchi, coordina Fabio Pagan Il flusso

Dettagli

GENETICA seconda parte

GENETICA seconda parte GENETICA seconda parte I cromosomi sono lunghe molecole di una sostanza l acido desossiribonucleico. DNA Il DNA è una lunga catena fatta da due lunghi fili avvolti su se stessi a doppia elica. Sembra una

Dettagli

La divisione cellulare e la riproduzione degli organismi Parte I: Mitosi

La divisione cellulare e la riproduzione degli organismi Parte I: Mitosi La divisione cellulare e la riproduzione degli organismi Parte I: Mitosi 1 La divisione cellulare Permette agli organismi di accrescersi e sostituire le cellule morte ed è alla base della riproduzione.

Dettagli

CHE COSA SONO APPLICAZIONI TERAPEUTICHE LE NUOVE FRONTIERE DELLA RICERCA LE CELLULE STAMINALI E IL CASO VANNONI OPINIONI E DIALETTICA

CHE COSA SONO APPLICAZIONI TERAPEUTICHE LE NUOVE FRONTIERE DELLA RICERCA LE CELLULE STAMINALI E IL CASO VANNONI OPINIONI E DIALETTICA LE CELLULE STAMINALI CHE COSA SONO APPLICAZIONI TERAPEUTICHE LE NUOVE FRONTIERE DELLA RICERCA LE CELLULE STAMINALI E IL CASO VANNONI OPINIONI E DIALETTICA CHE COSA SONO Le cellule staminali sono cellule

Dettagli

Scritto da RyderItalia Mercoledì 12 Maggio 2010 11:19 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 03 Novembre 2010 15:57

Scritto da RyderItalia Mercoledì 12 Maggio 2010 11:19 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 03 Novembre 2010 15:57 LA TERAPIA METRONOMICA Per oltre mezzo secolo, la terapia sistemica per i tumori è stata caratterizzata dalla somministrazione dei farmaci chemioterapici. La maggior parte di questi farmaci ha lo scopo

Dettagli

20 febbraio 2012. Muore Renato Dulbecco

20 febbraio 2012. Muore Renato Dulbecco 20 febbraio 2012 Muore Renato Dulbecco la possibilità di avere una visione completa e globale del nostro DNA ci aiuterà a comprendere le influenze genetiche e non genetiche sul nostro sviluppo, la nostra

Dettagli

La parola clonazione deriva dal greco klon che significa germoglio o ramoscello.

La parola clonazione deriva dal greco klon che significa germoglio o ramoscello. CHE COSA SI INTENDE PER CLONAZIONE? La clonazione è diventata un argomento popolare grazie al caso della pecora Dolly. Da allora, anche se della questione si parla frequentemente, troppo spesso non si

Dettagli

Regolamento didattico del Corso di Laurea magistrale in Biotecnologie Mediche

Regolamento didattico del Corso di Laurea magistrale in Biotecnologie Mediche Regolamento didattico del Corso di Laurea magistrale in Biotecnologie Mediche 1. Denominazione e durata del Corso di Laurea Il Corso di Laurea magistrale o specialistica in Biotecnologie Mediche appartiene

Dettagli

Glossario essenziale a cura di Salvino Leone

Glossario essenziale a cura di Salvino Leone Glossario essenziale a cura di Salvino Leone I molti termini tecnici usati dagli addetti ai lavori in materia di procreazione assistita non sono usuali. Ne proponiamo un elenco che pur non essendo completo

Dettagli

Normale controllo della crescita cellulare

Normale controllo della crescita cellulare Normale controllo della crescita cellulare STOP STOP Cellula normale STOP Alterato controllo della crescita cellulare X STOP STOP Cellula tumorale STOP X Le cellule tumorali presentano alterazioni cromosomiche

Dettagli

Chi siamo. Concorso ADMO 2007. Introduzione. Le nostre riflessioni. Ringraziamenti. Classi 1^C e 2^C Scuola Media Statale Vibo Marina

Chi siamo. Concorso ADMO 2007. Introduzione. Le nostre riflessioni. Ringraziamenti. Classi 1^C e 2^C Scuola Media Statale Vibo Marina Classi 1^C e 2^C Scuola Media Statale Vibo Marina a.s. 2006/2007 Il midollo osseo e il sangue L Anemia mediterranea La leucemia La speranza Concorso ADMO 2007 L ADMO Chi siamo Introduzione Chi è il donatore

Dettagli

Terapie a bersaglio molecolare nel tumore del polmone

Terapie a bersaglio molecolare nel tumore del polmone Terapie a bersaglio molecolare nel tumore del polmone Indice 1. Introduzione 2. Cosa sono le targeted therapies? 3. Come funzionano le targeted therapies? 4. Perché utilizzare le targeted therapies nel

Dettagli

La genetica è la disciplina che si occupa della trasmissione dei caratteri ereditari Si divide in:

La genetica è la disciplina che si occupa della trasmissione dei caratteri ereditari Si divide in: La genetica La genetica è la disciplina che si occupa della trasmissione dei caratteri ereditari Si divide in: 1. Genetica mendeliana 2. Genetica citoplasmatica 3. Citogenetica 4. La genetica delle popolazioni

Dettagli

Effetti di correnti ad alta frequenza e bassa intensità: biostimolazione e rigenerazione cellulare

Effetti di correnti ad alta frequenza e bassa intensità: biostimolazione e rigenerazione cellulare UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA Dipartimento di Anatomia e Fisiologia Umana Department of Human Anatomy and Physiology Effetti di correnti ad alta frequenza e bassa intensità: biostimolazione e rigenerazione

Dettagli

LEUCEMIE tessuto ematopoieitico MIELOMI. più precisamente!

LEUCEMIE tessuto ematopoieitico MIELOMI. più precisamente! LEUCEMIE tessuto ematopoieitico MIELOMI più precisamente! TUMORI EVOLUZIONE E SELEZIONE CLONALE Cambiano: Velocita proliferazione Velocità di mutazione Stabilità genetica Attività telomerasica Vantaggi

Dettagli

Taglia - e - incolla il DNA: Riparare le mutazioni con 'l editing genomico' DNA, RNA e proteina

Taglia - e - incolla il DNA: Riparare le mutazioni con 'l editing genomico' DNA, RNA e proteina Novità dalla ricerca sulla Malattia di Huntington In un linguaggio semplice. Scritto da ricercatori. Per la comunità mondiale MH. Taglia - e - incolla il DNA: Riparare le mutazioni con 'l editing genomico'

Dettagli

APPROFONDIMENTO PROGETTO DI RICERCA IRST IRCCS cod. L3P923

APPROFONDIMENTO PROGETTO DI RICERCA IRST IRCCS cod. L3P923 APPROFONDIMENTO PROGETTO DI RICERCA IRST IRCCS cod. L3P923 Titolo del progetto Studio dell'interazione tra le cellule del midollo osseo e le cellule tumorali del cancro alla mammella in piattaforme tridimensionali

Dettagli

Le cellule staminali sono i precursori delle altre cellule. Esse entrano in azione durante la fase di accrescimento e di sviluppo del feto e quando c

Le cellule staminali sono i precursori delle altre cellule. Esse entrano in azione durante la fase di accrescimento e di sviluppo del feto e quando c CELLULE STAMINALI Le cellule staminali sono i precursori delle altre cellule. Esse entrano in azione durante la fase di accrescimento e di sviluppo del feto e quando c è la necessità di riparare un tessuto

Dettagli