INDICE 1 PREMESSE 3 2 INQUADRAMENTO GENERALE 3

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "INDICE 1 PREMESSE 3 2 INQUADRAMENTO GENERALE 3"

Transcript

1

2 N1 SEGNALETICA TURISTICA UNITARIA TESA A EVIDENZIARE LE VALENZE INDICE 1 PREMESSE 3 2 INQUADRAMENTO GENERALE 3 3 ELEMENTI DI SEGNALETICA Totem monomaterico a lastra piegata Totem a lastra con fissaggio a palo Totem monomaterico bifacciale a bandiera Specifiche tecniche e realizzative 6 4 FINANZIAMENTO DELLA FORNITURE 7 5 APPROVAZIONE ENTI 7 2/7

3 N1 SEGNALETICA TURISTICA UNITARIA TESA A EVIDENZIARE LE VALENZE 1 PREMESSE Il sistema dei Navigli è costituito da una rete di canali dallo sviluppo complessivo di oltre 160 km e dalle relative strade di servizio lungo gli argini (le cosiddette alzaie). Le alzaie, pur essendo quotidianamente percorse da innumerevoli persone e mezzi, non fanno parte della normale rete stradale pubblica, risultando perciò prive di qualsiasi segnaletica informativa. In relazione a quanto sopra, l intervento oggetto progetto è di dotare l intero sistema della rete dei Navigli nonché i percorsi che dai Navigli si diramano verso i principali centri di interesse storico, architettonico, naturalistico, culturale e ricreativo di elementi segnaletici con informazioni circa le emergenze territoriali e il posizionamento geografico. Il sistema informativo segnaletico è stato ideato attraverso la declinazione declinazioni, in accordo con i luoghi e il contenuto stesso delle informazioni, di progetto grafico unitario e coordinato. Oltre alle informazioni espresse graficamente dalla segnaletica, l intervento è funzionale anche alla installazione degli elementi di hardware di una futura rete multimediale (es. ripetitori segnali TAG RFID, ripetitori per zone WI-FI, ecc.): quest ultime forniture, comunque, sono esplicitamente escluse dall appalto. La verifica della cartografia esistente, effettuata attraverso sopralluoghi puntuali, ha permesso l individuazione dei posizionamenti della futura segnaletica; il risultato di questo studio è stato restituito graficamente cartografie con indicazione di ogni singolo posizionamento (elaborati serie I) e schede monografiche puntuali per ogni segnaletica (elaborati serie RF). Parallelamente all individuazione dei posizionamenti è stato eseguito lo studio grafico tipologico della segnaletica (elaborati serie G) e il progetto dei sostegni della cartellonistica con indicazioni in merito al dimensioni, ai materiali e ai sistemi di posa (elaborati serie A). 2 INQUADRAMENTO GENERALE L area oggetto dell intervento si colloca nella media e bassa pianura milanese, area caratterizzata dalla presenza di un fitto reticolo idrografico di origine antropica e, in particolare, dal sistema dei Navigli Lombardi. Il Sistema dei Navigli comprende 160 chilometri di canali artificiali che interessano prevalentemente le province di Milano e Pavia e marginalmente le province di Varese e Lecco, attraversando 51 Comuni (compreso Milano), il Parco della Valle del Ticino, il Parco Agricolo Sud Milano e il Parco Adda Nord. Naviglio Grande, Naviglio Pavese, Naviglio di Bereguardo, Naviglio della Martesana e Naviglio di Paderno sono i cinque canali del sistema dei Navigli che, alimentati dai fiumi Adda e Ticino, mettono in relazione Milano, Pavia e molti altri centri urbani e collegano il capoluogo lombardo ad alcune delle mete turistiche più belle della Lombardia. 3/7

4 N1 SEGNALETICA TURISTICA UNITARIA TESA A EVIDENZIARE LE VALENZE Immagine 1 Il sistema dei Navigli Lombardi (Elaborazione grafica a cura di Navigli Lombardi S.c.a.r.l.) Le alzaie del sistema dei navigli costituiscono un ruolo fondamentale per la manutenzione e la fruizione dei navigli stessi: le numerose piste ciclabili che si snodano sui percorsi delle alzaie risultano però totalmente prive di segnaletica che fornisca informazioni utili sul contesto. In riferimento alle emergenze territoriali si evidenzia che su tutta la rete dei Navigli è consistente la presenza di un grande patrimonio architettonico, storico e monumentale nonché di diversi siti di rilievo paesaggistico. L intervento oggetto del presente progetto si pone quindi a soluzione di questa lacuna e mira alla creazione di una segnaletica di riferimento che fornisca: segnalazioni turistiche in merito alle emergenze territoriali; segnalazioni direzionale; segnalazioni posizionali. 4/7

5 N1 SEGNALETICA TURISTICA UNITARIA TESA A EVIDENZIARE LE VALENZE Immagine 2 Esempi di alzaie, percorsi ciclopedonali ed emergenze storiche. 3 ELEMENTI DI SEGNALETICA Gli elementi di segnaletica oggetto della fornitura sono stati ideati con i seguenti obiettivi: migliorare la fruizione ciclopedonale su tutte le tratte che si intersecano con le alzaie; valorizzare i siti di pregio e le opere storiche ed architettoniche presenti lungo il sistema dei Navigli; rendere omogenea la segnaletica. Nello specifico, sono previsti 178 segnali afferenti alle seguenti tipologie: 3.1 Totem monomaterico a lastra piegata; Totem monomaterico a lastra con fissaggio a palo; Totem monomaterico bifacciale a bandiere. Totem monomaterico a lastra piegata Il succitato totem è formato da una pannello in ferro zincato di spessore 10 mm, piegata a formare il basamento di appoggio. Di altezza da terra di 190 cm, il pannello avrà larghezza variabile (35 cm 5/7

6 N1 SEGNALETICA TURISTICA UNITARIA TESA A EVIDENZIARE LE VALENZE o 45 cm) in funzione rispettivamente della presenza o meno di cartine a supporto del testo informativo. La parte informativa, posizionata sulla faccia principale del totem, è di tipo serigrafico a due colori. I loghi saranno invece stampati su pellicola adesiva trasparente e posizionati come da progetto grafico tipologico allegato (si vedano per dettagli le tavole serie G). Tale tipologia di totem saranno messi in opera in relazione alla tipologia dei piani di posa mediante: Fissaggio con tasselli: nei casi di pavimentazioni che lo consentano (pavimentazione in pietra, asfalto etc.), il fissaggio avverrà mediante tasselli di opportuno diametro, in numero e profondità variabili a seconda della pavimentazione (per dettagli si veda TAV A 01 e TAV A 05). Fissaggio con plinto: ovunque non sia possibile il fissaggio mediante tassellatura, si prevede la realizzazione di apposito plinto armato (per dettagli si veda TAV A 01 e TAV A 05). 3.2 Totem a lastra con fissaggio a palo In contesti urbani, in posizioni con poco agio dove non sia possibile l utilizzo di totem a lastra piegata, si prevede l utilizzo di totem monofacciali fissati a palo. In questo caso, la piastra di supporto grafico è costituita da una lastra in ferro zincato di 2 mm di spessore, 190 cm di altezza e larghezza variabile (35 o 45 cm) a seconda della presenza o meno di cartine a supporto del testo informativo. La lastra sarà sostenuta da un tubolare in ferro zincato di 60 mm di diametro e 180 cm di lunghezza (fuori terra) ancorato ad essa attraverso quattro sostegni elettrosaldati; il tubolare verrà fissato a terra con idonea fondazione in calcestruzzo (per dettagli si veda TAV A 03 e TAV A 05). La parte informativa, posizionata sulla faccia principale del totem, è di tipo serigrafico a due colori. I loghi saranno invece stampati su pellicola adesiva trasparente e posizionati come da progetto grafico tipologico allegato (si vedano per dettagli le tavole serie G). 3.3 Totem monomaterico bifacciale a bandiera I totem bifacciali sono composti da un supporto verticale formato da due profili ad L di dimensioni 80x40 mm accoppiati e da una lastra di ferro zincato di spessore 5 mm e altezza 190 cm. I pannelli illustrativi comprensivi di mappa a corredo del testo avranno una larghezza complessiva di 53 cm, di cui 8 di ancoraggio della struttura laterale e 45 a disposizione della grafica, mentre i cartelli privi di mappa avranno una lastra disponibile da 35 cm e 8 cm per il fissaggio per un totale di 43 cm. L ancoraggio al suolo di questo tipo totem, il cui utilizzo è destinato ai percorsi extraurbani lungo gli argini dei navigli, avverrà tramite un plinto in calcestruzzo con piastra e tirafondi (per dettagli si veda TAV A 04 e TAV A 05). La parte informativa, posizionata su entrambe le facce del totem, è di tipo serigrafico a due colori. I loghi saranno invece stampati su pellicola adesiva trasparente e posizionati come da progetto grafico tipologico allegato (si vedano per dettagli le tavole serie G). 3.4 Specifiche tecniche e realizzative Per dettagli in merito all entità e consistenza delle forniture e la posizione di posa dei singoli manufatti, si rimanda: alle tavole di inquadramento serie I; agli elaborati di rilievo fotografico serie RF; alle specifiche capitolari e, specificatamente, all allegato Lista forniture al Caratteristiche tecniche - Capitolato speciale prestazionale e descrittivo, elaborato CT. Per specifiche in merito alle modalità realizzative e costruttive dei totem e degli elementi accessori e in merito alle modalità di messa in opera, si rimanda: 6/7

7 N1 SEGNALETICA TURISTICA UNITARIA TESA A EVIDENZIARE LE VALENZE alle tavole serie A; alle specifiche in materia contenute nel Caratteristiche tecniche - Capitolato speciale prestazionale e descrittivo, elaborato CT. Per specifiche in merito alla parte grafica e informativa dei segnali, si rimanda alla consultazione degli elaborati grafici afferenti al progetto grafico tipologico, elaborati serie G. In merito, si segnala che il progetto esecutivo grafico, contenente specifiche in merito alla grafica di ogni singolo segnale previsto in appalto, sarà consegnato solo successivamente all aggiudicazione dell appalto. 4 FINANZIAMENTO DELLA FORNITURE Le opere e i manufatti oggetto dell appalto saranno finanziati: in parte mediante il Contributo Finanziario Asse 4 Fondo per lo sviluppo e la coesione e la competitività (FESR ), relativamente ai comuni c.d. ammissibili ; in parte mediante fondi interni di Navigli lombardi Scarl relativamente ai comuni non ammissibili (Milano, Inzago, Bussero, Gessate, Bellinzago Lombardo, Vimodrone, Giussago, Certosa di Pavia, Vellezzo Bellini, Borgarello e Casorate Primo). 5 APPROVAZIONE ENTI In calce alla presente, si allegano i pareri e le autorizzazioni in merito al progetto rilasciate dai seguenti enti: Consorzio di Bonifica Est Ticino Villoresi; Parco Adda Nord; Ministero per i Beni e le Attività Culturali Soprintendenza per i Beni Architettonici e Paesaggistici di Milano; Parco Lombardo della Valle del Ticino. 7/7

8 N1 SEGNALETICA TURISTICA UNITARIA TESA A EVIDENZIARE LE VALENZE Allegato Pareri e autorizzazioni enti

9

10

11

12

13

Progetto integrato d area per la realizzazione di un programma di interventi infrastrutturali e di valorizzazione turistica, ambientale e culturale

Progetto integrato d area per la realizzazione di un programma di interventi infrastrutturali e di valorizzazione turistica, ambientale e culturale Progetto integrato d area per la realizzazione di un programma di interventi infrastrutturali e di valorizzazione turistica, ambientale e culturale del sistema dei Navigli e delle vie d acque lombarde

Dettagli

AGENZIA REGIONALE DI PROTEZIONE CIVILE

AGENZIA REGIONALE DI PROTEZIONE CIVILE SOMMARIO 1 1.1 1.2 1.3 1.4 MARCHIO Costruzione tecnica Esempi di leggibilità e riduzione Versione a colori Versione in bianco e nero pag. 3 pag. 4 pag. 5 pag. 5 2 2.1.1.2.3.4.5.6 2.3 2.3.1 2.3.2 2.4 2.4.1

Dettagli

Provincia di Milano. IL DIRIGENTE Arch. Antonio Panzarino. IL VICESINDACO Errico Gaeta

Provincia di Milano. IL DIRIGENTE Arch. Antonio Panzarino. IL VICESINDACO Errico Gaeta Provincia di Milano CONCESSIIONII PER OCCUPAZIIONE DEL SUOLO PUBBLIICO CON IIMPIIANTII PUBBLIICIITARII MODALIITÀ PROCEDURALII A PRECIISAZIIONE DEL Regolamento per l applicazione del canone sulla pubblicità

Dettagli

Segnaletica Aree Protette

Segnaletica Aree Protette PREMESSA Gli elementi di individuazione e segnalazione nella rete escursionistica di un area protetta, riportati nel presente elaborato, sono stati estrapolati dall abaco dell Ente e rappresentano il punto

Dettagli

CITTÀ di FABRIANO PROVINCIA DI ANCONA

CITTÀ di FABRIANO PROVINCIA DI ANCONA CITTÀ di FABRIANO PROVINCIA DI ANCONA Settore Assetto e Tutela del Territorio Oggetto: Attidium: l area archeologica diviene luogo di fruibilità turistica Importo dell opera 133.000,00 Importo del cofinanziamento

Dettagli

Il PIA Navigli e le Dighe del Panperduto: valorizzare l'acqua, risorsa primaria per l'agricoltura e per l'ambiente

Il PIA Navigli e le Dighe del Panperduto: valorizzare l'acqua, risorsa primaria per l'agricoltura e per l'ambiente Il PIA Navigli e le Dighe del Panperduto: valorizzare l'acqua, risorsa primaria per l'agricoltura e per l'ambiente : i piani di intervento sulla rete dei canali Arch. Laura Burzilleri, Direttore Generale

Dettagli

PARTE QUARTA ATTUAZIONE DEL PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI INDIVIDUAZIONE DEI SITI DI INSTALLAZIONE DEI NUOVI IMPIANTI DI AFFISSIONE

PARTE QUARTA ATTUAZIONE DEL PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI INDIVIDUAZIONE DEI SITI DI INSTALLAZIONE DEI NUOVI IMPIANTI DI AFFISSIONE VOLUME QUARTO ATTUAZIONE DEL PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI INDIVIDUAZIONE DEI SITI DI INSTALLAZIONE DEI NUOVI IMPIANTI DI AFFISSIONE E IMPIANTI A MESSAGGIO VARIABILE-TAVOLE PROGETTUALI 2 SOMMARIO:

Dettagli

Sommario. 1. Premessa... 2 1. Sintesi dello stato di consistenza... 3 2. Intervento di salvaguardia della conca di navigazione...

Sommario. 1. Premessa... 2 1. Sintesi dello stato di consistenza... 3 2. Intervento di salvaguardia della conca di navigazione... Sommario 1. Premessa... 2 1. Sintesi dello stato di consistenza... 3 2. Intervento di salvaguardia della conca di navigazione... 4 Pagina 1 di 6 1. Premessa Il recupero funzionale della conca di navigazione

Dettagli

RICHIESTA AUTORIZZAZIONE INSTALLAZIONE MEZZI PUBBLICITARI

RICHIESTA AUTORIZZAZIONE INSTALLAZIONE MEZZI PUBBLICITARI RIFERIMENTO INTERNO PROTOCOLLO GENERALE MARCA DA BOLLO GESTIONE DEL TERRITORIO SU RICHIESTA AUTORIZZAZIONE INSTALLAZIONE MEZZI PUBBLICITARI AL DIRIGENTE DELL AREA GOVERNO AL TERRITORIO E QUALITA AMBIENTALE

Dettagli

LA TESTIMONIANZA DEL CONSORZIO ETVILLORESI: VALORIZZARE LE ACQUE DEI CANALI VERSO EXPO 2015

LA TESTIMONIANZA DEL CONSORZIO ETVILLORESI: VALORIZZARE LE ACQUE DEI CANALI VERSO EXPO 2015 I VENTI DELL INNOVAZIONE EXPO 2015: ACQUA Centro Congressi Ville Ponti di Varese, 19 giugno 2014 LA TESTIMONIANZA DEL CONSORZIO ETVILLORESI: VALORIZZARE LE ACQUE DEI CANALI VERSO EXPO 2015 Arch. Laura

Dettagli

IL CANALE VILLORESI I comuni e le province interessate

IL CANALE VILLORESI I comuni e le province interessate V arco Villoresi occasione di tutela e valorizzazione ecologico-fruitiva del territorio a Nord di Milano 1 Cos è un CONSORZIO DI BONIFICA (quadro normativo di riferimento: L.R. 31/2008) Il Consorzio di

Dettagli

2. INTERVENTI DI ADEGUAMENTO DEGLI EDIFICI ESISTENTI PROPEDEUTICI ALLA REALIZZAZIONE DELL IMPIANTO FOTOVOLTAICO... 4

2. INTERVENTI DI ADEGUAMENTO DEGLI EDIFICI ESISTENTI PROPEDEUTICI ALLA REALIZZAZIONE DELL IMPIANTO FOTOVOLTAICO... 4 SOMMARIO 1. PREMESSA... 2 2. INTERVENTI DI ADEGUAMENTO DEGLI EDIFICI ESISTENTI PROPEDEUTICI ALLA REALIZZAZIONE DELL IMPIANTO FOTOVOLTAICO... 4 3. INTERVENTI DI ADEGUAMENTO DELL AREA PARCHEGGI PER LA POSA

Dettagli

ALLEGATO A: CAPITOLATO TECNICO

ALLEGATO A: CAPITOLATO TECNICO ALLEGATO A: CAPITOLATO TECNICO Il presente capitolato tecnico descrive le strutture relative alle preinsegne da installare nel Centro Storico di Rimini. Si chiede di presentare l offerta per la realizzazione,

Dettagli

PROGETTO GRAFICO SEGNALETICA. capitolato tecnico

PROGETTO GRAFICO SEGNALETICA. capitolato tecnico PROGETTO GRAFICO SEGNALETICA Espace Aosta capitolato tecnico Oggetto dell appalto Il presente elaborato riguarda il progetto grafico di realizzazione della segnaletica ed immagine dell area denominata

Dettagli

Il presente capitolato tecnico descrive le strutture relative alle preinsegne da installare nel Centro Storico di Rimini.

Il presente capitolato tecnico descrive le strutture relative alle preinsegne da installare nel Centro Storico di Rimini. ALLEGATO A: CAPITOLATO TECNICO Il presente capitolato tecnico descrive le strutture relative alle preinsegne da installare nel Centro Storico di Rimini. Descrizione generale del progetto Il presente progetto

Dettagli

Percorso Ciclabile di Interesse Regionale

Percorso Ciclabile di Interesse Regionale SCHEDA DESCRITTIVA PCIR 09 Navigli Allegato 2 Percorso Ciclabile di Interesse Regionale 09 Navigli Lunghezza: 66 Km Territori provinciali attraversati: Milano Collegamenti con: altri percorsi ciclabili

Dettagli

PERCORSI NATURALISTICI INTEGRATI ALL'INTERNO DEI COMUNI ADERENTI AL "PROGETTO INTEGRATO D'AREA RURALE DEL

PERCORSI NATURALISTICI INTEGRATI ALL'INTERNO DEI COMUNI ADERENTI AL PROGETTO INTEGRATO D'AREA RURALE DEL Comune di Arcole Comune di Cologna Veneta Comune di Pressana Comune di Roveredo di Guà Comune di San Bonifacio Comune di Veronella Comune di Zimella PERCORSI NATURALISTICI INTEGRATI ALL'INTERNO DEI COMUNI

Dettagli

L AUTORIZZAZIONE VA COMPILATA IN TUTTE LE SUE PARTI

L AUTORIZZAZIONE VA COMPILATA IN TUTTE LE SUE PARTI Marca da Bollo 16,00 Al Sig. Presidente della Provincia di Pavia Ufficio concessioni pubblicitarie Piazza Italia, 2 27100 Pavia AUTORIZZAZIONE OGGETTO: Richiesta di autorizzazione per il posizionamento

Dettagli

Comune di Busto Garolfo Provincia di Milano

Comune di Busto Garolfo Provincia di Milano Comune di Busto Garolfo Provincia di Milano INDIVIDUAZIONE DEL RETICOLO IDRICO COME DEFINITO DALLA D.G.R. 7/7868 del 25/01/2002 e s.m.i. Relazione tecnica illustrativa Maggio 2009 Aggiornamento: Marzo

Dettagli

Fornitura e Posa in Opera di segnaletica nel Complesso Didattico e di ricerca di via Laura 48 a Firenze DESCRIZIONE DELLA FORNITURA PREMESSA

Fornitura e Posa in Opera di segnaletica nel Complesso Didattico e di ricerca di via Laura 48 a Firenze DESCRIZIONE DELLA FORNITURA PREMESSA PREMESSA Le opere oggetto dell appalto consistono nella fornitura e posa in opera di segnaletica interna ed esterna, di tipo murale a sospensione, o su gambe, nelle varie dimensioni secondo le caratteristiche

Dettagli

ASSE 4. TUTELA E VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO NATURALE E CULTURALE Dott.ssa Ambrosini

ASSE 4. TUTELA E VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO NATURALE E CULTURALE Dott.ssa Ambrosini ASSE 4 TUTELA E VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO NATURALE E CULTURALE Dott.ssa Ambrosini ASSE 4: OBIETTIVI E FINALITÀ Obiettivi: L attuazione dell Asse 4 Tutela e valorizzazione del patrimonio naturale e

Dettagli

2. IL SISTEMA DEI CANALI GESTITI DAL CONSORZIO DI BONIFICA EST TICINO VILLORESI

2. IL SISTEMA DEI CANALI GESTITI DAL CONSORZIO DI BONIFICA EST TICINO VILLORESI 2. IL SISTEMA DEI CANALI GESTITI DAL CONSORZIO DI BONIFICA EST TICINO VILLORESI Il Consorzio di Bonifica Est Ticino Villoresi, un tempo chiamato Consorzio di Bonifica Eugenio Villoresi, è nato nel 1918

Dettagli

ELABORATO TECNICO PER LA FORNITURA E POSA IN OPERA DI SEGNALETICA VERTICALE E ORIZZONTALE

ELABORATO TECNICO PER LA FORNITURA E POSA IN OPERA DI SEGNALETICA VERTICALE E ORIZZONTALE AFFIDAMENTO MEDIANTE PROCEDURA APERTA DELLA FORNITURA E POSA IN OPERA DI SEGNALETICA VERTICALE E POSA IN OPERA DI SEGNALETICA ORIZZONTALE CODICE CUP H59J13000030005 ELABORATO TECNICO PER LA FORNITURA E

Dettagli

Comune di Cassano d Adda. Comuni interessati dal progetto. Parco Adda Nord. Comune di Pozzuolo Martesana. Comune di Trezzo d Adda

Comune di Cassano d Adda. Comuni interessati dal progetto. Parco Adda Nord. Comune di Pozzuolo Martesana. Comune di Trezzo d Adda Comune di Cassano d Adda Parco Adda Nord Comune di Pozzuolo Martesana Comune di Trezzo d Adda Comuni interessati dal progetto Inzago, Vaprio d Adda, Truccazzano Pozzo d Adda Busnago Grezzago Trezzano Rosa

Dettagli

Lombardia in bicicletta Itinerari

Lombardia in bicicletta Itinerari Lombardia in bicicletta Itinerari R05 Il Naviglio Pavese Partenza: Milano, stazione P.ta Genova Arrivo: Pavia, stazione ferroviaria Lunghezza Totale (km): 37,2 Percorribilità: In bicicletta, a piedi Tempo

Dettagli

COMUNE DI GESTURI PROVINCIA MEDIO CAMPIDANO. Oggetto: PIANO GENERALE IMPIANTI PUBBLICITARI E PER PUBBLICHE AFFISSIONI

COMUNE DI GESTURI PROVINCIA MEDIO CAMPIDANO. Oggetto: PIANO GENERALE IMPIANTI PUBBLICITARI E PER PUBBLICHE AFFISSIONI COMUNE DI GESTURI PROVINCIA MEDIO CAMPIDANO Oggetto: PIANO GENERALE IMPIANTI PUBBLICITARI E PER PUBBLICHE AFFISSIONI Art. 18 del Regolamento Comunale per la disciplina delle iniziative pubblicitarie che

Dettagli

ALLEGATO 1 - CAPITOLATO TECNICO per la fornitura e posa in opera di segnaletica di indirizzo e informazione visiva per il Blocco Nord

ALLEGATO 1 - CAPITOLATO TECNICO per la fornitura e posa in opera di segnaletica di indirizzo e informazione visiva per il Blocco Nord ALLEGATO 1 - CAPITOLATO TECNICO per la fornitura e posa in opera di segnaletica di indirizzo e informazione visiva per il Blocco Nord 1 INDICE 1. TIPOLOGIE DI STRUTTURA RICHIESTE... 3 2. ELEMENTI IMMODIFICABILI

Dettagli

159 Direzione Generale Sviluppo Economico Area di Coordinamento Politiche per lo Sviluppo Rurale Settore Foreste e Patrimonio Agro-Forestale

159 Direzione Generale Sviluppo Economico Area di Coordinamento Politiche per lo Sviluppo Rurale Settore Foreste e Patrimonio Agro-Forestale 19.5.2004 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 20 159 Direzione Generale Sviluppo Economico Area di Coordinamento Politiche per lo Sviluppo Rurale Settore Foreste e Patrimonio Agro-Forestale

Dettagli

Allegato B. Schede tecnico-costruttive degli impianti di Pubblicità esterna

Allegato B. Schede tecnico-costruttive degli impianti di Pubblicità esterna ACCORDO DI COLLABORAZIONE EX ART. 43 DELLA LEGGE 449/1997 E ART. 119 DEL D.LGS N. 267/2000 tra la Società HI-COM s.r.l. in qualità di Collaborante ed il Comune di Tortoreto in qualità di Collaboratore

Dettagli

Piano degli impianti e dei mezzi pubblicitari

Piano degli impianti e dei mezzi pubblicitari Piano degli impianti e dei mezzi pubblicitari Allegato 2 Caratteristiche tecniche degli impianti e tipologia dei mezzi pubblicitari come da art. 4 del regolamento per la pubblicità e le affissioni Approvato

Dettagli

Area Economica Finanziaria Ufficio Pubblicità e Affissioni - Cosap Ufficio Autorizzazione Impianti Pubblicitari e Occupazioni Spazi e Aree Pubbliche

Area Economica Finanziaria Ufficio Pubblicità e Affissioni - Cosap Ufficio Autorizzazione Impianti Pubblicitari e Occupazioni Spazi e Aree Pubbliche COMUNE DI SAN GIULIANO MILANESE III CLASSE Area Economica Finanziaria Ufficio Pubblicità e Affissioni - Cosap Ufficio Autorizzazione Impianti Pubblicitari e Occupazioni Spazi e Aree Pubbliche Genia Spa

Dettagli

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DEL PIANO ALLEGATO D

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DEL PIANO ALLEGATO D Ai sensi art. 65 L.R. 1/2005 s.m.i. Corte Malgiacca COMUNE DI CAPANNORI Provincia di Lucca FRAZIONE DI GRAGNANO LOC. DETTA CORTE MALGIACCA NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DEL PIANO ALLEGATO D INTERVENTO DI

Dettagli

A1-abaco generale. Strade D 2 Strade E 3 ed F 4

A1-abaco generale. Strade D 2 Strade E 3 ed F 4 A1-abaco generale DISTANZE IN METRI: Posizione dell impianto rispetto alla strada Strade D 2 Strade E 3 ed F 4 prima impianti semaforici 50 50 10* 10 dopo impianti semaforici 25 25 10* 10 prima di intersezioni

Dettagli

Dal Panperduto a Milano Expo un esempio di innovazione per la multifunzionalita' dei canali

Dal Panperduto a Milano Expo un esempio di innovazione per la multifunzionalita' dei canali Dal Panperduto a Milano Expo un esempio di innovazione per la multifunzionalita' dei canali Dott. Massimo Lazzarini Direttore Area Programmazione ---- Padova 20 marzo 2013 Le acque del Comprensorio di

Dettagli

PROGETTO SEGNALETICA PERCORSO TURISTICO PERMANENTE GRAND TOUR RANDO

PROGETTO SEGNALETICA PERCORSO TURISTICO PERMANENTE GRAND TOUR RANDO PROGETTO SEGNALETICA PERCORSO TURISTICO PERMANENTE GRAND TOUR RANDO RELAZIONE TECNICA Il percorso del Grand Tour Rando è prevalentemente riservato ai cicloturisti ma può essere percorso anche in auto e

Dettagli

CAPITOLATO TECNICO LOTTO N. 6

CAPITOLATO TECNICO LOTTO N. 6 - 38010 San Michele all Adige (TN), Via E. Mach 1- Tel. 0461/615111 Fax 0461/615218 - www.iasma.it www.fondazioneedmundmach.it - iscritta al registro provinciale delle persone giuridiche private n. 231

Dettagli

PALO SLIM - FERRO. CAMPO D'IMPIEGO Palo dissuasore per arredo urbano, separazione traffico veicolare da pedonale e ciclopedonale

PALO SLIM - FERRO. CAMPO D'IMPIEGO Palo dissuasore per arredo urbano, separazione traffico veicolare da pedonale e ciclopedonale EDINTEC S.R.L.. Viale Umbria, 24 20090 Pieve Emanuele (MI) Tel. 02 91988336 www.gladiusnet.it - info@gladiusnet.it PALO SLIM - FERRO DESCRIZIONE DI CAPITOLATO Palo dissuasore in ferro verniciato con snodo

Dettagli

Regolamento per la disciplina. del sistema segnaletico, informativo e pubblicitario

Regolamento per la disciplina. del sistema segnaletico, informativo e pubblicitario COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA Provincia di Bergamo Regolamento per la disciplina del sistema segnaletico, informativo e pubblicitario ART. 1 - SISTEMA PUBBLICITARIO E INFORMATIVO 1) Nel territorio comunale,

Dettagli

REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA PROVINCIA DI UDINE COMUNE DI GEMONA DEL FRIULI

REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA PROVINCIA DI UDINE COMUNE DI GEMONA DEL FRIULI REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA PROVINCIA DI UDINE COMUNE DI GEMONA DEL FRIULI SETTORE TECNICO INFRASTRUTTURE LAVORI PUBBLICI ED AMBIENTE ASSE IV LEADER MISURA 413 AZIONE 3 SERVIZI E ATTIVITA RICREATIVE

Dettagli

Capitolato Tecnico (Allegato B) CONTROMARCHE. Prezzo stimato a base d'asta (IVA esclusa) Tempi di realizzazione. Descrizione

Capitolato Tecnico (Allegato B) CONTROMARCHE. Prezzo stimato a base d'asta (IVA esclusa) Tempi di realizzazione. Descrizione CONTROMARCHE Fornitura, posa in opera di contromarche su supporto in metacrilato neutro o colorato 5 mm con numeri serigrafati, di dimensioni in cm 3 di diametro, compresa la ideazione grafica come da

Dettagli

Settore SUAP Comune di CESENA

Settore SUAP Comune di CESENA Riservato al protocollo Settore SUAP Comune di CESENA Bollo Riservato all ufficio R I C H I E S T A D I A U T O R I Z Z A Z I O N E P E R I N S T A L L A Z I O N E D I M E Z Z I P U B B L I C I T A R I

Dettagli

GIUNTA REGIONALE DIRIGENZA - Decreti

GIUNTA REGIONALE DIRIGENZA - Decreti 17.2.2010 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 7 tino Ufficiale della Regione Toscana ai sensi dell articolo 5, comma 1, della l.r. 23/2007 e nella banca dati degli atti del Consiglio regionale

Dettagli

COMUNE DI SIGNA. Provincia di Firenze. Interventi per la riduzione del rischio idraulico nel Bacino del Fiume Arno

COMUNE DI SIGNA. Provincia di Firenze. Interventi per la riduzione del rischio idraulico nel Bacino del Fiume Arno COMUNE DI SIGNA Provincia di Firenze Interventi per la riduzione del rischio idraulico nel Bacino del Fiume Arno Cassa di espansione dei Renai I LOTTO PROGETTO DEFINITIVO Opere civili e viabilità di accesso

Dettagli

COMUNE DI SUMIRAGO AMPLIAMENTO LOCULI CIMITERIALI CIMITERO DI MENZAGO PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE TECNICA

COMUNE DI SUMIRAGO AMPLIAMENTO LOCULI CIMITERIALI CIMITERO DI MENZAGO PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE TECNICA COMUNE DI SUMIRAGO PROVINCIA DI VARESE AMPLIAMENTO LOCULI CIMITERIALI CIMITERO DI MENZAGO PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE TECNICA Progettisti: Geom. Giuseppe Pugliese Geom. Fabio Reho INTRODUZIONE Il progetto

Dettagli

PARCO ADDA NORD Trezzo sull Adda VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO DI GESTIONE

PARCO ADDA NORD Trezzo sull Adda VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO DI GESTIONE sigla numero data PARCO ADDA NORD Trezzo sull Adda C.d.G. 61 12.12.2014 Oggetto: APPROVAZIONE SCHEMA ACCORDO DI PARTE- NARIATO TRA PARCO ADDA NORD E COMUNE DI CASSANO D ADDA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO

Dettagli

Piano degli impianti e dei mezzi pubblicitari

Piano degli impianti e dei mezzi pubblicitari Piano degli impianti e dei mezzi pubblicitari Allegato 1 Zonizzazione del Comune di Prato per attività di pubblicità Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 1 del 13.01.2011 Modificato con Delibera

Dettagli

il collaudato sistema per la realizzazione di vespai areati

il collaudato sistema per la realizzazione di vespai areati GRANCHIO il collaudato sistema per la realizzazione di vespai areati GRANCHIO è un cassero a perdere in polipropilene riciclato adatto, in alternativa ai sistemi tradizionali, alla realizzazione di vespai

Dettagli

www.naviglilombardi.it

www.naviglilombardi.it R egione Lombardia, nel corso degli ultimi anni, ha avviato un profondo cambiamento nella propria attività istituzionale, abbandonando progressivamente il ruolo di gestore tecnico amministrativo delle

Dettagli

VEMA (Verifica Elementi Muratura Armata)

VEMA (Verifica Elementi Muratura Armata) Software VEMA (Verifica Elementi Muratura Armata) (Manuale d uso - Versione 1.0.0) www.edificiinmuratura.it info@edificiinmuratura.it COPYRIGHT Tutto il materiale contenuto nella confezione (CD contenente

Dettagli

2. la punta è di colore rosso o rosso-bianco-rosso, se contiene il nome/logo del sentiero da collocare sul campo bianco;

2. la punta è di colore rosso o rosso-bianco-rosso, se contiene il nome/logo del sentiero da collocare sul campo bianco; ALLEGATO 2 Criteri standard per la Segnaletica Verticale previsti dalla Commissione Centrale per l'escursionismo del CAI fatti propri dal DPGRT 61/R/2006 (Regolamento di attuazione della LR 17/1998 RET

Dettagli

linee guida PER PER LE LE AZIONI DI DI INFORMAZIONE A CURA A DEI DEI BENEFICIARI DEI DEI FINANZIAMENTI RISORSE IN IN RETE

linee guida PER PER LE LE AZIONI DI DI INFORMAZIONE A CURA A DEI DEI BENEFICIARI DEI DEI FINANZIAMENTI RISORSE IN IN RETE POR POR FESR FESR EMILIA-ROMAGNA 2007-2013 RISORSE IN IN RETE linee guida PER PER LE LE AZIONI DI DI INFORMAZIONE A CURA A DEI DEI BENEFICIARI DEI DEI FINANZIAMENTI INDICE Le ragioni di questa guida pag.

Dettagli

COMUNE DI CASTROLIBERO (Provincia di Cosenza) PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI

COMUNE DI CASTROLIBERO (Provincia di Cosenza) PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI COMUNE DI CASTROLIBERO (Provincia di Cosenza) PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI Delibera di C.C. n. 25 del 11/12/2011 INDICE CAPO I: DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 Oggetto

Dettagli

COMUNE DI LETOJANNI Provincia di Messina

COMUNE DI LETOJANNI Provincia di Messina Comune di Letojanni Comune di Gallodoro Comune di MongiuffiMelia Comune di GiardiniNaxos COMUNE DI LETOJANNI Provincia di Messina Titolodell intervento: Fornitura di segnaletica stradale: ItinerariContemporanei:

Dettagli

MANUFATTI IN CEMENTO Produciamo manufatti su misura in cemento per i lavori pubblici e per l edilizia. I nostri manufatti comprendono muretti per

MANUFATTI IN CEMENTO Produciamo manufatti su misura in cemento per i lavori pubblici e per l edilizia. I nostri manufatti comprendono muretti per MANUFATTI IN CEMENTO Produciamo manufatti su misura in cemento per i lavori pubblici e per l edilizia. I nostri manufatti comprendono muretti per recinzioni e per il contenimento terra, parapetti, velette,

Dettagli

LA GIUNTA MUNICIPALE

LA GIUNTA MUNICIPALE LA GIUNTA MUNICIPALE Premesso che: - con la sottoscrizione di un protocollo di intesa in data 02.12.2004 la Provincia di Rovigo, il Consorzio per lo Sviluppo del Polesine, i Comuni di Melara, Bergantino,

Dettagli

Programma di Sviluppo Rurale per il Veneto 2007-2013 Asse 4 LEADER. 2. GAL Prealpi e Dolomiti

Programma di Sviluppo Rurale per il Veneto 2007-2013 Asse 4 LEADER. 2. GAL Prealpi e Dolomiti FEASR REGIONE DEL VENETO Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale: l Europa investe nelle zone rurali SCHEDA INTERVENTO A REGIA GAL Approvata con Deliberazione del Consiglio Direttivo del GAL n. 16

Dettagli

INDICE 1.PREMESSE 2 2.QUADRO DELLE ESIGENZE DA SODDISFARE 2 3.DESCRIZIONE DELL INTERVENTO 3

INDICE 1.PREMESSE 2 2.QUADRO DELLE ESIGENZE DA SODDISFARE 2 3.DESCRIZIONE DELL INTERVENTO 3 INDICE 1.PREMESSE 2 2.QUADRO DELLE ESIGENZE DA SODDISFARE 2 3.DESCRIZIONE DELL INTERVENTO 3 Pagina 1 di 7 1.PREMESSE La presente relazione illustra i lavori previsti nel progetto definitivo per la Ristrutturazione

Dettagli

Si riporta di seguito un esempio indicativo e non vincolante di supporto in legno.

Si riporta di seguito un esempio indicativo e non vincolante di supporto in legno. ALLEGATO 3 Criteri standard per la cartellonistica divulgativa-informativa riferita alle indicazioni generali dell Allegato B- PAFR (Patrimonio Agricolo Forestale) della LR n.39 del 21.03.2000 Al fine

Dettagli

PIANO DI LOTTIZZAZIONE

PIANO DI LOTTIZZAZIONE Settore Urbanistica ed Edilizia Privata Comune di Cittadella Servizio Urbanistica Relazione tecnico descrittiva PIANO DI LOTTIZZAZIONE già denominato Brotto Ianeselli Spazio riservato all Ufficio Protocollo

Dettagli

ELENCO PREZZI UNITARI

ELENCO PREZZI UNITARI Lavori:Segnaletica verticale di indicazione su strade prov.li Anno 2004 pag. 1 di 8 ELENCO PREZZI UNITARI SEGNALETICA VERTICALE Nei prezzi sotto indicati per forniture di materiali si intendono comprese

Dettagli

Sindaco Giovanni Malpezzi Assessore Urbanistica e politiche territoriali Matteo Mammini Assessore al Bilancio Claudia Zivieri

Sindaco Giovanni Malpezzi Assessore Urbanistica e politiche territoriali Matteo Mammini Assessore al Bilancio Claudia Zivieri Comune di Faenza Settore Territorio 2. P I A N O D E L S I S T E M A I N F O R M A T I V O P U B B L I C I T A R I O - A D E G U A M E N T O 2 0 1 2 - Sindaco Giovanni Malpezzi Assessore Urbanistica e

Dettagli

Comune di Olgiate Molgora PROVINCIA DI LECCO

Comune di Olgiate Molgora PROVINCIA DI LECCO Comune di Olgiate Molgora PROVINCIA DI LECCO Assessorato all urbanistica ed edilizia REGOLAMENTO PER L ESPOSIZIONE DELLE INSEGNE D ESERCIZIO E CARTELLI PUBBLICITARI Approvato dal Consiglio Comunale nella

Dettagli

COMUNE DI MORRO D'ORO C.F. 81000370676 -------- PROVINCIA DI TERAMO ------ P.IVA 00516370673

COMUNE DI MORRO D'ORO C.F. 81000370676 -------- PROVINCIA DI TERAMO ------ P.IVA 00516370673 COMUNE DI MORRO D'ORO C.F. 81000370676 -------- PROVINCIA DI TERAMO ------ P.IVA 00516370673 AREA FINANZIARIA II Servizio Ufficio TRIBUTI RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE PER L INSTALLAZIONE DI MEZZI PUBBLICITARI

Dettagli

URBANA S.R.L. www.urbana-pubblicita.com

URBANA S.R.L. www.urbana-pubblicita.com Preavvisi di informazioni turistico-alberghiere Di informazioni alberghiere Di preavviso e direzione alberghieri Segnaletica alberghiera, turistica e di territorio STAMPA E MATERIALE: stampa serigrafica,

Dettagli

UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA

UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA CRITERI DI AMMISSIBILITÀ 1 Criterio CA1 - Impianti integrati Sono considerati ammissibili esclusivamente gli impianti integrati nelle strutture e componenti edilizie (come definiti dall art. 2, comma 1,

Dettagli

MODELLO A SEGNALETICA DEI PERCORSI ESCURSIONISTICI E STRUMENTI DI PROMOZIONE DELLA RETE

MODELLO A SEGNALETICA DEI PERCORSI ESCURSIONISTICI E STRUMENTI DI PROMOZIONE DELLA RETE MODELLO A SEGNALETICA DEI PERCORSI ESCURSIONISTICI E STRUMENTI DI PROMOZIONE DELLA RETE La Regione Piemonte stabilisce all articolo 15 dellla LR 12/10 Recupero e valorizzazione del patrimonio escursionistico

Dettagli

OGGETTO: RICHIESTA Autorizzazione per installazione impianti pubblicitari a carattere temporaneo permanente. RICHIESTA.

OGGETTO: RICHIESTA Autorizzazione per installazione impianti pubblicitari a carattere temporaneo permanente. RICHIESTA. SPAZIO RISERVATO AL PROTOCOLLO Prat. n. MARCA DA BOLLO 14,62 AL SINDACO della Città di Rivoli OGGETTO: RICHIESTA Autorizzazione per installazione impianti pubblicitari a carattere temporaneo permanente.

Dettagli

1 2 3 4 5 6 10 11 12 13 14 19 16 17 18 19 20 21 Ronchis 4 Latisana 11 23 24 25 6 5 Precenicco 3 23 Teor 17 24 22 16 7 Rivignano 8 9 Palazzolo dello Stella 2 14 15 Lignano Sabbiadoro percorso Lignano -

Dettagli

Da consorzio irriguo e di bonifica a consorzio di valorizzazione delle acque

Da consorzio irriguo e di bonifica a consorzio di valorizzazione delle acque Est Ticino Villoresi Consorzio di bonifica via Ariosto 30-20145 Milano tel. +39 02 4856 1301 fax +39 02 4801 3031 sito www.etvilloresi.it mail info@etvilloresi.it Da consorzio irriguo e di bonifica a consorzio

Dettagli

Una Via d acqua per Expo 2015 Vie d acqua tematiche per tutta la Lombardia

Una Via d acqua per Expo 2015 Vie d acqua tematiche per tutta la Lombardia Una Via d acqua per Expo 2015 Vie d acqua tematiche per tutta la Lombardia Dighe del PANPERDUTO (Somma Lombardo) Museo dell irrigazione PARABIAGO CASSANO D ADDA MONZA EXPO 2015 ABBIATEGRASSO LODI PAVIA

Dettagli

Fonti: Progetto Itinerari Dal GiraSile al GiraLivenza Misura 313 Azione 1 Provincia di Treviso

Fonti: Progetto Itinerari Dal GiraSile al GiraLivenza Misura 313 Azione 1 Provincia di Treviso Scheda n.1 Provincia di Pordenone Realizzazione itinerario di collegamento tra il centro storico e Villa Varda, ed in destra Livenza tra il centro storico e Gaiarine nelle due direzioni Via Livenza (verso

Dettagli

linee guida PER PER LE LE AZIONI DI DI INFORMAZIONE A CURA A DEI DEI BENEFICIARI DEI DEI FINANZIAMENTI RISORSE IN IN RETE

linee guida PER PER LE LE AZIONI DI DI INFORMAZIONE A CURA A DEI DEI BENEFICIARI DEI DEI FINANZIAMENTI RISORSE IN IN RETE POR POR FESR FESR EMILIA-ROMAGNA 2007-2013 RISORSE IN IN RETE linee guida PER PER LE LE AZIONI DI DI INFORMAZIONE A CURA A DEI DEI BENEFICIARI DEI DEI FINANZIAMENTI INDICE Le ragioni di questa guida pag.

Dettagli

COMUNE DI CENATE SOTTO Provincia di BERGAMO

COMUNE DI CENATE SOTTO Provincia di BERGAMO COMUNE DI CENATE SOTTO Provincia di BERGAMO PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI PIANO DI ATTUAZIONE ATTO DI APPROVAZIONE DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. DEL..

Dettagli

Stima dei costi per la riqualificazione del centro sportivo di via Verdi Senza Spogliatoio tennis e recupero spogliatoi Baseball -

Stima dei costi per la riqualificazione del centro sportivo di via Verdi Senza Spogliatoio tennis e recupero spogliatoi Baseball - Stima dei costi per la riqualificazione del centro sportivo di via Verdi Senza Spogliatoio tennis e recupero spogliatoi Baseball - N descrizione costo un. Quantità totale Costo totale Demolizione strutture

Dettagli

LE PROSPETTIVE DI SVILUPPO DEI NAVIGLI NEL QUADRO DELL IDROVIA LOCARNO-MILANO-VENEZIA

LE PROSPETTIVE DI SVILUPPO DEI NAVIGLI NEL QUADRO DELL IDROVIA LOCARNO-MILANO-VENEZIA LE PROSPETTIVE DI SVILUPPO DEI NAVIGLI NEL QUADRO DELL IDROVIA LOCARNO-MILANO-VENEZIA LA MOBILITÀ DELLE PERSONE E DELLE MERCI SULLE VIE D'ACQUA IN LOMBARDIA Milano - Palazzo Lombardia- 9 dicembre 2015

Dettagli

PIANO DI MANUTENZIONE TENSOSTRUTTURA IN COMUNE DI FERNO PARCO DI FERNO

PIANO DI MANUTENZIONE TENSOSTRUTTURA IN COMUNE DI FERNO PARCO DI FERNO PIANO DI MANUTENZIONE TENSOSTRUTTURA IN COMUNE DI FERNO PARCO DI FERNO I. INTRODUZIONE Il Piano di manutenzione accompagna l opera per tutta la sua durata di vita. Trattasi di tensostruttura caratterizzata

Dettagli

n Rif. INDICAZIONE DEI LAVORI U.M Prezzo unitario 1 AN1 Fornitura e posa in opera, secondo i disegni

n Rif. INDICAZIONE DEI LAVORI U.M Prezzo unitario 1 AN1 Fornitura e posa in opera, secondo i disegni n Rif. INDICAZIONE DEI LAVORI U.M Prezzo unitario 1 AN1 Fornitura e posa in opera, secondo i disegni, di arredo artigianale su misura composto - Panca in lamiera nera 10/10, con struttura in ferro a sezione

Dettagli

Comune di Savona Settore Politiche culturali, turistiche e del commercio Servizio Cultura e Turismo Complesso Monumentale del Priamar

Comune di Savona Settore Politiche culturali, turistiche e del commercio Servizio Cultura e Turismo Complesso Monumentale del Priamar Comune di Savona Settore Politiche culturali, turistiche e del commercio Servizio Cultura e Turismo Complesso Monumentale del Priamar Oggetto: Sistema Turistico Locale Italian Riviera realizzazione apparati

Dettagli

Planimetria dei giardini della Reggia con individuazione del rettangolo in cui verrà collocato il Fantacasino.

Planimetria dei giardini della Reggia con individuazione del rettangolo in cui verrà collocato il Fantacasino. OGGETTO DELL INTERVENTO: DESCRIZIONE L intervento consiste nella costruzione di un padiglione prevalentemente in legno, dalle forme barocche, la cui funzione ludica è esplicitata tanto nell estetica quanto

Dettagli

COMUNE DI SERDIANA PROVINCIA DI CAGLIARI

COMUNE DI SERDIANA PROVINCIA DI CAGLIARI COMUNE DI SERDIANA PROVINCIA DI CAGLIARI Relazione tecnica Oggetto: Progetto per la costruzione di una cabina Enel di trasformazione a 15KV/400V in elementi prefabbricati da realizzarsi nel terreno sito

Dettagli

COMUNE DI MINERVINO DI LECCE Provincia di Lecce Intervento per la diffusione di azioni finalizzate al miglioramento della qualità dell'aria nelle aree urbane attraverso il progetto di Bike Sharing associato

Dettagli

ENTE PARCO NAZIONALE GRAN PARADISO

ENTE PARCO NAZIONALE GRAN PARADISO 1 ENTE PARCO NAZIONALE GRAN PARADISO Direzione: Via della Rocca, n 47-10123 Torino - tel. 011/8606211 Amministrazione: Via Losanna, n 5-11100 Aosta - tel. 0165/44126 Procedura aperta per la fornitura e

Dettagli

Coordinamento Contratti di Fiume e accordo di programma, tutela idraulica e riqualificazione fluviale area milanese

Coordinamento Contratti di Fiume e accordo di programma, tutela idraulica e riqualificazione fluviale area milanese Coordinamento Contratti di Fiume e accordo di programma, tutela idraulica e riqualificazione fluviale area milanese a cura di Dario Fossati U.O. Tutela e Valorizzazione Territorio Accordo di Programma

Dettagli

BANDO DI CONCORSO DI PROGETTAZIONE CONTRATTO DI FIUME DEL TORRENTE SANGONE-2020 MASTERPLAN - PIANO D AZIONE

BANDO DI CONCORSO DI PROGETTAZIONE CONTRATTO DI FIUME DEL TORRENTE SANGONE-2020 MASTERPLAN - PIANO D AZIONE BANDO DI CONCORSO DI PROGETTAZIONE CONTRATTO DI FIUME DEL TORRENTE SANGONE-2020 MASTERPLAN - PIANO D AZIONE 1. OGGETTO DEL CONCORSO Il Patto Territoriale Sud Ovest di Torino indice un Concorso di progettazione

Dettagli

COMUNE DI SANZENO. Approvato con deliberazione consiliare n. 04 di data 19 maggio 2008.

COMUNE DI SANZENO. Approvato con deliberazione consiliare n. 04 di data 19 maggio 2008. COMUNE DI SANZENO REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE DELLE DISTANZE DA MANTENERE DALLE STRADE PER GLI IMPIANTI FRUTTICOLI, PER LE STRUTTURE DI SOSTEGNO E INDIVIDUAZIONE DELLE ZONE INIBITE ALLA POSA DELLE

Dettagli

COMUNITA MONTANA ALBURNI

COMUNITA MONTANA ALBURNI COMUNITA MONTANA ALBURNI AREA TECNICA - Ufficio Gare e Contratti - P.S.R. 2007/2013 Misura 313 Incentivazione di attività turistiche - RELAZIONE TECNICA DESCRITTIVA - FORNITURA E STAMPA DI MATERIALE PROMOZIONALE

Dettagli

Codice Art. Descrizione U. M. Prezzo

Codice Art. Descrizione U. M. Prezzo 1 - MANO D OPERA 1 1 Operaio Specializzato ora 25,90 1 2 Operaio Qualificato ora 24,45 1 3 Operaio comune ora 22,57 2 MATERIALI 2 4 Fornitura di vernice spartitraffico bianca, come da caratteristiche di

Dettagli

Preinsegna - Art. 6.1 del PGIP. scheda tecnica. Comune di Bruino PROVINCIA DI TORINO. Comune di BRUINO

Preinsegna - Art. 6.1 del PGIP. scheda tecnica. Comune di Bruino PROVINCIA DI TORINO. Comune di BRUINO L impianto è' costituito da due pali di sostegno realizzati con profilo tubolare in estruso di alluminio avente dimensioni di mm. 80x3500x80. Alle estremità i pali sono completati da un tappo di chiusura

Dettagli

COMUNE DI CAROVIGNO Provincia BRINDISI CENTRI STORICI DA RIVIVERE. Progetto Esecutivo

COMUNE DI CAROVIGNO Provincia BRINDISI CENTRI STORICI DA RIVIVERE. Progetto Esecutivo COMUNE DI CAROVIGNO Provincia BRINDISI CENTRI STORICI DA RIVIVERE Progetto Esecutivo dettagli esecutivi relativi alle forniture previste per il parco giochi PREMESSA I comuni di Carovigno, Ceglie Messapica,

Dettagli

OLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI A SOGGETTI LICI, ENTI E ASSOCIAZIONI PER INTERVENTI RIENTRANTI NELLE FINALITÀ DEL PARCO

OLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI A SOGGETTI LICI, ENTI E ASSOCIAZIONI PER INTERVENTI RIENTRANTI NELLE FINALITÀ DEL PARCO ENTE PARCO NAZIONALE GRAN PARADISO Via Pio VII n 9-10135 TORINO OLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI A SOGGETTI LICI, ENTI E ASSOCIAZIONI PER INTERVENTI RIENTRANTI NELLE FINALITÀ DEL PARCO to con

Dettagli

Fondazioni a platea e su cordolo

Fondazioni a platea e su cordolo Fondazioni a platea e su cordolo Fondazione a platea massiccia Una volta normalmente impiegata per svariate tipologie di edifici, oggi la fondazione a platea massiccia viene quasi esclusivamente adottata

Dettagli

Progetto Abbazie. Stefano Agostoni - DG Sistemi Verdi e Paesaggio

Progetto Abbazie. Stefano Agostoni - DG Sistemi Verdi e Paesaggio Progetto Abbazie Programma di riqualificazione dei sistemi paesistici abbaziali di Chiaravalle, Mirasole, Monlue, Viboldone, Morimondo, e della Certosa di Pavia nella pianura irrigua milanese Stefano Agostoni

Dettagli

ELENCO PREZZI STANDARD ALLEGATO ALLA BOZZA DI CONVENZIONE

ELENCO PREZZI STANDARD ALLEGATO ALLA BOZZA DI CONVENZIONE ELENCO PREZZI STANDARD ALLEGATO ALLA BOZZA DI CONVENZIONE DEFINIZIONI CLIENTE FINALE Persona fisica o giuridica che acquista gas naturale per uso proprio CODICE DI RETE codice contenente regole e modalità

Dettagli

Atti del Sindaco Metropolitano

Atti del Sindaco Metropolitano Albo Pretorio On-Line http://temi.provincia.milano.it/albopretoriool/dettaglio.asp?id=25762685329 Pagina 1 di 1 30/11/2015 Atti del Sindaco Metropolitano N di Repertorio Generale : 301/2015 N di Protocollo

Dettagli

MILANO - VENERDÌ, 18 DICEMBRE 2009. Sommario

MILANO - VENERDÌ, 18 DICEMBRE 2009. Sommario REPUBBLICA ITALIANA BOLLETTI UFFICIALE MILA - VENERDÌ, 18 DICEMBRE 2009 5º SUPPLEMENTO STRAORDINARIO Sommario Anno XXXIX - N. 267 - Poste Italiane - Spedizione in abb. postale - 45% - art. 2, comma 20/b

Dettagli

ANALISI PREZZI AGGIUNTIVI

ANALISI PREZZI AGGIUNTIVI PA.01 Oneri di discarica valutati a mc misurato sul volume effettivo di scavo o demolizione. Oneri di discarica MC 1.000 24.76 24.76 TOTALE 24.76 PREZZO TOTALE PER MC 24.76 Pagina 1 di 11 PA.02 Fornitura

Dettagli

Sviluppo Rete Stradale. Condividiamo. 20 marzo 2012. I percorsi ciclabili quale mezzo per valorizzare il patrimonio culturale del territorio 1

Sviluppo Rete Stradale. Condividiamo. 20 marzo 2012. I percorsi ciclabili quale mezzo per valorizzare il patrimonio culturale del territorio 1 Sviluppo Rete Stradale Condividiamo 20 marzo 2012 I percorsi ciclabili quale mezzo per valorizzare il patrimonio culturale del territorio 1 Cos è una pista ciclabile Infrastruttura dedicata ad una circolazione

Dettagli

FONTANOT DA VITA A UNA LINEA DI SCALE PENSATA PER CHI AMA IL FAI DA TE.

FONTANOT DA VITA A UNA LINEA DI SCALE PENSATA PER CHI AMA IL FAI DA TE. STILE FONTANOT DA VITA A UNA LINEA DI SCALE PENSATA PER CHI AMA IL FAI DA TE. Magia. Una gamma di prodotti che renderà facile poter scegliere la tua scala ideale. 0 Guida alla scelta. Gamma prodotti. Modulo

Dettagli

ABBATTIMENTO BARRIERE ARCHITETTONICHE IN VIA XXIV MAGGIO E SISTEMAZIONE ARREDO URBANO IN VIA ROMA, PIAZZALE MICHELANGELO E PIAZZA XX SETTEMBRE

ABBATTIMENTO BARRIERE ARCHITETTONICHE IN VIA XXIV MAGGIO E SISTEMAZIONE ARREDO URBANO IN VIA ROMA, PIAZZALE MICHELANGELO E PIAZZA XX SETTEMBRE COMUNE DI ABBADIA SAN SALVATORE Provincia di Siena ABBATTIMENTO BARRIERE ARCHITETTONICHE IN VIA XXIV MAGGIO E SISTEMAZIONE ARREDO URBANO IN VIA ROMA, PIAZZALE MICHELANGELO E PIAZZA XX SETTEMBRE PROGETTO

Dettagli

A) RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA

A) RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA A) RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA 1. PREMESSE Nell ambito della programmazione all art. 31 della L.183/89 e dell art. 9 della L. 253/90 il Ministero delle LL.PP. assegnava alla Regione dell Umbria la somma

Dettagli