Installazione di Linux da server NFS

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Installazione di Linux da server NFS"

Transcript

1 Installazione di Linux da server NFS

2 Table of Contents Installazione di Linux da server NFS Introduzione Storia delle revisioni Commenti e correzioni Politica di distribuzione e note legali Requisiti Configurazione del server NFS Verifica del kernel ed eventuale ricompilazione Configurazione della rete Installazione dei demoni nfs-server e portmap Impostazione della directory da condividere Impostazione delle interfacce di rete Installazione di Debian GNU/Linux Creazione dischetti di installazione e driver Avvio dell'installazione Riavvio ed installazione dei pacchetti Installazione di Debian GNU/Linux Creazione dischetti di installazione e driver Avvio dell'installazione Riavvio ed installazione dei pacchetti Installazione di Red Hat Linux Creazione del dischetto di installazione Avvio dell'installazione Conclusione dell'installazione Installazione di SuSE Linux Creazione dischetti di installazione e driver Avvio dell'installazione Conclusione dell'installazione Riferimenti...17 I

3 Installazione di Linux da server NFS Giuseppe Bordoni, Vers , Novembre 2000 Questo documento è una piccola guida all'installazione di Debian GNU/Linux (versioni 2.1 e 2.2), Red Hat Linux 6.0 e SuSE Linux 6.1 da un server NFS; tale modalità d'installazione (spesso ignorata dalla documentazione ufficiale delle varie distribuzioni) è utile in particolar modo quando si vuole installare Linux su una macchina sprovvista di lettore CDRom ma con la possibilità di accedere ad un server Linux attraverso una scheda di rete o un collegamento delle porte parallele (PLIP). 1

4 1. Introduzione Lo scopo del presente documento è dare delle indicazioni sull'installazione delle distribuzioni Debian GNU/Linux (versioni 2.1 e 2.2), Red Hat Linux 6.0 e SuSE Linux 6.1 da un server NFS; tale modalità di installazione può risultare particolarmente utile quando si vuole utilizzare un vecchio computer sprovvisto di lettore CDRom ma collegato in rete grazie ad una scheda di rete Ethernet (negli esempi sono state prese in considerazione le schede NE2000 compatibili) o per mezzo della porta parallela (connessione PLIP). Questo documento non vuole essere una guida esaustiva sull'installazione delle distribuzioni di cui sopra ma illustrare gli aspetti specifici dell'installazione da server NFS spesso ignorati nella documentazione ufficiale contenuta nei CDRom di installazione; tale documentazione resta comunque di fondamentale importanza e ne consiglio la lettura prima di affrontare l'installazione in special modo se si è (come me ;-)) alle prime armi con questo sistema operativo. 1.1 Storia delle revisioni Vers. 1.0, Ottobre 1999 Prima stesura del documento. Vers. 1.1, Ottobre 2000 Aggiunta di una sezione sull'installazione di Debian GNU/Linux 2.2. Semplificazione della sezione relativa a Debian GNU/Linux 2.1. Adozione del formato sgml per la stesura del testo sorgente e disponibilità del documento in svariati formati (testo, html, dvi, ps, pdf). Distribuzione secondo i termini della GNU General Public License. Vers , Novembre 2000 Correzione di qualche imprecisione (soprattutto in relazione alla configurazione del server e all'installazione della distribuzione Debian). 1.2 Commenti e correzioni Critiche, correzioni, consigli e suggerimenti per migliorare questo testo saranno apprezzati moltissimo: contattatemi pure tramite posta elettronica ( 1.3 Politica di distribuzione e note legali Copyright Giuseppe Bordoni 2

5 This information is free; you can redistribute it and/or modify it under the terms of the GNU General Public License as published by the Free Software Foundation; either version 2 of the License, or (at your option) any later version. This work is distributed in the hope that it will be useful, but WITHOUT ANY WARRANTY; without even the implied warranty of MERCHANTABILITY or FITNESS FOR A PARTICULAR PURPOSE. See the GNU General Public License for more details. You should have received a copy of the GNU General Public License along with this work; if not, write to the Free Software Foundation, Inc., 675 Mass Ave, Cambridge, MA 02139, USA. La licenza GNU General Public License, versione 2, può essere consultata al seguente indirizzo: Nomi e marchi citati nel testo sono generalmente depositati o registrati dalle rispettive case produttrici. L'ultima versione di questo documento è reperibile al seguente indirizzo: 3

6 2. Requisiti Per l'installazione è necessario disporre di un server NFS (un computer che metterà a disposizione del client il contenuto del CDRom di installazione). Il server dovrà essere dotato di: Sistema operativo Linux correttamente installato e funzionante; Floppy Disk drive; Lettore CDRom; Scheda di rete Ethernet o porta parallela corredati da opportuni cablaggi. Per quanto riguarda il client (il computer sul quale si vuole installare Linux) oltre ai requisiti minimi indicati nella documentazione delle varie distribuzioni è richiesta una scheda di rete Ethernet o una porta parallela correttamente collegate. Requisito fondamentale è infine una grossa dose di pazienza :-). 4

7 3. Configurazione del server NFS In questa sezione vengono descritte le operazione necessarie alla configurazione del server NFS. 3.1 Verifica del kernel ed eventuale ricompilazione Occorre innanzitutto accertarsi che il kernel utilizzato supporti la connessione in rete spostandosi nella directory contenente i sorgenti del kernel (solitamente /usr/src/linux) e digitando: make menuconfig oppure se operate in ambiente X Window: make xconfig Si deve quindi verificare che le seguenti voci siano abilitate: Loadable module support Enable loadable module support Kernel module loader General setup Parallel port support PC-style hardware (necessario per collegamento PLIP) (necessario per collegamento PLIP) Networking options TCP/IP networking Network device support Ethernet (10 or 100Mbit) Il supporto per la vostra scheda di rete oppure, in alternativa: PLIP (parallel port) support Nel caso in cui almeno una di tali opzioni non fosse abilitata sarà necessario ricompilare ed installare il kernel ed i moduli; da notare il fatto che in questo documento è stato ipotizzato che il supporto della scheda di rete e del collegamento PLIP siano stati compilati come moduli. Se avete una scheda NE2000 compatibile può essere necessario inserire nel file /etc/conf.modules (in alcune distribuzioni il file potrebbe essere /etc/modules.conf) la linea: options ne io=0x300 irq=5 (indicare dopo io ed irq rispettivamente l'indirizzo I/O e l'interrupt utilizzati dalla scheda di rete). Se viene invece utilizzato un collegamento PLIP dovreste inserire nel file /etc/conf.modules (o /etc/modules.conf) le seguenti righe: alias parport_lowlevel parport_pc options partport_pc io=0x378 irq=7 (indicare dopo io ed irq rispettivamente l'indirizzo I/O e l'interrupt utilizzati dalla porta parallela). Sempre nel file /etc/conf.modules (o /etc/modules.conf) è possibile inserire le righe: 5

8 alias net-pf-4 off alias net-pf-5 off al fine di evitare la visualizzazione di alcuni messaggi di errore all'avvio della macchina nel caso non si utilizzassero i moduli ipx e appletalk. 3.2 Configurazione della rete Nel presente documento assegneremo ai due computer i seguenti nomi ed indirizzi IP: Descrizione Nome Indirizzo IP Server NFS server Client NFS client Il dominio sarà denominato dom.it. Occorre a questo punto inserire tali dati nei file di configurazione: /etc/hosts localhost server.dom.it server client.dom.it client /etc/hostname (/etc/hostname per la distribuzione Red Hat e quelle derivate) server.dom.it 3.3 Installazione dei demoni nfs-server e portmap Se nel server non fossero già installati i demoni nfs-server e portmap occorrerà installarli ad esempio utilizzando i relativi pacchetti (esempio: nfs-server-2.2beta37-1.i386.rpm, portmap i386.rpm, nfs-server_2.2beta37-1.deb, ecc.) che possono essere reperiti dai CDRom di installazione o scaricati dai siti FTP delle varie distribuzioni. 3.4 Impostazione della directory da condividere A questo punto è possibile inserire nel file /etc/exports il percorso ed il nome della directory che contiene i file di installazione (nel nostro caso è il CDRom e quindi occorrerà scrivere qualcosa come: /cdrom o /mnt/cdrom). Ovviamente è necessario inserire nel lettore CDRom il CD di installazione e montarlo digitando: mount -t iso9660 /dev/cdrom /cdrom mount -t iso9660 /dev/hdb /mnt/cdrom o qualcosa del genere. 6

9 L'ultima cosa da controllare è che il contenuto dei file /etc/hosts.allow e /etc/hosts.deny permetta l'accesso da parte del client. 3.5 Impostazione delle interfacce di rete Dopo aver riavviato la macchina possiamo caricare i moduli relativi alla periferica di rete utilizzata: Esempio di caricamento dei moduli necessari ad una scheda di rete PCI compatibile NE2000: insmod 8390 insmod ne2k-pci oppure semplicemente: modprobe ne2k-pci Esempio di caricamento dei moduli necessari al collegamento PLIP: insmod parport insmod plip oppure semplicemente: modprobe parport In questo modo dovremmo avere a disposizione un'interfaccia di rete denominata eth0 nel caso di una scheda di rete o plip0 nel caso di un collegamento PLIP. Ora potremo impostare l'interfaccia di rete digitando: ifconfig eth netmask oppure: ifconfig plip pointopoint netmask Attenzione: la numerazione delle interfacce di rete parallele può variare in base al kernel adottato per cui se il comando precedente non dovesse aver successo si può tentare con plip1 o plip2. In ogni modo in risposta al comando ifconfig dovremmo ottenere qualcosa di simile a questo: eth0 Link encap:ethernet HWaddr 00:C0:DF:EF:5B:20 inet addr: Bcast: Mask: UP BROADCAST RUNNING MULTICAST MTU:1500 Metric:1 RX packets:0 errors:0 dropped:0 overruns:0 frame:0 TX packets:0 errors:0 dropped:0 overruns:0 carrier:0 collisions:0 Interrupt:9 Base address:0x6100 plip0 Link encap:ethernet HWaddr FC:FC:C0:A8:01:02 inet addr: P-t-P: Mask: UP POINTOPOINT RUNNING NOARP MTU:1500 Metric:1 RX packets:0 errors:0 dropped:0 overruns:0 frame:0 TX packets:0 errors:0 dropped:0 overruns:0 carrier:0 collisions:0 Interrupt:7 Base address:0x378 7

10 4. Installazione di Debian GNU/Linux 2.1 Cominciamo a descrivere l'installazione di Linux sul client prendendo in considerazione la distribuzione Debian GNU/Linux Creazione dischetti di installazione e driver Per l'installazione di Debian GNU/Linux 2.1 occorre innanzitutto creare il dischetto di installazione (rescue) e quello dei driver; le immagini dei due dischetti sono contenute nel CDRom di installazione e possono essere utilizzate sia con il computer che usiamo come server NFS che con qualsiasi sistema MS DOS/MS Windows. Per la creazione dei dischetti di installazione e driver ci si deve innanzitutto spostare nella directory contenente le relative immagini; il file per il dischetto di installazione si può trovare in directory abbastanza semplici da individuare (ad esempio boot o install) mentre per l'immagine del dischetto dei driver occorre impegnarsi un po' di più (dovrebbe trovarsi in debian/dists/stable/main/disks-i386/current). I file immagine da utilizzare solitamente sono resc1440.bin e drv1440.bin (nel caso in cui il floppy utilizzato sia quello da 5,25" occorre utilizzare i file resc1200.bin e drv1200.bin; nel caso si avessero invece problemi si può tentare con i file resc1440tecra.bin e drv1440tecra.bin). Creazione del dischetto di installazione da Linux: dd if=resc1440.bin of=/dev/fd0 Creazione del dischetto di installazione da DOS: in questo caso si può utilizzare l'utility rawrite2.exe contenuta nella stessa directory dei file immagine o in tools. rawrite2 -f resc1440.bin -d a: Creazione del dischetto driver da Linux: dd if=drv1440.bin of=/dev/fd0 Creazione del dischetto driver da DOS: rawrite2 -f drv1440.bin -d a: Nota: se si utilizza Linux, dopo aver inserito il dischetto nel drive, non è necessario montarlo nel filesystem. 4.2 Avvio dell'installazione Possiamo finalmente inserire il dischetto di installazione nel drive del client ed avviarlo; dopo aver premuto [Invio] al prompt boot: viene caricato il programma dbootstrap che eseguirà l'installazione. La prima cosa che viene richiesta è la scelta del tipo di monitor (bianco/nero o colori) e, di seguito, della tastiera utilizzata; si può quindi procedere al partizionamento dell'hard disk e, successivamente, 8

11 all'inizializzazione delle partizioni ed al mount del root filesystem. Si può procedere quindi scegliendo la voce del menù Install Operating System Kernel and Modules. Lasciando inserito il dischetto di rescue, scegliere come sorgente /dev/fd0; quando richiesto inserire il floppy dei driver. Al termine della copia dei moduli dal dischetto driver, scegliendo Configure Device Driver Modules, si possono caricare i moduli necessari all'installazione. Un modulo fondamentale è ovviamente nfs contenuto nella sezione fs; importanti sono poi i moduli relativi all'interfaccia di rete utilizzata: ad esempio, per una scheda di rete ISA compatibile NE2000, dovranno i moduli 8390 e ne contenuti nella sezione net; per quest'ultimo modulo occorre indicare l'indirizzo I/O e l'interrupt utilizzato con le opzioni io ed irq (esempio: io=0x300 irq=5). In modo analogo per un collegamento attraverso la porta parallela sarà necessario caricare il modulo plip della sezione net. A questo punto si debbono inserire alcuni dati richiesti dall'opzione Configure the Network: Inserire il nome della macchina: client Rispondere yes alla domanda Is your system connected to a network? Inserire il nome del dominio: dom.it Confermare il nome completo del vostro computer (client.dom.it) Inserire l'indirizzo IP di client: Digitare la netmask: Scegliere l'indirizzo IP di broadcast: dovrebbe andar bene Rispondere alla domanda sulla presenza di un gateway nella vostra rete (eventualmente specificarne l'indirizzo IP) Specificare le informazioni relative all'eventuale server DNS (se non esiste scegliere there will be no DNS server) Confermare il riepilogo delle informazioni fornite fino ad ora Scegliere l'interfaccia di rete adottata (eth0 o plip) In questo modo si ritorna ritorna al menù principale dal quale di può scegliere la voce Install the Base System e quindi scegliere il tipo di media da utilizzare per l'installazione (naturalmente NFS); alla richiesta di specificare il server NFS ed il path potremmo indicare: :/cdrom (al posto di /cdrom occorre indicare la directory condivisa come descritto precedentemente. Riguardo al path per raggiungere gli archivi della distribuzione potremmo invece indicare: /debian. Viene ora richiesta la directory contenente il file base2_1.tgz nel quale è compresso il sistema di base: scegliendo il metodo automatico si procede alla ricerca del file sul cdrom altrimenti si può optare per il metodo manuale inserendo il seguente path: /instmnt/debian/dists/stable/main/disks-i386/current. Dopo qualche minuto sarà possibile continuare scegliendo la voce Configure the Base System dal menù principale; si può selezionare ora la Timezone e scegliere il tipo di avvio di Linux desiderato ed infine riavviare il sistema. 4.3 Riavvio ed installazione dei pacchetti Se tutto procede bene, al riavvio del sistema secondo la modalità scelta precedentemente, verrà richiesta la password per il super-utente (root) e si avrà la possibilità di creare l'account per un utente normale, di utilizzare 9

12 le shadows passwords ed eventualmente di rimuovere dal kernel la parte relativa al supporto PCMCIA. A questo punto viene richiesto se volete utilizzare dei profili predefiniti per l'installazione dei pacchetti e quindi viene eseguito dselect: occorre innanzitutto scegliere la modalità di accesso ([A]ccess) ai pacchetti da installare; nel nostro caso sceglieremo multi_nfs o nfs. Verranno quindi richieste le seguenti informazioni (dopo i due punti viene indicata la risposta): Nome del server NFS: Directory del server contenente i file Debian: /cdrom Directory principale della distribuzione: /debian/dists/stable Se le parti main, contrib e non-free, non-us e local della distribuzione non sono disponibili verrà richiesto di specificare il percorso esatto o digitare none se non esistono. Se precedentemente non è stato scelto un profilo predefinito è necessario ora selezionare quali pacchetti installare con l'opzione [S]elect. Si può quindi procedere con l'installazione scegliendo [I]nstall e, al termine dell'operazione, si può uscire con [Q]uit. 10

13 5. Installazione di Debian GNU/Linux 2.2 La fase d'installazione di Debian GNU/Linux 2.2 è del tutto analoga a quella della versione precedente quindi, in questa sezione, saranno discussi soprattutto i nuovi aspetti. 5.1 Creazione dischetti di installazione e driver La prima fase dell'installazione di Debian GNU/Linux 2.2 è sempre la creazione dei dischetti di avvio. La directory /dists/stable/main/disks-i386/current/images-1.44/ contiene diversi set di immagini dei floppy di avvio (simpaticamente denominati flavors); consultando la documentazione presente nel CDRom dovreste scegliere il flavor più adatto al vostro PC (io trovo abbastanza comodo il flavor compact in quanto permette l'installazione con soli tre floppy). Utilizzando il comando dd di Linux o l'utility MS DOS rawrite si dovranno creare i seguenti dischetti: Floppy di rescue (rescue.bin) Dischetto di root (root.bin) Uno o più floppy contenenti i driver (driver-n.bin) 5.2 Avvio dell'installazione Con il dischetto di rescue è possibile avviare il PC e, quando viene richiesto, si deve inserire il floppy di root. Dopo aver selezionato la tastiera utilizzata si può procedere al partizionamento dell'hard disk ed all'inizializzazione delle partizioni ed al mount del root filesystem. Si può procedere quindi scegliendo la voce del menù Install Operating System Kernel and Modules. Inserendo il dischetto di rescue, scegliere come sorgente /dev/fd0; quando richiesto inserire il floppy dei driver. Al termine della copia dei moduli dal dischetto driver, scegliendo Configure Device Driver Modules, si possono caricare i moduli necessari all'installazione in modo del tutto analogo a quello visto per la versione 2.1. Dopo aver installato i moduli necessari si procede con la voce di menù Configure the Network inserendo il nome del PC; nella successiva finestra (Automatic Network Configuration) occorre indicare se esistono server DHCP o BOOTP oppure se bisogna configurare manualmente il sistema; nel secondo sarà necessario inserire i seguenti dati: L'indirizzo IP del client: La netmask: L'indirizzo IP dell'eventuale gateway della vostra rete Inserire il nome del dominio: dom.it Le informazioni relative all'eventuale server DNS 11

14 In questo modo si ritorna ritorna al menù principale dal quale di può scegliere la voce Install the Base System e quindi scegliere il tipo di media da utilizzare per l'installazione (naturalmente NFS); alla richiesta di specificare il server NFS ed il path potremmo indicare: :/cdrom (al posto di /cdrom occorre indicare la directory condivisa come descritto precedentemente. Occorre inserire ora il path degli archivi Debian all'interno del filesystem nfs montato (/instmnt/dists/stable/main) e la posizione del file che contiene il sistema di base (base2_2.tgz): scegliendo il metodo automatico si procede alla ricerca del file sul cdrom altrimenti si può optare per il metodo manuale inserendo il seguente path: /instmnt/dists/stable/main/disks-i386/current/. Dopo qualche minuto sarà possibile continuare scegliendo la voce Configure the Base System dal menù principale; si può selezionare ora la Timezone e scegliere il tipo di avvio di Linux desiderato ed infine riavviare il sistema. 5.3 Riavvio ed installazione dei pacchetti In modo simile e quello dell'installazione della versione 2.1, dopo il riavvio del PC, viene richiesto se abilitare le codifiche MD5 e shadow delle password e quindi viene chiesta la password di root e se si vuole è possibile creare un account normale. Viene chiesto se rimuovere i moduli relativi all'interfaccia PCMCIA e se si vuole impostare il servizio PPP per accedere ad Internet per scaricare i pacchetti software da installare. Si procede quindi con la configurazione di apt (la nuova utility per la gestione dei pacchetti): occorre innanzitutto scegliere filesystem come metodo di accesso ai package e quindi si decide se installare software non-us, non-free, contrib. Quando viene quindi chiesto il path dei pacchetti, si deve aprire un secondo terminale virtuale premendo i tasti [Alt]+[F2] ed eseguire il login come root; i moduli relativi alla rete e al nfs filesystem dovrebbero essere caricati correttamente quindi si può montare il cdrom del server con: mount -t nfs :/cdrom /mnt Si ritorna quindi al menù dell'installazione con la combinazione di tasti [Alt]+[F1] e si imposta il path /mnt/ L'utility apt analizza i pacchetti presenti nel cdrom e quindi chiede se si vogliono utilizzare delle sorgenti aggiuntive. L'installazione di Debian GNU/Linux 2.2 continua normalmente con la richiesta della modalità di selezione dei pacchetti da installare: con l'opzione semplice si utilizza l'utility tasksel per la selezione di gruppi omogenei di pacchetti (profile o task) necessari agli usi più comuni; scegliendo l'opzione avanzata i package devono essere selezionati singolarmente. 12

15 6. Installazione di Red Hat Linux 6.0 Rispetto all'installazione di Debian GNU/Linux questa è molto più semplice tant'è che un po' mi vergogno di scrivere questa sezione. ;-) 6.1 Creazione del dischetto di installazione Per l'installazione di Red Hat Linux 6.0 occorre innanzitutto creare il dischetto di installazione; le immagini dei dischetti sono contenute nel CDRom di installazione e possono essere utilizzate sia con il computer che usiamo come server NFS che con qualsiasi sistema MS DOS/MS Windows. Per la creazione del dischetto di installazione ci si deve innanzitutto spostare nella directory images che dovrebbe contenere il file immagine bootnet.img da utilizzare per l'installazione da server NFS. Se si usa Linux, dopo aver inserito un dischetto nel drive, si può digitare: dd if=bootnet.img of=/dev/fd0 Nel caso in cui si utilizzasse DOS/Windows si dovrà utilizzare il programma rawrite.exe che dovrebbe essere nella directory dosutils del CDRom di installazione: cd dosutils rawrite -f..\images\bootnet.img -d a: 6.2 Avvio dell'installazione Si inserisce il dischetto di installazione nel drive del client e lo si avvia; dopo aver premuto [Invio] al prompt boot: viene caricato il programma che eseguirà l'installazione. La prima cosa che viene richiesta è la scelta della lingua da utilizzare e, di seguito, il tipo di tastiera; si può quindi scegliere il supporto su cui sono installati i pacchetti da installare: NFS image. A questo punto occorre specificare il driver da utilizzare per la scheda di rete o l'interfaccia PLIP quindi il protocollo di boot (nel nostro caso sceglieremo Indirizzo IP statico). Verranno quindi richieste le seguenti informazioni (dopo i due punti viene indicata la risposta): Indirizzo IP del client: Netmask: Indirizzo IP del gateway: lasciare il campo vuoto se non esiste DNS server primario: anche in questo caso lasciare vuoto il campo se non esiste un DNS. Dominio: dom.it Nome dell'host: client.dom.it Eventuali DNS secondari Nome (o indirizzo IP) del server NFS:

16 Directory contenente la distribuzione Red Hat: indicare la directory condivisa come descritto precedentemente; nel nostro esempio: /cdrom. Se tutto procede correttamente ora dovremmo scegliere il tipo di installazione (nuova installazione o aggiornamento) e la classe (workstation, server, custom). Dopo aver configurato eventuali adattatori SCSI si potrà procedere al partizionamento dell'hard disk e, successivamente, all'inizializzazione delle partizioni ed al mount del root filesystem. Si possono scegliere, a questo punto, i pacchetti da installare ed attendere pazientemente la fine dell'operazione. 6.3 Conclusione dell'installazione Per concludere l'installazione di Red Hat Linux 6.0 si può consultare l'esauriente documentazione presente nel CDRom di installazione. 14

17 7. Installazione di SuSE Linux 6.1 Qualcuno di voi si rotolerà per terra dalle risate pensando che ho perso tempo a descrivere una operazione così banale. : ( 7.1 Creazione dischetti di installazione e driver Per l'installazione di SuSE Linux 6.1 occorre innanzitutto creare i dischetti di installazione e moduli; le immagini dei due dischetti sono contenute nel CDRom di installazione e possono essere utilizzate sia con il computer che usiamo come server NFS che con qualsiasi sistema MS DOS/MS Windows. Per la creazione dei dischetti di installazione e driver ci si deve innanzitutto spostare nella directory contenente le relative immagini (dovrebbe essere all'incirca suse/disks). I file immagine da utilizzare solitamente sono eidexx o scsixx (a seconda del controller dell'hard disk utilizzato) e modules; nel nome dei file immagine ho inserito XX per indicare l'esistenza di diversi file il cui nome differisce per le ultime due cifre: occorre leggere il file README che dovrebbe essere nella stessa directory delle immagini per scegliere il file giusto per la propria configurazione. Creazione del dischetto di installazione da Linux: dd if=eide01 of=/dev/fd0 Creazione del dischetto di installazione da DOS: in questo caso si può utilizzare l'utility rawrite.exe contenuta nella directory suse/dosutils/rawrite: rawrite -f..\..\eide01 -d a: Creazione del dischetto moduli da Linux: dd if=modules of=/dev/fd0 Creazione del dischetto moduli da DOS: rawrite -f..\..\modules -d a: Nota: se si utilizza Linux, dopo aver inserito il dischetto nel drive, non è necessario montarlo nel filesystem. 7.2 Avvio dell'installazione Si inserisce il dischetto di installazione nel drive del client e lo si avvia; dopo aver premuto [Invio] al prompt boot: viene caricato il programma che eseguirà l'installazione. La prima cosa che viene richiesta è la scelta della lingua da adottare e, di seguito, del tipo di monitor (bianco/nero o colori) e della tastiera utilizzata. Verrà ora presentato il Menù principale dal quale invece di scegliere la voce predefinita (Installazione / iniziare il sistema) opteremo per Modulo-Kernel (Hardware-Driver) e quindi per Caricare i driver per la rete; verranno elencati alcuni moduli relativi alle schede di rete; se il vostro dispositivo di rete non è presente nell'elenco (il collegamento PLIP non lo è di 15

18 sicuro) è possibile estrarre il dischetto d'installazione, inserire quello dei moduli e scegliere la voce di menu Più moduli. Una volta scelta la periferica di rete ed averne specificato gli eventuali parametri (indirizzo Input/Output ed interrupt; ad esempio per la mia scheda NE2000 compatibile ho inserito: io=0x300, irq=5) potremo tornare al menu principale scegliendo Indietro e procedere con Installazione / iniziare il sistema e Iniziare l'installazione. Alla richiesta di selezione del media contenente i file della distribuzione potremo rispondere Rete (NFS) rinunciando alla successiva proposta di configurazione automatica via bootp. In seguito verranno richieste le seguenti informazioni (dopo i due punti viene indicata la risposta): Indirizzo IP del client: Netmask: Indirizzo IP del gateway: se non esiste un gateway inserire l'indirizzo IP del client: DNS server primario: se non esiste un DNS premere [Esc] Indirizzo IP del server NFS: Directory contenente la distribuzione SuSE: indicare la directory condivisa come descritto precedentemente; nel nostro esempio: /cdrom. Dopo qualche minuto verrà proposto il menù Tipo dell'installazione dal quale protremmo scegliere Nuova installazione di Linux; verranno quindi chieste disposizioni per il partizionamento e l'inizializzazione dell'hard disk. A questo punto viene lanciato YaST, il programma di installazione pacchetti e configurazione di SuSE Linux, per mezzo del quale sarà possibile ad esempio selezionare la voce di menù Caricare la configurazione, scegliere uno dei profili di installazione predefiniti e quindi optare per la voce di menù Iniziare l'installazione. 7.3 Conclusione dell'installazione Per concludere l'installazione di SuSE Linux 6.1 si può consultare la documentazione che dovrebbe essere presente nel CDRom di installazione. 16

19 8. Riferimenti NFS HOWTO NET 3-HOWTO Kernel HOWTO PLIP mini-howto Pluto Journal Aprile Costruiamo una rete locale

UBUNTU SERVER. Installazione e configurazione di Ubuntu Server. M. Cesa 1

UBUNTU SERVER. Installazione e configurazione di Ubuntu Server. M. Cesa 1 UBUNTU SERVER Installazione e configurazione di Ubuntu Server M. Cesa 1 Ubuntu Server Scaricare la versione deisiderata dalla pagina ufficiale http://www.ubuntu.com/getubuntu/download-server Selezioniare

Dettagli

CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA

CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA Manuale Utente Linux Debian, Fedora, Ubuntu www.ondacommunication.com Chiavet ta Internet MT503HSA Guida rapida sistema operativo LINUX V 1.1 33080, Roveredo in Piano (PN)

Dettagli

Virtualizzazione e installazione Linux

Virtualizzazione e installazione Linux Virtualizzazione e installazione Linux Federico De Meo, Davide Quaglia, Simone Bronuzzi Lo scopo di questa esercitazione è quello di introdurre il concetto di virtualizzazione, di creare un ambiente virtuale

Dettagli

HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE

HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE 1-1/9 HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE 1 CARATTERISTICHE DI UN DATABASE SQL...1-2 Considerazioni generali... 1-2 Concetto di Server... 1-2 Concetto di Client... 1-2 Concetto di database SQL... 1-2 Vantaggi...

Dettagli

Manuale di installazione. Data Protector Express. Hewlett-Packard Company

Manuale di installazione. Data Protector Express. Hewlett-Packard Company Manuale di installazione Data Protector Express Hewlett-Packard Company ii Manuale di installazione di Data Protector Express. Copyright Marchi Copyright 2005 Hewlett-Packard Limited. Ottobre 2005 Numero

Dettagli

Installare e configurare Easy Peasy (Ubuntu Eee) su Asus Eee PC mini howto

Installare e configurare Easy Peasy (Ubuntu Eee) su Asus Eee PC mini howto Installare e configurare Easy Peasy (Ubuntu Eee) su Asus Eee PC mini howto Augusto Scatolini (webmaster@comunecampagnano.it) Ver. 1.0 (marzo 2009) ultimo aggiornamento aprile 2009 Easy Peasy è una distribuzione

Dettagli

Installazione LINUX 10.0

Installazione LINUX 10.0 Installazione LINUX 10.0 1 Principali passi Prima di iniziare con l'installazione è necessario entrare nel menu di configurazione del PC (F2 durante lo start-up) e selezionare nel menu di set-up il boot

Dettagli

Boot Camp Guida di installazione e configurazione

Boot Camp Guida di installazione e configurazione Boot Camp Guida di installazione e configurazione Indice 3 Introduzione 4 Panoramica dell'installazione 4 Passo 1: Verificare la presenza di aggiornamenti 4 Passo 2: Per preparare il Mac per Windows 4

Dettagli

SERVER VIDEO 1-PORTA H.264

SERVER VIDEO 1-PORTA H.264 SERVER VIDEO 1-PORTA H.264 MANUALE UTENTE DN-16100 SALVAGUARDIA IMPORTANTE Tutti i prodotti senza piombo offerti dall'azienda sono a norma con i requisiti della legge Europea sulla restrizione per l'uso

Dettagli

Creare una pen drive bottabile con Zeroshell oppure installarlo su hard disk. by Gassi Vito info@gassielettronica.com

Creare una pen drive bottabile con Zeroshell oppure installarlo su hard disk. by Gassi Vito info@gassielettronica.com Creare una pen drive bottabile con Zeroshell oppure installarlo su hard disk by Gassi Vito info@gassielettronica.com Questa breve guida pratica ci consentirà installare Zeroshell su pen drive o schede

Dettagli

Introduzione a Puppy Linux: installazione su una chiavetta USB

Introduzione a Puppy Linux: installazione su una chiavetta USB Introduzione a Puppy Linux: installazione su una chiavetta USB Alex Gotev 1 Contenuti Che cos'è Puppy Linux? Come posso averlo? Come si avvia? Che programmi include? Installazione su Chiavetta USB Domande

Dettagli

Ambienti supportati. Configurazione della stampante di rete. Stampa. Gestione della carta. Manutenzione. Risoluzione dei problemi.

Ambienti supportati. Configurazione della stampante di rete. Stampa. Gestione della carta. Manutenzione. Risoluzione dei problemi. I server di stampa vengono utilizzati per collegare le stampanti alle reti. In tal modo, più utenti possono accedere alle stampanti dalle proprie workstation, condividendo sofisticate e costose risorse.

Dettagli

Guida all'installazione di WiFi Booster WN1000RP per dispositivi mobili

Guida all'installazione di WiFi Booster WN1000RP per dispositivi mobili Guida all'installazione di WiFi Booster WN1000RP per dispositivi mobili 2012 NETGEAR, Inc. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte della presente pubblicazione può essere riprodotta, trasmessa, trascritta,

Dettagli

Istruzioni per l uso Guida software

Istruzioni per l uso Guida software Istruzioni per l uso Guida software Leggere subito Manuali per questa stampante...8 Preparazione per la stampa Installazione rapida...9 Conferma del metodo di connessione...11 Connessione di rete...11

Dettagli

Creare e ripristinare immagine di sistema con Windows 8

Creare e ripristinare immagine di sistema con Windows 8 Creare e ripristinare immagine di con Windows 8 La versione Pro di Windows 8 offre un interessante strumento per il backup del computer: la possibilità di creare un immagine completa del, ovvero la copia

Dettagli

DEFT Zero Guida Rapida

DEFT Zero Guida Rapida DEFT Zero Guida Rapida Indice Indice... 1 Premessa... 1 Modalità di avvio... 1 1) GUI mode, RAM preload... 2 2) GUI mode... 2 3) Text mode... 2 Modalità di mount dei dispositivi... 3 Mount di dispositivi

Dettagli

Zeroshell come client OpenVPN

Zeroshell come client OpenVPN Zeroshell come client OpenVPN (di un server OpenVpn Linux) Le funzionalità di stabilire connessioni VPN di Zeroshell vede come scenario solito Zeroshell sia come client sia come server e per scelta architetturale,

Dettagli

FileMaker Server 12. Guida introduttiva

FileMaker Server 12. Guida introduttiva FileMaker Server 12 Guida introduttiva 2007 2012 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 FileMaker e Bento sono marchi di FileMaker,

Dettagli

Zeroshell su vmware ESXi 4.1

Zeroshell su vmware ESXi 4.1 Zeroshell su vmware ESXi 4.1 Introduzione Vediamo come installare Zeroshell su Vmware ESXi 4.1 usando come immagine quella per IDE,SATA e USB da 1GB. Cosa ci serve prima di iniziare: Una distro Live io

Dettagli

Schema Tipologia a Stella

Schema Tipologia a Stella Cos'e' esattamente una rete! Una LAN (Local Area Network) è un insieme di dispositivi informatici collegati fra loro, che utilizzano un linguaggio che consente a ciascuno di essi di scambiare informazioni.

Dettagli

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a:

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a: Lab 4.1 Utilizzare FTP (File Tranfer Protocol) LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) In questa lezione imparerete a: Utilizzare altri servizi Internet, Collegarsi al servizio Telnet, Accedere

Dettagli

MANUALE DOS INTRODUZIONE

MANUALE DOS INTRODUZIONE MANUALE DOS INTRODUZIONE Il DOS è il vecchio sistema operativo, che fino a qualche anno fa era il più diffuso sui PC, prima dell avvento di Windows 95 e successori. Le caratteristiche principali di questo

Dettagli

Per Iniziare con Parallels Desktop 10

Per Iniziare con Parallels Desktop 10 Per Iniziare con Parallels Desktop 10 Copyright 1999-2014 Parallels IP Holdings GmbH e i suoi affiliati. Tutti i diritti riservati. Parallels IP Holdings GmbH Vordergasse 59 8200 Schaffhausen Svizzera

Dettagli

Manuale installazione DiKe Util

Manuale installazione DiKe Util Manuale installazione DiKe Util Andare sul sito Internet: www.firma.infocert.it Cliccare su software nella sezione rossa INSTALLAZIONE: comparirà la seguente pagina 1 Selezionare, nel menu di sinistra,

Dettagli

FS-1118MFP. Guida all'installazione dello scanner di rete

FS-1118MFP. Guida all'installazione dello scanner di rete FS-1118MFP Guida all'installazione dello scanner di rete Introduzione Informazioni sulla guida Informazioni sul marchio Restrizioni legali sulla scansione Questa guida contiene le istruzioni sull'impostazione

Dettagli

iphone in azienda Guida alla configurazione per gli utenti

iphone in azienda Guida alla configurazione per gli utenti iphone in azienda Guida alla configurazione per gli utenti iphone è pronto per le aziende. Supporta Microsoft Exchange ActiveSync, così come servizi basati su standard, invio e ricezione di e-mail, calendari

Dettagli

Gestione posta elettronica (versione 1.1)

Gestione posta elettronica (versione 1.1) Gestione posta elettronica (versione 1.1) Premessa La presente guida illustra le fasi da seguire per una corretta gestione della posta elettronica ai fini della protocollazione in entrata delle mail (o

Dettagli

Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP

Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP Protocolli di rete Sommario Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP Configurazione statica e dinamica

Dettagli

Manuale di Remote Desktop Connection. Brad Hards Urs Wolfer Traduzione: Luciano Montanaro Traduzione: Daniele Micci

Manuale di Remote Desktop Connection. Brad Hards Urs Wolfer Traduzione: Luciano Montanaro Traduzione: Daniele Micci Manuale di Remote Desktop Connection Brad Hards Urs Wolfer Traduzione: Luciano Montanaro Traduzione: Daniele Micci 2 Indice 1 Introduzione 5 2 Il protocollo Remote Frame Buffer 6 3 Uso di Remote Desktop

Dettagli

GUIDA DELL UTENTE IN RETE

GUIDA DELL UTENTE IN RETE GUIDA DELL UTENTE IN RETE Memorizza registro di stampa in rete Versione 0 ITA Definizione delle note Nella presente Guida dell'utente viene utilizzata la seguente icona: Le note spiegano come intervenire

Dettagli

Rational Asset Manager, versione 7.1

Rational Asset Manager, versione 7.1 Rational Asset Manager, versione 7.1 Versione 7.1 Guida all installazione Rational Asset Manager, versione 7.1 Versione 7.1 Guida all installazione Note Prima di utilizzare queste informazioni e il prodotto

Dettagli

Manuale dell'amministratore

Manuale dell'amministratore Manuale dell'amministratore di LapLink Host 2 Introduzione a LapLink Host 4 Requisiti per LapLink Host 6 Esecuzione dell'installazione silent di LapLink Host 8 Modifica del file di procedura per l'installazione

Dettagli

Guida all'installazione ed uso dell'app RXCamLink

Guida all'installazione ed uso dell'app RXCamLink Guida all'installazione ed uso dell'app RXCamLink Questa guida riporta i passi relativi all'installazione ed all'utilizzo dell'app "RxCamLink" per il collegamento remoto in mobilità a sistemi TVCC basati

Dettagli

Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione

Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione Indice 4 Introduzione 5 Cosa ti occorre 6 Panoramica dell installazione 6 Passo 1: verifica la presenza di aggiornamenti. 6 Passo 2: apri Assistente

Dettagli

Guida all'installazione rapida di scansione su e-mail

Guida all'installazione rapida di scansione su e-mail Xerox WorkCentre M118i Guida all'installazione rapida di scansione su e-mail 701P42705 Questa guida fornisce un riferimento rapido per l'impostazione della funzione Scansione su e-mail su Xerox WorkCentre

Dettagli

VIP X1/VIP X2 Server video di rete

VIP X1/VIP X2 Server video di rete VIP X1/VIP X2 Server video di rete IT 2 VIP X1/VIP X2 Guida all'installazione rapida Attenzione Leggere sempre attentamente le misure di sicurezza necessarie contenute nel relativo capitolo del manuale

Dettagli

Guida all'installazione di SLPct. Manuale utente. Evoluzioni Software www.evoluzionisoftware.it info@evoluzionisoftware.it

Guida all'installazione di SLPct. Manuale utente. Evoluzioni Software www.evoluzionisoftware.it info@evoluzionisoftware.it Guida all'installazione di SLPct Manuale utente Evoluzioni Software www.evoluzionisoftware.it info@evoluzionisoftware.it Premessa Il redattore di atti giuridici esterno SLpct è stato implementato da Regione

Dettagli

GESTIONE DELLA E-MAIL

GESTIONE DELLA E-MAIL GESTIONE DELLA E-MAIL Esistono due metodologie, completamente diverse tra loro, in grado di consentire la gestione di più caselle di Posta Elettronica: 1. tramite un'interfaccia Web Mail; 2. tramite alcuni

Dettagli

INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 DHCP Dynamic Host Configuration Protocol Fausto Marcantoni fausto.marcantoni@unicam.

INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 DHCP Dynamic Host Configuration Protocol Fausto Marcantoni fausto.marcantoni@unicam. Laurea in INFORMATICA INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 Dynamic Host Configuration Protocol fausto.marcantoni@unicam.it Prima di iniziare... Gli indirizzi IP privati possono essere

Dettagli

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO CLSMS SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO Sommario e introduzione CLSMS SOMMARIO INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE... 3 Parametri di configurazione... 4 Attivazione Software...

Dettagli

Manuale di configurazione per iphone

Manuale di configurazione per iphone Manuale di configurazione per iphone Notariato.it e.net (Iphone 2G e 3G) 2 PREMESSA Il presente manuale ha lo scopo di fornire le indicazioni per la configurazione del terminale IPhone 2G e 3G per ricevere

Dettagli

Installazione ed attivazione della "SUITE OFFIS" versione SERVER

Installazione ed attivazione della SUITE OFFIS versione SERVER Installazione ed attivazione della "SUITE OFFIS" versione SERVER Premessa La versione server di OFFIS può essere installata e utilizzata indifferentemente da PC/Win o Mac/Osx e consente l'accesso contemporaneo

Dettagli

Acronis Backup & Recovery 10 Advanced Server Virtual Edition. Guida introduttiva

Acronis Backup & Recovery 10 Advanced Server Virtual Edition. Guida introduttiva Acronis Backup & Recovery 10 Advanced Server Virtual Edition Guida introduttiva Questo documento descrive come installare e iniziare a utilizzare Acronis Backup & Recovery 10 Advanced Server Virtual Edition.

Dettagli

La configurazione degli indirizzi IP. Configurazione statica, con DHCP, e stateless

La configurazione degli indirizzi IP. Configurazione statica, con DHCP, e stateless La configurazione degli indirizzi IP Configurazione statica, con DHCP, e stateless 1 Parametri essenziali per una stazione IP Parametri obbligatori Indirizzo IP Netmask Parametri formalmente non obbligatori,

Dettagli

Outlook Express 6 Microsoft Internet Explorer, Avvio del programma Creare un nuovo account

Outlook Express 6 Microsoft Internet Explorer, Avvio del programma Creare un nuovo account Outlook Express 6 è un programma, incluso nel browser di Microsoft Internet Explorer, che ci permette di inviare e ricevere messaggi di posta elettronica. È gratuito, semplice da utilizzare e fornisce

Dettagli

SISSI IN RETE. Quick Reference guide guida di riferimento rapido

SISSI IN RETE. Quick Reference guide guida di riferimento rapido SISSI IN RETE Quick Reference guide guida di riferimento rapido Indice generale Sissi in rete...3 Introduzione...3 Architettura Software...3 Installazione di SISSI in rete...3 Utilizzo di SISSI in Rete...4

Dettagli

DNS (Domain Name System) Gruppo Linux

DNS (Domain Name System) Gruppo Linux DNS (Domain Name System) Gruppo Linux Luca Sozio Matteo Giordano Vincenzo Sgaramella Enrico Palmerini DNS (Domain Name System) Ci sono due modi per identificare un host nella rete: - Attraverso un hostname

Dettagli

AGGIORNAMENTO PROTOCOLLO VERSIONE 3.9.0

AGGIORNAMENTO PROTOCOLLO VERSIONE 3.9.0 AGGIORNAMENTO PROTOCOLLO VERSIONE 3.9.0 Con questo aggiornamento sono state implementate una serie di funzionalità concernenti il tema della dematerializzazione e della gestione informatica dei documenti,

Dettagli

Esiste la versione per Linux di GeCo? Allo stato attuale non è prevista la distribuzione di una versione di GeCo per Linux.

Esiste la versione per Linux di GeCo? Allo stato attuale non è prevista la distribuzione di una versione di GeCo per Linux. FAQ su GeCo Qual è la differenza tra la versione di GeCo con installer e quella portabile?... 2 Esiste la versione per Linux di GeCo?... 2 Quali sono le credenziali di accesso a GeCo?... 2 Ho smarrito

Dettagli

Zeroshell su HP Microserver

Zeroshell su HP Microserver Zeroshell su HP Microserver Introduzione Un Captive Portal su HP Microserver Approfondisco l argomento Zeroshell, mostrando la mia scelta finale per la fornitura di un captive portal in versione boxed,

Dettagli

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Indice Indice Introduzione...3 Guida al primo accesso...3 Accessi successivi...5 Amministrazione dei servizi avanzati (VAS)...6 Attivazione dei VAS...7

Dettagli

Introduzione. Esempio 1. Soluzione: SPOSTA_1.BAT

Introduzione. Esempio 1. Soluzione: SPOSTA_1.BAT Introduzione Un file batch è un file di testo di tipo ASCII che contiene una sequenza di comandi DOS. I file batch devono avere estensione.bat I comandi DOS all interno dei programmi batch sono eseguiti

Dettagli

Per iniziare con Parallels Desktop 9

Per iniziare con Parallels Desktop 9 Per iniziare con Parallels Desktop 9 Copyright 1999-2013 Parallels Holdings, Ltd. and its affiliates. All rights reserved. Parallels IP Holdings GmbH. Vordergasse 59 CH8200 Schaffhausen Switzerland Tel:

Dettagli

Hard Disk Upgrade Mini How-To

Hard Disk Upgrade Mini How-To Yves Bellefeuille yan@storm.ca Konrad Hinsen hinsen@cnrs-orleans.fr v2.11, 13 Aprile 2000 Come copiare un sistema Linux da un disco fisso ad un altro. Traduzione in italiano a cura di Nicola Girardi (girardi(at)keycomm.it)

Dettagli

FileMaker Server 13. Guida introduttiva

FileMaker Server 13. Guida introduttiva FileMaker Server 13 Guida introduttiva 2007-2013 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 Stati Uniti FileMaker e Bento sono marchi

Dettagli

Il test valuta la capacità di pensare?

Il test valuta la capacità di pensare? Il test valuta la capacità di pensare? Per favore compili il seguente questionario senza farsi aiutare da altri. Cognome e Nome Data di Nascita / / Quanti anni scolastici ha frequentato? Maschio Femmina

Dettagli

COPERTURA WI-FI (aree chiamate HOT SPOT)

COPERTURA WI-FI (aree chiamate HOT SPOT) Wi-Fi Amantea Il Comune di Amantea offre a cittadini e turisti la connessione gratuita tramite tecnologia wi-fi. Il progetto inserisce Amantea nella rete wi-fi Guglielmo ( www.guglielmo.biz), già attivo

Dettagli

Inizializzazione degli Host. BOOTP e DHCP

Inizializzazione degli Host. BOOTP e DHCP BOOTP e DHCP a.a. 2002/03 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/~auletta/ Università degli studi di Salerno Laurea e Diploma in Informatica 1 Inizializzazione degli Host Un

Dettagli

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it FIRESHOP.NET Gestione Utility & Configurazioni Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it Sommario SOMMARIO Introduzione... 4 Impostare i dati della propria azienda... 5 Aggiornare il programma... 6 Controllare l integrità

Dettagli

Modulo. Programmiamo in Pascal. Unità didattiche COSA IMPAREREMO...

Modulo. Programmiamo in Pascal. Unità didattiche COSA IMPAREREMO... Modulo A Programmiamo in Pascal Unità didattiche 1. Installiamo il Dev-Pascal 2. Il programma e le variabili 3. Input dei dati 4. Utilizziamo gli operatori matematici e commentiamo il codice COSA IMPAREREMO...

Dettagli

FileMaker Server 13. Guida di FileMaker Server

FileMaker Server 13. Guida di FileMaker Server FileMaker Server 13 Guida di FileMaker Server 2010-2013 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 Stati Uniti FileMaker e Bento sono

Dettagli

Corso di Alfabetizzazione Informatica

Corso di Alfabetizzazione Informatica Corso di Alfabetizzazione Informatica Scopo di questo corso, vuole essere quello di fornire ad ognuno dei partecipanti, indipendentemente dalle loro precedenti conoscenze informatiche, l apprendimento

Dettagli

Guida rapida Vodafone Internet Key K4607-Z. Progettata da Vodafone

Guida rapida Vodafone Internet Key K4607-Z. Progettata da Vodafone Guida rapida Vodafone Internet Key K4607-Z Progettata da Vodafone Benvenuti nel mondo della comunicazione in mobilità 1 Benvenuti 2 Impostazione della Vodafone Internet Key 4 Windows 7, Windows Vista,

Dettagli

Guida alla scansione su FTP

Guida alla scansione su FTP Guida alla scansione su FTP Per ottenere informazioni di base sulla rete e sulle funzionalità di rete avanzate della macchina Brother, consultare la uu Guida dell'utente in rete. Per ottenere informazioni

Dettagli

Guida alle impostazioni generali

Guida alle impostazioni generali Istruzioni per l uso Guida alle impostazioni generali 1 2 3 4 5 6 7 8 9 Collegamento della macchina Impostazioni di sistema Impostazioni Copiatrice/Document server Impostazioni fax Impostazioni Stampante

Dettagli

Modulo 2 - Appendice 3 L'editor vi e cenni su sed

Modulo 2 - Appendice 3 L'editor vi e cenni su sed 1 Modulo 2 - Appendice 3 L'editor vi e cenni su sed Laboratorio di Sistemi Operativi I Anno Accademico 2008-2009 Copyright 2005-2007 Francesco Pedullà, Massimo Verola Copyright 2001-2005 Renzo Davoli,

Dettagli

PROCEDURA DI INSTALLAZIONE DI MYSQL E VolT per utenti Visual Trader e InteractiveBrokers

PROCEDURA DI INSTALLAZIONE DI MYSQL E VolT per utenti Visual Trader e InteractiveBrokers PROCEDURA DI INSTALLAZIONE DI MYSQL E VolT per utenti Visual Trader e InteractiveBrokers La procedura di installazione è divisa in tre parti : Installazione dell archivio MySql, sul quale vengono salvati

Dettagli

Software 2. Classificazione del software. Software di sistema

Software 2. Classificazione del software. Software di sistema Software 2 Insieme di istruzioni e programmi che consentono il funzionamento del computer Il software indica all hardware quali sono le operazioni da eseguire per svolgere determinati compiti Valore spesso

Dettagli

Guida al ripristino e alla risoluzione dei problemi. Creare i dischi di ripristino subito dopo l'impostazione.

Guida al ripristino e alla risoluzione dei problemi. Creare i dischi di ripristino subito dopo l'impostazione. Guida al ripristino e alla risoluzione dei problemi Creare i dischi di ripristino subito dopo l'impostazione. Indice Trovare le informazioni necessarie... 3 Ripristino e backup... 4 Cos'è il ripristino

Dettagli

NAS 208 WebDAV Un'alternativa sicura per la condivisione di file su FTP

NAS 208 WebDAV Un'alternativa sicura per la condivisione di file su FTP NAS 208 WebDAV Un'alternativa sicura per la condivisione di file su FTP Eseguire il collegamento al NAS tramite WebDAV A S U S T O R C O L L E G E OBIETTIVI DEL CORSO Al termine di questo corso si dovrebbe

Dettagli

Come installare e configurare il software FileZilla

Come installare e configurare il software FileZilla Come utilizzare FileZilla per accedere ad un server FTP Con questo tutorial verrà mostrato come installare, configurare il software e accedere ad un server FTP, come ad esempio quello dedicato ai siti

Dettagli

Guida alla migrazione da Windows XP a Linux

Guida alla migrazione da Windows XP a Linux 2014/04/13 20:48 1/12 Guida alla migrazione da Windows XP a Linux Guida alla migrazione da Windows XP a Linux Introduzione Il prossimo 8 aprile, Microsoft cesserà il supporto e gli aggiornamenti per Windows

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Microsoft Windows 30/10/2014 Questo manuale fornisce le istruzioni per l'utilizzo della Carta Provinciale dei Servizi e del lettore di smart card Smarty sui sistemi operativi

Dettagli

INDICE INTRODUZIONE...3 REQUISITI MINIMI DI SISTEMA...4 INSTALLAZIONE DEI PROGRAMMI...5 AVVIAMENTO DEI PROGRAMMI...7 GESTIONE ACCESSI...

INDICE INTRODUZIONE...3 REQUISITI MINIMI DI SISTEMA...4 INSTALLAZIONE DEI PROGRAMMI...5 AVVIAMENTO DEI PROGRAMMI...7 GESTIONE ACCESSI... ambiente Windows INDICE INTRODUZIONE...3 REQUISITI MINIMI DI SISTEMA...4 INSTALLAZIONE DEI PROGRAMMI...5 AVVIAMENTO DEI PROGRAMMI...7 GESTIONE ACCESSI...8 GESTIONE DELLE COPIE DI SICUREZZA...10 AGGIORNAMENTO

Dettagli

Manuale - TeamViewer 6.0

Manuale - TeamViewer 6.0 Manuale - TeamViewer 6.0 Revision TeamViewer 6.0 9947c Indice Indice 1 Ambito di applicazione... 1 1.1 Informazioni su TeamViewer... 1 1.2 Le nuove funzionalità della Versione 6.0... 1 1.3 Funzioni delle

Dettagli

MANUALE Gest-L VERSIONE 3.2.3

MANUALE Gest-L VERSIONE 3.2.3 MANUALE Gest-L VERSIONE 3.2.3 Installazione GEST-L 4 Versione per Mac - Download da www.system-i.it 4 Versione per Mac - Download da Mac App Store 4 Versione per Windows 4 Prima apertura del programma

Dettagli

Manuale dell'utente di Symantec Backup Exec System Recovery Granular Restore Option

Manuale dell'utente di Symantec Backup Exec System Recovery Granular Restore Option Manuale dell'utente di Symantec Backup Exec System Recovery Granular Restore Option Manuale dell'utente di Symantec Backup Exec System Recovery Granular Restore Option Il software descritto nel presente

Dettagli

12.5 UDP (User Datagram Protocol)

12.5 UDP (User Datagram Protocol) CAPITOLO 12. SUITE DI PROTOCOLLI TCP/IP 88 12.5 UDP (User Datagram Protocol) L UDP (User Datagram Protocol) é uno dei due protocolli del livello di trasporto. Come l IP, é un protocollo inaffidabile, che

Dettagli

CONFIGURAZIONE DEI SERVIZI (seconda parte)

CONFIGURAZIONE DEI SERVIZI (seconda parte) Corso ForTIC C2 LEZIONE n. 10 CONFIGURAZIONE DEI SERVIZI (seconda parte) WEB SERVER PROXY FIREWALL Strumenti di controllo della rete I contenuti di questo documento, salvo diversa indicazione, sono rilasciati

Dettagli

AUTENTICAZIONE CON CERTIFICATI DIGITALI MOZILLA THUNDERBIRD

AUTENTICAZIONE CON CERTIFICATI DIGITALI MOZILLA THUNDERBIRD AUTENTICAZIONE CON CERTIFICATI DIGITALI MOZILLA THUNDERBIRD 1.1 Premessa Il presente documento è una guida rapida che può aiutare i clienti nella corretta configurazione del software MOZILLA THUNDERBIRD

Dettagli

Altre opzioni Optralmage

Altre opzioni Optralmage di Personalizzazione delle impostazioni............ 2 Impostazione manuale delle informazioni sul fax......... 5 Creazione di destinazioni fax permanenti................ 7 Modifica delle impostazioni di

Dettagli

2014 Electronics For Imaging. Per questo prodotto, il trattamento delle informazioni contenute nella presente pubblicazione è regolato da quanto

2014 Electronics For Imaging. Per questo prodotto, il trattamento delle informazioni contenute nella presente pubblicazione è regolato da quanto 2014 Electronics For Imaging. Per questo prodotto, il trattamento delle informazioni contenute nella presente pubblicazione è regolato da quanto previsto in Avvisi legali. 23 giugno 2014 Indice 3 Indice...5

Dettagli

GUIDA alla configurazione di un DVR o Router su dyndns.it. in modalità compatibile www.dyndns.org

GUIDA alla configurazione di un DVR o Router su dyndns.it. in modalità compatibile www.dyndns.org GUIDA alla configurazione di un DVR o Router su dyndns.it in modalità compatibile www.dyndns.org Questa semplice guida fornisce le informazioni necessarie per eseguire la registrazione del proprio DVR

Dettagli

Suggerimenti forniti da MetaQuotes per l utilizzo di MetaTrader 4 con Mac OS

Suggerimenti forniti da MetaQuotes per l utilizzo di MetaTrader 4 con Mac OS Suggerimenti forniti da MetaQuotes per l utilizzo di MetaTrader 4 con Mac OS Nonostante esistano già in rete diversi metodi di vendita, MetaQuotes il programmatore di MetaTrader 4, ha deciso di affidare

Dettagli

Guida all'installazione del WiFi Booster WN1000RP per dispositivi mobili

Guida all'installazione del WiFi Booster WN1000RP per dispositivi mobili Guida all'installazione del WiFi Booster WN1000RP per dispositivi mobili Sommario Per iniziare............................................ 3 Il WiFi Booster......................................... 4 Pannello

Dettagli

Installazione di GFI Network Server Monitor

Installazione di GFI Network Server Monitor Installazione di GFI Network Server Monitor Requisiti di sistema I computer che eseguono GFI Network Server Monitor richiedono: i sistemi operativi Windows 2000 (SP4 o superiore), 2003 o XP Pro Windows

Dettagli

TeamViewer 8 Manuale Controllo remoto

TeamViewer 8 Manuale Controllo remoto TeamViewer 8 Manuale Controllo remoto Rev 8.0-12/2012 TeamViewer GmbH Kuhnbergstraße 16 D-73037 Göppingen www.teamviewer.com Indice 1 Informazioni su TeamViewer... 6 1.1 Informazioni sul software... 6

Dettagli

TeamViewer 7 Manuale Controllo remoto

TeamViewer 7 Manuale Controllo remoto TeamViewer 7 Manuale Controllo remoto TeamViewer GmbH Kuhnbergstraße 16 D-73037 Göppingen teamviewer.com Indice 1 Informazioni su TeamViewer... 5 1.1 Informazioni sul software... 5 1.2 Informazioni sul

Dettagli

File Leggimi relativo a Quark Licensing Administrator 4.5.0.2

File Leggimi relativo a Quark Licensing Administrator 4.5.0.2 File Leggimi relativo a Quark Licensing Administrator 4.5.0.2 INDICE Indice File Leggimi relativo a Quark Licensing Administrator 4.5.0.2...4 Requisiti di sistema: QLA Server...5 Requisiti di sistema:

Dettagli

Setup e installazione

Setup e installazione Setup e installazione 2 Prima di muovere i primi passi con Blender e avventurarci nel vasto mondo della computer grafica, dobbiamo assicurarci di disporre di due cose: un computer e Blender. 6 Capitolo

Dettagli

Guida dell'utente di Norton Save and Restore

Guida dell'utente di Norton Save and Restore Guida dell'utente Guida dell'utente di Norton Save and Restore Il software descritto in questo manuale viene fornito con contratto di licenza e può essere utilizzato solo in conformità con i termini del

Dettagli

Comunicazione scuola famiglia

Comunicazione scuola famiglia Manuale d'uso Comunicazione scuola famiglia INFOZETA Centro di ricerca e sviluppo di soluzioni informatiche per la scuola Copyright InfoZeta 2013. 1 Prima di iniziare l utilizzo del software raccomandiamo

Dettagli

Indice. Documentazione ISPConfig

Indice. Documentazione ISPConfig Documentazione ISPConfig I Indice Generale 1 1 Cos'è ISPConfig? 1 2 Termini e struttura del manuale 1 3 Installazione/Aggiornamento/Disinstallazione 1 3.1 Installazione 1 3.2 Aggiornamento 1 3.3 Disinstallazione

Dettagli

Porta di Accesso versione 5.0.12

Porta di Accesso versione 5.0.12 Pag. 1 di 22 Controlli da effettuare in seguito al verificarsi di ERRORE 10 nell utilizzo di XML SAIA Porta di Accesso versione 5.0.12 Pag. 2 di 22 INDICE 1. INTRODUZIONE... 3 2. VERIFICHE DA ESEGUIRE...3

Dettagli

Fedora 11 Guida d'installazione

Fedora 11 Guida d'installazione Fedora 11 Guida d'installazione Installazione di Fedora 11 su x86, AMD64, e architetture Intel a 64 bit Fedora Documentation Project Guida d'installazione Fedora 11 Guida d'installazione Installazione

Dettagli

MANUALE D USO RTSDOREMIPOS

MANUALE D USO RTSDOREMIPOS MANUALE D USO RTSDOREMIPOS PROGRAMMA DI GESTIONE SCAMBIO IMPORTO E ALTRE FUNZIONI TRA APPLICATIVO GESTIONALE E POS INGENICO PER PAGAMENTO ELETTRONICO (prot. 17) Versione 1.0.0.0 INDICE INDICE... 2 LEGENDA...

Dettagli

Seagate Access per Personal Cloud Manuale utente

Seagate Access per Personal Cloud Manuale utente Seagate Access per Personal Cloud Manuale utente 2015 Seagate Technology LLC. Tutti i diritti riservati. Seagate, Seagate Technology, il logo Wave e FreeAgent sono marchi depositati o marchi registrati

Dettagli

minilector/usb Risoluzione dei problemi più comuni di malfunzionamento

minilector/usb Risoluzione dei problemi più comuni di malfunzionamento minilector/usb minilector/usb...1 Risoluzione dei problemi più comuni di malfunzionamento...1 1. La segnalazione luminosa (led) su minilector lampeggia?... 1 2. Inserendo una smartcard il led si accende

Dettagli

APRS su Linux con Xastir, installazione dai sorgenti

APRS su Linux con Xastir, installazione dai sorgenti APRS su Linux con Xastir Installazione dai sorgenti L installazione di Xastir Per installare Xastir non è richiesto essere un guru di Linux, anche se una conoscenza minima della piattaforma è necessaria.

Dettagli