IL PUNTO Le notizie di LiberaUscita

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL PUNTO Le notizie di LiberaUscita"

Transcript

1 IL PUNTO Le notizie di LiberaUscita Aprile N 23 SOMMARIO LE LETTERE DI AUGIAS Non aiuterò mai mio figlio a morire di Corrado Augias 322 La chiesa dalla parte degli oppressi di Corrado Augias LIBRI, TV E ARTICOLI Laici in ginocchio libro di Carlo Augusto Viano Di nessuna chiesa. La liberta del laico - libro di Giulio Giorello Eutanasia in TV Confronti: politica e religione di Giampietro Sestini Eutanasia e suicidio assistito in TV di Giampietro Sestini Il furore ideologico su famiglia e bioetica di Stefano Rodota Il 74% degli infermieri favorevoli all eutanasia di G. Vecellio Dialogo sulla vita - colloquio fra il cardinale Martini e il prof. Marino NOTIZIE DALL ASSOCIAZIONE Equinozio d autunno - di Urbano Cipriani Scambio di messaggi con Sophie In t Veld Dibattito sul suicidio assistito NOTIZIE DALL ESTERO Spagna un nuovo caso Sampedro Olanda condanna a 15 mesi per aiuto al suicidio Belgio differenze fra eutanasia e suicidio assistito USA proseguono le polemiche sul caso Terri Schiavo PER SORRIDERE Le vignette di Brusco Berlusconi e gli italiani LiberaUscita Associazione per la depenalizzazione dell eutanasia Sede: via Genova 24, Roma Tel fax Sito web: -

2 321 - NON AIUTERÒ MAI MIO FIGLIO A MORIRE DI CORRADO AUGIAS Gentilissimo Augias, non sono d'accordo con lei sull'eutanasia. Sono mamma di una disabile di 33 anni che, a causa di una nascita male assistita, non parla, non cammina, non mangia da sola, non controlla gli sfinteri, il suo livello cognitivo è compromesso, a meno di un miracolo non sarà mai autosufficiente. Basta per non considerarla una persona? Lei comunica con me e con le persone che l'amano con gli occhi, da uno sguardo serio a uno gioioso capiamo il suo stato d'animo, da un suo sorriso riesco a percepire se ha male o è serena, la sua è una vita non degna di essere vissuta? Lei ha citato «l'atto d'amore» della mamma francese che ha ucciso un figlio paraiizzato e cieco. Noi continuiamo a lottare per offrire a quella creatura tutte le opportunità che la tecnica e la scienza offrono, lottiamo perché venga riconosciuto il suo diritto a una vita dignitosa che non si misura sicuramente a seconda delle sue limitazioni ma in base a quanto questa società vuole investire affinché non vi siano cittadini di serie A o cittadini di serie B, C, D. L'eutanasia è una scorciatoia per esonerare chi di dovere dal sostenere le persone con gravi disabilità, se le terapie antalgiche per i malati di cancro fossero veramente messe in atto correttamente, se le famiglie non fossero penaiizzate nell' assistenza, se le persone disabili venissero considerate e non solo a parole, se il rispetto per la vita fosse veramente al primo posto nel pensiero che chi governa, forse non saremmo qui a discutere sulla opportunità dell' eutanasia. Marina Cometto - it Risponde Augias Questa lettera merita il più profondo e commosso rispetto. Per un altro aspetto mostra a quali spaventosi equivoci la parola eutanasia possa dare luogo. Citavo giorni fa il caso di una donna francese che, con l'aiuto del suo medico, ha ucciso il figlio diventato tetraplegico e quasi cieco a seguito di un incidente d'auto. Relitto dal punto di vista fisico, il giovane Vincent, ventenne, era però lucidissimo e molto robusto. La sua condanna era di sopravvivere per cinquanta o sessant'anni steso su un letto e in una condizione fisicamente vegetativa. La madre riusciva a comunicare con lui utilizzando l'unico organo che Vincent poteva controllare: il pollice destro. La donna gli ripeteva una per una le lettere dell'alfabeto, Vincent la bloccava premendo il dito su quella voluta. E qui subentra una differenza fondamentale. La figlia della signora Cometto ha un livello cognitivo compromesso; il giovane Vincent era al contrario intellettualmente integro, prigioniero però di un corpo ormai inutilizzabile, una prigione orribile dalla quale gridava la sua volontà di uscire nel solo modo possibile. Aveva mandato un messaggio al presidente Chirac reclamando il suo diritto a morire. Ed è per questo che il tribunale ha in pratica assolto la madre e il medico anche se con l'espediente legale di un 'non luogo a procedere'. Eutanasia non vuoi dire eliminare i disabili o i meno fortunati ma aiutare a morire persone che in piena coscienza (o quando avevano piena coscienza) reclamano per se stesse il diritto ad abbandonare una condizione da loro ritenuta insostenibile. L'eliminazione dei disabili la facevano gli spartani, o i nazisti. Aiutare a morire chi lo chiede è un gesto di immensa, fraterna generosità. E coraggio LA CHIESA DALLA PARTE DEGLI OPPRESSI DI CORRADO AUGIAS da: la Repubblica di domenica 23 aprile 2004 Caro Augias, ho 45 anni, abito in provincia di Firenze e sono una persona di fede. Catechista da dodici anni presso la mia parrocchia, attiva in tante iniziative di carità e presente nei problemi della mia parrocchia, dei parrocchiani che conosco e, di tante

3 persone che mi chiedono aiuto, anche di altre religioni o atei. Non credo che sia giusta l'ingerenza della Chiesa su problemi politici e leggi italiane, per esempio i futuri Pacs. Ritengo che un vero Stato debba tutelare le scelte dei cittadini. Inoltre la Santa Sede indirizza, forse inconsciamente (lo spero, almeno) troppe persone di fede ad abbracciare un Partito anziché un altro. Da sempre ci sono partiti che tendono ad ingraziarsi le persone religiose, siamo in tanti e ciò significa tanti voti. Possibile che nessuno si accorga che siamo manovrati in nome di Gesù Cristo? Il nostro maestro e Signore non ha mai parlato di politica; si è accorta la Santa Sede che c'è un sacerdote che ha osato profanare, un sacramento come il battesimo e ha battezzato le bandiere di Forza Italia? L'ho sentito dall'alto del pulpito e forte del suo ministero, minacciando gli elettori, pochi giorni prima del voto, con queste parole: "Chi vota a sinistra fa peccato mortale". Sono rimasta esterrefatta. lo credo in Gesù Cristo, nella sua vita, nella sua morte e resurrezione come sola Via di salvezza. I peccati mortali sono altri, ben descritti nel catechismo a pagina 127. Rossana Daldone Antella - (Firenze) Risponde Augias I preti sono uomini anche loro, hanno le loro simpatie, comprese quelle politiche. Fa impressione però apprendere che un prete si schieri così apertamente dalla parte del potere, un prete di base voglio dire, uno che parla ai suoi parrocchiani; per le alte gerarchie il discorso sarebbe diverso, come diverse sono le loro responsabilità e gli interessi. Stasera andrà in onda su Raiuno un film molto bello che s'intitola "La buona battaglia", la regia è di Gianfranco Albano, interprete principale Flavio Insinna. Racconta la storia di don Pietro Pappagallo, un prete trucidato dai nazifascisti alle Fosse Ardeatine in quel tragico 24 marzo 1944 insieme ad altre 335 persone. C'erano insegnanti, operai, studenti, commercianti, c'erano molti ebrei, tutti quelli che i tedeschi e i loro sgherri fascisti (qui la feroce banda Koch) avevano rastrellato. E c'erano preti, come don Pappagallo, nato in Puglia, a Terlizzi, uomo pio, trascinato riluttante nella ferocia della guerra. Ci si può chiedere: qual è la differenza? Don Pappagallo in fondo faceva anche lui politica, proprio come il prete di Antella che malediceva a pochi giorni dal voto chi avrebbe votato per la sinistra. La differenza c'è, ed è profonda e per quel che poco che ne so io, riguarda proprio l'essenza del messaggio cristiano: don Pappagallo, stava con i comunisti e con gli altri antifascisti della Resistenza, stava dalla parte di coloro che in quel momento erano perseguitati e oppressi, come Gesù. Se si ha presente il vangelo, un prete che dal pulpito difende chi ha il potere dà veramente l'impressione di un atto contronatura. Il film è bello, ben girato, con ottimi interpreti. Qua e là prende lo spettatore alla gola. Gli ricorda che da queste parti abbiamo vissuto momenti molto più dolorosi degli attuali, ma con assai più salde certezze LAICI IN GINOCCHIO LIBRO DI CARLO AUGUSTO VIANO di: Mario Ricciardi da: il Riformista di martedì 28 marzo 2006 Gli esiti del referendum sulla fecondazione artificiale sono stati per alcuni una sorpresa e per altri una conferma. La scoperta che la chiesa esercita ancora un'influenza sugli orientamenti elettorali degli italiani, o la conferma che non ha mai cessato di farlo. Come c'era da prevedere, l'intervento dei vescovi è stato vissuto come un'ingerenza del potere ecclesiastico volta a interferire con la libera formazione dell'opinione dei cittadini. In particolare l'attivismo del cardinal Ruini ha provocato una reazione vivace nella politica italiana la cui intensità non accenna ad attenuarsi anche a mesi di distanza dal referendum. Ne è testimonianza la simpatia con cui molti a sinistra, e non solo, guardano all'impegno sui temi della laicità della Rosa nel pugno; e l'interesse suscitato da diversi libri che hanno ripreso il vecchio dibattito sulla libertà della cultura in un paese che ospita nella propria capitale, sia pure nelle forme di un'entità statale sovrana, la sede della chiesa cattolica.

4 Sul fronte laico la prima reazione è stata quella di uno dei più brillanti filosofi italiani, Giulio Giorello, che con il suo Di nessuna chiesa (Cortina, 2005) ha lanciato il primo grido d'allarme. In realtà, la posizione di Giorello non quella tradizionale dei liberali "laici" italiani, che spesso avevano una robusta venatura anticlericale. Lo studioso milanese, al contrario, è da sempre attento a temi che si muovono al confine tra riflessione scientifica, metafisica e teologia, e ha dato un contributo importante alla diffusione di autori e opere della tradizione radicale protestante. Si potrebbe dire che l'ispirazione di Giorello non è quella dell'illuminismo anticristiano, di cui si sente l eco in molti laici italiani, ma che piuttosto essa proviene dalla società inglese degli anni della "rivoluzione gloriosa", con il suo brulicare di chiese che erodevano la pretesa al monopolio sulle idee dei fedeli attraverso la diffusione della lettura diretta delle scritture da parte dei credenti, liberi di cercare ciascuno la propria via alla salvezza. Di segno diverso è, invece, il libro di Carlo Augusto Viano, uno dei più importanti storici della filosofia attivi nel nostro paese, che con il suo Laici in ginocchio (Laterza, 2006) riprende proprio lo spirito più classico della tradizione laica italiana, il cui scopo è la completa separazione tra religione e sfera pubblica, con la conseguente ascrizione del culto e della fede a una dimensione privata, che nessuna conseguenza dovrebbe avere per le regole della convivenza civile. Come c'era da aspettarsi il libro di Viano ha in parte un taglio storico. L'autore delinea in modo essenziale, ma di grande efficacia, le complesse vicende che portano prima alla nascita, all'interno della tradizione cristiana, di uno specifico problema di rapporto con il potere civile; e poi alla crisi delle soluzioni che a tale problema erano state date dai pensatori del medio evo. La formazione degli stati nazionali è, in un certo senso, il punto di non ritorno per la pretesa politica del pontefice romano. Nel nostro paese la cosa ha una dimensione ulteriore, le cui conseguenze si avvertono ancora oggi. Lo stato unitario in Italia non nasce semplicemente contro la chiesa, ma addirittura da una guerra (sia pure con limitato spargimento di sangue) contro il potere temporale. La presa di Porta Pia ha un valore simbolico nella formazione dell'identità culturale dei liberali italiani che non poteva che rendere difficile il rapporto che essi avrebbero avuto con i cattolici. Rileggere le pagine di cattolici liberali come Passerin d'entreves o Jemolo è interessante proprio per il senso doloroso, che diventa quasi disagio esistenziale, di questa cesura tra la lealtà politica e quella religiosa. Meno tormentato è invece lo stile di Viano, quando afferma che credenze e pratiche religiose «non sono in sé più rispettabili di altri corpi di credenze e pratiche». Ciò che esso sembra richiedere è l'interdizione di temi e motivi religiosi dalla vita pubblica della nazione. Gli italiani dovrebbero essere lasciati liberi di decidere e sbagliare, contando solo sulle proprie risorse intellettuali e morali, senza l'aiuto del clero. C'è da aspettarsi che il libro di Viano susciterà una discussione vivace (un'anticipazione l'avremo oggi in un dibattito organizzato dal Centro studi "Politeia" presso l'università degli Studi di Milano). Anche chi non condivide le punte più aspre della polemica di Viano, deve riconoscere la sincerità e la forza dell'indignazione che la anima. Sentimenti, bisogna ammettere, che talvolta le gerarchie ecclesiastiche finiscono per ispirare anche a chi ha un atteggiamento più aperto di quello di Viano sul valore pubblico della religione DI NESSUNA CHIESA. LA LIBERTA DEL LAICO - LIBRO DI GIULIO GIORELLO Giulio Giorello, editorialista del Corriere della Sera, docente di Filosofia della scienza all Università degli Studi di Milano, è l autore di un breve volumetto dal titolo Di nessuna chiesa. La libertà del laico. Editore Cortina, Milano, anno 2005, euro 7,50, pag. 79. Ecco la sua sintesi in ultima di copertina: Uno spettro si aggira per l'europa: il relativismo, cioè il dogma che non c'è nessun dogma. Chierici e laici hanno stretto una santa alleanza

5 in nome dei nostri valori e delle nostre radici. Forse non sanno che dietro quel fantasma ci sono il corpo dell'individuo, la libertà della ricerca, le garanzie dei diritti e la stessa genuinità della fede. Tutto cancellato, se vince il progetto dei teo-con? Affatto, se il laico ha non solo la volontà di reagire ma anche la forza di attaccare. Non questa o quella chiesa, ma la "presunzione di infallibilità" che può viziare qualsiasi istituzione o comunità, compresa quella degli anticlericali. Essere laico vuoi dire non solo esercitare l'arte del sospetto ma anche agire per una solidarietà che non ha bisogno di un fondamento. Scrive Giorello: Nulla vieta di considerare la "vita" come qualcosa di sacro, magari intendendo quest'ultimo termine non solo nell' accezione cristiana. Ma ciò non può essere spacciato come fatto scientifico, e neppure come sua norma. In contesti come la fecondazione assistita, lo statuto dell' embrione umano, le diagnosi preimpianto, ecc., l'alternativa è tra un intervento responsabile e un irresponsabile inchinarsi al caso. Cosa altro è, infatti, il ricorso a un fiat della vita umana, il quale, per sua stessa natura, precluderebbe ogni possibilità di indagine o di cura? Perché demandare a una qualche forma di stato etico o teocratico il diritto/dovere di rappresentare e vincolare scelte così strettamente personali? Perché presupporre che i singoli cittadini vivano sempre in una condizione di "minorità" che impedirebbe loro di assumersi le proprie responsabilità? Non sarebbe molto più umano lasciare a ciascuno il peso della propria sofferenza, ma anche quello della propria scelta? Negare delle opportunità oggi concretamente disponibili in nome di un qualche valore, che come ogni valore non è necessariamente condiviso, significa ancora.una volta discriminare i membri di una comunità in modo arbitrario. (gps) EUTANASIA IN TV CONFRONTI: POLITICA E RELIGIONE DI G. SESTINI Venerdì 31 marzo, alle ore 23:10, è andata in onda su RAI 2 una puntata di Confronti dedicata a Politica e religione, in cui Paolo Flores d Arcais, direttore di Micromega, e Renato Farina, vicedirettore di Libero, sono stati intervistati da Gigi Moncalvo. Una parte non secondaria del dibattito ha trattato dell eutanasia. Paolo Flores d Arcais ha sostenuto che non esiste incompatibilità fra eutanasia e religione : Ciascun essere umano ha il diritto di sottrarsi alla tortura, e tale diritto non può essergli negato nè da un eventuale maggioranza parlamentare nè dalla Chiesa cattolica. Renato Farina dapprima ha tentato di definire l eutanasia come uccisione di persone (ossia omicidio), poi ha replicato con i soliti slogan : no all eutanasia perchè anche i dolori più atroci sono controllabili, no all eutanasia anche a consenzienti perchè inevitabilmente si scivola sui non consenzienti (leggi: bambini in Olanda); no all eutanasia perchè la vita è sacra. Il dibattito ha affrontato anche il tema dell intromissione della Chiesa in politica. D Arcais ha contestato Ruini quando invita i cattolici ad imporre la loro morale religiosa a tutti gli italiani attraverso la legge. Ruini parli di peccati, non di reati. Farina ritiene invece che l etica della maggioranza debba essere rispettata (e quindi imposta anche alle minoranze) e che sia più importante obbedire a dio che agli uomini (chissà se sarebbe dello stesso parere se i cattolici fossero minoranza?). Circa il peso reale che gli appelli di Ruini possono avere sull elettorato, D Arcais ritiene che gli italiani siano abbastanza laici da distinguere la religione dalla politica, mentre reputa che le pressioni della Chiesa hanno influenza (anche se impropria) sul comportamento dei politici. Farina ritiene invece che i principi religiosi non hanno valore se restano chiusi nell animo delle persone, e quindi debbono tradursi in indicazioni politiche. In conclusione: nulla di nuovo sotto il sole. La controriforma avanza e gli atei devoti fanno da apripista.

6 Sempre più le prossime elezioni misureranno il livello di civiltà di questo popolo EUTANASIA E SUICIDIO ASSISTITO IN TV DI GIAMPIETRO SESTINI Il 12 aprile u.s. alle ore 23:30 è andata in onda su canale 4 una puntata de L antipatico dedicata all eutanasia. Conduttore Maurizio Belpietro, partecipanti Carlo Giovanardi e Silvio Viale. All inizio della trasmissione è stato trasmesso l intervista di un medico sul tema Suicidio assistito o eutanasia? L intervistato riferiva il caso di una signora che ha fatto ricorso al suicidio assistito soltanto perchè si era rotto un braccio e concludeva assimilando questo caso alle pratiche eugenetiche di memoria nazista. Viale ha ricordato che l interruzione della vita può avvenire per sospensione delle cure (accanimento terapeutico), incremento dei farmaci (cure palliative) e intervento del medico su decisione del malato terminale (eutanasia attiva), affermando che rientra nel dovere professionale del medico di prolungare la vita del malato e, se necessario, assisterlo nella sua decisione di porre termine alle proprie sofferenze. Giovanardi ha ribadito la sua contrarietà all eutanasia attiva, che porta inevitabilmente a sopprimere persone non consenzienti oppure consenzienti che però hanno cambiato idea. Viale ha fatto presente che l eutanasia attiva viene praticata non solo in Olanda ma anche in Italia: da alcune ricerche i casi possono essere stimati in un migliaio l anno. La pratica eugenetica nazista era cosa totalmente diversa, in quanto veniva praticata scientemente per eliminare individui non graditi, contro la loro volontà. La differenza fra cure palliative e eutanasia attiva è molto labile. Giovanardi ha paventato che l eutanasia porti alla eliminazione di persone coscienti (come nel caso della signora che si era rotto il braccio) ed ha ricordato il caso di Terri Schiavo, morta dopo 15 giorni di digiuno in modo crudele, per decisione del marito che si era risposato e malgrado la disponibilità dichiarata dai genitori di curarla a casa. E stato quindi trasmesso un breve estratto del noto filmato di un suicidio assistito effettuato in una clinica svizzera di Dignitas. Il filmato mostra il dr. Sobel che prepara un pozione e ammonisce una paziente sulle conseguenze mortali e irreversibili che ne derivano se sarà assunta. Nonostante ciò, la paziente beve la pozione. Viale ha precisato che l autopsia condotta su Terri Schiavo ha dimostrato che non poteva assolutamente sentire nessun dolore o stimolo in quanto il suo cervello era completamente distrutto. Giovanardi è tornato sul rischio dell eutanasia nazista. Viale, infine, dopo aver ricordato che circa persone si sono iscritte alla Exit svizzera, ha dichiarato che ritiene suo dovere di medico assistere i pazienti anche quando chiedono di essere lasciati morire in pace. LiberaUscita ringrazia Silvio Viale per aver affrontato decisamente e chiaramente il confronto con due interlocutori pregiudizialmente contrari all eutanasia, in quanto anche il conduttore Belpietro era chiaramente d accordo con Giovanardi. Da parte nostra, ci limitiamo a ricordare che lo stesso Papa Giovanni Paolo II, giunto stremato al termine della vita, ha invocato lasciatemi andare dal Padre mio IL FURORE IDEOLOGICO SU FAMIGLIA E BIOETICA DI STEFANO RODOTA da: la Repubblica di sabato 1 aprile 2006 (prima pagina) in questa infuocata e sgangherata campagna elettorale si discute di alcuni temi come se si trattasse di pagine bianche che i futuri legislatori potranno riempire a loro piacimento, e non di questioni sulle quali già il Parlamento si è pronunciato in maniera impegnativa. Non si tratta di questioni di poco conto, ma di quelle che accendono gli animi: riconoscimento delle coppie di fatto, diritti degli omosessuali, eutanasia, donazione terapeutica. E su ciascuna di esse esistono documenti internazionali che l Italia ha

7 sottoscritto, che sono stati approvati dal Parlamento. Sono, in primo luogo, la Carta europea dei diritti fondamentali e la Convenzione europea di biomedicina. Proviamo a seguirne la trama, per trame qualche indicazione per l'oggi e per il futuro. L'articolo 9 della Carta dei diritti fondamentali afferma che "il diritto di sposarsi e il diritto di costituire una famiglia sono garantiti secondo le leggi nazionali che ne disciplinano l'esercizio". Questa norma ha profondamente cambiato la formula contenuta nell'articolo 12 della Convenzione europea dei diritti de!l'uomo del Per tre motivi. E stato cancellato il riferimento a "l'uomo e la donna": questo costituisce un evidente riconoscimento della legittimità delle unioni tra persone dello stesso sesso. Non si parla più di un diritto di sposarsi e di costituire una famiglia come era scritto nella Convenzione, lasciando intendere che si trattava di un unico diritto. Ormai siamo chiaramente di fronte a due diritti distinti e separati: il matrimonio tradizionale e le altre forme di unione sono così posti sullo stesso piano, e queste ultime non possono più essere considerate come una eccezione. L'innovazione è profonda, il quadro istituzionale è del tutto cambiato. La parola "famiglia", nella Carta dei diritti fondamentali, è adoperata in senso lato, descrittiva di ogni forma di comunione di vita e non può, quindi, essere interpretata in modo restrittivo, obiettando, ad esempio, che l'articolo 29 della nostra Costituzione ne parla di famiglia fondata sul matrimonio. Peraltro, guardando davvero a fondo nella Costituzione, non si può ignorare che nell'articolo 2 si parla di diritti inviolabili dell'uomo "sia come singolo, sia nelle formazioni sociali ove si svolge la sua personalità". Già studiosi e giurisprudenza hanno riconosciuto che le convivenze rientrano appunto tra quelle formazioni sociali. Nel nostro sistema, dunque, non esistono ostacoli all'accoglimento della innovazione operata a livello europeo. D'altra parte, il riferimento alla legge nazionale contenuto nella Carta, non significa che le legislazioni dei diversi paesi possano trascurare quella innovazione o svuotarla del tutto di significato. Nell'articolo 52 della stessa Carta, infatti, si dice esplicitamente che deve essere rispettato il "contenuto essenziale" dei diritti e delle libertà da essa riconosciuti. Ed è proprio questa la linea progressivamente adottata negli altri paesi che evidentemente, a differenza di noi, prendono sul serio l'europa. Siamo, dunque, di fronte ad un diritto fondamentale, il cui rispetto è necessario per rendere possibile il libero sviluppo della libertà di ciascuno, come vuole la nostra Costituzione. Basterebbe questa considerazione per escludere la legittimità di discriminazioni nei confronti degli omosessuali. Discriminazioni che, essendo fondate su una "condizione personale", violerebbero quanto è detto nell'articolo 3 della Costituzione in materia di eguaglianza. E questo principio è stato ribadito dall'articolo 21 della Carta dei diritti fondamentali, che vieta appunto le discriminazioni basate sulle "tendenze sessuali". Questa norma fu oggetto di attacchi, con toni smodati, da parte di qualche deputato quando il Parlamento italiano votò la Carta dei diritti. E questa fu una bella prova di ignoranza, perché il divieto di discriminazione era già contenuto nel Trattato di Amsterdam. La faziosità acceca, ed impedisce di vedere addirittura le norme che dovrebbero semplicemente essere applicate. Ma ora la strada è nitidamente indicata, e si tratta di seguirla. Ancora più chiara è, o dovrebbe essere, la questione del testamento biologico o delle direttive anticipate, cioè di quei documenti che consentono a ciascuno di dare liberamente disposizioni che riguardano la fine della vita. Impropriamente questo tema è stato classificato con I'etichetta dell'eutanasia, con il deliberato proposito di suscitare le preoccupazioni che questa parola continua ad evocare. Ma, guardando alla concreta situazione giuridica, dobbiamo concludere che qui la strada non solo è indicata, ma tracciata in modo preciso. L'articolo 9 della Convenzione europea sulla biomedicina parla chiaro: "Al momento di un intervento medico concernente un paziente che al momento dell'intervento non è in grado

8 di esprimere il proprio volere, devono essere presi in considerazione i desideri da lui precedentemente espressi". Questa convenzione è stata firmata dall'italia e ratificata con la legge 28 marzo 2001, n. 145, che l'ha introdotta nel nostro ordinamento. Non si può, quindi, discutere intorno alla opportunità di riconoscere il testamento biologico, come fanno alcuni candidati. Questo è un impegno già assunto a livello internazionale, che l'italia non può violare. L'unico vero problema è il colpevole ritardo del Governo, che avrebbe dovuto emanare alcuni decreti per adattare i principi della Convenzione all'ordinamento italiano (della cui assoluta necessità, per quanto riguarda il testamento biologico, si può anche dubitare). Il prossimo Governo, quale che esso sia, deve soltanto adempiere a questo obbligo. Poiché il tema dell eutanasia è entrato con prepotenza tra quelli elettorali, bisogna una volta ancora sottolineare come esso non abbia nulla a che fare con il divieto dell'accanimento terapeutico, già previsto dal codice deontologico dei medici seguendo una indicazione data anche da Pio XII fin dal Interrompere le cure quando non apportano più alcun beneficio al morente, e anzi ne prolungano inutilmente la sofferenza, è ormai un imperativo morale e un obbligo giuridico. Altrimenti si fa terrorismo ideologico, si falsifica la realtà, si viola l'umanità stessa delle persone che, a parole, si dichiara di voler proteggere. A questa lista delle ignoranze e delle falsificazioni deliberate, che hanno inquinato la campagna elettorale, conviene aggiungere la questione della cosiddetta clonazione terapeutica, della ricerca sulle cellule staminali. Anche qui un riferimento ai documenti internazionali, ed è ancora la Carta dei diritti fondamentali dell'unione europea ad assumere rilevanza. Nel suo articolo 3 si vieta soltanto la "clonazione riproduttiva degli esseri umani", di persone identiche ad un essere già vivente. Il divieto è mirato, e la sua specificità dice chiaramente che le forme di clonazione non riproduttiva sono ammesse e che non può essere posto questo ostacolo per limitare la ricerca scientifica. E ci si deve augurare una discussione più distesa proprio sulla ricerca riguardante le cellule staminali embrionali, senza rifugiarsi nell'ipocrisia di chi, ad esempio, si oppone alla utilizzazione degli embrioni congelati, che altrimenti andrebbero distrutti, e suggerisce di acquistare all'estero le linee cellulari necessarie. Come dire: noi ci salviamo l'anima e profittiamo del lavoro "sporco" fatto da altri. Ignorare i dati di realtà e le norme giuridiche è frutto di accecamento ideologico. Dopo le elezioni conosceremo tempi in cui, per queste materie, il furore cederà alla riflessione? Ne dubito, ma me lo auguro IL 74% DEGLI INFERMIERI FAVOREVOLI ALL EUTANASIA - DI G. VECELLIO da: notizie radicali del 18 aprile 2006 Bisogna dirlo a Carlo Giovanardi: all'ombra della Mole proliferano nazisti. Accade questo: la dottoressa Michela Paschetto ha realizzato un sondaggio i cui risultati sono stati giudicati così interessanti e "clamorosi" da essere pubblicati sull'ultimo numero di Torino medica, l'organo ufficiale dell'ordine dei medici: "nella certezza di aprire un dibattito sereno". Da questa inchiesta emerge che tre infermieri su quattro dicono sì all'eutanasia, il 74 per cento degli interpellati; e il 44 per cento si è trovato più volte di fronte a pazienti che hanno chiesto espressamente e ripetutamente di morire perché venisse posto fine alle loro atroci e senza speranza sofferenze. L'83 per cento di questo 74 per cento è favorevole alla "dolce morte" passiva, il 46 per cento anche a quella attiva. Il 76 per cento degli infermieri interpellati invoca il testamento biologico; e l'8 per cento si dice disposto a praticare l'eutanasia anche illegalmente, senza richiesta esplicita del paziente. 37 infermieri su 100 si dicono disposti ad aiutare il loro paziente a mettere fine a un calvario, anche ricorrendo al suicidio assistito.

9 La maggioranza degli interpellati ha fra i 30 e i 40 anni, lavora in terapie intensive, lungodegenze e chirurgie. Molti sono cattolici: "il 76 per cento degli infermieri che crede è favorevole all'eutanasia volontaria. Il contatto quotidiano con il dolore ha messo in crisi le loro convinzioni", dice la dottoressa Paschetto, che aggiunge: "La mia convinzione dimostra quanto gli infermieri vivano e sentano' il problema. Oltre il 50 per cento dice di essersi documentato molto, partecipando a convegni, leggendo libri e articoli. E' un tema, questo, che può essere confinato tra quelli solitamente definiti dei "diritti civili"? O non è anche questo un problema sociale? Quante persone coinvolge e riguarda? L'enorme sofferenza, dolore, avvilimento nel constatare che il proprio corpo non risponde più, non è anche questo un qualcosa che a giusto titolo di può definire "problema sociale"? Come sia, i risultati del sondaggio torinese confermano quelli emersi da un'indagine del Centro di Bioetica dell'università cattolica di Milano: il 4 per cento dei rianimatori interpellati ha ammesso di praticare la cosiddetta "iniezione letale": e lo fa senza legge, senza ordine, senza controllo, senza "governo", sulla base di quello che dice loro la coscienza. Coscienza che senz'altro sarà più che rispettabile, ma si sarebbe assai più garantiti e tutelati se ci fosse una legge che regolamenta e "governa". I sondaggi dicono che solo 8 italiani su 100 pensano che bisogna prolungare la vita del malato terminale, ignorandone la sofferenza, e si dicono contrari all'eutanasia, gli altri 92, con varie sfumature, ritengono che sia necessario superare l'attuale normativa repressiva. Quello che pensava Indro Montanelli, e con lui pensano Margherita Hack, Luigi Veronesi, Rita Levi Montalcini, i premi Nobel Jacques Monod, Luis Pauling e George Thompson, per limitarsi ad alcuni "nazisti" come li qualificherebbe Giovanardi. Più nazista di tutti, nazista ad honorem, Tommaso Moro, che la chiesa cattolica ha proclamato santo dei politici. Nella sua opera più famosa, Utopia, si legge: "Nella migliore forma di repubblica i malati incurabili sono assistiti nel miglior modo possibile. Ma se il male non solo è inguaribile, ma dà al paziente continue sofferenze allora sacerdoti e magistrati, visto che il malato è inetto a qualsiasi compito, molesto agli altri, gravoso a se stesso, sopravvive insomma alla propria morte, lo esortano a morire liberandosi lui stesso da quella vita amara, ovvero consenta di sua volontà a farsene strappare dagli altri sarebbe un atto religioso e santo" DIALOGO SULLA VITA - COLLOQUIO CARD. MARTINI - PROF. MARINO a cura di Daniela Minerva - da: L espresso n. 16/2006 Carlo Maria Martini: «Caro professor Marino, ho letto con molto interesse e partecipazione il suo libro "Credere e curare". Mi ha colpito da una parte il suo amore per la professione medica e il suo interesse dominante per il malato e dall'altra la sua obiettività di giudizio, il suo equilibrio nel trattare problemi di frontiera, là dove le esigenze mediche si incontrano e talora sembrano scontrarsi con le esigenze etiche. Ho visto come lei non vuole rinunciare né alla sua oggettività professionale di medico né alla sua coscienza di uomo e anche di credente. Tutto ciò mi pare molto importante per quel dialogo sulla vita" che Interessa giustamente tanto I nostri contemporanei, soprattutto per quei casi limite in cui gli ardimenti della scienza e della tecnica destano da una parte meraviglia e gratitudine e dall'altra suscitano preoccupazione per la specie umana e la sua dignità. Tutto questo rende necessario e urgente un "dialogo sulla vita" che non parta da preconcetti o da posizioni pregiudiziali ma sia aperto e libero e nello stesso tempo rispettoso e responsabile». Ignazio Marino: «Vedo anch'io molte ragioni per un dialogo oggettivo, approfondito e sincero sul tema della vita umana. Viviamo infatti un momento storico particolare in cui il progresso scientifico ha rivoluzionato la posizione dell'essere umano nei confronti della vita, della malattia e della morte.

CHE COS E L EUTANASIA?

CHE COS E L EUTANASIA? CHE COS E L EUTANASIA? Che cosa si intende per eutanasia? Il termine eutanasia deriva dal greco: eu=buono, e thanatos=morte. Interpretato letteralmente quindi, esso significa: buona morte. Nel significato

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI L argomento che tratterò è molto discusso in tutto il mondo. Per introdurlo meglio inizio a darvi alcune informazioni sul matrimonio omosessuale, il quale ha sempre

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale»

Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale» Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale» La proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

SONDAGGIO sulle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (D.A.T. - "testamento biologico")

SONDAGGIO sulle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (D.A.T. - testamento biologico) SONDAGGIO sulle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (D.A.T. - "testamento biologico") effettuato tra i chirurghi italiani delle varie branche e delle diverse specialità per conto del Collegio Italiano

Dettagli

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata Osservatorio internazionale Cardinale Van Thuân La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata + Giampaolo Crepaldi Arcivescovo-Vescovo Relazione introduttiva al Convegno del 3 dicembre 2011

Dettagli

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina Traduzione 1 Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina (Convenzione sui diritti dell uomo e la biomedicina)

Dettagli

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT)

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Fondamenti giuridici delle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento Numerosi sono i fondamenti normativi e di principio che stanno alla base del diritto

Dettagli

NOSTRO SIGNORE. Is 45, 1 7 Sal 146 (145) At 2, 29 36 Gv 21, 5 7

NOSTRO SIGNORE. Is 45, 1 7 Sal 146 (145) At 2, 29 36 Gv 21, 5 7 NOSTROSIGNORE Is45,1 7 Sal146(145) At2,29 36 Gv21,5 7 Tra gli elementi costitutivi dell'esistenza umana, la dipendenza dell'uomo daun'autoritàè unfattoincontrovertibile. L'aggettivosostantivatokyriossignifica:

Dettagli

Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi

Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi Lettera pastorale per la Quaresima 2012 di Mons. Dr. Vito Huonder Vescovo di Coira Questa Lettera pastorale va letta in chiesa

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

CHE COS È L INDULGENZA?

CHE COS È L INDULGENZA? CHE COS È L INDULGENZA? La dottrina dell'indulgenza è un aspetto della fede cristiana, affermato dalla Chiesa cattolica, che si riferisce alla possibilità di cancellare una parte ben precisa delle conseguenze

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

ARCIDIOCESI DI GENOVA - ANNO PASTORALE 2013-2014. Essere genitori: trasmettere la fede ed educare alla vita

ARCIDIOCESI DI GENOVA - ANNO PASTORALE 2013-2014. Essere genitori: trasmettere la fede ed educare alla vita ARCIDIOCESI DI GENOVA - ANNO PASTORALE 2013-2014 Essere genitori: trasmettere la fede ed educare alla vita 6 ESSERE GENITORI: TRASMETTERE LA FEDE ED EDUCARE ALLA VITA "I genitori di Paola, 10 anni, sono

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo Il 10 dicembre 1948, l'assemblea Generale delle Nazioni Unite approvò e proclamò la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, il cui testo completo è stampato nelle pagine seguenti. Dopo questa solenne

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di gioco d azzardo patologico Testo redatto sulla

Dettagli

Fin dove andrà il clonaggio?

Fin dove andrà il clonaggio? Fin dove andrà il clonaggio? Mark Post, il padrone della sezione di fisiologia dell Università di Maastricht, nei Paesi Bassi, ha dichiarato durante una conferenza tenuta a Vancouver, in Canada, che aveva

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA EDUCARE OGGI/9 A CURA DI ANNA TERESA Borrelli PREFAZIONE DI MATTEO Truffelli Amare e far AMARE GESÙ CONTRIBUTI DI: Marco Ghiazza Luca Marcelli Paolo e Rita Seghedoni Marcello Semeraro Lucio Soravito De

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948 DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948 PREAMBOLO Considerato che il riconoscimento della dignità inerente a tutti i membri della famiglia umana, e dei loro diritti, uguali ed inalienabili,

Dettagli

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Affermazioni incentrate sulla Verità per le dodici categorie del Codice di Guarigione Troverete qui di seguito una

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

Codice deontologico dell Assistente Sociale

Codice deontologico dell Assistente Sociale Codice deontologico dell Assistente Sociale Approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine Roma, 6 aprile 2002 TITOLO I Definizione e potestà disciplinare 1. Il presente Codice è costituito dai principi

Dettagli

C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO

C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO 1.La nuova creazione come struttura teologica 2.L approccio pneumatologico 3. L alienazione del lavoro in prospettiva teologica 4. La spiritualità del lavoro

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

Conferenza Episcopale Italiana. MESSAGGIO PER LA 37 a GIORNATA NAZIONALE PER LA VITA (1 febbraio 2015)

Conferenza Episcopale Italiana. MESSAGGIO PER LA 37 a GIORNATA NAZIONALE PER LA VITA (1 febbraio 2015) Conferenza Episcopale Italiana MESSAGGIO PER LA 37 a GIORNATA NAZIONALE PER LA VITA (1 febbraio 2015) SOLIDALI PER LA VITA «I bambini e gli anziani costruiscono il futuro dei popoli; i bambini perché porteranno

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ====================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO www.lachiesa.it/liturgia ====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

Dettagli

OSSIGENO. Perché un ennesimo osservatorio

OSSIGENO. Perché un ennesimo osservatorio OSSIGENO Osservatorio Fnsi-Ordine Giornalisti su I CRONISTI SOTTO SCORTA E LE NOTIZIE OSCURATE Perché un ennesimo osservatorio Alberto Spampinato* Il caso dei cronisti italiani minacciati, costretti a

Dettagli

Epidemiologia & Salute pubblica

Epidemiologia & Salute pubblica Epidemiologia & Salute pubblica a cura del Medico cantonale vol. VI nr. 3 La medicina non è una scienza esatta Con questo slogan il Dipartimento delle opere sociali è entrato nelle case dei ticinesi. L

Dettagli

Codice Deontologico degli psicologi italiani

Codice Deontologico degli psicologi italiani Codice Deontologico degli psicologi italiani Testo approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine nell adunanza del 27-28 giugno 1997 Capo I - Principi generali Articolo 1 Le regole del presente Codice

Dettagli

QUAL È LA CONCEZIONE DEL MATRIMONIO E DELLA FAMIGLIA NELLA FEDE CRISTIANA?

QUAL È LA CONCEZIONE DEL MATRIMONIO E DELLA FAMIGLIA NELLA FEDE CRISTIANA? QUAL È LA CONCEZIONE DEL MATRIMONIO E DELLA FAMIGLIA NELLA FEDE CRISTIANA? Che cos'è il matrimonio? È quella speciale comunione di vita e d'amore tra un uomo e una donna, in cui si attuano particolari

Dettagli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Decisamente stimolanti le provocazioni del brano di Matteo (22,1-14) che ci accompagnerà nel corso dell anno associativo 2013-2014: terzo

Dettagli

LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI

LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI Promesse di Gesù per coloro che reciteranno questa preghiera per 12 anni. Attraverso Santa Brigida, Gesù ha fatto meravigliose promesse alle anime

Dettagli

Chi può prendere decisioni riguardo alla salute di un altra persona?

Chi può prendere decisioni riguardo alla salute di un altra persona? Chi può prendere decisioni riguardo alla salute di un altra persona? Nel Western Australia, la legge permette di redigere una dichiarazione anticipata di trattamento per stabilire quali cure si vogliono

Dettagli

VADANO PER IL MONDO ANNUNZIANDO I VIZI E LE VIRTÙ CON BREVITÀ DI DISCORSO

VADANO PER IL MONDO ANNUNZIANDO I VIZI E LE VIRTÙ CON BREVITÀ DI DISCORSO VADANO PER IL MONDO ANNUNZIANDO I VIZI E LE VIRTÙ CON BREVITÀ DI DISCORSO I frati non predichino nella diocesi di alcun vescovo qualora dallo stesso vescovo sia stato loro proibito. E nessun frate osi

Dettagli

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Il primo maggio 2015 si inaugura a Milano l EXPO, un contenitore di tematiche grandi come l universo: "Nutrire il pianeta. Energia per la vita. Una

Dettagli

Presentazione Prologo all edizione francese

Presentazione Prologo all edizione francese INDICE Presentazione Prologo all edizione francese IX XVIII PARTE PRIMA CAPITOLO I Finché portiamo noi stessi, non portiamo nulla che possa valere 3 CAPITOLO II Non dobbiamo turbarci di fronte ai nostri

Dettagli

2) Assenza di discriminazione e parità di trattamento nell ambito professionale

2) Assenza di discriminazione e parità di trattamento nell ambito professionale 2) Assenza di discriminazione e parità di trattamento nell ambito professionale a. Direttiva 2011/98/UE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 13 dicembre 2011, relativa a una procedura unica di domanda

Dettagli

La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di

La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di famiglia, e stabilisce condizioni proprie per assegnare questa

Dettagli

Incontrare il Signore in famiglia.

Incontrare il Signore in famiglia. temi pastorali Incontrare il Signore in famiglia. GIAMPAOLO DIANIN* Padova Se la fede è la storia di un grande amore, è nella famiglia - in cui oggi si vive una sorta di indifferenza - che essa deve essere

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte Corte Europea dei Diritti dell Uomo Domande e Risposte Domande e Risposte COS È LA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL UOMO? Queste domande e le relative risposte sono state preparate dalla cancelleria e non

Dettagli

INTERVENTI DELL ON. RENATO BRUNETTA E DELL ON. LAURA RAVETTO

INTERVENTI DELL ON. RENATO BRUNETTA E DELL ON. LAURA RAVETTO 916 INTERVENTI DELL ON. RENATO BRUNETTA E DELL ON. LAURA RAVETTO Comunicazioni del presidente del Consiglio dei Ministri in vista del Consiglio europeo straordinario del 23 aprile 2015 22 aprile 2015 a

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

N on discuterò qui l idea di Patria in sé. Non mi piacciono queste

N on discuterò qui l idea di Patria in sé. Non mi piacciono queste L obbedienza non è più una virtù di Lorenzo Milani lavorare per la pace leggere scrivere TESTO INFORMATIVO- ESPOSITIVO livello di difficoltà Lorenzo Milani (Firenze, 1923-1967) Sacerdote ed educatore,

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO Il presente testo di statuto è stato approvato dal Consiglio Episcopale Permanente nella sessione del 22-25 gennaio 2007. Si consegna ufficialmente

Dettagli

POSIZIONE MATRIMONIALE

POSIZIONE MATRIMONIALE Mod. I Prot. n. DIOCESI DI PARROCCHIA Via Comune Cap Provincia POSIZIONE MATRIMONIALE GENERALITÀ Fidanzato Fidanzata Cognome e nome 1 Luogo e data di nascita Luogo e data di battesimo Religione Stato civile

Dettagli

LINEE GUIDA in materia di discriminazioni sul lavoro

LINEE GUIDA in materia di discriminazioni sul lavoro LINEE GUIDA in materia di discriminazioni sul lavoro (adottate dall Ente in data 10/06/2014) La Provincia di Cuneo intende promuovere un ambiente di lavoro scevro da qualsiasi tipologia di discriminazione.

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE Adottata all'unanimità a Parigi durante la 31esima sessione della Conferenza Generale dell'unesco, Parigi, 2 novembre 2001 La Conferenza

Dettagli

Legge 22 maggio 1978, n. 194. Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza

Legge 22 maggio 1978, n. 194. Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza Legge 22 maggio 1978, n. 194 Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza (Pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale Gazzetta Ufficiale del 22 maggio 1978, n. 140)

Dettagli

La mobilità sociale tra Stato e mercato

La mobilità sociale tra Stato e mercato La mobilità sociale tra Stato e mercato di Carlo Lottieri, Università di Siena Nella cultura contemporanea si tende a guardare alla mobilità sociale intesa quale possibilità di ascendere da una posizione

Dettagli

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Codice di Comportamento Genesi Uno Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Caro Collaboratore, vorrei sollecitare la tua attenzione sulle linee guida ed i valori di integrità e trasparenza che

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

Guai a me se non predicassi il Vangelo

Guai a me se non predicassi il Vangelo Guai a me se non predicassi il Vangelo (1 Cor 9,16) Io dunque corro 1 Cor 9,26 La missione del catechista come passione per il Vangelo Viaggio Esperienza L esperienza di Paolo è stata accompagnata da un

Dettagli

PREGHIERE DEL MATTINO. Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Amen

PREGHIERE DEL MATTINO. Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Amen PREGHIERE DEL MATTINO Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Ti adoro Ti adoro, mio Dio e ti amo con tutto il cuore. Ti ringrazio di avermi creato, fatto cristiano e conservato in questa

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO

DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO INTERNAZIONALE, CONCERNENTI LE RELAZIONI AMICHEVOLI E LA COOPERAZIONE FRA GLI STATI, IN CONFORMITÀ CON LA CARTA DELLE NAZIONI UNITE Risoluzione dell Assemblea

Dettagli

TUTTO CIO CHE SERVE PER TORNARE A SE STESSI CORSO ANNUALE

TUTTO CIO CHE SERVE PER TORNARE A SE STESSI CORSO ANNUALE TUTTO CIO CHE SERVE PER TORNARE A SE STESSI CORSO ANNUALE 2015-2016 CORSO ANNUALE 2015-2016 SILVIA PALLINI Credo che ogni creatura che nasce su questa nostra Terra, sia un essere meraviglioso, unico e

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

Ambiente di lavoro improntato al rispetto

Ambiente di lavoro improntato al rispetto Principio: Tutti hanno diritto a un trattamento rispettoso nell ambiente di lavoro 3M. Essere rispettati significa essere trattati in maniera onesta e professionale, valorizzando il talento unico, le esperienze

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,)

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,) Norme sulle Responsabilità delle Compagnie Transnazionali ed Altre Imprese Riguardo ai Diritti Umani, Doc. Nazioni Unite E/CN.4/Sub.2/2003/12/Rev. 2 (2003).* Preambolo (La Sotto-Commissione*,) Tenendo

Dettagli

Gli ebrei nel medioevo. L istituzione di uno dei primi capri espiatori della Storia

Gli ebrei nel medioevo. L istituzione di uno dei primi capri espiatori della Storia Gli ebrei nel medioevo L istituzione di uno dei primi capri espiatori della Storia I rapporti tra ebrei e cristiani Gli ebrei entrarono nel turbine della storia, dopo la dissoluzione del loro stato, con

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

Confessione-Assoluzione censure-decreto 2000

Confessione-Assoluzione censure-decreto 2000 Confessione-Assoluzione censure-decreto 2000 Facoltà di assolvere da tutte le censure non riservate e non dichiarate L.V.D. XCI (2000) pp. 127-131 per tutto l anno Santo L anno giubilare in corso ha come

Dettagli

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Ci sono momenti nella storia in cui i popoli sono chiamati a compiere scelte decisive. Per noi europei, l inizio del XXI secolo rappresenta uno di

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi

Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi Venga il Tuo Regno! COMISSIONE CENTRALE PER LA REVISIONE DEGLI STATUTI DEL REGNUM CHRISTI Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi Cari promotori

Dettagli

MA VOI CHI DITE CHE IO SIA? Mc 8,27-30 (cf Mt 16,13-23; Lc 9,18-27

MA VOI CHI DITE CHE IO SIA? Mc 8,27-30 (cf Mt 16,13-23; Lc 9,18-27 MA VOI CHI DITE CHE IO SIA? Mc 8,27-30 (cf Mt 16,13-23; Lc 9,18-27 2 L Siamo alla domanda fondamentale, alla provocazione più forte perché va diritta al cuore della mia vita, della tua, di ogni uomo che,

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 22 aprile 2015

a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 22 aprile 2015 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 917 RISOLUZIONE GRUPPO FORZA ITALIA Risoluzione presentata dal Gruppo Forza Italia

Dettagli

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE Standard Eurobarometer European Commission EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 Standard Eurobarometer 63.4 / Spring 2005 TNS Opinion & Social RAPPORTO NAZIONALE ITALIA

Dettagli

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio CREDO IN GESÙ CRISTO, IL FIGLIO UNIGENITO DI DIO La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio Incominciamo a sfogliare il Catechismo della Chiesa Cattolica. Ce ne sono tante edizioni. Tra le mani abbiamo

Dettagli

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 2.1 Principi generali Pag. 2 2.2. Principi di condotta Pag. 2 2.3 Comportamenti non etici Pag. 3 2.3. Principi di trasparenza Pag. 4 3 Relazioni can il personale

Dettagli

La par condicio. Sintesi dei principali adempimenti per l emittenza radiotelevisiva locale

La par condicio. Sintesi dei principali adempimenti per l emittenza radiotelevisiva locale La par condicio Sintesi dei principali adempimenti per l emittenza radiotelevisiva locale Par condicio fonti normative Legge 515/93 (Disciplina delle campagne elettorali per l elezione alla Camera dei

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info

Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info Ogni essere umano uomo, donna, bambino, bambina è immagine di Dio; quindi ogni essere umano è una persona

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 NORME GENERALI Art. 1 Validità del regolamento interno Il presente regolamento, derivante dai principi espressi dallo Statuto da cui discende, rappresenta le regole e le concrete

Dettagli

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo?

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? In Italia, secondo valutazioni ISTAT, i nonni sono circa undici milioni e cinquecento mila, pari al 33,3% dei cittadini che hanno dai 35 anni in su. Le donne

Dettagli

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO P. F. Fumagalli, 31.10.2104 Il Dialogo è una componente essenziale dell essere umano nel mondo, in qualsiasi cultura alla quale si voglia fare riferimento: si

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958)

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958) NOTIZIARIO PARROCCHIALE Anno XC - N 8 dicembre 2012 - L Angelo in Famiglia Pubbl. mens. - Sped. abb. post. 50% Bergamo Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Facoltà di Medicina Veterinaria Embriologia e Terapia Genica e Cellulare Le cellule staminali adulte:

Dettagli

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI La Repubblica Italiana ed il Regno dell Arabia Saudita desiderando intensificare

Dettagli