PIANO REGIONALE DI RISANAMENTO E MANTENIMENTO DELLA QUALITÀ DELL ARIA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PIANO REGIONALE DI RISANAMENTO E MANTENIMENTO DELLA QUALITÀ DELL ARIA"

Transcript

1 PIANO REGIONALE DI RISANAMENTO E MANTENIMENTO DELLA QUALITÀ DELL ARIA (Approvato, con emendamenti, dal Consiglio Regionale della Campania nella seduta del 27 giugno 2007) - TESTO INTEGRATO - Novembre 2005

2 PIANO REGIONALE DI RISANAMENTO E MANTENIMENTO DELLA QUALITÀ DELL ARIA Lavoro svolto dall Università di Napoli Federico II - Dipartimento di Ingegneria Meccanica per l Energetica (DIME) per la Redazione del piano di risanamento e tutela della qualità dell aria in Campania e fornitura del software Air Suite nell ambito della Convenzione Rep. n del 5 luglio 2000 (affidamento disposto dalla Giunta Regionale con delib. n del 30 dicembre 1999) ed il successivo Decreto Dirigenziale del Coordinatore dell Area Ambiente n. 268 del 19/2/04, con la collaborazione della società TECHNE-Consulting S.r.l.-Roma. 2

3 INDICE 1 SINTESI DELLA STRATEGIA DEL PIANO Finalità Fasi di realizzazione del piano Valutazione di sintesi a scala regionale Valutazione di sintesi a scala locale Obiettivi di risanamento e tutela della qualità dell aria Strategie e scenari per il risanamento e la tutela della qualità dell aria Sintesi delle misure previste nel piano Specifiche misure di risanamento Misure per la partecipazione del pubblico Misure per il monitoraggio, la verifica e la revisione del piano 34 2 INQUADRAMENTO GENERALE Caratteristiche generali del territorio regionale Morfologia Clima Popolazione Trasporti Le attività produttive Parchi ed aree protette Altri aspetti socio-economici Quadro normativo La valutazione e gestione della qualità dell aria ambiente Finalità delle norme sulla qualità dell aria Azioni previste Valutazione della qualità dell aria ambiente e definizione delle zone Criteri per il monitoraggio Le soglie fissate dalla legislazione Classificazione del territorio in zone o agglomerati Amministrazioni competenti Informazioni per il pubblico e per gli organismi interessati 64 3 ELEMENTI DI SINTESI SULL INQUINAMENTO ATMOSFERICO Fonti di emissione di inquinanti dell'aria Metodologia Sintesi dei risultati Analisi dei risultati Informazioni sull'inquinamento proveniente da altre aree esterne Informazioni sull'inquinamento generato da eventi naturali Analisi dei dati meteoclimatici Caratteristiche meteoclimatiche della regione I parametri di interesse per l applicazione della modellistica di diffusione degli inquinanti 95 3

4 3.3 Elementi di sintesi relativi alla valutazione della qualità dell'aria La rete regionale di monitoraggio della qualità dell aria Le campagne di monitoraggio Altre reti Sintesi dei risultati Applicazione di modelli di simulazione CARATTERIZZAZIONE DELLE ZONE Valutazione delle concentrazioni nelle aree urbane su scala regionale Dati provenienti dalla rete di rilevamento della qualità dell aria Definizione di un modello statistico per la valutazione delle concentrazioni derivanti dalle emissioni lineari e diffuse Utilizzo di modelli di diffusione specifici delle sorgenti puntuali Definizione delle zone di risanamento e mantenimento della qualità dell aria Integrazione con i risultati del modello di diffusione Applicazione del modello statistico ai dati rilevati dalle stazioni di monitoraggio Definizione delle zone EFFETTI SULLA QUALITÀ DELL ARIA DEL QUADRO NORMATIVO DI BASE Le nuove normative riguardanti le emissioni di inquinanti dell aria La disciplina delle caratteristiche merceologiche dei combustibili La Direttiva sulla prevenzione e la riduzione integrate dell inquinamento Gli accordi internazionali La pianificazione nazionale La direttiva sui limiti nazionali di emissione Le indicazioni del Decreto del Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio 1/10/02, n Il Piano Nazionale per lo Sviluppo sostenibile Le linee guida per le politiche e misure nazionali di riduzione delle emissioni dei gas serra Decreto Interministeriale Mobilità Sostenibile nelle Aree Urbane Il piano generale dei trasporti La lotta agli incendi boschivi La pianificazione regionale Il Programma Operativo Regionale La pianificazione territoriale e urbanistica La pianificazione dei trasporti Piano energetico Pianificazione dello smaltimento dei rifiuti Pianificazione della lotta agli incendi boschivi Pianificazione dello sviluppo rurale ANALISI DELLE TENDENZE Scenario emissivo di riferimento Metodologia seguita Proiezione delle emissioni Scenario emissivo di riferimento con potenziamento della produzione termoelettrica Scenari di riferimento della qualità dell'aria SCENARI DI RIDUZIONE DELLE EMISSIONI ED AZIONI DI PIANO 175 4

5 7.1 Il quadro di riferimento dello sviluppo sostenibile Obiettivi di risanamento e tutela della qualità dell aria Strategie e scenari per il risanamento e la tutela della qualità dell aria Misure riguardanti le sorgenti diffuse fisse Misure riguardanti i trasporti (sorgenti lineari e diffuse) Misure riguardanti le sorgenti puntuali e localizzate Riduzioni ottenibili con le misure proposte Proiezione delle emissioni negli scenari di piano Valutazione della qualità dell aria tramite modelli di diffusione negli scenari di piano STRATEGIE PER LA PARTECIPAZIONE DEL PUBBLICO MONITORAGGIO, VERIFICA E REVISIONE DEL PIANO Sistema informativo Modelli per la valutazione delle emissioni Modelli di diffusione degli inquinanti Progetto di ristrutturazione delle reti di rilevamento e per la applicazione di modelli Connessione con altri atti di pianificazione emanati o in corso di emanazione Risorse interne ed esterne per la gestione degli strumenti di piano Struttura locale Amministrazione di sistema Responsabile della pianificazione Struttura di consulenza informatica ed alla pianificazione Specifiche misure per il monitoraggio, la verifica e la revisione del piano PROVVEDIMENTI O PROGETTI PROGRAMMATI O OGGETTO DI RICERCA A LUNGO TERMINE ELENCO DEI DOCUMENTI UTILIZZATI A SUPPORTO DEL DOCUMENTO DI PIANO RIMOZIONE OSTACOLI PROCEDURALI ED AUTORITÀ SOSTITUTIVA 214 INDICE DELLE TABELLE Tabella 1 - Zone di risanamento e di osservazione 14 Tabella 2 - Riepilogo delle misure di piano con indicazione delle zone di applicazione 23 Tabella 3 - Popolazione residente censita al 2002 (popolazione legale) e al 1991, differenze e densità abitativa, per provincia 38 Tabella 4 - Popolazione e Territorio 39 Tabella 5 - Rete stradale per tipo di strada Anno 2001 [km] 40 Tabella 6 - Tipologie viarie km/100 km 2 (totale regionale) 40 Tabella 7 - Estensione della rete per gestione e tipo di trazione [km] 41 Tabella 8 - Composizione percentuale del valore aggiunto per settore di attività 45 Tabella 9 - Composizione percentuale delle unità di lavoro per settore di attività 45 Tabella 10 - Localizzazione dei distretti ndustriali in regione Campania 46 Tabella 11 - Superfici (in ettari) delle diverse colture campane 48 Tabella 12 - Capi di bestiame delle aziende agricole secondo la specie e variazioni percentuali Tabella 13 - Arrivi e presenze in Campania nel Tabella 14 - Dotazione ricettiva della regione Campania nel Tabella 15 - Esercizi alberghieri e complementari delle località balneari 50 Tabella 16 - Indicatori sulla competitività del territorio 52 5

6 Tabella 17 - Numero minimo di punti di campionamento per i principali inquinanti (eccetto ozono) in base alla Direttiva 1999/30/CE e alla Direttiva 2000/69/CE 57 Tabella 18 - Numero minimo di punti di campionamento per l ozono, in base alla Direttiva 2000/3/CE 59 Tabella 19 - Valori di concentrazione del biossido di azoto previsti dalla Direttiva 1999/30/CE 59 Tabella 20 - Valori di concentrazione del monossido di carbonio previsti dalla Direttiva 2000/69/CE 60 Tabella 21 - Valori di concentrazione del particolato sospeso con diametro inferiore a 10 µm previsti dalla Direttiva 1999/30/CE 61 Tabella 22 - Valori di concentrazione del biossido di zolfo previsti dalla Direttiva 1999/30/CE 61 Tabella 23 - Valori di concentrazione del benzene previsti dalla Direttiva 2000/69/CE 62 Tabella 24 - Valori di concentrazione del piombo previsti dalla Direttiva 1999/30/CE 62 Tabella 25 - Valori di concentrazione per l ozono previsti dalla Direttiva 2000/3/CE 62 Tabella 26 - Emissioni totali inquinanti principali principali per macrosettore Anno Tabella 27 - Emissioni totali principali gas serra per macrosettore Anno Tabella 28 - Emissioni totali di benzene per macrosettore Anno Tabella 29 - Emissioni totali metalli pesanti per macrosettore Anno Tabella 30 - Emissioni inquinanti principali da sorgenti diffuse per macrosettore Anno Tabella 31 - Emissioni inquinanti principali da sorgenti lineari per macrosettore Anno Tabella 32 - Emissioni inquinanti principali da sorgenti puntuali per macrosettore Anno Tabella 33 - Emissioni inquinanti principali da sorgenti diffuse per attività Anno Tabella 34 - Emissioni inquinanti principali da sorgenti lineari per attività Anno Tabella 35 - Emissioni inquinanti principali da sorgenti puntuali per attività Anno Tabella 36 - Valori medi delle differenze di temperatura minima (T min ) e massima (T max ) annuale e stagionali, per quinquenni, tra l Osservatorio Geofisico e l Osservatorio Vesuviano 92 Tabella 37 - Differenze medie tra la pioggia caduta all esterno e all interno della città 93 Tabella 38 - Le centraline di monitoraggio dell ARPAC 97 Tabella 39 - Campagne di monitoraggio con mezzo mobile effettuate dall ARPAC 98 Tabella 40 - Confronto tra le concentrazioni calcolate nei pressi delle centraline (anno 2002) e quelle misurate (anni ) per l area di Napoli e Caserta 106 Tabella 41 - Confronto tra le concentrazioni calcolate nei pressi delle centraline (anno 2002) e quelle misurate (anni ) per l area di Salerno 106 Tabella 42 - Centraline fisse e relativi inquinanti utilizzati per la zonizzazione 115 Tabella 43 - Campagne mobili di monitoraggio per il benzene utilizzate per la zonizzazione 116 Tabella 44 - Maglie e comuni con superamenti stimati dal modello AirISCLT relativamente al limite annuale per gli ossidi azoto 119 Tabella 45 - Analisi dei dati campionari con riferimento al limite orario per il biossido di azoto per l anno Tabella 46 - Analisi dei dati campionari con riferimento al limite annuale per il biossido di azoto 120 Tabella 47 - Analisi dei dati campionari con riferimento al limite giornaliero per le Particelle sospese con diametro inferiore ai 10 µm 121 Tabella 48 - Analisi dei dati campionari con riferimento al limite annuale per le Particelle sospese con diametro inferiore ai 10 µm 121 Tabella 49 - Analisi dei dati campionari con riferimento al limite annuale per il benzene 122 Tabella 50 - Zone di osservazione e zone di risanamento distintamente per area geografica 123 Tabella 51 - Limiti nazionali di emissione (in migliaia di tonnellate) da raggiungere entro il Tabella 52 - Nuovi impianti termoelettrici proposti in Campania 154 Tabella 53 - Nuovi impianti simulati nel secondo scenario di riferimento alternativo 163 Tabella 54 - Confronto tra le concentrazioni calcolate dal modello per l anno 2002, per l anno 2010 scenario base ( do nothing ) 167 Tabella 55 - Interventi sul traffico quantificati nello scenario di Piano 182 Tabella 56 - Interventi sul terziario e domestico quantificati nello scenario di Piano 182 Tabella 57 - Interventi sugli impianti industriali quantificati nello scenario di Piano 182 Tabella 58 - Sistemi di abbattimento simulati per impianto 183 Tabella 59 - Confronto tra le concentrazioni calcolate dal modello per l anno 2002 per l anno 2010 nello scenario di Piano 187 6

7 INDICE DELLE FIGURE Figura 1 - Zonizzazione del territorio 13 Figura 2 - Autostrade, strade statali e provinciali della Campania 39 Figura 3 - La rete ferroviaria metropolitana di Napoli 42 Figura 4 - Volume totale annuo di traffico passeggeri nell Aeroporto di Napoli-Capodichino 44 Figura 5 - Ubicazione delle Aree di Sviluppo Industriale 47 Figura 6 - Emissioni totali di ossidi di zolfo Anno Figura 7 - Emissioni totali di ossidi di azoto Anno Figura 8 - Emissioni totali di monossido di carbonio Anno Figura 9 - Emissioni totali di composti organici volatili Anno Figura 10 - Emissioni totali di particelle sospese con diametro inferiore a 10 µm Anno Figura 11 - Medie mobili delle temperature mensili in Campania dal 1951 al Figura 12 - Valori e trend delle temperature stagionali minime 91 Figura 13 - Carta delle precipitazioni medie annue in Campania 93 Figura 14 - Precipitazioni mensili a Napoli-Capodichino 94 Figura 15 - Concentrazioni medie annuali degli ossidi di azoto (µg/m3) rilevate dalle reti di monitoraggio 100 Figura 16 - Numero superamento delle medie orarie degli ossidi di azoto (µg/m3) rilevate dalle reti di monitoraggio 101 Figura 17 - Concentrazioni medie annuali di particelle sospese con diametro inferiore a 10 µm (µg/m3) rilevate dalle reti di monitoraggio 102 Figura 18 - Numero di superamenti della media giornaliera di particelle sospese con diametro inferiore a 10 µm (µg/m3) rilevate dalle reti di monitoraggio 103 Figura 19 - Ozono: numero di superamenti della media su 8 ore (120 µg/m3) rilevate dalle reti di monitoraggio 104 Figura 20 - Area urbana/industriale di Napoli Caserta: concentrazioni al suolo di ossidi di azoto calcolate mediante il modello ISC al Figura 21 - Area urbana/industriale di Napoli Caserta: concentrazioni al suolo di ossidi di zolfo calcolate mediante il modello ISC al Figura 22 - Area urbana/industriale di Napoli Caserta: concentrazioni al suolo di particelle sospese con diametro inferiore a 10 µm calcolate mediante il modello ISC al Figura 23 - Area urbana/industriale di Salerno: concentrazioni al suolo di ossidi di azoto calcolate mediante il modello ISC al Figura 24 - Area urbana/industriale di Salerno: concentrazioni al suolo di ossidi di zolfo calcolate Figura 25 mediante il modello ISC al Area urbana/industriale di Salerno: concentrazioni al suolo di particelle sospese con diametro inferiore a 10 µmcalcolate mediante il modello ISC al Figura 26 - Metodologia seguita per la zonizzazione 114 Figura 27 - Zonizzazione del territorio 127 Figura 28 - Andamento del deficit di potenza elettrica in Campania. Scenari di tendenza Figura 29 - Emissioni Totali di CO - Scenario senza interventi (Mg) 159 Figura 30 - Emissioni Totali di COV - Scenario senza interventi (Mg) 160 Figura 31 - Emissioni Totali di NOX - Scenario senza interventi (Mg) 160 Figura 32 - Emissioni Totali di PM10 - Scenario senza interventi (Mg) 161 Figura 33 - Emissioni Totali di SO X - Scenario senza interventi (Mg) 161 Figura 34 - Emissioni Totali di CO2 - Scenario senza interventi (Mg) 162 Figura 35 - Emissioni Totali di Benzene Scenario senza interventi (Mg) 162 Figura 36 - Emissioni Totali di CO - Confronti tra scenari (tonnellate) 163 Figura 37 - Emissioni Totali di COV - Confronti tra scenari (tonnellate) 164 Figura 38 - Emissioni Totali di NO X - Confronti tra scenari (tonnellate) 164 Figura 39 - Emissioni Totali di PM 10 - Confronti tra scenari (tonnellate) 165 Figura 40 - Emissioni Totali di SO X - Confronti tra scenari (tonnellate) 165 7

8 Figura 41 - Emissioni Totali di CO 2 - Confronti tra scenari (tonnellate) 166 Figura 42 - Emissioni Totali di Benzene - Confronti tra scenari (chilogranni) 166 Figura 43 - Area urbana/ industriale di Napoli Caserta: concentrazioni al suolo di ossidi di azoto calcolate mediante il modello ISC al 2010 nell ipotesi in assenza di interventi 169 Figura 44 - Area urbana/ industriale di Napoli Caserta: concentrazioni al suolo di ossidi di zolfo calcolate mediante il modello ISC al 2010 nell ipotesi in assenza di interventi 170 Figura 45 - Area urbana/ industriale di Napoli Caserta: concentrazioni al suolo di particelle sospese con diametro inferiore a 10 µm calcolate mediante il modello ISC al 2010 nell ipotesi in assenza di interventi 171 Figura 46 - Area urbana/ industriale di Salerno: concentrazioni al suolo di ossidi di azoto calcolate mediante il modello ISC al 2010 nell ipotesi in assenza di interventi 172 Figura 47 - Area urbana/ industriale di Salerno: concentrazioni al suolo di ossidi di zolfo calcolate mediante il modello ISC al 2010 nell ipotesi in assenza di interventi 173 Figura 48 - Area urbana/ industriale di Salerno: concentrazioni al suolo di particelle sospese con diametro inferiore a 10 µm calcolate mediante il modello ISC al 2010 nell ipotesi in assenza di interventi 174 Figura 49 - Emissioni di CO (tonnellate) negli scenari di riferimento e nello scenario di piano 184 Figura 50 - Emissioni di COV (tonnellate) negli scenari di riferimento e nello scenario di piano 184 Figura 51 - Emissioni di NOx (tonnellate) negli scenari di riferimento e nello scenario di piano 185 Figura 52 - Emissioni di PM 10 (tonnellate) negli scenari di riferimento e nello scenario di piano 185 Figura 53 - Emissioni di SO X (tonnellate) negli scenari di riferimento e nello scenario di piano 186 Figura 54 - Emissioni di CO 2 (tonnellate) negli scenari di riferimento e nello scenario di piano 186 Figura 55 - Emissioni di benzene (tonnellate) negli scenari di riferimento e nello scenario di piano 187 Figura 56 - Area urbana/ industriale di Napoli Caserta: concentrazioni al suolo di ossidi di azoto calcolate 190 mediante il modello ISC al 2010 nell ipotesi scenario di piano (con la realizzazione di tutte le centrali termoelettriche) Figura 57 - Area urbana/ industriale di Napoli Caserta: concentrazioni al suolo di ossidi di zolfo calcolate mediante il modello ISC al 2010 nell ipotesi scenario di piano (con la realizzazione di tutte le centrali termoelettriche) 191 Figura 58 - Area urbana/ industriale di Napoli Caserta: concentrazioni al suolo di particelle sospese con diametro inferiore a 10 µm calcolate mediante il modello ISC al 2010 nell ipotesi scenario di piano (con la realizzazione di tutte le centrali termoelettriche). 192 Figura 59 - Area urbana/ industriale di Salerno: concentrazioni al suolo di ossidi di azoto calcolate mediante il modello ISC al 2010 nell ipotesi scenario di piano (con la realizzazione di tutte le centrali termoelettriche) 193 Figura 60 - Area urbana/ industriale di Salerno: concentrazioni al suolo di ossidi di zolfo calcolate mediante il modello ISC al 2010 nell ipotesi scenario di piano (con la realizzazione di tutte le centrali termoelettriche) 194 Figura 61 - Area urbana/ industriale di Salerno: concentrazioni al suolo di particelle sospese con diametro inferiore a 10 µmcalcolate mediante il modello ISC al 2010 nell ipotesi scenario di piano (con la realizzazione di tutte le centrali termoelettriche) 195 Figura 62 - Sistema informativo per la gestione della pianificazione della qualità dell aria 198 8

9 1 SINTESI DELLA STRATEGIA DEL PIANO Il presente Piano è stato redatto in conformità ai dettami legislativi emanati con Decreto del Ministero dell'ambiente e della tutela del territorio 1 ottobre 2002, n. 261 contenente il «Regolamento recante le direttive tecniche per la valutazione preliminare della qualità dell'aria ambiente, i criteri per l'elaborazione del piano e dei programmi di cui agli articoli 8 e 9 del D.Lgs. n. 351 del 4 agosto 1999» (G. U. n. 272 del 20 novembre 2002). 1.1 Finalità Il Piano è stato elaborato applicando e sviluppando le indicazioni della legislazione nazionale al fine di: ottemperare al D.Lgs. 351 del 4 agosto 1999 ed al D.M. 60 del 2 aprile 2002, per l elaborazione di piani o di programmi di miglioramento della qualità dell aria nelle zone e negli agglomerati in cui i livelli di uno o più inquinanti (ossidi di zolfo, ossidi di azoto, particelle sospese con diametro inferiore a 10 µm) superano il valore limite aumentato del margine di tolleranza oppure, i livelli di uno o più inquinanti sono compresi tra il valore limite ed il valore limite aumentato del margine di tolleranza così come stabilito dall articolo 8 del decreto; ottemperare al D.Lgs. 4 agosto 1999, n. 351 per l elaborazione di piani di mantenimento della qualità dell aria, nelle zone e negli agglomerati in cui i livelli degli inquinanti sono inferiori ai valori limite e tali da non comportare il rischio di superamento degli stessi, al fine di conservare i livelli degli inquinanti al di sotto dei valori limite così come stabilito dall articolo 9 del D.Lgs. 351/99; rappresentare un piano integrato per tutti gli inquinanti normati; poter essere integrato ogni qualvolta la legislazione prescrive di prendere in considerazione nuovi inquinanti; anticipare le misure di piano dovute nel prossimo futuro per monossido di carbonio e benzene ai sensi dei suddetti decreti; migliorare la qualità dell aria relativamente alle nuove problematiche emergenti quali produzione di ozono troposferico (in vista delle scadenze fissate dal recente D.Lgs. 183 del 21 maggio 2004), emissioni di idrocarburi policiclici aromatici ed altri composti organici volatili; conseguire un miglioramento con riferimento alle problematiche globali quali la produzione di gas serra. 1.2 Fasi di realizzazione del piano In estrema sintesi, la realizzazione del piano è stata effettuata secondo le seguenti fasi: Fase conoscitiva o definizione delle caratteristiche del territorio e del quadro normativo ed istituzionale nel quale il piano si inserisce; o qualificazione e quantificazione delle sorgenti di inquinanti atmosferici nell area presa in esame (Inventario delle Emissioni di Inquinanti dell Aria); o analisi dei dati meteoclimatici e di qualità dell aria come rilevati dalla rete di rilevamento o da altre strutture esistenti sul territorio; 9

10 o quantificazione della qualità dell aria su tutto il territorio regionale mediante l integrazione dell informazione disponibile con i risultati di modelli matematici di valutazione; Fase valutativa o confronto del quadro della qualità dell aria emerso dall attività conoscitiva con gli standard di qualità dell aria esistenti; o suddivisione del territorio regionale in zone in relazione al rispetto degli standard; o confronto del quadro emissivo con standard e prescrizioni derivanti da leggi ed accordi nazionali ed internazionali (direttiva sui massimi livelli di emissione nazionali, protocollo di Kyoto); Fase previsiva o analisi degli effetti futuri delle misure legislative e normative in essere e di eventuali interventi su specifiche sorgenti; o previsione delle emissioni di inquinanti dell aria negli anni futuri (5-15 anni) nell ipotesi di non introdurre interventi di risanamento; o valutazione della qualità dell aria tramite modelli nell ipotesi di non introdurre interventi; Fase propositiva o definizione di obiettivi relativamente alla qualità dell aria da raggiungere con il piano nelle diverse aree del territorio regionale; o definizione di strategie e di conseguenti scenari per il raggiungimento degli obiettivi; o previsione delle emissioni di inquinanti dell aria negli anni futuri (5-15 anni) nei differenti scenari derivanti dalle ipotesi del piano; o valutazione della qualità dell aria tramite modelli nei differenti scenari; o definizione di priorità, responsabilità e tempistica per l applicazione del piano nonché delle misure amministrative e relative alla diffusione del piano. Fase attuativa o attuazione delle differenti misure di piano; o monitoraggio dei risultati dell applicazione del piano mediante aggiornamento costante degli strumenti conoscitivi (inventario delle emissioni e monitoraggio); Fase di verifica o verifica periodica dei risultati del piano; o aggiornamento ed integrazione del piano. 1.3 Valutazione di sintesi a scala regionale Come previsto dalla legislazione vigente, la fase cruciale del processo di definizione del piano è la fase valutativa e, per gli inquinanti per cui è prescritta, la suddivisione del territorio regionale in zone. Preliminarmente alla zonizzazione si riportano i risultati della fase valutativa (inventario delle emissioni ed analisi dei dati del monitoraggio) come sintesi regionali. L analisi conoscitiva condotta dal piano fa rilevare come a livello globale regionale: 10

11 la qualità dell'aria nelle aree urbane è in miglioramento con riferimento ai seguenti inquinanti primari principali: biossido di zolfo, monossido di carbonio; tutti i limiti legislativi esistenti sono rispettati; la qualità dell'aria con riferimento al biossido di azoto nelle aree urbane è fortemente critica e non presenta segnali rilevanti di miglioramento; la valutazione dell evoluzione delle emissioni fa prevedere, a fronte di un ulteriore residuo miglioramento delle emissioni dai veicoli su strada, gli effetti peggiorativi dell incremento della mobilità privata e delle politiche di riequilibrio del deficit regionale di produzione di energia elettrica contenuto negli atti di pianificazione regionale; tale evoluzione va mitigata con opportune misure di piano, anche in funzione del contributo della Campania al raggiungimento degli obiettivi nazionali sui tetti di emissione; va infine sottolineato come la riduzione delle emissioni di questo inquinante sia un forte elemento per il miglioramento della qualità dell aria con riferimento all ozono; con riferimento alle particelle sospese con diametro inferiore ai 10 µm (PM 10 ), il monitoraggio rileva una situazione critica; le emissioni, provenienti principalmente dal traffico su strada e dalle altre sorgenti mobili con contributi significativi dalla combustione della legna e dalla combustione industriale, pur in miglioramento non garantiscono il rientro nei limiti senza opportune misure di risanamento; opportune misure sulle sorgenti mobili e sulle emissioni industriali, nonché politiche di incentivo al rinnovamento tecnologico nel settore della combustione della legna, sono necessarie nelle aree di risanamento; con riferimento al Benzene l analisi delle concentrazioni rilevate mostra una situazione da tenere ancora sotto controllo per il rispetto del limite sulla media annuale; l effetto congiunto dei miglioramenti previsti nelle emissioni da traffico autoveicolare (sorgente quasi esclusiva dell inquinamento) non garantiscono il rientro nei nuovi limiti previsti dalla legislazione comunitaria; opportune misure sul traffico sono necessarie nelle aree di risanamento; la qualità dell'aria con riferimento allo smog fotochimico (produzione di ozono influenzata dagli ossidi di azoto e dai composti organici volatili) è critica sia nelle aree urbane sia nelle aree suburbane e rurali (anche con riferimento alla nuova normativa comunitaria e nazionale); l'evoluzione naturale delle emissioni (provenienti quasi esclusivamente dal traffico su strada e dalle altre sorgenti mobili) non garantisce un miglioramento generalizzato dell'inquinamento fotochimico e può in alcune situazioni portare ad un aumento del livello di ozono a causa del diminuito effetto limitatore del monossido di azoto; con riferimento alle emissioni industriali ed agli inquinanti primari principali in conseguenza della ricorrente situazione di inserimento delle attività industriali in aree urbane risulta cruciale intervenire mediante l applicazione delle migliori tecnologie disponibili previste dalla nuova legislazione (direttiva IPPC); il rispetto degli impegni di Kyoto necessita di un forte impegno verso la riduzione delle emissioni di anidride carbonica. 1.4 Valutazione di sintesi a scala locale La valutazione della qualità dell aria a scala locale su tutto il territorio regionale, e la successiva zonizzazione, è stata effettuata basandosi in primo luogo sui risultati del monitoraggio della qualità dell aria ed integrando questi ultimi con una metodologia 11

12 innovativa che sulla base di elaborazioni statistiche e modellistiche porta ad una stima delle concentrazioni di inquinanti dell aria su tutto il territorio della regione. Ai sensi degli articoli 4 e 5 del D.Lgs. 351 del 4 agosto 1999 la valutazione è stata svolta relativamente ai seguenti inquinanti: ossidi di zolfo, ossidi di azoto, particelle sospese con diametro inferiore ai 10 µm, monossido di carbonio e benzene. Per l ozono dovrà essere effettuata la valutazione definitiva e la redazione di piani e programmi entro due anni dalla data di entrata in vigore del D.Lgs. 183 del 21 maggio Specifiche misure di piano sono previste per tali attività. Le risultanze dell attività di classificazione del territorio regionale (Figura 1), ai fini della gestione della qualità dell aria ambiente, definite come aggregazioni di comuni con caratteristiche il più possibile omogenee, sono le seguenti: IT0601 IT0602 IT0603 IT0604 IT0605 IT0606 Zona di risanamento - Area Napoli e Caserta; Zona di risanamento - Area salernitana; Zona di risanamento - Area avellinese; Zona di risanamento - Area beneventana; Zona di osservazione; Zona di mantenimento. Le zone di risanamento sono definite come quelle zone in cui almeno un inquinante supera il limite più il margine di tolleranza fissato dalla legislazione. La zona di osservazione è definita dal superamento del limite ma non del margine di tolleranza. In Tabella 1, inoltre, è riportato l elenco dei comuni delle zone ai fini del risanamento ed osservazione (gli inquinanti mostrati sono quelli per cui viene superato almeno il valore limite). 12

SINTESI DELLA STRATEGIA DEL PIANO REGIONALE PER LA TUTELA DELLA QUALITÀ DELL ARIA

SINTESI DELLA STRATEGIA DEL PIANO REGIONALE PER LA TUTELA DELLA QUALITÀ DELL ARIA SINTESI DELLA STRATEGIA DEL PIANO REGIONALE PER LA TUTELA DELLA QUALITÀ DELL ARIA Redatto in collaborazione con la Società Techne Consulting S.r.l. di Roma 2007 1. PREMESSA Il Piano è stato redatto in

Dettagli

Piano di Gestione della Qualità dell Aria Provincia di Forlì-Cesena

Piano di Gestione della Qualità dell Aria Provincia di Forlì-Cesena Piano di Gestione della Qualità dell Aria Provincia di Forlì-Cesena Valutazione e gestione della qualità dell aria (situazione attuale, analisi delle tendenze ed azioni) Incontro con le Associazioni economiche

Dettagli

Tabella 15 - Maglie e comuni con superamento del limite annuale per gli ossidi di azoto

Tabella 15 - Maglie e comuni con superamento del limite annuale per gli ossidi di azoto Tabella 15 - Maglie e comuni superamento del limite annuale per gli ossidi di azoto Anno Istat Media Nome Maglia annuale Tipo di superamento 2002 063034 Giugliano in Campania 24544531 59,87329 Margine

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER IL COORDINAMENTO DELLO SVILUPPO DEL TERRITORIO, IL PERSONALE ED I SERVIZI GENERALI

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER IL COORDINAMENTO DELLO SVILUPPO DEL TERRITORIO, IL PERSONALE ED I SERVIZI GENERALI Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER IL COORDINAMENTO DELLO SVILUPPO DEL TERRITORIO, IL PERSONALE ED I SERVIZI GENERALI 1. Introduzione I PIANI URBANI DELLA MOBILITA (PUM) Linee

Dettagli

DOCUMENTO A SUPPORTO DEL PIANO DI RISANAMENTO DELLA QUALITA DELL ARIA

DOCUMENTO A SUPPORTO DEL PIANO DI RISANAMENTO DELLA QUALITA DELL ARIA Agenzia Regionale per la Prevenzione e l Ambiente dell Emilia-Romagna Via Po, n. 5 40139 - BOLOGNA tel 051/6223811 - fax 051/543255 P.IVA e C.F. 04290860370 Sezione Provinciale di Forlì-Cesena C.P. 345

Dettagli

SERVIZI DI TRASPORTO. Un esempio: fino a 1.000 69. Scopri le nuove tariffe dei servizi di trasporto.

SERVIZI DI TRASPORTO. Un esempio: fino a 1.000 69. Scopri le nuove tariffe dei servizi di trasporto. SERVIZI DI TRASPORTO Scopri le nuove tariffe dei servizi di trasporto. 59 Un esempio: fino a 1.000 69 Per ulteriori informazioni rivolgiti a qualsiasi Banco Informazioni in ESPOSIZIONE MOBILI, al Servizio

Dettagli

DECRETO 27 Marzo 1998 del Ministero dell'ambiente

DECRETO 27 Marzo 1998 del Ministero dell'ambiente DECRETO 27 Marzo 1998 del Ministero dell'ambiente Mobilita' sostenibile nelle aree urbane (GU n. 179 del 3-8-1998) Registrato alla Corte dei conti il 9 luglio 1998 Registro n. 1 Ambiente, foglio n. 212

Dettagli

OGGETTO: RICHIESTA DI FINANZIAMENTO REGIONALE PER LA PROSECUZIONE INTERVENTI PER IL RISANAMENTO DELLA QUALITA DELL ARIA APPROVATI CON D.G.C. N.

OGGETTO: RICHIESTA DI FINANZIAMENTO REGIONALE PER LA PROSECUZIONE INTERVENTI PER IL RISANAMENTO DELLA QUALITA DELL ARIA APPROVATI CON D.G.C. N. OGGETTO: RICHIESTA DI FINANZIAMENTO REGIONALE PER LA PROSECUZIONE INTERVENTI PER IL RISANAMENTO DELLA QUALITA DELL ARIA APPROVATI CON D.G.C. N. 924 DEL 28.09.2006 IN ATTUAZIONE AL PIANO REGIONALE (D.C.R.

Dettagli

Energia. RSA Provincia di Milano. Energia

Energia. RSA Provincia di Milano. Energia RSA Provincia di Milano Energia Fig. 1: consumi elettrici per ciascun settore La produzione e il consumo di energia hanno impatto dal punto di vista ambientale, soprattutto per ciò che riguarda il consumo

Dettagli

AREA AMBIENTE QUALITÀ DELL ARIA A TORINO

AREA AMBIENTE QUALITÀ DELL ARIA A TORINO AREA AMBIENTE QUALITÀ DELL ARIA A TORINO Maggio 2015 1 ARIA IN EUROPA 2 La qualità dell aria della nostra città dipende da: quantità di inquinanti emessi dalle varie attività umane; conformazione geografica

Dettagli

Comune di Piacenza Settore Territorio Servizio Ambiente e Viabilità. Rapporto sulla qualità dell aria della città di Piacenza 2003-2004

Comune di Piacenza Settore Territorio Servizio Ambiente e Viabilità. Rapporto sulla qualità dell aria della città di Piacenza 2003-2004 Rapporto sulla qualità dell aria della città di Piacenza 23-24 Comune di Piacenza Quadro evolutivo PTS NO 2 CO O 3 Giordani, Giordani, Stazioni considerate Passeggio, Medaglie d Oro, Medaglie d Oro, Roma

Dettagli

Comune di Piacenza Settore Territorio Servizio Ambiente e Viabilità

Comune di Piacenza Settore Territorio Servizio Ambiente e Viabilità Comune di Piacenza Settore Territorio Servizio Ambiente e Viabilità RAPPORTO SULLA QUALITA DELL ARIA DELLA CITTA DI PIACENZA 23-24 Con il Rapporto sulla qualità dell aria della città di Piacenza 23-24

Dettagli

CAPITOLO 4 - QUADRO NORMATIVO DI BASE IN MATERIA DI CONTROLLO DELL INQUINAMENTO ATMOSFERICO

CAPITOLO 4 - QUADRO NORMATIVO DI BASE IN MATERIA DI CONTROLLO DELL INQUINAMENTO ATMOSFERICO CAPITOLO 4 - QUADRO NORMATIVO DI BASE IN MATERIA DI CONTROLLO DELL INQUINAMENTO ATMOSFERICO 4.1 ASPETTI GENERALI Il quadro normativo di riferimento per la tutela della qualità dell aria trova fondamento

Dettagli

PRESENTAZIONE DELLE LINEE GUIDA PER LA MOBILITÀ SOSTENIBILE

PRESENTAZIONE DELLE LINEE GUIDA PER LA MOBILITÀ SOSTENIBILE PRESENTAZIONE DELLE LINEE GUIDA PER LA MOBILITÀ SOSTENIBILE Quale valore per le imprese e le banche italiane ABI FORUM CSR 2008 Roma, 29 Gennaio Aldo Pozzoli, Partner MUOVERSI 1. Introduzione Le Linee

Dettagli

RISULTATI DELLE INDAGINI TECNICHE PER LA MAPPATURA DEI TERRENI DESTINATI ALL AGRICOLTURA DELLA REGIONE CAMPANIA. Martedì 11 Marzo 2014

RISULTATI DELLE INDAGINI TECNICHE PER LA MAPPATURA DEI TERRENI DESTINATI ALL AGRICOLTURA DELLA REGIONE CAMPANIA. Martedì 11 Marzo 2014 RISULTATI DELLE INDAGINI TECNICHE PER LA MAPPATURA DEI TERRENI DESTINATI ALL AGRICOLTURA DELLA REGIONE CAMPANIA Martedì 11 Marzo 2014 1 OBIETTIVI DELL INDAGINE Individuazione dei siti interessati da sversamenti

Dettagli

! " # $% $ & % & " #" # & "!"! ' $ (" ( # " )# ) $) $ " ) "!"! ( " * % &" & +

!  # $% $ & % &  # # & !! ' $ ( ( #  )# ) $) $  ) !! (  * % & & + ! " #$%& "#"&!"'$("# )#$)"!" ("*%&"+ + ,-. 2003 2004 2010 Valori limite OSSIDI DI AZOTO 36 ug/mc 39 ug/mc 40 ug/mc POLVERI PM10 34 ug/mc 36 ug/mc 20 ug/mc OZONO 54 ug/mc 50 ug/mc 40 ug/mc Sorgenti fisse:

Dettagli

Legge 181/89 aree di crisi industriale

Legge 181/89 aree di crisi industriale Bando a sportello Apertura sportello in corso di definizione Soggetti beneficiari Società di capitali Società cooperative Società consortili Tipologie di investimenti Programmi di investimento produttivo

Dettagli

MOBILITY MANAGEMENT UNA SOLUZIONE PER LA MOBILITA SOSTENIBILE DELL AREA VARESINA Varese, 14 maggio 2010

MOBILITY MANAGEMENT UNA SOLUZIONE PER LA MOBILITA SOSTENIBILE DELL AREA VARESINA Varese, 14 maggio 2010 Mobilità e competitività ità le azioni della Camera di Commercio di Varese MOBILITY MANAGEMENT UNA SOLUZIONE PER LA MOBILITA SOSTENIBILE DELL AREA VARESINA Varese, 14 maggio 2010 I FLUSSI DI LAVORATORI

Dettagli

A.R.P.A.V. - OSSERVATORIO REGIONALE ARIA. Regione del Veneto UNITA COMPLESSA TUTELA ATMOSFERA

A.R.P.A.V. - OSSERVATORIO REGIONALE ARIA. Regione del Veneto UNITA COMPLESSA TUTELA ATMOSFERA Piano Progressivo di Rientro del Piano Regionale di Tutela e Risanamento dell Atmosfera (P.R.T.R.A.) relativo alle polveri PM 10 (DGR n. 1408 del 16/05/2006) A.R.P.A.V. OSSERVATORIO REGIONALE ARIA e Regione

Dettagli

SOSTENIBILITA AMBIENTALE

SOSTENIBILITA AMBIENTALE ESIGENZA PRESTAZIONE RICHIESTA Gruppi termici ad alta efficienza. Controllare il corretto funzionamento del gruppo termico, al fine di garantire un processo di combustione normale e l espulsione di fumi

Dettagli

PRODUZIONE DI ENERGIA DA BIOMASSE FRA PROBLEMA DELLA QUALITA DELL ARIA ED EMISSIONI DI ANIDRIDE CARBONICA

PRODUZIONE DI ENERGIA DA BIOMASSE FRA PROBLEMA DELLA QUALITA DELL ARIA ED EMISSIONI DI ANIDRIDE CARBONICA Produzione energetica da biomasse: aspetti tecnici, elementi gestionali, sostenibilità ambientale Cooperazione Trentina PRODUZIONE DI ENERGIA DA BIOMASSE FRA PROBLEMA DELLA QUALITA DELL ARIA ED EMISSIONI

Dettagli

Informazioni Statistiche N 2/2013

Informazioni Statistiche N 2/2013 Città di Palermo Ufficio Statistica Osservatorio Ambientale Istat sulle città: i risultati di Palermo e delle grandi città Anno 2012 Girolamo D Anneo Informazioni Statistiche N 2/2013 SETTEMBRE 2013 Sindaco:

Dettagli

Agenda 21 Locale Il Piano d Azioned

Agenda 21 Locale Il Piano d Azioned Agenda 21 Locale Il Piano d Azioned Comunità Montana della Valle Trompia Comuni di: Gardone V.T., Sarezzo, Marcheno, Vila Carcina, Concesio AUTOVEICOLI CIRCOLANTI OGNI 1.000 ABITANTI Numero di automobili

Dettagli

La qualità dell aria in Lombardia situazione e prospettive

La qualità dell aria in Lombardia situazione e prospettive La qualità dell aria in Lombardia situazione e prospettive Responsabile U.O. Qualità dell Aria Settore Monitoraggi Ambientali g.lanzani@arpalombardia.it Brescia 2 novembre 204 Confronto con la normativa

Dettagli

Valutazione economiche delle misure previste dal Piano Regionale di Risanamento e Mantenimento della Qualità dell Aria

Valutazione economiche delle misure previste dal Piano Regionale di Risanamento e Mantenimento della Qualità dell Aria Valutazione economiche delle misure previste dal Piano Regionale di Risanamento e Mantenimento della Qualità dell Aria Rapporto Tecnico Settembre 2007 Pag / Indice 01 / Premessa 02 / Misure su sorgenti

Dettagli

Criteri per l elaborazione del computo emissivo per gli impianti di produzione di energia elettrica a biomasse. D.G.R. n. 362 del 26 marzo 2012

Criteri per l elaborazione del computo emissivo per gli impianti di produzione di energia elettrica a biomasse. D.G.R. n. 362 del 26 marzo 2012 Criteri per l elaborazione del computo emissivo per gli impianti di produzione di energia elettrica a biomasse D.G.R. n. 362 del 26 marzo 2012 Katia Raffaelli Regione Emilia-Romagna Servizio Risanamento

Dettagli

Piano di Gestione della Qualità dell Aria della Provincia di Forlì-Cesena: lo scenario attuale, al 2010 e al 2010 con azioni.

Piano di Gestione della Qualità dell Aria della Provincia di Forlì-Cesena: lo scenario attuale, al 2010 e al 2010 con azioni. Piano di Gestione della Qualità dell Aria della Provincia di Forlì-Cesena: lo scenario attuale, al 2010 e al 2010 con azioni. L aria delle nostre città: quali strategie per la pianificazione 22-12-2005

Dettagli

PIANO D AZIONE PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AGGLOMERATO TORINESE PROPOSTA DI SCENARI DI LIMITAZIONE DELLA CIRCOLAZIONE VEICOLARE

PIANO D AZIONE PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AGGLOMERATO TORINESE PROPOSTA DI SCENARI DI LIMITAZIONE DELLA CIRCOLAZIONE VEICOLARE Servizio Qualità dell Aria e Risorse Energetiche PIANO D AZIONE PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AGGLOMERATO TORINESE PROPOSTA DI SCENARI DI LIMITAZIONE DELLA CIRCOLAZIONE VEICOLARE INVERNO

Dettagli

A partire dal. Fermo o sostituzione dei veicoli vietati con veicoli euro 5. - A carico del privato - Campagna informativa, controlli

A partire dal. Fermo o sostituzione dei veicoli vietati con veicoli euro 5. - A carico del privato - Campagna informativa, controlli Catalogo dei provvedimenti mutuati dai piani approvati dal o in corso di approvazione distinti tra misure con efficacia nel breve/medio periodo e misure di lungo periodo Misure con efficacia nel breve

Dettagli

Normativa di riferimento

Normativa di riferimento Normativa di riferimento La normativa in materia di energie alternative da fonti rinnovabili è presente a diverse scale territoriali: da indirizzi a livello globale ed europeo sino ad una trattazione a

Dettagli

PROGETTO BIT-Air Focus Group sulla Gestione della Qualità dell Aria negli Enti Locali

PROGETTO BIT-Air Focus Group sulla Gestione della Qualità dell Aria negli Enti Locali Focus Group sulla Gestione della Qualità dell Aria negli Enti Locali EMERGENZA SMOG: QUADRO NORMATIVO, RESPONSABILITÀ, COMPETENZE E STRATEGIE DEGLI ENTI LOCALI Brindisi,18 marzo 2010 Paolo Lecca lecca@ea.ancitel.it

Dettagli

Qualità dell'aria nella Provincia di Lucca, monitoraggio, criticità, emissioni

Qualità dell'aria nella Provincia di Lucca, monitoraggio, criticità, emissioni Qualità dell'aria nella Provincia di Lucca, monitoraggio, criticità, emissioni Il Ruolo della Provincia nel monitoraggio della qualità dell aria e nel coordinamento dei Piani di Azione Comunale LEGGE REGIONALE

Dettagli

Allegato 1. Ambito Comune Capofila Distretto Sanitario Titolo del progetto. A01 Ariano Irpino DS 1 Ariano Irpino ANANKE 100.355,82

Allegato 1. Ambito Comune Capofila Distretto Sanitario Titolo del progetto. A01 Ariano Irpino DS 1 Ariano Irpino ANANKE 100.355,82 Allegato 1 PRESA D'ATTO DELLE PROPOSTE PROGETTUALI DI CUI AL RIPARTO DELLE RISORSE A FAVORE DEGLI AMBITI TERRITORIALI PER LA REALIZZAZIONE DEI CENTRI ANTIVIOLENZA, AI SENSI DELLA L. R. N. 2 DEL 11/02/2011

Dettagli

Mobilità, qualità dell aria e cambiamenti climatici Michele Giugliano, Stefano Caserini (DIIAR, Politecnico di Milano) Roberta Pignatelli (ISPRA,

Mobilità, qualità dell aria e cambiamenti climatici Michele Giugliano, Stefano Caserini (DIIAR, Politecnico di Milano) Roberta Pignatelli (ISPRA, Mobilità, qualità dell aria e cambiamenti climatici Michele Giugliano, Stefano Caserini (DIIAR, Politecnico di Milano) Roberta Pignatelli (ISPRA, Roma) Sommario 1.Milano e il suo intorno: l evoluzione

Dettagli

PARERE. DIREZIONE CENTRALE AMBIENTE E LAVORI PUBBLICI Servizio valutazione impatto ambientale. Articolo 15, comma 1, d.lgs.

PARERE. DIREZIONE CENTRALE AMBIENTE E LAVORI PUBBLICI Servizio valutazione impatto ambientale. Articolo 15, comma 1, d.lgs. DIREZIONE CENTRALE AMBIENTE E LAVORI PUBBLICI Servizio valutazione impatto ambientale Articolo 15, comma 1, d.lgs. 152/2006 Valutazione ambientale strategica del Piano regionale di miglioramento della

Dettagli

Attività di monitoraggio della qualità dell aria effettuato da ARPA FVG nel Comune di Cormons Gennaio Aprile 2014

Attività di monitoraggio della qualità dell aria effettuato da ARPA FVG nel Comune di Cormons Gennaio Aprile 2014 Attività di monitoraggio della qualità dell aria effettuato da ARPA FVG nel Comune di Cormons Gennaio Aprile 2014 Cormons, 27 marzo 2015 La normativa sulla qualità dell ambiente Decreto legislativo. n.

Dettagli

Gli obiettivi del Piano energetico regionale. Intervento dell Ing. Sebastiano Cacciaguerra Direttore del Servizio Energia

Gli obiettivi del Piano energetico regionale. Intervento dell Ing. Sebastiano Cacciaguerra Direttore del Servizio Energia Gli obiettivi del Piano energetico regionale Intervento dell Ing. Sebastiano Cacciaguerra Direttore del Servizio Energia 1 Il progetto del PER Il Servizio Energia è attualmente impegnato, attraverso un

Dettagli

Università degli Studi di Perugia Facoltà di Ingegneria Corso di laurea specialistica in Ingegneria Meccanica

Università degli Studi di Perugia Facoltà di Ingegneria Corso di laurea specialistica in Ingegneria Meccanica Università degli Studi di Perugia Facoltà di Ingegneria Corso di laurea specialistica in Ingegneria Meccanica Corso di Impatto ambientale Modulo Pianificazione Energetica a.a. 2012/13 Prof. Ing. Francesco

Dettagli

Comitato Paritetico di Controllo e Valutazione. ESAME DELLA RELAZIONE n. 19 del 2014

Comitato Paritetico di Controllo e Valutazione. ESAME DELLA RELAZIONE n. 19 del 2014 Comitato Paritetico di Controllo e Valutazione ESAME DELLA RELAZIONE n. 19 del 2014 "Relazione sullo stato di attuazione della Legge Regionale 11 dicembre 2006, n. 24 Norme per la prevenzione e la riduzione

Dettagli

CAPITOLO 11: Mobilità

CAPITOLO 11: Mobilità CAPITOLO 11: Mobilità 197 11.1: Tecnologia ed efficienza Presentazione: I trasporti ormai da tempo rappresentano un settore dolente delle politiche ambientali dell Unione Europea ed un elemento di criticità

Dettagli

AMBIENTE, ENERGIA E SVILUPPO SOSTENIBILE TAVOLO ISTITUZIONALE ARIA

AMBIENTE, ENERGIA E SVILUPPO SOSTENIBILE TAVOLO ISTITUZIONALE ARIA TAVOLO ISTITUZIONALE ARIA 17 luglio 2014 Piano Regionale degli Interventi sulla qualità dell Aria (PRIA) Misure sulla mobilità Settori e misure del piano AMBIENTE, ENERGIA E SVILUPPO SOSTENIBILE TRASPORTI

Dettagli

Analisi delle serie storiche. Monossido di Carbonio Biossido d Azoto Particolato Totale Sospeso Ozono Piombo Biossido di Zolfo Benzene

Analisi delle serie storiche. Monossido di Carbonio Biossido d Azoto Particolato Totale Sospeso Ozono Piombo Biossido di Zolfo Benzene Analisi delle serie storiche Monossido di Carbonio Biossido d Azoto Particolato Totale Sospeso Ozono Piombo Biossido di Zolfo Benzene Al fine di rendersi conto dell evoluzione delle concentrazioni di alcuni

Dettagli

ART. 1 (Disposizioni per il completamento del processo di liberalizzazione dei settori dell energia elettrica e del gas)

ART. 1 (Disposizioni per il completamento del processo di liberalizzazione dei settori dell energia elettrica e del gas) Schema di disegno di legge recante misure per la liberalizzazione del mercato dell energia, per la razionalizzazione dell approvvigionamento, per il risparmio energetico e misure immediate per il settore

Dettagli

Videoconferenza tra le Istituzioni superiori di controllo dei Paesi membri del G8. Corte dei conti Italia. Sicurezza energetica

Videoconferenza tra le Istituzioni superiori di controllo dei Paesi membri del G8. Corte dei conti Italia. Sicurezza energetica Videoconferenza tra le Istituzioni superiori di controllo dei Paesi membri del G8 7 giugno 2006 Corte dei conti Italia Sicurezza energetica 1. L Italia e la sicurezza energetica Il tema della sicurezza

Dettagli

Il Patto dei Sindaci e il Piano di Azione per l Energia Sostenibile - PAES -

Il Patto dei Sindaci e il Piano di Azione per l Energia Sostenibile - PAES - Il Patto dei Sindaci e il Piano di Azione per l Energia Sostenibile - PAES - Smart City Comuni in classe A 1 Indice 1. Il Patto dei Sindaci 2. Il Piano di Azione per l Energia Sostenibile PAES 3. Il progetto

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA LETTURA DELLE TABELLE

ISTRUZIONI PER LA LETTURA DELLE TABELLE ISTRUZIONI PER LA LETTURA DELLE TABELLE Nella colonna viene indicato con una sigla il sistema ed il settore a cui fa riferimento l'indicatore (es. SE.POP.1= (SE) Sistema socioeconomico, (POP) settore popolazione,

Dettagli

REGIONE LIGURIA Piano di risanamento e tutela della qualità dell aria e per la riduzione dei gas serra

REGIONE LIGURIA Piano di risanamento e tutela della qualità dell aria e per la riduzione dei gas serra Piano di risanameno e uela della qualià dell aria e per la riduzione dei gas serra REGIONE LIGURIA Piano di risanameno e uela della qualià dell aria e per la riduzione dei gas serra 1 Piano di risanameno

Dettagli

ADESIONE ALL UFFICIO MOBILITY MANAGER DI AREA DELLA PROVINCIA DI VENEZIA E AL COORDINAMENTO PROVINCIALE DELLE POLITICHE DI MOBILITA SOSTENIBILE TRA

ADESIONE ALL UFFICIO MOBILITY MANAGER DI AREA DELLA PROVINCIA DI VENEZIA E AL COORDINAMENTO PROVINCIALE DELLE POLITICHE DI MOBILITA SOSTENIBILE TRA ADESIONE ALL UFFICIO MOBILITY MANAGER DI AREA DELLA PROVINCIA DI VENEZIA E AL COORDINAMENTO PROVINCIALE DELLE POLITICHE DI MOBILITA SOSTENIBILE TRA La Provincia di Venezia, CF 80008840276 con sede in Venezia,

Dettagli

FORUM PA 2007. Car sharing: un nuovo servizio ai cittadini e alla imprese per una mobilità intelligente. Arch. Giovanna Rossi

FORUM PA 2007. Car sharing: un nuovo servizio ai cittadini e alla imprese per una mobilità intelligente. Arch. Giovanna Rossi FORUM PA 2007 Car sharing: un nuovo servizio ai cittadini e alla imprese per una mobilità intelligente Arch. Giovanna Rossi Roma maggio 2007 Riduzione delle emissioni inquinanti che derivano dai trasporti

Dettagli

EMISSIONI DA TRAFFICO E QUALITA DELL ARIA: ELEMENTI PER LA GESTIONE NELLA CITTA DI MILANO

EMISSIONI DA TRAFFICO E QUALITA DELL ARIA: ELEMENTI PER LA GESTIONE NELLA CITTA DI MILANO EMISSIONI DA TRAFFICO E QUALITA DELL ARIA: ELEMENTI PER LA GESTIONE NELLA CITTA DI MILANO Hanno collaborato: dott.. Bruno Villavecchia dott.. Marco Bedogni per l Agenzia Mobilità e Ambiente s.r.l. prof..

Dettagli

Il costo opportunità della produzione di energie dalle biomasse Esperienze a confronto di aziende del comparto FORLENER BIELLA 25 Settembre 2009

Il costo opportunità della produzione di energie dalle biomasse Esperienze a confronto di aziende del comparto FORLENER BIELLA 25 Settembre 2009 Il costo opportunità della produzione di energie dalle biomasse Esperienze a confronto di aziende del comparto FORLENER BIELLA 25 Settembre 2009 Strumenti legislativi di promozione delle agro energie Giuseppe

Dettagli

Il Piano della Provincia di Modena : prime indicazioni

Il Piano della Provincia di Modena : prime indicazioni Provincia di Modena Assessorato Ambiente e Sviluppo Sostenibile Il Piano della Provincia di Modena : prime indicazioni Verso il Piano di Risanamento della qualità dell aria Modena, 21 febbraio 2006 Sviluppo

Dettagli

Linee guida finalizzate all'attuazione dei processi di mobilita' sostenibile per il personale della Regione Piemonte.

Linee guida finalizzate all'attuazione dei processi di mobilita' sostenibile per il personale della Regione Piemonte. REGIONE PIEMONTE BU51 24/12/2015 Deliberazione della Giunta Regionale 30 novembre 2015, n. 38-2535 Linee guida finalizzate all'attuazione dei processi di mobilita' sostenibile per il personale della Regione

Dettagli

Il piano della mobilità urbana nella regione Ile-de-France

Il piano della mobilità urbana nella regione Ile-de-France 27 Novembre 2012 Il piano della mobilità urbana nella regione Ile-de-France Laurence Debrincat, STIF Workshop sui Piani Urbani della Mobilità Sostenibile - Milano 2 Sommario Il contesto delle politiche

Dettagli

Disponibilità dati *** 2007 / 2010 C

Disponibilità dati *** 2007 / 2010 C EMISSIONI IN ATMOSFERA 2010 Emissioni in atmosfera Inventario Regionale delle Emissioni in Atmosfera (INEMAR Puglia 2010) Nome indicatore DPSIR Fonte dati Inventario Regionale delle Emissioni in Atmosfera

Dettagli

4.3. Il monitoraggio dell inquinamento atmosferico

4.3. Il monitoraggio dell inquinamento atmosferico 300 250 200 media min max 150 100 50 0 Gennaio Febbraio Marzo Aprile Maggio Giugno Luglio Agosto Settembre Ottobre Novembre (mm) Dicembre Fig. 4.9. Episodi di nebbia nel Porto di Venezia (anni 1985-1991).

Dettagli

COMUNE DI NOVARA ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO:

COMUNE DI NOVARA ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: COMUNE DI NOVARA ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA COMUNALE Deliberazione N. 141 OGGETTO: NOMINA DEL MOBILITY MANAGER D AREA DEL COMUNE DI NOVARA ATTO DI INDIRIZZO. L anno duemilaquattordici,

Dettagli

Accesso alla banca dati dell inventario delle emissioni in atmosfera

Accesso alla banca dati dell inventario delle emissioni in atmosfera Accesso alla banca dati dell inventario delle emissioni in atmosfera Regione Liguria Dipartimento Ambiente Patrizia Costi Settore aria clima e ciclo integrato dei rifiuti INDICE Accesso alle informazioni

Dettagli

le centraline fisse per il monitoraggio della qualità dell'aria (a) di tipo industriale nei comuni capoluogo di provincia - Anni 2013-2014

le centraline fisse per il monitoraggio della qualità dell'aria (a) di tipo industriale nei comuni capoluogo di provincia - Anni 2013-2014 POPOLAZIONE E SUPERFICIE Tavola 1.1 - Popolazione media dei comuni capoluogo di provincia - Anni 2008-2014 (valori assoluti) Superficie media dei comuni capoluogo di provincia - Anni 2008-2014 (km 2 )

Dettagli

Aspetti ambientali: fonti emissive, polveri sottili, analisi e peso delle varie fonti emissive

Aspetti ambientali: fonti emissive, polveri sottili, analisi e peso delle varie fonti emissive Aspetti ambientali: fonti emissive, polveri sottili, analisi e peso delle varie fonti emissive ARPAT - Regionale Tutela Qualità dell Aria Dott.ssa Chiara Collaveri Dati IRSE 2007 Che cos è un inventario

Dettagli

Franciacorta sostenibile/2 IL MONITORAGGIO NEL PERCORSO DELLA VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA DEL PGT

Franciacorta sostenibile/2 IL MONITORAGGIO NEL PERCORSO DELLA VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA DEL PGT Franciacorta sostenibile/2 Un progetto condiviso di monitoraggio IL MONITORAGGIO NEL PERCORSO DELLA VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA DEL PGT Iseo, venerdì 12 dicembre 2008 Maurizio Tira, ordinario di

Dettagli

Capitolo 4 QUADRO CONOSCITIVO E SISTEMA DI MONITORAGGIO

Capitolo 4 QUADRO CONOSCITIVO E SISTEMA DI MONITORAGGIO Capitolo 4 QUADRO CONOSCITIVO E SISTEMA DI MONITORAGGIO Presentazione Il capitolo riprende in modo organico gli aspetti metodologici e procedurali affrontati nel corso del lavoro con l obiettivo di definire

Dettagli

Gruppo di lavoro: Sviluppo della mobilità sostenibile

Gruppo di lavoro: Sviluppo della mobilità sostenibile Gruppo di lavoro: Sviluppo della mobilità sostenibile Bozza di indice 1. Il ruolo e i potenziali della mobilità sostenibile Definizione di Green Transport (dal Rapporto Towards a Green economy dell UNEP)

Dettagli

Qualità dell aria Torino, 8 febbraio 2011

Qualità dell aria Torino, 8 febbraio 2011 Qualità dell aria La rilevanza del fenomeno dell accumulo di biossido di azoto nella Pianura Padana rilevato da misure satellitari Concentrazione di biossido di azoto sull Europa tra Gennaio 2003 e Giugno

Dettagli

SMOG IN Val Padana. 25 febbraio 2010

SMOG IN Val Padana. 25 febbraio 2010 SMOG IN Val Padana 25 febbraio 2010 Risultati dell'indagine realizzata da Cittalia e SWG su un campione di 1000 cittadini, rappresentativo della popolazione maggiorenne residente nelle regioni del Nord

Dettagli

PROVINCIA DI BERGAMO SETTORE PIANIFICAZIONE TERRITORIALE, TRASPORTI E GRANDI INFRASTRUTTURE Servizio Trasporti

PROVINCIA DI BERGAMO SETTORE PIANIFICAZIONE TERRITORIALE, TRASPORTI E GRANDI INFRASTRUTTURE Servizio Trasporti PROVINCIA DI BERGAMO SETTORE PIANIFICAZIONE TERRITORIALE, TRASPORTI E GRANDI INFRASTRUTTURE Servizio Trasporti LA RETE PROVINCIALE DEI MOBILITY MANAGER E LE OPPORTUNITA DI FINANZIAMENTO Bergamo, 9 febbraio

Dettagli

Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili.

Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili. REGIONE PIEMONTE BU12 20/03/2014 Codice DB1013 D.D. 12 marzo 2014, n. 52 Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili. Con D.C.R.

Dettagli

TAVOLA A QUADRANTI TERRITORIALI PER GLI IMPIANTI ESISTENTI

TAVOLA A QUADRANTI TERRITORIALI PER GLI IMPIANTI ESISTENTI Contenuti del PTCP in materia di pianificazione urbanistica e territoriale per le zone interessate da stabilimenti a rischio di incidente rilevante PARTE II - ALLEGATI CARTOGRAFICI TAVOLA A QUADRANTI TERRITORIALI

Dettagli

Lo Stabilimento di Ferrera Erbognone

Lo Stabilimento di Ferrera Erbognone Lo Stabilimento di Ferrera Erbognone LO STABILIMENTO Lo stabilimento, ubicato nel Comune di Ferrera Erbognone (Pavia) nelle adiacenze della Raffineria Eni Divisione R&M di Sannazzaro de Burgondi, è il

Dettagli

Progetto di legge regionale Norme per la prevenzione e la riduzione delle emissioni in atmosfera a tutela della salute e dell ambiente

Progetto di legge regionale Norme per la prevenzione e la riduzione delle emissioni in atmosfera a tutela della salute e dell ambiente Progetto di legge regionale Norme per la prevenzione e la riduzione delle emissioni in atmosfera a tutela della salute e dell ambiente Regione Lombardia Milano LOMBARDIA: UNA REGIONE IN EUROPA Ridurre

Dettagli

Progetto Città Mia: investire nell ambiente conviene.

Progetto Città Mia: investire nell ambiente conviene. Progetto Città Mia: investire nell ambiente conviene. Progetto Città Mia: investire nell ambiente conviene E un progetto con il quale Banca Popolare di Bergamo contempera l esercizio della propria attività

Dettagli

Indagine sugli spostamenti casa lavoro dei dipendenti della Cgil di Rimini effettuata nel periodo maggio giugno 2012

Indagine sugli spostamenti casa lavoro dei dipendenti della Cgil di Rimini effettuata nel periodo maggio giugno 2012 effettuata nel periodo maggio giugno 2012 Una prima valutazione su quanto emerso dalle risposte al questionario. L iniziativa,vuole mettere la CGIL di Rimini nella condizione di dare l esempio (pensata,

Dettagli

1 PREMESSA. 1.2 La definizione delle Azioni. 1.1 Obiettivo minimo del PAES

1 PREMESSA. 1.2 La definizione delle Azioni. 1.1 Obiettivo minimo del PAES ALLEGATO - Piano d per l Energia Sostenibile LE AZIONI COMUNE DI GUASTALLA Detto ciò, a partire dal suddetto valore emissivo al 2007 verranno valutate nella presente Fase 2 le azioni già messe in atto

Dettagli

IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA DA FONTI RINNOVABILI

IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA DA FONTI RINNOVABILI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA DA FONTI RINNOVABILI Negli ultimi anni in Italia sono stati costruiti diversi impianti funzionanti a biomasse (biogas). BIOMASSE: in base all art. 2 del D.Lgs 387/2003

Dettagli

Agricoltura e Agro-energie 1

Agricoltura e Agro-energie 1 Agricoltura e Agro-energie 1 I macro temi segnalati nella mappa sono trattati nella presentazione e fruibili attraverso schede di approfondimento. Agricoltura e Agro-energie 2 L agro-ecosistema è un ecosistema

Dettagli

ZEC ZERO EMISSION CITY

ZEC ZERO EMISSION CITY ZEC ZERO EMISSION CITY PIANO DI MOBILITÀ ELETTRICA PER LA CITTÀ DI PARMA Carlo Iacovini, Responsabile Progetto Comune di Parma Caratteristiche del progetto ZEC 2 Il progetto ZEC intende implementare un

Dettagli

PROGETTO DI LEGGE N. 0170

PROGETTO DI LEGGE N. 0170 REGIONE LOMBARDIA VIII LEGISLATURA CONSIGLIO REGIONALE ATTI 4727 PROGETTO DI LEGGE N. 0170 di iniziativa della Giunta regionale DGR N. 2700 DEL 15/06/2006 Norme per la prevenzione e la riduzione delle

Dettagli

2.2 Inquinamento acustico

2.2 Inquinamento acustico Relazione ambiente 2 8-09-2011 14:36 Pagina 49 RELAZIONE SULLO STATO DELL AMBIENTE 2011 2.2 Inquinamento acustico L'inquinamento acustico è dovuto a un'eccessiva esposizione a suoni e rumori di elevata

Dettagli

Allegato 1 Trend dei monitoraggio da stazioni fisse

Allegato 1 Trend dei monitoraggio da stazioni fisse Allegato 1 Trend dei monitoraggio da stazioni fisse Indice 1 / A1.1 Particolato fine (PM 10) 7 / A1.2 Particolato fine (PM 2.5) 11 / A1.3 Biossido di azoto (NO 2) 14 / A1.4 Monossido di carbonio (CO) 17

Dettagli

Finanziamenti ai comuni per il governo della domanda di mobilità (mobility management).

Finanziamenti ai comuni per il governo della domanda di mobilità (mobility management). DECRETO DEL 20 dicembre 2000 (Gazzetta Ufficiale, 5 aprile, n. 80) Finanziamenti ai comuni per il governo della domanda di mobilità (mobility management). IL DIRETTORE GENERALE del servizio inquinamento

Dettagli

LE INIZIATIVE REGIONALI PER LA PROMOZIONE DEL RUOLO DELL ENERGY MANAGER E DELL EFFICIENZA ENERGETICA NAPOLI Mostra d Oltremare 15 aprile 2005

LE INIZIATIVE REGIONALI PER LA PROMOZIONE DEL RUOLO DELL ENERGY MANAGER E DELL EFFICIENZA ENERGETICA NAPOLI Mostra d Oltremare 15 aprile 2005 LE INIZIATIVE REGIONALI PER LA PROMOZIONE DEL RUOLO DELL ENERGY MANAGER E DELL EFFICIENZA ENERGETICA NAPOLI Mostra d Oltremare 15 aprile 2005 Le attività svolte dalla Regione Campania Vincenzo Guerriero

Dettagli

TAVOLO ISTITUZIONALE ARIA. 12 gennaio 2016

TAVOLO ISTITUZIONALE ARIA. 12 gennaio 2016 TAVOLO ISTITUZIONALE ARIA 12 gennaio 2016 LA QUALITA DELL ARIA CONFRONTI TREND PM10 (dati ARPA) 2 LA QUALITA DELL ARIA CONFRONTI TREND PM10 (dati ARPA) 3 LA QUALITA DELL ARIA CONFRONTI TREND PM10 (dati

Dettagli

Il prodotto. Taglia la bolletta. Rispetta l ambiente. Partecipa alla rivoluzione energetica. Chi siamo

Il prodotto. Taglia la bolletta. Rispetta l ambiente. Partecipa alla rivoluzione energetica. Chi siamo IL TandEM PERCHE New! Taglia la bolletta Installando il TandEM di asjagen puoi generare contemporaneamente energia elettrica e calore (cogenerazione ad alto rendimento) utilizzando un unico combustibile.

Dettagli

A TUTTE LE LAVORATRICI ED A TUTTI I LAVORATORI

A TUTTE LE LAVORATRICI ED A TUTTI I LAVORATORI STRUTTURE REGIONALI E COMPRENSORIALI DELLA CAMPANIA LE RR.SS.AA DELLA CAMPANIA di: BANCO DI NAPOLI - INTESA SANPAOLO - MEDIOCREDITO ITALIANO INTESA SANPAOLO PRIVATE BANKING DI NAPOLI A TUTTE LE LAVORATRICI

Dettagli

4. Zonizzazione provinciale

4. Zonizzazione provinciale 4. Zonizzazione provinciale Alla luce dei nuovi limiti e delle scadenze temporali imposti dal D.M. 2 aprile 2002, n. 60, le Province dovevano effettuare la zonizzazione del territorio sulla base delle

Dettagli

Uso della biomassa a fini energetici: stato dell arte

Uso della biomassa a fini energetici: stato dell arte Bienergy Expo Usi termici da fonti rinnovabili: Il ruolo della filiera legno-energia Uso della biomassa a fini energetici: stato dell arte Vito Pignatelli, Presidente ITABIA ITABIA - Italian Biomass Association

Dettagli

Il Piano di mobilità per Poli Industriali della Provincia di Treviso

Il Piano di mobilità per Poli Industriali della Provincia di Treviso Il Piano di mobilità per Poli Industriali della Provincia di Treviso Poli coinvolti Polo industriale di Villorba Polo industriale di Conegliano Veneto - Vittorio Veneto collocati entrambi a nord del Comune

Dettagli

Il Piano Regionale degli Interventi per la qualità dell Aria in Regione Lombardia

Il Piano Regionale degli Interventi per la qualità dell Aria in Regione Lombardia Il Piano Regionale degli Interventi per la qualità dell Aria in Regione Lombardia Gian Luca Gurrieri Dirigente U.O. Qualità dell aria, emissioni industriali e rumore D.G. Ambiente, Energia e Sviluppo Sostenibile

Dettagli

DIATI Dipartimento di Ingegneria dell Ambiente, del Territorio e delle infrastrutture TECNOLOGIE E TENDENZE PER IL RECUPERO DA RIFIUTI Termovalorizzatore di Torino: aspetti ambientali ed energetici Piacenza

Dettagli

Lez. 10 Piani Urbani del traffico e Piani della mobilita

Lez. 10 Piani Urbani del traffico e Piani della mobilita Laurea Magistrale in Architettura e innovazione Sviluppo Urbano Sostenibile AA 2013-14 Prof. Maria Rosa Vittadini mariaros@iuav.it Lez. 10 Piani Urbani del traffico e Piani della mobilita Piani urbani

Dettagli

SERVIZIO INQUINAMENTO ATMOSFERICO E RISCHI INDUSTRIALI

SERVIZIO INQUINAMENTO ATMOSFERICO E RISCHI INDUSTRIALI SERVIZIO INQUINAMENTO ATMOSFERICO E RISCHI INDUSTRIALI VISTA la legge 8 luglio 1986, n. 349, che ha istituito il Ministero dell'ambiente e ne ha definito le funzioni; VISTA la legge 3 marzo 1987, n. 59,

Dettagli

Benefici ambientali del GPL per autotrazione - Sintesi 1

Benefici ambientali del GPL per autotrazione - Sintesi 1 Benefici ambientali del GPL per autotrazione - Sintesi 1 Introduzione Il traffico è la causa principale dell inquinamento urbano. Nelle aree urbane e metropolitane si sviluppa circa il 70 per cento di

Dettagli

260 26.3.2008 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 13

260 26.3.2008 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 13 260 26.3.2008 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 13 Direzione Generale Politiche Territoriali e Ambientali Area di Coordinamento Prevenzione Integrata degli Inquinamenti e Programmazione

Dettagli

Piano d Azione per l Energia Sostenibile (PAES)

Piano d Azione per l Energia Sostenibile (PAES) Piano d Azione per l Energia Sostenibile (PAES) Dati preliminari e principali linee d azione Giugno 2012 Prof. Massimo Dentice d Accadia DETEC Università degli studi di Napoli Federico II COS E IL PATTO

Dettagli

Valutazione della qualità dell aria e zonizzazione del territorio

Valutazione della qualità dell aria e zonizzazione del territorio Assessorato Regionale Territorio e Ambiente Dipartimento Regionale Territorio e Ambiente Valutazione della qualità dell aria e zonizzazione del territorio Luglio 2008 2 INDICE 1 PREMESSA 5 2 QUADRO NORMATIVO

Dettagli

PERCENTUALE DEI SUPERAMENTI DEI LIMITI NORMATIVI RISPETTO AL NUMERO DEI CONTROLLI EFFETTUATI

PERCENTUALE DEI SUPERAMENTI DEI LIMITI NORMATIVI RISPETTO AL NUMERO DEI CONTROLLI EFFETTUATI PERCENTUALE DEI SUPERAMENTI DEI LIMITI NORMATIVI RISPETTO AL NUMERO DEI CONTROLLI EFFETTUATI Anno 2012 Inquadramento del tema L inquinamento acustico nelle aree urbane rappresenta una delle principali

Dettagli

UNIONE ITALIANA DEL LAVORO SEDE NAZIONALE SEDE EUROPEA SEGRETERIA CONFEDERALE 00187 ROMA VIA LUCULLO 6 R. DU GOVERNEMENT PROVISOIRE 34

UNIONE ITALIANA DEL LAVORO SEDE NAZIONALE SEDE EUROPEA SEGRETERIA CONFEDERALE 00187 ROMA VIA LUCULLO 6 R. DU GOVERNEMENT PROVISOIRE 34 UNIONE ITALIANA DEL LAVORO SEDE NAZIONALE SEDE EUROPEA SEGRETERIA CONFEDERALE 00187 ROMA VIA LUCULLO 6 R. DU GOVERNEMENT PROVISOIRE 34 TELEFONO 47531 1000 BRUXELLES TELEX 622425 TELEFONO 00322 / 2178838

Dettagli

Ambiente e sviluppo urbano una prospettiva da arricchire

Ambiente e sviluppo urbano una prospettiva da arricchire Smart City Exhibition, Bologna 16 18 ottobre 2013 Quando il Bes approda sul territorio diventa urbes Ambiente e sviluppo urbano una prospettiva da arricchire Alessandra Ferrara, Istat Alberto Fiorillo,

Dettagli

Il Patto dei Sindaci nei Comuni della Bassa padovana

Il Patto dei Sindaci nei Comuni della Bassa padovana Il Patto dei Sindaci nei Comuni della Bassa padovana Strategie, azioni di sostegno, opportunità per l energia sostenibile Stefano Meneghini, Direttore Tecnico Consylio S.r.l. Fase II: stesura Piano delle

Dettagli

DISPOSIZIONI RIGUARDO ALLA SOSTENIBILITÀ DEGLI INSEDIAMENTI. Requisiti degli insediamenti in materia di ottimizzazione dell energia

DISPOSIZIONI RIGUARDO ALLA SOSTENIBILITÀ DEGLI INSEDIAMENTI. Requisiti degli insediamenti in materia di ottimizzazione dell energia DISPOSIZIONI RIGUARDO ALLA SOSTENIBILITÀ DEGLI INSEDIAMENTI Requisiti degli insediamenti in materia di ottimizzazione dell energia 1 Riferimenti: Legge 9/10 del 1991: Norme per l'attuazione del Piano energetico

Dettagli