IL CALCIO TRA COMPETIZIONE, REGOLAMENTI E CRISI ECONOMICA QUALE FUTURO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL CALCIO TRA COMPETIZIONE, REGOLAMENTI E CRISI ECONOMICA QUALE FUTURO"

Transcript

1 RISULTANZE DEGLI INTERVENTI AL CONVEGNO DEL 3 GIUGNO 2015 PRESSO IL MUSEO DEL CALCIO DI COVERCIANO IL CALCIO TRA COMPETIZIONE, REGOLAMENTI E CRISI ECONOMICA QUALE FUTURO La terza edizione del convegno riservato ai dottori commercialisti e aperto anche ad avvocati e a studenti universitari, tenutosi il 3 giugno scorso al Museo del Calcio di Coverciano nella sala Mario Valitutti ha riscontato un unanime, sensibile apprezzamento sia da parte degli oltre 120 professionisti intervenuti e provenienti pressoché da tutta Italia, da Napoli a Milano, sia dagli stessi vertici federali, Tavecchio, Rivera, Abete ed Uva, che dopo i loro interventi hanno potuto registrare il crescente interesse dei professionisti italiani a dibattere e a fare proposte operative nel mutato panorama normativo in specie nel diritto penale dell economia, in questo variegato universo che vede la presenza di otre tesserati, squadre e arbitri. Il sistema calcio integra problematiche sia di natura sportivo-regolamentare, sia di natura giuridico, contabile e tributaria di rilevante portata in quanto comprende società che spaziano dalle ASD alle società quotate. Dopo il saluto di Gianni Rivera, presidente del Settore e del Centro tecnico di Coverciano, che ha illustrato l attività che lì si svolge con i numerosi corsi di formazione per allenatori e direttori sportivi che il centro organizza, ha preso la parola il Presidente Abete nella sua qualità di Vice presidente dell Uefa i quale ha ripercorso gli ultimi avvenimenti che si sono susseguiti a Zurigo in relazione ai fatti ormai noti che hanno interessato le inchieste internazionali in corso e le dimissioni del Presidente della Fifa, Blatter, ricordando che lo statuto della FIFA dispone doversi tenere un assemblea elettiva entro 4 mesi e che pertanto il prossimo futuro si presenta impegnativo e foriero di nuovi assetti. Nel sottolineare la forte solidità economica e patrimoniale dell Uefa, il ruolo di prestigio che essa ha nel contesto mondiale e in questo ambito la reputazione 1

2 di cui gode la Fedrazione Italiana, Abete ha tenuto a smentire, contrariamente a quanto scritto su alcune testate straniere, che la Germania abbia votato per Blatter. All arrivo del Presidente Tavecchio, intrattenutosi prima con i numerosi giornalisti accorsi anche per conoscere il futuro del CT Conte, il chairman del convegno, Dino Feliziani, commercialista dell Ordine di Roma, già docente di esercitazioni di tecnica di indagine in materia penale societaria ai dottorandi di economia aziendale all Università di Pavia, e una delle memorie storiche della Federazione per i numerosi e qualificanti incarichi gestionali e di controllo ricoperti dai tempi della presidenza Sordillo e negli ultimi 16 anni revisore dei conti della Federazione, nell aprire ufficialmente il convegno, e dopo aver ringraziato le autorità presenti e il Prefetto Pansa, capo della Polizia di Stato per l attenzione riservata con la delega a partecipare data al dott. Stefano Delfini Direttore della prima divisione del Servizio Analisi Criminale della Direzione Centrale Polizia Criminale con competenza anche sull unità scommesse sportive, ha voluto ricordare in sintesi due temi che sono all ordine del giorno anche della categoria dei commercialisti. In primo luogo, preso spunto dalle ultime dichiarazioni del Presidente Tavecchio al convegno USSI del 18 maggio scorso in materia di formazione ( La formazione è tema dominante di questo Paese: questo Paese manca di formazione, abbiamo pressapochisti nel sistema, un sistema di gente che partecipa e che è parte importante del sistema senza professionalità ) Feliziani ha sottolineato la progressiva perdita di ruolo dei dottori commercialisti nei collegi sindacali delle Federazioni, a vantaggio, a parità di compenso, di funzionari dello Stato indicati dal Coni che per il solo fatto di essere revisori legali (l unico titolo che, anacronisticamente, è previsto dagli statuti del Coni e delle Federazioni per coloro che aspirano a far parte del collegio), ma appunto non esperti contabili iscritti agli albi dei DC, non sono soggetti all obbligo della formazione professionale continua, né alla medesima conoscenza dei principi contabili, del diritto societario, penale e civile, e di quello tributario e fallimentare, né a garantire la medesima disponibilità del tempo da dedicare a questa funzione, dato che l impegno di revisore della FIGC, come annualmente documentato al CONI in relazioni ufficiali, è mediamente di 56 giornate (dalla mattina alla sera) per le riunioni sindacali e di circa 20 giornate per la partecipazione ai Consigli federali e ai Comitati di presidenza. In totale fanno 76 giornate, ossia il 34,5% delle 220 giornate di cui si compone un anno lavorativo. D'altronde questi nuovi sindaci devono attendere già al loro lavoro principale che non comprende, tra gli obblighi di Istituto, questa funzione. Di contro Feliziani ha riconosciuto doverosamente alla Federazione, nell ambito della propria autonomia organizzativa, di aver dato spazio e ruolo adeguati ai 2

3 commercialisti impegnati nelle varie funzioni ispettive ed agli avvocati nei quadri della giustizia sportiva. Il secondo argomento toccato si riallaccia in qualche modo al precedente, atteso che la recente riforma degli artt e 2622 cc (false comunicazioni sociali per non quotate e quotate) ha ripristinato la configurazione del reato in reato di pericolo, il che consente alle procure di agire d ufficio sulla scorta anche di una singola notizia criminis, ha azzerato le franchigie ivi stabilite per la configurabilità del reato e delegato al giudice la più ampia discrezionalità nella determinazione del danno subito dagli stakeholders, e della eventuale possibile tenuità del fatto perseguito. Tutti gli operatori del processo, magistrati, avvocati e commercialisti quali coadiutori del giudice dovranno ora studiare a fondo le nuove norme e rappropriarsi della materia che non è da escludere potrà interessarsi anche del mondo delle società professionistiche come il caso Parma insegna. Inoltre le Federazioni, come le altre autorità che hanno il compito di vigilare sull universo che a ciascuna fa capo, come ad esempio la Consob e la Banca d Italia, potranno veder aumentata la loro responsabilità nell esercizio delle loro funzioni ispettive e di controllo, nonostante l adozione della 231/01. Sulla scia delle riforme già deliberate del Consiglio Federale in materia di monitoraggio delle proprietà societarie e dei loro trasferimenti e di più stringenti indici di liquidità per l ammissione ai campionati e per le campagne acquisti e trasferimenti, Feliziani ha inteso suggerire, per garantire da un lato maggiore indipendenza all organo di controllo e un più stretto rapporto con la CoViSoc (la commissione formata attualmente da 5 commissari e da un corpo ispettivo di colleghi commercialisti che vigila sull andamento economicopatrimoniale delle società professionistiche tramite periodiche ispezioni), che sia la Federazione a indicare alle attuali 102 società di lega A,B e Pro almeno il Presidente del Collegio sindacale e che la governance di queste preveda esclusivamente un consiglio di amministrazione, abolendo la figura dell amministratore unico plenipotenziario, in cui far transitare obbligatoriamente taluni argomenti come appunto il rispetto dei parametri imposti dalla Federazione, l andamento periodico economico e patrimoniale e l esercizio di taluni poteri non delegabili come la definizione del monte stipendi dei tecnici e calciatori, la definizione della rosa dei calciatori, le compatibilità di sviluppo dei vivai. Per tale ultimo punto Feliziani ha poi voluto rimarcare la necessità di riformare l art. 4 della legge 596/96 che istituì il fine di lucro per le società, con la previsione di una percentuale di risorse da accantonare obbligatoriamente per lo sviluppo dei vivai ma da recuperare non dall utile 3

4 netto come recita la legge bensì dai ricavi anche se ad un livello più basso del 10% oggi previsto. In sintesi l evoluzione della normativa penale societaria e bilancista e il progressivo implemento dei principi contabili, nazionali ed internazionali, assegnano nuove pressanti responsabilità ai regolatori e impongono che la fase dei controlli da attuare per potere individuare per tempo la patologia anche in un ottica di prevenzione dei reati non può essere sottovalutata e a svolgere questo compito devono essere chiamati i professionisti che possiedono nel loro bagaglio culturale e professionale le più adeguate conoscenze scientifiche e giuridiche per occuparsene. Dare più attenzione alle vere professionalità piuttosto che ad operazioni di lobbying consente la tutela della reputazione e della dignità delle funzioni e maggiore credibilità nel caso malaugurato del verificarsi di situazioni di crisi specie se penalmente rilevanti in casi di default conclamato e/o di inattività degli organi di controllo, di revisione e di sorveglianza delle società che incorrono in queste fattispecie. L intervento del Prof. Fimmanò avvocato del Foro di Napoli, Professore Ordinario di diritto commerciale all Università del Molise, uno dei padri della riforma fallimentare e già componente del Comitato scientifico della Corte dei Conti, in Federazione membro della Corte d appello federale, si è svolto sulla scia delle considerazioni normative svolte da Feliziani. Fimmanò ha affermato che occorrerebbe innanzitutto rendere le Federazioni vere e proprie autorità indipendenti di regolazione del settore visto il rilievo non solo economico ma anche sociale del fenomeno. D'altra parte tutte le attività di rilievo sociale e /o a rischio sistemico vengono trattate in questo modo: settore bancario, assicurativo, universitario, etc. La Federazione ha già lo strumento del 2409 CC, introdotto nella legge 91 nel settembre 1996 dopo le vicende del caso Milan del 1986 di cui si occupò proprio Feliziani, che in controtendenza al venir meno dell'ottica dirigista e' stato lasciato come eccezione dal legislatore. Le irregolarità o le cause che possono fare scattare il controllo giudiziario sulla gestione ex art. 2409, non sono nella fattispecie - solo economiche o gestionali, ma possono anche trarre origine da illeciti disciplinari. Ad esempio gli illeciti sportivi che aumentano, le frodi, potrebbero essere sanzionate proprio attraverso il In questo modo contemperando la necessità di intervenire con la tutela del mercato e della concorrenza al pari dell'applicazione della 231/01. Di contro, ma è materia da approfondire, si potrebbe pensare ad un potere di commissariamento diretto, anche a campionato in corso, senza passare per il 2409 come d'altra parte già succede per i settori cd vigilati (banche, assicurazioni, cooperative) con le quali le società sportive già condividono l'esistenza di una vigilanza informativa ed 4

5 ispettiva. Andrebbe poi introdotto un terzo organismo al fianco della commissione criteri organizzativi e infrastrutturali che sia terminale della CoViSoc sui sistemi di allerta e prevenzione tra cui va inserito un sistema di monitoraggio mensile sui pagamenti sul modello UEFA del no overdue payables. Il sistema delle relazioni informative si sposa con un maggiore intervento sul controllo interno attuabile de iure condendo attraverso, come sopra detto, la designazione dei sindaci delle società professionistiche da parte di Federcalcio o, senza bisogno di riforme, imponendo sul piano regolamentare e delle noif la figura del controller indipendente sul modello delle banche e delle quotate. In caso di fallimento delle società resta poi irrisolto il tema dei contratti specie con l'introduzione delle norme sul concordato in continuità che rafforza il principio concorsuale della prosecuzione dei rapporti. Resta del tutto incompatibile col sistema degli artt 72 e ss della legge fallimentare e del 169 bis e 186 bis legge fallimentare la regola dello svincolo dei calciatori in caso di procedure concorsuali. Va trovata una norma armonica quanto prima. Insomma tutti gli accorgimenti, come e' successo all'epoca del caso Napoli, devono tener conto che siamo di fronte ad una attività industriale tra le prime del mondo soggetta alle regole e agli interessi del mercato, ma che al tempo stesso è molto peculiare sul piano sociologico avendo una categoria di stakeholders particolari, i tifosi, che in se riuniscono avviamento e clientela aziendale. Nessuna riserva occulta od effetto vetrina puo' giustificare massicce e periodiche ricapitalizzazioni di grandi società strutturalmente in perdita. Ciò altera inevitabilmente il gioco della concorrenza e quindi questo aspetto va risolto attraverso una redistribuzione nel sistema complessivo delle risorse di chi appunto droga il sistema. Ad esempio le violazioni del Fair play anche interno potrebbero produrre importanti sanzioni pecuniarie con cui costituire un fondo integrativo di mutualità a vantaggio delle società virtuose come nell NBA americano. Il Presidente Tavecchio è allora intervenuto dando atto della significatività delle proposte avanzate su cui verrà fatta una attenta riflessione proprio per le peculiarità che investono il mondo del calcio, in particolare quello professionistico, che inevitabilmente sta risentendo della crisi e che necessita della massima attenzione proprio per il coinvolgimento emotivo di milioni di tifosi a cui sarebbe difficile, seppure sulla scorta di chiare evidenze, far digerire l esclusione di una squadra dal campionato, specie se di grandi dimensioni e di lunga tradizione. Un fatto è certo, il Consiglio Federale è entrato nell ottica di accelerare le riforme, prima tra tutte, quella dei campionati con la riduzione delle squadre delle tre leghe e di procedere ad una maggiore attività di controllo e prevenzione sull andamento economico patrimoniale anche durante il campionato. Andranno quindi monitorati gli investimenti, anche per ciò che 5

6 riguarda gli stadi, atteso che le società dovranno provvedere a ciò unicamente con mezzi propri e compatibilmente con lo stato di salute dei propri conti. Il Presidente ha poi ricordato la recente diminuzione di circa 23 milioni di euro di provvidenze da parte del CONI, interamente destinate al comparto istituzionale (arbitri, giustizia sportiva, antidoping) che si dovrà ora remunerare ricorrendo alla parte commerciale, come documentato nel budget 2015 appena approvato, e ha auspicato un ripensamento da parte dei regolatori di questa politica di tagli così massiccia che inevitabilmente frena lo sviluppo del calcio, motore indiscusso di tutto lo sport nazionale, per i numeri che verranno ricordati nel report calcio dal Direttore generale Uva. In ultimo, riprendendo quanto appena dichiarato alla stampa in merito al congresso FIFA, dopo attenta riflessione, egli ha ritenuto di votare in conformità alle indicazioni date dalla UEFA, indicazioni che solo poco dopo hanno trovato conferma con le annunciate dimissioni di Blatter in seguito alle evidenze documentali emerse. Il Consigliere di Stato Gerardo Mastrandrea, presidente della Corte d appello federale, ha ripercorso la struttura, i poteri e i doveri che incombono sull assetto generale degli uffici preposti a regolare questo dedicato comparto della giustizia sportiva, condannato per evidenti motivi, ad agire nel più breve tempo possibile, rilevando le novità della recente riforma che ha assegnato al CONI altri e più pressanti poteri e il ruolo della Procura federale, anche essa di recente riformata con la sua suddivisione per aree e competenze sul territorio nazionale. La Professoressa Mite, docente di dritto privato, nonché collaboratrice della Procura Federale, ha ricordato le peculiarità della configurazione giuridica delle Federazioni sportive nazionali, partendo dal dato normativo di cui al Decreto Melandri ed evidenziando inoltre la preoccupante tendenza giurisprudenziale ad esasperare la qualificazione in termini pubblicistici per la gran parte degli atti e delle attività della Figc. In contro tendenza rispetto a questo orientamento ha rilevato e commentato la sentenza del Tar del Lazio del 12 luglio 2011 avverso le pretese, peraltro non provate, dell Istat che riteneva la Federazione rientrante nell elenco delle amministrazioni pubbliche soggette ad una stringente spending review portante addirittura a limitare se non ad annullare le trasferte degli atleti e che viceversa, attese le evidenze portate dalla FIGC in materia di prevalenza dei ricavi commerciali rispetto ai contributi pubblici ricevuti è stata ritenuta estranea a detta normativa. Sentenza tanto chiara quanto esaustiva della natura giuridica privatistica della FIGC, tale da aver fatto desistere l Istat dal proporre ricorso al Consiglio di Stato. Il Procuratore Aggiunto della Procura presso il Tribunale di Roma, Consigliere Giancarlo Capaldo, ha relazionato in merito al reato di frode sportiva, 6

7 anch esso riformato con un innalzamento sensibile delle pene, e delle altre configurazioni di carattere penale che questa fattispecie accompagnano come l associazione per delinquere. Nella sua passata responsabilità di capo della DDA di Roma e attesa la significatività de settore in argomento, accreditato come decima industria del Paese, egli ha potuto verificare, nel perseguimento di altri reati come quelli legati allo spaccio di droga, estorsioni e grazie anche all ausilio delle intercettazioni, quale interesse suscitino nella malavita organizzata le scommesse clandestine attesi i guadagni da queste ritraibili. Il Consigliere Capaldo ha affermato che la sola repressione giudiziaria di fatti specifici da sola non può bastare a frenare il fenomeno, che come è noto ciclicamente riappare a far data 1980, ma che occorre che in specie lo sport, portatore di valori e di etica, dovrebbe concorrere con le leve di cui dispone a ricreare una coscienza sociale e che lo Stato debba anch esso fare la sua parte limitando se non cassando alcune fattispecie di scommesse in cui è facilmente possibile delinquere prima tra tutte quelle che riguardano il calcio minore e dilettantistico. Il Prof. Lago commercialista dell Ordine di Vicenza, Professore Associato di Economia e Gestione delle Imprese presso l'università di Bologna, a capo della camera investigativa dell Organo di Controllo Finanziario sui Club (CFCB) dell Uefa, che viglia sui bilanci delle società che aspirano a partecipare alle coppe europee, ha spiegato il complesso iter dei controlli che vengono effettuati, in particolare sui risultati economici, per un periodo di tre anni e che non devono presentare perdite superiori ai 5 milioni di euro, ovvero di 45 milioni di euro, se coperte con capitale proprio, utilizzando anche calcoli numerici al fine di rappresentare alcuni esempi pratici. Nei primi due anni di vita, questo attento e severo monitoraggio che, come è noto, ha portato a sanzionare pesantemente Inter e Roma con multe che peraltro possono essere scontate sui proventi derivanti dalla partecipazione alle competizioni europee, ha consentito, nel perimetro delle squadre esaminate rappresentanti 54 Paesi di ridurre di circa un miliardo di euro l esposizione debitoria complessiva del sistema. Le slides del lavoro presentato dal Prof. Lago verranno presto pubblicate e saranno esaminabili via web. I lavori sono stati infine chiusi dal Prof. Uva, Professore Associato in gestione e management dello sport presso l Università degli Studi di Roma Foro Italico, Direttore generale della FIGC che, rimandando alle cifre esposte nel report calcio distribuito a tutti i partecipanti ( e che è scaricabile dal sito della FIGC) ha parlato delle luci e delle ombre che dalle considerazioni svolte dai tre partecipanti al lavoro, Arel, PWC e centro studi federale, emergono. 7

8 Il report insieme al bilancio sociale, introdotto sulla spinta data dal Presidente Abete sei anni fa che accolse favorevolmente la proposta del Prof. Uva che all epoca, dopo le esperienze fatte in club calcistici, in altre discipline sportive ed all estero, fu chiamato a costituire e a dirigere quello che allora fu chiamato Centro studi ed iniziative speciali, è il frutto di un lungo processo di convincimento effettuato nei confronti delle Leghe restie a rendere pubblici dati certo non esaltanti. Ma d'altronde senza la conoscenza, l approfondimento e l analisi delle proprie problematiche e delle proprie criticità un sistema così complesso non avrebbe potuto procedere ad individuare i dovuti correttivi. Uva ha poi inteso porre l accento sul prioritario ruolo educativo che svolge il sistema calcio e che la Federazione ha impresso a chiare lettere nell art. 2 del proprio statuto. Punto 3. La FIGC, nell ambito delle proprie competenze, promuove la massima diffusione della pratica del giuoco del calcio in ogni fascia di età e di popolazione, con particolare riferimento al calcio giovanile. La FIGC detta principi affinché ogni giovane atleta formato ai fini di alta competizione sportiva riceva una formazione educativa e lavorativa complementare alla sua formazione sportiva. Punto 4. La FIGC concilia la dimensione professionistica ed economica del giuoco del calcio con la sua dimensione dilettantistica e sociale. In secondo luogo egli ha sottolineato l importanza delle 17 nazionali che compongono il Club Italia ed alle quali va dedicata grande attenzione, in specie alle tre che riguardano il calcio femminile cui la Federazione ascrive grande importanza. I dati principali del movimento: tesserati, il 25% del totale dei tesserati delle 45 federazioni associate al CONI, società, squadre di cui del Settore giovanile e scolastico, arbitri, oltre partite ufficiali ( oltre al giorno) e amichevoli l anno, quasi un punto di pil di indotto. 32 milioni di persone che si interessano di calcio, ossia un italiano su due. Sono numeri impressionanti che fanno capire quale effetto emulativo e quindi di traino il calcio susciti ai fini di una sempre maggiore diffusione della pratica sportiva, anche al di là dei risultati sui campi di giuoco. Di contro, ricordando i dati di altro Paesi come Inghilterra e Germania, il nostro calcio, in specie quello professionistico, soffre di un mix di ricavi sbilanciato sui diritti televisivi avendo trascurato lo sviluppo del merchandising, che nel complesso potrebbe essere meglio e più proficuamente conformato e venduto, 8

9 e l affluenza allo stadio anche essa diminuita ma che di per sé non è vero sia in concorrenza con la TV. Altre sono le ragioni di questa disaffezione: sicurezza, comodità, visibilità, servizi e così via. Anche nel comparto dei diritti televisivi c è ancora molto da lavorare in quanto ad esempio nei Paesi citati, lo sviluppo e la diffusione di questo comparto ha prodotto risultati di gran lunga maggiori di quelli prodotti in Italia. Il Direttore non ha infine sottaciuto la sofferenza degli assetti patrimoniali delle società professionistiche ancora gravate da debiti ingenti ma egli ritiene che l insieme delle riforme che si stanno progressivamente introducendo dovrebbe produrre, nel medio periodo, un miglioramento sensibile dei ratios e dei risultati economici. Il convegno, nelle sue varie fasi, ha toccato anche argomenti che quotidianamente sono all attenzione dei professionisti come l abuso del diritto e la vexata questio dell Irap sulle plusvalenze da cessione di beni strumentali, materiali ed immateriali, e al termine, dopo un ringraziamento caloroso al Prof. Fini anima e custode del Museo del Calcio che ha ospitato il convegno, il Presidente e il Direttore della Federazione hanno inteso omaggiare i relatori e i presidenti degli Ordini dei Commercialisti di Firenze, Roma e Milano e del Consiglio Nazionale di una maglia personalizzata della Nazionale A. L appuntamento è all anno prossimo, in occasione della presentazione del report calcio 2016, sperabilmente con numeri e prospettive migliori delle attuali. 9

IL CALCIO VISTO CON GLI OCCHI DEI DILETTANTI

IL CALCIO VISTO CON GLI OCCHI DEI DILETTANTI IL CALCIO VISTO CON GLI OCCHI DEI DILETTANTI DAGLI AMATORI AI PROFESSIONISTI DI FATTO ATTRAVERSO LO STUDIO DELLE SOCIETÀ CALCISTICHE a cura di MATTEO SPERDUTI 2 0 1 5 INDICE ACRONIMI E ABBREVIAZIONI......

Dettagli

Osservatorio Nazionale sulle Manifestazioni Sportive

Osservatorio Nazionale sulle Manifestazioni Sportive Dipartimento della Pubblica Sicurezza Stagione sportiva 2011/2012 Osservatorio Nazionale sulle Manifestazioni Sportive Determinazione n. 26/2012 del 30 maggio 2012 L Osservatorio Nazionale sulle Manifestazioni

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU INTRODUZIONE ALLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE IN QUALSIASI FORMA COSTITUITE

Dettagli

NORME DI FUNZIONAMENTO DEGLI ORGANI TECNICI DELL A.I.A.

NORME DI FUNZIONAMENTO DEGLI ORGANI TECNICI DELL A.I.A. NORME DI FUNZIONAMENTO DEGLI ORGANI TECNICI DELL A.I.A. Art. 1 - Organi tecnici A. ORGANI TECNICI NAZIONALI Gli Organi Tecnici Nazionali dell A.I.A. composti da un Responsabile e più componenti, sono:

Dettagli

REGOLAMENTO DEL GIUOCO DEL CALCIO REGOLA 5 DECISIONI UFFICIALI FIGC

REGOLAMENTO DEL GIUOCO DEL CALCIO REGOLA 5 DECISIONI UFFICIALI FIGC REGOLAMENTO DEL GIUOCO DEL CALCIO ALL. D) REGOLA 5 Persone ammesse nel recinto di gioco 1) Per le gare organizzate dalla LNP, dalla Lega PRO e dalla Lega Nazionale Dilettanti in ambito nazionale sono ammessi

Dettagli

Tra gli odori inconfondibili del tartufo, dal prezzo mai come quest anno, inarrivabile,

Tra gli odori inconfondibili del tartufo, dal prezzo mai come quest anno, inarrivabile, Tra gli odori inconfondibili del tartufo, dal prezzo mai come quest anno, inarrivabile, e della cioccolata, in una cornice resa particolarmente suggestiva dal sole che illuminava la bella valle circostante,

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

STATUTO del CNCP. Associazione CNCP: Coordinamento Nazionale Counsellor Professionisti

STATUTO del CNCP. Associazione CNCP: Coordinamento Nazionale Counsellor Professionisti STATUTO del CNCP Associazione CNCP: Coordinamento Nazionale Counsellor Professionisti ARTICOLO 1 DENOMINAZIONE E costituita ai sensi degli articoli 36 e seguenti del codice civile un Associazione di rappresentanza,

Dettagli

C O M U N E DI M O L I T E R N O

C O M U N E DI M O L I T E R N O C O M U N E DI M O L I T E R N O (Provincia di Potenza) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con delibera consiliare n.05 del 6/02/2013 modificato con delibera consiliare n. 54 del 30/11/2013 Indice

Dettagli

Convenzione tra. Federazione Italiana Nuoto F.I.N. e Centro Nazionale Sportivo FIAMMA C.N.S.FIAMMA

Convenzione tra. Federazione Italiana Nuoto F.I.N. e Centro Nazionale Sportivo FIAMMA C.N.S.FIAMMA Convenzione tra Federazione Italiana Nuoto F.I.N. e Centro Nazionale Sportivo FIAMMA C.N.S.FIAMMA Convenzione F.I.N. C.N.S. FIAMMA La Federazione Italiana Nuoto (F.I.N.), con sede legale in Roma, rappresentata

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA. ex D.Lgs. n. 231/2001

GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA. ex D.Lgs. n. 231/2001 GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA ex D.Lgs. n. 231/2001 Approvato dal consiglio di amministrazione in data 31 luglio 2014 INDICE ARTICOLO 1 - SCOPO ED AMBITO DI APPLICAZIONE... 3 ARTICOLO

Dettagli

STATUTO ( di Associazione non riconosciuta)

STATUTO ( di Associazione non riconosciuta) 1 Articolo -1 Denominazione e sede sociale STATUTO ( di Associazione non riconosciuta) 1 - E costituita con sede in. ( ) Via un Associazione sportiva, ai sensi degli art. 36 e ss. Codice Civile denominata

Dettagli

L attività di Internal Audit nella nuova configurazione organizzativa

L attività di Internal Audit nella nuova configurazione organizzativa L attività di Internal Audit nella nuova configurazione organizzativa Massimo Bozeglav Responsabile Direzione Internal Audit Banca Popolare di Vicenza Indice 1. I fattori di cambiamento 2. L architettura

Dettagli

STAGIONE SPORTIVA 2014/2015. CONTRIBUTI A CARICO DELLE SOCIETÀ NON PROFESSIONISTICHE E CENTRI MINIBASKET Consiglio federale n. 6 del 10 maggio 2014

STAGIONE SPORTIVA 2014/2015. CONTRIBUTI A CARICO DELLE SOCIETÀ NON PROFESSIONISTICHE E CENTRI MINIBASKET Consiglio federale n. 6 del 10 maggio 2014 STAGIONE SPORTIVA 2014/2015 CONTRIBUTI A CARICO DELLE SOCIETÀ NON PROFESSIONISTICHE E CENTRI MINIBASKET Consiglio federale n. 6 del 10 maggio 2014 COMUNICATO UFFICIALE N. 1097 del 10 maggio 2014 Indice

Dettagli

LA CORRUZIONE TRA PRIVATI:

LA CORRUZIONE TRA PRIVATI: LA CORRUZIONE TRA PRIVATI: APPROFONDIMENTI In data 18 ottobre 2012, dopo un lungo iter parlamentare, il Senato ha approvato il maxi-emendamento al Disegno di Legge recante Disposizioni per la prevenzione

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI. Art. 1 - Fonti

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI. Art. 1 - Fonti REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI Art. 1 - Fonti 1. Il presente Regolamento disciplina la composizione, la durata e le modalità di funzionamento del Collegio dei Revisori

Dettagli

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Introduzione Le Societá tra Professionisti, introdotte dalla legge 183/2010, sono una delle novitá

Dettagli

LA GESTIONE DELLE DETERMINANTI DEI COSTI DI UNA SOCIETA DI CALCIO: LA VALUTAZIONE DEL PARCO GIOCATORI

LA GESTIONE DELLE DETERMINANTI DEI COSTI DI UNA SOCIETA DI CALCIO: LA VALUTAZIONE DEL PARCO GIOCATORI Università Commerciale Luigi Bocconi Facoltà di Economia Corso di Laurea in Amministrazione, Finanza e Controllo LA GESTIONE DELLE DETERMINANTI DEI COSTI DI UNA SOCIETA DI CALCIO: LA VALUTAZIONE DEL PARCO

Dettagli

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo ALL. 1) Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo 1. Sono eleggibili a sindaco, presidente della provincia, consigliere comunale, provinciale e circoscrizionale gli elettori di un qualsiasi

Dettagli

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Programma di Compliance Antitrust Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 19 febbraio 2015 Rev 0 del 19 febbraio

Dettagli

STATUTO DELLA S.I.A.

STATUTO DELLA S.I.A. STATUTO DELLA S.I.A. Art. 1 È costituita a tempo indeterminato una Associazione sotto la denominazione Società Italiana di Agopuntura S.I.A. Art. 2 La Società Italiana di Agopuntura ha lo scopo di dare

Dettagli

IL PRINCIPIO DEL NE BIS IN IDEM E LA SENTENZA GRANDE STEVENS : PRONUNCIA EUROPEA E RIFLESSI NAZIONALI

IL PRINCIPIO DEL NE BIS IN IDEM E LA SENTENZA GRANDE STEVENS : PRONUNCIA EUROPEA E RIFLESSI NAZIONALI IL PRINCIPIO DEL NE BIS IN IDEM E LA SENTENZA GRANDE STEVENS : PRONUNCIA EUROPEA E RIFLESSI NAZIONALI Nota a: Corte EDU, Grande Stevens e altri contro Italia - ric. 18640/10, 18647/10, 18663/10, 18668/10

Dettagli

REGOLAMENTO DELL ASSOCIAZIONE ITALIANA ARBITRI

REGOLAMENTO DELL ASSOCIAZIONE ITALIANA ARBITRI REGOLAMENTO DELL ASSOCIAZIONE ITALIANA ARBITRI Titolo primo L Associazione Italiana Arbitri Capo primo: Natura, funzioni e poteri. Art. 1 Natura e funzione 1.L Associazione Italiana Arbitri (AIA) è l associazione

Dettagli

CAPITOLO I - COSTITUZIONE

CAPITOLO I - COSTITUZIONE CAPITOLO I - COSTITUZIONE ART. 1- FONDAZIONE E' fondata per coloro che aderiscono e aderiranno al presente statuto, che prende vigore immediato, un' associazione per la pratica e la diffusione del Viet

Dettagli

STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE (Sunto della C.M. n.31/2007)

STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE (Sunto della C.M. n.31/2007) STUDIO MINTO Associazione Professionale Commercialisti Revisori Contabili Consulenza del Lavoro Mirano (VE) Telefono 041/5701020 CIRCOLARE INFORMATIVA n. 16 Giugno 2007 STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI

Dettagli

CON ADEGUAMENTO A NUOVI PRINCIPI INFORMATORI CONI APPORTATE DAL COMMISSARIO AD ACTA

CON ADEGUAMENTO A NUOVI PRINCIPI INFORMATORI CONI APPORTATE DAL COMMISSARIO AD ACTA STATUTO FEDERALE CON ADEGUAMENTO A NUOVI PRINCIPI INFORMATORI CONI APPORTATE DAL COMMISSARIO AD ACTA APPROVATO CON DELIBERA PRESIDENTE CONI N. 130/56 E RATIFICATO DALLA GIUNTA C.O.N.I. IL 4/9/2012 INDICE

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

Istituzione della figura di Agente Ambientale.

Istituzione della figura di Agente Ambientale. Estratto del verbale della seduta della Giunta Comunale NUMERO DI REGISTRO SEDUTA DEL 7 21 gennaio 2015 Oggetto : Istituzione della figura di Agente Ambientale. Il giorno 21 gennaio 2015 in Cremona, con

Dettagli

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa,

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa, CONSIGLIO D EUROPA Raccomandazione CM/REC(2014) 3 del Comitato dei Ministri agli Stati Membri relativa ai delinquenti pericolosi (adottata dal Comitato dei Ministri il 19 febbraio 2014 nel corso della

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO (F.I.N.) - ASSOCIAZIONE NAZIONALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE REGOLAMENTO DELLA STRUTTURA DI PROTEZIONE CIVILE

FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO (F.I.N.) - ASSOCIAZIONE NAZIONALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE REGOLAMENTO DELLA STRUTTURA DI PROTEZIONE CIVILE FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO (F.I.N.) - ASSOCIAZIONE NAZIONALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE Premessa La Presidenza del Consiglio dei Ministri, Dipartimento di Protezione Civile, in base alla Legge

Dettagli

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 NORME GENERALI Art. 1 Validità del regolamento interno Il presente regolamento, derivante dai principi espressi dallo Statuto da cui discende, rappresenta le regole e le concrete

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore IL CONTESTO L approvazione del Bilancio di previsione quest anno si pone esattamente a metà del mio mandato rettorale, iniziato tre anni fa,

Dettagli

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 (N.B. la presente dichiarazione deve essere prodotta unitamente a copia fotostatica non autenticata

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SETTORE TECNICO

REGOLAMENTO DEL SETTORE TECNICO REGOLAMENTO DEL SETTORE TECNICO Parte I Attribuzioni, struttura e organizzazione del Settore Tecnico Art. 1 Attribuzioni e funzioni 1. Il Settore Tecnico della F.I.G.C., tenuto anche conto delle esperienze

Dettagli

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA PROGRAMMA EDUCATION INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA E PREVISIONI DI PENSIONAMENTO Anticipazioni per la stampa dal Rapporto 2009 sulla scuola in Italia della Fondazione Giovanni Agnelli (dicembre

Dettagli

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56 Cosa devo fare per quanto riguarda la sicurezza sul lavoro se assumo il primo dipendente/collaboratore? Come datore di lavoro devo: 1. valutare i rischi a cui andrà incontro questa persona compiendo il

Dettagli

La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l.

La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l. Il bilancio delle società di capitali La sua impugnazione Firenze 15 giugno 2010 La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l. Francesco D Angelo (Università di Firenze)

Dettagli

ASPETTI FISCALI, AMMINISTRATIVI ED ACCERTAMENTO NELLE A.S.D.

ASPETTI FISCALI, AMMINISTRATIVI ED ACCERTAMENTO NELLE A.S.D. ASPETTI FISCALI, AMMINISTRATIVI ED ACCERTAMENTO NELLE A.S.D. Convegno del 7 dicembre 2010 Dott. ssa Mariangela Brunero Il rendiconto: criteri e modalità di redazione ed approvazione Introduzione Attività

Dettagli

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Patrimoni destinati ad uno specifico affare A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Riferimenti normativi D.Lgs. Numero 6 del 17 gennaio 2003 Introduce con gli articoli 2447-bis e seguenti del

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego La riforma Brunetta, introdotta dal D.Lgs. 150/09, ha modificato profondamente il sistema disciplinare nel pubblico impiego, intervenendo

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico GUIDA AI REGOLAMENTI DEI TORNEI GIOVANILI ORGANIZZATI DA SOCIETÀ

FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico GUIDA AI REGOLAMENTI DEI TORNEI GIOVANILI ORGANIZZATI DA SOCIETÀ FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico GUIDA AI REGOLAMENTI DEI TORNEI GIOVANILI ORGANIZZATI DA SOCIETÀ Stagione Sportiva 2014/2015 Tornei organizzati da società Norme, disposizioni

Dettagli

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE STATUTO L Associazione denominata CORILA - Consorzio per il coordinamento delle ricerche inerenti al sistema lagunare di Venezia, è costituita ai sensi degli artt. 14

Dettagli

COMUNE DI VILLACHIARA. Provincia di Brescia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART TIME, DELLE INCOMPATIBILITA E DEI SERVIZI ISPETTIVI

COMUNE DI VILLACHIARA. Provincia di Brescia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART TIME, DELLE INCOMPATIBILITA E DEI SERVIZI ISPETTIVI COMUNE DI VILLACHIARA Provincia di Brescia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART TIME, DELLE INCOMPATIBILITA E DEI SERVIZI ISPETTIVI (Approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. 174 del 22/10/1997,

Dettagli

MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE -

MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE - UNIVERSITÀ TELEMATICA LEONARDO DA VINCI A.A 2012/2013 MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE - Direttore Prof. Massimo Sargiacomo Università G. d Annunzio

Dettagli

Regolamento emittenti

Regolamento emittenti E Regolamento emittenti Adottato con delibera n. 11971 del 14 maggio 1999 Allegato 5-bis Calcolo del limite al cumulo degli incarichi di amministrazione e controllo di cui Aggiornato con le modifiche apportate

Dettagli

I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto

I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto ARTICOLO 1- COSTITUZIONE E' costituito il Club denominato I Borghi più Belli d'italia ai sensi dello Statuto dell Associazione Nazionale Comuni Italiani, in breve ANCI.

Dettagli

Struttura giuridica e sede del Tribunale

Struttura giuridica e sede del Tribunale Bundesgericht Tribunal fédéral Benvenuti! Visita del Tribunale federale Tribunale federale Tribunal federal Vista della facciata frontale, Tribunale federale Losanna Foto: Philippe Dudouit L organizzazione

Dettagli

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio 1989, n. 39, in attuazione degli articoli 73 e 80 del decreto

Dettagli

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della 1 Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della sentenza della Corte europea dei diritti dell uomo con la quale la Francia è stata condannata per il divieto legislativo di costituire associazioni

Dettagli

STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA

STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA ABILITATO AL BILINGUISMO TEDESCO - ITALIANO DALLA PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO IDONEO ALL ESAME DI STATO DI COMPETENZA LINGUISTICA CINESE

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

LINEE DI RIFORMA DELL ORDINE DEI GIORNALISTI

LINEE DI RIFORMA DELL ORDINE DEI GIORNALISTI LINEE DI RIFORMA DELL ORDINE DEI GIORNALISTI Deliberazione del Consiglio nazionale dell Ordine dei giornalisti 9 luglio 2014 1. Canale unico di accesso alla professione Per esercitare l attività professionale

Dettagli

Regolamento. sullo status e sui trasferimenti dei calciatori

Regolamento. sullo status e sui trasferimenti dei calciatori Regolamento sullo status e sui trasferimenti dei calciatori 1 REGOLAMENTO SULLO STATUS E SUL TRASFERIMENTO DEI CALCIATORI... 3 DEFINIZIONI... 4 I. DISPOSIZIONE INTRODUTTIVA... 5 II. STATUS DEI CALCIATORI...

Dettagli

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE STATUTO CIRCOLO TBLUE Art. 1 COSTITUZIONE - SEDE E costituito, come associazione culturale ricreativa non riconosciuta ai sensi dell art 36 e ss. Codice Civile ed art. 148 comma 3 D.P.R. 917/1986 (T.U.I.R.),

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Conti d ordine Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 febbraio 2015 OGGETTO: IVA. Ambito soggettivo di applicazione del meccanismo della scissione dei pagamenti Articolo 1, comma 629, lettera b), della

Dettagli

Format per la relazione sul governo societario e gli assetti proprietari

Format per la relazione sul governo societario e gli assetti proprietari Format per la relazione sul governo societario e gli assetti proprietari V Edizione (gennaio 2015) Premessa alla quinta edizione (gennaio 2015) Questa nuova edizione del format per la redazione della relazione

Dettagli

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 2.1 Principi generali Pag. 2 2.2. Principi di condotta Pag. 2 2.3 Comportamenti non etici Pag. 3 2.3. Principi di trasparenza Pag. 4 3 Relazioni can il personale

Dettagli

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti ........ Reperimento risorse per interventi in ambito culturale e sociale Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti di Federica Caponi Consulente di enti locali... Non è

Dettagli

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI 1. Aspetti fiscali generali Gli enti di tipo associativo, di cui fanno parte anche le associazioni sportive dilettantistiche, sono assoggettate

Dettagli

Studio De Marco Canu Zanon Gregoris Consulenti del Lavoro in Udine. Circolare numero: 009/2015

Studio De Marco Canu Zanon Gregoris Consulenti del Lavoro in Udine. Circolare numero: 009/2015 CONSULENTI DEL LAVORO: Rag. Gioacchino De Marco Dott. Riccardo Canu Dott. Elena Zanon P.az Roberta Gregoris Studio De Marco Canu Zanon Gregoris Consulenti del Lavoro in Udine Via Zanon 16/6 33100 Udine

Dettagli

1. Modalità attuative del vincolo ex art. 5, punto n.9 Statuto F.I.N.

1. Modalità attuative del vincolo ex art. 5, punto n.9 Statuto F.I.N. 1. Modalità attuative del vincolo ex art. 5, punto n.9 Statuto F.I.N. A) Disposizioni generali [1] Il vincolo di tesseramento degli atleti in favore delle società è temporaneo e la sua durata e l eventuale

Dettagli

LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE REPORT ANNUALE - 2011 - ITALIA (Aprile 2011) Prof. Alessandra PIOGGIA INDICE 1. LA PRIVATIZZAZIONE 2. LE COMPETENZE

Dettagli

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI UNIVERSITA ROMA TRE FACOLTA DI ECONOMIA PROF. UGO MARINELLI Anno accademico 007-08 1 COMPRENSIONE DELL IMPRESA

Dettagli

9) promozione della cultura e dell'arte ; 10) tutela dei diritti civili ; 11) ricerca scientifica di particolare interesse sociale svolta

9) promozione della cultura e dell'arte ; 10) tutela dei diritti civili ; 11) ricerca scientifica di particolare interesse sociale svolta Le ONLUS Secondo le previsioni dell'art. 10 del decreto 460/97 possono assumere la qualifica di Onlus le associazioni riconosciute e non, i comitati, le fondazioni, le società cooperative e tutti gli altri

Dettagli

Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2)

Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2) Istanza di fallimento e procedimento di concordato preventivo in bianco Dott. Francesco Pedoja Presidente del Tribunale di Pordenone Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2) 1- La L. n.134/2012

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

LEGGE 11 GENNAIO 1979, n. 12 NORME PER L ORDINAMENTO DELLA PROFESSIONE DI CONSULENTE DEL LAVORO. (Gazzetta Ufficiale n.

LEGGE 11 GENNAIO 1979, n. 12 NORME PER L ORDINAMENTO DELLA PROFESSIONE DI CONSULENTE DEL LAVORO. (Gazzetta Ufficiale n. LEGGE 11 GENNAIO 1979, n. 12 NORME PER L ORDINAMENTO DELLA PROFESSIONE DI CONSULENTE DEL LAVORO (Gazzetta Ufficiale n. 20 del 20-1-1979) TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1. Esercizio della professione

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Gruppo PRADA. Codice etico

Gruppo PRADA. Codice etico Gruppo PRADA Codice etico Indice Introduzione 2 1. Ambito di applicazione e destinatari 3 2. Principi etici 3 2.1 Applicazione dei Principi etici: obblighi dei Destinatari 4 2.2 Valore della persona e

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI Assessorato alla f amiglia, all Educazione ed ai Giov ani Municipio Roma III U.O. Serv izi Sociali, Educativ i e Scolastici Allegato n. 3 al Bando d Istruttoria Pubblica per l intervento Nuovi PercHorsi

Dettagli

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 (CIG ) (CPV ) Io sottoscritto... nato a... il...... nella mia

Dettagli

La mobilità sociale tra Stato e mercato

La mobilità sociale tra Stato e mercato La mobilità sociale tra Stato e mercato di Carlo Lottieri, Università di Siena Nella cultura contemporanea si tende a guardare alla mobilità sociale intesa quale possibilità di ascendere da una posizione

Dettagli

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano A.GE.S. S.p.A. Sede in Paderno Dugnano (Mi) Via Oslavia 21 Capitale sociale euro 850.000,00 interamente versato Codice fiscale e Partita Iva : 02286490962 Iscritta al Registro delle Imprese di Milano Società

Dettagli

REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI

REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI COMUNE DI ALA REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 dd. 19.06.2003 Modificato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 dd.

Dettagli

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni COMUNE DI BRIGNANO GERA D'ADDA (c_b178) - Codice AOO: AOOBRIGNANOADDA - Reg. nr.0001628/2013 del 18/02/2013 ALLEGATO A alla deliberazione del Consiglio comunale n. 2 del 04.02.2013 COMUNE DI BRIGNANO GERA

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria).

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria). Luogo di convocazione dell assemblea nelle società di capitali della Dott.ssa Roberta De Pirro L ADEMPIMENTO Il Consiglio nazionale del notariato, nello Studio n. 98-2013/I ha fatto il punto sul luogo

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte.

La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte. 1. Premessa. La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte. La comunità dei docenti e ricercatori dell area di Economia Aziendale, rappresentata dalle società scientifiche

Dettagli

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITA PROFESSIONALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO - Approvato con deliberazione

Dettagli

Il requisito del pubblico concorso per enti anche formalmente o solo sostanzialmente pubblici. Pubblicizzazione giurisprudenziale e legislativa

Il requisito del pubblico concorso per enti anche formalmente o solo sostanzialmente pubblici. Pubblicizzazione giurisprudenziale e legislativa Il requisito del pubblico concorso per enti anche formalmente o solo sostanzialmente pubblici. Pubblicizzazione giurisprudenziale e legislativa di Sandro de Gotzen (in corso di pubblicazione in le Regioni,

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

DDL 1345-S in materia di delitti ambientali. (Approvazione in Senato 4 marzo 2015)

DDL 1345-S in materia di delitti ambientali. (Approvazione in Senato 4 marzo 2015) DDL 1345-S in materia di delitti ambientali. (Approvazione in Senato 4 marzo 2015) Il testo inserisce nel codice penale un nuovo titolo, dedicato ai delitti contro l'ambiente, all'interno del quale vengono

Dettagli

GUIDA AGLI ADEMPIMENTI FISCALI E TRIBUTARI DELLE SOCIETA ED ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE

GUIDA AGLI ADEMPIMENTI FISCALI E TRIBUTARI DELLE SOCIETA ED ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE GUIDA AGLI ADEMPIMENTI FISCALI E TRIBUTARI DELLE SOCIETA ED ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE INTRODUZIONE Uno degli obiettivi che il nuovo consiglio federale si è posto all atto del proprio insediamento

Dettagli

Parte Prima Il censimento del calcio italiano. Sezione 1 Statistiche

Parte Prima Il censimento del calcio italiano. Sezione 1 Statistiche Parte Prima Il censimento del calcio italiano Sezione 1 Statistiche 17 La Federazione Italiana Giuoco Calcio Settori Settore tecnico Settore Giovanile e Scolastico Società 14.90 di cui: Professionistiche

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

REGOLAMENTO. Articolo 1

REGOLAMENTO. Articolo 1 REGOLAMENTO Il presente Regolamento disciplina, a norma di quanto disposto dallo Statuto, le norme applicative per l organizzazione ed il funzionamento del CRAL e dei suoi organismi, e stabilisce, in prima

Dettagli