IL CALCIO TRA COMPETIZIONE, REGOLAMENTI E CRISI ECONOMICA QUALE FUTURO

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL CALCIO TRA COMPETIZIONE, REGOLAMENTI E CRISI ECONOMICA QUALE FUTURO"

Transcript

1 RISULTANZE DEGLI INTERVENTI AL CONVEGNO DEL 3 GIUGNO 2015 PRESSO IL MUSEO DEL CALCIO DI COVERCIANO IL CALCIO TRA COMPETIZIONE, REGOLAMENTI E CRISI ECONOMICA QUALE FUTURO La terza edizione del convegno riservato ai dottori commercialisti e aperto anche ad avvocati e a studenti universitari, tenutosi il 3 giugno scorso al Museo del Calcio di Coverciano nella sala Mario Valitutti ha riscontato un unanime, sensibile apprezzamento sia da parte degli oltre 120 professionisti intervenuti e provenienti pressoché da tutta Italia, da Napoli a Milano, sia dagli stessi vertici federali, Tavecchio, Rivera, Abete ed Uva, che dopo i loro interventi hanno potuto registrare il crescente interesse dei professionisti italiani a dibattere e a fare proposte operative nel mutato panorama normativo in specie nel diritto penale dell economia, in questo variegato universo che vede la presenza di otre tesserati, squadre e arbitri. Il sistema calcio integra problematiche sia di natura sportivo-regolamentare, sia di natura giuridico, contabile e tributaria di rilevante portata in quanto comprende società che spaziano dalle ASD alle società quotate. Dopo il saluto di Gianni Rivera, presidente del Settore e del Centro tecnico di Coverciano, che ha illustrato l attività che lì si svolge con i numerosi corsi di formazione per allenatori e direttori sportivi che il centro organizza, ha preso la parola il Presidente Abete nella sua qualità di Vice presidente dell Uefa i quale ha ripercorso gli ultimi avvenimenti che si sono susseguiti a Zurigo in relazione ai fatti ormai noti che hanno interessato le inchieste internazionali in corso e le dimissioni del Presidente della Fifa, Blatter, ricordando che lo statuto della FIFA dispone doversi tenere un assemblea elettiva entro 4 mesi e che pertanto il prossimo futuro si presenta impegnativo e foriero di nuovi assetti. Nel sottolineare la forte solidità economica e patrimoniale dell Uefa, il ruolo di prestigio che essa ha nel contesto mondiale e in questo ambito la reputazione 1

2 di cui gode la Fedrazione Italiana, Abete ha tenuto a smentire, contrariamente a quanto scritto su alcune testate straniere, che la Germania abbia votato per Blatter. All arrivo del Presidente Tavecchio, intrattenutosi prima con i numerosi giornalisti accorsi anche per conoscere il futuro del CT Conte, il chairman del convegno, Dino Feliziani, commercialista dell Ordine di Roma, già docente di esercitazioni di tecnica di indagine in materia penale societaria ai dottorandi di economia aziendale all Università di Pavia, e una delle memorie storiche della Federazione per i numerosi e qualificanti incarichi gestionali e di controllo ricoperti dai tempi della presidenza Sordillo e negli ultimi 16 anni revisore dei conti della Federazione, nell aprire ufficialmente il convegno, e dopo aver ringraziato le autorità presenti e il Prefetto Pansa, capo della Polizia di Stato per l attenzione riservata con la delega a partecipare data al dott. Stefano Delfini Direttore della prima divisione del Servizio Analisi Criminale della Direzione Centrale Polizia Criminale con competenza anche sull unità scommesse sportive, ha voluto ricordare in sintesi due temi che sono all ordine del giorno anche della categoria dei commercialisti. In primo luogo, preso spunto dalle ultime dichiarazioni del Presidente Tavecchio al convegno USSI del 18 maggio scorso in materia di formazione ( La formazione è tema dominante di questo Paese: questo Paese manca di formazione, abbiamo pressapochisti nel sistema, un sistema di gente che partecipa e che è parte importante del sistema senza professionalità ) Feliziani ha sottolineato la progressiva perdita di ruolo dei dottori commercialisti nei collegi sindacali delle Federazioni, a vantaggio, a parità di compenso, di funzionari dello Stato indicati dal Coni che per il solo fatto di essere revisori legali (l unico titolo che, anacronisticamente, è previsto dagli statuti del Coni e delle Federazioni per coloro che aspirano a far parte del collegio), ma appunto non esperti contabili iscritti agli albi dei DC, non sono soggetti all obbligo della formazione professionale continua, né alla medesima conoscenza dei principi contabili, del diritto societario, penale e civile, e di quello tributario e fallimentare, né a garantire la medesima disponibilità del tempo da dedicare a questa funzione, dato che l impegno di revisore della FIGC, come annualmente documentato al CONI in relazioni ufficiali, è mediamente di 56 giornate (dalla mattina alla sera) per le riunioni sindacali e di circa 20 giornate per la partecipazione ai Consigli federali e ai Comitati di presidenza. In totale fanno 76 giornate, ossia il 34,5% delle 220 giornate di cui si compone un anno lavorativo. D'altronde questi nuovi sindaci devono attendere già al loro lavoro principale che non comprende, tra gli obblighi di Istituto, questa funzione. Di contro Feliziani ha riconosciuto doverosamente alla Federazione, nell ambito della propria autonomia organizzativa, di aver dato spazio e ruolo adeguati ai 2

3 commercialisti impegnati nelle varie funzioni ispettive ed agli avvocati nei quadri della giustizia sportiva. Il secondo argomento toccato si riallaccia in qualche modo al precedente, atteso che la recente riforma degli artt e 2622 cc (false comunicazioni sociali per non quotate e quotate) ha ripristinato la configurazione del reato in reato di pericolo, il che consente alle procure di agire d ufficio sulla scorta anche di una singola notizia criminis, ha azzerato le franchigie ivi stabilite per la configurabilità del reato e delegato al giudice la più ampia discrezionalità nella determinazione del danno subito dagli stakeholders, e della eventuale possibile tenuità del fatto perseguito. Tutti gli operatori del processo, magistrati, avvocati e commercialisti quali coadiutori del giudice dovranno ora studiare a fondo le nuove norme e rappropriarsi della materia che non è da escludere potrà interessarsi anche del mondo delle società professionistiche come il caso Parma insegna. Inoltre le Federazioni, come le altre autorità che hanno il compito di vigilare sull universo che a ciascuna fa capo, come ad esempio la Consob e la Banca d Italia, potranno veder aumentata la loro responsabilità nell esercizio delle loro funzioni ispettive e di controllo, nonostante l adozione della 231/01. Sulla scia delle riforme già deliberate del Consiglio Federale in materia di monitoraggio delle proprietà societarie e dei loro trasferimenti e di più stringenti indici di liquidità per l ammissione ai campionati e per le campagne acquisti e trasferimenti, Feliziani ha inteso suggerire, per garantire da un lato maggiore indipendenza all organo di controllo e un più stretto rapporto con la CoViSoc (la commissione formata attualmente da 5 commissari e da un corpo ispettivo di colleghi commercialisti che vigila sull andamento economicopatrimoniale delle società professionistiche tramite periodiche ispezioni), che sia la Federazione a indicare alle attuali 102 società di lega A,B e Pro almeno il Presidente del Collegio sindacale e che la governance di queste preveda esclusivamente un consiglio di amministrazione, abolendo la figura dell amministratore unico plenipotenziario, in cui far transitare obbligatoriamente taluni argomenti come appunto il rispetto dei parametri imposti dalla Federazione, l andamento periodico economico e patrimoniale e l esercizio di taluni poteri non delegabili come la definizione del monte stipendi dei tecnici e calciatori, la definizione della rosa dei calciatori, le compatibilità di sviluppo dei vivai. Per tale ultimo punto Feliziani ha poi voluto rimarcare la necessità di riformare l art. 4 della legge 596/96 che istituì il fine di lucro per le società, con la previsione di una percentuale di risorse da accantonare obbligatoriamente per lo sviluppo dei vivai ma da recuperare non dall utile 3

4 netto come recita la legge bensì dai ricavi anche se ad un livello più basso del 10% oggi previsto. In sintesi l evoluzione della normativa penale societaria e bilancista e il progressivo implemento dei principi contabili, nazionali ed internazionali, assegnano nuove pressanti responsabilità ai regolatori e impongono che la fase dei controlli da attuare per potere individuare per tempo la patologia anche in un ottica di prevenzione dei reati non può essere sottovalutata e a svolgere questo compito devono essere chiamati i professionisti che possiedono nel loro bagaglio culturale e professionale le più adeguate conoscenze scientifiche e giuridiche per occuparsene. Dare più attenzione alle vere professionalità piuttosto che ad operazioni di lobbying consente la tutela della reputazione e della dignità delle funzioni e maggiore credibilità nel caso malaugurato del verificarsi di situazioni di crisi specie se penalmente rilevanti in casi di default conclamato e/o di inattività degli organi di controllo, di revisione e di sorveglianza delle società che incorrono in queste fattispecie. L intervento del Prof. Fimmanò avvocato del Foro di Napoli, Professore Ordinario di diritto commerciale all Università del Molise, uno dei padri della riforma fallimentare e già componente del Comitato scientifico della Corte dei Conti, in Federazione membro della Corte d appello federale, si è svolto sulla scia delle considerazioni normative svolte da Feliziani. Fimmanò ha affermato che occorrerebbe innanzitutto rendere le Federazioni vere e proprie autorità indipendenti di regolazione del settore visto il rilievo non solo economico ma anche sociale del fenomeno. D'altra parte tutte le attività di rilievo sociale e /o a rischio sistemico vengono trattate in questo modo: settore bancario, assicurativo, universitario, etc. La Federazione ha già lo strumento del 2409 CC, introdotto nella legge 91 nel settembre 1996 dopo le vicende del caso Milan del 1986 di cui si occupò proprio Feliziani, che in controtendenza al venir meno dell'ottica dirigista e' stato lasciato come eccezione dal legislatore. Le irregolarità o le cause che possono fare scattare il controllo giudiziario sulla gestione ex art. 2409, non sono nella fattispecie - solo economiche o gestionali, ma possono anche trarre origine da illeciti disciplinari. Ad esempio gli illeciti sportivi che aumentano, le frodi, potrebbero essere sanzionate proprio attraverso il In questo modo contemperando la necessità di intervenire con la tutela del mercato e della concorrenza al pari dell'applicazione della 231/01. Di contro, ma è materia da approfondire, si potrebbe pensare ad un potere di commissariamento diretto, anche a campionato in corso, senza passare per il 2409 come d'altra parte già succede per i settori cd vigilati (banche, assicurazioni, cooperative) con le quali le società sportive già condividono l'esistenza di una vigilanza informativa ed 4

5 ispettiva. Andrebbe poi introdotto un terzo organismo al fianco della commissione criteri organizzativi e infrastrutturali che sia terminale della CoViSoc sui sistemi di allerta e prevenzione tra cui va inserito un sistema di monitoraggio mensile sui pagamenti sul modello UEFA del no overdue payables. Il sistema delle relazioni informative si sposa con un maggiore intervento sul controllo interno attuabile de iure condendo attraverso, come sopra detto, la designazione dei sindaci delle società professionistiche da parte di Federcalcio o, senza bisogno di riforme, imponendo sul piano regolamentare e delle noif la figura del controller indipendente sul modello delle banche e delle quotate. In caso di fallimento delle società resta poi irrisolto il tema dei contratti specie con l'introduzione delle norme sul concordato in continuità che rafforza il principio concorsuale della prosecuzione dei rapporti. Resta del tutto incompatibile col sistema degli artt 72 e ss della legge fallimentare e del 169 bis e 186 bis legge fallimentare la regola dello svincolo dei calciatori in caso di procedure concorsuali. Va trovata una norma armonica quanto prima. Insomma tutti gli accorgimenti, come e' successo all'epoca del caso Napoli, devono tener conto che siamo di fronte ad una attività industriale tra le prime del mondo soggetta alle regole e agli interessi del mercato, ma che al tempo stesso è molto peculiare sul piano sociologico avendo una categoria di stakeholders particolari, i tifosi, che in se riuniscono avviamento e clientela aziendale. Nessuna riserva occulta od effetto vetrina puo' giustificare massicce e periodiche ricapitalizzazioni di grandi società strutturalmente in perdita. Ciò altera inevitabilmente il gioco della concorrenza e quindi questo aspetto va risolto attraverso una redistribuzione nel sistema complessivo delle risorse di chi appunto droga il sistema. Ad esempio le violazioni del Fair play anche interno potrebbero produrre importanti sanzioni pecuniarie con cui costituire un fondo integrativo di mutualità a vantaggio delle società virtuose come nell NBA americano. Il Presidente Tavecchio è allora intervenuto dando atto della significatività delle proposte avanzate su cui verrà fatta una attenta riflessione proprio per le peculiarità che investono il mondo del calcio, in particolare quello professionistico, che inevitabilmente sta risentendo della crisi e che necessita della massima attenzione proprio per il coinvolgimento emotivo di milioni di tifosi a cui sarebbe difficile, seppure sulla scorta di chiare evidenze, far digerire l esclusione di una squadra dal campionato, specie se di grandi dimensioni e di lunga tradizione. Un fatto è certo, il Consiglio Federale è entrato nell ottica di accelerare le riforme, prima tra tutte, quella dei campionati con la riduzione delle squadre delle tre leghe e di procedere ad una maggiore attività di controllo e prevenzione sull andamento economico patrimoniale anche durante il campionato. Andranno quindi monitorati gli investimenti, anche per ciò che 5

6 riguarda gli stadi, atteso che le società dovranno provvedere a ciò unicamente con mezzi propri e compatibilmente con lo stato di salute dei propri conti. Il Presidente ha poi ricordato la recente diminuzione di circa 23 milioni di euro di provvidenze da parte del CONI, interamente destinate al comparto istituzionale (arbitri, giustizia sportiva, antidoping) che si dovrà ora remunerare ricorrendo alla parte commerciale, come documentato nel budget 2015 appena approvato, e ha auspicato un ripensamento da parte dei regolatori di questa politica di tagli così massiccia che inevitabilmente frena lo sviluppo del calcio, motore indiscusso di tutto lo sport nazionale, per i numeri che verranno ricordati nel report calcio dal Direttore generale Uva. In ultimo, riprendendo quanto appena dichiarato alla stampa in merito al congresso FIFA, dopo attenta riflessione, egli ha ritenuto di votare in conformità alle indicazioni date dalla UEFA, indicazioni che solo poco dopo hanno trovato conferma con le annunciate dimissioni di Blatter in seguito alle evidenze documentali emerse. Il Consigliere di Stato Gerardo Mastrandrea, presidente della Corte d appello federale, ha ripercorso la struttura, i poteri e i doveri che incombono sull assetto generale degli uffici preposti a regolare questo dedicato comparto della giustizia sportiva, condannato per evidenti motivi, ad agire nel più breve tempo possibile, rilevando le novità della recente riforma che ha assegnato al CONI altri e più pressanti poteri e il ruolo della Procura federale, anche essa di recente riformata con la sua suddivisione per aree e competenze sul territorio nazionale. La Professoressa Mite, docente di dritto privato, nonché collaboratrice della Procura Federale, ha ricordato le peculiarità della configurazione giuridica delle Federazioni sportive nazionali, partendo dal dato normativo di cui al Decreto Melandri ed evidenziando inoltre la preoccupante tendenza giurisprudenziale ad esasperare la qualificazione in termini pubblicistici per la gran parte degli atti e delle attività della Figc. In contro tendenza rispetto a questo orientamento ha rilevato e commentato la sentenza del Tar del Lazio del 12 luglio 2011 avverso le pretese, peraltro non provate, dell Istat che riteneva la Federazione rientrante nell elenco delle amministrazioni pubbliche soggette ad una stringente spending review portante addirittura a limitare se non ad annullare le trasferte degli atleti e che viceversa, attese le evidenze portate dalla FIGC in materia di prevalenza dei ricavi commerciali rispetto ai contributi pubblici ricevuti è stata ritenuta estranea a detta normativa. Sentenza tanto chiara quanto esaustiva della natura giuridica privatistica della FIGC, tale da aver fatto desistere l Istat dal proporre ricorso al Consiglio di Stato. Il Procuratore Aggiunto della Procura presso il Tribunale di Roma, Consigliere Giancarlo Capaldo, ha relazionato in merito al reato di frode sportiva, 6

7 anch esso riformato con un innalzamento sensibile delle pene, e delle altre configurazioni di carattere penale che questa fattispecie accompagnano come l associazione per delinquere. Nella sua passata responsabilità di capo della DDA di Roma e attesa la significatività de settore in argomento, accreditato come decima industria del Paese, egli ha potuto verificare, nel perseguimento di altri reati come quelli legati allo spaccio di droga, estorsioni e grazie anche all ausilio delle intercettazioni, quale interesse suscitino nella malavita organizzata le scommesse clandestine attesi i guadagni da queste ritraibili. Il Consigliere Capaldo ha affermato che la sola repressione giudiziaria di fatti specifici da sola non può bastare a frenare il fenomeno, che come è noto ciclicamente riappare a far data 1980, ma che occorre che in specie lo sport, portatore di valori e di etica, dovrebbe concorrere con le leve di cui dispone a ricreare una coscienza sociale e che lo Stato debba anch esso fare la sua parte limitando se non cassando alcune fattispecie di scommesse in cui è facilmente possibile delinquere prima tra tutte quelle che riguardano il calcio minore e dilettantistico. Il Prof. Lago commercialista dell Ordine di Vicenza, Professore Associato di Economia e Gestione delle Imprese presso l'università di Bologna, a capo della camera investigativa dell Organo di Controllo Finanziario sui Club (CFCB) dell Uefa, che viglia sui bilanci delle società che aspirano a partecipare alle coppe europee, ha spiegato il complesso iter dei controlli che vengono effettuati, in particolare sui risultati economici, per un periodo di tre anni e che non devono presentare perdite superiori ai 5 milioni di euro, ovvero di 45 milioni di euro, se coperte con capitale proprio, utilizzando anche calcoli numerici al fine di rappresentare alcuni esempi pratici. Nei primi due anni di vita, questo attento e severo monitoraggio che, come è noto, ha portato a sanzionare pesantemente Inter e Roma con multe che peraltro possono essere scontate sui proventi derivanti dalla partecipazione alle competizioni europee, ha consentito, nel perimetro delle squadre esaminate rappresentanti 54 Paesi di ridurre di circa un miliardo di euro l esposizione debitoria complessiva del sistema. Le slides del lavoro presentato dal Prof. Lago verranno presto pubblicate e saranno esaminabili via web. I lavori sono stati infine chiusi dal Prof. Uva, Professore Associato in gestione e management dello sport presso l Università degli Studi di Roma Foro Italico, Direttore generale della FIGC che, rimandando alle cifre esposte nel report calcio distribuito a tutti i partecipanti ( e che è scaricabile dal sito della FIGC) ha parlato delle luci e delle ombre che dalle considerazioni svolte dai tre partecipanti al lavoro, Arel, PWC e centro studi federale, emergono. 7

8 Il report insieme al bilancio sociale, introdotto sulla spinta data dal Presidente Abete sei anni fa che accolse favorevolmente la proposta del Prof. Uva che all epoca, dopo le esperienze fatte in club calcistici, in altre discipline sportive ed all estero, fu chiamato a costituire e a dirigere quello che allora fu chiamato Centro studi ed iniziative speciali, è il frutto di un lungo processo di convincimento effettuato nei confronti delle Leghe restie a rendere pubblici dati certo non esaltanti. Ma d'altronde senza la conoscenza, l approfondimento e l analisi delle proprie problematiche e delle proprie criticità un sistema così complesso non avrebbe potuto procedere ad individuare i dovuti correttivi. Uva ha poi inteso porre l accento sul prioritario ruolo educativo che svolge il sistema calcio e che la Federazione ha impresso a chiare lettere nell art. 2 del proprio statuto. Punto 3. La FIGC, nell ambito delle proprie competenze, promuove la massima diffusione della pratica del giuoco del calcio in ogni fascia di età e di popolazione, con particolare riferimento al calcio giovanile. La FIGC detta principi affinché ogni giovane atleta formato ai fini di alta competizione sportiva riceva una formazione educativa e lavorativa complementare alla sua formazione sportiva. Punto 4. La FIGC concilia la dimensione professionistica ed economica del giuoco del calcio con la sua dimensione dilettantistica e sociale. In secondo luogo egli ha sottolineato l importanza delle 17 nazionali che compongono il Club Italia ed alle quali va dedicata grande attenzione, in specie alle tre che riguardano il calcio femminile cui la Federazione ascrive grande importanza. I dati principali del movimento: tesserati, il 25% del totale dei tesserati delle 45 federazioni associate al CONI, società, squadre di cui del Settore giovanile e scolastico, arbitri, oltre partite ufficiali ( oltre al giorno) e amichevoli l anno, quasi un punto di pil di indotto. 32 milioni di persone che si interessano di calcio, ossia un italiano su due. Sono numeri impressionanti che fanno capire quale effetto emulativo e quindi di traino il calcio susciti ai fini di una sempre maggiore diffusione della pratica sportiva, anche al di là dei risultati sui campi di giuoco. Di contro, ricordando i dati di altro Paesi come Inghilterra e Germania, il nostro calcio, in specie quello professionistico, soffre di un mix di ricavi sbilanciato sui diritti televisivi avendo trascurato lo sviluppo del merchandising, che nel complesso potrebbe essere meglio e più proficuamente conformato e venduto, 8

9 e l affluenza allo stadio anche essa diminuita ma che di per sé non è vero sia in concorrenza con la TV. Altre sono le ragioni di questa disaffezione: sicurezza, comodità, visibilità, servizi e così via. Anche nel comparto dei diritti televisivi c è ancora molto da lavorare in quanto ad esempio nei Paesi citati, lo sviluppo e la diffusione di questo comparto ha prodotto risultati di gran lunga maggiori di quelli prodotti in Italia. Il Direttore non ha infine sottaciuto la sofferenza degli assetti patrimoniali delle società professionistiche ancora gravate da debiti ingenti ma egli ritiene che l insieme delle riforme che si stanno progressivamente introducendo dovrebbe produrre, nel medio periodo, un miglioramento sensibile dei ratios e dei risultati economici. Il convegno, nelle sue varie fasi, ha toccato anche argomenti che quotidianamente sono all attenzione dei professionisti come l abuso del diritto e la vexata questio dell Irap sulle plusvalenze da cessione di beni strumentali, materiali ed immateriali, e al termine, dopo un ringraziamento caloroso al Prof. Fini anima e custode del Museo del Calcio che ha ospitato il convegno, il Presidente e il Direttore della Federazione hanno inteso omaggiare i relatori e i presidenti degli Ordini dei Commercialisti di Firenze, Roma e Milano e del Consiglio Nazionale di una maglia personalizzata della Nazionale A. L appuntamento è all anno prossimo, in occasione della presentazione del report calcio 2016, sperabilmente con numeri e prospettive migliori delle attuali. 9

Università di Ferrara. Corso di Laurea in Scienze Motorie Economia e Gestione delle Imprese Sportive. Cesare Mattei

Università di Ferrara. Corso di Laurea in Scienze Motorie Economia e Gestione delle Imprese Sportive. Cesare Mattei Società Professionistiche Università di Ferrara Corso di Laurea in Scienze Motorie Economia e Gestione delle Imprese Sportive Cesare Mattei VINCOLO SPORTIVO Nasceva con il tesseramento dell atleta da parte

Dettagli

PRESENTATO OGGI REPORTCALCIO 2015 : IL CALCIO TRA LE PRIME 10 INDUSTRIE ITALIANE

PRESENTATO OGGI REPORTCALCIO 2015 : IL CALCIO TRA LE PRIME 10 INDUSTRIE ITALIANE PRESENTATO OGGI REPORTCALCIO 2015 : IL CALCIO TRA LE PRIME 10 INDUSTRIE ITALIANE Il volume, edito dalla FIGC con la collaborazione di AREL e PwC, rappresenta la fotografia più aggiornata sullo stato del

Dettagli

Management delle imprese sportive

Management delle imprese sportive Master di I livello Management delle imprese sportive 1500 ore 60 CFU A.A. 2011/2012 (MA-053) TITOLO MANAGEMENT DELLE IMPRESE SPORTIVE DIRETTORE LUCA PANCALLI Avvocato Presidente del Comitato Italiano

Dettagli

Allegato n. 1 II Report Area Giuridica Progetto Allert II Fase

Allegato n. 1 II Report Area Giuridica Progetto Allert II Fase Allegato n. 1 II Report Area Giuridica Progetto Allert II Fase STRUMENTI DI SOLUZIONE DELLA CRISI D IMPRESA ALTERNATIVI AL FALLIMENTO Con la riforma del diritto fallimentare ad opera della l. n. 80 del

Dettagli

DCO 346/2014/R/GAS Riforma degli obblighi di separazione funzionale per il settore dell energia elettrica e del gas - Primi orientamenti-

DCO 346/2014/R/GAS Riforma degli obblighi di separazione funzionale per il settore dell energia elettrica e del gas - Primi orientamenti- DCO 346/2014/R/GAS Riforma degli obblighi di separazione funzionale per il settore dell energia elettrica e del gas - Primi orientamenti- Osservazioni e proposte ANIGAS Milano, 29 settembre 2014 PREMESSA

Dettagli

dottor Massimo Zeno dottore commercialista revisore contabile Curriculum vitae di

dottor Massimo Zeno dottore commercialista revisore contabile Curriculum vitae di Curriculum vitae di Massimo ZENO, dottore commercialista, iscritto all albo dei dottori commercialisti di Napoli dal 30 luglio 1985, Laureato in Economia e Commercio il 09 luglio 1984 discutendo una tesi

Dettagli

BIOERA S.P.A. Assemblea Ordinaria

BIOERA S.P.A. Assemblea Ordinaria BIOERA S.P.A. Assemblea Ordinaria Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione sulle proposte concernenti le materie poste all ordine del giorno ai sensi dell articolo 125-ter del Decreto Legislativo

Dettagli

Federico Maurizio d Andrea La società per azioni e il suo sistema di controllo interno e di gestione dei rischi

Federico Maurizio d Andrea La società per azioni e il suo sistema di controllo interno e di gestione dei rischi A12 407 Federico Maurizio d Andrea La società per azioni e il suo sistema di controllo interno e di gestione dei rischi Gli attori che presidiano la control governance Copyright MMXII ARACNE editrice

Dettagli

Il controllo interno delle imprese

Il controllo interno delle imprese Corso di International Accounting Università degli Studi di Parma - Facoltà di Economia (Modulo 1 e Modulo 2) LAMIB Il controllo interno delle imprese Anno Accademico 2009-2010 1 SISTEMA DI CONTROLLO IL

Dettagli

Federazione Italiana Giuoco Calcio Consiglio federale, 26 marzo 2015

Federazione Italiana Giuoco Calcio Consiglio federale, 26 marzo 2015 Federazione Italiana Giuoco Calcio Consiglio federale, 26 marzo 2015 1 INDICE MISSION SCENARIO ATTUALE CRITICITA AZIONI 2 MISSION Avviare un programma di rilancio del movimento calcistico femminile nel

Dettagli

INDICE PARTE I SPORT E GIUSTIZIA. CAPITOLO 1 I RAPPORTI TRA GIUSTIZIA SPORTIVA E GIUSTIZIA ORDINARIA di Piero Sandulli

INDICE PARTE I SPORT E GIUSTIZIA. CAPITOLO 1 I RAPPORTI TRA GIUSTIZIA SPORTIVA E GIUSTIZIA ORDINARIA di Piero Sandulli INDICE Premessa............................................. Introduzione al tema....................................... XIII XVII PARTE I SPORT E GIUSTIZIA I RAPPORTI TRA GIUSTIZIA SPORTIVA E GIUSTIZIA

Dettagli

Nota. Incontro con il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca. On. Stefania Giannini

Nota. Incontro con il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca. On. Stefania Giannini Nota Incontro con il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca On. Stefania Giannini Roma, 28 maggio 2014 Premessa Come è noto le Province si occupano del funzionamento, della manutenzione

Dettagli

focus 71.689 1.387.046 23,9% 7.657

focus 71.689 1.387.046 23,9% 7.657 focus 71.689 squadre Le squadre in attività nel 2010-2011 sono 71.689, delle quali 470 professionistiche, 17.020 dilettantistiche e 54.199 impegnate in attività di settore giovanile. Hanno disputato 704.496

Dettagli

Attività di formazione, attività promozionale e attività scolastica. Corsi di formazione e di informazione. Fuoriclasse cup. Comunicato Ufficilale N 1

Attività di formazione, attività promozionale e attività scolastica. Corsi di formazione e di informazione. Fuoriclasse cup. Comunicato Ufficilale N 1 Stagione sportiva 2006/2007 Comunicato Ufficilale N 1 4 Attività di formazione, attività promozionale e attività scolastica Corsi di formazione e di informazione Fuoriclasse cup C. ATTIVITA PROMOZIONALE

Dettagli

Rassegna Stampa. XII Forum SAF. Il concordato preventivo a sette anni dalla riforma: critiche e proposte

Rassegna Stampa. XII Forum SAF. Il concordato preventivo a sette anni dalla riforma: critiche e proposte Rassegna Stampa XII Forum SAF Il concordato preventivo a sette anni dalla riforma: critiche e proposte 12 aprile 2012 Cristina Castellani Progetti di Comunicazione Integrata Via Telesio, 17 20145 Milano

Dettagli

Bari - Il ruolo della donna oggi all interno degli organi decisionali tra diritti e opportunità

Bari - Il ruolo della donna oggi all interno degli organi decisionali tra diritti e opportunità TESTATA: 247.LIBERO.IT TITOLO: Bari - Il ruolo della donna oggi all interno degli organi decisionali tra diritti e opportunità 23/11/12 Bari - Il ruolo della donna oggi all interno degli organi decisionali

Dettagli

Regolamento. Per l uso e la gestione degli impianti sportivi comunali del Comune di Viano. COMUNE DI VIANO Provincia di Reggio Emilia

Regolamento. Per l uso e la gestione degli impianti sportivi comunali del Comune di Viano. COMUNE DI VIANO Provincia di Reggio Emilia COMUNE DI VIANO Provincia di Reggio Emilia UFFICIO SEGRETERIA SCUOLA - Via San Polo,1 42030 VIANO (RE) Regolamento Per l uso e la gestione degli impianti sportivi comunali del Comune di Viano Approvato

Dettagli

26Primo piano. 52 Giurisprudenza. 102 Speciale AL VIA LE AZIONI SINDACALI. Bilancio Fpa. Il caso Global. Intervista Senatore Divina

26Primo piano. 52 Giurisprudenza. 102 Speciale AL VIA LE AZIONI SINDACALI. Bilancio Fpa. Il caso Global. Intervista Senatore Divina Anno XV n. 85 Settembre Ottobre 2010 Pubblicazione Sindacato Nazionale Agenti di Assicurazione AL VIA LE AZIONI SINDACALI 26Primo piano Intervista Senatore Divina 52 Giurisprudenza Il caso Global 102 Speciale

Dettagli

Dipartimento delle Scienze Giuridiche (DSG) PRIMO MODULO

Dipartimento delle Scienze Giuridiche (DSG) PRIMO MODULO Dipartimento delle Scienze Giuridiche (DSG) Master IL NUOVO DIRITTO SOCIETARIO Aspetti giuridici ed economici, con particolare riferimento alla governance societaria Allegato 1 Programma didattico-scientifico

Dettagli

COORDINAMENTO ORDINI DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DELLA LOMBARDIA

COORDINAMENTO ORDINI DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DELLA LOMBARDIA Preg.mo dott. Giancarlo Laurini Commissario straordinario del Consiglio Nazionale dei Dottori commercialisti E degli Esperti contabili p.zza della Repubblica 59 00185 ROMA Presidenza@commercialisti.it

Dettagli

BASILEA II. Il ruolo del Dottore Commercialista consulente d impresa. Milano, 12 maggio 2004

BASILEA II. Il ruolo del Dottore Commercialista consulente d impresa. Milano, 12 maggio 2004 BASILEA II Il ruolo del Dottore Commercialista consulente d impresa Relatore: Aldo Camagni Presidente commissione finanza, controllo di gestione e contabilità d impresa dell Ordine dei Dottori Commercialisti

Dettagli

COMUNICATO UFFICIALE N. 158/L DEL 4 DICEMBRE 2015

COMUNICATO UFFICIALE N. 158/L DEL 4 DICEMBRE 2015 COMUNICATO UFFICIALE N. 158/L DEL 4 DICEMBRE 2015 LEGA ITALIANA CALCIO PROFESSIONISTICO 158/323 Comunicazioni della F.I.G.C. Si riporta il testo del Com. Uff. n. 212/A della F.I.G.C., pubblicato in data

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO 00198 ROMA - VIA GREGORIO ALLEGRI, 14 CASELLA POSTALE 245O

FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO 00198 ROMA - VIA GREGORIO ALLEGRI, 14 CASELLA POSTALE 245O FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO 00198 ROMA - VIA GREGORIO ALLEGRI, 14 CASELLA POSTALE 245O COMUNICATO UFFICIALE N. 245/A Il Consiglio Federale Ritenuta la necessità di modificare il Regolamento dell

Dettagli

STATUTO. L Associazione si affilia alla Federazione Italiana Giuoco Calcio, impegnandosi ad osservarne lo Statuto ed i Regolamenti.

STATUTO. L Associazione si affilia alla Federazione Italiana Giuoco Calcio, impegnandosi ad osservarne lo Statuto ed i Regolamenti. Art. 1 STATUTO E costituita l Associazione Sportiva dilettantistica. L Associazione in quanto non riconosciuta è disciplinata dagli art. 36 e seguenti del Codice Civile. L Associazione ha sede in Via.

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO 00198 ROMA - VIA GREGORIO ALLEGRI, 14 CASELLA POSTALE 245O

FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO 00198 ROMA - VIA GREGORIO ALLEGRI, 14 CASELLA POSTALE 245O FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO 00198 ROMA - VIA GREGORIO ALLEGRI, 14 CASELLA POSTALE 245O COMUNICATO UFFICIALE N. 63/A Il Consiglio Federale - ritenuto opportuno modificare l art. 72 delle Norme Organizzative

Dettagli

IL RESPONSABILE PER LA PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE NELLE SOCIETÀ PARTECIPATE ALLA LUCE DEI RECENTI ORIENTAMENTI INTERPRETATIVI MEF-ANAC

IL RESPONSABILE PER LA PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE NELLE SOCIETÀ PARTECIPATE ALLA LUCE DEI RECENTI ORIENTAMENTI INTERPRETATIVI MEF-ANAC IL RESPONSABILE PER LA PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE NELLE SOCIETÀ PARTECIPATE ALLA LUCE DEI RECENTI ORIENTAMENTI INTERPRETATIVI MEF-ANAC di Annalisa De Vivo L applicazione della legge 6 novembre 2012,

Dettagli

Osservatorio sulla mobilità e i trasport. Eurispes Italia SpA. Profilo Costitutivo ed Operativo dell Osservatorio sulla Mobilità ed i Trasporti

Osservatorio sulla mobilità e i trasport. Eurispes Italia SpA. Profilo Costitutivo ed Operativo dell Osservatorio sulla Mobilità ed i Trasporti Eurispes Italia SpA Profilo Costitutivo ed Operativo dell Osservatorio sulla Mobilità ed i Trasporti COSTITUZIONE E SEDE Nell ambito delle sue attività istituzionali, l Eurispes Italia SpA ha deciso di

Dettagli

PROGETTO SCUOLA SPORT E DISABILITA UN OCCASIONE DI INCONTRO E CRESCITA

PROGETTO SCUOLA SPORT E DISABILITA UN OCCASIONE DI INCONTRO E CRESCITA PROGETTO SCUOLA SPORT E DISABILITA UN OCCASIONE DI INCONTRO E CRESCITA PRESENTAZIONE Il presente progetto costituisce un iniziativa volta a promuovere un percorso di crescita dei ragazzi nel confronto,

Dettagli

Nufarm Italia S.r.l MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO. ai sensi del D.Lgs. n. 231/2001

Nufarm Italia S.r.l MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO. ai sensi del D.Lgs. n. 231/2001 Nufarm Italia S.r.l MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO ai sensi del D.Lgs. n. 231/2001 Il presente documento ha lo scopo di illustrare il Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo adottato

Dettagli

Genova, 20 gennaio 2015

Genova, 20 gennaio 2015 Genova, 20 gennaio 2015 Approfondimenti sulle società di capitali: modelli di governance, sistemi di controllo, quote e azioni, diritti particolari, operazioni su azioni proprie Sede di svolgimento Ordine

Dettagli

MASTER di I Livello MA144 - MANAGEMENT DELLE IMPRESE SPORTIVE (I EDIZIONE) 1500 ore - 60 CFU Anno Accademico 2012/2013 MA144

MASTER di I Livello MA144 - MANAGEMENT DELLE IMPRESE SPORTIVE (I EDIZIONE) 1500 ore - 60 CFU Anno Accademico 2012/2013 MA144 MASTER di I Livello MA144 - MANAGEMENT DELLE IMPRESE SPORTIVE (I EDIZIONE) 1500 ore - 60 CFU Anno Accademico 2012/2013 MA144 www.unipegaso.it Titolo MA144 - MANAGEMENT DELLE IMPRESE SPORTIVE (I EDIZIONE)

Dettagli

4. Modello in tema di tutela della sicurezza sul lavoro

4. Modello in tema di tutela della sicurezza sul lavoro 4. Modello in tema di tutela della sicurezza sul lavoro 4.1 Previsioni del d.lgs. 81/2008 Il d.lgs. n. 81 del 9 aprile 2008 ha sostanzialmente innovato la legislazione in materia di sicurezza e salute

Dettagli

IL CDA APPROVA I DATI RELATIVI AL PRIMO TRIMESTRE 2010/2011

IL CDA APPROVA I DATI RELATIVI AL PRIMO TRIMESTRE 2010/2011 IL CDA APPROVA I DATI RELATIVI AL PRIMO TRIMESTRE 2010/2011 Sommario i Ricavi del primo trimestre sono pari a 48,8 milioni, in diminuzione di 16,1 milioni (pari al 24,8%) rispetto a 64,9 milioni del primo

Dettagli

LE ISTITUZIONI DELL UNIONE EUROPEA

LE ISTITUZIONI DELL UNIONE EUROPEA LE ISTITUZIONI DELL UNIONE EUROPEA L UE è uno Stato, una confederazione, una federazione, un organizzazione internazionale? È un organizzazione internazionale dotata di ampi poteri che configurano cessioni

Dettagli

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza Dopo aver letto attentamente il seguente articolo giornalistico, Il rischio debito affonda le Borse, il candidato risponda ai seguenti quesiti tenento conto che la risposta corretta è una soltanto. FRANCOFORTE.

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. 30/09/2011 30/06/2011 Diff.%le in Euro/ml Patrimonio Netto 11,07 10,50 5,38 Posizione (indebitamento) finanziaria

COMUNICATO STAMPA. 30/09/2011 30/06/2011 Diff.%le in Euro/ml Patrimonio Netto 11,07 10,50 5,38 Posizione (indebitamento) finanziaria Sommario COMUNICATO STAMPA Dati Economici Consolidati 01/07/2011 01/07/2010 Diff.%le Trimestrali 30/09/2011 30/09/2010 in Euro/ml Valore della Produzione 17,95 18,01 (0,36) Costi Operativi (20,99) (16,26)

Dettagli

Audizione dell IVASS. Commissioni Riunite 10 a Commissione permanente (Industria, commercio, turismo)

Audizione dell IVASS. Commissioni Riunite 10 a Commissione permanente (Industria, commercio, turismo) Conversione in legge del decreto-legge 24 giugno 2014, n. 91, recante disposizioni urgenti per il settore agricolo, la tutela ambientale e l'efficientamento energetico dell'edilizia scolastica e universitaria,

Dettagli

A. S. 1612 Misure urgenti di degiurisdizionalizzazione ed altri interventi per la definizione dell arretrato in materia di Processo Civile

A. S. 1612 Misure urgenti di degiurisdizionalizzazione ed altri interventi per la definizione dell arretrato in materia di Processo Civile SENATO DELLA REPUBBLICA II COMMISSIONE PERMANENTE GIUSTIZIA A. S. 1612 Misure urgenti di degiurisdizionalizzazione ed altri interventi per la definizione dell arretrato in materia di Processo Civile BREVI

Dettagli

Organismo Italiano di Contabilità Approvato Comitato Esecutivo in data 25 giugno 2003 00187 Roma, Via Poli 29 Tel. 06/6976681 Fax: 06/69766830

Organismo Italiano di Contabilità Approvato Comitato Esecutivo in data 25 giugno 2003 00187 Roma, Via Poli 29 Tel. 06/6976681 Fax: 06/69766830 L APPLICAZIONE IN ITALIA DEI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI E LA RIFORMA DELLA DISCIPLINA DEL BILANCIO INTERVENTI LEGISLATIVI RELATIVI ALLA DISCIPLINA DEL BILANCIO IN CONSIDERAZIONE DEL D.LGS. 17 GENNAIO

Dettagli

STATUTO TITOLO 1 COSTITUZIONE E FINALITA DELL ENTE

STATUTO TITOLO 1 COSTITUZIONE E FINALITA DELL ENTE STATUTO TITOLO 1 COSTITUZIONE E FINALITA DELL ENTE ART.1 Costituzione e sede E costituito in Milano con sede in Piazza Castello, 3 la Fondazione E.S.A.E. Tale Ente, Ente Morale di diritto privato a norma

Dettagli

*** Proposta di assistenza e supporto operativo per redazione di un piano di razionalizzazione e riorganizzazione delle società partecipate COMUNE DI

*** Proposta di assistenza e supporto operativo per redazione di un piano di razionalizzazione e riorganizzazione delle società partecipate COMUNE DI Proposta di assistenza e supporto operativo per redazione di un piano di razionalizzazione e riorganizzazione delle società partecipate *** COMUNE DI QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO L approvazione della

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA CONSIGLIO REGIONALE DELLA TOSCANA. Introduzione del principio di separazione bancaria

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA CONSIGLIO REGIONALE DELLA TOSCANA. Introduzione del principio di separazione bancaria Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2597 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEL CONSIGLIO REGIONALE DELLA TOSCANA Introduzione del principio di separazione bancaria Presentata il

Dettagli

TITOLO III. - LA STRUTTURA. 1. L Assemblea della Federazione si compone dei delegati delle società ed associazioni ad

TITOLO III. - LA STRUTTURA. 1. L Assemblea della Federazione si compone dei delegati delle società ed associazioni ad TITOLO III. - LA STRUTTURA a) L Assemblea Art. 14 Composizione 1. L Assemblea della Federazione si compone dei delegati delle società ed associazioni ad essa affi liate, che vi partecipano, con eguali

Dettagli

Scheda introduttiva alle PROCEDURE DI COMPOSIZIONE DELLA CRISI DA SOVRAINDEBITAMENTO

Scheda introduttiva alle PROCEDURE DI COMPOSIZIONE DELLA CRISI DA SOVRAINDEBITAMENTO ODCEC Torino Scheda introduttiva alle PROCEDURE DI COMPOSIZIONE DELLA CRISI DA SOVRAINDEBITAMENTO 1 PREMESSA Quanto segue rappresenta una prima analisi della normativa. Tale analisi è stata necessariamente

Dettagli

PARERE CONSULTIVO. della Commissione nominata dalla Federazione Italiana Giuoco Calcio e così composta:

PARERE CONSULTIVO. della Commissione nominata dalla Federazione Italiana Giuoco Calcio e così composta: PARERE CONSULTIVO della Commissione nominata dalla Federazione Italiana Giuoco Calcio e così composta: Avv. Gerhard Aigner Prof. Massimo Coccia Prof. Roberto Pardolesi * * * I. PREMESSA 1. La Federazione

Dettagli

STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE SOCIETÀ ITALIANA DI INFORMATICA GIURIDICA

STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE SOCIETÀ ITALIANA DI INFORMATICA GIURIDICA STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE SOCIETÀ ITALIANA DI INFORMATICA GIURIDICA * * * Art. 1 - Denominazione, sede e scopo sociale. 1.1 È costituita fra essi comparenti l Associazione Società italiana di Informatica

Dettagli

STATUTO I. NOME, SEDE, FINI, STRUMENTI

STATUTO I. NOME, SEDE, FINI, STRUMENTI STATUTO I. NOME, SEDE, FINI, STRUMENTI Art. 1 - E costituita, ai sensi degli artt. 36 e ss. c.c., l'associazione culturale AEQUA Associazione per l Efficienza e la QUalità nell Amministrazione). Art. 2

Dettagli

Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni

Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni DELIBERA N. MISURA E MODALITÀ DI VERSAMENTO DEL CONTRIBUTO DOVUTO ALL AUTORITÀ PER LE GARANZIE NELLE COMUNICAZIONI PER L ANNO 2015 L AUTORITÀ NELLA sua riunione di Consiglio del 6 novembre 2014; VISTA

Dettagli

Dipartimento delle Scienze Giuridiche (DSG)

Dipartimento delle Scienze Giuridiche (DSG) Dipartimento delle Scienze Giuridiche (DSG) Master IL NUOVO DIRITTO SOCIETARIO Aspetti giuridici ed economici, con particolare riferimento alla governance societaria Allegato 1 Programma didattico-scientifico

Dettagli

I sistemi di whistleblowing alla luce delle disposizioni di Banca d Italia

I sistemi di whistleblowing alla luce delle disposizioni di Banca d Italia I sistemi di whistleblowing alla luce delle disposizioni di Banca d Italia Introduzione, sviluppo e prospettive evolutive in ambito nazionale di Luana Veronese* e Mario Chiodi** 1. Le tendenze innovative

Dettagli

Nota metodologica 283

Nota metodologica 283 Nota metodologica Questo volume, indirizzato sia ai giovani che stanno per iscriversi a un corso di laurea, sia a quelli che stanno per completare gli studi, concentra la propria attenzione sulle prospettive

Dettagli

PININFARINA S.p.A. RELAZIONE SULLA REMUNERAZIONE 2014

PININFARINA S.p.A. RELAZIONE SULLA REMUNERAZIONE 2014 PININFARINA S.p.A. RELAZIONE SULLA REMUNERAZIONE 2014 (Art. 123 ter, D.Lgs. 58/1998) (Approvata dal Consiglio di Amministrazione in data 19/03/2015) (Sito web: www.pininfarina.com) 2 SEZIONE I a) Per quanto

Dettagli

Newsletter: Maggio Luglio 2014

Newsletter: Maggio Luglio 2014 Newsletter: Maggio Luglio 2014 ORDINE EUROPEO DI INDAGINE PENALE Direttiva 2014/41/UE del Parlamento europeo e del Consiglio del 3 aprile 2014 relativa all ordine europeo di indagine penale, pubblicata

Dettagli

RISOLUZIONE N. 1 DEL 14 FEBBRAIO 2012

RISOLUZIONE N. 1 DEL 14 FEBBRAIO 2012 RISOLUZIONE N. 1 DEL 14 FEBBRAIO 2012 Il Consiglio di Presidenza della Giustizia tributaria nella seduta del sentito il relatore Domenico CHINDEMI; emana la seguente risoluzione: (MODIFICA E INTEGRAZIONE

Dettagli

Parte Speciale G : I reati transnazionali e di ricettazione, riciclaggio ed impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita

Parte Speciale G : I reati transnazionali e di ricettazione, riciclaggio ed impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita Parte Speciale G : I reati transnazionali e di ricettazione, riciclaggio ed impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO ADOTTATO DA COMAG s.r.l.

Dettagli

Guglielmo Faldetta LA GOVERNANCE DELLE UNIVERSITÁ STATALI E NON STATALI PRIMA E DOPO LA RIFORMA GELMINI

Guglielmo Faldetta LA GOVERNANCE DELLE UNIVERSITÁ STATALI E NON STATALI PRIMA E DOPO LA RIFORMA GELMINI Guglielmo Faldetta LA GOVERNANCE DELLE UNIVERSITÁ STATALI E NON STATALI PRIMA E DOPO LA RIFORMA GELMINI Il tema della governance è stato ed è tuttora certamente uno dei punti al centro del dibattito sulla

Dettagli

Diritto penale dell impresa

Diritto penale dell impresa Centro Studi Federico Stella sulla Giustizia penale e la Politica criminale Master di II livello 1 Destinatari Il master si rivolge a laureati in discipline giuridiche ed economico-giuridiche, professionisti,

Dettagli

Il Consiglio Nazionale dell Associazione Nazionale. Forense, riunitosi in Catania nei giorni 8 e 9 ottobre 2011

Il Consiglio Nazionale dell Associazione Nazionale. Forense, riunitosi in Catania nei giorni 8 e 9 ottobre 2011 Il Consiglio Nazionale dell Associazione Nazionale Forense, riunitosi in Catania nei giorni 8 e 9 ottobre 2011 udita la relazione del Segretario Generale; esaminato l art.3 del d.l. 138/2011, convertito

Dettagli

CORSO INTENSIVO DI DIRITTO SPORTIVO III edizione RICCIONE

CORSO INTENSIVO DI DIRITTO SPORTIVO III edizione RICCIONE CORSO INTENSIVO DI DIRITTO SPORTIVO III edizione RICCIONE 3 4 5 APRILE 2014 Hotel Ambasciatori Luxury Resort & spa Via Milano 99 - Riccione Il Corso di Diritto Sportivo, organizzato dal Centro Studi Pentesilea,

Dettagli

ODCEC NAPOLI - CNDCEC DOTT. GIANFRANCO TORTORANO. I Dottori Commercialisti e l attività di consulenza finanziaria

ODCEC NAPOLI - CNDCEC DOTT. GIANFRANCO TORTORANO. I Dottori Commercialisti e l attività di consulenza finanziaria ODCEC NAPOLI - CNDCEC DOTT. GIANFRANCO TORTORANO I Dottori Commercialisti e l attività di consulenza finanziaria 5 novembre 2014 Come è cambiata la professione del Dottore Commercialista Approfondire il

Dettagli

Codice di autoregolamentazione dell informazione sportiva denominato Codice media e sport

Codice di autoregolamentazione dell informazione sportiva denominato Codice media e sport Codice di autoregolamentazione dell informazione sportiva denominato Codice media e sport PREAMBOLO Le emittenti televisive e radiofoniche e i fornitori di contenuti firmatari o aderenti alle associazioni

Dettagli

Fondazione dei Dottori Commercialisti di Milano

Fondazione dei Dottori Commercialisti di Milano Fondazione dei Dottori Commercialisti di Milano Rassegna Stampa 1 Convegno Garanzie e Tutele Sociali Piccole e medie imprese Sviluppo, finanziamento e governance etica di mercato e garanzie sociali 12

Dettagli

L AUTOARBITRAGGIO: Istruzioni per l uso

L AUTOARBITRAGGIO: Istruzioni per l uso L AUTOARBITRAGGIO: Istruzioni per l uso Visti i positivi riscontri avuti, nella corrente stagione sportiva le gare della categoria Pulcini dovranno essere arbitrate con il metodo dell autoarbitraggio [

Dettagli

Vigilanza bancaria e finanziaria

Vigilanza bancaria e finanziaria Vigilanza bancaria e finanziaria DISPOSIZIONI DI VIGILANZA IN MATERIA DI POTERI DI DIREZIONE E COORDINAMENTO DELLA CAPOGRUPPO DI UN GRUPPO BANCARIO NEI CONFRONTI DELLE SOCIETÀ DI GESTIONE DEL RISPARMIO

Dettagli

I contratti a progetto e i lavoratori autonomi a partita Iva dopo la riforma Fornero

I contratti a progetto e i lavoratori autonomi a partita Iva dopo la riforma Fornero I contratti a progetto e i lavoratori autonomi a partita Iva dopo la riforma Fornero La riforma del mercato del lavoro proposta da Elsa Fornero entrata in vigore il 18 Luglio 2012 è orientata a razionalizzare

Dettagli

Autorità Nazionale Anticorruzione Presidente

Autorità Nazionale Anticorruzione Presidente DELIBERA N. 146 DEL 2014 IN MATERIA DI ESERCIZIO DEL POTERE DI ORDINE NEL CASO DI MANCATA ADOZIONE DI ATTI O PROVVEDIMENTI RICHIESTI DAL PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE E DAL PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE

Dettagli

SINTESI DEL DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI INCONFERIBILITÀ E

SINTESI DEL DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI INCONFERIBILITÀ E SINTESI DEL DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI INCONFERIBILITÀ E INCOMPATIBILITÀ DI INCARICHI PRESSO LE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI E PRESSO GLI ENTI PRIVATI IN CONTROLLO PUBBLICO, A

Dettagli

LEGA ITALIANA CALCIO PROFESSIONISTICO. Sanzioni penali e sanzioni sportive

LEGA ITALIANA CALCIO PROFESSIONISTICO. Sanzioni penali e sanzioni sportive LEGA ITALIANA CALCIO PROFESSIONISTICO LOTTA ALLE FRODI NELLE SCOMMESSE SPORTIVE Sanzioni penali e sanzioni sportive SANZIONI INDICE SANZIONI PENALI L.401/89 - Art. 1. Frode in competizioni sportive pag.

Dettagli

INTERVENTI. L ACCORDO DI BASILEA 2 Nuovi rapporti tra imprese e banche

INTERVENTI. L ACCORDO DI BASILEA 2 Nuovi rapporti tra imprese e banche INTERVENTI L ACCORDO DI BASILEA 2 Nuovi rapporti tra imprese e banche di MAURIZIO CALELLO È arrivato a conclusione dopo un lungo e intenso lavoro il nuovo accordo internazionale sui requisiti patrimoniali

Dettagli

LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZA DELLO SPORT PROF. OTTORINO ASCANI

LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZA DELLO SPORT PROF. OTTORINO ASCANI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO Rapporti interdisciplinari tra il Diritto Sportivo comunitario ed il Diritto Costituzionale, Commerciale, Fiscale e Internazionale. ( Insegnamento Jean Monnet della Commissione

Dettagli

STATUTO Associazione Regionale Veneti a Milano TITOLO I

STATUTO Associazione Regionale Veneti a Milano TITOLO I STATUTO Associazione Regionale Veneti a Milano TITOLO I DENOMINAZIONE SEDE DURATA Art. 1) Denominazione È costituita l Associazione denominata Associazione Veneti a Milano O.N.L.U.S. Art. 2) Sede L Associazione

Dettagli

STATUTO. Articolo 2 Sede L Associazione ha sede in Milano - via Costantino Baroni n. 228.

STATUTO. Articolo 2 Sede L Associazione ha sede in Milano - via Costantino Baroni n. 228. STATUTO Articolo 1 Denominazione E costituita una Associazione denominata: COMUNITA OKLAHOMA ONLUS Articolo 2 Sede L Associazione ha sede in Milano - via Costantino Baroni n. 228. Articolo 3 Scopo L Associazione

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DOTTORI COMMERCIALISTI CONSIGLIO NAZIONALE RAGIONIERI COMMERCIALISTI. Osservazioni e note sul

CONSIGLIO NAZIONALE DOTTORI COMMERCIALISTI CONSIGLIO NAZIONALE RAGIONIERI COMMERCIALISTI. Osservazioni e note sul CONSIGLIO NAZIONALE DOTTORI COMMERCIALISTI CONSIGLIO NAZIONALE RAGIONIERI COMMERCIALISTI Osservazioni e note sul D.L. 4 luglio 2006, n. 223 Disposizioni urgenti per il rilancio economico e sociale, per

Dettagli

Stagione Sportiva 2015/2016. Comunicato Ufficiale N. 001

Stagione Sportiva 2015/2016. Comunicato Ufficiale N. 001 Stagione Sportiva 2015/2016 Comunicato Ufficiale N. 001 COMUNICAZIONI DELLA F.I.G.C. COMUNICAZIONI DELLA L.N.D. COMUNICAZIONI DELLA DIVISIONE CALCIO A CINQUE 1.1 SITO INTERNET Si segnala che l indirizzo

Dettagli

Sistema Licenze Nazionali 2011/2012

Sistema Licenze Nazionali 2011/2012 Sistema Licenze Nazionali 2011/2012 Le società, per partecipare al Campionato di competenza stagione sportiva 2011/2012, devono ottenere la Licenza Nazionale e a tal fine devono effettuare gli adempimenti

Dettagli

REGOLAMENTO SULLA ISTITUZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE E OTTIMIZZAZIONE DELLA PRODUTTIVITÀ DELL AERO CLUB D ITALIA

REGOLAMENTO SULLA ISTITUZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE E OTTIMIZZAZIONE DELLA PRODUTTIVITÀ DELL AERO CLUB D ITALIA REGOLAMENTO SULLA ISTITUZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE E OTTIMIZZAZIONE DELLA PRODUTTIVITÀ DELL AERO CLUB D ITALIA Approvato con delibera C. F. n. 109/2014 REGOLAMENTO SULLA ISTITUZIONE DEL NUCLEO DI

Dettagli

INFORMAZIONI PERSONALI

INFORMAZIONI PERSONALI ART. 21 LEGGE 18/06/2009 N. 69 CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Data e luogo di nascita Qualifica GIOVANNI PRISCO 18/07/1967 Pomigliano D Arco (NA) Dottore Commercialista Numero telefonico

Dettagli

Altre deliberazioni Assemblea. 16-19 aprile 2010

Altre deliberazioni Assemblea. 16-19 aprile 2010 Altre deliberazioni Assemblea 16-19 aprile 2010 Autorizzazione all acquisto e alla disposizione di azioni proprie come già detto in altra parte della relazione, l Assemblea ordinaria del 17 aprile 2009

Dettagli

Evento celebrativo del decennale OIC Il ruolo del National Standard Setter. Intervento del Vice Direttore Generale ISVAP Dott.ssa Flavia MAZZARELLA

Evento celebrativo del decennale OIC Il ruolo del National Standard Setter. Intervento del Vice Direttore Generale ISVAP Dott.ssa Flavia MAZZARELLA Evento celebrativo del decennale OIC Il ruolo del National Standard Setter Intervento del Vice Direttore Generale ISVAP Dott.ssa Flavia MAZZARELLA 16 dicembre 2011 Buongiorno a tutti, prometto di essere

Dettagli

STATUTO DELL ANCD ASSOCIAZIONE NAZIONALE COOPERATIVE FRA DETTAGLIANTI

STATUTO DELL ANCD ASSOCIAZIONE NAZIONALE COOPERATIVE FRA DETTAGLIANTI STATUTO DELL ANCD ASSOCIAZIONE NAZIONALE COOPERATIVE FRA DETTAGLIANTI Capo I: COSTITUZIONE, SCOPO E ATTIVITA Art. 1: Costituzione e scopi E costituita con sede in Roma ai sensi e per gli effetti di cui

Dettagli

Relazione sulla remunerazione ai sensi dell art. 123-ter del D.Lgs. 58/1998; delibere inerenti e conseguenti.

Relazione sulla remunerazione ai sensi dell art. 123-ter del D.Lgs. 58/1998; delibere inerenti e conseguenti. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI GRUPPO MUTUIONLINE S.P.A. SULLE PROPOSTE ALL'ORDINE DEL GIORNO DELL ASSEMBLEA ORDINARIA CONVOCATA IN PRIMA CONVOCAZIONE PER IL 23 APRILE 2013

Dettagli

Il piano ex Art. 67 3 co. lett. d) legge fallimentare: criticità e punti di attenzione v v

Il piano ex Art. 67 3 co. lett. d) legge fallimentare: criticità e punti di attenzione v v Il piano ex Art. 67 3 co. lett. d) legge fallimentare: criticità e punti di attenzione v v Art. 67 comma 3, lettera d) Legge Fallimentare Il contenuto La riforma del diritto fallimentare ha introdotto

Dettagli

STATUTO DELLA SCUOLA CIVICA DI MUSICA

STATUTO DELLA SCUOLA CIVICA DI MUSICA STATUTO DELLA SCUOLA CIVICA DI MUSICA Art. 1 ( Scuola Civica di Musica ) E costituita nel Comune di Villacidro la Scuola Civica di Musica nella forma di cui all art. 114 del D. Lgs.vo n. 267 del 18 Agosto

Dettagli

Oggetto: Istanza d interpello. Fondazione X. Acquisizione della qualifica di ONLUS. Partecipazione di enti pubblici e società commerciali.

Oggetto: Istanza d interpello. Fondazione X. Acquisizione della qualifica di ONLUS. Partecipazione di enti pubblici e società commerciali. RISOLUZIONE N.164/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma 28 dicembre 2004 Oggetto: Istanza d interpello. Fondazione X. Acquisizione della qualifica di ONLUS. Partecipazione di enti pubblici

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE

STATUTO ASSOCIAZIONE STATUTO ASSOCIAZIONE TITOLO 1: DISPOSIZIONI GENERALI Art 1 Denominazione e sede. Ai sensi della legge 7 dicembre 2000, n. 383, e delle norme del codice civile in tema di associazioni è costituita l Associazione

Dettagli

XV CONGRESSO UNIONE CAMERE PENALI ITALIANE

XV CONGRESSO UNIONE CAMERE PENALI ITALIANE XV CONGRESSO UNIONE CAMERE PENALI ITALIANE Venezia 19, 20 e 21 settembre 2014 OSSERVATORIO PER LE INVESTIGAZIONI DIFENSIVE 2 RELAZIONE SULL ATTIVITÀ DELL OSSERVATORIO DAL SETTEMBRE 2013 AL SETTEMBRE 2014

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato SCHULLIAN

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato SCHULLIAN Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2601 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato SCHULLIAN Introduzione del principio della separazione tra le banche commerciali e le banche

Dettagli

1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità

1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità 1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità Roma, 21 Gennaio 2009 Palazzo Marini Sala delle Colonne Discorso di apertura, Luciano Baggiani Presidente ANEA Illustri ospiti,

Dettagli

ALL. 2 Fatti di bancarotta fraudolenta patrimoniale (art. 216, comma 1, n. 1) Fatti di bancarotta fraudolenta documentale (art. 216, comma 1, n.

ALL. 2 Fatti di bancarotta fraudolenta patrimoniale (art. 216, comma 1, n. 1) Fatti di bancarotta fraudolenta documentale (art. 216, comma 1, n. ALL. 2 Fatti di bancarotta fraudolenta patrimoniale (art. 216, comma 1, n. 1): L art. 216, primo comma, n. 1, L. Fall. sanziona l imprenditore, dichiarato fallito, che prima della dichiarazione di fallimento

Dettagli

L ENPAM. (materiale tratto dal sito istituzionale online dell ente)

L ENPAM. (materiale tratto dal sito istituzionale online dell ente) L ENPAM (materiale tratto dal sito istituzionale online dell ente) L Ente Nazionale di Previdenza ed Assistenza medici è fondazione senza scopo di lucro e con personalità giuridica di diritto privato;

Dettagli

Per il perseguimento dei propri scopi potrà affiliarsi ad associazioni o federazioni nazionali ed internazionali.

Per il perseguimento dei propri scopi potrà affiliarsi ad associazioni o federazioni nazionali ed internazionali. El Fueye tango club Ass. Culturale Sportivo Dilettantistica Statuto Art. 1: Denominazione e Marchio E costituita l Associazione culturale sportivo dilettantistica denominata El Fueye tango club, qui di

Dettagli

agevolare e accelerare lo scambio di informazioni e fornire assistenza nelle indagini.

agevolare e accelerare lo scambio di informazioni e fornire assistenza nelle indagini. DISEGNO DI LEGGE RECANTE RATIFICA ED ESECUZIONE DELL ACCORDO DI COOPERAZIONE TRA LA COMUNITÀ EUROPEA E I SUOI STATI MEMBRI DA UN LATO, E LA CONFEDERAZIONE SVIZZERA, DALL ALTRO, PER LOTTARE CONTRO LA FRODE

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE PAOLO MARUTI ONLUS

STATUTO ASSOCIAZIONE PAOLO MARUTI ONLUS STATUTO ASSOCIAZIONE PAOLO MARUTI ONLUS Verbale assemblea straordinaria del 27 marzo 2009 atto Dottor Alessio Michele Chiambretti Notaio n. 196753/43041 di repertorio Registrato a Saronno il 6 aprile 2009

Dettagli

A.N.F. ASSOCIAZIONE NAZIONALE FORENSE SEDE DI ROMA. Statuto della Sede Romana dell Associazione Nazionale Forense

A.N.F. ASSOCIAZIONE NAZIONALE FORENSE SEDE DI ROMA. Statuto della Sede Romana dell Associazione Nazionale Forense A.N.F. ASSOCIAZIONE NAZIONALE FORENSE SEDE DI ROMA Statuto della Sede Romana dell Associazione Nazionale Forense Art. 1 Disposizioni generali E costituita in Roma, con sede legale presso il Tribunale Civile,

Dettagli

R E L A Z I O N E. Premessa

R E L A Z I O N E. Premessa DECRETO LEGISLATIVO RECANTE RECEPIMENTO DELLE RACCOMANDAZIONI DELLA COMMISSIONE EUROPEA 2004/913/CE E 2009/385/CE IN MATERIA DI REMUNERAZIONE DEGLI AMMINISTRATORI DELLE SOCIETA QUOTATE. R E L A Z I O N

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XVI LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XVI LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XVI LEGISLATURA Doc. XVIII n. 57 RISOLUZIONE DELLA 6ª COMMISSIONE PERMANENTE (Finanze e tesoro) (Estensore FERRARA) approvata nella seduta del 20 ottobre 2010 SULLA PROPOSTA DI

Dettagli

IN COLLABORAZIONE CON. Promuove il Corso. Football Manager

IN COLLABORAZIONE CON. Promuove il Corso. Football Manager IN COLLABORAZIONE CON Promuove il Corso Football Manager DESCRIZIONE DEL PROFILO PROFESSIONALE Il Football Manager è un dirigente che ricopre un ruolo di grande rilievo all interno di una società calcistica.

Dettagli

PRESTAZIONI LAVORATIVE CON ASSOCIAZIONI E SOCIETA SPORTIVE DILETTANTISTICHE

PRESTAZIONI LAVORATIVE CON ASSOCIAZIONI E SOCIETA SPORTIVE DILETTANTISTICHE PRESTAZIONI LAVORATIVE CON ASSOCIAZIONI E SOCIETA SPORTIVE DILETTANTISTICHE Malgrado che nel linguaggio comune accade sovente che l associazione viene identificata con la società e viceversa, con un uso

Dettagli

Autorizzazione all acquisto e alla disposizione di azioni proprie

Autorizzazione all acquisto e alla disposizione di azioni proprie Altre deliberazioni Autorizzazione all acquisto e alla disposizione di azioni proprie Signori Azionisti, l Assemblea ordinaria del 28 aprile 2008 aveva rinnovato alla Società l autorizzazione all acquisto

Dettagli

ALTA FORMAZIONE ECONOMICO-GIURIDICA e TRIBUTARIA. TAX L@b 2015. Laboratorio di Fiscalità Internazionale

ALTA FORMAZIONE ECONOMICO-GIURIDICA e TRIBUTARIA. TAX L@b 2015. Laboratorio di Fiscalità Internazionale ALTA FORMAZIONE ECONOMICO-GIURIDICA e TRIBUTARIA TAX L@b 2015 Laboratorio di Fiscalità Internazionale Corso teorico-pratico per Professionisti, Fiscalisti d impresa, Tax Risk Manager, Tax Compliance Officer,

Dettagli