PRESENTAZIONE GENERALE DELLA REPUBBLICA SLOVACCA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PRESENTAZIONE GENERALE DELLA REPUBBLICA SLOVACCA"

Transcript

1 PRESENTAZIONE GENERALE DELLA REPUBBLICA SLOVACCA Principali settori produttivi e specializzazioni manifatturiere La Slovacchia può vantare una lunga tradizione industriale; alcuni settori, come l elettronico, l automazione industriale, l engeneering e la lavorazione del legno sono molto sviluppati; altri, come l information technology e i servizi strategici, stanno recentemente offrendo ottime possibilità d investimento. La produzione industriale rappresenta il 29% del PIL nazionale e circa l 80% delle esportazioni del Paese. Più del 60% degli investimenti esteri sono indirizzati in questo settore. L industria manifatturiera, a sua volta, rappresenta circa il 90% della produzione industriale. Negli ultimi anni, infatti, si sono sviluppati quei comparti dell industria leggera che richiedono l utilizzo di manodopera specializzata: tessile, calzaturiero, lavorazione del legno, carta e cellulosa, ceramica e meccanica. I comparti più sviluppati dell industria pesante sono il metalmeccanico, il chimico, l engineering ed il settore elettrico. Altri comparti di rilievo sono il metallurgico (acciaio, alluminio, nichel), legno, carta e cellulosa, tessile. Il settore agricolo ha subito profondi cambiamenti negli ultimi dieci anni. Mentre fino al 1990 la coltivazione era concentrata nelle cooperative e nelle aziende statali, oggi in Slovacchia ci sono circa coltivatori diretti che gestiscono terreni da 1 a 700 ettari. Il tasso di occupazione nel settore tuttavia continua a decrescere e l agricoltura occupa ormai solo il 4% della popolazione in età lavorativa. Il settore agricolo, tuttavia, è considerato strategico, quindi il Governo sta cercando di fare approvare una serie di incentivi per il miglioramento della qualità dei prodotti e l incremento della produzione e del rendimento tonnellata/ettaro. In questo contesto, il mercato delle macchine agricole è in ripresa e lo stato ha in previsione prestiti a tasso agevolato per gli agricoltori ed incentivi economici alle cooperative. Anche l allevamento, seppur in maniera minore, ha risentito della crisi del settore e si sono registrate diminuzioni nel numero di capi allevati sia bovini, che ovini.

2 Principali Indicatori Macroeconomici PIL a prezzi costanti (miliardi di SKK) 879, ,8 PIL Pro- Capite a prezzi costanti (in Euro) Crescita % del PIL 4,4 4,2 5,5 Tasso di Inflazione (%) 3,3 8,5 6,7 Tasso di Disoccupazione (%) 17,8 15,6 13,1 Saldo del Bilancio dello Stato (miliardi di SKK) -51,6-56,03-29,42 Debito Estero (miliardi di USD) 13,5 18,3 18,9 Formazione del PIL Agricoltura 4,5% Costruzioni 4,8% Industria 33,3% Servizi 40,7% Altro 16,7% Elaborazione CCIS su dati dell ICE Principali Indicatori Demografici L assetto demografico del paese è efficacemente descritto dalla tabella sottostante, che riporta i risultati di un censimento effettuato nel 2003; i dati del 2004 sono stati ottenuti tramite procedimenti di inferenza statistica Indicatori (dati al 31/12/04) Val. assoluto Val. assoluto Val. assoluto Popolazione totale Maschi Femmine Matrimoni Divorzi Nati vivi Decessi Incremento naturale Flusso migratorio Fonte: Ufficio di statistica 2

3 Popolazione suddivisa per regioni: Regione Valore (in migliaia) Percentuale (%) Bratislava Trnava Trencin Nitra Zilina Banska bistrica Presov Kosice Totale Fonte: Ufficio di Statistica (dati aggiornati a luglio 2003) Commercio Estero Geograficamente, la Slovacchia si situa in una posizione strategica di collegamento tra i mercati dell ovest e i mercati dell est dell Europa, coinvolgendo dunque un potenziale di 350 milioni di persone. È percorsa da diversi importanti circuiti infrastrutturali e i più importanti oleodotti e gasdotti attraversano il suo territorio. Il 91 % dell export slovacco va a Paesi dell OCSE Fonte: Sario Agenzia Slovacca per lo sviluppo degli Investimenti Nei primi nove mesi del 2004 i rapporti commerciali con i Paesi esteri si sono rafforzati, l importazione dalla Germania ha raggiunto i mil.di 3

4 SK, confermandosi nuovamente come principale fornitore slovacco, e anche principale cliente, dal momento che le esportazioni verso questo paese a settembre 2004 registravano un valore di mil.di SK. Principali prodotti importati (sul totale delle importazioni): macchine ed apparecchi, elettrodomestici (25%); prodotti minerali (16.5%); veicoli e mezzi di trasporto (12.5%); prodotti chimici (8%); metalli e derivati (8.2%); tessili e manufatti (6%); materie plastiche (5%). Tutte le categorie di prodotti hanno riportato un incremento nel 2004 rispetto al Gli aumenti più consistenti si sono registrati per i prodotti tessili (26%), grassi animali, vegetali ed oli (+36%), veicoli e mezzi di trasporto (+24%), legno, carta e cellulosa (+29%), prodotti vegetali (25%). Principali prodotti esportati (sul totale delle esportazioni): veicoli e mezzi di trasporto (20,4%); macchine ed apparecchi, elettrodomestici (18,6%); metalli e derivati (15%); prodotti minerali (7,8%); materie tessili e manufatti (6,7%); materie plastiche (5,2%). Anche sul fronte delle esportazioni tutte le categorie hanno registrato incrementi nel volume di export tranne i prodotti vegetali e le pietre preziose. Gli incrementi piú consistenti si sono verificati per i prodotti vegetali (23%), pelli grezze e pellami (31%), (+37,2%), legno e cellulosa (11%), prodotti chimici (8%), tessili (14%). Principali partner commerciali: FORNITORI: 1) Germania 25%; 2)Repubblica Ceca 14,7%, 3) Russia 17%, 4) Italia 6,2%, 5) Austria 3,9%, 6) Francia 3,3%, 7) Polonia 3,1%, 8) Ungheria 2,1%, 9) USA 2,1%, 10) Giappone 1,7%. CLIENTI: 1) Germania 26,8%; 2) Repubblica Ceca 17,4%; 3) Italia 9,2%; 4) Austria 8,4%; 5) Polonia 5,8%; 6) Ungheria 4,9%; 7) Francia 4,6%; 8) Svizzera 1,7%; 9) USA 1,4%; 10) Ucraina 1,2%. Ad ogni modo riteniamo la situazione sia efficacemente descritta dalle seguenti tabelle Struttura merceologica delle importazioni: In milioni di SKK prezzi FOB 2003 Gennaio- Settembre2004 Descrizione merceologica Valori % Valori % Animali vivi e prodotti del , ,76 regno animale Prodotti del regno vegetale , ,19 Grassi e oli animali e vegetali , ,24 Prodotti delle industrie , ,80 alimentari e bevande Prodotti minerali , ,86 Prodotti delle industrie chimiche , ,05 Materie plastiche e loro derivati , ,61 4

5 Pelli, cuoio, pellicceria e loro , ,89 lavorazioni Legno, carbone, articoli in legno , ,81 Paste di legno o di altre materie , ,57 Materie tessili e loro manufatti , ,69 Calzature, cappelli, ombrelli , ,81 Lavori in pietra, gesso, cemento, , ,41 vetro Perle naturali o coltivate, pietre , ,18 preziose, metalli preziosi Metalli comuni e loro derivati , ,07 Macchine ed apparecchi, , ,15 materiale elettrico Materiale da trasporto , ,65 Strumenti di ottica, fotografia, , ,89 medicina Armi, munizioni ed accessori 317 0, ,03 Merci e prodotti vari , ,26 Oggetti d arte da collezione, 76 0,0 45 0,0 antichità TOTALE Fonte: Elaborazioni CCIS (Camera del Commercio Italo-Slovacca) su dati dell Ufficio Nazionale di Statistica Struttura delle importazioni per Paese o area geografica: In milioni di SKK Indice 04/03 Area di origine Valori % Valori % % Repubblica Ceca , ,23 105,3 Germania , ,82 106,5 Federazione Russa , ,39 98,8 Italia , ,59 103,2 Austria , ,27 111,2 Francia , ,66 98,3 Regno Unito , ,99 102,8 USA , ,63 95,6 Polonia , ,89 125,8 Ucraina , ,42 155,5 Ungheria , ,38 112,2 Giappone , ,98 119,5 5

6 Asia , ,58 142,0 Africa , ,24 98,7 America del Sud , ,47 104,6 Australia 768 0, ,06 76,0 Oceania ,02 n.d. Altri , ,37 n.d. TOTALE , ,8 Fonte: Elaborazioni CCIS su dati dell Ufficio Nazionale di Statistica Struttura merceologica delle esportazioni: In milioni di SKK prezzi FOB Descrizione Valori % Valori % merceologica Animali vivi e prodotti ,91 del regno animale Prodotti del regno ,90 vegetale Grassi e oli animali e ,22 vegetali Prodotti delle industrie ,58 alimentari e bevande Prodotti minerali ,42 Prodotti delle industrie ,40 chimiche Materie plastiche e loro ,41 derivati Pelli, cuoio, pellicceria e ,42 loro lavorazioni Legno, carbone, articoli ,93 in legno Paste di legno o di altre ,72 materie Materie tessili e loro ,68 manufatti Calzature, cappelli, ,68 ombrelli Lavori in pietra, gesso, cemento, vetro ,78 6

7 Perle naturali o ,12 coltivate, pietre preziose, metalli preziosi Metalli comuni e loro ,97 derivati Macchine ed apparecchi, ,59 materiale elettrico Materiale da trasporto ,7 Strumenti di ottica, ,80 fotografia, medicina Armi, munizioni ed ,03 accessori Merci e prodotti vari ,57 Oggetti d arte da collezione, antichità TOTALE Fonte: Elaborazioni CCIS (Camera di Commercio Italo-Slovacca) su dati dell Ufficio Nazionale di Statistica Struttura delle esportazioni per Paesi o aree geografiche: Indice In milioni di SKK 04/03 Valori % Valori % Repubblica Ceca ,32 115,1 Germania ,68 108,7 Austria ,84 110,2 Polonia ,49 110,7 Italia ,37 94,9 Francia ,61 105,7 Ungheria ,19 106,9 Federazione Russa ,21 110,3 Ucraina ,07 107,2 USA ,76 101,0 Canada ,02 103,4 Giappone ,32 97,4 Asia ,69 104,2 Africa ,37 108,1 America del Sud ,37 100,7 Australia ,17 95,9 Oceania ,0-7

8 Resto del mondo ,50 126,2 TOTALE ,4 Fonte: Elaborazioni CCIS su dati dell Ufficio Nazionale di Statistica Mercato del lavoro Costo indicativo dei salari ai lavoratori: nei settori del manifutturiero la media mensile va da SKK nelle regioni della Slovacchia Centrale (Trnavský, Banskobystrický, Trenciansky ecc) a SKK nelle regioni più ricche e più densamente popolate (Bratislavsky, Kosicky). I salari reali subiranno con il 2005 variazioni di poco rilievo, di conseguenza si dovrebbe verificare una stasi della domanda interna e minori pressioni inflazionistiche. Sviluppo del salario medio mensile SALARIO MEDIO III. q MENSILE 2004 Intera Slovacchia in SKK Industria in SKK Costruzioni in SKK Fonte: Sario Agenzia per lo sviluppo degli Investimenti I contributi sociali e previdenziali sono a carico del datore di lavoro per il 35,20% e del dipendente per il 13,40%. I contributi a carico del datore di lavoro sono definiti dai regolamenti per la sicurezza sociale, e si compongono di: Contribuzioni al Tipo di contribuzione Datore Dipendent Lavoratori di e Autonomi lavoro Assicuraz.Pensioni 14% 4% 18% Assicuraz. su infermità 3% 3% 6% Malattia 1,40% 1,40% 4,4% Assicuraz. Disoccupaz. 1% 1% 2% Assicuraz. Sanitaria 10% 4% 14% Fondo di Garanzia 0,25% - - Assicuraz. Infortuni 0,80% - - Fondo di Riserva 4,75% - 4,75% Totale 35,20% 13,40% 49,15% 8

9 Fonte: Sario Agenzia per lo sviluppo degli Investimenti Tassi di cambio e andamento dell ínflazione Tassi di cambio al Paese Valuta Tasso di cambio USA USD 29,943 SKK Svizzera CHF 25,033 SKK Gran Bretagna GBP 56,360 SKK Unione Europea EURO 38,832 SKK Fonte: Banca Nazionale della Slovacchia Tasso di cambio (media mensile) Marzo 2003 Marzo 2004 SKK / USD 38,663 32,927 SKK / EUR 41,776 40,421 Fonte: Banca Nazionale della Slovacchia Marzo ,885 38,185 Il tasso di cambio della Corona Slovacca è stato, nelle precedenti settimane, influenzato principalmente dall andamento delle valute delle nazioni vicine, soprattutto dello zloto polacco. La sua dinamica potrebbe essere descritta come volatile e, ultimamente, con una tendenza decisa al ribasso. Il tasso di volatilità e la misura del deprezzamento correnti sono stati valutati dalla NBS come il risultato dell eccessivo apprezzamento del tasso di cambio dello zloto nei primi mesi dell anno. E dato che la NBS considera questi fenomeni come di breve termine, non ha ritenuto opportuno intervenire agendo sulle attività del mercato interbancario di valute straniere. Questa presa di posizione della NBS è stata motivata anche dal favorevole andamento dell inflazione, sia corrente che attesa. Tasso d inflazione percentuale % Fonte: Banca Nazionale Slovacca ,0 7,3 3,3 8,5 6,7 Il tasso di inflazione 2005, non riportato nella presente tabella, ha raggiunto alla fine di gennaio un valore pari al 3,2%; l inflazione ha avuto un andamento crescente durante quasi tutto il 2004, e le analisi della Banca Centrale Slovacca prevedono un andamento simile anche durante il 2005, sebbene in leggero rallentamento rispetto al passato. 9

10 Investimenti Diretti dall Estero per settore e paese d origine Le ragioni principali per il recente flusso di ingenti investimenti esteri in Slovacchia sono da attribuirsi: a) alla posizione geografica (crocevia tra la Mitteleuropea, l Ucraina e la Russia) b) alla forza lavoro qualificata con costi competitivi (i salari medi lordi sono sensibilmente inferiori a quelli della Polonia, Rep. Ceca ed Ungheria); c) alla lunga tradizione industriale. d) Alla riforma fiscale che dal 1 gennaio 2004 stabilisce un aliquota unica del 19% per i redditi da lavoro, da capitale e per l IVA. Altre motivazioni altrettanto interessanti sono: la legge sull incentivazione dei parchi industriali, recentemente approvata, che contribuisce ad attirare investitori esteri, che potranno in questo modo scegliere la localizzazione piú confacente alle loro esigenze e usufruire di aree attrezzate, con tutte le infrastrutture di base per ospitare le loro aziende. Il provvedimento prevede un finanziamento (fino al 70% dei costi) ai comuni intenzionati a costituire parchi industriali. Flusso degli Investimenti Divisione per Settori (Gennaio Settembre 2004) Settore Milioni di SKK Percentuale % Agricoltura, selvicoltura -10 0,0 Produzione Industriale ,1 Produzione e distribuzione di 1 0,0 energia, gas, acqua Edilizia 147 0,6 Commercio all ingrosso/al ,8 dettaglio, riparazioni in generale Alberghi, Ristoranti -55-0,2 Trasporto, Poste, 463 2,0 Telecomunicazioni Mercato Monetario ,0 Mercato Immobiliare, servizi -63-0,3 commerciali Sanitä e Assistenza Sociale 10 0,0 Altro 8 0,0 Totale Fonte: Elaborazioni ICE su dati dell Ufficio Nazionale di Statistica 10

11 Flusso degli investimenti per paese di origine (in Mil.SKK) Germania Austria Francia Ungheria USA Altri Paesi Processo di privatizzazione Il processo di privatizzazione di piccole e grandi aziende è iniziato nel 1991 (prima della divisione della Cecoslovacchia). La Legge sulla Piccola Privatizzazione (N. 427/1990) - chiamata ufficialmente Legge sulla Cessione di Determinati Beni Statali ad altre Persone Giuridiche e Fisiche - ed i suoi successivi emendamenti disciplinavano la vendita e la locazione di negozi, ristoranti, hotel, laboratori etc. in aste pubbliche a singole persone o a ditte private i cui soci erano esclusivamente persone fisiche. La piccola privatizzazione si è conclusa nel 1993: sono state privatizzate circa piccole imprese. La privatizzazione attualmente viene gestita attraverso il Fondo della Proprietà Nazionale (FNM), che può operare solo attraverso gara pubblica, in collaborazione con altre organizzazioni. Il progetto di privatizzazione può riguardare una parte o l intera impresa, o anche un gruppo di imprese. Con la Legge sulla Grande Privatizzazione (N.92/1991), che ha lanciato la denazionalizzazione dei beni di proprietà dello Stato, la Slovacchia ha messo in atto un intensivo processo di privatizzazione che ha visto il passaggio del 90% delle attività economiche in mano ai privati. Sono state infatti effettuate privatizzazioni nel settore delle telecomunicazioni - le Telecomunicazioni Slovacche sono state acquistate dalla Deutsche Telecom. Nel settore dell industria è stata privatizzata la piú grande acciaieria della Slovacchia, una delle maggiori dell Europa, acquistata dagli Statunitensi e trasformata in US STEEL Kosice. Nel settore assicurativo la Slovenska Poistovna è stata acquistata da Allianz, nel settore bancario una delle ultime privatizzazioni ha 11

12 riguardato la VUB, acquisita dal Gruppo Banca Intesa; il gruppo italiano UniCredito, infine, detiene una quota del 77,21% nella Polnobanka (oggi Unibanka). Il processo di privatizzazione ha toccato anche il piú grande distributore di gas naturale della Slovacchia - la SPP industria nazionale del gas, che distribuisce il gas proveniente dalla Russia a diversi Paesi dell Europa occidentale. Il 49% delle azioni della SPP è stato venduto tramite gara internazionale alle due società RUHRGAS (Germania) e GAZ DE FRANCE (Francia). Il Parlamento ha anche approvato la privatizzazione di una quota del 51% delle imprese dei settori strategici, riservandosi di identificare le industrie e le relative quote da porre sul mercato, ma è giä stato raggiunto tra i partiti della coalizione l accordo di non procedere a un ulteriore privatizzazione di SPP e di Transpetrol. Il processo di privatizzazione richiede capitali, know how e capacità imprenditoriali che le aziende spesso non possiedono e per le quali occorre necessariamente rivolgersi ad investitori stranieri. A marzo del 2005 è stato firmato un accordo preliminare tra lo stato slovacco e l ENEL, che sulla base dei risultati di un tender pubblico per la privatizzazione dell energia elettrica, assegna alla società italiana il 66% delle centrali elettriche slovacche. La privatizzazione delle imprese strategiche, ancora in possesso dello Stato, continua con la vendita e divisione delle ferrovie dello Stato. Il Ministero dei Trasporti della RS, unico azionista delle ferrovie Zeleznicna Spolocnost, ha approvato nel dicembre 2004 l accordo sulla trasformazione della società in due nuovi soggetti Zeleznicna Spolocnost Slovensko a.s. e Zeleznicna Spolocnost Cargo Slovakia a.s.. Questi cambiamenti sono stati avviati alla fine dell anno 2004, accompagnati dalla cessione di officine e la dismissione di reti ferroviarie. Certamente, dall annullamento di reti ferroviarie, si registrerà un aumento della disoccupazione in questo settore. Regime della Proprietà Dopo il 1 Maggio con l entrata della Slovacchia nell Unione Europea, è scaduto il vincolo nazionale per l acquisto di immobili e terreni, che ora possono essere acquistati da società e persone fisiche straniere. Permangono ancora limitazioni sull acquisto di terreni agricoli di proprietà statale. Secondo i dati reperiti sul sito del Ministero degli Affari Esteri italiano, a seguito dell adesione all Unione Europea la Slovacchia applica la seguente disposizione transitoria, per sette anni dal 1 maggio 2004: Divieto di acquisto da parte di persone fisiche straniere di terreni agricoli e forestali. 12

13 Dal maggio 2007 sarà possibile l acquisto da parte di cittadini dell U.E. domiciliati nella repubblica slovacca e che gestiscano il terreno da un minimo di tre anni. 13

14

15 INVESTIRE IN SLOVACCHIA (STRUMENTI ED ENTITA DI SUPPORTO AI PROGETTI D INVESTIMENTO E DI COOPERAZIONE COMMERCIALE O INDUSTRIALE; AGEVOLAZIONI FINANZIARIE. Le leggi slovacche di supporto ai progetti d investimento La legge slovacca permette agli stranieri di svolgere attività economiche alle stesse condizioni e nella stessa misura degli imprenditori locali. Gli stranieri possono costituire una società o possono entrare in partecipazione in una società slovacca preesistente. In linea di principio gli imprenditori stranieri sono equiparati ai locali e hanno gli stessi diritti. La partecipazione straniera al capitale sociale di una società può raggiungere il 100%. L investitore straniero può anche diventare socio di una persona giuridica slovacca preesistente. In base al Codice Commerciale la partecipazione di una persona estera non è in alcun modo vincolata ne limitata. Tuttavia, l investimento straniero è proibito nei settori ritenuti di importanza nazionale strategica, per es. la difesa. In genere la semplice stipula di un contratto commerciale e gli obblighi che ne derivano non sono soggetti ad alcuna registrazione o autorizzazione sul territorio della Repubblica Slovacca. Una società o un impresa che svolga un attività permanente nella Repubblica Slovacca è soggetta a procedure amministrative regolamentate dal Codice Commerciale, dalla Legge 455/91 sulla Concessione di Licenze Commerciali e da speciali norme legali (relative per esempio alla pratica del diritto commerciale, alla pratica medica privata, ai servizi forniti da esperti ufficialmente riconosciuti etc.). L attività agricola è soggetta a registrazione in base ad una speciale regolamentazione. Il sono entrate in vigore le seguenti leggi, che fanno parte dell attuale pacchetto di misure legislative tese ad introdurre l economia di mercato nella Repubblica Slovacca: - Codice Commerciale - Legge sulla Concessione di Licenze Commerciali - Codice Civile Tale normativa garantisce identico trattamento agli investitori stranieri e locali. Dal 1 gennaio 2004 il reddito d impresa è tassato in base ad un aliquota del 19%; prima l aliquota era del 25%. È in vigore una legge specifica per gli investimenti esteri, la 565/2001, che prevede un esenzione fiscale di 10 anni e contributi alle nuove assunzioni di

16 dipendenti a patto che gli investimenti siano pari almeno a 400 milioni di corone (circa 10 milioni di Euro), o ad almeno 200 milioni di corone nelle aree con disoccupazione superiore al 10%. Tale legge verrà gradualmente sostituita dalle disposizione della nuova legge 595/2003 e dalle normative europee che prevedono il finanziamento alle nuove imprese attraverso Fondi Strutturali dell UE. I finanziamenti dell Unione europea I fondi strutturali costituiscono gli strumenti attivi della politica regionale dell UE e comprendono i mezzi finanziari che servono a ridurre le differenze economiche tra le regioni. Il sostegno totale della Comunità alla Slovacchia è geograficamente suddiviso in due parti: L obiettivo 1, è indirizzato ad aiutare le regioni arretrate, tra cui tutte le regioni autonome salvo la regione di Bratislava. L obiettivo 2 è dedicato a promuovere le regioni con difficoltà strutturali e si riferisce alla regione di Bratislava. I mezzi finanziari in generale sono dedicati ai progetti nei seguenti settori: sviluppo economico, industria, servizi, trasporto, ambiente, agricoltura, sviluppo rurale e risorse umane. Piú nel dettaglio, i fondi strutturali vengono utilizzati sulla base di Programmi Operativi Strutturali (SOP) relativi ai singoli settori dell economia ( Industria e Servizi, Risorse Umane, Agricoltura e Sviluppo Rurale) delle regioni da risanare. Il SOP per l Industria e i Servizi si pone due priorità: 1 crescita e sviluppo della concorrenza e del mercato dell industria e dei servizi utilizzando il potenziale nazionale interno: le singole disposizioni di questa priorità prescrivono il sostegno allo sviluppo delle società nuove e già esistenti, il sostegno alla realizzazione e ristrutturazione delle infrastrutture, il sostegno per le imprese innovative e per la ricerca applicata, il sostegno al risparmio energetico attraverso lo sfruttamento delle energie rinnovabili e lo sviluppo della collaborazione internazionale e dell immagine della Slovacchia. 2 Sviluppo del turismo: le disposizioni atte alla realizzazione di questa priorità evidenziano la necessità di sostenere la realizzazione e la ristrutturazione delle infrastrutture turistiche, l attività imprenditoriale nel settore turistico e la promozione del turismo anche attraverso la creazione di sistemi informatici di rete. Anche il SOP per le Risorse Umane si pone due priorità e le persegue sostenendo diverse attività quali: 16

17 - per quanto riguarda lo sviluppo di politiche attive del mercato del lavoro, perseguito attraverso la modernizzazione e l aumento della gamma e della qualitá dei servizi legati alla lotta contro la disoccupazione, le attività condotte sono l assistenza e la consulenza per i datori di lavoro per la creazione di posti di lavoro e per l agevolazione dell incontro tra domanda e offerta di lavoro, e l agevolazione di servizi specifici tramite agenzie private per consulenza, supporto nella ricerca di lavoro per disoccupati di lungo corso ed emarginati. - la seconda priorità è tesa allo sviluppo delle pari opportunità nel mercato del lavoro, e infatti la disposizione 2.2 precisa la necessità dell eliminazione delle differenze di trattamento tra uomini e donne nel mercato del lavoro. Le attività che vengono implementate in questo senso sono i programmi di sostegno al lavoro femminile, con particolare attenzione alle nuove tecnologie informative e di comunicazione, e i programmi speciali di formazione e sostegno alle donne della comunitá ROM. Anche il Piano Operativo Strutturale per l Agricoltura e lo Sviluppo Rurale si compone di due priorità: - la prima è il sostegno dell agricoltura produttiva, che prescrive la necessità di effettuare investimenti per le società agricole e mettere in atto operazioni per il miglioramento della qualità di produzione e lavorazione delle merci agricole; - la seconda priorità sostiene la necessità di concedere sussidi allo sviluppo rurale sostenibile, in particolare attraverso la conservazione delle aree boschive e delle foreste per favorire così lo sviluppo dell economia forestale; vi sono disposizioni che sostengono la necessità di sviluppo della pescicoltura e il sostegno alla modernizzazione e sviluppo delle aree rurali; infine, la necessità di mettere in atto politiche di formazione ed educazione. Nell ambito del Programma Operativo Strutturale per l Industria e i Servizi, una specifica misura implementata MISURA è quella della concessione di sussidi per lo sviluppo di aziende e di servizi nuovi e giá esistenti. Tale misura è valida nell arco di tempo ; oltre il 2006 non sarà piú possibile alle aziende inoltrare una richiesta per ottenere le sovvenzioni. I richiedenti competenti sono le società imprenditoriali e le loro associazioni, e possono ottenere sussidi per i seguenti tipi di attività: - progetti di acquisizione dei terreni, di costruzione, di ristrutturazione degli edifici o delle aree di esercizio, necessari per assicurare la produzione industriale, la produzione artigianale o i servizi industriali. - progetti di inserimento delle nuove tecnologie, di nuovi macchinari, attrezzature e impianti, compresi quelli ecologici 17

18 - progetti per la promozione della produzione in cui si utilizzano le risorse nazionali (per es. industria del legno, materie prime non metalliche,...) - progetti per promuovere lo sviluppo di nuovi imprenditori e artigiani nel settore della produzione e dei servizi produttivi - servizi di consulenza connessi all implementazione dei moderni sistemi di gestione e di organizzazione dell azienda e dei metodi progressivi di marketing - servizi di consulenza connessi alle attività imprenditoriali, forniti da consulenti esterni, che però non possono venire forniti regolarmente e continuativamente. Si tratta di consulenza soprattutto finanziaria (non però fiscale e contabile) e tecnologica, quindi l analisi dei processi produttivi e le proposte di migliorazione della produzione e dei processi tecnologici. La sovvenzione rimborsa fino al 65% del totale dei costi per: - spese sostenute per l acquisizione delle immobilizzazioni materiali d investimento; - spese per la costruzione dell infrastruttura fondamentale necessaria per l ulteriore sviluppo dell azienda concreta; - spese sostenute per l acquisizione delle immobilizzazioni immateriali d investimento a scopo di utilizzare nuove tecnologie; - spese sostenute per l elaborazione degli studi, dei progetti e per la consulenza; - investimenti nel capitale fisso per costituire dei nuovi impianti, per ampliare gli impianti già esistenti o per iniziare le attività mirate al cambiamento sostanziale della produzione o del processo produttivo di una struttura già esistente. Autorità di riferimento per la gestione dei Fondi Strutturali Premesso che le strategie a livello di Programmi Operativi Strutturali vengono formulate dal Dipartimento di Gestione dei Programmi, che è una Divisione della Sezione per gli Affari Interni Europei della Commissione Europea, le autorità che intermediano, a livello nazionale, tra il Dipartimento e i potenziali beneficiari delle misure sono le seguenti: NADSME: Agenzia Nazionale per lo Sviluppo delle Piccole e Medie Imprese (Narodna agentura pre rozvoj maleho a stredneho podnikania) Indirizzo: Zahradnicka 153, Bratislava Tel: Fax: MINISTERO DELL ECONOMIA: Ministero dell Economia (Ministerstvo hospodàrstva Slovenskej republiky) 18

19 Mierovà 19, Bratislava 212 tel: 02/ fax: 02/ SEZIONE PER LO SVILUPPO DEL TURISMO: tel: 02/ MINISTERO DEL LAVORO: Ministerstvo práce, sociálnych vecí a rodiny SR Špitálska Bratislava Tel. : SARIO: Agenzia per gli investimenti esteri (Slovenská agentúra pre rozvoj obchodu a investícií) Martincekova Bratislava Tali istituzioni si occupano in particolare di cooperare col Dipartimento, di assicurare l implementazione dei programmi, di effettuare una selezione dei progetti proposti sulla base delle richieste dei potenziali beneficiari, di concludere i contratti con questi ultimi, e di assicurare un monitoraggio costante dell andamento dei progetti. A seguire, ulteriori informazioni sui Fondi Strutturali estratte dal documento del Ministero dell Economia Draft state assistance programmes for the implementation of the SOP I&S strategy by measures and implementation agencies Progetto di aiuti di stato per l implementazione delle strategie dettate dal Programma Operativo Strutturale di Industria e Servizi attraverso misure e agenzie di sostegno Numero della Misura Titolo del Programma di aiuti di stato o assistenza statale ad hoc 1.1 Progetto di aiuti di stato per il supporto delle piccole e medie imprese Numero di aiuti di stato Durata del programm a SK-014/

20 1.1 Programma di supporto per l avviamento di investimenti in Information Technologies 1.3 Programma di aiuti di stato a supporto della ricerca industriale e dello sviluppo pre-competitivo SK 006/ Programma di supporto per la ricerca e lo sviluppo, per l introduzione di quality management system, per la protezione dei diritti di proprietà intellettuale, per la certificazione e l introduzione di norme tecniche almeno per la fase della produzione 1.4 Programma di aiuti di stato per il supporto del risparmio energetico e l utilizzazione delle fonti di energia rinnovabile SK- 015/ Programma di aiuti di stato per il supporto della crescita sostenibile di lungo termine 1.5 Programma di aiuti di stato per il sostegno della cooperazione internazionale 2.2 Programma di aiuti di stato per lo sviluppo del turismo SK 005/ SK- 013/ L implementazione di queste priorità dipende principalmente da: lo sviluppo da parte dell industria, del turismo e del commercio alla ricerca e innovazione, utilizzando il potenziale delle information technologies, e gli effetti moltiplicativi degli Investimenti Diretti all Estero all interno dell economia mondiale; la modernizzazione, l adattamento microeconomico e lo stimolo allo sviluppo delle imprese e dei servizi ( modernizzazione delle tecnologie produttive, delle applicazioni, dei prodotti, ecc.); la costruzione delle capacità manageriali, e dello spirito imprenditoriale; l aumento della mobilità del lavoro e delle sue attività di gestione; 20

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014 UMBRIA Import - Export caratteri e dinamiche 2008-2014 ROADSHOW PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE ITALIA PER LE IMPRESE Perugia, 18 dicembre 2014 1 Le imprese esportatrici umbre In questa sezione viene proposto

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

I dati Import-Export. 1 semestre 2014

I dati Import-Export. 1 semestre 2014 I dati Import-Export 1 semestre 2014 Import, Export e bilancia commerciale (valori in euro) Provincia di Mantova, Lombardia e Italia, 1 semestre 2014 (dati provvisori) import 2014 provvisorio export saldo

Dettagli

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI Risorse energetiche e struttura del mercato L Italia produce piccoli volumi di gas naturale

Dettagli

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI QUADRO MACROECONOMICO IMPORT-EXPORT PAESI BASSI Il positivo quadro macroeconomico dei Paesi Bassi é confermato dagli indicatori economici pubblicati per il 2007. Di fatto l economia dei Paesi Bassi sta

Dettagli

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE TITOLO RELAZIONE I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità A partire dal 3 gennaio 2013 è entrato in vigore il regolamento (UE)

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP FIAMP FEDERAZIONE ITALIANA DELL ACCESSORIO MODA E PERSONA AIMPES ASSOCIAZIONE ITALIANA MANIFATTURIERI PELLI E SUCCEDANEI ANCI ASSOCIAZIONE NAZIONALE CALZATURIFICI ITALIANI ANFAO ASSOCIAZIONE NAZIONALE

Dettagli

Chi può presentare la domanda

Chi può presentare la domanda BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER FAVORIRE LA CRESCITA DELLE IMPRESE SUI MERCATI INTERNAZIONALI II QUADRIMESTRE 2014 AFRQ2/14 La Camera di Commercio di Frosinone, attraverso ASPIN, Azienda Speciale

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale Il Fondo sociale europeo al lavoro Aiutare le persone a trovare lavoro Il Fondo sociale europeo (FSE) finanzia progetti in tutta l UE per consentire a più persone di trovare posti di lavoro migliori, attraverso

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres.

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. Regolamento attuativo dell articolo 9, commi da 26 a 34 della

Dettagli

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Convegno Associazione Italiana di Economia Sanitaria La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Giampaolo Vitali Ceris-CNR, Moncalieri Torino, 30 Settembre 2010 1 Agenda Caratteristiche

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI Tratto dalla rivista IPSOA Pratica Fiscale e Professionale n. 8 del 25 febbraio 2008 A cura di Marco Peirolo Gruppo di studio Eutekne L

Dettagli

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari Circ.-CFB 98/2 Commerciante di valori mobiliari Pagina 1 Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari (Commerciante di valori mobiliari)

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

più credito per la tua impresa

più credito per la tua impresa Sei un impresa che vuole acquistare nuovi macchinari, impianti o attrezzature? più credito per la tua impresa : Agevolazioni anche per i settori di pesca e agricoltura Beni strumentali, l agevolazione

Dettagli

Domanda di Certificazione Fairtrade

Domanda di Certificazione Fairtrade Domanda di Certificazione Fairtrade Procedura operativa standard Valida dal: 17.09.2013 Distribuzione: pubblica Indice 1. Scopo... 4 2. Campo di applicazione... 4 2.1 Chi deve presentare domanda di certificazione

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI. Anni 2009-2011. Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1

ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI. Anni 2009-2011. Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1 Analisi statistiche Giugno 2012 ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI Anni 2009-2011 Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1 ANALISI DELL IMPORT/EXPORT

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi

Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi La globalizzazione indica un fenomeno di progressivo allargamento della sfera delle relazioni sociali sino

Dettagli

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower Previsioni Q1 14 Manpower sull Occupazione Italia Indagine Manpower Previsioni Manpower sull Occupazione Italia Indice Q1/14 Previsioni Manpower sull Occupazione in Italia 1 Confronto tra aree geografiche

Dettagli

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Ricerca comunitaria idee cooperazione persone euratom capacità IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Guida tascabile per i nuovi partecipanti Europe Direct è un servizio

Dettagli

SCHEDA OPERATIVA SOGGETTI AMMISSIBILI

SCHEDA OPERATIVA SOGGETTI AMMISSIBILI Avviso pubblico - Puglia Sviluppo - Regione Puglia in attuazione della DGR n. 1788 del 06 Agosto 2014. Pagina 1 COMMISSIONE EUROPEA REGIONE PUGLIA Area Politiche per lo Sviluppo Economico, Lavoro e Innovazione

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y QATAR DISCIPLINA IMPORT EXPORT IN QATAR di Avv. Francesco Misuraca Regole dell import-export in Qatar Licenza d importazione, iscrizione nel Registro Importatori, altre regole La legge doganale del Qatar,

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia

Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia Università degli Studi di Perugia, Facoltà di Economia Dipartimento di Discipline

Dettagli

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo L IFAD in breve Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere le popolazioni rurali povere in condizione di raggiungere una maggiore sicurezza alimentare,

Dettagli

ITALIA E GERMANIA DATI ECONOMICI A CONFRONTO

ITALIA E GERMANIA DATI ECONOMICI A CONFRONTO AMBASCIATA D ITALIA BERLINO ITALIA E GERMANIA DATI ECONOMICI A CONFRONTO PRINCIPALI DATI MACROECONOMICI (Fonti: Istat, Destatis, Ministero federale delle Finanze, Ministero Economia e Finanze, Ministero

Dettagli

Le nuove fonti di energia

Le nuove fonti di energia Le nuove fonti di energia Da questo numero della Newsletter verranno proposti alcuni approfondimenti sui temi dell energia e dell ambiente e sul loro impatto sul commercio mondiale osservandone, in particolare,

Dettagli

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

ZHEJIANG YUEJIN IMPORT & EXPORT CO. LTD - Cina. Data evasione. Rev. 1 Marzo 2010 FAC_COR098

ZHEJIANG YUEJIN IMPORT & EXPORT CO. LTD - Cina. Data evasione. Rev. 1 Marzo 2010 FAC_COR098 Vs. richiesta su ZHEJIANG YUEJIN IMPORT CO LTD - Cina Recte ZHEJIANG YUEJIN IMPORT & EXPORT CO. LTD - Cina Cliente ALFA SPA Data evasione Redattore E.L./FC Rev. 1 Marzo 2010 FAC_COR098 Zhejiang Yuejin

Dettagli

IMU: analisi dei versamenti 2012

IMU: analisi dei versamenti 2012 IMU: analisi dei versamenti 2012 1. Analisi dei versamenti complessivi I versamenti IMU totali aggiornati alle deleghe del 25 gennaio 2013 ammontano a circa 23,7 miliardi di euro, di cui 9,9 miliardi di

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI

GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI 74/ 24 febbraio 2014 GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI L Istituto nazionale di statistica avvia la pubblicazione, con cadenza mensile, delle nuove serie degli indici dei prezzi

Dettagli

I dati pubblicati possono essere riprodotti purché ne venga citata la fonte

I dati pubblicati possono essere riprodotti purché ne venga citata la fonte IMPORT & EXPORT DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA 1 semestre 2013 A cura di: Vania Corazza Ufficio Statistica e Studi Piazza Mercanzia, 4 40125 - Bologna Tel. 051/6093421 Fax 051/6093467 E-mail: statistica@bo.camcom.it

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

Progetto Borse Studio/Lavoro 2014

Progetto Borse Studio/Lavoro 2014 Progetto Borse Studio/Lavoro 2014 RACCOLTA DI MANIFESTAZIONI DI INTERESSE DA PARTE DI IMPRESE ED ENTI OPERANTI SUL TERRITORIO DELLA PROVINCIA DELL AQUILA AD OSPITARE GIOVANI DESTINATARI DI BORSE DI STUDIO/LAVORO

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

Gli immobili sono nel nostro DNA.

Gli immobili sono nel nostro DNA. Gli immobili sono nel nostro DNA. FBS Real Estate. Valutare gli immobili per rivalutarli. FBS Real Estate nasce nel 2006 a Milano, dove tuttora conserva la sede legale e direzionale. Nelle prime fasi,

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

LA DISCIPLINA DEGLI APPALTI PUBBLICI NELL'UNIONE EUROPEA E IL GREEN PROCUREMENT

LA DISCIPLINA DEGLI APPALTI PUBBLICI NELL'UNIONE EUROPEA E IL GREEN PROCUREMENT LA DISCIPLINA DEGLI APPALTI PUBBLICI NELL'UNIONE EUROPEA E IL GREEN PROCUREMENT Perché l'ue disciplina gli appalti pubblici? La disciplina degli appalti fa parte degli obiettivi del mercato interno. Si

Dettagli

www.ipaper.com/europe Questa brochure è stata stampata su carta IP Pro-Design, certificata PEFC

www.ipaper.com/europe Questa brochure è stata stampata su carta IP Pro-Design, certificata PEFC www.ipaper.com/europe Questa brochure è stata stampata su carta IP Pro-Design, certificata PEFC Gestione forestale sostenibile Tutto quello che bisogna sapere Sommario 1. Che cosa si intende per gestione

Dettagli

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA L Italia è in crisi, una crisi profonda nonostante i timidi segnali di ripresa del Pil. Ma non è un paese senza futuro. Dobbiamo

Dettagli

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie Agricoltura Bio nel mondo: la superficie L agricoltura biologica occupa una superficie di circa 37,04 milioni di ettari nel 2010. Le dimensioni a livello globale sono rimaste pressoché stabili rispetto

Dettagli

Bando regionale per il sostegno di:

Bando regionale per il sostegno di: Bando regionale per il sostegno di: Programma Operativo Regionale Competitività regionale e occupazione F.E.S.R. 2007/2013 Asse 1 Innovazione e transizione produttiva Attività I.3.2 Adozione delle tecnologie

Dettagli

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo Valutazione Crediti e proposte Progetti Area Turismo a cura di Bruno Turra Questo documento intende affrontare l analisi delle priorità di valutazione nell area turismo individuandone le principali componenti

Dettagli

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF www.progettoverde.info - pv@ progettover de.i nfo 1 COS E IL PROGETTO INTEGRATO DI FILIERA (PIF) Il progetto integrato

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE 28.12.2006 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 379/5 REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE del 15 dicembre 2006 relativo all applicazione degli articoli 87 e 88 del trattato agli aiuti d

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 19 febbraio 2008

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 19 febbraio 2008 CIRCOLARE N. 12/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 19 febbraio 2008 OGGETTO: Profili interpretativi emersi nel corso della manifestazione Telefisco 2008 del 29 Gennaio 2008 e risposte ad

Dettagli

GAM. I nostri servizi di società di gestione

GAM. I nostri servizi di società di gestione GAM I nostri servizi di società di gestione Una partnership con GAM assicura i seguenti vantaggi: Forniamo sostanza e servizi di società di gestione in Lussemburgo Offriamo servizi di alta qualità abbinati

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

Le novità del DL n. 91/2014 (cd. decreto competitività) Credito d imposta per investimenti in beni strumentali nuovi

Le novità del DL n. 91/2014 (cd. decreto competitività) Credito d imposta per investimenti in beni strumentali nuovi Le novità del DL n. 91/2014 (cd. decreto competitività) Credito d imposta per investimenti in beni strumentali nuovi Le informazioni fornite nel presente documento hanno esclusivamente scopo informativo

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

INTERSCAMBIO USA - Mondo gennaio - marzo Valori in milioni di dollari. INTERSCAMBIO USA - Unione Europea gennaio - marzo Valori in milioni di dollari

INTERSCAMBIO USA - Mondo gennaio - marzo Valori in milioni di dollari. INTERSCAMBIO USA - Unione Europea gennaio - marzo Valori in milioni di dollari INTERSCAMBIO USA - Mondo 2011 2012 Var. IMPORT USA dal Mondo 508.850 552.432 8,56% EXPORT USA verso il Mondo 351.109 381.471 8,65% Saldo Commerciale - 157.741-170.961 INTERSCAMBIO USA - Unione Europea

Dettagli

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti)

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) La zona è destinata ad accogliere attrezzature e servizi pubblici o ad uso pubblico di interesse generale su scala territoriale: uffici pubblici o privati di interesse

Dettagli

La bolletta dimagrisce

La bolletta dimagrisce La bolletta dimagrisce Bolletta più leggera e più equa per le Pmi La spesa energetica delle imprese Il costo dell energia è un importante fattore di competitività per le imprese; La spesa per l energia

Dettagli

L azienda e le funzioni aziendali

L azienda e le funzioni aziendali UDA 5 TEMA 3 L operatore impresa L azienda e le funzioni aziendali a cura di Lidia Sorrentino Il concetto di azienda. Per soddisfare i propri bisogni, fin dall antichità l uomo si è associato con altre

Dettagli

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI 1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI La Provincia è un istituzione pubblica territoriale; gli organi di governo sono eletti dalla popolazione residente nel territorio e hanno il compito

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

LA CARTA DEGLI INVESTIMENTI

LA CARTA DEGLI INVESTIMENTI LA CARTA DEGLI INVESTIMENTI Articolo 1 Son fissati, conformemente alle disposizioni del secondo alinea dell art. 45 della Costituzione, gli obiettivi fondamentali dell azione delo Stato, per i prossimi

Dettagli

Facciamo emergere i vostri valori.

Facciamo emergere i vostri valori. Facciamo emergere i vostri valori. www.arnerbank.ch BANCA ARNER SA Piazza Manzoni 8 6901 Lugano Switzerland P. +41 (0)91 912 62 22 F. +41 (0)91 912 61 20 www.arnerbank.ch Indice Banca: gli obiettivi Clienti:

Dettagli

Sintesi modifiche apportate alle Disposizioni Attuative Specifiche della Mis. 123 - Accrescimento del valore aggiunto del settore agricolo e forestale

Sintesi modifiche apportate alle Disposizioni Attuative Specifiche della Mis. 123 - Accrescimento del valore aggiunto del settore agricolo e forestale REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana ASSESSORATO REGIONALE DELLE RISORSE AGRICOLE E ALIMENTARI DIPARTIMENTO REGIONALE INTERVENTI STRUTTURALI Programma di Sviluppo Rurale Regione Sicilia 2007-2013 Reg.

Dettagli

Artoni Europe: ampliata la copertura geografica del servizio di import/export in Europa

Artoni Europe: ampliata la copertura geografica del servizio di import/export in Europa 03 NOV 2014 Artoni Europe: ampliata la copertura geografica del servizio di import/export in Europa Da oggi Artoni Europe, servizio internazionale di Artoni Trasporti, raggiunge ben 32 paesi Europei con

Dettagli

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA Noi, i Ministri dell Energia di Canada, Francia, Germania, Italia,

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 Bonus IRPEF 80 euro Nel nuovo modello 730/2015 trova spazio il bonus IRPEF 80 euro ricevuto nel 2014, essendo previsto l obbligo di

Dettagli

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti L incontro annuale su: Mercati dei Titoli di Stato e gestione del Debito Pubblico nei Paesi Emergenti è organizzato con il patrocinio del Gruppo di lavoro sulla gestione del debito pubblico dell OECD,

Dettagli

Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde

Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde Articolo 1 Oggetto 1. Il presente disciplinare regolamenta la concessione e l utilizzo del Marchio La Sardegna Compra Verde.

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

Tabella di sintesi elaborata dagli uffici senza alcun valore normativo. COOPERATIVE SOCIALI iscritte alla sezione A dell Albo.

Tabella di sintesi elaborata dagli uffici senza alcun valore normativo. COOPERATIVE SOCIALI iscritte alla sezione A dell Albo. CAPO II INVESTIMENTI Acquisto, costruzione, ristrutturazione, ammodernamento ed ampliamento di immobili aziendali Art. 9 comma 1 200.000,00) 200.000,00) Fino al 50% 200.000,00) se LEASING: fino al 40%

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

6.10 Compensazione import/export

6.10 Compensazione import/export 6.10 Compensazione import/export Da inviare a: CONAI Consorzio Nazionale Imballaggi Via posta (raccomandata A.R.): Via P. Litta 5, 20122 Milano Via fax: 02.54122656 / 02.54122680 On line: https://dichiarazioni.conai.org

Dettagli

IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse

IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse CICLO DI SEMINARI febbraio/maggio 2008 IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse CICLO DI SEMINARI IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse 26 febbraio PRESUPPOSTI

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update MERCATO MONDIALE DEI BENI DI LUSSO: TERZO ANNO CONSECUTIVO DI CRESCITA A DUE CIFRE. SUPERATI I 200 MILIARDI DI EURO NEL 2012 Il mercato del

Dettagli

HELPDESK PER LE AZIENDE. 1. Che cos è uno stage o tirocinio internazionale?

HELPDESK PER LE AZIENDE. 1. Che cos è uno stage o tirocinio internazionale? HELPDESK PER LE AZIENDE AZIENDE OSPITANTI 1. Che cos è uno stage o tirocinio internazionale? E un tipo di formazione sul lavoro che si realizza in aziende di un Paese diverso da quello nel quale il giovane

Dettagli

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti QUELLI CHE CONDIVIDONO INNOVAZIONE QUALITÀ ECCELLENZA LAVORO PASSIONE SUCCESSO SODDISFAZIONE ESPERIENZA COMPETENZA LEADERSHIP BUSINESS IL

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune 1 Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria DOP Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI

CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI eprice s.r.l. con Socio Unico (di seguito denominata "SITONLINE") con sede legale in Milano, via degli Olivetani 10/12, 20123 - Italia, Codice Fiscale e Partita I.V.A

Dettagli