Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download ""

Transcript

1 1. Impresa è cultura «Vacation land». Una battuta spiritosa. Un motto di graffiante ironia inglese. Ma molti italiani non ci trovano nulla da ridere. E guardano con fastidio una mappa pubblicata a metà novembre del 2011 da The Wall Street Journal in cui l Italia, la Spagna e la Grecia vengono definite, appunto, «vacation lands», in una ipotetica versione dell Europa nel A Nord Est, ecco una Lega nordica con Norvegia, Svezia, Finlandia e Danimarca. A Nord Ovest, il Regno ri-unito di Gran Bretagna e Irlanda. Al centro, gli Stati Uniti d Europa, una specie di riedizione dell Impero Asburgico dominato dalla Germania. E a Sud, già, proprio a Sud, le terre in cui passare le vacanze, bellezza e clima mite, turismo e cultura, luoghi ameni per il tempo libero dei ricchi europei. A ispirare quella mappa c è un urticante articolo di uno dei più noti storici inglesi, Niall Ferguson, impegnato a prevedere, naturalmente con una buona dose di umorismo british, cosa potrebbe accadere della Ue e dell euro se a Bruxelles e nei palazzi di governo delle principali nazioni europee non si prendessero decisioni importanti sulle riforme per il rilancio di un Europa in crisi di ruolo e di identità.

2 2 il riscatto E per l Italia? In una intervista a la Repubblica del 24 novembre, Ferguson continua a ironizzare: una terra in cui, come in Spagna e in Grecia, i ricchi abitanti dell Europa centrale acquistano una seconda casa per le vacanze, serviti e riveriti dalle popolazioni locali, grate dell opportunità di avere un lavoro almeno come camerieri, cuochi, giardinieri. Poi, con tono più serio, aggiunge: «Mi auguro che l Italia possa giocare un ruolo più importante, perché la amo, come il paese più bello del mondo e perché nel vostro passato avete dimostrato più volte grandezza, non solo al tempo dell Impero romano, ma anche nel Rinascimento, nel Risorgimento e durante il miracolo economico del dopoguerra. Tuttavia i problemi strutturali dell Italia d oggi sono enormi. Stimo molto il premier Mario Monti, ma temo che non basti sostituire il primo ministro, da Berlusconi a lui, per riformare l Italia e risolvere i suoi limiti. Servirebbe uno sforzo collettivo colossale per cambiare molte cose. È possibile che ciò accada, ma non è certo». Gli sguardi dall interno dell economia italiana confermano i timori critici. L Italia è in crisi di competitività anche perché è stata a lungo in crisi di immagine e di reputazione, sostiene una indagine di AstraRicerche per ManagerItalia (la federazione dei manager italiani), 1 che indica tra le cause del deterioramento «l incapacità di gestire la crisi economica» (72 per cento), la «litigiosità endemica della politica» (69 per cento), «gli scandali, compreso il bunga-bunga» (le rivelazioni sulle feste a sfondo sessuale dell ex premier Berlusconi). Con pesanti conseguenze: «la rinuncia a 1. La Stampa, 8 novembre 2011.

3 impresa è cultura 3 investire in Italia da parte di aziende estere» (82,2 per cento), le maggiori difficoltà «a trovare fornitori e partner all estero» (61 per cento), le maggiori difficoltà «a vendere all estero i nostri prodotti» (55 per cento). Il nesso tra reputazione, fiducia e crisi economica è netto. Un vero e proprio svantaggio competitivo radicato, cui porre rimedio. Italia, dunque, davvero ineluttabile «vacation land», allora? E «irredimibile», per citare un aggettivo che Giuseppe Tomasi di Lampedusa, nel Gattopardo, usava per la Sicilia e che adesso, man mano che «la linea della palma» sale verso Nord, si teme possa coinvolgere, prima o poi, l intero paese? I pessimisti, oramai da anni, usano per l Italia un sostantivo inquietante: declino. Declino dell economia, in una condizione più che decennale di «crescita piatta» e, nel 2012, di piena recessione. Declino dell industria, man mano che la competitività del sistema paese si riduce, anche per la scomparsa della grande industria, dalla chimica all auto, dall aeronautica alla cantieristica, dall alimentare al tessile. Ma anche declino della politica, in preda alle pulsioni di un populismo demagogico e conservatore o a rischio di ritrovarsi subalterna alle inclinazioni di un aristocrazia di «tecnici». E declino della società civile, bloccata da corporazioni e da vaste sacche di poteri illegali diffusi. Italia, insomma, affetta da una sorta di «sindrome di Venezia», incline a ripercorrere in grande le sorti di quella antica potenza mercantile e finanziaria che si rivelò incapace di reggere, dal Cinquecento in poi, la competizione delle nuove rotte commerciali internazionali e delle nuove tecnologie della navigazione e continuò comunque neghittosamente a sopravvivere,

4 4 il riscatto stretta tra lo splendore delle sue architetture e l irrilevanza dei suoi cantieri e dei suoi fondachi. Magnifica ed elegante. Ma impotente. I pessimisti, però, non sono l unica voce che anima la pubblica opinione italiana. E contro la cupezza dei «declinisti», si schierano i «ragionevoli ottimisti», realisticamente impegnati a sostenere che l Italia, nonostante tutto, è il secondo paese manifatturiero d Europa, dopo la Germania, che la sua forza economica sta soprattutto nel dinamismo delle imprese industriali medie e medio-grandi capaci di reggere bene la competizione internazionale e che, ai gravi vincoli di un terribile debito pubblico da 2mila miliardi (superiore al 120 per cento del Pil, un livello inaccettabile per la Ue), si accompagnano però un basso livello di debito privato e una solida ricchezza diffusa delle famiglie, fonte essenziale della forza di un dinamico capitalismo familiare, flessibile e innovativo. Italia, insomma, tutto sommato ancora viva e vivace. I «ragionevoli ottimisti» amano raccontare una storia, ribattendo con ironia al sarcasmo anglosassone. Quella del capo economista di Goldman Sachs, Jim O Neill, che nel gelido gennaio 2006, durante il Forum economico tra le montagne di Davos, sentenziava così sull Italia: una terra condannata al declino, per scarsa competitività del suo sistema economico, schiacciato sull industria manifatturiera e poco attento all innovazione dei servizi, della finanza d avanguardia. La conclusione, spietata: «Le restano solo il cibo e un po di calcio...». Si erano tutti preoccupati, per quell infausta previsione. Perché O Neill aveva fama di lungimiranza. Da bravo economista, infatti, aveva visto giusto quando, nel 2001, aveva capito, prima di tutti, il ruolo crescente

5 impresa è cultura 5 di Brasile, Russia, India e Cina e aveva coniato l acronimo di gran successo, Bric. Ma, forse troppo influenzato da un diffuso pregiudizio, sull Italia invece aveva sbagliato clamorosamente. Perché di lì a poco la Grande Crisi della finanza mondiale e della cosiddetta «economia di carta» avrebbe riportato al centro dell attenzione proprio «l economia reale», l industria, la manifattura così disprezzate dall uomo della Goldman Sachs. Settori in cui l Italia aveva e ha ruolo, peso, competenza, prestigio. Come la mettiamo, allora, con questi inglesi facili e fallaci profeti di sventura? E che adesso, dopo l O Neill del cibo e del calcio, sbagli anche il Ferguson di «vacation land»? Il racconto del futuro dell Italia, dunque, non può che essere ricco di aspetti contrastanti e controversi. Per ricostruire i punti di debolezza e di forza delle sue strutture sociali ed economiche. E avere un orizzonte di riferimento: un ipotesi di ripresa e, perché no? di sviluppo del sistema paese e non solo di crescita economica in senso stretto. La valorizzazione delle risorse, dunque. E l indicazione delle forze su cui fare leva. La vitalità. L intraprendenza. La solidità delle radici culturali e la vivacità delle energie imprenditoriali diffuse. La creatività. Un ricco capitale umano e un buon capitale sociale dalle robuste radici. Le doti complesse di un paese che sa vivere e, per crescere di più e meglio, ha bisogno di massicce dosi di competività e di produttività e dunque di culture della qualità, del merito, della concorrenza e del mercato ben regolato. Per dare spazio alle sue energie imprenditoriali. E per attrarre ecco un punto chiave talenti, competenze, risorse e investimenti internazionali. Una dinamicità che si può condensare in

6 6 il riscatto una parola. Il «riscatto». Riscatto dai pericoli di marginalità. Riscatto dai limiti politici e sociali, purtroppo ampiamente diffusi, che ne frenano le potenzialità. Riscatto, insomma, da una crisi di pensieri e opere che ne contraddicono gli spiriti generosi di rinnovamento. Un riscatto che ricorda altre parole care alla nostra storia, il Rinascimento, il Risorgimento, la ripresa degli anni Cinquanta sino al boom degli anni Sessanta chiamato, con eccesso d enfasi, «miracolo economico». Un riscatto per una nuova, orgogliosa stagione italiana. L Italia è un paese aperto. È stata questa, sempre, una delle sue migliori caratteristiche. Determinata dalla particolarissima geografia, una lunga striscia di terra che penetra verso il centro del Mediterraneo, chiusa da una corona di montagne ricche però di passaggi e di valichi. E da un attitudine radicata nei secoli agli scambi, ai commerci, ai confronti, nell accezione complessa ma non contraddittoria dei conflitti e dei dialoghi. Italia terra di partenze e di arrivi. Italia, nella storia, centro di poteri e civiltà e periferia comunque fertile di imperi, con attitudine (anche nelle condizioni peggiori) di provincia creativa, attiva, colta. Per non farla troppo lunga con la storia, ci si può fermare un attimo, appunto, a tempi recenti e ricordare come nell immediato dopoguerra, conclusa la brutta e dolorosa stagione dell isolamento e dell autarchia fascista, la ripresa economica sia stata segnata da scelte politiche (i governi di Alcide De Gasperi, la lezione economica di Luigi Einaudi da governatore della Banca d Italia, da ministro e poi da presidente della Repubblica, le innovative scelte ministeriali per l industria e il fisco di un cattolico liberale come Ezio Vanoni, l europeismo di Altiero Spinelli) in direzione dell apertura

7 impresa è cultura 7 verso l Europa. Un Italia protagonista, fin dall inizio, degli accordi economici del Mec (il Mercato comune europeo) e di una Nato che era sì un alleanza militare sotto il dominio degli Usa, ma anche una scelta politica e culturale nel segno del dialogo atlantico, aggiunto all attitudine tutta italiana (talvolta, è vero, un po troppo ambiguamente levantina) alle buone relazioni con gli altri paesi nell area del Mediterraneo. Italia degli scambi, vincendo le tentazioni ricorrenti del protezionismo. E delle imprese industriali che hanno recitato ruoli da protagoniste nell export e, alcune, anche nei solidi investimenti internazionali (l Eni, la Fiat, la Pirelli, per citare solo le maggiori). La stagione migliore del boom economico, pur tra pesanti contraddizioni, proprio questo è stata, nel fulgore degli anni Cinquanta e Sessanta: dinamismo del mercato interno e capacità di affrontare i mercati esteri, a cominciare appunto dai mercati europei. Il ruolo storico degli investimenti esteri in Italia va riletto in un contesto così articolato: una funzione di intervento attivo per accompagnarne la trasformazione in paese industriale, a benessere diffuso, rafforzandone le caratteristiche di democrazia liberale e di mercato e aumentandone la ricchezza generale. Non è stata certo una storia lineare (basti ricordare i pesanti conflitti tra l Eni di Enrico Mattei, un «campione» dell indipendenza energetica nazionale, e le «sette sorelle», le multinazionali petrolifere, per il controllo delle risorse di petrolio e metano). E ha avuto pagine tutt altro che brillanti (atteggiamenti definiti «neo-coloniali» di alcune grandi imprese, soprattutto nel settore della petrolchimica e della chimica). Ma, polemiche a parte, e al netto della scorie che inevitabilmente segnano la sto-

8 8 il riscatto ria degli uomini e delle loro attività politiche ed economiche, gli ultimi decenni dell economia italiana hanno visto un attiva presenza di investitori internazionali, in un rapporto di fertilizzazione incrociata di tecnologie, competenze e culture d impresa tra aziende italiane e aziende estere. La linea finale del bilancio è positiva. Un paese cresce se, insieme alle forze imprenditoriali locali, sa dare spazio alle energie che vengono dal resto del mondo. Se, all orgoglio identitario, sa accompagnare l attitudine al confronto e alla comprensione. Se, insomma, attira risorse e culture diverse, se ne fa influenzare e trasformare e, contemporaneamente, le trasforma. Contaminazioni, insomma. Di saperi produttivi e finanziari. Di tecnologie. Di criteri di gestione. Di stili di management, tra il buon capitalismo familiare (superati i vincoli del familismo) e il capitalismo da public company. Diffusione, nelle imprese italiane, di una cultura della responsabilità e dell accountability tipici dell azienda anglosassone e continentale europea. E, al contrario, innesto dell intelligente flessibilità italiana nei modelli di gestione delle grandi imprese internazionali. La stessa cultura manageriale diffusa e dominante, secondo criteri d impronta Usa, può avere vantaggi dal confronto con un modo di governare l impresa in cui la forza lungimirante dell azionista-famiglia fa maturare visioni di tempo lungo estranee a un management spesso troppo incline alle performance di tempo breve (che incidono sulle retribuzioni e le carriere dei manager non azionisti). Dalle imprese internazionali, gli italiani possono imparare i metodi delle deleghe e della responsabilità, ma anche le buone culture della gestione delle risorse umane, come dimostra il fatto

9 impresa è cultura 9 che delle 38 aziende italiane leader di best practices per la qualità del lavoro, secondo la classifica del CFR Institute, metà sono di proprietà di multinazionali estere (da 3M ad Abbott, da Adidas a Bnl-Bnp Paribas, da Datalogic a Electrolux, da TNT a Volkswagen). 2 Dagli italiani, le imprese del mondo che investono in Italia possono avere vantaggi dalla comprensione dei valori di uno sguardo ironico e colto, sapiente e smagato, attento ai mercati del mondo e contemporaneamente appassionato ai valori del territorio su cui insiste l impresa (una caratteristica positiva molto italiana, che può affermarsi sui mercati globali, com è riprovato dal successo delle imprese italiane che sanno essere italiane in Italia, ma anche brasiliane in Brasile, rumene in Romania, cinesi in Cina, americane negli Usa: l intelligente flessibilità comprensiva e non dominante). Sintesi nuove, originali, insomma. Paradigmi interessanti con cui confrontarsi, in un mondo in cui global e local non sono antinomie, ma modi d essere che cercano e trovano contatti e convivenze. Competitività. E più originale e fertile «cooperazione competitiva». I manager italiani che hanno avuto successo nelle multinazionali ne sono, d altronde, buona testimonianza, conferma positiva. In stagioni di globalizzazione, appunto, questa è una strada obbligata. L identità è fertile quando rifiuta le chiusure da «piccole patrie» e sa definirsi attraverso un confronto di molteplicità. Le frontiere sono vive non quando separano ma quando diventano luoghi permeabili dello scambio e del passaggio. E la «modernità 2. Il Sole 24Ore, 19 marzo 2012.

10 10 il riscatto liquida» e dunque sfuggente acquista senso quando i contenitori sanno essere contemporaneamente forti e flessibili. La scommessa dello sviluppo italiano si gioca proprio su un terreno così stimolante. Nel paese che ha radici storiche tra le più ricche e profonde in Europa e vanta il maggior patrimonio culturale del mondo, esistono le condizioni per migliorare la propria attitudine all accoglienza attiva nei confronti di risorse, umane, culturali, economiche, da tutto il resto del mondo: dai paesi maggiormente industrializzati, che qui trovano competenze, tecnologie, qualità imprenditoriali, sapienza manifatturiera e sofisticato gusto estetico; e dai paesi dell area del Mediterraneo che proprio le rivolte popolari del 2011 hanno liberato da umilianti illiberali condizioni di dominio e che cercano, appunto nell Europa e nell Italia, partner di crescita. La chiave? Va trovata proprio in un primato italiano, la sua cultura. Declinata non solo nella dimensione più tradizionale del patrimonio artistico e ambientale (una natura comunque profondamente trasformata dall ingegno umano), ma anche in quella dei saperi materiali, della capacità di fare, e fare bene, nell insieme delle competenze d arte e artigianato, di gusto della bellezza e di qualità manifatturiera che hanno contraddistinto la nostra storia e ancora connotano la nostra attualità. Una vera e propria «cultura politecnica» che sa tenere insieme estetica e tecnica. I dipinti di Piero della Francesca, un genio matematico. Le opere di Leonardo. La ricerca di Galileo. E via via continuando, sino ai più recenti primati della scienza (e della stessa filosofia della scienza) in una stagione quasi contemporanea che comprende, nel Novecento,

11 impresa è cultura 11 il Nobel per la letteratura di Luigi Pirandello e il Nobel per la chimica di Giulio Natta, tanto per fare solo alcuni esempi. Una «civiltà delle macchine» che trova la sua realizzazione, per continuare con gli esempi, in un altro primato tutto italiano: il design, applicato non solo agli oggetti d uso, ma anche alle macchine utensili per fabbricarli. Per capire meglio, vale la pena riflettere su una considerazione di fondo: impresa e cultura non fanno riferimento a due universi differenti, ma sono parte dello stesso mondo. Fare impresa, impresa industriale soprattutto, vuol dire investire e lavorare sui cambiamenti dei mercati, dei consumi, delle tecnologie produttive. Puntare sulla ricerca e sull innovazione. Seguire le trasformazioni tecniche e sociali. E l innovazione, parola chiave, carica appunto di forti valenze culturali e simboliche, riguarda tutto: le tecnologie, i materiali, i nuovi prodotti e i nuovi processi per produrli, le relazioni industriali tra le varie componenti del mondo dell impresa e del lavoro, i linguaggi del marketing e della comunicazione. Cos è tutto questo se non cultura scientifica, cultura economica, cultura d impresa? Bisogna, in altri termini, passare dalla tradizionale visione di «impresa e cultura» a una visione più forte e carica di valori: «impresa è cultura». Un verbo sostituisce una congiunzione. Un nuovo gioco di teoria e prassi si impone alla riflessione degli attori sociali e politici. E si rafforza un patrimonio molto italiano. Senza subire la divisione, pur diffusa in parecchi ambienti intellettuali italiani nel corso del Novecento, tra cultura umanistica e cultura scientifica, ma anzi trovando, proprio nell impresa industriale, il luogo di sintesi forti e originali. Una lezione di strettissima attualità. Secondo

12 12 il riscatto cui l Italia ha un eccellenza particolarmente attraente. Un altra arma contro i rischi di declino. La riprova? Sta in una lettera scritta a Il Sole 24Ore 3 da tre personalità del governo Monti, il ministro dei Beni Culturali Lorenzo Ornaghi, il ministro dello Sviluppo economico Corrado Passera e il ministro dell Istruzione, Università e Ricerca Francesco Profumo, in risposta al «Manifesto per la cultura» lanciato pochi giorni prima dal quotidiano: «Cultura: necessario tornare a investire» e cioè «riportare al centro del dibattito pubblico il valore della cultura, della ricerca scientifica, dell innovazione e dell educazione, a vantaggio del progresso del nostro paese». Un investimento, continuano i tre ministri, che «deve interessare lo straordinario patrimonio culturale italiano, inteso non solo come risorsa da tutelare e preservare, ma da animare e valorizzare sempre di più, perché elemento costitutivo dell identità del paese, della sua storia e della sua civiltà, del suo saper fare, della sua stessa competitività. La conoscenza è fattore dinamico e generativo, è il terreno comune per la convivenza civile, il fondamentale mezzo di promozione sociale: la prima responsabilità della politica è la cura della Repubblica della conoscenza, la condizione per una società aperta e moderna». È un capitale irripetibile, questo. Strumento, appunto, di competitività. A patto di valorizzarlo, in un circuito di relazioni, confronti, scambi. E investimenti. C è, infatti, un solo modo per esorcizzare quel destino da «vacation land» ironicamente profetizzato da Ferguson: rafforzare l identità di paese ricco di cultura e di 3. Il Sole 24Ore, 24 febbraio 2012.

13 impresa è cultura 13 capacità industriale manifatturiera (naturalmente senza rinunciare all industria del turismo). E quest identità si potenzia non soltanto costruendo una politica industriale favorevole alle imprese e all innovazione, ma anche diventando sempre più capaci di attrarre investimenti internazionali. Italia competitiva all interno e all estero, insomma. Luogo ideale per venire a fare vacanze, sulle Alpi cariche di neve, sulle dolci colline toscane, umbre o marchigiane, lungo le coste liguri, pugliesi e campane o all ombra delle dimore normanne o barocche della Sicilia. Ma anche e soprattutto per fare impresa. Innovativa, produttiva, culturalmente sofisticata, all avanguardia dell economia della conoscenza, contemporanea dunque e cioè capace di reggere la più severa concorrenza europea e internazionale. Fare impresa, come abbiamo detto, significa fare cultura. E di cultura, nonostante tutto, l Italia è ancora custode e produttrice. In tempi di crisi generale, in cui l Italia è pur sempre un anello debole dell Europa, soprattutto per il suo pesante debito pubblico e le resistenze alla modernizzazione, le strategie industriali aperte sono uno degli strumenti essenziali di ripresa. La crescita economica non può non dipendere dagli aumenti degli investimenti. E il mondo è pieno di capitali e competenze in cerca di migliore allocazione. Risorse da conquistare, appunto. Risalendo la china che ha visto proprio l Italia perdere attrattività internazionale. Ed evitando di continuare a camminare lungo il crinale scivoloso del rischio del declino. Stiamo ancora su quel crinale, purtroppo. Possiamo venirne fuori. D altronde, per dirla con un grande poeta tedesco che amava l Italia, Friedrich Hölderlin, «laddove cresce il pericolo, cresce anche la salvezza».

14 Estratto da Il riscatto. L Italia e l industria internazionale di Ferdinando Beccalli Falco e Antonio Calabrò Università Bocconi Editore, Milano, 2012 Riprodotto per gentile concessione degli Autori e dell Editore Copyright 2012 EGEA S.p.A. Università Bocconi Editore Impaginazione: Alberto Bellanti, Milano Copertina: mstudio, Milano EGEA S.p.A. Via Salasco, Milano Tel. 02/ Fax 02/ Tutti i diritti sono riservati, compresi la traduzione, l adattamento totale o parziale, la riproduzione, la comunicazione al pubblico e la messa a disposizione con qualsiasi mezzo e/o su qualunque supporto (ivi compresi i microfilm, i film, le fotocopie, i supporti elettronici o digitali), nonché la memorizzazione elettronica e qualsiasi sistema di immagazzinamento e recupero di informazioni. Per altre informazioni o richieste di riproduzione si veda il sito www. egeaonline.it/fotocopie.htm Date le caratteristiche di Internet, l Editore non è responsabile per eventuali variazioni di indirizzi e contenuti dei siti Internet menzionati. Prima edizione: aprile 2012 ISBN Stampa: GECA, Cesano Boscone (Mi) Questo volume è stampato su carta FSC -pro veniente da foreste gestite in maniera responsabile secondo rigorosi standard ambientali, economici e sociali definiti dal Forest Stewardship Council

www.sviluppoeconomico.gov.it PrideandPrejudice #laforzadellexport quello che non si dice del made in italy

www.sviluppoeconomico.gov.it PrideandPrejudice #laforzadellexport quello che non si dice del made in italy PrideandPrejudice #laforzadellexport quello che non si dice del made in italy INTRODUZIONE Un economia sempre più internazionalizzata: l export è il principale volano per la crescita dell economia italiana,

Dettagli

PREMIO CASINO DI SANREMO-CONFINDUSTRIA CENTO ANNI DA QUI

PREMIO CASINO DI SANREMO-CONFINDUSTRIA CENTO ANNI DA QUI PREMIO CASINO DI SANREMO-CONFINDUSTRIA CENTO ANNI DA QUI LA GLOBALIZZAZIONE NEL TERZO MILLENNIO: LA SFIDA DELLE ECCELLENZE (SANREMO, 18 OTTOBRE 2008) INTERVENTO DEL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO ON.

Dettagli

Claudio GAGLIARDI. Rapporto PIQ 2011. Una nuova misura dell economia per leggere l Italia e affrontare la crisi. Segretario Generale Unioncamere

Claudio GAGLIARDI. Rapporto PIQ 2011. Una nuova misura dell economia per leggere l Italia e affrontare la crisi. Segretario Generale Unioncamere Claudio GAGLIARDI Segretario Generale Unioncamere Rapporto PIQ 2011 Una nuova misura dell economia per leggere l Italia e affrontare la crisi Roma, 10 dicembre 2012 Perché puntare l obiettivo sulla qualità?

Dettagli

LE IMPRESE ESPORTATRICI ITALIANE: ANALISI DEL SISTEMA E PROSPETTIVE. Prima parte Analisi del sistema

LE IMPRESE ESPORTATRICI ITALIANE: ANALISI DEL SISTEMA E PROSPETTIVE. Prima parte Analisi del sistema Aspen Institute Italia Studio curato da: Servizio Studi e Ricerche, Intesa Sanpaolo ISTAT IMT Alti Studi, Lucca Fondazione Edison LE IMPRESE ESPORTATRICI ITALIANE: ANALISI DEL SISTEMA E PROSPETTIVE Prima

Dettagli

COME ARRIVARE DI NUOVO A FINE MESE

COME ARRIVARE DI NUOVO A FINE MESE MARTINO CARRIERI COME ARRIVARE DI NUOVO A FINE MESE Conversazioni e consigli di dieci famiglie italiane Disegni di Alfredo Pompilio Dellisanti MARTINO CARRIERI COME ARRIVARE DI NUOVO A FINE MESE (Conversazioni

Dettagli

BENVENUTI CRESCITA STATEGICA

BENVENUTI CRESCITA STATEGICA Developing high growth potential businesses for international investment 1 Settembre 2015, Londra, Regno Unito Stimati investitori, BENVENUTI Grazie per aver dedicato una parte del vostro tempo nel visitare

Dettagli

VESTIRE GLI ITALIANI

VESTIRE GLI ITALIANI CANTIERI DI STORIA VI La storia contemporanea in Italia oggi: ricerche e tendenze Forlì 22-24 settembre 2011 www.sissco.it VESTIRE GLI ITALIANI Coordinatrice Emanuela Scarpellini, Università degli Studi

Dettagli

LA FUGA DEI TALENTI: I MANAGER ITALIANI ESPATRIATI

LA FUGA DEI TALENTI: I MANAGER ITALIANI ESPATRIATI LA FUGA DEI TALENTI: I MANAGER ITALIANI ESPATRIATI Indagine Manageritalia e Kilpatrick a cura di LUGLIO 2013 0 LA FUGA DEI TALENTI: I MANAGER ITALIANI ESPATRIATI Indagine per Manageritalia e Kilpatrick

Dettagli

L Area Nord: rispetto a 5 anni fa

L Area Nord: rispetto a 5 anni fa Conclusioni 1 L Area Nord: rispetto a 5 anni fa L Area Nord, nonostante la crisi del 2009 che ha peggiorato le condizioni rispetto al 2008, è comunque cresciuta in termini di ricavi del 25% rispetto al

Dettagli

Dove finisce tutto il denaro? Rendere operativa l assegnazione dei finanziamenti della politica regionale

Dove finisce tutto il denaro? Rendere operativa l assegnazione dei finanziamenti della politica regionale Dove finisce tutto il denaro? Rendere operativa l assegnazione dei finanziamenti della politica regionale Sintesi Questa relazione è stata preparata per il ventottesimo incontro del Consorzio per la ricerca

Dettagli

Il modello lombardo visto dal Regno Unito

Il modello lombardo visto dal Regno Unito Il modello lombardo Direttore di ResPublica, Londra di Phillip Blond Le ragioni di un interesse 81 Vi sono diverse ragioni alla base del nostro interesse per la Lombardia e il suo modello di sviluppo che,

Dettagli

Università della Tuscia

Università della Tuscia LO SVILUPPO ECONOMICO in Italia. e nel mondo: presente, passato, futuro Giuseppe GAROFALO Prof. di Economia politica Università della Tuscia Pil (miliardi di $ PPA base 1990) Anno: 2006 Parità poteri d

Dettagli

INTERNAZIONALIZZAZIONE PASSIVA E ATTRATTIVITÀ

INTERNAZIONALIZZAZIONE PASSIVA E ATTRATTIVITÀ INTERNAZIONALIZZAZIONE PASSIVA E ATTRATTIVITÀ Se confrontata con i principali paesi europei, l Italia si colloca nella fascia bassa, per quanto riguarda la presenza di imprese estere sul proprio territorio.

Dettagli

QUADERNO DI LAVORO: GLI SCENARI ECONOMICI (gennaio 2007)

QUADERNO DI LAVORO: GLI SCENARI ECONOMICI (gennaio 2007) QUADERNO DI LAVORO: GLI SCENARI ECONOMICI (gennaio 2007) CRS PO-MDL 1 GLI SCENARI ECONOMICI Prima di affrontare una qualsiasi analisi del mercato del lavoro giovanile, è opportuno soffermarsi sulle caratteristiche

Dettagli

Prefazione Prefazione

Prefazione Prefazione Tra i fattori strutturali dell economia e del sistema industriale italiano spiccano due caratteristiche: la prevalenza di imprese di piccole e medie dimensioni nelle quali si notano la contemporanea presenza

Dettagli

L ITALIA VISTA DALL EUROPA Verso i traguardi di Lisbona: i risultati dell Italia 4a edizione - Marzo 2007

L ITALIA VISTA DALL EUROPA Verso i traguardi di Lisbona: i risultati dell Italia 4a edizione - Marzo 2007 L ITALIA VISTA DALL EUROPA Verso i traguardi di Lisbona: i risultati dell 4a edizione - Marzo 2007 SINTESI Confindustria pubblica per la quarta volta L vista dall Europa, documento annuale che fa il punto

Dettagli

CITTÀ, POLITICHE E STRUMENTI DI GOVERNANCE

CITTÀ, POLITICHE E STRUMENTI DI GOVERNANCE A14 371 Giovanni Tocci CITTÀ, POLITICHE E STRUMENTI DI GOVERNANCE LA PIANIFICAZIONE STRATEGICA IN ALCUNE CITTÀ MEDIE ITALIANE Copyright MMX ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it

Dettagli

NUOVO RECORD PER L OCCHIALERIA ITALIANA SUI MERCATI INTERNAZIONALI: NEL 2014 EXPORT A +11,8%, OLTRE 3,1 MILIARDI DI EURO.

NUOVO RECORD PER L OCCHIALERIA ITALIANA SUI MERCATI INTERNAZIONALI: NEL 2014 EXPORT A +11,8%, OLTRE 3,1 MILIARDI DI EURO. ANFAO NUOVO RECORD PER L OCCHIALERIA ITALIANA SUI MERCATI INTERNAZIONALI: NEL 2014 EXPORT A +11,8%, OLTRE 3,1 MILIARDI DI EURO. STATI UNITI, FRANCIA, GERMANIA, SPAGNA, INGHILTERRA, PAESI EMERGENTI: QUESTI

Dettagli

L Europa in sintesi. L Europa: il nostro continente

L Europa in sintesi. L Europa: il nostro continente L Europa in sintesi L Europa: il nostro continente L Europa è uno dei sette continenti del mondo. Essa si estende dall Oceano Artico a nord al Mare Mediterraneo a sud e dall Oceano Atlantico a ovest fino

Dettagli

La DSC per fare impresa Roma, 21 Ottobre 2011

La DSC per fare impresa Roma, 21 Ottobre 2011 La DSC per fare impresa Roma, 21 Ottobre 2011 V Rapporto Classe Dirigente Le risorse dei territori italiani, le sfide del Mondo Nuovo Giorgio Neglia Direttore ricerca AMC Roma 21 ottobre 2011 Il Rapporto

Dettagli

Vi sono più cose in cielo e in terra, Orazio, di quanto se ne sognano nella vostra filosofia (Amleto William Shakespeare)

Vi sono più cose in cielo e in terra, Orazio, di quanto se ne sognano nella vostra filosofia (Amleto William Shakespeare) Vi sono più cose in cielo e in terra, Orazio, di quanto se ne sognano nella vostra filosofia (Amleto William Shakespeare) Oggi la qualità delle relazioni sociali, delle condizioni ambientali, dei processi

Dettagli

Player mondiale con un identità globale

Player mondiale con un identità globale PROTAGONISTI. Parla il presidente di Indesit Company Player mondiale con un identità globale Nata come impresa familiare, oggi è una multinazionale che persegue una politica di brand acquisition. Vittorio

Dettagli

La Toscana del turismo tra crisi e capacità competitiva Enrico Conti Firenze, 8 luglio 2015

La Toscana del turismo tra crisi e capacità competitiva Enrico Conti Firenze, 8 luglio 2015 Turismo & Toscana La Toscana del turismo tra crisi e capacità competitiva Enrico Conti Firenze, 8 luglio 2015 Il turismo nell economia Toscana Nel 2014 oltre 43,5 milioni di presenze ufficiali (+ 3 milioni

Dettagli

CROLLO BORSA/ 1. Sapelli: l Europa ha fallito il salvataggio dell Italia Il Sussidiario.it INT. Giulio Sapelli

CROLLO BORSA/ 1. Sapelli: l Europa ha fallito il salvataggio dell Italia Il Sussidiario.it INT. Giulio Sapelli CROLLO BORSA/ 1. Sapelli: l Europa ha fallito il salvataggio dell Italia Il Sussidiario.it INT. Giulio Sapelli Già si erano visti alcuni segnali preoccupanti prima di Pasqua, con la Borsa di Milano tornata

Dettagli

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA L Italia è in crisi, una crisi profonda nonostante i timidi segnali di ripresa del Pil. Ma non è un paese senza futuro. Dobbiamo

Dettagli

ROTARY CLUB NOALE DEI TEMPESTA. Numeri della Crisi Italia - Riflessioni su come superare la crisi.

ROTARY CLUB NOALE DEI TEMPESTA. Numeri della Crisi Italia - Riflessioni su come superare la crisi. Il 31 marzo conviviale a tema GIUSEPPE TREVISAN Presidente 2010/2011 Numeri della Crisi Italia Riflessioni su come superare la crisi. Relatore prof. Giorgio Brunetti Per l Italia si prevede una crescita

Dettagli

Agganciare la ripresa, ma con quali capitali? 10 Annual Economia & Finanza Il Sole 24 Ore

Agganciare la ripresa, ma con quali capitali? 10 Annual Economia & Finanza Il Sole 24 Ore Agganciare la ripresa, ma con quali capitali? 10 Annual Economia & Finanza Il Sole 24 Ore Milano, 28 novembre 2013 Euro mld Il fardello dell economia italiana Debito pubblico dello Stato italiano 2.068.564.740.090

Dettagli

L ITALIA IN 10 SELFIE. 2016 UNA NUOVA ECONOMIA PER AFFRONTARE LA CRISI, PROTAGONISTI DELLA SFIDA DEL CLIMA.

L ITALIA IN 10 SELFIE. 2016 UNA NUOVA ECONOMIA PER AFFRONTARE LA CRISI, PROTAGONISTI DELLA SFIDA DEL CLIMA. L ITALIA IN 10 SELFIE. 2016 UNA NUOVA ECONOMIA PER AFFRONTARE LA CRISI, PROTAGONISTI DELLA SFIDA DEL CLIMA. L ITALIA IN 10 SELFIE. 2016 UNA NUOVA ECONOMIA PER AFFRONTARE LA CRISI, PROTAGONISTI DELLA SFIDA

Dettagli

PIL e tasso di crescita.

PIL e tasso di crescita. PIL e tasso di crescita. 1.1 Il lungo periodo PIL è una sigla molto usata per indicare il livello di attività di un sistema economico. Il Prodotto Interno Lordo, misura l insieme dei beni e servizi finali,

Dettagli

DESTINAZIONE ITALIA 2020

DESTINAZIONE ITALIA 2020 DESTINAZIONE ITALIA 2020 Promuovere e comunicare lo stile italiano nel mondo Il ruolo delle imprese Cav. Dott. Grazia Bottiglieri Rizzo Torino, 30 gennaio 2009 . IL BOARD DELLA RIZZO BOTTIGLIERI DE CARLINI.

Dettagli

DALLA GREEN ECONOMY 102 MLD DI VALORE AGGIUNTO (IL 10,3%) E QUASI 3 MLN DI POSTI DI LAVORO

DALLA GREEN ECONOMY 102 MLD DI VALORE AGGIUNTO (IL 10,3%) E QUASI 3 MLN DI POSTI DI LAVORO I DATI DI GREENITALY DI FONDAZIONE SYMBOLA E UNIONCAMERE DALLA GREEN ECONOMY 102 MLD DI VALORE AGGIUNTO (IL 10,3%) E QUASI 3 MLN DI POSTI DI LAVORO 372MILA IMPRESE (24,5% DEL TOTALE) PUNTANO SULLA GREEN

Dettagli

Le Imprese Altagamma sono i driver di una parte rilevante dell economia e della società italiana:

Le Imprese Altagamma sono i driver di una parte rilevante dell economia e della società italiana: NOVEMBRE 2015 2 L industria culturale e creativa di alta gamma mondiale (High-end CCI), nella molteplicità e trasversalità dei suoi settori e delle sue filiere, serve nel 2015 un mercato mondiale di consumi

Dettagli

L Europa in sintesi. L Europa: il nostro continente. Cos è l Unione europea?

L Europa in sintesi. L Europa: il nostro continente. Cos è l Unione europea? L Europa in sintesi Cos è l Unione europea? È europea È un unione = si trova in Europa. = unisce paesi e persone. Guardiamola più da vicino: cosa hanno in comune gli europei? Come si è sviluppata l Unione

Dettagli

Turismo in Italia: meno tasse, non tasse di soggiorno

Turismo in Italia: meno tasse, non tasse di soggiorno 203 IBL Focus Turismo in Italia: meno tasse, non tasse di soggiorno Di Andrea Giuricin L Italia è sempre stata una potenza nel campo del turismo. Lo si dice spesso, ma purtroppo ciò trova sempre meno riscontro

Dettagli

LA RICCHEZZA DELLA BELLEZZA

LA RICCHEZZA DELLA BELLEZZA C E N S I S LA RICCHEZZA DELLA BELLEZZA Perché in Italia occorre ricominciare a produrre bellezza Sintesi Roma, 11 luglio 2012 Introduzione La Fondazione Marilena Ferrari, sostenuta da FMR-ART E, che da

Dettagli

Lo sviluppo economico del Meridione e i sistemi di sostegno alle imprese

Lo sviluppo economico del Meridione e i sistemi di sostegno alle imprese VINCENZO MAGGIONI Lo sviluppo economico del Meridione e i sistemi di sostegno alle imprese Parlare del Mezzogiorno è al tempo stesso cosa molto facile e molto difficile: facile, perché tutti sono pieni

Dettagli

LE IMPRESE ITALIANE IN RUSSIA: TRA CRISI E NUOVE OPPORTUNITÀ Manuela Marianera, Centro Studi Confindustria, dicembre 2009

LE IMPRESE ITALIANE IN RUSSIA: TRA CRISI E NUOVE OPPORTUNITÀ Manuela Marianera, Centro Studi Confindustria, dicembre 2009 LE IMPRESE ITALIANE IN RUSSIA: TRA CRISI E NUOVE OPPORTUNITÀ Manuela Marianera, Centro Studi Confindustria, dicembre 9 "Non importa quante volte cadi. Quello che conta è la velocità con cui ti rimetti

Dettagli

vorrei anzitutto ringraziare la Camera di Commercio di Novara e l Università Amedeo Avogadro per avermi

vorrei anzitutto ringraziare la Camera di Commercio di Novara e l Università Amedeo Avogadro per avermi La responsabilità sociale delle imprese nel contesto del processo di internazionalizzazione e globalizzazione dei mercati Novara, 28 novembre 2005 Intervento Cari amici, vorrei anzitutto ringraziare la

Dettagli

Considerazioni e orientamenti di azione politica

Considerazioni e orientamenti di azione politica MANIFESTO della RETE DEL CIVISMO LOMBARDO Considerazioni e orientamenti di azione politica I più recenti risultati elettorali hanno confermato la crisi della cosiddetta Seconda Repubblica e dei partiti

Dettagli

Relazione del Presidente dell ABI Antonio Patuelli

Relazione del Presidente dell ABI Antonio Patuelli ACRI 91ª GIORNATA MONDIALE DEL RISPARMIO Risparmio e ripresa in una nuova Europa Relazione del Presidente dell ABI Antonio Patuelli Roma, Palazzo della Cancelleria 28 ottobre 2015. INTERVENTI ABI 2015

Dettagli

ricercatore presso l Istituto di Formazione politica «Pedro Arrupe» di Palermo

ricercatore presso l Istituto di Formazione politica «Pedro Arrupe» di Palermo Empowerment di Giuseppe Burgio Insegnante e formatore; ricercatore presso l Istituto di Formazione politica «Pedro Arrupe» di Palermo Tra le parole straniere ormai di uso corrente, empowerment è una delle

Dettagli

L ATLANTE DEL MADE IN ITALY LE ROTTE DELL EXPORT ITALIANO PRIMA E DURANTE LA CRISI

L ATLANTE DEL MADE IN ITALY LE ROTTE DELL EXPORT ITALIANO PRIMA E DURANTE LA CRISI L ATLANTE DEL MADE IN ITALY LE ROTTE DELL EXPORT ITALIANO PRIMA E DURANTE LA CRISI Ottobre 2012 1 L ATLANTE DEL MADE IN ITALY Le rotte dell export italiano prima e durante la crisi La crisi dell economia

Dettagli

Esplorazione dello spazio: il ruolo dell Europa. Bozza provvisoria

Esplorazione dello spazio: il ruolo dell Europa. Bozza provvisoria Bozza provvisoria UMBERTO GUIDONI, Deputato al Parlamento europeo. Intanto ringrazio rapidamente il ministro, il presidente e tutto il gruppo del VAST, che ha avuto la sensibilità di organizzare questo

Dettagli

LA LETTURA COME STRUMENTO PER LO SVILUPPO E LA CONVIVENZA CIVILE. GIUSEPPE ROMA Twitter @GiromRoma Senior Advisor CENSIS

LA LETTURA COME STRUMENTO PER LO SVILUPPO E LA CONVIVENZA CIVILE. GIUSEPPE ROMA Twitter @GiromRoma Senior Advisor CENSIS LA LETTURA COME STRUMENTO PER LO SVILUPPO E LA CONVIVENZA CIVILE (sintesi DELL INTERVENTO) GIUSEPPE ROMA Twitter @GiromRoma Senior Advisor CENSIS SENZA LETTURA NON C È CRESCITA QUOTIDIANI, PERIODICI E

Dettagli

Seminario «Imprese, mercati, nuove tecnologie e nuovi settori: come cambia l organizzazione aziendale nello scenario competitivo»

Seminario «Imprese, mercati, nuove tecnologie e nuovi settori: come cambia l organizzazione aziendale nello scenario competitivo» Seminario «Imprese, mercati, nuove tecnologie e nuovi settori: come cambia l organizzazione aziendale nello scenario competitivo» Torino, 28-30 Novembre 2011 Luca Pignatelli Demografia (2010-2011) Popolazione

Dettagli

Il turismo sportivo nello sviluppo del marketing territoriale

Il turismo sportivo nello sviluppo del marketing territoriale Il turismo sportivo nello sviluppo del marketing territoriale Caorle, 25 maggio 2013 Roberto Ghiretti Presidente Studio Ghiretti & Associati Srl Il mestiere di promuovere i territori (città, province,

Dettagli

OECD Science, Technology and Industry: Scoreboard 2005. Scienza, Tecnonologia e Industria: Quadro di valutazione OCSE 2005. Sommario Esecutivo

OECD Science, Technology and Industry: Scoreboard 2005. Scienza, Tecnonologia e Industria: Quadro di valutazione OCSE 2005. Sommario Esecutivo OECD Science, Technology and Industry: Scoreboard 2005 Summary in Italian Scienza, Tecnonologia e Industria: Quadro di valutazione OCSE 2005 Riassunto in italiano Sommario Esecutivo Prosegue la tendenza

Dettagli

Introduzione. (Martha C. Nussbaum, Non per profitto. Perché le democrazie hanno bisogno della cultura umanistica, Il Mulino, 2010)

Introduzione. (Martha C. Nussbaum, Non per profitto. Perché le democrazie hanno bisogno della cultura umanistica, Il Mulino, 2010) 7 Introduzione «Cosa c è nell esistenza umana che rende così difficile sposare le istituzioni democratiche basate sul rispetto dei princìpi dell uguaglianza e delle garanzie del diritto, e così facile

Dettagli

L Europa e il mondo nel primo Novecento p. 8

L Europa e il mondo nel primo Novecento p. 8 Libro misto DVD Atlante Storico Percorso di cittadinanza e Costituzione con testi integrali Materiali aggiuntivi per lo studio individuale immagini, carte, mappe concettuali RISORSE ONLINE Schede per il

Dettagli

MERCATO IMMOBILIARE EUROPEO OLTRE LA CRISI

MERCATO IMMOBILIARE EUROPEO OLTRE LA CRISI Grexit butta acqua sul fuoco" della ripresa, ma non la ferma MERCATO IMMOBILIARE EUROPEO OLTRE LA CRISI In Italia c'è ancora incertezza, ma piace agli investitori esteri Il no greco getta acqua sul fuoco

Dettagli

Istituto Tecnico per Geometri Genga Via Nanterre - 61100 Pesaro (PU) Programma svolto di Storia (A.S. 2013-2014) Classe: IV D n alunni: 24

Istituto Tecnico per Geometri Genga Via Nanterre - 61100 Pesaro (PU) Programma svolto di Storia (A.S. 2013-2014) Classe: IV D n alunni: 24 Istituto Tecnico per Geometri Genga Via Nanterre - 61100 Pesaro (PU) Programma svolto di Storia (A.S. 2013-2014) Classe: IV D n alunni: 24 Docente: Prof.ssa Mariotti Maria Adele Libri di testo adottati

Dettagli

Gli strumenti per una gestione competitiva delle mpi. Formazione 2013 per Imprenditori SCUOLA PER IMPRENDITORI

Gli strumenti per una gestione competitiva delle mpi. Formazione 2013 per Imprenditori SCUOLA PER IMPRENDITORI Formazione 2013 per Imprenditori Gli strumenti per una gestione competitiva delle mpi CONFARTIGIANATO FORMAZIONE 2013 GLI STRUMENTI PER UNA GESTIONE COMPETITIVA DELLE MPI con il patrocinio di in collaborazione

Dettagli

Gli incentivi non mettono in moto l automobile

Gli incentivi non mettono in moto l automobile 115 idee per il libero mercato Gli incentivi non mettono in moto l automobile di Andrea Giuricin Il rallentamento economico e la crisi finanziaria hanno avuto un forte impatto su uno dei settori più importanti

Dettagli

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE Osservatorio turistico della provincia di Pavia INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE Rapporto annuale Settembre 2009 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. Scpa Committente: CCIAA

Dettagli

MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio

MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio OLTRE LA CRISI MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio Nel nostro mondo sempre più globalizzato viviamo in una condizione di interdipendenza

Dettagli

RAPPORTO AMWAY SULL IMPRENDITORIALITÀ ANNO 2012

RAPPORTO AMWAY SULL IMPRENDITORIALITÀ ANNO 2012 BENESSERE CASA BELLEZZA RAPPORTO AMWAY SULL IMPRENDITORIALITÀ ANNO 2012 Il potenziale imprenditoriale in Italia in tempo di crisi RAPPORTO AMWAY SULL IMPRENDITORIALITÀ IN EUROPA E IN ITALIA ANNO 2012 CASA

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI GUGLIELMO MARCONI FACOLTA DI SCIENZE POLITICHE CORSO DI LAUREA IN SCIENZE POLITICHE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI GUGLIELMO MARCONI FACOLTA DI SCIENZE POLITICHE CORSO DI LAUREA IN SCIENZE POLITICHE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI GUGLIELMO MARCONI FACOLTA DI SCIENZE POLITICHE CORSO DI LAUREA IN SCIENZE POLITICHE L Europa secondo De Gasperi: proposte istituzionali e prospettive teoriche negli anni della ricostruzione

Dettagli

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE OSSERVATORIO TURISTICO DELLA REGIONE MARCHE INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE Settembre 2014 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. Scpa Committente: Unioncamere Marche Termine

Dettagli

I. DIVISIONE AMMINISTRATIVA E CARATTERIZZAZIONE DI ALCUNE REGIONI ITALIANE

I. DIVISIONE AMMINISTRATIVA E CARATTERIZZAZIONE DI ALCUNE REGIONI ITALIANE I. DIVISIONE AMMINISTRATIVA E CARATTERIZZAZIONE DI ALCUNE REGIONI ITALIANE 1. LE REGIONI ITALIANE Amministrativamente il territorio della Repubblica Italiana è deviso in 20 regioni. Ogni regione ha il

Dettagli

Intervento del Ministro dell Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare, Corrado Clini

Intervento del Ministro dell Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare, Corrado Clini Intervento del Ministro dell Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare, Corrado Clini Grazie, vi ringrazio molto di avermi invitato. Come Ministro dell Ambiente ho tratto più di uno stimolo dalla

Dettagli

L internazionalizzazione leggera in Sicilia. Il IV Rapporto della Fondazione RES

L internazionalizzazione leggera in Sicilia. Il IV Rapporto della Fondazione RES L internazionalizzazione leggera in Sicilia. Il IV Rapporto della Fondazione RES Pier Francesco Asso ECONOMIA SICILIANA Si illustrano alcuni risultati del IV rapporto di ricerca della Fondazione RES dedicato

Dettagli

Politica, sindacati e Fiat: un rapporto antiquato

Politica, sindacati e Fiat: un rapporto antiquato 150 idee per il libero mercato Politica, sindacati e Fiat: un rapporto antiquato di Andrea Giuricin Il futuro dello stabilimento di Termini Imerese è al centro del dialogo tra sindacati, Fiat e governo.

Dettagli

INTERVISTA CON DON LAMBERTO PIGINI

INTERVISTA CON DON LAMBERTO PIGINI I PROTAGONISTI STORIE IMPRENDITORIALI lavorare con creatività INTERVISTA CON DON LAMBERTO PIGINI Dalla formazione all animazione, viaggio nell arcipelago del PiginiGroup: Eli, Rainbow, Eko, Tecnostampa,

Dettagli

L età giolittiana. Lezioni d'autore

L età giolittiana. Lezioni d'autore L età giolittiana Lezioni d'autore L Europa del primo Novecento L Europa all inizio del Novecento è all apice del suo sviluppo. Dopo il conflitto franco-tedesco del 1870 non c era più stata guerra al suo

Dettagli

Lavorare dove inizia il futuro.

Lavorare dove inizia il futuro. Lavorare dove inizia il futuro. Volete una carriera con un futuro? Allora unitevi al team di Swiss Life. 2 Lavorare dove inizia il futuro. Swiss Life investe nel futuro dei suoi collaboratori. E voi? Chi

Dettagli

La Svizzera non ha bisogno di una politica industriale dossierpolitica

La Svizzera non ha bisogno di una politica industriale dossierpolitica La Svizzera non ha bisogno di una politica industriale dossierpolitica 6 maggio 201 Numero 8 Politica industriale Dopo lo scoppio della crisi finanziaria, si rincorrono ripetutamente voci che affermano

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA Unità di Apprendimento - Anno Scolastico 2014-2015

RELIGIONE CATTOLICA Unità di Apprendimento - Anno Scolastico 2014-2015 Natura e finalità RELIGIONE CATTOLICA Unità di Apprendimento - Anno Scolastico 2014-2015 L insegnamento della religione cattolica si inserisce nel quadro delle finalità della scuola e contribuisce alla

Dettagli

SCHEDA DATI STATISTICO-ECONOMICI NOVEMBRE 2013. La crisi economica colpisce soprattutto i lavoratori.

SCHEDA DATI STATISTICO-ECONOMICI NOVEMBRE 2013. La crisi economica colpisce soprattutto i lavoratori. SCHEDA DATI STATISTICO-ECONOMICI NOVEMBRE 2013 1 La crisi economica colpisce soprattutto i lavoratori. A luglio 2013 gli occupati sono il 55,9% ossia 22 milioni 509 mila, mentre i disoccupati sono 3 milioni

Dettagli

Il peso del turismo nell economia Toscana

Il peso del turismo nell economia Toscana Turismo & Toscana Il turismo in Toscana: un modello export led alla prova della crisi Enrico Conti Firenze, 13 giugno 2014 Il peso del turismo nell economia Toscana Nel 2013 oltre 43 milioni di presenze

Dettagli

MANIFATTURIERO LOMBARDO: RITORNO AL FUTURO

MANIFATTURIERO LOMBARDO: RITORNO AL FUTURO MANIFATTURIERO LOMBARDO: RITORNO AL FUTURO Intervento Roberto Albonetti direttore Attività Produttive Regione Lombardia Il mondo delle imprese ha subito negli ultimi anni un accelerazione impressionante:

Dettagli

Situazione economica internazionale... 2. Situazione economica Lazio... 4 PIL... 4. Regional Competitiveness Index... 6. Mercato del Lavoro...

Situazione economica internazionale... 2. Situazione economica Lazio... 4 PIL... 4. Regional Competitiveness Index... 6. Mercato del Lavoro... Indice Situazione economica internazionale... 2 Situazione economica Lazio... 4 PIL... 4 Regional Competitiveness Index... 6 Mercato del Lavoro... 7 Cassa Integrazione Guadagni... 10 Il credito alle imprese...

Dettagli

Capitolo III. Problemi dello sviluppo italiano e necessità di una nuova manovra culturale e educativa. Priorità e strategie

Capitolo III. Problemi dello sviluppo italiano e necessità di una nuova manovra culturale e educativa. Priorità e strategie Capitolo III Problemi dello sviluppo italiano e necessità di una nuova manovra culturale e educativa. Priorità e strategie FATTORI DELLA CRISI ITALIANA 1) Debito pubblico Debito pubblico rapportato al

Dettagli

Fondazione Pirelli Educational. Scuola secondaria di I grado

Fondazione Pirelli Educational. Scuola secondaria di I grado Fondazione Pirelli Educational 2015 2016 Laboratori Fondazione Pirelli Per l anno scolastico 2015-2016 la Fondazione organizza un programma gratuito di percorsi didattici e creativi rivolto alle scuole

Dettagli

Tendenze in atto e prospettive per il futuro. Luca Zanderighi (Università di Milano)

Tendenze in atto e prospettive per il futuro. Luca Zanderighi (Università di Milano) Tendenze in atto e prospettive per il futuro Luca Zanderighi (Università di Milano) Milano, 6 giugno 2012 Schema dell intervento La situazione internazionale L Italia di fronte a una svolta: prospettive

Dettagli

SINTESI PER LA STAMPA

SINTESI PER LA STAMPA SINTESI PER LA STAMPA Troppo spesso quando policy makers e opinione pubblica si occupano dei Trasporti le attenzioni vengono rivolte principalmente agli effetti negativi che questi generano: consumi energetici,

Dettagli

Fondazione dei Dottori Commercialisti di Milano

Fondazione dei Dottori Commercialisti di Milano Fondazione dei Dottori Commercialisti di Milano Rassegna Stampa 1 Convegno Garanzie e Tutele Sociali Piccole e medie imprese Sviluppo, finanziamento e governance etica di mercato e garanzie sociali 12

Dettagli

"Un'industria automobilistica europea più forte e competitiva"

Un'industria automobilistica europea più forte e competitiva COMMISSIONE EUROPEA Antonio TAJANI Vicepresidente della Commissione europea, responsabile per l'industria e l'imprenditoria "Un'industria automobilistica europea più forte e competitiva" Piano d azione

Dettagli

Una rappresentazione grafica della distribuzione dei livelli

Una rappresentazione grafica della distribuzione dei livelli Capitolo 5 Distribuzione sociale dei livelli di coscienza Una rappresentazione grafica della distribuzione dei livelli energetici tra la popolazione mondiale avrebbe la forma del tetto di una pagoda, con

Dettagli

AMIANTO: LA SITUAZIONE INTERNAZIONALE NEL XXI SECOLO.

AMIANTO: LA SITUAZIONE INTERNAZIONALE NEL XXI SECOLO. AMIANTO: LA SITUAZIONE INTERNAZIONALE NEL XXI SECOLO. Il problema amianto a livello globale è particolarmente rilevante, soprattutto per l'esigenza, per noi improrogabile, di bandirlo immediatamente da

Dettagli

Le prospettive della responsabilità sociale in Italia Una ricerca sui CEO delle imprese aderenti a Fondazione Sodalitas

Le prospettive della responsabilità sociale in Italia Una ricerca sui CEO delle imprese aderenti a Fondazione Sodalitas Fondazione Sodalitas GfK Eurisko Le prospettive della Responsabilità Sociale in Italia Aprile 2010 Le prospettive della responsabilità sociale in Italia Una ricerca sui CEO delle imprese aderenti a Fondazione

Dettagli

Paolo Capuano La crisi finanziaria internazionale. Il ruolo della funzione di risk management delle banche

Paolo Capuano La crisi finanziaria internazionale. Il ruolo della funzione di risk management delle banche A13 Paolo Capuano La crisi finanziaria internazionale Il ruolo della funzione di risk management delle banche Copyright MMXIII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele

Dettagli

Come studiare matematica

Come studiare matematica Come studiare matematica Consigli pratici sul metodo di studio Se l uomo non sapesse di matematica non si eleverebbe di un sol palmo da terra. Galileo Galilei Docente di Matematica e Informatica Istituto

Dettagli

evidenziate le cause che hanno portato alla crisi, tra cui la pesante regolamentazione, lo spreco di risorse, la lenta crescita delle esportazioni, l

evidenziate le cause che hanno portato alla crisi, tra cui la pesante regolamentazione, lo spreco di risorse, la lenta crescita delle esportazioni, l Riassunto L India è uno dei paesi più grandi del mondo, il secondo in quanto a popolazione e uno di quelli in via di sviluppo che negli ultimi anni ha mostrato le maggiori potenzialità di crescita economica

Dettagli

Corporate Social Responsability

Corporate Social Responsability Corporate Social Responsability elemento strategico per il successo dell impresa Il significato La Corporate Social Responsability, in italiano Responsabilità Sociale delle Imprese, può essere definita

Dettagli

IMPRENDITORI SI NASCE O SI DIVENTA? RAPPORTO AMWAY SULL IMPRENDITORIALITÀ ITALIA E STATI UNITI A CONFRONTO

IMPRENDITORI SI NASCE O SI DIVENTA? RAPPORTO AMWAY SULL IMPRENDITORIALITÀ ITALIA E STATI UNITI A CONFRONTO IMPRENDITORI SI NASCE O SI DIVENTA? RAPPORTO AMWAY SULL IMPRENDITORIALITÀ ITALIA E STATI UNITI A CONFRONTO PREMESSE E OBIETTIVI SURVEY DESIGN Periodo di rilevazione: Aprile luglio 2014 Campione: 43.902

Dettagli

IV Forum Confcommercio sul Fisco

IV Forum Confcommercio sul Fisco IV Forum Confcommercio sul Fisco Intervento del Ministro dell Economia e delle Finanze Prof. Pier Carlo Padoan al IV Forum Confcommercio sul Fisco Meno tasse, meno spesa Binomio per la ripresa Roma, 22

Dettagli

Roma al 2015. Gli scenari per il futuro della città Auditorium 19 gennaio 2005

Roma al 2015. Gli scenari per il futuro della città Auditorium 19 gennaio 2005 Roma al 2015. Gli scenari per il futuro della città Auditorium 19 gennaio 2005 Nei prossimi anni Roma sarà chiamata a competere in un contesto internazionale ed in uno scenario dominato da alcune macrotendenze

Dettagli

14. Interscambio commerciale

14. Interscambio commerciale 14. Interscambio commerciale La crescita economica del Veneto è sempre stata sostenuta, anche se non in via esclusiva, dall andamento delle esportazioni. La quota del valore totale dei beni esportati in

Dettagli

Classe III F A.S. 2013/2014 Docente: Patrizia Marirossi

Classe III F A.S. 2013/2014 Docente: Patrizia Marirossi Classe III F A.S. 2013/2014 Docente: Patrizia Marirossi ISIS I. Calvino -Città della Pieve Liceo scientifico Programma di STORIA LIBRO DI TESTO: GIARDINA-SABBATUCCI-VIDOTTO, Storia, Nuovi programmi, vol.

Dettagli

Signor sindaco, Autorità, Caro Presidente Castelletti, Dottor Amadori, Amici imprenditori,

Signor sindaco, Autorità, Caro Presidente Castelletti, Dottor Amadori, Amici imprenditori, ABITARE IL TEMPO GIORNATE INTERNAZIONALI DI ARREDO INAUGURAZIONE (VERONA, 18 SETTEMBRE 2008) INTERVENTO DEL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO ON. CLAUDIO SCAJOLA Signor sindaco, Autorità, Caro Presidente

Dettagli

Chi siamo In cosa crediamo In chi crediamo

Chi siamo In cosa crediamo In chi crediamo Le priorità per il 2014-2019 Chi siamo Siamo la più grande famiglia politica europea, ispirata da una visione politica di centrodestra. Siamo il Gruppo del Partito Popolare Europeo al Parlamento europeo.

Dettagli

Perché affidarsi a tecnico di proget

Perché affidarsi a tecnico di proget TEC. Baroni 45 imp 2-04-2004 10:54 Pagina 50 TECNICA Perché affidarsi a tecnico di proget d i S a r a B a r o n i Uno studio di ingegneria, maturando esperienza in realtà differenti, sviluppa una competenza

Dettagli

L'immagine del Sud Italia nel mondo: i risultati di una indagine demoscopica del Dipartimento per le Politiche di Sviluppo presso gli operatori

L'immagine del Sud Italia nel mondo: i risultati di una indagine demoscopica del Dipartimento per le Politiche di Sviluppo presso gli operatori 1 L INDAGINE Nel giugno 2003, il Servizio per le politiche dei Fondi strutturali comunitari del Dipartimento per le politiche di sviluppo del Ministero dell Economia e delle Finanze ha affidato, a seguito

Dettagli

Anni 2009-2011 STRUTTURA, PERFORMANCE E NUOVI INVESTIMENTI DELLE MULTINAZIONALI ITALIANE ALL ESTERO

Anni 2009-2011 STRUTTURA, PERFORMANCE E NUOVI INVESTIMENTI DELLE MULTINAZIONALI ITALIANE ALL ESTERO 16 dicembre 2011 Anni 2009-2011 STRUTTURA, PERFORMANCE E NUOVI INVESTIMENTI DELLE MULTINAZIONALI ITALIANE ALL ESTERO Nel biennio 2010-2011, i principali gruppi multinazionali italiani mostrano una significativa

Dettagli

SINTESI E PRINCIPALI CONCLUSIONI

SINTESI E PRINCIPALI CONCLUSIONI SINTESI E PRINCIPALI CONCLUSIONI IL CONTESTO GLOBALE Negli anni recenti, la crescita economica globale si è mantenuta elevata. La principale economia mondiale, cioè gli Stati Uniti, è cresciuta mediamente

Dettagli

TEAM COACHING. Coach e Trainer: Damiano De Cristofaro

TEAM COACHING. Coach e Trainer: Damiano De Cristofaro Public Team Coaching Speaking TEAM COACHING Quest'opera è coperta da licenza Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-non opere derivate 2.5 Italia. Per leggere una copia della licenza visita il sito

Dettagli

Eurozona: la moneta unica uscirà rafforzata dalla crisi Grecia

Eurozona: la moneta unica uscirà rafforzata dalla crisi Grecia Deloitte Italy Spa Via Tortona 25 20144 Milano Tel: +39 02 83326111 www.deloitte.it Nota Stampa Barbara Tagliaferri Irene Longhin Ester Gaiani Ufficio Stampa Deloitte Image Building Image Building Tel:

Dettagli

Le strategie di marketing più innovative per il tuo centro Fitness/wellness

Le strategie di marketing più innovative per il tuo centro Fitness/wellness Le strategie di marketing più innovative per il tuo centro Fitness/wellness Si precisa che foto e marchi riprodotti in questo volume appartengono ai rispettivi proprietari e vengono inseriti a scopo puramente

Dettagli

Investire nella crescita. Questa è oggi la priorità di chi governa l Europa, e di chi governa i singoli Stati europei.

Investire nella crescita. Questa è oggi la priorità di chi governa l Europa, e di chi governa i singoli Stati europei. Rome Investment Forum 2015: Financing Long-Term Europe Roma - Centro Congressi Palazzo Rospigliosi, Via XXIV Maggio 43 Antonio Tajani Primo Vicepresidente del Parlamento Europeo ***** (Saluti) Investire

Dettagli

AUDIZIONE DELLE COMMISSIONI RIUNITE X E XIII PACCHETTO UNIONE DELL ENERGIA INTERVENTO DELL ING. BRUNO LESCOEUR AMMINISTRATORE DELEGATO DI EDISON

AUDIZIONE DELLE COMMISSIONI RIUNITE X E XIII PACCHETTO UNIONE DELL ENERGIA INTERVENTO DELL ING. BRUNO LESCOEUR AMMINISTRATORE DELEGATO DI EDISON AUDIZIONE DELLE COMMISSIONI RIUNITE X E XIII PACCHETTO UNIONE DELL ENERGIA INTERVENTO DELL ING. BRUNO LESCOEUR AMMINISTRATORE DELEGATO DI EDISON Onorevole Presidente Mucchetti, Onorevole Presidente Marinello,

Dettagli