Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download ""

Transcript

1 1. Impresa è cultura «Vacation land». Una battuta spiritosa. Un motto di graffiante ironia inglese. Ma molti italiani non ci trovano nulla da ridere. E guardano con fastidio una mappa pubblicata a metà novembre del 2011 da The Wall Street Journal in cui l Italia, la Spagna e la Grecia vengono definite, appunto, «vacation lands», in una ipotetica versione dell Europa nel A Nord Est, ecco una Lega nordica con Norvegia, Svezia, Finlandia e Danimarca. A Nord Ovest, il Regno ri-unito di Gran Bretagna e Irlanda. Al centro, gli Stati Uniti d Europa, una specie di riedizione dell Impero Asburgico dominato dalla Germania. E a Sud, già, proprio a Sud, le terre in cui passare le vacanze, bellezza e clima mite, turismo e cultura, luoghi ameni per il tempo libero dei ricchi europei. A ispirare quella mappa c è un urticante articolo di uno dei più noti storici inglesi, Niall Ferguson, impegnato a prevedere, naturalmente con una buona dose di umorismo british, cosa potrebbe accadere della Ue e dell euro se a Bruxelles e nei palazzi di governo delle principali nazioni europee non si prendessero decisioni importanti sulle riforme per il rilancio di un Europa in crisi di ruolo e di identità.

2 2 il riscatto E per l Italia? In una intervista a la Repubblica del 24 novembre, Ferguson continua a ironizzare: una terra in cui, come in Spagna e in Grecia, i ricchi abitanti dell Europa centrale acquistano una seconda casa per le vacanze, serviti e riveriti dalle popolazioni locali, grate dell opportunità di avere un lavoro almeno come camerieri, cuochi, giardinieri. Poi, con tono più serio, aggiunge: «Mi auguro che l Italia possa giocare un ruolo più importante, perché la amo, come il paese più bello del mondo e perché nel vostro passato avete dimostrato più volte grandezza, non solo al tempo dell Impero romano, ma anche nel Rinascimento, nel Risorgimento e durante il miracolo economico del dopoguerra. Tuttavia i problemi strutturali dell Italia d oggi sono enormi. Stimo molto il premier Mario Monti, ma temo che non basti sostituire il primo ministro, da Berlusconi a lui, per riformare l Italia e risolvere i suoi limiti. Servirebbe uno sforzo collettivo colossale per cambiare molte cose. È possibile che ciò accada, ma non è certo». Gli sguardi dall interno dell economia italiana confermano i timori critici. L Italia è in crisi di competitività anche perché è stata a lungo in crisi di immagine e di reputazione, sostiene una indagine di AstraRicerche per ManagerItalia (la federazione dei manager italiani), 1 che indica tra le cause del deterioramento «l incapacità di gestire la crisi economica» (72 per cento), la «litigiosità endemica della politica» (69 per cento), «gli scandali, compreso il bunga-bunga» (le rivelazioni sulle feste a sfondo sessuale dell ex premier Berlusconi). Con pesanti conseguenze: «la rinuncia a 1. La Stampa, 8 novembre 2011.

3 impresa è cultura 3 investire in Italia da parte di aziende estere» (82,2 per cento), le maggiori difficoltà «a trovare fornitori e partner all estero» (61 per cento), le maggiori difficoltà «a vendere all estero i nostri prodotti» (55 per cento). Il nesso tra reputazione, fiducia e crisi economica è netto. Un vero e proprio svantaggio competitivo radicato, cui porre rimedio. Italia, dunque, davvero ineluttabile «vacation land», allora? E «irredimibile», per citare un aggettivo che Giuseppe Tomasi di Lampedusa, nel Gattopardo, usava per la Sicilia e che adesso, man mano che «la linea della palma» sale verso Nord, si teme possa coinvolgere, prima o poi, l intero paese? I pessimisti, oramai da anni, usano per l Italia un sostantivo inquietante: declino. Declino dell economia, in una condizione più che decennale di «crescita piatta» e, nel 2012, di piena recessione. Declino dell industria, man mano che la competitività del sistema paese si riduce, anche per la scomparsa della grande industria, dalla chimica all auto, dall aeronautica alla cantieristica, dall alimentare al tessile. Ma anche declino della politica, in preda alle pulsioni di un populismo demagogico e conservatore o a rischio di ritrovarsi subalterna alle inclinazioni di un aristocrazia di «tecnici». E declino della società civile, bloccata da corporazioni e da vaste sacche di poteri illegali diffusi. Italia, insomma, affetta da una sorta di «sindrome di Venezia», incline a ripercorrere in grande le sorti di quella antica potenza mercantile e finanziaria che si rivelò incapace di reggere, dal Cinquecento in poi, la competizione delle nuove rotte commerciali internazionali e delle nuove tecnologie della navigazione e continuò comunque neghittosamente a sopravvivere,

4 4 il riscatto stretta tra lo splendore delle sue architetture e l irrilevanza dei suoi cantieri e dei suoi fondachi. Magnifica ed elegante. Ma impotente. I pessimisti, però, non sono l unica voce che anima la pubblica opinione italiana. E contro la cupezza dei «declinisti», si schierano i «ragionevoli ottimisti», realisticamente impegnati a sostenere che l Italia, nonostante tutto, è il secondo paese manifatturiero d Europa, dopo la Germania, che la sua forza economica sta soprattutto nel dinamismo delle imprese industriali medie e medio-grandi capaci di reggere bene la competizione internazionale e che, ai gravi vincoli di un terribile debito pubblico da 2mila miliardi (superiore al 120 per cento del Pil, un livello inaccettabile per la Ue), si accompagnano però un basso livello di debito privato e una solida ricchezza diffusa delle famiglie, fonte essenziale della forza di un dinamico capitalismo familiare, flessibile e innovativo. Italia, insomma, tutto sommato ancora viva e vivace. I «ragionevoli ottimisti» amano raccontare una storia, ribattendo con ironia al sarcasmo anglosassone. Quella del capo economista di Goldman Sachs, Jim O Neill, che nel gelido gennaio 2006, durante il Forum economico tra le montagne di Davos, sentenziava così sull Italia: una terra condannata al declino, per scarsa competitività del suo sistema economico, schiacciato sull industria manifatturiera e poco attento all innovazione dei servizi, della finanza d avanguardia. La conclusione, spietata: «Le restano solo il cibo e un po di calcio...». Si erano tutti preoccupati, per quell infausta previsione. Perché O Neill aveva fama di lungimiranza. Da bravo economista, infatti, aveva visto giusto quando, nel 2001, aveva capito, prima di tutti, il ruolo crescente

5 impresa è cultura 5 di Brasile, Russia, India e Cina e aveva coniato l acronimo di gran successo, Bric. Ma, forse troppo influenzato da un diffuso pregiudizio, sull Italia invece aveva sbagliato clamorosamente. Perché di lì a poco la Grande Crisi della finanza mondiale e della cosiddetta «economia di carta» avrebbe riportato al centro dell attenzione proprio «l economia reale», l industria, la manifattura così disprezzate dall uomo della Goldman Sachs. Settori in cui l Italia aveva e ha ruolo, peso, competenza, prestigio. Come la mettiamo, allora, con questi inglesi facili e fallaci profeti di sventura? E che adesso, dopo l O Neill del cibo e del calcio, sbagli anche il Ferguson di «vacation land»? Il racconto del futuro dell Italia, dunque, non può che essere ricco di aspetti contrastanti e controversi. Per ricostruire i punti di debolezza e di forza delle sue strutture sociali ed economiche. E avere un orizzonte di riferimento: un ipotesi di ripresa e, perché no? di sviluppo del sistema paese e non solo di crescita economica in senso stretto. La valorizzazione delle risorse, dunque. E l indicazione delle forze su cui fare leva. La vitalità. L intraprendenza. La solidità delle radici culturali e la vivacità delle energie imprenditoriali diffuse. La creatività. Un ricco capitale umano e un buon capitale sociale dalle robuste radici. Le doti complesse di un paese che sa vivere e, per crescere di più e meglio, ha bisogno di massicce dosi di competività e di produttività e dunque di culture della qualità, del merito, della concorrenza e del mercato ben regolato. Per dare spazio alle sue energie imprenditoriali. E per attrarre ecco un punto chiave talenti, competenze, risorse e investimenti internazionali. Una dinamicità che si può condensare in

6 6 il riscatto una parola. Il «riscatto». Riscatto dai pericoli di marginalità. Riscatto dai limiti politici e sociali, purtroppo ampiamente diffusi, che ne frenano le potenzialità. Riscatto, insomma, da una crisi di pensieri e opere che ne contraddicono gli spiriti generosi di rinnovamento. Un riscatto che ricorda altre parole care alla nostra storia, il Rinascimento, il Risorgimento, la ripresa degli anni Cinquanta sino al boom degli anni Sessanta chiamato, con eccesso d enfasi, «miracolo economico». Un riscatto per una nuova, orgogliosa stagione italiana. L Italia è un paese aperto. È stata questa, sempre, una delle sue migliori caratteristiche. Determinata dalla particolarissima geografia, una lunga striscia di terra che penetra verso il centro del Mediterraneo, chiusa da una corona di montagne ricche però di passaggi e di valichi. E da un attitudine radicata nei secoli agli scambi, ai commerci, ai confronti, nell accezione complessa ma non contraddittoria dei conflitti e dei dialoghi. Italia terra di partenze e di arrivi. Italia, nella storia, centro di poteri e civiltà e periferia comunque fertile di imperi, con attitudine (anche nelle condizioni peggiori) di provincia creativa, attiva, colta. Per non farla troppo lunga con la storia, ci si può fermare un attimo, appunto, a tempi recenti e ricordare come nell immediato dopoguerra, conclusa la brutta e dolorosa stagione dell isolamento e dell autarchia fascista, la ripresa economica sia stata segnata da scelte politiche (i governi di Alcide De Gasperi, la lezione economica di Luigi Einaudi da governatore della Banca d Italia, da ministro e poi da presidente della Repubblica, le innovative scelte ministeriali per l industria e il fisco di un cattolico liberale come Ezio Vanoni, l europeismo di Altiero Spinelli) in direzione dell apertura

7 impresa è cultura 7 verso l Europa. Un Italia protagonista, fin dall inizio, degli accordi economici del Mec (il Mercato comune europeo) e di una Nato che era sì un alleanza militare sotto il dominio degli Usa, ma anche una scelta politica e culturale nel segno del dialogo atlantico, aggiunto all attitudine tutta italiana (talvolta, è vero, un po troppo ambiguamente levantina) alle buone relazioni con gli altri paesi nell area del Mediterraneo. Italia degli scambi, vincendo le tentazioni ricorrenti del protezionismo. E delle imprese industriali che hanno recitato ruoli da protagoniste nell export e, alcune, anche nei solidi investimenti internazionali (l Eni, la Fiat, la Pirelli, per citare solo le maggiori). La stagione migliore del boom economico, pur tra pesanti contraddizioni, proprio questo è stata, nel fulgore degli anni Cinquanta e Sessanta: dinamismo del mercato interno e capacità di affrontare i mercati esteri, a cominciare appunto dai mercati europei. Il ruolo storico degli investimenti esteri in Italia va riletto in un contesto così articolato: una funzione di intervento attivo per accompagnarne la trasformazione in paese industriale, a benessere diffuso, rafforzandone le caratteristiche di democrazia liberale e di mercato e aumentandone la ricchezza generale. Non è stata certo una storia lineare (basti ricordare i pesanti conflitti tra l Eni di Enrico Mattei, un «campione» dell indipendenza energetica nazionale, e le «sette sorelle», le multinazionali petrolifere, per il controllo delle risorse di petrolio e metano). E ha avuto pagine tutt altro che brillanti (atteggiamenti definiti «neo-coloniali» di alcune grandi imprese, soprattutto nel settore della petrolchimica e della chimica). Ma, polemiche a parte, e al netto della scorie che inevitabilmente segnano la sto-

8 8 il riscatto ria degli uomini e delle loro attività politiche ed economiche, gli ultimi decenni dell economia italiana hanno visto un attiva presenza di investitori internazionali, in un rapporto di fertilizzazione incrociata di tecnologie, competenze e culture d impresa tra aziende italiane e aziende estere. La linea finale del bilancio è positiva. Un paese cresce se, insieme alle forze imprenditoriali locali, sa dare spazio alle energie che vengono dal resto del mondo. Se, all orgoglio identitario, sa accompagnare l attitudine al confronto e alla comprensione. Se, insomma, attira risorse e culture diverse, se ne fa influenzare e trasformare e, contemporaneamente, le trasforma. Contaminazioni, insomma. Di saperi produttivi e finanziari. Di tecnologie. Di criteri di gestione. Di stili di management, tra il buon capitalismo familiare (superati i vincoli del familismo) e il capitalismo da public company. Diffusione, nelle imprese italiane, di una cultura della responsabilità e dell accountability tipici dell azienda anglosassone e continentale europea. E, al contrario, innesto dell intelligente flessibilità italiana nei modelli di gestione delle grandi imprese internazionali. La stessa cultura manageriale diffusa e dominante, secondo criteri d impronta Usa, può avere vantaggi dal confronto con un modo di governare l impresa in cui la forza lungimirante dell azionista-famiglia fa maturare visioni di tempo lungo estranee a un management spesso troppo incline alle performance di tempo breve (che incidono sulle retribuzioni e le carriere dei manager non azionisti). Dalle imprese internazionali, gli italiani possono imparare i metodi delle deleghe e della responsabilità, ma anche le buone culture della gestione delle risorse umane, come dimostra il fatto

9 impresa è cultura 9 che delle 38 aziende italiane leader di best practices per la qualità del lavoro, secondo la classifica del CFR Institute, metà sono di proprietà di multinazionali estere (da 3M ad Abbott, da Adidas a Bnl-Bnp Paribas, da Datalogic a Electrolux, da TNT a Volkswagen). 2 Dagli italiani, le imprese del mondo che investono in Italia possono avere vantaggi dalla comprensione dei valori di uno sguardo ironico e colto, sapiente e smagato, attento ai mercati del mondo e contemporaneamente appassionato ai valori del territorio su cui insiste l impresa (una caratteristica positiva molto italiana, che può affermarsi sui mercati globali, com è riprovato dal successo delle imprese italiane che sanno essere italiane in Italia, ma anche brasiliane in Brasile, rumene in Romania, cinesi in Cina, americane negli Usa: l intelligente flessibilità comprensiva e non dominante). Sintesi nuove, originali, insomma. Paradigmi interessanti con cui confrontarsi, in un mondo in cui global e local non sono antinomie, ma modi d essere che cercano e trovano contatti e convivenze. Competitività. E più originale e fertile «cooperazione competitiva». I manager italiani che hanno avuto successo nelle multinazionali ne sono, d altronde, buona testimonianza, conferma positiva. In stagioni di globalizzazione, appunto, questa è una strada obbligata. L identità è fertile quando rifiuta le chiusure da «piccole patrie» e sa definirsi attraverso un confronto di molteplicità. Le frontiere sono vive non quando separano ma quando diventano luoghi permeabili dello scambio e del passaggio. E la «modernità 2. Il Sole 24Ore, 19 marzo 2012.

10 10 il riscatto liquida» e dunque sfuggente acquista senso quando i contenitori sanno essere contemporaneamente forti e flessibili. La scommessa dello sviluppo italiano si gioca proprio su un terreno così stimolante. Nel paese che ha radici storiche tra le più ricche e profonde in Europa e vanta il maggior patrimonio culturale del mondo, esistono le condizioni per migliorare la propria attitudine all accoglienza attiva nei confronti di risorse, umane, culturali, economiche, da tutto il resto del mondo: dai paesi maggiormente industrializzati, che qui trovano competenze, tecnologie, qualità imprenditoriali, sapienza manifatturiera e sofisticato gusto estetico; e dai paesi dell area del Mediterraneo che proprio le rivolte popolari del 2011 hanno liberato da umilianti illiberali condizioni di dominio e che cercano, appunto nell Europa e nell Italia, partner di crescita. La chiave? Va trovata proprio in un primato italiano, la sua cultura. Declinata non solo nella dimensione più tradizionale del patrimonio artistico e ambientale (una natura comunque profondamente trasformata dall ingegno umano), ma anche in quella dei saperi materiali, della capacità di fare, e fare bene, nell insieme delle competenze d arte e artigianato, di gusto della bellezza e di qualità manifatturiera che hanno contraddistinto la nostra storia e ancora connotano la nostra attualità. Una vera e propria «cultura politecnica» che sa tenere insieme estetica e tecnica. I dipinti di Piero della Francesca, un genio matematico. Le opere di Leonardo. La ricerca di Galileo. E via via continuando, sino ai più recenti primati della scienza (e della stessa filosofia della scienza) in una stagione quasi contemporanea che comprende, nel Novecento,

11 impresa è cultura 11 il Nobel per la letteratura di Luigi Pirandello e il Nobel per la chimica di Giulio Natta, tanto per fare solo alcuni esempi. Una «civiltà delle macchine» che trova la sua realizzazione, per continuare con gli esempi, in un altro primato tutto italiano: il design, applicato non solo agli oggetti d uso, ma anche alle macchine utensili per fabbricarli. Per capire meglio, vale la pena riflettere su una considerazione di fondo: impresa e cultura non fanno riferimento a due universi differenti, ma sono parte dello stesso mondo. Fare impresa, impresa industriale soprattutto, vuol dire investire e lavorare sui cambiamenti dei mercati, dei consumi, delle tecnologie produttive. Puntare sulla ricerca e sull innovazione. Seguire le trasformazioni tecniche e sociali. E l innovazione, parola chiave, carica appunto di forti valenze culturali e simboliche, riguarda tutto: le tecnologie, i materiali, i nuovi prodotti e i nuovi processi per produrli, le relazioni industriali tra le varie componenti del mondo dell impresa e del lavoro, i linguaggi del marketing e della comunicazione. Cos è tutto questo se non cultura scientifica, cultura economica, cultura d impresa? Bisogna, in altri termini, passare dalla tradizionale visione di «impresa e cultura» a una visione più forte e carica di valori: «impresa è cultura». Un verbo sostituisce una congiunzione. Un nuovo gioco di teoria e prassi si impone alla riflessione degli attori sociali e politici. E si rafforza un patrimonio molto italiano. Senza subire la divisione, pur diffusa in parecchi ambienti intellettuali italiani nel corso del Novecento, tra cultura umanistica e cultura scientifica, ma anzi trovando, proprio nell impresa industriale, il luogo di sintesi forti e originali. Una lezione di strettissima attualità. Secondo

12 12 il riscatto cui l Italia ha un eccellenza particolarmente attraente. Un altra arma contro i rischi di declino. La riprova? Sta in una lettera scritta a Il Sole 24Ore 3 da tre personalità del governo Monti, il ministro dei Beni Culturali Lorenzo Ornaghi, il ministro dello Sviluppo economico Corrado Passera e il ministro dell Istruzione, Università e Ricerca Francesco Profumo, in risposta al «Manifesto per la cultura» lanciato pochi giorni prima dal quotidiano: «Cultura: necessario tornare a investire» e cioè «riportare al centro del dibattito pubblico il valore della cultura, della ricerca scientifica, dell innovazione e dell educazione, a vantaggio del progresso del nostro paese». Un investimento, continuano i tre ministri, che «deve interessare lo straordinario patrimonio culturale italiano, inteso non solo come risorsa da tutelare e preservare, ma da animare e valorizzare sempre di più, perché elemento costitutivo dell identità del paese, della sua storia e della sua civiltà, del suo saper fare, della sua stessa competitività. La conoscenza è fattore dinamico e generativo, è il terreno comune per la convivenza civile, il fondamentale mezzo di promozione sociale: la prima responsabilità della politica è la cura della Repubblica della conoscenza, la condizione per una società aperta e moderna». È un capitale irripetibile, questo. Strumento, appunto, di competitività. A patto di valorizzarlo, in un circuito di relazioni, confronti, scambi. E investimenti. C è, infatti, un solo modo per esorcizzare quel destino da «vacation land» ironicamente profetizzato da Ferguson: rafforzare l identità di paese ricco di cultura e di 3. Il Sole 24Ore, 24 febbraio 2012.

13 impresa è cultura 13 capacità industriale manifatturiera (naturalmente senza rinunciare all industria del turismo). E quest identità si potenzia non soltanto costruendo una politica industriale favorevole alle imprese e all innovazione, ma anche diventando sempre più capaci di attrarre investimenti internazionali. Italia competitiva all interno e all estero, insomma. Luogo ideale per venire a fare vacanze, sulle Alpi cariche di neve, sulle dolci colline toscane, umbre o marchigiane, lungo le coste liguri, pugliesi e campane o all ombra delle dimore normanne o barocche della Sicilia. Ma anche e soprattutto per fare impresa. Innovativa, produttiva, culturalmente sofisticata, all avanguardia dell economia della conoscenza, contemporanea dunque e cioè capace di reggere la più severa concorrenza europea e internazionale. Fare impresa, come abbiamo detto, significa fare cultura. E di cultura, nonostante tutto, l Italia è ancora custode e produttrice. In tempi di crisi generale, in cui l Italia è pur sempre un anello debole dell Europa, soprattutto per il suo pesante debito pubblico e le resistenze alla modernizzazione, le strategie industriali aperte sono uno degli strumenti essenziali di ripresa. La crescita economica non può non dipendere dagli aumenti degli investimenti. E il mondo è pieno di capitali e competenze in cerca di migliore allocazione. Risorse da conquistare, appunto. Risalendo la china che ha visto proprio l Italia perdere attrattività internazionale. Ed evitando di continuare a camminare lungo il crinale scivoloso del rischio del declino. Stiamo ancora su quel crinale, purtroppo. Possiamo venirne fuori. D altronde, per dirla con un grande poeta tedesco che amava l Italia, Friedrich Hölderlin, «laddove cresce il pericolo, cresce anche la salvezza».

14 Estratto da Il riscatto. L Italia e l industria internazionale di Ferdinando Beccalli Falco e Antonio Calabrò Università Bocconi Editore, Milano, 2012 Riprodotto per gentile concessione degli Autori e dell Editore Copyright 2012 EGEA S.p.A. Università Bocconi Editore Impaginazione: Alberto Bellanti, Milano Copertina: mstudio, Milano EGEA S.p.A. Via Salasco, Milano Tel. 02/ Fax 02/ Tutti i diritti sono riservati, compresi la traduzione, l adattamento totale o parziale, la riproduzione, la comunicazione al pubblico e la messa a disposizione con qualsiasi mezzo e/o su qualunque supporto (ivi compresi i microfilm, i film, le fotocopie, i supporti elettronici o digitali), nonché la memorizzazione elettronica e qualsiasi sistema di immagazzinamento e recupero di informazioni. Per altre informazioni o richieste di riproduzione si veda il sito www. egeaonline.it/fotocopie.htm Date le caratteristiche di Internet, l Editore non è responsabile per eventuali variazioni di indirizzi e contenuti dei siti Internet menzionati. Prima edizione: aprile 2012 ISBN Stampa: GECA, Cesano Boscone (Mi) Questo volume è stampato su carta FSC -pro veniente da foreste gestite in maniera responsabile secondo rigorosi standard ambientali, economici e sociali definiti dal Forest Stewardship Council

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA L Italia è in crisi, una crisi profonda nonostante i timidi segnali di ripresa del Pil. Ma non è un paese senza futuro. Dobbiamo

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri

LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri La ricerca promossa da ImpresaLavoro, avvalsasi della collaborazione di ricercatori e studiosi di dieci diversi Paesi europei,

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP FIAMP FEDERAZIONE ITALIANA DELL ACCESSORIO MODA E PERSONA AIMPES ASSOCIAZIONE ITALIANA MANIFATTURIERI PELLI E SUCCEDANEI ANCI ASSOCIAZIONE NAZIONALE CALZATURIFICI ITALIANI ANFAO ASSOCIAZIONE NAZIONALE

Dettagli

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Ci sono momenti nella storia in cui i popoli sono chiamati a compiere scelte decisive. Per noi europei, l inizio del XXI secolo rappresenta uno di

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

Elaidon Web Solutions

Elaidon Web Solutions Elaidon Web Solutions Realizzazione siti web e pubblicità sui motori di ricerca Consulente Lorenzo Stefano Piscioli Via Siena, 6 21040 Gerenzano (VA) Telefono +39 02 96 48 10 35 elaidonwebsolutions@gmail.com

Dettagli

Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza

Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza COMMISSIONE DELLE COMUNITA EUROPEE Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza Presentazione Con questa comunicazione (Bruxelles 05.02.2003 COM(203) 58 def.) la Commissione si propone di dare

Dettagli

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower Previsioni Q1 14 Manpower sull Occupazione Italia Indagine Manpower Previsioni Manpower sull Occupazione Italia Indice Q1/14 Previsioni Manpower sull Occupazione in Italia 1 Confronto tra aree geografiche

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti L UNIONE EUROPEA Prima di iniziare è importante capire la differenza tra Europa e Unione europea. L Europa è uno dei cinque continenti, insieme all Africa, all America, all Asia e all Oceania. Esso si

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO L USO DEI NOMI A DOMINIO di Maurizio Martinelli Responsabile dell Unità sistemi del Registro del cctld.it e Michela Serrecchia assegnista di ricerca

Dettagli

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Dialoghi tra scuole d Europa: esperienze e curricola a confronto Scuola media Manzoni Lucarelli di Bari - Carbonara 21

Dettagli

L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili.

L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili. L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili. Nella fisica classica l energia è definita come la capacità di un corpo o di un sistema di compiere lavoro (Lavoro: aggiungere o

Dettagli

TECO 13 Il Tavolo per la crescita

TECO 13 Il Tavolo per la crescita Componenti TECO 13 Il Tavolo per la crescita Assiot, Assofluid e Anie Automazione, in rappresentanza di un macro-settore che in Italia vale quasi 40 miliardi di euro, hanno deciso di fare un percorso comune

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE

Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE ITALIA Problematiche chiave Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE La performance degli italiani varia secondo le caratteristiche socio-demografiche

Dettagli

E a questa domanda che cercheremo di dare una risposta nel breve spazio di quest articolo.

E a questa domanda che cercheremo di dare una risposta nel breve spazio di quest articolo. C è una Parma che funziona: è, prima di ogni altra cosa, la Parma delle imprese industriali esposte pienamente alla concorrenza internazionale. Questo risultato non è un accidente della storia, bensì il

Dettagli

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Il primo maggio 2015 si inaugura a Milano l EXPO, un contenitore di tematiche grandi come l universo: "Nutrire il pianeta. Energia per la vita. Una

Dettagli

Su quali linee? Il dio socialdemocratico ci salverà?

Su quali linee? Il dio socialdemocratico ci salverà? Una rete socialista, nuova E urgentissimo un vero, non tattico, confronto programmatico. Nel e per il nuovo secolo, facendo nostra la geopolitica del mondo, quella del post G8: Cina, India, Brasile. Del

Dettagli

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update MERCATO MONDIALE DEI BENI DI LUSSO: TERZO ANNO CONSECUTIVO DI CRESCITA A DUE CIFRE. SUPERATI I 200 MILIARDI DI EURO NEL 2012 Il mercato del

Dettagli

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF)

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) di A. Sveva Balduini ISFOL Agenzia Nazionale LLP Nell aprile del 2008, al termine di un lungo lavoro preparatorio e dopo un ampio processo di consultazione che

Dettagli

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC?

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC? La PAC che verrà: Smart change or business as usual? La posizione ufficiale IFOAM EU sulla prossima riforma PAC 2014 2020 Alessandro Triantafyllidis, IFOAM EU Group Siamo a metà dell attuale periodo di

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Convegno Associazione Italiana di Economia Sanitaria La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Giampaolo Vitali Ceris-CNR, Moncalieri Torino, 30 Settembre 2010 1 Agenda Caratteristiche

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014

Quadro di valutazione L'Unione dell'innovazione 2014 Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014 Quadro di valutazione dei risultati dell'unione dell'innovazione per la ricerca e l'innovazione Sintesi Versione IT Imprese e industria Sintesi Quadro

Dettagli

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia Affronteremo un breve viaggio per scoprire il significato che la volta celeste aveva per i popoli

Dettagli

IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO

IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO La ricerca europea in azione IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO (7º PQ) Portare la ricerca europea in primo piano Per alzare il livello della ricerca europea Il Settimo programma quadro per la ricerca e lo sviluppo

Dettagli

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Con il patrocinio di e dal Ministero degli Affari Esteri Rapporto annuale sull economia dell

Dettagli

approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? Fondazione Comunità Solidale

approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? Fondazione Comunità Solidale Fondazione Comunità Solidale approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? chi è la persona senza dimora povertà assoluta e povertà relativa Di cosa parleremo:

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco?

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Le elezioni per il prossimo Parlamento europeo sono state fissate per il 22-25 maggio 2014. Fra pochi mesi quindi i popoli europei

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo SOMMARIO Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Dettagli

SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali

SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali Grandi Navi Veloci. Utilizzata con concessione dell autore. SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali Partner Nome dell azienda Ferretticasa Spa Settore Engineering & Costruction Servizi e/o

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

L opera italiana. Paola Dubini Alberto Monti ASK Research Center, Università Bocconi Venezia, 23 Maggio 2014. Scala.

L opera italiana. Paola Dubini Alberto Monti ASK Research Center, Università Bocconi Venezia, 23 Maggio 2014. Scala. Fo oto Erio Piccaglian ni Teatro alla S Scala L opera italiana nel panorama mondiale Paola Dubini Alberto Monti ASK Research Center, Università Bocconi Venezia, 23 Maggio 2014 ASK: CHI, PERCHE, COSA Siamo

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

L agricoltura nell Europa industrializzata

L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura delle società industrializzate europee si differenzia da quella dell età moderna per gli attrezzi, le fonti di energia, i macchinari utilizzati

Dettagli

LO SPORT PER TUTTI: BUONE PRATICHE DI BENESSERE

LO SPORT PER TUTTI: BUONE PRATICHE DI BENESSERE CAPITOLO V LO SPORT PER TUTTI: BUONE PRATICHE DI BENESSERE PREMESSA Questo capitolo affronta l analisi dello sport come diritto di cittadinanza non solo metaforico, emotivo, ma anche commerciale ed identitario.

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE Adottata all'unanimità a Parigi durante la 31esima sessione della Conferenza Generale dell'unesco, Parigi, 2 novembre 2001 La Conferenza

Dettagli

CHE COS E L EUTANASIA?

CHE COS E L EUTANASIA? CHE COS E L EUTANASIA? Che cosa si intende per eutanasia? Il termine eutanasia deriva dal greco: eu=buono, e thanatos=morte. Interpretato letteralmente quindi, esso significa: buona morte. Nel significato

Dettagli

Già negli anni precedenti, la nostra scuola. problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a

Già negli anni precedenti, la nostra scuola. problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a Già negli anni precedenti, la nostra scuola si è dimostrata t sensibile alle problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a stage in aziende e in centri di ricerca

Dettagli

L ARCI ATTORE SOCIALE DEL CAMBIAMENTO. Contributo di Filippo Miraglia alla discussione congressuale dell'arci

L ARCI ATTORE SOCIALE DEL CAMBIAMENTO. Contributo di Filippo Miraglia alla discussione congressuale dell'arci L ARCI ATTORE SOCIALE DEL CAMBIAMENTO Contributo di Filippo Miraglia alla discussione congressuale dell'arci L ARCI attore sociale del cambiamento Per fare buona politica non c è bisogno di grandi uomini,

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Newsletter n.1 / presentazione ravenna 2013 / in distribuzione febbraio 2013 Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Info: Web: www.ravenna2013.it Mail: ravenna2013@labelab.it / Telefono: 366.3805000

Dettagli

HELPDESK PER LE AZIENDE. 1. Che cos è uno stage o tirocinio internazionale?

HELPDESK PER LE AZIENDE. 1. Che cos è uno stage o tirocinio internazionale? HELPDESK PER LE AZIENDE AZIENDE OSPITANTI 1. Che cos è uno stage o tirocinio internazionale? E un tipo di formazione sul lavoro che si realizza in aziende di un Paese diverso da quello nel quale il giovane

Dettagli

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa L ITALIA E IL TURISMO INTERNAZIONALE NEL Risultati e tendenze per incoming e outgoing Venezia, 11 aprile 2006 I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE Caratteristiche e comportamento di spesa Valeria Minghetti CISET

Dettagli

COMUNICATO STAMPA N. 12 DEL 10 GIUGNO 2015

COMUNICATO STAMPA N. 12 DEL 10 GIUGNO 2015 COMUNICATO STAMPA N. 12 DEL 10 GIUGNO 2015 Presidenza Comm. Graziano Di Battista Positive anche le previsioni degli imprenditori per il futuro. Unico elemento negativo l occupazione che da gennaio alla

Dettagli

DOP&IGP_Guida. Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO

DOP&IGP_Guida. Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO +39.06.97602592 DOP&IGP_Guida Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO Pag. 2 Intro e Fonti Pag. 3 DOP o IGP? Differenze

Dettagli

ENERGIA PER L ITALIA. A cura di Giovanni Caprara SAGGI BOMPIANI

ENERGIA PER L ITALIA. A cura di Giovanni Caprara SAGGI BOMPIANI ENERGIA PER L ITALIA A cura di Giovanni Caprara SAGGI BOMPIANI 2014 Bompiani / RCS Libri S.p.A. Via Angelo Rizzoli, 8 20132 Milano ISBN 978-88-452-7688-0 Prima edizione Bompiani ottobre 2014 Introduzione

Dettagli

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI In questa lezione ci siamo collegati via Skype con la Professoressa Paola Begotti, docente di lingua italiana per stranieri dell Università Ca Foscari di Venezia che ci ha parlato delle motivazioni che

Dettagli

Le ragazze e le carriere scientifiche

Le ragazze e le carriere scientifiche Le ragazze e le carriere scientifiche La cittadinanza subalterna delle donne nelle carriere scientifiche Perché le donne sono tanto poco rappresentate ai vertici delle carriere scientifiche, sia nel settore

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011.

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011. 11/11 Anthilia Capital Partners SGR Maggio 2011 Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia Eugenio Namor Anthilia Capital Partners Lugano Fund Forum 22 novembre 2011 Industria

Dettagli

Spiegami e dimenticherò, mostrami e

Spiegami e dimenticherò, mostrami e PROGETTO Siracusa e Noto anche in lingua dei segni Spiegami e dimenticherò, mostrami e ricorderò, coinvolgimi e comprenderò. (Proverbio cinese) Relatrice: Prof.ssa Bernadette LO BIANCO Project Manager

Dettagli

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Ricerca comunitaria idee cooperazione persone euratom capacità IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Guida tascabile per i nuovi partecipanti Europe Direct è un servizio

Dettagli

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione BNPP L1 Equity Best Selection Euro/Europe: il tuo passaporto per il mondo 2 EUROPEAN LARGE CAP EQUITY SELECT - UNA

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE CULTURA e SVILUPPO FESR 2014-2020 Sintesi DICEMBRE 2014 1. Inquadramento e motivazioni Il Ministero dei Beni, delle

Dettagli

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) Savignano SI FEST 2014 a cura di Italo Zannier di Io sono una forza della natura.. Io sono una forza del Passato. Solo nella tradizione

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI QUADRO MACROECONOMICO IMPORT-EXPORT PAESI BASSI Il positivo quadro macroeconomico dei Paesi Bassi é confermato dagli indicatori economici pubblicati per il 2007. Di fatto l economia dei Paesi Bassi sta

Dettagli

TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL

TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL SCHEDA INFORMATIVA TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL EUROPEAN TRADE UNION CONFEDERATION (ETUC) SCHEDA INFORMATIVA TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVORO 01 Tendenze generali riguardanti l orario

Dettagli

Codice di Condotta Professionale per i Gestori Patrimoniali

Codice di Condotta Professionale per i Gestori Patrimoniali Codice di Condotta Professionale per i Gestori Patrimoniali Etica: valore e concretezza L Etica non è valore astratto ma un modo concreto per proteggere l integrità dei mercati finanziari e rafforzare

Dettagli

La cittadinanza in Europa. Deborah Erminio

La cittadinanza in Europa. Deborah Erminio La cittadinanza in Europa Deborah Erminio Dicembre 2012 La normativa per l acquisizione della cittadinanza nei diversi Paesi dell Unione europea varia considerevolmente da paese a paese e richiama diversi

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE in collaborazione con OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE Rapporto annuale Giugno 2013 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. scpa Committente:

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

COME CERCARE CLIENTI E VENDERE MEGLIO ALL ESTERO

COME CERCARE CLIENTI E VENDERE MEGLIO ALL ESTERO COME CERCARE CLIENTI E VENDERE MEGLIO ALL ESTERO Tutte le aziende ed attività economiche hanno bisogno di nuovi clienti, sia per sviluppare il proprio business sia per integrare tutti quei clienti, che

Dettagli

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale Il Fondo sociale europeo al lavoro Aiutare le persone a trovare lavoro Il Fondo sociale europeo (FSE) finanzia progetti in tutta l UE per consentire a più persone di trovare posti di lavoro migliori, attraverso

Dettagli

Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione

Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione Algebra Geometria Il triangolo è una figura piana chiusa, delimitata da tre rette che si incontrano in tre vertici. I triangoli possono essere

Dettagli

GAM. I nostri servizi di società di gestione

GAM. I nostri servizi di società di gestione GAM I nostri servizi di società di gestione Una partnership con GAM assicura i seguenti vantaggi: Forniamo sostanza e servizi di società di gestione in Lussemburgo Offriamo servizi di alta qualità abbinati

Dettagli

OSSERVATORIO NORD EST. Il Nord Est indipendentista ma anche italiano

OSSERVATORIO NORD EST. Il Nord Est indipendentista ma anche italiano OSSERVATORIO NORD EST Il Nord Est indipendentista ma anche italiano Il Gazzettino, 17.03.2015 NOTA INFORMATIVA L'Osservatorio sul Nord Est è curato da Demos & Pi per Il Gazzettino. Il sondaggio è stato

Dettagli

La didattica personalizzata: utopia o realtà?

La didattica personalizzata: utopia o realtà? La didattica personalizzata: utopia o realtà? L integrazione di qualità è anche la qualità positiva per tutti gli attori coinvolti nei processi di integrazione, non solo per l alunno in difficoltà. Se

Dettagli

La geopolitica della crisi. Passate esperienze e attuali scenari

La geopolitica della crisi. Passate esperienze e attuali scenari La geopolitica della crisi. Passate esperienze e attuali scenari Appunti del seminario tenuto presso l'università di Trieste - Scienze Internazionali e Diplomatiche di Gorizia - insegnamento di Geografia

Dettagli

Quando imprenditorialità e management si sposano: il caso Moment

Quando imprenditorialità e management si sposano: il caso Moment Esperienze di successo per un vantaggio competitivo 27 ottobre 2011 Quando imprenditorialità e management si sposano: il caso Moment Raffaella Graziosi Project & Portfolio Manager ACRAF SpA Gruppo Angelini

Dettagli

a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 22 aprile 2015

a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 22 aprile 2015 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 917 RISOLUZIONE GRUPPO FORZA ITALIA Risoluzione presentata dal Gruppo Forza Italia

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

QUELL INUTILE GUERRA A PUTIN CHE PUÒ COSTARCI 3 MILIARDI

QUELL INUTILE GUERRA A PUTIN CHE PUÒ COSTARCI 3 MILIARDI 934 QUELL INUTILE GUERRA A PUTIN CHE PUÒ COSTARCI 3 MILIARDI R. Brunetta per Il Giornale 14 giugno 2015 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà -

Dettagli

GLI ITALIANI E LO STATO

GLI ITALIANI E LO STATO GLI ITALIANI E LO STATO Rapporto 2014 NOTA INFORMATIVA Il sondaggio è stato condotto da Demetra (sistema CATI) nel periodo 15 19 dicembre 2014. Il campione nazionale intervistato è tratto dall elenco di

Dettagli

La partecipazione finanziaria per una nuova Europa sociale

La partecipazione finanziaria per una nuova Europa sociale La partecipazione finanziaria per una nuova Europa sociale Il Cammino verso una Regolamentazione Europea: L Approccio Modulare Employee Stock Ownership Plans (ESOP): Un veicolo per garantire la successione

Dettagli

La Fame: una sfida da affrontare

La Fame: una sfida da affrontare La Fame: una sfida da affrontare La fame nascosta La fame è tra le minacce più grandi dell'umanità. Colpisce oltre 850 milioni di persone in tutto il mondo. Ciononostante, quante volte i giornali pubblicano

Dettagli

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE I rapporti di Eurydice PREMESSA Questo breve rapporto sull adozione dei libri di testo è nato in seguito a una specifica richiesta all unità italiana

Dettagli