AIGAE - ASSOCIAZIONE ITALIANA GUIDE AMBIENTALI ESCURSIONISTICHE XVII MEETING NAZIONALE CONVEGNO NAZIONALE NOVEMBRE 2009

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "AIGAE - ASSOCIAZIONE ITALIANA GUIDE AMBIENTALI ESCURSIONISTICHE XVII MEETING NAZIONALE CONVEGNO NAZIONALE 27-28-29 NOVEMBRE 2009"

Transcript

1 AIGAE - ASSOCIAZIONE ITALIANA GUIDE AMBIENTALI ESCURSIONISTICHE XVII MEETING NAZIONALE CONVEGNO NAZIONALE NOVEMBRE 2009 Sabaudia Centro Visitatori (LT) Organizzato in collaborazione e con il finanziamento del PARCO NAZIONALE DEL CIRCEO Saluti istituzionali [ ] Moderatore: Filippo Camerlenghi,Vicepresidente AIGAE Signori, buongiorno! Benvenuti a tutti quanti. Siamo pronti per cominciare, vi ringrazio in anticipo per la vostra presenza. Scusate il ritardo! Iniziamo subito per non perdere altro tempo,abbiamo una scaletta leggermente diversa. I primi saluti vanno portati al Parco del Circeo dal consigliere Cipparone in rappresentanza del presidente e quindi anche perché siamo in casa loro diamo la parola all istante al Parco per i saluti. Maurilio Capparone, Portavoce Unione per i Parchi e la Natura d Italia Pensavo che fosse il sindaco il padrone di casa dato il territorio in cui ci troviamo, a dare il benvenuto. Pochissime parole perché sono un po in imbarazzo perché devo mettere delle giacché prima con l amministratore del Parco, uno degli amministratori del consiglio l altro quello che vedete nel programma stamattina e oggi pomeriggio, non mi aspettavo di dover prendere la parola ora, so che il presidente come purtroppo capita non è potuto essere presente perché stamane hanno la riunione di tutti quanti hanno una riunione di livello nazionale di tutti quanti i centri invitati perché appunto dovevano essere lì. Pochissime parole, la prima è un grazie all associazione che dal punto di vista delle persone che fanno front office che stanno tutti i giorni sul campo che rappresentano bene o male dolenti o nolenti la faccia o dei parchi o comunque delle aree in cui lavorano perché sono le persone con cui i visitatori hanno il primo contatto e è la più importante d Italia voglio dire forse l unica anzi sicuramente la più importante abbia scelto di venire qui in un momento particolarmente delicato e difficile di questo parco ma dopo 75 anni di questo parco, per appunto farci sentire l avvicinanza di chi lavora per passione e poi qui non mi pare neanche il caso di sottolineare che tanto ricco facendo questo mestiere non ci diventa nessuno per passione ha scelto di fare questo mestiere appunto è venuto qui nel Parco del Circeo in occasione dei suoi 75 anni, il suo compleanno, e per noi un grande 1

2 onore. Dicevo è un momento particolarmente difficile perché il parco si trova in una situazione per definire tra il grottesco e il tragico da un certo punto di vista è dire poco, un parco che ha 75 anni oggi affronta delle sfide terribili con una struttura ridotta al minimo con il direttore che praticamente deve fare tutto manca poco che faccia la pulizia delle scale e con pochissimo personale dirotto proprio all osso con risorse che arriveranno probabilmente fino ad aprile e con problemi del territorio che aspetta delle risposte delle necessità di offrire delle prospettive di sviluppo all interno di un quadro normativo certo e un territorio che per altro rischia di perdere alcune delle sue più importanti caratteristiche che lo rendono unico, parlo ad esempio del cordolo lagunare sta veramente in condizioni tragiche dal punto dell erosione costiera e in questa situazione noi stiamo cercando comunque di andare avanti di dare, di crede ancora in questa situazione in quello che rappresenta ma soprattutto nella diciamo così nell utopia di voler proporre un territorio una nuova etichetta che sia basata sulla qualità dell ambiente, noi pensiamo che il territorio del parco del Circeo sia diverso da altri territori costieri non sia Torvaianica, con il tutto il rispetto per Torvaianica o di litorale Domizio o Rimini, sia un altra cosa e che quindi debba essere trattato come un altra cosa e trovare delle strade che valorizzino questa cosa. La qualità dell ambiente una qualità della vita per i cittadini che devono essere orgogliosi di vivere in un parco e trovare in esso tutte le risorse per andare avanti nel rispetto appunto delle finalità distintive e delle prospettive che il parco può dare tra cui turismo e la qualità dello sviluppo questo dovrebbe essere, questa è l idea che noi abbiamo di questo territorio di questo parco, qualità dell ambiente, qualità della vita, dei cittadini e qualità dello sviluppo perché questi sono i dati e qualità dello sviluppo in questo territorio, convivere appunto nel mettere insieme le risorse naturali, le risorse culturali le risorse economiche che sono principalmente anche se non unicamente basate sul turismo e nessuno di noi non ha più che presente che il fatto questa è una città che in realtà può munirsi di un economia dei luoghi no, perché Sabaudia in particolare è conosciuta lo sapete tutti e però quello che noi vogliamo fare è che vogliamo mantenere questa caratterizzazione valorizzarla per quanto possibile al di fuori degli slogan degli scheda menti che purtroppo spesso escono fuori al di fuori delle posizioni di carattere, spesso mutilate da, anche da cose non troppo trasparenti e l impatto è una realtà vera, una realtà antica ma nello stesso tempo giovane che vuole dare un contributo all interno di un quadro di riferimento certo di norme noi dobbiamo fare lo sforzo di trovare una via di sviluppo sostenibile e culturalmente accettabile e economicamente accettabile ambientalmente accettabile all interno di queste norme che non sono sicuramente le nostre ma perché il parco appartiene a tutta la comunità. Con questa premessa torno al convegno, in questa giornata vedremo, parleremo di esperienze di altri posti, parleremo di possibili vie di sviluppo metteremo a confronto delle situazioni, visioni e io sono sicuro che l AIGAE per la sua vivacità e per quello che rappresenta sarà in grado non solo di dare gli stimoli a noi che siamo qui nel territorio ma anche a voi e sono sicuro che troveremo anche un modo per fare sempre il meglio possibile e inventarci anche sempre nuove strade anche perché chi lavora nell ambiente e per i parchi, io penso sia sempre, da un punto di vista culturale forse un passo avanti rispetto ad altre cose. Quindi benvenuti, grazie. Grazie a Vinceti per essere venuto in rappresentanza del ministro, grazie al sindaco al quale ci lega diciamo un amicizia da tanto, tanto tempo anche se spesso ci capita di dover discutere su fronti un po contrapposti e ringrazio anche Sammuri in rappresentanza di Federparchi, presidente della Federparchi e dichiaro ufficialmente aperti i lavori, grazie mille per essere venuti. 2

3 Applausi Maurizio Lucci,Sindaco di Sabaudia Buongiorno e benvenuti a Sabaudia ringrazio gli organizzatori, il ministro, l amico Maurilio Cipparone che ci porta questo convegno, che da questo convegno sperano escano delle brillantissime posizioni perché Sabaudia ha bisogno di una chiarezza e di uno sviluppo di questo turismo futuro e ha già detto qualcosa Maurilio, accennando che Sabaudia è un grandissimo patrimonio naturale, culturale e anche urbanistico e il sindaco che governa questa città ha tutto l interesse che queste tre caratteristiche vengano presentate e sviluppate e delle risorse economiche per questa città che sta soffrendo. Io chiedo scusa per questa manifestazione che avete visto entrando,ma questo è anche un malessere generalizzato ormai in tutt Italia e tutto il Mondo. Questa zona particolarmente sta vivendo un momento delicato ed ora, dopo questo convegno mi auguro che da sindaco soprattutto abitante di questo magnifico territorio escano proposte per uno sviluppo turistico futuro interessante, non dimenticando, e mi fa piacere sentire qualche rappresentante di qualche parco e non dimenticando che Sabaudia non fa da anomalo piccolino e che sta in un contesto antropizzato di abitanti a Sabaudia e calcolando che il Parco Nazionale del Circeo abbraccia un pezzo di isola felice, un pezzo del comune di Latina che sono componenti propriamente antropizzati e quindi è necessario trovare una sinergia tra uomo, tra ambiente e l uomo. Ho detto tra ambiente e uomo perché nel mio DNA, nella mia cultura da cittadino è quello di rispettare l ambiente, perché sono rari in questa meravigliosa città, convivendo anche con quelle che sono le caratteristiche del territorio, e allora spesso ci si confronta sicuramente anche con i rappresentanti di altri parchi ma il confronto è necessario che avvenga anche in maniera forte purché ci sia la condivisione della necessaria approvazione da parte dell ente territoriale e allora quando si vuole non interessarsi a queste problematiche e non vedo come non ci si possa interessare anche perché il sindaco di una città deve far capire ai suoi cittadini che lo sviluppo di questa città non può non tener conto di questa convivenza: ambiente e uomo. E allora da questo ambiente, da questo convegno mi auguro che non sia il classico convegno dove si parla e non ci si interessi del territorio ma voi che conoscete bene la vostra città la nostra realtà ha citato qualche passaggio quello del nostro ormai territorio che sono lì senza nessun intervento e che la natura avanza, distrugge e toglie una delle cose più belle che ha Sabaudia. Se insieme non si fanno dei progetti di sviluppo quelle che caratteristiche turistiche di Sabaudia finiscono perché la guida turistica che viene a Sabaudia cosa fa vedere? Fa vedere niente, va via l ambiente, la duna e non ci sono le bellezze da far vedere, non ci sono servizi e su questo dobbiamo interessarci, i servizi faccio un esempio piccolissimo per chi non conosce a fondo Sabaudia c è la Villa Domiziano che è un importante sito archeologico, noto ai cultori ma non troppo noto hai visitatori perché non ci sanno andare, c è difficoltà ad andarci via terra c è difficoltà ad andarci via lago che sarebbe una cosa più importante, più bella e turisticamente più interessante ma su questo quando si parla di sviluppo turistico si parla di creare, formare guide turistiche e bisognerebbe anche pensare che manca qualche servizio che opportunamente va creato, allora se insieme, e io sono disponibile nonostante qualche polemica culla Stampa ma Stampa già fa il terzo gioco. Ho sempre dimostrato con i fatti di essere sempre vicino alle esigenze dei cittadini ma soprattutto alle esigenze, che sono importantissime, quelle dell ambiente, Maurilio lo conosce sa dei miei premi e su tutto lo sviluppo di Sabaudia, che sono i premi di questa città che vuole comportarsi con l ente parco, da questo convegno 3

4 immagino che ci sia volontà di poter lasciare a Sabaudia qualche indirizzo importante e io ne sono felice e vi auguro veramente di cuore di fare un bel convegno, interessante e interessato. Grazie e buon lavoro. Filippo Camerlenghi, Vice Presidente AIGAE Grazie mille Sig. Sindaco. Adesso saluto Stefano Spinetti presidente dell Associazione Italiana Guide Ambientali Escursionistiche che dovrebbe essere seduto qui al mio posto ma tra venti secondi scoprirete il perché non può presiedere per questa sessione. Presidente AIGAE Stefano Spinetti. Buongiorno applausi ce la metterò tutta per stare zitto in modo di come sentite fuori gioco Filippo Camerlenghi Vice Presidente dell AIGAE mi sostituisce come moderatore per questa sessione e sicuramente in maniera egregia vi ringrazio tutti quanti voi per la vostra partecipazione sto tirando fuori il meglio di me stesso. Ringrazio tutti gli amici seduti al tavolo e raggiunto questo momento preferisco non dire altro e augurarvi una buona continuazione lasciando la parola. Grazie. Applausi. Grazie all anonimo che gli ha fornito quelle pastiglie per fargli andar via la voce al E due parole invece anzi due minuti per dare un infarinatura a questo convegno, il titolo può sembrare un titolo presuntuoso,in realtà siamo noi i primi a dire che non abbiamo certo la bacchetta magica però direi che sono tre i velocemente che AIGAE vuole proporre a chi ha avuto il piacere e voglia di venire a questo convegno: il primo, è vero, non abbiamo la bacchetta magica, tutto verde, sostenibile è importante non è quello con il quale usciamo dalla crisi, questo è evidente però, però è anche vero che all interno del nostro mondo e bastava essere con noi ieri sera a cena parlando con alcuni operatori si vede che è vero che c è la crisi ma questo settore probabilmente lo sta sentendo meno e quindi si poteva anche discutere perché, per come e capire quali sono le motivazioni che forse rendono questo settore leggermente diverso, leggermente anomalo ma in senso positivo in questo caso. Spesso ne sentiamo parlare quasi come nicchia negativa, in realtà, ci sono alcuni aspetti di cui magari si parlerà oggi che ci dicono che è una buona via, un buon strumento questo per provare a dare una mano al paese per uscire: questo è il primo argomento. Secondo argomento è speciale del fatto che questa è una delle prime uscite pubbliche in grande stile che l unione insieme, l unione che è stata creata da AIGAE assieme a Associazione Italia Parchi assieme, parlare, aprirsi perché noi rappresentiamo chi davvero nei parchi ci lavora, chi davvero tiene al Parco, non tanto, non tanto e non solo per l amore per la passione, nel modo, perché ci lavoriamo quindi è nostro presente, è nostro quotidiano, è nostro svegliarsi la mattina, è nostro andare a letto alla sera pensare al Parco e siamo partiti molto forti. Molto importanti questo è il primo momento, vero, serio, importante di che diciamo, poi magari l unione durante la giornata la conosceremo anche meglio e poi la, il terzo momento che mi piace sottolineare è il mare, non solo per tanto perché, insomma ci siamo al mare qua ma anche perché AIGAE, Associazione Italiana Guide Ambientali Escursionistiche ha capito dopo un po di anni che è accaduto, nei quali ha avuto modo di dedicarsi al territorio, di stringere amicizie, collaborazioni, di fare esperienza ha capito che non sono scarponi ma anche pinne, se volessimo essere estremamente riduttivi vale a dire, forse abbiamo guardato troppo il territorio subaereo, non ci siamo accorti di una grande, grandissima risorsa è il mare al di là di tutto l ambiente chiaramente ecologico ma anche dal punto di vista, se volete anche economico le riserve, 4

5 le aree protette sono uno, un passo molto importante ma ci siamo anche accorti che magari non ci eravamo contati ma per le guide tra noi operatori ci sono parecchie persone che lavorano sotto il mare, in riva al mare, gli scarponi ce gli hanno a le pinne hanno i sandali hanno, hanno la bellezza di avere i piedi nudi sulla spiaggia e allora ci stiamo aprendo a questi, a queste nuove, a queste professionalità che non sono magari non sono ancora esattamente normali o riconosciute o formate e detto che abbiamo tra di noi, per esempio, il, il terzo incontro abbiamo parlare di questo risvolto. Questi sono i tre temi importanti. Ora stiamo recuperando tempo per cui io smetto subito, ringrazio, passo la parola, ringrazio la parola al governo quindi al ministero del turismo. Applausi Prima sessione Turismo, natura aree protette e professionalità Silvano Vinceti, Ministero del Turismo Verso una nuova frontiera:l importanza del turismo verde per il nuovo Grazie, grazie. Allora innanzitutto io, mi sono ritrovato, devo dire scusate, chi mi conosce sa che io vengo da un mondo ambientalista sono stato, il primo coordinatore nazionale dei Verdi ad andare a Roma vi ricordo che ha la sede a Piazza Esedra ecc. il referendum poi purtroppo per una serie di ragioni le strade mie si sono divise rispetto alla certa componente di un mondo verde che con una bella armoniosa chiamava i territori, l ambiente, che ci credevano con entusiasmo e compassione ma aimè che pensavano di trovare un soggetto verde una ricollocazione tipica e questa ha determinato la fine secondo il mio punto di vista una bellissima e meravigliosa esperienza. Devo dire mi fa piacere essere qua perché chi mi conosce sa che sono molto diretto e quindi anche i miei non saranno saluti formali da parti di ministro ma entrerò subito nel merito e che ho avuto l occasione di ritrovare dopo tanti anni, dopo vent anni che non ci lavoriamo che non ventidue anni che Cipparone poi nei secondi ci vuole incontrare e con, e poi il direttore generale del parco, direttore generale guardi nell altopiano nel Parco delle Dolomiti Bellunesi con cui avremmo un piccolo problema con, quando a realizzare un programma televisivo dovevano scrivere un libro tra città e parchi che volontà sua per errore il ministero dell ambiente allora non c èra Prestigiacomo, nel senso non voglio giudicare ma lo voglio dire chiaramente non solo la Prestigiacomo e,e per sino sotto Alfonso che forse si sbagliò mi propose di portare questa collana multimediale che già allora voleva dare un taglio di culturismo e viaggiatore che vive l esperienza diretta sul territorio. Chiarito questo devo anche dire per onestà, e qui la mia collaboratrice lo sa che sabato in un luogo freddo, grigio, distaccato, snob, aristocratico che parlava di ambiente con la testa ma non aveva mai forse visto il suo territorio e non sa cosa ci trova in primavera, in autunno in un bosco di faggi, il canto degli uccelli. Non sto facendo il romanticismo perché io amo queste cose e, e io ebbi una relazione durissima attaccai a questi vagoni universitari del mondo accademico era turismo euro-mediterraneo perché mi 5

6 rendevo conto che erano lì a farsi la solita relazione autoreferenziale fine a se stessa e non per cercare le risposte nuove ricordando che dobbiamo recuperare i territori. Io quando penso al territori non penso solo ai territori, all aspetto fauna, turistico, naturalistico, paesaggistico. Non penso solo al territorio come siti archeologici, beni culturali, materiali ma, ma penso al territorio come sintesi felice di una nuova scommessa che ci fa uscire dai particolarismi, che hanno toccato anche il mondo ambientalista, il mondo dei beni culturali, il territorio come persone che vivono con la loro storia, le loro tradizioni, il loro folclore, cioè, i territori diventano soggetto primo su cui ripensare, una grande politica non solo per l ambiente ma io dico una grande politica di rivalorizzazione del territorio, che coincide anche con il recupero dell identità, con il recupero della coscienza perduta nel, nel territorio della globalizzazione ma anche una capacità di fare del territorio una nuova scommessa per l economia turistica che può essere, visto che il vostro titolo è turismo ambientale, uscire dalla crisi può essere la vera frontiera che caratterizzerà un epoca della grande evoluzione economica che sta avvenendo in tutto il mondo, la scommessa dell Italia con grande eccellenza, con le grandi eccellenze che noi possiamo offrire. Quali sono? Non sono certo dell industria manifatturiera che è sempre meno competitiva. Noi abbiamo vissuto per anni, come la bella addormentata nel bosco pensando che bastasse mettersi in, temere che il turismo finisse, Rimini, Riccione, turismo balneare turismo di massa abbiamo in maniera violenta, vergognosa, inaccettabile dimenticato che l Italia è e rimane il paese più bello, più ricco di storia, cultura, diversità di tradizioni, di enogastronomia di tutto il mondo. Abbiamo dimenticato che c è in Italia il nome di cui parchi Nazionali e Regionali servono, possono essere non solo un occasione importante che da oggi va posta al centro come strategia del turismo ed economica, questo è ciò che il Ministero del Turismo sta iniziando a fare. Io oggi ho portato i saluti anche del ministro Brambilla vorrei ricordare a ognuno di voi che viene, che vi è da anni, si impegna, prima cosa perché ci crede, lo sente, lo vive poi giustamente anche perché come dicono anziché le famiglia abbiano bisogno di creare aspetti economici che la prima uscita che il ministro del turismo ha fatto è stata l Aquila, è stata prima del G8, ed è stata l uscita che riguardava la turismo dei parchi la scommessa del futuro. Questa era la sigla originaria poi per la vicenda che accade spesso in politica dove si confonde Governo delle cose con le simpatie e antipatie c è stato un dissidio tra due ministri e, è cambiato il titolo ma non è cambiata la sostanza. Dall Aquila è iniziata una nuova fase che vede il ministro del turismo, ministro del turismo impegnato per la prima nella storia del Ministero del turismo sul turismo ambientale turismo Io forse non so se sono un infiltrato se si sono sbagliati ma ho l onore di essere, ma questo non è un problema, e sono stato nominato responsabile, quattro mesi fa, del turismo della natura abbiamo usato la sigla natura per evitare, e qui ci sono anche le turismo ambientale poteva accadere qualche altro fattaccio, ma la sostanza non cambia. Noi siamo abilissimi in Italia a inventare neologismi a fare tante belle espressioni poi nel vuoto mentale, ma questo è un altra cosa. Turismo ambientale, e turismo natura è e lo ribadisco per ognuno di voi, quello che sul territorio, a mettere il termometro sulla situazione, consente, oltre consente al territorio, consente chi fa guide e nella mente chi viene esigenze, bisogni, interessi, quando non trova siete per eccellenza quello che io chiamo la cartina tornasole che ci potre, vorrebbe e dovrà essere sfruttato in cui ci sarà la proposta alla fine, per potere garantire il suo nome vararsi troppo chiusi come schiappe e nelle seghe che, per potere garan, per potere impostare un economia turistica non bisogna fare né gli apprendisti stregoni né i sciamani ma bisogna fare come dei medici rigorosi che hanno, terapia prognosi e a seconda dei 6

7 risultati coeso o non corregge quindi da questo punto di vista io riterrei importantissimo lo dico senza retorica perché l ho vissuta anch io da ognuno di voi perché io vedo che voi dovete essere sempre di più ascoltati, allora lo dico subito dopo, e noi abbiamo cinque gruppi di lavoro e iniziative, poi però entrerò nel merito delle iniziative e chiedo l ho già fatto ieri sera a tavolo con un mio conterraneo modenese che non so se è qui eccolo lì, quindi non dico niente di nuovo, ritengo fondamentale che all interno dei gruppi di lavoro di iniziative ci sia per ogni gruppo di lavoro una rappresentante delle guide turistiche perché io credo che se lo, la stessa cosa io, viaggiando molto in treno, il personale viaggiante sui treni, inascoltato normalmente, dovrebbero essere al centro in quello che si chiama Marketing e le correzioni che dovrebbero fare per offrire un servizio all altezza della situazione, quindi mi auguro, io inviterò un rappresentante per nome, a seconda delle tipologie di guide turistiche a entrare nel gruppo di lavoro perché quello che potrebbe dare un vero contributo io lo so perché vengo da quella storia molti altri non lo sanno, forse un vantaggio così evitano di rompere le scatole e mi garantiscono la praticabilità. Chiarito questo vado nel merito di quello che stiamo facendo e perché io credo, lo dico subito che l uomo ciò che fa, la politica non è rappresentazione, non è conferenze stampa non è la telematica ma è portare a casa i risultati. Il vostro titolo non so se lo avete fatto per caso in una notte d insonnia o se, o se avete ripetuto e se è diventato questo; fotografa bene la situazione, qui c è il presidente di Federparco Sammuri ne ho parlato con A. Cosentino, e ho detto a Aldo sei mesi se i parchi e, non cambino completamente anche loro, bisogna rimettersi in discussione, tutti perché se è vero come è vero che c è la crisi in atto e bisogna uscire dalla crisi ogni attore e fino l ultimo che può essere, ma c è poco personale mi dicono qui al Parco Nazionale del Circeo, la persona, l ultimo della gerarchia deve capire che oggi c è da mutare l atteggiamento e mentalità, diceva amice che in un eurisma della scienza solo chi ha il coraggio di morire e di nascere può conquistare il nuovo e c è anche una bella frase di Sarkozy voi sapete che è stato lanciato un nuovo tipo di indicatore su cui stiamo lavorando dal prodotto interno lordo al benessere interno lordo che dice nei momenti di crisi, non bisogna soltanto cercare di inventare nuovi modelli ma siamo costretti a inventare nuovi modelli, bene io ritengo che in questi anni la gestione dei parchi è stata improntata su un vecchio modello di cultura ambientale, politica ambientale che rifletteva, non c è du... rifletteva, di una certa, chiamiamola storia culture ed ideologie che hanno attraversato anche me dell ambientalismo anti, anti-economico, anti-scientifico in qualche modo anche contro e, la presenza dell uomo che ha inquinato, distrutto e c è questa componente che lo insulta nobile, non voglio criticare dico però che questo fresco tipo di cultura oggi deve rimettersi in discussione se vogliamo salvare i parchi perché voi, qui il problema è molto semplice non è che ci vogliamo girare attorno, vogliamo essere chiari e e lo sanno molti direttori, presidenti dei parchi i trasferimenti dello Stato al ministero dell ambiente in questa finanziaria e dal ministero dell ambiente ai parchi nazionali, lasciamo stare i regionali, saranno sempre di più espressione di una curva discendente, per la crisi economica, le nuove entrate per una priorità, Tremonti và spesso molto bene, io posso anche non condividerlo, ma quando un... solo, solo in una sola eccezione, la cassa integrazione, cioè significa che in questo momento bisogna pensare che chiuderanno o sono già in crisi, ne abbiamo un esempio anche qua, scusate io adesso non voglio entrare nel merito, questo imprenditore che è sopra a questa colonna è potrei dire paradossale ma potrebbe sembrarci pericolo assurdo rispetto alla tradizione dove vivono gli operai che è, che facevano sciopero e manifestazioni ma è indicatore di un processo di un mutamento che è nato dove è anche un modo d impresa, questa è, non 7

8 voglio entrare nel merito di questo ma molti imprese, piccole, soffrono e rischiano di chiudere perché le capacità di essere perché le capacità di essere all altezza della sfida e della competitività, con le grandi giganti India, Cina, Brasile. Quindi parlare dei parchi oggi non è il problema di quei parchi, non è il problema se quali tipi di aggiustamenti fare, tenendo conto che c è una riduzione del trasferimento dei fondi, e come garantire la normale sopravvivenza di un parco per quanto riguarda le spese correnti e le spese di gestione del personale, non avendo più nessuna possibilità sempre meno di fare strategie di valorizzazione, di conservazione e di turistica. Però nei parchi oggi e di diventare sempre di più soggetto economico, perché sennò chiuderanno, lo dico con molta chiarezza, l orientamento che c è in atto oggi io ho parlato con il presidente della commissione ambienti salviamo solo i parchi e le eccellenze, non siamo più in grado di reggere queste cose, è una scelta, uno può non essere d accordo. Allora come si può evitare questo? Io non entro nel merito di ciò che è stato detto però avendo il vizio che alla notte soffro di insonnia e mi sono letto attentamente tutte le tendenze in atto a livello internazionale, detto è vero il turismo natura, il turismo ambientale nelle sue segmenti e stiamo attenti perché qui c è un articolazione di segmenti e è quello che sta risentendo meno di quello che si chiama la crisi in generale dell economia intesa in senso lato, è vero che c è una nuova domanda a livello internazionale del fattore natura che rispetto ad altre tendenze è aumentato enormemente è vero che le strutture ricettive agriturismo, casa vacanze deve ammettere per altro hanno avuto negli ultimi due anni un, un raddoppio e c è un crollo degli addebiti nazionali rispetto a quello che era il vecchio turismo è vero che si chiede sempre di più nelle motivazioni oggi di perché io turista dovrei andare in un parco, dovrei in qualche modo, dico pa in senso di parchi di economia, natura ecc. danno queste risposte in aumento il primo perché il rapporto con la natura non solo intesi in senso tradizionale, la flora, la fauna, il bosco, le camminate, gli uccelli le specie ma,ma anche lo sport all aria aperta, il senso di tranquillità, il senso di, di, disintossicazione dalle città sta aumentando sempre di più. È vero che c è l aumento anche della richiesta per esempio sempre di più di offerte integrate non ci si può limitare a offrire una camminata nel bosco, noi dobbiamo ragionare oggi che dentro un parco ci sono i borghi antichi, c è una tradizione culturali folclore, mentre nei parchi c è una gastronomia con prodotti tipici, le vecchie attività artigianali. Dentro i parchi c è storia, siti archeologici, popoli italici, c è tanto, forse questo oggi dovrà diventare sempre più centrale. Ma detto questo, ci sono dei punti di e io ve li dico per quello che io ho acquisito girando per il parco, la prima noi soffriamo cioè guardate signori qualche d uno di voi lo inviterei a leggere cosa sta facendo la Francia, la Germania, l Austria, la Spagna è il sistema paese! Non è più una frammentazione enorme di organismi dove tutti pensano che basta fare una promozione turistica per poter far arrivare i turisti, è inaccettabile che continuiamo con le regioni a spendere soldi con strutture in varie parti del mondo, senza che quel tipo di offerta oggi sia all altezza delle grandi scommesse dei tour europei internazionali che operano con i sistemi paese, cioè con i governi che sono in prima persona impegnati, si può fare, poi ci lamentiamo che da quattro anni vorremmo dire addio al fallimento e qui noi dobbiamo ragionare a termini di grandi iniziative nazionali di impegno del governo vado, vado. E però c è il problema anche della professionalità, c è il problema della promozione commercializzazione, c è il problema secondo me anche nel fatto che oggi ci sono delle concorrenze con l est europeo, molto grosse. In tre minuti vi dico quello che stiamo facendo allora la prima iniziativa che noi stiamo provando è nel concepimento della carta europea del turismo sostenibile e quando comincia stiamo 8

9 facendo una collaborazione con Federparchi e quando comincia su cui andare a inserire dentro i diversi tipi di iniziative, l altra iniziativa è la via palcicera dalla Valle d Aosta a Roma. Parliamo di iniziative nazionali solo regionali che vanno ad integrare rafforzare forse rende possibile un migliore effetto anche delle regioni, dei comuni e delle province. L altra iniziativa è legata all equiturismo e lo dico quando dico queste iniziative si inseriscono all interno di un offerta integrata, si è creata una commissione per l equiturismo, per la valorizzazione dei, delle trattori e ippovie e stata Già decisa non a parole, già deciso un incontro fatto con gli attori, voi io non lavoro con la burocrazia del Ministero del Turismo ma abbiamo messo i primi sessanta soggetti di tutto quello che è il sistema in questo mondo verranno predisposte tre iniziative nazionali che, su cui ci impegneremo, il turismo mobil-itinerante trascurato enormemente lo dico, ho parlato con Federparchi cioè ed altro che oggi si trovano ad avere una potenzialità enorme, sono trecentomila i camper i proprietari, i sessanta che possono girare tutto l anno più i campeggiatori più quelli stagionali molti parchi, molti comuni, trattano il turismo itinerante come se fosse gli zingari che arrivano non è più accettabile se si vuole che il turismo ci sia bisogna cominciare a rimettere in discussione queste cose, un altra iniziativa nazionale riguarderà i popoli italici, alla riscoperta dei popoli italici con tre iniziative: una al nord una al centro e una al sud e l ultima, e so che Enzo Incontro mi sta guardando e che ne abbiamo parlato noi stiamo incontrando tutte le grandi compagnie crocieristiche del Mediterraneo per poter proporre un offerta integrata di piccolo o medio carottaggio. E per le aree marine minori senza passare per le regioni ma noi facciamo i mediatori della città contadina li mettiamo assieme chiediamo che venga fatto una convenzione in cui convoglierà tutti i soggetti che si assumono quest impegni. Chiudo dicendo una cosa sola. Tutte queste iniziative hanno un approccio, un impostazione, un modello non sono più legate, sono tutte iniziative che riguardano l Italia minore lo stesso vale per il centro d Italia che sta lanciando e contro le le, le bellezze ammirate. Tutte queste passano per i parchi, dal momento che, passano dai piccoli centri ed è la scommessa su cui noi stiamo puntando con una parte di energie del Ministero del Turismo. Dico anche però che se non facciamo squadra al di là delle cooperazioni politiche, ideologiche, partitiche i due terzi dei soggetti dentro il comitato delle commissioni tra noi cittadini sono al tanto è che il ministro forse non lo sa ma io vado a prendere dove c è la storia, la cultura, il merito non vado a mettere dentro persone del centro-destra solo perché devo essere fedele il nulla e il vuoto non mi interessa se c è poco non va bene nel comitato per i progetti sul turismo natura ci sono due terzi di centro-sinistra, Legambiente, Fulco Pratesi del WWF, CTS, Agriturism, il presidente del Parco Tosco-Emiliano, PD, Beppe Tarallo è presidente del Parco Nazionale del Cilento e poi ci sono tre rappresentanti per scopo elettorale. Basta con la guerra tra Guelfi e Ghibellini non conclusa mai se vogliamo dare un futuro a questo paese dobbiamo metterci assieme sui contenuti combattiamo diretti i nichilisti, gli apprendisti stregoni e uno di noi si rimette in discussione. Grazie Applausi Filippo Camerlenghi, Vice Presidente AIGAE 9

10 Grazie, grazie, vi do un informazione logistica, ricordo a tutti quanti che nell atrio c è la segreteria dove ci si può registrare per la cena di questa sera e detta questa cosa, per non perdere tempo passo la parola al Direttore del Parco Circeo, Giuliano Tallone, che ci fa veramente gli onori di casa. Giuliano Tallone,Direttore Parco Nazionale del Circeo Il turismo in natura nel Parco Nazionale del Circeo. Strategie e prospettive Allora, il mio intervento è in qualche modo nel merito del convegno, un aggiornamento concreto anche sul convegno e già coglie, senza saperlo, l invito di Vinceti ad adottare un metodo che venga descritto, partendo, diciamo dalla mia diagnosi come medico e trovando la cura e poi applicandola. Ecco, noi siamo in questa fase e cioè il parco ha riflettuto, sta riflettendo su qual è l analisi del territorio rispetto ai nostri tempi anche in particolare e arrivando a delle proposte che ovviamente saranno oggetto di discussione anche oggi, un attimo. Quindi il tema del mio intervento è anche su delineatura nel Parco Nazionale del Circeo strategie e prospettive. Questo è il territorio del Parco del Circeo che è stato già riguardato dal Sindaco, è un territorio molto antropizzato e il parco è nato assieme alla città di Sabaudia e la città di San Felice era già presente ma si è molto sviluppata negli anni sotto 1500 ettari, 6000 però sono proprietà demaniali sono boschi, laghi, montagne ecc nel resto si concentra la presenza umana attività antropiche, quelle turistiche, quelle agricole e quelle industriali potrei dire molto più se c è questo contesto. Ci sono molti ambienti importanti e articolati rispetto alla piccola dimensioni del parco molto vario ci sono zone umide aree agricole inondate aree agricole invece più intensive su suoli sabbiosi dune, foreste e il promontorio del Circeo inteso anche come picchi, le rocce ecc.. l isola di Cannone è una piccola perla del parco cioè nel cuore del mare e poi anche le aree urbane che comunque ovviamente sono anche ambiente all interno del parco. L approccio, diciamo generale che mi ha portato all identificazione dei parchi e di fatto è quello già di molti anni fa proposto all interno del quadro dell UNESCO del Map e della biosfera di cui recentemente proprio ne abbiamo discusso a casa, di questo incontro da Emilio a Siracusa e con appunto gli esperti dell UNESCO e l idea è quella di riutilizzare indirizzi diversi per il territorio o scopi diversi cercando di rendere omogenee, gestite e anche compatibile a questo punto le diverse attività da quelle di conservazione a quelle di gestione e di attività che ovviamente produttive antropiche e di evitarlo. Il nostro cuore è la foresta demaniale per 1400 ettari quella che in realtà i sabaudi ani e anche i sanfeliciani la gente del territorio da sempre intende essere il parco, il parco è i 3000 ettari di foresta recintata tutto il resto non è mai stato vissuto completamente come parco e dai residenti e molte delle discussioni di questi ultimi due anni, da quando sono specificatamente riguardo, io credo proprio il fatto che si, si è messo in luce il fatto che il parco è la cosa più grande di questo territorio e che quindi include problemi più vasti che non semplicemente il controllo della foresta. Attività socio-economiche questo il territorio che era completamente disabitato fino agli anni 30.. da zone umide e foreste poi ovviamente la bonifica ha cambiato tutto nuovi nuclei di fondazione, Sabaudia per quanto ci riguarda in particolare ma tipo il Monte Negro e altri all interno o vicino al parco, un grande aumento migratorio è tuttora in corso e l aumento demografico soprattutto scusate in corso volevo dire confermato c è una nuova emergenza di altro tipo e poi il fondo di ricostruzione dagli anni 10

11 sessanta in poi e quindi quello si vede un turismo modellato su, sul turismo estivo direi quasi sul turismo i dati che vi riporto riguardano un analisi fatta all inizio di quest anno, nei primi mesi di quest anno, in questo documento il direttore dei preliminari di piano di cui a mio parere non si è discusso abbastanza anzi direi proprio per niente e, qui fa riferimento anche la realtà locale credo che sarebbe bene invece entrare un po nel merito e quello che cercherò di fare oggi parlando di turismo e chiaramente non esaurisce i problemi. L inquadramento gestionale degli strumenti che abbiamo sono quelli del piano pluriennale del quadro sociale che da due anni è stato elaborato e non è ancora stato discusso, lo sottolineo, del piano del parco che è in corso di redazione questo documento che vi accennavo ritrae gli atti che vi faccio vedere le proposte approvato ufficialmente dal consiglio del parco, il regolamento che ovviamente è un azione di tipo normativo di applicazione nell indirizzo del contenuto che invece ci dovrebbero essere a monte e poi ovviamente le norme che ci sono in particolare il nostro decreto istitutivo il piano decreto rinvia come norma di salvaguardia è stato già ricordato che poi un parco se vuol fare un iniziativa di cui parlavo adesso deve aver strutture delle dotazioni di cui oggi siamo ancora un po scarsi che influenzano anche le prospettive ovviamente. Rispetto la pluralità, dal Dottor Vinceti che insomma, chiaramente dico che bisognerebbe discuterne, nel senso che è vero che tanti parchi come tutto il pubblico impiego è sotto tagli pesanti ed è anche vero che i tagli dovrebbero essere differenziati senz altro misurati ai risultati credo che noi dimostreremo oggi questo comunque e ne sono convito di questo che i parchi possono anche portare l economia locale quindi un investimento limitatissimo con il lavoro dei parchi nazionali forse ritorni maggiore di quelli che sono quelli apparenti. Nel piano del parco ci sono molte cose l organizzazione del territorio c è anche il turismo ed è proprio di questo che noi parliamo adesso. Turismo e servizi il modo centrale del piano ma anche agricoltura,industria, artigianato che anche in questo caso che uno può dire: ma che strano l industria nei parchi invece c è anche l industria nel parco e l artigianato e noi ce l abbiamo e quindi anche in questo bisogna ragionare e, io diciamo, non posso commentare la situazione odierna però mi sento di dire che il parco non è un fatto vero non ha a cuore l occupazione, la gente del territorio anche le attività presenti, parlerò di nautica parecchio, come proposta, e io credo quindi che di questo bisognerebbe riuscire a parlare al di là delle polemiche che hanno un senso significato. Il piano del parco dovrebbe avere un approccio flessibile che dia le risposte a questi problemi questo è il vantaggio che cercherò di seguire, vi do alcuni dati sul sistema turistico del parco, del territorio del parco sulla situazione dello specifico delle strutture per il turismo naturalistico inteso in senso ampio e di quello che bisognerebbe fare a nostro parere. Com è il turismo della zona dagli di Latina nella giornata del 2007, c è una fortissima dipendenza sul settore del turismo estivo una stagionalità in questo ambito molto forte dal 20 luglio al 20 agosto sostanzialmente con quattro week-end primavera, estate fino al mese di settembre in cui c è una presenza turistica significativa gli alberghi per questo spesso sono aperti solo stagionalmente questo è un elemento di criticità del sistema, ci sono comunque un certo numero di alberghi 17 a Latina, contiamo anche Latina, anche se i dati sono riferiti ai comuni quindi è chiaro che la città di Latina pur piccina è diciamo marginale rispetto al sistema turistico specifico del parco 11 alberghi a Sabaudia con il numero delle camere che vedete 14 a San Felice. Alberghi piccoli si vede dal rapporto tra numero di camere e alberghi, quindi cosa significa? Che per alcuni tipi di offerta esempio quella dei convegni, ad esempio quella dei gruppi ci sono coppie di anziani ed adulti che proprio dovute al sistema alberghiero. Le presenze però 11

12 sono abbastanza significative perché comunque anche il settore alberghiero ovviamente beneficia dell attrattività di questa zona d estate in particolare nel mese di agosto come ho detto e il rapporto tra presenze e arrivi relativamente limitato circa in 4 giorni di media nelle varie strutture, non entro nello specifico e il quadro che mi interessa. Sotto le extra alberghiere, qui ci avviciniamo un po di più a quello che sono le strutture a cui noi ci rivolgiamo parlando di turismo nel parco sono presenti 4 ostelli, 10 casa per ferie quindi diciamo para-alberghiere 36 agriturismi, con 194 posti letto, 155 B&B, 51 casa vacanze. Alcuni di questi dati sono ovviamente dipendono dal fatto che le seconde case ci sono tante strutture di vario tipo, che vengono utilizzate ad esempio le strutture di B&B o case per ferie etc.. Le strutture alberghiere soprattutto i campeggi anche in quanto non abbiamo dati sono abbastanza limitati questo è il nodo sicuramente parlando del turismo natura. Le seconde case fanno da padrone, si vede guardando dal promontorio più da una parte di S.Felice comunque anche dalla parte di Sabaudia abbiamo arrivi che riguardano le seconde case molto alti presenze elevatissime vedete a S.Felice arrivi presenze in seconde case in dati stimati, perché ovviamente qui è tutto al nero, diciamolo,e va detto e quindi i dati concreti sono difficili da ottenerli. Questi sono sempre stime Latina. Però è evidente la forte predominanza di questo tipo di accoglienza sul territorio del parco guardiamo un po le di supporto, il sistema balneare. Qui c è, ci sono, 2, 3 realtà tra i comuni sono presenti a S.Felice soprattutto stabilimenti con strutture abbastanza diciamo, moderne anche più intensive che dal lato di Sabaudia sarà molto articolata soltanto Torre di Latina con strutture simili a stabilimenti balneari una serie di chioschi stagionali nel tratto dal Cà a, la spiaggia ricordo lunga 23 km dal lato Sabaudia-Latina molto lunga, spiaggia libera dal tratto e Martino con una serie di problemi derivanti anche diciamo anche dalla struttura fisica della strada chiusa che prima esisteva solo su quel tratto, chioschi stagionali nel tratto tra parliamo di Latina che invece oltre a capo quartiere il cuore del parco ha stabilimenti veri e propri. Alcune questioni, non do ovviamente sul resto soluzioni c è una serie di riflessioni in atto e c è un esigenza di verifica del settore delle strutture che esistono sotto l aspetto normativo perché ci sono molto problemi di vario genere dal nostro punto di vista, c è in corso una revisione del P.U.A. basata sul protocollo d intesa fra l Ente parco e il comune di Sabaudia dopo varie vicende e discussioni c è stato un gruppo di lavoro che ha visto coinvolti anche gli operatori che hanno lavorato sull ipotesi di qualificazione ambientale delle strutture parlando proprio degli stabilimenti e qui ci sono alcuni temi possibili su cui discutere ancora non è arrivato quell attività a questo. C è un problema complessivo di qualificazione turistica del tratto fino a cioè un vero e proprio lungomare di Sabaudia che però non è un lungo mare, oggi come oggi è una serie di strutture che vanno razionalizzate, quindi un ampia ottica di pianificazione molto importante. C è un altro tema più specifico che riguarda invece i chioschi che è quello dell attuale sussistenza diciamo, delle strutture frighi, bar ecc su gruppi elettrogeni e quindi ci sono le proposte per realizzare, anzi ci sono dei progetti veri e propri per realizzare un cavi dotto per alimentare queste strutture se proprio alternative anche se qua siamo più sulla cronaca non mi C è un tema serio, di porti,darsene e barche un dato per i non locali che non conoscono bene le nostre questioni, attualmente noi abbiamo in progetto un 12

13 grande, molto grande porto a Latina che è fuori parco però ovviamente può avere varie influenze sul territorio del parco sia dal punto di vista turistico ma anche ad esempio dal punto di vista dell erosione ne abbiamo già discusso in questa sala con il sindaco di Latina. C è un nuovo porto progettato e mai autorizzato alla foce di Rio Martino tra Latina e Sabaudia al confine, c è un progetto ulteriore di modifiche e monitoraggio con la previsione di traghetti per Ponza che partono dalla strada e c era una darsena nel lago di Paola, oggi ci sono varie ipotesi di darsene permanenti anche se in realtà questo non è mai stato formalizzato da nessuno o temporanee questa invece l ipotesi che fa il parco nel lago di Paola e c è il tema del raddoppio del porto di S. Felice in completamento delle strutture del porto esistente, c è in corso in questi giorni, stanno lavorando ad un ampliamento di una darsena che esisteva di circa 30, 40 posti che sta diventando molto più grande sempre a confine parco come in questo caso a S. Felice c è una darsena progettata di cui sono già state fatte le strutture a mare attorno al e S. Felice. Quindi c è un tema ovviamente di forte pressione dello sviluppo per le strutture della nautica, questo uno dei temi caldi della discussione che riguarda il territorio del parco non entro nel merito perché non è lo scopo di questa presentazione e certamente una cosa che ha particolare influenza anche sul sistema turistico che interessa anche il parco e di questo voglio parlare c è comunque a prescindere dalle soluzioni che si vanno ad identificare per la localizzazione delle barche che ovviamente devono stazionare da qualche parte nel periodo turistico e però c è un altro tema che qua comunque le barche di fatto sono un po parcheggiate perché nell area della costa del parco grande fertilità anche per il turismo diporti stico non ci sono. Ci sono le isole Pontine li di fronte allora su questo un ragionamento si potrebbe fare importante rispetto allo sviluppare rispetto alla presenza di numerose aree che hanno un certo interesse dal punto di visto anche naturalistico qui non elencati per motivi di tempo non le posso dettagliare e però ci sono ci sono strutture per attività subacquee esistenti che si potrebbero mettere in rete, mettere in rete per incrementare, sviluppare attività come quelle fatte ieri, mirate ad esempio sul fare attività turistiche di interpretazione naturalistica basata sulle attività subacquee, ci sono varie cose che si potrebbero fare l agriturismo è un altro settore importante collegato certamente con il parco questi sono dati sull intero territorio provinciale non ce li abbiamo questi dati al momento, 4820 sul territorio provinciale, un buon settore ma soprattutto un settore con grande potenziale carica di crescita e qui in collegamento con altre attività produttive che sono agricole, quelle agricole possibili. Che cosa fa il parco le infrastrutture del turismo naturalistico? Ha questo centro dove siamo oggi vado veloce perché il tempo è tiranno abbiamo il sistema di Villa Toniano gestito com èra e anche com è tuttora in parte del corpo forestale dello Stato che ha avuto un ruolo fondamentale nella storia del parco e tuttora ce l ha e con altre strutture di tipo di visita, di educazione, didattica ci sono varie altre strutture complesso di Cerasella la porta del parco di S. Felice di Sabaudia, la senti eristica turistica i nuovi interventi sul lago di Fogliano per la salvaguardia faunistica, quello che voglio dire è che il parco è comunque già una realtà dal punto di vista del turismo naturalistico e alcuni dati lo dimostrano dati dal corpo forestale del parco qui nel 2008 sono venuti in questa struttura circa 100mila persone al borgo di Fogliano ne segniamo 40,50 mila quindi un flusso turistico che ha già una certa rilevanza. I dati sul progetto del parco promosso dal parco, dall istituto PANGEA circa 1000 partecipanti ogni anno a 13

14 visite guidate e attività di animazione, in generale il numero recente di persone che partecipano alle attività di interpretazione gestite direttamente o indirettamente dall ente parco sempre dall istituto PANGEA in questo caso, vabbè, l ho già detto alcune volte che gli elementi del sistema turistico sulle potenziali capacità, chi è interessato posso approfondire su questi dati ma è un documento ufficiale del parco proposte: rapidamente, sviluppare un progetto super naturalistico e specifico uno sul diporto sostenibile cioè sull attività di interpretazione legata al diporto, uno sull archeologico e uno sul turismo congressuale, velocissimo, abbiamo un centro nel corso di realizzazione al Serchia c è un progetto di ripristino capanne sul lago dei Monaci c è un altro progetto fatto con la provincia di Latina, un LIFE con un buon finanziamento che prevede il ripristino ambientale e sul turismo c è un progetto sull ambientale un vecchio podere della bonifica abbandonata lo stiamo ricostruendo per fare proprio un intervento mirato al turismo del Birdwatching qualcun altro avrà sentito parlare delle potenzialità che ha il turismo Birdwatching nel mercato europeo, non ne parlo adesso io. Lago Monaci, finanziamento regionale 370mila euro questo intervento è anche stato criticato perché ripristiniamo la zona umida di circa 10 ettari ma questo finalizzato sia da aspetti di gestione naturalistica che anche di turismo naturalistico non c è un capanno fruibile nel parco, e uno dei più importanti siti dell archeologia e del birdwatching in Italia potrebbe essere un attrazione europea ma non lo è perché non ci sono strutture questa è della nuova vado veloce purtroppo il tempo vola questo progetto in corso e abbiamo già approvato il definitivo e stiamo già provando e stiamo per realizzarlo, quindi ripristino ambientale ma anche accesso ai parcheggi sentieri, capanni perché senza di questo il settore turistico e difficile da è stato finanziato abbiamo detto, è in corso di progetto nel 2010 l altro riguarda invece un progetto della provincia di Latina questo è molto interessante perché questo è un progetto di grande cooperazione in ambito istituzionale, provincia consorzio di bonifica, comune di Latina, parco per far cosa? Ripristino ambientali filtro depurazione delle acque, quindi creare un filtro per la depurazione ma anche per gli uccelli e quindi per il turismo, questo è nodo per fare le cose concrete, per cercare di mettere in filiera le questioni, le attività. L idea più ampia è quella ovviamente di arrivare alla purificazione delle acque dei canali di bonifica un tema difficilissimo e complesso per la ci sono, vado veloce non posso fermarmi progetti di educazione naturalistica in corso con approcci innovativi è un progetto internazionale fatto da tanti enti molti sono qui oggi quindi dopo li sentiremo adesso vado molto veloce scusate, il turismo nautico, questo potrebbe essere interessante e ci dedico un secondo di più, ci sono già dei siti con delle, delle, livelli esistenti non sono gestiti, gestire non vuole dire soltanto presentare il vincolo, vuol dire fare servizi, le 5 terre sono riuscite a realizzare pacchetti turistici facciamo lo stesso, ci sono già iniziative in corso anche il comune di S. Felice e il comune di Sabaudia hanno le mare per sviluppare questo tipo di attività, facciamo progetti, interveniamo in modo concreto, questo vuol dire che il parco non è della nautica. Il turismo archeologico, grandissima potenzialità quindi nuovo del turismo non solo per il sito di molta importanza di livello ma un potenziale turistico, ogni quanto ci sono 4000 visitatori all anno questo è un sito da decine di migliaia di visitatori all anno, forse centinaia di migliaia, allora su questo dei ragionamenti intersettoriali che vadano 14

15 intervento del pubblico R: Giuliano Tallone, Direttore del Parco del Circeo Con questo il parco sta lavorando con la sovraintendenza con l università di Roma con cui abbiamo fatto alcune attività, con cui abbiamo fatto alcune attività per quando riguarda i siti archeologici, stiamo ipotizzando nuovi scavi, ma l obbiettivo immediato è lavorare insieme al comune ovviamente, insieme al comune di Sabaudia per garantire l accesso concreto, cioè quello che serve per avere in più per questa struttura, queste sono attività che il parco ha già messo in campo e già anche finanziato, quindi istituzionali con cui vado a chiudere insomma il tecnicismo vi interessa poco il fatto è che c è una cosa che esiste ma non è visitabile allora facciamo qualcosa in tutti i modi possibili per poi S. felice ha altre potenzialità enormi ha anche progetti già sviluppati dal comune, lavoriamo assieme. L ultimo punto è il turismo congressuale, oggi stiamo facendo un congresso, un convegno per attività, formazione ecc ma per chi fate i convegni? Allora i convegni in realtà, prima di tutto, sono un modo non siamo ad agosto, per portare più persone da tutt Italia a visitare questo sito usando la struttura alberghiera questo oggi è un iniziativa sporadica, ovviamente potrebbe diventare un progetto mettendo innanzitutto in rete le strutture che già esistono ma anche andando forse a pensare alle strutture che non ci sono, su questo parco dal nostro presidente in varie occasioni. Quindi su questo si potrebbe di nuovo lavorare perché è un altra non voglio più rubare tempo, il dottor Vinceti diceva segmentiamo l offerta e la domanda, sono d accordo, questo è il modo per approcciare alle questioni ci sono altri temi, qualcuno l ha toccato il cicloturismo, ci sono tante cose da fare, allora io l invito che sento di dare in questa discussione sul territorio nazionale parliamo di cose concrete, qual è il quali sono le cose da fare? Qualche proposta al parco è stata fatta, queste sono proposte ufficiali deliberate dal consiglio del parco migliore, qualcosa che non funziona! Ma con l intervento manca qualcos altro. Parliamone questo credo sia il modo di affrontare questi temi. Grazie! Applausi Filippo Camerlenghi, Vice Presidente AIGAE Passiamo quindi a Federparchi, Giampiero Sammuri presidente Federparchi. 15

16 Giampiero Sammuri,Presidente Federparchi Strategie e prospettive per il turismo e il lavoro nei parchi d Italia Bene grazie, ovviamente per l invito e l ospitalità intanto ovviamente un ringraziamento al Parco del Circeo che ci ospita poi dirò qualcosa del Parco del Circeo nel mio intervento, ma all AIGAE che in questa tre giorni ha pensato secondo me molto opportunamente di dare spazio a questa iniziativa che ritengo ovviamente molto importante. Dico, un attimo due cose sul conto delle guide nei parchi e faccio subito immediatamente una premessa perché c è una tendenza abbastanza in voga in Italia che se uno và all assemblea degli artigiani dice che gli artigiani sono insostituibili in Italia, il giorno dopo và all assemblea dei dipendenti pubblici e dice che sono insostituibili in Italia il giorno dopo ancora va dagli industriali e dice la stessa cosa no!! e diciamo chiaramente così avendo facile successo rispetto alla platea io siccome ora ripeto le cose che ho detto due giorni in tutt altra assise e le ripeto ugualmente è qui presente qualcuno che mi ha sentito dirle anche in quell altra assise spero di non essere accusato di questo cioè di aver, parlare in questo modo delle guide come sto per fare quando che qui so che la sala è piena di guide però il fatto è questo che se qualcuno viene a visitare il mio parco far visita, chi sono io non lo sa minimamente io posso essere il presidente più bravo del mondo, il peggiore del mondo il parco può essere amministrato benissimo o malissimo il turista non ne sa nulla, non mi conosce non sa chi sono, non sa chi sono io, non sa chi è il direttore, niente di tutto questo. Chi conosce la guida? La guida, la guida che l accompagna e che gli parla del parco la guida sotto certi aspetti è un po come passatemi il termine, il vigile urbano di un comune, nel senso che uno va lì dentro e dalla gentilezza e dalla disponibilità di un vigile urbano si fa un idea di un territorio, poi diciamoci ci possono essere anche cose diverse però così è, e quindi la professionalità la gentilezza della guida è biglietto da visita fondamentale di un area protetta, ecco perché il ruolo delle guide è un ruolo decisivo e insostituibile all intero delle aree protette che anzi dovremmo tutti cercare, noi per primi io, qualcosa sto cercando di fare anche, direttamente nel mio parco per cercare di valorizzare anche in maniera più importante perché spesso a volte siamo noi stessi che alle guide magari non forniamo tutte le informazioni che potremmo su quello che magari sta facendo il parco, i progetti importanti che sta portando avanti che invece potrebbero essere da utilizzare nel momento in cui appunto ci si approccia col turista anche perché la cosa che diciamo spesso quando parliamo di turismo è che è fondamentale che un turista venga in una certa località ma ancor più fondamentale è che il parli bene di quella località e che ci ritorni sono due cose ovviamente altrettanto importanti e questo è strettamente dipendente da come si muove quella località e magari può essere attirato in una situazione magari tra strumenti sempre più sofisticati di promozione, se dopo poi ci si trova male ci rigiochiamo tutto quello che abbiamo investito per far questo. Quindi appunto, volevo dire, questo è fondamentale. L altra cosa che volevo dire è il ruolo ovviamente di Federparchi noi, ci siamo i rappresentanti delle aree protette italiane che sono praticamente quasi tutte associate a Federparchi siamo molto poche le aree protette italiane che non lo sono perché stiamo lavorando per 16

17 colmare questa piccolissima lacuna ma insomma la stragrande maggioranza è associata e noi questo vogliamo essere, cioè rappresentante de i soggetti gestori solo che qui un punto delicato perché, lo dico anche essa, Federparchi non pensa di poter e non vuole essere l unico soggetto che esprime quello che nei parchi esiste ovviamente nei parchi oltre a gli enti gestori rappresentati da Federparchi c è la gente che ci lavora, ci siete voi guide, ci sono i guardia parco ci sono ovviamente i tecnici per tutto e chiaramente è giusto che queste componenti abbiano le loro rappresentanti in un rapporto anche stretto con Federparchi ma che insomma Federparchi non ha la pretesa in tutto e per tutto ovviamente di dover rappresentare ho parlato di guardia parco, ci volevo spendere due parole perché questa figura nata, figura molto importante, sappiamo che la situazione in Italia è molto variegata per quanto riguarda i guardia parco ci sono enti che ce l hanno enti che non ce l hanno Regionali Nazionali ci sono situazioni diverse per quanto riguarda la vigilanza lo dico per Federparchi ci stiamo impegnando perché il ruolo del guardia parco sia un ruolo ovviamente mantenuto e soprattutto esteso, perché noi pensiamo che il guardia parco debba essere un dipendente del parco e debba essere ovviamente inserito all interno del servizio stesso con tutti i compiti che un guardia parco deve avere che sono dalla parte sicuramente anche quelli di informazione, presenza sul territorio, ma anche di vigilanza e di controllo che per noi sono decisivi sono, mi sono bruciato una buona del mio intervento e ancora non ho parlato di turismo infondo cominciamo quindi a parlarne. Noi abbiamo presentato proprio l altro ieri questo bianco, Parchi e Cultura bianco 2009 insieme a Federculture dentro ci sono numerosi dati tra cui i dati che molti di voi ovviamente conosco che riguardano il turismo ambientale in Italia nel 2008 sono stati stimati 25milioni di visitatori di turismo ambientale, poi sono scomposti in italiani stranieri etc questi comunque sono i dati quasi tutti ovviamente visitatori di parchi i dati sul rapporto economico diretto ed indiretto di questi appunto visitatori sono impressionanti e sono appunto riportati nel libro adesso non mi dilungo riguardo a questo però volevo fare un esempio tanto per capire che un a realtà che ovviamente conosco bene che è il mio parco, il Parco della Maremma che appunto presiedo da diversi anni pensate che 15 anni fa nel parco della Maremma il numero degli agriturismi presenti era 0 o Zero come diceva un molto simpatico e oggi ci sono oltre 100 agriturismi nel parco della maremma e zone vicine, che lavorano praticamente, ovviamente con picchi minimi e massimi ma per lo meno con 8 mesi all anno, cioè in 8 mesi dell anno ci sono presenze negli agriturismi del parco, i visitatori paganti e poi qui vengo anche ad un aspetto piuttosto delicato perché su questo si discute molto nel parco della Maremma da sempre si paga un biglietto d ingresso che è variabile a seconda del percorso che si fa i visitatori paganti sono variati dai 60 agli 80 mila quelli paganti, poi ovviamente siccome ci sono delle zone del parco tra cui la zone del mare in cui non si paga un biglietto ovviamente li ci sono stime approssimative ma probabilmente dalle stime fatte si parla di due volte i visitatori che vengono nel parco quindi e che pagano il biglietto ovviamente e che quindi siamo intorno ai 200, 250 mila visitatori nel parco tra l altro in un contesto dove le possibilità di condizione turistica sono variegate, la Maremma ha molte zone turistiche importanti che tutti conoscono Molte Argentario, ciò nonostante ovviamente abbiamo questa importantissima presenza soprattutto che contribuisce alla forte destagionalizzazione e quindi con un indotto 17

18 ovviamente molto importante. Per quanto riguarda l organizzazione dei parchi è, si è molto discusso recentemente no, sulla necessità di far diventare i parchi, qualcuno l ha anche detto ma insomma magari ; subito dopo c è stata una marcia indietro comunque portare all autosufficienza dei parchi no, cioè far si che i parchi diventassero delle imprese che non contassero a nessuno. Ora su questo è importante ricordare come in tutto il mondo e quando dico tutto il mondo dico proprio tutto Nord-America, Sud-America, Africa, Europa, Asia, Australia le aree protette sono gestite e sostenute con finanziamenti pubblici è una cosa anche se vogliamo inevitabile perché la missione di un parco non è quella di fare un impresa economica subito dopo ancora anticipiamo visitatori certo un parco ha come missione prima, quella di conservare la natura questa è la storia del parco che di per se non può essere un impresa economica intesa come ne intendiamo. Ovviamente sulla conservazione della natura può essere diciamo, incrementata un economia che proprio dai lavori straordinari che sono conservati in un area protetta parte, diciamo l appil del parco Nazionale d Abruzzo che tutti conosciamo perché è storico deriva molto dal fatto che il Parco Nazionale d Abruzzo c è l orso il camoscio d Abruzzo, il lupo, l aquila, e queste emergenze vengono conservate perché è giusto conservarle per la conservazione della biodiversità per esplorare la natura ecc. che è la missione, però su questo che poi si innesca lo sviluppo economico, si innesca uno sviluppo economico perché il visitatore che viene spera, sogna di vedere una di vedere una di queste specie ma anche se non la vede l abilità della guida ambientale gliela fa vedere lo stesso, nel senso che gli può raccontare, gli può far vedere dov è passata, gli può far vedere l habitat comunque nel quale vive e spiegare come si comporta questo andare indietro però se non ci fosse l orso, il camoscio, l aquila, il lupo probabilmente il Parco Nazionale d Abruzzo perderebbe l 80% del suo appil pur rimanendo un posto quasi eccessivamente spettacolare e per questo che nel mondo e l investimento delle aree protette è un investimento pubblico quando mi hanno intervistato un paio di mesi fa su un giornale perché negli Stati Uniti era stato fatto un video molto importante che centrava l indipendenza degli Stati Uniti ed erano tutte riprese legate ai, le aree protette statunitense c è il Gran Canyon, Yellowstone ovviamente sono le aree che più conosciamo e questa cosa a destato una certa sorpresa perché per celebrare l indipendenza viene fatta questa cosa e poi soprattutto mi domandavo ma invidia qualcosa diciamo e agli Stati Uniti ho detto, si! una cosa la invidio che li c è un profondo orgoglio legato alle aree protette, cioè questa cosa qui loro la sentono come una cosa di cui vantarsi nel mondo noi ci abbiamo il Gran Canyon in Colorado, ci abbiamo Yellowstone c abbiamo, le bellezze e di questo si sentono orgogliosi e noi su questo, anche perché questo mi riferisco anche all altro giorno la presentazione di questo libro forse perché da noi gli aspetti storico culturali sono prevalenti rispetto a quelli ambientali in confronto alla realtà degli Stati Uniti, abbiamo una storia un po più lunga insomma, rispetto a quella che hanno loro e forse per questo che noi magari siamo più orgogliosi del nostro patrimonio storico-culturale un po meno di quello naturale, Venezia, il Colosseo di altre cose però insomma di questa cosa qui, io la invidio ma li c è comunque un finanziamento consistente da parte tecnica che poi però innesca ovviamente anche li inutile che vi descriva perché lo conoscete benissimo, turismo, di Yellowstone o di altri, diciamo che l altra cosa che volevo arrivare è che a livello di risorse, forse 18

19 non tutti sanno che c è una tra le risorse che mette a disposizione da sempre è, non è che ora questa cosa è molto cambiata insomma si è un po accentuata è da sempre così, che mette a disposizione il, lo Stato per i parchi nazionali e quello che mettono a disposizioni le Regioni per i parchi regionali, allo forse non tutti sanno che la superficie delle aree protette nazionali e regionali è pressoché equivalente sono 1 milione e mezzo di ettari entrambe, un po di più i parchi nazionali ma poco di più, poco significativa la differenza. Però non tutti sanno che le regioni spendono 4 volte quello che spende lo Stato per le aree protette regionali 50 milioni contro i 200 milioni di euro questa è la differenza tanto è vero che c è qualche presidente di parco nazionale che ogni tanto mi sussurra io chiederei di far regionalizzare il mio parco perché almeno se il parco viene regionalizzato aumentano diciamo le risorse per la gestione questo per dire che è difficile fare una gestione che da una parte realizzi la mission principale dei parchi che è quello ovviamente della conservazione della natura e della biodiversità ma che anche contribuisca ad uno sviluppo economico compatibile e sostenibile con quello che dovrebbe essere un area protetta se non ci sono le risorse, quando riguardo, quando parlo di risorse mi riferisco a risorse ovviamente finanziarie e risorse umane e in più si parla spesso di necessità di riforma della famosa legge madre sulle aree protette italiane che è la legge 394 e come Federparchi siamo sempre stati disponibili a sederci a un tavolo se ovviamente ci chiamano per discutere delle modifiche della legge 394 perché anche secondo noi ci sono alcune cose da modificare perché l impianto della legge 394 è a nostro giudizio anomalo però sono passati 18 anni e 18 anni di esperienza qualcosa hanno voluto dire ad esempio la legge 394 prevede che i parchi debbano fare due piani, il piano del parco e il piano di sviluppo economico sociale, quest ultimo tra l altro non lo fanno nemmeno i parchi ma lo fa del parco nel quale esiste il parco, questa secondo noi è una cosa sbagliata e può non essere un piano che tiene conto degli aspetti ovviamente di conservazione e di sviluppo socio-economico e così fatto due soggetti diversi, si perde un sacco di tempo e assolutamente non serve a niente poi ci sono alcuni aspetti burocratici che ovviamente vanno snelliti, ora dico ora faccio un affermazione un pochino forte, un po accentuata insomma però se un parco nazionale deve comprare 5 sedie deve mandare una delega al ministero mi sembra che questo qui sia diciamo una cosa inadeguata agli anni 2000 e all efficienza della pubblica amministrazione, io credo che il soggetto in quando ha controllato il bilancio preventivo, il consultivo, il piano per il parco lo statuto ha finito, cioè il resto deve essere ovviamente gestione. Chiudo facendo ovviamente un riferimento che non farlo perché sono stato sollecitato, avvicinato ho parlato con le persone con sindaco di Sabaudia, con gli del parco, ma per questa situazione che è qui presente. Qui naturalmente c è da rilevare come è stato rilevato che sembra una cosa buffa no, perché questo parco esiste da 75 anni però l ente parco c è veramente da poco da 2 anni e mezzo o roba del genere, il direttore ancora nemmeno e purtroppo i tempi della pianificazione anche per i motivi che dicevo prima non sono brevi, io credo che sempre si debba lavorare cosi e io sarà, sono convinto anche qui al Circeo del trovare una convergenza di vedute tra gli enti parco e il territorio sui quali gli enti parco stessi insistono, so che questo per esperienza diretta è una cosa difficile, complicata che richiede pazienza, rispetto da parte di tutti e la necessità di sedersi ovviamente ad un tavolino a discutere delle problematiche che ci sono, una cosa è 19

20 chiara, che nel mondo dei parchi nessuno pensa più, se mai qualcuno ha pensato che, poi è da vedere anche e qualcuno la pensato più a fondo, forse qualcuno ci è stato in passato però non lo pensa per nessuno che i parchi debbano essere delle zone soltanto di conservazione della natura anche se questo devono essere ma devono essere anche zone di sviluppo economico e zone che vivono ovviamente in armonia con le popolazioni locali e quindi questo è sicuramente quello che il mondo dei parchi pensa. In Italia ci sono decine, decine di esempi in cui, se poi si vuole trovare un altra occasione al Circeo per poterne parlare sono assolutamente disponibile, insomma a portare l esempio di parco che rappresento, magari ecco solo realtà dove l ente parco esiste da molto più tempo, cioè esiste magari da 5, 10, 15, 20 anni e quindi chiaramente si è potuto creare quella stesura diciamo tra ente parco e territorio, e qui diciamo è ancora un po più giovane voglio dire la situazione che quindi ha un altro rilievo e comunque come Federparchi sono assolutamente disponibile a disposizione dell ente parco come del, delle realtà locali, dell ente locale e così via a partecipare a qualunque tipo di iniziativa si ritenga opportuno per cercare di uscire da una situazione che mi rendo conto pesante e che anche accentuata come succede in altre parti d Italia nel momento particolare che stiamo vivendo perche chiaramente il fatto che ci sia una crisi a tutto tondo che non riguarda, magari riguardasse solo i parchi ma che riguarda ovviamente tutto il territorio italiano, europeo e mondiale e chiaramente su questo influisce molto. Grazie. Applausi. Filippo Camerlenghi, Vice Presidente AIGAE Da un singolo parco siamo passati a Federparchi e parchi italiani, adesso invece passiamo parchi del Lazio poi ci sarà una sosta che faremo leggermente più tardi Vito Consoli,Direttore ARP Agenzia Regionale Parchi- Lazio Esperienze e prospettive per il lavoro e il turismo nelle aree protette del Lazio Buongiorno a tutti, un saluto a tutti sono felicissimo di vedere la sala più o meno piena con tanta gente anche fuori che parla, vuol dire che questo convegno è un convegno vissuto è un convegno molto frequentato e un particolare ringraziamento a tutti i soci AIGAE a partire dalla, dal presidente dal vice presidente ma tutti, un ringraziamento mio personale innanzitutto per l affetto che mi dimostrate ogni anno ormai è diventata una tradizione, io sono sempre presente ai convegni AIGAE da alcuni anni. E da alcuni anni io sono socio onorario di AIGAE, però normalmente quando qualcuno diventa socio onorario di qualcosa si pensa che questo essere 20

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT SAINT-MARCEL MARCEL Storia di un idea CONVEGNO INTERNAZIONALE Esperienze di turismo in ambiente alpino:

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI In questa lezione ci siamo collegati via Skype con la Professoressa Paola Begotti, docente di lingua italiana per stranieri dell Università Ca Foscari di Venezia che ci ha parlato delle motivazioni che

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS MA IL CIELO È SEMPRE PIÙ BLU di Rino Gaetano Didattizzazione di Greta Mazzocato Univerisità Ca Foscari di Venezia Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano

Dettagli

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09 Unione Europea Regione Siciliana Dipartimento Regionale Azienda Foreste Demaniali Codice POR: 1999.IT.16.1.PO.011/1.11/11.2.9/0334 Ambito territoriale dei Monti di Trapani PIANO DI GESTIONE versione conforme

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 Arrivi 2.016.536 Presenze 8.464.905 PROVINCIA IN COMPLESSO Arrivi: superata

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa L ITALIA E IL TURISMO INTERNAZIONALE NEL Risultati e tendenze per incoming e outgoing Venezia, 11 aprile 2006 I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE Caratteristiche e comportamento di spesa Valeria Minghetti CISET

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum

Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum La prima operazione da fare, una volta ricevuti i moduli per la raccolta, è quella della Vidimazione. La vidimazione. Viene effettuata dal

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela di Kristiina Salmela Gole di Fara San Martino (CH) Hei! Ciao! Sono un bel TONTTU - uno gnometto mezzo finlandese mezzo abruzzese, e mi chiamo Cristian alias Rikke. Più di sei anni fa sono nato nel Paese

Dettagli

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico SASHA La nostra storia é molto molto recente ed é stata fin da subito un piccolo "miracolo" perche' quando abbiamo contattato l' Associazione nel mese di Novembre ci é stato detto che ormai era troppo

Dettagli

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT SEGUI LE STORIE DI IGNAZIO E DEL SUO ZAINO MAGICO Ciao mi chiamo Ignazio Marino, faccio il medico e voglio fare il sindaco di Roma.

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC?

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC? La PAC che verrà: Smart change or business as usual? La posizione ufficiale IFOAM EU sulla prossima riforma PAC 2014 2020 Alessandro Triantafyllidis, IFOAM EU Group Siamo a metà dell attuale periodo di

Dettagli

INTERVENTI DELL ON. RENATO BRUNETTA E DELL ON. LAURA RAVETTO

INTERVENTI DELL ON. RENATO BRUNETTA E DELL ON. LAURA RAVETTO 916 INTERVENTI DELL ON. RENATO BRUNETTA E DELL ON. LAURA RAVETTO Comunicazioni del presidente del Consiglio dei Ministri in vista del Consiglio europeo straordinario del 23 aprile 2015 22 aprile 2015 a

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Affermazioni incentrate sulla Verità per le dodici categorie del Codice di Guarigione Troverete qui di seguito una

Dettagli

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94 DAL MEDICO A: Buongiorno, dottore. B: Buongiorno. A: Sono il signor El Assani. Lei è il dottor Cannavale? B: Si, piacere. Sono il dottor Cannavale. A: Dottore, da qualche giorno non mi sento bene. B: Che

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

Tip #2: Come siriconosceun leader?

Tip #2: Come siriconosceun leader? Un saluto alla Federazione Italiana Tennis, all Istituto Superiore di Formazione e a tutti gli insegnanti che saranno presenti al SimposioInternazionalechesiterràilprossimo10 maggio al ForoItalico. Durante

Dettagli

ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 02-04-2001 (punto N. 35. ) Delibera N.349 del 02-04-2001

ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 02-04-2001 (punto N. 35. ) Delibera N.349 del 02-04-2001 REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 02-04-2001 (punto N. 35. ) Delibera N.349 del 02-04-2001 Proponente SUSANNA CENNI DIPARTIMENTO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Pubblicita

Dettagli

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD CHIARA DE CANDIA chiaradecandia@libero.it 1 IL CONCETTO DI SE È la rappresentazione delle proprie caratteristiche e capacità in relazione

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

Porto di mare senz'acqua

Porto di mare senz'acqua Settembre 2014 Porto di mare senz'acqua Nella comunità di Piquiá passa un onda di ospiti lunga alcuni mesi Qualcuno se ne è già andato. Altri restano a tempo indeterminato D a qualche tempo a questa parte,

Dettagli

È senz altro riduttivo definire il libro di Antonello Ciervo come un saggio introduttivo. Si

È senz altro riduttivo definire il libro di Antonello Ciervo come un saggio introduttivo. Si Università degli studi di Roma La Sapienza, Dipartimento di Economia e Diritto, 17 dicembre 2013. Seminario organizzato nell ambito del Dottorato di Diritto pubblico dell economia dell Università degli

Dettagli

Spiegami e dimenticherò, mostrami e

Spiegami e dimenticherò, mostrami e PROGETTO Siracusa e Noto anche in lingua dei segni Spiegami e dimenticherò, mostrami e ricorderò, coinvolgimi e comprenderò. (Proverbio cinese) Relatrice: Prof.ssa Bernadette LO BIANCO Project Manager

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI MATEMATICA Scuola Primaria Classe Quinta Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna...

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna molto probabilmente avrei un comportamento diverso. Il mio andamento scolastico non è dei migliori forse a causa dei miei interessi (calcio,videogiochi, wrestling ) e forse mi applicherei

Dettagli

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale.

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Istituto di Scienze e Tecnologie della Cognizione - CNR progetto internazionale "La città dei bambini" Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Non mi mancava la memoria o l intelligenza,

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

GUIDA PER ORGANIZZARE IL TRASLOCO

GUIDA PER ORGANIZZARE IL TRASLOCO GUIDA PER ORGANIZZARE IL TRASLOCO Consigli e trucchi da esperti del settore IN QUESTA GUIDA: I. COME ORGANIZZARE UN TRASLOCO II. PRIMA DEL TRASLOCO III. DURANTE IL TRASLOCO IV. DOPO IL TRASLOCO V. SCEGLIERE

Dettagli

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa TUTTO CIO CHE FA Furon sette giorni così meravigliosi, solo una parola e ogni cosa fu tutto il creato cantava le sue lodi per la gloria lassù monti mari e cieli gioite tocca a voi il Signore è grande e

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

Esempi di utilizzazione dell ADVP

Esempi di utilizzazione dell ADVP Esempi di utilizzazione dell ADVP G. Cappuccio Ipssar P. Borsellino ESERCIZIO DI REALIZZAZIONE IL VIAGGIO Guida per l insegnante Questo esercizio è un modo pratico per coinvolgere l alunno nel progetto

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO La riorganizzazione dell ospedale dev essere affrontata in Consiglio In Consiglio comunale si parlerà ancora di riorganizzazione ospedaliera.

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B.

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A. Ignone - M. Pichiassi unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A B 1. È un sogno a) vuol dire fare da grande quello che hai sempre sognato

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Il baseball, uno sport. Il baseball, uno sport di squadra. Il baseball, uno sport che non ha età. Il baseball, molto di più di uno sport, un MODO

Dettagli

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo Valutazione Crediti e proposte Progetti Area Turismo a cura di Bruno Turra Questo documento intende affrontare l analisi delle priorità di valutazione nell area turismo individuandone le principali componenti

Dettagli

Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo.

Concorso La Fiorentina che vorrei. Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Mi chiamo Chiara abito a Sesto Fiorentino e per iniziare voglio fare una premessa. Io di calcio ci capisco

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

Vivi un mondo accessibile con Abiliatour. www.abiliatour.it

Vivi un mondo accessibile con Abiliatour. www.abiliatour.it Vivi un mondo accessibile con Abiliatour www.abiliatour.it Che cos è Abiliatour O.N.L.U.S. L Associazione Abiliatour O.N.L.U.S. ha come scopo principale l assistenza e l aiuto alle persone disabili e alle

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Il primo maggio 2015 si inaugura a Milano l EXPO, un contenitore di tematiche grandi come l universo: "Nutrire il pianeta. Energia per la vita. Una

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

ALLA SCUOLA MATERNA UNITÁ 16

ALLA SCUOLA MATERNA UNITÁ 16 ALLA SCUOLA MATERNA Marzia: Buongiorno, sono venuta per iscrivere il mio bambino. Maestra: Buongiorno, signora. Io sono la maestra. Come si chiama il bambino. Marzia: Si chiama Renatino Ribeiro. Siamo

Dettagli

Le spiagge e i banchi sabbiosi della laguna di Marano e Grado

Le spiagge e i banchi sabbiosi della laguna di Marano e Grado DIREZIONE CENTRALE INFRASTRUTTURE, MOBILITÀ, PIANIFICAZIONE TERRITORIALE, LAVORI PUBBLICI, UNIVERSITÀ SERVIZIO TUTELA DEL PAESAGGIO E BIODIVERSITÀ CON LA COLLABORAZIONE DEL SERVIZIO CACCIA E RISORSE ITTICHE

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

PRONOMI DIRETTI (oggetto)

PRONOMI DIRETTI (oggetto) PRONOMI DIRETTI (oggetto) - mi - ti - lo - la - La - ci - vi - li - le La è la forma di cortesia. Io li incontro spesso. (gli amici). Non ti sopporta più. (te) Lo legge tutti i giorni. (il giornale). La

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale 1 Maria Giovanna Piva * * Presidente del Magistrato alle Acque di Venezia Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale Da moltissimi anni il Magistrato alle Acque opera per

Dettagli

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore!

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! oppure La Pubblicità su Google Come funziona? Sergio Minozzi Imprenditore di informatica da più di 20 anni. Per 12 anni ha lavorato

Dettagli

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco n. 2-2011 La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco Mariangela Franch, Umberto Martini, Maria Della Lucia Sommario: 1. Premessa - 2. L approccio

Dettagli

DALL ALTRA PARTE DEL MARE

DALL ALTRA PARTE DEL MARE PIANO DI LETTURA dai 9 anni DALL ALTRA PARTE DEL MARE ERMINIA DELL ORO Illustrazioni di Giulia Sagramola Serie Arancio n 149 Pagine: 128 Codice: 566-3278-1 Anno di pubblicazione: 2013 L AUTRICE La scrittrice

Dettagli

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA Progetto in rete degli Istituti Comprensivi di: Fumane, Negrar, Peri, Pescantina, S. Ambrogio di Valpolicella, S. Pietro in Cariano. Circolo Didattico

Dettagli

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE in collaborazione con OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE Rapporto annuale Giugno 2013 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. scpa Committente:

Dettagli

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere!

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Anna La Prova Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Chi sono i bambini Oppositivi e Provocatori? Sono bambini o ragazzi che sfidano l autorità, che sembrano provare piacere nel far

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte)

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte) La canzone dei colori Rosso rosso il cane che salta il fosso giallo giallo il gallo che va a cavallo blu blu la barca che va su e giù blu blu la barca che va su e giù Arancio arancio il grosso cappello

Dettagli

Pensieri per un genitore che non c è

Pensieri per un genitore che non c è Campus AIPD - Formia 16-22 giugno 2013 Pensieri per un genitore che non c è In questo Campus mi sembra di essere fuori dal mondo, perché qui la normalità è avere un figlio con la sdd... sono i fratelli

Dettagli

Indovinelli Algebrici

Indovinelli Algebrici OpenLab - Università degli Studi di Firenze - Alcuni semplici problemi 1. L EURO MANCANTE Tre amici vanno a cena in un ristorante. Mangiano le stesse portate e il conto è, in tutto, 25 Euro. Ciascuno di

Dettagli

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Il silenzio per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Istituto Comprensivo Monte S. Vito Scuola dell infanzia F.lli Grimm Gruppo dei bambini Farfalle Rosse (3 anni) Anno Scolastico 2010-2011 Ins. Gambadori

Dettagli

IL TEMPO METEOROLOGICO

IL TEMPO METEOROLOGICO VOLUME 1 CAPITOLO 4 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE IL TEMPO METEOROLOGICO 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: tempo... Sole... luce... caldo...

Dettagli

Elaidon Web Solutions

Elaidon Web Solutions Elaidon Web Solutions Realizzazione siti web e pubblicità sui motori di ricerca Consulente Lorenzo Stefano Piscioli Via Siena, 6 21040 Gerenzano (VA) Telefono +39 02 96 48 10 35 elaidonwebsolutions@gmail.com

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

Painting by Miranda Gray

Painting by Miranda Gray Guarire le antenate Painting by Miranda Gray Questa è una meditazione facoltativa da fare specificamente dopo la benedizione del grembo del 19 ottobre. Se quel giorno avete le mestruazioni questa meditazione

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

"Ogni persona, indipendentemente dal grado di. disabilità, ha il diritto fondamentale di influenzare

Ogni persona, indipendentemente dal grado di. disabilità, ha il diritto fondamentale di influenzare "Ogni persona, indipendentemente dal grado di disabilità, ha il diritto fondamentale di influenzare mediante la comunicazione le condizioni della sua vita". Questo è l'incipit della Carta dei Diritti della

Dettagli

Unità 1. I Numeri Relativi

Unità 1. I Numeri Relativi Unità 1 I Numeri Relativi Allinizio della prima abbiamo introdotto i 0numeri 1 naturali: 2 3 4 5 6... E quattro operazioni basilari per operare con essi + : - : Ci siamo però accorti che la somma e la

Dettagli

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può!

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! Pag. 1/3 Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! (Articolo tratto da ALCER n 153 edizione 2010) Conoscere posti nuovi, nuove culture e relazionarsi con persone di altri paesi, di altre città

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... LA CITTÀ VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: città... città industriale... pianta della città...

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

TUTTO QUELLO CHE SAI SUGLI ZINGARI È FALSO

TUTTO QUELLO CHE SAI SUGLI ZINGARI È FALSO TUTTO QUELLO CHE SAI SUGLI ZINGARI È FALSO L ITALIA È PIENA DI ZINGARI FALSO. In Italia rom, sinti e camminanti sono circa 170mila cioè lo 0,25% della popolazione complessiva, UNA DELLE PERCENTUALI PIÙ

Dettagli