P.O.F. Piano dell offerta formativa

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "P.O.F. Piano dell offerta formativa"

Transcript

1 P.O.F. Piano dell offerta formativa Anno Scolastico 2014/2015

2 LICEO SCIENTIFICO STATALE G. GALILEI Il Liceo Scientifico G. Galilei si propone come centro di formazione e di trasmissione della cultura. Nel rispetto della tradizione degli studi liceali, assicura una formazione culturale di tipo generale, fondata sul perfetto equilibrio tra la trasmissione della cultura linguistica, letteraria e filosofica e la acquisizione di conoscenze scientifiche e del metodo per la loro indagine. Tale equilibrio deriva dalla fiducia pedagogica nella fondamentale unità del sapere. Se a questo obiettivo ci spinge la storia stessa della nostra cultura, in cui gli studia humanitatis hanno sempre teso alla formazione completa, determinata al tempo stesso dalla volontà di guardare dentro l uomo e dalla curiosità di conoscerne l ambiente di vita, è naturale che agli strumenti collaudati della trasmissione culturale fondata sul libro e sul colloquio tra insegnante e allievo, si affianchi l uso ben temperato degli strumenti innovativi di informazione. L innovazione dispiega il suo effetto formativo sui giovani non certo quando li alletta verso una realtà artificiale, ma quando riconnette il bagaglio delle conoscenze trasmesse dalle generazioni precedenti alla contemporaneità. L introduzione del nuovo quadro orari, con l aumento delle ore dedicate alle materie scientifiche, è stato accompagnato al Galilei dalla introduzione, per scelta autonoma e con finanziamenti autonomi, dalla integrazione delle ore di Inglese e di Latino, per compensare un evidente difetto della riforma ministeriale che avrebbe penalizzato altrimenti l area linguistica, sia moderna che classica, e dalla espansione della didattica di laboratorio con un ora di fisica-chimica laboratoriale aggiunta nel biennio. In tal modo il Galilei intende continuare a soddisfare la pressante richiesta di una formazione scientifica accompagnata da una solida preparazione linguistico-umanistica. Mète generali del servizio scolastico. La scuola è intesa come comunità solidale e accogliente per tutti, tesa ad integrare e valorizzare le differenze e a rispondere ai molteplici e differenti bisogni. La scuola pertanto offre interventi, risorse, competenze educative e servizi. La scuola accerta competenze e conoscenze con titoli di studio di valore legale. La scuola persegue come fine ultimo l organica compenetrazione di due linee di azione: da un lato il rispetto per l individuo in formazione, dall altro la funzione di trasmissione della tradizione culturale da una generazione all altra. In questo senso ogni paragrafo del Piano dell offerta formativa vuole rispondere alle necessità degli studenti e delle loro famiglie garantendo un organizzazione della scuola consona ad una preparazione generale che si integri con la realtà; l obiettivo fondamentale del nostro Liceo è offrire un ampia formazione culturale mirata principalmente all acquisizione da parte degli studenti delle capacità di imparare a imparare, che potrà poi essere utilizzata sia nella prosecuzione degli studi a livello universitario che in ogni altro percorso di vita sociale. La mèta dell imparare a imparare prevede percorsi contemporanei: acquisizione di un metodo e di un linguaggio; continuo incremento del possesso funzionale di contenuti culturali, tali da sorreggere l acquisizione organica delle future conoscenze; motivazione agli studi scientifici. Conseguente la definizione dei grandi obiettivi formativi: Educazione a vari tipi di scrittura

3 Acquisizione del linguaggio matematico e scientifico Acquisizione graduale e continua dei contenuti culturali Potenziamento della conoscenza della lingua inglese e della seconda lingua straniera opzionale Approfondimento dei linguaggi specifici delle varie discipline Approfondimento dell ambito d uso del linguaggio multimediale Avvicinamento al linguaggio dell immagine Avvicinamento al linguaggio non verbale Avvicinamento alla pratica sportiva In particolare, la programmazione didattico-educativa, rivolta a favorire l apprendimento e l acquisizione di un metodo di studio proficuo, prevede (anche avvalendosi della collaborazione con esperti esterni) alcuni obiettivi strumentali, volti al miglioramento dell ambiente educativo e della dotazione di tecnologie educative. Utilizzo sobrio ed evoluto dei laboratori scientifici ed informatici. Adeguamento dell ambiente scolastico al benessere, alla sicurezza e alla formazione scientifica degli allievi Ampliamento dell offerta formativa (potenziamento studio lingue straniere) Sviluppo di progetti con caratteristiche di trasversalità ai vari ambiti disciplinari, con esclusione di interventi estemporanei e non connotati nella strategia educativa corrente Ampliamento organico di iniziative di visita guidata, viaggio e soprattutto scambio culturale con scuole europee e di altri continenti Integrazione funzionale del lavoro amministrativo e della programmazione contabile con la progettazione didattica Miglioramento nelle collaborazioni esterne con risorse istituzionali, culturali, professionali, sociali ed economiche. Il Liceo è quest anno costituito da 31 classi. Durante l anno scolastico, diviso in quadrimestri, si svolgono attività pomeridiane di recupero e sostegno oltre ad attività extracurriculari culturali e sportive. La programmazione didattica è integrata da altri progetti particolari, che possono riguardare classi o gruppi di alunni, ad esempio: Esami di Matematica in Lingua Inglese certificati dalla Cambridge School, Olimpiadi della Matematica, della Fisica e del Patrimonio artistico, partecipazione a Certamina per la lingua latina, scambi culturali con l estero, avviamento alla pratica teatrale, avviamento alla fotografia e alla grafica computerizzata, Patente Europea per l Informatica (ECDL), Attività Sportive, Educazione alla Salute, preparazione per gli accertamenti esterni delle conoscenze delle lingue straniere. Il Liceo G. Galilei è dotato di una Biblioteca d Istituto, biblioteche di Fisica, Scienze, Lingue, un laboratorio linguistico multimediale, un laboratorio di Fisica e due di Chimica, un aula di Scienze, due aule di disegno, tre laboratori di Informatica, aula LIM, due Palestre, una sala di proiezione, due aule di proiezione minori e un aula magna. Prosegue la realizzazione del progetto Liceo-Museo, iniziato con la installazione del Pendolo di Foucault che per 19 metri di altezza nel vano delle scala sud del Liceo dimostra perennemente, con i suoi led luminosi, il moto di rotazione terrestre, e continuato con la realizzazione della vetrina mineralogica e paleontologica rivolta soprattutto agli aspetti geologici della nostra regione e con l esposizione dei pannelli sulla storia delle scoperte e della ricerca matematica e fisica allestito da docenti del Liceo. L ambiente del Galilei, con le installazioni di antichi strumenti scientifici restaurati, sta divenendo un percorso espositivo ed interattivo di attrezzature scientifiche, che sottolineano la sua vocazione scientifica e spronano alla conoscenza studenti e visitatori. Per l a.s sono previsti: - l inizio dei lavori per la posa in opera della cupola dell osservatorio stesso, il cui telescopio è già interamente restaurato a cura del Liceo Galilei. I lavori, interrotti per due anni da parte

4 dell Amministrazione Provinciale, che ha la competenza esclusiva sull edificio, saranno ripresi nel corso del presente anno. MATERIE D INSEGNAMENTO ED ORARIO SETTIMANALE DEL CORSO di LICEO SCIENTIFICO SECONDO L OPZIONE CON POTENZIAMENTO DELL INGLESE, DEL LATINO E DEI LABORATORI SCIENTIFICI (BIENNIO DI 30 ORE) ORARIO SETTIMANALE MATERIE D INSEGNAMENTO I II III IV V Lingua e Lettere Italiane Lingua e cultura latina Lingua e cultura straniera Geografia 1 1 Storia Filosofia Matematica Fisica Laboratorio propedeutico alle Scienze matematiche, fisiche e naturali 1 1 Scienze Naturali, Biologia,Chimica, Scienze della terra Storia dell arte e Disegno Scienze motorie e sportive Religione cattolica (per Studenti che si avvalgono dell insegnamento) Totale ore sett

5 MATERIE D INSEGNAMENTO ED ORARIO SETTIMANALE DEL CORSO di LICEO SCIENTIFICO SECONDO IL QUADRO ORARIO MINISTERIALE (BIENNIO DI 27 ORE) CON POSSIBILITA DI FORMAZIONE DELLA CLASSE CON ORARIO SU CINQUE GIORNI ORARIO SETTIMANALE MATERIE D INSEGNAMENTO I II III IV V Lingua e Lettere Italiane Lingua e cultura latina Lingua e cultura straniera Geografia 1 1 Storia Filosofia Matematica Fisica Scienze Naturali, Biologia,Chimica, Scienze della terra Storia dell arte e Disegno Scienze motorie e sportive Religione cattolica (per Studenti che si avvalgono dell insegnamento) Totale ore sett MATERIE D INSEGNAMENTO ED ORARIO SETTIMANALE DEL CORSO di LICEO SCIENTIFICO CON OPZIONE INTERNAZIONALE

6 ORARIO SETTIMANALE MATERIE D INSEGNAMENTO I II III IV V Lingua e Lettere Italiane Lingua e cultura latina Lingua e cultura inglese Geografia (in lingua inglese) 1 1 Storia Filosofia Matematica * 5 (di cui 2 in inglese) 5 (di cui 2 ni inglese) 4 (di cui 1 in inglese) 4 (di cui 1 in inglese) 4 (di cui 1 in inglese) Fisica * 2 (di cui 1 in inglese) 2 (di cui 1 in inglese) 3 (di cui 1 in inglese) 3 (di cui 1 in inglese) 3 (di cui 1 in inglese) Scienze Naturali, Biologia,Chimica, Scienze della terra Storia dell arte e Disegno Scienze motorie e sportive Religione cattolica (per Studenti che si avvalgono dell insegnamento) Totale ore sett * Le ore svolte in lingua inglese per la Matematica e la Fisica al triennio potranno essere variate, in seguito alla verifica dello stato di avanzamento degli apprendimenti dopo il primo biennio. PUNTO QUALIFICANTE DELL INDIRIZZO: dopo la frequenza del primo biennio, gli alunni potranno scegliere di sostenere gli esami di accertamento in inglese della preparazione in Matematica e Fisica secondo gli standard della Cambridge International Examination, con relativa certificazione in caso di esito positivo, da conseguire presso il Liceo Galilei, centro accreditato dalla Cambridge School. Lo si ritiene un ottimo allenamento per gli studi universitari in ogni settore scientifico. MATERIE D INSEGNAMENTO ED ORARIO SETTIMANALE DEL CORSO di LICEO SCIENTIFICO A INDIRIZZO SPORTIVO (PROGETTO SPERIMENTALE AUTONOMO): SOLO CLASSE SECONDA

7 ORARIO SETTIMANALE MATERIE D INSEGNAMENTO I II III IV V Lingua e Lettere Italiane Cultura sportiva nella latinità Lingua e cultura straniera Storia e Geografia 2 2 Storia e Filosofia Matematica Fisica Discipline sportive Scienze Naturali, Biologia,Chimica, Scienze della terra Storia dell arte e Sport Scienze motorie e sportive Diritto dello Sport 1 1 Religione cattolica (per Studenti che si avvalgono dell insegnamento) Totale ore sett MATERIE D INSEGNAMENTO ED ORARIO SETTIMANALE DEL CORSO di LICEO DELLO SPORT ORARIO SETTIMANALE MATERIE D INSEGNAMENTO I II III IV V Lingua e Lettere Italiane

8 Lingua e cultura INGLESE Storia e Geografia 3 3 Storia Filosofia Matematica Fisica Discipline sportive Scienze Naturali, Biologia,Chimica, Scienze della terra Scienze motorie e sportive Diritto dello Sport Religione cattolica (per Studenti che si avvalgono dell insegnamento) Totale ore sett I CONTATTI SUL WEB Siti ufficiali: I CONTATTI CON LE PERSONE Dirigente Scolastico Preside Prof. Antonio Vannini (chiedere appuntamento in segreteria o tramite mail, lasciando un recapito) oppure rivolgersi ai COLLABORATORI del PRESIDE Prof.ssa Antonella Lamioni (Vicepreside) Prof.ssa Lucia Papini Prof.ssa Maria Grazia Simoncini Prof. Sergio Valentini.

9 I Docenti del Liceo e l ora di ricevimento: occorre prendere appuntamento tramite l apposito servizio nel registro elettronico. AGOSTINI CHIARA ANCONA ROSALAURA BANDINELLI GUIDO BIANCHINI SANDRA BERNINI SIMONETTA BOSCAGLI IVANO BROCCHI FRANCESCA BRUNI SANDRA COLLINI MARCO CONTI PAOLO COZZOLINO SILANA DAMIANI M.STELLA D'ETTORRE ANITA FAILLI LAURA FOGLIARO ANTONELLA FONTANI SANDRA GAGGI MONICA GENTILINI MARCELLO GIORDANI DANIELA GUIDI MONICA LAMIONI ANTONELLA LORENZINI LUCA Giovedì Martedì Lunedì Mercoledì Mercoledì Martedì Martedì Venerdì Venerdì Mercoledì Venerdì Giovedì Sabato Giovedì Lunedì Martedì Giovedì Mercoledì Venerdì Giovedì Venerdì Lunedì ARCHIVIO ARCHIVIO ARCHIVIO ARCHIVIO BIBLIOTECA SCIENTIFICA ARCHIVIO BIBLIOTECA BIBLIOTECA VIDEOTECA BIBLIOTECA AULA MINERALOGIA BIBLIOTECA VIDEOTECA AULA MINERALOGIA VIDEOTECA VIDEOTECA BIBLIOTECA AULA MINERALOGIA ARCHIVIO BIBLIOTECA SCIENTIFICA BIBLIOTECA SCIENTIFICA VIDEOTECA MACHETTI ALESSANDRA Venerdì BIBLIOTECA

10 MANGO ASSUNTA MARZOCCHI LAURA MASI SILVIA MONACI ROBERTO MORI NICOLETTA MUTI MARIA GIOIA NOWELL ROBERT PACINI CHIARA Sabato Giovedì Giovedì Martedì Giovedì Martedì Mercoledì Lunedì VIDEOTECA VIDEOTECA BIBLIOTECA SCIENTIFICA VIDEOTECA AULA MINERALOGIA BIBLIOTECA SCIENTIFICA BIBLIOTECA ARCHIVIO PACINI PAOLA PAPINI LUCIA Venerdì BIBLIOTECA SCIENTIFICA 2 e 4 Martedì del mese ARCHIVIO PARIGI FRANCESCO PIERSIMONI LAURA POLITI MARIA GRAZIA PUCCI PATRIZIA RAFFAELLI MIRELLA RIBATTI NICOLA SALUZZI ROSA SATTA STEFANIA SELIS PATRIZIA SIMONCINI M. GRAZIA TANCREDI ELISABETTA TODARO ANTONELLA TOGNACCINI DONATELLA Martedì Giovedì Sabato Venerdì Sabato Venerdì Giovedì Giovedì Giovedì Martedì Venerdì Venerdì Martedì BIBLIOTECA SCIENTIFICA BIBLIOTECA SCIENTIFICA AULA MINERALOGIA ARCHIVIO AULA MINERALOGIA BIBLIOTECA AULA MAGNA VIDEOTECA ARCHIVIO AULA MINERALOGIA VIDEOTECA BIBLIOTECA SCIENTIFICA BIBLIOTECA

11 Ufficio di Segreteria Si accede per l intera mattinata: rivolgersi in prima istanza al bancone o allo sportello a vetri al primo piano Direttore: Dr.ssa Mariaconcetta Gintoli Assistenti Amministrativi Mariella Cappelletti (Protocollo, visite, viaggi e mobilità studentesca) Marilena Rovetini (Didattica e Alunni) Paola Valli (Part time) (Didattica e Alunni) Simone Palazzi (Registrazioni alunni, corrispondenza, supporto didattica) Rosita Banducci (Contabilità e Personale) Assistente tecnico: Giuliano Bartolommei Piano Uffici e front office Annina Ciniglia Servizio di Portineria e assistenza Allievi Marzia Gorini Piani classi edificio centrale Alessandro Rosi Stefano Fagioli Ala Bandini Domenico Caligiuri Servizi generali e di piccola manutenzione Domenico Caligiuri Stefano Fagioli I servizi di custodia, portineria e accoglienza Collaboratori Scolastici ATTREZZATURE, LABORATORI, AULE SPECIALI PALESTRE Due palestre, complete di adeguate attrezzature ginnico sportive ed impianto docce. LABORATORIO DI FISICA

12 Attrezzato con apparecchi per la realizzazione di esperienze di Fisica per i cinque anni di corso e impianto di proiezione per audiovisivi e documentari specifici. Completamente ammodernato e ristrutturato nel N 3 AULE DI INFORMATICA LABORATORIO DI SCIENZE Attrezzato per dimostrazioni e semplici esperienze di biologia. Completamente ammodernato e ristrutturato nel LABORATORIO DI CHIMICA Attrezzato per esperienze dimostrative e lavori di gruppo. Completamente ammodernato e ristrutturato nel AULA SPECIALE DI CHIMICA Per particolari esperienze con fiamme libere da svolgere in consona sicurezza. LABORATORIO LINGUISTICO MULTIMEDIALE SALA PROIEZIONE E CONFERENZE - N 90 posti - Antico Proiettore per pizze 16 mm. professionale - Videoproiettore per grande schermo. AULE DA DISEGNO AULA MAGNA BIBLIOTECA - n testi librari e collane di periodici. - ORARIO -ENTRATA ED USCITA ALUNNI - ORARIO ANTIMERIDIANO INIZIO lezioni ore 8.20 TERMINE lezioni ore (ore per orario di 4 ore) Gli studenti possono entrare nei locali scolastici fin dalle 7.40, pur non vigilati dal personale della scuola, dato l evidente maggior pericolo derivante dal traffico stradale nella via antistante l edificio. Intervallo di ricreazione dalle alle Le classi con opzione orario su cinque giorni svolgono lezione di Ed. Fisica nel primo pomeriggio. DOCENTE COORDINATORE Per ogni classe è designato un Docente Coordinatore che assume i seguenti compiti: - è a disposizione nell'ora di ricevimento per conversare con Studenti e Famiglie circa i problemi di apprendimento degli Allievi e può farsi tramite di suggerimenti e richieste presso i Colleghi della classe; - è a disposizione per raccogliere dubbi e richieste di dialogo e di consiglio da parte degli Allievi, con l'obbligo della assoluta riservatezza;

13 - segnala con la dovuta riservatezza al Preside ogni situazione di disagio scolastico e personale degli Allievi e fornisce allo stesso un proprio parere sui metodi di intervento volti ad agire sulle cause di disagio o ad istruire provvedimenti straordinari nei confronti degli Allievi; - segnala alla Presidenza o direttamente alle Famiglie ritardi ripetuti o artificiosi, assenze ingiustificate o comportamenti contrari alla disciplina scolastica; - segue ogni iniziativa di accoglienza nelle classi iniziali; - istruisce in collaborazione con il Preside il documento del Consiglio di Classe; - presiede le riunioni del Consiglio di Classe (esclusi gli scrutini) in caso di assenza o impedimento del Dirigente Scolastico; - cura gli adempimenti di cui al protocollo di accoglienza degli alunni stranieri; - in casi straordinari di assoluto impedimento del Dirigente o di chi possa sostituirlo secondo la normativa vigente, presiede le riunioni di scrutinio, avvalendosi, se lo ritenga necessario, della collaborazione di un Assistente Amministrativo per la gestione del sistema informatico. CRITERI DI VERIFICA E VALUTAZIONE Criteri generali per la verifica e la valutazione. 1) Si effettueranno almeno tre prove scritte a quadrimestre per le materie con valutazione degli scritti, salvo diversa programmazione per materia e/o diversa tipologia. Le prove scritte vengono corrette secondo criteri presentati agli studenti precedentemente, anche in forma generale all inizio dell anno. Le prove scritte vengono corrette con annotazioni chiare. Possono essere usati segni convenzionali solo se spiegati precedentemente alla classe. Saranno comunque evitate simbologie eccessivamente meccaniche o inutilmente artificiose. Le prove scritte vengono ripresentate alla classe, corrette e valutate, in un tempo congruo dalla effettuazione. 2) Al termine di ogni verifica orale il docente commenterà sinteticamente quanto esposto dall'allievo, comunicando l esito in decimi. Tale esito può essere anche riassuntivo di prove scandite nel tempo. La conduzione del colloquio non dovrà tendere a far approdare l'allievo a risposte predeterminate, ma a valutare le sue capacità di approccio alla materia e l'abilità conseguita di sistemare le nozioni in un contesto disciplinare. 3) Le eventuali prove d'ingresso sono valutate come tali e non come prove di verifica ai fini della valutazione quadrimestrale. 4) Sarà cura dei docenti evitare eccessiva concentrazione di prove scritte e orali. 5) Le verifiche scritte ed orali, nelle loro varie modalità potranno avvenire, a seconda del giudizio e della convinzione metodologica del singolo docente, in modo continuativo e distribuito in tutto l arco del quadrimestre, oppure alla conclusione di un argomento, di un modulo o di una unità didattica. Gli allievi dovranno in ogni caso aver chiara la logica necessità della verifica e la motivazione della scelta temporale. 6) I colloqui possono essere integrati o parzialmente sostituiti da prove scritte strutturate o semistrutturate che concorrono alla votazione orale. CRITERI PER L'ASSEGNAZIONE DELLA VALUTAZIONE NUMERICA DELLE VERIFICHE.

14 GIUDIZIO DI PROFITTO VALORE DI PROFITTO VOTO Sono state verificate: conoscenza completa della materia, capacità di rielaborare i contenuti, di operare collegamenti, di organizzare autonomamente le conoscenze in situazioni nuove, di operare analisi e sintesi. OTTIMO 9-10 Sono state verificate: conoscenza completa della materia, capacità di rielaborazione personale dei contenuti e capacità di operare collegamenti e di applicare contenuti e procedure. BUONO 8 La preparazione è al di sopra di una solida sufficienza. Lo studente conosce e comprende analiticamente i contenuti e le procedure proposte. DISCRETO 7 La preparazione è sufficiente. E' stata verificata l'acquisizione delle nozioni che consentono allo studente di evidenziare alcune abilità disciplinari sebbene non risultino adeguatamente approfonditi i contenuti. SUFFICIENTE 6 La preparazione è insufficiente. E' stata verificata una conoscenza frammentaria e superficiale dei contenuti. MEDIOCRE 5 La preparazione è gravemente insufficiente. E' stata verificata una conoscenza lacunosa degli argomenti di base e della struttura della materia. Lo studente stenta a conseguire anche i livelli minimi. SCARSO 4 La preparazione è assolutamente insufficiente. Lo studente non conosce gli argomenti proposti e non ha conseguito nessuna delle abilità richieste. MOLTO SCARSO 3 Lo studente rifiuta di sottoporsi a valutazione, consegnando prove scritte in bianco o quasi completamente errate o non rispondendo a domande poste oralmente, senza giustificare il proprio rifiuto. Le assenze dello studente non consentono una valutazione attendibile. Le assenze non sono imputabili a motivi di salute né a cause di disagio o svantaggio obiettivo o soggettivo. MOLTO SCARSO 1-2 NON CLASSIFICATO CRITERI PER LA CONDUZIONE DELLO SCRUTINIO FINALE - Al fine di assicurare omogeneità di comportamento nei singoli Consigli di Classe, si ricorrerà all applicazione di categorie di giudizio esclusivamente riferite a criteri educativi e didattici, in relazione agli obiettivi disciplinari previsti per le singole discipline. - Sarà scrupolosamente evitato il ricorso alla determinazione di quantitativi minimi di materie con voto di sufficienza per procedere alla sospensione del giudizio, nella convinzione che il servizio scolastico svolge prioritariamente una funzione educativa rivolta al conseguimento della formazione di ogni cittadino rimuovendo gli ostacoli peculiari ed

15 individuali posti allo sviluppo delle singole personalità. Nessuna insufficienza può pertanto, di per sé e senza adeguata motivazione, essere ignorata. - I parametri valutativi sono quelli previsti dalla tabella sui livelli di profitto. - Potrà ammettersi il riferimento ad obiettive e circostanziabili motivazioni educative riferite alla crescita intellettuale e morale dell Allievo, affinché il Consiglio, in piena autonomia di coscienza e di giudizio, possa valutare le insufficienze, senza che la decisione individuale determini ipso facto una condizione di indiscriminato livellamento degli altri giudizi. - Sarà discriminante per la sospensione del giudizio in presenza di non gravi insufficienze, la motivazione concernente la concreta possibilità di recupero affidata al lavoro estivo personale dell Allievo, coadiuvato e favorito dalle iniziative di didattica integrativa di cui al paragrafo sul recupero dei debiti, eventualmente impostato secondo le indicazioni fornite a fine anno dai Docenti: al fine di prendere questa decisione, si penderà in considerazione la capacità mostrata dall Allievo nella organizzazione autonoma del lavoro e nella profusione dell impegno individuale durante l anno. - Il Dirigente Scolastico, o chi dovesse sostituirlo nella presidenza dello scrutinio, garantirà con la sua presenza adeguati spazi di riflessione e di dibattito ad ogni situazione personale che si presenti come problematica, nell ambito dello spazio temporale previsto all interno di ogni Consiglio, impiegabile pienamente grazie alle procedure informatizzate di registrazione dei voti. - La riflessione e il dibattito di cui al capoverso precedente sono dedicati prevalentemente alla disamina delle situazioni di non grave insufficienza o di insufficienze che comunque siano considerate recuperabili con il lavoro estivo. Il verbale dello scrutinio riporterà in forma schematica le motivazioni della promozione quando deliberata pur in presenza di insufficienze. In caso di ammissione alla classe successiva per raggiunto livello di sufficienza in tutte le materie, o di non ammissione alla classe successiva a causa di una o più gravi insufficienze, il verbale riporterà la mera presa d atto di tale situazione, a meno che non si vogliano aggiungere particolari elementi di giudizio ai fini formativi. La motivazione di tali delibere è in tal caso affidata alla motivazione dei voti delle singole discipline, di cui il Consiglio può chiedere conto, in sede di scrutinio, al Docente interessato. Le motivazioni delle singole proposte di voto, sia che vengano discusse o meno, si ritengono approvate e parte delle decisioni assunte dal consiglio. - Gli studenti segnalati appositamente dal consiglio di Classe sono obbligati alla partecipazione agli eventuali interventi didattici integrativi eventualmente programmati, fatta salva la possibilità di provvedere privatamente da parte della famiglia al recupero, nei modi previsti dalla norma. - Qualora il Consiglio di Classe nella sua autonoma valutazione lo ritenga opportuno, si potrà non ammettere alla classe successiva un allievo che presenti una grave insufficienza anche in una sola disciplina, ove si ritenga che l atteggiamento verso l attività didatticoeducativa sia stato negativo e non si sia verificato alcun tentativo di recupero né alcuno scarto formativo dalla situazione iniziale. - Di norma, si attribuisce il massimo della fascia, come credito, agli alunni che vengono promossi con il pieno raggiungimento della sufficienza in tutte le discipline, facendo prevalere il profitto scolastico come indicatore. Ogni decisione in senso diverso del consiglio dovrà essere motivata. - In caso di sospensione del giudizio negli scrutini di giugno, in sede di scrutinio differito per la verifica del recupero dei debiti formativi sarà fatto prevalere l indicatore del profitto per l assegnazione del credito scolastico: si assegnerà di norma il minimo della fascia qualora il recupero abbia condotto alla mera sufficienza (6/10) e il massimo qualora si sia superato il livello della sufficienza (votazione di 7/10 o superiore) in tutte le materie dove sussisteva il debito. Decisioni in deroga a tale criterio saranno possibili solo se opportunamente motivate dal consiglio di classe. MOTIVAZIONE DELLE PROPOSTE DI VOTO. Le proposte di voto, di esclusiva pertinenza dei Docenti della materia, se positive o non decisive

16 per la non promozione o il differimento dello scrutinio con l attribuzione del debito, possono essere motivate esclusivamente dalla presenza dei resoconti sul profitto nel registro personale del Docente. Se negative, nel caso in cui si traducano in una non promozione od in un debito formativo, saranno accompagnate da sintetica e chiara motivazione, con rapido riferimento anche al livello di partenza e ai tentativi di recupero avvenuti. Nel caso di sospensione del giudizio, alla motivazione saranno accluse le consegne per il lavoro di recupero che lo studente dovrà compiere in vista della verifica del recupero nello scrutinio differito. PUBBLICAZIONE DEGLI SCRUTINI FINALI Allo scopo di adempiere all obbligo della comunicazione del risultato finale prima della pubblicazione generale degli scrutini, e tenuto conto della esperienza di pubblicazione sul web delle valutazioni periodiche e finali, sarà seguita la seguente modalità. Le valutazioni finali saranno pubblicate sul sito internet del dirigente (nella parte con accesso riservato) due giorni prima della pubblicazione all albo. Poiché la pubblicazione è riservata (avviene su area accessibile tramite password personale), ogni alunno interessato e/o l esercente la potestà parentale avranno agio di scegliere la modalità di apprendimento diretto o mediato del risultato, sulla base della propria emotività. Qualora un alunno o gli esercenti la potestà non abbiano la possibilità di accedere ad internet o comunque optino per una comunicazione cartacea, potranno richiedere la scheda dei risultati finali in segreteria in forma riservata nei due giorni precedenti la pubblicazione degli scrutini all albo. ATTRIBUZIONE DEL VOTO DI CONDOTTA Il voto di condotta è attribuito dal Consiglio di Classe con l osservazione dei seguenti indicatori: 1) regolarità della frequenza e puntualità (ritardi e assenze ripetuti e non giustificati con adeguata documentazione inficiano tale regolarità) 2) impegno, partecipazione ed attenzione durante le ore di lezione 3) comportamento decoroso nei corridoi anche durante l intervallo 4) comportamento corretto con gli altri alunni e con tutto il personale della scuola 5) espressione verbale con linguaggio corretto e non volgare 6) conferimento di sanzioni disciplinari 7) comportamento consono all attività educativa durante visite, viaggi e scambi e attività sportiva 8) rispetto dell ambiente e abbigliamento decoroso Il Consiglio di Classe attribuisce il voto tenendo conto dei punti precedenti, senza ordine di importanza e non sulla base di livelli quantificati, ma in modo discrezionale. Data l incidenza crescente delle assenze nella vita scolastica, tuttavia, il primo punto può essere considerato prevalente. Il voto di mera sufficienza può esser dovuto anche a gravi carenze che riguardano uno solo dei punti dell elenco. RIPARTIZIONI DELL ANNO SCOLASTICO AI FINI VALUTATIVI Tutte le classi dell Istituto adottano la suddivisione in quadrimestri, con la seguente motivazione: considerata la consolidata esperienza, si ritiene che la suddivisione in quadrimestri offra maggiori possibilità per l'effettuazione di unità o moduli programmatici di varia lunghezza, solo al termine dei quali (e non secondo troppo ravvicinate scadenze eteronome rispetto alla programmazione disciplinare) effettuare le valutazioni di rito. La comunicazione dei voti all interno del quadrimestre è continua perché garantita dalla prassi informatica della pubblicazione via internet in parte riservata di un sito ufficiale della scuola dei voti delle singole valutazioni durante l intero arco del quadrimestre, in tempi congrui rispetto alla

17 effettuazione della valutazione stessa. Anche assenze e ritardi vengono comunicati in tempi congrui alle famiglie tramite web. Per le materie Italiano, Latino, Inglese, Matematica allo scrutinio quadrimestrale vengono proposti un voto per lo scritto e uno per l orale. PROVE PRELIMINARI ESAMI DI STATO Le prove preliminari degli esami di Stato per Candidati esterni avvengono entro il mese di maggio. I Consigli di Classe potranno articolarsi in sottocommissioni, poiché l esame preliminare, per sua natura, tende ad accertamenti disciplinari mirati al contenuto e alla sussistenza di competenze su singole materie o parti di materie. RECUPERO CARENZE E DEBITI FORMATIVI Le vigenti norme impongono l individuazione delle carenze, prima ancora che esse si trasformino in debiti formativi. D altra parte la possibilità di un recupero del debito è concentrata nel solo periodo estivo. Si prevede pertanto la seguente sequela. Carenze. In sede di scrutinio quadrimestrale si rilevano le carenze. Esse vengono segnalate nella normale comunicazione dei voti che segue lo scrutinio. Ogni Docente fornisce una descrizione delle carenze e del lavoro di recupero consigliato in modo sintetico e adoperando la possibilità di inserire note nei moduli della comunicazione quadrimestrale dei voti, visibili sul web e consegnati agli allievi in cartaceo. La nota comprende anche un sintetico riferimento al tipo di recupero consigliato. A marzo e comunque entro la metà di aprile nella comunicazione dei voti comparirà anche l avvenuto (o meno) recupero della carenza. Debiti Formativi. In sede di scrutinio finale vengono rilevati e deliberati gli eventuali debiti formativi. Essi vengono segnalati nella normale comunicazione dei voti che segue lo scrutinio. Ogni Docente fornisce una descrizione delle carenze e del lavoro di recupero consigliato in modo sintetico e adoperando la possibilità di inserire note nei moduli della comunicazione finale dei voti, visibili sul web e consegnati agli allievi in cartaceo, solo su richiesta dell interessato. La nota comprende anche un sintetico riferimento al tipo di recupero consigliato. Modalità degli interventi di recupero dei debiti Corsi di recupero di durata da 5 a 10 ore affidati ai Docenti interni all Istituto, se disponibili, o a Docenti esterni in possesso dei requisiti per l insegnamento della materia. Gli interventi sono effettuati se disponibili i finanziamenti finalizzati o una congrua integrazione al fondo di istituto. Potranno essere organizzati corsi con ammissione condizionata al versamento di un contributo per alunno partecipante, al fine di offrire comunque un servizio di evidente utilità in mancanza di adeguati finanziamenti. In caso di mancata organizzazione dei corsi, o di loro esiguo numero di lezioni, lo studente è tenuto a compensare con studio individuale, secondo le consegne che accompagnano la valutazione insufficiente a giugno. Della effettuazione o meno dei corsi di recupero si tiene conto nella valutazione finale. MODALITA DELLA SOSPENSIONE DEL GIUDIZIO Al fine di favorire, ove possibile, il lavoro di recupero in maniera mirata e il più possibile personalizzata, la sospensione del giudizio può avvenire: a) sull intera programmazione annuale, effettivamente svolta, della materia e su tutte le abilità richieste; b) su una delle abilità generali da raggiungere (scritta, orale o pratica);

18 c) su un segmento determinato della programmazione dei contenuti. Il docente della materia indicherà in sede di scrutinio una delle modalità sopra esposte. In caso di modalità di cui alle lettere b e c, indicherà anche la prova di verifica da sostenere e/o il segmento di programmazione dei contenuti da recuperare. CASI PARTICOLARI DI EDUCAZIONE PERSONALIZZATA ISTRUZIONE DOMICILIARE REFERENTE :Prof.ssa Maria Stella Damiani Sulla base di quanto contenuto nella C.M.84/02 MPI che prevede l istituzione del servizio scolastico domiciliare per alunni ammalati, rientrati al proprio domicilio dopo degenza ospedaliera e non in grado di riprendere l ordinaria frequenza scolastica per almeno 30gg, è dato attivare, su richiesta della famiglia, una specifica procedura, riferita ad alunni iscritti che si trovino nella suddetta situazione. Per la realizzazione di tale progetto possono essere coinvolti vari soggetti, fra i quali oltre alla scuola e alla famiglia, i docenti appartenenti al consiglio di classe, volontari, centri di riabilitazione. Per ogni intervento viene redatto un piano d intervento personalizzato che specifica tempi e metodi di valutazione. In sede di scrutinio finale, la proposta di voto può fondarsi su modalità di valutazione alternative purché equivalenti nelle possibilità di sondare l effettivo raggiungimento degli obiettivi della classe. Le prove di valutazione possono svolgersi presso il domicilio dell alunno. ISTRUZIONE ASSISTITA TELEMATICAMENTE Nel caso di alunni costretti a ricoveri o comunque a periodi prolungata assenza in sede lontana, la scuola può collegarsi via web, anche fornendo all alunno interessato un computer portatile. La lezione in classe può, previo consenso dei docenti, essere ripresa in diretta con l uso di web cam. Le valutazioni che si rendessero necessarie potranno essere svolte con lo stesso tipo di collegamento o con un collegamento chat che offra garanzie sulla individualità della prova. ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Commissione Accoglienza Intercultura Dirigente scolastico Prof. Antonio Vannini Prof.ssa Maria Grazia Simoncini Prof.ssa Stefania Satta Ass.Amm.vo Sig.ra Marilena Rovetini La commissione accoglienza-intercultura è aperta anche alla collaborazione degli studenti stranieri che possano assistere i compagni neo-arrivati della propria nazionalità nel processo di inserimento. PROCEDURE FASE 1 ISCRIZIONE Cosa chiedere 1. Autocertificazione dei dati anagrafici 2. Documenti sanitari attestanti le vaccinazioni fatte 3. Certificato attestante la classe e la scuola frequentata nel Paese d origini (tradotto) 4. Informazioni riguardanti la scuola frequentata nel Paese d origine (se disponibili)

19 L addetto della segreteria invita i genitori ad un immediato colloquio con il Preside. Potranno poi aver luogo colloqui con i genitori ed il ragazzo condotti da un docente della commissione accoglienza-intercultura coadiuvato, eventualmente, da un mediatore linguistico, o da uno degli studenti-tutor. FASE 2 PRIMA ACCOGLIENZA Colloquio con lo studente e con i genitori se di monore età. Finalità del colloquio Fornire: informazioni sul sistema scolastico italiano in generale informazioni sul funzionamento dell Istituto informazioni sulle strutture del territorio che offrono servizi agli stranieri Raccogliere: informazioni relative al sistema scolastico del paese d origine e sul percorso scolastico dello studente informazioni sul livello di conoscenza dell italiano Casi particolari Nel caso in cui la domanda di iscrizione pervenga ad anno scolastico già avviato, ai sensi dell art. 45 del D.P.R. 394 del 31 agosto 1999, si sottopone immediatamente lo studente a test di ingresso finalizzato all accertamento del possesso dei prerequisiti minimi necessari per affrontare il corso di studio della classe in cui l alunno sarà inserito. Alla luce di tale accertamento, la commissione o il preside individuerà la classe in cui lo studente sarà inserito, la riduzione curriculare e, se del caso, l inserimento nei moduli aggiuntivi di insegnamento dell italiano L2 finalizzata all acquisizione delle competenze linguistiche per comunicare. FASE 4 DETERMINAZIONE DELLA CLASSE Proposta di assegnazione alla classe Per gli studenti stranieri ricadenti nei casi particolari (di cui alla fase 3), la classe e la sezione di inserimento saranno stabiliti dal Dirigente Scolastico sulla base di quanto emerso dal colloquio e dal test e/o in base ai seguenti parametri (riferibili all art.45 D.P.R. 394/99): 1. Età anagrafica 2. Scolarità pregressa e sistema scolastico del Paese d Origine 3. inserimento in classi dove sia possibile l instaurarsi di rapporti significativi con i nuovi compagni 4. Abilità e competenze rilevate durante il colloquio 5. Riduzione del rischio di dispersione scolastica Per la scelta della sezione il preside valuterà tutte le informazioni utili sulla classe e sceglierà in un ottica che superi il criterio numerico e miri alla situazione ottimale per il neo-arrivato e per la classe. Inoltre, per la scelta della sezione, si considereranno i seguenti elementi: Presenza nella classe di alunni stranieri provenienti dallo stesso Paese Criteri di valutazione della complessità della classe (disagio, handicap, dispersione) Ripartizione degli alunni stranieri nelle classi al fine di evitare la costituzione di classi con elevato numero di alunni da seguire in tal senso. L inserimento avviene, se si registrino palesi difficoltà linguistiche o comunque forti ostacoli alla comunicazione, nella classe che il dirigente individua come più consona alla soluzione di quelle difficoltà. Se queste difficoltà non sono giudicate rilevanti: Nella classe successiva a quella frequentata con successo nel proprio Paese Nella classe corrispondente all età anagrafica CASI PARTICOLARI Inserimento ad anno scolastico già iniziato e/o in presenza di un corso di studi molto differenziato: Prolungare il periodo di osservazione Possibilità di inserimento in classi inferiori rispetto a quella dell età anagrafica Coinvolgimento della famiglia (eventualmente supportata da un mediatore linguisticoculturale) nelle scelte da effettuarsi FASE 5 INSERIMENTO, FACILITAZIONE, INTEGRAZIONE

20 Il Consiglio di Classe si riunisce in seduta straordinaria solo nel caso in cui si rilevino obiettive difficoltà. Nel corso del Consiglio di Classe straordinario o della prima riunione utile si provvede: ad informare tutti i docenti del nuovo inserimento a fornire informazioni dettagliate in merito al percorso di studi realizzato dallo studente straniero e alle competenze linguistiche conseguite ad individuare criteri di programmazione, verifica e valutazione personalizzati ad escludere dal curricolo di classi precedenti l ultima alcune discipline sostituendole con moduli di italiano L2 per comunicare o per studiare a nominare un tutor (generalmente il coordinatore di classe) che svolga il ruolo di mediazione tra il Consiglio di Classe, lo studente e la famiglia ad individuare uno studente-tutor Potranno essere elaborati piani di studio personalizzati, individuando obiettivi mirati. Quando sia possibile affrontare i contenuti delle discipline curricolari, dovranno essere selezionate dai docenti che individueranno i nuclei tematici irrinunciabili e li semplificheranno per permettere il raggiungimento degli obiettivi minimi. Come si afferma nelle Linee guida per l accoglienza e l integrazione degli alunni stranieri (marzo 2006) i programmi per i singoli alunni comportano un adattamento della valutazione. In questo contesto che privilegia la valutazione formativa rispetto a quella certificativa si prendono in considerazione il percorso dell alunno, i passi realizzati, gli obiettivi possibili, la motivazione e l impegno, e soprattutto, le potenzialità di apprendimento dimostrate Come previsto dalla normativa D.P.R. 394/99, la valutazione dell alunno di recente immigrazione, basata sull adattamento del programma può essere sospesa (posticipata) nella fase iniziale (1 quadrimestre) per alcuni ambiti disciplinari (D.P.R. 275/99). Il voto di valutazione, in classi diverse da quella terminale, potrà non essere la semplice media delle misurazioni rilevate, ma tenere conto del raggiungimento degli obiettivi trasversali, impegno, partecipazione, progressione nell apprendimento, e del superamento di eventuali condizioni di disagio. RIENTRO E ACCOGLIENZA PER ALUNNI DOPO PERIODI DI MOBILITA ALL ESTERO L Alunno in mobilità non viene registrato come assente nelle normali registrazioni. La sua posizione risulta dalla documentazione in possesso della scuola. L Alunno che riprenda l effettiva frequenza delle lezioni dopo periodi di studio all estero è di norma riammesso alla frequenza della classe cui è iscritto, se il rientro avviene prima del termine delle lezioni o alla classe successiva a quella cui era stato ammesso in seguito allo scrutinio precedente il trasferimento all estero, se abbia trascorso all estero l intero periodo delle lezioni di quell anno scolastico. Il Consiglio di Classe ha facoltà di programmare prove di verifica per materie o parti di materia non frequentate o non valutate nella scuola straniera. Il consiglio, in caso di mancata valutazione o mancata frequenza della scuola straniera, può anche stabilire colloqui su tutte le materie prima di deliberare sulla attribuzione del credito. Tali prove sono in parte di tipo formativo (verifica dell eventuale stato della preparazione per consigli e disposizioni sul recupero), in parte di tipo valutativo, ma solo allo scopo di concorrere, insieme alla valutazione riportata nella scuola straniera, all attribuzione del credito scolastico. Nel caso di frequenza in Italia di un solo quadrimestre, il Consiglio di Classe può attribuire il credito tenendo conto delle valutazioni di quel quadrimestre, collazionate con le valutazioni riportate nella scuola straniera. Le comunicazioni sull andamento della vita scolastica in Italia sono affidate alla possibilità di consultare le registrazioni sul registro elettronico, ovviamente visibile anche nella realtà estera. Nelle prime settimane di rientro, non si darà luogo a valutazioni, se non ai soli fini formativi. Di norma, gli obiettivi e le linee programmatiche fissati dal presente POF per le varie materie costituiscono il contratto formativo vigente tra la scuola e l alunno in mobilità. Ove si renda necessario, il Consiglio di classe può stabilire modifiche che saranno tempestivamente rese note a studenti e famiglie interessati.

P.T.O.F. Piano Triennale dell offerta formativa

P.T.O.F. Piano Triennale dell offerta formativa P.T.O.F. Piano Triennale dell offerta formativa Anni Scolastici 2015/2016, 2016/2017, 2017/2018 LICEO SCIENTIFICO STATALE G. GALILEI Il Liceo Scientifico G. Galilei si propone come centro di formazione

Dettagli

P.T.O.F. Piano Triennale dell offerta formativa

P.T.O.F. Piano Triennale dell offerta formativa P.T.O.F. Piano Triennale dell offerta formativa Anni Scolastici 2015/2016, 2016/2017, 2017/2018 LICEO SCIENTIFICO STATALE GALILEO GALILEI Il Liceo Scientifico G. Galilei si propone come centro di formazione

Dettagli

TABELLA di attribuzione CREDITO SCOLASTICO (allegata al D.M. 42/2007 che sostituisce la tabella prevista dall art. 11 comma 2 del D.P.R.

TABELLA di attribuzione CREDITO SCOLASTICO (allegata al D.M. 42/2007 che sostituisce la tabella prevista dall art. 11 comma 2 del D.P.R. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE DI PRIMIERO Liceo Economico per l Impresa, Liceo Economico per il Turismo, Liceo Scientifico, Corso Tecnico per le Costruzioni, l Ambiente ed il Territorio Criteri per

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI SCUOLA MEDIA ARMANDO DIAZ OLBIA PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI PREMESSA Da alcuni anni la nostra scuola è frequentata da alunni stranieri provenienti da paesi europei ed extraeuropei, da

Dettagli

Istituto Comprensivo Aldo Moro Saronno OPEN DAY 2011

Istituto Comprensivo Aldo Moro Saronno OPEN DAY 2011 Istituto Comprensivo Aldo Moro Saronno OPEN DAY 2011 L alunno al centro RISPETTO DELLE INDIVIDUALITA ATTENZIONE ALLE SPECIFICITA PERSONALI ATTENZIONE AI DIVERSI STILI DI APPRENDIMENTO CURA DELLE RELAZIONI

Dettagli

6. LA VALUTAZIONE. Liceo Classico Dante Alighieri Latina P.O.F. Pagina 26

6. LA VALUTAZIONE. Liceo Classico Dante Alighieri Latina P.O.F. Pagina 26 6. LA VALUTAZIONE La valutazione è momento centrale nella pratica educativa e nel processo di apprendimento degli studenti, e riguarda molti aspetti della vita scolastica. Il Collegio dei Docenti indica

Dettagli

Istituto di Istruzione Superiore F. Corni Liceo e Tecnico COD. MIUR: MOIS018002 C.F.: 94177210369

Istituto di Istruzione Superiore F. Corni Liceo e Tecnico COD. MIUR: MOIS018002 C.F.: 94177210369 CRITERI DI VALUTAZIONE Approvato in Collegio Docenti 15/10/2013 CRITERI DI VALUTAZIONE DELLA CONDOTTA Indicatori: Rispetto del regolamento di Istituto, delle persone e dell ambiente scolastico Assiduità

Dettagli

ATTIVITA DI SOSTEGNO E RECUPERO E CRITERI PER L AMMISSIONE ALLA CLASSE SUCCESSIVA. Il Consiglio d Istituto nella seduta del 16 Novembre 2012

ATTIVITA DI SOSTEGNO E RECUPERO E CRITERI PER L AMMISSIONE ALLA CLASSE SUCCESSIVA. Il Consiglio d Istituto nella seduta del 16 Novembre 2012 LICEO SCIENTIFICO STATALE R. Donatelli B. Pascal 20133 MILANO Viale Campania, 6 e Via A. Corti, 16 Tel. 02.70126738 e 02.2360306 - Fax 02.70106474 e 02.2666487 Email: mips37000t@istruzione.it - Pec: mips37000t@pec.istruzione.it

Dettagli

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE. LICEO ARTISTICO Triennio Indirizzo: GRAFICA

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE. LICEO ARTISTICO Triennio Indirizzo: GRAFICA SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE LICEO ARTISTICO Triennio Indirizzo: GRAFICA Anno scolastico 2012 / 2013 Consiglio Classe 3 sezione U Data di approvazione 24 / 10 / 2012 PROFILO DELLA

Dettagli

PROTOCOLLO di ACCOGLIENZA ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO di ACCOGLIENZA ALUNNI STRANIERI PROTOCOLLO di ACCOGLIENZA ALUNNI STRANIERI Premessa Questo documento definisce tutte le azioni con cui attuare l inserimento scolastico degli alunni stranieri, sia di quelli che si iscrivono prima dell

Dettagli

VITTORIO EMANUELE II

VITTORIO EMANUELE II LICEO CLASSICO STATALE VITTORIO EMANUELE II DISTRETTO SCOLASTICO N 1/39 PALERMO SEDE CENTRALE : VIA SIMONE DI BOLOGNA SUCCURSALE : VIA DEL GIUSINO P IANO DELL O FFERTA 2011-2012 F ORMATIVA Conoscenza

Dettagli

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE. INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING Biennio

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE. INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING Biennio SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING Biennio Anno scolastico 2012 / 2013 Consiglio Classe II sezione B Data di approvazione 24 ottobre -

Dettagli

Il Collegio dei Docenti delibera

Il Collegio dei Docenti delibera Il Collegio dei Docenti delibera MODALITÀ E CRITERI DI VALUTAZIONE ai sensi dell art. 1, comma 5, del DPR 122 /2009: Il collegio dei docenti definisce modalità e criteri per assicurare omogeneità, equità

Dettagli

Liceo Scientifico Tito Lucrezio Caro Napoli

Liceo Scientifico Tito Lucrezio Caro Napoli Liceo Scientifico Tito Lucrezio Caro Napoli Criteri di valutazione degli studenti per tutte le classi I singoli docenti attraverso i propri piani di lavoro, i consigli di classe e la programmazione di

Dettagli

COSA OFFRE IL PASCAL?

COSA OFFRE IL PASCAL? I. INDICE RAGIONATO COS E IL PASCAL? UN ISTITUTO ORGANIZZATO IN: 4 indirizzi sperimentali: - Informatico (Indirizzo Tecnico) - Linguistico (Indirizzo Tecnico) - Grafico-Beni Culturali (Liceo artistico)

Dettagli

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE P. HENSEMBERGER. Oggetto : Informazioni e disposizioni sulla vita della scuola.

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE P. HENSEMBERGER. Oggetto : Informazioni e disposizioni sulla vita della scuola. ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE P. HENSEMBERGER ISTITUTO TECNICO : Elettrotecnica, Informatica, Meccanica e Meccatronica LICEO SCIENTIFICO SCIENZE APPLICATE Via Berchet 2-20900 Monza 039324607 - Fax 039322122

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

E-Mail: parentucelli@hotmail.com. http://www.parentucelli.com

E-Mail: parentucelli@hotmail.com. http://www.parentucelli.com 0187610831 E-Mail: parentucelli@hotmail.com http://www.parentucelli.com Gli ambienti Laboratori multimediali Informatico Linguistico Nuove Tecnologie Gli ambienti I Laboratori di Scienze Chimica Biologia

Dettagli

ATTIVITA DI SOSTEGNO E RECUPERO E CRITERI PER L AMMISSIONE ALLA CLASSE SUCCESSIVA. Il Consiglio d Istituto nella seduta del 18 Dicembre 2014

ATTIVITA DI SOSTEGNO E RECUPERO E CRITERI PER L AMMISSIONE ALLA CLASSE SUCCESSIVA. Il Consiglio d Istituto nella seduta del 18 Dicembre 2014 LICEO SCIENTIFICO STATALE R. Donatelli B. Pascal 20133 MILANO Viale Campania, 6 e Via A. Corti, 16 Tel. 02.70126738 e 02.2360306 - Fax 02.70106474 e 02.2666487 Email: mips37000t@istruzione.it - Pec: mips37000t@pec.istruzione.it

Dettagli

I S T I T U T O C O M P R E N S I V O S T A T A L E Villafranca Padovana. Collegio dei docenti. Regolamento Valutazione alunni Scuola Primaria

I S T I T U T O C O M P R E N S I V O S T A T A L E Villafranca Padovana. Collegio dei docenti. Regolamento Valutazione alunni Scuola Primaria I S T I T U T O C O M P R E N S I V O S T A T A L E Villafranca Padovana Collegio dei docenti Regolamento Valutazione alunni Scuola Primaria Approvato nella seduta del Collegio del 17 gennaio 2013 Prima

Dettagli

Informazioni sulla sicurezza nella Scuola

Informazioni sulla sicurezza nella Scuola Istituto di Istruzione Superiore Cavour Marconi Pascal Sede centrale: loc. Piscille, Via Assisana 40/d 06154 - PERUGIA Tel. 0755838322 Fax 07532371 Sede coordinata loc. Olmo, Via Trasimeno Ovest PG Tel.

Dettagli

Istituto Tecnico Statale. L. Einaudi Correggio LINEE GUIDA PER LA MOBILITA STUDENTESCA

Istituto Tecnico Statale. L. Einaudi Correggio LINEE GUIDA PER LA MOBILITA STUDENTESCA Istituto Tecnico Statale L. Einaudi Correggio LINEE GUIDA PER LA MOBILITA STUDENTESCA LINEE GUIDA PER LA MOBILITÀ STUDENTESCA Linee guida per l implementazione delle seguenti forme di mobilità studentesca

Dettagli

Guida alla riforma Tratto dal sito del ministero

Guida alla riforma Tratto dal sito del ministero Guida alla riforma Tratto dal sito del ministero Scuola materna Possono iscriversi alla scuola dell infanzia anche i bambini di 2 anni e mezzo. stradale Cittadinanza e Costituzione È la nuova disciplina,

Dettagli

Oberdan: la strada per il mio futuro. Liceo. Tecnico economico. Istituto Statale di Istruzione Superiore G. Oberdan Treviglio

Oberdan: la strada per il mio futuro. Liceo. Tecnico economico. Istituto Statale di Istruzione Superiore G. Oberdan Treviglio Istituto Statale di Istruzione Superiore G. Oberdan Treviglio Oberdan: la strada per il mio futuro Liceo Liceo delle Scienze Umane Liceo Economico Sociale (LES) Tecnico economico Amministrazione, finanza

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale C. Govoni:

Istituto Comprensivo Statale C. Govoni: Istituto Comprensivo Statale C. Govoni: Scuola secondaria di primo grado T. Tasso Scuola primaria C. Govoni Scuola Primaria M. Poledrelli Scuola Primaria G. Leopardi Scuola Primaria A. Volta-Doro 1 PREMESSA

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE A. CALINI

LICEO SCIENTIFICO STATALE A. CALINI LICEO SCIENTIFICO STATALE A. CALINI VIA MONTE SUELLO, 2 25128 BRESCIA tel. 030-304924 - fax 030-396105 E-MAIL: bscalini@ provincia.brescia.it LICEO STATALE B R E S C I A SCIENTIFICO A. CALINI via Monte

Dettagli

CRITERI SCRUTINI E VALUTAZIONI FINALI

CRITERI SCRUTINI E VALUTAZIONI FINALI CRITERI SCRUTINI E VALUTAZIONI FINALI 1 Criteri specifici per lo scrutinio finale Sulla base delle deliberazioni degli anni precedenti, in base alla normativa vigente, tenuto conto che il voto di condotta

Dettagli

Interventi didattico - educativi di recupero nel corso dell anno scolastico (ottobre - giugno)

Interventi didattico - educativi di recupero nel corso dell anno scolastico (ottobre - giugno) LICEO SCIENTIFICO SAN BENEDETTO SCUOLA SECONDARIA 2 GRADO PARITARIA dec. N. 158 del 28/08/2001 43121 - PARMA - P.le S. Benedetto, 5 0521381411 e-mail sssbened@scuole.pr.it fax: 0521206085 sito web: www.salesianiparma.it

Dettagli

Istituto di Istruzione Superiore del COSSATESE e VALLE STRONA

Istituto di Istruzione Superiore del COSSATESE e VALLE STRONA Istituto di Istruzione Superiore del COSSATESE e VALLE STRONA LICEO SCIENTIFICO COSSATO & VALLEMOSSO LICEO DELLE SCIENZE UMANE COSSATO LICEO LINGUISTICO COSSATO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE

Dettagli

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE INDIRIZZO LICEO LINGUISTICO

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE INDIRIZZO LICEO LINGUISTICO SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE INDIRIZZO LICEO LINGUISTICO Anno scolastico 2012 / 2013 Consiglio Classe 1^ sezione L Data di approvazione 15/10/2012 Doc.: Mod.PQ12-041 Rev.: 3 Data:

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA a.s. 2015/2016 CLASSE 2^ D

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA a.s. 2015/2016 CLASSE 2^ D PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA a.s. 2015/2016 CLASSE 2^ D Indirizzo Scientifico opzione Scienze Applicate COORDINATORE: prof. Alessandro Pepe COMPONENTI DEL CONSIGLIO DI CLASSE DOCENTE Pepe Alessandro

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE F. BESTA MILANO

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE F. BESTA MILANO ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE F. BESTA MILANO PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI INDICE: PREMESSA 1. FINALITA 2. CONTENUTI 3. LA COMMISSIONE ACCOGLIENZA 4. PRIMA FASE DI ACCOGLIENZA

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO delle SCIENZE APPLICATE

LICEO SCIENTIFICO delle SCIENZE APPLICATE LICEO SCIENTIFICO delle SCIENZE APPLICATE (Ex Liceo Scientifico Tecnologico) Liceo delle Scienze Applicate ovvero l evoluzione della più importante sperimentazione degli ultimi venti anni, quella del Liceo

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

CRITERI GENERALI PER CORSI DI RECUPERO (Deliberati dal Collegio Docenti del 9 Febbraio 2012)

CRITERI GENERALI PER CORSI DI RECUPERO (Deliberati dal Collegio Docenti del 9 Febbraio 2012) MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE A. DE SIMONI Via Tonale n.18-23100 SONDRIO Tel. 0342/ 514516-216255 Fax. 0342/ 514798 Cod. Fisc. 80001880147 -

Dettagli

Rapporto con persone e con l istituzione scolastica, rispetto del Regolamento d Istituto

Rapporto con persone e con l istituzione scolastica, rispetto del Regolamento d Istituto Indicatori e descrittori per l attribuzione del voto relativo al comportamento di ciascuno studente VOTO 10 9 8 7 6 5 Rapporto con persone e con l istituzione scolastica, rispetto del Regolamento d Istituto

Dettagli

PROTOCOLLO D ACCOGLIENZA PER GLI ALLIEVI STRANIERI

PROTOCOLLO D ACCOGLIENZA PER GLI ALLIEVI STRANIERI ISTITUTO COMPRENSIVO TEN. F. PETRUCCI Via Ten. F. Petrucci, 16 05026 Montecastrilli (TR) Tel./Fax Uff.Segret. 0744 940235 - PROTOCOLLO D ACCOGLIENZA PER GLI ALLIEVI STRANIERI Approvato dal Collegio dei

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI POGGIO RUSCO MN. Scuola dell infanzia, Scuola primaria, Scuola secondaria di primo grado

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI POGGIO RUSCO MN. Scuola dell infanzia, Scuola primaria, Scuola secondaria di primo grado ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI POGGIO RUSCO MN Scuola dell infanzia, Scuola primaria, Scuola secondaria di primo grado PREMESSA La scuola oggi deve affrontare il tema delle relazioni, dell incontro con

Dettagli

LA VALUTAZIONE. Criteri di valutazione

LA VALUTAZIONE. Criteri di valutazione LA VALUTAZIONE Criteri di valutazione Per assicurare una omogeneità, equità e trasparenza della valutazione da parte dei Consigli di Classe, in sede di scrutinio, nel rispetto del principio della libertà

Dettagli

LORENZO ROTA. Istituto Superiore. di Calolziocorte

LORENZO ROTA. Istituto Superiore. di Calolziocorte Istituto Superiore LORENZO ROTA di Calolziocorte Liceo Scientifico Liceo Scientifico delle Scienze Applicate Liceo delle Scienze Umane Amministrazione Finanza e Marketing Costruzione Ambiente e Territorio

Dettagli

VADEMECUM DEL DOCENTE

VADEMECUM DEL DOCENTE Istituto di Istruzione Superiore S. Ceccato P.le Collodi, 1 36075 Montecchio Maggiore (VI) VADEMECUM DEL DOCENTE Assemblee di classe: Sono autorizzate dal Dirigente Scolastico compilando l apposita modulistica

Dettagli

SEZIONE SCUOLE MEDIE PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER GLI ALUNNI STRANIERI

SEZIONE SCUOLE MEDIE PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER GLI ALUNNI STRANIERI ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE Felice Faccio - CASTELLAMONTE Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca SEZIONE SCUOLE MEDIE PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER GLI ALUNNI STRANIERI A cura della

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO 9 BOLOGNA LINEE GUIDA AI CRITERI DI VERIFICA E VALUTAZIONE A.S. 2014-2015

ISTITUTO COMPRENSIVO 9 BOLOGNA LINEE GUIDA AI CRITERI DI VERIFICA E VALUTAZIONE A.S. 2014-2015 LINEE GUIDA AI CRITERI DI VERIFICA E VALUTAZIONE A.S. 2014-2015 1 Premessa Nel rispetto della normativa vigente sulla valutazione vengono preparati, secondo criteri il più possibile oggettivi, test di

Dettagli

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE. INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING Biennio

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE. INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING Biennio SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING Biennio Anno scolastico 2012/ 2013 Consiglio Classe I sezione B Data di approvazione 24/10/2012 Doc.:

Dettagli

ROSINA SALVO 2015/2016 ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE. Trapani. piano offerta formativa. piano offerta formativa

ROSINA SALVO 2015/2016 ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE. Trapani. piano offerta formativa. piano offerta formativa P.O.F. piano offerta formativa piano offerta formativa / LICEO LINGUISTICO LICEO DELLE SCIENZE UMANE LICEO ECONOMICO LICEO ARTISTICO ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE ROSINA SALVO Trapani P.O.F

Dettagli

Protocollo Accoglienza Alunni Stranieri

Protocollo Accoglienza Alunni Stranieri Protocollo Accoglienza Alunni Stranieri Proposta di lavoro ed intervento a cura del Gruppo Provinciale dei Referenti per Intecultura e l Integrazione degli Alunni Stranieri Scuola Secondaria di 2 grado

Dettagli

Via Gorki 106 - Cinisello Balsamo Tel. 02/6173001-6173828 - Fax 02/61290579 Sito Internet: www.liceocasiraghi.net e-mail: licasira@tiscali.

Via Gorki 106 - Cinisello Balsamo Tel. 02/6173001-6173828 - Fax 02/61290579 Sito Internet: www.liceocasiraghi.net e-mail: licasira@tiscali. LICEO CLASSICO, SCIENTIFICO, LINGUSTICO G.CASIRAGHI sede Via Gorki 106 - Cinisello Balsamo Tel. 02/6173001-6173828 - Fax 02/61290579 Sito Internet: www.liceocasiraghi.net e-mail: licasira@tiscali.it mezzi

Dettagli

MOBILITÀ STUDENTESCA INTERNAZIONALE INDIVIDUALE ( 1 )

MOBILITÀ STUDENTESCA INTERNAZIONALE INDIVIDUALE ( 1 ) MOBILITÀ STUDENTESCA INTERNAZIONALE INDIVIDUALE ( 1 ) Il Liceo favorisce la frequenza scolastica degli studenti in Istituti esteri per periodi brevi, lunghi o corrispondenti alla durata dell anno scolastico,

Dettagli

PROPOSTE DI VOTO 1. Ogni docente definisce la propria PROPOSTA DI VOTO per ciascuna delle discipline insegnate e per il voto di condotta:

PROPOSTE DI VOTO 1. Ogni docente definisce la propria PROPOSTA DI VOTO per ciascuna delle discipline insegnate e per il voto di condotta: CRITERI DI VALUTAZIONE SCRUTINIO FINALE PROPOSTE DI VOTO 1. Ogni docente definisce la propria PROPOSTA DI VOTO per ciascuna delle discipline insegnate e per il voto di condotta: Partendo dalla media matematica

Dettagli

MANUALE GESTIONE QUALITA

MANUALE GESTIONE QUALITA MODALITÀ DI RECUPERO Pag. 1 di 8 Modalità di recupero Copia N. controllata non controllata Questo Documento è emesso con distribuzione riservata e non può essere riprodotto senza il benestare scritto del

Dettagli

Criteri di valutazione degli alunni

Criteri di valutazione degli alunni Funzioni della valutazione Criteri di valutazione degli alunni La valutazione degli alunni risponde alle seguenti funzioni fondamentali: verificare l acquisizione degli apprendimenti programmati; adeguare

Dettagli

CARVICO SOTTO IL MONTE G. XXIII VILLA D ADDA

CARVICO SOTTO IL MONTE G. XXIII VILLA D ADDA ISTITUTO COMPRENSIVO E. FERMI DI CARVICO SCUOLA SECONDARIA di CARVICO SOTTO IL MONTE G. XXIII VILLA D ADDA Estratto Piano dell Offerta Formativa Anno Scolastico 2015-2016 L OFFERTA FORMATIVA comune a tutti

Dettagli

VALUTAZIONE DELL ALUNNO

VALUTAZIONE DELL ALUNNO LA VALUTAZIONE VALUTAZIONE DELL ALUNNO In seguito all introduzione del voto decimale nella scuola, ripristinato dal tanto discusso e contestato decreto Gelmini, si è sviluppato, nelle scuole, un ampio

Dettagli

PROTOCOLLO D ACCOGLIENZA

PROTOCOLLO D ACCOGLIENZA Allegato al POF ACCOGLIENZA ED INTEGRAZIONE ALUNNI STRANIERI PROTOCOLLO D ACCOGLIENZA SEGRETERIA Raccoglie i primi dati anagrafici e sulla scolarità pregressa dell alunno straniero Consegna alla famiglia

Dettagli

PROGETTO DI ACCOGLIENZA

PROGETTO DI ACCOGLIENZA ISTITUTO D ISTRUZIONE G. FLORIANI RIVA DEL GARDA PROGETTO DI ACCOGLIENZA PER L INSERIMENTO DEGLI ALUNNI/E DI MADRE LINGUA NON ITALIANA Premessa Da qualche anno nel nostro Istituto si registra un incremento

Dettagli

VERBALE n. SCRUTINIO FINALE

VERBALE n. SCRUTINIO FINALE VERBALE n. SCRUTINIO FINALE (CLASSI PRIME E SECONDE del triennio ) Il giorno del mese di dell anno alle ore, nei locali del, si riunisce il Consiglio della Classe, con la sola presenza dei docenti, per

Dettagli

VALUTAZIONE scuola primaria valutazione periodica ed annuale degli apprendimenti degli alunni

VALUTAZIONE scuola primaria valutazione periodica ed annuale degli apprendimenti degli alunni VALUTAZIONE In base all art. 3 del decreto legge del 30 ottobre 2008, n.169, dall'anno scolastico 2008/09, nella scuola primaria la valutazione periodica ed annuale degli apprendimenti degli alunni è espressa

Dettagli

ISCRIZIONI a.s. 2015/16. Istituto Comprensivo Statale di Poppi www.poppi-scuola.it

ISCRIZIONI a.s. 2015/16. Istituto Comprensivo Statale di Poppi www.poppi-scuola.it ISCRIZIONI a.s. 2015/16 Istituto Comprensivo Statale di Poppi www.poppi-scuola.it UGUAGLIANZA INCLUSIONE-ACCOGLIENZA BISOGNI EDUCATIVI STAR BENE CON SE E GLI ALTRI Il nostro istituto unisce infanzia, primaria

Dettagli

SCUOLA COMUNITÀ EDUCANTE

SCUOLA COMUNITÀ EDUCANTE ISTITUTO COLLEGIO DIMESSE PADOVA SCUOLE D INFANZIA, PRIMARIA e SECONDARIA DI I GRADO SCUOLA COMUNITÀ EDUCANTE Premessa. Le scuole dell Istituto sono una comunità educante impegnata a collaborare con le

Dettagli

A. MORO CERRO AL LAMBRO

A. MORO CERRO AL LAMBRO ISTITUTO COMPRENSIVO P. FRISI MELEGNANO SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO A. MORO CERRO AL LAMBRO Iscrizioni a.s. 2015/2016 1 La proposta didattica e formativa della Scuola Secondaria di Primo Grado per le

Dettagli

VALUTAZIONE FORMATIVA

VALUTAZIONE FORMATIVA VALUTAZIONE FORMATIVA SETTEMBRE PROVE DI INGRESSO Le prove d ingresso, mirate e funzionali, saranno comuni a tutte le classi prime della scuola secondaria di primo grado dell Istituto Comprensivo e correlate

Dettagli

Prot. n 8401/A19 Augusta, 29 ottobre 2015

Prot. n 8401/A19 Augusta, 29 ottobre 2015 Prot. n 8401/A19 Augusta, 29 ottobre 2015 Ai docenti Al DSGA Atti Albo Oggetto: Delibera del Collegio dei docenti riunitosi in data 28 ottobre 2015 su convocazione prot. n 8150/A19 del 20 ottobre 2015

Dettagli

7. ATTIVITÀ DI SOSTEGNO E DI RECUPERO

7. ATTIVITÀ DI SOSTEGNO E DI RECUPERO 7. ATTIVITÀ DI SOSTEGNO E DI RECUPERO Essendo l'obiettivo prioritario delle attività di recupero e di sostegno l'innalzamento dei livelli di apprendimento degli studenti e la riduzione della dispersione

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DI LINGUA NON ITALIANA

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DI LINGUA NON ITALIANA Allegato 4 PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DI LINGUA NON ITALIANA IL protocollo d accoglienza è un documento deliberato dal Collegio Docenti che contiene principi, indicazioni riguardanti l iscrizione

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI ISTITUTO TECNICO STATALE Periti Aziendali e Corrispondenti in Lingue Estere Astolfo Lunardi Via Riccobelli, 47-25123 Brescia - Tel. 0302009508 - Fax: 030390996 E-mail info@lunardi.bs.it - URL http://www.lunardi.bs.it

Dettagli

REGOLAMENTO SULLA VIGILANZA DEGLI STUDENTI

REGOLAMENTO SULLA VIGILANZA DEGLI STUDENTI I.I.S. "PAOLO FRISI" Via Otranto angolo via Cittadini n. 1-20157 Milano Tel. 02/3575716/8 fax 02/39001523 E mail: paolofrisimi@tin.it - Sito web:www.ipsfrisi.it REGOLAMENTO SULLA VIGILANZA DEGLI STUDENTI

Dettagli

In vista degli impegni finali, si ritiene opportuno fornire alcune indicazioni. SINTESI ADEMPIMENTI DI FINE ANNO SCOLASTICO E RELATIVE SCADENZE

In vista degli impegni finali, si ritiene opportuno fornire alcune indicazioni. SINTESI ADEMPIMENTI DI FINE ANNO SCOLASTICO E RELATIVE SCADENZE Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO DANTE ALIGHIERI Via Aldo Moro, 9-20872 CORNATE D ADDA (MB) Codice Fiscale 87004930159 Codice meccanografico MIIC8CM00V Tel.

Dettagli

Torino, 10 novembre 2015 Prot. n.1906/a22. Al Collegio dei Docenti. E p.c. Al Consiglio di Istituto All Albo Al Personale ATA

Torino, 10 novembre 2015 Prot. n.1906/a22. Al Collegio dei Docenti. E p.c. Al Consiglio di Istituto All Albo Al Personale ATA Torino, 10 novembre 2015 Prot. n.1906/a22 Al Collegio dei Docenti E p.c. Al Consiglio di Istituto All Albo Al Personale ATA Oggetto : Pubblicazione Atto di Indirizzo del Dirigente Scolastico per la predisposizione

Dettagli

PROTOCOLLO PER IL RIENTRO DEGLI ALUNNI DA UN PERIODO DI STUDIO ALL ESTERO

PROTOCOLLO PER IL RIENTRO DEGLI ALUNNI DA UN PERIODO DI STUDIO ALL ESTERO PREMESSA PROTOCOLLO PER IL RIENTRO DEGLI ALUNNI DA UN PERIODO DI STUDIO ALL ESTERO Partire per un periodo di studio all estero è una forte esperienza di formazione interculturale. Il soggiorno di studio

Dettagli

UFFICIO LEGISLATIVO IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

UFFICIO LEGISLATIVO IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA UFFICIO LEGISLATIVO Schema di decreto legislativo concernente le norme generali relative al secondo ciclo del sistema educativo di istruzione e formazione ed i livelli essenziali delle prestazioni in materia

Dettagli

Istituto Comprensivo Dante Alighieri Petilia Policastro (KR) Scuola Secondaria di Primo Grado

Istituto Comprensivo Dante Alighieri Petilia Policastro (KR) Scuola Secondaria di Primo Grado Classe: Sezione: Istituto Comprensivo Dante Alighieri Petilia Policastro (KR) Scuola Secondaria di Primo Grado PROGETTAZIONE CURRICOLARE Approvazione del Consiglio di Classe in data: Coordinatore:Prof.

Dettagli

Prot.n. 30 Milano, 7 gennaio 2014 Circ.n. 162/Doc Ai Coordinatori di classe Ai Docenti

Prot.n. 30 Milano, 7 gennaio 2014 Circ.n. 162/Doc Ai Coordinatori di classe Ai Docenti Prot.n. 30 Milano, 7 gennaio 2014 Circ.n. 162/Doc Ai Coordinatori di classe Ai Docenti OGGETTO: Scrutini: indicazioni per le attività di recupero e per la valutazione del comportamento degli alunni Attività

Dettagli

LINEE GUIDA PER L ACCOGLIENZA E INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI ISTITUTO COMPRENSIVO DELLA VALLE VERSA AREA AMMINISTRATIVA

LINEE GUIDA PER L ACCOGLIENZA E INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI ISTITUTO COMPRENSIVO DELLA VALLE VERSA AREA AMMINISTRATIVA LINEE GUIDA PER L ACCOGLIENZA E INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI ISTITUTO COMPRENSIVO DELLA VALLE VERSA AREA AMMINISTRATIVA L ISCRIZIONE Le iscrizioni dei minori stranieri, indipendentemente dalla regolarità

Dettagli

LE ATTIVITÀ DI RECUPERO (Delibera Collegio Docenti del 29-10-2008)

LE ATTIVITÀ DI RECUPERO (Delibera Collegio Docenti del 29-10-2008) LE ATTIVITÀ DI RECUPERO (Delibera Collegio Docenti del 29-10-2008) 1. Le attività di recupero organizzate dalla scuola sono obbligatorie e consistono di corsi di recupero di minimo 15 ore per le materie

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA PROGETTAZIONE EDUCATIVA ORGANIZZAZIONE DIDATTICA

SCUOLA PRIMARIA PROGETTAZIONE EDUCATIVA ORGANIZZAZIONE DIDATTICA SCUOLA PRIMARIA La scuola Primaria si propone di introdurre i bambini nel mondo della conoscenza, maturando in ciascuno la capacità di esprimere le proprie esperienze attraverso la lettura, la scrittura,

Dettagli

(Collegio Docenti del / /2012)

(Collegio Docenti del / /2012) Codice Fiscale: 80014050357 CM: CMRETD02000L Vìa Prati, 2 42015 Correggio (RE) Tel. 0522 693271 Fax 0522 632119 Sito Web: www.einaudicorreggio.gov.it e mail: info@einaudicorreggio.gov.it e mail certificata:

Dettagli

Via delle Rimembranze n 26, 40068 San Lazzaro(BO) Telefono: 051/464510 051/464545 051/464574 Fax: 051/452735 E-mail: iis@istitutomattei.bo.

Via delle Rimembranze n 26, 40068 San Lazzaro(BO) Telefono: 051/464510 051/464545 051/464574 Fax: 051/452735 E-mail: iis@istitutomattei.bo. Via delle Rimembranze n 26, 40068 San Lazzaro(BO) Telefono: 051/464510 051/464545 051/464574 Fax: 051/452735 E-mail: iis@istitutomattei.bo.it Sito: www.istitutomattei.it INDICE Chi siamo Profilo culturale,

Dettagli

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE VERONESE MARCONI PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA. a.s. 2014/2015 CLASSE I I D

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE VERONESE MARCONI PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA. a.s. 2014/2015 CLASSE I I D ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE VERONESE MARCONI PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA a.s. 2014/2015 CLASSE I I D Indirizzo Scientifico opzione Scienze Applicate COORDINATRICE: prof.ssa Serena Crivellari

Dettagli

SINTESI DEL P.O.F. Mezzi pubblici: 74 14 14barrato 18 Treno: stazione Lingotto (fronte istituto)

SINTESI DEL P.O.F. Mezzi pubblici: 74 14 14barrato 18 Treno: stazione Lingotto (fronte istituto) Liceo Scientifico Statale Niccolò Copernico C.so Caio Plinio 2 10127 Torino Tel: 011616197-011618622 fax: 0113172352 Sito:www.copernico.to.it E-Mail: lsscopernico@virgilio.it SINTESI DEL P.O.F. Mezzi pubblici:

Dettagli

PIANO OFFERTA FORMATIVA

PIANO OFFERTA FORMATIVA PIANO OFFERTA FORMATIVA La scuola Falcone Borsellino appartiene all Istituto comprensivo Arbe Zara SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO FALCONE BORSELLINO scuola PRIMARIA S.T.Fabbri di viale Zara 96 ISTITUTO

Dettagli

SCUOLA COLLEGIO CONVITTO. celana. Via Papa Giovanni XXIII, 2/A 24030 - Celana di Caprino B.sco Tel. 035 781002 www.scuolacollegiocelana.

SCUOLA COLLEGIO CONVITTO. celana. Via Papa Giovanni XXIII, 2/A 24030 - Celana di Caprino B.sco Tel. 035 781002 www.scuolacollegiocelana. SCUOLA COLLEGIO CONVITTO celana Via Papa Giovanni XXIII, 2/A 24030 - Celana di Caprino B.sco Tel. 035 781002 www.scuolacollegiocelana.com e-mail: SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO Anno Scolastico 2010-2011

Dettagli

Liceo linguistico REGINA MUNDI. «Chi non conosce le lingue straniere, non conosce nulla della propria» (Johann Wolfgang von Goethe)

Liceo linguistico REGINA MUNDI. «Chi non conosce le lingue straniere, non conosce nulla della propria» (Johann Wolfgang von Goethe) Liceo linguistico REGINA MUNDI «Chi non conosce le lingue straniere, non conosce nulla della propria» (Johann Wolfgang von Goethe) OBIETTIVI DEL LICEO LINGUISTICO Il percorso del liceo linguistico è indirizzato

Dettagli

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Decreto N. 5669 IL MINISTRO VISTO VISTA VISTO VISTA VISTA l articolo 34 della Costituzione; la Legge 8 ottobre 2010, n. 170, recante Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito

Dettagli

ART. 1 Oggetto del Regolamento

ART. 1 Oggetto del Regolamento REGOLAMENTO DELLA SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE IN DIDATTICA DELL ITALIANO COME LINGUA STRANIERA ART. 1 Oggetto del Regolamento Il presente regolamento disciplina, ai sensi dell articolo 1 comma 3 del Regolamento

Dettagli

Criteri ed indicazioni per la valutazione degli alunni

Criteri ed indicazioni per la valutazione degli alunni Criteri ed indicazioni per la valutazione degli alunni La verifica degli apprendimenti, momento importante del processo formativo, servirà ai docenti per modificare o integrare gli obiettivi, i metodi

Dettagli

Liceo STATALE - Pietro Siciliani Via Leuca, 2/L - 73100 LECCE 0832-246023 0832 246020 INFORMATIVA ALLE FAMIGLIE/STUDENTI

Liceo STATALE - Pietro Siciliani Via Leuca, 2/L - 73100 LECCE 0832-246023 0832 246020 INFORMATIVA ALLE FAMIGLIE/STUDENTI Liceo STATALE - Pietro Siciliani Via Leuca, 2/L - 73100 LECCE 0832-246023 0832 246020 INFORMATIVA ALLE FAMIGLIE/STUDENTI 1. Validità dell anno scolastico per la valutazione degli alunni 2. Ingressi posticipati

Dettagli

Piano Offerta Formativa I.C. G.Montezemolo Via A. di Bonaiuto, 16 - Roma

Piano Offerta Formativa I.C. G.Montezemolo Via A. di Bonaiuto, 16 - Roma Linee programmatiche Pof 2013/2014 Scuola Primaria e Secondaria di Primo grado Nella consapevolezza della relazione che unisce cultura, scuola e persona, la finalità della scuola è lo sviluppo armonico

Dettagli

Valutazione degli studenti

Valutazione degli studenti - La Valutazione Valutazione degli studenti Valutazione dei docenti Valutazione d Istituto Valutazione degli studenti Tipi di PROVE Interrogazioni Compiti scritti Relazioni Prove di comprensione Produzioni

Dettagli

La scuola dell infanzia è un ambiente educativo di esperienze concrete e di apprendimento riflessivo che integra le differenti forme del fare,

La scuola dell infanzia è un ambiente educativo di esperienze concrete e di apprendimento riflessivo che integra le differenti forme del fare, ITALIA Introduzione La riforma del sistema italiano è stata oggetto di numerose discussioni e polemiche. La legge di riforma dell ordinamento varata nel 2000 è stata successivamente abrogata dal nuovo

Dettagli

a. s. 2013-2014 PIANO DI LAVORO ANNUALE DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE 3B DOCENTE Coordinatore Teresa Persiano

a. s. 2013-2014 PIANO DI LAVORO ANNUALE DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE 3B DOCENTE Coordinatore Teresa Persiano a. s. 2013-2014 PIANO DI LAVORO ANNUALE DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE 3B DOCENTE Coordinatore Teresa Persiano 1. PROFILO DELLA CLASSE La classe, formata quest anno da 25 alunni, comprende 20 alunne e 1 alunno

Dettagli

- I docenti consegnano le prove scritte o grafiche delle singole discipline, che devono essere rese disponibili in sede di scrutinio.

- I docenti consegnano le prove scritte o grafiche delle singole discipline, che devono essere rese disponibili in sede di scrutinio. Codice Ministeriale TEIS00700T Codice Fiscale 80003970672 E-Mail: teis00700t@istruzione.it Sede centrale: Istituto Tecnico per Geometri C. Forti Via Cona, 180/182 64100 TERAMO Tel.Pres. 0861/248261 Centr.

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO DI STUDIO: Culture e tecniche del costume e della moda FACOLTÀ: Lettere e Filosofia CLASSE: 23 Art. 1 Coerenza tra crediti delle attività formative e obiettivi formativi programmati

Dettagli

Circ. n.223 - Allegato Porto Cesareo, 02/06/2015

Circ. n.223 - Allegato Porto Cesareo, 02/06/2015 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE PORTO CESAREO Via Piccinni, 10 Tel. e Fax 0833-569105 C.F. 91012680756 mail leic831006@istruzione.it mail certificata leic831006@pec.istruzione.it sito: www.icportocesareo.gov.it

Dettagli

CRITERI PER LA VALUTAZIONE SOMMATIVA

CRITERI PER LA VALUTAZIONE SOMMATIVA CRITERI PER LA VALUTAZIONE SOMMATIVA Per la valutazione degli alunni i consigli di classe faranno riferimento ai criteri sotto indicati: Competenze chiave di cittadinanza attiva Assi culturali (biennio)

Dettagli

LA SCUOLA MEDIA DI PAINA

LA SCUOLA MEDIA DI PAINA 1 Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto comprensivo don Rinaldo Beretta" Scuola secondaria di primo grado Salvo D Acquisto 20030 PAINA DI GIUSSANO - VIA A. MANZONI, 50 TEL.

Dettagli

IL DIRIGENTE SCOLASTICO

IL DIRIGENTE SCOLASTICO Afragola, 29/04/2015 prot.2185/a7 IL DIRIGENTE SCOLASTICO il decreto legislativo 16 aprile 1994, n. 297, con cui è stato approvato il testo unico delle disposizioni legislative vigenti in materia di istruzione;

Dettagli

Il Consiglio di istituto

Il Consiglio di istituto ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE GALILEO FERRARIS VERONA DELIBERA DEL CONSIGLIO D ISTITUTO N. 49 ESTRATTO DEL VERBALE DEL 20/09/2012 Il giorno 20/09/2012, nei locali dell Istituto si riunisce il Consiglio

Dettagli

OPEN DAY. dalle ore 10:00 alle ore 13:00 e giovedì 21 gennaio 2016 dalle ore 15:00 alle ore 18:30. www.vittoriacolonnalicei.it

OPEN DAY. dalle ore 10:00 alle ore 13:00 e giovedì 21 gennaio 2016 dalle ore 15:00 alle ore 18:30. www.vittoriacolonnalicei.it www.vittoriacolonnalicei.it Il Liceo Statale Vittoria Colonna offre i seguenti indirizzi di studio: LICEO SCIENTIFICO opzione SCIENZE APPLICATE LICEO LINGUISTICO OPEN DAY LICEO delle SCIENZE UMANE sabato

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE Dallo studio delle scienze sperimentali alla comprensione del mondo tecnologico

LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE Dallo studio delle scienze sperimentali alla comprensione del mondo tecnologico LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE Dallo studio delle scienze sperimentali alla comprensione del mondo tecnologico Non si impara mai pienamente una scienza difficile, per esempio la matematica,

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA DEGLI STUDENTI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA DEGLI STUDENTI STRANIERI PROTOCOLLO ACCOGLIENZA DEGLI STUDENTI STRANIERI SOMMARIO 1. Premessa 2. Finalità 3. Valutazione 4. Strumenti e risorse 5. Fasi e modalità di lavoro 6. Commissione Accoglienza- Intercultura 7. Piano organico

Dettagli