Libero Greco. Un tuffo nel futuro. diario di viaggio in Giappone. ottobre-novembre Edizioni IL PULCINO ARROGANTE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Libero Greco. Un tuffo nel futuro. diario di viaggio in Giappone. ottobre-novembre 2007. Edizioni IL PULCINO ARROGANTE"

Transcript

1 Libero Greco Un tuffo nel futuro diario di viaggio in Giappone ottobre-novembre 2007 Edizioni IL PULCINO ARROGANTE 1

2 2

3 Introduzione Se qualcuno, rientrando da un viaggio in Giappone, dovesse raccontarvi di avere capito tutto, o quasi, di quella lontana terra del sol levante, potrete tranquillamente dubitarne. Questa nazione è lontana da noi anni luce, non solo per ragioni di distanza fisica, ma anche e soprattutto per differenze culturali, mentali e spirituali. Quando si è ben creduto di avere afferrato il significato di alcuni dei loro atteggiamenti o comportamenti ecco che succede subito qualcos altro che vanifica le opinioni faticosamente messe insieme fino a quel momento. Se poi doveste trovare chi cerca di liquidare ciò che non capisce del Giappone, affermando trattarsi banalmente di contraddizioni orientali, devo dire che tale atteggiamento è troppo comodo, sbrigativo e ingiusto. La questione è ben più complicata e non è corretto ritenere contraddittorio il comportamento di un popolo solo perché non si è capaci di penetrare la loro cultura, così diversa e diametrale alla nostra. Naturalmente le considerazioni fatte valgono anche per il sottoscritto. Vedrò di guardarmi bene dal tranciare giudizi affrettati o audaci; mi limiterò quindi a raccontare ciò che ho creduto di vedere sforzandomi di capire. L insidia di annotare qualche castroneria è latente, ma è un rischio che dovrò correre. Ciò che contraddistingue fortemente la nostra cultura dalla loro è l organizzazione in senso generale che discende dal fatto che mentre noi siamo degli individualisti che cercano, a fatica, di mettere insieme degli intenti collettivi, per i giapponesi è 3

4 quasi il contrario: per loro la soggettività ha un valore relativo rispetto all imperante pensiero collettivo. L organizzazione delle cose passa attraverso la condivisione delle intenzioni ed il progetto finale non può che prevedere l approvazione di tutti. L operato definitivo corrisponde alla riuscita di uno sforzo collettivo, anche se spesso chi ha partecipato alla riuscita degli obiettivi non sempre era a conoscenza della costruzione e delle ragioni che hanno dato origine al progetto. Il Giappone è una nazione di centotrenta milioni d abitanti su un territorio grande poco più dell Italia, molto montagnoso, poco sfruttabile e afflitto da continui terremoti, tifoni e tzunami. Una terra sventurata, si direbbe, ma così non è, perché questo popolo intelligente e laborioso sa affrontare anche le calamità più dure ed avverse con lo spirito giusto: questa è la loro terra e con questa si devono misurare. La stessa capitale, Tokyo, è una città affollatissima che conta dodici milioni d abitanti, se si escludono le prefetture annesse che, comunque, fanno parte integrante della città. La città nel suo complesso reale annovera trenta milioni di umanità brulicante. Verrebbe da pensare al caos, alla malavita, ad una città senza controllo, invece è il contrario: tutto funziona perfettamente, le strade sono ordinate e pulite, le auto non possono sostare lungo le strade, i rari autobus di superficie spengono il motore quando si fermano al semaforo, i servizi igienici pubblici sono lindi e smaglianti, infine tutta la gente è mediamente gentile. In questa città, come peraltro in tutto il resto del Giappone, mancano i nomi delle strade ed i numeri civici; questa cosa per noi è sconvolgente; come sarà mai possibile circolare o recapitare la posta o altro ancora a destinazione? Per loro, invece, non rappresenta un problema: hanno definito i quartieri, poi hanno affidato dei numeri o dei nomi ai palazzi, senza una 4

5 ragione apparente, ed infine per gli interni dispongono di nome, numero di piano e numero dell interessato. Ma un altra insolita abitudine caratterizza la vita di città dei giapponesi: più o meno ad ogni semaforo s incontrano i Co- Ban che non sono altro che presidi di polizia urbana in grado di risolvere ogni problema. Chiunque abbia una qualsiasi difficoltà si può rivolgere ad un poliziotto dei Co-Ban che gli va in aiuto risolvendogli il problema. Ogni cosa fatta bene è per un giapponese un motivo d orgoglio; il lavoro umile e quello più importante hanno come comune denominatore la fierezza di aver fatto le cose nel migliore dei modi, è una questione di dignità. Da noi, in Italia, questo concetto si è perso nella notte dei tempi e qualcuno potrebbe pensare che i giapponesi siano un po matti, ma non è così. Un antica barzelletta circola per il Giappone e dice più o meno così Un autista di bus sbaglia una curva, esce di strada e provoca la morte di due persone. L autista si allontana dall automezzo e va ad impiccarsi al primo albero che incontra. Si badi bene, non perché si sente colpevole delle due morti, ma perché ha fatto male il proprio lavoro -. In Giappone lavorano tutti o quasi, la disoccupazione ha livelli molto bassi, malgrado in questo periodo la crisi sia acuta anche da loro. Alle otto ore al giorno di lavoro ben remunerato aggiungono mediamente ancora due ore al giorno di straordinario non retribuito, dal lunedì al venerdì, per la gloria e la ricchezza della nazione. Il senso del dovere e l attaccamento alla Patria fanno di questo popolo un armata straordinaria e invincibile. Quello che hanno perso con i cannoni dell ultima guerra lo stanno conquistando con l alacrità, la serietà e l attaccamento all amor proprio. Sotto questo aspetto i giapponesi sono impareggiabili, ma credo di poter affermare che se vengono tenuti un pochino sotto 5

6 controllo non guasta, perché c è da pensare, con un filo di malizia, che dietro allo shintoismo (la loro antica religione, la più diffusa, anche se poco praticata che si basa sul culto delle forze naturali e dell origine divina dell imperatore) si nasconda un vago e non superato sentimento di revanscismo verso i paesi occidentali in genere. Questo genere di sentimento a scoppio ritardato è sempre stato diffuso, non solo in Giappone, ma in tutti quei paesi dove la guerra ha portato una sconfitta che è diventata motivo di conseguente mortificazione. Nulla brucia più di un sentimento corrosivo non rimosso. I giapponesi, che dall inizio del secolo XX perseguirono una politica imperialistica ai danni di Russia, Cina, Corea, Siam e Filippine, si dissero contrari all ingerenza mercantile dei paesi occidentali e nel dicembre del 1941 attaccarono vilmente gli americani nella baia di Pearl Harbor. Dopo cinque anni di estenuanti battaglie che insanguinarono l intero Pacifico la guerra si concluse con quella sciagurata bomba sganciata dal bombardiere Enola Gay, il B-29 del Captain Tibbets. Gli americani avrebbero potuto evitare quell inutile massacro: il Giappone l aveva già persa la guerra, tutte le città erano state rase al suolo e prima o poi anche l eroismo del popolo nipponico sarebbe miseramente crollato, ma il grilletto facile degli yankees è sempre stato proverbiale: la preoccupazione del mondo intero. I tragici risultati della bomba atomica sganciata su Hiroshima sono documentati e raccolti nello straordinario museo della città con estrema dovizia di foto storiche e reperti di quel che è rimasto dell immane impatto. Oggi Hiroshima è una città modernissima che conta un milione d abitanti e parrebbe non essere più memore dell accaduto; se non fosse per il Memorial Peace sarebbe impossibile trovare una sola traccia della storica devastazione. 6

7 Il passato del Giappone è piuttosto singolare. Diversamente dalla vicina Cina non ha una storia millenaria, anzi si hanno notizie di una sua prima vita organizzata solo attorno al 700 d.c. e prima di questa data le condizioni di vita degli abitanti dell arcipelago erano ad un livello quasi primitivo. Non erano né pastori né cacciatori, perché sull arcipelago non c erano animali e selvaggina, e neppure agricoltori o pescatori; si cibavano di tuberi, qualche frutto prodotto dalla natura e, suppongo, insetti, come è in uso ancora oggi presso gli aborigeni australiani ed altri popoli allo stato primitivo. Ma la gente giapponese doveva essere dotata di un talento naturale fin dall antichità, perché a seguito dello sbarco dei cinesi su quelle isole, la storia di quelle terre prese un altra piega. Dal 700 al 1100 trascorsero quattro secoli che significarono per i giapponesi l inizio di un nuovo corso. Riuscirono infine a mandare a casa i cinesi che nel frattempo avevano insegnato loro l arte della scrittura, dell agricoltura, della pesca e offerto loro tante altre preziose informazioni di pratiche in uso presso le società più progredite d allora. Dal 1100 in avanti i giapponesi progredirono con una velocità sorprendente passando attraverso un lunghissimo medio evo che li vide, per scelta propria, isolati per secoli, dominati dal potere feudale degli shogun. L apertura allo straniero non è mai stata una cosa né desiderata né gradita; poi le circostanze e la storia hanno costretto l isolazionismo nipponico ad accettare le regole del mercato. Siamo all inizio del XIX secolo quando le navi americane impongono l apertura delle frontiere. A questo punto, dopo alcune sconfitte degli shogun, un giovane imperatore Hutshito, nel 1868, compie una svolta fino a quel momento impensabile: la riforma dello Stato, la modernizzazione delle istituzioni e dell economia basata su un programma di occidentalizzazione. 7

8 Oggi il Giappone è quello che conosciamo: la nazione che esporta più di qualsiasi altro paese al mondo e che ha rapporti di scambio commerciale con tutto il pianeta. Ma questo non significa che verso gli stranieri non continuino ad avere una certa diffidenza ed in taluni casi anche ostilità: chi non è giapponese è definito, con un velato complesso di superiorità, sempre gai-jin che significa straniero. Compresi quei coreani che sono nati e vivono nell arcipelago da più di trecento anni. Tuttavia sotto il profilo del mantenimento delle caste e del censo, semplicemente non si può dire che i giapponesi siano all avanguardia nella pianificazione della democrazia, anzi le diverse estrazioni sociali rappresentano ancora una forte differenziazione di rango, che risente delle più antiche regole feudali. E curioso che un paese tanto avanzato tecnologicamente viva un condizionamento mentale conservatore e tradizionalista di tale portata. Quando il modernismo s impone lo fa in una maniera per noi non sempre facile da comprendere. Faccio un esempio: i vecchi samurai, che oggi non esistono più, sono stati sostituiti dalla Yakuza, che altro non è che l organizzazione criminale più potente del mondo, la mafia d oriente. Come i samurai di un tempo la yakuza può fare uso delle armi, mentre per tutti gli altri cittadini dell impero è assolutamente vietato. Come può essere possibile tutto ciò, verrebbe da domandarsi; ed in effetti non è facile darsi una spiegazione, perché in una nazione dove non scappa uno spillo com è possibile tollerare una criminalità tanto esposta? Qui sta il punto: il Governo ha tacitamente delegato alla yakuza il controllo della criminalità minuta in cambio di una tranquillità sociale che l organizzazione provvede a tenere sotto controllo. Chi, più di un criminale è capace di conoscere le malefatte e prevenirle? La filosofia pragmatica giapponese è quella di prendere coscienza che la 8

9 criminalità esisterebbe comunque e quindi con essa è meglio scendere a patti piuttosto che scontrarsi a muso duro, per giunta con costi elevatissimi. Che sia così anche da noi? Sarebbe ben bella. Un secondo esempio potrebbe avere origine dall osservazione del sistema urbanistico del paese che, a detta loro, è assolutamente liberale e permissivo. In effetti ciò è probabile, perché, mentre le grandi città sono costruite su regole logiche e riconoscibili, la campagna viene edificata secondo una sorprendente spontaneità e siccome i miracoli non li fanno neppure i giapponesi, quel che è dato vedere è uno sfacelo urbanistico. Non è assolutamente infrequente vedere ferrovie e autostrade passare in mezzo alle case, oppure grovigli di viadotti con il terreno seminato al di sotto. Capita anche da noi, ma mentre in Italia c è chi si oppone ai guasti ambientali, per loro è tutto normale e logico, va bene così. E sgradevole dover assistere ad un impatto ambientale così rovinoso, soprattutto se si mette a confronto un paese tanto organizzato e ordinato con la noncuranza che si estende sull intero territorio. La città è caratterizzata dai grattacieli e dai grandi palazzi, mentre la periferia ed i paesi lontani dai grandi centri, sono contraddistinti da un nugolo di casette unifamiliari con un tessuto stradale demenziale: le strade possono essere larghe tre metri o dieci secondo i capricci del momento, verrebbe da pensare. Un terzo esempio è dato dal sistema di distribuzione dell energia elettrica: un paradosso se si ricorda che stiamo parlando del Giappone. La corrente viene diramata sull intero territorio nazionale attraverso palificazione e tesate aeree, e solo nel pieno centro delle grandi città i cavi della corrente passano sotto il suolo. L architettura nel suo insieme è gradevole, salvo quando si fanno prendere la mano dall audacia progettuale, che non è il 9

10 loro forte: sono ottimi costruttori, ma sotto il profilo del design e della creatività hanno tutto da imparare. Chissà, forse il rigore e i programmi che mettono in ogni cosa li ha portati ad inaridire un poco la fantasia; sta di fatto che alcuni dei loro progetti talvolta dichiarano una scarsa qualità di idee. Cosa diversa, invece, è quando si parla delle grandi infrastrutture distribuite sul territorio, come treni, metrò ed altri servizi pubblici. In questo caso i giapponesi hanno da insegnare a tutti. E sorprendente vedere come tutto sia perfettamente funzionante e puntuale: la metropolitana di Tokyo dispone di tredici linee che attraversano in lungo e in largo l intera città di trenta milioni d abitanti e non capita mai che ci sia un ritardo dei treni. Ogni tre minuti arriva un convoglio e si può evitare di consultare l orologio, perché se si aspetta il treno delle ore 21,30 non possono che essere le 21,30. I treni superveloci sono incredibili, la loro velocità è ben visibile dall interno delle vetture: si vede il paesaggio sfuggire velocemente, ma è sorprendente soprattutto quando entra in città ad una velocità sostenutissima. Corre sui viadotti al di sopra del traffico cittadino e viene da pensare a ciò che potrebbe accadere nel caso di un deragliamento, che però loro danno per impossibile, sostenendo che in quaranta anni non è mai successo il benché minimo incidente. Le monorotaie viaggiano senza conducente e devo confessare che sedersi al posto del manovratore su un treno fantasma fa una certa impressione, ma anche questo è Giappone. L unico inconveniente dei treni e del metrò è il costo elevato, più del doppio rispetto ai nostri servizi. La tecnologia è la regola di base della vita dei giapponesi alla quale non saprebbero più rinunciare: ogni azione è condizionata da qualche diavoleria cibernetica, la loro stessa vita è costantemente accompagnata da un silenzioso compagno computerizzato. 10

11 Il livello di avanzamento nel settore telematico e della robotica è talmente elevato in Giappone da non temere alcuna concorrenza mondiale; gli stessi americani hanno dovuto rinunciare alla ricerca e alla produzione di questo remuneratissimo settore, perché la competizione con il sol levante è assolutamente impensabile. La fabbrica gialla ai piedi del monte Fuji, il cui accesso è vietatissimo ai non addetti, produce giorno e notte robot che vengono esportati in tutto il mondo e nessun altro è in grado di avvicinare i livelli raggiunti dagli occhi a mandorla. Oggi il Giappone ha perso molto potere d acquisto sui mercati internazionali, malgrado continui ad essere una super-potenza economica mondiale; la loro moneta, legata al dollaro, li condiziona molto, ma è probabile che non possano scegliere diversamente: le leggi e le regole del gioco non sempre sono riconducibili alla ragione. Questa loro perdita di terreno negli scambi monetari ha favorito molto l Euro che oggi gode di numerosi vantaggi di cambio-valuta sullo Yen, la moneta giapponese. Per un europeo oggi il Giappone è più praticabile: solo qualche anno fa questo paese era assolutamente improponibile per via degli alti costi dovuti all economia forte e al cambio sfavorevole. Attualmente questa nazione non rappresenta più un ostacolo per accedervi, anche se alcune difficoltà permangono, per esempio la lingua. Verrebbe da pensare che in un paese di questo tipo l inglese sia di casa, invece no: lo parlano in pochi e quei pochi che lo parlano farebbero meglio a rinunciarci. Il problema della lingua è un vero ostacolo che limita notevolmente il forestiero che ha il doppio handicap dell idioma e della scrittura. Fortunatamente sono molto gentili ed in caso di bisogno si fanno in quattro per rendersi utili. Questa terra è riuscita, malgrado l opprimente tecnologia, a mantenere il 11

12 garbo e l amabilità che da noi è andata via via perdendosi fino a trasformarci in un popolo di selvaggi. La proverbiale gentilezza giapponese non rappresenta uno stile turistico costruito, bensì una pratica diffusissima in tutti gli strati sociali. Come abbiano potuto, in tempi recenti, essere dei feroci predatori e colonizzatori, date le loro buone maniere, è cosa ancora tutta da scoprire, ma ad oggi questo è dato rilevare. Il loro garbo fa il paio col loro aspetto fisico: sembra che i loro visi rotondi caratterizzati dagli occhi a mandorla, dalla piccola bocca e dalla carnagione chiara siano stati così concepiti per poter esprimere con naturalezza un sorriso o uno sguardo maliziosamente ammiccante. Esteticamente il popolo giapponese non risulta trovarsi ai primi posti della scala dei valori estetici, tuttavia, cito per esperienza diretta, quando ci si è fatti l occhio sulla diversità della loro bellezza, non si ha difficoltà a rilevare in queste creature un notevole fascino, che io esprimo da uomo facendo omaggio al versante femminile. Anche le gambe storte, che fanno parte della loro differente struttura ossea, alla fine risultano gradevoli e adeguate al loro incedere, che è un veloce sgambettare con i piedini in dentro. Gli studenti sono vestiti con divise diverse in funzione dell istituto che frequentano; sono generalmente abiti di colore blu, molto eleganti e sobri. Vederli tutti insieme sciamare fra la gente, muovendosi con la disinvoltura che contraddistingue i giovani, è un vero piacere. Esprimendo una probabile frettolosa considerazione si direbbe che queste ultime generazioni abbiano subito una sensibile trasformazione rispetto a quelle precedenti e alle loro ferree regole comportamentali; questi giovani sono infatti più disinvolti, più ridanciani e per certi versi anche un po più chiassosi dei loro connazionali più grandi. 12

13 Alcuni fra questi, ma sono pochi, vestono con pantaloni bassi, sotto il sedere, e portano capelli a cresta di gallo vistosamente colorati; questo genere d esibizione è una melanconica manifestazione che non risparmia nessun paese al mondo. Credo di poter asserire che le contraddizioni del genere umano appartengono anche al popolo giapponese. Il comportamento di massa, per quello che è dato vedere, è soffuso da una velata malinconia che porta a pensare ad un popolo incapace di divertirsi. Osservare questa moltitudine spostarsi tutta insieme da un treno ad un metrò, da un grande magazzino alla strada, da un posto all altro come si trattasse di gente predestinata a rincorrere un unico scopo, fa una certa impressione. Nessuno parla o guarda il vicino, nessuno rivolge la parola all altro, l unico compagno col quale si stabilisce un legame è il proprio cellulare o qualche altra diavoleria hightech. Direi che l uso che viene fatto di telefonini ed mp3 è decisamente smodato. Lo scenario che appare più evidente è quello di più individualità isolate fra milioni di altre persone, incapaci di coagulare col resto dell umanità che sta attorno. Si ha l impressione che questo popolo di formiche laboriose abbia qualche difficoltà a socializzare e nel divertirsi, anche se non mancano innumerevoli luoghi destinati al caso. Sono tantissime le proposte del divertimento, del gioco e del desiderio: le offerte vanno dalle sale di Pachinco, alle case da gioco, ai molteplici e diversificati lupanari. I Pachinco sono dei posti sconvolgenti dove centinaia di assatanati deliranti giocano con delle macchine, tipo flipper, nelle quali corrono delle biglie d acciaio. Si può vincere o perdere, ma non è difficile immaginare chi, alla fine, risulti essere sempre il perdente. Il rumore, provocato dal febbrile scorrere delle biglie, è tale da essere assordante, ma questi poveracci sembrano non preoccuparsene: l eccitamento per il gioco ha il sopravvento sulla ragione. 13

14 Altri locali, molto frequentati, ospitano delle gentili signorine che si producono in generose manifestazioni d affetto a pagamento. La gentile clientela maschile, dopo il lavoro e prima di fare rientro nell alveo domestico, si abbandona alle affettuose cure di queste esperte manipolatrici del piacere. Si tratta di un abitudine molto diffusa. Se la droga in Giappone non ha i preoccupanti primati del mondo occidentale, altrettanto non si può dire per l alcol; numerosi sono i casi d alcolismo, anche se è raro vedere degli sbandati per strada, la polizia o la yakuza provvede, in men che non si dica, a risolvere il disagio urbano. Come, non lo so dire. Gli stessi barboni metropolitani, numerosi come in ogni altra metropoli del mondo, fanno capolino nelle stazioni solo dopo le dieci di sera e mettendosi ordinatamente a terra, seguendo le regole di un popolo disciplinato, passano la notte al riparo. Le stazioni giapponesi non sono delle semplici stazioni ferroviarie, sono qualcosa di più: sono il cuore pulsante del paese, il centro da cui si diparte ogni iniziativa; inoltre sono anche luoghi di svago, alberghi, centri commerciali, centri di ristoro e punti d incontro di diverso genere. I ristoranti, piccoli e grandi, sono decine ed offrono un infinità di proposte, sia per qualità che prezzo. Il cibo e l alimentazione in Giappone rappresentano una sorta di sacralità cui non si può derogare. La cucina potrà essere discutibile sotto il profilo del gradimento, ma la cura che ad essa viene dedicata è proverbiale, anche nei ristoranti minori e nelle piccole cose. Mettersi a tavola non rappresenta una preoccupazione economico, tutt altro; è più costoso mangiare una pizza in Italia che consumare un piatto ricco e completo in Giappone. Soprattutto ciò che non è previsto nei loro ristoranti è l imbroglio, che invece è la norma da noi. I piatti dimostrativi che simulano i di- 14

15 versi tipi di portate sono esposti in vetrina con tanto di prezzo e, quando alla fine del pranzo si va a pagare, non c è pericolo che il costo sia diverso da quello indicato in vetrina. Da noi sapere quale sarà il nostro conto finale è sempre un mistero. Molti sono anche i minimarket dove è possibile fare una modesta spesa e preparare uno spuntino frugale, anche se le nostre abitudini ci portano a cercare dei prodotti che spesso, in questa terra d oriente, è difficile trovare. Negli alberghi giapponesi, soprattutto nei ryokan (gli alberghi tradizionali) che sono concepiti come ostelli familiari, è consentito consumare il pranzo e la cena in camera: per cucinare e lavare le stoviglie ci sono, ad ogni piano, degli appositi angoli attrezzati a tale scopo. Ogni stanza è fornita di frigorifero, televisione e un servizio per la preparazione del the con biscotti. Inoltre la dotazione di ogni camera prevede un futon (il materassino spesso pochi centimetri dove ci si corica), i kimoni, le ciabatte e la biancheria che viene cambiata due volte al giorno. Il pavimento, dove si cammina scalzi, è chiamato tatami ed è una stuoia vegetale. Negli alberghi è possibile più o meno tutto. L unica regola che va rigorosamente osservata è la sostituzione delle scarpe con le ciabatte, che si devono calzare nell ingresso del ryokan. Le ciabatte danno le informazioni necessarie circa la presenza degli ospiti nelle camere e nei servizi, infatti queste calzature segnaletiche devono essere abbandonate fuori dalla camera, così come fuori dai bagni devono essere sostituite con altre ancora. Le ciabatte fuori dall uscio sono il certificato della presenza di qualcuno. Quando si decide di lasciare l albergo si compie l operazione a rovescio: nell ingresso si abbandonano le ciabatte e si calzano nuovamente le scarpe. La circolazione pedonale e quella ciclabile è promiscua, infatti le biciclette percorrono lo stesso marciapiede dei pedoni che 15

16 più di una volta rischiano di essere travolti. Alcuni intrepidi ciclisti sfrecciano ad una velocità sostenuta ed è buona regola mantenere rigorosamente la sinistra per evitare il peggio. La carreggiata stradale è riservata unicamente alle auto che fanno uso dell intero sedime senza la preoccupazione di fare gimcane fra biciclette e auto in sosta. Queste ultime non possono sostare lungo le strade, come già detto, e credo che per i trasgressori siano previste sanzioni molto severe, perché non si vede una sola auto parcheggiata; in compenso non mancano i parcheggi pubblici. I servizi pubblici in Giappone sono molto ben organizzati ed efficienti compresi quelli igienici, dove non c è pericolo di trovare un cartino fuori posto. Tutto è lindo e pulito ed è quasi impossibile trovare un rubinetto non funzionante o un dispensatore di sapone vuoto. Anche questo è Giappone. Nei luoghi pubblici è obbligatorio levarsi le scarpe e camminare con le sole calze: il concetto di igiene talvolta è portato al parossismo, ma è probabile che abbiano ragione loro. Le regole consigliate in Giappone valgono quanto quelle imposte e la disciplina dei suoi abitanti è proverbiale: se le regole ci sono ci saranno anche dei buoni motivi che le hanno suggerite. Questa è la mentalità diffusa. La frequentazione di cinema, teatri, auditori, librerie, templi e musei è decisamente massiccia. Nei musei soprattutto, unitamente ai normali visitatori si affiancano scolaresche intiere che prendono appunti per la scuola, che mi risulta essere particolarmente severa ed esigente. L interesse culturale medio della popolazione nipponica è piuttosto elevato ed essa è molto attenta a seguire i grandi avvenimenti del mondo intero di cui non disdegnano condividerne gli effetti positivi. Incuriosito dalle tastiere dei loro computer, che hanno i caratteri occidentali, ho chiesto come si possano cimentare con la 16

17 loro lingua fatta di ideogrammi e segni tanto diversi dai nostri. Non è stata cosa facile capire il meccanismo che utilizzano, ma con un po d approssimazione la faccenda potrebbe essere spiegata così: dispongono di tre modi per scrivere, il Kangj, l Hiraganà e il Katakana; il Kangj è la lingua ideogrammatica che viene usata ad uso esclusivo dei giapponesi, ogni insieme di segni definisce un azione o il significato compiuto di qualcosa, l Hiraganà è un linguaggio che prevede la formazione delle parole attraverso un sistema sillabico, vale a dire che ogni singolo segno corrisponde ad una sillaba precisa da comporre con altre, affinché possano dare un suono, infine il Katakana è la lingua che consente loro di tradurre le lingue straniere in idioma giapponese, tenendo ben presente che alcune parole occidentali, apparentemente comuni e normali, in Giappone non hanno alcun significato se isolate e non legate ad un azione. Tutto quanto descritto poco sopra sarebbe sufficiente per far venire il mal di testa a chiunque, ma loro sostengono trattarsi d un operazione assai semplice e lineare. Viene dedicato molto tempo alla lettura dei fumetti che rappresentano un importante settore della letteratura locale ed un rilevante prodotto d esportazione; a questo genere di produzione letteraria viene data una grande importanza non solo mercantile, ma che esprime l idealità del popolo e del suo modo d essere. Lo spirito che permea le strisce dei fumetti giapponesi è, nella sostanza, l espressione di un modello di vita al quale tendono: una sorta di emulazione cui guardare con orgoglio. Ma come fare a capire tutte queste cose fino in fondo? E per lo più impossibile, proprio esattamente come è difficile penetrare la loro cultura e il loro modo di rapportarsi al resto del mondo. 17

18 Libero Greco novembre

19 UN TUFFO NEL FUTURO dal 20 ottobre al 2 novembre

20 Sabato 20 ottobre 2007 Ore 11,00 MALPENSA - LONDRA TOKYO 1 Il viaggio che stiamo per affrontare non dovrebbe rappresentare una particolare preoccupazione, anzi, per noi dovrebbe risultare una passeggiata rispetto alle avventure che siamo soliti affrontare da soli. All aeroporto della Malpensa facciamo la conoscenza di Andrea, capogruppo della spedizione, e degli altri compagni di vacanza; tutti molto giovani, che ci salutano con quel fare riverenziale che si deve ai nonnetti. Sono stupiti di saperci compagni di viaggio: uno di loro, Simone, con un filo d audacia toscana, esordisce con un lapidario Complimenti, bello spirito alla vostra età!. Avrebbe voluto essere una battuta gentile, ma una frase del genere non poteva che ottenere il risultato esattamente opposto. La giornata sarà scandita da un primo scalo a Londra, poi, nel pomeriggio, si affronterà il gran salto fino a Tokyo. Per la prima volta ci capita di passare il filtro del controllo di polizia ancor prima di fare il check-in: novità assoluta. La giornata è freddina, ma tersa e molto luminosa: attraversando le Alpi, possiamo godere del loro solito spettacolo straordinario. Passiamo sopra la Svizzera, la Germania, la Francia, il Belgio e, dopo lo stretto della Manica atterriamo ad Heathrow, il gigantesco e lercio aeroporto di Londra. L attesa per la coincidenza del nuovo volo è piuttosto pesante anche perché c è di mezzo il fuso orario inglese e così ci tocca pazientare tre noiosissime ore, fino alle 15,30. 20

21 Circa dodici ore di volo separano l Europa dal Giappone e l arrivo a Narita, l aeroporto di Tokyo, è previsto per le ore 11,00 del mattino del giorno successivo, quando finalmente comincerà l avventura giapponese. Ho letto molto su questo paese e ciò che mi ha meravigliato è la diversità delle descrizioni che ne vengono fatte e che talvolta contrastano diametralmente, ma questa diversità di vedute non fa altro che punzecchiare ulteriormente la mia curiosità; dovrò verificare ciò che ho appreso attraverso le diverse letture e confrontarle con ciò che mi sarà dato vedere, senza pregiudizi e con la serenità del caso. Siamo seduti in attesa della chiamata d imbarco ed abbiamo di fronte a noi, al di là della vetrata, il muso di un enorme Jumbo della British Airways che ci porterà in Giappone. Carlotta è tranquilla e silenziosa, forse un po annoiata. Una volta saliti e preso posto, vediamo l aereo pieno come un uovo in ogni fila. Il servizio di bordo è eccellente, per niente paragonabile alla nostra sciagurata compagnia di bandiera, l Alitalia. Ci viene servita la cena, che abbiamo modo d apprezzare sia per la qualità che per l abbondanza, poi non ci rimane che leggere un po, vedere uno dei soliti soporiferi film che propongono in volo ed infine abbandonarci al conseguente sonnellino. Veniamo svegliati un ora prima dell arrivo all aeroporto di Narita per fare colazione, dopo di che comincia il rituale delle famigliole numerose che non trovano mai le cose che hanno sparpagliato in buona parte nei portabagagli dell aereo. Noi ne abbiamo vicino una di quelle, composta da genitori e tre figli irrequieti che a definirli con indulgenza si direbbero rumorosi. Il percorso prevede la rotta polare e in quest ultimo tratto attraversiamo parte della Russia settentrionale e il mare che la separa dal Giappone: fra pochissimo arriveremo nella terra del Sol levante. Per effetto delle tante ore di viaggio ed i fusi orari ci 21

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini,

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini, Cari bambini, Civile questo libretto che vi viene oggi proposto vi aiuterà a conoscere i rischi e ad imparare come difendervi, in particolare dai rischi legati al terremoto. Questo come tutti sapete è

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

La bellezza è la perfezione del tutto

La bellezza è la perfezione del tutto La bellezza è la perfezione del tutto MERANO ALTO ADIGE ITALIA Il generale si piega al particolare. Ai tempi di Goethe errare per terre lontane era per molti tutt altro che scontato. I viandanti erano

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... LA CITTÀ VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: città... città industriale... pianta della città...

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico SASHA La nostra storia é molto molto recente ed é stata fin da subito un piccolo "miracolo" perche' quando abbiamo contattato l' Associazione nel mese di Novembre ci é stato detto che ormai era troppo

Dettagli

Frisch. unità 1. 1 Leggi il testo

Frisch. unità 1. 1 Leggi il testo unità 1 1 Leggi il testo Frisch Frisch era un abitudinario, come lo sono del resto quasi tutte le persone della sua età. Ogni mattina nei tre giorni che passava alla villa si alzava puntualmente alle sette

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

Una notte incredibile

Una notte incredibile Una notte incredibile di Franz Hohler nina aveva dieci anni, perciò anche mezzo addormentata riusciva ad arrivare in bagno dalla sua camera. La porta della sua camera era generalmente accostata e la lampada

Dettagli

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO Sono arrivata in Italia in estate perché i miei genitori lavoravano già qui. Quando ero in Cina, io e mia sorella Yang abitavamo con i nonni, perciò mamma e papà erano tranquilli.

Dettagli

PRIORITY. Precedenza

PRIORITY. Precedenza www.italy-ontheroad.it PRIORITY Precedenza Informazioni generali e consigli. Ciao, sono Namauel Sono una voce amica che prova ad aiutarti, con qualche consiglio, nella circolazione stradale. Mi rivolgo

Dettagli

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia Scuola Primaria Istituto Casa San Giuseppe Suore Vocazioniste Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar Classe IV Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia È il 19 febbraio 2011

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

Flame of Hope maggio 2015

Flame of Hope maggio 2015 Flame of Hope maggio 2015 Cari amici, Quand è che si apprezza maggiormente la vita e si è consapevoli di essere vivi e ne siamo grati? Quando quel dono prezioso è minacciato e poi si apprezza la vita il

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

VENICE-SIMPLON ORIENT-EXPRESS

VENICE-SIMPLON ORIENT-EXPRESS : VENICE-SIMPLON ORIENT-EXPRESS Un Viaggio indimenticabile attraverso la Storia Venice-Simplon Orient-Express è il treno più famoso del mondo, con una storia ultracentenaria che nasce nel 1864 e prosegue

Dettagli

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela di Kristiina Salmela Gole di Fara San Martino (CH) Hei! Ciao! Sono un bel TONTTU - uno gnometto mezzo finlandese mezzo abruzzese, e mi chiamo Cristian alias Rikke. Più di sei anni fa sono nato nel Paese

Dettagli

INFORMAZIONI VALIDE PER TUTTI I VIAGGI

INFORMAZIONI VALIDE PER TUTTI I VIAGGI INFORMAZIONI VALIDE PER TUTTI I VIAGGI Ogni programma è preceduto da una testatina contenente, in forma sintetica, le informazioni relative al viaggio. Lo spazio a disposizione nella scheda è limitato

Dettagli

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può!

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! Pag. 1/3 Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! (Articolo tratto da ALCER n 153 edizione 2010) Conoscere posti nuovi, nuove culture e relazionarsi con persone di altri paesi, di altre città

Dettagli

La Sua Salute e il Suo Benessere

La Sua Salute e il Suo Benessere La Sua Salute e il Suo Benessere ISTRUZIONI: Questo questionario intende valutare cosa Lei pensa della Sua salute. Le informazioni raccolte permetteranno di essere sempre aggiornati su come si sente e

Dettagli

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale.

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Istituto di Scienze e Tecnologie della Cognizione - CNR progetto internazionale "La città dei bambini" Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Non mi mancava la memoria o l intelligenza,

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Il primo maggio 2015 si inaugura a Milano l EXPO, un contenitore di tematiche grandi come l universo: "Nutrire il pianeta. Energia per la vita. Una

Dettagli

Il canale protettivo del Kundalini Yoga

Il canale protettivo del Kundalini Yoga Il canale protettivo del Kundalini Yoga PER COMINCIARE E consigliabile avere un ora ed un luogo determinati dedicati allo yoga. Tempo e spazio sono le coordinate della relatività della nostra esistenza

Dettagli

L ASCENSORE. Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. COS È L ANACAM. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore.

L ASCENSORE. Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. COS È L ANACAM. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore. L ASCENSORE Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore. Cosa fare? Cosa non fare? Questo pieghevole è offerto dal vostro ascensorista

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

Hotel Parco dei Principi Lungomare Zara - Giulianova (TE) - Tel. 085 8008935 - Fax 085 8008773 www.giulianovaparcodeiprincipi.it -

Hotel Parco dei Principi Lungomare Zara - Giulianova (TE) - Tel. 085 8008935 - Fax 085 8008773 www.giulianovaparcodeiprincipi.it - Hotel Parco dei Principi Lungomare Zara - Giulianova (TE) - Tel. 085 8008935 - Fax 085 8008773 www.giulianovaparcodeiprincipi.it - info@giulianovaparcodeiprincipi.it La Vostra Vacanza Benvenuti La Famiglia

Dettagli

1. In generale, direbbe che la sua salute è: (Indichi un numero) Eccellente... 1 Molto buona... 2 Buona..3 Passabile... 4 Scadente...

1. In generale, direbbe che la sua salute è: (Indichi un numero) Eccellente... 1 Molto buona... 2 Buona..3 Passabile... 4 Scadente... ISTRUZIONI: Il questionario intende valutare cosa lei pensa della sua salute. Le informazioni raccolte permetteranno di essere aggiornati su come si sente e su come riesce a svolgere le sue attività' consuete.

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna...

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna molto probabilmente avrei un comportamento diverso. Il mio andamento scolastico non è dei migliori forse a causa dei miei interessi (calcio,videogiochi, wrestling ) e forse mi applicherei

Dettagli

Una storia vera. 1 Nome fittizio.

Una storia vera. 1 Nome fittizio. Una storia vera Naida 1 era nata nel 2000, un anno importante, porterà fortuna si diceva. Era una ragazzina come tante, allegra, vivace e che odiava andare a scuola. Era nata a Columna Pasco, uno dei tanti

Dettagli

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI La mia casa ideale è vicino al mare. Ha un salotto grande e luminoso con molte poltrone comode e un divano grande e comodo.

Dettagli

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

3. L ingresso al campeggio è subordinato al consenso della Direzione.

3. L ingresso al campeggio è subordinato al consenso della Direzione. 1. Per l entrata ed il soggiorno in campeggio è obbligatoria la registrazione di ogni singola persona. All arrivo ogni ospite è tenuto a depositare un documento d identità e controllare l esattezza delle

Dettagli

I Militari possono far politica?

I Militari possono far politica? I Militari possono far politica? Il personale in servizio attivo delle Forze Armate (Esercito, Marina, Aeronautica, Arma dei Carabinieri e Guardia di Finanza) può fare politica? Siccome ci sono tanti mestatori,

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi come Anno scolastico 2012-2013 Classe 2 a D 1 Istituto Comprensivo G. Mazzini Erice Trentapiedi Dirigente Scolastico: Filippo De Vincenzi Ideato e realizzato

Dettagli

La Convenzione Onu sui diritti dei bambini I DIRITTI DEI BAMBINI NELLA VITA DI OGNI GIORNO

La Convenzione Onu sui diritti dei bambini I DIRITTI DEI BAMBINI NELLA VITA DI OGNI GIORNO La Convenzione Onu sui diritti dei bambini I DIRITTI DEI BAMBINI NELLA VITA DI OGNI GIORNO Che cos è la Convenzione Onu sui diritti dei bambini? La Convenzione sui diritti dei bambini è un accordo delle

Dettagli

ROVERETO: PERCORSO NELLE TRINCEE

ROVERETO: PERCORSO NELLE TRINCEE ROVERETO: PERCORSO NELLE TRINCEE Introduzione Il quindici e il sedici ottobre siamo andati in viaggio d'istruzione a Rovereto con la 3 C. Rovereto è una città a sud di Trento ricco di molte attrazioni

Dettagli

TONNARA di SCOPELLO Comunione Tonnare Scopello & Guzzo

TONNARA di SCOPELLO Comunione Tonnare Scopello & Guzzo Vi preghiamo di tener presente che le sistemazioni offerte sono in linea con lo spirito del luogo, lontane dal comfort e dagli standard delle strutture ricettive. In particolare, alcune abitazioni hanno

Dettagli

www.italy-ontheroad.it

www.italy-ontheroad.it www.italy-ontheroad.it Rotonda, rotatoria: istruzioni per l uso. Negli ultimi anni la rotonda, o rotatoria stradale, si è molto diffusa sostituendo gran parte delle aree semaforizzate, ma l utente della

Dettagli

KATE OTTEN Sudafrica

KATE OTTEN Sudafrica Creare edifici che nutrano lo spirito umano e ispirino l immaginazione. Raggiungere l eccellenza architettonica nel contesto specifico dell Africa. Trovare una risposta adeguata alle peculiarità di ogni

Dettagli

Tutt uno con la natura: godetevi le squisite specialità di speck e salumi dalle falde del Massiccio dello Sciliar.

Tutt uno con la natura: godetevi le squisite specialità di speck e salumi dalle falde del Massiccio dello Sciliar. Tutt uno con la natura: godetevi le squisite specialità di speck e salumi dalle falde del Massiccio dello Sciliar. Tutto il fascino delle montagne dell Alto Adige, catturato nelle specialità L Alto Adige,

Dettagli

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA Il ciclo di Arcabas Arcabas è lo pseudonimo dell artista francese Jean Marie Pirot, nato nel 1926. Nella chiesa della Risurrezione a Torre de Roveri (BG) negli anni 1993-1994 ha realizzato un ciclo di

Dettagli

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT SEGUI LE STORIE DI IGNAZIO E DEL SUO ZAINO MAGICO Ciao mi chiamo Ignazio Marino, faccio il medico e voglio fare il sindaco di Roma.

Dettagli

Ogni riferimento a fatti realmente accaduti e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale.

Ogni riferimento a fatti realmente accaduti e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Vite a mezz aria Ogni riferimento a fatti realmente accaduti e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Giuseppe Marco VITE A MEZZ ARIA Romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright

Dettagli

obotica per il relax A New York un esperienza all insegna della tecnologia senza rinunciare ai comfort

obotica per il relax A New York un esperienza all insegna della tecnologia senza rinunciare ai comfort l hotel hi-tech R obotica Se siete persone indipendenti e cercate un ambiente alternativo davvero easy, potete organizzare un giro intercontinentale a New York. Non solo per la città pulsante di vita e

Dettagli

PISTE CICLABILI SU CORSIA RISERVATA

PISTE CICLABILI SU CORSIA RISERVATA Infrastrutture Give Cycling a Push INFRASTRUTTURE / COLLEGAMENTI DELLA RETE PISTE CICLABILI SU CORSIA RISERVATA Visione d insieme Una pista ciclabile su corsia riservata è uno spazio sulla strada riservato

Dettagli

Pagliaccio. A Roma c è un. che cambia ogni giorno. 66 Artù n 58

Pagliaccio. A Roma c è un. che cambia ogni giorno. 66 Artù n 58 format nell accostare gli ingredienti e da raffinatezza della presentazione che fanno trasparire la ricchezza di esperienze acquisite nelle migliori cucine di Europa e Asia da questo chef 45enne d origini

Dettagli

Sommario. Introduzione. Pagina. Regole fondamentali 3. Prudenza con i pedoni 5. I mezzi di trasporto pubblici 7. La precedenza da destra 9

Sommario. Introduzione. Pagina. Regole fondamentali 3. Prudenza con i pedoni 5. I mezzi di trasporto pubblici 7. La precedenza da destra 9 La precedenza ed io Sommario Pagina Regole fondamentali 3 Prudenza con i pedoni 5 I mezzi di trasporto pubblici 7 La precedenza da destra 9 Segnali stradali 10 Segnali luminosi 12 Il traffico in senso

Dettagli

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Affermazioni incentrate sulla Verità per le dodici categorie del Codice di Guarigione Troverete qui di seguito una

Dettagli

Enrico Persico, Il Giornale di Fisica, 1, (1956), 64-67. 1

Enrico Persico, Il Giornale di Fisica, 1, (1956), 64-67. 1 Che cos è che non va? Enrico Persico, Il Giornale di Fisica, 1, (1956), 64-67. 1 Mi dica almeno qualcosa sulle onde elettromagnetiche. La candidata, che poco fa non aveva saputo dire perché i fili della

Dettagli

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA DE ACCESO A LA UNIVERSIDAD MAYORES DE 25 Y 45 AÑOS PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA 2013ko MAIATZA MAYO 2013 L incontro con Guido Dorso Conobbi Dorso quando ero quasi un ragazzo. Ricordo che un amico

Dettagli

UN TEMPO. Foto Tiina Itkonen. Testo Ilaria bernardini

UN TEMPO. Foto Tiina Itkonen. Testo Ilaria bernardini P O R T O L I O UN TEMPO GHIACCIATO Tra le nevi perenni della Groenlandia per ritrovare se stessi. Il racconto di una fuga verso il Nord, in un luogo pieno di luce e di spazio, dove svegliarsi ogni giorno

Dettagli

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Nella prima parte dell anno scolastico 2014-2015 alcune classi del

Dettagli

Routine per l Ora della Nanna

Routine per l Ora della Nanna SCHEDA Routine per l Ora della Nanna Non voglio andare a letto! Ho sete! Devo andare al bagno! Ho paura del buio! Se hai mai sentito il tuo bambino ripetere queste frasi notte dopo notte, con ogni probabilità

Dettagli

Porto di mare senz'acqua

Porto di mare senz'acqua Settembre 2014 Porto di mare senz'acqua Nella comunità di Piquiá passa un onda di ospiti lunga alcuni mesi Qualcuno se ne è già andato. Altri restano a tempo indeterminato D a qualche tempo a questa parte,

Dettagli

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore g Dimore di La o Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore Dimore di Lago Dimore di Lago, terzo volume storico della Collana

Dettagli

TCS Carta Aziendale: assistenza su misura per la Sua azienda

TCS Carta Aziendale: assistenza su misura per la Sua azienda TCS Carta Aziendale Soccorso stradale e protezione giuridica circolazione per veicoli aziendali TCS Carta Aziendale: assistenza su misura per la Sua azienda Un problema in viaggio? Ci pensa il Suo pattugliatore

Dettagli

Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente?

Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente? Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente? Ognuno di noi ha espresso le proprie opinioni, poi la maestra le ha lette ad alta voce. Eravamo proprio curiosi di conoscere le idee ti tutti! Ecco tutti

Dettagli

Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare

Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare Come abbiamo visto nelle pagine precedenti il Sistema Solare è un insieme di molti corpi celesti, diversi fra loro. La sua forma complessiva è quella

Dettagli

ILaboratori di Progettazione Partecipata presentati

ILaboratori di Progettazione Partecipata presentati VISTO DAI BAMBINI E DAI RAGAZZI ILaboratori di Progettazione Partecipata presentati in questa sezione riguardano progetti e proposte in aree di verde pubblico. Se il primo lavoro è finalizzato all arredo

Dettagli

Arcangela Mastromarco

Arcangela Mastromarco Autore: Con la collaborazione di: Arcangela Mastromarco Lidia Scarabelli 1 Unità 1 Questa è la mia famiglia. Io mi chiamo Meijiao. Faccio la IV elementare. La mattina mi alzo alle 7.00, mi vesto e faccio

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA ANNARITA RUBERTO http://scientificando.splinder.com DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA per i piccoli Straws akimbo by Darwin Bell http://www.flickr.com/photos/darwinbell/313220327/ 1 http://scientificando.splinder.com

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio.

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio. articolo N.40 MARZO 2007 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET REG. TRIBUNALE DI LUCCA N 785 DEL 15/07/03 DIRETTORE RESPONSABILE: FERRARI FABRIZIO COORDINATORE TECNICO: LUCCHESI MASSIMO

Dettagli

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo?

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? In Italia, secondo valutazioni ISTAT, i nonni sono circa undici milioni e cinquecento mila, pari al 33,3% dei cittadini che hanno dai 35 anni in su. Le donne

Dettagli

Che cosa fai di solito?

Che cosa fai di solito? Che cosa fai di solito? 2 1 Ascolta la canzone La mia giornata, ritaglia e incolla al posto giusto le immagini di pagina 125. 10 dieci Edizioni Edilingua unità 1 2 Leggi. lindylindy@forte.it ciao Cara

Dettagli

wewelcomeyou fate la vostra scelta

wewelcomeyou fate la vostra scelta wewelcomeyou fate la vostra scelta State cercando la vostra prossima destinazione per l estate? Volete combinare spiagge splendide con gite in montagna e nella natura? Desiderate un atmosfera familiare

Dettagli

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Referenti: Coordinatore Scuole dott. Romano Santoro Coordinatrice progetto dott.ssa Cecilia Stajano c.stajano@gioventudigitale.net Via Umbria

Dettagli

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi La Scuola del Cuoio è stata fondata dopo la Seconda Guerra Mondiale grazie alla collaborazione dei Frati Francescani Minori Conventuali della Basilica di Santa Croce e delle famiglie Gori e Casini, artigiani

Dettagli

IO CI SARÒ. dai 9 anni LIA LEVI. Illustrazioni di Donata Pizzato Serie Arancio n 145 Pagine: 192 Codice: 566-3210-1 Anno di pubblicazione: 2013

IO CI SARÒ. dai 9 anni LIA LEVI. Illustrazioni di Donata Pizzato Serie Arancio n 145 Pagine: 192 Codice: 566-3210-1 Anno di pubblicazione: 2013 PIANO DI IO CI SARÒ LIA LEVI LETTURA dai 9 anni Illustrazioni di Donata Pizzato Serie Arancio n 145 Pagine: 192 Codice: 566-3210-1 Anno di pubblicazione: 2013 L AUTRICE Lia Levi è oggi una delle più affermate

Dettagli

Indovinelli Algebrici

Indovinelli Algebrici OpenLab - Università degli Studi di Firenze - Alcuni semplici problemi 1. L EURO MANCANTE Tre amici vanno a cena in un ristorante. Mangiano le stesse portate e il conto è, in tutto, 25 Euro. Ciascuno di

Dettagli

Il desiderio di essere come tutti

Il desiderio di essere come tutti Francesco Piccolo Il desiderio di essere come tutti Einaudi INT_00_I-IV_Piccolo_Desiderio.indd 3 30/08/13 11.44 Sono nato in un giorno di inizio estate del 1973, a nove anni. Fino a quel momento la mia

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

La mobilità sociale tra Stato e mercato

La mobilità sociale tra Stato e mercato La mobilità sociale tra Stato e mercato di Carlo Lottieri, Università di Siena Nella cultura contemporanea si tende a guardare alla mobilità sociale intesa quale possibilità di ascendere da una posizione

Dettagli

I numeri che si ottengono successivamente sono 98-2 = 96 4 = 92 8 = 84 16 = 68 32 = 36 e ci si ferma perché non possibile togliere 64

I numeri che si ottengono successivamente sono 98-2 = 96 4 = 92 8 = 84 16 = 68 32 = 36 e ci si ferma perché non possibile togliere 64 Problemini e indovinelli 2 Le palline da tennis In uno scatolone ci sono dei tubi che contengono ciascuno 4 palline da tennis.approfittando di una offerta speciale puoi acquistare 4 tubi spendendo 20.

Dettagli

ALOIS RIEGL (1858-1905)

ALOIS RIEGL (1858-1905) ALOIS RIEGL (1858-1903 DER MODERNE DENKMALKULTUS : IL CULTO MODERNO DEI MONUMENTI ANTICHI... NEGLI ULTIMI ANNI SI E VERIFICATO UN PROFONDO CAMBIAMENTO NELLE NOSTRE CONCEZIONI SULLA NATURA E LE ESIGENZE

Dettagli

Francesco Villa Liceo Scientifico Statale Vittorio Veneto

Francesco Villa Liceo Scientifico Statale Vittorio Veneto Francesco Villa Liceo Scientifico Statale Vittorio Veneto La Milano che (non) vorrei... 13 aprile 2014 Anche per oggi suona la campanella che annuncia la fine delle lezioni! Insieme ai miei compagni di

Dettagli

Alcol: ma quanto ce n'è in quello che bevo?

Alcol: ma quanto ce n'è in quello che bevo? www.iss.it/stra ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ DIPARTIMENTO AMBIENTE E CONNESSA PREVENZIONE PRIMARIA REPARTO AMBIENTE E TRAUMI OSSERVATORIO NAZIONALE AMBIENTE E TRAUMI (ONAT) Franco Taggi Alcol: ma quanto

Dettagli

L 8 maggio 2002 il Ministero

L 8 maggio 2002 il Ministero > > > > > Prima strategia: ascoltare le esigenze degli utenti, semplificare il linguaggio e la navigazione del sito. Seconda: sviluppare al nostro interno le competenze e le tecnologie per gestire in proprio

Dettagli

Giacinto Bonanome. Scuola dell Infanzia Asilo Nido Integrato

Giacinto Bonanome. Scuola dell Infanzia Asilo Nido Integrato Centro d Infanzia Giacinto Bonanome Via San Marco 217 37050 Isola Rizza (Vr) Asilo Nido Integrato Progetto psicopedagogico DELLA SEZIONE API Anno scolastico 2013/2014 Centro d Infanzia Giacinto Bonanome

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo.

Concorso La Fiorentina che vorrei. Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Mi chiamo Chiara abito a Sesto Fiorentino e per iniziare voglio fare una premessa. Io di calcio ci capisco

Dettagli

Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust)

Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust) IL TEMPO DI MENTINA Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust) E tempo di occuparci di Mentina, la mia cuginetta che mi somiglia tantissimo; l unica differenza sta nella

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli