Gruppo Net Insurance - Company Profile. - Novembre

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Gruppo Net Insurance - Company Profile. - Novembre 2013 -"

Transcript

1 Gruppo Net Insurance - Company Profile - Novembre

2 Disclaimer The information contained in this presentation is confidential and proprietary and is intended only for the persons to whom it is transmitted by Methorios Capital SpA (hereinafter Methorios, MTH or the Company ). Any reproduction of this document, in whole or in part, or the divulgence of any of its contents, without the prior written consent of the Company, is prohibited. Receipt or possession of this document does not convey any rights to disclose its contents, in whole or in part, to any third party, or to develop, manufacture, use, or sell anything described herein. This document does not constitute an offer to sell any securities. Any such solicitation will be undertaken only under appropriate documents and pursuant to all applicable securities laws. The information set forth herein is believed by the Company to be reliable. It must be recognized, however, that projections and predictions about the company s future performance are necessarily subject to a high degree of uncertainly, and no warranty of such projections is expressed or implied hereby. Some of the statements contained in this presentation, including information incorporated by reference, discuss future expectations, or state other forward looking information. Those statements are subject to known and unknown risks, uncertainties and other factors, several of which are beyond the Company s control, which could cause the actual results to differ materially from those contemplated by the statements. The forward looking information is based on various factors and was derived using numerous assumptions. In light of the risks, assumptions, and uncertainties involved, there can be no assurance that the forward looking information contained in this presentation will in fact transpire or prove to be accurate. The Company makes no representation and undertakes no obligation to update the forward looking information to reflect actual results or changes in assumptions or other factors that could affect those statements. 2

3 Key People Profile KEY PEOPLE RUOLO BACKGROUND Giuseppe Caruso Amministratore Delegato e Direttore Generale Laurea in Scienze Statistiche ed Economiche conseguita presso l università di Siena Dal : Responsabile Sistema Informativo di Marketing presso Gruppo Tirrena di Assicurazioni Dal : Responsabile del Direct Marketing presso Diner s Club d Italia Dal : Dirigente Vita e Responsabile della Business Unit Protezione del Finanziamento presso FATA Assicurazioni (Gruppo Generali) Dal 2001: Amministratore Delegato di Net Insurance S.p.A. Dal 2007: Presidente di Net Insurance Life S.p.A. Luigi Aiudi Chief Financial Officer (Dirigente Preposto alla Redazione dei Documenti Contabili Societari ex art. 154 bis TUF) Laurea in Economia conseguita presso l università LUISS Dottore Commercialista dall anno 1996, e Revisore Contabile Dal : Assistente del Direttore Generale Amministrazione e Controllo della SOFID Dal : Responsabile Budget e Controllo di Gestione della SOFID Dal : Responsabile Amministrazione e Controllo della SOFID Vita S.p.A. Dal 2001: Responsabile Amministrazione, Finanza e Controllo della Net Insurance S.p.A. Dal 2007: Amministratore Delegato di Net Insurance Life S.p.A. Elio Migliardi Dirigente Responsabile Direzione Assicurativa Laurea in Giurisprudenza conseguita presso l università di Napoli Dal : Ispettore di organizzazione commerciale presso FATA Assicurazioni S.p.A. Dal : Responsabile della Funzione Commerciale Area Roma presso Unipol Assicurazioni Dal : Responsabile per le Funzioni Rami Auto, Organizzazione e Vendite Centro-sud presso Allsecures Assicurazioni S.p.A. Dal : Responsabile della Funzione Gestione Commerciale presso FATA Assicurazioni S.p.A. (Gruppo Generali) Dal 2001 ad oggi: Responsabile della Direzione Assicurativa presso Net Insurance S.p.A. 3

4 Table of Contents I GROUP DESCRIPTION II MERCATO DI RIFERIMENTO E PRINCIPALI CLIENTI III BUSINESS MODEL IV KEY FINANCIALS V STRUTTURA DELL OFFERTA VI APPENDICE 4

5 Group Description Net Insurance è un Gruppo assicurativo attivo nei rami danni e vita attraverso due distinte compagnie: Net Insurance S.p.A. e Net Insurance Life S.p.A. Il Gruppo è specializzato nell offerta di prodotti assicurativi di protezione del credito. Il Gruppo, grazie al suo consolidato know-how, detiene una posizione di leadership nel segmento delle coperture assicurative legate alla cessione del quinto. La Mission del Gruppo Net Insurance è: proporre coperture assicurative innovative e di chiara visibilità di prestazione; sviluppare rapporti di partnership con un focus nell area finance; garantire un livello di elevato standard di servizio ai propri partner ed alla relativa clientela. GROUP MILESTONES 2000 Fondazione 2004 Accordo strategico ed ingresso di Swiss RE nel capitale 2006 Ingresso di Unicredit nel capitale 2006 Partecipazione alla costituzione di CQService SpA (nel 2012 incorporata in Zenith Service SpA) 2007 Ingresso di UBI nel capitale 2008 Costituzione Net Insurance Life SpA 2011 Fusione per incorporazione di Personal Loan Holding in Net Insurance SpA 2011 Ingresso di Monte dei Paschi e di Banca Etruria nel capitale 2012 Ingresso di Veneto Banca nel capitale 2013 Acquisizione partecipazione in Techub SpA 2013 Ingresso di Banca Popolare di Bari e del Gruppo AXA nel capitale UNA STORIA DI CRESCITA GESTITA CON EFFICACIA 5

6 Group Description Business Overview Net Insurance è un Gruppo che nasce sull innovazione: nel 2000 i fondatori identificarono il vuoto di offerta nel campo dei prodotti assicurativi legati alla cessione del quinto divenendo in pochi anni leader di questa nicchia di mercato. Oggi, grazie alla consolidata esperienza maturata, alla forte specializzazione ed alla disponibilità di tool di scoring dei rischi specifici per il settore, Net Insurance riesce a mantenere il vantaggio competitivo nei confronti dei principali concorrenti Net Insurance è al contempo un Gruppo integrato verticalmente, che presidia la filiera industriale attraverso società partecipate che si occupano, da un lato, dell erogazione di finanziamenti secondo la modalità della cessione del quinto, Dynamica Retail S.p.A. e Terfinance S.p.A., e, dall altro, della fornitura di servizi connessi alla gestione del credito al consumo, Techub S.p.A. e Zenith Service S.p.A. 4% 5% 10% 4% 3% 1% 3% 3% 2% 1% 1% AT A GLANCE SHAREHOLDERS 63% Soci fondatori NISA S.p.A. Management Net Insurance Swiss Re UBI S.c.p.A. Veneto Banca S.c.p.a. Methorios Capital S.p.A. Axa Banca Etruria Soc. Coop. Banca Popolare di Bari Banca MPS S.p.A. Unicredit S.p.A. LINEE DI BUSINESS Core Business Business to Business Il Gruppo opera prevalentemente con un impostazione B2B attraverso partnership con banche e società di credito al consumo. L area di specializzazione è costituita dalle coperture assicurative abbinate a prestiti personali rimborsabili mediante cessione di quote di stipendio o pensione. Altre Linee di Business Business to Consumer Net Insurance condivide con agenti generali e broker piani mirati per la distribuzione di prodotti innovativi caratterizzati da chiarezza e semplicità, sulla base di un comune percorso di progressiva specializzazione del servizio alla clientela. Business to Business to Consumer Attraverso i canali del web marketing e del direct marketing, Net Insurance è in grado di offrire i propri prodotti direttamente a gruppi di clienti retail che presentano caratteristiche comuni (Affinity Groups e utilities). Net Insurance On Line Net Insurance supporta le attività business to business e business to consumer con investimenti tecnologici sia sul proprio sito che in affiliazione ai siti dei propri partner. CAPACITA DI INNOVAZIONE E CONSOLIDATO KNOW-HOW SONO LE CHIAVI DEL SUCCESSO DEL GRUPPO 6

7 Group Description - Struttura IL GRUPPO NET INSURANCE E LE SUE PARTECIPATE Il Gruppo e le sue partecipate sono ben diversificate ed integrate verticalmente. Il Gruppo è costituito da Net Insurance S.p.A. e dalla sua controllata al 100%, Net Insurance Life S.p.A., attive nel business delle assicurazioni, rispettivamente danni e vita. Le partecipate Dynamica Retail S.p.A. e Terfinance S.p.A. sono entrambe attive nella cessione del quinto e Anthilia Holding S.r.l., Zenith Service S.p.A. e Techub S.p.A. forniscono servizi di supporto di vario tipo. Assicurazioni Cessione del V Servizi di Consulenza *39,9% 10,8% 100% 43,9% 15,0% 7,1% Dynamica Retail S.p.A Terfinance S.p.A Net Insurance Life S.p.A. Techub S.p.A. Anthilia Holding Zenith Service è una società finanziaria specializzata nell erogazione di prestiti non finalizzati sotto forma della cessione del quinto dello stipendio o pensione e delegazione di pagamento, attiva su tutto il territorio nazionale. opera soprattutto nei settori dei prestiti con rimborso mediante cessione del quinto dello stipendio o pensione, con delegazione di pagamento e dei prestiti personali, attiva su tutto il territorio nazionale. è la compagnia del Gruppo operante nel ramo vita, è un interlocutore privilegiato per i clienti ed i canali distributivi del Gruppo, capace di offrire coperture del rischio su misura. offre servizi informatici e sviluppa applicativi per il credito al consumo e la cessione del quinto in particolare S.r.l. è una holding dedicata all asset management con un importante partecipazione in Anthilia Capital Partners SGR S.p.A. Offre servizi di back-office per istituti finanziari e servizi di consulenza e supporto per la strutturazione di cartolarizzazioni INTEGRAZIONE VERTICALE PER PRESIDIARE EFFICACEMENTE LA CATENA DEL VALORE * 19,9% posseduto direttamente da Net Insurance S.p.A. e 20% indirettamente attraverso Net Insurance Life S.p.A. 7

8 Group Description Corporate Governance KEY PEOPLE Direttore Generale G. Caruso CFO L. Aiudi* Direttore Area Assicurativa E. Migliardi Direttore Mercati G. Caruso Direttore Servizi Interni G. Caruso CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE Presidente: Rocchi Alfredo Amministratore Delegato: Caruso Giuseppe Consigliere: Amato Arturo Consigliere: Amato Francesca Romana Consigliere: Amato Giuseppe Romano Consigliere: Amato Renato Giulio Consigliere: Berlendis Lorenzo Consigliere: Boccucci Roberto Consigliere: Monti Maria Consigliere: Passeri Luigi Consigliere: Passeri Marino Consigliere: Rocchi Francesco Consigliere Indipendente: Paolo De Angelis Consigliere Indipendente: Gino Bellotto COLLEGIO SINDACALE Presidente: Perrotta Francesco Sindaco Effettivo: Vella Cosimo Sindaco Effettivo: Bertoli Paolo Sindaco Supplente: Barlassina Umberto Sindaco Supplente : Cantamaglia Paolo SOCIETÀ DI REVISIONE Mazars S.p.A. Dipendenti Settembre Dirigenti Funzionari Dipendenti Collaboratori e apprendisti (2) Total MANAGEMENT TEAM DI COMPROVATA ESPERIENZA *Dirigente Preposto alla Redazione dei Documenti Contabili Societari ex art. 154 bis TUF 8

9 Investment Opportunity Leader in un settore di nicchia in crescita e forte capacità innovativa Gruppo diversificato e altamente integrato Alta specializzazione dei prodotti offerti Tool di scoring specifici per il settore Compagine azionaria di elevato standing funzionale al core business Management altamente qualificato e stabile Società di riassicurazione tra le più reliable del mercato Stabilità della redditività prospettica 9

10 Table of Contents I GROUP DESCRIPTION II MERCATO DI RIFERIMENTO E PRINCIPALI CLIENTI III BUSINESS MODEL IV KEY FINANCIALS V STRUTTURA DELL OFFERTA VI APPENDICE 10

11 Overview del «Core Business» Il finanziamento dietro cessione del quinto è una forma di credito al consumo in cui il finanziamento viene rimborsato attraverso la cessione del quinto dello stipendio o della pensione mensile netta. La cessione del quinto deve essere necessariamente assistita, come previsto dalla vigente normativa, da una polizza assicurativa contro il rischio vita e il rischio impiego (quest ultima solo per i dipendenti). Il Core Business del Gruppo Net Insurance è costituito dall offerta, rivolta agli istituti mutuanti, di coperture assicurative relative al rischio di decesso o di interruzione anticipata del rapporto di lavoro (dimissioni, licenziamento, pre-pensionamento) del mutuatario di finanziamenti basati sulla cessione del quinto. FORME DI TUTELA DEL CREDITO LAVORATORE DIPENDENTE Obbligo al rimborso del finanziamento: a carico del datore di lavoro Trattenuta della pensione in caso di collocazione in quiescenza Escussione del TFR in caso di interruzione del rapporto di lavoro Utilizzo della copertura assicurativa in caso di risoluzione derivante da decesso (indennizzo pari al debito residuo) o rischio impiego (indennizzo pari al debito residuo a seguito delle azioni stragiudiziali volte al recupero del credito) PENSIONATO Rientro del finanziamento a carico dell Istituto di Previdenza obbligatoria Utilizzo della copertura assicurativa in caso di premorienza VANTAGGIO COMPETITIVO L OFFERTA DI COPERTURE ASSICURATIVE RELATIVE AI FINANZIAMENTI EROGATI SECONDO LA MODALITA DELLA CESSIONE DEL QUINTO RICHIEDE COMPETENZE GENERABILI SOLO CON L ESPERIENZA: LA CORRETTA STIMA DEL RISCHIO E PERMESSA DAL KNOW-HOW POSIZIONAMENTO GARANTITO DAL CONSOLIDATO KNOW-HOW 11

12 Mercato di Riferimento IL MERCATO TARGET DEL GRUPPO SONO I DIPENDENTI PERMANENTI, IL CUI NUMERO È RIMASTO STABILE NEL PERIODO DI OSSERVAZIONE - Dati Istat sulla forze lavoro dal 2008 al 2012 (Valori in migliaia di unità) - Anno di osservazione (N) Tasso di disoccupazione(*) 7,1 8,6 8,4 9,6 11,6 var. anno precedente 8% 21% -2% 14% 21% Occupati (a) var. anno precedente 24 (427) (51) 82 (148) Dipendenti permanenti (b) var. anno precedente 213 (172) (181) 89 (157) (c) Dipendenti a termine var. anno precedente (27) (81) (1) Indipendenti var. anno precedente (162) (174) 122 (193) 10 Persone in cerca di occupazione var. anno precedente (41) Totale Forza lavoro var. anno precedente 143 (59) (92) Peso % Dipendenti Pubblici Italia(**) 18,20% 18,20% 18,20% 18,20% 18,20% (d) Peso % Dipendenti Privati Italia(**) 81,80% 81,80% 81,80% 81,80% 81,80% (e) (*) Fonte: Istat (**) Fonte Istat 2008: La struttura del costo del lavoro in Italia - Statistiche/Report L AUMENTO DEL TASSO DI DISOCCUPAZIONE È PRINCIPALMENTE CORRELATO ALLA DIFFFICOLTÀ D INGRESSO NEL MERCATO DEL LAVORO DEI SOGGETTI IN CERCA DI OCCUPAZIONE PITTOSTO CHE ALLA PERDITA DELL IMPIEGO DEI DIPENDENTI PERMANENTI, MERCATO DI RIFERIMENTO DEL GRUPPO NET INSURANCE 12

13 Mercato di Riferimento Prospettive della Cessione del Quinto LA DINAMICA MACROECONOMICA E SETTORIALE FA PRESUMERE UN INCREMENTO DELLA DOMANDA DEI PRODOTTO COSTITUTIVI IL CORE BUSINESS DEL GRUPPO FATTORI MACROECONOMICI La crescita attesa del Prodotto Interno Lordo Italiano e dei consumi nazionali dovrebbero contribuire ad un miglioramento della fiducia dei consumatori e costituire uno stimolo alla propensione all indebitamento e, in particolare, al credito al consumo. Fra le forme di credito al consumo, la cessione del quinto si distingue in quanto permette di soddisfare le esigenze finanziarie di un ampio bacino di utenza (lavoratori dipendenti e pensionati). FATTORI SECTOR SPECIFIC Ritrovato focus dei grandi gruppi bancari per la cessione del quinto: dall estromissione dal mercato di intermediari finanziari operanti con modalità non in linea con le istruzioni di vigilanza, è derivata una nitida selezione e qualificazione del ventaglio degli istituti eroganti, oggi costituiti, in via assolutamente prevalente, dai più importanti gruppi bancari, oltreché da società di credito al consumo di derivazione bancaria, che potranno concentrare le erogazioni sulla cessione del quinto in quanto rappresenta una forma di impiego pienamente garantita Evoluzione PIL Italiano 1,7% 1,8% 1,9% 1,0% (1,7%) (2,4%) Evoluzione Consumi Italiani 1,4% 1,2% 1,0% 0,3% (1,9%) (3,9%) Possibili interventi normativi volti a far prediligere agli istituti bancari la cessione del quinto quale forma di erogazione (minore assorbimento per erogazioni secured) Le operazioni di cartolarizzazione aventi ad oggetto portafogli di crediti di prestiti assistiti da cessione del quinto dello stipendio concluse nel corso del 2013 dimostrano un incremento della domanda di crediti secured che, in una fase di contrazione delle altre forme di finanziamento garantite, fanno presumere una tendenza alla crescita degli impieghi assistiti dalla cessione del quinto da parte delle istituzioni finanziarie. Fonte: Governo Italiano - Nota di Aggiornamento al DEF 2012 ASPETTATIVE DI CRESCITA PER IL MERCATO DELLA CESSIONE DEL QUINTO 13

14 Mercato di Riferimento Andamento Prestiti Personali e Cessione del Quinto Le rilevazioni Assofin relative al primo semestre 2013 mostrano che, contrariamente alla performance di tutte le altre forme di credito al consumo, la cessione del quinto cresce del 3,8%. - - Evoluzione del mercato del Credito al Consumo e della Cessione del V (in termini di importi erogati) YoY (%) 5,7% (10,1%) (10,4%) (1,1%) (4,6%) (12,4%) (0,5%) (8,4%) 3,4% (6,8%) (9,7%) 3,8% (8,4%) Il ritorno alla crescita dell erogazione di finanziamenti garantiti dalla cessione del quinto nel primo semestre 2013 presuppone una crescita del mercato assicurativo relativo alla cessione del quinto nel 2013 La cessione del quinto è l unico segmento del mercato del credito al consumo che registra una crescita nel 1 semestre 2013 (13,8%) (14,0%) H 2013 Credito al consumo (altro) CQS & CQP Prestiti Personali Valori in / H 2013 Credito al Consumo (altro) YoY - (10,1%) (4,6%) (0,5%) (6,8%) (8,4%) CQS & CQP YoY - 5,7% (12,4%) (8,4%) (9,7%) 3,8% Prestiti Personali YoY - (10,4%) (1,1%) 3,4% (13,8%) (14,0%) CQS & CQP/(CQS & CQP+Prestiti Personali) 19,7% 22,4% 20,4% 18,5% 19,2% 20,9% IL MERCATO DI RIFERIMENTO, DOPO UNA FASE DI CONTRAZIONE, HA RIPRESO LA CRESCITA Fonte: Rilevazioni Assofin,

15 Mercato di Riferimento Posizionamento competitivo Il Gruppo Net Insurance è leader in Italia nel segmento assicurativo della Cessione del V dal 2008 #1 La quota di mercato si è stabilmente attestata al di sopra del 30%. Nel 1 semestre 2013, a seguito di un triennio di contrazione, torna a crescere il numero di finanziamenti erogati (+2,4% rispetto al primo semestre 2012) ed il numero di contratti assicurativi stipulati dal Gruppo (+9,6% rispetto al primo semestre 2012) Di seguito si riportano i dati relativi al posizionamento del Gruppo Net Insurance rispetto al segmento assicurativo della Cessione del V in termini di numero di contratti emessi dal Gruppo Net Insurance rispetto al numero complessivo di operazioni finanziate /06/2013 # Contratti Mercato YoY 43,1% 4,0% -8,5% -11,7% -10,7% 2,4%(*) # Contratti Net Insurance YoY -1,7% 37,0% -16,5% -20,1% -10,2% 9,6%(*) Fonte: Osservatorio Assofin sul Credito al Consumo (Anni _06) (*) la variazione fa riferimento al medesimo periodo dell'anno precedente MARKET SHARE Net Insurance 71,0% 29,0% 61,9% 38,1% 65,2% 34,8% 68,5% 31,5% 68,3% 31,7% 69,3% 30,7% LEADERSHIP CONSOLIDATA NEL SEGMENTO ASSICURATIVO DELLA CESSIONE DEL V 15

16 Market Share nel Mercato della cessione del V Principali Clienti Canali e Clienti I PRINCIPALI CLIENTI DEL GRUPPO NET INSURANCE SONO OPERATORI DI EMANAZIONE BANCARIA CHE GODONO DI UNA POSIZIONE DI LEADERSHIP NEL MERCATO DELLA CESSIONE DEL V TOP 5 CLIENTI NET INSURANCE 2008 TOP 5 CLIENTI NET INSURANCE 1H 2013 Pos n.a. n.a. Mkt Share 14,1% 5,7% 0,3% n.a. La Market Share cumulata dei primi 5 clienti del Gruppo Net Insurance ha un CAGR (08-12) pari a circa il 10% 20% 32% % Portafoglio Net n.a. 7% 2 11,6% 12% 11% 11% 8% 49% Pos Mkt Share 6,7% 9,0% 4,8% 2,2% Var.Erogaz. 1H 2012 vs. 1H % 81% -24% 34% 5% Incidenza sul portafoglio Net Insurance La produzione di Net Insurance derivante dagli operatori di emanazione bancaria o da società prodotto di grandi gruppi è passata dal 58% del 2008 al 97% del primo semestre 2013, anche per effetto dell estromissione dal mercato da parte dell autorità di vigilanza di intermediari finanziari operanti con modalità non in linea con le istruzioni di vigilanza. Tale variazione costituisce una maggiore garanzia per il Gruppo in relazione all istruttoria per la concessione dei finanziamenti. Si rileva che il 49% dei contratti registrati al 31 Agosto 2013 è generato dai primi 5 clienti del Gruppo, ciascuno con una incidenza non superiore al 12%. OTTIME PROSPETTIVE DI ESPANSIONE NEL MERCATO DI RIFERIMENTO 16

17 Principali Clienti Prospettive di espansione nel core business ULTERIORI ELEMENTI A SUPPORTO DELLA CRESCITA DELLA QUOTA DI MERCATO Ampliamento del portafoglio clienti 2013: dal 2008 il Gruppo Net Insurance ha costantemente ampliato il proprio portafoglio clienti fidelizzando i leader nella Cessione del V. Tale trend è stato confermato negli ultimi anni e si è consolidato nel 2013 con l ingresso nel portafoglio di Intesa Sanpaolo/NEOS (1 operatore per quota di mercato nel 1 semestre 2013), BNL (5 operatore per quota di mercato nel 1 semestre 2013), e Prestinuova/Banca Popolare di Vicenza (14 operatore per quota di mercato nel 1 semestre 2013). Quest ultimi sono fra gli operatori leader del mercato che hanno registrato tassi di crescita fra i più sostenuti nel comparto, crescendo mediamente nel primo semestre 2013, rispetto all analogo periodo del 2012, del 36,1%. Crescita dei clienti consolidati: i principali clienti del Gruppo Net Insurance nel core business stanno espandendo la propria operatività nel segmento della cessione del quinto generando nuovi spazi per le compagnie del Gruppo. Nel primo semestre 2013 i primi 5 clienti del Gruppo Net Insurance hanno incrementato l erogazione di finanziamenti assistititi dalla cessione del quinto dello stipendio o della pensione del 7,3% rispetto all analogo periodo dell esercizio precedente. Accordo AXA: nel settembre 2013 il Gruppo assicurativo AXA, leader europeo del mercato assicurativo con premi complessivi 2012 superiori ai 90 miliardi di euro, ha sottoscritto un accordo industriale con il Gruppo Net Insurance, che prevede l ingresso nella compagine sociale di quest ultima, tramite l acquisto di una partecipazione dai soci fondatori, e la sottoscrizione di un trattato di riassicurazione. Il citato trattato prevede che AXA ha il diritto di riassicurare una quota significativa del portafoglio premi del Gruppo afferente la Cessione del Quinto. Tale operazione avrà anche ulteriori importanti risvolti sul lato dell offerta del Gruppo Net Insurance nel core business, in quanto permetterà di incrementare la copertura massima riferita a ciascun cliente laddove il Gruppo Net Insurance si presenterà in partnership con Axa. OTTIME PROSPETTIVE DI ESPANSIONE NEL MERCATO DI RIFERIMENTO 17

18 Principali Clienti Current Trading Core Business Premi registrati nei primi 8 mesi 2013 e 2012 (Valori in /000) 12,8% Nuovi Clienti Intesa Sanpaolo/NEOS BNL Prestinuova - BPV +8,58% ,7% Altri già in portafoglio Primi 5 Clienti 45,5% Agosto Agosto 2013 CRESCITA DEI PREMI 2013 SUPERIORE ALL ESPANSIONE DEL MERCATO DELLA CESSIONE DEL V 18

19 Principali Clienti PRINCIPALI CLIENTI Agos Ducato S.p.A. Gruppo Crédit Agricole Banca di Credito Popolare Banca di Sassari S.p.A. Gruppo Bper Banca Popolare Pugliese Bieffe5 S.p.A. Gruppo Findomestic BNL FINANCE Gruppo Bnp Paribas Carichieti S.p.A. Gruppo Cassa di Risp. Di Chieti CASSA DEPOSITI E PRESTITI S.C.R.L. Claris Cinque S.p.A. - Gruppo Veneto Banca CONAFI Gruppo Banca Etruria Consum.it S.p.A. Gruppo Montepaschi Credem Banca S.p.A. Creditis S.p.A. Gruppo Banca Carige Dynamica Retail S.p.A. Fides S.p.A. Gruppo Banco Desio Futuro S.p.A. e Compass S.p.A. Gruppo Mediobanca INTESA SANPAOLO PERSONAL FINANCE - Gruppo Intesa Sanpaolo Ibl Banca S.p.A. Italcredi S.p.A. Gruppo Banca Popolare di Ravenna LOGOS FINANZIARIA Gruppo Crédit Agricole Pitagora S.p.A. PRESTINUOVA Gruppo Banca Popolare di Vicenza Prestitalia S.p.A. Gruppo UBI Banca PROFAMILY Gruppo Banca Popolare di Milano QG ITALIA RACES SIGLA TerFinance S.p.A. Unicredit S.p.A. CLIENTELA FEDELE E DI ELEVATO STANDING 19

20 Table of Contents I GROUP DESCRIPTION II MERCATO DI RIFERIMENTO E PRINCIPALI CLIENTI III BUSINESS MODEL IV KEY FINANCIALS V STRUTTURA DELL OFFERTA VI APPENDICE 20

21 Business Model del «Core Business» CORE BUSINESS Ramo Credito Ramo Vita Rischio impiego del mutuatario Rischio premorienza del mutuatario Prestiti a lavoratori dipendenti e pensionati (cessione del quinto) Clienti: banche e società di credito al consumo 21

22 Business Model La gestione dei rischi del core business (1/3) COMPOSIZIONE DEL PORTAFOGLIO POLIZZE PREVALENZA DI DIPENDENTI PUBBLICI La stabilità dell andamento dei sinistri è da attribuire alla composizione dei soggetti finanziati a cui si riferiscono le coperture assicurative prestate che, in termini di montanti assicurati, per il 69% è rappresentato da dipendenti pubblici. Per quanto riguarda i soggetti finanziati dipendenti del settore privato si evidenzia che le aziende datrici di lavoro selezionate dalla Compagnia, in base a stringenti barriere all ingresso, rappresentano circa il 15% su scala nazionale di quelle con più di 15 dipendenti. Distribuzione per generazione dei montanti CQS assicurati dall'origine 69% 31% Privata Pubblica POLITICA ASSUNTIVA RELATIVA AI LAVORATORI DIPENDENTI DI AZIENDE PRIVATE La copertura assicurativa è rilasciata solo se il rapporto di lavoro è a tempo indeterminato; L assumibilità del rischio dipende dalle risultanze di sistema integrato di scoring interno applicato alla società datrice di lavoro; L assumibilità del rischio è circoscritta a lavoratori dipendenti di aziende con più di 15 dipendenti; La copertura assicurativa non viene prestata per prestiti a dipendenti di aziende che, per settore merceologico o stagionalità del ciclo produttivo, sono fisiologicamente caratterizzate da elevato turn-over del personale. LA POLITICA ASSUNTIVA DEL GRUPPO È ORIENTATA AD UNA OTTIMALE GESTIONE DEL RISCHIO 22

23 Business Model Net Insurance e la disoccupazione in Italia (2/3) Come precedentemente rilevato nella sezione riguardante il mercato, i destinatari dell offerta del Gruppo Net Insurance relativa al core business sono i dipendenti permanenti il cui numero è rimasto tendenzialmente stabile e non correlato all andamento del tasso di disoccupazione. Al fine di riportare una valutazione oggettiva dei rischi acquisiti nell ambito del «Rischio Impiego», è stato sviluppato un modello di calcolo atto a quantificare la sinistralità del portafoglio della Net Insurance S.p.A., in relazione alla disoccupazione registrata in Italia negli ultimi 5 anni. Il modello di calcolo presuppone la quantificazione del peso percentuale degli esposti al rischio della Net Insurance S.p.A., in relazione alla tipologia di amministrazione (istituzione pubblica o privata) presso cui il lavoratore presta la propria opera. Dai dati diffusi dall Istat (anno 2008) i dipendenti del settore pubblico rappresentano circa il 18,2% dell occupazione dipendente totale. Applicando tale ipotesi di ripartizione ((d) ed (e)) al numero dei dipendenti permanenti rapportato al totale di occupati, si determina il peso di ciascuna categoria di lavoratore sul totale degli occupati in Italia. - Modello di valutazione 2008 al 2012 (Valori in migliaia di unità) - Anno di osservazione (N) Peso % Stima Dipendenti Pubblici Permanenti su totale occupati 11,91% 12,00% 11,88% 11,91% 11,86% (f)=(b)*(d)/(a) Peso % Stima Dipendenti Privati Permanenti su totale occupati 53,53% 53,91% 53,39% 53,51% 53,30% (g)=(b)*(e)/(a) Peso % Stima Dipendenti Pubblici e Privati Permanenti su totale occupati in Italia 65,44% 65,91% 65,27% 65,42% 65,16% Peso % Dipendenti Pubblici Net 60,50% 60,39% 60,30% 60,48% 60,29% (h) Peso % Dipendenti Privati Net 39,50% 39,61% 39,70% 39,52% 39,71% (i) Peso % Stima Esposti Net Dipendenti Pubblici Permanenti su totale occupati in Italia 7,21% 7,24% 7,16% 7,20% 7,15% (j)=(h)*(f) Peso % Stima Esposti Net Dipendenti Privati Permanenti su totale occupati in Italia 21,15% 21,35% 21,19% 21,15% 21,16% (k)= (i)*(g) Peso % Stima Esposti Net Dipendenti Pubblici e Privati Permanenti su totale occupati in Italia 28,35% 28,60% 28,36% 28,35% 28,31% (l)=(j)+(k) Uscite Istat Dipendenti permanenti 213,000 (172,000) (181,000) 89,000 (157,000) (m)=(c) % Decremento occupazione Istat Dipendenti Permanenti su totale occupati N.A. 0,74% 0,79% N.A. 0,68% (n)=(m)/((a) ad N-1) % Decremento occupazione Net Dipendenti Permanenti su totale occupati N.A. 0,21% 0,23% N.A. 0,19% (o)=(n)*((l) a N-1) Esposti Net anno N-2 249, , , , ,513 (p) Esposti Net anno N-1 322, , , , ,876 (q) Determinazione frequenza sinistri osservata anno N-1 Uscite osservate anno N-1 causa Licenziamento (pagati e riservati) 2,033 2,737 3,976 4,394 4,586 (r) Frequenza sinistri osservata anno N-1 0,82% 0,85% 1,01% 0,95% 0,85% (s)= (r)/(p) Numero denunce attese anno N 2,634 3,351 4,671 5,096 4,938 (t)=(s)*(q) Maggiori denunce stimate su base Istat N.A. 0,825 1,049 N.A. 1,124 (u)= (q)*(o) Numero denunce attese con incremento Istat anno N 2,634 4,176 5,720 5,096 6,062 (v)=(u)+(t) Uscite osservate anno N causa Licenziamento 2,737 3,976 4,394 4,586 4,786 (w) Variazione numero di sinistri attesi su incremento Istat 0,103 (0,200) (1,326) (0,510) (1,276) (x)=(w)-(v) Variazione % rispetto al numero di sinistri attesi su incremento Istat 4% -5% -23% -10% -21% L analisi conferma la sostanziale stabilità dell andamento dei sinistri, stabilità riconducibile ad un mix di portafoglio in cui figura prevalente l assunzione di rischi connessi a dipendenti pubblici. È lecito quindi affermare che all aumentare del tasso di disoccupazione non corrisponde necessariamente un incremento di perdita di occupazione dei dipendenti con carattere permanente (anni 2008 e 2011), ciò a conferma dell assenza di correlazione tra tasso di disoccupazione e sinistralità totale del portafoglio della Compagnia. 23

24 Business Model La gestione dei rischi del core business (3/3) Probabilità di eliminazione per "Rischio di Premorienza Probabilità di eliminazione per "Rischio d'impiego anni trascorsi dalla sottoscrizione Il Grafico mostra l andamento della probabilità di uscita dal portafoglio, valutata sui dati storici del Gruppo, al verificarsi degli eventi oggetto di copertura relativi al «Rischio di premorienza». Si può osservare che la sinistralità si concentra prevalentemente fra il secondo e il quinto anno. Il grafico sottostante mostra l andamento di ogni singola generazione contrattuale presa in esame. Per contenere gli effetti connessi con il moral hazard dei mutuatari è previsto il rapporto di visita medica per importi superiori alla media anni trascorsi dalla sottoscrizione Il Grafico mostra l andamento della probabilità di uscita dal portafoglio, valutata sui dati storici del Gruppo, al verificarsi degli eventi oggetto di copertura relativi al «Rischio d Impiego». Si può osservare che la sinistralità si concentra prevalentemente fra il secondo e il quarto anno. Il grafico sottostante mostra l andamento di ogni singola generazione contrattuale presa in esame. Andamento del Rischio di Premorienza per Singola Generazione Andamento del Rischio di Impiego per Singola Generazione anni trascorsi dalla sottoscrizione anni trascorsi dalla sottoscrizione IL CALO DELLA SINISTRALITA FA PRESUMERE UN INCREMENTO DELLA REDDITIVITA Dal 2010 la sinistralità implicita è più contenuta per effetto di un politica assuntiva ancora più stringente che concorrerà al decremento del rapporto sinistri/premi, già positivamente influenzato da una contrazione della quota capitale rilevabile sulle generazioni più recenti, riconducibile all incremento del TAN sui finanziamenti erogati. 24

25 Business Model Linee di Prodotto diverse dal Core Business ALTRE LINEE DI BUSINESS Polizze vita (Temporanee caso morte) Polizze infortuni Polizza rischi agricoli Polizze incendio e furto abitazione Polizze multigaranzia per la famiglia Polizze di tutela del locatore di immobile residenziale Clienti: persone fisiche e famiglie 25

26 Business Model Rete Distributiva NET INSURANCE NET INSURANCE LIFE /06/ /06/ Agenti; 19 Agenti; 7 Agenti; 16 Agenti; 18 Broker; 29 Broker; 15 Broker; 25 Broker; 20 Intermediari sez. D del RUI 21 Intermediari sez. D del RUI 25 Intermediari sez. D del RUI 26 Intermediari sez. D del RUI Agenti Agenti Broker Broker Intermediari Intermediari sez.d sez.d RUI RUI Agenti Broker Intermediar /06/ /06/2013 Il Gruppo, nel corso dei primi mesi del 2013, ha sensibilmente ampliato il proprio network distributivo, coerentemente con l obiettivo strategico di diversificare l offerta prodotti e incrementare la distribuzione diretta. STRUTTURA DISTRIBUTIVA POTENZIATA PER L OFFERTA DEGLI ALTRI PRODOTTI (NON CESSIONE DEL V) 26

27 Business Model Riassicuratori produzione 2013 RIASSICURATORI DESCRIZIONE TRATTATI IN ESSERE RATING Ramo danni: trattato in quota pura per premi di sottoscrizione, in tacito rinnovo, per il ramo credito limitatamente alla Cessione del Quinto dello Stipendio, e per un aliquota pari al 15% dei premi. Ramo vita: trattato, in tacito rinnovo, con la cessione del 17% dei premi relativi alla produzione Cessione del Quinto dello Stipendio e del 15% dei rami afferenti alla cessione del Quinto della Pensione. S&P: Fitch: AM Best: AA- A+ A+ Ramo danni: trattato in quota pura per premi di sottoscrizione, in tacito rinnovo, per il ramo credito limitatamente alla Cessione del Quinto dello Stipendio, e per un aliquota pari al 15% dei premi. Ramo vita: trattato, in tacito rinnovo, con la cessione del 15% dei premi derivanti dalla produzione Cessione del Quinto. S&P: Moody s: AM Best: AA+ Aa1 A++ Ramo danni: trattato in quota pura per premi di sottoscrizione, in tacito rinnovo, per il ramo credito limitatamente alla Cessione del Quinto dello Stipendio, e per un aliquota pari al 10% dei premi. Ramo vita: trattato, in tacito rinnovo, con la cessione del 15% dei premi relativi alla produzione Cessione del Quinto dello Stipendio e del 15% dei premi afferenti alla Cessione del Quinto della Pensione. S&P: Moody s: AM Best: Fitch: AA- Aa3 A+ AA- Ramo danni: trattati su rischi diversi dalla Cessione del Quinto. Ramo vita: trattati su rischi diversi dalla Cessione del Quinto. S&P: Moody s: AM Best: AA- A1 A+ Ramo danni: trattato in quota pura per premi di sottoscrizione, di durata annuale, per il ramo credito limitatamente alla Cessione del Quinto dello Stipendio, e per un aliquota pari al 3% dei premi. Ramo vita: trattato, di durata annuale, con la cessione del 3% dei premi derivanti dalla produzione Cessione del Quinto. S&P: Fitch: Mood s: A+ AA- Aa3 27

28 Business Model SWOT Analysis Strengths STABILITÀ QUOTA DI MERCATO INNOVAZIONE DI PRODOTTO INTEGRAZIONE VERTICALE CONSOLIDATO KNOW-HOW NEL CORE BUSINESS - TOOLS DI SCORING PER LA GESTIONE DEI RISCHI SPECIFICI CHE FAVORISCONO LA TARIFFAZIONE VELOCITA DI LIQUIDAZIONE DEI SINISTRI QUALITA DEL SERVIZIO SPECIALIZZAZIONE Opportunities Weaknesses LIMITATA GAMMA PRODOTTI RETE DISTRIBUTIVA RETAIL POCO ARTICOLATA Threaths MERCATO DI RIFERIMENTO IN CRESCITA SVILUPPO CANALE BANKASSURANCE SVILUPPO DI CANALI DI DISTRIBUZIONE INNOVATIVI (WEB) MODIFICHE NORMATIVE SFAVOREVOLI INGRESSO DI PLAYER ESTERI NELLA NICCHIA DELLA CESSIONE DEL QUINTO I FATTORI POSITIVI SOSTENGONO IL PIANO DI CRESCITA. LE PRINCIPALI MINACCE ESTERNE NON METTONO IN DISCUSSIONE IL BUSINESS MODEL 28

29 Business Model Linee di Prodotto LA NOSTRA VISIONE DEL FUTURO Il nostro approccio per la massimizzazione del valore 1 ORIENTAMENTO ALL INNOVAZIONE 2 SENSIBILITA ALLE PARTNERSHIP 3 FLESSIBILITA PROGETTUALE 4 ATTENZIONE ALLA QUALITÀ DEL SERVIZIO 5 ORIENTAMENTO AL SOCIALE MISSION:CREARE VALORE PER GLI AZIONISTI 29

30 Business Model Strategic Guidelines LE PRIORITA STRATEGICHE DEL PIANO D AZIONE KEY ACTIONS EXECUTION PLANS MANTENERE LA LEADERSHIP NELLA NICCHIA DELLA CESSIONE DEL QUINTO consolidare i rapporti con i partner operativi convenzionare nuovi players migliorare la redditività tecnica del prodotto DIVERSIFICARE IN OTTICA MULTICANALE Ampliamento del network di agenti e broker Potenziamento della rete di distribuzione (attraverso accordi e scambi partecipativi con banche regionali) e creazione di ulteriori partnership con reti bancarie Potenziamento dell offerta diretta (internet e telefono) Sviluppo di rapporti diretti con comunità di utenti DIVERSIFICARE IN NUOVE NICCHIE DI PRODOTTO Sfruttare il know-how e la capacità innovativa per espandersi in nuove nicchie di mercato non presidiate dai competitor (pet insurance, polizze su contratti di locazione, ecc) CONSOLIDARE LA LEADERSHIP E DIVERSIFICARE CANALI E PRODOTTI PER CONTINUARE AD ECCELLERE 30

31 Table of Contents I GROUP DESCRIPTION II MERCATO DI RIFERIMENTO E PRINCIPALI CLIENTI III BUSINESS MODEL IV KEY FINANCIALS V STRUTTURA DELL OFFERTA VI APPENDICE 31

32 Key Financials Conto Economico CONTO ECONOMICO CONSOLIDATO IFRS Conto economico riclassificato ( /000) FY 2010 FY 2011 FY 2012 Premi lordi di competenza Premi netti Oneri lordi dei sinistri e var. riserve Oneri netti relativi a sinistri Proventi netti degli investimenti Spese di gestione Provvigioni ricevute dai riass Altri ricavi Altri costi Utile lordo a Conto Economico (1.013) Imposte (282) Utile netto a Conto Economico (731) Il decremento dei premi lordi contabilizzati, del 13,8%, è riconducibile al ridimensionamento del numero di intermediari finanziari operanti nel settore e altresì alla forte diminuzione, coerente con la politica assuntiva del Gruppo, della raccolta premi nel ramo vita nel segmento pensionati; gli oneri relativi ai sinistri nel 2011 e 2012 risentono delle conseguenze della maggiore produzione registrata nel 2008 e 2009 (la sinistralità si concentra fra il secondo e quarto anno successivi all emissione della polizza); la diminuzione delle provvigioni ricevute dai riassicuratori, del 65,2%, è dovuta principalmente alle condizioni dei nuovi trattati sottoscritti che hanno recepito gli effetti negativi del contesto macroeconomico; le Spese di gestione diminuiscono nel 2012 in quanto si sono registrate meno provvigioni passive per effetto dei nuovi accordi con gli istituti finanziari; i proventi finanziari netti, pari a nel 2012, hanno mostrato un forte aumento rispetto al 2011, per via della ripresa che ha interessato i mercati finanziari nel corso dell anno; le imposte presentano un saldo positivo di , per effetto delle imposte anticipate accantonate dalla capogruppo Net Insurance; la perdita netta 2012 risente delle rettifiche conseguenti all applicazioni dei principi contabili IAS/IFRS, in particolare riguardo alla valutazione dei titoli available for sale (i bilanci redatti secondo i principi contabili italiani della Net Insurance S.p.A. e della Net Insurance Life S.p.A. riportano entrambi un risultato netto positivo). 32

33 Key Financials Current Trading & Adjustments: 1H 2013 CONTO ECONOMICO CONSOLIDATO SEMESTRALE IFRS Conto economico riclassificato ( /000) 1H H H 2013 Adjusted Premi lordi di competenza Premi netti Oneri lordi dei sinistri e var. riserve Oneri netti relativi a sinistri Proventi netti degli investimenti Spese di gestione Provvigioni ricevute dai riass Altri ricavi Altri costi Utile lordo a Conto Economico 41 (729) Imposte 34 (101) 531 Utile netto a Conto Economico 7 (628) I DATI RELATIVI AL PRIMO SEMESTRE SONO STATI OGGETTO DI ALCUNI AGGIUSTAMENTI VOLTI A MITIGARE L EFFETTO DEL RECENTE INTERVENTO NORMATIVO (L. 221/2012) Scopo della valutazione: Stimare l impatto sul margine tecnico al 30 Giugno 2013 al verificarsi degli annullamenti per cessato rischio ipotizzando la stessa frequenza degli annullamenti per cessato rischio osservata nel I Semestre del 2012 Evidenze: Tale valutazione ha comportato una riduzione delle perdite a conto tecnico della Compagnia al 30 Giugno L importo delle nuove riserve valutate (sia al lordo che al netto della riassicurazione) è stato imputato a Conto Tecnico; l impatto dell abbattimento delle riserve al 30 Giugno 2013 incide sul margine tecnico per un beneficio lordo di imposte pari a circa migliaia di euro. Nel primo semestre 2013, a fronte di una crescita dei premi lordi contabilizzati di circa il 25% (vedi slide successiva) rispetto al primo semestre 2012 per effetto del sensibile incremento dei premi lordi del ramo credito (+29% da 12,4 Mln a 16 Mln) e altri danni (da 99 k a 7,8 Mln) parzialmente compensato dalla contrazione dei premi del ramo vita (-12% da 21,6 Mln a 19 Mln), si registra un decremento dei premi di competenza e, quindi dei premi netti, per effetto di una maggiore conservazione in portafoglio dei rischi assunti nelle generazioni precedenti a seguito dei recenti interventi normativi in materia di estinzione anticipata dei finanziamenti. Con riferimento ai premi netti occorre inoltre precisare che il piano delle cessioni riassicurative 2013 prevede una maggiore cessione rispetto all anno precedente dei premi acquisiti; i sinistri pagati nel primo semestre 2013 risentono della crescita del portafoglio soggetto a rischi; le commissioni riassicurative crescono nel primo semestre 2013 per effetto dei più favorevoli accordi con i riassicuratori nel ramo vita e, in misura prevalente, per la crescita dei volumi riassicurati nel ramo altri danni (rischi agricoli). 33

34 Key Financials Premi ANDAMENTO RACCOLTA PREMI La raccolta dei premi lordi dal 2003 ad oggi ha mostrato una crescita costante nel ramo danni, unico business di specializzazione di Net Insurance fino al 2007, raggiungendo un valore di 97 Mln. Dal 2008, per effetto dell entrata in vigore del Reg. Isvap n. 29/2009, Net Insurance, attraverso Net Insurance Life, ha esteso la propria operatività alle assicurazioni sulla vita, mostrando, già dall anno successivo, una raccolta premi superiore a quella del business danni. Nel 2012, Il decremento dei premi lordi, del 15,7% è riconducibile al ridimensionamento del numero di intermediari finanziari operanti nel settore. Il decremento è dovuto altresì alla forte diminuzione della raccolta premi nel ramo vita nel settore pensionati. 160 /Mln , , ,5 26,9 28, Premi Danni Premi Vita 34

35 Key Financials Raccolta Danni & Raccolta Vita BUSINESS DANNI RACCOLTA DANNI NET INSURANCE RACCOLTA DANNI 2012 MERCATO /000 Fonte: Circolare IVASS Aprile ,6% ,9% +91,7% Net Insurance cresce nel business danni più del mercato H H 2013 BUSINESS VITA RACCOLTA RAMO I VITA NET INSURANCE / ,3% RACCOLTA RAMO I VITA 2012 MERCATO -9,6% Fonte: Circolare IVASS Aprile ,0% Il Gruppo ha ridotto volontariamente l offerta di coperture per i rischi relativi al comparto dei pensionati in seguito a politiche di riduzione dei tassi di premio praticati dalla concorrenza H H

36 Key Financials Dettaglio dei conti tecnici Totale Danni 1H 2013 Adj* 1H 2013 FY 2012 FY 2011 FY 2010 Premium Earned 1H 2013 Premi lordi contabilizzati Variazione riserve premi (2.612) Premi lordi competenza Oneri per sinistri* (21.847) (22.276) (49.036) (47.886) (57.492) Provvigioni e altre spese di gestione (4.354) (4.354) (6.314) (5.666) (6.518) Saldo riassicurazione Utile gestione finanziaria Risultato tecnico 262 (2.088) (931) (433) (160) Ramo I Vita (*) 1H 2013 Adj* 1H 2013 FY 2012 FY 2011 FY 2010 Premi lordi contabilizzati Variazione riserve matematiche (2.764) (2.764) (9.226) (26.694) (39.637) Premi al netto variazione riserve matematiche** Oneri per sinistri*** (17.804) (17.804) (33.116) (22.015) (14.563) Provvigioni e altre spese di gestione (1.586) (1.586) (4.733) (8.408) (10.348) Saldo riassicurazione % 46% 53% Premium Earned FY % Utile gestione finanziaria (141) Risultato tecnico Premi Lordi di Competenza Premi Lordi di Competenza FY 2011 Premium Earned FY 2011 DAL 2011 AL PRIMO SEMESTRE 2013, L INCIDENZA SUL TOTALE DEI PREMI LORDI DI COMPENTENZA AFFERENTE AI RAMI VITA E DIMINUITA NOTEVOLMENTE A FAVORE DEI RAMI DANNI (54% nel 2011 Vs 47% nel primo semestre 2013) 54% 46% Ramo Danni Ramo I Vita (*) Nel ramo vita, secondo i principi contabili Ias/Ifrs, i premi lordi di competenza sono considerati al lordo della variazione della riserva matematica. Pertanto i premi lordi di competenza di gruppo sono calcolati al lordo della suddetta variazione. 36

37 Key Financials Stato Patrimoniale STATO PATRIMONIALE CONSOLIDATO IFRS / Variazione % Variazione Attività immateriali ,3% Attività materiali ,6% Investimenti (1.157) -0,6% Altri elementi dell'attivo ,3% Riserve tecniche riassicurative (5.370) -3,5% Riserve tecniche lorde ( ) ( ) ,8% Passività finanziarie ,0% Altri elementi del passivo ,9% Patrimonio netto ,9% % 2011 % 2012 Partecipazioni ,1% 1,2% Finanziamenti ,2% 6,4% AFS - F.Comuni di investimento ,9% 9,8% AFS - Obbligazioni ,2% 70,9% AFS - Azioni ,6% 11,8% Totale Investimenti ,0% 100,0% L'attività di investimento viene condotta in base ad una politica di investimento approvata dal CdA e rivista almeno una volta l'anno. Il Gruppo si avvale anche del supporto della funzione di Risk Management affidata a un consulente esterno, Kriel, per la valutazione periodica dei rischi finanziari, funzionali alla gestione ottimale degli stessi Le attività immateriali, in aumento per , risentono della riclassifica del valore della partecipazione in Dynamica Retail S.p.A. alla voce Avviamento a seguito dell imputazione del solo valore del patrimonio netto alla voce Investimenti ; L incremento delle attività materiali ( migliaia di euro) è riconducibile principalmente all acquisto, a fine novembre 2012, dalla controllante Net Insurance (per il 35%) e dalla controllata Net Insurance Life (per il 65%) dell immobile destinato a divenire la nuova sede sociale delle compagnie del Gruppo. L immobile è sito a Roma, in Via Guattani n. 4/bis. Il valore dell immobile è comprensivo degli oneri di acquisizione che si vanno a sommare al costo di acquisto dello stesso; gli investimenti finanziari, al 2012, mostrano un decremento complessivo dello 0,6% rispetto all anno precedente, dovuto: al decremento delle partecipazioni a seguito della valutazione al patrimonio netto della partecipazione di Dynamica Retail S.p.A.; all incremento delle attività disponibili per la vendita riconducibile principalmente all effetto positivo sul valore dei titoli in portafoglio generato dall andamento favorevole dei mercati finanziari. 37

38 Key Financials Composizione degli investimenti finanziari 12% 5% 31% IL PORTAFOGLIO DEL GRUPPO NET INSURANCE RISULTA BEN BILANCIATO E REGISTRA RENDIMENTI SUPERIORI AL BENCHMARK 52% Corporate Titoli di Stato Fondi comuni e SICAV Titoli azionari 16,00% 12,00% 14,00% 12,00% 10,00% 10,00% 8,00% 8,00% 6,00% 6,00% 4,00% 4,00% 2,00% 2,00% 0,00% -2,00% FY 2010 FY 2011 FY H ,00% FY 2010 FY 2011 FY H 2013 Rendimento Titoli Corporate Gruppo Net Rendimento Indice IBXXELAT Rendimento Titoli di Stato Gruppo Net Rendimento Btp 5 anni POLITICA DI INVESTIMENTO VINCENTE IBXXELAT: Markit iboxx EUR Liquid Corporates 38

39 Key Financials Stato Patrimoniale STATO PATRIMONIALE CONSOLIDATO IFRS Le riserve tecniche nette diminuiscono di , passando da a In particolare gli impegni tecnici rappresentati dalle riserve tecniche lorde passano da , al 2011, a , mentre le riserve tecniche a carico dei riassicuratori diminuiscono del 3,5% attestandosi a L incremento del 6,3%, degli altri elementi dell attivo è principalmente dovuto all incremento delle disponibilità liquide per effetto della scelta di mantenere una più ampia liquidità in presenza delle possibili turbolenze dei mercati paventata alla fine del precedente esercizio. L indice di solvibilità (rapporto tra margine disponibile e margine da costituire) del Gruppo mostra un incremento di circa il 25% nel 2012, come illustrato nella tabella sottostante. Gruppo Net Ammontare del margine di solvibilità corretto richiesto Totale degli elementi costitutivi del margine di solvibilità corretto Eccedenza (deficit) Indice di solvibilità 1,60 1,99 L indice di solvibilità della Net Insurance risulta sensibilmente superiore alla media del mercato assicurativo italiano (Fonte Ania). Indice di solvibilità Net 4,33 M ercato rami danni 2,76 39

40 Key Financials Patrimonio Netto PATRIMONIO NETTO Patrimonio Netto ( /000) Variazione Var. % Capitale ,9% Riserve di capitale ,9% Riserve di utili e altre riserve patrimoniali Utili (perdite) su att. finanziarie disponibili per la vendita Utile (perdita) dell'esercizio di pertinenza del gruppo ,5% (10.334) (82) ,0% (731) (2.782) (135,5%) ,9% Il patrimonio netto del Gruppo si è significativamente rafforzato nel corso del 2012 principalmente per due ragioni: in data 26 gennaio 2012 l Assemblea Straordinaria dei Soci della Controllante ha deliberato un aumento di capitale sociale di ( azioni del valore nominale, ciascuna, di euro 1,00 con un sovrapprezzo unitario di 19,02) integralmente sottoscritto e versato dal nuovo socio Veneto Banca S.c.p.A. nel primo trimestre del 2012; la voce degli utili e perdite su attività AFS, che include gli effetti della valutazione al fair value dei titoli classificati nella categoria available for sale, si è incrementata di oltre 10 milioni di euro per effetto del miglioramento dei corsi azionari dei titoli presenti nel portafoglio del Gruppo. 40

41 Key Financials DATI ECONOMICI Totale Ricavi Consolidati ( /000) Totale Conto Economico Consolidato ( /000) La minore raccolta premi ha % influito anche sul totale dei ricavi, anche se la crescita dei proventi da investimenti ha notevolmente mitigato l effetto Risultato comprensivo dell effetto delle riprese, riportate tra le riserve di utili e altre riserve patrimoniali /06/ /06/ DATI PATRIMONIALI Patrimonio Netto Consolidato ( /000) Margine di solvibilità 2012 ( /000) La crescita del PN è da attribuirsi per oltre 10 milioni di euro all effetto positivo sul ,9% valore dei titoli Available For Sale riveniente dai mercati finanziari e per circa 6 milioni all aumento di capitale riservato avvenuto a inizio Margine da costituire Tot. Elementi costituitivi 41

42 Key Financials RATIO Loss Ratio Combined Ratio 118,4% Sinistri Premi di competenza 112,2% Loss Ratio + Expense Ratio 104,1% 116,5% H H 2013 Rendimento Impieghi Expense Ratio 9,44% ** 14,3% Commissioni nette + costi di gestione Rendimenti interessanti a Premi di competenza dimostrazione della capacità di selezionare proficuamente gli impieghi 2,13% ** 4,3% ** Comprende anche plusvalenze latenti H

43 Table of Contents I GROUP DESCRIPTION II MERCATO DI RIFERIMENTO E PRINCIPALI CLIENTI III BUSINESS MODEL IV KEY FINANCIALS V STRUTTURA DELL OFFERTA VI APPENDICE 43

44 Struttura dell Offerta OFFERING STRUCTURE Mercato di quotazione AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale Struttura dell offerta 100% aumento di capitale Bonus Share 1 ogni 10 se detenute per 18 mesi Dimensione dell offerta Circa 15 Milioni interamente in aumento di capitale Lock up da 24 a 36 mesi per gli attuali azionisti (in funzione del profilo del singolo azionista) Team Banca Finnat Global Coordinator e Bookrunner EnVent Nominated Adviser Banca Finnat Specialist Methorios Capital Advisor Finanziario Timing Pre-marketing atteso per fine Ottobre 2013 Bookbuilding atteso per fine Novembre 2013 Inizio negoziazioni atteso per gli inizi di Dicembre

45 Struttura dell Offerta TIMETABLE STRUCTURE 4 Novembre 2013 Start Roadshow e Bookbuilding 22 Novembre 2013 Closing Bookbuilding Entro il 26 Novembre 2013 Pricing and Allotment 2 Dicembre 2013 Admission to trading 4 Dicembre 2013 Settlement e Start Trading on AIM Italia/MAC 45

46 Table of Contents I GROUP DESCRIPTION II MERCATO DI RIFERIMENTO E PRINCIPALI CLIENTI III BUSINESS MODEL IV KEY FINANCIALS V STRUTTURA DELL OFFERTA VI APPENDICE 46

47 Appendice - Prodotti: B2B Cessione del V LINEA CESSIONE DEL QUINTO Il core business del Gruppo Net Insurance è costituito dall offerta business to business (B2B), rivolta ad istituzioni finanziarie, di coperture assicurative legate ai finanziamenti assistiti dalla cessione del quinto dello stipendio e della pensione. I citati finanziamenti, a partire dal 2009, devono essere garantiti da due distinte coperture assicurative (ad eccezione del quinto della pensione assistito solamente da una polizza vita), rispettivamente volte alla copertura del rischio di job loss e di morte: Danni (Ramo Credito) Offerta dei prodotti per il rischio di impiego del mutuatario CESSIONE DEL V DELLO STIPENDIO; Vita (Ramo I) - Offerta dei prodotti per il rischio di premorienza del mutuatario CESSIONE DEL V DELLO STIPENDIO E DELLA PENSIONE. La copertura assicurativa scatta qualora, nel periodo di ammortamento del finanziamento, si risolva in via definitiva il rapporto di lavoro dipendente del mutuatario o se questi deceda. La copertura dei rischi di impiego (dimissioni, licenziamento, pre-pensionamento, etc.) è allocata al Ramo Credito ed è prestata da Net Insurance S.p.A. La copertura del rischio di premorienza è allocata al Ramo Vita ed è prestata da Net Insurance Life S.p.A. Per gli indennizzi corrisposti da Net Insurance nel Ramo Credito, la compagnia subentra nei diritti e nelle azioni alla Banca/Finanziaria nei confronti del mutuatario e/o di terzi. 47

48 Appendice Prodotti: Retail / Altri Danni PRODOTTI INFORTUNI Polizza infortuni PASSA SEMPRE polizza infortuni che offre copertura del rischio di Invalidità Permanente derivante da infortuni, con indennizzo calcolato in proporzione al grado di invalidità permanente accertato. Accedono a tale forma base di copertura anche determinate prestazioni di assistenza. Polizza infortuni PASSA SUBITO - polizza infortuni che offre copertura del rischio di Invalidità Permanente Grave con indennizzo calcolato in proporzione al grado di invalidità permanente accertato e lesioni derivanti da infortuni, con indennizzo predeterminato. Alle coperture può anche accedere, con sovrappremio, la copertura delle spese sanitarie da infortuni (in forma di rimborso). Polizza infortuni PASSA E VAI - polizza infortuni che offre copertura del rischio di morte o invalidità permanente derivanti da circolazione stradale. Nel caso di invalidità permanente, l indennizzo è calcolato in proporzione al grado di invalidità permanente accertato. Offre la possibilità di assicurare un individuo specificamente determinato, la sua famiglia o il conducente di un determinato veicolo. Polizza Passa 5: polizza infortuni quinquennale a premio unico anticipato e non frazionabile che offre copertura congiunta del rischio di morte e invalidità permanente derivante da infortuni. La formula assicurativa si articola su 4 livelli di massimali di rimborso predeterminati per il rischio morte ed il rischio infortuni. RISCHI AGRICOLI Polizza per rischi agricoli: polizza per l assunzione di rischi contro i danni subiti dalla produzione agricola a causa di eventi quali: grandine (garanzia base), gelo, brina, sbalzo termico, vento forte, eccesso di pioggia, venti sciroccali (garanzie complementari). 48

49 Appendice Prodotti: Retail / Altri Danni PRODOTTI ANTICRISI Polizza Linea Continua - Offre copertura assicurativa per garantire la continuità del pagamento (c.d. pay protection) delle utenze in caso di licenziamento per i lavoratori dipendenti o in caso di inabilità temporanea totale da infortunio o malattia per gli altri soggetti diversi dai lavoratori dipendenti. Linea Continua Triennale: Offre copertura assicurativa per garantire la continuità del pagamento (c.d. pay protection) delle utenze in caso di licenziamento per i lavoratori dipendenti o in caso di inabilità temporanea totale da infortunio o malattia per gli altri soggetti diversi dai lavoratori dipendenti. Ha durata triennale senza tacito rinnovo alla scadenza. Polizza PREMI NO STRESS Offre copertura assicurativa per garantire la continuità del pagamento dei premi relativi a polizze assicurative (preesistenti) in caso di licenziamento per i lavoratori dipendenti (stato di disoccupazione superiore a trenta giorni) o in caso di inabilità temporanea totale da infortunio (di durata superiore a trenta giorni) o malattia (di durata superiore a sessanta giorni) per gli altri soggetti diversi dai lavoratori dipendenti. Polizza Incendio Mutui: è una Polizza, a premio unico anticipato (dipendente dalla somma assicurata e dalla durata dell assicurazione), a copertura del rischio di incendio di immobili oggetto di ipoteca a garanzia di mutuo concesso da un soggetto finanziatore (istituto mutuante) al contraente della polizza (mutuatario). Polizza Incendio Mutui Plus: presenta le medesime caratteristiche, sopra descritte, della Polizza Incendio Mutui, integrate dalla copertura (c.d. ricorso terzi), nei casi di responsabilità dell assicurato in conseguenza dell incendio, dei danni diretti e materiali cagionati ad immobili e mobili vicini di terzi. Polizza Protezione Affitto Locatore: offre copertura assicurativa ai soggetti locatori di immobili ad uso abitativo per il caso di morosità del conduttore nel pagamento dei canoni di locazione e viene stipulata da parte dei conduttori dei predetti immobili (soggetti contraenti). È prevista la corresponsione di un premio unico anticipato, correlato alla durata del contratto di locazione. La prestazione assicurativa si articola in due tipologie di interventi, previsti in ordine temporale: tutela legale per il caso di morosità del conduttore (in ordine ad esercizio di diffida stragiudiziale al pagamento dei canoni e/o oneri accessori insoluti ed esercizio di azione giudiziale di sfratto per morosità nei confronti del conduttore ex art. 658 c.p.c.) con scelta del difensore di fiducia rimessa al locatore; tutela morosità in base alla quale viene corrisposto un indennizzo, in unica soluzione, al locatore, di importo pari all insoluto per canoni e oneri accessori, figurante fino alla data di rilascio dell immobile fissata nel provvedimento giudiziale di convalida dello sfratto per morosità. 49

50 Appendice Prodotti: Retail / Altri Danni PRODOTTI CPI (PRESTITI O MUTUI) Mutuo al Sicuro 5 Si tratta di un programma assicurativo, studiato per coloro che hanno contratto un mutuo, che si compone di due diverse polizze: una Polizza Temporanea a copertura del rischio morte (c.d. polizza TCM), offerta dalla controllata Net Insurance Life S.p.A., ed una polizza a copertura di diversi rischi del mutuatario (c.d. polizza Multirischi) offerta dall Emittente. Mutuo al Sicuro 10 - Si tratta di un programma assicurativo che presenta le medesime caratteristiche del programma Mutuo Al Sicuro 5, sopra descritto, ad eccezione: della durata, prevista in 10 anni, senza tacito rinnovo alla scadenza; dei limiti di età per l accessibilità della polizza (età minime e massime), in considerazione della maggior durata della copertura assicurativa. Prestito al Sicuro: Si tratta di un programma assicurativo, studiato per coloro che hanno contratto un prestito o acquistato un bene con un finanziamento, che si compone di due diverse polizze: una Polizza Temporanea a copertura del rischio morte (c.d. polizza TCM) a premio unico e capitale decrescente, offerta dalla controllata Net Insurance Life S.p.A., ed una polizza a copertura dei rischi perdita di occupazione e ricovero ospedaliero del beneficiario del prestito o del finanziamento, offerta dall Emittente. Polizza Se Mai - Polizza Temporanea Caso Morte a premio annuo e a capitale costante. La durata della copertura assicurativa può andare da 5 a 30 anni. Sono previsti limiti di età per l accessibilità della polizza (età minime e massime). In caso di decesso dell assicurato, la prestazione assicurativa consiste nella corresponsione di un indennizzo al soggetto individuato come beneficiario della copertura assicurativa. La misura del premio annuo è costante. È possibile il frazionamento del premio in rate mensili o semestrali. 50

51 Appendice Prodotti: Retail / Vita VITA Dal 12 giugno 2013 Net Insurance Life ha avviato l offerta a distanza, on-line e telefonica, di alcuni prodotti prevalentemente nel Ramo Vita, mediante il sito dedicato e mediante call center. La vendita on-line dei prodotti è, in particolare, effettuata direttamente tramite il sito dedicato, il sito istituzionale e tramite il comparatore web Il progetto è stato elaborato in collaborazione con il Gruppo Mutui on-line S.p.A., leader nel mercato della distribuzione di prodotti finanziari on-line. Il Gruppo Mutui on-line fornisce anche attività in outsourcing quali la gestione del call center a supporto del sito e di gestione documentale dei contratti assicurativi generati dal sito. A partire dal 2013, i prodotti Vita destinati alla vendita on-line, sono: NET FOR LIFE Polizza temporanea caso morte monoannuale a premio variabile; NET FOR LIFE Polizza temporanea caso morte pluriennale a premio costante; NET PHONE LIFE Polizza temporanea caso morte a premio annuo e capitale costante; 51

52 1 Nota metodologica Via Bocca di Leone Rome Tel Fax

CREDEM, IL CDA HA APPROVATO I RISULTATI AL 30 SETTEMBRE 2013: UTILE +11,2% A/A, CORE TIER 1 AL 10%

CREDEM, IL CDA HA APPROVATO I RISULTATI AL 30 SETTEMBRE 2013: UTILE +11,2% A/A, CORE TIER 1 AL 10% CREDEM, IL CDA HA APPROVATO I RISULTATI AL 30 SETTEMBRE 2013: UTILE +11,2% A/A, CORE TIER 1 AL 10% Utile netto consolidato a 100,3 milioni di euro, +11,2% a/a; investimenti per lo sviluppo dei canali di

Dettagli

Primi nove mesi 2014 positivi per il Gruppo Cattolica L UTILE CONSOLIDATO CRESCE DEL 27,7% A 83 MILIONI

Primi nove mesi 2014 positivi per il Gruppo Cattolica L UTILE CONSOLIDATO CRESCE DEL 27,7% A 83 MILIONI Società Cattolica di Assicurazione - Società Cooperativa Sede in Verona, Lungadige Cangrande n.16 C.F. 00320160237 Iscritta al Registro delle Imprese di Verona al n. 00320160237 Società iscritta all'albo

Dettagli

APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2013. Dati Consolidati: Margine d Interesse 119,3 mln di euro (+6,7%)

APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2013. Dati Consolidati: Margine d Interesse 119,3 mln di euro (+6,7%) COMUNICATO STAMPA APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2013 Dati Consolidati: Margine d Interesse 119,3 mln di euro (+6,7%) Commissioni nette 41,1 mln di euro (-5,6%1*) Margine di intermediazione

Dettagli

Base di Preparazione. Analisi dei Ricavi Semestrali

Base di Preparazione. Analisi dei Ricavi Semestrali COMUNICATO STAMPA CERVED INFORMATION SOLUTIONS: IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA I RISULTATI AL 30 GIUGNO FIRMATO CONTRATTO DI FINANZIAMENTO FORWARD START DI EURO 660 MILIONI PER RIFINANZIARE A

Dettagli

Primo semestre 2015 in crescita per il Gruppo Cattolica NEL PRIMO SEMESTRE RACCOLTA PREMI OLTRE I 3 MILIARDI E UTILE A 67 MILIONI (+19,6%)

Primo semestre 2015 in crescita per il Gruppo Cattolica NEL PRIMO SEMESTRE RACCOLTA PREMI OLTRE I 3 MILIARDI E UTILE A 67 MILIONI (+19,6%) Società Cattolica di Assicurazione - Società Cooperativa Sede in Verona, Lungadige Cangrande n.16 C.F. 00320160237 Iscritta al Registro delle Imprese di Verona al n. 00320160237 Società iscritta all'albo

Dettagli

COMUNICATO STAMPA APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE CONSOLIDATA AL 30 GIUGNO 2010

COMUNICATO STAMPA APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE CONSOLIDATA AL 30 GIUGNO 2010 COMUNICATO STAMPA APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE CONSOLIDATA AL 30 GIUGNO 2010 Combined Ratio a 103,5%, in miglioramento rispetto al 108% di fine 2009 ed al 105% del primo trimestre 2010 Raccolta Danni

Dettagli

Company Profile. Il nostro obiettivo è fare della serenità un valore sempre attuale.

Company Profile. Il nostro obiettivo è fare della serenità un valore sempre attuale. Company Profile Il nostro obiettivo è fare della serenità un valore sempre attuale. Assetto societario SOCI FONDATORI SWISS RE UNICREDIT UBIBANCA MONTE DEI PASCHI DI SIENA BANCA ETRURIA VENETO BANCA METHORIOS

Dettagli

CREDEM, RISULTATI CONSOLIDATI: NEL PRIMO SEMESTRE 2015 UTILE +20,6% A/A, PROSEGUE LA CRESCITA DEI PRESTITI +5,3% A/A.

CREDEM, RISULTATI CONSOLIDATI: NEL PRIMO SEMESTRE 2015 UTILE +20,6% A/A, PROSEGUE LA CRESCITA DEI PRESTITI +5,3% A/A. CREDEM, RISULTATI CONSOLIDATI: NEL PRIMO SEMESTRE 2015 UTILE +20,6% A/A, PROSEGUE LA CRESCITA DEI PRESTITI +5,3% A/A. IMPORTANTE SOSTEGNO ALL ECONOMIA Prestiti a clientela (1) : +5,3% a/a (vs sistema -0,6%

Dettagli

APPROVATI I RISULTATI 2011 DEL GRUPPO CATTOLICA:

APPROVATI I RISULTATI 2011 DEL GRUPPO CATTOLICA: Società Cattolica di Assicurazione - Società Cooperativa Sede in Verona, Lungadige Cangrande n.16 C.F. 00320160237 Iscritta al Registro delle Imprese di Verona al n. 00320160237 Società iscritta all'albo

Dettagli

Il CDA propone ai soci di distribuire il 50% dell utile di esercizio

Il CDA propone ai soci di distribuire il 50% dell utile di esercizio CONAFI PRESTITò: Risultati 2007 Il CDA propone ai soci di distribuire il 50% dell utile di esercizio DATI ECONOMICI CONSOLIDATI 2007 2006 Variazione % (Euro ml) Margine di Intermediazione 22,6 14,4 +56,8%

Dettagli

Approvati dal Consiglio di Amministrazione i Bilanci della Banca Popolare di Milano e del Gruppo Bipiemme al 31 dicembre 2008.

Approvati dal Consiglio di Amministrazione i Bilanci della Banca Popolare di Milano e del Gruppo Bipiemme al 31 dicembre 2008. Approvati dal Consiglio di Amministrazione i Bilanci della Banca Popolare di Milano e del Gruppo Bipiemme al 31 dicembre 2008. Utile netto consolidato a 75,3 milioni di euro: risente dell andamento negativo

Dettagli

Rafforzamento patrimoniale, elevato presidio del rischio, crescita dei ricavi complessivi e della redditività ordinaria

Rafforzamento patrimoniale, elevato presidio del rischio, crescita dei ricavi complessivi e della redditività ordinaria Comunicato Stampa Risultati consolidati al 30 settembre 2006 Rafforzamento patrimoniale, elevato presidio del rischio, crescita dei ricavi complessivi e della redditività ordinaria Ricavi in crescita -

Dettagli

UNIPOLSAI: APPROVATI I RISULTATI DEL PRIMO SEMESTRE 2015. Utile netto consolidato a 455 milioni di euro (+27,4% rispetto al primo semestre 2014)

UNIPOLSAI: APPROVATI I RISULTATI DEL PRIMO SEMESTRE 2015. Utile netto consolidato a 455 milioni di euro (+27,4% rispetto al primo semestre 2014) Bologna, 7 agosto 2015 UNIPOLSAI: APPROVATI I RISULTATI DEL PRIMO SEMESTRE 2015 Utile netto consolidato a 455 milioni di euro (+27,4% rispetto al primo semestre 2014) Raccolta diretta assicurativa a 7.284

Dettagli

Banca Finnat Euramerica I Risultati Economici al 30.06.2015 Il Piano Industriale 2015-2017. Roma, 23.09.2015

Banca Finnat Euramerica I Risultati Economici al 30.06.2015 Il Piano Industriale 2015-2017. Roma, 23.09.2015 Banca Finnat Euramerica I Risultati Economici al 30.06.2015 Il Piano Industriale 2015-2017 Roma, 23.09.2015 Agenda I Profilo del Gruppo II Dinamica delle attività III Risultati di esercizio al 30.06.2015

Dettagli

CONFERMATA LA CAPACITÀ DEL GRUPPO DI EROGARE CREDITO IN MODO SANO ED EQUILIBRATO

CONFERMATA LA CAPACITÀ DEL GRUPPO DI EROGARE CREDITO IN MODO SANO ED EQUILIBRATO CREDEM: RISULTATI PRELIMINARI (1) CONSOLIDATI 2015: UTILE +9,5% A/A, PRESTITI +5,3% A/A, ELEVATA SOLIDITA CON CET1 (2) A 13,52% AMPIAMENTE SOPRA AL REQUISITO MINIMO SREP (7%) COSTANTE REDDITIVITA E GENERAZIONE

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Il Roe consolidato a fine 2007 si attesta al 18,3% (17,5% nel 2006).

COMUNICATO STAMPA. Il Roe consolidato a fine 2007 si attesta al 18,3% (17,5% nel 2006). Capogruppo del Gruppo Bancario CREDITO EMILIANO CREDEM COMUNICATO STAMPA CREDEM, IL CDA APPROVA I RISULTATI DI BILANCIO CONSOLIDATO 2007(1): UTILE A 249,4 MILIONI DI EURO (+18,7%), ROE 18,3%, DIVIDENDO

Dettagli

Il credito al consumo e il Broker di Riassicurazione

Il credito al consumo e il Broker di Riassicurazione Copyright 2007 Willis Limited all rights reserved. Il credito al consumo e il Broker di Riassicurazione Giulio Figarolo di Gropello Presidente Willis Re Southern Europe Credito alle famiglie 2007 Consumer

Dettagli

Primi nove mesi 2015 in crescita per il Gruppo Cattolica NEI PRIMI NOVE MESI RACCOLTA PREMI OLTRE I 4 MILIARDI E UTILE A 100 MILIONI (+20,5%)

Primi nove mesi 2015 in crescita per il Gruppo Cattolica NEI PRIMI NOVE MESI RACCOLTA PREMI OLTRE I 4 MILIARDI E UTILE A 100 MILIONI (+20,5%) Società Cattolica di Assicurazione - Società Cooperativa Sede in Verona, Lungadige Cangrande n.16 C.F. 00320160237 Iscritta al Registro delle Imprese di Verona al n. 00320160237 Società iscritta all'albo

Dettagli

BANCA SISTEMA: +22% UTILE NETTO NEI PRIMI NOVE MESI DEL 2015 1

BANCA SISTEMA: +22% UTILE NETTO NEI PRIMI NOVE MESI DEL 2015 1 COMUNICATO STAMPA BANCA SISTEMA: +22% UTILE NETTO NEI PRIMI NOVE MESI DEL 2015 1 Performance commerciale: +20% turnover factoring nei primi nove mesi 2015 a/a Outstanding CQS/CQP al 30 settembre 2015 pari

Dettagli

Settore Assicurativo

Settore Assicurativo 28 Gruppo Unipol Bilancio Consolidato 2011 Relazione sulla gestione Settore Assicurativo Premi e prodotti di investimento La raccolta complessiva (premi diretti e indiretti e prodotti di investimento)

Dettagli

VENETO BANCA, IL CDA HA ESAMINATO GLI SCHEMI PRELIMINARI DI BILANCIO 2015 E APPROVATO L AGGIORNAMENTO DEL PIANO INDUSTRIALE

VENETO BANCA, IL CDA HA ESAMINATO GLI SCHEMI PRELIMINARI DI BILANCIO 2015 E APPROVATO L AGGIORNAMENTO DEL PIANO INDUSTRIALE VENETO BANCA, IL CDA HA ESAMINATO GLI SCHEMI PRELIMINARI DI BILANCIO 2015 E APPROVATO L AGGIORNAMENTO DEL PIANO INDUSTRIALE DOPO L ESITO POSITIVO DELL ASSEMBLEA DEL 19 DICEMBRE 2015 E LA CONSEGUENTE TRASFORMAZIONE

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Focalizzazione su efficienza operativa del Gruppo» Costi amministrativi in calo dell 1,1% a termini omogenei

COMUNICATO STAMPA. Focalizzazione su efficienza operativa del Gruppo» Costi amministrativi in calo dell 1,1% a termini omogenei COMUNICATO STAMPA PRESS OFFICE Tel. +39.040.671180 - Tel. +39.040.671085 press@generali.com INVESTOR RELATIONS Tel. +39.040.671202 - Tel. +39.040.671347 - generali_ir@generali.com www.generali.com RISULTATI

Dettagli

1 Relazione sulla gestione

1 Relazione sulla gestione Settore Bancario Andamento della gestione del Gruppo Unipol Banca Il 2013 è stato un anno caratterizzato da profondi cambiamenti che hanno riguardato sia la struttura direzionale della banca che la composizione

Dettagli

Approvati i risultati del primo trimestre 2007 GRUPPO MPS: UTILE NETTO A 253,6 MILIONI DI EURO

Approvati i risultati del primo trimestre 2007 GRUPPO MPS: UTILE NETTO A 253,6 MILIONI DI EURO COMUNICATO STAMPA Approvati i risultati del primo trimestre 2007 GRUPPO MPS: UTILE NETTO A 253,6 MILIONI DI EURO In forte accelerazione i flussi commerciali, 56.000 nuovi clienti nei primi quattro mesi

Dettagli

(290,8 milioni il dato depurato dalle componenti non ricorrenti) Utile netto di periodo: 103,2 milioni (36,1 milioni al 30.6.2007)

(290,8 milioni il dato depurato dalle componenti non ricorrenti) Utile netto di periodo: 103,2 milioni (36,1 milioni al 30.6.2007) CREDITO BERGAMASCO: il Consiglio di Amministrazione approva la relazione finanziaria semestrale. Crescono i ricavi. Continua espansione dei prestiti a piccole e medie imprese e della raccolta diretta complessiva.

Dettagli

DECRETI E DELIBERE DI ALTRE AUTORITÀ

DECRETI E DELIBERE DI ALTRE AUTORITÀ DECRETI E DELIBERE DI ALTRE AUTORITÀ ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI PRIVATE E DI INTERESSE COLLETTIVO PROVVEDIMENTO 8 marzo 2010. ModiÞ che ed integrazioni al Regolamento n. 7 del 13 luglio

Dettagli

COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A

COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A. HA APPROVATO IL BILANCIO CONSOLIDATO E IL PROGETTO DI BILANCIO INDIVIDUALE AL 31 DICEMBRE 2007 DATI DI BILANCIO

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. RISULTATO DELLA GESTIONE OPERATIVA Euro 146,6 milioni (ex Euro 134,3 milioni)

COMUNICATO STAMPA. RISULTATO DELLA GESTIONE OPERATIVA Euro 146,6 milioni (ex Euro 134,3 milioni) COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA CAPOGRUPPO BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A. HA APPROVATO IL RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE CONSOLIDATO AL 30 SETTEMBRE 2015 NOTA: LA COMPARAZIONE

Dettagli

CONAFI PRESTITÒ Il Consiglio di Amministrazione approva il progetto di bilancio 2008

CONAFI PRESTITÒ Il Consiglio di Amministrazione approva il progetto di bilancio 2008 CONAFI PRESTITÒ Il Consiglio di Amministrazione approva il progetto di bilancio 2008 Approvata la proposta di autorizzazione all acquisto e disposizione di azioni proprie Margine di intermediazione consolidato

Dettagli

Istruzioni per la compilazione dei prospetti secondo i principi contabili internazionali (Allegato 1 al Regolamento ISVAP n.

Istruzioni per la compilazione dei prospetti secondo i principi contabili internazionali (Allegato 1 al Regolamento ISVAP n. ALLEGATO A Istruzioni per la compilazione dei prospetti secondo i principi contabili internazionali (Allegato 1 al Regolamento ISVAP n. 7/2007) 1 Il presente documento fornisce le istruzioni per la compilazione

Dettagli

Fact - pack mercato Vita. marzo 2013

Fact - pack mercato Vita. marzo 2013 Fact - pack mercato Vita marzo 2013 OBIETTIVI Fornire una visione sintetica dei numeri chiave del mercato vita in Italia attraverso analisi e rappresentazioni grafiche Dare un quadro riassuntivo e indicazioni,

Dettagli

Risultati consolidati 1H15. Carlo Cimbri Amministratore Delegato

Risultati consolidati 1H15. Carlo Cimbri Amministratore Delegato Risultati consolidati Carlo Cimbri Amministratore Delegato Bologna, 7 agosto 2015 Contenuti Risultati consolidati Area assicurativa Area assicurativa Danni Area assicurativa Vita Area bancaria Gestione

Dettagli

ASSEMBLEA ORDINARIA 3 MAGGIO 2006

ASSEMBLEA ORDINARIA 3 MAGGIO 2006 ASSEMBLEA ORDINARIA 3 MAGGIO 2006 Agenda 1 Risultati 2005 2005 consolidati del del Gruppo Gruppo Unipol Unipol 2 Risultati 2005 di Unipol Assicurazioni 2 Gruppo Unipol: principali eventi del 2005 Progetto

Dettagli

RELAZIONE TRIMESTRALE CONSOLIDATA SECONDO TRIMESTRE 2007

RELAZIONE TRIMESTRALE CONSOLIDATA SECONDO TRIMESTRE 2007 RELAZIONE TRIMESTRALE CONSOLIDATA SECONDO TRIMESTRE Redatta secondo principi contabili internazionali IAS/IFRS Gruppo MutuiOnline S.p.A. (in breve Gruppo MOL S.p.A. o MOL Holding S.p.A.) Sede Legale: Corso

Dettagli

COMUNICATO STAMPA APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2008. NASCE UGF ASSICURAZIONI S.p.A.

COMUNICATO STAMPA APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2008. NASCE UGF ASSICURAZIONI S.p.A. COMUNICATO STAMPA APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2008 NASCE UGF ASSICURAZIONI S.p.A. RACCOLTA DANNI AGGREGATA IN CRESCITA A 2.182 MILIONI DI EURO (+3,4%) COMBINED RATIO DANNI STABILE A

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Bilancio d esercizio consolidato al 31 dicembre 2009

COMUNICATO STAMPA. Bilancio d esercizio consolidato al 31 dicembre 2009 SOCIETÀ PER AZIONI Sede legale: Cagliari - Viale Bonaria 33 Sede amministrativa e Direzione generale: Sassari - Viale Umberto 36 Capitale sociale Euro 155.247.762,00 i.v. Cod. fisc. e num. iscriz. al Registro

Dettagli

Assemblea degli azionisti di Unipol Gruppo Finanziario

Assemblea degli azionisti di Unipol Gruppo Finanziario Assemblea degli azionisti di Unipol Gruppo Finanziario Carlo Cimbri Amministratore Delegato Bologna, 18 giugno 2015 Semplificazione, Solidità, Sostenibilità Il 2014 in sintesi 1 Semplificazione della struttura

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

COMUNICATO STAMPA UNIPOL GRUPPO FINANZIARIO APPROVATI I RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 SETTEMBRE 2008

COMUNICATO STAMPA UNIPOL GRUPPO FINANZIARIO APPROVATI I RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 SETTEMBRE 2008 COMUNICATO STAMPA UNIPOL GRUPPO FINANZIARIO APPROVATI I RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 SETTEMBRE 2008 Confermata la solida posizione di solvibilità del Gruppo, pari a 1,5 volte il capitale regolamentare;

Dettagli

RELAZIONE TRIMESTRALE AL 31 MARZO 2003

RELAZIONE TRIMESTRALE AL 31 MARZO 2003 Corso Matteotti, 9 Milano Tel. 02.780611 Partita Iva 03650800158 RELAZIONE TRIMESTRALE AL 31 MARZO 2003 CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 15 MAGGIO 2003 INDICE Organi societari Gabetti Holding S.p.A....

Dettagli

Assemblea degli azionisti di UnipolSai

Assemblea degli azionisti di UnipolSai Assemblea degli azionisti di UnipolSai Carlo Cimbri Amministratore Delegato Bologna, 17 giugno 2015 Semplificazione, Solidità, Sostenibilità Il 2014 in sintesi 1 Semplificazione della struttura del gruppo

Dettagli

Presentazione Conference call Risultati 3Q 2010. Bologna, 11 Novembre 2010

Presentazione Conference call Risultati 3Q 2010. Bologna, 11 Novembre 2010 Presentazione Conference call Risultati 3Q 2010 Bologna, 11 Novembre 2010 2 Disclaimer This presentation contains forwards-looking information and statements about IGD SIIQ SPA and its Group. Forward-looking

Dettagli

Consiglio di Gestione di Mediobanca

Consiglio di Gestione di Mediobanca Consiglio di Gestione di Mediobanca Milano, 7 marzo 2008 Approvata la relazione semestrale al 31 dicembre 2007 * * * Redditività in aumento malgrado il deterioramento dei mercati Aperte le filiali di Francoforte

Dettagli

ESAMINATI GLI EFFETTI SUL BILANCIO 2004 DEI NUOVI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI IAS/IFRS

ESAMINATI GLI EFFETTI SUL BILANCIO 2004 DEI NUOVI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI IAS/IFRS CAMFIN s.p.a. COMUNICATO STAMPA RIUNITO IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI CAMFIN SPA ESAMINATI GLI EFFETTI SUL BILANCIO 2004 DEI NUOVI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI IAS/IFRS APPROVATA LA RELAZIONE

Dettagli

UNIPOLSAI: IL CDA HA ESAMINATO I RISULTATI PRECONSUNTIVI DEL 2014. Utile netto consolidato a 783 milioni di euro (+12,9% rispetto al 2013) 1

UNIPOLSAI: IL CDA HA ESAMINATO I RISULTATI PRECONSUNTIVI DEL 2014. Utile netto consolidato a 783 milioni di euro (+12,9% rispetto al 2013) 1 Bologna, 11 febbraio 2015 UNIPOLSAI: IL CDA HA ESAMINATO I RISULTATI PRECONSUNTIVI DEL 2014 Utile netto consolidato a 783 milioni di euro (+12,9% rispetto al 2013) 1 Raccolta assicurativa diretta a 16.008

Dettagli

RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 MARZO 2012

RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 MARZO 2012 RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 MARZO 2012 Presentazione alla comunità finanziaria Carlo Cimbri Amministratore Delegato Bologna, 10 Maggio 2012 Risultato consolidato Area assicurativa AGENDA Area assicurativa

Dettagli

Relazione consolidata terzo trimestre 2005

Relazione consolidata terzo trimestre 2005 Relazione consolidata terzo trimestre 2005 2 Riunione di consiglio del 14 novembre 2005 3 4 Indice Stato patrimoniale Consolidato 7 Conto economico Consolidato 11 Prospetto delle variazioni del Patrimonio

Dettagli

Investment opportunity

Investment opportunity INVESTOR NEWS N.1-13 Aprile 27 Benvenuto del Presidente Investment opportunity Il modello di business IQ 27: Performance economico-finanziarie 4 maggio: accordo con Barclays FY 26: Risultati a parità di

Dettagli

Azimut Holding: Semestrale al 30 giugno 2011

Azimut Holding: Semestrale al 30 giugno 2011 Azimut Holding: Semestrale al 30 giugno 2011 COMUNICATO STAMPA Nel 1H11: Ricavi consolidati: 174,0 milioni di euro (+1,4% sul 1H10) Utile ante imposte: 48,6 milioni di euro (+2,7% sul 1H10) Utile netto

Dettagli

Approvati dal Consiglio di Amministrazione i risultati relativi al primo semestre 2011 del Gruppo Bipiemme 1.

Approvati dal Consiglio di Amministrazione i risultati relativi al primo semestre 2011 del Gruppo Bipiemme 1. Approvati dal Consiglio di Amministrazione i risultati relativi al primo semestre 2011 del Gruppo Bipiemme 1. L utile netto si posiziona a 42,7 milioni, mentre l utile netto normalizzato 2 si attesta a

Dettagli

CREDEM, RISULTATI 2014: UTILE +31% A/A A 151,8 MILIONI DI EURO, DIVIDENDO +25% A/A A 0,15 EURO

CREDEM, RISULTATI 2014: UTILE +31% A/A A 151,8 MILIONI DI EURO, DIVIDENDO +25% A/A A 0,15 EURO CREDEM, RISULTATI 2014: UTILE +31% A/A A 151,8 MILIONI DI EURO, DIVIDENDO +25% A/A A 0,15 EURO Prestiti (1) +7,9% a/a (vs -1,4% del sistema (2) ); rapporto sofferenze impieghi a 1,55% tra i più bassi del

Dettagli

GRUPPO MEDIOLANUM Risultati 2012

GRUPPO MEDIOLANUM Risultati 2012 COMUNICATO STAMPA GRUPPO MEDIOLANUM Risultati 2012 UTILE NETTO: Euro 351,0 milioni, +422% MASSE AMMINISTRATE: Euro 51,6 miliardi, +12% RACCOLTA NETTA BANCA MEDIOLANUM: Euro 2.258 milioni ACQUISIZIONE DI

Dettagli

Banca Finnat Euramerica I Risultati Economici al 31.12.2013 Il Piano Industriale 2014-2017. Milano, 25.03.2014

Banca Finnat Euramerica I Risultati Economici al 31.12.2013 Il Piano Industriale 2014-2017. Milano, 25.03.2014 Banca Finnat Euramerica I Risultati Economici al 31.12.2013 Il Piano Industriale 2014-2017 Milano, 25.03.2014 Agenda I Profilo del Gruppo II Dinamica delle attività III Risultati di esercizio al 31.12.2013

Dettagli

CONAFI PRESTITO : APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2011

CONAFI PRESTITO : APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2011 CONAFI PRESTITO : APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2011 Margine di intermediazione consolidato pari a 5,68 milioni di euro (4,14 milioni di euro al IH2010) Risultato della gestione operativa

Dettagli

Risultati al 31 dicembre 2014 Gruppo Cattolica Assicurazioni

Risultati al 31 dicembre 2014 Gruppo Cattolica Assicurazioni Risultati al 3 dicembre 204 Gruppo Cattolica Assicurazioni Verona, 8 marzo 205 Agenda Risultati al 3 dicembre 204 Performance del business danni Performance del business vita Gestione finanziaria 2 Risultati

Dettagli

COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A

COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A. HA APPROVATO LA RELAZIONE FINANZIARIA SEMESTRALE CONSOLIDATA AL 30 GIUGNO 2009 DATI CONSOLIDATI AL 30 GIUGNO

Dettagli

Presentazione istituzionale

Presentazione istituzionale Presentazione istituzionale Contenuti Risultati Chi siamo Risultati Risultati consolidati Area assicurativa Area assicurativa Danni Contenuti Area assicurativa Vita Area bancaria Gestione immobiliare e

Dettagli

GRUPPO CARIGE: +20,7% L UTILE NETTO CONSOLIDATO (A 100,5 MILIONI) E +18,2% L UTILE NETTO DELLA CAPOGRUPPO (A 114 MILIONI)

GRUPPO CARIGE: +20,7% L UTILE NETTO CONSOLIDATO (A 100,5 MILIONI) E +18,2% L UTILE NETTO DELLA CAPOGRUPPO (A 114 MILIONI) PRESS RELEASE COMUNICATO STAMPA A cura dell Ufficio Comunicazione e Immagine Tel. 010 579 2697 Fax 010 579 4927 GRUPPO CARIGE: +20,7% L UTILE NETTO CONSOLIDATO (A 100,5 MILIONI) E +18,2% L UTILE NETTO

Dettagli

APPROVATI I RISULTATI DEL PRIMO SEMESTRE 2013

APPROVATI I RISULTATI DEL PRIMO SEMESTRE 2013 COMUNICATO STAMPA APPROVATI I RISULTATI DEL PRIMO SEMESTRE 2013 UTILE NETTO CONSOLIDATO PARI A 171,5 MILIONI DI EURO (24,9 MILIONI AL 30 GIUGNO 2012) RACCOLTA DIRETTA COMPLESSIVA A 5.333 MILIONI DI EURO

Dettagli

GRUPPO MEDIOLANUM Risultati 1 semestre 2012

GRUPPO MEDIOLANUM Risultati 1 semestre 2012 COMUNICATO STAMPA GRUPPO MEDIOLANUM Risultati 1 semestre 2012 UTILE NETTO: Euro 217,5 milioni, +125% MASSE AMMINISTRATE: Euro 49,1 miliardi, +5% RACCOLTA NETTA BANCA MEDIOLANUM: Euro 1.760 milioni CARLO

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI ALBA PRIVATE EQUITY APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DI ESERCIZIO E IL BILANCIO CONSOLIDATO AL 31 DICEMBRE 2014

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI ALBA PRIVATE EQUITY APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DI ESERCIZIO E IL BILANCIO CONSOLIDATO AL 31 DICEMBRE 2014 COMUNICATO STAMPA Milano, 15 aprile 2015 IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI ALBA PRIVATE EQUITY APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DI ESERCIZIO E IL BILANCIO CONSOLIDATO AL 31 DICEMBRE 2014 Bilancio Capogruppo:

Dettagli

Investimento e Sviluppo Mediterraneo spa. Il CdA approva i risultati al 31 marzo 2008

Investimento e Sviluppo Mediterraneo spa. Il CdA approva i risultati al 31 marzo 2008 Comunicato Stampa Investimenti e Sviluppo Mediterraneo S.p.A.: Il CdA approva i risultati al 31 marzo 2008 Trimestre: gennaio 2008 marzo 2008 Margine di interesse pari a euro 327.660 Margine di intermediazione

Dettagli

- Principali dati economico-finanziari contabili consolidati espressi in migliaia di Euro:

- Principali dati economico-finanziari contabili consolidati espressi in migliaia di Euro: MITTEL S.P.A. Sede in Milano - Piazza A. Diaz 7 Capitale sociale 66.000.000 i.v. Codice Fiscale - Registro Imprese di Milano - P. IVA 00742640154 R.E.A. di Milano n. 52219 Iscritta all U.I.C. al n. 10576

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. RISULTATO DELLA GESTIONE OPERATIVA Euro 44,4 milioni (ex Euro 2 milioni)

COMUNICATO STAMPA. RISULTATO DELLA GESTIONE OPERATIVA Euro 44,4 milioni (ex Euro 2 milioni) COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA BANCA POPOLARE DI SPOLETO S.P.A. HA APPROVATO IL RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 30 SETTEMBRE 2015 NOTA: A SEGUITO DELL AVVENUTO CONFERIMENTO

Dettagli

COMUNICATO STAMPA Risultati preliminari di bilancio consolidati al 31 dicembre 2015

COMUNICATO STAMPA Risultati preliminari di bilancio consolidati al 31 dicembre 2015 Società per Azioni con Sede Legale in Cagliari Viale Bonaria, 33 Codice fiscale e n di iscrizione al Registro delle Imprese di Cagliari 01564560900 Partita IVA 01577330903 Iscrizione all Albo delle Banche

Dettagli

RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 DICEMBRE 2011

RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 DICEMBRE 2011 RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 DICEMBRE 2011 Costante supporto all economia reale dei territori di insediamento: circa 3 miliardi di euro di crediti erogati alle famiglie e alle PMI, in condizioni di liquidità

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Mestre, 14 novembre 2011. I risultati in breve

COMUNICATO STAMPA. Mestre, 14 novembre 2011. I risultati in breve COMUNICATO STAMPA Margini in forte crescita e indici di solidità patrimoniale a livelli di assoluta eccellenza: il Gruppo Banca IFIS conferma la validità del modello di business anche in mercati instabili

Dettagli

Gruppo Unipol Presentazione dei risultati consolidati al 30 giugno 2013. Carlo Cimbri - Amministratore Delegato Bologna, 8 agosto 2013

Gruppo Unipol Presentazione dei risultati consolidati al 30 giugno 2013. Carlo Cimbri - Amministratore Delegato Bologna, 8 agosto 2013 Gruppo Unipol Presentazione dei risultati consolidati al 30 giugno 2013 Carlo Cimbri - Amministratore Delegato Bologna, 8 agosto 2013 PREMESSA E stato completato, entro il termine di un anno previsto dall

Dettagli

COMUNICATO STAMPA BANCA POPOLARE DI SPOLETO SPA: CIRCOLARE BANCA D ITALIA. BILANCIO 2005.

COMUNICATO STAMPA BANCA POPOLARE DI SPOLETO SPA: CIRCOLARE BANCA D ITALIA. BILANCIO 2005. COMUNICATO STAMPA BANCA POPOLARE DI SPOLETO SPA: CIRCOLARE BANCA D ITALIA. BILANCIO 2005. In data 3 aprile u.s. la Banca d Italia ha emanato una circolare a tutti gli intermediari creditizi con cui disciplina

Dettagli

Milano, 26 agosto 2010 COMUNICATO STAMPA

Milano, 26 agosto 2010 COMUNICATO STAMPA Milano, 26 agosto 2010 The information contained herein is not for publication or distribution in the United States. These materials are not an offer of securities for sale in the United States. The securities

Dettagli

Il CDA ha approvato il resoconto intermedio di gestione al 31 marzo 2010 GRUPPO BANCA IFIS

Il CDA ha approvato il resoconto intermedio di gestione al 31 marzo 2010 GRUPPO BANCA IFIS Comunicato stampa Mestre, 29 aprile 2010 Il CDA ha approvato il resoconto intermedio di gestione al 31 marzo 2010 GRUPPO BANCA IFIS UTILI IN FORTE CRESCITA: +107,8% SUL 4 TRIMESTRE 2009, +13,9% SUL 1 TRIMESTRE

Dettagli

Relazione trimestrale

Relazione trimestrale Relazione trimestrale (30 settembre 2003) SOCIETÀ PER AZIONI CAPITALE ¼ 389.275.207,50 VERSATO - RISERVE ¼ 3.189,1 MILIONI SEDE SOCIALE IN MILANO PIAZZETTA ENRICO CUCCIA, 1 ISCRITTA ALL ALBO DELLE BANCHE.

Dettagli

COMUNICATO STAMPA MID INDUSTRY CAPITAL APPROVA IL BILANCIO CONSOLIDATO 2013 CON UN UTILE DI 4,2 MILIONI (PERDITA DI 11,8 MILIONI NEL 2012)

COMUNICATO STAMPA MID INDUSTRY CAPITAL APPROVA IL BILANCIO CONSOLIDATO 2013 CON UN UTILE DI 4,2 MILIONI (PERDITA DI 11,8 MILIONI NEL 2012) COMUNICATO STAMPA MID INDUSTRY CAPITAL APPROVA IL BILANCIO CONSOLIDATO 2013 CON UN UTILE DI 4,2 MILIONI (PERDITA DI 11,8 MILIONI NEL 2012) La Holding chiude il 2013 con un utile di 0,5 milioni (perdita

Dettagli

CREDEM, RISULTATI 9M2014. PROSEGUE CRESCITA PER LINEE INTERNE: UTILE +28,1% A/A; PRESTITI +4,3% A/A (SISTEMA -2,3% A/A (1) ); CET 1 RATIO 11,29%

CREDEM, RISULTATI 9M2014. PROSEGUE CRESCITA PER LINEE INTERNE: UTILE +28,1% A/A; PRESTITI +4,3% A/A (SISTEMA -2,3% A/A (1) ); CET 1 RATIO 11,29% CREDEM, RISULTATI 9M2014. PROSEGUE CRESCITA PER LINEE INTERNE: UTILE +28,1% A/A; PRESTITI +4,3% A/A (SISTEMA -2,3% A/A (1) ); CET 1 RATIO 11,29% Utile netto consolidato +28,1% a/a a 128,5 milioni di euro;

Dettagli

CONAFI PRESTITO : APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2010

CONAFI PRESTITO : APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2010 CONAFI PRESTITO : APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2010 Margine di intermediazione consolidato pari a Euro 4,14 milioni (Euro 5,96 milioni al IH2009) Perdita netta di competenza del gruppo

Dettagli

RELAZIONE TRIMESTRALE AL 31 MARZO 2002

RELAZIONE TRIMESTRALE AL 31 MARZO 2002 RELAZIONE TRIMESTRALE AL 31 MARZO 2002 CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 15 MAGGIO 2002 INDICE Organi societari Gabetti Holding S.p.A.... pag. 2 Struttura del Gruppo Gabetti al 31 marzo 2002... pag. 3 Prima

Dettagli

TAS: APPROVATI I RISULTATI DEL PRIMO TRIMESTRE 2011

TAS: APPROVATI I RISULTATI DEL PRIMO TRIMESTRE 2011 Milano, 10 maggio 2011 COMUNICATO STAMPA ex artt. 114 D.Lgs. 24 febbraio 1998 n. 58 e 66 del Regolamento Consob 11971/99 TAS: APPROVATI I RISULTATI DEL PRIMO TRIMESTRE 2011 Ricavi consolidati: 10,3 milioni

Dettagli

INITIAL PUBLIC OFFERING

INITIAL PUBLIC OFFERING EQUITY RESEARCH INITIAL PUBLIC OFFERING 05.11.2013 UFFICIO RICERCA ED ANALISI Gian Franco Traverso Guicciardi (AIAF) +39 06 69933.440 Tatjana Eifrig (AIAF) +39 06 69933.413 E-mail : ufficio.studi@finnat.it

Dettagli

GABETTI PROPERTY SOLUTIONS S.p.A.: APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2007

GABETTI PROPERTY SOLUTIONS S.p.A.: APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2007 GABETTI PROPERTY SOLUTIONS S.p.A.: APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2007 Margine operativo lordo per attività di servizi pari a Euro 5,6 milioni in crescita del 26% rispetto al I semestre

Dettagli

COMUNICATO STAMPA CREDEM, RISULTATI 1Q2015: UTILE +47,4% A/A, PRESTITI +6,6% A/A

COMUNICATO STAMPA CREDEM, RISULTATI 1Q2015: UTILE +47,4% A/A, PRESTITI +6,6% A/A CREDEM, RISULTATI 1Q2015: UTILE +47,4% A/A, PRESTITI +6,6% A/A Raccolta da clientela (1) +11,8% a/a a 56.235 milioni di euro, con un incremento in valore assoluto di circa sei miliardi di euro a/a; raccolta

Dettagli

COMUNICATO STAMPA APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2009 FORTE CRESCITA DELLA RACCOLTA DIRETTA VITA A 2.772 MILIONI DI EURO (+71,2%)

COMUNICATO STAMPA APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2009 FORTE CRESCITA DELLA RACCOLTA DIRETTA VITA A 2.772 MILIONI DI EURO (+71,2%) COMUNICATO STAMPA APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2009 FORTE CRESCITA DELLA RACCOLTA DIRETTA VITA A 2.772 MILIONI DI EURO (+71,2%) RACCOLTA DIRETTA DANNI IN ASSESTAMENTO A 2.163 MILIONI

Dettagli

I RISULTATI AL 31 MARZO 2014

I RISULTATI AL 31 MARZO 2014 PRESS RELEASE COMUNICATO STAMPA APPROVATI DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI BANCA CARIGE I RISULTATI AL 31 MARZO 2014 VITTORIO ROCCHETTI SUBENTRA A DIEGO MAGGIO QUALE SINDACO EFFETTIVO Tenuta della raccolta

Dettagli

L industria assicurativa italiana fornisce un contributo significativo all economia e alla società, mettendo a disposizione una vasta gamma di

L industria assicurativa italiana fornisce un contributo significativo all economia e alla società, mettendo a disposizione una vasta gamma di L industria assicurativa italiana fornisce un contributo significativo all economia e alla società, mettendo a disposizione una vasta gamma di servizi per la protezione dei rischi: dall assicurazione auto

Dettagli

I risultati economici del Gruppo nel 1 semestre del 2014 rispetto al 1 semestre 2013:

I risultati economici del Gruppo nel 1 semestre del 2014 rispetto al 1 semestre 2013: I risultati economici del Gruppo nel 1 semestre del 2014 rispetto al 1 semestre 2013: Nei primi sei mesi dell anno, la gestione economica del Gruppo ha generato un risultato della gestione operativa in

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2015

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2015 Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2015 Dati semestrali consolidati al 30 giugno 2015 redatti secondo i principi contabili internazionali

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Bilancio d esercizio Consolidato al 31 dicembre 2005 redatto secondo i principi contabili internazionali IAS/IFRS

COMUNICATO STAMPA. Bilancio d esercizio Consolidato al 31 dicembre 2005 redatto secondo i principi contabili internazionali IAS/IFRS BANCO DI SARDEGNA S.p.A. Sede Legale Cagliari - Viale Bonaria 33 Sede Amministrativa e Direzione Generale Sassari - Viale Umberto 36 Capitale Sociale Euro 147.420.075,00 i.v. Codice fiscale e numero di

Dettagli

RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 GIUGNO 2012

RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 GIUGNO 2012 RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 GIUGNO 2012 Presentazione alla comunità finanziaria Carlo Cimbri Amministratore Delegato Bologna, 9 Agosto 2012 Risultato consolidato AGENDA Area assicurativa Area assicurativa

Dettagli

RIUNITO IL CDA DI BANCA CR FIRENZE

RIUNITO IL CDA DI BANCA CR FIRENZE Comunicato stampa RIUNITO IL CDA DI BANCA CR FIRENZE Approvati i risultati dell esercizio 2007 UTILE NETTO CONSOLIDATO: Euro 185 milioni, in crescita del 6,9% rispetto all utile netto consolidato del 2006

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA BANCA POPOLARE DI VICENZA APPROVA IL NUOVO PIANO INDUSTRIALE 2015-2020

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA BANCA POPOLARE DI VICENZA APPROVA IL NUOVO PIANO INDUSTRIALE 2015-2020 COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA BANCA POPOLARE DI VICENZA APPROVA IL NUOVO PIANO INDUSTRIALE 2015-2020 VALORIZZATO IL RUOLO DI BANCA COMMERCIALE RADICATA SUL TERRITORIO, PUNTO DI

Dettagli

COIMA RES S.p.A. BILANCIO INTERMEDIO AL 30/09/2015. Sede legale in Milano piazza della Repubblica n.5 CAP 20121

COIMA RES S.p.A. BILANCIO INTERMEDIO AL 30/09/2015. Sede legale in Milano piazza della Repubblica n.5 CAP 20121 COIMA RES S.p.A. BILANCIO INTERMEDIO AL 30/09/2015 Sede legale in Milano piazza della Repubblica n.5 CAP 20121 Registro Imprese di Milano n. 09126500967 R.E.A. 2070334 Codice fiscale e Partita IVA 09126500967

Dettagli

2.2.7 Strumenti finanziari - fair value e gestione dei rischi

2.2.7 Strumenti finanziari - fair value e gestione dei rischi 114 2.2.7 Strumenti finanziari - fair value e gestione dei rischi 2.2.7.1 Gerarchia del fair value 2. Bilancio consolidato Le tabelle di seguito forniscono una ripartizione delle attività e passività per

Dettagli

SIGLATA L INTESA PER UNA FORTE PARTNERSHIP INDUSTRIALE CON MAPFRE NEL BUSINESS AUTO AGENZIALE

SIGLATA L INTESA PER UNA FORTE PARTNERSHIP INDUSTRIALE CON MAPFRE NEL BUSINESS AUTO AGENZIALE Società Cattolica di Assicurazione - Società Cooperativa Sede in Verona, Lungadige Cangrande n.16 C.F. 00320160237 Iscritta al Registro delle Imprese di Verona al n. 00320160237 Società iscritta all'albo

Dettagli

Poste Italiane: Crescono i Ricavi Risultato operativo e Utile netto in calo

Poste Italiane: Crescono i Ricavi Risultato operativo e Utile netto in calo Poste Italiane: Crescono i Ricavi Risultato operativo e Utile netto in calo Il Gruppo conferma la leadership nella raccolta del risparmio e dei premi assicurativi. Nel settore postale incide l onere per

Dettagli

Comunicato Stampa. ricavi consolidati pari a 57,4 milioni contro 60,9 milioni al 31 dicembre 2012

Comunicato Stampa. ricavi consolidati pari a 57,4 milioni contro 60,9 milioni al 31 dicembre 2012 Comunicato Stampa In data 18 marzo 2014 si è riunito a Bologna il Consiglio di Amministrazione di Poligrafici Printing S.p.A. per l approvazione del bilancio d esercizio e consolidato al 31 dicembre 2013:

Dettagli

BANCA POPOLARE DI SPOLETO: RISULTATI DEL PRIMO SEMESTRE 2011

BANCA POPOLARE DI SPOLETO: RISULTATI DEL PRIMO SEMESTRE 2011 www.bpspoleto.it BANCA POPOLARE DI SPOLETO: RISULTATI DEL PRIMO SEMESTRE 2011 Spoleto, 24 Agosto 2011 CRESCITA DELLA BANCA REALE Base Clientela a 137.943 unità (+2,8% rispetto al 31/12/10) Conti Correnti

Dettagli

Comunicato Stampa. Il consiglio di amministrazione di Investimenti e Sviluppo S.p.A. approva il resoconto intermedio di gestione al 31 marzo 2009

Comunicato Stampa. Il consiglio di amministrazione di Investimenti e Sviluppo S.p.A. approva il resoconto intermedio di gestione al 31 marzo 2009 Comunicato Stampa Il consiglio di amministrazione di Investimenti e Sviluppo S.p.A. approva il resoconto intermedio di gestione al 31 marzo 2009 Risultati consolidati al 31 marzo 2009: Ricavi netti pari

Dettagli

Utile netto della capogruppo Anima Holding: 72,4 milioni di euro (+38% sul 2013)

Utile netto della capogruppo Anima Holding: 72,4 milioni di euro (+38% sul 2013) COMUNICATO STAMPA ANIMA Holding: risultati esercizio 2014 Ricavi totali consolidati: 226,9 milioni (+3% sul 2013) Utile netto consolidato: 84,9 milioni (-29% sul 2013 che includeva proventi straordinari)

Dettagli

Il bilancio delle banche e l analisi delle performance. Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a.

Il bilancio delle banche e l analisi delle performance. Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. Il bilancio delle banche e l analisi delle performance Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2010/2011 Premessa Il bilancio bancario presenta caratteristiche distintive

Dettagli