Metodiche progettuali per Personal Learning Environments in ambiente Grid e Cloud Computing

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Metodiche progettuali per Personal Learning Environments in ambiente Grid e Cloud Computing"

Transcript

1 Metodiche progettuali per Personal Learning Environments in ambiente Grid e Cloud Computing Gianni Fenu, Simone Surcis 1, Massimiliano Picconi 2 Università degli Studi di Cagliari Via Ospedale 72, Cagliari (CA) 1 Consorzio Cosmolab Via Marengo 3, Cagliari (CA) 2 Università degli Studi di Cagliari Via Ospedale 72, Cagliari (CA) Negli ultimi anni, l impiego di tecnologie e-learning è aumentato considerevolmente, introducendo nuove metodologie di apprendimento basate principalmente su piattaforme software, oggi sempre più personalizzabili, che gestiscono i coursewares. Per quanto concerne l erogazione dei contenuti multimediali di cui tali corsi sono costituiti, l elevata richiesta di storage e di capacità computazionale, affiancate spesso a problematiche economiche inerenti i budget disponibili, hanno portato all adozione, sempre più frequente, di soluzioni esternalizzate. L intento di questo lavoro è di illustrare gli aspetti progettuali, architetturali e tecnologici che riguardano la creazione di una piattaforma di e-learning basata su tecnologie di Grid e Cloud Computing, elementi base quando si parla di fornitura su vasta scala di servizi software. Per il caso di studio si è presa in considerazione la MAG (Metropolitan Area Grid) del Consorzio COSMOLAB di Cagliari implementata nell ambito del progetto CYBERSAR volto a realizzare una Cyberinfrastructure per la ricerca scientifica e tecnologica in Sardegna. 1. Introduzione Negli ultimi anni, l impiego di tecnologie e-learning è aumentato considerevolmente; tali tecnologie, derivanti da quelle del Web 2.0, definiscono le caratteristiche del nuovo e-learning 2.0 [Ebner, 2007], nel quale, sono compresi anche quegli aspetti non prettamente tecnici che si coniugano con la natura intrinsecamente sociale della rete e con la sua inesauribile dinamicità. I courseware di nuova generazione erogati dalle piattaforme di e- learning sono ricchi di contenuti multimediali che richiedono un elevata capacità A. Andronico, L. Colazzo (Eds.): DIDAMATICA 2009 ISBN

2 DIDAMATICA 2009 di storage, e la fruizione degli stessi può, a volte, richiedere una consistente capacità computazionale per sottostare ad un certo livello di Qualità del Servizio (QoS). Inoltre a volte i corsi sono rivolti ad una platea estesa e in tali casi si rendono necessarie infrastrutture di calcolo che supportino un elevato numero di accessi contemporanei, o interattività diffusa. Ovviamente rispondere a questi requisiti comporta l impiego di notevoli risorse, quindi, quando si vuole creare un infrastruttura di tale tipo è necessaria prima un attenta analisi dei requisiti ai quali la piattaforma deve rispondere, per evitare il sottodimensionamento o la sottoutilizzazione della stessa. Molte scuole, o più in generale enti che vogliono erogare courseware, tuttavia, non dispongono di adeguati budget per poter acquisire le attrezzature e le risorse professionali necessari alla messa in opera e al mantenimento di un ambiente di e-learning. Un interessante approccio al problema esposto ha le sue fondamenta nelle architetture di calcolo parallelo e più recentemente nel Grid e nel Cloud Computing. Oggi è possibile ricorrere a piattaforme esterne, create ad hoc per consentire l erogazione di contenuti a diversi enti promotori e solitamente basate su infrastrutture di calcolo di dimensioni medio-grandi organizzate come griglie computazionali. Un concetto fondante la tecnologia Grid, ormai largamente diffusa, è proprio la condivisione e distribuzione delle risorse di calcolo fra chi ne fa richiesta, indipendentemente dalla provenienza, similmente a ciò che avviene in una griglia di distribuzione elettrica; da qui il termine Grid. In tale prospettiva è possibile venir meno al problema introdotto della grande richiesta di capacità computazionale e di storage, e più in generale, alla richiesta di risorse computazionali che possono apportare un utilità allo scopo prefisso. La recente introduzione delle tecnologie web 2.0 ha avuto un notevole impatto sulle modalità di lavoro con le quali l e-learner si approccia allo studio. Dal semplice courseware preconfezionato, si è passati a interagire dinamicamente con altri e-learner in una moltitudine di servizi innovativi basati su semplici tecnologie di comunicazione ma che al contempo appoggiano una filosofia ben più complessa, come quella del collaborative learning. Successivamente alla nascita delle tecnologie e dei servizi che costituiscono il web 2.0 si è potuto definire un nuovo modello ibrido di sfruttamento delle risorse offerte dalle reti di computer, il quale ha preso il nome di Cloud Computing. Gartner, all inizio del 2008, aveva valutato il Cloud Computing come una delle 10 tecnologie chiave per gli anni a seguire, affermando che le aziende a competere in questo settore sarebbero state un gran numero. Infatti l interesse per tale tecnologia è sempre in crescente aumento; oltre alle più importanti aziende del mondo nel settore ICT (Google, IBM, Microsoft e altre), le quali hanno aperto la strada al Cloud Computing, si sono interessati a tale tecnologia anche molte altre aziende e numerosi professionisti del settore. 2

3 Metodiche progettuali per Personal Learning Environments in ambiente Grid e Cloud Computing In questo paper verranno analizzati i valori aggiunti che le tecnologie di Grid e Cloud Computing possono apportare a supporto dell e-learning, con particolare riferimento agli aspetti architetturali e di progettazione di un sistema di erogazione e fruizione dei corsi. Questo lavoro si avvale dei risultati ottenuti con il Progetto Cybersar, gestito dal Consorzio COSMOLAB e co-finanziato dal Ministero dell Università e della Ricerca (MIUR) nell ambito del Programma Operativo Nazionale "Ricerca Scientifica, Sviluppo Tecnologico, Alta Formazione" per le Regioni Italiane dell'obiettivo 1 (Campania, Calabria, Puglia, Basilicata, Sicilia, Sardegna) - Asse II, Misura II.2 "Società dell'informazione", Azione a " Sistemi di calcolo e simulazione ad alte prestazioni". 2. Background Si ritiene utile, per meglio introdurre le tematiche oggetto dello studio, esplicitare attraverso una parte introduttiva le tecnologie proprie dei settori grid e cloud-computing [Foster et al, 2008]. Nella breve trattazione che segue verranno declinati su tre paragrafi i contenuti ritenuti essenziali per la successiva illustrazione del progetto. 2.1 Grid Computing Le Griglie sono ambienti persistenti che rendono possibile realizzare applicazioni che integrino risorse di strumentazione, di visualizzazione, di calcolo e di informazione provenienti da domini amministrativi diversi e geograficamente distribuiti. La definizione di Grid si basa sul concetto di condivisione di risorse computazionali di diverso tipo e si presta, quindi, a specificare diverse tipologie di Grid, tra le quali le più importanti sono: Grid Computazionali, Grid di Dati e Grid di applicazioni e/o servizi. Una griglia computazionale è l aggregazione di risorse di calcolo provenienti da domini di sicurezza e gestione differenti. Tale aggregazione è finalizzata a fornire ad un insieme di utenti potenza di calcolo on-demand, in modo disaccoppiato dalla provenienza, cioè dai nodi che la stanno fisicamente fornendo. La raccolta della potenza di calcolo sull intero insieme delle risorse della griglia permette di realizzare un supercalcolatore disponibile dinamicamente nel momento del bisogno. Le Grid di dati possono essere considerate una delle forme evolutive del web. Infatti, come il web nascono per contenere grandi moli di dati distribuiti in domini differenti per gestione e posizione geografica, con la differenza sostanziale che nelle griglie di dati queste aggregazioni vengono correlate tra 3

4 DIDAMATICA 2009 loro e conseguentemente assumono un alto valore aggiunto rispetto al mero contenuto. Infine vi sono le griglie di applicazioni e/o servizi, che rappresentano uno degli aspetti più innovativi del grid computing. Esse assumono il ruolo di Application Service Provider (ASP), cioè danno la possibilità di prendere in locazione un certo tempo di esecuzione di una specifica applicazione su di un server remoto ed inoltre consentono di realizzare al loro interno nuove specifiche applicazioni. Anche se è possibile suddividere le griglie per tipologie, oggi si parla indistintamente di griglia o griglia computazionale per indicare una griglia che assume tutte le caratteristiche delle tipologie illustrate. 2.2 Cloud Computing Il Cloud Computing [Lin et al, 2008] è una tecnologia Internet basata anch essa sull utilizzo di risorse distribuite. In tale definizione, il termine risorse indica un insieme più esteso delle risorse computazionali ascrivibili alle tecnologie Grid. Il Cloud Computing è spesso confuso con i concetti di Grid Computing, Autonomic Computing (sistemi informatici capaci di auto-gestirsi) e Utility Computing (l aggregazione di risorse computazionali, quali storage e cicli di clock, offerte come servizio a pagamento similmente a quanto accade con le utenze come l elettricità). Sebbene la maggior parte dei sistemi di Cloud Computing dipendano da griglie computazionali, abbiano caratteristiche tipiche dell autonomic computing e vengano commercializzati con le stesse modalità dell utility computing, il Cloud Computing è una tecnologia innovativa per molti aspetti, considerabile come la naturale evoluzione del modello grid-utility. Attraverso la tecnologia di Cloud Computing le risorse HW e SW vengono fornite come servizio, tipicamente scalabile e in modalità real-time. Per introdurre l architettura del Cloud Computing si assume che in essa i servizi hardware e software debbano risiedere prevalentemente sui web server, le nuvole [Weiss, 2007], piuttosto che diffusi sui singoli computer connessi in rete. Lo scenario è quindi quello di un utente il quale, avendo un device (un PC, un palmare, uno smartphone, o altro), un browser ed una connessione ad Internet può accedere alla nuvola giusta che gli fornisce i servizi e/o i dati che gli sono necessari. Spesso poi questi servizi saranno composti a piacimento dall utente nel rispetto delle sue necessità. Altro aspetto nuovo è la possibilità di spostare i dati dal proprio PC/device su di una nuvola con il risultato di avere tutto ciò di cui si necessita ovunque, worldwide. Per ora il cloud computing offre servizi per gestire archivi foto e video, la posta elettronica, l agenda appuntamenti, la gestione di testi e documenti vari, inclusi fogli elettronici. Oltre ovviamente a tutto ciò che è già 4

5 Metodiche progettuali per Personal Learning Environments in ambiente Grid e Cloud Computing presente solo sul web (blog, comunità virtuali, mappe geografiche e/o stradali e così via). Presto però, questa realtà sarà valida anche per l immagazzinamento di file del tutto generici, in quanto stanno nascendo dei repository di dati, completi di file system, che costituiscono dei veri e propri hard disk on line. La realtà del Cloud Computing si sta evolvendo con una rapidità incredibile, spinta anche dai colossali investimenti dei più grandi operatori IT del mondo, al punto tale che Microsoft ha da poco presentato il primo sistema operativo Cloud, Windows Azure, implementato come una collezione di cloud services. Altro concetto incluso nella nozione di Cloud Computing è l allocazione automatica e dinamica delle risorse. Se il sistema richiede l intervento umano per allocare i processi alle risorse, non si può parlare di cloud, ma solo di data center. Questa caratteristica è fondamentale, soprattutto considerando il tipo di dati che possono trovarsi al interno di una piattaforma Cloud. Considerato che uno dei principali vantaggi che il Cloud Computing porterà agli utenti è quello di poter mantenere la totalità dei proprio dati sul web, capiterà sempre più spesso di avere a che fare con dati riservati, dati sensibili, etc. Per questo, chi vuole offrire servizi di Cloud Computing, deve garantire all utente che il trattamento dei dati sia sempre e solo effettuato in maniera automatica e sicura. 2.3 XaaS La fase di passaggio verso il Cloud Computing sta delineando nuove categorie di servizi IT [Olsen, 2006] che consentono di creare applicazioni, database e servizi Web di qualunque genere, garantendo storage, backups, data replication, data protection, security, etc. Tra le principali categorie ricordiamo Software as a Service (SaaS) [Sirtl, 2008], Hardware as a Service (HaaS), Database as a Service (DaaS) and Platform as a Service (PaaS). Grazie all impiego di esse è possibile evitare ingenti costi infrastrutturali per l acquisto, la manutenzione, il supporto e/o l aggiornamento delle stesse infrastrutture informatiche. Un sempre maggior numero di applicazioni software di utilizzo corrente sono (o diventeranno) applicazioni Web, quindi di fatto applicazioni SaaS [Dan, 2007] [Choudhary, 2007] residenti ed eseguite su computers di terzi nonché mantenute da questi ultimi, disponibili praticamente "on the cloud", analogamente ad una piattaforma operativa integrata. Il termine SaaS viene spesso usato indistintamente al posto di Cloud Computing, ma questi non vanno confusi: è facilmente desumibile come il Cloud Computing sia un concetto ben più esteso, che riguarda un nuovo paradigma computazionale e che comprende diverse nuove categorie di servizi, tra le quali anche SaaS. Si può quindi affermare che un architettura di Cloud Computing è in relazione con 5

6 DIDAMATICA 2009 SaaS, in quanto può essere considerata come il miglior meccanismo per erogare Software as a Service. 3. Architettura e Progettazione Essenziale per una progettualità efficace di contenuti e-learning, è la piattaforma tecnologica che gestisce la distribuzione e la fruizione della formazione. Allo stato dell arte attuale, l e-learner può optare tra due soluzioni tecnologiche differenti per la propria istruzione: può avvalersi di un Virtual Learning Environment (VLE), detto anche Learning Management System (LMS), oppure far uso di un Personal Learning Environment (PLE) [Attwell, 2007], divenendo in questo caso un Cloud Learner. La prima soluzione è stata ampiamente discussa negli anni precedenti e anche qui vi erano interessanti correlazioni con il Grid Computing [Yang et al, 2005] soprattutto in merito a tematiche quali la memorizzazione e l organizzazione dei coursewares. I VLE, ad oggi, sono ancora il modello dominante, sia in ambito aziendale sia in quello scolastico. Tuttavia, alcuni segni di flessione sono da addebitarsi all attuale tendenza di personalizzare il proprio percorso formativo e le tecniche di apprendimento, nuove esigenze nate in corrispondenza della diffusione su vasta scala dei servizi web 2.0. Per questo si è deciso di trattare la seconda soluzione, ovvero quella del PLE, iniziando proprio dalla descrizione delle sue principali caratteristiche e differenze rispetto ai VLE. 3.1 Personal Learning Environment (PLE) I Personal Learning Environment sfuggono da una definizione ufficiale a causa della loro natura complessa. Si possono definire come sistemi, intesi come collezioni di strumenti, che facilitano l accesso, l aggregazione, la configurazione e la gestione di Learning Activities (termine che si contrappone a quello di Learning Objects, tipico dei VLE) da parte dell utente. Facilita l accesso in quanto l utente ha un controllo globale su tutto quanto è contenuto nel PLE, contrariamente ai VLE, notoriamente molto più rigidi. L aggregazione dei contenuti è un elemento fondante dei PLE. Lo spazio operativo assegnato ad ogni utente può contenere foto, video, audio, testo, in aggiunta a vari tipi di informazioni personali (curriculum, skills, bookmarks) e a servizi di messaggistica istantanea, forum e blog. La caratteristica di configurazione del sistema consente all utente di catalizzare all interno di un unica interfaccia tutte queste informazioni. Infine, la possibilità di associare il proprio PLE ad altri elementi, quali un VLE e un e-portfolio, consento di attuare una gestione unificata delle proprie learning activities. I personal learning environment sono dunque sistemi aperti, interconnessi tra loro e con altri servizi esterni; al 6

7 Metodiche progettuali per Personal Learning Environments in ambiente Grid e Cloud Computing contrario i VLE sono in genere piattaforme proprietarie centralizzate e chiuse, vale a dire che non si interfacciano con altre piattaforme e servizi, a meno di apposite interfacce (API) costruite ad hoc. 3.2 Caratteristiche Progettuali del Sistema La realizzazione di un PLE, da un punto di vista ingegneristico, consiste nella definizione delle funzionalità del sistema, le quali si basano a loro volta sulle risorse hardware e software sottostanti. Nell ottica di progettare un sistema che possa trarre benefici dall impiego sinergico di tecnologie grid e cloud computing, si parte col definire dove queste tecnologie intervengano e quali funzionalità apportino o integrino (vedi Fig.1). Grid + Cloud = GROUD Computing Cloud Computing Grid Computing - COMUNICAZIONE SINCRONA/ASINCRONA - ENORMI POTENZIALITÀ DI SVILUPPO (g-eclipse) - PaaS (PLE) e SaaS (WEB 2.0 APPS) - HaaS: USO, ASTRAZIONE E VIRTUALIZZAZIONE DELLE RISORSE GRID - HOSTING PIATTAFORMA CLOUD-BASED - GESTIONE DEGLI ACCESSI - LOAD BALANCING - STORAGE (NAS, SAN, DAS) - POTENZA COMPUTAZIONALE ON DEMAND Fig.1 Funzionalità introducibili attraverso il Groud Computing. Ogni PLE, come ogni servizio Cloud, necessita di un hosting ove poter essere ospitato. La griglia computazionale risulta essere la migliore delle soluzioni di hosting possibili in quanto garantisce una serie di vantaggi funzionali che altri hosting providers (es. server dedicato) non possono offrire: potenza computazionale su richiesta, proporzionale alle esigenze; capacità di storage facilmente scalabile con possibilità di implementare congiuntamente soluzioni eterogenee quali Network Attached Storage, Storage Area Network, Direct-Attached Storage; bilanciamento del Carico Computazionale dinamico; gestione degli accessi contemporanei ai dati e delle richieste di accesso multiple da parte degli utenti. L impiego di tecniche proprie del Cloud Computing, consente invece di ottenere i seguenti vantaggi: attuare una efficace astrazione delle risorse hardware (HaaS), caratteristica ancor più interessante considerando che si hanno a 7

8 DIDAMATICA 2009 disposizione le risorse hardware virtualizzate della griglia sottostante; poter integrare varie cloud applications (erogate come SaaS e disponibili in Internet) al PLE stesso, ottenendo così una piattaforma di servizi integrati (PaaS); far uso dei servizi web 2.0 integrati nelle cloud applications per affiancare alle tradizionali comunicazioni di tipo asincrono, tipiche dei VLE, anche quelle sincrone come videochat, telefonate VoIP e Instant Messaging di vario tipo; poter beneficiare di nuove tecniche di sviluppo software [Espadas et al, 2008] che consento una sempre maggior integrazione degli attuali linguaggi di programmazione nelle cloud applications. 3.3 Scelte implementative I concetti riassunti nei paragrafi precedenti rappresentano uno studio di fattibilità condotto, nell ambito del più vasto progetto Cybersar, con l obiettivo di sperimentare alcune soluzioni tecnologiche e poterne testare il funzionamento. La griglia computazionale che ospita il progetto è costituita da sette poli computazionali distribuiti in Sardegna. Ogni polo è costituito da decine o centinaia di nodi di calcolo, a seconda della specificità del plesso, equipaggiati con processori dual-core a 64 bit, schede madri supportanti più tecniche di boot, memoria RAM di tipo DDR a 400 MHz e dischi che supportano il funzionamento ininterrotto. I sistemi operativi principalmente adottati sono Linux e secondariamente Windows, ma le tecnologie cloud esaminate sono completamente web-based, quindi il S.O. non è da considerarsi fattore rilevante. La soluzione risultata migliore per giungere alla realizzazione di PLEs è stata l adozione di un social network engine open source, Elgg (elgg.org), che consente agli sviluppatori di realizzare una piattaforma di applicazioni personalizzate e selezionate tra quelle del web 2.0. L idea di Elgg è quella di consentire l integrazione degli aspetti comuni al social networking nelle applicazioni web preferite. Oltre a questa caratteristica Elgg presenta due funzionalità fondamentali per la fase implementativa del progetto: è eseguito su Apache, MySQL e PHP (AMP technology); questo garantisce una massima compatibilità con i server della griglia computazionale nei quali possono girare tutte le applicazioni compatibili su web server Apache; gli sviluppatori possono implementare moduli e plugins addizionali completamente integrabili al resto della piattaforma. In questo modo, oltre ai moduli di e-learning già disponibili e interfacciabili 8

9 Metodiche progettuali per Personal Learning Environments in ambiente Grid e Cloud Computing con elgg è possibile creare applicazioni proprie della griglia e ospitarle negli stessi server per essere erogate come cloud services. Per integrare a quest ultima funzionalità, la creazione di applicazioni direttamente interfacciabili con la griglia si è scelta l adozione dell ambiente di sviluppo g-eclipse [Gjermundrod et al, 2008] (geclipse.org). Questo framework di sviluppo è stato costruito a partire dal noto eclipse e fornisce i tools necessari a realizzare applicazioni che oltre a essere interfacciabili con le risorse delle griglia, possono anche gestirle attraverso una comunicazione diretta con il middleware. G-eclipse al momento è supportato solo sui principali middleware per griglie computazionali, tra i quali glite che è il middleware impiegato nella griglia Cybersar. Un ultima caratteristica interessante di Elgg gli consente di integrare anche alcuni VLE per aiutare coloro che vogliono integrare al proprio PLE anche i classici ambienti di e-learning formali, primo tra tutti Moodle, che avendo aderito al progetto Elgg, è integrabile mediante un plugin. 4. Conclusioni Attualmente le tecnologie descritte nel paper sono in fase di sperimentazione presso una delle Virtual Organization (VO) appartenenti alla griglia computazionale di COSMOLAB. Il primo obiettivo è la costruzione di un PLE di default contenente tutti gli strumenti di e-learning e social networking più diffusi in modo da fornire una base di partenza all utente nella quale poi aggiungere o modificare a proprio piacimento i servizi preferiti. I risultati ottenuti fino a questo punto consento di affermare che le tecnologie Grid e Cloud Computing possono dare diversi valori aggiunti nell erogazione di servizi e contenuti e-learning, nonché introdurre livelli di QoS, quando richiesto. Possibili sviluppi futuri relativi a questo lavoro sono orientati all implementazione di nuovi servizi per PLEs, sviluppando sia cloud applications, sia applicazioni grid-based mediante il framework g-eclipse. Bibliografia [Attwell, 2007] Attwell G., elearning Papers, vol 2 nº 1, January 2007, ISSN , 2007, 1-8. [Choudhary, 2007] Choudhary V., Software as a Service: Implications for Investment in Software Developments, Proc of the International Conference on System Sciences, 2007,

10 DIDAMATICA 2009 [Dan, 2007] Dan. M., The Business Model of Software-As-a-Service, Proc of the International Conference on Service Computing, 2007, [Ebner, 2007] Ebner M., E-Learning 2.0 = e-learning Web 2.0?, Proc of the International Conference on Availability, Reliability and Security, 2007, [Espadas et al, 2008] Espadas J., Concha D., Molina A., Application Development over Software-as-a-Service Platforms, Proc of the International Conference on Software Engineering Advances, 2008, [Foster et al, 2008] Foster I., Zhao Y., Raicu I., Lu S., Cloud Computing and Grid Computing 360-Degree Compared, Proc of the Grid Computing Environments Workshop, 2008, [Gjermundrod et al, 2008] Gjermundrod H., Dikaiakos M.D., Stumpert M., Wolniewicz P., Kornmayer H., g-eclipse - an integrated framework to access and maintain Grid resources, Proc of the International Conference on Grid Computing, 2008, [Lin et al, 2008] Lin G., Dasmalchi G., Zhu J., Cloud Computing and IT as a Service: Opportunities and Challenges, Proc of the International Conference on Web Service, 2008, [Olsen, 2006] Olsen E.R., Transitioning to Software as a Service: Realigning Software Engineering Practices with the New Business Model, Proc of the International Conference on Service Operations and Logistics, and Informatics, 2006, [Sirtl, 2008] Sirtl H., Software plus Services: New IT- and Business Opportunities by Uniting SaaS, SOA and Web 2.0, Proc of the International Conference on Enterprise Distributed Object Computing, 2008, [Weiss, 2007] Weiss A., Computing in the Clouds. Networker, ACM, [Yang et al, 2005] Yang C., Ho H., Pan C., Using Grid Computing and PVFS2 Technologies for Construction of an e-learning Environment, Proc of the International Conference on Advanced Learning Technologies, 2005,

LE 10 TECNOLOGIE STRATEGICHE PER IL 2008

LE 10 TECNOLOGIE STRATEGICHE PER IL 2008 http://www.sinedi.com ARTICOLO 18 DICEMBRE 2007 LE 10 TECNOLOGIE STRATEGICHE PER IL 2008 Come ogni anno, Gartner, la società americana di ricerche e d informazione sulle tecnologie, ha identificato dieci

Dettagli

Abstract. Reply e il Cloud Computing: la potenza di internet e un modello di costi a consumo. Il Cloud Computing per Reply

Abstract. Reply e il Cloud Computing: la potenza di internet e un modello di costi a consumo. Il Cloud Computing per Reply Abstract Nei nuovi scenari aperti dal Cloud Computing, Reply si pone come provider di servizi e tecnologie, nonché come abilitatore di soluzioni e servizi di integrazione, volti a supportare le aziende

Dettagli

Cloud Computing: alcuni punti fermi per non smarrirsi fra le nuvole

Cloud Computing: alcuni punti fermi per non smarrirsi fra le nuvole Cloud Computing: alcuni punti fermi per non smarrirsi fra le nuvole Stefano Mainetti stefano.mainetti@polimi.it L ICT come Commodity L emergere del Cloud Computing e i nuovi modelli di delivery Trend n.

Dettagli

IT ARCHITECTURE: COME PREPARARSI AL CLOUD

IT ARCHITECTURE: COME PREPARARSI AL CLOUD IT ARCHITECTURE: COME PREPARARSI AL CLOUD Stefano Mainetti stefano.mainetti@polimi.it L ICT come Commodity L emergere del Cloud Computing e i nuovi modelli di delivery Trend n. 1 - ICT Commoditization

Dettagli

MCloud.Gov l infrastruttura SaaS per la Pubblica Amministrazione locale

MCloud.Gov l infrastruttura SaaS per la Pubblica Amministrazione locale MCloud.Gov l infrastruttura SaaS per la Pubblica Amministrazione locale 1. Livello infrastrutturale Il Cloud, inteso come un ampio insieme di risorse e servizi fruibili da Internet che possono essere dinamicamente

Dettagli

Interstudio L INGEGNERE NELLE NUVOLE. App, WEB App e Cloud. ing. Sauro Agostini. Architectural & Engineering Software. venerdì 11 ottobre 13

Interstudio L INGEGNERE NELLE NUVOLE. App, WEB App e Cloud. ing. Sauro Agostini. Architectural & Engineering Software. venerdì 11 ottobre 13 Architectural & Engineering Software L INGEGNERE NELLE NUVOLE App, WEB App e Cloud ing. Sauro Agostini Mitterand 1981 Reagan Battaglin Alice IBM PC 5150 Alonso C ERA UNA VOLTA IL DOS Non è una rivoluzione,

Dettagli

Il Cloud Computing: uno strumento per migliorare il business

Il Cloud Computing: uno strumento per migliorare il business Il Cloud Computing: uno strumento per migliorare il business Luca Zanetta Uniontrasporti I venti dell'innovazione - Imprese a banda larga Varese, 9 luglio 2014 1 / 22 Sommario Cos è il cloud computing

Dettagli

Nuove tecnologie: scenari e opportunità per gli studi professionali

Nuove tecnologie: scenari e opportunità per gli studi professionali S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE Nuove tecnologie: scenari e opportunità per gli studi professionali DAVIDE GRASSANO Membro della Commissione Informatica 1 Dicembre 2010 - Milano Agenda 1 Il software come

Dettagli

Il Cloud Computing nel mondo dei servizi: prospettive per Banche e PA

Il Cloud Computing nel mondo dei servizi: prospettive per Banche e PA Forum Banche e PA 2012 Roma, 23 24 Febbraio 2012 Il Cloud Computing nel mondo dei servizi: prospettive per Banche e PA Monica Pellegrino Research Analyst, ABI Lab Roma, 23 Febbraio 2012-1- Agenda L evoluzione

Dettagli

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA GERHARD LO SVILUPPO APPLICATIVO NELL ERA DEL CLOUD E DEL MOBILE

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA GERHARD LO SVILUPPO APPLICATIVO NELL ERA DEL CLOUD E DEL MOBILE LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA GERHARD BAYER LO SVILUPPO APPLICATIVO NELL ERA DEL CLOUD E DEL MOBILE ROMA 4-5 NOVEMBRE 2015 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA, 231 info@technologytransfer.it www.technologytransfer.it

Dettagli

Il Cloud Computing e la Pubblica Amministrazione

Il Cloud Computing e la Pubblica Amministrazione Forum PA Roma 19 maggio 2010 Il Cloud Computing e la Pubblica Amministrazione Daniela Battisti Chair Working Party on the Information Economy Committee for Information Computer Communications Policies

Dettagli

Linux Day 2009 24/10/09. Cloud Computing. Diego Feruglio

Linux Day 2009 24/10/09. Cloud Computing. Diego Feruglio Linux Day 2009 24/10/09 Cloud Computing Diego Feruglio Cos è il Cloud Computing? An emerging computing paradigm where data and services reside in massively scalable data centers and can be ubiquitously

Dettagli

soluzioni e servizi per fare grande una media impresa Soluzioni di Cloud Computing per imprese con i piedi per terra.

soluzioni e servizi per fare grande una media impresa Soluzioni di Cloud Computing per imprese con i piedi per terra. soluzioni e servizi per fare grande una media impresa Soluzioni di Cloud Computing per imprese con i piedi per terra. FASTCLOUD È un dato di fatto che le soluzioni IT tradizionali richiedono investimenti

Dettagli

Cloud Survey 2012: lo stato del cloud computing in Italia

Cloud Survey 2012: lo stato del cloud computing in Italia Cloud Survey 2012: lo stato del cloud computing in Italia INTRODUZIONE EXECUTIVE SUMMARY Il cloud computing nelle strategie aziendali Cresce il numero di aziende che scelgono infrastrutture cloud Perché

Dettagli

IL PRIVATE CLOUD DELLA FRIENDS' POWER

IL PRIVATE CLOUD DELLA FRIENDS' POWER IL PRIVATE CLOUD DELLA FRIENDS' POWER Evoluzione al Cloud Computing Condivisione dei lavori Integrazione con Android & iphone Cos è il Cloud: le forme e i vantaggi Durante la rivoluzione industriale, le

Dettagli

Esperimenti di Cloud Computing in ENEA-GRID

Esperimenti di Cloud Computing in ENEA-GRID Conferenza GARR 2011 Bologna, 8-10 Novembre Esperimenti di Cloud Computing in ENEA-GRID Ing. Giovanni Ponti, Ph.D. ENEA C.R. Portici giovanni.ponti@enea.it Joint work with A. Secco, F. Ambrosino, G. Bracco,

Dettagli

Introduzione al Cloud Computing

Introduzione al Cloud Computing Risparmiare ed innovare attraverso le nuove soluzioni ICT e Cloud Introduzione al Cloud Computing Leopoldo Onorato Onorato Informatica Srl Mantova, 15/05/2014 1 Sommario degli argomenti Definizione di

Dettagli

Stefano Mainetti Fondazione Politecnico di Milano

Stefano Mainetti Fondazione Politecnico di Milano Quale Roadmap per il Cloud Computing? Stefano Mainetti Fondazione Politecnico di Milano stefano.mainetti@fondazione.polimi.it La definizione classica del Cloud Computing 4 modelli di deployment Cloud private

Dettagli

GoCloud just google consulting

GoCloud just google consulting La visione Cloud di Google: cosa cambia per i profili tecnici? GoCloud just google consulting Workshop sulle competenze ed il lavoro degli IT Systems Architect Vincenzo Gianferrari Pini

Dettagli

L iniziativa Cloud DT

L iniziativa Cloud DT L iniziativa Cloud DT Francesco Castanò Dipartimento del Tesoro Ufficio per il Coordinamento Informatico Dipartimentale (UCID) Roma, Luglio 2011 Il Cloud Computing Alcune definizioni Il Cloud Computing

Dettagli

Cloud Computing....una scelta migliore. ICT Information & Communication Technology

Cloud Computing....una scelta migliore. ICT Information & Communication Technology Cloud Computing...una scelta migliore Communication Technology Che cos è il cloud computing Tutti parlano del cloud. Ma cosa si intende con questo termine? Le applicazioni aziendali stanno passando al

Dettagli

Software Libero infrastrutturale: l'esperienza ENEA. Antonio Colavincenzo Gianfilippo Giannini

Software Libero infrastrutturale: l'esperienza ENEA. Antonio Colavincenzo Gianfilippo Giannini Software Libero infrastrutturale: l'esperienza ENEA Antonio Colavincenzo Gianfilippo Giannini 1 Kelyon Fonda il suo business esclusivamente sull'open source Offre soluzioni open per il settore pharma,

Dettagli

AGENDA DIGITALE E APPRENDIMENTI. Paolo Rigo

AGENDA DIGITALE E APPRENDIMENTI. Paolo Rigo AGENDA DIGITALE E APPRENDIMENTI Paolo Rigo LA SCUOLA DIGITALE Il progetto di alfabetizzazione digitale della popolazione è ambizioso e la sua realizzazione non può che partire dalla scuola. Occorre potenziare

Dettagli

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bologna 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO DI SUCCESSO

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bologna 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO DI SUCCESSO Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bologna 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica IL CASO DI SUCCESSO Innovare e competere con le ICT: casi di successo - PARTE I Cap.7 Cloud

Dettagli

Prospettive dei servizi cloud in ENEA-GRID

Prospettive dei servizi cloud in ENEA-GRID Workshop congiunto INFN CCR GARR 2012 Napoli, 14-17 Maggio Prospettive dei servizi cloud in ENEA-GRID Ing. Giovanni Ponti, Ph.D. ENEA C.R. Portici giovanni.ponti@enea.it Sommario Introduzione al Cloud

Dettagli

Emanuele Barrano Filippo Bosi CLOUD COMPUTING E ARCHITETTURE SOFTWARE: QUALI IMPATTI SULLO SVILUPPO DI APPLICAZIONI?

Emanuele Barrano Filippo Bosi CLOUD COMPUTING E ARCHITETTURE SOFTWARE: QUALI IMPATTI SULLO SVILUPPO DI APPLICAZIONI? Emanuele Barrano Filippo Bosi CLOUD COMPUTING E ARCHITETTURE SOFTWARE: QUALI IMPATTI SULLO SVILUPPO DI APPLICAZIONI? Agenda Cloud Overview Approccio al Cloud Computing Impatto sullo sviluppo delle applicazioni

Dettagli

Estratto dell'agenda dell'innovazione Smau Milano 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica. Il caso INCA CGIL

Estratto dell'agenda dell'innovazione Smau Milano 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica. Il caso INCA CGIL Estratto dell'agenda dell'innovazione Smau Milano 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica Il caso INCA CGIL Innovare e competere con le ICT - PARTE I Cap.1 L innovazione nella gestione dei

Dettagli

Caratteristiche e funzionalità del cloud computing. Marco Barbi Flavio Bonfatti Laboratorio Softech ICT Università di Modena e Reggio Emilia

Caratteristiche e funzionalità del cloud computing. Marco Barbi Flavio Bonfatti Laboratorio Softech ICT Università di Modena e Reggio Emilia Caratteristiche e funzionalità del cloud computing Marco Barbi Flavio Bonfatti Laboratorio Softech ICT Università di Modena e Reggio Emilia Sommario Premesse: definizioni Prima del cloud computing: evoluzione

Dettagli

Ottimizzazione dell infrastruttura per la trasformazione dei data center verso il Cloud Computing

Ottimizzazione dell infrastruttura per la trasformazione dei data center verso il Cloud Computing Ottimizzazione dell infrastruttura per la trasformazione dei data center verso il Cloud Computing Dopo anni di innovazioni nel settore dell Information Technology, è in atto una profonda trasformazione.

Dettagli

CLOUD COMPUTING. Che cos è il Cloud

CLOUD COMPUTING. Che cos è il Cloud CLOUD COMPUTING Che cos è il Cloud Durante la rivoluzione industriale, le imprese che si affacciavano per la prima volta alla produzione dovevano costruirsi in casa l energia che, generata da grandi macchine

Dettagli

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it il server? virtualizzalo!! Se ti stai domandando: ma cosa stanno dicendo? ancora non sai che la virtualizzazione è una tecnologia software, oggi ormai consolidata, che sta progressivamente modificando

Dettagli

Corso di Informatica per la Gestione Aziendale

Corso di Informatica per la Gestione Aziendale Corso di Informatica per la Gestione Aziendale Anno Accademico: 2008/2009 DOCENTI: Prof.ssa Cecilia Rossignoli Dott. Gianluca Geremia Università degli Studi di Verona Dipartimento di Economia Aziendale

Dettagli

La trasformazione in atto nei Data center

La trasformazione in atto nei Data center La trasformazione in atto nei Data center Data Center Hands On Milano, 13 marzo 2012 Stefano Mainetti stefano.mainetti@polimi.it I nuovi dispositivi Videocamera Console & Player Tablet Smart TV Dual screen

Dettagli

Apps4Law: Riflessioni sul Cloud Computing. Roma 21 marzo 2013 Sala Seminari UNIRIZ. Alessandro Graziani, Avvocato alessandrograziani@iuslaw.

Apps4Law: Riflessioni sul Cloud Computing. Roma 21 marzo 2013 Sala Seminari UNIRIZ. Alessandro Graziani, Avvocato alessandrograziani@iuslaw. Apps4Law: Riflessioni sul Cloud Computing Roma 21 marzo 2013 Sala Seminari UNIRIZ 2 3 Il Cloud Computing si definisce consuetamente secondo due distinte accezioni: 1. un di carattere tecnologico 2. l altra

Dettagli

Architetture di Cloud Computing

Architetture di Cloud Computing Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Informatica Corso di Ingegneria del A. A. 2013-2014 Architetture di Cloud Computing 1 Cloud computing Sommario Principali requisiti richiesti dal cloud clomputing

Dettagli

FORUM PA 2014 «La scuola e la didattica nell era digitale» Stefano Mattevi Telecom Italia

FORUM PA 2014 «La scuola e la didattica nell era digitale» Stefano Mattevi Telecom Italia FORUM PA 2014 «La scuola e la didattica nell era digitale» Stefano Mattevi Telecom Italia Il difficile accesso degli studenti italiani alla didattica digitale Fonte: Unione Europea, «Survey of Schools:

Dettagli

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA TUTTO SUL ROMA 17-19 OTTOBRE 2011 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA, 231

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA TUTTO SUL ROMA 17-19 OTTOBRE 2011 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA, 231 LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA GERHARD BAYER TUTTO SUL CLOUD COMPUTING Concetti, Attori, Tecnologie ROMA 17-19 OTTOBRE 2011 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA, 231 info@technologytransfer.it www.technologytransfer.it

Dettagli

I nuovi modelli di delivery dell IT: un quadro di riferimento

I nuovi modelli di delivery dell IT: un quadro di riferimento I nuovi modelli di delivery dell IT: un quadro di riferimento Stefano Mainetti Fondazione Politecnico di Milano stefano.mainetti@polimi.it Milano, 25 Ottobre 2010 Cloud Computing: il punto d arrivo Trend

Dettagli

Gartner Group definisce il Cloud

Gartner Group definisce il Cloud Cloud Computing Gartner Group definisce il Cloud o Cloud Computing is a style of computing in which elastic and scalable information technology - enabled capabilities are delivered as a Service. Gartner

Dettagli

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bari 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO BOOKINGSHOW

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bari 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO BOOKINGSHOW Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bari 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica IL CASO BOOKINGSHOW Innovare e competere con le ICT: casi di successo - PARTE II Cap.9 Far evolvere

Dettagli

Cloud Computing: la prospettiva della Banca d Italia

Cloud Computing: la prospettiva della Banca d Italia Cloud Computing: la prospettiva della Banca d Italia Roma, 5 ottobre 2010 ing. Giovanni Peruggini Banca d Italia - Area Risorse Informatiche e Rilevazioni Statistiche La Banca d Italia Banca Centrale della

Dettagli

Ottimizzare l IT. Interesse verso il cloud. Cloud computing. Ottimizzare l'it 16/04/2010. Assyrus Srl 1. Cloud Computing

Ottimizzare l IT. Interesse verso il cloud. Cloud computing. Ottimizzare l'it 16/04/2010. Assyrus Srl 1. Cloud Computing Ottimizzare l IT Cloud Computing Interesse verso il cloud 16/04/2010 Ottimizzare l'it 2 Cloud computing Cloud computing insieme di tecnologie informatiche che permettono l'utilizzo di risorse (storage,

Dettagli

IL CLOUD COMPUTING DALLE PMI ALLE ENTERPRISE. Salvatore Giannetto Presidente Salvix S.r.l

IL CLOUD COMPUTING DALLE PMI ALLE ENTERPRISE. Salvatore Giannetto Presidente Salvix S.r.l IL CLOUD COMPUTING Salvatore Giannetto Presidente Salvix S.r.l Agenda. - Introduzione generale : il cloud computing Presentazione e definizione del cloud computing, che cos è il cloud computing, cosa serve

Dettagli

C Cloud computing Cloud storage. Prof. Maurizio Naldi

C Cloud computing Cloud storage. Prof. Maurizio Naldi C Cloud computing Cloud storage Prof. Maurizio Naldi Cos è il Cloud Computing? Con cloud computing si indica un insieme di tecnologie che permettono, tipicamente sotto forma di un servizio, di memorizzare/

Dettagli

Il Cloud e la SOA. Impatto sulle organizzazioni ICT. 16 Ottobre 2009. Francesco Polimeni Presales Consultant HP Software

Il Cloud e la SOA. Impatto sulle organizzazioni ICT. 16 Ottobre 2009. Francesco Polimeni Presales Consultant HP Software Il Cloud e la SOA Impatto sulle organizzazioni ICT 16 Ottobre 2009 Francesco Polimeni Presales Consultant HP Software Il contesto del Cloud Definizioni La Cloud (R)evolution Il Cloud è il mezzo attraverso

Dettagli

Come Funziona. Virtualizzare con VMware

Come Funziona. Virtualizzare con VMware Virtualize IT Il Server? Virtualizzalo!! Se ti stai domandando: ma cosa stanno dicendo? ancora non sai che la virtualizzazione è una tecnologia software, oggi ormai consolidata, che sta progressivamente

Dettagli

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile Company Profile Chi siamo Kammatech Consulting S.r.l. nasce nel 2000 con l'obiettivo di operare nel settore I.C.T., fornendo servizi di progettazione, realizzazione e manutenzione di reti aziendali. Nel

Dettagli

Introduzione al corso

Introduzione al corso Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria delle Telecomunicazioni Corso di Reti di Applicazioni Telematiche a.a. 2010-2011 Introduzione al corso

Dettagli

SIMULWARE. SimulwareProfessional

SIMULWARE. SimulwareProfessional SIMULWARE SimulwareProfessional Che cosʼè SimulwareProfessional SimulwareProfessional è una piattaforma elearning SCORM-AICC compliant con un elevato livello di scalabilità e personalizzazione. Si presenta

Dettagli

CURRICULUM VITAE EUROPEO

CURRICULUM VITAE EUROPEO CURRICULUM VITAE EUROPEO INFORMAZIONI PERSONALI Nome e Cognome Simone Surcis Indirizzo Telefono Cellulare E-mail Nazionalità Italiana Data di Nascita 7 Ottobre 1984 ESPERIENZA LAVORATIVA Da A.A. 2009/10

Dettagli

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA MAX DOLGICER IL NUOVO MANIFESTO DELL INTEGRAZIONE APPLICAZIONI, DATI, CLOUD, MOBILE E INTERNET OF THINGS

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA MAX DOLGICER IL NUOVO MANIFESTO DELL INTEGRAZIONE APPLICAZIONI, DATI, CLOUD, MOBILE E INTERNET OF THINGS LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA MAX DOLGICER IL NUOVO MANIFESTO DELL INTEGRAZIONE APPLICAZIONI, DATI, CLOUD, MOBILE E INTERNET OF THINGS ROMA 10-11 DICEMBRE 2015 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA,

Dettagli

Cloud Computing: Mercato in Italia, trend e opportunità

Cloud Computing: Mercato in Italia, trend e opportunità Cloud Computing: Mercato in Italia, trend e opportunità Stefano Mainetti stefano.mainetti@polimi.it Legnano, 24 maggio 2012 Risorse computazionali 2041 The Time, 2011 I nuovi dispositivi Videocamera Console

Dettagli

Blue Bay Tech Srl. www.bluebaytech.it info@bluebaytech.it COMPANY OVERVIEW

Blue Bay Tech Srl. www.bluebaytech.it info@bluebaytech.it COMPANY OVERVIEW Blue Bay Tech Srl www.bluebaytech.it info@bluebaytech.it COMPANY OVERVIEW La società L'azienda BLUE BAY TECH Srl nasce nel 2011 dall incontro di professionisti da anni impegnati nel mondo ICT dei servizi

Dettagli

Sistemi Operativi. Conclusioni e nuove frontiere

Sistemi Operativi. Conclusioni e nuove frontiere Sistemi Operativi (modulo di Informatica II) Conclusioni e nuove frontiere Patrizia Scandurra Università degli Studi di Bergamo a.a. 2008-09 Sommario Definizione di sistema operativo Evoluzione futura

Dettagli

www.zetaqlab.com C-Light Web-based Management Software

www.zetaqlab.com C-Light Web-based Management Software www.zetaqlab.com C-Light Web-based Management Software WEB-BASED MANAGEMENT SOFTWARE C-Light è l applicazione per la gestione locale (intranet) e remota (internet) di ogni impianto d automazione integrabile

Dettagli

Programma Operativo di Cooperazione Transfrontaliera Italia Svizzera 2007-2013 PROGETTO STRATEGIO PTA

Programma Operativo di Cooperazione Transfrontaliera Italia Svizzera 2007-2013 PROGETTO STRATEGIO PTA Programma Operativo di Cooperazione Transfrontaliera Italia Svizzera 2007-2013 PROGETTO STRATEGIO PTA PIATTAFORMA TECNOLOGICA ALPINA: UNO STRUMENTO TRANSFRONTALIERO PER LA CONDIVISIONE DI INFRASTRUTTURE

Dettagli

ICT Information &Communication Technology

ICT Information &Communication Technology ICT Information &Communication Technology www.tilak.it Profile Tilak Srl, azienda specializzata in soluzioni in ambito Communication Technology opera nell ambito dei servizi di consulenza, formazione e

Dettagli

1. FINALITÀ E DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE E FUNZIONALI

1. FINALITÀ E DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE E FUNZIONALI 1. FINALITÀ E DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE E FUNZIONALI Per implementare una piattaforma di e-learning occorre considerare diversi aspetti organizzativi, gestionali e tecnici legati essenzialmente

Dettagli

Scenario competivivo e previsioni di sviluppo del mercato italiano dei servizi di datacenter

Scenario competivivo e previsioni di sviluppo del mercato italiano dei servizi di datacenter Scenario competivivo e previsioni di sviluppo del mercato italiano dei servizi di datacenter Elena Vaciago Senior Associate Consultant IDC Italia ICT4Green Conference Nhow Hotel, Milano 17 Febbraio 2009

Dettagli

Spunti ed Elementi da Intel Cloud Forum

Spunti ed Elementi da Intel Cloud Forum Spunti ed Elementi da Intel Cloud Forum Intel incontra il canale sul tema del Cloud Computing, Milano, 8 Settembre 2011 L Information e Communication Technology per oltre vent anni si è sviluppata attorno

Dettagli

Corso di Applicazioni Telematiche

Corso di Applicazioni Telematiche Corso di Applicazioni Telematiche Lezione n.1 Prof. Roberto Canonico Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Obiettivi del corso Supporti didattici Modalità d esame Panoramica

Dettagli

Introduzione Parte 1 Parte 2 Parte 3 Parte 4 Parte 5 Conclusioni Transversal part

Introduzione Parte 1 Parte 2 Parte 3 Parte 4 Parte 5 Conclusioni Transversal part PANORAMICA Introduzione: Concetti di cloud computing e di SaaS Parte 1: Migrare o non migrare verso il cloud? Parte 2: Punto di vista dei decisori Parte 3: Offerte disponibili di SaaS Parte 4: Piattaforme

Dettagli

CLOUD COMPUTING introduzione all'ict as a service. Giuseppe Scalici (AICQ Sicilia - Nucleo Open Source)

CLOUD COMPUTING introduzione all'ict as a service. Giuseppe Scalici (AICQ Sicilia - Nucleo Open Source) CLOUD COMPUTING introduzione all'ict as a service Giuseppe Scalici (AICQ Sicilia - Nucleo Open Source) Elaborazione tradizionale INPUT OUTPUT Per ottenere l'output desiderato è necessario dotarsi di un

Dettagli

CLOUD SURVEY 2012: LO STATO DEL CLOUD COMPUNTING IN ITALIA

CLOUD SURVEY 2012: LO STATO DEL CLOUD COMPUNTING IN ITALIA CLOUD SURVEY 2012: LO STATO DEL CLOUD COMPUNTING IN ITALIA INTRODUZIONE NOTA METODOLOGICA EXECUTIVE SUMMARY IL CLOUD COMPUTING NELLE STRATEGIE AZIENDALI LA PAROLA AI CIO LE SCELTE CLOUD DEI PROFESSIONISTI

Dettagli

CREARE UN AMBIENTE SMART STORAGE CLOUD CON IBM SMARTCLOUD STORAGE ACCESS

CREARE UN AMBIENTE SMART STORAGE CLOUD CON IBM SMARTCLOUD STORAGE ACCESS CREARE UN AMBIENTE SMART STORAGE CLOUD CON IBM SMARTCLOUD STORAGE ACCESS GENNAIO 2013 Molte organizzazioni ritengono che la propria grande rete di storage funzioni a compartimenti stagni o che sia dedicata

Dettagli

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bologna 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO PRIMA INDUSTRIES

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bologna 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO PRIMA INDUSTRIES Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bologna 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica IL CASO PRIMA INDUSTRIES Innovare e competere con le ICT: casi di successo - PARTE I Cap.8

Dettagli

D3.2 Documento illustrante l architettura 3D Cloud per la realizzazione di servizi in modalità SaaS

D3.2 Documento illustrante l architettura 3D Cloud per la realizzazione di servizi in modalità SaaS D3.2 Documento illustrante l architettura 3D Cloud per la realizzazione di servizi in modalità SaaS Il modello SaaS Architettura 3D Cloud Il protocollo DCV Benefici Il portale Web EnginFrame EnginFrame

Dettagli

Hitachi Systems CBT S.p.A.

Hitachi Systems CBT S.p.A. Hitachi Systems CBT S.p.A. EasyCloud : Cloud Business Transformation LA TECNOLOGIA AL SERVIZIO DEL RINNOVAMENTO AZIENDALE Accompagniamo aziende di ogni dimensione e settore nella trasformazione strategica

Dettagli

CloudComputing: scenari di mercato, trend e opportunità

CloudComputing: scenari di mercato, trend e opportunità CloudComputing: scenari di mercato, trend e opportunità Stefano Mainetti stefano.mainetti@polimi.it Milano, 7 Giugno 2012 Cloud Computing: una naturale evoluzione delle ICT Trend n. 1 - ICT Industrialization

Dettagli

La sicurezza del datacenter all'ombra della "nuvola" Come scongiurare il maltempo?

La sicurezza del datacenter all'ombra della nuvola Come scongiurare il maltempo? L Eccellenza nei servizi e nelle soluzioni IT integrate. La sicurezza del datacenter all'ombra della "nuvola" Come scongiurare il maltempo? 2013 APRILE Omnitech s.r.l. Via Fiume Giallo, 3-00144 Roma Via

Dettagli

Evoluzione del modello ASP: Verso l e-business on demand. Enrico Bozzi Emerging Market IBM

Evoluzione del modello ASP: Verso l e-business on demand. Enrico Bozzi Emerging Market IBM Evoluzione del modello ASP: Verso l e-business on demand Enrico Bozzi Emerging Market IBM Agenda Il difficile mestiere dell ASP Cosa non ha funzionato nella fase 1? L evoluzione del modello ASP verso l

Dettagli

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA. Sviluppare e Integrare. basate sul CLOUD ROMA 11-12 NOVEMBRE 2010 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA, 231

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA. Sviluppare e Integrare. basate sul CLOUD ROMA 11-12 NOVEMBRE 2010 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA, 231 LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA GERHARD BAYER Sviluppare e Integrare le Business Applications basate sul CLOUD ROMA 11-12 NOVEMBRE 2010 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA, 231 info@technologytransfer.it

Dettagli

I sistemi virtuali nella PA. Il caso della Biblioteca del Consiglio Regionale della Puglia

I sistemi virtuali nella PA. Il caso della Biblioteca del Consiglio Regionale della Puglia I sistemi virtuali nella PA Il caso della Biblioteca del Consiglio Regionale della Puglia Indice I sistemi virtuali Definizione di Cloud Computing Le tecnologie che li caratterizzano La virtualizzazione

Dettagli

Servizi Avanzati in Ambiente Distribuito NESSI - Grid

Servizi Avanzati in Ambiente Distribuito NESSI - Grid Università degli Studi di Messina Facoltà di Ingegneria Servizi Avanzati in Ambiente Distribuito NESSI - Grid Autore: ing. Giulio De Meo Indice degli argomenti Piattaforme Tecnologiche Europee NESSI Grid

Dettagli

Fondazione per la Ricerca sulla Migrazione e sulla Integrazione delle Tecnologie Ente Morale riconosciuto con Status Consultivo dell ECOSOC delle Nazioni Unite AREA STRATEGIA E TECNOLOGIE IL CLOUD COMPUTING

Dettagli

Corso di formazione CerTIC Tablet

Corso di formazione CerTIC Tablet Redattore prof. Corso di formazione CerTIC Tablet Dodicesima Dispensa Comitato Tecnico Scientifico: Gruppo Operativo di Progetto CerticAcademy Learning Center, patrocinato dall assessorato al lavoro e

Dettagli

CLOUD COMPUTING. Un viaggio tra le nuvole. Giuseppe De Pascale Senior System Engineer

CLOUD COMPUTING. Un viaggio tra le nuvole. Giuseppe De Pascale Senior System Engineer CLOUD COMPUTING Un viaggio tra le nuvole Giuseppe De Pascale Senior System Engineer Agenda Cloud computing definizioni e terminologia Principali servizi Cloud Organizzazione dell infrastruttura di Cloud

Dettagli

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Padova 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO ARREDO3

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Padova 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO ARREDO3 Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Padova 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica IL CASO ARREDO3 Innovare e competere con le ICT: casi di successo - PARTE II Cap.9 Far evolvere

Dettagli

Silk Learning Content Management. Collaboration, content, people, innovation.

Silk Learning Content Management. Collaboration, content, people, innovation. Collaboration, content, people, innovation. The Need for a Learning Content Management System In un mercato in continua evoluzione, dominato da un crescente bisogno di efficienza, il capitale intellettuale

Dettagli

Sicurezza e Interoperabilità nei sistemi multicloud. Antonio Corradi - DISI Dipartimento di Informatica - Scienze e Ingegneria Università di BOLOGNA

Sicurezza e Interoperabilità nei sistemi multicloud. Antonio Corradi - DISI Dipartimento di Informatica - Scienze e Ingegneria Università di BOLOGNA Sicurezza e Interoperabilità nei sistemi multicloud Antonio Corradi - DISI Dipartimento di Informatica - Scienze e Ingegneria Università di BOLOGNA Il Cloud computing Una tecnologia disponibile alle aziende

Dettagli

Milano, 20 Ottobre 2006

Milano, 20 Ottobre 2006 Milano, 20 Ottobre 2006 Un nuovo modello di collaborazione Messaggio / Documento Persona Reti private Connessioni discontinue Sistemi e tecnologie proprietarie Web globale "Always on" Sistemi Open Le opzioni

Dettagli

PNSD PER IL PTOF. A cura dell AD Prof.ssa Rosanna Leone

PNSD PER IL PTOF. A cura dell AD Prof.ssa Rosanna Leone Liceo Scientifico ad opzione IGCSE Via S. Colomba, 52 BENEVENTO 0824.362718 0824.360947- mail:bnps010006@istruzione.it sito: www.liceorummo.gov.it pec: bnps010006@pec.istruzione.it CF:80002060624 Codice

Dettagli

Una rotta tra le nuvole. il Cloud Computing per recuperare competitività

Una rotta tra le nuvole. il Cloud Computing per recuperare competitività Una rotta tra le nuvole il Cloud Computing per recuperare competitività Perché il Cloud Computing? Non esiste vento favorevole per il marinaio che non sa dove andare Seneca Il Cloud Computing sta rivoluzionando

Dettagli

Le opportunità offerte dal Cloud Computing

Le opportunità offerte dal Cloud Computing Le opportunità offerte dal Cloud Computing Ing. Alessandro Piva Politecnico di Milano Alessandro.piva@polimi.it Agenda L impatto sulla catena del valore La definizione di Cloud Computing Le variabili decisionali

Dettagli

Cloud Service Factory

Cloud Service Factory Cloud Service Factory Giuseppe Visaggio Dipartimento di Informatica- Università di Bari DAISY-Net visaggio@di.uniba.it DAISY-Net DRIVING ADVANCES OF ICT IN SOUTH ITALY Net S. c. a r. l. 1 Il Cloud Computing

Dettagli

Allegato 1 CIG 58703795FF PROCEDURA DI AFFIDAMENTO PER LA FORNITURA DI UNA PIATTAFORMA PER SERVICE MASHUP AND DELIVERY CAPITOLATO TECNICO

Allegato 1 CIG 58703795FF PROCEDURA DI AFFIDAMENTO PER LA FORNITURA DI UNA PIATTAFORMA PER SERVICE MASHUP AND DELIVERY CAPITOLATO TECNICO PROCEDURA DI AFFIDAMENTO PER LA FORNITURA DI UNA PIATTAFORMA PER SERVICE MASHUP AND DELIVERY CAPITOLATO TECNICO SOMMARIO 1 Oggetto della Fornitura... 3 2 Composizione della Fornitura... 3 2.1 Piattaforma

Dettagli

SCUOLA DIGITALE. Giuseppe Marucci Ispettore Tecnico MIUR- Roma

SCUOLA DIGITALE. Giuseppe Marucci Ispettore Tecnico MIUR- Roma SCUOLA DIGITALE Giuseppe Marucci Ispettore Tecnico MIUR- Roma Smart communities Alfabetizzazione informatica E-commerce Agenda digitale italiana E-government, Investimenti Sicurezza Infrastrutture Ricerca

Dettagli

Una Ricerca di: The Innovation Group A cura di: Camilla Bellini, Elena Vaciago Aprile 2014

Una Ricerca di: The Innovation Group A cura di: Camilla Bellini, Elena Vaciago Aprile 2014 2014 Cloud Computing 2014: mercato, adozione, scenario competitivo Una Ricerca di: The Innovation Group A cura di: Camilla Bellini, Elena Vaciago Aprile 2014 INDICE INDICE DELLE FIGURE 2 INDICE DELLE TABELLE

Dettagli

icaro x PMI ICT Paolo Nesi (UNIFI, DISIT Lab) Feb 2015

icaro x PMI ICT Paolo Nesi (UNIFI, DISIT Lab) Feb 2015 icaro x PMI ICT Paolo Nesi (UNIFI, DISIT Lab) Feb 2015 IaaS, Infrastructure as a Service: Business: vendita di host a consumo Contesto IaaS/PaaS Gestione: limitata al parco degli Host vari Gestori Monitoraggio

Dettagli

Progetto di Applicazioni Software

Progetto di Applicazioni Software Progetto di Applicazioni Software Antonella Poggi Dipartimento di Informatica e Sistemistica Antonio Ruberti SAPIENZA Università di Roma Anno Accademico 2008/2009 Questi lucidi sono stati prodotti sulla

Dettagli

Analisi di prestazioni di applicazioni web in ambiente virtualizzato

Analisi di prestazioni di applicazioni web in ambiente virtualizzato tesi di laurea Anno Accademico 2005/2006 relatore Ch.mo prof. Porfirio Tramontana correlatore Ing. Andrea Toigo in collaborazione con candidato Antonio Trapanese Matr. 534/1485 La virtualizzazione è un

Dettagli

Rete di Interconnessione Multiservizio Interuniversitaria Campana

Rete di Interconnessione Multiservizio Interuniversitaria Campana Rete di Interconnessione Multiservizio Interuniversitaria Campana ASSE I:" SOSTEGNO AI MUTAMENTI STRUTTURALI "OBIETTIVO OPERATIVO 4.1.1.4. "POTENZIAMENTO DELLE STRUTTURE E DELLE DOTAZIONI SCIENT. E TECNOLOGICHE"

Dettagli

Progetto di Applicazioni Software

Progetto di Applicazioni Software Progetto di Applicazioni Software Antonella Poggi Dipartimento di Informatica e Sistemistica Antonio Ruberti SAPIENZA Università di Roma Anno Accademico 2010/2011 Questi lucidi sono stati prodotti sulla

Dettagli

COS E IL CLOUD COMPUTING?

COS E IL CLOUD COMPUTING? IL CLOUD COMPUTING COS E IL CLOUD COMPUTING? E un insieme di tecnologie che permettono, tipicamente sotto forma di un servizio offerto da un provider al cliente, di memorizzare/archiviare e/o elaborare

Dettagli

GeoIntelligence. La piattaforma di Location Intelligence di Value Lab. Roberto Messora. Milano, 27/11/2014

GeoIntelligence. La piattaforma di Location Intelligence di Value Lab. Roberto Messora. Milano, 27/11/2014 GeoIntelligence La piattaforma di Location Intelligence di Value Lab Roberto Messora Milano, 27/11/2014 GeoIntelligence: la piattaforma unificata per la Location Analytics GeoIntelligence nasce come PaaS

Dettagli

Gestire il laboratorio in maniera semplice

Gestire il laboratorio in maniera semplice Gestire il laboratorio in maniera semplice Guida al LIMS Software as a Service Eusoft White Paper Introduzione La tecnologia oggi offre alle organizzazioni grandi possibilità di innovazione e trasformazione

Dettagli

Estratto dell'agenda dell'innovazione Smau Milano 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica. Il caso ATLANTIC TECHNOLOGIES

Estratto dell'agenda dell'innovazione Smau Milano 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica. Il caso ATLANTIC TECHNOLOGIES Estratto dell'agenda dell'innovazione Smau Milano 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica Il caso ATLANTIC TECHNOLOGIES Innovare e competere con le ICT - PARTE I Cap.8 Aumentare l'efficienza

Dettagli

L approccio industriale Cloud per la PA e le imprese

L approccio industriale Cloud per la PA e le imprese L approccio industriale Cloud per la PA e le imprese Giornata di Studio egovernment e Cloud computing: alte prestazioni con maggiore efficienza Roma, 5 Ottobre 2010 CNEL Andrea Costa TELECOM ITALIA INCONTRA

Dettagli

Romecamp 2008 Roma 21 e 22/11/2008

Romecamp 2008 Roma 21 e 22/11/2008 Romecamp 2008 Roma 21 e 22/11/2008 L'Open Source entra nell'e Learning Paolo Gatti http://www.paologatti.it E learning: introduzione Per e learning si intende la possibilità di imparare sfruttando la rete

Dettagli