Rassegna Stampa. Sabato 08 giugno 2013

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Rassegna Stampa. Sabato 08 giugno 2013"

Transcript

1 Rassegna Stampa Sabato 08 giugno 2013 Rassegna Stampa realizzata da SIFA Srl Servizi Integrati Finalizzati alle Aziende Milano Via Mameli, 11 Tel Fax

2 Rassegna del 08 giugno 2013 ASL BRESCIA Il Giorno 11 LONATO DEL GARDA SEQUESTRATE CISTERNE DI LIQUAMI DOPO SVERSAMENTO Milla Prandelli 1 Bergamo_brescia NEL BENACO Il Giornale Di Brescia 29 DOPO I LIQUAMI IL LAGO TORNA BALNEABILE 2 Bresciaoggi 19 CONTROLLI OK, RIENTRA IL DIVIETO DI BALNEAZIONE Alessandro Gatta 3 SANITÀ LOMBARDIA Corriere Della Sera (bs) 1, 7 ACQUA, ILLAGO D'ISEO "SORVEGLIATO SPECIALE" P.g. 4 Il Giornale Di Brescia 15 CALDO IN VISTA, ZANZARA TIGRE IN ARRIVO ANCHE SE L'ESTATE TARDA Valerio Pozzi 6

3 - BRESCIA - I CARABINIERI del nucleo ecologico di Brescia hanno sottoposto a sequestro cautelativo due cisterne flessibili dell'azienda agricola Colle Verde di Lonato del Garda da cui martedì scorso sono circa mille litri di reflui animali. Uno dei contenitori - della portata di 1000 metri cubi ciascuno - che erano correttamente mantenuti ed era stati impiantato da poco, ha ceduto e ha fatto finire lo sterco nel "Rio Maguzzino" e di conseguenza nelle acque del lago LONATO DEL GARDA Sequestrate cisterne di liquami dopo sversamento nel Benaco di Garda, nell'area di spiaggia che fa da confine tra Lonato del Garda e Padenghe. Il sequestro è stato disposto, come fanno sapere i carabinieri del Noe «per la tutela della salute pubblica per possibile contaminazione delle falde acquifere e dei pozzi derivante da inquinamento ambientai in attesa dei risultati analitici dei campioni prelevati dall'arpa e dall'asl di Brescia». GRAZIE al provvedimento il silos, che era garantito per 25 anni, sarà messo in sicurezza. Se il disastro ambientale sembra ormai scongiurato, le deiezioni finite nel "Rio Maguzzino" hanno però causato una moria di cavedani, che nel Garda si riproducono proprio alla foce del rio. Resta chiusa anche la spiaggia dove i reflui sono finiti nelle acque del lago. Nei prossimi giorni, una volta effettuate tutte le analisi di rito da parte dei tecnici competenti (ovvero Arpa e Asl di Brescia), i bagnanti potranno tornare a entrare nelle acque del Benaco. Milla Prandelli ASL BRESCIA Pag. 1

4 Dopo i liquami il lago torna balneabile Pesante la moria di pesci a Padenghe: recuperati solo ieri 250 cavedani PADENGHE II lago di Garda, nella zona del vecchio lido di Lonato in territorio di Padenghe interessata allo sversamento dei liquami bovini, torna balneabile. Ieri le analisi dell'asl hanno registrato parametri entro i limiti previsti dalla balneazione e i cartelli di divieto sono stati eliminati. Restano gli altri problemi. Lo sversamento dei liquami pretrattati fuoriusciti dagli impianti di un'azienda nel Rio Maguzzano non ha soltanto provocato guai e allarme sulla salute delle acque del lago nella zona adiacente la foce. La moria di cavedani, pesci asfissiati dall'onda nera, è risultata infatti di proporzioni più estese del previsto. A questasituazione ora si aggiunge, nell'entroterra, un nuovo allarme. Lo lancia Gabriele Lovisetto, segretario del Parco delle Colline moreniche del Garda, e riguarda l'area umida del «Vallio». Si tratta di una zona vasta almeno 25mila metri quadrati situata fra Desenzano e Lonato, da dove parte il rio maguzzano, ricca di biodiversità e quindi di particolare importanza e pregio ambientale. Ieri pomeriggio è stato effettuato un sopralluogo nella zona ed una parte dell'area risulta inquinata, situazione che viene denunciata dagli ambientalisti desenzanesi che sollecitano verifiche e accertamenti per individuarne le cause. Sul versante pesci va detto che la moria è risultata decisamente pesante. Solo ieri mattina sono stati recuperati dalle acque del lago, dove galleggiavano, circa 250 cavedani. Ma il fenomeno di affioramento dal fondale dei cavedani uccisi dall'inquinamento continua anche se in misura meno forte interessando una parte del rio Maguzzano. Nel frattempo i carabinieri del Noe di concerto con l'asl hanno posto sotto sequestro cautelativo le 2 cisterne flessibili per liquami zootecnici a tutela della salute pubblica per possibile contaminazione anche delle falde e dei pozzi. La situazione a lago, dopo giorni di ossigenazione dell'acqua, è migliorata. ASL BRESCIA Pag. 2

5 PADENGHE. Dopo lo sversamento nel lago dei reflui zootecnici di un'azienda di Lonato che li impiegava per la produzione di biogas Controlli ok,rientrail divieto di balneazione Il provvedimento firmato dal sindaco. Resta aperta l'indagine avviata dai carabinieri del Noe Alessandro Gatta Rientra l'allarme balneazione nel tratto di Lago di Garda tra Lonato e Padenghe, inquinato da liquami zootecnici fuoriusciti dallo stoccaggio di un'azienda nel territorio di Maguzzano. Dal Comune di Padenghe la notizia che vale come un gran sospirane di sollievo: è stato revocato il divieto di balneazione sul tratto di litorale confinante con il Lido di Lonato, protagonista suo malgrado dell'esondazione di circa 1000 metri cubi di liquami che nel corso della notte di martedì hanno letteralmente invaso il Rio Maguzzano che dalle colline adiacenti alla celebre Abbazia sfocia direttamente nelle acque del lago. Un disastro ecologico al momento scongiurato, grazie al tempestivo intervento di Garda Uno (con il suo «Pellicano», il battello-spazzino che ha il compito di ossigenare l'acqua rimuovendo quanto può esserci di estraneo o di dannoso) e dei Vigili del Fuoco. Sul posto anche gli operatori e i tecnici di Arpa e Asl, mentre i Carabinieri del Nucleo operativo ecologico hanno già posto i sigilli sul silos «incriminato», di proprietà dell'azienda Colle Verde di Lonato che oltre ad occuparsi di allevamenti bovini da un po' di tempo produceva biogas da liquami zootecnici: delle due cisterne una ha malamente ceduto, seppur nuova e seppur garantita per un quarto di secolo. È statala stessa azienda a lanciare l'allarme non appena ha scoperto il guasto. Ieri pomeriggio intanto proprio dal sindaco di Padenghe Patrizia Avanzini, è arrivatala conferma che tanti aspettavano: «La situazione è definitivamente rientrata, l'asl ci ha ufficialmente confermato che l'acqua è balneabile, e che non si corre alcun rischio». Sono già stati rimossi i cartelli relativi all'ordinanza di divieto: con il sole che ha cominciato a splendere caldo, anche a Padenghe ci si può tuffare senza rischi. RIPRODUZIONE RISERVATA ASL BRESCIA Pag. 3

6 L'intervista: Marco Pilotti Acqua, il lago d'iseo «sorvegliato speciale» di PIETRO GORLAN1 Studioso Marco Pilotti insegna a Ingegneria alla Statale I problemi di eutrofizzazione del lago d'iseo sono diminuiti grazie alla realizzazione dell'anello circumlacuale delle fognature. Il problema riguarda le immissioni dalla Valcamonica, in un bacino che ha conosciuto il riciclo completo delle acque 2 volte negli ultimi vent'anni. Parola di Marco Pilotti, docente a Ingegneria. A PAGINA 7 L'intervista Marco Pilotti: «Il riciclo completo delle acque due volte negli ultimi vent'anni» L'esperto: Sebino sorvegliato speciale Il problema? Le immissioni dalla Valle Dopo decenni di scarichi incontrollati, industriali e civili, come sta il lago d'iseo? È malato grave 0 in via di guarigione? Lo abbiamo chiesto a Marco Pilotti, professore di Idraulica alla facoltà di Ingegneria. Ieri sera a Sulzano (in un incontro voluto dall'associazione Cives) ha illustrato gli studi svolti in collaborazione con le università di Perth, Cambridge e Boston. Professore, in sintesi, quali sono i risultati delle ricerche da lei condotte? «Il lago d'iseo è un lago stupendo e unico, anche dal punto di vista scientifico. Ci siamo concentrati sui meccanismi di ridistribuzione interne delle acque. Gli studi condotti con il CWR di Perth hanno riguardato i meccanismi di miscelazione delle acque. Abbiamo mostrato che il lago è interessato da onde interne in grado di controllarne quasi completa- Evoluzione Nello strato profondo stanno aumentando lievemente sia la salinità che la temperatura mente le correnti. Ci siamo poi concentrati sulla determinazione delle zone toccate dalle acque degli affluenti nella parte settentrionale, evidenziando l'effetto della rotazione terrestre su questo processo. Con Boston la collaborazione riguarda soprattutto il problema della modellistica dell'eutrofizzazione e della possibilità di prevederne la futura evoluzione. Peccato che i fondi a disposizione per queste collaborazioni siano irrisori, considerato che la ricerca è la premessa indispensabile di ogni intervento sensato». Qual è oggi a suo giudizio lo stato delle acque del Sebino? Il fenomeno di eutrofizzazione sta diminuendo? «Certamente sono state poste premesse fondamentali per un miglioramento nello stato eutrofico del lago quali la realizzazione dell'anello di collettamento circumlacuale. Ora è tuttavia necessario guardare all'intero bacino idrografico, come richiede la normativa europea, e ai problemi irrisolti della depurazione di quanto entra da monte. Si tratta di un problema complesso e conflittuale e in questa direzione c'è molto da fare ma proprio in questi giorni mi sembra di cogliere segni positivi». Il ricambio delle acque è sufficiente secondo lei a garantire una discreta qualità delle acque? «Si per quanto riguarda la parte superficiale. Per quanto SANITÀ LOMBARDIA Pag. 4

7 riguarda l'ipolimnio, non conosciamo ancora la risposta. Negli ultimi 20 anni il lago ha avuto una completa ricircolazione solo 2 volte, dimostrando che la sua dinamica circolatoria si è indebolita. Ciò potrebbe essere conseguenza del cambiamento climatico, unito ad un probabile aumento della salinità della parte profonda. Parallelamente, la temperatura al fondo è in lieve e graduale aumento. Gli studi che stiamo cercando di condurre riguardano anche questi aspetti, per capire in quale misura variabili esogene potrebbero condizionare lo sforzo di risanamento». Il fenomeno denunciato da Legambiente 19 aprile (l'estensione di una chiazza rossastra nel lago, rimasta due giorni in superficie) non dimostra uno scarso rimescolamento delle acque? «No, ilrimescolamentoverticale ipolimnio-epilimnio è chiaramente del tutto svincolato dai fatti di cui si è parlato». A vostro giudizio, i tanti inquinanti arrivati nel Iago attraverso l'oglio e depositati sul fondo, sono destinati a restare là per sempre? In realtà non sappiamo ancora in quale misura alcuni componenti, per esempio il fosforo, possano ritornare in soluzione nell'acqua. Alcune misurazioni che abbiamo condotto sul fondo a 220 metri di profondità mostrano fluttuazioni rapide di temperatura che fanno pensare alla presenza di correnti che potrebbero rafforzare il flusso dal fondo alla parte sovrastante. Proprio in questi giorni stiamo lavorando ad un progetto diricercaalla Comunità Europea volto a indagare questi aspetti». P.G. SANITÀ LOMBARDIA Pag. 5

8 CALDO IN VISTA Zanzara tigre in arrivo anche se l'estate tarda Il disinfestatore: «I Comuni hanno investito poco in prevenzione e gli insetti quest'anno saranno molti» Con questa estate piovosa, chi pensa di schivare le zanzare si sbaglia di grosso. Infatti è molto probabile, se non certo, che da quando scatterà laverà estate calda e cesseranno le piogge di questi giorni, ci sarà una vera e propria invasione di zanzare tigre. E potranno pungere più liberamente perché pochi privati e pochissime amministrazioni comunali hanno investito risorse per la consueta disinfestazione. Eppure, visto il clima umido, è proprio in stagioni come questa, così strana da sembrare monsonica, che non bisognerebbe abbassare la guardia. Purtroppo i consueti monitoraggi che si effettuano nel mese di aprile sulla presenza di uova sono saltati e dunque fare una stima di cosa accadrà non è facile. «Tuttavia quest' anno - conferma Ciro D'Amicis titolare della Saluber di Mazzano e portavoce di Anid (Associazione italiana delle imprese di disinfestazione) - si sono verificate le tre condizioni climatiche ideali per lo sviluppo della zanzara tigre: temperature costanti sopra i gradi; presenza di moltissimi ristagni per deporre le uova; esposizione alla luce solare per almeno 12 ore. Quindi pensiamo che appena cesseranno le piogge, le zanzare si moltiplicheranno più velocemente perché le uova con il caldo e l'escursione più elevata si schiuderanno ad un ritmo molto più sostenuto rispetto al normale. Come detto, dei dati certi non ne abbiamo a disposizione, ma se guardiamo cosa è successo in passato in situazioni analoghe con molte piogge, osserviamo che il fenomeno zanzara tigre si è sviluppato molto, grazie alla combinazione caldo-umidità, e siamo dovuti intervenire con azioni adulticide, e non piùlavarvici, che sono, tral'altro, più invasivi e onerosi». C'è comunque da considerare che la crisi generale ha indotto molti a spendere sempre di meno nella prevenzione, utilizzando prodotti scadenti e ad usufruire di servizi non all'altezza. Brescia ha sempre investito risorse finanziarie per contenere lo sviluppo di questo fastidioso insetto e anche quest'anno - proprio per l'alta umidità che è facile prevedere scoppierà insieme al caldo generando l'habitat ideale per gli insetti - saranno avviati entro giugno i consueti interventi di prevenzione. In particolare si procederà con il posizionamento nelle strade delle pastiglie a base di larvicidi. «In generale quest'anno - conferma D'Amicis - la presenza di insetti sarà massiccia. Forse si ridurrà il numero degli scarafaggi e delle blatte, ma non perché non ce ne siano, ma solo perché se ne staranno più rintanati a causa delle temperature mediamente più miti. Vespe e calabroni faranno la loro comparsa in estate inoltrata; mosche e moschini saranno numerosi. Oggi notiamo solo un aumento degli interventi per controllare le formiche e i topi». Aspettando le zanzare. Valerio Pozzi SANITÀ LOMBARDIA Pag. 6

Quando si parla di inquinamento dell'acqua, si intende sia l'inquinamento dell'acqua superficiale (fiumi, laghi, mare) sia dell'acqua presente sotto

Quando si parla di inquinamento dell'acqua, si intende sia l'inquinamento dell'acqua superficiale (fiumi, laghi, mare) sia dell'acqua presente sotto L'acqua inquinata Quando si parla di inquinamento dell'acqua, si intende sia l'inquinamento dell'acqua superficiale (fiumi, laghi, mare) sia dell'acqua presente sotto il suolo (falde acquifere). Va tenuto

Dettagli

INQUINAMENTO IDRICO. Belotti, Dander, Mensi, Signorini 3^A

INQUINAMENTO IDRICO. Belotti, Dander, Mensi, Signorini 3^A INQUINAMENTO IDRICO Belotti, Dander, Mensi, Signorini 3^A L inquinamento idrico è la contaminazione dei mari e delle acque interne superficiali (fiumi e laghi) e di falda tramite l immissione, da parte

Dettagli

4.3 Acque marino-costiere

4.3 Acque marino-costiere 4.3 Acque marino-costiere La Provincia di Viterbo ha un estensione di costa di circa 55 Km di cui circa il 75% con vocazione balneare mentre la restante è destinata ad usi differenti (militari, industriali,

Dettagli

DA OLTRE 30 ANNI AL VOSTRO FIANCO

DA OLTRE 30 ANNI AL VOSTRO FIANCO DA OLTRE 30 ANNI AL VOSTRO FIANCO PRONTO INTERVENTO FOGNATURE H24 Chi Siamo La società Cavallaro 83 opera da oltre 30 anni nel settore degli spurghi civili ed industriali, garantendo un servizio di pronto

Dettagli

Laghi lombardi puliti per decreto. La proroga al 2010 per la nuova normativa sulla balneazione e l incomprensibile fretta della Regione Lombardia

Laghi lombardi puliti per decreto. La proroga al 2010 per la nuova normativa sulla balneazione e l incomprensibile fretta della Regione Lombardia Laghi lombardi puliti per decreto La proroga al 2010 per la nuova normativa sulla balneazione e l incomprensibile fretta della Regione Lombardia Milano, 10 luglio 2009 L ASSENZA DEL DECRETO ATTUATIVO E

Dettagli

NEWSLETTER n. 41. Agosto 05

NEWSLETTER n. 41. Agosto 05 NEWSLETTER n. 41 a cura dell Ufficio del Portavoce Ufficio Stampa di ARPA Lombardia Giovanni Galgano Tel. 02.69666.362 Grafica ProgettoWEB ARPA Lombardia Sommario CHE ARIA TIRA A VARESE 2 IL CENTRO DI

Dettagli

10 i punti critici rilevati dai tecnici dell associazione ambientalista

10 i punti critici rilevati dai tecnici dell associazione ambientalista Firenze, 13 agosto 2010 Comunicato stampa Goletta Verde di Legambiente presenta le criticità della coste e del mare toscano 10 i punti critici rilevati dai tecnici dell associazione ambientalista Legambiente:

Dettagli

Un Esempio di Successo nella Lotta alla Zanzara Tigre

Un Esempio di Successo nella Lotta alla Zanzara Tigre Un Esempio di Successo nella Lotta alla Zanzara Tigre Bologna, 11 Novembre 2005 Fondazione Aldini - Valeriani www.copyr.it 1 campagna informazione e prevenzione Essenziale per prevenire lo sviluppo incontrollato

Dettagli

IL PROGETTO. è portato avanti in sintonia con la legge 75 del 1995. 2009: 29 Comuni, 9 tecnici di campo coordinati dal R.T.S.

IL PROGETTO. è portato avanti in sintonia con la legge 75 del 1995. 2009: 29 Comuni, 9 tecnici di campo coordinati dal R.T.S. Il Progetto di Lotta biologica ed integrata alle zanzare dell alessandrino nasce nel 1996 ed è portato avanti in sintonia con la legge 75 del 1995. 2009: 29 Comuni, 9 tecnici di campo coordinati dal R.T.S.

Dettagli

valori, qualità, consigli Il corso della vita.

valori, qualità, consigli Il corso della vita. Utenze Servizio domestiche idrico acqua Acqua Hera valori, qualità, consigli Il corso della vita. L acqua è un valore che non va mai fuori corso il ciclo dell acqua Siamo la seconda società italiana nei

Dettagli

LEGAMBIENTE SCRIVE ALLE AMMINISTRAZIONI COMUNALI DI ARONA E DORMELLETTO

LEGAMBIENTE SCRIVE ALLE AMMINISTRAZIONI COMUNALI DI ARONA E DORMELLETTO COMUNICATO STAMPA INQUINAMENTO DELLE ACQUE DEL LAGO LEGAMBIENTE SCRIVE ALLE AMMINISTRAZIONI COMUNALI DI ARONA E DORMELLETTO Se non si risolvono queste gravi criticità, si pregiudicano eventuali miglioramenti

Dettagli

Zanzare: un esempio di lotta guidata

Zanzare: un esempio di lotta guidata Zanzare: un esempio di lotta guidata A. Drago Nell estate 1998 il Comune di Legnaro è stato oggetto di un interessante esperienza nell ambito della quale è stato applicato alla disinfestazione pubblica

Dettagli

Un breve percorso per conoscere un ambiente acquatico vicino a noi: - I TORRENTI IMMISSARI NATURALI DEL LAGO TRASIMENO - IL CANALE, IMMISSARIO

Un breve percorso per conoscere un ambiente acquatico vicino a noi: - I TORRENTI IMMISSARI NATURALI DEL LAGO TRASIMENO - IL CANALE, IMMISSARIO Un breve percorso per conoscere un ambiente acquatico vicino a noi: - I TORRENTI IMMISSARI NATURALI DEL LAGO TRASIMENO - IL CANALE, IMMISSARIO ARTIFICIALE ANGUILLARA L'idrologia del Lago Trasimeno, lago

Dettagli

Sez. 1 Informazioni generali

Sez. 1 Informazioni generali Sez. 1 Informazioni generali Informazioni di carattere generale sull acqua di balneazione volte a consentirne l'identificazione univoca, l'individuazione rispetto al territorio su cui insiste e la collocazione

Dettagli

OSSIGENO DISCIOLTO ED EUTROFIZZAZIONE

OSSIGENO DISCIOLTO ED EUTROFIZZAZIONE OSSIGENO DISCIOLTO ED EUTROFIZZAZIONE Un esempio di misure di ossigeno e ph in acque contenenti piante acquatiche (alla luce e al buio) Misura (con un ossimetro) dell ossigeno disciolto all inizio di un

Dettagli

Progetto OSSERVO E MISURO.L ACQUA Per scuola sec di 1 grado e biennio di scuola sec. di 2 grado

Progetto OSSERVO E MISURO.L ACQUA Per scuola sec di 1 grado e biennio di scuola sec. di 2 grado Progetto OSSERVO E MISURO.L ACQUA Per scuola sec di 1 grado e biennio di scuola sec. di 2 grado ECOLOGIA A MIRABILANDIA Gli organismi delle comunità di un ambiente naturale non vivono isolati. Ciascuno

Dettagli

GLI INQUINANTI DI ORIGINE TERRESTRE NELL ADRIATICO (Marine pollution from land based source in the Adriatic)

GLI INQUINANTI DI ORIGINE TERRESTRE NELL ADRIATICO (Marine pollution from land based source in the Adriatic) GLI INQUINANTI DI ORIGINE TERRESTRE NELL ADRIATICO (Marine pollution from land based source in the Adriatic) Ferdinando De Rosa Direttore Tecnico Scientifico ARPAM Hotel Sporting, Torrette di Ancona, 4

Dettagli

Provincia di Milano, al via unità di crisi per casi di emergenza

Provincia di Milano, al via unità di crisi per casi di emergenza 27 novembre 2012, al via unità di crisi per casi di emergenza La ha approvato in giunta l istituzione dell Unità di crisi provinciale (Ucp), una sorta di coordinamento in grado di coordinare risorse umane

Dettagli

Forti di una trentennale esperienza nel settore della disinfestazione e dell'igiene ambientale, da sempre attenti alle nuove proposte del mercato,

Forti di una trentennale esperienza nel settore della disinfestazione e dell'igiene ambientale, da sempre attenti alle nuove proposte del mercato, Forti di una trentennale esperienza nel settore della disinfestazione e dell'igiene ambientale, da sempre attenti alle nuove proposte del mercato, oggi più che mai migliorati anche dall'ausilio delle tecnologie

Dettagli

1900 - BACINO DEL MARECCHIA

1900 - BACINO DEL MARECCHIA 19 - BACINO DEL MARECCHIA CARATTERISTICHE DEL BACINO IDROGRAFICO E IMPATTO DELL'ATTIVITÀ ANTROPICA Superficie del bacino Portata media alla foce Carico generato nel bacino Carichi sversati nei corpi idrici

Dettagli

GUIDA PASSO PASSO PER ELIMINARE LE ZANZARE DALLA CASA E DAL GIARDINO STEP 3 DISINFESTARE IL GIARDINO. Gli e-book di

GUIDA PASSO PASSO PER ELIMINARE LE ZANZARE DALLA CASA E DAL GIARDINO STEP 3 DISINFESTARE IL GIARDINO. Gli e-book di GUIDA PASSO PASSO PER ELIMINARE LE ZANZARE DALLA CASA E DAL GIARDINO STEP 3 DISINFESTARE IL GIARDINO Gli e-book di SOMMARIO ACQUA, OMBRA, CESPUGLI: COSA PUÓ CHIEDERE DI MEGLIO UNA ZANZARA? DI CHE TAGLIA

Dettagli

Il progetto Seminare Acqua

Il progetto Seminare Acqua Il progetto Seminare Acqua Conililcontributo contributodi: di: Con Il progetto Obiettivo: Parlare di di acqua e dei servizi ad ad essa collegati e creare uno strumenti di di conoscenza per la la cittadinanza

Dettagli

RELAZIONE TECNICA SULL ATTIVITÀ DI MONITORAGGIO E LOTTA ALLA

RELAZIONE TECNICA SULL ATTIVITÀ DI MONITORAGGIO E LOTTA ALLA RELAZIONE TECNICA SULL ATTIVITÀ DI MONITORAGGIO E LOTTA ALLA ZANZARA TIGRE NEL TERRITORIO DELL COMUNE DI CASTELFRANCO VENETO ATTIVITÀ SVOLTA INFORMAZIONE E FORMAZIONE Nel corso dell anno è stato organizzato

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA

RELAZIONE ILLUSTRATIVA UFFICIO DI PRESIDENZA INTEGRATO DAI RAPPRESENTANTI DEI GRUPPI DELLA TREDICESIMA COMMISSIONE DEL SENATO Mercoledì 3 luglio 2013 PROPOSTA DI LEGGE STATALE DA TRASMETTERE AL PARLAMENTO NAZIONALE, AI SENSI

Dettagli

RELAZIONE NON TECNICA M.A.S.A MIGLIORAMENTO AGRICOLO S.R.L. TAPOGLIANO VIA DEI CAMPI n1 Udine

RELAZIONE NON TECNICA M.A.S.A MIGLIORAMENTO AGRICOLO S.R.L. TAPOGLIANO VIA DEI CAMPI n1 Udine RELAZIONE NON TECNICA M.A.S.A MIGLIORAMENTO AGRICOLO S.R.L. TAPOGLIANO VIA DEI CAMPI n1 Udine Descrizione Generale del Sito L allevamento è situato in zona a destinazione agricola (vedere classificazione

Dettagli

Il monitoraggio del fiume Serio: Inquadramento delle criticità ambientali

Il monitoraggio del fiume Serio: Inquadramento delle criticità ambientali UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA Dipartimento di Scienze dell Ambiente e del Territorio Il monitoraggio del fiume Serio: Inquadramento delle criticità ambientali Relatore: SERGIO CANOBBIO Seriate,,

Dettagli

Rassegna Stampa. Lunedì 25 marzo 2013

Rassegna Stampa. Lunedì 25 marzo 2013 Rassegna Stampa Lunedì 25 marzo 2013 Rassegna Stampa realizzata da SIFA Srl Servizi Integrati Finalizzati alle Aziende 20129 Milano Via Mameli, 11 Tel. 0243990431 Fax 0245409587 Rassegna del 25 marzo 2013

Dettagli

SERVIZIO RESOCONTI BOZZA NON CORRETTA

SERVIZIO RESOCONTI BOZZA NON CORRETTA 1/6 MISSIONE IN CALABRIA 11 marzo 2010 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE GAETANO PECORELLA La seduta inizia alle 15.00. PRESIDENTE. Buongiorno. La Commissione la ringrazia. Ci scusiamo, ma come sempre siamo in

Dettagli

Comune di ROCCAFRANCA (BS) Piano di Emergenza Comunale

Comune di ROCCAFRANCA (BS) Piano di Emergenza Comunale R1 RISCHIO VIABILISTICO R1.1 Incidente stradale Descrizione: SCHEDA SCENARIO La protezione civile interviene nel caso di incidenti di vaste proporzioni che possono avere ricadute sulla popolazione o sull'ambiente.

Dettagli

IL LAMBRO, A UN ANNO DAL DISASTRO ECOLOGICO (Nadia Chimaglia)

IL LAMBRO, A UN ANNO DAL DISASTRO ECOLOGICO (Nadia Chimaglia) IL LAMBRO, A UN ANNO DAL DISASTRO ECOLOGICO (Nadia Chimaglia) Un breve resoconto dei fatti: Notte del 23 febbraio 2010 durante la notte, verso le 4 del mattino, ignoti aprono i collettori di collegamento

Dettagli

IL MARE CHE VORREI..UN SOGNO DIVENUTO REALTA

IL MARE CHE VORREI..UN SOGNO DIVENUTO REALTA Progetto di educazione ambientale finanziato dalla Provincia Regionale di Palermo IL MARE CHE VORREI..UN SOGNO DIVENUTO REALTA I.T.C. FRANCESCO FERRARA ANNO SCOLASTICO 2008/ 2009 Provincia Regionale di

Dettagli

CONSIGLIO REGIONALE ATTI 1905 VI COMMISSIONE CONSILIARE AMBIENTE E PROTEZIONE CIVILE PROPOSTA DI RISOLUZIONE N. 5

CONSIGLIO REGIONALE ATTI 1905 VI COMMISSIONE CONSILIARE AMBIENTE E PROTEZIONE CIVILE PROPOSTA DI RISOLUZIONE N. 5 REGIONE LOMBARDIA X LEGISLATURA CONSIGLIO REGIONALE ATTI 1905 VI COMMISSIONE CONSILIARE AMBIENTE E PROTEZIONE CIVILE PROPOSTA DI RISOLUZIONE N. 5 Risoluzione ai sensi dell art. 38 del Regolamento generale

Dettagli

Lombardia in nomi e cifre

Lombardia in nomi e cifre Stato dell acqua Lombardia in nomi e cifre I grandi fiumi Po, Ticino, Adda, Oglio, Cherio,, Chiese, e Mincio Olona, Lambro, Brembo,, Serio e Mella Regime di deflusso stabile Regime di deflusso stabile

Dettagli

Liceo Scientifico Palli Classe II B Analisi ambiente e gestione del territorio. Monitoraggio della qualità dell aria dell ARPA 22 ottobre 2013

Liceo Scientifico Palli Classe II B Analisi ambiente e gestione del territorio. Monitoraggio della qualità dell aria dell ARPA 22 ottobre 2013 Liceo Scientifico Palli Classe II B Analisi ambiente e gestione del territorio. Monitoraggio della qualità dell aria dell ARPA 22 ottobre 2013 Torgnon si trova nel nord-est della Valle d Aosta a 2070 metri

Dettagli

Dipartimento di Scienze dell Ambiente e del Territorio Università degli Studi di Milano - Bicocca. Sergio Canobbio

Dipartimento di Scienze dell Ambiente e del Territorio Università degli Studi di Milano - Bicocca. Sergio Canobbio Sergio Canobbio Il Torrente Lura Problematiche e Prospettive Saronno, 16-11-2009 La problematica Ambientale ALTERAZIONI: 1. QUALITA DELL ACQUA 1 3 2. REGIME IDRAULICO 3. MORFOLOGIA DELL AMBIENTE FLUVIALE

Dettagli

Rassegna Stampa. Sabato 28 luglio 2012

Rassegna Stampa. Sabato 28 luglio 2012 Rassegna Stampa Sabato 28 luglio 2012 Rassegna Stampa realizzata da SIFA Srl Servizi Integrati Finalizzati alle Aziende 20129 Milano Via Mameli, 11 Tel. 0243990431 Fax 0245409587 Rassegna del 28 luglio

Dettagli

Il Torrente Lura Problematiche e Prospettive

Il Torrente Lura Problematiche e Prospettive Sergio Canobbio Il Torrente Lura Problematiche e Prospettive Caronno P., 09-04 04-2010 La problematica Ambientale ALTERAZIONI: 1. QUALITA DELL ACQUA 1 3 2. REGIME IDRAULICO 3. MORFOLOGIA DELL AMBIENTE

Dettagli

COMUNE DI CUPRA MARITTIMA

COMUNE DI CUPRA MARITTIMA GIUNTA REGIONALE Servizio Infrastrutture, Trasporti ed Energia P.F. TUTELA DELLE ACQUE ZZ A COMUNEDICUPRAMARITTIMA Acque di Balneazione ID BW Denominazione BW DAVANTI FOSSO DELL'ACQUA ROSSA DAVANTI TORRENTE

Dettagli

PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE COMUNE DI CASTELFRANCO VENETO PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE PROCEDURE DI EMERGENZA P0301130_MI_Idropotabile Modello di intervento per rischio inquinamento idropotabile Il Sindaco On. Dussin Luciano

Dettagli

L importanza dell acqua dolce. Bene sempre più raro e prezioso, l acqua è una risorsa non rinnovabile e per questo non va sprecata.

L importanza dell acqua dolce. Bene sempre più raro e prezioso, l acqua è una risorsa non rinnovabile e per questo non va sprecata. L importanza dell acqua dolce Bene sempre più raro e prezioso, l acqua è una risorsa non rinnovabile e per questo non va sprecata. Il deficit mondiale di acqua L acqua è un bene indispensabile per la sopravvivenza

Dettagli

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano (Fabio Musmeci, Angelo Correnti - ENEA) Il lago di Bracciano è un importante elemento del comprensorio della Tuscia Romana che non può non

Dettagli

MISURE DI PREVENZIONE E CONTENIMENTO DELLA DIFFUSIONE DELLA ZANZARA TIGRE

MISURE DI PREVENZIONE E CONTENIMENTO DELLA DIFFUSIONE DELLA ZANZARA TIGRE DIREZIONE GENERALE SERVIZIO COMUNICAZIONE Viale Duca degli Abruzzi, 15 25124 Brescia Tel. 030.3838448 Fax 030.3838280 E-mail servizio.comunicazione@aslbrescia.it CONFERENZA STAMPA DEL 04/06/2010 MISURE

Dettagli

Rischio e Intervento Idrogeologico inondazioni, alluvioni e frane

Rischio e Intervento Idrogeologico inondazioni, alluvioni e frane Rischio e Intervento Idrogeologico inondazioni, alluvioni e frane Materiale tratto e adattato dalla presentazione di Massimiliano Bachis Protezione Civile Cesano Maderno Corso per Volontari Operativi Generici

Dettagli

Api che vanno, bombi che vengono

Api che vanno, bombi che vengono Unità didattica 7 Piante e Alimentazione Api che vanno, bombi che vengono Durata 1 ora più osservazioni all aperto Materiali - schede di lavoro F24 (se possibile stampata a colori), F25 e F26 - schede

Dettagli

COMUNE DI MONDOLFO. GIUNTA REGIONALE Servizio Infrastrutture, Trasporti ed Energia P.F. TUTELA DELLE ACQUE. Acque di Balneazione.

COMUNE DI MONDOLFO. GIUNTA REGIONALE Servizio Infrastrutture, Trasporti ed Energia P.F. TUTELA DELLE ACQUE. Acque di Balneazione. GIUNTA REGIONALE Servizio Infrastrutture, Trasporti ed Energia P.F. TUTELA DELLE ACQUE ZZ A COMUNE DI MONDOLFO Acque di Balneazione ID BW Denominazione BW VIALE COLOMBO N. 10 VIALE COLOMBO N. 45 VIALE

Dettagli

rassegna stampa RASSEGNA STAMPA 14 Ottobre 2015 IL CITTADINO Lodi Codogno Sant Angelo Lodigiano Casalpusterlengo

rassegna stampa RASSEGNA STAMPA 14 Ottobre 2015 IL CITTADINO Lodi Codogno Sant Angelo Lodigiano Casalpusterlengo Pagina 1 di 5 rassegna stampa 14 Ottobre 2015 IL CITTADINO Lodi Concorsone infermieri, i carabinieri nelle case Farmacie aperte la notte «Sopravvivere è dura» In ospedale fuori uso la macchina del ghiaccio

Dettagli

Studio sulla presenza di Aedes albopictus (Zanzara Tigre) nella provincia di Bergamo Anno 2012

Studio sulla presenza di Aedes albopictus (Zanzara Tigre) nella provincia di Bergamo Anno 2012 Studio sulla presenza di Aedes albopictus (Zanzara Tigre) nella provincia di Bergamo Anno 2012 Raffaello Maffi* - Marco Valle** - Giancarlo Malchiodi* - Melania Massaro** Omar Lodovici** * Dipartimento

Dettagli

Pratica Sportello Unico n. 293/2009 - TECNO CAR. s.n.c. di Ronconi Gianni - Ampliamento officina. ROBERT BELLOTTI Presidente del Consiglio:

Pratica Sportello Unico n. 293/2009 - TECNO CAR. s.n.c. di Ronconi Gianni - Ampliamento officina. ROBERT BELLOTTI Presidente del Consiglio: allegato 1) PUNTO N. 3 all O.d.G.: Pratica Sportello Unico n. 293/2009 - TECNO CAR s.n.c. di Ronconi Gianni - Ampliamento officina meccanica. Cedo la parola al Sindaco. MARCO FABBRI Sindaco: Sì, grazie

Dettagli

Application: the Vajont Landslide

Application: the Vajont Landslide Application: the Vajont Landslide Extract from a meeting in Lecco about landslides By M. Papini www.engeology.eu VAJONT: 9 OTTOBRE 1963 Un sasso è caduto in un bicchiere, l acqua è uscita sulla tovaglia.

Dettagli

3.4 PROGRAMMA N.13 POLIZIA PROVINCIALE AMMINISTRATORE COMPETENTE: ASSESSORE FAUSTO CARRARA RESPONSABILE: ALBERTO CIGLIANO

3.4 PROGRAMMA N.13 POLIZIA PROVINCIALE AMMINISTRATORE COMPETENTE: ASSESSORE FAUSTO CARRARA RESPONSABILE: ALBERTO CIGLIANO 3.4 PROGRAMMA N.13 POLIZIA PROVINCIALE AMMINISTRATORE COMPETENTE: ASSESSORE FAUSTO CARRARA RESPONSABILE: ALBERTO CIGLIANO 3.4.1 - DESCRIZIONE DEL PROGRAMMA Polizia Provinciale Il presidio e controllo del

Dettagli

La zanzara tigre (Aedes albopictus)

La zanzara tigre (Aedes albopictus) La zanzara tigre (Aedes albopictus) Introduzione In questo capitolo saranno descritte alcune caratteristiche della zanzara tigre al fine di capire meglio: perché la si cerca e combatte come riconoscerla

Dettagli

L impegno che fa bene

L impegno che fa bene Esperienza nel settore, orientamento all innovazione, rispetto dell ambiente. L impegno che fa bene Mediterranea ecologia è un azienda attiva in Campania nel settore dell ecologia e della tutela ambientale.

Dettagli

Un fondo nazionale per le bonifiche in Italia Ing. Stefano Ciafani Coordinatore Ufficio scientifico Direzione nazionale di Legambiente

Un fondo nazionale per le bonifiche in Italia Ing. Stefano Ciafani Coordinatore Ufficio scientifico Direzione nazionale di Legambiente Un fondo nazionale per le bonifiche in Italia Ing. Stefano Ciafani Coordinatore Ufficio scientifico Direzione nazionale di Legambiente scaricato dal sito Web di ARPAT - http://www.arpat.toscana.it 1 Il

Dettagli

Il modello di pronto intervento di ARPA Lombardia per la valutazione ed il monitoraggio degli eventi di crisi

Il modello di pronto intervento di ARPA Lombardia per la valutazione ed il monitoraggio degli eventi di crisi Il modello di pronto intervento di ARPA Lombardia per la valutazione ed il monitoraggio degli eventi di crisi Organizzazione regionale e dipartimentale Elisa Galimberti Sede Centrale Settore Attività Industriali,

Dettagli

2.1 Descrizione dell'area di balneazione

2.1 Descrizione dell'area di balneazione 1.1 Dati identificativi 1 Denominazione acqua di balneazione Fiume Tagliamento - Localita' Cornino Cimano 4 Categoria fiume 5 Regione Friuli Venezia Giulia 6 Provincia Udine 7 Comune Forgaria nel Friuli

Dettagli

FOGNATURA IDEALE. Rispetto dei limiti imposti dal D. Lgs. 152/99. Impianto di depurazione. Fognatura separata. Acque nere.

FOGNATURA IDEALE. Rispetto dei limiti imposti dal D. Lgs. 152/99. Impianto di depurazione. Fognatura separata. Acque nere. FOGNATURA IDEALE Acque nere Fognatura separata Impianto di depurazione Rispetto dei limiti imposti dal D. Lgs. 152/99 Recapito cque bianche Eventuale trattamento In definitiva: FOGNATURA UNITARIA Acque

Dettagli

PROCESSI DI SEDIMENTAZIONE NELLE ACQUE DI PIOGGIA: PRIME INDAGINI SPERIMENTALI

PROCESSI DI SEDIMENTAZIONE NELLE ACQUE DI PIOGGIA: PRIME INDAGINI SPERIMENTALI PROCESSI DI SEDIMENTAZIONE NELLE ACQUE DI PIOGGIA: PRIME INDAGINI SPERIMENTALI Patrizia Piro, Marco Carbone, Giovanni Tomei Dipartimento di Difesa del Suolo V. Marone Università degli Sudi della Calabria

Dettagli

Progetto per il recupero dell olio alimentare domestico. Valter Molinaro Responsabile innovazione e gestione servizi

Progetto per il recupero dell olio alimentare domestico. Valter Molinaro Responsabile innovazione e gestione servizi Progetto per il recupero dell olio alimentare domestico Valter Molinaro Responsabile innovazione e gestione servizi Coop per l ambiente e la sostenibilità Stiamo consumando più risorse di quanto la Terra

Dettagli

Autorità di Bacino Bacino Pilota Fiume Serchio

Autorità di Bacino Bacino Pilota Fiume Serchio Autorità di Bacino Bacino Pilota Fiume Serchio Sonde di qualità delle acque nel bacino del lago di Massaciuccoli 1 Da marzo 20 sono state attivate tre sonde per l analisi della qualità dell acqua presso

Dettagli

Progetto Acqua per la vita

Progetto Acqua per la vita Progetto Acqua per la vita Paese e località di intervento: Il progetto si svilupperà nelle comunità di Barrancoblanco, Cuyali, Santa Martha e San Esteban, appartenenti alla città di Jinotega, Nicaragua.

Dettagli

Lunedì 15 gennaio 2007. ~~~D, Ateneo. Scade il 3 febbraio il termine per la presentazione della domanda çiipartecipazione

Lunedì 15 gennaio 2007. ~~~D, Ateneo. Scade il 3 febbraio il termine per la presentazione della domanda çiipartecipazione :il!,)t ssagg rnabruzzo Lunedì 15 gennaio 2007. ~~~D, Ateneo. Scade il 3 febbraio il termine per la presentazione della domanda çiipartecipazione alla 4o edizione del master in Gestione dello. sviluppo

Dettagli

La campagna di monitoraggio del Politecnico di Milano

La campagna di monitoraggio del Politecnico di Milano La campagna di monitoraggio del Politecnico di Milano La valutazione del sistema edificio-impianto Un processo costruttivo di qualità non si limita a progettare e a realizzare edifici con standard energetici

Dettagli

Comune di Marciano della Chiana (Provincia di Arezzo) LOTTA ALLA

Comune di Marciano della Chiana (Provincia di Arezzo) LOTTA ALLA LOTTA ALLA ZANZARA TIGRE CAMPAGNA INFORMATIVA APRILE 2009 FENOMENOLOGIA ZANZARA TIGRE (Aedes albopictus) Chii èè? È un Dittero nematocero Aedes Albopictus, comunemente definita Zanzara tigre, originario

Dettagli

Sarno (UIL) Incendi in carcere : L Italia come il Cile

Sarno (UIL) Incendi in carcere : L Italia come il Cile Comunicato Stampa 8 dicembre 2010 Sarno (UIL) Incendi in carcere : L Italia come il Cile Mentre commentiamo stupiti ed attoniti l incendio sviluppatosi nel penitenziario di Santiago del Cile, che ha portato

Dettagli

Liceo Artistico Vincenzo Foppa Progetto Scuola 21. Incubo radioattivo. 3B, Corti Francesco

Liceo Artistico Vincenzo Foppa Progetto Scuola 21. Incubo radioattivo. 3B, Corti Francesco Liceo Artistico Vincenzo Foppa Progetto Scuola 21 Incubo radioattivo 3B, Corti Francesco Un veleno silenzioso e immortale minaccia di inquinare per sempre la falda da cui attinge l acqua una delle città

Dettagli

Il torrente Bozzente caratteristiche e criticità

Il torrente Bozzente caratteristiche e criticità Sergio Canobbio Il torrente Bozzente caratteristiche e criticità Gerenzano,, 27 aprile 2011 37 km, dal Parco Pineta a Rho Sorgenti: (1) torrente Antiga (2) Vari rami interni al Parco Pineta Gradaluso (separato

Dettagli

QUESTIONARI PER GENITORI E BAMBINI

QUESTIONARI PER GENITORI E BAMBINI QUESTIONARI PER GENITORI E BAMBINI UISP SEDE NAZIONALE Largo Nino Franchellucci, 73 00155 ROMA tel. 06/43984345 - fax 06/43984320 www.diamociunamossa.it www.ridiamociunamossa.it progetti@uisp.it ridiamociunamossa@uisp.it

Dettagli

LA GESTIONE DELLE ACQUE METEORICHE DI DILAVAMENTO

LA GESTIONE DELLE ACQUE METEORICHE DI DILAVAMENTO LA GESTIONE DELLE ACQUE METEORICHE DI DILAVAMENTO MANUALE DI GESTIONE Gruppo di lavoro Gestione impianti di depurazione Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Brescia Coordinatore: Carlo Collivignarelli

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA Provincia di Pordenone. SETTORE ECOLOGIA Tutela e Uso Risorse Idriche Integrate

REPUBBLICA ITALIANA Provincia di Pordenone. SETTORE ECOLOGIA Tutela e Uso Risorse Idriche Integrate REPUBBLICA ITALIANA Provincia di Pordenone SETTORE ECOLOGIA Tutela e Uso Risorse Idriche Integrate Proposta nr. 29 del 18/03/2011 - Determinazione nr. 642 del 18/03/2011 OGGETTO: D.Lgs. 152/06 Ditta VINOPERA

Dettagli

Azioni sul settore idrico, tra urgenza e opportunità per le imprese

Azioni sul settore idrico, tra urgenza e opportunità per le imprese Azioni sul settore idrico, tra urgenza e opportunità per le imprese Lorenzo Frattini Presidente Legambiente Emilia Romagna Giorgio Zampetti - Responsabile scientifico nazionale Legambiente Quali urgenze?

Dettagli

Finalità delle indagini e del progetto

Finalità delle indagini e del progetto Caffaro e Brescia I nuovi dati Finalità delle indagini e del progetto Maria Luisa Pastore Brescia, 20 Ottobre 2015 Stato delle conoscenze prima del progetto 2002 2005 2003 2006 Le indagini condotte da

Dettagli

Profilo climatico locale: risultati ed evidenze

Profilo climatico locale: risultati ed evidenze Profilo climatico locale: risultati ed evidenze Lucio Botarelli Servizio IdroMeteoClima ARPA - Emilia-Romagna www.arpa.emr.it/sim 7 aprile 2014 Bologna Cosa ha indagato il profilo climatico locale Variabilità

Dettagli

LE MINERALIZZAZIONI SECONDARIE NELLA GROTTA DEL FUMO (ERUZIONE ETNEA DEL 1991/93)

LE MINERALIZZAZIONI SECONDARIE NELLA GROTTA DEL FUMO (ERUZIONE ETNEA DEL 1991/93) LE MINERALIZZAZIONI SECONDARIE NELLA GROTTA DEL FUMO (ERUZIONE ETNEA DEL 1991/93) Antonio Marino Centro Speleologico Etneo, via Cagliari 15-95127 Catania, Italia Riassunto La Grotta del Fumo, parte iniziale

Dettagli

RASSEGNA STAMPA UNIONE VENETA BONIFICHE TESTATE:

RASSEGNA STAMPA UNIONE VENETA BONIFICHE TESTATE: RASSEGNA STAMPA UNIONE VENETA BONIFICHE TESTATE: 28 GENNAIO 2014 UFFICIO COMUNICAZIONE UVB comunicazione@bonifica-uvb.it OGGI NOTIZIE SU: Consorzio/Pag. 1 2 3 4 5 6 7 Veronese Adige Po Delta del Po Alta

Dettagli

Comune di San Michele al Tagliamento

Comune di San Michele al Tagliamento Tutto quello che dobbiamo sapere per evitare la diffusione della zanzara tigre e difenderci meglio. Il ruolo che i Comuni svolgono è determinante ma, altrettanto determinante, è il contributo che possono

Dettagli

I DIECI COMANDAMENTI

I DIECI COMANDAMENTI PCB e diossine: inquinamento a Taranto PeaceLink www.peacelink.it I DIECI COMANDAMENTI Dieci cose da fare assolutamente per la salute dei tarantini 1) Aria: ridurre i valori percentuali a metro cubo

Dettagli

CONSORZIO DI BONIFICA ACQUE RISORGIVE

CONSORZIO DI BONIFICA ACQUE RISORGIVE CONSORZIO DI BONIFICA ACQUE RISORGIVE ESTRATTO DELLA RASSEGNA STAMPA DELL UNIONE VENETA BONIFICHE 12 FEBBRAIO 2014 Ufficio Segreteria E-mail: consorzio@acquerisorgive.it Sede legale: VIA ROVERETO, 12-30174

Dettagli

Piano regionale dell Emilia-Romagna per la lotta alla zanzara tigre e la prevenzione della Chikungunya e della Dengue Anno 2009

Piano regionale dell Emilia-Romagna per la lotta alla zanzara tigre e la prevenzione della Chikungunya e della Dengue Anno 2009 Allegato 1 Piano regionale dell Emilia-Romagna per la lotta alla zanzara tigre e la prevenzione della Chikungunya e della Dengue Anno 2009 PREMESSA Come noto l epidemia di Chikungunya che nel 2007 ha interessato

Dettagli

ALLEGATO C TARIFFE A CARICO DEI CLIENTI ED A FAVORE DEL GESTORE NEL PERIODO DI CUI ALL ART. 3, C.1 DELLA CONVENZIONE

ALLEGATO C TARIFFE A CARICO DEI CLIENTI ED A FAVORE DEL GESTORE NEL PERIODO DI CUI ALL ART. 3, C.1 DELLA CONVENZIONE ALLEGATO C TARIFFE A CARICO DEI CLIENTI ED A FAVORE DEL GESTORE NEL PERIODO DI CUI ALL ART. 3, C.1 DELLA CONVENZIONE SISTEMA A MISURA Servizio Acquedotto 2012 USO ABITATIVO RESIDENTE tariffa agevolata

Dettagli

Cos'è e come funziona una discarica.

Cos'è e come funziona una discarica. Cos'è e come funziona una discarica. La discarica di rifiuti è un luogo dove vengono depositati in modo non differenziato i rifiuti solidi urbani e tutti i rifiuti provenienti dalle attività umane. La

Dettagli

ZANZARE CITTADINE. Laura Cassata. Titolo: Autore: Percorsi didattici associati: Moscerini sotto inchiesta AVVERTENZA:

ZANZARE CITTADINE. Laura Cassata. Titolo: Autore: Percorsi didattici associati: Moscerini sotto inchiesta AVVERTENZA: Titolo: ZANZARE CITTADINE Autore: Laura Cassata Percorsi didattici associati: Moscerini sotto inchiesta AVVERTENZA: Le domande che seguono si ispirano al percorso o ai percorsi indicati e hanno come obiettivo

Dettagli

Una vera Tigre. Comune di Anzola dell'emilia

Una vera Tigre. Comune di Anzola dell'emilia La Zanzara Tigre Importata nel mondo occidentale dall Asia, probabilmente grazie al commercio di copertoni usati, dove ha trovato una nicchia adatta alla propria diffusione, la Zanzara Tigre (Aedes albopictus)

Dettagli

GLI INTERVENTI DI SISTEMAZIONE IDRAULICO-FORESTALI NELLA PREVENZIONE DEI RISCHI NATURALI LE LINEE DI AZIONE DELLA REGIONE PIEMONTE

GLI INTERVENTI DI SISTEMAZIONE IDRAULICO-FORESTALI NELLA PREVENZIONE DEI RISCHI NATURALI LE LINEE DI AZIONE DELLA REGIONE PIEMONTE GLI INTERVENTI DI SISTEMAZIONE IDRAULICO-FORESTALI NELLA PREVENZIONE DEI RISCHI NATURALI LE LINEE DI AZIONE DELLA REGIONE PIEMONTE G. Cacciabue, V.Debrando 1 La mitigazione degli effetti prodotti sul territorio

Dettagli

IL TEMPO METEOROLOGICO

IL TEMPO METEOROLOGICO VOLUME 1 CAPITOLO 4 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE IL TEMPO METEOROLOGICO 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: tempo... Sole... luce... caldo...

Dettagli

giovedì 12 luglio 2012 Analisi: Alluminio e Bario oltre la norma nell'acqua piovana!

giovedì 12 luglio 2012 Analisi: Alluminio e Bario oltre la norma nell'acqua piovana! giovedì 12 luglio 2012 Analisi: Alluminio e Bario oltre la norma nell'acqua piovana! Vi propongo diverse analisi di laboratorio e articoli di giornale che mostrano come da Orvieto a Firenze a Genova l'acqua

Dettagli

Industria Caffaro. Brescia, Lombardia

Industria Caffaro. Brescia, Lombardia Industria Caffaro Brescia, Lombardia L industria Caffaro è situata nelle vicinanze di Via Milano ed è in funzione dal 1906. Questa fabbrica ha prodotto sostanze chimiche, anche altamente tossiche e pericolose,

Dettagli

Strutture e impianti per la difesa dal caldo negli allevamenti di bovini da latte

Strutture e impianti per la difesa dal caldo negli allevamenti di bovini da latte In collaborazione con: Strutture e impianti per la difesa dal caldo negli allevamenti di bovini da latte Gabriele Mattachini, Giorgio Provolo Dipartimento di Scienze Agrarie e Ambientali (DISAA) Università

Dettagli

Emergenza idrica 2005 D.G. Agricoltura - Situazione aggiornata a seguito della riunione del 24 giugno

Emergenza idrica 2005 D.G. Agricoltura - Situazione aggiornata a seguito della riunione del 24 giugno Emergenza idrica 2005 D.G. Agricoltura - Situazione aggiornata a seguito della riunione del 24 giugno Scenario di riferimento Il sistema irriguo della pianura lombarda è costituito da un sistema idraulico

Dettagli

MONITORAGGIO MICOTOSSINE NEGLI ALIMENTI Campagna 2014 Mais

MONITORAGGIO MICOTOSSINE NEGLI ALIMENTI Campagna 2014 Mais MONITORAGGIO MICOTOSSINE NEGLI ALIMENTI Campagna 2014 Mais a cura del SATA Dott.ssa Paola Amodeo Specialista SATA - Settore Sistemi Alimentari e Qualità degli Alimenti Ottobre 2014 Come annunciato nello

Dettagli

LINEA DIRETTA CON IL PRESIDENTE

LINEA DIRETTA CON IL PRESIDENTE periodico di idee, informazione, cultura a cura dell Associazione Infermieristica Sammarinese LINEA DIRETTA CON IL PRESIDENTE Mi accingo a presiedere l AIS nel suo secondo triennio di vita. Mi ritengo

Dettagli

Il monitoraggio delle zanzare nel Comune di Mantova. Anno 2007

Il monitoraggio delle zanzare nel Comune di Mantova. Anno 2007 Il monitoraggio delle zanzare nel Comune di Mantova. Anno 2007 Gianluca Soncin*, Andrea Drago*, Simone Martini*, Giorgio Grossi**, Alessandro Orlandi**. * Entostudio snc, **Servizio Gestione Verde di Mantova

Dettagli

Le fasi dell emergenza e la gestione del rischio Regione Puglia Le fioriture algali nell invaso di Occhito

Le fasi dell emergenza e la gestione del rischio Regione Puglia Le fioriture algali nell invaso di Occhito Le fasi dell emergenza e la gestione del rischio Regione Puglia Le fioriture algali nell invaso di Occhito Fulvio Longo Servizio Programmazione Assistenza Territoriale e prevenzione Regione Puglia Bari,

Dettagli

AMIANTO - ETERNIT 04 BONIFICHE AMBIENTALI 05 MICRORACCOLTA E SMALTIMENTO RIFIUTI 06 LOCAZIONE CASSONI 08 AUTOSPURGHI A.D.R. 10

AMIANTO - ETERNIT 04 BONIFICHE AMBIENTALI 05 MICRORACCOLTA E SMALTIMENTO RIFIUTI 06 LOCAZIONE CASSONI 08 AUTOSPURGHI A.D.R. 10 PULIZIA CANNE FUMARIE RICERCA PERDITE BONIFICA AMIANTO SMALTIMENTO RIFIUTI BONIFICHE AMBIENTALI AUTOSPURGHI A.D.R. LOCAZIONE CASSONI PULIZIA SERBATOI YACHT BONIFICA DISCARICHE DERATTIZZAZIONE Indice LA

Dettagli

Zadir. Sezione Export Servizi per le Aziende. Paese di riferimento: Cina

Zadir. Sezione Export Servizi per le Aziende. Paese di riferimento: Cina Zadir Sezione Export Servizi per le Aziende Paese di riferimento: Cina La Zadir srl è una società di import-export che opera da molti anni in diversi paesi esteri con propri partner e collaboratori. La

Dettagli

SCHEDA TECNICA PER SCARICHI INDUSTRIALI

SCHEDA TECNICA PER SCARICHI INDUSTRIALI A) IDENTIFICAZIONE DELLA DITTA SCHEDA TECNICA PER SCARICHI INDUSTRIALI I Identificazione dell Azienda Denominazione Sede legale in via n CAP Comune Tel Fax Email Attività Codice ISTAT CF dell impresa Partita

Dettagli

La valutazione dei danno ambientale

La valutazione dei danno ambientale La valutazione dei danno ambientale Valmontone - Convegno: La Nuova Normativa Ambientale Ecoreati Ing. Leonardo Arru IL QUADRO NORMATIVO IN MATERIA DI DANNO AMBIENTALE La riparazione del danno ambientale

Dettagli

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 2 ... ... ... ... ... ...

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 2 ... ... ... ... ... ... VOLUME 1 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE ACQUE INTERNE 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: valle... ghiacciaio... vulcano... cratere...

Dettagli

DOCUMENTO ISTRUTTORIO

DOCUMENTO ISTRUTTORIO DOCUMENTO ISTRUTTORIO OGGETTO: DISCIPLINARE TECNICO, PARTE IV SEZ 1, ART. 4 AUTORIZZAZIONE DEL PROGETTO DEL PIANO D AMBITO DEFINITIVO: Nuovo collettore di costa per raccolta sfiori rete fognaria e relativi

Dettagli

Impatto ambientale delle attività zootecniche

Impatto ambientale delle attività zootecniche Impatto ambientale delle attività zootecniche Impatto ambientale delle attività zootecniche: effetto potenzialmente inquinante per l aria, l acqua e il terreno dovuto alle emissioni nell ambiente di varie

Dettagli