U. O. COMUNICAZIONE E RELAZIONI COL PUBBLICO. servizi sociali. Dove? Come? Quando? Collana di specializzazione aree tematiche

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "U. O. COMUNICAZIONE E RELAZIONI COL PUBBLICO. servizi sociali. Dove? Come? Quando? Collana di specializzazione aree tematiche"

Transcript

1 U. O. COMUNICAZIONE E RELAZIONI COL PUBBLICO servizi sociali Dove? Come? Quando? Collana di specializzazione aree tematiche

2 COMUNE SAP - SERVIZIO AIUTO PERSONALE via R. Gardini 11, Ravenna Tel / Fax Servizio di Aiuto Personale per disabili, realizzato con il contributo della Regione (L.R. 29/97), dall Area Politiche di Sostegno, Giovani e Sport del Comune di Ravenna, per rispondere alle richieste di aiuto personale, riceve le adesioni di quei cittadini che, a livello di volontariato, sono disponibili a prestare attività a favore dei disabili Al SAP si possono consultare: una banca-dati con notizie su associazioni, centri, enti che operano nel settore; le leggi, i contributi e le normative nell ambito della disabilità e richiedere informazioni sull espletamento dei vari iter burocratici. UFFICIO CASA EMERGENZA ABITATIVA E l ufficio competente nell erogazione del contributo per il canone affitto e per le case popolari Piazzale Farini, 21 - Ravenna Tel / Fax DIRITTO ALLO STUDIO Via M. D Azeglio 2, Ravenna - Tel Lunedì, martedì, mercoledì e venerdì dalle ore 9 alle ore 13, il giovedì dalle ore 14,30 alle ore 17,30 CONTRIBUTO PER L ABBONAMENTO AL TRASPORTO SCOLASTICO Rivolto ai genitori degli studenti della scuola dell obbligo residenti o domiciliati nel Comune di Ravenna. Il genitore compila il modulo di richiesta, rilasciato anche dalle segreterie scolastiche oppure dal Servizio Diritto allo Studio del Comune. LA RISTORAZIONE SCOLASTICA La ristorazione scolastica è un servizio che può essere richiesto dal

3 SERVIZI SOCIALI genitore del bambino che frequenta una scuola d infanziastatale, elementare e media statale. Il genitore compila un modulo di richiesta, rilasciato dalle Segreterie scolastiche al momento dell iscrizione a scuola del bambino, oppure entro il mese di marzo in caso di riconferma per l anno successivo. CONSORZIO PER I SERVIZI SOCIALI P.zza Caduti per la libertà, 21/a - Tel AREA ANZIANI ASSISTENZA DOMICILIARE 1) Assistenza domiciliare diretta E destinato prioritariamente ad anziani, ma anche a disabili ed adulti in difficoltà. Il servizio può essere integrato dalle seguenti prestazioni: pasti a domicilio, lavanderia, tele-soccorso, podologia. con apposita domanda all Assistente Sociale Territoriale 2) Assistenza domiciliare integrata Prestazioni a carattere socio-assistenziale e sanitario erogate al domicilio di anziani non autosufficienti, di norma a sostegno dell impegno familiare, sulla base dei programmi assistenziali indicati dall Unità di Valutazione Geriatrica. Il servizio deve garantire prestazioni con caratteristiche di globalità, adeguatezza e continuità. Come si accede: con apposita domanda all Assistente Sociale Territoriale 3) Assegno di cura Contributo economico erogato alle famiglie disponibili a mantenere l anziano non autosufficiente nel proprio domicilio. Come si accede: presentando domanda all Assistente Sociale Territoriale che provvede ad attivare l Unità di Valutazione Geriatria.

4 4) Ordinazione e recapito della spesa a domicilio tramite associazioni di volontariato Si rivolge ad anziani soli o con rete familiare impossibilitata - Handicappati - Adulti in difficoltà Come si accede: con apposita domanda all Assistente Sociale Territoriale. IL SERVIZIO è GRATUITO. ASSISTENZA RESIDENZIALE O SEMI RESIDENZIALE 1) Centri diurni assistenziali Strutture socio-sanitarie a carattere diurno destinate ad anziani parzialmente o totalmente non autosufficienti. Elenco strutture: Centro Diurno GALLA PLACIDIA Via Punta Stilo, 54 - Ravenna - Tel Centro Diurno GARIBALDI -ZARABBINI Via di Roma, 31 - Ravenna - Tel Centro Diurno A. BACCARINI Via Faentina Nord, 8 - Russi - Tel Centro Diurno Don Zalambani Via Nigrisoli, 22 - S.Alberto - Tel Centro Diurno per Anziani Viale II Giugno, 67 - Milano Marittima - Tel Centro Diurno per Anziani Via Taverna, S.Pietro in Trento - Tel Centro Diurno per Anziani Via delle Rimembranze, 10 - Piangipane - Tel Centro Diurno PALLAVICINI-BARONIO Via Grado, 45 - Ravenna Gestiti dal Consorzio per i Servizi Sociali: Galla Placidia - Via Punta Stilo, 54 - Ravenna - Tel Piangipane - Via delle Rimembranze, 10 - Tel Come si accede: Segnalando il bisogno all Assistente Sociale Territoriale. 2) Comunità alloggio ed appartamenti protetti Strutture socio-assistenziali di ridotte dimensioni destinate ad anziani non autosufficienti di grado lieve che necessitano di una vita comunitaria e di reciproca solidarietà.

5 SERVIZI SOCIALI Elenco strutture: Comunità Alloggio SAN GIOVANNI BOSCO Via Centofanti, 44 - Ravenna - Tel Comunità Alloggio Via Taverna, San Pietro in Trento - Tel Comunità alloggio FIOCCO DI NEVE Via di Roma, Ravenna Gestiti dal Consorzio per i Servizi Sociali Appartamento Protetto Via F.lli Cervi, 26 - Mezzano - Tel Appartamento Protetto Via Giotto, 29 - San Pietro in Vincoli - Tel Come si accede: per le comunità-alloggio private, con domanda diretta alla struttura; per gli appartamenti con domanda all assistente sociale territoriale. 3) Case protette Strutture socio-assitenziali a carattere residenziale destinate ad anziani non autosufficienti e ad adulti non autosufficienti con patologie assimilabili all età senile. Come si accede: Segnalando il bisogno all Assistente Sociale territoriale. Elenco strutture: Casa Protetta GALLA PLACIDIA Via Punta Stilo, 54 - Ravenna - Tel Casa protetta GARIBALDI-ZARABBINI Via di Roma, 31 - Ravenna - Tel Casa protetta PALLAVICINI - BARONIO Via Grado, 45 - Ravenna - Tel Istituto LEGA Viale Baracca, 41 - Ravenna - Tel Casa Protetta A. BACCARINI Via Faentina Nord, 8 - Russi - Tel Casa Protetta F. BUSIGNANI Via Monte Amiata, 1 - Cervia - Tel Casa Protetta DON ZALAMBANI Via Nigrisoli, 22 - S.Alberto - Tel Casa Protetta EL FLAMINGO Viale Matteotti, Milano Marittima - Tel Casa Protetta SANTA CHIARA Via Guaccimanni, 11 - Ravenna - Tel

6 Casa Protetta HOTEL ELITE Via della Fontana, 11 - Punta Marina - Tel Casa Protetta VILLA DEL MARE Via delle Palme - Marina Romea - Tel Casa Protetta FIOCCO DI NEVE Via di Roma, Ravenna - Tel Gestita dal Consorzio per i Servizi Sociali: Galla Placidia Via Punta Stilo, 54 - Ravenna - Tel ) Residenza sanitaria assistenziale Strutture extra ospedaliere socio-sanitarie a carattere residenziale destinate ad anziani non auto-sufficienti con elevati bisogni sanitari (per patologie cronico-degenerative a tendenza invalidante) o con disturbi comportamentali Elenco strutture: Galla Placidia - Via Punta Stilo, 54 - Ravenna - Tel Russi - P.zzale Farini 25 Russi - Tel San Rocco - Fusignano - Tel Gestita dal Consorzio per i Servizi Sociali: Galla Placidia - Via Punta Stilo, 54 - Ravenna - Tel Come si accede: segnalando il bisogno all Assistente Sociale territoriale che provvede ad attivare l Unità di Valutazione Geriatrica per la valutazione del caso. 5) Case di riposo - Case albergo Strutture socio-assistenziali a carattere residenziale, destinate ad anzini non autosufficienti di grado lieve. Elenco strutture: Casa di Riposo SAN GIUSEPPE COTTOLENGO Via Zignani, 44 - Castiglione - Tel Albergo MARE PINETA Viale delle Nazioni, Marina di Ravenna - Tel Albergo BETANIA Viale Italia, 30 - Marina Romea - Tel HOTEL ELITE Via della Fontana, 11 - Punta Marina - Tel VILLA DEL MARE Via delle Palme - Marina Romea - Tel Come si accede: con domanda da indirizzarsi direttamente alla struttura.

7 SERVIZI SOCIALI SERVIZIO DI INTEGRAZIONE RETTE PER STRUTTURE RESIDENZIALI Finalità: Garantire all anziano la copertura della retta più la disponibilità di un quota per le spese personali Destinatari: Possono accedere tutti i cittadini il cui reddito non sia sufficiente alla copertura della retta. La contribuzione dell integrazione- retta a carico del Consorzio, nonchè dei familiari tenuti al mantenimento, è determinata in base all art. 26 del vigente Regolamento per l As-sistenza Economica. Come si fa ad ottenerlo: Apposita domanda all Assistente Sociale Territoriale DOVE TROVARE LE ASSISTENTI SOCIALI I Circoscrizione -Via Maggiore, Ravenna Tel II Circoscrizione - Via Berlinguer, 11 - Ravenna Tel III Cicoscrizione - P.zza Medaglie d Oro, 4 - Ravenna Tel Circoscrizione del Mare - Via A. Vecchi, Marina di Ravenna Tel Circoscrizione S. Alberto - Via Nigrisoli, 27 - S.Alberto Tel Circoscrizione Castiglione - Via Fantini, 44 - Castiglione Tel Circoscrizione Mezzano - P.zza Repubblica, 10 - Mezzano Tel Circoscrizione S.Pierto in Vincoli - Via Pistocchi, 41 S.P. in Vincoli - Tel Circoscrizione Piangipane - P.zza XII Giugno - Piangipane Tel Circoscrizione Roncalceci - Via Babini, Roncalceci Tel

8 AREA HANDICAP Il Servizio Handicap è organizzato su diverse aree di intervento, alcune molto specifiche, altre con valenze di trasversalità e complementarietà rispetto alle prime. AREA DISABILI MINORI: APPOGGIO SCOLASTICO NIDI E MATERNE - Garantire una piena integrazione che tenga conto in particolare degli aspetti educativi, assistenziali, riabilitativi e di socializzazione. SCUOLE DI PRIMO E SECONDO GRADO - Promuovere un effettivo diritto allo studio attraverso progetti di intervento che includono obiettivi di evoluzione relazionale e di apprendimento dell alunno handicappato, predisponendo un percorso che preveda l impegno e la partecipazione di tutti i soggetti interessati (educatori, insegnanti, famiglia, neuropsichiatri, ecc.). FORMAZIONE PROFESSIONALE - Organizzare percorsi a partire dall uscita della scuola dell obbligo fino al suo ingresso nelle attività socio-occupazionali e/o lavorative. AREA CENTRI SOCIO - RIABILITATIVI DIURNI - Attuare interventi volti all acquisizione dell autonomia individuale nelle attività quotidiane ed al potenziamento delle capacità cognitive e relazionali; - offrire un sostegno ed un aiuto al disabile e alla sua famiglia, supportandone il lavoro di cura; - attivare strategie per l integrazione sociale dell ospite. AREA CENTRO SOCIO - RIABILITATIVO RESIDENZIALE - Fornisce ospitalità ed assistenza a cittadini disabili: * che necessitano di assistenza continua e risultano privi del necessario supporto familiare, * quando la permanenza nel nucleo familiare viene valutata, temporaneamente o definitivamente impossibile o contrastante con il progetto di vita individualizzato. - Attua interventi volti: * al mantenimento e/o potenziamento dell autonomia individuale

9 SERVIZI SOCIALI nelle attività quotidiane, * al mantenimento delle capacità cognitive e relazionali, * all attivazione di strategie per l integrazione sociale. AREA INSERIMENTI LAVORATIVI: Curare l inserimento al termine del percorso di scuola dell obbligo o superiore, attraverso progetti individualizzati, in una rete di servizi calibrati rispetto la formazione professionale che ha reso possibile la valorizzazione delle capacità e delle autonomie. Un attenzione speciale va rivolta al Servizio Inserimenti Lavorativi Integrati (S.I.I.L.) che si è costituito attraverso un protocollo siglato fra: il Consorzio per i Servizi Sociali, il Centro di Formazione Professionale, la Direzione Provinciale del lavoro e le Cooperative Sociali per l inserimento lavorativo che operano nel nostro territorio. SERVIZI TRASVERSALI FINALITÀ AREA ASSISTENZA DOMICILIARE - Supportare il carico familiare per favorire la permanenza dei disabili nel proprio nucleo e/o facilitare l inserimento nella rete dei servizi. FINALITÀ AREA ASSISTENZA ECONOMICA - Erogare contributi a vario titolo ai disabili residenti in famiglia. FINALITÀ AREA SERVIZIO TRASPORTO SOCIO SANITARIO - Favorire l accesso alla rete dei servizi del territorio di Ravenna, Cervia, Russi porta a porta. - Attivare trasporti personalizzati per emergenze o progetti individuali particolari o per consulenze e terapie sanitarie anche fuori provincia.

10 AREA MINORI Funzioni e competenze di tipo socio-assistenziale a favore della popolazione minorile, finalizzati alla prevenzione, al trattamento ed al superamento delle situazioni a rischio di emarginazione e delle condizioni di disagio, di disadattamento e di devianza. A queste situazioni familiari che presentano condizioni di grave rischio o di pregiudizio per il minore, si rivolgono tipologie di interventi messe in atto dal Servizio Sociale, qui elencate brevemente: l assistenza economica la vigilanza l assistenza domiciliare gli interventi socio-educativi territoriali le comunità residenziali, l affido e l adozione AFFIDO FAMILIARE Per i genitori che si trovano nella condizione di non riuscire a prendersi cura dei propri figli e che sono privi di una rete parentale di sostegno Gli interessati devono rivolgersi all Assistente Sociale presso la Circoscrizione di residenza. Il Servizio si fonda sulla collaborazione di famiglie e persone singole disponibili ad accogliere nella propria casa bambini o adolescenti in affidamento. Per offrire la propria disponibilità o avere informazioni rivolgersi: Alle Assistenti Sociali della Circoscrizione di residenza Al Centro per le Famiglie, ADOZIONI Possono presentare domanda di adozione le coppie sposate da almeno 3 anni, non separate neppure di fatto Gli interessati devono rivolgersi all Assistente Sociale presso la Circoscrizione di residenza.

11 SERVIZI SOCIALI AREA FAMIGLIAF CENTRO PER LE FAMIGLIE FINALITÀ Collaborare con famiglie, genitori, singole persone al fine di individuare soluzioni, anche parziali, ad esigenze legate alla cura e accudimento di bambini, a problemi educativi nel rapporto genitori/figli, alle difficoltà che le famiglie non ravennati (italiane o straniere) incontrano ad inserirsi nella nostra città. DESTINATARI: Genitori con figli minorenni ed in particolare da 0 a 14 anni. ACCESSO Il servizio è aperto dal lunedì al venerdì dalle ore 8,00 alle 14,00 il sabato dalle 9,00 alle 12,30 e per tre pomeriggi la settimana che variano a seconda delle attività. COME FARE Telefonando ogni mercoledì dalle ore 14,30 alle 19,00 ed ogni sabato dalle 9,30 alle 12,30. Sito: CENTRI GENITORI/BAMBINI Al Centro per le Famiglie sono presenti diverse attività di cura e socializzazione aperte a bambini e genitori: Attualmente la loro organizzazione è la seguente. Tam- Tam La Gabbianella è un servizio gestito da un Associazione di genitori e baby-sitter che si rivolge a bambini in età 6 mesi - 3 anni.l attività si svolge presso la sede del Centro per le Famiglie dal lunedì al venerdì, dalle 8,00 alle 14,00, per un numero massimo di 21 bambini la cui presenza non supera le 5 ore giornaliere, accuditi da 3 baby-sitter qualificate e il cui costo è ripartito tra le famiglie fruitrici.

12 Tam-Tam Estate Lido Adriano Attività realizzata nel periodo estivo per bambini in età 2/6. Le famiglie sono coinvolte sia nella fase di progettazione che di programmazione delle attività che prevedono la costituzione di piccoli gruppi di bambini accuditi da baby-sitter appositamente formate, il cui costo totale è ripartito tra le famiglie. Agenzia informativa per baby -sitting L Associazione l isola che c è gestisce, in collaborazione col Centro per le famiglie un servizio informativo telefonico per le richieste di baby-sitter a domicilio e fornisce indicazioni su tutte le altre attività del Centro rivolte a bambini. Recapito Telefonico: lunedì e giovedì dalle ore 18,30 alle ore 20,00 (da settembre a maggio) giovedì dalle 18,30 alle 20,00 (da giugno ad agosto) PUNTO D ASCOLTO PER GENITORI Servizio diretto a genitori con figli di età inferiore o uguale ai 14 anni e si occupa di fornire un supporto di carattere educativo relazionale per quanto concerne i rapporti con i figli. L offerta prevista consiste in: Breve consulenza (massimo tre colloqui) Orientamento all utilizzo dei Servizi specialistici e di secondo livello Organizzazione di gruppi di discussione a tema per genitori MEDIAZIONE FAMIGLIARE Servizio che si propone di fornire un aiuto concreto a genitori separati o in Via di separazione rispetto alla condivisione dei compiti e delle responsabilità genitoriali; coinvolge esclusivamente i genitori e si articola in una serie di incontri (10-12) alla presenza di un operatore esperto. L accesso al servizio da parte dei genitori è gratuito, assolutamente autonomo e volontario Recapito Telefonico: dal lunedì al venerdì dalle ore

13 SERVIZI SOCIALI 11,00 alle 13,00; il sabato dalle ore 10,00 alle 12,30 Mediazione culturale e accompagnamento all utilizzo dei servizi Il servizio svolge funzioni di accoglienza di donne e famiglie straniere, informazione ed orientamento ai diversi servizi territoriali ed ospedalieri, in particolare il servizio riguarda: L ascolto, il sostegno e l aiuto nell ambito della traduzione e della mediazione culturale L accompagnamento ai servizi socio-sanitari ed ospedalieri L aiuto per l iscrizione dei bambini alla scuola materna ed al nido Si accede ai diversi servizi tramite appuntamento, telefonando al Centro per le Famiglie dal lunedì al venerdì dalle ore 9,30 alle ore 12,30 al numero telefonico Il servizio è gratuito. PRESTITO SULL ONORE Si tratta di un normale prestito bancario con interessi a carico dell Ente Pubblico. Il prestito viene concesso in presenza di difficoltà economiche legate ad una motivazione precisa come: spese sanitarie, anticipo affitto, primo arredo, mezzo di trasporto, ecc. E un intervento riservato di norma a donne sole con figli minori, in situazioni particolari possono essere prese in esame domande di coppie con figli minori. La presenza dei figli minori è un requisito indispensabile. L interessato compila una domanda su modulo prestampato che viene fornito dalle Assistenti sociali della Circoscrizione di residenza.

14 LA CONSULTA DEL VOLONTARIA ARIATO Svolge in particolare le seguenti attività: organizzazione di attività e manifestazioni di carattere culturale e sociale di promozione del volontariato e della solidarietà; erogazione di servizi di sostegno organizzativo per la realizzazione di iniziative per le associazioni aderenti, in particolare consulenza per le pratiche burocratiche necessarie, ricerca di sinergie con altre associazioni attraverso lo scambio di servizi o volontari ecc. Per ulteriori informazioni, ci si può rivolgere alla sede di Via Oriani, Ravenna Tel CENTRO DI SERVIZIO PER IL VOLONTARIATO PER GLI ALTRI Il Centro di Servizio Per gli altri eroga servizi e consulenze a tutte le associazioni di volontariato. Segreteria e orientamento al volontariato Consulenza legale, assicurativa e del lavoro Consulenza fiscale ed amministrativa Consulenza per l immagine e la comunicazione pubblica Centro di documentazione Formazione dei dirigenti delle associazioni e dei volontari Promozione del volontariato Lo Sportello Operativo di Ravenna si trova a Ravenna in Via Oriani, 44 E aperto tutte le mattine, sabato compreso, nei seguenti orari: lunedì - venerdì 9-13 / sabato 9-12 Telefono sito web:

15 SERVIZI SOCIALI AUSL Servizio di Medicina Legale, Ambulatorio AUSL Via Magazzini Posteriori 28/A - Ravenna Tel Martedì e Giovedì dalle 8.30 alle ACCERTAMENTO DELLO STATO DI HANDICAP Il certificato di handicap è uno dei requisiti per godere di alcune agevolazioni tributarie e fiscali (ad esempio: detraibilità dei sussidi tecnici e informatici, deducibilità delle spese di assistenza specifica, esenzione dal pagamento del bollo auto se l handicap è di natura motoria, ecc...). Il certificato di handicap grave, invece, è uno dei requisiti necessari per accedere ai contributi regionali e alla fruizione dei permessi lavorativi previsti dalla stessa Legge quadro sull handicap (art. 33). Possibilità di autocertificazione dell handicap L autocertificazione può essere molto utile nel caso in cui non si disponga dell originale del verbale di accertamento dell handicap o non si intenda richiederne l autenticazione della copia. CENTRO DI ASCOLTO PER FAMILIARI DI ANZIANI CON DETERIORAMENTO COGNITIVO Il Centro di Ascolto si propone di offrire ai cittadini interessati alle problematiche connesse alla demenza: ascolto, informazioni inerenti la malattia ed i servizi presenti sul territorio, consulenza psicologica, gruppi di sostegno, informazione legale, informazione relativa agli adattamenti abitativi. Servizio Assistenza Anziani Via Fiume Montone Abbandonato, Ravenna Tel

16 Anziani Giovani Lavoro Servizi Sociali Stranieri Stampa:Tipollito STEAR - Ravenna

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it)

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) Oggetto:Richiesta di ammissione alla Consulta delle Organizzazioni che operano nel settore delle

Dettagli

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R.

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. /2007 Sommario PREMESSA COMUNE ALLE SEZIONI A E B...3 SEZIONE A - SERVIZI

Dettagli

INFORMAZIONI SUL CONTRAENTE PER LA VALUTAZIONE

INFORMAZIONI SUL CONTRAENTE PER LA VALUTAZIONE INFORMAZIONI SUL CONTRAENTE PER LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO RCT/RCO Parma, ottobre 2013 2 INFORMAZIONI DI CARATTERE GENERALE Ragione sociale Pedemontana Sociale - Azienda Territoriale per i Servizi alla

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA Il settore dell assistenza e dell aiuto domiciliare in Italia L assistenza domiciliare. Che cos è In Italia l assistenza domiciliare (A.D.)

Dettagli

Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006)

Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006) Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006) Art.1 (Oggetto e finalità) 1. La Regione con la presente legge, in armonia

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

REGOLAMENTO UNICO DI ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI

REGOLAMENTO UNICO DI ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI Fondazione di partecipazione dei Comuni di Casole d Elsa Colle di Val d Elsa Poggibonsi San Gimignano Radicondoli REGOLAMENTO UNICO DI ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI - 1- INDICE Premessa... 5 Titolo Primo

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

Approvato con. D.C.C. n.17/2008

Approvato con. D.C.C. n.17/2008 Approvato con. D.C.C. n.17/2008 REGOLAMENTO UNICO PER L ACCESSO AL SISTEMA INTEGRATO DI INTERVENTI E SERVIZI SOCIO -ASSISTENZIALI E PER LA COMPARTECIPAZIONE DEGLI UTENTI AL COSTO DEI SERVIZI E DELLE PRESTAZIONI

Dettagli

PQ 31G/ PROCEDURA REGOLAMENTO DI ACCOGLIENZA ED ACCESSO ALLA RSA DON GIUSEPPE CUNI DI MAGENTA

PQ 31G/ PROCEDURA REGOLAMENTO DI ACCOGLIENZA ED ACCESSO ALLA RSA DON GIUSEPPE CUNI DI MAGENTA Pag. 1 di 5 REGOLAMENTO DI ACCOGLIENZA ED ACCESSO ALLA RSA DON GIUSEPPE CUNI DI MAGENTA Oggetto Art. 1 Il Servizio Art. 2 L Utenza Art. 3 La domanda di Accoglienza Art. 4 Il Processo di Accoglienza Art.

Dettagli

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi Allegato B REGOLAMENTO PER LA PREDISPOSIZIONE E PER IL FINANZIAMENTO DELLE IMPEGNATIVE DI CURA DOMICILIARE PER PERSONE CON GRAVE DISABILITÀ PSICHICA ED INTELLETTIVA (ICDp) 1. Premessa La normativa nazionale

Dettagli

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e 2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e Gruppo percorsi assistenziali Partecipanti al gruppo - Unità Funzionale Salute Mentale Infanzia

Dettagli

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Società Cooperativa sociale onlus corso Torino 4/3 16129 Genova tel. 010 5956962 fax 010 5950871 info@cosgenova.com; coscooperativa@fastwebnet.it 1 Sede legale

Dettagli

GLOSSARIO DELLE FUNZIONI NEL SETTORE SOCIALE

GLOSSARIO DELLE FUNZIONI NEL SETTORE SOCIALE GLOSSARIO DELLE FUNZIONI NEL SETTORE SOCIALE 1. GENERALITÁ Il Glossario delle Funzioni l settore sociale descrive i servizi associati alle Funzioni l settore sociale, definiti ed identificati sulla base

Dettagli

MODALITA DI PRENOTAZIONE

MODALITA DI PRENOTAZIONE DIPARTIMENTO DI SANITA PUBBLICA MEDICINA DELLO SPORT MODALITA DI PRENOTAZIONE U.O.C.- CENTRO DI MEDICINA DELLO SPORT DI 2 LIVELL O CASALECCHIO DI RENO AMBULATORI DI 1 LIVELLO Per prenotare le visite di

Dettagli

Carta dei Servizi Sociali e Sociosanitari

Carta dei Servizi Sociali e Sociosanitari Carta dei Servizi Sociali e Sociosanitari Comune della Spezia A cura del Centro di Responsabilità dei Servizi Sociosanitari del Comune della Spezia Assessorato alle Politiche Sociali, della Salute e della

Dettagli

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PIANO DISTRETTUALE DEGLI INTERVENTI del Distretto socio-sanitario di Corigliano Calabro Rif. Decreto Regione Calabria n. 15749 del 29/10/2008 ANALISI DELBISOGNO

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Per la gestione del Servizio di Assistenza alla persona e Trasporto di soggetti portatori di handicap grave

CARTA DEI SERVIZI. Per la gestione del Servizio di Assistenza alla persona e Trasporto di soggetti portatori di handicap grave CARTA DEI SERVIZI Per la gestione del Servizio di Assistenza alla persona e Trasporto di soggetti portatori di handicap grave Provincia Reg. le di Catania 1 1. Premessa La presente Carta dei Servizi rappresenta

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 INFORMAZIONI PERSONALI Nome Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI REGGIO CALABRIA

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI

PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI ASSOCIAZIONE ROS ACCOGLIENZA ONLUS Piazza del Popolo, 22 Castagneto Carducci (LI) Tel. 0565 765244 FAX 0586 766091 PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI Target I beneficiari del progetto saranno circa

Dettagli

Centro diurno socio-assistenziale regionale Ai Gelsi Riva San Vitale

Centro diurno socio-assistenziale regionale Ai Gelsi Riva San Vitale Centro diurno socio-assistenziale regionale Ai Gelsi Riva San Vitale Che cos è il Centro diurno regionale Ai Gelsi? Il nuovo Centro diurno socio-assistenziale con sede a Riva San Vitale si inserisce nel

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI INTERVENTI, AI SERVIZI E ALLE PRESTAZIONI DI NATURA SOCIALE, SOCIO-ASSISTENZIALE E SOCIO-EDUCATIVA

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI INTERVENTI, AI SERVIZI E ALLE PRESTAZIONI DI NATURA SOCIALE, SOCIO-ASSISTENZIALE E SOCIO-EDUCATIVA REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI INTERVENTI, AI SERVIZI E ALLE PRESTAZIONI DI NATURA SOCIALE, SOCIO-ASSISTENZIALE E SOCIO-EDUCATIVA EROGATI DAL SERVIZIO SOCIALE DEI COMUNI DELL AMBITO DISTRETTUALE URBANO

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Invalido dal 33% al 73%

Invalido dal 33% al 73% Invalido dal 33% al 73% Definizione presente nel verbale: "Invalido con riduzione permanente della capacità lavorativa in misura superiore ad 1/3 (art. 2, L. 118/1971)". Nel certificato può essere precisata

Dettagli

Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie

Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie Informazioni utili Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie Informazioni utili U.O. AFFARI GENERALI E SEGRETERIA

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 Repertorio Atti n. 1161 del 22 febbraio 2001 Oggetto: Accordo tra il Ministro della sanità, il Ministro per la solidarietà sociale e le Regioni e Province

Dettagli

non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno..

non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno.. Comune di Modena ASSESSORATO ALLE POLITICHE SOCIALI SANITARIE E ABITATIVE non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno.. Cerchi casa e stai vivendo un momento

Dettagli

ACCORDO e Protocollo Operativo per la realizzazione del SERVIZIO INTEGRATO TERRITORIALE su AFFIDO ed ADOZIONE

ACCORDO e Protocollo Operativo per la realizzazione del SERVIZIO INTEGRATO TERRITORIALE su AFFIDO ed ADOZIONE CASARANO COLLEPASSO MATINO PARABITA RUFFANO SUPERSANO TAURISANO AMBITO TERRITORIALE SOCIALE DI CASARANO PROVINCIA di LECCE Assessorato alle Politiche Sociali ACCORDO e Protocollo Operativo per la realizzazione

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

Sono Rosalba, socio-volontaria

Sono Rosalba, socio-volontaria PRIMAVERA 86 E PROGETTO CSERDI Rosalba Mancinelli Socia fondatrice e consigliere di amministrazione dell Organizzazione di volontariato Primavera 86. Pedagogista e insegnante Sono Rosalba, socio-volontaria

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali AMBITO TERRITORIALE DI AGNONE AGNONE BELMONTE DEL SANNIO CAPRACOTTA CAROVILLI CASTEL DEL GIUDICE CASTELVERRINO PESCOPENNATARO PIETRABBONDANTE POGGIO SANNITA SAN PIETRO AVELLANA SANT ANGELO DEL PESCO VASTOGIRARDI

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

C.L. Tecniche della prevenzione nell ambiente e nei luoghi di lavoro Polo di Rieti. Calendario Lezioni 3 anno 2 Semestre - A.A.

C.L. Tecniche della prevenzione nell ambiente e nei luoghi di lavoro Polo di Rieti. Calendario Lezioni 3 anno 2 Semestre - A.A. I Settiman 2-6 Ore Lunedi 2 Martedi 3 Mercoledi 4 Giovedì 5 Venerdì 6 II 09-13 Ore Lunedì 9 Martedì 10 Mercoledì 11 Giovedì 12 Venerdì 13 III 16-20 Ore Lunedì 16 Martedì 17 Mercoledì 18 Giovedì 19 Venerdì

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI Ufficio del Piano di Zona Sociale dell' Ambito Territoriale A 1 COMUNE DI ARIANO IRPINO Capofila REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI erogato nei Comuni dell ambito territoriale

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna A cura dell ABC Sardegna, ediz. rivista in ottobre 2005 L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna La Legge Nazionale 162/98 ha apportato modifiche alla legge quadro sull handicap L.104/1992, concernenti

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE DATI ASSISTITO Cognome Nome Data di nascita Cod. fiscale INDICATORE ADEGUATEZZA CONDIZIONE AMBIENTALE (Valutazione rete assistenziale + valutazione economica di base + valutazione

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 Bonus IRPEF 80 euro Nel nuovo modello 730/2015 trova spazio il bonus IRPEF 80 euro ricevuto nel 2014, essendo previsto l obbligo di

Dettagli

Carcere & Scuola: ne vale la Pena

Carcere & Scuola: ne vale la Pena PROGETTO DI EDUCAZIONE ALLA LEGALITA E CIVILTA Carcere & Scuola: ne vale la Pena Scuola di Alta Formazione in Scienze Criminologiche, Istituto FDE, Mantova Associazione LIBRA Rete per lo Studio e lo Sviluppo

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

RESIDENZA LE ROSE SCHEDA SERVIZIO DATI ANAGRAFICI STRUTTURA. Residenza LE ROSE. Via delle Rose, 7 35034 Lozzo Atestino PD. info@residenzalerose.

RESIDENZA LE ROSE SCHEDA SERVIZIO DATI ANAGRAFICI STRUTTURA. Residenza LE ROSE. Via delle Rose, 7 35034 Lozzo Atestino PD. info@residenzalerose. RESIDENZA LE ROSE DATI ANAGRAFICI STRUTTURA SCHEDA SERVIZIO Residenza LE ROSE DENOMINAZIONE Via delle Rose, 7 35034 Lozzo Atestino PD INDIRIZZO CAP CITTÀ PROVINCIA 0429 644544 TELEFONO info@residenzalerose.net

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE DATI ASSTITO Cognome Nome Data di nascita Cod. fiscale INDICATORE ADEGUATEZZA CONDIZIONE AMBIENTALE (Valutazione rete assistenziale + valutazione economica di base + valutazione

Dettagli

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI Agevolazioni all acquisto L acquisto di un montascale a poltroncina, a piattaforma e di una piattaforma elevatrice per l utilizzo in abitazioni

Dettagli

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 C O M U N E D I M A R A Provincia di Sassari C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 Email: protocollo@comune.mara.ss.it Pec: protocollo@pec.comune.mara.ss.it SERVIZIO AFFARI

Dettagli

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza Dipartimento di Sanità Pubblica S a l u t e è S a p e r e Azioni di Prevenzione n. 2 28 Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Indice Presentazione Strutture Sanitarie Introduzione Contesto Risultati

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA LIMITAZIONI AL PROGETTO: Si escludono missioni, soggiorni e trasferimenti temporanei di sede dei volontari in Italia e all'estero

Dettagli

Schema di disegno di legge recante norme relative alle persone non autosufficienti, alle politiche sociali e alla famiglia

Schema di disegno di legge recante norme relative alle persone non autosufficienti, alle politiche sociali e alla famiglia Schema di disegno di legge recante norme relative alle persone non autosufficienti, alle politiche sociali e alla famiglia Art. 1 (Delega al Governo in materia di protezione sociale e cura delle persone

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale L. d Vinci Via L. Da Vinci,73 20812 Limbiate (MB) - Tel. 02-99.05.59.08 - Fax. 02-99.05.57.57

Istituto Comprensivo Statale L. d Vinci Via L. Da Vinci,73 20812 Limbiate (MB) - Tel. 02-99.05.59.08 - Fax. 02-99.05.57.57 DOMANDA DI ISCRIZIONE Al Dirigente Scolastico Istituto Comprensivo Statale L. d Vinci Via L. Da Vinci,73 20812 Limbiate (MB) - Tel. 02-99.05.59.08 - Fax. 02-99.05.57.57 _l_ sottoscritt in qualità di padre

Dettagli

I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna

I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna Sono 33. Obiettivo: un CpF per ogni distretto sanitario. 10 sono in Romagna Aree di attività dei CpF: Informazione (risorse e servizi per bambini e genitori,

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA. COMUNE DI CATTOLICA cod. NZ 02255

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA. COMUNE DI CATTOLICA cod. NZ 02255 (Allegato 1) SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: COMUNE DI MISANO ADRIATICO (Capofila) COMUNE DI CATTOLICA COMUNE DI BELLARIA-IGEA

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

A cura dei Supervisori SSIS-Sostegno Modena. E.Tarracchini V.Bocchini A.Barbieri. La documentazione. Dall ICF alla DF al PDF al PEI

A cura dei Supervisori SSIS-Sostegno Modena. E.Tarracchini V.Bocchini A.Barbieri. La documentazione. Dall ICF alla DF al PDF al PEI A cura dei Supervisori SSIS-Sostegno Modena. E.Tarracchini V.Bocchini A.Barbieri La documentazione Dall ICF alla DF al PDF al PEI La Diagnosi Funzionale (DF) 1. Utilizzo degli items di ICF nella definizione

Dettagli

PROGETTO PER LA PREVENZIONE DEL MALTRATTAMENTO E ABUSO. UNA STRATEGIA BASATA SULLA TEORIA DELL ATTACCAMENTO. UONPIA Varese, Busto A.

PROGETTO PER LA PREVENZIONE DEL MALTRATTAMENTO E ABUSO. UNA STRATEGIA BASATA SULLA TEORIA DELL ATTACCAMENTO. UONPIA Varese, Busto A. PROGETTO PER LA PREVENZIONE DEL MALTRATTAMENTO E ABUSO. UNA STRATEGIA BASATA SULLA TEORIA DELL ATTACCAMENTO UONPIA Varese, Busto A., Gallarate Mancanza di un sistema di monitoraggio nazionale Nel 201110.985

Dettagli

MA 28. DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MISSIONE E VALORI

MA 28. DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MISSIONE E VALORI pag. 7 DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MA 28 Rev. 1 del 22/10/2011 Pagina 1 di 6 MISSIONE E VALORI L U.O.C. di Oncologia Medica si prende

Dettagli

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Vademecum per il sostegno Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Gli strumenti della programmazione DIAGNOSI FUNZIONALE: descrive la situazione clinicofunzionale dello stato

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE E LA CONSEGNA DELLE DOMANDE DI ISCRIZIONE ANNO SCOLASTICO 2015/2016

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE E LA CONSEGNA DELLE DOMANDE DI ISCRIZIONE ANNO SCOLASTICO 2015/2016 ISTITUTO COMPRENSIVO DI PASIAN DI PRATO Pasian di Prato (UD) - Via Leonardo da Vinci, 23 - C.A.P. 33037 tel/fax: 0432 699954 e-mail: ddpasian@tin.it udic856004@istruzione.it udic856004@pec.istruzione.it

Dettagli

Normativa regionale in materia di tutela e valorizzazione della famiglia

Normativa regionale in materia di tutela e valorizzazione della famiglia ASSEMBLEA REGIONALE SICILIANA QUADERNI LEGISLATIVI Normativa regionale in materia di tutela e valorizzazione della famiglia A cura Incarico speciale Controllo parlamentare e Testi unici Sebastiano Di Bella

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

COS È IL PRONTO SOCCORSO?

COS È IL PRONTO SOCCORSO? AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA COS È IL PRONTO SOCCORSO? GUIDA INFORMATIVA PER L UTENTE SEDE OSPEDALIERA BORGO TRENTO INDICE 4 COS È IL PRONTO SOCCORSO? 6 IL TRIAGE 8 CODICI DI URGENZA

Dettagli

DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, SOLIDARIETA' SOCIALE E VOLONTARIATO

DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, SOLIDARIETA' SOCIALE E VOLONTARIATO DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, SOLIDARIETA' SOCIALE E VOLONTARIATO CIRCOLARE REGIONALE del 15/01/2014 - N 1 OGGETTO: PRIME INDICAZIONI ATTUATIVE DELLA DGR N. 1185/2013 CON SPECIFICO RIFERIMENTO ALLE DGR

Dettagli

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA?

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? La scuola è obbligatoria dai 6 ai 16 anni e comprende: 5 anni di scuola primaria (chiamata anche elementare), che accoglie i bambini da 6 a 10 anni 3 anni di scuola secondaria

Dettagli

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

AVVISO DI PUBBLICA SELEZIONE PER L AMMISSIONE AL CORSO INTEGRATIVO/ABBREVIATO PER OPERATORE SOCIO SANITARIO Anno Formativo 2014/2015

AVVISO DI PUBBLICA SELEZIONE PER L AMMISSIONE AL CORSO INTEGRATIVO/ABBREVIATO PER OPERATORE SOCIO SANITARIO Anno Formativo 2014/2015 U.O.S.D. FORMAZIONE EDUCAZIONE E PROMOZIONE DELLA SALUTE Scadenza 15 DICEMBRE 2014 AVVISO DI PUBBLICA SELEZIONE PER L AMMISSIONE AL CORSO INTEGRATIVO/ABBREVIATO PER OPERATORE SOCIO SANITARIO Anno Formativo

Dettagli

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA Delibera di Giunta - N.ro 1999/1378 - approvato il 26/7/1999 Oggetto: DIRETTIVA PER L' INTEGRAZIONE DI PRESTAZIONI SOCIALI E SANITARIE ED A RILIEVO SANITARIO A FAVORE DI ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI ASSISTITI

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: ANNO RICCO MI CI FICCO SETTORE e Area di Intervento: Settore A: Assistenza Aree: A02 Minori voce 5 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO OBIETTIVI DEL PROGETTO OBIETTIVI GENERALI

Dettagli

e p.c. Ai Docenti referenti per le Politiche Giovanili e la Partecipazione Studentesca LORO SEDI

e p.c. Ai Docenti referenti per le Politiche Giovanili e la Partecipazione Studentesca LORO SEDI Prot. Nr 11636 Vicenza, 25 settembre 2013 Cat.E8 Ai Sigg. Dirigenti Scolastici degli Istituti Superiori di II grado Statali e Paritari della Provincia di Vicenza e p.c. Ai Docenti referenti per le Politiche

Dettagli

L ADOZIONE NELLA PROVINCIA DI TRENTO: LE PROBLEMATICHE DELLE FAMIGLIE E LE RISPOSTE DEI SERVIZI NEL PERIODO SUCCESSIVO AL PRIMO ANNO POST- ADOTTIVO.

L ADOZIONE NELLA PROVINCIA DI TRENTO: LE PROBLEMATICHE DELLE FAMIGLIE E LE RISPOSTE DEI SERVIZI NEL PERIODO SUCCESSIVO AL PRIMO ANNO POST- ADOTTIVO. L ADOZIONE NELLA PROVINCIA DI TRENTO: LE PROBLEMATICHE DELLE FAMIGLIE E LE RISPOSTE DEI SERVIZI NEL PERIODO SUCCESSIVO AL PRIMO ANNO POST- ADOTTIVO. Ricercatrice: Serena Bezzi Trento, gennaio 2009 - giugno

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

LE DOMANDE. (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda)

LE DOMANDE. (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda) LE DOMANDE (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda) 1. LA NUOVA MODALITÀ 1.1 Qual è in sintesi la nuova modalità per ottenere l esenzione ticket in base al reddito? 1.2 Da quando, per

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

Progetto Insieme si può

Progetto Insieme si può Progetto Insieme si può Network dei servizi sociali Lavoro di cura, badanti, politiche dei servizi Milano, 17 aprile 2007 e.mail insieme.roma@libero.it Sito del progetto www.insiemesipuo.net GLI OBIETTIVI

Dettagli

Un percorso nell affido Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali. Campagna per la promozione dell affidamento familiare

Un percorso nell affido Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali. Campagna per la promozione dell affidamento familiare Un percorso nell affido Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Campagna per la promozione dell affidamento familiare Il primo diritto che andrebbe assicurato ad ogni bambino è quello

Dettagli

Disturbi dell Apprendimento

Disturbi dell Apprendimento Master in Disturbi dell Apprendimento in collaborazione con IPS nelle sedi di MILANO ROMA PADOVA BARI CAGLIARI CATANIA RAGUSA Questo modulo d iscrizione, unitamente alla fotocopia della ricevuta del versamento

Dettagli

A relazione dell'assessore Monferino:

A relazione dell'assessore Monferino: REGIONE PIEMONTE BU32 09/08/2012 Deliberazione della Giunta Regionale 30 luglio 2012, n. 45-4248 Il nuovo modello integrato di assistenza residenziale e semiresidenziale socio-sanitaria a favore delle

Dettagli

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT E quell insieme di organizzazioni che producono beni/servizi e gestiscono attività fuori dal mercato o, se operano nel mercato, agiscono con finalità non

Dettagli

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Un po di storia Il seme dell affido è germogliato in casa Tagliapietra nel lontano 1984 su un esigenza di affido consensuale in ambito parrocchiale. Questo seme ha cominciato

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: GIARDINO BRANCACCIO ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO SETTORE e Area di Intervento: Educazione e Promozione culturale: 01 Centri di aggregazione (bambini, giovani, anziani):

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it COLF E BADANTI Lo sportello Colf e Badanti del Caf Cisl nasce per fornire alle famiglie tutta l assistenza necessaria per la gestione del rapporto di lavoro di colf, assistenti familiari, baby sitter,

Dettagli

Carta dei servizi dell'azienda USL di Ravenna

Carta dei servizi dell'azienda USL di Ravenna Carta dei servizi dell'azienda USL di Ravenna Carta dei Servizi dell'azienda USL di Ravenna Carta dei Servizi La presente Carta dei servizi è stata realizzata a cura di: - Qualità e Accreditamento dell

Dettagli

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA ISTITUTO «LEONARDA VACCARI» PER LA RIEDUCAZIONE DEI FANCIULLI MINORATI PSICO - FISICI CORSO ECM Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento Sede corso:

Dettagli

In questo servizio si svolgeranno le seguenti attività:

In questo servizio si svolgeranno le seguenti attività: Insieme si può Arcigay Pistoia La Fenice dopo le varie attività svolte sul territorio pistoiese e zone limitrofe, ha valutato l opportunità di realizzare un progetto con la collaborazione di personale

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L integrazione è un processo di conoscenza di sé e dell altro, di collaborazione all interno della classe finalizzato a creare le migliori condizioni

Dettagli

Project Work. La campagna di sensibilizzazione sull affido familiare

Project Work. La campagna di sensibilizzazione sull affido familiare Project Work La campagna di sensibilizzazione sull affido familiare Autori Barbara Gastaldin, Elisabetta Niccolai, Federica Lodolini Servizi ASP Seneca Distretto Pianura Ovest, Servizio Sociale Minori

Dettagli

DELLA REGIONE DELL UMBRIA

DELLA REGIONE DELL UMBRIA Supplemento ordinario n. 1 al «Bollettino Ufficiale» - serie generale - n. 59 del 27 dicembre 2006 Spedizione in abbonamento postale Art. 2, comma 20/c, legge 662/96 - Fil. di Potenza REPUBBLICA ITALIANA

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia 2 La riforma dell ISEE (Indicatore della situazione economica equivalente) rappresenta un passo fondamentale per

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO P. CARMINE. Regolamento. del gruppo di lavoro sull handicap. Regolamento GLHI. Ai sensi dell art. 15 c.

ISTITUTO COMPRENSIVO P. CARMINE. Regolamento. del gruppo di lavoro sull handicap. Regolamento GLHI. Ai sensi dell art. 15 c. ISTITUTO COMPRENSIVO P. CARMINE Regolamento Regolamento GLHI del gruppo di lavoro sull handicap Ai sensi dell art. 15 c. L 104/92 Approvato dal Consiglio di stituto in data 08/07/2013 1 Gruppo di Lavoro

Dettagli