U. O. COMUNICAZIONE E RELAZIONI COL PUBBLICO. servizi sociali. Dove? Come? Quando? Collana di specializzazione aree tematiche

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "U. O. COMUNICAZIONE E RELAZIONI COL PUBBLICO. servizi sociali. Dove? Come? Quando? Collana di specializzazione aree tematiche"

Transcript

1 U. O. COMUNICAZIONE E RELAZIONI COL PUBBLICO servizi sociali Dove? Come? Quando? Collana di specializzazione aree tematiche

2 COMUNE SAP - SERVIZIO AIUTO PERSONALE via R. Gardini 11, Ravenna Tel / Fax Servizio di Aiuto Personale per disabili, realizzato con il contributo della Regione (L.R. 29/97), dall Area Politiche di Sostegno, Giovani e Sport del Comune di Ravenna, per rispondere alle richieste di aiuto personale, riceve le adesioni di quei cittadini che, a livello di volontariato, sono disponibili a prestare attività a favore dei disabili Al SAP si possono consultare: una banca-dati con notizie su associazioni, centri, enti che operano nel settore; le leggi, i contributi e le normative nell ambito della disabilità e richiedere informazioni sull espletamento dei vari iter burocratici. UFFICIO CASA EMERGENZA ABITATIVA E l ufficio competente nell erogazione del contributo per il canone affitto e per le case popolari Piazzale Farini, 21 - Ravenna Tel / Fax DIRITTO ALLO STUDIO Via M. D Azeglio 2, Ravenna - Tel Lunedì, martedì, mercoledì e venerdì dalle ore 9 alle ore 13, il giovedì dalle ore 14,30 alle ore 17,30 CONTRIBUTO PER L ABBONAMENTO AL TRASPORTO SCOLASTICO Rivolto ai genitori degli studenti della scuola dell obbligo residenti o domiciliati nel Comune di Ravenna. Il genitore compila il modulo di richiesta, rilasciato anche dalle segreterie scolastiche oppure dal Servizio Diritto allo Studio del Comune. LA RISTORAZIONE SCOLASTICA La ristorazione scolastica è un servizio che può essere richiesto dal

3 SERVIZI SOCIALI genitore del bambino che frequenta una scuola d infanziastatale, elementare e media statale. Il genitore compila un modulo di richiesta, rilasciato dalle Segreterie scolastiche al momento dell iscrizione a scuola del bambino, oppure entro il mese di marzo in caso di riconferma per l anno successivo. CONSORZIO PER I SERVIZI SOCIALI P.zza Caduti per la libertà, 21/a - Tel AREA ANZIANI ASSISTENZA DOMICILIARE 1) Assistenza domiciliare diretta E destinato prioritariamente ad anziani, ma anche a disabili ed adulti in difficoltà. Il servizio può essere integrato dalle seguenti prestazioni: pasti a domicilio, lavanderia, tele-soccorso, podologia. con apposita domanda all Assistente Sociale Territoriale 2) Assistenza domiciliare integrata Prestazioni a carattere socio-assistenziale e sanitario erogate al domicilio di anziani non autosufficienti, di norma a sostegno dell impegno familiare, sulla base dei programmi assistenziali indicati dall Unità di Valutazione Geriatrica. Il servizio deve garantire prestazioni con caratteristiche di globalità, adeguatezza e continuità. Come si accede: con apposita domanda all Assistente Sociale Territoriale 3) Assegno di cura Contributo economico erogato alle famiglie disponibili a mantenere l anziano non autosufficiente nel proprio domicilio. Come si accede: presentando domanda all Assistente Sociale Territoriale che provvede ad attivare l Unità di Valutazione Geriatria.

4 4) Ordinazione e recapito della spesa a domicilio tramite associazioni di volontariato Si rivolge ad anziani soli o con rete familiare impossibilitata - Handicappati - Adulti in difficoltà Come si accede: con apposita domanda all Assistente Sociale Territoriale. IL SERVIZIO è GRATUITO. ASSISTENZA RESIDENZIALE O SEMI RESIDENZIALE 1) Centri diurni assistenziali Strutture socio-sanitarie a carattere diurno destinate ad anziani parzialmente o totalmente non autosufficienti. Elenco strutture: Centro Diurno GALLA PLACIDIA Via Punta Stilo, 54 - Ravenna - Tel Centro Diurno GARIBALDI -ZARABBINI Via di Roma, 31 - Ravenna - Tel Centro Diurno A. BACCARINI Via Faentina Nord, 8 - Russi - Tel Centro Diurno Don Zalambani Via Nigrisoli, 22 - S.Alberto - Tel Centro Diurno per Anziani Viale II Giugno, 67 - Milano Marittima - Tel Centro Diurno per Anziani Via Taverna, S.Pietro in Trento - Tel Centro Diurno per Anziani Via delle Rimembranze, 10 - Piangipane - Tel Centro Diurno PALLAVICINI-BARONIO Via Grado, 45 - Ravenna Gestiti dal Consorzio per i Servizi Sociali: Galla Placidia - Via Punta Stilo, 54 - Ravenna - Tel Piangipane - Via delle Rimembranze, 10 - Tel Come si accede: Segnalando il bisogno all Assistente Sociale Territoriale. 2) Comunità alloggio ed appartamenti protetti Strutture socio-assistenziali di ridotte dimensioni destinate ad anziani non autosufficienti di grado lieve che necessitano di una vita comunitaria e di reciproca solidarietà.

5 SERVIZI SOCIALI Elenco strutture: Comunità Alloggio SAN GIOVANNI BOSCO Via Centofanti, 44 - Ravenna - Tel Comunità Alloggio Via Taverna, San Pietro in Trento - Tel Comunità alloggio FIOCCO DI NEVE Via di Roma, Ravenna Gestiti dal Consorzio per i Servizi Sociali Appartamento Protetto Via F.lli Cervi, 26 - Mezzano - Tel Appartamento Protetto Via Giotto, 29 - San Pietro in Vincoli - Tel Come si accede: per le comunità-alloggio private, con domanda diretta alla struttura; per gli appartamenti con domanda all assistente sociale territoriale. 3) Case protette Strutture socio-assitenziali a carattere residenziale destinate ad anziani non autosufficienti e ad adulti non autosufficienti con patologie assimilabili all età senile. Come si accede: Segnalando il bisogno all Assistente Sociale territoriale. Elenco strutture: Casa Protetta GALLA PLACIDIA Via Punta Stilo, 54 - Ravenna - Tel Casa protetta GARIBALDI-ZARABBINI Via di Roma, 31 - Ravenna - Tel Casa protetta PALLAVICINI - BARONIO Via Grado, 45 - Ravenna - Tel Istituto LEGA Viale Baracca, 41 - Ravenna - Tel Casa Protetta A. BACCARINI Via Faentina Nord, 8 - Russi - Tel Casa Protetta F. BUSIGNANI Via Monte Amiata, 1 - Cervia - Tel Casa Protetta DON ZALAMBANI Via Nigrisoli, 22 - S.Alberto - Tel Casa Protetta EL FLAMINGO Viale Matteotti, Milano Marittima - Tel Casa Protetta SANTA CHIARA Via Guaccimanni, 11 - Ravenna - Tel

6 Casa Protetta HOTEL ELITE Via della Fontana, 11 - Punta Marina - Tel Casa Protetta VILLA DEL MARE Via delle Palme - Marina Romea - Tel Casa Protetta FIOCCO DI NEVE Via di Roma, Ravenna - Tel Gestita dal Consorzio per i Servizi Sociali: Galla Placidia Via Punta Stilo, 54 - Ravenna - Tel ) Residenza sanitaria assistenziale Strutture extra ospedaliere socio-sanitarie a carattere residenziale destinate ad anziani non auto-sufficienti con elevati bisogni sanitari (per patologie cronico-degenerative a tendenza invalidante) o con disturbi comportamentali Elenco strutture: Galla Placidia - Via Punta Stilo, 54 - Ravenna - Tel Russi - P.zzale Farini 25 Russi - Tel San Rocco - Fusignano - Tel Gestita dal Consorzio per i Servizi Sociali: Galla Placidia - Via Punta Stilo, 54 - Ravenna - Tel Come si accede: segnalando il bisogno all Assistente Sociale territoriale che provvede ad attivare l Unità di Valutazione Geriatrica per la valutazione del caso. 5) Case di riposo - Case albergo Strutture socio-assistenziali a carattere residenziale, destinate ad anzini non autosufficienti di grado lieve. Elenco strutture: Casa di Riposo SAN GIUSEPPE COTTOLENGO Via Zignani, 44 - Castiglione - Tel Albergo MARE PINETA Viale delle Nazioni, Marina di Ravenna - Tel Albergo BETANIA Viale Italia, 30 - Marina Romea - Tel HOTEL ELITE Via della Fontana, 11 - Punta Marina - Tel VILLA DEL MARE Via delle Palme - Marina Romea - Tel Come si accede: con domanda da indirizzarsi direttamente alla struttura.

7 SERVIZI SOCIALI SERVIZIO DI INTEGRAZIONE RETTE PER STRUTTURE RESIDENZIALI Finalità: Garantire all anziano la copertura della retta più la disponibilità di un quota per le spese personali Destinatari: Possono accedere tutti i cittadini il cui reddito non sia sufficiente alla copertura della retta. La contribuzione dell integrazione- retta a carico del Consorzio, nonchè dei familiari tenuti al mantenimento, è determinata in base all art. 26 del vigente Regolamento per l As-sistenza Economica. Come si fa ad ottenerlo: Apposita domanda all Assistente Sociale Territoriale DOVE TROVARE LE ASSISTENTI SOCIALI I Circoscrizione -Via Maggiore, Ravenna Tel II Circoscrizione - Via Berlinguer, 11 - Ravenna Tel III Cicoscrizione - P.zza Medaglie d Oro, 4 - Ravenna Tel Circoscrizione del Mare - Via A. Vecchi, Marina di Ravenna Tel Circoscrizione S. Alberto - Via Nigrisoli, 27 - S.Alberto Tel Circoscrizione Castiglione - Via Fantini, 44 - Castiglione Tel Circoscrizione Mezzano - P.zza Repubblica, 10 - Mezzano Tel Circoscrizione S.Pierto in Vincoli - Via Pistocchi, 41 S.P. in Vincoli - Tel Circoscrizione Piangipane - P.zza XII Giugno - Piangipane Tel Circoscrizione Roncalceci - Via Babini, Roncalceci Tel

8 AREA HANDICAP Il Servizio Handicap è organizzato su diverse aree di intervento, alcune molto specifiche, altre con valenze di trasversalità e complementarietà rispetto alle prime. AREA DISABILI MINORI: APPOGGIO SCOLASTICO NIDI E MATERNE - Garantire una piena integrazione che tenga conto in particolare degli aspetti educativi, assistenziali, riabilitativi e di socializzazione. SCUOLE DI PRIMO E SECONDO GRADO - Promuovere un effettivo diritto allo studio attraverso progetti di intervento che includono obiettivi di evoluzione relazionale e di apprendimento dell alunno handicappato, predisponendo un percorso che preveda l impegno e la partecipazione di tutti i soggetti interessati (educatori, insegnanti, famiglia, neuropsichiatri, ecc.). FORMAZIONE PROFESSIONALE - Organizzare percorsi a partire dall uscita della scuola dell obbligo fino al suo ingresso nelle attività socio-occupazionali e/o lavorative. AREA CENTRI SOCIO - RIABILITATIVI DIURNI - Attuare interventi volti all acquisizione dell autonomia individuale nelle attività quotidiane ed al potenziamento delle capacità cognitive e relazionali; - offrire un sostegno ed un aiuto al disabile e alla sua famiglia, supportandone il lavoro di cura; - attivare strategie per l integrazione sociale dell ospite. AREA CENTRO SOCIO - RIABILITATIVO RESIDENZIALE - Fornisce ospitalità ed assistenza a cittadini disabili: * che necessitano di assistenza continua e risultano privi del necessario supporto familiare, * quando la permanenza nel nucleo familiare viene valutata, temporaneamente o definitivamente impossibile o contrastante con il progetto di vita individualizzato. - Attua interventi volti: * al mantenimento e/o potenziamento dell autonomia individuale

9 SERVIZI SOCIALI nelle attività quotidiane, * al mantenimento delle capacità cognitive e relazionali, * all attivazione di strategie per l integrazione sociale. AREA INSERIMENTI LAVORATIVI: Curare l inserimento al termine del percorso di scuola dell obbligo o superiore, attraverso progetti individualizzati, in una rete di servizi calibrati rispetto la formazione professionale che ha reso possibile la valorizzazione delle capacità e delle autonomie. Un attenzione speciale va rivolta al Servizio Inserimenti Lavorativi Integrati (S.I.I.L.) che si è costituito attraverso un protocollo siglato fra: il Consorzio per i Servizi Sociali, il Centro di Formazione Professionale, la Direzione Provinciale del lavoro e le Cooperative Sociali per l inserimento lavorativo che operano nel nostro territorio. SERVIZI TRASVERSALI FINALITÀ AREA ASSISTENZA DOMICILIARE - Supportare il carico familiare per favorire la permanenza dei disabili nel proprio nucleo e/o facilitare l inserimento nella rete dei servizi. FINALITÀ AREA ASSISTENZA ECONOMICA - Erogare contributi a vario titolo ai disabili residenti in famiglia. FINALITÀ AREA SERVIZIO TRASPORTO SOCIO SANITARIO - Favorire l accesso alla rete dei servizi del territorio di Ravenna, Cervia, Russi porta a porta. - Attivare trasporti personalizzati per emergenze o progetti individuali particolari o per consulenze e terapie sanitarie anche fuori provincia.

10 AREA MINORI Funzioni e competenze di tipo socio-assistenziale a favore della popolazione minorile, finalizzati alla prevenzione, al trattamento ed al superamento delle situazioni a rischio di emarginazione e delle condizioni di disagio, di disadattamento e di devianza. A queste situazioni familiari che presentano condizioni di grave rischio o di pregiudizio per il minore, si rivolgono tipologie di interventi messe in atto dal Servizio Sociale, qui elencate brevemente: l assistenza economica la vigilanza l assistenza domiciliare gli interventi socio-educativi territoriali le comunità residenziali, l affido e l adozione AFFIDO FAMILIARE Per i genitori che si trovano nella condizione di non riuscire a prendersi cura dei propri figli e che sono privi di una rete parentale di sostegno Gli interessati devono rivolgersi all Assistente Sociale presso la Circoscrizione di residenza. Il Servizio si fonda sulla collaborazione di famiglie e persone singole disponibili ad accogliere nella propria casa bambini o adolescenti in affidamento. Per offrire la propria disponibilità o avere informazioni rivolgersi: Alle Assistenti Sociali della Circoscrizione di residenza Al Centro per le Famiglie, ADOZIONI Possono presentare domanda di adozione le coppie sposate da almeno 3 anni, non separate neppure di fatto Gli interessati devono rivolgersi all Assistente Sociale presso la Circoscrizione di residenza.

11 SERVIZI SOCIALI AREA FAMIGLIAF CENTRO PER LE FAMIGLIE FINALITÀ Collaborare con famiglie, genitori, singole persone al fine di individuare soluzioni, anche parziali, ad esigenze legate alla cura e accudimento di bambini, a problemi educativi nel rapporto genitori/figli, alle difficoltà che le famiglie non ravennati (italiane o straniere) incontrano ad inserirsi nella nostra città. DESTINATARI: Genitori con figli minorenni ed in particolare da 0 a 14 anni. ACCESSO Il servizio è aperto dal lunedì al venerdì dalle ore 8,00 alle 14,00 il sabato dalle 9,00 alle 12,30 e per tre pomeriggi la settimana che variano a seconda delle attività. COME FARE Telefonando ogni mercoledì dalle ore 14,30 alle 19,00 ed ogni sabato dalle 9,30 alle 12,30. Sito: CENTRI GENITORI/BAMBINI Al Centro per le Famiglie sono presenti diverse attività di cura e socializzazione aperte a bambini e genitori: Attualmente la loro organizzazione è la seguente. Tam- Tam La Gabbianella è un servizio gestito da un Associazione di genitori e baby-sitter che si rivolge a bambini in età 6 mesi - 3 anni.l attività si svolge presso la sede del Centro per le Famiglie dal lunedì al venerdì, dalle 8,00 alle 14,00, per un numero massimo di 21 bambini la cui presenza non supera le 5 ore giornaliere, accuditi da 3 baby-sitter qualificate e il cui costo è ripartito tra le famiglie fruitrici.

12 Tam-Tam Estate Lido Adriano Attività realizzata nel periodo estivo per bambini in età 2/6. Le famiglie sono coinvolte sia nella fase di progettazione che di programmazione delle attività che prevedono la costituzione di piccoli gruppi di bambini accuditi da baby-sitter appositamente formate, il cui costo totale è ripartito tra le famiglie. Agenzia informativa per baby -sitting L Associazione l isola che c è gestisce, in collaborazione col Centro per le famiglie un servizio informativo telefonico per le richieste di baby-sitter a domicilio e fornisce indicazioni su tutte le altre attività del Centro rivolte a bambini. Recapito Telefonico: lunedì e giovedì dalle ore 18,30 alle ore 20,00 (da settembre a maggio) giovedì dalle 18,30 alle 20,00 (da giugno ad agosto) PUNTO D ASCOLTO PER GENITORI Servizio diretto a genitori con figli di età inferiore o uguale ai 14 anni e si occupa di fornire un supporto di carattere educativo relazionale per quanto concerne i rapporti con i figli. L offerta prevista consiste in: Breve consulenza (massimo tre colloqui) Orientamento all utilizzo dei Servizi specialistici e di secondo livello Organizzazione di gruppi di discussione a tema per genitori MEDIAZIONE FAMIGLIARE Servizio che si propone di fornire un aiuto concreto a genitori separati o in Via di separazione rispetto alla condivisione dei compiti e delle responsabilità genitoriali; coinvolge esclusivamente i genitori e si articola in una serie di incontri (10-12) alla presenza di un operatore esperto. L accesso al servizio da parte dei genitori è gratuito, assolutamente autonomo e volontario Recapito Telefonico: dal lunedì al venerdì dalle ore

13 SERVIZI SOCIALI 11,00 alle 13,00; il sabato dalle ore 10,00 alle 12,30 Mediazione culturale e accompagnamento all utilizzo dei servizi Il servizio svolge funzioni di accoglienza di donne e famiglie straniere, informazione ed orientamento ai diversi servizi territoriali ed ospedalieri, in particolare il servizio riguarda: L ascolto, il sostegno e l aiuto nell ambito della traduzione e della mediazione culturale L accompagnamento ai servizi socio-sanitari ed ospedalieri L aiuto per l iscrizione dei bambini alla scuola materna ed al nido Si accede ai diversi servizi tramite appuntamento, telefonando al Centro per le Famiglie dal lunedì al venerdì dalle ore 9,30 alle ore 12,30 al numero telefonico Il servizio è gratuito. PRESTITO SULL ONORE Si tratta di un normale prestito bancario con interessi a carico dell Ente Pubblico. Il prestito viene concesso in presenza di difficoltà economiche legate ad una motivazione precisa come: spese sanitarie, anticipo affitto, primo arredo, mezzo di trasporto, ecc. E un intervento riservato di norma a donne sole con figli minori, in situazioni particolari possono essere prese in esame domande di coppie con figli minori. La presenza dei figli minori è un requisito indispensabile. L interessato compila una domanda su modulo prestampato che viene fornito dalle Assistenti sociali della Circoscrizione di residenza.

14 LA CONSULTA DEL VOLONTARIA ARIATO Svolge in particolare le seguenti attività: organizzazione di attività e manifestazioni di carattere culturale e sociale di promozione del volontariato e della solidarietà; erogazione di servizi di sostegno organizzativo per la realizzazione di iniziative per le associazioni aderenti, in particolare consulenza per le pratiche burocratiche necessarie, ricerca di sinergie con altre associazioni attraverso lo scambio di servizi o volontari ecc. Per ulteriori informazioni, ci si può rivolgere alla sede di Via Oriani, Ravenna Tel CENTRO DI SERVIZIO PER IL VOLONTARIATO PER GLI ALTRI Il Centro di Servizio Per gli altri eroga servizi e consulenze a tutte le associazioni di volontariato. Segreteria e orientamento al volontariato Consulenza legale, assicurativa e del lavoro Consulenza fiscale ed amministrativa Consulenza per l immagine e la comunicazione pubblica Centro di documentazione Formazione dei dirigenti delle associazioni e dei volontari Promozione del volontariato Lo Sportello Operativo di Ravenna si trova a Ravenna in Via Oriani, 44 E aperto tutte le mattine, sabato compreso, nei seguenti orari: lunedì - venerdì 9-13 / sabato 9-12 Telefono sito web:

15 SERVIZI SOCIALI AUSL Servizio di Medicina Legale, Ambulatorio AUSL Via Magazzini Posteriori 28/A - Ravenna Tel Martedì e Giovedì dalle 8.30 alle ACCERTAMENTO DELLO STATO DI HANDICAP Il certificato di handicap è uno dei requisiti per godere di alcune agevolazioni tributarie e fiscali (ad esempio: detraibilità dei sussidi tecnici e informatici, deducibilità delle spese di assistenza specifica, esenzione dal pagamento del bollo auto se l handicap è di natura motoria, ecc...). Il certificato di handicap grave, invece, è uno dei requisiti necessari per accedere ai contributi regionali e alla fruizione dei permessi lavorativi previsti dalla stessa Legge quadro sull handicap (art. 33). Possibilità di autocertificazione dell handicap L autocertificazione può essere molto utile nel caso in cui non si disponga dell originale del verbale di accertamento dell handicap o non si intenda richiederne l autenticazione della copia. CENTRO DI ASCOLTO PER FAMILIARI DI ANZIANI CON DETERIORAMENTO COGNITIVO Il Centro di Ascolto si propone di offrire ai cittadini interessati alle problematiche connesse alla demenza: ascolto, informazioni inerenti la malattia ed i servizi presenti sul territorio, consulenza psicologica, gruppi di sostegno, informazione legale, informazione relativa agli adattamenti abitativi. Servizio Assistenza Anziani Via Fiume Montone Abbandonato, Ravenna Tel

16 Anziani Giovani Lavoro Servizi Sociali Stranieri Stampa:Tipollito STEAR - Ravenna

U. O. COMUNICAZIONE E RELAZIONI COL PUBBLICO. anziani. Dove? Come? Quando? Collana di specializzazione aree tematiche

U. O. COMUNICAZIONE E RELAZIONI COL PUBBLICO. anziani. Dove? Come? Quando? Collana di specializzazione aree tematiche U. O. COMUNICAZIONE E RELAZIONI COL PUBBLICO anziani Dove? Come? Quando? Collana di specializzazione aree tematiche COMUNE INDENNITÀ DI ACCOMPAGNAMENTO Residenza; Verbale di riconoscimento della invalidità

Dettagli

I disabili (di età superiore a 18 anni)

I disabili (di età superiore a 18 anni) 3.9 3.8 I disabili (di età superiore a 18 anni) ambiti bisogni SERVIZI C.I.S.S. DOMICILIARITà POVERTà LAVORO RESIDENZIALITà Continuare a vivere nel proprio ambiente di vita Avere un sostegno quando la

Dettagli

1. Quali sono le procedure per aprire una struttura che presta servizi socioassistenziali? 3. Quali sono le strutture socioassistenziali per minori?

1. Quali sono le procedure per aprire una struttura che presta servizi socioassistenziali? 3. Quali sono le strutture socioassistenziali per minori? 1. Quali sono le procedure per aprire una struttura che presta servizi socioassistenziali? Le procedure per aprire una struttura socioassistenziale sono definite dalla normativa regionale. Il rappresentante

Dettagli

INDICE 2. SCHEDE DESCRITTIVE DEI SERVIZI E DELLE RELATIVE MODALITA'DI ACCESSO 3. ORGANIZZAZIONE DELL AMBITO SOCIALE

INDICE 2. SCHEDE DESCRITTIVE DEI SERVIZI E DELLE RELATIVE MODALITA'DI ACCESSO 3. ORGANIZZAZIONE DELL AMBITO SOCIALE Edizione : 02 Data : 15/11/2004 Pag. 1 di 40 INDICE 1. ELENCO DEI SERVIZI DISPONIBILI 1.1 Il sistema integrato dei Servizi Sociali 1.2 Gli interventi erogati dall'ente di Ambito Sociale 2. SCHEDE DESCRITTIVE

Dettagli

Guide per i cittadini

Guide per i cittadini PIANO DI ZONA AREA DISABILI Guida per i cittadini - Anno 2011 Guide per i cittadini S c h e d e P r o g e t t i Interventi Massimo Pisu Abbiamo una gran voglia di far festa INDICE Interventi di accesso,

Dettagli

I bambini e le famiglie

I bambini e le famiglie 3.8 I bambini e le famiglie ambiti bisogni SERVIZI C.I.S.S. DOMICILIARITà Continuare a vivere ASSISTENZA DOMICILIARE nel proprio ambiente di vita Vivere in un contesto familiare, AFFIDAMENTO FAMILIARE

Dettagli

SERVIZI PER L AUTONOMIA DELLA PERSONA DISABILE

SERVIZI PER L AUTONOMIA DELLA PERSONA DISABILE SERVIZI PER L AUTONOMIA DELLA PERSONA DISABILE Sportello di informazioni sulla disabilità 4 È un servizio promosso dalle associazioni Abc-Liguria e Dopodomani Onlus per dare informazioni ed indicazioni

Dettagli

ALLEGATO 1 BANDO DI GARA PER LACREAZIONE DI UNA SHORT LIST DI FORNITORI DI SERVIZI DI CONCILIAZIONE DEI TEMPI DI VITA E DI LAVORO DELLE DONNE

ALLEGATO 1 BANDO DI GARA PER LACREAZIONE DI UNA SHORT LIST DI FORNITORI DI SERVIZI DI CONCILIAZIONE DEI TEMPI DI VITA E DI LAVORO DELLE DONNE ALLEGATO 1 BANDO DI GARA PER LACREAZIONE DI UNA SHORT LIST DI FORNITORI DI SERVIZI DI CONCILIAZIONE DEI TEMPI DI VITA E DI LAVORO DELLE DONNE SERVIZI RIPARTITI PER TARGET DI RIFERIMENTO Centro diurno per

Dettagli

1. DISABILI E FAMIGLIA

1. DISABILI E FAMIGLIA 1. DISABILI E FAMIGLIA COSA FA IL CISS OSSOLA PER LE PERSONE CON DISABILITA E LE LORO FAMIGLIE Contribuisce a garantire condizioni di benessere relazionale, ambientale e sociale che valorizzino le risorse

Dettagli

Stato di attuazione: Aspetti critici, positivi ecc. N. soci coinvolti N. e tipologia delle attività realizzate

Stato di attuazione: Aspetti critici, positivi ecc. N. soci coinvolti N. e tipologia delle attività realizzate D 1 - ANFFAS LABORATORIO IL FARO : interventi per contrastare l isolamento sociale e favorire la partecipazione attiva delle persone disabili e delle loro famiglie alla vita sociale. Pag. 333 ANFFAS Servizi

Dettagli

Area Persone con disabilità

Area Persone con disabilità Area Persone con disabilità Componente dell U. d. P. referente e responsabile d Area Nome e cognome Enrichetta La Ragione - Buono Rita - Samuele Guardascione Angela Ferrara Indirizzo e sede Via Vigna,

Dettagli

Sostegno alla Genitorialità: Scuole dell Infanzia

Sostegno alla Genitorialità: Scuole dell Infanzia comunità Sostegno alla Genitorialità: Scuole dell Infanzia 01 Il Servizio prevede incontri di formazione rivolti ad insegnanti e genitori delle Scuole dell Infanzia di Caselle, Sommacampagna e Custoza.

Dettagli

Guide per i cittadini

Guide per i cittadini PIANO DI ZONA AREA FAMIGLIA, INFANZIA ADOLESCENZA E MINORI Guida per i cittadini - Anno 2011 Guide per i cittadini S c h e d e P r o g e t t i Interventi Pablo Picasso Maternità INDICE Interventi di accesso,

Dettagli

Progetto V.A.I. Valorizzazione Accoglienza Integrata. Guida ai servizi degli Enti aderenti alla Rete. Centro di Orientamento dell Alto Friuli

Progetto V.A.I. Valorizzazione Accoglienza Integrata. Guida ai servizi degli Enti aderenti alla Rete. Centro di Orientamento dell Alto Friuli Centro di Orientamento dell Alto Friuli Azienda per i Servizi Sanitari n. 3 Alto Friuli Distretto Socio-sanitario n. 1 Distretto Socio-sanitario n. 2 C.I.C. Centro Informazione e Consulenza Dipartimento

Dettagli

COMUNE DI OLTRESSENDA ALTA PROVINCIA DI BERGAMO REGOLAMENTO COMUNALE PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (S.A.D.

COMUNE DI OLTRESSENDA ALTA PROVINCIA DI BERGAMO REGOLAMENTO COMUNALE PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (S.A.D. COMUNE DI OLTRESSENDA ALTA PROVINCIA DI BERGAMO REGOLAMENTO COMUNALE PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (S.A.D.) Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 21 del 29.09.2005

Dettagli

Laboratorio Servizi nell area DISABILI

Laboratorio Servizi nell area DISABILI Laboratorio Servizi nell area DISABILI 1 Studio sui servizi alla persona disabile a Roma Luglio 2007 Nella legislazione italiana, la tutela assistenziale del cittadino disabile si è avuta: 1. Negli anni

Dettagli

Città di Enna AREA 5 G.R.I.T.

Città di Enna AREA 5 G.R.I.T. Città di Enna AREA 5 G.R.I.T. SEZIONE 1. DATI ANAGRAFICI DELL ORGANIZZAZIONE Denominazione dell Organizzazione Acronimo (Sigla) Indirizzo della sede Presso¹ CAP Telefono Comune Fax E-mail PEC Sito web

Dettagli

RUOLO, FUNZIONI, SERVIZI

RUOLO, FUNZIONI, SERVIZI RUOLO, FUNZIONI, SERVIZI Il tema della disabilità mette a prova tutti i passaggi dei cicli di vita delle persone. Attraverso le vicende biografiche di chi attraversa questa particolare condizione è possibile

Dettagli

Carta dei Servizi rev. 0 del 10 dicembre 2009. Servizi Socio-Sanitari per la disabilità

Carta dei Servizi rev. 0 del 10 dicembre 2009. Servizi Socio-Sanitari per la disabilità Carta dei Servizi rev. 0 del 10 dicembre 2009 Servizi Socio-Sanitari AZIENDA ULSS N. 22 Bussolengo (VR) Unità Complessa Disabilità Direttore Dott. Gabriele Bezzan Funzionario Dott.ssa Liliana Menegoi Segreteria

Dettagli

Servizi Sociali. in evoluzione: da selettività ad universalità

Servizi Sociali. in evoluzione: da selettività ad universalità Servizi Sociali in evoluzione: da selettività ad universalità Complessità Non Non si si limitano ad ad un un tempo preciso della della vita vita Pluralità di di interventi Personalizzazione degli degli

Dettagli

Le strutture socio-assistenziali e socio-sanitarie nella provincia di Piacenza

Le strutture socio-assistenziali e socio-sanitarie nella provincia di Piacenza Provincia di Piacenza Osservatorio del sistema sociosanitario Le socio-assistenziali e socio-sanitarie nella provincia di Piacenza I dati riassuntivi di seguito esposti sono elaborati dal Settore Sistema

Dettagli

SERVIZIO ASSISTENZA TESSERE ATC AGEVOLATE

SERVIZIO ASSISTENZA TESSERE ATC AGEVOLATE SERVIZIO ASSISTENZA TESSERE ATC AGEVOLATE Una volta all anno, nel periodo e con le modalità previste dall ATC, vengono rilasciate le tessere di abbonamento per persone anziane e disabili. L Ufficio Assistenza

Dettagli

TABELLA 1 ELENCO DELLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE, CONDIZIONATE ALL ISEE

TABELLA 1 ELENCO DELLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE, CONDIZIONATE ALL ISEE A LLEGATO TABELLA 1 ELENCO DELLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE, CONDIZIONATE ALL ISEE A1 - CONTRIBUTI ECONOMICI A1.01 Assegno per il nucleo familiare erogati dai comuni A1.02 Assegno Maternità erogato

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ART 1 Oggetto del regolamento. Il presente regolamento disciplina, nell ambito dei principi dell ordinamento e nel rispetto della normativa, l attività

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DIURNO ASSISTENZIALE NATURA E GESTIONE DEL SERVIZIO ART. 1

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DIURNO ASSISTENZIALE NATURA E GESTIONE DEL SERVIZIO ART. 1 REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DIURNO ASSISTENZIALE NATURA E GESTIONE DEL SERVIZIO ART. 1 Il Centro Diurno Assistenziale è una Struttura semiresidenziale socio assistenziale e sanitaria che assiste,

Dettagli

Titolo 1 - PRINCIPI GENERALI. Art. 01 - Finalità

Titolo 1 - PRINCIPI GENERALI. Art. 01 - Finalità Legge Regionale 22 marzo 1990, n. 22 Interventi a sostegno dei diritti degli immigrati extracomunitari in Toscana. Bollettino Ufficiale n. 20, parte prima, del 31.03.1990 Titolo 1 - PRINCIPI GENERALI Art.

Dettagli

DISTRETTO VALLI TARO E CENO

DISTRETTO VALLI TARO E CENO UFFICIO di PIANO DISTRETTO VALLI TARO E CENO PROTOCOLLO OPERATIVO di recepimento delle DELIBERE DI GIUNTA REGIONALE n. 1230 del 28/07/2008 e n. 1206 del 30/07/2007 approvato dal Comitato di Distretto in

Dettagli

Settore Socio-Educativo. Assistenza domiciliare. Fattori della qualità. Competenza Professionalità degli operatori. Indicatori di qualità

Settore Socio-Educativo. Assistenza domiciliare. Fattori della qualità. Competenza Professionalità degli operatori. Indicatori di qualità Settore Socio-Educativo Fattori della qualità Indicatori di qualità Competenza Professionalità degli operatori Grado di soddisfazione degli utenti: 70% di soddisfazione del campione esaminato. Monitoraggio

Dettagli

Lo sportello Unico Socio Sanitario Integrato Servizi Domiciliari

Lo sportello Unico Socio Sanitario Integrato Servizi Domiciliari Lo sportello Unico Socio Sanitario Integrato Servizi Domiciliari Consorzio Intercomunale per la gestione dei servizi socio-assistenziali dell Ovestticino (Comune di Cameri, Cerano, Galliate, Romentino,

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE 43 REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ADOTTATO DAL CONSIGLIO COMUNALE CON DELIBERAZIONE N. 75/14031 P.G. NELLA SEDUTA DEL 26/05/1994 - MODIFICATO CON DELIBERAZIONE N. 75/I23765 P.G. NELLA

Dettagli

RILEVAZIONE STATISTICA SUI PRESIDI RESIDENZIALI SOCIO-ASSISTENZIALI ANNO 2003 GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO

RILEVAZIONE STATISTICA SUI PRESIDI RESIDENZIALI SOCIO-ASSISTENZIALI ANNO 2003 GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO RILEVAZIONE STATISTICA SUI PRESIDI RESIDENZIALI SOCIO-ASSISTENZIALI ANNO 2003 GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO Il questionario deve essere compilato dal responsabile del presidio residenziale,

Dettagli

SERVIZI PER LA NON AUTOSUFFICIENZA

SERVIZI PER LA NON AUTOSUFFICIENZA SERVIZI PER LA NON AUTOSUFFICIENZA Certificazioni di invalidità civile e handicap La certificazione di invalidità civile e la certificazione di handicap non sono la stessa cosa e danno diritto a benefici

Dettagli

SETTORE SOCIALE CENTRO DI RESPONSABILITA : COD. 07 SERVIZI: SOCIO-ASSISTENZIALE

SETTORE SOCIALE CENTRO DI RESPONSABILITA : COD. 07 SERVIZI: SOCIO-ASSISTENZIALE SETTORE SOCIALE SERVIZI: SOCIO-ASSISTENZIALE CENTRO DI RESPONSABILITA : COD. 07 FUNZIONI DEI SERVIZI SERVIZIO SOCIO-ASSISTENZIALE Il Settore è preposto ad assicurare alle persone e alle famiglie un sistema

Dettagli

CENTRI DIURNI E RESIDENZE

CENTRI DIURNI E RESIDENZE 78 CENTRI DIURNI E RESIDENZE Centri diurni per disabili 8 Si tratta di un accoglienza diurna, con adeguata assistenza, per giovani adulti disabili che trascorrono la giornata in struttura, svolgendo attività

Dettagli

COMUNE DI CHIGNOLO D ISOLA

COMUNE DI CHIGNOLO D ISOLA COMUNE DI CHIGNOLO D ISOLA SETTORE SERVIZI SOCIALI REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Premessa 1. Il Comune di Chignolo d Isola con il presente regolamento intende disciplinare il servizio

Dettagli

I SERVIZI SOCIO-EDUCATIVI IN PROVINCIA DI TRENTO

I SERVIZI SOCIO-EDUCATIVI IN PROVINCIA DI TRENTO I SERVIZI SOCIO-EDUCATIVI IN PROVINCIA DI TRENTO SERVIZI RESIDENZIALI I SERVIZI DI PRONTA ACCOGLIENZA: IL CENTRO PER L INFANZIA IL CENTRO DI PRONTA ACCOGLIENZA Il Centro per l Infanzia accoglie bambini

Dettagli

Comune di Ponte San Nicolò

Comune di Ponte San Nicolò Comune di Ponte San Nicolò SERVIZI SOCIALI Presentazione I Servizi Sociali sono impegnati ad assicurare alle persone ed alle famiglie interventi che consentano di godere di un adeguata qualità della vita.

Dettagli

IL SERVIZIO DOMICILIARE

IL SERVIZIO DOMICILIARE CASA ALBERGO PER ANZIANI Sistema qualità certificato COMUNE DI LENDINARA IL SERVIZIO DOMICILIARE Questo opuscolo riporta brevemente le principali informazioni per aiutarvi a capire meglio il servizio domiciliare,

Dettagli

Interventi di prevenzione e promozione sociale

Interventi di prevenzione e promozione sociale Assistenziale aiuto e sostegno Sostegno psico-sociale Interventi integrativi e sostitutivi delle funzioni proprie del nucleo familiare Assistenza domiciliare Consultorio Mediazione familiare Tutela salute

Dettagli

Azienda Speciale Servizi alla Persona

Azienda Speciale Servizi alla Persona Azienda Speciale Servizi alla Persona AREA PSICOLOGI SERVIZIO PSICOLOGICO TUTELA MINORI e AFFIDI FAMILIARI DISTRETTUALE SERVIZIO PSICOLOGICO TUTELA MINORI Il servizio ha l obiettivo di garantire in sinergia

Dettagli

Centro Servizi Stranieri

Centro Servizi Stranieri Centro Servizi Stranieri Cittadini stranieri e italiani Servizi, enti, istituzioni, associazioni, gruppi che operano nell ambito dell immigrazione Informazione sulla normativa in tema di immigrazione Supporto

Dettagli

Regolamento di Gestione Centro Diurno di Borgofortino APPROVATO CON D.C.C. N. 77 DEL 15/06/1995

Regolamento di Gestione Centro Diurno di Borgofortino APPROVATO CON D.C.C. N. 77 DEL 15/06/1995 Regolamento di Gestione Centro Diurno di Borgofortino APPROVATO CON D.C.C. N. 77 DEL 15/06/1995 MODIFICATO CON D.C.C. N. 265 DEL 07/11/2002 Natura, destinatari e finalità del servizio Il Centro Diurno

Dettagli

Servizi e interventi per i disabili

Servizi e interventi per i disabili Servizi e interventi per i disabili Il termine prendere ha in sé diversi significati: portare con sé, interpretare, giungere a una decisione, scegliere, ma anche subire, catturare, pervadere, occupare.

Dettagli

PRESENTAZIONE LEGGE REGIONALE 20/2002 E RELATIVO REGOLAMENTO

PRESENTAZIONE LEGGE REGIONALE 20/2002 E RELATIVO REGOLAMENTO PRESENTAZIONE LEGGE REGIONALE 20/2002 E RELATIVO REGOLAMENTO La legge regionale n. 20 del 6 novembre 2002, ed il relativo regolamento attuativo (n. 1 dell 8 marzo 2004) come più volte integrato e modificato,

Dettagli

5 - IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

5 - IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE 1 5 - IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE PRESENTAZIONE E OBIETTIVI Il Servizio di Assistenza Domiciliare (S.A.D.) è un servizio di aiuto a carattere professionale realizzato presso il domicilio delle

Dettagli

I servizi per anziani non autosufficienti

I servizi per anziani non autosufficienti I servizi per anziani non autosufficienti Giuliano Marangoni Il trend demografico dell invecchiamento della popolazione ha come diretta conseguenza un aumento delle prestazioni sanitarie e socio sanitarie

Dettagli

Comune di Ferrara Assessorato alla Salute e Servizi alla Persona. Centro H RAPPORTO SULLE ATTIVITA DEL CENTRO H GENNAIO - DICEMBRE 2005

Comune di Ferrara Assessorato alla Salute e Servizi alla Persona. Centro H RAPPORTO SULLE ATTIVITA DEL CENTRO H GENNAIO - DICEMBRE 2005 Comune di Ferrara Assessorato alla Salute e Servizi alla Persona A.I.A.S. Ferrara Associazione di Volontariato Associazione Centro H In collaborazione con: - Azienda USL Ferrara - Centro Servizi alla Persona

Dettagli

AREA MINORI. Gli interventi espletati comprendono attività come:

AREA MINORI. Gli interventi espletati comprendono attività come: AREA MINORI PREMESSA Nel Piano Regionale Socio Assistenziale l area dei minori viene definita anche Area dell età evolutiva e del disadattamento, dove l obiettivo primario è quello di fornire elementi

Dettagli

PRINCIPI FONDAMENTALI

PRINCIPI FONDAMENTALI Carta dei Servizi PRINCIPI FONDAMENTALI EGUAGLIANZA I cittadini accedono ai servizi in condizioni di uguaglianza. Il Comune garantisce loro parità e uniformità di trattamento. Nessuna discriminazione può

Dettagli

Riferimenti e numeri utili CARITAS

Riferimenti e numeri utili CARITAS Riferimenti e numeri utili CARITAS Sito parrocchiale di Zola Predosa SS Nicolò e Agata : www.parrocchiadizola.org Centro per le famiglie di Casalecchio di Reno 051/6133039 Associazione famigliare Le querce

Dettagli

AREA PORTATORI HANDICAP

AREA PORTATORI HANDICAP AREA PORTATORI HANDICAP PREMESSA La Legge 104/92 all art. 3 comma 2 recita: E persona handicappata colui che presenta una minorazione fisica, psichica o sensoriale, stabilizzata o progressiva, che è causa

Dettagli

COMUNE DI BAGNOLO IN PIANO. Provincia di Reggio Emilia REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DIURNO

COMUNE DI BAGNOLO IN PIANO. Provincia di Reggio Emilia REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DIURNO COMUNE DI BAGNOLO IN PIANO Provincia di Reggio Emilia REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DIURNO Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 11 del 22.03.2006 Pubblicato dal 11.04.2006 al 26.04.2006

Dettagli

Comune di Ponte San Nicolò

Comune di Ponte San Nicolò Comune di Ponte San Nicolò SERVIZIO PUBBLICA ISTRUZIONE E SPORT Il Servizio è finalizzato a rendere effettivo il diritto allo studio, alla promozione e valorizzazione delle attività sportive, motorie e

Dettagli

ALLEGATO N.2 SCHEDA DI RILEVAZIONE DELLA POPOLAZIONE E DELLE POLITICHE SOCIALI

ALLEGATO N.2 SCHEDA DI RILEVAZIONE DELLA POPOLAZIONE E DELLE POLITICHE SOCIALI ALLEGATO N.2 SCHEDA DI RILEVAZIONE DELLA POPOLAZIONE E DELLE POLITICHE SOCIALI 1 SEZ.A. DESCRIZIONE DELLA POPOLAZIONE RESIDENTE A1. Suddivisione della popolazione per sesso e classi di età e stranieri

Dettagli

GLI ADULTI GLI ADULTI. Domiciliarità Continuare a vivere nel proprio ambiente di vita, mantenendo la propria autonomia e evitando l'inserimento

GLI ADULTI GLI ADULTI. Domiciliarità Continuare a vivere nel proprio ambiente di vita, mantenendo la propria autonomia e evitando l'inserimento Carta BISOGNI BISOGNI GLI ADULTI GLI ADULTI Domiciliarità Continuare a vivere nel proprio ambiente di vita, mantenendo la propria autonomia e evitando l'inserimento in una struttura residenziale. Domiciliarità

Dettagli

Allegato A alla Convenzione Costitutiva

Allegato A alla Convenzione Costitutiva ALLEGATO A VALDARNO INFERIORE PARTE I - convenzione della Società della Salute Art. 5, comma 1, lettera d) e art.19, comma 1- ATTIVITA DELL AREA SOCIO ASSISTENZIALE da ricomprendere nella descrizione delle

Dettagli

I MINORI E LE FAMIGLIE. Educativa. Educativa

I MINORI E LE FAMIGLIE. Educativa. Educativa BISOGNI BISOGNI I MINORI E LE FAMIGLIE I MINORI E LE FAMIGLIE Educativa Educativa Avere un supporto educativo quando si hanno difficoltà nella famiglia, nella vita di relazione, nell'apprendimento e nei

Dettagli

INTERVENTI A SOSTEGNO DEGLI ANZIANI

INTERVENTI A SOSTEGNO DEGLI ANZIANI INTERVENTI A SOSTEGNO DEGLI ANZIANI ASSISTENZA DOMICILIARE A.D.A. Che cos è? L assistenza domiciliare è un servizio di Ambito del Piano Sociale di Zona che punta ad aiutare le persone anziane e quelle

Dettagli

COMUNE DI SAN LAZZARO DI SAVENA REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

COMUNE DI SAN LAZZARO DI SAVENA REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE DI SAN LAZZARO DI SAVENA (Provincia di Bologna) REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 151 del 13.07.1988 Esaminato dal Co.Re.Co. in

Dettagli

Residenza per anziani "Le Querce"

Residenza per anziani Le Querce Residenza per anziani "Le Querce" La residenza Nata da una sinergia tra il Comune di Cavenago Brianza e la C.R.M Cooperativa Sociale a r.l., la Residenza «Le querce» è pensata per l assistenza agli anziani

Dettagli

COMUNE DI CISTERNA DI LATINA MEDAGLIA D ARGENTO AL VALOR CIVILE REGOLAMENTO CENTRO DIURNO DISABILI L AGORA

COMUNE DI CISTERNA DI LATINA MEDAGLIA D ARGENTO AL VALOR CIVILE REGOLAMENTO CENTRO DIURNO DISABILI L AGORA COMUNE DI CISTERNA DI LATINA MEDAGLIA D ARGENTO AL VALOR CIVILE REGOLAMENTO CENTRO DIURNO DISABILI L AGORA Allegato alla delibera di C.C. n.32 dell 11/05/07 1 ART.1 (Definizione) Il Centro diurno per disabili

Dettagli

MAPPATURA PRINCIPALI SERVIZI PER ANZIANI IN REGIONE LOMBARDIA

MAPPATURA PRINCIPALI SERVIZI PER ANZIANI IN REGIONE LOMBARDIA MAPPATURA PRINCIPALI SERVIZI PER ANZIANI IN REGIONE LOMBARDIA PREMESSA Il presente documento è stato redatto in modo da offrire una panoramica dei principali servizi socio-sanitari e socio-assistenziali

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI: COMUNE DI LOIANO INFORMAZIONI UTILI SUI SERVIZI SOCIALI AGLI ANZIANI

CARTA DEI SERVIZI: COMUNE DI LOIANO INFORMAZIONI UTILI SUI SERVIZI SOCIALI AGLI ANZIANI ORARI DI RICEVIMENTO DEL PUBBLICO - lo Sportello Sociale, quale punto di accesso unitario ai servizi sociali e socio-assistenziali del comune, dell'ausl e di altri soggetti pubblici e privati, offrendo

Dettagli

C O M U N E DI C A I V A N O. Provincia di Napoli SETTORE POLITICHE SOCIALI CORSO UMBERTO N. 413 80023 CAIVANO (NA) TEL. 0818800812/13 FAX 0818305224

C O M U N E DI C A I V A N O. Provincia di Napoli SETTORE POLITICHE SOCIALI CORSO UMBERTO N. 413 80023 CAIVANO (NA) TEL. 0818800812/13 FAX 0818305224 C O M U N E DI C A I V A N O Provincia di Napoli SETTORE POLITICHE SOCIALI CORSO UMBERTO N. 413 80023 CAIVANO (NA) TEL. 0818800812/13 FAX 0818305224 GUIDA AI SERVIZI 2011 Comune di Caivano - Guida ai Servizi

Dettagli

Sostegno Progetti di Vita Indipendente (L. 162/98) lia persone disabili e al nucleo familiare che li assiste

Sostegno Progetti di Vita Indipendente (L. 162/98) lia persone disabili e al nucleo familiare che li assiste famiglia Assegno di Maternità e Assegno per il Nucleo Famigliare 01 Tali sostegni economici sono volti a favorire il benessere di nuclei familiari con figli. L assegno di maternità è un contributo economico

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 20 DEL 06-11-2002 REGIONE MARCHE

LEGGE REGIONALE N. 20 DEL 06-11-2002 REGIONE MARCHE LEGGE REGIONALE N. 20 DEL 06-11-2002 REGIONE MARCHE DISCIPLINA IN MATERIA DI AUTORIZZAZIONE E ACCREDITAMENTO DELLE STRUTTURE E DEI SERVIZI SOCIALI A CICLO RESIDENZIALE E SEMIRESIDENZIALE Fonte: BOLLETTINO

Dettagli

SCHEDA PROGETTUALE N. 2

SCHEDA PROGETTUALE N. 2 Allegato n. 2 SCHEDA PROGETTUALE N. 2 MACRO-AREA DI INTERVENTO: (X) Relazioni familiari (X) Diritti dei minori () Persone anziane ( ) Contrasto della povertà ( ) Disabili ( ) Avvio della riforma () Altro

Dettagli

AREA RESPONSABILITA FAMILIARI

AREA RESPONSABILITA FAMILIARI RESPONSABILITA FAMILIARI Componente dell U. d. P. referente e responsabile d Area Nome e cognome Enrichetta La Ragione - Annamaria Neri - Giovanna Canfora - Raffaella Scotto Di Ciccariello Franco Napolitano

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CENTRO DIURNO INTEGRATO RELATIVI CRITERI DI AMMISSIONE

REGOLAMENTO DEL CENTRO DIURNO INTEGRATO RELATIVI CRITERI DI AMMISSIONE REGOLAMENTO DEL CENTRO DIURNO INTEGRATO E RELATIVI CRITERI DI AMMISSIONE Approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione n. 17 del 22.3.1999 Comune di Cusano Milanino CENTRO DIURNO INTEGRATO REGOLAMENTO

Dettagli

Alcool, disagio psichico e terza età.

Alcool, disagio psichico e terza età. Alcool, disagio psichico e terza età. L ANZIANO PROBLEMATICO E L ACCOGLIENZA NEI SERVIZI 1 DOTT.SSA ANTONELLA SPADA COORDINATRICE DI STRUTTURA DELL ASP DISTRETTO DI FIDENZA PUNTI AFFRONTATI: 1) PRESENTAZIONE

Dettagli

Centro per la Famiglia

Centro per la Famiglia Il Piano Locale Unitario dei Servizi alla Persona PLUS 21, in esecuzione del Contratto di Servizio sottoscritto con le Cooperative Koinos e Anteros in ATS, promuove e gestisce il Centro per la Famiglia

Dettagli

Guide per i cittadini

Guide per i cittadini PIANO DI ZONA AREA ANZIANI Guida per i cittadini - Anno 2011 Guide per i cittadini S c h e d e P r o g e t t i Interventi Giovinale Nino Sassi Una giornata particolare INDICE Interventi di accesso, consulenza

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 41 DEL 12-12-2003 REGIONE LAZIO

LEGGE REGIONALE N. 41 DEL 12-12-2003 REGIONE LAZIO LEGGE REGIONALE N. 41 DEL 12-12-2003 REGIONE LAZIO "Norme in materia di autorizzazione all'apertura ed al funzionamento di strutture che prestano servizi socio-assistenziali" Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE

Dettagli

Procedimento Assegni al nucleo familiare numeroso Dove E' un contributo economico annuale a sostegno dei nuclei familiari in cui sono presenti almeno

Procedimento Assegni al nucleo familiare numeroso Dove E' un contributo economico annuale a sostegno dei nuclei familiari in cui sono presenti almeno Procedimento Assegni al nucleo familiare numeroso Dove E' un contributo economico annuale a sostegno dei nuclei familiari in cui sono presenti almeno tre figli minori di 18 anni. L'importo massimo dell'assegno

Dettagli

COMUNE DI S.AGATA SUL SANTERNO (Provincia di Ravenna) REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI SOCIO-ASSISTENZIALI DI COMPETENZA DEI COMUNI

COMUNE DI S.AGATA SUL SANTERNO (Provincia di Ravenna) REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI SOCIO-ASSISTENZIALI DI COMPETENZA DEI COMUNI COMUNE DI S.AGATA SUL SANTERNO (Provincia di Ravenna) REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI SOCIO-ASSISTENZIALI DI COMPETENZA DEI COMUNI Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 11 del 30 Marzo

Dettagli

Comune di Gradara Provincia di Pesaro e Urbino. Linee guida per il funzionamento del servizio di assistenza educativa domiciliare e scolastica

Comune di Gradara Provincia di Pesaro e Urbino. Linee guida per il funzionamento del servizio di assistenza educativa domiciliare e scolastica Comune di Gradara Provincia di Pesaro e Urbino Linee guida per il funzionamento del servizio di assistenza educativa domiciliare e scolastica A cura di Settore Servizi al Cittadino Assistente Sociale Dott.ssa

Dettagli

Assessorato alle Politiche Sociali. Partner dei cittadini. socialmenteutile GUIDA AI SERVIZI 2009/2010

Assessorato alle Politiche Sociali. Partner dei cittadini. socialmenteutile GUIDA AI SERVIZI 2009/2010 Assessorato alle Politiche Sociali Comune di Cagliari Partner dei cittadini socialmenteutile GUIDA AI SERVIZI 2009/2010 Breve guida per tutti i cittadini ai servizi sociali del Comune di Cagliari Comune

Dettagli

INFORMAZIONI SUL CONTRAENTE PER LA VALUTAZIONE

INFORMAZIONI SUL CONTRAENTE PER LA VALUTAZIONE INFORMAZIONI SUL CONTRAENTE PER LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO RCT/RCO Parma, ottobre 2013 2 INFORMAZIONI DI CARATTERE GENERALE Ragione sociale Pedemontana Sociale - Azienda Territoriale per i Servizi alla

Dettagli

COMUNE DI TORLINO VIMERCATI REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE

COMUNE DI TORLINO VIMERCATI REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE COMUNE DI TORLINO VIMERCATI PROVINCIA DI CREMONA REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 25 del 27.9.2010 TITOLO I PRINCIPI

Dettagli

DECRETO DEL MINISTRO PER LA SOLIDARIETA' SOCIALE

DECRETO DEL MINISTRO PER LA SOLIDARIETA' SOCIALE DECRETO DEL MINISTRO PER LA SOLIDARIETA' SOCIALE 21 maggio 2001, n. 308 "Requisiti minimi strutturali e organizzativi per l'autorizzazione all'esercizio dei servizi e delle strutture a ciclo residenziale

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AUSILIARIO ED EDUCATIVO

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AUSILIARIO ED EDUCATIVO REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AUSILIARIO ED EDUCATIVO Allegato 1 Art. 1 ISTITUZIONE DEL SERVIZIO L Amministrazione Comunale regolamenta il servizio di assistenza domiciliare

Dettagli

REGOLAMENTO ASILO NIDO D INFANZIA IL MELOGRANO

REGOLAMENTO ASILO NIDO D INFANZIA IL MELOGRANO REGOLAMENTO ASILO NIDO D INFANZIA IL MELOGRANO Art.1 Oggetto a. Il presente Regolamento disciplina finalità e attività di gestione dell Asilo Nido d Infanzia Il Melograno, realizzato e gestito dalla Cooperativa

Dettagli

AREA DI INTERVENTO SOCIALE: SERVIZI E STRUTTURE PER PERSONE CON DISABILITÀ FISICHE, PSICHICHE E SENSORIALI

AREA DI INTERVENTO SOCIALE: SERVIZI E STRUTTURE PER PERSONE CON DISABILITÀ FISICHE, PSICHICHE E SENSORIALI AREA DI INTERVENTO SOCIALE: SERVIZI E STRUTTURE PER PERSONE CON DISABILITÀ FISICHE, PSICHICHE E SENSORIALI Catalogo delle Tipologie di Servizio Trento 2002 3.1 CENTRI SERVIZI A RETE Centro a ciclo semiresidenziale

Dettagli

I Servizi per Anziani. dell Azienda Servizi Sociali di Bolzano

I Servizi per Anziani. dell Azienda Servizi Sociali di Bolzano I Servizi per Anziani dell Azienda Servizi Sociali di Bolzano a cura di Ufficio Programmazione, controllo e sistemi informativi 1 edizione Agosto 2015 Sommario L assistenza sociale L assistenza economica

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI CON DISABILITA

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI CON DISABILITA PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI CON DISABILITA PREMESSA L Istituto opera con particolare attenzione per l integrazione degli alunni disabili, favorendo la socializzazione, l acquisizione di autonomia

Dettagli

LEGGE PROVINCIALE N. 8 DEL 22-07-2009 REGIONE TRENTO (Prov.)

LEGGE PROVINCIALE N. 8 DEL 22-07-2009 REGIONE TRENTO (Prov.) LEGGE PROVINCIALE N. 8 DEL 22-07-2009 REGIONE TRENTO (Prov.) Disposizioni per la prevenzione e la cura dell Alzheimer e di altre malattie neurodegenerative legate all invecchiamento e per il sostegno delle

Dettagli

I servizi sociali per gli anziani nella Regione Lazio

I servizi sociali per gli anziani nella Regione Lazio I servizi sociali per gli anziani nella Regione Lazio Premessa Progressivo aumento del numero degli anziani ripensamento dell assistenza Integrazione dell assistenza sanitaria e dei servizi alla persona

Dettagli

COMUNE DI REVERE PROVINCIA DI MANTOVA REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

COMUNE DI REVERE PROVINCIA DI MANTOVA REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE DI REVERE PROVINCIA DI MANTOVA REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Approvato con delibera della Giunta Comunale n. 51 del 25/05/2002 INDICE Art. 1 - oggetto pag. 2 Art. 2 - finalità

Dettagli

COMUNE DI ROCCABIANCA (PROVINCIA DI PARMA) Assessorato ai Servizi Sociali GUIDA INFORMATIVA SUI SERVIZI PER I CITTADINI ANZIANI DI ROCCABIANCA

COMUNE DI ROCCABIANCA (PROVINCIA DI PARMA) Assessorato ai Servizi Sociali GUIDA INFORMATIVA SUI SERVIZI PER I CITTADINI ANZIANI DI ROCCABIANCA COMUNE DI ROCCABIANCA (PROVINCIA DI PARMA) Assessorato ai Servizi Sociali GUIDA INFORMATIVA SUI SERVIZI PER I CITTADINI ANZIANI DI ROCCABIANCA Presentazione L organizzazione dei Servizi Sociali a favore

Dettagli

Visto l'articolo 17, comma 3, della legge 28 agosto 1998, n. 400;

Visto l'articolo 17, comma 3, della legge 28 agosto 1998, n. 400; D.M. 21 maggio 2001, n. 308, regolamento concernente "REQUISITI MINIMI STRUTTURALI E ORGANIZZATIVI PER L'AUTORIZZAZIONE ALL'ESERCIZIO DEI SERVIZI E DELLE STRUTTURE A CICLO RESIDENZIALE E SEMIRESIDENZIALE,

Dettagli

COMUNE DI CISTERNA DI LATINA

COMUNE DI CISTERNA DI LATINA COMUNE DI CISTERNA DI LATINA MEDAGLIA D ARGENTO AL VALOR CIVILE REGOLAMENTO CENTRO DIURNO PER MINORI LA TARTARUGA INDICE CAP 1 - Principi generali Art. 1 Definizione del servizio Art. 2 Finalità e obiettivi

Dettagli

Deliberazione Consiglio Comunale n 119 del 6 ottobre 2009

Deliberazione Consiglio Comunale n 119 del 6 ottobre 2009 Deliberazione Consiglio Comunale n 119 del 6 ottobre 2009 Regolamento Affidamento Familiare Art. 1 Oggetto Il presente Regolamento disciplina i principi e le modalità cui devono uniformarsi la gestione,

Dettagli

REGOLAMENTO DISTRETTUALE SULL AFFIDO FAMILIARE DI MINORI

REGOLAMENTO DISTRETTUALE SULL AFFIDO FAMILIARE DI MINORI REGOLAMENTO DISTRETTUALE SULL AFFIDO FAMILIARE DI MINORI REGOLAMENTO DISTRETTUALE SULL AFFIDO FAMILIARE DI MINORI TITOLO I Finalità e soggetti Art.1 Normativa L affidamento familiare per minori è regolato

Dettagli

Centro donna CGIL Cagliari. Servizi offerti

Centro donna CGIL Cagliari. Servizi offerti Centro donna CGIL Cagliari - Ascolto e accoglienza per le donne in stato di disagio o con difficoltà di vario genere (personali, familiari, relative ad abusi, maltrattamenti e violenza fisica e psicologica)

Dettagli

Sezione 2 INTERVENTI A FAVORE DEI DISABILI

Sezione 2 INTERVENTI A FAVORE DEI DISABILI Sezione 2 INTERVENTI A FAVORE DEI DISABILI Contributo per acquisto o adattamento di autoveicoli privati per il trasporto di disabili Legge Regionale n. 29 del 21.08.97 articolo 9 Servizio Trasporto Inserimenti

Dettagli

SERVIZI SOCIALI A cura di Ivan Alborghetti Assessore alle Politiche sociali

SERVIZI SOCIALI A cura di Ivan Alborghetti Assessore alle Politiche sociali SERVIZI SOCIALI A cura di Ivan Alborghetti Assessore alle Politiche sociali Il settore dei servizi sociali comprende varie aree: anziani, handicap, minori, disagio. AREA ANZIANI L'assistenza alle persone

Dettagli

SERVIZI PER PERSONE CON PROBLEMI DI SALUTE MENTALE O DIPENDENZA

SERVIZI PER PERSONE CON PROBLEMI DI SALUTE MENTALE O DIPENDENZA SERVIZI PER PERSONE CON PROBLEMI DI SALUTE MENTALE O DIPENDENZA Servizio tossicodipendenze (Ser.T.) 10 Il Ser.T. dell Asl 2 Savonese si occupa della cura delle persone che hanno problemi di dipendenza

Dettagli

Servizi rivolti agli anziani

Servizi rivolti agli anziani Municipio Roma Centro Storico Servizi rivolti agli anziani 1- ASSISTENZA DOMICILIARE Il servizio è rivolto agli anziani soli o inseriti in nucleo familiare, che si trovino in condizione di temporanea o

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO PER LA SOLIDARIETA' SOCIALE

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO PER LA SOLIDARIETA' SOCIALE PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO PER LA SOLIDARIETA' SOCIALE DECRETO 21 maggio 2001, n. 308 REGOLAMENTO "Requisiti minimi strutturali e organizzativi per l'autorizzazione all'esercizio

Dettagli

Assessorato alle Politiche Sociali. partner. dei cittadini. Vademecum 2007/2008

Assessorato alle Politiche Sociali. partner. dei cittadini. Vademecum 2007/2008 Assessorato alle Politiche Sociali partner dei cittadini Vademecum 2007/2008 Cari concittadini, questa guida ai servizi sociali del Comune di Cagliari è una prima risposta concreta, all esigenza e al diritto

Dettagli