L EQUITA DELLA RIFORMA FISCALE IN ITALIA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L EQUITA DELLA RIFORMA FISCALE IN ITALIA"

Transcript

1 1 L EQUITA DELLA RIFORMA FISCALE IN ITALIA di Luigi Campiglio e Tatiana Oneta Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano Dicembre 2002 La riforma fiscale proposta dalla finanziaria 2002 riduce il livello di imposizione per le persone fisiche: come conseguenza si pone un duplice problema di finanziamento ed equità. Infatti, se i conti pubblici devono rimanere in equilibrio, alla riduzione della pressione tributaria deve necessariamente corrispondere una riduzione della spesa pubblica, con un saldo netto (differenza fra la maggiore disponibilità di reddito e il minore utilizzo di risorse pubbliche) differente da famiglia a famiglia. L equità complessiva della riforma fiscale si basa sul fatto che il saldo netto sia positivo ai più bassi livelli di reddito e negativo ai livelli più alti. Ma anche dal solo punto di vista della riduzione dell imposizione fiscale, ignorando cioè la distribuzione della spesa pubblica per livello di reddito familiare, la riforma pone delicati problemi di equità in rapporto alla composizione del nucleo familiare. Per analizzare questo problema abbiamo calcolato l imposta netta pagata per diverse tipologie familiari sull arco di tre anni 2001, 2002, 2003 e per i redditi del 2001 abbiamo altresì calcolato un confronto con il sistema fiscale francese. I principali risultati sono i seguenti: a parità di reddito, le famiglie in cui esiste un solo percettore pagano un imposta netta molto superiore alle famiglie in cui i percettori sono due o più di due: ad esempio una famiglia con un reddito di 20 mila euro e un figlio di 2 anni nel 2002 paga un imposta netta annua di 3197 euro, mentre se il medesimo reddito proviene in parti uguali dai due coniugi l imposta netta è di 2182 euro. Nel 2003 il divario si accentua sensibilmente e la famiglia con un solo percettore paga 2918 euro, mentre la famiglia con due percettori paga 1148 euro. Il principio dell equità orizzontale, e cioè l applicazione del medesimo trattamento fiscale per le medesime famiglie non è rispettato, e famiglie con la medesima capacità contributiva pagano imposte nette molto (e sempre più) differenti. L attuazione della riforma fiscale accentuerà in misura rilevante tale divario. Inoltre le famiglie in cui esiste un solo percettore sono anche quelle in cui, in media, il reddito familiare è più basso: di conseguenza l attuazione della riforma fiscale porta con sé una distorsione regressiva dell imposizione. la causa fondamentale della distorsione a danno delle famiglie monoreddito è rappresentata dal fatto che la deduzione al reddito da lavoro viene calcolata una sola volta per le famiglie monoreddito, mentre viene invece conteggiata due volte (o più) per le famiglie plurireddito. La piena attuazione della riforma, e quindi l adozione di una sola aliquota, non modifica questa distorsione: le differenze di trattamento fiscale che prima dipendevano dalle diverse aliquote dipenderanno invece dal numero di percettori e quindi dal numero di deduzioni. Il solo modo per superare queste distorsioni è quello di considerare la famiglia come fondamentale unità di imposizione fiscale.

2 2 il confronto con il sistema fiscale francese, per le medesime tipologie familiari, conferma che il modo più semplice per superare le distorsioni è quello di considerare la famiglia come fondamentale unità di imposizione fiscale. La Corte Costituzionale ha sancito nel 1976 il carattere individuale dell obbligo tributario, con un interpretazione che deve tuttavia trovare coerenza con gli articoli 31 e 53 secondo i quali, rispettivamente, la Repubblica agevola con misure economiche la formazione della famiglia e tutti sono tenuti a contribuire alle spese pubbliche in ragione delle loro capacità contributiva. Una possibile interpretazione coerente può essere fondata sul riconoscimento del fatto che anche ragazzi e bambini, in quanto consumatori, pagano indirettamente le imposte. Dal confronto appare altresì evidente il rilevante vantaggio fiscale delle famiglie nel sistema fiscale francese rispetto a quello italiano.

3 3 CONFRONTI RIASSUNTIVI DELLE IMPOSTE NETTE PAGATE ANNI PER DIVERSE TIPOLOGIE FAMIGLIARI E CONFRONTO CON IL SISTEMA FRANCESE Famiglie Mono reddito Famiglie Pluri reddito Famiglie Mono parental i euro ITALIA FRANCIA Imposte sociali Single Figlio studente Figlio di 2 anni Figlio invalido Figlio studente Figlio di 2 anni Figlio invalido Un figlio Due figli Famiglie Mono reddito Famiglie Pluri reddito euro ITALIA FRANCIA Imposte sociali Single Figlio studente Figlio di 2 anni Figlio invalido Figlio studente Figlio di 2 anni Figlio invalido Famiglie Mono parentali Un figlio Due figli

4 4 CONFRONTO CON LE FAMIGLIE PLURIREDDITO euro ITALIA Single ,41 % + 104,62 % + 273,02 % Mono reddito Figlio studente + 44,21 % +49,08 % + 171,18 % Figlio di 2 anni + 44,41 % + 46,52 % + 154,18 % Figlio invalido + 42,12 % + 52,86 % + 199,44 % Mono parentali Un figlio ,24 % + 67,87 % + 194,77 % Due figli + 42,70 % + 42,48 % + 146,52 % euro ITALIA Single + 35,30 % + 38,37 % + 39,50 % Mono reddito Figlio studente + 29,22 % + 31,50 % + 32,57 % Figlio di 2 anni + 29,24 % + 30,20 % + 31,24 % Figlio invalido + 28,95 % + 29,97 % + 31,04 % Mono parentali Un figlio + 32,39 % + 33,53 % + 34,60 % Due figli + 28,94 % + 29,89 % + 30,93 % 1 Per i single si è proceduto alla stima utilizzando la media dei valori delle famiglie plurireddito. 2 Per le famiglie monoparentali si è fatto riferimento alla plurireddito con figlio di 2 anni poiché per composizione si adatta meglio al confronto.

5 5 Caso I: famiglie standard monoreddito per due livelli di reddito Sono state considerate due ipotesi di reddito, e euro lordi annui per una famiglia tipo con le seguenti caratteristiche: - lavoratore dipendente con coniuge a carico; - casa di proprietà; - mutuo per l acquisto della prima casa acceso nel 1999, decennale, con una quota interessi annua di 240 euro, detraibili al 19 %; euro di spese mediche totali sostenute e documentate - figlio a carico al 100 % con 3 possibilità : - studente universitario di 20 anni (frequentante un istituto statale, costo 600 ); - figlio di 2 anni; - figlio invalido con pensione di euro annui. La casa viene dichiarata, ma essendo quella di residenza non viene conteggiata ai fini delle imposte dovute. Le spese mediche effettive sarebbero 500 euro più 125 euro di franchigia, che viene imposta in sede di dichiarazione dei redditi e sono detraibili al 19 %. Per gli studenti universitari delle statali si può detrarre il 19 % di 600 euro. Per i figli minori di 3 anni si può usufruire di una ulteriore detrazione forfetaria di 124 euro. Per i figli invalidi non si deve dichiarare la pensione percepita. Per l addizionale regionale più la comunale si è supposto un aliquota dell 1,5%. 1) SIMULAZIONI PER L ANNO 2001 B)Figlio di 2 anni euro imponibili Detrazione per lavoro dipendente -491 Detrazione per figlio a carico -285 Detrazione per coniuge a carico -496 IRPEF LORDA Tasse scolastiche -114 TOTALE IMPOSTE LORDE TOTALE DETRAZIONI TOTALE IMPOSTE NETTE Detrazione per lavoro dipendente -491 Detrazione per figlio a carico -285 Detrazione per coniuge a carico -496 Ulteriore detrazione per figlio <3 anni -124 IRPEF LORDA TOTALE IMPOSTE LORDE TOTALE DETRAZIONI TOTALE IMPOSTE NETTE 3.304

6 C)Figlio invalido B)Figlio di 2 anni C)Figlio invalido 6 Detrazione per lavoro dipendente -491 Detrazione per figlio a carico -285 Detrazione per coniuge a carico -496 IRPEF LORDA TOTALE IMPOSTE LORDE TOTALE DETRAZIONI TOTALE IMPOSTE NETTE euro imponibili Detrazione per lavoro dipendente -52 Detrazione per figlio a carico -266 Detrazione per coniuge a carico -422 IRPEF LORDA Tasse scolastiche -114 TOTALE IMPOSTE LORDE TOTALE DETRAZIONI -995 TOTALE IMPOSTE NETTE Detrazioni per lavoro dipendente -52 Detrazione per figlio a carico -266 Detrazione per coniuge a carico -422 Ulteriore detrazione per figlio <3 anni -124 IRPEF LORDA TOTALE IMPOSTE LORDE TOTALE DETRAZIONI TOTALE IMPOSTE NETTE Detrazioni per lavoro dipendente -52 Detrazione per figlio a carico -266 Detrazione per coniuge a carico -422 IRPEF LORDA TOTALE IMPOSTE LORDE TOTALE DETRAZIONI -881 TOTALE IMPOSTE NETTE

7 2) SIMULAZIONI PER L ANNO 2002 Per il 2002 le detrazioni per figlio a carico sono le seguenti: Reddito complessivo di ciascun coniuge Detrazioni primo figlio e altri famigliari a carico Detrazione figli successivi Fino a ,69 euro 303,68 336,73 Oltre ,69 euro 285,08 285,08 7 L importo della detrazione spettante per ciascun figlio sale a 516,46 euro a seconda del reddito complessivo di ciascun genitore e del numero dei figli: - reddito complessivo non superiore a ,98 euro ed un figlio a carico; - reddito complessivo non superiore a ,55 euro e due figli a carico; - reddito complessivo non superiore a ,12 euro e tre figli a carico; - quattro figli a carico, indipendentemente dal reddito. La detrazione aumentata non è cumulabile con la detrazione per figli di età inferiore a tre anni. Inoltre, dal 2002 è stata introdotta una particolare detrazione in caso di figli portatori di handicap di 774,69 euro per ogni figlio riconosciuto tale ai sensi della legge n. 104 del 1992; spetta a prescindere dall ammontare del reddito complessivo, in sostituzione di quella cui si avrebbe diritto in assenza dell handicap. B)Figlio di 2 anni euro imponibili Detrazione per lavoro dipendente -491 Detrazione per figlio a carico -516 Detrazione per coniuge a carico -496 IRPEF LORDA Tasse scolastiche -114 TOTALE IMPOSTE LORDE TOTALE DETRAZIONI TOTALE IMPOSTE NETTE Detrazione per lavoro dipendente -491 Detrazione per figlio a carico -516 Detrazione per coniuge a carico -496 IRPEF LORDA TOTALE IMPOSTE LORDE TOTALE DETRAZIONI TOTALE IMPOSTE NETTE 3.197

8 C)Figlio invalido B)Figlio di 2 anni C)Figlio invalido 8 Detrazione per lavoro dipendente -491 Detrazione per figlio a carico -775 Detrazione per coniuge a carico -496 IRPEF LORDA TOTALE IMPOSTE LORDE TOTALE DETRAZIONI TOTALE IMPOSTE NETTE euro imponibili Detrazione per lavoro dipendente -52 Detrazione per figlio a carico -285 Detrazione per coniuge a carico -422 IRPEF LORDA Tasse scolastiche -114 TOTALE IMPOSTE LORDE TOTALE DETRAZIONI TOTALE IMPOSTE NETTE Detrazioni per lavoro dipendente -52 Detrazione per figlio a carico -285 Detrazione per coniuge a carico -422 Ulteriore detrazione per figlio <3 anni -124 IRPEF LORDA TOTALE IMPOSTE LORDE TOTALE DETRAZIONI TOTALE IMPOSTE NETTE Detrazioni per lavoro dipendente -52 Detrazione per figlio a carico -775 Detrazione per coniuge a carico -422 IRPEF LORDA TOTALE IMPOSTE LORDE TOTALE DETRAZIONI TOTALE IMPOSTE NETTE

9 3) SIMULAZIONIPER L ANNO 2003 Per l anno 2003 gli scaglioni Irpef sono stati fissati come segue: Reddito imponibile Aliquota Fino a % Da a % Da a % Da a % Oltre % 9 Oltre alle deduzioni dal reddito derivanti dall articolo 10 del Tuir, vengono aggiunte, come deduzioni, quelle che erano detrazioni d imposta per lavoro dipendente e autonomo. Viene fissata una deduzione generale,valida per tutti i contribuenti, di 3.000, alla quale si aggiungono: per lavoro dipendente; per i pensionati; per lavoro autonomo. Tali deduzioni non sono cumulabili e il contribuente, in caso di redditi di diversa natura, deve scegliere quale adottare, a seconda della convenienza. Queste deduzioni, tuttavia, sono decrescenti per valori crescenti di reddito, fino a d imponibile, inoltre per sapere la quota di spettanza si devono effettuare calcoli a dir poco complessi: ( deduzioni teoriche precedenti + oneri deducibili ex art.10 reddito complessivo crediti d imposta per utili societari)/ = Q se Q 1 spetta la deduzione intera se Q 0 non spettano deduzioni se 0 < Q < 1 si moltiplica la deduzione totale (7.500 o o 4.500) per Q, computando le prime quattro cifre decimali e si ottiene la deduzione spettante. Inoltre sono state introdotte nuove detrazioni per lavoro dipendente e autonomo che vanno a coprire alcune differenze che derivavano dall abolizione delle vecchie, soprattutto per redditi medio alti euro imponibili Deduzione al reddito [( )/26.000]x Detrazione per figlio a carico -516 Detrazione per coniuge a carico -496 IRPEF LORDA Tasse scolastiche -114 TOTALE IMPOSTE LORDE TOTALE DETRAZIONI TOTALE IMPOSTE NETTE 2.804

10 B)Figlio di 2 anni C)Figlio invalido 10 Deduzione al reddito Detrazione per figlio a carico -516 Detrazione per coniuge a carico -496 IRPEF LORDA TOTALE IMPOSTE LORDE TOTALE DETRAZIONI TOTALE IMPOSTE NETTE Deduzione al reddito Detrazione per figlio a carico -775 Detrazione per coniuge a carico -496 IRPEF LORDA TOTALE IMPOSTE LORDE TOTALE DETRAZIONI TOTALE IMPOSTE NETTE euro imponibili Deduzione al reddito 0 ( ) / Detrazione per lavoro dipendente -25 Detrazione per figlio a carico -285 Detrazione per coniuge a carico -422 IRPEF LORDA Tasse scolastiche -114 TOTALE IMPOSTE LORDE TOTALE DETRAZIONI -987 TOTALE IMPOSTE NETTE

11 B)Figlio di 2 anni C)Figlio invalido 11 Detrazioni per lavoro dipendente -25 Detrazione per figlio a carico -285 Detrazione per coniuge a carico -422 Ulteriore detrazione per figlio <3 anni -124 IRPEF LORDA TOTALE IMPOSTE LORDE TOTALE DETRAZIONI -997 TOTALE IMPOSTE NETTE Detrazioni per lavoro dipendente -25 Detrazione per figlio a carico -775 Detrazione per coniuge a carico -422 IRPEF LORDA TOTALE IMPOSTE LORDE TOTALE DETRAZIONI TOTALE IMPOSTE NETTE ) TASSAZIONE FRANCESE NEL 2001 La tassazione francese divide il reddito totale della famiglia per il numero delle parti (deriva dal numero dei componenti e dalla sua composizione), il quoziente che ne deriva, denominato quoziente famigliare, serve per individuare lo scaglione d appartenenza, la tassazione però è effettuata sul reddito di partenza utilizzando l aliquota dello scaglione. La casa di proprietà non viene conteggiata nei redditi. Per il mutuo si detrae il 25 % degli interessi pagati annualmente (240 euro). Le spese mediche non vengono dichiarate per cui non si recupera nulla. Per i figli a carico studenti universitari si detrae un importo forfetario di 183 euro. Per i figli minori di 7 anni si può detrarre il 25% delle spese sostenute per farlo accudire a casa propria da terzi, tali spese ammontano a euro. Per i figli invalidi, comunque a carico, si devono sommare i loro redditi a quelli del dichiarante, tuttavia si può aggiungere una ulteriore mezza parte nel conteggio, così da 2,5 parti per un nucleo famigliare composto dai coniugi più un figlio a carico, si arriva a 3 parti. All imponibile si toglie il 10% per spese professionali (pasti e viaggio). Inoltre c è un ulteriore abbattimento del 20% dell imponibile. Si deducono anche 5,1 punti percentuali della CSG (contribution sociale generalisée), che rientra tra le imposte sociali, la cui base imponibile è uguale a quella dell imposta sul reddito, ridotta del 5 % a titolo di spese professionali. Le imposte con finalità sociale tassano il reddito imponibile per il 7,5 % tramite la CSG, per il 2 % attraverso il rimborso per il debito sociale e lo 0,5 % con il prelievo sociale.

12 12 La prime pour l emploi (premio per l impiego), è accordata in sede di dichiarazione dei redditi per fasce di reddito famigliare basso e, tiene conto dei carichi di famiglia euro imponibili Spese professionali forfetarie Abbattimento 20% CSG deducibile -969 Reddito imponibile netto N (numero delle parti) 2,5 Quoziente famigliare IMPOSTA LORDA 235 Deduzione ulteriore -263 Mutuo -60 Tasse scolastiche -183 TOTALE IMPOSTE NETTE 0 IMPOSTE CON FINE SOCIALE PRIME POUR L EMPLOI 109 B)Figlio di 2 anni C)Figlio invalido Spese professionali forfetarie Abbattimento 20% CSG deducibile -969 Reddito imponibile netto N (numero delle parti) 2,5 Quoziente famigliare IMPOSTA LORDA 235 Deduzione ulteriore -263 Mutuo -60 Baby sitter -500 TOTALE IMPOSTE NETTE 0 IMPOSTE CON FINE SOCIALE PRIME POUR L EMPLOI 109 IMPONIBILE (genitore + figlio) Spese professionali Abbattimento 20% CSG deducibile -969 Reddito imponibile netto N (numero delle parti) 3 Quoziente famigliare IMPOSTA LORDA 404 Deduzione ulteriore -178 Mutuo -60 TOTALE IMPOSTE NETTE 166 IMPOSTE CON FINE SOCIALE PRIME POUR L EMPLOI 109

13 euro imponibili Spese professionali Abbattimento 20% CSG deducibile Reddito imponibile netto N (numero delle parti) 2,5 Quoziente famigliare IMPOSTA LORDA Mutuo -60 Tasse scolastiche -183 TOTALE IMPOSTE NETTE IMPOSTE CON FINE SOCIALE B)Figlio di 2 anni Spese professionali Abbattimento 20% CSG deducibile Reddito imponibile netto N (numero delle parti) 2,5 Quoziente famigliare Imposta lorda Mutuo -60 Baby sitter -500 TOTALE IMPOSTE NETTE IMPOSTE CON FINE SOCIALE C)Figlio invalido IMPONIBILE (genitore + figlio) Spese professionali Abbattimento 20% CSG deducibile Reddito effettivo N (numero delle parti) 3 Quoziente famigliare Imposta lorda Mutuo -60 TOTALE IMPOSTE NETTE IMPOSTE CON FINE SOCIALE 5.005

14 14 Caso II: single Sono state considerate due ipotesi di reddito, e euro lordi annui per un single con le seguenti caratteristiche: - lavoratore dipendente; - casa di proprietà; - mutuo per l acquisto della prima casa acceso nel 1999, decennale, con una quota interessi annua di 240 euro; euro di spese mediche totali sostenute e documentate al netto della franchigia. Per l addizionale regionale più la comunale si è supposto un aliquota dell 1,5%. A) euro annui ANNI 2001 e 2002 Detrazione per lavoro dipendente -491 IRPEF LORDA TOTALE IMPOSTE LORDE TOTALE DETRAZIONI -632 TOTALE IMPOSTE NETTE B) euro annui Detrazione per lavoro dipendente -52 IRPEF LORDA TOTALE IMPOSTE LORDE TOTALE DETRAZIONI -193 TOTALE IMPOSTE NETTE A) euro annui ANNO 2003 Deduzione al reddito ( ) / IRPEF LORDA Tasse scolastiche -114 TOTALE IMPOSTE LORDE TOTALE DETRAZIONI -255 TOTALE IMPOSTE NETTE 3.816

15 B) euro annui 15 Deduzione al reddito 0 ( ) / Detrazione per lavoro dipendente -25 IRPEF LORDA TOTALE IMPOSTE LORDE TOTALE DETRAZIONI -166 TOTALE IMPOSTE NETTE FRANCIA 2001 Si è considerato il caso di un single francese con le stesse caratteristiche esposte per il caso III italiano. Per quanto riguarda le imposte sociali e la prime si è fatto riferimento a quanto precedentemente esposto per il caso I e II. A) euro annui Spese professionali forfetarie Abbattimento 20% CSG deducibile -969 Reddito imponibile netto N (numero delle parti) 1 Quoziente famigliare IMPOSTA LORDA Mutuo -60 TOTALE IMPOSTE NETTE IMPOSTE CON FINE SOCIALE PRIME POUR L EMPLOI 591 B) euro annui Spese professionali Abbattimento 20% CSG deducibile Reddito imponibile netto N (numero delle parti) 1 Quoziente famigliare IMPOSTA LORDA Mutuo -60 TOTALE IMPOSTE NETTE IMPOSTE CON FINE SOCIALE 5.005

16 16 Caso III: famiglie standard plurireddito per due livelli di reddito Sono state considerate le famiglie del caso I dove però entrambi i coniugi producano redditi, che sommati siano uguali a quelli della famiglia monoreddito. Quindi per l Italia la tassazione di ogni coniuge è moltiplicata per 2 per avere la tassazione del nucleo famigliare. (per le spese mediche si è calcolata la doppia franchigia di 125 ). 1) SIMULAZIONI PER L ANNO 2001 B)Figlio di 2 anni C)Figlio invalido euro imponibili (20.000/2) Detrazione per lavoro dipendente -542 Detrazione per figlio a carico -143 IRPEF LORDA Addizionale regionale + comunale Tasse scolastiche -57 TOTALE IMPOSTE LORDE TOTALE DETRAZIONI -801 TOTALE IMPOSTE NETTE TOTALE IMPOSTE FAMIGLIARI Detrazione per lavoro dipendente -542 Detrazione per figlio a carico -143 Ulteriore detrazione per figlio <3 anni -62 IRPEF LORDA Addizionale regionale + comunale 150 TOTALE IMPOSTE LORDE TOTALE DETRAZIONI -806 TOTALE IMPOSTE NETTE TOTALE IMPOSTE FAMIGLIARI Detrazione per lavoro dipendente -542 Detrazione per figlio a carico -143 IRPEF LORDA Addizionale regionale + comunale 150 TOTALE IMPOSTE LORDE TOTALE DETRAZIONI -744 TOTALE IMPOSTE NETTE TOTALE IMPOSTE FAMIGLIARI 2.412

17 euro imponibili (52.000/2) Detrazione per lavoro dipendente -387 Detrazione per figlio a carico -143 IRPEF LORDA Addizionale regionale + comunale Tasse scolastiche -57 TOTALE IMPOSTE LORDE TOTALE DETRAZIONI -646 TOTALE IMPOSTE NETTE TOTALE IMPOSTE FAMIGLIARI B)Figlio di 2 anni Detrazioni per lavoro dipendente -387 Detrazione per figlio a carico -143 Ulteriore detrazione per figlio <3 anni -62 IRPEF LORDA Addizionale regionale + comunale 390 TOTALE IMPOSTE LORDE TOTALE DETRAZIONI 651 TOTALE IMPOSTE NETTE TOTALE IMPOSTE FAMIGLIARI C)Figlio invalido Detrazioni per lavoro dipendente -387 Detrazione per figlio a carico -143 IRPEF LORDA Addizionale regionale + comunale 390 TOTALE IMPOSTE LORDE TOTALE DETRAZIONI -589 TOTALE IMPOSTE NETTE TOTALE IMPOSTE FAMIGLIARI

18 2) SIMULAZIONI PER L ANNO euro imponibili (20.000/2) Detrazione per lavoro dipendente -542 Detrazione per figlio a carico -258 IRPEF LORDA Addizionale regionale + comunale Tasse scolastiche -57 TOTALE IMPOSTE LORDE TOTALE DETRAZIONI -916 TOTALE IMPOSTE NETTE TOTALE IMPOSTE FAMIGLIARI B)Figlio di 2 anni Detrazione per lavoro dipendente -542 Detrazione per figlio a carico -258 IRPEF LORDA Addizionale regionale + comunale 150 TOTALE IMPOSTE LORDE TOTALE DETRAZIONI -859 TOTALE IMPOSTE NETTE TOTALE IMPOSTE FAMIGLIARI C)Figlio invalido Detrazione per lavoro dipendente -542 Detrazione per figlio a carico -388 IRPEF LORDA Addizionale regionale + comunale 150 TOTALE IMPOSTE LORDE TOTALE DETRAZIONI -989 TOTALE IMPOSTE NETTE 961 TOTALE IMPOSTE FAMIGLIARI 1.922

19 euro imponibili (52.000/2) Detrazione per lavoro dipendente -387 Detrazione per figlio a carico -258 IRPEF LORDA Addizionale regionale + comunale Tasse scolastiche -57 TOTALE IMPOSTE LORDE TOTALE DETRAZIONI -761 TOTALE IMPOSTE NETTE TOTALE IMPOSTE FAMIGLIARI B)Figlio di 2 anni Detrazioni per lavoro dipendente -387 Detrazione per figlio a carico -258 IRPEF LORDA Addizionale regionale + comunale 390 TOTALE IMPOSTE LORDE TOTALE DETRAZIONI -704 TOTALE IMPOSTE NETTE TOTALE IMPOSTE FAMIGLIARI C)Figlio invalido Detrazioni per lavoro dipendente -387 Detrazione per figlio a carico -388 IRPEF LORDA Addizionale regionale + comunale 390 TOTALE IMPOSTE LORDE TOTALE DETRAZIONI -834 TOTALE IMPOSTE NETTE TOTALE IMPOSTE FAMIGLIARI

20 3) SIMULAZIONIPER L ANNO B)Figlio di 2 anni C)Figlio invalido euro imponibili (20.000/2) Deduzione al reddito ( ) / Detrazione per figlio a carico -258 IRPEF LORDA 741 Addizionale regionale + comunale Tasse scolastiche -57 TOTALE IMPOSTE LORDE 891 TOTALE DETRAZIONI -374 TOTALE IMPOSTE NETTE 517 TOTALE IMPOSTE FAMIGLIARI Deduzione al reddito Detrazione per figlio a carico -258 IRPEF LORDA 741 Addizionale regionale + comunale 150 TOTALE IMPOSTE LORDE 891 TOTALE DETRAZIONI -317 TOTALE IMPOSTE NETTE 574 TOTALE IMPOSTE FAMIGLIARI Deduzione al reddito Detrazione per figlio a carico -388 IRPEF LORDA 741 Addizionale regionale + comunale 150 TOTALE IMPOSTE LORDE 891 TOTALE DETRAZIONI -447 TOTALE IMPOSTE NETTE 444 TOTALE IMPOSTE FAMIGLIARI 888

21 euro imponibili (52.000/2) Deduzione al reddito ( ) / Detrazione per figlio a carico -258 IRPEF LORDA Addizionale regionale + comunale Tasse scolastiche -57 TOTALE IMPOSTE LORDE TOTALE DETRAZIONI -374 TOTALE IMPOSTE NETTE TOTALE IMPOSTE FAMIGLIARI B)Figlio di 2 anni Deduzioni al reddito Detrazione per figlio a carico -258 IRPEF LORDA Addizionale regionale + comunale 390 TOTALE IMPOSTE LORDE TOTALE DETRAZIONI -317 TOTALE IMPOSTE NETTE TOTALE IMPOSTE FAMIGLIARI C)Figlio invalido Deduzioni al reddito Detrazione per figlio a carico -388 IRPEF LORDA Addizionale regionale + comunale 390 TOTALE IMPOSTE LORDE TOTALE DETRAZIONI -447 TOTALE IMPOSTE NETTE TOTALE IMPOSTE FAMIGLIARI ) TASSAZIONE FRANCESE NEL 2001 Per come è strutturata la tassazione francese, non esistono differenze d imposizione tra le famiglie monoreddito e quelle plurireddito, quindi si deve far riferimento ai dati del caso I.

22 22 Caso IV: famiglie monoparentali Sono state considerate due ipotesi di reddito di euro e euro lordi annui per una famiglia tipo con le seguenti caratteristiche: - lavoratore dipendente; - mutuo per l abitazione principale con 240 euro d interessi annui; - figli a carico con 2 possibilità : - un figlio a carico di 2 anni con spese mediche per 500 euro annui e spese per baby sittering di euro annui; - 2 figli a carico di 1 e 2 anni, con spese ; mediche totali per 700 euro annui e di baby sittering di euro annui. Le spese mediche sono al netto della franchigia di 125 euro che viene imposta in sede di dichiarazione dei redditi. Per i figli minori di 3 anni si può usufruire di una ulteriore detrazione forfetaria di 124 euro applicabile solo nel caso dei 2 figli a carico perché il primo (o unico) in caso di famiglia monoparentale (vedovi) viene portato in detrazione dal reddito imponibile con l importo spettante per il coniuge a carico. Per l addizionale regionale più la comunale si è supposto un aliquota dell 1,5%. 1) SIMULAZIONI PER L ANNO 2001 A)Un figlio a carico B)Due figli a carico euro Detrazioni per lavoro dipendente -491 Detrazione per figlio a carico -497 IRPEF Interessi sul mutuo -46 TOTALE IMPOSTE LORDE TOTALE DETRAZIONI TOTALE IMPOSTE NETTE Detrazioni per lavoro dipendente -491 Detrazione per I figlio a carico -497 Detrazione per II figlio a carico -285 Det. ulteriore per II figlio a carico -124 IRPEF Spese mediche Interessi sul mutuo -46 TOTALE IMPOSTE LORDE TOTALE DETRAZIONI TOTALE IMPOSTE NETTE 3.265

23 A)Un figlio a carico B)Due figli a carico euro Detrazioni per lavoro dipendente -52 Detrazione per figlio a carico -422 IRPEF LORDA TOTALE IMPOSTE LORDE TOTALE DETRAZIONI -615 TOTALE IMPOSTE NETTE Detrazioni per lavoro dipendente -52 Detrazione per I figlio a carico -422 Detrazione per II figlio a carico -266 Ulteriore detrazione per II figlio <3 anni -124 IRPEF LORDA Spese mediche -133 TOTALE IMPOSTE LORDE TOTALE DETRAZIONI TOTALE IMPOSTE NETTE ) SIMULAZIONI PER L ANNO 2002 A)Un figlio a carico B)Due figli a carico euro Detrazioni per lavoro dipendente -491 Detrazione per figlio a carico -546 IRPEF Interessi sul mutuo -46 TOTALE IMPOSTE LORDE TOTALE DETRAZIONI TOTALE IMPOSTE NETTE Detrazioni per lavoro dipendente -491 Detrazione per I figlio a carico -546 Detrazione per II figlio a carico -516 IRPEF Spese mediche Interessi sul mutuo -46 TOTALE IMPOSTE LORDE TOTALE DETRAZIONI TOTALE IMPOSTE NETTE 3.109

24 A)Un figlio a carico B)Due figli a carico euro Detrazioni per lavoro dipendente -52 Detrazione per figlio a carico -422 IRPEF LORDA TOTALE IMPOSTE LORDE TOTALE DETRAZIONI -615 TOTALE IMPOSTE NETTE Detrazioni per lavoro dipendente -52 Detrazione per I figlio a carico -422 Detrazione per II figlio a carico -285 Ulteriore detrazione per II figlio <3 anni -124 IRPEF LORDA Spese mediche -133 TOTALE IMPOSTE LORDE TOTALE DETRAZIONI TOTALE IMPOSTE NETTE ) SIMULAZIONI PER L ANNO 2003 A)Un figlio a carico B)Due figli a carico euro Deduzione al reddito Detrazione per figlio a carico -546 IRPEF Interessi sul mutuo -46 TOTALE IMPOSTE LORDE TOTALE DETRAZIONI -687 TOTALE IMPOSTE NETTE Deduzione al reddito Detrazione per I figlio a carico -546 Detrazione per II figlio a carico -516 IRPEF Spese mediche Interessi sul mutuo -46 TOTALE IMPOSTE LORDE TOTALE DETRAZIONI TOTALE IMPOSTE NETTE 2.830

25 25 A)Un figlio a carico B)Due figli a carico euro Detrazioni per lavoro dipendente -25 Detrazione per figlio a carico -422 IRPEF LORDA TOTALE IMPOSTE LORDE TOTALE DETRAZIONI -588 TOTALE IMPOSTE NETTE Detrazioni per lavoro dipendente -25 Detrazione per I figlio a carico -422 Detrazione per II figlio a carico -285 Ulteriore detrazione per II figlio <3 anni -124 IRPEF LORDA Spese mediche -133 TOTALE IMPOSTE LORDE TOTALE DETRAZIONI TOTALE IMPOSTE NETTE ) TASSAZIONE FRANCESE NEL 2001 La famiglia monoparentale aggiunge 0.5 parti in più per ogni figlio a carico eccedente il primo e questo conta come una parte intera invece che mezza, nel caso di un nucleo famigliare con entrambi i genitori euro A)Un figlio a carico Spese professionali Abbattimento 20% CSG deducibile -969 Reddito effettivo N (numero delle parti) 2 Quoziente famigliare Imposta lorda 389 Deduzione ulteriore Spese di baby sittering Interessi mutuo -60 TOTALE IMPOSTE NETTE 0 IMPOSTE CON FINE SOCIALE PRIME POUR L EMPLOI 62

26 26 B)Due figli a carico Spese professionali Abbattimento 20% CSG deducibile -969 Reddito effettivo N (numero delle parti) 2,5 Quoziente famigliare Imposta lorda 235 Deduzione ulteriore Spese di baby sittering Interessi mutuo - 60 TOTALE IMPOSTE NETTE 0 IMPOSTE CON FINE SOCIALE PRIME POUR L EMPLOI 62 A)Un figlio a carico B)Due figli a carico euro Spese professionali Abbattimento 20% CSG deducibile Reddito imponibile netto N (numero delle parti) 2 Quoziente famigliare Imposta lorda 5166 Mutuo -60 Baby sitter TOTALE IMPOSTE NETTE IMPOSTE CON FINE SOCIALE Spese professionali Abbattimento 20% CSG deducibile Reddito imponibile netto N (numero delle parti) 2,5 Quoziente famigliare Imposta lorda Mutuo -60 Baby sitter TOTALE IMPOSTE NETTE 766 IMPOSTE CON FINE SOCIALE 5.005

Quoziente familiare. 1 Legge 19 maggio 1975 n 151 2 Legge 1975 n 576 3 Sentenza della Corte Costituzionale del 15 luglio 1976 n 179

Quoziente familiare. 1 Legge 19 maggio 1975 n 151 2 Legge 1975 n 576 3 Sentenza della Corte Costituzionale del 15 luglio 1976 n 179 Quoziente familiare Nel corso dei dibattiti si sente molto spesso parlare di quoziente familiare, ma di cosa si tratta? Con questo termine ci si riferisce a una particolare modalità di tassazione del reddito

Dettagli

Oneri deducibili risparmio pensionistico liberalità

Oneri deducibili risparmio pensionistico liberalità LE IMPOSTE Irpef Oneri deducibili Gli oneri deducibili più rilevanti ai fini della determinazione dell IRPEF sono: quelli legati al risparmio pensionistico: deduzione dei contributi previdenziali e assistenziali

Dettagli

Le modifiche fiscali ALIQUOTE. DEDUZIONI

Le modifiche fiscali ALIQUOTE. DEDUZIONI Meno tasse per tutti avevano promesso. Tremonti: è in credito con il fisco, ai lavoratori e pensionati benefici irrisori che saranno vanificati con l aumento delle imposte locali e ticket. Le modifiche

Dettagli

Il calcolo dell IRPEF 2003: verifica della clausola di salvaguardia

Il calcolo dell IRPEF 2003: verifica della clausola di salvaguardia Il calcolo dell IRPEF 2003: verifica della clausola di salvaguardia PREMESSA A partire dal 2003 è stato avviato il primo modulo della riforma fiscale diretto a modificare il sistema di tassazione del reddito

Dettagli

Legge finanziaria per il 2005: novità fiscali in materia di IRPEF

Legge finanziaria per il 2005: novità fiscali in materia di IRPEF di Pietro Ghigini docente di Economia aziendale Legge finanziaria per il 2005: novità fiscali in materia di IRPEF Premessa Approvata sul filo di lana, evitando per un soffio che i lavori parlamentari scivolassero

Dettagli

L imposta sul reddito delle persone fisiche

L imposta sul reddito delle persone fisiche L imposta sul reddito delle persone fisiche IRPEF 30018 Scienza delle finanze Cles A.A. 2011/12 Classe 14 Irpef 1 Schema di determinazione dell Irpef Reddito complessivo= Somma delle singole categorie

Dettagli

L IRPEF del 2007 Alcuni esercizi

L IRPEF del 2007 Alcuni esercizi Esercizi L IRPEF del 2007 Alcuni esercizi Capitolo III, Lezione 1 Le aliquote e le detrazioni dell Irpef Capitolo III, Lezione 1 SCALA DELLE ALIQUOTE redditi 2007 Scaglioni Al.legalelegale EURO (%) 0-15.000

Dettagli

30018-CLEF Prima Esercitazione (Irpef) TESTO E SOLUZIONI

30018-CLEF Prima Esercitazione (Irpef) TESTO E SOLUZIONI 30018-CLEF Prima Esercitazione (Irpef) TESTO E SOLUZIONI Esercizio 1 - IRPEF Il signor X, che vive solo e non ha figli, ha percepito, nel corso del 2008, i seguenti redditi: - Redditi da lavoro dipendente

Dettagli

Esercizi sulle imposte per il corso di Scienza delle finanze a.a. 2015-16 (Clea)

Esercizi sulle imposte per il corso di Scienza delle finanze a.a. 2015-16 (Clea) Esercizi sulle imposte per il corso di Scienza delle finanze a.a. 2015-16 (Clea) Gli esercizi servono per verificare se avete capito la logica, la struttura di un imposta. Pertanto, quando fate il compito

Dettagli

ESERCIZI IMPOSTE E IRPEF ECONOMIA PUBBLICA 2015

ESERCIZI IMPOSTE E IRPEF ECONOMIA PUBBLICA 2015 ESERCIZI IMPOSTE E IRPEF ECONOMIA PUBBLICA 2015 Esercizio 1 Si consideri un imposta sul reddito personale con aliquota marginale t costante del 20% e detrazione, f, pari a 1.000 dall imposta dovuta. Nel

Dettagli

VADEMECUM RETRIBUZIONI LAVORO DIPENDENTE

VADEMECUM RETRIBUZIONI LAVORO DIPENDENTE VADEMECUM RETRIBUZIONI LAVORO DIPENDENTE a1 a2 a3 a4 a5 a6 a7 A Retribuzione: Paga base Indennità contingenza Scatti anzianità Sperminimo individuale Lavoro straordinario Altri elementi imponibili ai fini

Dettagli

IRPEF Il calcolo dell imposta netta

IRPEF Il calcolo dell imposta netta IRPEF Il calcolo dell imposta netta Di cosa parliamo 1 Deduzioni 2 Aliquote 3 Detrazioni 4 Aliquote marginali effettive Gli oneri deducibili Le deduzioni più rilevanti presenti nella determinazione dell

Dettagli

LIUC-Facoltà di Economia Corso di Scienza delle Finanze I Esercitazione: testo e soluzioni A.A. 2008-2009

LIUC-Facoltà di Economia Corso di Scienza delle Finanze I Esercitazione: testo e soluzioni A.A. 2008-2009 LIUC-Facoltà di Economia Corso di Scienza delle Finanze I Esercitazione: testo e soluzioni A.A. 2008-2009 Esercizio 1 Il sig. A, senza figli e sposato con la signora B la quale non percepisce alcun tipo

Dettagli

NON E MAI TROPPO TARDI

NON E MAI TROPPO TARDI 1 NON E MAI TROPPO TARDI Fabriano, 4 aprile 2013 Cari colleghi e care colleghe, questa settimana parliamo di Detrazioni Fiscali per familiari a carico. Abbiamo riscontrato che diversi colleghi non beneficiano

Dettagli

Esercizi per il Corso di Scienza delle Finanze a.a. 2007/08 Studenti A-Z. Esercizi sull Irpef

Esercizi per il Corso di Scienza delle Finanze a.a. 2007/08 Studenti A-Z. Esercizi sull Irpef Esercizi per il Corso di Scienza delle Finanze a.a. 2007/08 Studenti A-Z Esercizi sull Irpef Esercizio 1 Nel corso del 2007, il signor Rossi ha percepito un reddito da lavoro dipendente, al lordo delle

Dettagli

10. L'irpef: aliquote e detrazioni

10. L'irpef: aliquote e detrazioni 1 di 7 21/05/2010 16.56 10. L'irpef: aliquote e detrazioni Dal 1 gennaio 2007 è in vigore un nuovo sistema di determinazione dell'irpef che, rispetto al precedente, è caratterizzato da: nuovi scaglioni

Dettagli

Dalle detrazioni alle deduzioni. Come.

Dalle detrazioni alle deduzioni. Come. Sede legale: largo S.Nazaro, 1-37129 Verona Sede operativa: p.za Angelini, 1-37014 Castelnuovo del Garda - VR Fax: 045 74431137 Codice fiscale: 93044990237 C. C. postale: 15743370 e-mail: afi@afifamiglia.it

Dettagli

Gli oneri. Capitolo 10 10.1 CONCETTI GENERALI 10.2 GLI ONERI DEDUCIBILI 10.3 GLI ONERI DETRAIBILI 10.4 VISTO DI CONFORMITÀ

Gli oneri. Capitolo 10 10.1 CONCETTI GENERALI 10.2 GLI ONERI DEDUCIBILI 10.3 GLI ONERI DETRAIBILI 10.4 VISTO DI CONFORMITÀ Gli oneri Capitolo 10 10.1 CONCETTI GENERALI 10.2 GLI ONERI DEDUCIBILI 10.3 GLI ONERI DETRAIBILI 10.4 VISTO DI CONFORMITÀ 10.5 LA RATEIZZAZIONE DELLE SPESE 10.6 LE DIVERSE TIPOLOGIE DI ONERI GLI ONERI

Dettagli

Le pensioni pagano l'irpef

Le pensioni pagano l'irpef Le pensioni pagano l'irpef Le pensioni sono equiparate ai redditi da lavoro dipendente e quindi sono soggette a tassazione. L'Inps si sostituisce al fisco ed effettua sulle pensioni una ritenuta alla fonte

Dettagli

La politica dell entrata

La politica dell entrata La politica dell entrata Le entrate dello Stato si classificano in: 1.Entrate tributarie: rappresentano la parte più consistente delle entrate statali e sono costituite da: Imposte=sono prelievi obbligatori

Dettagli

IL CALCOLO DELLA BUSTA PAGA

IL CALCOLO DELLA BUSTA PAGA IL CALCOLO DELLA BUSTA PAGA REQUISITI DELLA BUSTA PAGA Corrispettività: deve trattarsi di importi che trovano causa diretta ed indiretta nel rapporto di lavoro; Onerosità: la prestazione di lavoro subordinato

Dettagli

Esercizi per il Corso di Scienza delle Finanze a.a. 2009/10. Esercizi svolti (Irpef)

Esercizi per il Corso di Scienza delle Finanze a.a. 2009/10. Esercizi svolti (Irpef) Esercizi per il Corso di Scienza delle Finanze a.a. 2009/10 Esercizi svolti (Irpef) Esercizio 1 Nel corso del 2009, il signor Rossi ha percepito un reddito da lavoro dipendente, al lordo delle ritenute

Dettagli

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI FIRENZE Ufficio Stipendi. A) Scaglioni I.R.PE.F. Dal 1/1/2007. Tabella A TABELLA VALIDA PER L'ANNO 2010

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI FIRENZE Ufficio Stipendi. A) Scaglioni I.R.PE.F. Dal 1/1/2007. Tabella A TABELLA VALIDA PER L'ANNO 2010 Tabella A UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI FIRENZE Ufficio Stipendi TABELLA VALIDA PER L'ANNO 2010 A) Scaglioni I.R.PE.F. Dal 1/1/2007 Fasce retributive mensili Aliquote da 0,00 a 1.250,00 23 da 1.250,01 a 2.333,33

Dettagli

SISTEMA FRIZZERA. Unico 2014 PF - Quadro RN - Calcolo dell'irpef

SISTEMA FRIZZERA. Unico 2014 PF - Quadro RN - Calcolo dell'irpef www.soluzioni24fisco.ilsole24ore.com SISTEMA FRIZZERA Unico 2014 PF - Quadro RN - Calcolo dell'irpef Con la compilazione del quadro RN si giunge alla determinazione del credito o del debito di IRPEF. Il

Dettagli

AGENZIA DELLE ENTRATE

AGENZIA DELLE ENTRATE L AGENZIA INFORMA no tax area aliquote deduzioni riforma IRPEF clausola di salvaguardia calcolo deduzioni scaglioni detrazioni reddito imponibile tassazione no tax gui area deduzioni aliquote deduzioni

Dettagli

Quadro RN CALCOLO DELL IRPEF

Quadro RN CALCOLO DELL IRPEF Quadro RN CALCOLO DELL IRPEF ADEMPIMENTO NOVITÀ 2015 CATEGORIE DI REDDITO DETERMINAZIONE DEL REDDITO SCADENZA COME SI COMPILA CASI PRATICI CASI PARTICOLARI Il Quadro RN è utilizzato ai fini del calcolo

Dettagli

Afi - Associazione delle Famiglie Confederazione Italiana - ONLUS

Afi - Associazione delle Famiglie Confederazione Italiana - ONLUS Sede legale: largo S.Nazaro, 1-37129 Verona Sede operativa: p.za Angelini, 1-37014 Castelnuovo del Garda - VR Fax: 045 74431137 Codice fiscale: 93044990237 C. C. postale: 15743370 e-mail: afi@afifamiglia.it

Dettagli

L Irpef. L imposta sul reddito delle persone fisiche Le addizionali locali Il pagamento delle pensioni STAMPA

L Irpef. L imposta sul reddito delle persone fisiche Le addizionali locali Il pagamento delle pensioni STAMPA L Irpef L imposta sul reddito delle persone fisiche Le addizionali locali Il pagamento delle pensioni STAMPA L imposta sul reddito delle persone fisiche 360 Dopo la legge 289/2002 e la legge 311/2004,

Dettagli

Il risultato della dichiarazione dei redditi

Il risultato della dichiarazione dei redditi Il risultato della dichiarazione dei redditi Capitolo 12 12.1 CONCETTI GENERALI 12.2 IRPEF : CALCOLO IMPOSTA LORDA 12.3 IRPEF : DALL IMPOSTA LORDA ALL IMPOSTA NETTA : LE DETRAZIONI 12.4 IRPEF : DALL IMPOSTA

Dettagli

Deduzioni per familiari a carico

Deduzioni per familiari a carico Deduzioni per familiari a carico Definizione di familiare a carico e condizioni in base alle quali viene riconosciuta la deduzione. Sono considerati familiari a carico dal punto di vista fiscale: il coniuge

Dettagli

Tabelle retributive CASE DI CURA TABELLE RETRIBUTIVE DI ALCUNI CCNL

Tabelle retributive CASE DI CURA TABELLE RETRIBUTIVE DI ALCUNI CCNL TABELLE RETRIBUTIVE DI ALCUNI CCNL Tabelle retributive Una volta trovato il salario lordo, per calcolare il netto vedere IN FONDO Casa di cura Commercio Edilizia Metalmeccanica Pulizie Telecomunicazioni

Dettagli

OGGETTO: Bonus Irpef. Le novità

OGGETTO: Bonus Irpef. Le novità OGGETTO: Bonus Irpef. Le novità Premessa Il bonus Irpef, contenuto nell art. 1 del D.L. n. 66/2014 (entrato in vigore il 24 aprile 2014), vale esclusivamente per il 2014, anche se il Governo ha fatto sapere

Dettagli

ALIQUOTE IRPEF 2009. Tavola:Detrazione per redditi di lavoro dipendente in vigore per l'anno 2008

ALIQUOTE IRPEF 2009. Tavola:Detrazione per redditi di lavoro dipendente in vigore per l'anno 2008 Scaglioni reddito 2009 Aliquota Irpef lordo da 0 a 15.000 23% 23% del reddito da 15.000,01 a 28.000 da 28.000,01 a 55.000 da 55.000,01 a 75.000 27% 38% 41% oltre 75.000 43% 3.450 + 27% sulla parte eccedente

Dettagli

DETRAZIONI PER CARICHI DI FAMIGLIA

DETRAZIONI PER CARICHI DI FAMIGLIA DETRAZIONI PER CARICHI DI FAMIGLIA A decorrere dal 1 gennaio 2007 le deduzioni per oneri di famiglia previste dall art. 12 del TUIR sono sostituite dalle detrazioni per carichi di famiglia (art. 1, co.

Dettagli

Modello 730 Istruzioni per la compilazione 2014

Modello 730 Istruzioni per la compilazione 2014 CASI DI ESONERO È esonerato dalla presentazione della dichiarazione il contribuente che possiede esclusivamente i redditi indicati nella prima colonna, se si sono verificate le condizioni descritte nella

Dettagli

Evoluzione dell addizionale all Irpef regionale (1998 2014) comunale (2006 2013) Piemonte. A cura di Vincenzo Scumaci

Evoluzione dell addizionale all Irpef regionale (1998 2014) comunale (2006 2013) Piemonte. A cura di Vincenzo Scumaci Evoluzione dell addizionale all Irpef regionale (1998 214) comunale (26 213) Piemonte A cura di Vincenzo Scumaci Categorie di redditi e tassazione/continua slide successiva Categorie redditi tassazione

Dettagli

Analisi statistiche - Tabelle riferite alle dichiarazioni dei redditi delle persone fisiche 2011 (redditi 2010)

Analisi statistiche - Tabelle riferite alle dichiarazioni dei redditi delle persone fisiche 2011 (redditi 2010) Pagina 1 di 4 complessivo in euro Numero contribuenti Reddito dominicale Reddito agrario Frequenza Ammontare Media Frequenza Ammontare Media minore o uguale a zero 106 6 580 96,67 5 192 38,40 da 0 a 10.000

Dettagli

Analisi statistiche - Tabelle riferite alle dichiarazioni dei redditi delle persone fisiche 2011 (redditi 2010)

Analisi statistiche - Tabelle riferite alle dichiarazioni dei redditi delle persone fisiche 2011 (redditi 2010) Pagina 1 di 4 complessivo in euro Numero contribuenti Reddito dominicale Reddito agrario Frequenza Ammontare Media Frequenza Ammontare Media minore o uguale a zero 79 * * * * * * da 0 a 10.000 1.883 120

Dettagli

Scienza delle finanze 6061 Cleam 2. Lezione 4

Scienza delle finanze 6061 Cleam 2. Lezione 4 Scienza delle finanze 6061 Cleam 2 Lezione 4 Gli oneri deducibili (d) Le deduzioni più rilevanti presenti nella determinazione dell'irpef sono: contributi previdenziali ed assistenziali obbligatori (versati

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SASSARI

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SASSARI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SASSARI DICHIARAZIONE SUL DIRITTO ALLE DETRAZIONI DI IMPOSTA PER L ANNO 2011 Il sottoscritto nato a il Codice fiscale,residente a In via Stato civile D I C H I A R A sotto la

Dettagli

Le detrazioni per il coniuge e per i figli a carico spettano anche se questi non convivono con il contribuente o non risiedono in Italia.

Le detrazioni per il coniuge e per i figli a carico spettano anche se questi non convivono con il contribuente o non risiedono in Italia. 2. LE DETRAZIONI IRPEF >> LE DETRAZIONI PER I FAMILIARI A CARICO QUANDO E A CHI SPETTANO I contribuenti che hanno familiari a carico, in possesso di un reddito complessivo non superiore a 2.840,51 euro,

Dettagli

IRPEF in Italia. IRPEF in Italia. Docente: Alessandro Sommacal. Anno Accademico 2008-2009

IRPEF in Italia. IRPEF in Italia. Docente: Alessandro Sommacal. Anno Accademico 2008-2009 Anno Accademico 2008-2009 Struttura della lezione Introduzione Reddito complessivo Dal reddito complessivo al reddito imponibile: gli oneri deducibili Osservazioni sulle nozioni di Reddito nell Irpef italiana

Dettagli

Centro di Assistenza Fiscale Dipendenti e Pensionati. Modello 730/2015 LE PRINCIPALI NOVITA'

Centro di Assistenza Fiscale Dipendenti e Pensionati. Modello 730/2015 LE PRINCIPALI NOVITA' Centro di Assistenza Fiscale Dipendenti e Pensionati Modello 730/2015 LE PRINCIPALI NOVITA' Le principali novità contenute nel modello 730/2015 sono le seguenti: - il CUD è stato sostituito dalla Certificazione

Dettagli

Le regole per ottenere gli sconti fiscali

Le regole per ottenere gli sconti fiscali Periodico informativo n. 40/2011 Le regole per ottenere gli sconti fiscali Gentile cliente, è nostra cura metterla al corrente, con il presente documento informativo, che con Provvedimento dell Agenzia

Dettagli

AXA MPS PREVIDENZA PER TE - FONDO PENSIONE APERTO DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

AXA MPS PREVIDENZA PER TE - FONDO PENSIONE APERTO DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE AXA MPS PREVIDENZA PER TE - FONDO PENSIONE APERTO DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Il presente documento integra il contenuto della Nota Informativa relativa al fondo pensione aperto a contribuzione definita

Dettagli

Circolare 20. del 29 luglio 2015. School bonus e detrazione IRPEF per le spese scolastiche Novità della L. 13.7.2015 n. 107 INDICE

Circolare 20. del 29 luglio 2015. School bonus e detrazione IRPEF per le spese scolastiche Novità della L. 13.7.2015 n. 107 INDICE Circolare 20 del 29 luglio 2015 School bonus e detrazione IRPEF per le spese scolastiche Novità della L. 13.7.2015 n. 107 INDICE 1 Premessa... 2 2 Credito d imposta per le erogazioni liberali agli istituti

Dettagli

Fisco come welfare per le famiglie

Fisco come welfare per le famiglie Politica fiscale Fisco come welfare per le famiglie Accanto a trasferimenti monetari e servizi (in Italia i primi dominano rispetto ai secondi), vi sono misure fiscali che funzionano come compensazione

Dettagli

FONDO PENSIONE PER I DIRIGENTI IBM

FONDO PENSIONE PER I DIRIGENTI IBM FONDO PENSIONE PER I DIRIGENTI IBM Iscritto all Albo tenuto dalla COVIP con il n. 1070 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE (Giugno 2015) - 1 - Le note che seguono sono una libera e parziale sintesi NON SOSTITUTIVA

Dettagli

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL MODELLO 730/2013

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL MODELLO 730/2013 Marco Ansaldi - Antonella Bolla CONSULENZA FISCALE E DEL LAVORO SEGUICI SU www.marcoansaldicommercialista.it www.antonellabolla.it 12.03.2013 GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL MODELLO 730/2013 IL MODELLO 730/2013

Dettagli

IRPEF: redditi da lavoro autonomo e redditi d impresa - D.P.R. 917/86 Tuir -

IRPEF: redditi da lavoro autonomo e redditi d impresa - D.P.R. 917/86 Tuir - PLANNING E CONSULENZA FISCALE E SOCIETARIA a.a.2013-2014 IRPEF: redditi da lavoro autonomo e redditi d impresa - D.P.R. 917/86 Tuir - 1 IRPEF IRPEF: redditi da lavoro autonomo L IRPEF è un imposta personale

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. OGGETTO: Legge finanziaria per il 2007 Modifiche all imposta sul reddito delle persone fisiche.

CIRCOLARE N. 15/E. OGGETTO: Legge finanziaria per il 2007 Modifiche all imposta sul reddito delle persone fisiche. OGGETTO: R Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,16 marzo 2007 CIRCOLARE N. 15/E OGGETTO: Legge finanziaria per il 2007 Modifiche all imposta sul reddito delle persone fisiche. 1 INDICE PREMESSA...3

Dettagli

COMUNE DI PORTOGRUARO Provincia di Venezia. Regolamento per l'applicazione dell'indicatore della situazione economica equivalente

COMUNE DI PORTOGRUARO Provincia di Venezia. Regolamento per l'applicazione dell'indicatore della situazione economica equivalente COMUNE DI PORTOGRUARO Provincia di Venezia Regolamento per l'applicazione dell'indicatore della situazione economica equivalente Approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione n. 14 del 16.2.2000 INDICE

Dettagli

Dichiarazioni dei redditi persone fisiche (Irpef) per l anno di imposta 2014. Nota Esplicativa

Dichiarazioni dei redditi persone fisiche (Irpef) per l anno di imposta 2014. Nota Esplicativa Dichiarazioni dei redditi persone fisiche (Irpef) per l anno di imposta 2014 Nota Esplicativa L anno d imposta 2014 è caratterizzato dalla grande novità della dichiarazione precompilata che ha consentito

Dettagli

Detrazioni per familiari a carico eoperazionidiconguaglio Angela Fusco - Commercialista, Consulente del lavoro e Revisore legale in Roma

Detrazioni per familiari a carico eoperazionidiconguaglio Angela Fusco - Commercialista, Consulente del lavoro e Revisore legale in Roma Detrazioni per familiari a carico eoperazionidiconguaglio Angela Fusco - Commercialista, Consulente del lavoro e Revisore legale in Roma L art. 12 del Tuir riconosce il diritto a particolari detrazioni

Dettagli

UNA DONAZIONE ALLA FONDAZIONE AdJ PERMETTE DI PAGARE MENO IRPEF

UNA DONAZIONE ALLA FONDAZIONE AdJ PERMETTE DI PAGARE MENO IRPEF UNA DONAZIONE ALLA FONDAZIONE AdJ PERMETTE DI PAGARE MENO IRPEF Associare una buona azione, quale una donazione alla nostra Fondazione, ha dei presunti vantaggi fiscali non è forse il migliore dei modi

Dettagli

Servizio INFORMATIVA 730

Servizio INFORMATIVA 730 SEAC S.p.A. - 38100 TRENTO - Via Solteri, 74 Internet: www.seac.it - E-mail: info@seac.it Tel. 0461/805111 - Fax 0461/805161 Servizio INFORMATIVA 730 15 GENNAIO 2008 Informativa n. 10 ULTERIORI NOVITÀ

Dettagli

Curiosando tra le pieghe della normativa fiscale

Curiosando tra le pieghe della normativa fiscale Curiosando tra le pieghe della normativa fiscale Limite deducibilità versamenti I versamenti destinati alla previdenza complementare sono deducibili dal reddito nel limite di 5.164,57; La deduzione viene

Dettagli

FINANZIARIA 2006. Le principali novità della finanziaria 2006 e del decreto collegato L. 248/2005.

FINANZIARIA 2006. Le principali novità della finanziaria 2006 e del decreto collegato L. 248/2005. FINANZIARIA 2006 Le principali novità della finanziaria 2006 e del decreto collegato L. 248/2005. Per quanto riguarda la riforma dell IRPEF, non vi sono novità rispetto all imposizione prevista dalla finanziaria

Dettagli

IRPEF: concetti teorici

IRPEF: concetti teorici Anno Accademico 2008-2009 Struttura della lezione La scelta dell unitá impositiva Tassazione individuale e familiare pura Quoziente familiare e Tassazione individuale con deduzioni e detrazioni per carichi

Dettagli

Circolare n. 2/E. Roma, 15 gennaio 2003

Circolare n. 2/E. Roma, 15 gennaio 2003 Circolare n. 2/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Settore Fiscalità Generale e Contenzioso Ufficio Persone Fisiche Roma, 15 gennaio 2003 OGGETTO: Legge 27 dicembre 2002. n. 289 (legge finanziaria

Dettagli

I. ASPETTI G ENERALI DELLA TASSAZIONE DEI MEDICI (Le principali imposte cui è soggetto un medico)

I. ASPETTI G ENERALI DELLA TASSAZIONE DEI MEDICI (Le principali imposte cui è soggetto un medico) I. ASPETTI G ENERALI DELLA TASSAZIONE DEI MEDICI (Le principali imposte cui è soggetto un medico) Vediamo innanzi tutto quali sono le imposte a cui è soggetto il medico. I.A Imposte sui redditi I.A.1 IRPEF

Dettagli

l agenzia in f orma aggiornata con la legge finanziaria AGGIORNATA CON LA LEGGE FINANZIARIA 2008

l agenzia in f orma aggiornata con la legge finanziaria AGGIORNATA CON LA LEGGE FINANZIARIA 2008 l agenzia in f orma aggiornata con la legge finanziaria 2008 GUIDA AL NUOVO SISTEMA DI TASSAZIONE DELL IRPEF AGGIORNATA CON LA LEGGE FINANZIARIA 2008 l agenzia in f orma aggiornata con la legge finanziaria

Dettagli

UNICO 2006 Base 2005 Prime informazioni

UNICO 2006 Base 2005 Prime informazioni APPROFONDIMENTI UNICO 2006 Base 2005 Prime informazioni Novità Nella bozza del modello Unico 2006, per il 2005, apparso nel sito delle Entrate, compaiono le nuove deduzioni per carichi di famiglia, la

Dettagli

Approfondimenti ed esempi per il Corso di Scienza delle Finanze a.a. 2007/08 Studenti A-Z

Approfondimenti ed esempi per il Corso di Scienza delle Finanze a.a. 2007/08 Studenti A-Z Approfondimenti ed esempi per il Corso di Scienza delle Finanze a.a. 2007/08 Studenti A-Z Esempi relativi agli effetti delle deduzioni e delle detrazioni sulla struttura di progressività dell imposta sul

Dettagli

COMUNE DI SONCINO REGOLAMENTO COMUNALE

COMUNE DI SONCINO REGOLAMENTO COMUNALE COMUNE DI SONCINO REGOLAMENTO COMUNALE DEFINIZIONE DEI CRITERI DI VALUTAZIONE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA DEI SOGGETTI CHE RICHIEDONO PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE 1 ART. 1 - OGGETTO Il presente regolamento,

Dettagli

QUADRO RN CALCOLO DELL IRPEF

QUADRO RN CALCOLO DELL IRPEF QUADRO RN CALCOLO DELL IRPEF ASPETTI GENERALI La struttura del Quadro discende dallo schema normativo di determinazione dell imposta a debito o a credito, così determinato: Reddito complessivo (meno) Deduzione

Dettagli

Imposta personale sul reddito delle persone fisiche. Capitolo 3, libro II

Imposta personale sul reddito delle persone fisiche. Capitolo 3, libro II Imposta personale sul reddito delle persone fisiche Capitolo 3, libro II Cosa intendere per imposte personali? (1) Imposte personali (ruolo capacità contributiva) - personalizzazione sulla base dell equità

Dettagli

COMUNICAZIONE DATI CERTIFICAZIONI LAVORO DIPENDENTE, ASSIMILATI ED ASSISTENZA FISCALE

COMUNICAZIONE DATI CERTIFICAZIONI LAVORO DIPENDENTE, ASSIMILATI ED ASSISTENZA FISCALE COMUNICAZIONE DATI CERTIFICAZIONI LAVORO DIPENDENTE, ASSIMILATI ED ASSISTENZA FISCALE la comunicazione richiede tutti i dati già presenti nelle certificazioni rilasciate ai dipendenti. In particolare i

Dettagli

Esercitazione - IRES TESTO E SOLUZIONI

Esercitazione - IRES TESTO E SOLUZIONI Esercitazione - IRES TESTO E SOLUZIONI Esercizio 1 - Tassazione società di capitali e persone fisiche Il contribuente X lavora come dipendente nella società di A. È inoltre socio, al 30%, della società

Dettagli

POLIZZE VITA CASO MORTE: TASSAZIONE DEI CAPITALI

POLIZZE VITA CASO MORTE: TASSAZIONE DEI CAPITALI POLIZZE VITA CASO MORTE: TASSAZIONE DEI CAPITALI IL CONSULENTE: TUTTO QUELLO CHE C E DA SAPERE L Agenzia delle Entrate ha pubblicato la Circolare 8/E del 1 aprile 2016 con cui fornisce dei chiarimenti

Dettagli

Il nuovo ISEE tassa la casa

Il nuovo ISEE tassa la casa Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 341 21.11.2014 Il nuovo tassa la casa L abbattimento di 1/3 non compensa l abolizione della franchigia Categoria: Contribuenti Sottocategoria:

Dettagli

I PIANI SANITARI UNISALUTE: Le opportunità, i vantaggi e la convenienza Gli aspetti normativi e fiscali

I PIANI SANITARI UNISALUTE: Le opportunità, i vantaggi e la convenienza Gli aspetti normativi e fiscali I PIANI SANITARI UNISALUTE: Le opportunità, i vantaggi e la convenienza Gli aspetti normativi e fiscali UniSalute per l Azienda: un know-how all avanguardia Soluzioni flessibili e innovative in linea con

Dettagli

REGOLAMENTO ISEE Regolamento per l applicazione dell Indicatore della Situazione Economica Equivalente. Articolo 1 Oggetto del Regolamento

REGOLAMENTO ISEE Regolamento per l applicazione dell Indicatore della Situazione Economica Equivalente. Articolo 1 Oggetto del Regolamento REGOLAMENTO ISEE Regolamento per l applicazione dell Indicatore della Situazione Economica Equivalente Articolo 1 Oggetto del Regolamento Il presente Regolamento disciplina l applicazione dell ISEE (Indicatore

Dettagli

Ricostruzione dei redditi lordi

Ricostruzione dei redditi lordi Ricostruzione dei redditi lordi ISFOL Roma, Ottobre 05, 2006 Outline Classificazione dei redditi osservati Regole fiscali e contributive Procedura iterativa per la ricostruzione dei redditi lordi Confronto

Dettagli

Come leggere la Busta Paga. G.I. G.I. Formazione

Come leggere la Busta Paga. G.I. G.I. Formazione Come leggere la Busta Paga G.I. G.I. Formazione Formazione La Busta Paga Cos è A Cosa Serve Come è Composta COS E La Busta Paga è il prospetto che indica la retribuzione che il lavoratore percepisce per

Dettagli

UNIPOL FUTURO PRESENTE

UNIPOL FUTURO PRESENTE Unipol Futuro Presente Piano individuale pensionistico di tipo assicurativo Fondo Pensione Iscritto all albo tenuto dalla Covip con il n. 5050 UNIPOL FUTURO PRESENTE Documento sul regime fiscale Il presente

Dettagli

VADEMECUM. Alle sedi del CAAF CISL si potranno avere risposte più adeguate sia per cosa fare o per cosa non fare per evitare brutte sorprese.

VADEMECUM. Alle sedi del CAAF CISL si potranno avere risposte più adeguate sia per cosa fare o per cosa non fare per evitare brutte sorprese. LA NUOVA IMPOSIZIONE FISCALE Cosa Sapere Cosa Fare Controllo del CUD Clausola di Salvaguardia U.S.R. CISL della Lombardia Sesto San Giovanni V.le Italia 2 Tel 02-2410111 Fax 02-241011604 Servizi Fiscali

Dettagli

DICHIARAZIONI DEI REDDITI PERSONE FISICHE PER L ANNO D IMPOSTA 2013 NOTA ESPLICATIVA

DICHIARAZIONI DEI REDDITI PERSONE FISICHE PER L ANNO D IMPOSTA 2013 NOTA ESPLICATIVA DICHIARAZIONI DEI REDDITI PERSONE FISICHE PER L ANNO D IMPOSTA 2013 NOTA ESPLICATIVA - Quadro generale Per una corretta interpretazione dei dati statistici occorre fare riferimento al contesto macroeconomico

Dettagli

MODELLO 730: ALCUNI SUGGERIMENTI E CONSIGLI PER IL PERSONALE DELLA SCUOLA

MODELLO 730: ALCUNI SUGGERIMENTI E CONSIGLI PER IL PERSONALE DELLA SCUOLA Federazione Lavoratori Pubblici e Funzioni Pubbliche SEGRETERIA PROVINCIALE FLP SCUOLA DI FOGGIA 71121 Foggia Via Nicola Delli Carri, 15 sito internet: www.flpscuolafoggia.it Email: info@flpscuolafoggia.it

Dettagli

Imposizione parziale dei proventi da partecipazioni della sostanza privata e limitazione della deduzione degli interessi passivi

Imposizione parziale dei proventi da partecipazioni della sostanza privata e limitazione della deduzione degli interessi passivi Dipartimento federale delle finanze DFF Amministrazione federale delle contribuzioni AFC Divisione principale imposta federale diretta, imposta preventiva, tasse di bollo Imposta federale diretta Berna,

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE PERSONE FISICHE (IRPEF)

GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE PERSONE FISICHE (IRPEF) WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE PERSONE FISICHE (IRPEF) A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO INTRODUZIONE... 3 I REQUISITI... 3 I SOGGETTI PASSIVI... 4 LA

Dettagli

Oneri deducibili. Contributi

Oneri deducibili. Contributi Oneri deducibili Le spese che costituiscono oneri sono deducibili dal reddito complessivo del contribuente se non già dedotti nella determinazione dei singoli redditi che concorrono a formare il reddito

Dettagli

Popolazione per età Frosinone (2011) Età Totale %Totale

Popolazione per età Frosinone (2011) Età Totale %Totale FROSINONE Il Comune di Frosinone è composto da circa 20mila famiglie ed ha una popolazione di quasi 50mila abitanti, dei quali circa l 8% ha un età compresa entro i 6 anni, oltre la metà degli abitanti

Dettagli

Foglio interno per l informazione agli iscritti

Foglio interno per l informazione agli iscritti Marzo 2008 In allegato inviamo copia della circolare n. 2/2008 emessa dalla Cassa Mutua Nazionale per il Personale delle Banche di Credito Cooperativo ed avente per oggetto Trattamento fiscale dei contributi

Dettagli

Lezione n. 8 Aspetti e problemi della tassazione delle imprese. 1) Aliquota effettiva e forma giuridica dell impresa

Lezione n. 8 Aspetti e problemi della tassazione delle imprese. 1) Aliquota effettiva e forma giuridica dell impresa Lezione n. 8 Aspetti e problemi della tassazione delle imprese. 1) Aliquota effettiva e forma giuridica dell impresa Ernesto Longobardi Il trattamento tributario delle imprese dipende dalla loro forma

Dettagli

Circolare settimanale di informazione fiscale

Circolare settimanale di informazione fiscale 17 ottobre 2012 OGGETTO: Legge di Stabilità Come cambiano detrazioni e deduzioni Gentile Cliente, con la stesura del presente documento informativo intendiamo metterla a conoscenza che con l approvazione

Dettagli

Riferimenti normativi. Schema

Riferimenti normativi. Schema Tema n. 25 Il candidato esamini la disciplina dell imposta regionale sulle attività produttive (IRAP) e accenni ai dubbi di incompatibilità dell imposta con la normativa comunitaria Riferimenti normativi

Dettagli

I TRIBUTI. Tributi locali (ICI sostituita a far data dall anno 2012 dall IMU)

I TRIBUTI. Tributi locali (ICI sostituita a far data dall anno 2012 dall IMU) I TRIBUTI I cittadini sono tenuti a concorrere alla spese pubblica in ragione della loro capacità contributiva, come recita l articolo 53 della Costituzione Italiana. I tributi che gravano sui cittadini

Dettagli

Trattamento di Fine Rapporto

Trattamento di Fine Rapporto (aggiornamento dicembre 09) Trattamento di Fine Rapporto Edizione novembre 2010 Pagina 1 (aggiornamento novembre 2010) INDICE 1 NOZIONI GENERALI pag. 3 2 TFR E FONDI PENSIONE pag. 3 3 TRATTAMENTO FISCALE

Dettagli

Le novità del modello 730/2015

Le novità del modello 730/2015 Le novità del modello 730/2015 16 aprile 2015 Relatore: Dott.ssa Stefania Signetti Servizio: Nome servizio Pag. 1 Modello 730-3 e modello pre-compilato 2 Frontespizio- stato civile 3 Frontespizio dati

Dettagli

LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER I DISABILI

LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER I DISABILI www.ihrogno.it LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER I DISABILI Lovere 22 aprile 2009 1 DEFINIZIONI AGEVOLAZIONE. Per agevolazione fiscale si intende un trattamento preferenziale accordato dalla legge in determinati

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE (ART. 3 DLGS 109/98) ARTICOLO 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO

REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE (ART. 3 DLGS 109/98) ARTICOLO 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO COMUNE DI CASTEL D ARIO Provincia di Mantova REGOLAMENTO ATTUATIVO DELL INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE (ISEE) REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA

Dettagli

La fiscalità della sanità integrativa

La fiscalità della sanità integrativa La fiscalità della sanità integrativa 1 Il trattamento tributario dei contributi Fonti normative Art. 10, comma 1, lettera e-ter del tuir 917/86(oneri deducibili) Art. 51, comma 2, lettera a) del tuir

Dettagli

Legge di stabilità 2013: le ultime modifiche apportate dal Parlamento

Legge di stabilità 2013: le ultime modifiche apportate dal Parlamento Legge di stabilità 2013: le ultime modifiche apportate dal Parlamento Le modifiche alla legge di stabilità 2013 Il parlamento Italiano è intervenuto prepotentemente sulla legge di stabilità varata dal

Dettagli

Agenzia delle Entrate Ufficio di Palermo 2 PROGETTO FISCO IN CLASSE. in collaborazione con

Agenzia delle Entrate Ufficio di Palermo 2 PROGETTO FISCO IN CLASSE. in collaborazione con Agenzia delle Entrate Ufficio di Palermo 2 PROGETTO FISCO IN CLASSE in collaborazione con Istituto d Istruzione Superiore Don G. Colletto Sezione ITC di Marineo Imposte e Dichiarazioni Le Imposte 2 Le

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

NUOVO ISEE : AL VIA DAL 01 GENNAIO 2015. a cura di Celeste Vivenzi. Premessa generale

NUOVO ISEE : AL VIA DAL 01 GENNAIO 2015. a cura di Celeste Vivenzi. Premessa generale NUOVO ISEE : AL VIA DAL 01 GENNAIO 2015 a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale Come noto con il DM del 07-11-2014 è stato approvato il nuovo modello di Dichiarazione Sostitutiva Unica (DSU) necessario

Dettagli

Massimo Importo deducibile Importo che si vuole versare per la previdenza complementare Massimo importo deducibile

Massimo Importo deducibile Importo che si vuole versare per la previdenza complementare Massimo importo deducibile Manuale per l utilizzo della procedura I campi che possono essere compilati dall operatore si presentano di colore G Giallo o ;viceversa, i campi che sono calcolati dal programma e che, conseguentemente,

Dettagli

RISPOSTE AI QUESITI PIU FREQUENTI CONTRIBUZIONE

RISPOSTE AI QUESITI PIU FREQUENTI CONTRIBUZIONE RISPOSTE AI QUESITI PIU FREQUENTI CONTRIBUZIONE Come viene alimentata la posizione previdenziale? Il finanziamento è attuato mediante contribuzione a carico del lavoratore, del datore di lavoro e tramite

Dettagli