Accordo su chiavi. (key agreement) Alfredo De Santis. Marzo Dipartimento di Informatica Università di Salerno

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Accordo su chiavi. (key agreement) Alfredo De Santis. Marzo 2015. Dipartimento di Informatica Università di Salerno"

Transcript

1 Accordo su chiavi (key agreement) Alfredo De Santis Dipartimento di Informatica Università di Salerno Marzo 2015

2 Accordo su una chiave Alice Bob?? K K

3 Accordo su chiavi: indice! Diffie-Hellman! Basato sull intrattabilità del problema del logaritmo discreto! Puzzle di Merkle! Non basato su alcuna assunzione computazionale

4 Diffie-Hellman [1976] Whitfield Diffie Martin Hellman Stanford University W. Diffie and M.E. Hellman, New directions in cryptography, IEEE Trans. on Inform. Theory 22 (1976),

5 Diffie-Hellman [1976] primo p, generatore g di Z p Alice Bob??

6 Generatori di Z p g è generatore di Z p se { g i 1 i p-1 } = Z p Esempio: g = 2 è un generatore di Z = 1024 = 1 mod = 2 mod = 256 = 3 mod = 4 mod = 16 = 5 mod = 512 = 6 mod = 128 = 7 mod = 8 mod = 64 = 9 mod = 32 = 10 mod 11

7 Generatori di Z n! Ordine di α Z n = il più piccolo intero positivo r tale che α r = 1 mod n! α è generatore di Z n se ha ordine φ(n) Teorema di Eulero x Z n x φ(n) =1 mod n

8 Generatori di Z n! Ordine di α Z n = il più piccolo intero positivo r tale che α r = 1 mod n! α è generatore di Z n se ha ordine φ(n) Teorema di Eulero x Z n x φ(n) =1 mod n! Z n ha un generatore n = 2,4,p k,2p k, con p primo e k 1! Se p è primo, allora Z p ha un generatore

9 Potenze in Z 19 a a 2 a 3 a 4 a 5 a 6 a 7 a 8 a 9 a 10 a 11 a 12 a 13 a 14 a 15 a 16 a 17 a

10 Generatori di Z n! Ordine di α Z n = il più piccolo intero positivo r tale che α r = 1 mod n! a è generatore di Z n se ha ordine φ(n)! Se α è un generatore di Z n, allora! Z n = {α i mod n 0 i φ(n)-1}! b = α i mod n è un generatore di Z n gcd(i,φ(n))=1 Esempio: 2 è un generatore in Z 19 3=2 13 mod 19 è un generatore perchè gcd(13,6)=1 13=2 5 mod 19 è un generatore perchè gcd(5,6)=1 5=2 16 mod 19 non è un generatore perchè gcd(16,6)=2

11 Potenze in Z 19 a a 2 a 3 a 4 a 5 a 6 a 7 a 8 a 9 a 10 a 11 a 12 a 13 a 14 a 15 a 16 a 17 a

12 Generatori di Z n! Il numero di generatori di Z n è φ(φ(n))! Se p è primo, il numero di generatori di Z p è φ(p-1)

13 Diffie-Hellman [1976] scelgo x Z p primo p, generatore g di Z p scelgo y Z p Alice?? Bob

14 Diffie-Hellman [1976] scelgo x Z p primo p, generatore g g x mod p scelgo y Z p Alice?? Bob

15 Diffie-Hellman [1976] scelgo x Z p primo p, generatore g g x mod p g y mod p scelgo y Z p Alice?? Bob

16 Diffie-Hellman [1976] scelgo x Z p primo p, generatore g g x mod p g y mod p scelgo y Z p Alice K = g xy mod p = (g y ) x mod p?? Bob K = g xy mod p = (g x ) y mod p

17 scelgo x=3 Diffie-Hellman: piccolo esempio primo 11, generatore 2 8 = 2 3 mod 11 5 = 2 4 mod 11 scelgo y=4 Alice K=4=(2 4 ) 3 mod 11?? Bob K=4=(2 3 ) 4 mod 11

18 scelgo x=3578 Diffie-Hellman: esempio primo 25307, generatore = mod = mod scelgo y=19956 Alice K=3694= ?? Bob K=3694=

19 Logaritmo discreto La sicurezza di molte tecniche crittografiche si basa sulla intrattabilità del logaritmo discreto:! Crittosistema ElGamal! Accordo su chiavi Diffie-Hellman! Firme digitali DSS Dati a,n,b calcolare x tale che a x = b mod n Esempio: 3 x = 7 mod 13 soluzione x = 6

20 Logaritmo discreto: Complessità algoritmi Dati a,n,b calcolare x tale che a x = b mod n Vari algoritmi:! Trial multiplication! Baby-step giant-step! Pollard s rho algorithm! Pohlig-Hellman algorithm! Index Calculus

21 Logaritmo discreto: Complessità algoritmi Dati a,n,b calcolare x tale che a x = b mod n Se n è primo, i migliori algoritmi hanno complessità L n [a,c] = O(e (c+o(1))(ln n)a (lnln n) 1-a ) con c > 0 ed 0 < a < 1 Miglior algoritmo: Number field sieve tempo medio euristico L n [1/3, 1.923]! # " 64 9 $ & % 1/3 =1,922999

22 Logaritmo discreto: record computazioni! Primo, 130-digit, 431-bit: giugno 2005, A. Joux e R. Lecier! 3 settimane, 1.15 GHz 16-processor HP AlphaServer GS1280! Primo, 160-digit, 530-bit: febbraio 2007, T. Kleinjung! Vari pc ed un cluster! GF(2 613 ), settembre 2005, A. Joux e R. Lercier! 17 giorni, 4 nodi 1.3GHz 16-processori di un Itanium 2-based Bull computer Teranova! GF(2 809 ), aprile 2013, R. Barbulescu, C. Bouvier,! GF(2 18"513 ), 9234-bit, gen 2014, R. Granger, T. Kleinjung, J. Zumbrägel! GF(3 6"71 ), 676-bit, 2010, T. Hayashi! GF(3 6"137 ), 1303-bit, 27 gen 2014, F. Rodríguez-Henríquez

23 Problema di Diffie-Hellman Input: primo p, generatore g, g x mod p, g y mod p Calcolare: g xy mod p Il miglior algoritmo conosciuto calcola prima il logaritmo discreto x log g,p (g x mod p)

24 Problema di Diffie-Hellman Input: primo p, generatore g, g x mod p, g y mod p Calcolare: g xy mod p Il miglior algoritmo conosciuto calcola prima il logaritmo discreto x log g,p (g x mod p) ma non si sa se sono equivalenti!

25 Scelta dei parametri! Come scegliere p e g?

26 Scelta di un generatore Scegli_Generatore_Naive (p) 1. Scegli a caso g in Z p 2. If {g i 1 i p-1} = Z p then trovato else goto 1.

27 Scelta di un generatore Scegli_Generatore_Naive (p) 1. Scegli a caso g in Z p 2. If {g i 1 i p-1} = Z p then trovato else goto 1. {g i 1 i p-1} = Z p? L unico algoritmo efficiente necessita dei fattori primi di p-1

28 Scelta di un generatore p primo, p-1 = p e 1 1 p2 e 2 pk e k g (p-1)/p 1 1 mod p g è un generatore di Z p... g (p-1)/p k 1 mod p

29 Scelta di un generatore p primo, p-1 = p e 1 1 p2 e 2 pk e k g (p-1)/p 1 1 mod p g è un generatore di Z p... g (p-1)/p k 1 mod p # 11 primo, p-1 = 10 = 2 5 Esempio # 2 è un generatore di Z 11 perché 2 (11-1)/2 = 2 5 = 10 1 mod 11 2 (11-1)/5 = 2 2 = 4 1 mod 11

30 Scelta di un generatore p primo, p-1 = p e 1 1 p2 e 2 pk e k g (p-1)/p 1 1 mod p g è un generatore di Z p... g (p-1)/p k 1 mod p # 11 primo, p-1 = 10 = 2 5 Esempio # 3 non è un generatore di Z 11 perché 3 (11-1)/2 = 3 5 = 243 = 1 mod 11 3 (11-1)/5 = 3 2 = 9 1 mod 11

31 Scelta di un generatore p primo, p-1 = p e 1 1 p2 e 2 pk e k g (p-1)/p 1 1 mod p g è un generatore di Z p... g (p-1)/p k 1 mod p Scegli_generatore ( p, (p 1,e 1,p 2,e 2,,p k,e k ) ) 1. g elemento scelto a caso in Z p 2. if (g (p-1)/p 1 1 mod p and and g (p-1)/p k 1 mod p) then esci else go to 1. trovato!

32 Probabilità successo singola iterazione! Numero di generatori modulo un primo p è φ(φ(p)) = φ(p-1) > (p-1) / (6 lnln(p-1)) per ogni intero n 5, φ(n) > n/(6lnln n)

33 Probabilità successo singola iterazione! Numero di generatori modulo un primo p è φ(φ(p)) = φ(p-1) > (p-1) / (6 lnln(p-1)) per ogni intero n 5, φ(n) > n/(6lnln n)! Probabilità che un elemento a caso in Z p sia generatore φ(φ(p)) p-1 1 = > = φ(p) φ(p) 6lnln(p -1) 6 lnln(p -1)

34 Analisi di Scegli_generatore Numero medio di iterazioni < 6 lnln(p -1) 512 bit 6 lnln(2 512 ) 35, bit 6 lnln( ) 39, bit 6 lnln( ) 43,54

35 Generazione chiavi Diffie-Hellman 1. Scegli a caso 2 numeri primi p 1 p 2 2. p 1 + 2p 1 p 2 3. Se p non è primo, go to g Scegli_generatore(p,(2,1,p 1,1,p 2,1))

36 Accordo su chiave Diffie-Hellman: sicurezza! E sicuro contro attaccanti passivi! Non è sicuro contro attacchi man-in-the-middle

37 Diffie-Hellman attacco man-in-the-middle scelgo x Z p primo p, generatore g di Z p scelgo z Zp scelgo y Z p g x mod p g z mod p g y mod p Alice g z mod p Bob K A = g xz mod p = (g z ) x mod p K A = g xz mod p = (g x ) z mod p K B = g zy mod p = (g y ) z mod p K B = g zy mod p = (g z ) y mod p

38 Accordo su chiave Diffie-Hellman: sicurezza! E sicuro contro attaccanti passivi! Non è sicuro contro attacchi man-in-the-middle! Occorre autenticazione

39 Crittografia a chiave pubbica con Diffie-Hellman! Possiamo usare Diffie-Hellman come cifrario asimmetrico?

40 Cifrari asimmetrici chiave privata kpriv file pubblico utente chiave pubblica Alice kpub Alice

41 Cifratura chiave privata kpriv file pubblico utente chiave pubblica Alice kpub Alice canale insicuro Devo cifrare il messaggio M ed inviarlo ad Alice Bob

42 Cifratura Alice chiave privata kpriv file pubblico utente chiave pubblica Alice C canale insicuro kpub Cifratura di M per Alice C CIFRA(kpub, M) Bob

43 Decifratura Devo decifrare il messaggio cifrato C utente chiave pubblica Alice kpub file pubblico?? C? Alice

44 Decifratura chiave privata kpriv utente chiave pubblica Alice kpub file pubblico Decifratura di C M DECIFRA (kpriv, C) Alice C

45 Chiavi DH chiave privata (p,g,a) file pubblico utente chiave pubblica Alice (p,g,g a mod p) Alice

46 Cifratura DH chiave privata (p,g,a) file pubblico utente chiave pubblica Alice (p,g,g a mod p) Alice canale insicuro Devo cifrare il messaggio M ed inviarlo ad Alice Bob

47 Cifratura DH chiave privata (p,g,a) file pubblico utente chiave pubblica Alice (p,g,g a mod p) Alice canale insicuro g b mod p, C Cifratura di M per Alice g b mod p k (g a mod p) b mod p C ENC(k,M) Bob

48 Decifratura DH Devo decifrare il messaggio cifrato (g b mod p,c) file pubblico utente chiave pubblica Alice (p,g,g a mod p)?? g b mod p, C C? Alice

49 Cifratura DH chiave privata (p,g,a) file pubblico utente chiave pubblica Alice (p,g,g a mod p) Alice Decifratura di g b mod p, C k (g b mod p) a mod p M DEC(k,C)

50 Crittografia a chiave pubbica RSA e Diffie-Hellman! RSA è il cifrario asimmetrico più diffuso! Motivazioni:! Storiche! Commerciali Verisign fondata come spin-off di RSA Security nel 1995! Algoritmi di firma digitale

51 Accordo su chiavi: indice! Diffie-Hellman! Basato sull intrattabilità del problema del logaritmo discreto! Puzzle di Merkle! Non basato su alcuna assunzione computazionale

52 Schema di Merkle Ralph C. Merkle Corso di Computer Security, UC Berkeley, autunno 1974: proposta per un progetto, rifiutata dal docente Ralph C. Merkle "Secure Communications over Insecure Channels Communications of the ACM, vol. 21, n. 4, April 1978, pp

53 Schema di Merkle! Non basato su assunzioni computazionali! Alice genera n chiavi distinte e nasconde ogni chiave in un puzzle! Il puzzle contiene informazioni per il calcolo della chiave! La soluzione di un puzzle richiede un tempo ragionevole! La soluzione di tutti i puzzle richiede un tempo elevato

54 Puzzle di Merkle! Puzzle la cui soluzione richiede t operazioni! Esempio: Puzzle (x, ID, S) Scegli una chiave k di 56 bit Computa y CBC-DES k (x, ID, S) return (y, primi 20 bit di k)! x è la soluzione del puzzle -Richiede 2 35 operazioni in media! ID è l identificativo del puzzle -Unico per ciascun puzzle! S è un valore noto -Serve per garantire l unicità della soluzione del puzzle -Esempio: 32 bit nulli

55 Puzzle di Merkle Scegli x 1,, x n, ID 1,, ID n Puzzle i Puzzle(x i,id i,s) Risolvi Puzzle j Ottieni (x j, ID j ) Puzzle 1,, Puzzle n ID j Alice x j?? Bob x j

56 Puzzle di Merkle Computazioni di :! Costruzione di n puzzle tempo θ(n) Computazioni di :! Risoluzione di un puzzle tempo θ(t) Computazioni di :! Risoluzione di n/2 puzzle in media tempo θ(t n)

57 Puzzle di Merkle Computazioni di : Se n = θ(t)! Costruzione di n puzzle tempo θ(n) Computazioni di :! Risoluzione di un puzzle tempo θ(n) Computazioni di :! Risoluzione di n/2 puzzle in media tempo θ(n 2 )

58 Puzzle di Merkle problema di sicurezza! Implementazione poco accorta potrebbe rendere insicuro lo schema! Esempio: Puzzle (x, ID, S) Scegli una chiave k di 56 bit Computa y DES k (x), DES k (ID), DES k (S) return (y, primi 20 bit di k)! x è la soluzione del puzzle -Richiede 2 35 operazioni in media! ID è l identificativo del puzzle -Unico per ciascun puzzle! S è un valore noto -Serve per garantire l unicità della soluzione del puzzle -Esempio: 32 bit nulli

59 Puzzle di Merkle Scegli x 1,, x n, ID 1,, ID n Puzzle i Puzzle(x i,id i,s) Risolvi Puzzle j Ottieni (x j, ID j ) Puzzle 1,, Puzzle n ID j Alice x j?? Bob x j

60 Puzzle di Merkle problema di sicurezza! Implementazione poco accorta potrebbe rendere insicuro lo schema! Esempio: Puzzle (x, ID, S) Scegli una chiave k di 56 bit θ(n) Computa y DES k (x), DES k (ID), DES k (S) return (y, primi 20 bit di k)! Dopo aver visto ID j! Cifra DES k (ID j ) con tutte le possibili chiavi k! Correla le cifrature con tutti i Puzzle visti! Trova il Puzzle con ID j! Decifra il corrispondente DES k (x)

61 Puzzle di Merkle problema di sicurezza! Implementazione poco accorta potrebbe rendere insicuro lo schema! Esempio: Puzzle (x, ID, S) Scegli una chiave k di 56 bit Computa y DES k (x), DES k (ID), DES k (S) return (y, primi 20 bit di k) NO Meglio:! DES k (x), DES k (ID x), DES k (S x) con S 0! DES k (x), DES x (ID), DES x (S)! AES k (x, ID, S)! Bene per x di 64 bit (con ID ed S di 32 bit)! Per x di 128 bit si può usare 2 volte lo schema

62 Bibliografia! Cryptography and Network Security by W. Stallings (2010)! cap. 1O! Tesina di Sicurezza su reti! Accordo su chiavi

63 Domande?

Altri cifrari a blocchi

Altri cifrari a blocchi Altri cifrari a blocchi Barbara Masucci Dipartimento di Informatica ed Applicazioni Università di Salerno masucci@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/masucci RC2 [1989] IDEA (International

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TRENTO DOCUMENTO ELETTRONICO, FIRMA DIGITALE E SICUREZZA IN RETE.

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TRENTO DOCUMENTO ELETTRONICO, FIRMA DIGITALE E SICUREZZA IN RETE. UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TRENTO DOCUMENTO ELETTRONICO, FIRMA DIGITALE E SICUREZZA IN RETE. INTRODUZIONE ALL ARGOMENTO. A cura di: Eleonora Brioni, Direzione Informatica e Telecomunicazioni ATI NETWORK.

Dettagli

SMARTCARD Studente: Elvis Ciotti Prof: Luciano Margara 1

SMARTCARD Studente: Elvis Ciotti Prof: Luciano Margara 1 SMARTCARD Studente: Elvis Ciotti Prof: Luciano Margara 1 Introduzione SmartCard: Carta intelligente Evoluzione della carta magnetica Simile a piccolo computer : contiene memoria (a contatti elettrici)

Dettagli

Fondamenti dell Informatica Ricorsione e Iterazione Simona Ronchi Della Rocca (dal testo: Kfoury, Moll and Arbib, cap.5.2)

Fondamenti dell Informatica Ricorsione e Iterazione Simona Ronchi Della Rocca (dal testo: Kfoury, Moll and Arbib, cap.5.2) Fondamenti dell Informatica Ricorsione e Iterazione Simona Ronchi Della Rocca (dal testo: Kfoury, Moll and Arbib, cap.5.2) Definiamo innanzitutto una relazione d ordine tra le funzioni. Siano φ e ψ funzioni

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PARMA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PARMA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PARMA Facoltà di scienze Matematiche Fisiche e Naturali Corso di Laurea in INFORMATICA Tesi di laurea in RETI DI CALCOLATORI Autenticazione Centralizzata con il sistema CAS, integrando

Dettagli

Esercizi per il corso di Algoritmi e Strutture Dati

Esercizi per il corso di Algoritmi e Strutture Dati 1 Esercizi per il corso di Algoritmi e Strutture Dati Esercizi sulla Tecnica Divide et Impera N.B. Tutti gli algoritmi vanno scritti in pseudocodice (non in Java, né in C++, etc. ). Di tutti gli algoritmi

Dettagli

CARATTERISTICHE DELLE CRYPTO BOX

CARATTERISTICHE DELLE CRYPTO BOX Secure Stream PANORAMICA Il sistema Secure Stream è costituito da due appliance (Crypto BOX) in grado di stabilire tra loro un collegamento sicuro. Le Crypto BOX sono dei veri e propri router in grado

Dettagli

LA CRITTOGRAFIA Le applicazioni della crittografia e della firma digitale a cura di Sommaruga Andrea Guido

LA CRITTOGRAFIA Le applicazioni della crittografia e della firma digitale a cura di Sommaruga Andrea Guido INDICE LA FIRMA DIGITALE O ELETTRONICA...2 LA LEGISLAZIONE IN MATERIA...5 NOTA SUI FORMATI DI FILE...6 COME FUNZIONA IL MECCANISMO DELLE FIRME ELETTRONICHE...7 FIRMA DI PIÙ PERSONE... 7 DOCUMENTO SEGRETO...

Dettagli

Linguaggio del calcolatore. Algebra di Boole AND, OR, NOT. Notazione. And e or. Circuiti e reti combinatorie. Appendice A + dispense

Linguaggio del calcolatore. Algebra di Boole AND, OR, NOT. Notazione. And e or. Circuiti e reti combinatorie. Appendice A + dispense Linguaggio del calcolatore Circuiti e reti combinatorie ppendice + dispense Solo assenza o presenza di tensione: o Tante componenti interconnesse che si basano su e nche per esprimere concetti complessi

Dettagli

Minimizzazione di Reti Logiche Combinatorie Multi-livello

Minimizzazione di Reti Logiche Combinatorie Multi-livello Minimizzazione di Reti Logiche Combinatorie Multi-livello Maurizio Palesi Maurizio Palesi 1 Introduzione Obiettivo della sintesi logica: ottimizzazione delle cifre di merito area e prestazioni Prestazioni:

Dettagli

Di seguito sono descritti i prerequisiti Hardware e Software che deve possedere la postazione a cui viene collegata l Aruba Key.

Di seguito sono descritti i prerequisiti Hardware e Software che deve possedere la postazione a cui viene collegata l Aruba Key. 1 Indice 1 Indice... 2 2 Informazioni sul documento... 3 2.1 Scopo del documento... 3 3 Caratteristiche del dispositivo... 3 3.1 Prerequisiti... 3 4 Installazione della smart card... 4 5 Avvio di Aruba

Dettagli

5 Radici primitive dell unità e congruenze del tipo

5 Radici primitive dell unità e congruenze del tipo 5 Radici primitive dell unità e congruenze del tipo X m a (mod n ) Oggetto di questo paragrafo è lo studio della risolubilità di congruenze del tipo: X m a (mod n) con m, n, a Z ed m, n > 0. Per l effettiva

Dettagli

Esempi di algoritmi. Lezione III

Esempi di algoritmi. Lezione III Esempi di algoritmi Lezione III Scopo della lezione Implementare da zero algoritmi di media complessità. Verificare la correttezza di un algoritmo eseguendolo a mano. Imparare a valutare le prestazioni

Dettagli

TorrentLocker Enti Italiani sotto riscatto

TorrentLocker Enti Italiani sotto riscatto Digital Forensics Bureau www.difob.it TorrentLocker Enti Italiani sotto riscatto Paolo DAL CHECCO, Giuseppe DEZZANI Studio DIgital Forensics Bureau di Torino 20 ottobre 2014 Da mercoledì 15 ottobre stiamo

Dettagli

LA SICUREZZA NEI SISTEMI INFORMATIVI. Antonio Leonforte

LA SICUREZZA NEI SISTEMI INFORMATIVI. Antonio Leonforte LA SICUREZZA NEI SISTEMI INFORMATIVI Antonio Leonforte Rendere un sistema informativo sicuro non significa solo attuare un insieme di contromisure specifiche (di carattere tecnologico ed organizzativo)

Dettagli

Istruzioni per il controllo di ciclo - ciclo a condizione generica

Istruzioni per il controllo di ciclo - ciclo a condizione generica Istruzioni per il controllo di ciclo - ciclo a condizione generica Permette di ripetere l esecuzione di un blocco di istruzioni finchè non viene verificata una condizione logica. Sintassi istruzione_1...

Dettagli

Esercizi Capitolo 5 - Alberi

Esercizi Capitolo 5 - Alberi Esercizi Capitolo 5 - Alberi Alberto Montresor 19 Agosto, 2014 Alcuni degli esercizi che seguono sono associati alle rispettive soluzioni. Se il vostro lettore PDF lo consente, è possibile saltare alle

Dettagli

Strutture. Strutture e Unioni. Definizione di strutture (2) Definizione di strutture (1)

Strutture. Strutture e Unioni. Definizione di strutture (2) Definizione di strutture (1) Strutture Strutture e Unioni DD cap.10 pp.379-391, 405-406 KP cap. 9 pp.361-379 Strutture Collezioni di variabili correlate (aggregati) sotto un unico nome Possono contenere variabili con diversi nomi

Dettagli

6. Calcolare le derivate parziali prime e seconde, verificando la validità del teorema di Schwarz:

6. Calcolare le derivate parziali prime e seconde, verificando la validità del teorema di Schwarz: FUNZIONI DI PIU VARIABILI Esercizi svolti. Determinare il dominio delle seguenti funzioni e rappresentarlo graficamente : (a) f log( x y ) (b) f log(x + y ) (c) f y x 4 (d) f sin(x + y ) (e) f log(xy +

Dettagli

CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1

CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1 1.1 Che cos è un algoritmo CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1 Gli algoritmi sono metodi per la soluzione di problemi. Possiamo caratterizzare un problema mediante i dati di cui si dispone all inizio

Dettagli

Universita' di Ferrara Dipartimento di Matematica e Informatica. Algoritmi e Strutture Dati. Rappresentazione concreta di insiemi e Hash table

Universita' di Ferrara Dipartimento di Matematica e Informatica. Algoritmi e Strutture Dati. Rappresentazione concreta di insiemi e Hash table Universita' di Ferrara Dipartimento di Matematica e Informatica Algoritmi e Strutture Dati Rappresentazione concreta di insiemi e Hash table Copyright 2006-2015 by Claudio Salati. Lez. 9a 1 Rappresentazione

Dettagli

AUTENTICAZIONE CON CERTIFICATI DIGITALI MOZILLA THUNDERBIRD

AUTENTICAZIONE CON CERTIFICATI DIGITALI MOZILLA THUNDERBIRD AUTENTICAZIONE CON CERTIFICATI DIGITALI MOZILLA THUNDERBIRD 1.1 Premessa Il presente documento è una guida rapida che può aiutare i clienti nella corretta configurazione del software MOZILLA THUNDERBIRD

Dettagli

Guida alla scansione su FTP

Guida alla scansione su FTP Guida alla scansione su FTP Per ottenere informazioni di base sulla rete e sulle funzionalità di rete avanzate della macchina Brother, consultare la uu Guida dell'utente in rete. Per ottenere informazioni

Dettagli

Guida all Uso. L a t u a i m p r e s a, c h i av e i n m a n o. Guida_BusinessKey.indd 1 18-05-2007 10:53:34

Guida all Uso. L a t u a i m p r e s a, c h i av e i n m a n o. Guida_BusinessKey.indd 1 18-05-2007 10:53:34 Guida all Uso L a t u a i m p r e s a, c h i av e i n m a n o. Guida_BusinessKey.indd 1 18-05-2007 10:53:34 Cos è la Business Key La Business Key è una chiavetta USB portatile, facile da usare, inseribile

Dettagli

Guida Titolo firma con certificato remoto DiKe 5.4.0. Sottotitolo

Guida Titolo firma con certificato remoto DiKe 5.4.0. Sottotitolo Guida Titolo firma con certificato remoto DiKe 5.4.0 Sottotitolo Pagina 2 di 14 Un doppio clic sull icona per avviare il programma. DiKe Pagina 3 di 14 Questa è la pagina principale del programma DiKe,

Dettagli

AA 2006-07 LA RICORSIONE

AA 2006-07 LA RICORSIONE PROGRAMMAZIONE AA 2006-07 LA RICORSIONE AA 2006-07 Prof.ssa A. Lanza - DIB 1/18 LA RICORSIONE Il concetto di ricorsione nasce dalla matematica Una funzione matematica è definita ricorsivamente quando nella

Dettagli

Università di Torino Facoltà di Scienze MFN Corso di Studi in Informatica. Programmazione I - corso B a.a. 2009-10. prof.

Università di Torino Facoltà di Scienze MFN Corso di Studi in Informatica. Programmazione I - corso B a.a. 2009-10. prof. Università di Torino Facoltà di Scienze MFN Corso di Studi in Informatica Programmazione I - corso B a.a. 009-10 prof. Viviana Bono Blocco 9 Metodi statici: passaggio parametri, variabili locali, record

Dettagli

Alcune proprietà dei numeri primi, II

Alcune proprietà dei numeri primi, II This is the last preprint. The final paper will appear in the website http: //matematica.uni-bocconi.it/langzac/home2.htm. Alcune proprietà dei numeri primi, II Alessandro Languasco & Alessandro Zaccagnini

Dettagli

Iniziamo con un esercizio sul massimo comun divisore: Esercizio 1. Sia d = G.C.D.(a, b), allora:

Iniziamo con un esercizio sul massimo comun divisore: Esercizio 1. Sia d = G.C.D.(a, b), allora: Iniziamo con un esercizio sul massimo comun divisore: Esercizio 1. Sia d = G.C.D.(a, b), allora: G.C.D.( a d, b d ) = 1 Sono state introdotte a lezione due definizioni importanti che ricordiamo: Definizione

Dettagli

MATEMATICA. { 2 x =12 y 3 y +8 x =0, si pone il problema di trovare, se esistono, un numero x ed un numero y che risolvano entrambe le equazioni.

MATEMATICA. { 2 x =12 y 3 y +8 x =0, si pone il problema di trovare, se esistono, un numero x ed un numero y che risolvano entrambe le equazioni. MATEMATICA. Sistemi lineari in due equazioni due incognite. Date due equazioni lineari nelle due incognite x, y come ad esempio { 2 x =12 y 3 y +8 x =0, si pone il problema di trovare, se esistono, un

Dettagli

Ricorsione. Corso di Fondamenti di Informatica

Ricorsione. Corso di Fondamenti di Informatica Dipartimento di Informatica e Sistemistica Antonio Ruberti Sapienza Università di Roma Ricorsione Corso di Fondamenti di Informatica Laurea in Ingegneria Informatica (Canale di Ingegneria delle Reti e

Dettagli

Realizzazione di Politiche di Gestione delle Risorse: i Semafori Privati

Realizzazione di Politiche di Gestione delle Risorse: i Semafori Privati Realizzazione di Politiche di Gestione delle Risorse: i Semafori Privati Condizione di sincronizzazione Qualora si voglia realizzare una determinata politica di gestione delle risorse,la decisione se ad

Dettagli

Contenuti. Dov e` il nemico?

Contenuti. Dov e` il nemico? Contenuti SICUREZZA INFORATICA Sicurezza Problemi Requisiti Attacchi Crittografia Crittografia simmetrica e asimmetrica Criptoanalisi Autenticazione Firma Digitale etodi per la Firma Digitale Certificati

Dettagli

Protocollo SSH (Secure Shell)

Protocollo SSH (Secure Shell) Università degli Studi Roma Tre Dipartimento di Informatica ed Automazione Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Tesina per il corso di Elementi di Crittografia Protocollo SSH

Dettagli

STRUTTURE (O COSTRUTTI) DI CONTROLLO

STRUTTURE (O COSTRUTTI) DI CONTROLLO Le strutture di controllo Le strutture di controllo STRUTTURE (O COSTRUTTI) DI CONTROLLO determinano l ordine con cui devono essere eseguite le istruzioni sono indipendenti dalla natura delle istruzioni

Dettagli

Rappresentazione dei numeri in un calcolatore

Rappresentazione dei numeri in un calcolatore Corso di Calcolatori Elettronici I A.A. 2010-2011 Rappresentazione dei numeri in un calcolatore Lezione 2 Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Rappresentazione dei numeri

Dettagli

Prolog: aritmetica e ricorsione

Prolog: aritmetica e ricorsione Capitolo 13 Prolog: aritmetica e ricorsione Slide: Aritmetica e ricorsione 13.1 Operatori aritmetici In logica non vi è alcun meccanismo per la valutazione di funzioni, che è fondamentale in un linguaggio

Dettagli

Le password sicure vi rendono più sicuri

Le password sicure vi rendono più sicuri Le password sicure vi rendono più sicuri Di Bruce Schneier Traduzione di Sergio Meinardi smeinardi@acm.org L autore originale mantiene i diritti sull opera Chi vuole usare questo documento deve chiedere

Dettagli

Il problema del massimo flusso. Preflow-push e augmenting path: un approccio unificante

Il problema del massimo flusso. Preflow-push e augmenting path: un approccio unificante Introduzione Il problema del massimo flusso. Preflow-push e augmenting path: un approccio unificante Il problema del massimo flusso è uno dei fondamentali problemi nell ottimizzazione su rete. Esso è presente

Dettagli

Minimo sottografo ricoprente. Minimo sottografo ricoprente. Minimo albero ricoprente. Minimo albero ricoprente

Minimo sottografo ricoprente. Minimo sottografo ricoprente. Minimo albero ricoprente. Minimo albero ricoprente Minimo sottografo ricoprente Minimo sottografo ricoprente Dato un grafo connesso G = (V, E) con costi positivi sugli archi c e, un minimo sottografo ricoprente è un insieme di archi E E tale che: G = (V,

Dettagli

EQUAZIONI non LINEARI

EQUAZIONI non LINEARI EQUAZIONI non LINEARI Francesca Pelosi Dipartimento di Matematica, Università di Roma Tor Vergata CALCOLO NUMERICO e PROGRAMMAZIONE http://www.mat.uniroma2.it/ pelosi/ EQUAZIONI non LINEARI p.1/44 EQUAZIONI

Dettagli

Windows Compatibilità

Windows Compatibilità Che novità? Windows Compatibilità CODESOFT 2014 é compatibile con Windows 8.1 e Windows Server 2012 R2 CODESOFT 2014 Compatibilità sistemi operativi: Windows 8 / Windows 8.1 Windows Server 2012 / Windows

Dettagli

INTRODUZIONE AL PROGETTO

INTRODUZIONE AL PROGETTO SETEFI INTRODUZIONE AL PROGETTO Il nostro obiettivo è quello di illustrare la struttura e le caratteristiche di fondo che stanno alla base delle transazioni online operate tramite Setefi, società del gruppo

Dettagli

Decreto 2 novembre 2005 Regole tecniche per la formazione, la trasmissione e la validazione, anche temporale, della posta elettronica certificata

Decreto 2 novembre 2005 Regole tecniche per la formazione, la trasmissione e la validazione, anche temporale, della posta elettronica certificata Decreto 2 novembre 2005 Regole tecniche per la formazione, la trasmissione e la validazione, anche temporale, della posta elettronica IL MINISTRO PER L'INNOVAZIONE E LE TECNOLOGIE - Visto l articolo 17

Dettagli

Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee

Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee Se a e b sono numeri interi, si dice che a divide b, in simboli: a b, se e solo se esiste c Z tale che b = ac. Si può subito notare che:

Dettagli

Gli algoritmi. Gli algoritmi. Analisi e programmazione

Gli algoritmi. Gli algoritmi. Analisi e programmazione Gli algoritmi Analisi e programmazione Gli algoritmi Proprietà ed esempi Costanti e variabili, assegnazione, istruzioni, proposizioni e predicati Vettori e matrici I diagrammi a blocchi Analisi strutturata

Dettagli

Alberto Montresor Università di Trento

Alberto Montresor Università di Trento !! Algoritmi e Strutture Dati! Capitolo 1 - Greedy!!! Alberto Montresor Università di Trento!! This work is licensed under the Creative Commons Attribution-NonCommercial-ShareAlike License. To view a copy

Dettagli

3. TEORIA DELL INFORMAZIONE

3. TEORIA DELL INFORMAZIONE 3. TEORIA DELL INFORMAZIONE INTRODUZIONE MISURA DI INFORMAZIONE SORGENTE DISCRETA SENZA MEMORIA ENTROPIA DI UNA SORGENTE NUMERICA CODIFICA DI SORGENTE 1 TEOREMA DI SHANNON CODICI UNIVOCAMENTE DECIFRABILI

Dettagli

ATLAS 2.X IL MANAGER NON SI AVVIA

ATLAS 2.X IL MANAGER NON SI AVVIA ATLAS 2.X IL MANAGER NON SI AVVIA Avvio di Atlas 2.x sul server CONTESTO La macchina deve rispecchiare le seguenti caratteristiche MINIME di sistema: Valori MINIMI per Server di TC con 10 postazioni d'esame

Dettagli

Assessorato regionale dell'agricoltura, dello sviluppo rurale e della pesca mediterranea Dipartimento della pesca mediterranea

Assessorato regionale dell'agricoltura, dello sviluppo rurale e della pesca mediterranea Dipartimento della pesca mediterranea Assessorato regionale dell'agricoltura, dello sviluppo rurale e della pesca mediterranea Dipartimento della pesca mediterranea Ufficio del Responsabile Unico della Regione Sicilia per il Cluster Bio-Mediterraneo

Dettagli

Standard di Sicurezza sui Dati previsti dai Circuiti Internazionali. Payment Card Industry Data Security Standard

Standard di Sicurezza sui Dati previsti dai Circuiti Internazionali. Payment Card Industry Data Security Standard Standard di Sicurezza sui Dati previsti dai Circuiti Internazionali Payment Card Industry Data Security Standard STANDARD DI SICUREZZA SUI DATI PREVISTI DAI CIRCUITI INTERNAZIONALI (Payment Card Industry

Dettagli

PROBLEMA DELLA RICERCA DI UN ELEMENTO IN UN ARRAY E ALGORITMI RISOLUTIVI

PROBLEMA DELLA RICERCA DI UN ELEMENTO IN UN ARRAY E ALGORITMI RISOLUTIVI PROBLEMA DELLA RICERCA DI UN ELEMENTO IN UN ARRAY E ALGORITMI RISOLUTIVI PROBLEMA DELLA RICERCA in termini generali: Dati in input un insieme S di elementi (numeri, caratteri, stringhe, ) e un elemento

Dettagli

Per risparmiare tempo, finanze e risorse digitalizzando i documenti cartacei. Presentazione della soluzione

Per risparmiare tempo, finanze e risorse digitalizzando i documenti cartacei. Presentazione della soluzione Scheda Software HP Digital Sending (DSS) 5.0 Per risparmiare tempo, finanze e risorse digitalizzando i documenti cartacei Presentazione della soluzione Rendendo più fluida la gestione di documenti e dati,

Dettagli

Protocollo HTTP. Alessandro Sorato

Protocollo HTTP. Alessandro Sorato Un protocollo è un insieme di regole che permettono di trovare uno standard di comunicazione tra diversi computer attraverso la rete. Quando due o più computer comunicano tra di loro si scambiano una serie

Dettagli

Così come le macchine meccaniche trasformano

Così come le macchine meccaniche trasformano DENTRO LA SCATOLA Rubrica a cura di Fabio A. Schreiber Il Consiglio Scientifico della rivista ha pensato di attuare un iniziativa culturalmente utile presentando in ogni numero di Mondo Digitale un argomento

Dettagli

Sicurezza delle reti wireless. Alberto Gianoli alberto.gianoli@fe.infn.it

Sicurezza delle reti wireless. Alberto Gianoli alberto.gianoli@fe.infn.it Sicurezza delle reti wireless Alberto Gianoli alberto.gianoli@fe.infn.it Concetti di base IEEE 802.11: famiglia di standard tra cui: 802.11a, b, g: physical e max data rate spec. 802.11e: QoS (traffic

Dettagli

La ricorsione. Politecnico di Milano Sede di Cremona

La ricorsione. Politecnico di Milano Sede di Cremona La ricorsione Politecnico di Milano Sede di Cremona Gianpaolo Cugola Dipartimento di Elettronica e Informazione cugola@elet.polimi.it http://www.elet.polimi.it/~cugola Definizioni ricorsive Sono comuni

Dettagli

Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Facoltà di Ingegneria Sede di Reggio Emilia

Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Facoltà di Ingegneria Sede di Reggio Emilia Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Facoltà di Ingegneria Sede di Reggio Emilia Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Meccatronica a.a. 2008/2009 Corso di CALCOLATORI ELETTRONICI Capitolo

Dettagli

Modello OSI e architettura TCP/IP

Modello OSI e architettura TCP/IP Modello OSI e architettura TCP/IP Differenza tra modello e architettura - Modello: è puramente teorico, definisce relazioni e caratteristiche dei livelli ma non i protocolli effettivi - Architettura: è

Dettagli

Matlab: Funzioni. Informatica B. Daniele Loiacono

Matlab: Funzioni. Informatica B. Daniele Loiacono Matlab: Funzioni Informatica B Funzioni A cosa servono le funzioni? 3 x = input('inserisci x: '); fx=1 for i=1:x fx = fx*x if (fx>220) y = input('inserisci y: '); fy=1 for i=1:y fy = fy*y A cosa servono

Dettagli

I componenti di un Sistema di elaborazione. CPU (central process unit)

I componenti di un Sistema di elaborazione. CPU (central process unit) I componenti di un Sistema di elaborazione. CPU (central process unit) I componenti di un Sistema di elaborazione. CPU (central process unit) La C.P.U. è il dispositivo che esegue materialmente gli ALGORITMI.

Dettagli

GESTIRE LA BIBLIOGRAFIA

GESTIRE LA BIBLIOGRAFIA GESTIRE LA BIBLIOGRAFIA STRUMENTI DI GESTIONE BIBLIOGRAFICA I software di gestione bibliografica permettono di raccogliere, catalogare e organizzare diverse tipologie di materiali, prendere appunti, formattare

Dettagli

rischi del cloud computing

rischi del cloud computing rischi del cloud computing maurizio pizzonia dipartimento di informatica e automazione università degli studi roma tre 1 due tipologie di rischi rischi legati alla sicurezza informatica vulnerabilità affidabilità

Dettagli

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer:

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. <file> tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Cos è un protocollo? Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Ciao Ciao Hai l ora? 2:00 tempo TCP connection request TCP connection reply. Get http://www.di.unito.it/index.htm Domanda:

Dettagli

Guida all utilizzo del dispositivo USB

Guida all utilizzo del dispositivo USB Guida all utilizzo del dispositivo USB 30/04/2013 Sommario - Limitazioni di responsabilità e uso del manuale... 3 1. Glossario... 3 2. Guida all utilizzo del dispositivo USB... 4 2.1 Funzionamento del

Dettagli

Matematica B - a.a 2006/07 p. 1

Matematica B - a.a 2006/07 p. 1 Matematica B - a.a 2006/07 p. 1 Definizione 1. Un sistema lineare di m equazioni in n incognite, in forma normale, è del tipo a 11 x 1 + + a 1n x n = b 1 a 21 x 1 + + a 2n x n = b 2 (1) = a m1 x 1 + +

Dettagli

Metodi numerici per la risoluzione di equazioni. Equazioni differenziali ordinarie

Metodi numerici per la risoluzione di equazioni. Equazioni differenziali ordinarie Metodi numerici per la risoluzione di equazioni differenziali ordinarie Dipartimento di Matematica, http://dm.ing.unibs.it/gastaldi/ Lezione 5-31 ottobre 2005 Outline 1 Il problema di Cauchy Il problema

Dettagli

Ricerca Operativa Branch-and-Bound per problemi di Programmazione Lineare Intera

Ricerca Operativa Branch-and-Bound per problemi di Programmazione Lineare Intera Ricerca Operativa Branch-and-Bound per problemi di Programmazione Lineare Intera L. De Giovanni AVVERTENZA: le note presentate di seguito non hanno alcuna pretesa di completezza, né hanno lo scopo di sostituirsi

Dettagli

METODI ITERATIVI PER SISTEMI LINEARI

METODI ITERATIVI PER SISTEMI LINEARI METODI ITERATIVI PER SISTEMI LINEARI LUCIA GASTALDI 1. Metodi iterativi classici Sia A R n n una matrice non singolare e sia b R n. Consideriamo il sistema (1) Ax = b. Un metodo iterativo per la soluzione

Dettagli

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE Prof. PIER LUCA MONTESSORO Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Udine 1999 Pier Luca Montessoro (si veda la nota a pagina 2) 1 Nota di Copyright

Dettagli

Descrizioni VHDL Behavioral

Descrizioni VHDL Behavioral 1 Descrizioni VHDL Behavioral In questo capitolo vedremo come la struttura di un sistema digitale è descritto in VHDL utilizzando descrizioni di tipo comportamentale. Outline: process wait statements,

Dettagli

Esercitazioni su rappresentazione dei numeri e aritmetica dei calcolatori"

Esercitazioni su rappresentazione dei numeri e aritmetica dei calcolatori Esercitazioni su rappresentazione dei numeri e aritmetica dei calcolatori" slide a cura di Salvatore Orlando & Marta Simeoni " Architettura degli Elaboratori 1 Interi unsigned in base 2" Si utilizza un

Dettagli

Codifica dei numeri negativi

Codifica dei numeri negativi E. Calabrese: Fondamenti di Informatica Rappresentazione numerica-1 Rappresentazione in complemento a 2 Codifica dei numeri negativi Per rappresentare numeri interi negativi si usa la cosiddetta rappresentazione

Dettagli

COPERTURA WI-FI (aree chiamate HOT SPOT)

COPERTURA WI-FI (aree chiamate HOT SPOT) Wi-Fi Amantea Il Comune di Amantea offre a cittadini e turisti la connessione gratuita tramite tecnologia wi-fi. Il progetto inserisce Amantea nella rete wi-fi Guglielmo ( www.guglielmo.biz), già attivo

Dettagli

Introduzione alle applicazioni di rete

Introduzione alle applicazioni di rete Introduzione alle applicazioni di rete Definizioni base Modelli client-server e peer-to-peer Socket API Scelta del tipo di servizio Indirizzamento dei processi Identificazione di un servizio Concorrenza

Dettagli

2 Requisiti di sistema 4 2.1 Requisiti software 4 2.2 Requisiti hardware 5 2.3 Software antivirus e di backup 5 2.4 Impostazioni del firewall 5

2 Requisiti di sistema 4 2.1 Requisiti software 4 2.2 Requisiti hardware 5 2.3 Software antivirus e di backup 5 2.4 Impostazioni del firewall 5 Guida introduttiva Rivedere i requisiti di sistema e seguire i facili passaggi della presente guida per distribuire e provare con successo GFI FaxMaker. Le informazioni e il contenuto del presente documento

Dettagli

Installazione di GFI Network Server Monitor

Installazione di GFI Network Server Monitor Installazione di GFI Network Server Monitor Requisiti di sistema I computer che eseguono GFI Network Server Monitor richiedono: i sistemi operativi Windows 2000 (SP4 o superiore), 2003 o XP Pro Windows

Dettagli

Cos è una stringa (1) Stringhe. Leggere e scrivere stringhe (1) Cos è una stringa (2) DD Cap. 8 pp. 305-341 KP Cap. 6 pp. 241-247

Cos è una stringa (1) Stringhe. Leggere e scrivere stringhe (1) Cos è una stringa (2) DD Cap. 8 pp. 305-341 KP Cap. 6 pp. 241-247 Cos è una stringa (1) Stringhe DD Cap. 8 pp. 305-341 KP Cap. 6 pp. 241-247 Una stringa è una serie di caratteri trattati come una singola unità. Essa potrà includere lettere, cifre, simboli e caratteri

Dettagli

Esponenziali elogaritmi

Esponenziali elogaritmi Esponenziali elogaritmi Potenze ad esponente reale Ricordiamo che per un qualsiasi numero razionale m n prendere n>0) si pone a m n = n a m (in cui si può sempre a patto che a sia un numero reale positivo.

Dettagli

Ricapitoliamo. Ricapitoliamo

Ricapitoliamo. Ricapitoliamo Ricapitoliamo Finora ci siamo concentrati sui processi computazionali e sul ruolo che giocano le procedure nella progettazione dei programmi In particolare, abbiamo visto: Come usare dati primitivi (numeri)

Dettagli

Middleware Laboratory. Dai sistemi concorrenti ai sistemi distribuiti

Middleware Laboratory. Dai sistemi concorrenti ai sistemi distribuiti Dai sistemi concorrenti ai sistemi distribuiti Problemi nei sistemi concorrenti e distribuiti I sistemi concorrenti e distribuiti hanno in comune l ovvio problema di coordinare le varie attività dei differenti

Dettagli

Inidirizzi IP e Nomi di Dominio. Domain Name System. Spazio dei Nomi Piatto. Gestione dello Spazio dei Nomi

Inidirizzi IP e Nomi di Dominio. Domain Name System. Spazio dei Nomi Piatto. Gestione dello Spazio dei Nomi I semestre 03/04 Inidirizzi IP e Nomi di Dominio Domain Name System Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica

Dettagli

CRYPTSETUP RAPIDO. man cryptsetup

CRYPTSETUP RAPIDO. man cryptsetup CRYPTSETUP RAPIDO La presente guida non vuole essere completa, si tratta solo della somma degli appunti utilizzati per creare e gestire una zona cifrata ove salvare i documenti. La distribuzione di riferimento

Dettagli

Arduino: Programmazione

Arduino: Programmazione Programmazione formalmente ispirata al linguaggio C da cui deriva. I programmi in ARDUINO sono chiamati Sketch. Un programma è una serie di istruzioni che vengono lette dall alto verso il basso e convertite

Dettagli

Cristian Secchi Pag. 1

Cristian Secchi Pag. 1 CONTROLLI DIGITALI Laurea Magistrale in Ingegneria Meccatronica SISTEMI A TEMPO DISCRETO Ing. Tel. 0522 522235 e-mail: cristian.secchi@unimore.it http://www.dismi.unimo.it/members/csecchi Richiami di Controlli

Dettagli

Problema: al momento dell autenticazione si riceve il messaggio Certificato digitale non ricevuto Possibili cause: 1) La smart card non è una CNS e

Problema: al momento dell autenticazione si riceve il messaggio Certificato digitale non ricevuto Possibili cause: 1) La smart card non è una CNS e Problema: al momento dell autenticazione si riceve il messaggio Certificato digitale non ricevuto Possibili cause: 1) La smart card non è una CNS e non contiene il certificato di autenticazione: è necessario

Dettagli

QUIPAGO - MODALITÀ PAYMENT

QUIPAGO - MODALITÀ PAYMENT E-Commerce Qui Pago è l offerta di Key Client per il Commercio Elettronico: un Pos virtuale altamente affidabile ed efficiente che prevede diverse modalità d utilizzo: Payment (integrazione col sito del

Dettagli

Introduzione al VHDL. Alcuni concetti introduttivi

Introduzione al VHDL. Alcuni concetti introduttivi Introduzione al VHDL Alcuni concetti introduttivi Riferimenti The VHDL Cookbook, Peter J. Ashenden, Reperibile nel sito: http://vlsilab.polito.it/documents.html The VHDL Made Easy, David Pellerin, Douglas

Dettagli

EUROPEAN COMPUTER DRIVING LICENCE. IT Security. Syllabus

EUROPEAN COMPUTER DRIVING LICENCE. IT Security. Syllabus EUROPEAN COMPUTER DRIVING LICENCE IT Security Syllabus Scopo Questo documento presenta il syllabus di ECDL Standard IT Security. Il syllabus descrive, attraverso i risultati del processo di apprendimento,

Dettagli

Connessione alla rete wireless WIFI-UNIPA-WPA e WIFI-UNIPA-WPA-A per gli utenti con sistema Windows Vista

Connessione alla rete wireless WIFI-UNIPA-WPA e WIFI-UNIPA-WPA-A per gli utenti con sistema Windows Vista Connessione alla rete wireless WIFI-UNIPA-WPA e WIFI-UNIPA-WPA-A per gli utenti con sistema Windows Vista Prerequisiti: Per gli studenti: il nome utente è reperibile una volta effettuato l'accesso al portale

Dettagli

Cryptographia ad usum Delphini

Cryptographia ad usum Delphini Cryptographia ad usum Delphini Alessandro Zaccagnini Parma, 13.4.2005 In questo articolo intendiamo fare una breve storia di alcuni aspetti della Crittografia, dall antichità classica ai giorni nostri:

Dettagli

Istruzioni operative per la gestione delle Non Conformità e delle Azioni Correttive. https://nonconf.unife.it/

Istruzioni operative per la gestione delle Non Conformità e delle Azioni Correttive. https://nonconf.unife.it/ Istruzioni operative per la gestione delle Non Conformità e delle Azioni Correttive https://nonconf.unife.it/ Registrazione della Non Conformità (NC) Accesso di tipo 1 Addetto Registrazione della Non Conformità

Dettagli

Informatica Applicata

Informatica Applicata Ing. Irina Trubitsyna Concetti Introduttivi Programma del corso Obiettivi: Il corso di illustra i principi fondamentali della programmazione con riferimento al linguaggio C. In particolare privilegia gli

Dettagli

Marco Giorgi. Palazzo di Giustizia di Torino 30 marzo 2012

Marco Giorgi. Palazzo di Giustizia di Torino 30 marzo 2012 Marco Giorgi Palazzo di Giustizia di Torino 30 marzo 2012 Post mortem (Dopo lo spegnimento del sistema) Si smonta il dispositivo e lo si collega ad un PC dedicato all'acquisizione Live forensics (Direttamente

Dettagli

12.5 UDP (User Datagram Protocol)

12.5 UDP (User Datagram Protocol) CAPITOLO 12. SUITE DI PROTOCOLLI TCP/IP 88 12.5 UDP (User Datagram Protocol) L UDP (User Datagram Protocol) é uno dei due protocolli del livello di trasporto. Come l IP, é un protocollo inaffidabile, che

Dettagli

COME MASSIMIZZARE UNA FUNZIONE DI UTILITÀ

COME MASSIMIZZARE UNA FUNZIONE DI UTILITÀ icroeconomia Douglas Bernheim, ichael Whinston Copyright 009 The cgraw-hill Companies srl COE ASSIIZZARE UNA FUNZIONE DI UTILITÀ Supponiamo che il reddito mensile di Elena sia pari a Y e sia interamente

Dettagli

ALGEBRA I: CARDINALITÀ DI INSIEMI

ALGEBRA I: CARDINALITÀ DI INSIEMI ALGEBRA I: CARDINALITÀ DI INSIEMI 1. CONFRONTO DI CARDINALITÀ E chiaro a tutti che esistono insiemi finiti cioè con un numero finito di elementi) ed insiemi infiniti. E anche chiaro che ogni insieme infinito

Dettagli

Equazioni non lineari

Equazioni non lineari Dipartimento di Matematica tel. 011 0907503 stefano.berrone@polito.it http://calvino.polito.it/~sberrone Laboratorio di modellazione e progettazione materiali Trovare il valore x R tale che f (x) = 0,

Dettagli

Ricerca non informata in uno spazio di stati

Ricerca non informata in uno spazio di stati Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria Intelligenza Artificiale Paolo Salvaneschi A5_2 V2.4 Ricerca non informata in uno spazio di stati Il contenuto del documento è liberamente utilizzabile dagli

Dettagli