PRIMAVERA IN BICOCCA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PRIMAVERA IN BICOCCA"

Transcript

1 PRIMAVERA IN BICOCCA 1. Numeri primi e fattorizzazione Una delle applicazioni più rilevanti della Teoria dei Numeri si ha nel campo della crittografia. In queste note vogliamo delineare, in particolare, il metodo di crittografia a chiave pubblica RSA, che prende il nome dai suoi ideatori Rivest, Shamir e Adleman. Da un punto di vista matematico, la crittografia a chiave pubblica si basa sull idea di individuare una funzione che sia invertibile ma, mentre la funzione individuata deve essere facile da calcolare, la sua inversa deve essere invece molto difficile da calcolare. È per certi versi sorprendente che una funzione con queste proprietà sia la funzione che, dati due numeri primi, ne restituisce il loro prodotto. Per capire meglio il senso di questa affermazione ci mettiamo in un contesto leggermente più generale. Ricordiamo intanto la definizione di numero primo. Definizione. Un numero naturale p, diverso da 0 e da 1, si dice primo se gli unici interi positivi per cui è divisibile sono 1 e p. Esempio. Sono numeri primi 2, 3, 5, 7, 11, 13, 17, 19, 23, 29, Il più grande numero primo finora (gennaio 2014) conosciuto è , scoperto nel Questo numero ha cifre decimali. È noto fin dall antichità che i numeri primi sono infiniti e hanno un ruolo centrale nell aritmetica perchè permettono di costruire, attraverso la moltiplicazione, tutti i numeri interi. Più precisamente: Teorema (Teorema della Fattorizzazione Unica). Ogni numero intero n, maggiore o uguale a 2, si scrive come prodotto di potenze di numeri primi, cioè n = p t 1 1 p t 2 2 p ts s con p 1, p 2,..., p s numeri primi distinti, t 1,..., t s interi positivi. Questa scrittura è unica a meno dell ordine, cioè i primi p 1,..., p s e gli esponenti t 1, t s sono univocamente determinati da n. Esempio. La fattorizzazione di 1500 è La fattorizzazione di è Supponiamo ora che ci venga dato un numero N che sappiamo essere il prodotto di due numeri primi distinti p e q (dunque N = p q) e ci venga chiesto, conoscendo solo N, di determinare p e q. Un modo di procedere è di dividere N per 2, 3, 4,... N 1 fin quando non troviamo un fattore di N. Quante divisioni dobbiamo fare? Se N = p q allora p e q non possono essere entrambi maggiori di N, altrimenti il loro prodotto sarebbe maggiore di N. Quindi, se supponiamo che sia p < q, abbiamo che p N. Il punto cruciale per la crittografia è che, se N è abbastanza grande, il numero di divisioni che dobbiamo provare è talmente elevato che, con la attuale potenza di calcolo dei computer, non possiamo dare una risposta al problema in un tempo ragionevole. Il 1

2 2 PRIMAVERA IN BICOCCA metodo delle divisioni è certamente poco efficiente, ma anche con i metodi teorici più efficienti a disposizione, e con le attuali risorse di calcolo, il problema di fattorizzare numeri grandi è in pratica impossibile. Per darvi una idea dell ordine di grandezza del numero N = p q impiegato in crittografia, lo standard di sicurezza, considerato solido almeno fino al 2030, prevede di utilizzare un numero N dell ordine di La società RSA Security ha lanciato, nel 1991, una sfida (RSA Factoring Challenge) pubblicando una lista di numeri della forma N = p q, e promettendo un premio in denaro per chi fosse riuscito a fattorizzarli. La sfida si è conclusa nel Il più piccolo numero della lista aveva 100 cifre decimali ed è stato fattorizzato in pochi giorni, ma molti altri non sono stati ancora fattorizzati (il più piccolo dei quali ha 190 cifre decimali). La funzione invertibile che è facile da calcolare, ma la cui inversa è difficile da calcolare, è quindi la funzione che, dati due numeri primi p e q, ci restituisce il loro prodotto N = p q. 2. Massimo comun divisore e moduli Siano a e b due numeri interi, che per semplicità supponiamo entrambi positivi. Possiamo considerare il loro massimo comun divisore, che indichiamo con M CD(a, b). Sia a che b sono multipli del loro massimo comun divisore. Inoltre i divisori di M CD(a, b) sono tutti e soli i divisori comuni tra a e b. Come si calcola il massimo comun divisore tra a e b? Un modo è quello di utilizzare la fattorizzazione in prodotto di numeri primi di a e b. Un altro modo, che per quello che segue è più utile, è usare l algoritmo di Euclide (o algoritmo delle divisioni successive). Vediamolo su un esempio. Prendiamo a = 1218 e b = 132 e vogliamo calcolare il loro massimo comun divisore = a = bq 1 + r = b = r 1 q 2 + r 2 30 = r 1 = r 2 q 3 + r 3 12 = r 2 = r 3 q Il massimo comun divisore tra 1218 e 132 è l ultimo resto non nullo nel procedimento delle divisioni successive. Un altra informazione che otteniamo dall algoritmo di Euclide, è che esistono due interi s e t per cui MCD(a, b) = a s + b t. Riprendiamo il nostro esempio che riscriviamo, per maggior chiarezza, nella colonna di sinistra, usando la lettera a per 1218 e la lettera b per 132. Nella colonna di destra, partendo dalla prima divisione, isoliamo il resto. Inoltre in ciascuna delle equazioni di destra, a partire dalla seconda, sostituiamo le precedenti. a = b = a 9b b = = b 4 30 = b 4(a 9b) = 37b 4a 30 = = = (a 9b) 2(37b 4a) = = 9a 83b

3 PRIMAVERA IN BICOCCA 3 Dunque abbiamo ottenuto che 6 = , ovvero una possibile scelta per gli interi s e t che cercavamo è s = 9 e t = 83. Naturalmente questa non è l unica possibilità, perchè se k è un qualunque intero, allora 6 = (9 kb)a + ( 83 + ka)b. Più in generale, se MCD(a, b) = as + bt, allora è vero anche che MCD(a, b) = a(s kb) + b(t + ka). Introduciamo adesso l aritmetica dei moduli (o aritmetica dell orologio). Si tratta di un concetto che ci è familiare. Comincio dunque con un esempio. Consideriamo un orologio con 24 ore che indichiamo con 0, Se adesso sono le 15 e ci venisse chiesto che ore sono tra 22 ore, cosa faremmo per rispondere? Quello che faremmo è sommare = 37, dividere (divisione con resto) 37 per 24, ottenendo 37 = e considerare il resto ottenuto, cioè 13. Quindi se adesso sono le 15, tra 22 ore sono le 13. Ancora un esempio. Se partiamo dall ora 0, dopo 55 ore che ore sono? Di nuovo quello che facciamo è dividere 55 per 24, 55 = e considerare il resto. Dunque, dopo 55 ore sono le 7. L aritmetica dei moduli generalizza questo esempio dal caso di un orologio con 24 ore al caso di un orologio con n di ore, dove n 1 è un naturale. Vediamolo ancora su un esempio. Se n = 7 stiamo considerando un orologio con 7 ore, che indichiamo con 0, 1, 2, 3, 4, 5 e 6. Se adesso sono le 5, per sapere che ore sono tra 4 ore quello che facciamo è sommare = 9, dividere 9 per 7 ottenendo 9 = , e dunque tra 4 ore sono le 2. Esattamente lo stesso procedimento che abbiamo usato prima, nel caso di un orologio di 24 ore. Nel linguaggio matematico l aritmetica su un orologio con 7 ore è l aritmetica modulo 7. In simboli scriviamo che mod 7 = 2. Allo stesso modo se partiamo dalle ore 0, e vogliamo sapere che ore sono dopo 89 ore, dividiamo 89 per 7 e ne prendiamo il resto. Abbiamo dunque 89 = e scriviamo 89 mod 7 = 5. Analogamente al caso della somma, se vogliamo calcolare 5 4 mod 7, calcoliamo 5 4 = 20, dividiamo il risultato per 7 e ne consideriamo il resto, dunque 5 4 mod 7 = 6. Una proprietà del prodotto modulo 7 ci permette semplificare i conti. Per esempio, se vogliamo calcolare mod 7, sappiamo che dobbiamo calcolare = e poi dividere il risultato per 7, = , ottenendo che mod 7 = mod 7 = 1. Avremmo potuto anche calcolare separatamente 89 mod 7 = 5 e 143 mod 7 = 3 e poi (5 3) mod 7 = 15 mod 7 = 1. In modo analogo si può ragionare per la somma. In generale, se n 1 è un naturale fissato e a è un numero intero (che per semplicità supponiamo positivo) definiamo a mod n come il resto r che otteniamo dividendo a per n. Osserviamo che il resto nella divisione per n è sempre compreso tra 0 e n 1. Come negli esempi precedenti possiamo definire somma o prodotto di a e b modulo n come, rispettivamente, la somma o il prodotto usuali di a e b seguiti dalla divisione per n. Come negli esempi se vogliamo calcolare, per esempio, il prodotto a b mod n possiamo calcolare a mod n = r 1 e b mod n = r 2 e poi il prodotto r 1 r 2 mod n. Lo stesso vale per la somma.

4 4 PRIMAVERA IN BICOCCA 3. La funzione di Eulero Un ruolo cruciale per la descrizione dell algoritmo RSA è giocato dalla funzione ϕ di Eulero. Vediamo come è definita. La funzione ϕ ha come dominio l insieme N \ {0} e come codominio N, dunque ϕ : N \ {0} N. In 1 poniamo che la funzione valga 1, cioè poniamo che ϕ(1) = 1. Se n è un numero naturale maggiore o uguale a 2, per definire ϕ(n) consideriamo l insieme A di tutti i numeri naturali k che soddisfano queste due proprietà: 1) 1 k n; 2) il massimo comun divisore tra k e n è uguale a 1. Allora il valore di ϕ in n è uguale al numero di elementi dell insieme A. La definizione sembra complicata ma vediamola su qualche esempio. Esempio. Consideriamo n = 8. L insieme A è l insieme di tutti i numeri naturali k che soddisfano le due proprietà: 1) 1 k 8; 2) il massimo comun divisore tra k e 8 è uguale a 1. Allora otteniamo A = {1, 3, 5, 7} e il numero di elementi di A è 4, dunque ϕ(8) = A = 4. Esempio. Consideriamo n = 24. L insieme A è l insieme di tutti i numeri naturali k che soddisfano le due proprietà: 1) 1 k 24; 2) il massimo comun divisore tra k e 24 è uguale a 1. Allora otteniamo A = {1, 5, 7, 11, 13, 17, 19, 23} e il numero di elementi di A è 8, dunque ϕ(24) = A = 8. Esempio. Consideriamo n = 11. L insieme A è l insieme di tutti i numeri naturali k che soddisfano le due proprietà: 1) 1 k 11; 2) il massimo comun divisore tra k e 11 è uguale a 1. Allora otteniamo A = {1, 2, 3, 5, 6, 7, 8, 9, 10} e il numero di elementi di A è 10, dunque ϕ(11) = A = 10. Adesso abbiamo capito come è definita la funzione di Eulero, ma, riguardando l ultimo esempio, abbiamo anche una informazione in più su come calcolarla. Infatti nell ultimo esempio, n = 11 è un numero primo. Allora è facile capire come è fatto l insieme A. Siccome gli unici divisori di 11 sono 1 e 11, comunque scelgo k con 1 k 10, risulta che il massimo comun divisore tra k e 11 è uguale a 1. Quindi l insieme A contiene tutti

5 PRIMAVERA IN BICOCCA 5 gli interi tra 1 e 10. Questo ragionamento vale più in generale. Se p è un numero primo allora A = {k : 1 k p 1, MCD(k, p) = 1} dunque ϕ(p) = A = p 1. Facciamo un ulteriore passo. abbiamo che Se p è un numero primo e m 1 un numero intero, A = {k : 1 k p m e MCD(k, p m ) = 1} = {1, 2,..., p m } \ {p, 2p, 3p,..., p m 1 p} dunque ϕ(p m ) = A = p m p m 1. Per poter calcolare la funzione di Eulero, senza dover elencare ogni volta gli elementi dell insieme A, abbiamo bisogno di una ulteriore sua proprietà. La enuncio solamente perchè per dimostrarla servono le conoscenze di un corso di Algebra del primo anno di Matematica (ma se deciderete di studiare Matematica lo scoprirete). La proprietà è questa. Se n e m sono numeri naturali con MCD(n, m) = 1 allora ϕ(n m) = ϕ(n) ϕ(m). Per esempio se consideriamo 88 = 8 11, poichè MCD(8, 11) = 1 abbiamo che ϕ(88) = ϕ(8)ϕ(11) = 4 10 = 40. Con le tre proprietà che abbiamo visto, cioè 1) ϕ(p) = p 1 con p numero primo, 2) ϕ(p m ) = p m p m 1 con p numero primo, m intero positivo, 3) se MCD(m, n) = 1 allora ϕ(n m) = ϕ(n) ϕ(m), possiamo calcolare agevolmente il valore della funzione di Eulero in un qualsiasi numero naturale n 2. Infatti per il Teorema della Fattorizzazione unica sappiamo che possiamo scrivere n = p t 1 1 p t 2 2 p t 3 3 p tr r con p 1, p 2,... p t numeri primi distinti e t 1,... t r interi positivi. Poichè MCD(p t 1 1, p t 2 2 p tr r ) = 1, applicando la proprietà 3) otteniamo ϕ(n) = ϕ(p t 1 1 )ϕ(p t 2 2 p t 3 3 p tr r ). Adesso applichiamo di nuovo la proprietà 3) osservando che MCD(p t 2 2, p t 3 3 p tr r ) = 1 e dunque ϕ(n) = ϕ(p t 1 1 )ϕ(p t 2 2 )ϕ(p t 3 3 p tr r ). Procedendo in questo modo abbiamo ϕ(n) = ϕ(p t 1 1 )ϕ(p t 2 2 )ϕ(p t 3 3 ) ϕ(p tr r ). Infine per concludere usiamo la proprietà 2) e otteniamo che ϕ(n) = ϕ(p t 1 1 )ϕ(p t 2 2 )ϕ(p t 3 3 ) ϕ(p tr r ) = (p t 1 1 p t )(p t 2 2 p t )(p t 3 3 p t ) (p tr r p tr 1 r ). Esempio. Riprendiamo il secondo esempio di calcolo della funzione di Eulero visto sopra. Abbiamo che 24 = dunque ϕ(24) = ϕ(2 3 )ϕ(3) = ( )(3 1) = 4 2 = 8. L ultimo risultato che ci serve sulla funzione di Eulero è un Teorema (dovuto sempre a Eulero) che enuncio

6 6 PRIMAVERA IN BICOCCA Teorema (Teorema di Eulero). Siano N un intero con N 2 e a un numero intero con MCD(a, N) = 1. Allora a ϕ(n) mod N = 1. Anche qui la dimostrazione richiede delle nozioni di Algebra del primo anno di Matematica. 4. RSA Alice Sceglie due numeri primi p e q con p q. Calcola N = p q e ϕ(n) = (p 1)(q 1). Sceglie un intero r in modo che MCD(ϕ(N), r) = 1. Calcola, con l algoritmo di Euclide, due interi s e t in modo che rs + ϕ(n)t = 1 Pubblica la coppia (N, r) mentre tiene ben segreti p, q, ϕ(n) e s. Riceve il messaggio a da Bob e deve ricostruire il messaggio originale, cioè b. Calcola a s mod N e ritrova b. Bob Vuole mandare ad Alice il messaggio b, dove b è un numero intero, con 0 < b < N. Per semplicità supponiamo anche che sia MCD(b, N) = 1. Legge la coppia (N, r) che Alice ha pubblicato, e calcola il numero c = b r. Calcola a = c mod N e invia il numero a ad Alice. Perchè Alice riesce a ricostruire il messaggio originale di Bob? Il motivo è il Teorema di Eulero che abbiamo citato prima. Infatti b = b 1 mod N = b rs+ϕ(n)t mod N = b rs b ϕ(n)t mod N = ((b r ) s mod N)((b ϕ(n) ) t mod N) = a s mod N. Nell ultimo passaggio abbiamo usato proprio il Teorema di Eulero, che ci assicura che b ϕ(n) mod N = 1, dunque anche (b ϕ(n) ) t mod N = 1. Supponiamo adesso che una terza persona, Eva, intercetti il messaggio a che Bob spedisce ad Alice. Se ci mettiamo nei panni di Eva la situazione è questa Alice Eva Bob (N, r) Intercetta il messaggio a Spedisce il messaggio a ad che Bob ha spedito ad Alice. Alice. Conosce la coppia (N, r)

7 PRIMAVERA IN BICOCCA 7 scelta da Alice, perchè Alice l ha resa pubblica. Per ricostruire il messaggio originale b di Bob, ha bisogno di conoscere l intero s e poi operare esattamente come fa Alice. È facile per Eva calcolare l intero s se conosce ϕ(n). Infatti Eva può applicare l algoritmo delle divisioni successive. Quindi il problema di Eva è conoscere ϕ(n) = (p 1)(q 1), ovvero conoscere p e q. Eva conosce N = pq ma, se p e q sono numeri primi grandi, da questa informazione non sa ricostruire p e q. Esempio. Vediamo un esempio concreto di funzionamento dell algoritmo RSA. Supponiamo innanzitutto che a ciascuna lettera dell alfabeto sia stato associato un numero secondo lo schema seguente A B C D E F G H I L M N O P Q R S T U V Z Spazio Alice sceglie i numeri primi p = 5 e q = 11, calcola N = pq = 55, ϕ(n) = ϕ(55) = 4 10 = 40. Inoltre Alice sceglie un numero r in modo tale che MCD(r, ϕ(n)) = MCD(r, 40) = 1. Nel nostro esempio Alice sceglie r = 37. Poi Alice calcola, tramite l algoritmo di Euclide, due interi s e t per i quali 1 = 40t + 37s, ottenendo t = 12 e s = 13. Riporto qui i calcoli 40 = = = = = 37 12(40 37) = = Infine Alice pubblica la coppia (N, r) = (55, 37). Bob legge le informazioni rese pubbliche da Alice e le spedisce il messaggio seguente

8 8 PRIMAVERA IN BICOCCA Per decifrarlo Alice considera il primo numero 26 e calcola 26 s mod N cioè mod 55. Si tratta quindi di calcolare 26 13, dividerlo per 55 e considerarne il resto. Quello che Alice ottiene è 31. In modo alternativo, Alice può ragionare così: da 13 = segue che mod 55 = (26 1 mod 55) (26 4 mod 55) (26 8 mod 55) 26 4 mod 55 = mod 55 = mod 55 = mod 55 = mod 55 = mod 55 = mod 55 = 31. Dunque decifrando 26 otteniamo 31 ovvero la lettera L. Facciamo ancora un passo. Consideriamo 7. Alice calcola 7 13 mod 55 ottenenendo 2. Come prima, in modo alternativo, si poteva ragionare come segue 7 13 mod 55 = (7 1 mod 55) (7 4 mod 55) (7 8 mod 55) 7 4 mod 55 = 2401 mod 55 = mod 55 = mod 55 = mod 55 = mod 55 = 7812 mod 55 = 2. Il messaggio inviato da Bob, alla luce di quanto abbiamo visto, diventa L A A A A Se avete voglia, finite di decifrarlo. Referenze Un libro piacevole sullo sviluppo storico crittografia, che delinea anche gli aspetti matematici, è Simon Singh, Codici e Segreti, BUR Biblioteca Universale Rizzoli (1999)

Introduzione alla Crittografia

Introduzione alla Crittografia Liceo Scientifico N. Tron, 6 febbraio 2006 Riassunto Dato n > 1, la funzione di Eulero ϕ(n) è il numero di elementi < n e coprimi con n. Riassunto Dato n > 1, la funzione di Eulero ϕ(n) è il numero di

Dettagli

Un po di teoria dei numeri

Un po di teoria dei numeri Un po di teoria dei numeri Applicazione alla crittografia RSA Christian Ferrari Liceo di Locarno Matematica Sommario 1 L aritmetica modulare di Z n Le congruenze L anello Z n Le potenze in Z n e algoritmo

Dettagli

Corso PAS Anno 2014. ESEMPIO. Per n = 3, Z 3 contiene 3 elementi:

Corso PAS Anno 2014. ESEMPIO. Per n = 3, Z 3 contiene 3 elementi: Corso PAS Anno 2014 Matematica e didattica 3 Correzione esercizi 1. Definizione. Sia n un fissato intero maggiore di 1. Dati due interi a, b si dice che a è congruo a b modulo n, e si scrive a b (mod n),

Dettagli

Iniziamo con un esercizio sul massimo comun divisore: Esercizio 1. Sia d = G.C.D.(a, b), allora:

Iniziamo con un esercizio sul massimo comun divisore: Esercizio 1. Sia d = G.C.D.(a, b), allora: Iniziamo con un esercizio sul massimo comun divisore: Esercizio 1. Sia d = G.C.D.(a, b), allora: G.C.D.( a d, b d ) = 1 Sono state introdotte a lezione due definizioni importanti che ricordiamo: Definizione

Dettagli

La matematica dell orologio

La matematica dell orologio La matematica dell orologio Un aritmetica inusuale: I numeri del nostro ambiente sono: 0,1,2,...,11 e corrispondono alle ore di un nostro orologio Le operazioni sono intese in questo modo: 1 somma: a+b

Dettagli

Seminario Sull Algoritmo R.S.A.

Seminario Sull Algoritmo R.S.A. Alessandrini Cristian Sicurezza 2003 Introduzione Seminario Sull Algoritmo R.S.A. L algoritmo R.S.A. fa parte degli algoritmi definiti a chiave pubblica oppure asimmetrici. Fu progettato nel 1976/77 da

Dettagli

Sicurezza nelle applicazioni multimediali: lezione 4, crittografia asimmetrica. Crittografia asimmetrica (a chiave pubblica)

Sicurezza nelle applicazioni multimediali: lezione 4, crittografia asimmetrica. Crittografia asimmetrica (a chiave pubblica) Crittografia asimmetrica (a chiave pubblica) Problemi legati alla crittografia simmetrica Il principale problema della crittografia simmetrica sta nella necessità di disporre di un canale sicuro per la

Dettagli

SOMMARIO. 13.1 I radicali pag. 3. 13.2 I radicali aritmetici pag. 5. 13.3 Moltiplicazione e divisione fra radicali aritmetici pag.

SOMMARIO. 13.1 I radicali pag. 3. 13.2 I radicali aritmetici pag. 5. 13.3 Moltiplicazione e divisione fra radicali aritmetici pag. SOMMARIO CAPITOLO : I RADICALI. I radicali pag.. I radicali aritmetici pag.. Moltiplicazione e divisione fra radicali aritmetici pag.. Potenza di un radicale aritmetico pag.. Trasporto di un fattore esterno

Dettagli

Progetto Lauree Scientifiche - Matematica

Progetto Lauree Scientifiche - Matematica Progetto Lauree Scientifiche - Matematica p. 1/1 Progetto Lauree Scientifiche - Matematica Università degli Studi di Perugia Liceo Donatelli - Terni Quarto Incontro 7 marzo 2007 Progetto Lauree Scientifiche

Dettagli

4 3 4 = 4 x 10 2 + 3 x 10 1 + 4 x 10 0 aaa 10 2 10 1 10 0

4 3 4 = 4 x 10 2 + 3 x 10 1 + 4 x 10 0 aaa 10 2 10 1 10 0 Rappresentazione dei numeri I numeri che siamo abituati ad utilizzare sono espressi utilizzando il sistema di numerazione decimale, che si chiama così perché utilizza 0 cifre (0,,2,3,4,5,6,7,8,9). Si dice

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA LE FRAZIONI ALGEBRICHE ALESSANDRO BOCCONI

APPUNTI DI MATEMATICA LE FRAZIONI ALGEBRICHE ALESSANDRO BOCCONI APPUNTI DI MATEMATICA LE FRAZIONI ALGEBRICHE ALESSANDRO BOCCONI Indice 1 Le frazioni algebriche 1.1 Il minimo comune multiplo e il Massimo Comun Divisore fra polinomi........ 1. Le frazioni algebriche....................................

Dettagli

DIARIO DEL CORSO DI ALGEBRA A.A. 2012/13 DOCENTE: ANDREA CARANTI

DIARIO DEL CORSO DI ALGEBRA A.A. 2012/13 DOCENTE: ANDREA CARANTI DIARIO DEL CORSO DI ALGEBRA A.A. 2012/13 DOCENTE: ANDREA CARANTI Lezione 1. lunedí 17 settembre 2011 (1 ora) Presentazione del corso. Esercizio: cosa succede a moltiplicare per 2, 3, 4,... il numero 052631578947368421,

Dettagli

Introduzione alla crittografia. Il crittosistema RSA e la sua sicurezza

Introduzione alla crittografia. Il crittosistema RSA e la sua sicurezza Introduzione alla crittografia. Il crittosistema RSA e la sua sicurezza Prof. Massimiliano Sala MINICORSI 2011. Crittografia a chiave pubblica: oltre RSA Università degli Studi di Trento, Lab di Matematica

Dettagli

I numeri semiprimi e i numeri RSA. come loro sottoinsieme

I numeri semiprimi e i numeri RSA. come loro sottoinsieme I numeri semiprimi e i numeri RSA come loro sottoinsieme Francesco Di Noto, Michele Nardelli Abstract In this paper we show some connections between semi-primes numbers and RSA numbers. Riassunto In questo

Dettagli

Numeri Primi e Applicazioni crittografiche

Numeri Primi e Applicazioni crittografiche Numeri Primi e Applicazioni crittografiche Andrea Previtali Dipartimento di Matematica e Fisica Università dell Insubria-Como http://www.unico.it/matematica/previtali andrea.previtali@uninsubria.it Corsi

Dettagli

24 : 3 = 8 con resto 0 26 : 4 = 6 con resto 2

24 : 3 = 8 con resto 0 26 : 4 = 6 con resto 2 Dati due numeri naturali a e b, diremo che a è divisibile per b se la divisione a : b è esatta, cioè con resto 0. In questo caso diremo anche che b è un divisore di a. 24 : 3 = 8 con resto 0 26 : 4 = 6

Dettagli

ALGEBRA I: NUMERI INTERI, DIVISIBILITÀ E IL TEOREMA FONDAMENTALE DELL ARITMETICA

ALGEBRA I: NUMERI INTERI, DIVISIBILITÀ E IL TEOREMA FONDAMENTALE DELL ARITMETICA ALGEBRA I: NUMERI INTERI, DIVISIBILITÀ E IL TEOREMA FONDAMENTALE DELL ARITMETICA 1. RICHIAMI SULLE PROPRIETÀ DEI NUMERI NATURALI Ho mostrato in un altra dispensa come ricavare a partire dagli assiomi di

Dettagli

Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee

Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee Se a e b sono numeri interi, si dice che a divide b, in simboli: a b, se e solo se esiste c Z tale che b = ac. Si può subito notare che:

Dettagli

da chi proviene un messaggio?

da chi proviene un messaggio? da chi proviene un messaggio? in un crittosistema simmetrico solo Alice e Bob conoscono la chiave se Bob riceve un messaggio di Alice e la decifratura del messaggio ha senso, il messaggio proviene certamente

Dettagli

Parte 2. Determinante e matrice inversa

Parte 2. Determinante e matrice inversa Parte. Determinante e matrice inversa A. Savo Appunti del Corso di Geometria 013-14 Indice delle sezioni 1 Determinante di una matrice, 1 Teorema di Cramer (caso particolare), 3 3 Determinante di una matrice

Dettagli

ESERCIZI DI PREPARAZIONE E

ESERCIZI DI PREPARAZIONE E ESERCIZI DI PREPARAZIONE E CONSOLIDAMENTO PER I FUTURI STUDENTI DEL PRIMO LEVI si campa anche senza sapere che cos è un equazione, senza sapere suonare uno strumento musicale, senza conoscere il nome del

Dettagli

I SISTEMI DI NUMERAZIONE

I SISTEMI DI NUMERAZIONE ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE G. M. ANGIOY CARBONIA I SISTEMI DI NUMERAZIONE Prof. G. Ciaschetti Fin dall antichità, l uomo ha avuto il bisogno di rappresentare le quantità in modo simbolico. Sono nati

Dettagli

1. Aritmetica Modulare e Applicazioni

1. Aritmetica Modulare e Applicazioni 1. Aritmetica Modulare e Applicazioni Le parti precedute dal simbolo I (adattate dal sistema di aiuto in linea del programma ScientiÞc Workplace) si riferiscono alle procedure da seguire per svolgere i

Dettagli

INTRODUZIONE AGLI ALGORITMI INTRODUZIONE AGLI ALGORITMI INTRODUZIONE AGLI ALGORITMI INTRODUZIONE AGLI ALGORITMI

INTRODUZIONE AGLI ALGORITMI INTRODUZIONE AGLI ALGORITMI INTRODUZIONE AGLI ALGORITMI INTRODUZIONE AGLI ALGORITMI INTRODUZIONE AGLI ALGORITMI Prima di riuscire a scrivere un programma, abbiamo bisogno di conoscere un metodo risolutivo, cioè un metodo che a partire dai dati di ingresso fornisce i risultati attesi.

Dettagli

Aritmetica: operazioni ed espressioni

Aritmetica: operazioni ed espressioni / A SCUOLA DI MATEMATICA Lezioni di matematica a cura di Eugenio Amitrano Argomento n. : operazioni ed espressioni Ricostruzione di un abaco dell epoca romana - Museo RGZ di Magonza (Germania) Libero da

Dettagli

La crittografia a chiave pubblica per giocare e imparare: il gioco del codice RSA (parte prima)

La crittografia a chiave pubblica per giocare e imparare: il gioco del codice RSA (parte prima) La crittografia a chiave pubblica per giocare e imparare: il gioco del codice RSA (parte prima) Franco Eugeni, Raffaele Mascella, Daniela Tondini Premessa. Tra i saperi di interesse per tutte le età scolari

Dettagli

Cifratura a chiave pubblica Sicurezza nelle reti di TLC - Prof. Marco Listanti - A.A. 2008/2009

Cifratura a chiave pubblica Sicurezza nelle reti di TLC - Prof. Marco Listanti - A.A. 2008/2009 Cifratura a chiave pubblica Crittografia a chiave privata Chiave singola Crittografia simmetrica La stessa chiave è utilizzata sia per la cifratura che per la decifratura dei messaggi La chiave rappresenta

Dettagli

Processo di risoluzione di un problema ingegneristico. Processo di risoluzione di un problema ingegneristico

Processo di risoluzione di un problema ingegneristico. Processo di risoluzione di un problema ingegneristico Processo di risoluzione di un problema ingegneristico 1. Capire l essenza del problema. 2. Raccogliere le informazioni disponibili. Alcune potrebbero essere disponibili in un secondo momento. 3. Determinare

Dettagli

Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli

Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli A. Savo Appunti del Corso di Geometria 203-4 Indice delle sezioni Rango di una matrice, 2 Teorema degli orlati, 3 3 Calcolo con l algoritmo di Gauss, 6 4 Matrici

Dettagli

ALGEBRA I: CARDINALITÀ DI INSIEMI

ALGEBRA I: CARDINALITÀ DI INSIEMI ALGEBRA I: CARDINALITÀ DI INSIEMI 1. CONFRONTO DI CARDINALITÀ E chiaro a tutti che esistono insiemi finiti cioè con un numero finito di elementi) ed insiemi infiniti. E anche chiaro che ogni insieme infinito

Dettagli

Corso di Informatica Generale (C. L. Economia e Commercio) Ing. Valerio Lacagnina Rappresentazione dell informazione negli elaboratori

Corso di Informatica Generale (C. L. Economia e Commercio) Ing. Valerio Lacagnina Rappresentazione dell informazione negli elaboratori Informazione e computer Si può rappresentare l informazione attraverso varie forme: Numeri Testi Suoni Immagini 0001010010100101010 Computer Cerchiamo di capire come tutte queste informazioni possano essere

Dettagli

Dimensione di uno Spazio vettoriale

Dimensione di uno Spazio vettoriale Capitolo 4 Dimensione di uno Spazio vettoriale 4.1 Introduzione Dedichiamo questo capitolo ad un concetto fondamentale in algebra lineare: la dimensione di uno spazio vettoriale. Daremo una definizione

Dettagli

un nastro di carta prolungabile a piacere e suddiviso in celle vuote o contenenti al più un unico carattere;

un nastro di carta prolungabile a piacere e suddiviso in celle vuote o contenenti al più un unico carattere; Algoritmi 3 3.5 Capacità di calcolo Il matematico inglese Alan Turing (1912-1954) descrisse nel 1936 un tipo di automi, oggi detti macchine di Turing, e fornì una della prime definizioni rigorose di esecuzione

Dettagli

SISTEMI DI NUMERAZIONE DECIMALE E BINARIO

SISTEMI DI NUMERAZIONE DECIMALE E BINARIO SISTEMI DI NUMERAZIONE DECIMALE E BINARIO Il sistema di numerazione decimale (o base dieci) possiede dieci possibili valori (0, 1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8 o 9) utili a rappresentare i numeri. Le cifre possiedono

Dettagli

Insiemi con un operazione

Insiemi con un operazione Capitolo 3 Insiemi con un operazione 3.1 Gruppoidi, semigruppi, monoidi Definizione 309 Un operazione binaria su un insieme G è una funzione: f : G G G Quindi, un operazione binaria f su un insieme G è

Dettagli

Analisi di programmi: Crittografia

Analisi di programmi: Crittografia Analisi di programmi: Crittografia Come caso concreto di sistema, proviamo ad abbozzare e a vedere una prima implementazione di un sistema di crittografia a chiave pubblica La crittografia studia le tecniche

Dettagli

Dispense di Informatica per l ITG Valadier

Dispense di Informatica per l ITG Valadier La notazione binaria Dispense di Informatica per l ITG Valadier Le informazioni dentro il computer All interno di un calcolatore tutte le informazioni sono memorizzate sottoforma di lunghe sequenze di

Dettagli

TEORIA DEI NUMERI SUCCESSIONI

TEORIA DEI NUMERI SUCCESSIONI Liceo Scientifico G. Salvemini Corso di preparazione per la gara provinciale delle OLIMPIADI DELLA MATEMATICA INTRO TEORIA DEI NUMERI SUCCESSIONI NUMERI INTERI QUESITO Un quesito (facile) sulle cifre:

Dettagli

Lezione 6. Divisibilità e divisori. Teorema di divisione euclidea. Algoritmo delle divisioni successive.

Lezione 6. Divisibilità e divisori. Teorema di divisione euclidea. Algoritmo delle divisioni successive. Lezione 6 Prerequisiti: L'insieme dei numeri interi. Lezione 5. Divisibilità e divisori. Teorema di divisione euclidea. Algoritmo delle divisioni successive. Questa è la prima lezione dedicata all'anello

Dettagli

Logica Numerica Approfondimento 1. Minimo Comune Multiplo e Massimo Comun Divisore. Il concetto di multiplo e di divisore. Il Minimo Comune Multiplo

Logica Numerica Approfondimento 1. Minimo Comune Multiplo e Massimo Comun Divisore. Il concetto di multiplo e di divisore. Il Minimo Comune Multiplo Logica Numerica Approfondimento E. Barbuto Minimo Comune Multiplo e Massimo Comun Divisore Il concetto di multiplo e di divisore Considerato un numero intero n, se esso viene moltiplicato per un numero

Dettagli

0. Piano cartesiano 1

0. Piano cartesiano 1 0. Piano cartesiano Per piano cartesiano si intende un piano dotato di due assi (che per ragioni pratiche possiamo scegliere ortogonali). Il punto in comune ai due assi è detto origine, e funziona da origine

Dettagli

un protocollo è costituito da una serie di passi (step) e coinvolge due o più persone (parti, entità) allo scopo di svolgere un incarico

un protocollo è costituito da una serie di passi (step) e coinvolge due o più persone (parti, entità) allo scopo di svolgere un incarico protocolli un protocollo è costituito da una serie di passi (step) e coinvolge due o più persone (parti, entità) allo scopo di svolgere un incarico proprietà ogni persona coinvolta deve conoscere il protocollo

Dettagli

I sistemi di numerazione

I sistemi di numerazione I sistemi di numerazione 01-INFORMAZIONE E SUA RAPPRESENTAZIONE Sia dato un insieme finito di caratteri distinti, che chiameremo alfabeto. Utilizzando anche ripetutamente caratteri di un alfabeto, si possono

Dettagli

set 19 9.19 numeri la cui somma delle cifre dà un multiplo di tre sono divisibili per tre.

set 19 9.19 numeri la cui somma delle cifre dà un multiplo di tre sono divisibili per tre. MULTIPLO: IL NUMERO CHE CONTIENE UN ALTRO NUMERO UN CERTO NUMERO DI VOLTE ESATTAMENTE. LI ( I MULTIPLI) OTTENGO MOLTIPLICANDO UN NUMERO PER QUALSIASI ALTRO NUMERO: IL PRODOTTO é IL MULTIPLO. IL MULTIPLO

Dettagli

Numeri naturali numeri naturali minore maggiore Operazioni con numeri naturali

Numeri naturali numeri naturali minore maggiore Operazioni con numeri naturali 1 Numeri naturali La successione di tutti i numeri del tipo: 0,1, 2, 3, 4,..., n,... forma l'insieme dei numeri naturali, che si indica con il simbolo N. Tale insieme si può disporre in maniera ordinata

Dettagli

Crittografia a chiave pubblica

Crittografia a chiave pubblica Crittografia a chiave pubblica Cifrari simmetrici Barbara Masucci Dipartimento di Informatica ed Applicazioni Università di Salerno masucci@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/masucci canale

Dettagli

razionali Figura 1. Rappresentazione degli insiemi numerici Numeri reali algebrici trascendenti frazionari decimali finiti

razionali Figura 1. Rappresentazione degli insiemi numerici Numeri reali algebrici trascendenti frazionari decimali finiti 4. Insiemi numerici 4.1 Insiemi numerici Insieme dei numeri naturali = {0,1,,3,,} Insieme dei numeri interi relativi = {..., 3,, 1,0, + 1, +, + 3, } Insieme dei numeri razionali n 1 1 1 1 = : n, m \{0}

Dettagli

5 Radici primitive dell unità e congruenze del tipo

5 Radici primitive dell unità e congruenze del tipo 5 Radici primitive dell unità e congruenze del tipo X m a (mod n ) Oggetto di questo paragrafo è lo studio della risolubilità di congruenze del tipo: X m a (mod n) con m, n, a Z ed m, n > 0. Per l effettiva

Dettagli

I SISTEMI DI NUMERAZIONE E LA NUMERAZIONE BINARIA

I SISTEMI DI NUMERAZIONE E LA NUMERAZIONE BINARIA I SISTEMI DI NUMERAZIONE E LA NUMERAZIONE BINARIA Indice Introduzione Il sistema decimale Il sistema binario Conversione di un numero da base 10 a base 2 e viceversa Conversione in altri sistemi di numerazione

Dettagli

11) convenzioni sulla rappresentazione grafica delle soluzioni

11) convenzioni sulla rappresentazione grafica delle soluzioni 2 PARAGRAFI TRATTATI 1)La funzione esponenziale 2) grafici della funzione esponenziale 3) proprietá delle potenze 4) i logaritmi 5) grafici della funzione logaritmica 6) principali proprietá dei logaritmi

Dettagli

Matematica generale CTF

Matematica generale CTF Successioni numeriche 19 agosto 2015 Definizione di successione Monotonìa e limitatezza Forme indeterminate Successioni infinitesime Comportamento asintotico Criterio del rapporto per le successioni Definizione

Dettagli

Risoluzione. Eric Miotto Corretto dal prof. Silvio Valentini 15 giugno 2005

Risoluzione. Eric Miotto Corretto dal prof. Silvio Valentini 15 giugno 2005 Risoluzione Eric Miotto Corretto dal prof. Silvio Valentini 15 giugno 2005 1 Risoluzione Introdurremo ora un metodo per capire se un insieme di formule è soddisfacibile o meno. Lo vedremo prima per insiemi

Dettagli

Semantica operazionale dei linguaggi di Programmazione

Semantica operazionale dei linguaggi di Programmazione Semantica operazionale dei linguaggi di Programmazione Oggetti sintattici e oggetti semantici Rosario Culmone, Luca Tesei Lucidi tratti dalla dispensa Elementi di Semantica Operazionale R. Barbuti, P.

Dettagli

L anello dei polinomi

L anello dei polinomi L anello dei polinomi Sia R un anello commutativo con identità. È possibile costruire un anello commutativo unitario, che si denota con R[x], che contiene R (come sottoanello) e un elemento x non appartenente

Dettagli

ESERCIZI DI ALGEBRA LINEARE E GEOMETRIA

ESERCIZI DI ALGEBRA LINEARE E GEOMETRIA ESERCIZI DI ALGEBRA LINEARE E GEOMETRIA Francesco Bottacin Padova, 24 febbraio 2012 Capitolo 1 Algebra Lineare 1.1 Spazi e sottospazi vettoriali Esercizio 1.1. Sia U il sottospazio di R 4 generato dai

Dettagli

Matematica in laboratorio

Matematica in laboratorio Unità 1 Attività guidate Attività 1 Foglio elettronico Divisibilità tra numeri naturali Costruisci un foglio di lavoro per determinare se a è divisibile per b, essendo a e b due numeri naturali, con a

Dettagli

1 Sistema additivo e sistema posizionale

1 Sistema additivo e sistema posizionale Ci sono solamente 10 tipi di persone nel mondo: chi comprende il sistema binario e chi no. Anonimo I sistemi di numerazione e la numerazione binaria 1 Sistema additivo e sistema posizionale Contare per

Dettagli

Lezioni di Matematica 1 - I modulo

Lezioni di Matematica 1 - I modulo Lezioni di Matematica 1 - I modulo Luciano Battaia 16 ottobre 2008 Luciano Battaia - http://www.batmath.it Matematica 1 - I modulo. Lezione del 16/10/2008 1 / 13 L introduzione dei numeri reali si può

Dettagli

Crittografia. Primalità e Fattorizzazione. Corso di Laurea Specialistica. in Informatica

Crittografia. Primalità e Fattorizzazione. Corso di Laurea Specialistica. in Informatica Crittografia Corso di Laurea Specialistica in Informatica Primalità e Fattorizzazione Alberto Leporati Dipartimento di Informatica, Sistemistica e Comunicazione Università degli Studi di Milano Bicocca

Dettagli

Scheda I. 3 La non possibilità di duplicare il cubo con riga e compasso.

Scheda I. 3 La non possibilità di duplicare il cubo con riga e compasso. Scheda I. La non possibilità di duplicare il cubo con riga e compasso. Dopo Menecmo, Archita, Eratostene molti altri, sfidando gli dei hanno trovato interessante dedicare il loro tempo per trovare una

Dettagli

Studio di funzioni ( )

Studio di funzioni ( ) Studio di funzioni Effettuare uno studio qualitativo e tracciare un grafico approssimativo delle seguenti funzioni. Si studi in particolare anche la concavità delle funzioni e si indichino esplicitamente

Dettagli

Scambio delle chiavi. mercoledì 7 dicembre 2011

Scambio delle chiavi. mercoledì 7 dicembre 2011 Scambio delle chiavi 1 mercoledì 7 dicembre 2011 Distribuzione della chiave Dati due terminali A e B, si possono avere varie alternative per la distribuzione delle chiavi. 1. A sceglie una chiave e la

Dettagli

Siamo così arrivati all aritmetica modulare, ma anche a individuare alcuni aspetti di come funziona l aritmetica del calcolatore come vedremo.

Siamo così arrivati all aritmetica modulare, ma anche a individuare alcuni aspetti di come funziona l aritmetica del calcolatore come vedremo. DALLE PESATE ALL ARITMETICA FINITA IN BASE 2 Si è trovato, partendo da un problema concreto, che con la base 2, utilizzando alcune potenze della base, operando con solo addizioni, posso ottenere tutti

Dettagli

! La crittoanalisi è invece la scienza che cerca di aggirare o superare le protezioni crittografiche, accedendo alle informazioni protette

! La crittoanalisi è invece la scienza che cerca di aggirare o superare le protezioni crittografiche, accedendo alle informazioni protette Crittografia Cenni Damiano Carra Università degli Studi di Verona Dipartimento di Informatica La crittografia! Scienza che si occupa di proteggere l informazione rendendola sicura, in modo che un utente

Dettagli

Proof. Dimostrazione per assurdo. Consideriamo l insieme complementare di P nell insieme

Proof. Dimostrazione per assurdo. Consideriamo l insieme complementare di P nell insieme G Pareschi Principio di induzione Il Principio di Induzione (che dovreste anche avere incontrato nel Corso di Analisi I) consente di dimostrare Proposizioni il cui enunciato è in funzione di un numero

Dettagli

Anelli a fattorizzazione unica. Domini ad ideali principali. Anelli Euclidei

Anelli a fattorizzazione unica. Domini ad ideali principali. Anelli Euclidei Capitolo 5: Anelli speciali: Introduzione: Gli anelli speciali sono anelli dotati di ulteriori proprietà molto forti che ne rendono agevole lo studio. Anelli euclidei Domini ad ideali principali Anelli

Dettagli

Alcune nozioni preliminari di teoria elementare di insiemi e funzioni

Alcune nozioni preliminari di teoria elementare di insiemi e funzioni Alcune nozioni preliminari di teoria elementare di insiemi e funzioni Alberto Pinto Corso di Matematica - NUCT 1 Insiemi 1.1 Generalità Diamo la definizione di insieme secondo Georg Cantor, matematico

Dettagli

PROPRIETA' ASSOCIATIVA La somma di tre o più addendi non cambia se al posto di alcuni di essi si sostituisce la loro somma.

PROPRIETA' ASSOCIATIVA La somma di tre o più addendi non cambia se al posto di alcuni di essi si sostituisce la loro somma. Addizione: PROPRIETA' COMMUTATIVA Cambiando l'ordine degli addendi la somma non cambia. 1) a + b = b + a PROPRIETA' ASSOCIATIVA La somma di tre o più addendi non cambia se al posto di alcuni di essi si

Dettagli

LICEO STATALE ENRICO MEDI CON INDIRIZZI:

LICEO STATALE ENRICO MEDI CON INDIRIZZI: Verbale del primo incontro con gli studenti: Martedì 12 Novembre 2013, ore 13:45 16:45 Dopo una breve introduzione alle finalità del Progetto dal titolo Crittografia e crittanalisi, viene illustrato con

Dettagli

IL CALCOLO VETTORIALE (SUPPLEMENTO AL LIBRO)

IL CALCOLO VETTORIALE (SUPPLEMENTO AL LIBRO) IL CALCOLO VETTORIALE SUPPLEMENTO AL LIBRO CLAUDIO BONANNO Contents. Campi di vettori e operatori 2. Il lavoro di un campo di vettori 5 2.. Lavoro e campi conservativi 6 2.2. Lavoro e campi irrotazionali:

Dettagli

II.f. Altre attività sull euro

II.f. Altre attività sull euro Altre attività sull euro II.f È consigliabile costruire modelli in carta o cartoncino di monete e banconote, e farli usare ai bambini in varie attività di classe fin dal primo o al più dal secondo anno.

Dettagli

Progetto costo I. O. I.A. A 5 9 4 B 8 15 9 C 4 3 3 D 9 7 1

Progetto costo I. O. I.A. A 5 9 4 B 8 15 9 C 4 3 3 D 9 7 1 Tecniche di Valutazione Economica Processo di aiuto alla decisione lezione 13.04.2005 Modello di valutazione Dobbiamo riuscire a mettere insieme valutazioni che sono espresse con dimensioni diverse. Abbiamo

Dettagli

3 Il problema dell impacchettamento come problema

3 Il problema dell impacchettamento come problema 3 Il problema dell impacchettamento come problema NP - Le partizioni di numeri e i Taxicab come possibili esempi di soluzione Francesco Di Noto, Michele Nardelli, Pierfrancesco Roggero Abstract In this

Dettagli

Sistema di numerazione binario, operazioni relative e trasformazione da base due a base dieci e viceversa di Luciano Porta

Sistema di numerazione binario, operazioni relative e trasformazione da base due a base dieci e viceversa di Luciano Porta Sistema di numerazione binario, operazioni relative e trasformazione da base due a base dieci e viceversa di Luciano Porta Anche se spesso si afferma che il sistema binario, o in base 2, fu inventato in

Dettagli

Il sistema di crittografia NTRU

Il sistema di crittografia NTRU Il sistema di crittografia NTRU Stefano Vaccari 2148 061247 Relazione per il corso di Sistemi Informativi II Tecnologie per la Sicurezza Luglio 2003 1 Crittografia a chiave pubblica Tra i sistemi di protezione

Dettagli

Esempio II.1.2. Esempio II.1.3. Esercizi

Esempio II.1.2. Esempio II.1.3. Esercizi Calcolo combinatorio Il calcolo combinatorio consiste nello sviluppo di nozioni e tecniche per contare i possibili ordinamenti di un insieme e le possibili scelte di sottoinsiemi di un insieme Ha numerosi

Dettagli

RAPPRESENTAZIONE DEI NUMERI BINARI. Corso di Fondamenti di Informatica AA 2010-2011

RAPPRESENTAZIONE DEI NUMERI BINARI. Corso di Fondamenti di Informatica AA 2010-2011 RAPPRESENTAZIONE DEI NUMERI BINARI Corso di Fondamenti di Informatica AA 2010-2011 Prof. Franco Zambonelli Numeri interi positivi Numeri interi senza segno Caratteristiche generali numeri naturali (1,2,3,...)

Dettagli

1. PRIME PROPRIETÀ 2

1. PRIME PROPRIETÀ 2 RELAZIONI 1. Prime proprietà Il significato comune del concetto di relazione è facilmente intuibile: due elementi sono in relazione se c è un legame tra loro descritto da una certa proprietà; ad esempio,

Dettagli

G. Pareschi GENERALITÀ SULLE FUNZIONI. CARDINALITÀ

G. Pareschi GENERALITÀ SULLE FUNZIONI. CARDINALITÀ G. Pareschi GENERALITÀ SULLE FUNZIONI. CARDINALITÀ 1. Definizione di funzione Definizione 1.1. Siano X e Y due insiemi. Una funzione f da X a Y è un sottoinsieme del prodotto cartesiano: f X Y, tale che

Dettagli

Alcune nozioni di base di Logica Matematica

Alcune nozioni di base di Logica Matematica Alcune nozioni di base di Logica Matematica Ad uso del corsi di Programmazione I e II Nicola Galesi Dipartimento di Informatica Sapienza Universitá Roma November 1, 2007 Questa é una breve raccolta di

Dettagli

MICROECONOMIA La teoria del consumo: Alcuni Arricchimenti. Enrico Saltari Università di Roma La Sapienza

MICROECONOMIA La teoria del consumo: Alcuni Arricchimenti. Enrico Saltari Università di Roma La Sapienza MICROECONOMIA La teoria del consumo: Alcuni Arricchimenti Enrico Saltari Università di Roma La Sapienza 1 Dotazioni iniziali Il consumatore dispone ora non di un dato reddito monetario ma di un ammontare

Dettagli

Indice generale. Modulo 1 Algebra 2

Indice generale. Modulo 1 Algebra 2 Indice generale Modulo 1 Algebra 2 Capitolo 1 Scomposizione in fattori. Equazioni di grado superiore al primo 1.1 La scomposizione in fattori 2 1.2 Raccoglimento a fattor comune 3 1.3 Raccoglimenti successivi

Dettagli

Il simbolo. è è = = = In simboli: Sia un numero naturale diverso da zero, il radicale. Il radicale. esiste. esiste 0 Il radicale

Il simbolo. è è = = = In simboli: Sia un numero naturale diverso da zero, il radicale. Il radicale. esiste. esiste 0 Il radicale Radicali 1. Radice n-esima Terminologia Il simbolo è detto radicale. Il numero è detto radicando. Il numero è detto indice del radicale. Il numero è detto coefficiente del radicale. Definizione Sia un

Dettagli

DIARIO DEL CORSO DI ALGEBRA A.A. 2013/14 DOCENTE: ANDREA CARANTI

DIARIO DEL CORSO DI ALGEBRA A.A. 2013/14 DOCENTE: ANDREA CARANTI DIARIO DEL CORSO DI ALGEBRA A.A. 2013/14 DOCENTE: ANDREA CARANTI Lezione 1. lunedí 16 settembre 2013 (2 ore) Presentazione del corso. Esercizio: cosa succede a moltiplicare per 2, 3, 4,... il numero 142857,

Dettagli

I SISTEMI DI NUMERAZIONE

I SISTEMI DI NUMERAZIONE Istituto di Istruzione Superiore G. Curcio Ispica I SISTEMI DI NUMERAZIONE Prof. Angelo Carpenzano Dispensa di Informatica per il Liceo Scientifico opzione Scienze Applicate Sommario Sommario... I numeri...

Dettagli

PROGETTO LAUREE SCIENTIFICHE -MATEMATICA 2006/2007 Modelli Matematici per la Società Incontro del 15.02.07

PROGETTO LAUREE SCIENTIFICHE -MATEMATICA 2006/2007 Modelli Matematici per la Società Incontro del 15.02.07 PROGETTO LAUREE SCIENTIFICHE -MATEMATICA 2006/2007 Modelli Matematici per la Società Incontro del 15.02.07 CODICI MONOALFABETICI E ANALISI DELLE FREQUENZE (organizzata da Francesca Visentin) Riprendiamo

Dettagli

L Ultimo Teorema di Fermat per n = 3 e n = 4

L Ultimo Teorema di Fermat per n = 3 e n = 4 Università degli Studi di Cagliari Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Matematica L Ultimo Teorema di Fermat per n = 3 e n = 4 Relatore Prof. Andrea Loi Tesi di Laurea

Dettagli

Prob(CCCCCCCCCC) = 1 2 10

Prob(CCCCCCCCCC) = 1 2 10 12. Contenuto di Informazione Algoritmico (AIC) - 17/05/12 Vogliamo adesso introdurre una nozione di contenuto di informazione di una stringa infinita, prodotta da una sorgente di informazione, che non

Dettagli

CORSO BIELLA CONCETTI FONDAMENTALI DI ARITMETICA, ALGEBRA E GEOMETRIA PER LA SCUOLA DELL OBBLIGO MARTEDI 19/02/2013 TEMA

CORSO BIELLA CONCETTI FONDAMENTALI DI ARITMETICA, ALGEBRA E GEOMETRIA PER LA SCUOLA DELL OBBLIGO MARTEDI 19/02/2013 TEMA CORSO BIELLA CONCETTI FONDAMENTALI DI ARITMETICA, ALGEBRA E GEOMETRIA PER LA SCUOLA DELL OBBLIGO MARTEDI 19/02/201 TEMA OPERAZIONI CON I NUMERI E LORO PROPRIETA. NASCONO LE STRUTTURE ALGEBRICHE. 1 TESTO

Dettagli

ALGORITMI 1. GLI ALGORITMI 2. IL LINGUAGGIO DI PROGETTO

ALGORITMI 1. GLI ALGORITMI 2. IL LINGUAGGIO DI PROGETTO ALGORITMI 1. GLI ALGORITMI Un algoritmo è la descrizione del percorso risolutivo di un problema per giungere dai dati iniziali ai risultati finali. Scriviamo l algoritmo pensando di rivolgerci a un esecutore,

Dettagli

Esercizi su lineare indipendenza e generatori

Esercizi su lineare indipendenza e generatori Esercizi su lineare indipendenza e generatori Per tutto il seguito, se non specificato esplicitamente K indicherà un campo e V uno spazio vettoriale su K Cose da ricordare Definizione Dei vettori v,,v

Dettagli

ISTITUZIONI DI MATEMATICHE E FONDAMENTI DI BIOSTATISTICA. 2. Insiemi numerici. A. A. 2014-2015 L.Doretti

ISTITUZIONI DI MATEMATICHE E FONDAMENTI DI BIOSTATISTICA. 2. Insiemi numerici. A. A. 2014-2015 L.Doretti ISTITUZIONI DI MATEMATICHE E FONDAMENTI DI BIOSTATISTICA 2. Insiemi numerici A. A. 2014-2015 L.Doretti 1 INSIEMI NUMERICI rappresentano la base su cui la matematica si è sviluppata costituiscono le tappe

Dettagli

Codici Numerici. Modifica dell'informazione. Rappresentazione dei numeri.

Codici Numerici. Modifica dell'informazione. Rappresentazione dei numeri. Codici Numerici. Modifica dell'informazione. Rappresentazione dei numeri. A partire da questa lezione, ci occuperemo di come si riescono a codificare con sequenze binarie, quindi con sequenze di 0 e 1,

Dettagli

Informazione analogica e digitale

Informazione analogica e digitale L informazione L informazione si può: rappresentare elaborare gestire trasmettere reperire L informatica offre la possibilità di effettuare queste operazioni in modo automatico. Informazione analogica

Dettagli

DOMINI A FATTORIZZAZIONE UNICA

DOMINI A FATTORIZZAZIONE UNICA DOMINI A FATTORIZZAZIONE UNICA CORSO DI ALGEBRA, A.A. 2012-2013 Nel seguito D indicherà sempre un dominio d integrità cioè un anello commutativo con unità privo di divisori dello zero. Indicheremo con

Dettagli

Le equazioni. Diapositive riassemblate e rielaborate da prof. Antonio Manca da materiali offerti dalla rete.

Le equazioni. Diapositive riassemblate e rielaborate da prof. Antonio Manca da materiali offerti dalla rete. Le equazioni Diapositive riassemblate e rielaborate da prof. Antonio Manca da materiali offerti dalla rete. Definizione e caratteristiche Chiamiamo equazione l uguaglianza tra due espressioni algebriche,

Dettagli

1.2 Funzioni, dominio, codominio, invertibilità elementare, alcune identità trigonometriche

1.2 Funzioni, dominio, codominio, invertibilità elementare, alcune identità trigonometriche . Funzioni, dominio, codominio, invertibilità elementare, alcune identità trigonometriche Per le definizioni e teoremi si fa riferimento ad uno qualsiasi dei libri M.Bertsch - R.Dal Passo Lezioni di Analisi

Dettagli

AREA MATEMATICO-SCIENTIFICO-TECNOLOGICA MATEMATICA

AREA MATEMATICO-SCIENTIFICO-TECNOLOGICA MATEMATICA AREA MATEMATICO-SCIENTIFICO-TECNOLOGICA MATEMATICA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO. L alunno ha rafforzato un atteggiamento positivo rispetto

Dettagli

La sezione di Matematica della prova nazionale

La sezione di Matematica della prova nazionale La sezione di Matematica della prova nazionale Giorgio Bolondi Roma, 18 aprile 2008 Presentazione Prova Nazionale 1 Cosa può valutare? I diversi processi valutativi messi in atto dall insegnante accompagnano

Dettagli

Matematica finanziaria: svolgimento della prova di esame del 4 settembre 2007 1

Matematica finanziaria: svolgimento della prova di esame del 4 settembre 2007 1 Matematica finanziaria: svolgimento della prova di esame del 4 settembre. Calcolare il montante che si ottiene dopo anni con un investimento di e in regime nominale al tasso annuale del % pagabile due

Dettagli