Gli Intermediari Finanziari, specializzati nella concessione di finanziamenti, a seguito dell'avvento del nuovo art. 106

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Gli Intermediari Finanziari, specializzati nella concessione di finanziamenti, a seguito dell'avvento del nuovo art. 106"

Transcript

1 Gli Intermediari Finanziari, specializzati nella concessione di finanziamenti, a seguito dell'avvento del nuovo art. 106 dr. Dott. Roberto Bramato Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità delle società di appartenenza Riproduzione vietata/partial or total reproduction and trasmission is forbidden Febbraio, Introduzione Il presente documento, con fine puramente divulgativo, tende a realizzare un'estrema quanto semplice sintesi dello scenario normativo 1, quindi operativo, che interessa gli intermediari finanziari attualmente iscritti all Elenco Generale (vecchio art.106) del Testo Unico Bancario. Si è optato, pertanto, per l inserimento solo in nota di particolari riferimenti normativi, commenti ed approfondimenti. La prima parte sarà dedicata ad un sunto delle norme ed al loro impatto sulla struttura organizzativa degli intermediari finanziari, mentre la seconda ad alcuni spunti di riflessione in ordine al nuovo scenario che si potrebbe configurare. 2. Art. 106: una visione d insieme L art del Testo Unico Bancario, relativo al D.Lgs. 385/93, che ha una genesi molto particolare le cui origini possono addirittura ascriversi al , perimetra la cosiddetta attività extrabancaria, definizione risalente ai primi commentari in materia. Tralasciando l analisi puntuale sulla intervenuta modifica del Titolo V del Tub, cerchiamo di focalizzare l attenzione, sull impatto che le norme in questione possono determinare sull operatività 1 L obiettivo è quello di segnalare, procedendo a grandi linee, le tematiche d interesse, muovendosi tra il novellato Testo Unico Bancario e lo schema di Disposizioni di Vigilanza per gli Intermediari Finanziari posto in consultazione pubblica a Gennaio 2012 e non ancora emanato in maniera definitiva. 2 Art.106 del Testo Unico Bancario, riferito all' Elenco Generale degli intermediari finanziari, secondo la formulazione antecedente al D.Lgs. 141/ Legge 197/91 relativa all attività antiriciclaggio. Pagina 1

2 dei soggetti iscritti all Elenco Generale. Risulta evidente come, la nuova fisionomia del Titolo V del Tub, nel trittico degli articoli 106, 107 e 108 4, ridisegni completamente l'assetto patrimoniale ed organizzativo degli intermediari iscritti. In sostanza, le società attive nel comparto delle attività finanziarie (delle quali peraltro non faranno più parte le società che esercitano l attività di assunzione di partecipazioni 5 ), si impegneranno ad adeguare la propria struttura, secondo regole e principi già noti alle attuali società finanziarie iscritte all Elenco Speciale di cui al vecchio art.107. In questo senso, infatti, sempre più ci si riferisce al novellato modello di società finanziaria contemplato dall'aggiornato art.106, facendo propri, nella discussione, temi, concetti e capisaldi, come la corporate governance, i controlli interni, la sana e prudente gestione, che negli anni hanno rappresentato le argomentazioni sulle quali costruire la struttura organizzativa e l operatività dei soggetti iscritti all Elenco Speciale. Il nuovo iter autorizzativo, contempla un'unica 6 modalità d'iscrizione all'albo degli intermediari finanziari ed è scandito dalle emanande disposizioni di vigilanza di Banca d Italia, nei modi oltre che nei tempi 7. In riferimento a questi ultimi, infatti, nulla mutando in futuro, ogni soggetto attualmente iscritto all Elenco Generale (vecchio art.106) avrà 9 mesi di tempo per presentare istanza autorizzativa al nuovo Albo, a differenza dei soggetti iscritti all Elenco Speciale (vecchio art.107), per i quali è previsto un termine pari a massimo 3 mesi 8. I termini decoreranno a far data dall entrata in vigore delle disposizioni attuative ancora in fase di definizione 9. La quasi equivalenza sostanziale tra il futuro modello art.106 e l attuale modello definito dall art.107 non rappresenta l unica immediata evidenza di come legislativamente si sia agito nel senso di circoscrivere con un maggior grado di definizione l esercizio dell attività riservata, infatti è difficile non rendersi subito conto dell ulteriore volontà di ridisegnare la morfologia di questi operatori facendola tendere ad un modello di quasi-banca. Potrebbe essere questa la chiave di lettura del novellato art.110 del Tub, il disposto del quale è un rinvio alle disposizioni in quanto compatibili, dei Titoli II, III e IV del Tub, relativi alle banche 10. L evoluzione legislativa, qualora venisse portata a compimento dalla normativa secondaria, nella maniera in cui è prevista attualmente, mostrerebbe la chiara intenzione del legislatore di creare un sistema di maggior solidità ed affidabilità ed all interno del quale i soggetti operanti dovranno essersi dotati, oltre che di maggior capitale, anche di una struttura più efficacemente predisposta alla risposta 4 TRoberto Bramato, Il nuovo Art. 106 Tub: l Intermediario Finanziario Vigilato, in Approfondimenti del Febbraio 2013, 5 Il nuovo Titolo V del Tub non contempla più tra le attività riservate quella di "assunzione di partecipazioni" di cui alla precedente formulazione degli art.106 ed anche art.113. Vengono, quindi, ridefiniti i confini della riserva di legge rispetto alla previgente formulazione. 6 n esisterà più a regime, la distinzione tra intermediari contemplati dai vecchi art.106 e art.107. Nel nuovo regime, l autorizzazione e l iscrizione nell albo hanno sostituito l iscrizione negli elenchi generale o speciale, previgente Titolo V del Tub, secondo l attuale contenuto delle disposizioni di cui alla consultazione pubblica del Gennaio I tempi sono definiti all interno del D.Lgs. 141/2010, mentre l entrata in vigore delle disposizioni attuative determinerà la data di decorrenza dal termine come suddetto. 8 D.Lgs. 141/2010, articolo 10, Disposizioni transitorie e finali. 9 Per esigenze di estrema chiarezza, a partire dal termine citato, ogni soggetto iscritto all Elenco Generale (vecchio art. 106), potrà continuare ad esercitare la propria attività per un periodo di 12 mesi, decorsi i quali senza aver presentato istanza autorizzativa al nuovo art. 106, dovrà modificare il proprio oggetto sociale per far sì che non comprenda attività riservate per legge oppure dovrà deliberare la liquidazione della società. 10 Si rammenta inoltre che in base al nuovo Art. 110 del Tub, agli intermediari finanziari si applicano, in quanto compatibili, le disposizioni contenute negli articoli 19, 20, 21, 22, 23, 24, 25, 26, 47, 52, 61, commi 4 e 5, 62, 63, 64, 78, 79 e 82. Pagina 2

3 ai rischi che l esercizio dell attività comporta. Il risk management assume, forse per la prima volta 11, nel modus operandi proprio del comparto degli operatori riconducibili al nuovo art.106 una rilevanza assolutamente fondamentale, a presidio di ogni fonte di rischio che può investire l intermediario finanziario. Ciò non toglie, tuttavia, che le società attive, alcune delle quali forti di una storicità ultradecennale, siano già oggi (ovvero soggetti che erogano credito assumendo rischi in proprio) perfettamente compliant rispetto alle regole ed agli obblighi a loro imposti, pur nella loro dimensione talvolta contenuta e negli organici assolutamente ridotti nel numero, avendo negli anni sviluppato e acquisito sul mercato le necessarie competenze e professionalità. E richiesto, agli intermediari finanziari di conformarsi alle nuove disposizioni predisponendo interventi di adeguamento relativamente al capitale, alle risorse umane, alla struttura, potenziando le funzioni di presidio dei rischi, di gestione e controllo, di amministrazione e contabilità, razionalizzando e migliorando i flussi informativi interni tra le differenti aree, garantendo una sana e prudente gestione nonché la continuità dell operatività aziendale. Per poter continuare ad operare è quindi imprescindibile agire con il fine di ottenere l autorizzazione, in ottemperanza all art , da parte della Banca d Italia. L iter prevede, al momento, step e prerogative ben definite, tra cui: Capitale minimo iniziale pari ad Euro o pari ad Euro qualora si eserciti l attività di garanzia 13. Presentazione di un programma di attività relativo al primo triennio e contenente informazioni in ordine all organizzazione, agli obiettivi economico/finanziari contingenti e prospettici, ai rischi di II pilastro ed al loro contenimento, ed altre informazioni di tipo qualiquantitativo. Funzioni di controllo (Risk Management, Compliance e Internal Audit,) separate, a presidio di diversi rischi connessi a diverse aree di attività dell intermediario 14. Verifica dei requisiti di onorabilità, professionalità e indipendenza degli esponenti aziendali. Adozione ai fini contabili dei principi IAS, International Accountig Standard. Pieno assoggettamento alla Vigilanza Informativa di Banca d Italia attraverso l invio di segnalazioni periodiche 15. Ricorso all ICAAP (Internal Capital Adequacy Assessment Process) per la valutazione dell adeguatezza patrimoniale. Limiti all assunzione dei rischi, per non incorrere nella concentrazione eccessiva degli stessi. Revisione legale dei conti da parte di società specializzate. 11 Almeno in alcune strutture di dimensioni minori, al momento non risultano presenti divisioni/unità adibite al risk management, nel senso stretto dell attività che l espressione in questione (risk management) definisce. 12 Si noti come, la terminologia faccia riferimento al termine di autorizzazione proprio per sottolineare come sia esclusa ogni forma di passaggio automatico a partire dall attuale Elenco Generale. 13 Disposizioni di vigilanza per gli intermediari finanziari (bozza per la consultazione), attuazione del D.Lgs. 13 Agosto 2010, paragrafo 2.1, pagina 4, 14 In particolare, per tenere conto dei profili di rischio specifici e della maggiore complessità operativa, lo schema di disposizioni prevede che gli intermediari che prestano più attività non possano avvalersi della facoltà di concentrare in un unica funzione le diverse attività di controllo. 15 Ad oggi limitate all invio di poche informazioni di tipo quali-quantitativo, per gli intermediari finanziari iscritti al vecchio art Pagina 3

4 Le evidenze citate rappresentano alcuni dei capisaldi dello schema delle Disposizioni di Vigilanza. Tabella Sintetica Intermediari Art. 106 (ante Intermediari Art. 106 (post riforma) riforma) Capitale Euro Euro Sociale Revisione Contabile Adeguatezza Patrimoniale Principi IAS ICAAP Adeguatezza Organizzativo- Procedurale Segnalazioni Statistiche di Vigilanza Centrale Rischi B.I. Altre Segnalazioni e Comunicazioni Minima e limitata ad alcuni presidi di controllo 16 Segnalazioni Limitate ad alcune informazioni quali-quantitative (ricorrenza semestrale) (Anagrafe Rapporti, Registrazioni AUI, TEG, Saldi Finanziari, ecc ) Adeguatezza organizzativa (Sistema Informativo Contabile, Sistema di Controlli Interni, Flussi Informativi tra le diverse aree, Risk Management, Compliance) 3. Scelte possibili, opportunità e risvolti di mercato Al momento, sul mercato, le società iscritte all Elenco Generale (vecchio art.106) possono essere in maniera molto semplicistica suddivise in tre gruppi, secondo la tipologia di operatività propria di ciascuna di esse: 1. società che erogano prodotti a marchio proprio; 2. Società di pura intermediazione che distribuiscono prodotti a marchio di terzi; 3. società che mixano i due modelli operativi. In virtù di quanto sopra, anche le scelte prospettiche potrebbero, ed in molti casi già lo sono, indirizzarsi strategicamente verso soluzioni differenti. Alcuni operatori si sono già orientati verso l attività di pura intermediazione, adottando 16 Funzioni di Antiriciclaggio, Internal Audit, Ufficio Reclami. Pagina 4

5 alternativamente la forma di agenzia in attività finanziaria 17, legandosi ad un solo brand e facendone il proprio core-business, o la forma di società di mediazione 18. In quest ultimo caso, cercando di fidelizzare la propria clientela orientandola verso la scelta finanziaria economicamente più efficiente e più vantaggiosa rispetto alle soluzioni finanziarie disponibili. Altri operatori, invece, hanno assunto una posizione attendista, valutando diverse opportunità e rinviando la scelta al momento in cui la definizione del quadro normativo sarà ultimata. Nel ventaglio di scelte, oltre la trasformazione in soggetti dediti all attività distributiva, può essere valutata anche l eventualità di liquidazione della propria società, con contestuale richiesta di cancellazione dall Elenco Generale, o la possibilità di optare per la trasformazione in un soggetto strutturato per erogare finanziamenti nel segmento del "microcredito" 19. n tralasciando, da ultimo, la possibilità di organizzarsi ed allinearsi al nuovo modello, in maniera più efficiente e secondo il criterio di proporzionalità contemplato dal legislatore nella stesura del nuovo testo. Scelta indubbiamente impegnativa quanto coraggiosa, vera e propria sfida a se stessi ed al mercato, ma dalle indubbie opportunità, se non fosse altro per il fatto che il numero di operatori che erogano direttamente finanziamenti sarà destinato a diminuire ma anche per il fatto che la riorganizzazione indotta potrà ovviamente portare benefici anche a livello di qualità del portafoglio crediti, nonché di reputazione sul mercato, allontanando, almeno parzialmente, taluni di questi soggetti dalla definizione di finanziarie di ultima istanza. Di contro, la situazione di empasse che molte società finanziarie stanno attraversando, con l uscita dal mercato di un certo numero di queste e l avvento di regole volte ad innalzare il merito creditizio della clientela finanziata, nonché le maggiori difficoltà di funding, potrebbero congiuntamente, almeno in questa fase, generare delle criticità 23 a livello di offerta di credito disponibile sul mercato, specie per 17 Sempre il D.Lgs. 141/2010 (e successive modifiche) è intervenuto anche sulla disciplina di cui all attuale Titolo VI-bis del Tub, Agenti in Attività Finanziaria e Mediatori Creditizi. 18 Nuovo Art.128-sexies Tub Mediatori creditizi : 1. È mediatore creditizio il soggetto che mette in relazione, anche attraverso attività di consulenza, banche o intermediari finanziari previsti dal Titolo V con la potenziale clientela per la concessione di finanziamenti sotto qualsiasi forma. 2. Esercizio professionale nei confronti del pubblico 3. Il mediatore creditizio può svolgere esclusivamente l attività indicata al comma 1 nonché attività connesse o strumentali. 4. Il mediatore creditizio svolge la propria attività senza essere legato ad alcuna delle parti da rapporti che ne possano compromettere l indipendenza. 19 A seguito della riforma, nasce un nuovo tipo di soggetto operante nel settore finanziario, secondo quando disposto dal nuovo art.111 Tub, dedicato all "attività di microcredito". 20 Il nuovo Art.108 del Tub, in relazione all attività di vigilanza nei confronti degli intermediari finanziari, il comma 6 indica che: Nell esercizio dei poteri di cui al presente articolo la Banca d'italia osserva criteri di proporzionalità, avuto riguardo alla complessità operativa, dimensionale e organizzativa degli intermediari, nonché alla natura specifica dell attività svolta. 21 La possibilità di esternalizzare determinate funzioni totalmente o parzialmente, pur nel rispetto dei dettami normativi, può rappresentare una soluzione per ottimizzare i costi di struttura, approfittando anche del posizionamento sul mercato di players creati ad hoc e capaci di generare economie di scala. 22 Vedi nota Lo scenario che si comporrà a seguito dell entrata in vigore di tutte le nuove norme, sarà caratterizzato anche dalla rinnovata presenza dei Confidi; soggetti anch essi interessati ad adottare nuove regole organizzative e comportamentali nella concessione di garanzie a favore delle aziende consorziate, ed in quanto impegnati e distratti da questa fase di riorganizzazione interna e di business, potenzialmente meno attivi nel rappresentare quel polmone di sostegno al credito di piccole imprese ed artigiani. Un riconoscimento all importante ruolo dei quali può essere rinvenuto, nella recente Legge di Stabilità nr.147/2013 ove l Articolo 1 comma 54 cita: Il Ministro dello sviluppo economico, di concerto con il Ministro dell'economia e delle finanze, previa notifica alla Commissione europea e autorizzazione da parte della stessa, definisce con proprio decreto misure volte a favorire i processi di crescita dimensionale e di rafforzamento della solidità patrimoniale dei consorzi di garanzia collettiva dei fidi (confidi) sottoposti alla vigilanza della Banca d'italia, ovvero di quelli che realizzano operazioni di fusione finalizzate all'iscrizione nell'elenco o nell'albo degli intermediari vigilati dalla Banca d'italia e di quelli che stipulano contratti di rete finalizzati al miglioramento dell'efficienza e dell'efficacia operativa dei confidi aderenti i quali, nel loro complesso, erogano garanzie in misura pari ad almeno 150 milioni di euro. All'attuazione delle misure Pagina 5

6 particolari categorie di soggetti. Ciò non toglie, che le medesime criticità possano fornire una spinta ulteriore alla ricerca di soluzioni finanziarie 24 alternative, differenti nella forma tecnica così come nei soggetti che le rendono disponibili. 4. Conclusioni A seguito del nuovo quadro normativo e delle successive disposizioni ancora in fase di definizione, si può immaginare si verifichi un forte consolidamento del settore degli operatori attivi nell'intermediazione finanziaria, con un'opportuna e migliorata solidità finanziaria e disclosure nei confronti del mercato e della clientela. La possibile riduzione del numero di operatori iscritti al nuovo art. 106, con l eventuale migrazione di alcuni di essi verso il nuovo soggetto definito dall art. 111, potrà, inoltre, con caratteristiche operative tutte ancora da definire 25, colmare parzialmente quel vuoto di offerta creditizia che si potrebbe generare nei confronti di particolari tipologie di clientela, come ad esempio, quella costituita da società in fase di start up. Ne uscirà quindi, un settore completamente rinnovato, e fortemente specializzato. di cui al primo periodo si provvede a valere sulle risorse del Fondo di garanzia per le piccole e medie imprese, di cui all'articolo 2, comma 100, lettera a), della legge 23 dicembre 1996, n. 662, nei limiti dell'importo di 225 milioni di euro.[ ] 24 [ ] emissione di titoli di debito anche per le imprese di non elevate dimensioni [ ], ricorso a strumenti alternativi come il crowdfunding (specie per la fase di start-up d impresa) o come agli angels investors per il capitale di rischio, da Bramato R., Credit Crunch, tra contesto ed opportunità, Maggio Dovrà essere emanata la normativa attuativa perché le Società di Microcredito possano sapere come operare. Pagina 6

FLASH REPORT. Il nuovo Intermediario Finanziario Unico. Giugno 2015

FLASH REPORT. Il nuovo Intermediario Finanziario Unico. Giugno 2015 FLASH REPORT Il nuovo Intermediario Finanziario Unico Giugno 2015 Il 4 settembre 2010 è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il D.Lgs. 141 del 13 agosto 2010, attuativo della Direttiva comunitaria n.

Dettagli

Fiduciarie italiane: cosa cambia con la vigilanza della Banca d Italia

Fiduciarie italiane: cosa cambia con la vigilanza della Banca d Italia sfef7_volait@0091-0096#3b_layout 1 13/03/12 09.04 Pagina 91 91 Fiduciarie italiane: cosa cambia con la vigilanza della Banca d Italia di FABRIZIO VEDANA Il provvedimento con il quale la Banca d Italia,

Dettagli

Febbraio 2013. Il nuovo Art. 106 Tub: l Intermediario Finanziario Vigilato

Febbraio 2013. Il nuovo Art. 106 Tub: l Intermediario Finanziario Vigilato Febbraio 2013 Il nuovo Art. 106 Tub: l Intermediario Finanziario Vigilato Dott. Roberto Bramato, Responsabile Valutazione e Monitoraggio Crediti, Milliora Finanzia Spa Sommario: 1- La nuova formulazione

Dettagli

ANCORA SULLA RIFORMA DEL TITOLO V TUB ED I RELATIVI ADEMPIMENTI PER GLI OPERATORI

ANCORA SULLA RIFORMA DEL TITOLO V TUB ED I RELATIVI ADEMPIMENTI PER GLI OPERATORI Focus on ANCORA SULLA RIFORMA DEL TITOLO V TUB ED I RELATIVI ADEMPIMENTI PER GLI OPERATORI Luglio 2015 www.lascalaw.com www.iusletter.com Milano Roma Torino Bologna Firenze Ancona Vicenza Padova redazione@lascalaw.com

Dettagli

Circolare n. 288 del 3 aprile 2015 Fascicolo «Disposizioni di vigilanza per gli intermediari finanziari»( 1 )

Circolare n. 288 del 3 aprile 2015 Fascicolo «Disposizioni di vigilanza per gli intermediari finanziari»( 1 ) Circolare n. 288 del 3 aprile 2015 Fascicolo «Disposizioni di vigilanza per gli intermediari finanziari»( 1 ) 1. Premessa Le presenti disposizioni recano la disciplina di vigilanza dei soggetti operanti

Dettagli

Attività di Consultazione sul documento contenente lo schema delle Disposizioni di vigilanza per gli intermediari finanziari

Attività di Consultazione sul documento contenente lo schema delle Disposizioni di vigilanza per gli intermediari finanziari Spett.le BANCA D ITALIA Servizio Normativa e politiche di vigilanza, Divisione Normativa prudenziale Via Nazionale, 91 00184 ROMA Roma, 8 marzo 2012 Prot. n. 72/12/afin_00012 Attività di Consultazione

Dettagli

Il futuro dei Confidi 106 e 107 alla luce del D.lgs. del 13/08/2010 n. 141

Il futuro dei Confidi 106 e 107 alla luce del D.lgs. del 13/08/2010 n. 141 Il futuro dei Confidi 106 e 107 alla luce del D.lgs. del 13/08/2010 n. 141 Prof.ssa Rosa Adamo Corso di Istituzioni di Economia degli Intermediari Finanziari Sommario 1. L istituzione di un unico albo

Dettagli

Assetti Organizzativi, di Controllo e Risk Governance nei Confidi. Firenze, 28 Febbraio 2013

Assetti Organizzativi, di Controllo e Risk Governance nei Confidi. Firenze, 28 Febbraio 2013 Assetti Organizzativi, di Controllo e Risk Governance nei Confidi Firenze, 28 Febbraio 2013 Indice ß Introduzione ß Assetti Organizzativi ß Sistema dei Controlli Interni ß Risk Governance ß Conclusioni

Dettagli

Approfondimento 6.11 w - La nuova normativa relativa agli intermediari finanziari

Approfondimento 6.11 w - La nuova normativa relativa agli intermediari finanziari Approfondimento 6.11 w - La nuova normativa relativa agli intermediari finanziari INTERMEDIARI FINANZIARI ART. 106 TUB, CONFIDI, AGENTI IN ATTIVITÀ FINANZIARIA, MEDIATORI CREDITIZI E OPERATORI PROFESSIONALI

Dettagli

Circolare Legge di Stabilità 2014 - Principali misure in materia di credito e finanza

Circolare Legge di Stabilità 2014 - Principali misure in materia di credito e finanza Circolare Legge di Stabilità 2014 - Principali misure in materia di credito e finanza INDICE 1. Premessa 2. Garanzie pubbliche per l accesso al credito 3. Patrimonializzazione dei confidi 4. Operatività

Dettagli

www.pwc.com/it Albo unico ex 106 TUB: inquadramento, novità e requisiti

www.pwc.com/it Albo unico ex 106 TUB: inquadramento, novità e requisiti www.pwc.com/it Albo unico ex 106 TUB: inquadramento, novità e requisiti Ottobre 2014 2 Albo unico ex 106 TUB: inquadramento, novità e requisiti Indice Il contesto normativo 5 Il Decreto 141 e l Albo unico

Dettagli

RIFORMA DEL TITOLO V TUB. ADEMPIMENTI PER GLI OPERATORI.

RIFORMA DEL TITOLO V TUB. ADEMPIMENTI PER GLI OPERATORI. DIPARTIMENTO VIGILANZA BANCARIA E FINANZIARIA SERVIZIO SUPERVISIONE INTERMEDIARI FINANZIARI (846) Oggetto RIFORMA DEL TITOLO V TUB. ADEMPIMENTI PER GLI OPERATORI. Come noto, l entrata a regime della riforma

Dettagli

vision CHI SIAMO MISSION Pagina 1

vision CHI SIAMO MISSION Pagina 1 company profile vision chi siamo mission back office rete distributiva struttura e modello organizzativo processi di certificazione collaboratori e accreditamento presso partner prestitosi governance e

Dettagli

DISPOSIZIONI DI VIGILANZA PER GLI INTERMEDIARI FINANZIARI ATTUAZIONE DEL D.LGS. 13 AGOSTO 2011, N. 141

DISPOSIZIONI DI VIGILANZA PER GLI INTERMEDIARI FINANZIARI ATTUAZIONE DEL D.LGS. 13 AGOSTO 2011, N. 141 DISPOSIZIONI DI VIGILANZA PER GLI INTERMEDIARI FINANZIARI ATTUAZIONE DEL D.LGS. 13 AGOSTO 2011, N. 141 Il presente documento contiene lo schema delle Disposizioni di vigilanza per gli intermediari finanziari,

Dettagli

Francesco Sacchi - Intervento al Corso Factoring SDA Bocconi del 16.11.2012 PROFILI ORGANIZZATIVI DELL ATTIVITÀ DI FACTORING

Francesco Sacchi - Intervento al Corso Factoring SDA Bocconi del 16.11.2012 PROFILI ORGANIZZATIVI DELL ATTIVITÀ DI FACTORING Francesco Sacchi - Intervento al Corso Factoring SDA Bocconi del 16.11.2012 PROFILI ORGANIZZATIVI DELL ATTIVITÀ DI FACTORING www.fs2a.it 1 Sintesi L intervento è interamente dedicato ai temi di organizzazione

Dettagli

Disposizioni di vigilanza per gli intermediari finanziari

Disposizioni di vigilanza per gli intermediari finanziari Vigilanza bancaria e finanziaria Documento per la consultazione Disposizioni di vigilanza per gli intermediari finanziari Il presente documento contiene lo schema delle Disposizioni di vigilanza per gli

Dettagli

CONFORMIS IN FINANCE S.R.L Via Carroccio, 16 20123 Milano P.IVA/C.F. 07620150966

CONFORMIS IN FINANCE S.R.L Via Carroccio, 16 20123 Milano P.IVA/C.F. 07620150966 CONFORMIS IN FINANCE S.R.L Via Carroccio, 16 20123 Milano P.IVA/C.F. 07620150966 Tel: 0287186784 Fax: 0287161185 info@conformisinfinance.it pec@pec.conformisinfinance.it www.conformisinfinance.it Obiettivi

Dettagli

Il procedimento di autorizzazione

Il procedimento di autorizzazione Dipartimento Vigilanza Bancaria e Finanziaria Il procedimento di autorizzazione Roma, 1 luglio 2015 Agostino Di Febo Servizio Costituzioni e gestione delle crisi Divisione Costituzioni banche e intermediari

Dettagli

Oggetto: Commenti dell Associazione Italiana Internal Auditors al documento di consultazione N. 42/2011

Oggetto: Commenti dell Associazione Italiana Internal Auditors al documento di consultazione N. 42/2011 Oggetto: Commenti dell Associazione Italiana Internal Auditors al documento di consultazione N. 42/2011 Come noto, l Associazione Italiana Internal Auditors, parte dell Institute of Internal Auditors,

Dettagli

Il Regolamento si compone di 41 articoli, suddivisi in nove capi.

Il Regolamento si compone di 41 articoli, suddivisi in nove capi. RELAZIONE REGOLAMENTO N. 20 DEL 26 MARZO 2008 RECANTE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI CONTROLLI INTERNI, GESTIONE DEI RISCHI, COMPLIANCE ED ESTERNALIZZAZIONE DELLE ATTIVITÀ DELLE IMPRESE DI ASSICURAZIONE, AI

Dettagli

Le esternalizzazioni di alcune funzioni aziendali: l esperienza lombarda

Le esternalizzazioni di alcune funzioni aziendali: l esperienza lombarda Le esternalizzazioni di alcune funzioni aziendali: l esperienza lombarda Pietro Galbiati Buongiorno a tutti. 1 Il mio compito è quello di presentare in sintesi come stiamo affrontando il tema della esternalizzazione

Dettagli

Allegato 1 Confronto precedente e nuova disciplina dettata dalla Banca d'italia

Allegato 1 Confronto precedente e nuova disciplina dettata dalla Banca d'italia Allegato 1 Confronto precedente e nuova disciplina dettata dalla Banca d'talia struzioni di vigilanza per gli intermediari finanziari iscritti nell elenco speciale (Circ. Banca d talia 216 del 5 agosto

Dettagli

Cessione del quinto dello stipendio o della pensione e operazioni assimilate (CQS). Comunicazione.

Cessione del quinto dello stipendio o della pensione e operazioni assimilate (CQS). Comunicazione. AREA VIGILANZA BANCARIA E FINANZIARIA Classificazione VII 2 8 Oggetto Cessione del quinto dello stipendio o della pensione e operazioni assimilate (CQS). Comunicazione. Negli ultimi anni la Banca d Italia

Dettagli

Organismo per la gestione degli Elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi

Organismo per la gestione degli Elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi Organismo per la gestione degli Elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi LINEE GUIDA CONCERNENTI IL CONTENUTO DEI REQUISITI ORGANIZZATIVI PER L ISCRIZIONE NELL ELENCO DEI

Dettagli

Chi è il mediatore creditizio? Il soggetto che svolge l attività di mediazione creditizia può essere una persona fisica?

Chi è il mediatore creditizio? Il soggetto che svolge l attività di mediazione creditizia può essere una persona fisica? Chi è il mediatore creditizio? È mediatore creditizio il soggetto che mette in relazione, anche attraverso attività di consulenza, banche o intermediari finanziari previsti dal Titolo V del TUB con la

Dettagli

ASSOCIAZIONE GIAN FRANCO CAMPOBASSO per lo studio del Diritto Commerciale e Bancario. www.associazionegfcampobasso.it

ASSOCIAZIONE GIAN FRANCO CAMPOBASSO per lo studio del Diritto Commerciale e Bancario. www.associazionegfcampobasso.it Disposizioni in materia di intermediari finanziari di cui agli articoli 106, 107, 113 e 155, comma 4 e 5, del decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385 (Testo unico bancario) TITOLO I DEFINIZIONI Articolo

Dettagli

IL RUOLO DEL RISK MANAGEMENT NEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI

IL RUOLO DEL RISK MANAGEMENT NEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI IL RUOLO DEL RISK MANAGEMENT NEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI Andrea Piazzetta Risk Manager Gruppo Banca Popolare di Vicenza Vicenza, 18 settembre 2009 Gruppo Banca Popolare di Vicenza Contesto regolamentare

Dettagli

IL QUADRO NORMATIVO DEL NUOVO INTERMEDIARIO FINANZIARIO VIGILATO 106 TUB

IL QUADRO NORMATIVO DEL NUOVO INTERMEDIARIO FINANZIARIO VIGILATO 106 TUB Prefazione Il quadro normativo del nuovo intermediario finanziario rappresenta un contributo che focalizza lo spartiacque tra il vecchio ed il nuovo intermediario finanziario e, quindi, l adeguamento agli

Dettagli

TITOLO I DEFINIZIONI Articolo 1 (Definizioni)

TITOLO I DEFINIZIONI Articolo 1 (Definizioni) D.M. - -2007, n. Disposizioni in materia di intermediari finanziari di cui agli articoli 106, 107, 113 e 155, comma 4 e 5, del decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385 (Testo unico bancario) TITOLO

Dettagli

Il factoring in Italia: evoluzione operativa e regolamentare

Il factoring in Italia: evoluzione operativa e regolamentare Il factoring in Italia: evoluzione operativa e regolamentare Marco Troiani Titolare Divisione Intermediari ex art. 107 TUB Servizio Supervisione Intermediari Specializzati Banca d Italia Convegno Assifact

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA Decreto Legislativo 16 aprile 2012, n. 45 Attuazione della direttiva 2009/110/CE, concernente l avvio, l esercizio e la vigilanza prudenziale dell attività degli istituti di moneta elettronica, che modifica

Dettagli

Progetto Basilea 2 REGOLAMENTO DEL PROCESSO INTERNO DI VALUTAZIONE DELL ADEGUATEZZA PATRIMONIALE ATTUALE E PROSPETTICA (ICAAP)

Progetto Basilea 2 REGOLAMENTO DEL PROCESSO INTERNO DI VALUTAZIONE DELL ADEGUATEZZA PATRIMONIALE ATTUALE E PROSPETTICA (ICAAP) Progetto Basilea 2 REGOLAMENTO DEL PROCESSO INTERNO DI VALUTAZIONE DELL ADEGUATEZZA PATRIMONIALE ATTUALE E PROSPETTICA (ICAAP) Approvato dal Consiglio di Amministrazione il 06/12/2013 INDICE 1. PREMESSA...

Dettagli

TITOLO VI-BIS (1) AGENTI IN ATTIVITÁ FINANZIARIA E MEDIATORI CREDITIZI. Articolo 128-quater (2) (Agenti in attività finanziaria)

TITOLO VI-BIS (1) AGENTI IN ATTIVITÁ FINANZIARIA E MEDIATORI CREDITIZI. Articolo 128-quater (2) (Agenti in attività finanziaria) TESTO UNICO BANCARIO TITOLO VI-BIS (1) AGENTI IN ATTIVITÁ FINANZIARIA E MEDIATORI CREDITIZI Articolo 128-quater (2) (Agenti in attività finanziaria) 1. È agente in attività finanziaria il soggetto che

Dettagli

PROVVEDIMENTO DELLA BANCA D ITALIA

PROVVEDIMENTO DELLA BANCA D ITALIA PROVVEDIMENTO DELLA BANCA D ITALIA OBBLIGO DI PARTECIPAZIONE DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI AL SERVIZIO DI CENTRALIZZAZIONE DEI RISCHI GESTITO DALLA BANCA D ITALIA Documento per la consultazione e analisi

Dettagli

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia;

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia; DECRETO LEGISLATIVO RECANTE ULTERIORI DISPOSIZIONI DI ATTUAZIONE DELLA DELEGA DI CUI ALL ARTICOLO 33, COMMA 1, LETTERA E), DELLA LEGGE 7 LUGLIO 2009, N. 88 Visti gli articoli 76 e 87 della Costituzione;

Dettagli

PROPOSTA DI PARERE DEL RELATORE

PROPOSTA DI PARERE DEL RELATORE Schema di decreto legislativo recante ulteriori modifiche ed integrazioni al decreto legislativo n. 141 del 2010, recante attuazione della direttiva 2008/48/CE relativa ai contratti di credito ai consumatori,

Dettagli

REGOLAMENTO N. 41 DEL 15 MAGGIO 2012. L ISVAP (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo)

REGOLAMENTO N. 41 DEL 15 MAGGIO 2012. L ISVAP (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo) REGOLAMENTO N. 41 DEL 15 MAGGIO 2012 REGOLAMENTO CONCERNENTE DISPOSIZIONI ATTUATIVE IN MATERIA DI ORGANIZZAZIONE, PROCEDURE E CONTROLLI INTERNI VOLTI A PREVENIRE L UTILIZZO DELLE IMPRESE DI ASSICURAZIONE

Dettagli

AVV. SONIA LOCANTORE (Studio legale Freshfields Bruckhaus Deringer LLP, Roma) I SOGGETTI OPERANTI NEL SETTORE FINANZIARIO PREMESSA

AVV. SONIA LOCANTORE (Studio legale Freshfields Bruckhaus Deringer LLP, Roma) I SOGGETTI OPERANTI NEL SETTORE FINANZIARIO PREMESSA AVV. SONIA LOCANTORE (Studio legale Freshfields Bruckhaus Deringer LLP, Roma) I SOGGETTI OPERANTI NEL SETTORE FINANZIARIO PREMESSA Nel corso degli ultimi due anni sono state introdotte profonde modifiche

Dettagli

CO-VALUTAZIONE D IMPATTO

CO-VALUTAZIONE D IMPATTO CO-VALUTAZIONE D IMPATTO (Qualitativa e Quantitativa) LA MIGRAZIONE AL NUOVO INTERMEDIARIO VIGILATO 106 TUB INDICE Pag. -- OBIETTIVI 2 A IMPATTO PATRIMONIALE - FINANZIARIO 3 A.1 Operazioni sul capitale

Dettagli

Regolamento del Patrimonio BancoPosta * * * * * *

Regolamento del Patrimonio BancoPosta * * * * * * Regolamento del Patrimonio BancoPosta * * * * * * Indice 1. PREMESSE 2. BENI E RAPPORTI DESTINATI 3. EFFETTI DELLA SEGREGAZIONE 4. REGOLE DI ORGANIZZAZIONE E GESTIONE 5. REGOLE DI CONTROLLO 6. COLLEGIO

Dettagli

Informativa al Pubblico

Informativa al Pubblico Informativa al Pubblico Ai sensi di quanto disposto dalle Istruzioni di Vigilanza per gli Intermediari Finanziari iscritti nell Elenco Speciale Capitolo V Vigilanza Prudenziale - Sezione XII 31 dicembre

Dettagli

Le funzione di conformità alle norme nell ambito del Sistema dei Controlli Interni delle Banche

Le funzione di conformità alle norme nell ambito del Sistema dei Controlli Interni delle Banche Le funzione di conformità alle norme nell ambito del Sistema dei Controlli Interni delle Banche a cura di Francesco Manganaro 11 Gennaio 2014 1 Obiettivo del seminario Il Sistema dei Controlli Interni,

Dettagli

IL QUADRO NORMATIVO DEL NUOVO INTERMEDIARIO FINANZIARIO UNICO (I.F.U.)

IL QUADRO NORMATIVO DEL NUOVO INTERMEDIARIO FINANZIARIO UNICO (I.F.U.) IL QUADRO NORMATIVO DEL NUOVO INTERMEDIARIO FINANZIARIO UNICO (I.F.U.) Documento aggiornato alle disposizioni emanate dalla Banca d'italia [Circolare n. 288 del 3 aprile 2015] Prefazione Il quadro normativo

Dettagli

Nuove disposizioni di vigilanza prudenziale per le banche: principali novità

Nuove disposizioni di vigilanza prudenziale per le banche: principali novità FLASH REPORT Nuove disposizioni di vigilanza prudenziale per le banche: principali novità Luglio 2013 Il 2 luglio 2013 la Banca d Italia, all esito dell attività di consultazione avviata nel mese di settembre

Dettagli

Regolamento del processo di controllo. della rete di vendita esterna

Regolamento del processo di controllo. della rete di vendita esterna Regolamento del processo di controllo della rete di vendita esterna INDICE REGOLAMENTO DEL PROCESSO DI CONTROLLO DELLA RETE DI VENDITA ESTERNA... 3 1. PIANIFICAZIONE DELLA RETE DI VENDITA ESTERNA... 3

Dettagli

Informativa Pubblica

Informativa Pubblica Informativa Pubblica - (Terzo Pilastro) 31 Dicembre 2011 Sigla Srl Indice del documento PREMESSA... 3 TAVOLA 1: ADEGUATEZZA PATRIMONIALE... 4 Informativa Qualitativa... 4 Informativa Quantitativa... 6

Dettagli

COMPLIANCE E ANTIRICICLAGGIO: Integrazione tra le funzioni e aspetti organizzativi. Milano, 8 marzo 2012 Claudio Cola

COMPLIANCE E ANTIRICICLAGGIO: Integrazione tra le funzioni e aspetti organizzativi. Milano, 8 marzo 2012 Claudio Cola COMPLIANCE E ANTIRICICLAGGIO: Integrazione tra le funzioni e aspetti organizzativi Milano, 8 marzo 2012 Claudio Cola 1 AGENDA: 1. Premessa 2. La funzione compliance 3. La funzione antiriciclaggio 4. Integrazione

Dettagli

POLITICHE INTERNE IN MATERIA DI ATTIVITÀ DI RISCHIO E CONFLITTI DI INTERESSE NEI CONFRONTI DI SOGGETTI COLLEGATI

POLITICHE INTERNE IN MATERIA DI ATTIVITÀ DI RISCHIO E CONFLITTI DI INTERESSE NEI CONFRONTI DI SOGGETTI COLLEGATI POLITICHE INTERNE IN MATERIA DI ATTIVITÀ DI RISCHIO E CONFLITTI DI INTERESSE NEI CONFRONTI DI Documento approvato dal Consiglio di Amministrazione nella seduta del 25 giugno 2015 INDICE 1. PREMESSA...

Dettagli

Agosto 2014. Dott. Giuseppe Roddi, docente e consulente di Compliance bancaria - finanziaria

Agosto 2014. Dott. Giuseppe Roddi, docente e consulente di Compliance bancaria - finanziaria Agosto 2014 I controlli di conformità dei mediatori creditizi Dott. Giuseppe Roddi, docente e consulente di Compliance bancaria - finanziaria Premesse In base a quanto dispone il decreto del MEF del 22.1.14

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DEL PROVVEDIMENTO BANCA D ITALIA 24 OTTOBRE 2007 TITOLO III CAPITOLO 1. Premessa

INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DEL PROVVEDIMENTO BANCA D ITALIA 24 OTTOBRE 2007 TITOLO III CAPITOLO 1. Premessa INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DEL PROVVEDIMENTO BANCA D ITALIA 24 OTTOBRE 2007 TITOLO III CAPITOLO 1 Premessa Il Regolamento della Banca d Italia in materia di vigilanza prudenziale per le SIM (Titolo

Dettagli

SCHEMA DELLE SESSIONI

SCHEMA DELLE SESSIONI SCHEMA DELLE SESSIONI I GIORNATA MERCOLEDÌ 24 NOVEMBRE MODULO PERSONE SESSIONE A1 MATTINA SESSIONE B1 MATTINA SESSIONE C1 MATTINA Le prospettive del Mercato del Credito Immobiliare Credito ai consumatori:

Dettagli

MEDIAZIONE CREDITIZIA Cosa cambia con il DECRETO LEGISLATIVO 13 agosto 2010, n. 141.

MEDIAZIONE CREDITIZIA Cosa cambia con il DECRETO LEGISLATIVO 13 agosto 2010, n. 141. MEDIAZIONE CREDITIZIA Cosa cambia con il DECRETO LEGISLATIVO 13 agosto 2010, n. 141. Il 4 settembre 2010 è stato pubblicato il D.Lgs. 141/2010, che ha modificato significativamente il Testo Unico Bancario

Dettagli

Modifiche alla disciplina del Credito al Consumo

Modifiche alla disciplina del Credito al Consumo Modifiche alla disciplina del Credito al Consumo 1 Premessa Le modifiche in materia di Credito al Consumo sono volte: ad ampliare l ambito di applicazione della disciplina contenuta nel Testo Unico Bancario

Dettagli

Politica di gestione di operazioni con soggetti collegati

Politica di gestione di operazioni con soggetti collegati Politica di gestione di operazioni con soggetti collegati Premessa La procedura riporta le attività necessarie, per conto della società Credit Suisse (Italy) S.p.A., per rispondere ai requisiti riguardanti

Dettagli

Il CDA propone ai soci di distribuire il 50% dell utile di esercizio

Il CDA propone ai soci di distribuire il 50% dell utile di esercizio CONAFI PRESTITò: Risultati 2007 Il CDA propone ai soci di distribuire il 50% dell utile di esercizio DATI ECONOMICI CONSOLIDATI 2007 2006 Variazione % (Euro ml) Margine di Intermediazione 22,6 14,4 +56,8%

Dettagli

CHI SIAMO MISSION GOVERNANCE SERVIZI STRUTTURA ORGANIZZATIVA

CHI SIAMO MISSION GOVERNANCE SERVIZI STRUTTURA ORGANIZZATIVA IL NOSTRO LAVORO SI BASA SULLA FIDUCIA DEI CLIENTI. PER QUESTO FONDAMENTALE È IL RISPETTO DELLE NORME E LA TOTALE TRASPARENZA NELLO SVOLGIMENTO DELLA NOSTRA ATTIVITÀ. CHI SIAMO MISSION GOVERNANCE SERVIZI

Dettagli

Documento per la consultazione DISPOSIZIONI DI VIGILANZA

Documento per la consultazione DISPOSIZIONI DI VIGILANZA Vigilanza bancaria e finanziaria Documento per la consultazione DISPOSIZIONI DI VIGILANZA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI DA PARTE DI SOCIETÀ VEICOLO PER LA CARTOLARIZZAZIONE EX LEGGE 130/1999 Il presente

Dettagli

L attuazione del D. Lgs. 231/01 in un gruppo bancario L esperienza Intesa Sanpaolo. Gabriella Cazzola Direzione Legale e Contenzioso

L attuazione del D. Lgs. 231/01 in un gruppo bancario L esperienza Intesa Sanpaolo. Gabriella Cazzola Direzione Legale e Contenzioso L attuazione del D. Lgs. 231/01 in un gruppo bancario L esperienza Intesa Sanpaolo Gabriella Cazzola Direzione Legale e Contenzioso Paradigma - 24 maggio 2013 L esperienza di Intesa Sanpaolo Problemi applicativi

Dettagli

SCHRODERS ITALY SIM BASILEA 2 III PILASTRO INFORMATIVA AL PUBBLICO RESOCONTO ICAAP (INTERNAL CAPITAL ADEQUACY ASSESSMENT PROCESS) AL 31 DICEMBRE 2013

SCHRODERS ITALY SIM BASILEA 2 III PILASTRO INFORMATIVA AL PUBBLICO RESOCONTO ICAAP (INTERNAL CAPITAL ADEQUACY ASSESSMENT PROCESS) AL 31 DICEMBRE 2013 SCHRODERS ITALY SIM BASILEA 2 III PILASTRO INFORMATIVA AL PUBBLICO RESOCONTO ICAAP (INTERNAL CAPITAL ADEQUACY ASSESSMENT PROCESS) AL 31 DICEMBRE 2013 Schroders Italy SIM S.p.A. Resoconto ICAAP al 31 dicembre

Dettagli

2. I CONTRATTI E LA NUOVA TRASPARENZA PER BANCHE E INTERMEDIARI FINANZIARI

2. I CONTRATTI E LA NUOVA TRASPARENZA PER BANCHE E INTERMEDIARI FINANZIARI 2. I CONTRATTI E LA NUOVA TRASPARENZA PER BANCHE E INTERMEDIARI FINANZIARI 2.2. Brevi cenni sulla nuova trasparenza per banche e 1 intermediari finanziari GLOSSARIO 7 APPROFONDIMENTI 9 NORMATIVA 10 2.2

Dettagli

PILLAR III INFORMATIVA AL PUBBLICO

PILLAR III INFORMATIVA AL PUBBLICO PILLAR III INFORMATIVA AL PUBBLICO 31 dicembre 2008 Veneto Sviluppo S.p.A. Via delle Industrie, 19/d 30175 Venezia Marghera Tel. +39 041 3967211 Fax +39 041 5383605 www.venetosviluppo.it Iscrizione al

Dettagli

INDICE SOMMARIO PARTE PRIMA GLI INTERMEDIARI FINANZIARI CAPITOLO PRIMO LA DISCIPLINA SUGLI INTERMEDIARI FINANZIARI NEL TESTO UNICO BANCARIO

INDICE SOMMARIO PARTE PRIMA GLI INTERMEDIARI FINANZIARI CAPITOLO PRIMO LA DISCIPLINA SUGLI INTERMEDIARI FINANZIARI NEL TESTO UNICO BANCARIO PARTE PRIMA GLI INTERMEDIARI FINANZIARI CAPITOLO PRIMO LA DISCIPLINA SUGLI INTERMEDIARI FINANZIARI NEL TESTO UNICO BANCARIO 1.1. Le origini della normativa del Titolo V t.u. bancario sui «Soggetti operanti

Dettagli

www.consulting.it CONSULTING SPA - Società per le banche Via Pergole, 2-23100 Sondrio Tel. 0342.219670 - Fax. 0342.219534 info@consulting.

www.consulting.it CONSULTING SPA - Società per le banche Via Pergole, 2-23100 Sondrio Tel. 0342.219670 - Fax. 0342.219534 info@consulting. www.consulting.it SOCIETA CERTIFICATA UNI ENI ISO 9001:2008 certificato n. 12849 - settore EA 37 Accr.minlavoro 5877 del 26/02/2007 Cod.Min.Borsa Lavoro 074DI829C00 CONSULTING SPA - Società per le banche

Dettagli

EMANATI IL REGOLAMENTO MINISTERIALE E LE DISPOSIZIONI DI VIGILANZA PER GLI INTERMEDIARI FINANZIARI DEL TUB

EMANATI IL REGOLAMENTO MINISTERIALE E LE DISPOSIZIONI DI VIGILANZA PER GLI INTERMEDIARI FINANZIARI DEL TUB Segnalazioni Novità Prassi Interpretative EMANATI IL REGOLAMENTO MINISTERIALE E LE DISPOSIZIONI DI VIGILANZA PER GLI INTERMEDIARI FINANZIARI DEL TUB Sono stati recentemente emanati i seguenti provvedimenti

Dettagli

Banca di Credito Cooperativo del Circeo

Banca di Credito Cooperativo del Circeo Banca di Credito Cooperativo del Circeo Politiche in materia di assetti organizzativi, gestione delle operazioni e controlli interni sulle attività di rischio e conflitti di interesse nei confronti di

Dettagli

11 ottobre 2010. Le osservazioni al presente documento di consultazione dovranno pervenire entro il 15 novembre 2010 al seguente indirizzo:

11 ottobre 2010. Le osservazioni al presente documento di consultazione dovranno pervenire entro il 15 novembre 2010 al seguente indirizzo: Provvedimento recante disposizioni attuative in materia di organizzazione, procedure e controlli interni volti a prevenire l utilizzo a fini di riciclaggio e di finanziamento del terrorismo delle società

Dettagli

COMMENTI DI ASSOTELECOMUNICAZIONI - ASSTEL ALLA CONSULTAZIONE PUBBLICA RELATIVA ALLE DISPOSIZIONI PER GLI ISTITUTI DI

COMMENTI DI ASSOTELECOMUNICAZIONI - ASSTEL ALLA CONSULTAZIONE PUBBLICA RELATIVA ALLE DISPOSIZIONI PER GLI ISTITUTI DI COMMENTI DI ASSOTELECOMUNICAZIONI - ASSTEL ALLA CONSULTAZIONE PUBBLICA RELATIVA ALLE DISPOSIZIONI PER GLI ISTITUTI DI PAGAMENTO E GLI ISTITUTI DI MONETA ELETTRONICA DI BANCA D ITALIA pubblicata sul sito

Dettagli

Basilea 2006: valutazioni, riflessioni ed opportunità

Basilea 2006: valutazioni, riflessioni ed opportunità Basilea 2006: valutazioni, riflessioni ed opportunità C he cosa si intende per Basilea 2006? Basilea 2006 o più precisamente Basilea 2 è un accordo internazionale volto a determinare i requisiti patrimoniali

Dettagli

ISVAP - REGOLAMENTO n. 5 del 16 OTTOBRE 2006. Confronto parte formazione ed informativa all assicurato con bozza di regolamento del 4 agosto 2006

ISVAP - REGOLAMENTO n. 5 del 16 OTTOBRE 2006. Confronto parte formazione ed informativa all assicurato con bozza di regolamento del 4 agosto 2006 ISVAP - REGOLAMENTO n. 5 del 16 OTTOBRE 2006 Confronto parte formazione ed informativa all assicurato con bozza di regolamento del 4 agosto 2006 Parte I - Disposizioni di carattere generale Art. 2 - (Definizioni)

Dettagli

Il ruolo della Pianificazione e del Controllo di Gestione nelle imprese assicuratrici. Il punto di vista della Vigilanza.

Il ruolo della Pianificazione e del Controllo di Gestione nelle imprese assicuratrici. Il punto di vista della Vigilanza. Il ruolo della Pianificazione e del Controllo di Gestione nelle imprese assicuratrici. Il punto di vista della Vigilanza. di Marcello Morvillo Capo della Sezione Azionariato, Partecipazioni e Gruppi ISVAP

Dettagli

Catalogo Corsi 2015. Progetti formativi. Sistema Qualità Certificato UNI EN ISO 9001 (certificato N IT02/228)

Catalogo Corsi 2015. Progetti formativi. Sistema Qualità Certificato UNI EN ISO 9001 (certificato N IT02/228) Catalogo Corsi 2015 Progetti formativi Sistema Qualità Certificato UNI EN ISO 9001 (certificato N IT02/228) AREA REGOLAMENTAZIONE (Rischi, Bilancio, Controlli e Legale) a) Normativa antiriciclaggio e terrorismo

Dettagli

Articolo Comma Osservazioni e proposte

Articolo Comma Osservazioni e proposte Documento di consultazione n. 5/2013 Regolamento su Obblighi di adeguata verifica della clientela e di registrazione Attuativo dell art. 7, comma 2, del decreto legislativo 21 novembre 2007 n. 231 Legenda

Dettagli

FORTINVESTIMENTI SIM S.P.A. BASILEA 2 III PILASTRO - INFORMATIVA AL PUBBLICO. In ottemperanza al Regolamento Banca d Italia del 24 ottobre 2007

FORTINVESTIMENTI SIM S.P.A. BASILEA 2 III PILASTRO - INFORMATIVA AL PUBBLICO. In ottemperanza al Regolamento Banca d Italia del 24 ottobre 2007 FORTINVESTIMENTI SIM S.P.A. BASILEA 2 III PILASTRO - INFORMATIVA AL PUBBLICO In ottemperanza al Regolamento Banca d Italia del 24 ottobre 2007 Al 31 dicembre 2008 INTRODUZIONE 3 TAVOLA 1 - REQUISITO INFORMATIVO

Dettagli

Codice di Corporate Governance

Codice di Corporate Governance Approvato con deliberazione del Consiglio di Amministrazione n. 1 del 3 maggio 200 Indice 1 Introduzione 2 Organizzazione della Società 2.1 Assemblea dei Soci 2.2 Consiglio di Amministrazione 2.3 Presidente

Dettagli

Informativa Pubblica

Informativa Pubblica Informativa Pubblica (Terzo Pilastro) 31 Dicembre 2014 Sigla Srl Indice del documento PREMESSA... 3 TAVOLA 1: ADEGUATEZZA PATRIMONIALE... 4 Informativa Qualitativa... 4 Informativa Quantitativa... 6 TAVOLA

Dettagli

GUIDA SINTETICA ALL ISCRIZIONE NELLA SEZIONE SPECIALE DEGLI AGENTI IN ATTIVITA CHE PRESTANO ESCLUSIVAMENTE SERVIZI DI PAGAMENTO

GUIDA SINTETICA ALL ISCRIZIONE NELLA SEZIONE SPECIALE DEGLI AGENTI IN ATTIVITA CHE PRESTANO ESCLUSIVAMENTE SERVIZI DI PAGAMENTO GUIDA SINTETICA ALL ISCRIZIONE NELLA SEZIONE SPECIALE DEGLI AGENTI IN ATTIVITA CHE PRESTANO ESCLUSIVAMENTE SERVIZI DI PAGAMENTO Chi è tenuto a iscriversi sul portale e a fare istanza in via Telematica?

Dettagli

PROCEDURE DELIBERATIVE IN MATERIA DI OPERAZIONI CON SOGGETTI COLLEGATI

PROCEDURE DELIBERATIVE IN MATERIA DI OPERAZIONI CON SOGGETTI COLLEGATI PROCEDURE DELIBERATIVE IN MATERIA DI OPERAZIONI CON SOGGETTI COLLEGATI (Ai sensi delle Disposizioni di vigilanza Banca d Italia in materia di attività di rischio e conflitti di interesse nei confronti

Dettagli

I FATTORI CRITICI DI SUCCESSO NEGLI ACCORDI TRA BANCHE E RETI DISTRIBUTIVE DI MUTUI IMMOBILIARI

I FATTORI CRITICI DI SUCCESSO NEGLI ACCORDI TRA BANCHE E RETI DISTRIBUTIVE DI MUTUI IMMOBILIARI I FATTORI CRITICI DI SUCCESSO NEGLI ACCORDI TRA BANCHE E RETI DISTRIBUTIVE DI MUTUI IMMOBILIARI Roma, 22 novembre 2011 Direzione Retail Funzione C.A.E. L EVOLUZIONE DEL SETTORE Gli ultimi cinque anni hanno

Dettagli

Informativa al pubblico

Informativa al pubblico ZENITH SERVICE S.P.A. Informativa al pubblico In ottemperanza alle norme relative alla vigilanza prudenziale sugli intermediari inscritti nell Elenco speciale ex art. 107 TUB (Circolare della Banca d Italia

Dettagli

Corso di formazione on-line per mediatore creditizio E agente in attività finanziaria

Corso di formazione on-line per mediatore creditizio E agente in attività finanziaria Ente di formazione iscritto al n.ro 90 dell elenco tenuto presso il Ministero della Giustizia Corso di formazione on-line per mediatore creditizio E agente in attività finanziaria 42 ore Corso di preparazione

Dettagli

PROCEDURE DELIBERATIVE IN TEMA DI ATTIVITÀ DI RISCHIO E CONFLITTI DI INTERESSE NEI CONFRONTI DI SOGGETTI COLLEGATI

PROCEDURE DELIBERATIVE IN TEMA DI ATTIVITÀ DI RISCHIO E CONFLITTI DI INTERESSE NEI CONFRONTI DI SOGGETTI COLLEGATI Allegato 1 al Regolamento in materia di interessi degli esponenti aziendali, attività di rischio e conflitti di interesse nei confronti di soggetti collegati alla banca PROCEDURE DELIBERATIVE IN TEMA DI

Dettagli

SCHRODERS ITALY SIM BASILEA 2 III PILASTRO INFORMATIVA AL PUBBLICO RESOCONTO ICAAP (INTERNAL CAPITAL ADEQUACY ASSESSMENT PROCESS) AL 31 DICEMBRE 2011

SCHRODERS ITALY SIM BASILEA 2 III PILASTRO INFORMATIVA AL PUBBLICO RESOCONTO ICAAP (INTERNAL CAPITAL ADEQUACY ASSESSMENT PROCESS) AL 31 DICEMBRE 2011 SCHRODERS ITALY SIM BASILEA 2 III PILASTRO INFORMATIVA AL PUBBLICO RESOCONTO ICAAP (INTERNAL CAPITAL ADEQUACY ASSESSMENT PROCESS) AL 31 DICEMBRE 2011 Schroders Italy SIM S.p.A. Resoconto ICAAP al 31 dicembre

Dettagli

Comunicazione del 20 aprile 2010. Credito revolving concesso con carte di credito: cautele e indirizzi per gli operatori.

Comunicazione del 20 aprile 2010. Credito revolving concesso con carte di credito: cautele e indirizzi per gli operatori. Comunicazione del 20 aprile 2010. Credito revolving concesso con carte di credito: cautele e indirizzi per gli operatori. Nell ambito dell attività di vigilanza la Banca d Italia ha svolto approfondimenti

Dettagli

Istruzioni di Vigilanza per gli Intermediari Finanziari iscritti nell «Elenco Speciale»

Istruzioni di Vigilanza per gli Intermediari Finanziari iscritti nell «Elenco Speciale» Istruzioni di Vigilanza per gli Intermediari Finanziari iscritti nell «Elenco Speciale» 9,*,/$1=$&5(',7,=,$(),1$1=,$5,$,VWUX]LRQLGL9LJLODQ]DSHUJOL,QWHUPHGLDUL)LQDQ]LDUL LVFULWWLQHOO (OHQFR6SHFLDOHª &LUFRODUHQGHODJRVWR

Dettagli

Panetta 21 giugno 2013 Le banche di credito cooperativo

Panetta 21 giugno 2013 Le banche di credito cooperativo Panetta 21 giugno 2013 Le banche di credito cooperativo Alle 394 banche di credito cooperativo italiane (BCC) e ai 3 istituti centrali di categoria fa capo il 10 per cento dei prestiti a famiglie e imprese,

Dettagli

Tavola 1 Requisito informativo generale

Tavola 1 Requisito informativo generale Tavola 1 Requisito informativo generale (a) Il Consiglio di Amministrazione di Finlabo SIM. (di seguito anche la SIM o la Società ), ha definito le politiche di gestione dei rischi all interno delle quali

Dettagli

ESITO CONSULTAZIONE PUBBLICA RELAZIONE

ESITO CONSULTAZIONE PUBBLICA RELAZIONE ESITO CONSULTAZIONE PUBBLICA RELAZIONE 1. Premessa. In data 29 gennaio 2013 l Organismo per la gestione degli Agenti in attività finanziaria e dei Mediatori creditizi (di seguito l o l Organismo ) ha avviato

Dettagli

DISCIPLINA DELLE OBBLIGAZIONI BANCARIE GARANTITE

DISCIPLINA DELLE OBBLIGAZIONI BANCARIE GARANTITE VIGILANZA CREDITIZIA E FINANZIARIA SERVIZIO CONCORRENZA NORMATIVA E AFFARI GENERALI Divisione Normativa DISCIPLINA DELLE OBBLIGAZIONI BANCARIE GARANTITE Il presente documento fornisce uno schema di disposizioni

Dettagli

PRESENTAZIONE REALTA' AZIENDALE

PRESENTAZIONE REALTA' AZIENDALE PRESENTAZIONE REALTA' AZIENDALE INDICE MUTUI & FUTURO 1. La Società' pag. 06 2. Vision, Mission, Valori pag. 07 3. Organigramma pag. 08 4. Modello di Lavoro pag. 09 5. Struttura Distributiva pag. 1 1 6.

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO. Ai sensi del Cap. V, Sez. XII, della Circolare della Banca d Italia n. 216/1996. 31-Dicembre-2014

INFORMATIVA AL PUBBLICO. Ai sensi del Cap. V, Sez. XII, della Circolare della Banca d Italia n. 216/1996. 31-Dicembre-2014 INFORMATIVA AL PUBBLICO Ai sensi del Cap. V, Sez. XII, della Circolare della Banca d Italia n. 216/1996 31-Dicembre-2014 Situazione al 31-12-2009 INDICE INTRODUZIONE... 3 1. TAVOLA 1 - ADEGUATEZZA PATRIMONIALE...

Dettagli

PUNTO 2 ALL ORDINE DEL GIORNO DELL ASSEMBLEA RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI

PUNTO 2 ALL ORDINE DEL GIORNO DELL ASSEMBLEA RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI PUNTO 2 ALL ORDINE DEL GIORNO DELL ASSEMBLEA ORDINARIA: ESAME E DELIBERAZIONI INERENTI LE POLITICHE DI REMUNERAZIONE DELLA BANCA RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 125-TER, D.LGS

Dettagli

Dott. Antonio Renzi. Banca d Italia Servizio Vigilanza sugli Enti Creditizi Vigilanza Creditizia e Finanziaria

Dott. Antonio Renzi. Banca d Italia Servizio Vigilanza sugli Enti Creditizi Vigilanza Creditizia e Finanziaria Il quadro di riferimento per l entrata in vigore delle nuove disposizioni di Vigilanza per le Banche e per gli Intermediari Finanziari iscritti nell Assilea, Assifact, Assofin Le nuove

Dettagli

I rischi dell attività bancaria L ICAAP. Almo Collegio Borromeo 12 novembre 2009

I rischi dell attività bancaria L ICAAP. Almo Collegio Borromeo 12 novembre 2009 I rischi dell attività bancaria L ICAAP Almo Collegio Borromeo 12 novembre 2009 I limiti del primo Accordo di Basilea e il loro superamento La proposta di Direttiva di recepimento del nuovo Accordo di

Dettagli

MODELLO TEORICO DEI REQUISITI DI PROFESSIONALITA DEGLI AMMINISTRATORI

MODELLO TEORICO DEI REQUISITI DI PROFESSIONALITA DEGLI AMMINISTRATORI MODELLO TEORICO DEI REQUISITI DI PROFESSIONALITA DEGLI AMMINISTRATORI Approvato dal Consiglio di Amministrazione nella seduta del 3 marzo 202 OBIETTIVI Ai fini del corretto assolvimento delle funzioni

Dettagli

Il secondo pilastro: il processo di controllo prudenziale

Il secondo pilastro: il processo di controllo prudenziale : il processo di controllo prudenziale! Il processo di controllo prudenziale (Supervisory Review Process SRP) si articola in due fasi integrate! La prima è rappresentata dal processo interno di determinazione

Dettagli

La capitalizzazione delle PMI e garanzie per gli investimenti

La capitalizzazione delle PMI e garanzie per gli investimenti La capitalizzazione delle PMI e garanzie per gli investimenti Il sostegno alle P.M.I. - Incentivi, garanzie ed opportunità per il consolidamento e la crescita Taranto, 27 febbraio 2009 Relatore: Dr. Raffaele

Dettagli

Preliminarmente, occorre rilevare che l oggetto del presente intervento risulta notevolmente più ampio

Preliminarmente, occorre rilevare che l oggetto del presente intervento risulta notevolmente più ampio MEDIAZIONE CREDITIZIA: IL FUTURO DELLA PROFESSIONE E LA TUTELA DELLA CATEGORIA Seminario Organizzato da Assoconsulenza per Gruppo Sintes Cagliari, 30 ottobre 2008 Camera di Commercio Industria Artigianato

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE PRESSO LA VI COMMISSIONE FINANZE E TESORO DISEGNO DI LEGGE N. 1259 DI DELEGA PER LA RIFORMA DEI CONFIDI

SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE PRESSO LA VI COMMISSIONE FINANZE E TESORO DISEGNO DI LEGGE N. 1259 DI DELEGA PER LA RIFORMA DEI CONFIDI SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE PRESSO LA VI COMMISSIONE FINANZE E TESORO DISEGNO DI LEGGE N. 1259 DI DELEGA PER LA RIFORMA DEI CONFIDI INTERVENTO DEL PRESIDENTE DI CONFPROFESSIONI DOTT. GAETANO STELLA

Dettagli

Organizzazione e aspetti organizzativi nella loro complessità gestionale esterna ed interna

Organizzazione e aspetti organizzativi nella loro complessità gestionale esterna ed interna Organizzazione e aspetti organizzativi nella loro complessità gestionale esterna ed interna Renato Cavallari Consigliere di Amministrazione 21 novembre 2012 LUISS Business School - Roma Agenda Profilo

Dettagli

POSITION PAPER 1/2010

POSITION PAPER 1/2010 Osservazioni dell ABI al documento di consultazione della Banca d Italia sulla Disciplina prudenziale delle cessioni di immobili ad uso funzionale delle banche e dei gruppi bancari 20 gennaio 2010 POSITION

Dettagli