Il Piano di montaggio, uso e smontaggio del ponteggio - PiMUS

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il Piano di montaggio, uso e smontaggio del ponteggio - PiMUS"

Transcript

1 Il Piano di montaggio, uso e smontaggio del ponteggio - PiMUS a cura di Francesco Botte Delta Consulting S.a.S. w w w. d e l t a c o n s u l t i n g f e l t r e. e u aprile 2010

2 Indice Il PiMUS 3 La persona competente 4 Il ponteggio 5 Il lavoro in quota 6 Lo standard produttivo 7 La gestione 8 L'audit 9 Il POS 10 Il project management 11 I risultati del project management 12 Fac simile modulo di verifica ponteggio - prima dell'installazione 13 Fac simile modulo di verifica ponteggio - dopo dell'installazione 14 pagina 2 di 14

3 Il PiMUS DESCRIZIONE DELLA BASE DI APPOGGIO DESCRIZIONE DELLA PARETI DI APPOGGIO IL MONTAGGIO LO SMONTAGGIO L USO DESCRIZIONE DEI LUOGHI DI LAVORO L USO IN CONDIZIONI NORMALI PIANO DI MONTAGGIO, USO E SMONTAGGIO DEL PONTEGGIO DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ IN PROGETTO UNA RELAZIONE LE MODALITA' ADOTTATE PER L'APPROVIGIONAMENTO DEL PONTEGGIO IN CANTIERE PER LE ISTRUZIONI ACRONIMO DI IN ESSO DEVONO ESSERE PRESENTI PiMUS CONTIENE LE SOLUZIONI ADOTTATE DALL IMPRESA COSTRUTTRICE PER LA GESTIONE DEL PONTEGGIO UNO STRUMENTO DI LAVORO PER IL PROJECT MANAGER DELL IMPRESA È UN ALLEGATO AL POS? SOLO SE È RICHIESTO CONTRATTUALMENTE (PER ESEMPIO PREVISTO NEL PSC) IN TAL CASO DEVE ESSERE SOTTOPOSTO A VERIFICA UN ALLEGATO AL MANUALE D USO DEL PONTEGGIO RILASCIATO DAL COSTRUTTORE UNO STRUMENTO DI LAVORO PER I PONTEGGIATORI UNO STRUMENTO DI LAVORO PER IL CAPO CANTIERE LA TRASFORMAZIONE L USO IN CONDIZIONI NON NORMALI GLI STRUMENTI E I METODI DI LAVORO PER LA VERIFICA DELL'EFFICACIA DELLE MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE ADOTTATE STRUMENTI PER IL MIGLIORAMENTO CONTINUO AUDIT DI SICUREZZA SISTEMATICI E DOCUMENTATI L EVACUAZIONE L EMERGENZA PER INCARICHI, ORGANIGRAMMA FUNZIONALE, MANSIONI, ECC. IL SALVATAGGIO pagina 3 di 14

4 La persona competente PERSONA COMPETENTE È UN TECNICO CHE HA LE CAPACITÀ L ESPERIENZA LE CONOSCENZE NECESSARIE PER SVOLGERE UNA DETERMINATA ATTIVITÀ pagina 4 di 14

5 Il ponteggio IL PONTEGGIO È PROGETTATA DA TECNICO COMPETENTE INGEGNERE O ARCHITETTO UNA MACCHINA CHE DEVE ESSERE COSTRUITA INFORMATO DA PERSONALE INCARICATO CHE DEVE ESSERE ADDESTRATO PERICOLOSA GESTITA FORMATO SOTTOPOSTO A VERIFICHE DI SICUREZZA CONTROLLATA DA PRIMA DELL INSTALLAZIONE DOPO L INSTALLAZIONE - PRIMA DELL USO DOPO L INSTALLAZIONE - DURANTE L USO pagina 5 di 14

6 Il lavoro in quota ERGONOMICHE ADEGUATE DI SICUREZZA LE ATTIVITÀ LAVORATIVE DEVONO ESSERE ESEGUITE IN CONDIZIONI RISPETTANDO I PRINCIPI ERGONOMICI NELLA CONCEZIONE DEI POSTI DI LAVORO, NELLA SCELTA DELLE ATTREZZATURE E NELLA DEFINIZIONE DEI METODI DI LAVORO E PRODUZIONE LE ATTREZZATURE DI LAVORO DEVONO ESSERE LE PIÙ IDONEE A GARANTIRE E MANTENERE CONDIZIONI DI LAVORO SICURE PER I LAVORATORI ESEGUIRE LAVORAZIONI SU PIANI DI LAVORO AVENTI QUALSIASI DISLIVELLO RISPETTO AL PIANO DI APPOGGIO INIZIALE ESEGUIRE LAVORAZIONI SU PIANI DI LAVORO CON DISLIVELLI MAGGIORI DI 2 METRI RISPETTO AL PIANO DI APPOGGIO INIZIALE È LAVORO IN QUOTA IL MAGGIORE PERICOLO PER I LAVORATORI ITALIANI IL PERICOLO RAPPRESENTA LA FONTE DI POSSIBILI LESIONI O DANNI ALLA SALUTE DEL LAVORATORE (RIF. UNI EN PARTE I/1991) DURANTE L ATTIVITÀ LAVORATIVA SI POSSONO VERIFICARE DUE TIPOLOGIE DI INCIDENTE CHE SI MANIFESTANO PER MENTRE IL RISCHIO VALUTATO MEDIANTE L ANALISI DI DUE ELEMENTI CADUTA DALL ALTO DELL OPERATORE CADUTA DALL ALTO DI MATERIALE E DI ATTREZZATURE DI LAVORO IL RISCHIO È LA PROBABILITÀ DI DANNO AL LAVORATORE LA GRAVITÀ DEL DANNO CAUSATO AL LAVORATORE LA PROBABILITÀ DI AVERE UN INCIDENTE CHE SI MANIFESTA IN PRESENZA DI UN ERRORE DI PROGETTAZIONE (PROCESSO PRODUTTIVO NON CONFORME) È UN EVENTO INDESIDERATO CAUSATO DA ERRORE UMANO IN PRESENZA DI UNA ANOMALIA SUGLI STANDARD PRODUTTIVI (PROCESSO PRODUTTIVO CONFORME) MANCATA INFORMAZIONE DEI LAVORATORI SUI PERICOLI PRESENTI NEL LUOGO DI LAVORO USO DI OPERE PROVVISIONALI COMPOSTE DA ELEMENTI NON CONFORMI ERRATA PROGETTAZIONE DEL LAVORO MANCATO USO DI OPERE PROVVISIONALI MANCATA FORMAZIONE DEI LAVORATORI NON IDONEITÀ PSICOFISICA DEL LAVORATORE - ANCHE TEMPORANEA - (DISATTENZIONE, ECC.) MANCATA VIGILANZA DA PARTE DEL PREPOSTO INCARICATO USO ERRATO DI OPERE PROVVISIONALI, PER ESEMPIO NON CORRETTAMENTE MONTATE O PRIVE DI TUTTI I NECESSARI COMPONENTI MANCATO E/O ERRATO USO DEI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALI E COLLLETTIVI pagina 6 di 14

7 Lo standard produttivo INIZIO LO STANDARD PRODUTTIVO È DEFINITO DA ALMENO 3 PARAMETRI COSTI TEMPI VINCOLI PROGETTUALI CARATTERISTICHE DIMENSIONALI DELLE RISORSE IMPIEGATE COMPITI A CARICO DEI LAVORATORI CHI FA MAPPATURA DEL PROCESSO PRODUTTIVO MATERIE PRIME LAVORATORI MACCHINE ED IMPIANTI METODI DI LAVORO CHI FA COSA 4F COSA FA COME FA QUANDO FA COLLEGAMENTI CON GLI ALTRI PROCESSI: SEQUENZE OPERATIVE CLIENTI FORNITORI SCARTI DA CHI DIPENDE CHI COLLABORA OBIETTIVI NON DESIDERATI OBIETTIVI DESIDERATI pagina 7 di 14

8 La gestione OGNI IMPRESA DEVE ADOTTARE UN EFFICIENTE QUINDI IDONEO DEVE ESSERE ESSO MODELLO DI ORGANIZZAZIONE CAPACE DI RAGGIUGERE I RISULTATI DESIDERATI IN FUNZIONE DELLE RISORSE DISPONIBILI È UN OBIETTIVO DEL CAPACE DI RAGGIUNGERE I RISULTATI DESIDERATI INDIPENDENDEMENTE DELLE RISORSE DISPONIBILI? ADATTO QUINDI EFFICACE OVVERO UN SISTEMA DI GESTIONE AZIENDALE IN CUI SONO ISO 9001:2000 L'EFFICACIA E LA EFFICIENZA DEI PROCESSI POSSONO ESSERE VERIFICATE ATTRAVERSO RIESAMI, INTERNI O ESTERNI, VALUTANDONE ANCHE, SU UNA SCALA DI VALORI, LA RELATIVA MATURITÀ. QUESTE SCALE INDIVIDUANO NORMALMENTE UN GRADO DI MATURITÀ COMPRESO TRA LA "ASSENZA DI SISTEMA DI GESTIONE FORMALE" E LA "PRESTAZIONE DA PRIMI DELLA CLASSE". UNO DEI VANTAGGI DI QUESTO APPROCCIO È CHE I RISULTATI POSSONO ESSERE DOCUMENTATI E MONITORATI PERIODICAMENTE A FRONTE DEGLI OBIETTIVI DI MIGLIORAMENTO. DEFINITI I COMPITI E LE RESPONSABILITÀ DI TUTTI I SOGGETTI DELL'IMPRESA CON OBIETTIVO DI ADEMPIERE A TUTTI GLI OBBLIGHI GIURIDICI IN TEMA DI SICUREZZA E SALUTE SUL LAVORO LAVORATORI INCLUSI A) RISPETTO DEGLI STANDARD TECNICO-STRUTTURALI DI LEGGE RELATIVI A ATTREZZATURE, IMPIANTI, LUOGHI DI LAVORO, AGENTI CHIMICI, FISICI E BIOLOGICI H) PERIODICHE VERIFICHE DELL'APPLICAZIONE E DELL'EFFICACIA DELLE PROCEDURE ADOTTATE B) ATTIVITÀ DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E DI PREDISPOSIZIONE DELLE MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE CONSEGUENTI CHE SONO SUDDIVISI IN 8 PUNTI G) ACQUISIZIONE DI DOCUMENTAZIONI E CERTIFICAZIONI OBBLIGATORIE DI LEGGE C) ATTIVITÀ DI NATURA ORGANIZZATIVA, QUALI EMERGENZE, PRIMO SOCCORSO, GESTIONE DEGLI APPALTI, RIUNIONI PERIODICHE DI SICUREZZA, CONSULTAZIONI DEI RAPPRESENTANTI DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA F) ATTIVITÀ DI VIGILANZA CON RIFERIMENTO AL RISPETTO DELLE PROCEDURE E DELLE ISTRUZIONI DI LAVORO IN SICUREZZA DA PARTE DEI LAVORATORI D) ATTIVITÀ DI SORVEGLIANZA SANITARIA E) ATTIVITÀ DI INFORMAZIONE E FORMAZIONE DEI LAVORATORI pagina 8 di 14

9 L'audit INIZIO LE VERIFICHE ISPETTIVE DETERMINATE DAL TERMINE AUDIT NON PROGRAMMATA PUÒ ESSERE PROGRAMMATA DEVE ESSERE SOTTOPOSTO A VALUTAZIONE DELL ADEGUATEZZA SONO DOCUMENTATE VENGONO REALIZZATE ALL INTERNO DI UNA PIANIFICAZIONE UN ACCERTAMENTO DELLA CORRETTA ATTUAZIONE DELLO STANDARD PRODUTTIVO IL CUI L OBIETTIVO SODDISFAZIONE DEL CLIENTE È DEVE INTERESSARE L EFFICACIA DEGLI STANDARD PRODUTTIVI PROGETTATI I RISULTATI DEVONO ESSERE ANALIZZATI DALLA DIREZIONE AZIENDALE DELLE AREE PRODUTTIVE SOTTOPOSTE A VERIFICA ASPETTI FORMALI ESISTENZA DI DOCUMENTI E LORO CORRETTA COMPILAZIONE INTERNO IL CLIENTE È ESTERNO CLIENTE (COMMITTENTE) LAVORATORI SPISAL ORGANI DI CONTROLLO INAIL ISPETTORATO DEL LAVORO ARPAV pagina 9 di 14

10 Il POS UTILIZZO DI LAVORATORI IDONEI ALLA MANSIONE MEDICO I METODI DI LAVORO PREVISTI L ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO TIPOLOGIA MANSIONI PRODUZIONE SICUREZZA LA MANO D OPERA INCARICHI UTILIZZO DI LAVORATORI IDONEI (FORMATI, INFORMATI E ADDESTRATI): COINVOLTI ATTIVAMENTE NEI PROCESSI DI PREVENZIONE. PRESENZA DURANTE IL CICLO PRODUTTIVO DI SOGGETTI RESPONSABILIZZATI PSICOSOCIALE IL PUNTO DI VISTA GLI ELEMENTI CARATTERIZZANTI LE MATERIE PRIME LE MACCHINE INFORMAZIONE, FORMAZIONE E ADDESTRAMENTO IN PRODUZIONE SCARTI (EMISSIONI E RIFIUTI) OPERE PROVVISIONALI MACCHINE MEZZI D OPERA SI, IL RISCHIO È CONOSCIUTO ED È STATO ACCETTATO, SONO STATE DEFINITE LE RESPONSABILITÀ GESTIONALI CHE VEDONO COINVOLTI ANCHE I LAVORATORI. E LA CONSEGUENTE RISPOSTA AFFERMATIVA E LA CONSEGUENTE RISPOSTA AFFERMATIVA IL RISCHIO È CONOSCIUTO? IL LIVELLO DI RISCHIO È ACCETTATO? E QUALI SONO LE AZIONI CONSEGUENTI? SI, IL RISCHIO È CONOSCIUTO ED È SONO STATE PREDISPOSTE SPECIFICHE MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE NELL'AMBITO DI UN SISTEMA DI GESTIONE CHE GARANTISCE IL MANTENIMENTO, L'EFFICACIA DELLE AZIONI CORRETTIVE E IL MIGLIORAMENTO DEI LIVELLI DI AFFIDABILITÀ (CICLO PDCA) È POSSIBILE ESEGUIRE UN'IMPLEMENTAZIONE DELLE MISURE DI PREVENZIONE AL FINE DI MIGLIORARE IL LIVELLO DI AFFIDABILITÀ DEL SISTEMA DI GESTIONE IPOTIZZATO PER IL CANTIERE? LE DOMANDE GESTIONE DEI RISCHI (RESIDUI ED OCCULTI) IL POS LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI PRODUTTIVI GESTIONE DEI PROCESSI DI PRODUZIONE GLI OBIETTIVI NELLE RISPOSTE DEVONO ESSERE IDENTIFICATE LE SEGUENTI AZIONI: 1) COSA FARE PER ELIMINARE IL PERICOLO IDENTIFICATO; 2) COSA FARE PER ELIMINARE LE POTENZIALI ANOMALIE CHE SI POSSONO VERIFICARE DURANTE IL LAVORO (PER ESEMPIO COME GARANTISCO IL MANTENIMENTO DELL!EFFICIENZA DELLA MACCHINA DA UTILIZZARE O COME POSSO PREVENIRE O RIDURRE LE CONSEGUENZE NEL SISTEMA DI UN ERRORE DEL LAVORATORE, ECC.); 3) COSA FARE PER RIDURRE LA POTENZIALE PROBABILITÀ DI RISCHIO; E 4) QUINDI COSA FARE PER RIDURRE LA GRAVITÀ DEL DANNO POTENZIALE. GLI AMBIENTI DI LAVORO I SISTEMI DI CONTROLLO E QUALI INDICATORI DI EFFICIENZA ADOTTATI NESSUN DANNO PER I LAVORATORI E PER L AMBIENTE SODDIFAZIONE DEL CLIENTE: RISPETTO DEI VINCOLI CONTRATTUALI NESSUNA NON CONFORMITÀ ALLA LEGISLAZIONE IN TEMA DI SICUREZZA SUL LAVORO A) IPOTIZZANDO CHE L'ESECUZIONE DEL LAVORO VENGA SVOLTO IN CONDIZIONI "NORMALI", CON L'INDICAZIONE DEI RISCHI RESIDUI NON ELIMINABILI IN BASE AL PROGRESSO TECNOLOGICO ED ORGANIZZATIVO (... MA GESTIBILI) - GESTIONE DEI RISCHI RESIDUI CHE SI OTTENGONO B) IPOTIZZANDO CHE L'ESECUZIONE DEL LAVORO VENGA SVOLTO IN CONDIZIONI "NON NORMALI" - GESTIONE DEI RISCHI OCCULTI LE CERTIFICAZIONI ATTESTANTI LA CONFORMITÀ ALLE REGOLE DELL ARTE REALIZZAZIONE DELL'OPERA CON LA QUALITÀ DI ESECUZIONE DESIDERATA E I TEMPI CONTRATTUALI PREVISTI, IN CONFORMITÀ ALLE INDICAZIONI IN MERITO PREVISTE NEL PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO IN CUI GLI STANDARD PRODUTTIVI SONO CONFORMI ALL'ART.15 DEL D. LGS. 81/2008 (MISURE GENERALI DI TUTELA) ED AI CONTENUTI DEL TITOLO IV (CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI) DEL MEDESIMO DECRETO IN CUI SONO DEFINITI GLI STANDARD SULLE POSSIBILI EMERGENZE IN CONFORMITÀ ALL'ART.48 DEL D. LGS. 81/2008 (GESTIONE DELLE EMERGENZE) IN CUI SONO PREVISTE LE POSSIBILI AZIONI DI PREVENZIONE CHE L'IMPRESA DOVRÀ ADOTTARE PER LA GESTIONE DEI POSSIBILI COMPORTAMENTI "ABNORMI" DEL SINGOLO LAVORATORE CHE POTREBBERO AVER LUOGO DURANTE IL LAVORO pagina 10 di 14

11 Il project management IL CICLO DELLE AZIONI CORRETTIVE IL CICLO DI MANTENIMENTO IL CICLO DI MIGLIORAMENTO IL METODO PDCA L USO DEL DIAGRAMMA DI PARETO STRUMENTI DI LAVORO VINCOLI PRESENZA DI VINCOLI IMPOSTI DALLA COMMITENZA NEL CONTRATTO D APPALTO ECONOMICI TEMPORALI COSTO FINITO (IMPORTO CONTRATTUALE) DURATA FINITA (TEMPO CONTRATTUALE) MANO D OPERA RIFIUTI ED EMISSIONI ORGANIZZAZIONE MACCHINE ED ATTREZZATURE MATERIE PRIME MISURE METODI DI LAVORO LA RACCOLTA DEI DATI LE RELAZIONI TRA LA CAUSA E L EFFETTO POTENZIALE DEI PROCESSI DI PRODUZIONE (5M) GESTIONE PROJECT MANAGEMENT LA GESTIONE POLITICHE PIANIFICAZIONE OTTICA SISTEMICA INDIVIDUAZIONE DELLE FASI LAVORATIVE SEQUENZA DELLE LAVORAZIONI NELLA FASE ESECUTIVA I SOGGETTI: IMPRESA, COMMITTENZA E COORDINATORE DEVONO LAVORARE IN GRUPPO NELLA FASE PROGETTUALE I SOGGETTI: PROGETTISTI E COORDINATORE DEVONO LAVORARE IN GRUPPO ANTICIPO CAPITALI AMMORTAMENTI COSTI DIRETTI ED INDIRETTI DEI FLUSSI FINANZIARI pagina 11 di 14

12 I risultati del project management PIÙ PROBABILI GLI INCIDENTI CON CONSEGUENTE AUMENTO DELLE PROBABILITÀ DI DANNO NEI CONFRONTI DEI LAVORATORI E DELL AMBIENTE CIRCOSTANTE POSSIBILI PERDITE ECONOMICHE REALIZZAZIONE DELL OPERA NEI TEMPI DILATATI E COI COSTI E GLI UTILI NON IPOTIZZATI PER L IMPRESA NEGATIVI SODDISFACIMENTO DEL CLIENTE MEDIANTE IL COINVOLGIMENTO DI TUTTI GLI ATTORI CHE INTERVENGONO NEL SISTEMA: CLIENTI STESSI, PROGETTISTI ED ESECUTORI (LAVORATORI INCLUSI,... COSIDETTO CLIENTE INTERNO ). POSSIBILI CONTENZIOSI REALIZZAZIONE DELL OPERA CON LA QUALITÀ DI ESECUZIONE NON DESIDERATA COI COSTI E I TEMPI NON CONTRATTUALI PER IL COMMITTENTE PROJECT MANAGEMENT I RISULTATI PER L IMPRESA NESSUN INCIDENTE NESSUN INFORTUNIO POSITIVI PER IL COMMITTENTE REALIZZAZIONE DELL OPERA CON LA QUALITÀ DI ESECUZIONE DESIDERATE COI COSTI E I TEMPI CONTRATTUALI pagina 12 di 14

13 Fac simile modulo di verifica ponteggio - prima dell'installazione -!!% ### " "# # " $ ## + " ""# # " # " " " " "."% %%% %/ " " $""# ) ") "" # "%! " "#$!% ### " " & "' #( ") "%# " "# & *"( ) )"" % ## " % ## %% "#) "%!% ### " "# # " + "% %" " ) %, ## +" "#) "% "%!% ### " "# # " + % "#) "%" ""!% ### ## + "" "" "#) "%"!% ### ## + "" +"" " "# %" ) "#) "%!% ### ""# # "% " "# "% "#) "%""!% ### " "# # " "" " "# # " " "" ""# # "" " "# "#) "% pagina 13 di 14

14 Fac simile modulo di verifica ponteggio - dopo dell'installazione +! "# " (% - # '#. - # # #(. - # # #( %( % "# ## "# ## # # #! "#$ ##% &#$ "#$ ##% # ## ' #$ ##% &% ## ( ( % "!% ((( # %( #%) "%##$ * %# # "##(%( "#%( "% ## %" #( %%( "# % ##% +, " "#!/!!!00!122!/3!+,4 4!01/54! "#% % $ "# ( ## % #&% ## ( "% ' ( % % "% ((( # "# " ("### % " "# " (# % # ' # % "% ((( # "# " (# # ' # % "% ((( # "# " ( # ' # % "% ((( # "# ' "% (( pagina 14 di 14

I Sistemi di Gestione per la Sicurezza: La norma OHSAS 18001: 2007

I Sistemi di Gestione per la Sicurezza: La norma OHSAS 18001: 2007 I Sistemi di Gestione per la Sicurezza: La norma OHSAS 18001: 2007 CHIARA LECIS Co.Meta 25 Giugno 2008 I Sistemi di Gestione per la Sicurezza 1 SGSL: tra adempimenti normativi e miglioramento della gestione

Dettagli

Il Modello di Gestione su Salute e Sicurezza sul Lavoro. 26 Marzo 2015

Il Modello di Gestione su Salute e Sicurezza sul Lavoro. 26 Marzo 2015 Il Modello di Gestione su Salute e Sicurezza sul Lavoro 26 Marzo 2015 Introduzione Cos é la specifica BS OHSAS 18001:2007 Definisce in maniera dettagliata (specification) le linee guida per l implementazione

Dettagli

Gli strumenti di lavoro del coordinatore per la progettazione e per l'esecuzione dei lavori nei cantieri stradali

Gli strumenti di lavoro del coordinatore per la progettazione e per l'esecuzione dei lavori nei cantieri stradali Gli strumenti di lavoro del coordinatore per la progettazione e per l'esecuzione dei lavori nei cantieri stradali Delta Consulting S.a.S. www.deltaconsultingfeltre.eu a cura di Francesco Botte maggio 2012

Dettagli

TAI MILANO S.p.A. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE DI GESTIONE E DI CONTROLLO (D.lgs. 231/001 art. 30 D. lgs. 81/08)

TAI MILANO S.p.A. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE DI GESTIONE E DI CONTROLLO (D.lgs. 231/001 art. 30 D. lgs. 81/08) TAI MILANO S.p.A. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE DI GESTIONE E DI CONTROLLO (D.lgs. 231/001 art. 30 D. lgs. 81/08) Approvato dal Consiglio Di Amministrazione di TAI MILANO S.p.A. il MOG Rev. 01 del 23/06/2009

Dettagli

FASCICOLO DI DOCUMENTI OBBLIGATORI IN CANTIERE D R. M A R R O C C O L U C I O M E D I C O D E L L A V O R O

FASCICOLO DI DOCUMENTI OBBLIGATORI IN CANTIERE D R. M A R R O C C O L U C I O M E D I C O D E L L A V O R O FASCICOLO DI DOCUMENTI OBBLIGATORI IN CANTIERE D R. M A R R O C C O L U C I O M E D I C O D E L L A V O R O Documenti concernenti gli obblighi a carico del Datore di Lavoro Nomine e attestati di formazione

Dettagli

Ing. Alberto Rencurosi

Ing. Alberto Rencurosi 28.05.2015 Ing. Alberto Rencurosi Lead auditor SQS (ISO9001, ISO14001, OHSAS18001, ISO 50001) Associazione Svizzera per Sistemi di Qualità e di Management (SQS) 1 Testo Unico e sistemi di gestione della

Dettagli

CHECK LIST ANALISI INIZIALE ORGANIZZAZIONE E GESTIONE DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

CHECK LIST ANALISI INIZIALE ORGANIZZAZIONE E GESTIONE DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO CHECK LIST ANALISI INIZIALE ORGANIZZAZIONE E GESTIONE DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO QUESITO RISCONTRO* Documentazione di P N NA riscontro 1. ANALISI INIZIALE Il DVR /autocertificazione e gli allegati

Dettagli

Sistema di Gestione della Sicurezza CLAUDIO SOAVE

Sistema di Gestione della Sicurezza CLAUDIO SOAVE Sistema di Gestione della Sicurezza CLAUDIO SOAVE L organizzazione della sicurezza secondo D.Lgs. 81/08 Al datore di lavoro vengono attribuiti compiti di regia e di programmazione della sicurezza in azienda,

Dettagli

L approccio sistemico alla gestione della sicurezza sul lavoro: i SGSL

L approccio sistemico alla gestione della sicurezza sul lavoro: i SGSL Salute e Sicurezza sul Lavoro in ambito caseario Implementazione di un Sistema di Gestione Siamaggiore, Loc. Pardu Nou - Giovedì 2 luglio 2015 L approccio sistemico alla gestione della sicurezza sul lavoro:

Dettagli

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Corso di laurea in Ingegneria Edile CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Anno Accademico 2011/2012 Definire: Obbiettivi della lezione Rischi Interferenziali - DUVRI e PSC Rischi Propri - POS Conoscere gli aspetti

Dettagli

DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE. Area Tutela della Salute e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro Servizio Prevenzione e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro

DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE. Area Tutela della Salute e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro Servizio Prevenzione e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Area Tutela della Salute e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro Servizio Prevenzione e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro LEGGE DI MURPHY Niente è facile come sembra Tutto richiede

Dettagli

Azienda Sanitaria Firenze

Azienda Sanitaria Firenze Azienda Sanitaria Firenze I Sistemi di Gestione della Salute e Sicurezza nei Luoghi di Lavoro in relazione al D.Lgs. 231/01 DALLA VERIFICA DELL APPLICAZIONE FORMALE ALLA VALUTAZIONE DELL EFFICACIA DEL

Dettagli

D.Lgs. 231/2001 - RESPONSABILITÀ DI IMPRESA: APPLICABILITÀ AI LABORATORI DI ANALISI. Integrazione 231 e SGS

D.Lgs. 231/2001 - RESPONSABILITÀ DI IMPRESA: APPLICABILITÀ AI LABORATORI DI ANALISI. Integrazione 231 e SGS D.Lgs. 231/2001 - RESPONSABILITÀ DI IMPRESA: APPLICABILITÀ AI LABORATORI DI ANALISI Integrazione 231 e SGS M.G.Marchesiello Bologna 5 giugno 2014 L. 3.08.2007 n. 123 Misure in tema di tutela della salute

Dettagli

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. COMMITTENTE Il soggetto per conto del quale l'intera opera viene realizzata

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. COMMITTENTE Il soggetto per conto del quale l'intera opera viene realizzata CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI CAPO 1 Articolo 89 - DEFINIZIONI COMMITTENTE Il soggetto per conto del quale l'intera opera viene realizzata RESPONSABILE DEI LAVORI soggetto che può essere incaricato dal

Dettagli

Sistema di Gestione della Sicurezza e Internal Auditing in Cantiere Ing. Antonella Pireddu, Ing. Laura Tomassini

Sistema di Gestione della Sicurezza e Internal Auditing in Cantiere Ing. Antonella Pireddu, Ing. Laura Tomassini Sistema di Gestione della Sicurezza e Internal Auditing in Cantiere Ing. Antonella Pireddu, Ing. Laura Tomassini Sistema di Gestione della Sicurezza e Internal Auditing in Cantiere 1 Perché? MIGLIORARE

Dettagli

REALIZZAZIONE DI UN SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA SUL LAVORO: CASTELLO DI CARTE O CASSETTA DEGLI ATTREZZI PER UNA GESTIONE EFFICACE?

REALIZZAZIONE DI UN SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA SUL LAVORO: CASTELLO DI CARTE O CASSETTA DEGLI ATTREZZI PER UNA GESTIONE EFFICACE? 13 Salone della qualità e sicurezza sul lavoro REALIZZAZIONE DI UN SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA SUL LAVORO: CASTELLO DI CARTE O CASSETTA DEGLI ATTREZZI PER UNA GESTIONE EFFICACE? Dott. Ing. Massimo

Dettagli

PROCEDURE SEMPLIFICATE PER L ADOZIONE DI MODELLI DI ORGANIZZAZIONE E GESTIONE (MOG) NELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

PROCEDURE SEMPLIFICATE PER L ADOZIONE DI MODELLI DI ORGANIZZAZIONE E GESTIONE (MOG) NELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE PROCEDURE SEMPLIFICATE PER L ADOZIONE DI MODELLI DI ORGANIZZAZIONE E GESTIONE (MOG) NELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE RIFERIMENTI Legge 3/8/2007 n.123 (riordino disciplina) -> Introduce nel D.Lgs 231/2001

Dettagli

Documento in attesa di approvazione definitiva Nota per la Commissione Consultiva Permanente

Documento in attesa di approvazione definitiva Nota per la Commissione Consultiva Permanente Commissione Consultiva Permanente Comitato n. 4 Modelli di Organizzazione e di Gestione (MOG) Documento in attesa di approvazione definitiva Nota per la Commissione Consultiva Permanente Prima di procedere

Dettagli

Sistema di gestione della Sicurezza

Sistema di gestione della Sicurezza Sistema di gestione della Sicurezza Dott. Ing. Giuseppe Giannelli Moasca, 18/06/2009 Aspetti generali Inquadramento nel D.Lgs. 81/08 L adozione di un sistema di gestione della sicurezza sul lavoro (SGSL),

Dettagli

STANDARD OHSAS 18001:2007 E CORRISPONDENZE CON IL MODELLO ORGANIZZATIVO DEL DECRETO LEGISLATIVO N. 81/2008

STANDARD OHSAS 18001:2007 E CORRISPONDENZE CON IL MODELLO ORGANIZZATIVO DEL DECRETO LEGISLATIVO N. 81/2008 DECRETO LEGISLATIVO n. 81 del 9 aprile 2008 UNICO TESTO NORMATIVO in materia di salute e sicurezza delle lavoratrici e dei lavoratori STANDARD OHSAS 18001:2007 E CORRISPONDENZE CON IL MODELLO ORGANIZZATIVO

Dettagli

ALLEGATO GS1 LISTA DI CONTROLLO PER LA VALUTAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE E GESTIONE DELLA SICUREZZA

ALLEGATO GS1 LISTA DI CONTROLLO PER LA VALUTAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE E GESTIONE DELLA SICUREZZA Pag. 1 di 13 01 Emissione in allegato a procedura verifica GS 4 Maggio 2014 00 Prima emissione Luglio 2013 Revisione Motivo Data Nota: Lo sviluppo e l implementazione dell organizzazione e gestione della

Dettagli

Norme per l organizzazione - ISO serie 9000

Norme per l organizzazione - ISO serie 9000 Norme per l organizzazione - ISO serie 9000 Le norme cosiddette organizzative definiscono le caratteristiche ed i requisiti che sono stati definiti come necessari e qualificanti per le organizzazioni al

Dettagli

Guida ai Sistemi di Gestione della Salute e della Sicurezza nei Luoghi di Lavoro

Guida ai Sistemi di Gestione della Salute e della Sicurezza nei Luoghi di Lavoro Alberto Alberto ANDREANI ANDREANI Via Mameli, 72 int. 201/C Via Mameli, 72 int. 201/C 61100 PESARO Tel. 0721.403718 61100 PESARO Tel. 0721.403718 e.mail andreani@pesaro.com e.mail andreani@pesaro.com Guida

Dettagli

Seminario su D.Lgs.81/08

Seminario su D.Lgs.81/08 Seminario su D.Lgs.81/08 La Valutazione del Rischio Per individuare le Misure di Prevenzione e Protezione a tutela della Salute e Sicurezza dei lavoratori Piacenza, 17/11/2010 Anna Bosi Dipartimento Sanità

Dettagli

DOCUMENTO SULLA POLITICA DI PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI RILEVANTI E DI TUTELA DELLA SALUTE E SICUREZZA DEI LAVORATORI E DELL AMBIENTE

DOCUMENTO SULLA POLITICA DI PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI RILEVANTI E DI TUTELA DELLA SALUTE E SICUREZZA DEI LAVORATORI E DELL AMBIENTE 0 PREMESSA La scienza dei trattamenti galvanici e di verniciatura e le attinenti applicazioni industriali sono relativamente antiche. Il progresso delle conoscenze in campo medico e scientifico ha evidenziato

Dettagli

Safety Services s.r.l.

Safety Services s.r.l. Safety Services s.r.l. Consulenza per la Gestione della Sicurezza nei Luoghi di Lavoro Sistemi Qualità, Ambiente, Igiene degli Alimenti, Privacy Corsi di Formazione Aziendale Sede Legale: Via Petrarca

Dettagli

Le regole e i modelli organizzativi

Le regole e i modelli organizzativi Dipartimento Tecnologie di Sicurezza Ex ISPESL Le regole e i modelli organizzativi Luigi Monica 29 Marzo 2011 Modelli di organizzazione e di gestione Riferimenti tecnici sui modelli di organizzazione e

Dettagli

PREVENZIONE E SICUREZZA SUL LAVORO NEI CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI PRESCRIZIONI LEGISLATIVE

PREVENZIONE E SICUREZZA SUL LAVORO NEI CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI PRESCRIZIONI LEGISLATIVE PREVENZIONE E SICUREZZA SUL LAVORO NEI CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI PRESCRIZIONI LEGISLATIVE IL DATORE DI LAVORO OBBLIGHI FONDAMENTALI DEL DATORE DI LAVORO: effettuare la valutazione dei rischi, redigere

Dettagli

GILBERTO LOFFREDO. Rimini, via Macanno, 20 p.e.: gilberto.loffredo@katamail.com

GILBERTO LOFFREDO. Rimini, via Macanno, 20 p.e.: gilberto.loffredo@katamail.com GILBERTO LOFFREDO Rimini, via Macanno, 20 p.e.: gilberto.loffredo@katamail.com Comitato Paritetico Territoriale Per la Prevenzione Infortuni l Igiene e l Ambiente di Lavoro della Provincia di Rimini 2

Dettagli

GESTIONE DEGLI APPALTI. Copyright Diritti riservati

GESTIONE DEGLI APPALTI. Copyright Diritti riservati GESTIONE DEGLI APPALTI Copyright Diritti riservati GESTIONE DEGLI APPALTI RIF. D. LGS. 81/08 s.m.i. Articolo 26 - Obblighi connessi ai contratti d appalto o d opera o di somministrazione Titolo IV Cantieri

Dettagli

IL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI

IL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI 12 Salone della qualità e sicurezza sul lavoro IL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI NELLA GESTIONE AZIENDALE DELLA SICUREZZA Ing. Davide Musiani STUDIO TECNICO PROF. NERI S.r.l. Bologna, 12 Giugno 2009

Dettagli

LA RESPONSABILITA AMMINISTRATIVA DELLE SOCIETA E I MODELLI ORGANIZZATIVI, CON PARTICOLARE RIFERIMENTO ALLA SICUREZZA SUL LAVORO

LA RESPONSABILITA AMMINISTRATIVA DELLE SOCIETA E I MODELLI ORGANIZZATIVI, CON PARTICOLARE RIFERIMENTO ALLA SICUREZZA SUL LAVORO LA RESPONSABILITA AMMINISTRATIVA DELLE SOCIETA E I MODELLI ORGANIZZATIVI, CON PARTICOLARE RIFERIMENTO ALLA SICUREZZA SUL LAVORO Studio Candussi & Partners Università di Udine 30 aprile 2009 Lo Studio Candussi

Dettagli

Il Sistema di Gestione della Sicurezza e Salute sul Lavoro OHSAS 18000:2007 e il Modello di Organizzazione e Controllo secondo il D.Lgs.

Il Sistema di Gestione della Sicurezza e Salute sul Lavoro OHSAS 18000:2007 e il Modello di Organizzazione e Controllo secondo il D.Lgs. Convegno ASACERT Il Sistema di Gestione della Sicurezza e Salute sul Lavoro OHSAS 18000:2007 e il Modello di Organizzazione e Controllo secondo il D.Lgs. 231/01 Centro Congressi Relaisfranciacorta 20 marzo

Dettagli

Check List dei documenti e degli adempimenti inerenti la sicurezza

Check List dei documenti e degli adempimenti inerenti la sicurezza Check List dei documenti e degli adempimenti inerenti la sicurezza Da tenere in cantiere ai sensi del D. Lgs. 81/08 1. Documentazione Generale 01 02 Cartello informativo di cantiere Notifica Preliminare

Dettagli

DVD Antonio Del Gallo

DVD Antonio Del Gallo NUOCO CODICE DI PREVENZIONE INCENDI Capitolo S.5 Gestione della sicurezza antincendio DVD Antonio Del Gallo Direzione Interregionale per il Veneto e il Trentino Alto Adige Premessa GSA : misura della Strategia

Dettagli

Integrare la SSL nella gestione complessiva delle organizzazioni

Integrare la SSL nella gestione complessiva delle organizzazioni Asseverazione dei Modelli di Organizzazione e di Gestione della Sicurezza nelle Imprese Edili Milano, 21 aprile 2015 AULA MAGNA PALAZZO DI GIUSTIZIA TRIBUNALE DI MILANO Via Freguglia, 1 F. Benedetti INAIL

Dettagli

SGSL UN SISTEMA PER LA GESTIONE DELLA SICUREZZA SUL LAVORO NELLA SCUOLA

SGSL UN SISTEMA PER LA GESTIONE DELLA SICUREZZA SUL LAVORO NELLA SCUOLA SGSL UN SISTEMA PER LA GESTIONE DELLA SICUREZZA SUL LAVORO NELLA SCUOLA COSA È IN PRATICA UN SISTEMA DI GESTIONE? L insieme delle regole e dei processi di funzionamento di un organizzazione. Comprende:

Dettagli

I SISTEMI DI GESTIONE DELLA SICUREZZA

I SISTEMI DI GESTIONE DELLA SICUREZZA I SISTEMI DI GESTIONE DELLA SICUREZZA ing. Davide Musiani Modena- Mercoledì 8 Ottobre 2008 L art. 30 del D.Lgs 81/08 suggerisce due modelli organizzativi e di controllo considerati idonei ad avere efficacia

Dettagli

Benefici della Certificazione Sicurezza OHSAS 18001:2007

Benefici della Certificazione Sicurezza OHSAS 18001:2007 Benefici della Certificazione Sicurezza OHSAS 18001:2007 Premessa Decreto Legislativo 8 giugno 2001, n. 231 "Disciplina della responsabilità amministrativa delle persone giuridiche, delle società e delle

Dettagli

Sistemi di Gestione Sicurezza sul Lavoro

Sistemi di Gestione Sicurezza sul Lavoro Organismo Provinciale di Coordinamento per la prevenzione e la vigilanza sul lavoro di Belluno Convegno annuale: Sistemi di Gestione Sicurezza sul Lavoro Belluno 23 novembre 2012 Dott.ssa Daniela Marcolina

Dettagli

DM.9 agosto 2000 LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA TITOLO I POLITICA DI PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI RILEVANTI

DM.9 agosto 2000 LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA TITOLO I POLITICA DI PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI RILEVANTI DM.9 agosto 2000 LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA TITOLO I POLITICA DI PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI RILEVANTI Articolo 1 (Campo di applicazione) Il presente decreto si

Dettagli

INDICE PRESENTAZIONE... PREMESSA...

INDICE PRESENTAZIONE... PREMESSA... INDICE PRESENTAZIONE... PREMESSA... XIII XV GLOSSARIO... 1 ADDETTO Servizio Prevenzione e Protezione... 3 ADEMPIMENTO... 6 ADDESTRAMENTO... 8 AGENTI:... 9 Biologici... 9 Chimici... 9 Fisici... 10 Cancerogeni

Dettagli

ORDINE degli AVVOCATI di VENEZIA. Corso di Formazione la sicurezza degli studi professionali d. lgs. 106/2009

ORDINE degli AVVOCATI di VENEZIA. Corso di Formazione la sicurezza degli studi professionali d. lgs. 106/2009 ORDINE degli AVVOCATI di VENEZIA favorire e promuovere la gestione della Salute, Igiene e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro Corso di Formazione la sicurezza degli studi professionali d. lgs. 106/2009

Dettagli

PREVENZIONE E SICUREZZA SUL LAVORO NEI CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI PRESCRIZIONI LEGISLATIVE

PREVENZIONE E SICUREZZA SUL LAVORO NEI CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI PRESCRIZIONI LEGISLATIVE PREVENZIONE E SICUREZZA SUL LAVORO NEI CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI PRESCRIZIONI LEGISLATIVE IL DATORE DI LAVORO OBBLIGHI FONDAMENTALI DEL DATORE DI LAVORO: effettuare la valutazione dei rischi, redigere

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI D.V.R. Capitolo 3 D.V.R. Capitolo 3 Programma per il miglioramento nel tempo dei livelli di sicurezza DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI CAPITOLO 3 Programma per il miglioramento nel tempo dei livelli

Dettagli

Disciplina della responsabilità amministrativa delle persone giuridiche, delle società e delle associazioni anche prive di personalità giuridica,

Disciplina della responsabilità amministrativa delle persone giuridiche, delle società e delle associazioni anche prive di personalità giuridica, Decreto Legislativo 231/2001 Decreto Legislativo 8 giugno 2001 n. 231 Disciplina della responsabilità amministrativa delle persone giuridiche, delle società e delle associazioni anche prive di personalità

Dettagli

APPROCCIO ALLA VALUTAZIONE DEI RISCHI NEGLI AMBIENTI DI LAVORO

APPROCCIO ALLA VALUTAZIONE DEI RISCHI NEGLI AMBIENTI DI LAVORO APPROCCIO ALLA VALUTAZIONE DEI RISCHI NEGLI AMBIENTI DI LAVORO SIGNIFICATO DELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI La valutazione dei rischi consiste in un esame di tutti gli aspetti attinenti il lavoro, finalizzato

Dettagli

CERTIQUALITY STEFANO ALDINI

CERTIQUALITY STEFANO ALDINI CERTIQUALITY Procedure semplificate, D.Lgs. 231 ed efficacia dei Modelli Organizzativi per la prevenzione delle responsabilità: il ruolo delle verifiche indipendenti dei sistemi di gestione della salute

Dettagli

Commissione Consultiva Permanente ex Art. 6 DLgs 81/08. Il documento del Comitato n. 4 Modelli di Organizzazione e di Gestione (MOG)

Commissione Consultiva Permanente ex Art. 6 DLgs 81/08. Il documento del Comitato n. 4 Modelli di Organizzazione e di Gestione (MOG) Commissione Consultiva Permanente ex Art. 6 DLgs 81/08 Il documento del Comitato n. 4 Modelli di Organizzazione e di Gestione (MOG) Ivo Dagazzini Rappresentante delle Regioni per la Regione Veneto Direttore

Dettagli

Sicurezza in copertura: l importanza dell informazione, della formazione e dell addestramento dei lavoratori Loick Mattana

Sicurezza in copertura: l importanza dell informazione, della formazione e dell addestramento dei lavoratori Loick Mattana Sicurezza in copertura: l importanza dell informazione, della formazione e dell addestramento dei lavoratori Loick Mattana Lavorare in cantiere richiede sempre un adeguato approccio nei confronti della

Dettagli

1 La politica aziendale

1 La politica aziendale 1 La Direzione Aziendale dell Impresa Pizzarotti & C. S.p.A. al livello più elevato promuove la cultura della Qualità, poiché crede che la qualità delle realizzazioni dell Impresa sia raggiungibile solo

Dettagli

brugherio (mb) POLITICA AZIENDALE

brugherio (mb) POLITICA AZIENDALE brugherio (mb) POLITICA AZIENDALE Brugherio, 20 gennaio 2015 piomboleghe srl via eratostene, 1-20861 brugherio (mb) tel. 039289561, fax. 039880244 info@piomboleghe.it www.piomboleghe.it cap. soc. 1.300.000,00

Dettagli

COORDINAMENTO SPISAL DELLA PROVINCIA DI VERONA

COORDINAMENTO SPISAL DELLA PROVINCIA DI VERONA COORDINAMENTO SPISAL DELLA PROVINCIA DI VERONA BUSSOLENGO, LEGNAGO, VERONA Azienda Presenti al sopralluogo per l azienda: 1 CHECK LIST GESTIONE AZIENDALE DELLA CUREZZA 1. GESTIONE AZIENDALE DELLA CUREZZA

Dettagli

SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI IL PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA P.O.S.

SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI IL PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA P.O.S. SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI IL PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA P.O.S. La versione aggiornata del Testo Unico: Rev. 13^ - Maggio 2013 TITOLO IV - CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI CAPO I - MISURE PER LA SALUTE

Dettagli

In caso di Raggruppamento Temporaneo di Imprese/Consorzio ordinario/geie essere presentato un modello per ciascun componente.

In caso di Raggruppamento Temporaneo di Imprese/Consorzio ordinario/geie essere presentato un modello per ciascun componente. Allegato 7 In caso di Raggruppamento Temporaneo di Imprese/Consorzio ordinario/geie essere presentato un modello per ciascun componente. deve Alla Regione Umbria Consiglio Regionale Servizio Risorse Piazza

Dettagli

Durata (ore) A001 Titolo I e Titolo IV del D.Lgs 81/2008 e s.m.i. 9 A002 PSC e costi della sicurezza 9

Durata (ore) A001 Titolo I e Titolo IV del D.Lgs 81/2008 e s.m.i. 9 A002 PSC e costi della sicurezza 9 CATALOGO CORSI A) SETTORE: SICUREZZA E SALUTE NEI LUOGHI DI LAVORO Corsi di aggiornamento per Coordinatori della Sicurezza nei cantieri temporanei o mobili (rif. Art. 8 del D.Lgs 81/2008) A001 Titolo I

Dettagli

Sogin - Linee Guida sui cantieri temporanei o mobili

Sogin - Linee Guida sui cantieri temporanei o mobili Sogin - Linee Guida sui cantieri temporanei o mobili 1. PREMESSA La disciplina dei cantieri temporanei e mobili ha trovato preciso regolamentazione nel Decreto Legislativo 9 aprile 2008, n. 81, e nel successivo

Dettagli

Il corretto approccio al Sistema di Gestione Aziendale per la Sicurezza e Salute OHSAS 18001:2007

Il corretto approccio al Sistema di Gestione Aziendale per la Sicurezza e Salute OHSAS 18001:2007 Il corretto approccio al Sistema di Gestione Aziendale per la Sicurezza e Salute OHSAS 18001:2007 GENERALITA Il Sistema di Gestione Aziendale rappresenta la volontà di migliorare le attività aziendali,

Dettagli

IL DL D.Lgs. 9 aprile 2008 81/2008 Attuazione dell'articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro (G.U. n. 101 del 30 aprile 2008)

Dettagli

UNA (DOVEROSA) PREMESSA: COSA CI FACCIAMOI QUI?

UNA (DOVEROSA) PREMESSA: COSA CI FACCIAMOI QUI? ACQUISTO DI MACCHINE, ATTREZZATURE DI LAVORO E IMPIANTI INDUSTRIALI ALLA LUCE DEL D.LGS. 81/2008 E DELLA DIRETTIVA MACCHINE 2006/42/CE (RECEPITA DAL D.LGS. 17/2010) SELEZIONE DEL FORNITORE, SPECIFICHE

Dettagli

E. Struttura e organizzazione del sistema

E. Struttura e organizzazione del sistema E. Struttura e organizzazione del sistema E. Struttura e organizzazione del sistema E.1 Sistema di gestione L azienda dovrebbe strutturare il SGSL seguendo i contenuti espressi nel presente documento,

Dettagli

L importanza della conoscenza dell evoluzione normativa e della formazione continua nell ambito della sicurezza

L importanza della conoscenza dell evoluzione normativa e della formazione continua nell ambito della sicurezza L importanza della conoscenza dell evoluzione normativa e della formazione continua nell ambito della sicurezza Trento, 13 novembre 2013 2 L importanza della conoscenza dell evoluzione normativa e della

Dettagli

INTEGRAZIONE E CONFRONTO DELLE LINEE GUIDA UNI-INAIL CON NORME E STANDARD (Ohsas 18001, ISO, ecc.) Dott.ssa Monica Bianco Edizione: 1 Data: 03.12.

INTEGRAZIONE E CONFRONTO DELLE LINEE GUIDA UNI-INAIL CON NORME E STANDARD (Ohsas 18001, ISO, ecc.) Dott.ssa Monica Bianco Edizione: 1 Data: 03.12. Learning Center Engineering Management INTEGRAZIONE E CONFRONTO DELLE LINEE GUIDA UNI-INAIL CON NORME E STANDARD (Ohsas 18001, ISO, ecc.) Autore: Dott.ssa Monica Bianco Edizione: 1 Data: 03.12.2007 VIA

Dettagli

Corso di aggiornamento RSPP aziende edili. Lezione: Il Piano di Sicurezza Sostitutivo (P.S.S)

Corso di aggiornamento RSPP aziende edili. Lezione: Il Piano di Sicurezza Sostitutivo (P.S.S) Corso di aggiornamento RSPP aziende edili Lezione: Il Piano di Sicurezza Sostitutivo (P.S.S) In questa unità didattica descriveremo le caratteristiche del Piano di Sicurezza Sostitutivo (P.S.S.). Nello

Dettagli

Normativa di riferimento

Normativa di riferimento SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N. 3 ALTO FRIULI DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Prevenzione e sicurezza ambienti di lavoro CADUTE DALL ALTO

Dettagli

TÜV Italia. La norma BS OHSAS 18001:2007: requisiti e correlazioni con il nuovo testo unico D.Lgs. 81/08

TÜV Italia. La norma BS OHSAS 18001:2007: requisiti e correlazioni con il nuovo testo unico D.Lgs. 81/08 TÜV Italia La norma BS OHSAS 18001:2007: requisiti e correlazioni con il nuovo testo unico D.Lgs. 81/08 Stefano Tarlon Sector Manager Sicurezza TUV Italia S.r.l. Normativa italiana Evoluzione degli standard

Dettagli

TITOLO IV CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. CAPO I Misure per la salute e sicurezza nei cantieri temporanei o mobili

TITOLO IV CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. CAPO I Misure per la salute e sicurezza nei cantieri temporanei o mobili Art. 97 del D. Lgs n. 81/2008 Dott. Michele MONTRANO ASL TO3 SPreSAL Rivoli (TO) TITOLO IV CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI Misure per la salute e sicurezza nei cantieri temporanei o mobili I Norme per la

Dettagli

DUVRI. Documento Unico di Valutazione dei Rischi da Interferenze

DUVRI. Documento Unico di Valutazione dei Rischi da Interferenze DUVRI Documento Unico di Valutazione dei Rischi da Interferenze Legge 3 agosto 2007, n. 123 : Misure in tema di tutela della salute e della sicurezza sul lavoro e delega al Governo per il riassetto e la

Dettagli

LA NORMA OHSAS 18001 E IL TESTO UNICO SULLA SICUREZZA 81/2008: IMPATTO SUL SISTEMA SANZIONATORIO

LA NORMA OHSAS 18001 E IL TESTO UNICO SULLA SICUREZZA 81/2008: IMPATTO SUL SISTEMA SANZIONATORIO LA NORMA OHSAS 18001 E IL TESTO UNICO SULLA SICUREZZA 81/2008: IMPATTO SUL SISTEMA SANZIONATORIO Studio Candussi & Partners novembre 2008 Lo Studio Candussi & Partners Lo Studio opera dal 1998 con consulenti

Dettagli

Piano operativo di sicurezza.

Piano operativo di sicurezza. Piano operativo di sicurezza. Contenuti minimi, obbiettivi e obblighi di trasmissione ai sensi del D.Lgs. 81/2008 e s.m.i. Almese, 4 novembre 2009 Dott. Paolo PICCO TdP SPreSAL ASL TO3 - Rivoli (TO) D.Lgs.

Dettagli

Coordinamento della sicurezza in fase di esecuzione dell opera

Coordinamento della sicurezza in fase di esecuzione dell opera Standard di qualità ai fini della qualificazione professionale della categoria dei geometri Specifica E09 Edilizia, urbanistica e ambiente Coordinamento della sicurezza in fase di esecuzione dell opera

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE PER COORDINATORI PER LA SICUREZZA NEI CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI 120 ORE - (art. 98 del D. Lgs. 81/08)

CORSO DI FORMAZIONE PER COORDINATORI PER LA SICUREZZA NEI CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI 120 ORE - (art. 98 del D. Lgs. 81/08) CORSO DI FORMAZIONE PER COORDINATORI PER LA SICUREZZA NEI CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI 120 ORE - (art. 98 del D. Lgs. 81/08) Il Consorzio SIAB, con l intento di continuare la collaborazione con le attività

Dettagli

PASSAGGIO ALLA ISO 9000:2000 LA GESTIONE DELLE PICCOLE AZIENDE IN OTTICA VISION

PASSAGGIO ALLA ISO 9000:2000 LA GESTIONE DELLE PICCOLE AZIENDE IN OTTICA VISION PASSAGGIO ALLA ISO 9000:2000 LA GESTIONE DELLE PICCOLE AZIENDE IN OTTICA VISION PIETRO REMONTI 1 2 APPROCCIO BASATO SUI PROCESSI UN RISULTATO DESIDERATO È OTTENUTO IN MODO PIÙ EFFICACE SE RISORSE E ATTIVITÀ

Dettagli

RACCOGLITORE DELLA DOCUMENTAZIONE OBBLIGATORIA DA CONSERVARE IN CANTIERE

RACCOGLITORE DELLA DOCUMENTAZIONE OBBLIGATORIA DA CONSERVARE IN CANTIERE RACCOGLITORE DELLA DOCUMENTAZIONE OBBLIGATORIA DA CONSERVARE IN CANTIERE DITTA RECAPITI TELEFONICI PREPOSTO DI CANTIERE LAVORATORI DELL'IMPRESA PRESENTI IN CANTIERE: DOCUMENTAZIONI CONTRATTUALI CONTRATTO

Dettagli

CONCETTI E DEFINIZIONI

CONCETTI E DEFINIZIONI Contenuti del DVR CONCETTI E DEFINIZIONI Valutazione globale e documentata di tutti i rischi per la salute e sicurezza dei lavoratori presenti nell ambito dell organizzazione in cui essi prestano la propria

Dettagli

CIRCOLARE N. 68S: CERTIFICAZIONE OHSAS 18001, BENEFICI IN TERMINI DI SICUREZZA, ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E DETRAZIONI FISCALI.

CIRCOLARE N. 68S: CERTIFICAZIONE OHSAS 18001, BENEFICI IN TERMINI DI SICUREZZA, ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E DETRAZIONI FISCALI. CIRCOLARE N. 68S: CERTIFICAZIONE OHSAS 18001, BENEFICI IN TERMINI DI SICUREZZA, ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E DETRAZIONI FISCALI. Gentile Cliente, il sistema certificativo aziendale si è notevolmente sviluppato

Dettagli

COME STA IL TUO CANTIERE?

COME STA IL TUO CANTIERE? Vademecum per l impresa e il cantiere 15x21 30-04-2010 10:56 maggio 2010 Pagina 1 COME STA IL TUO CANTIERE? UNA VISITA TECNICA DEL CTP PUÒ EVITARTI COMPLICAZIONI PRENOTALA ADESSO METTI IN REGOLA IL TUO

Dettagli

CORSO 120 ORE PER COORDINATORE PER LA SICUREZZA NEI CANTIERI PROGRAMMA DIDATTICO

CORSO 120 ORE PER COORDINATORE PER LA SICUREZZA NEI CANTIERI PROGRAMMA DIDATTICO CORSO 120 ORE PER COORDINATORE PER LA SICUREZZA NEI CANTIERI PROGRAMMA DIDATTICO Scopo del Corso Durata Orario Attestato Frequenza Materiale Didattico Formare le figure professionali (Coordinatori della

Dettagli

ATTREZZATURE E RISCHIO MACCHINE

ATTREZZATURE E RISCHIO MACCHINE SICUREZZA: VERIFICA PERIODICA DELLE ATTREZZATURE E RISCHIO MACCHINE CORSO DI FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO Alessandro Berton Inn Med S.r.l. 30 Gennaio 2013 Parco Scientifico VEGA LEGGI E NORME DI RIFERIMENTO

Dettagli

Procedura correlata alla gestione della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro

Procedura correlata alla gestione della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro Procedura correlata alla gestione della salute e sicurezza nei luoghi di Approvato da: Funzione Cognome e Nome Data Firma per approvazione Presidente del CdA RSPP Soc. di consulenza Verificato da:: Funzione

Dettagli

I SISTEMI DI GESTIONE DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO: OHSAS 18001 AV2/07/11 ARTEMIDE.

I SISTEMI DI GESTIONE DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO: OHSAS 18001 AV2/07/11 ARTEMIDE. I SISTEMI DI GESTIONE DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO: OHSAS 18001 AV2/07/11 ARTEMIDE. 1 Nel panorama legislativo italiano la Salute e la Sicurezza sul Lavoro sono regolamentate da un gran numero di

Dettagli

MODULO 1 UNITÀ DIDATTICA 1

MODULO 1 UNITÀ DIDATTICA 1 MODULO 1 Individuazione, valutazione e gestione dei rischi UNITÀ DIDATTICA 1 La valutazione dei rischi e la redazione del documento 1 Obiettivi della valutazione Quali sono gli obiettivi della valutazione

Dettagli

CORSO RSPP RISCHIO ALTO

CORSO RSPP RISCHIO ALTO CORSO RSPP RISCHIO ALTO Obiettivi Destinatari Formazione per lo svolgimento da parte del datore di lavoro dei compiti di prevenzione e protezione dei rischi ai sensi dell art.34, comma 2 e 3, del decreto

Dettagli

POLISTUDIO. Modulo 1

POLISTUDIO. Modulo 1 Modulo 1 TEORIA DEI MODELLI ORGANIZZATIVI E DI GESTIONE Sistemi di gestione: definizione Con tale termine si intendono tutti i sistemi di gestione organizzativi implementati nelle organizzazioni nei diversi

Dettagli

4. Modello in tema di tutela della sicurezza sul lavoro

4. Modello in tema di tutela della sicurezza sul lavoro 4. Modello in tema di tutela della sicurezza sul lavoro 4.1 Previsioni del d.lgs. 81/2008 Il d.lgs. n. 81 del 9 aprile 2008 ha sostanzialmente innovato la legislazione in materia di sicurezza e salute

Dettagli

Il nuovo codice della sicurezza nei cantieri

Il nuovo codice della sicurezza nei cantieri Il nuovo codice della sicurezza nei cantieri Indice della modulistica presente nel CD-Rom SICUREZZA 1. Documento di valutazione dei rischi Come calcolare il rischio Valutazione del rischio/figure professionali

Dettagli

BASILE PETROLI S.p.A. Dichiarazione Politica qualità, ambiente e sicurezza

BASILE PETROLI S.p.A. Dichiarazione Politica qualità, ambiente e sicurezza BASILE PETROLI S.p.A. Dichiarazione Politica qualità, ambiente e sicurezza Rev. 03 del 27 maggio 2008 La BASILE PETROLI S.p.A., nell ambito delle proprie attività di stoccaggio e commercializzazione di

Dettagli

!!!!!!!!!!!!!! !!!!!! SISTEMI GESTIONALI !!!!!!!!!!!!! CATALOGO CORSI !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! ! 1!

!!!!!!!!!!!!!! !!!!!! SISTEMI GESTIONALI !!!!!!!!!!!!! CATALOGO CORSI !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! ! 1! 1 SISTEMI GESTIONALI CATALOGO CORSI CORSO:FORMAZIONEAUDIT Oredicorso: 24 Finalitàdell azione: Formazione interna Tematicheformative: Gestione aziendale Obiettividell azione: Risultatiattesi: Il corso è

Dettagli

DELIBERA n. 11/13 della seduta del 31 luglio 2013

DELIBERA n. 11/13 della seduta del 31 luglio 2013 DELIBERA n. 11/13 della seduta del 31 luglio 2013 Definizione degli indirizzi in materia di certificazione di qualità delle imprese che effettuano trasporti di merci pericolose, di derrate deperibili,

Dettagli

S.A.C. Società Aeroporto Catania S.p.A.

S.A.C. Società Aeroporto Catania S.p.A. S.A.C. Società Aeroporto Catania S.p.A. Capitolato tecnico per Affidamento del servizio di consulenza per la progettazione, implementazione e certificazione di un Sistema di Gestione Integrato per la Qualità

Dettagli

Corso di formazione per la Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i.

Corso di formazione per la Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Ente di formazione accreditato dalla Regione Siciliana Corso di formazione per la Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Page1 Sommario 1. IL QUADRO NORMATIVO IN MATERIA

Dettagli

Lezione 6: modulo giuridico (Allegato XIV, D.Lgs 81/08)

Lezione 6: modulo giuridico (Allegato XIV, D.Lgs 81/08) PROGRAMMA DEI CORSO RIVOLTO AI COORDINATORI PER LA SICUREZZA IN FASE PROGETTAZIONE E DI ESECUZIONE (DURATA 120 ORE) CONFORME ALL ALLEGATO XIV DEL D.LGS 81/08 Lezione 1: modulo giuridico (Allegato XIV,

Dettagli

IL DECRETO LEGISLATIVO 8 GIUGNO 2001, N. 231 LA RESPONSABILITA DEGLI ENTI

IL DECRETO LEGISLATIVO 8 GIUGNO 2001, N. 231 LA RESPONSABILITA DEGLI ENTI Cinzia Dalla Riva IL DECRETO LEGISLATIVO 8 GIUGNO 2001, N 231 LA RESPONSABILITA DEGLI ENTI Disciplina la responsabilità amministrativa degli enti per gli illeciti amministrativi dipendenti da reato (reato

Dettagli

PANORAMICA SULLE ISO 14000

PANORAMICA SULLE ISO 14000 PANORAMICA SULLE ISO 14000 Premessa La motivazione di fondo che induce un azienda, sia essa pubblica o privata, ad investire nell ambiente è sostanzialmente fondata sulla volontà di organizzare attività

Dettagli

BS OHSAS 18001:2007 OHSAS 18001. Revisione 00. 22 marzo 2012. Sara Zullo (Firma) Preparato da

BS OHSAS 18001:2007 OHSAS 18001. Revisione 00. 22 marzo 2012. Sara Zullo (Firma) Preparato da 22 marzo 2012 OHSAS 18001 BS OHSAS 18001:2007 Revisione 00 Preparato da Sara Zullo (Firma) Altea S.p.A. Strada Cavalli 42, 28831 Feriolo di Baveno (VB) T +39 0323 280811 F +39 0323 2808110 www.alteanet.it

Dettagli

La formazione dei Responsabili e degli addetti del Servizio Prevenzione e Protezione delle aziende bancarie

La formazione dei Responsabili e degli addetti del Servizio Prevenzione e Protezione delle aziende bancarie La formazione dei Responsabili Fondamentale Presentazione Il percorso formativo è abilitante e rivolto ai responsabili e agli addetti del servizio Prevenzione e protezione delle aziende bancarie e finanziarie

Dettagli

DOCUMENTAZIONE DI CANTIERE

DOCUMENTAZIONE DI CANTIERE DOCUMENTAZIONE DI CANTIERE IMPRESA CANTIERE COMMITTENTE Comitato Paritetico Territoriale della FeNeal UIL, FILCA-CISL, FILLEA-CGIL della Provincia di L AQUILA - Tel. 0862.401396 Fax. 0862.482093 www.cptlaquila.it

Dettagli

OR GANIZZAZIONE E GE S TIONE DE LLA S ICUR E ZZA. Dott. Panelli Giovanni D ipartimento della P revenzione AS L n.2 Lucca

OR GANIZZAZIONE E GE S TIONE DE LLA S ICUR E ZZA. Dott. Panelli Giovanni D ipartimento della P revenzione AS L n.2 Lucca OR GANIZZAZIONE E GE S TIONE DE LLA S ICUR E ZZA Dott. Panelli Giovanni D ipartimento della P revenzione AS L n.2 Lucca Art. 30 del Decreto Legislativo 81/08 attribuisce all effettiva attuazione dei S

Dettagli

Certificazione Ambientale ISO14001. Ottobre 2008

Certificazione Ambientale ISO14001. Ottobre 2008 ertificazione Ambientale ISO14001 Ottobre 2008 La certificazione ISO 14001 La certificazione ISO 14001 di un Sistema di gestione ambientale è la dichiarazione di un ente certificatore, accreditato dal

Dettagli

DOCUMENTAZIONE DI CANTIERE

DOCUMENTAZIONE DI CANTIERE Pagina 1 di 9 DOCUMENTAZIONE DI CANTIERE La documentazione di cantiere si può suddividere in: documentazione indispensabile da conservare in cantiere, documentazione che è opportuno conservare in cantiere,

Dettagli