BILANCIO CONSOLIDATO ED INDIVIDUALE AL 31 DICEMBRE 2013 XXXII ESERCIZIO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "BILANCIO CONSOLIDATO ED INDIVIDUALE AL 31 DICEMBRE 2013 XXXII ESERCIZIO"

Transcript

1 BILANCIO CONSOLIDATO ED INDIVIDUALE AL 31 DICEMBRE 2013 XXXII ESERCIZIO

2 IL TUO PATRIMONIO È UNICO Lo hai costruito nel tempo con passione e determinazione. Ora vuoi che sia gestito in modo personalizzato, secondo le tue esigenze finanziarie. Banca Intermobiliare: 30 anni d esperienza, 30 sedi sul territorio e 200 Private Banker dedicati a te. BANCA INTERMOBILIARE, AL servizio del TuO patrimonio. Sede generale: via Gramsci, Torino

3 BILANCIO CONSOLIDATO AL 31 DICEMBRE 2013 XXXII ESERCIZIO Consiglio di Amministrazione 11 Marzo 2014 Sede Legale: Via Gramsci, Torino Capitale sociale e int. vers. Codice Azienda Bancaria n Albo Banche n Registro Imprese di Torino n C.C.I.A.A. di Torino n. REA Cod. Fisc./ Partita IVA ADERENTE AL FONDO NAZIONALE DI GARANZIA E AL FONDO TUTELA DEI DEPOSITI APPARTENENTE AL GRUPPO BANCARIO (Iscritto all Albo dei gruppi bancari in data cod n ) e soggetta ad attività di direzione e coordinamento di Veneto Banca S.c.p.a.

4 INDICE CONSOLIDATO BANCA INTERMOBILIARE RELAZIONE SULLA GESTIONE CONSOLIDATA 5 Dati generali 6 Scenario macroeconomico di riferimento 9 Principali dati consolidati di Banca Intermobiliare 12 Prospetti contabili riclassificato del bilancio consolidato 14 Risultati ed andamento della gestione in sintesi 19 Fatti di rilievo avvenuti dopo la chiusura dell esercizio 21 La prevedibile evoluzione della gestione 21 Le grandezze operative e i dati patrimoniali 22 Risultati economici consolidati 37 Risultati delle partecipazioni 44 Informativa al mercato 48 Attività di sviluppo e di organizzazione 52 Le attività di direzione e controllo 55 Altri aspetti 57 PROSPETTI CONTABILI CONSOLIDATI AL Stato patrimoniale consolidato 60 Conto economico consolidato 62 Prospetto della redditività consolidata complessiva 63 Prospetto delle variazioni del patrimonio netto consolidato 64 Rendiconto finanziario consolidato 66 NOTA INTEGRATIVA CONSOLIDATA 69 Parte A - Politiche contabili 70 Parte B - Informazioni sullo stato patrimoniale consolidato 106 Parte C - Informazioni sul conto economico consolidato 144 Parte D - Redditività consolidata complessiva 160 Parte E - Informazioni sui rischi e sulle relative politiche di copertura 161 Parte F - Informazioni sul patrimonio consolidato 214 Parte G - Operazioni di aggregazione riguardanti imprese o rami d azienda 218 Parte H - Operazioni con parti correlate 219 Parte I - Accordi di pagamento basati su propri strumenti patrimoniali 224 Parte L - Informativa di settore 226 ALLEGATI AL BILANCIO CONSOLIDATO 229 Allegato 1 - Onorari società di revisione bilancio consolidato 230 RELAZIONI AL BILANCIO CONSOLIDATO 231 Attestazione del bilancio consolidato ai sensi dell art. 81-ter del Regolamento Consob n del 14 maggio 1999 e successive modifiche e integrazioni 232 Relazione del Collegio Sindacale al Bilancio consolidato ed individuale 233 Relazione della Società di Revisione al Bilancio consolidato 251

5 INDICE INDIVIDUALE BANCA INTERMOBILIARE RELAZIONE SULLA GESTIONE INDIVIDUALE 257 Principali dati di Banca Intermobiliare 258 Prospetti contabili riclassificati del bilancio individuale 260 Le grandezze operative e i dati patrimoniali 262 Risultati economici 274 Altri aspetti 280 Fatti di rilievo avvenuti dopo la chiusura dell esercizio 281 Evoluzione prevedibile della gestione 281 Progetto di destinazione del risultato di esercizio 281 PROSPETTI CONTABILI INDIVIDUALE AL Stato patrimoniale individuale 284 Conto economico individuale 286 Prospetto della redditività complessiva individuale 287 Prospetto delle variazioni del patrimonio netto individuale 288 Rendiconto finanziario individuale 290 NOTA INTEGRATIVA INDIVIDUALE 293 Parte A - Politiche contabili 294 Parte B - Informazioni sullo stato patrimoniale 327 Parte C - Informazioni sul conto economico 362 Parte D - Redditività complessiva 378 Parte E - Informazioni sui rischi e sulle relative politiche di copertura 379 Parte F - Informazioni sul patrimonio 416 Parte G - Operazioni di aggregazione riguardanti imprese o rami d azienda 422 Parte H - Operazioni con parti correlate 423 Parte I - Accordi di pagamento basati su propri strumenti patrimoniali 428 Parte L - Informativa di settore 429 ALLEGATI AL BILANCIO INDIVIDUALE 433 Allegato 2 - Onorari società di revisione al bilancio individuale 434 RELAZIONI AL BILANCIO INDIVIDUALE 435 Attestazione del bilancio individuale ai sensi dell art. 81-ter del Regolamento Consob n del 14 maggio 1999 e successive modifiche e integrazioni 436 Relazione della Società di Revisione al Bilancio d esercizio 437

6 IL TUO PATRIMONIO È UNICO Lo hai costruito nel tempo con passione e determinazione. Ora vuoi che sia gestito in modo personalizzato, secondo le tue esigenze finanziarie. Banca Intermobiliare: 30 anni d esperienza, 30 sedi sul territorio e 200 Private Banker dedicati a te. BANCA INTERMOBILIARE, AL servizio del TuO patrimonio. Sede generale: via Gramsci, Torino

7 BILANCIO CONSOLIDAT0 AL 31 DICEMBRE 2013 RELAZIONE SULLA GESTIONE CONSOLIDATA

8 DATI GENERALI CARICHE SOCIALI DI BANCA INTERMOBILIARE IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE Presidente Flavio TRINCA RELAZIONE SULLA GESTIONE CONSOLIDATA Vicepresidente Amministratori COLLEGIO SINDACALE Presidente Sindaci Effettivi Sindaci Supplenti DIRETTORE GENERALE DIRIGENTE PREPOSTO SOCIETÀ DI REVISIONE Pietro D AGUI Armando BRESSAN Stefano CAMPOCCIA Angelo CECCATO Mauro CORTESE Silvia MORETTO Cesare PONTI Giuseppina RODIGHIERO Marcello CONDEMI Paolo ANDOLFATO Elena NEMBRINI Alide LUPO Marco PEZZETTA Michele BARBISAN Mauro VALESANI PRICEWATERHOUSECOOPERS S.p.A. 6 Relazione sulla gestione consolidata

9 STRUTTURA DI BANCA INTERMOBILIARE Società controllante Veneto Banca S.c.p.a. controlla di diritto l emittente Banca Intermobiliare S.p.A. Banca Intermobiliare: Società controllate e collegate Banca Intermobiliare S.p.A. controlla di diritto (detenendone direttamente la totalità del capitale sociale) le seguenti società: Banca Intermobiliare di Investimenti e Gestioni (Suisse) S.A., Symphonia SGR S.p.A., Bim Fiduciaria S.p.A., Bim Immobiliare S.r.l., Immobiliare D S.r.l. e Paomar Terza S.r.l. Banca Ipibi Financial Advisory S.p.A., è controllata da Banca Intermobiliare S.p.A. (che detiene il 67,22% del capitale) ed è partecipata per il 32,78% del capitale da altri soggetti (tra cui Veneto Banca, che detiene il 20,23% del capitale). Bim Vita S.p.A. è partecipata pariteticamente al 50% da Banca Intermobiliare e al 50% da Fondiaria-Sai ora UnipolSai (Gruppo UGF) ed è soggetta al controllo di quest ultima in forza di vincoli contrattuali. Bim Insurance Brokers S.p.A. è controllata da Banca Intermobiliare S.p.A. che ne detiene il 51% del capitale. Patio Lugano S.A. (società immobiliare) è controllata al 100% da Banca Intermobiliare di Investimenti e Gestioni (Suisse) S.A. Il diagramma seguente rappresenta le società controllate / partecipate da Banca Intermobiliare suddivise per area di attività. Sono state escluse le partecipazioni totalitarie Immobiliare D S.r.l. e Paomar Terza S.r.l., acquisite con finalità di recupero crediti: BIM SUISSE SA 100% SYMPHONIA SGR SpA 100% BIM FIDUCIARIA SpA 100% BIM INSURANCE BROKER SpA 51% BIM IMMOBILIARE Srl 100% RELAZIONE SULLA GESTIONE CONSOLIDATA IPIBI SpA 67,22% BIM VITA SpA 50% PATIO LUGANO SA 100% BANCHE ASSET MANAGEMENT SERVIZI FIDUCIARI ASSICURAZIONI SOCIETÀ IMMOBILIARI Relazione sulla gestione consolidata 7

10 APPARTENENZA AL GRUPPO BANCARIO VENETO BANCA (i) BIM e le società da essa controllate Symphonia SGR, Banca Ipibi, Bim Fiduciaria, Bim Suisse S.A. e Patio Lugano S.A. fanno parte del Gruppo Bancario Veneto Banca e sono sottoposte all attività di direzione e coordinamento di Veneto Banca S.c.p.a. in qualità di Capogruppo bancaria ai sensi del D.Lgs. 385/1993 (Testo Unico bancario); (ii) le altre società controllate da BIM - non appartenenti al gruppo bancario ad essa sin qui facente capo - sono state sottoposte all attività di direzione e coordinamento di Veneto Banca, ai sensi della normativa civilistica di cui agli articoli 2497 ss. Codice Civile. RELAZIONE SULLA GESTIONE CONSOLIDATA AREA DI CONSOLIDAMENTO PARTECIPAZIONI APPARTENENTI AL GRUPPO BANCARIO VENETO BANCA Società consolidante: Banca Intermobiliare di Investimenti e Gestioni S.p.A. Società controllate al 100%, consolidate integralmente: Banca Intermobiliare di Investimenti e Gestioni (Suisse) S.A. Symphonia SGR S.p.A. Bim Fiduciaria S.p.A. Patio Lugano S.A. Società controllate non al 100%, consolidate integralmente: Banca Ipibi Financial Advisory S.p.A. PARTECIPAZIONI NON APPARTENENTI AL GRUPPO BANCARIO VENETO BANCA Società controllate al 100%, consolidate integralmente: Bim Immobiliare S.r.l. Immobiliare D S.r.l. Paomar Terza S.r.l. Società controllate non al 100%, consolidate integralmente: Bim Insurance Brokers S.p.A. Società collegate valutate con il metodo del patrimonio netto: Bim Vita S.p.A. 8 Relazione sulla gestione consolidata

11 SCENARIO MACROECONOMICO DI RIFERIMENTO Il 2013 è stato un anno generalmente positivo per i mercati finanziari, anche se all interno delle singole asset class e aree geografiche si sono registrati risultati anche fortemente divergenti. L andamento dei mercati obbligazionari è stato influenzato principalmente dalla riduzione delle misure di quantitative easing della banca centrale americana (FED), il c.d. tapering, che ha determinato un rialzo significativo dei rendimenti obbligazionari, che avevano peraltro raggiunto, sulla parte lunga della curva, livelli storicamente molto bassi durante i primi mesi dell anno. Il rialzo dei tassi ha interessato selettivamente i Paesi industrializzati mentre nei Paesi emergenti l aumento è stato indiscriminato e accompagnato da significative svalutazioni delle rispettive valute. Un secondo fattore che ha, invece, controbilanciato il movimento al rialzo dei tassi è stato costituito dall andamento dell inflazione che, ad eccezione del Giappone, è risultata in significativa riduzione. Sui mercati azionari, invece, l andamento è stato estremamente positivo, in particolare sui Paesi sviluppati, dove si è assistito a un espansione dei multipli di mercato a fronte di una riduzione del profilo di crescita degli utili conseguenti a una decelerazione macroeconomica seppur di ridotta entità. Il rallentamento significativo del profilo di crescita nei Paesi emergenti ne ha invece penalizzato i risultati borsistici che, per la prima volta da diversi anni, si sono mossi in controtendenza rispetto ai mercati azionari primari. A livello globale, la crescita per il 2013, pur mantenendosi positiva, dovrebbe risultare in diminuzione rispetto al +3,2% del 2012 e in rallentamento rispetto alle previsioni d inizio anno (+3,5%), attestandosi a un livello attualmente stimato dall IMF al 3%. Il profilo di crescita nei Paesi industrializzati, pur risultando moderato in valore assoluto, ha subito modeste revisioni al ribasso in corso d anno, e dovrebbe risultare pari all 1,3% rispetto all 1,4% del 2012: il contributo maggiore è venuto dagli Stati Uniti (+1,9%), dal Giappone (+1,7%), dalla Gran Bretagna (+1,7%) e dal Canada (+1,7%) mentre l area Euro rimane in recessione con una contrazione dell attività pari allo 0,4%. Nei Paesi emergenti invece la crescita, pur mantenendosi superiore in valore assoluto, è stata soggetta a significative revisioni al ribasso: dal 5,5% stimato a inizio anno, il livello stimato attualmente dall IMF è pari al 4,7% rispetto al 4,9% del 2012, con la crescita maggiore che continua a manifestarsi in Cina (+7,7%). Il rallentamento dell attività economica mondiale, la presenza di un ampio sottoutilizzo della capacità produttiva, in particolare nei Paesi industrializzati, e il ribasso generalizzato nei prezzi delle materie prime ha determinato un generale ribasso dell inflazione nel 2013, sia nei Paesi industrializzati sia nei Paesi emergenti. In termini prospettici, le ultime previsioni dell IMF vedono l inflazione nel 2013 attestarsi all 1,4% nei Paesi industrializzati rispetto al 2% del 2012; il livello previsto per i Paesi emergenti è pari al 6,1% rispetto al 6% del Il ridimensionamento dell inflazione è stato particolarmente significativo nell area Euro, passando dal 2,2% di fine 2012 allo 0,8% di fine 2013 e contribuendo ad alimentare il timore di spirali deflazionistiche, fortemente temute e contrastate dal Governatore della BCE Draghi. In ogni caso, il target d inflazione della banca centrale europea (BCE) per il 2014 è stato ulteriormente rivisto al ribasso, dall 1,3% precedente all 1,1% attuale, sempre più lontano dal livello ideale del 2%. L inflazione nel 2013 si è invece mossa in controtendenza in Giappone, dove la lotta alla deflazione è diventata il target principale dell azione del Governo e della banca centrale: dal -0,2% di fine 2012 si è passati all 1,5% di fine Le politiche monetarie delle principali Banche Centrali, pur in un contesto di generalizzato rallentamento e di bassa inflazione sono state molto differenziate nel corso del Sul fronte americano, la FED, pur mantenendo invariati i tassi d interesse e allungando ulteriormente l orizzonte temporale di mantenimento di bassi tassi d interesse a tutto il 2015, ha iniziato a ridurre le misure di quantitative easing. Con il c.d. tapering, l acquisto sul mercato di titoli di stato da parte della banca centrale americana è stato per il momento ridotto di $/Mld. 10 al mese, passando a $/Mld. 75 al mese dai precedenti $/Mld. 85. Sul fronte europeo, la BCE ha ripetutamente abbassato i tassi d interesse, portandoli al minimo storico attuale dello 0,25% a fronte della forte flessione dell inflazione e di un contesto economico ancora fragile. Oltre a confermare l intenzione di mantenere i tassi bassi per un periodo prolungato, la RELAZIONE SULLA GESTIONE CONSOLIDATA Relazione sulla gestione consolidata 9

12 RELAZIONE SULLA GESTIONE CONSOLIDATA BCE non ha escluso l introduzione di ulteriori misure straordinarie in caso di mancato miglioramento della situazione economica. Tra queste Draghi ha indicato un ulteriore taglio dei tassi, una riduzione in territorio negativo del tasso sui depositi delle banche presso la BCE e una nuova iniezione di liquidità a lungo termine (LTRO). Anche sul fronte giapponese, la banca centrale ha introdotto nel corso del 2013 politiche monetarie non convenzionali con l obiettivo dichiarato di produrre un innalzamento delle aspettative d inflazione, inizialmente negative, al 2% entro due anni. Il piano prevede un acquisto mensile sul mercato secondario di titoli obbligazionari pubblici, sia a breve sia a lunga scadenza, per un controvalore pari a MLD di yen, con la possibilità di estendere gli acquisti anche a titoli più rischiosi come ETF e fondi immobiliari. La base monetaria è diventata il nuovo parametro obiettivo della BOJ, sostituendo i tassi d interesse, con la finalità di aumentarla annualmente per un importo pari a 60/ MLD di yen, portandola dagli attuali MLD di yen ai MLD di yen di fine Nei Paesi emergenti, nonostante un diffuso rallentamento delle pressioni inflazionistiche, si è assistito a un rialzo generalizzato dei tassi d interesse da parte delle principali banche centrali per cercare di contrastare le forti oscillazioni valutarie determinate dalle decisioni della FED. Un rialzo dei tassi è stato implementato, tra gli altri, in Indonesia (dal 6% al 7%), in Brasile (dall8,5% al 9%), in Turchia (dal 7,25% al 7,75%) e in India (dal 7,5% al 7,75%). Sul fronte del debito sovrano europeo, segnaliamo il taglio del merito creditizio operato dall agenzia di rating Standard & Poor s sulla Francia, che passa da AA+ ad AA, e sull Olanda, da AAA ad AA+. Nel primo caso secondo S&P le riforme varate in campo fiscale, dei servizi e del mercato del lavoro non aumenteranno le stime di crescita e il rallentamento dell economia sta limitando il consolidamento dei conti pubblici. Nel secondo caso le motivazioni sono legate alla diminuzione dei consumi legata all elevato indebitamento delle famiglie e al crollo dei prezzi degli immobili. Sul versante positivo segnaliamo la revisione al rialzo da parte di S&P dell outlook sul debito sovrano spagnolo, passato da negativo a stabile. Per l Italia il rating è stato confermato a BBB/A-2 con l outlook che rimane negativo. Il mercato valutario nel 2013 ha visto un generalizzato rafforzamento dell euro nei confronti di tutte le principali valute, con il cambio verso dollaro americano che si è apprezzato del 4,4%. Una rivalutazione molto più marcata dell euro si è manifestata nei confronti dello yen giapponese (+27,4%), la cui svalutazione continua a essere uno degli strumenti principali del programma di ripresa economica voluto dal premier nipponico Abe. Il rallentamento della crescita nei Paesi emergenti e la significativa correzione nei prezzi di alcune materie prime sono invece le principali motivazioni che hanno determinato la forza dell euro verso il dollaro canadese (+11,7%) e il dollaro australiano (+21,5%). Come già accennato, i forti deflussi dai mercati obbligazionari dei Paesi emergenti, conseguenti all annuncio del tapering da parte della FED, hanno determinato una generalizzata svalutazione delle rispettive valute, sia verso dollaro sia verso euro, che ha colpito maggiormente i Paesi con una bilancia dei pagamenti in deficit, quali ad esempio la Turchia, l Indonesia e il Sud Africa. Per quanto riguarda le materie prime, l andamento del 2013 è stato negativo: sulle commodities hanno pesato principalmente considerazioni macro legate sia al rallentamento della crescita economica, soprattutto nei Paesi emergenti, che al rallentamento dell inflazione. A livello generale l indice CRB è sceso del 4,1%, con le correzioni più forti che hanno interessato l indice dei metalli preziosi, sceso del 28,8%, mentre il rialzo maggiore ha interessato l indice dei prodotti energetici, in rialzo del 6,2%. L oro ha chiuso il 2013 con un ribasso del 27,3% mentre il petrolio è salito del 9,4%. Il fronte aziendale ha continuato a fornire, soprattutto negli Stati Uniti, un supporto fondamentale al mercato azionario grazie ad un andamento degli utili societari che ha continuato a mantenersi positivo e in miglioramento rispetto al In proporzione al GDP, i margini delle aziende USA continuano a mantenersi su livelli storicamente elevati, grazie al contributo determinante del settore tecnologico, mentre negli altri settori i margini sono ancora lontani dai massimi storici. Gli ultimi dati riportati riguardanti il terzo trimestre 2013 hanno evidenziato, per le società appartenenti all indice S&P500 americano, un rialzo degli utili rispetto allo stesso trimestre dell anno precedente pari al 5,7%, con una netta prevalenza delle sorprese positive rispetto a quelle negative in termini di utili (68% vs 20%). Per il 2013 nel suo complesso, le stime degli analisti prevedono a livello aggregato per l S&P500 statunitense un rialzo del 6,7%; lo stesso dato relativo all indice europeo Stoxx 600 evidenzia un rialzo pari al 4,1%. 10 Relazione sulla gestione consolidata

13 In questo contesto di riferimento, i principali indici azionari hanno realizzato nell anno risultati estremamente positivi ma abbastanza disomogenei a livello di area geografica. L indice MSCI World chiude, infatti, il 2013 con una performance positiva del 27% in valuta locale, miglior risultato dal 1999, e del +19,5% in euro, con l indice TOPIX giapponese che realizza il rialzo maggiore (+51,5%). L indice S&P 500 americano chiude con un rialzo del 31,3% mentre l indice Eurostoxx50 europeo chiude in rialzo del 18%. In ambito europeo, il miglior risultato è stato nuovamente messo a segno dal listino tedesco (indice DAX +25,5%), mentre il risultato meno brillante è stato realizzato dall indice inglese (indice FOOTSIE ,6%); il listino domestico (FTSE Italia All Share) è cresciuto del 17,6%. Come già ricordato, l andamento dei mercati azionari emergenti è risultato, per la prima volta da anni, divergente rispetto all andamento dei listini dei Paesi industrializzati con l indice MSCI Emerging Markets in valuta locale che ha chiuso l anno sostanzialmente invariato (+0,9%) ed è sceso in euro (-9,1%). Il mercato che ha ottenuto i risultati migliori è quello di Taiwan con l indice TAIEX in rialzo del 12% mentre l indice più debole è stato quello brasiliano BOVESPA in ribasso del 15,5%. A livello settoriale mondiale, le migliori performance sono state registrate nel settore dei consumi discrezionali (+42%) e della salute (+35,3%), mentre i risultati meno brillanti, seppur positivi, sono stati registrati nel settore delle pubbliche utilità (+10%) e nel settore delle materie prime (+4,8%). Come già ricordato, le politiche monetarie non convenzionali delle banche centrali e la riduzione dell inflazione hanno influenzato in modo determinante l andamento dei mercati obbligazionari che, nel corso del 2013, è risultato decisamente più contrastato rispetto all anno precedente. Nella prima parte dell anno l adozione da parte della banca centrale giapponese (BOJ) di aggressive politiche monetarie espansive ha portato i rendimenti dei principali titoli di stato su livelli minimi storici. Successivamente, l annuncio a sorpresa da parte della FED americana della riduzione delle misure straordinarie di quantitative easing, il c.d. tapering, ha determinato un repentino rialzo dei rendimenti, trainato dal decennale americano, che ha avuto un effetto dirompente in particolare sull andamento dei mercati obbligazionari e valutari dei Paesi emergenti. Da questo contesto hanno tratto beneficio i mercati obbligazionari dei Paesi periferici dell area euro che, visti i livelli assoluti ancora interessanti dei rendimenti offerti, hanno costituito la destinazione naturale dei flussi finanziari in uscita dai mercati obbligazionari dei Paesi emergenti, con la conseguente riduzione dei rispettivi differenziali di rendimento rispetto al Bund tedesco. Nel caso ad esempio del decennale italiano, lo spread del BTP rispetto al Bund è passato dai 316 punti base di fine 2012, ai 212 di fine dicembre 2013, con una situazione economica e finanziaria domestica peraltro in continuo peggioramento. In questa situazione l indice dei titoli governativi americani per la scadenza compresa tra 5 e 10 anni è sceso del 4,4% con il rendimento del decennale USA passato dall 1,7% di fine 2012 al 3% di fine In Europa, invece, l indice ML EMU per la scadenza compresa tra 5 e 10 anni è salito del 3% con il rendimento del decennale tedesco che è passato dall 1,3% di fine 2012 all 1,9% di fine 2013; il decennale italiano, visto le evoluzioni di cui sopra, si è portato da un rendimento del 4,5% d inizio anno al 4% di fine Nel settore obbligazionario societario, la continua percezione della solidità finanziaria delle aziende ha determinato un ulteriore miglioramento di questo segmento di mercato con l indice EMU corporate in rialzo del 2,4%. La continua ricerca da parte degli investitori di rendimenti assoluti interessanti ha continuato a esercitare un effetto positivo sul segmento dei titoli societari ad alto rendimento il cui indice ha registrato anche quest anno un notevole rialzo pari al 10,1%. Il minor flusso di liquidità prospettico da parte della FED americana ha, come già evidenziato, avuto un effetto negativo sulle emissioni governative dei Paesi emergenti, il cui indice globale, per la prima volta da anni, ha registrato un andamento negativo e pari al 4,4%. RELAZIONE SULLA GESTIONE CONSOLIDATA Relazione sulla gestione consolidata 11

14 PRINCIPALI DATI CONSOLIDATI DATI DI SINTESI RELAZIONE SULLA GESTIONE CONSOLIDATA VALORI ECONOMICI RICLASSIFICATI (valori espressi in /Migl.) (1) Variazione Variazione assoluta % Margine di interesse ,5% Margine di intermediazione ,7% Risultato della gestione operativa ,4% Risultato ante componenti non ricorrenti (78.993) n.a. Risultato ante imposte (87.279) n.a. Risultato d'esercizio del Gruppo (64.639) n.a. VALORI PATRIMONIALI ED OPERATIVI (valori espressi in /Mln.) Raccolta complessiva ,3% Raccolta diretta (202) -7,8% Raccolta indiretta ,4% - di cui risparmio amministrato ,4% - di cui risparmio gestito ,8% - di cui patrimonio Bim Fiduciaria gestito fuori banca (158) -32,8% Impieghi vivi verso la clientela (153) -10,4% Totale Attivo ,8% PATRIMONIO (valori espressi in /mln.) E COEFFICIENTI PATRIMONIALI (2) Patrimonio netto del consolidato ,5% Patrimonio di vigilanza del Gruppo (25) -7,8% Capitale libero (15) -11,0% Attività di rischio ponderate ( /Mln) (114) -4,9% Tier 1 capital ratio 10,46% 9,67% 0,79 n.a. Total capital ratio 13,46% 13,87% -0,41 n.a. STRUTTURA OPERATIVA (valori espressi in unità) Numero dipendenti e collaboratori (totale) (8) -0,9% - di cui Private Banker Banca Intermobiliare (5) -2,5% - di cui Private Banker Banca Ipibi ,6% Numero filiali Banca Intermobiliare Numero filiali/uffici Banca Ipibi % Note: (1) I valori economici sono stati riclassificati rispetto allo schema di conto economico previsto dal provvedimento 262 del 2005 di Banca d Italia e successive modifiche al fine di ottenere una migliore rappresentazione gestionale dei risultati. Si rimanda alla riconciliazione presente in calce alla tabella del conto economico consolidato riclassificato. (2) I valori consolidati del patrimonio di vigilanza e dei coefficienti patrimoniali di vigilanza stimati al sono riportati a titolo informativo e sono predisposti su base volontaria, in quanto a seguito dell acquisizione da parte di Veneto Banca sono venuti a meno gli obblighi di redazione e comunicazione a Banca d Italia dei dati consolidati. 12 Relazione sulla gestione consolidata

15 INDICI DI REDDITIVITÀ Variazione punti % Margine di interesse/margine di intermediazione 22,4% 23,5% -1,1 Commissioni nette/margine di intermediazione 61,8% 58,9% 2,9 Risultato della gestione operativa/margine di intermediazione 26,7% 18,6% 8,2 Cost/income ratio (esclusi altri oneri/proventi di gestione) 73,2% 82,6% -9,4 Cost/income ratio (inclusi altri oneri/proventi di gestione) 73,3% 81,4% -8,2 R.O.E. 1,0% -17,0% 18,0 INDICI DI QUALITÀ DEL CREDITO Attività deteriorate nette/impieghi vivi 23,3% 20,9% 2,5 - di cui sofferenze nette/impieghi vivi 9,8% 6,1% 3,7 - di cui incagli netti/impieghi vivi 11,4% 12,2% -0,8 Attività deteriorate nette/crediti verso la clientela 18,2% 16,2% 2,0 - di cui sofferenze nette/crediti verso la clientela 7,7% 4,8% 2,9 - di cui incagli netti/crediti verso la clientela 8,9% 9,5% -0,6 Percentuale di copertura delle sofferenze 49,3% 46,6% 2,7 Percentuale di copertura degli incagli 14,4% 22,7% -8, Variazione Variazione assoluta % DATI PER DIPENDENTE (valori espressi in /Migl.) Margine di intermediazione/numero medio dipendenti ,0% Costo del personale/numero medio dipendenti ,3% Totale attivo/ Numero dipendenti ,7% INFORMAZIONI SU TITOLO AZIONARIO BANCA INTERMOBILIARE Numero azioni ordinarie in circolazione (al netto delle azioni proprie) ,0% Patrimonio netto unitario su azioni in circolazione in Euro 2,45 2,39 0,06 2,5% Quotazione per azione ordinaria nell'anno media 2,74 2,30 0,45 19,5% minima 1,78 1,46 0,32 21,8% massima 3,26 3,50 (0,24) -6,9% Utile base per azione (EPS basic) - Euro 0,025 (0,432) 0,457 n.a. Utile diluito per azione (EPS diluited) - Euro 0,022 (0,382) 0,404 n.a. RELAZIONE SULLA GESTIONE CONSOLIDATA REDAZIONE DEGLI AGGREGATI RICLASSIFICATI Ai fini di consentire un immediata lettura dei risultati economici e patrimoniali rispetto agli schemi previsti dalla Circolare 262/05 della Banca d Italia, sono stati predisposti schemi riclassificati nei quali sono state effettuate alcune riappostazioni ed aggregazioni per le quali si è data informativa analitica in aderenza con quanto richiesto dalla Consob con la Comunicazione n del 28 luglio Relazione sulla gestione consolidata 13

16 PROSPETTI CONTABILI RICLASSIFICATI DEL BILANCIO CONSOLIDATO CONTO ECONOMICO CONSOLIDATO RICLASSIFICATO (valori espressi in /Migl.) RELAZIONE SULLA GESTIONE CONSOLIDATA Variazione assoluta Variazione % Interessi attivi e proventi assimilati (13.966) -14,5% Interessi passivi e oneri assimilati (50.147) (65.783) ,8% Margine di interesse ,5% Commissioni attive ,4% Commissioni passive (57.755) (50.534) (7.221) 14,3% Commissioni nette ,2% Dividendi (1.727) -48,5% Risultato netto strumenti finanziari di negoziazione (6.363) -32,3% Operatività su titoli afs e passività finanziarie (414) n.a. Risultato netto strumenti di copertura 1 22 (21) n.a. Risultato operatività finanziaria (130) -0,6% Margine di intermediazione ,7% Spese per il personale (52.689) (56.423) ,6% Altre spese amministrative (44.329) (43.225) (1.104) 2,6% Ammortamenti operativi (8.248) (7.606) (642) 8,4% Altri oneri/proventi di gestione (98) (1.576) n.a. Costi operativi ( ) ( ) 412-0,4% Risultato della gestione operativa ,4% Cessione e rettifiche di valore nette sui crediti (19.397) ( ) ,7% Accantonamenti netti ai fondi per rischi e oneri (5.142) (3.675) (1.467) 39,9% Risultato netto partecipate valutate al patrimonio netto (44) -5,5% Risultato ante componenti non ricorrenti (78.993) n.a. Rettifiche di valore su strumenti finanziari (299) (1.064) ,9% Rettifiche di valore su immobili a magazzino (253) (7.272) ,5% Risultato da cessione di investimenti (15) -30,0% Risultato ante imposte (87.279) n.a. Imposte sul reddito di periodo (10.847) (33.221) n.a. Utile (Perdita) d'esercizio (64.905) n.a. Perdita di pertinenza dei terzi ,2% Utile (Perdita) d'esercizio del gruppo (64.639) n.a. Nota: Al fine di una migliore rappresentazione gestionale dei risultati sono stati riclassificati (rispetto al conto economico riportato nella Sezione Prospetti Contabili) i costi relativi alla componente variabile della remunerazione dei private bankers dipendenti dalla voce Spese per il personale alla voce Commissioni passive per /Migl ( /Migl al ). 14 Relazione sulla gestione consolidata

17 STATO PATRIMONIALE CONSOLIDATO RICLASSIFICATO (valori espressi in /Migl) Variazione Variazione assoluta % Cassa (4.385) -68,9% Crediti: - Crediti verso clientela per impieghi vivi ( ) -10,4% - Crediti verso clientela altri (49.213) -11,7% - Crediti verso banche ,4% Attività finanziarie - Detenute per la negoziazione ,4% - Disponibili per la vendita ,1% - Derivati di copertura n.a. Immobilizzazioni: - Partecipazioni ,0% - Immateriali e materiali (2.317) -1,6% - Avviamenti Immobili destinati alla vendita (253) -0,4% Altre voci dell'attivo ,1% Totale attivo ,8% Debiti: - Debiti verso banche ,8% - Debiti verso la clientela ( ) -9,9% Titoli in circolazione (19.492) -2,7% Passività finanziarie: - Detenute per la negoziazione ,5% - Derivati di copertura n.a. Fondi a destinazione specifica ,6% Altre voci del passivo ,8% Patrimonio netto ,5% Totale passivo ,8% RELAZIONE SULLA GESTIONE CONSOLIDATA Nota: (1) Al fine di fornire una migliore rappresentazione gestionale, i dati patrimoniali riclassificati differiscono dagli schemi di Banca d Italia per la riclassifica dei cespiti rivenienti da operazioni di recupero crediti dalla voce 160 Altre attività alla voce Immobili destinati alla vendita (per /Migl al e per /Migl al ). Relazione sulla gestione consolidata 15

18 CONTO ECONOMICO CONSOLIDATO RICLASSIFICATO IV TRIMESTRE 2013 (valori espressi in /Migl.) RELAZIONE SULLA GESTIONE CONSOLIDATA 4Q Q 2012 Variazione assoluta Variazione % Interessi attivi e proventi assimilati (3.839) -17% Interessi passivi e oneri assimilati (11.877) (15.785) % Margine di interesse % Commissioni attive % Commissioni passive (17.500) (15.162) (2.338) 15% Commissioni nette % Dividendi (1.162) -81% Risultato netto strumenti di negoziazione % Operatività su titoli afs e passività finanziarie % Risultato netto strumenti di copertura (117) 22 (139) n.a. Risultato operatività finanziaria % Margine di intermediazione % Spese per il personale (14.646) (14.325) (321) 2% Altre spese amministrative (11.541) (11.618) 77-1% Ammortamenti operativi (2.194) (2.043) (151) 7% Altri oneri/proventi di gestione (1.232) 145 (1.377) n.a. Costi operativi (29.613) (27.841) (1.772) 6% Risultato della gestione operativa % Rettifiche di valore nette sui crediti (4.407) (88.131) % Accantonamenti netti ai fondi per rischi e oneri (3.444) (2.889) (555) 19% Risultato netto delle partecipate valutate al patrimonio netto (110) -43% Risultato ante componenti non ricorrenti (79.582) n.a. Rettifiche di valore su strumenti finanziari 438 (995) n.a. Rettifiche di valore su immobili a magazzino - (7.272) % Risultato ante imposte (87.849) n.a. Imposte sul reddito di periodo (5.873) (28.317) n.a. Utile (Perdita) d'esercizio (65.405) n.a. Perdita di pertinenza dei terzi - 57 (57) -100% Utile (Perdita) d'esercizio del gruppo (65.348) n.a. 16 Relazione sulla gestione consolidata

19 DATI ECONOMICI CONSOLIDATI/RICLASSIFICATI PER TRIMESTRE (valori espressi in /Migl.) Esercizio Q13 3Q13 2Q13 1Q13 Interessi attivi e proventi assimilati Interessi passivi e oneri assimilati (11.877) (13.218) (11.809) (13.243) Margine di interesse Commissioni attive Commissioni passive (17.500) (13.457) (14.153) (12.645) Commissioni nette Dividendi Risultato netto strumenti finanziari di negoziazione Operatività su titoli afs e passività finanziarie Risultato netto strumenti di copertura (117) 151 (49) 16 Risultato operatività finanziaria Margine di intermediazione Spese per il personale (14.646) (11.918) (12.976) (13.149) Altre spese amministrative (11.541) (10.839) (11.916) (10.033) Ammortamenti operativi (2.194) (2.108) (1.992) (1.954) Altri oneri/proventi di gestione (1.232) Costi operativi (29.613) (24.533) (26.233) (24.985) Risultato della gestione operativa Cessione e rettifiche di valore nette sui crediti (4.407) (411) (14.597) 18 Accantonamenti netti ai fondi per rischi e oneri (3.444) (1.439) (144) (115) Risultato netto partecipate valutate al patrimonio netto Risultato ante componenti non ricorrenti (5.307) Rettifiche di valore su strumenti finanziari (214) (590) Rettifiche di valore su immobili a magazzino (253) Risultato da cessione di investimenti Risultato ante imposte (5.490) Imposte sul reddito di periodo (5.873) (1.766) (451) (2.757) Utile (Perdita) d'esercizio (5.941) Perdita di pertinenza dei terzi Utile (Perdita) d'esercizio del gruppo (5.863) RELAZIONE SULLA GESTIONE CONSOLIDATA Relazione sulla gestione consolidata 17

20 DATI PATRIMONIALI CONSOLIDATI/RICLASSIFICATI PER TRIMESTRE (valori espressi in /Migl.) RELAZIONE SULLA GESTIONE CONSOLIDATA Anno Cassa Crediti: - Crediti verso clientela per impieghi vivi Crediti verso clientela altri Crediti verso banche Attività finanziarie: - Detenute per la negoziazione Disponibili per la vendita Derivati di copertura Immobilizzazioni: - Partecipazioni Immateriali e materiali Avviamenti Immobili destinati alla vendita Altre voci dell'attivo Totale attivo Debiti: - Debiti verso banche Debiti verso la clientela Titoli in circolazione Passività finanziarie: - Detenute per la negoziazione Derivati di copertura Fondi a destinazione specifica Altre voci del passivo Patrimonio netto Totale passivo Relazione sulla gestione consolidata

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l.

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Esercizio 2014 433 Dati di sintesi ed indicatori di bilancio della Banca Popolare di Milano 435 Schemi di bilancio riclassificati: aspetti generali

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014)

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2015 GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) Il risultato beneficia del positivo contributo

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Il profilo della Banca Fondata nel 1871, è una della prime banche popolari italiane ispirate

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza ADVISORY Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza Analisi dei bilanci bancari kpmg.com/it Indice Premessa 4 Executive Summary 6 Approccio metodologico 10 Principali trend 11

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Proposto un dividendo di 8 centesimi di euro per azione (6 centesimi nel 2013)

COMUNICATO STAMPA. Proposto un dividendo di 8 centesimi di euro per azione (6 centesimi nel 2013) COMUNICATO STAMPA Conferma della solida patrimonializzazione del Gruppo: Common Equity Tier 1 ratio phased in al 31 dicembre 2014: 12,33% 1 (13% al 30/09/2014) Common Equity Tier 1 ratio pro forma stimato

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE Dott. Elbano De Nuccio L analisi di bilancio si propone di formulare un giudizio sull EQUILIBRIO ECONOMICO e FINANZIARIO/PATRIMONIALE della

Dettagli

Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio OUTLOOK

Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio OUTLOOK OUTLOOK Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio Non è facile assumersi rischi in modo intelligente e calcolato: la soluzione è Smart Risk AUTORE: STEFAN HOFRICHTER 16 Il 2013 è

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

PRIMO SUPPLEMENTO AL DOCUMENTO DI REGISTRAZIONE

PRIMO SUPPLEMENTO AL DOCUMENTO DI REGISTRAZIONE Unione di Banche Italiane S.c.p.A. Sede Legale e Direzione Generale: Bergamo, Piazza Vittorio Veneto, 8 Sedi operative: Brescia e Bergamo Codice Fiscale, Partita IVA ed Iscrizione al Registro delle Imprese

Dettagli

2010 Relazione e Bilancio della Banca Popolare di Mantova al 31 dicembre 2010

2010 Relazione e Bilancio della Banca Popolare di Mantova al 31 dicembre 2010 2010 Relazione e Bilancio della Banca Popolare di Mantova al 31 dicembre 2010 Relazione e Bilancio della Banca Popolare di Mantova (*) Banca Popolare di Mantova Società per Azioni Sede legale: Via Risorgimento,

Dettagli

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 MARZO 2015

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 MARZO 2015 COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 MARZO 2015 FORTE AUMENTO DELLA REDDITIVITÀ, SUPERIORE AGLI OBIETTIVI DEL PIANO DI IMPRESA 2014-2017. ELEVATA PATRIMONIALIZZAZIONE, LARGAMENTE

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

Secondo Supplemento al Prospetto di Base relativo al programma di offerta al pubblico di prestiti obbligazionari denominato:

Secondo Supplemento al Prospetto di Base relativo al programma di offerta al pubblico di prestiti obbligazionari denominato: Secondo Supplemento al Prospetto di Base relativo al programma di offerta al pubblico di prestiti obbligazionari denominato: Banca Monte dei Paschi di Siena S.p.A. Obbligazioni Zero Coupon Banca Monte

Dettagli

BANCO POPOLARE S.C. SERIE 356 TASSO MISTO CON CAP 31.10.2013 31.10.2018

BANCO POPOLARE S.C. SERIE 356 TASSO MISTO CON CAP 31.10.2013 31.10.2018 Banco Popolare Società Cooperativa - Sede legale in Verona, Piazza Nogara, n. 2 Società capogruppo del Gruppo bancario Banco Popolare Iscritta all albo delle banche al n. 5668 Capitale sociale, al 31 marzo

Dettagli

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l.

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Esercizio 2008 17 Dati di sintesi ed indicatori di bilancio della Banca Popolare di Milano Premessa Stato Patrimoniale riclassificato Conto Economico

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

TERZO SUPPLEMENTO AL PROSPETTO DI BASE

TERZO SUPPLEMENTO AL PROSPETTO DI BASE Credito Valtellinese Società Cooperativa Sede in Sondrio Piazza Quadrivio, 8Codice fiscale e Registro Imprese di Sondrio n. 00043260140 Albo delle Banche n. 489 Capogruppo del Gruppo bancario Credito Valtellinese

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014 Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano Agosto 2014 Banca Generali in pillole Banca Generali è uno degli assetgathererdi maggior successo e in grande crescita nel mercato italiano, con oltre

Dettagli

Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti.

Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti. Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti. LINEA INVESTIMENTO GUIDA AI PRODOTTI Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti!

Dettagli

Resoconto Intermedio di Gestione. del Gruppo Bipiemme al 30 settembre 2011

Resoconto Intermedio di Gestione. del Gruppo Bipiemme al 30 settembre 2011 2011 Resoconto Intermedio di Gestione del Gruppo Bipiemme al 30 settembre 2011 Resoconto Intermedio di Gestione del Gruppo Bipiemme al 30 settembre 2011 (*) Società Cooperativa a r.l. fondata nel 1865

Dettagli

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U)

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Il presente prodotto è distribuito dalle Agenzie Vittoria Assicurazioni

Dettagli

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 GIUGNO 2014

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 GIUGNO 2014 COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 GIUGNO 2014 UTILE NETTO DEL 1 SEM. 2014 A QUASI 1,2 MLD, SE SI ESCLUDE L AUMENTO RETROATTIVO DELLA TASSAZIONE RELATIVA ALLA PARTECIPAZIONE

Dettagli

appartenente al Gruppo Poste Italiane

appartenente al Gruppo Poste Italiane appartenente al Gruppo Poste Italiane Offerta al pubblico di quote dei fondi comuni di investimento mobiliare aperti di diritto italiano armonizzati alla Direttiva 2009/65/CE, denominati: Bancoposta Obbligazionario

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

Relazione e Bilancio della Banca Popolare di Mantova al 31 dicembre 2011

Relazione e Bilancio della Banca Popolare di Mantova al 31 dicembre 2011 1 2011 Relazione e Bilancio della Banca Popolare di Mantova al 31 dicembre 2011 2 Relazione e Bilancio della Banca Popolare di Mantova al 31 dicembre 2011(*) Banca Popolare di Mantova Società per azioni

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Università degli Studi di Parma Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Prof.ssa Paola Schwizer Anno accademico

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 SETTEMBRE 2014

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 SETTEMBRE 2014 COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 SETTEMBRE 2014 INTESA SANPAOLO VINCENTE, TRA LE BANCHE EUROPEE, NON SOLO NELL ESERCIZIO DI ASSET QUALITY REVIEW E STRESS TEST MA ANCHE NELL

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

NOTA DI SINTESI. relativa agli. ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank

NOTA DI SINTESI. relativa agli. ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank NOTA DI SINTESI relativa agli ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank di cui al Prospetto di Base ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES redatta

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE Redatto ai sensi dell art. 5 della Delibera Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 (come modificata con Delibera n. 17389

Dettagli

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 DICEMBRE 2014

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 DICEMBRE 2014 COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 DICEMBRE 2014 FORTE AUMENTO DELLA REDDITIVITÀ, SUPERIORE AGLI OBIETTIVI DEL PIANO DI IMPRESA 2014-2017. PROPOSTA DI DIVIDENDI CASH PER 1,2

Dettagli

I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS

I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS IAS-IFRS E NON PERFORMING LOANS Verona, 9 giugno 2006 I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS Andrea Lionzo Università degli Studi di Verona andrea.lionzo@univr.it 1 Indice 1. I fondamenti

Dettagli

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie contenute nello stato patrimoniale e nel conto economico

Dettagli

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Fornite ai sensi degli artt. 46 c. 1 e. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob

Dettagli

Aspetti salienti delle statistiche internazionali BRI 1

Aspetti salienti delle statistiche internazionali BRI 1 Aspetti salienti delle statistiche internazionali BRI 1 La BRI, in collaborazione con le banche centrali e le autorità monetarie di tutto il mondo, raccoglie e diffonde varie serie di dati sull attività

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione COMUNICATO STAMPA AMPLIFON S.p.A.: L Assemblea degli azionisti approva il Bilancio al 31.12.2005 e delibera la distribuzione di un dividendo pari a Euro 0,30 per azione (+25% rispetto al 2004) con pagamento

Dettagli

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI Il presente documento (di seguito Policy ) descrive le modalità con le quali vengono trattati gli ordini, aventi ad oggetto strumenti finanziari,

Dettagli

Il consolidamento negli anni successivi al primo

Il consolidamento negli anni successivi al primo Il consolidamento negli anni successivi al primo Il rispetto del principio della continuità dei valori richiede necessariamente che il bilancio consolidato degli esercizi successivi sia strettamente dipendente

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

PROSPETTO INFORMATIVO. relativo all offerta ai Soci e al pubblico di azioni ordinarie Banca Sviluppo Economico S.p.A.

PROSPETTO INFORMATIVO. relativo all offerta ai Soci e al pubblico di azioni ordinarie Banca Sviluppo Economico S.p.A. BANCA SVILUPPO ECONOMICO Società per Azioni Sede sociale: 95128 Catania (CT), Viale Venti Settembre n. 56 Iscritta all albo delle Banche al n.3393 Capitale sociale Euro 6.146.855,00 Aderente al Fondo Interbancario

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Aggiornamento del luglio 2013 1 PREMESSA La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

INDICE NOTA DI SINTESI...

INDICE NOTA DI SINTESI... INDICE NOTA DI SINTESI................................................................................ Caratteristiche del fondo................................................................................................

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative 1 aspetti economici * gestione assicurativa * gestione

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

Economia monetaria e creditizia. Slide 3

Economia monetaria e creditizia. Slide 3 Economia monetaria e creditizia Slide 3 Ancora sul CDS Vincolo prestatore Vincolo debitore rendimenti rendimenti-costi (rendimenti-costi)/2 Ancora sul CDS dove fissare il limite? l investitore conosce

Dettagli

AGOS: IL BILANCIO INDIVIDUALE BILANCIO INDIVIDUALE

AGOS: IL BILANCIO INDIVIDUALE BILANCIO INDIVIDUALE BILANCIO INDIVIDUALE 2006 AGOS: IL BILANCIO INDIVIDUALE BILANCIO INDIVIDUALE Capitale sociale E 60.908.120 interamente versato Sede legale in Milano, via Bernina 7 Registro delle Imprese di Milano n. 264551

Dettagli

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932 Banca del Lavoro e del Piccolo Risparmio S.p.A. - Sede legale e amministrativa in Benevento, Contrada Roseto - 82100 Aderente al Fondo Interbancario di tutela dei depositi Capitale sociale e Riserve al

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

IL MERCATO FINANZIARIO

IL MERCATO FINANZIARIO IL MERCATO FINANZIARIO Prima della legge bancaria del 1936, in Italia, era molto diffusa la banca mista, ossia un tipo di banca che erogava sia prestiti a breve che a medio lungo termine. Ma nel 1936 il

Dettagli

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SOCIETA COOPERATIVA Sede Legale in Viale Umberto I n. 4, 00060 Formello (Rm) Tel. 06/9014301 Fax 06/9089034 Cod.Fiscale 00721840585 Iscrizione Registro Imprese Roma e P.Iva 009260721002 Iscritta all Albo

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014)

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) 1. LA NORMATVA DI RIFERIMENTO. La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento europeo nel 2004

Dettagli

La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che,

La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che, La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che, prevedendo un aumento delle quotazioni dei titoli, li acquistano,

Dettagli

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI Versione 9.0 del 9/03/2015 Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 Policy conflitti di interesse Pag. 1 di 14 INDICE 1. PREMESSA... 3 1.1 Definizioni... 4 2. OBIETTIVI...

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

L analisi economico finanziaria dei progetti

L analisi economico finanziaria dei progetti PROVINCIA di FROSINONE CIOCIARIA SVILUPPO S.c.p.a. LABORATORI PER LO SVILUPPO LOCALE L analisi economico finanziaria dei progetti Azione n. 2 Progetti per lo sviluppo locale LA FINANZA DI PROGETTO Frosinone,

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Approvata con delibera CdA del 04/09/ 09 Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob 16190/2007. LA NORMATIVA MIFID

Dettagli

Il nuovo bilancio consolidato IFRS

Il nuovo bilancio consolidato IFRS S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Il nuovo bilancio consolidato IFRS La nuova informativa secondo IFRS 12 e le modifiche allo IAS 27 (Bilancio separato) e IAS 28 (Valutazione delle partecipazioni

Dettagli

Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino

Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino Deliberato dal CdA della BCC di Buccino nella seduta del 07/08/2009 Versione n 3 Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera

Dettagli

TERZO PILASTRO DI BASILEA 2 - INFORMATIVA AL PUBBLICO CAPITAL

TERZO PILASTRO DI BASILEA 2 - INFORMATIVA AL PUBBLICO CAPITAL TAGES GROUP TERZO PILASTRO DI BASILEA 2 - INFORMATIVA AL PUBBLICO al 31 dicembre 2013 TAGES CAPITAL Tages Holding S.p.A. Sede legale Corso Venezia 18-20121 Milano Iscrizione al Registro delle Imprese di

Dettagli

Eccellenza nel Credito alle famiglie

Eccellenza nel Credito alle famiglie Credito al Credito Eccellenza nel Credito alle famiglie Innovazione e cambiamento per la ripresa del Sistema Paese Premessa La complessità del mercato e le sfide di forte cambiamento del Paese pongono

Dettagli

Informativa al Pubblico

Informativa al Pubblico Situazione al 30 giugno 2008 Informativa al Pubblico Situazione al 30 giugno 2009 Pillar 3 1 Pillar 3 Banca Monte dei Paschi di Siena SpA Capitale Sociale 4.486.786.372,26 interamente versato Iscritta

Dettagli

Evoluzione Risk Management in Intesa

Evoluzione Risk Management in Intesa RISCHIO DI CREDITO IN BANCA INTESA Marco Bee, Mauro Senati NEWFIN - FITD Rating interni e controllo del rischio di credito Milano, 31 Marzo 2004 Evoluzione Risk Management in Intesa 1994: focus iniziale

Dettagli

Gestione Separata Sovrana

Gestione Separata Sovrana Gestione Separata Sovrana Investment pack Aggiornamento al 31/01/2015 Composizione degli asset per classi di attivo DURATION DI PORTAFOGLIO 6,33 AUM (in mln ) 651,48 805,61 848,22 821,06 2 Dettaglio delle

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Fonti normative Il principale testo normativo che disciplina il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato è il decreto legislativo 1 aprile

Dettagli

ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI. Relazione sull attività svolta dall Istituto

ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI. Relazione sull attività svolta dall Istituto ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI Relazione sull attività svolta dall Istituto Roma, 26 giugno 2013 ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI Relazione sull attività svolta dall Istituto

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A.

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A. E PROSPETTIVE 2001 S.P.A. IN SANPAOLO IMI S.P.A... Si presenta il progetto

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO

DOCUMENTO INFORMATIVO DOCUMENTO INFORMATIVO Il presente Documento Informativo (di seguito anche Documento ) rivolto ai Clienti o potenziali Clienti della Investire Immobiliare SGR S.p.A è redatto in conformità a quanto prescritto

Dettagli

KBC KBC: accelerato il piano di rimborso degli aiuti pubblici Discreti i conti trimestrali, l Irlanda resta una criticità

KBC KBC: accelerato il piano di rimborso degli aiuti pubblici Discreti i conti trimestrali, l Irlanda resta una criticità KBC: accelerato il piano di rimborso degli aiuti pubblici Discreti i conti trimestrali, l Irlanda resta una criticità Il gruppo finanziario belga KBC ha chiuso i primi 9 mesi del 2012 con un utile netto

Dettagli

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE (STRUMENTI DERIVATI ED ALTRI VALORI MOBILIARI) Ove non espressamente specificato i riferimenti normativi si intendono fatti al decreto del Ministro dell economia e

Dettagli

Relazioni e Bilancio di Esercizio 2013

Relazioni e Bilancio di Esercizio 2013 Relazionii e Bilancio di Esercizio 2013 Sede Legale: Via Calamandrei, 2555 52100 AREZZO Sede Amministrativa: Via Francesco De Sanctis, 11 00195 ROMA C.F. e P.IVA 01652770510 Capitale Sociale: euro 51.080.900

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

Focus. BTP Italia: settimana emissione. 20 ottobre 2014. Intesa Sanpaolo Servizio Studi e Ricerche

Focus. BTP Italia: settimana emissione. 20 ottobre 2014. Intesa Sanpaolo Servizio Studi e Ricerche BTP Italia: settimana emissione Dal 20 al 23 ottobre 2014 si tiene il collocamento del settimo BTP Italia, titolo di stato indicizzato all inflazione italiana (ex tabacco) e pensato prevalentemente per

Dettagli

2012: : 2011 1 ) semestre. Risultato. - 25,6 mln. giugno 2012. mercati. nonostante. di riferimentoo. e della visibilità. in Rete.

2012: : 2011 1 ) semestre. Risultato. - 25,6 mln. giugno 2012. mercati. nonostante. di riferimentoo. e della visibilità. in Rete. Comunicato Stampa aii sensi del Regolamento CONSOB 11971/1999 e successive modifiche APPROVATI I RISULTATI DEL PRIMO SEMESTRE 212: : Ricavi consolidati a 43,6 mln (+ 8% vs 1 semestre 211 1 ) MOL 2 a 6,1

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

TREND E STRATEGIE DI INVESTIMENTO Settimana del 31 agosto 2009

TREND E STRATEGIE DI INVESTIMENTO Settimana del 31 agosto 2009 1 Trend e Strategie di Investimento http://www.educazionefinanziaria.com/ TREND E STRATEGIE DI INVESTIMENTO Mercato Azionario Semaforo Verde Situazione Fondamentale: Neutrale (basata sul differenziale

Dettagli

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI 1) GENERALITA In conformità a quanto previsto dalla Direttiva 2004/39/CE (cd Direttiva Mifid), la Banca ha adottato tutte le misure

Dettagli

1. Archivio Diciture per Indici di Bilancio

1. Archivio Diciture per Indici di Bilancio INDICI DI BILANCIO 1. Archivio Diciture per Indici di Bilancio Perché sia possibile un calcolo automatico degli indici di bilancio (ratios) è necessario che le informazioni siano memorizzate seguendo i

Dettagli

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI)

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) - 1 - LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes)

IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes) IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes) INDICE INTRODUZIONE L EVOLUZIONE DELLO STANDARD OGGETTO, FINALITÀ ED AMBITO DI APPLICAZIONE DELLO STANDARD LA RILEVAZIONE DI IMPOSTE RILEVAZIONE DEGLI EFFETTI

Dettagli

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LO STATO PATRIMONIALE A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LE MODIFICHE ALLO SCHEMA STATO PATRIMONIALE ATTIVO C.II.4.BIS CREDITI TRIBUTARI C.II.4.TER IMPOSTE ANTICIPATE STATO PATRIMONIALE

Dettagli

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA Prospetto di cui all'art. 8, comma 1,D.L. 66/2014 (enti in contabilità finanziaria) Bilancio di Previsione 2015 E I Entrate correnti di natura tributaria, contributiva e perequativa 0 0 E II Tributi 0

Dettagli