D. Rosaci. Java2 Enterprise Edition

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "D. Rosaci. Java2 Enterprise Edition"

Transcript

1 D. Rosaci Java2 Enterprise Edition

2 Cos è J2EE? È una piattaforma per lo sviluppo di applicazioni enterprise, basata su un modello di applicazione distribuito a più livelli (multi-tiered) Per applicazione enterprise intendiamo un applicazione aziendale, orientata a implementare servizi aziendali che coinvolgono diverse figure: consumatori, partner dell'azienda, impiegati dell'azienda La tecnologia J2EE utilizza una struttura tecnologica a livelli, dove ogni livello implementa uno specifico servizio, a partire dal quale può essere implementato il processo aziendale. In pratica J2EE è un raccoglitore di tecnologie che facilitano lo sviluppo di software distribuito orientato al Web. D. Rosaci J2EE 2

3 Cos è J2EE? È una piattaforma per lo sviluppo di applicazioni enterprise, basata su un modello di applicazione distribuito a più livelli (multi-tiered) L applicazione è divisa logicamente in componenti, installate su macchine differenti, in base al livello (tier) a cui ogni componente appartiene D. Rosaci J2EE 3

4 J2EE Tiers Componenti Client-tier: sono eseguiti sulla macchina client. Componenti Web-tier: sono eseguiti sul J2EE server. Componenti Business-tier: sono eseguiti sul J2EE server. Componenti Enterprise Information System (EIS)-tier: sono eseguiti sull EIS server D. Rosaci J2EE 4

5 J2EE Tiers D. Rosaci J2EE 5

6 Un architettura Three-tiered In genere le applicazioni J2EE sono considerate applicazioni three-tiered Infatti, esse sono distribuite in parte sui client, in parte sul J2EE server and in parte su database o sistemi legacy situati nel back-end aziendale D. Rosaci J2EE 6

7 Componenti J2EE Una componente J2EE component è un unità software self-contained che è assemblata in un applicazione J2EE con le sue classi e i suoi files e che comunica con altre componenti Le specifiche J2EE definiscono i seguenti tipi di componenti J2EE: Application clients e applets sono le componenti eseguite sui client. Le componenti Java Servlet e JavaServer Pages (JSP ) sono componenti Web che vengono eseguite sul server. Le componenti Enterprise JavaBeans (EJB ) sono componenti business eseguite sul server. Le componenti J2EE sono scritte in Java e sono compilate come qualunque unità logica Java. La differenza tra le componenti J2EE components e le classi "standard" Java è che le componenti J2EE components vengono assemblate in un applicazione J2EE, è verificata la loro conformità alle specifiche J2EE e sono eseguite e controllate da un J2EE server. D. Rosaci J2EE 7

8 J2EE Client Abbiamo due tipi di J2EE client Web client Application client D. Rosaci J2EE 8

9 Web Client Consiste di pagine Web dinamiche contenenti codice di markup (HTML,XML) generate da componenti che risiedono sul Web tier un Web browser che visualizza le pagine Web Un Web client non esegue operazioni ad alto costo computazionale (si dice che è un thin client), come ad es. query su database, demandate alle componenti lato server A volte le pagine Web ricevute dal Web tier possono contenere delle applets, applicazioni java embedded che vengono eseguite dalla JVM installata sul Web browser I Web client rappresentano un modo molto efficace di realizzare applicazioni lato client, perché forniscono un meccanismo per separare il disegno dell applicazione dal codice implementativo D. Rosaci J2EE 9

10 Application client Un application client è eseguito su una macchina client e fornisce la possibilità agli utenti di gestire task che richiedono un interfaccia più ricca di quella realizzabile attraverso un linguaggio di markup. Esso tipicamente sfrutta una GUI creata dalle API Java Swing o AWT. Gli Application client accedono direttamente agli Enterprise Java Beans che sono eseguiti sul business tier. Tuttavia, se l applicazione lo richiede, essi possono aprire una connessione HTTP connection per stabilite una comunicazione con un servlet in esecuzione sul web tier. D. Rosaci J2EE 10

11 Le componenti JavaBeans Sia il client tier che il server tier possono includere componenti basati sull architettura JavaBeans, per manipolare i flussi di dati tra un application client o una applet e i componenti lato server, o tra componenti server e un database Le componenti JavaBeans non sono considerate componenti J2EE. Le componenti JavaBeans sono oggetti con proprietà e con metodi get e set per agire su tali proprietà, e quindi rappresentano un modo semplice per realizzare oggetti disegnabili. D. Rosaci J2EE 11

12 J2EE Server Communication Il client comunica con il business tier eseguito sul J2EE server o drettamente oppure, nel caso di client eseguito all interno di un browser Web, attraverso pagine JSP o servlet eseguite sul Web tier. Nel realizzare un applicazione J2EE, occorre scegliere se spostare le funzionalità maggiormente sul client (thick application client) oppure usare un thin client eseguito nel browser spostando le funzionalità quanto più possibile sul server Quanto più le funzionalità sono distribuite sul server, tanto più facile è distribuire, rendere disponibile e gestire l applicazione Tuttavia, spostare più funzionalità sul client potrebbe portare ad una percezione migliore del software da parte dell utente D. Rosaci J2EE 12

13 J2EE Server Communication D. Rosaci J2EE 13

14 Componenti Web Le componenti Web J2EE sono o servlet oppure pagine create con la tecnologia JSP (pagine JSP) Le Servlets sono classi Java che dinamicamente processano richieste e costruiscono risposte Le pagine JSP sono documenti testuali che sono eseguiti come le servlet ma che permettono un approccio più naturale per creare contenuti statici. Le pagine HTML e le applets sono assemblate con le componenti Web ma non sono considerate componenti Web dalle specifiche J2EE. Anche il Web tier, così come il client tier, può includere componenti JavaBeans per gestire l input dell utente a inviare quest input agli enterprise beans eseguiti nel business tier D. Rosaci J2EE 14

15 Componenti Web D. Rosaci J2EE 15

16 Componenti Business Il codice business, che deve risolvere problemi particolari quali elaborazioni bancarie, finanziarie, commerciali ecc. è incorporato negli enterprise beans eseguiti sul business tierr Un enterprise bean riceve dati dai programmi client, li processa (se necessario) e li invia all EIS tier per l immagazzinamento Un enterprise bean inoltre recupera dati immagazzinati, li processa (se necessario) e li invia al programma client D. Rosaci J2EE 16

17 Componenti Business Ci sono tre tipi di enterprise beans: session beans, entity beans, e message-driven beans. Un session bean rappresenta una conversazione transiente con un client. Quando il client finisce l esecuzione, il session bean ed i suoi dati vengono rimossi Differentemente, un entity bean rappresenta dati persistenti, immagazzinati in una riga di una tabella di database. Se il client termina o se il server cade, un servizio di sistema provvede a salvare i dati degli entity bean Un message-driven bean combina le caratteristiche di un session bean e di un Java Message Service (JMS) message listener, permettendo ad un componente business di ricevere in modo asincrono messaggi JMS D. Rosaci J2EE 17

18 Componenti Business D. Rosaci J2EE 18

19 Enterprise Information System Tier (EIS) L enterprise information system tier gestisce i software EIS e include alcuni enterprise infrastructure systems come l enterprise resource planning (ERP), il mainframe transaction processing, i database systems, e altri legacy information systems. Per esempio, le componenti application hanno bisogno di accedere all EIS per la connettività con i database D. Rosaci J2EE 19

20 Containers J2EE Le applicazioni thin-client multitiered sono generalmente difficili da scrivere: molti dettagli a basso livello da implementare (transaction handling,multithreading, resource pooling,etc) L architettura J2EE, component-based e platformindependent, facilita la scrittura delle applicazioni perché: La logica business è organizzata in componenti riusabili Il server J2EE fornisce servizi in forma di un container per ogni tipo di componente Il programmatore è quindi libero di concentrarsi sulla soluzione del problema da risolvere, mentre i servizi a basso livello sono forniti dal server D. Rosaci J2EE 20

21 Servizi Containers I Containers costituiscono l interfaccia tra il componente e le specifiche funzionalità che la piattaforma, a basso livello, fornisce al componente Prima che un Web component, un enterprise bean, o un application client component possano essere eseguiti, essi devono essere assemblati in un modulo J2EE e resi disponibili in un container Il processo di assemblamento implica il settaggio di ogni componente del container e dell applicazione J2EE I settaggi personalizzano i servizi forniti dalla piattaforma alle applicazioni D. Rosaci J2EE 21

22 Servizi personalizzabili Il security model di J2EE consente di configurare un Web component o un enterprise bean in modo che queste risorse siano accessibili solo da utenti autorizzati. Il transaction model consente di specificare relazioni tra i metodi che vengono utilizzati in una transazione, trattandoli come una singola unità. I JNDI lookup services forniscono un interfaccia unificata per il naming e i directory services. Il J2EE remote connectivity model gestisce le comunicazioni low-level tra client e enterprise beans. Dopo che un enterprise bean è stato creato, un client può invocare metodi su di esso come se fosse sulla stessa virtual machine D. Rosaci J2EE 22

23 Tipi di Container J2EE server: è la porzione runtime di un prodotto J2EE. Fornisce EJB e Web containers Enterprise JavaBeans (EJB) container: gestisce l esecuzione degli enterprise beans per le applicazioni J2EE. Gli Enterprise beans ed il loro container girano sul J2EE server. Web container: Gestisce l esecuzione delle pagine JSP e delle componenti servlets. Queste componenti Web e i loro container girano sul J2EE server. Application client container: gestisce l esecuzioni delle componenti application client, che insieme al loro container girano sul client. Applet container: gestisce l esecuzione delle apllets. Consiste in un browser Wen e in un Java Plug-in che girano insieme sul client. D. Rosaci J2EE 23

24 Tipi di Container D. Rosaci J2EE 24

25 Supporto ai Web services I Web services sono applicazioni enterprise web-based che usano XML-based protocolli di trasporto per scambiare dati con i client La piattaforma J2EE platform fornisce le API XML e i tool necessari per disegnare, sviluppare testare e rendere disponibili Web services capaci di interagire con client ed altri Web services anche appartenenti ad altre piattaforme non Java-based Per scrivere Web services e client che operano con essi non c è bisogno di far altro che passare parametri a procedure e ritornare risultati. La conversione dei dati in stream XML e i protocolli di comunicazione sono gestiti da J2EE La conversione dei dati in XML streams è ciò che rende i Web services e i client J2EE completamente interoperabili D. Rosaci J2EE 25

26 Applicazioni Packaging Un applicazione J2EE è distribuita atraverso un Enterprise Archive (EAR) file, ovvero uno standard Java Archive (JAR) file con estensione.ear extension. Usando EAR files e moduli è possibile assemblare un gran numero di differenti applicazioni J2EE che usano alcune componenti uguali. Basta impaccare vari moduli J2EE in J2EE EAR files. D. Rosaci J2EE 26

27 Ear Files Un EAR file contiene moduli J2EE e deployment descriptors, ovvero un documento xml che contiene i settings relativi al deployment Un modulo J2EE consiste di uno o più componenti dello stesso container type e di un component deployment descriptor di quel tipo. Abbiamo: Moduli EJB, disponibili in archivi JAR, che contengono i file delle classi per enterprise beans ed un EJB deployment descriptor. Moduli Web, che contengono servlet class files, JSP files, GIF e HTML files, e un web application deployment descriptor. I moduli Web sono forniti come archivi JAR con estensione.war. Moduli Application client, forniti come archivi JAR, che contengono files di classi e un application client deployment descriptor.. Moduli Resource adapter, che contengono tutte le interfacce Java, le librerie native, ed un resource adapter deployment descriptor.. D. Rosaci J2EE 27

28 Ear Files D. Rosaci J2EE 28

29 Le API J2EE: EJB Enterprise JavaBeans Technology Una componente Enterprise JavaBeans (EJB ), o enterprise bean, è un corpo di codice con campi e metodi che implementa moduli di logica business. Lo si può pensare come un mattone che può essere usato da solo o insieme ad altri EJB per eseguire logiche business logic su J2EE server. Tre tipi di enterprise beans: session beans, entity beans, e message-driven beans. Gli Enterprise beans spesso interagiscono con i database. Uno dei benefici degli entity beans è che non c è bisogno di scrivere codice SQL o di usare API JDBC direttamente per connettersi col database (questi dettagli sono gestiti dall EJB container) D. Rosaci J2EE 29

30 Le API J2EE: Servlets Java servlet technology: consente di definire classi servlet HTTP-specific. Una classe servlet class estende le capacità dei server che ospitano le applicazioni che sono accedute attraverso il modello di programmazione request-response. D. Rosaci J2EE 30

31 Le API J2EE: Java Server Pages La tecnologia JavaServer Pages (JSP) consente di inserire pezzi di codice servlet direttamente in documenti testuali. Una pagina JSP page è un documento testuale che contiene due tipi di dati: dati statici (espressi in HTML o XML) e elementi JSP, che determinano come la pagina costruisce dinamicamente il suo contenuto. D. Rosaci J2EE 31

32 Altre API J2EE Java Message Service (JMS) API: è uno standard per i messaggi che permette ai componenti delle applicazioni J2EE di mandare, ricevere e leggere messaggi. Permette la comunicazione distribuita, affidabile e asincrona. Java Transaction API (JTA): fornisce un interfaccia standard per gestire le transazioni. JavaMail API: usata per gestire messaggi tra i componenti di un applicazione. JavaBeans Activation Framework (JAF) usata come supporto per JavaMail. e molte altre D. Rosaci J2EE 32

33 API J2EE: un quadro D. Rosaci J2EE 33

34 Sun Java System Application Server Platform Edition 8 E fully compliant con la piattaforma J2EE 1.4 Oltre alle API J2EE, mette a disposizione due tecnologie addizionali JavaServer Pages Standard Tag Library (JSTL), che incapsula funzionalità comuni a molte applicazioni JSP. Consente di usare un insieme standard di tag, invece di mescolare i vari tag delle numerose applicazioni sistenti in commercio JavaServer Faces: Uno user interface framework per costruire applicazioni Web D. Rosaci J2EE 34

35 J2EE Application Server: Running e Stopping Digitare da riga di comando: asadmin start-domain --verbose domain1 Un domain è un insieme di una o più istanze di Application Server gestite da un administration server. Associati ad un domain ci sono: Il numero di porta dell Application Server. Per default è Il numero di porta dell administration server's port number. Per default è user name and password dell amministratore. Questi valori vengono specificati in fase di installazione dell Application Server. Qui assumiamo di avere scelto le porte di default. Senza argomenti, il comando start-domain command inizializza il domain di default, ovvero domain1. Il flag --verbose fa sì che tutti gli output di logging e debugging appaiano sulla finestra di terminale o sul command prompt (e saranno salvati anche sul server log, memorizzato in <J2EE_HOME>/domains/domain1/logs/server.log). D. Rosaci J2EE 35

36 J2EE Application Server: Running e Stopping Oppure si può scegliere su Windows: Programmi->Sun Microsystems->J2EE 1.4 SDK-> Start Default Server Quando il server partirà, si vedrà in output: Domain domain1 started Per fermare l Application Server, aprire un terminal window o command prompt ed eseguire: asadmin stop-domain domain1 Oppure su Windows scegliere: Programmi-> Sun Microsystems-> J2EE 1.4 SDK-> Stop Default Server Quando il server sarà stato fermato verrà visualizzato: Domain domain1 stopped. D. Rosaci J2EE 36

37 J2EE Admin Console Per amministrare l Application Server e gestire utenti, risorse a applicazioni J2EE applications, si usa l Admin Console tool. Dopo aver fatto partire l Application Server, aprire il browser alla seguente URL: On Windows, from the Start menu, choose Programs Sun Microsystems J2EE 1.4 SDK Admin Console Su Windows, scegliere: Programmi-> Sun Microsystems-> J2EE 1.4 SDK-> Admin Console D. Rosaci J2EE 37

38 J2EE deploytool Utility Per impaccare applicazioni J2EE, specificare deployment descriptors, e rendere disponibili applicazioni sull Application Server, si usa il deploytool utility. Per lanciare il deploytool, si apra un terminal window o command prompt e si esegua: deploytool Su Windows, si scelga: Programmi-> Sun Microsystems-> J2EE 1.4 SDK->Deploytool D. Rosaci J2EE 38

39 Lanciare il Derby Database Server Derby Database Server è un database server open source incluso con J2EE Application Server 8 Per lanciare il Derby database server: asadmin start-database Per fermarlo: asadmin stop-database D. Rosaci J2EE 39

40 Realizzare Applicazioni Web con J2EE Una applicazione Web è un estensione dinamica di un Web o di un Application Server. Esistono 2 tipi di applicazioni Web: Presentation-oriented: Una applicazione Web presentation-oriented genera pagine Web interattive contenenti vari tipi di linguaggi di markup (HTML, XML,etc.) e contenuto dinamico in risposta a richieste Service-oriented: Una applicazione Web serviceoriented implementa un endpoint di un web service. Le applicazioni presentation-oriented sono spesso client di applicazioni serviceoriented. D. Rosaci J2EE 40

41 Meccanismo di richiesta ad applicazioni Web Le componenti Web forniscono un estensione delle capacità del Web server. Le componenti Web sono o Java Servlet o pagine JSP Il client manda una richiesta HTTP ad un Web server Il Web server, che implementa Java Servlet e JavaServer Pages converte la richiesta in un oggetto HTTPServletRequest. Questo oggetto è inviato ad una componente Web, che può interagire con componenti JavaBeans o Database per generare contenuto dinamico. La componente Web può quindi generare un oggetto HTTPServletResponse oppure passare una richiesta ad un altra componente Web Il Web server converte l oggetto di risposta in una risposta HTTP che viene ritornata al client. D. Rosaci J2EE 41

42 Meccanismo di richiesta ad applicazioni Web D. Rosaci J2EE 42

43 Il ciclo di vita di un applicazione Web Un applicazione Web consiste di componenti Web, di file di risorse (es. immagini), di classsi e di librerie di supporto Il Web container fornisce molti servizi di supporto che aumentano le capacità delle componenti Web e ne rendono semplice lo sviluppo Il processo per creare, rendere disponibili (deploying) ed eseguire un applicazione Web può essere così riassunto: Sviluppare il codice della componente Web. Sviluppare il deployment descriptor dell applicazione. Compilare le componenti Web dell applicazione e le classi di supporto usate dalle componenti Opzionalmente, impaccare (packaging) l applicazione in una deployable unit. Deploy dell applicazione in un Web container. Accedere ad un URL che referenzi l applicazione Web. D. Rosaci J2EE 43

44 Esempio: il classico Hello World: Greetings D. Rosaci J2EE 44

45 Esempio: il classico Hello World: Response D. Rosaci J2EE 45

46 Esempio: il classico Hello World L applicazione Hello contiene due componenti Web che generano il messaggio di benvenuto e la risposta. Daremo due versioni dell applicazione: Versione JSP, chiamata hello1, in cui le componenti sono implementate per mezzo di due pagine JSP (index.jsp e response.jsp) Versione servlet chiamata hello2, in cui le componenti sono implementate per mezzo di due classi servlet (GreetingServlet.java e ResponseServlet.java). Installare il tutorial unzippando il file nella cartella principale di j2ee D. Rosaci J2EE 46

47 Moduli Web In J2EE, i componenti Web e le risorse statiche sono chiamate risorse Web Un modulo Web è la più piccola unità di risorse utilizzabile e deployable Oltre a componenti Web, un modulo Web può contenere anche: classi Server-side (database beans, shopping carts, etc.) Classi Client-side (applets e classi di utilità). D. Rosaci J2EE 47

48 Struttura di un modulo Web Struttura a directory. Il nodo top-level è il documento root dell applicazione Nel documento root vengono immagazzinate le pagine JSP, le classi e gli archivi client-side e le risorse statiche La root contiene una subdirectory chiamata /WEB-INF/, che contiene i seguenti files e directory: web.xml: Il deployment descriptor dell applicazione Tag library descriptor files classes: una directory che contiene classi server-side: servlets, utility classes, e componenti JavaBeans tags: una directory che contiene file di tag, implementazioni di tag libraries lib: una directory che contiene archivi JAR di librerie chiamate dalle classi serverside E possibile creare anche specifiche subdirectory di applicazioni sia nel document root che nella cartella /WEB-INF/classes/ directory. Un modulo Web può essere deployed o come una struttura di file o impaccato in un file JAR con estensione.war. In questo modo il modulo Web sarà portabile, e si potrà renderlo disponibile in qualunque Web container D. Rosaci J2EE 48

49 Deployment di un modulo Web Per rendere disponibile un WAR sull Application Server, il file deve anche contenere un runtime deployment descriptor, ovvero un xml file che contiene informazioni quali la root dell applicazione Wen e il mapping dei nomi portabili delle risorse dell applicazione alle risorse dell Application Server's. Questo deployment descriptor è chiamato sun-web.xml ed è contenuto in /WEB-INF/ insieme al deployment descriptor dell applicazione.. D. Rosaci J2EE 49

50 Struttura di un modulo Web D. Rosaci J2EE 50

51 Packaging di un modulo Web Es: modulo hello1 Aprire un terminal window, e andare in <INSTALL>/j2eetutorial14/examples/web/hello1/. Eseguire asant build. Saranno eseguite tutte le compilazioni necessarie e i file saranno copiati in <INSTALL>/j2eetutorial14/examples/web/hello1/build/. Per fare il package dell applicazione in un WAR chiamato hello1.war usando asant, eseguire: asant create-war Questo comando utilizza i file web.xml e sun-web.xml contenuti in <INSTALL>/j2eetutorial14/examples/web/hello1 ATTENZIONE: tutto funzionerà solo se nel file build.properties contenuto nella cartella COMMON del tutorial sarà stata settata la proprietà jeee.home al nome della cartella principale di jeee (es. c:/sun/jsdk) D. Rosaci J2EE 51

52 Deploy di un modulo Web D. Rosaci J2EE 52

53 Accedere ad un modulo Web deployed D. Rosaci J2EE 53

1 EJB e Portal Component Object http://desvino.altervista.org

1 EJB e Portal Component Object http://desvino.altervista.org 1 EJB e Portal Component Object http://desvino.altervista.org In questo tutorial studiamo come sfruttare la tecnologia EJB, Enterprise JavaBean, all interno del SAP Netweaver Portal. In breve, EJB è un

Dettagli

FileMaker Server 12. Guida introduttiva

FileMaker Server 12. Guida introduttiva FileMaker Server 12 Guida introduttiva 2007 2012 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 FileMaker e Bento sono marchi di FileMaker,

Dettagli

Le Reti Informatiche

Le Reti Informatiche Le Reti Informatiche modulo 10 Prof. Salvatore Rosta www.byteman.it s.rosta@byteman.it 1 Nomenclatura: 1 La rappresentazione di uno schema richiede una serie di abbreviazioni per i vari componenti. Seguiremo

Dettagli

UML Component and Deployment diagram

UML Component and Deployment diagram UML Component and Deployment diagram Ing. Orazio Tomarchio Orazio.Tomarchio@diit.unict.it Dipartimento di Ingegneria Informatica e delle Telecomunicazioni Università di Catania I diagrammi UML Classificazione

Dettagli

Introduzione. E un sistema EAI molto flessibile, semplice ed efficace:

Introduzione. E un sistema EAI molto flessibile, semplice ed efficace: Overview tecnica Introduzione E un sistema EAI molto flessibile, semplice ed efficace: Introduce un architettura ESB nella realtà del cliente Si basa su standard aperti Utilizza un qualsiasi Application

Dettagli

BPEL: Business Process Execution Language

BPEL: Business Process Execution Language Ingegneria dei processi aziendali BPEL: Business Process Execution Language Ghilardi Dario 753708 Manenti Andrea 755454 Docente: Prof. Ernesto Damiani BPEL - definizione Business Process Execution Language

Dettagli

Introduzione alle applicazioni di rete

Introduzione alle applicazioni di rete Introduzione alle applicazioni di rete Definizioni base Modelli client-server e peer-to-peer Socket API Scelta del tipo di servizio Indirizzamento dei processi Identificazione di un servizio Concorrenza

Dettagli

Rational Asset Manager, versione 7.1

Rational Asset Manager, versione 7.1 Rational Asset Manager, versione 7.1 Versione 7.1 Guida all installazione Rational Asset Manager, versione 7.1 Versione 7.1 Guida all installazione Note Prima di utilizzare queste informazioni e il prodotto

Dettagli

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a:

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a: Lab 4.1 Utilizzare FTP (File Tranfer Protocol) LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) In questa lezione imparerete a: Utilizzare altri servizi Internet, Collegarsi al servizio Telnet, Accedere

Dettagli

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato Intalio Convegno Open Source per la Pubblica Amministrazione Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management Navacchio 4 Dicembre 2008 Andrea Calcagno Amministratore Delegato 20081129-1

Dettagli

Sistemi Web-Based - Terminologia. Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011

Sistemi Web-Based - Terminologia. Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011 Sistemi Web-Based - Terminologia Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011 CLIENT: il client è il programma che richiede un servizio a un computer collegato in

Dettagli

Configurazione avanzata di IBM SPSS Modeler Entity Analytics

Configurazione avanzata di IBM SPSS Modeler Entity Analytics Configurazione avanzata di IBM SPSS Modeler Entity Analytics Introduzione I destinatari di questa guida sono gli amministratori di sistema che configurano IBM SPSS Modeler Entity Analytics (EA) in modo

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello della Web Application 5 3 Struttura della web Application 6 4 Casi di utilizzo della Web

Dettagli

Configuration Managment Configurare EC2 su AWS. Tutorial. Configuration Managment. Configurare il servizio EC2 su AWS. Pagina 1

Configuration Managment Configurare EC2 su AWS. Tutorial. Configuration Managment. Configurare il servizio EC2 su AWS. Pagina 1 Tutorial Configuration Managment Configurare il servizio EC2 su AWS Pagina 1 Sommario 1. INTRODUZIONE... 3 2. PROGRAMMI NECESSARI... 4 3. PANNELLO DI CONTROLLO... 5 4. CONFIGURARE E LANCIARE UN ISTANZA...

Dettagli

CORSO DI ALGORITMI E PROGRAMMAZIONE. JDBC Java DataBase Connectivity

CORSO DI ALGORITMI E PROGRAMMAZIONE. JDBC Java DataBase Connectivity CORSO DI ALGORITMI E PROGRAMMAZIONE JDBC Java DataBase Connectivity Anno Accademico 2002-2003 Accesso remoto al DB Istruzioni SQL Rete DataBase Utente Host client Server di DataBase Host server Accesso

Dettagli

FileMaker Server 13. Guida introduttiva

FileMaker Server 13. Guida introduttiva FileMaker Server 13 Guida introduttiva 2007-2013 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 Stati Uniti FileMaker e Bento sono marchi

Dettagli

12.5 UDP (User Datagram Protocol)

12.5 UDP (User Datagram Protocol) CAPITOLO 12. SUITE DI PROTOCOLLI TCP/IP 88 12.5 UDP (User Datagram Protocol) L UDP (User Datagram Protocol) é uno dei due protocolli del livello di trasporto. Come l IP, é un protocollo inaffidabile, che

Dettagli

InitZero s.r.l. Via P. Calamandrei, 24-52100 Arezzo email: info@initzero.it

InitZero s.r.l. Via P. Calamandrei, 24-52100 Arezzo email: info@initzero.it izticket Il programma izticket permette la gestione delle chiamate di intervento tecnico. E un applicazione web, basata su un potente application server java, testata con i più diffusi browser (quali Firefox,

Dettagli

FileMaker Server 13. Pubblicazione Web personalizzata con PHP

FileMaker Server 13. Pubblicazione Web personalizzata con PHP FileMaker Server 13 Pubblicazione Web personalizzata con PHP 2007-2013 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 Stati Uniti FileMaker

Dettagli

How to Develop Accessible Linux Applications

How to Develop Accessible Linux Applications How to Develop Accessible Linux Applications Sharon Snider Copyright 2002 IBM Corporation v1.1, 2002-05-03 Diario delle Revisioni Revisione v1.1 2002-05-03 Revisionato da: sds Convertito in DocBook XML

Dettagli

Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti

Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni: Gestione Documentale Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti Amministrazione: Regione Piemonte - Direzione Innovazione,

Dettagli

Università degli Studi di Parma. Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica

Università degli Studi di Parma. Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica Università degli Studi di Parma Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica A.A. 2007-08 CORSO DI INGEGNERIA DEL SOFTWARE Prof. Giulio Destri http://www.areasp.com (C) 2007 AreaSP for

Dettagli

FileMaker Server 13. Guida di FileMaker Server

FileMaker Server 13. Guida di FileMaker Server FileMaker Server 13 Guida di FileMaker Server 2010-2013 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 Stati Uniti FileMaker e Bento sono

Dettagli

La gestione documentale con il programma Filenet ed il suo utilizzo tramite la tecnologia.net. di Emanuele Mattei (emanuele.mattei[at]email.

La gestione documentale con il programma Filenet ed il suo utilizzo tramite la tecnologia.net. di Emanuele Mattei (emanuele.mattei[at]email. La gestione documentale con il programma Filenet ed il suo utilizzo tramite la tecnologia.net di Emanuele Mattei (emanuele.mattei[at]email.it) Introduzione In questa serie di articoli, vedremo come utilizzare

Dettagli

Le caratteristiche di interoperabilità del Terrapack 32 M

Le caratteristiche di interoperabilità del Terrapack 32 M I T P E l e t t r o n i c a Le caratteristiche di interoperabilità del Terrapack 32 M M. Guerriero*, V. Ferrara**, L. de Santis*** * ITP Elettronica ** Dipartimento di Ingegneria Elettronica Univ. La Sapienza

Dettagli

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE Oracle Business Intelligence Standard Edition One è una soluzione BI completa, integrata destinata alle piccole e medie imprese.oracle

Dettagli

Il World Wide Web: nozioni introduttive

Il World Wide Web: nozioni introduttive Il World Wide Web: nozioni introduttive Dott. Nicole NOVIELLI novielli@di.uniba.it http://www.di.uniba.it/intint/people/nicole.html Cos è Internet! Acronimo di "interconnected networks" ("reti interconnesse")!

Dettagli

FASE DEBUGGING: Compiler Linker. controllando che la voce Genera le informazioni per il debug cioè. "Generate debugging information"

FASE DEBUGGING: Compiler Linker. controllando che la voce Genera le informazioni per il debug cioè. Generate debugging information FASE DEBUGGING: Prima della compilazione, si devono inserire 1 nel progetto informazioni per il debug cioè si devono visualizzare le opzioni di progetto seguendo il percorso: controllando che la voce Genera

Dettagli

Web Conferencing Open Source

Web Conferencing Open Source Web Conferencing Open Source A cura di Giuseppe Maugeri g.maugeri@bembughi.org 1 Cos è BigBlueButton? Sistema di Web Conferencing Open Source Basato su più di quattordici componenti Open-Source. Fornisce

Dettagli

Informatica per la comunicazione" - lezione 9 -

Informatica per la comunicazione - lezione 9 - Informatica per la comunicazione" - lezione 9 - Protocolli di livello intermedio:" TCP/IP" IP: Internet Protocol" E il protocollo che viene seguito per trasmettere un pacchetto da un host a un altro, in

Dettagli

SIASFi: il sistema ed il suo sviluppo

SIASFi: il sistema ed il suo sviluppo SIASFI: IL SISTEMA ED IL SUO SVILUPPO 187 SIASFi: il sistema ed il suo sviluppo Antonio Ronca Il progetto SIASFi nasce dall esperienza maturata da parte dell Archivio di Stato di Firenze nella gestione

Dettagli

Laboratorio di Sistemi Fattoriale di un numero Jsp [Java]

Laboratorio di Sistemi Fattoriale di un numero Jsp [Java] Desideriamo realizzare una applicazione web che ci consenta di calcolare il fattoriale di un numero. L'esercizio in sé non particolarmente difficile, tuttavia esso ci consentirà di affrontare il problema

Dettagli

MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING

MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING UN BUON MOTIVO PER [cod. E603] L obiettivo del corso è fornire le competenze e conoscenze

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Laura Bacci, PMP Via Tezze, 36 46100 MANTOVA Telefono (+39) 348 6947997 Fax (+39) 0376 1810801

Dettagli

Reti di Telecomunicazione Lezione 7

Reti di Telecomunicazione Lezione 7 Reti di Telecomunicazione Lezione 7 Marco Benini Corso di Laurea in Informatica marco.benini@uninsubria.it Il protocollo Programma della lezione file transfer protocol descrizione architetturale descrizione

Dettagli

Manuale installazione KNOS

Manuale installazione KNOS Manuale installazione KNOS 1. PREREQUISITI... 3 1.1 PIATTAFORME CLIENT... 3 1.2 PIATTAFORME SERVER... 3 1.3 PIATTAFORME DATABASE... 3 1.4 ALTRE APPLICAZIONI LATO SERVER... 3 1.5 ALTRE APPLICAZIONI LATO

Dettagli

Windows Compatibilità

Windows Compatibilità Che novità? Windows Compatibilità CODESOFT 2014 é compatibile con Windows 8.1 e Windows Server 2012 R2 CODESOFT 2014 Compatibilità sistemi operativi: Windows 8 / Windows 8.1 Windows Server 2012 / Windows

Dettagli

Installazione di GFI Network Server Monitor

Installazione di GFI Network Server Monitor Installazione di GFI Network Server Monitor Requisiti di sistema I computer che eseguono GFI Network Server Monitor richiedono: i sistemi operativi Windows 2000 (SP4 o superiore), 2003 o XP Pro Windows

Dettagli

DynDevice ECM. La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali

DynDevice ECM. La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali DynDevice ECM La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali Presentazione DynDevice ECM Cos è DynDevice ICMS Le soluzioni di DynDevice

Dettagli

Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore)

Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore) Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore) Autore: Matteo Veroni Email: matver87@gmail.com Sito web: matteoveroni@altervista.org Fonti consultate: http://openmeetings.apache.org/

Dettagli

FORM Il sistema informativo di gestione della modulistica elettronica.

FORM Il sistema informativo di gestione della modulistica elettronica. Studio FORM FORM Il sistema informativo di gestione della modulistica elettronica. We believe in what we create This is FORM power La soluzione FORM permette di realizzare qualsiasi documento in formato

Dettagli

Esiste la versione per Linux di GeCo? Allo stato attuale non è prevista la distribuzione di una versione di GeCo per Linux.

Esiste la versione per Linux di GeCo? Allo stato attuale non è prevista la distribuzione di una versione di GeCo per Linux. FAQ su GeCo Qual è la differenza tra la versione di GeCo con installer e quella portabile?... 2 Esiste la versione per Linux di GeCo?... 2 Quali sono le credenziali di accesso a GeCo?... 2 Ho smarrito

Dettagli

DNS (Domain Name System) Gruppo Linux

DNS (Domain Name System) Gruppo Linux DNS (Domain Name System) Gruppo Linux Luca Sozio Matteo Giordano Vincenzo Sgaramella Enrico Palmerini DNS (Domain Name System) Ci sono due modi per identificare un host nella rete: - Attraverso un hostname

Dettagli

Manuale di installazione. Data Protector Express. Hewlett-Packard Company

Manuale di installazione. Data Protector Express. Hewlett-Packard Company Manuale di installazione Data Protector Express Hewlett-Packard Company ii Manuale di installazione di Data Protector Express. Copyright Marchi Copyright 2005 Hewlett-Packard Limited. Ottobre 2005 Numero

Dettagli

SIMATIC WinCC Runtime Professional ARCHITETTURE. Versione 1.0 04/2013

SIMATIC WinCC Runtime Professional ARCHITETTURE. Versione 1.0 04/2013 SIMATIC WinCC Runtime Professional V12 ARCHITETTURE Ronald Lange (Inventor 2011) TIA Portal: Automation Software that Fits Together As Perfectly As Lego Blocks Versione 1.0 04/2013 - Architetture Novità

Dettagli

PROFILI ALLEGATO A. Profili professionali

PROFILI ALLEGATO A. Profili professionali ALLEGATO A Profili professionali Nei profili di seguito descritti vengono sintetizzate le caratteristiche di delle figure professionali che verranno coinvolte nell erogazione dei servizi oggetto della

Dettagli

SMS API. Documentazione Tecnica YouSMS SOAP API. YouSMS Evet Limited 2015 http://www.yousms.it

SMS API. Documentazione Tecnica YouSMS SOAP API. YouSMS Evet Limited 2015 http://www.yousms.it SMS API Documentazione Tecnica YouSMS SOAP API YouSMS Evet Limited 2015 http://www.yousms.it INDICE DEI CONTENUTI Introduzione... 2 Autenticazione & Sicurezza... 2 Username e Password... 2 Connessione

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

Inidirizzi IP e Nomi di Dominio. Domain Name System. Spazio dei Nomi Piatto. Gestione dello Spazio dei Nomi

Inidirizzi IP e Nomi di Dominio. Domain Name System. Spazio dei Nomi Piatto. Gestione dello Spazio dei Nomi I semestre 03/04 Inidirizzi IP e Nomi di Dominio Domain Name System Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica

Dettagli

Estensione di un servizo di messaggistica per telefonia mobile (per una società di agenti TuCSoN)

Estensione di un servizo di messaggistica per telefonia mobile (per una società di agenti TuCSoN) Estensione di un servizo di messaggistica per telefonia mobile (per una società di agenti TuCSoN) System Overview di Mattia Bargellini 1 CAPITOLO 1 1.1 Introduzione Il seguente progetto intende estendere

Dettagli

PROPOSTE SISTEMA DI CITIZEN RELATIONSHIP MANAGEMENT (CRM) REGIONALE

PROPOSTE SISTEMA DI CITIZEN RELATIONSHIP MANAGEMENT (CRM) REGIONALE PROPOSTE SISTEMA DI CITIZEN RELATIONSHIP MANAGEMENT (CRM) REGIONALE Versione 1.0 Via della Fisica 18/C Tel. 0971 476311 Fax 0971 476333 85100 POTENZA Via Castiglione,4 Tel. 051 7459619 Fax 051 7459619

Dettagli

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu SOA IN AMBITO TELCO Al fine di ottimizzare i costi e di migliorare la gestione dell'it, le aziende guardano, sempre più con maggiore interesse, alle problematiche di gestionee ed ottimizzazione dei processi

Dettagli

2 Requisiti di sistema 4 2.1 Requisiti software 4 2.2 Requisiti hardware 5 2.3 Software antivirus e di backup 5 2.4 Impostazioni del firewall 5

2 Requisiti di sistema 4 2.1 Requisiti software 4 2.2 Requisiti hardware 5 2.3 Software antivirus e di backup 5 2.4 Impostazioni del firewall 5 Guida introduttiva Rivedere i requisiti di sistema e seguire i facili passaggi della presente guida per distribuire e provare con successo GFI FaxMaker. Le informazioni e il contenuto del presente documento

Dettagli

RedDot Content Management Server Content Management Server Non sottovalutate il potenziale della comunicazione online: usatela! RedDot CMS vi permette di... Implementare, gestire ed estendere progetti

Dettagli

Servizi DNS - SMTP FTP - TELNET. Programmi. Outlook Express Internet Explorer

Servizi DNS - SMTP FTP - TELNET. Programmi. Outlook Express Internet Explorer Servizi DNS - SMTP FTP - TELNET Programmi Outlook Express Internet Explorer 72 DNS Poiché riferirsi a una risorsa (sia essa un host oppure l'indirizzo di posta elettronica di un utente) utilizzando un

Dettagli

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it FIRESHOP.NET Gestione Utility & Configurazioni Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it Sommario SOMMARIO Introduzione... 4 Impostare i dati della propria azienda... 5 Aggiornare il programma... 6 Controllare l integrità

Dettagli

explorer 2 Manuale dell Installatore e Technical Reference Ver. 2.2.6 del 14 Dicembre 2012

explorer 2 Manuale dell Installatore e Technical Reference Ver. 2.2.6 del 14 Dicembre 2012 explorer 2 Manuale dell Installatore e Technical Reference Ver. 2.2.6 del 14 Dicembre 2012 1 Indice 1. Descrizione del sistema e Requisiti hardware e software per l installazione... 4 1.1 Descrizione del

Dettagli

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi.

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet: la rete delle reti Alberto Ferrari Connessioni

Dettagli

IBM Cognos 8 BI Midmarket Reporting Packages Per soddisfare tutte le vostre esigenze di reporting restando nel budget

IBM Cognos 8 BI Midmarket Reporting Packages Per soddisfare tutte le vostre esigenze di reporting restando nel budget Data Sheet IBM Cognos 8 BI Midmarket Reporting Packages Per soddisfare tutte le vostre esigenze di reporting restando nel budget Panoramica Le medie aziende devono migliorare nettamente le loro capacità

Dettagli

Enterprise Services Infrastructure ESI 2.0

Enterprise Services Infrastructure ESI 2.0 Enterprise Services Infrastructure ESI 2.0 Caratteristiche e Posizionamento ver. 2.1 del 21/01/2013 Cos è ESI - Enterprise Service Infrastructure? Cos è ESI? ESI (Enteprise Service Infrastructure) è una

Dettagli

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni: Applicativo verticale Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Amministrazione: Regione Piemonte - Direzione Innovazione,

Dettagli

Lezione n 1! Introduzione"

Lezione n 1! Introduzione Lezione n 1! Introduzione" Corso sui linguaggi del web" Fondamentali del web" Fondamentali di una gestione FTP" Nomenclatura di base del linguaggio del web" Come funziona la rete internet?" Connessione"

Dettagli

Integrazione di servizi: Enterprise Service Bus (ESB) e Business Process Execution Language (BPEL)

Integrazione di servizi: Enterprise Service Bus (ESB) e Business Process Execution Language (BPEL) Università degli Studi di Roma Tor Vergata Facoltà di Ingegneria Integrazione di servizi: Enterprise Service Bus (ESB) e Business Process Execution Language (BPEL) Corso di Sistemi Distribuiti Stefano

Dettagli

R.Focardi Laboratorio di Ingegneria del Software 6. 1

R.Focardi Laboratorio di Ingegneria del Software 6. 1 Networking Java permette comunicazioni in rete basate sul concetto di socket, che permette di vedere la comunicazione in termini di flusso (stream), in modo analogo all input-output di file, usando Stream

Dettagli

Installazione ed attivazione della "SUITE OFFIS" versione SERVER

Installazione ed attivazione della SUITE OFFIS versione SERVER Installazione ed attivazione della "SUITE OFFIS" versione SERVER Premessa La versione server di OFFIS può essere installata e utilizzata indifferentemente da PC/Win o Mac/Osx e consente l'accesso contemporaneo

Dettagli

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Indice Indice Introduzione...3 Guida al primo accesso...3 Accessi successivi...5 Amministrazione dei servizi avanzati (VAS)...6 Attivazione dei VAS...7

Dettagli

Inizializzazione degli Host. BOOTP e DHCP

Inizializzazione degli Host. BOOTP e DHCP BOOTP e DHCP a.a. 2002/03 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/~auletta/ Università degli studi di Salerno Laurea e Diploma in Informatica 1 Inizializzazione degli Host Un

Dettagli

Gestione posta elettronica (versione 1.1)

Gestione posta elettronica (versione 1.1) Gestione posta elettronica (versione 1.1) Premessa La presente guida illustra le fasi da seguire per una corretta gestione della posta elettronica ai fini della protocollazione in entrata delle mail (o

Dettagli

Come installare e configurare il software FileZilla

Come installare e configurare il software FileZilla Come utilizzare FileZilla per accedere ad un server FTP Con questo tutorial verrà mostrato come installare, configurare il software e accedere ad un server FTP, come ad esempio quello dedicato ai siti

Dettagli

Museo&Web CMS Tutorial: installazione di Museo&Web CMS Versione 0.2 del 16/05/11

Museo&Web CMS Tutorial: installazione di Museo&Web CMS Versione 0.2 del 16/05/11 Museo&Web CMS Tutorial: installazione di Museo&Web CMS Versione 0.2 del 16/05/11 Museo & Web CMS v1.5.0 beta (build 260) Sommario Museo&Web CMS... 1 SOMMARIO... 2 PREMESSE... 3 I PASSI PER INSTALLARE MUSEO&WEB

Dettagli

Guida alla scansione su FTP

Guida alla scansione su FTP Guida alla scansione su FTP Per ottenere informazioni di base sulla rete e sulle funzionalità di rete avanzate della macchina Brother, consultare la uu Guida dell'utente in rete. Per ottenere informazioni

Dettagli

ManageEngine ITSM: HelpDesk ITIL, gestione degli asset IT e MDM. Andrea Mannara Business Unit Manager

ManageEngine ITSM: HelpDesk ITIL, gestione degli asset IT e MDM. Andrea Mannara Business Unit Manager ManageEngine ITSM: HelpDesk ITIL, gestione degli asset IT e MDM Andrea Mannara Business Unit Manager ManageEngine Portfolio Network Data Center Desktop & MDM ServiceDesk & Asset Active Directory Log &

Dettagli

Istituto Tecnico Commerciale Indirizzo AFM articolazione SIA PERCHE???

Istituto Tecnico Commerciale Indirizzo AFM articolazione SIA PERCHE??? Istituto Tecnico Commerciale Indirizzo AFM articolazione SIA PERCHE??? Opportunità di lavoro: ICT - Information and Communication Technology in Azienda Vendite Acquisti Produzione Logistica AFM SIA ICT

Dettagli

TeamPortal. Servizi integrati con ambienti Gestionali

TeamPortal. Servizi integrati con ambienti Gestionali TeamPortal Servizi integrati con ambienti Gestionali 12/2013 Modulo di Amministrazione Il modulo include tutte le principali funzioni di amministrazione e consente di gestire aspetti di configurazione

Dettagli

Luca Mari, Sistemi informativi applicati (reti di calcolatori) appunti delle lezioni. Architetture client/server: applicazioni client

Luca Mari, Sistemi informativi applicati (reti di calcolatori) appunti delle lezioni. Architetture client/server: applicazioni client Versione 25.4.05 Sistemi informativi applicati (reti di calcolatori): appunti delle lezioni Architetture client/server: applicazioni client 1 Architetture client/server: un esempio World wide web è un

Dettagli

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it ISO 9001: 2008 Profilo Aziendale METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it Sede legale: * Viale Brodolini, 117-60044 - Fabriano (AN) - Tel. 0732.251856 Sede amministrativa:

Dettagli

INTRODUZIONE, LINGUAGGIO, HANDS ON. Giuseppe Cirillo g.cirillo@unina.it

INTRODUZIONE, LINGUAGGIO, HANDS ON. Giuseppe Cirillo g.cirillo@unina.it INTRODUZIONE, LINGUAGGIO, HANDS ON Giuseppe Cirillo g.cirillo@unina.it Il linguaggio C 1972-Dennis Ritchie 1978-Definizione 1990-ANSI C 1966 Martin Richars (MIT) Semplificando CPL usato per sviluppare

Dettagli

Business Process Modeling and Notation e WebML

Business Process Modeling and Notation e WebML Business Process Modeling and Notation e WebML 24 Introduzione I Web Service e BPMN sono standard de facto per l interoperabilità in rete a servizio delle imprese moderne I Web Service sono utilizzati

Dettagli

Configurazioni Mobile Connect

Configurazioni Mobile Connect Mailconnect Mail.2 L EVOLUZIONE DELLA POSTA ELETTRONICA Configurazioni Mobile Connect iphone MOBILE CONNECT CONFIGURAZIONE MOBILE CONNECT PER IPHONE CONFIGURAZIONE IMAP PER IPHONE RUBRICA CONTATTI E IPHONE

Dettagli

Microsoft Innovation Center Roma. Pierluigi Del Nostro Stefano Paolozzi Maurizio Pizzonia

Microsoft Innovation Center Roma. Pierluigi Del Nostro Stefano Paolozzi Maurizio Pizzonia Microsoft Innovation Center Roma Pierluigi Del Nostro Stefano Paolozzi Maurizio Pizzonia Il MIC Roma Cos è Uno dei risultati dei protocolli di intesa tra il Ministero della Pubblica Amministrazione e l

Dettagli

Guida all'installazione di SLPct. Manuale utente. Evoluzioni Software www.evoluzionisoftware.it info@evoluzionisoftware.it

Guida all'installazione di SLPct. Manuale utente. Evoluzioni Software www.evoluzionisoftware.it info@evoluzionisoftware.it Guida all'installazione di SLPct Manuale utente Evoluzioni Software www.evoluzionisoftware.it info@evoluzionisoftware.it Premessa Il redattore di atti giuridici esterno SLpct è stato implementato da Regione

Dettagli

Problema: al momento dell autenticazione si riceve il messaggio Certificato digitale non ricevuto Possibili cause: 1) La smart card non è una CNS e

Problema: al momento dell autenticazione si riceve il messaggio Certificato digitale non ricevuto Possibili cause: 1) La smart card non è una CNS e Problema: al momento dell autenticazione si riceve il messaggio Certificato digitale non ricevuto Possibili cause: 1) La smart card non è una CNS e non contiene il certificato di autenticazione: è necessario

Dettagli

Software 2. Classificazione del software. Software di sistema

Software 2. Classificazione del software. Software di sistema Software 2 Insieme di istruzioni e programmi che consentono il funzionamento del computer Il software indica all hardware quali sono le operazioni da eseguire per svolgere determinati compiti Valore spesso

Dettagli

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone Paragrafo 1 Prerequisiti Definizione di applicazione server Essa è un servizio che è in esecuzione su un server 1 al fine di essere disponibile per tutti gli host che lo richiedono. Esempi sono: il servizio

Dettagli

Client di Posta Elettronica PECMailer

Client di Posta Elettronica PECMailer Client di Posta Elettronica PECMailer PECMailer è un semplice ma completo client di posta elettronica, ovvero un programma che consente di gestire la composizione, la trasmissione, la ricezione e l'organizzazione

Dettagli

MANUALE DI INSTALLAZIONE GESTIONE FLOTTE /REMIND

MANUALE DI INSTALLAZIONE GESTIONE FLOTTE /REMIND Progettisti dentro e oltre l impresa MANUALE DI INSTALLAZIONE GESTIONE FLOTTE /REMIND Pag 1 di 31 INTRODUZIONE Questo documento ha lo scopo di illustrare le modalità di installazione e configurazione dell

Dettagli

REGIONE BASILICATA (ART. 125 DEL D.LGS. N. 163/06) ALLEGATO N. 1 CARATTERISTICHE TECNICHE DEL SERVIZIO

REGIONE BASILICATA (ART. 125 DEL D.LGS. N. 163/06) ALLEGATO N. 1 CARATTERISTICHE TECNICHE DEL SERVIZIO REGIONE BASILICATA PROCEDURA NEGOZIATA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PROGETTAZIONE, REALIZZAZIONE E GESTIONE DEL SISTEMA INTEGRATO SERB ECM DELLA REGIONE BASILICATA (ART. 125 DEL D.LGS. N. 163/06)

Dettagli

Mobile Messaging SMS. Copyright 2015 VOLA S.p.A.

Mobile Messaging SMS. Copyright 2015 VOLA S.p.A. Mobile Messaging SMS Copyright 2015 VOLA S.p.A. INDICE Mobile Messaging SMS. 2 SMS e sistemi aziendali.. 2 Creare campagne di mobile marketing con i servizi Vola SMS.. 3 VOLASMS per inviare SMS da web..

Dettagli

CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA

CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA Manuale Utente Linux Debian, Fedora, Ubuntu www.ondacommunication.com Chiavet ta Internet MT503HSA Guida rapida sistema operativo LINUX V 1.1 33080, Roveredo in Piano (PN)

Dettagli

Istruzioni per l uso Guida software

Istruzioni per l uso Guida software Istruzioni per l uso Guida software Leggere subito Manuali per questa stampante...8 Preparazione per la stampa Installazione rapida...9 Conferma del metodo di connessione...11 Connessione di rete...11

Dettagli

File Leggimi relativo a Quark Licensing Administrator 4.5.0.2

File Leggimi relativo a Quark Licensing Administrator 4.5.0.2 File Leggimi relativo a Quark Licensing Administrator 4.5.0.2 INDICE Indice File Leggimi relativo a Quark Licensing Administrator 4.5.0.2...4 Requisiti di sistema: QLA Server...5 Requisiti di sistema:

Dettagli

INSTALLAZIONE E UTILIZZO DEL COMPILATORE Code::Blocks 8.02

INSTALLAZIONE E UTILIZZO DEL COMPILATORE Code::Blocks 8.02 INSTALLAZIONE E UTILIZZO DEL COMPILATORE Code::Blocks 8.02 Download Si può scaricare gratuitamente la versione per il proprio sistema operativo (Windows, MacOS, Linux) dal sito: http://www.codeblocks.org

Dettagli

E-MAIL INTEGRATA OTTIMIZZAZIONE DEI PROCESSI AZIENDALI

E-MAIL INTEGRATA OTTIMIZZAZIONE DEI PROCESSI AZIENDALI E-MAIL INTEGRATA OTTIMIZZAZIONE DEI PROCESSI AZIENDALI E-MAIL INTEGRATA Ottimizzazione dei processi aziendali Con il modulo E-mail Integrata, NTS Informatica ha realizzato uno strumento di posta elettronica

Dettagli

AOT Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma. Unified Process. Prof. Agostino Poggi

AOT Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma. Unified Process. Prof. Agostino Poggi AOT Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma Unified Process Prof. Agostino Poggi Unified Process Unified Software Development Process (USDP), comunemente chiamato

Dettagli

Parallels Plesk Panel

Parallels Plesk Panel Parallels Plesk Panel Notifica sul Copyright ISBN: N/A Parallels 660 SW 39 th Street Suite 205 Renton, Washington 98057 USA Telefono: +1 (425) 282 6400 Fax: +1 (425) 282 6444 Copyright 1999-2009, Parallels,

Dettagli

Lezione III: Oggetti ASP e interazione tramite form HTML

Lezione III: Oggetti ASP e interazione tramite form HTML Lezione III: Oggetti ASP e interazione tramite form HTML La terza lezione, come le precedenti, ha avuto una durata di due ore, di cui una in aula e l altra in laboratorio, si è tenuta alla presenza della

Dettagli

Formazione Specialistica

Formazione Specialistica CATALOGO FORMATIVO 2015 La K-Makers nasce nel 2006 come azienda ICT, fortemente orientata all innovazione. Crescendo, ha ampliato la sua offerta ed oggi propone: Formazione Specialistica Soluzioni e Consulenze

Dettagli

PROCEDURA DI INSTALLAZIONE DI MYSQL E VolT per utenti Visual Trader e InteractiveBrokers

PROCEDURA DI INSTALLAZIONE DI MYSQL E VolT per utenti Visual Trader e InteractiveBrokers PROCEDURA DI INSTALLAZIONE DI MYSQL E VolT per utenti Visual Trader e InteractiveBrokers La procedura di installazione è divisa in tre parti : Installazione dell archivio MySql, sul quale vengono salvati

Dettagli

CONFIGURAZIONE DEI SERVIZI (seconda parte)

CONFIGURAZIONE DEI SERVIZI (seconda parte) Corso ForTIC C2 LEZIONE n. 10 CONFIGURAZIONE DEI SERVIZI (seconda parte) WEB SERVER PROXY FIREWALL Strumenti di controllo della rete I contenuti di questo documento, salvo diversa indicazione, sono rilasciati

Dettagli