Alberto Montresor Università di Trento

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Alberto Montresor Università di Trento"

Transcript

1 !! Algoritmi e Strutture Dati! Capitolo 3 - Tipi di dato e strutture di dati!!! Alberto Montresor Università di Trento!! This work is licensed under the Creative Commons Attribution-NonCommercial-ShareAlike License. To view a copy of this license, visit or send a letter to Creative Commons, 543 Howard Street, 5th Floor, San Francisco, California, 94105, USA. 1

2 Introduzione Dato In un linguaggio di programmazione, un dato è un valore che una variabile può assumere Tipo di dato astratto Un modello matematico, dato da una collezione di valori e un insieme di operazioni ammesse su questi valori Tipi di dato primitivi Forniti direttamente dal linguaggio Esempi: int (+,-,*,/, %), boolean (!, &&, ) 2

3 Tipi di dati Specifica e implementazione di un tipo di dato astratto Specifica: manuale d'uso, nasconde i dettagli implementativi all'utilizzatore Implementazione: realizzazione vera e propria Esempi Numeri reali vs IEEE754 Pile vs Pile basate su vettori, Pile basate su puntatori java.util.map vs java.util.treemap 3

4 Strutture dati I dati sono spesso riuniti in insiemi detti strutture di dati sono particolari tipi di dato, caratterizzati più dall'organizzazione dei dati più che dal tipo dei dati stessi il tipo dei dati contenuti può essere addirittura parametrico Una struttura di dati è composta quindi da: un modo sistematico di organizzare i dati un insieme di operatori che permettono di manipolare la struttura Alcune tipologie di strutture di dati: lineari / non lineari (presenza di una sequenza) statiche / dinamiche (variazione di dimensione, contenuto) omogenee / disomogenee (dati contenuti) 4

5 Sequenza Caratteristiche: Dinamica e lineare Contenente elementi generici (ITEM), potenzialmente anche duplicati Ordine all interno della sequenza è importante Interfaccia E possibile aggiungere / togliere elementi, specificando la posizione s = s1, s2,..., sn L elemento si è in posizione posi Esistono le posizioni (fittizie) pos0, posn+1 E possibile accedere direttamente ad alcuni elementi (testa / coda) E possibile accedere sequenzialmente a tutti gli altri elementi 5

6 e remove() per cancellare un vecchio elemento della sequenza. Sequenza SEQUENCE % Restituisce true se la sequenza è vuota boolean empty() % Restituisce true se p è uguale a pos 0 oppure a pos n+1 boolean finished(pos p) % Restituisce la posizione del primo elemento POS head() % Restituisce la posizione dell ultimo elemento POS tail() % Restituisce la posizione dell elemento che segue p POS next(pos p) % Restituisce la posizione dell elemento che precede p POS prev(pos p) % Inserisce l elemento v di tipo ITEM nella posizione p. 6

7 % Restituisce la posizione dell elemento che precede p Sequenza POS prev(pos p) % Inserisce l elemento v di tipo ITEM nella posizione p. % Ritorna la nuova posizione, che diviene il predecessore di p POS insert(pos p, ITEM v) % Rimuove l elemento contenuto nella posizione p. % Ritorna il successore di p, che diviene successore del predecessore di p POS remove(pos p) % Legge l elemento di tipo ITEM contenuto nella posizione p ITEM read(pos p) % Scrive l elemento v di tipo ITEM nella posizione p write(pos p, ITEM v) Dalla specifica emerge che per accedere ad un elemento occorre conoscerne la p Ciò è possibile solo conoscendo a priori la posizione dell elemento precedente (o seg applicando quindi l operazione next() o prev(). Le uniche operazioni che danno7pe

8 Insiemi (Set) Struttura dati generale : insieme dinamico Può crescere, contrarsi, cambiare contenuto Operazioni base: inserimento, cancellazione, verifica contenimento Il tipo di insieme (= struttura) dipende dalle operazioni Elementi Elemento: oggetto puntato da un riferimento/puntatore Composto da: campo chiave di identificazione dati satellite campi che fanno riferimento ad altri elementi dell'insieme 8

9 Una volta realizzati questi operatori di base, è possibile costruire operatori insiemistici quali l unione, Insiemi l intersezione dinamici e la differenza di insiemi. SET % Restituisce la cardinalità dell insieme integer size() % Restituisce true se x è contenuto nell insieme boolean contains(item x) % Inserisce x nell insieme, se non già presente insert(item x) % Rimuove x dall insieme, se presente remove(item x) % Restituisce un nuovo insieme che è l unione di A e B SET union(set A, SET B) % Restituisce un nuovo insieme che è l intersezione di A e B SET intersection(set A, SET B) % Restituisce un nuovo insieme che è la differenza di A e B SET difference(set A, SET B) 9

10 Dizionari (Dictionary o Map) Il dizionario rappresenta il concetto matematico di relazione univoca Relazione R : D C Insieme D è il dominio (elementi detti chiavi) Insieme C è il codominio (elementi detti valori) Associazione chiave-valore Operazioni ammesse: ottenere il valore associato ad una particolare chiave (se presente), o nil inserire una nuova associazione chiave- valore, cancellando eventuali associazioni precedenti; rimuovere un associazione chiave-valore esistente 10

11 CAPITOLO 3. TIPI DI DATO E STRUTTURE DI DATI 57 Dizionari DICTIONARY % Restituisce il valore associato alla chiave k se presente, nil altrimenti ITEM lookup(item k) % Associa il valore v alla chiave k insert(item k, ITEM v) % Rimuove l associazione della chiave k remove(item k) Un albero ordinato (o più semplicemente albero) è formato da un insieme finito di elementi, detti nodi. Se tale insieme non è vuoto, allora un particolare nodo è designato come radice, ed i rimanenti nodi, se esistono, sono a loro volta partizionati in insiemi ordinati disgiunti, ciascuno dei quali è un albero ordinato. Esempio 3.6 (Albero genealogico). L albero genealogico di una dinastia, a partire dal progenitore, divide gerarchicamente i suoi membri in successive generazioni, fino ad interrompersi in attesa della nascita di nuovi discendenti. La Fig. 3.1 mostra la dinastia dei re merovingi, dove per semplicità ne sono stati indicati solo i principali. Verifichiamo come la struttura di 11

12 Alberi e grafi Un albero ordinato Grafi è formato da un insieme finito di elementi detti nodi un nodo particolare è designato come radice i rimanenti nodi, se esistono, sono partizionati in insiemi ordinati e disgiunti, anch essi alberi ordinati più n Insiemi di nodi e archi che connettono i nodi Operazioni Visita: ispezione completa di tutti i nodi di un albero o di un grafo Specifica completa più avanti 9.1 Definizioni 58 Algoritmi e Strutture Per poter ragionare su una struttura di dati così fondamen precisamente la terminologia Grafi orientati Meroveo Re dei Franchi dal 448 al 458 Childerico I Re dei Franchi Clodoveo I Re dei Franchi Un grafo orientato T hierry I (o grafo Clodomirodiretto, Childeberto directed Clotilde graphclotario in Inglese I Re d Austrasia Re d Orlean Re di Parigi Re dei Franchi con V insieme finito di elementi, detti nodi (o vertici, vertex in In Sigisberto Chilperico altri 4 figli Re d Austrasia Re di Soissons coppie ordinate di nodi, detti archi (o spigoli, edge in Inglese). I g Clotario II rappresentati graficamente disegnando ogni Re nodo dei Franchi con un cerchiet freccia che esce dal nodo u ed entra nel nodo Dagoberto v. IlI numero di nod Re dei Franchi solito indicati, rispettivamente, con n ed m, oppure con V ed E Sigisberto III Clodoveo II Re d Austrasia 1 archi uscenti da ciascun nodo, risulta 0 m n(n Discussione Dagoberto II Re d Austrasia assassinato per ordine di Pipino il Grosso nel 679 Childerico III Esempio 9.1 (Grafo orientato). G =(V,E) con V = {1, 2, 3 Deposto nel 751 da Pipino il Breve (2, 4), (3, 2), (4, 2), (4, 3)} è un grafo orientato, ove n = V = essere rappresentato come mostrato Figura 3.1: La nella dinastiafig. dei re merovingi Le specifiche dei tipi di dato astratto offerte in questo capitolo sono solo alcuni è possibile arricchirle con nuove operazioni, se necessario, o combinare insieme sp diverse. Ad esempio: Si possono aggiungere le operazioni min() e max() al tipo di dati astratto SET, se su dell insieme è definito un ordinamento totale; 3 se gli elementi di un insieme sono ordinati internamente in qualche 4 modo, potrebb utile usare le operazioni per scorrere gli elementi di una sequenza (head() e next( G nendo un controllo più raffinato del costrutto foreach s S introdotto per scand gli elementi di un insieme. Figura 9.1: Un grafo orientato. I concetti di insieme e dizionario sono intimamente collegati. Ad esempio, le chiav 12 nute in un dizionario sono un insieme; come tale, potrebbe essere necessario scorre 2

13 Discussione Le specifiche viste finora possono essere arricchite: Operatori min() e max() nel tipo di dato SET, se esiste ordinamento totale Concetti di insieme e dizionario sono collegati Insieme delle chiavi / insieme dei valori Scorrere tutte le chiavi 13

14 Realizzazione Alcune realizzazioni sono naturali Sequenza lista Albero astratto albero basato su puntatori Esistono tuttavia realizzazioni alternative Insieme come vettore booleano Albero come vettore dei padri La scelta della struttura di dati ha riflessi sull efficienza e sulle operazioni ammesse Dizionario come hash table: lookup in tempo O(1), ma niente ordinamento Dizionario come albero: lookup in tempo O(log n), con ordinamento 14

Algoritmi e Strutture Dati

Algoritmi e Strutture Dati Algoritmi e Strutture Dati Introduzione al corso Alberto Montresor Università di Trento This work is licensed under the Creative Commons Attribution-NonCommercial-ShareAlike License. To view a copy of

Dettagli

STRUTTURE NON LINEARI

STRUTTURE NON LINEARI PR1 Lezione 13: STRUTTURE NON LINEARI Michele Nappi mnappi@unisa.it www.dmi.unisa.it/people/nappi Per la realizzazione della presentazione è stato utilizzato in parte materiale didattico prodotto da Oronzo

Dettagli

Tabelle hash. Damiano Macedonio Università Ca' Foscari di Venezia. mace@unive.it

Tabelle hash. Damiano Macedonio Università Ca' Foscari di Venezia. mace@unive.it Tabelle hash Damiano Macedonio Università Ca' Foscari di Venezia mace@unive.it Original work Copyright Alberto Montresor, University of Trento (http://www.dit.unitn.it/~montreso/asd/index.shtml) Modifications

Dettagli

Grafi. Moreno Marzolla Dip. di Informatica Scienza e Ingegneria Università di Bologna. moreno.marzolla@unibo.it http://www.moreno.marzolla.

Grafi. Moreno Marzolla Dip. di Informatica Scienza e Ingegneria Università di Bologna. moreno.marzolla@unibo.it http://www.moreno.marzolla. Grafi Moreno Marzolla ip. di Informatica Scienza e Ingegneria Università di ologna moreno.marzolla@unibo.it http://www.moreno.marzolla.name/ opyright lberto Montresor, Università di Trento, Italy (http://www.dit.unitn.it/~montreso/asd/index.shtml)

Dettagli

I tipi di dato astratti

I tipi di dato astratti I tipi di dato astratti.0 I tipi di dato astratti c Diego Calvanese Fondamenti di Informatica Corso di Laurea in Ingegneria Elettronica A.A. 001/00.0 0 I tipi di dato astratti La nozione di tipo di dato

Dettagli

Esercizi Capitolo 6 - Alberi binari di ricerca

Esercizi Capitolo 6 - Alberi binari di ricerca Esercizi Capitolo 6 - Alberi binari di ricerca Alberto Montresor 23 settembre 200 Alcuni degli esercizi che seguono sono associati alle rispettive soluzioni. Se il vostro lettore PDF lo consente, è possibile

Dettagli

Algoritmi e Strutture Dati. Strutture di dati

Algoritmi e Strutture Dati. Strutture di dati Algoritmi e Strutture Dati Strutture di dati Alberto Montresor Università di Trento 2017/10/05 This work is licensed under a Creative Commons Attribution-ShareAlike 4.0 International License. Sommario

Dettagli

Algoritmi di Visita di Grafi. Damiano Macedonio mace@unive.it

Algoritmi di Visita di Grafi. Damiano Macedonio mace@unive.it lgoritmi di Visita di rafi amiano Macedonio mace@unive.it Original work opyright lberto Montresor, Università di Trento, Italy Modifications opyright 00 0, Moreno Marzolla, Università di ologna, Italy

Dettagli

Ordinamento. Lorenzo Donatiello,Moreno Marzolla Dip. di Scienze dell'informazione Università di Bologna

Ordinamento. Lorenzo Donatiello,Moreno Marzolla Dip. di Scienze dell'informazione Università di Bologna Ordinamento Lorenzo Donatiello,Moreno Marzolla Dip. di Scienze dell'informazione Università di Bologna Original work Copyright Alberto Montresor, University of Trento (http://www.dit.unitn.it/~montreso/asd/index.shtml)

Dettagli

Il tipo di dato astratto Pila

Il tipo di dato astratto Pila Il tipo di dato astratto Pila Il tipo di dato Pila Una pila è una sequenza di elementi (tutti dello stesso tipo) in cui l inserimento e l eliminazione di elementi avvengono secondo la regola seguente:

Dettagli

16.3.1 Alberi binari di ricerca

16.3.1 Alberi binari di ricerca 442 CAPITOLO 16. STRUTTURE DI DATI DINAMICHE root 7 5 11 2 8 13 10 Figura 16.11 Esempio di albero binario: ogni nodo contiene il dato da immagazzinare e tre puntatori che definiscono le sue relazioni di

Dettagli

Esercitazione 5 Algorithmi e Strutture Dati (Informatica) A.A 2015/2016

Esercitazione 5 Algorithmi e Strutture Dati (Informatica) A.A 2015/2016 Esercitazione 5 Algorithmi e Strutture Dati (Informatica) A.A 2015/2016 Tong Liu April 7, 2016 Liste trabocco (Separate Chaining) Esercizio 1 [Libro 7.5] Un dizionario è realizzato con liste di trabocco.

Dettagli

Algoritmi e Strutture Dati

Algoritmi e Strutture Dati schifano@fe.infn.it Laurea di Informatica - Università di Ferrara 2011-2012 [1] Strutture dati Dinamiche: Le liste Una lista è una sequenza di elementi di un certo tipo in cui è possibile aggiungere e/o

Dettagli

Quando A e B coincidono una coppia ordinata é determinata anche dalla loro posizione.

Quando A e B coincidono una coppia ordinata é determinata anche dalla loro posizione. Grafi ed Alberi Pag. /26 Grafi ed Alberi In questo capitolo richiameremo i principali concetti di due ADT che ricorreranno puntualmente nel corso della nostra trattazione: i grafi e gli alberi. Naturale

Dettagli

Tecnologie di Sviluppo per il Web

Tecnologie di Sviluppo per il Web Tecnologie di Sviluppo per il Web Programmazione Web: Conclusioni versione 2.1 Questo lavoro è concesso in uso secondo i termini di una licenza Creative Commons (vedi ultima pagina) G. Mecca mecca@unibas.it

Dettagli

Introduzione ai tipi di dato astratti: applicazione alle liste

Introduzione ai tipi di dato astratti: applicazione alle liste Universitàdegli Studi di L Aquila Facoltàdi Scienze M.F.N. Corso di Laurea in Informatica Corso di Laboratorio di Algoritmi e Strutture Dati A.A. 2005/2006 Introduzione ai tipi di dato astratti: applicazione

Dettagli

Laboratorio di Programmazione II Corso di Laurea in Bioinformatica Dipartimento di Informatica - Università di Verona

Laboratorio di Programmazione II Corso di Laurea in Bioinformatica Dipartimento di Informatica - Università di Verona e e Laboratorio di Programmazione II Corso di Laurea in Bioinformatica Dipartimento di Informatica - Università di Verona Sommario e ed implementazione in Java Visita di un grafo e e Concetti di base Struttura

Dettagli

Programmazione Orientata agli Oggetti in Linguaggio Java

Programmazione Orientata agli Oggetti in Linguaggio Java Programmazione Orientata agli Oggetti in Linguaggio Java Ruoli e Responsabilità: C# versione 1.1 Questo lavoro è concesso in uso secondo i termini di una licenza Creative Commons (vedi ultima pagina) G.

Dettagli

Tricks & Tips. [Access] Tutorial - ActiveX - Controllo Tree View. - Michele de Nittis - Versione: 1 Data Versione: venerdì 30 agosto 2002

Tricks & Tips. [Access] Tutorial - ActiveX - Controllo Tree View. - Michele de Nittis - Versione: 1 Data Versione: venerdì 30 agosto 2002 Tricks & Tips [Access] - Michele de Nittis - Tutorial - ActiveX - Controllo Tree View Versione: 1 Data Versione: venerdì 30 agosto 2002 1 SOMMARIO PREMESSA...3 INSERIMENTO DEL CONTROLLO...3 AGGIUNTA DELLE

Dettagli

Alberto Montresor Università di Trento

Alberto Montresor Università di Trento !! Algoritmi e Strutture Dati! Capitolo 5 - Alberi!!! Alberto Montresor Università di Trento!! This work is licensed under the Creative Commons Attribution-NonCommercial-ShareAlike License. To view a copy

Dettagli

EVOLUZIONE DEI LINGUAGGI DI ALTO LIVELLO

EVOLUZIONE DEI LINGUAGGI DI ALTO LIVELLO EVOLUZIONE DEI LINGUAGGI DI ALTO LIVELLO Linguaggi di programmazione classificati in base alle loro caratteristiche fondamentali. Linguaggio macchina, binario e fortemente legato all architettura. Linguaggi

Dettagli

Programmazione Orientata agli Oggetti in Linguaggio Java

Programmazione Orientata agli Oggetti in Linguaggio Java Programmazione Orientata agli Oggetti in Linguaggio Java Ruoli e Responsabilità: Introduzione versione 2.3 Questo lavoro è concesso in uso secondo i termini di una licenza Creative Commons (vedi ultima

Dettagli

Alberi binari. Ilaria Castelli castelli@dii.unisi.it A.A. 2009/2010. Università degli Studi di Siena Dipartimento di Ingegneria dell Informazione

Alberi binari. Ilaria Castelli castelli@dii.unisi.it A.A. 2009/2010. Università degli Studi di Siena Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Alberi binari Ilaria Castelli castelli@dii.unisi.it Università degli Studi di Siena Dipartimento di Ingegneria dell Informazione A.A. 2009/2010 I. Castelli Alberi binari, A.A. 2009/2010 1/20 Alberi binari

Dettagli

Algoritmi e Strutture Dati & Laboratorio di Algoritmi e Programmazione

Algoritmi e Strutture Dati & Laboratorio di Algoritmi e Programmazione Algoritmi e Strutture Dati & Laboratorio di Algoritmi e Programmazione Appello dell 8 Febbraio 2005 Esercizio 1 (ASD) 1. Dire quale delle seguenti affermazioni è vera giustificando la risposta. (a) lg

Dettagli

Laboratorio di Programmazione II Corso di Laurea in Bioinformatica Dipartimento di Informatica - Università di Verona

Laboratorio di Programmazione II Corso di Laurea in Bioinformatica Dipartimento di Informatica - Università di Verona Laboratorio di Programmazione II Corso di Laurea in Bioinformatica Dipartimento di Informatica - Università di Verona Tipi Tipo Astratto di Permette di specicare dati in modo astratto Astratto Indipendentemente

Dettagli

Sono casi particolari di MCF : SPT (cammini minimi) non vi sono vincoli di capacità superiore (solo x ij > 0) (i, j) A : c ij, costo di percorrenza

Sono casi particolari di MCF : SPT (cammini minimi) non vi sono vincoli di capacità superiore (solo x ij > 0) (i, j) A : c ij, costo di percorrenza Il problema di flusso di costo minimo (MCF) Dati : grafo orientato G = ( N, A ) i N, deficit del nodo i : b i (i, j) A u ij, capacità superiore (max quantità di flusso che può transitare) c ij, costo di

Dettagli

Il problema dello zaino

Il problema dello zaino Il problema dello zaino (knapsack problem) Damiano Macedonio mace@unive.it Copyright 2010 2012 Moreno Marzolla, Università di Bologna (http://www.moreno.marzolla.name/teaching/asd2011b/) This work is licensed

Dettagli

Tipi di Dato Ricorsivi

Tipi di Dato Ricorsivi Tipi di Dato Ricorsivi Luca Abeni September 2, 2015 1 Tipi di Dato Vari linguaggi di programmazione permettono all utente di definire nuovi tipi di dato definendo per ogni nuovo tipo l insieme dei suoi

Dettagli

Abstract Data Type (ADT)

Abstract Data Type (ADT) Abstract Data Type Pag. 1/10 Abstract Data Type (ADT) Iniziamo la nostra trattazione presentando una nozione che ci accompagnerà lungo l intero corso di Laboratorio Algoritmi e Strutture Dati: il Tipo

Dettagli

Indirizzamento Aperto

Indirizzamento Aperto Indirizzamento Aperto Sommario Metodo di indirizzamento aperto Scansione lineare Scansione quadratica Hashing doppio Metodo di indirizzamento aperto L idea è di memorizzare tutti gli elementi nella tabella

Dettagli

Laboratorio di Algoritmi e Strutture Dati

Laboratorio di Algoritmi e Strutture Dati Laboratorio di Algoritmi e Strutture Dati Docente: Camillo Fiorentini 18 dicembre 2007 Esercizio 1: rappresentazione di una tabella di occorrenze L obiettivo è quello di rappresentare in modo efficiente

Dettagli

Programmazione Orientata agli Oggetti in Linguaggio Java

Programmazione Orientata agli Oggetti in Linguaggio Java Programmazione Orientata agli Oggetti in Linguaggio Java Design Pattern: Storia Parte b versione 2.1 Questo lavoro è concesso in uso secondo i termini di una licenza Creative Commons (vedi ultima pagina)

Dettagli

4.1 Modelli di calcolo analisi asintotica e ricorrenze

4.1 Modelli di calcolo analisi asintotica e ricorrenze 4 Esercizi Prima Parte 4.1 Modelli di calcolo analisi asintotica e ricorrenze Esercizio 4 1 Rispondere alle seguenti domande: 1. Come misuriamo l efficienza di un algoritmo?. Quali sono gli algoritmi più

Dettagli

10 - Programmare con gli Array

10 - Programmare con gli Array 10 - Programmare con gli Array Programmazione e analisi di dati Modulo A: Programmazione in Java Paolo Milazzo Dipartimento di Informatica, Università di Pisa http://www.di.unipi.it/ milazzo milazzo di.unipi.it

Dettagli

Planning as Model Checking Presentazione della Tesina di Intelligenza Artificiale

Planning as Model Checking Presentazione della Tesina di Intelligenza Artificiale Planning as Model Checking Presentazione della Tesina di Intelligenza Artificiale di Francesco Maria Milizia francescomilizia@libero.it Model Checking vuol dire cercare di stabilire se una formula è vera

Dettagli

Programmazione Orientata agli Oggetti in Linguaggio Java

Programmazione Orientata agli Oggetti in Linguaggio Java Programmazione Orientata agli Oggetti in Linguaggio Java Programmazione XML: JDOM versione 2.0 Questo lavoro è concesso in uso secondo i termini di una licenza Creative Commons (vedi ultima pagina) G.

Dettagli

Informatica 3. LEZIONE 23: Indicizzazione. Modulo 1: Indicizzazione lineare, ISAM e ad albero Modulo 2: 2-3 trees, B-trees e B + -trees

Informatica 3. LEZIONE 23: Indicizzazione. Modulo 1: Indicizzazione lineare, ISAM e ad albero Modulo 2: 2-3 trees, B-trees e B + -trees Informatica 3 LEZIONE 23: Indicizzazione Modulo 1: Indicizzazione lineare, ISAM e ad albero Modulo 2: 2-3 trees, B-trees e B + -trees Informatica 3 Lezione 23 - Modulo 1 Indicizzazione lineare, ISAM e

Dettagli

Programmazione Orientata agli Oggetti in Linguaggio Java

Programmazione Orientata agli Oggetti in Linguaggio Java Programmazione Orientata agli Oggetti in Linguaggio Java Classi e Oggetti: Conclusioni Parte b versione 2.1 Questo lavoro è concesso in uso secondo i termini di una licenza Creative Commons (vedi ultima

Dettagli

QUEUE : considerazioni. QUEUE : considerazioni. QUEUE : esempio. QUEUE : esempio

QUEUE : considerazioni. QUEUE : considerazioni. QUEUE : esempio. QUEUE : esempio QUEUE : considerazioni QUEUE : considerazioni Si è realizzata una struttura dati complessa utilizzandone una primitiva, l array. Il pregio di tale implementazione è il basso costo computazionale, mentre

Dettagli

Algoritmi e Strutture Dati

Algoritmi e Strutture Dati Algoritmi e Strutture Dati Capitolo 5 - Alberi Alberto Montresor Università di Trento This work is licensed under the Creative Commons Attribution-NonCommercial-ShareAlike License. To view a copy of this

Dettagli

Altri metodi di indicizzazione

Altri metodi di indicizzazione Organizzazione a indici su più livelli Altri metodi di indicizzazione Al crescere della dimensione del file l organizzazione sequenziale a indice diventa inefficiente: in lettura a causa del crescere del

Dettagli

Algoritmi e Strutture Dati. Tipo di dato astratto e Strutture dati elementari

Algoritmi e Strutture Dati. Tipo di dato astratto e Strutture dati elementari Algoritmi e Strutture Dati Tipo di dato astratto e Strutture dati elementari 1 Argomenti della lezione Tipi di dato astratto Strutture dati elementari Liste o Implementazione di liste in Java Stack Code

Dettagli

AA 2006-07 LA RICORSIONE

AA 2006-07 LA RICORSIONE PROGRAMMAZIONE AA 2006-07 LA RICORSIONE AA 2006-07 Prof.ssa A. Lanza - DIB 1/18 LA RICORSIONE Il concetto di ricorsione nasce dalla matematica Una funzione matematica è definita ricorsivamente quando nella

Dettagli

Federico Laschi. Conclusioni

Federico Laschi. Conclusioni Lo scopo di questa tesi è stato quello di proporre alcuni algoritmi di allocazione dinamica della capacità trasmissiva, basati su tecniche di predizione on-line dei processi di traffico. Come prima analisi

Dettagli

Organizzazione degli archivi

Organizzazione degli archivi COSA E UN DATA-BASE (DB)? è l insieme di dati relativo ad un sistema informativo COSA CARATTERIZZA UN DB? la struttura dei dati le relazioni fra i dati I REQUISITI DI UN DB SONO: la ridondanza minima i

Dettagli

La struttura dati ad albero binario

La struttura dati ad albero binario La struttura dati ad albero binario L albero è una struttura dati nella quale le informazioni sono organizzate in modo gerarchico, dall alto verso il basso. Gli elementi di un albero si chiamano nodi,

Dettagli

Informatica 3. Informatica 3. LEZIONE 12: Liste. Lezione 12 - Modulo 1. Posizione corrente. Introduzione

Informatica 3. Informatica 3. LEZIONE 12: Liste. Lezione 12 - Modulo 1. Posizione corrente. Introduzione Informatica 3 Informatica 3 LEZIONE 12: Liste Lezione 12 - Modulo 1 Modulo 1: ADT lista e implementazione basata su array Modulo 2: Lista concatenata ADT lista e implementazione basata su array Politecnico

Dettagli

Idee guida. Finite State Machine (1) Un automa a stati finiti è definito da una 5- pla: FSM = , dove: Finite State Machine (2)

Idee guida. Finite State Machine (1) Un automa a stati finiti è definito da una 5- pla: FSM = <Q,,, q0, F>, dove: Finite State Machine (2) Idee guida ASM = FSM con stati generalizzati Le ASM rappresentano la forma matematica di Macchine Astratte che estendono la nozione di Finite State Machine Ground Model (descrizioni formali) Raffinamenti

Dettagli

Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica 2

Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica 2 Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica 2 Dispensa 11 Tipi astratti di dato e loro rappresentazione A. Miola Marzo 28 http://www.dia.uniroma3.it/~java/fondinf2/ ADT e Rappresentazione

Dettagli

Ottimizzazione nella gestione dei progetti

Ottimizzazione nella gestione dei progetti Ottimizzazione nella gestione dei progetti Capitolo 2: Reti di attività CARLO MANNINO Università di Roma La Sapienza Dipartimento di Informatica e Sistemistica Definizioni di ase Il Progetto è costituito

Dettagli

GESTIONE INFORMATICA DEI DATI AZIENDALI

GESTIONE INFORMATICA DEI DATI AZIENDALI GESTIONE INFORMATICA DEI DATI AZIENDALI Alberto ZANONI Centro Vito Volterra Università Tor Vergata Via Columbia 2, 00133 Roma, Italy zanoni@volterra.uniroma2.it Rudimenti di programmazione Programming

Dettagli

LIM. Lavagna interattiva multimediale

LIM. Lavagna interattiva multimediale LIM Lavagna interattiva multimediale Sito della SMART http://www.smarttech.com/it Preliminari - Calibratura Premendo contemporaneamente tastiera e mouse compare la schermata per calibrare la lavagna. (ogni

Dettagli

Corso di Algoritmi e Strutture Dati Informatica per il Management Prova Scritta, 25/6/2015

Corso di Algoritmi e Strutture Dati Informatica per il Management Prova Scritta, 25/6/2015 Corso di Algoritmi e Strutture Dati Informatica per il Management Prova Scritta, 25/6/2015 Chi deve recuperare il progetto del modulo 1 ha 1 ora e 30 minuti per svolgere gli esercizi 1, 2, 3 Chi deve recuperare

Dettagli

Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica 2

Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica 2 Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica 2 Dispensa E08 Soluzione Esercizi F. Gasparetti, C. Limongelli Marzo 2008 http://www.dia.uniroma3.it/~java/fondinf1/ Soluzione Esercizi

Dettagli

Interfaccia del file system

Interfaccia del file system Interfaccia del file system Concetto di file Modalità di accesso Struttura delle directory Montaggio di un file system Condivisione di file Protezione 9.1 File E un insieme di informazioni correlate e

Dettagli

Universita' di Ferrara Dipartimento di Matematica e Informatica. Algoritmi e Strutture Dati. Rappresentazione concreta di insiemi e Hash table

Universita' di Ferrara Dipartimento di Matematica e Informatica. Algoritmi e Strutture Dati. Rappresentazione concreta di insiemi e Hash table Universita' di Ferrara Dipartimento di Matematica e Informatica Algoritmi e Strutture Dati Rappresentazione concreta di insiemi e Hash table Copyright 2006-2015 by Claudio Salati. Lez. 9a 1 Rappresentazione

Dettagli

Algebra Booleana ed Espressioni Booleane

Algebra Booleana ed Espressioni Booleane Algebra Booleana ed Espressioni Booleane Che cosa è un Algebra? Dato un insieme E di elementi (qualsiasi, non necessariamente numerico) ed una o più operazioni definite sugli elementi appartenenti a tale

Dettagli

I metodi formali nel processo di sviluppo del software

I metodi formali nel processo di sviluppo del software I metodi formali nel processo di sviluppo del software I metodi formali consentono di creare una specifica più completa, uniforme e non ambigua di quelle prodotte usando i metodi convenzionali ed orientati

Dettagli

obiettivi di questa seconda metà del corso fare un passo avanti rispetto a :... meccanismi di composizione dei dati

obiettivi di questa seconda metà del corso fare un passo avanti rispetto a :... meccanismi di composizione dei dati obiettivi di questa seconda metà del corso fare un passo avanti rispetto a :... meccanismi di composizione dei dati puntatori ( strutture dinamiche collegate) strutture dinamiche collegate (liste, pile,

Dettagli

Tecnologie di Sviluppo per il Web

Tecnologie di Sviluppo per il Web Tecnologie di Sviluppo per il Web Applicazioni Web J2EE: Java Servlet Parte a versione 3.1 Questo lavoro è concesso in uso secondo i termini di una licenza Creative Commons (vedi ultima pagina) G. Mecca

Dettagli

Esercizi Capitolo 5 - Alberi

Esercizi Capitolo 5 - Alberi Esercizi Capitolo 5 - Alberi Alberto Montresor 19 Agosto, 2014 Alcuni degli esercizi che seguono sono associati alle rispettive soluzioni. Se il vostro lettore PDF lo consente, è possibile saltare alle

Dettagli

TEORIA sulle BASI DI DATI

TEORIA sulle BASI DI DATI TEORIA sulle BASI DI DATI A cura del Prof. Enea Ferri Cos è un DATA BASE E un insieme di archivi legati tra loro da relazioni. Vengono memorizzati su memorie di massa come un unico insieme, e possono essere

Dettagli

Algoritmi per protocolli peer-to-peer

Algoritmi per protocolli peer-to-peer Algoritmi per protocolli peer-to-peer Introduzione Livio Torrero (livio.torrero@polito.it) 09/2009 Approccio client-server (1/2) Client 1 Client 3 Server Client 2 Client 4 Paradigma molto comune Un client

Dettagli

Corso Base. Liceo Norberto Rosa Bussoleno Prof. Angelo GIORGIO

Corso Base. Liceo Norberto Rosa Bussoleno Prof. Angelo GIORGIO Corso Base Liceo Norberto Rosa Bussoleno Prof. Angelo GIORGIO Java Java è un Linguaggio di Programmazione orientato agli oggetti. Un Linguaggio di Programmazione è un linguaggio ad alto livello, dotato

Dettagli

Politecnico di Milano. Ingegneria del Software a.a. 2006/07. Appello del 14 settembre 2007 Cognome Nome Matricola

Politecnico di Milano. Ingegneria del Software a.a. 2006/07. Appello del 14 settembre 2007 Cognome Nome Matricola Politecnico di Milano Ingegneria del Software a.a. 2006/07 Appello del 14 settembre 2007 Cognome Nome Matricola Sezione (segnarne una) Baresi, Ghezzi, Morzenti, SanPietro Istruzioni 1. La mancata indicazione

Dettagli

Calcolatori: Algebra Booleana e Reti Logiche

Calcolatori: Algebra Booleana e Reti Logiche Calcolatori: Algebra Booleana e Reti Logiche 1 Algebra Booleana e Variabili Logiche I fondamenti dell Algebra Booleana (o Algebra di Boole) furono delineati dal matematico George Boole, in un lavoro pubblicato

Dettagli

Tecnologie di Sviluppo per il Web

Tecnologie di Sviluppo per il Web Tecnologie di Sviluppo per il Web Applicazioni Web J2EE Framework per il Modello 2 it.unibas.pinco versione 3.2 Questo lavoro è concesso in uso secondo i termini di una licenza Creative Commons (vedi ultima

Dettagli

Protezione. Sistemi Operativi mod. B 16.1

Protezione. Sistemi Operativi mod. B 16.1 Protezione Scopi della Protezione Dominio di Protezione Matrice d Accesso Implementazione della Matrice d Accesso Revoca dei Diritti d Accesso Sistemi Basati su Abilitazioni Protezione basata sul linguaggio

Dettagli

Algebra di Boole ed Elementi di Logica

Algebra di Boole ed Elementi di Logica Algebra di Boole ed Elementi di Logica 53 Cenni all algebra di Boole L algebra di Boole (inventata da G. Boole, britannico, seconda metà 8), o algebra della logica, si basa su operazioni logiche Le operazioni

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA ALGEBRA \ INSIEMISTICA \ TEORIA DEGLI INSIEMI (1)

APPUNTI DI MATEMATICA ALGEBRA \ INSIEMISTICA \ TEORIA DEGLI INSIEMI (1) ALGEBRA \ INSIEMISTICA \ TEORIA DEGLI INSIEMI (1) Un insieme è una collezione di oggetti. Il concetto di insieme è un concetto primitivo. Deve esistere un criterio chiaro, preciso, non ambiguo, inequivocabile,

Dettagli

Fondamenti di Informatica II

Fondamenti di Informatica II Fondamenti di Informatica II Ilaria Castelli castelli@dii.unisi.it Università degli Studi di Siena Dipartimento di Ingegneria dell Informazione A.A. 2009/2010 I. Castelli Introduzione, A.A. 2009/2010 1/8

Dettagli

Introduzione a Classi e Oggetti

Introduzione a Classi e Oggetti Introduzione a Classi e Oggetti Oggetto: concetto astratto Entità di un programma dotata di tre proprietà caratteristiche stato informazioni conservate nell oggetto condizionano il comportamento dell oggetto

Dettagli

Rappresentazione grafica di entità e attributi

Rappresentazione grafica di entità e attributi PROGETTAZIONE CONCETTUALE La progettazione concettuale, ha il compito di costruire e definire una rappresentazione corretta e completa della realtà di interesse, e il prodotto di tale attività, è lo schema

Dettagli

Alberi binari di ricerca

Alberi binari di ricerca Alberi binari di ricerca Definizione Visita dell albero inorder Ricerca Ricerca minimo, massimo e successore. Inserimento ed eliminazione di un nodo Problema del bilanciamento dell albero Albero binario

Dettagli

Alcuni Preliminari. Prodotto Cartesiano

Alcuni Preliminari. Prodotto Cartesiano Alcuni Preliminari Prodotto Cartesiano Dati due insiemi A e B, si definisce il loro prodotto cartesiano A x B come l insieme di tutte le coppie ordinate (a,b) con a! A e b! B. Es: dati A= {a,b,c} e B={,2,3}

Dettagli

Richiesta pagina PHP (es: index.php)

Richiesta pagina PHP (es: index.php) PHP PHP = personal home page SERVER Richiesta pagina PHP (es: index.php) Server Web (Apache) in ascolto sulla porta 80, si accorge che la pagina richiesta è una pagina PHP in base all'estensione o con

Dettagli

Supermarket Progetto di Programmazione Febbraio 2010

Supermarket Progetto di Programmazione Febbraio 2010 Supermarket Progetto di Programmazione Febbraio 2010 1 Supermercato Dovete realizzare un insieme di classi e interfacce che riguardano la gestione di un supermercato. nella Sezione 2 verranno descritte

Dettagli

Corso di Informatica

Corso di Informatica Corso di Informatica Modulo T Scorrimento-Rotazione-Ricerca Prerequisiti Programmazione elementare Conoscenza ed uso di vettori Introduzione Lo scopo di questa Unità è approfondire il concetto di vettore

Dettagli

Introduzione agli Abstract Data Type (ADT)

Introduzione agli Abstract Data Type (ADT) Introduzione agli Abstract Data Type (ADT) La nozione di tipo di dato astratto Sappiamo già che quando si affrontano problemi complessi è necessario procedere in due fasi: Specifica dell algoritmo Implementazione

Dettagli

Basi territoriali e numeri civici come infrastrutture informative per il censimento e oltre

Basi territoriali e numeri civici come infrastrutture informative per il censimento e oltre Basi territoriali e numeri civici come infrastrutture informative per il censimento e oltre Istat t Direzione i Centrale Censimenti Generali Livorno, 13 maggio 2010 Censimento e territorio Il corretto

Dettagli

Verifica parte IIA. Test (o analisi dinamica) Mancanza di continuità. Esempio

Verifica parte IIA. Test (o analisi dinamica) Mancanza di continuità. Esempio Test (o analisi dinamica) Verifica parte IIA Rif. Ghezzi et al. 6.3-6.3.3 Consiste nell osservare il comportamento del sistema in un certo numero di condizioni significative Non può (in generale) essere

Dettagli

[MANUALE VISUAL BASIC SCUOLA24ORE PROF.SSA PATRIZIA TARANTINO] 14 dicembre 2008

[MANUALE VISUAL BASIC SCUOLA24ORE PROF.SSA PATRIZIA TARANTINO] 14 dicembre 2008 Se devo memorizzare più valori che sono in qualche modo parenti dal punto di vista logico, posso usare il concetto di vettore di variabili (array). Ad esempio, se devo memorizzare le temperature di tutti

Dettagli

Programmazione Orientata agli Oggetti in Linguaggio Java

Programmazione Orientata agli Oggetti in Linguaggio Java Programmazione Orientata agli Oggetti in Linguaggio Java Sintassi e Semantica: C# Parte b versione 2.3 Questo lavoro è concesso in uso secondo i termini di una licenza Creative Commons (vedi ultima pagina)

Dettagli

Corso di Laurea in INFORMATICA

Corso di Laurea in INFORMATICA Corso di Laurea in INFORMATICA Algoritmi e Strutture Dati MODULO 2. Algebre di dati Dati e rappresentazioni, requisiti delle astrazioni di dati, costrutti. Astrazioni di dati e dati primitivi. Specifica

Dettagli

Ricapitoliamo. Ricapitoliamo

Ricapitoliamo. Ricapitoliamo Ricapitoliamo Finora ci siamo concentrati sui processi computazionali e sul ruolo che giocano le procedure nella progettazione dei programmi In particolare, abbiamo visto: Come usare dati primitivi (numeri)

Dettagli

1. PRIME PROPRIETÀ 2

1. PRIME PROPRIETÀ 2 RELAZIONI 1. Prime proprietà Il significato comune del concetto di relazione è facilmente intuibile: due elementi sono in relazione se c è un legame tra loro descritto da una certa proprietà; ad esempio,

Dettagli

Introduzione alla Programmazione ad Oggetti in C++

Introduzione alla Programmazione ad Oggetti in C++ Introduzione alla Programmazione ad Oggetti in C++ Lezione 1 Cosa è la Programmazione Orientata agli Oggetti Metodologia per costruire prodotti software di grosse dimensioni che siano affidabili e facilmente

Dettagli

Sommario. Introduzione Architettura Client-Server. Server Web Browser Web. Architettura a Due Livelli Architettura a Tre Livelli

Sommario. Introduzione Architettura Client-Server. Server Web Browser Web. Architettura a Due Livelli Architettura a Tre Livelli Sommario Introduzione Architettura Client-Server Architettura a Due Livelli Architettura a Tre Livelli Server Web Browser Web Introduzione La storia inizia nel 1989 Tim Berners-Lee al CERN, progetto WWW

Dettagli

Sommario. 1 Realizzazione del STG. Introduzione. 1 traduzione delle specifiche informali in specifiche formali (STG o

Sommario. 1 Realizzazione del STG. Introduzione. 1 traduzione delle specifiche informali in specifiche formali (STG o Sommario Sintesi di macchine a stati finiti 1 Realizzazione del ST M. avalli 2 utoma minimo di SM completamente specificate 6th June 2007 3 Ottimizzazione di SM non completamente specificate Sommario ()

Dettagli

PROVA FINALE V. AULETTA G. PERSIANO ALGORITMI II - -MAGIS INFO

PROVA FINALE V. AULETTA G. PERSIANO ALGORITMI II - -MAGIS INFO PROVA FINALE V. AULETTA G. PERSIANO ALGORITMI II - -MAGIS INFO 1. Load Balancing Un istanza del problema del load balancing consiste di una sequenza p 1,..., p n di interi positivi (pesi dei job) e un

Dettagli

Strutture. Strutture e Unioni. Definizione di strutture (2) Definizione di strutture (1)

Strutture. Strutture e Unioni. Definizione di strutture (2) Definizione di strutture (1) Strutture Strutture e Unioni DD cap.10 pp.379-391, 405-406 KP cap. 9 pp.361-379 Strutture Collezioni di variabili correlate (aggregati) sotto un unico nome Possono contenere variabili con diversi nomi

Dettagli

Sistemi Operativi. Interfaccia del File System FILE SYSTEM : INTERFACCIA. Concetto di File. Metodi di Accesso. Struttura delle Directory

Sistemi Operativi. Interfaccia del File System FILE SYSTEM : INTERFACCIA. Concetto di File. Metodi di Accesso. Struttura delle Directory FILE SYSTEM : INTERFACCIA 8.1 Interfaccia del File System Concetto di File Metodi di Accesso Struttura delle Directory Montaggio del File System Condivisione di File Protezione 8.2 Concetto di File File

Dettagli

Algoritmi e Strutture Dati

Algoritmi e Strutture Dati Alberi Binari di Ricerca (BST) Maria Rita Di Berardini, Emanuela Merelli 1 1 Dipartimento di Matematica e Informatica Università di Camerino A.A. 2006/07 Alberi Binari di Ricerca (Binary Search Trees BST)

Dettagli

b i 1,1,1 1,1,1 0,1,2 0,3,4

b i 1,1,1 1,1,1 0,1,2 0,3,4 V o Appello // RICERCA OPERATIVA - Corso A (a.a. 9/) Nome Cognome: Corso di Laurea: L C6 LS LM Matricola: ) Si consideri il problema di flusso di costo minimo in figura. Si verifichi se il flusso ammissibile

Dettagli

Appunti di Algoritmi e Strutture Dati. Grafi. Gianfranco Gallizia

Appunti di Algoritmi e Strutture Dati. Grafi. Gianfranco Gallizia Appunti di Algoritmi e Strutture Dati Grafi Gianfranco Gallizia 12 Dicembre 2004 2 Indice 1 Grafi 5 1.1 Definizione.............................. 5 1.2 Implementazione........................... 5 1.2.1

Dettagli

Funzioni in due variabili Raccolta di FAQ by Andrea Prevete

Funzioni in due variabili Raccolta di FAQ by Andrea Prevete Funzioni in due variabili Raccolta di FAQ by Andrea Prevete 1) Cosa intendiamo, esattamente, quando parliamo di funzione reale di due variabili reali? Quando esiste una relazione fra tre variabili reali

Dettagli

Basi di dati. (Sistemi Informativi) teoria e pratica con Microsoft Access. Basi di dati. Basi di dati. Basi di dati e DBMS DBMS DBMS

Basi di dati. (Sistemi Informativi) teoria e pratica con Microsoft Access. Basi di dati. Basi di dati. Basi di dati e DBMS DBMS DBMS Basi di Basi di (Sistemi Informativi) Sono una delle applicazioni informatiche che hanno avuto il maggiore utilizzo in uffici, aziende, servizi (e oggi anche sul web) Avete già interagito (magari inconsapevolmente)

Dettagli

- Trovare soluzione ottima primale ( con il simplesso o algoritmo analogo)

- Trovare soluzione ottima primale ( con il simplesso o algoritmo analogo) Se si ha un problema lineare e' possibile risolverlo in piu' modi (equivalenti ) - Trovare soluzione ottima primale ( con il simplesso o algoritmo analogo) - Trovare soluzione ottima duale (con il simplesso

Dettagli

Capitolo 11 -- Silberschatz

Capitolo 11 -- Silberschatz Implementazione del File System Capitolo 11 -- Silberschatz Implementazione del File System File system: Definizione dell aspetto del sistema agli occhi dell utente Algoritmi e strutture dati che permettono

Dettagli

Minimo Albero Ricoprente

Minimo Albero Ricoprente Minimo lbero Ricoprente Pag. 1/20 Minimo lbero Ricoprente Il problema della definizione di un Minimo lbero Ricoprente trova applicazione pratica in diverse aree di studio, quali ad esempio la progettazione

Dettagli