techno scope Tecnica e Sport 2/06 Das Technikmagazin für Junge und Junggebliebene La rivista tecnica per giovani e per coloro che lo sono ancora

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "techno scope Tecnica e Sport 2/06 Das Technikmagazin für Junge und Junggebliebene La rivista tecnica per giovani e per coloro che lo sono ancora"

Transcript

1 techno scope 2/06 «Io pratico lo sport malgrado sono in carrozzella e non perché sono in carrozzella! In ciò mi aiuta la tecnica» Marcel Hug, sportivo disabile BASPO, Daniel Käsermann Tecnica e Sport Sommario di questo numero Nello sport i materiali giocano un ruolo importante Misura della potenza muscolare Registrazione dello sviluppo di movimenti Marcel Hug : sportivo disabile Cool and Clean Ricerca al servizio dei giochi olimpici Quando sentiamo parlare di «tecnica e sport», pensiamo subito alla barca a vela «Alinghi», alle automobili da corsa di formula 1 o alla costruzione degli sci, dei bob, delle racchette da tennis o all abbigliamento sportivo, in poche parole, a tecnologie che influenzano spesso in modo determinante i successi sportivi. Il lavoro di ricerca e sviluppo a favore di una minoranza di sportivi d élite torna utile per tutti. Però è solo lo sport di massa che finanzia il lavoro di sviluppo per lo sport di punta. Se per esempio al Politecnico federale di Zurigo (ETHZ) vengono sviluppati dei bastoni di hochey per i professionisti, presto li troveremo in vendita anche nei negozi sportivi per tutti. Anche le conoscenze acquisite durante lo sviluppo di auto da corsa vengono utilizzate più tardi nella produzione di automobili in serie. Strumenti di misura, che si basano sulle più moderne tecnologie, vengono prodotti e usati negli sport popolari come la corsa, il walking, gli sport acquatici, lo sci e lo skating. Essi usano i segnali satellitari del GPS per offrire informazioni precise: la velocità, lo spazio percorso, il dislivello superato e la posizione esatta in ogni istante. Spesso questi strumenti tecnici vengono sviluppati per gli sportivi di punta, ma poi vengono usati anche nello sport di massa, per esempio per migliorare strumenti di misura che aiutano a pianificare degli allenamenti sani ed efficaci. La tecnica entra quindi sempre di più nello sport per tutti e nel fitness. Nello sport amatoriale vengono usati cardiofrequenzimetri e altri strumenti di misura, come pure indumenti funzionali, Ski-Higtech, biciclette, skates inline, sedie a rotelle, racchette, bastoni e corde. Materiali particolarmente leggeri, solidi e resistenti alle intemperie vengono usati anche nella produzione di capi d abbigliamento per l uso quotidiano come giacche, scarpe e borse. La pianificazione degli allenamenti non è più pensabile senza l uso dell informatica. Ci sono delle software che permettono di determinare i fattori di potenza quali la forza muscolare, il sistema cardiacovascolare e il metabolismo, di pianificare allenamenti individuali, di sviluppare strategie d allenamento e infine di valutare i risultati ottenuti. Le soluzioni tecniche assumono un'importanza notevole nello sport per disabili. Gli attrezzi sportivi (per esempio la carrozzella da corsa, la bike a spinta manuale, la carrozzella per il basket, le protesi, ecc ) sono determinanti per la prestazione. Essi vengono continuamente ottimizzati e differenziati. Devono essere adattati con precisione al singolo sportivo ed alla sua disabilità particolare. Siccome la produzione di questi attrezzi per sportivi disabili è personalizzata e quindi molto costosa, e non verrà mai prodotta in massa, risulta difficile trovare persone responsabili della ricerca e dell industria disponibili a investire in questo ramo. Paul Odermatt, allenatore di sportivi disabili, ritiene che: «Ci sforziamo affinché la ricerca nello sport per disabili venga sviluppato, anche se si tratta di soluzioni per poche persone. I risultati influiscono di fatto sui prodotti che servono alle esigenze quotidiane di tutti i disabili e possono portare a nuove soluzioni anche per i non disabili». Das Technikmagazin für Junge und Junggebliebene La rivista tecnica per giovani e per coloro che lo sono ancora

2 Nello sport i materiali giocano un ruolo importante Scienziati dello studio dei materiali lavorano al controllo della struttura dei materiali fino a scala atomica (1/10`000`000 di millimetro ) in modo tale da creare dei materiali performanti che rispondano alle esigenze o ai bisogni della nostra società. Questa scienza tiene conto di aspetti tecnici, ambientali, economici e umani. Essa assume oggi un ruolo molto importante nell uso ottimale delle risorse nell ottica di uno sviluppo sostenibile. Alla scuola politecnica federale di Losanna (EPFL) Jan Anders Manson e il suo gruppo ricercano materiali che hanno una grande importanza per lo sport. Manson è cresciuto in Svezia, dove era attivo in parecchi sport (tennis, calcio e disco su ghiaccio). Quando comunicò ai suoi genitori di avere la possibilità di dedicarsi al tennis competitivo essi gli risposero: «Invece di diventare il miglior sportivo, potresti diventare lo sportivo con la migliore formazione!» Interfaccia tra lo sport e la tecnica Già da molto giovane oltre allo sport si interessava di materiali in quanto i suoi genitori erano attivi con grande passione nella propria ditta di materiali plastici. Manson è riuscito ad accomunare i suoi due interessi: lo sport e la scienza dei materiali. Dopo lo studio di ingegnere meccanico, assunse un posto di direttore della ricerca e dello sviluppo e poi divenne professore. Più tardi accettò con molto piacere il compito offertogli dalla scuola politecnica federale di Losanna (EPFL) di sviluppare un laboratorio di ricerca sui materiali compositi, che oggi si occupa di applicazioni nel campo dello sci, del tennis e della vela (progetto Alinghi). Malgrado da due anni sia vice presidente dell EPFL, egli resta sempre a stretto contatto con il suo gruppo di ricerca e i suoi eccezionali collaboratori sui quali può veramente contare. Per lungo tempo la ricerca si era prefissata di diminuire la massa dei materiali con un contemporaneo aumento della rigidità, per ottenere una trasmissione ideale del movimento. Tennis: materiali «intelligenti» Nella produzione di racchette da tennis vengono usate fibre speciali. Esse hanno proprietà fisiche molto particolari: raccolgono l energia meccanica ricevuta dalla pallina che le colpisce e la trasformano in meno di un millesimo di secondo in energia elettrica. La vibrazione viene quindi ammortizzata del 20%. Con questo impulso elettrico le fibre possono allungarsi o raccorciarsi producendo una resistenza attiva che imprime alla palla una potente accelerazione. Struttura a sandwich dello scafo Lo scafo dell Alinghi deve essere molto leggero e solido. Ciò viene ottenuto con piccole fibre di carbonio, un materiale usato anche nello spazio. Le fibre sono incollate a più strati molto fini, come un sandwich, oppure a forma esagonale come nidi d ape. L incollatura dei diversi strati rappresenta una delle fasi più delicate nella costruzione dello scafo. Una nuova dimensione: la sensazione che si aggiunge all ammortizzazione Nei tornei i migliori giocatori di tennis non giocano sempre con racchette dell ultima generazione, ma usano anche racchette costruite con una tecnologia di 10 anni fa, che magari sono più pesanti, ma che permettono una migliore sensibilità di gioco, cioè un miglior controllo. In questa ricerca si confrontano i valori dati dai sensori applicati al materiale con le sensazioni di gioco descritte dai giocatori. Ciò vuol dire che si rimette al centro l uomo. Anche i produttori di protesi e carrozzelle hanno lo stesso problema: combinazione ideale tra le sensazioni provate dallo sportivo e i fattori tecnici. Riconoscendo questi obiettivi, nel 2005 Manson lanciò all EPFL un grande progetto interdisciplinare «Sport e tecnica di riabilitazione». Diversi progetti di ricerca si occupano dei problemi della riabilitazione come pure dello sport di competizione: un progetto che accomuna sportivi, disabili e specialisti della riabilitazione. La motivazione per la quale si incontrano gli addetti al progetto Alinghi è la stessa per la quale si incontrano gli sportivi disabili o altri sportivi di punta. Tutti desiderano provare nuovi materiali, per ottenere al più presto risultati migliori. pagina 2

3 Misuratore dell accelerazione acceltec Se ti si dice che per uno sportivo è importante conoscersi non sarai sorpreso. L allenatore è li per aiutarlo. Il lavoro comune si basa su ciò che si vede, ma anche su alcune misurazioni. Sulla base di ricerche scientifiche è stato sviluppato un sistema di misurazione sotto forma di una semplice, pratica e poco ingombrante «scatoletta» multifunzionale. E un risultato della ricerca in biomeccanica (scienza che studia in particolare il movimento degli esseri umani) e serve a conoscere meglio la fisiologia dello sforzo. Aiuta sia lo sportivo di competizione sia gli specialisti di medicina rieducativi. Misurazione dell altezza del salto Misuratore dell accelerazione acceltec Come funziona questo strumento? Ogni movimento della scatoletta, o della persona alla quale è applicata, produce all interno del sensore una deformazione di un filo molto sottile. Questa deformazione risulta direttamente proporzionale all accelerazione. A dipendenza del movimento vengono eseguite tra 100 e 500 misurazioni al secondo. L accelerazione, dedotta dalla deformazione, e il tempo forniscono molte informazioni. Applicando le leggi elementari della fisica si possono calcolare la forza dell atleta, la sua velocità e la sua potenza sviluppata durante tutto il movimento. I numerosi test possono essere registrati nella memoria, trasmessi al computer il quale con una software di analisi, può stabilire un programma d allenamento o di rieducazione. Il sensore può anche essere fissato alla macchina per la muscolazione di un centro fitness. In questo caso misura il movimento del peso, misura che indirettamente permette di segnalare la potenza dei muscoli sollecitati. Questo apparecchio è un partner importante per lo sportivo di competizione, del suo allenatore, del fisioterapista come pure del medico curante nel caso di ferimenti. Deformazione (dovuta al movimento) misurata dal sensore accelerazione del sensore e quindi di colui che lo porta velocità(v) altezza P = F x v forza (F) sviluppata dal portatore potenza (P) Misuratore dell accelerazione Materiale necessario: un vasetto di marmellata vuoto con coperchio olio un pezzo di sagex (deve galleggiare sull olio) un filo molto sottile un disco di plastica di dimensione uguale alla base del coperchio (tagliato per esempio da una mappetta) nel quale avrai praticato due fori per fissare il filo Preparazione Riempi il vasetto con olio. Fissa un capo del filo al pezzo di sagex e l altro capo nei due fori al centro del disco di plastica. Il filo deve essere un po più breve della distanza tra il coperchio e il fondo del vasetto. Inserisci il disco sul fondo del coperchio. Chiudi il vasetto e capovolgilo. Il tuo accelerometro è ora pronto per l uso. pagina 3

4 La pagina interattiva Prova le tue conoscenze, le tue attitudini e le tue capacità! SMS & WIN! Concorso Fai corrispondere le velocità giuste ai numeri da 1 a 4 e invia le quattro lettere nell ordine giusto al numero telefonico Termine per l invio: 31 agosto Primato di velocità in bicicletta (2001) 2 Velocità di una pallina da tennis al momento del lancio (1998) 3 Velocità di una freccia al momento del lancio 4 Velocità di una pallina da golf al momento del lancio A 270 km/h B 300 km/h C 129,6 km/h D 239,7 km/h Lo sapevi? Dietro la chiglia e il timone di uno scafo si formano dei vortici frenanti. E il motivo per il quale i costruttori calcolano al computer le linee di flusso ideali. Le riflessioni che hanno portato alla modellizazione della forma delle linee di flusso dell acqua attorno allo scafo dell Alinghi sono le stesse che hanno portato al calcolo del flusso sanguigno nelle arterie. Il movimento del pezzo di sagex, quando acceleri o quando freni da una misura qualitativa dell accelerazione. La direzione dello spostamento è anche la direzione dell accelerazione. Il pezzo di sagex non reagisce quindi alla velocità con la quale lo muovi, ma bensì alla variazione di velocità. Ciò vale sia per gli aumenti di velocità che per i rallentamenti. Prova a ruotare attorno a te stesso e osserva l accelerometro. Premi: 3 orologi sportivi SWATCH (orologio Swatch Speed Game, a quarzo, funzione di cronometro, cassa in materiale sintetico, braccialetto di cuoio, impermeabile fino a 3 atm, garanzia di 2 anni ). Vincitori del concorso Technoscope 01/06 Premio principale: Apparecchio di misura delle distanze Leica a Vito Difonzo, Zürich-Altstätten Dal 2. all 11. Premio: Carta giornaliera FFS: Sulser André, Mels, Corentin Poyet, Neuenburg; Jannic Müller, Susten; Jannic Schüpach, Delémont ; Xavier Metreiller, La Chaux-de-Fonds; Urs Stucki, Nidau; Marc Zimmermann, Richterswil; Peter Scherrer, St. Gallen; Dominik Allemann, Dällikon; Francesco da Silva, Les Breuleux Internet: Giochi con sport in carrozzella Carrozzella da corsa: Unihockey: Basketball: Hockey-Goalie: Lancio del giavellotto: Rugby: Bevuto abbastanza? Il team di ricerca «Aqua 06» dell ETH ha usato la maratona Zurigo 2006 per un grosso progetto di ricerca. Su 180 concorrenti hanno misurato come varia l economia dell acqua. «Un buon rifornimento d acqua durante la maratona porta a una buona prestazione e diminuisce il rischio di conseguenze negative sull organismo dovute a una cattiva economia d acqua» si trova scritto sul sito Quanto bisogna bere nello sport può determinarlo ognuno: basta salire sulla bilancia prima e dopo e confrontare. Tanti kg si sono persi, tanti litri d acqua vanno bevuti per compensare l acqua persa sudando. Solo dopo una prestazione di alcune ore non è più trascurabile il consumo di idrati di carbonio ( al massimo g) e di grassi ( al massimo g per ora). Biomeccanica La biomeccanica dello sport descrive e spiega il movimento sportivo servendosi di concetti, di metodi e di leggi della meccanica. Il compito della biomeccanica dello sport è quello di occuparsi delle questioni derivanti dal movimento dell apparecchio locomotore e degli arti superiori. Essa risponde alle domande sollevate dagli sport di competizione ( per esempio l ottimizzazione dello svolgimento sequenziale dei movimenti ) o dagli sport popolari ( per esempio effetti sulla salute delle attività sportive ). Esistono diversi procedimenti di misura che registrano direttamente o indirettamente grandezze fisiche, per esempio l accelerazione, la pressione, la forza, l impulso, il momento di rotazione, il momento angolare, il lavoro, l energia, la potenza. In materia si distinguono i procedimenti di misura elettronici, meccanici e ottici. Caratteristiche biomeccaniche: cinetiche: cammino percorso, velocità, accelerazione, angolo temporali: tempo, frequenza dinamiche: massa, forza, quantità di moto, momento d inerzia, momento di una forza, momento angolare Sito internet interessante sulla biomeccanica (in tedesco): Indovinello L oggetto misterioso: Di che cosa si tratta? pagina 4

5 Un giorno nella vita di Marcel Hug «Io voglio essere rispettato come sportivo e non essere ammirato come disabile!» Questa affermazione di Marcel Hug riassume bene il suo impegno. Marcel Hug ha cominciato a gareggiare all età di 10 anni nel 1996 in una gara in carrozzella per juniori. Con una vittoria ha posto la prima pietra per la sua carriera sportiva. Negli anni successivi ha partecipato a più gare sia negli juniori sia negli attivi, in patria e all estero. Negli anni dal 2001 al 2004 è stato nei quadri svizzeri di atletica in carrozzella e dal 2005 fa parte della nazionale svizzera. La sua più grande ambizione sarebbe una vittoria ai giochi paralimpici. «Spero anche di riuscire una volta di dedicarmi per un certo tempo esclusivamente al mio sport e di diventare professionista». Paralympics Atene : bronzo negli 800m (con primato mondiale) e 1500m!! Per intanto il ventenne Marcel Hug non è ancora a questo punto. Sta seguendo un apprendistato commerciale sportivo a Lucerna che gli permette di conciliare la formazione, l allenamento e le gare. Al momento sta seguendo un pratico nel centro per paraplegici a Nottwil, dove anche si allena. Abita con suo fratello in un appartamento a Lucerna. Suo fratello lavora come ortopedista. Al mattino c è sempre una partenza veloce: sotto la doccia, vestirsi, mangiare e via in automobile. La sua carrozzella la sistema da solo nell automobile, il breve spostamento fino al posto di guida lo supera con le stampelle. La sua automobile è equipaggiata con il cosiddetto gas a mano. La mattina lavora come apprendista commerciale, il pomeriggio e spesso anche alla sera si allena o si incontra con il suo allenatore Peter Odermatt. Marcel Hug si interessa alla tecnica :» Una carrozzella da corsa è costruita in modo completamente diverso rispetto a una carrozzella normale. E leggera, ha tre ruote, dispone di un timone davanti. Le ruote a disco e il sedile vengono adattate Biografia Paul Odermatt avec Marcel Hug individualmente. Gli sportivi in carrozzella non afferrano le ruote per farle girare, ma le battono. E il motivo per il quale hanno dei guanti confezionati appositamente.» Marcel Hug collauda volentieri nuovi materiali. Per esempio spalma sui guanti una massa calda che poi solidifica assumendo la forma giusta. In più monta un pezzo di un copertone di gokart in modo tale che battendo sulla ruota non scivoli, ciò che può capitare anche ad atleti allenati quando piove. Autodisciplina e buona motivazione sono indispensabili per ottenere i successi di Marcel Hug, che afferma «Il successo ti mette le ali, come pure il dialogo con altri atleti». Egli ammira molto il suo allenatore: «Anch io più tardi desidero diventare un allenatore per trasmettere agli altri le mie esperienze. La mia visione è che lo sport in carrozzella diventi più popolare e venga riconosciuto come una disciplina olimpica ufficiale.» Sito web di Marcel Hug : Sport in carrozzella Svizzera: nasce a Frauenfeld TG scuola elementare a Pfyn e Müllheim scuola per sportivi TG, Kreuzlingen dal 2004 apprendistato commerciale per sportivi alla scuola Frei a Lucerna I 5 successi sportivi principali Paralimpics Atene 2004: medaglia di bronzo negli 800 m e nei 1500 m Campionati europei a Espoo/FIN 05: campione europeo negli 800m, 1500m, 5000m e 10000m Campionati mondiali juniori Stoke Mandeville/GB 2005: triplo campione mondiale e primato europeo sugli 800m Detentore del primato svizzero dei 100 m, 200 m e 400 m AHA Chi ha vinto? La lituana Tamilla o la russa Simona? Esse passano il traguardo con lo stesso tempo al millesimo di secondo ( sec). Questa misura estremamente precisa la puoi vedere nella foto sotto (fotofinish). Il quarto di finale nello sprint donne ai giochi olimpici di Atene nel 2004 ha dovuto essere ripetuto, per decidere chi poteva proseguire alle semifinali. Nel ciclismo i tempi vengono misurati e ritenuti fino ai millesimi di secondo. Per potersi rendere conto di che valori si tratta: con una velocità di 60 km/h in 1/1000 di secondo vengono percorsi 1,6 cm! Anche nello sci alpino, possono essere misurati i millesimi di secondo, ma per regolamento vengono ritenuti solo i centesimi di secondo. E per questo motivo che l inverno scorso il super gigante di Hafjel è stato vinto ex-equo da tre sciatrici, il loro tempo in centesimi era uguale. Con una velocità di 100 km/h in 0.01 secondi vengono percorsi 28 cm. Nell atletica leggera vengono calcolati solo i centesimi di secondo. Nello sprint sui 100 m con una velocità di 10 m/s un atleta in 0.01 sec percorre 10 cm. pagina 5

6 I triatleti cercano l andatura ideale Con il nuovo sistema di misura SRM(SchobererRadMesstechnik, i triatleti* della nazionale svizzera hanno registrato, sulla tratta in bicicletta dei campionati mondiali 2006 a Losanna e i giochi olimpici 2008 a Pechino, la potenza sviluppata. Il sistema fornisce oltre ai dati abituali, come la velocità, la distanza e la frequenza cardiaca anche la potenza sviluppata in watt. Questo sistema permette di registrare i cambiamenti di ritmo che si verificano durante le salite, i tratti piani e le discese. Questi dati permettono di comporre dei piani d allenamento personalizzati, in quanto segnalano all atleta dove ha ancora dei deficit. *le gare di triatlon prevedono il nuoto, il ciclismo e la corsa, una dopo l altra senza pause Cool and clean «cool and clean» è un programma di Swiss Olympic, dell Ufficio federale dello sport e dell Ufficio federale della sanità pubblica. «cool and clean» si prefigge di avvicinare i giovani sportivi in Svizzera ad uno sport corretto e pulito. Anche il tuo gruppo può aderire a «cool and clean». Vi partecipano già 6500 giovani di età compresa tra i 10 e i 20 anni e numerosi atleti di punta. Aderire a «cool and clean» significa rispettare le sue 5 regole prima, durante e dopo la pratica sportiva, assumere la responsabilità per se e per il proprio gruppo e approfittare delle offerte attrattive di «cool and clean». Ricerca alle olimpiadi La squadra nazionale svizzera di disco su ghiaccio ai giochi olimpici di Torino è arrivata fino ai quarti di finale. Due giocatori, Vauclair e Jeannin, hanno colto l occasione per sottoporre il nuovo bastone ad alta tecnologia «Icelab Pro 1.4.2» a un test di resistenza ad alto livello. Durante una stagione un giocatore rompe fino a 50 bastoni. Spesso un occasione per segnare una rete viene persa perché al momento buono il bastone si rompe. Su proposta della ditta giurassiana Busch, un dottorando del politecnico federale di Zurigo e appassionato mountainbiker, Michael Sauter ha studiato un bastone con un anima di schiuma PVC e un rivestimento in fibra di carbonio. Il bastone è stato ottimizzato per le specifiche forze alle quali è sottoposto durante le partite. La misura avviene mediante strisce che misurano le tensioni e minitelecamere ad alta velocità. Questi materiali rendono il bastone più leggero, più elastico e malgrado ciò più robusto, tutte caratteristiche già note dalle biciclette a fibre di carbonio. Questi bastoni entreranno prossimamente nel commercio per circa 300 franchi, prezzo assolutamente concorrenziale. Uno studente del politecnico al computer, sullo sfondo Julien Vauclair Incontro di domenica 2 luglio al Tennis Club Stade a Losanna Nell ambito dei giorni delle porte aperte il Tennis Club Stade offre numerose attrazioni. Allo stand comune della SATW e della EPFL potrete scoprire gli sviluppi tecnologici nel tennis. E se avete fortuna all incontro potrete vedere un esibizione con Stanislas Wawrinka, compatibilmente con i suoi impegni a Wimbledon. Altre informazioni: Soluzione dell indovinello di pagina 4 Si trattava di un dettaglio della ruota di una carrozzella durante la corsa. La registrazione dello sviluppo sequenziale di movimenti Grazie alla moderna tecnologia video anche l invisibile può diventare visibile. Con ciò è possibile un confronto diretto. Immagini digitali mostrano lo stesso atleta o due atleti, i cui movimenti sono stati registrati in tempi diversi, sovrapposte e poi montate in un unica videosequenza. In questo modo gli atleti e gli allenatori possono analizzare tranquillamente le sequenze dei movimenti e studiare strategie per ottenere miglioramenti. Anche la televisione usa questa tecnologia per mostrare, ad esempio, in quale passaggio di una gara di sci un corridore ha creato la differenza. sequenze di movimenti vengono registrati e analizzati. Immagini Dartfish Sport e tecnica su Internet organizzazione mantello delle federazioni sportive svizzere: informazioni sulle scuole per sportivi e sull apprendistato di sportivo professionista, pianificazione di una carriera come sportivo. sito dell Ufficio federale dello sport a Macolin: sport a scuola, mediateca dello sport nuova banca dati sui medicamenti ammessi e non ammessi, informazioni sui controlli. sito della fondazione Promozione Salute Svizzera. Permette di calcolare il proprio indice di massa corporea informazioni sul nuovo curricolo di studio «Scienze motorie e sport» al politecnico di Zurigo Ringraziamo: Impressum Indirizzo di contatto Concetto e redazione Regula Zellweger, Collaborazione redazionale Elisabeth McGarrity, SATW, Brig Giovanni Zamboni, SATW, Lugano Responsabile scientifico di questo numero Giovanni Zamboni, SATW, Lugano Composizione VISUM visuelle umrisse gmbh, Bern, Stampa Egger AG, Frutigen Abbonamenti e ordinazione di copie Schweizerische Akademie der Technischen Wissenschaften Postfach, 8023 Zürich Telefon Fax pagina 6

La catena di assicurazione

La catena di assicurazione La catena di assicurazione A cosa serve la corda? A trattenere una eventuale caduta Solo questo? Che cosa succede al momento dell arresto di una caduta? L arrampicatore avverte uno strappo Quanto è violento

Dettagli

BASI delle ATTIVITA MOTORIE

BASI delle ATTIVITA MOTORIE BASI delle ATTIVITA MOTORIE Maria Chiara Gallotta Stanza 59 1 piano palazzo IUSM Tel 06 36733211 mariachiara.gallotta@iusm.it Ricevimento Martedì 10:00-12:00 Rapidità La capacità di eseguire azioni motorie

Dettagli

Progetto La fisica nelle attrazioni Attrazione NIAGARA Dati Utili

Progetto La fisica nelle attrazioni Attrazione NIAGARA Dati Utili Progetto La fisica nelle attrazioni Attrazione NIAGARA Dati Utili Angolo di risalita = 25 Altezza massima della salita = 25,87 m Altezza della salita nel tratto lineare (fino all ultimo pilone di metallo)

Dettagli

Prova di auto-valutazione 2006

Prova di auto-valutazione 2006 Prova di auto-valutazione 2006 Questa prova permette ai candidati di valutare la propria abilità di risolvere problemi e di riconoscere le nozioni mancanti. La correzione sarà fatta dal proprio professore

Dettagli

LE TORRI: DISCOVERY e COLUMBIA

LE TORRI: DISCOVERY e COLUMBIA LE TORRI: DISCOVERY e COLUMBIA Osservazioni e misure a bordo Le tue sensazioni e l accelerometro a molla 1) Nelle due posizioni indicate dalle frecce indica le sensazioni ricevute rispetto al tuo peso

Dettagli

MECCANICA. 2. Un sasso cade da fermo da un grattacielo alto 100 m. Che distanza ha percorso dopo 2 secondi?

MECCANICA. 2. Un sasso cade da fermo da un grattacielo alto 100 m. Che distanza ha percorso dopo 2 secondi? MECCANICA Cinematica 1. Un oggetto che si muove di moto circolare uniforme, descrive una circonferenza di 20 cm di diametro e compie 2 giri al secondo. Qual è la sua accelerazione? 2. Un sasso cade da

Dettagli

Programmi d allenamento per la maratona (da Ryffel Running)

Programmi d allenamento per la maratona (da Ryffel Running) Programmi d allenamento per la maratona (da Ryffel Running) Quale regola di base vale: per essere tra i Finisher servono 3-4 allenamenti la settimana (4-6 ore), che corrispondono a 30-50 km. Chi vuole

Dettagli

Questionario. figura il filo si rompe. Quale traiettoria segue la boccia?

Questionario. figura il filo si rompe. Quale traiettoria segue la boccia? Questionario 1) Due palline metalliche hanno le stesse dimensioni, ma una pesa il doppio dell altra. Le due palline vengono lasciate cadere contemporaneamente dal tetto di un edificio di due piani. Il

Dettagli

COME RISPARMIARE IL 20% ED OLTRE DEL TUO CARBURANTE

COME RISPARMIARE IL 20% ED OLTRE DEL TUO CARBURANTE COME RISPARMIARE IL 20% ED OLTRE DEL TUO CARBURANTE Senza cambiare benzinaio, percorsi o abitudini di spostamento. Premetto che scrivo questo e-book perché ho sperimentato personalmente tutto ciò che andrò

Dettagli

La forza. In movimento Marietti Scuola 2010 De Agostini Scuola S.p.A. Novara

La forza. In movimento Marietti Scuola 2010 De Agostini Scuola S.p.A. Novara La forza La definizione di forza Per forza s intende la capacità dell apparato neuro- muscolare di vincere o contrapporsi a un carico esterno con un impegno muscolare. La classificazione della forza Tipi

Dettagli

Meccanica per carrozzine. Servizio orientato alla clientela e tagliato su misura

Meccanica per carrozzine. Servizio orientato alla clientela e tagliato su misura Meccanica per carrozzine Servizio orientato alla clientela e tagliato su misura Da noi tutto ruota attorno voi La soddisfazione del cliente è il nostro principio massimo. Noi ci prendiamo il tempo per

Dettagli

h a' b b' media mantenuta. Come puoi notare le velocità ottenute in questo test sono B g' g 9,00 m partenza

h a' b b' media mantenuta. Come puoi notare le velocità ottenute in questo test sono B g' g 9,00 m partenza In palestra TR 1 Seven minutes running test (SMRT) Ideato dagli autori, questo test può esserti utile per verificare le capacità di resistenza nella corsa con una prova al coperto. Può servirti anche come

Dettagli

CICLISMO: PRINCIPI DI METODOLOGIA DI ALLENAMENTO

CICLISMO: PRINCIPI DI METODOLOGIA DI ALLENAMENTO Allenamento ciclismo CICLISMO: PRINCIPI DI METODOLOGIA DI ALLENAMENTO Le basi della supercompensazione nel ciclista Il carico di allenamento (o sollecitazione) di un ciclista tende a sfruttare la propria

Dettagli

DINAMICA DEL PUNTO MATERIALE E CONCETTO DI FORZA. Dinamica: studio delle forze che causano il moto dei corpi

DINAMICA DEL PUNTO MATERIALE E CONCETTO DI FORZA. Dinamica: studio delle forze che causano il moto dei corpi DINAMICA DEL PUNTO MATERIALE E CONCETTO DI FORZA Dinamica: studio delle forze che causano il moto dei corpi 1 Forza Si definisce forza una qualunque causa esterna che produce una variazione dello stato

Dettagli

Esame lingua d interpretariato

Esame lingua d interpretariato Certificato INTERPRET d interprete interculturale: Test modello Gennaio 2014 Esame lingua d interpretariato Contenuto Introduzione pagina 2 Composizione dell esame pagina 3 Parte 1 dell esame: colloquio

Dettagli

CORSO ALLENATORI 2 livello. Fare sport: tra tradizione e innovazione

CORSO ALLENATORI 2 livello. Fare sport: tra tradizione e innovazione Fare sport: tra tradizione e innovazione Lo sai papa, che quasi mi mettevo a piangere dalla rabbia, quando ti sei arrampicato alla rete di recinzione, urlando contro l arbitro? Io non ti avevo mai visto

Dettagli

3 TENNIS TRAINING PERIODO FONDAMENTALE 2 PROGRAMMA COMPLETO DI PREPARAZIONE ATLETICA SPECIFICA PER IL TENNISTA. www.tennisworlditalia.

3 TENNIS TRAINING PERIODO FONDAMENTALE 2 PROGRAMMA COMPLETO DI PREPARAZIONE ATLETICA SPECIFICA PER IL TENNISTA. www.tennisworlditalia. ANDREA GUARNACCIA 3 TENNIS TRAINING PROGRAMMA COMPLETO DI PREPARAZIONE ATLETICA SPECIFICA PER IL TENNISTA PERIODO FONDAMENTALE 2 DICEMBRE GENNAIO www.tennisworlditalia.com Andrea Guarnaccia Titolo TENNIS

Dettagli

La prima mezza maratona

La prima mezza maratona Allenamento/ passo successivo La prima mezza maratona A cura della redazione Foto: Michele Tusino Siete ormai in grado di correre per un ora. E adesso? Quanti chilometri riuscite a percorrere in questi

Dettagli

Ufficio Preparazione Paralimpica. Versione 5.0 (ottobre 2012) Approvato dalla GN del CIP nella riunione del 16 dicembre 2010 e successive modifiche

Ufficio Preparazione Paralimpica. Versione 5.0 (ottobre 2012) Approvato dalla GN del CIP nella riunione del 16 dicembre 2010 e successive modifiche PROGETTO LONDRA 2012 SOCHI 2014 Ufficio Preparazione Paralimpica Versione 5.0 (ottobre 2012) Approvato dalla GN del CIP nella riunione del 16 dicembre 2010 e successive modifiche Premessa Il Progetto Londra

Dettagli

Sei alla ricerca di un apprendistato?

Sei alla ricerca di un apprendistato? Sei alla ricerca di un apprendistato? Pagina 2 Visana come azienda di formazione La formazione degli apprendisti è un tema che ci sta molto a cuore. Per questo motivo, ogni anno formiamo giovani professionisti

Dettagli

Il Fondo Lento. Analizziamo ora le singole valenze perché voglio che tu capisca bene quali benefici puoi trarre correndo correttamente il fondo lento.

Il Fondo Lento. Analizziamo ora le singole valenze perché voglio che tu capisca bene quali benefici puoi trarre correndo correttamente il fondo lento. 1 Il Fondo Lento Benvenuto, oggi voglio parlarti del FONDO LENTO, uno dei principali mezzi d'allenamento che un atleta di qualsiasi livello ha a disposizione. Il fondo lento ha molteplici valenze: 1) serve

Dettagli

Nordic Walking: la salute cammina con i bastoncini

Nordic Walking: la salute cammina con i bastoncini Università dell età libera 2014-2015 Conferenze di informazione salute e movimento Nordic Walking: la salute cammina con i bastoncini Indice INTRODUZIONE 23 ore e mezzo L ATTIVITA FISICA IL NORDIC WALKING

Dettagli

La luce proveniente dalla parte immersa dell asticciola viene parzialmente riflessa dalla superficie dell acqua.

La luce proveniente dalla parte immersa dell asticciola viene parzialmente riflessa dalla superficie dell acqua. QUESITO 1 Il grafico rappresenta l andamento della velocità di una palla al passare del tempo. Dalle tre situazioni seguenti quali possono essere state rappresentate nel grafico? I- La palla rotola giù

Dettagli

La preparazione per le gare di 10-12 Km

La preparazione per le gare di 10-12 Km I documenti di www.mistermanager.it La preparazione per le gare di 10-12 Km Introduzione: le gare di 10-12 Km, sono le più frequenti nei calendari provinciali; la loro distanza, non impegnativa, rende

Dettagli

Quaderno d'allenamento G+S Canoismo

Quaderno d'allenamento G+S Canoismo Una produzione della Scuola universitaria federale dello sport di Macolin SUFSM 30.351.310 i / Edizione 2002 (02.04) Quaderno d'allenamento G+S Canoismo UFSPO 2532 Macolin La base: la fiducia La fiducia

Dettagli

MANUALE DI EA SPORTS GRAND SLAM TENNIS 2

MANUALE DI EA SPORTS GRAND SLAM TENNIS 2 MANUALE DI EA SPORTS GRAND SLAM TENNIS 2 1 PER INIZIARE 2 GIOCA ORA 6 MODALITÀ DI GIOCO 7 ALLENAMENTO 12 GIOCA ONLINE 14 ZONA DI CREAZIONE 17 IL MIO TENNIS 19 PER INIZIARE 2 EA SPORTS Grand Slam Tennis

Dettagli

Avvertenza. gesn@bluewin.ch

Avvertenza. gesn@bluewin.ch Versione 2.0 settembre 2006 Avvertenza Il presente testo è da considerarsi come documento di lavoro. Vi invitiamo pertanto a voler segnalare eventuali errori e imprecisioni al seguente indirizzo gesn@bluewin.ch

Dettagli

L INTERVISTA ESCLUSIVA CON LAURA BRUNO, A TU PER TU CON LA FORTE LATERALE DELLA FUTSAL P5.

L INTERVISTA ESCLUSIVA CON LAURA BRUNO, A TU PER TU CON LA FORTE LATERALE DELLA FUTSAL P5. L INTERVISTA ESCLUSIVA CON LAURA BRUNO, A TU PER TU CON LA FORTE LATERALE DELLA FUTSAL P5. 1) Ciao Laura e ben trovata, parliamo del Campionato appena terminato, un ottimo risultato della vostra squadra

Dettagli

VALUTAZIONE DELL IMPEGNO NELLE ATTIVITÀ SPORTIVE PER DISABILI INTELLETTIVI-RELAZIONALI, FISICI E SENSORIALI

VALUTAZIONE DELL IMPEGNO NELLE ATTIVITÀ SPORTIVE PER DISABILI INTELLETTIVI-RELAZIONALI, FISICI E SENSORIALI VALUTAZIONE DELL IMPEGNO NELLE ATTIVITÀ SPORTIVE PER DISABILI INTELLETTIVI-RELAZIONALI, FISICI E SENSORIALI Seregni Roberta (Roberta.seregni@libero.it), M Martinelli Il presente lavoro di ricerca si è

Dettagli

L attività sportiva e la disabilità sensoriale visiva. Margherita Chiari Fontanellato, 6 giugno 2014

L attività sportiva e la disabilità sensoriale visiva. Margherita Chiari Fontanellato, 6 giugno 2014 L attività sportiva e la disabilità sensoriale visiva Margherita Chiari Fontanellato, 6 giugno 2014 Non solo muscoli La normale funzione visiva è un presupposto per sviluppare una buona coordinazione

Dettagli

ALLENARSI CON LA FASCIA CARDIO

ALLENARSI CON LA FASCIA CARDIO ALLENARSI CON LA FASCIA CARDIO Come effettuare il monitoraggio dei nostri allenamenti? Spesso è difficile misurare il livello di sforzo di una particolare gara o sessione di allenamento. Come vi sentite?

Dettagli

Per rendersi bene conto della specificità della canoa polo, è molto utile osservare i movimenti di ciascun giocatore nel corso di una intera partita.

Per rendersi bene conto della specificità della canoa polo, è molto utile osservare i movimenti di ciascun giocatore nel corso di una intera partita. Il metodo Sorin Questo intervento sulla canoa polo non ha un nome, non è un lavoro scientifico ma può considerarsi come il punto di vista di un allenatore di olimpica, nonché giocatore di canoa polo, che

Dettagli

Confronto sulle motivazioni all attività sportiva negli atleti disabili praticanti adaptive rowing e normodotati praticanti canottaggio.

Confronto sulle motivazioni all attività sportiva negli atleti disabili praticanti adaptive rowing e normodotati praticanti canottaggio. Confronto sulle motivazioni all attività sportiva negli atleti disabili praticanti adaptive rowing e normodotati praticanti canottaggio. Fossati Emanuela astrid8@tiscali.it - M. Martinelli Lo scopo di

Dettagli

Tip #2: Come siriconosceun leader?

Tip #2: Come siriconosceun leader? Un saluto alla Federazione Italiana Tennis, all Istituto Superiore di Formazione e a tutti gli insegnanti che saranno presenti al SimposioInternazionalechesiterràilprossimo10 maggio al ForoItalico. Durante

Dettagli

WORKOUT STRONG AND FAST LIVELLO 1/2

WORKOUT STRONG AND FAST LIVELLO 1/2 WORKOUT STRONG AND FAST LIVELLO 1/2 Se vai a correre abitualmente e non cerchi la performance ma solo divertimento, questi allenamenti guidati fanno al caso Tuo. Dei veri e propri game run per runner che

Dettagli

QUESTIONARI PER GENITORI E BAMBINI

QUESTIONARI PER GENITORI E BAMBINI QUESTIONARI PER GENITORI E BAMBINI UISP SEDE NAZIONALE Largo Nino Franchellucci, 73 00155 ROMA tel. 06/43984345 - fax 06/43984320 www.diamociunamossa.it www.ridiamociunamossa.it progetti@uisp.it ridiamociunamossa@uisp.it

Dettagli

SO FAST MILE PROGRAMMA DI ALLENAMENTO DI 8 SETTIMANE

SO FAST MILE PROGRAMMA DI ALLENAMENTO DI 8 SETTIMANE SO FAST MILE PROGRAMMA DI ALLENAMENTO DI 8 SETTIMANE SINTONIZZIAMO LA TUA VELOCITÀ CORRERE IL MIGLIO PIÙ VELOCE PUÒ ESSERE UN BENEFICIO PER CHIUNQUE. INDIPENDENTEMENTE DA QUANTO TU SIA DIVERTENTE, RAPIDO,

Dettagli

Attività fisica: è più importante la QUANTITA o la QUALITA?

Attività fisica: è più importante la QUANTITA o la QUALITA? Attività fisica: è più importante la QUANTITA o la QUALITA? Spesso mi capita di visitare persone che si lamentano del fatto che pur allenandosi tutti i giorni (a volte anche 2 volte al giorno), non ottengono

Dettagli

10 Modulo. Attività motoria II

10 Modulo. Attività motoria II 10 Modulo Attività motoria II Argomenti MET specifici Programmi di attività motoria MET e Prevenzione dei TUMORI Cancro del seno: 9 MET settimana Cancro colon retto: 18 MET settimana Cancro prostata: 30

Dettagli

Esito del sit test Maschi Femmine

Esito del sit test Maschi Femmine TC 1 Test dell accovacciamento (sit test) È una prova estremamente semplice da eseguire, ma che richiede buona coordinazione e un perfetto equilibrio muscolare tra estensori e flessori del ginocchio. Dove

Dettagli

una grandezza fisica il cui valore non cambia nel corso del tempo si dice grandezza conservata.

una grandezza fisica il cui valore non cambia nel corso del tempo si dice grandezza conservata. Lezione 13 - pag.1 Lezione 13: Impulso e quantità di moto 13.1. Un gioco di prestigio Prendete un mazzo da quaranta carte, e tenete da parte i quattro assi. Le trentasei carte che restano le dividete a

Dettagli

Ciao! Come fa il Sole a tenere legati i pianeti, gli asteroidi... che pure sono

Ciao! Come fa il Sole a tenere legati i pianeti, gli asteroidi... che pure sono Ciao! La volta scorsa abbiamo detto che il Sistema Solare è una sfera. Abbiamo parlato di tutti gli strati che formano questa sfera, li abbiamo descritti all incirca. Adesso parliamo del Sole! Dicono gli

Dettagli

QUESTIONARIO SULLA COORDINAZIONE MOTORIA (The DCDQ 07 B.N. Wilson) Traduzione e adattamento a cura di Barbara Caravale e Silvia Baldi

QUESTIONARIO SULLA COORDINAZIONE MOTORIA (The DCDQ 07 B.N. Wilson) Traduzione e adattamento a cura di Barbara Caravale e Silvia Baldi QUESTIONARIO SULLA COORDINAZIONE MOTORIA (The DCDQ 07 B.N. Wilson) Traduzione e adattamento a cura di Barbara Caravale e Silvia Baldi Nome e Cognome del/la bambino/a Nome e Cognome della persona che compila

Dettagli

L ENERGIA 1. IL LAVORO. Il joule come unità di misura derivata Abbiamo visto che la definizione di joule è: 1 J = (1 N) (1 m);

L ENERGIA 1. IL LAVORO. Il joule come unità di misura derivata Abbiamo visto che la definizione di joule è: 1 J = (1 N) (1 m); 1 L ENERGIA holbox/shutterstock 1. IL LAVORO Il joule come unità di misura derivata Abbiamo visto che la definizione di joule è: 1 J (1 N) (1 m); inoltre, la formula (5) del capitolo «I princìpi della

Dettagli

Al Cuore dell Allenamento Firstbeat - Un Software nato dalla ricerca universitaria

Al Cuore dell Allenamento Firstbeat - Un Software nato dalla ricerca universitaria Al Cuore dell Allenamento Firstbeat - Un Software nato dalla ricerca universitaria di Enzo Piccinni Variabilità cardiaca, Training Effect (TE), EPOC. Sono alcuni dei termini destinati a diventare (in breve)

Dettagli

I contatori di casa. Come utilizzarli per conoscere i nostri consumi. di Ruggero Da Ros settembre 2013. 1. I contatori

I contatori di casa. Come utilizzarli per conoscere i nostri consumi. di Ruggero Da Ros settembre 2013. 1. I contatori 1 I contatori di casa Come utilizzarli per conoscere i nostri consumi di Ruggero Da Ros settembre 2013 1. I contatori Con il progresso sono aumentate le comodità. Prima l acqua si prendeva nel pozzo, la

Dettagli

Andrea Milanese. I comportamenti corretti per la salute del bambino quando viaggia in auto e non solo. Crescere bambini ecologici

Andrea Milanese. I comportamenti corretti per la salute del bambino quando viaggia in auto e non solo. Crescere bambini ecologici Andrea Milanese I comportamenti corretti per la salute del bambino quando viaggia in auto e non solo IL CONCETTO DI SICUREZZA PASSIVA POLITECNICO DI MILANO DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA AEROSPAZIALE Laboratori

Dettagli

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA Dopo avere visto e valutato le capacità fisiche di base che occorrono alla prestazione sportiva e cioè Capacità Condizionali

Dettagli

Distinguere grandezze, unità di misura, strumenti di misura.

Distinguere grandezze, unità di misura, strumenti di misura. L A 145 ATTIVITÀ 1 Distinguere grandezze, unità di misura, strumenti di misura. Il tuo libro di scienze; strumenti di misura e non di misura forniti dal tuo insegnante. Osserva il tuo libro di scienze

Dettagli

La prove dinamiche sugli edifici II parte strumentazione e analisi dei segnali

La prove dinamiche sugli edifici II parte strumentazione e analisi dei segnali La prove dinamiche sugli edifici II parte strumentazione e analisi dei segnali Luca Facchini e-mail: luca.facchini@unifi.it Introduzione Quali strumenti vengono utilizzati? Le grandezze di interesse nelle

Dettagli

GIORNATA SPORTIVA DI ATLETICA LEGGERA

GIORNATA SPORTIVA DI ATLETICA LEGGERA GIORNATA SPORTIVA DI ATLETICA LEGGERA NELLE SCUOLE DOCUMENTAZIONE BASE Con la collaborazione di: Indice dei contenuti 1 Concetto 3 1.1 Correre, saltare, lanciare 3 1.2 Presupposti per una giornata sportiva

Dettagli

LA CATENA DI ASSICURAZIONE E RESISTENTE QUANTO IL SUO ANELLO PIU DEBOLE.

LA CATENA DI ASSICURAZIONE E RESISTENTE QUANTO IL SUO ANELLO PIU DEBOLE. I componenti la catena di assicurazione li possiamo individuare semplicemente negli elementi che insieme concorrono alla sicurezza della cordata, ovviamente in caso di caduta. Gli elementi quali corda,

Dettagli

3. Gestione di un sistema operativo a interfaccia grafica (elementi di base) 3.1 Software

3. Gestione di un sistema operativo a interfaccia grafica (elementi di base) 3.1 Software Pagina 29 di 47 3. Gestione di un sistema operativo a interfaccia grafica (elementi di base) 3.1 Software Come abbiamo già detto in precedenza, l informatica si divide in due grandi mondi : l hardware

Dettagli

L ambiente come risorsa, la scuola come biblioteca : esempi di possibili percorsi

L ambiente come risorsa, la scuola come biblioteca : esempi di possibili percorsi 1/7 L ambiente come risorsa, la scuola come biblioteca : esempi di possibili percorsi Il grande vantaggio di insegnare una lingua che è parlata nell ambiente, la lingua nazionale, è che insegnante e allievi

Dettagli

Soluzioni su misura per le flotte aziendali A confronto con André Siegrist della società René Faigle AG

Soluzioni su misura per le flotte aziendali A confronto con André Siegrist della società René Faigle AG Soluzioni su misura per le flotte aziendali A confronto con della società René Faigle AG La René Faigle AG svolge la sua attività con successo da più di ottant anni. L azienda svizzera a conduzione familiare

Dettagli

- Cassinetto - Scuola Addestramento Tennis

- Cassinetto - Scuola Addestramento Tennis - Cassinetto - Scuola Addestramento Tennis Il Tennis e la preparazione mentale Progetto per la Stagione sportiva 2011/2012 Agosto 2011 Project Leader: Chiara Valdata Obiettivi del Progetto: Il progetto

Dettagli

il piacere muoversi non ha età Progetto Integrato per la Promozione della Salute nella Popolazione adulta e anziana

il piacere muoversi non ha età Progetto Integrato per la Promozione della Salute nella Popolazione adulta e anziana il piacere di muoversi non ha età Progetto Integrato per la Promozione della Salute nella Popolazione adulta e anziana Muoviti per la salute Scienziati, medici ed esperti di problemi legati all età anziana

Dettagli

GUIDA VELOCE PER TRAINER

GUIDA VELOCE PER TRAINER GUIDA VELOCE ~ 6 ~ GUIDA VELOCE PER TRAINER Perché usare il toolkit di EMPLOY? In quanto membro del personale docente, consulente di carriera, addetto al servizio per l impiego o chiunque interessato ad

Dettagli

Risposte fisiologiche in diversi sport ciclici

Risposte fisiologiche in diversi sport ciclici Risposte fisiologiche in diversi sport ciclici Fisiologia della prestazione sportiva Università degli Studi di Verona Scienze Motorie aa 2012-1013 1 Le caratteristiche fisiologiche non sono le uniche

Dettagli

Progressione Didattica Preparazione Fisica per Tennisti (pre-tennis):

Progressione Didattica Preparazione Fisica per Tennisti (pre-tennis): La nostra Scuola Tennis propone una metodologia Olistica che rappresenta una novità nel territorio nazionale. Tennis Olistico, oltre ad offrire un panorama di Discipline Bio Naturali che fungono da accompagnamento

Dettagli

scienze motorie e sportive classi prime e seconde B D im

scienze motorie e sportive classi prime e seconde B D im scienze motorie e sportive classi prime e seconde B D im incorsa il CORPO in EQUILIBRIO l' EQUILIBRIO in CORPO BENESSERE BILANCIO ENERGETICO ALIMENTAZIONE EQUILIBRATA PARAMETRI MISURARE l' EFFICIENZA INTEGRAZIONE

Dettagli

«Top 10» per l inverno

«Top 10» per l inverno «Top 10» per l inverno Suva Sicurezza nel tempo libero Casella postale, 6002 Lucerna Informazioni Tel. 041 419 51 11 Ordinazioni www.suva.ch/waswo-i Fax 041 419 59 17 Tel. 041 419 58 51 Autori dott. Hans

Dettagli

2.Cos è il nuoto sincronizzato...4-3. Penalità... 7-8. 4.Conclusione... 9

2.Cos è il nuoto sincronizzato...4-3. Penalità... 7-8. 4.Conclusione... 9 1.Introduzione... 2.Cos è il nuoto sincronizzato...4-3. Penalità... 7-8 4.Conclusione... 9 Elisa Boffi 2009/2010 Opzione Storia 2 1) Introduzione In questo lavoro parlerò del mio sport, il nuoto sincronizzato.

Dettagli

www.professioni-costruzione.ch

www.professioni-costruzione.ch Diario di stage in impresa Seguendo uno stage in impresa, potrai informarti, in modo molto semplice, su una delle professioni della costruzione vivendone la pratica nel quotidiano. Ti poni delle domande,

Dettagli

Esempio Esame di Fisica Generale I C.d.L. ed.u. Informatica

Esempio Esame di Fisica Generale I C.d.L. ed.u. Informatica Esempio Esame di Fisica Generale I C.d.L. ed.u. Informatica Nome: N.M.: 1. 1d (giorno) contiene all incirca (a) 8640 s; (b) 9 10 4 s; (c) 86 10 2 s; (d) 1.44 10 3 s; (e) nessuno di questi valori. 2. Sono

Dettagli

Come Creare un Guadagno Extra nel 2013

Come Creare un Guadagno Extra nel 2013 Come Creare un Guadagno Extra nel 2013 Tempo di lettura: 5 minuti Marco Zamboni 1 Chi sono e cos è questo Report Mi presento, mi chiamo Marco Zamboni e sono un imprenditore di Verona, nel mio lavoro principale

Dettagli

Disabilità e Sport. La classificazione funzionale nello sport per disabili

Disabilità e Sport. La classificazione funzionale nello sport per disabili Disabilità e Sport La classificazione funzionale nello sport per disabili Matteo Zanin Classificatore Medico del Comitato Paralimpico Italiano Premessa Mettere il Medico di Medicina dello Sport nelle condizioni

Dettagli

SPIANA LA PANCIA & COSTRUISCI MUSCOLI Il tuo programma di 8 settimane

SPIANA LA PANCIA & COSTRUISCI MUSCOLI Il tuo programma di 8 settimane SPIANA LA PANCIA & COSTRUISCI MUSCOLI Il tuo programma di 8 settimane Al fine di perdere peso e costruire muscoli in modo efficace, sono necessari cambiamenti nella tua dieta e un adeguato esercizio fisico

Dettagli

Esperienza di integrazione di preparazione fisica

Esperienza di integrazione di preparazione fisica Esperienza di integrazione di preparazione fisica 6 Corso Preparatori Fisici Pallacanestro TIRRENIA Aprile P.F. Silvio Barnabà Conclusioni Dopo aver stabilito quale è in termini di forza, controllo e coordinazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE CATEGORIE FREE PATTINAGGIO ARTISTICO STAGIONE SPORTIVA 2007-2008

REGOLAMENTO PER LE CATEGORIE FREE PATTINAGGIO ARTISTICO STAGIONE SPORTIVA 2007-2008 REGOLAMENTO PER LE CATEGORIE FREE PATTINAGGIO ARTISTICO STAGIONE SPORTIVA 2007-2008 Le categorie Free sono le categorie in cui sono suddivisi gli atleti che non hanno raggiunto lo score e gli eventuali

Dettagli

Quaderno d'allenamento G+S Ciclismo su pista rampichino ciclocross su strada

Quaderno d'allenamento G+S Ciclismo su pista rampichino ciclocross su strada Una produzione della Scuola universitaria federale dello sport di Macolin SUFSM 30.940.310 i / Edizione 2002 (02.04) Quaderno d'allenamento G+S Ciclismo su pista rampichino ciclocross su strada UFSPO 2532

Dettagli

Le macchine come sistemi tecnici

Le macchine come sistemi tecnici Le macchine come sistemi tecnici L industrializzazione dell Europa e iniziata grazie alla comparsa di macchine capaci di trasformare energia termica in energia meccanica. Un motore a vapore e un esempio

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA PALLAVOLO AREA SVILUPPO E FORMAZIONE SETTORE TECNICO FIPAV AREA SVILUPPO E FORMAZIONE

FEDERAZIONE ITALIANA PALLAVOLO AREA SVILUPPO E FORMAZIONE SETTORE TECNICO FIPAV AREA SVILUPPO E FORMAZIONE FEDERAZIONE ITALIANA PALLAVOLO AREA SVILUPPO E FORMAZIONE SETTORE TECNICO LE PRINCIPALI DIFFERENZE METODOLOGICHE TRA L'ALLENAMENTO DEI GIOVANI E QUELLO DEGLI ATLETI DI MEDIO/ALTO LIVELLO" 22 settembre

Dettagli

S-TRAINER v.1.00 Esempio d uso

S-TRAINER v.1.00 Esempio d uso S-TRAINER v.1.00 Esempio d uso S-TRAINER v.1.00, ovvero il software per la pianificazione e la gestione dell allenamento sportivo. Andiamo a scoprire le potenzialità di questo nuovo software ideato da

Dettagli

Volley Project di Nicola Piccinini Ottobre 2009. Relatore: Prof. Nicola Piccinini

Volley Project di Nicola Piccinini Ottobre 2009. Relatore: Prof. Nicola Piccinini Volley Project di Nicola Piccinini Ottobre 2009 Relatore: Prof. Nicola Piccinini Introduzione Fondamentale da punto con alta valenza tecnico - tattica sia a livello individuale che di squadra. Collegato

Dettagli

Argomento del modulo: Organizzazione e realizzazione di un programma di allenamenti con 3 sedute settimanali

Argomento del modulo: Organizzazione e realizzazione di un programma di allenamenti con 3 sedute settimanali Argomento del modulo: Organizzazione e realizzazione di un programma di allenamenti con 3 sedute settimanali Modugno 14 maggio 2006 In generale, per organizzazione del processo di allenamento, s'intende:

Dettagli

28360 - FISICA MATEMATICA 1 A.A. 2014/15 Problemi dal libro di testo: D. Giancoli, Fisica, 2a ed., CEA Capitolo 6

28360 - FISICA MATEMATICA 1 A.A. 2014/15 Problemi dal libro di testo: D. Giancoli, Fisica, 2a ed., CEA Capitolo 6 28360 - FISICA MATEMATICA A.A. 204/5 Problemi dal libro di testo: D. Giancoli, Fisica, 2a ed., CEA Capitolo 6 Energia potenziale Problema 26 Una molla ha una costante elastica k uguale a 440 N/m. Di quanto

Dettagli

EBOOK GIAN PAOLO MONTALI CREDERE NEL GIOCO DI SQUADRA. www.forumeccellenze.it

EBOOK GIAN PAOLO MONTALI CREDERE NEL GIOCO DI SQUADRA. www.forumeccellenze.it EBOOK GIAN PAOLO MONTALI CREDERE NEL GIOCO DI SQUADRA. www.forumeccellenze.it 1. Del sogno dell essere sognatore Il primo dovere di un buon Capo è non accontentarsi, essere il più esigente possibile nella

Dettagli

PowerControl VI: Avvio Gennaio 2009 1

PowerControl VI: Avvio Gennaio 2009 1 PowerControl VI: Avvio Gennaio 2009 1 Sleep Mode Premete per 10 sec. per attivare la modalità Sleep. Il PowerControl VI non andrà in modalità Sleep mentre riceve I dati. Il PC VI vi mostra la data di realizzazione

Dettagli

di Kai Haferkamp per 2-5 giocatori dagli 8 anni in su

di Kai Haferkamp per 2-5 giocatori dagli 8 anni in su di Kai Haferkamp per 2-5 giocatori dagli 8 anni in su Traduzione e adattamento a cura di Gylas per Giochi Rari Versione 1.0 Novembre 2001 http://www.giochirari.it e-mail: giochirari@giochirari.it NOTA.

Dettagli

Eolico: teoria ed economicità degli impianti eolici

Eolico: teoria ed economicità degli impianti eolici Eolico: teoria ed economicità degli impianti eolici La teoria ingegneristica legata all eolico, oltre a fornire strumenti per la progettazione del generatore eolico, individua alcuni criteri per scegliere

Dettagli

www.spirotiger.com Aumento del rendimento fisico attraverso l allenamento respiratorio

www.spirotiger.com Aumento del rendimento fisico attraverso l allenamento respiratorio www.spirotiger.com Aumento del rendimento fisico attraverso l allenamento respiratorio Con un duro allenamento. swiss made Con un duro allenamento e SpiroTiger. 2 Raggiungere nuovi traguardi con SpiroTiger

Dettagli

SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE

SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE ISTITUTO COMPRENSIVO RIVA 1 Piano di Studio di Istituto SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE PREMESSA Partendo dalle indicazioni delle Linee Guida per i Piani di Studio Provinciali del Primo ciclo di Istruzione,

Dettagli

LE CAPACITA SENSO PERCETTIVE E LE CAPACITA MOTORIE

LE CAPACITA SENSO PERCETTIVE E LE CAPACITA MOTORIE LE CAPACITA SENSO PERCETTIVE E LE CAPACITA MOTORIE PESARO CORSO I ANNO ROBERTA REGIS CTT MARCHE E UMBRIA FONDAMENTALE DI GIOCO TIRO IN TERZO TEMPO PRE REQUISITI SALTARE LANCIARE RITMO EQUILIBRIO MOBILITA

Dettagli

L ENERGIA. L energia. pag.1

L ENERGIA. L energia. pag.1 L ENERGIA Lavoro Energia Conservazione dell energia totale Energia cinetica e potenziale Conservazione dell energia meccanica Forze conservative e dissipative Potenza Rendimento di una macchina pag.1 Lavoro

Dettagli

Progetto La fisica nelle attrazioni Attrazione ISPEED

Progetto La fisica nelle attrazioni Attrazione ISPEED Progetto La fisica nelle attrazioni Attrazione ISPEED Dati utili Lunghezza del treno: 8,8 m Durata del percorso: 55 s Lunghezza del percorso: 1200 m Massa treno a pieno carico: 7000 kg Altezza della prima

Dettagli

Pressione. Esempio. Definizione di pressione. Legge di Stevino. Pressione nei fluidi EQUILIBRIO E CONSERVAZIONE DELL ENERGIA NEI FLUIDI

Pressione. Esempio. Definizione di pressione. Legge di Stevino. Pressione nei fluidi EQUILIBRIO E CONSERVAZIONE DELL ENERGIA NEI FLUIDI Pressione EQUILIBRIO E CONSERVAZIONE DELL ENERGIA NEI FLUIDI Cos è la pressione? La pressione è una grandezza che lega tra di loro l intensità della forza e l aerea della superficie su cui viene esercitata

Dettagli

Livello CILS A1 Modulo adolescenti

Livello CILS A1 Modulo adolescenti Livello CILS A1 Modulo adolescenti MAGGIO 2012 Test di ascolto numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

Test d ingresso. Classe I D PNI Liceo Scientifico F. Enriques Livorno

Test d ingresso. Classe I D PNI Liceo Scientifico F. Enriques Livorno Test d ingresso Classe I D PNI Liceo Scientifico F. Enriques Livorno 1) Un corpo si muove di moto rettilineo a velocità costante su un piano orizzontale che possiamo considerare privo d attrito. Rappresenta

Dettagli

FISIOTERAPISTA E CHINESIOLOGO A CONFRONTO

FISIOTERAPISTA E CHINESIOLOGO A CONFRONTO FISIOTERAPISTA E CHINESIOLOGO A CONFRONTO Introduzione. Nel contesto lavorativo in cui mi trovo ad operare, mi sto riferendo ad un centro di rieducazione motoria, mi sono confrontata con le altre figure

Dettagli

icartoon manuale d uso

icartoon manuale d uso icartoon manuale d uso icartoon ti consente di creare animazioni anche complesse e di esportarle. Quello che esporti da icartoon è basato su QuickTime che è uno standard per il multimedia: può quindi essere

Dettagli

MODULO INFORMATIVO RELATIVO AL PROGETTO MARCIALONGA SCIENCE

MODULO INFORMATIVO RELATIVO AL PROGETTO MARCIALONGA SCIENCE MODULO INFORMATIVO RELATIVO AL PROGETTO MARCIALONGA SCIENCE Soggetto promotore: Responsabile progetto: Obiettivi dello studio: Protocollo del test: Utilizzo dei dati raccolti: Diritti dei soggetti partecipanti:

Dettagli

Che cosa è la fisica? Per arrivare ad una legge fisica si fa un insieme di cose pratiche (procedura) che si chiama metodo scientifico.

Che cosa è la fisica? Per arrivare ad una legge fisica si fa un insieme di cose pratiche (procedura) che si chiama metodo scientifico. 01 Che cosa è la fisica? In questa lezione iniziamo a studiare questa materia chiamata fisica. Spesso ti sarai fatto delle domande su come funziona il mondo e le cose che stanno attorno a te. Il compito

Dettagli

WWW.ALBEPIGO.COM FORZA MASSICCI PEDALATORI

WWW.ALBEPIGO.COM FORZA MASSICCI PEDALATORI Allenarsi con la potenza: alcuni commenti sulle nuove tendenze Sempre più spesso assistiamo all evidenziazione di dati relativi alla potenza espressa dagli atleti sulle salite delle più famose corse a

Dettagli

FLL Relazione Tecnica - Maserati

FLL Relazione Tecnica - Maserati La nostra squadra: FLL Relazione Tecnica - Maserati Siamo un gruppo di studenti delle classi 1 a e 2 a del Liceo delle Scienze Applicate (opzione informatico) dell Istituto Maserati di Voghera. È la seconda

Dettagli

Costruisci il tuo mood grafico

Costruisci il tuo mood grafico Costruisci il tuo mood grafico Ciao! Magari hai un hobby creativo, oppure ti sei lanciata da poco in una nuova attività o semplicemente ti piace usare i social e vuoi crearti una tua immagine personale.

Dettagli

RESISTENZA AEROBICA CAPACITA' AEROBICA POTENZA AEROBICA SOGLIA ANAEROBICA CAPACITA' ANAEROBICA POTENZA ANAEROBICA

RESISTENZA AEROBICA CAPACITA' AEROBICA POTENZA AEROBICA SOGLIA ANAEROBICA CAPACITA' ANAEROBICA POTENZA ANAEROBICA RESISTENZA AEROBICA Gli allenamenti per la resistenza aerobica (definita anche resistenza di base o generale), migliorano i fattori fisiologici che stanno alla base delle prestazioni di resistenza: efficienza

Dettagli

Analizza la prestazione velocemente Sviluppa strategie vincenti Raggiungi nuovi livelli di eccellenza. Il rivoluzionario software per la videoanalisi

Analizza la prestazione velocemente Sviluppa strategie vincenti Raggiungi nuovi livelli di eccellenza. Il rivoluzionario software per la videoanalisi Analizza la prestazione velocemente Sviluppa strategie vincenti Raggiungi nuovi livelli di eccellenza Il rivoluzionario software per la videoanalisi Quando l'importante è vincere! Cerchi il massimo della

Dettagli

Come valutare le caratteristiche aerobiche di ogni singolo atleta sul campo

Come valutare le caratteristiche aerobiche di ogni singolo atleta sul campo Come valutare le caratteristiche aerobiche di ogni singolo atleta sul campo Prima di organizzare un programma di allenamento al fine di elevare il livello di prestazione, è necessario valutare le capacità

Dettagli

Descrizione e analisi tecnica dell attacco Esercizi d iniziazione e perfezionamento

Descrizione e analisi tecnica dell attacco Esercizi d iniziazione e perfezionamento Descrizione e analisi tecnica dell attacco Esercizi d iniziazione e perfezionamento Giuseppe BOSETTI Relazione al Corso di aggiornamento per allenatori di 1 grado e allievi allenatori CP Fipav Varese -

Dettagli