Newsletter Europa. A cura della Delegazione di Federchimica presso l Unione Europea 1

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Newsletter Europa. A cura della Delegazione di Federchimica presso l Unione Europea 1"

Transcript

1 Newsletter Europa Numero 3 Anno 1 Periodico della Delegazione di Federchimica presso l Unione Europea Dicembre 2013 SOMMARIO PRIMO PIANO...p. 2 APPROFONDIMENTO...p. 7 FLASH NEWS p. 8 INIZIATIVE APERTE ALLA FIRMA...p. 11 E-CONSULTATIONS p. 12 AGENDA......p. 12 A cura della Delegazione di Federchimica presso l Unione Europea 1

2 PRIMO PIANO L ORIZZONTE DELLA R&I IN EUROPA DIVENTA FINALMENTE PIÙ NITIDO (continua a p. 2) ITALIA E SMART CITIES (continua a p. 3) LA LEGISLAZIONE EUROPEA É DAVVERO SMART? (continua a p. 3) COME POTENZIARE IL PESO DEI CARBURANTI ALTERNATIVI IN EUROPA? (continua a p. 4) SI FA PIÙ FORTE LA RICHIESTA DI POLITICHE COMUNITARIE PER I BIOCARBURANTI AVANZATI (continua a p. 5) NEGOZIATI USA E UE (continua a p. 5) VARSAVIA: ALTRO ROUND NEGOZIALE PER UN ACCORDO GLOBALE SUL CLIMA (continua a p. 6) 1 MILIONE DI FIRME PER FERMARE LA VIVISEZIONE (continua a p. 6) PRIMO PIANO L ORIZZONTE DELLA R&I IN EUROPA DIVENTA FINALMENTE PIÙ NITIDO A due anni dalla pubblicazione della proposta legislativa, i finanziamenti europei per la ricerca e innovazione europea nel periodo sono finalmente disponibili. Horizon 2020 prevede uno stanziamento complessivo di 70,2 miliardi di euro a prezzi costanti. Si tratta di una cifra più consistente del 30% rispetto al programma precedente. Molte sono le voci di interesse per il settore chimico che potrà accedere trasversalmente a diverse linee di finanziamento. Il budget è suddiviso, infatti, su tre pilastri: ricerca pura (24 miliardi), innovazione industriale (17 miliardi) e sfide sociali (circa 30 miliardi). Sono soprattutto queste ultime due voci ad essere particolarmente interessati per le imprese chimiche. La leadership industriale comprende, infatti, una serie di fondi volti a sviluppare le tecnologie chiavi per il futuro industriale quali nanotecnologie, le biotecnologie e i materiali avanzati. Le aziende chimiche potranno trovare spazio anche nei fondi per l'innovazione destinati ad affrontare le cosiddette sfide sociali del futuro come l'invecchiamento della popolazione, la sostenibilità, l energia e i trasporti, i cambiamenti climatici. In tutti questi casi la chimica può giocare un ruolo importante e i fondi totali messi a disposizione ammontano a quasi 30 miliardi per il periodo , di cui 4 solo per lo sviluppo della bioeconomia. Infine, molta attenzione sarà destinata alle PMI, le quali potranno accedere ad una percentuale riservata del budget ossia al 20% dei fondi destinati alla leadership industriale e alle sfide A cura della Delegazione di Federchimica presso l Unione Europea 2

3 sociali. Le PMI potranno usufruire, inoltre, di programmi specifici come COSME volto, con 3,4 miliardi di euro, ad agevolare l'accesso al credito. Il programma partirà ufficialmente il prossimo anno, ma i primi bandi sono già in fase di definizione e di lancio. Per maggiori informazioni consultare il link delle Direzione Generale Ricerca e Innovazione: ITALIA E SMART CITIES Di Smart Cities si parla da un po non solo a Bruxelles. Non è un caso se ben tre Commissari europei, il Commissario Oettingher per l energia, Kallas per i trasporti e Kroes per l agenda digitale, hanno unito gli sforzi per creare un partenariato europeo per l innovazione cui destinare circa 200 milioni di euro durante il biennio I fondi potranno essere oggetto di progetti presentati anche da imprese chimiche. Come migliorare la mobilità nelle città in Europa, come pensare le nuove infrastrutture urbane in modo tale da coinvolgere ex-ante i cittadini e le imprese, come diventare un modello per i Paesi emergenti cui esportare i progetti già realizzati nelle città europee. Sono alcuni quesiti emersi durante la riunione del partenariato europeo per l innovazione sulle Smart Cities and Communities che si è tenuta a Bruxelles il 26 novembre. Alla riunione hanno preso parte molte aziende spagnole e del Nord-Europa, dove numerosi progetti sono già in corso. Già nel 2011 la Commissione europea aveva lanciato un programma di 81 milioni di euro sulle Smart Cities e Communities riservato a progetti di natura energetica per migliorare l approvvigionamento, la distribuzione e la gestione delle reti energetiche cittadine. In seguito, il programma è stato ampliato anche ad altri settori come l ICT (information technology) e il trasporto incrementando il budget per il 2013 a 365 milioni di euro. Durante l incontro del 26 novembre, la Commissione ha poi annunciato che aprirà nella primavera 2014 la possibilità alle parti interessate di aderire al partenariato per poter sviluppare nuove collaborazioni e stimolare l innovazione nel settore. Il link cui attingere maggiori informazioni è il seguente: L'interesse verso le Smart Cities è molto sentito anche da Confindustria. Infatti, il Presidente Giorgio Squinzi è membro dell'high Level Group istituito dall'unione europea che sta elaborando delle linee programmatiche in vista dei futuri stanziamenti europei. LA LEGISLAZIONE EUROPEA É DAVVERO SMART? Probabilmente la prima risposta che viene in mente è un secco no. Tuttavia non si può negare che la Commissione europea ce la stia mettendo tutta per migliorare la sua attività e le sue proposte legislative, rendendole più a misura di PMI. Tuttavia i tentativi di pensare prima alle PMI e di calcolare l impatto economico delle proposte legislative non sembrano soddisfare pienamente l Associazione europea delle camere di commercio, Eurochambres, che ha recentemente criticato la metodologia usata dalla Commissione europea per valutare gli effetti delle proposte normative sulle PMI. A cura della Delegazione di Federchimica presso l Unione Europea 3

4 Secondo lo studio realizzato da Eurochambres, (http://www.eurochambres.eu/content/default.asp?pageid=1&docid=5794), le valutazioni d impatto realizzate dalla Commissione sarebbero superficiali e non sarebbero in grado di cogliere le reali criticità riscontrate dalle PMI. Linee guida ampie, la mancanza di una metodologia comune e di standard minimi lascerebbero troppa discrezionalità ai funzionari preposti alle analisi. COME POTENZIARE IL PESO DEI CARBURANTI ALTERNATIVI IN EUROPA? La riduzione delle emissioni di CO2 passa, secondo l UE, attraverso lo sviluppo dei carburanti alternativi che permetterebbero, per altro, di ridurre la dipendenza europea dalle materie prime fossili importate dal golfo o dalla Russia. Con questa convinzione, da tempo l Europa dibatte non solo di emissioni delle auto e biocarburanti, ma anche di qualità dei carburanti e di carburanti alternativi. Recentemente la Commissione Trasporti e Turismo del Parlamento europeo ha approvato, sotto la guida dell eurodeputato italiano Carlo Fidanza (Fratelli d Italia, PPE), una proposta di Direttiva che stabilisce degli obiettivi obbligatori di rafforzamento della struttura di rifornimento per carburanti alternativi quali l elettrico, l idrogeno, il gas naturale. La Direttiva contempla anche il GPL e il GNL che possono essere oggetto di misure specifiche nei piani di sviluppo strategico che ogni Stato membro dovrà preparare. Per il GNL si prevede, ad esempio, che ogni Stato membro si doti di almeno un punto di approvvigionamento per le autocisterne refrigerate. Il testo approvato dalla Commissione Trasporti del Parlamento è sicuramente ambizioso e sarà probabilmente osteggiato dai governi dei 28 Paesi UE, la cui approvazione è necessaria affinché la Direttiva possa entrare in vigore. Gli Stati temono, infatti, che obblighi numerici comportino un aumento dei costi in un momento in cui le finanze pubbliche continuano ad essere sotto stress. I ragionamenti di natura prettamente tecnica o ambientale si sono ben presto trasformati in occasioni per un acceso confronto politico ed industriale. Si pensi ad esempio alla proposta di adottare in tutta Europa lo standard tedesco per le ricariche elettriche, standard diverso da quello francese, o alle resistenze sul GPL di alcuni Paesi che stanno investendo principalmente sul metano, Germania in primis. La discussione in Parlamento ha poi fornito l occasione per riproporre le discussioni già avviate sulla qualità dei carburanti. Nel tentativo di alzare sempre più l asticella della salvaguardia ambientale in Europa si è infatti aggiunto un nuovo livello di differenziazione tra i carburanti. Non si vuole più parlare semplicemente di carburanti fossili o non fossili ma anche di convenzionali e non convenzionali tra i fossili. D innanzi all aumentare della produzione globale di petrolio e gas naturale da fonti non convenzionali quali i gas di scisto e il petrolio da sabbie bituminose, la Commissione sta discutendo con i 28 governi UE per attribuire valori di emissioni diverse al carburante finale in base all origine della materie prime. In questo modo si vorrebbe scoraggiare l utilizzo di gas naturale e petrolio non convenzionali la cui estrazione è considerata più inquinante dal punto di vista ambientale. Di diverso avviso il Canada, paese ricco di petrolio da sabbie bituminose, che sta conducendo un intensa campagna diplomatica per dissuadere l Europa dal procedere in questa direzione. A cura della Delegazione di Federchimica presso l Unione Europea 4

5 SI FA PIÙ FORTE LA RICHIESTA DI POLITICHE COMUNITARIE PER I BIOCARBURANTI AVANZATI Un gruppo di sei società internazionali di produttori di automobili e di carburanti (Volkswagen, OMV Shell, Honda, Neste Oil e Daimler) ha esortato l'ue a introdurre delle politiche per promuovere lo sviluppo dei biocarburanti avanzati che potranno contribuire a ridurre le emissioni nel trasporto stradale nel corso dei prossimi decenni. Secondo lo studio pubblicato il 26 novembre 2013 e commissionato da questo gruppo di aziende I biocarburanti avanzati dovrebbero avere un maggiore ruolo. La relazione, elaborata dalla società di consulenza E4tech, ritiene che i biocarburanti avanzati possano rappresentare, nel 2030, almeno il 20% del mercato dei biocarburanti. Tuttavia se non si cambierà il quadro normativo attuale, i biocarburanti avanzati contribuiranno soltanto in piccola parte agli obiettivi energetici UE Le difficoltà legate all elaborazione di una politica europea coerente sui biocarburanti avanzati sono esemplificate dal controverso dibattito tra i 28 Stati UE impegnati nel trovare un consenso sulla proposta di Direttiva sui biocarburanti, nota con il nome di ILUC. Sussistono forti divergenze tra, da un lato, il Regno Unito, Paesi Bassi, Italia, ed i paesi scandinavi (produttori di biocarburanti avanzati e di bioetanolo) e, dell'altro i paesi come la Polonia e l'ungheria (produttori di biodiesel) che sono ostili a quest idea perché sarebbero probabilmente penalizzati con l'inclusione delle misure ILUC. Il rapporto è scaricabile al seguente link: NEGOZIATI USA E UE Sono ripresi i negoziati per un accordo di libero scambio (TTIP) tra l UE e gli USA dopo il blocco amministrativo negli USA legato alle tensioni politiche interne al Congresso americano per l approvazione del bilancio 2014 e allo scandalo delle intercettazioni telefoniche. Si stanno acuendo sempre più le resistenze verso un accordo commerciale che diverse ONG temono possano ridurre gli standard normativi europei in molti ambiti, da quello chimico a quello sanitario o a quello agricolo. Ad alimentare ulteriormente le diffidenze si aggiunge la recente pubblicazione di un documento riservato discusso dalla Commissione europea assieme agli Stati membri sulle strategie comunicative da seguire. Il documento (http://notat.dk/issues-paper-communicating/), ottenuto dal giornale danese Notat, tendenzialmente critico nei confronti dell UE, suggerisce di intraprendere una strategia comunicativa più proattiva per spiegare il contenuto e le finalità del TTIP ai cittadini europei e superare le crescenti diffidenze. In particolare, l obiettivo di fondo sarebbe di tranquillizzare i consumatori sul mantenimento degli elevati standard europei e sul peso negoziale dell UE rispetto alla controparte, da alcuni ritenuta più forte e determinata di quella europea. A cura della Delegazione di Federchimica presso l Unione Europea 5

6 VARSAVIA: ALTRO ROUND NEGOZIALE PER UN ACCORDO GLOBALE SUL CLIMA Ci sono molti modi per interpretare i risultati di un round negoziale su un tema sempre caldo come quello climatico. Per la Commissaria europea per il clima, la danese Connie Hedegaard, i negoziati di Varsavia sono stati difficili e tortuosi, ma hanno mostrato che davvero esiste la possibilità di raggiungere un accordo sul clima. Molto più negative le reazioni di diverse ONG, tra le quali Greenpeace, Legambiente o Corporate Observatory Europe, per le quali si è assistito ancora una volta ad uno scandaloso nulla di fatto con i negoziati dominati dai Paesi più inquinanti e dalle grandi multinazionali. Anche BusinessEurope, la Confindustria europea di cui è Presidente Emma Marcegaglia, ha rilevato gli scarsi progressi compiuti e ha ribadito che anche l industria beneficerebbe di un accordo globale sul clima. Per BusinessEurope è tuttavia importante che l Europa eviti approcci unilaterali legiferando prima che gli altri Stati assumano impegni chiari. Quest approccio ha, infatti, già mostrato i suoi limiti. A novembre si è svolta a Varsavia la 19esima sessione della Conferenza sul Clima dell ONU (Conference of the Party - Cop 19) con l obiettivo di stabilire un agenda precisa e di avanzare i negoziati in vista di un accordo globale sul clima da raggiungere nel 2015.Anche l Australia ha dichiarato di voler ridurre le sue ambizioni climatiche, mentre il Brasile ha ammesso un aumento più ampio del previsto della deforestazione. A questo si aggiungono le tensioni ormai note sulla suddivisone degli oneri e delle responsabilità tra Paesi industrializzati e Paesi ancora classificati come in via di sviluppo e il riferimento alla responsabilità storica dei paesi con i sistemi industriali più radicati. Insomma, per quanto nelle ore finali della conferenza di Varsavia, i governi si siano accordati frettolosamente su un agenda per i prossimi negoziati, un accordo globale vincolante sul clima entro il 2015 rimane ancora poco più che un miraggio. 1 MILIONE DI FIRME PER FERMARE LA VIVISEZIONE Ha raggiunto il milione di firme in Europa la petizione europea che chiede di terminare la sperimentazione medica sugli animali. Si tratta della terza iniziativa europea dei cittadini a raggiungere la soglia di firme necessarie per poter essere considerata valida. Le iniziative dei cittadini europei sono uno strumento ideato per consentire una partecipazione più diretta al processo legislativo europeo e consentono ad un milione di cittadini di chiedere alla Commissione europea di presentare una proposta legislativa su un determinato tema. Oltre alla richiesta di fermare la sperimentazione medica sugli animali, hanno superato il milione di firme altre due petizioni. La prima riguarda l acqua e chiede alla Commissione europea di presentare una proposta legislativa che garantisca l accesso all acqua potabile a tutti i cittadini e che vieti la liberalizzazione del settore idrico. La seconda chiede, invece, di togliere i finanziamenti europei alla ricerca scientifica che prevede la distruzione di embrioni umani. La lista di tutte le petizioni aperte alla raccolta firme è costantemente aggiornata nelle pagine finali della newsletter. A cura della Delegazione di Federchimica presso l Unione Europea 6

7 APPROFONDIMENTO FA DISCUTERE IL FUTURO DEI RIFIUTI DI PLASTICA Ridurre l inquinamento legato alla plastica e garantire maggiore spazio per i prodotti riciclabili, biodegradabili o biocompostabili sono le direzioni in cui si sta articolando il dibattito europeo. Per la Commissione Ambiente, Sanità pubblica e Sicurezza alimentare (ENVI) del Parlamento europeo non ci sono dubbi sulla necessità di ridurre l inquinamento legato ai rifiuti di plastica e di aumentarne il tasso di riciclaggio. Attraverso una risoluzione di indirizzo politico elaborata sotto la guida dell On. Vittorio Prodi (Pd, Socialisti e Democratici), la Commissione ENVI chiede che siano introdotte delle misure specifiche sulla plastica all interno della legislazione europea in materia di rifiuti, che siano stabiliti obiettivi per la raccolta e il riciclaggio della plastica e che sia scoraggiato il recupero energetico di quest ultima. Nel testo si chiede anche di eliminare progressivamente entro il 2020 gli additivi pericolosi usati nella plastica e di prestare maggiore attenzione alle fasi di progettazione dei prodotti per incrementarne sostenibilità e riciclabilità. Le misure proposte non riguardano solo i produttori ma anche gli operatori dei sistemi di raccolta e riciclaggio per i quali si richiedono maggiori investimenti al fine di sviluppare l innovazione tecnologica e norme uniformi a livello europeo. Per gli europarlamentari della Commissione ENVI la plastica usata deve essere considerata sempre di più come una risorsa e non come un rifiuto, nell ottica di incrementare un uso efficiente delle risorse e ridurre il nostro consumo di materie prime. I consumatori sono una parte essenziale del sistema e per questo motivo, nella risoluzione, si suggerisce di intraprendere una serie di campagne per sensibilizzarli ulteriormente e per informarli sulle differenze esistenti tra diverse tipologie di plastica. Benché la risoluzione non abbia valore giuridico, i settori interessati hanno seguito con apprensione l elaborazione della relazione. La plastica è da tempo un osservata speciale per molte ONG che criticano pesantemente l inquinamento terrestre e soprattutto marino legato ad uno smaltimento inadeguato dei rifiuti. Viste le numerose campagne per ridurre l utilizzo di questo materiale si temeva, infatti, che potessero emergere messaggi radicali e penalizzanti per il settore. Il testo approvato dalla Commissione ENVI, pur mantenendo messaggi abbastanza critici, rappresenta sicuramente un risultato più equilibrato rispetto alle premesse. OSSERVATI SPECIALE: SACCHETTI DI PLASTICA! Nel dibattito parlamentare attenzione particolare è stata rivolta ai sacchetti di plastica. Nel testo approvato si afferma, ad esempio, che i sacchetti non riciclabili, non biodegradabili e non compostabili dovrebbero essere radicalmente ridotti e, dove possibile, eliminati. Quest idea è per altro oggetto di una vera e propria proposta legislativa della Commissione europea che modifica la Direttiva sugli imballaggi 94/62/CE. La Commissione europea ha, infatti, proposto che gli Stati UE adottino le misure necessarie per assicurare una riduzione del consumo di borse di A cura della Delegazione di Federchimica presso l Unione Europea 7

8 plastica in materiale leggero ossia di spessore inferiore ai 50 micron. Si tratta di una notizia sostanzialmente positiva anche per il governo italiano raggiunto nel 2011 da una procedura d infrazione alle regole del mercato unico europeo proprio per aver vietato l utilizzo dei sacchetti di plastica: SICUREZZA DELLA PLASTICA: PARLIAMONE! Il rapporto tra scienza e politica, l importanza del dialogo e della trasparenza e la percezione dei rischi sono stati al centro di una conferenza a Bruxelles alla quale hanno partecipato politici, funzionari delle Istituzioni europee, accademici e imprenditori. Alla conferenza di due giorni, organizzata da PlasticsEurope, è intervenuto anche il Vicepresidente di Federchimica con delega per l Europa, Daniele Ferrari (nonché CEO della Versalis) il quale ha ricordato l importanza dell innovazione in una società sempre più avversa al rischio. Per Ferrari senza innovazione, nel medio periodo le aziende europee perderanno competitività dinnanzi alla concorrenza sempre più determinata delle imprese extra europee, le persone perderanno i loro posti di lavoro con conseguenze negative per l intera comunità. Nel lungo termine sarà essenziale riuscire a soddisfare le esigenze di una popolazione che crescerà fino ai 9 miliardi. Il Vicepresidente Ferrari ha invitato a prendere parte alla Conferenza, la Presidente della Commissione Industria, Ricerca ed Energia del Parlamento europeo, Amalia Sartori, la quale ha ribadito la necessità di alleggerire il peso della legislazione UE per le imprese e, in particolare, per le PMI e ha illustrato le azioni promosse a tal fine dalla Commissione parlamentare di cui è Presidente. Per la Sartori l Europa non deve perdere i settori di cui può essere fiera. La plastica è uno di questi e non va dimenticato. Forte apprezzamento per la conferenza e la molteplicità delle parti rappresentate è stato espresso anche dalla Prof.ssa Anne Glover, Capo consulente scientifico del Presidente della Commissione europea Manuel Barroso. Parlare con persone di opinioni differenti ha affermato Anne Glover ci permette di pensare in maniera diversa e di catturare le opportunità di cui abbiamo bisogno per progredire in Europa. La Prof.ssa Glover ha poi concluso il Suo intervento ricordando che la percezione del rischio influenza l opinione pubblica e, di conseguenza, il comportamento dei politici. Non dovremo mai prendere decisioni importanti sulla base delle nostre emozioni. FLASH NEWS LE PMI HANNO IL VENTO IN POPPA Dopo cinque anni di difficoltà economiche, nel 2013 le PMI (Piccole Medie Imprese) dovrebbero conoscere un momento di tregua secondo le previsioni della Commissione europea. Per la prima volta dal 2008, le PMI dovrebbero registrare un aumento sia dell'occupazione (+ 0,3%) e A cura della Delegazione di Federchimica presso l Unione Europea 8

9 sia del valore aggiunto (+ 1%). È la proiezione ottimista che la Commissione europea segnala nel suo rapporto del 2013 sullo Small Business Act, pubblicato il 26 novembre Antonio Tajani, Commissario per l'industria e l imprenditoria, ha sottolineato che le PMI sono il motore della nostra economia poiché ci aiutano, in questo momento, ad uscire lentamente dalla crisi economica, la più grave che l UE abbia conosciuto in quest ultimi 50 anni. Le PMI sono state fortemente colpite dalla crisi: il rapporto segnala che, solo nel 2012, si sono persi circa posti di lavoro (-0,7% rispetto al 2011). Il contributo al PIL delle PMI è passato da 3,44 miliardi di euro nel 2011 a 3,39 miliardi nel 2012 (- 1,3%). Le perdite di posti di lavoro nelle PMI si sono concentrate più intensamente negli Stati membri più vulnerabili ancora in preda alla crisi del debito sovrano. Il rapporto è disponibile al seguente link: SEMAFORO VERDE PER LIFE+ Il Parlamento europeo ha ratificato, il 21 novembre, l'accordo concluso i Governi nazionali sul programma LIFE+ ed il suo bilancio per il Lo strumento finanziario per l'ambiente sarà dotato di 3,1 miliardi di euro (contro 2,2 miliardi attuali). Secondo il nuovo programma, i progetti eleggibili ad un cofinanziamento dell'ue saranno scelti in base alle loro qualità e al loro potenziale e non più in base ad un sistema che prevedeva un'attribuzione dei fondi per Stato membro. Il Parlamento inoltre ha riservato 864 milioni di Euro per un sottoprogramma separato dedicato all azione per il clima. Per maggiori informazioni sul come partecipare ai bandi consultare il seguente link: LE ASSOCIAZIONI CHIMICHE GIAPPONESI E DELL UNIONE EUROPEA VERSO UNA PIÙ STRETTA COLLABORAZIONE. L Associazione europea dell industria chimica (Cefic) e l Associazione giapponese dell industria chimica (JCIA) hanno espresso il loro appoggio su un ambizioso e omnicomprensivo accordo commerciale tra l Unione europea ed il Giappone, che include anche una cooperazione a livello normativo. Nel 2012, la bilancia commerciale per il settore chimico fra l UE ed il Giappone era sostanzialmente in equilibrio con 6,2 miliardi di Euro per le esportazioni in Giappone e 6,1 miliardi di Euro d importazioni, secondo il Cefic. Nel marzo 2013, l'ue ed il Giappone hanno deciso di iniziare i negoziati per un accordo di libero scambio. Il secondo round negoziale si è tenuto il ottobre 2013 a Bruxelles, mentre il prossimo è previsto per l inizio del LA GERMANIA DECIDE DI TAGLIARE DRASTICAMENTE GLI OBIETTIVI PER L ENERGIA RINNOVABILE Una decisione dell'ultimo minuto presa dalla nuova coalizione tedesca dei Cristiani e Social Democratici sugli obiettivi per l energia rinnovabile ha sorpreso l'industria tedesca dell'energia rinnovabile. L'accordo della coalizione CDU (Partito Cristiano Democratico) - CSU (Unione Cristiano Democratica) e SPD (Partito Social Democratico) fissa non soltanto gli obiettivi obbligatori per quanto riguarda l'energia rinnovabile, idea in parte osteggiata dall SPD, ma li riduce significativamente. La parte dell'elettricità da rinnovabili passerà dal 22,6% nel 2012 al 40-45% nel Inizialmente la Germania si era posta un obiettivo del 38,6% nel Secondo un calcolo dell'associazione tedesca per le energie rinnovabili, BEE, il nuovo obiettivo comporterà un aumento annuale dell 1,25 % di energia da rinnovabili fino al I nuovi obiettivi sono stati accolti favorevolmente dall'industria tedesca energivora e i servizi pubblici che utilizzano combustibili fossili. La coalizione prevede di terminare la riforma del sistema di incentivo per le rinnovabili (Feedin-Tariff FIT) entro Pasqua A cura della Delegazione di Federchimica presso l Unione Europea 9

10 68 MILIONI DI EURO PER PROGETTI SULL ACQUA Secondo indiscrezioni, il budget europeo a disposizione per progetti di R&I sull acqua sarà di 68 milioni di euro nel 2014 e 96 nel La pubblicazione ufficiale dei primi bandi e dei programmi di lavoro per il biennio avverrà il 10 dicembre. Le priorità attorno alle quali si svilupperanno i bandi saranno quelle definite dal Partenariato europeo per l acqua e riguarderanno il riuso, la depurazione dell acqua, la cooperazione in ricerca e innovazione e lo sviluppo della commerciabilità delle soluzioni innovative identificate. Nelle prossime edizioni della Newsletter daremo informazioni più dettagliate sui bandi. MAGGIORE PROTEZIONE PER I SEGRETI INDUSTRIALI I segreti industriali e le informazioni confidenziali sui processi produttivi, che spesso non sono oggetto di brevetto, potranno godere di una maggiore tutela in Europa. La Commissione europea ha, infatti, presentato una proposta legislativa per migliorare le regole contro l'acquisizione, l'utilizzo e la divulgazione illeciti del know-how e delle informazioni commerciali riservate (segreti commerciali). L annuncio è stato accolto con estremo favore dal Cefic e da BusinessEurope per i quali la proposta stimolerà l innovazione e renderà l UE più attraente per gli investimenti stranieri. Il testo della proposta è disponibile al seguente link: ECHA: PIÙ DATI SUI NANOMATERIALI Mentre continuano i lavori all interno della Commissione europea per analizzare l impatto di una modifica degli allegati del REACH per meglio includere i nanomateriali, l Agenzia europea per le sostanze chimiche, ECHA, ha recentemente ribadito la necessità di maggiori dati sui nanomateriali. Wim de Coen, capo dell unità valutazioni, ha, infatti, affermato che attualmente solo una decina di sostanze sono state registrate come nanomateriali e ha quindi auspicato che le aziende aggiornino i dossier già registrati per fornire informazioni adeguate anche su eventuali forme nano. Per de Coen non si tratta di voler far test aggiuntivi su ogni cosa e nemmeno di voler stigmatizzare i nanomateriali - ma di rendere più semplici i read across per le aziende. Al termine del workshop, organizzato dall associazione delle industrie di nanotecnologia, i presenti hanno concordato sulla necessità di un dialogo costruttivo tra autorità e industria. BPA, LA DISCUSSIONE INFINITA Che la Francia stia adottando misure sempre più severe sulle sostanze chimiche è ormai un dato di fatto. Dopo la strategia nazionale sugli interferenti endocrini, il registro nazionale sui nanomateriali è ora la volta del BPA (Bisfenolo A). La Francia ha proposto una classificazione ed etichettatura armonizzata del BPA che ne innalza il grado di tossicità per la riproduzione. Questa proposta è stata duramente criticata dalla Germania e, in parte, dall Olanda e dalla Gran Bretagna per le quali la Francia avrebbe basato la sua analisi su un numero ristretto di studi ignorandone altri e concentrandosi sull ipotesi, molto controversa a livello scientifico, di effetti a basse dosi. Più allineate con la proposta francese si sono dimostrate Norvegia, Svezia, Danimarca, Italia e Belgio. Per la Svezia e l ONG svedese ChemSec, invece, il livello di tossicità attribuito al BPA dovrebbe essere ancora più elevato rispetto a quanto suggerito dalla Francia. A cura della Delegazione di Federchimica presso l Unione Europea 10

11 AL VIA IL PIANO DI IMPLEMENTAZIONE DELLA TABELLA DI MARCIA DELL UE SULLE SVHC La Commissione europea e l ECHA hanno annunciato che il piano d implementazione per la tabella di marcia sulle sostanze molto pericolose (SVHC) è stato approvato, il 27 novembre, in seguito ad una riunione delle autorità competenti REACH e CLP. La tabella di marcia mira ad identificare ed includere nella candidate list del REACH tutte le sostanze SVHC entro il L'annuncio è stato fatto durante un evento sull'implementazione della tabella di marcia organizzata dalla Commissione europea per gli stakeholders. SACCHETTI DI PLASTICA: LA CORTE EUROPEA DI GIUSTIZIA CONFERMA LE SANZIONI La Corte di Giustizia dell UE ha confermato la partecipazione di Gascogne Sacco Deutschland, il Grouppo Gascogne e Kendrion ad un cartello riguardante i prezzi dei sacchetti di plastica. Di conseguenza ha convalidato quanto già convalidato dalla Commissione Europea nel 2005 e dalla Corte Generale nel 2011, e confermato le multe imposte a queste società. INIZIATIVE APERTE ALLA FIRMA Un'iniziativa dei cittadini costituisce un invito rivolto alla Commissione europea dai cittadini affinché proponga un atto legislativo su questioni per le quali l'ue ha la competenza di legiferare. Un'iniziativa deve essere sostenuta da almeno un milione di cittadini europei, di almeno 7 dei 28 Stati membri dell'ue. Per ciascuno dei 7 paesi è inoltre richiesto un numero minimo di firme: per l Italia Iniziative aperte alla firma Termine per la raccolta firme Iniziativa libera europea di 25/11/2014 Vaping Weed like to talk 20/11/2014 Iniziativa Europea per il 19/08/ /08/2014 Pluralismo dei Media Obiettivo dell iniziativa Classificazione delle sigarette elettroniche e dei prodotti relativi come i prodotti ricreativi per tutti gli usi e non come medicinali, il tabacco o simili prodotti, indipendentemente dal contenuto della nicotina. Legalizzare la cannabis. L ECI Weed like to talk punta su fare adottare all'ue una politica comune sul controllo e sulla regolamentazione di produzione della cannabis, sull uso e la vendita. Protezione del pluralismo dei media attraverso la parziale armonizzazione delle legislazioni nazionali relative alla proprietà e alla trasparenza, al conflitto d interesse con incarichi politici e all indipendenza degli A cura della Delegazione di Federchimica presso l Unione Europea 11

12 ACT 4 Growth 10/06/2014 Lasciatemi votare 28/01/2014 Fermiamo l Ecocidio in 21/01/2014 Europa: un Iniziativa dei Cittadini per dare Diritti alla Terra Single Communication 03/12/2013 Tariff Act organismi di regolamentazione. L ECI ha 4 proposte concrete d'intervento politico per lo sviluppo dell'imprenditorialità femminile come strategia per una crescita economica sostenibile in Europa. Integrare i diritti del cittadino europeo elencati nell'articolo 20 2 TFUE (Trattato sul Funzionamento dell UE) col diritto di votare ad ogni elezione politica nello Stato membro di residenza alle stesse condizioni dei cittadini di detto Stato. Invitiamo la Commissione Europea ad approvare una legislazione che proibisca, prevenga ed ostacoli l ecocidio il danneggiamento estensivo, la distruzione o la perdita dell ecosistema di un determinato territorio. Eliminare i costi del roaming in Europa, creare un mercato unico della telefonia per i cittadini europei. E-CONSULTATIONS Queste consultazioni sono aperte a tutti i cittadini europei 1. Consultazione pubblica sulle biotecnologie marine, scade il 10 febbraio Per partecipare alla consultazione visitare il seguente sito internet: AGENDA PARLAMENTO EUROPEO 9-12 dicembre Sessione Plenaria, Strasburgo Voto sulla proposta di Backloading (ritiro temporaneo di 900 milioni di quote dall Emission Trading System). CONSIGLIO DELL UE 2-3 dicembre Consiglio Competitività Adozione di conclusioni sulla Politica industriale, Mercato unico e la Smart Regulation. Approvazione del Regolamento Bio Based Industries Joint Undertaking. A cura della Delegazione di Federchimica presso l Unione Europea 12

13 CONSIGLIO EUROPEO dicembre COMMISSIONI PARLAMENTARI 2 dicembre Riunione congiunta Commissione Industria, Ricerca ed Energia (ITRE) e Commissione Ambiente, Sanità Pubblica e Sicurezza Alimentare (ENVI). Discussione congiunta su un quadro per le politiche dell'energia e del clima all'orizzonte Punti centrali nuovi obiettivi per il 2030 e riforma del sistema ETS (Emission Trading System) dicembre Commissione Mercato Interno e Protezione dei Consumatori (IMCO) dicembre Commissione Industria, Ricerca ed Energia (ITRE) dicembre Commissione Ambiente, Sanità Pubblica e Sicurezza Alimentare (ENVI) Voto sulla proposta di regolamento sulle tariffe da pagare all EMA per la farmacovigilanza. 17 dicembre Commissione Commercio Internazionale (INTA) 3 dicembre Consiglio Affari esteri 5 dicembre Consiglio Trasporti e Telecomunicazioni Adozione di un approccio generale sulla proposta di Direttiva sulla realizzazione di una rete di infrastrutture per i carburanti alternativi. 5-6 dicembre Consiglio Giustizia e Affari Interni 12 dicembre Consiglio Affari esteri 12 dicembre Consiglio Energia Adozione da parte dei 28 Ministri Ue dell Energia di una posizione sulla Direttiva biocarburanti ILUC. 13 dicembre Consiglio Ambiente dicembre Consiglio Agricoltura e Pesca dicembre Consiglio Affari Generali CONTATTI Marcello Accorsi, Tel.: Francesca Grapulin Felluga, Tel.: Andrea Bonetti, Tel.: Delegazione di Federchimica presso l Unione Europea Avenue de la Joyeuse Entrée 1 - B 1040 Bruxelles. Fax: Proprietario/Editore: Federazione Nazionale dell Industria Chimica - Federchimica Via Giovanni da Procida Milano Direttore Responsabile: Claudio Benedetti Registrazione presso il Tribunale di Milano n. 153 del 20/05/2013 A cura della Delegazione di Federchimica presso l Unione Europea 13

L UE PER LE PMI Notizie da Bruxelles

L UE PER LE PMI Notizie da Bruxelles L UE PER LE PMI Notizie da Bruxelles n 4 Marzo/Aprile 2014 in collaborazione con S O M M A R I O A C C E S S O A I F I N A N Z I A M E N T I Horizon 2020 Operativo lo strumento PMI N E W S D A L L E I

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

I Finanziamenti dell Unione Europea nella Programmazione 2014-20: HORIZON 2020 e COSME. Programma Operativo Regione Piemonte FESR (POR FESR)

I Finanziamenti dell Unione Europea nella Programmazione 2014-20: HORIZON 2020 e COSME. Programma Operativo Regione Piemonte FESR (POR FESR) I Finanziamenti dell Unione Europea nella Programmazione 2014-20: HORIZON 2020 e COSME Programma Operativo Regione Piemonte FESR (POR FESR) Torino, 20 novembre 2014 Europa 2020 Europa 2020 è un documento

Dettagli

Le Materie Prime nel programma "Orizzonte 2020"

Le Materie Prime nel programma Orizzonte 2020 Le Materie Prime nel programma "Orizzonte 2020" Info Day 2 Ottobre 2015, Roma Mattia Pellegrini, Commissione Europea Direzione generale del Mercato interno, dell industria, dell imprenditoria e delle PMI

Dettagli

Obiettivi e Strumenti

Obiettivi e Strumenti Libro verde sul quadro al 2030 per le politiche energetiche e climatiche Consultazione pubblica del Ministero dello Sviluppo Economico Risposte Confindustria Confindustria considera il tema affrontato

Dettagli

La nuova politica di gestione dei rifiuti: riutilizzo, riciclaggio, green economy. Rosanna Laraia

La nuova politica di gestione dei rifiuti: riutilizzo, riciclaggio, green economy. Rosanna Laraia La nuova politica di gestione dei rifiuti: riutilizzo, riciclaggio, green economy Rosanna Laraia 1. Introduzione Tutti gli atti strategici e regolamentari dell Unione Europea, a partire dal VI Programma

Dettagli

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA Noi, i Ministri dell Energia di Canada, Francia, Germania, Italia,

Dettagli

PATTO DI INDIRIZZO PER LE SMART CITY

PATTO DI INDIRIZZO PER LE SMART CITY PATTO DI INDIRIZZO PER LE SMART CITY PREMESSO CHE: Il Panel Inter-Governativo sui Cambiamenti Climatici (IPCC) ha confermato che il cambiamento climatico é una realtà e la cui causa principale é l utilizzo

Dettagli

RELAZIONE DEL GRUPPO AD ALTO LIVELLO SULLO SVILUPPO DI UNO SPAZIOUNICO EUROPEO DEI TRASPORTI SINTESI DELLE RACCOMANDAZIONI

RELAZIONE DEL GRUPPO AD ALTO LIVELLO SULLO SVILUPPO DI UNO SPAZIOUNICO EUROPEO DEI TRASPORTI SINTESI DELLE RACCOMANDAZIONI RELAZIONE DEL GRUPPO AD ALTO LIVELLO SULLO SVILUPPO DI UNO SPAZIOUNICO EUROPEO DEI TRASPORTI Giugno 2012 Gruppo ad alto livello presieduto dal professor B. T. Bayliss SINTESI DELLE RACCOMANDAZIONI Il gruppo

Dettagli

I Bandi Europei: Eco Innovation e Intelligent Energy Europe, LIFE+

I Bandi Europei: Eco Innovation e Intelligent Energy Europe, LIFE+ 3 Workshop di R&S Opportunità finanziarie per la ricerca delle Imprese Chimiche nei settori energetici e ambientali I Bandi Europei: Eco Innovation e Intelligent Energy Europe, LIFE+ Stefano Toffanin Milano,

Dettagli

La programmazione UE 2014-2020 per una crescita sostenibile e solidale

La programmazione UE 2014-2020 per una crescita sostenibile e solidale La programmazione UE 2014-2020 per una crescita sostenibile e solidale Il Consiglio dell Unione europea ha adottato a dicembre 2013 il Regolamento relativo al Quadro Finanziario Pluriennale per il periodo

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 10.06.2004 COM(2004)415 definitivo COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO Piano d azione europeo per l agricoltura biologica

Dettagli

NOTIZIE DALL'EUROPA CUP Newsletter - Febbraio 2016

NOTIZIE DALL'EUROPA CUP Newsletter - Febbraio 2016 NOTIZIE DALL'EUROPA CUP Newsletter - Febbraio 2016 NOTIZIE DALL'EUROPA RICERCA E INNOVAZIONE RESPONSABILI COLLABORAZIONE TRA SCIENZA E SOCIETÀ CIVILE L RRI è il processo che allinea la ricerca e l innovazione

Dettagli

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti L EUROPA E LE RISORSE AMBIENTALI, ENERGETICHE E ALIMENTARI BOLOGNA, 16 MARZO 2015 LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA Silva Marzetti Scuola di Economia, Management e Statistica Università

Dettagli

PREFAZIONE. Janez Potoc nik Commissario europeo per la Scienza e la ricerca

PREFAZIONE. Janez Potoc nik Commissario europeo per la Scienza e la ricerca PREFAZIONE Nel marzo del 2005, i leader dell UE hanno rilanciato la strategia di Lisbona con un nuovo partenariato per la crescita e l occupazione. La costruzione della società della conoscenza e una crescita

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato CAPEZZONE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato CAPEZZONE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2397 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato CAPEZZONE Riforma della disciplina delle tasse automobilistiche e altre disposizioni concernenti

Dettagli

EUROPA PER LE IMPRESE N E W S L E T T E R

EUROPA PER LE IMPRESE N E W S L E T T E R EUROPA PER LE IMPRESE N E W S L E T T E R L E D I T O R I A L E Riunione del Comitato Tecnico Europa a Bruxelles di Giorgio Squ inzi Presidente Comitato Tecnico per l Europa N.89 G I U G N O 2011 Il 14

Dettagli

Come nella cultura, anche nel settore della ricerca l Unione Europea ha riversato non poche attenzioni.

Come nella cultura, anche nel settore della ricerca l Unione Europea ha riversato non poche attenzioni. DOSSIER RICERCA & INNOVAZIONE Come nella cultura, anche nel settore della ricerca l Unione Europea ha riversato non poche attenzioni. Nel 2007 è stato creato in Europa il Consiglio Europeo della Ricerca

Dettagli

Programma volto a migliorare la competitività delle imprese e in particolare delle PMI (2014-2020) (COSME)

Programma volto a migliorare la competitività delle imprese e in particolare delle PMI (2014-2020) (COSME) Programma volto a migliorare la competitività delle imprese e in particolare delle PMI (2014-2020) (COSME) Obiettivo Il passaggio dalla programmazione 2007-13 a quella 2014-2020 porterà molti cambiamenti

Dettagli

Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma

Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma Documento basato sui risultati della Conferenza di Roma, 17 e 18 novembre 2014 In occasione della Presidenza

Dettagli

Oggetto: Adesione al Patto dei Sindaci (Covenant of Mayors) per l'energia sostenibile.

Oggetto: Adesione al Patto dei Sindaci (Covenant of Mayors) per l'energia sostenibile. C.C. n. 12 del 14/04/2010 Oggetto: Adesione al Patto dei Sindaci (Covenant of Mayors) per l'energia sostenibile. Il Sindaco-Presidente riferisce che: 1. nel novembre 2005 la Commissione Europea ha lanciato

Dettagli

Essere leader nella Green Economy. Percorso formativo

Essere leader nella Green Economy. Percorso formativo Essere leader nella Green Economy Percorso formativo L urgenza di innovare il modello produttivo e di mercato che ha causato la crisi economica e ambientale che stiamo vivendo, sta aprendo spazi sempre

Dettagli

Corso Tecnico di redazione di progetti Europei

Corso Tecnico di redazione di progetti Europei Corso Tecnico di redazione di progetti Europei PROGRAMMAZIONE 2014-202O Si sta aprendo il cantiere della programmazione dei Fondi europei 2014-2020. L Unione Europea ha già presentato una strategia generale

Dettagli

Il Settimo Programma Quadro e le opportunità per le PMI del Mezzogiorno. Giocare d anticipo per vincere le sfide del futuro

Il Settimo Programma Quadro e le opportunità per le PMI del Mezzogiorno. Giocare d anticipo per vincere le sfide del futuro Il Settimo Programma Quadro e le opportunità per le PMI del Mezzogiorno Giocare d anticipo per vincere le sfide del futuro Contesto della proposta (1) La conoscenza costituisce il fulcro dell Agenda di

Dettagli

Agenda 2030 per uno sviluppo sostenibile

Agenda 2030 per uno sviluppo sostenibile Agenda 2030 per uno sviluppo sostenibile L Agenda 2030 in breve Perché c è bisogno di obiettivi globali per uno sviluppo sostenibile? Il mondo deve far fronte a grandi sfide come la povertà estrema, il

Dettagli

POLITICHE E MISURE PER LA CRESCITA SOSTENIBILE DELL ITALIA

POLITICHE E MISURE PER LA CRESCITA SOSTENIBILE DELL ITALIA Il Ministro dell Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare POLITICHE E MISURE PER LA CRESCITA SOSTENIBILE DELL ITALIA IL QUADRO DI RIFERIMENTO EUROPEO Le politiche e misure per la crescita e lo

Dettagli

Innovare significa cogliere i cambiamenti, questo è il nostro DNA CHI SIAMO

Innovare significa cogliere i cambiamenti, questo è il nostro DNA CHI SIAMO CHI SIAMO Vendor propone soluzioni di Efficienza Energetica e Finanziaria per le imprese private e pubbliche, avvalendosi di un team composto da professionisti con esperienza decennale nel settore. In

Dettagli

Politica di coesione post 2013 e obiettivi di Europa 2020. Regione del Veneto Assessorato al Bilancio e agli Enti Locali Direzione Programmazione

Politica di coesione post 2013 e obiettivi di Europa 2020. Regione del Veneto Assessorato al Bilancio e agli Enti Locali Direzione Programmazione Politica di coesione post 2013 e obiettivi di Europa 2020 Regione del Veneto Assessorato al Bilancio e agli Enti Locali Direzione Programmazione 1 Il contesto globale Accelerazione e intensificazione delle

Dettagli

Energia ed automotive: la rivoluzione è già in atto. Ing. Luigi Di Matteo Area Professionale Tecnica- ACI

Energia ed automotive: la rivoluzione è già in atto. Ing. Luigi Di Matteo Area Professionale Tecnica- ACI Energia ed automotive: la rivoluzione è già in atto. Ing. Luigi Di Matteo Area Professionale Tecnica- ACI Decreto Legislativo 30 maggio 2005, n. 128 Attuazione della direttiva 2003/30/CE relativa alla

Dettagli

IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO

IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO La ricerca europea in azione IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO (7º PQ) Portare la ricerca europea in primo piano Per alzare il livello della ricerca europea Il Settimo programma quadro per la ricerca e lo sviluppo

Dettagli

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC?

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC? La PAC che verrà: Smart change or business as usual? La posizione ufficiale IFOAM EU sulla prossima riforma PAC 2014 2020 Alessandro Triantafyllidis, IFOAM EU Group Siamo a metà dell attuale periodo di

Dettagli

DDL "Legge annuale per il mercato e la concorrenza" (A.C. 3012)

DDL Legge annuale per il mercato e la concorrenza (A.C. 3012) FEDERCHIMICA CONFINDUSTRIA ASSOGASLIQUIDI Associazione Nazionale imprese gas liquefatti La norma DDL "Legge annuale per il mercato e la concorrenza" (A.C. 3012) Articolo 22 - Disposizioni riguardanti la

Dettagli

1 PARTE CARATTERISTICHE DEL SOGGETTO CONSULTATO

1 PARTE CARATTERISTICHE DEL SOGGETTO CONSULTATO 1 PARTE CARATTERISTICHE DEL SOGGETTO CONSULTATO 1. Sesso maschile femminile 2. Età anni 14-17 18-25 26-35 36-60 più di 60 3. In quale settore/i svolgi prioritariamente la tua attività? Ricerca Pubblica

Dettagli

La prospettiva italiana dell economia circolare nel contesto internazionale ed europeo

La prospettiva italiana dell economia circolare nel contesto internazionale ed europeo La prospettiva italiana dell economia circolare nel contesto internazionale ed europeo Benedetta Dell Anno Dipartimento per lo Sviluppo Sostenibile, Senior policy advisor TA Sogesid DIV IV Affari Europei

Dettagli

SEGNALAZIONE N. 37/2014 DEL 09.10.2014 A CURA DELLA DIREZIONE GENERALE DELLA PRESIDENZA SERVIZIO PER L UFFICIO DI BRUXELLES

SEGNALAZIONE N. 37/2014 DEL 09.10.2014 A CURA DELLA DIREZIONE GENERALE DELLA PRESIDENZA SERVIZIO PER L UFFICIO DI BRUXELLES SEGNALAZIONE N. 37/2014 DEL 09.10.2014 A CURA DELLA DIREZIONE GENERALE DELLA PRESIDENZA SERVIZIO PER L UFFICIO DI BRUXELLES AVENUE DES ARTS, 3-4-5, 1210 BRUXELLES TEL. +32(0)2.894.99.70 FAX +32(0)2.894.99.71

Dettagli

Il Sesto programma quadro di ricerca dell Unione europea

Il Sesto programma quadro di ricerca dell Unione europea COMMISSIONE EUROPEA DIREZIONE GENERALE DELLA RICERCA Il Sesto programma quadro di ricerca dell Unione europea Quesiti più frequenti Cos è il programma quadro (PQ) di ricerca dell Unione europea? Il PQ

Dettagli

Gli schemi finanziari utilizzabili per le attività di R&S

Gli schemi finanziari utilizzabili per le attività di R&S Il settore strategico delle acque: come l innovazione chimica può aumentarne la sostenibilità Gli schemi finanziari utilizzabili per le attività di R&S Stefano Toffanin Ferrara, 21 maggio 2010 Quartiere

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE PARERE DELLA COMMISSIONE

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE PARERE DELLA COMMISSIONE COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 28.11.2006 COM(2006)759 definitivo 2004/0218 (COD) PARERE DELLA COMMISSIONE a norma dell'articolo 251, paragrafo 2, terzo comma, lettera c) del trattato CE,

Dettagli

Università degli Studi di Firenze. Energetica: obiettivi, norme e gas climalteranti. Prof. Ing. GIORGIO RAFFELLINI

Università degli Studi di Firenze. Energetica: obiettivi, norme e gas climalteranti. Prof. Ing. GIORGIO RAFFELLINI Università degli Studi di Firenze Facoltà di Architettura Dipartimento di Tecnologia e Design Pierluigi Spadolini Energetica: obiettivi, norme e gas climalteranti. Prof. Ing. GIORGIO RAFFELLINI Programma

Dettagli

Tlc: la Ue pronta a rimuovere almeno un terzo dei mercati soggetti a regole exante

Tlc: la Ue pronta a rimuovere almeno un terzo dei mercati soggetti a regole exante Publication: Key4Biz Tlc: la Ue pronta a rimuovere almeno un terzo dei mercati soggetti a regole exante La Reding ribadisce la necessità di un'authority europea e di un'agenzia Ue per lo spettro. La liberalizzazione

Dettagli

Il Programma Nazionale dello Sviluppo Rurale (PNDR) 2014-2020 all esame della Commissione Europea

Il Programma Nazionale dello Sviluppo Rurale (PNDR) 2014-2020 all esame della Commissione Europea Il Programma Nazionale dello Sviluppo Rurale (PNDR) 2014-2020 all esame della Commissione Europea Il Ministero dell Agricoltura e dello Sviluppo Rurale (MADR) ha trasmesso il 21 marzo alla Commissione

Dettagli

VADE RETRO CO2: PERCHÈ RESPINGERE LE RICHIESTE DELLA LOBBY DELL AUTO E DEL GOVERNO BERLUSCONI

VADE RETRO CO2: PERCHÈ RESPINGERE LE RICHIESTE DELLA LOBBY DELL AUTO E DEL GOVERNO BERLUSCONI Affrontare i cambiamenti climatici è cruciale per la salvaguardia del futuro del pianeta. Per l'europa significa avere nuove importanti opportunità. É arrivato il momento di coglierle con fiducia, e con

Dettagli

IL FONDO EUROPEO PER GLI INVESTIMENTI STRATEGICI

IL FONDO EUROPEO PER GLI INVESTIMENTI STRATEGICI Un piano di investimenti per l Europa IL FONDO EUROPEO PER GLI INVESTIMENTI STRATEGICI REG2015/1017 Audizione presso la XIV Commissione del Senato Politiche dell Unione europea Roma, 22 luglio 2015 Adozione

Dettagli

Safe: rifiuti, l energia che non costa Terzo appuntamento con i workshop tematici organizzati dall associazione

Safe: rifiuti, l energia che non costa Terzo appuntamento con i workshop tematici organizzati dall associazione Safe: rifiuti, l energia che non costa Terzo appuntamento con i workshop tematici organizzati dall associazione Roma, 6 luglio - L energia che non costa rappresenta una valida alternativa alle fonti fossili

Dettagli

progredire con gli strumenti finanziari ESIF Il Fondo Europeo di Sviluppo Regionale Strumenti finanziari

progredire con gli strumenti finanziari ESIF Il Fondo Europeo di Sviluppo Regionale Strumenti finanziari progredire con gli strumenti finanziari ESIF Il Fondo Europeo di Sviluppo Regionale Gli strumenti finanziari co-finanziati dai Fondi Strutturali e di Investimento Europei permettono di investire, in modo

Dettagli

LA POLITICA ENERGETICA DELL UNIONE EUROPEA

LA POLITICA ENERGETICA DELL UNIONE EUROPEA LA POLITICA ENERGETICA DELL UNIONE EUROPEA Che ruolo ha l energia nel processo di integrazione europea? L energia è il motore dell Europa. Il benessere di persone, industrie ed economia dipende da un energia

Dettagli

Attuazione e applicazione del regolamento REACH: sfide e prospettive Milano, 21 maggio 2010

Attuazione e applicazione del regolamento REACH: sfide e prospettive Milano, 21 maggio 2010 Attuazione e applicazione del regolamento REACH: sfide e prospettive Milano, 21 maggio 2010 Ruolo della Commissione Europea, degli Stati membri e delle Regioni Dott. Carlo Zaghi Dirigente Divisione VII

Dettagli

Il sostegno europeo alle PMI Horizon 2020 e COSME

Il sostegno europeo alle PMI Horizon 2020 e COSME Il sostegno europeo alle PMI Horizon 2020 e COSME ReACT4FUNDS 14 Febbraio 2014 Andrea Golfieri Support Programmes DG Enterprise and Industry Il contesto: Europa 2020 CRESCITA INTELLIGENTE CRESCITA SOSTENIBILE

Dettagli

Verso lo Spazio Europeo dell Istruzione Superiore Comunicato dei Ministri Europei dell istruzione superiore Praga, 19 maggio 2001

Verso lo Spazio Europeo dell Istruzione Superiore Comunicato dei Ministri Europei dell istruzione superiore Praga, 19 maggio 2001 Verso lo Spazio Europeo dell Istruzione Superiore Comunicato dei Ministri Europei dell istruzione superiore Praga, 19 maggio 2001 1. Due anni dopo la firma della Dichiarazione di Bologna e tre dopo quella

Dettagli

ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO TTMLM/2013/14. Riunione Tecnica Tripartita sulla Migrazione per Lavoro

ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO TTMLM/2013/14. Riunione Tecnica Tripartita sulla Migrazione per Lavoro Conclusioni 1 La Riunione Tecnica Tripartita sulla migrazione per lavoro, ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO Riunione Tecnica Tripartita sulla Migrazione per Lavoro TTMLM/2013/14 Ginevra, 4-8 novembre

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica 14 a Commissione Politiche dell Unione europea Audizione Audizione sull Atto n. 227 Affare assegnato "Il Programma di lavoro della Commissione per il 2014 e la Relazione programmatica

Dettagli

Mercato interno: la Commissione presenta un piano in dieci punti per migliorare il benessere dell Europa

Mercato interno: la Commissione presenta un piano in dieci punti per migliorare il benessere dell Europa IP/03/645 Bruxelles, 7 maggio 2003 Mercato interno: la Commissione presenta un piano in dieci punti per migliorare il benessere dell Europa La Commissione europea ha pubblicato la strategia per il mercato

Dettagli

Bando: Horizon 2020 dedicated SME Instrument Phase 1, 2014-2015- H2020-SMEINST-1-2015 Strumento dedicato alle PMI

Bando: Horizon 2020 dedicated SME Instrument Phase 1, 2014-2015- H2020-SMEINST-1-2015 Strumento dedicato alle PMI Bandi Pilastro Sfide della società I bandi del pilastro Sfide della società riguardano le sfide sociali identificate nella strategia Europa 2020 e concentrano i finanziamenti su tematiche come: la salute,

Dettagli

Ambiente e produzione di energia da fonti rinnovabili: minaccia o opportunità

Ambiente e produzione di energia da fonti rinnovabili: minaccia o opportunità Ambiente e produzione di energia da fonti rinnovabili: minaccia o opportunità I giovani imprenditori di Confagricoltura credono fermamente nello sviluppo delle energie rinnovabili ed in particolare delle

Dettagli

Quadro finanziario pluriennale dell Unione europea (UE) per il periodo 2014-2020. Cristiano "R"ipoli

Quadro finanziario pluriennale dell Unione europea (UE) per il periodo 2014-2020. Cristiano Ripoli Quadro finanziario pluriennale dell Unione europea (UE) per il periodo 2014-2020 All interno di una «politica di coesione» (Politica di coesione 2014-2020)......mobilitare fino a 366,8 miliardi di euro

Dettagli

Investire nell azione per il clima, investire in LIFE

Investire nell azione per il clima, investire in LIFE Investire nell azione per il clima, investire in LIFE UNA PANORAMICA DEL NUOVO SOTTOPROGRAMMA LIFE AZIONE PER IL CLIMA 2014-2020 istock Azione per il clima Cos è il nuovo sottoprogramma LIFE Azione per

Dettagli

I fattori della competitività: presentazione del Rapporto Doing Business Subnational in Italy 2013

I fattori della competitività: presentazione del Rapporto Doing Business Subnational in Italy 2013 I fattori della competitività: presentazione del Rapporto Doing Business Subnational in Italy 2013 Intervento di Fabrizio Saccomanni Direttore Generale della Banca d Italia Roma, 14 novembre Sono molto

Dettagli

Register ID: 83425058760-88 CONSIDERAZIONI GENERALI

Register ID: 83425058760-88 CONSIDERAZIONI GENERALI Risposta di Federacciai alla consultazione pubblica sulle misure strutturali per rafforzare il sistema ETS contenute nel Report della Commissione The state of the European carbon market in 2012 Register

Dettagli

Sarasin Sustainable Bond

Sarasin Sustainable Bond Sarasin Sustainable Bond Profilo di sviluppo sostenibile Situazione: agosto 2012 1 : Il fondo è stato verificato dal Comitato consultivo per lo sviluppo sostenibile e soddisfa i requisiti previsti per

Dettagli

Dichiarazione conclusiva della missione del Fondo Monetario Internazionale nell Eurozona (Giugno 2014)

Dichiarazione conclusiva della missione del Fondo Monetario Internazionale nell Eurozona (Giugno 2014) RESeT INTERNAZIONALE Fondo Monetario Internazionale FONDO MONETARIO INTERNAZIONALE ED. IT. DI ALDO CARBONE 19 Giugno 2014 Dichiarazione conclusiva della missione del Fondo Monetario Internazionale nell

Dettagli

LE ISTITUZIONI DELL UNIONE EUROPEA

LE ISTITUZIONI DELL UNIONE EUROPEA LE ISTITUZIONI DELL UNIONE EUROPEA L UE è uno Stato, una confederazione, una federazione, un organizzazione internazionale? È un organizzazione internazionale dotata di ampi poteri che configurano cessioni

Dettagli

LA POLITICA DELL UNIONE EUROPEA IN FAVORE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE (PMI): SMALL BUSINESS ACT

LA POLITICA DELL UNIONE EUROPEA IN FAVORE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE (PMI): SMALL BUSINESS ACT LA POLITICA DELL UNIONE EUROPEA IN FAVORE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE (PMI): SMALL BUSINESS ACT Che cosa è lo Small Business Act? Tenuto conto del contesto globale, caratterizzato da continui mutamenti

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI DISEGNO DI LEGGE PRESENTATO DAL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI (RENZI)

CAMERA DEI DEPUTATI DISEGNO DI LEGGE PRESENTATO DAL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI (RENZI) Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 3053-A DISEGNO DI LEGGE PRESENTATO DAL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI (RENZI) E DAL MINISTRO DEGLI AFFARI ESTERI E DELLA COOPERAZIONE

Dettagli

Se questo messaggio non è visualizzato correttamente, usa questo link. NEWSLETTER "L'EUROPA IN LINEA" - ANNO VII n 03 del 24.03.

Se questo messaggio non è visualizzato correttamente, usa questo link. NEWSLETTER L'EUROPA IN LINEA - ANNO VII n 03 del 24.03. Se questo messaggio non è visualizzato correttamente, usa questo link NEWSLETTER "L'EUROPA IN LINEA" - ANNO VII n 03 del 24.03.2010 La nostra offerta formativa Una delle maggiori criticità riscontrate

Dettagli

Grazie Presidente De Vita. Amici imprenditori, Autorità, Signore e Signori,

Grazie Presidente De Vita. Amici imprenditori, Autorità, Signore e Signori, Roma, 18 giugno 2008 INTERVENTO VIDEO DEL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO ON. CLAUDIO SCAJOLA ALL ASSEMBLEA ANNUALE DELL UNIONE PETROLIFERA Grazie Presidente De Vita. Amici imprenditori, Autorità, Signore

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

BANCA D ITALIA US EU TRANSATLANTIC TRADE AND INVESTMENT PARTNERSHIP (TTIP) Umberto Viviani Banca d Italia, Roma 27 marzo 2014 E U R O S I S T E M A

BANCA D ITALIA US EU TRANSATLANTIC TRADE AND INVESTMENT PARTNERSHIP (TTIP) Umberto Viviani Banca d Italia, Roma 27 marzo 2014 E U R O S I S T E M A BANCA D ITALIA E U R O S I S T E M A US EU TRANSATLANTIC TRADE AND INVESTMENT PARTNERSHIP (TTIP) Umberto Viviani Banca d Italia, Roma 27 marzo 2014 TTIP Outline della presentazione Rilevanza degli scambi

Dettagli

"Un'industria automobilistica europea più forte e competitiva"

Un'industria automobilistica europea più forte e competitiva COMMISSIONE EUROPEA Antonio TAJANI Vicepresidente della Commissione europea, responsabile per l'industria e l'imprenditoria "Un'industria automobilistica europea più forte e competitiva" Piano d azione

Dettagli

I finanziamenti europei. Fabrizio Spada Direttore della Rappresentanza a Milano della Commissione europea

I finanziamenti europei. Fabrizio Spada Direttore della Rappresentanza a Milano della Commissione europea I finanziamenti europei Fabrizio Spada Direttore della Rappresentanza a Milano della Commissione europea Quali fondi? Chi gestisce i fondi europei? COMMISSIONE; 22% PAESI TERZI E ORG INTERNAZ; 2% STATI

Dettagli

30.12.2010 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 346/5

30.12.2010 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 346/5 30.12.2010 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 346/5 REGOLAMENTO (UE) N. 1233/2010 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 15 dicembre 2010 che modifica il regolamento (CE) n. 663/2009 che istituisce

Dettagli

ALLEGATO 1 C SINTESI DEL PROGRAMMA OPERATIVO PER I CITTADINI

ALLEGATO 1 C SINTESI DEL PROGRAMMA OPERATIVO PER I CITTADINI ALLEGATO 1 C SINTESI DEL PROGRAMMA OPERATIVO PER I CITTADINI SINTESI DEL PROGRAMMA OPERATIVO PER I CITTADINI La Regione Emilia-Romagna giunge all appuntamento con il nuovo periodo di programmazione dei

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. per le attività di cooperazione relative a EXPO Milano 2015. tra. l Autorità Nazionale Anticorruzione italiana (A.N.AC.

PROTOCOLLO D INTESA. per le attività di cooperazione relative a EXPO Milano 2015. tra. l Autorità Nazionale Anticorruzione italiana (A.N.AC. PROTOCOLLO D INTESA per le attività di cooperazione relative a EXPO Milano 2015 tra l Autorità Nazionale Anticorruzione italiana (A.N.AC.) e l Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico

Dettagli

Lo Sviluppo Rurale verso il 2020 Accordo / Contratto di partenariato

Lo Sviluppo Rurale verso il 2020 Accordo / Contratto di partenariato Lo Sviluppo Rurale verso il 2020 Accordo / Contratto di partenariato Comitato di Sorveglianza PSR 2007/2013 Olof S. Roma, 31 Maggio 2012 Indice 1. Il contesto della riforma 2. L approccio alla programmazione

Dettagli

Finanziamenti dell Unione europea: fonti di informazione on-line

Finanziamenti dell Unione europea: fonti di informazione on-line Finanziamenti dell Unione europea: fonti di informazione on-line Principali Fonti UE di aggiornamento Eur-Lex Legislazione in vigore e in preparazione a cura dell Ufficio delle pubblicazioni ufficiali

Dettagli

THE ISSUE/NEREUS Pubblicazione congiunta

THE ISSUE/NEREUS Pubblicazione congiunta THE ISSUE/NEREUS Pubblicazione congiunta Richiesta contributi Le regioni partner di THE ISSUE Progetto FP7 e Nereus - Rete delle regioni europee utilizzatrici di Tecnologie Spaziali - richiedono contributi

Dettagli

Onorevole Ministro Bersani, Onorevole Presidente Vendola, Onorevole Sindaco Emiliano, Prof. Frey, Signore, Signori,

Onorevole Ministro Bersani, Onorevole Presidente Vendola, Onorevole Sindaco Emiliano, Prof. Frey, Signore, Signori, Discorso della Commissaria D. Hübner "Politica di Coesione ed energia sostenibile, competitiva e sicura Conferenza sulla nuova politica di sviluppo prevista dal QSN 2007-2013 Energia Sostenibile, Competitiva

Dettagli

SISTEMI NORMATIVI E ISTITUZIONALI NAZIONALI E DELL UNIONE EUROPEA NEL SETTORE TURISTICO E DEI BENI CULTURALI

SISTEMI NORMATIVI E ISTITUZIONALI NAZIONALI E DELL UNIONE EUROPEA NEL SETTORE TURISTICO E DEI BENI CULTURALI L Agenda 21 per il turismo europeo Nella comunicazione del novembre 2003, Orientamenti di base per la sostenibilità del turismo europeo 20, la Commissione europea preannunciava «una serie di provvedimenti

Dettagli

COMUNICATO STAMPA DA INTESA SANPAOLO NUOVE RISORSE PER LA PICCOLA E MEDIA IMPRESA: UN PLAFOND DI 10 MILIARDI E INIZIATIVE PER LA CRESCITA

COMUNICATO STAMPA DA INTESA SANPAOLO NUOVE RISORSE PER LA PICCOLA E MEDIA IMPRESA: UN PLAFOND DI 10 MILIARDI E INIZIATIVE PER LA CRESCITA COMUNICATO STAMPA Siglato il quinto accordo tra il Gruppo bancario e Piccola Industria Confindustria DA INTESA SANPAOLO NUOVE RISORSE PER LA PICCOLA E MEDIA IMPRESA: UN PLAFOND DI 10 MILIARDI E INIZIATIVE

Dettagli

FONDI EUROPEI 2014-2020

FONDI EUROPEI 2014-2020 FONDI EUROPEI 2014-2020 UNGHERIA Redatto da ICE Agenzia per la promozione all estero e l internazionalizzazione delle imprese italiane Ufficio di Budapest Desk Fondi Strutturali Budapest, marzo 2015 1

Dettagli

LE IMPRESE CHE FANNO GRANDE L EUROPA

LE IMPRESE CHE FANNO GRANDE L EUROPA LE IMPRESE CHE FANNO GRANDE L EUROPA NUMERI IN PILLOLE Roma - 08 maggio 2014 Sommario Il valore delle imprese che creano valore 3 Le piccole e medie imprese, esploratrici del mondo 8 Il dualismo del credito

Dettagli

Audizione dell Istituto nazionale di statistica Dott.ssa Angela Ferruzza Direzione centrale delle statistiche socio-demografiche e ambientali

Audizione dell Istituto nazionale di statistica Dott.ssa Angela Ferruzza Direzione centrale delle statistiche socio-demografiche e ambientali Proposta di Regolamento del Parlamento europeo e del Consiglio relativo alle statistiche europee in tema di gas naturale ed energia elettrica e che abroga la Direttiva 2008/92/CE del Parlamento europeo

Dettagli

Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento

Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento Edizione 2015 40 anni di analisi e ricerca sulle trasformazioni economiche e sociali in Italia e in Europa:

Dettagli

CONCLUSIONI CONFERENZA LIBERARE IL POTENZIALE DELL ECONOMIA SOCIALE PER LA CRESCITA EUROPEA: LA STRATEGIA DI ROMA.

CONCLUSIONI CONFERENZA LIBERARE IL POTENZIALE DELL ECONOMIA SOCIALE PER LA CRESCITA EUROPEA: LA STRATEGIA DI ROMA. CONCLUSIONI CONFERENZA LIBERARE IL POTENZIALE DELL ECONOMIA SOCIALE PER LA CRESCITA EUROPEA: LA STRATEGIA DI ROMA 18 Novembre, 2014 In occasione della Presidenza di turno del Consiglio dell Unione Europea,

Dettagli

L ITALIA VISTA DALL EUROPA Verso i traguardi di Lisbona: i risultati dell Italia 4a edizione - Marzo 2007

L ITALIA VISTA DALL EUROPA Verso i traguardi di Lisbona: i risultati dell Italia 4a edizione - Marzo 2007 L ITALIA VISTA DALL EUROPA Verso i traguardi di Lisbona: i risultati dell 4a edizione - Marzo 2007 SINTESI Confindustria pubblica per la quarta volta L vista dall Europa, documento annuale che fa il punto

Dettagli

Università degli Studi di Perugia. Ing. Andrea Nicolini La situazione energetica italiana

Università degli Studi di Perugia. Ing. Andrea Nicolini La situazione energetica italiana Università degli Studi di Perugia Ing. Andrea Nicolini La situazione energetica italiana 2 La situazione energetica italiana Domanda e offerta di energia Consumi di energia Fonti Energetiche Rinnovabili

Dettagli

MANIFESTO del Terzo Settore per la sostenibilità PREMESSA

MANIFESTO del Terzo Settore per la sostenibilità PREMESSA MANIFESTO del Terzo Settore per la sostenibilità PREMESSA Il Gruppo tematico Politiche ambientali e educazione chiede a tutte le realtà del Terzo Settore di impegnarsi per un futuro sostenibile e propone:

Dettagli

R E L A Z I O N E. Si illustrano di seguito i singoli articoli del decreto in esame.

R E L A Z I O N E. Si illustrano di seguito i singoli articoli del decreto in esame. DECRETO LEGISLATIVO RECANTE ATTUAZIONE DELLA DIRETTIVA 2006/66/CE CONCERNENTE PILE, ACCUMULATORI E RELATIVI RIFIUTI E CHE ABROGA LA DIRETTIVA 91/157/CEE. \ R E L A Z I O N E Il decreto legislativo in esame

Dettagli

DDL - Legge annuale per il mercato e la concorrenza (AC3012)

DDL - Legge annuale per il mercato e la concorrenza (AC3012) 2015 DDL - Legge annuale per il mercato e la concorrenza (AC3012) Audizione del presidente di ASSOPETROLI-ASSOENERGIA Andrea Rossetti Commissioni riunite VI e X Camera Roma, 15 giugno 2015 DDL CONCORRENZA

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE

PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE Allegato A alla delibera di Giunta n del. PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE PREMESSO CHE: Il 10 dicembre 1997, nell ambito della Convenzione Quadro sui Cambiamenti

Dettagli

INTERNAZIONALIZZAZIONE PASSIVA E ATTRATTIVITÀ

INTERNAZIONALIZZAZIONE PASSIVA E ATTRATTIVITÀ INTERNAZIONALIZZAZIONE PASSIVA E ATTRATTIVITÀ Se confrontata con i principali paesi europei, l Italia si colloca nella fascia bassa, per quanto riguarda la presenza di imprese estere sul proprio territorio.

Dettagli

Bruxelles, 22 aprile 2002

Bruxelles, 22 aprile 2002 Bruxelles, 22 aprile 2002 La Commissione europea ritiene, come Oxfam, che il commercio non comporti automaticamente vantaggi e che per promuovere la crescita nei paesi in via di sviluppo occorrano stabilità,

Dettagli

n. 52 settimana dal 14 all 18 giugno 2010 A cura della Delegazione di Confindustria presso l Ue

n. 52 settimana dal 14 all 18 giugno 2010 A cura della Delegazione di Confindustria presso l Ue ACCADE AL PE n. 52 settimana dal 14 all 18 giugno 2010 A cura della Delegazione di Confindustria presso l Ue SETTIMANA DAL 14 AL 18 GIUGNO Questa settimana hanno inviato i propri contributi: Anita, Assica

Dettagli

COME FARE IMPRESA IN REPUBBLICA CECA

COME FARE IMPRESA IN REPUBBLICA CECA COME FARE IMPRESA IN REPUBBLICA CECA OPPORTUNITA DI INVESTIMENTO Nel corso dell ultimo anno, il sistema economico ceco ha dimostrato, nonostante il rallentamento economico globale ed europeo, di poter

Dettagli

DDL - Legge annuale per il mercato e la concorrenza (AC3012)

DDL - Legge annuale per il mercato e la concorrenza (AC3012) 2015 DDL - Legge annuale per il mercato e la concorrenza (AC3012) Audizione del presidente di ASSOPETROLI-ASSOENERGIA Andrea Rossetti Commissioni riunite VI e X Camera Roma, 15 giugno 2015 DDL CONCORRENZA

Dettagli

Colora tu l avventura Alla scoperta dell energia

Colora tu l avventura Alla scoperta dell energia Colora tu l avventura Alla scoperta dell energia Energia deriva dalla parola greca energheia che significa attività. Nei tempi antichi il termine energia venne usato per indicare forza, vigore, potenza

Dettagli

Mercoledì 24 luglio 2013. www.europa.marche.it

Mercoledì 24 luglio 2013. www.europa.marche.it Mercoledì 24 luglio 2013 1 2 Data: 18 /07/2013 Diffusione: PROGRAMMA OPERATIVO FESR, VIA ALLE CONSULTAZIONI Spacca: Innovazione e Macroregione, le strade da seguire per recuperare le risorse - Ancona -

Dettagli

Iniziativa delle regioni europee sulla cantieristica navale e le industrie marittime

Iniziativa delle regioni europee sulla cantieristica navale e le industrie marittime Iniziativa delle regioni europee sulla cantieristica navale e le industrie marittime - Memorandum of Understanding - Iniziativa delle regioni europee sulla cantieristica navale e le industrie marittime

Dettagli

SOSTENIAMO I PARLAMENTARI EUROPEI

SOSTENIAMO I PARLAMENTARI EUROPEI SOSTENIAMO I PARLAMENTARI EUROPEI 3 / PER UN FUTURO A BASSA EMISSIONE DI CARBONIO L Europa si è impegnata a limitare l aumento della temperatura globale a 2 C. Sotto questo livello si calcola che gli impatti

Dettagli

Protocollo di Kyoto 1988 IPCC 1992 UN Framework Convention on Climate Change (UNFCCC) http://unfccc.int protocollo di Kyoto

Protocollo di Kyoto 1988 IPCC 1992 UN Framework Convention on Climate Change (UNFCCC) http://unfccc.int protocollo di Kyoto Protocollo di Kyoto Nel 1988 Intergovernmental Panel on Climate Change (IPCC) gruppo intergovernativo indipendente, informa l opinione pubblica e i politici sui progressi della ricerca sul cambiamento

Dettagli

LE NOVITÀ DELLA PROGRAMMAZIONE EUROPEA 2007-2013

LE NOVITÀ DELLA PROGRAMMAZIONE EUROPEA 2007-2013 LE NOVITÀ DELLA PROGRAMMAZIONE EUROPEA 2007-2013 Pierandrea Zotti Roma, 28 novembre 2008 Indice LE NOVITÀ DELLA PROGRAMMAZIONE EUROPEA 2007-2013 1. Le politiche di sviluppo economico dell Unione Europea:

Dettagli