Newsletter Europa. A cura della Delegazione di Federchimica presso l Unione Europea 1

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Newsletter Europa. A cura della Delegazione di Federchimica presso l Unione Europea 1"

Transcript

1 Newsletter Europa Numero 3 Anno 1 Periodico della Delegazione di Federchimica presso l Unione Europea Dicembre 2013 SOMMARIO PRIMO PIANO...p. 2 APPROFONDIMENTO...p. 7 FLASH NEWS p. 8 INIZIATIVE APERTE ALLA FIRMA...p. 11 E-CONSULTATIONS p. 12 AGENDA......p. 12 A cura della Delegazione di Federchimica presso l Unione Europea 1

2 PRIMO PIANO L ORIZZONTE DELLA R&I IN EUROPA DIVENTA FINALMENTE PIÙ NITIDO (continua a p. 2) ITALIA E SMART CITIES (continua a p. 3) LA LEGISLAZIONE EUROPEA É DAVVERO SMART? (continua a p. 3) COME POTENZIARE IL PESO DEI CARBURANTI ALTERNATIVI IN EUROPA? (continua a p. 4) SI FA PIÙ FORTE LA RICHIESTA DI POLITICHE COMUNITARIE PER I BIOCARBURANTI AVANZATI (continua a p. 5) NEGOZIATI USA E UE (continua a p. 5) VARSAVIA: ALTRO ROUND NEGOZIALE PER UN ACCORDO GLOBALE SUL CLIMA (continua a p. 6) 1 MILIONE DI FIRME PER FERMARE LA VIVISEZIONE (continua a p. 6) PRIMO PIANO L ORIZZONTE DELLA R&I IN EUROPA DIVENTA FINALMENTE PIÙ NITIDO A due anni dalla pubblicazione della proposta legislativa, i finanziamenti europei per la ricerca e innovazione europea nel periodo sono finalmente disponibili. Horizon 2020 prevede uno stanziamento complessivo di 70,2 miliardi di euro a prezzi costanti. Si tratta di una cifra più consistente del 30% rispetto al programma precedente. Molte sono le voci di interesse per il settore chimico che potrà accedere trasversalmente a diverse linee di finanziamento. Il budget è suddiviso, infatti, su tre pilastri: ricerca pura (24 miliardi), innovazione industriale (17 miliardi) e sfide sociali (circa 30 miliardi). Sono soprattutto queste ultime due voci ad essere particolarmente interessati per le imprese chimiche. La leadership industriale comprende, infatti, una serie di fondi volti a sviluppare le tecnologie chiavi per il futuro industriale quali nanotecnologie, le biotecnologie e i materiali avanzati. Le aziende chimiche potranno trovare spazio anche nei fondi per l'innovazione destinati ad affrontare le cosiddette sfide sociali del futuro come l'invecchiamento della popolazione, la sostenibilità, l energia e i trasporti, i cambiamenti climatici. In tutti questi casi la chimica può giocare un ruolo importante e i fondi totali messi a disposizione ammontano a quasi 30 miliardi per il periodo , di cui 4 solo per lo sviluppo della bioeconomia. Infine, molta attenzione sarà destinata alle PMI, le quali potranno accedere ad una percentuale riservata del budget ossia al 20% dei fondi destinati alla leadership industriale e alle sfide A cura della Delegazione di Federchimica presso l Unione Europea 2

3 sociali. Le PMI potranno usufruire, inoltre, di programmi specifici come COSME volto, con 3,4 miliardi di euro, ad agevolare l'accesso al credito. Il programma partirà ufficialmente il prossimo anno, ma i primi bandi sono già in fase di definizione e di lancio. Per maggiori informazioni consultare il link delle Direzione Generale Ricerca e Innovazione: ITALIA E SMART CITIES Di Smart Cities si parla da un po non solo a Bruxelles. Non è un caso se ben tre Commissari europei, il Commissario Oettingher per l energia, Kallas per i trasporti e Kroes per l agenda digitale, hanno unito gli sforzi per creare un partenariato europeo per l innovazione cui destinare circa 200 milioni di euro durante il biennio I fondi potranno essere oggetto di progetti presentati anche da imprese chimiche. Come migliorare la mobilità nelle città in Europa, come pensare le nuove infrastrutture urbane in modo tale da coinvolgere ex-ante i cittadini e le imprese, come diventare un modello per i Paesi emergenti cui esportare i progetti già realizzati nelle città europee. Sono alcuni quesiti emersi durante la riunione del partenariato europeo per l innovazione sulle Smart Cities and Communities che si è tenuta a Bruxelles il 26 novembre. Alla riunione hanno preso parte molte aziende spagnole e del Nord-Europa, dove numerosi progetti sono già in corso. Già nel 2011 la Commissione europea aveva lanciato un programma di 81 milioni di euro sulle Smart Cities e Communities riservato a progetti di natura energetica per migliorare l approvvigionamento, la distribuzione e la gestione delle reti energetiche cittadine. In seguito, il programma è stato ampliato anche ad altri settori come l ICT (information technology) e il trasporto incrementando il budget per il 2013 a 365 milioni di euro. Durante l incontro del 26 novembre, la Commissione ha poi annunciato che aprirà nella primavera 2014 la possibilità alle parti interessate di aderire al partenariato per poter sviluppare nuove collaborazioni e stimolare l innovazione nel settore. Il link cui attingere maggiori informazioni è il seguente: L'interesse verso le Smart Cities è molto sentito anche da Confindustria. Infatti, il Presidente Giorgio Squinzi è membro dell'high Level Group istituito dall'unione europea che sta elaborando delle linee programmatiche in vista dei futuri stanziamenti europei. LA LEGISLAZIONE EUROPEA É DAVVERO SMART? Probabilmente la prima risposta che viene in mente è un secco no. Tuttavia non si può negare che la Commissione europea ce la stia mettendo tutta per migliorare la sua attività e le sue proposte legislative, rendendole più a misura di PMI. Tuttavia i tentativi di pensare prima alle PMI e di calcolare l impatto economico delle proposte legislative non sembrano soddisfare pienamente l Associazione europea delle camere di commercio, Eurochambres, che ha recentemente criticato la metodologia usata dalla Commissione europea per valutare gli effetti delle proposte normative sulle PMI. A cura della Delegazione di Federchimica presso l Unione Europea 3

4 Secondo lo studio realizzato da Eurochambres, (http://www.eurochambres.eu/content/default.asp?pageid=1&docid=5794), le valutazioni d impatto realizzate dalla Commissione sarebbero superficiali e non sarebbero in grado di cogliere le reali criticità riscontrate dalle PMI. Linee guida ampie, la mancanza di una metodologia comune e di standard minimi lascerebbero troppa discrezionalità ai funzionari preposti alle analisi. COME POTENZIARE IL PESO DEI CARBURANTI ALTERNATIVI IN EUROPA? La riduzione delle emissioni di CO2 passa, secondo l UE, attraverso lo sviluppo dei carburanti alternativi che permetterebbero, per altro, di ridurre la dipendenza europea dalle materie prime fossili importate dal golfo o dalla Russia. Con questa convinzione, da tempo l Europa dibatte non solo di emissioni delle auto e biocarburanti, ma anche di qualità dei carburanti e di carburanti alternativi. Recentemente la Commissione Trasporti e Turismo del Parlamento europeo ha approvato, sotto la guida dell eurodeputato italiano Carlo Fidanza (Fratelli d Italia, PPE), una proposta di Direttiva che stabilisce degli obiettivi obbligatori di rafforzamento della struttura di rifornimento per carburanti alternativi quali l elettrico, l idrogeno, il gas naturale. La Direttiva contempla anche il GPL e il GNL che possono essere oggetto di misure specifiche nei piani di sviluppo strategico che ogni Stato membro dovrà preparare. Per il GNL si prevede, ad esempio, che ogni Stato membro si doti di almeno un punto di approvvigionamento per le autocisterne refrigerate. Il testo approvato dalla Commissione Trasporti del Parlamento è sicuramente ambizioso e sarà probabilmente osteggiato dai governi dei 28 Paesi UE, la cui approvazione è necessaria affinché la Direttiva possa entrare in vigore. Gli Stati temono, infatti, che obblighi numerici comportino un aumento dei costi in un momento in cui le finanze pubbliche continuano ad essere sotto stress. I ragionamenti di natura prettamente tecnica o ambientale si sono ben presto trasformati in occasioni per un acceso confronto politico ed industriale. Si pensi ad esempio alla proposta di adottare in tutta Europa lo standard tedesco per le ricariche elettriche, standard diverso da quello francese, o alle resistenze sul GPL di alcuni Paesi che stanno investendo principalmente sul metano, Germania in primis. La discussione in Parlamento ha poi fornito l occasione per riproporre le discussioni già avviate sulla qualità dei carburanti. Nel tentativo di alzare sempre più l asticella della salvaguardia ambientale in Europa si è infatti aggiunto un nuovo livello di differenziazione tra i carburanti. Non si vuole più parlare semplicemente di carburanti fossili o non fossili ma anche di convenzionali e non convenzionali tra i fossili. D innanzi all aumentare della produzione globale di petrolio e gas naturale da fonti non convenzionali quali i gas di scisto e il petrolio da sabbie bituminose, la Commissione sta discutendo con i 28 governi UE per attribuire valori di emissioni diverse al carburante finale in base all origine della materie prime. In questo modo si vorrebbe scoraggiare l utilizzo di gas naturale e petrolio non convenzionali la cui estrazione è considerata più inquinante dal punto di vista ambientale. Di diverso avviso il Canada, paese ricco di petrolio da sabbie bituminose, che sta conducendo un intensa campagna diplomatica per dissuadere l Europa dal procedere in questa direzione. A cura della Delegazione di Federchimica presso l Unione Europea 4

5 SI FA PIÙ FORTE LA RICHIESTA DI POLITICHE COMUNITARIE PER I BIOCARBURANTI AVANZATI Un gruppo di sei società internazionali di produttori di automobili e di carburanti (Volkswagen, OMV Shell, Honda, Neste Oil e Daimler) ha esortato l'ue a introdurre delle politiche per promuovere lo sviluppo dei biocarburanti avanzati che potranno contribuire a ridurre le emissioni nel trasporto stradale nel corso dei prossimi decenni. Secondo lo studio pubblicato il 26 novembre 2013 e commissionato da questo gruppo di aziende I biocarburanti avanzati dovrebbero avere un maggiore ruolo. La relazione, elaborata dalla società di consulenza E4tech, ritiene che i biocarburanti avanzati possano rappresentare, nel 2030, almeno il 20% del mercato dei biocarburanti. Tuttavia se non si cambierà il quadro normativo attuale, i biocarburanti avanzati contribuiranno soltanto in piccola parte agli obiettivi energetici UE Le difficoltà legate all elaborazione di una politica europea coerente sui biocarburanti avanzati sono esemplificate dal controverso dibattito tra i 28 Stati UE impegnati nel trovare un consenso sulla proposta di Direttiva sui biocarburanti, nota con il nome di ILUC. Sussistono forti divergenze tra, da un lato, il Regno Unito, Paesi Bassi, Italia, ed i paesi scandinavi (produttori di biocarburanti avanzati e di bioetanolo) e, dell'altro i paesi come la Polonia e l'ungheria (produttori di biodiesel) che sono ostili a quest idea perché sarebbero probabilmente penalizzati con l'inclusione delle misure ILUC. Il rapporto è scaricabile al seguente link: NEGOZIATI USA E UE Sono ripresi i negoziati per un accordo di libero scambio (TTIP) tra l UE e gli USA dopo il blocco amministrativo negli USA legato alle tensioni politiche interne al Congresso americano per l approvazione del bilancio 2014 e allo scandalo delle intercettazioni telefoniche. Si stanno acuendo sempre più le resistenze verso un accordo commerciale che diverse ONG temono possano ridurre gli standard normativi europei in molti ambiti, da quello chimico a quello sanitario o a quello agricolo. Ad alimentare ulteriormente le diffidenze si aggiunge la recente pubblicazione di un documento riservato discusso dalla Commissione europea assieme agli Stati membri sulle strategie comunicative da seguire. Il documento (http://notat.dk/issues-paper-communicating/), ottenuto dal giornale danese Notat, tendenzialmente critico nei confronti dell UE, suggerisce di intraprendere una strategia comunicativa più proattiva per spiegare il contenuto e le finalità del TTIP ai cittadini europei e superare le crescenti diffidenze. In particolare, l obiettivo di fondo sarebbe di tranquillizzare i consumatori sul mantenimento degli elevati standard europei e sul peso negoziale dell UE rispetto alla controparte, da alcuni ritenuta più forte e determinata di quella europea. A cura della Delegazione di Federchimica presso l Unione Europea 5

6 VARSAVIA: ALTRO ROUND NEGOZIALE PER UN ACCORDO GLOBALE SUL CLIMA Ci sono molti modi per interpretare i risultati di un round negoziale su un tema sempre caldo come quello climatico. Per la Commissaria europea per il clima, la danese Connie Hedegaard, i negoziati di Varsavia sono stati difficili e tortuosi, ma hanno mostrato che davvero esiste la possibilità di raggiungere un accordo sul clima. Molto più negative le reazioni di diverse ONG, tra le quali Greenpeace, Legambiente o Corporate Observatory Europe, per le quali si è assistito ancora una volta ad uno scandaloso nulla di fatto con i negoziati dominati dai Paesi più inquinanti e dalle grandi multinazionali. Anche BusinessEurope, la Confindustria europea di cui è Presidente Emma Marcegaglia, ha rilevato gli scarsi progressi compiuti e ha ribadito che anche l industria beneficerebbe di un accordo globale sul clima. Per BusinessEurope è tuttavia importante che l Europa eviti approcci unilaterali legiferando prima che gli altri Stati assumano impegni chiari. Quest approccio ha, infatti, già mostrato i suoi limiti. A novembre si è svolta a Varsavia la 19esima sessione della Conferenza sul Clima dell ONU (Conference of the Party - Cop 19) con l obiettivo di stabilire un agenda precisa e di avanzare i negoziati in vista di un accordo globale sul clima da raggiungere nel 2015.Anche l Australia ha dichiarato di voler ridurre le sue ambizioni climatiche, mentre il Brasile ha ammesso un aumento più ampio del previsto della deforestazione. A questo si aggiungono le tensioni ormai note sulla suddivisone degli oneri e delle responsabilità tra Paesi industrializzati e Paesi ancora classificati come in via di sviluppo e il riferimento alla responsabilità storica dei paesi con i sistemi industriali più radicati. Insomma, per quanto nelle ore finali della conferenza di Varsavia, i governi si siano accordati frettolosamente su un agenda per i prossimi negoziati, un accordo globale vincolante sul clima entro il 2015 rimane ancora poco più che un miraggio. 1 MILIONE DI FIRME PER FERMARE LA VIVISEZIONE Ha raggiunto il milione di firme in Europa la petizione europea che chiede di terminare la sperimentazione medica sugli animali. Si tratta della terza iniziativa europea dei cittadini a raggiungere la soglia di firme necessarie per poter essere considerata valida. Le iniziative dei cittadini europei sono uno strumento ideato per consentire una partecipazione più diretta al processo legislativo europeo e consentono ad un milione di cittadini di chiedere alla Commissione europea di presentare una proposta legislativa su un determinato tema. Oltre alla richiesta di fermare la sperimentazione medica sugli animali, hanno superato il milione di firme altre due petizioni. La prima riguarda l acqua e chiede alla Commissione europea di presentare una proposta legislativa che garantisca l accesso all acqua potabile a tutti i cittadini e che vieti la liberalizzazione del settore idrico. La seconda chiede, invece, di togliere i finanziamenti europei alla ricerca scientifica che prevede la distruzione di embrioni umani. La lista di tutte le petizioni aperte alla raccolta firme è costantemente aggiornata nelle pagine finali della newsletter. A cura della Delegazione di Federchimica presso l Unione Europea 6

7 APPROFONDIMENTO FA DISCUTERE IL FUTURO DEI RIFIUTI DI PLASTICA Ridurre l inquinamento legato alla plastica e garantire maggiore spazio per i prodotti riciclabili, biodegradabili o biocompostabili sono le direzioni in cui si sta articolando il dibattito europeo. Per la Commissione Ambiente, Sanità pubblica e Sicurezza alimentare (ENVI) del Parlamento europeo non ci sono dubbi sulla necessità di ridurre l inquinamento legato ai rifiuti di plastica e di aumentarne il tasso di riciclaggio. Attraverso una risoluzione di indirizzo politico elaborata sotto la guida dell On. Vittorio Prodi (Pd, Socialisti e Democratici), la Commissione ENVI chiede che siano introdotte delle misure specifiche sulla plastica all interno della legislazione europea in materia di rifiuti, che siano stabiliti obiettivi per la raccolta e il riciclaggio della plastica e che sia scoraggiato il recupero energetico di quest ultima. Nel testo si chiede anche di eliminare progressivamente entro il 2020 gli additivi pericolosi usati nella plastica e di prestare maggiore attenzione alle fasi di progettazione dei prodotti per incrementarne sostenibilità e riciclabilità. Le misure proposte non riguardano solo i produttori ma anche gli operatori dei sistemi di raccolta e riciclaggio per i quali si richiedono maggiori investimenti al fine di sviluppare l innovazione tecnologica e norme uniformi a livello europeo. Per gli europarlamentari della Commissione ENVI la plastica usata deve essere considerata sempre di più come una risorsa e non come un rifiuto, nell ottica di incrementare un uso efficiente delle risorse e ridurre il nostro consumo di materie prime. I consumatori sono una parte essenziale del sistema e per questo motivo, nella risoluzione, si suggerisce di intraprendere una serie di campagne per sensibilizzarli ulteriormente e per informarli sulle differenze esistenti tra diverse tipologie di plastica. Benché la risoluzione non abbia valore giuridico, i settori interessati hanno seguito con apprensione l elaborazione della relazione. La plastica è da tempo un osservata speciale per molte ONG che criticano pesantemente l inquinamento terrestre e soprattutto marino legato ad uno smaltimento inadeguato dei rifiuti. Viste le numerose campagne per ridurre l utilizzo di questo materiale si temeva, infatti, che potessero emergere messaggi radicali e penalizzanti per il settore. Il testo approvato dalla Commissione ENVI, pur mantenendo messaggi abbastanza critici, rappresenta sicuramente un risultato più equilibrato rispetto alle premesse. OSSERVATI SPECIALE: SACCHETTI DI PLASTICA! Nel dibattito parlamentare attenzione particolare è stata rivolta ai sacchetti di plastica. Nel testo approvato si afferma, ad esempio, che i sacchetti non riciclabili, non biodegradabili e non compostabili dovrebbero essere radicalmente ridotti e, dove possibile, eliminati. Quest idea è per altro oggetto di una vera e propria proposta legislativa della Commissione europea che modifica la Direttiva sugli imballaggi 94/62/CE. La Commissione europea ha, infatti, proposto che gli Stati UE adottino le misure necessarie per assicurare una riduzione del consumo di borse di A cura della Delegazione di Federchimica presso l Unione Europea 7

8 plastica in materiale leggero ossia di spessore inferiore ai 50 micron. Si tratta di una notizia sostanzialmente positiva anche per il governo italiano raggiunto nel 2011 da una procedura d infrazione alle regole del mercato unico europeo proprio per aver vietato l utilizzo dei sacchetti di plastica: SICUREZZA DELLA PLASTICA: PARLIAMONE! Il rapporto tra scienza e politica, l importanza del dialogo e della trasparenza e la percezione dei rischi sono stati al centro di una conferenza a Bruxelles alla quale hanno partecipato politici, funzionari delle Istituzioni europee, accademici e imprenditori. Alla conferenza di due giorni, organizzata da PlasticsEurope, è intervenuto anche il Vicepresidente di Federchimica con delega per l Europa, Daniele Ferrari (nonché CEO della Versalis) il quale ha ricordato l importanza dell innovazione in una società sempre più avversa al rischio. Per Ferrari senza innovazione, nel medio periodo le aziende europee perderanno competitività dinnanzi alla concorrenza sempre più determinata delle imprese extra europee, le persone perderanno i loro posti di lavoro con conseguenze negative per l intera comunità. Nel lungo termine sarà essenziale riuscire a soddisfare le esigenze di una popolazione che crescerà fino ai 9 miliardi. Il Vicepresidente Ferrari ha invitato a prendere parte alla Conferenza, la Presidente della Commissione Industria, Ricerca ed Energia del Parlamento europeo, Amalia Sartori, la quale ha ribadito la necessità di alleggerire il peso della legislazione UE per le imprese e, in particolare, per le PMI e ha illustrato le azioni promosse a tal fine dalla Commissione parlamentare di cui è Presidente. Per la Sartori l Europa non deve perdere i settori di cui può essere fiera. La plastica è uno di questi e non va dimenticato. Forte apprezzamento per la conferenza e la molteplicità delle parti rappresentate è stato espresso anche dalla Prof.ssa Anne Glover, Capo consulente scientifico del Presidente della Commissione europea Manuel Barroso. Parlare con persone di opinioni differenti ha affermato Anne Glover ci permette di pensare in maniera diversa e di catturare le opportunità di cui abbiamo bisogno per progredire in Europa. La Prof.ssa Glover ha poi concluso il Suo intervento ricordando che la percezione del rischio influenza l opinione pubblica e, di conseguenza, il comportamento dei politici. Non dovremo mai prendere decisioni importanti sulla base delle nostre emozioni. FLASH NEWS LE PMI HANNO IL VENTO IN POPPA Dopo cinque anni di difficoltà economiche, nel 2013 le PMI (Piccole Medie Imprese) dovrebbero conoscere un momento di tregua secondo le previsioni della Commissione europea. Per la prima volta dal 2008, le PMI dovrebbero registrare un aumento sia dell'occupazione (+ 0,3%) e A cura della Delegazione di Federchimica presso l Unione Europea 8

9 sia del valore aggiunto (+ 1%). È la proiezione ottimista che la Commissione europea segnala nel suo rapporto del 2013 sullo Small Business Act, pubblicato il 26 novembre Antonio Tajani, Commissario per l'industria e l imprenditoria, ha sottolineato che le PMI sono il motore della nostra economia poiché ci aiutano, in questo momento, ad uscire lentamente dalla crisi economica, la più grave che l UE abbia conosciuto in quest ultimi 50 anni. Le PMI sono state fortemente colpite dalla crisi: il rapporto segnala che, solo nel 2012, si sono persi circa posti di lavoro (-0,7% rispetto al 2011). Il contributo al PIL delle PMI è passato da 3,44 miliardi di euro nel 2011 a 3,39 miliardi nel 2012 (- 1,3%). Le perdite di posti di lavoro nelle PMI si sono concentrate più intensamente negli Stati membri più vulnerabili ancora in preda alla crisi del debito sovrano. Il rapporto è disponibile al seguente link: SEMAFORO VERDE PER LIFE+ Il Parlamento europeo ha ratificato, il 21 novembre, l'accordo concluso i Governi nazionali sul programma LIFE+ ed il suo bilancio per il Lo strumento finanziario per l'ambiente sarà dotato di 3,1 miliardi di euro (contro 2,2 miliardi attuali). Secondo il nuovo programma, i progetti eleggibili ad un cofinanziamento dell'ue saranno scelti in base alle loro qualità e al loro potenziale e non più in base ad un sistema che prevedeva un'attribuzione dei fondi per Stato membro. Il Parlamento inoltre ha riservato 864 milioni di Euro per un sottoprogramma separato dedicato all azione per il clima. Per maggiori informazioni sul come partecipare ai bandi consultare il seguente link: LE ASSOCIAZIONI CHIMICHE GIAPPONESI E DELL UNIONE EUROPEA VERSO UNA PIÙ STRETTA COLLABORAZIONE. L Associazione europea dell industria chimica (Cefic) e l Associazione giapponese dell industria chimica (JCIA) hanno espresso il loro appoggio su un ambizioso e omnicomprensivo accordo commerciale tra l Unione europea ed il Giappone, che include anche una cooperazione a livello normativo. Nel 2012, la bilancia commerciale per il settore chimico fra l UE ed il Giappone era sostanzialmente in equilibrio con 6,2 miliardi di Euro per le esportazioni in Giappone e 6,1 miliardi di Euro d importazioni, secondo il Cefic. Nel marzo 2013, l'ue ed il Giappone hanno deciso di iniziare i negoziati per un accordo di libero scambio. Il secondo round negoziale si è tenuto il ottobre 2013 a Bruxelles, mentre il prossimo è previsto per l inizio del LA GERMANIA DECIDE DI TAGLIARE DRASTICAMENTE GLI OBIETTIVI PER L ENERGIA RINNOVABILE Una decisione dell'ultimo minuto presa dalla nuova coalizione tedesca dei Cristiani e Social Democratici sugli obiettivi per l energia rinnovabile ha sorpreso l'industria tedesca dell'energia rinnovabile. L'accordo della coalizione CDU (Partito Cristiano Democratico) - CSU (Unione Cristiano Democratica) e SPD (Partito Social Democratico) fissa non soltanto gli obiettivi obbligatori per quanto riguarda l'energia rinnovabile, idea in parte osteggiata dall SPD, ma li riduce significativamente. La parte dell'elettricità da rinnovabili passerà dal 22,6% nel 2012 al 40-45% nel Inizialmente la Germania si era posta un obiettivo del 38,6% nel Secondo un calcolo dell'associazione tedesca per le energie rinnovabili, BEE, il nuovo obiettivo comporterà un aumento annuale dell 1,25 % di energia da rinnovabili fino al I nuovi obiettivi sono stati accolti favorevolmente dall'industria tedesca energivora e i servizi pubblici che utilizzano combustibili fossili. La coalizione prevede di terminare la riforma del sistema di incentivo per le rinnovabili (Feedin-Tariff FIT) entro Pasqua A cura della Delegazione di Federchimica presso l Unione Europea 9

10 68 MILIONI DI EURO PER PROGETTI SULL ACQUA Secondo indiscrezioni, il budget europeo a disposizione per progetti di R&I sull acqua sarà di 68 milioni di euro nel 2014 e 96 nel La pubblicazione ufficiale dei primi bandi e dei programmi di lavoro per il biennio avverrà il 10 dicembre. Le priorità attorno alle quali si svilupperanno i bandi saranno quelle definite dal Partenariato europeo per l acqua e riguarderanno il riuso, la depurazione dell acqua, la cooperazione in ricerca e innovazione e lo sviluppo della commerciabilità delle soluzioni innovative identificate. Nelle prossime edizioni della Newsletter daremo informazioni più dettagliate sui bandi. MAGGIORE PROTEZIONE PER I SEGRETI INDUSTRIALI I segreti industriali e le informazioni confidenziali sui processi produttivi, che spesso non sono oggetto di brevetto, potranno godere di una maggiore tutela in Europa. La Commissione europea ha, infatti, presentato una proposta legislativa per migliorare le regole contro l'acquisizione, l'utilizzo e la divulgazione illeciti del know-how e delle informazioni commerciali riservate (segreti commerciali). L annuncio è stato accolto con estremo favore dal Cefic e da BusinessEurope per i quali la proposta stimolerà l innovazione e renderà l UE più attraente per gli investimenti stranieri. Il testo della proposta è disponibile al seguente link: ECHA: PIÙ DATI SUI NANOMATERIALI Mentre continuano i lavori all interno della Commissione europea per analizzare l impatto di una modifica degli allegati del REACH per meglio includere i nanomateriali, l Agenzia europea per le sostanze chimiche, ECHA, ha recentemente ribadito la necessità di maggiori dati sui nanomateriali. Wim de Coen, capo dell unità valutazioni, ha, infatti, affermato che attualmente solo una decina di sostanze sono state registrate come nanomateriali e ha quindi auspicato che le aziende aggiornino i dossier già registrati per fornire informazioni adeguate anche su eventuali forme nano. Per de Coen non si tratta di voler far test aggiuntivi su ogni cosa e nemmeno di voler stigmatizzare i nanomateriali - ma di rendere più semplici i read across per le aziende. Al termine del workshop, organizzato dall associazione delle industrie di nanotecnologia, i presenti hanno concordato sulla necessità di un dialogo costruttivo tra autorità e industria. BPA, LA DISCUSSIONE INFINITA Che la Francia stia adottando misure sempre più severe sulle sostanze chimiche è ormai un dato di fatto. Dopo la strategia nazionale sugli interferenti endocrini, il registro nazionale sui nanomateriali è ora la volta del BPA (Bisfenolo A). La Francia ha proposto una classificazione ed etichettatura armonizzata del BPA che ne innalza il grado di tossicità per la riproduzione. Questa proposta è stata duramente criticata dalla Germania e, in parte, dall Olanda e dalla Gran Bretagna per le quali la Francia avrebbe basato la sua analisi su un numero ristretto di studi ignorandone altri e concentrandosi sull ipotesi, molto controversa a livello scientifico, di effetti a basse dosi. Più allineate con la proposta francese si sono dimostrate Norvegia, Svezia, Danimarca, Italia e Belgio. Per la Svezia e l ONG svedese ChemSec, invece, il livello di tossicità attribuito al BPA dovrebbe essere ancora più elevato rispetto a quanto suggerito dalla Francia. A cura della Delegazione di Federchimica presso l Unione Europea 10

11 AL VIA IL PIANO DI IMPLEMENTAZIONE DELLA TABELLA DI MARCIA DELL UE SULLE SVHC La Commissione europea e l ECHA hanno annunciato che il piano d implementazione per la tabella di marcia sulle sostanze molto pericolose (SVHC) è stato approvato, il 27 novembre, in seguito ad una riunione delle autorità competenti REACH e CLP. La tabella di marcia mira ad identificare ed includere nella candidate list del REACH tutte le sostanze SVHC entro il L'annuncio è stato fatto durante un evento sull'implementazione della tabella di marcia organizzata dalla Commissione europea per gli stakeholders. SACCHETTI DI PLASTICA: LA CORTE EUROPEA DI GIUSTIZIA CONFERMA LE SANZIONI La Corte di Giustizia dell UE ha confermato la partecipazione di Gascogne Sacco Deutschland, il Grouppo Gascogne e Kendrion ad un cartello riguardante i prezzi dei sacchetti di plastica. Di conseguenza ha convalidato quanto già convalidato dalla Commissione Europea nel 2005 e dalla Corte Generale nel 2011, e confermato le multe imposte a queste società. INIZIATIVE APERTE ALLA FIRMA Un'iniziativa dei cittadini costituisce un invito rivolto alla Commissione europea dai cittadini affinché proponga un atto legislativo su questioni per le quali l'ue ha la competenza di legiferare. Un'iniziativa deve essere sostenuta da almeno un milione di cittadini europei, di almeno 7 dei 28 Stati membri dell'ue. Per ciascuno dei 7 paesi è inoltre richiesto un numero minimo di firme: per l Italia Iniziative aperte alla firma Termine per la raccolta firme Iniziativa libera europea di 25/11/2014 Vaping Weed like to talk 20/11/2014 Iniziativa Europea per il 19/08/ /08/2014 Pluralismo dei Media Obiettivo dell iniziativa Classificazione delle sigarette elettroniche e dei prodotti relativi come i prodotti ricreativi per tutti gli usi e non come medicinali, il tabacco o simili prodotti, indipendentemente dal contenuto della nicotina. Legalizzare la cannabis. L ECI Weed like to talk punta su fare adottare all'ue una politica comune sul controllo e sulla regolamentazione di produzione della cannabis, sull uso e la vendita. Protezione del pluralismo dei media attraverso la parziale armonizzazione delle legislazioni nazionali relative alla proprietà e alla trasparenza, al conflitto d interesse con incarichi politici e all indipendenza degli A cura della Delegazione di Federchimica presso l Unione Europea 11

12 ACT 4 Growth 10/06/2014 Lasciatemi votare 28/01/2014 Fermiamo l Ecocidio in 21/01/2014 Europa: un Iniziativa dei Cittadini per dare Diritti alla Terra Single Communication 03/12/2013 Tariff Act organismi di regolamentazione. L ECI ha 4 proposte concrete d'intervento politico per lo sviluppo dell'imprenditorialità femminile come strategia per una crescita economica sostenibile in Europa. Integrare i diritti del cittadino europeo elencati nell'articolo 20 2 TFUE (Trattato sul Funzionamento dell UE) col diritto di votare ad ogni elezione politica nello Stato membro di residenza alle stesse condizioni dei cittadini di detto Stato. Invitiamo la Commissione Europea ad approvare una legislazione che proibisca, prevenga ed ostacoli l ecocidio il danneggiamento estensivo, la distruzione o la perdita dell ecosistema di un determinato territorio. Eliminare i costi del roaming in Europa, creare un mercato unico della telefonia per i cittadini europei. E-CONSULTATIONS Queste consultazioni sono aperte a tutti i cittadini europei 1. Consultazione pubblica sulle biotecnologie marine, scade il 10 febbraio Per partecipare alla consultazione visitare il seguente sito internet: AGENDA PARLAMENTO EUROPEO 9-12 dicembre Sessione Plenaria, Strasburgo Voto sulla proposta di Backloading (ritiro temporaneo di 900 milioni di quote dall Emission Trading System). CONSIGLIO DELL UE 2-3 dicembre Consiglio Competitività Adozione di conclusioni sulla Politica industriale, Mercato unico e la Smart Regulation. Approvazione del Regolamento Bio Based Industries Joint Undertaking. A cura della Delegazione di Federchimica presso l Unione Europea 12

13 CONSIGLIO EUROPEO dicembre COMMISSIONI PARLAMENTARI 2 dicembre Riunione congiunta Commissione Industria, Ricerca ed Energia (ITRE) e Commissione Ambiente, Sanità Pubblica e Sicurezza Alimentare (ENVI). Discussione congiunta su un quadro per le politiche dell'energia e del clima all'orizzonte Punti centrali nuovi obiettivi per il 2030 e riforma del sistema ETS (Emission Trading System) dicembre Commissione Mercato Interno e Protezione dei Consumatori (IMCO) dicembre Commissione Industria, Ricerca ed Energia (ITRE) dicembre Commissione Ambiente, Sanità Pubblica e Sicurezza Alimentare (ENVI) Voto sulla proposta di regolamento sulle tariffe da pagare all EMA per la farmacovigilanza. 17 dicembre Commissione Commercio Internazionale (INTA) 3 dicembre Consiglio Affari esteri 5 dicembre Consiglio Trasporti e Telecomunicazioni Adozione di un approccio generale sulla proposta di Direttiva sulla realizzazione di una rete di infrastrutture per i carburanti alternativi. 5-6 dicembre Consiglio Giustizia e Affari Interni 12 dicembre Consiglio Affari esteri 12 dicembre Consiglio Energia Adozione da parte dei 28 Ministri Ue dell Energia di una posizione sulla Direttiva biocarburanti ILUC. 13 dicembre Consiglio Ambiente dicembre Consiglio Agricoltura e Pesca dicembre Consiglio Affari Generali CONTATTI Marcello Accorsi, Tel.: Francesca Grapulin Felluga, Tel.: Andrea Bonetti, Tel.: Delegazione di Federchimica presso l Unione Europea Avenue de la Joyeuse Entrée 1 - B 1040 Bruxelles. Fax: Proprietario/Editore: Federazione Nazionale dell Industria Chimica - Federchimica Via Giovanni da Procida Milano Direttore Responsabile: Claudio Benedetti Registrazione presso il Tribunale di Milano n. 153 del 20/05/2013 A cura della Delegazione di Federchimica presso l Unione Europea 13

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA Noi, i Ministri dell Energia di Canada, Francia, Germania, Italia,

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti L EUROPA E LE RISORSE AMBIENTALI, ENERGETICHE E ALIMENTARI BOLOGNA, 16 MARZO 2015 LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA Silva Marzetti Scuola di Economia, Management e Statistica Università

Dettagli

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC?

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC? La PAC che verrà: Smart change or business as usual? La posizione ufficiale IFOAM EU sulla prossima riforma PAC 2014 2020 Alessandro Triantafyllidis, IFOAM EU Group Siamo a metà dell attuale periodo di

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco?

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Le elezioni per il prossimo Parlamento europeo sono state fissate per il 22-25 maggio 2014. Fra pochi mesi quindi i popoli europei

Dettagli

IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO

IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO La ricerca europea in azione IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO (7º PQ) Portare la ricerca europea in primo piano Per alzare il livello della ricerca europea Il Settimo programma quadro per la ricerca e lo sviluppo

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE PARERE DELLA COMMISSIONE

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE PARERE DELLA COMMISSIONE COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 28.11.2006 COM(2006)759 definitivo 2004/0218 (COD) PARERE DELLA COMMISSIONE a norma dell'articolo 251, paragrafo 2, terzo comma, lettera c) del trattato CE,

Dettagli

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio 1 lezione: risorse energetiche e consumi Rubiera novembre 2006 1.1 LE FONTI FOSSILI Oltre l'80 per cento dell'energia totale consumata oggi nel mondo è costituita

Dettagli

L Assemblea delle Regioni d Europa (ARE La missione dell ARE

L Assemblea delle Regioni d Europa (ARE La missione dell ARE L Assemblea delle Regioni d Europa (ARE) é un'organizzazione indipendente di regioni e la più importante rete di cooperazione interregionale nella Grande Europa. Rappresenta 12 organizzazioni interregionali

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 26.6.2002 COM(2002) 321 definitivo COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO Relazione finale sul Libro verde "Verso una strategia

Dettagli

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica Alessandro Clerici Presidente FAST e Presidente Onorario WEC Italia Premessa La popolazione mondiale è ora di 6,7 miliardi

Dettagli

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Ricerca comunitaria idee cooperazione persone euratom capacità IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Guida tascabile per i nuovi partecipanti Europe Direct è un servizio

Dettagli

Agenda per uno sviluppo industriale sostenibile

Agenda per uno sviluppo industriale sostenibile Agenda per uno sviluppo industriale sostenibile Aprile 2015 Indice 1. Un nuovo approccio al tema della sostenibilità 1.1. Il Ruolo della manifattura per la crescita sostenibile 1.2. Politiche industriali

Dettagli

Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE

Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE Scenario di riferimento Lo studio WETO (World energy, technology and climate policy

Dettagli

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE TITOLO RELAZIONE I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità A partire dal 3 gennaio 2013 è entrato in vigore il regolamento (UE)

Dettagli

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI Risorse energetiche e struttura del mercato L Italia produce piccoli volumi di gas naturale

Dettagli

Rassegna OCSE Sviluppo sostenibile: Interazione tra Economia, Società, Ambiente

Rassegna OCSE Sviluppo sostenibile: Interazione tra Economia, Società, Ambiente OECD Insights Sustainable Development: Linking Economy, Society, environment Summary in Italian Rassegna OCSE Sviluppo sostenibile: Interazione tra Economia, Società, Ambiente Sintesi in italiano L espressione

Dettagli

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli

RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO. La situazione del mercato europeo del carbonio nel 2012

RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO. La situazione del mercato europeo del carbonio nel 2012 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 14.11.2012 COM(2012) 652 final RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO La situazione del mercato europeo del carbonio nel 2012 (Testo rilevante ai

Dettagli

TTIP: l aggressione nascosta alla democrazia e alle regole

TTIP: l aggressione nascosta alla democrazia e alle regole TTIP: l aggressione nascosta alla democrazia e alle regole Come la cooperazione normativa minaccia la legittimità democratica degli Stati di darsi delle regole Ci sono buone ragioni per temere che i risultati

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

LA DISCIPLINA DEGLI APPALTI PUBBLICI NELL'UNIONE EUROPEA E IL GREEN PROCUREMENT

LA DISCIPLINA DEGLI APPALTI PUBBLICI NELL'UNIONE EUROPEA E IL GREEN PROCUREMENT LA DISCIPLINA DEGLI APPALTI PUBBLICI NELL'UNIONE EUROPEA E IL GREEN PROCUREMENT Perché l'ue disciplina gli appalti pubblici? La disciplina degli appalti fa parte degli obiettivi del mercato interno. Si

Dettagli

Attivitá dei Comitati dell ECHA e Valutazione dei Dossier

Attivitá dei Comitati dell ECHA e Valutazione dei Dossier Attivitá dei Comitati dell ECHA e Valutazione dei Dossier II CONFERENZA NAZIONALE SUL REGOLAMENTO REACH 11 Dicembre 2009 Claudio Carlon ECHA Evaluation http://echa.europa.eu 1 Comitati dell ECHA Attivitá

Dettagli

LO SVILUPPO SOSTENIBILE Il quadro generale di riferimento LA QUESTIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE La questione ambientale: i limiti imposti dall ambiente allo sviluppo economico Lo sviluppo sostenibile:

Dettagli

Veicoli più puliti e carburanti alternativi

Veicoli più puliti e carburanti alternativi O2 P o l i c y A d v i C E n ot e s L iniziativa CIVITAS è un azione europea che sostiene le città nell attuazione di una politica integrata dei trasporti sostenibile, pulita ed efficiente in termini energetici.

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

AUTO STORICHE E INQUINAMENTO Considerazioni su energia e inquinamento nei centri urbani

AUTO STORICHE E INQUINAMENTO Considerazioni su energia e inquinamento nei centri urbani AUTO STORICHE E INQUINAMENTO Considerazioni su energia e inquinamento nei centri urbani relazione del professor Alberto Mirandola direttore del Dipartimento di Ingegneria Meccanica all Università degli

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

Repower guarda al futuro con fiducia

Repower guarda al futuro con fiducia Repower guarda al futuro con fiducia Giovanni Jochum Quale membro della Direzione di Repower, società con sede a Poschiavo, desidero presentare il mio punto di vista sui fattori che stanno cambiando radicalmente

Dettagli

Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30

Iniziativa : Sessione di Studio a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30 Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza Gentili Associati, Il Consiglio Direttivo è lieto di informarvi che, proseguendo nell attuazione delle iniziative promosse dall' volte al processo di miglioramento,

Dettagli

Annuario dei dati ambientali

Annuario dei dati ambientali Annuario dei dati ambientali CAPITOLO IV RADIAZIONI NON IONIZZANTI Autori: Giovanni FINOCCHIARO Coordinatore: ha fornito contributi: Patrizia VALENTINI ISPRA 2 IV. LA PERCEZIONE DEI CITTADINI EUROPEI E

Dettagli

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO LA NOSTRA VISIONE COMUNE Noi, governi locali europei, sostenitori della Campagna delle Città Europee Sostenibili, riuniti alla conferenza di Aalborg+10, confermiamo la nostra

Dettagli

E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili

E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili «Pas du pétrole mais des idées..» Lucio IPPOLITO Fisciano, 12 maggio 2011 L. IPPOLITO 2011

Dettagli

LA VALUTAZIONE PUBBLICA. Altri ponti. di Pierluigi Matteraglia

LA VALUTAZIONE PUBBLICA. Altri ponti. di Pierluigi Matteraglia LA VALUTAZIONE PUBBLICA Altri ponti di Pierluigi Matteraglia «Meridiana», n. 41, 2001 I grandi ponti costruiti recentemente nel mondo sono parte di sistemi di attraversamento e collegamento di zone singolari

Dettagli

Valdigrano: quando l ambiente è un valore!

Valdigrano: quando l ambiente è un valore! Valdigrano: quando l ambiente è un valore! Valutazione di impatto ambientale delle linee Valdigrano, Valbio e La Pasta di Franciacorta Programma per la valutazione dell impronta ambientale Progetto co-finanziato

Dettagli

Comitato economico e sociale europeo

Comitato economico e sociale europeo Scopri cosa il CESE può fare per te Comitato economico e sociale europeo Cover Architecture: Art & Build + Atelier d architecture Paul Noël Conoscere il Comitato economico e sociale europeo Cos'è la società

Dettagli

Si accludono per le delegazioni le conclusioni adottate dal Consiglio europeo nella riunione in oggetto.

Si accludono per le delegazioni le conclusioni adottate dal Consiglio europeo nella riunione in oggetto. Consiglio europeo Bruxelles, 20 marzo 2015 (OR. en) EUCO 11/15 CO EUR 1 CONCL 1 NOTA DI TRASMISSIONE Origine: Destinatario: Oggetto: Segretariato generale del Consiglio delegazioni Riunione del Consiglio

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE ARTICOLO 1 (Istituzione e scopo) Con Protocollo di intesa, posto in allegato (All. 1),

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI MANIFESTO PER L ENERGIA SOSTENIBILE DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI COSTRUISCI CON NOI UN SISTEMA ENERGETICO SOSTENIBILE PER L ITALIA Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale. FINALITà Favorire la

Dettagli

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 Giuseppe Gargano Rete Rurale Nazionale - INEA Varzi, 18 giugno 2014 Priorità dell'unione in materia

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri

LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri La ricerca promossa da ImpresaLavoro, avvalsasi della collaborazione di ricercatori e studiosi di dieci diversi Paesi europei,

Dettagli

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 7.1.2014

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 7.1.2014 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 7.1.2014 C(2013) 9651 final REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE del 7.1.2014 recante un codice europeo di condotta sul partenariato nell'ambito dei fondi strutturali

Dettagli

Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM

Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM INDICE Premessa Adotta una Scuola per l EXPO 2015: obiettivi Tipologie di scuole La procedura di selezione delle scuole Le modalità per adottare la

Dettagli

Si accludono per le delegazioni le conclusioni adottate dal Consiglio europeo nella riunione in oggetto.

Si accludono per le delegazioni le conclusioni adottate dal Consiglio europeo nella riunione in oggetto. Consiglio europeo Bruxelles, 26 giugno 2015 (OR. en) EUCO 22/15 CO EUR 8 CONCL 3 NOTA DI TRASMISSIONE Origine: Destinatario: Segretariato generale del Consiglio delegazioni Oggetto: Riunione del Consiglio

Dettagli

più credito per la tua impresa

più credito per la tua impresa Sei un impresa che vuole acquistare nuovi macchinari, impianti o attrezzature? più credito per la tua impresa : Agevolazioni anche per i settori di pesca e agricoltura Beni strumentali, l agevolazione

Dettagli

ELENA. European Local Energy Assistance

ELENA. European Local Energy Assistance ELENA European Local Energy Assistance SOMMARIO 1. Obiettivo 2. Budget 3. Beneficiari 4. Azioni finanziabili 5. Come partecipare 6. Criteri di selezione 7. Contatti OBIETTIVI La Commissione europea e la

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

Manifesto dei diritti dell infanzia

Manifesto dei diritti dell infanzia Manifesto dei diritti dell infanzia I bambini costituiscono la metà della popolazione nei paesi in via di sviluppo. Circa 100 milioni di bambini vivono nell Unione europea. Le politiche, la legislazione

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa

Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa Manifesto dell'ecf per le elezioni al Parlamento Europeo del 2014 versione breve ECF gratefully acknowledges

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying by Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying di Alberto Cattaneo Partner, Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying Ormai è diventato un

Dettagli

Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020

Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020 6 luglio 2010 Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020 L Istat presenta un quadro sintetico del sistema energetico italiano nel 2009 e con riferimento all ultimo decennio. L analisi

Dettagli

UNIVERSITA DI PALERMO

UNIVERSITA DI PALERMO PILLAR OBIETTIVO SPECIFICO MASTER CALL CALL INDUSTRIAL LEADERSHIP LEADERSHIP IN ENABLING AND INDUSTRIAL TECHNOLOGIES (LEIT) H2020-SPIRE-2014-2015 - CALL FOR SPIRE - SUSTAINABLE PROCESS INDUSTRIES H2020-SPIRE-2014

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione generale per il mercato elettrico, le rinnovabili e l efficienza energetica, il nucleare CIRCOLARE Alla Conferenza delle regioni e delle province autonome All

Dettagli

ASSOCIAZIONE ITALIANA DI GROSSISTI DI ENERGIA E TRADER

ASSOCIAZIONE ITALIANA DI GROSSISTI DI ENERGIA E TRADER Milano, 31 Gennaio 2014 Spett.le Autorità per l'energia elettrica, il gas ed il sistema idrico Direzione Mercati Unità Mercati Elettrici all'ingrosso Piazza Cavour 5 20121 Milano Osservazioni al DCO 587/2013/R/eel

Dettagli

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE I rapporti di Eurydice PREMESSA Questo breve rapporto sull adozione dei libri di testo è nato in seguito a una specifica richiesta all unità italiana

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO. relativa ad orientamenti strategici comunitari per lo sviluppo rurale

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO. relativa ad orientamenti strategici comunitari per lo sviluppo rurale COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 5.7.2005 COM(2005) 304 definitivo 2005/0129 (CNS) Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO relativa ad orientamenti strategici comunitari per lo sviluppo rurale

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA L Italia è in crisi, una crisi profonda nonostante i timidi segnali di ripresa del Pil. Ma non è un paese senza futuro. Dobbiamo

Dettagli

LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO NELL'UNIONE EUROPEA

LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO NELL'UNIONE EUROPEA LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO NELL'UNIONE EUROPEA Da dove nasce l'esigenza, per l'unione, di occuparsi di sicurezza sul lavoro? La sicurezza e la salute sul lavoro è uno degli aspetti più importanti

Dettagli

LE IMPORTAZIONI DI PRODOTTI BIOLOGICI DAI PAESI TERZI NELLA UE

LE IMPORTAZIONI DI PRODOTTI BIOLOGICI DAI PAESI TERZI NELLA UE LE IMPORTAZIONI DI PRODOTTI BIOLOGICI DAI PAESI TERZI NELLA UE Procedure per il controllo e la gestione delle irregolarità Lunedì 17 giugno 2013 Unioncamere Sala Convegni De Longhi Horti Sallustiani, Piazza

Dettagli

IL CONSIGLIO DELL'UNIONE EUROPEA E I RAPPRESENTANTI DEI GOVERNI DEGLI STATI MEMBRI, I. INTRODUZIONE

IL CONSIGLIO DELL'UNIONE EUROPEA E I RAPPRESENTANTI DEI GOVERNI DEGLI STATI MEMBRI, I. INTRODUZIONE C 183/12 IT Gazzetta ufficiale dell'unione europea 14.6.2014 Risoluzione del Consiglio e dei rappresentanti dei governi degli Stati membri, riuniti in sede di Consiglio, del 21 maggio 2014, sul piano di

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

Sintesi. Una nuova strategia per l ambiente. Introduzione

Sintesi. Una nuova strategia per l ambiente. Introduzione 1 Sintesi Una nuova strategia per l ambiente Introduzione Nel corso di questi ultimi anni, l ambiente ha subito forti pressioni nei Paesi dell OCSE e nel mondo. Alcune pressioni tenderanno sicuramente

Dettagli

XIII. B4b OL: DE ANLAGE/ANNEXE/ALLEGATO/PRILOGA

XIII. B4b OL: DE ANLAGE/ANNEXE/ALLEGATO/PRILOGA Tagung der Alpenkonferenz Réunion de la Conférence alpine Sessione della Conferenza delle Alpi Zasedanje Alpske konference XIII TOP / POJ / ODG / TDR B4b IT OL: DE ANLAGE/ANNEXE/ALLEGATO/PRILOGA 1 ACXIII_B4b_1_it

Dettagli

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Codice di Comportamento Genesi Uno Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Caro Collaboratore, vorrei sollecitare la tua attenzione sulle linee guida ed i valori di integrità e trasparenza che

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

La Banca europea per gli investimenti in sintesi

La Banca europea per gli investimenti in sintesi La Banca europea per gli investimenti in sintesi Come banca dell Unione europea (UE), forniamo finanziamenti e consulenza per progetti d investimento validi e sostenibili situati in Europa e nei Paesi

Dettagli

LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO: ASPETTI DI MAGGIOR RILIEVO E RICADUTE OPERATIVE

LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO: ASPETTI DI MAGGIOR RILIEVO E RICADUTE OPERATIVE DATI E INFORMAZIONI DI INTERESSE AMBIENTALE E TERRITORIALE Terza sessione: IL CONTESTO NORMATIVO, L ORGANIZZAZIONE, GLI STRUMENTI LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO: ASPETTI DI MAGGIOR RILIEVO E RICADUTE OPERATIVE

Dettagli

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute The Ottawa Charter for Health Promotion 1 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute 17-21 novembre 1986 Ottawa, Ontario, Canada La 1 Conferenza

Dettagli

TARIFFE LUCE E GAS: CONFRONTO INTERNAZIONALE

TARIFFE LUCE E GAS: CONFRONTO INTERNAZIONALE TARIFFE LUCE E GAS: CONFRONTO INTERNAZIONALE Italiani Energia elettrica e metano costano poco, rispetto al resto d Europa, solo per livelli bassi di consumo. Man mano che l utilizzo aumenta, diventiamo

Dettagli

Le nuove fonti di energia

Le nuove fonti di energia Le nuove fonti di energia Da questo numero della Newsletter verranno proposti alcuni approfondimenti sui temi dell energia e dell ambiente e sul loro impatto sul commercio mondiale osservandone, in particolare,

Dettagli

Un'infrastruttura IT inadeguata provoca danni in tre organizzazioni su cinque

Un'infrastruttura IT inadeguata provoca danni in tre organizzazioni su cinque L'attuale ambiente di business è senz'altro maturo e ricco di opportunità, ma anche pieno di rischi. Questa dicotomia si sta facendo sempre più evidente nel mondo dell'it, oltre che in tutte le sale riunioni

Dettagli

Tre Ires e tre progetti comuni

Tre Ires e tre progetti comuni IRESQUARE N.7 Tre Ires e tre progetti comuni Elaborazione: indagine tra i lavori cognitivi in Italia I distretti industriali e lo sviluppo locale I Servizi Pubblici Locali in -Romagna, Toscana e Veneto

Dettagli

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale Il Fondo sociale europeo al lavoro Aiutare le persone a trovare lavoro Il Fondo sociale europeo (FSE) finanzia progetti in tutta l UE per consentire a più persone di trovare posti di lavoro migliori, attraverso

Dettagli

Il link da cui sarà visibile lo streaming live dell'evento e successivamente la versione registrata è: http://streaming.cineca.it/industria4.

Il link da cui sarà visibile lo streaming live dell'evento e successivamente la versione registrata è: http://streaming.cineca.it/industria4. Industry 4.0 - La Fabbrica prossima ventura? Incontro e Dibattito per esplorazione di >> Cosa succederà per gli Imprenditori, i Manager, i Cittadini?

Dettagli

ELETTRO ICA-TELECOMU ICAZIO I PROGETTO ELIOS

ELETTRO ICA-TELECOMU ICAZIO I PROGETTO ELIOS Istituto d Istruzione Superiore Statale Enrico Mattei Via Martiri di Cefalonia 46-20097 San Donato Milanese Tel. 0255691411 - Fax 025276676 itisando@tin.it www.itismattei.it ELETTRO ICA-TELECOMU ICAZIO

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE 28.12.2006 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 379/5 REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE del 15 dicembre 2006 relativo all applicazione degli articoli 87 e 88 del trattato agli aiuti d

Dettagli

La bolletta dimagrisce

La bolletta dimagrisce La bolletta dimagrisce Bolletta più leggera e più equa per le Pmi La spesa energetica delle imprese Il costo dell energia è un importante fattore di competitività per le imprese; La spesa per l energia

Dettagli

Porta uno SMILE nella tua città

Porta uno SMILE nella tua città Co-Finanziato dal Programma di Cooperazione Territoriale MED SMart green Innovative urban Logistics for Energy efficient Newsletter 3 Siamo lieti di presentare la terza newsletter del progetto SMILE SMILE

Dettagli

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La sicurezza non è negoziabile Nestlé è convinta che il successo a lungo termine possa essere raggiunto soltanto grazie alle sue persone. Nessun

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

Principi d Azione. www.airliquide.it

Principi d Azione. www.airliquide.it Principi d Azione Codice Etico www.airliquide.it Il bene scaturisce dall'onestà; l'onestà ha in sè la sua origine: quello che è un bene avrebbe potuto essere un male, ciò che è onesto, non potrebbe essere

Dettagli

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Ordinativo informatico locale - Revisione e normalizzazione del protocollo sulle regole tecniche ed obbligatorietà dell utilizzo nei servizi di tesoreria PREMESSA L

Dettagli