GUIDA AI PROGRAMMI D ESAME

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "GUIDA AI PROGRAMMI D ESAME"

Transcript

1 FACOLTÀ DI ECONOMIA Anno Accademico 2008/2009 GUIDA AI PROGRAMMI D ESAME Indice * Materiale non disponibile Alfabetizzazione Informatica (Corso tradizionale e Part-time) 4 Calcolo delle Probabilità 4 Contabilità dei Costi 5 Controllo di Gestione 7 Diritto Amministrativo 8 Diritto del Mercato Unico Europeo (ex Diritto degli Scambi Internazionali) 8 Diritto del Lavoro 10 Diritto dell Economia 10 Diritto dell Unione Europea (Corso Part-time) 11 Diritto dell Unione Europea 12 Diritto delle Imprese e delle Società (Corso Part-time) 13 Diritto delle Imprese e delle Società 14 Diritto Fallimentare 14 Diritto Processuale Tributario 15 Diritto Pubblico Progredito (Corso Part-time) 16 Diritto Pubblico Progredito 17 Diritto Tributario A (Corso Part-time) 18 Econometria 19 Econometria dei Mercati Finanziari A 19 Econometria delle durate 20 Economia Aziendale (Corso Part-time) 22 Economia Aziendale 23 Economia Bancaria 24 Economia degli Intermediari Finanziari (Corso Part-time) 26 Economia degli Intermediari Finanziari 28 Economia dei Mercati Monetari e Finanziari A 30 Economia dei Mercati Monetari e Finanziari B 30 Economia del Mercato Mobiliare A 31 Economia del Mercato Mobiliare B 32 Economia dell Innovazione 33 Economia della Tassazione 35 Economia e Gestione delle Imprese A (Corso Part time) 35 Economia e Gestione delle Imprese 37 Economia e Gestione delle Imprese A 39 1

2 Economia e Gestione delle Imprese Internazionali 40 Economia e Psicologia Etica 41 Economia Industriale 42 Economia Internazionale 43 Economia Monetaria corso progredito 44 Economia Monetaria 46 Economia Regionale 48 Family Business 48 Finanza Assicurativa 49 Finanza Aziendale A 50 Finanza Aziendale B 51 Finanza dell Innovazione 53 Finanziamenti di Aziende (Corso Part-time) 54 Finanziamenti di Aziende 55 Fiscalità d Impresa 57 Gestione dei Rischi 58 Idoneità Informatica (Corso tradizionale e Part-time) 59 Istituzioni di Diritto Privato (Corso Part-time) 60 Istituzioni di Diritto Privato 61 Istituzioni di Diritto Pubblico (Corso Part-time) 63 Istituzioni di Diritto Pubblico 64 Istituzioni di Diritto Tributario 65 Istituzioni di Diritto Tributario (Corso Part-time) 66 Istituzioni di Macroeconomia (Corso Part-time) 67 Istituzioni di Macroeconomia 68 Istituzioni di Ragioneria (Corso Part-time ) 69 Istituzioni di Ragioneria 71 Lineamenti di Diritto Commerciale 73 LINGUE STRANIERE 74 Lingua Francese (Livello B1) Corso tradizionale e Part-time 74 Lingua Inglese - I parte (Livello B2) Corso tradizionale e Part-time 76 Lingua Inglese - II parte (Livello B2) Corso tradizionale e Part-time 78 Lingua Tedesca (Livello B1) Corso tradizionale e Part-time 80 Lingua Spagnola (Livello B1) 82 Macroeconomia Internazionale 85 Macroeconomia Progredita (Corso Part-time ) 86 Macroeconomia Progredita 87 Management dell Innovazione 88 Studenti frequentanti 89 Studenti non frequentanti 90 Marketing 90 Marketing Internazionale (Corso Tradizionale e Part-time) 91 Matematica 93 Matematica A (Corso Part-time) * 94 Matematica B (Corso Part-time) 94 Matematica Finanziaria A (Corso Part-time) 94 Matematica Finanziaria A 95 Matematica Finanziaria 96 Matematica per l Economia * 96 2

3 Microeconomia 97 Microeconomia A (Corso Part-time) 97 Microeconomia B (Corso Part-time) 98 Modelli Finanziari a Tempo Continuo * 98 Obbligazioni e Contratti 98 Organizzazione Aziendale (Corso Part-time) 100 Organizzazione Aziendale 101 Organizzazione del Lavoro 102 Politica Economica Regionale 103 Politica Economica 105 Politica Economica (Corso Part-time) 106 Principi di Programmazione Informatica 107 Ragioneria (Corso Part-time) 108 Ragioneria 109 Revisione Contabile 110 Ricerca Operativa 112 Scienza delle Finanze 113 Scienza delle Finanze A (Corso Part-time) * 114 Sistemi Finanziari Comparati 114 Sistemi Informativi Aziendali 116 Sociologia 117 Statistica di Base 118 Statistica di Base (Corso Part-time) 119 Statistica Inferenziale (Corso Part-time) 120 Statistica Inferenziale 121 Statistica per l Impresa 123 Storia Economica (Corso Part-time) 124 Storia Economica 125 Strategia e Politica Aziendale (Corso tradizionale e Part-time) 126 Teoria delle Decisioni 127 3

4 Alfabetizzazione Informatica (Corso tradizionale e Part-time) DOCENTE: Prof. Gianluca Tarasconi PRESENTAZIONE DEL CORSO Il corso di Alfabetizzazione Informatica ha lo scopo di uniformare le conoscenze informatiche degli studenti iscritti al corso di laurea triennale in Economia e Amministrazione delle Imprese. PROGRAMMA DEL CORSO Il Programma del corso è il seguente: - Introduzione all architettura degli elaboratori: cos è un calcolatore, unità di controllo, memorie, dispositivi. - Introduzione ai Sistemi Operativi: cos è un sistema operativo, il file system, gestione dei file e delle cartelle, il desktop. - Reti: concetti iniziali, navigazione in rete, ricerca in rete. - Posta elettronica: concetti iniziali, indirizzi di posta elettronica, provider, messaggi, gestione messaggi. - Strumenti di presentazione: cos è una diapositiva, gestione e formattazione delle diapositive, inserzione immagini, presentazione. Il corso è svolto in 16 ore via web (learning space) MATERIALE DIDATTICO Dispense fornite dal docente; Un qualsiasi testo di preparazione alla patente europea del computer (ECDL); per esempio L esame per la patente del computer syllabus 4.0 di Federico Tibone, Zanichelli. MODALITA D ESAME: L esame nell appello di fine Corso consiste in una prova scritta. INDICAZIONI SUL RICEVIMENTO Il prof. Tarasconi riceve di regola, salva diversa comunicazione, il giovedì mattina dalle ore alle ore nel periodo del corso e su appuntamento nel restante periodo. RECAPITO DI POSTA ELETTRONICA: Calcolo delle Probabilità DOCENTE: Prof. Ginchev Ivan Ivanov PRESENTAZIONE DEL CORSO: Il corso da una introduzione al calcolo delle probabilità e fornisce alcuni applicazioni nella ricerca operativa, teoria delle code e matematica finanziaria. Saranno considerati i seguenti temi: Eventi aleatorie e probabilità,. Variabili aleatorie, Variabili aleatorie multiple, Teoremi dei limiti, Introduzione alla statistica matematica, Applicazioni nell economia. PROGRAMMA DEL CORSO: A. Eventi aleatorie e probabilità: 1. Eventi aleatori. 2. Probabilità, diverse approcci e interpretazioni. 3. Probabilità condizionata. 4. Eventi indipendenti. 5. La formula di Bayes. B. Variabili aleatorie: 6. Il concetto di variabile aleatoria. 7. La funzione di ripartizione. 4

5 8. Variabili aleatorie discrete e continue. 9. Parametri di ripartizione (caracteristiche numeriche) di variabili aleatorie. Momenti iniziali e centrali, media, varianza e deviazione standard. 10. Alcuni tipi di variabili aleatorie discrete. Distribuzione uniforme, distribuzione di Bernoulli, distribuzione binomiale, distribuzione di Poisson, distribuzione geometrica, distribuzione ipergeometrica. 11. Alcuni tipi di variabili aleatorie continue. Distribuzione uniforme, distribuzione esponenziale, distribuzione normale, distribuzione gamma, distribuzione beta. C. Variabili aleatorie multiple: 12. Variabili aleatorie multiple. Ripartizione marginale. Distribuzioni multiple discrete e continue. Variabili aleatorie indipendenti. 13. Parametri di ripartizione di variabili aleatorie multiple. Momenti, il momento di correlazione e coefficiente di correlazione. 13. Distribuzione condizionata. 14. Regressia. D. Teoremi dei limiti: 15. Convergenza stocartica. 16. Disuguaglianza di Chebyshev. 17. Legge dei grandi numeri. Teorema di Bernoulli. 18. Teorema limite centrale. E. Introduzione alla statistica matematica. 19. Popolazione e campione. 20. Distribuzione di probabilità di campione causale. 21. La funzione di verosimiglianza. 21. Stimatori dei parametri. 22. Stima per intervallo. Intervalli fiduciari. 23. Verifica delle ipotesi. F. Processi stocastici: 24. Il concetto di processo stocastico. 25. I processi di Markov. 26. Il processo di nascimento e scomparsa. 27. Il processo di Wiener. 28. I processi di Ito. 27. Processi stazionarie. G. Applicazioni nell economia: 28. Modelli di incertezza nella ricerca operativa. 29. Teoria delle code. 30. Il modello di Black-Scholes nella matematica finanziaria. TESTI CONSIGLATI A. PRINCIPALI: [1] Giuseppe Cicchitelli: Probabilità e statistica. Maggioli, Dogana [2] Marek Fisz: Probability theory and mathematical statistics. John Wiley & Sons, Inc., New York-London B. PER ULTERIORI APPROFONDIMENTI: [3] B. V. Gnedenko, A. Ya. Khinchin: An elementary introduction to the theory of probability. Dover Publications, Inc., New York 1962 [4] F. Biagini, M. Campanino: Elementi di probabilità e statistica. Springer-Verlag Italia, Milano [5] Domenico Piccolo: Statistica. Il Mulino, Bologna [6] Kai Lai Chung, Farid AitSahlia: Elementary probability theory. With stochastic processes and an introduction to mathematical finance. Undergraduate Texts in Mathematics. Springer-Verlag, New York, [7] Wolfgang Paul, Joerg Baschnagel: Stochastic processes. From physics to finance. Springer-Verlag, Berlin, MODALITÀ D ESAME: Durante il corso è prevista una prova scritta composta da esercizi di tipologia considerata nel corso che deve essere superata da ogni studente. L esame finale è costituito da una prova orale su teoria. Il voto finale è la media dei voti di prova scritta i prova orale. Chi deve fare l esame ma non ha seguito il corso (per esempio gli studenti di anni precedenti) durante l esame deve fare entrambi prova scritta e prova orale. RICEVIMENTO STUDENTI: Consultare la pagina web del docente. E PAGINA WEB DEL DOCENTE: Contabilità dei Costi DOCENTE: Prof.ssa Anna Arcari 5

6 PRESENTAZIONE DEL CORSO: Il corso di Contabilità dei costi è proposto agli studenti con la finalità di approfondire e ampliare le conoscenze della strumentazione contabile ed extra-contabile inerente i processi di misurazione economica introdotti con il corso base di Ragioneria e di introdurre alle logiche del controllo di gestione. L'obiettivo didattico prioritario è favorire, attraverso lezioni di inquadramento teorico, discussioni di incident ed esercitazioni pratiche, l'apprendimento delle metodologie e delle logiche di progettazione e di funzionamento dei sistemi di controllo direzionale nelle imprese manifatturiere e di servizi. PROGRAMMA DEL CORSO: PARTE A - I sistemi di misurazione dei costi di produzione a consuntivi, normalizzati e standard - I metodi contabili ed extra-contabili per il calcolo dei costi di produzione - I criteri di classificazione dei costi e le diverse configurazioni di costo di prodotto - I metodi tradizionali di calcolo del costo pieno di prodotto - Il calcolo dei costi di prodotto nelle diverse tipologie di processi produttivi: per commessa e per lotti, per processo, a flusso continuo, e processi congiunti - Il sistema dei costi a valori normalizzati e a valori standard - La determinazione del costo standard di reparto e di prodotto - L analisi degli scostamenti per via contabile ed extra-contabile PARTE B - L impiego delle informazioni economiche a supporto dei processi di controllo direzionale - La contabilità a costi variabili e la configurazione del margine di contribuzione - La segment analysis - Gli algoritmi decisionali di breve periodo - La valutazione delle condizioni di rischio operativo - Le decisioni in condizioni di certezza/incertezza - Il processo di budgeting: aspetti metodologici, procedurali e organizzativi MATERIALE DIDATTICO: Il testo adottato ai fini dell esame è il seguente: Il controllo direzionale a cura di Anna Arcari, McGraw Hill, Milano, settembre 2007 (comprende anche l accesso ai materiali on line appositamente predisposti da docente, tra cui lucidi, esercizi con soluzioni, test di autovalutazione e glossario di termini tecnici). MODALITA' D'ESAME L esame è costituito da una prova scritta che include esercizi e domande di teoria. Costituisce programma d esame l intero materiale didattico indicato al punto precedente e dettagliato nel programma allegatola punto 7. Non è possibile sostenere orali integrativi. ORARIO DI RICEVIMENTO Visibile sul sito RECAPITO 6

7 Controllo di Gestione DOCENTE: Prof.ssa Anna Arcari PRESENTAZIONE DEL CORSO: Il corso di Controllo di gestione (ex Ragioneria Avanzata B) è proposto agli studenti con la finalità di approfondire, ampliare e integrare le conoscenze della strumentazione utilizzabile dalle imprese per un efficace governo economico delle performance introdotte nel corso di Contabilità dei Costi. L'obiettivo didattico prioritario è favorire, attraverso lezioni di inquadramento teorico, discussioni di incident e di casi aziendali, assignement e svolgimento di progetti sul campo, l'apprendimento delle metodologie e delle logiche di progettazione e di funzionamento dei sistemi di controllo di gestione nelle imprese appartenenti a differenti settori. PROGRAMMA DEL CORSO: PARTE A -I sistemi di controllo manageriale - Significato, forme ed obiettivi del controllo manageriale - I sistemi di pianificazione e di budgeting - La dimensione razionale del processo di budgeting - La dimensione organizzativa del processo di budgeting - La determinazione degli obiettivi di performance economico-finanziari - I prezzi di trasferimento - Il controllo dei risultati, le distorsioni comportamentali e il sistema degli incentivi PARTE B I sistemi di controllo strategico - Gli strumenti per la pianificazione della redditività aziendale: oltre il budget - I limiti del reporting economico finanziario - Il tableau de bord - La piramide degli obiettivi - La Balanced Scorecard PARTE C I sistemi di controllo in settori specifici - Presentazione di progetti sul campo condotti dagli studenti in tre aziende appartenenti a settori differenti MATERIALE DIDATTICO: Il testo adottato ai fini dell esame è il seguente: Il controllo di gestione, di K. A. Merchant e A. Riccaboni, 2001, McGraw Hill (il testo è prenotabile entro la prima settimana del corso -2 maggio - presso la libreria CUEM di Varese o acquistabile on line) Esso comprende anche l accesso ai test di autovalutazione predisposti dagli autori stessi del testo e resi disponibili sul server di McGraw Hill. Sulla piattaforma Blackboard di ateneo, invece, saranno pubblicati a cura del docente letture, casi ed altri materiali integrativi utili per la preparazione dell esame per gli studenti frequentanti e non frequentanti Il calendario analitico delle lezioni verrà reso noto in prossimità dell inizio del corso. MODALITA' D'ESAME Per gli studenti frequentanti Coloro che frequentano il corso e svolgono gli assignement e i progetti sul campo con profitto, riceveranno una valutazione che inciderà per il 60% sul voto finale dell esame. Il sostenimento di una prova orale, su materiali che verranno indicati dal docente alla fine corso, completerà la valutazione dell esame. Per gli studenti non frequentanti Coloro che non frequentano dovranno sostenere un esame orale per il quale costituisce programma d esame l intero materiale didattico indicato al punto precedente, compresi i casi aziendali (3). ORARIO DI RICEVIMENTO 7

8 Visibile sul sito RECAPITO Diritto Amministrativo DOCENTE: Prof.ssa Francesca Mattassoglio Collaboratori: Prof. Giorgio Grasso PRESENTAZIONE DEL CORSO: L obiettivo del Corso è di approfondire lo studio del diritto amministrativo, inteso come quella branca del diritto pubblico che regola (in modo rilevante per i terzi) l organizzazione della pubblica amministrazione e inoltre l attività amministrativa da questa esplicata (Sandulli), cioè come quella disciplina che ha per oggetto lo studio dell amministrazione nel duplice significato di amministrazione in senso funzionale ed amministrazione in senso organizzativo. Il Corso è strutturato in moduli didattici che tengono conto dell attivazione dell insegnamento sia nella laurea triennale, ancora per quest'anno, sia soprattutto nella laurea specialistica, nei due indirizzi di Economia e Management e di Economia e diritto d'impresa. Le lezioni in aula si svolgeranno con la proiezione di diapositive (power-point), che saranno poi inserite in rete sulla pagina web del docente. PROGRAMMA Gli argomenti che verranno principalmente trattati nel Corso riguardano: la definizione dei principi generali del diritto amministrativo e le fonti del diritto amministrativo; l amministrazione come organizzazione amministrativa e in particolare l organizzazione amministrativa italiana; l amministrazione come attività amministrativa e il procedimento amministrativo; gli interventi pubblici nell'economia e i servizi pubblici locali; l attività di diritto comune della pubblica amministrazione e in particolare l attività contrattuale; il sistema di giustizia amministrativa e lineamenti del processo giurisdizionale amministrativo. MODALITÀ DIDATTICHE: Lezioni frontali e esercitazioni BIBLIOGRAFIA: E. Casetta, Compendio di diritto amministrativo, Giuffrè, ult. Edizione; altro materiale distribuito in aula. Gli studenti NON frequentanti devono studiare il libro di testo indicato MODALITÀ D ESAME: L esame si svolgerà in forma scritto soltanto nel primo appello, riservato ai frequentanti. In seguito, si svolgerà esclusivamente in forma orale. RECAPITO E INDICAZIONI SUL RICEVIMENTO: Previo contatto via Diritto del Mercato Unico Europeo (ex Diritto degli Scambi Internazionali) DOCENTE: Prof. Davide Diverio PRESENTAZIONE DEL CORSO 8

9 Il corso mira a fornire le linee essenziali della disciplina del mercato unico europeo soffermandosi, in particolare, sulle libertà di circolazione previste dal Trattato CE e sulla disciplina comunitaria della concorrenza. PROGRAMMA DEL CORSO Il corso, che si avvarrà di ampi riferimenti alla giurisprudenza comunitaria, è strutturato in due moduli. Nel primo verranno esaminati i principi comunitari in materia di libera circolazione delle merci, delle persone, dei servizi e dei capitali. Con riferimento al diritto di stabilimento e alla libera circolazione dei servizi verranno inoltre approfonditi alcuni temi legati alla disciplina comunitaria degli appalti pubblici quali, ad esempio, il suo ambito di applicazione oggettivo e soggettivo, la nozione di organismo di diritto pubblico, l applicazione del diritto comunitario al fenomeno delle concessioni. Il secondo modulo sarà dedicato allo studio delle linee essenziali della disciplina comunitaria della concorrenza. In particolare, costituiranno oggetto di trattazione i temi delle intese fra imprese, dell abuso di posizione dominante, dei servizi di interesse economico generale, degli aiuti di Stato alle imprese e dei rapporti fra diritto antitrust comunitario e diritto antitrust nazionale. MATERIALE DIDATTICO Per la preparazione dell esame è indispensabile una buona conoscenza delle disposizioni del Trattato CE relative alle libertà fondamentali di circolazione, delle disposizioni del Trattato CE e della normativa di diritto derivato relative alla disciplina delle concorrenza, delle direttive e delle altre fonti di diritto derivato relative alle procedure di aggiudicazione degli appalti pubblici. Tali testi sono reperibili sul sito internet dell UE La giurisprudenza comunitaria esaminata a lezione verrà messa a disposizione nel corso delle lezioni alla pagina web Quali testi di riferimento, si consigliano: G. STROZZI (a cura di), Diritto dell Unione europea Parte Speciale, Torino, Giappichelli, ultima edizione o, in alternativa, G. TESAURO, Diritto comunitario, Padova, Cedam, ultima edizione Per entrambi i testi suggeriti : nelle parti relative alle libertà di circolazione e al diritto comunitario della concorrenza V. SALVATORE, Diritto comunitario degli appalti pubblici, Milano, Giuffré, 2003 (limitatamente ai capitoli I, II (per intero) e al paragrafo 1 del capitolo III). MODALITA D ESAME L esame è orale ad eccezione del primo appello dopo la conclusione del corso che si svolgerà in forma scritta. RICEVIMENTO Si rinvia alla pagina web RECAPITI: 9

10 Diritto del Lavoro DOCENTE: Prof. Umberto Ferrari Il programma avrà come oggetto l analisi del corpus di norme che regolano il diritto del lavoro, con riferimento sia ai principi base che alle novità legislative. Durante le lezioni verranno distribuite sia le fotocopie delle norme citate, sia degli schemi per una maggior comprensione della materia. Il corso si svolgerà secondo il seguente programma: 1. Le fonti e la storia: il Codice Civile, la Costituzione, la legislazione speciale, la legislazione dell emergenza. 2. Il contratto collettivo. 3. Il contratto di lavoro ed i criteri qualificanti il rapporto di lavoro subordinato. 4. I contratti di parasubordinazione: il contratto a progetto. 5. Il contratto a tempo determinato, il contratto a part-time, l apprendistato, il contratto di formazione lavoro e le novità della legge Biagi. 6. Lo svolgersi del rapporto di lavoro : la mansione e la qualifica, l orario di lavoro, le ipotesi di sospensione del rapporto, la tutela della lavoratrice madre. 7. La sicurezza sul lavoro. 8. La cassa integrazione straordinaria. 9. Il potere disciplinare dell imprenditore. 10. Il licenziamento individuale e collettivo. 11. L organizzazione sindacale. 12. Il comportamento antisindacale e la sua repressione. Il docente si riserva di indicare in un secondo momento i testi di studio. L esame si svolgerà oralmente. RECAPITO: Diritto dell Economia DOCENTE: Prof.ssa Lucia Lopez PRESENTAZIONE DEL CORSO: Il corso si divide in due parti: nella prima ci si pone lo scopo di offrire un analisi dei rapporti economici disciplinati dalla Costituzione. Nella seconda si esamineranno i diversi aspetti giuridici connessi al mercato finanziario ed ai soggetti che vi operano. PROGRAMMA: Parte prima: Parte storico-introduttiva sull'intervento pubblico nell economia. I principi fondamentali in tema di rapporti economici nella Costituzione italiana: artt. 41, 42, 43, e 47 Cost,: la c.d. Costituzione economica. L'incidenza del diritto comunitario e internazionale sui concetti fondamentali e tradizionali del diritto pubblico dell'economia nell'ordinamento italiano. Le discipline nazionali del mercato e della concorrenza. I servizi pubblici. Le liberalizzazioni e le privatizzazioni. Dallo Stato imprenditore allo Stato regolatore. Parte seconda: La disciplina speciale del mercato mobiliare. La nozione di valore mobiliare, strumento finanziario e prodotto finanziario. Le funzioni e poteri delle Autorità di Vigilanza. I servizi e le imprese di investimento. La disciplina degli investitori istituzionali e degli organismi di investimento collettivo del risparmio. L appello al pubblico risparmio, le sollecitazioni all investimento, le offerte pubbliche di acquisto, 10

11 le offerte fuori sede, il collocamento a distanza, la responsabilità da prospetto e il controllo della Banca d Italia sull emissione dei valori mobiliari. Le informazioni al mercato, insider trading e manipolazione. La disciplina dei mercati regolamentati. La disciplina delle società con azioni quotate. BIBLIOGRAFIA: Per i non frequentanti, i testi di riferimento sono: R. Costi, Il mercato mobiliare, 5 ed, G. Giappichelli Editore, 2008; (a cura di) S. Cassese, La nuova costituzione economica, Bari, Per i frequentanti, oltre agli appunti delle lezioni, sarà necessario lo studio di R. Costi, Il mercato mobiliare, 4 ed, G. Giappichelli Editore, Lettura consigliata: M. Luciani, Economia nel diritto costituzionale, in Digesto delle discipline pubblicistiche, vol. V, Torino, 1990, pp MODALITÀ DI ESAME: Discussione orale RICEVIMENTO STUDENTI: Lunedì ore RECAPITO DI POSTA ELETTRONICA: Diritto dell Unione Europea (Corso Part-time) DOCENTE: Prof. Davide Diverio PRESENTAZIONE DEL CORSO Il corso intende fornire agli studenti gli strumenti essenziali per comprendere il processo di integrazione europea dalle origini ad oggi. PROGRAMMA DEL CORSO L'evoluzione storica del processo di integrazione europea: dalla Comunità Europea del Carbone e dell'acciaio ai Trattati di Roma, l'atto Unico Europeo, il Trattato sull'unione europea, i Trattati di Amsterdam e di Nizza, il Trattato che adotta una Costituzione per l'europa, il Trattato di Lisbona. Il quadro istituzionale dell'unione europea e delle Comunità europee: Consiglio europeo, Consiglio dell'unione europea, Commissione, Parlamento europeo, Corte dei conti, le istituzioni monetarie e gli organi consultivi. La Corte di giustizia e il Tribunale di Primo grado delle Comunità europee: competenze contenziose e non contenziose. Le norme emanate dalle istituzioni comunitarie. I rapporti fra il diritto comunitario e il diritto degli Stati membri. MATERIALE DIDATTICO Per la preparazione dell'esame è indispensabile una buona conoscenza del Trattato CE e del Trattato sull'unione europea, nelle loro versioni più aggiornate. Tali testi sono reperibili anche sul sito internet dell'ue: Quale testo di riferimento, si consiglia: F. POCAR, Diritto dell Unione e delle Comunità europee, Milano, Giuffré, ult. edizione. 11

12 Quale utile lettura integrativa di approfondimento, si consiglia: J. ZILLER, Il nuovo Trattato europeo, Bologna, Il Mulino, 2007 Per il corso di Laurea part-time, alle lezioni frontali si aggiungerà l utilizzo della piattaforma di e- learning Blackboard. MODALITA' D'ESAME Il primo appello di fine corso si terrà in forma scritta. RICEVIMENTO Si rinvia alla pagina web POSTA ELETTRONICA: Diritto dell Unione Europea DOCENTE: Prof. Davide Diverio PRESENTAZIONE DEL CORSO Il corso intende fornire agli studenti gli strumenti essenziali per comprendere il processo di integrazione europea dalle origini ad oggi. PROGRAMMA DEL CORSO L evoluzione storica del processo di integrazione europea: dalla Comunità Europea del Carbone e dell Acciaio ai Trattati di Roma, l Atto Unico Europeo, il Trattato sull Unione europea, i Trattati di Amsterdam e di Nizza, il Trattato che adotta una Costituzione per l Europa, il c.d. Trattato di Lisbona. Il quadro istituzionale dell Unione europea e delle Comunità europee: Consiglio europeo, Consiglio dell Unione europea, Commissione, Parlamento europeo, Corte dei conti, le istituzioni monetarie e gli organi consultivi. La Corte di giustizia e il Tribunale di Primo grado delle Comunità europee: competenze contenziose e non contenziose. Le norme emanate dalle istituzioni comunitarie. I rapporti fra il diritto comunitario e il diritto degli Stati membri. MATERIALE DIDATTICO Per la preparazione dell esame è indispensabile una buona conoscenza del Trattato CE e del Trattato sull Unione europea, nelle loro versioni più aggiornate. Tali testi sono reperibili sul sito internet dell UE Quale testo di riferimento, si consiglia: F. POCAR, Diritto dell Unione e delle Comunità europee, Milano, Giuffré, ult. edizione. MODALITA D ESAME L esame è orale ad eccezione del primo appello dopo la conclusione del corso che si svolgerà in forma scritta. RICEVIMENTO Si rinvia alla pagina web POSTA ELETTRONICA 12

13 Diritto delle Imprese e delle Società (Corso Part-time) DOCENTE: Prof. Andrea Bortoluzzi COLLABORATORI: Dott. Angelo di Sapio PRESENTAZIONE DEL CORSO E PROGRAMMA Il corso si articola in due moduli didattici. Il primo dedicato all'impresa, alla azienda e alla sua circolazione. Il secondo all'esercizio dell'impresa in forma collettiva e alla sua articolazione di disciplina positiva. I primo modulo si appunterà alla esegesi della disciplina positiva dell'imprenditore dell'impresa e della azienda, il secondo di quella delle società di persone e di capitali. L'imprenditore, le categorie di imprenditori, l'acquisto della qualità di imprenditore lo statuto dell'imprenditore commerciale e l'azienda saranno oggetto d' insegnamento istituzionale del primo modulo. Si presterà particolare attenzione alla logica codicistica in materia di interrelazione tra le nozioni di impresa e di azienda e alla circolazione di quest'ultima. Saranno oggetto di insegnamento del secondo modulo,la nozione di società, i tipi di società, la società semplice la società in nome collettivo, la società in accomandita semplice, la società per azioni, l'assemblea, la amministrazione e i controlli, le azioni e le obbligazioni, le modificazioni dello statuto, lo scioglimento, la società a responsabilità limitata, la trasformazione, la fusione e la scissione. Saranno oggetto di particolare approfondimento la nozione di società, le partecipazioni e la loro circolazione e i gruppi di società. E' prevista la utilizzazione di mezzi audiovisivi. MATERIALE DIDATTICO: Per quanto riguarda il primo modulo: CAMPOBASSO, Manuale di diritto commerciale, Terza edizione a cura di Mario Campobasso, UTET, 2006, pp BORTOLUZZI, Lezioni di Diritto d impresa, Insubria University Press,2008. Per quanto riguarda il secondo modulo: CAMPOBASSO, cit., pp ; pp ; pp ; pp In sede di corso potranno essere suggerire ulteriori letture per approfondimenti anche relativi alle letture programmate. La indicazione delle stesse potrà essere reperibile sulla piattaforma del corso. MODALITA' D'ESAME. L'esame può essere alternativamente sostenuto, a scelta dello studente, nella forma orale o in forma scritta (saranno proposti quattro argomenti, tre dei quali saranno sviluppati dallo studente nella forma di una breve dissertazione). Per i frequentanti potranno essere programmate particolari condizioni d'esame. INDICAZIONI DI RICEVIMENTO : La indicazione dell'orario di ricevimento è disponibile sulla piattaforma del corso. RECAPITI: mail: Piattaforma del corso all'indirizzo: http//elearning.uninsubria.it 13

GUIDA DELLA FACOLTA DI ECONOMIA ANNO ACCADEMICO 2006/07 PROGRAMMI D ESAME

GUIDA DELLA FACOLTA DI ECONOMIA ANNO ACCADEMICO 2006/07 PROGRAMMI D ESAME GUIDA DELLA FACOLTA DI ECONOMIA ANNO ACCADEMICO 2006/07 PROGRAMMI D ESAME * materiale non disponibile http://www.eco.uninsubria.it/ http://www.eco.uninsubria.it/docenti.htm Indice Alfabetizzazione Informatica

Dettagli

GUIDA AI PROGRAMMI D ESAME

GUIDA AI PROGRAMMI D ESAME FACOLTÀ DI ECONOMIA Anno Accademico 2009/2010 GUIDA AI PROGRAMMI D ESAME Indice * Materiale non disponibile Alfabetizzazione Informatica (Corso tradizionale e Part-time) 4 Calcolo delle Probabilità 5 Contabilità

Dettagli

CFU: 9 ANNO ACCADEMICO: 2013-2014 SEMESTRE: Primo semestre OBIETTIVI FORMATIVI

CFU: 9 ANNO ACCADEMICO: 2013-2014 SEMESTRE: Primo semestre OBIETTIVI FORMATIVI DOCENTE: Franco Tutino TITOLO DELL INSEGNAMENTO: Economia e Gestione della Banca Modelli operativi e gestionali SSD: SECS- P/11 CORSO DI LAUREA: Scienze aziendali (a partire dall A.A. 2012-2013) Banca,

Dettagli

CORSO DI PREPARAZIONE ALL ESAME DI STATO PER L ABILITAZIONE ALL ESERCIZIO DELLE PROFESSIONI DI

CORSO DI PREPARAZIONE ALL ESAME DI STATO PER L ABILITAZIONE ALL ESERCIZIO DELLE PROFESSIONI DI CORSO DI PREPARAZIONE ALL ESAME DI STATO PER L ABILITAZIONE ALL ESERCIZIO DELLE PROFESSIONI DI DOTTORE COMMERCIALISTA E ESPERTO CONTABILE 1 Indice CONTESTO NORMATIVO... 3 REQUISITI PER L'AMMISSIONE ALLA

Dettagli

INSEGNAMENTO: DIRITTO DEL LAVORO I. Docente: Valeria Filì

INSEGNAMENTO: DIRITTO DEL LAVORO I. Docente: Valeria Filì E- mail: valeria.fili@uniud.it SSD: IUS/07 CLASSE: LMG/01 CFU: 8 Conoscenze e abilità da conseguire CORSO DI LAUREA MAGISTRALE A CICLO UNICO IN GIURISPRUDENZA INSEGNAMENTO: DIRITTO DEL LAVORO I Docente:

Dettagli

Il Controllo di Gestione: il moderno Controller per le organizzazioni DESCRIZIONE

Il Controllo di Gestione: il moderno Controller per le organizzazioni DESCRIZIONE Il Controllo di Gestione: il moderno Controller per le organizzazioni DESCRIZIONE Le caratteristiche del mercato finanziario e le dinamiche competitive emerse sin dall emergere della crisi hanno imposto

Dettagli

Il corso si propone di delineare le caratteristiche dell attività bancaria ed i principi di gestione delle banche.

Il corso si propone di delineare le caratteristiche dell attività bancaria ed i principi di gestione delle banche. DOCENTE: Fabiomassimo Mango TITOLO DELL INSEGNAMENTO: Economia e Gestione della Banca - Modelli operativi e gestionali SSD: SECS-P/11 CORSO DI LAUREA: Economia e commercio - (corso serale) CFU: 9 ANNO

Dettagli

PROGRAMMA. Borse di studio riservate a elementi con orientamento nelle discipline economico-aziendali lett. A dell art.

PROGRAMMA. Borse di studio riservate a elementi con orientamento nelle discipline economico-aziendali lett. A dell art. PROGRAMMA Borse di studio riservate a elementi con orientamento nelle discipline economico-aziendali lett. A dell art. 1 del bando EVENTUALE TEST PRESELETTIVO su tutte le materie previste per la prova

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN ECONOMIA E FINANZA INTERNAZIONALE

REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN ECONOMIA E FINANZA INTERNAZIONALE REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN ECONOMIA E FINANZA INTERNAZIONALE 1. Il presente Regolamento specifica gli aspetti organizzativi del corso di laurea specialistica in Economia e finanza

Dettagli

FACOLTÀ DI ECONOMIA. CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN MARKETING E COMUNICAZIONE PER LE AZIENDE Classe LM 77

FACOLTÀ DI ECONOMIA. CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN MARKETING E COMUNICAZIONE PER LE AZIENDE Classe LM 77 FACOLTÀ DI ECONOMIA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN MARKETING E COMUNICAZIONE PER LE AZIENDE Classe LM 77 ART. 9 REQUISITI DI ACCESSO AL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE 1. Per essere ammessi al corso di Laurea

Dettagli

FACOLTÀ DI ECONOMIA. CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN ECONOMIA E GESTIONE AZIENDALE Classe LM 77

FACOLTÀ DI ECONOMIA. CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN ECONOMIA E GESTIONE AZIENDALE Classe LM 77 FACOLTÀ DI ECONOMIA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN ECONOMIA E GESTIONE AZIENDALE Classe LM 77 ART. 9 REQUISITI DI ACCESSO AL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE 1. Per essere ammessi al corso di Laurea Magistrale

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE IRIS VERSARI - Cesano Maderno (MB) PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE Indirizzo: LICEO SCIENTIFICO LICEO SCIENTIFICO Scienze Applicate LICEO TECNICO ISTITUTO TECNICO

Dettagli

Università degli Studi di Messina

Università degli Studi di Messina Università degli Studi di Messina F a c o l t à d i E c o n o m i a Corso di Laurea Magistrale in Scienze Economico-Aziendali (LM-77) Settore scientifico disciplinare (SSD) IUS/05 Curriculum in Banca e

Dettagli

Regolamento Corso di Laurea Magistrale in. AMMINISTRAZIONE ECONOMIA E FINANZA (Classe LM-77, Scienze Economico Aziendali)

Regolamento Corso di Laurea Magistrale in. AMMINISTRAZIONE ECONOMIA E FINANZA (Classe LM-77, Scienze Economico Aziendali) Regolamento Corso di Laurea Magistrale in AMMINISTRAZIONE ECONOMIA E FINANZA (Classe LM-77, Scienze Economico Aziendali) Art. 1 Attivazione La Facoltà di Economia attiva il Corso di Laurea Magistrale in

Dettagli

MASTER SPECIALISTICO IN PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO DI GESTIONE

MASTER SPECIALISTICO IN PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO DI GESTIONE OFFERTA FORMATIVA Titolo: MASTER SPECIALISTICO IN PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO DI GESTIONE Padova, Roma e Bologna. Destinatari: Il Master si rivolge a laureati, preferibilmente in discipline economiche,

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA. Facoltà di Economia. LAUREA MAGISTRALE IN Economia e Finanza

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA. Facoltà di Economia. LAUREA MAGISTRALE IN Economia e Finanza UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA Facoltà di Economia LAUREA MAGISTRALE IN Economia e Finanza REGOLAMENTO DIDATTICO - ANNO ACCADEMICO 2007-2008 DESCRIZIONE Corso di Laurea di durata biennale appartenente

Dettagli

Corso di preparazione all esame di Avvocato 2015

Corso di preparazione all esame di Avvocato 2015 Corso di preparazione all esame di Avvocato 2015 Sede: Cosenza (in aula ed in videoconferenza) Destinatari Praticanti avvocati che devono sostenere le prove scritte dell esame di avvocato a dicembre 2015

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE DEL LAVORO

REGOLAMENTO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE DEL LAVORO REGOLAMENTO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE DEL LAVORO 1. Il presente Regolamento specifica gli aspetti organizzativi del corso di laurea specialistica in Scienze del lavoro (classe delle

Dettagli

MANIFESTO DEGLI STUDI ANNO ACCADEMICO 2005/2006 PARTE PRIMA INFORMAZIONI GENERALI

MANIFESTO DEGLI STUDI ANNO ACCADEMICO 2005/2006 PARTE PRIMA INFORMAZIONI GENERALI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI FACOLTA DI ECONOMIA MANIFESTO DEGLI STUDI ANNO ACCADEMICO 2005/2006 PARTE PRIMA INFORMAZIONI GENERALI 1. Corsi di laurea L offerta formativa della Facoltà di Economia

Dettagli

Regolamento Corso di Laurea Magistrale in

Regolamento Corso di Laurea Magistrale in Regolamento Corso di Laurea Magistrale in AMMINISTRAZIONE, ECONOMIA E FINANZA. (Classe LM-77, Scienze Economico Aziendali) Art. 1 Attivazione Il Dipartimento di Ingegneria Industriale e dell Informazione

Dettagli

Facoltà di Giurisprudenza

Facoltà di Giurisprudenza Facoltà di Giurisprudenza CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN GIURISPRUDENZA A CICLO UNICO (classe LMG/01) Anno accademico 2011-2012 1. Caratteri, finalità e sbocchi Il corso di laurea magistrale in Giurisprudenza

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE anno scolastico 2015/2016

PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE anno scolastico 2015/2016 PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE anno scolastico 2015/2016 Prof.ssa Ragnoli Raffaella MATERIA Economia Aziendale e geopolitica classe e indirizzo : 5 A RIM n. ore settimanali: 6 monte orario annuale: 198 CONOSCENZE

Dettagli

Rendimento del capitale investito e costo delle risorse finanziarie. Cenni funzionali sui principi legislativi e ragionieristici del bilancio

Rendimento del capitale investito e costo delle risorse finanziarie. Cenni funzionali sui principi legislativi e ragionieristici del bilancio Le Novità del Credito: corso di aggiornamento Obiettivi Fornire una visione sistematica e completa dell'operatività creditizia, aggiornata alle piu recenti novita (I.A.S., riforma societaria, riforma diritto

Dettagli

6 ore = 1 credito. 1 credito. 1 credito. 1 credito. Complementari Informatica A 5 IUS/14 Caratterizzanti Giuridico. 5 INF/01 Affiniintegrative

6 ore = 1 credito. 1 credito. 1 credito. 1 credito. Complementari Informatica A 5 IUS/14 Caratterizzanti Giuridico. 5 INF/01 Affiniintegrative UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Facoltà di Economia Varese MANIFESTO DEGLI STUDI ANNO ACCADEMICO 2004/2005 Corso di laurea specialistica in Economia e Commercio Corso di laurea specialistica in Economia

Dettagli

PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE PIANO DI LAVORO ANNUALE - CONTRATTO FORMATIVO

PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE PIANO DI LAVORO ANNUALE - CONTRATTO FORMATIVO Pagina 1 di 9 ANNO SCOLASTICO 2013/2014 PIANO DI LAVORO ANNUALE - CONTRATTO FORMATIVO DOCENTE MATERIA CLASSE GAROFOLI M. GIUSEPPINA ECONOMIA AZIENDALE V B MERCURIO OBIETTIVI DISCIPLINARI (in conformità

Dettagli

# $ % $ & # '() * + #./ * #

# $ % $ & # '() * + #./ * # ! " # $ % $ & #! '() * + '( ) (,--./--0 /1020-- #./ * # MODALITA DI FREQUENZA Il Master in Finanza e Controllo di Gestione verrà attivato ANCONA 22 febbraio 2013 31 maggio 2013 07 giugno 2013 BOLOGNA 25

Dettagli

PREREQUISITI Conoscenza dei concetti di base, che saranno argomento delle prime 10 lezioni.

PREREQUISITI Conoscenza dei concetti di base, che saranno argomento delle prime 10 lezioni. PROGRAMMA D ESAME Laurea: Comunicazione Internazionale e Pubblicitaria Insegnamento: Economia e gestione delle imprese Curriculum: Pubblicitario Anno di corso: I Semestre: I Docente: Mauro Bernacchi Anno

Dettagli

Corso di Fondamenti di Economia

Corso di Fondamenti di Economia UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Corso di Prof. Gianmaria Martini Introduzione al corso A.A. 2013-2014 Obiettivi del corso è il primo insegnamento di natura economica nel Corso di Laurea Triennale in

Dettagli

Il Controllo di Gestione Corso base e avanzato

Il Controllo di Gestione Corso base e avanzato Il Il Controllo di Gestione Corso base e avanzato Verona Il controllo di gestione CORSO BASE E AVANZATO Obiettivi Il controllo di gestione ricopre la funzione di insostituibile strumento gestionale e strategico

Dettagli

FACOLTÀ DI ECONOMIA (SEDE DI PIACENZA) ART. 1

FACOLTÀ DI ECONOMIA (SEDE DI PIACENZA) ART. 1 SEZIONE UNDICESIMA FACOLTÀ DI ECONOMIA (SEDE DI PIACENZA) ART. 1 Alla Facoltà di Economia (sede di Piacenza) afferiscono i seguenti corsi di laurea triennali: a) corso di laurea in Economia aziendale b)

Dettagli

Tecnica industriale e commerciale

Tecnica industriale e commerciale Università degli Studi di Catania Facoltà di Economia AEGI - Area di Economia e Gestione delle Imprese Corso di Laurea in Economia Aziendale Anno accademico 2009-2010 Tecnica industriale e commerciale

Dettagli

OFFERTA FORMATIVA A.A. 2015/2016

OFFERTA FORMATIVA A.A. 2015/2016 OFFERTA FORMATIVA A.A. 2015/2016 Obiettivi formativi corsi di laurea, raggruppamenti disciplinari, insegnamenti Economia: banche, aziende e mercati Obiettivi formativi corso di laurea I laureati in Economia:

Dettagli

Il corso si colloca nell ambito del corso integrato di scienze quantitative, al primo anno.

Il corso si colloca nell ambito del corso integrato di scienze quantitative, al primo anno. Corso di Statistica Medica Il corso si colloca nell ambito del corso integrato di scienze quantitative, al primo anno. Sono previste 40 ore complessive, di cui almeno 16 di lezione frontale e le restanti

Dettagli

MANIFESTO DEGLI STUDI ANNO ACCADEMICO 2008/2009

MANIFESTO DEGLI STUDI ANNO ACCADEMICO 2008/2009 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Facoltà di Economia Varese MANIFESTO DEGLI STUDI ANNO ACCADEMICO 2008/2009 Corso di laurea magistrale in Economia e Commercio Corso di laurea magistrale in Economia

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA. Facoltà di Economia. LAUREA IN Economia delle banche, delle assicurazioni e degli intermediari finanziari

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA. Facoltà di Economia. LAUREA IN Economia delle banche, delle assicurazioni e degli intermediari finanziari UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA Facoltà di Economia LAUREA IN Economia delle banche, delle assicurazioni e degli intermediari finanziari REGOLAMENTO DIDATTICO - ANNO ACCADEMICO 2007-2008 DESCRIZIONE

Dettagli

FACOLTÀ DI ECONOMIA. CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN ECONOMIA E GESTIONE AZIENDALE Classe LM-77

FACOLTÀ DI ECONOMIA. CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN ECONOMIA E GESTIONE AZIENDALE Classe LM-77 FACOLTÀ DI ECONOMIA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN ECONOMIA E GESTIONE AZIENDALE Classe LM-77 ART. 9 REQUISITI DI ACCESSO AL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE 1. Per essere ammessi al corso di Laurea Magistrale

Dettagli

MARKETING MANAGEMENT. Master serale. Anno Accademico 2010-2011. Master universitario di primo livello Facoltà di Economia

MARKETING MANAGEMENT. Master serale. Anno Accademico 2010-2011. Master universitario di primo livello Facoltà di Economia MARKETING MANAGEMENT Master serale Anno Accademico 2010-2011 Master universitario di primo livello Facoltà di Economia Presentazione La gestione delle relazioni con i mercati è elemento fondamentale del

Dettagli

SCIENZE BANCARIE, FINANZIARIE e ASSICURATIVE

SCIENZE BANCARIE, FINANZIARIE e ASSICURATIVE UNIVERSITÀ CATTOLICA SCIENZE BANCARIE, FINANZIARIE e ASSICURATIVE R Anno Accademico 2009-2010 Sede di Milano www.unicatt.it/scienzebancarie Laurea Triennale INDICE La Facoltà di Scienze bancarie, finanziarie

Dettagli

corso di laurea in consulente del lavoro e delle relazioni industriali laurea per sindacalisti

corso di laurea in consulente del lavoro e delle relazioni industriali laurea per sindacalisti corso di laurea in consulente del lavoro e delle relazioni industriali laurea per sindacalisti L O M B A R D I A Anno Accademico 2007-2008 università progetto Il Congresso per meglio adeguare l organizzazione

Dettagli

Università Commerciale. Graduate School. Luigi Bocconi MDT. Master in Diritto tributario dell impresa. XII Edizione

Università Commerciale. Graduate School. Luigi Bocconi MDT. Master in Diritto tributario dell impresa. XII Edizione Università Commerciale Luigi Bocconi Graduate School MDT Master in Diritto tributario dell impresa XII Edizione 2013-2014 MDT Master in Diritto tributario dell impresa Il diritto tributario è un tema spesso

Dettagli

Programmazione e Controllo di Gestione 8 cfu - 60 ore

Programmazione e Controllo di Gestione 8 cfu - 60 ore a.a. 2013-2014 Programmazione e Controllo di Gestione 8 cfu - 60 ore Maria Pia Maraghini Università degli Studi di Siena Dipartimento di Studi Aziendali e Giuridici E-mail: mariapia.maraghini@unisi.it

Dettagli

Ente Parco Nazionale Area Contabilità e Finanza - ex VII qualifica funzionale

Ente Parco Nazionale Area Contabilità e Finanza - ex VII qualifica funzionale Apprendimento generale: Ente Parco Nazionale Area Contabilità e Finanza - ex VII qualifica funzionale metodi e strumenti di lavoro di tipo generale pubblica amministrazione e ambiente processi di lavoro

Dettagli

ESAME DI STATO PER DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI. Preparazione e modalità di svolgimento

ESAME DI STATO PER DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI. Preparazione e modalità di svolgimento ESAME DI STATO PER DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI Preparazione e modalità di svolgimento Normativa di riferimento D.M. 9 settembre 1957 Decreto 24/10/1996, n. 654 D.Lgs. 28/06/2005, n. 139

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO Laurea specialistica in Classe Facoltà ECONOMIA E LEGISLAZIONE D IMPRESA 84/S Classe delle lauree specialistiche in Scienze economico-aziendali Economia Art. 1. Finalità Il presente

Dettagli

Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili Circondario del Tribunale di Napoli Ente Pubblico non Economico

Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili Circondario del Tribunale di Napoli Ente Pubblico non Economico Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili Circondario del Tribunale di Napoli Ente Pubblico non Economico SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE CONTABILE ED ALLE PROVE DI ABILITAZIONE ALL ESERCIZIO

Dettagli

Executive Program Finanza aziendale e Controllo di Gestione (IV edizione)

Executive Program Finanza aziendale e Controllo di Gestione (IV edizione) Executive Program Finanza aziendale e Controllo di Gestione (IV edizione) OBIETTIVI E COMPETENZE La finanza aziendale sta diventando sempre di più uno strumento fondamentale per la crescita delle imprese,

Dettagli

A JESI L UNIVERSITÀ CHE TI ASCOLTA!

A JESI L UNIVERSITÀ CHE TI ASCOLTA! FONDAZIONE ANGELO COLOCCI A JESI L UNIVERSITÀ CHE TI ASCOLTA! in collaborazione con OFFERTA FORMATIVA A.A. 2014/2015 Corso di laurea triennale in SCIENZE GIURIDICHE APPLICATE indirizzi in: 1) OPERATORE

Dettagli

Programmazione del dipartimento di Diritto e Economia. Biennio del Liceo delle Scienze Umane e del Liceo Economico Sociale. a.s.

Programmazione del dipartimento di Diritto e Economia. Biennio del Liceo delle Scienze Umane e del Liceo Economico Sociale. a.s. Programmazione del dipartimento di Diritto e Economia Biennio del Liceo delle Scienze Umane e del Liceo Economico Sociale a.s. 2015-2016 Premessa La seguente programmazione è stata sviluppata a partire

Dettagli

CORSI DI LAUREA TRIENNALE E SPECIALISTICA ( A.A. 2004-2005 e precedenti)

CORSI DI LAUREA TRIENNALE E SPECIALISTICA ( A.A. 2004-2005 e precedenti) TABELLA DI CORRISPONDENZA TRA INSEGNAMENTI CORSI DI LAUREA QUADRIENNALI E CORSI DI LAREA TRIENNALI IMMATRICOLATI A.A. 2004/20045 E PRECEDENTI E INSEGNAMENTI NUOVO ORDINAMENTO EX DM 270/2004 CORSI LAUREA

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

IL DIRIGENTE SCOLASTICO NELLA SCUOLA DELL AUTONOMIA

IL DIRIGENTE SCOLASTICO NELLA SCUOLA DELL AUTONOMIA Master Universitario annuale di II livello in IL DIRIGENTE SCOLASTICO NELLA SCUOLA DELL AUTONOMIA (1.500 ore 60 Crediti Formativi Universitari) Anno Accademico 2014/2015 Art. 1 FINALITA E OBIETTIVI DEL

Dettagli

FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA. CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN GIURISPRUDENZA Cl.LMG/01

FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA. CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN GIURISPRUDENZA Cl.LMG/01 FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN GIURISPRUDENZA Cl.LMG/01 Obiettivi formativi: Insegnamento di DIRITTO DELLA MEDIAZIONE SSD. CFU 5 - A.A. 2014-2015 Docente: Prof. Avv. Elisabetta

Dettagli

a Treviglio Economia e amministrazione delle imprese Corso di Laurea triennale in Facoltà di Economia UNIVERSITà DEGLI STUDI DI BERGAMO

a Treviglio Economia e amministrazione delle imprese Corso di Laurea triennale in Facoltà di Economia UNIVERSITà DEGLI STUDI DI BERGAMO UNIVERSITà DEGLI STUDI DI BERGAMO FACOLTà DI ECONOMIA Corso di Laurea triennale in Economia e amministrazione delle imprese a Treviglio Anno Accademico 2007-2008 L'Università a Treviglio Dall Anno Accademico

Dettagli

ECONOMIA AZIENDALE I CANALE (A-C)

ECONOMIA AZIENDALE I CANALE (A-C) ECONOMIA AZIENDALE I CANALE (A-C) LAUREA TRIENNALE A. A. 2 012/2013 I SEMESTRE Prof.ssa Lidia D Alessio l.daless@uniroma3.it Ricevimento: lunedì ore 13-15 Stanza: 4.23 Collaboratori Assistente alla cattedra:

Dettagli

SEZIONE UNDICESIMA FACOLTÀ DI ECONOMIA (SEDE DI PIACENZA) ART. 1

SEZIONE UNDICESIMA FACOLTÀ DI ECONOMIA (SEDE DI PIACENZA) ART. 1 SEZIONE UNDICESIMA FACOLTÀ DI ECONOMIA (SEDE DI PIACENZA) ART. 1 Alla Facoltà di Economia (sede di Piacenza) afferiscono i seguenti corsi di laurea e di diploma universitario: a) corso di laurea quadriennale

Dettagli

Università degli Studi di Catania - Dipartimento di Economia e impresa

Università degli Studi di Catania - Dipartimento di Economia e impresa Università degli Studi di Catania - Dipartimento di Economia e impresa Corso di Laurea in DIREZIONE AZIENDALE Anno Accademico 2015/16 STATISTICA PER IL BUSINESS o BUSINESS STATISTICS (2015/16, semestre

Dettagli

BUDGET FINANZA E CONTROLLO

BUDGET FINANZA E CONTROLLO CONTROLLO DI GESTIONE AVANZATO IL BILANCIO: APPROFONDIMENTI E STRUMENTI PRATICI PER NON SPECIALISTI IL CREDITO COMMERCIALE: GESTIONE, SOLLECITO, RECUPERO COME AVVIARE LA CONTABILITÀ INDUSTRIALE CALCOLARE

Dettagli

Corso di Laurea in Economia e Gestione delle Amministrazioni Pubbliche Anno Accademico 2015/16

Corso di Laurea in Economia e Gestione delle Amministrazioni Pubbliche Anno Accademico 2015/16 Università degli Studi di Catania - Dipartimento di Economia e impresa Corso di Laurea in Economia e Gestione delle Amministrazioni Pubbliche Anno Accademico 2015/16 Marketing (Anno II, semestre I, n 9

Dettagli

1.3. Le analisi di bilancio nell azienda di oggi pag. 7 1.4. La struttura del volume pag. 11

1.3. Le analisi di bilancio nell azienda di oggi pag. 7 1.4. La struttura del volume pag. 11 1. Le analisi di bilancio: note evolutive ed introduttive 1.1. Introduzione pag. 3 1.2. Le analisi di bilancio nella tradizione degli studi economicoaziendali italiani pag. 3 1.3. Le analisi di bilancio

Dettagli

Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) PIANO DI LAVORO ECONOMIA AZIENDALE CLASSE 5 B SI

Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) PIANO DI LAVORO ECONOMIA AZIENDALE CLASSE 5 B SI Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Via Firenze, 51 - Tel. 0587/213400 - Fax 0587/52742 http://www.itcgfermi.it E-MAIL: MAIL@ITCGFERMI.IT PIANO DI LAVORO ECONOMIA

Dettagli

Corso Federalismo e fiscalità locale

Corso Federalismo e fiscalità locale Presidenza del Consiglio dei Ministri SCUOLA SUPERIORE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Programma di Empowerment delle amministrazioni pubbliche del Mezzogiorno Corso Federalismo e fiscalità locale Profili

Dettagli

Presentazione e programma del Corso

Presentazione e programma del Corso Strategie e Politiche Aziendali Presentazione e programma del Corso A.A. 2015/2016 Contenuti generali del Corso Il corso di Strategie e Politiche Aziendali si compone di due parti distinte, ma strettamente

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE INDIVIDUALE a. s. 2013/2014

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE INDIVIDUALE a. s. 2013/2014 Pagina 1 di 6 DISCIPLINA: ECONOMIA AZIENDALE INDIRIZZO: MERCURIO CLASSE: 5BR DOCENTE: BONOMINI MIRELLA Elenco moduli Argomenti Metodi /Strumenti / Testi Letture A 1 I CARATTERI DELLE Le caratteristiche

Dettagli

Scuola di Giurisprudenza

Scuola di Giurisprudenza Scuola di Giurisprudenza PARTE NORMATIVA DEL REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE A CICLO UNICO IN GIURISPRUDENZA - sede di Bologna ART. 1 REQUISITI PER L'ACCESSO AL CORSO Per essere ammesso

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN SCIENZE GIURIDICHE Classe 31 Scienze giuridiche

CORSO DI LAUREA IN SCIENZE GIURIDICHE Classe 31 Scienze giuridiche CORSO DI LAUREA IN SCIENZE GIURIDICHE Classe 31 Scienze giuridiche Art. 1 Le seguenti disposizioni disciplinano l organizzazione didattica del Corso di Laurea in Scienze giuridiche, in conformità alle

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE anno scolastico 2015/2016

PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE anno scolastico 2015/2016 PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE anno scolastico 2015/2016 Prof.ssa Simona Migliavacca MATERIA Economia Aziendale classe e indirizzo : 4 B AFT n. ore settimanali: 7 monte orario annuale: 231 CONOSCENZE 1 Strumenti

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO Laurea specialistica in Classe Facoltà MARKETING E COMUNICAZIONE 84/S Classe delle lauree specialistiche in Scienze economico-aziendali Economia Art. 1. Finalità Il presente regolamento

Dettagli

RUOLO E COMPITI DEL DIRIGENTE NELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE

RUOLO E COMPITI DEL DIRIGENTE NELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE Master Universitario annuale di II livello in RUOLO E COMPITI DEL DIRIGENTE NELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE (1.500 ore 60 Crediti Formativi Universitari) Anno Accademico 2015/2016 Art. 1 FINALITA E OBIETTIVI

Dettagli

Entriamo in azienda oggi 3 Tomo 2

Entriamo in azienda oggi 3 Tomo 2 RiViSTA PIANO DI LAVORO Eugenio Astolfi, Lucia Barale & Giovanna Ricci Entriamo in azienda oggi 3 Tomo 2 Tramontana Di seguito presentiamo il Piano di lavoro tratto dai materiali digitali per il docente

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE IRIS VERSARI - Cesano Maderno (MB) PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE Indirizzo: LICEO SCIENTIFICO LICEO SCIENTIFICO Scienze Applicate LICEO TECNICO ISTITUTO TECNICO

Dettagli

MANIFESTO DEGLI STUDI ANNO ACCADEMICO 2009/2010

MANIFESTO DEGLI STUDI ANNO ACCADEMICO 2009/2010 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali di Laurea in Scienze e Tecnologie dell Informazione Sede del corso: Como MANIFESTO DEGLI STUDI ANNO ACCADEMICO 2009/2010

Dettagli

DOCENTE: Sara Fiorucci TITOLO DELL INSEGNAMENTO: Diritto dell informazione CFU: 6 SSD: IUS/05 ANNO ACCADEMICO: 2014/2015

DOCENTE: Sara Fiorucci TITOLO DELL INSEGNAMENTO: Diritto dell informazione CFU: 6 SSD: IUS/05 ANNO ACCADEMICO: 2014/2015 DOCENTE: Sara Fiorucci TITOLO DELL INSEGNAMENTO: Diritto dell informazione CFU: 6 SSD: IUS/05 ANNO ACCADEMICO: 2014/2015 CORSO DI LAUREA: Tecnologie e gestione dell informazione SEMESTRE: Secondo semestre

Dettagli

Diritto dell Unione Europea e delle migrazioni

Diritto dell Unione Europea e delle migrazioni Master biennale di II livello Diritto dell Unione Europea e delle migrazioni (In sigla PLMA08) (1500 ore - 60 CFU) Anno Accademico 2013/2014 2014/2015 1 Titolo DIRITTO DELL UNIONE EUROPEA E DELLLE MIGRAZIONI

Dettagli

1. STRUTTURA, CLASSIFICAZIONI E CONFIGURAZIONI DEI COSTI

1. STRUTTURA, CLASSIFICAZIONI E CONFIGURAZIONI DEI COSTI INTRODUZIONE 1. La visione d impresa e il ruolo del management...17 2. Il management imprenditoriale e l imprenditore manager...19 3. Il management: gestione delle risorse, leadership e stile di direzione...21

Dettagli

L UNIVERSITÀ A JESI: IL FUTURO È CON NOI!

L UNIVERSITÀ A JESI: IL FUTURO È CON NOI! FONDAZIONE ANGELO COLOCCI L UNIVERSITÀ A JESI: IL FUTURO È CON NOI! in collaborazione con OFFERTA FORMATIVA A.A. 2015/2016 INDIRIZZI: SCIENZE GIURIDICHE APPLICATE Corso di laurea triennale 1) OPERATORE

Dettagli

Criminologia e studi giuridici forensi MA 056

Criminologia e studi giuridici forensi MA 056 Master di I livello (1875 ore 75 CFU) Anno Accademico 2011/2012 Criminologia e studi giuridici forensi MA 056 Titolo Criminologia e studi giuridici forensi La Criminologia sta assumendo un ruolo sempre

Dettagli

Statistica Aziendale Avanzata

Statistica Aziendale Avanzata PROGRAMMA del corso, informazioni e fonti bibliografiche Statistica Aziendale Avanzata Modulo A / Modulo B Organizzazione del corso Anno Accademico 2014/15 Codice 91019 Docente responsabile prof.ssa Silvia

Dettagli

LAUREA MAGISTRALE BIENNALE IN SCIENZE ECONOMICHE (LM-56)

LAUREA MAGISTRALE BIENNALE IN SCIENZE ECONOMICHE (LM-56) LAUREA MAGISTRALE BIENNALE IN SCIENZE ECONOMICHE (LM-56) Il corso di laurea in breve Il corso di laurea magistrale in Scienze Economiche, in modalità E-learning, mira a consentire l'acquisizione di conoscenze

Dettagli

Corso di Laurea in Informatica. Manifesto degli Studi A.A. 2015-2016 (Regolamento didattico 2014)

Corso di Laurea in Informatica. Manifesto degli Studi A.A. 2015-2016 (Regolamento didattico 2014) Università degli Studi di Perugia Dipartimento di Matematica e Informatica Corso di Laurea in Informatica CLASSE L-31 (Lauree in Scienze e Tecnologie Informatiche) Manifesto degli Studi A.A. 2015-2016

Dettagli

PROGETTO AUTONOMIA INDIRIZZO

PROGETTO AUTONOMIA INDIRIZZO PROGETTO AUTONOMIA INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE E CONTROLLO PIANO DI LAVORO PIANIFICAZIONE, FINANZA E CONTROLLO 5 AL PROF.SSA MARILINA SABA a.s 2010/2011 Moduli UNITA ORARIE 1. Il controllo della gestione

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE INDIVIDUALE a. s. 2013/2014. Elenco moduli Argomenti Metodi /Strumenti / Testi Letture 1 REVISIONE SOCIETA DI CAPITALI

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE INDIVIDUALE a. s. 2013/2014. Elenco moduli Argomenti Metodi /Strumenti / Testi Letture 1 REVISIONE SOCIETA DI CAPITALI Pagina 1 di 8 DISCIPLINA: ECONOMIA AZIENDALE INDIRIZZO: IGEA 5AR DOCENTE : PINI MARIA GABRIELLA Elenco moduli Argomenti Metodi /Strumenti / Testi Letture 1 ISIONE SOCIETA DI CAPITALI 2 I CARATTERI DELLE

Dettagli

Dipartimento di Economia

Dipartimento di Economia Dipartimento di Economia RETTORE: PROF.SSA GALVANI ADRIANA PRESIDENTE DIPARTIMENTALE: DOTT. LAVALLE NICOLA Corso di Laurea in Economia e Finanza Internazionale DIPARTIMENTO DI ECONOMIA Corso di Laurea

Dettagli

Regolamento didattico del corso di laurea triennale in Giurista dell Impresa e dell Amministrazione. Parte generale

Regolamento didattico del corso di laurea triennale in Giurista dell Impresa e dell Amministrazione. Parte generale Regolamento didattico del corso di laurea triennale in Giurista dell Impresa e dell Amministrazione Capo I. Disposizioni generali Parte generale Art. 1. Ambito di competenza 1. Il presente Regolamento

Dettagli

CORSO DI ALTA FORMAZIONE IN DIRITTO COMUNITARIO EUROPEO

CORSO DI ALTA FORMAZIONE IN DIRITTO COMUNITARIO EUROPEO Iscritta presso il Ministero della Giustizia al n. 234 del Registro degli Organismi di Mediazione Programma CORSO DI ALTA FORMAZIONE IN DIRITTO COMUNITARIO EUROPEO Direzione scientifica: Avv. Andrea Sirotti

Dettagli

ANNO ACCADEMICO 2006/2007 17016 ECONOMIA E GESTIONE DEI SERVIZI PUBBLICI E SANITARI. Lunedi 14.00-16.30 Venerdi 14.00-16.30

ANNO ACCADEMICO 2006/2007 17016 ECONOMIA E GESTIONE DEI SERVIZI PUBBLICI E SANITARI. Lunedi 14.00-16.30 Venerdi 14.00-16.30 ANNO ACCADEMICO 2006/2007 17016 ECONOMIA E GESTIONE DEI SERVIZI PUBBLICI E SANITARI Lunedi 14.00-16.30 Venerdi 14.00-16.30 Docenti: Mara Bergamaschi è la responsabile del corso. Le lezioni saranno tenute

Dettagli

CORSO MANAGEMENT E GESTIONE D IMPRESA AGRICOLA E VITIVINICOLA

CORSO MANAGEMENT E GESTIONE D IMPRESA AGRICOLA E VITIVINICOLA CORSO MANAGEMENT E GESTIONE D IMPRESA AGRICOLA E VITIVINICOLA 5 NOVEMBRE 2015 12 NOVEMBRE 2015 ORE 9.00-13.00 / 14.00-18.00 Sede: Iannas srl, via Principessa Iolanda 10, Quartu Sant Elena IANNAS srl Via

Dettagli

Struttura e funzionamento dei mercati di borsa

Struttura e funzionamento dei mercati di borsa Università degli Studi di Ancona Facoltà di Economia Giorgio Fuà Corso di laurea specialistico: FINANZA, BANCHE E ASSICURAZIONI (Classe 19/S) Percorso: Borsa e Struttura e funzionamento dei di borsa Prof..

Dettagli

Economia delle imprese di assicurazione e della previdenza (D.M. 270) dott.ssa Ornella Ricci A.A. 2014-15

Economia delle imprese di assicurazione e della previdenza (D.M. 270) dott.ssa Ornella Ricci A.A. 2014-15 Economia delle imprese di assicurazione e della previdenza (D.M. 270) dott.ssa Ornella Ricci A.A. 2014- INDICE Obiettivi del corso 3 Descrizione del corso 3 Prerequisiti 4 Modalità di svolgimento del corso

Dettagli

ECONOMIA BANCA E FINANZA

ECONOMIA BANCA E FINANZA FACOLTÀ DI ECONOMIA CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN ECONOMIA E COMMERCIO PIANO DEGLI STUDI ANNO ACCADEMICO 2009/2010 (immatricolati a.a. 2008/2009) PERCORSO FORMATIVO Matricola Nr....... ECONOMIA BANCA E

Dettagli

Istituto Statale d'istruzione Secondaria Superiore. " U. Foscolo " Teano - Sparanise. Disciplina : Economia Aziendale

Istituto Statale d'istruzione Secondaria Superiore.  U. Foscolo  Teano - Sparanise. Disciplina : Economia Aziendale Istituto Statale d'istruzione Secondaria Superiore " U. Foscolo " Teano - Sparanise Disciplina : Economia Aziendale ANNO SCOLASTICO 2015/2016 Classe quinta/sez. A A.F.M. Il Docente Prof. Montanaro Raffaele

Dettagli

PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO 2016 3 Edizione. Percorso formativo modulare per l Area Programmazione e Controllo di Gestione in azienda

PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO 2016 3 Edizione. Percorso formativo modulare per l Area Programmazione e Controllo di Gestione in azienda PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO 2016 3 Edizione Percorso formativo modulare per l Area Programmazione e Controllo di Gestione in azienda Il master in breve A cosa servono gli strumenti di programmazione e controllo?

Dettagli

Programma di DIRITTO COMMERCIALE (a.a. 2013-2014) (Prof. GIANNELI GIANVITO)

Programma di DIRITTO COMMERCIALE (a.a. 2013-2014) (Prof. GIANNELI GIANVITO) Obiettivi del corso: Programma di DIRITTO COMMERCIALE (a.a. 2013-2014) (Prof. GIANNELI GIANVITO) Dipartimento di Studi Aziendali e Giusprivatistici Corso di Laurea Triennale in Economia Aziendale L obiettivo

Dettagli

Master in International Law Diritto Internazionale

Master in International Law Diritto Internazionale Master in International Law Diritto Internazionale DESTINATARI Il Corso si rivolge a professionisti o laureati di tutte le Università italiane o straniere che desiderano avere conoscenze più approfondite

Dettagli

Moving into the Future La professione dell Attuario

Moving into the Future La professione dell Attuario Moving into the Future La professione dell Attuario dott. Gian Paolo Clemente Milano, 9 Febbraio 2009 1 L attuario: chi è? L attuario è il matematico o lo statistico delle assicurazioni che studia le probabilità

Dettagli

Regolamento Corso di Laurea Magistrale in ECONOMIA E GESTIONE DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI. (Classe LM-63, Scienze delle pubbliche amministrazioni)

Regolamento Corso di Laurea Magistrale in ECONOMIA E GESTIONE DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI. (Classe LM-63, Scienze delle pubbliche amministrazioni) Regolamento Corso di Laurea Magistrale in ECONOMIA E GESTIONE DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI (Classe LM-63, Scienze delle pubbliche amministrazioni) Art. 1 Istituzione La Facoltà di Economia istituisce

Dettagli

Corso di Laurea in Informatica. Manifesto degli Studi A.A. 2012-2013 (Regolamento didattico 2011)

Corso di Laurea in Informatica. Manifesto degli Studi A.A. 2012-2013 (Regolamento didattico 2011) Università degli Studi di Perugia Facoltà di Scienze Matematiche Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Informatica CLASSE L-31 (Lauree in Scienze e Tecnologie Informatiche) Manifesto degli Studi A.A. 2012-2013

Dettagli

CREAZIONE E CONDUZIONE NE DI IMPRESA

CREAZIONE E CONDUZIONE NE DI IMPRESA CREAZIONE E CONDUZIONE NE DI IMPRESA Nome insegnamento: CREAZIONE E CONDUZIONE DI IMPRESA Anno di corso: I e II anno della Laurea Magistrale Semestre: I e II semestre Crediti Formativi Universitari: 6

Dettagli

FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA. CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN GIURISPRUDENZA Cl.LMG/01

FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA. CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN GIURISPRUDENZA Cl.LMG/01 FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN GIURISPRUDENZA Cl.LMG/01 Obiettivi del corso Insegnamento di DIRITTO AMMINISTRATIVO I SSD IUS 10 CFU 14 - A.A. 2014-2015 Docente: PROF. PAOLO TANDA

Dettagli

FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN GIURISPRUDENZA, CLASSE LMG/01 REGOLAMENTO DIDATTICO

FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN GIURISPRUDENZA, CLASSE LMG/01 REGOLAMENTO DIDATTICO FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN GIURISPRUDENZA, CLASSE LMG/01 REGOLAMENTO DIDATTICO Art. 1 Definizioni 1. Ai sensi del presente Regolamento si intende: a) per Facoltà: la Facoltà

Dettagli

Università degli studi di Milano Bicocca Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Matematica

Università degli studi di Milano Bicocca Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Matematica Università degli studi di Milano Bicocca Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Matematica Manifesto annuale AA 2013/14 Il Corso di Laurea triennale in Matematica(L-35) è

Dettagli