GIOVANI IN SERVIZIO. progetto. una proposta di lavoro per gli animatori parrocchiali

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "GIOVANI IN SERVIZIO. progetto. una proposta di lavoro per gli animatori parrocchiali"

Transcript

1 GIOVANI IN SERVIZIO progetto una proposta di lavoro per gli animatori parrocchiali

2 Quali esperienze di servizio proporre ai ragazzi dei gruppi giovanili? Durante la programmazione delle attività per i gruppi giovanili delle nostre parrocchie gli animatori si trovano sempre di fronte al problema di come far vivere ai ragazzi (anche ai bambini, a volte) delle esperienze significative di volontariato. I quesiti sono vari: a quale età iniziare? con quale tipo di attività? quale durata dare all'iniziativa? inserire o no il gruppo in attività preesistenti in parrocchia o nel vicariato? ecc. Ogni animatore ha sempre alle spalle esperienze personali di servizio al prossimo che hanno inciso, positivamente o con riserve, sulla sua formazione cristiana, e al tempo stesso di cittadino, alle quali può fare riferimento per trarre spunti operativi e di riflessione. Desideriamo qui di seguito offrire alcune piste metodologiche che non hanno la pretesa di esaurire le infinite possibilità e combinazioni che questo argomento presenta, ma che possono guidare il lavoro degli animatori, anche attraverso alcuni esempi concreti. Consideriamo, quindi, questa pista di lavoro come l'inizio di un cammino di confronto e collaborazione su questo tema, che ogni animatore potrà integrare e arricchire con le proprie esperienze. Un "cantiere aperto", che segua le evoluzioni e i mutamenti sia dei bisogni della società sia dei ragazzi presenti nei gruppi giovanili, che di questa società fanno parte e in essa crescono. Prima di iniziare... Siamo in un periodo in cui i ragazzi sempre più richiedono esperienze significative, di cui afferrare e condividere il "senso". Occorre innanzitutto interrogarci su questo. Successivamente calibrare la nostra idea sui ragazzi che abbiamo di fronte, sulle loro capacità, sulle loro aspettative, sulle loro potenzialità. Inoltre legare l'iniziativa al territorio, più ristretto se i ragazzi sono piccoli, un po' più ampio se sono ragazzi più grandi o che hanno fatto già altre esperienze. Non esiste una età adatta" per iniziare a servire il prossimo. La gratuità non conosce differenze di età. Ma forme diverse sì. E opportuno tenere presente che durante l'adolescenza, quando i ragazzi sono alla ricerca di se stessi, è difficile che possano aprirsi Luca Orsoni Pagina 2

3 stabilmente (la stabilità è piuttosto una prerogativa dell'età adulta) agli altri. Da qui la difficoltà ad essere costanti nelle attività iniziative. Tuttavia la spinta alla generosità e all'aiuto reciproco è presente, anche quando le parole di indifferenza o pessimismo si ripetono sulla bocca di molti ragazzi. E un mettere alla prova l'animatore, come dire "dimostrami il contrario!" I rischi per l'animatore sono soprattutto due: quello di seguire e farsi contagiare dal disfattismo dei gruppo o di alcuni suoi membri più ostinati; quello di minimizzare le difficoltà che un'apertura all'altro sempre comporta, così che il ragazzo non trovi risposte approfondite e sincere alle sue paure, alle sue diffidenze, ai suoi dubbi. Come animatori siamo così chiamati ad essere davvero guida, "pastori", ed ascoltatori attenti dei ragazzi che abbiamo vicino, pronti ad animarli con vivacità nei momenti di sfiducia, a farci da parte quando questi lavorano operosamente, a "illuminarli" nel cammino spirituale che sempre si accompagna a quello concreto, attivo. Monitoriamo... E strategico spendere un po' di tempo (non troppo, altrimenti i ragazzi si perdono... ) nello studio della propria realtà, dei proprio territorio, della situazione in cui vogliamo operare. I ragazzi dovrebbero rendersi conto dei loro ambiente: In quale tipo di quartiere viviamo? (dimensioni, localizzazione geografica, connotazione storica) Come è la qualità della vita? (servizi, strutture, infrastrutture, inquinamento, tipologie familiari) Quali problemi presenta? (per i bambini, per i ragazzi, per i giovani, per le famiglie, per gli anziani, per le donne, per gli stranieri, per i senza fissa dimora, per gli handicappati, ecc.) Quali risorse possono aiutare? (servizi dei quartiere, dei comune, del volontariato organizzato, ecc.) Luca Orsoni Pagina 3

4 Per questo tipo di indagine l'ideale sarebbe potersi rivolgere all'osservatorio delle povertà e delle risorse della Caritas vicariale o diocesana, oppure a qualche pubblicazione di fondazioni di studi sociali presenti in città o in provincia, oppure ai centri di documentazione dei quartiere o dei comune. E possibile che piccole indagini dei genere siano già state svolte da insegnanti delle scuole della propria zona, e quindi si potrebbero chiedere informazioni anche in questa direzione. In questa fase è molto importante che gli animatori si siano già fatti un'idea precisa delle modalità di indagine e delle risorse presenti. I ragazzi non sono in grado di gestire autonomamente questo tipo di ricerca, hanno bisogno di "istruzioni per l'uso", e quindi il rischio di perderli o demotivarli è grande. Se l'animatore non idee chiare è meglio che eviti che questa fase e fornisca direttamente ai ragazzi i dati di partenza. Da questa indagine possono nascere anche realizzazioni concrete quali un servizio fotografico o un video o dei disegni da mostrare in parrocchia o a livello vicariale o in un articolo - dossier sul giornalino locale o sul periodico della Caritas diocesana. Progettiamo... Conoscere la propria realtà è un aspetto particolarmente educativo, perché non si dimentichi come tutti siamo inseriti in un sistema complesso di relazioni sociali e quindi come tutti siamo corresponsabili della vita comunitaria che fonda la nostra società. Non vogliamo fare dei nostri ragazzi dei sociologi, ma solo renderli consapevoli che quello che invitiamo loro a fare (il servizio agli altri) non prescinde dagli, ma lo si fa con gli altri, in collaborazione e condivisione. A questo punto arriviamo a domandarci cosa noi possiamo fare. I ragazzi avranno sicuramente molte idee, così come l'animatore. E importante che quest'ultimo guidi i ragazzi a calcolare le forze reali sia di tempo personale che di "braccia" a disposizione, e stabilisca i tempi di realizzazione del progetto: meglio una iniziativa che duri un mese che una faraonica di cui i ragazzi non arriveranno a vedere la fine. La delusione sarebbe controproducente. Luca Orsoni Pagina 4

5 Cerchiamo di prevedere lo sviluppo dei progetto insieme ai ragazzi, le difficoltà che potrebbero sorgere e come risolverle, le risorse umane e materiali che saranno necessarie. E importante che i ragazzi imparino che le improvvisazioni riescono bene solo quando alle spalle c'è una buona preparazione. Ecco di seguito alcuni suggerimenti pratici di attività: doposcuola per bambini (aiuto per i compiti; attività come prendersi cura dell'ambiente e degli animali) momenti di festa con ragazzi handicappati o attività sportive lettura libri per non vedenti compagnia anziani, per esempio "servizio spesa" a domicilio, oppure animazione di un mese estivo in un ospizio, oppure compagnia settimanale agli allettati (leggere insieme un giornale, ascoltare la radio, pregare insieme, ecc.), oppure animazione della S. Messa, a turno con altre parrocchie del vicariato, in una casa di riposo servizio a una mensa per i poveri raccolte straordinarie di cose vecchie casa per casa per fare poi dei mercatini (anche in piazza) per missioni o microprogetti Caritas campi di lavoro di associazioni di volontariato (Mani Tese; Caritas Diocesana; Comunità di S. Egidio; Oratori; Misericordia; ecc.) iniziative sportive o di spettacolo per raccolta fondi o lavoretti per prodotti da vendere in mercatini di beneficenza. A questo elenco aggiungete la vostra fantasia! Si parte! Arrivati alla fase operativa, il compito dell'animatore sarà soprattutto quello di compagno di strada, di ascoltatore attento delle "risonanze" dei gruppo e di riserva di energia, soprattutto spirituale. Non dimenticate di fornire al gruppo il "carburante", ossia i fondamenti che stanno alla base dei loro servizio. Questo è il servizio più grande che noi possiamo fare a loro! Luca Orsoni Pagina 5

6 Come sta andando? I momenti di verifica e di riflessione non sono una sottrazione di tempo al "fare", ma un modo per rendere più efficace il nostro fare, oltre che un modo per rinsaldare il gruppo. Non lasciamo al caso questi momenti, sono preziosi anche per confrontarsi con il Vangelo e per dare spazio al dialogo con il Signore: se i ragazzi capiranno che la preghiera e il volontariato sono due aspetti inscindibili, che si integrano e si rafforzano vicendevolmente, della sequela di Cristo, avranno appreso un insegnamento fondamentale per la loro fede, che li accompagnerà nella loro vita. E ci sembra poco!?! E poi? Nella verifica di fine anno pastorale, dopo aver evidenziato punti di forza e debolezze dei servizio svolto, pensare ad un eventuale proseguimento dell'attività oppure ad un allargamento ad altre realtà oppure ad una presentazione dei progetto alla comunità parrocchiale. Può arricchire i ragazzi anche aprirsi ad un confronto con esperienze simili fatte da altri. Se anche il servizio non dovesse avere un seguito, facciamo riflettere i ragazzi su cosa hanno vissuto e su come sono maturati, perché siano consapevoli della loro crescita, sia di cittadini che di cristiani. Approfondimenti bibliografici Dare indicazioni per approfondimenti specifici individuali. Luca Orsoni Pagina 6

7 GIOVANI IN SERVIZIO schema di sintesi Autonomia di intervento in miniprogetti per anziani / portatori di handicap / bambini / ambiente / riciclaggio / missioni Schema: Indagine (studio, per esempio attraverso una piccola indagine sul territorio facendo un servizio fotografico o un video da mostrare in parrocchia o un articolo da dare al giornalino locale o al periodico "Solidarietà Caritas") Progetto (con i tempi previsti) Azione (fase operativa) Futuro (previsione sviluppo, difficoltà e come risolvere, risorse umane) Suggerimenti: doposcuola per bambini (aiuto per i compiti; attività su come prendersi cura dell ambiente e degli animali) momenti di festa con ragazzi handicappati o attività sportive lettura libri per non vedenti compagnia anziani, per esempio "servizio spesa" e domicilio, oppure animazione di un mese estivo in un ospizio, oppure compagnia settimanale agli allettati (leggere insieme un giornale, ascoltare la radio, pregare insieme, ecc.), oppure animazione delle S. Messa, a turno con altre parrocchie dei vicariato, in una casa di riposo servizio e una mensa per poveri raccolte straordinarie di cose vecchie caso per case per fare poi dei mercatini (anche in piazza) per missioni o microprogetti Caritas Luca Orsoni Pagina 7

L introduzione è forse l unica parte seria di questa pubblicazione,

L introduzione è forse l unica parte seria di questa pubblicazione, INTRODUZIONE L introduzione è forse l unica parte seria di questa pubblicazione, ma quello che segue, che si spera sia anche divertente, dovrebbe essere anche più istruttivo. Però un paio di cose serie

Dettagli

DAL CORTILE. IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO

DAL CORTILE. IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO DAL CORTILE. IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO Struttura in 3 sezioni: 1. Il Cuore dell oratorio Le idee sintetiche che definiscono in termini essenziali e vitali

Dettagli

- 1 - UNITÀ DELLA PARROCCHIA INTORNO AL PROGETTO

- 1 - UNITÀ DELLA PARROCCHIA INTORNO AL PROGETTO SPUNTI DI RIFLESSIONE SULLO STATO DELL ARTE CIRCA IL PROGETTO CATECHISTICO-EDUCATIVO DIOCESANO PREMESSE 1. L attuale anno pastorale 2015-2016 dovrà essere dedicato, dal punto di vista che ci riguarda,

Dettagli

1. Introduzione. 2. Gli obiettivi. 3. Il percorso 2015 16

1. Introduzione. 2. Gli obiettivi. 3. Il percorso 2015 16 1. Introduzione Il percorso genitori è il cammino che l AC diocesana ha preparato per valorizzare l esperienza associativa che i ragazzi vivono in ACR e per maggiormente condividere con le famiglie e la

Dettagli

Sulle ali dello Spirito IL PADRE, I POVERI, UNA COMUNITÀ FRATERNA E MISSIONARIA

Sulle ali dello Spirito IL PADRE, I POVERI, UNA COMUNITÀ FRATERNA E MISSIONARIA Sulle ali dello Spirito IL PADRE, I POVERI, UNA COMUNITÀ FRATERNA E MISSIONARIA Orientamenti pastorali per il triennio 2016/2019 Che cosa ci chiede oggi il Signore? Che cosa chiede alla chiesa pistoiese?

Dettagli

I nuovi progetti. Il Pozzo di Sicar Per favorire la partecipazione degli immigrati alla vita delle nostre comunità

I nuovi progetti. Il Pozzo di Sicar Per favorire la partecipazione degli immigrati alla vita delle nostre comunità I nuovi progetti Il Pozzo di Sicar Per favorire la partecipazione degli immigrati alla vita delle nostre comunità Idea di fondo «Il tema dello sviluppo coincide con quello dell inclusione relazionale di

Dettagli

Linee guida per la Commissione Missionaria Parrocchiale

Linee guida per la Commissione Missionaria Parrocchiale Anno 2006/2007 Linee guida per la Commissione Missionaria Parrocchiale 1 di 5 Premessa Queste linee guida presentano l identità della Commissione Missionaria Parrocchiale e le attività che è chiamata a

Dettagli

Carissimi Giovani, Ufficio di Pastorale Giovanile. ho pensato di invitarvi a fare sinodo, a camminare insieme per

Carissimi Giovani, Ufficio di Pastorale Giovanile. ho pensato di invitarvi a fare sinodo, a camminare insieme per Carissimi Giovani, ho pensato di invitarvi a fare sinodo, a camminare insieme per rivitalizzare la pastorale giovanile diocesana, confrontarvi su tali problemi, per scambiarci opinioni e suggerire rimedi,

Dettagli

Laboratorio Nazionale Giovani e Cultura: l immigrazione Roma, 17 19 aprile 2009

Laboratorio Nazionale Giovani e Cultura: l immigrazione Roma, 17 19 aprile 2009 Laboratorio Nazionale Giovani e Cultura: l immigrazione Roma, 17 19 aprile 2009 I lavori svolti in questo laboratorio hanno messo in luce tre aspetti che definiremmo di carattere generale: In primo luogo

Dettagli

Esperienza possibile Progettare un intervento pastorale su Social Network

Esperienza possibile Progettare un intervento pastorale su Social Network Esperienza possibile Progettare un intervento pastorale su Social Network Elaborazione di un esperienza pastorale utilizzando come mezzo di comunicazione un Social Network. I punti di partenza sono: Proposta

Dettagli

Scheda per il Laboratorio sull educazione

Scheda per il Laboratorio sull educazione ARCIDIOCESI AMALFI CAVA DE TIRRENI EDUCARE alla solidarietà e alla condivisione XIV Convegno Diocesano * Cava S. Francesco, 22-23 Ottobre 2010 Scheda per il Laboratorio sull educazione 1. Dopo la riflessione

Dettagli

TECNICA 1 PATTO FORMATIVO RACCOLTA DELLE ASPETTATIVE

TECNICA 1 PATTO FORMATIVO RACCOLTA DELLE ASPETTATIVE TECNICA 1 PATTO FORMATIVO RACCOLTA DELLE ASPETTATIVE Tempo di lavoro previsto: 60 minuti Partecipanti: 6 8 divisi in isole, ossia gruppetti spontanei creati sul momento Materiale: carta e penna (presente

Dettagli

Per rendere fruttuosa la riunione che faremo, preghiamo tutti di lavorare con la seguente modalità:

Per rendere fruttuosa la riunione che faremo, preghiamo tutti di lavorare con la seguente modalità: Tutti i gruppi delle parrocchie di S.Agnese e S.Andrea sono invitati a confrontarsi sulla seguente bozza di progetto educativo e a dare il proprio contributo nel corso dell incontro di venerdì 28 marzo

Dettagli

Laici cristiani nel mondo di oggi

Laici cristiani nel mondo di oggi Laici cristiani nel mondo di oggi Francesco Benvenuto Roma Centro Nazareth 3 settembre 2015 3 settembre 2015 Roma - Centro Nazareth 1 Una riflessione Dal dopo concilio siamo stati abituati a progettare,

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO ORATORIO SAN VIGILIO - SPIAZZO - ANNO PASTORALE 2013-2014

PROGETTO EDUCATIVO ORATORIO SAN VIGILIO - SPIAZZO - ANNO PASTORALE 2013-2014 PROGETTO EDUCATIVO ORATORIO SAN VIGILIO - SPIAZZO - ANNO PASTORALE 2013-2014 Chi vuole fare sul serio qualcosa, trova una strada; gli altri, una scusa. (Proverbio Africano) Come un uomo saggio che trae

Dettagli

CARTA DI CLAN Clan Sand Creek AGESCI Genova 50

CARTA DI CLAN Clan Sand Creek AGESCI Genova 50 CARTA DI CLAN Clan Sand Creek AGESCI Genova 50 COS'È IL CLAN Il Clan è una comunità dove si possono imparare nuove cose in un clima disteso che offre un opportunità che solo esso ci può dare. E importante

Dettagli

CENTRO DI ASCOLTO CARITAS

CENTRO DI ASCOLTO CARITAS CENTRO DI ASCOLTO CARITAS PROGETTO OPERATIVO Parrocchia SS Pietro e Paolo TURATE Oggi le persone hanno più bisogno di ascolto che di parole. Soltanto quando diamo ascolto all altro con attenzione e non

Dettagli

Distretto: Ciriè. Animatore/trice: Annalisa Bilanzone POTENZIARE CREARE

Distretto: Ciriè. Animatore/trice: Annalisa Bilanzone POTENZIARE CREARE Distretto: Ciriè Tema di riflessione del gruppo: L INIZIAZIONE CRISTIANA METTE IN GIOCO LA FIGURA DEI CATECHISTI E UNA SERIA VALORIZZAZIONE DELLA VITA REALE DEI RAGAZZI Animatore/trice: Annalisa Bilanzone

Dettagli

<>

<<CORAGGIO, SONO IO>> Quaderno delle settimane 2014-2015 Il progetto Formativo ci presenta le settimane come una modalità in cui missione e formazione si intrecciano e si arricchiscono reciprocamente (PF

Dettagli

frutto della collaborazione fra Volontari della Caritas Parrocchiale, Alunni e Alunne, Insegnanti e Comitato dei Genitori

frutto della collaborazione fra Volontari della Caritas Parrocchiale, Alunni e Alunne, Insegnanti e Comitato dei Genitori La Scuola Primaria PAOLO NEGLIA di Vanzago, nell ambito delle manifestazioni organizzate per la Festa di fine anno scolastico, ha promosso la seguente iniziativa frutto della collaborazione fra Volontari

Dettagli

BOZZA DI PROGETTO LAB-ORATORIO 2.0 Chiamati per nome in un laboratorio dei talenti

BOZZA DI PROGETTO LAB-ORATORIO 2.0 Chiamati per nome in un laboratorio dei talenti BOZZA DI PROGETTO LAB-ORATORIO 2.0 Chiamati per nome in un laboratorio dei talenti #Ondemand: cosa desideriamo come oratorio? A partire da una riflessione sulla pastorale giovanile a Scandiano, iniziata

Dettagli

Anno pastorale 2011-2012. Suggerimenti per l animazione in oratorio

Anno pastorale 2011-2012. Suggerimenti per l animazione in oratorio Anno pastorale 2011-2012 Suggerimenti per l animazione in oratorio Premessa: GIOCO E VANGELO Relazione Don Marco Mori, presidente Forum Oratori Italiani Il gioco può essere vangelo? Giocare può diventare

Dettagli

Progetto Pastorale Parrocchiale

Progetto Pastorale Parrocchiale Progetto Pastorale Parrocchiale E' il desiderio dì vivere come Chiesa il nostro rapporto con Dio: Padre - Figlio - Spirito, e con ogni persona, in una comunione sempre più vera e intensa, perché ognuno

Dettagli

ai Genitori dei ragazzi che frequentano l'iniziazione Cristiana e l'azione Cattolica

ai Genitori dei ragazzi che frequentano l'iniziazione Cristiana e l'azione Cattolica PARROCCHIA S. Roberto Bellarmino - Taranto - Lettera del Parroco ai Genitori dei ragazzi che frequentano l'iniziazione Cristiana e l'azione Cattolica Carissimi Genitori, il nuovo Anno Catechistico segna

Dettagli

Caritas diocesana di Forlì Bertinoro. III Tappa Equipe Caritas diocesane. 14-16 Aprile 2008. Presentazione Caritas

Caritas diocesana di Forlì Bertinoro. III Tappa Equipe Caritas diocesane. 14-16 Aprile 2008. Presentazione Caritas Caritas diocesana di Forlì Bertinoro III Tappa Equipe Caritas diocesane 14-16 Aprile 2008 Presentazione Caritas 1. brevi cenni storici - il Sinodo diocesano - la Casa Buon Pastore 2. Organizzazione ed

Dettagli

GRUPPO SCOUT MELEGNANO 1

GRUPPO SCOUT MELEGNANO 1 GRUPPO SCOUT MELNANO 1 PROGETTO EDUCATIVO 2011 2014 Cos è il Progetto Educativo Il progetto educativo è uno strumento per la comunità capi utile a produrre dei cambiamenti nel gruppo scout. E stato pensato

Dettagli

INTERVENTO ALLENATORI-DIRIGENTI CSR Introduzione ai tre appuntamenti di formazione 9 gennaio 2010.

INTERVENTO ALLENATORI-DIRIGENTI CSR Introduzione ai tre appuntamenti di formazione 9 gennaio 2010. INTERVENTO ALLENATORI-DIRIGENTI CSR Introduzione ai tre appuntamenti di formazione 9 gennaio 2010. Introduzione E appena passato il tempo delle feste. Tradizionale è lo scambio di regali Quale il regalo

Dettagli

PRESENTAZIONE DEL PRIMO REPORT DEI DATI OSPOWEB

PRESENTAZIONE DEL PRIMO REPORT DEI DATI OSPOWEB PRESENTAZIONE DEL PRIMO REPORT DEI DATI OSPOWEB Povertà rilevate dai centri di ascolto parrocchiali aderenti al progetto "Centri di ascolto in rete" nell anno 2013 In ascolto per costruire comunità La

Dettagli

laici collaborazione Chiesa

laici collaborazione Chiesa Preghiamo insieme Prendi, Signore, e ricevi tutta la mia libertà, la mia memoria, il mio intelletto, la mia volontà, tutto quello che possiedo. Tu me lo hai dato; a te, Signore, io lo ridono. Tutto è tuo:

Dettagli

CAMMINI di PROSSIMITA. Uno sguardo all esperienza delle Caritas Parrocchiali di Bologna

CAMMINI di PROSSIMITA. Uno sguardo all esperienza delle Caritas Parrocchiali di Bologna CAMMINI di PROSSIMITA Uno sguardo all esperienza delle Caritas Parrocchiali di Bologna Le motivazioni «Sapete ciò che vi ho fatto?» Gv 13, 12 Radici profonde Il servizio alla carità è intrinsecamente legato

Dettagli

Progetto Diocesano TALITA KUM CARITAS DIOCESANA CALTAGIRONE CALTAGIRONE 4 OTTOBRE 2013 SEMINARIO ESTIVO H. 18,30

Progetto Diocesano TALITA KUM CARITAS DIOCESANA CALTAGIRONE CALTAGIRONE 4 OTTOBRE 2013 SEMINARIO ESTIVO H. 18,30 Progetto Diocesano TALITA KUM CARITAS DIOCESANA CALTAGIRONE CALTAGIRONE 4 OTTOBRE 2013 SEMINARIO ESTIVO H. 18,30 Da dove siamo partiti La Diocesi e la Caritas hanno cercato sempre più di configurarsi come

Dettagli

È FRUTTO DEL CAMMINO CHE LA NOSTRA È RISPOSTA AGLI INVITI DEI VESCOVI ITALIANI ATTRAVERSO VARI DOCUMENTI

È FRUTTO DEL CAMMINO CHE LA NOSTRA È RISPOSTA AGLI INVITI DEI VESCOVI ITALIANI ATTRAVERSO VARI DOCUMENTI Diocesi di Padova Il cammino di Iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi È FRUTTO DEL CAMMINO CHE LA NOSTRA DIOCESI HA COMPIUTO È RISPOSTA AGLI INVITI DEI VESCOVI ITALIANI ATTRAVERSO VARI DOCUMENTI

Dettagli

La Zona Valbisagno. Il progetto della Zona Valbisagno. Le tappe del progetto. Gruppi della zona

La Zona Valbisagno. Il progetto della Zona Valbisagno. Le tappe del progetto. Gruppi della zona La Zona Valbisagno La Zona conta 9 gruppi e si estende geograficamente lungo tutta la vallata del torrente Bisagno. Per larga parte insiste sul Comune di Genova, nei seguenti municipi: I Centro Est, III

Dettagli

diocesi di il giorno in cui è iniziato il viaggio data luogo persone significative emozioni pensieri

diocesi di il giorno in cui è iniziato il viaggio data luogo persone significative emozioni pensieri LA VITA SI RACCONTA Primo momento della mattinata: in gruppo il coordinatore spiega brevemente il lavoro da svolgere personalmente, cosa si farà dopo e dà i tempi. Ogni partecipante si allontana, cercando

Dettagli

VENITE ALLA FESTA. Nella vita della Chiesa ASCOLTARE SCOPRIRE PARTECIPARE

VENITE ALLA FESTA. Nella vita della Chiesa ASCOLTARE SCOPRIRE PARTECIPARE VENITE ALLA FESTA Nella vita della Chiesa ASCOLTARE SCOPRIRE PARTECIPARE DOPO LA SETTIMANA DELLA CHIESA MANTOVANA Alle comunità parrocchiali, alle associazioni, ai movimenti e gruppi, ai presbiteri e diaconi,

Dettagli

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Breve saluto con tre slides. Chi siamo: fondamentalmente siamo genitori per genitori

Dettagli

CITTA-DIAMOCI. Descrizione progetti 1. La Casa dell accoglienza per senza dimora Archè a Merano

CITTA-DIAMOCI. Descrizione progetti 1. La Casa dell accoglienza per senza dimora Archè a Merano CITTA-DIAMOCI La Caritas di Bolzano-Bressanone offre ai giovani interessati al Servizio Civile Nazionale tre posti all interno di strutture che lavorano con persone senza dimora. Descrizione progetti 1.

Dettagli

COSTRUIAMO la CASA per FARE ed ESSERE casa

COSTRUIAMO la CASA per FARE ed ESSERE casa COSTRUIAMO la CASA per FARE ed ESSERE casa Cari Oratori, ci stiamo avvicinando alla settimana diocesana degli Oratori, un momento forte che ci permette di concentrare l attenzione sulle nostre realtà educative.

Dettagli

L utilità dell approccio sistemico nelle nostre azioni

L utilità dell approccio sistemico nelle nostre azioni AIC Contro le povertà, agire insieme L utilità dell approccio sistemico nelle nostre azioni Ottobre 2008 Quaderno n 12 Sommario Introduzione Utilità del metodo sistemico per risolvere un problema ricorrente

Dettagli

A CASA CON SOSTEGNO Un progetto rivolto alle famiglie con figli e figlie con deficit (in età 0 14) realizzato nella città di Parma

A CASA CON SOSTEGNO Un progetto rivolto alle famiglie con figli e figlie con deficit (in età 0 14) realizzato nella città di Parma A CASA CON SOSTEGNO Un progetto rivolto alle famiglie con figli e figlie con deficit (in età 0 14) realizzato nella città di Parma ( ) Per affrontare i problemi sociali non possiamo fare a meno di ascoltare

Dettagli

Saluti 3 SCUOLA DIOCESANA PER ANIMATORI

Saluti 3 SCUOLA DIOCESANA PER ANIMATORI Saluti 3 Carissimi, vi segnalo "La Scuola diocesana per animatori", un'iniziativa per giovani ed adulti che desiderano impegnarsi nell'attività educativa oratoriana promossa dall'ufficio per la Pastorale

Dettagli

Comune di Alzano Lombardo PROGETTO GIOVANI

Comune di Alzano Lombardo PROGETTO GIOVANI Ente titolare Comune di Alzano Lombardo Riferimenti: Ufficio Servizi alla Persona Via G.Mazzini, 69-24022 (BG) Tel. 035 4289000 Email servizi.sociali@comune.alzano.bg.it Comune di Alzano Lombardo PROGETTO

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO. 1. I riferimenti pedagogici a cui la Scuola dell Infanzia Stella Mattutina fa riferimento

PROGETTO EDUCATIVO. 1. I riferimenti pedagogici a cui la Scuola dell Infanzia Stella Mattutina fa riferimento PROGETTO EDUCATIVO 1. I riferimenti pedagogici a cui la Scuola dell Infanzia Stella Mattutina fa riferimento Nella Scuola dell Infanzia Stella Mattutina l azione educativa mira al raggiungimento delle

Dettagli

ISCRIZIONE CATECHESI Cammini di educazione e formazione cristiana per bambini, ragazzi e adolescenti

ISCRIZIONE CATECHESI Cammini di educazione e formazione cristiana per bambini, ragazzi e adolescenti DOMENICA 27 SETTEMBRE Parrocchia SS. Nazario e Celso MM. - Urgnano Oratorio S. Giovanni Bosco FESTA DI INIZIO ANNO PASTORALE Ore 10.30 S. MESSA di apertura del nuovo ANNO PASTORALE In questa occasione

Dettagli

1) MOTIVAZIONE SCOLASTICA: promuovere le risorse personali degli studenti per aiutarli a stare e andare bene a scuola.

1) MOTIVAZIONE SCOLASTICA: promuovere le risorse personali degli studenti per aiutarli a stare e andare bene a scuola. Passo dopo Passo Insieme supporta la motivazione scolastica dei preadolescenti, promuovendo percorsi che mettano al centro le risorse personali dei ragazzi e offrendo progetti di formazione e sensibilizzazione

Dettagli

PARROCCHIA S. Roberto Bellarmino - Taranto - Lettera del Parroco. ai Genitori dei ragazzi che frequentano l'iniziazione Cristiana e l'acr

PARROCCHIA S. Roberto Bellarmino - Taranto - Lettera del Parroco. ai Genitori dei ragazzi che frequentano l'iniziazione Cristiana e l'acr PARROCCHIA S. Roberto Bellarmino - Taranto - Lettera del Parroco ai Genitori dei ragazzi che frequentano l'iniziazione Cristiana e l'acr - TAPPA MISTAGOGICA (POST-CRESIMA) 1 anno - 2 anno. Testo del Catechismo

Dettagli

CAMMINO INIZIAZIONE CRISTIANA

CAMMINO INIZIAZIONE CRISTIANA CAMMINO INIZIAZIONE CRISTIANA Percorsi di fede dalla Prima Elementare alla Prima Media Anno Pastorale 2008/2009 Famiglia diventa anima del mondo 1 MOMENTI PER TUTTI I GENITORI Mercoledì 24 settembre Ln

Dettagli

IL NOSTRO PERCORSO OPERATIVO (8 comuni del Veneto gruppi di nidi e scuole del infanzia)

IL NOSTRO PERCORSO OPERATIVO (8 comuni del Veneto gruppi di nidi e scuole del infanzia) IL NOSTRO PERCORSO OPERATIVO (8 comuni del Veneto gruppi di nidi e scuole del infanzia) modalità e mezzi per organizzare il lavoro didattico sull intercultura e sulla fiaba con i bambini, i genitori e

Dettagli

Tema di riflessione del gruppo: la catechesi famigliare precede accompagna e arricchisce ogni altra forma di catechesi

Tema di riflessione del gruppo: la catechesi famigliare precede accompagna e arricchisce ogni altra forma di catechesi Distretto: torino nord - ciriè Tema di riflessione del gruppo: la catechesi famigliare precede accompagna e arricchisce ogni altra forma di catechesi Animatore/trice: verderone daniela -momenti di aggregazione

Dettagli

«LA GIOIA DELLA RESURREZIONE PASQUALE»

«LA GIOIA DELLA RESURREZIONE PASQUALE» «LA GIOIA DELLA RESURREZIONE PASQUALE» 4^ TAPPA DI RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA DELL INFANZIA «SAN GIOVANNI BOSCO» BELFIORE ANNO SCOLASTICO 2014/2015 MOTIVAZIONE Il tempo di Quaresima inizia con il gesto

Dettagli

20 ottobre 2015. Nell attesa di incontrarci, vi salutiamo cordialmente. don Emanuele e i catechisti del primo annuncio

20 ottobre 2015. Nell attesa di incontrarci, vi salutiamo cordialmente. don Emanuele e i catechisti del primo annuncio 20 ottobre 2015 Carissimi genitori, desideriamo raggiungere i papà e le mamme di tutti i bambini che da quest anno muovono i loro primi passi nel percorso di completamento dell Iniziazione Cristiana. Una

Dettagli

COMMISIONE CARITAS VERIFICA E PROGRAMMAZIONE 2011-2012

COMMISIONE CARITAS VERIFICA E PROGRAMMAZIONE 2011-2012 COMMISIONE CARITAS VERIFICA E PROGRAMMAZIONE 2011-2012 Una città dove anche un solo uomo soffre meno è una città migliore (Don Luigi Di Liegro) La Commissione CARITAS è riuscita, in quest anno, a portare

Dettagli

Rendiconto Economico 2013

Rendiconto Economico 2013 Rendiconto Economico 2013 Comunità Pastorale SS.Trinità - Gavirate Presentiamo il rendiconto economico delle nostre Comunità Pastorali. E un momento importante di una vita comunitaria in cui tutto deve

Dettagli

L ESSERE OPERATORE CARITAS MI AIUTA A VIVERE CON E PER CRISTO? DOTT.SSA LAURA SALVO PSICOLOGA-PSICOTERAPEUTA DOCENTE ISSR RICERCATRICE ITCI

L ESSERE OPERATORE CARITAS MI AIUTA A VIVERE CON E PER CRISTO? DOTT.SSA LAURA SALVO PSICOLOGA-PSICOTERAPEUTA DOCENTE ISSR RICERCATRICE ITCI L ESSERE OPERATORE CARITAS MI AIUTA A VIVERE CON E PER CRISTO? DOTT.SSA LAURA SALVO PSICOLOGA-PSICOTERAPEUTA DOCENTE ISSR RICERCATRICE ITCI VIVERE CON E PER CRISTO Evangelizzare significa: Convertire Portare

Dettagli

progettiamoci Progetto Educativo Gruppo AGESCI Trento 4

progettiamoci Progetto Educativo Gruppo AGESCI Trento 4 progettiamoci Progetto Educativo Gruppo AGESCI Trento 4 Triennio 2009/2012 IL GRUPPO Trento 4 Il gruppo Tn4, nato nel 1947 nella parrocchia di Santa Maria, e lì cresciuto fino a che sono iniziati i lavori

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 1 programmazionescinfdonmandirc14.15 ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 2 GIORNATA SCOLASTICA

Dettagli

Celebrazione del Matrimonio (6 gennaio 1998)

Celebrazione del Matrimonio (6 gennaio 1998) Celebrazione del Matrimonio (6 gennaio 1998) Senigallia, 6 gennaio 1998 Solennità dell Epifania Ai Parroci Ai Rettori di Chiese Ai Religiosi A tutti i Sacerdoti Oggetto: Celebrazione del Matrimonio Cari

Dettagli

P.A.U. Education / Col.legi Miró, Barcelona

P.A.U. Education / Col.legi Miró, Barcelona 3 È possibile ricreare dei rapporti intergenerazionali reali attraverso attività in cui bambini e anziani, in uno stesso spazio, imparino gli uni dagli altri in uno scambio di esperienze. Un incontro di

Dettagli

PROGRAMMAZIONE GENERALE DI AZIONE CATTOLICA PARROCCHIA IMMACOLATA - ADELFIA ANNO 2013/2014

PROGRAMMAZIONE GENERALE DI AZIONE CATTOLICA PARROCCHIA IMMACOLATA - ADELFIA ANNO 2013/2014 PROGRAMMAZIONE GENERALE DI AZIONE CATTOLICA PARROCCHIA IMMACOLATA - ADELFIA ANNO 2013/2014 Introduzione unitaria: «Ecco ora il momento favorevole» (2Cor 6,2) Santi nel quotidiano Orientamenti per il triennio

Dettagli

Via dei Pucci, 2-50122 Firenze FI tel 055267701 - e-mail caritasfirenze@caritasfirenze.it sito: www.caritasfirenze.it

Via dei Pucci, 2-50122 Firenze FI tel 055267701 - e-mail caritasfirenze@caritasfirenze.it sito: www.caritasfirenze.it Diocesi Firenze Caritas diocesana Firenze Via dei Pucci, 2-50122 Firenze FI tel 055267701 - e-mail caritasfirenze@caritasfirenze.it sito: www.caritasfirenze.it Caritas diocesana Firenze 1 Il Laboratorio

Dettagli

Estate. 2012 Le proposte degli Oratori del Centro Storico di Brescia per bambini e ragazzi

Estate. 2012 Le proposte degli Oratori del Centro Storico di Brescia per bambini e ragazzi Estate 2012 Le proposte degli Oratori del Centro Storico di Brescia per bambini e ragazzi Oratorio sant Afra Passpartù 11-29 giugno vicolo dell Ortaglia, 6 25121 - Brescia 030 3750299-335 233737 oratoriosantafra@gmail.com

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA Unità di Apprendimento - Anno Scolastico 2014-2015

RELIGIONE CATTOLICA Unità di Apprendimento - Anno Scolastico 2014-2015 Natura e finalità RELIGIONE CATTOLICA Unità di Apprendimento - Anno Scolastico 2014-2015 L insegnamento della religione cattolica si inserisce nel quadro delle finalità della scuola e contribuisce alla

Dettagli

UNA COMUNITÁ EDUCANTE E

UNA COMUNITÁ EDUCANTE E PREMESSA Con questo scritto introduciamo in Parrocchia, una nuova tradizione: consegnare a tutta la nostra Comunità, le linee di pastorale che ci impegneranno durante il prossimo anno. Esse ricalcano e

Dettagli

PROGETTO CATECHISTICO PARROCCHIALE DI PONTE NUOVO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA

PROGETTO CATECHISTICO PARROCCHIALE DI PONTE NUOVO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA PROGETTO CATECHISTICO PARROCCHIALE DI PONTE NUOVO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA Che cos è l iniziazione cristiana? È l introduzione e l accompagnamento di ogni persona all incontro personale con Cristo all

Dettagli

CENSIMENTO ENTI NON PROFIT

CENSIMENTO ENTI NON PROFIT CENSIMENTO ENTI NON PROFIT Entro il 20 dicembre 2012 le parrocchie che hanno ricevuto il questionario ISTAT per il 9 censimento dell Industria e dei Servizi 2011 inerente le istituzioni non profit, dovranno

Dettagli

CARTA del VOLONTARIO ASSOCIAZIONE PORTA APERTA

CARTA del VOLONTARIO ASSOCIAZIONE PORTA APERTA CARTA del VOLONTARIO Le poche note che caratterizzano la Carta del volontario vogliono essere solamente un aiuto a vivere serenamente e con responsabilità il servizio che ognuno di noi liberamente sceglie

Dettagli

IL PROGETTO EDUCATIVO SPORTIVO

IL PROGETTO EDUCATIVO SPORTIVO IL PROGETTO EDUCATIVO SPORTIVO Aprile 2013 1 La Polisportiva San Marco è una realtà presente all interno dell Oratorio San Marco dal 1970 e si propone di educare ai valori cristiani attraverso la pratica

Dettagli

Sant Antonio Abate Veniano - CALENDARIO AVVENIMENTI MAGGIO 2011

Sant Antonio Abate Veniano - CALENDARIO AVVENIMENTI MAGGIO 2011 Sant Antonio Abate Veniano - CALENDARIO AVVENIMENTI MAGGIO 2011 DOMENICA 1 MAGGIO II DI PASQUA In Albis depositis Domenica della Divina Misericordia "Non abbiate paura! Aprite, anzi, spalancate le porte

Dettagli

Attivare e facilitare i gruppi di auto/mutuo aiuto

Attivare e facilitare i gruppi di auto/mutuo aiuto LAVORO SOCIALE IN TASCA COLLANA DIRETTA DA M.L. RAINERI Valentina Calcaterra Attivare e facilitare i gruppi di auto/mutuo aiuto Indice Introduzione 9 1. Cos è un gruppo di auto/mutuo aiuto 11 I fondamenti

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO. Ente Morale

PROGETTO EDUCATIVO. Ente Morale PROGETTO EDUCATIVO Scuola per l infanzia ASILO INFANTILE Suor Tarcisia PONCHIA Religiosa educatrice direttrice Presente nella scuola per 65 anni Scuola paritaria depubblicizzata Ente Morale con amministrazione

Dettagli

cf. Linee per un progetto di Iniziazione Cristiana alla luce del criterio oratoriano (Linee P.I.C.C.O.)

cf. Linee per un progetto di Iniziazione Cristiana alla luce del criterio oratoriano (Linee P.I.C.C.O.) cf. Linee per un progetto di Iniziazione Cristiana alla luce del criterio oratoriano (Linee P.I.C.C.O.) 1 Premessa. In seguito alla sollecitazione di coinvolgere l'oratorio, nella figura dei suoi animatori,

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

Costruiamo insieme una nuova cultura!

Costruiamo insieme una nuova cultura! Cittadinanza &Costituzione - Programma nazionale di EducAzione alla pace e ai Diritti Umani La mia scuola per la pace promosso dal Coordinamento Nazionale degli Enti Locali per la pace e i diritti umani

Dettagli

Vademecum degli Oratori

Vademecum degli Oratori Ufficio Pastorale dei iovani Vademecum degli Oratori Elaborato da Ufficio Pastorale dei Giovani in collaborazione con la Consulta Diocesana di PG Anno 2010-2011 Appunti per favorire il confronto e la riflessione

Dettagli

COS È UNA EQUIPES NOTRE DAME. Allegato alla Carta delle Equipes Notre-Dame

COS È UNA EQUIPES NOTRE DAME. Allegato alla Carta delle Equipes Notre-Dame COS È UNA EQUIPES NOTRE DAME Allegato alla Carta delle Equipes Notre-Dame Cos è una Equipe Notre-Dame 1 - Un progetto Vieni e seguimi : questa chiamata, Cristo la rivolge a ciascuno di noi, a ciascuna

Dettagli

CONCLUSIONI E SFIDE Del 1 INCONTRO DEI SANTO DOMINGO, 14-21 OTTOBRE 2007

CONCLUSIONI E SFIDE Del 1 INCONTRO DEI SANTO DOMINGO, 14-21 OTTOBRE 2007 CONCLUSIONI E SFIDE Del 1 INCONTRO DEI FRATELLI VINCENZIANI DELL'AMERICA LATINA (CLAPVI) SANTO DOMINGO, 14-21 OTTOBRE 2007 1. Si presentano qui le conclusioni e le sfide del 1 incontro di Fratelli Vincenziani

Dettagli

Azione Cattolica Italiana Azione Cattolica dei Ragazzi Diocesi di Torino PROGETTO SINDONE

Azione Cattolica Italiana Azione Cattolica dei Ragazzi Diocesi di Torino PROGETTO SINDONE Azione Cattolica Italiana Azione Cattolica dei Ragazzi Diocesi di Torino PROGETTO SINDONE PROGETTO SINDONE I ragazzi accolgono i ragazzi In occasione dell Ostensione della Sindone indetta dal 10 aprile

Dettagli

MANIFESTO PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA TERRITORIALE

MANIFESTO PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA TERRITORIALE MANIFESTO PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA TERRITORIALE L AMMINISTRAZIONE COMUNALE SI IMPEGNA A 1. promuovere forme di collaborazione con la scuola, con le famiglie, gli Enti e le Associazioni locali

Dettagli

PERCORSO DI FORMAZIONE SUI METODI DI APPRENDIMENTO COOPERATIVO. LABORATORIO PERMANENTE di FORMAZIONE E RICERCA

PERCORSO DI FORMAZIONE SUI METODI DI APPRENDIMENTO COOPERATIVO. LABORATORIO PERMANENTE di FORMAZIONE E RICERCA PERCORSO DI FORMAZIONE SUI METODI DI APPRENDIMENTO COOPERATIVO LABORATORIO PERMANENTE di FORMAZIONE E RICERCA Dr. Andrea Bertucci Psicologo e Dottore di Ricerca in Scienze Cognitive E mail: andrea.bertucci@yahoo.com

Dettagli

LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1

LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1 LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1 Sintesi per le partecipanti Laboratorio LAVORO 1 e 2 Progetto Leadership femminile aprile-giugno 2013 Elena Martini Francesca Maria Casini Vanessa Moi 1 LE ATTESE E LE MOTIVAZIONI

Dettagli

Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ

Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ Siamo figli di Dio Dio Padre ci chiama ad essere suoi figli Leggi il catechismo Cosa abbiamo imparato Ci accoglie una grande famiglia: è

Dettagli

Notiziario delle Parrocchie di Mandrio,Mandriolo e S.Martino Piccolo n 94 aprile-maggio 10. tel.0522/699134 - Stampato in proprio. parole in famiglia

Notiziario delle Parrocchie di Mandrio,Mandriolo e S.Martino Piccolo n 94 aprile-maggio 10. tel.0522/699134 - Stampato in proprio. parole in famiglia La Voce della Parrocchia Notiziario delle Parrocchie di Mandrio,Mandriolo e S.Martino Piccolo n 94 aprile-maggio 10 Tariffa Associazioni Senza Fini di Lucro: Poste Italiane s.p.a. Sped. in Abb. Postale

Dettagli

UFFICIO FAMIGLIA CONSULTA NAZIONALE DI PASTORALE FAMILIARE CEI

UFFICIO FAMIGLIA CONSULTA NAZIONALE DI PASTORALE FAMILIARE CEI UFFICIO FAMIGLIA CONSULTA NAZIONALE DI PASTORALE FAMILIARE CEI Roma, 13-14 settembre 2008 Nei giorni 13-14 settembre 2008 si è svolta, presso l Hotel CASCINA PALACE, in Via Attilio Benigni, 7 - Roma, la

Dettagli

CORSO COORDINATORI. Quando l amore e l abilità collaborano c è da aspettarsi il capolavoro. (Reade)

CORSO COORDINATORI. Quando l amore e l abilità collaborano c è da aspettarsi il capolavoro. (Reade) Quando l amore e l abilità collaborano c è da aspettarsi il capolavoro (Reade) CORSO COORDINATORI Consiglio Pastorale Stiamo preparando il Grest. Per alcuni motivi di spazio il nostro parroco don Jonny

Dettagli

NOI CON GLI ALTRI CAMERUN

NOI CON GLI ALTRI CAMERUN NOI CON GLI ALTRI CAMERUN Solidarietà e cooperazione come valori fondanti per le nuove generazioni Promosso da: Fondazione Un cuore si scioglie onlus, in collaborazione con la Regione Toscana e Mèta cooperativa

Dettagli

Il laboratorio Caritas parrocchiali. A cura della Caritas Porto Santa Rufina

Il laboratorio Caritas parrocchiali. A cura della Caritas Porto Santa Rufina Il laboratorio Caritas parrocchiali A cura della Caritas Porto Santa Rufina 55 parrocchie distribuite su 6 comuni 5 municipi di Roma, 3 frazioni popolazione 385.000 al 2008 da Santa Marinella a Fiumicino

Dettagli

ORATORIO UNO E TRINO. C è un altro bisogno che risulta sempre più impellente ed è la formazione

ORATORIO UNO E TRINO. C è un altro bisogno che risulta sempre più impellente ed è la formazione 2 sperimentazioni 1PROGETTO: ORATORIO UNO E TRINO (per Oratori in crisi d identità) Che cos è Il progetto educativo dell Oratorio è lì, chiuso in un cassetto. I problemi di ogni giorno, l urgenza del quotidiano,

Dettagli

Progetto Manufacto Piacenza, maggio 2015

Progetto Manufacto Piacenza, maggio 2015 Progetto Manufacto Piacenza, maggio 2015 INDICE CHI SIAMO E COSA FACCIAMO 3 CONTESTO E SITUAZIONE PROBLEMATICA 5 IL NOSTRO PROGETTO 5 2 CHI SIAMO E COSA FACCIAMO Siamo una rete di organizzazioni per l

Dettagli

principale del gruppo è

principale del gruppo è Ufficio Diocesano di Pastorale Familiare e Vita I GRUPPI FAMIGLIA PARROCCHIALI luogo di crescita nella fede e nella spiritualità propria dello stato coniugale; momento di apertura alla vita parrocchiale

Dettagli

Scuola Media Statale C. Scianna Bagheria Classi 1ª - 2ª - 3ª

Scuola Media Statale C. Scianna Bagheria Classi 1ª - 2ª - 3ª Scuola Media Statale C. Scianna Bagheria Classi 1ª - 2ª - 3ª PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DIPARTIMENTO DI RELIGIONE Coordinatore Dipartimento: Prof. DI GIACINTO Giuseppa Prof. PECORARO Rosalia Anno scolastico

Dettagli

Orientamenti pedagogico-didattici per una scuola di qualità Relazione a cura di Monica Barbolini

Orientamenti pedagogico-didattici per una scuola di qualità Relazione a cura di Monica Barbolini Orientamenti pedagogico-didattici per una scuola di qualità Relazione a cura di Monica Barbolini Il processo didattico è un processo di natura relazionale, nel senso che mira a sostenere lo studente nella

Dettagli

Periferie educative 2014 - LA SPEZIA

Periferie educative 2014 - LA SPEZIA Presidenza del Consiglio dei Ministri Ufficio Nazionale per il Servizio Civile PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA della Caritas Diocesana della LA SPEZIA TITOLO DEL PROGETTO

Dettagli

Parrocchia di San Paolo

Parrocchia di San Paolo Parrocchia di San Paolo Consiglio pastorale 27 Novembre 2011 Questa speciale edizione del Consiglio Pastorale prende vita in una soleggiata domenica novembrina: presenti 45 persone che, dopo aver celebrato

Dettagli

L incontro con i cresimandi. 31 marzo, sabato pomeriggio in San Pio V.

L incontro con i cresimandi. 31 marzo, sabato pomeriggio in San Pio V. Tre giorni di festa, dal 30 marzo al 1 aprile, hanno animato la Parrocchia di San Pio V che ha vissuto intensamente la propria Missione Cittadina. Una missione che, partendo dall interno della comunità

Dettagli

A.G.E.S.C.I. Associazione Guide E Scout Cattolici Italiani

A.G.E.S.C.I. Associazione Guide E Scout Cattolici Italiani A.G.E.S.C.I. Associazione Guide E Scout Cattolici Italiani COMPOSIZIONE DEL PROGETTO EDUCATIVO Il gruppo: Numero dei ragazzi per ciascuna unità Quanti della città, quanti fuori La Comunità capi I ragazzi

Dettagli

RIFUGIATO A CASA MIA 2015/2016. Ufficio Immigrazione Caritas Italiana

RIFUGIATO A CASA MIA 2015/2016. Ufficio Immigrazione Caritas Italiana RIFUGIATO A CASA MIA 2015/2016 Ufficio Immigrazione Caritas Italiana Promotore Caritas Italiana Soggetti coinvolti Caritas italiana promuove il progetto nazionale coordinando il monitoraggio delle attività

Dettagli

uno sguardo che sapeva elevarsi e arrivare lontano

uno sguardo che sapeva elevarsi e arrivare lontano uno sguardo che sapeva elevarsi e arrivare lontano La Casa della Carità, nasce nel 1941 dall intuizione di Don Mario Prandi, Parroco di Fontanaluccia, per rispondere al bisogno di assistenza di alcune

Dettagli

FORUM SERVIZIO CIVILE L IDENTITÀ DEL SERVIZIO CIVILE IN CARITAS Caritas Italiana Roma 9-10 febbraio 2006

FORUM SERVIZIO CIVILE L IDENTITÀ DEL SERVIZIO CIVILE IN CARITAS Caritas Italiana Roma 9-10 febbraio 2006 FORUM SERVIZIO CIVILE L IDENTITÀ DEL SERVIZIO CIVILE IN CARITAS Caritas Italiana Roma 9-10 febbraio 2006 I NUOVI PILASTRI DEL SERVIZIO CIVILE VOLONTARIO E LE PISTE DI LAVORO PER IL FUTURO IN CARITAS (Sac.

Dettagli

L AQUILONE vola alto

L AQUILONE vola alto onlus PROGETTO CULTURA L AQUILONE vola alto intrecciamo le nostre vite per poterle vivere al meglio. Scuole primarie PREMESSA Far cultura è uno dei fini statutari dell Associazione. Nel rispetto di tale

Dettagli

Rp_Co_2-17_El3Col_ValutazioneSintetica

Rp_Co_2-17_El3Col_ValutazioneSintetica Rp_Co_2-17_El3Col_ValutazioneSintetica aspetti positivi aspetti problematici bisognerebbe fare argomenti - celebrazioni - attività poco interesse e poca disciplina più attività ludiche e maggior partecipazione

Dettagli