2. Rendiconto (produzione e distribuzione del valore aggiunto)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "2. Rendiconto (produzione e distribuzione del valore aggiunto)"

Transcript

1 2. Rendiconto (produzione e distribuzione del valore aggiunto) 2.1. Dati significativi di gestione Nelle pagine che seguono sono rappresentate le principali grandezze economico-patrimoniali, ottenute dalla riclassificazione delle informazioni tratte dalla contabilità della Banca e dal Bilancio d esercizio, sottoposto a verifica del Collegio sindacale ed assoggettato a revisione da parte di una primaria società di revisione contabile. Tab Principali grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie Il rendiconto è la parte del Bilancio sociale volta a fornire i dati relativi al conto economico, riclassificati, diversamente dal bilancio civilistico, in modo da illustrare il processo di formazione del valore aggiunto (inteso come differenza tra il valore della produzione ed il totale dei consumi) e la sua distribuzione tra tutti coloro che, a vario titolo, hanno un rapporto di scambio con la Banca. Il valore aggiunto rappresenta la capacità della Banca di creare ricchezza e distribuirla tra i diversi stakeholder di riferimento del contesto sociale in cui opera, nel rispetto dell economicità della gestione, in particolare ai dipendenti, agli azionisti, agli enti ed alle autonomie locali, allo stesso sistema banca per l accantonamento delle risorse necessarie agli investimenti produttivi, ai clienti, ai fornitori, alla collettività e all ambiente. (importi espressi in migliaia di euro) 2002 Var. % 2001 Var. % 2000 Totale dell attivo ,93% ,62% Impieghi finanziari complessivi ,01% ,92% Crediti verso la clientela ,99% ,97% di cui pronti contro termine 497 ns - ns - Raccolta complessiva dalla clientela ,52% ,37% Raccolta diretta totale di cui: ,17% ,62% raccolta diretta (esclusi i p.c.t.) ,17% ,98% pronti contro termine ,33% ,59% Raccolta indiretta di cui: ,04% ,08% risparmio gestito dalla Banca ,39% ,08% Mezzi amministrati ,50% ,66% Raccolta diretta (esclusi i p.c.t.) ,17% ,98% Pronti contro termine ,33% ,59% Debiti verso banche ,14% ,93% Fondi di terzi in amministrazione 54-31,65% 79-31,90% Passività subordinate n.s ,00% Patrimonio netto (2) ,25% ,56% Margine d intermediazione ,53% ,60% Margine d'interesse ,27% ,99% Ricavi netti da servizi (inclusi i dividendi) ,42% ,97% Spese amministrative ,26% ,53% Risultato lordo di gestione ,00% ,74% Utile d esercizio ,53% ,51% Nell esercizio 2002 la Banca delle Marche consegue risultati reddituali (Tabb e 2.1.2) che, se pur complessivamente inferiori a quelli del precedente esercizio (-20%), appaiono sicuramente apprezzabili, in relazione al difficile scenario economico e dei mercati finanziari in cui sono stati conseguiti. (2) Il patrimonio netto include il fondo rischi bancari generali e l utile dell esercizio

2 Rendiconto Tab Conto economico riclassificato Fig Evoluzione dei principali margini economici (importi espressi in migliaia di euro) Valore Comp.ne% Valore Comp.ne% Valore Comp.ne% Interessi attivi e proventi assimilati Interessi passivi e oneri assimilati Margine di interesse , , ,37 Dividendi e altri proventi Margine da servizi Commissioni e proventi netti , , ,63 Margine di intermediazione , , ,00 Spese per il personale , , ,91 Altre spese amministrative , , ,00 Oneri e spese di gestione , , ,91 Risultato lordo di gestione , , ,09 Ammortamenti , , ,32 Accantonamenti , , ,35 Rettifiche nette sui crediti , , ,17 Accantonamenti ai fondi rischi su crediti , , ,65 Rettifiche nette alle imm.ni finanziarie , , ,03 Accant.ti, rettifiche e riprese di valore , , ,45 Utile ordinario , , ,63 Utile (perdite) attività straordinarie , , ,07 Utile al lordo delle imposte , , ,70 Var. ne del fondo rischi bancari generali ,42 Imposte sul reddito dell'esercizio , , ,59 Utile d'esercizio , , ,69 Migliaia di euro Margine di interesse Margine di intermediazione Oneri e spese di gestione Risultato lordo di gestione Accantonamenti, rettifiche e riprese di valore Utile ordinario Utile al lordo delle imposte Utile da ripartire La tenuta del margine di intermediazione, pari a migliaia di euro (+0,53%), deriva da una parziale compensazione tra la flessione del margine di interesse, che a fine 2002 si attesta a migliaia di euro (-1,27%, diretta conseguenza dell andamento dei tassi registrato sui mercati finanziari), e il positivo risultato del comparto delle commissioni e degli altri proventi netti, in valore pari a migliaia di euro (+3,4%)

3 Fig Dinamica dei principali margini economici Margine di interesse Margine di intermediazione Oneri e spese di gestione Risultato lordo di gestione Accantonamenti, rettifiche e riprese di valore Utile ordinario Utile al lordo delle imposte Utile da ripartire 24,51 Periodo 02/01 Periodo 01/00-20,53-7,00 0,53 3,74 3,60 Valori % Il peggioramento della performance reddituale è, inoltre, ascrivibile all aumento dell impatto delle spese amministrative (+4,26%), per lo più connesse, oltre agli oneri sostenuti per il personale e per il potenziamento della rete tecnologica ed informatica, all attuazione dei piani di espansione territoriale della Banca nell Italia centrale, che muovono dalla necessità di realizzare una rete distributiva sempre più vicina e diffusa sui territori serviti. 41

4 Rendiconto L evoluzione degli aggregati patrimoniali (Tab e Fig e Fig ) mostra una crescita sostenuta dell attività di intermediazione con la clientela, sia dal lato degli impieghi sia dal lato della provvista complessiva. Tab Stato patrimoniale riclassificato (importi espressi in migliaia di euro) 2002 Var. % 2001 Var. % 2000 Cassa e disponibilità , , Crediti verso clientela , , Crediti verso banche , , Totale dei crediti , , Titoli non immobilizzati , , Titoli immobilizzati , , Partecipazioni , , Immateriali e materiali , , Immobilizzazioni , , Altre attività , , Ratei e risconti attivi , , Azioni proprie n.s Altre voci dell'attivo , , Totale dell attivo , , Debiti verso la clientela , , Debiti rappresentati da titoli , , Debiti verso banche , , Totale dei debiti , , Fondi di terzi in amministrazione 54-31, , Trattamento di fine rapporto (TFR) , , Fondi per rischi ed oneri , , Fondi rischi su crediti , , Fondi a destinazione specifica , , Altre passività , , Ratei e risconti passivi , , Altre voci del passivo , , Passività subordinate n.s Fondo rischi bancari generali Capitale sociale , Sovrapprezzi di emissione Riserve , , Riserve di rivalutazione Utile d'esercizio , , Patrimonio netto , , Totale del passivo , , Fig Composizione dell attivo patrimoniale Migliaia di euro Cassa e disponibilità Crediti verso clientela Crediti verso Banche Titoli non immobilizzati Fig Andamento degli aggregati patrimoniali attivi Periodo 02/01 Periodo 01/00 Cassa e disponibilità Crediti verso clientela Crediti verso Banche Titoli non immobilizzati Immobilizzazioni Altre voci dell'attivo Totale attivo ,6 6,0 7,9 8,0 Immobilizzazioni Altre voci dell'attivo Totale attivo Valori %

5 Rendiconto In particolare, dal lato del passivo (Fig e Fig ) il persistere dell andamento negativo dei mercati finanziari, in particolare di quelli azionari, caratterizzati da una significativa volatilità ed instabilità delle quotazioni, e il clima di incertezza connesso al passato ed all attuale scenario macroeconomico, si sono riflesse, nel corso del triennio, in un progressivo e consistente cambiamento delle scelte di allocazione della ricchezza finanziaria della clientela. Fig Composizione del passivo patrimoniale Fig Andamento degli aggregati patrimoniali passivi Debiti verso la clientela Debiti rappresentati da titoli Debiti verso banche Fondi a destinazione specifica Altre voci del passivo Patrimonio netto Totale passivo Debiti verso la clientela Debiti rappresentati da titoli Debiti verso banche Fondi a destinazione specifica Altre voci del passivo Patrimonio netto Totale passivo Periodo 02/01 Periodo 01/00 10,6 10,0 7,9 8,4 9,7 39, Valori % Migliaia di euro Nel periodo indicato si nota la preferenza sempre maggiore per prodotti caratterizzati da un basso profilo di rischio rendimento, oltre che per forme di impiego temporaneo della ricchezza finanziaria che hanno determinato una consistente crescita della liquidità. Le scelte di allocazione del risparmio riflettono, non soltanto la riduzione del peso della componente a contenuto azionario, per lo più dovuta alla congiuntura negativa dei mercati, ma anche esigenze a carattere previdenziale, assicurativo e finanziario Indici gestionali Indici di efficienza del personale L analisi del livello di produttività delle risorse impegnate nell attività di intermediazione illustra il recupero di efficienza, nel corso del triennio, soprattutto in termini di masse intermediate (Tab ). Tab Volumi intermediati per dipendente (3) (importi in migliaia di euro) 2002 Var. % 2001 Var. % 2000 Impieghi a clientela ,88% ,03% numero medio dipendenti ,08% ,90% Impieghi per dipendente ,66% ,05% Raccolta complessiva da clientela ,74% ,05% numero medio dipendenti ,08% ,90% Raccolta per dipendente ,33% ,94% Raccolta diretta/numero dipendenti medi ,93% ,37% (3) Gli impieghi sono al lordo delle svalutazioni. La raccolta complessiva e la raccolta diretta escludono i pronti contro termine

6 Pur in presenza di un numero medio di dipendenti in costante crescita, nel periodo considerato gli indici che descrivono gli impieghi a clientela per dipendente e la raccolta complessiva da clientela per dipendente hanno un andamento positivo (Fig ). Fig Volumi intermediati per dipendente Impieghi per dipendente Raccolta complessiva per dipendente n. medio dipendenti Volumi Intermediati per dipendente - Migliaia di euro n. medio dipendenti Fig Redditività per dipendente Altre spese amministrative Spese per il personale Interessi passivi e oneri assimilati Interessi attivi e proventi assimilati Dividendi e altri proventi Margine da servizi Risultato lordo di gestione n. medio dipendenti Volumi per Dipendente - Migliaia di euro ,78 46,61 42, n. medio dipendenti 47

7 Rendiconto In effetti, proprio nell ultimo biennio le attività di finanziamento alla clientela hanno segnato un sentiero di crescita a tassi relativamente più elevati rispetto alla provvista complessiva (+7,88% contro +2,74%), aggregato il cui minor sviluppo scaturisce dalla diminuzione registrata nel comparto della raccolta indiretta (-3,04%), a fronte di una significativa evoluzione della raccolta diretta totale (+9,17%). Contemporaneamente, l andamento della performance reddituale della Banca si è riflesso anche sulla redditività unitaria per dipendente, misurata sia dal margine di intermediazione per dipendente sia dal risultato lordo di gestione per dipendente (Tab e Fig ). Tab Redditività per dipendente (importi in migliaia di euro) 2002 Var. % 2001 Var. % 2000 Interessi attivi e proventi assimilati 156,18-9,63 172,82 8,14 159,82 Interessi passivi e oneri assimilati -73,18-15,06-86,16 15,04-74,90 Margine di interesse 83,00-4,23 86,66 2,05 84,92 Dividendi e altri proventi 2,75-29,95 3,93-6,53 4,20 Margine da servizi 51,43 2,70 50,08 1,70 49,24 Margine di intermediazione 137,18-2,48 140,668 1,66 138,365 Spese per il personale -61,99 2,11-60,71-0,08-60,76 Altre spese amministrative -33,14-0,63-33,35 4,79-31,82 Risultato lordo di gestione 42,05-9,78 46,61 1,80 45,78 Spese per il personale/margine d'intermediazione 45,19 2,03 43,16-0,75 43,91 Nel triennio l incidenza delle spese per il personale sul margine d intermediazione registra un andamento crescente (Fig ). Fig Redditività per dipendente Indici patrimoniali La tabella descrive l evoluzione del patrimonio netto in funzione delle masse intermediate, esprimendo il livello di patrimonializzazione della Banca tra il 2000 e il Tab Indici patrimoniali (importi in migliaia di euro) 2002 Var. % 2001 Var % 2000 Patrimonio netto (4) ,25% ,57% Impieghi lordi ,88% ,03% Rapporto (5) 10,48-0,80 11,28-0,38 11,66 Patrimonio netto (4) ,25% ,57% Raccolta complessiva da clientela ,74% ,05% Rapporto (5) 5,52-0,14 5,65-0,58 6,23 A fronte di un significativo sviluppo dell attività di intermediazione con la clientela, misurata sia dalle attività di impiego sia dalle operazioni di provvista, il patrimonio netto della Banca segna variazioni positive dello 0,25% e del 2,57% rispettivamente nel biennio 2002/2001 e 2001/2000 (Fig e Fig ). Fig Patrimonio netto, raccolta, impieghi Patrimonio netto Impieghi lordi Raccolta complessiva da clientela Imposte sul reddito d'esercizio Var. Fondo Rischi Bancari generali Acc.ti e rettifiche nette di valore Risultato lordo di gestione Risultato Gestione straordinaria Utile netto d'esercizio n. medio dipendenti Volumi per Dipendente - Migliaia di euro ,79 18,07 13, n. medio dipendenti Migliaia di euro (4) Il patrimonio netto è quello di fine esercizio, comprensivo dell'utile dell'esercizio in chiusura. (5) La variazione è espressa in punti percentuali

8 Rendiconto Fig Indici patrimoniali Patrimonio netto su Impieghi Lordi 12,0 Patrimonio netto su Raccolta Complessiva Nel periodo di osservazione la redditività del capitale (ROE) si attesta su livelli apprezzabili. L andamento del 2002 riflette la difficile congiuntura economica (Fig ). La redditività dell attivo (ROA), misurata dal risultato lordo di gestione espresso in funzione del totale attivo, indica una lieve flessione nel corso dell ultimo biennio, scendendo all 1,28% dall 1,52% indicato nel Tale fenomeno è senz altro da attribuire al ridimensionamento del margine di interesse oltre che dalla crescita degli oneri di gestione nel periodo. Volumi Intermediati per dipendente - Migliaia di euro 10,0 8,0 6,0 4,0 2,0 - Fig Andamento del ROE e del ROA Return On Equity 8,0 7,0 6,56 6,0 5,0 4,0 3,0 Return On Asset 7,22 5,64 Nell ultimo anno indicato i rapporti di patrimonializzazione si attestano, dal lato degli impieghi, al 10,48% (dal 11,28% del 2001 e 11,66% del 2000); dal lato della raccolta complessiva si registra un rapporto pari a 5,52% (5,65% e 6,23% in relazione agli stessi periodi). Valori % 2,0 1,0 0,0 1,56 1,52 1, Indici reddituali La tabella esprime i principali indicatori di redditività calcolati in percentuale dei mezzi patrimoniali. Tab Indici reddituali (importi in migliaia di euro) 2002 Var. % 2001 Var. % 2000 Risultato netto ,53% ,51% Mezzi propri all'inizio dell'anno (6) ,76% ,09% ROE (return on equity) (7) 5,64-1,58 7,22 0,66 6,56 Risultato lordo di gestione ,00% ,74% Totale attivo all'inizio dell'anno ,62% ,66% ROA (return on asset) (7) 1,28-0,24 1,52-0,04 1,56 Di seguito (Tab ) sono rappresentati altri indicatori di redditività, calcolati a partire dai principali margini reddituali. Tab Altri indicatori di redditività (importi in migliaia di euro) 2002 Var. % 2001 Var. % 2000 Ricavi netti da servizi ,42% ,97% Margine d'interesse ,27% ,99% Rapporto (8) 65,28 2,96 62,32-0,62 62,93 Ricavi netti da servizi ,42% ,97% Margine d'intermediazione ,53% ,60% Rapporto (8) 39,50 1,10 38,39-0,23 38,63 Spese amministrative ,26% ,53% Margine d'intermediazione ,53% ,60% Rapporto (8) 69,35 2,48 66,87-0,04 66,91 (6) I mezzi propri comprendono il Patrimonio netto al lordo del Fondo rischi bancari generali e tengono conto della (8) Variazioni in punti percentuali. destinazione dell utile netto dell esercizio precedente deliberata dall assemblea degli azionisti. (7) Variazioni in punti percentuali

9 Nel 2002 i ricavi netti da servizi registrano un incidenza sul margine di interesse significativamente superiore a quella indicata nell esercizio immediatamente precedente. L assorbimento del margine di intermediazione da parte delle spese amministrative (cost income) segna valori sostanzialmente stabili tra il 2001 e il 2000, ma in aumento nell ultimo anno, in virtù dei maggiori oneri sostenuti per lo sviluppo tecnologico e territoriale della Banca (Fig ). Fig Indici di redditività ,0 70,0 60,0 50,0 40,0 30,0 20,0 Valori % 10,0 0,0 Ricavi netti da servizi su margine di interesse Ricavi netti su margine di intermediazione Spese amministrative su margine di intermediazione 52

10 2.2. Calcolo del valore aggiunto: produzione e distribuzione Tab Prospetto analitico di determinazione del valore aggiunto globale Il valore aggiunto rappresenta la misura della ricchezza prodotta dalla Banca nel periodo considerato e destinata alle diverse componenti del contesto sociale in cui opera, nel rispetto della propria missione. È ottenuto, secondo la metodologia e gli schemi espositivi previsti dalle linee guida ABI/IBS, come differenza tra i ricavi lordi e i consumi utilizzati per produrli. (importi in migliaia di euro) Var. assoluta Var. % Ricavi Interessi attivi e proventi assimilati ,84 Commissioni attive ,14 Altri ricavi: - dividendi e altri proventi ,79 - profitti da operazioni finanziarie ,02 - altri proventi di gestione ,98 1. Totale della produzione lorda ,29 Consumi Interessi passivi e oneri assimilati ,44 Commissioni passive ,59 Perdite da operazioni finanziarie ,40 Altri oneri di gestione ,59 Altre spese amministrative (escluse le imposte indirette e le tasse) ,96 Rettifiche/riprese di valore su titoli ,94 Rettifiche di valore su crediti ,93 Riprese di valore su crediti ,76 Accantonamenti per rischi ed oneri ,79 Accantonamenti ai fondi rischi su crediti ,87 2. Totale dei consumi ,01 3. Valore aggiunto caratteristico lordo ,01 Componenti straordinari: - proventi straordinari ,81 - oneri straordinari ,82 4. Valore aggiunto globale lordo ,44 Ammortamenti ,00 5. Valore aggiunto globale netto ,33 Costo del lavoro: - diretto ,89 - indiretto ,11 Elargizioni e liberalità (9) Imposte e tasse indirette e patrimoniali ,19 6. Risultato prima delle imposte ,52 Imposte sul reddito d'esercizio ,35 7. Risultato dell esercizio ,53 (9) Le erogazioni liberali della Banca delle Marche non sono incluse nel conto economico in quanto vengono effettuate mediante l utilizzazione di un fondo costituito annualmente con destinazione di una parte dell'utile d'esercizio al "Fondo per iniziative ed opere sociali

11 Tab Prospetto sintetico di determinazione del valore aggiunto globale (importi in migliaia di euro) Var. assoluta Var. % Ricavi Interessi attivi, commissioni attive ed altri ricavi ,29 1. Totale della produzione lorda ,29 Consumi Interessi passivi, commissioni passive, perdite da operazioni finanziarie ed altri oneri di gestione ,83 Altre spese amministrative (escluse imposte indirette e tasse) ,96 Rettifiche/riprese di valore su titoli, crediti, immobilizzazioni ed altri accantonamenti ,74 2. Totale dei consumi ,01 3. Valore aggiunto caratteristico lordo ,01 Componenti straordinarie ,37 4. Valore aggiunto globale lordo ,44 Ammortamenti ,00 5. Valore aggiunto globale netto ,33 Costo del lavoro: - diretto ,89 - indiretto ,11 Elargizioni e liberalità Imposte e tasse indirette e patrimoniali ,19 6. Risultato prima delle imposte ,52 Imposte sul reddito dell'esercizio ,35 7. Risultato dell esercizio ,53 Il prospetto rappresentato nella tabella espone la distribuzione del valore aggiunto generato dalla Banca ai soci, alle risorse umane, al sistema enti/istituzioni ed alla collettività/ambiente. Peraltro la Banca contribuisce a creare valore nei confronti di altre categorie di soggetti con le quali entra in relazione nello svolgimento della propria attività istituzionale, in particolare la clientela ed i fornitori. Le decisioni di spesa e d investimento della Banca, che determinano l aggregato consumi, sono coerenti con i principi ed i valori illustrati nella sezione Identità aziendale. Nella parte successiva Relazione sociale sono opportunamente illustrati in dettaglio gli interventi effettuati dalla Banca che hanno contribuito in modo sensibile alla valorizzazione e promozione del tessuto socio-economico

12 Tab Prospetto di riparto del valore aggiunto globale lordo e della sua distribuzione Fig Ripartizione del valore aggiunto (importi in migliaia di euro) 2002 Comp. % 2001 Comp. % 1. Ricavi Consumi Componenti straordinarie Valore aggiunto globale lordo , ,00 ripartito tra: A. Soci - Dividendi distribuiti ai soci: , ,97 Privati , ,97 B. Risorse umane , ,64 Costo del personale dipendente: - diretto , ,32 - indiretto , ,32 C. Sistema enti/ Istituzioni (amministrazioni centrale e periferiche) , ,32 Imposte e tasse indirette e patrimoniali versate allo Stato , ,36 Imposte e tasse indirette e patrimoniali versate ai Comuni , ,46 Imposte e tasse indirette e patrimoniali versate ad altre istituzioni 77 0, ,02 Imposta regionale sulle attività produttive (IRAP) , ,26 Imposte dirette sul reddito dell'esercizio (IRPEG) , ,21 D. Collettività/ Ambiente , ,18 Fondo per iniziative ed opere sociali 500 0, ,10 Quota dei dividendi di pertinenza delle Fondazioni , ,08 E. Sistema impresa , ,89 Riserve non distribuite e variazione del Fondo rischi bancari generali , ,71 Ammortamenti , ,18 Valore aggiunto globale lordo , ,00 4,63% 10,15% 5,70% 19,64% 59,89% Soci Risorse umane Sistema enti/istituzioni Collettività/ambiente Sistema impresa Il prospetto riportato nella tabella mostra come la quota più rilevante del valore aggiunto globale lordo sia attribuita al personale dipendente (risorse umane), principalmente sotto forma di stipendi e salari, oneri sociali e trattamento di fine rapporto (TFR). Rispetto all esercizio precedente la quota distribuita a tale stakeholder passa dal 56,64% al 59,89%. Al sistema enti/istituzioni è destinato il 19,64% del valore aggiunto globale lordo, sotto forma di imposte sul reddito di esercizio e tasse indirette e patrimoniali. Coerentemente ai criteri definiti dal modello ABI/IBS, la quota di valore aggiunto destinata ai soci è stata distinta tra quella di pertinenza dei soci privati e quella destinata alle fondazioni bancarie conferenti. Queste ultime, infatti, operano a favore della categoria di stakeholder collettività e ambiente, nel rispetto delle loro finalità istituzionali. I soci privati beneficiano della distribuzione del valore aggiunto per una quota del 4,63%. La politica dei dividendi della Banca indica una crescente attenzione non soltanto alla massimizzazione del ROE, ma anche alla soddisfazione degli stessi azionisti che, nella maggior parte dei casi, sono anche clienti. Nei confronti della collettività/ambiente la Banca distribuisce il 5,70% del valore aggiunto, mediante gli utilizzi del Fondo per iniziative ed opere sociali e la quota parte di utili distribuiti alla Fondazione Cassa di Risparmio di Jesi, alla Fondazione Cassa di Risparmio della provincia di Macerata ed alla Fondazione Cassa di Risparmio di Pesaro. Al sistema impresa, infine, viene destinato il 10,15% del valore aggiunto. Tale quota, essenzialmente indirizzata all autofinanziamento, è il risultato di un evoluzione positiva nei due anni di riferimento, segno della capacità della Banca di procedere ad un autonomo sviluppo dell attività, sostenuto da un adeguata struttura patrimoniale, in grado di fronteggiare eventuali congiunture sfavorevoli

Dalle Relazioni, il Valore

Dalle Relazioni, il Valore Calcolo e ripartizione del Valore Aggiunto 80 Schemi e prospetti 82 Le strategie e il Valore 86 Il Valore delle relazioni 88 Indici di Sostenibilità 89 78 79 Calcolo e ripartizione del Valore Aggiunto

Dettagli

Benvenuti in Banca di San Marino. Welcome to Banca di San Marino

Benvenuti in Banca di San Marino. Welcome to Banca di San Marino Benvenuti in Banca di San Marino Welcome to Banca di San Marino INDICE / CONTENTS LE FILIALI / THE BRANCHES IL GRUPPO / THE GROUP N. Azionisti 1.987 9,87% N. Soci 399 90,13% Cap. Sociale 114.616.800

Dettagli

Dati significativi di gestione

Dati significativi di gestione 36 37 38 Dati significativi di gestione In questa sezione relativa al Rendiconto economico sono evidenziati ed analizzati i risultati economici raggiunti da ISA nel corso dell esercizio. L analisi si focalizza

Dettagli

Dati significativi di gestione

Dati significativi di gestione 182 183 Dati significativi di gestione In questa sezione relativa al Rendiconto Economico sono evidenziati ed analizzati i risultati economici raggiunti da ISA nel corso dell esercizio. L analisi si focalizza

Dettagli

Dati al 30 Giugno 2015

Dati al 30 Giugno 2015 Dati al 30 Giugno 2015 www.biverbanca.it info@biverbanca.it Sede Legale e Direzione Generale: 13900 Biella Via Carso, 15 Capitale Sociale euro 124.560.677,00 Registro delle Imprese di Biella Partita Iva

Dettagli

Dati significativi di gestione

Dati significativi di gestione Relazione economica Posso dire che ritengo oggi ci siano tutte le condizioni per riportare la Banca al ruolo che le compete anche grazie all impegno dei colleghi, che ho potuto apprezzare in questo periodo,

Dettagli

3 SCHEMI DI VALORE AGGIUNTO

3 SCHEMI DI VALORE AGGIUNTO 3 SCHEMI DI VALORE AGGIUNTO 104 RENDICONTO DEL VALORE AGGIUNTO Lo schema qui presentato per la rendicontazione della formazione del Valore Aggiunto consolidato è quello definito in base al Modello dell

Dettagli

Cassa depositi e prestiti spa. Il Bilancio 2007. Conferenza stampa. Roma, 28 aprile 2008. www.cassaddpp.it

Cassa depositi e prestiti spa. Il Bilancio 2007. Conferenza stampa. Roma, 28 aprile 2008. www.cassaddpp.it Il Bilancio 2007 Conferenza stampa Roma, 28 aprile 2008 www.cassaddpp.it L andamento economico Il 2007 si è chiuso con un utile d esercizio di 1.374 (1.876 milioni nel 2006). La diminuzione del 26,8% rispetto

Dettagli

COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A

COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A. HA APPROVATO IL BILANCIO CONSOLIDATO E IL PROGETTO DI BILANCIO INDIVIDUALE AL 31 DICEMBRE 2007 DATI DI BILANCIO

Dettagli

BILANCIO AL 31 DICEMBRE 2014 Estratto per la pubblicazione

BILANCIO AL 31 DICEMBRE 2014 Estratto per la pubblicazione BILANCIO AL 31 DICEMBRE 2014 Estratto per la pubblicazione BILANCIO AL 31 DICEMBRE 2014 1. STATO PATRIMONIALE Voci dell'attivo 31.12.2014 31.12.2013 10. Cassa e disponibilità liquide 341 153 60. Crediti:

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Bilancio d esercizio consolidato al 31 dicembre 2009

COMUNICATO STAMPA. Bilancio d esercizio consolidato al 31 dicembre 2009 SOCIETÀ PER AZIONI Sede legale: Cagliari - Viale Bonaria 33 Sede amministrativa e Direzione generale: Sassari - Viale Umberto 36 Capitale sociale Euro 155.247.762,00 i.v. Cod. fisc. e num. iscriz. al Registro

Dettagli

Risultati ed andamento della gestione

Risultati ed andamento della gestione Risultati ed andamento della gestione L esercizio 2011 si chiude con un risultato economico positivo, in quanto la distribuzione dei dividendi di Equitalia Nord ha consentito - insieme ai benefici fiscali

Dettagli

COMUNICATO STAMPA Risultati preliminari di bilancio consolidati al 31 dicembre 2015

COMUNICATO STAMPA Risultati preliminari di bilancio consolidati al 31 dicembre 2015 Società per Azioni con Sede Legale in Cagliari Viale Bonaria, 33 Codice fiscale e n di iscrizione al Registro delle Imprese di Cagliari 01564560900 Partita IVA 01577330903 Iscrizione all Albo delle Banche

Dettagli

Approvati dal Consiglio di Amministrazione i Bilanci della Banca Popolare di Milano e del Gruppo Bipiemme al 31 dicembre 2008.

Approvati dal Consiglio di Amministrazione i Bilanci della Banca Popolare di Milano e del Gruppo Bipiemme al 31 dicembre 2008. Approvati dal Consiglio di Amministrazione i Bilanci della Banca Popolare di Milano e del Gruppo Bipiemme al 31 dicembre 2008. Utile netto consolidato a 75,3 milioni di euro: risente dell andamento negativo

Dettagli

RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 DICEMBRE 2011

RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 DICEMBRE 2011 RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 DICEMBRE 2011 Costante supporto all economia reale dei territori di insediamento: circa 3 miliardi di euro di crediti erogati alle famiglie e alle PMI, in condizioni di liquidità

Dettagli

SCHEMI DI BILANCIO DELL IMPRESA

SCHEMI DI BILANCIO DELL IMPRESA SCHEMI DI BILANCIO DELL IMPRESA Stato Patrimoniale Conto Economico Prospetto delle variazioni del Patrimonio Netto Rendiconto Finanziario Stato Patrimoniale Voci dell'attivo 2007 2006 10. Cassa e disponibilità

Dettagli

BILANCIO DELL ESERCIZIO 2009 PROSPETTI DEL BILANCIO AL 31 DICEMBRE 2009

BILANCIO DELL ESERCIZIO 2009 PROSPETTI DEL BILANCIO AL 31 DICEMBRE 2009 BILANCIO DELL ESERCIZIO 2009 PROSPETTI DEL BILANCIO AL 31 DICEMBRE 2009 BANCA DI ROMAGNA SPA SEDE LEGALE IN FAENZA CORSO GARIBALDI 1. SOCIETÀ APPARTENENTE AL GRUPPO UNIBANCA SPA (ISCRITTO ALL'ALBO DEI

Dettagli

Attivo anno n+1 anno n Passivo anno n+1 anno n A) Crediti verso i soci per versamenti ancora dovuti. - - A) Patrimonio netto

Attivo anno n+1 anno n Passivo anno n+1 anno n A) Crediti verso i soci per versamenti ancora dovuti. - - A) Patrimonio netto ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 Analisi di bilancio per indici di Lucia BARALE Materie: Economia aziendale (Classe 5 a IGEA) La verifica consente di valutare le conoscenze e le abilità acquisite dagli studenti sulla

Dettagli

Pitagora SpA - Semestrale al 30/06/2014

Pitagora SpA - Semestrale al 30/06/2014 B i l a n c i o s e m e s t r a l e a l 3 0 g i u g n o 2 0 1 4 BILANCIO SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2014 Pitagora SpA - Semestrale al 30/06/2014 STATO PATRIMONIALE Voci dell'attivo 30/06/2014 31/12/2013

Dettagli

Risultati ed andamento della gestione

Risultati ed andamento della gestione Risultati ed andamento della gestione L utile di periodo evidenzia un sostanziale pareggio, al netto dell accantonamento per 87,5 /milioni a Fondo Rischi Finanziari Generali, destinato alla copertura del

Dettagli

Approvati i risultati dei primi nove mesi del 2015

Approvati i risultati dei primi nove mesi del 2015 Comunicato Stampa Approvati i risultati dei primi nove mesi del 2015 Utile netto consolidato a 7,6 milioni di Euro (+52,3% a/a) Ricavi consolidati a 44,8 milioni di Euro (+2,1% a/a) Risultato della gestione

Dettagli

Commento al tema di Economia aziendale. Nelle imprese industriali possiamo individuare le seguenti attività:

Commento al tema di Economia aziendale. Nelle imprese industriali possiamo individuare le seguenti attività: Commento al tema di Economia aziendale Il tema proposto per la prova di Economia aziendale negli Istituti Tecnici è incentrato sulla scomposizione del reddito di esercizio nei risultati parziali generati

Dettagli

(290,8 milioni il dato depurato dalle componenti non ricorrenti) Utile netto di periodo: 103,2 milioni (36,1 milioni al 30.6.2007)

(290,8 milioni il dato depurato dalle componenti non ricorrenti) Utile netto di periodo: 103,2 milioni (36,1 milioni al 30.6.2007) CREDITO BERGAMASCO: il Consiglio di Amministrazione approva la relazione finanziaria semestrale. Crescono i ricavi. Continua espansione dei prestiti a piccole e medie imprese e della raccolta diretta complessiva.

Dettagli

L ANALISI DI BILANCIO: Caso esemplificativo

L ANALISI DI BILANCIO: Caso esemplificativo L ANALISI DI BILANCIO: Caso esemplificativo Partendo dal bilancio di verifica della società TWENTY SpA si effettui un analisi delle tre dimensioni della: - Liquidità - Solidità - Redditività STATO PATRIMONIALE

Dettagli

L'esercizio si chiude in utile e con una netta crescita del margine di intermediazione. Proposta la distribuzione di dividendi.

L'esercizio si chiude in utile e con una netta crescita del margine di intermediazione. Proposta la distribuzione di dividendi. Comunicato Stampa Il Consiglio di Amministrazione di First Capital S.p.A. approva il progetto di bilancio al 31 dicembre 2011 (redatto in base ai principi contabili italiani) L'esercizio si chiude in utile

Dettagli

Esame di Stato 2014 Indirizzo Giuridico Economico Aziendale Svolgimento Tema di Economia aziendale a cura di Lucia Barale

Esame di Stato 2014 Indirizzo Giuridico Economico Aziendale Svolgimento Tema di Economia aziendale a cura di Lucia Barale Esame di Stato 2014 Indirizzo Giuridico Economico Aziendale Svolgimento Tema di Economia aziendale a cura di Lucia Barale Il tema assegnato per la seconda prova di Economia aziendale (nell'indirizzo Giuridico

Dettagli

COMUNICATO STAMPA MID INDUSTRY CAPITAL APPROVA IL BILANCIO CONSOLIDATO 2013 CON UN UTILE DI 4,2 MILIONI (PERDITA DI 11,8 MILIONI NEL 2012)

COMUNICATO STAMPA MID INDUSTRY CAPITAL APPROVA IL BILANCIO CONSOLIDATO 2013 CON UN UTILE DI 4,2 MILIONI (PERDITA DI 11,8 MILIONI NEL 2012) COMUNICATO STAMPA MID INDUSTRY CAPITAL APPROVA IL BILANCIO CONSOLIDATO 2013 CON UN UTILE DI 4,2 MILIONI (PERDITA DI 11,8 MILIONI NEL 2012) La Holding chiude il 2013 con un utile di 0,5 milioni (perdita

Dettagli

Commento al tema di Economia aziendale

Commento al tema di Economia aziendale Commento al tema di Economia aziendale Il tema proposto per la prova di Economia aziendale negli Istituti Tecnici è incentrato sul controllo di gestione ed è articolato in una parte obbligatoria e tre

Dettagli

Milano, 30 marzo 2004

Milano, 30 marzo 2004 Milano, 30 marzo 2004 Gruppo TOD S: crescita del fatturato (+8.1% a cambi costanti). Continua la politica di forte sviluppo degli investimenti. 24 nuovi punti vendita nel 2003. TOD S Il Consiglio di Amministrazione

Dettagli

rendiconto economico 2

rendiconto economico 2 rendiconto economico 034 rendiconto economico 2 In questa sezione del bilancio sociale Finpiemonte rappresenta, attraverso appositi prospetti, la dimensione economica e monetaria della gestione, secondo

Dettagli

L equilibrio finanziario

L equilibrio finanziario L equilibrio finanziario La riclassificazione del bilancio d esercizio Prof. Andrea Calabrò E-mail: andrea.calabro@uniroma2.it Il bilancio pubblico Il Bilancio è il documento contabile in cui trovano rappresentazione

Dettagli

Approvazione della Relazione Trimestrale al 30.06.2005 da parte del Consiglio di Amministrazione.

Approvazione della Relazione Trimestrale al 30.06.2005 da parte del Consiglio di Amministrazione. 21/07/2005 - Approvazione relazione trimestrale 01.04.2005-30.06.2005 Approvazione della Relazione Trimestrale al 30.06.2005 da parte del Consiglio di Amministrazione. Sommario: Nei primi nove mesi dell

Dettagli

COMUNICATO STAMPA BANCA POPOLARE DI SPOLETO SPA: CIRCOLARE BANCA D ITALIA. BILANCIO 2005.

COMUNICATO STAMPA BANCA POPOLARE DI SPOLETO SPA: CIRCOLARE BANCA D ITALIA. BILANCIO 2005. COMUNICATO STAMPA BANCA POPOLARE DI SPOLETO SPA: CIRCOLARE BANCA D ITALIA. BILANCIO 2005. In data 3 aprile u.s. la Banca d Italia ha emanato una circolare a tutti gli intermediari creditizi con cui disciplina

Dettagli

APPROVATI IL PROGETTO DI BILANCIO INDIVIDUALE E IL BILANCIO CONSOLIDATO RELATIVI ALL ESERCIZIO 2014

APPROVATI IL PROGETTO DI BILANCIO INDIVIDUALE E IL BILANCIO CONSOLIDATO RELATIVI ALL ESERCIZIO 2014 Risultati annuali APPROVATI IL PROGETTO DI BILANCIO INDIVIDUALE E IL BILANCIO CONSOLIDATO RELATIVI ALL ESERCIZIO 2014 - Confermati i risultati preliminari consolidati già approvati lo scorso 11 febbraio

Dettagli

APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2013. Dati Consolidati: Margine d Interesse 119,3 mln di euro (+6,7%)

APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2013. Dati Consolidati: Margine d Interesse 119,3 mln di euro (+6,7%) COMUNICATO STAMPA APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2013 Dati Consolidati: Margine d Interesse 119,3 mln di euro (+6,7%) Commissioni nette 41,1 mln di euro (-5,6%1*) Margine di intermediazione

Dettagli

Relazione sulla gestione Bilancio ordinario al 31/12/2014

Relazione sulla gestione Bilancio ordinario al 31/12/2014 COLFERT S.P.A. Sede legale: VIA DEI MILLE N. 32 - FRESCADA PREGANZIOL (TV) Iscritta al Registro Imprese di TREVISO C.F. e numero iscrizione: 00401460266 Iscritta al R.E.A. di TREVISO n. 120644 Capitale

Dettagli

COMUNICATO STAMPA CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI IWBANK S.P.A.: APPROVATI I DATI DEL PRIMO SEMESTRE 2008

COMUNICATO STAMPA CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI IWBANK S.P.A.: APPROVATI I DATI DEL PRIMO SEMESTRE 2008 COMUNICATO STAMPA CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI IWBANK S.P.A.: APPROVATI I DATI DEL PRIMO SEMESTRE 2008 Confermato l ottimo trend di crescita del Gruppo Utile netto semestrale consolidato a circa 7,0

Dettagli

Risultati ed andamento della gestione

Risultati ed andamento della gestione Risultati ed andamento della gestione L esercizio 2012 si chiude con un risultato economico positivo, in quanto la distribuzione dei dividendi di Equitalia Nord ha permesso unitamente ai benefici fiscali

Dettagli

Comunicato Stampa I GRANDI VIAGGI:

Comunicato Stampa I GRANDI VIAGGI: Comunicato Stampa I GRANDI VIAGGI: L assemblea approva il bilancio 2005 che si chiude positivamente e con un forte miglioramento della posizione finanziaria netta Approvata la distribuzione di un dividendo

Dettagli

RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO DEL PATRIMONIO

RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO DEL PATRIMONIO RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO DEL PATRIMONIO Lo schema del conto del patrimonio previsto dal D.P.R 194/96 è strutturato a sezioni divise e contrapposte e presenta un impostazione in cui le attività sono

Dettagli

BILANCIO DELLE IMPRESE BANCARIE E INDUSTRIALI di Lucia BARALE

BILANCIO DELLE IMPRESE BANCARIE E INDUSTRIALI di Lucia BARALE Tema d esame BILANCIO DELLE IMPRESE BANCARIE E INDUSTRIALI di Lucia BARALE ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 MATERIE AZIENDALI (classe 5 a ITC) Il tema proposto è articolato in tre parti, di cui l ultima con tre alternative

Dettagli

Bilanci dei gruppi bancari italiani: trend e prospettive

Bilanci dei gruppi bancari italiani: trend e prospettive Advisory Bilanci dei gruppi bancari italiani: trend e prospettive Ricerca di efficienza, gestione del capitale e dei crediti non performing Esercizio kpmg.com/it Indice Executive Summary 4 Approccio metodologico

Dettagli

IL RENDICONTO FINANZIARIO.

IL RENDICONTO FINANZIARIO. IL RENDICONTO FINANZIARIO. Lezione 3 Castellanza, 3 Ottobre 2007 2 Il Rendiconto Finanziario Il Rendiconto Finanziario costituisce per l analisi della dinamica finanziaria ciò che il conto economico rappresenta

Dettagli

IL BILANCIO DI ESERCIZIO

IL BILANCIO DI ESERCIZIO IL BILANCIO DI ESERCIZIO Mette in evidenza il risultato della gestione annuale e deriva dal sistema contabile il cui scopo è la registrazione di tutti i fatti gestionali che hanno effetti sulle variazioni

Dettagli

In particolare nel 2009 sono stati distribuiti dividendi alla Capogruppo per 51,4 /mln.

In particolare nel 2009 sono stati distribuiti dividendi alla Capogruppo per 51,4 /mln. Risultati ed andamento della gestione L esercizio in esame rileva un risultato economico positivo che conferma l equilibrio economico della Capogruppo nel compimento della propria attività di holding.

Dettagli

PROSPETTI CONTABILI DEI FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO CHIUSI

PROSPETTI CONTABILI DEI FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO CHIUSI PROSPETTI CONTABILI DEI FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO CHIUSI B1. Schema di relazione semestrale dei fondi chiusi RELAZIONE SEMESTRALE DEL FONDO... SITUAZIONE PATRIMONIALE AL.../.../... Situazione al xx/xx/xxxx

Dettagli

FONDAMENTI DI ECONOMIA AZIENDALE E IMPIANTISTICA INDUSTRIALE

FONDAMENTI DI ECONOMIA AZIENDALE E IMPIANTISTICA INDUSTRIALE FONDAMENTI DI ECONOMIA AZIENDALE E IMPIANTISTICA INDUSTRIALE Proff.. Alberto Baggini Marco Melacini A.A. 2008/2009 La contabilità esterna Il conto economico La redazione del documento finale di bilancio

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Il Roe consolidato a fine 2007 si attesta al 18,3% (17,5% nel 2006).

COMUNICATO STAMPA. Il Roe consolidato a fine 2007 si attesta al 18,3% (17,5% nel 2006). Capogruppo del Gruppo Bancario CREDITO EMILIANO CREDEM COMUNICATO STAMPA CREDEM, IL CDA APPROVA I RISULTATI DI BILANCIO CONSOLIDATO 2007(1): UTILE A 249,4 MILIONI DI EURO (+18,7%), ROE 18,3%, DIVIDENDO

Dettagli

Analisi di bilancio per indici

Analisi di bilancio per indici Analisi di bilancio per indici Al 31/12/n la Carrubba spa, svolgente attività industriale, presenta la seguente situazione contabile finale: SITUAZIONE PATRIMONIALE Software 20.000,00 Fondo ammortamento

Dettagli

BILANCIO CIVILISTICO E BILANCIO RICLASSIFICATO

BILANCIO CIVILISTICO E BILANCIO RICLASSIFICATO BILANCIO CIVILISTICO E BILANCIO RICLASSIFICATO La riclassificazione del bilancio Lo schema di bilancio attualmente utilizzato nell'unione Europea non soddisfa interamente le esigenze degli analisti. E'

Dettagli

In merito ai punti all ordine del giorno della parte Ordinaria, l Assemblea ha deliberato:

In merito ai punti all ordine del giorno della parte Ordinaria, l Assemblea ha deliberato: ASSEMBLEA ORDINARIA E STRAORDINARIA VENETO BANCA I Soci hanno approvato il bilancio al 31 dicembre 2014 e nominato quattro Consiglieri di Amministrazione. Si è svolta oggi a Villa Spineda, a Venegazzù

Dettagli

Il Bilancio e i Principi Internazionali IAS-IFRS: Il Conto Economico e il Rendiconto finanziario. anno accademico 2007-2008 Valentina Lazzarotti

Il Bilancio e i Principi Internazionali IAS-IFRS: Il Conto Economico e il Rendiconto finanziario. anno accademico 2007-2008 Valentina Lazzarotti Il Bilancio e i Principi Internazionali IAS-IFRS: Il Conto Economico e il Rendiconto finanziario anno accademico 2007-2008 Valentina Lazzarotti 1 Il Conto Economico Il prospetto di CE può essere redatto:

Dettagli

2.1 Sostenibilità economica, finanziaria e patrimoniale

2.1 Sostenibilità economica, finanziaria e patrimoniale 2.1 Sostenibilità economica, finanziaria e patrimoniale La sostenibilità economica La sostenibilità economica che caratterizza l Azienda Ospedaliero - Universitaria di Bologna viene rappresentata attraverso

Dettagli

Elaborazione di un bilancio con dati a scelta a partir. tire e da indici

Elaborazione di un bilancio con dati a scelta a partir. tire e da indici Tracce di temi 2010 Scuola Duemila 1 Traccia n. 1 Elaborazione di un bilancio con dati a scelta a partir tire e da indici Olivia Leone Il candidato illustri brevemente quali sono i principali vincoli da

Dettagli

PROSPETTI CONTABILI DELLE SOCIETÀ DI INVESTIMENTO A CAPITALE VARIABILE (SICAV)

PROSPETTI CONTABILI DELLE SOCIETÀ DI INVESTIMENTO A CAPITALE VARIABILE (SICAV) PROSPETTI CONTABILI DELLE SOCIETÀ DI INVESTIMENTO A CAPITALE VARIABILE (SICAV) C1. Schema di prospetto del valore dell azione di SICAV DENOMINAZIONE DELLA SICAV:... PROSPETTO DEL VALORE DELL AZIONE AL.../.../...

Dettagli

* * * Questo comunicato stampa è disponibile anche sul sito internet della Società www.sesa.it

* * * Questo comunicato stampa è disponibile anche sul sito internet della Società www.sesa.it COMUNICATO STAMPA APPROVAZIONE DEL RESOCONTO INTERMEDIO CONSOLIDATO DI GESTIONE PER IL PERIODO DI 9 MESI AL 31 GENNAIO 2014 Il Consiglio di Amministrazione di Sesa S.p.A. riunitosi in data odierna ha approvato

Dettagli

BANCA CARIGE SpA - Cassa di Risparmio di Genova e Imperia Sede legale in Genova, Via Cassa di Risparmio, 15

BANCA CARIGE SpA - Cassa di Risparmio di Genova e Imperia Sede legale in Genova, Via Cassa di Risparmio, 15 BANCA CARIGE SpA - Cassa di Risparmio di Genova e Imperia Sede legale in Genova, Via Cassa di Risparmio, 15 SCHEDA DI SINTESI E INDICATORI DI GESTIONE Situazione al Variazione % 31/12/07 30/09/07 31/12/06

Dettagli

= 23) Utile (perdita) dell'esercizio / A) Patrimonio netto 41,40 % 10,72 % 286,19 %

= 23) Utile (perdita) dell'esercizio / A) Patrimonio netto 41,40 % 10,72 % 286,19 % BETA SRL Indici di bilancio Bilancio abbreviato al 31/12/ Indici e margini di redditività ROE = 23) Utile (perdita) dell'esercizio / A) Patrimonio netto 41,40 10,72 286,19 L'indice misura la redditività

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. RISULTATO DELLA GESTIONE OPERATIVA Euro 44,4 milioni (ex Euro 2 milioni)

COMUNICATO STAMPA. RISULTATO DELLA GESTIONE OPERATIVA Euro 44,4 milioni (ex Euro 2 milioni) COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA BANCA POPOLARE DI SPOLETO S.P.A. HA APPROVATO IL RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 30 SETTEMBRE 2015 NOTA: A SEGUITO DELL AVVENUTO CONFERIMENTO

Dettagli

TITOLO. Consiglio di amministrazione del 6 novembre 2013: approvazione del resoconto intermedio di gestione consolidato al 30 settembre 2013.

TITOLO. Consiglio di amministrazione del 6 novembre 2013: approvazione del resoconto intermedio di gestione consolidato al 30 settembre 2013. Società cooperativa per azioni - fondata nel 1871 Sede sociale e direzione generale: I - 23100 Sondrio So - Piazza Garibaldi 16 Iscritta al Registro delle Imprese di Sondrio al n. 00053810149 Iscritta

Dettagli

CREDEM, RISULTATI CONSOLIDATI: NEL PRIMO SEMESTRE 2015 UTILE +20,6% A/A, PROSEGUE LA CRESCITA DEI PRESTITI +5,3% A/A.

CREDEM, RISULTATI CONSOLIDATI: NEL PRIMO SEMESTRE 2015 UTILE +20,6% A/A, PROSEGUE LA CRESCITA DEI PRESTITI +5,3% A/A. CREDEM, RISULTATI CONSOLIDATI: NEL PRIMO SEMESTRE 2015 UTILE +20,6% A/A, PROSEGUE LA CRESCITA DEI PRESTITI +5,3% A/A. IMPORTANTE SOSTEGNO ALL ECONOMIA Prestiti a clientela (1) : +5,3% a/a (vs sistema -0,6%

Dettagli

Esame di Stato Sessione ordinaria 2009 Indirizzo Igea

Esame di Stato Sessione ordinaria 2009 Indirizzo Igea tema 14 Controllo di gestione; costi di produzione per commessa. Bilancio con dati a scelta, budget e Nota integrativa. Analisi di bilancio per indici. Esame di Stato Sessione ordinaria 2009 Indirizzo

Dettagli

Commento al tema di Economia aziendale

Commento al tema di Economia aziendale Commento al tema di Economia aziendale Il tema di Economia aziendale proposto negli Istituti Tecnici è incentrato sulla crisi finanziaria ed è articolato in una parte obbligatoria e tre percorsi alternativi

Dettagli

Comunicato stampa Relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2015

Comunicato stampa Relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2015 Comunicato stampa Relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2015 Nel primo semestre 2015 il Gruppo Cairo Communication ha continuato a conseguire risultati positivi nei suoi settori tradizionali (editoria

Dettagli

L analisi del bilancio di esercizio

L analisi del bilancio di esercizio L analisi del bilancio di esercizio 1 Le Fasi A. Raccolta dei dati di bilancio B. Riclassificazione del bilancio C. Determinazione ed utilizzo di uno schema di analisi D. Interpretazione dei risultati

Dettagli

CONAFI PRESTITO : APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2010

CONAFI PRESTITO : APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2010 CONAFI PRESTITO : APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2010 Margine di intermediazione consolidato pari a Euro 4,14 milioni (Euro 5,96 milioni al IH2009) Perdita netta di competenza del gruppo

Dettagli

- Principali dati economico-finanziari contabili consolidati espressi in migliaia di Euro:

- Principali dati economico-finanziari contabili consolidati espressi in migliaia di Euro: MITTEL S.P.A. Sede in Milano - Piazza A. Diaz 7 Capitale sociale 66.000.000 i.v. Codice Fiscale - Registro Imprese di Milano - P. IVA 00742640154 R.E.A. di Milano n. 52219 Iscritta all U.I.C. al n. 10576

Dettagli

BANCA POPOLARE DI SPOLETO: RISULTATI DEL PRIMO SEMESTRE 2011

BANCA POPOLARE DI SPOLETO: RISULTATI DEL PRIMO SEMESTRE 2011 www.bpspoleto.it BANCA POPOLARE DI SPOLETO: RISULTATI DEL PRIMO SEMESTRE 2011 Spoleto, 24 Agosto 2011 CRESCITA DELLA BANCA REALE Base Clientela a 137.943 unità (+2,8% rispetto al 31/12/10) Conti Correnti

Dettagli

Utile netto della capogruppo Anima Holding: 72,4 milioni di euro (+38% sul 2013)

Utile netto della capogruppo Anima Holding: 72,4 milioni di euro (+38% sul 2013) COMUNICATO STAMPA ANIMA Holding: risultati esercizio 2014 Ricavi totali consolidati: 226,9 milioni (+3% sul 2013) Utile netto consolidato: 84,9 milioni (-29% sul 2013 che includeva proventi straordinari)

Dettagli

Azimut Holding: Semestrale al 30 giugno 2011

Azimut Holding: Semestrale al 30 giugno 2011 Azimut Holding: Semestrale al 30 giugno 2011 COMUNICATO STAMPA Nel 1H11: Ricavi consolidati: 174,0 milioni di euro (+1,4% sul 1H10) Utile ante imposte: 48,6 milioni di euro (+2,7% sul 1H10) Utile netto

Dettagli

COMUNICATO STAMPA APPROVATA LA RELAZIONE di GESTIONE AL 30.06.2015 DEL FONDO SECURFONDO

COMUNICATO STAMPA APPROVATA LA RELAZIONE di GESTIONE AL 30.06.2015 DEL FONDO SECURFONDO COMUNICATO STAMPA APPROVATA LA RELAZIONE di GESTIONE AL 30.06.2015 DEL FONDO SECURFONDO SECURFONDO Il Consiglio di Amministrazione della InvestiRE SGR S.p.A. ha approvato in data odierna la Relazione di

Dettagli

La riclassificazione del bilancio d esercizio

La riclassificazione del bilancio d esercizio La riclassificazione del bilancio d esercizio Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani), Mc Graw-Hill 2001, cap. 4 1 Il bilancio pubblico. Il sistema informativo di bilancio secondo

Dettagli

CREDEM, IL CDA HA APPROVATO I RISULTATI AL 30 SETTEMBRE 2013: UTILE +11,2% A/A, CORE TIER 1 AL 10%

CREDEM, IL CDA HA APPROVATO I RISULTATI AL 30 SETTEMBRE 2013: UTILE +11,2% A/A, CORE TIER 1 AL 10% CREDEM, IL CDA HA APPROVATO I RISULTATI AL 30 SETTEMBRE 2013: UTILE +11,2% A/A, CORE TIER 1 AL 10% Utile netto consolidato a 100,3 milioni di euro, +11,2% a/a; investimenti per lo sviluppo dei canali di

Dettagli

ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI

ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI COMUNICATO STAMPA ESAMINATI DAL CONSIGLIO I RISULTATI CONSOLIDATI DEL PRIMO TRIMESTRE GRUPPO ITALMOBILIARE: RICAVI: 1.386,4 MILIONI DI EURO (1.452,5 MILIONI NEL PRIMO TRIMESTRE

Dettagli

Conto economico. Prospetti contabili infrannuali 2007 62. (importi in migliaia di euro)

Conto economico. Prospetti contabili infrannuali 2007 62. (importi in migliaia di euro) Prospetti contabili infrannuali della Capogruppo per il semestre chiuso al 30 giugno 2007 Conto economico 1 semestre 2007 1 semestre 2006 Ricavi verso terzi 14.025 8.851 Ricavi parti correlati 2.772 3.521

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. 30/09/2011 30/06/2011 Diff.%le in Euro/ml Patrimonio Netto 11,07 10,50 5,38 Posizione (indebitamento) finanziaria

COMUNICATO STAMPA. 30/09/2011 30/06/2011 Diff.%le in Euro/ml Patrimonio Netto 11,07 10,50 5,38 Posizione (indebitamento) finanziaria Sommario COMUNICATO STAMPA Dati Economici Consolidati 01/07/2011 01/07/2010 Diff.%le Trimestrali 30/09/2011 30/09/2010 in Euro/ml Valore della Produzione 17,95 18,01 (0,36) Costi Operativi (20,99) (16,26)

Dettagli

COMUNICATO STAMPA AI SENSI DELL ART.36 DEL REGOLAMENTO ADOTTATO CON DELIBERA CONSOB N. 11971 DEL 14 MAGGIO 1999

COMUNICATO STAMPA AI SENSI DELL ART.36 DEL REGOLAMENTO ADOTTATO CON DELIBERA CONSOB N. 11971 DEL 14 MAGGIO 1999 COMUNICATO STAMPA AI SENSI DELL ART.36 DEL REGOLAMENTO ADOTTATO CON DELIBERA CONSOB N. 11971 DEL 14 MAGGIO 1999 UniCredito Immobiliare Uno: approvato il rendiconto annuale 2014 Valore complessivo netto

Dettagli

Bilancio con dati a scelta in presenza di un trend negativo

Bilancio con dati a scelta in presenza di un trend negativo Tracce di temi 2013 Scuola Duemila 1 Traccia n. 1 Bilancio con dati a scelta in presenza di un trend negativo Michele Devastato A fronte di una crisi che ha investito l intero settore, l impresa industriale

Dettagli

Strumenti per il controllo economico e finanziario dell impresa: gestione delle problematiche e soluzioni

Strumenti per il controllo economico e finanziario dell impresa: gestione delle problematiche e soluzioni Strumenti per il controllo economico e finanziario dell impresa: gestione delle problematiche e soluzioni Dott. Claudio Orsini Arcadia Consulting Srl Bologna Finanza d impresa e Consulenza di direzione

Dettagli

Rafforzamento patrimoniale, elevato presidio del rischio, crescita dei ricavi complessivi e della redditività ordinaria

Rafforzamento patrimoniale, elevato presidio del rischio, crescita dei ricavi complessivi e della redditività ordinaria Comunicato Stampa Risultati consolidati al 30 settembre 2006 Rafforzamento patrimoniale, elevato presidio del rischio, crescita dei ricavi complessivi e della redditività ordinaria Ricavi in crescita -

Dettagli

Ragioneria Generale e Applicata. Esercitazione: La riclassificazione dei prospetti di bilancio

Ragioneria Generale e Applicata. Esercitazione: La riclassificazione dei prospetti di bilancio Esercitazione: La riclassificazione dei prospetti di bilancio 1 Parte I La riclassificazione dello Stato Patrimoniale Si proceda a collocare le voci sotto elencate riprese dal bilancio di esercizio 2009

Dettagli

Tema di Economia aziendale IGEA Proposta di svolgimento

Tema di Economia aziendale IGEA Proposta di svolgimento Tema di Economia aziendale IGEA Proposta di svolgimento PERCORSO B IMPRESE BANCARIE Conto economico: commento delle voci e calcolo di risultati intermedi Il percorso B, relativo alle imprese bancarie,

Dettagli

COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A

COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A. HA APPROVATO LA RELAZIONE FINANZIARIA SEMESTRALE CONSOLIDATA AL 30 GIUGNO 2009 DATI CONSOLIDATI AL 30 GIUGNO

Dettagli

Relazione sulla gestione del bilancio al 31/12/2013

Relazione sulla gestione del bilancio al 31/12/2013 ESATTO S.P.A. Sede legale in Piazza unità d'italia 4, cap 34121 Trieste Capitale Sociale euro 1.800.000,00 i.v. Iscritta al Registro delle Imprese di Trieste 01051150322 Codice Fiscale 01051150322 Relazione

Dettagli

ACQUE DEL BASSO LIVENZA PATRIMONIO SPA. Relazione sulla gestione del bilancio al 31/12/2014

ACQUE DEL BASSO LIVENZA PATRIMONIO SPA. Relazione sulla gestione del bilancio al 31/12/2014 ACQUE DEL BASSO LIVENZA PATRIMONIO SPA Sede in VIALE TRIESTE 11-30020 ANNONE VENETO (VE) Capitale sociale Euro 7.993.843,00 i.v. Codice fiscale: 04046770279 Iscritta al Registro delle Imprese di Venezia

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Bilancio d esercizio Consolidato al 31 dicembre 2005 redatto secondo i principi contabili internazionali IAS/IFRS

COMUNICATO STAMPA. Bilancio d esercizio Consolidato al 31 dicembre 2005 redatto secondo i principi contabili internazionali IAS/IFRS BANCO DI SARDEGNA S.p.A. Sede Legale Cagliari - Viale Bonaria 33 Sede Amministrativa e Direzione Generale Sassari - Viale Umberto 36 Capitale Sociale Euro 147.420.075,00 i.v. Codice fiscale e numero di

Dettagli

2.1. Sostenibilità economica, finanziaria e patrimoniale

2.1. Sostenibilità economica, finanziaria e patrimoniale 2.1. Sostenibilità economica, finanziaria e patrimoniale 2.1.1 Sostenibilità economica In questa sezione vengono analizzati alcuni indicatori di sostenibilità economica al fine di rilevare le cause gestionali

Dettagli

RIUNITO IL CDA DI BANCA CR FIRENZE

RIUNITO IL CDA DI BANCA CR FIRENZE Comunicato stampa RIUNITO IL CDA DI BANCA CR FIRENZE Approvati i risultati dell esercizio 2007 UTILE NETTO CONSOLIDATO: Euro 185 milioni, in crescita del 6,9% rispetto all utile netto consolidato del 2006

Dettagli

PROSPETTI CONTABILI DEI FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO APERTI

PROSPETTI CONTABILI DEI FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO APERTI PROSPETTI CONTABILI DEI FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO APERTI A1. Schema di prospetto del valore della quota dei fondi aperti FONDO... PROSPETTO DEL VALORE DELLA QUOTA AL.../.../... A. Strumenti finanziari

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Perdite pregresse

COMUNICATO STAMPA. Perdite pregresse COMUNICATO STAMPA ***** Consiglio di Amministrazione del 19 marzo 2013 approvato il Progetto di Bilancio al 31 dicembre 2012 e la Relazione sul Governo Societario; approvate la Relazione sulla Remunerazione

Dettagli

RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO DEL PATRIMONIO

RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO DEL PATRIMONIO RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO DEL PATRIMONIO Lo schema del conto del patrimonio previsto dal D.P.R n. 194/96 è strutturato a sezioni divise e contrapposte e presenta un impostazione in cui le attività sono

Dettagli

Consiglio di Amministrazione di Mediobanca Milano, 28 ottobre 2004. Approvati i dati trimestrali al 30 settembre 2004 del Gruppo Mediobanca

Consiglio di Amministrazione di Mediobanca Milano, 28 ottobre 2004. Approvati i dati trimestrali al 30 settembre 2004 del Gruppo Mediobanca Consiglio di Amministrazione di Mediobanca Milano, 28 ottobre 2004 Approvati i dati trimestrali al 30 settembre 2004 del Gruppo Mediobanca I primi tre mesi confermano la crescita registrata nel passato

Dettagli

finanziari e rendiconto finanziario

finanziari e rendiconto finanziario Le analisi di bilancio: i flussi finanziari e rendiconto finanziario Prof. Luca IANNI Docente di Controllo di Gestione Università G.d Annunzio di Chieti Pescara Revisore Legale dei Conti Le analisi per

Dettagli

Riclassificazione del bilancio e analisi con indici

Riclassificazione del bilancio e analisi con indici Esercitazioni svolte 2010 Scuola Duemila 1 Esercitazione n. 23 Riclassificazione del bilancio e analisi con indici Risultati attesi Saper fare: riclassificare lo Stato patrimoniale e il Conto economico;

Dettagli

ESAMI DI MATURITA 2011 SVOLGIMENTO SECONDA PROVA DI ECONOMIA AZIENDALE PER ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE I.G.E.A.

ESAMI DI MATURITA 2011 SVOLGIMENTO SECONDA PROVA DI ECONOMIA AZIENDALE PER ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE I.G.E.A. ESAMI DI MATURITA 2011 SVOLGIMENTO SECONDA PROVA DI ECONOMIA AZIENDALE PER ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE I.G.E.A. A cura di A.N.I.N.S.E.I. www.aninsei.it Soluzione a cura dei proff. Biscontin Franco e Carnio

Dettagli

Azimut Holding. Progetto di Bilancio al 31 dicembre 2010: dividendo a 0,25 per azione

Azimut Holding. Progetto di Bilancio al 31 dicembre 2010: dividendo a 0,25 per azione COMUNICATO STAMPA Azimut Holding. Progetto di Bilancio al 31 dicembre 2010: dividendo a 0,25 per azione Ricavi consolidati: 358,4 milioni ( 347,4 milioni nel 2009) Utile netto consolidato: 94,3 milioni

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. RISULTATO DELLA GESTIONE OPERATIVA Euro 146,6 milioni (ex Euro 134,3 milioni)

COMUNICATO STAMPA. RISULTATO DELLA GESTIONE OPERATIVA Euro 146,6 milioni (ex Euro 134,3 milioni) COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA CAPOGRUPPO BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A. HA APPROVATO IL RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE CONSOLIDATO AL 30 SETTEMBRE 2015 NOTA: LA COMPARAZIONE

Dettagli

Comunicato stampa Progetto di bilancio al 31 dicembre 2014

Comunicato stampa Progetto di bilancio al 31 dicembre 2014 Comunicato stampa Progetto di bilancio al 31 dicembre 2014 Approvati dal Consiglio i risultati 2014: il bilancio consolidato 2014 conferma sostanzialmente i risultati già riportati nel resoconto intermedio

Dettagli

RELAZIONE TRIMESTRALE AL 31 MARZO 2003

RELAZIONE TRIMESTRALE AL 31 MARZO 2003 RELAZIONE TRIMESTRALE AL 31 MARZO 2003 RELAZIONE TRIMESTRALE AL 31 MARZO 2003 RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DEL PRIMO TRIMESTRE 2003 Scenario economico La crescita dell economia

Dettagli

GRUPPO BANCO DESIO. al 30 settembre 2006 RELAZIONE TRIMESTRALE CONSOLIDATA

GRUPPO BANCO DESIO. al 30 settembre 2006 RELAZIONE TRIMESTRALE CONSOLIDATA GRUPPO BANCO DESIO RELAZIONE TRIMESTRALE CONSOLIDATA AL 30 SETTEMBRE 2006 1 INDICE Prospetti contabili pag. 03 Note di commento ed osservazioni degli Amministratori pag. 04 Nota informativa pag. 04 La

Dettagli