Documentazione per l esame di Progetti di legge

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Documentazione per l esame di Progetti di legge"

Transcript

1 Documentazione per l esame di Progetti di legge Calcolo del risultato delle elezioni della Camera dei deputati 2013, 2008 e 2006, nonché delle elezioni europee 2014 secondo la formula prevista dalla proposta di legge A.C. 3 e abb. bis-b A.C. 3 e abb.-bis-b n. 98/4 16 aprile 2015

2 Camera dei deputati XVII LEGISLATURA Documentazione per l esame di Progetti di legge Calcolo del risultato delle elezioni della Camera dei deputati 2013, 2008 e 2006, nonché delle elezioni europee 2014 secondo la formula prevista dalla proposta di legge A.C. 3 e abb.- bis-b A.C. 3 e abb.-bis-b n. 98/4 16 aprile 2015

3 Servizio responsabile: SERVIZIO STUDI Dipartimento Istituzioni / La documentazione dei servizi e degli uffici della Camera è destinata alle esigenze di documentazione interna per l'attività degli organi parlamentari e dei parlamentari. La Camera dei deputati declina ogni responsabilità per la loro eventuale utilizzazione o riproduzione per fini non consentiti dalla legge. I contenuti originali possono essere riprodotti, nel rispetto della legge, a condizione che sia citata la fonte. File: ac0246d.docx

4 I N D I C E Nota metodologica Pag. 1 Calcolo del risultato secondo i voti espressi nelle elezioni europee del 25 maggio Calcolo del risultato secondo i voti espressi nelle elezioni per la Camera dei deputati del 24 e 25 febbraio Calcolo del risultato secondo i voti espressi nelle elezioni per la Camera dei deputati del 13 e 14 aprile Calcolo del risultato secondo i voti espressi nelle elezioni per la Camera dei deputati del 9 e 10 aprile I

5 II

6 Nota metodologica I calcoli esposti nel presente dossier sono stati effettuati assumendo i voti validi espressi a favore delle liste presentate nelle elezioni europee 2014 e nelle tre ultime elezioni della Camera dei deputati: 2013, 2008 e Il calcolo è riferito alla attribuzione dei seggi alle liste a livello nazionale e alla ripartizione degli stessi nelle circoscrizioni. I voti sono stati aggregati nelle 20 circoscrizioni elettorali, coincidenti con il territorio delle Regioni, previste dalla Tabella A, allegata alla proposta di legge in esame (A.C. 3 e abb.-bis-b). Per la circoscrizione Trentino-Alto Adige, in cui sono costituiti otto collegi uninominali secondo quanto disposto dall art. 2, comma 1- bis del TU (come modificato dal testo in esame), i voti espressi nelle elezioni indicate sono stati aggregati nei territori che costituiscono gli otto collegi uninominali definiti dal Decreto legislativo 20 dicembre 1993, n. 536, di attuazione della delega contenuta nell art. 7 della legge 277/1993. I voti espressi nei collegi uninominali sono computati in sede nazionale per la determinazione della lista maggioritaria e per la determinazione delle soglie di accesso alla ripartizione dei seggi; quei medesimi voti dal momento che hanno già dato luogo alla elezione di un candidato nella circoscrizione non sono peraltro considerati ai fini della ripartizione dei seggi assegnati nella restante parte del territorio nazionale. La simulazione in questo caso sconta il diverso sistema elettorale a carattere uninominale che non necessariamente rende trasponibili i risultati conseguiti in una competizione proporzionale in una elezione di tipo maggioritario. Per ciascuna elezione, si è proceduto all attribuzione dei seggi alle liste a livello nazionale e alla successiva ripartizione nelle circoscrizioni seguendo la procedura stabilita dall articolo 83 del TU, come sostituito dall art. 2, comma 25, capoverso Art. 83, del testo in esame. Tale procedura è cosi articolata: individuazione delle liste che hanno conseguito la soglia del 3% dei voti validi e sono quindi ammesse alla ripartizione dei seggi; individuazione della lista che ha ottenuto il maggior numero di voti validi (lista maggioritaria) e verifica se questa abbia raggiunto la soglia del 40 % dei voti validi; in caso positivo, verifica del numero di seggi ottenuti dalla lista maggioritaria, sulla base della ripartizione proporzionale dei seggi: qualora abbia ottenuto 340 seggi resta ferma la ripartizione proporzionale; qualora ne abbia conseguito un numero inferiore, le vengono attributi 340 seggi; 1

7 qualora la lista maggioritaria non abbia raggiunto la soglia del 40%, è previsto lo svolgimento di un turno di ballottaggio fra le due liste più votate; in tale caso il calcolo presenta pertanto due ipotesi di risultato, considerando la vittoria al ballottaggio per ciascuna delle liste ammesse: 1. la prima ipotesi attribuisce la vittoria al ballottaggio alla lista che ha ottenuto il maggior nume di voti al primo turno, 2. la seconda ipotesi attribuisce la vittoria al ballottaggio alla seconda lista più votata; alla lista vincente (al primo turno o al ballottaggio) è attribuito il premio di maggioranza; i restanti seggi sono ripartiti tra le altre liste ammesse (liste minoritarie); i seggi attribuiti a ciascuna lista a livello nazionale sono quindi ripartiti nelle circoscrizioni. Il calcolo non considera la successiva fase di distribuzione dei seggi nei collegi plurinominali, non essendo definita dalla proposta di legge un ipotesi di ripartizione del territorio nazionale in 100 collegi, che è invece rinviata ad una apposita delega al Governo contenuta nell art. 4 del testo in esame. La sintesi dei risultati del calcolo effettuato per ciascuna elezione è esposta all inizio della presentazione. Seguono le Tavole, illustrate di seguito, che mostrano le diverse fasi del procedimento. Le Tavole 1 e 2 sono uniche per ogni elezione, mentre le Tavole 3, 4 e 5 sono ripetute per ciascuna delle ipotesi di vittoria considerate in caso di ballottaggio. Tavola 1 - Cifre elettorali nazionali, determinazione della lista maggioritaria, calcolo delle soglie La Tavola 1 mostra: le cifre elettorali nazionali delle liste (art. 83, comma 1, numero 1)); la lista che ha ottenuto il maggior numero di voti validi (art. 83, comma 1, numero 2)); le liste che hanno conseguito la soglia del 3% dei voti validi a livello nazionale, o del 20% a livello regionale per le liste rappresentative di minoranze linguistiche, e sono quindi ammesse alla ripartizione dei seggi (art. 83, comma 1, numero 3)); il valore della soglia del 40% per l attribuzione del premio di maggioranza al primo turno (art. 83, comma 1, numero 5)). Ai fini dei calcoli successivi, è riportata anche la cifra elettorale nazionale di ciascuna lista scorporata dei voti ottenuti nelle circoscrizioni Trentino-Alto Adige e Valle d Aosta. 2

8 Tavola 2 - Assegnazione proporzionale dei seggi alle liste La Tavola 2 mostra il risultato della prima assegnazione proporzionale dei seggi alle liste ammesse al riparto (art. 83, comma 1, numero 4)). Il calcolo considera l assegnazione dei 606 seggi da attribuire nelle 18 circoscrizioni suddivise in collegi plurinominali; sono pertanto esclusi i seggi da attribuire nelle circoscrizioni Trentino-Alto Adige e Valle d Aosta e i voti espressi in questi territori. Tavola 3 - Assegnazione del premio di maggioranza e calcolo dei quozienti La Tavola 3 mostra il prospetto relativo alla determinazione dei seggi da assegnare alla lista vincente e alle liste minoritarie e il calcolo dei quozienti di maggioranza e di minoranza (art. 83, commi 2 e 3). Nella Tavola 3a è presentato inoltre il dettaglio dei seggi attribuiti nelle circoscrizioni Trentino-Alto Adige e Valle d Aosta, considerati ai fini di tale calcolo (articoli quater). Tavola 4 - Ripartizione dei seggi tra le altre liste ammesse (liste 'minoritarie') La Tavola 4 mostra la ripartizione nazionale dei seggi tra le liste non vincenti ammesse al riparto (art. 83, comma 3). Tavola 5 - Ripartizione dei seggi spettanti alle liste nelle circoscrizioni La Tavola 5 mostra il risultato finale della procedura di ripartizione nelle 18 circoscrizioni dei seggi attribuiti alle liste a livello nazionale (art. 83, comma 1, numero 8)). L ultima colonna della Tavola (denominata spettanti assegnati ) riporta l eventuale differenza tra i seggi spettanti a ciascuna circoscrizione in proporzione alla popolazione (art. 56, comma 4, Cost.) ed i seggi assegnati alle stessa al termine della procedura. 3

9

10 Calcolo del risultato secondo i voti espressi nelle elezioni europee del 25 maggio 2014

11

12 Nel calcolo applicato ai voti espressi nelle elezioni europee del 2014 la lista maggioritaria ottiene più del 40% dei voti validi e non è pertanto necessario procedere al ballottaggio. Il risultato nazionale è il seguente: Europee 2014 lista vincente = PD Lista maggioritaria seggi PD 332 uninominali Trentino-A.Adige 5 proporzionali Trentino-A.Adige 2 uninominale V.d'Aosta 1 Totale lista magg. 340 Altre liste seggi M5 stelle 103 FI 82 Lega Nord 30 NCD UDC 22 Altra EU Tsipras 19 FdI AN 18 uninominali Trentino-A.Adige 3 proporzionali Trentino-A.Adige 1 uninominale V.d'Aosta - Totale altre liste 278 totale nazionale 618 Le liste che superano la soglia del 3% dei voti validi sono 7: Partito Democratico, Movimento 5 Stelle, Forza Italia, Lega Nord, Nuovo Centro Destra - Unione di Centro, Altra Europa per Tsipras, Fratelli d Italia Alleanza Nazionale (Tavola 1). La lista maggioritaria (PD), che ha ottenuto più del 40% dei voti validi, nella ripartizione proporzionale a livello nazionale consegue 255 seggi (Tavola 2); pertanto a tale lista vanno assegnati 340 seggi, dei quali 332 da attribuire nelle 18 circoscrizioni suddivise in collegi plurinominali, e 8 già ottenuti nelle circoscrizioni Trentino-Alto Adige e Valle d Aosta. Conseguentemente alle liste minoritarie spettano complessivamente 278 seggi, di cui 274 da attribuire nelle 18 circoscrizioni e 4 già ottenuti nelle circoscrizioni Trentino-Alto Adige e Valle d Aosta (Tavole 3 e 3a). I 274 seggi sono ripartiti tra le liste minoritarie (Tavola 4). I seggi attribuiti alle liste a livello nazionale sono quindi ripartiti nelle 18 circoscrizioni (Tavola 5). 7

13 Tavola 1 - Cifre elettorali nazionali, determinazione della lista maggioritaria, calcolo delle soglie Europee 2014 art. 83, comma 1, numeri 1), 2) e 3) Europee 2014 cifra elett. % liste cifra elett.naz.le liste nazionale nazionale che superano senza VdA e TAA le soglie PD ,8 SI M5 stelle ,2 SI FI ,8 SI Lega Nord ,2 SI NCD UDC ,4 SI Altra EU Tsipras ,0 SI FdI AN ,7 SI Verdi EU ,9 NO Scelta EU ,7 NO IdV ,7 NO SVP ,5 SI - 20% circ Cambio MAE ,2 NO Totale nazionale , Valori di soglia VALORE DELLA SOGLIA 40% Cifra elettorale lista magg , valore della soglia 3% Liste ammesse , liste non ammesse ,

14 Tavola 2 - Assegnazione proporzionale dei seggi alle liste Europee 2014 Ripartizione di 606 seggi in sede nazionale alle liste ammesse art. 83, comma 1, numero 4) Europee 2014 seggi da assegnare 606 quoziente elettorale nazionale seggi assegnati a quoz. intero 602 seggi assegnati ai magg. resti 4 seggi a voti seggi ai totale coaliz. e liste cifra elett. naz. quoziente intero residuali (resti) maggiori resti seggi PD M5 stelle FI Lega Nord NCD UDC Altra EU Tsipras FdI AN Totale La lista maggioritaria supera il 40% dei voti validi ma non raggiunge 340 seggi (art. 83, comma 1, numeri 5 e 6) Alla lista PD devono essere assegnati 340 seggi (art. 83, comma 2) 9

15 Tavola 3 - Assegnazione del premio di maggioranza e calcolo dei quozienti Europee 2014 Assegnazione del premio di maggioranza art. 83, comma 2 assegnazione del premio art. 83, comma 3 riparto dei restanti seggi tra le liste minoritarie 618 Premio alla LISTA PD Seggi = 340 Detratti uninominali TAA 5 proporzionali TAA 2 uninominale VdA Seggi alle altre liste = 278 Detratti uninominali TAA 3 proporzionali TAA cifra elettorale seggi quoziente Quoziente nazionale di maggioranza = Quoziente nazionale di minoranza = Tavola 3a Seggi attribuiti nelle circoscrizioni Trentino-Alto Adige e Valle d Aosta Collegi uninominali Trentino-Alto Adige seggio voti lista 1 BOLZANO PD 2 APPIANO SULLA STRADA DEL VINO SVP 3 MERANO SVP 4 BRESSANONE SVP 5 TRENTO PD 6 ROVERETO PD 7 LAVIS PD 8 PERGINE VALSUGANA PD Quota proporzionale Vincente 2 PD Altre 1 tot. 3 Collegio uninominale Valle d'aosta PD 10

16 Tavola 4 - Ripartizione dei seggi tra le altre liste ammesse (liste 'minoritarie') Europee 2014 art. 83, comma 3 seggi da assegnare 274 quoziente nazionale di minoranza seggi assegnati a quoz. intero 271 seggi assegnati ai magg. resti 3 seggi a voti seggi ai totale liste cifra elett. naz. quoziente intero residuali (resti) maggiori resti seggi M5 stelle FI Lega Nord NCD UDC Altra EU Tsipras FdI AN Totale

17 Tavola 5 - Ripartizione dei seggi spettanti alle liste nelle circoscrizioni Europee 2014 Totale seggi assegnati nelle circoscrizioni art. 83, co. 1, n. 8) seggi spettanti PD M5 stelle FI Lega Nord NCD UDC A.EU Tsipras FdI AN totale spettanti - assegnati Piemonte Lombardia Veneto Friuli-Venezia Giulia Liguria Emilia-Romagna Toscana Umbria Marche Lazio Abruzzo Molise Campania Puglia Basilicata Calabria Sicilia Sardegna totale

18 Calcolo del risultato secondo i voti espressi nelle elezioni per la Camera dei deputati del 24 e 25 febbraio 2013

19

20 Nel calcolo applicato ai voti espressi nelle elezioni della Camera del 2013, 6 liste superano la soglia del 3% dei voti validi: Movimento 5 Stelle, Partito Democratico, Popolo delle Libertà, Scelta Civica con Monti per l Italia, Lega Nord, Sinistra Ecologia e Libertà. Dato che la lista maggioritaria non ha ottenuto il 40% dei voti validi, nel calcolo sono state considerate due ipotesi di risultato, assegnando la vittoria al ballottaggio a ciascuna delle due liste ammesse: la prima ipotesi assume la vittoria della lista più votata (Movimento 5 Stelle), la seconda ipotesi la vittoria della seconda lista più votata (Partito Democratico). Camera Ballottaggio Prima ipotesi lista vincente = M5Stelle Lista maggioritaria seggi M5Stelle 338 uninominali Trentino -A.Adige - proporzionali Trentino -A.Adige 2 uninominale V.d'Aosta - Totale lista magg. 340 Altre liste seggi PD 109 PDL 93 S Civica Monti 35 Lega Nord 17 SEL 14 uninominali Trentino -A.Adige 8 proporzionali Trentino -A.Adige 1 uninominale V.d'Aosta 1 Totale altre liste 278 totale nazionale 618 Camera Ballottaggio Seconda ipotesi lista vincente = PD Lista maggioritaria seggi PD 335 uninominali Trentino -A.Adige 3 proporzionali Trentino -A.Adige 2 uninominale V.d'Aosta - Totale lista magg. 340 Altre liste seggi M5Stelle 111 PDL 93 S Civica Monti 35 Lega Nord 18 SEL 14 uninominali Trentino -A.Adige 5 proporzionali Trentino -A.Adige 1 uninominale V.d'Aosta 1 Totale altre liste 278 totale nazionale 618 Le Tavole 1 e 2 mostrano i dati relativi alle cifre elettorali nazionali delle liste, il calcolo delle soglie e l assegnazione provvisoria dei seggi alle liste con metodo proporzionale. Le Tavole 3, 4 e 5 sono ripetute per ciascuna ipotesi di risultato: Prima ipotesi lista vincente Movimento 5 Stelle, Seconda ipotesi lista vincente Partito Democratico. 15

21 Tavola 1 - Cifre elettorali nazionali, determinazione della lista maggioritaria, calcolo delle soglie Camera 2013 art. 83, comma 1, numeri 1), 2) e 3) Camera 2013 cifra elett. % liste cifra elett.naz.le liste nazionale nazionale che superano senza VdA e TAA le soglie M5Stelle ,5 SI PD ,4 SI PDL ,5 SI S Civica Monti ,3 SI Lega Nord ,1 SI SEL ,2 SI Riv Civile Ingroia ,2 NO Fratelli di It ,0 NO UDC ,8 NO Fare FD Giannino ,1 NO La Destra ,6 NO Centro Dem ,5 NO FLI ,5 NO G Sud-MPA ,4 NO SVP ,4 SI, 20% circ. - Vall.d'Aoste ,1 NO - Union Vald.Prog ,1 NO - Aut.Lib.Democratie ,0 NO - Nat.V.d'Outa 145 0,0 NO - altre liste , Totale nazionale , Valori di soglia VALORE DELLA SOGLIA 40% Cifra elettorale lista magg , valore della soglia 3% Liste ammesse , liste non ammesse ,

22 Tavola 2 - Assegnazione proporzionale dei seggi alle liste Camera 2013 Ripartizione di 606 seggi in sede nazionale alle liste ammesse art. 83, comma 1, numero 4) Camera 2013 seggi da assegnare 606 quoziente elettorale nazionale seggi assegnati a quoz. intero 603 seggi assegnati ai magg. resti 3 seggi a voti seggi ai totale liste cifra elett. naz. quoziente intero residuali (resti) maggiori resti seggi M5Stelle PD PDL S Civica Monti Lega Nord SEL Totale La lista maggioritaria non supera il 40% dei voti validi (art. 83, comma 1, numero 5) E' necessario procedere al ballottaggio (art. 83, comma 5) 17

23 Camera Ballottaggio Prima ipotesi Lista vincente Movimento 5 Stelle Nella prima ipotesi si è assunta come vincente la lista Movimento 5 Stelle, alla quale viene assegnato il premio di maggioranza di 340 seggi: di questi 338 sono da attribuire nelle 18 circoscrizioni suddivise in collegi plurinominali e 2 sono già ottenuti nella circoscrizione Trentino- Alto Adige; conseguentemente alle liste minoritarie spettano complessivamente 278 seggi di cui 268 da attribuire nelle 18 circoscrizioni e 10 già ottenuti nelle circoscrizioni Trentino-Alto Adige e Valle d Aosta (Tavole 3 e 3a). I 268 seggi sono ripartiti tra le liste minoritarie (Tavola 4). I seggi attribuiti alle liste a livello nazionale sono quindi ripartiti nelle 18 circoscrizioni (Tavola 5). Tavola 3 - Assegnazione del premio di maggioranza e calcolo dei quozienti BALLOTTAGGIO IPOTESI 1 - LISTA VINCENTE MOV.5 STELLE Assegnazione del premio di maggioranza art. 83, comma 5 assegnazione del premio, a seguito del ballottaggio art. 83, comma 3 riparto dei restanti seggi tra le liste minoritarie 618 Premio alla LISTA MOV.5 STELLE Seggi = 340 Detratti uninominali TAA 0 proporzionali TAA 2 uninominale VdA Seggi alle altre liste = 278 Detratti uninominali TAA 8 proporzionali TAA 1 uninominale VdA cifra elettorale seggi quoziente Quoziente nazionale di maggioranza = Quoziente nazionale di minoranza =

24 Tavola 3a Seggi attribuiti nelle circoscrizioni Trentino-Alto Adige e Valle d Aosta Camera Prima ipotesi Lista vincente Movimento 5 Stelle Collegi uninominali Trentino-Alto Adige seggio voti lista 1 BOLZANO PD 2 APPIANO SULLA STRADA DEL VINO SVP 3 MERANO SVP 4 BRESSANONE SVP 5 TRENTO PD 6 ROVERETO PD 7 LAVIS S Civica Monti 8 PERGINE VALSUGANA S Civica Monti Quota proporzionale Vincente 2 MOV.5 STELLE Altre 1 tot. 3 Collegio uninominale Valle d'aosta V. d'aoste Tavola 4 - Ripartizione dei seggi tra le altre liste ammesse (liste 'minoritarie') Camera Prima ipotesi Lista vincente Movimento 5 Stelle art. 83, comma 3 seggi da assegnare 268 quoziente nazionale di minoranza seggi assegnati a quoz. intero 266 seggi assegnati ai magg. resti 2 seggi a voti seggi ai totale liste cifra elett. naz. quoziente intero residuali (resti) maggiori resti seggi PD PDL S Civica Monti Lega Nord SEL Totale

25 Tavola 5 - Ripartizione dei seggi spettanti alle liste nelle circoscrizioni Camera Prima ipotesi Lista vincente Movimento 5 Stelle Totale seggi assegnati nelle circoscrizioni art. 83, co. 1, n. 8) seggi spettanti M5 Stelle PD PDL S. Civica Monti Lega Nord SEL totale spettanti - assegnati Piemonte Lombardia Veneto Friuli-Venezia Giulia Liguria Emilia-Romagna Toscana Umbria Marche Lazio Abruzzo Molise Campania Puglia Basilicata Calabria Sicilia Sardegna totale

26 Camera Ballottaggio Seconda ipotesi Lista vincente Partito Democratico Nella seconda ipotesi si è assunta come vincente la lista Partito Democratico, alla quale viene assegnato il premio di maggioranza di 340 seggi: di questi 335 sono da attribuire nelle 18 circoscrizioni suddivise in collegi plurinominali e 5 sono già ottenuti nella circoscrizione Trentino- Alto Adige; conseguentemente alle liste minoritarie spettano complessivamente 278 seggi di cui 271 da attribuire nelle 18 circoscrizioni e 7 già ottenuti nelle circoscrizioni Trentino-Alto Adige e Valle d Aosta (Tavole 3 e 3a). I 271 seggi sono ripartiti tra le liste minoritarie (Tavola 4). I seggi attribuiti alle liste a livello nazionale sono quindi ripartiti nelle 18 circoscrizioni (Tavola 5). Tavola 3 - Assegnazione del premio di maggioranza e calcolo dei quozienti BALLOTTAGGIO IPOTESI 2 - LISTA VINCENTE PD Assegnazione del premio di maggioranza art. 83, comma 5 assegnazione del premio, a seguito del ballottaggio art. 83, comma 3 riparto dei restanti seggi tra le liste minoritarie 618 Premio alla LISTA PD Seggi = 340 Detratti uninominali TAA 3 proporzionali TAA 2 uninominale VdA Seggi alle altre liste = 278 Detratti uninominali TAA 5 proporzionali TAA 1 uninominale VdA cifra elettorale seggi quoziente Quoziente nazionale di maggioranza = Quoziente nazionale di minoranza =

27 Tavola 3a Seggi attribuiti nelle circoscrizioni Trentino-Alto Adige e Valle d Aosta Camera 2013 Seconda ipotesi Lista vincente Partito Democratico Collegi uninominali Trentino-Alto Adige seggio voti lista 1 BOLZANO PD 2 APPIANO SULLA STRADA DEL VINO SVP 3 MERANO SVP 4 BRESSANONE SVP 5 TRENTO PD 6 ROVERETO PD 7 LAVIS S Civica Monti 8 PERGINE VALSUGANA S Civica Monti Quota proporzionale Vincente 2 PD Altre 1 tot. 3 Collegio uninominale Valle d'aosta V. d'aoste Tavola 4 - Ripartizione dei seggi tra le altre liste ammesse (liste 'minoritarie') Camera 2013 Seconda ipotesi Lista vincente Partito democratico art. 83, comma 3 seggi da assegnare 271 quoziente nazionale di minoranza seggi assegnati a quoz. intero 268 seggi assegnati ai magg. resti 3 seggi a voti seggi ai totale liste cifra elett. naz. quoziente intero residuali (resti) maggiori resti seggi M5Stelle PDL S Civica Monti Lega Nord SEL Totale

28 Tavola 5 - Ripartizione dei seggi spettanti alle liste nelle circoscrizioni Camera 2013 Seconda ipotesi Lista vincente Partito Democratico Totale seggi assegnati nelle circoscrizioni art. 83, co. 1, n. 8) seggi spettanti PD M5 Stelle PDL S. Civica Monti Lega Nord SEL totale spettanti - assegnati Piemonte Lombardia Veneto Friuli-Venezia Giulia Liguria Emilia-Romagna Toscana Umbria Marche Lazio Abruzzo Molise Campania Puglia Basilicata Calabria Sicilia Sardegna totale

29

30 Calcolo del risultato secondo i voti espressi nelle elezioni per la Camera dei deputati del 13 e 14 aprile 2008

31

32 Nel calcolo applicato ai voti espressi nelle elezioni della Camera del 2008, 6 liste superano la soglia del 3% dei voti validi: Popolo delle Libertà, Partito Democratico, Lega Nord, Unione di Centro, Di Pietro Italia dei Valori, Sinistra Arcobaleno. Dato che la lista maggioritaria non ha ottenuto il 40% dei voti validi, nel calcolo sono state considerate due ipotesi di risultato, assegnando la vittoria al ballottaggio a ciascuna delle due liste ammesse: la prima ipotesi assume la vittoria della lista più votata (Popolo delle Libertà), la seconda ipotesi la vittoria della seconda lista più votata (Partito Democratico). Camera Ballottaggio Prima ipotesi lista vincente = PDL Lista maggioritaria seggi PDL 336 uninominali Trentino-A.Adige 2 proporzionali Trentino-A.Adige 2 uninominale V.d'Aosta - Totale lista magg. 340 Altre liste seggi PD 164 Lega Nord 41 UDC 28 Di Pietro IDV 22 Sin Arcobaleno 15 uninominali Trentino-A.Adige 6 proporzionali Trentino-A.Adige 1 uninominale V.d'Aosta 1 Totale altre liste 278 totale nazionale 618 Camera Ballottaggio Seconda ipotesi lista vincente = PD Lista maggioritaria seggi PD 335 uninominali Trentino-A.Adige 3 proporzionali Trentino-A.Adige 2 uninominale V.d'Aosta - Totale lista magg. 340 Altre liste seggi PDL 173 Lega Nord 38 UDC 26 Di Pietro IDV 20 Sin Arcobaleno 14 uninominali Trentino-A.Adige 5 proporzionali Trentino-A.Adige 1 uninominale V.d'Aosta 1 Totale altre liste 278 totale nazionale 618 Le Tavole 1 e 2 mostrano i dati relativi alle cifre elettorali nazionali delle liste, il calcolo delle soglie e l assegnazione provvisoria dei seggi alle liste con metodo proporzionale. Le Tavole 3, 4 e 5 sono ripetute per ciascuna ipotesi di risultato: Prima ipotesi lista vincente Popolo delle Libertà, Seconda ipotesi lista vincente Partito Democratico. 27

33 Tavola 1 - Cifre elettorali nazionali, determinazione della lista maggioritaria, calcolo delle soglie Camera 2008 art. 83, comma 1, numeri 1), 2) e 3) Camera 2008 cifra elett. % liste cifra elett.naz.le liste nazionale nazionale che superano senza VdA e TAA le soglie PDL ,4 SI PD ,1 SI Lega Nord ,3 SI UDC ,6 SI Di Pietro IDV ,4 SI Sin Arcobaleno ,1 SI La Destra ,4 NO MPA ,1 NO P Socialista ,0 NO PCDL ,6 NO Sin Critica ,5 NO SVP ,4 SI, 20% circ. - Difesa Vita ,4 NO Bene Comune ,3 NO Forza Nuova ,3 NO PLI ,3 NO UD Consumatori ,2 NO Vall.d'Aoste ,1 NO - Aut.Lib.Democratie ,1 NO - altre liste , Totale nazionale , Valori di soglia VALORE DELLA SOGLIA 40% Cifra elettorale lista magg , valore della soglia 3% Liste ammesse , liste non ammesse ,

34 Tavola 2 - Assegnazione proporzionale dei seggi alle liste Camera 2008 Ripartizione di 606 seggi in sede nazionale alle liste ammesse art. 83, comma 1, numero 4) Camera 2008 seggi da assegnare 606 quoziente elettorale nazionale seggi assegnati a quoz. intero 604 seggi assegnati ai magg. resti 2 seggi a voti seggi ai totale liste cifra elett. naz. quoziente intero residuali (resti) maggiori resti seggi PDL PD Lega Nord UDC Di Pietro IDV Sin Arcobaleno Totale La lista maggioritaria non supera il 40% dei voti validi (art. 83, comma 1, numero 5) E' necessario procedere al ballottaggio (art. 83, comma 5) 29

35 Camera Ballottaggio Prima ipotesi Lista vincente Popolo delle Libertà Nella prima ipotesi si è assunta come vincente la lista Popolo delle Libertà, alla quale viene assegnato il premio di maggioranza di 340 seggi: di questi 336 sono da attribuire nelle 18 circoscrizioni suddivise in collegi plurinominali e 4 sono già ottenuti nella circoscrizione Trentino- Alto Adige; conseguentemente alle liste minoritarie spettano complessivamente 278 seggi di cui 270 da attribuire nelle 18 circoscrizioni e 8 già ottenuti nelle circoscrizioni Trentino-Alto Adige e Valle d Aosta (Tavole 3 e 3a). I 270 seggi sono ripartiti tra le liste minoritarie (Tavola 4). I seggi attribuiti alle liste a livello nazionale sono quindi ripartiti nelle 18 circoscrizioni (Tavola 5). Tavola 3 - Assegnazione del premio di maggioranza e calcolo dei quozienti BALLOTTAGGIO IPOTESI 1 - LISTA VINCENTE PDL Assegnazione del premio di maggioranza art. 83, comma 5 assegnazione del premio, a seguito del ballottaggio art. 83, comma 3 riparto dei restanti seggi tra le liste minoritarie 618 Premio alla LISTA PDL Seggi = 340 Detratti uninominali TAA 2 proporzionali TAA 2 uninominale VdA Seggi alle altre liste = 278 Detratti uninominali TAA 6 proporzionali TAA 1 uninominale VdA cifra elett. seggi quoziente Quoziente nazionale di maggioranza = Quoziente nazionale di minoranza =

il nuovo sistema elettorale

il nuovo sistema elettorale Cosa cambia con il nuovo sistema elettorale INIZIO / I seggi alla Camera dei deputati Quanti deputati si eleggono? DAI VOTI ESPRESSI DAGLI ITALIANI ALL ESTERO: DAI VOTI ESPRESSI SUL TERRITORIO NAZIONALE:

Dettagli

il nuovo sistema elettorale

il nuovo sistema elettorale il nuovo sistema elettorale Cosa cambia con Il testo approvato dalla Camera INIZIO /7 Numero di seggi alla Camera dei deputati Quanti deputati si eleggono? DAI VOTI ESPRESSI DAGLI ITALIANI ALL ESTERO:

Dettagli

ELEZIONI SUBITO? UN CATTIVO AFFARE PER IL PDL

ELEZIONI SUBITO? UN CATTIVO AFFARE PER IL PDL ELEZIONI SUBITO? UN CATTIVO AFFARE PER IL PDL Simulazioni elettorali sulla base del più recente sondaggio sulle intenzioni di voto - A cura di Piercamillo Falasca, 9 dicembre 2010 SINTESI Le elezioni anticipate

Dettagli

TOTALE DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA)

TOTALE DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA) DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA) (aggiornamento al 31 DICEMBRE 2014) REGIONE PUGLIA 11.310 31.758 22.145 168.396 2.866 208.465 1.819 1.566.140 55 172.237

Dettagli

Indice delle tavole statistiche su cd-rom

Indice delle tavole statistiche su cd-rom Indice delle tavole statistiche su cd-rom Pensionati nel complesso Tavola 1 Pensionati ed importo annuo delle pensioni, complessivo e medio per sesso, regione di residenza, classe di età e Tavola 2 Beneficiari

Dettagli

Indice delle tavole statistiche su cd-rom

Indice delle tavole statistiche su cd-rom Indice delle tavole statistiche su cd-rom Pensionati nel complesso Tavola 1 Pensionati ed importo annuo delle pensioni, complessivo e medio per sesso, regione di residenza, classe di età e Tavola 2 Beneficiari

Dettagli

RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE

RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE ESERCIZI SPECIALIZZATI. AL 31/12/2013 PIEMONTE Altri prodotti 19 41.235 113 168 281 0 2 3 Articoli igienico-sanitari/materiali da 1 2.493 2 0 2 0 0 0 Articoli sportivi/attrezzatura campeggi 9 25.694 119

Dettagli

Calcolo a preventivo della spesa annua escluse le imposte AMBITO TARIFFARIO: CENTRALE (Toscana, Umbria e Marche) (B)

Calcolo a preventivo della spesa annua escluse le imposte AMBITO TARIFFARIO: CENTRALE (Toscana, Umbria e Marche) (B) AMBITO TARIFFARIO: CENTRALE (Toscana, Umbria e Marche) ()/Bx100 120 113,93 109,46 +4,47 +4,09% 480 295,84 277,95 +17,89 +6,44% 700 401,94 375,85 +26,09 +6,94% 1.400 739,55 687,37 +52,18 +7,59% 2.000 1.026,99

Dettagli

Indice delle tavole statistiche

Indice delle tavole statistiche 1 Indice delle tavole statistiche Pensionati nel complesso Tavola 1 Pensionati ed importo annuo delle pensioni, complessivo e medio per sesso, regione di residenza, classe di età e classe di importo Tavola

Dettagli

4. I figli nelle separazioni e nei divorzi

4. I figli nelle separazioni e nei divorzi 4. I figli nelle separazioni e nei divorzi Fonte: ISTAT Matrimoni, separazioni e divorzi. Anno 1993. Edizione 1995 121 Matrimoni, separazioni e divorzi. Anno 1994. Edizione 1996 Matrimoni, separazioni

Dettagli

TABELLA 5.15. LE STRUTTURE SCOLASTICHE IN ITALIA: STOCK, UNITÀ LOCALI, ADDETTI

TABELLA 5.15. LE STRUTTURE SCOLASTICHE IN ITALIA: STOCK, UNITÀ LOCALI, ADDETTI 5.3 Il patrimonio scolastico e ospedaliero nelle aree di rischio Tra gli edifici esposti al rischio naturale rientrano alcune strutture, come le scuole e gli ospedali, che hanno una particolare importanza

Dettagli

Capitolo 10. Elezioni

Capitolo 10. Elezioni Capitolo 10 Elezioni 10. Elezioni I dati presentati si riferiscono alle principali consultazioni che si sono tenute in Italia nel corso del 2013. Nei mesi tra febbraio e giugno, i cittadini italiani sono

Dettagli

La legge elettorale per il Senato: la terza applicazione

La legge elettorale per il Senato: la terza applicazione XVII legislatura La legge elettorale per il Senato: la terza applicazione Edizione provvisoria marzo 2013 n. 1 ufficio ricerche sulle questioni regionali e delle autonomie locali Servizio Studi Direttore:

Dettagli

Atto n. 189 - Schema di decreto legislativo recante determinazione dei collegi elettorali della Camera dei deputati. Allegato

Atto n. 189 - Schema di decreto legislativo recante determinazione dei collegi elettorali della Camera dei deputati. Allegato Atto n. 189 - Schema di decreto legislativo recante determinazione dei collegi elettorali della Camera dei deputati Allegato Audizione del Presidente dell Istituto nazionale di statistica, Giorgio Alleva

Dettagli

Bollettino n. 4 / 2006 12 settembre 2006 Dati di vendita SIAN prodotti fitosanitari anno 2004

Bollettino n. 4 / 2006 12 settembre 2006 Dati di vendita SIAN prodotti fitosanitari anno 2004 Bollettino n. 4 / 2006 12 settembre 2006 Dati di vendita SIAN prodotti fitosanitari anno 2004 Sono disponibili sul sito internet del SIAN i dati di vendita dei prodotti fitosanitari relativi alle dichiarazioni

Dettagli

Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali. Direzione Centrale dei Servizi Elettorali

Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali. Direzione Centrale dei Servizi Elettorali Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali Direzione Centrale dei Servizi Elettorali Dipartimento per gli affari Interni e Territoriali - Direzione Centrale dei Servizi Elettorali Elezione dei

Dettagli

E ATTIVITÀ POLITICA E SOCIALE

E ATTIVITÀ POLITICA E SOCIALE 9ELEZIONI E ATTIVITÀ POLITICA E SOCIALE Nel 2014, gli elettori con diritto di voto sono circa 50 milioni. Il loro numero è in costante crescita, al contrario i votanti diminuiscono: l affluenza alle urne

Dettagli

AMBITO TARIFFARIO NORD OCCIDENTALE (VALLE D'AOSTA - PIEMONTE - LIGURIA) VALIDO DAL 1 GENNAIO 2015 AL 31 MARZO 2015

AMBITO TARIFFARIO NORD OCCIDENTALE (VALLE D'AOSTA - PIEMONTE - LIGURIA) VALIDO DAL 1 GENNAIO 2015 AL 31 MARZO 2015 AMBITO TARIFFARIO NORD OCCIDENTALE (VALLE D'AOSTA - PIEMONTE - LIGURIA) Quota Energia ne 0,000000 Oltre 0,000000 SERVIZI DI TE Totale G6 42,75 17,84 34,79 a 0,095306 G10 G40 212,39 88,65 275,23 0,754060

Dettagli

Europee 2014 Analisi del voto In Italia a cura di Ipsos PA

Europee 2014 Analisi del voto In Italia a cura di Ipsos PA Europee 2014 Analisi del voto In Italia a cura di Ipsos PA Europee 2014 - commento La consultazione europea ha avuto l effetto di un terremoto che ha modificato il panorama politico in profondità. La nettissima

Dettagli

QUANDO L INNOVAZIONE QUALIFICA IL LAVORO

QUANDO L INNOVAZIONE QUALIFICA IL LAVORO QUANDO L INNOVAZIONE QUALIFICA IL LAVORO IL PROGETTO Premessa' Il#Progetto#COOPSTARTUP#Marche#è#promosso#da#Legacoop(Marche((www.legacoopmarche.coop# =#Associazione#che#rappresenta#oltre#300#cooperative#marchigiane#e#che#ha#lo#scopo#di#tutelare#e#

Dettagli

Analisi dei Depositi Bancari in Italia nel Decennio 1998-2007

Analisi dei Depositi Bancari in Italia nel Decennio 1998-2007 Analisi dei Depositi Bancari in Italia nel Decennio 1998-2007 Analisi statistica a cura di: Tidona Comunicazione Dipartimento Ricerche Responsabile del Progetto: Sandra Galletti Maggio 2008 Questa pubblicazione

Dettagli

SINTESI DEI PRINCIPALI SISTEMI ELETTORALI REGIONALI

SINTESI DEI PRINCIPALI SISTEMI ELETTORALI REGIONALI SINTESI DEI PRINCIPALI SISTEMI ELETTORALI REGIONALI Premessa Con l approvazione della legge costituzionale 22 novembre 1999 n. 1 ogni regione a statuto ordinario è tenuta a dotarsi di una propria legge

Dettagli

LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI

LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI LEGGE 6 maggio 2015, n. 52. Disposizioni in materia di elezione della Camera dei deputati. La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato; IL PRESIDENTE

Dettagli

TRASMISSIONE DI RELAZIONI

TRASMISSIONE DI RELAZIONI REGIONI TRASMISSIONE DI RELAZIONI 2 varie 2 In materia di accesso alle prestazioni diagnostiche e terapeutiche (Doc. CCI): 3 In materia di protezione della fauna selvatica e di prelievo venatorio (Doc.

Dettagli

INAIL, Istituto Nazionale Assicurazione sul Lavoro

INAIL, Istituto Nazionale Assicurazione sul Lavoro INAIL, Istituto Nazionale Assicurazione sul Lavoro Finanziamenti alle imprese ISI INAIL 2011 - INCENTIVI ALLE IMPRESE PER LA SICUREZZA SUL LAVORO in attuazione dell'art. 11, comma 5, D.Lgs 81/2008 e s.m.i.

Dettagli

Le Segnalazioni di Sofferenze Bancarie in Italia negli anni 1998-2007

Le Segnalazioni di Sofferenze Bancarie in Italia negli anni 1998-2007 Le Segnalazioni di Sofferenze Bancarie in Italia negli anni 1998-2007 Analisi statistica a cura di: Tidona Comunicazione Dipartimento Ricerche Responsabile del Progetto: Sandra Galletti Luglio 2008 Questa

Dettagli

L incontro fra domanda e offerta di lavoro e i servizi per l impiego

L incontro fra domanda e offerta di lavoro e i servizi per l impiego L incontro fra domanda e offerta di lavoro e i servizi per l impiego D.ssa Tiziana Rosolin Servizi ai cittadini e modernizzazione Amministrativa: fatti e numeri sul che cambia FORUM P.A. 12 Maggio 24 L

Dettagli

Le schede di Sapere anche poco è già cambiare

Le schede di Sapere anche poco è già cambiare Le schede di Sapere anche poco è già cambiare LE LISTE CIVETTA Premessa lo spirito della riforma elettorale del 1993 Con le leggi 276/1993 e 277/1993 si sono modificate in modo significativo le normative

Dettagli

Censimento delle strutture socio-riabilitative per tossicodipendenti

Censimento delle strutture socio-riabilitative per tossicodipendenti Cod. ISTAT INT 00009 AREA: Amministrazioni pubbliche e servizi sociali Settore di interesse: Assistenza e previdenza Censimento delle strutture socio-riabilitative per tossicodipendenti Titolare: Dipartimento

Dettagli

Prefettura di Avellino

Prefettura di Avellino PROT. N. 582/S.E. lì, 6.4.2007 - AI SIGG. PRESIDENTI DELLE COMMISSIONI ELETTORALI CIRCONDARIALI DI: ARIANO IRPINO S. ANGELO DEI LOMBARDI - AI SIGG. PRESIDENTI DELLE SOTTOCOMMISSIONI ELETTORALI CIRCONDARIALI

Dettagli

Pierluigi Sodini. L impegno del sistema camerale per le start up innovative

Pierluigi Sodini. L impegno del sistema camerale per le start up innovative Pierluigi Sodini L impegno del sistema camerale per le start up innovative DEFINIZIONE L articolo 25, comma 2 del decreto legge 18 ottobre 2012 n.179, convertito con modificazioni nella legge 17 dicembre

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione Generale per la politica industriale, la competitività e le piccole e medie imprese ex DIV.VIII PMI e artigianato IL CONTRATTO DI RETE ANALISI QUANTITATIVA

Dettagli

La Raccolta Differenziata in Italia

La Raccolta Differenziata in Italia 120 Da una prima quantificazione dei dati relativi all anno 2002, la raccolta differenziata si attesta intorno ai,7 milioni di tonnellate che, in termini percentuali, rappresentano il 19,1% della produzione

Dettagli

GIOCHI NUMERO CONCESSIONI/AUTORIZZAZIONI

GIOCHI NUMERO CONCESSIONI/AUTORIZZAZIONI GIOCHI NUMERO CONCESSIONI/AUTORIZZAZIONI Famiglia gioco Numero Concessioni GIOCHI A BASE SPORTIVA E IPPICA 398 CONCESSIONI GIOCO ON LINE (GAD) 144 GIOCHI NUMERICI A TOTALIZZATORE 1 LOTTO E LOTTERIE 1 BINGO

Dettagli

Il ruolo dei generi: Indagine sul rapporto tra genere e professioni tra gli italiani

Il ruolo dei generi: Indagine sul rapporto tra genere e professioni tra gli italiani Il ruolo dei generi: Indagine sul rapporto tra genere e professioni tra gli italiani Il campione 2 Chi è stato intervistato? Un campione di 100 soggetti maggiorenni che risiedono in Italia. Il campione

Dettagli

Capitolo V IL CORPO ELETTORALE

Capitolo V IL CORPO ELETTORALE Capitolo V IL CORPO ELETTORALE 1 1. POPOLO, CORPO ELETTORALE, NAZIONE, POPOLAZIONE Popolo Corpo elettorale Nazione Popolazione Insieme di tutti i cittadini Titolare della sovranità Insieme dei soggetti

Dettagli

Telefono fisso e cellulare: comportamenti emergenti

Telefono fisso e cellulare: comportamenti emergenti 4 agosto 2003 Telefono e cellulare: comportamenti emergenti La crescente diffusione del telefono cellulare nella vita quotidiana della popolazione ha determinato cambiamenti profondi sia nel numero sia

Dettagli

UFFICI AI QUALI INVIARE LE DOMANDE

UFFICI AI QUALI INVIARE LE DOMANDE UFFICI AI QUALI INVIARE LE DOMANDE ABRUZZO L'ABRUZZO Via F. Filomusi Guelfi - 67100 -L'Aquila Tel. 0862446148-0862446142 Fax 0862446101-0862446145 E-mail: sr-abr@beniculturali.it E-mail certificata: mbac-sr-abr@mailcert.beniculturali.it

Dettagli

Il regime pubblicitario speciale delle start up innovative e la situazione attuale nel panorama italiano

Il regime pubblicitario speciale delle start up innovative e la situazione attuale nel panorama italiano Il regime pubblicitario speciale delle start up innovative e la situazione attuale nel panorama italiano Padova, 19 marzo 2014 Pierluigi Sodini Definizione L articolo 25, comma 2 del decreto legge 18 ottobre

Dettagli

Censimento delle strutture per anziani in Italia

Censimento delle strutture per anziani in Italia Cod. ISTAT INT 00046 AREA: Amministrazioni pubbliche e servizi sociali Settore di interesse: Assistenza e previdenza Censimento delle strutture per anziani in Italia Titolare: Dipartimento per le Politiche

Dettagli

ANALISI DELL OCCUPAZIONE FEMMINILE IN ITALIA

ANALISI DELL OCCUPAZIONE FEMMINILE IN ITALIA ANALISI DELL OCCUPAZIONE FEMMINILE IN ITALIA novembre 04 Introduzione In base ai dati dell VIII Censimento su Industria e Servizi dell ISTAT è stata condotta un analisi dell occupazione femminile nelle

Dettagli

EDILIZIA, LA CRISI DIMEZZA I PERMESSI DI COSTRUIRE

EDILIZIA, LA CRISI DIMEZZA I PERMESSI DI COSTRUIRE EDILIZIA, LA CRISI DIMEZZA I PERMESSI DI COSTRUIRE Scendono del 50% le richieste per l edilizia residenziale, -30% per quella non residenziale. Tengono gli immobili destinati all agricoltura (-12,9%),

Dettagli

ELEZIONE DELLA CAMERA DEI DEPUTATI E DEL SENATO DELLA REPUBBLICA

ELEZIONE DELLA CAMERA DEI DEPUTATI E DEL SENATO DELLA REPUBBLICA ELEZIONE DELLA CAMERA DEI DEPUTATI E DEL SENATO DELLA REPUBBLICA ARGOMENTI 1. Fonti normative 2. Composizione della Camera dei deputati e del Senato della Repubblica 3. Assegnazione dei seggi alle circoscrizioni

Dettagli

Il mercato del credito tra sviluppo economico ed equità sociale

Il mercato del credito tra sviluppo economico ed equità sociale Il mercato del credito tra sviluppo economico ed equità sociale Le innovazioni di prodotto e di processo per il credito ai progetti di vita Roma, Palazzo Altieri 24 novembre 2010 Primi risultati del Fondo

Dettagli

I trasferimenti ai Comuni in cifre

I trasferimenti ai Comuni in cifre I trasferimenti ai Comuni in cifre Dati quantitativi e parametri finanziari sulle attribuzioni ai Comuni (2012) Nel 2012 sono stati attribuiti ai Comuni sotto forma di trasferimenti, 9.519 milioni di euro,

Dettagli

Indice. p. 1. Introduzione. p. 2. Il consumo medio annuo pro capite di gas. p. 2. Il costo del gas con la tariffa di Maggior Tutela dell AEEG p.

Indice. p. 1. Introduzione. p. 2. Il consumo medio annuo pro capite di gas. p. 2. Il costo del gas con la tariffa di Maggior Tutela dell AEEG p. Gas: le Regioni Italiane con il maggior numero di consumi e quelle con il risparmio più alto ottenibile Indice: Indice. p. 1 Introduzione. p. 2 Il consumo medio annuo pro capite di gas. p. 2 Il costo del

Dettagli

DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI DIREZIONE CENTRALE DEI SERVIZI ELETTORALI

DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI DIREZIONE CENTRALE DEI SERVIZI ELETTORALI CIRCOLARE N. 24 / 2016 Roma, 29 aprile 2016 AI PREFETTI DELLA REPUBBLICA (ESCLUSI I PREFETTI DEL FRIULI-VENEZIA GIULIA E DELLA SICILIA) LORO SEDI e, per conoscenza: AI PREFETTI DEL FRIULI-VENEZIA GIULIA

Dettagli

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali VISTO il decreto-legge 18 giugno 1986, n. 282, convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 1986, n. 462, che all articolo 10 ha previsto l istituzione dell Ispettorato Centrale Repressione Frodi

Dettagli

ELEZIONE DELLA CAMERA DEI DEPUTATI E DEL SENATO DELLA REPUBBLICA

ELEZIONE DELLA CAMERA DEI DEPUTATI E DEL SENATO DELLA REPUBBLICA ELEZIONE DELLA CAMERA DEI DEPUTATI E DEL SENATO DELLA REPUBBLICA Fonti normative Costituzione della Repubblica italiana D.P.R. 30 marzo 1957, n. 361 Approvazione del testo unico delle leggi recanti norme

Dettagli

Il 38% delle strutture residenziali per anziani sono a gestione pubblica, il 58% a gestione privata ed il rimanente 4% a gestione mista.

Il 38% delle strutture residenziali per anziani sono a gestione pubblica, il 58% a gestione privata ed il rimanente 4% a gestione mista. In sensibile crescita la domanda di servizi assistenziali da parte degli anziani: in 8 anni il numero degli anziani ospiti dei presidi assistenziali è cresciuto di quasi il 30%. Gli ospiti anziani cui

Dettagli

IL CREDITO NEL SETTORE NELLE COSTRUZIONI IN ITALIA

IL CREDITO NEL SETTORE NELLE COSTRUZIONI IN ITALIA N 4/2011 I trim. 2011 Direzione Affari Economici e Centro Studi IL CREDITO NEL SETTORE NELLE COSTRUZIONI IN ITALIA INDICE I MUTUI PER NUOVI INVESTIMENTI IN COSTRUZIONI --------------------------------------------------------

Dettagli

La produzione di uva e di vino Anno 2005

La produzione di uva e di vino Anno 2005 La produzione di uva e di vino Anno 2005 31 Gennaio 2006 L Istat diffonde i principali risultati 1 della produzione di uva e di vino in Italia, con riferimento all anno 2005. Essi derivano da stime effettuate

Dettagli

Capitolo 10. Elezioni

Capitolo 10. Elezioni Capitolo 10 Elezioni 10. Elezioni A partire dal referendum istituzionale e dall elezione per l Assemblea costituente del 2 giugno 1946, l Istat, in collaborazione con il Ministero dell interno, ha curato

Dettagli

Il senso di una analisi storica sui trasferimenti dallo Stato ai Comuni

Il senso di una analisi storica sui trasferimenti dallo Stato ai Comuni I TRASFERIMENTI ERARIALI COME LEVA DI GOVERNO NEI RAPPORTI STATO COMUNI Copyright SDA Copyright Bocconi 2005 SDA Bocconi 2005 SDA Bocconi per Anci Veneto 1 Il senso di una analisi storica sui trasferimenti

Dettagli

Test preliminari: candidati e ammessi per regione

Test preliminari: candidati e ammessi per regione Test preliminari: candidati e ammessi per regione A013 CHIMICA E TECNOLOGIE CHIMICHE LOMBARDIA 182 101 TRENTINO ALTO-ADIGE 51 32 VENETO 126 76 LIGURIA 54 36 EMILIA ROMAGNA 110 67 TOSCANA 158 101 UMBRIA

Dettagli

Le adozioni internazionali nel 2013

Le adozioni internazionali nel 2013 Le adozioni internazionali nel 2013 Nel corso del 2013 la Commissione ha rilasciato l autorizzazione all ingresso in Italia per 2.825 bambini provenienti da 56 Paesi, adottati da 2.291 famiglie residenti

Dettagli

1.2) Altre nomenclature rilevanti (NACE/CPA/CPC): CPC 71222;83101;61120;74490

1.2) Altre nomenclature rilevanti (NACE/CPA/CPC): CPC 71222;83101;61120;74490 ALLEGATO DETTAGLIO PREINFORMATIVA SERVIZI 2005 1) AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI NOLEGGIO A LUNGO TERMINE DI AUTOVEICOLI SENZA CONDUCENTE Lotto 1 Berline piccole Lotto 2 Berline medie Lotto 3 Grandi berline

Dettagli

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Adam Asmundo POLITICHE PUBBLICHE Attraverso confronti interregionali si presenta una analisi sulle diverse tipologie di trattamenti pensionistici e sul possibile

Dettagli

Focus Anticipazione sui principali dati della scuola statale A.S. 2015/2016. (Settembre 2015)

Focus Anticipazione sui principali dati della scuola statale A.S. 2015/2016. (Settembre 2015) Focus Anticipazione sui principali dati della scuola statale A.S. 2015/2016 (Settembre 2015) In occasione dell inizio dell anno scolastico si fornisce una breve sintesi dei principali dati relativi alla

Dettagli

INCONTRO ANNUALE 2010

INCONTRO ANNUALE 2010 Cagliari,14-15 ottobre 2010 INCONTRO ANNUALE 2010 tra la Commissione Europea e le Autorità di Gestione dei Programmi Operativi FESR La ricerca nei POR 1 Presentazione 1. Attività di ricerca delle imprese

Dettagli

PRESENTAZIONE (EFFETTUABILE DA 30 GG PRIMA DEL VOTO) in tutta ITALIA

PRESENTAZIONE (EFFETTUABILE DA 30 GG PRIMA DEL VOTO) in tutta ITALIA PRESENTAZIONE Servizio Affissioni Classiche Piccoli Formati 70x100 e 100x140 sui tabelloni (EFFETTUABILE DA 30 GG PRIMA DEL VOTO) in tutta ITALIA Agenzia Leader in Italia SQUADRE DI ATTACCHINI PRONTE OVUNQUE

Dettagli

TAB 7.12 Numero di brevetti europei pubblicati dall'epo (European Patent Office) Valori pro capite per milione di abitanti (*)

TAB 7.12 Numero di brevetti europei pubblicati dall'epo (European Patent Office) Valori pro capite per milione di abitanti (*) TAB 7.12 Numero di brevetti europei pubblicati dall'epo (European Patent Office) Valori pro capite per milione di abitanti (*) Regioni e province 1999 2000 2001 2002 2003 2004 2005 2006 ABRUZZO 15,07 19,62

Dettagli

Elaborazione flash. Ufficio Studi Confartigianato Imprese Veneto 27/07/2015

Elaborazione flash. Ufficio Studi Confartigianato Imprese Veneto 27/07/2015 119 117 114 69 52 28 14 1 343 267 242 215 444 607 736 946 938 1.168 1.066 1.622 Elaborazione flash Ufficio Studi Confartigianato Imprese Veneto 27/07/2015 Il caldo torrido di questa estate sembra aver

Dettagli

McDONALD S E L ITALIA

McDONALD S E L ITALIA McDONALD S E L ITALIA Da una ricerca di SDA Bocconi sull impatto occupazionale di McDonald s Italia 2012-2015 1.24 McDONALD S E L ITALIA: IL NOSTRO PRESENTE Questo rapporto, frutto di una ricerca condotta

Dettagli

LA LETTURA DI LIBRI IN ITALIA

LA LETTURA DI LIBRI IN ITALIA 11 maggio 2011 Anno 2010 LA LETTURA DI LIBRI IN ITALIA Nel 2010 il 46,8% della popolazione di 6 anni e più (26 milioni e 448 mila persone) dichiara di aver letto, per motivi non strettamente scolastici

Dettagli

SOMMARIO NOTE TESTO. Art. 1. Art. 2. Art. 3. ALLEGATO A

SOMMARIO NOTE TESTO. Art. 1. Art. 2. Art. 3. ALLEGATO A Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 16/11/1995 Ripartizione di contributi a carico del bilancio dello Stato e relativi all'annualita' 1994 per la realizzazione dei piani di cui all'art.

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIPARTIMENTO PER L IMPRESA E L INTERNAZIONALIZZAZIONE DIREZIONE GENERALE PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE E GLI ENTI COOPERATIVI OSSERVATORIO MPMI REGIONI LE MICRO, PICCOLE

Dettagli

Il leasing immobiliare: nel 2004 ancora in fase espansiva

Il leasing immobiliare: nel 2004 ancora in fase espansiva Un panorama del mercato del leasing in Italia realizzato in collaborazione con LOCAT Leasing e redatto dall Ufficio Studi FIMAA Milano su elaborazioni Nomisma su dati Assilea. Il leasing immobiliare: nel

Dettagli

Nota metodologica a cura del Dipartimento finanze fornita su richiesta Copaff.

Nota metodologica a cura del Dipartimento finanze fornita su richiesta Copaff. Nota metodologica a cura del Dipartimento finanze fornita su richiesta Copaff. - Nel prospetto 1 compartecipazioni sono stati riportati i valori di un punto di compartecipazione Irpef e di un punto di

Dettagli

IL MOVIMENTO 5 STELLE ALLE COMUNALI 2012

IL MOVIMENTO 5 STELLE ALLE COMUNALI 2012 IL MOVIMENTO 5 STELLE ALLE COMUNALI 2012 15/05/2012 Obiettivo dello studio Quorum intende presentare un analisi introduttiva sul fenomeno politico del Movimento 5 Stelle Beppegrillo.it durante il primo

Dettagli

MEDIAZIONE CIVILE EX D.L. 28/2010

MEDIAZIONE CIVILE EX D.L. 28/2010 MEDIAZIONE CIVILE EX D.L. 28/2010 STATISTICHE RELATIVE AL PERIODO 1 GENNAIO 31 DICEMBRE Ministero della Giustizia Dipartimento della organizzazione giudiziaria, del personale e dei servizi Direzione Generale

Dettagli

I confidi e il credito alle piccole imprese durante la crisi

I confidi e il credito alle piccole imprese durante la crisi I confidi e il credito alle piccole imprese durante la crisi Valerio Vacca (Banca d Italia, ricerca economica Bari) Il laboratorio del credito, Napoli, 15 marzo 2012 La struttura del mercato in Cr (2010):

Dettagli

Tutte le pensioni in Lombardia e nelle altre regioni:

Tutte le pensioni in Lombardia e nelle altre regioni: 1 Tutte le pensioni in Lombardia e nelle altre regioni: quante sono, a chi vanno, quanto rendono Rilevazioni sui trattamenti pensionistici condotta dall Istituto nazionale di statistica in collaborazione

Dettagli

Prefettura di Reggio Calabria Ufficio Territoriale del Governo

Prefettura di Reggio Calabria Ufficio Territoriale del Governo Prot. n. 22043/Area II/S.E. Lì, 10 aprile 2007 AI SIGG. SINDACI, COMMISSARI STRAORDINARI E PREFETTIZI E SEGRETARI COMUNALI DEI COMUNI DI: AFRICO ANTONIMINA BIVONGI CALANNA CAMPO CALABRO CARAFFA DEL BIANCO

Dettagli

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF Finalmente una buona notizia in materia di tasse: nel 2015 la stragrande maggioranza dei Governatori italiani ha deciso di non aumentare l addizionale regionale

Dettagli

Appendice Dati statistici. Segnalazioni bibliografiche

Appendice Dati statistici. Segnalazioni bibliografiche Appendice Dati statistici Segnalazioni bibliografiche I programmi delle sette giornate ATTI DEL CICLO DI INCONTRI DI SENSIBILIZZAZIONE manco Dati statistici Le elaborazioni proposte attingono le informazioni

Dettagli

MEDIAZIONE OBBLIGATORIA EX D.L. 28/2010

MEDIAZIONE OBBLIGATORIA EX D.L. 28/2010 MEDIAZIONE OBBLIGATORIA EX D.L. 28/2010 STATISTICHE AL 31 DICEMBRE 2012 Ministero della Giustizia Dipartimento della organizzazione giudiziaria, del personale e dei servizi Direzione Generale di Statistica

Dettagli

Contesto e risorse - Popolazione scolastica

Contesto e risorse - Popolazione scolastica Contesto e risorse - Popolazione scolastica Provenienza socio-economica e culturale degli studenti e caratteristiche della popolazione che insiste sulla scuola (es. occupati, disoccupati, tassi di immigrazione).

Dettagli

I principali risultati

I principali risultati FINANZA LOCALE: ENTRATE E SPESE DEI BILANCI CONSUNTIVI (COMUNI, PROVINCE E REGIONI). ANNO 2012 1 I principali risultati 1 Comuni Nel prospetto 1 sono riportati i principali risultati finanziari di competenza

Dettagli

La Liguria all interno del contesto nazionale

La Liguria all interno del contesto nazionale La Liguria all interno del contesto nazionale François de Brabant Between 24 Novembre 2009 La banda: tra l uovo e la gallina sistema paese infrastrutture servizi mercato 2 Il cruscotto regionale della

Dettagli

Sondaggio CIMO ASMD 2013

Sondaggio CIMO ASMD 2013 Sondaggio CIMO ASMD 2013 Dati invio: target (Welfarelink) Tipologia Numeriche Medico Ospedaliero 97.065 Continuità Assistenziale 2.542 Medicina Territoriale 3.929 Medico in Casa di Cura 7.280 Totale 110.816

Dettagli

Pendolari in Lombardia

Pendolari in Lombardia NOTIZIESTATISTICHE Statistica e Osservatori Anno 8 Numero 7 Aprile 2004 Pendolari in Lombardia Censimento 2001 In occasione del 14 Censimento generale della popolazione e delle abitazioni, oltre alle informazioni

Dettagli

Circolare n. 5 / 2016 Roma, 26 febbraio 2016 AI PREFETTI DELLA REPUBBLICA

Circolare n. 5 / 2016 Roma, 26 febbraio 2016 AI PREFETTI DELLA REPUBBLICA Circolare n. 5 / 2016 Roma, 26 febbraio 2016 AI PREFETTI DELLA REPUBBLICA AI COMMISSARI DEL GOVERNO NELLE PROVINCE AUTONOME DI AL PRESIDENTE DELLA REGIONE AUTONOMA VALLE D AOSTA - SERVIZI DI PREFETTURA

Dettagli

autosnodato auto-treno con rimorchio totale incidenti trattore stradale o motrice auto-articolato

autosnodato auto-treno con rimorchio totale incidenti trattore stradale o motrice auto-articolato Tab. IS.9.1a - Incidenti per tipo di e - Anni 2001-2013 a) Valori assoluti Anno 2001 o a altri Piemonte 16.953 23.818 19 77 167 146 80 67 1.942 123 254 153 50 59 824 1.920 1.037 653 50 4 23 0 112 31.578

Dettagli

REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA. Report Co.Ge.A.P.S. Statistiche e informazioni delle partecipazioni a eventi regionali e nazionali

REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA. Report Co.Ge.A.P.S. Statistiche e informazioni delle partecipazioni a eventi regionali e nazionali REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA Report Co.Ge.A.P.S. Statistiche e informazioni delle partecipazioni a eventi regionali e nazionali Friuli Venezia Giulia I dati di seguito presentati sono estrapolati da quelli

Dettagli

Atti Parlamentari 33 Camera dei Deputati

Atti Parlamentari 33 Camera dei Deputati Atti Parlamentari 33 Camera dei Deputati Tabella 4: Numero di aziende che utilizzano il fondo regionale ogni dieci aziende che si avvalgano del regime assicurativo Area N.ro ogni 10 aziende Nord-Ovest

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca Dipartimento per l'istruzione Direzione Generale per il Personale Scolastico

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca Dipartimento per l'istruzione Direzione Generale per il Personale Scolastico TABELLA "A" Dotazioni organiche regionali COMPLESSIVE - anno scolastico 2014-2015 a.s. 2011/12 a.s. 2012/13 a.s. 2014/15 rispetto a.s. 2011/12 a b c d e=d-a Abruzzo 5.195 5.124 5.119 5.118-77 Basilicata

Dettagli

RAPPORTO ANNUALE SUI CASI INCIDENTI DI DIABETE MELLITO TIPO I INFANTILE-GIOVANILE

RAPPORTO ANNUALE SUI CASI INCIDENTI DI DIABETE MELLITO TIPO I INFANTILE-GIOVANILE RAPPORTO ANNUALE SUI CASI INCIDENTI DI DIABETE MELLITO TIPO I INFANTILE-GIOVANILE Dati Ridi (0-29 anni) Anno 2013 Servizio Epidemiologia Clinica e Valutativa Trento giugno 2014 A cura di Silvano Piffer

Dettagli

Dati presentati in occasione del primo vertice italiano «LA FINESTRA IN LEGNO» Verona, 16 marzo 2013

Dati presentati in occasione del primo vertice italiano «LA FINESTRA IN LEGNO» Verona, 16 marzo 2013 Dati presentati in occasione del primo vertice italiano «LA FINESTRA IN LEGNO» Verona, 16 marzo 213 Dott. Riccardo Borghero Dirigente Area Affari Economici Camera di Commercio I.A.A. di Verona 135 IMPRESE

Dettagli

1/5 Le istituzioni contano...... ma non bastano da sole

1/5 Le istituzioni contano...... ma non bastano da sole 1/5 Le istituzioni contano...... ma non bastano da sole Mamma... arriva lo spread Deficit 2011 Debito Tasso a 10 anni Spread con il Bund 1,2 87 1,46 0 3,6 128 5,9 444 6,2 74 6,2 474 9 165 28,4 2694 Quindi

Dettagli

MEDIAZIONE CIVILE EX D.L. 28/2010

MEDIAZIONE CIVILE EX D.L. 28/2010 MEDIAZIONE CIVILE EX D.L. 28/2010 STATISTICHE RELATIVE AL PERIODO 1 GENNAIO 30 SETTEMBRE 2013 Ministero della Giustizia Dipartimento della organizzazione giudiziaria, del personale e dei servizi Direzione

Dettagli

I centri antitumore dell'oncoguida suddivi per tipo di tumore e per Regione

I centri antitumore dell'oncoguida suddivi per tipo di tumore e per Regione I centri antitumore dell'oncoguida suddivi per tipo di tumore e per Regione REGIONE TUMORE ENTI CON PALLINI VERDI* ENTI SENZA PALLINO TOTALE ENTI % VERDI Abruzzo Colon - retto 2 28 30 6,67 Abruzzo Connettivo

Dettagli

COMUNICATO UFFICIALE N. 10 del 16 aprile 2015

COMUNICATO UFFICIALE N. 10 del 16 aprile 2015 COMUNICATO UFFICIALE N. 10 del 1 aprile 201 1. CAMPIONATI NAZIONALI - SPORT DI SQUADRA AMMISSIONE ALLE FINALI NAZIONALI E COMPOSIZIONE DELLE FASI INTERREGIONALI - Under 14, Allievi, Juniores, Top Junior,

Dettagli

Connessione sicura Username e password personalizzate

Connessione sicura Username e password personalizzate ! Connessione sicura Username e password personalizzate " Esisistono due livelli di credenziali di accesso, in ottemperanza della legge sulla privacy: 1. Livello Amministrazione - è ad uso del RESPONSABILE

Dettagli

STUDIO SUGLI INCENDI IN ITALIA DAL 2007 AL 2010. Dirigente Superiore Dott. Ing. Maurizio D ADDATO

STUDIO SUGLI INCENDI IN ITALIA DAL 2007 AL 2010. Dirigente Superiore Dott. Ing. Maurizio D ADDATO STUDIO SUGLI INCENDI IN ITALIA DAL 2007 AL 2010 Dirigente Superiore Dott. Ing. Maurizio D ADDATO La ricerca sviluppata ha preso in esame tutte le segnalazioni pervenute al Centro Operativo Nazionale del

Dettagli

OBIETTIVO CRESCITA. Le sfide delle PMI nel contesto macroeconomico

OBIETTIVO CRESCITA. Le sfide delle PMI nel contesto macroeconomico OBIETTIVO CRESCITA Impresa, banca, territorio Le sfide delle PMI nel contesto macroeconomico I principali temi Crescita dimensionale Reti d impresa e altre forme di alleanza Innovazione e ricerca Capitale

Dettagli

Menzione speciale alla Toscana, la sola regione italiana a sfruttare la geotermia.

Menzione speciale alla Toscana, la sola regione italiana a sfruttare la geotermia. Fondazione Impresa Via Torre Belfredo 81/e 30174 Mestre Venezia + 39 340 2388841 info@fondazioneimpresa.it www.fondazioneimpresa.it CAMPANIA, SARDEGNA E BASILICATA: I MIGLIORI MIX DI ENERGIA RINNOVABILE

Dettagli

OSSERVATORIO NAZIONALE. L uso dei farmaci in Italia SULL IMPIEGO DEI MEDICINALI gennaio-settembre 2008-4 -

OSSERVATORIO NAZIONALE. L uso dei farmaci in Italia SULL IMPIEGO DEI MEDICINALI gennaio-settembre 2008-4 - - 2 - - 3 - - 4 - - 1 - 1 Art. 9 comma 1 del D.L. 31 dicembre 2007 n. 248, convertito in legge 28 febbraio 2008 n. 31-2 - - 3 - - 4 - - 5 - - 6 - - 7 - - 8 - - 9 - - 10 - Δ Δ Δ Δ Δ Δ Δ Δ Δ Δ Δ Δ Δ Δ Δ

Dettagli

I risultati del sondaggio 'Le opinioni degli italiani sulla caccia' - effettuato da IPSOS per

I risultati del sondaggio 'Le opinioni degli italiani sulla caccia' - effettuato da IPSOS per I risultati del sondaggio 'Le opinioni degli italiani sulla caccia' - effettuato da IPSOS per Enpa, Lav, Legambiente, Lipu, Wwf Italia - sintetizzati in 10 punti. 1. Il 70% degli italiani si dichiara fortemente

Dettagli