UNIONE GERUNDO. Ipotesi di trasferimento all Unione da parte dei Comuni della funzione riguardante la gestione del TERRITORIO ED AMBIENTE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "UNIONE GERUNDO. Ipotesi di trasferimento all Unione da parte dei Comuni della funzione riguardante la gestione del TERRITORIO ED AMBIENTE"

Transcript

1 UNIONE GERUNDO Al Presidente Al Consiglio dell Unione Gerundo SEDE Castelleone, Luglio 2011 Ipotesi di trasferimento all Unione da parte dei Comuni della funzione riguardante la gestione del TERRITORIO ED AMBIENTE Premessa. Facendo seguito alla Relazione Gestionale in data 14 Marzo 2011 nella seduta consiliare dell Unione del 30 Aprile u.s. era comunque emersa la volontà di approfondire il tema delle gestioni associate in modo più operativo. E in questo senso che questo lavoro va interpretato ferma restando la disponibilità di approfondire il tema anche per altre funzioni. La funzione riguardante la gestione del territorio e dell ambiente è una di quelle considerata fondamentali per i Comuni ai sensi dell art.21 comma 3 della L.42/2009 e pertanto da espletare obbligatoriamente in forma associata

2 (Convenzione o Unione) da parte dei Comuni con popolazione inferiore ai 5000 ab. ai sensi dall art.14 comma 28 della L.122/2010. Finalità del trasferimento della funzione all Unione è pertanto l istituzione di un ufficio unico a cui sono demandate tutte le funzioni ed i servizi in capo all Ufficio Tecnico Comunale. Inutile evidenziare le potenzialità teoriche di un Unico Ufficio Tecnico che soddisfi le esigenze dei Comuni aderenti all Unione: importanti professionalità presenti nei vari Comuni si trovano spesso ad affrontare nella quotidianità procedure e mansioni che razionalizzate su logiche di economia di scala sarebbero sicuramente in grado di esprimere un azione amministrativa migliorata sia dal punto di vista qualitativo che quantitativo. I limiti e le difficoltà sono già stati evidenziati nella Relazione Gestionale del 14 Marzo 2011: in estrema sintesi, con specifico riferimento al tema che stiamo trattando, le singole amministrazioni devono rinunciare ad avere un Ufficio Tecnico Comunale a disposizione per la quotidianità e privilegiare la programmazione, i tecnici d altro canto potranno/dovranno specializzarsi in singoli servizi lavorando in una organizzazione più complessa potenzialmente più efficace ed economica. Come è ovvio la nuova organizzazione non dovrà generare aumento di costi. Anzi se inizialmente si può ipotizzare un riorganizzazione a costo zero è chiaro che a medio termine essa dovrà rappresentare una riduzione di spese di personale per cui non sarà garantito il turn-over del personale che per svariati motivi verrà dimesso. Questa ipotesi rappresenta una fase preliminare. Il passaggio ad una fase definitiva ed esecutiva, mutuando in modo forzato una terminologia delle progettazioni pubbliche, che ritengo però efficace per capire una metodologia di lavoro, potrà essere attuata a seguito di un primo dibattito fatto con le Amministrazioni Comunali e con i dipendenti dei singoli Comuni che dovranno dare indicazioni in tal senso per poi definire un percorso condiviso finalizzato alla concreta realizzazione del... progetto esecutivo.

3 L Ufficio Tecnico dell Unione. Costituzione e competenze. L Ufficio Tecnico dell Unione è costituito da tutti gli Uffici Tecnici Comunali dei Comuni aderenti all Unione. La sede dell Ufficio Tecnico dell Unione, che per semplificazione definiremo Centrale dovrà essere stabilita presso un Comune o altra nuova sede da individuare nel territorio dell Unione. Ogni singolo Comune manterrà un ufficio/servizio di riferimento. All Ufficio Tecnico dell Unione Centrale competono tutte le funzioni e le attività comuni agli Uffici Tecnici dei Comuni aderenti all Unione e pertanto non più operanti nei singoli Comuni ed in particolare: 1. Piani di Governo del Territorio. 2. Piani urbanistici attuativi. 3. Regolamenti edilizi. 4. Sportello unico per l edilizia. 5. Ufficio espropri. 6. Acquisizioni ed alienazioni patrimoniali. 7. Funzioni di competenza Comunale relativa alla VAS 8. Programmazione opere pubbliche. 9. Manutenzione patrimonio. 10. Appalto lavori pubblici. 11. Servizi necroscopici e cimiteriali 12. Ogni altra funzione, servizio, attività e procedimento rientranti nelle competenze dell Ufficio tecnico Comunale ed attribuiti dalla legge, dagli statuti e dai regolamenti dei Comuni convenzionati ed ogni altra funzione, servizio attività e procedimento rientranti nelle competenze dell Ufficio Tecnico Comunale che saranno attribuiti dalla legge, dagli statuti e dai regolamenti Comunali e che non rientrino nelle competenze di altri enti.

4 Dotazione organica. La dotazione organica dell Ufficio Tecnico dell Unione è rappresentata dai dipendenti dei singoli Comuni appartenenti all Area Tecnica. Dovrà essere individuato un responsabile dell Ufficio Tecnico Centrale il quale soprattutto nella prima fase potrà comunque essere titolare di un area/servizio. La Giunta dell Unione definirà le modalità di presidio dei singoli municipi relative ai servizi tecnici anche con personale che attualmente non è dell area tecnica. Rapporti tra i municipi e l Ufficio Tecnico Centrale. I rapporti tra l Ufficio Tecnico Centrale ed i Comuni/municipi avverranno con le seguenti modalità: 1. Tutta la documentazione dovrà essere inviata in via telematica. 2. I Comuni trasferiranno la gestione dei procedimenti delle funzioni sopraelencate all Ufficio Tecnico Centrale che ne curerà l esecuzione trasmettendo i risultati finali sotto forma di prodotti servizi. 3. I singoli Comuni potranno conferire all Ufficio Centrale beni immobili (la sede), mobili, arredi, attrezzature tecniche ed informatiche da utilizzare per la gestione dei servizi in forma associata. Detti beni restano di proprietà dei singoli comuni. I beni strumentali acquistati per l Ufficio Centrale sono di proprietà dell Unione.

5 Dotazioni organiche e risorse di personale Dotazioni organiche, o comunque risorse di personale dei singoli comuni relative agli Uffici Tecnici in data odierna si può così sintetizzare. Cat. Castelleone Formigara Madignano Montodine Moscazzano Tot. D 2 (2*) 1** 2 (1*) 1* 1*** 7 C B * titolare di PO. ** responsabilità del servizio assegnata ad assessore esterno. *** tecnico convenzionato con altri comuni. Il dato grezzo così come sopra esposto per essere significativo va analizzato nell ambito delle organizzazioni dei singoli Enti così come sinteticamente esposto: Comune di Castelleone: L Ufficio Tecnico è così strutturato: I due dipendenti a tempo indeterminato di categoria D, entrambi titolari di Posizione Organizzativa, si occupano uno del settore Lavori Pubblici ed Ambiente il secondo di Urbanistica, Edilizia privata e SUAP. I dipendenti di categoria C sono tecnici assegnati ai sopracitati servizi due per area di cui uno in particolare si occupa di Attività Produttive. Il dipendente di categoria B non compreso dalla descrizione di cui sopra è un amministrativo che si occupa di servizi cimiteriali per la parte di competenza. Il Comune di Castelleone inoltre mediante contratti di servizio ha delegato tutta le gestione del patrimonio comunale alla società interamente partecipata ASM, la quale oltre ad avvalersi di un Direttore (paragonabile ad un dirigente) ed un tecnico laureato dedicato, ha in dotazione, mediante l istituto

6 del comando dal Comune, tre dipendenti con mansioni di operaio elencati in tabella nella fascia B. La Società interamente partecipata dal Comune a cui ha affidato detti servizi in house, come è noto, può esercitare la sua attività prevalentemente solo sul territorio comunale. Superamento a detto limite è la partecipazione dei comuni che sono interessati ai servizi. Comune di Formigara: il responsabile dell Ufficio Tecnico è un Assessore Comunale che esplica detta funzione ai sensi dell art.53 comma 23 della L. 388/2000. Nella fattispecie ha professionalità specifica svolgendo la professione di Tecnico Comunale in altro Ente. L Ufficio è supportato da Tecnico di categoria C a tempo determinato e parttime (16 ore) e da personale amministrativo che svolgendo altre attività si occupa dei servizi tecnici in modo residuale (1-2 giornaliere). Comune di Madignano: Ufficio tecnico strutturato con un Dipendente a tempo indeterminato titolare di posizione organizzativa Responsabile del Servizio in fase di pensionamento supportato a dipendente a tempo determinato (18 ore) di categoria D. Quest ultimo dipendente dovrebbe garantire, tra l altro, l avvicendamento a breve termine di cui sopra accennato in modo non traumatico. L Ufficio è autonomo dal punto di vista amministrativo. I lavori esterni sono svolti da due cantonieri categoria B di cui uno, svolgendo altre attività, a tempo parziale. Comune di Montodine: Ufficio tecnico strutturato con un Dipendente a tempo indeterminato di categoria D titolare di posizione organizzativa Responsabile del Servizio. Autonomo anche dal punto di vista amministrativo. I lavori esterni sono svolti da due cantonieri categoria B di cui uno, svolgendo altre attività (autista scuolabus), a tempo parziale.

7 Comune di Moscazzano: Il servizio viene garantito da un Tecnico Responsabile di Servizio categoria D convenzionato con altri Comuni (tre ore settimanali). Il lavori esterni sono svolti da un cantoniere (categoria C) a tempo parziale svolgendo anch esso altri servizi. Per tutti i Comuni l attività rappresentata dalla pulizia ed il decoro dei paesi compresi i servizi cimiteriali e definita lavori esterni è supportata e implementata con diverse modalità: SCS (pulizia strade), prestazioni occasionali, volontariato organizzato,.. Gli Uffici Tecnici così come sopra organizzati hanno raggiunto un loro equilibrio più o meno soddisfacente (si riscontrano criticità in particolare nei servizi esterni), e più o meno critico a seconda di emergenze o particolari situazioni che si possono manifestare nella quotidianità. E chiaro che interagendo quotidianamente con gli Organi di Rappresentanza Politica, che di fatto ne dirigono l attività, è molto facile che si verifichino squilibri tra richieste e risorse (soprattutto ma non solo di personale) con situazioni di tensione e/o frustrazione sofferte da entrambe le componenti. Certo è che di norma vi è la tendenza, da parte della struttura Tecnica incalzata dalla Politica, alla richiesta di maggiori risorse in modo particolare di personale che come e noto sono limitate per legge sia in termini di spesa che di possibilità di reclutamento. Dalla Politica emerge invece la richiesta di un miglior efficientamento delle risorse presenti ritenute sottoutilizzate non sempre supportata però né da una adeguata conoscenza delle procedure né da un coerente agire in sede di indirizzo. Tale situazione rimane comunque virtuosa e pertanto positiva all agire amministrativo se il sistema organizzativo si mantiene in equilibrio e garantisce il raggiungimento degli obiettivi programmati (cfr. relazione del 14 Marzo u.s.) se invece si rompe gli effetti sono.

8 devastanti sia in termini di funzionalità dell Ente che nelle relazioni personali ed organizzative. Ipotesi di organizzazione dell Ufficio Tecnico centrale dell Unione. U.T. CENTRALE Urbanistica Edilizia Privata LLPP Manutenzione Patrimonio ASM SUAP Ambiente/ Ecologia Manutenzioni Ufficio Espropri Acquis/Alien.Patrim onio Servizi Cimiteriali La responsabilità dell UT centrale sarebbe in capo ad un responsabile di settore dipendente a tempo indeterminato di categoria almeno D3 e titolare di Posizione Organizzativa. Allo stesso verrebbero assegnate sia le risorse di personale che di PEG e relativo Piano delle Performances che realizzato secondo

9 lo schema di valutazione predisposto dall OIV (Organo Indipendente di Valutazione) è approvato dalla Giunta dell Unione secondo gli indirizzi, comprensivi del programma triennale delle Opere Pubbliche, indicati dal Consiglio dell Unione in sede di approvazione del Bilancio. I settori rappresentati da Urbanistica/Edilizia Privata e Lavori Pubblici e le rispettive derivazioni sono assegnati a dipendenti di categoria D a cui viene assegnata l indennità di procedimento/responsabilità. A loro compete la sottoscrizione di atti di rilevanza esterna che non siano assegnati al Responsabile dell Ufficio centrale. Istruttori tecnici di categoria C ed operatori di categoria B danno attuazione e concretezza nei singoli servizi garantendo oltre alle procedure d Ufficio progettazioni interne, sopralluoghi, perizie Considerazione a parte merita ASM-Castelleone, come sopra accennato detta Società sta svolgendo, mediante affidamento in house da parte del Comune di Castelleone molteplici gestioni delegate: manutenzione del patrimonio, del verde, servizi cimiteriali, trasporto scolastico. In questa prima fase sarebbe assegnata al responsabile dell Ufficio Tecnico centrale la funzione di controllo analogo effettuata per conto del Comune di Castelleone. Molto interessante ipotizzare una partecipazione da parte dell Unione in detta Società e permettere alla stessa di operare anche sui territori dei Comuni dell Unione. In questo caso il servizio manutenzioni e cimiteriale derivazioni del settore LLPP-Patrimonio di cui alla sopra descritta ipotesi di organizzazione sarebbero inglobati in ASM interagendo con l Unione secondo le modalità appena sopra descritte.

10 Come gestire la transizione. Incompatibili con l evoluzione organizzativa e gestionale sopra ipotizzata sono la Responsabilità di servizio assegnata ad un assessore a Formigara e la gestione convenzionata di Moscazzano. Nel primo caso la soluzione è facile in quanto l Assessore potrebbe esercitare la funzione senza detto ruolo ponendo comunque anche la sua professionalità al servizio della nuova organizzazione. Il secondo caso invece non è risolvibile. Il comune di Moscazzano deve rescindere la convenzione in essere cercando e trovando con l Unione e l Ufficio Tecnico centrale nuove modalità gestionali che a priori non escludono il know-how in essere. E chiaro che almeno in fase di start up le professionalità e relativi livelli retributivi del personale che attualmente opera negli Uffici Tecnici Comunali devono essere salvaguardati. All interno dell organigramma sopra ipotizzato si troveranno, in modo condiviso, le giuste collocazioni con riferimento ad aspirazioni vocazionali e professionalità. Il Segretario dell Unione Fausto Ruggeri

Oggetto: Analisi tecnico-amministrativa in tema di funzioni trasferibili all Unione Gerundo.

Oggetto: Analisi tecnico-amministrativa in tema di funzioni trasferibili all Unione Gerundo. Castelleone, 14 Marzo 2011 Al Consiglio dell Unione Gerundo Sede Oggetto: Analisi tecnico-amministrativa in tema di funzioni trasferibili all Unione Gerundo. 1. Il perché di un analisi. Nell ambito dell

Dettagli

Comune di Signa Provincia di Firenze REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER LA GESTIONE IN FORMA ASSOCIATA DELL UFFICIO PENSIONI

Comune di Signa Provincia di Firenze REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER LA GESTIONE IN FORMA ASSOCIATA DELL UFFICIO PENSIONI Comune di Signa Provincia di Firenze REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER LA GESTIONE IN FORMA ASSOCIATA DELL UFFICIO PENSIONI Approvato con delibera di Giunta Comunale n. 116 del 29/07/2002 modificato con

Dettagli

COMUNE DI RICCIONE Provincia di Rimini

COMUNE DI RICCIONE Provincia di Rimini COMUNE DI RICCIONE Provincia di Rimini Sistema di valutazione della performance individuale del personale dipendente Allegato 2 1 di 9 Oggetto della valutazione Il sistema di valutazione della performance

Dettagli

PERSONALE E FUNZIONI ASSEGNATE NELL AREA TECNICA

PERSONALE E FUNZIONI ASSEGNATE NELL AREA TECNICA PERSONALE E FUNZIONI ASSEGNATE NELL AREA TECNICA RENDICONTO ATTIVITA SVOLTA Con riferimento all attività svolta nell anno 2012, nell Area Tecnica, si relaziona quanto appresso: PREMESSO CHE con determinazione

Dettagli

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE CONSORZIO DI POLIZIA LOCALE DELLA VALLE SABBIA SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Art 7 Decreto Legislativo 150/2009 Revisione del 2 novembre 2011 INDICE INDICE... 2 PREMESSA... 3 I

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ D.Lgs. 33/2013 art.10 1 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ D.Lgs. 33/2013, art. 10 Il D.Lgs. n. 33/2013, nel modificare, in parte,

Dettagli

COMUNE DI CORCIANO PROVINCIA DI PERUGIA REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI

COMUNE DI CORCIANO PROVINCIA DI PERUGIA REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI COMUNE DI CORCIANO PROVINCIA DI PERUGIA REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 10 DEL 19 MARZO 2015 CAPO I PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto

Dettagli

VERBALE DI ACCORDO. Il 2005, in Roma. premesso che:

VERBALE DI ACCORDO. Il 2005, in Roma. premesso che: VERBALE DI ACCORDO Il 2005, in Roma ABI e.. premesso che: il d. lgs. n. 276 del 10 settembre 2003 ha introdotto una nuova disciplina dell apprendistato, regolando all art. 49, la fattispecie dell apprendistato

Dettagli

11 - FASI SVILUPPO OBIETTIVO OUTPUT RISORSE UMANE ATTESO Predisposizione atto di indirizzo Suap in variante al consiglio comunale

11 - FASI SVILUPPO OBIETTIVO OUTPUT RISORSE UMANE ATTESO Predisposizione atto di indirizzo Suap in variante al consiglio comunale 4 - DENOMINAZIONE OBIETTIVO Piano di Governo del Territorio 5 - VISION DEL PIANO GENERALE DI SVILUPPO ALLA QUALE L'OBIETTIVO E' COLLEGATO N. 4 - LECCO CITTA REGIONALE E METROPOLITANA N. 5 - LECCO CITTA'

Dettagli

COMUNE DI MARANO SUL PANARO Provincia di Modena. Proposta di una Metodologia di Valutazione Permanente per il Comune di Marano sul Panaro

COMUNE DI MARANO SUL PANARO Provincia di Modena. Proposta di una Metodologia di Valutazione Permanente per il Comune di Marano sul Panaro COMUNE DI MARANO SUL PANARO Provincia di Modena Proposta di una Metodologia di Valutazione Permanente per il Comune di Marano sul Panaro INDICE Premessa 3 1. La valutazione permanente e la disciplina delle

Dettagli

REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI I REGOLAMENTI PROVINCIALI: N. 85 PROVINCIA DI PADOVA

REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI I REGOLAMENTI PROVINCIALI: N. 85 PROVINCIA DI PADOVA I REGOLAMENTI PROVINCIALI: N. 85 PROVINCIA DI PADOVA REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI Approvato con D.C.P. del 14.3.2013 n. 6 reg. e modificato con D.C.P. del 28.4.2014 n. 22 reg. INDICE Art. 1 Art. 2

Dettagli

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI IMPERIA

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI IMPERIA AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI IMPERIA Regolamento provinciale per la disciplina degli strumenti e delle metodologie per i controlli interni, ai sensi dell art. 3, comma 2, del d.l. 174/2012, convertito

Dettagli

Verifica qualità dati contabili Elaborazione e strutturazione dell informazione

Verifica qualità dati contabili Elaborazione e strutturazione dell informazione COMUNE DI TRENTO Servizio Programmazione e Controllo via Belenzani 22 38100 Trento Telefono: 0461-884162; Fax: 0461-884168 e_mail: servizio_programmazione@comune.trento.it Sito internet dell amministrazione:

Dettagli

Un nuovo orizzonte per la tutela e la sicurezza del lavoro nei cantieri edili

Un nuovo orizzonte per la tutela e la sicurezza del lavoro nei cantieri edili Supplemento 1.2009 7 Un nuovo orizzonte per la tutela e la sicurezza del lavoro nei cantieri edili Gian Carlo Muzzarelli* Sommario 1. Tutela e sicurezza del lavoro nei cantieri edili. 2. I cardini della

Dettagli

COMUNE DI FOZA PROVINCIA DI VICENZA

COMUNE DI FOZA PROVINCIA DI VICENZA COMUNE DI FOZA PROVINCIA DI VICENZA SISTEMI E METODOLOGIE DI VALUTAZIONE DEL PERSONALE DALL ANNO 2011 (in attuazione art. 16, comma 2, D.lgs. 150/2009) SISTEMA DI MISURAZIONE DELLA PERFORMANCE ORGANIZZATIVA

Dettagli

RELAZIONE SULLA PERFORMANCE 2014

RELAZIONE SULLA PERFORMANCE 2014 COMUNE DI CIVIDATE AL PIANO (Provincia di Bergamo) RELAZIONE SULLA PERFORMANCE 2014 Il Segretario Comunale - Dott. Ivano Rinaldi Nell ambito del processo di riforma della Pubblica Amministrazione, con

Dettagli

Determina Personale Organizzazione/0000194 del 12/12/2014

Determina Personale Organizzazione/0000194 del 12/12/2014 Comune di Novara Determina Personale Organizzazione/0000194 del 12/12/2014 Area / Servizio Area Organizzativa (05.UdO) Proposta Istruttoria Unità Area Organizzativa (05.UdO) Proponente Monzani/Battaini

Dettagli

DISCIPLINARE IN MATERIA DI FORMAZIONE PER IL PERSONALE DIPENDENTE DEL CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE

DISCIPLINARE IN MATERIA DI FORMAZIONE PER IL PERSONALE DIPENDENTE DEL CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE DISCIPLINARE IN MATERIA DI FORMAZIONE PER IL PERSONALE DIPENDENTE DEL CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE Sommario Art. 1 - Principi generali Art. 2 - Tipologie di formazione, soggetti destinatari e fonti

Dettagli

COMUNE DI RIVANAZZANO TERME PROVINCIA DI PAVIA

COMUNE DI RIVANAZZANO TERME PROVINCIA DI PAVIA COMUNE DI RIVANAZZANO TERME PROVINCIA DI PAVIA CRITERI DI MISURAZIONE, VALUTAZIONE E TRASPARENZA DELLA PERFORMANCE ESTRATTO DAL REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI APPROVATO CON ATTO

Dettagli

C O M U N E D I Z O C C A Prov. di Modena. SETTORE LAVORI PUBBLICI MANUTENZIONI Area Tecnica. Determinazione nr. 8.216 del 04 OTTOBRE 2.

C O M U N E D I Z O C C A Prov. di Modena. SETTORE LAVORI PUBBLICI MANUTENZIONI Area Tecnica. Determinazione nr. 8.216 del 04 OTTOBRE 2. C O M U N E D I Z O C C A Prov. di Modena SETTORE LAVORI PUBBLICI MANUTENZIONI Area Tecnica Determinazione nr. 8.216 del 04 OTTOBRE 2.008 OGGETTO: OPERE DI ADEGUAMENTO ALLA NORMATIVA DI PREVENZIONE INCENDI

Dettagli

COMUNE DI CARAGLIO PROVINCIA DI CUNEO REGOLAMENTO PER LA MOBILITA ESTERNA VOLONTARIA

COMUNE DI CARAGLIO PROVINCIA DI CUNEO REGOLAMENTO PER LA MOBILITA ESTERNA VOLONTARIA COMUNE DI CARAGLIO PROVINCIA DI CUNEO REGOLAMENTO PER LA MOBILITA ESTERNA VOLONTARIA Approvato con Deliberazione G. C. n. 219 del 16/12/2013 INDICE CAPO I Principi generali Art. 1 Principi generali...pag.

Dettagli

INTERPORTO DI ROVIGO SPA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE MODALITÀ DI ASSUNZIONE, DEI REQUISITI DI ACCESSO E DELLE PROCEDURE SELETTIVE

INTERPORTO DI ROVIGO SPA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE MODALITÀ DI ASSUNZIONE, DEI REQUISITI DI ACCESSO E DELLE PROCEDURE SELETTIVE INTERPORTO DI ROVIGO SPA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE MODALITÀ DI ASSUNZIONE, DEI REQUISITI DI ACCESSO E DELLE PROCEDURE SELETTIVE 1 Art. 1 Finalità ed ambito di applicazione 1. Il presente regolamento

Dettagli

CITTÀ DI AVIGLIANO. (Provincia di Potenza) METODOLOGIA PERMANENTE DI VALUTAZIONE DEL PERSONALE. (art. 6 C.C.N.L. 31/3/1999) SEZIONE I

CITTÀ DI AVIGLIANO. (Provincia di Potenza) METODOLOGIA PERMANENTE DI VALUTAZIONE DEL PERSONALE. (art. 6 C.C.N.L. 31/3/1999) SEZIONE I CITTÀ DI AVIGLIANO (Provincia di Potenza) METODOLOGIA PERMANENTE DI DEL PERSONALE (art. 6 C.C.N.L. 31/3/1999) SEZIONE I PRINCIPI GENERALI 1. Generalità Il Comune di Avigliano valuta il proprio personale

Dettagli

Art. 2 (Natura giuridica e forme di autonomia delle agenzie)

Art. 2 (Natura giuridica e forme di autonomia delle agenzie) L.R. 01 Febbraio 2008, n. 1 Norme generali relative alle agenzie regionali istituite ai sensi dell'articolo 54 dello Statuto. Disposizioni transitorie relative al riordino degli enti pubblici dipendenti

Dettagli

IL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

IL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE ASSOCIAZIONE VALLE DELL IDICE Il Sistema di misurazione e valutazione della performance IL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE PREMESSA Il presente documento costituisce il Sistema di

Dettagli

COMUNE DI FAENZA Settore Sviluppo economico

COMUNE DI FAENZA Settore Sviluppo economico COMUNE DI FAENZA Settore Sviluppo economico Analisi del procedimento di variante urbanistica accelerata di Claudio Facchini, dirigente del Settore Sviluppo economico del Comune di Faenza Edizione 1/CF/cf/11.04.2011

Dettagli

Determina Personale Organizzazione/0000084 del 24/06/2015

Determina Personale Organizzazione/0000084 del 24/06/2015 Comune di Novara Determina Personale Organizzazione/0000084 del 24/06/2015 Area / Servizio Area Organizzativa (05.UdO) Proposta Istruttoria Unità Area Organizzativa (05.UdO) Proponente Monzani Nuovo Affare

Dettagli

C I T T À D I S P I N E A ARTICOLAZIONE DEGLI UFFICI DI MASSIMA DIMENSIONE (MACROSTRUTTURA) E RELATIVE MACRO COMPETENZE

C I T T À D I S P I N E A ARTICOLAZIONE DEGLI UFFICI DI MASSIMA DIMENSIONE (MACROSTRUTTURA) E RELATIVE MACRO COMPETENZE Allegato A C I T T À D I S P I N E A ARTICOLAZIONE DEGLI UFFICI DI MASSIMA DIMENSIONE (MACROSTRUTTURA) E RELATIVE MACRO COMPETENZE Settore PROGRAMMAZIONE E FINANZA SUPPORTO ALLA DIREZIONE GENERALE - Programmazione

Dettagli

Bando Oscar della Salute 2014 Premio Nazionale Rete Città Sane OMS MODULO PRESENTAZIONE PROGETTO

Bando Oscar della Salute 2014 Premio Nazionale Rete Città Sane OMS MODULO PRESENTAZIONE PROGETTO Bando Oscar della Salute 2014 Premio Nazionale Rete Città Sane OMS MODULO PRESENTAZIONE PROGETTO Titolo del ACCESSIBILITÀ a SACILE Ente proponente Referente del Città in cui ha avuto luogo il Durata del

Dettagli

Regolamento per la disciplina del reclutamento del personale di Istituto Luce Cinecittà S.r.l.

Regolamento per la disciplina del reclutamento del personale di Istituto Luce Cinecittà S.r.l. Regolamento per la disciplina del reclutamento del personale di Istituto Luce Cinecittà S.r.l. PARTE I DISPOSIZIONI PRELIMINARI Articolo 1 Procedure di assunzione 1- Il presente Regolamento disciplina

Dettagli

L Assessore degli Affari Generali, Personale e Riforma della Regione riferisce quanto segue.

L Assessore degli Affari Generali, Personale e Riforma della Regione riferisce quanto segue. Oggetto: Definizione dell assetto organizzativo della Direzione generale della Protezione Civile e modifica dell assetto organizzativo della Direzione generale del Corpo Forestale e di Vigilanza Ambientale.

Dettagli

OBIETTIVI PRIMARI. Il Modello Organizzativo dell Ufficio Associato. Comunità Montana Partenio Vallo Di Lauro

OBIETTIVI PRIMARI. Il Modello Organizzativo dell Ufficio Associato. Comunità Montana Partenio Vallo Di Lauro Progetto di Gestione Associata di Servizi Comunali IL MODELLO ORGANIZZATIVO DELL UFFICIO ASSOCIATO Pag. 1 OBIETTIVI PRIMARI Un modello ottimale deve raggiungere il miglior equilibrio possibile tra gli

Dettagli

IL DIRIGENTE del SETTORE 02 RISORSE E INNOVAZIONE RENDE NOTO

IL DIRIGENTE del SETTORE 02 RISORSE E INNOVAZIONE RENDE NOTO AVVISO DI MOBILITA ESTERNA VOLONTARIA PER LA COPERTURA DI POSTI DI ESECUTORE SCOLASTICO SPECIALIZZATO CON FUNZIONI DI CUOCO - CATEGORIA B1 A PART-TIME E A TEMPO INDETERMINATO AI SENSI DELL ART. 30 DEL

Dettagli

Programma triennale per la trasparenza e l integrità (P.T.T.I.)

Programma triennale per la trasparenza e l integrità (P.T.T.I.) Programma triennale per la trasparenza e l integrità (P.T.T.I.) 2015 2017 Predisposto dal responsabile per la trasparenza Adottato in data 29.01.2015 con Deliberazione di Consiglio Direttivo n.03 Pubblicato

Dettagli

Comune di Ragalna ( Prov. di Catania )

Comune di Ragalna ( Prov. di Catania ) Comune di Ragalna ( Prov. di Catania ) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA (Ai sensi dell art.11 comma 2 del D.Lgs.vo 27/10/2009 n.150) Il presente documento si pone l obiettivo di fornire

Dettagli

Vista la Legge Regionale n.11/2012 ad oggetto: disposizioni organiche in materia di Enti Locali ;

Vista la Legge Regionale n.11/2012 ad oggetto: disposizioni organiche in materia di Enti Locali ; . SCHEMA DI CONVENZIONE TRA I COMUNI DI CIGLIANO, ALICE CASTELLO, BORGO D ALE E MONCRIVELLO PER IL SERVIZIO ASSOCIATO DELL EDILIZIA SCOLASTICA E DELL ORGANIZZAZIONE E DELLA GESTIONE DEI SERVIZI SCOLASTICI

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI Premesse e riferimenti normativi La valutazione del personale, che costituisce un processo centrale nell ambito del management pubblico, ha registrato negli

Dettagli

E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Provincia di Palermo Sede legale: Prizzi Corso Umberto I Tel 091 8344507 Fax 091 8344507 Codice fiscale 97178810822 REGOLAMENTO RELATIVO AL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Art. 1

Dettagli

Il modello di organizzazione pubblica, con particolare riferimento agli enti locali: principi, criteri e strumenti

Il modello di organizzazione pubblica, con particolare riferimento agli enti locali: principi, criteri e strumenti Master in gestione e innovazione nelle amministrazioni pubbliche Il modello di organizzazione pubblica, con particolare riferimento agli enti locali: principi, criteri e strumenti Giuseppe Panassidi 1

Dettagli

Profilo Ragioniere con diploma di Perito Commerciale

Profilo Ragioniere con diploma di Perito Commerciale Profilo Ragioniere con diploma di Perito Commerciale il corso di studi mira a formare diplomati in grado di ricoprire figure professionali polivalenti in cui si possano coniugare in modo equilibrato una

Dettagli

ALLEGATO 2 ALLA LETTERA DI INVITO FAC SIMILE OFFERTA TECNICA

ALLEGATO 2 ALLA LETTERA DI INVITO FAC SIMILE OFFERTA TECNICA ALLEGATO 2 ALLA LETTERA DI INVITO FAC SIMILE OFFERTA TECNICA Allegato 2 Offerta Tecnica 1 di 7 ALLEGATO 2 - OFFERTA TECNICA La Busta B Offerta Tecnica dovrà contenere i seguenti documenti: 1. un indice

Dettagli

SCHEMA DI FUNZIONAMENTO DEL PROCESSO E DEGLI STRUMENTI DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE NEL COMUNE DI VEDUGGIO CON COLZANO

SCHEMA DI FUNZIONAMENTO DEL PROCESSO E DEGLI STRUMENTI DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE NEL COMUNE DI VEDUGGIO CON COLZANO Allegato SCHEMA DI FUNZIONAMENTO DEL PROCESSO E DEGLI STRUMENTI DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE NEL COMUNE DI VEDUGGIO CON COLZANO a) Ciclo della performance Il sistema di misurazione e

Dettagli

Profili professionali e profili di competenza degli operatori delle biblioteche di enti locali e di interesse locale. Premessa

Profili professionali e profili di competenza degli operatori delle biblioteche di enti locali e di interesse locale. Premessa Profili professionali e profili di competenza degli operatori delle biblioteche di enti locali e di interesse locale (d.g.r. 26 marzo 2004, n. VII/16909) Premessa La Lombardia è stata la prima, tra le

Dettagli

SI CONVIENE E SI STIPULA QUANTO SEGUE: CONVENZIONE PER LO SVOLGIMENTO ASSOCIATO DI FUNZIONI COMUNALI

SI CONVIENE E SI STIPULA QUANTO SEGUE: CONVENZIONE PER LO SVOLGIMENTO ASSOCIATO DI FUNZIONI COMUNALI Comune di San Rocco al Porto Comune di Guardamiglio Comune di Caselle Landi L anno duemilaquattordici il giorno dodici del mese di dicembre presso la sede di del Comune di San Rocco al Porto, in qualità

Dettagli

PROVINCIA di ROVIGO SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE ORGANIZZATIVA ED INDIVIDUALE

PROVINCIA di ROVIGO SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE ORGANIZZATIVA ED INDIVIDUALE PROVINCIA di ROVIGO SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE ORGANIZZATIVA ED INDIVIDUALE Allegato alla deliberazione di Giunta Comunale n. 289 del 28.12.2011 1 INDICE SEZIONE I - CONTESTO

Dettagli

Comune di Monteleone di Spoleto

Comune di Monteleone di Spoleto SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE ART. 1 ORGANO COMUNALE DI VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE 1. Il Comune di Monteleone di Spoleto, in conformità alle nuove norme contenute nel Decreto

Dettagli

COMUNE DI CUNEO Regolamento sui controlli interni

COMUNE DI CUNEO Regolamento sui controlli interni COMUNE DI CUNEO Regolamento sui controlli interni (art. 147 del TUELL 267/2000, modificato dal D.L. 174/2012 convertito nella legge 213/2012) INDICE Parte 1^ Premesse generali Art. 1 Finalità e ambito

Dettagli

SISTEMA REGIONALE DI PRESIDIO TERRITORIALE IDROGEOLOGICO E IDRAULICO A SUPPORTO DELLA PIANIFICAZIONE DI PROTEZIONE CIVILE

SISTEMA REGIONALE DI PRESIDIO TERRITORIALE IDROGEOLOGICO E IDRAULICO A SUPPORTO DELLA PIANIFICAZIONE DI PROTEZIONE CIVILE SISTEMA REGIONALE DI PRESIDIO TERRITORIALE IDROGEOLOGICO E IDRAULICO A SUPPORTO DELLA PIANIFICAZIONE DI PROTEZIONE CIVILE SCHEMA DI PROTOCOLLO DI INTESA TRA REGIONE CAMPANIA E L ORDINE REGIONALE DEI GEOLOGI

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE COMUNE DI CASTENASO (Bologna) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE Adottato con delibera consiliare n. 92 del 20/12/01 INDICE : art. 1 Finalità art.2 Obiettivi comunali

Dettagli

PROGETTO NAZIONALE QUALITÀ E MERITO (PQM)

PROGETTO NAZIONALE QUALITÀ E MERITO (PQM) PROGETTO NAZIONALE QUALITÀ E MERITO (PQM) Le note riportate corrispondono ad alcune sezioni estratte dalla documentazione accessibili online all indirizzo www.pqm.indire.it. Le sezioni integralmente riportate

Dettagli

COMUNE DI ORISTANO. Comuni de Aristanis

COMUNE DI ORISTANO. Comuni de Aristanis Comuni de Aristanis DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE (N. 122 DEL 24/06/2015) ORIGINALE OGGETTO: Approvazione piano triennale delle assunzioni 2015/2017. L anno 2015 il giorno 24 del mese di Giugno nella

Dettagli

ORIGINALE SERVIZI DI SEGRETERIA DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SETTORE. Registro di Settore N. 9 del 17/09/2011

ORIGINALE SERVIZI DI SEGRETERIA DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SETTORE. Registro di Settore N. 9 del 17/09/2011 ORIGINALE SERVIZI DI SEGRETERIA DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SETTORE Registro di Settore N. 9 del 17/09/2011 OGGETTO : Concorso pubblico per un posto di Istruttore Direttivo Tecnico / Architetto,

Dettagli

Sviluppo Investimenti Territorio s.r.l.

Sviluppo Investimenti Territorio s.r.l. 161/13 Sviluppo Investimenti Territorio s.r.l. Regolamento per l affidamento di incarichi professionali a soggetti esterni Sommario Articolo 1 Oggetto del Regolamento... 2 Articolo 2 Presupposti e limiti...

Dettagli

Le fasi di costituzione ed attivazione dell Unione dei Comuni. Criticità e soluzioni

Le fasi di costituzione ed attivazione dell Unione dei Comuni. Criticità e soluzioni Le fasi di costituzione ed attivazione dell Unione dei Comuni. Criticità e soluzioni Abstract: La costituzione dell Unione dei Comuni per la gestione associata delle funzioni fondamentali dei comuni è

Dettagli

Bollettino Ufficiale Serie Ordinaria n.31 - Giovedì 04 agosto 2011 LA GIUNTA REGIONALE

Bollettino Ufficiale Serie Ordinaria n.31 - Giovedì 04 agosto 2011 LA GIUNTA REGIONALE Bollettino Ufficiale Serie Ordinaria n.31 - Giovedì 04 agosto 2011 D.g.r. 28 luglio 2011 - n. IX/2061 Determinazione in ordine alla promozione di iniziative di sviluppo e confronto tra aziende lombarde

Dettagli

PROPOSTE per un PROGRAMMA di LAVORO del CODAU

PROPOSTE per un PROGRAMMA di LAVORO del CODAU PROPOSTE per un PROGRAMMA di LAVORO del CODAU Premessa Nel rispetto delle linee tracciate dal nuovo Statuto approvato dall Assemblea del 18-19-20 marzo 2004, si ritiene opportuno fare una premessa metodologica,

Dettagli

PUBBLICAZIONI SU SITO WEB ISTITUZIONALE ED ACCESSO DEI CITTADINI dati già presenti nel 2010 e anni precedenti -

PUBBLICAZIONI SU SITO WEB ISTITUZIONALE ED ACCESSO DEI CITTADINI dati già presenti nel 2010 e anni precedenti - PUBBLICAZIONI SU SITO WEB ISTITUZIONALE ED ACCESSO DEI CITTADINI dati già presenti nel 2010 e anni precedenti - IL COMUNE ATTIVITA PREVISTE NEL TRIENNIO 2011-2013 SETTORI, SERVIZI DI COMPETENZA Il Sindaco

Dettagli

PROGETTO CONTROLLO GESTIONE. Per la P.M.I. Per l Artigianato

PROGETTO CONTROLLO GESTIONE. Per la P.M.I. Per l Artigianato PROGETTO CONTROLLO GESTIONE Per la P.M.I. Per l Artigianato Valutare costantemente l'andamento economico della attività dell'azienda per stabilire se la sua struttura dei costi è adeguata per confrontarsi

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA Città di Minerbio Provincia di Bologna PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA 2013-2015 (in attuazione al D.Lgs. 33/2013) Approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. 66 del 24/07/2013

Dettagli

PROVINCIA DI BARLETTA-ANDRIA-TRANI REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI

PROVINCIA DI BARLETTA-ANDRIA-TRANI REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI PROVINCIA DI BARLETTA-ANDRIA-TRANI REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 3 del 11 Marzo 2013 Sommario TITOLO I PRINCIPI E FINALITÀ...1 ART. 1 (Finalità)...1

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA 2014-2016

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA 2014-2016 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA 2014-2016 Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 22 dicembre 2014 INDICE Premessa I contenuti del Programma triennale della trasparenza pag.3 pag.4 Misure

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2012-2013-2014

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2012-2013-2014 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2012-2013-2014 1 PREMESSA Con la redazione del presente Programma Triennale per la trasparenza e l integrità, di seguito denominato Programma,

Dettagli

LINEE GUIDA PER IL PIANO DI AZIONI POSITIVE DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA TRIENNIO 2004-2006 LINEE GUIDA

LINEE GUIDA PER IL PIANO DI AZIONI POSITIVE DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA TRIENNIO 2004-2006 LINEE GUIDA Pagina 1 di 6 LINEE GUIDA PIANO DI AZIONI POSITIVE DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA TRIENNIO 2004- Pagina 2 di 6 1. Premessa Il presente Piano di Azioni Positive si inserisce nell'ambito delle iniziative promosse

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA 2015-2017

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA 2015-2017 (allegato Delibera Giunta n. 4 del 02.02.2015) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA 2015-2017 (in attuazione del D. Leg.vo 33/2013) PREMESSA Con la redazione del Programma Triennale per la

Dettagli

COMUNE DI VALLE MOSSO Provincia di Biella REGOLAMENTO

COMUNE DI VALLE MOSSO Provincia di Biella REGOLAMENTO REGOLAMENTO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE (L.R. 14/4/2003, N. 7 D.P.G.R. 18/10/2004, nn. 7R e 8R) ART. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO Il presente regolamento disciplina, nel rispetto dei principi fondamentali

Dettagli

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE COMUNE DI ROTA D IMAGNA Provincia di Bergamo SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Allegato al regolamento per la gestione, misurazione e valutazione della performance del Comune di Rota

Dettagli

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Comune di Inverigo Provincia di Como SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDICE INTRODUZIONE TITOLO I FINALITA E PRINCIPI Art. 1 - Finalità e oggetto Art. 2 - Principi di riferimento

Dettagli

DOCUMENTO DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLE RISORSE UMANE

DOCUMENTO DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLE RISORSE UMANE Pagina 1 di 10 COMUNE DI NIBIONNO PROVINCIA DI LECCO DOCUMENTO DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLE RISORSE UMANE Approvato con deliberazione di Giunta Comunale n. 28 del 27.02.2013 Si attesta che il presente

Dettagli

COMUNE DI BUDRIO PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA (in attuazione del D. Leg.vo 33/2013)

COMUNE DI BUDRIO PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA (in attuazione del D. Leg.vo 33/2013) All.B) COMUNE DI BUDRIO PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA (in attuazione del D. Leg.vo 33/2013) PREMESSA Con la redazione dell aggiornamento del Programma Triennale per la trasparenza

Dettagli

CRITERI GENERALI PER L'ADOZIONE DEI REGOLAMENTI SULL'ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI. PREMESSA

CRITERI GENERALI PER L'ADOZIONE DEI REGOLAMENTI SULL'ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI. PREMESSA CRITERI GENERALI PER L'ADOZIONE DEI REGOLAMENTI SULL'ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI. PREMESSA L'ordinamento degli Uffici e dei Servizi sarà articolato attraverso una pluralità di regolamenti ed

Dettagli

Consiglio regionale Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia

Consiglio regionale Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia Consiglio regionale Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia IX LEGISLATURA - ATTI CONSILIARI - PROGETTI DI LEGGE E RELAZIONI PROPOSTA DI LEGGE N. 12 Presentata dai Consiglieri Ritossa, Di Natale Presentata

Dettagli

Modello dei controlli di secondo e terzo livello

Modello dei controlli di secondo e terzo livello Modello dei controlli di secondo e terzo livello Vers def 24/4/2012_CLEN INDICE PREMESSA... 2 STRUTTURA DEL DOCUMENTO... 3 DEFINIZIONE DEI LIVELLI DI CONTROLLO... 3 RUOLI E RESPONSABILITA DELLE FUNZIONI

Dettagli

Ministero della Giustizia

Ministero della Giustizia NUCLEO TRADUZIONI PROVINCIALE DI FROSINONE Pagina 1 di 22 P A R T E P R I M A Capo I ISTITUZIONE NUCLEO TRADUZIONI PROVINCIALE 1. LIMITI DI COMPETENZA MATERIALE E TERRITORIALE AREA PROVINCIALE Nell area

Dettagli

COMUNE DI POGGIOMARINO PROVINCIA DI NAPOLI * SETTORE RAGIONERIA - FINANZE - TRIBUTI - ECONOMATO *

COMUNE DI POGGIOMARINO PROVINCIA DI NAPOLI * SETTORE RAGIONERIA - FINANZE - TRIBUTI - ECONOMATO * COMUNE DI POGGIOMARINO PROVINCIA DI NAPOLI * SETTORE RAGIONERIA - FINANZE - TRIBUTI - ECONOMATO * SCHEMA PROPOSTA DI DELIBERAZIONE * PROT. N 21051 DEL 15/06/2010 UFFICIO ISTRUTTORE: RAGIONERIA * CAPO SETTORE:

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA Triennio 2013 2015 1 Indice Articolo 1. Articolo 2. Articolo 3. Articolo 4. Articolo 5. Articolo 6. Articolo 7. Oggetto e Finalità Organizzazione e

Dettagli

DETERMINAZIONE OGGETTO: MANUTENZIONE STRAORDINARIA ALLE STRADE BIANCHE DEL COMUNE DI POMARANCE.

DETERMINAZIONE OGGETTO: MANUTENZIONE STRAORDINARIA ALLE STRADE BIANCHE DEL COMUNE DI POMARANCE. COMUNE DI POMARANCE Provincia di Pisa PROGRESSIVO GENERALE N. 843 SETTORE : GESTIONE DEL TERRITORIO Servizio : Lavori Pubblici DETERMINAZIONE N. 473 del 31.12.2014. copia OGGETTO: MANUTENZIONE STRAORDINARIA

Dettagli

Stabio, 07 maggio 2014. Al CONSIGLIO COMUNALE di S t a b i o

Stabio, 07 maggio 2014. Al CONSIGLIO COMUNALE di S t a b i o COMUNE DI STABIO MUNICIPIO Stabio, 07 maggio 2014 Al CONSIGLIO COMUNALE di S t a b i o MESSAGGIO MUNICIPALE No. 04/2014 Chiedente lo stanziamento di un credito d investimento di 50 000 Chf (iva esclusa)

Dettagli

Preso atto che la somma da destinare alla formazione prevista nel bilancio di previsione dell Unione, è pari a 9.600,00 per l anno 2014;

Preso atto che la somma da destinare alla formazione prevista nel bilancio di previsione dell Unione, è pari a 9.600,00 per l anno 2014; Richiamate le delibera del Cda n. 20 del 30/12/2010 e dell Assemblea n. 5 del 13/06/2013 con le quali si recepisce il trasferimento all Unione dei Comuni il servizio per la gestione in forma associata

Dettagli

3.2 Analisi del contesto interno. L organizzazione di Roma Capitale

3.2 Analisi del contesto interno. L organizzazione di Roma Capitale 3.2 Analisi del contesto interno L organizzazione di Roma Capitale L assetto organizzativo di Roma Capitale, determinato in linea con le funzioni di cui l Ente è titolare e con i programmi e progetti dell

Dettagli

COMUNE DI LUCERA PIANO DI INFORMATIZZAZIONE DELLE PROCEDURE PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE, DICHIARAZIONI E SEGNALAZIONI ONLINE

COMUNE DI LUCERA PIANO DI INFORMATIZZAZIONE DELLE PROCEDURE PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE, DICHIARAZIONI E SEGNALAZIONI ONLINE COMUNE DI LUCERA PROVINCIA DI FOGGIA PIANO DI INFORMATIZZAZIONE DELLE PROCEDURE PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE, DICHIARAZIONI E SEGNALAZIONI ONLINE (Art. 24, comma 3-bis del D.L. 24 giugno 2014 n. 90,

Dettagli

Programma triennale per la trasparenza e l integrità ANVUR

Programma triennale per la trasparenza e l integrità ANVUR Programma triennale per la trasparenza e l integrità ANVUR 2012-2014 1 1. PREMESSA L art. 2, comma 138, del decreto-legge 3 ottobre 2006, n. 262, convertito, con modificazioni, dalla legge 24 novembre

Dettagli

Valutazione di Risultato del Direttore Generale per l anno

Valutazione di Risultato del Direttore Generale per l anno Ambiti di valutazione Pianificazi one strategica (tot. punti) Programm azione, budgeting, gestione, e controllo (tot. punti) Valutazione di Risultato del Direttore Generale per l anno Analisi delle fonti

Dettagli

COMUNE DI MONTICHIARI Provincia di Brescia

COMUNE DI MONTICHIARI Provincia di Brescia COMUNE DI MONTICHIARI Provincia di Brescia Programma triennale per la trasparenza e l integrità (Decreto Legislativo n. 33 del 14 marzo 2013) Approvato con deliberazione di Giunta Comunale n. del PREMESSA

Dettagli

PROVINCIA DI MANTOVA

PROVINCIA DI MANTOVA PROVINCIA DI MANTOVA Deliberazione della Giunta Provinciale Seduta n.1 del 29/08/2014 ore 09:00 delibera n. 102 OGGETTO: APPROVAZIONE DEL PIANO REGOLATORE PORTUALE DI MANTOVA QUALE PIANO D'AREA DEL PTCP

Dettagli

subappaltatori e subcontraenti della filiera delle imprese, nonché a carico dei concessionari di finanziamenti pubblici anche europei, a qualsiasi

subappaltatori e subcontraenti della filiera delle imprese, nonché a carico dei concessionari di finanziamenti pubblici anche europei, a qualsiasi PROTOCOLLO D INTESA TRA LA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI E LA REGIONE EMILIA-ROMAGNA PER LA PARTECIPAZIONE DELLA REGIONE EMILIA- ROMAGNA ALLA PROGETTAZIONE DEL SISTEMA MONITORAGGIO INVESTIMENTI

Dettagli

Art. 1. Composizione. Art. 2. Nomina, durata e compensi

Art. 1. Composizione. Art. 2. Nomina, durata e compensi REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE COMUNALE PER IL PAESAGGIO (art. 81 della L.R. 11 marzo 2005 n. 12 e art. 148 del D.Lgs. 22 gennaio 2004 n. 42 D.G.R. n. VIII/7977 del 6 agosto 2008 e D.G.R. n. VIII/8139 del

Dettagli

Nomina delle figure del sistema sicurezza della scuola

Nomina delle figure del sistema sicurezza della scuola Nomina delle figure del sistema sicurezza della scuola Il dirigente scolastico, nel suo ruolo di Datore di lavoro ai sensi dell art. 17, comma 1, lettera b del D.Lgs. 81/2008, è obbligato (si tratta di

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA. Registro delibere di Giunta N. 145

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA. Registro delibere di Giunta N. 145 COPIA Città di Latisana Provincia di Udine VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA Registro delibere di Giunta N. 145 L anno 2011 il giorno 14 del mese di SETTEMBRE alle ore 08:30, nella Residenza Municipale

Dettagli

Comune di Montagnareale Provincia di Messina

Comune di Montagnareale Provincia di Messina REGOLAMENTO PER LA NOMINA ED IL FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE CONSILIARE PERMANENTE PER L ESAME DELLE NORME REGOLAMENTARI DELL ENTE INDICE Art. 1 - Oggetto del regolamento- definizioni. Art. 2 - Composizione,

Dettagli

Criticità operative: di media complessità e significativa ampiezza di possibili soluzioni

Criticità operative: di media complessità e significativa ampiezza di possibili soluzioni COMUNE DI RAVENNA MEDAGLIA D ORO AL VALOR MILITARE Staff del Direttore Generale Servizio Risorse Umane e Qualità LA DIRIGENTE DEL SERVIZIO RISORSE UMANE E QUALITA INFORMA che è indetto un AVVISO DI SELEZIONE

Dettagli

In particolare riassumendo i principali atti e comportamenti della Società in materia:

In particolare riassumendo i principali atti e comportamenti della Società in materia: ATTUAZIONE DEGLI INDIRIZZI OPERATIVI PER LA GOVERNANCE DELLE SOCIETA PARTECIPATE DAL COMUNE DI PARMA E DEGLI ENTI AZIENDE ED ISTITUZIONI (DELIB. G.C. 355/38 2013) Con lettera del 6 Giugno 2013 prot. 96974/2013

Dettagli

PROPOSTE OPERATIVE DELL ASSOCIAZIONE NAZIONALE INGEGNERIA DELLA SICUREZZA

PROPOSTE OPERATIVE DELL ASSOCIAZIONE NAZIONALE INGEGNERIA DELLA SICUREZZA PROPOSTE OPERATIVE DELL ASSOCIAZIONE NAZIONALE INGEGNERIA DELLA SICUREZZA 1) Potenziamento e riassetto degli Organi di Vigilanza 2) Formazione e promozione della cultura della prevenzione. Inserimento

Dettagli

SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE 1) PRINCIPI I principi, cui si ispira il sistema di valutazione, riguardano la trasparenza dei criteri e dei risultati, l adeguata informazione e la partecipazione

Dettagli

MONTEDOMINI Azienda Pubblica di Servizi alla Persona REGOLAMENTO DI CONTABILITA

MONTEDOMINI Azienda Pubblica di Servizi alla Persona REGOLAMENTO DI CONTABILITA MONTEDOMINI Azienda Pubblica di Servizi alla Persona REGOLAMENTO DI CONTABILITA INDICE Art. 1 Oggetto e finalità Pag. 2 Art. 2 La disciplina contabile 2 Art. 3 Contabilità analitica 2 Art. 4 La programmazione

Dettagli

Settore Lavori Pubblici Ufficio del Dirigente

Settore Lavori Pubblici Ufficio del Dirigente Allegato A PROGETTO DI FORMAZIONE LAVORO ATTIVITA RELATIVE ALLA GESTIONE EDIFICI ED INFRASTRUTTURE STRADALI COMUNALI Di cui all art. 3, legge n. 863/1984 e successive modificazioni Attività e programmi

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2013-2014-2015

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2013-2014-2015 Via Guido Rossa, 1 40033 Casalecchio di Reno (BO) Tel 051.598364 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2013-2014-2015 Approvato con determinazione Amministratore Unico n. 20 del 20/12/2013

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2014-2015-2016 INDICE

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2014-2015-2016 INDICE PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2014-2015-2016 INDICE PREMESSA 1. Organizzazione e funzioni dell amministrazione 2. Obiettivi strategici in materia di trasparenza e integrità

Dettagli

Atto C.C. n. 3697/240 del 28 luglio 2005

Atto C.C. n. 3697/240 del 28 luglio 2005 Atto C.C. n. 3697/240 del 28 luglio 2005 OGGETTO: Indirizzi per: a) riacquisizione da Hera Spa del Servizio cimiteriale e definizione della nuova forma di gestione; b) nuova modalità di gestione del Servizio

Dettagli

Istituto di Istruzione Superiore F. Corni Liceo e Tecnico COD. MIUR: MOIS018002 C.F.: 94177210369

Istituto di Istruzione Superiore F. Corni Liceo e Tecnico COD. MIUR: MOIS018002 C.F.: 94177210369 CRITERI DI VALUTAZIONE Approvato in Collegio Docenti 15/10/2013 CRITERI DI VALUTAZIONE DELLA CONDOTTA Indicatori: Rispetto del regolamento di Istituto, delle persone e dell ambiente scolastico Assiduità

Dettagli

Allegato 1 al report del Tavolo SUAP del 9 dicembre 2013. Proposta per il POR Marche 2014/2020 Agenda Digitale Marche

Allegato 1 al report del Tavolo SUAP del 9 dicembre 2013. Proposta per il POR Marche 2014/2020 Agenda Digitale Marche Allegato 1 al report del Tavolo SUAP del 9 dicembre 2013 Proposta per il POR Marche 2014/2020 Agenda Digitale Marche PROGETTO DI SPERIMENTAZIONE della Conferenza di servizi telematica per l approvazione

Dettagli