LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DEGLI INFORTUNI ED INCIDENTI IN UN SISTEMA DI GESTIONE PER LA SICUREZZA E LA SALUTE SUI LUOGHI DI LAVORO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DEGLI INFORTUNI ED INCIDENTI IN UN SISTEMA DI GESTIONE PER LA SICUREZZA E LA SALUTE SUI LUOGHI DI LAVORO"

Transcript

1 PROGETTO: Verona Aziiende Siicure Linea Guida per la Gestione degli Infortuni ed Incidenti in un Sistema di Gestione per la Sicurezza e la Salute sui Luoghi di Lavoro LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DEGLI INFORTUNI ED INCIDENTI IN UN SISTEMA DI GESTIONE PER LA SICUREZZA E LA SALUTE SUI LUOGHI DI LAVORO 2 GRUPPO DI LAVORO: AZIENDE: Mario Zappelli Stefano Bovo Vincenzo Rampanti Stefano Campedelli Andrea Carrara Orlando Carlesso Giovanni Claudio Zuffo Daniele Cappellin Luciano Tomezzoli Corrado Cavallini Jessica Tibasco Giorgio Cappello Roberto Peretto Luciano Vanti Claudio Zattera Adolfo Dal Ben Luigi Cobianchi Massimiliano Carpene Stefano Bigarelli Pietro Mazzoccoli Stefano Zambello KEY SAFETY SYSTEM ITALIA MIDAC BATTERIES RIVA ACCIAIO AGEC AGRICOLA TRE VALLI APOLLONIO CGIL VERONA COMUNE DI VERONA COMUNE DI VERONA FRESENIUS KABI ITALIA GLAXOSMITHKLINE AERMEC MIDAC BATTERIES MONDADORI PRINTING OFFICINE FERROVIARIE VERONESI OLIMPIAS S.p.A. SACCHIFICIO VENETO SITEC DI CARPENE MASSIMILIANO SOCIETA EDITRICE ARENA AZIENDA ULSS 20 VERONA SGL MULTISERVIZI S.r.l. 1 emissione: marzo 2007 Versione aggiornata: settembre 2008 Pagina 1 di 31

2 DOCUMENTO Coordinatore gruppi di lavoro : Pietro Mazzoccoli (SPISAL Azienda ULSS 20 Verona) Elaborato a cura di : Gruppo di Lavoro GESTIONE DEGLI INFORTUNI E DEGLI INCIDENTI Redazione a cura di : Vincenzo Rampanti (RIVA ACCIAIO, Stabilimento di Verona) Data di emissione : Marzo 2007 in Verona Versione aggiornata : Settembre 2008 GRUPPO DI LAVORO COMPONENTI AZIENDE TELEFONO Coordinatori Mario Zappelli KEY SAFETY SYSTEM ITALIA Stefano Bovo MIDAC BATTERIES Vincenzo Rampanti RIVA ACCIAIO, Stabilimento di Verona Partecipanti Giorgio Cappello AERMEC S.p.A Stefano Campedelli AGEC Andrea Carrara AGRICOLA TRE VALLI Orlando Carlesso APOLLONIO S.p.A Giovanni Claudio Zuffo CGIL VERONA Daniele Cappellin COMUNE DI VERONA Luciano Tomezzoli COMUNE DI VERONA Corrado Cavallini FRESENIUS KABI ITALIA Srl Jessica Tibasco GLAXO SMITH KLINE Roberto Peretto MIDAC BATTERIES Luciano Vanti MONDADORI PRINTING S.p.A Claudio Zattera OFFICINE FERROVIARIE VERONESI O Adolfo Dal Ben OLIMPIAS S.p.A. Stabilimento di Soave Luigi Cobianchi SACCHIFICIO VENETO SpA Grezzana Massimiliano Carpene SITEC DI CARPENE MASSIMILIANO Stefano Bigarelli SOCIETA EDITRICE ARENA S.p.A Pietro Mazzoccoli ULSS Stefano Zambello SGL MULISERVIZI Pagina 2 di 31

3 Hanno inoltre visionato da un punto di vista tecnico per lo SPISAL dell ULSS 20 di Verona, i seguenti collaboratori: Dott.ssa Caterina Agnoli Dott.ssa Cristina Fiorini Dott. Mario Gobbi Dott.ssa Maria Lelli Dott.ssa Manuela Peruzzi Si prega di segnalare eventuali refusi o inesattezze contenute nel presente documento al seguente indirizzo: Dott. PIETRO MAZZOCCOLI Servizio S.P.I.S.A.L. - Azienda ULSS 20 Via Salvo D'Acquisto, Verona Tel Fax Le Linee Guida sono scaricabili in formato elettronico dal portale: alla sezione Progetti, e dal portale: E consentita la diffusione ovvero la riproduzione e l utilizzo anche ad uso interno. Pagina 3 di 31

4 1. PREMESSA ELENCO PROCEDURE PROCEDURA SEMPLIFICATA PER LA GESTIONE DEGLI INFORTUNI Scopo Campo di applicazione Definizione di INFORTUNIO SUL LAVORO Premessa Gestione dell infortunio Documenti di registrazione Documenti allegati Distribuzione di questa procedura PROCEDURA SEMPLIFICATA PER LA GESTIONE DEI COMPORTAMENTI IMPRUDENTI E PERICOLOSI Premessa Scopo Campo di applicazione Definizioni Responsabilità dell applicazione di questa procedura Gestione dei comportamenti imprudenti e pericolosi Archiviazione Documenti di registrazione Distribuzione di questa procedura PROCEDURA SEMPLIFICATA PER LA GESTIONE DEGLI INCIDENTI Scopo Campo di applicazione Definizione Gestione degli incidenti Archiviazione Documenti di registrazione Distribuzione di questa procedura PROCEDURA SEMPLIFICATA PER L ANALISI DEI DATI RELATIVI AGLI INFORTUNI Premessa Indici infortunistici IF Indice di frequenza IG Indice di gravità Tasso infortuni Percentuale costo totale (per infortuni) sul fatturato Costo medio per infortunio Macro suddivisione degli infortuni Riepilogo infortuni per natura della lesione Riepilogo infortuni per incidenza anzianità aziendale Riepilogo infortuni per aree stabilimento Riepilogo infortuni per sede lesione Riepilogo infortuni per forma infortunio Riepilogo infortuni per cause infortunio Indice addestramento Indice attuazione delle azioni preventive ELENCO GENERALE ALLEGATI...30 Pagina 4 di 31

5 1. PREMESSA Ogni organizzazione dovrebbe dotarsi e implementare un efficace ed efficiente sistema di gestione per la sicurezza e salute sul luogo di lavoro al fine di perseguire e soddisfare quantomeno tutti i requisiti di legge previsti in materia (DGLS nr. 81/2008 e ss.mm. e decreti, leggi, regolamenti, circolari, ecc. ad esso correlabili). L intento del GRUPPO DI LAVORO GESTIONE DEGLI INFORTUNI E DEGLI INCIDENTI e stato, quindi, quello di fornire dei documenti che possano essere usati come strumenti per indicare, descrivere e costruire i presupposti per l implementazione di un sistema, atto a prevenire e gestire gli infortuni creando e rafforzando la consapevolezza che: l operare in sicurezza e un vantaggio ed una crescita per l azienda. Le indicazioni riportate devono essere viste come una possibile traccia da seguire e non come l unica via perseguibile. Il gruppo di lavoro, si e principalmente focalizzato sulla piccola-media impresa che di fatto risulta essere prevalente nel territorio, cercando di proporre soluzioni che non comportino necessariamente investimenti importanti, consapevole delle resistenze che possono nascere da spese non direttamente connesse agli aspetti produttivi. Lo spirito che crediamo debba essere presente nella gestione degli aspetti di Sicurezza, Salute ed Ambiente, salvo restando le responsabilità chiaramente definite da un punto di vista legislativo, e la collaborazione e partecipazione diffusa di tutte le figure aziendali spinte dalla comune volontà di implementare una reale politica di prevenzione che sia parte integrante della strategia aziendale. Pagina 5 di 31

6 2. ELENCO PROCEDURE PROCEDURA SEMPLIFICATA PER LA GESTIONE DEGLI INFORTUNI. PROCEDURA SEMPLIFICATA PER LA GESTIONE DI COMPORTAMENTI IMPRUDENTI E PERICOLOSI. PROCEDURA SEMPLIFICATA PER LA GESTIONE DEGLI INCIDENTI. PROCEDURA SEMPLIFICATA PER L ANALISI DEI DATI RELATIVI AGLI INFORTUNI. Per una più facile consultazione ed applicazione delle procedure elaborate, vengono di seguito riportate alcune precisazioni: 1. Il gruppo di lavoro ha fatto la scelta di predisporre n 4 procedure distinte, al fine di permettere agli eventuali fruitori di decidere, in modo meno vincolante, se applicare l intero pacchetto di procedure, se applicare una singola procedura o integrare le proprie procedure con una di quelle predisposte. 2. Nelle procedure possono essere indicati gli uffici/figure professionali che solitamente si occupano di attività relative agli infortuni, ma tale scelta non è vincolante. 3. L obiettivo dell applicazione delle suddette procedure, è quello di raccogliere dati utili che possano permettere di intervenire immediatamente per evitare il ripetersi degli infortuni e degli incidenti (attraverso la ricerca delle cause e la loro eliminazione con l attuazione delle azioni correttive). 4. In particolare si sottolinea che l applicazione della procedura semplificata per la gestione degli incidenti può determinare effetti positivi sulla prevenzione degli infortuni. 5. Al fine di diffondere la CULTURA DELLA SICUREZZA, e quindi al fine di raggiungere migliori risultati in termini di prevenzione antinfortunistica, è necessario che le organizzazioni che vorranno applicare le suddette procedure attuino azioni di formazione ed informazione a tutti i lavoratori, sul loro contenuto. 6. L elaborazione di indicatori legati ai costi della non sicurezza possono determinare una forte motivazione nell applicazione di un sistema di gestione della sicurezza. Pagina 6 di 31

7 3. PROCEDURA SEMPLIFICATA PER LA GESTIONE DEGLI INFORTUNI 3.1. Scopo Definire le attività e le responsabilità per la gestione degli infortuni accaduti in azienda in modo da: Garantire all infortunato una immediata assistenza sanitaria. Garantire una corretta sequenza di attività necessarie all iter burocratico dell infortunio. Determinare la ricerca delle cause dell infortunio e se necessario l attuazione delle azioni correttive corrispondenti. Avere a disposizione dati registrati da utilizzare per analisi e statistiche finalizzate alla prevenzione degli infortuni Campo di applicazione La presente procedura si applica agli infortuni Definizione di INFORTUNIO SUL LAVORO Evento (accaduto in un tempo limitato) che produce un danno all integrità psicofisica di una persona in occasione di lavoro, ovvero un inabilità temporanea che comporti l astensione dal lavoro per almeno 1 giorno. N.B. - La definizione normata la si trova al punto della UNI Premessa Nell immediatezza dell evento, qualora le cause dell infortunio possano continuare a rappresentare un rischio di infortunio per altri lavoratori, il dirigente/preposto/capo reparto ha la responsabilità di prendere adeguate contromisure per eliminare il rischio di infortunio, tale contromisure possono comprendere anche la delimitazione dell area, il fermo della macchina/impianto non conforme Gestione dell infortunio ATTIVITÁ (COSA FARE QUANDO ACCADE UN INFORTUNIO) RESPONSABILITÁ (CHI LO DEVE FARE) COMUNICAZIONE IMMEDIATA DELL AVVENUTO INFORTUNIO AL DIRETTO SUPERIORE (ES: CAPO TURNO, CAPO OFFICINA, ECC.). LAVORATORE INFORTUNATO LAVORATORI PRESENTI (ANCHE NEL CASO DI NON ABBANDONO IMMEDIATO DEL POSTO DI LAVORO) Pagina 7 di 31

8 ATTIVITÁ (COSA FARE QUANDO ACCADE UN INFORTUNIO) RESPONSABILITÁ (CHI LO DEVE FARE) ATTIVAZIONE DEL SOCCORSO SEGNALARE IMMEDIATAMENTE L ACCADUTO AD UN ADDETTO ALLA SQUADRA DI PRONTO SOCCORSO (art. 15, comma 1 lett. u, art. 36, comma 1 lett b, nonché art. 43 e 45, D.Lgs. 81/2008 e successive modifiche ed integrazioni) (CHE ATTUA LE MISURE DI PRONTO SOCCORSO) (NEI CASI PIÚ GRAVI: CHIAMARE IL SISTEMA DI EMERGENZA SANITARIA DEL S.S.N. (NUMERO TELEFONICO 118). DIRETTO SUPERIORE (ES: CAPO TURNO, CAPO OFFICINA, ECC.). I LAVORATORI PRESENTI, RLS. DIRETTO SUPERIORE (ES: CAPO TURNO, CAPO OFFICINA, ECC.) ATTRAVERSO LA PORTINERIA O CENTRALINO. COMUNICARE ADEGUATAMENTE LO STATO DI SALUTE DELL INFORTUNATO. ADDETTO ALLA SQUADRA DI PRIMO SOCCORSO O ALTRA PERSONA A CONOSCENZA DEI FATTI IN GRADO DI COMUNICARE CORRETTAMENTE CON IL SISTEMA DI EMERGENZA SANITARIA (E POSSIBILE ACCOMPAGNARE L INFORTUNATO CON ALTRO MEZZO, DIVERSO DALL AMBULANZA, NEI CASI NON GRAVI (ES: POLVERE INERTE NEGLI OCCHI) CHE DEVONO ESSERE VALUTATI CASO PER CASO CON LA COLLABORAZIONE DEL S.S.N. 118, DELL ADDETTO AL PRIMO SOCCORSO E DELL INFORTUNATO STESSO. COMUNICAZIONE ORALE DELL AVVENUTO INFORTUNIO ALL UFFICIO PERSONALE ES: TRASPORTO CON AUTO AZIENDALE TRASPORTO CON TAXI DIRETTO SUPERIORE (ES: CAPO TURNO, CAPO OFFICINA, ECC.). (ANCHE NEL CASO DI NON ABBANDONO IMMEDIATO DEL POSTO DI LAVORO) Pagina 8 di 31

9 ATTIVITÁ (COSA FARE QUANDO ACCADE UN INFORTUNIO) COMUNICAZIONE ORALE DELL AVVENUTO INFORTUNIO A: RESPONSABILITÁ (CHI LO DEVE FARE) UFFICIO PERSONALE/AMMINISTRATIVO DATORE DI LAVORO/DIREZIONE R.S.P.P. RLS SE LE CONDIZIONI PSICOFISICHE DELL INFORTUNATO LO CONSENTONO, EFFETTUARE LA 1^ INTERVISTA ALL INFORTUNATO E/O AI LAVORATORI PRESENTI DIRETTO SUPERIORE (ES: CAPO TURNO, CAPO OFFICINA, ECC.). E COMPILARE IL MODULO A RAPPORTO DI INFORTUNIO SUL LAVORO CONSEGNA DEL MODULO A RAPPORTO DI INFORTUNIO SUL LAVORO COMPILATO, ALL UFFICIO PERSONALE ED AL R.S.P.P. DIRETTO SUPERIORE (ES: CAPO TURNO, CAPO OFFICINA, ECC.). SOPRALLUOGO (IMMEDIATO SE POSSIBILE) SUL LUOGO DELL INFORTUNIO PER RACCOLTA INFORMAZIONI, Esempi cause: EVIDENZE E RICERCA DELLE CAUSE Manovra errata. Attrezzatura non adeguata. Mancato uso del dpi (dispositivo di protezione individuale). Es: guanti, occhiali, ecc.. Imprudenza, disattenzione. Altro DIRIGENTE/PREPOSTO (RESPONSABILE DI REPARTO) R.S.P.P. A.S.P.P Pagina 9 di 31

10 ATTIVITÁ (COSA FARE QUANDO ACCADE UN INFORTUNIO) RESPONSABILITÁ (CHI LO DEVE FARE) PROPOSTA DI AZIONE CORRETTIVA PER ELIMINARE LA Esempi CAUSA DELL INFORTUNIO Addestramento del personale (formazione e/o informazione); Sostituzione dell attrezzatura non adeguata. Richiamo formale e/o provvedimento disciplinare al personale interessato. Implementazione del programma di manutenzione. Modifica organizzativa Altro COMPILAZIONE DEL MODULO B AZIONE CORRETTIVA RELATIVA ALL INFORTUNIO SUL LAVORO CON AUTORIZZAZIONE DEL DATORE DI LAVORO DIRIGENTE/PREPOSTO (RESPONSABILE DI REPARTO) R.S.P.P. COINVOLGIMENTO RLS R.S.P.P. FIRMA DATORE DI LAVORO SUL MODULO E RLS (PER CONOSCENZA) ATTUAZIONE DELL AZIONE CORRETTIVA DIRIGENTE/PREPOSTO (RESPONSABILE DI REPARTO) VERIFICA DELL ATTUAZIONE DELL AZIONE CORRETTIVA R.S.P.P. R.L.S. VERIFICA DELL EFFICACIA DELL AZIONE CORRETTIVA ATTUATA DIRIGENTE/PREPOSTO (RESPONSABILE DI REPARTO) R.S.P.P. R.L.S. Pagina 10 di 31

11 ATTIVITÁ (COSA FARE QUANDO ACCADE UN INFORTUNIO) RESPONSABILITÁ (CHI LO DEVE FARE) REGISTRAZIONE DELL INFORTUNIO ACCADUTO SUL REGISTRO INFORTUNI SOLO PER DIPENDENTI (SOLO NEL CASO IN CUI IL CERTIFICATO MEDICO DEL PRONTO SOCCORSO INDICHI UNA PROGNOSI 1 GIORNO) UFFICIO PERSONALE/AMMINISTRATIVO (SI PRECISA CHE LA RESPONSABILITÁ DELLA TENUTA DEL REGISTRO È DEL DATORE DI LAVORO; lettera o, punto 5, art. 5 D.Lgs. 626/1994) INOLTRARE LA DOCUMENTAZIONE ALL INAIL ENTRO 48 ORE (SOLO PER GLI INFORTUNI CON PROGNOSI > 3 GIORNI) UFFICIO PERSONALE/AMMINISTRATIVO INOLTRARE LA DOCUMENTAZIONE ALL INAIL ENTRO 24 ORE UFFICIO PERSONALE/AMMINISTRATIVO (SOLO SE TRATTASI DI INFORTUNIO MORTALE) INTERVISTA ALL INFORTUNATO DOPO L INFORTUNIO (SE POSSIBILE AL SUO RITORNO DAL PRONTO SOCCORSO) R.S.P.P DIRIGENTE/PREPOSTO (RESPONSABILE DI REPARTO) REDAZIONE DEL MODULO C R.S.P.P VERBALE INTERVISTA POST-INFORTUNIO DIRIGENTE/PREPOSTO (RESPONSABILE DI REPARTO) NEL CASO L ATTUAZIONE DELLA PRIMA AZIONE CORRETTIVA NON RISULTI EFFICACE, RIPETERE L ITER DIRIGENTE/PREPOSTO (RESPONSABILE DI REPARTO) R.S.P.P Pagina 11 di 31

12 ATTIVITÁ (COSA FARE QUANDO ACCADE UN INFORTUNIO) RESPONSABILITÁ (CHI LO DEVE FARE) ATTUAZIONE DELLA NUOVA AZIONE CORRETTIVA INDIVIDUATA DIRIGENTE/PREPOSTO (RESPONSABILE DI REPARTO) VERIFICA DELL EFFICACIA DELLA NUOVA AZIONE CORRETTIVA ATTUATA DIRIGENTE/PREPOSTO (RESPONSABILE DI REPARTO) R.S.P.P RLS 3.6. Documenti di registrazione MODULO A - RAPPORTO DI INFORTUNIO SUL LAVORO. MODULO B - RAPPORTO DI INFORTUNIO SUL LAVORO AZIONE CORRETTIVA. MODULO C - VERBALE INTERVISTA POST-INFORTUNIO. REGISTRO INFORTUNI 3.7. Documenti allegati MODULO A - RAPPORTO DI INFORTUNIO SUL LAVORO. MODULO B - RAPPORTO DI INFORTUNIO SUL LAVORO AZIONE CORRETTIVA. MODULO C - VERBALE INTERVISTA POST-INFORTUNIO. ELENCO POSSIBILI CAUSE INFORTUNI. ELENCO TIPOLOGIA INFORTUNIO. ESEMPIO PROCEDURE EMERGENZA SANITARIA. ESEMPIO PROCEDURE ANTINCENDIO ED EMERGENZA Distribuzione di questa procedura - DATORE DI LAVORO. - R.S.P.P.. - APPARTENENTI AL S.P.P.. - RLS. - UFFICIO PERSONALE/AMMINISTRATIVO. - DIRIGENTI/PREPOSTI (RESPONSABILI DI REPARTO). Pagina 12 di 31

13 4. PROCEDURA SEMPLIFICATA PER LA GESTIONE DEI COMPORTAMENTI IMPRUDENTI E PERICOLOSI 4.1. Premessa Obblighi dei lavoratori di cui ai commi 1 e 2 dell articolo 20 del D.Lgs 81/08 e successive modifiche integrazioni. Comma 1 - Ogni lavoratore deve prendersi cura della propria salute e sicurezza e di quella delle altre persone presenti sul luogo di lavoro, su cui ricadono gli effetti delle sue azioni o omissioni, conformemente alla sua formazione, alle istruzioni e ai mezzi forniti dal datore di lavoro. Comma 2 I lavoratori devono in particolare: a) Contribuire, insieme al datore di lavoro, ai dirigenti e ai preposti, all'adempimento degli obblighi previsti a tutela della salute e sicurezza sui luoghi di lavoro. b) Osservare le disposizioni e le istruzioni impartite dal datore di lavoro, dai dirigenti e dai preposti, ai fini della protezione collettiva ed individuale. c) Utilizzare correttamente le attrezzature di lavoro, le sostanze e i preparati pericolosi, i mezzi di trasporto, nonchè i dispositivi di sicurezza. d) Utilizzare in modo appropriato i dispositivi di protezione messi a loro disposizione. e) segnalare immediatamente al datore di lavoro, al dirigente o al preposto le deficienze dei mezzi e dei dispositivi di cui alle lettere c) e d), nonchè qualsiasi eventuale condizione di pericolo di cui vengano a conoscenza, adoperandosi direttamente, in caso di urgenza, nell'ambito delle proprie competenze e possibilità e fatto salvo l'obbligo di cui alla lettera f) per eliminare o ridurre le situazioni di pericolo grave e incombente, dandone notizia al rappresentante dei lavoratori per la sicurezza f) Non rimuovere o modificare senza autorizzazione i dispositivi di sicurezza o di segnalazione o di controllo g) Non compiere di propria iniziativa operazioni o manovre che non sono di loro competenza ovvero che possono compromettere la sicurezza propria o di altri lavoratori. h) Partecipare ai programmi di formazione e di addestramento organizzati dal datore di lavoro. i) Sottoporsi ai controlli sanitari previsti dal presente decreto legislativo o comunque disposti dal medico competente. Pagina 13 di 31

14 4.2. Scopo Gli scopi derivanti dall applicazione di questa procedura sono: Fare aumentare l osservanza delle norme di sicurezza generali ed aziendali da parte dei lavoratori sul luogo di lavoro CON IL FINE PRIMARIO DI RIDURRE GLI INFORTUNI. Favorire l apporto dei lavoratori nel segnalare eventuali comportamenti imprudenti e pericolosi. Implementare la sorveglianza sui comportamenti imprudenti e pericolosi. Comunicare ai i lavoratori all osservanza delle procedure di sicurezza. Definire le responsabilità relativa all applicazione di questa procedura. Definire le modalità di registrazione dei comportamenti imprudenti e pericolosi. Avere a disposizione dati registrati da utilizzare per analisi e statistiche finalizzate alla prevenzione degli infortuni Campo di applicazione Comportamenti non conformi alle norme di sicurezza generali ed alle norme di sicurezza aziendali (procedure e pratiche operative di sicurezza) e che possono generare un rischio di infortunio Elenco, non esaustivo, di comportamenti imprudenti e pericolosi: A. INOSSERVANZA DELLE PROCEDURE DI SICUREZZA. B. MANCATO USO DEI DPI (DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE). C. TRASPORTO DI PERSONE SU CARRELLI ELEVATORI. D. UTILIZZO DI ATTREZZATURE NON ADEGUATE. E. RIMOZIONE/MODIFICA NON AUTORIZZATA DEI DISPOSITIVI DI SICUREZZA O DI SEGNALAZIONE O DI CONTROLLO. F. SCORRETTO UTILIZZO DEI MACCHINARI, DELLE GRU E DEGLI UTENSILI. G. SCORRETTO UTILIZZO/RIMOZIONE DEI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE. H. OPERAZIONE O MANOVRA NON DI PROPRIA COMPETENZA. I. USO DI CELLULARE PERSONALE IN AZIENDA. J. SCHERZI. Pagina 14 di 31

15 4.4. Definizioni I comportamenti imprudenti e pericolosi sono quelli che espongono a danni le persone, le cose, l ambiente Responsabilità dell applicazione di questa procedura Il Datore di lavoro, i Dirigenti, i preposti (es: capi officina, capi produzione, capi squadra, ), R.S.P.P., A.S.P.P., sono incaricati: Della sorveglianza dei lavoratori in relazione al rispetto delle norme di sicurezza. Della rilevazione di comportamenti imprudenti e pericolosi. Del richiamo verbale da registrare sul relativo modulo allegato Gestione dei comportamenti imprudenti e pericolosi ATTIVITÁ (COSA FARE DURANTE LE ATTIVITÀ LAVORATIVE E NON LAVORATIVE IN AZIENDA) Sorveglianza dei lavoratori in relazione ai comportamenti imprudenti e pericolosi come precedentemente definiti. RESPONSABILITÁ (CHI LO DEVE FARE) DATORE DI LAVORO DIRIGENTI PREPOSTI (ES:CAPI OFFICINA, CAPI PRODUZIONE, CAPI SQUADRA, ) R.S.P.P. A.S.P.P. ATTIVITÁ (COSA FARE QUANDO DURANTE LE ATTIVITÀ LAVORATIVE E NON LAVORATIVE IN AZIENDA, VENGONO NOTATI UNO O PIÙ COMPORTAMENTI IMPRUDENTI E PERICOLOSI) Richiedere ai lavoratori interessati, l osservanza delle norme di sicurezza vigenti in materia nonché l osservanza delle disposizioni aziendali in materia di sicurezza e di igiene del lavoro e di uso dei mezzi di protezione collettivi e dei dispositivi di protezione individuali messi a loro disposizione. SEGNALARE IMMEDIATAMENTE L ACCADUTO A: DATORE DI LAVORO, DIRIGENTI, PREPOSTI RESPONSABILITÁ (CHI LO DEVE FARE) DATORE DI LAVORO, DIRIGENTI, PREPOSTI (ES:CAPI OFFICINA, CAPI PRODUZIONE, CAPI SQUADRA, ) R.S.P.P. A.S.P.P. R.L.S. COMPAGNI DI LAVORO LAVORATORE RLS R.S.P.P. Pagina 15 di 31

16 ATTIVITÁ (COSA FARE QUANDO DURANTE LE ATTIVITÀ LAVORATIVE E NON LAVORATIVE IN AZIENDA, VENGONO NOTATI UNO O PIÙ COMPORTAMENTI IMPRUDENTI E PERICOLOSI) RESPONSABILITÁ (CHI LO DEVE FARE) Registrare sul MODULO D REGISTRAZIONE RICHIAMO VERBALE PER COMPORTAMENTI IMPRUDENTI E PERICOLOSI Il richiamo verbale fatto al lavoratore. Relativamente al comportamento imprudente/ pericoloso rilevato, informare il lavoratore che lo ha effettuato, sulle corrette norme di sicurezza da attuare e registrare l addestramento sul modulo REGISTRAZIONE ADDESTRAMENTO. DATORE DI LAVORO DIRIGENTI PREPOSTI (ES:CAPI OFFICINA, CAPI PRODUZIONE, CAPI SQUADRA, ) R.S.P.P. A.S.P.P. Il modulo REGISTRAZIONE RICHIAMO VERBALE, debitamente compilato e firmato da chi ha rilevato il comportamento imprudente e pericoloso, deve essere distribuito a: UFFICIO PERSONALE/AMMINISTRATIVO DATORE DI LAVORO DIRIGENTE/PREPOSTO DEL LAVORATORE CHI HA RILEVATO IL COMPORTAMENTO IMPRUDENTE E PERICOLSO R.S.P.P. Il Datore di Lavoro in coordinamento con la Direzione del Personale, effettuate le opportune valutazioni (per esempio: verifica il numero dei richiami verbali già registrati, la recidiva in alcuni comportamenti pericolosi o gravità del comportamento), procede a promuovere l eventuale contestazione disciplinare secondo quanto disposto art. 7 della L. 300/1970 e dal CCNL Federmeccanica 7 Maggio DATORE DI LAVORO Pagina 16 di 31

17 4.7. Archiviazione Il modulo di registrazione del richiamo, viene archiviato nella cartella personale del lavoratore da parte dell ufficio preposto, insieme al modulo di registrazione relativo all addestramento effettuato. I dati registrati saranno utilizzati per effettuare le opportune statistiche e valutare le azioni preventive da attuare Documenti di registrazione MODULO D - REGISTRAZIONE RICHIAMO VERBALE PER COMPORTAMENTI IMPRUDENTI E PERICOLOSI Distribuzione di questa procedura - DATORE DI LAVORO. - R.S.P.P.. - APPARTENENTI AL S.P.P.. - RLS. - UFFICIO PERSONALE/AMMINISTRATIVO. - DIRIGENTI/PREPOSTI (RESPONSABILI DI REPARTO). Pagina 17 di 31

18 5. PROCEDURA SEMPLIFICATA PER LA GESTIONE DEGLI INCIDENTI 5.1. Scopo Gli scopi derivanti dall applicazione di questa procedura sono: Fare aumentare l osservanza delle norme di sicurezza generali ed aziendali da parte dei lavoratori sul luogo di lavoro. Implementare la sorveglianza sui comportamenti imprudenti e pericolosi. Richiamare i lavoratori all osservanza delle procedure di sicurezza. Definire le responsabilità relativa all applicazione di questa procedura. Definire le modalità di registrazione dei comportamenti imprudenti e pericolosi. Avere a disposizione dati registrati da utilizzare per analisi e statistiche finalizzate alla prevenzione degli infortuni Campo di applicazione Comportamenti non conformi alle norme di sicurezza generali ed alle norme di sicurezza aziendali (procedure e pratiche operative di sicurezza) Definizione Si definisce incidente un evento casuale, inaspettato ed indesiderato che può degradare una situazione ed in particolare provocare un danno alle persone, cose, impianti, attrezzature, strutture. Gli incidenti possono provocare infortuni che non prevedono l assenza dal lavoro, ma solo l attivazione del servizio interno del primo soccorso. Pagina 18 di 31

19 5.4. Gestione degli incidenti ATTIVITÁ (COSA FARE QUANDO ACCADE UN INCIDENTE) RESPONSABILITÁ (CHI LO DEVE FARE) COMUNICARLO AL PROPRIO DIRIGENTE/PREPOSTO IL QUALE HA LA RESPONSABILITÀ E L AUTORITÀ DI VALUTARE E TRATTARE LA SEGNALAZIONE OGNI DIPENDENTE COMPILARE IL MODULO E SEGNALAZIONE INCIDENTI E PROVVEDERE ALL INOLTRO ALLA DIREZIONE DIRIGENTE/PREPOSTO SOPRALLUOGO (IMMEDIATO SE POSSIBILE) SUL LUOGO DELL INCIDENTE PER RACCOLTA INFORMAZIONI, Esempi cause: Manovra errata. EVIDENZE E RICERCA CAUSE Attrezzatura non adeguata. Altro PROPOSTA DI AZIONE CORRETTIVA PER ELIMINARE LA CAUSA DELL INCIDENTE Addestramento del personale (formazione e/o informazione); Sostituzione dell attrezzatura non adeguata. Richiamo formale e/o provvedimento disciplinare al personale interessato. Implementazione del programma di manutenzione. Altro. COMPILAZIONE DEL MODULO E GIÁ CONDIVISO CON DATORE DI LAVORO AZIONE CORRETTIVA RELATIVA ALL INCIDENTE DIRIGENTE/PREPOSTO (RESPONSABILE DI REPARTO) R.S.P.P. A.S.P.P. DIRIGENTE/PREPOSTO (RESPONSABILE DI REPARTO) R.S.P.P. COINVOLGIMENTO RLS R.S.P.P. FIRMA DATORE DI LAVORO SUL MODULO E RLS (PER CONOSCENZA) Pagina 19 di 31

20 ATTIVITÁ (COSA FARE QUANDO ACCADE UN INCIDENTE) RESPONSABILITÁ (CHI LO DEVE FARE) ATTUAZIONE DELL AZIONE CORRETTIVA DIRIGENTE/PREPOSTO (RESPONSABILE DI REPARTO) VERIFICA DELL ATTUAZIONE DELL AZIONE CORRETTIVA R.S.P.P. VERIFICA DELL EFFICACIA DELL AZIONE CORRETTIVA ATTUATA DIRIGENTE/PREPOSTO (RESPONSABILE DI REPARTO) R.S.P.P Archiviazione Il modulo di segnalazione incidenti, viene archiviato dall ufficio preposto. I dati registrati saranno utilizzati per effettuare le opportune statistiche e valutare le azioni preventive da attuare Documenti di registrazione MODULO E - SEGNALAZIONE INCIDENTI ED AZIONE CORRETTIVA 5.7. Distribuzione di questa procedura - DATORE DI LAVORO. - R.S.P.P. - APPARTENENTI AL S.P.P. - RLS. - UFFICIO PERSONALE/AMMINISTRATIVO. - DIRIGENTI/PREPOSTI (RESPONSABILI DI REPARTO). Pagina 20 di 31

21 6. PROCEDURA SEMPLIFICATA PER L ANALISI DEI DATI RELATIVI AGLI INFORTUNI 6.1. Premessa Fermo restando gli indici regolamentati da norme specifiche (UNI 7249 dicembre 1995 Statistiche degli infortuni sul lavoro) e art 53 D.lgs 81/08, in questo documento sono stati trattati altri possibili indicatori, utili per monitorare l andamento degli infortuni al fine di gestire le eventuali azioni correttive per il miglioramento continuo Indici infortunistici IF Indice di frequenza IF = indice di frequenza = nn,nn = N TOTALE INFORTUNI x 10 ORE LAVORATE 6 ESEMPIO 6 IF = indice di frequenza = 97,91 = 49 x N.B. Il n totale infortuni dovrebbe comprendere il numero di infortuni (dipendenti, lavoratori in somministrazione, stagisti, studenti, tirocinanti) come di seguito definiti (eventi che producono un danno all integrità psicofisica di una persona in occasione di lavoro, ovvero un inabilità temporanea che comporti l astensione dal lavoro per almeno 1 giorno). Pagina 21 di 31

22 Esempio di andamento negli anni dell indice di frequenza ANNO INDICE DI FREQUENZA valore obiettivo prefissato dall azienda ,00 100, ,91 100, ,10 95, ,00 90,00 120,00 110,00 INDICATORE DI MISURA PROCESSO LAMINATO A FREDDO/RIBOBINATO % DI SCARTO SUL PRODOTTO IN ENTRATA INDICE DI FREQUENZA valore obiettivo 100,00 90,00 80, Pagina 22 di 31

23 Esempio di osservazioni sull andamento negli anni dell indice di frequenza Confrontando l andamento degli indici di frequenza nel periodo si può rilevare che dopo una certa tendenza alla diminuzione, nel 2005 si riscontra un leggero aumento rispetto all anno precedente ed il mancato raggiungimento dell obiettivo prefissato (vedi legenda). Dall analisi dettagliata delle cause degli infortuni si è potuto constatare che sono aumentati gli infortuni causati dal mancato utilizzo dei DPI nel reparto PRODUZIONE MANUFATTI, pertanto l azione correttiva prevista per il 2006 è la seguente: In riferimento ai DPI, programmazione di corsi addestramento con i seguenti argomenti: Obblighi del datore di lavoro Obblighi dei lavoratori A cosa servono i DPI. Uso corretto dei DPI. Sanzioni IG Indice di gravità IG = indice di gravità = n,nn = N TOTALE GIORNI ASSENZA x 10 ORE LAVORATE 3 ESEMPIO 3 IG = indice di gravità = 1,15 = 576 x N.B. Il n totale giorni di assenza dovrebbe comprendere i giorni di assenza relativi agli infortuni (dipendenti, lavoratori in somministrazione, stagisti, studenti, tirocinanti) come di seguito definiti (evento che produce un danno all integrità psicofisica di una persona in occasione di lavoro, ovvero un inabilità temporanea che comporti l astensione dal lavoro per almeno 1 giorno). Pagina 23 di 31

Facoltà di Medicina e Chirurgia

Facoltà di Medicina e Chirurgia Facoltà di Medicina e Chirurgia PROCEDURA DA SEGUIRE DALLO STUDENTE DEL CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA IN CASO DI INFORTUNIO OCCORSOGLI DURANTE L ATTIVITÀ TEORICO-PRATICA RIFERIMENTI D.P.R. 30 giugno

Dettagli

Safety progetto formativo finanziato da Fondimpresa. Elaborazione Dati del Rapporto Annuale INAIL al 31 ottobre 2009.

Safety progetto formativo finanziato da Fondimpresa. Elaborazione Dati del Rapporto Annuale INAIL al 31 ottobre 2009. At Work progetto formativo finanziato da Fondimpresa Elaborazione Dati del Rapporto Annuale INAIL al 31 ottobre 2009. Per l anno 2008 sono pervenute all INAIL 84.586 denunce di infortuni registrati su

Dettagli

della SICUREZZA e della SALUTE SUI LUOGHI DI LAVORO

della SICUREZZA e della SALUTE SUI LUOGHI DI LAVORO M. LEPORE della SICUREZZA e della SALUTE SUI LUOGHI DI LAVORO Manuale ad uso dei lavoratori Informazione dei lavoratori ai sensi dell art. 36 del D.Lgs. 9 aprile 2008 n. 81 e s.m.i. della SICUREZZA DEFINIZIONI...5

Dettagli

LA SICUREZZA legata all uso delle macchine agricole

LA SICUREZZA legata all uso delle macchine agricole LA SICUREZZA legata all uso delle macchine agricole L uso delle macchine e gli INFORTUNI La NORMATIVA (macchine NUOVE e USATE) Normativa TENICA (OBBLIGATORIA E VOLONTARIA) Movimentazione Manuale dei Carichi

Dettagli

IL FENOMENO INFORTUNISTICO NEL FLOROVIVAISMO INDAGINE 2001-2005

IL FENOMENO INFORTUNISTICO NEL FLOROVIVAISMO INDAGINE 2001-2005 IL FENOMENO INFORTUNISTICO NEL FLOROVIVAISMO INDAGINE 2001-2005 Il monitoraggio del fenomeno infortunistico nei principali comparti produttivi del territorio è attività che il Servizio pubblico di prevenzione

Dettagli

Il Dlgs 81/2008 e i rischi nell azienda agricola

Il Dlgs 81/2008 e i rischi nell azienda agricola Convegno SICUREZZA IN AGRICOLTURA: SICURI DI LAVORARE SICURI? Il Dlgs 81/2008 e i rischi nell azienda agricola Dott. Marco Valentini Dipartimento di Prevenzione - UO Igiene del lavoro Cos è la sicurezza?

Dettagli

D. Lgs. 81/08: le figure della sicurezza in azienda

D. Lgs. 81/08: le figure della sicurezza in azienda D. Lgs. 81/08: le figure della sicurezza in azienda Attualmente in Italia vige il cosiddetto Testo Unico sulla salute e sicurezza sul lavoro (T.U. Sicurezza), rappresentato dal D.Lgs.81/2008,.e ss.mm.ii..

Dettagli

Il D.Lgs. 81/2008 (Testo Unico sulla sicurezza) si applica a tutte le imprese con lavoratori dipendenti ed alle Pubbliche Amministrazioni.

Il D.Lgs. 81/2008 (Testo Unico sulla sicurezza) si applica a tutte le imprese con lavoratori dipendenti ed alle Pubbliche Amministrazioni. CAMPO DI APPLICAZIONE Il D.Lgs. 81/2008 (Testo Unico sulla sicurezza) si applica a tutte le imprese con lavoratori dipendenti ed alle Pubbliche Amministrazioni. FIGURE INTERESSATE Datore di Lavoro Lavoratore

Dettagli

1. DISTRIBUZIONE RSPP, direzione, datore di lavoro

1. DISTRIBUZIONE RSPP, direzione, datore di lavoro Acquedotto Langhe e Alpi Cuneesi SpA Sede legale in Cuneo, Corso Nizza 9 acquedotto.langhe@acquambiente.it www.acquambiente.it SGSL Procedura Valutazione dei rischi P01 Rev. 00 del 16/09/09 1. DISTRIBUZIONE

Dettagli

Corso di formazione per la Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i.

Corso di formazione per la Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Ente di formazione accreditato dalla Regione Siciliana Corso di formazione per la Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Page1 Sommario 1. IL QUADRO NORMATIVO IN MATERIA

Dettagli

19/06/2013. Responsabile Servizio di Prevenzione e Protezione. Corso lavoratori - CAA Dott. Palumbo 2

19/06/2013. Responsabile Servizio di Prevenzione e Protezione. Corso lavoratori - CAA Dott. Palumbo 2 CORSO di formazione per lavoratori ai sensi dell art. 37 del D.Lgs 81/08 e Accordo Stato Regioni del 21/12/2011 Relatore: : Dott. Lazzaro Palumbo Responsabile Servizio di Prevenzione e Protezione Durata

Dettagli

Istruzioni operative per la gestione degli infortuni

Istruzioni operative per la gestione degli infortuni Istruzioni operative per la gestione degli infortuni SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE La presente procedura si applica a tutti gli eventi definiti infortuni che si verificano a carico dei lavoratori dipendenti,

Dettagli

PROCEDURA DI FORMAZIONE INFORMAZIONE E ADDESTRAMENTO

PROCEDURA DI FORMAZIONE INFORMAZIONE E ADDESTRAMENTO PROCEDURA DI FORMAZIONE INFORMAZIONE E ADDESTRAMENTO PREMESSA Tale si compone delle seguenti macro-aree: - procedura di formazione informazione e addestramento riportante campo di applicazione e destinatari,

Dettagli

Indice. 1. Generalità relative agli infortuni biologici a rischio HIV e virus epatitici

Indice. 1. Generalità relative agli infortuni biologici a rischio HIV e virus epatitici Azienda Ulss n 8 Asolo Gestione infortuni biologici a rischio HIV e virus epatitici IO 02 Rev. 01 del 18/01/2010 Pag. 1/2 Indice 1. Generalità relative agli infortuni biologici a rischio HIV e virus epatitici...1

Dettagli

CORSO BASE SICUREZZA ISTITUTO COMPRENSIVO DI CAVALESE

CORSO BASE SICUREZZA ISTITUTO COMPRENSIVO DI CAVALESE CORSO BASE SICUREZZA ISTITUTO COMPRENSIVO DI CAVALESE Giovedì 13.12.2012 Mercoledì 19.12.2012 Giovedì 10.01.2013 Giovedì 17.01.2013 venerdì 15.02.2013 Corso: ore14.00 18.00 Verifica degli apprendimenti:

Dettagli

Salute e sicurezza nei luoghi di lavoro D.Lgs. 81/2008

Salute e sicurezza nei luoghi di lavoro D.Lgs. 81/2008 Formazione del personale Salute e sicurezza nei luoghi di lavoro DATORE DI LAVORO Soggetto titolare del rapporto di lavoro con il lavoratore, responsabile della organizzazione o dell unità produttiva in

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PROCEDURE PROCEDURA M. Norme operative accesso ai laboratori

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PROCEDURE PROCEDURA M. Norme operative accesso ai laboratori DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PROCEDURE EDIZIONE N 01 REVISIONE N 00 DATA 20/06/08 SEZIONE 09 PAGINA 1 di 2 PROCEDURA M Norme operative accesso ai laboratori Il presente allegato costituisce una

Dettagli

CATALOGO CORSI di FORMAZIONE

CATALOGO CORSI di FORMAZIONE Con l entrata in vigore del nuovo Accordo Stato-Regioni avvenuta il 26 gennaio 2012, i contenuti formativi legati alla Sicurezza sul Lavoro hanno subito degli adeguamenti sostanziali, sia nei CONTENUTI,

Dettagli

D.Lgs 9 aprile 2008, n.81

D.Lgs 9 aprile 2008, n.81 D.Lgs 9 aprile 2008, n.81 Definizioni Ai sensi dell art.2 del decreto 81/2008, si precisa che: 1. Datore di lavoro: è il soggetto titolare del rapporto di lavoro con il lavoratore. Nel caso Suo è la persona

Dettagli

PROGRAMMA CORSI SICUREZZA

PROGRAMMA CORSI SICUREZZA PROGRAMMA CORSI SICUREZZA 1 Formazione Generale Lavoratori Destinatari: Tutti i lavoratori. Dipendenti a tempo indeterminato e determinato, apprendisti, soci lavoratori di cooperativa, associati in partecipazione,

Dettagli

Michele Lepore PRONTUARIO. delle AUTORIZZAZIONI, VERIFICHE, CERTIFICAZIONI e dei CONTROLLI DI SICUREZZA

Michele Lepore PRONTUARIO. delle AUTORIZZAZIONI, VERIFICHE, CERTIFICAZIONI e dei CONTROLLI DI SICUREZZA Michele Lepore PRONTUARIO delle AUTORIZZAZIONI, VERIFICHE, CERTIFICAZIONI e dei CONTROLLI DI SICUREZZA Guida agli adempimenti tecnico-amministrativi di prevenzione infortuni, igiene del lavoro e prevenzione

Dettagli

Istruzioni operative per la gestione degli infortuni

Istruzioni operative per la gestione degli infortuni Istruzioni operative per la gestione degli infortuni SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE La presente procedura si applica a tutti gli eventi definiti infortuni che si verificano a carico dei lavoratori dipendenti,

Dettagli

ESTRATTO DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI (Applicazione disposizioni Art. 26 del D.Lgs. 81/08)

ESTRATTO DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI (Applicazione disposizioni Art. 26 del D.Lgs. 81/08) ESTRATTO DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI (Applicazione disposizioni Art. 26 del D.Lgs. 81/08) Appalto per RISTORAZIONE SCOLASTICA COMMITTENTE COMUNE DI CREAZZO DITTA APPALTATRICE

Dettagli

Sicurimpariamo al. Inail Sede di Torino Centro 21 marzo 2012 Funzione Prevenzione Roberto Sciarra

Sicurimpariamo al. Inail Sede di Torino Centro 21 marzo 2012 Funzione Prevenzione Roberto Sciarra Sicurimpariamo al Ferrante Aporti Inail Sede di Torino Centro 21 marzo 2012 Funzione Prevenzione Roberto Sciarra 1 Comportamenti di sicurezza e gestione delle attività 2 Principali figure della sicurezza:

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO PER LA TUTELA DELLA SICUREZZA E DELLA SALUTE DEI LAVORATORI NEI LUOGHI DI LAVORO. Art. 1 Campo di applicazione

REGOLAMENTO DI ATENEO PER LA TUTELA DELLA SICUREZZA E DELLA SALUTE DEI LAVORATORI NEI LUOGHI DI LAVORO. Art. 1 Campo di applicazione REGOLAMENTO DI ATENEO PER LA TUTELA DELLA SICUREZZA E DELLA SALUTE DEI LAVORATORI NEI LUOGHI DI LAVORO Art. 1 Campo di applicazione Il regolamento si applica a tutte le attività istituzionali dell Università

Dettagli

Titolo rilasciato: Il rilascio dell attestato di partecipazione avverrà solo dopo aver effettuato almeno il 70% delle ore previste.

Titolo rilasciato: Il rilascio dell attestato di partecipazione avverrà solo dopo aver effettuato almeno il 70% delle ore previste. CORSI DI AGGIORNAMENTO FORMAZIONE DATORE DI LAVORO-RSPP secondo artt. 34 e 37 del D.Lgs. 81/08 ACCREDITATO 16 ECM (SETTORE SANITA : rischio ALTO 14 ore) Conforme alle indicazioni degli Accordi Stato-Regioni

Dettagli

SICUREZZA E SALUTE DEI LAVORATORI

SICUREZZA E SALUTE DEI LAVORATORI Informazioni generali sulla SICUREZZA E SALUTE DEI LAVORATORI Per il personale di nuovo inserimento dell Istituto Superiore di Sanità Istituto Superiore di Sanità, 2010 sommario 5 premessa 6-10 informazioni

Dettagli

Cultura della Sicurezza DAL DIRE AL FARE. Colloredo Alessandro Consulente Tecnico Sicurezza Lavoro tel 366 3992712 email: acollor@tin.

Cultura della Sicurezza DAL DIRE AL FARE. Colloredo Alessandro Consulente Tecnico Sicurezza Lavoro tel 366 3992712 email: acollor@tin. Cultura della Sicurezza DAL DIRE AL FARE Colloredo Alessandro Consulente Tecnico Sicurezza Lavoro tel 366 3992712 email: acollor@tin.it 1 DECRETO LEGISLATIVO 9 aprile 2008, n. 81 Attuazione dell'articolo

Dettagli

PROTOCOLLO INTERNO SULLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

PROTOCOLLO INTERNO SULLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO . Pag 1/8 PROTOCOLLO INTERNO SULLA SALUTE E SICUREZZA PALLOTTA S.P.A. EMESSO APPROVATO REVISIONE DATA FUNZIONE FIRMA FUNZIONE FIRMA CdA CdA . Pag 2/8 1 INDIVIDUAZIONE DELLA AREE A RISCHIO NELL AMBITO DELLA

Dettagli

D. LGS. 81/08 testo unico sulla sicurezza

D. LGS. 81/08 testo unico sulla sicurezza Campagna straordinaria di formazione per la diffusione della cultura della salute e della sicurezza rivolto al mondo dell impresa. Cantieri di sicurezza 52/1/3/277/2010 D. LGS. 81/08 testo unico sulla

Dettagli

VALUTAZIONE DEI RISCHI Capitolo 4

VALUTAZIONE DEI RISCHI Capitolo 4 CRITERI DI INDIVIDUAZIONE DEI RISCHI PER LA SALUTE E LA SICUREZZA DEI LAVORATORI 2 ANALISI DEGLI INFORTUNI... 4 SEDE FIRENZE... 4 Frequenza e entità del danno collegato alle tipologie di infortunio registrate

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEI RISCHI

LA VALUTAZIONE DEI RISCHI LA VALUTAZIONE DEI RISCHI Dott. Sergio Biagini Tecnico della Prevenzione IL D.LGS. 81/08 (come già previsto dal D.Lgs.. 626/94) INDICA IL PERCORSO DA COMPIERE PER INNALZARE IL LIVELLO DI SICUREZZA E QUALITA

Dettagli

DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE. Area Tutela della Salute e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro Servizio Prevenzione e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro

DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE. Area Tutela della Salute e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro Servizio Prevenzione e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Area Tutela della Salute e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro Servizio Prevenzione e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro LEGGE DI MURPHY Niente è facile come sembra Tutto richiede

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO I.S.A 10

ISTITUTO COMPRENSIVO I.S.A 10 ISTITUTO COMPRENSIVO I.S.A 10 Informazioni e disposizioni in materia di tutela della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro [artt 36, 18 c. 1, l. f), l) D.Lgs. 81/08] Ed.1 Rev.0_14 INDICE 1. Disposizioni

Dettagli

La sicurezza nelle attività di volontariato

La sicurezza nelle attività di volontariato La sicurezza nelle attività di volontariato 1 Il D. Lgs. 81/08 Articolo 3 Campo di applicazione Il presente decreto legislativo si applica a tutti i settori di attività, privati e pubblici, e a tutte le

Dettagli

D.Lgs.81 Rischi per il settore terziario VALUTAZIONE DEL RISCHIO STRESS LAVORO CORRELATO

D.Lgs.81 Rischi per il settore terziario VALUTAZIONE DEL RISCHIO STRESS LAVORO CORRELATO D.Lgs.81 Rischi per il settore terziario VALUTAZIONE DEL RISCHIO STRESS LAVORO CORRELATO Le persone possono essere molto stressate per un sommarsi di fattori di stress lavorativo ed extralavorativo Rilevare

Dettagli

CORSO di FORMAZIONE per ADDETTI AL PRONTO SOCCORSO in attività classificate nei Gruppi A, B o C (D.M. 388/2003)

CORSO di FORMAZIONE per ADDETTI AL PRONTO SOCCORSO in attività classificate nei Gruppi A, B o C (D.M. 388/2003) CORSO di FORMAZIONE per ADDETTI AL PRONTO SOCCORSO in attività classificate nei Gruppi A, B o C (D.M. 388/2003) Corso di Formazione conforme ai criteri prescritti dal D.M. 388/2003 1/21 INQUADRAMENTO NORMATIVO

Dettagli

TABELLA TEMPI E NORME DI RIFERIMENTO Documentazione Designazione del Responsabile del servizio di prevenzione e protezione (RSPP) Attestato di formazione per svolgere la funzione di RSPP Documento di valutazione

Dettagli

Formazione Generale Lavoratori Accordo Stato Regioni 21/12/11

Formazione Generale Lavoratori Accordo Stato Regioni 21/12/11 Formazione Generale Lavoratori Accordo Stato Regioni 21/12/11 Programma del corso: Modulo 2: Trattazione di: 1. Organizzazione della prevenzione aziendale 2. Diritti, doveri e per i vari soggetti aziendali

Dettagli

PROCEDURA GESTIONALE 07 Gestione degli Infortuni, Non Conformità, Incidenti e Comportamenti Pericolosi

PROCEDURA GESTIONALE 07 Gestione degli Infortuni, Non Conformità, Incidenti e Comportamenti Pericolosi PROCEDURA GESTIONALE 07 Gestione degli Infortuni, Non Conformità, Incidenti e Comportamenti Pericolosi DIPARTIMENTO: Direzione Sanitaria UNITA OPERATIVA: Servizio Prevenzione Protezione Preparato da: Operatori

Dettagli

Azione Pegaso 2015. del D.Lgs. 81/08. Corso di formazione per Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza

Azione Pegaso 2015. del D.Lgs. 81/08. Corso di formazione per Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza Applicazione del D.Lgs. 81/08 nella scuola Corso di formazione per Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza Cosa deve fare il Dirigente Scolastico (misure generali di tutela, art 15) Individuare

Dettagli

Corso LA SICUREZZA LASER. L organizzazione aziendale per la sicurezza

Corso LA SICUREZZA LASER. L organizzazione aziendale per la sicurezza Sincrotrone Trieste S.C.p.A. Servizio di Prevenzione e Protezione Corso LA SICUREZZA LASER L organizzazione aziendale per la sicurezza Ing. Stefano Bergamasco Responsabile del Servizio di Prevenzione e

Dettagli

REGOLAMENTO AZIENDALE PER L ORGANIZZAZIONE DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE PER LA SICUREZZA E LA SALUTE SUI LUOGHI DI LAVORO

REGOLAMENTO AZIENDALE PER L ORGANIZZAZIONE DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE PER LA SICUREZZA E LA SALUTE SUI LUOGHI DI LAVORO Repubblica Italiana CITTÁ DI MAZARA DEL VALLO REGOLAMENTO AZIENDALE PER L ORGANIZZAZIONE DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE PER LA SICUREZZA E LA SALUTE SUI LUOGHI DI LAVORO (in attuazione del decreto

Dettagli

LICEO GINNASIO STATALE VIRGILIO

LICEO GINNASIO STATALE VIRGILIO MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO LICEO GINNASIO STATALE VIRGILIO Via Giulia, 38 - Roma SICUREZZA NELLA SCUOLA (Opuscolo informativo per

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENZIALI

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENZIALI DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENZIALI ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. SEDE OPERATIVA PISCINA COMUNALE COMUNE DI FIGLINE VALDARNO Gestione Piscina Comunale Data emissione I revisione

Dettagli

CATALOGO TEMATICA SICUREZZA SUL LUOGO DI LAVORO CATALOGO OFFERTA FORMATIVA TEMATICA SICUREZZA SUL LUOGO DI LAVORO

CATALOGO TEMATICA SICUREZZA SUL LUOGO DI LAVORO CATALOGO OFFERTA FORMATIVA TEMATICA SICUREZZA SUL LUOGO DI LAVORO CATALOGO OFFERTA FORMATIVA TEMATICA SICUREZZA SUL LUOGO DI LAVORO LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI E DEI PREPOSTI SECONDO L ACCORDO STATO REGIONI 21.12.2011 FORMAZIONE GENERALE Lavoratori definiti secondo

Dettagli

LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA

LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA PROCEDURE ORGANIZZATIVE PER IL PRIMO SOCCORSO protocollo d intesa 5 febbraio 2015 ASL Brescia ASL Vallecamonica Sebino - Direzione Territoriale del

Dettagli

Riunione periodica di prevenzione e protezione dai rischi art. 35 del D.Lgs. Nr. 81/2008

Riunione periodica di prevenzione e protezione dai rischi art. 35 del D.Lgs. Nr. 81/2008 AUTONOME PROVINZ BOZEN - SÜDTIROL Abteilung 4 Personal Dienststelle für Arbeitsschutz PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO - ALTO ADIGE Ripartizione 4 Personale Servizio di prevenzione e protezione Riunione periodica

Dettagli

CATALOGO CORSI ANNO 2013 - E-LEARNING -

CATALOGO CORSI ANNO 2013 - E-LEARNING - CATALOGO CORSI ANNO 2013 - E-LEARNING - (F.GEN-00-F) Destinatari: Tutto il personale dipendente, escluso il legale rappresentante Obiettivi del corso: Fornire i concetti di rischio, danno, prevenzione,

Dettagli

Principali rischi nelle lavorazioni di nostro interesse

Principali rischi nelle lavorazioni di nostro interesse SICUREZZA SUL LUOGO DI LAVORO La salute di un lavoratore è definita come il completo benessere fisico, psicologico e sociale e può subire danni che possiamo classificare come: - INFORTUNIO è un evento

Dettagli

Quadro normativo e organizzazione della sicurezza D.LGS. 81/08

Quadro normativo e organizzazione della sicurezza D.LGS. 81/08 Quadro normativo e organizzazione della sicurezza D.LGS. 81/08 rev. 15/10/08 Dott. Sergio Biagini Tecnico della Prevenzione Perché Sicurezza e Igiene del Lavoro? Tutela della salute dei lavoratori La salute,

Dettagli

Corso di FORMAZIONE ED INFORMAZIONE DEI LAVORATORI SULLA SICUREZZA

Corso di FORMAZIONE ED INFORMAZIONE DEI LAVORATORI SULLA SICUREZZA 120 C.D. M. GANDHI via Corinaldo n. 41 00156 Roma Corso di FORMAZIONE ED INFORMAZIONE DEI LAVORATORI SULLA SICUREZZA ai sensi degli artt. 36 e 37 del D.Lgs. 81/08 a.s. 2010/2011 -Figure sensibili del primo

Dettagli

Comune di Nonantola. Via Marconi 11 Nonantola (MO) xxxxx. xxxxx

Comune di Nonantola. Via Marconi 11 Nonantola (MO) xxxxx. xxxxx Documento Unico di Valutazione dei Rischi redatto ai sensi del D.Lgs. 9/4/8 n 81 art.26, comma 3 AFFIDAMENTO PARZIALE DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO PER IL PERIODO 1 SETTEMBRE 214 31 AGOSTO 216.

Dettagli

Università degli Studi di Torino

Università degli Studi di Torino Documento unico di valutazione dei rischi da interferenze Adempimento degli obblighi connessi ai contratti d appalto o d opera o di somministrazione di cui all art. 26 del D.Lgs. n. 81 del 9 aprile 2008.

Dettagli

Passaporto per la Sicurezza. Diritti e doveri per la tua sicurezza.

Passaporto per la Sicurezza. Diritti e doveri per la tua sicurezza. Passaporto per la Sicurezza. Diritti e doveri per la tua sicurezza. 1. Prevenire gli infortuni. Ogni giorno in Italia 4 lavoratori perdono la vita e 100 rimangono invalidi. Ogni anno altri 26.000 contraggono

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 81/2008 NOZIONI DI BASE

DECRETO LEGISLATIVO 81/2008 NOZIONI DI BASE DECRETO LEGISLATIVO 81/2008 NOZIONI DI BASE D.Lgs.81 - Introduzione D.Lgs.81 - Introduzione TITOLO I: PRINCIPI COMUNI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1: Finalità; Art. 2: Definizioni; Art. 3: Campo di

Dettagli

Documento di Valutazione dei Rischi per SCI CLUB

Documento di Valutazione dei Rischi per SCI CLUB IL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI OCCUPAZIONALI A SUPPORTO DELLE ATTIVITÀ SPORTIVE DI UNO SCI CLUB - Pag. 1 di 15 - RACCOLTA INFORMAZIONI INIZIALI Realtà operativa Dati dello Sci Club, tipologia di

Dettagli

FIGURE PREVISTE DAL D.Lgs 81/08

FIGURE PREVISTE DAL D.Lgs 81/08 FIGURE PREVISTE DAL D.Lgs 81/08 DATORE DI LAVORO (RETTORE) SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE S.P.P. MEDICO COMPETENTE M.C. -DIRIGENTI -RESPONSABILI DELL ATTIVITA DIDATTICA E DI RICERCA -PREPOSTI LAVORATORI

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI FORMAZIONE ED INFORMAZIONE

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI FORMAZIONE ED INFORMAZIONE DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI FORMAZIONE ED INFORMAZIONE EDIZIONE N 01 REVISIONE N 00 DATA 20/06/08 SEZIONE 08 PAGINA 1 di 3 SOMMARIO PREMESSA... 2 INFORMAZIONE...2 FORMAZIONE...2 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE

Dettagli

SICUREZZA QUALITÀ AMBIENTE MEDICINA DEL LAVORO

SICUREZZA QUALITÀ AMBIENTE MEDICINA DEL LAVORO SICUREZZA QUALITÀ AMBIENTE MEDICINA DEL LAVORO Economie_corretto_14mar2011.indd 1 27-03-2011 17:07:00 2 Un azienda in regola è un azienda tranquilla. Un azienda tranquilla si dedica al proprio sviluppo.

Dettagli

LA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO DECRETO LEGISLATIVO 81/2008. T. U. "Attuazione dell'articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di

LA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO DECRETO LEGISLATIVO 81/2008. T. U. Attuazione dell'articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di LA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO DECRETO LEGISLATIVO 81/2008. T. U. "Attuazione dell'articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro".

Dettagli

NOTE INDICATIVE sugli obblighi di formazione sulla sicurezza sul lavoro

NOTE INDICATIVE sugli obblighi di formazione sulla sicurezza sul lavoro NOTE INDICATIVE sugli obblighi di formazione sulla sicurezza sul lavoro Chi svolge l attività in forma individuale, e senza avere dipendenti subordinati, non ha obblighi in materia di formazione sulla

Dettagli

PIANO DI PRIMO SOCCORSO

PIANO DI PRIMO SOCCORSO ISTITUTO COMPRENSIVO DI OSPITALETTO PIANO DI PRIMO SOCCORSO xxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxx INDICE 1. GENERALITÀ 2 2. ADDETTI AL PRIMO SOCCORSO 2 3. PROCEDURE IMPARTITE

Dettagli

CHE COSA E UNA EMERGENZA

CHE COSA E UNA EMERGENZA Modalità operative CHE COSA E UNA EMERGENZA Ogni situazione anomala che presenti un pericolo potenziale o reale per l incolumità delle persone e dei beni. Esempio : CHE COSA E IL PIANO DI EMERGENZA E l

Dettagli

MODULO: Sicurezza e bio sicurezza del laboratorio di analisi di genomi vegetali

MODULO: Sicurezza e bio sicurezza del laboratorio di analisi di genomi vegetali MODULO: Sicurezza e bio sicurezza del laboratorio di analisi di genomi vegetali Ing. Iannuzzelli Vincenzo Lezione n 2 del 09 Dicembre 2013 Valorizzazione di produzioni ortive campane di eccellenza con

Dettagli

L obiettivo di questo corso è quello di fornirvi gli elementi per riflettere su aspetti importanti che riguardano sia il lavoro che la nostra vita

L obiettivo di questo corso è quello di fornirvi gli elementi per riflettere su aspetti importanti che riguardano sia il lavoro che la nostra vita L obiettivo di questo corso è quello di fornirvi gli elementi per riflettere su aspetti importanti che riguardano sia il lavoro che la nostra vita Alcuni dati: andamento storico (Fonte INAIL) Alcuni dati

Dettagli

PIANO DI SICUREZZA SOSTITUTIVO integrato dei contenuti del POS MODELLO SEMPLIFICATO

PIANO DI SICUREZZA SOSTITUTIVO integrato dei contenuti del POS MODELLO SEMPLIFICATO Allegato III MODELLO SEMPLIFICATO PER LA REDAZIONE DEL PSS (Le dimensioni dei campi indicati nelle tabelle a seguire sono meramente indicative in quanto dipendenti dal contenuto) PIANO DI SICUREZZA SOSTITUTIVO

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE EDITH STEIN

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE EDITH STEIN ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE EDITH STEIN LA SICUREZZA SUL LAVORO La sicurezza nei luoghi di lavoro è governata dal D.Lgs. 81/2008 chiamato anche Testo Unico per la Sicurezza. La scuola è un

Dettagli

Corso di base della sicurezza sul lavoro. Ing. Andrea Govoni

Corso di base della sicurezza sul lavoro. Ing. Andrea Govoni Corso di base della sicurezza sul lavoro Ing. Andrea Govoni La sicurezza sul lavoro in Italia Decreto legislativo 81 del 2008 = D.Lgs. 81/08 Ha sostituito la 626 È stato integrato e corretto nel 2009 con

Dettagli

MODALITA DI ATTUAZIONE ALL INTERNO DELLA PROVINCIA DI NAPOLI DELLE DISPOSIZIONI DI CUI AL DECRETO LEGISLATIVO N. 81 DEL 9 APRILE 2008 E S.M.

MODALITA DI ATTUAZIONE ALL INTERNO DELLA PROVINCIA DI NAPOLI DELLE DISPOSIZIONI DI CUI AL DECRETO LEGISLATIVO N. 81 DEL 9 APRILE 2008 E S.M. Provincia di Napoli MODALITA DI ATTUAZIONE ALL INTERNO DELLA PROVINCIA DI NAPOLI DELLE DISPOSIZIONI DI CUI AL DECRETO LEGISLATIVO N. 81 DEL 9 APRILE 2008 E S.M.I. IN MATERIA DI TUTELA DELLA SALUTE E SICUREZZA

Dettagli

SICUREZZA contro gli INCENDI

SICUREZZA contro gli INCENDI SICUREZZA contro gli INCENDI SICUREZZA contro gli INCENDI LA SICUREZZA CONTRO GLI INCENDI E LA SOMMA DEGLI ACCORGIMENTI DA ATTIVARE PERCHÈ IL FUOCO il fuoco non si verifichi il fuoco sia facilmente controllabile

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI FORMAZIONE ED INFORMAZIONE

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI FORMAZIONE ED INFORMAZIONE DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI FORMAZIONE ED INFORMAZIONE EDIZIONE N 01 REVISIONE N 00 DATA 20/06/08 SEZIONE 07 PAGINA 1 di 3 SOMMARIO PREMESSA... 2 INFORMAZIONE...2 FORMAZIONE...2 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE

Dettagli

Lavori in quota. Introduzione. Definizione di lavoro in quota. scheda 03 1/8

Lavori in quota. Introduzione. Definizione di lavoro in quota. scheda 03 1/8 03 Lavori in quota Introduzione I lavori in quota possono esporre i lavoratori a rischi particolarmente gravi per la loro salute e sicurezza. Ci riferiamo in particolare ai rischi di caduta dall alto che

Dettagli

Gli attori della sicurezza

Gli attori della sicurezza Gli attori della sicurezza Materiali didattici elaborati CHANGE srl Ente di Formazione Accreditato dalla Regione Emilia Romagna DG n 1182 e 255/08 Certificato UNI EN ISO 9001:2008 n 10270 20/12/05 Organizzare

Dettagli

LAVORARE IN SICUREZZA

LAVORARE IN SICUREZZA STUDIO STUDIO TECNICO TECNICO SICUREZZA SICUREZZA ING ING LEO LEO DE DE SANTIS SANTIS via Matteotti 8/B Giulianova (TE) via Matteotti 8/B Giulianova (TE) tel/fax: 085 8007276 tel/fax: 085 8007276 LAVORARE

Dettagli

SISTEMA BILATERALE DELLA SICUREZZA NELL ARTIGIANATO RLST. Il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza Territoriale. Friuli Venezia Giulia

SISTEMA BILATERALE DELLA SICUREZZA NELL ARTIGIANATO RLST. Il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza Territoriale. Friuli Venezia Giulia SISTEMA BILATERALE DELLA SICUREZZA NELL ARTIGIANATO RLST Il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza Territoriale Friuli Venezia Giulia Premessa Il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO (ai sensi dell articolo 26 del D.Lgs. 81/2008) Allegato

Dettagli

FAC SIMILE POLITICA PER LA SALUTE E LA SICUREZZA SUL LAVORO.

FAC SIMILE POLITICA PER LA SALUTE E LA SICUREZZA SUL LAVORO. Pag. 1 di 21 01 Emissione in allegato a procedura verifica GS 4 Maggio 2014 00 Prima emissione Luglio 2013 Revisione Motivo Data FAC SIMILE POLITICA PER LA SALUTE E LA SICUREZZA SUL LAVORO. Egregi Collaboratori,

Dettagli

RISCHI NELLA PRODUZIONE DI PASTICCERIA

RISCHI NELLA PRODUZIONE DI PASTICCERIA RISCHI NELLA PRODUZIONE DI PASTICCERIA Speciale Inserti: Rischi in Pasticceria Pagina 1 Attività svolta L attività del pasticcere prevede la produzione dei prodotti dolciari, dalla preparazione della materia

Dettagli

10. I PRINCIPALI FATTORI DI RISCHIO PER CATEGORIE DI LAVORATORI NELLA SCUOLA

10. I PRINCIPALI FATTORI DI RISCHIO PER CATEGORIE DI LAVORATORI NELLA SCUOLA 10. I PRINCIPALI FATTORI DI RISCHIO PER CATEGORIE DI LAVORATORI NELLA SCUOLA 1 FATTORI DI RISCHIO PER CATEGORIE DI LAVORATORI NELLA SCUOLA 1. RISCHI CONNESSI ALL ATTIVITA SCOLASTICA: RISCHI SPECIFICI (V.

Dettagli

Piano Operativo di Sicurezza

Piano Operativo di Sicurezza MODELLO DI Piano Operativo di Sicurezza POS Modello PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA IMPRESA: INDIRIZZO CANTIERE: OPERA DA REALIZZARE: COMMITTENTE: Il presente piano costituisce la prima edizione. Il presente

Dettagli

ALLEGATO N.08. DOCUMENTO VALUTAZIONE DEI RISCHI (AI SENSI DEL D.Lgs.9.04.2008/N.81) _ ATTESTATI CORSI DIPENDENTI

ALLEGATO N.08. DOCUMENTO VALUTAZIONE DEI RISCHI (AI SENSI DEL D.Lgs.9.04.2008/N.81) _ ATTESTATI CORSI DIPENDENTI ALLEGATO N.08. DOCUMENTO VALUTAZIONE DEI RISCHI (AI SENSI DEL D.Lgs.9.04.2008/N.81) _ ATTESTATI CORSI DIPENDENTI 01.CORSO R.L.S.. 02.CORSO INFORMAZIONE/FORMAZIONE. 03.CORSO PREPOSTI. 04.CORSO ANTINCENDIO.

Dettagli

PROGETTO FORMATIVO STRANIERI IN PROVINCIA DI BERGAMO SCHEDA INFORMATIVA PER I DATORI DI LAVORO SULLA SICUREZZA DEL LAVORO

PROGETTO FORMATIVO STRANIERI IN PROVINCIA DI BERGAMO SCHEDA INFORMATIVA PER I DATORI DI LAVORO SULLA SICUREZZA DEL LAVORO PROGETTO FORMATIVO STRANIERI IN PROVINCIA DI BERGAMO SCHEDA INFORMATIVA PER I DATORI DI LAVORO SULLA SICUREZZA DEL LAVORO A CURA DELL ASL DI BERGAMO DOTT. SERGIO PIAZZOLLA LA SICUREZZA SUL LAVORO Sicurezza

Dettagli

Destinatari Il corso è rivolto a tutti i lavoratori. Requisiti: Nessun requisito minimo.

Destinatari Il corso è rivolto a tutti i lavoratori. Requisiti: Nessun requisito minimo. Il Corso di Formazione ed Informazione per Lavoratori (tutti i livelli di rischio) assolve gli obblighi indicati nel D.lgs 81/08, T.U. Sicurezza e s.m.i. del D.Lgs. 106/09 e gli aggiornamenti dell'ultimo

Dettagli

PIANO DI PRONTO SOCCORSO

PIANO DI PRONTO SOCCORSO DIREZIONE DIDATTICA DI STATALE II CIRCOLO DI BOLLATE PIANO DI PRONTO SOCCORSO II CIRCOLO DIDATTICO DI BOLLATE - Scuola dell infanzia V. BACHELET - Scuola dell infanzia B. MUNARI - Scuola primaria M. MONTESSORI

Dettagli

QUESTIONARIO QUESTIONARIO UNICO PREPOSTO.

QUESTIONARIO QUESTIONARIO UNICO PREPOSTO. 1/6 01.DEFINIZIONE DI PERICOLO O FATTORE DI RISCHIO: PROPRIETA O QUALITA INTRINSECA DI UN FATTORE AVENTE IL POTENZIALE DI CAUSARE DANNI. PROPRIETA CHIMICO FISICHE DI UNA SOSTANZA ESPLOSIVA. PROPRIETA CINETICHE

Dettagli

Modulistica Servizio Protezione Prevenzione: ISTRUZIONI OPERATIVE DI SICUREZZA

Modulistica Servizio Protezione Prevenzione: ISTRUZIONI OPERATIVE DI SICUREZZA Pagina 1 di 5 Nella scuola sono state individuate ed integrate su indicazione del personale, le seguenti misure di prevenzione e protezione: MISURE ANTINCENDIO E DI EMERGENZA Tutto il personale docente

Dettagli

L organizzazione aziendale per la sicurezza

L organizzazione aziendale per la sicurezza Sincrotrone Trieste S.C.p.A. Servizio di Prevenzione e Protezione L organizzazione aziendale per la sicurezza Formazione/Informazione dei lavoratori ai sensi del D.Lgs. 81/08 Titolo I Capo III Artt. 36

Dettagli

D. Lgs. 81/08 Artt.43-46

D. Lgs. 81/08 Artt.43-46 Norme sulla Formazione degli addetti al primo soccorso negli ambienti di lavoro D. Lgs 81 D. Lgs. 81/08 Artt.43-46 Decreto interministeriale 388/03 Obbiettivi del corso Fornire le conoscenze necessarie

Dettagli

Il sistema legislativo: esame delle MOD 2 4 FORMAZIONE IN AULA normative di riferimento.

Il sistema legislativo: esame delle MOD 2 4 FORMAZIONE IN AULA normative di riferimento. N MODULO TITOLO MODULO CONTENUTI DURATA TIPOLOGIA DI FORMAZIONE L approccio ala prevenzione attraverso il D. Lgs. 81/08 per un La filosofia del D. lgs. 81/08 in riferimento alla organizzazione di un sistema

Dettagli

Documento Unico per la Valutazione dei Rischi da Interferenze (D.U.V.R.I.)

Documento Unico per la Valutazione dei Rischi da Interferenze (D.U.V.R.I.) ALLEGATO G Documento Unico per la Valutazione dei Rischi da Interferenze (D.U.V.R.I.) 0. PREMESSA Questo documento intende assolvere a quanto richiesto dal D.Lgs. 81/2008, art. 26, sui contratti di appalto,

Dettagli

CORSI TECNICI Anno scolastico 2015-2016

CORSI TECNICI Anno scolastico 2015-2016 CORSI TECNICI Anno scolastico 2015-2016 e della responsabilità 1 P R E M E S S A La FISM di Venezia, in collaborazione con l Organizzazione di Volontariato Mons Odino Spolaor, organizza i corsi che trovate

Dettagli

Straniero, non estraneo

Straniero, non estraneo Straniero, non estraneo ABC della sicurezza sul lavoro Opuscolo informativo per i lavoratori stranieri e le loro famiglie Edizione 2010 Italiano Realizzato dalla Direzione Centrale Comunicazione Illustrazioni:

Dettagli

LE PERSONE COINVOLTE. Ha i principali obblighi nei riguardi della salute e della sicurezza dei lavoratori durante il lavoro.

LE PERSONE COINVOLTE. Ha i principali obblighi nei riguardi della salute e della sicurezza dei lavoratori durante il lavoro. Sicurezza Sul Lavoro LE PERSONE COINVOLTE IL DATORE DI LAVORO Ha i principali obblighi nei riguardi della salute e della sicurezza dei lavoratori durante il lavoro. Datore di lavoro è il titolare del rapporto

Dettagli

La Gestione della Sicurezza secondo il D.Lgs. 81/08

La Gestione della Sicurezza secondo il D.Lgs. 81/08 La Gestione della Sicurezza secondo il D.Lgs. 81/08 Sicurezza e Prevenzione sui luoghi di lavoro TQSI Servizi Integrati S.r.l.-Settore Sicurezza e Ambiente dott. chim. Davide GHISLANDI - sicurezza.ambiente@tqsi.it

Dettagli

DOCUMENTO. Documento di omogeneità dei comportamenti in vigilanza FORMAZIONE

DOCUMENTO. Documento di omogeneità dei comportamenti in vigilanza FORMAZIONE Pagina 1di 9 Data Sopralluogo Operatori Persone presenti per l Azienda Ragione sociale, indirizzo, timbro della Ditta: Attività svolta Settore ATECO 2007 Totali addetti - N. operai - N. impiegati di cui

Dettagli

Studio HS è anche questo...

Studio HS è anche questo... soluzione sicurezza 2 La sicurezza sul lavoro non è solo una conquista civile. Un azienda che crede nella sicurezza delle proprie risorse umane è un azienda che crede nella creazione di una realtà solida

Dettagli