anno cinque - numero undici - settembre 2014 SOMMARIO

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "anno cinque - numero undici - settembre 2014 SOMMARIO"

Transcript

1 anno cinque - numero undici - settembre 2014 SOMMARIO La pastorale della salute nelle periferie esistenziali p. 2 La filosofia dell U.N.I.T.A.L.S.I. all interno di Villa San Giuseppe p. 3 Nate per questo: donne vicino alla donna p. 4 - p. 5 Settembre: mese mondiale dedicato all anziano p. 6 Nuove tecniche di riabilitazione della psicosi p. 7 Voce dell amministrazione: standard assistenziali p.8

2 LA PASTORALE DELLA SALUTE NELLE PERIFERIE ESISTENZIALI ALFREDO MANCINI - COLLABORATORE DI V.S.G. DALLE CRESCENTI DISUGUAGLIANZE ALLA COMUNITÀ CHE ACCOGLIE, CHE EDUCA, CHE CURA Il XVI Convegno Nazionale dei Direttori degli uffici diocesani, delle Associazioni e degli Operatori di pastorale della salute tenutosi ad Abano Terme il Giugno ha lasciato a mio avviso, nel cuore e nella mente di molti religiosi, operatori sanitari e come me laici impegnati, un messaggio di speranza e di solidarietà verso tutte le categorie che operano a contatto con la sofferenza e che si impegnano in ogni centro a far conoscere e rendere visibile l azione della Chiesa che ha il compito di annunciare l amore misericordioso di Dio che non abbandona mai i suoi Figli. E emerso in modo chiaro, che il tempo del discernimento e della riflessione non devono e non possono occupare l intera giornata. Ha aggiunto Monsignor Merisi, E tempo di agire e andare incontro alle periferie esistenziali dei cuori che gridano aiuto... Non bisogna solo ascoltare, ma agire, muoversi il prima possibile con azioni attive attraverso gesti forti, concreti in quelle periferie esistenziali che si esprimono nel volto umano e soffrente di Cristo presente nel Malato. Tre giorni di confronto e di discussione molto costruttivi dove ho avuto modo di confrontarmi con chi condivide come me la Filosofia Ospedaliera. Con la Dr.ssa Morena Ciarrocchi (Psicologa-Psicoterapeuta di Villa San Giuseppe) e il Dr. Michele Venanzi (responsabile della Pastorale Sanitaria di Villa San Benedetto), che ringrazio per aver accettato l invito a partecipare a questo convegno, abbiamo condiviso e provato a far emergere alcune idee su come far arrivare il messaggio di aiuto verso le nostre periferie esistenziali. Quelle periferie che avvolte si manifestano nella difficoltà di capire e fare propri quei valori umanizzanti ed evangelici che contraddistinguono l azione Ospedaliera nelle nostre Case. Sono sicuro che da oggi, l azione Pastorale appunto nelle nostre case, oltre che arricchirsi spiritualmente sarà ancora più decisa e attiva verso quel mondo periferico che non si manifesta solo attraverso la distanza geografica (appunto periferica), ma vive come non mai radicata nei nostri cuori e in quelli che vivono il disagio e la malattia. Diversi sacerdoti con i quali ci siamo relazionati hanno richiesto informazioni sulla nostra realtà Ospedaliera e i principi ispiratori che muovono l azione delle Suore. E stato per me e penso anche per il collega di Albese un privilegio essere stati portavoce della Missione Ospedaliera delle nostre rispettive Case che sono parte integrante dell intera grande Famiglia Ospedaliera. Sono sicuro, che questa occasione abbia fornito gli strumenti ideali e di confronto per rispondere al meglio alle sfide periferiche esistenziali verso le quali siamo chiamati ad agire e alle quali dobbiamo fornire risposte concrete ed efficaci. 2

3 LA FILOSOFIA DELL U.N.I.T.A.L.S.I. ALL INTERNO DI VILLA SAN GIUSEPPE ALFREDO MANCINI - COLLABORATORE DI V.S.G. UN SORRISO, UNA CAREZZA, UN ABBRACCIO <<La gioia del Vangelo riempie il cuore e la vita intera di coloro che si incontrano con Gesù>>: con queste parole si apre l esortazione apostolica sull annuncio del Vangelo nel mondo attuale di papa Francesco, più comunemente designata, secondo l uso, con l incipit latino Evangelii gaudium (EG). L U.N.I.T.A.L.S.I sezione di Ascoli Piceno da anni impegnata nel volontariato assistenziale nella Casa Cura Villa San Giuseppe è espressione visibile, tangibile di cosa voglia dire incontrare Gesù nel prossimo. Il Prossimo, come sappiamo, è colui che soffre, è colui che ogni giorno porta la sua croce, le sue ansie i suoi dolori con la speranza di guarire, di sorridere, di sentirsi anche solo per un istante felice. I volontari con la loro formazione, il loro carisma che bene si integra con quello delle Suore Ospedaliere trovano il punto massimo nel dono dell accoglienza. Accoglienza, come la capacità non solo di dare riparo, ristoro, ma accoglienza come condivisione della propria croce. Avere la capacità di ascoltare, farsi carico delle debolezze altrui. Per usare un espressione di Papa Francesco andare dunque incontro alle periferie esistenziali che investono l agire di ogni uomo. La solitudine, la mancanza di sorriso, portano l Ospite ma la persona in generale a perdere fiducia nei propri mezzi e quindi a non reagire. Queste persone donando il loro tempo, il loro sorriso mettono in pratica il vissuto del Vangelo come terapia che agisce nella mente ma soprattutto nel cuore. Ogni lunedì, per circa tre ore i volontari fanno compagnia ai pazienti della Casa Protetta, recitano il rosario nei reparti e in diverse occasioni invitano gli Ospiti della Casa a partecipare alle varie iniziative che la sezione ascolana propone nelle varie parrocchie. E un volontariato a 360, un servizio attento e rispettoso che porta all interno della struttura una ventata di serenità e di fiducia. Le suore, l amministrazione e tutto il personale medico-infermieristico attraverso la voce di questo semplice notiziario dicono grazie a queste persone per la loro presenza caritatevole continua ed efficace a sostegno dell operato di tutta la grande Famiglia Ospedaliera. 3

4 NATE PER QUESTO: DONNE VICINO ALLA DONNA MELISSA PANICHI - PSICOLOGA PSICOTERAPEUTA La Casa di Cura Villa San Giuseppe fondata dalla Congregazione delle Suore Ospedaliere del Sacro Cuore di Gesu, sin dalla sua nascita si e presa carico dei pazienti con patologie psichiatriche con particolare attenzione alla salute mentale della donna. Attenzione che si e mantenuta sempre viva nel tempo, fino ad essere premiata nel dicembre 2013 con il Bollino Rosa per il biennio dall Osservatorio Nazionale sulla salute della Donna O.N.Da. Il programma Bollini Rosa di O.N.Da individua e premia gli ospedali italiani vicini alle donne che offrono percorsi diagnosticoterapeutici e servizi dedicati alle patologie femminili di maggior rilievo clinico. In occasione della Giornata Mondiale della Salute Mentale il 10 ottobre O.N.Da coinvolge gli ospedali Bollino Rosa affinche offrano servizi gratuiti, clinicodiagnostici e informativi alla popolazione femminile. Gli obiettivi di questa iniziativa, patrocinata dalla Societa Italiana di Psichiatria, sono sensibilizzare la popolazione sull importanza della diagnosi precoce, favorire l accesso alle cure e contribuire a superare pregiudizi e paure sui disturbi mentali. La Casa di Cura partecipa con un Open Day nella giornata del 16 ottobre dalle ore 9,00 alle 18,00 in cui l equipe di professionisti della clinica (psichiatri, neurologi, psicologi e tecnici della riabilitazione) offrono gratuitamente a tutte le donne i seguenti servizi: Durante la giornata si svolgeranno: Visita psichiatrica Visita neurologica Visita nutrizionale Consulenza psicologica individuale e familiare Consulenza psichiatria e psicologica per patologie alcol correlate e persone con problemi di alcol Gruppo di Training Autogeno Gruppo di DanzaMovimentoTerapia Gruppo sostegno per familiari di pazienti affetti da demenza. Per ulteriori informazioni e per consultare il programma della giornata: tel Coerentemente alla vocazione delle Suore Ospedaliere della cura delle patologie e della sofferenza femminile la Casa di Cura sta attivando un servizio ambulatoriale di sostegno ed accoglienza alle donne vittima di violenza. La violenza contro le donne e una violazione dei diritti umani che consiste in qualunque atto e provoca o puo provocare danni o sofferenze fisiche, sessuali o psicologiche. Nella Regione Marche pochi sono i dati quantitativi che evidenziano il fenomeno in tutta la sua gravità, per il ritegno e la reticenza delle vittime delle diverse forme di violenza in atto. Tuttavia la realtà locale registra un aumento degli episodi di violenza sulle donne, di cui solo una minima parte vengono denunciati. I dati che riguardano la provincia di Ascoli Piceno, ambito di intervento del nostro progetto dicono che nel periodo dal 1 luglio 2011 al 30 giugno donne sono state vittime di violenza fisica e psicologica 7 donne vittime di violenza fisica e sessuale 14 donne vittime di violenza psicologica 8 donne hanno denunciato di essere vittime di stalking. Autore della violenza e stato in 45 casi il marito compagno ex compagno, in 2 casi si tratta di un parente. Il progetto mira a fornire ascolto e sostegno alle donne vittima di violenza e uno spazio di accoglienza ed ascolto allo scopo di favorire l emersione del fenomeno nel nostro territorio, aiutare le vittime a riconquistare il benessere psicofisico e di un piano di 4

5 NATE PER QUESTO: DONNE VICINO ALLA DONNA MELISSA PANICHI - PSICOLOGA PSICOTERAPEUTA vita autonomo. La donna al termine del percorso di sostegno potra progettare un percorso di autonomia lavorativa, abitativa, relazionale. L aspetto innovativo che il servizio della clinica propone e puntare lo sguardo sulla variabile maschile all interno del fenomeno della violenza. Il programma di intervento sugli uomini maltrattanti hanno l obiettivo di far confrontare gli autori della violenza con il loro comportamento violento e criminale; promuovere l assunzione di responsabilita dei propri comportamenti. Servizi prestati per le donne vittima di violenza sono: Fornire uno spazio di accoglienza ed ascolto allo scopo di favorire l emersione del fenomeno nel nostro territorio Fornire sostegno psicologico, sanitario, medicolegale L attivazione di una linea telefonica rivolta alle donne vittima di violenza di ogni genere garantendo l anonimato Sostenere un percorso di riconquista delle competenze genitoriali e riattivare relazioni familiari funzionali. Consulenza informativa legale Partecipazione al gruppo di auto-mutuo aiuto l attivazione di una linea telefonica con la finalita di facilitare l accesso ad un colloquio individuale Il servizio per il trattamento degli uomini violenti prevede: l attivazione di una linea telefonica la presa in carico individuale diagnosticaterapeutica dell uomo il sostegno alla nascita di un gruppo di auto-mutuo aiuto Numero Verde Il numero è attivo tutti i giorni per 24 ore al giorno, con la possibilità di parlare con l operatore dal lunedi al venerdi, dalle ore 9,00 alle 16,00 5

6 SETTEMBRE: MESE MONDIALE DEDICATO ALL ANZIANO PETRITOLA DONATELLA - NEUROLOGO Da qualche anno l opinione pubblica, la medicina, la psicologia ha sempre posto maggiore attenzione alla salute mentale degli anziani tanto da istituire un mese ad essi dedicato ed una nuova branca in cui convogliano più professioni sanitarie e psicologiche: la neuropsicogeriatria. Proprio in quest ottica anche la Congregazione delle Suore Ospedaliere di Villa San Giuseppe ha organizzato tre importanti appuntamenti: il 20, 26 e 27 settembre. Il 20 settembre, giorno della XXI giornata mondiale dell Alzheimer, inizierà il triduo per celebrare il mese mondiale dedicato agli anziani. Presso l auditorium della Casa di Cura Villa San Giuseppe, alle ore 21:30 si terrà l anteprima della sezione speciale memoria corta del Fluvione Corto Festival. In collaborazione con il Cinecircolo don Mauro nel corso del tempo e l associazione culturale non profit Marsia 360 è stata indetta una sezione speciale dal titolo memoria corta all interno del bando nazione del Fluvione Corto Festival. Durante l anteprima verranno proiettati i migliori dei corti a tema che hanno partecipato alle edizioni precedenti del festival. Il 27 settembre alle ore 21:30 presso l auditorium della parrocchia di S.S. Simone e Giuda, si terrà la serata finale del festival con la proiezione di corti inediti e con la premiazione delle varie categorie tra cui la sezione memoria corta (per il premio in palio si ringraziano gli sponsor Centro Analisi, Maven edee Pharma, Privata Assistenza). Il 26 settembre si svolgerà presso l auditorium interno della Casa di Cura, un congresso dedicato proprio alla neuropsicogeriatria con argomento dedicato ai disturbi psicotici dell anziano. Scopo del corso è fornire gli strumenti necessari per conoscere e riconoscere i principali quadri nosologici al fine di una efficace pianificazione dell intervento farmacologico e non. Esperti del campo illustreranno la specificità della psicopatologia della terza età, esporranno i criteri diagnostico-strumentali utili ai fini dello screening, della diagnosi, della diagnosi differenziale, ed il monitoraggio dei disturbi del pensiero dell anziano. Nell invecchiamento si osserva infatti una significativa presenza di psicopatologie di ordine funzionale e organico, come i disturbi affettivi con o senza psicosi e disturbi psicotici funzionali, che in questa fase della vita hanno caratteristiche specifiche, ponendo quesiti diagnostici particolari ed interventi mirati, in relazione alle possibili differenze fisiopatogenetiche tipiche di questa fascia d età, dovendo tener conto delle polifarmacoterapie, delle malattie internistiche o neurologiche che possono sottendere un disturbo psicotico. 6

7 NUOVE TECNICHE DI RIABILITAZIONE NELLE PSICOSI DI LUDOVICO VALENTINA - TECNICO DELLA RIABILITAZIONE PSICHIATRICA La schizofrenia è un grave disturbo mentale caratterizzato da un profondo deficit del rapporto con la realtà, con pensiero ed eloquio disorganizzato, delirio, allucinazioni e un disturbo del comportamento motorio. La psicosi raggiunge, spesso, un livello di compromissione sindromica invalidante, incidendo profondamente nella vita sociale, lavorativa e relazionale dei pazienti e delle loro famiglie. Il Cognitive Remediation Experts Workshop, tenutosi nell aprile 2010 a Firenze,ha definito come le tecniche di rimedio cognitivo per la schizofrenia siano interventi basati su un training comportamentale che mirano a migliorare i processi cognitivi (attenzione,memoria, funzioni esecutive, social cognition e metacognizione) con l obiettivo della persistenza e della generalizzazione degli effetti. L obiettivo principale è rappresentato dal miglioramento del funzionamento globale e della qualità di vita del paziente. La maggior parte delle tecniche di rimedio cognitivo prende in considerazione le funzioni che maggiormente si correlano alle disabilità del paziente. Le funzioni esecutive, la memoria e l attenzione hanno rappresentato aree di particolare interesse nella ricerca sulla schizofrenia durante gli ultimi decenni, si sono dimostrate importanti indicatori di outcome funzionale e rappresentano pertanto tra i principali target degli interventi di rimedio cognitivo. È possibile che i diversi approcci possano essere complementari e sinergici, e che il potenziamento di specifiche funzioni cognitive favorisca l apprendimento di nuove strategie compensatorie di problem solving, da applicare e generalizzare alla vita quotidiana. Le attuali modalità di somministrazione della riabilitazione cognitiva comprendono un insieme di interventi eterogenei, computerizzati e non, individuali o di gruppo, che utilizzano specifiche strategie e tecniche. Le più recenti strategie si basano sul modello di recovery piuttosto che su quello di deficit. Alcuni interventi si propongono di fare apprendere nuove abilità o di stimolare l utilizzo di quelle residue, al fine di raggiungere un determinato obiettivo, agendo anche sull ambiente, in modo da modificare ed adattare il contesto in cui vive il paziente, per aiutarlo a superare le sue disabilità. Gli interventi basati sull utilizzo di supporti computerizzati possono essere svolti sia individualmente che da più pazienti contemporaneamente, mentre gli interventi basati sull utilizzo di carta e penna vengono solitamente condotti individualmente. Negli interventi computerizzati esistono una vasta disponibilità di software, questi costituiscono generalmente pacchetti integrati, caratterizzati da esercizi specifici presentati in modo progressivo. Tra i programmi di training cognitivo computerizzati il metodo Cogpack è uno dei più studiati. Gli esercizi del Cogpack si raggruppano a seconda del dominio cognitivo esercitato: abilità visuomotorie, vigilanza, linguaggio, memoria, logica e calcoli matematici, abilità quotidiane, cultura e orientamento. Gli esercizi possono essere presentati in forma randomizzata e presentano un livello di difficoltà in grado di adattarsi automaticamente alle capacità del paziente evitando così sia l esecuzione di compiti troppo semplici, sia la frustrazione dovuta a compiti troppo complessi. Il Cogpack si è dimostrato efficace nel migliorare le funzioni esecutive, la velocità di pro cessazione dell informazione, l apprendimento e la fluenza verbale e, se somministrato insieme ad un programma di riabilitazione psicosociale abituale, si è rivelato efficace anche nelle misure di esito funzionale. In conclusione possiamo dire che questi interventi mirano alla riacquisizione di competenze e all incremento dell articolazione sociale. Nel definire il progetto terapeutico bisogna tenere conto di diversi parametri di valutazione che riguardino da un lato il sistema del paziente, dall altro il sistema curante. Gli obiettivi della riabilitazione vanno individuati ponendo attenzione alla storia del paziente, ai modelli di socializzazione acquisiti, allo stile di vita familiare e del gruppo sociale di appartenenza. La necessità di rispettare le scelte del paziente e dei contesti con cui egli entra in relazione questo costituisce la base indispensabile affinchè i programmi di riabilitazione trovino il massimo consenso e le minime resistenze possibili (Siani, Siciliani e Burti 1990). 7

8 STANDARD ASSISTENZIALI QUALI NOVITÀ? AMMINISTRAZIONE La delibera 1011/2013 della Regione Marche ha ridefinito gli standard di personale nei servizi per la salute mentale e, anche la ns. Casa di Cura, ha dovuto adeguarsi. La delibera ha come oggetto la Definizione degli standard assistenziali e dei criteri di rilevazione dei costi gestionali della residenzialità e semiresidenzialità delle aree sanitarie extraospedaliere e socio sanitarie nei settori anziani non autosufficienti, disabili e salute mentale. Con il mese di settembre, tutta la turnistica del personale sanitario coinvolto ha subito alcune, ma sostanziali, differenze nell ottica di un progressivo adeguamento alla normativa, al massimo entro il 30 giugno Quali sono le novità? Vediamole insieme. Indubbiamente le ore di assistenza infermieristica e di persona OSS si sono contratte, a favore di figure più riabilitative come psicologi e tecnici della riabilitazione psichiatrica. Questi ultimi, certamente, hanno un ruolo prettamente riabilitativo che, per la tipologia di paziente che ospitiamo, dovrebbero aiutarli ad un miglior equilibrio con se stessi e nel rapporto relazionale con l altro. Certamente ogni cambiamento crea piccoli terremoti e disordini momentanei. In definitiva nel reparto Struttura Residenziale Terapeutica ecco i nuovi standard assistenziali (su modulo base di 20 pazienti): 3 ore per il personale medico. 20 ore per il personale infermieristico; 10 ore per il personale oss; 30 ore per il personale educativo riabilitativo (educatori e tecnici della riabilitazione psichiatrica); 10 ore per gli psicologi; Nel reparto Casa Protetta ecco la nuova situazione: 3 ore per Medici e psicologi; 14 ore per il personale infermieristico; 7 ore per il personale oss; 16 ore per personale educativo riabilitativo (educatori e tecnici della riabilitazione psichiatrica); L azienda, dinanzi a questa delibera, non ha potuto far altro che adeguarsi, al momento parzialmente, in attesa di capire come riclassificare professionalmente alcune figure professionali presenti in azienda. Si avrà tempo fino al , salvo eventuali proroghe. Non ci sono state riduzioni di personale ma solo una riorganizzazione interna della turnistica, e, al fine di evitarle, l azienda si è attivata nel chiedere tempo alla Regione per potersi adeguare completamente ai nuovi standard dettati dalla delibera. Nel frattempo non sono mancate anche riduzioni delle tariffe giornaliere riconosciute alla struttura per il mantenimento del paziente sia nel reparto di riabilitazione alcologica che nel reparto di lungodegenza post acuzie per adeguamenti alla normativa nazionale. Certamente sono tempi duri, ma ci auguriamo che, specie nelle ns. strutture dove ogni operatore è chiamato a far parte della famiglia ospedaliera, non venga mai a mancare lo spirito di collaborazione che muove ogni lavoratore verso il benessere ultimo del paziente. CORSI E.C.M DI VILLA S.GIUSEPPE REDAZIONE: Suor Agnese Baldi-Superiora, Massimo Badolato, Alessandro Valchera, Alfredo Mancini COLLABORATORI: Alfredo Mancini, Melissa Panichi, Petritola Donatella, Di Ludovico Valentina

L ASSISTENZA PSICOLOGICA NELLE RESIDENZE PER ANZIANI. Raffaella Bonforte - Angelita Volpe

L ASSISTENZA PSICOLOGICA NELLE RESIDENZE PER ANZIANI. Raffaella Bonforte - Angelita Volpe L ASSISTENZA PSICOLOGICA NELLE RESIDENZE PER ANZIANI Raffaella Bonforte - Angelita Volpe "La R.S.A. è una struttura extra-ospedaliera per anziani disabili, prevalentemente non autosufficienti, non assistibili

Dettagli

Psicopatologia dell anziano. Prof.ssa Elvira Schiavina 02 marzo 2016

Psicopatologia dell anziano. Prof.ssa Elvira Schiavina 02 marzo 2016 Psicopatologia dell anziano 02 marzo 2016 Invecchiamento e Psicopatogia Salute mentale dell anziano: nuovo campo della psicopatologia. Affinamento dei criteri di diagnosi, costruzione e validazione di

Dettagli

1) MOTIVAZIONE SCOLASTICA: promuovere le risorse personali degli studenti per aiutarli a stare e andare bene a scuola.

1) MOTIVAZIONE SCOLASTICA: promuovere le risorse personali degli studenti per aiutarli a stare e andare bene a scuola. Passo dopo Passo Insieme supporta la motivazione scolastica dei preadolescenti, promuovendo percorsi che mettano al centro le risorse personali dei ragazzi e offrendo progetti di formazione e sensibilizzazione

Dettagli

LA LAMPADA DI ALADINO Associazione Onlus per l assistenza globale al malato oncologico

LA LAMPADA DI ALADINO Associazione Onlus per l assistenza globale al malato oncologico Chi siamo Associazione nata a Brugherio nel 2000 da un gruppo di persone che ha vissuto l esperienza del tumore, convinti della necessità di dare risposta alle molteplici e complesse problematiche che

Dettagli

Conflittualità relazionali fra impegni familiari e impegni professionali. Rosa Maria Nicotera www.consorziomediana.it

Conflittualità relazionali fra impegni familiari e impegni professionali. Rosa Maria Nicotera www.consorziomediana.it Conflittualità relazionali fra impegni familiari e impegni professionali Rosa Maria Nicotera www.consorziomediana.it Gli interventi a sostegno dei legami familiari e alla conciliazione positiva dei conflitti

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE CARATTERISTICHE PROGETTO

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE CARATTERISTICHE PROGETTO SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA Ente proponente il progetto: ENTE CONGREGAZIONE SUORE ORSOLINE DEL SACRO CUORE DI MARIA Codice di accreditamento: NZ00039 Albo e

Dettagli

dott.ssa MARINA ELLERO VIOLENZA DI GENERE E STRATEGIE DI INTERVENTO 08/11/2014 LA RISPOSTA DEI SERVIZI IN RETE

dott.ssa MARINA ELLERO VIOLENZA DI GENERE E STRATEGIE DI INTERVENTO 08/11/2014 LA RISPOSTA DEI SERVIZI IN RETE dott.ssa MARINA ELLERO VIOLENZA DI GENERE E STRATEGIE DI INTERVENTO 08/11/2014 LA RISPOSTA DEI SERVIZI IN RETE Sede: Distretto Sanitario - Via San Valentino 20, 3 piano Udine Numero Verde: 800.531.135

Dettagli

Essere fratelli di. Supporto psicologico ai fratelli di persone con gravi disabilità EDIZIONE 2012

Essere fratelli di. Supporto psicologico ai fratelli di persone con gravi disabilità EDIZIONE 2012 Essere fratelli di Supporto psicologico ai fratelli di persone con gravi disabilità EDIZIONE 2012 Contesto di riferimento e obiettivi generali La famiglia è senza dubbio il luogo più importante per la

Dettagli

Pensieri suicidi nelle persone affette da demenza: prese di posizione

Pensieri suicidi nelle persone affette da demenza: prese di posizione Pensieri suicidi nelle persone affette da demenza: l Associazione Alzheimer Svizzera chiede un accompagnamento e un assistenza completi per i malati di demenza. Pensieri suicidi nelle persone affette da

Dettagli

proposta di legge n. 262

proposta di legge n. 262 REGIONE MARCHE 1 ASSEMBLEA LEGISLATIVA proposta di legge n. 262 a iniziativa del Consigliere Marangoni presentata in data 16 ottobre 2012 DISPOSIZIONI SULLA PET THERAPY pdl 262 REGIONE MARCHE 2 ASSEMBLEA

Dettagli

Notizie generali sulla Psichiatria

Notizie generali sulla Psichiatria Notizie generali sulla Psichiatria Psichiatria: è la branca della medicina specializzata nello studio, nella diagnosi e nella terapia dei disturbi mentali. Oggi si privilegia considerare la Psichiatria

Dettagli

Telefono Donna. Centro di ascolto e consulenza per la donna e la famiglia CHI SIAMO PERCHÈ SOSTENERCI

Telefono Donna. Centro di ascolto e consulenza per la donna e la famiglia CHI SIAMO PERCHÈ SOSTENERCI Telefono Donna Centro di ascolto e consulenza per la donna e la famiglia CHI SIAMO PERCHÈ SOSTENERCI Chi siamo Telefono Donna oltre 91.000 i casi seguiti Ispirato ai principi di solidarietà, responsabilità

Dettagli

guida ai servizi di psichiatria adulti

guida ai servizi di psichiatria adulti Dipartimento di Salute Mentale guida ai servizi di psichiatria adulti del Dipartimento di Salute Mentale Copia Prodotta Internamente dal Servizio Informazione e Comunicazione Ausl Imola Luglio 2005 Suggerimenti,

Dettagli

LES una Patologia spesso trascurata

LES una Patologia spesso trascurata Gruppo Italiano per la lotta contro il LES XXIX Congresso Sezione S.I.A.I.C. Toscana, VIII Congresso Sezione S.I.A.I.C. Toscana, Emilia Romagna e San Marino, I Congresso Sezione S.I.A.I.C. Umbria e Marche

Dettagli

Il 65% dei pazienti seguiti dagli psichiatri italiani soffre di schizofrenia, il 29% di disturbo bipolare e il 5% di disturbo schizoaffettivo.

Il 65% dei pazienti seguiti dagli psichiatri italiani soffre di schizofrenia, il 29% di disturbo bipolare e il 5% di disturbo schizoaffettivo. Keeping Care Complete Psychiatrist Survey Focus sull Italia Background Obiettivo dell indagine Keeping Care Complete è comprendere - in relazione alle malattie mentali gravi - quale ruolo e quale influenza

Dettagli

CURARE E PRENDERSI CURA: LA PRIORITA DELLE CURE DOMICILIARI

CURARE E PRENDERSI CURA: LA PRIORITA DELLE CURE DOMICILIARI PROF.SSA LUISA BARTORELLI Direttore Centro Alzheimer della Fondazione Roma CURARE E PRENDERSI CURA: LA PRIORITA DELLE CURE DOMICILIARI La sfida che la crescita esplosiva della popolazione anziana pone

Dettagli

Relazione attività esercizio 2012

Relazione attività esercizio 2012 Relazione attività esercizio 2012 maggio 2013 Il Sentiero di Morena fonda le sue radici nella storia pluriennale di un gruppo di fami-glie della provincia di Ascoli Piceno che praticano direttamente o

Dettagli

Progetto. Donna in libertà

Progetto. Donna in libertà Progetto Donna in libertà finanziato dal Ministero nell ambito di interventi finalizzati a Rafforzare le azioni di prevenzione e contrasto al fenomeno della violenza I numeri che parlano della violenza

Dettagli

IL CENTRO PARLA CON NOI

IL CENTRO PARLA CON NOI Pesaro, in via Diaz n. 10 Tel 0721 639014 1522 parlaconnoi@provincia.ps.it CARTA DEI SERVIZI del Centro Antiviolenza provinciale Parla Con Noi La Carta è lo strumento che permette ai cittadini il controllo

Dettagli

ATTIVAZIONE SERVIZI DI SUPPORTO AD ANZIANI AFFETTI DA DEMENZA E AD ANZIANI FRAGILI CAPITOLATO

ATTIVAZIONE SERVIZI DI SUPPORTO AD ANZIANI AFFETTI DA DEMENZA E AD ANZIANI FRAGILI CAPITOLATO ATTIVAZIONE SERVIZI DI SUPPORTO AD ANZIANI AFFETTI DA DEMENZA E AD ANZIANI FRAGILI CAPITOLATO OGGETTO L Amministrazione intende offrire alla popolazione anziana affetta da demenza o fragile un sistema

Dettagli

DAL CORTILE. IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO

DAL CORTILE. IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO DAL CORTILE. IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO Struttura in 3 sezioni: 1. Il Cuore dell oratorio Le idee sintetiche che definiscono in termini essenziali e vitali

Dettagli

UNITÀ OPERATIVA RIABILITAZIONE SCLEROSI MULTIPLA DIPARTIMENTO DI NEUROSCIENZE

UNITÀ OPERATIVA RIABILITAZIONE SCLEROSI MULTIPLA DIPARTIMENTO DI NEUROSCIENZE UNITÀ OPERATIVA RIABILITAZIONE SCLEROSI MULTIPLA DIPARTIMENTO DI NEUROSCIENZE 1/7 Premessa Il Dipartimento di Neuroscienze ha come obiettivo la prevenzione, la diagnosi, la cura, la riabilitazione e la

Dettagli

Progetti di marketing sociale 2011

Progetti di marketing sociale 2011 Progetti di marketing sociale 2011 Clown in corsia La medicina del buonumore Il sorriso e il buonumore portati da un clown possono incidere positivamente sui tempi di guarigione del paziente. Il progetto

Dettagli

Dipartimento di Salute Mentale

Dipartimento di Salute Mentale OSPEDALE 88 Dipartimento di Salute Mentale Direttore: Dr. Vincenzo Zindato UO PSICHIATRIA CENTRO PSICO SOCIALE (CPS) E AMBULATORI PERIFERICI Il CPS è il Servizio che si occupa della prevenzione, della

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato NACCARATO

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato NACCARATO Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 1552 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato NACCARATO Disciplina per l affido dell anziano e dell adulto per la salvaguardia del diritto

Dettagli

Alessandro Ricci Psicologo Psicoterapeuta Università Salesiana di Roma

Alessandro Ricci Psicologo Psicoterapeuta Università Salesiana di Roma Alessandro Ricci Psicologo Psicoterapeuta Università Salesiana di Roma LA COPPIA NON PUO FARE A MENO DI RICONOSCERE E ACCETTARE CHE L ALTRO E UN TU E COME TALE RAPPRESENTA NON UN OGGETTO DA MANIPOLARE

Dettagli

Formazione genitori. I percorsi

Formazione genitori. I percorsi Formazione genitori Sappiamo che spesso è difficile trovare un po di tempo per pensare a come siamo genitori e dedicarci alla nostra formazione di educatori, sappiamo però anche quanto sia importante ritagliarsi

Dettagli

Modello di erogazione diffusa delle Cure Palliative/Fine Vita con supporto di esperti. Parma, 21 ottobre 2011 Dott.ssa Maria Luisa De Luca

Modello di erogazione diffusa delle Cure Palliative/Fine Vita con supporto di esperti. Parma, 21 ottobre 2011 Dott.ssa Maria Luisa De Luca Modello di erogazione diffusa delle Cure Palliative/Fine Vita con supporto di esperti Parma, 21 ottobre 2011 Dott.ssa Maria Luisa De Luca 1 Le Aziende USL di Modena e Reggio Emilia hanno sviluppato una

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 1 programmazionescinfdonmandirc14.15 ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 2 GIORNATA SCOLASTICA

Dettagli

la comunicazione della diagnosi al malato di Alzheimer

la comunicazione della diagnosi al malato di Alzheimer Gruppo di studio SIGG LA CURA NELLA FASE TERMINALE DELLA VITA la comunicazione della diagnosi al malato di Alzheimer evelina bianchi Firenze 53 Congresso nazionale SIGG 2008 Firenze 53 congresso SIGG evelina

Dettagli

PREMESSA disagio scolastico Difficoltà di apprendimento Difficoltà relazionali/emozionali Apatia FINALITA OBIETTIVI

PREMESSA disagio scolastico Difficoltà di apprendimento Difficoltà relazionali/emozionali Apatia FINALITA OBIETTIVI DISAGIO 0 PREMESSA La scuola ha il compito di creare le condizioni che favoriscano nell alunno la costruzione di un immagine positiva di sé poiché l esperienza scolastica riveste un ruolo importante per

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute Direzione generale della comunicazione e dei rapporti europei ed internazionali INFORMATIVA OMS: MALTRATTAMENTI AGLI ANZIANI Traduzione non ufficiale a cura di Katia Demofonti -

Dettagli

I LUOGHI DELLA CURA E DELL APPRENDIMENTO DALL ESPERIENZA

I LUOGHI DELLA CURA E DELL APPRENDIMENTO DALL ESPERIENZA I LUOGHI DELLA CURA E DELL APPRENDIMENTO DALL ESPERIENZA Un viaggio tra il sé professionale e il sistema delle cure domiciliari Il ruolo del MMG nel sistema delle cure domiciliari BIELLA - CITTA STUDI

Dettagli

Anni di Cure e Amore 2004-2014. Carta dei Servizi

Anni di Cure e Amore 2004-2014. Carta dei Servizi Anni di Cure e Amore 2004-2014 Carta dei Servizi Anniversario 2004-2014 GENTILE OSPITE, BENVENUTO NELLA RESIDENZA SMERALDA. La carta dei servizi è, oltre che un impegno, uno strumento utile per orientare

Dettagli

La persona tra trauma e risorse Sportello di ascolto e sostegno psicologico

La persona tra trauma e risorse Sportello di ascolto e sostegno psicologico 1 La persona tra trauma e risorse Sportello di ascolto e sostegno psicologico Progetto per il sostegno e il rinserimento nella vita di relazione Equipe Multidisciplinare di I livello Sede di Roma Centro

Dettagli

European initiative for democracy and human rights Initiative européenne pour la démocratie et la protection des droits de l homme PROGETTO KAIROS

European initiative for democracy and human rights Initiative européenne pour la démocratie et la protection des droits de l homme PROGETTO KAIROS PROGETTO KAIROS Progetto di intesa e collaborazione finalizzato ad attività di assistenza, cura e ricerca in favore dei rifugiati sopravvissuti a tortura e violenza organizzata tra Azienda Ospedaliera

Dettagli

Viale Trastevere, 251 Roma

Viale Trastevere, 251 Roma PROGETTO SPORTELLO DI ASCOLTO ATTIVITA DI COUNSELING PSICOLOGICO RIVOLTO AGLI STUDENTI, INSEGNANTI E FAMIGLIE ISTITUTO SAN GAETANO Viale Trastevere, 251 Roma ANNO SCOLASTICO 2014-2015 Una proposta a cura

Dettagli

PSICOLOGIA GENERALE ED APPLICATA

PSICOLOGIA GENERALE ED APPLICATA Terzo Anno PSICOLOGIA GENERALE ED APPLICATA COMPETENZE ABILITA CONOSCENZE TEMPI S1. atteggiamento individuando i diversi approcci teorici che hanno caratterizzato la storia della psicologia. S1. Realizzare

Dettagli

I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA.

I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA. I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA. (Cfr. Indicazioni nazionali per il curricolo Sc. Infanzia D.P.R. dell 11-02-2010) Il sé e l altro Le grandi domande,

Dettagli

L ESSERE OPERATORE CARITAS MI AIUTA A VIVERE CON E PER CRISTO? DOTT.SSA LAURA SALVO PSICOLOGA-PSICOTERAPEUTA DOCENTE ISSR RICERCATRICE ITCI

L ESSERE OPERATORE CARITAS MI AIUTA A VIVERE CON E PER CRISTO? DOTT.SSA LAURA SALVO PSICOLOGA-PSICOTERAPEUTA DOCENTE ISSR RICERCATRICE ITCI L ESSERE OPERATORE CARITAS MI AIUTA A VIVERE CON E PER CRISTO? DOTT.SSA LAURA SALVO PSICOLOGA-PSICOTERAPEUTA DOCENTE ISSR RICERCATRICE ITCI VIVERE CON E PER CRISTO Evangelizzare significa: Convertire Portare

Dettagli

LA DEMENZA DI ALZHEIMER: LE NUOVE FRONTIERE DELL APPROCCIO INTEGRATO

LA DEMENZA DI ALZHEIMER: LE NUOVE FRONTIERE DELL APPROCCIO INTEGRATO LA DEMENZA DI ALZHEIMER: LE NUOVE FRONTIERE DELL APPROCCIO INTEGRATO PRENDERSI CURA DEL MALATO E DELLA SUA FAMIGLIA ALZHEIMER CAFE una proposta di realizzazione, una risposta a chi ha bisogno. DR. ALESSANDRO

Dettagli

TRA PREMESSO. che la causa alla base della violenza contro le donne è la discriminazione che nega pari diritti a uomini e donne;

TRA PREMESSO. che la causa alla base della violenza contro le donne è la discriminazione che nega pari diritti a uomini e donne; PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE DI STRATEGIE CONDIVISE FINALIZZATE ALLA PREVENZIONE ED AL CONTRASTO DEL FENOMENO DELLA VIOLENZA NEI CONFRONTI DELLE DONNE. TRA L Amministrazione Provinciale di Cuneo,

Dettagli

Come promuovere il mantenimento delle capacità residue degli anziani affetti da demenza senile?

Come promuovere il mantenimento delle capacità residue degli anziani affetti da demenza senile? Come promuovere il mantenimento delle capacità residue degli anziani affetti da demenza senile? Studio condotto presso i 5 Istituti di cura per anziani della Città di Lugano. Giornata RAI 2011 Lugano 27

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZIO EDUCATIVA TERRITORIALE

REGOLAMENTO SERVIZIO EDUCATIVA TERRITORIALE REGOLAMENTO SERVIZIO EDUCATIVA TERRITORIALE Allegato alla determinazione direttoriale n. 681/000/DIG/14/0024 del 06.06.2014 ART. 1 PRINCIPI GENERALI Il servizio Educativa Territoriale si inserisce come

Dettagli

Missionarie della Fanciullezza

Missionarie della Fanciullezza Missionarie della Fanciullezza Nutriamo un grande amore per i fanciulli, che occupano un posto centrale nel cuore e nei progetti di ogni suora della Congregazione. Cost. Missionarie della Fanciullezza

Dettagli

Bambini e nonni insieme per una vita più bella. incontro con la Malattia di Alzheimer

Bambini e nonni insieme per una vita più bella. incontro con la Malattia di Alzheimer Bambini e nonni insieme per una vita più bella incontro con la Malattia di Alzheimer Società Cooperativa Sociale Occhio Magico BAMBINI E NONNI INSIEME PER UNA VITA PIÙ BELLA incontro con la Malattia di

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. n. 3, 4 novembre 2013

CARTA DEI SERVIZI. n. 3, 4 novembre 2013 CARTA DEI SERVIZI n. 3, 4 novembre 2013 Cos è il Consultorio Familiare Il Consultorio Familiare è un luogo che offre interventi di tutela, di prevenzione e di promozione della salute. In modo particolare

Dettagli

CONSIGLIO REGIONALE DEL MOLISE

CONSIGLIO REGIONALE DEL MOLISE CONSIGLIO REGIONALE DEL MOLISE IX Legislatura Proposta di legge "Interventi regionali in favore di soggetti affetti da malattia di Alzheimer e sindromi dementigene ad essa correlate" Proponente Michelangelo

Dettagli

Disegno di Legge Regionale. Norme per contrastare e prevenire la violenza di genere. Art.1 Principi

Disegno di Legge Regionale. Norme per contrastare e prevenire la violenza di genere. Art.1 Principi Disegno di Legge Regionale Norme per contrastare e prevenire la violenza di genere Art.1 Principi La Regione Sicilia, in attuazione dei principi della Costituzione e delle leggi vigenti, delle risoluzioni

Dettagli

PROGETTO DI APPRENDIMENTO

PROGETTO DI APPRENDIMENTO PROGETTO DI APPRENDIMENTO IN AMBITO CLINICO PROBLEMA PRIORITARIO DI SALUTE SALUTE MENTALE Settembre 2006 Il percorso di apprendimento in ambito clinico relativo al problema prioritario di salute malattia

Dettagli

Ruolo del Servizio Sanitario Nazionale nel supporto alle pazienti e alle famiglie. Roma, 25 Novembre 2014. Tiziana Sabetta

Ruolo del Servizio Sanitario Nazionale nel supporto alle pazienti e alle famiglie. Roma, 25 Novembre 2014. Tiziana Sabetta Ruolo del Servizio Sanitario Nazionale nel supporto alle pazienti e alle famiglie Roma, 25 Novembre 2014 Tiziana Sabetta Nulla rende più fragile e vulnerabile una famiglia dell esordio di una malattia

Dettagli

CHE COS È E A COSA SERVE IL COUNSELLING

CHE COS È E A COSA SERVE IL COUNSELLING CHE COS È E A COSA SERVE IL COUNSELLING Dal latino consilium: consiglio, parere. Counselling, deriva dal verbo inglese to counsel. L Oxford English Dictionary dà queste definizioni: 1. dare un parere a

Dettagli

paradosso, forzatura semantica, o? o

paradosso, forzatura semantica, o? o paradosso, forzatura semantica, o? o Nebbiuno, 9 ottobre 2014 dr. Massimiliano Mazzarino Casa di Cura San Giorgio, Viverone Revisione della Rete delle Case di Cura Neuropsichiatriche Tavolo Tecnico Tavolo

Dettagli

Donna Ì : un milione di no

Donna Ì : un milione di no Ì : un milione di no IL NOSTRO TEAM Siamo un trio ma siamo anche una coppia di fidanzati, due fratelli, due amici che da qualche anno convive e condivide esperienze di vita ma anche interessi sociali e

Dettagli

STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE

STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE Titolo 3 - PROGRAMMAZIONE E SVILUPPO DELLA RETE PEDIATRICA REGIONALE Art. 20 - Art. 21 - Art. 22 - Art. 23 - Art. 24 - Art. 25 - Verso

Dettagli

PROCEDURA GESTIONE CENTRI RESIDENZIALI PER ANZIANI

PROCEDURA GESTIONE CENTRI RESIDENZIALI PER ANZIANI titolo documento PROCEDURA GESTIONE CENTRI RESIDENZIALI PER ANZIANI SCOPO e CAMPO DI APPLICAZIONE Lo scopo della presente procedura è di definire le modalità con cui la Cooperativa Promozione Lavoro gestisce

Dettagli

Carissimi Giovani, Ufficio di Pastorale Giovanile. ho pensato di invitarvi a fare sinodo, a camminare insieme per

Carissimi Giovani, Ufficio di Pastorale Giovanile. ho pensato di invitarvi a fare sinodo, a camminare insieme per Carissimi Giovani, ho pensato di invitarvi a fare sinodo, a camminare insieme per rivitalizzare la pastorale giovanile diocesana, confrontarvi su tali problemi, per scambiarci opinioni e suggerire rimedi,

Dettagli

LEGGE PROVINCIALE N. 8 DEL 22-07-2009 REGIONE TRENTO (Prov.)

LEGGE PROVINCIALE N. 8 DEL 22-07-2009 REGIONE TRENTO (Prov.) LEGGE PROVINCIALE N. 8 DEL 22-07-2009 REGIONE TRENTO (Prov.) Disposizioni per la prevenzione e la cura dell Alzheimer e di altre malattie neurodegenerative legate all invecchiamento e per il sostegno delle

Dettagli

Sostenere i disabili e le loro famiglie nella costruzione di prospettive di vita autonoma (dopo di noi)

Sostenere i disabili e le loro famiglie nella costruzione di prospettive di vita autonoma (dopo di noi) Sostenere i Il problema I temi che si definiscono dopo di noi legati alle potenzialità e autonoma dei disabili - hanno un impatto sociale estremamente rilevante. In primo luogo va sottolineato che, per

Dettagli

ASSISTENZA AL PAZIENTE TERMINALE: L ESPERIENZAL DELL HOSPICE CASA MADONNA DELL ULIVETO ULIVETO

ASSISTENZA AL PAZIENTE TERMINALE: L ESPERIENZAL DELL HOSPICE CASA MADONNA DELL ULIVETO ULIVETO ASSISTENZA AL PAZIENTE TERMINALE: L ESPERIENZAL DELL HOSPICE CASA MADONNA DELL ULIVETO ULIVETO Mariangela Piacentini Casa Madonna dell Uliveto Albinea - Reggio Emilia In quel tempo che viene definito dai

Dettagli

Riabilitazione delle Dipendenze

Riabilitazione delle Dipendenze Sistema Sanitario Regione Lombardia A.O. Ospedale Maggiore di Crema Ospedale S. Marta - Rivolta d Adda Riabilitazione delle Dipendenze U.O. di Riabilitazione delle Dipendenze Ospedale S. Marta di Rivolta

Dettagli

Oggi in via Sant Eufemia la firma del progetto. Piacenza e provincia avranno un équipe specializzata nelle cure palliative domiciliari

Oggi in via Sant Eufemia la firma del progetto. Piacenza e provincia avranno un équipe specializzata nelle cure palliative domiciliari Comunicato stampa Oggi in via Sant Eufemia la firma del progetto Piacenza e provincia avranno un équipe specializzata nelle cure palliative domiciliari grazie ad una convenzione tra Ausl, Fondazione e

Dettagli

Non ti scordar Cafè. un intervento psicosociale per gli anziani istituzionalizzati.

Non ti scordar Cafè. un intervento psicosociale per gli anziani istituzionalizzati. Non ti scordar Cafè un intervento psicosociale per gli anziani istituzionalizzati. Quando le nostre esistenze sono in frantumi, e non ricordiamo più neanche qual è la prima lettera dell alfabeto, la mossa

Dettagli

L età anziana si distingue in almeno due grandi aree: gli anziani giovani (60-75 anni), e gli anziani anziani o grandi anziani (76 e oltre).

L età anziana si distingue in almeno due grandi aree: gli anziani giovani (60-75 anni), e gli anziani anziani o grandi anziani (76 e oltre). Quando si diventa anziani? Quando la carriera lavorativa termina e ci si ritira dalla vita attiva. Il pensionamento, quindi, è convenzionalmente l inizio dell età anziana. L età anziana si distingue in

Dettagli

NEVROSI. Di Italo Dosio

NEVROSI. Di Italo Dosio NEVROSI Sindromi caratterizzate da sintomi psicologici, comportamentali e vegetativi, senza alcun substrato organico, determinate da situazioni conflittuali intrapsichiche o ambientali e legate a strutture

Dettagli

Malattia incurabile: domande incalzanti

Malattia incurabile: domande incalzanti Malattia incurabile: domande incalzanti Quando si è colpiti da una grave malattia che non concede speranze di guarigione, sorgono inevitabilmente molte domande, la maggior parte delle quali emotivamente

Dettagli

CARTA DEI DIRITTI DELLA PERSONA AFFETTA DA DOLORE

CARTA DEI DIRITTI DELLA PERSONA AFFETTA DA DOLORE CARTA DEI DIRITTI DELLA PERSONA AFFETTA DA DOLORE e 3 CARTA DEI DIRITTI DELLA PERSONA AFFETTA DA DOLORE La lotta al dolore vede impegnati la persona con i suoi familiari, gli operatori sanitari e l organizzazione

Dettagli

IL RUOLO DEL CAREGIVER. Manuela Rebellato Responsabile Counselling : OaD, UVA, Continuità Assistenziale CHI SONO?

IL RUOLO DEL CAREGIVER. Manuela Rebellato Responsabile Counselling : OaD, UVA, Continuità Assistenziale CHI SONO? IL RUOLO DEL CAREGIVER Manuela Rebellato Responsabile Counselling : OaD, UVA, Continuità Assistenziale CHI SONO? Per i pazienti un sostegno indispensabile Per i Medici un riferimento Per le Istituzioni

Dettagli

L innovazione in salute mentale: il ruolo della psicologia

L innovazione in salute mentale: il ruolo della psicologia Congresso: La psicologia e il sistema socio-sanitario regionale L innovazione in salute mentale: il ruolo della psicologia Mauro Percudani, Dipartimento di Salute Mentale A.O. G. Salvini Garbagnate Milanese

Dettagli

Il nursing riabilitativo nel Dipartimento di Salute Mentale. Docente: Paolo Barelli

Il nursing riabilitativo nel Dipartimento di Salute Mentale. Docente: Paolo Barelli Il nursing riabilitativo nel Dipartimento di Salute Mentale Docente: Paolo Barelli Day Hospital Centro Diurno CONTESTO Centro Salute Mentale: Ambulatori e Territorio SOCIALE Ospedale: Servizio Psichiatrico

Dettagli

Provenienza degli Ospiti Caratteristiche degli Ospiti Età

Provenienza degli Ospiti Caratteristiche degli Ospiti Età 1 La Fondazione Molina ha realizzato un Nucleo NeuroPsicoGeriatrico (NPG) per sostenere persone e famiglie verso le quali, allo stato attuale, non sono stati ancora organizzati servizi specifici da parte

Dettagli

DATI GENERALI DEL PROGETTO

DATI GENERALI DEL PROGETTO 1 ALL.2) DATI GENERALI DEL PROGETTO AZIENDA SANITARIA PROPONENTE: ASL 10 DI FIRENZE UFSMA/MOM SMA 5 FIRENZE TITOLO PROGETTO: PSICOEDUCAZIONE CON FAMIGLIE DI PSICOTICI, DIAGNOSI E RIABILITAZIONE COGNITIVA:

Dettagli

ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti. www.trevisovolontariato.org

ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti. www.trevisovolontariato.org ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti www.trevisovolontariato.org Il Laboratorio Scuola & Volontariato è un iniziativa del Coordinamento delle associazioni di volontariato della Provincia

Dettagli

La rete del Coordinamento Cittadino contro la Violenza alle Donne

La rete del Coordinamento Cittadino contro la Violenza alle Donne La rete del Coordinamento Cittadino contro la Violenza alle Donne a cura di Rosa Piscopo - Donne & Futuro onlus e Ufficio Accogliere le Donne Settore Pari Opportunità e Politiche di Genere Città di Torino

Dettagli

Le Donne: il motore della vita

Le Donne: il motore della vita Le Donne: il motore della vita Il team di questo progetto è composto da me stessa. Sono una giovane laureata in Giurisprudenza e praticante avvocato, molto sensibile e attenta al tema riguardante la violenza

Dettagli

I gruppi di auto mutuo aiuto: risorsa della comunità

I gruppi di auto mutuo aiuto: risorsa della comunità Rovereto, 12 16 settembre 11 I gruppi di auto mutuo aiuto: risorsa della comunità Stefano Bertoldi - Ass.A.M.A, Università di Trento Corso di sensibilizzazione all approccio ecologicosociale alla promozione

Dettagli

SERVIZIO CURE DOMICILIARI ASL7 CARBONIA LIBRETTO INFORMATIVO

SERVIZIO CURE DOMICILIARI ASL7 CARBONIA LIBRETTO INFORMATIVO SERVIZIO CURE DOMICILIARI ASL7 CARBONIA LIBRETTO INFORMATIVO Rev. 01 del 21.10.2014 1. Presentazione del libretto informativo Dal 1999 ci occupiamo di assistenza domiciliare ed il nostro intento è stato

Dettagli

TITOLO: Sensibilizzazione degli insegnanti in tema di abuso sessuale ai bambini/e

TITOLO: Sensibilizzazione degli insegnanti in tema di abuso sessuale ai bambini/e TITOLO: Sensibilizzazione degli insegnanti in tema di abuso sessuale ai bambini/e ANALISI STRUTTURATA DEL PROBLEMA Problema: L abuso sessuale è un problema che da molti anni gli operatori dell area sociosanitaria

Dettagli

1044 PIAZZE PER I 40 ANNI DELLA LEGGE 1044 SUI NIDI PENSIERI DEI NOSTRI GENITORI:

1044 PIAZZE PER I 40 ANNI DELLA LEGGE 1044 SUI NIDI PENSIERI DEI NOSTRI GENITORI: 1044 PIAZZE PER I 40 ANNI DELLA LEGGE 1044 SUI NIDI PENSIERI DEI NOSTRI GENITORI: L Asilo nido è un servizio essenziale per noi genitori lavoratori, sarebbe impossibile concepire l assenza di un servizio

Dettagli

Funzionigramma Comunità Panta Rei

Funzionigramma Comunità Panta Rei Funzionigramma Comunità Panta Rei Sanitario Psicoterapia/Psichiatra: In collaborazione con la Psicoterapeuta/Psicologa/NPI si occupa della valutazione clinica degli utenti nella fase del preingresso e

Dettagli

VALIDITA, IDONEITA E CAPACITA LAVORATIVA DEL MALATO PSICHIATRICO: IL PERCORSO DEL MEDICO DEL LAVORO

VALIDITA, IDONEITA E CAPACITA LAVORATIVA DEL MALATO PSICHIATRICO: IL PERCORSO DEL MEDICO DEL LAVORO VALIDITA, IDONEITA E CAPACITA LAVORATIVA DEL MALATO PSICHIATRICO: IL PERCORSO DEL MEDICO DEL LAVORO Dott. Rino Donghi Medicina Occupazionale H San Raffaele Resnati Dott. Terenzio Cassina Pasol titolo Il

Dettagli

Proposte per una legge che tuteli le donne affette da endometriosi Associazione Italiana Endometriosi Onlus

Proposte per una legge che tuteli le donne affette da endometriosi Associazione Italiana Endometriosi Onlus Proposte per una legge che tuteli le donne affette da endometriosi Associazione Italiana Endometriosi Onlus La risoluzione dell enigma endometriosi. Per affrontare con successo l enigma endometriosi, occorre

Dettagli

Si può... RINASCERE LA TIPOLOGIA DEL NOSTRO PROGETTO. Prevenzione. Aumento della sicurezza/difesa. Supporto/assistenza alle donne oggetto di violenza

Si può... RINASCERE LA TIPOLOGIA DEL NOSTRO PROGETTO. Prevenzione. Aumento della sicurezza/difesa. Supporto/assistenza alle donne oggetto di violenza IL NOSTRO TEAM Sono una psicologa e specializzanda in psicoterapia sistemico-relazionale della famiglia, in più sono anche mediatrice familiare. Ho 29 anni e dal 2009 sono addentrata nel mondo dell associazionismo

Dettagli

CENTRO PER LO STUDIO, LA DIAGNOSI E LA TERAPIA DELL ADHD

CENTRO PER LO STUDIO, LA DIAGNOSI E LA TERAPIA DELL ADHD Azienda Ospedaliera G. Salvini Garbagnate Milanese Unità Operativa di Neuropsichiatria dell Infanzia e dell Adolescenza. CENTRO PER LO STUDIO, LA DIAGNOSI E LA TERAPIA DELL ADHD Direttore: prof. Giuseppe

Dettagli

SPORTELLO DI CONSULENZA PER DONNE IN DIFFICOLTA

SPORTELLO DI CONSULENZA PER DONNE IN DIFFICOLTA 1. NUMERO AZIONE RIPROGRAMMAZIONE PIANO DI ZONA 2 E 3 ANNO DEL 1 TRIENNIO 6 2. TITOLO AZIONE SPORTELLO DI CONSULENZA PER DONNE IN DIFFICOLTA 3. DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ Analisi del Contesto Nel piano

Dettagli

La presa in carico globale della persona adulta con disabilità intellettiva attraverso processi di abilitazione nella vita quotidiana

La presa in carico globale della persona adulta con disabilità intellettiva attraverso processi di abilitazione nella vita quotidiana La presa in carico globale della persona adulta con disabilità intellettiva attraverso processi di abilitazione nella vita quotidiana Dr. Lucio MODERATO Psicologo - Psicoterapeuta Direttore Servizi Diurni

Dettagli

Art. 1 (Finalità) Art. 2 (Funzioni della Regione)

Art. 1 (Finalità) Art. 2 (Funzioni della Regione) LEGGE REGIONE MARCHE 11 NOVEMBRE 2008, N. 32 Art. 1 (Finalità) Art. 2 (Funzioni della Regione) Art. 3 (Istituzione del Forum permanente) Art. 4 (Iniziative di prevenzione) Art. 5 (Informazione) Art. 6

Dettagli

Dalla rianimazione al domicilio. SERVIZIO ANESTESIA RIANIMAZIONE MEDICINA IPERBARICA P.O. MARINO Paolo Castaldi Fabiana Matta

Dalla rianimazione al domicilio. SERVIZIO ANESTESIA RIANIMAZIONE MEDICINA IPERBARICA P.O. MARINO Paolo Castaldi Fabiana Matta Dalla rianimazione al domicilio SERVIZIO ANESTESIA RIANIMAZIONE MEDICINA IPERBARICA P.O. MARINO Paolo Castaldi Fabiana Matta Dalla rianimazione al domicilio Problema Bisogni Risposta Piano personalizzato

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI Consultorio Familiare LA CASA di Erba CARTA DEI SERVIZI E lo strumento del quale il Consultorio si è dotato per rendere più facilmente visibili i servizi offerti a coloro che intendono

Dettagli

MOTIVAZIONE DEL SOCCORRITORE

MOTIVAZIONE DEL SOCCORRITORE Lunedì 17 Febbraio 2014 Misericordia nel Comune di Lari Corso di Formazione di livello Base e Avanzato ASPETTI RELAZIONALI NELL APPROCCIO AL PAZIENTE RELATORE Benedetto Deri, F.M.R.T. Misericordia nel

Dettagli

INRCA ISTITUTO DI RICOVERO E CURA A CARATTERE SCIENTIFICO DIREZIONE SCIENTIFICA EVENTO FORMATIVO

INRCA ISTITUTO DI RICOVERO E CURA A CARATTERE SCIENTIFICO DIREZIONE SCIENTIFICA EVENTO FORMATIVO INRCA ISTITUTO DI RICOVERO E CURA A CARATTERE SCIENTIFICO DIREZIONE SCIENTIFICA EVENTO FORMATIVO Le visite infermieristiche domiciliari preventive per il paziente affetto da malattia di Alzheimer e del

Dettagli

SERVIZIO DI PSICOLOGIA

SERVIZIO DI PSICOLOGIA SERVIZIO DI PSICOLOGIA ASSOCIAZIONE ITALIANA PER L EDUCAZIONE DEMOGRAFICA SEZIONE DI ROMA SERVIZIO DI PSICOLOGIA PRESSO I CONSULTORI AIED Il servizio di psicologia nei consultori Aied, articolato nelle

Dettagli

I SERVIZI STANDARD EROGATI IN TUTTE LE RESIDENZE. Inoltre nelle Residenze per anziani non autosufficienti :

I SERVIZI STANDARD EROGATI IN TUTTE LE RESIDENZE. Inoltre nelle Residenze per anziani non autosufficienti : Gli spazi e i servizi standard 18 I SERVIZI STANDARD EROGATI IN TUTTE LE RESIDENZE Assistenza alla sona 24 h su 24 Assistenza medica diurna (secondo necessità) Assistenza infermieristica diurna Assistenza

Dettagli

PROGETTO A.M.A. PER FORMARE ALLA CURA

PROGETTO A.M.A. PER FORMARE ALLA CURA PROGETTO A.M.A. PER FORMARE ALLA CURA PREMESSA L Associazione Italiana Malattia di Alzheimer (AIMA) nasce a livello nazionale nel 1985 con l obiettivo di dare voce alle necessità delle famiglie colpite

Dettagli

TRE ANNI TRAGUARDI per lo sviluppo delle competenze OBIETTIVI di apprendimento CONTENUTI

TRE ANNI TRAGUARDI per lo sviluppo delle competenze OBIETTIVI di apprendimento CONTENUTI TRE ANNI S.A. 1 S.A. 2 S.A. 3 S.A. 4 S.A. 5 TRAGUARDI per lo sviluppo delle competenze OBIETTIVI di apprendimento CONTENUTI IL BAMBINO GIOCA IN MODO COSTRUTTIVO E CREATIVO CON GLI ALTRI, SA ARGOMENTARE,

Dettagli

LA RETE LOCALE PER LE VITTIME DI VIOLENZA

LA RETE LOCALE PER LE VITTIME DI VIOLENZA LA RETE LOCALE PER LE VITTIME DI VIOLENZA Relatrice dott.ssa M.Milano Vicepresidente Me.Dea Associazione di Promozione Sociale di Contrasto alla Violenza Contro la Donna ME.DEA UN TASSELLO DELLA RETE Ogni

Dettagli

MACROAREA CENTRO SERVIZI ANZIANI CASA SERENA- VILLA SAN GIACOMO

MACROAREA CENTRO SERVIZI ANZIANI CASA SERENA- VILLA SAN GIACOMO MACROAREA CENTRO SERVIZI ANZIANI CASA SERENA- VILLA SAN GIACOMO L essere dell uomo è una comunicazione profonda. Essere significa comunicare. Essere significa essere per l altro e, attraverso l altro,

Dettagli

STRUTTURA INTERMEDIA DI RIABILITAZIONE DALLA DISABILITA ACQUISITA

STRUTTURA INTERMEDIA DI RIABILITAZIONE DALLA DISABILITA ACQUISITA AZIENDA ULSS N. 8 OPERE PIE D ONIGO STRUTTURA INTERMEDIA DI RIABILITAZIONE DALLA DISABILITA ACQUISITA attività innovativa (delibera del Direttore Generale dell Azienda ULSS n. 8 del 29 novembre 2007 n.

Dettagli

La Malattia di Alzheimer: approccio neuropsicologico

La Malattia di Alzheimer: approccio neuropsicologico La Malattia di Alzheimer: approccio neuropsicologico Dott.ssa Sara Fascendini Centro Alzheimer, Fondazione Europea di Ricerca Biomedica (FERB), Ospedale Briolini, Gazzaniga (BG) CHE COSA È LA DEMENZA?

Dettagli