anno cinque - numero undici - settembre 2014 SOMMARIO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "anno cinque - numero undici - settembre 2014 SOMMARIO"

Transcript

1 anno cinque - numero undici - settembre 2014 SOMMARIO La pastorale della salute nelle periferie esistenziali p. 2 La filosofia dell U.N.I.T.A.L.S.I. all interno di Villa San Giuseppe p. 3 Nate per questo: donne vicino alla donna p. 4 - p. 5 Settembre: mese mondiale dedicato all anziano p. 6 Nuove tecniche di riabilitazione della psicosi p. 7 Voce dell amministrazione: standard assistenziali p.8

2 LA PASTORALE DELLA SALUTE NELLE PERIFERIE ESISTENZIALI ALFREDO MANCINI - COLLABORATORE DI V.S.G. DALLE CRESCENTI DISUGUAGLIANZE ALLA COMUNITÀ CHE ACCOGLIE, CHE EDUCA, CHE CURA Il XVI Convegno Nazionale dei Direttori degli uffici diocesani, delle Associazioni e degli Operatori di pastorale della salute tenutosi ad Abano Terme il Giugno ha lasciato a mio avviso, nel cuore e nella mente di molti religiosi, operatori sanitari e come me laici impegnati, un messaggio di speranza e di solidarietà verso tutte le categorie che operano a contatto con la sofferenza e che si impegnano in ogni centro a far conoscere e rendere visibile l azione della Chiesa che ha il compito di annunciare l amore misericordioso di Dio che non abbandona mai i suoi Figli. E emerso in modo chiaro, che il tempo del discernimento e della riflessione non devono e non possono occupare l intera giornata. Ha aggiunto Monsignor Merisi, E tempo di agire e andare incontro alle periferie esistenziali dei cuori che gridano aiuto... Non bisogna solo ascoltare, ma agire, muoversi il prima possibile con azioni attive attraverso gesti forti, concreti in quelle periferie esistenziali che si esprimono nel volto umano e soffrente di Cristo presente nel Malato. Tre giorni di confronto e di discussione molto costruttivi dove ho avuto modo di confrontarmi con chi condivide come me la Filosofia Ospedaliera. Con la Dr.ssa Morena Ciarrocchi (Psicologa-Psicoterapeuta di Villa San Giuseppe) e il Dr. Michele Venanzi (responsabile della Pastorale Sanitaria di Villa San Benedetto), che ringrazio per aver accettato l invito a partecipare a questo convegno, abbiamo condiviso e provato a far emergere alcune idee su come far arrivare il messaggio di aiuto verso le nostre periferie esistenziali. Quelle periferie che avvolte si manifestano nella difficoltà di capire e fare propri quei valori umanizzanti ed evangelici che contraddistinguono l azione Ospedaliera nelle nostre Case. Sono sicuro che da oggi, l azione Pastorale appunto nelle nostre case, oltre che arricchirsi spiritualmente sarà ancora più decisa e attiva verso quel mondo periferico che non si manifesta solo attraverso la distanza geografica (appunto periferica), ma vive come non mai radicata nei nostri cuori e in quelli che vivono il disagio e la malattia. Diversi sacerdoti con i quali ci siamo relazionati hanno richiesto informazioni sulla nostra realtà Ospedaliera e i principi ispiratori che muovono l azione delle Suore. E stato per me e penso anche per il collega di Albese un privilegio essere stati portavoce della Missione Ospedaliera delle nostre rispettive Case che sono parte integrante dell intera grande Famiglia Ospedaliera. Sono sicuro, che questa occasione abbia fornito gli strumenti ideali e di confronto per rispondere al meglio alle sfide periferiche esistenziali verso le quali siamo chiamati ad agire e alle quali dobbiamo fornire risposte concrete ed efficaci. 2

3 LA FILOSOFIA DELL U.N.I.T.A.L.S.I. ALL INTERNO DI VILLA SAN GIUSEPPE ALFREDO MANCINI - COLLABORATORE DI V.S.G. UN SORRISO, UNA CAREZZA, UN ABBRACCIO <<La gioia del Vangelo riempie il cuore e la vita intera di coloro che si incontrano con Gesù>>: con queste parole si apre l esortazione apostolica sull annuncio del Vangelo nel mondo attuale di papa Francesco, più comunemente designata, secondo l uso, con l incipit latino Evangelii gaudium (EG). L U.N.I.T.A.L.S.I sezione di Ascoli Piceno da anni impegnata nel volontariato assistenziale nella Casa Cura Villa San Giuseppe è espressione visibile, tangibile di cosa voglia dire incontrare Gesù nel prossimo. Il Prossimo, come sappiamo, è colui che soffre, è colui che ogni giorno porta la sua croce, le sue ansie i suoi dolori con la speranza di guarire, di sorridere, di sentirsi anche solo per un istante felice. I volontari con la loro formazione, il loro carisma che bene si integra con quello delle Suore Ospedaliere trovano il punto massimo nel dono dell accoglienza. Accoglienza, come la capacità non solo di dare riparo, ristoro, ma accoglienza come condivisione della propria croce. Avere la capacità di ascoltare, farsi carico delle debolezze altrui. Per usare un espressione di Papa Francesco andare dunque incontro alle periferie esistenziali che investono l agire di ogni uomo. La solitudine, la mancanza di sorriso, portano l Ospite ma la persona in generale a perdere fiducia nei propri mezzi e quindi a non reagire. Queste persone donando il loro tempo, il loro sorriso mettono in pratica il vissuto del Vangelo come terapia che agisce nella mente ma soprattutto nel cuore. Ogni lunedì, per circa tre ore i volontari fanno compagnia ai pazienti della Casa Protetta, recitano il rosario nei reparti e in diverse occasioni invitano gli Ospiti della Casa a partecipare alle varie iniziative che la sezione ascolana propone nelle varie parrocchie. E un volontariato a 360, un servizio attento e rispettoso che porta all interno della struttura una ventata di serenità e di fiducia. Le suore, l amministrazione e tutto il personale medico-infermieristico attraverso la voce di questo semplice notiziario dicono grazie a queste persone per la loro presenza caritatevole continua ed efficace a sostegno dell operato di tutta la grande Famiglia Ospedaliera. 3

4 NATE PER QUESTO: DONNE VICINO ALLA DONNA MELISSA PANICHI - PSICOLOGA PSICOTERAPEUTA La Casa di Cura Villa San Giuseppe fondata dalla Congregazione delle Suore Ospedaliere del Sacro Cuore di Gesu, sin dalla sua nascita si e presa carico dei pazienti con patologie psichiatriche con particolare attenzione alla salute mentale della donna. Attenzione che si e mantenuta sempre viva nel tempo, fino ad essere premiata nel dicembre 2013 con il Bollino Rosa per il biennio dall Osservatorio Nazionale sulla salute della Donna O.N.Da. Il programma Bollini Rosa di O.N.Da individua e premia gli ospedali italiani vicini alle donne che offrono percorsi diagnosticoterapeutici e servizi dedicati alle patologie femminili di maggior rilievo clinico. In occasione della Giornata Mondiale della Salute Mentale il 10 ottobre O.N.Da coinvolge gli ospedali Bollino Rosa affinche offrano servizi gratuiti, clinicodiagnostici e informativi alla popolazione femminile. Gli obiettivi di questa iniziativa, patrocinata dalla Societa Italiana di Psichiatria, sono sensibilizzare la popolazione sull importanza della diagnosi precoce, favorire l accesso alle cure e contribuire a superare pregiudizi e paure sui disturbi mentali. La Casa di Cura partecipa con un Open Day nella giornata del 16 ottobre dalle ore 9,00 alle 18,00 in cui l equipe di professionisti della clinica (psichiatri, neurologi, psicologi e tecnici della riabilitazione) offrono gratuitamente a tutte le donne i seguenti servizi: Durante la giornata si svolgeranno: Visita psichiatrica Visita neurologica Visita nutrizionale Consulenza psicologica individuale e familiare Consulenza psichiatria e psicologica per patologie alcol correlate e persone con problemi di alcol Gruppo di Training Autogeno Gruppo di DanzaMovimentoTerapia Gruppo sostegno per familiari di pazienti affetti da demenza. Per ulteriori informazioni e per consultare il programma della giornata: tel Coerentemente alla vocazione delle Suore Ospedaliere della cura delle patologie e della sofferenza femminile la Casa di Cura sta attivando un servizio ambulatoriale di sostegno ed accoglienza alle donne vittima di violenza. La violenza contro le donne e una violazione dei diritti umani che consiste in qualunque atto e provoca o puo provocare danni o sofferenze fisiche, sessuali o psicologiche. Nella Regione Marche pochi sono i dati quantitativi che evidenziano il fenomeno in tutta la sua gravità, per il ritegno e la reticenza delle vittime delle diverse forme di violenza in atto. Tuttavia la realtà locale registra un aumento degli episodi di violenza sulle donne, di cui solo una minima parte vengono denunciati. I dati che riguardano la provincia di Ascoli Piceno, ambito di intervento del nostro progetto dicono che nel periodo dal 1 luglio 2011 al 30 giugno donne sono state vittime di violenza fisica e psicologica 7 donne vittime di violenza fisica e sessuale 14 donne vittime di violenza psicologica 8 donne hanno denunciato di essere vittime di stalking. Autore della violenza e stato in 45 casi il marito compagno ex compagno, in 2 casi si tratta di un parente. Il progetto mira a fornire ascolto e sostegno alle donne vittima di violenza e uno spazio di accoglienza ed ascolto allo scopo di favorire l emersione del fenomeno nel nostro territorio, aiutare le vittime a riconquistare il benessere psicofisico e di un piano di 4

5 NATE PER QUESTO: DONNE VICINO ALLA DONNA MELISSA PANICHI - PSICOLOGA PSICOTERAPEUTA vita autonomo. La donna al termine del percorso di sostegno potra progettare un percorso di autonomia lavorativa, abitativa, relazionale. L aspetto innovativo che il servizio della clinica propone e puntare lo sguardo sulla variabile maschile all interno del fenomeno della violenza. Il programma di intervento sugli uomini maltrattanti hanno l obiettivo di far confrontare gli autori della violenza con il loro comportamento violento e criminale; promuovere l assunzione di responsabilita dei propri comportamenti. Servizi prestati per le donne vittima di violenza sono: Fornire uno spazio di accoglienza ed ascolto allo scopo di favorire l emersione del fenomeno nel nostro territorio Fornire sostegno psicologico, sanitario, medicolegale L attivazione di una linea telefonica rivolta alle donne vittima di violenza di ogni genere garantendo l anonimato Sostenere un percorso di riconquista delle competenze genitoriali e riattivare relazioni familiari funzionali. Consulenza informativa legale Partecipazione al gruppo di auto-mutuo aiuto l attivazione di una linea telefonica con la finalita di facilitare l accesso ad un colloquio individuale Il servizio per il trattamento degli uomini violenti prevede: l attivazione di una linea telefonica la presa in carico individuale diagnosticaterapeutica dell uomo il sostegno alla nascita di un gruppo di auto-mutuo aiuto Numero Verde Il numero è attivo tutti i giorni per 24 ore al giorno, con la possibilità di parlare con l operatore dal lunedi al venerdi, dalle ore 9,00 alle 16,00 5

6 SETTEMBRE: MESE MONDIALE DEDICATO ALL ANZIANO PETRITOLA DONATELLA - NEUROLOGO Da qualche anno l opinione pubblica, la medicina, la psicologia ha sempre posto maggiore attenzione alla salute mentale degli anziani tanto da istituire un mese ad essi dedicato ed una nuova branca in cui convogliano più professioni sanitarie e psicologiche: la neuropsicogeriatria. Proprio in quest ottica anche la Congregazione delle Suore Ospedaliere di Villa San Giuseppe ha organizzato tre importanti appuntamenti: il 20, 26 e 27 settembre. Il 20 settembre, giorno della XXI giornata mondiale dell Alzheimer, inizierà il triduo per celebrare il mese mondiale dedicato agli anziani. Presso l auditorium della Casa di Cura Villa San Giuseppe, alle ore 21:30 si terrà l anteprima della sezione speciale memoria corta del Fluvione Corto Festival. In collaborazione con il Cinecircolo don Mauro nel corso del tempo e l associazione culturale non profit Marsia 360 è stata indetta una sezione speciale dal titolo memoria corta all interno del bando nazione del Fluvione Corto Festival. Durante l anteprima verranno proiettati i migliori dei corti a tema che hanno partecipato alle edizioni precedenti del festival. Il 27 settembre alle ore 21:30 presso l auditorium della parrocchia di S.S. Simone e Giuda, si terrà la serata finale del festival con la proiezione di corti inediti e con la premiazione delle varie categorie tra cui la sezione memoria corta (per il premio in palio si ringraziano gli sponsor Centro Analisi, Maven edee Pharma, Privata Assistenza). Il 26 settembre si svolgerà presso l auditorium interno della Casa di Cura, un congresso dedicato proprio alla neuropsicogeriatria con argomento dedicato ai disturbi psicotici dell anziano. Scopo del corso è fornire gli strumenti necessari per conoscere e riconoscere i principali quadri nosologici al fine di una efficace pianificazione dell intervento farmacologico e non. Esperti del campo illustreranno la specificità della psicopatologia della terza età, esporranno i criteri diagnostico-strumentali utili ai fini dello screening, della diagnosi, della diagnosi differenziale, ed il monitoraggio dei disturbi del pensiero dell anziano. Nell invecchiamento si osserva infatti una significativa presenza di psicopatologie di ordine funzionale e organico, come i disturbi affettivi con o senza psicosi e disturbi psicotici funzionali, che in questa fase della vita hanno caratteristiche specifiche, ponendo quesiti diagnostici particolari ed interventi mirati, in relazione alle possibili differenze fisiopatogenetiche tipiche di questa fascia d età, dovendo tener conto delle polifarmacoterapie, delle malattie internistiche o neurologiche che possono sottendere un disturbo psicotico. 6

7 NUOVE TECNICHE DI RIABILITAZIONE NELLE PSICOSI DI LUDOVICO VALENTINA - TECNICO DELLA RIABILITAZIONE PSICHIATRICA La schizofrenia è un grave disturbo mentale caratterizzato da un profondo deficit del rapporto con la realtà, con pensiero ed eloquio disorganizzato, delirio, allucinazioni e un disturbo del comportamento motorio. La psicosi raggiunge, spesso, un livello di compromissione sindromica invalidante, incidendo profondamente nella vita sociale, lavorativa e relazionale dei pazienti e delle loro famiglie. Il Cognitive Remediation Experts Workshop, tenutosi nell aprile 2010 a Firenze,ha definito come le tecniche di rimedio cognitivo per la schizofrenia siano interventi basati su un training comportamentale che mirano a migliorare i processi cognitivi (attenzione,memoria, funzioni esecutive, social cognition e metacognizione) con l obiettivo della persistenza e della generalizzazione degli effetti. L obiettivo principale è rappresentato dal miglioramento del funzionamento globale e della qualità di vita del paziente. La maggior parte delle tecniche di rimedio cognitivo prende in considerazione le funzioni che maggiormente si correlano alle disabilità del paziente. Le funzioni esecutive, la memoria e l attenzione hanno rappresentato aree di particolare interesse nella ricerca sulla schizofrenia durante gli ultimi decenni, si sono dimostrate importanti indicatori di outcome funzionale e rappresentano pertanto tra i principali target degli interventi di rimedio cognitivo. È possibile che i diversi approcci possano essere complementari e sinergici, e che il potenziamento di specifiche funzioni cognitive favorisca l apprendimento di nuove strategie compensatorie di problem solving, da applicare e generalizzare alla vita quotidiana. Le attuali modalità di somministrazione della riabilitazione cognitiva comprendono un insieme di interventi eterogenei, computerizzati e non, individuali o di gruppo, che utilizzano specifiche strategie e tecniche. Le più recenti strategie si basano sul modello di recovery piuttosto che su quello di deficit. Alcuni interventi si propongono di fare apprendere nuove abilità o di stimolare l utilizzo di quelle residue, al fine di raggiungere un determinato obiettivo, agendo anche sull ambiente, in modo da modificare ed adattare il contesto in cui vive il paziente, per aiutarlo a superare le sue disabilità. Gli interventi basati sull utilizzo di supporti computerizzati possono essere svolti sia individualmente che da più pazienti contemporaneamente, mentre gli interventi basati sull utilizzo di carta e penna vengono solitamente condotti individualmente. Negli interventi computerizzati esistono una vasta disponibilità di software, questi costituiscono generalmente pacchetti integrati, caratterizzati da esercizi specifici presentati in modo progressivo. Tra i programmi di training cognitivo computerizzati il metodo Cogpack è uno dei più studiati. Gli esercizi del Cogpack si raggruppano a seconda del dominio cognitivo esercitato: abilità visuomotorie, vigilanza, linguaggio, memoria, logica e calcoli matematici, abilità quotidiane, cultura e orientamento. Gli esercizi possono essere presentati in forma randomizzata e presentano un livello di difficoltà in grado di adattarsi automaticamente alle capacità del paziente evitando così sia l esecuzione di compiti troppo semplici, sia la frustrazione dovuta a compiti troppo complessi. Il Cogpack si è dimostrato efficace nel migliorare le funzioni esecutive, la velocità di pro cessazione dell informazione, l apprendimento e la fluenza verbale e, se somministrato insieme ad un programma di riabilitazione psicosociale abituale, si è rivelato efficace anche nelle misure di esito funzionale. In conclusione possiamo dire che questi interventi mirano alla riacquisizione di competenze e all incremento dell articolazione sociale. Nel definire il progetto terapeutico bisogna tenere conto di diversi parametri di valutazione che riguardino da un lato il sistema del paziente, dall altro il sistema curante. Gli obiettivi della riabilitazione vanno individuati ponendo attenzione alla storia del paziente, ai modelli di socializzazione acquisiti, allo stile di vita familiare e del gruppo sociale di appartenenza. La necessità di rispettare le scelte del paziente e dei contesti con cui egli entra in relazione questo costituisce la base indispensabile affinchè i programmi di riabilitazione trovino il massimo consenso e le minime resistenze possibili (Siani, Siciliani e Burti 1990). 7

8 STANDARD ASSISTENZIALI QUALI NOVITÀ? AMMINISTRAZIONE La delibera 1011/2013 della Regione Marche ha ridefinito gli standard di personale nei servizi per la salute mentale e, anche la ns. Casa di Cura, ha dovuto adeguarsi. La delibera ha come oggetto la Definizione degli standard assistenziali e dei criteri di rilevazione dei costi gestionali della residenzialità e semiresidenzialità delle aree sanitarie extraospedaliere e socio sanitarie nei settori anziani non autosufficienti, disabili e salute mentale. Con il mese di settembre, tutta la turnistica del personale sanitario coinvolto ha subito alcune, ma sostanziali, differenze nell ottica di un progressivo adeguamento alla normativa, al massimo entro il 30 giugno Quali sono le novità? Vediamole insieme. Indubbiamente le ore di assistenza infermieristica e di persona OSS si sono contratte, a favore di figure più riabilitative come psicologi e tecnici della riabilitazione psichiatrica. Questi ultimi, certamente, hanno un ruolo prettamente riabilitativo che, per la tipologia di paziente che ospitiamo, dovrebbero aiutarli ad un miglior equilibrio con se stessi e nel rapporto relazionale con l altro. Certamente ogni cambiamento crea piccoli terremoti e disordini momentanei. In definitiva nel reparto Struttura Residenziale Terapeutica ecco i nuovi standard assistenziali (su modulo base di 20 pazienti): 3 ore per il personale medico. 20 ore per il personale infermieristico; 10 ore per il personale oss; 30 ore per il personale educativo riabilitativo (educatori e tecnici della riabilitazione psichiatrica); 10 ore per gli psicologi; Nel reparto Casa Protetta ecco la nuova situazione: 3 ore per Medici e psicologi; 14 ore per il personale infermieristico; 7 ore per il personale oss; 16 ore per personale educativo riabilitativo (educatori e tecnici della riabilitazione psichiatrica); L azienda, dinanzi a questa delibera, non ha potuto far altro che adeguarsi, al momento parzialmente, in attesa di capire come riclassificare professionalmente alcune figure professionali presenti in azienda. Si avrà tempo fino al , salvo eventuali proroghe. Non ci sono state riduzioni di personale ma solo una riorganizzazione interna della turnistica, e, al fine di evitarle, l azienda si è attivata nel chiedere tempo alla Regione per potersi adeguare completamente ai nuovi standard dettati dalla delibera. Nel frattempo non sono mancate anche riduzioni delle tariffe giornaliere riconosciute alla struttura per il mantenimento del paziente sia nel reparto di riabilitazione alcologica che nel reparto di lungodegenza post acuzie per adeguamenti alla normativa nazionale. Certamente sono tempi duri, ma ci auguriamo che, specie nelle ns. strutture dove ogni operatore è chiamato a far parte della famiglia ospedaliera, non venga mai a mancare lo spirito di collaborazione che muove ogni lavoratore verso il benessere ultimo del paziente. CORSI E.C.M DI VILLA S.GIUSEPPE REDAZIONE: Suor Agnese Baldi-Superiora, Massimo Badolato, Alessandro Valchera, Alfredo Mancini COLLABORATORI: Alfredo Mancini, Melissa Panichi, Petritola Donatella, Di Ludovico Valentina

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 INFORMAZIONI PERSONALI Nome Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI REGGIO CALABRIA

Dettagli

Psicopatologia della DI, QdC, QdV

Psicopatologia della DI, QdC, QdV La psicopatologia nella disabilità intellettiva Dr. Luigi Croce psichiatra, docente all Università Cattolica di Brescia Ravenna 09/03/2012 Luigi Croce Università Cattolica Brescia croce.luigi@tin.it Disabilità,

Dettagli

IDI IRCCS Roma. CRESCERE con l EB. Elisabetta Andreoli. Servizio di Psicologia Clinica e Psicoterapia Psicosomatica

IDI IRCCS Roma. CRESCERE con l EB. Elisabetta Andreoli. Servizio di Psicologia Clinica e Psicoterapia Psicosomatica IDI IRCCS Roma CRESCERE con l EB Elisabetta Andreoli Servizio di Psicologia Clinica e Psicoterapia Psicosomatica EB: patologia organica che interessa l ambito fisico e solo indirettamente quello psicologico

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

COMUNITA SOL LEVANTE Carta dei Servizi 2010/2012

COMUNITA SOL LEVANTE Carta dei Servizi 2010/2012 COMUNITA SOL LEVANTE Carta dei Servizi 2010/2012 La Sol Levante nasce nel 1998 per dare una risposta alle esigenze delle persone, di ogni fascia d età, affette da disagio psichico e con problematiche in

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

Staff - S.C. Neuropsichiatria Infantile

Staff - S.C. Neuropsichiatria Infantile INFORMAZIONI PERSONALI Nome Attilio Vercelloni Data di nascita 28/01/1960 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio dirigente medico ASL DI VERCELLI Staff - S.C. Neuropsichiatria

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi

Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi Venga il Tuo Regno! COMISSIONE CENTRALE PER LA REVISIONE DEGLI STATUTI DEL REGNUM CHRISTI Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi Cari promotori

Dettagli

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Società Cooperativa sociale onlus corso Torino 4/3 16129 Genova tel. 010 5956962 fax 010 5950871 info@cosgenova.com; coscooperativa@fastwebnet.it 1 Sede legale

Dettagli

UNITA DI PSICOLOGIA CLINICA RIABILITATIVA CENTRO DIURNO Responsabile Dr Caterina Iocca. PROGETTO CENTRO DIURNO - PRESIDIO DI GIRIFALCO

UNITA DI PSICOLOGIA CLINICA RIABILITATIVA CENTRO DIURNO Responsabile Dr Caterina Iocca. PROGETTO CENTRO DIURNO - PRESIDIO DI GIRIFALCO UNITA DI PSICOLOGIA CLINICA RIABILITATIVA CENTRO DIURNO Responsabile Dr Caterina Iocca. PROGETTO CENTRO DIURNO - PRESIDIO DI GIRIFALCO PREMESSA Nelle finalità del progetto riabilitativo complessivo dell

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA EDUCARE OGGI/9 A CURA DI ANNA TERESA Borrelli PREFAZIONE DI MATTEO Truffelli Amare e far AMARE GESÙ CONTRIBUTI DI: Marco Ghiazza Luca Marcelli Paolo e Rita Seghedoni Marcello Semeraro Lucio Soravito De

Dettagli

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Associazione per la Ricerca sulla Depressione C.so G. Marconi 2 10125 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Nella

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

Migliorare la gestione del paziente con BPCO in Medicina Generale.

Migliorare la gestione del paziente con BPCO in Medicina Generale. Progetto di audit clinico. Migliorare la gestione del paziente con BPCO in. Razionale. Numerose esperienze hanno dimostrato che la gestione del paziente con BPCO è subottimale. La diagnosi spesso non è

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

PQ 31G/ PROCEDURA REGOLAMENTO DI ACCOGLIENZA ED ACCESSO ALLA RSA DON GIUSEPPE CUNI DI MAGENTA

PQ 31G/ PROCEDURA REGOLAMENTO DI ACCOGLIENZA ED ACCESSO ALLA RSA DON GIUSEPPE CUNI DI MAGENTA Pag. 1 di 5 REGOLAMENTO DI ACCOGLIENZA ED ACCESSO ALLA RSA DON GIUSEPPE CUNI DI MAGENTA Oggetto Art. 1 Il Servizio Art. 2 L Utenza Art. 3 La domanda di Accoglienza Art. 4 Il Processo di Accoglienza Art.

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA Il settore dell assistenza e dell aiuto domiciliare in Italia L assistenza domiciliare. Che cos è In Italia l assistenza domiciliare (A.D.)

Dettagli

Guai a me se non predicassi il Vangelo

Guai a me se non predicassi il Vangelo Guai a me se non predicassi il Vangelo (1 Cor 9,16) Io dunque corro 1 Cor 9,26 La missione del catechista come passione per il Vangelo Viaggio Esperienza L esperienza di Paolo è stata accompagnata da un

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 Repertorio Atti n. 1161 del 22 febbraio 2001 Oggetto: Accordo tra il Ministro della sanità, il Ministro per la solidarietà sociale e le Regioni e Province

Dettagli

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Fabrizio Muscas Firenze, 1 Luglio 2011 ANCoM chi rappresenta? 8 Consorzi regionali 98 Cooperative di MMG 5000 Medici di Medicina Generale (MMG)

Dettagli

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Il CAS (Centro Assistenza Servizi): Aspetti organizzativi e criticità Dott. Vittorio Fusco ASO Alessandria La Rete Oncologica: obiettivi Rispondere all incremento

Dettagli

Cognition as an outcome measure in schizophrenia

Cognition as an outcome measure in schizophrenia Cognition as an outcome measure in schizophrenia Michael S. Kraus and Richard S. E. Keefe Sintesi di Anna Patrizia Guarino e Chiara Carrozzo La cognizione come risultato della misura in Schizofrenia Prima

Dettagli

LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA DELLA REGIONE PIEMONTE

LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA DELLA REGIONE PIEMONTE VIII Convegno IL CONTRIBUTO DELLE UNITA VALUTAZIONE ALZHEIMER NELL ASSISTENZA DEI PAZIENTI CON DEMENZA LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA

Dettagli

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE un indagine demoscopica svolta da Astra Ricerche per Telefono Amico Italia con il contributo di Nokia Qui di seguito vengono presentati i principali risultati

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità Introduzione AIAS Bologna onlus, in collaborazione con altre organizzazioni europee, sta realizzando un progetto che intende favorire lo sviluppo di un ambiente positivo nelle famiglie dei bambini con

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

Conferenza Episcopale Italiana. MESSAGGIO PER LA 37 a GIORNATA NAZIONALE PER LA VITA (1 febbraio 2015)

Conferenza Episcopale Italiana. MESSAGGIO PER LA 37 a GIORNATA NAZIONALE PER LA VITA (1 febbraio 2015) Conferenza Episcopale Italiana MESSAGGIO PER LA 37 a GIORNATA NAZIONALE PER LA VITA (1 febbraio 2015) SOLIDALI PER LA VITA «I bambini e gli anziani costruiscono il futuro dei popoli; i bambini perché porteranno

Dettagli

A relazione dell'assessore Monferino:

A relazione dell'assessore Monferino: REGIONE PIEMONTE BU32 09/08/2012 Deliberazione della Giunta Regionale 30 luglio 2012, n. 45-4248 Il nuovo modello integrato di assistenza residenziale e semiresidenziale socio-sanitaria a favore delle

Dettagli

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Qualifica Professionale MARZIALI GIUSEPPE Medico Chirurgo, Specialista in Malattie dell Apparato Cardiovascolare,

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA Obiettivi della giornata Conoscere i presupposti normativi, professionali e deontologici della documentazione del nursing Conoscere gli strumenti di documentazione infermieristica

Dettagli

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA ISTITUTO «LEONARDA VACCARI» PER LA RIEDUCAZIONE DEI FANCIULLI MINORATI PSICO - FISICI CORSO ECM Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento Sede corso:

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PREMESSA La Dispersione Scolastica è un fenomeno complesso che riunisce in sé: ripetenze, bocciature,

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

Identikit del drogato da lavoro

Identikit del drogato da lavoro INTERVISTA Identikit del drogato da lavoro Chi sono i cosiddetti workaholic? quanto è diffusa questa patologia? Abbiamo cercato di scoprirlo facendo qualche domanda al dottor Cesare Guerreschi, fondatore

Dettagli

RELAZIONE a.s. 2009-10

RELAZIONE a.s. 2009-10 per l'innovazione scolastica e l'handicap "Mario Tortello RELAZIONE a.s. 2009-10 a.s. 2009-10 Ampliamento patrimonio librario Aggiornamento sito Seminario Alunni con Disturbi Specifici di Apprendimento

Dettagli

Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012

Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012 Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012 martedì, 17 gennaio, 2012 http://www.lombardiasociale.it/2012/01/17/disegnato-il-percorso-di-riforma-delladi-per-il-2012/ L'analisi del Contesto E

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

PROGETTO SORRISI IN ATTESA

PROGETTO SORRISI IN ATTESA PROGETTO SORRISI IN ATTESA IL DOTTOR SORRISO e l OSPEDALE BUZZI IN COLLABORAZIONE CON OBM ONLUS - Ospedale dei bambini di Milano CHI È DOTTOR SORRISO 1. La Fondazione La Fondazione Aldo Garavaglia Dottor

Dettagli

In questo servizio si svolgeranno le seguenti attività:

In questo servizio si svolgeranno le seguenti attività: Insieme si può Arcigay Pistoia La Fenice dopo le varie attività svolte sul territorio pistoiese e zone limitrofe, ha valutato l opportunità di realizzare un progetto con la collaborazione di personale

Dettagli

1) Il bambino in Ospedale

1) Il bambino in Ospedale Dal giorno in cui qualcuno ha avuto il coraggio di entrare in un reparto di terapia terminale con un naso rosso e uno stetoscopio trasformato in telefono, il mondo è diventato un posto migliore. Jacopo

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E Assistenza sanitaria e sociale a domicilio Servizio medico specialistico: Cardiologi, Chirurghi, Dermatologi Ematologi, Nefrologi, Neurologi Pneumologi, Ortopedici,

Dettagli

Codice Deontologico degli psicologi italiani

Codice Deontologico degli psicologi italiani Codice Deontologico degli psicologi italiani Testo approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine nell adunanza del 27-28 giugno 1997 Capo I - Principi generali Articolo 1 Le regole del presente Codice

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART - TIME, DELLE INCOMPATIBILITÀ E DEI SERVIZI ISPETTIVI.

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART - TIME, DELLE INCOMPATIBILITÀ E DEI SERVIZI ISPETTIVI. REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART - TIME, DELLE INCOMPATIBILITÀ E DEI SERVIZI ISPETTIVI. APPROVATO CON DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 244 IN DATA 28 OTTOBRE 1997. MODIFICATO CON DELIBERAZIONI

Dettagli

UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE

UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE L EVENTO ASSEGNERÀ CREDITI ECM Sabato 16 giugno 2012 ore 8,30 UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE SEDE DEL CORSO Via Masaccio, 19 MILANO PER ISCRIZIONI www.chirurgiavascolaremilano.it Il Convegno

Dettagli

L esperienza irlandese: affrontare l abuso agli anziani

L esperienza irlandese: affrontare l abuso agli anziani L esperienza irlandese: affrontare l abuso agli anziani 2011 Censite 535,595 2021Stimate 909,000 Età 80+ 2.7% della popolazione nel 2011 14% dal 2006 2041-1397,000 7.3% della popolazione nel 2041 La maggior

Dettagli

Articolazione aziendale del Progetto Strategie per ridurre il rischio di depressione post partum e proposta di un percorso formativo

Articolazione aziendale del Progetto Strategie per ridurre il rischio di depressione post partum e proposta di un percorso formativo Articolazione aziendale del Progetto Strategie per ridurre il rischio di depressione post partum e proposta di un percorso formativo Dott.ssa Lorenza Donati Convegno Agli albori della salute: prevenzione

Dettagli

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PIANO DISTRETTUALE DEGLI INTERVENTI del Distretto socio-sanitario di Corigliano Calabro Rif. Decreto Regione Calabria n. 15749 del 29/10/2008 ANALISI DELBISOGNO

Dettagli

Centro diurno socio-assistenziale regionale Ai Gelsi Riva San Vitale

Centro diurno socio-assistenziale regionale Ai Gelsi Riva San Vitale Centro diurno socio-assistenziale regionale Ai Gelsi Riva San Vitale Che cos è il Centro diurno regionale Ai Gelsi? Il nuovo Centro diurno socio-assistenziale con sede a Riva San Vitale si inserisce nel

Dettagli

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 INDICE Le tante facce della documentazione Pag.3 Il progetto per lo sviluppo e l apprendimento

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata Osservatorio internazionale Cardinale Van Thuân La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata + Giampaolo Crepaldi Arcivescovo-Vescovo Relazione introduttiva al Convegno del 3 dicembre 2011

Dettagli

Tariffe a carico degli utenti nella RSA Anni Azzurri di Ancona. La sospensiva del TAR Marche

Tariffe a carico degli utenti nella RSA Anni Azzurri di Ancona. La sospensiva del TAR Marche Fabio Ragaini, Gruppo Solidarietà Tariffe a carico degli utenti nella RSA Anni Azzurri di Ancona. La sospensiva del TAR Marche Con Ordinanza 189/2010, www.grusol.it/informazioni/12-04-10.pdf, Il Tar delle

Dettagli

DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, SOLIDARIETA' SOCIALE E VOLONTARIATO

DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, SOLIDARIETA' SOCIALE E VOLONTARIATO DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, SOLIDARIETA' SOCIALE E VOLONTARIATO CIRCOLARE REGIONALE del 15/01/2014 - N 1 OGGETTO: PRIME INDICAZIONI ATTUATIVE DELLA DGR N. 1185/2013 CON SPECIFICO RIFERIMENTO ALLE DGR

Dettagli

Linee orientative per la gestione dei beni negli Istituti di vita consacrata e nelle Società di vita apostolica

Linee orientative per la gestione dei beni negli Istituti di vita consacrata e nelle Società di vita apostolica Congregazione per gli Istituti di vita consacrata e le Società di vita apostolica A chiunque fu dato molto, molto sarà chiesto; a chi fu affidato molto, sarà richiesto molto di più (Lc 12, 48) Linee orientative

Dettagli

Presentazione Prologo all edizione francese

Presentazione Prologo all edizione francese INDICE Presentazione Prologo all edizione francese IX XVIII PARTE PRIMA CAPITOLO I Finché portiamo noi stessi, non portiamo nulla che possa valere 3 CAPITOLO II Non dobbiamo turbarci di fronte ai nostri

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L integrazione è un processo di conoscenza di sé e dell altro, di collaborazione all interno della classe finalizzato a creare le migliori condizioni

Dettagli

che serve Corso base sui Disturbi Specifici dell Apprendimento Direttore: Dr. Marco Leonardi 26 ottobre 2013 CEFPAS Caltanissetta 6 CREDITI E.C.

che serve Corso base sui Disturbi Specifici dell Apprendimento Direttore: Dr. Marco Leonardi 26 ottobre 2013 CEFPAS Caltanissetta 6 CREDITI E.C. laformazione che serve Corso base sui Disturbi Specifici dell Apprendimento Direttore: Dr. Marco Leonardi 26 ottobre 2013 CEFPAS Caltanissetta 6 CREDITI E.C.M Premessa Di recente i disturbi specifici dell

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA.

COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA. COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA. Avere il sospetto o essere a conoscenza che una donna che conosciamo è vittima di violenza da parte del compagno/marito/amante/fidanzato (violenza intrafamiliare)

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

COS È IL PRONTO SOCCORSO?

COS È IL PRONTO SOCCORSO? AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA COS È IL PRONTO SOCCORSO? GUIDA INFORMATIVA PER L UTENTE SEDE OSPEDALIERA BORGO TRENTO INDICE 4 COS È IL PRONTO SOCCORSO? 6 IL TRIAGE 8 CODICI DI URGENZA

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e 2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e Gruppo percorsi assistenziali Partecipanti al gruppo - Unità Funzionale Salute Mentale Infanzia

Dettagli

Progetto per l assistenza continua alla persona non autosufficiente

Progetto per l assistenza continua alla persona non autosufficiente Progetto per l assistenza continua alla persona non autosufficiente Piano di progetto Premessa: La proposta toscana per il progetto sulla non autosufficienza Cap. 1: I percorsi, gli attori e le azioni

Dettagli

Attenzione e Funzioni Esecutive Definizione Psicologica, Basi Neurali, Valutazione neuropsicologica

Attenzione e Funzioni Esecutive Definizione Psicologica, Basi Neurali, Valutazione neuropsicologica Attenzione e Funzioni Esecutive Definizione Psicologica, Basi Neurali, Valutazione neuropsicologica Cosimo Urgesi Università di Udine e IRCCS E. Medea L attenzione Sottende un ampia classe di processi

Dettagli

di Gesù La Missione Riflessione Biblica Esperienze La nostra eredità spirituale Congregazione delle Suore della SS.ma Madre Addolorata

di Gesù La Missione Riflessione Biblica Esperienze La nostra eredità spirituale Congregazione delle Suore della SS.ma Madre Addolorata portare vita piena agli altri Congregazione delle Suore della SS.ma Madre Addolorata del Terz Ordine Regolare di San Francesco d Assisi Luglio 2013 #2 La Missione di Gesù Carissime/i, dopo aver presentato

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA

REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA PREMESSA Il ricovero in ambiente ospedaliero rappresenta per la persona e la sua

Dettagli

Gestione dei problemi della persona anziana nei contesti di cura

Gestione dei problemi della persona anziana nei contesti di cura Dip.to di Continuità Assistenziale - U.O.C. di Geriatria Gestione dei problemi della persona anziana nei contesti di cura 1^ ed. 6 maggio 2014 Centro Servizi alla Persona Fondazione Zanetti di Oppeano

Dettagli

MA 28. DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MISSIONE E VALORI

MA 28. DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MISSIONE E VALORI pag. 7 DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MA 28 Rev. 1 del 22/10/2011 Pagina 1 di 6 MISSIONE E VALORI L U.O.C. di Oncologia Medica si prende

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

BILANCIO SOCIALE COOPERATIVA SOCIALE ITAL ENFERM LOMBARDIA ONLUS 31/12/2013

BILANCIO SOCIALE COOPERATIVA SOCIALE ITAL ENFERM LOMBARDIA ONLUS 31/12/2013 2013 BILANCIO SOCIALE COOPERATIVA SOCIALE ITAL ENFERM LOMBARDIA ONLUS 31/12/2013 1. Premessa 1.1 Lettera agli stakeholder 1.2 Metodologia 2. Identità dell organizzazione 2.1 Informazioni generali 2.2 Attività

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958)

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958) NOTIZIARIO PARROCCHIALE Anno XC - N 8 dicembre 2012 - L Angelo in Famiglia Pubbl. mens. - Sped. abb. post. 50% Bergamo Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone

Dettagli

VADANO PER IL MONDO ANNUNZIANDO I VIZI E LE VIRTÙ CON BREVITÀ DI DISCORSO

VADANO PER IL MONDO ANNUNZIANDO I VIZI E LE VIRTÙ CON BREVITÀ DI DISCORSO VADANO PER IL MONDO ANNUNZIANDO I VIZI E LE VIRTÙ CON BREVITÀ DI DISCORSO I frati non predichino nella diocesi di alcun vescovo qualora dallo stesso vescovo sia stato loro proibito. E nessun frate osi

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Anche Tu puoi fare qualcosa! Come uscire dalla violenza: il servizio Casa delle donne

Anche Tu puoi fare qualcosa! Come uscire dalla violenza: il servizio Casa delle donne Anche Tu puoi fare qualcosa! Come uscire dalla violenza: il servizio Casa delle donne Impressum Novembre 2012 Editore Provincia autonoma di Bolzano Alto Adige Ripartizione Famiglia e politiche sociali

Dettagli

CHE COS E L EUTANASIA?

CHE COS E L EUTANASIA? CHE COS E L EUTANASIA? Che cosa si intende per eutanasia? Il termine eutanasia deriva dal greco: eu=buono, e thanatos=morte. Interpretato letteralmente quindi, esso significa: buona morte. Nel significato

Dettagli

Le competenze per la gestione e lo sviluppo delle risorse umane nelle università e negli enti di ricerca

Le competenze per la gestione e lo sviluppo delle risorse umane nelle università e negli enti di ricerca Scuola di Management per le Università, gli Enti di ricerca e le Istituzioni Scolastiche Le competenze per la gestione e lo sviluppo delle risorse umane nelle università e negli enti di ricerca Dott. William

Dettagli

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale?

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Come l intelligenza e l empatia, e un poco come tutte le caratteristiche che contraddistinguono gli esseri umani, anche la competenza sociale non è facile

Dettagli

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT)

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Fondamenti giuridici delle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento Numerosi sono i fondamenti normativi e di principio che stanno alla base del diritto

Dettagli

Titolo evento formativo: Accuratezza del dato glicemico e management del DMT2: fin da SUBITO oltre l HbA1c.

Titolo evento formativo: Accuratezza del dato glicemico e management del DMT2: fin da SUBITO oltre l HbA1c. Titolo evento formativo: Accuratezza del dato glicemico e management del DMT2: fin da SUBITO oltre l HbA1c. Data e Sede: 1-2 dicembre 2010 - Roma Evento ECM N N. rif. ECM 10033589 crediti 9 Programma e

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

TRAINING E RE-TRAINING DEL PAZIENTE E/O CARE-GIVER IN TRATTAMENTO DIALITICO DOMICILIARE

TRAINING E RE-TRAINING DEL PAZIENTE E/O CARE-GIVER IN TRATTAMENTO DIALITICO DOMICILIARE Numero pagine: 1 di 8 PAZIENTE E/O CARE-GIVER IN Rev. Data Redatto Verificato Approvato 1 2013 GIT DP Gruppo Infermieristico Numero pagine: 2 di 8 1.COMPOSIZIONE DEL GRUPPO E METODOLOGIA DI LAVORO Le sottoscritte

Dettagli