2. Istituzione e tenuta di un registro per le operazioni effettuate: il Sistema dei Verbali

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "2. Istituzione e tenuta di un registro per le operazioni effettuate: il Sistema dei Verbali"

Transcript

1 Capitolo 3 Primi adempimenti CAPITOLO 3 PRIMI ADEMPIMENTI SOMMARIO: 1. Premessa 2. Istituzione e tenuta di un registro per le operazioni effettuate: il Sistema dei Verbali 3. Apertura di un conto di deposito e modalità di gestione 4. Il Fondo Unico di Giustizia 5. Fase di preparazione alla predisposizione della prima relazione al giudice 6. Comunicazioni all Amministrazione Finanziaria 7. Relazione entro un mese al giudice delegato omissis 2. Istituzione e tenuta di un registro per le operazioni effettuate: il Sistema dei Verbali Il registro delle Operazioni relative all amministrazione previsto in passato dall art. 1 del Decreto del Ministero di Grazia e Giustizia n. 293/1991 con il d.lgs. n. 159/2011 sembra essere confluito nell art. 37, comma 1, del citato decreto. Le nuove disposizioni prevedono che l amministratore giudiziario, pur continuando ad essere obbligato alla tenuta delle scritture contabili e dei libri sociali previsti per legge, deve tenere un registro specifico dove annotare le operazioni relative alla sua amministrazione. Nel nuovo articolo si rinvia, infine, ad un decreto di attuazione da parte del Ministero della Giustizia, di concerto con il Ministero delle Finanze per stabilire le regole per la tenuta del registro, che si spera facciano riferimento all utilizzo di moderni sistemi infornatici. Una delle principali carenze presenti in tutti gli interventi più recenti in materia di amministrazione e gestione dei beni sequestrati è la mancanza di disposizioni normative che impongano l informatizzazione nella gestione delle procedure: ciò avrebbe un impatto positivo nella celerità e speditezza della gestione del procedimento, garantendo allo stesso tempo un maggior controllo del tribunale sulla procedura e consentendo una gestione trasparente ed efficiente, senza incidere particolarmente in termini di costi, considerato che la documentazione giudiziaria da gestire nei sequestri non è di grandi dimensioni. Nel recente convegno dell INAG (Associazione Amministratori Giudiziari) tenutosi a Roma nei giorni 20 e 21 ottobre 2011 il rappresentante dell Agenzia dei Beni Sequestrati e Confiscati ha precisato che è in corso IPSOA Wolters Kluwer Italia S.r.l. 1

2 Manuale dell amministratore giudiziario di realizzazione un software informatico, collegato su internet, attraverso il quale verrà creata la banca dati dei beni sequestrati e confiscati. Per come illustrato si tratterebbe di un sistema di raccolta e catalogazione di tutte le informazioni in relazione ai singoli beni sequestrati. Nel sequestro di prevenzione il registro delle operazioni è stato uno dei principali strumenti a disposizione del giudice delegato e del tribunale per esercitare le funzioni di direzione e controllo sulla procedura; la tenuta del registro, infatti, documenta la correttezza e la regolarità delle operazioni attuate dall amministratore nell esercizio della sua attività. Il registro dovrà, pertanto, essere redatto in maniera corretta e idonea allo scopo. Anche la nuova norma, in attesa del decreto attuativo, non contiene particolari indicazioni circa le modalità di tenuta del registro, tranne ciò che concerne la preventiva vidimazione; si ritiene che il legislatore abbia lasciato la più ampia discrezionalità in capo all amministratore sulla scelta del modello e delle modalità di compilazione. Il registro deve fornire al giudice delegato un resoconto cronologico degli adempimenti attuati e delle operazioni compiute dal custode-amministratore giudiziario; a tal fine è opportuno individuare un sistema di predisposizione di tale registro razionale, facilmente leggibile e comprensibile, che consente in modo agevole, anche allo stesso custode di descrivere l attività dallo stesso esercitata. Sulla base di tali presupposti si ritiene valido utilizzare una prassi a- dottata proficuamente nella nostra personale esperienza. Questa metodologia ha dimostrato, per diversi motivi, un evidente utilità nella gestione dei beni sequestrati sotto diversi profili. Abbiamo visto come il custode giudiziario, rientrante nella categoria dei munera pubbblica, svolge una funzione che viene inquadrata quale longa manus dell autorità giudiziaria sia essa il giudice delegato nel caso del sequestro di prevenzione, o il P.M., G.I.P. e il collegio giudicante nel sequestro preventivo. È lo stesso art. 35, comma 5 che qualifica l amministratore giudiziario quale pubblico ufficiale. Tale funzione pubblica, svolta da un privato, impone una certa pubblicità e trasparenza che può essere ottenuta attraverso un sistema di verbalizzazione delle operazioni compiute giornalmente dal custode: è questo quello che viene da noi definito come il Sistema dei Verbali che potrebbe, di fatto, trovare coincidenza con il Registro delle operazioni dell amministratore previsto dall art. 37, comma 1 del d.lgs. n. 159/2011 nel caso delle misure di prevenzione. 2 IPSOA Wolters Kluwer Italia S.r.l.

3 Capitolo 3 Primi adempimenti Il Sistema dei Verbali è una metodologia di rendicontazione utile da attuare giornalmente nella gestione dei sequestri: è caratterizzata dalla predisposizione, giorno per giorno, di un verbale delle operazioni compiute dal custode-amministratore giudiziario [F030 Verbale di verifica e rendicontazione incassi (modello complesso]; [F031 Verbale di verifica e rendicontazione incassi (modello semplice]. Nel caso del sequestro di prevenzione l utilizzo di tale metodologia consente di creare il c.d. Registro delle operazioni dell amministratore che viene così compilato giornalmente. Il custode, infatti, può, successivamente alla nomina, procedere alla preventiva vidimazione di 200 fogli bianchi, progressivamente numerati e con l indicazione in epigrafe degli estremi del sequestro. Su questi fogli saranno annotati i verbali delle o- perazioni compiute giornalmente che andranno a costituire il c.d. Registro delle operazioni dell amministratore. Tale procedura di preventiva vidimazione non è necessaria al di fuori del sequestro di prevenzione, però un intervento normativo potrebbe estenderla anche per gli altri sequestri o ancora meglio prevedere l informatizzazione dello stesso con collegamento diretto alla Banca Dati dell Agenzia. Una volta creato il registro, utilizzando possibilmente anche dei fogli mobili (così da consentire l utilizzo di stampanti per la predisposizione dei verbali), lo stesso è pronto a essere utilizzato e a raccogliere in modo descrittivo e numerico le attività principali compiute dal custode. Il primo utilizzo del registro avviene con la redazione del verbale d inventario dei beni sequestrati o con la trascrizione di quello eseguito dagli organi di P.G. o dall ufficiale giudiziario. In seguito nel registro saranno verbalizzate le attività svolte durante i vari accessi e sopraluoghi che il custode effettuerà durante la procedura. Nel formulario esistono una serie di verbali tipici che generalmente sono utilizzati nella procedura: il contenuto dei verbali chiaramente è libero. In linea generale, il verbale dovrà contenere una breve descrizione delle attività e delle operazioni compiute dal custode giornalmente, durante ogni singolo accesso. Di seguito sono indicati gli elementi indispensabili che il verbale deve avere, le diverse funzioni che il registro dei verbali può avere, anche al di fuori di quelle previste dal registro indicato di cui all art. 37 del d.lgs. n. 159/2011 e come predisporre e rilegare lo stesso per la relazione finale. Ogni verbale dovrà contenere i seguenti elementi: 1) in epigrafe gli estremi del provvedimento di sequestro, il Tribunale che l ha emesso, il giudice competente e la dicitura CU- IPSOA Wolters Kluwer Italia S.r.l. 3

4 Manuale dell amministratore giudiziario STODI-AMMINISTRATORI GIUDIZIARI, completo di tutti gli elementi per consentire di individuare velocemente la procedura di riferimento e la relativa cancelleria; 2) il luogo in cui le operazioni sono svolte; 3) dovrà sempre essere indicata un ora d inizio e un ora di fine; 4) i soggetti presenti che dovranno essere sempre i custodi e almeno un terzo soggetto; 5) alla fine dovrà contenere la frase letto, confermato e sottoscritto ; 6) sottoscrizione in originale dello stesso e rilascio di un originale per ogni sottoscrittore; Una volta completato il verbale, potrà essere stampato sui fogli preventivamente vidimati sul registro delle operazioni (registro a fogli mobili) e verrà anche stampato su fogli bianchi per consentire il rilascio delle copie ai diversi soggetti che lo hanno sottoscritto. Nel caso di sequestri diversi da quello di prevenzione, la vidimazione preventiva non è prevista per legge, per cui basterà stamparlo su fogli in bianco, procedendo alla creazione del registro in una fase successiva, mediante una rilegatura dei verbali raccolti. Al verbale dovranno essere allegati i documenti aziendali visionati o richiamati ove gli stessi siano necessari per una maggiore comprensione dello stesso. Il verbale può essere redatto non solo presso le aziende sequestrate, ma anche in altri luoghi, in cui i custodi svolgono l attività di amministrazione e gestione (ad esempio presso lo studio del custode durante le ore in cui lo stesso dedica l attività professionale alla gestione del sequestro, presso la banca quando si procede all apertura di un conto corrente, presso un fornitore quando si contratta con lo stesso per la fornitura della merce, ecc.). Nel caso di assemblee societarie, il verbale del custode può essere sostituito direttamente dal verbale societario [F032 Verbale societario per sostituzione amministratore a seguito di misura cautelare]; [F033 Verbale societario di non approvazione del bilancio e richiesta revisione]; [F036 Verbale di verifica bilancio e documentazione contabile]. Una volta redatti, giorno per giorno, i singoli verbali, unitamente agli eventuali allegati, è buona prassi procedere ogni due o tre mesi a rilegare in un unico fascicolo tutti i verbali e gli allegati (con un sistema che consente velocemente l estrazione dei fogli nel caso in cui servissero delle copie dei verbali o degli allegati). In questo modo si creano una sorta di tomi i quali contengono le operazioni di gestione compiute da una certa data fino a un altra dal custode, con tutti i documenti visionati. 4 IPSOA Wolters Kluwer Italia S.r.l.

5 Capitolo 3 Primi adempimenti In tal modo anche all interno dello studio la gestione dei sequestri sarà più ordinata, poiché tutti i documenti attinenti al sequestro (fax, lettere, estratti conti di banche, documenti contabili) saranno raccolti in un unico fascicolo o tomo. La digitalizzazione dei vari tomi e la suddivisione in cartelle potrebbe essere anche più utile per una più facile e veloce consultazione successiva, direttamente tramite computer. Per ogni tomo è opportuno infine che il custode predisponga un indice e una breve relazione di premessa: questa può essere anche di due o tre pagine, cosicché tutta l attività del custode è raccolta dettagliatamente nei singoli verbali. Il sistema su menzionato costituisce un valido strumento di lavoro, poiché svolge diverse funzioni. Abbiamo già visto come lo stesso può essere utilizzato per completare il Registro delle operazioni dell amministratore e quindi di come lo stesso svolge una funzione già prevista dalla legge, nel caso del sequestro di prevenzione. Ma i vantaggi dell utilizzo di tale metodologia si estendono anche al di fuori del sequestro di prevenzione. In tutti i sequestri, i vari fascicoli o tomi costituiscono una sintesi, tra l altro ben articolata, di tutta l attività svolta dal custode sin dall inizio della nomina e giorno per giorno. In qualsiasi momento, il giudice competente della gestione del sequestro potrà prenderne visione e verificare il lavoro svolto dal custode, oltre a misurare l impegno professionale che lo stesso ha dedicato all incarico affidato; ciò potrebbe servire anche nella valutazione del compenso del custode, atteso che l art. 42, comma 4, del d.lgs. n. 159/2011 rinviando all art. 8 del d.lgs. n. 14/2010 prevede che questo debba essere determinato valutando anche la qualità dell opera prestata, dei risultati ottenuti e della sollecitudine con cui sono state condotte le attività di amministrazione. Solo una raccolta analitica dei verbali giornalieri delle operazioni compiute (c.d. sistema dei verbali), più di ogni altra relazione o informativa, riesce, meglio di ogni altra cosa, a rappresentare al giudice l opera professionale prestata e il costante impegno nella gestione della procedura. I verbali sono utili anche sotto un profilo pratico, in quanto consentono di gestire all interno dello studio, in modo ordinato, i singoli sequestri. Nello stesso tempo, indicando l ora d inizio e l ora di fine, ogni verbale consente di individuare correttamente il tempo dedicato da ogni custode allo svolgimento dell incarico affidato. E si badi che ciò non è una cosa di poco conto, atteso che la predisposizione delle parcelle e la liquidazione dei compensi nei sequestri giudiziari (basati in parte sulle ore di lavoro svolto) avvengono dopo anni per cui sarebbe certamente impos- IPSOA Wolters Kluwer Italia S.r.l. 5

6 Manuale dell amministratore giudiziario sibile, senza tale sistema di raccolta dati (c.d. Sistema dei Verbali) ricordarsi le ore d impegno professionale dedicato alla gestione del sequestro. 3. Apertura di un conto di deposito e modalità di gestione L apertura di un conto corrente intestato alla procedura (nel caso di sequestro di prevenzione e nel caso di sequestro preventivo) costituisce un adempimento cui è tenuto il custode. Nel sequestro di prevenzione tale adempimento è previsto, specificatamente in alcuni casi, dalla stessa legge per come si dirà meglio in seguito. La funzione di aprire un conto corrente intestato alla procedura e diverso da quello già eventualmente utilizzato, costituisce un modo per distinguere la situazione finanziaria pre-sequestro da quella postsequestro. È pur vero che l esigenza di aprire un conto corrente non sempre si verifica: in alcuni casi, come nel sequestro d azienda, potrebbe non essere addirittura consigliabile. È consigliabile procedere all apertura di un conto corrente quando oggetto del sequestro sono immobili locati: i custodi avranno l onere di comunicare con una certa sollecitudine il sequestro al conduttore ordinando a questi di effettuare i pagamenti mediante bonifico, sul conto corrente intestato alla procedura. Infine l apertura di un conto corrente potrebbe essere utilizzata anche nel caso di sequestro di aziende: in tale ipotesi i custodi potranno scegliere se aprire un nuovo o continuare a utilizzare quello precedente. In alcuni casi chiudere il conto precedente potrebbe creare degli inconvenienti a causa di eventuali disposizioni di addebito o accredito già predisposte in automatico sul conto o nel caso in cui il titolare, prima del sequestro, abbia emesso assegni posdatati. In generale è sempre sconsigliabile la chiusura del precedente conto corrente, almeno nell immediato. Nel caso, quindi, delle aziende sarà rimessa alla valutazione dei custodi la decisione se aprire un nuovo conto intestato alla procedura o utilizzare quello precedente. In ogni caso sarà cura dei custodi-amministratori recarsi in banca, esibire il provvedimento di nomina, se non già notificato, e procedere all identificazione e al rilascio delle specifiche di firma per l operatività del conto. Si è verificato, in rare ipotesi in cui gli organi di P.G. non abbiano proceduto alla notifica del provvedimento di sequestro in banca, che la stessa non riconosca il custode-amministratore giudiziario quale soggetto legittimato ad operare sul conto. Per evitare ogni ritardo è consigliabile e- 6 IPSOA Wolters Kluwer Italia S.r.l.

7 Capitolo 3 Primi adempimenti sibire una copia della nomina conforme all originale alla Banca, unitamente ad una visura aggiornata della camera di commercio dalla quale risulta il sequestro, ove possibile. In tal caso un rifiuto della banca espone la stessa a gravi responsabilità. Si consiglia, nel caso di due custodi, la possibilità di compiere le operazioni disgiuntamente: ciò per rendere maggiormente flessibile l operatività del conto. In alcuni casi è opportuno preannunciare al direttore della banca che le operazioni di versamento potranno essere effettuate dal responsabile delle aziende nominato (rilasciando copia del verbale di nomina) mentre i pagamenti dovranno essere autorizzati sempre dai custodi, eventualmente anche per mezzo di un verbale di autorizzazione, rilasciato in originale al responsabile nominato. Si verifica spesso che i conti correnti delle aziende o del destinatario del provvedimento possano già essere stati bloccati a seguito della notifica del provvedimento di sequestro, da parte degli organi di P.G.: in tal caso i custodi dovranno recarsi al più presto in banca, per sbloccare il conto sequestrato evitando così, nel caso di conti aziendali, eventuali danni. Nell ipotesi in cui l azienda prima del sequestro non utilizzava alcun conto corrente (caso frequente in presenza di micro-imprese) i custodiamministratori giudiziari dovranno necessariamente procedere all apertura di un conto corrente sul quale far confluire le somme derivanti dalla gestione, ove intendessero proseguire l attività. Si consiglia, ove non vi siano particolari urgenze, di procedere all apertura di nuovi conti correnti solo dopo che siano trascorsi almeno trenta giorni dal sequestro (nell attesa che lo stesso sia confermato) e infine è opportuna la redazione del verbale di apertura del conto che andrà a completare il Registro dei Verbali, per come già spiegato nel capitolo relativo al Sistema dei verbali. Da rilevare l impreparazione e la scarsa dimestichezza delle banche ad aprire un conto corrente intestato CUSTODI AMMINISTRATORI GIU- DIZIARI poiché nella prassi è stato verificato che le banche, nelle loro procedure interne, non prevedono il sequestro giudiziario tra le varie classificazioni dei conti. Esistono delle voci simili di classificazione, ad e- sempio curatore, ma non custodia giudiziaria sotto il controllo di amministratori. Il problema non è di poco conto, atteso che molte volte, per problemi di tempo si è costretti ad aprire conti intestati direttamente all azienda (indicando la partita Iva) o al custode (indicando il codice fiscale), procedendo in quest ultimo caso al censimento degli amministratori. IPSOA Wolters Kluwer Italia S.r.l. 7

8 Manuale dell amministratore giudiziario Ne consegue che nel sistema bancario il conto sarà agganciato ai nominativi dei custodi e non al tribunale che è invece l organo superiore che gestisce la procedura. Sarebbe auspicabile un intervento dell ABI per uniformare le banche a inserire tra le diverse ipotesi, un conto corrente specifico per le custodie-amministrazioni giudiziarie. Anche lo stesso Ministero di Giustizia potrebbe, inoltre, attivarsi per fare convenzioni con le banche al fine di ottenere un maggior rendimento per i depositi delle custodieamministrazioni giudiziarie relative ai sequestri penali. Infine si consiglia l utilizzo di libretti di risparmio ove non si preveda un eccessiva movimentazione delle somme, perché prevedono meno costi di gestione. Con la recente istituzione del Fondo Unico di Giustizia, tutte le somme in eccesso, acquisite dalle procedure e non necessarie per la prosecuzione dell azienda, dovrebbero essere versate allo stesso fondo: in questi casi, pertanto, invitiamo i custodi a prendere contatto con il Fondo per il trasferimento delle somme. L amministratore, infine, dovrà ricercare le soluzioni più idonee affinché le operazioni bancarie di routine possano essere effettuate anche in sua assenza, al fine di non appesantire la gestione ordinaria dell impresa. Sarà utile, per esempio, attribuire specifiche deleghe a collaboratori o dipendenti per ciò che concerne i versamenti o i pagamenti relativi a imposte, tasse e contributi, da fare tramite addebito sul conto corrente o l abilitazione di conti on-line. Per il pagamento dei dipendente sarà preferibile sempre ricorrere all uso dell assegno circolare non trasferibile o accredito su carte di credito pre-pagate accese a nome dei vari dipendenti. In quest ultimo caso si eviterebbe al dipendente di doversi recare di volta in volta in banca per cambiarsi l assegno. Il costo di queste carte di credito, inoltre, è di gran lunga inferiore rispetto al costo di un conto corrente [F034 Fax banca per autorizzazione e disposizione di bonifico]; [F035 Fax banca per autorizzazione e disposizione emissione assegni circolari pagamento stipendi]. Nella parte successiva sono prese in esame le disposizioni dall art. 3 del D.M. n. 293/1991, probabilmente non più in vigore con l introduzione del d.lgs. n. 159/2011, che impongono specificatamente l obbligo di apertura di un conto di gestione, con responsabilità per il custode nel caso in cui non provveda; a parere di chi scrive, la normativa richiamata, forse perché datata, appare eccessivamente rigida e andrebbe certamente aggiornata, anche alla luce dell istituzione del Fondo Unico di Giustizia. Le disposizioni contenute nell art. 3 del D.M. n. 293/1991 prevedono a carico del custode, l adempimento di procedere all apertura presso una 8 IPSOA Wolters Kluwer Italia S.r.l.

9 Capitolo 3 Primi adempimenti banca di un conto corrente ovvero di altra forma di rapporto bancario: è chiaro che tale obbligo sorge solo nel caso in cui oggetto del sequestro siano somme di denaro in contante. Il disposto dell art. 3 del D.M. n. 293/1991 prevede testualmente che Le somme apprese, riscosse o ricevute a qualsiasi titolo dall amministratore nella procedura che non vengono utilizzate per la conservazione e l amministrazione dei beni sequestrati devono essere depositate senza ritardo, e comunque non oltre cinque giorni, presso un ufficio postale o un istituto di credito indicato dal giudice delegato, con le modalità da questo stabilite. Il deposito dovrà essere intestato alla procedura, distintamente per ogni singolo soggetto sottoposto alla misura e vincolato all ordine dell ufficio. Il decreto richiamato prevede inoltre che i prelievi delle somme depositate possano essere effettuati solo secondo ordini di pagamento del giudice delegato. L applicazione tout court di tale disposizione appare eccessivamente rigida: nel caso in cui vi fosse un elevata movimentazione in entrata e in uscita sul conto corrente (o anche nel caso di aziende con pluralità di conti correnti) creerebbe un sovraccarico di lavoro per il giudice delegato il quale dovrebbe procedere anche all autorizzazione di ogni singolo pagamento. È pur vero però che il conto di cui all art 3 del D.M. n. 293/1991 è specificatamente riferito alle somme rinvenute e non a quelle utilizzate dall amministratore per l amministrazione e conservazione dei beni, per come chiarito nello stesso art. 3. Solo per il denaro contante, oggetto di sequestro, il decreto prevede determinate regole: obbligo di versamento entro cinque giorni e autorizzazione del giudice per le disposizioni sul conto. Il decreto ministeriale non riguarda le somme di denaro relative ad aziende già depositate su conti correnti o al contante rinvenuto nelle casse dell azienda: in questo caso si ritiene che nessun adempimento risulti previsto, anche se adottare le procedure di cui si è detto in precedenza appare una scelta consigliabile. Ove si volesse superare l eccessiva rigidità della norma, che impone l autorizzazione del giudice a effettuare ordinativi di pagamento, si potrebbe autorizzare l amministratore a fare liberamente prelievi entro un limite massimo inizialmente stabilito, senza richiedere ulteriori autorizzazioni: non ci sembra, in tal modo, di forzare eccessivamente la norma. Sarà compito del giudice delegato, in rapporto alle diverse esigenze della procedura e in base a quanto periodicamente relazionato dall amministratore, determinare l entità massima del prelievo. IPSOA Wolters Kluwer Italia S.r.l. 9

10 Manuale dell amministratore giudiziario Infine sono richiamate le altre disposizioni previste dal legislatore che ha espressamente indicato modalità e termini da seguire per l apertura e la gestione dei depositi, demandando al giudice delegato l emanazione di ulteriori disposizioni complementari. Il giudice delegato dovrà scegliere il tipo di deposito e l istituto al quale rivolgersi, basandosi anche sulle eventuali indicazioni che il custode riterrà opportuno fornire. In generale la scelta sarà condizionata da molteplici fattori: quali ad esempio, il tasso d interesse attivo applicato dall istituto, la scelta di primari istituti di credito che garantiscono una certa solidità, il grado di disponibilità in funzione delle esigenze della procedura, l esistenza di precedenti rapporti finanziari con il proposto o con le aziende del proposto. Sulla base delle direttive fornite dal giudice delegato, l amministratore dovrà provvedere, senza indugio, all apertura di uno o più rapporti di deposito intestati all amministrazione giudiziaria, con l indicazione del nominativo di ciascun proposto [F075 Istanza apertura conto corrente aziendale]. omissis 10 IPSOA Wolters Kluwer Italia S.r.l.

11 Capitolo 3 Primi adempimenti F030 VERBALE DI VERIFICA E RENDICONTAZIONE INCASSI (MODELLO COMPLESSO) TRIBUNALE ORDINARIO DI.. SEZIONE PROC. N. RGNR N... RGGIP N... RMC Provvedimento di Sequestro..Beni riconducibili a.. Verbale del CUSTODI-AMMINISTRATORI GIUDIZIARI Il giorno.. del mese dell anno, alle ore alla presenza degli organi di P.G..., dei custodiamministratori giudiziari Dott. ri., nominati con provvedimento indicato in epigrafe, del Signor/ra., nominato responsabile della conduzione dell azienda denominata., sottoposta a sequestro giudiziario, presso la sede della stessa azienda in., alla Via.., si procede ai controlli contabili e alla rendicontazione dell attività svolta. Il responsabile esibisce n. fatture d acquisto per fornitura di merci e servizi, le stesse vengono numerate dalla n... alla n.. per un totale di.. iva compresa che risultano pagate per.. e da pagare per..; n.. documenti di trasporto per acquisto merci e servizi, numerati progressivamente dal n. al n. ; Vengono altresì esibite n.. fatture di vendita di prodotti, numerate dalla n. alla n. (ultima fattura anno.) e n. (prima fattura anno ) per un totale di.. iva compresa con documento di trasporto o fatture accompagnatorie. Le fatture di vendita vengono numerate progressivamente dalla n. alla n.. allegate al presente verbale, unitamente alla striscia per il calcolo complessivo. La suddette risultano tutte da incassare per... Viene esibita nota credito n.. emessa in data.. a favore del cliente. di. per... IPSOA Wolters Kluwer Italia S.r.l. 11

12 Manuale dell amministratore giudiziario Il responsabile esibisce la prima nota cassa, che viene siglata e allegata al presente verbale, dal. al (Foglio n..., operazioni dalla n. alla n. ) dalla quale risultano la seguente situazione: SALDO PRECEDENTE ENTRATE USCITE SALDO ATTUALE PARTITE FUORI CASSA Il saldo di cassa alla data del. è così composto:: Denaro contante in cassa: da 5 = da 10 = da 20 = da 50 = da 100 = da 200 = da 500 = monete Totale Viene esibito, altresì un effetto cambiario insoluto e protestato di.. a firma... Letto, confermato e sottoscritto alle ore.. omissis I Custodi - amministratori giudiziari I Presenti 12 IPSOA Wolters Kluwer Italia S.r.l.

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

1 ESECUZIONI MOBILIARI TELEMATICHE

1 ESECUZIONI MOBILIARI TELEMATICHE Protocollo PCT di Reggio Emilia 1 ESECUZIONI MOBILIARI TELEMATICHE 1.1 Premessa Per effetto dell art.16 bis, 3 comma, del D.L. n.179/2012, conv. con modifiche nella L. 24.12.2012, n. 228 e dell'art. 44

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

Il conto corrente in parole semplici

Il conto corrente in parole semplici LE GUIDE DELLA BANCA D ITALIA Il conto corrente in parole semplici La SCELTA e i COSTI I DIRITTI del cliente I CONTATTI utili Il conto corrente dalla A alla Z conto corrente Il conto corrente bancario

Dettagli

Il sistema informativo aziendale

Il sistema informativo aziendale Albez edutainment production Il sistema informativo aziendale III classe ITC 1 Alla fine di questo modulo sarai in grado di: conoscere funzioni, obiettivi e struttura del sistema informativo aziendale;

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

CURATORI E INFORMATIZZAZIONE PROCEDURE CONCORSUALI. presentazione novità Legge 221/2012 e Legge Stabilità

CURATORI E INFORMATIZZAZIONE PROCEDURE CONCORSUALI. presentazione novità Legge 221/2012 e Legge Stabilità CURATORI E INFORMATIZZAZIONE PROCEDURE CONCORSUALI presentazione novità Legge 221/2012 e Legge Stabilità Zucchetti Software Giuridico srl - Viale della Scienza 9/11 36100 Vicenza tel 0444 346211 info@fallco.it

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

Obblighi contabili per gli Enti non commerciali D. Quali sono gli obblighi contabili minimi per gli Enti non commerciali?

Obblighi contabili per gli Enti non commerciali D. Quali sono gli obblighi contabili minimi per gli Enti non commerciali? Obblighi contabili per gli Enti non commerciali D. Quali sono gli obblighi contabili minimi per gli Enti non commerciali? 1 R. Per gli enti non commerciali non sussiste, ai fini civilistici, relativamente

Dettagli

ISTRUZIONI PER LE NOTIFICHE IN PROPRIO DEGLI AVVOCATI

ISTRUZIONI PER LE NOTIFICHE IN PROPRIO DEGLI AVVOCATI ISTRUZIONI PER LE NOTIFICHE IN PROPRIO DEGLI AVVOCATI LA LEGGE nr. 53/1994 La legge 53/1994 ha inserito nel nostro ordinamento la facoltà, per gli avvocati, di notificare gli atti giudiziari. Consentendo

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE CAPITOLO 19 IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE di Piero Pisoni, Fabrizio Bava, Donatella Busso e Alain Devalle 1. PREMESSA La relazione del revisore legale deve esprimere il giudizio sull attendibilità

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI CISTERNA DI LATINA Medaglia d argento al Valor Civile REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 52 del 11.05.2009 a cura di : Dott. Bruno Lorello

Dettagli

COMUNE DI LARI Provincia di Pisa

COMUNE DI LARI Provincia di Pisa COMUNE DI LARI Provincia di Pisa DETERMINAZIONE N. 519 Numerazione servizio 201 Data di registrazione 17/12/2009 COPIA Oggetto : DECRETO DI ESPROPRIO RELATIVO A PROCEDIMENTO ESPROPRIATIVO PER PUBBLICA

Dettagli

REGISTRO DELLE IMPRESE

REGISTRO DELLE IMPRESE REGISTRO DELLE IMPRESE SCIOGLIMENTO, LIQUIDAZIONE e CANCELLAZIONE 1/2005 maggio 2005 www.an.camcom.it 1 PREMESSA... 3 SOCIETÀ DI CAPITALI... 3 DELIBERA DI SCIOGLIMENTO E NOMINA DEL LIQUIDATORE... 3 SCIOGLIMENTO

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTI IMPORT, ANTICIPI E PREFINANZIAMENTI EXPORT, FINANZIAMENTI SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE (questi ultimi se non rientranti nel credito ai consumatori)

Dettagli

Roma, 25 marzo 2003 QUESITO

Roma, 25 marzo 2003 QUESITO RISOLUZIONE N. 71/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 25 marzo 2003 Oggetto: Istanza di interpello D.P.R. 26 ottobre 1972, n. 642 imposta di bollo su atti e documenti connessi con i contratti

Dettagli

SERVIZIO DI OPERATIVITÀ TRAMITE FILIALI DI ALTRE BANCHE DEL GRUPPO UNIONE DI BANCHE ITALIANE

SERVIZIO DI OPERATIVITÀ TRAMITE FILIALI DI ALTRE BANCHE DEL GRUPPO UNIONE DI BANCHE ITALIANE DISCIPLINA DELLA TRASPARENZA DELLE CONDIZIONI CONTRATTUALI DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI - (Titolo VI Testo Unico Bancario - D. Lgs. 385/1993) FOGLIO INFORMATIVO Il presente Foglio

Dettagli

INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI

INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI Rete Nazionale Gruppi di Acquisto Solidali www.retegas.org INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI Febbraio 2007 INTRODUZIONE I Gruppi di Acquisto Solidali (GAS) sono gruppi di persone

Dettagli

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 Il Tribunale di Imperia, la Procura della Repubblica sede, l Ufficio Esecuzione Penale Esterna Sede di Imperia, l Ordine degli avvocati

Dettagli

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969).

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969). Il commento 1. Premessa La sospensione feriale dei termini è prevista dall art. 1, co. 1, della L. 07/10/1969, n. 742 1, il quale dispone che: Il decorso dei termini processuali relativi alle giurisdizioni

Dettagli

Avv. Andrea Ricuperati. (ultimo aggiornamento: 30 marzo 2015)

Avv. Andrea Ricuperati. (ultimo aggiornamento: 30 marzo 2015) Avv. Andrea Ricuperati (ultimo aggiornamento: 30 marzo 2015) 1 Tramite il servizio postale A mani Mediante posta elettronica certificata 2 24 maggio 2013 (= quindicesimo giorno successivo alla pubblicazione

Dettagli

Le vendite e il loro regolamento. Classe III ITC

Le vendite e il loro regolamento. Classe III ITC Le vendite e il loro regolamento Classe III ITC La vendita di merci La vendita di beni e servizi rappresenta un operazione di disinvestimento, per mezzo della quale l impresa recupera i mezzi finanziari

Dettagli

Linee guida per le ESECUZIONI IMMOBILIARI

Linee guida per le ESECUZIONI IMMOBILIARI ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TRENTO TRIBUNALE CIVILE DI TRENTO Linee guida per le ESECUZIONI IMMOBILIARI FORMA DEL PIGNORAMENTO L atto di pignoramento deve contenere l avvertimento al debitore che, se intende

Dettagli

La revisione dell accertamento doganale

La revisione dell accertamento doganale Adempimenti La revisione dell accertamento doganale di Marina Zanga L accertamento doganale delle merci L accertamento delle merci dichiarate in dogana nell ambito delle operazioni di import/ export da

Dettagli

STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI E DEL LIBRO INVENTARI

STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI E DEL LIBRO INVENTARI STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI E DEL LIBRO INVENTARI La stampa dei registri contabili tenuti con sistemi meccanografici deve essere effettuata entro 3 mesi dalla scadenza prevista per la presentazione della

Dettagli

REGOLAMENTO ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI ISTITUTO di ISRUZIONE SUPERIORE - Luigi Einaudi Sede Legale ed Amministrativa Porto Sant Elpidio (FM) - Via Legnano C. F. 81012440442 E-mail: apis00200g@istruzione.it Pec: apis00200g@pec.istruzione.it

Dettagli

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Ordinativo informatico locale - Revisione e normalizzazione del protocollo sulle regole tecniche ed obbligatorietà dell utilizzo nei servizi di tesoreria PREMESSA L

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO.

DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO. 5 del consiglio di Amministrazione 242 Allegato A DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO. Art. 1 Oggetto

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

Bando regionale per il sostegno di:

Bando regionale per il sostegno di: Bando regionale per il sostegno di: Programma Operativo Regionale Competitività regionale e occupazione F.E.S.R. 2007/2013 Asse 1 Innovazione e transizione produttiva Attività I.3.2 Adozione delle tecnologie

Dettagli

FONDAZIONE FORENSE DI PESARO

FONDAZIONE FORENSE DI PESARO FONDAZIONE FORENSE DI PESARO Palazzo di Giustizia, Piazzale Carducci n. 12 GUIDA PRATICA ALL ACQUISTO DI IMMOBILI ALL ASTA Perché acquistare un immobile all asta? Acquistare all asta è spesso più conveniente.

Dettagli

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato PROVINCIA DI ROMA Regolamento Servizio di Economato Adottato con delibera del Consiglio Provinciale: n. 1111 dell 1 marzo 1995 Aggiornato con delibera del Consiglio Provinciale n. 34 del 12 luglio 2010

Dettagli

Progetto GOL! Giustizia On Line Distretti di Catanzaro e Reggio Calabria. Il PCT per il Professionista ausiliario del Giudice

Progetto GOL! Giustizia On Line Distretti di Catanzaro e Reggio Calabria. Il PCT per il Professionista ausiliario del Giudice Progetto GOL! Giustizia On Line Distretti di Catanzaro e Reggio Calabria Il PCT per il Professionista ausiliario del Giudice Sommario INTRODUZIONE... 3 IL PROCESSO CIVILE TELEMATICO... 3 OBBLIGO DEL DEPOSITO

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT

FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCA CREMASCA Credito Cooperativo Società Cooperativa Piazza Garibaldi 29 26013 Crema (CR) Tel.: 0373/8771 Fax: 0373/259562

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011)

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) Art. 1 Fonti 1. Il presente regolamento, adottato in attuazione dello Statuto, disciplina

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone: Prot. n. 2013/87896 Imposta sulle transazioni finanziarie di cui all articolo 1, comma 491, 492 e 495 della legge 24 dicembre 2012, n. 228. Definizione degli adempimenti dichiarativi, delle modalità di

Dettagli

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO RISOLUZIONE N. 42/E Direzione Centrale Normativa Roma, 27 aprile 2012 OGGETTO: Interpello (art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212) - Chiarimenti in merito alla qualificazione giuridica delle operazioni

Dettagli

Modulo di richiesta chiusura conto corrente BancoPosta Persone Fisiche

Modulo di richiesta chiusura conto corrente BancoPosta Persone Fisiche Modulo di richiesta chiusura conto corrente BancoPosta Persone Fisiche Il presente modulo, sottoscritto e corredato della documentazione necessaria, può essere: consegnato in un qualunque Ufficio Postale

Dettagli

> IL RIMBORSO PARTE VI DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI

> IL RIMBORSO PARTE VI DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI PARTE VI > IL RIMBORSO DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI Rimborsi risultanti dal modello Unico Rimborsi eseguiti su richiesta 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI Accredito su conto corrente

Dettagli

5)- COME VIENE DEFINITA LA FORMALITÀ PRESSO IL P.R.A. RELATIVA AD UN IPOTECA? A - Annotazione B - Iscrizione C Trascrizione

5)- COME VIENE DEFINITA LA FORMALITÀ PRESSO IL P.R.A. RELATIVA AD UN IPOTECA? A - Annotazione B - Iscrizione C Trascrizione 1)- PER UN VEICOLO ESPORTATO ALL'ESTERO E SUCCESSIVAMENTE REISCRITTO IN ITALIA DALLO STESSO INTESTATARIO QUALE IPT PAGA?: A - L'IPT si paga in misura proporzionale B - Non si paga IPT C - L'IPT si paga

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine

Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine Informazioni su CheBanca! Denominazione Legale: CheBanca! S.p.A. Capitale Sociale: Euro 220.000.000 i.v. Sede Legale: Via Aldo Manuzio, 7-20124 MILANO

Dettagli

Aggiornato al 19/12/2014 1

Aggiornato al 19/12/2014 1 SERVIZI Estero Foglio Informativo n. 041108 Finanziamenti Import TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI Titolo VI (artt. 115-128) Testo Unico Bancario FOGLI INFORMATIVI INFORMAZIONI SULLA BANCA

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

Valore in dogana e valore ai fini IVA da dichiarare sulla bolletta doganale (di Ubaldo Palma)

Valore in dogana e valore ai fini IVA da dichiarare sulla bolletta doganale (di Ubaldo Palma) Valore in dogana e valore ai fini IVA da dichiarare sulla bolletta doganale (di Ubaldo Palma) Il valore imponibile a fronte di bollette doganali è oggetto di numerose liti fiscali a causa della poca chiarezza

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio N. 165 del 6 Novembre 2013 News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi POS obbligatorio per esercenti di attività di vendita di prodotti e servizi, anche professionali (Articolo 15 commi

Dettagli

top Le funzioni di stampa prevedono elenchi, etichette, statistiche e molto altro.

top Le funzioni di stampa prevedono elenchi, etichette, statistiche e molto altro. La collana TOP è una famiglia di applicazioni appositamente studiata per il Terzo Settore. Essa è stata infatti realizzata in continua e fattiva collaborazione con i clienti. I programmi di questa collana

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

ICCREA BANCA Spa - Istituto Centrale del Credito Cooperativo. Sede legale e amministrativa Via Lucrezia Romana, 41/47 00178 Roma

ICCREA BANCA Spa - Istituto Centrale del Credito Cooperativo. Sede legale e amministrativa Via Lucrezia Romana, 41/47 00178 Roma PRODOTTO BASE UTENTE INFORMAZIONI SULL EMITTENTE ICCREA BANCA Spa - Istituto Centrale del Credito Cooperativo Sede legale e amministrativa Numero telefonico: 800.991.341 Numero fax: 06.87.41.74.25 E-mail

Dettagli

Tasso Annuo Effettivo Globale (TAEG)

Tasso Annuo Effettivo Globale (TAEG) INFORMAZIONI SULLA BANCA FOGLIO INFORMATIVO BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI LOCOROTONDO Cassa Rurale ed Artigiana - Società Cooperativa Piazza Marconi, 28-70010 Locorotondo (BA) Tel.: 0804351311 - Fax:

Dettagli

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 206 23.07.2013 Sospensione feriale dei termini processuali Categoria: Contenzioso Sottocategoria: Processo tributario Anche quest anno, come di

Dettagli

SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti

SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti Premessa - Dallo scorso 1 Gennaio è entrato in vigore il particolare meccanismo c.d. split payment, il quale prevede per le cessione di

Dettagli

Foglio informativo n. 060/011. Servizi di Home Banking.

Foglio informativo n. 060/011. Servizi di Home Banking. Foglio informativo n. 060/011. Servizi di Home Banking. Servizi via internet, cellulare e telefono per aziende ed enti. Informazioni sulla banca. Intesa Sanpaolo S.p.A. Sede legale e amministrativa: Piazza

Dettagli

PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE

PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 41 DEL 5 SETTEMBRE 2006 1 PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE REGOLAMENTI DELLA GIUNTA REGIONALE REGOLAMENTO N. 2 del 31 luglio 2006 Regolamento per l accesso

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI TRENTO (Approvato con delibera del Consiglio in data 12 gennaio

Dettagli

STATUTO DEL CONSIGLIO PARROCCHIALE PER GLI AFFARI ECONOMICI. La Parrocchia

STATUTO DEL CONSIGLIO PARROCCHIALE PER GLI AFFARI ECONOMICI. La Parrocchia STATUTO DEL CONSIGLIO PARROCCHIALE PER GLI AFFARI ECONOMICI La Parrocchia Art. 1. La parrocchia è una persona giuridica pubblica, costituita con decreto dell Ordinario Diocesano (can. 515,3 ), riconosciuta

Dettagli

SCHEMA DI CONVENZIONE PER VERSAMENTO INCREMENTI TARIFFARI DI CUI ALLA DELIBERA CIPE 52/2001 UTENZE INDUSTRIALI DA POZZO AUTONOMO

SCHEMA DI CONVENZIONE PER VERSAMENTO INCREMENTI TARIFFARI DI CUI ALLA DELIBERA CIPE 52/2001 UTENZE INDUSTRIALI DA POZZO AUTONOMO Allegato n. 2 alla delibera n. 11 del 12.12.05 SCHEMA DI CONVENZIONE PER VERSAMENTO INCREMENTI TARIFFARI DI CUI ALLA DELIBERA CIPE 52/2001 UTENZE INDUSTRIALI DA POZZO AUTONOMO..., con sede in.., Codice

Dettagli

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE Allegato sub. A alla Determinazione n. del Rep. C O M U N E D I T R E B A S E L E G H E P R O V I N C I A D I P A D O V A CONVENZIONE INCARICO PER LA PROGETTAZIONE DEFINITIVA - ESECUTIVA, DIREZIONE LAVORI,

Dettagli

Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life

Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life 3 Indice 1. Autorizzazione e valori depositati 4 2. Apertura di un deposito 4 3. Autorizzazione di iscrizione

Dettagli

di Roberto Fontana, magistrato

di Roberto Fontana, magistrato 10.1.2014 LE NUOVE NORME SULLA FISSAZIONE DELL UDIENZA E LA NOTIFICAZIONE DEL RICORSO E DEL DECRETO NEL PROCEDIMENTO PER DICHIARAZIONE DI FALLIMENTO di Roberto Fontana, magistrato Sommario. 1. La nuova

Dettagli

Istruzioni per la compilazione del Piano economico rendicontativo

Istruzioni per la compilazione del Piano economico rendicontativo I MATERIALI FORMATIVI costituiscono un supporto pratico alla rendicontazione dei progetti; la loro funzione principale è quella di mostrare l applicazione delle regole a casi concreti con l ausilio degli

Dettagli

POPOLARE VITA S.p.A.

POPOLARE VITA S.p.A. CONTRATTO DI ASSICURAZIONE SULLA VITA IN FORMA MISTA, A PREMIO UNICO CON RIVALUTAZIONE ANNUALE DEL CAPITALE (TARIFFA N. 560) Orizzonte Sicuro Il presente Fascicolo Informativo, contenente: la Scheda Sintetica;

Dettagli

BANCOPOSTA FONDI S.p.A. SGR appartenente al Gruppo Poste Italiane REGOLAMENTO DI GESTIONE

BANCOPOSTA FONDI S.p.A. SGR appartenente al Gruppo Poste Italiane REGOLAMENTO DI GESTIONE BancoPostaFondi SGR BANCOPOSTA FONDI S.p.A. SGR appartenente al Gruppo Poste Italiane REGOLAMENTO DI GESTIONE del Fondo Comune d Investimento Mobiliare Aperto Armonizzato denominato BancoPosta Obbligazionario

Dettagli

PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA

PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA (Elaborato a seguito delle disposizioni contenute nella L.

Dettagli

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE La Santa Sede ed il Governo della Repubblica Italiana, qui di seguito denominati anche Parti contraenti; tenuto conto

Dettagli

Domanda di concessione dell assegno integrativo

Domanda di concessione dell assegno integrativo mod. Ass. integrativo COD. SR91 Domanda di concessione dell assegno integrativo (Art. 9, comma 5, della legge n. 223/1991) La presente domanda deve essere presentata per la concessione dell assegno integrativo.

Dettagli

SERVIZIO P.O.S. POINT OF SALE

SERVIZIO P.O.S. POINT OF SALE Pag. 1 / 6 SERVIZIO P.O.S. POINT OF SALE Foglio Informativo INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Monte dei Paschi di Siena S.p.A. Piazza Salimbeni 3-53100 - Siena Numero verde. 800.41.41.41 (e-mail info@banca.mps.it

Dettagli

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente"

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente LEGGE 27 LUGLIO, N.212 "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 177 del 31 luglio 2000 Art. 1. (Princìpi generali) 1. Le disposizioni della

Dettagli

REGISTRO DELLE IMPRESE

REGISTRO DELLE IMPRESE REGISTRO DELLE IMPRESE UTILIZZO DEL SOFTWARE FEDRA PLUS - MODULISTICA FEDRA E PROGRAMMI COMPATIBILI - MODELLO S1 TRASFERIMENTO SEDE DA ALTRA PROVINCIA ISTRUZIONI TRIVENETO PARAGRAFO 5.4 E 12.4 Si fa presente

Dettagli

IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse

IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse CICLO DI SEMINARI febbraio/maggio 2008 IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse CICLO DI SEMINARI IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse 26 febbraio PRESUPPOSTI

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

Internet Banking Aggiornato al 13.01.2015

Internet Banking Aggiornato al 13.01.2015 Foglio informativo INTERNET BANKING INFORMAZIONI SULLA BANCA Credito Cooperativo Mediocrati Società Cooperativa per Azioni Sede legale ed amministrativa: Via Alfieri 87036 Rende (CS) Tel. 0984.841811 Fax

Dettagli

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO TARDIVO OD OMESSO VERSAMENTO SANZIONI - RICORSI IL RAVVEDIMENTO - COMPENSAZIONE RIMBORSI SCHEDA N. 3 Claudio Venturi Camera di Commercio Diritto Annuale

Dettagli

Regolamento delle fatture di acquisto. Esempio 1 pagamento con denaro contante:

Regolamento delle fatture di acquisto. Esempio 1 pagamento con denaro contante: Regolamento delle fatture di acquisto. Quando paghiamo una fattura di acquisto il nostro patrimonio netto non subisce variazione dal punto di vista quantitativo, ma solo qualitativo. Se paghiamo in contante

Dettagli

PRINCIPIO DI REVISIONE (SA Italia) 250B LE VERIFICHE DELLA REGOLARE TENUTA DELLA CONTABILITÀ SOCIALE

PRINCIPIO DI REVISIONE (SA Italia) 250B LE VERIFICHE DELLA REGOLARE TENUTA DELLA CONTABILITÀ SOCIALE PRINCIPIO DI REVISIONE (SA Italia) 250B LE VERIFICHE DELLA REGOLARE TENUTA DELLA CONTABILITÀ SOCIALE (In vigore per le verifiche della regolare tenuta della contabilità sociale svolte dal 1 gennaio 2015)

Dettagli

FAQ 2015 I) CHI DEVE INVIARE LA COMUNICAZIONE... 3

FAQ 2015 I) CHI DEVE INVIARE LA COMUNICAZIONE... 3 FAQ 2015 Flusso telematico dei modelli 730-4 D.M. 31 maggio 1999, n. 164 Comunicazione dei sostituti d imposta per la ricezione telematica, tramite l Agenzia delle entrate, dei dati dei 730-4 relativi

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO DELL UFFICIO SEGRETERIA

REGOLAMENTO INTERNO DELL UFFICIO SEGRETERIA REGOLAMENTO INTERNO DELL UFFICIO SEGRETERIA PREMESSA Le attività dell Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri di Ravenna sono regolate dal DLCPS 233/1946, dal DPR 221/1950 e dalla legge 409/1985

Dettagli

REQUISITI FORMALI DELLA RICETTA NON RIPETIBILE Alla luce del D.LGS. 219 DEL 2006 Codice di recepimento normativa europea farmaci ad uso umano

REQUISITI FORMALI DELLA RICETTA NON RIPETIBILE Alla luce del D.LGS. 219 DEL 2006 Codice di recepimento normativa europea farmaci ad uso umano REQUISITI FORMALI DELLA RICETTA NON RIPETIBILE [STUDIO avv. Paola Ferrari ] info@studiolegaleferrari.it per Pronto Soccorso fimmg lombardia QUESITO: Mi è arrivata una notifica di violazione amministrativa

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI Art. 1 - Oggetto del Regolamento Il presente documento regolamenta l esercizio del diritto di accesso ai documenti amministrativi in conformità a quanto

Dettagli

COMUNE DI CASTELLANA SICULA PROVINCIA DI PALERMO

COMUNE DI CASTELLANA SICULA PROVINCIA DI PALERMO COMUNE DI CASTELLANA SICULA PROVINCIA DI PALERMO DETERMINAZIONE INGEGNERE CAPO SETTORE LL.PP. 3 SETTORE TECNICO Servizio di manutenzione beni comunali e servizi tecnologici DETERMINA N 263 DEL 28/07/2011

Dettagli

Distinti saluti Il responsabile

Distinti saluti Il responsabile ENTI PUBBLICI Roma, 15/05/2013 Spett.le COMUNE DI MONTAGNAREALE Posizione 000000000000001686 Rif. 2166 del 30/04/2013 Oggetto: Anticipazione di liquidità, ai sensi dell'art. 1, comma 13 del D. L. 8 aprile

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

Termini e Condizioni di Prenotazione Valide da Aprile 2015

Termini e Condizioni di Prenotazione Valide da Aprile 2015 Termini e Condizioni di Prenotazione Valide da Aprile 2015 1 CONDIZIONI GENERALI DI NOLEGGIO Termini e Condizioni di Prenotazione I servizi di noleggio di veicoli Europcar in Italia sono erogati da Europcar

Dettagli

Seminario Europrogettazione - I nuovi programmi comunitari a gestione diretta per il periodo 2014-2020

Seminario Europrogettazione - I nuovi programmi comunitari a gestione diretta per il periodo 2014-2020 DATA: 29/8/2013 N. PROT: 475 A tutte le aziende/enti interessati Seminario Europrogettazione - I nuovi programmi comunitari a gestione diretta per il periodo 2014-2020 Roma, 15-16 ottobre 2013 Bruxelles,

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali CIRCOLARE N. 36/2013 Roma, 6 settembre 2013 Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Direzione generale per l Attività Ispettiva Prot. 37/0015563 Agli indirizzi in allegato Oggetto: art. 31 del D.L.

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Allegato A alla delibera n. 129/15/CONS REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

Regolamento di Accesso agli atti amministrativi

Regolamento di Accesso agli atti amministrativi ISTITUTO COMPRENSIVO DANTE ALIGHIERI 20027 RESCALDINA (Milano) Via Matteotti, 2 - (0331) 57.61.34 - Fax (0331) 57.91.63 - E-MAIL ic.alighieri@libero.it - Sito Web : www.alighierirescaldina.it Regolamento

Dettagli

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII)

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) CORTE DI CASSAZIONE; sezioni unite civili; sentenza, 22-02-2007, n. 4109

Dettagli

Nasce un nuovo modo di pensare alla posta DAL TUO PC STAMPI UN DOCUMENTO E SPEDISCI UNA BUSTA LA TUA POSTA IN UN CLICK

Nasce un nuovo modo di pensare alla posta DAL TUO PC STAMPI UN DOCUMENTO E SPEDISCI UNA BUSTA LA TUA POSTA IN UN CLICK Nasce un nuovo modo di pensare alla posta DAL TUO PC STAMPI UN DOCUMENTO E SPEDISCI UNA BUSTA LA TUA POSTA IN UN CLICK LA TUA POSTA IN UN CLICK Clicca&Posta è una soluzione software per la gestione della

Dettagli

MODULO S3 AVVERTENZE GENERALI

MODULO S3 AVVERTENZE GENERALI MODULO S3 Scioglimento, liquidazione, cancellazione dal Registro Imprese AVVERTENZE GENERALI Finalità del modulo Il modulo va utilizzato per l iscrizione nel Registro Imprese dei seguenti atti: scioglimento

Dettagli