Comando Carabinieri per la Tutela dell Ambiente - Reparto Operativo - IL TRAFFICO ILLECITO DI RIFIUTI E MATERIALI RADIOATTIVI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Comando Carabinieri per la Tutela dell Ambiente - Reparto Operativo - IL TRAFFICO ILLECITO DI RIFIUTI E MATERIALI RADIOATTIVI"

Transcript

1 Comando Carabinieri per la Tutela dell Ambiente - Reparto Operativo - IL TRAFFICO ILLECITO DI RIFIUTI E MATERIALI RADIOATTIVI Genova, 29 Marzo 2007

2 INDICE 1. La situazione italiana dopo il referendum del Le centrali in decommissioning 1.2 Le sorgenti utilizzate in campo medico 1.3 Le sorgenti per usi industriali 1.4 I rifiuti radioattivi (gestione, conferimento e smaltimento) 1.5 Le sorgenti orfane (definizione, tipologie e normativa) 2. La normativa di riferimento 2.1 Gli strumenti legali internazionali 2.2 La normativa nazionale 3. Gli eventi r.o.t.a 4. Il problema del terrorismo 5. Le campagne della Sez. Inquinamento da Sost. Radiaoattive 5.1 La campagna aghi di radio 5.2 La campagna cobalto 5.3 La campagna gammagrafie 5.4 L andamento dei furti delle sorgenti radioattive in Italia

3 1. LA SITUAZIONE ITALIANA DOPO IL REFERENDUM DEL 1987 Nel 1987, a seguito dell'incidente di Chernobyl, l'italia ha deciso con un referendum popolare di rinunciare alla tecnologia nucleare per la produzione di energia. Tale decisione ha ingenerato la diffusa quanto errata convinzione di aver così accantonato ogni problema legato alla presenza di materiali nucleari o radioattivi. Per smentire tale falsa certezza è sufficiente pensare solo all enorme quantità di rifiuti prodotti dall attività nucleare svolta in circa trenta anni (dal 1959, entrata in funzione del primo reattore di ISPRA, al 1987) tuttora stoccati in depositi temporanei ed in attesa di una destinazione definitiva oppure alle barre di combustibile nucleare ancora conservate nelle centrali in via di dismissione. Alle materie nucleari 1, si aggiungono inoltre le migliaia di sorgenti radioattive presenti sul territorio nazionale ed impiegate prevalentemente nei reparti di medicina nucleare, nelle attività di ricerca e nel settore industriale. Il problema è aggravato dalla mancanza di un sito di definitivo stoccaggio dei rifiuti radioattivi. L argomento, alimentato dalla sindrome di NIMBY (No In May Back Yard) tocca la sensibilità delle Comunità interessate alla costruzione del sito. Esemplare è il caso di Scansano Jonico. Riassumendo, il problema della radioattività in Italia coinvolge: le ex centrali nucleari ora in decommissioning di Borgo Sabotino (LT), Garigliano (CE), Caorso (PC) e Trino Vecellese (VC); i quattro reattori di ricerca ancora in funzione presso il Centro Ricerca Casaccia dell ENEA di Roma (due reattori), presso l Università degli Studi di Pavia e presso quella di Palermo; le attività di medicina nucleare; le attività industriali; i rifiuti radioattivi; le sorgenti orfane. L insieme di tali sorgenti o materiali rappresenta l oggetto delle ipotesi di traffico illecito 2. 1 Per materie nucleari si intende soltanto l Uranio, il Plutonio ed il Torio (come definito dalla Convenzione sulla protezione Fisica delle materie nucleari e delle installazioni), mentre con sostanze radioattive ci si riferisce ad ogni specie chimica contenente uno o più radionuclidi di cui, ai fini della radioprotezione, non si può trascurare l attività o la concentrazione

4 Dopo l 11 settembre e la successiva recrudescenza dei fenomeni terroristici, quelli che erano problemi di natura squisitamente ambientale hanno assunto importanti riflessi sull ordine e la sicurezza pubblica. 1.1 LE CENTRALI IN DECOMMISSIONING In conseguenza degli esiti referendari, venne dichiarato anche il fermo delle quatto centrali elettronucleari esistenti su territorio nazionale che, allo stato attuale, si trovano in fase di "decommissioning", ovvero di smantellamento degli impianti, con la rimozione dei componenti contaminati, mentre restano in funzione i soli 4 reattori per scopi didattici e di ricerca. L attività di decommissioning, affidata alla SOGIN, procede a rilento. Sono in corso contatti con alcuni Paesi esteri per depositare temporaneamente le barre di combustibile nucleare in attesa di realizzare un sito in Italia per il loro definitivo stoccaggio. Nel frattempo si registrano casi di parziali forme di contaminazione (acqua delle piscine di Saluggia) 1.2 LE SORGENTI UTILIZZATE IN CAMPO MEDICO I presidi ospedalieri ed i laboratori di ricerca si avvalgono di sorgenti radioattive sia in campo diagnostico sia in campo terapeutico. In campo diagnostico sono utilizzati radiofarmaci, ovvero composti chimici contenenti nella molecola un radionuclide, che trovano applicazione quale mezzo non invasivo per ottenere informazioni sui processi e sulle caratteristiche fisiologiche di organi danneggiati da varie malattie, con particolare riferimento alle forme tumorali. Questo tipo di pratiche tuttavia richiedono la contemporanea presenza in ambiente ospedaliero di strutture altamente sofisticate come un ciclotrone, un laboratorio radiochimico ed un sistema topografico poiché i farmaci da questi utilizzati devono essere preparati immediatamente prima dell uso, essendo la vita media dei radioisotopi utilizzati solo di alcuni minuti. In campo terapeutico sorgenti di radiazioni ionizzanti, sia in forma sigillata 3 che in forma non sigillata 4, sono utilizzate soprattutto per la cura delle diverse forme tumorali. Si 2 Si è in presenza di un traffico illecito...qualora senza autorizzazione, in maniera internazionale o meno, con o senza attraversamento dei confini nazionali, vengano svolte le seguenti attività: ricevimento, fornitura, uso trasferimento o smaltimento di materie nucleari o di altre sostanze radioattive. 3 Definizione di sorgente sigillata ai sensi del D.Lgs. 230/1995 art. 4 comma 3 lettera t): sorgente formata da materie radioattive solidamente incorporate in materie solide e di fatto inattive o sigillate in un involucro inattivo che presenti una resistenza sufficiente per evitare, in condizioni normali di impiego, dispersione di materie radioattive superiore ai valori stabiliti dalle norme di buona tecnica applicabili.

5 tratta di sorgenti caratterizzate generalmente da elevata attività tanto che per la loro manipolazione e somministrazione sono necessarie apposite camere calde site presso i servizi, unità e laboratori di Medicina Nucleare e di radioterapia. I radioisotopi maggiormente usati, sotto forma di sorgenti non sigillate, sono Iodio-125, Iodio-131, Tecnezio-99 metastabile, ottenuto per decadimento dal Molibdeno-99, Gallio-67, Xeno- 133, Tallio-201. Tra le sorgenti sigillate utilizzate in campo terapeutico, di particolare importanza sono il Radio ed il Cobalto-60. Si tratta di radionuclidi caratterizzati da elevata attività e lunghi tempi di dimezzamento (1620 anni per il Radio e di 6 anni per il cobalto). Per tale ragione essi sono oggetto di periodiche campagne di monitoraggio e controllo. 1.3 LE SORGENTI PER USI INDUSTRIALI Molti tipi di lavorazioni industriali (p.es. concerie, pastifici, cementifici, industrie petrolchimiche, acciaierie, impianti di sterilizzazione di dispositivi chirurgico-sanitari, impianti di irraggiamento per derrate alimentari, nonché tutte le attività concernenti i controlli non distruttivi quali le gammagrafie industriali e le radiografie neutroniche e radiografie neutroniche) prevedono l utilizzazione di sorgenti radioattive spesso assai più attive di quelle utilizzate in campo sanitario. In tutti questi casi, dette sorgenti debbono essere detenute in locali appositamente identificati dagli Esperti Qualificati che provvedono alla classificazione degli stessi in zone sorvegliate e/o zone controllate in relazione al tipo di sorgenti detenute o utilizzate. Al termine del loro impiego, le sorgenti possono essere conferite a ditte autorizzate per il loro successivo stoccaggio o smaltimento, cedute ad altra azienda interessata al riutilizzo della sorgente, oppure ancora restituite alla società fornitrice che provvede per contratto al ritro ed alla sostituzione mediante vettore autorizzato. I grandi impianti di sterilizzazione con irraggiamento gamma utilizzano sorgenti ad elevata attività la cui detenzione può avvenire conservando dette sorgenti sotto battente d acqua in apposite piscine ubicate al disotto degli impianti di irraggiamento in quanto le radiazioni emesse sarebbero sicuramente letali per chiunque ne venisse esposto e, pertanto, detti impianti vengono condotti con le stesse procedure di sicurezza adottate per gli impianti nucleari. Inoltre, i locali adibiti allo scopo sono di norma ubicati nelle zone centrali dell insediamento. La sostituzione delle sorgenti viene eseguita ad 4 Definizione di sorgente non sigillata ai sensi del D.Lgs. 230/1995 art. 4 comma 3 lettera s): qualsiasi sorgente che non corrisponde alle caratteristiche o ai requisiti della sorgente sigillata. 5 Per tempo di dimezzamento si intende il tempo necessario affinché l attività iniziale di una dato radionuclde si riduca alla metà.

6 intervalli prestabiliti per mantenere costante il loro livello di attività dalle stesse ditte che hanno realizzato l impianto. 1.4 I RIFIUTI RADIOATTIVI (gestione, conferimento e smaltimento) La Comunità Europea ha imposto agli stati membri di trovare una soluzione per la sistemazione dei rifiuti radioattivi entro il In Italia, in attesa dell individuazione di un sito unico nazionale per lo stoccaggio definitivo dei rifiuti radioattivi derivanti dalle attività di decommissioning, gli stessi sono ancora conservati in via provvisoria all interno delle centrali in disuso o in via di trasformazione. Il concetto di deposito ha spesso creato degli equivoci interpretativi. Il deposito per i rifiuti radioattivi non deve infatti essere confuso con i depositi realizzati presso le ditte che fanno uso di sorgenti radioattive per la conservazione delle stesse costituito da un ripostiglio di pochi metri quadrati oppure da un vero e proprio bunker in relazione alla loro attività. La tematica dei rifiuti radioattivi è presa in considerazione nella GUIDA TECNICA n. 26 redatta dall ENEA-DISP (ora APAT - Dipartimento Nucleare, Rischio Tecnologico e Industriale) nel 1987, dal titolo Gestione dei rifiuti radioattivi. La Guida Tecnica n. 26 si applica ai rifiuti radioattivi prodotti nelle attività disciplinate dalle norme di legge vigenti sull'impiego pacifico dell'energia nucleare facendo riferimento a tre specifiche categorie. Essa definisce inoltre i principi generali di radioprotezione e tutela dell ambiente nonché alcune modalità di gestione dei rifiuti di I e II categoria ed i relativi standard di trattamento e condizionamento. Le materie radioattive, ivi compresi i rifiuti, sono oggetto di trattamento normativo che prevede soglie specifiche per ogni radionuclide componente la materia stessa, in base al tempo di dimezzamento fisico, al contenuto di radionuclidi ed alla concentrazione di radioattività, al tipo di radiazione emessa, allo stato fisico ed all attività dei radioisotopi presenti. I rifiuti radioattivi sono classificati in tre categorie: I CATEGORIA: rifiuti derivanti da impieghi medici e di ricerca scientifica dove i radionuclidi utilizzati sono caratterizzati da tempi di dimezzamento relativamente brevi e comunque inferiori ad 1 anno (rifiuti a bassa attività); II CATEGORIA: rifiuti che richiedono tempi variabili da qualche decina fino ad alcune centinaia di anni per raggiungere concentrazioni di radioattività dell ordine di alcune centinaia di Bq/g nonché quei rifiuti contenenti radionuclidi a vita molto lunga purché in concentrazioni di tale ordine. In questa categoria rientrano rifiuti a media attività in gran parte provenienti da particolari cicli di produzione ed oggi dalle

7 attività di decommissioning degli impianti nucleari e soprattutto dalle centrali elettronucleari di potenza nonché da alcuni particolari impieghi medici, industriali e di ricerca scientifica. III CATEGORIA: a questa categoria appartengono in particolare i rifiuti radioattivi ad alta attività che richiedono tempi dell ordine di migliaia di anni ed oltre per raggiungere concentrazioni di radioattività dell ordine di alcune centinaia di Bq/g. In tale Categoria rientrano i rifiuti liquidi ad elevata attività specifica derivanti dal primo ciclo di estrazione degli impianti di riprocessamento (ciclo del combustibile nucleare) ed i solidi in cui questi possono essere convertiti; i rifiuti contenenti emettitori alfa e neutroni provenenti essenzialmente dai laboratori di ricerca scientifica, da usi medici ed industriali, dagli impianti di fabbricazione degli elementi di combustibile ad ossido misto e dai già citati impianti di riprocessamento. Dalle precedenti definizioni discende che i rifiuti radioattivi di più problematica trattazione sono quelli classificati in II e III categoria, questi una volta caratterizzati saranno destinati al trattamento, ovvero al complesso di operazioni che mediante l applicazione di processi fisici e/o chimici, modificano la forma fisica e/o la composizione chimica dei radionuclidi. La classificazione dei rifiuti radioattivi nel nostro paese non deriva da una disposizione normativa a differenza di quanto avviene per le atre tipologie di rifiuti infatti, ai sensi dell art. 183 comma 1 lett. a) del D.L.vo. 3 aprile 2006, n.152 (Testo Unico) è rifiuto: qualsiasi sostanza od oggetto che rientra nelle categorie riportate nell allegato A all parte quarta del presente decreto e di cui il detentore si disfi o abbia deciso o abbia l obbligo di disfarsi. L Allegato A non menziona i rifiuti radioattivi perché esclusi dallo stesso art. 185 comma 1 lett. c) (limiti al campo di applicazione) del D.L.vo 3 aprile 2006, n.152. La parte più delicata della gestione dei rifiuti radioattivi è quella inerente al decommissioning, ossia l attività di smantellamento delle centrali nucleari scaturita dalle decisioni prese dai governi susseguitisi dopo il referendum del Nelle centrali si trovavano ancora materiali radioattivi, ivi compresi i rifiuti ad alta attività, che oggi vengono a far parte di ampi progetti che prevedono lo stoccaggio in un sito geologico definitivo, il quale non essendo ancora stato individuato, sana di fatto la situazione transitoria di vari depositi provvisori in situ dislocati sul territorio nazionale, che hanno già ripetutamente sollevato l attenzione dell opinione pubblica. Diversa è la situazione dei rifiuti ospedalieri di natura radioattiva, prodotti da pratiche prevalentemente diagnostiche, ma anche terapeutiche. Nella fattispecie si tratta di rifiuti a bassa attività e brevi tempi di dimezzamento (in genere inferiori a 75 giorni) che non comportano, per la natura intrinseca dei materiali stessi, particolari problemi di messa in sicurezza, basta infatti confinarli in depositi autorizzati aventi caratteristiche di sicurezza tali che, attesi i brevi intervalli temporali necessari, una volta decaduti sotto una

8 determinata soglia, possano essere smaltiti come normali rifiuti ospedalieri mediante il conferimento a ditte autorizzate. Altri tipi di rifiuti della medesima specie sono quelli provenienti da tipi di attività che, con l attuale normativa, non sono più consentite. Tra queste possono essere elencati, ad esempio, i materiali provenienti dallo smantellamento di parafulmini concepiti e costruiti con introduzione di sorgenti radioattive, i rilevatori di fumo con all interno sorgenti radioattive (solitamente Americio-241), la vecchia strumentazione aeronautica o militare contenente nei quadranti vernici luminescenti miscelate con sorgenti radioattive (Trizio H3 o Radio-226). Tale materiale, una volta conferito ad una ditta autorizzata deve necessariamente essere trasportato presso l unico deposito temporaneo di rifiuti radioattivi presente in Italia, il Centro E.N.E.A. della Casaccia. Qui, una volta trattato e stoccato, resterà depositato sino a che verrà individuato quello che sarà il sito nazionale definitivo. Unica forma possibile di smaltimento dei rifiuti radioattivi. 1.5 LE SORGENTI ORFANE (definizione, tipologie e normativa) Si definiscono orfane tutte le sorgenti radioattive delle quali, a seguito di furto, smarrimento, interramento, abbandono, mancanza di documentazione, non sia possibile risalire alla loro origine e proprietà e sono quindi fuori da ogni controllo. Questo peculiare aspetto si ricollega ad un problema di scala internazionale che coinvolge anche l Italia, in quanto paese produttore di acciaio. La presenza di sorgenti radioattive orfane nei carichi di rottami metallici destinati alle fonderie rappresenta un aspetto particolarmente importante nel quadro della protezione ambientale. Tali sorgenti infatti, se non prontamente individuate e neutralizzate, sono destinate a contaminare il prodotto finito e quindi a venire in contatto con gli utilizzatori finali. Questa problematica, ben nota fin dai primi anni 90, è destinata ad aumentare in relazione alle attività di dismissione o di ristrutturazione degli impianti nucleari esistenti soprattutto nei paesi dell ex blocco sovietico dai quali vengono importati ingenti quantitativi di rottami metallici. A fronte di tale situazione, l azione di contrasto risente del carente impianto normativo vigente atteso che: i portali a scintillazione per il controllo dei livelli di radioattività dei carichi di materiale metallico a suo tempo acquistati ed istallati dal ministero delle Attività Produttive, non sono ancora funzionanti in attesa del decreto attuativo che ne disciplini il passaggio al Ministero dell Interno Dipartimento dei Vigili del Fuoco materialmente incaricati del loro utilizzo; l applicazione dell art.157 decreto legislativo 230/1995 (il quale prevede espressamente che: I soggetti che a scopo industriale o commerciale, compiono

9 operazioni di fusione di rottami o di altri materiali metallici di risulta, sono tenuti ad effettuare una sorveglianza radiometrica sui predetti materiali e rottami, al fine di rilevare la presenza in essi di eventuali sorgenti dimesse ), è subordinata, a norma del terzo comma, alla pubblicazione di un decreto dell allora Ministero della Sanità, mai redatto. Il fine del legislatore è quello di impedire che sorgenti radioattive orfane possano entrare nel territorio nazionale attraverso i canali del commercio e la gestione del rottame metallico, diventando un onere ed un pericolo radiologico a carico del paese importatore e non per coloro che lo hanno cagionato. In effetti, una volta sdoganato e sul territorio nazionale, salvo articolate e quasi mai utilizzate procedure di restituzione valide solo per i carichi di provenienza extracomunitaria, su detto materiale incombe da parte dello stato Italiano l onere relativo alla sicurezza della popolazione e dei lavoratori, nonché dello smaltimento mediante stoccaggio dello stesso. Attività quest ultima particolarmente critica visto che l Italia non dispone di depositi definitivi per i rifiuti radioattivi ma solo di pochi e piccoli depositi temporanei a gestione privata e di un solo medio deposito temporaneo. Il problema menzionato non riguarda una situazione eccezionale o estemporanea. Un monitoraggio sul rinvenimento di sorgenti orfane all interno di carichi di rottami metallici destinato alla fusione nel biennio effettuato da questo Comando, ha evidenziato una percentuale di carichi positivi tra quelli di provenienza comunitaria pari a l 11,2% del totale dei carichi risultati contaminati. L impianto normativo in questo caso appare carente ed una soluzione sarebbe possibile solo attraverso l interpolazione delle norme che regolano analoghe situazioni per carichi di provenienza extra-comunitaria e per spedizioni transfrontaliere di rifiuti.

10 I CARICHI DI ROTTAMI FERROSI DI PROVENIENZA COMUNTARIA. - RIFERIMENTI NORMATIVI - La particolare situazione relativa al rinvenimento di una sorgente orfana all interno di un carico di rottami metallici destinati alla fusione trova una sua perfezionabile ma efficace soluzione solo nel caso di carichi di provenienza extra-comunitaria. In questi casi infatti la circolare del Ministero delle Finanze Dipartimento delle Dogane. 13/D del , che stabilisce a livello frontaliero le modalità di controllo dei carichi di rottami metallici, prevede espressamente il respingimento del carico (salvo diversa indicazione degli organi di controllo) - a cura e spese dei soggetti interessati qualora dalle misure risultino valori superiori alla fluttuazione media del fondo ambientale. Restano quindi esclusi dal campo di applicazione di tale norma tutti i carichi di provenienza comunitaria che per la loro stessa origine non sono soggetti ad eventuali controlli presso i varchi doganali e per i quali è prevista una procedura semplificata. Parimenti non è possibile applicare a tali carichi le procedure di respingimento previste dall art. 25 del Regolamento 259/93/CEE del Consiglio del 1 febbraio sulle spedizioni di rifiuti all interno dei Paesi comunitari (espressamente richiamato dall art. 194 del D.Lgs. 03 aprile 2006 n. 152 dedicato alle spedizioni transfrontaliere ) che si rifà a sua volta ai principi generali della Convenzione di Basilea del 22 marzo 1989 sul controllo dei movimenti transfrontalieri di scorie tossiche e della loro eliminazione, ratificata dal nostro Paese con la legge 18 agosto 1993, n Come espressamente indicato all art. 1, comma 2, punto c, infatti, sono esclusi dal campo di applicazione del presente regolamento le spedizioni di residui radioattivi di cui all articolo 2 della direttiva 92/3 Euratom del consiglio del 3 febbraio 1992, relativa alla sorveglianza ed al controllo delle spedizioni di residui radioattivi tra gli Stati membri e di quelle verso la Comunità e fuori di essa. La soluzione al problema non può essere trovata neanche nell ambito del decreto legislativo nr. 230 del 17 marzo 1995 emanato in attuazione della direttiva di cui sopra. Tale norma infatti, pur disciplinando all art. 32 le spedizioni, importazioni ed esportazioni di rifiuti radioattivi, nulla dice circa l obbligo di per l eventuale importatore di riprendere la sorgente radioattiva illecitamente importata salvo i casi di cui all art. 126-bis del decreto legislativo 230/95 il quale espressamente prevede che: nelle situazioni che comportino una esposizione prolungata dovuta agli effetti di un emergenza radiologica o di una pratica non più in atto le autorità competenti per gli interventi ai sensi della legge 25 febbraio 1992 n.225 (istituzione del servizio di protezione civile) adottano i provvedimenti opportuni tenendo conto dei principi generali di cui all art. 115-bis (principi generali per gli interventi), delle necessità e del rischio di esposizione L ampia formulazione dell articolo, opportunamente generica ed astratta, lascia quindi altrettanto ampia discrezionalità alle autorità individuate che possono ben trovarsi ad affrontare situazioni assai diverse tra loro. Tuttavia l uso generalizzato di tale procedura non può non rappresentare una evidente forzatura del dettato normativo nella considerazione che la premessa a tale tipologia di intervento sarebbe una esposizione prolungata e quindi un altrettanto grave ed imminente pericolo per l incolumità pubblica, difficilmente riscontrabile nel caso delle normali tipologie di sorgenti rinvenute nei carichi di rottemi metallici. Al fine di chiarire l entità del problema, si riportano alcuni dati. Provenienza dei carichi di Rottami ferrosi L origine del materiale, poiché non sempre espressamente dichiarata nella documentazione di trasporto ed in alcuni casi probabile frutto di antecedenti

11 importazioni tra altri Stati o di materiale già sdoganato, è stata associata a quella di provenienza dell ultimo vettore. Totale rinvenim. e respingim. Provenienza Exta CEE Provenienza CEE Provenienza Nazionale Provenie nza Ignota % 57,3 % 11,2 % 24,7 % 6,7 % Russia (0,54%) Israele (0,54%) Tunisia (1,62%) Albania (0,54%) Senegal (0,54%) Congo (0,54%) Algeria (0,54%) Giordania (0,54%) Kazakistan (0,54%) Serbia (2,7%) Bosnia (5,94%) Ungheria (2,7 %) Romania (7,56 %) Croazia (9,72%) Slovenia (8,64%) Slovacchia (2,16%) Bulgaria (1,62%) Marocco (3,78 %) Inghilterra (0,54%) Francia (3,78 %) Germania (5,94%) Austria (0,54%) Bari (0,54 %) Taranto (0,54% ) Torino (1,08 %) Alessandria (0,54%) Ancona (1,08 %) Bergamo (4,32 %) Napoli (1,62 %) Venezia (0,54 %) Viterbo (0,54 %) Brescia (2,7 %) Teramo (0,54 %) Roma (1,62 %) Terni (5,94 %) Perugia (1,62 %) Milano (0,54%) Cassino (0,54 %) Tipologia radionuclidi oggetto di spettrometria Numero complessivo rinvenimenti Numero dei rinvenimenti di sorgenti proprie o improprie * Numero dei rinvenimenti di materiale contaminato Tipologia del radionuclide * 29 Ra Th Am Co Cs U Ir Sr Kr

12 Tipologia delle sorgenti rinvenute Rinvenimento Numero % note Sorgenti 9 9,3 % Sorgenti Improprie 22 22,9 % Contaminazione 10 10,4 % Contaminazione (probabile N.O.R.M) 55 57,3 % Sorgenti di taratura, gammagrafia ecc.. Parafulmini, strumentazione aerea, rilevatori di fumo ecc. Polveri di abbattimento fumi, lastre metalliche ecc.. Materiale metallico, tubazioni, cisterne ecc.. Principali tipologie di vettori Vettore Nr. Carichi positivi % note Marittimo 58 32,7% Ferroviario 54 30,5 % Per oltre i 2/3 trattasi di container rispediti al mittente a seguito delle misurazioni radiometriche effettuate durante le fasi di sdoganamento. Per oltre i 2/3 trattasi di container/vagoni rispediti al mittente a seguito delle misurazioni radiometriche effettuate durante le fasi di sdoganamento. Gomma 66 36,9 % 2. LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO La normativa di settore è data da un insieme di norme e regolamenti internazionali in parte di immediata applicazione nell ordinamento nazionale ed in parte ratificati o in via di ratifica. 2.1 GLI STRUMENTI LEGALI INTERNAZIONALI Il Trattato di Non-Proliferazione delle Armi Nucleari - Treaty on the No- Proliferation of Nuclear Weapon (NPT): rappresenta il più ampio strumento di controllo delle armi nucleari, ed è tuttora valido. Sancisce l obbligo fondamentale per gli stati aderenti di non ricevere o trasferire armi nucleari o altri congegni esplosivi nucleari o il controllo su tali armi e proprio per questo fornisce un importante meccanismo di prevenzione ed individuazione di atti illegali riguardanti materiali nucleari o radioattivi e cose ad essi correlate. Fanno parte del trattato tutti gli Stati membri dell ONU, con la solo eccezione di Israele, India e Pakistan. La

13 AIEA (Agenzia Internazionale per l Energia Atomica) è l Autorità responsabile del controllo. Linee Guida per i Paesi Fornitori di Materiali Nucleari - Nuclear Suppliers Gruop Guideline: costituiscono un ulteriore meccanismo per il controllo delle esportazioni di materiali nucleari a supporto di quanto sancito con il Trattato di Non Proliferazione. Il documento mette in evidenza le procedure operative, la documentazione necessaria ed il sistema di scambio da attivare in caso di trasferimento del materiale cui si riferisce il TNP, inoltre sofferma la sua attenzione anche sul materiale classificato come Dual-Use. Gli Accordi di salvaguardia (Safeguards Agreements): il sistema di salvaguardie della IAEA è costituito da una serie di attività di verifica svolte sugli impianti nucleari o altri luoghi dove è stata dichiarata la presenza di materiale nucleare. Tutte le attività hanno l obiettivo di verificare la correttezza e la completezza delle dichiarazioni rilasciate dagli Stati circa le attività connesse al nucleare. Sommariamente la salvaguardia si sintetizza in tre funzioni: la contabilizzazione (controllo tipologia e quantità dei materiali radioattivi dichiarati), il contenimento e la sorveglianza (controllo dei sistemi di sicurezza, come per esempio i sigilli sui containers che contengono materiali nucleari e l impiego di sistemi di video sorveglianza per registrare i movimenti nelle aree limitrofe ad impianti nucleari o aree sensibili). Convenzione sulla Protezione Fisica dei Materiali Nucleari - Convention on the Physical Protetction of the Nuclear Materials (CPPNM): la Convenzione rappresenta il primo strumento normativo che definisce quali sono le materie nucleari con l obiettivo di realizzare adeguate misure di protezione per le stesse, siano esse impiegate o in corso di trasporto, per prevenire furti, sabotaggi o qualsiasi altra azione non autorizzata. Essa contiene molteplici importanti prescrizioni circa la detenzione e la risposta ad atti illegali. Facendo riferimento ai principi contenuti nel NPT ed alle linee guida della IAEA, individua tra l altro i punti fondamentali per lo sviluppo di un sistema nazionale di protezione fisica delle materie nucleari ed i criteri per la definizione di specifici reati connessi alla gestione dei materiali nucleari. Emendamento alla Convenzione sulla Protezione Fisica dei Materiali Nucleari Amendament to the Convention on the Physical Protetction of the Nuclear Materials: questo importante documento serve ad estendere alle installazioni nucleari quanto già previsto dalla Convenzione per le sole materie nucleari. Convenzione sulla Tempestiva Notifica di Incidenti Nucleari o Emergenze Radiologiche - Convention on Early Notification of a Nuclear Accident or Radiological Emergency (CENNA): la Convenzione nasce sulla scia dell incidente di Chernobyl, con il preciso intento di garantire una tempestiva diffusione delle informazioni in ordine agli incidenti nucleari, al fine di minimizzare le conseguenze di un inquinamento radiologico trans-frontaliero. Specifica il tipo di informazioni e dati che debbono essere forniti nella notifica dell evento e stabilisce l obbligo del loro costante aggiornamento. Convenzione sulla Assistenza in Caso di Incidenti Nucleari o Emergenze Radiologiche - Convention on Assistance in Case of a Nuclear Accident or Radiological Emergency (CACNARE) la Convenzione evidenzia la necessità di una struttura internazionale per facilitare gli interventi di assistenza in caso di incidenti nucleari o emergenze radiologiche ed aiuti a minimizzare le conseguenze di tali incidenti. Se un incidente da traffico illecito causa o contribuisce a causare

14 una emergenza radiologica, la CACNARE fornisce un meccanismo pronto per ricercare e fornire l assistenza necessaria. Convenzione Europol - Europol Convention: l Ufficio Europeo di Polizia (Europol) è un importante strumento per la cooperazione internazionale per combattere il terrorismo ed il crimine organizzato. Questa cooperazione riguarda la gestione e lo scambio di informazioni sensibili e di intelligence riguardo a possibili terroristi ed altre attività criminali. Convenzione Internazionale per la Soppressione di Atti di Terrorismo Nucleare Internazional Convenction for the Suppression of Acts of Nuclear Terrorism (CNT): questa convenzione rappresenta il più recente strumento sviluppato per garantire la sicurezza nucleare, comprensiva della individuazione e della risposta ad atti illegali che comportino l impiego di materiali nucleari o radioattivi. La convenzione prevede inoltre che gli Stati firmatari assumano l impegno di criminalizzare una largo spettro di attività connesse all impiego di materiali nucleari o radioattivi. Un importante aspetto della CNT è la previsione dei R.D.D. (Radioactive Dispersal Devise) ovvero azioni terroristiche che causano la dispersione di materiale nucleare in modo tale da contaminare cose e persone, ma senza produrre un esplosione nucleare. Codice di Condotta sulla Safety e Security delle Sorgenti Radioattive - Code of Conduct on the Safety and Security of Radioactive Sources: questo Codice di Condotta nasce per rispondere alla richiesta di safety e security concernenti le sorgenti radioattive. Insieme a questi regolamenti internazionali, ci sono numerose iniziative per individuare e rispondere ad azioni illegali che comportano l impiego di materie nucleari o radioattive adottate dalle organizzazioni internazionali che hanno una responsabilità nel campo dell energia nucleare, della tutela della sicurezza pubblica e del commercio internazionale, quali la IAEA, il WCO (World Custom Organization), Interpol, Europol e UPU (Universal Postal Union). In particolare: Iniziative della International Atomic Energy Agency (I.A.E.A.) La IAEA è il centro mondiale della cooperazione internazionale in campo nucleare. L Agenzia lavora con i suoi Stati Membri e ulteriori partners mondiali per promuovere la sicurezza ed il pacifico uso delle tecnologie nucleari. L Agenzia ha competenza anche su le attività relative alla prevenzione, alla risposta, alla preparazione ed allo scambio di informazioni [ ] per combattere il traffico illecito. Gli ambiti di lavoro della IAEA sono molti, ma tutti incentrati sull attività di contrasto al traffico illecito e la garanzia di sicurezza nucleare. Fra questi giova citare la presenza di un Database sul traffico illecito (ITDB), creato nel 1995, che contiene i dati di tutti gli incidenti da traffico illecito (rientrano nella definizione di incidente da traffico illecito i furti, le perdite di possesso, gli smarrimenti, i ritrovamenti e gli smaltimenti illegali di sorgenti radioattive). A seguito poi dei noti eventi dell 11 settembre 2001, la IAEA ha realizzato un ambito di lavoro speciale dedicato al terrorismo nucleare, con lo scopo di supportare l attività degli Stati membri nella realizzazione dei Nuclear Security Plan (Paini di sicurezza Nazionali) Attuale situazione Italiana Anche l Italia partecipa al mantenimento di questo DataBase. A tal proposito il Punto di Contatto con la IAEA è l APAT (Agenzia per la Protezione Ambientale e

15 per i servizi tecnici) che provvede ad inoltrare alla IAEA le informazioni inerenti gli eventi illeciti, avvenuti in territorio Italiano tramite la modulistica prevista (Notification Form), e alla diffusione agli organi Nazionali competenti tutte le informazioni relative agli incidenti avvenuti in altri Stati che riceve dalla IAEA stessa. Iniziative de Worl Customs Organization (W.C.O.) L Organizzazione mondiale delle dogane coopera con la IAEA da alcuni anni per combattere il contrabbando di materiale nucleare e sostanze radioattive. E stato appurato che la prima linea di difesa per combattere il traffico di questo tipo di materiale sarebbe il continuo scambio di informazioni fra le varie amministrazioni doganali degli stati costituenti il WCO, in quanto la dogana è l agenzia primaria che alle frontiere può interdire il movimento illecito di materiali incluso quindi materiali nucleari e sostanze radioattive. A seguito della consapevolezza di questo importante ruolo nella gestione delle merci il WCO ha sottoscritto con la IAEA un Protocollo d Intesa, Memorandum of Understanding (MOU), per promuovere la cooperazione a livello internazionale fra le agenzie doganali e le forze dell ordine responsabili del controllo del materiale radioattivo. Il WCO, nel 2000, ha anche sviluppato uno strumento di comunicazione e cooperazione conosciuto come CEN, Customs Enforcement Network (rete di sostegno alle dogane), ovvero un sistema elettronico, sicuro e criptato, per lo scambio in tempo reale di informazioni fra i vari uffici doganali. Iniziative dell Organizzazione Internazionale di Polizia Criminale (Interpol) L Interpol è l organizzazione di Polizia Internazionale più grande del mondo ed ha iniziato la sua lotta al traffico illecito di materiale nucleare e sostanze radioattive nel corso del lontano Consapevole delle iniziative della IAEA e del WCO, ha riconosciuto che il problema non era relativo semplicemente ai movimenti trans-frontalieri (nel dominio delle amministrazioni doganali) ma era d interesse per tutte le forze che a vario titolo erano competenti i materia. A tal proposito ha svolto vari studi analitici sui casi di traffico illecito di materiale radioattivo individuando molto spesso l origine delle sostanze nei paesi della Ex Unione Sovietica. Ad oggi l Interpol continua a collezionare e ad analizzare dati forniti dalla IAEA e dal WCO. Il loro data base e le valutazioni analitiche offrono una pronta referenza a tutte le forze di polizia mondiali (progetto Geiger). Iniziative dell Europol. L Europol è l organizzazione delle Forze di Polizia europee, che mira al miglioramento della cooperazione nella prevenzione e lotta al traffico di droga ed altre forme di crimine organizzato internazionale, incluso il traffico illecito di materiale nucleare e sostanze radioattive. Europol ha sponsorizzato in collaborazione con la IAEA, Interpol ed il WCO, la realizzazione di pubblicazione tecniche sugli argomenti della prevenzione individualizzazione e risposta al traffico illecito di materiale nucleare e sostanze radioattive. Dopo gli eventi dell 11 settembre 2001, Europol sta lavorando, in collaborazione con altre organizzazioni internazionali, per combattere il terrorismo nucleare e radioattivo, promuovendo una serie di attività coordinate e riepilogate nel Counter Proliferation Program del 2003, che include il traffico illecito di materiale nucleare e radioattivo, il traffico armi da fuoco, munizioni ed esplosivi e l uso di armi chimiche, biologiche, nucleari e radioattive. Iniziative dell Universal Postal Union (UPU). L UPU è il primo forum per la cooperazione fra i servizi postali per assicurare veramente una rete efficiente. L organizzazione definisce le regole per lo scambio internazionale della posta e provvede a simulare gli aumenti del volume postale per migliorare la qualità del

16 servizio per i clienti. L Universal Postal Union e la IAEA hanno riconosciuto che il sistema di posta internazionale potrebbe essere un veicolo per la movimentazione non autorizzata di materiale radioattivo, pertanto nel 2002 hanno firmato un memorandum volto ad assicurare la sicurezza dei trasporti di materiale radioattivo attraverso la posta e l individuazione di materiale radioattivo illecito nei flussi di posta internazionale. Un concreto sforzo sotto l accordo UPU IAEA è stato lo sviluppo di un documento guida inerente le procedure di controllo e gli strumenti che potrebbero essere utilizzati per l individuazione di radiazioni gamma e neutroni prodotti dal traffico illecito all interno del sistema di posta pubblica o privata. 2.2 LA NORMATIVA NAZIONALE Nel nostro paese l'attuale regolamentazione sulle sorgenti radioattive sigillate è dettata dal Decreto Legislativo n 230 del 17 marzo 1995, ovvero un decreto attuativo delle direttive in materia di radioprotezione generale, informazione della popolazione per i casi di emergenza radiologica, lavoratori dipendenti da imprese esterne e spedizioni transfrontaliere di rifiuti radioattivi. Il decreto è stato successivamente modificato e integrato con il DM 26 maggio 2000, n. 187, per l'attuazione della direttiva 97/43/Euratom, ed il DM 26 maggio 2000, n. 241 per l'attuazione della direttiva 96/29/Euratom e il DM 9 maggio 2001, n. 257, di integrazione e correzione al D.L.vo n. 241/2000. Il Decreto stabilisce i campi di applicazione ed i principi generali, nonché il regime giuridico per le sorgenti e per il regime autorizzativo. Definisce le pratiche, gli interventi, i criteri di radioprotezione, le soglie di non rilevanza radiologica. Identifica i rifiuti radioattivi, espressamente esclusi dal Decreto 152/2006, identificando per essi le condizioni di applicazione. Infine, al capo X è prevista la norma penale di riferimento. E importante sottolineare che il D.L.vo. 230/95 non considera diversamente, l uso o la semplice detenzione di sorgenti radioattive, mentre trova invece specifici riferimenti normativi il solo trasporto del materiale radioattivo. Riguardo tale aspetto il trasporto di radioisotopi per usi industriali, medici e di ricerca oltre al movimento dei rifiuti e alle spedizioni legate al ciclo del combustibile. Le norme tecniche che lo regolano a livello internazionale e nazionale sono elaborate ed aggiornate dalla Agenzia Internazionale dell Energia Atomica (AIEA) nella pubblicazione Regulations for the Safe Transport of Radioactive Material TS-R-1, che garantisce fin dal 1961, anno della prima pubblicazione, la sicurezza delle popolazioni delle proprietà e dell ambiente riguardo i rischi da radiazioni durante il trasporto di sostanze radioattive. La Regulations for the Safe Transport of Radioactive Material della AIEA ha lo status di raccomandazione e pertanto viene presa a riferimento dai regolamenti internazionali

17 che governano il trasporto di tutte le merci pericolose di cui le materie radioattive rappresentano la Classe 7. I regolamenti internazionali, applicati in virtù di accordi e convenzioni sottoscritti dall Italia, stabiliscono le norme tecniche da osservare per il trasporto di merci pericolose attraverso le diverse modalità di trasporto (stradale, ferroviario, aereo, via mare e per acque interne). A tal proposito i regolamenti internazionali (ADR, per i trasporto si strada, e RID, per il trasporto ferroviario) sono adottati in Italia ed utilizzati come norme nazionali attraverso il recepimento di direttive della Commissione Europea. Al fine di regolamentare ed intensificare il controllo sulle sorgenti sigillate ad alta attività, è in fase di pubblicazione un nuovo D. L.vo. che in particolar modo evidenzia l obbligo per il richiedente l autorizzazione di prevedere specifiche procedure gestionali per il trasporto, la tenzione e l utilizzo della sorgente finalizzate ad impedire, in relazione alle caratteristiche della sorgente, l accesso non autorizzato, lo smarrimento, il furto o il danneggiamento della sorgente anche a seguito di incendi. 3. GLI EVENTI R.O.T.A Un evento R.O.T.A. (Release Other Than Attack) può essere causato dalla dispersione di agenti Nucleari, Biologici, Chimici e Radiologici i quali possono provocare, alle persone che ne vengono esposte, gravi danni. Gli incidenti di tipo industriale, stradale, navale, aereo-portuale, legati e riconducibili alle sostanze predette, possono verificarsi a seguito di errori umani dovuti alla non corretta manipolazione di sostanze pericolose o allo stoccaggio delle stesse ovvero a condotte omissive delle procedure che, di norma, vengono adottate in presenza di sostanze e/o preparati pericolosi. E vero, altresì, che eventi naturali potrebbero compromettere insediamenti industriali con analoghe ripercussioni sulla popolazione. L evento R.O.T.A. si differenzia da un evento terroristico in quanto non vi è l intenzionalità, mediante attentati o atti di sabotaggio, di immettere e/o disperdere nell ambiente sostanze N.B.C.R. al fine di arrecare un danno all uomo nonché rendere inutilizzabili materiali, ambienti e superfici, anche per lungo tempo. Un esempio di evento R.O.T.A. è quello verificatosi nel gennaio 2004 presso un acciaieria del Veneto, ove veniva rilevata la presenza di radioattività da un camion che, in uscita dallo stabilimento, trasportava un carico di polveri residue della fusione. Il fatto generava immediatamente un allarme all interno dell impianto che sospendeva le linee di fusione

18 e richiedeva l intervento tecnico dell ARPA per l individuazione e quantificazione della contaminazione radioattiva. Gli accertamenti successivi portavano a stabilire che una sorgente radioattiva di Cesio 137 era finita nel processo di fusione interessando tutto il sistema di captazione delle polveri. Venivano, quindi, attivati una serie di interventi che coinvolgevano sia i VV. FF., i Carabinieri del Nucleo Operativo Ecologico di Treviso e quelli della dipendente Sezione Inquinamento da Sostanze Radioattive, sia funzionari dell APAT che, nelle rispettive competenze, operavano per la messa in sicurezza delle sostanze radioattive rinvenute, per la predisposizione dei piani, per la bonifica dell impianto e per l individuazione del produttore della sorgente radioattiva finita nel processo di fusione. L insieme di queste attività induceva il Prefetto ad attuare il Piano d Emergenza previsto per tali eventi, coordinando le procedure necessarie al fine di garantire la messa in sicurezza dell impianto ed effettuando una valutazione del rischio cui poteva incorrere la popolazione locale, con particolare attenzione ai lavoratori impiegati nell acciaieria. Le cause dell evento comportavano le seguenti conseguenze: l ARPA attivava un sistema di monitoraggio sulla diffusione atmosferica, al fine di rilevare la presenza del contaminante radiogeno in aria, che non evidenziava valori superiori alle fluttuazioni del fondo ambientale. Analoghi valori erano riscontrati dalle misurazioni effettuate dai Vigili del Fuoco; i Vigili del Fuoco, inoltre, provvedevano a verificare se dalle reti di rilevamento e di allarme di ricaduta radioattiva, a loro in uso e prossime all impianto, si fossero rilevate situazioni di allarme. L esito, pertanto, risultava negativo. Analoga verifica, a seguito di ciò, veniva effettuata dall APAT, che si avvaleva della propria rete automatica di rilevamento della radioattività in aria; nell impianto erano state fermate, per lungo tempo, le linee di trattamento delle polveri ed era stato interdetto un deposito di raccolta per le polveri in fusione. Dette aree erano state, per quanto sopra, oggetto di ripetuti campionamenti e misurazioni da parte della NUCLECO spa, incaricata di procedere alle operazioni di decontaminazione dell impianto; il complesso delle informazioni disponibili indicava che le conseguenze dell evento avevano inciso considerevolmente sotto il profilo economico e sociale, quali la perdita della produzione, spese per la decontaminazione, cassa integrazione per oltre 500 dipendenti. Gli effetti prodotti dall evento sopra descritto, anche se di notevole rilevanza, risultavano sicuramente mitigati dall esperienza degli enti ed organismi intervenuti, che cooperavano sinergicamente nell attuazione del Piano d Emergenza. Inoltre, sotto l aspetto investigativo, le indagini espletate dal NOE di Treviso e dalla Sezione Inquinamento da Sostanze Radioattive permettevano di ricostruire la provenienza della sorgente radioattiva di Cesio 137 che, per caratteristiche, conduceva all individuazione e al conseguente sequestro di altre due sorgenti analoghe, risultate

19 abbandonate in un cantiere del napoletano destinato all esecuzione dei lavori previsti per i mondiali di calcio Italia 90, consentendo, così, di procedere alla messa in sicurezza del materiale radioattivo che, altrimenti, rischiava di poter essere trafugato o irregolarmente smaltito. 4. IL PROBLEMA DEL TERRORISMO I servizi d intelligence concordano nel ritenere che il terrorismo nucleare, in tutte le sue variegate forme, possa rappresentare un pericolo grave ed imminente. L attuale contesto nazionale ed internazionale vede quindi l evoluzione della minaccia terroristica interessare anche le strutture presenti sul territorio nazionale coinvolte nella gestione di materiale nucleare, sostanze o rifiuti radioattivi, sotto il duplice profilo di: possibili obiettivi dell azione terroristica al fine di massimizzare gli effetti dannosi di una esplosione convenzionale poiché, a fronte di danni relativamente ridotti in termini di vite umane, ne scaturirebbe un danno ecologico immenso e durevole; costituire la fonte primaria di approvvigionamento per la confezione di congegni nucleari improvvisati (I.N.D. Improvised Nuclear Devices) o dispositivi per la dispersione della radioattività (R.D.D. Radioactive Dispersal Devices), le c.d. bombe sporche, il cui impatto psicologico ed emotivo può essere assai più devastante della reale portata dei danni cagionati. In particolare, si intende per bomba sporca è un ordigno ordinario combinato con isotopi radioattivi in modo da poter disperdere il materiale contaminante. L impiego di tale arma ha una bassa probabilità di provocare effetti deterministici sulla popolazione colpita, ad eccezione dell effetto diretto dell onda d urto dell esplosione, mentre gli effetti a lungo termine sul territorio dipendono dal quantitativo e tipo di radionuclide utilizzato, dalle condizioni meteorologiche (soprattutto il vento) e dalla presenza o meno di incendi nell area contaminata. 5. LE CAMPAGNE DELLA SEZIONE INQUINAMENTO DA SOSTANZE RADIAOTTIVE Il delicato problema relativo alla gestione e messa in sicurezza del materiale contenente sostanze radioattive, così importante nel quadro delle attività volte alla tutela dell ambiente e della salute pubblica, iniziò ad intensificarsi verso la fine degli anni 80 in concomitanza con la disgregazione del blocco sovietico e quindi del conseguente smantellamento di vecchie centrali nucleari, di svariati tipi di apparecchiature contenenti sorgenti di radiazioni ionizzanti, pericolosamente

20 abbandonate e/o occultate in tonnellate di rottami metallici importati in Europa. Purtroppo, l esperienza maturata nello specifico campo ha molto spesso documentato come diversi rinvenimenti di c.d. sorgenti orfane verificatisi nel territorio nazionale siano frutto di datati utilizzi o detenzioni spesso antecedenti al 1960, ove l assenza di una normativa in materia unita alla poca conoscenza del fenomeno ha fatto in modo che la corretta gestione di detto materiale sia stata nel corso degli anni del tutto trascurata. La problematica, oggi più che mai, riguarda oltre l aspetto radioprotezionistico anche quello di un eventuale uso improprio di dette sostanze. Considerato infatti l attuale momento storico politico, caratterizzato da forti tensioni internazionali che alimentano un terrorismo di matrice integralista particolarmente aggressivo ed efferato, esso ha assunto anche una notevole rilevanza sotto il profilo della sicurezza pubblica. Il pericolo di un attacco con ordigni non convenzionali (tra i quali le c.d. bombe sporche o R.D.D. Radioactive Dispersal Devices,) rende opportuna ogni iniziativa volta alla individuazione, monitoraggio e controllo di tutte le fonti radiogene presenti sul territorio nazionale con particolare riferimento a quelle c.d. orfane. Per meglio conoscere ed analizzare tali specifiche problematiche, nel 2004 l allora Ministro dell Ambiente disponeva una vasta indagine conoscitiva sulla situazione delle materie nucleari e dei rifiuti radioattivi presenti sul territorio nazionale. 5.1 LA CAMPAGNA AGHI DI RADIO Tra gli aspetti che più destarono motivo di approfondimento ci fu indubbiamente quello relativo alla detenzione da parte delle strutture sanitarie dei così detti preparati radiferi (aghi, piastre, placche e capsule) a base di Radio Dai lavori, svolti in collaborazione con l Istituto Superiore di Sanità e recentemente conclusi, è emerso che del radio distribuito dall ISS alle strutture ospedaliere sul territorio nazionale (ad esclusione di quello acquistato all epoca in forma privata e quindi non monitorato), l 85% risulta essere depositato in un sito autorizzato, il 10% 6 Il Radio-226 (Dal latino radius, "raggio"), è un elemento metallico radioattivo, argenteo, fonde a circa 700, è un prodotto della disintegrazione radioattiva dell'uranio. Il tempo di dimezzamento del radio-226 è di 1620 anni; esso decade con emissione di particelle alfa, liberando il gas radon anch esso radioattivo. La sovraesposizione alle radiazioni di radio ha effetti dannosi sulle cellule degli organismi; tuttavia poiché le cellule tumorali sono molto più sensibili alle radiazioni delle cellule normali, la radioterapia con radio-226 veniva utilizzata nella cura di alcuni tipi di cancro, cercando di porre particolare attenzione all'intensità e alla direzione delle radiazioni. Piccole quantità di radio erano utilizzate, un tempo, nella produzione di vernici luminescenti, che venivano applicate a oggetti come ad esempio le lancette degli orologi o le maniglie delle porte, per renderli visibili nell'oscurità.

LA PIANIFICAZIONE DELLE EMERGENZE RADIOLOGICHE NEL TRASPORTO DI MATERIALE RADIOATTIVO ALLA LUCE DEL DPCM 10/2/2006

LA PIANIFICAZIONE DELLE EMERGENZE RADIOLOGICHE NEL TRASPORTO DI MATERIALE RADIOATTIVO ALLA LUCE DEL DPCM 10/2/2006 1 LA PIANIFICAZIONE DELLE EMERGENZE RADIOLOGICHE NEL TRASPORTO DI MATERIALE RADIOATTIVO ALLA LUCE DEL DPCM 10/2/2006 Convegno Le emergenze radiologiche e nucleari Problematiche radioprotezionistiche, operative

Dettagli

Decreto del Ministero dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare 7 agosto 2015

Decreto del Ministero dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare 7 agosto 2015 Decreto del Ministero dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare 7 agosto 2015 Classificazione dei rifiuti radioattivi, ai sensi dell'articolo 5 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 45.

Dettagli

RADIAZIONI IONIZZANTI

RADIAZIONI IONIZZANTI OBIETTIVI Determinare la presenza di materie radioattive e di macchine generatrici di radiazioni ionizzanti Sorvegliare l esposizione della popolazione a radionuclidi presenti in matrici ambientali Proteggere

Dettagli

MINISTERO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE DECRETO 7 agosto 2015

MINISTERO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE DECRETO 7 agosto 2015 MINISTERO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE DECRETO 7 agosto 2015 Classificazione dei rifiuti radioattivi, ai sensi dell'articolo 5 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 45. (15A06407)

Dettagli

Materiale Radioattivo da attività di medicina nucleare Trasporto, normative e problematiche

Materiale Radioattivo da attività di medicina nucleare Trasporto, normative e problematiche Materiale Radioattivo da attività di medicina nucleare Trasporto, normative e problematiche Tavola rotonda: «Esperienze e tecnologie per le bonifiche ambientali» Ing. Roberto Vespa Direttore Tecnico -

Dettagli

tutela. Il richiedente deve altresì dimostrare di conoscere gli elementi essenziali della sorveglianza fisica della protezione.

tutela. Il richiedente deve altresì dimostrare di conoscere gli elementi essenziali della sorveglianza fisica della protezione. ALLEGATO V ISTITUZIONE DEGLI ELENCHI DEGLI ESPERTI QUALIFICATI E DEI MEDICI AUTORIZZATI E DETERMINAZIONE AI SENSI DEGLI ARTICOLI 78 E 88 DELLE MODALITÀ, TITOLI DI STUDIO, ACCERTAMENTO DELLA CAPACITÀ TECNICO-PROFESSIONALE

Dettagli

Rifiuti radioattivi derivanti da situazioni incidentali relative alla fusione di sorgenti orfane. Ing. Pietro Bitonti APAT Ing. Sandro Rizzo NUCLECO

Rifiuti radioattivi derivanti da situazioni incidentali relative alla fusione di sorgenti orfane. Ing. Pietro Bitonti APAT Ing. Sandro Rizzo NUCLECO Rifiuti radioattivi derivanti da situazioni incidentali relative alla fusione di sorgenti orfane. Ing. Pietro Bitonti APAT Ing. Sandro Rizzo NUCLECO Produzione, gestione e confinamento dei rifiuti radioattivi

Dettagli

Centrale del Garigliano Tavolo della Trasparenza 27 novembre 2012. Sessa Aurunca

Centrale del Garigliano Tavolo della Trasparenza 27 novembre 2012. Sessa Aurunca Centrale del Garigliano Tavolo della Trasparenza 27 novembre 2012 Sessa Aurunca Sogin Sogin è la Società di Stato incaricata della bonifica ambientale dei siti nucleari e della gestione in sicurezza dei

Dettagli

Gestione dei rifiuti radioattivi

Gestione dei rifiuti radioattivi Gestione dei Ing. Esperto Qualificato grado III Gestione e smaltimento dei. Obiettivi Fornire il tessuto regolatorio per la Gestione dei Rifiuti Radioattivi Fornire le linee guida base per una corretta

Dettagli

Paola Angelini. Servizio Sanità pubblica

Paola Angelini. Servizio Sanità pubblica Paola Angelini Servizio Sanità pubblica Modena, 1 aprile 2011 D.Lgs. 230/95 e s.m.i. detenzione = impiego comunicazione preventiva nulla osta all'impiego Categoria B Categoria A LIMITI LIMITI INFERIORI

Dettagli

Modulo di Registrazione RIFIUTI RADIOATTIVI. Sopralluogo

Modulo di Registrazione RIFIUTI RADIOATTIVI. Sopralluogo Pagina 1 di 6 Sopralluogo Materiale a corredo del sopralluogo: dosimetri personale e integratore, geiger, camera a ionizzazione Si No copia dei N.O. ex art. 27 D. Lgs. 230/95 o convalida di autorizzazione

Dettagli

Iter autorizzativo per la dismissione della Centrale di Caorso

Iter autorizzativo per la dismissione della Centrale di Caorso 1 Iter autorizzativo per la dismissione della Centrale di Caorso Ing. Lamberto Matteocci Il Decommissioning della Centrale di Caorso e la Gestione dei Rifiuti Radioattivi 30 Settembre 2015 2 FUNZIONI e

Dettagli

Intervento c/o stabilimento AFV Beltrame Vicenza

Intervento c/o stabilimento AFV Beltrame Vicenza BONIFICA ACCIAIERIA PER CONTAMINAZIONE ACCIDENTALE RADIOATTIVA IN ROTTAMI METALLICI Intervento c/o stabilimento AFV Beltrame Vicenza Produzione, gestione e confinamento dei rifiuti radioattivi Piacenza

Dettagli

Sicurezza degli impianti e gestione dei rifiuti radioattivi

Sicurezza degli impianti e gestione dei rifiuti radioattivi Sicurezza degli impianti e gestione dei rifiuti radioattivi di Giancarlo Bolognini* In tutto il mondo sono state a oggi costruite e messe in funzione oltre 500 centrali nucleari; la maggior parte di esse

Dettagli

ESPERTA ed ESPERTO QUALIFICATO IN RADIOPROTEZIONE (SECONDO GRADO)

ESPERTA ed ESPERTO QUALIFICATO IN RADIOPROTEZIONE (SECONDO GRADO) ESPERTA ed ESPERTO QUALIFICATO IN RADIOPROTEZIONE (SECONDO GRADO) Aggiornato il 7 luglio 2009 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 4 3. DOVE LAVORA... 5 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 6 5. COMPETENZE...

Dettagli

orfane Le sorgenti Il problema delle sorgenti orfane e della contaminazione dei materiali ferrosi obiettivo sicurezza ANGOLO TECNICO Renato Riggio

orfane Le sorgenti Il problema delle sorgenti orfane e della contaminazione dei materiali ferrosi obiettivo sicurezza ANGOLO TECNICO Renato Riggio Renato Riggio Le sorgenti Il problema delle sorgenti e della contaminazione dei materiali ferrosi Le sorgenti di radiazioni ionizzanti vengono utilizzate per numerose applicazioni nell industria, nella

Dettagli

I rifiuti radioattivi in Italia

I rifiuti radioattivi in Italia La disattivazione degli impianti nucleari piemontesi e la gestione dei rifiuti radioattivi I rifiuti radioattivi in Italia Roberto Mezzanotte Torino, 28 Gennaio 2016 Classificazione attuale ex Decreto

Dettagli

Le sorgenti del rischio

Le sorgenti del rischio RISCHIO SANITARIO ED ANTROPICO Il rischio nucleare Dal sito del Dipartimento della Protezione Civile: www.protezionecivile.it Indice 1 Le sorgenti del rischio 2 Il piano nazionale di emergenza nucleare

Dettagli

Attività delle ARPA/APPA in materia di rifiuti radioattivi

Attività delle ARPA/APPA in materia di rifiuti radioattivi CONVEGNO Produzione, gestione e confinamento dei rifiuti radioattivi Piacenza 6 Dicembre 2005 Attività delle ARPA/APPA in materia di rifiuti radioattivi Flavio Trotti, Elena Caldognetto (ARPA Veneto) Rosella

Dettagli

COMMISSIONE CONSILIARE III. Sanità e Politiche Sociali. Seduta del 5 maggio 2014 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE RIZZI

COMMISSIONE CONSILIARE III. Sanità e Politiche Sociali. Seduta del 5 maggio 2014 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE RIZZI COMMISSIONE CONSILIARE III Sanità e Politiche Sociali Seduta del 5 maggio 2014 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE RIZZI ITR N. 2094 DELUCIDAZIONI IN MERITO ALL INCIDENTE NUCLEARE DI ROVELLO PORRO Argomento n. 3

Dettagli

LA RADIOATTIVITA AMBIENTALE:

LA RADIOATTIVITA AMBIENTALE: LA RADIOATTIVITA AMBIENTALE: PRINCIPALI ASPETTI ED ELEMENTI DI CONOSCENZA TERRITORIALE Daniela de Bartolo Settore Aria ed Agenti Fisici U.O. Agenti Fisici ed Energia ARPA Lombardia Sede Centrale Viale

Dettagli

Centrale del Garigliano Tavolo della Trasparenza 09 luglio 2013. Napoli

Centrale del Garigliano Tavolo della Trasparenza 09 luglio 2013. Napoli Centrale del Garigliano Tavolo della Trasparenza 09 luglio 2013 Napoli Sogin Sogin è la Società di Stato incaricata della bonifica ambientale dei siti nucleari e della gestione in sicurezza dei rifiuti

Dettagli

GUIDA TECNICA N. 29 Criteri per la localizzazione di un impianto di smaltimento superficiale di rifiuti radioattivi a bassa e media attività

GUIDA TECNICA N. 29 Criteri per la localizzazione di un impianto di smaltimento superficiale di rifiuti radioattivi a bassa e media attività GUIDA TECNICA N. 29 Criteri per la localizzazione di un impianto di smaltimento superficiale di rifiuti radioattivi a bassa e media attività RELAZIONE ILLUSTRATIVA I rifiuti radioattivi in Italia I rifiuti

Dettagli

Il decommissioning nucleare: l esperienza italiana

Il decommissioning nucleare: l esperienza italiana Il decommissioning nucleare: l esperienza italiana Milano, 12 dicembre 2014 Emanuele Fontani Amministratore Delegato Nucleco 1 SOMMARIO o Gruppo Sogin o Nucleco o Il decommissioning degli impianti nucleari

Dettagli

ALLEGATO Circolare Gestione allarmi radiometrici in impianti di trattamento/smaltimento RSU

ALLEGATO Circolare Gestione allarmi radiometrici in impianti di trattamento/smaltimento RSU ALLEGATO Circolare Gestione allarmi radiometrici in impianti di trattamento/smaltimento RSU La presente circolare, ha lo scopo di fare il punto sulla problematica allarmi radiometrici presso gli impianti

Dettagli

Energia nucleare e problematiche ambientali

Energia nucleare e problematiche ambientali Energia nucleare e problematiche ambientali R. Mezzanotte, M. Altavilla Giornata di Studio: Energia nucleare nuove prospettive ed opportunità Terni, 7 Marzo 2008 Energia nucleare e problematiche ambientali

Dettagli

Articolo 1 (Autorizzazione alla ratifica)

Articolo 1 (Autorizzazione alla ratifica) Schema di disegno di legge recante Ratifica ed esecuzione della convenzione internazionale per la repressione di atti di terrorismo nucleare, adottata a New York il 13 aprile 2005. Articolo 1 (Autorizzazione

Dettagli

pubblicato su AMBIENTE & SICUREZZA ed. Il sole 24 Ore-Pirola n.10 del 1 giugno 2004 pp: 37 43

pubblicato su AMBIENTE & SICUREZZA ed. Il sole 24 Ore-Pirola n.10 del 1 giugno 2004 pp: 37 43 Iter e modelli per l abilitazione dell esperto qualificato in radioprotezione Giroletti E. (*), Manera S. (*), Vergine A.L. (+) (*) esperti qualificati dell Università degli Studi di Pavia (+) docente

Dettagli

LA RADIOATTIVITA AMBIENTALE IN PIEMONTE. Rapporto anni 2006-2009

LA RADIOATTIVITA AMBIENTALE IN PIEMONTE. Rapporto anni 2006-2009 DIPARTIMENTO TEMATICO RADIAZIONI LA RADIOATTIVITA AMBIENTALE IN PIEMONTE Rapporto anni 2006-2009 RETI LOCALI DI MONITORAGGIO DEI SITI NUCLEARI La Regione Piemonte ospita sul proprio territorio tre siti

Dettagli

L inventario dei rifiuti radioattivi di II categoria presenti sul territorio nazionale e da conferire al deposito definitivo comprende:

L inventario dei rifiuti radioattivi di II categoria presenti sul territorio nazionale e da conferire al deposito definitivo comprende: Pag. 36 di 114 6 INVENTARIO DI II CATEGORIA 6.1 Premessa La Guida Tecnica n. 26 definisce come rifiuti di II categoria i rifiuti a bassa e media attività che contengono essenzialmente radionuclidi con

Dettagli

Approvvigionamento radiofarmaci e gestione dei rifiuti. Vincenzo Rizzo AORN S G Moscati AV

Approvvigionamento radiofarmaci e gestione dei rifiuti. Vincenzo Rizzo AORN S G Moscati AV Approvvigionamento radiofarmaci e gestione dei rifiuti Vincenzo Rizzo AORN S G Moscati AV LEGGE 31 gennaio 1983, n. 25 (Gazz. Uff. n. 38-9 febbraio 1983) ART.8 3) Servizio di medicina nucleare I tecnici

Dettagli

Videoconferenza tra le Istituzioni superiori di controllo dei Paesi membri del G8. Government Accountability Office Stati Uniti d America

Videoconferenza tra le Istituzioni superiori di controllo dei Paesi membri del G8. Government Accountability Office Stati Uniti d America Videoconferenza tra le Istituzioni superiori di controllo dei Paesi membri del G8 7 giugno 2006 Government Accountability Office Stati Uniti d America Sicurezza energetica Per decenni gli Stati Uniti e

Dettagli

VALUTAZIONI RADIOLOGICHE E PROCEDURE DI BONIFICA A SEGUITO DELLA FUSIONE DI UNA SORGENTE DI Cs-137 IN UNA FONDERIA DELLA VALLE DI SUSA

VALUTAZIONI RADIOLOGICHE E PROCEDURE DI BONIFICA A SEGUITO DELLA FUSIONE DI UNA SORGENTE DI Cs-137 IN UNA FONDERIA DELLA VALLE DI SUSA VALUTAZIONI RADIOLOGICHE E PROCEDURE DI BONIFICA A SEGUITO DELLA FUSIONE DI UNA SORGENTE DI Cs-137 IN UNA FONDERIA DELLA VALLE DI SUSA M.Magnoni, S.Bertino, F.Righino, M.Ghione, M.C.Losana, E.Chiaberto,

Dettagli

SOGIN - Profilo Istituzionale

SOGIN - Profilo Istituzionale SOGIN - Profilo Istituzionale Proteggiamo il presente Garantiamo il futuro CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE Giuseppe Zollino -Presidente Riccardo Casale -Amministratore Delegato Lorenzo Mastroeni -Vice Presidente

Dettagli

I SISTEMI DI RADIOPROTEZIONE NELLA STRUTTURA DI MEDICINA NUCLEARE

I SISTEMI DI RADIOPROTEZIONE NELLA STRUTTURA DI MEDICINA NUCLEARE Ufficio Stampa I SISTEMI DI RADIOPROTEZIONE NELLA STRUTTURA DI MEDICINA NUCLEARE VALUTAZIONE DEL RISCHIO E STRATEGIE PER RIDURLO In generale, la somministrazione di materiale radioattivo a pazienti sottoposti

Dettagli

Data firma: 14/01/2014 Elenco dei co-firmatari dell'atto. Nominativo co-firmatario

Data firma: 14/01/2014 Elenco dei co-firmatari dell'atto. Nominativo co-firmatario ATTO CAMERA RISOLUZIONE IN COMMISSIONE CONCLUSIVA DI DIBATTITO 8/00032 Dati di presentazione dell'atto Legislatura: 17 Seduta di annuncio: del / / Firmatari Primo firmatario: BENAMATI GIANLUCA Gruppo:

Dettagli

L ENERGIA NUCLEARE NEL MONDO

L ENERGIA NUCLEARE NEL MONDO Tolmezzo, 27 maggio 2011 L ENERGIA NUCLEARE NEL MONDO G. Comini CISM Dipartimento di Energia e Ambiente Preoccupazioni Sicurezza, in quanto le centrali nucleari sono viste come un rischio per la salute

Dettagli

Tavolo della Trasparenza

Tavolo della Trasparenza 1 Tavolo della Trasparenza Regione Piemonte Torino, 14 gennaio 2010 2 Indice Attività in Piemonte Impianto Fabbricazioni nucleari - Bosco Marengo Centrale E. Fermi - Trino Impianto EUREX - Saluggia Sicurezza

Dettagli

Prefettura di Avellino

Prefettura di Avellino Prefettura di Avellino Ufficio Territoriale del Governo Area V Protezione Civile Difesa Civile e Coordinamento del Soccorso Pubblico Piano di intervento per la messa in sicurezza in caso di rinvenimento

Dettagli

AREA ECCELLENZA RADIOATTIVITA AMBIENTALE

AREA ECCELLENZA RADIOATTIVITA AMBIENTALE AREA ECCELLENZA RADIOATTIVITA AMBIENTALE Relazione tecnica trasporti CAOR I/1-07/01 e CAOR I/2-07/02 VALUTAZIONE DELL IMPATTO RADIOLOGICO AMBIENTALE RELATIVO AL PRIMO TRASPORTO (16/12/2007) DI COMBUSTIBILE

Dettagli

Su proposta dell Assessore alle Politiche per la Salute; A voti unanimi e palesi D E L I B E R A

Su proposta dell Assessore alle Politiche per la Salute; A voti unanimi e palesi D E L I B E R A Prot. n. (PRC/05/30252) Visti: LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA - il Decreto Legislativo 17 marzo 1995, n. 230 e successive modificazioni e integrazioni, recante Attuazione delle direttive 89/618/EURATOM,

Dettagli

L energia nucleare La radioattività

L energia nucleare La radioattività L energia nucleare La radioattività La radioattività fu scoperta nel 1896 da Henri Bequerel, un fisico francese che per primo osservò l emissione spontanea di radiazioni da un pezzo di un minerale di uranio,

Dettagli

RADIAZIONI IONIZZANTI: origine, prevenzione dai rischi e impieghi

RADIAZIONI IONIZZANTI: origine, prevenzione dai rischi e impieghi 1 Irraggiamento derrate alimentari Somministrazione di radiazioni a prodotti alimentari (dosi minori rispetto alla sterilizzazione dei presidi medici) Inibisce la germinazione e ritarda il processo di

Dettagli

DECOMMISSIONING DEGLI IMPIANTI NUCLEARI: Compatibilità Ambientale, Sicurezza e Radioprotezione

DECOMMISSIONING DEGLI IMPIANTI NUCLEARI: Compatibilità Ambientale, Sicurezza e Radioprotezione V Convegno Nazionale NAD 10 Anni di impegno guardando al futuro DECOMMISSIONING DEGLI IMPIANTI NUCLEARI: Compatibilità Ambientale, Sicurezza e Radioprotezione Fabio Chiaravalli - SOGIN Direttore Ambiente,

Dettagli

Misure di fallout radioattivo da Fukushima al Dipartimento di Fisica di Milano-Bicocca

Misure di fallout radioattivo da Fukushima al Dipartimento di Fisica di Milano-Bicocca Misure di fallout radioattivo da Fukushima al Dipartimento di Fisica di Milano-Bicocca Ezio Previtali INFN Sezione Milano Bicocca Università di Milano Bicocca Misure di Elementi in Ultra-Tracce Fisica

Dettagli

Indicazioni per l elaborazione della Pianificazione provinciale di emergenza per il trasporto di materie radioattive e fissili

Indicazioni per l elaborazione della Pianificazione provinciale di emergenza per il trasporto di materie radioattive e fissili Indicazioni per l elaborazione della Pianificazione provinciale di emergenza per il trasporto di materie radioattive e fissili ing. Roberto Gullì ing. Valeria Palmieri Ufficio Rischi Antropici - DPC Roma,

Dettagli

IL RISCHIO NUCLEARE. Il rischio nucleare deriva dalla propagazione di radiazioni ionizzanti nell'aria, emanate da sostanze

IL RISCHIO NUCLEARE. Il rischio nucleare deriva dalla propagazione di radiazioni ionizzanti nell'aria, emanate da sostanze IL RISCHIO NUCLEARE Il rischio nucleare deriva dalla propagazione di radiazioni ionizzanti nell'aria, emanate da sostanze radioattive o in seguito a esplosioni di centrali o armi nucleari. L'esposizione

Dettagli

SICUREZZA NEI TRASPORTI DI MATERIALI NUCLEARI COME SINTESI DI SAFETY E SECURITY

SICUREZZA NEI TRASPORTI DI MATERIALI NUCLEARI COME SINTESI DI SAFETY E SECURITY SICUREZZA NEI TRASPORTI DI MATERIALI NUCLEARI COME SINTESI DI SAFETY E SECURITY Riggio R. (1), Germani F. (2) e Di Gasbarro F. (3) 1 Dipartimento dei vigili del fuoco, del soccorso pubblico e della difesa

Dettagli

ORGANISMO TECNICO DI SUPPORTO ALL AZIENDA USL DI FERRARA

ORGANISMO TECNICO DI SUPPORTO ALL AZIENDA USL DI FERRARA ORGANISMO TECNICO DI SUPPORTO ALL AZIENDA USL DI FERRARA PER LA TUTELA SANITARIA DELLA POPOLAZIONE DAI RISCHI DERIVANTI DALL IMPIEGO DI SORGENTI DI RADIAZIONI IONIZZANTI L Organismo Tecnico istituito ai

Dettagli

Problematiche radiometriche connesse alla sosta di unità navali a propulsione nucleare nel porto di Trieste

Problematiche radiometriche connesse alla sosta di unità navali a propulsione nucleare nel porto di Trieste Problematiche radiometriche connesse alla sosta di unità navali a propulsione nucleare nel porto di Trieste Garavaglia M., Giovani C. ARPA Friuli Venezia Giulia Dipartimento di Udine - Servizio Tematico

Dettagli

Il progetto nazionale per la gestione dei rifiuti radioattivi

Il progetto nazionale per la gestione dei rifiuti radioattivi Il progetto nazionale per la gestione dei rifiuti radioattivi IL DEPOSITO NAZIONALE PER LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI RADIOATTIVI: ASPETTI GEOLOGICI ED AMBIENTALI FABIO CHIARAVALLI Direttore Deposito Nazionale

Dettagli

Valutazione dei rischi ai sensi del D.Lgs. 81/08 connessi con la Radioprotezione dalle radiazioni ionizzanti

Valutazione dei rischi ai sensi del D.Lgs. 81/08 connessi con la Radioprotezione dalle radiazioni ionizzanti Valutazione dei rischi ai sensi del D.Lgs. 81/08 connessi con la Radioprotezione dalle radiazioni ionizzanti Luca Moro Servizio di Fisica Sanitaria, Fondazione Salvatore Maugeri - IRCCS, Pavia Il ruolo

Dettagli

ATTIVITÀ NUCLECO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI RADIOATTIVI

ATTIVITÀ NUCLECO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI RADIOATTIVI ATTIVITÀ NUCLECO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI RADIOATTIVI La storia ed il territorio 1981 Costituzione della Nucleco come società per la gestione dei rifiuti radioattivi e nei servizi radiologici 1985 Incarico

Dettagli

ISPRA Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale Dipartimento Nucleare, Rischio Tecnologico e Industriale

ISPRA Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale Dipartimento Nucleare, Rischio Tecnologico e Industriale ISPRA Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale Dipartimento Nucleare, Rischio Tecnologico e Industriale Rapporto Tecnico ai sensi del DPCM 10 febbraio 2006 contenente le Linee guida

Dettagli

Audizione in Commissione Industria, commercio, turismo del Senato della Repubblica Indagine conoscitiva sulla strategia energetica Nazionale

Audizione in Commissione Industria, commercio, turismo del Senato della Repubblica Indagine conoscitiva sulla strategia energetica Nazionale Audizione in Commissione Industria, commercio, turismo del Senato della Repubblica Indagine conoscitiva sulla strategia energetica Nazionale Roma, 10 luglio 2012 Sogin Sogin è la Società di Stato incaricata

Dettagli

Decommissioning in Italia, Deposito Nazionale e Parco Tecnologico

Decommissioning in Italia, Deposito Nazionale e Parco Tecnologico Decommissioning in Italia, Deposito Nazionale e Parco Tecnologico Convegno INFN-Energia e Industria verso Horizon 2020 e nuovi mercati 1 Genova, 15 Gennaio 2014 2 Decommissioning in Italia Centrali ed

Dettagli

Radioattività e rilevazioni radiometriche, metodologie e normativa 2013

Radioattività e rilevazioni radiometriche, metodologie e normativa 2013 1 Radioattività e rilevazioni radiometriche, metodologie e normativa 2013 Dr. Gabriele Galassi gabrielegalassi@gmail.com Ing. Francesco Pastremoli francesco.pastremoli@techno-hse.com GENERALITA SULLE RADIAZIONI

Dettagli

Disattivazione degli impianti nucleari italiani situazione e prospettive

Disattivazione degli impianti nucleari italiani situazione e prospettive Disattivazione degli impianti nucleari italiani situazione e prospettive Roberto Mezzanotte ISPRA Vercelli, 24 Marzo 2009 Prime esperienze Reattore Avogadro - Saluggia trasformato in deposito temporaneo

Dettagli

Breve excursus sulla recente normativa in materia di energia nucleare

Breve excursus sulla recente normativa in materia di energia nucleare Francesca Scardina Università di Palermo f.scardina@libero.it Data di pubblicazione: 21 dicembre Rivista di Diritto dell Economia, dei Trasporti e dell Ambiente Francesca Scardina Breve excursus sulla

Dettagli

SORGENTI ORFANE. Massimo Garavaglia Concettina Giovani ARPA FVG Laboratorio Unico Multisito - Fisica ambientale

SORGENTI ORFANE. Massimo Garavaglia Concettina Giovani ARPA FVG Laboratorio Unico Multisito - Fisica ambientale AMBIENTE, SALUTE E QUALITÀ DELLA VITA 198 SORGENTI ORFANE Sorgenti radiologiche o materiali radioattivi possono essere rinvenuti nei rottami metallici o nei rifiuti urbani. ARPA FVG è fortemente impegnata

Dettagli

ATTIVITÀ D INDAGINE SUI RIFIUTI TRANSFRONTALIERI

ATTIVITÀ D INDAGINE SUI RIFIUTI TRANSFRONTALIERI 1.PROLOGO Signore e Signori buongiorno. Un particolare, cordiale saluto agli illustri componenti del tavolo di Presidenza, che ringrazio per il graditissimo invito a partecipare a questo convegno che ho

Dettagli

AGENZIA NAZIONALE PER LE NUOVE TECNOLOGIE, L ENERGIA E LO SVILUPPO ECONOMICO SOSTENIBILE - ENEA

AGENZIA NAZIONALE PER LE NUOVE TECNOLOGIE, L ENERGIA E LO SVILUPPO ECONOMICO SOSTENIBILE - ENEA AGENZIA NAZIONALE PER LE NUOVE TECNOLOGIE, L ENERGIA E LO SVILUPPO ECONOMICO SOSTENIBILE - ENEA POSITION PAPER ENEA SULLO SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE ATTUAZIONE DELLA DIRETTIVA 2011/70 EURATOM

Dettagli

1 - IL REGIME AUTORIZZATIVO PER LE INSTALLAZIONI CHE IMPIEGANO RADIAZIONI IONIZZANTI

1 - IL REGIME AUTORIZZATIVO PER LE INSTALLAZIONI CHE IMPIEGANO RADIAZIONI IONIZZANTI 1 - IL REGIME AUTORIZZATIVO PER LE INSTALLAZIONI CHE IMPIEGANO RADIAZIONI IONIZZANTI La normativa di riferimento in materia di protezione contro i rischi derivanti dalle radiazioni ionizzanti è rappresentato

Dettagli

LA RADIOATTIVITA. Nel caso degli isotopi dell idrogeno: Nel caso degli isotopi del Carbonio:

LA RADIOATTIVITA. Nel caso degli isotopi dell idrogeno: Nel caso degli isotopi del Carbonio: LA RADIOATTIVITA Gli atomi di un elemento non sono in realtà tutti uguali, una piccola percentuale di essi ha un numero di neutroni differente, questi atomi si chiamano isotopi di quell elemento. Il 99,9%

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO PAGINA 1 di 10 SOMMARIO RIFERIMENTI NORMATIVI... 2 PREMESSA... 3 OBBIETTIVI DELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI D INCENDIO... 3 CRITERI ADOTTATI NELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI D INCENDIO... 4 VALUTAZIONE DEI RISCHI

Dettagli

FASCICOLO 6 VALUTAZIONE DEL RISCHIO DA

FASCICOLO 6 VALUTAZIONE DEL RISCHIO DA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE FASCICOLO 6 VALUTAZIONE DEL RISCHIO DA COMPLESSIVA STRUTTURE UNIVERSITARIE IL RETTORE Fabio Rugge IL RESPONSABILE SERVIZIO PREVENZIONE

Dettagli

Camera dei Deputati 17 Senato della Repubblica

Camera dei Deputati 17 Senato della Repubblica Camera dei Deputati 17 Senato della Repubblica stabilite le condizioni necessarie affinché l autorizzazione possa essere concessa: si tratta esattamente dei due criteri per i quali la direttiva europea

Dettagli

Prefettura Ufficio Territoriale del Governo di Genova

Prefettura Ufficio Territoriale del Governo di Genova Area 5 Protezione Civile PIANO DI INTERVENTO PER LA MESSA IN SICUREZZA IN CASO DI RINVENIMENTO O DI SOSPETTO DI PRESENZA DI SORGENTI ORFANE NEL TERRITORIO DELLA PROVINCIA DI GENOVA Versione 1.5 Data 10/08/2012

Dettagli

Indicazioni per l elaborazione della

Indicazioni per l elaborazione della Indicazioni per l elaborazione della Pianificazione provinciale di emergenza per il trasporto di materie radioattive e fissili 31 12-2010 2 1 SCOPO DEL DOCUMENTO Lo scopo del presente documento è fornire

Dettagli

Struttura Semplice Siti Nucleari

Struttura Semplice Siti Nucleari DIPARTIMENTO TEMATICO RADIAZIONI RISULTATI DELLE MISURE ESEGUITE IN SEGUITO ALLA SEGNALAZIONE DI UN ANOMALIA NEL CORSO DELLE OPERAZIONI DI MOVIMENTAZIONE DEI RIFIUTI IFEC PRESSO IL SITO EUREX-SO.G.I.N.

Dettagli

DELLA REALIZZAZIONE DI UN SISTEMA DI SORVEGLIANZA AMBIENTALE E DI INFORMAZIONE

DELLA REALIZZAZIONE DI UN SISTEMA DI SORVEGLIANZA AMBIENTALE E DI INFORMAZIONE PROTOCOLLO D INTESA TRA PROVINCIA DI PIACENZA, COMUNE DI CAORSO E AGENZIA REGIONALE PER LA PREVENZIONE E L'AMBIENTE DELL'EMILIA-ROMAGNA (ARPA) AI FINI DELLA REALIZZAZIONE DI UN SISTEMA DI SORVEGLIANZA

Dettagli

STATO DELL AMBIENTE E ASPETTI SANITARI CORRELATI NELLA PROVINCIA DI BERGAMO CAPITOLO 2 LO STATO DELL AMBIENTE E GLI IMPATTI SULL AMBIENTE

STATO DELL AMBIENTE E ASPETTI SANITARI CORRELATI NELLA PROVINCIA DI BERGAMO CAPITOLO 2 LO STATO DELL AMBIENTE E GLI IMPATTI SULL AMBIENTE STATO DELL AMBIENTE E ASPETTI SANITARI CORRELATI NELLA PROVINCIA DI BERGAMO CAPITOLO 2 LO STATO DELL AMBIENTE E GLI IMPATTI SULL AMBIENTE Paragrafo 2.10 RADIAZIONI IONIZZANTI Novembre 2003 Le radiazioni

Dettagli

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Reparto Ambientale Marino del Corpo delle Capitanerie di Porto Ufficio Secondo

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Reparto Ambientale Marino del Corpo delle Capitanerie di Porto Ufficio Secondo DESTINATARI: CAPITANERIE DI PORTO (tutte) Ministero dell Ambiente e della Tutela UFFICI CIRCONDARIALI MARITTIMI (tutti - tramite le Capitanerie di Porto) e, per conoscenza: DIREZIONE GENERALE PER LA QUALITÀ

Dettagli

REGIONE CALABRIA Azienda Ospedaliera Bianchi Melacrino Morelli

REGIONE CALABRIA Azienda Ospedaliera Bianchi Melacrino Morelli REGIONE CALABRIA Azienda Ospedaliera Bianchi Melacrino Morelli ALLEGATO AL CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO DOCUMENTO UNICO VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZA (DUVRI) Allegato al Capitolato Speciale

Dettagli

Comune di Padova. Unità di Progetto di Protezione Civile PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE MODELLO DI INTERVENTO TRASPORTO SOSTANZE PERICOLOSE

Comune di Padova. Unità di Progetto di Protezione Civile PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE MODELLO DI INTERVENTO TRASPORTO SOSTANZE PERICOLOSE Comune di Padova Unità di Progetto di Protezione Civile PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE MODELLO DI INTERVENTO Procedura di emergenza DISTRETTO PROVINCIALE PADOVA CITTÀ Aggiorna e sostituisce il Piano

Dettagli

PROCEDURA DI SELEZIONE ESPERTO QUALIFICATO IN RADIOPROTEZIONE/ ESPERTO RESPONSABILE DELLA SICUREZZA IN RISONANZA MAGNETICA

PROCEDURA DI SELEZIONE ESPERTO QUALIFICATO IN RADIOPROTEZIONE/ ESPERTO RESPONSABILE DELLA SICUREZZA IN RISONANZA MAGNETICA PROCEDURA DI SELEZIONE ESPERTO QUALIFICATO IN RADIOPROTEZIONE/ ESPERTO RESPONSABILE DELLA SICUREZZA IN RISONANZA MAGNETICA AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA FEDERICO II ALLEGATO TECNICO 1 A) OGGETTO DELLE

Dettagli

GESTIONE DEI RIFIUTI RADIOATTIVI

GESTIONE DEI RIFIUTI RADIOATTIVI GUIDA TECNICA N. 26 GESTIONE DEI RIFIUTI RADIOATTIVI I. INTRODUZIONE I.1 Premessa I principi fondamentali a cui si deve far riferimento per la gestione dei rifiuti radioattivi sono quelli della protezione

Dettagli

Elenco codici CER autorizzati

Elenco codici CER autorizzati Allegato A Impianto mobile di trattamento e recupero rifiuti marca Officine Meccaniche di Ponzano Veneto S.p.A., tipo Om Track Ulisse, matricola 99C01400T Autorizzazione rilasciata con Determinazione n.

Dettagli

LE RETI DI MONITORAGGIO DELLA RADIOATTIVITA AMBIENTALE: PROPOSTE APAT DI REVISIONE E SVILUPPO

LE RETI DI MONITORAGGIO DELLA RADIOATTIVITA AMBIENTALE: PROPOSTE APAT DI REVISIONE E SVILUPPO LE RETI DI MONITORAGGIO DELLA RADIOATTIVITA AMBIENTALE: PROPOSTE APAT DI REVISIONE E SVILUPPO Giancarlo Torri, Italia - Agenzia per la protezione dell ambiente e per i servizi tecnici (APAT) Responsabile

Dettagli

BONIFICARE I SITI NUCLEARI E METTERE IN SICUREZZA TUTTI I RIFIUTI RADIOATTIVI: UNA PRIORITÀ PER L ITALIA

BONIFICARE I SITI NUCLEARI E METTERE IN SICUREZZA TUTTI I RIFIUTI RADIOATTIVI: UNA PRIORITÀ PER L ITALIA APPROFONDIMENTI / 75 BONIFICARE I SITI NUCLEARI E METTERE IN SICUREZZA TUTTI I RIFIUTI RADIOATTIVI: UNA PRIORITÀ PER L ITALIA LUCA CITTADINI, Direttore Gruppo Sogin L e applicazioni del nucleare non si

Dettagli

RADIAZIONI IONIZZANTI: origine, prevenzione dai rischi e impieghi. RADIAZIONI IONIZZANTI Origine, prevenzione dai rischi e impieghi

RADIAZIONI IONIZZANTI: origine, prevenzione dai rischi e impieghi. RADIAZIONI IONIZZANTI Origine, prevenzione dai rischi e impieghi RADIAZIONI IONIZZANTI Origine, prevenzione dai rischi e impieghi RADIAZIONI IONIZZANTI e rischi connessi 2 La struttura dell atomo nucleo elettrone protone neutrone 3 Numero di protoni (e di elettroni)

Dettagli

Risultanze del Gruppo di Lavoro costituito dall ISPESL Gestione in sicurezza delle fonti di rischio radiologico in campo medico

Risultanze del Gruppo di Lavoro costituito dall ISPESL Gestione in sicurezza delle fonti di rischio radiologico in campo medico Indicazioni per l applicazione di una strategia di sicurezza finalizzata alla prevenzione di eventi anomali a fini di minaccia nelle strutture sanitarie che utilizzano radiazioni ionizzanti Risultanze

Dettagli

La Pianificazione nazionale delle misure protettive contro le emergenze radiologiche Seconda Parte

La Pianificazione nazionale delle misure protettive contro le emergenze radiologiche Seconda Parte La Pianificazione nazionale delle misure protettive contro le emergenze radiologiche Seconda Parte (segue dal precedente) Nei paragrafi successivi del Piano sono esposti gli obiettivi principali da conseguire

Dettagli

PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE PROCEDURA OPERATIVA: RISCHIO VIABILITA E TRASPORTI Versione 1.0 del 05.03.2013 Redazione a cura di: Corpo Polizia Municipale Reno-Galliera GENERALITA 2.4 - Incidenti

Dettagli

Elementi di risposta alle domande poste nel corso dell audizione del 10 luglio 2012

Elementi di risposta alle domande poste nel corso dell audizione del 10 luglio 2012 Elementi di risposta alle domande poste nel corso dell audizione del 10 luglio 2012 1. Sullo svolgimento di attività all estero e sui rapporti con gli operatori e gli stakeholder internazionali Le competenze

Dettagli

PREVENZIONE E SOGGETTI COINVOLTI: LA SORVEGLIANZA SANITARIA. Assistente Sanitaria dr.ssa R. Coden

PREVENZIONE E SOGGETTI COINVOLTI: LA SORVEGLIANZA SANITARIA. Assistente Sanitaria dr.ssa R. Coden PREVENZIONE E SOGGETTI COINVOLTI: LA SORVEGLIANZA SANITARIA Assistente Sanitaria dr.ssa R. Coden SOGGETTI COINVOLTI DATORE DI LAVORO DIRIGENTI PREPOSTI R.S.P.P. Medico Competente LAVORATORI R.L.S. Obblighi

Dettagli

Percorsi di formazione in Radiofarmacia: modelli a confronto in Europa

Percorsi di formazione in Radiofarmacia: modelli a confronto in Europa UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA IRCCS AOU SAN MARTINO-IST GENOVA Corso residenziale di aggiornamento a cura della sezione regionale SIFO Liguria RADIOFARMACISTA E MEDICO NUCLEARE: UN ESEMPIO DI SINERGISMO

Dettagli

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi?

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi? Che cos'è il radon? Il Radon è un gas inodore e incolore presente in natura. Il suo isotopo (atomo di uno stesso elemento chimico con numero di protoni fisso e numero di neutroni variabile) 222Rn è radioattivo

Dettagli

Questo argomento è trattato nel Titolo IX «Sostanze pericolose», al Capo III «Protezione dai rischi connessi all esposizione all amianto»

Questo argomento è trattato nel Titolo IX «Sostanze pericolose», al Capo III «Protezione dai rischi connessi all esposizione all amianto» Amianto Questo argomento è trattato nel Titolo IX «Sostanze pericolose», al Capo III «Protezione dai rischi connessi all esposizione all amianto» (artt. da 246 a 265). Fermo restando quanto previsto dalla

Dettagli

DIPARTIMENTO RADIAZIONI Struttura Semplice 21.01 Radiazioni ionizzanti

DIPARTIMENTO RADIAZIONI Struttura Semplice 21.01 Radiazioni ionizzanti DIPARTIMENTO RADIAZIONI Struttura Semplice 21.01 Radiazioni ionizzanti TITOLO Smaltimento e risanamento del deposito di rifiuti radioattivi ex Controlsonic di Tortona Relazione tecnica n. 573/IR Redazione

Dettagli

Esercitazione internazionale ECURIE LEVEL 3 2009 (12 novembre 2009)

Esercitazione internazionale ECURIE LEVEL 3 2009 (12 novembre 2009) Riunione di presentazione del Manuale del CEVaD e di approfondimento su problematiche di monitoraggio radiometrico nel corso delle emergenze nucleari e radiologiche Roma 23 marzo 2010 - Sala Fazzini, Sede

Dettagli

La radioattività nei rottami metallici Informazioni tecniche per la tutela della salute

La radioattività nei rottami metallici Informazioni tecniche per la tutela della salute La radioattività nei rottami metallici Informazioni tecniche per la tutela della salute 2 Le sorgenti radioattive rappresentano un pericolo per le persone e l ambiente e quindi devono essere smaltite in

Dettagli

SPEDIZIONI TRANSFRONTALIERE DI RIFIUTI

SPEDIZIONI TRANSFRONTALIERE DI RIFIUTI Servizio tutela dell atmosfera e del territorio SPEDIZIONI TRANSFRONTALIERE DI RIFIUTI MOVIMENTI TRANSFRONTALIERI IN SARDEGNA ANNO 2014 INDICE 1. INTRODUZIONE 3 2. NORMATIVA DI RIFERIMENTO 4 2.1. NORMATIVA

Dettagli

Paleontologia. Archeologia. Radioisotopi. Industria. Biologia. Medicina

Paleontologia. Archeologia. Radioisotopi. Industria. Biologia. Medicina Paleontologia Industria Radioisotopi Archeologia Medicina Biologia I radioisotopi I radioisotopi (o radionuclidi), sono dei nuclidi instabili che decadono emettendo energia sottoforma di radiazioni, da

Dettagli

Le lingue di lavoro nell ambito della cooperazione sono l italiano e il tedesco, o, in alternativa, l inglese (articolo 32).

Le lingue di lavoro nell ambito della cooperazione sono l italiano e il tedesco, o, in alternativa, l inglese (articolo 32). DISEGNO DI LEGGE RECANTE RATIFICA ED ESECUZIONE DELL ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA D AUSTRIA IN MATERIA IN MATERIA DI COOPERAZIONE DI POLIZIA, FATTO A VIENNA

Dettagli

17 VEICOLI FUORI USO. 17.1 Valutazione del contesto di mercato internazionale

17 VEICOLI FUORI USO. 17.1 Valutazione del contesto di mercato internazionale 17.1 Valutazione del contesto di mercato internazionale L analisi delle quantità dei materiali ottenuti dalla bonifica e dalla demolizione dei veicoli giunti a fine vita (ton/anno) avviate a reimpiego,

Dettagli

AMETEK srl Divisione AMT ECOFORUM RAEE San Donato Milanese, 28 aprile 2009

AMETEK srl Divisione AMT ECOFORUM RAEE San Donato Milanese, 28 aprile 2009 AMETEK srl Divisione AMT ECOFORUM RAEE San Donato Milanese, 28 aprile 2009 Radioattività nei rottami elettronici e metallici Legislazione vigente Prodotti AMT per l identificazione della radioattività

Dettagli

Prefettura di Bari Ufficio Territoriale del Governo

Prefettura di Bari Ufficio Territoriale del Governo Piano per il controllo delle sorgenti orfane e di materiale contaminato ai sensi del Decreto Legislativo n. 52 del 6 febbraio 2007. Attuazione della Direttiva 2003/122/CE Euratom sul controllo delle sorgenti

Dettagli

COMUNE DI TRIESTE AREA SERVIZI DI DIREZIONE GENERALE E PROTEZIONE CIVILE

COMUNE DI TRIESTE AREA SERVIZI DI DIREZIONE GENERALE E PROTEZIONE CIVILE COMUNE DI TRIESTE AREA SERVIZI DI DIREZIONE GENERALE E PROTEZIONE CIVILE INFORMAZIONE PER LA POPOLAZIONE IN CASO DI SOSTA DI NAVI MILITARI A PROPULSIONE NUCLEARE Trieste, Luglio 2007 INFORMAZIONE PER LA

Dettagli

ISTRUZIONE OPERATIVA IO01

ISTRUZIONE OPERATIVA IO01 ISTRUZIONE OPERATIVA IO01 Controllllo delllla radiioattiiviità 'ISTRUZIONE OPERATIVA PER IL CONTROLLO DELLA RADIOATTIVITA' SUI CARICHI DI RIFIUTI IN INGRESSO E USCITA ALL'IMPIANTO INDICE 01. SCOPO DELLA

Dettagli