ARTICOLAZIONE SPAZIALE/ FUNZIONALE PIANO TERRA

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ARTICOLAZIONE SPAZIALE/ FUNZIONALE PIANO TERRA"

Transcript

1 36

2 ARTICOLAZIONE SPAZIALE/ FUNZIONALE PIANO TERRA Puntuale e coerente segnaletica per tutte le funzioni. Servizi igienici differenziati (adulti, bambini, ragazzi). 1 INGRESSO (Porticato ovest) Funzioni Attrezzature Note Entrata - Uscita Antitaccheggio integrato con il controllo delle uscite di sicurezza e la gestione prestito/autoprestito Esposizione/distribuzione informazioni. Espositori mobili con cestelli Pannelli espositori fissi Poltroncine 37 Il comune accesso alla biblioteca per tutti gli utenti segnala anche simbolicamente l unità del servizio. NB:l entrata ad est è riservata al personale o utilizzata in situazioni direttamente gestite/sorvegliate dal personale stesso (accesso concordato di gruppi o singoli, ingresso materiali, ecc.) Possibilità di sosta per consultare il materiale informativo. Snodo percorsi. Segnaletica Apertura a tre possibili percorsi: 1. ai servizi bibliotecari attraverso l antitaccheggio 2. alla Cappella di San Rocco (apertura a sinistra) 3. alla scala A (apertura a destra da utilizzare, a biblioteca chiusa, per accedere ai servizi condivisi ospitati ai piani superiori. 2 ACCOGLIENZA/PRESTITO Snodo percorsi. Segnaletica Avvio di possibili percorsi alternativi: 1. servizi per adulti 2. servizi per bambini/ragazzi Deposito oggetti personali. Portaombrelli E necessario, per ovvie ragioni, che la posa dei parapioggia

3 Accoglienza. Informazione d orientamento. Prestito/restituzioni. Appendiabiti Armadietti per deposito borse, caschi, ecc. Bancone con due postazioni di lavoro automatizzate e in rete Scaffalatura aperta e chiusa, accessoriata per l integrazione dei diversi Carrello portalibri Espositori a parete avvenga all ingresso, in posizione controllata. L attivazione dell antitaccheggio rende tutto sommato preferibile disseminare gli appendiabiti e gli armadietti negli ambienti utilizzati dall utenza con modalità che richiedono la sosta. Si consigliano armadietti autogestibili e inseribili nella scaffalatura standard. Il bancone deve rispondere alle esigenze operative del personale e facilitare le relazioni con gli utenti. Affinché gli elementi d arredo che lo compongono favoriscano l efficacia del rapporto operatore/pubblico, debbono avere forme e altezze adattate alle caratteristiche dei servizi e dei serviti. Procedure automatizzate di prestito/restituzione integrate con l antitaccheggio. Auto-prestito/restituzione. Consultazione catalogo. Lavoro interno. Sistema selfcheck per tessera bar code o magnetica Postazione automatizzata catalogo in rete Scaffalatura aperta e chiusa, accessoriata per l integrazione dei diversi Cassettiere Procedure automatizzate integrate con l antitaccheggio. Consultazione del catalogo senza. Posizionamento della postazione che faciliti l assistenza del personale. Lavoro interno attuabile produttivamente anche in presenza di movimento d utenza. Quello richiedente condizioni operative senza interferenze andrà svolto negli uffici operativi protetti. 38

4 Servizio di reference con integrazione della informazione di comunità. Consultazione catalogo. Esposizione materiali informativi. Lavoro interno. Fotocopiatura interna e per il pubblico. Percorso 1 (prevalgono le funzioni attribuibili al primo livello della biblioteca tripartita) 3 REFERENCE Bancone con due postazioni di lavoro automatizzate e in rete, nonché una postazione di colloquio defilata Stampante in rete Scaffalatura aperta e chiusa, accessoriata per l integrazione dei diversi Carrello portalibri Cassettiere Postazione automatizzata catalogo in rete Scaffalatura Scaffalatura aperta e chiusa, accessoriata per l integrazione dei diversi Fotocopiatore 39 Materiali indispensabili alle spalle degli operatori. La postazione di colloquio va protetta per garantire il rispetto della privacy. Consultazione del catalogo senza seduta per scoraggiarne l uso improprio. Posizionamento della postazione che faciliti l assistenza del personale. Esposizioni di costa e di piatto. La fotocopiatura è organizzabile anche col metodo del selfservice, ma va tuttavia consentita in condizioni sorvegliate per garantire il rispetto delle norme che la regolano. Pannello espositore fisso Esposizione evidente di istruzioni e norme. 4 COLLOCAZIONI TEMATICHE (spazi comprendenti collocazioni e postazioni multimediali)

5 Esposizione novità editoriali. Collocazioni/esposizioni tematiche. Esposizione materiali informativi. Consultazione libera materiali Consultazione risorse elettroniche delle aree tematiche allestite. Stampa in rete. Passaggio allo snodo: - ascensore - entrata-uscita est - mezzanino - scalone storico (scala B) - caffè - emeroteca - servizi igienici per il pubblico - giardino Scaffalatura accessoriata per Scaffalatura accessoriata per 5 posti inseriti in scaffalatura bassa bifrontale, con seduta 4 postazioni multimediali complete in rete, con seduta Segnaletica Collocazioni sia di costa che di piatto. Integrazione dei materiali di diversa tipologia (monografie, periodici, risorse elettroniche disponibili localmente). Esposizioni di costa e di piatto. Postazioni di consultazione/lettura a permanenza non prolungata. Strumentazione necessaria alla reale fruizione integrata di tutte le risorse possedute/accessibili, e di quelle elettroniche in particolare, siano queste localmente disponibili su supporto fisico o accessibili in rete (interna e/o esterna). Il percorso a terra dell utenza si sviluppa in direzione caffè/emeroteca/giardino. Accesso al magazzino bibliografico. 5 CAFFE Ristoro. Distributori bevande Possibilità di lettura informale. 40

6 Tavolino con sedute Passaggio ai ripostigli. Poltroncine Esposizione informazioni. Pannelli espositori fissi Anche per messaggi degli utenti. 6 EMEROTECA NB: ospita periodici d attualità di contenuto generale, compresi i quotidiani. I periodici aventi contenuto collegabile ad una materia sono collocati, in coerenza con la scelta dell integrazione, con gli altri materiali classificati. Esposizione periodici su diversi. Espositori Scaffalatura accessoriata per Lettura. Tavolo d appoggio con 4 sedute 4 poltroncine per lettura informale Consultazione risorse periodiche elettroniche. Stampa in rete. Passaggi al giardino. Deposito librario. Ricerca documentaria. Lavoro interno. Postazione multimediale in rete con seduta Espositori con vani di deposito per l annata corrente. Lo scaffale con alle spalle la poltroncina è basso per consentire la visibilità dello scalone storico anche dallo spazio 7 (prescolare), separato dall emeroteca da una vetrata assolutamente trasparente. Funzione con possibile prolungamento in giardino. Strumentazione necessaria alla reale fruizione integrata di tutte le risorse possedute/accessibili, e di quelle elettroniche in particolare, siano queste localmente disponibili su supporto fisico o accessibili in rete (interna e/o esterna). Passaggi anche di fuga/sicurezza. 13 MAGAZZINO BIBLIOGRAFICO (appartiene al terzo livello della biblioteca tripartita) Scaffalatura compatta su rotaie Postazione automatizzata in rete con seduta In grado di ospitare circa vol. 41

7 Collocazione materiali. Lettura precoce multisensoriale. Lettura al bambino (vicaria). Percorso 2 (copre quasi completamente i servizi per bambini e ragazzi) 7 - PRESCOLARE Scaffali bassi Espositori portalibri su ruote Carrelli espositori portalibri Teatrino Tappeti e cuscini Panchette Tavolino basso con sedute Si accede dallo snodo dell accoglienza generale (2). Funzione qui collocata per recuperare spazi destinati agli utenti più piccoli senza sacrificare quelli rivolti a bambini e ragazzi. La posizione non direttamente sorvegliata è compatibile con le modalità d uso dello spazio, giacché i piccoli sono necessariamente accompagnati dagli adulti. Evidente testimonianza della volontà di servire tutti i cittadini, di ogni classe d età( generalità della biblioteca pubblica). L isolamento acustico ne garantisce la libera fruibilità. L adiacenza all emeroteca, mantenuta visibile dalla separazione trasparente, assume valore simbolico se si considera che i periodici d attualità saranno utilizzati in modo privilegiato dagli utenti anziani: l unità della biblioteca rimanda alla continuità dell esperienza comunitaria attraverso le generazioni. Collocazione/esposizione Scaffalatura accessoriata per Biblioteca degli educatori e dei genitori tematica. Consultazione materiali tematici disponibili su diversi. Postazione automatizzata in rete con seduta Poltroncina Stampa in rete. Passaggi al giardino. Passaggi anche di fuga/sicurezza. Snodo percorsi: Pannello espositore La biblioteca per bambini e ragazzi ripete in sé la logica 42

8 - scala ovest per i piani organizzativa della biblioteca generale. superiori - ripostiglio - servizi igienici bambini e Accessori su misura ragazzi - biblioteca bambini e ragazzi 9 FASCIATOIO Cura piccolissimi. Tavolo fasciatoio Inserimento nei servizi per bambini.. 8 ACCOGLIENZA/PRESTITO/INFORMAZIONE Accoglienza. Informazioni. Prestito/restituzioni. Consultazione catalogo. (bambini e ragazzi) Bancone con 2 postazioni di lavoro automatizzate e in rete Stampante in rete Scaffalatura aperta e chiusa, accessoriata per l integrazione dei diversi Carrello portalibri Espositore girevole Postazione automatizzata catalogo in rete Esposizione novità editoriali. Scaffalatura Fotocopiatura interna e per il Fotocopiatore pubblico. Pannello espositore fisso 10 - BAMBINI 43 Il bancone deve rispondere alle esigenze operative del personale e facilitare le relazioni con gli utenti. Affinché gli elementi d arredo che lo compongono favoriscano l efficacia del rapporto operatore/pubblico, debbono avere forme e altezze adattate alle caratteristiche dei servizi e dei serviti. Procedure automatizzate di prestito/restituzione integrate con l antitaccheggio. Consultazione del catalogo senza seduta per scoraggiarne l uso improprio. Posizionamento della postazione che faciliti l assistenza del personale. Collocazioni sia di costa che di piatto. La fotocopiatura è organizzabile anche col metodo del selfservice, ma va tuttavia consentita in condizioni sorvegliate per garantire il rispetto delle norme che la regolano. Esposizione evidente di istruzioni e norme.

9 Lettura/Studio. Collocazioni sistematiche e tematiche. Consultazione risorse elettroniche. Stampa in rete. Collocazioni sistematiche e tematiche. Consultazione catalogo. Accesso al soppalco. Lettura/Studio. Collocazioni sistematiche e tematiche. Tavoli con sedute variamente Arredo con caratteri formali congrui. raggruppati Scaffalatura per tutti i materiali al prestito e in consultazione, accessoriata per Espositori portalibri su ruote 2 postazioni multimediali complete in rete, con seduta Scaffale aperto. Collocazioni classificate secondo la CDD (Classificazione decimale Dewey). Il raggruppamento dei materiali di consultazione è limitato alle fonti interdisciplinari. Quelli di contenuto disciplinare sono disseminati nella sequenza classificatoria dello scaffale aperto COLLOCAZIONI Scaffalatura accessoriata per Espositori per fianco scaffale Postazione automatizzata Consultazione del catalogo senza seduta catalogo in rete Scala 12 RAGAZZI (soppalco) Tavoli con sedute variamente raggruppati Scaffalatura per tutti i Scaffale aperto. materiali al prestito e in Collocazioni classificate secondo la CDD (Classificazione consultazione, accessoriata per decimale Dewey). Il raggruppamento dei materiali di consultazione è limitato 44

10 alle fonti interdisciplinari. Consultazione risorse elettroniche. Stampa in rete. Comunicazioni d emergenza. 2 postazioni multimediali complete in rete, con seduta Citofono Servizio igienico. MEZZANINO 1 MATERIALI PROTETTI Funzioni Attrezzature Note Collocazioni protette. Scaffalatura Accesso consentito solamente al personale. Tavolo con due sedute Cassettiera porta disegni 2 UFFICIO DIREZIONE Direzione. Scrivania canalizzata, con cassettiera Postazione lavoro automatizzata in rete Scaffalatura Altezze e caratteri formali dell arredo differenziati (bambini/ragazzi). Lavoro interno. 3 UFFICIO OPERATIVO Scrivanie canalizzate, con cassettiere 2 postazione lavoro Accesso dalla scala che si apre sull atrio est. Barriere architettoniche superabili con servoscala. 45

11 automatizzate in rete Stampante in rete Scaffalatura Carrelli portalibri Fotocopiatore 46

12 47

13 PIANO PRIMO Raggiungibile da tutte le scale o con l ascensore. Comprende rialzi alle due estremità. Puntuale e coerente segnaletica per tutte le funzioni. Servizi igienici differenziati (personale, utenti). 1 COLLOCAZIONI/LETTERATURA Funzioni Attrezzature Note Snodo percorsi. Segnaletica 4 pannelli espositori fissi Accedendo, lungo il percorso principale, dallo scalone storico (scala B), si aprono diverse possibilità di movimento: 1. alle collocazioni/letteratura o, proseguendo, rialzo ovest: sala multimediale; scala A che porta al 2 piano 2. alle altre collocazioni classificate od alle postazioni di studio/lettura 3. all ascensore 4. al rialzo est (camera oscura/studio/lavoro di gruppo, laboratorio didattico, servizi igienici riservati al personale) Comunicazioni d emergenza. Assistenza. Controllo. Citofono Bancone con postazione di lavoro automatizzata e in rete Stampante in rete Scaffalatura accessoriata per Carrello portalibri Cassettiera La postazione di colloquio va protetta per garantire il rispetto della privacy. 48

14 Fotocopiatura interna e per il pubblico. Collocazioni sistematiche e tematiche. Consultazione catalogo. Collocazioni sistematiche e tematiche. Fotocopiatore 49 La fotocopiatura è organizzabile anche col metodo del selfservice, ma va tuttavia consentita in condizioni sorvegliate per garantire il rispetto delle norme che la regolano. Pannello espositore fisso (*) Esposizione evidente di istruzioni e norme. Scaffalatura accessoriata per Espositori per fianco scaffale Postazione automatizzata. catalogo in rete 2 ALTRE COLLOCAZIONI CLASSIFICATE/STUDIO Pannello espositore fisso Scaffalatura accessoriata per Espositori per fianco scaffale Scaffale aperto. Materiale al prestito: fiction. Esposizioni tematiche disseminate ( ingresso relativo, partecipe del primo livello della biblioteca tripartita) Scaffale aperto. Altro materiale al prestito. Consultazione: pubblicazioni non prestabili caratterizzate da contenuto interdisciplinare o comunque necessarie allo studio in biblioteca. Tutto il materiale di consultazione avente contenuto disciplinare è disseminato nelle collocazioni classificate e segnato per rendere immediatamente visibile la sua non prestabilità. Anche il materiale di contenuto locale (Sezione locale) è disseminato nel percorso classificato ed etichettato per distinguerlo a prima vista. Questa scelta s ispira al principio che tutta la raccolta è innanzitutto caratterizzata dalla connessione locale e che nel suo insieme, dunque, è sezione locale. Le risorse di consultazione e di contenuto locale sono tuttavia raggruppate in sede catalografica e quindi accessibili anche attraverso percorsi specifici. Esposizioni tematiche disseminate ( ingresso relativo, partecipe del primo livello della biblioteca tripartita)

15 Consultazione non prolungata risorse elettroniche. Stampa in rete. Studio (postazioni fisse). Studio (postazioni mobili). Lettura. Consultazione informale. Conferenze e riunioni. 7 postazioni multimediali in rete senza seduta 16 posti lettura con luci individuali e prese elettriche e di rete 24 posti di lettura variamente raggruppabili Sedie impilabili Schermo avvolgibile elettricamente, a parete in cassonetto. 2 armadi con ante 50 Strumentazione necessaria alla reale fruizione integrata di tutte le risorse possedute/accessibili, e di quelle elettroniche in particolare, siano queste localmente disponibili su supporto fisico o accessibili in rete (interna e/o esterna). La consultazione prolungata è realizzabile nella ravvicinata sala multimediale. Tavoli fissi. Tavoli spostabili per ragioni di flessibilità: trasformazione in spazio per riunioni. Predisposizione di 60/65 posti a sedere. Impiego delle sedie usate per lo studio/lettura con l aggiunta di circa altre 30, custodibili nel vicino piccolo deposito. Gli armadi contengono i materiali necessari a gestire conferenze e riunioni (impianto audio, proiettori, TV, ecc.). Rialzo ovest 5- LABORATORIO MULTIMEDIALE Snodo percorsi. Segnaletica Alternativa: 1. al secondo piano lungo il prolungamento della scala A 2. alla sala multimediale 3. alle altre funzioni del 1 piano Consultazione prolungata risorse elettroniche. Stampa in rete. Alfabetizzazione informatica Sala multimediale con 12 postazioni complete in rete Materiali su tutti i a servizio della sala multimediale. Strumentazione necessaria alla reale fruizione integrata di tutte le risorse possedute/accessibili, e di quelle elettroniche in particolare, siano queste localmente disponibili su supporto fisico o accessibili in rete (interna e/o esterna). Possibile uso autonomo della sala multimediale, anche a biblioteca non attiva, accedendovi col percorso Porticato ovest/scala A.

16 Corsi informatici avanzati Collocazione materiali ad accesso libero. Collocazione/conservazione materiali ad accesso mediato. Assistenza specializzata e gestione rete interna. Sviluppo fotografico. Scaffalatura accessoriata per Scaffalatura accessoriata per Armadio con ante Tavolo di lavoro con due sedute Postazione di lavoro multimediale e in rete Stampante in rete Proiettore da PC Schermo avvolgibile elettricamente, a parete in cassonetto. Server Attrezzatura specifica Vasca sviluppo Tavolo lavoro con seduta 3 armadi con ante pannello espositore fisso Per i disabili l accesso richiede accompagnamento perché deve avvenire necessariamente tramite l ascensore situato all interno della biblioteca. Ruolo fortemente raccordato entro il sistema informativo/comunicativo comunale. Rialzo est 7 - CAMERA OSCURA Allestibile in alternativa al secondo piano (zona deposito). 51

17 Studio e lavoro in gruppo. Consultazione risorse elettroniche. Stampa in rete. Promozione della lettura. Rapporti con la scuola. Laboratorio didattico. Piccole riunioni. 3 - STUDIO/LAVORO DI GRUPPO 3 tavoli variamente raggruppabili 10 sedute Scaffalatura accessoriata per 2 pannelli espositori fissi Postazione multimediale completa Strumentazione necessaria alla reale fruizione integrata di tutte le risorse possedute/accessibili, e di quelle elettroniche in particolare, siano queste localmente disponibili su supporto fisico o accessibili in rete (interna e/o esterna). Questa postazione è deputata a sperimentare il servizio multimediale ai cittadini disabili in ragione della sua particolare accessibilità, giacché si trova entro uno spazio servito direttamente dall ascensore. Da qui si trarranno le indicazioni per un eventuale ampliamento/perfezionamento del servizio stesso. 4 LABORATORIO DIDATTICO/PROMOZIONE Scaffalatura 3 tavoli variamente raggruppabili con sedute 2 pannelli espositori fissi Schermo avvolgibile elettricamente, a parete in cassonetto. 2 armadi su ruote Sedie impilabili aggiuntive Materiale didattico Spazio destinato prioritariamente ai ragazzi. Accessibile dall entrata est senza interferire coi percorsi del servizio bibliotecario complessivo. Funzione qui posta per non sacrificare funzioni poste nel corpo di fabbricato novecentesco (bambini/ragazzi). Ospitalità per una scolaresca (20/25 utenti). Disponibilità di un piccolo deposito per il materiale a servizo della flessibilità funzionale. 6 - RIPOSTIGLIO Deposito materiali vari. 3 armadi con ante Accessibile solo al personale. 52

18 53

19 PIANO SECONDO Raggiungibile dalla scala A, con l ascensore e dalla scala che lo affianca. Ospita gli inaccessibili spazi destinati agli impianti tecnici. Puntuale e coerente segnaletica per tutte le funzioni. 1 SPAZIO FLESSIBILE ESPOSIZIONI/COLLOCAZIONI/RIUNIONI Funzioni Attrezzature Note Esposizioni. Attrezzatura espositiva fissa e mobile [Sviluppo collocazioni. ] [Studio.] [Riunioni] Accoglienza. Controllo. Informazioni. Comunicazioni d emergenza. Fotocopiatura interna e per il pubblico. 1 postazione di lavoro automatizzata e in rete Stampante in rete Scaffalatura aperta e chiusa, accessoriata per l integrazione dei diversi Cassettiera Carrello portalibri Citofono Fotocopiatore Area flessibile per l attività espositiva della biblioteca,con particolare riguardo alle iniziative in adempimento dei compiti di specializzazione. Lo spazio si presenta come autentica risorsa di riserva per lo sviluppo del servizio. La sue caratteristiche strutturali sollecitano soluzioni architettoniche particolarmente meditate, a cominciare da quelle in grado di valorizzazione l affaccio sulla struttura di sostegno della volta emergente dal salone del primo piano (l edificio mostra se stesso). La postazione deve rispondere alle esigenze operative. La fotocopiatura è organizzabile anche col metodo del selfservice, ma va tuttavia consentita in condizioni sorvegliate per garantire il rispetto delle norme che la regolano. Esposizione evidente di istruzioni e norme. 54

20 Consultazione catalogo. Collocazioni sistematiche e tematiche. Consultazione risorse elettroniche delle aree tematiche allestite. Stampa su stampante in rete. Studio (postazioni fisse). Accesso materiale di consultazione. Deposito materiali vari. Postazione automatizzata Consultazione del catalogo senza seduta catalogo in rete 2 SEZIONE SPECIALIZZATA IN ARTE Scaffalatura accessoriata per Scaffale aperto. Pannelli espositori a parete 2 tavoli individuali con seduta 2 postazioni multimediali Strumentazione necessaria alla reale fruizione integrata di complete in rete, con seduta tutte le risorse possedute/accessibili, e di quelle elettroniche in particolare, siano queste localmente disponibili su supporto fisico o accessibili in rete (interna e/o esterna). 20 posti lettura con luci individuali e prese elettriche e di rete Pannelli espositivi a muro Scaffalatura con inseriti armadietti deposito oggetti personali. 3 SALA STUDIO Per l utenza che usa prevalentemente libri propri 4 DEPOSITO PER SPAZIO FLESSIBILE Scaffalatura aperta e chiusa Carrelli Tavolo di lavoro con seduta Pannelli espositivi mobili Tavoli con gambe ripiegabili Sedie impilabili(*) Disponibilità di alcune opere di consultazione necessarie allo studio in generale.. Ospita prioritariamente i materiali da utilizzare entro lo spazio espositivo flessibile. Possibilità di allestimento della camera oscura invece che al primo piano (rialzo est). 55

La nuova biblioteca centrale e il piano edilizio dell Università di Trento. Paolo Bellini

La nuova biblioteca centrale e il piano edilizio dell Università di Trento. Paolo Bellini La nuova biblioteca centrale e il piano edilizio dell Università di Trento Paolo Bellini 1 I compiti della commissione definire le caratteristiche funzionali della nuova biblioteca centrale in termini

Dettagli

Locarno, 11 luglio 2008. Al Consiglio Comunale. Locarno. Signori Presidente e Consiglieri Comunali, Premessa

Locarno, 11 luglio 2008. Al Consiglio Comunale. Locarno. Signori Presidente e Consiglieri Comunali, Premessa M.M. no. 7 riguardante la richiesta di un credito di fr. 73'000.-- per l arredamento relativo all ampliamento della scuola elementare sede di Locarno_Monti Locarno, 11 luglio 2008 Al Consiglio Comunale

Dettagli

CASSANO D ADDA. biblio

CASSANO D ADDA. biblio CASSANO D ADDA biblio 1. Fig. 1 A caratterizzare il nuovo progetto architettonico della biblioteca di Cassano D Adda è la qualità della luce, evidenziata dal profondo cavedio interno che porta luce zenitale

Dettagli

CASA DELLE CULTURE Relazione Tecnica

CASA DELLE CULTURE Relazione Tecnica CASA DELLE CULTURE Relazione Tecnica Premessa Il progetto della Casa delle Culture a Modena nasce dall esigenza delle Associazioni degli immigrati presenti nel territorio di usufruire di spazi per costituire

Dettagli

All ingresso è necessario presentare il badge magnetico o un altro documento di riconoscimento con foto.

All ingresso è necessario presentare il badge magnetico o un altro documento di riconoscimento con foto. Comunicare con chiarezza Laboratorio pagine web siti biblioteche Incontro del 6 maggio 2008 / 3 Orari Accesso e consultazione (bozza incontro 2) Tutti / Chiunque / Tutte le categorie di utenti possono

Dettagli

EX LIBRIS RELAZIONE ILLUSTRATIVA

EX LIBRIS RELAZIONE ILLUSTRATIVA CONCORSO DI PROGETTAZIONE PER LA REALIZZAZIONE DELLA NUOVA BIBLIOTECA IN MARANELLO RELAZIONE ILLUSTRATIVA I vincoli dati dai confini e l esigenza di evitare costi eccessivi, ci hanno indotto a scelte il

Dettagli

Concorso di Progettazione per la realizzazione della nuova biblioteca del Comune di Maranello

Concorso di Progettazione per la realizzazione della nuova biblioteca del Comune di Maranello Concorso di Progettazione per la realizzazione della nuova biblioteca del Comune di Maranello DEEPER UNDERGROUND RELAZIONE GENERALE Criteri Progettuali L idea progettuale di base, per la realizzazione

Dettagli

Fig. 1 L elemento più caratterizzante dell intervento

Fig. 1 L elemento più caratterizzante dell intervento BRESCIA biblio 1. Fig. 1 L elemento più caratterizzante dell intervento è senza dubbio il banco di accoglienza per quattro operatori nell area ricezione e prestito al piano terra. Spesso il mobile ricezione

Dettagli

Correggio - Palazzo dei Principi

Correggio - Palazzo dei Principi CORREGGIO biblio Correggio - Palazzo dei Principi CORREGGIO La Biblioteca Comunale di Correggio si sviluppa sul piano terra ed il piano ammezzato del cinquecentesco Palazzo dei Principi recentemente restaurato.

Dettagli

CESENATICO biblio Fig. 1 L aspetto esterno della biblioteca di Cesenatico è quello di una architettura che unisce stilemi classici ad un impianto razionalista dei primi del secolo. L edificio affaccia

Dettagli

ALLEGATO A. Descrizione sedi di lavoro, orari, numero di personale addetto al front office, quantificazione attività di catalogazione

ALLEGATO A. Descrizione sedi di lavoro, orari, numero di personale addetto al front office, quantificazione attività di catalogazione ALLEGATO A Descrizione sedi di lavoro, orari, numero di personale addetto al front office, quantificazione attività di catalogazione 1 DESCRIZIONE SEDI DI LAVORO: La Biblioteca è situata in una delle vie

Dettagli

MISANO ADRIATICO. biblio

MISANO ADRIATICO. biblio MISANO ADRIATICO biblio Misano Adriatico - Biblioteca Comunale 1. Fig. 1 Dall esterno la nuova biblioteca viene segnalata dal totem immerso nel verde del parco che circonda l edificio. Fig. 2 L atrio della

Dettagli

Linee di indirizzo per l affidamento dei servizi di Biblioteca e Archivio storico. 1. Oggetto

Linee di indirizzo per l affidamento dei servizi di Biblioteca e Archivio storico. 1. Oggetto Linee di indirizzo per l affidamento dei servizi di Biblioteca e Archivio storico 1. Oggetto Con il presente atto si definiscono le linee di indirizzo per l affidamento, mediante procedimento ad evidenza

Dettagli

IL CONCORRENTE (timbro e firma) ... 1/10

IL CONCORRENTE (timbro e firma) ... 1/10 ... 1/10 AVVERTENZA: non deve essere eliminata alcuna voce dal presente modello. CODICE LISTA FORNITURE U.M. QUANTITA' PREZZO ARREDO A MISURA M_002 welcome desk a corpo 1 M_003 mobile panca contenitore,

Dettagli

SCHEDA RIEPILOGATIVA DEL PROGETTO DI SERVIZIO CIVILE PIÙ BIBLIOTECA

SCHEDA RIEPILOGATIVA DEL PROGETTO DI SERVIZIO CIVILE PIÙ BIBLIOTECA SCHEDA RIEPILOGATIVA DEL PROGETTO DI SERVIZIO CIVILE PIÙ BIBLIOTECA ENTE Ente proponente il progetto: COMUNE DI ITTIRI CARATTERISTICHE PROGETTO Titolo del progetto: PIÙ BIBLIOTECA Obiettivi del progetto:

Dettagli

BIBLIOTECHE PUBBLICHE COMUNALI DI BORGO VALSUGANA, GRIGNO, RONCEGNO TERME E TELVE

BIBLIOTECHE PUBBLICHE COMUNALI DI BORGO VALSUGANA, GRIGNO, RONCEGNO TERME E TELVE Sistema Culturale Valsugana Orientale CARTA DEI SERVIZI BIBLIOTECHE PUBBLICHE COMUNALI DI BORGO VALSUGANA, GRIGNO, RONCEGNO TERME E TELVE Premessa I principi generali che definiscono la missione della

Dettagli

SAN MAURO TORINESE. biblio

SAN MAURO TORINESE. biblio SAN MAURO TORINESE biblio SECONDO PIANO PRIMO PIANO PIANO TERRA SAN MAURO TORINESE Il nuovo Centro Culturale di San Mauro Torinese si inserisce in un edificio che comprende, oltre alla Biblioteca Comunale,

Dettagli

Carta dei Servizi della Biblioteca pubblica comunale Cesare Musatti di Folgaria

Carta dei Servizi della Biblioteca pubblica comunale Cesare Musatti di Folgaria Carta dei Servizi della Biblioteca pubblica comunale Cesare Musatti di Folgaria PREMESSA La Carta dei Servizi rappresenta un patto fra la biblioteca Comunale C. Musatti di Folgaria, aderente al Sistema

Dettagli

Sommario. Informazioni aziendali Ingresso principale. Ristorante e Bar. Camere adattate per clienti con disabilità

Sommario. Informazioni aziendali Ingresso principale. Ristorante e Bar. Camere adattate per clienti con disabilità SCHEDA DI ACCESSIBILITA Sommario Informazioni aziendali Ingresso principale Ristorante e Bar Pag 02 Camere adattate per clienti con disabilità Pag 03 Servizi igienici in camera per disabili Pag 04 SCHEDA

Dettagli

RELAZIONE. I - Complesso Incubatore industriale

RELAZIONE. I - Complesso Incubatore industriale RELAZIONE Il progetto di arredo dei due complessi è stato concepito unitariamente pur nella attenta considerazione delle rispettive specificità funzionali: il primo, costituito essenzialmente da uffici

Dettagli

Tutti possono accedere e consultare il materiale all interno della biblioteca.

Tutti possono accedere e consultare il materiale all interno della biblioteca. Comunicare con chiarezza Laboratorio pagine web siti biblioteche Incontro del 20 maggio 2008 / 4 Orari Accesso e consultazione Tutti possono accedere e consultare il materiale all interno della biblioteca.

Dettagli

ORARIO INVERNALE Martedì e venerdì 15.00 18.00 Giovedì e sabato 9.00 12.00. ORARIO ESTIVO Martedì e venerdì 16.00 19.00 Giovedì e sabato 9.00 12.

ORARIO INVERNALE Martedì e venerdì 15.00 18.00 Giovedì e sabato 9.00 12.00. ORARIO ESTIVO Martedì e venerdì 16.00 19.00 Giovedì e sabato 9.00 12. GUIDA INFORMATIVA E CARTA DEI SERVIZI Biblioteca Comunale A. Cabiati Via De Mari 28/D 17028 Bergeggi (SV) 019/25790216 b.biblioteca@comune.bergeggi.sv.it ORARIO INVERNALE Martedì e venerdì 15.00 18.00

Dettagli

INFORMAZIONI ACCESSIBILITÀ CENTRO DI EDUCAZIONE AMBIENTALE E CENTRO DI SOGGIORNO DI PRA CATINAT (EDIFICIO E. AGNELLI)

INFORMAZIONI ACCESSIBILITÀ CENTRO DI EDUCAZIONE AMBIENTALE E CENTRO DI SOGGIORNO DI PRA CATINAT (EDIFICIO E. AGNELLI) Parco Orsiera Rocciavrè e riserve di Chianocco e Foresto INFORMAZIONI ACCESSIBILITÀ CENTRO DI EDUCAZIONE AMBIENTALE E CENTRO DI SOGGIORNO DI PRA CATINAT (EDIFICIO E. AGNELLI) La struttura, immersa in boschi

Dettagli

Tutti possono accedere e consultare il materiale all interno della biblioteca.

Tutti possono accedere e consultare il materiale all interno della biblioteca. Comunicare con chiarezza Laboratorio pagine web siti biblioteche Lavoro svolto nell incontro del 20 maggio 2008 / 4 Orari ( ) Accesso e consultazione Tutti possono accedere e consultare il materiale all

Dettagli

INFORMAZIONI ACCESSIBILITÀ

INFORMAZIONI ACCESSIBILITÀ Parco delle Madonie INFORMAZIONI ACCESSIBILITÀ C.E.A. LA TERRA DEI NOSTRI PADRI A CASTELLANA SICULA Il Centro di Educazione Ambientale è ospitato all interno di un edificio di due piani a Castellana Sicula.

Dettagli

Conto del consegnatario ANNO 2012

Conto del consegnatario ANNO 2012 Pag. 1 H00001 UNITA' CENTRALE COMPUTER E 1 1 H00002 VIDEO PER COMPUTER E 1 1 H00003 TASTIERA PER COMPUTER E 1 1 H00004 CASSE ACUSTICHE PER PERSONAL COMPUTER E 1 1 H00005 STAMPANTE PER COMPUTER E 1 1 H00006

Dettagli

Testi regolamentari dell istituzione G. Minguzzi

Testi regolamentari dell istituzione G. Minguzzi Testi regolamentari dell istituzione G. Minguzzi REGOLAMENTO DEL SERVIZIO BIBLIOTECARIO INTEGRATO DELLE BIBLIOTECHE C. GENTILI DELL ISTITUTO DI PSICHIATRIA, P. OTTONELLO DELL UNIVERSITÀ DI BOLOGNA E G.

Dettagli

La nuova sede della Biblioteca Civica di Torino: una biblioteca per tutti, per informarsi, incontrarsi e comunicare

La nuova sede della Biblioteca Civica di Torino: una biblioteca per tutti, per informarsi, incontrarsi e comunicare La nuova sede della Biblioteca Civica di Torino: una biblioteca per tutti, per informarsi, incontrarsi e comunicare Napoli 24 giugno 2005 Oggi Torino sta cambiando Nell assetto produttivo sta uscendo dalla

Dettagli

Carta dei servizi. Biblioteca Comunale di Campegine

Carta dei servizi. Biblioteca Comunale di Campegine Carta dei servizi Biblioteca Comunale di Campegine CHE COS E LA CARTA DEI SERVIZI? Nella Carta dei Servizi ogni soggetto erogatore di un servizio pubblico individua predefinisce e rende noti all esterno

Dettagli

LABORATORIO DELL ACQUA A CAMUGNANO

LABORATORIO DELL ACQUA A CAMUGNANO Parco Laghi di Suviana e Brasimone INFORMAZIONI ACCESSIBILITÀ MUSEO DEL BOSCO DI PORANCETO Il Museo è situato in località Poranceto nel comune di Cumugnano ed è ospitato all interno di un unico edificio

Dettagli

ALLEGATO B. Modalità di erogazione dei servizi

ALLEGATO B. Modalità di erogazione dei servizi ALLEGATO B Modalità di erogazione dei servizi Il personale è tenuto: ad un comportamento improntato alla massima educazione/correttezza e ad agire, in ogni occasione, con la diligenza professionale del

Dettagli

Guida ai servizi della Biblioteca Ricerca Consultazione Riproduzione Altri servizi

Guida ai servizi della Biblioteca Ricerca Consultazione Riproduzione Altri servizi Guida ai servizi della Biblioteca Ricerca Consultazione Riproduzione Altri servizi Biblioteca del Senato Giovanni Spadolini Ricerca materiale bibliografico Dal 2007 la Biblioteca fa parte - insieme a quella

Dettagli

Allegato C Scheda progetto ENTE. Denominazione ANCI Lombardia. Città MILANO. Via PIAZZA DUOMO N. 21 CAP 20121. Codice di accreditamento NZ00504

Allegato C Scheda progetto ENTE. Denominazione ANCI Lombardia. Città MILANO. Via PIAZZA DUOMO N. 21 CAP 20121. Codice di accreditamento NZ00504 Allegato C Scheda progetto ENTE Denominazione ANCI Lombardia Città MILANO Via PIAZZA DUOMO N. 21 CAP 20121 Codice di accreditamento NZ00504 Iscrizione all albo regionale ALBO REGIONALE REGIONE LOMBARDIA

Dettagli

IL CATALOGO E LA CATALOGAZIONE EMILIO BERTOCCI IL CATALOGO E LA CATALOGAZIONE

IL CATALOGO E LA CATALOGAZIONE EMILIO BERTOCCI IL CATALOGO E LA CATALOGAZIONE EMILIO BERTOCCI IL CATALOGO E LA CATALOGAZIONE 1 INDICE 1...3 La biblioteca e il catalogo...3 2...4 Tipi di cataloghi...4 3...6 Cenno sulle fonti d informazione...6 4...7 Catalogo e bibliografia...7 5...8

Dettagli

La biblioteca in cifre - Anno 2010

La biblioteca in cifre - Anno 2010 La biblioteca in cifre - Anno 2010 1.0 Patrimonio e servizi Patrimonio complessivo 61.987 documenti Patrimonio per sede e tipologia (n. di pezzi riferito a Castelfranco e Piumateca) Libri Multimediale

Dettagli

Censimento delle biblioteche scolastiche - 2015

Censimento delle biblioteche scolastiche - 2015 Censimento delle biblioteche scolastiche - 2015 Modulo B Duplicare e compilare il Modulo B per ogni Plesso che possiede una Biblioteca Sezione 1 Dati Plesso Denominazione Codice Comune CAP Prov. Indirizzo

Dettagli

CONCORSO DI PROGETTAZIONE PER LA REALIZZAZIONE DELLA NUOVA BIBLIOTECA DI MARANELLO RELAZIONE GENERALE

CONCORSO DI PROGETTAZIONE PER LA REALIZZAZIONE DELLA NUOVA BIBLIOTECA DI MARANELLO RELAZIONE GENERALE CONCORSO DI PROGETTAZIONE PER LA REALIZZAZIONE DELLA NUOVA BIBLIOTECA DI MARANELLO RELAZIONE GENERALE MOTTO:LA NAVICELLA DELL INGEGNO 1 PRINCIPI GUIDA GENERALI Il progetto prevede la demolizione del fabbricato

Dettagli

INFORMAZIONI ACCESSIBILITÀ PUNTO INFORMATIVO E FORESTERIA DI S. ANTONIO MAVIGNOLA

INFORMAZIONI ACCESSIBILITÀ PUNTO INFORMATIVO E FORESTERIA DI S. ANTONIO MAVIGNOLA Parco Adamello Brenta INFORMAZIONI ACCESSIBILITÀ PUNTO INFORMATIVO E FORESTERIA DI S. ANTONIO MAVIGNOLA La struttura è costituita da un unico edificio di quattro piani, in cui sono collocate sia le attività

Dettagli

COMUNE DI FOSSO Provincia di Venezia

COMUNE DI FOSSO Provincia di Venezia COMUNE DI FOSSO Provincia di Venezia R E G O L A M E N T O DELLA BIBLIOTECA COMUNALE TITOLO PRIMO Finalità Funzionamento e gestione Articolo 1 - Finalità La Biblioteca Comunale è organismo dell Ente Locale

Dettagli

Disciplinare d uso dei Servizi della Biblioteca SMS

Disciplinare d uso dei Servizi della Biblioteca SMS Disciplinare d uso dei Servizi della Biblioteca SMS Orario di apertura al pubblico L'orario di apertura al pubblico è il seguente: dal martedì al venerdì dalle ore 9.00 alle ore 19.30; lunedì dalle ore

Dettagli

1) RELAZIONE DI PROGETTO

1) RELAZIONE DI PROGETTO 1) RELAZIONE DI PROGETTO Il progetto prevede la realizzazione di una biblioteca di area delle arti, commissionata dall Università degli studi di Roma Tre, da realizzarsi nel quartiere Testaccio di Roma,

Dettagli

Servizi bibliotecari di Ateneo: Carta dei servizi

Servizi bibliotecari di Ateneo: Carta dei servizi Servizi bibliotecari di Ateneo: Carta dei servizi La Carta dei servizi La Carta dei servizi precisa ciò che gli utenti possono attendersi dai Servizi bibliotecari dell Università di Bergamo e le attese

Dettagli

Il restauro della Biblioteca del Palazzo della Consulta

Il restauro della Biblioteca del Palazzo della Consulta Il restauro della Biblioteca del Palazzo della Consulta PROGETTO PRELIMINARE E DISEGNI ORIGINALI DEGLI AMBIENTI DELLA NUOVA BIBLIOTECA DELLA CORTE COSTITUZIONALE (www.cortecostituzionale.it) Criteri generali

Dettagli

SISTEMA BIBLIOTECARIO CERETANO SABATINO REGOLAMENTO DELLE BIBLIOTECHE TITOLO I FINALITA E COMPITI

SISTEMA BIBLIOTECARIO CERETANO SABATINO REGOLAMENTO DELLE BIBLIOTECHE TITOLO I FINALITA E COMPITI SISTEMA BIBLIOTECARIO CERETANO SABATINO REGOLAMENTO DELLE BIBLIOTECHE TITOLO I FINALITA E COMPITI ART. 1 Le Biblioteche del SBCS garantiscono a tutti il diritto di accesso alla cultura e all informazione

Dettagli

LA CASA DEL VOLONTARIATO DI MILANO. di Via Montegrappa 6/a Milano SCHEDE META PROGETTUALI

LA CASA DEL VOLONTARIATO DI MILANO. di Via Montegrappa 6/a Milano SCHEDE META PROGETTUALI LA CASA DEL VOLONTARIATO DI MILANO progettazione partecipata preliminare della CASA DEL VOLONTARIATO di Via Montegrappa 6/a Milano SCHEDE META PROGETTUALI Dicembre 2010 Il percorso Tre Workshop con lavoratori

Dettagli

Il Segretario generale

Il Segretario generale Il Segretario generale Visto il Regolamento per l organizzazione ed il funzionamento degli uffici amministrativi e degli altri uffici con compiti strumentali e di supporto alle attribuzioni della Corte

Dettagli

PROVINCIA DI MONZA E DELLABRIANZA UFFICIO TURISMO MODELLO A

PROVINCIA DI MONZA E DELLABRIANZA UFFICIO TURISMO MODELLO A PROVINCIA DI MONZA E DELLABRIANZA UFFICIO TURISMO MODELLO A Legge Regionale n. 15 del 16/07/2007 Regolamento Regionale n. 5 del 7/12/2009 Pubblicato sul BURL n. 50-1 Suppl. Ord. Del 14/12/2009 ALLEGATO

Dettagli

Dall Archivio al Polo tecnologico dell audiovisivo didattico e documentale per l Alto Lazio

Dall Archivio al Polo tecnologico dell audiovisivo didattico e documentale per l Alto Lazio POLO TECNOLOGICO DIDATTICO E DOCUMENTALE DELL ALTO LAZIO Dall Archivio al Polo tecnologico dell audiovisivo didattico e documentale per l Alto Lazio ELISA ANGELONE Che cos è un Archivio E un insieme ordinato

Dettagli

Tabella degli eco-contributi basata sulle dimensioni

Tabella degli eco-contributi basata sulle dimensioni 2016 Tabella degli ecocontributi basata sulle dimensioni 0811 69 68 70 I ecomobilier.fr TABELLA BASATA SULLE DIMENSIONI COS È LA TABELLA BASATA SULLE DIMENSIONI? Si tratta della corrispondenza tra le dimensioni

Dettagli

Visto l'articolo 17, comma 3, della legge 28 agosto 1998, n. 400;

Visto l'articolo 17, comma 3, della legge 28 agosto 1998, n. 400; D.M. 21 maggio 2001, n. 308, regolamento concernente "REQUISITI MINIMI STRUTTURALI E ORGANIZZATIVI PER L'AUTORIZZAZIONE ALL'ESERCIZIO DEI SERVIZI E DELLE STRUTTURE A CICLO RESIDENZIALE E SEMIRESIDENZIALE,

Dettagli

Biblioteca di Economia e Management Corso Unione Sovietica 281 bis 10134 Torino. tel. 011/6704986 fax. 011/6706131. direzione.biblioecon@unito.

Biblioteca di Economia e Management Corso Unione Sovietica 281 bis 10134 Torino. tel. 011/6704986 fax. 011/6706131. direzione.biblioecon@unito. BIBLIOTECA DI ECONOMIA E MANAGEMENT PIANO DI SVILUPPO TRIENNALE DELLE ATTIVITÀ 2013 2016 Premessa La è il riferimento per tutti i servizi bibliotecari necessari per la ricerca e l'insegnamento nei settori

Dettagli

SERVIZI IGIENICI E BAGNI AD USO COMUNE

SERVIZI IGIENICI E BAGNI AD USO COMUNE ALLEGATO PROSPETTO DI DEFINIZIONE DEGLI STANDARD MINIMI NAZIONALI DEI SERVIZI E DELLE DOTAZIONI PER LA CLASSIFICAZIONE DEGLI ALBERGHI ALBERGHI AD UNA STELLA SERVIZIO DI RICEVIMENTO assicurato 12 ore su

Dettagli

Progetto di adeguamento architettonico e allestimento spazi interni della Biblioteca. Comune di Lodi XII 2008

Progetto di adeguamento architettonico e allestimento spazi interni della Biblioteca. Comune di Lodi XII 2008 Progetto di adeguamento architettonico e allestimento spazi interni della Biblioteca Laudense Comune di Lodi XII 2008 OGGETTO: PROGETTO DI ADEGUAMENTO ARCHITETTONICO BIBLIOTECA LAUDENSE Comune di Lodi

Dettagli

SERVIZI OFFERTI Il Museo della Città eroga i seguenti servizi:

SERVIZI OFFERTI Il Museo della Città eroga i seguenti servizi: CARTA DEI SERVIZI DEL COMUNE DI SASSARI Settore Sviluppo Locale, Politiche Culturali e Marketing Turistico Macro categoria attività Museo della Città Finalità attività Il Museo della Città, è il luogo

Dettagli

1 COSTITUZIONE E FINALITÀ

1 COSTITUZIONE E FINALITÀ REGOLAMENTO LIBRI@AK Articolo 1 COSTITUZIONE E FINALITÀ Il Sistema LIBRI@AK è istituito ai sensi dell art. 5 dello Statuto. La biblioteca ha la finalità di organizzare e sviluppare in modo coordinato i

Dettagli

COD. CESPITE MACROCATEGORIE DESCRIZIONE ok Valore CSCONTAB1 MOBILE ARMADIO 2 ANTE VETRO 200,00 CSCONTAB2 MOBILE ARMADIO 2 ANTE VETRO 200,00

COD. CESPITE MACROCATEGORIE DESCRIZIONE ok Valore CSCONTAB1 MOBILE ARMADIO 2 ANTE VETRO 200,00 CSCONTAB2 MOBILE ARMADIO 2 ANTE VETRO 200,00 COD. CESPITE MACROCATEGORIE DESCRIZIONE ok Valore CSCONTAB1 MOBILE ARMADIO 2 ANTE VETRO 200,00 CSCONTAB2 MOBILE ARMADIO 2 ANTE VETRO 200,00 CSCONTAB3 MOBILE ARMADIO 2 ANTE VETRO 200,00 CSCONTAB4 MOBILE

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI DELLA BIBLIOTECA DEL SEMINARIO VESCOVILE DI SAN MINIATO

CARTA DEI SERVIZI DELLA BIBLIOTECA DEL SEMINARIO VESCOVILE DI SAN MINIATO BIBLIOTECA DEL SEMINARIO VESCOVILE DIOCESI DI SAN MINIATO CARTA DEI SERVIZI DELLA BIBLIOTECA DEL SEMINARIO VESCOVILE DI SAN MINIATO ORARIO DI APERTURA La Biblioteca del Seminario Vescovile di San Miniato

Dettagli

COMUNE DI FIUMICINO (Provincia di Roma) REGOLAMENTO DELLA BIBLIOTECA COMUNALE DI FIUMICINO

COMUNE DI FIUMICINO (Provincia di Roma) REGOLAMENTO DELLA BIBLIOTECA COMUNALE DI FIUMICINO COMUNE DI FIUMICINO (Provincia di Roma) REGOLAMENTO DELLA BIBLIOTECA COMUNALE DI FIUMICINO Approvato con deliberazione consiliare n. 40 del 22 marzo 2000 INDICE Titolo I Finalità e compiti... 3 Articolo

Dettagli

Carta della qualità dei servizi

Carta della qualità dei servizi MINISTERO PER I BENI E LE ATTIVITA CULTURALI Direzione Generale per i Beni Librari, gli Istituti Culturali ed il Diritto d'autore Carta della qualità dei servizi Biblioteca 2008 I. PRESENTAZIONE CHE COS

Dettagli

Art. 1 (Disposizioni in materia di classificazione alberghiera)

Art. 1 (Disposizioni in materia di classificazione alberghiera) Legge regionale 7 dicembre 2009, n. 50 Definizione delle tipologie dei servizi forniti dalle imprese turistiche nell'ambito dell'armonizzazione della classificazione alberghiera. (BUR n. 22 dell 1 dicembre

Dettagli

Progetto di Adeguamento Architettonico della Biblioteca Laudense

Progetto di Adeguamento Architettonico della Biblioteca Laudense Progetto di Adeguamento Architettonico della Biblioteca Laudense Relazione Tecnica Interventi di progettazione dell allestimento degli spazi interni dell edificio ex-convento di San Filippo, destinato

Dettagli

Comune di Sant Agostino

Comune di Sant Agostino Comune di Sant Agostino CARTA DEI SERVIZI DELLA BIBLIOTECA COMUNALE DI SANT AGOSTINO adottata con Determinazione n. 294 del 20.11.2004 1. Premesse 1.1 Finalità della Biblioteca comunale di Sant Agostino

Dettagli

ALLEGATO A "ELENCO LAVORI RICHIESTI" a) SEDE MUNICIPALE DI PALAZZO LOCATELLI (Piazza XXIV Maggio

ALLEGATO A ELENCO LAVORI RICHIESTI a) SEDE MUNICIPALE DI PALAZZO LOCATELLI (Piazza XXIV Maggio ALLEGATO A "ELENCO LAVORI RICHIESTI" a) SEDE MUNICIPALE DI PALAZZO LOCATELLI (Piazza XXIV Maggio 22) e BIBLIOTECA COMUNALE (Via Matteotti 75 77):----------- I lavori oggetto del servizio dovranno essere

Dettagli

(Testo coordinato con le modifiche e le integrazioni di cui alla L.R. 22 novembre 2010, n. 31)

(Testo coordinato con le modifiche e le integrazioni di cui alla L.R. 22 novembre 2010, n. 31) Legge regionale 7 dicembre 2009, n. 50 Definizione delle tipologie dei servizi forniti dalle imprese turistiche nell'ambito dell'armonizzazione della classificazione alberghiera (BUR n. 22 dell 1 dicembre

Dettagli

Biblioteche e Fototeca Carta dei servizi

Biblioteche e Fototeca Carta dei servizi Biblioteche e Fototeca Carta dei servizi CHE COS È LA CARTA DEI SERVIZI La Carta dei servizi è un documento che informa gli utenti sui servizi che la Nuova Manica Lunga intende garantire e pone la sua

Dettagli

IL MINISTRO PER LA SOLIDARIETÀ SOCIALE

IL MINISTRO PER LA SOLIDARIETÀ SOCIALE Decreto ministeriale 21 maggio 2001, n. 308 Gazzetta Ufficiale 28 luglio 2001, n. 174 Testo aggiornato al 1 giugno 2004 Regolamento concernente «Requisiti minimi strutturali e organizzativi per l'autorizzazione

Dettagli

pag. 2 Num.Ord. TARIFFA DESIGNAZIONE DEI LAVORI par.ug. lung. larg. H/peso unitario TOTALE R I P O R T O LAVORI A MISURA

pag. 2 Num.Ord. TARIFFA DESIGNAZIONE DEI LAVORI par.ug. lung. larg. H/peso unitario TOTALE R I P O R T O LAVORI A MISURA pag. 2 LAVORI A MISURA ARREDAMENTO (SpCat 1) PIANO TERRA (Cat 1) Hall - Centro informazioni ed orientamento studenti (SbCat 1) 1 / 1 Bancone reception, piano scrivania e piano visitatori, attrezzato con

Dettagli

DECRETO DEL MINISTRO PER LA SOLIDARIETA' SOCIALE

DECRETO DEL MINISTRO PER LA SOLIDARIETA' SOCIALE DECRETO DEL MINISTRO PER LA SOLIDARIETA' SOCIALE 21 maggio 2001, n. 308 "Requisiti minimi strutturali e organizzativi per l'autorizzazione all'esercizio dei servizi e delle strutture a ciclo residenziale

Dettagli

Citta' Metropolitana di Milano Direzione di Progetto Idroscalo, Sport e Turismo

Citta' Metropolitana di Milano Direzione di Progetto Idroscalo, Sport e Turismo Citta' Metropolitana di Milano Direzione di Progetto Idroscalo, Sport e Turismo MODELLO A ALBERGHI Legge Regionale n. 15 del 16/07/2007 Regolamento Regionale n. 5 del 7/12/2009 Pubblicato sul BURL n. 50-1

Dettagli

CAMBIANO (TO) CANDIOLO (TO) SCALENGHE (TO) Via Santa Maria, 24. Via San Bartolomeo, 40 VINOVO (TO)

CAMBIANO (TO) CANDIOLO (TO) SCALENGHE (TO) Via Santa Maria, 24. Via San Bartolomeo, 40 VINOVO (TO) TITOLO DEL PROGETTO ENTE PROGETTANTE COMUNE DOVE INDIRIZZO CODICE SEDE DI ATTUAZIONE PROGETTO N. VOLONTARI TIPO POSTO pezzettino AREA D'INTERVENTO REQUISITI OBBLIGATORI DOVE INVIARE LE DOMANDE E RICEVERE

Dettagli

Art. 2. Strutture e servizi soggetti ai requisiti minimi per l'autorizzazione

Art. 2. Strutture e servizi soggetti ai requisiti minimi per l'autorizzazione DECRETO MINISTERIALE 21 maggio 2001, n. 308 Regolamento concernente "Requisiti minimi strutturali e organizzativi per l'autorizzazione all'esercizio dei servizi e delle strutture a ciclo residenziale e

Dettagli

COMUNE DI MARANELLO (PROVINCIA DI MODENA)

COMUNE DI MARANELLO (PROVINCIA DI MODENA) COMUNE DI MARANELLO (PROVINCIA DI MODENA) CONCORSO DI PROGETTAZIONE PER LA REALIZZAZIONE DELLA NUOVA BIBLIOTECA RELAZIONE Presentazione delle scelte progettuali La progettazione della nuova biblioteca

Dettagli

ALLEGATO L: REGOLAMENTO BIBLIOTECA SCOLASTICA

ALLEGATO L: REGOLAMENTO BIBLIOTECA SCOLASTICA ALLEGATO L: REGOLAMENTO BIBLIOTECA SCOLASTICA La biblioteca scolastica fornisce informazioni e idee fondamentali alla piena realizzazione di ciascun individuo nell'attuale società dell'informazione e conoscenza.

Dettagli

PIANO PROVINCIALE 2010 INTERVENTI PRIORITARI - RISULTATI ISTRUTTORIA

PIANO PROVINCIALE 2010 INTERVENTI PRIORITARI - RISULTATI ISTRUTTORIA PIANO PROVINCIALE 2010 INTERVENTI PRIORITARI - RISULTATI ISTRUTTORIA Soggetto attuatore REGIONE EMILIA-ROMAGNA SISTEMA BIBLIOTECARIO PROVINCIALE Progetto . Potenziamento delle infrastrutture

Dettagli

Allegato A. 5. Servizi integrativi

Allegato A. 5. Servizi integrativi Allegato A 5. Servizi integrativi Il "Nomenclatore interregionale degli interventi e servizi sociali" del CISIS (Centro interregionale per i sistemi informatici, geografici e statistici) definisce le tipologie

Dettagli

sistemi di arredo per biblioteche

sistemi di arredo per biblioteche sistemi di arredo per biblioteche La linea di arredi per biblioteche di Community Project è pensata per la contemporanea, intesa non più soltanto come luogo di conservazione, diffusione e trasferimento

Dettagli

D.M 21 maggio 2001, n.308

D.M 21 maggio 2001, n.308 D.M. 21 maggio 2001, n. 308, regolamento concernente "REQUISITI MINIMI STRUTTURALI E ORGANIZZATIVI PER L'AUTORIZZAZIONE ALL'ESERCIZIO DEI SERVIZI E DELLE STRUTTURE A CICLO RESIDENZIALE E SEMIRESIDENZIALE,

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA CAROLI STEZZANO. ALLEGATO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI Anno scolastico 2014/2015

SCUOLA PRIMARIA CAROLI STEZZANO. ALLEGATO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI Anno scolastico 2014/2015 M i n i s t e r o d e l l I s t r u z i o n e, d e l l a R i c e r c a e d e l l U n i v e r s i t à Istituto Comprensivo CAROLI Via Vallini n. 23 24040 STEZZANO (BG) Tel: 035 591529 - Fax: 035 592335

Dettagli

A.DI.S.U. ATENEO FEDERICO II Stampa Registro Beni Mobili di tipo D

A.DI.S.U. ATENEO FEDERICO II Stampa Registro Beni Mobili di tipo D A.DI.S.U. ATENEO FEDERICO II Stampa Registro Beni Mobili di tipo D (Registro unico) Mobile Descrizione Edificio Locale Annotazioni Consegnatario Val.Acquisto Val.Ammortizzato 86 TAVOLO DATTILO ADISU CENTRALE

Dettagli

Sede tipologia Ubicazione Livigno bancone con lavello postazione 3

Sede tipologia Ubicazione Livigno bancone con lavello postazione 3 Livigno bancone con lavello postazione 3 Livigno cassettiere portastrumenti sottobancone postazione 3 Livigno cassettiere portastrumenti sottobancone postazione 3 Livigno cassettiere portastrumenti sottobancone

Dettagli

ALLEGATO B ELENCO ARREDI

ALLEGATO B ELENCO ARREDI ALLEGATO B ELENCO ARREDI Descrizione progettuale e presupposti pedagogici degli arredi interni dell asilo nido aziendale Palazzo di Giustizia di Firenze I locali destinati come da progetto ad uso asilo

Dettagli

MODELLO EDUCATIVO SCUOLE DELL INFANZIA

MODELLO EDUCATIVO SCUOLE DELL INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO RIGNANO INCISA Azioni per l autovalutazione formativa MODELLO EDUCATIVO SCUOLE DELL INFANZIA Definizione condivisa del concetto di standard Si tratta della individuazione di comportamenti

Dettagli

PRESENTAZIONE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

PRESENTAZIONE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PRESENTAZIONE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA FINALITA La scuola dell infanzia promuove l educazione armonica e integrale dei bambini da 3 a 6 anni ( REGOLAMENTO Titolo I art.2- art.4), proponendosi come ambiente

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI 1.PREMESSA

CARTA DEI SERVIZI 1.PREMESSA CARTA DEI SERVIZI 1.PREMESSA 1.1Finalità La Biblioteca di Bisignano è un servizio pubblico di base istituito dal Comune per rispondere al bisogno di formazione permanente, informazione e cultura della

Dettagli

Biblioteca del Castello del Buonconsiglio. Monumenti e collezioni Provinciali Carta dei Servizi

Biblioteca del Castello del Buonconsiglio. Monumenti e collezioni Provinciali Carta dei Servizi Biblioteca del Castello del Buonconsiglio. Monumenti e collezioni Provinciali Carta dei Servizi PREMESSA La Biblioteca del museo del Castello del Buonconsiglio. Monumenti e collezioni Provinciali si configura

Dettagli

Art. 1 Principi generali e finalità del Polo Culturale Mattia Preti

Art. 1 Principi generali e finalità del Polo Culturale Mattia Preti REGOLAMENTO Art. 1 Principi generali e finalità del Polo Culturale Mattia Preti Il Polo Culturale del Consiglio regionale, al fine di agevolare il diritto alla conoscenza dei cittadini e di contribuire

Dettagli

COMUNE DI CETONA. Provincia di Siena. Regolamento del Nido Intercomunale d'infanzia di Piazze ART. 1 OGGETTO

COMUNE DI CETONA. Provincia di Siena. Regolamento del Nido Intercomunale d'infanzia di Piazze ART. 1 OGGETTO COMUNE DI CETONA Provincia di Siena Regolamento del Nido Intercomunale d'infanzia di Piazze ART. 1 OGGETTO Il presente regolamento disciplina l attività di gestione del Nido Intercomunale d Infanzia di

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA BIBLIOTECA COMUNALE DI CASIER ART. 1 - PRINCIPI ISPIRATORI, ISTITUZIONE E FINALITÀ

REGOLAMENTO DELLA BIBLIOTECA COMUNALE DI CASIER ART. 1 - PRINCIPI ISPIRATORI, ISTITUZIONE E FINALITÀ REGOLAMENTO DELLA BIBLIOTECA COMUNALE DI CASIER ART. 1 - PRINCIPI ISPIRATORI, ISTITUZIONE E FINALITÀ 1) Il Comune di Casier riconosce le funzioni peculiari del Servizio Biblioteca, richiamando e condividendo

Dettagli

Carta della Collezione / Biblioteca di Alice

Carta della Collezione / Biblioteca di Alice Carta della Collezione / Biblioteca di Alice 1. Introduzione La Carta della collezione esplicita i criteri che concorrono alla formazione, alla conservazione e allo sviluppo della collezione libraria e

Dettagli

PRIMITIVE RELAZIONE ASSETTO URBANO

PRIMITIVE RELAZIONE ASSETTO URBANO PRIMITIVE RELAZIONE STATO ATTUALE E CRITERI GENERALI D ITERVENTO Il fabbricato oggetto del concorso, esprime a nostro avviso una violenta contraddizione, tipica delle città sottoposte a ritmi di crescita

Dettagli

TITOLO I FINALITA E COMPITI. Art. 1.

TITOLO I FINALITA E COMPITI. Art. 1. TITOLO I FINALITA E COMPITI Art. 1. La biblioteca comunale di Pofi è istituita come servizio informativo e culturale di base da rendere alla comunità. Essa aderisce, in qualità di biblioteca associata,

Dettagli

Categoria 3 N. Titolo Marca Modello Ma tri

Categoria 3 N. Titolo Marca Modello Ma tri uffici e magazzino valgella Categoria 3 N. Titolo Marca Modello Ma tri UFFICIO CASSA VALGELLA 1 Appendiabiti a colonna Bancone completo di scrivania e UFFICIO CASSA VALGELLA 1 cassettiera UFFICIO CASSA

Dettagli

MORTARA Progettato e nato in poco più di un anno, il nuovo centro culturale CIVICO.17 di Mortara vuole essere un progetto pilota di nuova idea di

MORTARA Progettato e nato in poco più di un anno, il nuovo centro culturale CIVICO.17 di Mortara vuole essere un progetto pilota di nuova idea di MORTARA biblio MORTARA Progettato e nato in poco più di un anno, il nuovo centro culturale CIVICO.17 di Mortara vuole essere un progetto pilota di nuova idea di biblioteca per tutto il territorio. Una

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO PER LA SOLIDARIETA' SOCIALE

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO PER LA SOLIDARIETA' SOCIALE PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO PER LA SOLIDARIETA' SOCIALE DECRETO 21 maggio 2001, n. 308 REGOLAMENTO "Requisiti minimi strutturali e organizzativi per l'autorizzazione all'esercizio

Dettagli

Progetto di sviluppo delle residenze dell Università di Milano-Bicocca. Milano - Monza - Cinisello Balsamo

Progetto di sviluppo delle residenze dell Università di Milano-Bicocca. Milano - Monza - Cinisello Balsamo Progetto di sviluppo delle residenze dell Università di Milano-Bicocca Milano - Monza - Cinisello Balsamo Residenza Universitaria denominata U10.2 Piazza dell Ateneo Nuovo, 2 Milano Superficie totale Alloggi

Dettagli

Regolamento della Biblioteca Giuseppe Guglielmi dell Istituto per i beni artistici, culturali e naturali della Regione Emilia-Romagna

Regolamento della Biblioteca Giuseppe Guglielmi dell Istituto per i beni artistici, culturali e naturali della Regione Emilia-Romagna Regolamento della Biblioteca Giuseppe Guglielmi dell Istituto per i beni artistici, culturali e naturali della Regione Emilia-Romagna Art. 1 - Oggetto Art. 2 - Finalità e compiti Art. 3 - Sede e patrimonio

Dettagli

L Inspiring Lab e i suoi servizi

L Inspiring Lab e i suoi servizi L Inspiring Lab e i suoi servizi Il progetto TEXMEDIN si propone di valorizzare il vasto patrimonio tessile e abbigliamento del Mediterraneo e di promuovere il suo utilizzo come fonte d ispirazione per

Dettagli

arredo personalizzato per farmacie

arredo personalizzato per farmacie arredo personalizzato per farmacie arredo personalizzato per farmacie 1.1 COINVOLGIMENTO Nelle pagine successive di questo catalogo tecnico La vorremmo coinvolgere per pochi minuti in un viaggio attraverso

Dettagli

LISTA CATEGORIE - LOTTO N.1 - ARREDI PER STUDI E UFFICI TORRE ARCHIMEDE PIANO II INTERRRATO PIANO SECONDO

LISTA CATEGORIE - LOTTO N.1 - ARREDI PER STUDI E UFFICI TORRE ARCHIMEDE PIANO II INTERRRATO PIANO SECONDO LISTA CATEGORIE - LOTTO N.1 - ARREDI PER STUDI E UFFICI TORRE ARCHIMEDE Q.TA COD. ART DESCRIZIONE EURO CAD EURO TOTALE PIANO II INTERRRATO 17 SFF SEDIA FISSA IN MULTISTRATI DI FAGGIO CONFORMATO SENZA BRACCIOLI,

Dettagli

TESTI RIVISTI NEGLI INCONTRI PRECEDENTI

TESTI RIVISTI NEGLI INCONTRI PRECEDENTI GRUPPO AVVISI Incontro del 13 maggio 2008 / V TESTI RIVISTI NEGLI INCONTRI PRECEDENTI COME USARE LA SCALA Per spostare la scala: spingerla verso gli scaffali, portarla in posizione verticale e farla scorrere.

Dettagli