Università di Roma Tor Vergata Facoltà di Ingegneria. Laurea in Ingegneria Informatica

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Università di Roma Tor Vergata Facoltà di Ingegneria. Laurea in Ingegneria Informatica"

Transcript

1 Università di Roma Tor Vergata Facoltà di Ingegneria Laurea in Ingegneria Informatica Metodologie e Tecniche per la Cooperazione Applicativa nella Pubblica Amministrazione italiana: progettazione e sviluppo di una Porta di Dominio Relatore: Prof. G.F. Italiano Correlatore: Dr. S. Fuligni Correlatore: Ing. S. Armenia Candidato:

2 Indice Copyright Tutti i diritti sono riservati all'autore, all'università di Roma "Tor Vergata" ed al CNIPA" come da legge sul Diritto d'autore n.518 del 1992 e successive modifiche Autore: Mail: Titolo: Metodologie e Tecniche per la Cooperazione Applicativa nella Pubblica Amministrazione italiana: progettazione e sviluppo di una Porta di Dominio Roma, 23 Febbraio

3 Indice Indice 1. Introduzione L interoperabilità fra sistemi informatici Architetture orientate ai servizi Il modello a Web Services La cooperazione applicativa: approcci ed esperienze SPC: il Sistema Pubblico di Connettività e Cooperazione Il Sistema Pubblico di Connettività Il Sistema Pubblico di Cooperazione (SPCoop) Modello e architettura del SPCoop L Accordo di Servizio La Busta e-gov La Porta di Dominio SICA: i servizi infrastrutturali per la cooperazione applicativa Sviluppo di una Porta di Dominio Progettazione di una proof of concept di Porta di Dominio Fasi della progettazione Definizione degli Attori Casi d Uso Sequence Diagrams Architettura modulare Acquisizione Inoltro

4 Indice Ricezione Smistamento Smistamento degli Errori Gestione eccezioni Gestione dei SOAP:FAULT Gestione dei log Gestione dei messaggi diagnostici Funzionalità aggiuntive Strumenti utilizzati Tomcat AXIS JAXB Realizzazione della libreria Busta di e-gov Profili di comunicazione e collaborazione Messaggio singolo Comunicazione sincrona Comunicazione asincrona Problemi e soluzioni Conclusioni e sviluppi futuri Conclusioni Sviluppi futuri Community di Sviluppo Bibliografia Indice analitico delle figure Glossario

5 Introduzione 1. Introduzione Il presente lavoro è il primo nato dalla collaborazione tra il CNIPA e la facoltà di Ingegneria dell Università di Roma Tor Vergata sui temi dell interoperabilità e dell integrazione dei sistemi informatici ed in particolare sull evoluzione del Sistema Pubblico di Cooperazione (SPCoop), il framework per l interoperabilità dei servizi telematici delle amministrazioni pubbliche italiane. Questa tesi si pone l obiettivo di analizzare gli aspetti peculiari relativi alla progettazione ed implementazione di una cosiddetta proof of concept di una Porta di Dominio (cfr. 3.5), cioè l implementazione di un prototipo concettuale per la verifica della validità delle caratteristiche fondamentali di uno degli elementi architetturali principali del SPCoop. Un ulteriore obbiettivo è quello di proporre un modello sostenibile per la nascita ed il governo di una community Open Source con l obiettivo di sviluppare una implementazione di riferimento a codice aperto di una Porta di Dominio. Nel prossimo capitolo verrà condotta preliminarmente una panoramica sulle Architetture Orientate ai Servizi (SOA) (cfr. 2.1), a cui seguirà un analisi della tecnologia dei Web Services (cfr. 2.2), potenzialmente adatta all implementazione del modello architetturale SOA. Verrà inoltre trattato il tema dell interoperabilità dei sistemi informatici (cfr. 2.3), con un analisi sintetica di quanto accade nel mercato ICT, sia in Europa che nel nostro paese. Nel terzo capitolo verrà introdotto con maggiore dettaglio il concetto di cooperazione applicativa e come stato sviluppato nella Pubblica Amministrazione italiana; ciò verrà 4

6 Introduzione fatto accennando al Sistema Pubblico di Connettività (cfr. 3.1) nonché descrivendo il Sistema Pubblico di Cooperazione (SPCoop) (cfr. 3.2) e gli elementi che lo caratterizzano: la Busta di e-gov (cfr. 3.4), la Porta Di Dominio (cfr. 3.5), l Accordo di Servizio (cfr. 3.6) ed i Servizi di Interoperabilità, Cooperazione ed Accesso (SICA, cfr. 3.7). Verranno, inoltre, analizzate le modalità in cui questi elementi contribuiscono al conseguimento dell interoperabilità e della cooperazione applicativa tra le amministrazioni;ciò sarà illustrato nella sezione che descrive l architettura del Sistema Pubblico di Cooperazione (cfr. 3.3) Nel quarto capitolo saranno descritte le attività di progettazione ed implementazione della proof of concept di una Porta Di Dominio, descrivendo gli strumenti utilizzati, le scelte progettuali ed il processo di realizzazione, i problemi incontrati e le soluzioni adottate nonché i perfezionamenti apportati al codice in seguito alla prima stesura. Nel quinto capitolo verranno, quindi, proposte le conclusioni tratte da questa esperienza, le linee suggerite per sviluppi futuri ed un possibile modello per lo sviluppo di una community open-source sui temi affronati, motivando le scelte effettuate e descrivendo un modello di gestione compatibile con gli obiettivi del SPCoop. 5

7 L interoperabilità fra sistemi informatici 2. L interoperabilità fra sistemi informatici Nell ambito dell ICT (Information & Communications Technologies), l interoperabilità è definibile come la capacità dei sistemi informatici di cooperare, erogando e fruendo servizi, con altri sistemi ed usare i servizi scambiati per effettuare operazioni più complesse di quelle possibili agli stessi sistemi in un ambiente non cooperativo; questo vantaggio nasce dalla disponibilità di risorse, quali dati, servizi, risorse di calcolo o altre risorse, che in ambito non cooperativo non sarebbero disponibili. A livello software per interoperability si intende la capacità di differenti programmi o sistemi informatici di scambiare dati tramite gli stessi protocolli o le stesse procedure o leggere e scrivere files dello stesso formato. Spesso il software realizzato senza una progettazione che tenga in considerazione la standardizzazione delle procedure effettuate dal prodotto è un software che manca di interoperabilità. Ci sono diverse modalità per garantire l interoperabilità dei sistemi informatici, una di queste è utilizzare modelli architetturali di tipo orientato ai servizi; questo modello architetturale permette a sistemi eterogenei di interoperare utilizzando procedure e standard comuni. Nel seguito di questo capitolo (cfr. 2.1) verrà trattato il tema delle Service Oriented Architecture (SOA); verrà poi esaminata la tecnologia dei Web Services, una tecnologia che permette di sviluppare una SOA (cfr. 2.2). 6

8 L interoperabilità fra sistemi informatici 2.1 Architetture orientate ai servizi Con Service-Oriented Architecture si identifica un modello architetturale che supporta l uso di servizi che soddisfano le richieste degli utenti, rendendo possibile l utilizzo delle singole applicazioni come componenti dei processi applicativi. Quindi, utilizzando modelli architetturali di tipo Service Oriented, si possono modificare, in modo abbastanza semplice, sia le modalità secondo le quali interagiscono i servizi, sia le combinazioni dei servizi stessi che vengono fruiti per realizzare un processo; allo stesso modo risultano semplificate le operazioni di aggiunta di servizi e la modifica di processi per rispondere alle specifiche esigenze di business: il servizio non è più vincolato ad una specifica piattaforma o ad un'applicazione ma può essere considerato come un componente riutilizzabile nell ambito di processi di business differenti. Il modello architetturale Orientato ai Servizi si applica preferibilmente ai sistemi che si mostrano particolarmente complessi sia nei processi che nelle applicazioni; questo deriva dal fatto che le interazioni tra diverse realtà vengono facilitate, permettendo allo stesso momento che le attività applicative sviluppino processi efficienti, sia all interno che all esterno dei sistemi stessi, aumentandone l'adattabilità e la flessibilità. Le Service Oriented Architecture non sono legate ad una tecnologia in particolare; esempi delle tecnologie con le quali si possono realizzare delle SOA sono: REST, RPC, DCOM, CORBA o i Web Services. L implementazione di una SOA, infatti, può avvenire anche in assenza di questi protocolli; una tecnica alternativa è l uso del file system; questo si realizza attraverso il trasferimento di dati secondo le specifiche dell'interfaccia tra i processi, in modo conforme al concetto di SOA. Il fulcro delle comunicazioni tra applicazioni è l'indipendenza tra i servizi che vengono caraterizzati da un interfaccia specifica e che, quando vengono invocati, eseguono le 7

9 L interoperabilità fra sistemi informatici proprie operazioni in maniera standard; ciò avviene mantenendo l applicazione chiamante all oscuro di quale sia il servizio che effettivamente esegue l operazione; allo stesso modo il servizio non ha necessità di conoscere come sia realizzata l applicazione chiamante. La conoscenza reciproca è del tutto irrilevante visto che erogatore e fruitore basano l interazione sulle interfacce esposte. Il modello architetturale SOA può essere considerato un buon metodo per implementare architetture di sistemi informatici adatte alla creazione di applicazioni sviluppate, combinando servizi debolmente accoppiati in modo da renderli interoperabili tra loro. La cooperazione tra questi servizi è indipendente dalla piattaforma sottostante e dalle tecnologie in cui sono sviluppati; importante è invece la definizione formale dei servizi stessi. Un esempio di ciò possono essere i servizi scritti in Java, usando la piattaforma Java EE e quelli in C# con.net; questi servizi possono essere utilizzati da una applicazione di livello più alto, utilizzando le interfacce di queste applicazioni. Le applicazioni in esecuzione su una piattaforma possono anche utilizzare servizi in esecuzione su altre, come succede con i Web Services; questa caratteristica favorisce la riusabilità di software già presente. 8

10 L interoperabilità fra sistemi informatici Figura 1 1 : Possibile architettura di una SOA (fonte: Wikipedia) In Figura 1 sono mostrati i possibili elementi di una SOA; come si può vedere i servizi sono solo una parte della struttura. Rimane il fatto che i servizi sono il cardine delle SOA; in un servizio, non è importante come venga fatta la realizzazione delle funzionalità stesse (Business Logic e Data); è invece fondamentale che laparte di Contratto (Contract) e di Interfaccia (Interface) seguano le specifiche definite. Anche il Service Repository è una parte fondamentale, è infatti su questo elemento che i servizi della SOA vengono registrati per poi essere erogati, tramite l Application front-end, utilizzando il Service Bus, che può essere realizzato sia logicamente sia fisicamente. Figura 1 è una possibile implementazione di una SOA, non è infatti obbligatorio che l architettura contenga tutti gli elementi mostrati nella figura; allo stesso modo è possibile che altre implementazioniche contengano elementi non presenti in questa immagine. 1 9

11 L interoperabilità fra sistemi informatici Questo tipo di architettura è adeguato per una realtà complessa ed eterogenea, in termini informatici, come la Pubblica Amministrazione; per questo motivo tale modello viene ripreso sia dai progetti di interoperability in Europa che di cooperazione applicativa in Italia, con l obiettivo di sviluppare un framework per le Amministrazioni Locali e Centrali mediante il quale rendere disponibili i servizi. Utilizzando Architetture Orientate ai Servizi, infatti, la Pubblica Amministrazione che vuole pubblicare un servizio è responsabile di erogarlo in maniera conforme ai protocolli utilizzati nell architettura ma è del tutto padrona del servizio fornito e dunque può scegliere come erogarlo. 2.2 Il modello a Web Services Una tecnologia applicabile per implementare una architettura orientata ai servizi (SOA) è quella dei Web Services. Il W3C definisce un Web Service (servizio web) come un sistema software progettato per supportare l'interoperabilità tra diversi sistemi che cooperano su una stessa rete; una delle caratteristiche fondamentali di un Web Service è quella di esporre un'interfaccia software, che viene descritta secondo formati che possano essere gestiti automaticamente, ad esempio, il WSDL; utilizzando questa interfaccia i sistemi possono fruire delle prestazioni erogate dal Web Service effettuando chiamate alle operazioni descritte nell interfaccia tramite messaggi ad-hoc che vengono scambiati utilizzando la "busta" SOAP [46] [47]: tali messaggi sono, solitamente, trasportati tramite il protocollo HTTP e formattati secondo lo standard XML. È grazie al lavoro di standardizzazione in ambiente open (le specifiche dei protocolli di comunicazione utilizzati dai WS sono tutte di libero accesso e condivise), che viene 10

12 L interoperabilità fra sistemi informatici fatto da enti come consorzio OASIS (Organization for the Advancement of Structured Information Standards) ed il W3C (World Wide Web Consortium), che è possibile l interoperabilità di sistemi sviluppati in linguaggi differenti, come Java e Pyton, che lavorano su differenti piattaforme, come Linux e Windows. La pila protocollare dei Web Services è principalmente basata su: SOAP: protocollo secondo il quale vengono scambiati i dati tra i sistemi che partecipano ad una operazione di scambio di servizi utilizzando Web Services; UDDI [48]: protocollo utilizzato per elencare i servizi in un registro centrale e comune che permetta la ricerca; questo registro (registro UDDI) ha la funzionalità di permettere il reperimento dei servizi in maniera veloce; WSDL 2 : linguaggio descrittivo basato su XML utilizzato per descrivere l interfaccia dei Web Services. WS-Security [49]: protocollo che permette l'autenticazione degli utenti e la confidenzialità dei messaggi scambiati con l'interfaccia del Web Service. WS-Reliability [50]: specifiche basate su SOAP che soddisfano la richiesta di messaggi affidabili, richiesta critica per alcune delle applicazioni che utilizzano i Web Service come transazioni monetarie. 2 WSDL (acronimo di Web Services Description Language) è un linguaggio formale in formato XML utilizzato per la creazione di "documenti" per la descrizione di Web Service. Mediante WSDL può essere, infatti, descritta l'interfaccia pubblica di un Web Service ovvero creata una descrizione, basata su XML, di come interagire con un determinato servizio: un "documento" WSDL contiene infatti, relativamente al Web Service descritto, informazioni su: cosa può essere utilizzato (le "operazioni" messe a disposizione dal servizio); come utilizzarlo (il protocollo di comunicazione da utilizzare per accedere al servizio, il formato dei messaggi accettati in input e restituiti in output dal servizio ed i dati correlati) ovvero i "vincoli" (bindings in inglese) del servizio; dove utilizzare il servizio (cosiddetto endpoint del servizio che solitamente corrisponde all'indirizzo - in formato URI - che rende disponibile il Web Service). Le operazioni supportate dal Web Service ed i messaggi che è possibile scambiare con lo stesso sono descritti in maniera astratta e quindi collegati ad uno specifico protocollo di rete e ad uno specifico formato. Il WSDL è solitamente utilizzato in combinazione con SOAP e XML Schema per rendere disponibili Web Services su reti aziendali o su internet: un programma client può, infatti, "leggere" il documento WSDL relativo ad un Web Service per determinare quali siano le funzioni messe a disposizione sul server e quindi utilizzare il protocollo SOAP per utilizzare una o più delle funzioni elencate dal WSDL. La versione 1.1 di WSDL non è stata adottata come standard dal World Wide Web Consortium (W3C), ma l'11 maggio 2005 è stata rilasciata la "bozza" della versione 2.0 che sarà invece adottata come standard ufficiale (in forma di "raccomandazione") dal W3C [45]. 11

13 L interoperabilità fra sistemi informatici Semplicemente facendo riferimento alle interfacce esposte, ed utilizzando le funzioni che sono in grado di effettuare i servizi, sistemi sviluppati in maniera differente e con differenti scopi possono cooperare e scambiarsi informazioni. I Web Services sono applicabili sia la caso di piccole reti locali che al caso più generale ed eterogeneo che può essere internet. La funzionalità più innovativa dei Web Services e più in generale delle SOA è la possibilità di creare sistemi che cooperino in maniera completamente disaccoppiata; infatti, l interfaccia standard esposta dal Web Service rende possibile al sistema utente di fruire i servizi senza conoscere le procedure che vengono svolte nel lato del sistema erogatore. Altra caratteristica innovativa dei Web Services è quella di permettere di modificare le applicazioni che erogano i servizi in maniera del tutto "trasparente" all'interfaccia esposta; questo significa che mantenendo stabile l interfaccia, il programma, o più in generale il sistema erogatore, può cambiare senza creare problemi all interoperabilità tra i sistemi che cooperano. La flessibilità data dalla possibilità di disaccoppiare il Web Service dalla logica applicativa che effettivamente fornisce la prestazione consente la creazione di sistemi software complessi costituiti da componenti svincolati l'uno dall'altro ed una forte riusabilità di codice ed applicazioni già sviluppate. L interazione fra i Web Services avviene sulla base del paradigma find-bind-execute. 12

14 L interoperabilità fra sistemi informatici Figura 2: Paradigma Find-Bind-Execute In Figura 2 è mostrato uno schema di come funzioni questo paradigma articolato in tre fasi: 1. find: dove il servizio viene ricercato sui sistemi di registro, tipicamente i registri UDDI nel caso dei Web Services; 2. bind: dove il client si collega al sistema server del servizio che vuole eseguire; 3. execute: dove il client accede al Web Service eseguendo le procedure fornite dal sistema server. 2.3 La cooperazione applicativa: approcci ed esperienze Numerose iniziative sono state avviate nei paese dell Unione Europea in tema di interoperability: l Inghilterra, per esempio, sta sviluppando e-gif (e-government Interoperability Framework), un framewok per l interoperabilità tra le amministrazioni pubbliche tramite l uso di Servizi Web; la Germania sta implementando il sistema 13

15 L interoperabilità fra sistemi informatici SAGA (Standards und Architekturen für E-Government); sistema modellato con un architettura del tipo SOA riportata nella prossima figura. Figura 3: Architettura del Sistema SAGA [21] Anche paesi relativamente meno sviluppati sono attivi in questo settore e stanno presentando i propri modelli di interoperability: l Ungheria ne è un esempio; il suo sistema di interoperability prende il nome di MEKIK (Hungarian Electronic Public Administration Interoperability Framework) ed è un adattamento del sistema di tedesco alla realtà ungherese. Un progetto di rilevanza europea è IDABC (Interoperable Delivery of Pan-European e- Government Services to Public Administrations, Business and Citizens), nato con l obiettivo di definire un modello per l interoperabilità transnazionale fra i Paesi membri dell UE. Maggiore dettagli su IDABC sono riportati in Appendice1. 14

16 L interoperabilità fra sistemi informatici Nel nostro paese il modello per l interoperabilità fra i sistemi informatici della PA è definito dal SPCoop (Sistema Pubblico di Cooperazione), parte del progetto SPC (Sistema Pubblico di Connettività e Cooperazione), istituito dal Governo con il D.lvo n. 42 del 28 febbraio 2005 [1] poi confluito nel CAD [2] e sviluppato dal CNIPA. Il Sistema Pubblico di Cooperazione si caratterizza per l approccio a 360 gradi che ha riguardato sia gli aspetti normativi che tecnici ed organizzativi, curando particolarmente la condivisione del metodo e dei risultati fra tutti gli interlocutori coinvolti, amministrazioni centrali e locali ed operatori del settore ICT. 15

17 SPC: il Sistema Pubblico di Connettività e Cooperazione 3. SPC: il Sistema Pubblico di Connettività e Cooperazione Le amministrazioni pubbliche italiane interagiranno in rete attraverso il Sistema Pubblico di Connettività e Cooperazione, costituito da due livelli di servizi infrastrutturali: il Sistema Pubblico di Connettività, che ha come obbiettivo quello di fornire una infrastruttura di rete affidabile e sicura (cfr 3.1); il Sistema Pubblico di Cooperazione, il cui scopo è quello di fornire un framework per l iteroperabilità fra servizi applicativi (cfr. 3.2). Nella prossima figura (Figura 4) viene mostrata l architettura del Sistema Pubblico di Connettività e Cooperazione; si può vedere come il SPCoop si appoggi sui servizi offerti dallo strato di Connettività. Amministrazioni pubbliche Servizi applicativi S P C SP Cooperazione SP Connettività Messaggi Pacchetti Figura 4: Pila SPC 16

18 SPC: il Sistema Pubblico di Connettività e Cooperazione 3.1 Il Sistema Pubblico di Connettività La legge n. 59 del 15 marzo 1997 ha provveduto a colmare la lacuna di un unica rete, omogenea per qualità sicurezza e costi che aveva caratterizzato le Pubbliche Amministrazioni fino agli anni novanta; infatti, precedentemente a questa norma, non esisteva un organismo che operasse armonicamente nel contesto delle comunicazioni ma si era proceduto individualmente sulla base delle differenti esigenze che si erano presentate nel corso degli anni, dando vita ad una pluralità di reti dati non dialoganti tra loro. Questa rete unitaria ha rappresentato per le Amministrazioni Centrali la piattaforma di sviluppo delle applicazioni. Le precedenti reti delle Amministrazioni, realizzate con CDN e accessi X.25, si sono evolute in reti IP favorendo l utilizzo della posta elettronica e del web. Attualmente si sta convertendo in un sistema più moderno, denominato Sistema Pubblico di Connettività, la Rete unitaria della Pubblica Amministrazione (RUPA) che collegava la quasi totalità delle sedi delle Pubbliche Amministrazioni centrali. Tale sistema utilizza tecnologie e protocolli attuali. I principali obiettivi del Sistema Pubblico di Connettività sono: fornire un insieme di servizi di connettività condivisi dagli Enti interconnessi, definiti negli aspetti di omogeneità, qualità e sicurezza, ampiamente graduabili in maniera tale da poter essere ritagliati al meglio sulle esigenze delle diverse amministrazioni. Garantire inoltre l interazione della pubblica amministrazione centrale e locale con tutti gli altri soggetti connessi ad Internet, nonché con le reti di altri Enti che debbano interagire con la P.A., facilitando l erogazione di servizi di qualità 17

19 SPC: il Sistema Pubblico di Connettività e Cooperazione e la fruibilità degli stessi da parte dei cittadini e delle imprese. Tale operazione non potrà prescindere, in fase di qualificazione anche da requisiti circa la connettività degli ISP verso i NAP commerciali. Questi ultimi non dovranno costituire un collo di bottiglia per la fruizione dei servizi esposti dalle Amministrazioni da parte dei cittadini. Fornire un infrastruttura condivisa di interscambio che consenta l interoperabilità tra tutte le reti delle Pubbliche Amministrazioni oggi esistenti, favorendone lo sviluppo omogeneo su tutto il territorio, salvaguardando gli investimenti effettuati. Fornire, alle Amministrazioni che ne faranno richiesta, servizi telematici (connettività e applicazioni) per permettere l interconnessione delle proprie sedi e realizzare così anche l infrastruttura interna di comunicazione (dominio dell Amministrazione). Realizzare un modello di provisioning dei servizi multifornitore coerente con l attuale situazione di mercato e le dimensioni del progetto stesso. Realizzare un sistema che, ancorché si basi sull utilizzo dei paradigmi tipici di Internet, permetta la definizione di flussi di traffico con caratteristiche di disponibilità e prestazioni garantite tra soggetti serviti da operatori qualificati diversi. Garantire, tramite il mantenimento di un sistema di raccolta dei dati di prestazioni e disponibilità, uno strumento di valutazione indipendente della qualità dei servizi offerti dai provider qualificati Implementare opportune misure di sicurezza atte a garantire una adeguata continuità dei propri servizi, in quanto l indisponibilità degli stessi potrebbe causare disservizi anche di grande impatto sui processi G2G e quindi sui servizi erogati ai cittadini. 3 3 Sistema Pubblico di Connettività: scenario introduttivo, emesso dal Gruppo di Lavoro SPC, p. 9 18

20 SPC: il Sistema Pubblico di Connettività e Cooperazione Poiché il Sistema Pubblico di Connettività costituisce l ossatura di rete del sistema di interconnessione italiana il suo sviluppo risulta prioritario rispetto a quello rispetto a quello dei servizi tra i soggetti interoperanti. Il Sistema Pubblico di Connettività permette di attivare lo scambio di servizi fra soggetti pubblici in una logica Government to Government (G2G), mentre la contemporanea interconnessione ad Internet garantisce la fruibilità dei servizi stessi da parte dei cittadini e delle imprese in una logica di Government to Citizen (G2C). La possibilità di sviluppare servizi fra le diverse Pubbliche Amministrazioni, in una logica di G2G, permette di ottenere maggior efficienza nei procedimenti interamministrazioni e di raggiungere l obiettivo di presentare le diverse pubbliche amministrazioni al cittadino e all impresa, in modo unitario. In tale ottica questo strumento potrà permettere un erogazione di servizi secondo modalità diverse di integrazione, che realizzano una maggiore sinergia, utilizzando diversi strumenti di accesso tra i quali i Portali nazionali e locali della Pubblica Amministrazione. Il Sistema Pubblico di Connettività è da intendersi quindi anche come una infrastruttura abilitante per lo sviluppo di applicazioni cooperative fra PA Centrali, fra PA Locali, fra PA Centrali e Locali, fra PA e Imprese/Cittadini. In Figura 5 si può vedere schematizzata l architettura della Qualified exchange Network del Sistema Pubblico di Connettività. 19

21 SPC: il Sistema Pubblico di Connettività e Cooperazione Figura 5 4 : Esempio di una QXN del Sistema Pubblico di Connetività Per soddisfare alcuni degli obiettivi del Sistema Pubblico di Connettività il QXN dovrà poter supportare diverse tipologie di traffico tra le PA e, in particolare, anche il traffico tra i cittadini e le PA afferenti ai diversi ISP qualificati. Sarà possibile lo scambio sicuro di dati internamente e tra le Amministrazioni, utilizzando sistemi crittografici per realizzare reti private virtuali (VPN); le VPN verranno utilizzate solo in caso di necessità, e comunque la scelta sull utilizzo resta prerogativa delle singole Amministrazioni. Per quanto riguarda le infrastrutture, l obiettivo condiviso dalle reti regionali è quello di portare a sistema nell ambito di strategie di livello provinciale e regionale tutte le opportunità presenti nei territori, lasciando alle singole Amministrazioni la libertà di stipulare contratti diversi a seconda delle opportunità che possono trovare sui propri 4 Sistema Pubblico di Connettività: scenario introduttivo, emesso dal Gruppo di Lavoro SPC, p

22 SPC: il Sistema Pubblico di Connettività e Cooperazione territori, con la priorità di garantire l uniformità di adeguati livelli di servizio e modalità di interconnessione indipendentemente dalla densità di popolazione. L altra parte del SPC è il progetto SPCoop (Sistema Pubblico di Cooperazione); progetto che si occupa di curare lo sviluppo della cooperazione applicativa. Il CNIPA, con i rappresentanti di Amministrazioni centrali e locali, e delle Associazioni dei fornitori, ha redatto un insieme di documenti che delineano un quadro tecnico-implementativo del sistema Il Sistema Pubblico di Cooperazione (SPCoop) Negli ultimi anni l Italia sta operando verso un decentramento amministrativo delle competenze secondo le nuove forme di federalismo con più efficienti modelli di Pubblica Amministrazione che hanno come riferimento il sistema delle regioni e delle autonomie locali e da questa tendenza emerge il problema di come organizzare la cooperazione tra le amministrazioni che devono condividere le risorse ed i servizi. Ciò è tanto più pressante alla luce del dettato della legge 241/90 art. 14 e 18 - (concetto ripreso anche negli art. 5 e 7 del D.Lgs. SPC 42/2005), secondo cui, la PA ha il dovere di farsi carico (attraverso la conferenza dei servizi telematici, la riorganizzazione dei processi e l integrazione telematica dei back-office) dell integrazione dei procedimenti delle diverse amministrazioni interessate al processo interamministrativo che riguarda una qualsiasi istanza di un cittadino o un impresa. Si realizza così un servizio caratterizzato come multi-ente, che nasce della cooperazione delle varie Amministrazioni le quali concorrono, ognuna per la sua parte di competenza nell ambito del processo, a comporre il procedimento che porta all erogazione del servizio richiesto dall utente finale. 5 rielaborazione delle parti ritenute interessanti del documento Sistema Pubblico di Connettività: scenario introduttivo, emesso dal Gruppo di Lavoro SPC [4]. 21

23 SPC: il Sistema Pubblico di Connettività e Cooperazione La progettazione e lo sviluppo del Sistema Pubblico di Cooperazione in CNIPA prendono il nome di SPCoop. SPCoop è un progetto che fa parte dell area d interesse del progetto SPC. Un infrastruttura così complessa ed articolata può mantenere ed accrescere nel tempo il consenso solo se da un lato viene supportato a livello organizzativo e politico e dall altro viene mantenuto un approccio analitico in grado di coinvolgere il mercato ed il mondo della ricerca. Entrambi questi aspetti devono essere tenuti in considerazione. In tale direzione si colloca la collaborazione con l università di Roma Tor Vergata così come anche in altri ambiti a livello regionale. Queste collaborazioni saranno utili al fine di mantenere attiva l attenzione sul tema della cooperazione applicativa ed a creare in tal modo una connessione tra diversi soggetti del mondo della ricerca e delle amministrazioni al fine sia di accrescere la sensibilità per quanto riguarda le applicazioni dei concetti relativi ai sistemi distribuiti che per la creazione di comunità e grouppi di interesse su aluni dei temi specifici. Il Sistema Pubblico di Connettività e Cooperazione che si sta realizzando permetterà di vedere tutti i servizi di ogni Amministrazione Pubblica sia centrale che locale in maniera integrata ed indipendente dal canale di erogazione. Per questo è stato necessario definire un modello comune di interazione on-line tale da valorizzare la specificità di ogni erogatore di servizi così che possa assicurare allo stesso tempo uniformità di interazione e certezza nell identificazione dell erogatore e del fruitore, o allo stesso modo degli attori dell interazione. Essendo già presenti a livello nazionale molteplici soluzioni architetturali per la Cooperazione Applicativa è emersa la necessità di individuare una soluzione infrastrutturale unica che da un lato tendesse a preservare l autonomia delle scelte delle amministrazioni e, dall altro, consentisse ai diversi sistemi di interoperare fra loro per erogare servizi integrati agli utenti. 22

Proposta di un architettura modulare per lo sviluppo della Porta di Dominio SPCoop

Proposta di un architettura modulare per lo sviluppo della Porta di Dominio SPCoop Università degli studi di Roma Tor Vergata Facoltà di Ingegneria Laurea specialistica in Ingegneria Informatica Proposta di un architettura modulare per lo sviluppo della Porta di Dominio SPCoop Relatore:

Dettagli

Accordi. Tecnologie di cooperazione. Cooperazione fra Amministrazioni

Accordi. Tecnologie di cooperazione. Cooperazione fra Amministrazioni Alcune considerazioni nell ambito di un sistema di cooperazione informatico che preveda lo scambio di dati tra due o più organizzazioni. Quando parliamo di un sistema di cooperazione informatico ci riferiamo

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Prospetto Informativo on-line Standard tecnici del sistema informativo per l invio telematico del Prospetto Informativo Documento: UNIPI.StandardTecnici Revisione

Dettagli

Architettura SPC e porta di dominio per le PA

Architettura SPC e porta di dominio per le PA Libro bianco sulla SOA v.1.0 Allegato 2_1 Architettura SPC e porta di dominio per le PA vs 02 marzo 2008 Gruppo di Lavoro SOA del ClubTI di Milano Premessa L architettura SPC e la relativa porta di dominio

Dettagli

La sicurezza nel Sistema Pubblico di Connettività Prima parte

La sicurezza nel Sistema Pubblico di Connettività Prima parte La sicurezza nel Sistema Pubblico di Connettività Prima parte Ing. Gianfranco Pontevolpe Responsabile Ufficio Tecnologie per la sicurezza Centro Nazionale per l Informatica nella Pubblica Amministrazione

Dettagli

QUADRO TECNICO D INSIEME

QUADRO TECNICO D INSIEME Sistema Pubblico di Connettività e Cooperazione Sistema pubblico di cooperazione: QUADRO TECNICO D INSIEME Versione 1.0 INDICE 1. MODIFICHE DOCUMENTO...3 2. OBIETTIVI E CONTESTO DI RIFERIMENTO... 4 2.1.

Dettagli

ALLEGATO C STANDARD TECNICI DELLA BORSA CONTINUA NAZIONALE DEL LAVORO

ALLEGATO C STANDARD TECNICI DELLA BORSA CONTINUA NAZIONALE DEL LAVORO ALLEGATO C STANDARD TECNICI DELLA BORSA CONTINUA NAZIONALE DEL LAVORO Standard tecnici Gli standard tecnici di riferimento adottati sono conformi alle specifiche e alle raccomandazioni emanate dai principali

Dettagli

Architettura Tecnica i. Architettura Tecnica

Architettura Tecnica i. Architettura Tecnica i Architettura Tecnica ii Copyright 2005-2011 Link.it s.r.l. iii Indice 1 Scopo del documento 1 1.1 Abbreviazioni..................................................... 1 2 Overview 1 2.1 La PdD........................................................

Dettagli

MCloud.Gov l infrastruttura SaaS per la Pubblica Amministrazione locale

MCloud.Gov l infrastruttura SaaS per la Pubblica Amministrazione locale MCloud.Gov l infrastruttura SaaS per la Pubblica Amministrazione locale 1. Livello infrastrutturale Il Cloud, inteso come un ampio insieme di risorse e servizi fruibili da Internet che possono essere dinamicamente

Dettagli

Appendice D. D. Web Services

Appendice D. D. Web Services D. D.1 : cosa sono I cosiddetti sono diventati uno degli argomenti più attuali nel panorama dello sviluppo in ambiente Internet. Posti al centro delle più recenti strategie di aziende del calibro di IBM,

Dettagli

Il modello di gestione delle identità digitali in SPCoop

Il modello di gestione delle identità digitali in SPCoop Il modello di gestione delle identità digitali in SPCoop Francesco Tortorelli Il quadro normativo e regolatorio di riferimento 2 Il codice dell amministrazione digitale (CAD) CAD Servizi Access di services

Dettagli

CONVENZIONI DI NOMENCLATURA E SEMANTICA

CONVENZIONI DI NOMENCLATURA E SEMANTICA Sistema pubblico di cooperazione: CONVENZIONI DI NOMENCLATURA E SEMANTICA Versione 1.1 INDICE 1. MODIFICHE DOCUMENTO...3 2. OBIETTIVI E CONTESTO DI RIFERIMENTO... 4 2.1. Scopi del documento... 5 2.2. Note

Dettagli

Progetto interregionale ICAR Interoperabilità e Cooperazione Applicativa tra le Regioni.

Progetto interregionale ICAR Interoperabilità e Cooperazione Applicativa tra le Regioni. <Task AP3> Progetto interregionale ICAR Interoperabilità e Cooperazione Applicativa tra le Regioni AP3-Documento Descrittivo degli Accordi di Servizio Versione AP3-specificaADSv1.2.1.doc Pag. 1

Dettagli

COME FARE PER. ARMONIZZARE IL SITO COL SISTEMA DI GESTIONE DOCUMENTALE DELL ENTE

COME FARE PER. ARMONIZZARE IL SITO COL SISTEMA DI GESTIONE DOCUMENTALE DELL ENTE COME FARE PER. ARMONIZZARE IL SITO COL SISTEMA DI GESTIONE DOCUMENTALE DELL ENTE Flavia Marzano marzano@cibernet.it 10/05/2004 ARPA Club Forum PA 2004 Contenuti Cenni normativi Sistema di gestione documentale:

Dettagli

Sicurezza nei Web Services: Migrazione dell autenticazone di Web Services da ticket di sessione a WS-Security con token SAML

Sicurezza nei Web Services: Migrazione dell autenticazone di Web Services da ticket di sessione a WS-Security con token SAML Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Sicurezza nei Web Services: Migrazione dell autenticazone di Web Services da ticket di sessione a WS-Security

Dettagli

L impatto del d. CAD e dell innovazione l innovazione tecnologica sull organizzazione dei procedimenti amministrativi. Bari, 3 luglio 2012

L impatto del d. CAD e dell innovazione l innovazione tecnologica sull organizzazione dei procedimenti amministrativi. Bari, 3 luglio 2012 L impatto del d CAD e dell innovazione l innovazione tecnologica sull organizzazione dei procedimenti amministrativi. Bari, 3 luglio 2012 Giovanni Damiano Agenda LA PA VISTA DALL UTENTE LE LEVE DEL CAMBIAMENTO

Dettagli

Obiettivi ed architettura del SPC

Obiettivi ed architettura del SPC Obiettivi ed architettura del SPC Marco Martini Componente CNIPA Roma 19 marzo 2007 1 Agenda Obiettivi del SPC Il quadro normativo del SPC L organizzazione del progetto L architettura tecnica del SPC Connettività

Dettagli

REGIONE BASILICATA DIPARTIMENTO INFRASTRUTTURE, OO.PP. E MOBILITA

REGIONE BASILICATA DIPARTIMENTO INFRASTRUTTURE, OO.PP. E MOBILITA REGIONE BASILICATA DIPARTIMENTO INFRASTRUTTURE, OO.PP. E MOBILITA Ufficio Difesa del Suolo di Potenza INTEROPERABILITÀ E COOPERAZIONE APPLICATIVA Informatizzazione dell iter procedurale e dei controlli

Dettagli

La sicurezza nel Sistema Pubblico di Connettività

La sicurezza nel Sistema Pubblico di Connettività La sicurezza nel Sistema Pubblico di Connettività Ing. Gianfranco Pontevolpe Responsabile Ufficio Tecnologie per la sicurezza Centro Nazionale per l Informatica nella Pubblica Amministrazione Sistema pubblico

Dettagli

SPCOOP E I PROGETTI DI COOPERAZIONE INTERREGIONALE

SPCOOP E I PROGETTI DI COOPERAZIONE INTERREGIONALE SPCOOP E I PROGETTI DI COOPERAZIONE INTERREGIONALE EGIDIO PICERNO POTENZA 9 LUGLIO 2010 Interoperabiltà è la capacità di due o più sistemi informativi di scambiarsi informazioni e di attivare, a suddetto

Dettagli

l identità digitale federata nel progetto ICAR

l identità digitale federata nel progetto ICAR l identità digitale federata nel progetto ICAR Francesco Meschia Roma, 16 febbraio 2006 agenda generalità sul progetto ICAR e sul task INF-3 situazione e problemi dell identità digitale in Italia l approccio

Dettagli

Visione Generale. Versione 1.0 del 25/08/2009

Visione Generale. Versione 1.0 del 25/08/2009 Visione Generale Versione 1.0 del 25/08/2009 Sommario 1 Premessa... 4 2 Le componenti applicative... 6 2.1 Porta di dominio... 7 2.2 Infrastrutture per la cooperazione... 9 2.2.1 Registro degli Accordi

Dettagli

LE TECNOLOGIE PER IL CAMBIAMENTO 2

LE TECNOLOGIE PER IL CAMBIAMENTO 2 LE TECNOLOGIE PER IL CAMBIAMENTO 2 CITTADINANZA DIGITALE: GLI STRUMENTI La cooperazione applicativa - ICAR Andrea Nicolini PM ICAR - CISIS Roma, 1 ottobre 2010 Agenda E-gov in Italia negli ultimi 10 anni

Dettagli

Qualificazione della Porta di Dominio con il concorso degli Enti Regionali

Qualificazione della Porta di Dominio con il concorso degli Enti Regionali Qualificazione della Porta di Dominio con il concorso degli Versione 1.1 INDICE 1. PREFAZIONE... 3 1.1. Autori... 3 1.2. Modifiche Documento... 3 1.3. Riferimenti... 4 1.4. Acronimi e Definizioni... 4

Dettagli

Allegato Tecnico IcarER

Allegato Tecnico IcarER Allegato Tecnico IcarER Nota di lettura 1 Descrizione del Servizio 1.1 Definizioni e Acronimi 1.2 Descrizione generale 1.2.1 Accordo di servizio 1.3 Descrizione dei servizi offerti 1.3.1 Gestione in service

Dettagli

Registro SPICCA Architettura del Software

Registro SPICCA Architettura del Software Registro SPICCA Architettura del Software Versione 1.0 del 25/08/2009 Sommario 1 Introduzione... 4 1.1 Scopo... 4 1.2 Obiettivo... 4 1.3 Riferimenti... 4 1.4 Panoramica del documento... 4 2 Rappresentazione

Dettagli

OpenSPCoop Un Implementazione Open Source della specifica SPCoop di Cooperazione Applicativa

OpenSPCoop Un Implementazione Open Source della specifica SPCoop di Cooperazione Applicativa OpenSPCoop Un Implementazione Open Source della specifica SPCoop di Cooperazione Applicativa Tito Flagella tito@link.it http://openspcoop.org La Cooperazione Applicativa Regolamentazione delle modalità

Dettagli

Governance e linee guida tecnicoorganizzative

Governance e linee guida tecnicoorganizzative Allegato 1 Servizio Governance e linee guida tecnicoorganizzative del sistema ICAR-ER INDICE 1. Introduzione 3 1.1 Definizione e Acronimi 3 1.2 Scopo del documento 4 1.3 Destinatari 4 2. Il Sistema ICAR-ER

Dettagli

POR Calabria FSE 2007/2013 Asse II Occupabilità Obiettivo operativo D1

POR Calabria FSE 2007/2013 Asse II Occupabilità Obiettivo operativo D1 Allegato n. 2 al Capitolato speciale d appalto. ENTE PUBBLICO ECONOMICO STRUMENTALE DELLA REGIONE CALABRIA POR Calabria FSE 2007/2013 Asse II Occupabilità Obiettivo operativo D1 Procedura aperta sotto

Dettagli

@CCEDO: Accessibilità, Sicurezza, Architettura

@CCEDO: Accessibilità, Sicurezza, Architettura Rev. 8, agg. Settembre 2014 @CCEDO: Accessibilità, Sicurezza, Architettura 1.1 Il Sistema di Gestione della Sicurezza Per quanto riguarda la gestione della Sicurezza, @ccedo è dotato di un sistema di autenticazione

Dettagli

Centro Nazionale per l Informatica nella Pubblica Amministrazione

Centro Nazionale per l Informatica nella Pubblica Amministrazione Centro Nazionale per l Informatica nella Pubblica Amministrazione Procedura ristretta n. 2/2006 per l affidamento della progettazione, realizzazione e gestione di componenti di cooperazione applicativa,

Dettagli

Guida Utente della PddConsole. Guida Utente della PddConsole

Guida Utente della PddConsole. Guida Utente della PddConsole Guida Utente della PddConsole i Guida Utente della PddConsole Guida Utente della PddConsole ii Copyright 2005-2015 Link.it srl Guida Utente della PddConsole iii Indice 1 Introduzione 1 2 I protocolli di

Dettagli

Guida Utente della PddConsole. Guida Utente della PddConsole

Guida Utente della PddConsole. Guida Utente della PddConsole Guida Utente della PddConsole i Guida Utente della PddConsole Guida Utente della PddConsole ii Copyright 2005-2014 Link.it srl Guida Utente della PddConsole iii Indice 1 Introduzione 1 2 I protocolli di

Dettagli

Introduzione alla Cooperazione applicativa in Campania

Introduzione alla Cooperazione applicativa in Campania Introduzione alla Cooperazione applicativa in Campania Cos è SPICCA è una infrastruttura costituita dall insieme di risorse hardware e componenti applicative, rappresenta la piattaforma per la realizzazione

Dettagli

Interoperabilità e cooperazione applicativa tra sistemi informativi

Interoperabilità e cooperazione applicativa tra sistemi informativi Interoperabilità e cooperazione applicativa tra sistemi informativi Michele Ruta Dipartimento di Ingegneria Elettrica e dell Informazione Politecnico di Bari 1di 29 Indice Introduzione ai Port Community

Dettagli

Eclipse Day 2010 in Rome

Eclipse Day 2010 in Rome Le infrastrutture open source per la cooperazione applicativa nella pubblica amministrazione: l'esperienza in Regione del Veneto Dirigente del Servizio Progettazione e Sviluppo Direzione Sistema Informatico

Dettagli

Portale regionale della Salute. Servizi di prenotazione prestazione e pagamento ticket.

Portale regionale della Salute. Servizi di prenotazione prestazione e pagamento ticket. Portale regionale della Salute Servizi di prenotazione prestazione e pagamento ticket. Specifiche di integrazione dei servizi di cooperazione applicativa e dei web services. Versione 1.10 16 Ottobre 2013

Dettagli

La Gestione degli Accordi di Cooperazione nel progetto OpenSPCoop

La Gestione degli Accordi di Cooperazione nel progetto OpenSPCoop Università degli Studi di Pisa Facoltà di Scienze Matematiche Fisiche e Naturali Dipartimento di Informatica TESI DI LAUREA La Gestione degli Accordi di Cooperazione nel progetto OpenSPCoop Relatori prof.

Dettagli

CeBAS. Centrale Bandi e Avvisi Pubblici Regionali (DGR n. 1556 del 11.09.2009)

CeBAS. Centrale Bandi e Avvisi Pubblici Regionali (DGR n. 1556 del 11.09.2009) CeBAS Centrale Bandi e Avvisi Pubblici Regionali (DGR n. 1556 del 11.09.2009) Introduzione Il progetto CEBAS: la finalità è di migliorare l efficienza operativa interna dell Ente rispondere alle aspettative

Dettagli

Presentazione di Cedac Software

Presentazione di Cedac Software Agenda Presentazione di Cedac Software SOA ed ESB Analisi di un caso studio Esempi Q&A Presentazione di Cedac Software 1 2 Presentazione di Cedac Software S.r.l. Divisione Software Azienda nata nel 1994

Dettagli

Modello dell Infrastruttura per il Fascicolo Sanitario Elettronico (InfFSE) Progetto: Infrastruttura tecnologica del Fascicolo Sanitario Elettronico

Modello dell Infrastruttura per il Fascicolo Sanitario Elettronico (InfFSE) Progetto: Infrastruttura tecnologica del Fascicolo Sanitario Elettronico Dipartimento per la digitalizzazione della PA e l innovazione Consiglio Nazionale delle Ricerche Dipartimento delle Tecnologie dell Informazione e delle Comunicazioni Modello dell Infrastruttura per il

Dettagli

Un caso concreto di dematerializzazione e semplificazione dei processi inter -amministrazioni: la gestione dei contratti dei docenti

Un caso concreto di dematerializzazione e semplificazione dei processi inter -amministrazioni: la gestione dei contratti dei docenti FORUMPA 2008 13 maggio 2008 Un caso concreto di dematerializzazione e semplificazione dei processi inter -amministrazioni: la gestione dei contratti dei docenti Modello applicativo e tecnologico dott.ssa

Dettagli

Accordo di servizio. Uno stralcio di Accordo di Servizio ad evidenziare l utilizzo di XML:

Accordo di servizio. Uno stralcio di Accordo di Servizio ad evidenziare l utilizzo di XML: Accordo di servizio Insieme delle definizioni, delle funzionalità, delle interfacce, dei requisiti di sicurezza e di qualità di uno o più servizi applicativi che vengono scambiati tra due amministrazioni

Dettagli

Quali sono le tecnologie che l ente ha a disposizione e quelle predisposte ad essere implementate in un prossimo futuro.

Quali sono le tecnologie che l ente ha a disposizione e quelle predisposte ad essere implementate in un prossimo futuro. Esercizio di GRUPPO: PROTOCOLLO INFORMATICO Mappa concettuale TECNOLOGIE DISPONIBILI Quali sono le tecnologie che l ente ha a disposizione e quelle predisposte ad essere implementate in un prossimo futuro.

Dettagli

Il Sistema Pubblico di connettività

Il Sistema Pubblico di connettività Il Sistema Pubblico di Connettività (SPC): i consuntivi del primo periodo di attività Il Sistema Pubblico di connettività I cittadini e le imprese richiedono alla Pubblica Amministrazione di presentarsi

Dettagli

Seminario di Sistemi Distribuiti: RPC su SOAP

Seminario di Sistemi Distribuiti: RPC su SOAP Corso di Sistemi Distribuiti Prof. S. Balsamo Seminario di Sistemi Distribuiti: RPC su SOAP [ 777775] 1 INTRODUZIONE 3 2 RPC 3 3 SOAP (SIMPLE OBJECT ACCESS PROTOCOL) 3 4 UTILIZZO DI SOAP COME PROTOCOLLO

Dettagli

Guida alla realizzazione della cooperazione applicativa in SPICCA

Guida alla realizzazione della cooperazione applicativa in SPICCA Versione 1.0 del 25/08/2009 Sommario 1 Premessa... 4 2 Modello logico/architetturale di riferimento... 9 3 Precondizioni all implementazione di un SID su CA... 11 3.1 Strutture interne della Regione Campania...

Dettagli

EGOVERNMENT ED EGOVERNANCE

EGOVERNMENT ED EGOVERNANCE Prot. 13/2011 del 25/01/2011 Pag. 0 di 11 ADMINISTRA COMUNE DI NAPOLI Il progetto Administra nasce dall esigenza del Comune di Napoli di disporre di un unica infrastruttura tecnologica permanente di servizi

Dettagli

UNA POLITICA PER LA SANITÀ ELETTRONICA

UNA POLITICA PER LA SANITÀ ELETTRONICA Ministro per l innovazione e le tecnologie Tavolo Permanente Sanità Elettronica delle Regioni e delle Province Autonome UNA POLITICA PER LA SANITÀ ELETTRONICA Per un migliore e più efficiente Sistema Sanitario

Dettagli

La «Community Network dell Umbria» (CN-Umbria)

La «Community Network dell Umbria» (CN-Umbria) La «Community Network dell Umbria» (CN-Umbria) Un opportunità per gli Enti territoriali della Regione Umbria 1 La riforma della Pubblica Amministrazione La trasformazione dei processi della PA: Le riforme

Dettagli

Regione Umbria. Sessione tematica V: Standardizzazione ed armonizzazione interistituzionale delle informazioni. www.umbriageo.regione.umbria.

Regione Umbria. Sessione tematica V: Standardizzazione ed armonizzazione interistituzionale delle informazioni. www.umbriageo.regione.umbria. DIREZIONE AMBIENTE TERRITORIO E INFRASTRUTTURE Servizio Informatico/Informativo: geografico ambientale e territoriale Sessione tematica V: Standardizzazione ed armonizzazione interistituzionale delle informazioni

Dettagli

Architettura SW Definizione e Notazioni

Architettura SW Definizione e Notazioni Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica Corso di Ingegneria del Software A. A. 2008 - Stili Architetturali E. TINELLI Architettura SW Definizione e Notazioni Definizione ANSI/IEEE Std Std1471-2000

Dettagli

Allegato 1 CIG 58703795FF PROCEDURA DI AFFIDAMENTO PER LA FORNITURA DI UNA PIATTAFORMA PER SERVICE MASHUP AND DELIVERY CAPITOLATO TECNICO

Allegato 1 CIG 58703795FF PROCEDURA DI AFFIDAMENTO PER LA FORNITURA DI UNA PIATTAFORMA PER SERVICE MASHUP AND DELIVERY CAPITOLATO TECNICO PROCEDURA DI AFFIDAMENTO PER LA FORNITURA DI UNA PIATTAFORMA PER SERVICE MASHUP AND DELIVERY CAPITOLATO TECNICO SOMMARIO 1 Oggetto della Fornitura... 3 2 Composizione della Fornitura... 3 2.1 Piattaforma

Dettagli

Guida Utente della PddConsole. Guida Utente della PddConsole

Guida Utente della PddConsole. Guida Utente della PddConsole Guida Utente della PddConsole i Guida Utente della PddConsole Guida Utente della PddConsole ii Copyright 2005-2014 Link.it srl Guida Utente della PddConsole iii Indice 1 Introduzione 1 2 Prerequisiti per

Dettagli

1 Vincenzo de Stefano SAP e Servizi Web http://desvino.altervista.org

1 Vincenzo de Stefano SAP e Servizi Web http://desvino.altervista.org 1 Vincenzo de Stefano SAP e Servizi Web http://desvino.altervista.org Prefazione. Da Hello World a Hello World Wide Web. Hello World è la prima frase stampata a video dal primo programma di esempio scritto

Dettagli

Manuale di Integrazione IdM-RAS

Manuale di Integrazione IdM-RAS IdM-RAS Data: 30/11/09 File: Manuale di integrazione IdM-RAS.doc Versione: Redazione: Sardegna IT IdM-RAS Sommario 1 Introduzione... 3 2 Architettura del sistema... 4 2.1 Service Provider... 4 2.2 Local

Dettagli

Architettura e componenti per la cooperazione applicativa nella Pubblica Amministrazione. White Paper Oracle Novembre 2002

Architettura e componenti per la cooperazione applicativa nella Pubblica Amministrazione. White Paper Oracle Novembre 2002 Architettura e componenti per la cooperazione applicativa nella Pubblica Amministrazione White Paper Oracle Novembre 2002 Architettura e componenti Oracle per la cooperazione applicativa nella Pubblica

Dettagli

Manuale tecnico. Indice. Versione 1.0 del 09/03/2015. Pagina 2 di 42

Manuale tecnico. Indice. Versione 1.0 del 09/03/2015. Pagina 2 di 42 S-MIP-MRGD-K3-15001 Regole tecniche per l accesso al servizio in cooperazione applicativa tramite tecnologia webservice per la tenuta del registro di carico e scarico latte conservato Indice 1 Introduzione...

Dettagli

e.toscana Compliance visione d insieme

e.toscana Compliance visione d insieme Direzione Generale Organizzazione e Sistema Informativo Area di Coordinamento Ingegneria dei Sistemi Informativi e della Comunicazione I.T.S.A.E. e.toscana Compliance visione d insieme Gennaio 2007 Versione

Dettagli

Commissione di Coordinamento del Sistema Pubblico di Connettività

Commissione di Coordinamento del Sistema Pubblico di Connettività Commissione di Coordinamento del Sistema Pubblico di Connettività SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA CONNESSIONE AL SPC DI GESTORI DI SERVIZI PUBBLICI E SOGGETTI CHE PERSEGUONO FINALITÀ DI PUBBLICO INTERESSE

Dettagli

OpenSPCoop: un implementazione della Specifica di Cooperazione Applicativa per la Pubblica Amministrazione Italiana

OpenSPCoop: un implementazione della Specifica di Cooperazione Applicativa per la Pubblica Amministrazione Italiana UNIVERSITÀ DI PISA Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Corso di Laurea Specialistica in Tecnologie Informatiche Tesi di Laurea Specialistica OpenSPCoop: un implementazione della Specifica

Dettagli

L e-government per un federalismo efficiente. una visione condivisa una realizzazione cooperativa

L e-government per un federalismo efficiente. una visione condivisa una realizzazione cooperativa L e-government per un federalismo efficiente una visione condivisa una realizzazione cooperativa 01/04/2003 Note di riferimento per lo sviluppo dell e-government nelle amministrazioni centrali, nelle regioni

Dettagli

OGGETTO: Adesione al progetto ANA-CNER Sistema interoperabile di accesso ai dati della popolazione residente dell Emilia Romagna

OGGETTO: Adesione al progetto ANA-CNER Sistema interoperabile di accesso ai dati della popolazione residente dell Emilia Romagna COMUNE DI OGGETTO: Adesione al progetto ANA-CNER Sistema interoperabile di accesso ai dati della popolazione residente dell Emilia Romagna PROPOSTA DI DELIBERAZIONE PER LA GIUNTA MUNICIPALE LA GIUNTA MUNICIPALE

Dettagli

SPECIFICHE TECNICHE INTEGRAZIONE SERVIZI MUDE

SPECIFICHE TECNICHE INTEGRAZIONE SERVIZI MUDE Pag. 1 di 11 VERIFICHE E APPROVAZIONI VERSIONE REDAZIONE CONTROLLO AUTORIZZAZIONE APPROVAZIONE EMISSIONE NOME DATA NOME DATA NOME DATA V01 Mauro Pavese 17/05/12 Mauro Pavese 29/11/2012 STATO DELLE VARIAZIONI

Dettagli

Web Service Architecture

Web Service Architecture Giuseppe Della Penna Università degli Studi di L Aquila dellapenna@di.univaq.it http://dellapenna.univaq.it Engineering IgTechnology Info92 Maggioli Informatica Micron Technology Neta Nous Informatica

Dettagli

Monitoraggio della Rete di Assistenza

Monitoraggio della Rete di Assistenza Studio di fattibilità Allegato al Deliverable A Monitoraggio della Rete di Assistenza Fase 1 Anagrafica ASL Comuni assistibili () ESTRATTO Indice del documento A.20 SCOPO DELL APPLICAZIONE...3 A.20.20

Dettagli

Il Paradigma REST per lo sviluppo di applicazioni Web 2.0

Il Paradigma REST per lo sviluppo di applicazioni Web 2.0 tesi di laurea Anno Accademico 2006/2007 Il Paradigma REST per lo sviluppo di applicazioni Web 2.0 relatore Ch.mo prof. Domenico Cotroneo correlatore Ing. Marcello Cinque candidato Antonio Alonzi Matr.

Dettagli

SERVICE BROWSER. Versione 1.0

SERVICE BROWSER. Versione 1.0 SERVICE BROWSER Versione 1.0 25/09/2008 Indice dei Contenuti 1. Scopo del documento... 3 2. Introduzione... 3 3. Accordi di Servizio... 4 4. Servizi... 5 5. Servizio: Schede Erogatori... 8 6. Servizio:

Dettagli

L iniziativa Cloud DT

L iniziativa Cloud DT L iniziativa Cloud DT Francesco Castanò Dipartimento del Tesoro Ufficio per il Coordinamento Informatico Dipartimentale (UCID) Roma, Luglio 2011 Il Cloud Computing Alcune definizioni Il Cloud Computing

Dettagli

DEFINIZIONI E ACRONIMI

DEFINIZIONI E ACRONIMI Centro Nazionale per l informatica nella Pubblica Amministrazione Allegato 5 alla lettera d invito DEFINIZIONI E ACRONIMI GARA A LICITAZIONE PRIVATA PER L APPALTO DEI SERVIZI DI CONNETTIVITÀ E SICUREZZA

Dettagli

1 Seminario Operativo Gruppi di Cure Primarie e Unità di Medicina Generale in Piemonte

1 Seminario Operativo Gruppi di Cure Primarie e Unità di Medicina Generale in Piemonte 1 Seminario Operativo Gruppi di Cure Primarie e Unità di Medicina Generale in Piemonte IL SISTEMA INFORMATIVO VISTO DALLA REGIONE PIEMONTE Dott. Domenico Nigro - Direzione regionale Sanità 24 Maggio 2008

Dettagli

Costruire il futuro il valore delle scelte tecnologiche

Costruire il futuro il valore delle scelte tecnologiche Franco Lenzi Costruire il futuro il valore delle scelte tecnologiche 7 e 8 maggio 2010, Venezia, Hotel Hilton Molino Stucky 1 La strategia tecnologica Gli obiettivi espressi dalle scelta di strategia e

Dettagli

Capitolato speciale per la fornitura di

Capitolato speciale per la fornitura di ALLEGATO A Capitolato speciale per la fornitura di Servizi di verifica procedurale e funzionale delle componenti di servizio della Community Network dell'umbria nell'ambito del piano di Semplificazione

Dettagli

proposta di legge n. 316

proposta di legge n. 316 REGIONE MARCHE 1 ASSEMBLEA LEGISLATIVA proposta di legge n. 316 a iniziativa dei Consiglieri ALTOMENI, BRANDONI, AMAGLIANI, BINCI, PETRINI, COMI, MOLLAROLI, ORTENZI, D ISIDORO, CAPPONI presentata in data

Dettagli

ICT (Information and Communication Technology): ELEMENTI DI TECNOLOGIA

ICT (Information and Communication Technology): ELEMENTI DI TECNOLOGIA ICT (Information and Communication Technology): ELEMENTI DI TECNOLOGIA Obiettivo Richiamare quello che non si può non sapere Fare alcune precisazioni terminologiche IL COMPUTER La struttura, i componenti

Dettagli

Aspetti architetturali e tecnologici per l attuazione dell e-government a livello locale

Aspetti architetturali e tecnologici per l attuazione dell e-government a livello locale Aspetti architetturali e tecnologici per l attuazione dell e-government a livello locale Alessandro Osnaghi Università di Pavia E-government e Information Society L e-government è un capitolo della Società

Dettagli

SOA e Web Service SISTEMI INFORMATIVI MODULO II. Corso di Sistemi Informativi Modulo II A. A. 2013-2014

SOA e Web Service SISTEMI INFORMATIVI MODULO II. Corso di Sistemi Informativi Modulo II A. A. 2013-2014 Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Gestionale Corso di Sistemi Informativi Modulo II A. A. 2013-2014 SISTEMI INFORMATIVI MODULO II SOA e Web Service Figure tratte dal testo di riferimento, Copyright

Dettagli

Manuale Gestione di OpenSPCoop 1.4 i. Manuale Gestione di OpenSPCoop 1.4

Manuale Gestione di OpenSPCoop 1.4 i. Manuale Gestione di OpenSPCoop 1.4 i Manuale Gestione di OpenSPCoop 1.4 ii Copyright 2005-2011 Link.it srl iii Indice 1 Introduzione 1 2 Prerequisiti per la Configurazione della Porta di Dominio 1 2.1 Verifica dell applicazione di gestione

Dettagli

Candidato: Luca Russo Docente: Prof. Raffaele Montella. 27 Marzo 2013

Candidato: Luca Russo Docente: Prof. Raffaele Montella. 27 Marzo 2013 e di e di Candidato: Luca Russo Docente: Corso di laurea in Informatica Applicata Facoltá di Scienze e Tecnologie Programmazione su Reti 27 Marzo 2013 Traccia d esame Sviluppare multitier con disaccoppiamento

Dettagli

E.S.B. Enterprise Service Bus ALLEGATO C11

E.S.B. Enterprise Service Bus ALLEGATO C11 E.S.B. Enterprise Service Bus ALLEGATO C11 REGIONE BASILICATA DIPARTIMENTO PRESIDENZA DELLA GIUNTA REGIONALE UFFICIO SISTEMA INFORMATIVO REGIONALE E STATISTICA Via V. Verrastro, n. 4 85100 Potenza tel

Dettagli

SIRV-INTEROP Sicurezza basata sui ruoli

SIRV-INTEROP Sicurezza basata sui ruoli SIRV-INTEROP (UML-A8.2-0) 06 ottobre 2004 Approvazioni Il presente documento è stato approvato da: UML-A8.2-0 18/11/05 16.25 2 Storia delle Modifiche Versione Data Descrizione Riferimenti Numero Titolo

Dettagli

B.P.S. Business Process Server ALLEGATO C10

B.P.S. Business Process Server ALLEGATO C10 B.P.S. Business Process Server ALLEGATO C10 REGIONE BASILICATA DIPARTIMENTO PRESIDENZA DELLA GIUNTA REGIONALE UFFICIO SISTEMA INFORMATIVO REGIONALE E STATISTICA Via V. Verrastro, n. 4 85100 Potenza tel

Dettagli

MONITORAGGIO UNITARIO PROGETTI 2007/2013 PROTOCOLLO DI COLLOQUI ANALISI ATTIVAZIONE SERVIZIO IGRUE IN SPCOOP. Link.it srl - Analisi Servizio IGRUE 1

MONITORAGGIO UNITARIO PROGETTI 2007/2013 PROTOCOLLO DI COLLOQUI ANALISI ATTIVAZIONE SERVIZIO IGRUE IN SPCOOP. Link.it srl - Analisi Servizio IGRUE 1 MONITORAGGIO UNITARIO PROGETTI 2007/2013 PROTOCOLLO DI COLLOQUI ANALISI ATTIVAZIONE SERVIZIO IGRUE IN SPCOOP Link.it srl - Analisi Servizio IGRUE 1 Panoramica L'attuale sistema IGRUE è composto da: Il

Dettagli

Progettazione di interfacce web indipendenti dal dispositivo

Progettazione di interfacce web indipendenti dal dispositivo Progettazione di interfacce web indipendenti dal dispositivo Candidato Izzo Giovanni, Matr. 41/1305 Relatore Prof. Porfirio Tramontana 1 Panoramica su contesto ed obiettivi Il contesto della tesi è legato

Dettagli

REGOLE PROCEDURALI DI CARATTERE TECNICO OPERATIVO PER L ACCESSO AI SERVIZI DISPONIBILI TRAMITE LA POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA

REGOLE PROCEDURALI DI CARATTERE TECNICO OPERATIVO PER L ACCESSO AI SERVIZI DISPONIBILI TRAMITE LA POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA Dipartimento per gli Affari di Giustizia Direzione Generale della Giustizia Penale Decreto Dirigenziale Articolo 39 D.P.R. 14 Novembre 2002, N. 313 Decreto Dirigenziale del 5 dicembre 2012 recante le regole

Dettagli

Manuale tecnico. Indice. Versione 1.0 del 24/02/2015. Pagina 2 di 41

Manuale tecnico. Indice. Versione 1.0 del 24/02/2015. Pagina 2 di 41 S-MIP-MRGC-K3-15001 Regole tecniche per l accesso al servizio in cooperazione applicativa tramite tecnologia webservice per la tenuta del registro di carico e scarico sostanze zuccherine Indice 1 Introduzione...

Dettagli

Web services. 25/01/10 Web services

Web services. 25/01/10 Web services Web services Tecnologia per il computing distribuito standard W3C non dissimile da RMI, CORBA, EJB... Relazione con il Web Websites for humans, Web Services for software :-) un Web service ha un indirizzo

Dettagli

JBoss ESB Un caso d'uso italiano: La Porta di Dominio per la Cooperazione Applicativa

JBoss ESB Un caso d'uso italiano: La Porta di Dominio per la Cooperazione Applicativa JBoss ESB Un caso d'uso italiano: La Porta di Dominio per la Cooperazione Applicativa Andrea Leoncini JBoss Stefano Linguerri - Pro-netics Agenda JBoss ESB le SOA e la Porta di Dominio Le specifiche CNIPA

Dettagli

Internet e la Banca. Relatore Andrea Falleni, Responsabile Prodotti e Soluzioni BST Banking Solutions & Technologies Gruppo AIVE

Internet e la Banca. Relatore Andrea Falleni, Responsabile Prodotti e Soluzioni BST Banking Solutions & Technologies Gruppo AIVE Internet e la Banca Relatore Andrea Falleni, Responsabile Prodotti e Soluzioni BST Gruppo AIVE 1 Scenario Le BANCHE in Italia, al contrario delle concorrenti europee, hanno proposto, sul mercato dei nuovi

Dettagli

di seguito indicate anche semplicemente come le Parti, PREMESSI

di seguito indicate anche semplicemente come le Parti, PREMESSI ACCORDO DI PROGRAMMA FRA GLI ENTI PARTECIPANTI ALLA COSTITUZIONE DI UN CENTRO SERVIZI TERRITORIALE NELLA PROVINCIA DI TORINO PER L INCLUSIONE DEI PICCOLI COMUNI NELL ATTUAZIONE DELL E-GOVERNMENT La Regione

Dettagli

automation using workflow technology and web services Vassilacopoulos Med. Inform. (September 2003) vol. 28, no. 3,

automation using workflow technology and web services Vassilacopoulos Med. Inform. (September 2003) vol. 28, no. 3, Emergency healthcare process automation using workflow technology and web services M. Poulymenopoulou, F. Malamateniou, G. Vassilacopoulos Med. Inform. (September 2003) vol. 28, no. 3, 195 207 Processo

Dettagli

Programma ELISA - Proposta progettuale

Programma ELISA - Proposta progettuale più dei soggetti aggregati o aggregandi Cofinanziamenti provenienti da enti esterni all aggregazione costituita o costituenda e diversi dal finanziamento comma 893 TOTALE Il Progetto si inquadra nell ambito

Dettagli

Release Notes di OpenSPCoop i. Release Notes di OpenSPCoop

Release Notes di OpenSPCoop i. Release Notes di OpenSPCoop i Release Notes di OpenSPCoop ii Copyright 2005-2011 Link.it srl iii Indice 1 Versione 1.4 1 1.1 Adeguamento al nuovo sistema di qualificazione di DigitPA............................. 1 1.2 Nuova modalità

Dettagli

Master sull Interoperabilità nella Pubblica Amministrazione e nelle Imprese

Master sull Interoperabilità nella Pubblica Amministrazione e nelle Imprese Il Master di secondo livello in "Interoperabilità per la Pubblica Amministrazione e le Imprese" mira a formare professionisti di sistemi di e-government in grado di gestirne aspetti tecnologici, normativi,

Dettagli

Realizzazione di Web Service per l estrazione di informazioni da siti web enciclopedici

Realizzazione di Web Service per l estrazione di informazioni da siti web enciclopedici tesi di laurea Realizzazione di Web Service per l estrazione di informazioni da siti web enciclopedici Anno Accademico 2008/2009 relatore Ch.mo prof. Porfirio Tramontana Ch.mo prof. Annarita Fasolino candidato

Dettagli

1. Caratteristiche generali

1. Caratteristiche generali Allegato 1 (articolo 1, comma 1) ISTRUZIONI TECNICHE DI CUI AL DECRETO N. 108 DEL 11 MAGGIO 2015 1. Caratteristiche generali Premessa Il nucleo informativo dell AIA è costituito dalla Banca Dati Sinistri

Dettagli

Applicazione: Piattaforma di Comunicazione Unificata

Applicazione: Piattaforma di Comunicazione Unificata Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni: Amministrativi/Contabile Applicazione: Piattaforma di Comunicazione Unificata Amministrazione: Regione Piemonte - Direzione Innovazione, Ricerca

Dettagli

La Pubblica Amministrazione consumatore di software Open Source

La Pubblica Amministrazione consumatore di software Open Source La Pubblica Amministrazione consumatore di software Open Source Dipartimento per l Innovazione e le Tecnologie Paola Tarquini Sommario Iniziative in atto Una possibile strategia per la diffusione del Software

Dettagli

Introduzione ai Web Services Alberto Polzonetti

Introduzione ai Web Services Alberto Polzonetti PROGRAMMAZIONE di RETE A.A. 2003-2004 Corso di laurea in INFORMATICA Introduzione ai Web Services alberto.polzonetti@unicam.it Introduzione al problema della comunicazione fra applicazioni 2 1 Il Problema

Dettagli

La cooperazione applicativa come scelta strategica per le organizzazioni con finalità pubbliche

La cooperazione applicativa come scelta strategica per le organizzazioni con finalità pubbliche MASTER IN INTEROPERABILITÀ PER LE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI E LE IMPRESE UNIVERSITÀ LA SAPIENZA APRILE 2011 La cooperazione applicativa come scelta strategica per le organizzazioni con finalità pubbliche

Dettagli