Proposta di un architettura modulare per lo sviluppo della Porta di Dominio SPCoop

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Proposta di un architettura modulare per lo sviluppo della Porta di Dominio SPCoop"

Transcript

1 Università degli studi di Roma Tor Vergata Facoltà di Ingegneria Laurea specialistica in Ingegneria Informatica Proposta di un architettura modulare per lo sviluppo della Porta di Dominio SPCoop Relatore: Prof. Giuseppe Italiano Candidato: Lucio Lecce Correlatori: Dr. Stefano Fuligni Dr. Stefano Armenia Anno Accademico

2 Introduzione Lucio Lecce Copyright Tutti i diritti sono riservati all'autore, all'università di Roma Tor Vergata ed al CNIPA come da legge sul Diritto d'autore n.58 del 992 e successive modifiche. Autore: Lucio Lecce Mail: Titolo: Proposta di un architettura modulare per lo sviluppo della Porta di Dominio SPCoop Roma, 3 Maggio 2007

3 Introduzione Lucio Lecce Indice generale. Introduzione Il Sistema Pubblico di Connettività e Cooperazione (SPC) La Cooperazione Applicativa in SPC Cooperazione tra due amministrazioni Cooperazione tra più amministrazioni Ambito di responsabilità Accordi Tecnologie di cooperazione Il Modello SPCoop L Accordo di Servizio La Busta di E-Gov La Porta Di Dominio I servizi infrastrutturali per la cooperazione applicativa (SICA) La Porta di Dominio: obiettivi di progetto e contesto di riferimento Analisi del contesto di riferimento Proof of concept di una PDD OpenSPCoop OpenPDD PDD Sun Microsystems Sintesi delle indicazioni emerse Obiettivi di progetto Analisi delle esigenze e requisiti Caratteristiche dell ipotesi di soluzione

4 Introduzione Lucio Lecce 4. Architettura modulare di una Porta Di Dominio Requisiti di progetto Sviluppo della Porta Di Dominio Definizione degli Attori Casi d Uso Class Diagrams Sequence Diagrams Architettura della PDD Struttura modulare della PDD Strumenti utilizzati Realizzazione della libreria della Busta e-gov Implementazione di funzionalità avanzate di una Porta di Dominio Profili di collaborazione Comunicazione one way Comunicazione sincrona Comunicazione asincrona simmetrica Comunicazione asincrona asimmetrica Soluzioni specifiche adottate Verifiche e casi di test Comunicazione one way Comunicazione sincrona Comunicazione asincrona simmetrica Comunicazione asincrona asimmetrica Analisi dei risultati Conclusioni e sviluppi futuri

5 Introduzione Lucio Lecce Appendice A: Schema XML della descrizione della Busta e-gov Appendice B: Schema XML della descrizione della PDD sviluppata Appendice C: Codice della PDD sviluppata Appendice D: Diagrammi UML Flussi alternativi Appendice E: Guida ai contenuti del DVD allegato Appendice F: Strumenti utilizzati per lo sviluppo della PDD Bibliografia Glossario Indice analitico delle figure Figura : Pila SPC... 0 Figura 2: Architettura del SPCoop Figura 3: Comunicazione attraverso le PDD... 2 Figura 4: Struttura completa di un Accordo di Servizio Figura 5: Busta SOAP... 3 Figura 6: Intestazione Figura 7: IntestazioneMessaggio Figura 8: Diagramma dello schema XML dell'intestazione Figura 9: Comunicazione tra Porte di Dominio Figura 0: Architettura dei servizi SICA Figura : Architettura software del progetto OpenSPCoop... 5 Figura 2: Porta di Dominio del progetto OpenSPCoop Figura 3: Architettura generale di una PDD Figura 4: Architettura generale del Framework di Cooperazione Applicativa Figura 5: Porta di Dominio come Strato Protocollare Figura 6: Porta di Dominio come Proxy Applicativo Figura 7: Comunicazione Messaggio Singolo

6 Introduzione Lucio Lecce Figura 8: Comunicazione Sincrona Figura 9: Comunicazione Asincrona Simmetrica Figura 20: Comunicazione Asincrona Asimmetrica Figura 2: Use Case Porta Di Dominio Figura 22: Use Case Trasmissione Messaggio Figura 23: Use Case Ricezione Messaggio... 8 Figura 24: Use Case Gestione Tracciamenti Figura 25: Use Case Gestione Comunicazione One Way Figura 26: Use Case Gestione Comunicazione Sincrona Figura 27: Use Case Gestione Comunicazione Asincrona Simmetrica Figura 28: Use Case Gestione Comunicazione Asincrona Asimmetrica Figura 29: Vista generale degli Use Case Figura 30: InterfaceImpl - ServizioOneWay Figura 3: InterfaceImpl - ServizioSincrono Figura 32: InterfaceImpl ServizioAsincronoSimmetricoRichiesta Figura 33: InterfaceImpl ServizioAsincronoSimmetricoNotifica... 9 Figura 34: InterfaceImpl ServizioAsincronoAsimmetricoRichiesta Figura 35: InterfaceImpl - ServizioAsincronoAsimmetricoPolling Figura 36: Class Diagram Gestione Comunicazione One Way Figura 37: Class Diagram Gestione Comunicazione Sincrona Figura 38: Class Diagram Gestione Comunicazione Asincrona Simmetrica Richiesta Figura 39: Class Diagram Gestione Comunicazione Asincrona Simmetrica Risposta97 Figura 40: Class Diagram Gestione Comunicazione Asincrona Asimmetrica Richiesta Figura 4: Class Diagram Gestione Comunicazione Asincrona Asimmetrica Risposta Figura 42: Sequence Diagram Gestione Comunicazione One Way - Flusso base... 0 Figura 43: Sequence Diagram Gestione Comunicazione Sincrona - Flusso base... 5

7 Introduzione Lucio Lecce Figura 44: Sequence Diagram Gestione Comunicazione Asincrona Simmetrica - Richiesta - Flusso base... 2 Figura 45: Sequence Diagram Gestione Comunicazione Asincrona Simmetrica - Risposta - Flusso base... 3 Figura 46: Sequence Diagram Gestione Comunicazione Asincrona Asimmetrica - Richiesta - Flusso base... 4 Figura 47: Sequence Diagram Gestione Comunicazione Asincrona Asimmetrica - Risposta - Flusso base... 5 Figura 48: Sequence Diagram Gestione Comunicazione Asincrona Asimmetrica - Elaborazione - Flusso base... 6 Figura 49: Architettura della Porta di Dominio... 2 Figura 50: Funzionalità principali di una PDD Figura 5: Strumenti principali utilizzati per realizzare l architettura della Porta di Dominio Figura 52: Form per l'invocazione di un servizio one way Figura 53: Output sull'application Server (comunicazione one way) Figura 54: Busta e-gov relativa al messaggio di richiesta di servizio one way Figura 55: Interfaccia grafica che mostra la risposta al client Figura 56: Form per l'invocazione di un servizio sincrono Figura 57: Output sull'application Server (comunicazione sicrona) Figura 58: Busta e-gov relativa al messaggio di richiesta di servizio sincrona Figura 59: Busta e-gov relativa al messaggio di risposta sincrona Figura 60: Form per l'invocazione di un servizio asincrono simmetrico Figura 6: Output sull'application Server (comunicazione asicrona simmetrica) Figura 62: Output riferito all'applicazione "NotificaAsincronaSimmetricaHandler" (comunicazione asicrona simmetrica) Figura 63: Interfaccia grafica che mostra la ricevuta al client Figura 64: Output sull'application Server (comunicazione asicrona simmetrica) Figura 65: Output riferito all'applicazione "NotificaAsincronaSimmetricaHandler" (comunicazione asicrona simmetrica)

8 Introduzione Lucio Lecce Figura 66: Interfaccia grafica che mostra la risposta al client Figura 67: Busta e-gov relativa al messaggio di richiesta di servizio asincrona simmetrica Figura 68: Busta e-gov relativa al messaggio di ricevuta della richiesta asincrona simmetrica... 2 Figura 69: Busta e-gov relativa al messaggio di risposta asincrona simmetrica Figura 70: Busta e-gov relativa al messaggio di ricevuta della risposta asincrona simmetrica Figura 7: Form per l'invocazione di un servizio asincrono asimmetrico Figura 72: Interfaccia grafica che mostra la ricevuta al client Figura 73: Interfaccia grafica che mostra la risposta al client Figura 74: Output sull'application Server (comunicazione asicrona asimmetrica) Figura 75: Output riferito all'applicazione "ServizioAsincronoAsimmetricoHandler" (comunicazione asicrona asimmetrica) Figura 76: Output sull'application Server (comunicazione asicrona asimmetrica) Figura 77: Output sull'application Server (comunicazione asicrona asimmetrica) Figura 78: Busta e-gov relativa al messaggio di richiesta di servizio asincrona asimmetrica Figura 79: Busta e-gov relativa al messaggio di ricevuta della richiesta asincrona asimmetrica Figura 80: Busta e-gov relativa al messaggio di richiestastato asincrona asimmetrica Figura 8: Busta e-gov relativa al messaggio di risposta asincrona asimmetrica Indice analitico delle tabelle Tabella : Tabella riassuntiva dei punti chiave delle soluzioni alternative analizzate

9 Introduzione Lucio Lecce. Introduzione Il presente lavoro è frutto della collaborazione tra il CNIPA e la facoltà di Ingegneria dell Università di Roma Tor Vergata sui temi dell interoperabilità e dell integrazione dei sistemi informatici ed in particolare sull evoluzione del Sistema Pubblico di Cooperazione (SPCoop), il framework per l interoperabilità dei servizi telematici delle amministrazioni pubbliche italiane. Questa tesi si pone l obiettivo di analizzare gli aspetti peculiari relativi alla progettazione ed implementazione di una Porta di Dominio (cfr. 4 e 5), finalizzata allo sviluppo di una implementazione di riferimento di uno degli elementi architetturali principali del SPCoop. Nell ambito di tali attività saranno analizzate alcune soluzioni alternative esistenti per lo sviluppo di una Porta Di Dominio allo scopo di evidenziare i vantaggi e svantaggi di tali soluzioni e le differenze principali rispetto all approccio proposto nel presente lavoro. Nel capitolo 2 verrà introdotto con maggiore dettaglio il concetto di cooperazione applicativa e come è stato sviluppato nella Pubblica Amministrazione italiana (cfr. 2.); ciò verrà fatto accennando al Sistema Pubblico di Connettività nonché descrivendo il Sistema Pubblico di Cooperazione (SPCoop) e gli elementi che lo caratterizzano: la Busta di e-gov (cfr ), la Porta Di Dominio (cfr ), l Accordo di Servizio (cfr. 2.2.) ed i Servizi Infrastrutturali di Interoperabilità, Cooperazione ed Accesso (SICA, cfr ). Verranno, inoltre, analizzate le modalità con cui questi elementi abilitano l interoperabilità e la cooperazione applicativa tra le amministrazioni pubbliche; illustrando l architettura del Sistema Pubblico di Cooperazione (cfr. 2.2). 8

10 Introduzione Lucio Lecce Nel terzo capitolo saranno inquadrati gli obiettivi generali di progetto, illustrando il contesto di riferimento e l esigenza dello sviluppo di una Porta Di Dominio. Verrà analizzata la proof of concept di una PDD realizzata in precedenza, evidenziando come alcune scelte progettuali di tale soluzione saranno recepite nel presente lavoro (in particolare quelle relative alla gestione della Busta e-gov). Verranno inoltre analizzate alcune soluzioni alternative esistenti per lo sviluppo di una Porta Di Dominio, illustrando le principali caratteristiche di ognuna. Nel quarto capitolo saranno descritte le attività di progettazione della Porta Di Dominio, le scelte progettuali relative all architettura ed ai componenti principali e gli strumenti utilizzati. Nel quinto capitolo saranno descritte le attività di implementazione della Porta Di Dominio, il processo di realizzazione, i problemi incontrati e le soluzioni adottate. Nel sesto capitolo verranno, infine, tratte le conclusioni di questa esperienza ed indicati alcuni suggerimenti per sviluppi futuri. 9

11 Il Sistema Pubblico di Connettività e Cooperazione (SPC) Lucio Lecce 2. Il Sistema Pubblico di Connettività e Cooperazione (SPC) In questo capitolo viene descritto il Sistema Pubblico di Connettività e Cooperazione (SPC) che è l evoluzione della Rete unitaria della Pubblica Amministrazione (RUPA), rete che collegava la quasi totalità delle sedi delle Pubbliche Amministrazioni centrali. Esso è logicamente articolato su due livelli di servizi infrastrutturali: il Sistema Pubblico di Connettività, che ha come obbiettivo quello di fornire una infrastruttura di rete affidabile e sicura; il Sistema Pubblico di Cooperazione, il cui scopo è quello di fornire un framework per l interoperabilità fra servizi applicativi. Nella Figura è illustrata l architettura del SPC; come si può notare il Sistema Pubblico di Cooperazione si appoggia sui servizi offerti dallo strato di Connettività. Figura : Pila SPC 0

12 Il Sistema Pubblico di Connettività e Cooperazione (SPC) Lucio Lecce I principali obiettivi del Sistema Pubblico di Connettività sono: fornire un insieme di servizi di connettività condivisi dagli Enti interconnessi, definiti negli aspetti di omogeneità, qualità e sicurezza, ampiamente graduabili in maniera tale da poter essere ritagliati al meglio sulle esigenze delle diverse amministrazioni. Garantire inoltre l interazione della pubblica amministrazione centrale e locale con tutti gli altri soggetti connessi ad Internet, nonché con le reti di altri Enti che debbano interagire con la P.A., facilitando l erogazione di servizi di qualità e la fruibilità degli stessi da parte dei cittadini e delle imprese. Tale operazione non potrà prescindere, in fase di qualificazione anche da requisiti circa la connettività degli ISP verso i NAP commerciali. Questi ultimi non dovranno costituire un collo di bottiglia per la fruizione dei servizi esposti dalle Amministrazioni da parte dei cittadini. Fornire un infrastruttura condivisa di interscambio che consenta l interoperabilità tra tutte le reti delle Pubbliche Amministrazioni oggi esistenti, favorendone lo sviluppo omogeneo su tutto il territorio, salvaguardando gli investimenti effettuati. Fornire, alle Amministrazioni che ne faranno richiesta, servizi telematici (connettività e applicazioni) per permettere l interconnessione delle proprie sedi e realizzare così anche l infrastruttura interna di comunicazione (dominio dell Amministrazione). Realizzare un modello di provisioning dei servizi multifornitore coerente con l attuale situazione di mercato e le dimensioni del progetto stesso. Realizzare un sistema che, ancorché si basi sull utilizzo dei paradigmi tipici di Internet, permetta la definizione di flussi di traffico con caratteristiche di disponibilità e prestazioni garantite tra soggetti serviti da operatori qualificati diversi.

13 Il Sistema Pubblico di Connettività e Cooperazione (SPC) Lucio Lecce Garantire, tramite il mantenimento di un sistema di raccolta dei dati di prestazioni e disponibilità, uno strumento di valutazione indipendente della qualità dei servizi offerti dai provider qualificati.[5] Lo scambio sicuro di dati tra le Pubbliche Amministrazioni è reso possibile utilizzando sistemi crittografici per realizzare reti private virtuali (VPN); l utilizzo delle VPN non è necessario ma resta comunque a scelta delle singole Amministrazioni. L altra parte del SPC è il Sistema Pubblico di Cooperazione (SPCoop); framework di servizi abilitanti la cooperazione applicativa. In seguito all approvazione delle nuove forme di federalismo che hanno portato ad un decentramento amministrativo delle competenze è divenuta sempre più impellente, da parte delle varie Pubbliche Amministrazioni, la necessità di cooperare telepaticamente, ognuna per la propria competenza, nell ambito di procedimenti amministrativi interamministrazioni. Questo problema è rafforzato anche dalla legge 24/90 art. 4 e 8 - (concetto ripreso anche negli art. 5 e 7 del D.Lgs. SPC 42/2005), secondo cui, la PA ha il dovere di farsi carico (attraverso la conferenza dei servizi telematici, la riorganizzazione dei processi e l integrazione telematica dei back-office) dell integrazione dei procedimenti delle diverse amministrazioni interessate al processo interamministrativo che riguarda una qualsiasi istanza di un cittadino o un impresa. Il Sistema Pubblico di Connettività e Cooperazione che si sta realizzando permetterà di vedere i servizi di ogni Amministrazione Pubblica sia centrale che locale in maniera integrata ed indipendente dal canale di erogazione. Per questo è stato necessario definire un modello comune di interazione telematica tale da valorizzare la specificità di ogni erogatore di servizi così che possa assicurare allo stesso tempo uniformità di interazione Vedi p. 9 2

14 Il Sistema Pubblico di Connettività e Cooperazione (SPC) Lucio Lecce e certezza nell identificazione dell erogatore e del fruitore, o allo stesso modo degli attori dell interazione. Essendo già presenti a livello nazionale molteplici soluzioni architetturali per la Cooperazione Applicativa è emersa la necessità di individuare una soluzione infrastrutturale unica che da un lato tendesse a preservare l autonomia delle scelte delle amministrazioni e, dall altro, consentisse ai diversi sistemi di interoperare fra loro per erogare servizi integrati agli utenti. In sintesi, la cooperazione tra differenti Amministrazioni, ed in generale tra soggetti pubblici, richiede la definizione di un modello di cooperazione che sia: indipendente dagli assetti organizzativi dei soggetti cooperanti; indipendente dai sistemi informatici interni dei soggetti cooperanti; progettato in maniera rigorosa e sostenibile, tale che la sua evoluzione sul medio termine sia già pensata sin dall inizio, con passi ben delineati.[3] 2 2 Vedi p.8. 3

15 Il Sistema Pubblico di Connettività e Cooperazione (SPC) Lucio Lecce 2. La Cooperazione Applicativa in SPC 2.. Cooperazione tra due amministrazioni Per mezzo dell erogazione e della fruizione di Servizi Applicativi le Amministrazioni cooperano; ogni amministrazione offre questi servizi tramite un unico elemento del proprio sistema informativo denominato Porta di Dominio. L amministrazione gode di completa autonomia grazie a questo principio, in fase di progettazione, realizzazione e gestione dei Servizi Applicativi. Questo è possibile vista la caratteristica dei Servizi Applicativi di potersi basare su qualsiasi piattaforma applicativa, preesistente o di nuova acquisizione, purché vengano poi erogati attraverso la Porta di Dominio. I servizi applicativi vengono fruiti attraverso lo scambio di messaggi applicativi, secondo il formato definito nel documento di specifica della busta di e-gov Cooperazione tra più amministrazioni Il Dominio di Cooperazione è costituito da più insiemi di Amministrazioni che concorrono alla fornitura di Servizi Applicativi composti; per ogni servizio erogato dal Dominio, deve esistere un Accordo di Servizio che lo descrive, nel caso di servizi composti l Accordo di Servizio va corredato di una specifica che spiega come le varie Amministrazioni componenti concorrono al servizio composto finale. Questo documento viene definito Accordo di Cooperazione ed è trasparente rispetto ai fruitori del servizio composto, mentre ha utilità interna al Dominio di Cooperazione. Si definisce così un modo per distinguere tra servizi la cui responsabilità ricade esclusivamente sul singolo dominio/amministrazione e servizi di più domini/amministrazioni per i quali una singola amministrazione assume (per legge, per 4

16 Il Sistema Pubblico di Connettività e Cooperazione (SPC) Lucio Lecce delega concordata dagli altri, ecc.) la responsabilità che dovrebbe essere di tutte le Amministrazioni che erogano il servizio composto. In questo ambito si nota la differenza tra Dominio Applicativo e Dominio di Cooperazione: il primo infatti rappresenta l insieme dei Servizi Applicativi erogati dalla singola Amministrazione in ambito SPCoop; mentre il secondo rappresenta un insieme di amministrazioni che cooperano per l automazione di un insieme di procedimenti amministrativi su di uno specifico tema. Un altro componente di rilevante importanza nel modello sono i Servizi di Interoperabilità, Cooperazione ed Accesso (SICA), che offrono una serie di servizi e componenti software infrastrutturali (non riconducibili a nessuna amministrazione specifica), il cui obiettivo è di mediare e supportare la cooperazione tra le amministrazioni (cfr ). In sintesi, il modello di cooperazione applicativa del SPCoop è basato sul paradigma SOC (Service Oriented Computing) ed organizzato come una SOA (Service Oriented Architecture); mentre, però, gli aspetti base di questa SOA sono già definiti a livello di tecnologie/standard, su altri è necessario operare delle estensioni, al fine di rendere tale architettura adeguata al contesto del e-government italiano. Va notato, infine, che tutte le architetture a servizi/soa richiedono la presenza di un elemento logicamente neutro, con il compito di mediare tra i differenti soggetti che cooperano attraverso l erogazione/fruizione di servizi. Il SICA costituisce di fatto tale elemento mediatore, dotato di funzionalità evolute in virtù del fatto che il modello di cooperazione proposto prevede la gestione non solo degli aspetti di base, ma anche e soprattutto di alcuni aspetti avanzati dei Web Services.[3] Vedi p.. 4 rielaborazione delle parti ritenute interessanti del documento Sistema Pubblico di Cooperazione: Quadro Tecnico d Insieme [3]. 5

17 Il Sistema Pubblico di Connettività e Cooperazione (SPC) Lucio Lecce 2..3 Ambito di responsabilità La responsabilità dei servizi erogati e dei dati forniti attraverso tali servizi è attribuita alla singola Amministrazione cooperante, che apparirà come un singolo dominio con responsabilità del singolo elemento e non del dominio stesso. La responsabilità della Porta di Dominio è quella di fungere da porta di ingresso verso il dominio per le altre amministrazioni che vogliono fruire dei servizi erogati, e da porta di uscita dal dominio per l amministrazione interna al dominio che vuole fruire di servizi erogati esternamente Accordi L utilizzo di un servizio applicativo tra almeno due soggetti (erogatore e fruitore) deve essere regolamentato da degli accordi che vengono stipulati a monte della cooperazione tra i soggetti cooperanti. La formalizzazione dell accordo prende il nome di Accordo di Servizio ed è basata su linguaggio XML Tecnologie di cooperazione I servizi applicativi vengono erogati/fruiti attraverso tecnologie e standard indicati genericamente come Web Service, che rappresentano una soluzione in grado di soddisfare i requisiti sopraindicati al problema dell interoperabilità di sistemi applicativi eterogenei; infatti grazie a queste tecnologie/standard, qualsiasi funzionalità, indipendentemente dal tipo di piattaforma, diventa esportabile, in modo da essere invocata remotamente. 6

18 Il Sistema Pubblico di Connettività e Cooperazione (SPC) Lucio Lecce SPCoop è dunque caratterizzato dai seguenti elementi: un protocollo di comunicazione; una serie di linguaggi per descrivere le caratteristiche dei servizi definite in base agli accordi di servizio (ad es. interfacce, livelli di sicurezza e servizio, ecc.); un sistema di registri per gli accordi di servizio; Attualmente le tecnologie su cui si basano i Web Services presentano diversi livelli di definizione e maturazione; mentre, infatti, su alcuni aspetti, indicati come aspetti di base, gli standard e le tecnologie che implementano tali standard hanno un livello di maturità sufficiente, su altri aspetti, definiti avanzati, si è ancora nella fase intermedia tra il conseguimento dei risultati delle ricerche effettuate e l utilizzo degli stessi per le prime realizzazioni. In particolare risultano ben definiti i seguenti aspetti di base: protocolli applicativi per l invocazione remota dei servizi: SOAP (Simple Object Access Protocol); linguaggi per la descrizione dell interfaccia (intesa come insieme di operazioni) offerta da un servizio: WSDL (Web Service Description Language); architettura ed interfaccia di un sistema di registro con accesso prevalentemente basato su identificatori univoci: UDDI (Universal Description, Discovery and Invocation); mentre risultano non ancora sufficientemente sviluppati i seguenti aspetti avanzati: protocolli per l invocazione remota con caratteristiche di affidabilità, auditing e sicurezza point-to-point; descrizione delle conversazioni supportate/ammesse dal servizio; descrizione dei livelli di qualità del servizio; descrizione dei requisiti e caratteristiche di sicurezza end-to-end del servizio; 7

19 Il Sistema Pubblico di Connettività e Cooperazione (SPC) Lucio Lecce descrizione della semantica del servizio e della semantica dell informazione veicolata dal servizio; definizione dell architettura e dell interfaccia di un sistema di registro con caratteristiche di accesso più flessibili, basate sugli aspetti avanzati precedentemente menzionati.[3] 5 5 Vedi p.0. 8

20 Il Sistema Pubblico di Connettività e Cooperazione (SPC) Lucio Lecce 2.2 Il Modello SPCoop Come accennato in precedenza, gli elementi fondamentali dell architettura del SPCoop sono: l Accordo di Servizio, la Busta di e-government, la Porta di Dominio e i Servizi SICA. Nella Figura 2 viene mostrata l architettura del SPC, si può notare il ruolo infrastrutturale che svolgono i SICA a livello di coordinamento, per regolamentare le interazioni tra le amministrazioni (PAC e PAL), e come le amministrazioni stesse si interfacciano al sistema attraverso le Porte di Dominio (PDC), utilizzando l infrastruttura di trasporto, fornita dal Sistema Pubblico di Connettività, interoperano attraverso i Servizi Applicativi. La Porta di Dominio (PDD) e la Busta di e-gov rappresentano rispettivamente l interfaccia tramite la quale interoperano le Amministrazioni ed il protocollo attraverso il quale le PDD comunicano tra loro. Descrivendo più nello specifico cosa è una PDD, si può dire che tutti i servizi applicativi sono erogati/fruiti attraverso questo unico elemento logico. Di fatto la PDD è la piattaforma presso cui sono disponibili le interfacce applicative dei servizi; non necessariamente i componenti software che realizzano tali servizi sono poi ospitati sulla stessa piattaforma della PDD, anzi molto frequentemente ed opportunamente essa svolgerà le funzioni di semplice proxy e dispatcher verso altre piattaforme di back-end presso cui sono effettivamente dispiegate le logiche applicative dei servizi. 9

21 Il Sistema Pubblico di Connettività e Cooperazione (SPC) Lucio Lecce Figura 2: Architettura del SPCoop 20

22 Il Sistema Pubblico di Connettività e Cooperazione (SPC) Lucio Lecce La Busta di e-gov è il protocollo applicativo con cui i servizi applicativi sono invocabili remotamente ed è una estensione dello standard SOAP., necessaria al fine di supportare la sicurezza point-to-point, l affidabilità della trasmissione e la tracciatura di tutte le comunicazioni (aspetti avanzati non ancora standardizzati a livello SOAP). La Busta e-gov è dunque una estensione SOAP specificatamente progettata per SPCoop. Prevede l utilizzo di un header appositamente predisposto, elaborato dalle Porte di Dominio, in grado di veicolare tutte le informazioni necessarie per implementare le suddette funzionalità; tutto questo in maniera trasparente alle applicazioni che fanno uso delle Porte. La Busta e-gov è logicamente suddivisa in due parti: una contiene tipicamente informazioni infrastrutturali, l altra veicola il contenuto applicativo del servizio oggetto della interazione. In sintesi una Porta di Dominio è una piattaforma in grado di offrire servizi applicativi in maniera tale da poter essere invocati remotamente secondo le specifiche della Busta e-gov. La Figura 3 mostra un esempio di comunicazione attraverso le PDD. Figura 3: Comunicazione attraverso le PDD 2

23 Il Sistema Pubblico di Connettività e Cooperazione (SPC) Lucio Lecce L Accordo di Servizio è il cardine per la gestione del ciclo di vita del servizio. I servizi SPCoop sono obbligatoriamente gestiti per versioni dell Accordo di Servizio. Più versioni di uno stesso servizio (corrispondenti a versioni diverse dell Accordo di Servizio) possono essere erogate nello stesso momento. Ogni versione segue un ciclo di vita autonomo, che è definito dal soggetto responsabile dell Accordo di Servizio stesso. Per ogni versione del servizio applicativo, il ciclo di vita è composto da 6 fasi: Definizione dell accordo di servizio. Registrazione dell accordo di servizio sul registro SICA nazionale generale. Implementazione del servizio. Presentazione del servizio sul SPCoop. Erogazione/fruizione del servizio sul SPCoop. Dismissione dell accordo di servizio e del servizio dal SPCoop.[6] 6 Nella fase di Definizione dell AS il servizio viene ideato e formalizzato nell accordo generale di servizio e eventualmente negli accordi specifici sul livello di servizio e sul livello di utilizzo. Il processo che porta alla definizione del servizio segue fondamentalmente due approcci: Approccio unilaterale: Nell approccio unilaterale, l accordo generale di servizio viene concepito unilateralmente dal soggetto titolare dell erogatore, o da un soggetto delegato. Accordi specifici di livello di servizio o di livello di utilizzo possono seguire l approccio unilaterale o l approccio concordato. Approccio concordato: Nell approccio concordato, l accordo di servizio è ideato in modo congiunto dall erogatore (o il suo rappresentante) e dal fruitore (o il suo rappresentante).[6] 7 6 Vedi p Vedi p.6. 22

24 Il Sistema Pubblico di Connettività e Cooperazione (SPC) Lucio Lecce Nel SPCoop, la Registrazione del servizio è obbligatoria e deve essere attuata nella seconda fase. La registrazione comprende molteplici attività da effettuare attraverso il Servizio di Registro SICA (generale o secondari): registrazione dei titolari dei sistemi erogatori nell indice dei soggetti della comunità SPCoop (SICA generale), registrazione degli accordi generali di servizio nel catalogo degli accordi (SICA generale), registrazione degli accordi specifici di servizio nel catalogo degli accordi (SICA generale o secondario), registrazione dei servizi da presentare nel registro dei servizi (SICA generale o secondario), registrazione dei porti di accesso ai sistemi erogatori nella rubrica degli indirizzi (SICA generale o secondario).[6] 8 Nella terza fase, cioè l Implementazione del servizio, il servizio viene realizzato secondo le specifiche concordate nell AS. In questa fase, i sistemi per l erogazione e per la fruizione del servizio vengono implementati dai rispettivi titolari in una modalità che sia in accordo con quanto definito nell AS a proposito dei livelli di servizio e dei livelli di utilizzo. Per come è modellata l architettura del sistema è possibile minimizzare i livelli di aderenza e interdipendenza reciproca delle architetture e delle tecnologie di implementazione dei sistemi erogatori e fruitori; infatti, l unico elemento tenuto al rispetto dei vincoli è l interfaccia di scambio di messaggi. Sul piano tecnico i vincoli che devono essere rispettati sono quelli relativi all implementazione delle tecnologie di connessione e di trasporto; vale a dire che i servizi implementati devono essere 8 Vedi p.6. 23

Accordi. Tecnologie di cooperazione. Cooperazione fra Amministrazioni

Accordi. Tecnologie di cooperazione. Cooperazione fra Amministrazioni Alcune considerazioni nell ambito di un sistema di cooperazione informatico che preveda lo scambio di dati tra due o più organizzazioni. Quando parliamo di un sistema di cooperazione informatico ci riferiamo

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Prospetto Informativo on-line Standard tecnici del sistema informativo per l invio telematico del Prospetto Informativo Documento: UNIPI.StandardTecnici Revisione

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata Facoltà di Ingegneria. Laurea in Ingegneria Informatica

Università di Roma Tor Vergata Facoltà di Ingegneria. Laurea in Ingegneria Informatica Università di Roma Tor Vergata Facoltà di Ingegneria Laurea in Ingegneria Informatica Metodologie e Tecniche per la Cooperazione Applicativa nella Pubblica Amministrazione italiana: progettazione e sviluppo

Dettagli

Architettura SPC e porta di dominio per le PA

Architettura SPC e porta di dominio per le PA Libro bianco sulla SOA v.1.0 Allegato 2_1 Architettura SPC e porta di dominio per le PA vs 02 marzo 2008 Gruppo di Lavoro SOA del ClubTI di Milano Premessa L architettura SPC e la relativa porta di dominio

Dettagli

Progetto interregionale ICAR Interoperabilità e Cooperazione Applicativa tra le Regioni.

Progetto interregionale ICAR Interoperabilità e Cooperazione Applicativa tra le Regioni. <Task AP3> Progetto interregionale ICAR Interoperabilità e Cooperazione Applicativa tra le Regioni AP3-Documento Descrittivo degli Accordi di Servizio Versione AP3-specificaADSv1.2.1.doc Pag. 1

Dettagli

ALLEGATO C STANDARD TECNICI DELLA BORSA CONTINUA NAZIONALE DEL LAVORO

ALLEGATO C STANDARD TECNICI DELLA BORSA CONTINUA NAZIONALE DEL LAVORO ALLEGATO C STANDARD TECNICI DELLA BORSA CONTINUA NAZIONALE DEL LAVORO Standard tecnici Gli standard tecnici di riferimento adottati sono conformi alle specifiche e alle raccomandazioni emanate dai principali

Dettagli

Guida Utente della PddConsole. Guida Utente della PddConsole

Guida Utente della PddConsole. Guida Utente della PddConsole Guida Utente della PddConsole i Guida Utente della PddConsole Guida Utente della PddConsole ii Copyright 2005-2015 Link.it srl Guida Utente della PddConsole iii Indice 1 Introduzione 1 2 I protocolli di

Dettagli

Guida Utente della PddConsole. Guida Utente della PddConsole

Guida Utente della PddConsole. Guida Utente della PddConsole Guida Utente della PddConsole i Guida Utente della PddConsole Guida Utente della PddConsole ii Copyright 2005-2014 Link.it srl Guida Utente della PddConsole iii Indice 1 Introduzione 1 2 I protocolli di

Dettagli

Architettura Tecnica i. Architettura Tecnica

Architettura Tecnica i. Architettura Tecnica i Architettura Tecnica ii Copyright 2005-2011 Link.it s.r.l. iii Indice 1 Scopo del documento 1 1.1 Abbreviazioni..................................................... 1 2 Overview 1 2.1 La PdD........................................................

Dettagli

Manuale Gestione di OpenSPCoop 1.4 i. Manuale Gestione di OpenSPCoop 1.4

Manuale Gestione di OpenSPCoop 1.4 i. Manuale Gestione di OpenSPCoop 1.4 i Manuale Gestione di OpenSPCoop 1.4 ii Copyright 2005-2011 Link.it srl iii Indice 1 Introduzione 1 2 Prerequisiti per la Configurazione della Porta di Dominio 1 2.1 Verifica dell applicazione di gestione

Dettagli

L impatto del d. CAD e dell innovazione l innovazione tecnologica sull organizzazione dei procedimenti amministrativi. Bari, 3 luglio 2012

L impatto del d. CAD e dell innovazione l innovazione tecnologica sull organizzazione dei procedimenti amministrativi. Bari, 3 luglio 2012 L impatto del d CAD e dell innovazione l innovazione tecnologica sull organizzazione dei procedimenti amministrativi. Bari, 3 luglio 2012 Giovanni Damiano Agenda LA PA VISTA DALL UTENTE LE LEVE DEL CAMBIAMENTO

Dettagli

REGIONE BASILICATA DIPARTIMENTO INFRASTRUTTURE, OO.PP. E MOBILITA

REGIONE BASILICATA DIPARTIMENTO INFRASTRUTTURE, OO.PP. E MOBILITA REGIONE BASILICATA DIPARTIMENTO INFRASTRUTTURE, OO.PP. E MOBILITA Ufficio Difesa del Suolo di Potenza INTEROPERABILITÀ E COOPERAZIONE APPLICATIVA Informatizzazione dell iter procedurale e dei controlli

Dettagli

Guida Utente della PddConsole. Guida Utente della PddConsole

Guida Utente della PddConsole. Guida Utente della PddConsole Guida Utente della PddConsole i Guida Utente della PddConsole Guida Utente della PddConsole ii Copyright 2005-2014 Link.it srl Guida Utente della PddConsole iii Indice 1 Introduzione 1 2 Prerequisiti per

Dettagli

La sicurezza nel Sistema Pubblico di Connettività Prima parte

La sicurezza nel Sistema Pubblico di Connettività Prima parte La sicurezza nel Sistema Pubblico di Connettività Prima parte Ing. Gianfranco Pontevolpe Responsabile Ufficio Tecnologie per la sicurezza Centro Nazionale per l Informatica nella Pubblica Amministrazione

Dettagli

Manuale gestione Porta di Dominio OpenSPCoop 1.1

Manuale gestione Porta di Dominio OpenSPCoop 1.1 i Manuale gestione Porta di Dominio ii Copyright 2005-2008 Link.it srl Questo documento contiene informazioni di proprietà riservata, protette da copyright. Tutti i diritti sono riservati. Non è permesso

Dettagli

QUADRO TECNICO D INSIEME

QUADRO TECNICO D INSIEME Sistema Pubblico di Connettività e Cooperazione Sistema pubblico di cooperazione: QUADRO TECNICO D INSIEME Versione 1.0 INDICE 1. MODIFICHE DOCUMENTO...3 2. OBIETTIVI E CONTESTO DI RIFERIMENTO... 4 2.1.

Dettagli

PORTA DI DOMINIO. Sistema pubblico di cooperazione: Versione 1.0. Sistema Pubblico di Connettività e Cooperazione

PORTA DI DOMINIO. Sistema pubblico di cooperazione: Versione 1.0. Sistema Pubblico di Connettività e Cooperazione Sistema Pubblico di Connettività e Cooperazione Sistema pubblico di cooperazione: PORTA DI DOMINIO Versione 1.0 Nome doc.: oop-portadominio_v1.0_20051014.doc Versione: 1.0 Data emissione: 14 ottobre 2005

Dettagli

CONVENZIONI DI NOMENCLATURA E SEMANTICA

CONVENZIONI DI NOMENCLATURA E SEMANTICA Sistema pubblico di cooperazione: CONVENZIONI DI NOMENCLATURA E SEMANTICA Versione 1.1 INDICE 1. MODIFICHE DOCUMENTO...3 2. OBIETTIVI E CONTESTO DI RIFERIMENTO... 4 2.1. Scopi del documento... 5 2.2. Note

Dettagli

Sicurezza nei Web Services: Migrazione dell autenticazone di Web Services da ticket di sessione a WS-Security con token SAML

Sicurezza nei Web Services: Migrazione dell autenticazone di Web Services da ticket di sessione a WS-Security con token SAML Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Sicurezza nei Web Services: Migrazione dell autenticazone di Web Services da ticket di sessione a WS-Security

Dettagli

Registro SPICCA Architettura del Software

Registro SPICCA Architettura del Software Registro SPICCA Architettura del Software Versione 1.0 del 25/08/2009 Sommario 1 Introduzione... 4 1.1 Scopo... 4 1.2 Obiettivo... 4 1.3 Riferimenti... 4 1.4 Panoramica del documento... 4 2 Rappresentazione

Dettagli

Release Notes di OpenSPCoop i. Release Notes di OpenSPCoop

Release Notes di OpenSPCoop i. Release Notes di OpenSPCoop i Release Notes di OpenSPCoop ii Copyright 2005-2011 Link.it srl iii Indice 1 Versione 1.4 1 1.1 Adeguamento al nuovo sistema di qualificazione di DigitPA............................. 1 1.2 Nuova modalità

Dettagli

Centro Nazionale per l Informatica nella Pubblica Amministrazione

Centro Nazionale per l Informatica nella Pubblica Amministrazione Centro Nazionale per l Informatica nella Pubblica Amministrazione Procedura ristretta n. 2/2006 per l affidamento della progettazione, realizzazione e gestione di componenti di cooperazione applicativa,

Dettagli

OpenSPCoop Un Implementazione Open Source della specifica SPCoop di Cooperazione Applicativa

OpenSPCoop Un Implementazione Open Source della specifica SPCoop di Cooperazione Applicativa OpenSPCoop Un Implementazione Open Source della specifica SPCoop di Cooperazione Applicativa Tito Flagella tito@link.it http://openspcoop.org La Cooperazione Applicativa Regolamentazione delle modalità

Dettagli

Il modello di gestione delle identità digitali in SPCoop

Il modello di gestione delle identità digitali in SPCoop Il modello di gestione delle identità digitali in SPCoop Francesco Tortorelli Il quadro normativo e regolatorio di riferimento 2 Il codice dell amministrazione digitale (CAD) CAD Servizi Access di services

Dettagli

Visione Generale. Versione 1.0 del 25/08/2009

Visione Generale. Versione 1.0 del 25/08/2009 Visione Generale Versione 1.0 del 25/08/2009 Sommario 1 Premessa... 4 2 Le componenti applicative... 6 2.1 Porta di dominio... 7 2.2 Infrastrutture per la cooperazione... 9 2.2.1 Registro degli Accordi

Dettagli

SERVICE BROWSER. Versione 1.0

SERVICE BROWSER. Versione 1.0 SERVICE BROWSER Versione 1.0 25/09/2008 Indice dei Contenuti 1. Scopo del documento... 3 2. Introduzione... 3 3. Accordi di Servizio... 4 4. Servizi... 5 5. Servizio: Schede Erogatori... 8 6. Servizio:

Dettagli

Allegato Tecnico IcarER

Allegato Tecnico IcarER Allegato Tecnico IcarER Nota di lettura 1 Descrizione del Servizio 1.1 Definizioni e Acronimi 1.2 Descrizione generale 1.2.1 Accordo di servizio 1.3 Descrizione dei servizi offerti 1.3.1 Gestione in service

Dettagli

COME FARE PER. ARMONIZZARE IL SITO COL SISTEMA DI GESTIONE DOCUMENTALE DELL ENTE

COME FARE PER. ARMONIZZARE IL SITO COL SISTEMA DI GESTIONE DOCUMENTALE DELL ENTE COME FARE PER. ARMONIZZARE IL SITO COL SISTEMA DI GESTIONE DOCUMENTALE DELL ENTE Flavia Marzano marzano@cibernet.it 10/05/2004 ARPA Club Forum PA 2004 Contenuti Cenni normativi Sistema di gestione documentale:

Dettagli

Gestione XML della Porta di Dominio OpenSPCoop

Gestione XML della Porta di Dominio OpenSPCoop i Gestione XML della Porta di Dominio ii Copyright 2005-2011 Link.it srl iii Indice 1 Introduzione 1 2 Hello World! 2 3 Configurazione XML della Porta di Dominio 5 3.1 Soggetto SPCoop...................................................

Dettagli

Introduzione alla Cooperazione applicativa in Campania

Introduzione alla Cooperazione applicativa in Campania Introduzione alla Cooperazione applicativa in Campania Cos è SPICCA è una infrastruttura costituita dall insieme di risorse hardware e componenti applicative, rappresenta la piattaforma per la realizzazione

Dettagli

Governance e linee guida tecnicoorganizzative

Governance e linee guida tecnicoorganizzative Allegato 1 Servizio Governance e linee guida tecnicoorganizzative del sistema ICAR-ER INDICE 1. Introduzione 3 1.1 Definizione e Acronimi 3 1.2 Scopo del documento 4 1.3 Destinatari 4 2. Il Sistema ICAR-ER

Dettagli

SPCOOP E I PROGETTI DI COOPERAZIONE INTERREGIONALE

SPCOOP E I PROGETTI DI COOPERAZIONE INTERREGIONALE SPCOOP E I PROGETTI DI COOPERAZIONE INTERREGIONALE EGIDIO PICERNO POTENZA 9 LUGLIO 2010 Interoperabiltà è la capacità di due o più sistemi informativi di scambiarsi informazioni e di attivare, a suddetto

Dettagli

Architettura e componenti per la cooperazione applicativa nella Pubblica Amministrazione. White Paper Oracle Novembre 2002

Architettura e componenti per la cooperazione applicativa nella Pubblica Amministrazione. White Paper Oracle Novembre 2002 Architettura e componenti per la cooperazione applicativa nella Pubblica Amministrazione White Paper Oracle Novembre 2002 Architettura e componenti Oracle per la cooperazione applicativa nella Pubblica

Dettagli

MCloud.Gov l infrastruttura SaaS per la Pubblica Amministrazione locale

MCloud.Gov l infrastruttura SaaS per la Pubblica Amministrazione locale MCloud.Gov l infrastruttura SaaS per la Pubblica Amministrazione locale 1. Livello infrastrutturale Il Cloud, inteso come un ampio insieme di risorse e servizi fruibili da Internet che possono essere dinamicamente

Dettagli

Release Notes di OpenSPCoop2. Release Notes di OpenSPCoop2

Release Notes di OpenSPCoop2. Release Notes di OpenSPCoop2 i Release Notes di OpenSPCoop2 ii Copyright 2005-2014 Link.it srl iii Indice 1 Novità di OpenSPCoop-v2 rispetto ad OpenSPCoop 1 1.1 Protocollo di Cooperazione personalizzabile tramite plugin.............................

Dettagli

Obiettivi ed architettura del SPC

Obiettivi ed architettura del SPC Obiettivi ed architettura del SPC Marco Martini Componente CNIPA Roma 19 marzo 2007 1 Agenda Obiettivi del SPC Il quadro normativo del SPC L organizzazione del progetto L architettura tecnica del SPC Connettività

Dettagli

Portale regionale della Salute. Servizi di prenotazione prestazione e pagamento ticket.

Portale regionale della Salute. Servizi di prenotazione prestazione e pagamento ticket. Portale regionale della Salute Servizi di prenotazione prestazione e pagamento ticket. Specifiche di integrazione dei servizi di cooperazione applicativa e dei web services. Versione 1.10 16 Ottobre 2013

Dettagli

LE TECNOLOGIE PER IL CAMBIAMENTO 2

LE TECNOLOGIE PER IL CAMBIAMENTO 2 LE TECNOLOGIE PER IL CAMBIAMENTO 2 CITTADINANZA DIGITALE: GLI STRUMENTI La cooperazione applicativa - ICAR Andrea Nicolini PM ICAR - CISIS Roma, 1 ottobre 2010 Agenda E-gov in Italia negli ultimi 10 anni

Dettagli

@CCEDO: Accessibilità, Sicurezza, Architettura

@CCEDO: Accessibilità, Sicurezza, Architettura Rev. 8, agg. Settembre 2014 @CCEDO: Accessibilità, Sicurezza, Architettura 1.1 Il Sistema di Gestione della Sicurezza Per quanto riguarda la gestione della Sicurezza, @ccedo è dotato di un sistema di autenticazione

Dettagli

Manuale tecnico. Indice. Versione 1.0 del 09/03/2015. Pagina 2 di 42

Manuale tecnico. Indice. Versione 1.0 del 09/03/2015. Pagina 2 di 42 S-MIP-MRGD-K3-15001 Regole tecniche per l accesso al servizio in cooperazione applicativa tramite tecnologia webservice per la tenuta del registro di carico e scarico latte conservato Indice 1 Introduzione...

Dettagli

1. Caratteristiche generali

1. Caratteristiche generali Allegato 1 (articolo 1, comma 1) ISTRUZIONI TECNICHE DI CUI AL DECRETO N. 108 DEL 11 MAGGIO 2015 1. Caratteristiche generali Premessa Il nucleo informativo dell AIA è costituito dalla Banca Dati Sinistri

Dettagli

MODALITÀ DI QUALIFICAZIONE DELLA PORTA DI DOMINIO

MODALITÀ DI QUALIFICAZIONE DELLA PORTA DI DOMINIO MODALITÀ DI QUALIFICAZIONE DELLA PORTA DI DOMINIO Versione 1.0 INDICE 1. PREFAZIONE 3 1.1 Autori 3 1.2 Modifiche Documento 3 1.3 Riferimenti 4 1.4 Acronimi e Definizioni 4 2. OBIETTIVI E CONTESTO DI RIFERIMENTO

Dettagli

Sistema pubblico di cooperazione: BUSTA DI E-GOV

Sistema pubblico di cooperazione: BUSTA DI E-GOV Sistema pubblico di cooperazione: BUSTA DI E-GOV Versione 1.2 Data 25/07/2011 Stato: Pubblicato emissione: INDICE 1. MODIFICHE DOCUMENTO... 3 2. INTRODUZIONE... 4 2.1. Scopi del documento... 5 2.2. Note

Dettagli

Release Notes di OpenSPCoop2. Release Notes di OpenSPCoop2

Release Notes di OpenSPCoop2. Release Notes di OpenSPCoop2 Release Notes di OpenSPCoop2 i Release Notes di OpenSPCoop2 Release Notes di OpenSPCoop2 ii Copyright 2005-2015 Link.it srl Release Notes di OpenSPCoop2 iii Indice 1 Versione 2.1 1 1.1 Gestione del protocollo

Dettagli

La sicurezza nel Sistema Pubblico di Connettività

La sicurezza nel Sistema Pubblico di Connettività La sicurezza nel Sistema Pubblico di Connettività Ing. Gianfranco Pontevolpe Responsabile Ufficio Tecnologie per la sicurezza Centro Nazionale per l Informatica nella Pubblica Amministrazione Sistema pubblico

Dettagli

JBoss ESB Un caso d'uso italiano: La Porta di Dominio per la Cooperazione Applicativa

JBoss ESB Un caso d'uso italiano: La Porta di Dominio per la Cooperazione Applicativa JBoss ESB Un caso d'uso italiano: La Porta di Dominio per la Cooperazione Applicativa Andrea Leoncini JBoss Stefano Linguerri - Pro-netics Agenda JBoss ESB le SOA e la Porta di Dominio Le specifiche CNIPA

Dettagli

POR Calabria FSE 2007/2013 Asse II Occupabilità Obiettivo operativo D1

POR Calabria FSE 2007/2013 Asse II Occupabilità Obiettivo operativo D1 Allegato n. 2 al Capitolato speciale d appalto. ENTE PUBBLICO ECONOMICO STRUMENTALE DELLA REGIONE CALABRIA POR Calabria FSE 2007/2013 Asse II Occupabilità Obiettivo operativo D1 Procedura aperta sotto

Dettagli

Manuale tecnico. Indice. Versione 1.0 del 24/02/2015. Pagina 2 di 41

Manuale tecnico. Indice. Versione 1.0 del 24/02/2015. Pagina 2 di 41 S-MIP-MRGC-K3-15001 Regole tecniche per l accesso al servizio in cooperazione applicativa tramite tecnologia webservice per la tenuta del registro di carico e scarico sostanze zuccherine Indice 1 Introduzione...

Dettagli

Specifiche della Busta di e-government

Specifiche della Busta di e-government Specifiche della Busta di e-government Pagina 1 di 65 INDICE 1 INTRODUZIONE... 4 1.1 ORGANIZZAZIONE DEL DOCUMENTO.... 4 1.2 NOTAZIONI E CONVENZIONI... 5 1.2.1 NOTAZIONI GRAFICHE... 5 1.2.1.1 GLI ELEMENTI

Dettagli

Manuale di Integrazione IdM-RAS

Manuale di Integrazione IdM-RAS IdM-RAS Data: 30/11/09 File: Manuale di integrazione IdM-RAS.doc Versione: Redazione: Sardegna IT IdM-RAS Sommario 1 Introduzione... 3 2 Architettura del sistema... 4 2.1 Service Provider... 4 2.2 Local

Dettagli

Accordo di servizio. Uno stralcio di Accordo di Servizio ad evidenziare l utilizzo di XML:

Accordo di servizio. Uno stralcio di Accordo di Servizio ad evidenziare l utilizzo di XML: Accordo di servizio Insieme delle definizioni, delle funzionalità, delle interfacce, dei requisiti di sicurezza e di qualità di uno o più servizi applicativi che vengono scambiati tra due amministrazioni

Dettagli

QUALIFICAZIONE DELLA PORTA DI DOMINIO

QUALIFICAZIONE DELLA PORTA DI DOMINIO QUALIFICAZIONE DELLA PORTA DI DOMINIO IN MODALITÀ PROVVISORIA Versione 1.0 Qualificazione della Porta di INDICE 1. PROCESSO DI QUALIFICAZIONE DELLA PORTA DI DOMINIO IN MODALITÀ PROVVISORIA 3 2. DESCRIZIONE

Dettagli

La Gestione degli Accordi di Cooperazione nel progetto OpenSPCoop

La Gestione degli Accordi di Cooperazione nel progetto OpenSPCoop Università degli Studi di Pisa Facoltà di Scienze Matematiche Fisiche e Naturali Dipartimento di Informatica TESI DI LAUREA La Gestione degli Accordi di Cooperazione nel progetto OpenSPCoop Relatori prof.

Dettagli

Modello dell Infrastruttura per il Fascicolo Sanitario Elettronico (InfFSE) Progetto: Infrastruttura tecnologica del Fascicolo Sanitario Elettronico

Modello dell Infrastruttura per il Fascicolo Sanitario Elettronico (InfFSE) Progetto: Infrastruttura tecnologica del Fascicolo Sanitario Elettronico Dipartimento per la digitalizzazione della PA e l innovazione Consiglio Nazionale delle Ricerche Dipartimento delle Tecnologie dell Informazione e delle Comunicazioni Modello dell Infrastruttura per il

Dettagli

Architettura CART Versione 3.6 14/09/2010

Architettura CART Versione 3.6 14/09/2010 Versione 3.6 14/09/2010 Indice dei Contenuti 1. PREFAZIONE... 3 2. INTRODUZIONE... 3 3. ARCHITETTURA GENERALE DEL CART... 4 3.1. COMPONENTI DELL ARCHITETTURA E INTERFACCE... 7 3.1.1. Il Registro SICA Secondario...

Dettagli

Il glossario della Posta Elettronica Certificata (PEC) Diamo una definizione ai termini tecnici relativi al mondo della PEC.

Il glossario della Posta Elettronica Certificata (PEC) Diamo una definizione ai termini tecnici relativi al mondo della PEC. Il glossario della Posta Elettronica Certificata (PEC) Diamo una definizione ai termini tecnici relativi al mondo della PEC. Avviso di mancata consegna L avviso, emesso dal sistema, per indicare l anomalia

Dettagli

Sistema di Interoperabilità e di Cooperazione Applicativa Evoluta in sicurezza (SPICCA) CUReP

Sistema di Interoperabilità e di Cooperazione Applicativa Evoluta in sicurezza (SPICCA) CUReP Sistema di Interoperabilità e di Cooperazione Applicativa Evoluta in sicurezza (SPICCA) un caso d uso Centro Integrato di Prenotazione della Regione Campania CUReP DIT WorkShop Cup on line interregionale

Dettagli

automation using workflow technology and web services Vassilacopoulos Med. Inform. (September 2003) vol. 28, no. 3,

automation using workflow technology and web services Vassilacopoulos Med. Inform. (September 2003) vol. 28, no. 3, Emergency healthcare process automation using workflow technology and web services M. Poulymenopoulou, F. Malamateniou, G. Vassilacopoulos Med. Inform. (September 2003) vol. 28, no. 3, 195 207 Processo

Dettagli

CeBAS. Centrale Bandi e Avvisi Pubblici Regionali (DGR n. 1556 del 11.09.2009)

CeBAS. Centrale Bandi e Avvisi Pubblici Regionali (DGR n. 1556 del 11.09.2009) CeBAS Centrale Bandi e Avvisi Pubblici Regionali (DGR n. 1556 del 11.09.2009) Introduzione Il progetto CEBAS: la finalità è di migliorare l efficienza operativa interna dell Ente rispondere alle aspettative

Dettagli

l identità digitale federata nel progetto ICAR

l identità digitale federata nel progetto ICAR l identità digitale federata nel progetto ICAR Francesco Meschia Roma, 16 febbraio 2006 agenda generalità sul progetto ICAR e sul task INF-3 situazione e problemi dell identità digitale in Italia l approccio

Dettagli

MONITORAGGIO UNITARIO PROGETTI 2007/2013 PROTOCOLLO DI COLLOQUI ANALISI ATTIVAZIONE SERVIZIO IGRUE IN SPCOOP. Link.it srl - Analisi Servizio IGRUE 1

MONITORAGGIO UNITARIO PROGETTI 2007/2013 PROTOCOLLO DI COLLOQUI ANALISI ATTIVAZIONE SERVIZIO IGRUE IN SPCOOP. Link.it srl - Analisi Servizio IGRUE 1 MONITORAGGIO UNITARIO PROGETTI 2007/2013 PROTOCOLLO DI COLLOQUI ANALISI ATTIVAZIONE SERVIZIO IGRUE IN SPCOOP Link.it srl - Analisi Servizio IGRUE 1 Panoramica L'attuale sistema IGRUE è composto da: Il

Dettagli

Appendice D. D. Web Services

Appendice D. D. Web Services D. D.1 : cosa sono I cosiddetti sono diventati uno degli argomenti più attuali nel panorama dello sviluppo in ambiente Internet. Posti al centro delle più recenti strategie di aziende del calibro di IBM,

Dettagli

REGOLE PROCEDURALI DI CARATTERE TECNICO OPERATIVO PER L ACCESSO AI SERVIZI DISPONIBILI TRAMITE LA POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA

REGOLE PROCEDURALI DI CARATTERE TECNICO OPERATIVO PER L ACCESSO AI SERVIZI DISPONIBILI TRAMITE LA POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA Dipartimento per gli Affari di Giustizia Direzione Generale della Giustizia Penale Decreto Dirigenziale Articolo 39 D.P.R. 14 Novembre 2002, N. 313 Decreto Dirigenziale del 5 dicembre 2012 recante le regole

Dettagli

e.toscana Compliance visione d insieme

e.toscana Compliance visione d insieme Direzione Generale Organizzazione e Sistema Informativo Area di Coordinamento Ingegneria dei Sistemi Informativi e della Comunicazione I.T.S.A.E. e.toscana Compliance visione d insieme Gennaio 2007 Versione

Dettagli

Guida alla realizzazione della cooperazione applicativa in SPICCA

Guida alla realizzazione della cooperazione applicativa in SPICCA Versione 1.0 del 25/08/2009 Sommario 1 Premessa... 4 2 Modello logico/architetturale di riferimento... 9 3 Precondizioni all implementazione di un SID su CA... 11 3.1 Strutture interne della Regione Campania...

Dettagli

OpenSPCoop: un implementazione della Specifica di Cooperazione Applicativa per la Pubblica Amministrazione Italiana

OpenSPCoop: un implementazione della Specifica di Cooperazione Applicativa per la Pubblica Amministrazione Italiana UNIVERSITÀ DI PISA Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Corso di Laurea Specialistica in Tecnologie Informatiche Tesi di Laurea Specialistica OpenSPCoop: un implementazione della Specifica

Dettagli

SIRV-INTEROP Sicurezza basata sui ruoli

SIRV-INTEROP Sicurezza basata sui ruoli SIRV-INTEROP (UML-A8.2-0) 06 ottobre 2004 Approvazioni Il presente documento è stato approvato da: UML-A8.2-0 18/11/05 16.25 2 Storia delle Modifiche Versione Data Descrizione Riferimenti Numero Titolo

Dettagli

Quali sono le tecnologie che l ente ha a disposizione e quelle predisposte ad essere implementate in un prossimo futuro.

Quali sono le tecnologie che l ente ha a disposizione e quelle predisposte ad essere implementate in un prossimo futuro. Esercizio di GRUPPO: PROTOCOLLO INFORMATICO Mappa concettuale TECNOLOGIE DISPONIBILI Quali sono le tecnologie che l ente ha a disposizione e quelle predisposte ad essere implementate in un prossimo futuro.

Dettagli

Seminario di Sistemi Distribuiti: RPC su SOAP

Seminario di Sistemi Distribuiti: RPC su SOAP Corso di Sistemi Distribuiti Prof. S. Balsamo Seminario di Sistemi Distribuiti: RPC su SOAP [ 777775] 1 INTRODUZIONE 3 2 RPC 3 3 SOAP (SIMPLE OBJECT ACCESS PROTOCOL) 3 4 UTILIZZO DI SOAP COME PROTOCOLLO

Dettagli

Un caso concreto di dematerializzazione e semplificazione dei processi inter -amministrazioni: la gestione dei contratti dei docenti

Un caso concreto di dematerializzazione e semplificazione dei processi inter -amministrazioni: la gestione dei contratti dei docenti FORUMPA 2008 13 maggio 2008 Un caso concreto di dematerializzazione e semplificazione dei processi inter -amministrazioni: la gestione dei contratti dei docenti Modello applicativo e tecnologico dott.ssa

Dettagli

Architettura del sistema

Architettura del sistema 18/06/15 I N D I C E 1 INTRODUZIONE... 2 2 DEFINIZIONE DEGLI OBIETTIVI... 2 3 PROGETTO DI MASSIMA... 3 3.1 REQUISITI DELLA SOLUZIONE... 4 4 LA SOLUZIONE... 4 4.1 IL NUCLEO CENTRALE... 5 4.1.1 La gestione

Dettagli

EGOVERNMENT ED EGOVERNANCE

EGOVERNMENT ED EGOVERNANCE Prot. 13/2011 del 25/01/2011 Pag. 0 di 11 ADMINISTRA COMUNE DI NAPOLI Il progetto Administra nasce dall esigenza del Comune di Napoli di disporre di un unica infrastruttura tecnologica permanente di servizi

Dettagli

Qualificazione della Porta di Dominio con il concorso degli Enti Regionali

Qualificazione della Porta di Dominio con il concorso degli Enti Regionali Qualificazione della Porta di Dominio con il concorso degli Versione 1.1 INDICE 1. PREFAZIONE... 3 1.1. Autori... 3 1.2. Modifiche Documento... 3 1.3. Riferimenti... 4 1.4. Acronimi e Definizioni... 4

Dettagli

SPECIFICHE TECNICHE INTEGRAZIONE SERVIZI MUDE

SPECIFICHE TECNICHE INTEGRAZIONE SERVIZI MUDE Pag. 1 di 11 VERIFICHE E APPROVAZIONI VERSIONE REDAZIONE CONTROLLO AUTORIZZAZIONE APPROVAZIONE EMISSIONE NOME DATA NOME DATA NOME DATA V01 Mauro Pavese 17/05/12 Mauro Pavese 29/11/2012 STATO DELLE VARIAZIONI

Dettagli

Interoperabilità e cooperazione applicativa tra sistemi informativi

Interoperabilità e cooperazione applicativa tra sistemi informativi Interoperabilità e cooperazione applicativa tra sistemi informativi Michele Ruta Dipartimento di Ingegneria Elettrica e dell Informazione Politecnico di Bari 1di 29 Indice Introduzione ai Port Community

Dettagli

OpenPEC: La soluzione open source per la Posta Elettronica Certificata

OpenPEC: La soluzione open source per la Posta Elettronica Certificata OpenPEC: La soluzione open source per la Posta Elettronica Descrizione della soluzione Autore EXEntrica srl Versione 1.0 Data 25. Sep. 2006 Pagina 1 di 10 Indice Glossario... 3 La posta elettronica certificata

Dettagli

:: RNDT. repertorio nazionale dei dati territoriali. 22 maggio 2007 FORUM PA 2007 1

:: RNDT. repertorio nazionale dei dati territoriali. 22 maggio 2007 FORUM PA 2007 1 :: RNDT repertorio nazionale dei dati territoriali 22 maggio 2007 FORUM PA 2007 1 I dati territoriali della Pubblica Amministrazione 22 maggio 2007 FORUM PA 2007 2 Codice dell Amministrazione Digitale

Dettagli

MODALITÀ DI QUALIFICAZIONE DELLA PORTA DI DOMINIO

MODALITÀ DI QUALIFICAZIONE DELLA PORTA DI DOMINIO MODALITÀ DI QUALIFICAZIONE DELLA PORTA DI DOMINIO Versione 1.1 INDICE 1. PREFAZIONE 3 1.1 Autori 3 1.2 Modifiche Documento 3 1.3 Riferimenti 4 1.4 Acronimi e Definizioni 4 2. OBIETTIVI E CONTESTO DI RIFERIMENTO

Dettagli

La PEC e interoperabilità di protocollo

La PEC e interoperabilità di protocollo La PEC e interoperabilità di protocollo Contenuti (1) La Pec La PEC nella normativa Gli attori coinvolti Utenti Gestori La rete di comunicazione Il documento informatico Il punto di vista dell utente Il

Dettagli

UNA POLITICA PER LA SANITÀ ELETTRONICA

UNA POLITICA PER LA SANITÀ ELETTRONICA Ministro per l innovazione e le tecnologie Tavolo Permanente Sanità Elettronica delle Regioni e delle Province Autonome UNA POLITICA PER LA SANITÀ ELETTRONICA Per un migliore e più efficiente Sistema Sanitario

Dettagli

Programma ELISA - Proposta progettuale

Programma ELISA - Proposta progettuale più dei soggetti aggregati o aggregandi Cofinanziamenti provenienti da enti esterni all aggregazione costituita o costituenda e diversi dal finanziamento comma 893 TOTALE Il Progetto si inquadra nell ambito

Dettagli

Mattone 9 Realizzazione del Patient File

Mattone 9 Realizzazione del Patient File Mattone 9 Realizzazione del Patient File Architettura di Cooperazione Roma 19 Giugno 2007 Nolan, Norton Italia Definizione del Fascicolo Sanitario Personale (FaSP) Non qualsiasi raccolta strutturata di

Dettagli

Il Progetto SITR. L architettura applicativa

Il Progetto SITR. L architettura applicativa Il Progetto SITR Il progetto prevede la realizzazione di un Sistema Informativo Territoriale e di una Infrastruttura dei Dati Territoriali unica, scalabile e federata (SITR IDT) costituiti da risorse tecnologiche

Dettagli

Definizione delle interfacce di colloquio fra le componenti

Definizione delle interfacce di colloquio fra le componenti Definizione delle interfacce di colloquio fra le componenti (integrazione documento) 1 DOCUMENTO:. 1.2 Emesso da: EMISSIONE VERIFICA APPROVAZIONE Nome firma Verificato da: Approvato da: Area ISIC LISTA

Dettagli

Il Gestore Eventi di OpenSPCoop i. Il Gestore Eventi di OpenSPCoop

Il Gestore Eventi di OpenSPCoop i. Il Gestore Eventi di OpenSPCoop i Il Gestore Eventi di OpenSPCoop ii Copyright 2005-2011 Link.it srl iii Indice 1 Introduzione 1 2 Configurazione di un Servizio SPCoop come Evento gestito dal GE 2 3 Configurazione di un Pubblicatore

Dettagli

OpenPEC: La soluzione open source per la Posta Elettronica

OpenPEC: La soluzione open source per la Posta Elettronica OpenPEC: La soluzione open source per la Posta Elettronica Descrizione della soluzione Autore EXEntrica srl Versione 1.3 Data 27. Jun. 2007 Pagina 1 di 11 Glossario Open Source MTA LDAP SMTP SMTP/S POP

Dettagli

REGOLE PROCEDURALI DI CARATTERE TECNICO OPERATIVO PER L ACCESSO AI SERVIZI DISPONIBILI IN COOPERAZIONE APPLICATIVA TRAMITE LA TECNOLOGIA WEB SERVICE

REGOLE PROCEDURALI DI CARATTERE TECNICO OPERATIVO PER L ACCESSO AI SERVIZI DISPONIBILI IN COOPERAZIONE APPLICATIVA TRAMITE LA TECNOLOGIA WEB SERVICE Dipartimento per gli Affari di Giustizia Direzione Generale della Giustizia Penale Decreto Dirigenziale Articolo 39 D.P.R. 14 Novembre 2002, N. 313 Decreto Dirigenziale del 5 dicembre 2012 recante le regole

Dettagli

Architettura SW Definizione e Notazioni

Architettura SW Definizione e Notazioni Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica Corso di Ingegneria del Software A. A. 2008 - Stili Architetturali E. TINELLI Architettura SW Definizione e Notazioni Definizione ANSI/IEEE Std Std1471-2000

Dettagli

Eclipse Day 2010 in Rome

Eclipse Day 2010 in Rome Le infrastrutture open source per la cooperazione applicativa nella pubblica amministrazione: l'esperienza in Regione del Veneto Dirigente del Servizio Progettazione e Sviluppo Direzione Sistema Informatico

Dettagli

SVILUPPO ONTOLOGIE PER LA GESTIONE DOCUMENTALE E LORO INTEGRAZIONE ALL INTERNO DI UNA PIATTAFORMA WEB

SVILUPPO ONTOLOGIE PER LA GESTIONE DOCUMENTALE E LORO INTEGRAZIONE ALL INTERNO DI UNA PIATTAFORMA WEB Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica SVILUPPO ONTOLOGIE PER LA GESTIONE DOCUMENTALE E LORO INTEGRAZIONE ALL INTERNO DI UNA PIATTAFORMA WEB Relatore Chiarissimo

Dettagli

Ingegneria del Software Interattivo. - I siti web - Un breve glossario. Un breve glossario (cont.) Parte sesta: I siti web. 1.

Ingegneria del Software Interattivo. - I siti web - Un breve glossario. Un breve glossario (cont.) Parte sesta: I siti web. 1. Parte sesta: I siti web Ingegneria del Software Interattivo - I siti web - Docente: Daniela Fogli 1. I siti web Nel Contesto Riferimenti: Brajnik, Umano G., Toppano, E. Creare siti web multimediali, Pearson,

Dettagli

Le comunicazioni telematiche in Toscana

Le comunicazioni telematiche in Toscana Le comunicazioni telematiche in Toscana Stampa Centro stampa Giunta Regione Toscana I N D I C E Le comunicazioni telematiche I canali di comunicazioni InterPRO e le Amministrazioni Pubbliche Come attivare

Dettagli

DigitPA. VISTI gli articoli 16 e 16 bis del decreto Legge 29 novembre 2008, n. 185 convertito con modificazioni dalla Legge 28 gennaio 2009 n.

DigitPA. VISTI gli articoli 16 e 16 bis del decreto Legge 29 novembre 2008, n. 185 convertito con modificazioni dalla Legge 28 gennaio 2009 n. DigitPA VISTO l art. 6, comma 1 bis, del decreto legislativo 7 marzo 2005 n. 82 (indicato in seguito con l acronimo CAD), come modificato dal decreto legislativo 30 dicembre 2010 n. 235; VISTI gli articoli

Dettagli

Monitoraggio della Rete di Assistenza

Monitoraggio della Rete di Assistenza Studio di fattibilità Allegato al Deliverable A Monitoraggio della Rete di Assistenza Fase 1 Anagrafica ASL Comuni assistibili () ESTRATTO Indice del documento A.20 SCOPO DELL APPLICAZIONE...3 A.20.20

Dettagli

Integrazione dei flussi documentali con i procedimenti amministrativi

Integrazione dei flussi documentali con i procedimenti amministrativi Integrazione dei flussi documentali con i procedimenti amministrativi Dott.ssa Maria Pia Giovannini Responsabile dell Ufficio Sistemi per l efficienza della gestione delle risorse umane e finanziarie e

Dettagli

Ministero dell Interno

Ministero dell Interno EDITORIALE AI SINDACI Il nuovo software XML-SAIA del Sistema di Accesso ed Interscambio Anagrafico (SAIA) Caro Sindaco, a conclusione dei lavori del tavolo tecnico tra il Ministero dell Interno, Direzione

Dettagli

Certificazione di Proxy Applicativi e di applicazioni e servizi di cooperazione di Sistemi Informativi Locali

Certificazione di Proxy Applicativi e di applicazioni e servizi di cooperazione di Sistemi Informativi Locali Certificazione di Proxy Applicativi e di applicazioni e servizi di cooperazione di Sistemi Informativi Locali Ver. 1.0 11 Gennaio 2006 Riferimenti Documentazione CART - Regione Toscana [RT-PDK] Proxy Developer

Dettagli

Sistema Servizi per le Imprese

Sistema Servizi per le Imprese Sistema Servizi per le Imprese Portale Imprese SPOR: Servizi di cooperazione Servizi Prevenzione Incendi VVF su Impresa.gov SPOR - Servizi Prevenzione Incendi VVF di impresa.gov Ver. 1.1 del 12/05/2008

Dettagli

L EMAIL: ISTRUZIONI PER L USO Strumenti, metodi e criticità per creare, gestire e conservare la posta elettronica

L EMAIL: ISTRUZIONI PER L USO Strumenti, metodi e criticità per creare, gestire e conservare la posta elettronica Prof. Stefano Pigliapoco L EMAIL: ISTRUZIONI PER L USO Strumenti, metodi e criticità per creare, gestire e conservare la posta elettronica s.pigliapoco@unimc.it Posta Elettronica (PE) [DPCM 31/10/2000]:

Dettagli

Definizione delle interfacce di colloquio fra le componenti

Definizione delle interfacce di colloquio fra le componenti Definizione delle interfacce di colloquio fra le componenti 1 DOCUMENTO:. v 1.1 Emesso da: EMISSIONE VERIFICA APPROVAZIONE Nome Luca Menegatti firma Verificato da: Giancarlo Savoia Approvato da: Angelo

Dettagli