Liceo Classico tel , fax VENEZIA. Classe. Classe 5^ Arti 1/87

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Liceo Classico tel 0415225252, fax VENEZIA. Classe. Classe 5^ Arti 1/87"

Transcript

1 Istituto d Istruzione Superiore P POLO-LICEO ARTISTICO - VEIS02400C - Dorsoduro, VENEZIA tel , fax Liceo Classico e Musicale Marco Polo Venezia VEPC02401Q tel , fax LICEO ARTISTICO STATALE, DORSODUR VENEZIA V RO A VESL ESAME DI STATO 2014/15 Documento del Consiglio di Classe Classe 5^ A Liceo Artistico INDIRIZZO Arti Figurative 1/87

2 Classe 5^A DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (ai sensi dell art. 5, comma 2, del vigente Regolamento) Studenti 1. Barrantes Cardenas Yeeik 2. Berti Helen 3. Bordonali Mirella 4. Busato Elena 5. Carrara Elena 6. Erhan Victoria 7. Fabris Andrea 8. Giacchetto Dorilys 9. Grison Mattia 10. Hmaied Yasmin 11. Langiu Silvia 12. Mantovan Beatrice 13. Marascalchi Chiara 14. Marin Serena 15. Pinel Giulia 16. Rivecchio Manuela Mariapia 17. Vanin Alice 18. Vecchiato Vittoria 19. Vincenzi Sofia Coordinatore di Classe: prof.ssa Lucia Feltrin 2/87

3 INDICE - Informazioni di carattere generale - L offerta formativa - Finalità dell azione educativa - Variazioni nella composizione del Consiglio di Classe nel triennio - Presentazione della Classe - Attività programmate e realizzate dal Consiglio di Classe - Criteri generali di valutazione. (P.O.F.) - Le attività di competenza dei singoli Docenti - Disciplina: Lingua e Letteratura Italiana - Disciplina: Storia - Disciplina: Lingua inglese - Disciplina: Filosofia - Disciplina: Matematica - Disciplina: Fisica - Disciplina: Storia dell Arte - Disciplina: Discipline Plastiche e Scultoree, Lab. della Figurazione - Disciplina: Discipline Grafiche e Pittoriche, Lab. della Figurazione - Disciplina: Scienze Motorie - Disciplina: Religione Cattolica - Simulazione di Prima Prova - Griglia per la valutazione della Prima Prova (Italiano) - Prima simulazione di Seconda Prova - Seconda simulazione di Seconda Prova - Griglie per la valutazione della Seconda Prova - Prima Simulazione di Terza Prova - Seconda Simulazione di Terza Prova - Griglia di valutazione della Terza Prova - Il Consiglio di Classe 3/87

4 Informazioni di carattere generale La denominazione LICEO ARTISTICO sintetizza le caratteristiche di questo istituto: LICEO per sviluppare una cultura di base umanistico-scientifica; ARTISTICO per la presenza significativa delle discipline pittoriche, plastiche, architettoniche e del design, grafiche e scenografiche. Finalità dell azione educativa Il progetto intende proporre il Liceo Artistico come scuola di formazione progettuale e critica nel campo dell espressione artistica. Elemento caratterizzante di tale scuola è l acquisizione di una compiuta consapevolezza sul piano storico, teorico e operativo, dei problemi dell espressione umana, studiata sia come generale categoria di conoscenze sia come complesso di particolari operazioni e realizzazioni. Il corso di studi è quinquennale ed è strutturato in un biennio, seguito da un triennio. Quest'ultimo è articolato nelle seguenti aree di indirizzo: Indirizzo: Arti Figurative Indirizzo: Scenografia Indirizzo: Grafica Indirizzo: Architettura e Ambiente Indirizzo: Design L indirizzo Arti Figurative è finalizzato al conseguimento di una formazione di carattere teorico-pratico nell'ambito della pittura e della scultura, e si propone di fornire sia le conoscenze dei linguaggi visivi a livello teorico, critico ed espressivo, sia le competenze necessarie alle procedure pittoriche, grafiche, plastiche e scultoree, per sviluppare l espressione creativa. 4/87

5 VARIAZIONI NELLA COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE NEL TRIENNIO DISCIPLINE DEL CURRICOLO Lingua e Letteratura Italiana Storia ANNI DI CORSO III, IV, V III, IV, V CLASSI III IV V Lingua Inglese III, IV, V * Filosofia III, IV, V Matematica III, IV, V Fisica III, IV, V Storia dell Arte Discipline Grafiche Pittoriche, Lab della figurazione Discipline Plastiche Scultoree, Lab. della figurazione Educazione Fisica Religione Cattolica III, IV, V III, IV, V * III, IV, V III, IV, V III, IV, V (*): anno in cui vi è stato un cambiamento di Docente rispetto all anno precedente. LE ATTIVITÀ DI COMPETENZA DEL CONSIGLIO DI CLASSE PRESENTAZIONE DELLA CLASSE 1. La classe costituita da 19 allievi, 16 femmine e 3 maschi, tra cui due alunni con certificazione di diagnosi DSA è composta tutta da elementi provenienti dalla 4^ A dello scorso anno, a parte Barrantes Cadenas Yeeik che ripete il quinto anno e proviene dalla 5^ C (Pittura) del Liceo stesso. L alunna Pinel Giulia ha ripetuto il quarto anno e proviene dalla 4^E (Pittura). In data 8 aprile 2015 l alunna Hmaied Yasmin si è ritirata dalle lezioni. Ecco l elenco degli allievi che attualmente compongono la classe: 1. Barrantes Cardenas Yeeik 2. Berti Helen 5/87

6 3. Bordonali Mirella 4. Busato Elena 5. Carrara Elena 6. Erhan Victoria 7. Fabris Andrea 8. Giacchetto Dorilys 9. Grison Mattia 10. Langiu Silvia 11. Mantovan Beatrice 12. Marascalchi Chiara 13. Marin Serena 14. Pinel Giulia 15. Rivecchio Manuela Mariapia 16. Vanin Alice 17. Vecchiato Vittoria 18. Vincenzi Sofia Il Consiglio di Classe è composto dai seguenti docenti: Casotto Laura (Lingua Inglese) De Cunzo Margherita (Storia dell Arte) Fantini Stefania (Discipline Plastiche e Scultoree Laboratorio della Figurazione) Feltrin Lucia ( Matematica e Fisica & Coordinatore) Fersuoch Gabriella (Italiano e Storia & Segretario) Petruzzelli Stella (Discipline Grafiche e Pittoriche e Lab. della Figurazione) Porto Giandomenico (Filosofia) Rivolta Ester (Educazione Fisica) Schenal Maria (Religione) docente supplente Andreato Filippo Nel corso del corrente anno scolastico le professoresse De Cunzo (Storia dell Arte) e Schenal (Religione) sono state sostituite da docenti supplenti: la prima da inizio anno a tutto il mese di dicembre, la seconda a partire dal 15 novembre 2014 a oggi. GLI SPAZI Allievi e docenti hanno usufruito dei seguenti spazi del nostro istituto, articolato nella sede di Ca Giustinian e Santo Spirito: Aule per l insegnamento frontale tradizionale Laboratori (Discipline Plastiche Scultoree, Discipline Grafiche e Pittoriche) Aula cinema Palestra 6/87

7 VISITE E VIAGGI D ISTRUZIONE Gli allievi hanno potuto godere di alcune visite all'esterno a Venezia (due visite presso il Museo Guggenheim illustrato sia in lingua italiana che in lingua inglese, una terza presso la centrale elettrica di Fusina), e viaggi d istruzione a Parigi (in quarta) e a Firenze (in terza). I TEMPI È stato effettuato, al 15 maggio, il seguente numero di ore (tra parentesi il numero di ore settimanali di ciascuna materia): Italiano 120 (4) Storia 50 (2) Inglese 83 (3) Filosofia 57 (2) Matematica 56 (2) Fisica 49 (2) Storia dell'arte 79 (3) Discipline Grafiche e Pittoriche & Lab. Figurazione 170 (7) Discipline Plastiche e Scultoree & Lab. Figurazione 221 (7) Scienze Motorie 58 (2) Religione 21 (1) CRITERI E STRUMENTI DI VALUTAZIONE Ai fini della valutazione, i docenti hanno utilizzato i voti, in una gamma dall'1 al 10, e giudizi scritti in riferimento a: Interrogazioni Elaborati scritti, grafici o pratici Prove oggettive, questionari, test Simulazioni d esame 7/87

8 Criteri generali di valutazione (P.O.F.) LICEO ARTISTICO Livelli CONOSCENZE COMPETENZE ABILITA NC L insegnante non è in possesso di sufficienti elementi di valutazione Totale rifiuto della materia e dei suoi contenuti. - Gravissime carenze di base - Gravi carenze di base. - Estrema difficoltà a riconoscere gli elementi fondamentali ed elementari degli argomenti trattati. - I contenuti specifici delle discipline non sono stati recepiti. - Lacune nella preparazione di base. - Conoscenze parziali e/o frammentarie dei contenuti. - Comprensione confusa dei concetti. - Complessiva conoscenza dei contenuti ed applicazione elementare delle - Gli elementi acquisiti accertano la totale assenza di competenze specifiche disciplinari. - Anche se guidato non è in grado di riferire le esperienze proposte - Difficoltà a memorizzare e a riconoscere concetti specifici. - Difficoltà di assimilazione dei metodi operativi impartiti. - Difficoltà ad utilizzare concetti e linguaggi specifici. - Esposizione imprecisa e confusa. - Anche se guidato l alunno ha difficoltà ad esprimere i concetti e ad evidenziare quelli più importanti. - Uso impreciso dei linguaggi nella loro specificità. - Modesta la componente ideativa. - Esposizione abbastanza corretta ed uso accettabile della terminologia specifica. - Se guidato l alunno riesce - Ha prodotto lavori e svolto verifiche che non forniscono alcun elemento per riconoscere l acquisizione di specifiche abilità. - Ha prodotto lavori e/o verifiche parziali e assolutamente insufficienti per esprimere una valutazione complessiva dell iter formativo. - Lavori e verifiche parziali e comunque non sufficienti ad esprimere un giudizio sull iter formativo. - Difficoltà nell esecuzione di operazioni elementari. - Difficoltà ad eseguire semplici procedimenti logici, a classificare ed ordinare con criterio. - Difficoltà ad applicare le informazioni. - Metodo, uso degli strumenti e delle tecniche inadeguati. - Anche se guidato non riesce ad applicare i concetti teorici a situazioni pratiche. - Metodo di lavoro poco personale e pertanto poco efficace. - Applicazione parziale ed imprecisa delle informazioni. - Sufficienti capacità di analisi, confronto e sintesi anche se non autonome. - Utilizza ed applica le tecniche operative in modo 8/87

9 informazioni. - Conoscenza puntuale dei contenuti ed assimilazione dei concetti - Conoscenza completa ed organizzata dei contenuti. - Conoscenza approfondita ed organica dei contenuti anche in modo interdisciplinare. - Conoscenza completa, approfondita, organica ed interdisciplinare degli argomenti. ad esprimere i concetti e ad evidenziare i più importanti. - Capacità adeguate di comprensione e di lettura degli elementi di studio. - Adesione alla traccia e corretta l analisi. - Esposizione chiara con corretta utilizzazione del linguaggio specifico. - Sa riconoscere problematiche chiave degli argomenti proposti. - Vi è padronanza di mezzi espressivi ed una efficace componente ideativa. - L esposizione è sicura con uso appropriato del linguaggio specifico. - Capacità di rielaborazione che valorizza l acquisizione dei contenuti in situazioni diverse. - Stile espositivo personale e sicuro con utilizzo appropriato del linguaggio specifico. - Esposizione scorrevole, chiara ed autonoma tanto da padroneggiare lo strumento linguistico. - Efficace e personale la componente ideativa: uso appropriato e critico dei linguaggi specifici. adeguato, se pur poco personalizzato. - Applicazione guidata delle conoscenze acquisite nella soluzione dei problemi e nella deduzione logica. - Metodo di lavoro personale ed uso consapevole dei mezzi e delle tecniche specifiche realizzative. - Uso autonomo delle conoscenze per la soluzione di problemi. - Capacità intuitive che si estrinsecano nella comprensione organica degli argomenti. - Sa cogliere, nell analizzare i temi, i collegamenti che sussistono con altri ambiti disciplinari e in diverse realtà, anche in modo problematico. - Metodo di lavoro personale, rigoroso e puntuale. - Interesse spiccato verso i saperi e positiva capacità di porsi di fronte a problemi e risolvere quelli nuovi. - Metodo di lavoro efficace, propositivo e con apporti di approfondimento personale ed autonomo, nonché di analisi critica. 9/87

10 LINGUA E LETTERATURA ITALIANA PIANO ORARIO ANNUALE Materia Triennio Totale III IV V ITALIANO Testi in adozione: Docente Sapegno "Il senso e le forme" vol.3,4, 5 G. Fersuoch Con riferimento alla programmazione curriculare sono stati conseguiti i seguenti obiettivi: a) Conoscenze La classe sembra aver raggiunto conoscenze complessivamente sufficienti degli argomenti trattati nel corso dell anno scolastico b) Competenze Le competenze proprie della disciplina sono state acquisite in modo piuttosto differenziato all interno della classe, cosi come appaiono differenziate e non in per tutti gli alunni soddisfacenti, le capacità di rielaborazione critica dei contenuti studiati c) Frequenza, Applicazione Allo Studio, Partecipazione Al Dialogo Educativo La frequenza é risultata complessivamente soddisfacente come la partecipazione al dialogo educativo; alquanto differenziata all interno della classe invece l applicazione allo studio 10/87

11 D) Contenuti disciplinari (unità didattiche, percorsi tematici, approfondimenti specifici, con indicazione del numero complessivo delle ore impiegate per ciascuna unità Argomenti Il romanticismo; A. Manzoni e G. Leopardi 40 L evoluzione del romanzo tra naturalismo e verismo; Verga 30 Il Decadentismo Esempi italiani: Pascoli e D Annunzio 20 L evoluzione del romanzo nel 900 ; esempi italiani: Pirandello e Svevo 20 Le Avanguardie; Marinetti 10 ore Totale ore effettivamente svolte 120 Dopo il 15 maggio : Argomenti ore La lirica italiana agli inizi del Ungaretti 5 Criteri di valutazione Per quanto riguarda la valutazione orale e scritta, riprendendo le linee guida del POF, si sono utilizzati i seguenti indicatori: Per lo scritto Per l'orale Metodi e strumenti (lezioni frontali, gruppi di lavoro, attività di ricerca individuale, attività di recupero e di sostegno) Lezione frontale 11/87

12 Strumenti didattici utilizzati (testi utilizzati, integrazione con altro materiale, biblioteche d istituto e di classe, tecnologie audiovisive, strumentazione informatica e multimediale ecc.): Libri di testo, fotocopie. Tipologie delle prove di verifica utilizzate (prove scritte, prove orali, prove di laboratorio, test con tipologie previste per la terza prova, ecc.) Verifiche scritte e orali: Simulazione della prima prova scritta. Allegati di esempi di prove di verifica effettuate: STORIA PIANO ORARIO ANNUALE Materia Triennio Totale III IV V STORIA Testi in adozione: Docente Banti Il senso del Tempo G. Fersuoch Con riferimento alla programmazione curriculare sono stati conseguiti i seguenti obiettivi: a) Conoscenze La classe ha raggiunto complessivamente una conoscenza quasi sufficiente dei contenuti trattati 12/87

13 b) Competenze (possesso di strumenti operativi propri della disciplina, capacità d elaborazione personale delle conoscenze): La classe ha trovato incontrato parecchie difficoltà con questa disciplina lungo tutto il triennio; In particolare nell utilizzare il linguaggio e gli strumenti propri della disciplina stessa, nel dare ordine e gerarchia alle informazioni e nel rielaborarle criticamente. c) Frequenza, Applicazione Allo Studio, Partecipazione Al Dialogo Educativo La frequenza e la partecipazione al dialogo educativo sono stati soddisfacenti; L applicazione allo studio piuttosto differenziata all interno della classe. d) Contenuti disciplinari (unità didattiche, percorsi tematici, approfondimenti specifici, con indicazione del numero complessivo delle ore impiegate per ciascuna unità Argomenti Trattazione sintetica del periodo Tappe dell unificazione italiana 10 I probleemi dello stato unitario. La destra storica e la sinistra di De Pretis 5 La seconda rivoluzione industriale e l Imperialismo 10 Crispi e la crisi di fine secolo 5 L Età giolittiana La prima guerra Mondiale La rivoluzione russa Il dopoguerra. Fascismo e Nazismo ore 10 Totale ore effettivamente svolte 50 Dopo il 15 maggio : Argomenti ore La seconda Guerra Mondiale 10 Il Dopoguerra 5 13/87

14 Criteri di valutazione Per quanto riguarda la valutazione orale e scritta, riprendendo le linee guida del POF, si sono utilizzati i seguenti indicatori: Per lo scritto Per l'orale Metodi e strumenti (lezioni frontali, gruppi di lavoro, attività di ricerca individuale, attività di recupero e di sostegno) Lezione frontale Strumenti didattici utilizzati (testi utilizzati, integrazione con altro materiale, biblioteche d istituto e di classe, tecnologie audiovisive, strumentazione informatica e multimediale ecc.) Libro di testo; fotocopie da altri testi Tipologie delle prove di verifica utilizzate (prove scritte, prove orali, prove di laboratorio, test con tipologie previste per la terza prova, ecc. Verifiche orali; simulazioni della terza prova Allegati di esempi di prove di verifica effettuate: 14/87

15 LINGUA INGLESE PIANO ORARIO ANNUALE Materia Triennio Totale III IV V INGLESE Testi in adozione: Docente L&J Soars, New Headway Digital.Intermediate, Oxford Clegg-Orlandi-Regazzi, Art Today, CLITT Laura Casotto La classe, che ho seguito solo negli ultimi due anni, durante il percorso scolastico superiore ha cambiato spesso insegnante di lingua e cultura inglese. Tale premessa si rende necessaria per l analisi degli obiettivi raggiunti dagli studenti in questa disciplina alla fine del corso di studi, poiché il cambiamento di insegnante ha probabilmente reso meno fluido lo sviluppo armonico ed articolato delle competenze necessarie per l acquisizione e l ampliamento dei contenuti proposti. Nonostante la disponibilità allo studio della materia si sia dimostrata nel complesso discreta, la necessità di frequenti revisioni e ripetizioni di contenuti, in particolare linguistici, ha in parte rallentato il ritmo di lavoro. Complessivamente, l interesse, la partecipazione e l impegno non sono mancati, ma sono stati espressi in modo un po disordinato e non sempre costante. Va tuttavia ricordato che, in più di qualche caso, l impegno per superare le proprie difficoltà ed affrontare il carico di studio è stato più che apprezzabile. La classe presenta un livello globalmente più che sufficiente per quel che riguarda il profitto, con alcuni casi che hanno raggiunto risultati anche buoni. Per alcuni studenti con maggiori difficoltà, i risultati non sono stati sempre positivi. 1. Con riferimento alla programmazione curriculare sono stati conseguiti i seguenti obiettivi: a) Conoscenze Gli studenti sono in grado di leggere, scrivere, comprendere e parlare in lingua inglese, in particolare sugli argomenti collegati alle tematiche affrontate in classe, e sono in possesso del linguaggio settoriale necessario a trattarne i contenuti. Per quanto riguarda la trattazione analitica degli obiettivi raggiunti dagli studenti in termini di conoscenze, si rimanda ai contenuti svolti durante l'anno. 15/87

16 In linea generale, gli studenti conoscono: le strutture linguistiche ed il lessico necessari per affrontare gli argomenti trattati in modo semplice, ma lineare, e sono in possesso del linguaggio settoriale necessario a trattarne i contenuti; alcuni elementi caratterizzanti lo sviluppo artistico e letterario del periodo vittoriano (in particolare il movimento artistico dei Pre-Raffaelliti e dell Estetismo, nonché esempi del primo e del tardo romanzo vittoriano) e della prima metà del XX secolo (con particolare riferimento ai movimenti artistici legati alle avanguardie ed alla Prima Guerra Mondiale nonché al romanzo modernista ed ai poeti di guerra); gli elementi caratterizzanti le opere pittoriche analizzate, contenuto dei brani letterari trattati e semplici note esplicative. Il livello delle conoscenze acquisite varia dal complessivamente sufficiente al buono. b) Competenze (possesso di strumenti operativi propri della disciplina, capacità d elaborazione personale delle conoscenze): La comprensione globale di testi in lingua è complessivamente sufficiente per la maggior parte della classe, che è anche in grado di analizzare opere di carattere pittorico in modo complessivamente più che sufficiente e operare semplici analisi guidate dei testi letterari. Per quanto riguarda la produzione, questa risulta per la maggior parte degli studenti più agevole allo scritto che all orale. Un piccolo gruppo di studenti è in grado di esprimersi con autonomia e dimostra di aver acquisito una discreta padronanza lessicale, pur con qualche incertezza nella pronuncia e nell uso delle strutture morfosintattiche; altri hanno acquisito con diligenza i contenuti studiati, che ripropongono fedelmente in lingua e con maggior sicurezza se guidati dall intervento dell insegnante. In qualche caso i contenuti vengono riproposti in modo non sempre soddisfacente. Per le capacità, solo pochi allievi riescono ad operare collegamenti appropriati sulla base delle conoscenze acquisite e sanno proporre testi ed osservazioni personali, anche se semplici, utilizzando lessico e strutture in modo abbastanza fluido e corretto. c) Frequenza, Applicazione Allo Studio, Partecipazione Al Dialogo Educativo La classe si è dimostrata complessivamente interessata agli argomenti proposti e disponibile al dialogo educativo. Il comportamento nel corso dell anno è stato corretto, mentre la partecipazione alle lezioni è stata generalmente attenuata da una certa timidezza nell espressione in lingua straniera. L impegno è stato discreto per la 16/87

17 maggior parte della classe, mentre in più di qualche caso lo sforzo per superare le proprie difficoltà ed affrontare il carico di studio è stato più che apprezzabile. Rispetto alla situazione di partenza, la classe ha mediamente raggiunto un livello di profitto globalmente più che sufficiente, con alcuni casi che raggiungono risultati anche buoni e qualche caso i cui risultati non sono stati sempre soddisfacenti. d) Contenuti disciplinari (unità didattiche, percorsi tematici, approfondimenti specifici, con indicazione del numero complessivo delle ore impiegate per ciascuna unità Argomenti Module 1 Language Structures and Vocabulary ore 25 from Headway Intermediate: U 9: Second and Third conditionals; conditionals with modals U11: modals of probability Revisione dei tempi narrativi Modi di tradurre l imperfetto italiano Wish/if only usi di would: conditional, future in the past, repetition in the past Attività di Lettorato Madrelingua (10 ore): Job Profiles: Art Dealer, Picture Restorer, Conservator, Curator Tips for Arts Graduates Module 2 The Victorian Age 17 The Victorian Background Art in the Victorian Period Literature Charles Dickens: Oscar Wilde: from Oliver Twist - I want some more (fotocopia) notes on the text (fotocopia) Clip from the film 'Oliver Twist', by Roman Polanski (WA) from The Picture of Dorian Gray - The Studio (fotocopia) notes on the text (fotocopia) Art Art in the Victorian Age (fotocopia) Dante Gabriel Rossetti: Ecce Ancilla Domini p. 243 John Everett Millais: Ophelia pp Pre-Raphaelites and Impressionists pp /87

18 Claude Monet: Impression: Sunrise pp The Aesthetic Movement (fotocopia) J.A.M. Whistler : Symphony in White n 2 (fotocopia) Nocturne in Blue and Green, Chelsea (fotocopia) Module 3 The 20th Century 15 Introduction: The Age of Anxiety Literature The War Poets : Rupert Brooke: The Soldier Siegfried Sassoon: They Wilfred Owen: Futility Contrasting Literatures: Futility and Veglia by G. Ungaretti* The Modernist Novel: The Interior Monologue * James Joyce from: Ulysses He Crossed at Nassau Street * I Was Thinking of So Many Things * * dopo la data odierna (1 maggio 2015), entro il 15 maggio 2015 Art Avant-garde Movements p. 261 Cubism pp Pablo Picasso: Les Demoiselles d Avignon p Futurism p. 265 Video: Introduction to the Exhibition Futurism, by the Salomom Guggenheim Museum, NY Gino Severini: Red Cross Train Passing a Village p. 266 Armoured Train p. 266 War Painting Paul Nash: We Are Making a New World Clip from the documentary: British Masters, BBC Attività di valutazione e verifica (scritta e orale, compresa preparazione e correzione) 25 Totale ore effettivamente svolte 83 18/87

19 Dopo il 15 maggio : Argomenti ore Criteri di valutazione Per quanto riguarda la valutazione orale e scritta, riprendendo le linee guida del POF, si sono utilizzati i seguenti indicatori: Per lo scritto Per l'orale Nella valutazione delle prove scritte sono Per le prove orali si è tenuto conto, oltre alla stati prese in considerazione la conoscenza ed organizzazione dei contenuti, comprensione del quesito proposto, la della correttezza morfosintattica e della pertinenza, completezza e articolazione dei proprietà lessicale, anche della chiarezza contenuti, la correttezza morfosintattica e la della pronuncia, della fluidità proprietà e varietà lessicale. nell esposizione e dell efficacia La scala di valutazione in decimi è andata comunicativa. dal 3 (prova nulla) al 9-10 La scala di valutazione in decimi è andata (eccellente/ottimo). dal 3 (prova nulla) al 9-10 (eccellente/ottimo). 2. Metodi e strumenti (lezioni frontali, gruppi di lavoro, attività di ricerca individuale, attività di recupero e di sostegno) Lezione frontale e dialogata Attività di comprensione del testo letterario e di analisi e commento delle opere pittoriche guidati dall'insegnante o da precisi esercizi presenti nel libro di testo, da svolgersi individualmente o a coppie in classe e/o a casa. Presentazione in Powerpoint degli argomenti non contenuti nel libro di testo, con coinvolgimento degli studenti per la verifica della comprensione del materiale proposto e per il consolidamento delle competenze traduttive. Sintesi scritta del materiale proposto. Esercizi proposti dai libri di testo in adozione, per le strutture linguistiche Visione di filmati e documentari in inglese relativi alle tematiche e/o agli autori in programma Utilizzo di siti internet Utilizzo di podcast audio e video 19/87

20 3. Strumenti didattici utilizzati (testi utilizzati, integrazione con altro materiale, biblioteche d istituto e di classe, tecnologie audiovisive, strumentazione informatica e multimediale ecc.) Libri di testo in adozione: Dizionario bilingue e monolingue Materiale fornito dall insegnante, tratto e/o rielaborato da altri libri o dalla Rete, su supporto cartaceo, audio, video e/o multimediale Lettore CD audio e DVD Lavagna Interattiva Multimediale 4. Tipologie delle prove di verifica utilizzate (prove scritte, prove orali, prove di laboratorio, test con tipologie previste per la terza prova, ecc.) Per le verifiche formative, si è fatto riferimento a domande saggio dal posto e/o a esercizi dal libro di testo. Le verifiche hanno riguardato in particolare la produzione di testi, scritti ed orali, di carattere specifico all indirizzo artistico e ai contenuti culturali proposti. Per la parte linguistica, è stata proposta anche la traduzione di frasi su argomenti noti, intesa esclusivamente come prova, non come strumento di acquisizione linguistica, tenendo conto che nel loro futuro inserimento nel mondo del lavoro gli studenti potranno trovarsi a dover elaborare traduzione di testi di argomento artistico. Le verifiche sommative sono state due allo scritto e due all'orale per il primo quadrimestre, tre allo scritto e due all'orale per il secondo ed hanno riprodotto tipologie di esercizi già svolti in classe e/o a casa. Le verifiche di ambito artistico-culturale sono state modellate sulle tipologie previste per la Terza Prova dell Esame di Stato. Per le simulazioni di Terza Prova è stata adottata, in accordo con il Consiglio di Classe, la tipologia B, che è sembrata la più adatta a valutare le competenze sia linguistiche che analitico-sintetiche degli studenti. Sono state proposti due o tre quesiti sul programma svolto, con risposte da articolare in un massimo di dieci righe ciascuna. Durante le simulazioni di Terza Prova è stato consentito l uso del dizionario monolingue e/o bilingue e la riproduzione di eventuali opere da analizzare. 5. Allegati di esempi di prove di verifica effettuate: 20/87

21 FILOSOFIA PIANO ORARIO ANNUALE DELL INSEGNAMENTO DI FILOSOFIA NEL LICEO ARTISTICO Materia Triennio Totale III IV V FILOSOFIA TESTI IN ADOZIONE: E. Berti - F. Volpi, Storia della filosofia - dall antichità ad oggi, tomo B : L età contemporanea, Editori Laterza, Bari Henri Bergson, Introduzione alla metafisica, 1903 (H. Bergson, Introduction à la Métaphysique, Paris 1903). DOCENTE: G. Porto 1. CON RIFERIMENTO ALLA PROGRAMMAZIONE CURRICULARE SONO STATI RAGGIUNTI I SEGUENTI OBIETTIVI: Gli allievi (che abbiamo seguito dal primo anno del triennio finale del corso di studi) complessivamente hanno ottenuto una preparazione adeguata; la classe, sia pure in forme e con risultati non omogenei, dimostra di aver metabolizzato i contenuti culturali e le impostazioni metodologiche più importanti, trasformandoli in preparazione culturale, in conoscenze stabili. Gli allievi, infine, ha evoluto un atteggiamento interessato e partecipativo verso la disciplina. Schematizzando, la classe (pur in presenza di livelli differenziati di acquisizione) ha raggiunto i seguenti obiettivi: A) CONOSCENZE: conoscenza dei lineamenti essenziali del pensiero filosofico moderno e contemporaneo; 21/87

22 conoscenza del contesto storico e in cui si sono prodotti e sviluppati i principali filoni del pensiero filosofico moderno e contemporaneo e delle loro fondamentali interazione socio-culturali; conoscenza degli elementi fondamentali del lessico filosofico dei diversi autori. conoscenza dell evoluzione semantica di alcuni termini filosofici fondamentali. B) COMPETENZE: Saper individuare, definire ed utilizzare la terminologia specifica della disciplina tenendo conto dello specifico ambito di riferimento. Saper contestualizzare i contenuti filosofici studiati. Saper individuare continuità e mutamenti all interno del divenire del pensiero filosofico. Saper creare collegamenti, trovare riferimenti, richiami ed elementi di lunga durata all interno della storia del pensiero filosofico; Saper confrontare ipotesi teoretiche alternative. Saper argomentare. Saper costruire connessioni interdisciplinari. Saper leggere ed interpretare criticamente i contenuti. Saper esporre e riassumere in forma orale e scritta, con rigore logico, organicità e precisione concettuale i contenuti filosofici esaminati anche con opportuni riferimenti ai testi. C) FREQUENZA, APPLICAZIONE ALLO STUDIO, PARTECIPAZIONE AL DIALOGO EDUCATIVO: Tutti gli allievi hanno dimostrato grande disponibilità verso la metodologia e le iniziative didattiche volute dal docente anche se quando si è trattato di trasformare questo positivo atteggiamento in concreto lavoro (soprattutto domestico) non tutti gli allievi hanno risposto con lo stesso impegno e la stessa costanza. La partecipazione al dialogo educativo (costantemente sollecitata) si è fatta, via via, più costante, propositiva e autonoma. La frequenza degli alunni è stata complessivamente regolare, bisogna comunque ricordare e che un allieva non ha più frequentato nel secondo quadrimestre. Il comportamento degli allievi in classe è stato sempre corretto e questo ha favorito il positivo svolgimento delle attività didattiche. D) CONTENUTI DISCIPLINARI Lo studio è stato condotto sugli appunti dalle lezioni, su materiale fornito dal docente e sul manuale in adozione. 1. IL SISTEMA HEGELIANO (ore 10) Contesto storico, biografia e opere di G. W. F. Hegel. I capisaldi del sistema hegeliano. Idea, natura e spirito La dialettica. La Fenomenologia dello Spirito: coscienza, autocoscienza, ragione, spirito, religione e sapere assoluto. L Enciclopedia delle scienze filosofiche in compendio: la logica, la filosofia della natura e la filosofia dello Spirito. 22/87

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Programmazione Generale Matematica e Complementi Classi: 2 Biennio Quarta I Docenti della Disciplina Salerno, lì 12 settembre 2014 Finalità della Disciplina

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A.

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A. UdA n. 1 Titolo: Disequazioni algebriche Saper esprimere in linguaggio matematico disuguaglianze e disequazioni Risolvere problemi mediante l uso di disequazioni algebriche Le disequazioni I principi delle

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

Istituto Istruzione Superiore Liceo Scientifico Ghilarza Anno Scolastico 2013/2014 PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA

Istituto Istruzione Superiore Liceo Scientifico Ghilarza Anno Scolastico 2013/2014 PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA Classe VA scientifico MATEMATICA MODULO 1 ESPONENZIALI E LOGARITMI 1. Potenze con esponente reale; 2. La funzione esponenziale: proprietà e grafico; 3. Definizione di logaritmo;

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia 3) Heidegger: dall esistenza all ontologia Vita e opere Martin Heidegger (1889-1976) frequentò la facoltà di teologia dell Università di Friburgo. Nel 1919 divenne assistente e in seguito successore di

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1 Indice Presentazione... 1 Livelli di realtà... 5 1. Realtà fisica e realtà fenomenica... 5 2. Annullamento dell identità numerica tra oggetto fisico e oggetto fenomenico... 8 3. Individualità degli oggetti

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO. a.s. 2012/2013

PROGRAMMA SVOLTO. a.s. 2012/2013 Liceo Scientifico Statale LEONARDO DA VINCI Via Cavour, 6 Casalecchio di Reno (BO) - Tel. 051/591868 051/574124 - Fax 051/6130834 C. F. 92022940370 E-mail: LSLVINCI@IPERBOLE.BOLOGNA.IT PROGRAMMA SVOLTO

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

Sviluppo sostenibile

Sviluppo sostenibile IL CANOCCHIALE DI GALILEO Sviluppo sostenibile Progetto asse scientifico tecnologico con il coinvolgimento del Consiglio di Classe 2 GLI STUDENTI - a.s. 2012-13 due classi prime: AMBIENTE-ENERGIA - a.s.

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2014/2015 I.I.S. ITCG L. EINAUDI SEZ.ASSOCIATA LICEO SCIENTIFICO G. BRUNO PROGRAMMA DI FISICA. CLASSE: V A Corso Ordinario

ANNO SCOLASTICO 2014/2015 I.I.S. ITCG L. EINAUDI SEZ.ASSOCIATA LICEO SCIENTIFICO G. BRUNO PROGRAMMA DI FISICA. CLASSE: V A Corso Ordinario ANNO SCOLASTICO 2014/2015 I.I.S. ITCG L. EINAUDI SEZ.ASSOCIATA LICEO SCIENTIFICO G. BRUNO PROGRAMMA DI FISICA CLASSE: V A Corso Ordinario DOCENTE: STEFANO GARIAZZO ( Paola Frau dal 6/02/2015) La corrente

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI Settore Industria e Artigianato Indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica Nell indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica sono confluiti gli indirizzi del previgente ordinamento

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue

Dettagli

Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015

Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015 Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015 Piano di lavoro annuale Materia : Fisica Classi Quinte Blocchi tematici Competenze Traguardi formativi

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue e Letterature:

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015 NUMERI. SPAZIO E FIGURE. RELAZIONI, FUNZIONI, MISURE, DATI E PREVISIONI Le sociali e ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA procedure

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 MATERIA: Scienze Motorie classe : V A SIA dell'istituto Superiore D'istruzione

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

Programmazione Modulare

Programmazione Modulare Indirizzo: BIENNIO Programmazione Modulare Disciplina: FISICA Classe: 2 a D Ore settimanali previste: (2 ore Teoria 1 ora Laboratorio) Prerequisiti per l'accesso alla PARTE D: Effetti delle forze. Scomposizione

Dettagli

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Progetto FEI Rete e Cittadinanza 2014-2015 Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Luana Cosenza, Università per Stranieri di Siena Marzo 2015 Piano di lavoro Principi della verifica e della valutazione

Dettagli

LICEO GINNASIO STATALE VIRGILIO SIMULAZIONE III PROVA ESAMI DI STATO

LICEO GINNASIO STATALE VIRGILIO SIMULAZIONE III PROVA ESAMI DI STATO SIMULAZIONE III PROVA ESAMI DI STATO Classe V F Liceo Internazionale Spagnolo Discipline: Francese/Inglese, Filosofia, Matematica, Scienze, Storia dell'arte Data 12 dicembre 2013 Tipologia A Durata ore

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

Liceo Artistico Statale «Boccioni Palizzi» Istituto Superiore Artistico

Liceo Artistico Statale «Boccioni Palizzi» Istituto Superiore Artistico Idoneità alla 3^ classe: ESAMI IDONEITA' INTEGRATIVI A.SC. 2013/14 1 Grimaldi Sabrina: in poss. promoz. al 2 anno Istituto Alberghiero 2 anno Storia e Geografia (orale) 2 anno Storia dell Arte (orale)

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

Funzione reale di variabile reale

Funzione reale di variabile reale Funzione reale di variabile reale Siano A e B due sottoinsiemi non vuoti di. Si chiama funzione reale di variabile reale, di A in B, una qualsiasi legge che faccia corrispondere, a ogni elemento A x A

Dettagli

PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE

PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE La Sala consultazione della Biblioteca Provinciale P. Albino è organizzata secondo il principio dell accesso diretto da parte dell utenza al materiale

Dettagli

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti»

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti» Studenti-LRF-2013 Utenti che hanno svolto il test: 262 Famiglie-LRF-2012/2013 Utenti che hanno svolto il test: 173 1) Un Liceo classico Risp. 1) È ancora una scelta valida (Utenti: 140 Perc.: 53.44%) Risp.

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA

FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA novembre 2004 FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA CICLO DI FORMAZIONE SUL RUOLO E SULLA VALORIZZAZIONE DELLA MARCA NELLA VITA AZIENDALE 3, rue Henry Monnier F-75009 Paris www.arkema.com TEL (+33)

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

Allegato IV simulazione della Terza Prova, TIP. B+C. del 27/05/2015

Allegato IV simulazione della Terza Prova, TIP. B+C. del 27/05/2015 Allegato IV simulazione della Terza Prova, TIP. B+C del 27/05/2015 Istituto d Istruzione Superiore Liceo Classico Statale G. Garibaldi Via Roma, 164 87012 Castrovillari ( CS ) Tel. e fax 0981.209049 Anno

Dettagli

4. Processo di elaborazione: Descrivi brevemente il processo di elaborazione/creazione del vostro progetto/pratica

4. Processo di elaborazione: Descrivi brevemente il processo di elaborazione/creazione del vostro progetto/pratica Descrizione della pratica 1. Identificazione Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica ISIS A. GRAMSCI-J.M. KEYNES Nome della pratica/progetto Consumare meno per consumare tutti Persona referente

Dettagli

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu Studiare in una L2 È un'attività cognitivamente complessa: apprendere (comprendere, elaborare, inquadrare,

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT A cura di Linda Rossi Holden Council of Europe 2001 1 IL PLURILINGUISMO Il plurilinguismo non va confuso

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

nti materiali per la certificazione delle competenze Diritto D ed E conomia primo biennio

nti materiali per la certificazione delle competenze Diritto D ed E conomia primo biennio Strumee nti materiali per la certificazione delle competenze Diritto D ed E conomia primo biennio Giorgia Lorenzato 2011 by Mondadori Education S.p.A., Milano Tutti i diritti riservati www.mondadorieducation.it

Dettagli

la rilevazione degli apprendimenti INVALSI

la rilevazione degli apprendimenti INVALSI I quadri di riferimento: Matematica Il Quadro di Riferimento (QdR) per le prove di valutazione dell'invalsi di matematica presenta le idee chiave che guidano la progettazione delle prove, per quanto riguarda:

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa L insegnamento della lingua materna nella scuola secondaria superiore si dimostra particolarmente importante

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

Didattiche con la LIM

Didattiche con la LIM Didattiche con la LIM Modelli e prospettive Luca Ferrari Dipartimento di Scienze dell Educazione, Università di Bologna Index 1. Scenario 2. Definizione e caratteristiche 3. Un modello didattico problematico

Dettagli

CORSO ALLIEVO ALLENATORE

CORSO ALLIEVO ALLENATORE CORSO ALLIEVO ALLENATORE GUIDA DIDATTICA 2013 1. Introduzione La presente guida vuole essere uno strumento a disposizione del Formatore del Corso Allievo Allenatore. In particolare fornisce informazioni

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA - SITUAZIONE DI PAR ARTENZA TENZA: L analisi della situazione di partenza ha mirato a rilevare il possesso di prerequisiti considerati fondamentali per l individuazione

Dettagli

Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle conoscenze e abilità degli allievi.

Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle conoscenze e abilità degli allievi. Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle abilità degli allievi. I risultati sono stati raccolti in un foglio elettronico e visualizzati con grafici,

Dettagli

English as a Second Language

English as a Second Language 1. sviluppo della capacità di usare l inglese per comunicare 2. fornire le competenze di base richieste per gli studi successivi 3. sviluppo della consapevolezza della natura del linguaggio e dei mezzi

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE MOD PROGRAMMAZIONEDISCIPLINARE REV.00del27.09.13 Pag1di5 PROGRAMMAZIONEDIDATTICADISCIPLINARE Disciplina:_SISTEMIELETTRONICIAUTOMATICIa.s.2013/2014 Classe:5 Sez.A INDIRIZZO:ELETTRONICAPERTELECOMUNICAZIONI

Dettagli

2013.2014. definisce l'identità culturale e progettuale dell Istituto FERMI. Il POF è il documento che

2013.2014. definisce l'identità culturale e progettuale dell Istituto FERMI. Il POF è il documento che 2013.201 Il POF è il documento che definisce l'identità culturale e progettuale dell Istituto FERMI descrive ciò che il FERMI offre agli studenti e alle loro famiglie Grafica originale di copertina gentilmente

Dettagli

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO Requisiti d'ammissione Dal Regolamento didattico del Conservatorio di Como Ex Art. 24: Ammissione ai corsi di

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

STILI DI APPRENDIMENTO NEI DSA PROPOSTE OPERATIVE PER UN BUON METODO DI STUDIO E DI INSEGNAMENTO

STILI DI APPRENDIMENTO NEI DSA PROPOSTE OPERATIVE PER UN BUON METODO DI STUDIO E DI INSEGNAMENTO STILI DI APPRENDIMENTO NEI DSA PROPOSTE OPERATIVE PER UN BUON METODO DI STUDIO E DI INSEGNAMENTO FONTE: MARIANI L. 2000. PORTFOLIO. STRUMENTI PER DOCUMENTARE E VALUTARE COSA SI IMPARA E COME SI IMPARA.ZANICHELLI,

Dettagli

Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015. Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno

Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015. Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno Liceo statale James Joyce (Linguistico e delle Scienze umane) Ariccia (Roma) Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015 Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno Questionari

Dettagli

STUDIO DI UNA FUNZIONE

STUDIO DI UNA FUNZIONE STUDIO DI UNA FUNZIONE OBIETTIVO: Data l equazione Y = f(x) di una funzione a variabili reali (X R e Y R), studiare l andamento del suo grafico. PROCEDIMENTO 1. STUDIO DEL DOMINIO (CAMPO DI ESISTENZA)

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio Scuola aperta 2015 Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio alla scoperta dell Asilo di Follina... l Asilo di Follina: LINEE PEDAGOGICO EDUCATIVE IL PROGETTO EDUCATIVO DIDATTICO. Il curricolo della scuola

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 Pagina 1 di 73 DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: LINGUA ITALIANA DISCIPLINE

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel.

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel. Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (R) Tel. 0831/845057- Fax:0831/846007 bric826002@istruzione.it bric826002@pec.istruzione.it

Dettagli

Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati. nell A.S. 2008 2009

Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati. nell A.S. 2008 2009 Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati nell A.S. 2008 2009 Presentazione a cura di Roberta Michelini Casalpusterlengo, 8 gennaio 2010 http://www.invalsi.it/esamidistato0809/

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle scatole alle figure piane Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle Indicazioni nazionali per il curricolo Le conoscenze matematiche contribuiscono alla formazione

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

Istituto Comprensivo E. De Filippo

Istituto Comprensivo E. De Filippo Istituto Comprensivo E. De Filippo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado Via degli Italici, 33 - tel. 0824-956054 fax 0824-957003 Morcone Bn (seconda annualità) Il tempo per leggere,

Dettagli

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE IL PASSAGGIO da INTEGRAZIONE a INCLUSIONE NON si basa sulla misurazione della distanza da normalità/standard ma sul processo di piena partecipazione e sul concetto di EQUITA.

Dettagli

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento RTICL rchimede 4 esame di stato seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario PRBLEM Siano f e g le funzioni

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato 1 Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Dalle aule parlamentari alle aule di scuola. Lezioni di Costituzione

Dettagli

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10.

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10. GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) IN (min. 5- max. 7,5) DISCRETO BUONO E (max 5) Analisi dei livelli e degli elementi del testo incompleta incompleta

Dettagli

Prot. Novara, 20 luglio 2015. Date Impegni Orario

Prot. Novara, 20 luglio 2015. Date Impegni Orario Prot. Novara, 20 luglio 20 OGGETTO: CALENDARIO DEGLI IMPEGNI DI SETTEMBRE 20 Date Impegni Orario 1 settembre Collegio Docenti :00 2 settembre Prove studenti con giudizio sospeso (vedi elenco) 8:30 3 settembre

Dettagli