i n s e g n a n t e I N S I E M E P E R crescere crescere g u i d a

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "i n s e g n a n t e I N S I E M E P E R crescere crescere g u i d a"

Transcript

1 i n s e g n a n t e I N S I E M E P E R g u i d a

2 i n d i c e I N S I E M E P E R I i n d i c e Il pacchetto didattico CONTENUTI ll pacchetto è composto da una guida per l'insegnante, da schede didattiche fotocopiabili per i bambini, da filmati, da un poster, da un segnalibro e da un questionario di verifica che serve a misurare gli atteggiamenti dei bambini di una classe nei confronti di persone disabili. Presentazione Unità 1 Unità 2 Unità 3 Unità 4 Unità 5 Conclusioni Varie (Di ndrea Canevaro) La mano nel cappello Muoversi e agire Sentire e ascoltare Vedere e guardare Capire e comprendere Questionario di uscita Segnalibro e miniposter Questionario di Ingresso (I-0) Lettera ai genitori (I-1) Video:Insieme per (SPOT) Gioco: La mano nel cappello Scheda di lavoro: Uguali e diversi (I-2) Le parole per dirlo Gioco iniziale e discussione guidata Scheda di lavoro: Leggi e rispondi. (F-1) Caccia all'ostacolo (F-2) Ridurre handicap motori L'intervista La lettera al sindaco Conclusioni: definiamo assieme la disabilità motoria Definizione Iniziale Simulazione: l'alunno sordo (U-1) Brainstorming Video: Intervista a Roberto, una persona sorda. Scheda di lavoro: domande sul video (U-2) La L.I.S. Cosa succede quando non si sente bene Video: Pinocchio Moderno Scheda di lavoro: analisi del video (U-3) Gioco di movimento Comunicare con una persona sorda Gioca gioca... con gli organi di senso a Scheda di lavoro: la vita di una persona cieca (V-1; 1 parte) Video: Intervista a Giancarlo, una persona cieca a Scheda di lavoro: la vita di vuna persona cieca (V-1; 2 parte) Scheda di lavoro: domande sul video (V-2) Scheda di lavoro: misura la tua vista. (V-3) Il sistema Braille (V-4) Video: Il Braille e la sintesi vocale Caccia al tesoro sensoriale Brainstorming: una giornata di scuola Discussione guidata Esercitazione Scheda di lavoro: Capire e comprendere (M-1) iutare una persona con disabilitˆ mentali Video: Diversilandia Il gioco dei ruoli Questionario di uscita (usare scheda I-0)

3 i n s e g n a n t e I N S I E M E P E R I g u i d a C r e d i t s Hanno realizzato questo progetto educativo: Marco Lucarelli graphic designer ndrea Canevaro supervisione scientifica generale Guido Morozzi riprese video Bambine, bambini e insegnanti classi quinte elementari e C Castel Del Piano (Perugia) Nadia Polzoni interprete LIS Nicoletta Menghini unità 5 (capire e comprendere) Matteo Martinelli unità 2 (muoversi e agire) Ragazze, ragazzi ed insegnanti classi prime della scuola media Castel Del Piano (Perugia) Paolo Lollini dirigente scolastico (scuola capofila di progetto) Michele Capurso ideazione, progettazione, coordinamento generale e unità 1 (introduzione) Corinne Minore regia e montaggi video Elvira Spallaccini unità 3 (sentire e ascoltare) Roberto Zuccari esperto unità 3 Bambine, bambini e insegnanti classi quinte elementari S.Martino in Colle (Perugia) Giovanna Ferroni unità 4 (vedere e guardare) Donatella Sellari segreteria e logistica ntonella Ubaldi dirigente scolastico (scuola partner di progetto) ngiolo Pierini consulente scientifico unità 5 Marinella ceto unità 5 (capire e comprendere) Giancarlo lunno esperto unità 4 Daniela Toccacieli consulente scientifico unità 3 Questo progetto è stato finanziato dal Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca per il tramite dell'i.n.d.i.r.e. di Firenze

4 i n s e g n a n t e I N S I E M E P E R I g u i d a L e g e n d a ll interno di questa guida, sono stati usati diversi simboli. Essi sono: I Introduzione al percorso didattico Legenda F U V M Disabilità Disabilità Disabilità fisiche dell udito della vista Disabilità di tipo psichicomentale durata indicativa intera sezione durata indicativa dell attività materiali forniti materiali da procurarsi percorso per i più piccoli percorso per i più grandi percorso di approfondimento lavoro individuale lavoro di gruppo discussione guidata discussione guidata discussione guidata gioco lettura lettura compito per casa brainstorming role-play visione filmato ascolto cassetta uscita didattica intervista obiettivi scheda di lavoro

5 i n s e g n a n t e I N S I E M E P E R I g u i d a Presentazione Presentazione Insieme per è una proposta educativa che affronta il tema della comprensione di alcune disabilità attraverso un approccio di tipo sistemico ed organico, con una prospettiva tipica della pedagogia istituzionale. Questa prospettiva fa riferimento ai due termini di istituito e istituente. Il gergo non spaventi: si tratta di tener conto di una realtà che ha una componente già data, organizzata, appunto istituita; e un altra che si sviluppa, è progetto, cresce (istituente). Nel caso della disabilità, il richiamo a questo binomio è particolarmente importante. Può essere che la disabilità sia percepita come un blocco immutabile da cui non nasce un progetto, e che sia unicamente istituita senza la componente istituente. Sostituiamo queste due parole con altre: possono essere le coppie vissuto/vivente, narrato/narrante o comunque un aspetto già dato, e un altro in attività, o in fase processuale. Si potrebbe richiamare una nutrita serie di studiosi di diverse prospettive e discipline, da Merleau-Ponty e Sartre, a Franco Fornari, a Maturana e Varela ; ma non è questo il contesto, e il richiamo a possibili sviluppi, appena accennato in questo modo, potrà interessare qualcuno, e infastidire qualche altro. Ma il fastidio è già finito, perché l accenno termina qui. Più volte è stato sottolineato, anche da chi scrive queste note introduttive, che vi è una differenza davvero fondamentale fra deficit e handicap. Ed è anch essa riconducibile alla coppia istituito/istituente. Non distinguendo deficit e handicap, vengono saldate, per così dire, le due componenti; e per molti handicap vuol dire parte immobile, e quindi deficit. Handicap è invece parte mobile, variabile secondo i contesti e secondo le possibilità e capacità organizzative. In queste, una parte importante possono avere le conoscenze, perché attraverso di esse diminuisce l insensatezza. nche un dolore fisico può diminuire se chi lo vive conosce e capisce di più. È opportuno riferirsi alle tragiche esperienze dei campi di sterminio, e ricordare ciò che i sopravvissuti hanno testimoniato: la capacità di resistenza alla sofferenza era connessa alle possibilità di conoscere e di collocare e collocarsi rispetto ad un ambiente che mantenesse un orizzonte ampio. In questo senso si muove l ICF, ovvero il testo proposto dall OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità) Classificazione Internazionale del Funzionamento, della Disabilità e della Salute (Erickson, Gardolo di Trento, 2002, ediz. Originale 2001), proponendo un attenzione che privilegi gli adattamenti organizzativi, le capacità e le potenzialità, ovvero il funzionamento prima della disabilità. È anche un impegno: avere uno sguardo che valorizzi. Ma non può essere un atteggiamento di contemplazione benevola; deve essere un percorso di organizzazione delle conoscenze, attivo e che attiva. Per questo richiamo la dimensione sistemica. È riscontrabile anzitutto nel fatto che la proposta è rivolta all intero gruppo classe, ma anche perché essa si propone di mettere in relazione gli alunni con i servizi e le persone che lavorano sul territorio. La scuola, i servizi, i singoli esperti, gli insegnanti e chi apprende si trovano così coinvolti assieme in un compito di ricerca, di osservazione e di azione diretta. I bambini e le bambine, i ragazzi e le ragazze ai quali questo progetto educativo si rivolge infatti vengono chiamati a più

6 I i n s e g n a n t e g u i d a Presentazione riprese ad assumere un ruolo attivo e costruttivo. d esempio, quando essi vengono invitati a predisporre un'intervista da rivolgere ad una persona con disabilità della vista (unità 4), oppure nell attività della Caccia all ostacolo (unità 2), o anche quando essi sono invitati a mettere in atto alcune strategie per aiutare una persona con difficoltà di apprendimento (unità 5). Sul piano dell apprendimento è facile rintracciare nei diversi momenti delle attività proposte una consapevole attenzione nei confronti dei diversi aspetti dello sviluppo della persona: la dimensione cognitiva e razionale, quella affettivo emotiva e quella sociorelazionale. L aspetto organico di questo pacchetto formativo deriva dal fatto che le diverse unità didattiche sono state create partendo da un percorso metodologico comune e condiviso. Questo percorso prevedeva, in particolare, che le diverse proposte connettessero al loro interno attività di assunzione di ruolo (roletaking), che consentissero ai bambini di mettersi nei panni di chi si trova a vivere diverse situazioni di disabilità; attività di conoscenza diretta di persone con disabilità o situazioni che possono creare ostacoli all integrazione; la definizione di azioni dirette che la scuola ed i singoli possono intraprendere per contribuire alla riduzione degli handicap di tipo ambientale e socio-culturale. Questa linea metodologica di fondo è stata poi adattata e modellata, come è giusto che sia, dai bambini e dagli insegnanti che assieme agli esperti esterni alla scuola hanno creato le diverse unità didattiche. Il progetto è dotato anche di un proprio strumento di valutazione, un questionario di ingresso ed uscita, che consentirà agli insegnanti di verificare direttamente i cambiamenti degli alunni e dei loro atteggiamenti nei confronti di persone con disabilità. La rete di esperti che si è attivata per la costruzione del pacchetto insieme per ne ha fatto un percorso estremamente ricco ed eterogeneo, sia per quanto riguarda i contenuti, sia per quanto riguarda la metodologia. La pluralità di codici comunicativi che sono presenti nella proposta la rendono adatta a tutti i bambini, le bambine, i ragazzi e le ragazze di in un gruppo classe. In particolare, mi pare vada sottolineato la continua presenza di momenti di gioco, che consentono di vivere le diverse situazioni presentate e di interiorizzare gli apprendimenti in maniera gradevole e piacevole. La mano competente degli esperti è riscontrabile anche nell aspetto grafico attraente e coinvolgente delle schede di lavoro, e nella qualità delle riprese video, della regia e del montaggio dei filmati video, resi possibili dal finanziamento ricevuto dalla scuola capofila del progetto (il 7º Circolo Didattico di Perugia) attraverso il Ministero dell Istruzione e l INDIRE. desso si tratta di verificare sul campo le nostre ipotesi di lavoro e gli strumenti che abbiamo creato. Il nostro progetto infatti è stato provato in ambito locale e ristretto come percorso sperimentale e sarà interessante valutarne le possibilità di applicazione ed i risultati su scala più larga. Vorrei augurare ai bambini e alle bambine, ai ragazzi e alle ragazze, agli insegnanti, agli esperti e a tutto il personale della scuola che intraprenderà questo percorso di riuscire veramente a " un po'" insieme agli altri, attraverso l'incontro con persone e storie nuove e interessanti. ndrea Canevaro Professore Ordinario di Pedagogia Speciale Università degli Studi di Bologna

7 i n s e g n a n t e I N S I E M E P E R I g u i d a I n t r o OBIETTIVI DURT TOTLE La mano nel cappello Introdurre il progetto di lavoro ai bambini e ai loro genitori. Conoscere le proprie diversità. Comprendere che "la normalità è la somma delle diversità di ciascuno". Comprendere il concetto di disabilità. Riflettere sulle parole usate parlando di handicap e sul loro significato. 3 ore 1.0 TITOLO PRESENTZIONE 30 minuti FORNITI Lettera di presentazione per i genitori(scheda I-1) Video-Spot introduttivo Questionario (scheda I-0) D PROCURRSI Nessun materiale. Per iniziare bisogna compilare un questionario di ingresso (scheda I-0). Questo questionario è molto importante, perché, al termine del progetto, esso vi consentirà di valutare con esattezza i progressi compiuti dalla classe riguardo la capacità di relazionarsi in modo corretto con persone in situazione di handicap. Spiegate quindi ai bambini che adesso darete loro un questionario. Ricordategli che non esistono risposte giuste o sbagliate e che nessuno darà loro un voto perché la scheda è anonima. Poi spiegate il senso del termine handicappato, usato nel testo, nella seguente maniera: La parola handicappato significa persona che, per diversi motivi legati al suo stato di salute, non riesce a fare sempre, nello stesso tempo, le stesse cose che fanno gli altri. Si tratta quindi di bambini diversi da te ; per esempio possono essere bambini che non ci vedono, o non parlano, o non camminano, oppure fanno queste cose in maniera diversa dagli altri. Spiegare inoltre che la parola bambino, che si trova nel testo, può riferirsi tanto ai maschi che alle femmine. Ricordate ai bambini che è importante rispondere a tutte le domande. Nel caso non trovino una opzione che li soddisfi, devono indicare quella che più si avvicina al loro pensiero. Ricordate anche che essi devono indicare una sola risposta per ogni domanda. questo punto distribuite le schede (I-0) e leggete assieme ai bambini la pagina introduttiva. Lasciate a tutti il tempo di completare il questionario, poi ritirateli i e metteteli da parte. Essi verranno somministrati nuovamente al termine del progetto. Il confronto tra i dati di ingresso e quelli di uscita, vi consentirà di monitorare i progressi della vostra classe (si veda il file: questionario.doc, per maggiori informazioni). 01

8 g u i d a I i n s e g n a n t e I n t r o Mostrate alla classe il Video-spot contenuto nel DVD Insieme per Crescere (distribuito dall INDIRE di Firenze). Chiedete ai bambini di commentare il filmato (cosa hanno visto? Cosa fanno i bambini dello Spot? Sono diversi o simili a loro? Perchè?). Successivamente introducete il progetto Insieme per Crescere, spiegando che nelle prossime settimane lavorerete assieme per capire cosa significa vivere in una situazione di handicap e come si può fare in modo che le persone con disabilità possano stare meglio assieme a noi. Date ai bambini la lettera di presentazione (scheda I - 1) chiedendo loro di farla leggere ai propri genitori. questo punto chiedete alla classe se sono tutti pronti perché si inizia con un gioco: 1.1 TITOLO La mano nel cappello 45 minuti FORNITI Nessun materiale. D PROCURRSI 1 cartoncino colorato di cm 10 X 5 per ciascun bambino della classe. 1 cappello a cilindro (vero o di cartone). 1 cartellone bristol per appendere i cartoncini. Colla, scotch. Indicazioni per lo svolgimento da dare ai bambini: Ciascuno di voi prenda uno dei cartoncini colorati. Dovrai scriverci sopra una cosa che secondo teti rende diverso/a dagli altri. Può essere qualcosa che sai, oppure qualcosa che tu sai fare e che ti rende speciale agli occhi dei tuoi compagni, oppure una particolare esperienza che hai vissuto, o anche una tua caratteristica fisica. Per aiutarti a trovarla ti facciamo alcuni esempi. - Kahlid, un bambino che si è trasferito dal Marocco, scrive: So parlare l'arabo. - Maria, una bambina che ha una nonna di Bologna scrive: So preparare i tortellini fatti in casa. - Claudia, che ha un papà che fa il muratore scrive: So impastare il cemento e costruire un muro con dei mattoni. - Michele, appassionato di computer: So usare un computer e navigare in internet. Quando hai scritto, piega il cartoncino a metà e mettilo nel cilindro che ti porgerà l'insegnate (l'insegnante o un suo incaricato raccoglieranno tutti i cartoncini). Una volta completata la raccolta, l'insegnante passerà tra i banchi e ciascun bambino dovrà pescare un cartoncino dal cappello (se dovesse pescare quello che ha scritto lui stesso dovrà rimetterlo dentro e prenderne un altro). ppena pescato un cartoncino, lo legge alla classe, che deve indovinare a chi appartiene la diversità in esso indicata. Ogni volta che qualcuno indovina il nome della persona che ha le caratterisitche indicate, riceve un punto. lla fine del gioco, chi ha preso più punti vince il gioco. 02

9 g u i d a I i n s e g n a n t e I n t r o Per concludere, è possibile incollare su un cartellone i cartoncini di tutti ed esporli in classe (trovate voi il titolo da dare assieme ai bambini). Nota: E' importante che ciascuno scriva sul cartoncino una propria abilità, cioè una caratteristica positiva che lo distingue dagli altri. questo proposito è importante che l'insegnante si prepari per suggerire ai bambini più timidi, l'abilità che ciascuno può scrivere, per intervenire in caso di necessità. l termine dell'attività, commentate il gioco con i bambini, facendo notare come esso ci aiuta a capire che la diversità è qualcosa che ci riguarda tutti. Ciascuno di noi è diverso, in qualcosa, dagli altri. variante per i più grandi: Con i più grandi è possibile costruire una vera e propria carta d'identità delle diversità, compilando un elenco di cose che mi rendono unico. Le carte d'identità, possono essere raccolte e costituire l'identità del gruppo classe. variante per i più piccoli L'insegnante descrive una persona del gruppo, chi indovina prima rivece un punto; si fa poi un cartellone riassuntivo (bambini con i capelli scuri bambini con gli occhi azzurri bambini che sanno parlare il francese ecc ). 1.2 TITOLO Uguali o diversi? 30 minuti FORNITI Scheda di lavoro I-2 D PROCURRSI Nessun materiale. Molto spesso le diversità sono solo esterne, riguardano cioè dei tratti fisici. Ma una diversità fisica non indicano necessariamente delle diversità nel carattere, negli stati d'animo o in altre caratteristiche della persona. questo proposito è possibile lavorare con la scheda I - 2 Essa conduce i bambini a riflettere sul fatto che, nonostante vi possano essere differenze fisiche con altre persone, vi sono anche tanti tratti che ci accomunano agli altri. Passate la scheda ai bambini e spiegate loro che essi dovranno leggere le tre storie, poi completare la tabella. In seguito, analizzando la tabella, potranno evidenziare le caratteristiche che essi stessi hanno in comune con i bambini dei quali viene raccontata la storia personale. Potete poi completare l'attività con una discussione guidata, chiedendo agli alunni se hanno mai incontrato delle persone con le quali hanno scoperto di avere delle caratteristiche in comune che non si sarebbero immaginati; oppure assegnare il seguente compito per casa. ssegnate il seguente tema da svolgere come compito per casa: Racconta di una persona che hai conosciuto che si è rivelata diversa da come ti era sembrata inizialmente. 03

10 g u i d a I i n s e g n a n t e I n t r o 1.3 TITOLO LE PROLE PER DIRLO minuti FORNITI Nessun materiale. D PROCURRSI Fotocopie di articoli di giornale che parlino di persone con disabilità. N. 1 cartellone. Colla, scotch, pennarelli. Leggete con i bambini alcuni articoli di giornale che si riferiscono a persone con diversi tipi di disabilità, e scrivete su un cartellone i termini che fanno riferimento alla dimensione dell'handicap o del deficit (non vedente, non udente, non deambulante, handicappato, ecc. ecc.). Riflettete assieme tramite una discussione guidata:i termini che si usano per parlare degli altri hanno un peso importante che non deve essere sottovalutato. nessuno piace essere chiamato con soprannomi negativi. Il progetto di lavoro insieme per servirà proprio per imparare a riferirsi alle persone, non alla disabilità che esse possono avere. Queste disabilità non devono, naturalmente essere ignorate, ma non possono neppure divenire il tratto caratteristico principale della persona. Durante lo svolgimento del progetto, gli alunni avranno modo di conoscere persone con disabilità diverse (tramite i filmati, o attraverso incontri diretti, se vorrete organizzarli.). Essi impareranno che queste persone non si sentono definiti dalla loro disabilità, ma hanno un lavoro, una famiglia, degli hobby, proprio come ciascuno di noi. Il modo migliore per riferirsi ad una persona con disabilità è chiamarla per nome. desso rileggete gli articoli e provate a sostituire i termini che avevate scritto sul cartellone con le parole che sarebbero state usate dal giornalista se il protagonista non fosse stata una persona con disabilità (es: un passante, l'automobilista, il Sig. Rossi, ecc.). 04

11 i n s e g n a n t e I N S I E M E P E R I g u i d a F i s i c a OBIETTIVI DURT TOTLE Conoscere e comprendere le disabilità motorie. Comprendere le problematiche principali incontrate da una persona con disabilità motoria. nalizzare il proprio edificio scolastico per vedere se esso è adatto a accogliere persone con disabilità motorie. Elaborare alcune strategie per facilitare la comunicazione e l'accoglienza di una persona con disabilità motoria. 10 ore Muoversi e agire 2.1 TITOLO Gioco iniziale 1 ora FORNITI Nessun materiale. D PROCURRSI Dipende dal gioco che si sceglie di fare (vedi più avanti). Obiettivo di questa unità didattica è quello di cercare di far vivere agli alunni a livello emozionale e fisico-percettivo, attraverso attività ludiche e motorie particolari, la disabilità di tipo fisoco-motorio. Lo scopo è quello di far comprendere ai bambini che non hanno particolari problemi motori cosa significa agire senza poter controllare alcune parti del loro corpo (mani, gambe, ecc.). L'insegnante sceglierà uno o più dei seguenti giochi, per poi impostare una discussione guidata basata sulla scaletta riportata al termine della presentazione dei giochi. 05

12 g u i d a I i n s e g n a n t e F i s i c a GIOCO 1 FORNITI Bingo senza mani Nessun materiale 30 minuti D PROCURRSI Un cartellone con i numeri da 1 a 90; numeri in un sacchetto da 1 a 90; diverse cartelle tipo tombola abbastanza grandi i cui numeri possano essere chiusi con un movimento delle labbra o cancellati con un pennarello sempre mosso dalla bocca; pennarelli colorati, qualora si scelga di far cancellare i numeri dai bambini. L'insegnante può proporre agli alunni il gioco del Bingo, nel quale però c'è il divieto assoluto di usare le mani. Infatti l'insegnante dovrà procurarsi cartelle la cui chiusura possa essere effettuata con la bocca. Le regole del gioco sono quelle tipiche della tradizionale tombola: l'insegnante estrae i numeri e li colloca su un cartellone; gli alunni, cercano il numero estratto nella/e loro cartella/e e devono coprirlo o chiuderlo usando solo la bocca. Le cartelle, di conseguenza, devono essere grandi abbastanza da permettere all'alunno di segnarle con un pennarello mosso solo con la bocca oppure avere un sistema di chiusura tale da poter essere attivato senza usare le mani (per esempio per mezzo di un bastoncino del tipo usato nei ristoranti cinesi, che i bambini possono usare tenendo tra i denti). Finalità del gioco è quella di far capire agli alunni che azioni che quotidianamente eseguiamo con l'ausilio delle braccia e delle mani possono essere effettuate utilizzando altre parti del nostro corpo. GIOCO 2 FORNITI Murales Nessun materiale 30 minuti D PROCURRSI Schede preparate dall'insegnante con figure o semplici disegni in bianco e nero. Colori (pastelli, pennarelli, tempere, acquerelli, etc ). Il gioco consiste nel presentare agli alunni semplici figure o disegni che devono essere colorati solo usando la bocca. Il soggetto del disegno e la sua grandezza sono a discrezione dell'insegnante, così come la scelta del tipo di colore da usare. Finalità del gioco è sempre quella di far capire all'alunno che azioni che quotidianamente eseguiamo con l'ausilio delle braccia e delle mani possono essere effettuate utilizzando altre parti del nostro corpo. 06

13 g u i d a I i n s e g n a n t e F i s i c a GIOCO 3 FORNITI Le labbra parlanti Nessun materiale 30 minuti D PROCURRSI - diversi fogli di carta da pacchi bianca; - pennarelli. Questa è un gara tra due squadre. Scopo del gioco è indovinare, entro 60 secondi, un semplice oggetto disegnato da un compagno di squadra su un cartellone bianco. Il disegno può essere creato solo con l'ausilio della bocca (tenendo un pennarello tra i denti). Le due squadre si alternano nell'effettuare il disegno. La squadra che indovina più disegni vince. Finalità del gioco è quella di far capire che azioni che quotidianamente eseguiamo con l'ausilio delle braccia e delle mani possono essere effettuate utilizzando altre parti del nostro corpo. GIOCO 4 FORNITI Il pazzo puzzle a pezzi Nessun materiale 30 minuti D PROCURRSI Un paio di moffole (guanti palmari per bambini). Puzzle di pezzi abbastanza grandi in numero variabile (uno per ogni alunno o coppia di alunni). L'insegnante deve preparare alcuni puzzle con uno stesso numero di pezzi e circa della stessa grandezza(il soggetto non è, naturalmente, rilevante), e deve procurarsi un paio di moffole per ogni alunno. Il gioco consiste nel dare agli alunni il puzzle smontato, chiedendo loro di ricostruirlo indossando le moffole. Gli alunni, disporranno di una prensione palmare parziale e quindi si troveranno in difficoltà nel sollevare e nel comporre i vari pezzi del puzzle. Il gioco può essere svolto singolarmente o a coppie (in questo caso gli alunni potranno aiutarsi a vicenda, elaborando assieme strategie comuni per ricostruire il puzzle). Finalità del gioco è quella di far capire che, al di là degli impedimenti fisici, alcuni movimenti ed azioni che quotidianamente eseguiamo con l'ausilio delle mani, possono essere comunque effettuati. 07

14 g u i d a I i n s e g n a n t e F i s i c a GIOCO 5 FORNITI La bandiera strisciante Nessun materiale 30 minuti D PROCURRSI Un fazzoletto. Nastro adesivo. L'insegnante divide la classe in due squadre che prepara al tradizionale gioco della bandiera, che in questo caso viene svolto con gli alunni stesi a terra, con le gambe legate insieme dal nastro adesivo. Gli alunni, quando viene chiamato il proprio numero, si sposteranno nella palestra non correndo ma strisciando, facendo leva sulle braccia e trascinando le gambe. Vince la squadra che nel tempo stabilito ha conquistato un punteggio maggiore o quella squadra che arriva per prima ad un determinato punteggio precedentemente stabilito Finalità del gioco è quella di far capire che, al di là degli impedimenti fisici, alcuni movimenti ed azioni, che quotidianamente eseguiamo coordinando le nostre gambe, possono essere comunque effettuati. GIOCO 6 FORNITI Mondo rovesciato Nessun materiale 30 minuti D PROCURRSI Gessi bianchi e colorati. Nastro adesivo. Preparazione del terreno di gioco L'insegnante traccia sul pavimento della palestra dei cerchi ben distanziati tra di loro (2-3 mt). ll'interno di ogni cerchio viene scritto il nome di una città, mentre un cerchio verrà contrassegnato come Mondo. tutti gli alunni vengono legate insieme le gambe con il nastro adesivo. Il gioco quindi si svolge strisciando (vedi gioco n. 5) oppure saltellando a piedi uniti. Svolgimento Ciascun alunno viene assegnato ad una città e uno viene collocato nel cerchio del MONDO. L'alunno che occupa il cerchio del MONDO dichiara guerra ad una città e l'alunno che occupa tale città deve cercare di strisciare via senza farsi prendere. Dopo un determinato lasso di tempo, l'alunno che occupava il mondo scambia il proprio territorio con un compagno. lla fine del gioco, vince quell'alunno che come MONDO ha conquistato, acchiappandole, più città. questo punto discutete insieme ai vostri alunni: 08

15 g u i d a I i n s e g n a n t e F i s i c a - come si sono sentiti gli alunni nel giocare in questo modo particolare (nervosi, frustrati, impediti, ecc.) - hanno chiesto aiuto a qualcuno per completare il gioco. - quale tipo di supporti li avrebbero aiutati (stampella bastone ) - che cosa avrebbe reso più facile muoversi. - ecc. I commenti e le impressioni vengono raccolte su un cartellone intitolato quando muoversi è difficile.... Concludete spiegando agli alunni che nei prossimi giorni lavorerete assieme cercando di comprendere le disabilità motorie, con particolare riferimento al ruolo svolto dall'adattamento delle persone e dell'ambiente. 2.2 TITOLO Presentazione di una storia. 1 ora e 30 minuti FORNITI Scheda di lavoro F-1 D PROCURRSI Cartellone bristol Scotch, pennarelli. Leggete insieme agli alunni il brano riportato (scheda F-1) e poi fateli rispondere alle domande di comprensione ed approfondimento del testo. Dopo aver letto assieme alcune delle risposte relative alla scheda di lavoro F 1, attraverso una discussione guidata allargate l'argomento e conducete gli alunni a parlare delle loro esperienze in merito alla disabilità Motoria. Tra le altre cose di cui potete parlare, potete chiedere: - Come definireste una disabilità motoria? - vete mai visto una persona su una sedia a rotelle? In quale occasione? Cosa avete pensato e provato? - Cosa pensi le possa essere successo? - Quali ostacoli pensi che una persona con disabilità motoria possa incontrare? - Quali azioni pensi possano essere svolte anche da una persona con disabilità motoria? (rifersi anche al gioco dell'unità 2.1) questo punto è possibile fornire una prima definizione di disabilità motoria, così come essa scaturisce dalla discussione con gli alunni. ppendete un cartellone bristol alla parete e scrivete: una persona con disabilità motoria è una persona che... (fate completare la frase dagli alunni). lla fine del lavoro, nella metà rimasta bianca, si scriverà una nuova definizione. 09

16 g u i d a I i n s e g n a n t e F i s i c a 2.3 TITOLO Caccia all ostacolo. 2 ore FORNITI Scheda di lavoro F-2 D PROCURRSI -Fotocopie della mappa dell edificio scolastico. Matite, gomme, penne. Un cartellone. Obiettivo di questa terza unità didattica è quello di individuare la presenza di elementi ambientali che sono di ostacolo per una persona con disabilità, sensibilizzando anche gli alunni nei confronti dei problemi generati dalle barriere architettoniche. Proponiamo agli alunni un gioco che ci aiuti ad individuare gli elementi che ostacolano la libera circolazione di persone con disabilità motoria all'interno dell'edificio scolastico. L'insegnante divide gli alunni della classe in gruppi, facendo attenzione che all'interno di ciascuno di essi vi siano bambini con abilità espressive diverse (grafico, linguistiche, d'osservazione, ecc.). ciascun gruppo viene fornita una copia della mappa dell'edificio scolastico. I gruppi vengono poi inviati in missione in giro per l'edificio. Il loro scopo è trovare ostacoli che possono mettere in difficoltà una persona che si muove con la sedia a rotelle. Ogni volta che i bambini trovano un ostacolo, essi dovranno indicarlo sulla mappa con una sigla e registrarlo nella scheda F-2. Nella scheda è inserito anche un esempio relativo ad una rampa di scale. Eventualmente è possibile fare un secondo esempio con un ostacolo evidente che si trova in classe o nelle vicinanze. Terminata la ricognizione per l'individuazione degli ostacoli presenti nell'edificio scolastico, si costruisce un cartellone di sintesi. Cartellone finale del gioco Caccia all'ostacolo Il cartellone finale è strutturato esattamente come ciascuna delle schede in possesso degli alunni. Si tratta di registrare tutti gli elementi trovati dai diversi gruppi di lavoro durante il gioco, per avere una visione generale d'insieme. Questo cartellone verrà ripreso più avanti durante l'intervista ad un esperto. Lo stesso tipo di caccia all'ostacolo può essere svolta come ricerca all'interno del quartiere o paese dove vivono gli alunni. In particolare si potrà chiedere loro di trovare: - Segnali relativi alla disabilità motoria. - Particolari costruzioni che pongono barriere architettoniche. - Particolari accorgimenti architettonici che invece favoriscono la mobilità di persone disabili. - Rampe di accesso e discesa dai marciapiedi (qualora sui marciapiedi incontriamo le rampe di discesa per i disabili, verificare se sono evidenziate da appositi cartelli e se sono lasciate libere e/o intralciate da ostacoli). - Verificare, nelle costruzioni dotate di ascensore, se esso è adatto ed accessibile da persone su sedia a rotelle. 10

17 g u i d a I i n s e g n a n t e F i s i c a 2.4 TITOLO Ridurre handicap motori 1 ora FORNITI Nessun materiale. D PROCURRSI Un cartellone, pennarelli. Vedi gioco che deciderete di svolgere. Ricollegandosi alla Caccia all'ostacolo aiutate gli alunni a comprendere che la disabilità è uno svantaggio che viene amplificato quando la persona disabile incontra ostacoli nell'ambiente esterno. E' importante che chi ha una disabilità faccia del proprio meglio per imparare strategie e modalità per adattarsi all'ambiente, ma è altrettanto importante che chi è responsabile di un ambiente si preoccupi di come fare a renderlo più accogliente nei confronti di tutti. Gli alunni hanno già effettuato una ricognizione per individuare gli ostacoli presenti all'interno dell'edificio scolastico. desso è il caso di fare mente locale con loro per pensare a quali accorgimenti architettonici per i disabili sono presenti all'interno del proprio edificio scolastico. In particolare pensate se: - l'ingresso esterno della scuola, a fianco delle scale, presenta la rampa liscia percorribile dalla sedia a rotelle del disabile. - all'interno della scuola c'è il bagno attrezzato per i disabili. - La palestra è attrezzata nei servizi e nell'ingresso per i disabili. - I piani alti dell'edificio sono accessibili da tutti (ascensore, scale con l'elevatore, ecc.). - La sala mensa è sufficientemente spaziosa per consentire l'accesso di una persona che si muove con la sedia a rotelle. - ecc. Proponete un altro gioco di movimento scelto tra quelli presentati nella unità 2.1 (oppure inventatene uno voi, anche modificando le regole di giochi usualmente fatti dai bambini). Come possiamo aiutare le persone con disabilità motoria? Scrivete su un cartellone le ipotesi venute fuori dalla conversazione guidata stimolata da questa domanda. Nella discussione, tenete presente gli elementi che sono emersi nel lavoro svolto finora con la classe (adattamento dell'ambiente, possibilità di coinvolgere tutti nelle attività, possibilità di svolgere più facilmente determinati compiti se sono presenti degli ausili, ecc.) Mostrare alla classe il logo della disabilità motoria. Chiedere se il logo è stato visto, dove, in quale occasione. E' probabile che molti avranno visto questo simbolo nelle aree di parcheggio riservate a persone con disabilità. Riflettete sul fatto che queste aree sono state progettate per facilitare l'accesso delle persone che si muovono con più difficoltà ad edifici pubblici e comunque a luoghi che anche loro hanno il diritto di frequentare (per esempio, questi parcheggi sono sempre collocati vicino ai marciapiedi, alle rampe di accesso o agli ascensori). Chiedete agli alunni di ricordarsi come si sentivano quando hanno fatto uno dei giochi presentati nella unità 2.1, e domandate loro come si sentirà, secondo loro, una persona disabile che non può parcheggiare vicino all'ascensore perché qualcuno ha preso il suo posto senza averne diritto. Scrivete le risposte su un cartellone. 11

18 g u i d a I i n s e g n a n t e F i s i c a Per approfondire la conoscenza delle norme che regolano la predisposizione degli ambienti, potete effettuare con i bambini una visita ad un cantiere edile e verificare la presenza (sia nel progetto che nella sua esecuzione) dei vari elementi pensati per facilitare l'accesso di persone disabili (abbattimento delle barriere architettoniche, presenza di posti per persone disabili nei parcheggi, presenza di ascensore per disabili, ecc.). 2.5 TITOLO L intervista e la lettera 4 ore FORNITI Cartellone della caccia all ostacolo (vedi 2.3). D PROCURRSI Penna, carta. Computer o macchina da scrivere. Registratore e/o telecamera. Cartelloni, pennarelli, scotch. questo punto disponiamo di tutti gli elementi necessari per passare sul piano dell'azione con la nostra classe. Ripercorrete l'itinerario effettuato con gli alunni, in particolare rileggete i risultati della caccia all'ostacolo che avevate svolto durante l'unità 2.3. Individuate, anche tramite una consultazione con la direzione didattica, una figura tecnica ed esperta che potrebbe essere intervistata dalla classe riguardo il tema delle barriere architettoniche (a seconda della realtà in cui vi trovate, potrà essere il geometra responsabile dei lavori e/o geometra tecnico della Circoscrizione di appartenenza o del Comune, l'assessore ai lavori pubblici, un responsabile di una associazione che opera a favore delle persone disabili, ecc.). Per preparare l'intervista possiamo proporre un lavoro di gruppo: Dividere la classe in gruppi di lavoro, ed assegnare loro i seguenti compiti: - preparazione, scrittura ed invio di una lettera di invito (indicare anche la data, il N. di telefono dell'insegnante, l'indirizzo della scuola, ecc.). - preparazione di una semplice accoglienza e presentazione della classe (chi siamo, cosa si è fatto, perché ) - preparazione di una lista di domande da porre all'esperto (ev. per questo punto è possibile fare più gruppi). Per preparare le domande da porre all'esperto, si può usare come punto di partenza il cartellone iniziale in cui sono stati riportati i risultati del gioco Caccia all'ostacolo, in particolare quelli della colonna delle possibili soluzioni indicate dagli alunni circa la rimozione degli ostacoli incontrati all'interno dell'edificio scolastico. Nel preparare le domande lasciate comunque spazio alla spontaneità degli alunni; Fra le domande da porre circa la messa a norma dell'edificio scolastico, chiedere all'esperto chi è l'autorità alla quale rivolgersi per ottenere l'abbattimento degli ostacoli individuati con la caccia all'ostacolo. Svolgete l'intervista con l'esperto, ricordandovi di registrare (almeno in audio) l'evento. Mostrategli il cartellone della caccia all'ostacolo e chiedete il suo parere sulle possibili soluzioni da adottare per abbattere gli ostacoli individuati. Nei giorni seguenti potete rielaborare i contenuti principali emersi dall'intervista, magari trascrivendoli su un cartellone. E' anche utile e simpatico scrivere un bigliettino di ringraziamento all'esperto e magari inviarglielo assieme alla sintesi fatta dagli alunni. 12

19 g u i d a I i n s e g n a n t e F i s i c a la lettera al sindaco questo punto disponete di tutti gli elementi necessari per cercare di migliorare il vostro edificio scolastico e renderlo più accessibile da parte di tutti. Scrivete assieme alla classe una lettera al sindaco della vostra città/paese e indirizzatela in copia anche ad altre autorità indicate dall'esperto che avete intervistato. Nella lettera spiegate chi siete, quello che avete fatto e poi riportate l'elenco degli ostacoli individuati nella vostra scuola e le possibili soluzioni adottabili per eliminarli. Nella lettera mettete una data entro la quale vi aspettate di ricevere una risposta (lasciate almeno 60 giorni di tempo ai destinatari). 2.6 TITOLO Conclusioni 30 minuti FORNITI Cartellone con la definizione di disabilità motoria (vedi sezione 2.2). D PROCURRSI Pennarelli. questo punto possiamo riprendere in esame il cartellone con le definizioni di disabilità motoria che erano state date all'inizio della unità. L'insegnante ripropone il simbolo della disabilità motoria e chiede agli alunni di scrivere sulla seconda parte del cartellone iniziale, dopo una breve consultazione tra loro, una definitiva definizione di disabilità motoria commentando l'eventuale differenza tra la descrizione iniziale e quella attuale. Indicare agli alunni che questa nuova definizione dovrebbe porre l'accento sulle possibilità che anche una persona con disabilità motoria può avere di lavorare e vivere assieme agli altri e sulle attenzioni che bisogna porre sulla organizzazione ambientale. Per finire si può svolgere un ultimo gioco scegliendolo tra quelli presentati all'inizio di questa unità didattica 13

20 i n s e g n a n t e I N S I E M E P E R I g u i d a U d i t o OBIETTIVI DURT TOTLE Sentire e ascoltare Conoscere e comprendere le disabilità dell'udito. Comprendere le problematiche principali incontrate da una persona con disabilità dell'udito. Elaborare alcune strategie per facilitare la comunicazione e l'accoglienza di una persona con disabilità dell'udito. Conoscere i sistemi comunicativi solitamente usati dalle persone con disabilità dell udito 7 ore 3.1 TITOLO Definizione iniziale 1 ora e 45 minuti FORNITI Scheda U-1. D PROCURRSI Una coppia di tappi di cera, un riproduttore audio o una radio con cuffiette. ccordarsi con i due alunni che dovranno svolgere la simulazione (vedi riquadro). L'insegnante inizia disegnando alla lavagna il simbolo della disabilità uditiva (l'orecchio sbarrato). Successivamente chiede ai bambini se conoscono questo simbolo e se hanno mai incontrato una persona profondamente o lievemente sorda, intavolando una breve discussione con loro. Durante questa discussione, ad un orario concordato, avrà luogo la seguente simulazione: Per questa simulazione sono necessari tre alunni: uno di loro interpreterà la parte di un bambino sordo, un altro quella di un docente nella scena 1, un terzo quella di un altro docente nella scena 2. L'alunno sordo può quindi restare lo stesso nelle due scene, il docente deve invece essere interpretato da bambini diversi. Le varie parti devono essere spiegate e concordate prima di iniziare la lezione, attraverso le carte dei ruoli contenute nella scheda U-1. Nessun altro conosce la situazione in questione al momento della simulazione. L' alunno che ricoprirà il ruolo del sordo, verrà dotato di tappi di cera che egli stesso si applicherà bene, ma con delicatezza, alle orecchie, e cuffiette per ascoltare la musica (per coprire meglio i suoni ambientali). Importante: i vari attori non devono leggere le carte con i copioni degli altri! 14

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ALDO MORO Via Aldo Moro Fabriano (AN) Web: www.scuola1.net 1/14

ISTITUTO COMPRENSIVO ALDO MORO Via Aldo Moro Fabriano (AN) Web: www.scuola1.net 1/14 ISTITUTO COMPRENSIVO ALDO MORO Via Aldo Moro Fabriano (AN) Web: www.scuola1.net 1/14 La pedagogia dell attenzione da applicare con gli alunni in classe: L OSSERVARE e L ASCOLTARE con intenzionalità rappresentano

Dettagli

(secondo le indicazioni di INValSI)

(secondo le indicazioni di INValSI) (secondo le indicazioni di INValSI) Prima della somministrazione COMPITI del Referente di Istituto per le prove INValSI Predisporre i materiali per la somministrazione Definire orario per il giorno stabilito

Dettagli

Modulo 2. A Caccia di Risorse

Modulo 2. A Caccia di Risorse Modulo 2 A Caccia di Risorse FINALITÀ Il ciclo di attività si propone di sviluppare negli studenti la capacità di analizzare le situazioni critiche della vita quotidiana al fine di renderli consapevoli

Dettagli

Modulo 3. Stili a confronto

Modulo 3. Stili a confronto Modulo 3 Stili a confronto FINALITÀ Il ciclo di attività si propone di incrementare nei ragazzi la conoscenza di sé attraverso l auto-consapevolezza dei propri stili di apprendimento e di lavoro, e di

Dettagli

1. PROGETTO ACCOGLIENZA 2. PROGETTO NATURA 3. PROGETTO INSIEME PER FESTEGGIARE 4. PROGETTO CONTINUITAˋ SCUOLA DELL INFANZIA- SCUOLA PRIMARIA 5

1. PROGETTO ACCOGLIENZA 2. PROGETTO NATURA 3. PROGETTO INSIEME PER FESTEGGIARE 4. PROGETTO CONTINUITAˋ SCUOLA DELL INFANZIA- SCUOLA PRIMARIA 5 SCUOLA DELL'INFANZIA "PANTANO" PROGETTI CURRICULARI Anno Scollastico 2013 -- 2014 INDICE 1. PROGETTO ACCOGLIENZA 2. PROGETTO NATURA 3. PROGETTO INSIEME PER FESTEGGIARE 4. PROGETTO CONTINUITAˋ SCUOLA DELL

Dettagli

LABORATORI DI DIDATTICA ORIENTATIVA

LABORATORI DI DIDATTICA ORIENTATIVA A cura di: Dott. G. Gualdi Dott.ssa F. Sacchi Dott.ssa M. Marcarini Prof.ssa M.A. Zanetti LABORATORI DI DIDATTICA ORIENTATIVA UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI PAVIA Dipartimento di Brain and Behavioral Sciences

Dettagli

Il mio Portfolio per. l apprendimento. dello spagnolo. Biografia linguistica Passaporto linguistico Dossier. 2005, Paravia Bruno Mondadori Editori

Il mio Portfolio per. l apprendimento. dello spagnolo. Biografia linguistica Passaporto linguistico Dossier. 2005, Paravia Bruno Mondadori Editori S C U O L A S E C O N D A R I A D I P R I M O G R A D O Il mio Portfolio per l apprendimento dello spagnolo Biografia linguistica Passaporto linguistico Dossier 2005, Paravia Bruno Mondadori Editori Che

Dettagli

Compito di prestazione e Valutazione delle competenze

Compito di prestazione e Valutazione delle competenze Allegato 2 - Borgosatollo ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGOSATOLLO VIA ROMA 42 25010 BORGOSATOLLO (BS) TEL. 030/2501557 fax 030/2508868 email : icborgosatollo@provincia.brescia.it Compito di prestazione e

Dettagli

L alunno con ADHD: proposte operative

L alunno con ADHD: proposte operative L alunno con ADHD: proposte operative Laura Dentella Ilaria Rota Centro per l Età Evolutiva - Bergamo Il bambino con ADHD: Alla scuola dell infanzia Alla scuola primaria Alla scuola secondaria Sintesi

Dettagli

Azione 1 Italiano come L2- La lingua per studiare

Azione 1 Italiano come L2- La lingua per studiare Azione 1 Italiano come L2- La lingua per studiare Disciplina: Scienze Livello: A2 Gruppo 3 Autori: Belfi Antonella, Bolzan Luana, Papi Michela Prerequisiti: comprensione linguistica livello A2 per alunni

Dettagli

L'osservazione dell'ambiente classe, delle dinamiche relazionali che in esso si sviluppano e dei processi di apprendimento che vi si attivano.

L'osservazione dell'ambiente classe, delle dinamiche relazionali che in esso si sviluppano e dei processi di apprendimento che vi si attivano. Università degli Studi di Udine Scuola di Specializzazione per l insegnamento nella Scuola Secondaria Sede di Udine via Petracco, 8, 33100 Udine tel. **39 432 556398/0 fax ** 432 556391 TITOLO: Osservazione

Dettagli

Passiamo ora alla fase della piegatura del cartoncino, che può essere anch essa fatta seguendo lo schema preso dal sito pianetino.

Passiamo ora alla fase della piegatura del cartoncino, che può essere anch essa fatta seguendo lo schema preso dal sito pianetino. La prima fase del lavoro consiste nella preparazione del cartoncino affinché diventi la base per il nostro libro. Il modo divertente ed originale utilizzato è si può trovare sul sito www.pianetino.it nella

Dettagli

MEMORIA EPISODICA (Estratti da recenti Newsletter RDI TM )

MEMORIA EPISODICA (Estratti da recenti Newsletter RDI TM ) MEMORIA EPISODICA (Estratti da recenti Newsletter RDI TM ) Ci sono almeno 18 studi che dimostrano che le persone con disturbi dello spettro autistico (ASD) presentano uno specifico deficit di memoria nella

Dettagli

A.S. 2014-2015 ATTIVITÀ FORMATIVE PER LA SCUOLA DELL INFANZIA

A.S. 2014-2015 ATTIVITÀ FORMATIVE PER LA SCUOLA DELL INFANZIA MANUALE PER IL docente II EDIZIONE A.S. 2014-2015 ATTIVITÀ FORMATIVE PER LA SCUOLA DELL INFANZIA 1 INDICE Il progetto 03 Scambio di generazioni 04 Crescendo si scambia in 4 mosse 05 Certi giochi sono sempre

Dettagli

SIAMO TUTTI MIGRANTI PROGETTO INTEGRATO DI EDUCAZIONE INTERCULTURALE FRA SCUOLE DEL TERRITORIO E CENTRO ITALIANO PER TUTTI

SIAMO TUTTI MIGRANTI PROGETTO INTEGRATO DI EDUCAZIONE INTERCULTURALE FRA SCUOLE DEL TERRITORIO E CENTRO ITALIANO PER TUTTI Istituto Beata Vergine Addolorata via Calatafimi, 10-20122 Milano tel: +39.02.58.10.11.85 info@ibva.it www.ibva.it italianopertutti@ibva.it tel: 02.4952.4600 SIAMO TUTTI MIGRANTI PROGETTO INTEGRATO DI

Dettagli

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA G. PASCOLI - SCUOLA PRIMARIA L. DA VINCI

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA G. PASCOLI - SCUOLA PRIMARIA L. DA VINCI PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA G. PASCOLI - SCUOLA PRIMARIA L. DA VINCI INSEGNANTI DELLA SEZIONE 5 ANNI G. PASCOLI INSEGNANTI DELLE CLASSI 1ª E 5ª DELLA SCUOLA PRIMARIA L. DA VINCI ANNO SCOLASTICO

Dettagli

La valutazione del percorso formativo

La valutazione del percorso formativo La valutazione del percorso formativo L esperienza del biennio di Padova 1999-2000 Maria Carla Acler Premessa Il presente lavoro nasce dal desiderio di diffondere tra i colleghi l esperienza maturata all

Dettagli

RACCORDO TRA LE COMPETENZE

RACCORDO TRA LE COMPETENZE L2 RACCORDO TRA LE COMPETENZE (AREA SOCIO AFFETTIVA E COGNITIVA) L2 COLLEGAMENTO TRA LE COMPETENZE DELLA SCUOLA PRIMARIA E DELLA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO Il Quadro Comune di riferimento Europeo distingue

Dettagli

UNITA DI APPRENDIMENTO LABORATORIO DI INGLESE CON LADY BUTTERFLY

UNITA DI APPRENDIMENTO LABORATORIO DI INGLESE CON LADY BUTTERFLY SCUOLA DELL'INFANZIA AD ONORE DEGLI EROI UNITA DI APPRENDIMENTO LABORATORIO DI INGLESE Bambini di 5/6 anni CON LADY BUTTERFLY ANNO SCOLASTICO 2011-12 UNITA DI APPRENDIMENTO: LABORATORIO D INGLESE CON LADY

Dettagli

SCHEDA DI PROJECT WORK

SCHEDA DI PROJECT WORK SCHEDA DI PROJECT WORK Positiva-Mente DOCENTI Anna Elisa Varisco Cecilia Audino SCUOLA I.C. S. Boccone di Palermo BREVE DESCRIZIONE Il presente progetto si propone di educare l alunno/a ad affrontare le

Dettagli

Progetto Accoglienza. Conoscersi per crescere insieme: una storia tante storie! 2011/2012 1 Circolo Didattico Vico Equense

Progetto Accoglienza. Conoscersi per crescere insieme: una storia tante storie! 2011/2012 1 Circolo Didattico Vico Equense Progetto Accoglienza 2011/2012 1 Circolo Didattico Vico Equense Scuola dell Infanzia Scuola Primaria Conoscersi per crescere insieme: una storia tante storie! P R E M E S S A I primi giorni di scuola segnano

Dettagli

UNITA DI APPRENDIMENTO LABORATORIO LOGICO-MATEMATICO: SOTTO A CHI.CONTA!!!

UNITA DI APPRENDIMENTO LABORATORIO LOGICO-MATEMATICO: SOTTO A CHI.CONTA!!! UNITA DI APPRENDIMENTO LABORATORIO LOGICO-MATEMATICO: SOTTO A CHI.CONTA!!! di GIUSTI ROBERTA Anno scolastico 2013-2014 (bambini di 5 anni) Da: Gennaio a Maggio 1. LA TIPOLOGIA DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO

Dettagli

LABORATORIO INFORMATICA : IL MIO AMICO COMPUTER (5 anni)

LABORATORIO INFORMATICA : IL MIO AMICO COMPUTER (5 anni) LABORATORIO INFORMATICA : IL MIO AMICO COMPUTER (5 anni) PREMESSA Le riflessioni sulla natura del computer, sulle risorse che possiede, sui rischi che programmi sbagliati possono comportare, ci spingono

Dettagli

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO Credo che nella vita sia capitato a tutti di pensare a come gestire al meglio i propri guadagni cercando di pianificare entrate ed uscite per capire se, tolti i soldi per vivere, ne rimanessero abbastanza

Dettagli

Trovare il lavorochepiace

Trovare il lavorochepiace Trovare il lavorochepiace Perché a molti sembra così difficile? Perché solo pochi ci riescono? Quali sono i pezzi che perdiamo per strada, gli elementi mancanti che ci impediscono di trovare il lavorochepiace?

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

SCHEDA TECNICA DI PRESENTAZIONE

SCHEDA TECNICA DI PRESENTAZIONE SCHEDA TECNICA DI PRESENTAZIONE TITOLO: I bisogni BREVE DESCRIZIONE DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO: in questa unità di apprendimento si vuole introdurre la classificazione dei bisogni dell uomo DIDATTIZZAZIONE

Dettagli

CLASSI QUARTE A e D S. Aleramo SPICCHIO

CLASSI QUARTE A e D S. Aleramo SPICCHIO CLASSI QUARTE A e D S. Aleramo SPICCHIO CLASSE QUARTA B G.Galilei VINCI INSEGNANTI: Melani Cinzia, Parri Donatella, Voli Monica, Anno Scolastico 2011-2012 COMPETENZE INTERESSATE: Raccogliere, organizzare

Dettagli

SCHEDA DI PRESENTAZIONE

SCHEDA DI PRESENTAZIONE SCHEDA DI PRESENTAZIONE TITOLO: il mio corpo DESCRIZIONE: l importanza della conoscenza del proprio corpo propedeutica alla conoscenza dello spazio DIDATTIZZAZIONE E SEMPLIFICAZIONE a cura di: Daniela

Dettagli

2007_AC+NTD Pagina 1 di 5

2007_AC+NTD Pagina 1 di 5 Nuove tecnologie e apprendimento cooperativo Maurizio Gentile Gentile, M. (2008). Nuove tecnologie e apprendimento cooperativo. Scuola e Formazione, pp. 21-25. Nell anno scolastico 2005/2006 un gruppo

Dettagli

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS MA IL CIELO È SEMPRE PIÙ BLU di Rino Gaetano Didattizzazione di Greta Mazzocato Univerisità Ca Foscari di Venezia Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano

Dettagli

Progetto di laboratorio di Didattica della Geografia ELEMENTI FISICI ED ANTROPICI NEL PAESAGGIO DELLA VALBRENTA

Progetto di laboratorio di Didattica della Geografia ELEMENTI FISICI ED ANTROPICI NEL PAESAGGIO DELLA VALBRENTA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTÀ DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE CORSO DI LAUREA IN SCIENZE DELLA FORMAZIONE PRIMARIA Progetto di laboratorio di Didattica della Geografia ELEMENTI FISICI ED ANTROPICI

Dettagli

lettera raccomandata. Ecco alcune parole ed espressioni che possono aiutarti a capire meglio il testo.

lettera raccomandata. Ecco alcune parole ed espressioni che possono aiutarti a capire meglio il testo. Unità 12 Inviare una raccomandata CHIAVI In questa unità imparerai: a comprendere testi che danno informazioni su come inviare una raccomandata parole relative alle spedizioni postali e all invio di una

Dettagli

Introduzione L insegnante: Oggi impareremo a conoscere le nostre capacità e quelle degli altri. Impareremo anche come complementarsi a vicenda.

Introduzione L insegnante: Oggi impareremo a conoscere le nostre capacità e quelle degli altri. Impareremo anche come complementarsi a vicenda. www.gentletude.com Impara la Gentilezza 5 FARE COMPLIMENTI AGLI ALTRI Guida Rapida Obiettivi: i bambini saranno in grado di: di identificare i talenti e i punti di forza propri e degli altri, e scoprire

Dettagli

Attività 1. Conta i punti I numeri binari

Attività 1. Conta i punti I numeri binari Attività 1 Conta i punti I numeri binari Sommario I computer rappresentano e trasferiscono i dati come sequenze di zero e uno. Come possiamo rappresentare parole e numeri usando solamente questi due simboli?

Dettagli

Fatta un'indagine sui lavori svolti dai genitori dei bambini della classe, ci procuriamo le immagini relative a quelle professioni.

Fatta un'indagine sui lavori svolti dai genitori dei bambini della classe, ci procuriamo le immagini relative a quelle professioni. info@didatticaperprogetti.it PROGETTO 4.3.1 TITOLO Il lavoro AREA 4 Antropologica (Studi Sociali) SCUOLA Elementare 3-4 - 5 OBIETTIVO Riflettere mediante il linguaggio verbale e il linguaggio visivo sul

Dettagli

Reparto Andromeda. Gruppo Scout Castel Maggiore 1 IL MIO SENTIERO. Libretto di

Reparto Andromeda. Gruppo Scout Castel Maggiore 1 IL MIO SENTIERO. Libretto di Gruppo Scout Castel Maggiore 1 IL MIO SENTIERO Libretto di La Promessa

Dettagli

Sfruttiamo quindi tutte le occasioni per far contare piccole quantità di oggetti

Sfruttiamo quindi tutte le occasioni per far contare piccole quantità di oggetti Contare oggetti In fase iniziale abbiamo accostato l operazione chiamata contare per contare con una qualsiasi sequenza ritmica. Verifichiamo anche quello usuale, chiedendo ai bambini fin dove sanno contare,

Dettagli

Informazioni generali

Informazioni generali Informazioni generali Titolo Istituto scolastico Autrice Abstract Target Curriculo Prerequisiti Scopriamo i colori Istituto Comprensivo Primo Levi, Prato, Scuola primaria Laura Poli Cristina Castri Obiettivo

Dettagli

ABC l italiano per bambini stranieri Prototipo 1.0 in fase di sperimentazione

ABC l italiano per bambini stranieri Prototipo 1.0 in fase di sperimentazione ABC l italiano per bambini stranieri Prototipo 1.0 in fase di sperimentazione Questo software didattico è nato per lavorare con i bambini stranieri sul lessico di base della lingua italiana. Destinatari

Dettagli

Dott.ssa Carmen Orfanò, Assistente alla Comunicazione. Assistente alla Comunicazione Carmen Orfanò

Dott.ssa Carmen Orfanò, Assistente alla Comunicazione. Assistente alla Comunicazione Carmen Orfanò Dott.ssa Carmen Orfanò, Assistente alla Comunicazione Nelle scuole di ogni ordine e grado gli enti locali hanno l obbligo di fornire l assistenza per l autonomia e la comunicazione personale degli alunni

Dettagli

DISTRIBUITO DA FEDERAZIONE LOGOPEDISTI ITALIANI

DISTRIBUITO DA FEDERAZIONE LOGOPEDISTI ITALIANI QUANDO PARLARE COSTA FATICA: CAMPANELLI D ALLARME E CONSIGLI PER I Lo sviluppo delle abilità comunicative avviene già a partire dalla prima infanzia, ancor prima della comparsa della prima parola. Qualunque

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN 1 CIRCOLO SPINEA ANNO SCOLASTICO 2005-06. Prog. MATEMATICA Gruppo ANNI 5 Periodo MARZO Documentazione di MIELE GIOVANNA

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN 1 CIRCOLO SPINEA ANNO SCOLASTICO 2005-06. Prog. MATEMATICA Gruppo ANNI 5 Periodo MARZO Documentazione di MIELE GIOVANNA SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN 1 CIRCOLO SPINEA ANNO SCOLASTICO 2005-06 Prog. MATEMATICA Gruppo ANNI 5 Periodo MARZO Documentazione di MIELE GIOVANNA Il progetto sulla Terza Dimensione Queste attività si

Dettagli

PROGETTO MUSICALE CON LALLO IL CAVALLO

PROGETTO MUSICALE CON LALLO IL CAVALLO SCUOLA DELL'INFANZIA AD ONORE DEGLI EROI PROGETTO MUSICALE CON LALLO IL CAVALLO Laboratorio bambini di 4/5 anni ANNO SCOLASTICO 2010-11 UNITA DI APPRENDIMENTO: LABORATORIO MUSICALE CON IL CAVALLO LALLO

Dettagli

Via Belzoni 80 Via Belzoni 80 35121 Padova 35121 Padova tel +39 049 8278464 tel +39 049 8278458 fax +39 049 8278451 fax +39 049 8278451

Via Belzoni 80 Via Belzoni 80 35121 Padova 35121 Padova tel +39 049 8278464 tel +39 049 8278458 fax +39 049 8278451 fax +39 049 8278451 La.R.I.O.S. Laboratorio di Ricerca ed Intervento per l Orientamento alle Scelte DPSS Dipartimento di Psicologia dello Sviluppo e della Socializzazione Centro di Ateneo di Servizi e Ricerca per la Disabilità,

Dettagli

Tanti nuovi amici. Funzioni comunicative Lessico Morfosintassi

Tanti nuovi amici. Funzioni comunicative Lessico Morfosintassi Funzioni comunicative Lessico Morfosintassi Comprendere e scrivere un breve post Comprendere e raccontare esperienze personali Parlare dei propri progetti futuri Consolidamento e sviluppo del lessico presentato

Dettagli

UNITÀ DI APPRENDIMENTO: HELLO CHILDREN!

UNITÀ DI APPRENDIMENTO: HELLO CHILDREN! Scuola dell Infanzia Ad Onore degli Eroi UNITÀ DI APPRENDIMENTO: HELLO CHILDREN! LABORATORIO DI APPROCCIO ALLA LINGUA INGLESE PER I BAMBINI DI CINQUE ANNI Anno Scolastico 2013-2014 Anno Scolastico 2013-2014

Dettagli

L allievo con autismo a scuola: come facilitare esperienze inclusive?

L allievo con autismo a scuola: come facilitare esperienze inclusive? UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI UDINE Facoltà di Scienze della formazione L allievo con autismo a scuola: come facilitare esperienze inclusive? Lucio Cottini Cattedra di: Pedagogia speciale Cesena, 8 maggio

Dettagli

L AULA. Indica con una crocetta gli oggetti presenti nell aula C È CI SONO

L AULA. Indica con una crocetta gli oggetti presenti nell aula C È CI SONO L A SCUOLA PROPOSTE visita alla scuola denominazione di: - persone, ruoli e funzioni - spazi, arredi, oggetti e materiali realizzazione di cartelli plurilingue lettura della piantina della scuola le norme

Dettagli

Discussione e confronti

Discussione e confronti farescuola Elena Troglia Discussione e confronti I bambini imparano proponendo problemi, discutendone, cercando soluzioni argomentative. La discussione diviene un importante strumento didattico: i ragazzi

Dettagli

informazioni che si può leggere bene, chiaro con caratteri di scrittura simile a quelli usati nella stampa, ma scritti a mano chi riceve una lettera

informazioni che si può leggere bene, chiaro con caratteri di scrittura simile a quelli usati nella stampa, ma scritti a mano chi riceve una lettera Unità 12 Inviare una raccomandata In questa unità imparerai: a comprendere testi che danno informazioni su come inviare una raccomandata parole relative alle spedizioni postali e all invio di una raccomandata

Dettagli

MOVI- MENTI IN EVOLUZIONE

MOVI- MENTI IN EVOLUZIONE Asilo Nido Integrato Melo Fiorito Piazza della Repubblica 3, 37050 Belfiore (VR) Tel. 3315858966 PROGETTO SENSO- MOTORIO MOVI- MENTI IN EVOLUZIONE Anno educativo 2014/ 2015 Ciò che muove il bambino all

Dettagli

PROPOSTE DI ATTIVITA PER PREPARAZIONE ALLA FESTA DELLA PACE 2014

PROPOSTE DI ATTIVITA PER PREPARAZIONE ALLA FESTA DELLA PACE 2014 PROPOSTE DI ATTIVITA PER PREPARAZIONE ALLA FESTA DELLA PACE 2014 Carissimi Educatori, come anticipato prima di Natale con alcune informazioni sulla Festa diocesana della Pace del 16 febbraio 2014, vi proponiamo

Dettagli

Anno Scolastico PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO (PDP) TRA. ISTITUTO COMPRENSIVO GRAMSCI Via Matteotti 51, Camponogara VE

Anno Scolastico PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO (PDP) TRA. ISTITUTO COMPRENSIVO GRAMSCI Via Matteotti 51, Camponogara VE Anno Scolastico PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO (PDP) TRA ISTITUTO COMPRENSIVO GRAMSCI Via Matteotti 51, Camponogara VE SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CONSIGLIO di CLASSE E GENITORI dell

Dettagli

Venerdì Piano di lavoro dettagliato: situazione comunicativa - ricapitolazione delle competenze acquisite e transfer

Venerdì Piano di lavoro dettagliato: situazione comunicativa - ricapitolazione delle competenze acquisite e transfer Documentazione insegnante Venerdì Piano di lavoro dettagliato: situazione comunicativa - ricapitolazione delle competenze acquisite e transfer MATTINA In aula: banchi disposti a isole da 4 6 allievi (a

Dettagli

Sperimentazione tratta dalla tesi di Gaia Olivero dal titolo:

Sperimentazione tratta dalla tesi di Gaia Olivero dal titolo: Sperimentazione tratta dalla tesi di Gaia Olivero dal titolo: ACCESSO AI CODICI MATEMATICI NELLA SCUOLA DELL INFANZIA ATTRAVERSO UNA DIDATTICA INCLUSIVA CENTRATA SUCAMPI DI ESPERIENZA E GIOCO. Anno accademico

Dettagli

Unità III Gli animali

Unità III Gli animali Unità III Gli animali Contenuti - Fattoria - Zoo - Numeri Attività AREA ANTROPOLOGICA 1. Roberto racconta L Orsoroberto si presenta e racconta ai bambini un poco di sé. L Orsoroberto ama mangiare il miele,

Dettagli

Mi presento 1. CIAO, MI CHIAMO 2. SONO UN RAGAZZO UNA RAGAZZA 3. HO ANNI 4. VENGO DA 5. SONO IN ITALIA DA 1 MESE 3 MESI 6 MESI 1 ANNO PIU DI UN ANNO

Mi presento 1. CIAO, MI CHIAMO 2. SONO UN RAGAZZO UNA RAGAZZA 3. HO ANNI 4. VENGO DA 5. SONO IN ITALIA DA 1 MESE 3 MESI 6 MESI 1 ANNO PIU DI UN ANNO Mi presento 1. CIAO, MI CHIAMO 2. SONO UN RAGAZZO UNA RAGAZZA 3. HO ANNI 4. VENGO DA 5. SONO IN ITALIA DA 1 MESE 3 MESI 6 MESI 1 ANNO PIU DI UN ANNO 6. ABITO A 7. QUESTA E LA MIA FAMIGLIA: 1 8. A CASA

Dettagli

Con Lola è più facile

Con Lola è più facile Direzione Didattica 3 Circolo di Carpi A.S. 2008/2009 Scuola dell infanzia Albertario Scuola dell Infanzia Peter Pan Scuola Primaria Collodi Con Lola è più facile Esperienza di continuità tra scuola dell

Dettagli

Dopo la formazione i mentori saranno consapevoli che

Dopo la formazione i mentori saranno consapevoli che Modulo 2 Le tecniche del mentor/tutor 2.5. Perché e in che modo le competenze pedagogiche sono importanti per i mentori che lavorano nella formazione professionale (VET) Tempistica Tempo totale 2 ore:

Dettagli

Come si valuta per competenze? Competenza situata. Definizione dei profili di competenza. Situazioni problema per la valutazione di competenze.

Come si valuta per competenze? Competenza situata. Definizione dei profili di competenza. Situazioni problema per la valutazione di competenze. Come si valuta per competenze? Competenza situata. Definizione dei profili di competenza. Situazioni problema per la valutazione di competenze. Criterio 1. Competenza situata Descrizione Per valutare per

Dettagli

Scuola dell Infanzia Andersen Istituto Comprensivo Carpi 2. Progetto di plesso di Educazione alla lettura

Scuola dell Infanzia Andersen Istituto Comprensivo Carpi 2. Progetto di plesso di Educazione alla lettura Scuola dell Infanzia Andersen Istituto Comprensivo Carpi 2 Progetto di plesso di Educazione alla lettura Anno scolastico 2013/2014 Motivazioni in relazione al contesto L educazione alla lettura è un attività

Dettagli

INIZIATIVE RELATIVE ALLA DISLESSIA PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA

INIZIATIVE RELATIVE ALLA DISLESSIA PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA INIZIATIVE RELATIVE ALLA DISLESSIA PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA Premessa Compiti della scuola A livello di classe scuola dell infanzia scuola primaria scuola secondaria di primo grado Accogliere gli alunni

Dettagli

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI COSCIENZA COSMICA FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? Dati identificativi ANNO SCOLASTICO periodo SCUOLA DOCENTI COINVOLTI ORDINE SCUOLA DESTINATARI FORMATRICI 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto

Dettagli

Laboratorio Musicale Musica Maestro di Barbara Pavesi Anno scolastico 2008-2009 dal 12 gennaio 2009 al 27 marzo 2009

Laboratorio Musicale Musica Maestro di Barbara Pavesi Anno scolastico 2008-2009 dal 12 gennaio 2009 al 27 marzo 2009 Laboratorio Musicale Musica Maestro di Barbara Pavesi Anno scolastico 2008-2009 dal 12 gennaio 2009 al 27 marzo 2009 Suddivisione del gruppo I bambini della Sezione Primavera, divisi in 2 gruppi da 10-11

Dettagli

Laboratorio in classe: tra forme e numeri Corso organizzato dall USR Lombardia

Laboratorio in classe: tra forme e numeri Corso organizzato dall USR Lombardia Laboratorio in classe: tra forme e numeri Corso organizzato dall USR Lombardia GRUPPO PERIMETRO, AREA E VOLUME SCUOLA PRIMARIA CLASSI III a.s.2009/2010 Autori: Enrica Mandelli Angela Volpe Presentazione

Dettagli

POPULLAR PARTE 1. GUIDA DELLO STUDENTE UNA GUIDA PASSO DOPO PASSO

POPULLAR PARTE 1. GUIDA DELLO STUDENTE UNA GUIDA PASSO DOPO PASSO POPULLAR GUIDA DELLO STUDENTE PARTE 1. UNA GUIDA PASSO DOPO PASSO CONTENUTO INTRODUZIONE ALLA GUIDA DELLO STUDENTE...2 1 PER INIZIARE POPULLAR...3 1.1 PopuLLar per Passi... 4 1.2 Fase 1 Selezionare e Registrare

Dettagli

Consigli e accorgimenti per la vita quotidiana

Consigli e accorgimenti per la vita quotidiana Consigli e accorgimenti per la vita quotidiana In questa sezione vi indichiamo ciò che potete fare per rendere più semplice la vita quotidiana del vostro congiunto. L elenco non ha alcuna pretesa di essere

Dettagli

Che cosa fai di solito?

Che cosa fai di solito? Funzioni comunicative Lessico Morfosintassi Descrivere la propria giornata e le proprie abitudini Parlare dei propri hobby e passatempi Comprendere e scrivere un messaggio di posta elettronica Avverbi

Dettagli

L EDUCAZIONE AI MEDIA PROMOSSA DAGLI ENTI LOCALI Marco Grollo - PROGETTO AVIANO

L EDUCAZIONE AI MEDIA PROMOSSA DAGLI ENTI LOCALI Marco Grollo - PROGETTO AVIANO L EDUCAZIONE AI MEDIA PROMOSSA DAGLI ENTI LOCALI Marco Grollo - PROGETTO AVIANO Negli ultimi anni i media sono sempre più al centro dell attenzione, per la loro sempre più rapida diffusione, soprattutto

Dettagli

REGIONE DEL VENETO AZIENDA ULSS 16 PADOVA C E N T R O D I R I A B I L I T A Z I O N E U D I T I V A

REGIONE DEL VENETO AZIENDA ULSS 16 PADOVA C E N T R O D I R I A B I L I T A Z I O N E U D I T I V A REGIONE DEL VENETO AZIENDA ULSS 16 PADOVA C E N T R O D I R I A B I L I T A Z I O N E U D I T I V A A cura di Logopediste: Battisti Lucia, Rossi M.Cristina, Sicoli Silvia Psicologa: Ghiggeri Sabrina Audiologo:

Dettagli

Educazione Ambientale "Esperienza sensoriale"

Educazione Ambientale Esperienza sensoriale Scuola dell' Infanzia "Don Milani" plesso v.le della Repubblica Educazione Ambientale "Esperienza sensoriale" Attività svolta nelle sezioni 4 anni B; 5 anni C insegnanti Aloisio Francesca - Contu Anna

Dettagli

PIANO DI STUDIO Anno Scolastico 2013 / 2014 CLASSE 2 A DOCENTE DANIELA MAZZA DISCIPLINA INGLESE SITUAZIONE DELLA CLASSE COMPOSIZIONE

PIANO DI STUDIO Anno Scolastico 2013 / 2014 CLASSE 2 A DOCENTE DANIELA MAZZA DISCIPLINA INGLESE SITUAZIONE DELLA CLASSE COMPOSIZIONE ISTITUTO COMPRENSIVO "E. da Rotterdam Via Giovanni XXIII, 8-20080 - Cisliano (MI) C.M.: MIIC86900D Tel / Fax 02 9018574 e-mail: info@albaciscuole.it Internet: www.albaciscuole.it PIANO DI STUDIO Anno Scolastico

Dettagli

Progetto anno scolastico 2014/2015

Progetto anno scolastico 2014/2015 Progetto anno scolastico 2014/2015 Premessa L incontro con il racconto è molto stimolante per i bambini perché sollecita in essi esperienze altamente educative sul piano cognitivo, affettivo, linguistico

Dettagli

Unità 4: Interazioni efficaci nelle organizzazioni

Unità 4: Interazioni efficaci nelle organizzazioni Unità 4: Interazioni efficaci nelle organizzazioni OH 1 Avere la prima diapositiva sullo schermo all'inizio dell'unità 5 min BENVENUTO E COLLEGAMENTO ALLA PRECEDENTE UNITÀ (FACOLTATIVO) Benvenuto ai partecipanti

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE CLASSE IA DISCIPLINA LINGUA FRANCESE

PIANO DI LAVORO ANNUALE CLASSE IA DISCIPLINA LINGUA FRANCESE PIANO DI LAVORO ANNUALE CLASSE IA DISCIPLINA LINGUA FRANCESE PREMESSA FONDAMENTALE Tra gli obiettivi fondamentali della Scuola Secondaria di primo grado c è stata l introduzione dello studio di una seconda

Dettagli

METODOLOGIA Scuola dell infanzia La progettazione, l organizzazione e la valorizzazione degli spazi e dei materiali

METODOLOGIA Scuola dell infanzia La progettazione, l organizzazione e la valorizzazione degli spazi e dei materiali METODOLOGIA Scuola dell infanzia La scuola dell infanzia è un luogo ricco di esperienze, scoperte, rapporti, che segnano profondamente la vita di tutti coloro che ogni giorno vi sono coinvolti, infatti

Dettagli

Un percorso formativo per supportare il confronto tra insegnanti e bambini adottati

Un percorso formativo per supportare il confronto tra insegnanti e bambini adottati Un percorso formativo per supportare il confronto tra insegnanti e bambini adottati Il presente Percorso Formativo è riconosciuto dal CSA di Bologna Scuola Elementare M. Longhena (BO) 14-22 2006 Premessa

Dettagli

PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO PER GLI ALUNNI CON DISTURBI DA DEFICIT DELL ATTENZIONE (ADHD) E COMPORTAMENTALI

PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO PER GLI ALUNNI CON DISTURBI DA DEFICIT DELL ATTENZIONE (ADHD) E COMPORTAMENTALI PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO PER GLI ALUNNI CON DISTURBI DA DEFICIT DELL ATTENZIONE (ADHD) E COMPORTAMENTALI Art.5 D.M. n 5669 del 12.7.2011; Linee guida per il diritto allo studio degli studenti con

Dettagli

Istituto Comprensivo Garibaldi-Leone Trinitapoli CURRICOLO VERTICALE LINGUE STRANIERE. Dalla competenza chiave alla competenza base

Istituto Comprensivo Garibaldi-Leone Trinitapoli CURRICOLO VERTICALE LINGUE STRANIERE. Dalla competenza chiave alla competenza base Istituto Comprensivo Garibaldi-Leone Trinitapoli CURRICOLO VERTICALE LINGUE STRANIERE Dalla competenza chiave alla competenza base Competenza chiave: comunicazione nelle lingue straniere. Competenza base:

Dettagli

SCHEDA DI PROGETTAZIONE Rete Scuola on the road ANNO SCOLASTICO 2014-2015

SCHEDA DI PROGETTAZIONE Rete Scuola on the road ANNO SCOLASTICO 2014-2015 SCHEDA DI PROGETTAZIONE Rete Scuola on the road ANNO SCOLASTICO 2014-2015 I^ PARTE UDA TITOLO (per alunni) TITOLO (per docenti) PERSONE E AMBITI COINVOLTI MOTIVAZIONE L acqua si trasforma? Gli Stati della

Dettagli

Progetto per l insegnamento della lingua inglese. Motivazione e Organizzazione del progetto. Motivazione

Progetto per l insegnamento della lingua inglese. Motivazione e Organizzazione del progetto. Motivazione CURIOSANDO NELL INGLESE Anno scolastico 2014/2015 Tipo di intervento: Laboratori pomeridiani Destinatari del progetto: Alunni classi prime scuola primaria Progetto per l insegnamento della lingua inglese

Dettagli

IL BAMBINO CON DISABILITÀ UDITIVA NELLA SCUOLA PRIMARIA

IL BAMBINO CON DISABILITÀ UDITIVA NELLA SCUOLA PRIMARIA REGIONE DEL VENETO AZIENDA ULSS 16 PADOVA C E N T R O D I R I A B I L I T A Z I O N E U D I T I V A IL BAMBINO CON DISABILITÀ UDITIVA NELLA SCUOLA PRIMARIA A cura di Logopediste: Battisti Lucia, Rossi

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

Proposta di programmazione Italiano L2 per bambini stranieri

Proposta di programmazione Italiano L2 per bambini stranieri Proposta di programmazione Italiano L2 per bambini stranieri 1 Livello 1) ASCOLTARE E COMPRENDERE l A) Ascoltare e comprendere semplici e brevi messaggi orali ricorrenti nel linguaggio della classe e del

Dettagli

PROGETTO INTERCULTURALE DI RETE ACCOGLIENZA E ALFABETIZZAZIONE ALUNNI STRANIERI LABORATORI L2. Istituto Comprensivo C.

PROGETTO INTERCULTURALE DI RETE ACCOGLIENZA E ALFABETIZZAZIONE ALUNNI STRANIERI LABORATORI L2. Istituto Comprensivo C. PROGETTO INTERCULTURALE DI RETE ACCOGLIENZA E ALFABETIZZAZIONE ALUNNI STRANIERI LABORATORI L2 Istituto Comprensivo C. Angiolieri Siena Centro di Alfabetizzazione Italiano L2 C. Angiolieri Scuola Secondaria

Dettagli

PRIMO ISTITUTO COMPRENSIVO di PALAZZOLO S/O via Zanardelli n.34 Anno scolastico 2014/2015

PRIMO ISTITUTO COMPRENSIVO di PALAZZOLO S/O via Zanardelli n.34 Anno scolastico 2014/2015 PRIMO ISTITUTO COMPRENSIVO di PALAZZOLO S/O via Zanardelli n.34 Anno scolastico 2014/2015 CURRICOLI DISCIPLINARI SCUOLA DELL INFANZIA e PRIMO CICLO di ISTRUZIONE Percorso delle singole discipline sulla

Dettagli

FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA I.C.S. MAREDOLCE FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA La nostra scuola dell Infanzia con la sua identità specifica sotto il profilo pedagogico e metodologico-organizzativo persegue: l acquisizione di capacità

Dettagli

Come ti immagini gi insegnanti?

Come ti immagini gi insegnanti? a Come ti immagini gi insegnanti? Quello dell insegnante è un ruolo complesso, in cui entrano in gioco diverse caratteristiche della persona che lo esercita e della posizione che l insegnante occupa nella

Dettagli

Raccomandazioni generali per genitori ed insegnanti per bambini con difficoltà scolastiche

Raccomandazioni generali per genitori ed insegnanti per bambini con difficoltà scolastiche Raccomandazioni generali per genitori ed insegnanti per bambini con difficoltà scolastiche Sono ragazzi intelligenti, se non riescono è possibile che la modalità adottata non sia la più idonea; Abbiate

Dettagli

Direzione Didattica 3 Circolo, Quartu Sant Elena

Direzione Didattica 3 Circolo, Quartu Sant Elena Direzione Didattica 3 Circolo, Quartu Sant Elena Scuola dell Infanzia Via Bonn Docente: Virdis Cristina PROGETTO Accogliere per includere A.S. 2013/14 2014/15 COMPETENZE CHIAVE Traguardi di sviluppo specifici

Dettagli

Il bambino nella fascia tre-sei anni e il processo di costruzione della propria identità

Il bambino nella fascia tre-sei anni e il processo di costruzione della propria identità RELAZIONE WORKSHOP APPRENDERE A STARE IN GRUPPO DAI 3 AI 5 ANNI Esperienza nella scuola dell infanzia con il Cooperative Learning Ins. Mancinelli Cesarina I.C. Falconara Centro Due anni di formazione mi

Dettagli

Progetto didattico per i PICCOLI ww.lagiostra.biz Febbraio 2012 MARTE, ARRIVIAMO! GIOCO, FANTASIA E CONOSCENZA DELL UNIVERSO GLI OBIETTIVI FORMATIVI

Progetto didattico per i PICCOLI ww.lagiostra.biz Febbraio 2012 MARTE, ARRIVIAMO! GIOCO, FANTASIA E CONOSCENZA DELL UNIVERSO GLI OBIETTIVI FORMATIVI MARTE, ARRIVIAMO! GIOCO, FANTASIA E CONOSCENZA DELL UNIVERSO "Il gioco è universale e appartiene alla sanità il gioco è un esperienza sempre creativa; è un esperienza che si svolge nel continuum spazio-temporale,

Dettagli

Indice. Imparare a imparare

Indice. Imparare a imparare Indice Imparare a imparare Perché fai una cosa? 8 Attività 1 Il termometro della motivazione 8 Attività 2 Quantità o qualità? 9 Attività 3 Tante motivazioni per una sola azione 10 Organizzare il tempo

Dettagli

Il messaggio misterioso

Il messaggio misterioso Funzioni comunicative Lessico Morfosintassi Iniziare e chiudere una conversazione telefonica (Pronto?) Chiedere e dire l ora (approfondimento) Chiedere e dire il numero di telefono (Qual è il tuo numero

Dettagli

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci Pensieri. Perché? Cara dottoressa, credo di avere un problema. O forse sono io il problema... La mia storia? Stavo con un ragazzo che due settimane fa mi ha lasciata per la terza volta, solo pochi mesi

Dettagli

DOL Diploma on Line per esperti di didattica assistita MODULO DI PROGETTAZIONE (2 anno) Playing with Pinocchio. Relazione finale di Sonia Graziotto

DOL Diploma on Line per esperti di didattica assistita MODULO DI PROGETTAZIONE (2 anno) Playing with Pinocchio. Relazione finale di Sonia Graziotto DOL Diploma on Line per esperti di didattica assistita MODULO DI PROGETTAZIONE (2 anno) Playing with Pinocchio Relazione finale di Sonia Graziotto Migliorare la qualità dell insegnamento, avvalendosi delle

Dettagli

NONNI SU INTERNET. Linee guida per Nonni. Fondazione Mondo Digitale

NONNI SU INTERNET. Linee guida per Nonni. Fondazione Mondo Digitale Nonni su Internet NONNI SU INTERNET Linee guida per Nonni Fondazione Mondo Digitale Linee guida per Nonni Questo manuale è a cura della Fondazione Mondo Digitale con la supervisione del prof. Alfonso Molina.

Dettagli