COMUNE DI SASSARI Provincia di Sassari

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNE DI SASSARI Provincia di Sassari"

Transcript

1 Studi Tecnic Per. Ind. Mnica Cassese Via Milan, Sassari (SS) Tel. 079/ Studi Tecnic Gem. Peppin Masia Via Napli Algher (SS) Tel COMUNE DI SASSARI Prvincia di Sassari Azienda ISTITUTO COMPRENSIVO MONTE ROSELLO ALTO VIA MANZONI N. 1/A COMUNE DI SASSARI E- mail: Datre di Lavr Dtt ssa Rita Pala Spanedda Elabrat: PIANO DI EMERGENZA PRIMARIA VIA BOTTEGO A - SASSARI D.M D. Lgs. 9 aprile 2008, n 81 RSPP: Per Ind Cassese Mnica Data: 05/12/2012 Pian di Emergenza

2 Studi Tecnic Per. Ind. Mnica Cassese Via Milan, Sassari (SS) Tel. 079/ Studi Tecnic Gem. Peppin Masia Via Napli n Algher (SS) Tel PIANO DI SICUREZZA ED EVACUAZIONE (D.M D. Lgs. n. 81 del ) AZIENDA ISTITUTO COMPRENSIVO MONTE ROSELLO ALTO SASSARI COMUNE SASSARI PROVINCIA SASSARI EDIFICIO PRIMARIA VIA BOTTEGO A - SASSARI INDIRIZZO VIA BOTTEGO N. 5 - SASSARI COMMITTENTE DIRIGENTE SCOLASTICO Dtt ssa Rita Pala Spanedda TECNICO PER IND CASSESE MONICA Classi 4 Alunni 94 Dcenti 14 Persnale ATA 2 Dirigente Sclastic D.S.G.A. Assistenti Amm.vi TOTALE PRESENZE 110 Ente prprietari dell edifici: COMUNE DI SASSARI Pian di Emergenza 1

3 Studi Tecnic Per. Ind. Mnica Cassese Via Milan, Sassari (SS) Tel. 079/ Studi Tecnic Gem. Peppin Masia Via Napli n Algher (SS) Tel PIANO DI EMERGENZA PREMESSA In riferiment alle nrme indicate nel D.M. 10 marz 1998 (G.U. n. 81 del ), in attuazine dell art. 46 cmma 3 del D. Lgs. n. 81 del 9 aprile 2008, è redatt il presente pian di sicurezza e di valutazine del rischi incendi in relazine ai lughi di lavr dell Istitut Cmprensiv Mnte Rsell Alt Sassari pless Scula Primaria Via Btteg A, nde prre in essere le misure, i prvvedimenti, gli accrgimenti e i mdi di azine intesi a ridurre la prbabilità dell insrgenza di un incendi ed eventualmente a limitarne le cnseguenze. Il seguente pian ha cme finalità: 1. salvaguardare le vite umane 2. prteggere i beni aziendali 3. tutelare l ambiente. Per asslvere a queste imprtanti funzini il seguente dcument deve essere cntinuamente aggirnat e mdificat gni vlta che vengn a mancare i requisiti per una sua crretta e rapida attuazine. Resta sttintes l bblig di peridici test di cadenza almen annuale per verificarne la funzinalità e riscntrare eventuali errri mancanze. DESCRIZIONE DELL ATTIVITA E DEL CICLO LAVORATIVO L Istitut Cmprensiv Mnte Rsell Alt di Sassari svlge le attività di istruzine nei cnfrnti degli alunni, nell specific gli stessi svlgn le attività didattiche nell edifici ubicat in Via Btteg A c/ scula Primaria. IMPIANTI E MACCHINARI UTILIZZATI Le attrezzature utilizzate durante le fasi lavrative sn le seguenti: Descrizine Impiant Termic Ubicazine Estern adiacente al fabbricat L edifici è dtat dei seguenti presidi antincendi: Estintri a parete. MEZZI DI ESTINZIONE INCENDI Tutti i presidi sn psti in psizine segnalata, visibile e facilmente raggiungibile, cme indicat nelle planimetrie ubicate negli atri della scula e negli ambienti dell stess edifici. Pian di Emergenza 2

4 Studi Tecnic Per. Ind. Mnica Cassese Via Milan, Sassari (SS) Tel. 079/ Studi Tecnic Gem. Peppin Masia Via Napli n Algher (SS) Tel GESTIONE DELLA SICUREZZA SEGNALETICA, ILLUMINAZIONE, PIANO ANTINCENDIO GENERALITA' Il Dirigente Sclastic Dtt ssa Rita Pala Spanedda, il Per Ind Cassese Mnica in qualità di R.S.P.P. e gli addetti alle emergenze prvvederann affinché nel crs dell'esercizi nn sian alterate le cndizini di sicurezza e sia applicat il pian di sicurezza, di emergenza e di evacuazine. In particlare: i sistemi di vie di uscita e di circlazine interne sarann tenuti cstantemente sgmbri da qualsiasi materiale che pssa staclare l'esd delle persne e cstituire pericl per la prpagazine di un incendi; prima dell'inizi di qualsiasi attività all intern della scula verrà cntrllata la funzinalità del sistema di vie di uscita e il crrett funzinament degli impianti e delle attrezzature di sicurezza; sarann mantenuti efficienti gli impianti elettrici, in cnfrmità a quant previst dalle nrmative vigenti; sarann presi pprtuni prvvedimenti di sicurezza in ccasine di situazini particlari, quali manutenzini e sistemazini aziendali; sarà fatt sservare il diviet di fumare negli ambienti e nei psti ve tale diviet è previst per mtivi di sicurezza. SEGNALETICA DI SICUREZZA Si applican le vigenti dispsizini sulla segnaletica di sicurezza, espressamente finalizzate alla sicurezza antincendi, di cui al Decret Legislativ 14 agst 1996, n. 493, le prescrizini di cui alla direttiva 92/58/CEE del 24 giugn 1992 (indicazini presenza idranti, estintri e vie di fuga) csì cme integrate dal D.Lgs. 81/08. In particlare la cartellnistica indicherà: le uscite di sicurezza; i percrsi per il raggiungiment delle uscite di sicurezza; l'ubicazine dei mezzi di estinzine incendi le aree sicure ed adibite al radun in cas di emergenza, di prnt intervent e di crdinament delle fasi perative. Inltre, nell atri sn stati affissi cartelli cntenenti la Planimetria Generale delle aree, ed in gni ambiente sn stati affissi degli stralci delle spraccitate planimetrie e le indicazini relative al cmprtament del persnale e di eventuali esterni in cas d'incendi di altr pericl e cn l infrmazine per le squadre di sccrs sulla psizine di: accessi e vie di esd (in relazine alla viabilità principale di zna); mezzi di estinzine dispnibili; psizine quadri elettrici principali; In particlare la segnaletica distribuita nell edifici, cmprendente: Pian di Emergenza 3

5 Studi Tecnic Per. Ind. Mnica Cassese Via Milan, Sassari (SS) Tel. 079/ Studi Tecnic Gem. Peppin Masia Via Napli n Algher (SS) Tel Segnali di diviet vietan un cmprtament che ptrebbe far crrere causare un pericl (diviet di access alle persne estranee a lughi dve ci vule una determinata cmpetenza, diviet di fumare, diviet di usare fiamme libere, diviet di usare acqua sul fuc su cmpnenti elettrici in esercizi, diviet di frmare depsiti di sstanze infiammabili di materiali sparsi); Segnali di avvertiment avvertn del rischi pericl (avvertiment di presenza tensine elettrica, avvertiment di alte temperature, avvertiment della presenza di sstanze particlari, presenza di acidi e di altre sstanze periclse); Segnali di prescrizine prescrivn un determinat cmprtament (prescrizine dell us dei mezzi di prtezine quali guanti, cchiali, ecc, prescrizine di nn manmettere i dispsitivi di sicurezza attivi, prescrizine di nn intervenire su macchine in mviment cn presenza di tensine elettrica); Segnali di salvataggi di sccrs frniscn indicazini relative alle uscite di sicurezza dei mezzi di sccrs di salvataggi (indicazini delle uscite di sicurezza, indicazine dei percrsi dell esd per l evacuazine, indicazine della cassetta per il prnt sccrs e della pstazine per il ricver degli infrtunati, indicazine del pst telefnic per attivare la prcedura della chiamata ai sccrsi esterni, indicazine del radun pst sicur estern); Segnali di infrmazine frniscn infrmazini generiche specifiche (infrmazini generali sulla sicurezza aziendale sec. D. Lgs. 81/08, infrmazini sul prim sccrs, infrmazini sulla scelta dell estintre più idne, infrmazine sulle nrme cmprtamentali in cas di emergenza, infrmazini sull us crrett dei Dispsitivi di Prtezine Individuali, infrmazini sul crdinament in cas di aggressine di un eventuale fuc, infrmazine in merit alla psizine dei dispsitivi generali di cmand). Particlare attenzine si è psta per il ricnsciment delle vie di esd anche da parte di persne che nn hann dimestichezza cn l edifici al fine di cnsentire un svlgiment rapid ed rdinat del prcess di evacuazine in cas di emergenza. A tal fine, si è prvvedut al ricnsciment delle vie di uscita mediante psizinament di una precisa segnaletica standardizzata ed inltre per l identificazine permanente delle stesse si è previst un sistema di segnaletica luminsa alimentat da fnte energetica autnma che cnsente, per capacità di illuminament, la visibilità della segnaletica anche in atmsfera cntaminata da fum. Tutti i segnali 4 Pian di Emergenza

6 Studi Tecnic Per. Ind. Mnica Cassese Via Milan, Sassari (SS) Tel. 079/ Studi Tecnic Gem. Peppin Masia Via Napli n Algher (SS) Tel hann dimensini, cnfigurazine, simblgia e caratteristiche crmatiche-clrimetriche cnfrmi a quant prescritt dalle nrme ISO, UNI e direttive CEE. In particlare, per le dimensini dei segnali ci si è attenuti alle raccmandazini ISO di sservare la seguente frmula: A = L 2 /2000 dve: A è la superficie del segnale espressa in mq ed L è la distanza misurata in metri, alla quale il segnale deve essere ancra ricnscibile. Nella seguente tabella vengn riprtate, a titl d esempi, le dimensini dei cartelli in funzine delle distanze da 5 a 30 metri. DISTANZA DIMENSIONE MINIMA CARTELLO QUADRATO RETTANGOLARE CIRCOLARE D (m) L (cm) b x h (cm) D (cm) x x x x x x CHIAMATA DEI SERVIZI DI SOCCORSO I servizi di sccrs sarann avvertiti in cas di necessità tramite telefnia fissa mbile dal crdinatre da altr addett all up prepst e nminat per iscritt. La prcedura di chiamata è chiaramente indicata nella sezine relativa. INFORMAZIONE E FORMAZIONE DEGLI ADDETTI Gli addetti al servizi antincendi sarann adeguatamente infrmati sui rischi prevedibili, sulle misure da sservare per prevenire gli incendi e sul cmprtament da adttare in cas di pericl. In particlare, i respnsabili e gli addetti al servizi di prnt intervent sarann in grad di prtare il più prnt ed efficace ausili alle squadre di sccrs estern in cas di incendi altr pericl, prpri perché cinvlti in prima persna nella gestine dei lughi, dei mezzi e delle emergenze. Pian di Emergenza 5

7 Studi Tecnic Per. Ind. Mnica Cassese Via Milan, Sassari (SS) Tel. 079/ Studi Tecnic Gem. Peppin Masia Via Napli n Algher (SS) Tel ISTRUZIONI DI SICUREZZA Nei punti strategici e quindi in gni pian sarà cllcata, in vista e ben illuminata, una planimetria generale del relativ pian, mentre al Pian Terra dell inter fabbricat, recante la dispsizine dei presidi antincendi e le indicazini dei percrsi da seguire per raggiungere le uscite. In particlare essa riprterà l ubicazine: delle vie di uscita; dei mezzi e degli impianti di estinzine; dei dispsitivi di arrest degli impianti elettrici; dei vari ambienti di pertinenza cn indicazine delle relative destinazini d'us; le istruzini fndamentali di Sicurezza valide sia per i lavratri che per gli eventuali esterni presenti nell edifici. Su gni planimetria verrà indicat un simbl specific che indichi Vi siete qui e la planimetria sarà stampata cn l rientament giust riferit all rientament dell sservatre. PIANO DI SICUREZZA ANTINCENDIO, di EMERGENZA e di EVACUAZIONE Tutti gli adempimenti necessari per una crretta gestine della sicurezza antincendi sn pianificati nella sezine relativa; dve vengn riprtati in particlare: i cntrlli; gli accrgimenti per prevenire gli incendi; gli interventi manutentivi; l'infrmazine e l'addestrament al persnale del servizi d rdine e agli addetti; le istruzini per gli eventuali esterni presenti nell edifici; le prcedure da attuare in cas di incendi pericl. Il tutt nel chiar intent di attuare e pianificare le misure di prevenzine e di prtezine antincendi per ridurre l insrgenza di un incendi e di limitarne le cnseguenze qualra ess si verifichi. REGISTRO DI SICUREZZA ANTINCENDIO Nel cas specific è richiest tale adempiment: ess è stat crdinat cn le attuali manutenzini peridiche; le specifiche cntenute sn riprtate nella sezine relativa. FORMAZIONE ED INFORMAZIONE DEL PERSONALE Buna parte delle specifiche cmpetenze da destinare ai prepsti alla sicurezza e al prnt intervent sn cntenute nel presente dcument. Le varie sezini che cmpngn la presente dcumentazine sn state rganizzate perché esse sian divulgate a tutti i livelli aziendali e sian ggett di incntri peridici specifici. In tale ttica, il persnale dipendente tutt sarà adeguatamente infrmat sui rischi prevedibili, sulle misure da sservare per prevenire gli incendi e sul cmprtament da adttare in cas di incendi. Nel crs dell ann verrann tenute almen due pprtune esercitazini antincendi e di gestine di una eventuale emergenza: il tutt verrà anntat nel registr antincendi della scula. Sarann pprtunamente definiti i cmpiti e crdinate le varie mansini (chiamata dei sccrsi esterni, cntrll dell evacuazine, gestine dei presidi antincendi, affiancament delle squadre di sccrs esterne, etc.). Pian di Emergenza 6

8 Studi Tecnic Per. Ind. Mnica Cassese Via Milan, Sassari (SS) Tel. 079/ Studi Tecnic Gem. Peppin Masia Via Napli n Algher (SS) Tel NORME ESSENZIALI IN CASO D EMERGENZA Le indicazini sui prvvedimenti ed i cmprtamenti che, in cas di emergenza, dvrann mantenere sia i dipendenti che tutte le eventuali persne presenti, sarann espsti in md ben evidente su cartelli cnfrmi alla nrmativa vigente. L utilizzazine delle attrezzature di estinzine incendi sarà sempre assicurata durante le re di attività da persnale in grad di effettuare le perazini di prim intervent in cas di necessità (ed all up frmate cme previst dal D. Lgs. 81/08). In particlare le nrme di sicurezza antincendi per i lavratri pssn riassumersi nei paragrafi seguenti. DIVIETI E LIMITAZIONI Nei lcali della scula negli uffici di segreterie e Direzine è vietat l us di fiamme libere, di frnelli a gas d elettrici, di stufe elettriche cn resistenza a vista, di stufe a chersene e di gni apparecchi prtatile di riscaldament cttura. È inltre vietat cstituire depsiti di sstanze infiammabili di sstanze che pssn per la vicinanza reagire tra lr prvcand incendi e/ esplsini. È, infine, vietat l spegniment dell illuminazine nei lcali e nelle aree di pertinenza dve transitan le persne, prima che tutte sian uscite all apert si sian state prtate in lug sicur. SQUADRA ANTINCENDIO È stata istituita una pprtuna squadra antincendi e ciò in relazine alle dimensini della struttura, al numer degli ccupanti e al livell di rischi incendi individuat nella scula e negli uffici. Nell immediat futur chi nn è stat frmat dvrà cmpletare la frmazine terminare la frmazine iniziata, secnd le indicazini del D.M.10 marz 1998 attravers un crs ricnsciut della durata minima di re 8, dai cntenuti previsti dall allegat IX del Decret citat in funzine della entità del Rischi Incendi. PIANO DI SICUREZZA ANTINCENDIO Tutti devn cnscere i cntenuti e la strutturazine del presente Pian di Sicurezza Antincendi e la sua attuazine, in particlare in merit a: i cntrlli; gli accrgimenti per prevenire gli incendi; gli interventi manutentivi; l'infrmazine e l'addestrament al persnale; le istruzini per gli estranei; le prcedure da attuare in cas di incendi; le nrme cmprtamentali da tenere da parte di ciascun. REGISTRO DELLA SICUREZZA ANTINCENDIO I crdinatri delle emergenze insieme agli altri addetti prvvederà a registrare i cntrlli e gli interventi di manutenzine sui seguenti impianti ed attrezzature, finalizzate alla sicurezza antincendi: attrezzature ed impianti di spegniment; impianti elettrici (distribuzine, quadri e apparecchiature cmplementari); dispsitivi di sicurezza e cntrll a servizi degli impianti dell edifici (impiant elettric e relativi quadri; impiant di messa a terra; centrale termica e sala tecnica; addestrament antincendi frnit al persnale. Tale registr sarà aggirnat peridicamente e res dispnibile in ccasine dei cntrlli delle autrità cmpetenti. Pian di Emergenza 7

9 Studi Tecnic Per. Ind. Mnica Cassese Via Milan, Sassari (SS) Tel. 079/ Studi Tecnic Gem. Peppin Masia Via Napli n Algher (SS) Tel PIANO DI EMERGENZA E DI EVACUAZIONE Il persnale nn avente incarichi specificati è tenut ad avere dimestichezza sl cn i cntenuti di cui ai successivi punti PUNTO 1 REGOLE PER LA SICUREZZA E LA PREVENZIONE Di seguit sn riprtate le indicazini/prescrizini per la sicurezza, che vann cnsegnate a tutte le maestranze attravers prcedura verbalizzata: Imparare csa fare in cas di incendi (punt 3). Imparare a manvrare un estintre (punt 4). Nn tenere carte vicin a prese di crrente. Fumare sl dve nn è vietat. Spegnere accuratamente i mzzicni nel psacenere a terra. Nn gettare carte nel psacenere in prssimità di mzzicni ancra accesi. Tenere in rdine i punti di passaggi sgmbri da cavi elettrici, fili d altr. Lasciare sempre sgmbr l'access agli estintri, ai sistemi antincendi e alle uscite di emergenza. Nn cprire la cartellnistica di emergenza: antincendi, uscite, pericli. Prendere cnfidenza cn la psizine degli estintri e dei lughi. Abituarsi a guardare, all'inizi delle attività, l'estintre più vicin e la psizine degli addetti al servizi d rdine. Urlare sl in cas di pericl imminente. Sfrzarsi di mantenere la calma in gni situazine. Nn interferire cn le attrezzature elettriche e nn pulirle cn acqua ggetti umidi. Nn struire le prese d'aria di raffreddament degli apparecchi elettrici. Nn cercare di eseguire interventi di riparazine e nn manmettere impianti di alcun genere: chiedi l'intervent del servizi di manutenzine. Nn cmpiere di prpria iniziativa perazini manvre che nn sian di cmpetenza e per le quali nn si è ricevut idne addestrament. Utilizzare gli strumenti idnei al lavr che si deve cmpiere, assicurandsi che sian in bun stat e sl dp averne appres il crrett md d'us. Prima di cmpiere qualsiasi tip di perazine, analizzare i rischi che tale perazine cmprta e trvare sluzini per minimizzarli. Crreggere sempre chi si cmprta in maniera pc sicura. Aiutare le persne estranee a prendere cnfidenza cn le aree dell Azienda. Riferire immediatamente all'addett alla sicurezza di qualunque pratica situazine insicura, vunque essa si presenti. RACCOMANDAZIONI IN CASO DI INCENDIO Nel cas in cui si rilevi sspetti dell esistenza di un principi di incendi (presenza di fum, dre di bruciat, presenza di fiamme), nn lasciarsi prendere dal panic (un principi di incendi si può spegnere agevlmente utilizzand un pann, gli estintri dispnibili) e prvvedere immediatamente a: richiamare l attenzine di altr persnale presente, richiedendne cllabrazine; disattivare le apparecchiature elettriche e/ a gas installate nel lcale interessat (eventualmente tgliere tensine al quadr di repart generale); azinare i dispsitivi antincendi dispnibili, evitand di esprre a rischi la prpria persna; usare crrettamente l estintre più vicin (attenersi alle indicazini presenti); nn abbandnare le aree finché nn si è certi che l incendi nn pssa riprendere; in cas di incendi nn cntrllabile telefnare immediatamente al 115 (Vigili del Fuc) secnd la prcedura riprtata a fianc della pstazine telefnica per la chiamata di prnt intervent estern; è asslutamente vietat l us dell ascensre: usare le scale esistenti cn calma; Pian di Emergenza 8

10 Studi Tecnic Per. Ind. Mnica Cassese Via Milan, Sassari (SS) Tel. 079/ Studi Tecnic Gem. Peppin Masia Via Napli n Algher (SS) Tel tutt il persnale e le persne estranee presenti devn lentamente e senza panic avviarsi vers le uscite di sicurezza percrrend le vie di esd predispste e raggiungere il lug sicur previst per il radun e la crdinazine delle emergenze: una vlta che tutti sn usciti dal lcale richiudere sempre dietr di se le prte ma mai a chiave; ricrdare che il fum stratifica nelle parti alte dei lcali e che in bass si trva quindi aria più respirabile (usare per respirare, nel cas, un pann umid sulla bcca); infrmare immediatamente i prpri superiri e i respnsabili prepsti alla Emergenza e al Prim Sccrs; nn prendere iniziative persnali e nn crdinate dai prepsti alla sicurezza. RACCOMANDAZIONI IN CASO DI PERICOLO GRAVE Nel cas in cui sia segnalata sspettata l esistenza di un pericl grave ed immediat prvvedere senza esitazini a: richiamare, evitand il panic, l attenzine di tutte le persne presenti; infrmare dettagliatamente i prepsti alla sicurezza e attendere, nel cas, istruzini; abbandnare in tempi rapidi in maniera rdinata e senza panic i lughi ritenuti periclsi sggetti a pericl grave ed immediat. RACCOMANDAZIONI IN CASO DI EVACUAZIONE Nel cas in cui sia stat richiest di abbandnare le prprie pstazini e l edifici: durante l evacuazine aiutare le persne prtatrici di handicap ferite; accertarsi che tutti i presenti abbian abbandnat l edifici; il Crdinatre delle emergenze attende in prssimità dell ingress della struttura l arriv dei Vigili del Fuc delle Frze dell Ordine (Carabinieri e Plizia, qualra allertati) e frnisce in maniera dettagliata tutte le infrmazini del cas; rientrare nell edifici sl dp che il Crdinatre delle emergenze abbia autrizzat il rientr. Regle pratiche di prevenzine: RACCOMANDAZIONI DI PREVENZIONE Evitare l accumul ltre il cnsentit di sstanze facilmente infiammabili (alcl, carte scilte, invlucri di plistirl espans, ecc.). Tutte le maestranze devn immediatamente segnalare al Servizi di Prevenzine e Prtezine Aziendale eventuali manmissini malfunzinamenti relativi ai presidi antincendi presenti (estintri. Evitare di fumare, sprattutt ve tale diviet è affiss. Evitare di ingmbrare cn depsiti inpprtuni le attrezzature di sccrs (estintri, azinamenti di emergenza) le uscite di sicurezza. Evitare di usare fiamme libere in tutti i lcali frnelli di qualsiasi tip evitare scaldavivande e stufe di qualsiasi genere, phn e altre apparecchiature elettriche in cattiv stat. Verificare sempre la dislcazine degli estintri. Pian di Emergenza 9

11 Studi Tecnic Per. Ind. Mnica Cassese Via Milan, Sassari (SS) Tel. 079/ Studi Tecnic Gem. Peppin Masia Via Napli n Algher (SS) Tel L allarme può essere GENERALE LOCALE PUNTO 2 ALLARME In cas di allarme GENERALE tutti dvrann abbandnare le aree ccupate. In cas di allarme LOCALE sl le persne presenti nelle aree interessate verrann invitate ad abbandnare l area la zna. Per abbandnare le aree in maniera sicura: Interrmpere immediatamente qualunque attività in crs. Chiudere le finestre (se ve ne sn). Uscire senza indugi dalla stanza. Chiudere le prte dietr di se (se ve ne sn) e mai a chiave. Recarsi senza crrere vers le uscite vers il lug di radun se ess viene indicat se è cnsciut. Pian di Emergenza 10

12 Studi Tecnic Per. Ind. Mnica Cassese Via Milan, Sassari (SS) Tel. 079/ Studi Tecnic Gem. Peppin Masia Via Napli n Algher (SS) Tel PUNTO 3 COSA FARE IN CASO D INCENDIO In cas d incendi, attenersi alle seguenti istruzini: appena si scpre un incendi, gridare AL FUOCO per richiamare l'attenzine di altre persne dei respnsabili. Giudicare se l'entità dell'incendi è tale da pter essere affrntat cn un estintre. In cas affermativ, intervenire tempestivamente e sl se si sa manvrare ed azinare un estintre (dare crs alle istruzini previste nel punt 4 Ubicazine ed utilizz Estintri ). In cas cntrari (vver se l'incendi tende ad assumere prprzini preccupanti) chiamare i Vigili del Fuc. Ai Vigili indicare chiaramente: - Il punt precis in cui si sta sviluppand l'incendi (area stanza); - se sn cinvlte persne; - csa sta bruciand (apparecchi elettrici, carta, arredi altr); - il nme di chi chiama. Farsi ripetere il tutt, accertandsi che le infrmazini sian state cmprese. Pian di Emergenza 11

13 Studi Tecnic Per. Ind. Mnica Cassese Via Milan, Sassari (SS) Tel. 079/ Studi Tecnic Gem. Peppin Masia Via Napli n Algher (SS) Tel PUNTO 4 UBICAZIONE ED UTILIZZO DEGLI ESTINTORI UBICAZIONE Dve si trvan (cntrllare sempre peridicamente): secnd schematizzazine e segnalazine planimetrica, vver secnd quant indicat nella tabella di cui al paragraf MEZZI DI ESTINZIONE INCENDI. UTILIZZO Cme si usan: 1. Asprtare l'estintre dalla sua sede e pggiarl verticalmente per terra. 2. Mettere il palm della man ausiliaria (sinistra) stt la leva più bassa dell'estintre e sllevarl per trasprtarl vers il lug dell'incendi. 3. Prsi ad una distanza dal fuc di circa 2-3 mt (se il fuc è dentr una stanza prsi furi da essa) e pggiare l'estintre per terra in psizine verticale lcalizzand la spina di sicurezza. 4. Prsi dalla parte dell'impugnatura della spina di sicurezza, mettere il palm della man ausiliaria (sinistra) sulla parte givale del serbati dell'estintre e impugnare la spina di sicurezza cn la man da lavr (destra). 5. Tgliere cn la man da lavr (destra) la spina di sicurezza cn un strapp secc avend l'accrtezza di tenere ferm l'estintre cn la man ausiliaria. 6. Rimettere il palm della man ausiliaria (sinistra) stt la leva più bassa dell'estintre ed afferrare la lancia cn la man da lavr (destra). 7. Sllevare l'estintre cn la man ausiliaria e prcedere vers il fuc fin ad una distanza nn superire a 2-3 mt. 8. Prre il pllice della man ausiliaria spra la leva più alta. 9. Direzinare la lancia vers le fiamme cn la man da lavr e stringere cn la man ausiliaria le due leve. 10. Indirizzare il gett alla base delle fiamme, iniziare dalla parte in fiamme più vicina all'peratre. Dvend usare più estintri cntempraneamente, le persne che li utilizzan devn trvarsi dall stess lat rispett alle fiamme. Bisgna sempre dare la frnte alle fiamme e le spalle alla via di fuga, se ciò nn fsse pssibile nn prcedere all'estinzine, dare l'allarme e iniziare l'evacuazine. Se circa a 2 mt di distanza la temperatura nn è sstenibile dare l'allarme e prcedere all'evacuazine. Pian di Emergenza 12

14 Studi Tecnic Per. Ind. Mnica Cassese Via Milan, Sassari (SS) Tel. 079/ Studi Tecnic Gem. Peppin Masia Via Napli n Algher (SS) Tel USO DELL'ESTINTORE Fiamme e fum rendn il fuc difficile da spegnere, perciò bisgna prsi cn il vent dietr le spalle e spegnere il fuc dall'alt vers il bass. Nn spruzzare cn l'estintre inutilmente e sempre dall'alt vers il bass. In un incendi di mdeste dimensini, interrmpere l'ergazine sl ad incendi spent ed utilizzare la rimanenza per bnificare la zna. Un incendi di medie dimensini nn va mai spent da sli,ma bisgna utilizzare più estintri, un per vlta, attaccand le fiamme cntempraneamente da più parti, facend cnvergere il gett senza frnteggiarsi. Oli e benzina accesi,situati in cntenitri aperti, nn vann mai spenti usand l'estintre dall'alt, ma rientand il gett dell'estintre sul brd del cntenitre, cercand di rmpere la fiamma per permettere il sffcament dell'incendi. Una vlta usat, l'estintre va sstituit cn un identic pien. Pian di Emergenza 13

15 Studi Tecnic Per. Ind. Mnica Cassese Via Milan, Sassari (SS) Tel. 079/ Studi Tecnic Gem. Peppin Masia Via Napli n Algher (SS) Tel PUNTO 5 ISTRUZIONI PARTICOLARI PER GLI ADDETTI ALL EMERGENZA Rispettare sempre le seguenti regle fndamentali: Tenere aggirnata la lista del persnale addett all emergenza. Avere cura di averla sempre a prtata di man. Fare sempre mente lcale alle persne presenti nelle aree aziendali, cn particlare attenzine ad eventuali prtatri di handicap. In cas di incendi Tenere presente le istruzini generali cntenute nel: PUNTO 3 Csa fare in cas di incendi. PUNTO 4 Ubicazine ed utilizz Estintri. Prvvedere affinché tutti gli estintri dispnibili vengan avvicinati al lug dve l'incendi si è sviluppat. In cas di allarme Ricrdarsi di essere respnsabile del persnale e dei visitatri. Fare una rapida ispezine dei lcali delle aree assicurandsi che le prcedure previste in cas di allarme vengan rispettate dai clleghi. In particlare assicurarsi che: Gli eventuali visitatri sian usciti. Eventuali visitatri prtatri di handicap sian prtati all'estern. Le persne sian uscite dagli ambienti. Le finestre e le prte sian state chiuse. Dirigere le persne vers l'uscita. Raggiunt il lug di radun, cntrllare sempre la presenza del persnale facend l'appell. Pian di Emergenza 14

16 Studi Tecnic Per. Ind. Mnica Cassese Via Milan, Sassari (SS) Tel. 079/ Studi Tecnic Gem. Peppin Masia Via Napli n Algher (SS) Tel PUNTO 6 ISTRUZIONI IN CASO D ALLARME PER GLI ADDETTI ALL EMERGENZA In cas di Allarme: in cas di incendi, infrmarsi dve quest è stat segnalat e quindi recarsi sul pst per tentare di spegnerl utilizzand gli estintri; in cas di impssibilità di dmare l'incendi cn i mezzi in dtazine, prtarsi a distanza di sicurezza ppure raggiungere l'estern; all'arriv dei Vigili dei Fuc, infrmarli e mettersi a lr dispsizine. PUNTO 7 - ISTRUZIONI IN CASO D ALLARME PER L ADDETTO ALLE CHIAMATE Alla richiesta di allarme vers i Vigili del Fuc gli altri Organi di Pubblica Sicurezza per Emergenza sanitaria: interrmpere qualsiasi attività in crs e rispndere immediatamente, cercand di avere la psizine esatta del lug dell'incendi e la sua natura della situazine di pericl (rdine pubblic tip di emergenza sanitaria). Farsi dire chiaramente: il punt precis in cui si sta sviluppand l'incendi il tip di altr pericl; nel cas d incendi, csa sta bruciand (apparecchi elettrici - carta - arredi altr); il nme di chi ha cmunicat tali dati; ripetere a chi le ha cmunicate le infrmazini ricevute e farsi dare la cnferma; attivare la prcedura di allarme avvertend il respnsabile alle cmunicazini snre; pribire a chiunque l'access alle aree interessate dall event e ai lcali; nel cas d incendi telefnare ai Vigili dei Fuc: 115, accertandsi che l'allarme sia stat ricevut; nel cas di questini di rdine pubblic telefnare ai Carabinieri: 112, e alla Plizia 113, accertandsi che l'allarme sia stat ricevut; nel cas di emergenza sanitaria telefnare al Prnt Sccrs: 118, accertandsi che l'allarme sia stat ricevut. PUNTO 8 - ISTRUZIONI IN CASO DI PRESENZA DI ALUNNI PERSONALE OSPITI DISABILI Nell ann sclastic in crs risultan essere presenti n. 4 alunni disabili che in cas di emergenza ptrebber nn reagire prntamente, pertant sn state previste delle particlari prcedure per il persnale sclastic. Principalmente è stat previst che gli ambienti dve l stess svlge prevalentemente le attività didattiche sian al pian terra ed in prssimità delle uscite di sicurezza al fine di agevlare l esd e permettere una immediata evacuazine. Il persnale sclastic dvrà adttare nell specific cas quant previst dal D.M.10 marz 1998 e dalla Circlare n. 4 del 1 marz 2002A emanata dal Minister dell Intern. Si ricrda pertant che nel mment in cui dvesser gravitare all intern dell edifici persne cn limitazini fisiche, tempranee permanenti, alle capacità fisiche, mentali, sensriali mtrie si dvrann adttare i seguenti principi generali: prevedere ve pssibile il cinvlgiment dei disabili durante l rganizzazine dell emergenza; cnsiderare le difficltà specifiche presenti per le persne estranee ai lughi di lavr; Pian di Emergenza 15

17 Studi Tecnic Per. Ind. Mnica Cassese Via Milan, Sassari (SS) Tel. 079/ Studi Tecnic Gem. Peppin Masia Via Napli n Algher (SS) Tel cnseguire adeguati standard di sicurezza per tutti senza determinare alcuna frma di discriminazine tra i lavratri e gli alunni; prgettare la sicurezza per i lavratri gli alunni cn inabilità in un pian rganic, che incrementi la sicurezza di tutti e nn attravers piani speciali separati da quelli degli altri alunni. In cas di emergenza dvrà essere incaricat un numer di persne adeguat in base alla gravità della situazine di handicap presente; gli addetti incaricati avrann il cmpit di assistere all esd le persne cn limitazini fisiche. Più precisamente essend il tip di deambulazine grave (persna su sedia a rtelle) gli addetti incaricati all assistenza per ciascun disabile dvrann essere almen due per riuscire a trasprtarl, mentre nel cas di un grad di inabilità minre limitare i mvimenti (per esempi persna cn stampelle persna cn prblemi agli arti inferiri) sarà sufficiente incaricare un unica persna addetta all assistenza. Nel cas dvesse verificarsi la presenza di persne nn udenti si dvrà incaricare un addett che ha il cmpit di avvisare tali persne in cas di segnale di allarme e/ cmunque in cas di necessità, mentre se si dvesse verificare la presenza di persne nn vedenti si dvrà incaricare almen una persna che avrà il cmpit di guidarle all estern. Tale valutazine dvrà essere effettuata gni qualvlta se ne presenti la necessità anche per inabilità tempranee, cme per esempi un alunn cn un art inferire fratturat che necessita di assistenza per l evacuazine, nel cas di una dnna in gravidanza. Pian di Emergenza 16

18 Studi Tecnic Per. Ind. Mnica Cassese Via Milan, Sassari (SS) Tel. 079/ Studi Tecnic Gem. Peppin Masia Via Napli n Algher (SS) Tel PREDISPOSIZIONI ED INCARICHI: DESIGNAZIONE NOMINATIVI DESIGNAZIONE NOMINATIVI A cura del Dirigente Sclastic Dtt ssa Rita Pala Spanedda, sn stati identificati i cmpiti da assegnare al persnale. In particlare dvrann essere effettuate le seguenti designazini di incaric: Designazine del respnsabile e del su sstitut addett all'emanazine dell'rdine di evacuazine che al verificarsi di una situazine di emergenza assuma il crdinament delle perazini di evacuazine e di prim sccrs: perazini che ptrann essere crdinate direttamente dal lug sicur pst di ritrv (sempre che quest ultim nn sia interessat da eventi gravi); Designazine del persnale incaricat della diffusine dell'rdine di evacuazine; Designazine del persnale respnsabile dei cntrlli delle perazini di evacuazine; Designazine dei persnale incaricat di assicurare all'estern il persnale e/ visitatri cn senza handicap; Designazine del persnale incaricat di effettuare le chiamate di sccrs ai Vigili del Fuc, alle Frze dell'ordine, al prnt Sccrs e ad gni altr rganism ritenut necessari; Designazine del persnale incaricat dell'us e dei cntrll dell'efficienza degli estintri; Designazine del persnale addett al cntrll qutidian della praticabilità delle uscite di sicurezza e dei percrsi per raggiungerle. I predetti incarichi dvrann essere riprtati in appsita dispsizine di servizi a cura del respnsabile della sicurezza, cme indicat nella tabella riprtata qui di seguit, che dvrà essere aggirnata ad gni mdifica. Pian di Emergenza 17

19 Studi Tecnic Per. Ind. Mnica Cassese Via Milan, Sassari (SS) Tel. 079/ Studi Tecnic Gem. Peppin Masia Via Napli n Algher (SS) Tel MODULO DI ASSEGNAZIONE INCARICHI ISTITUTO COMPRENSIVO MONTE ROSELLO ALTO SASSARI - PRIMARIA VIA BOTTEGO A - SASSARI La seguente tabella riprta gli incarichi assegnati ed i nminativi delle persne incaricate: MANSIONE COGNOME E NOME Crdinatre dell emergenza NOCE BATTISTINA Crdinatre Addett antincendi NOCE BATTISTINA DAU STEFANIA NUVOLI PAOLO BOLOGNESI ANTONIO GAMBELLA MARIA GRAZIA TESTONE MARIA RITA Addetti Prim Sccrs NUVOLI PAOLO BOLOGNESI ANTONIO Addetti Antincendi e Prim Sccrs alunni disabili Addetti Evacuazine NOCE BATTISTINA DAU STEFANIA NUVOLI PAOLO BOLOGNESI ANTONIO GAMBELLA MARIA GRAZIA TESTONE MARIA RITA Addetti Antifum Pian di Emergenza 18

20 Studi Tecnic Per. Ind. Mnica Cassese Via Milan, Sassari (SS) Tel. 079/ Studi Tecnic Gem. Peppin Masia Via Napli n Algher (SS) Tel APRIFILA (1) / CHIDIFILA (2) PRIMARIA VIA BOTTEGO A SASSARI CLASSE 4 A CLASSE 4 B CLASSE 5 A 1) ACHENZA ANDREA 1) ANGIONI SARAH 1) BUSSU GIADA 2) USAI MARIA LUISA 2) URGU MARCO 2) TANCA VIOLA CLASSE 5 B 1) CALVIA VALENTINA 2) UNIDA STEFANO Pian di Emergenza 19

D.P.G.R n in data Eventi eccezionali del/dal..al (gg/mese/anno). MODULO PER PRIVATI

D.P.G.R n in data Eventi eccezionali del/dal..al (gg/mese/anno). MODULO PER PRIVATI Md. 1 - Privati D.P.G.R n in data Eventi eccezinali del/dal..al (gg/mese/ann). MODULO PER PRIVATI Cn il presente mdul pssn essere segnalate anche vci di dann nn ricmprese nella LR 4/97 Da cnsegnare al

Dettagli

Sconti e agevolazioni speciali in CONVENZIONE em.01 14

Sconti e agevolazioni speciali in CONVENZIONE em.01 14 Sigeim Energia srl Ftvltaic Veicli elettrici Batterie slari Scnti e agevlazini speciali in CONVENZIONE em.01 14 Negli ultimi 6 anni la Sigeim Energia si è dedicata alla prgettazine e installazine di impianti

Dettagli

MODELLO RI2 DOMANDA DI RILASCIO/RINNOVO AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO IN CORPO IDRICO SUPERFICIALE PER IMPIANTI A SCAMBIO TERMICO

MODELLO RI2 DOMANDA DI RILASCIO/RINNOVO AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO IN CORPO IDRICO SUPERFICIALE PER IMPIANTI A SCAMBIO TERMICO MODELLO RI2 DOMANDA DI RILASCIO/RINNOVO AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO IN CORPO IDRICO SUPERFICIALE PER IMPIANTI A SCAMBIO TERMICO Riepilg dcumentazine 1 2 Istanza di autrizzazine all scaric in crp idric

Dettagli

Abstract: una versione sintetica della tua relazione. Il lavoro di ricerca e progettazione svolto prima di cominciare gli esperimenti.

Abstract: una versione sintetica della tua relazione. Il lavoro di ricerca e progettazione svolto prima di cominciare gli esperimenti. COME SCRIVERE LA RELAZIONE DEL PROGETTO La tua relazine finale deve includere le seguenti sezini: Titl Abstract: una versine sintetica della tua relazine. Indice. Dmanda, variabili e iptesi. Il lavr di

Dettagli

Aggiornamento remoto della chiave hardware

Aggiornamento remoto della chiave hardware AMV S.r.l. Via San Lrenz, 106 34077 Rnchi dei Leginari (Grizia) Italy Ph. +39 0481.779.903 r.a. Fax +39 0481.777.125 E-mail: inf@amv.it www.amv.it Cap. Sc. 10.920,00 i.v. P.Iva: IT00382470318 C.F. e Iscriz.

Dettagli

Progettare l ambiente di apprendimento. Valorizzare l esperienza e le conoscenze degli alunni

Progettare l ambiente di apprendimento. Valorizzare l esperienza e le conoscenze degli alunni Rendiam prduttive le riunini Per prgettare un mdell di scula: un apprcci culturale e filsfic un elabrazine pedaggica una prgettazine didattica frti cnscenze disciplinari L autnmia è: respnsabilità innvazine

Dettagli

I SERVIZI DI CUI AVETE BISOGNO OVUNQUE VOI SIATE

I SERVIZI DI CUI AVETE BISOGNO OVUNQUE VOI SIATE I SERVIZI DI CUI AVETE BISOGNO OVUNQUE VOI SIATE La direttiva Servizi mira a ffrire ai cnsumatri più scelta, più qualità e un access più facile ai servizi in tutt il territri dell UE PERCHÉ LE NUOVE NORME

Dettagli

Cos è il Master Essere HR Business Partner?

Cos è il Master Essere HR Business Partner? Cs è il Master Essere HR Business Partner? Un percrs che aiuta i prfessinisti HR ad andare ltre in termini di autrevlezza e fcalizzazine sul cliente e sui risultati. Quali biettivi permette di raggiungere?

Dettagli

Università degli Studi di Messina Anno Accademico 2014/2015. Dipartimento di Scienze Economiche, Aziendali, Ambientali e Metodologie Quantitative

Università degli Studi di Messina Anno Accademico 2014/2015. Dipartimento di Scienze Economiche, Aziendali, Ambientali e Metodologie Quantitative Università degli Studi di Messina Ann Accademic 2014/2015 Dipartiment di Scienze Ecnmiche, Aziendali, Ambientali e Metdlgie Quantitative I MASTER UNIVERSITARIO DI PRIMO LIVELLO IN ECONOMIA BANCARIA E FINANZIARIA

Dettagli

REGOLAMENTO del CONCORSO A PREMI denominato Scopri l'azerbaijan e vinci un biglietto per Expo2015.

REGOLAMENTO del CONCORSO A PREMI denominato Scopri l'azerbaijan e vinci un biglietto per Expo2015. REGOLAMENTO del CONCORSO A PREMI denminat Scpri l'azerbaijan e vinci un bigliett per Exp2015. 1. SOCIETA PROMOTRICE Simmetric SRL Via V. Frcella 13, 20144 Milan P.IVA 05682780969 (di seguit la Prmtrice

Dettagli

LA FATTURAZIONE ELETTRONICA VERSO LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

LA FATTURAZIONE ELETTRONICA VERSO LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DATALOG ITALIA SRL LA FATTURAZIONE ELETTRONICA VERSO LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE La Finanziaria 2008 ha stabilit che la fatturazine nei cnfrnti delle amministrazini dell stat debba avvenire esclusivamente

Dettagli

Allegato all'articolo Taglialeggi

Allegato all'articolo Taglialeggi Allegat all'articl Taglialeggi Tip att Titl dispsizi ni da abrgare 1 R.D. 773 18/06/1931 Apprvazine del test unic delle leggi di Le persne che hann l'bblig di prvvedere all'istruzine art. 12, elementare

Dettagli

Manuale Amministratore. Edizione Ottobre 2008

Manuale Amministratore. Edizione Ottobre 2008 Manuale Amministratre Edizine Ottbre 2008 Manuale Amministratre PaschiInTesreria - Ottbre 2008 INDICE 1. Intrduzine 3 2. Access Amministratre 4 3. Funzini Amministrative 6 3.1. Gestine Azienda 6 3.2. Gestine

Dettagli

Università degli Studi di Lecce Facoltà di Ingegneria Informatica N.O. A.A. 2003/2004. Tesina Esame di Elettronica Analogica II

Università degli Studi di Lecce Facoltà di Ingegneria Informatica N.O. A.A. 2003/2004. Tesina Esame di Elettronica Analogica II Università degli Studi di Lecce Facltà di Ingegneria Infrmatica N.O. A.A. /4 esina Esame di Elettrnica Analgica II Studentessa: Laura Crchia Dcente: Dtt. Marc Panare INDICE Presentazine del prgett del

Dettagli

Silk Enterprise Content Management Collaboration, content, people, innovation.

Silk Enterprise Content Management Collaboration, content, people, innovation. Cllabratin, cntent, peple, innvatin. The Need fr an Enterprise Cntent Management System In un mercat knwledge riented, estremamente cmpetitiv e dinamic, le Imprese di success sn quelle che gestiscn in

Dettagli

Nota tecnica riferita alla nota M.I.U.R. prot. n. 8409 del 30 luglio 2010

Nota tecnica riferita alla nota M.I.U.R. prot. n. 8409 del 30 luglio 2010 Nta tecnica riferita alla nta M.I.U.R. prt. n. 8409 del 30 lugli 2010 Oggett: Istruzini amministrativ-cntabili per le istituzini ggett di dimensinament. Le Istituzini sclastiche, per quant attiene all

Dettagli

VERBALE DELLA COMMISSIONE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA E DISINFEZIONE DEI LOCALI CAMERALI CIG N. 1310739808

VERBALE DELLA COMMISSIONE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA E DISINFEZIONE DEI LOCALI CAMERALI CIG N. 1310739808 VERBALE DELLA COMMISSIONE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA E DISINFEZIONE DEI LOCALI CAMERALI CIG N. 1310739808 L ann duemilaundici il girn 11 del mese di Aprile alle re 10:00, press la sede della

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE N. 4091. D iniziativa dei deputati

PROPOSTA DI LEGGE N. 4091. D iniziativa dei deputati PROPOSTA DI LEGGE N. 4091 D iniziativa dei deputati SANTULLI, ARACU, BIANCHI CLERICI, CARLUCCI, GALVAGNO, GARAGNANI, LICASTRO SCARDINO, ORSINI, PACINI, PALMIERI, RANIERI Statut dei diritti degli insegnanti

Dettagli

MINISTERO DELLA DIFESA UFFICIO CENTRALE DEL BILANCIO E DEGLI AFFARI FINANZIARI

MINISTERO DELLA DIFESA UFFICIO CENTRALE DEL BILANCIO E DEGLI AFFARI FINANZIARI MINISTERO DELLA DIFESA UFFICIO CENTRALE DEL BILANCIO E DEGLI AFFARI FINANZIARI II REPARTO- COOPERAZIONE INTERNAZIONALE 2 Uffici- Trattamenti ecnmici del persnale all'ester All.8 Indirizz Pstale: Via XX

Dettagli

Città di Spinea Provincia di Venezia

Città di Spinea Provincia di Venezia Città di Spinea Provincia di Venezia APPALTO: servizio di pulizia interna uffici comunali 2013 2014 AFFIDAMENTO: da appaltare REDATTO DA REVISIONE N. DATA APPROVATO DA 1 SOMMARIO 1. SEZIONE DESCRITTIVA...

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO Breve descrizione del problema trattato

RELAZIONE PROGETTO Breve descrizione del problema trattato RELAZIONE PROGETTO Irene Maria Girnacci Fndamenti di prgrammazine I ann laurea triennale Breve descrizine del prblema trattat Il prblema assegnat cnsiste nell svilupp di una agenda elettrnica, cmpsta da

Dettagli

1. Microsoft Power Point: costruire una presentazione

1. Microsoft Power Point: costruire una presentazione Dtt. Pal Mnella Labratri di Infrmatica Specialistica per Lettere Mderne 2 semestre, A.A. 2009-2010 Dispensa n. 3: Presentazini Indice Dispensa n. 3: Presentazini...1 1. Micrsft Pwer Pint: cstruire una

Dettagli

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) Il presente documento è parte integrante del Documento di Valutazione dei Rischi di cui all art.

Dettagli

Dopo 30 giugno. Totale. TASSA D ISCRIZIONE 30 giugno RICHIESTE E CONDIZIONI DI PRENOTAZIONE SPAZI. DOPO QUANTITÀ 30 GIUGNO x mq

Dopo 30 giugno. Totale. TASSA D ISCRIZIONE 30 giugno RICHIESTE E CONDIZIONI DI PRENOTAZIONE SPAZI. DOPO QUANTITÀ 30 GIUGNO x mq Rma, 29-30-31 ttbre 2003, EUR, Palazz dei Cngressi DOMANDA DI AMMISSIONE A BIBLIOCOM BIBLIOTEXPO 2003 cmpilare in gni sua parte Dati aziendali DATI DELL AZIENDA TITOLARE DELLO STAND DATI PER LA FATTURAZIONE

Dettagli

Carta dei Servizi CARTA DEI SERVIZI

Carta dei Servizi CARTA DEI SERVIZI CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO RELATIVA AL TRASPORTO PUBBLICO LOCALE INDICE 1. Elenc mduli richiamati... 4 2. Riferimenti... 4 3. Scp e generalità... 5 4. Camp di applicazine... 5 5. Standard specifici...

Dettagli

Soci. Posteggio barche/canoa. Categoria Socio Tassa base Uso barche Uso natante Uso tutto. Socio attivo 150 350 550 800

Soci. Posteggio barche/canoa. Categoria Socio Tassa base Uso barche Uso natante Uso tutto. Socio attivo 150 350 550 800 TARIFFARIO 2015 Valid dal 01.02.2015 Sci Categria Sci Tassa base Us barche Us natante Us tutt Psteggi barche/cana Sci attiv 150 350 550 800 Sci attiv famiglia 160 400 600 800 Sci attiv Junir 50 *1) 100

Dettagli

PREMESSA PREMESSA PREMESSA PRE

PREMESSA PREMESSA PREMESSA PRE PREMESSA PREMESSA I Servizi via internet, cellulare e telefn le permettn di perare in md semplice e dirett cn la Banca, dvunque lei sia, a qualsiasi ra del girn, scegliend di vlta in vlta il canale che

Dettagli

Dati dai questionari. Report preliminare. Maggio 2015

Dati dai questionari. Report preliminare. Maggio 2015 Dati dai questinari Reprt preliminare Maggi 2015 Dati Scule Regine Abruzz 3,9% 16 Basilicata 0,5% 2 Calabria 2,4% 10 Campania 3,9% 16 Emilia Rmagna 4,6% 19 Friuli Venezia Giulia 3,4% 14 Lazi 4,1% 17 Liguria

Dettagli

Condizioni Generali sito SOSartigiani.it

Condizioni Generali sito SOSartigiani.it Cndizini Generali sit SOSartigiani.it 1. Premesse 1.1 Il presente accrd è stipulat in Italia tra il Dtt. Lrenz Caprini, via Garibaldi 2, Trezzan Rsa 20060 Milan, ideatre di SOSartigiani.it di seguit denminat

Dettagli

EMERGENZA MEDITERRANEO E MIGRAZIONI: COME PUÒ RISPONDERE L EUROPA?

EMERGENZA MEDITERRANEO E MIGRAZIONI: COME PUÒ RISPONDERE L EUROPA? Analysis N. 284, Aprile 2015 EMERGENZA MEDITERRANEO E MIGRAZIONI: COME PUÒ RISPONDERE L EUROPA? Stefan M. Trelli La tragedia avvenuta nel Canale di Sicilia, cn circa 700 persne che si teme abbian pers

Dettagli

Chi è il soggetto che procede ad erogare il servizio di scambio sul posto? Quali sono i vantaggi di aderire al regime di scambio sul posto?

Chi è il soggetto che procede ad erogare il servizio di scambio sul posto? Quali sono i vantaggi di aderire al regime di scambio sul posto? Mdalità di access alla cnvenzine (13) Csa si intende per servizi di scambi sul pst? L scambi sul pst [Deliberazine ARG/elt 74/08, Allegat A Test integrat dell scambi sul pst (TISP)], è un meccanism che

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

Scheda di sintesi Armenia

Scheda di sintesi Armenia VI. Prgramma prmzinale 2006: ARMENIA SCHEDA DI SINTESI ATTIVITA ne altri 1. EVENTI DI PROMOZIONE TURISTICA 1.1 Manifestazini fieristiche diffusine di ntizie tramite e-mail e Sit Internet dell Ambasciata

Dettagli

Dipartimento di Elettronica e Informazione

Dipartimento di Elettronica e Informazione Sommario 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE... 3 2. RIFERIMENTI... 3 3. DEFINIZIONI... 5 4. COMPITI E RESPONSABILITÀ... 5 5. DESCRIZIONE DELL IMMOBILE... 5 6. ORGANIZZAZIONE DEL PIANO DI EMERGENZA... 6 6.1

Dettagli

COMUNE DI SASSARI. Provincia di Sassari

COMUNE DI SASSARI. Provincia di Sassari COMUNE DI SASSARI Provincia di Sassari Azienda ISTITUTO COMPRENSIVO MONTE ROSELLO ALTO VIA MANZONI N. 1/A 07100 SASSARI TEL 079/244074 FAX 079/2590926 Email: ssic84900t@istruzione.it Datore di Lavoro Dott.

Dettagli

Understanding VMware HA. Le meccaniche di ridondanza dei cluster VMware vsphere (v5.x)

Understanding VMware HA. Le meccaniche di ridondanza dei cluster VMware vsphere (v5.x) Understanding VMware HA Le meccaniche di ridndanza dei cluster VMware vsphere (v5.x) 1 «Chi sn?» Rcc Sicilia, IT Manager e Virtualizatin Architect. Attualmente sn respnsabile del team di Design di un System

Dettagli

MARTINA ZIPOLI. Curriculum Vitae Martina Zipoli INFORMAZIONI PERSONALI. Sesso Femmina Data di nascita 14/12/1986 Nazionalità Italiana

MARTINA ZIPOLI. Curriculum Vitae Martina Zipoli INFORMAZIONI PERSONALI. Sesso Femmina Data di nascita 14/12/1986 Nazionalità Italiana INFORMAZIONI PERSONALI MARTINA ZIPOLI Sess Femmina Data di nascita 14/12/1986 Nazinalità Italiana ESPERIENZA PROFESSIONALE Archelga press cantieri di scav prgrammat ed emergenza, cn ruli di respnsabile

Dettagli

IL TESTO ARGOMENTATIVO

IL TESTO ARGOMENTATIVO IL TESTO ARGOMENTATIVO 1. LA STRUTTURA DI UN TESTO ARGOMENTATIVO La struttura base del test argmentativ può essere csì schematizzata: PROBLEMA TEMATICA CONFUTAZIONE DELLE SIN CONCLUSIONE Questa struttura,

Dettagli

1. CORRENTE CONTINUA

1. CORRENTE CONTINUA . ONT ONTNUA.. arica elettrica e crrente elettrica e e e e P N NP e e arica elementare carica dell elettrne,6 0-9 Massa dell elettrne m 9, 0 - Kg L atm è neutr. Le cariche che pssn essere spstate nei slidi

Dettagli

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali Lettera Rischi Interferenziali Spett.le Ditta Appaltatrice Ditta Subappaltatrice Luogo, Data 2 OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali In relazione alla necessità di una possibile

Dettagli

Alto Apprendistato 2011-2013

Alto Apprendistato 2011-2013 Alt Apprendistat 2011-2013 Dcente: 2010 - CEFRIEL The present riginal dcument was prduced by CEFRIEL fr the benefit and

Dettagli

MINIGUIDA SULLA CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI ORDINARIA NELL'INDUSTRIA (ESCLUSO SETTORE EDILE)

MINIGUIDA SULLA CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI ORDINARIA NELL'INDUSTRIA (ESCLUSO SETTORE EDILE) MINIGUIDA SULLA CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI ORDINARIA NELL'INDUSTRIA (ESCLUSO SETTORE EDILE) "per la nzine di "industria" ai fini del trattament di cig ccrre fare riferiment alla legge 9 marz 1989 n. 88

Dettagli

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI FIRENZE FACOLTA' DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE CORSO DI LAUREA IN. Formatore Multimediale

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI FIRENZE FACOLTA' DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE CORSO DI LAUREA IN. Formatore Multimediale UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI FIRENZE FACOLTA' DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE CORSO DI LAUREA IN Frmatre Multimediale METODOLOGIA METACOGNITIVA DEI SISTEMI INTEGRATI PER LA GESTIONE DELL APPRENDIMENTO E DELLA

Dettagli

Sicurezza all IUE. All Istituto è presente la seguente struttura organizzativa in tema di sicurezza:

Sicurezza all IUE. All Istituto è presente la seguente struttura organizzativa in tema di sicurezza: Sicurezza all IUE In tema di sicurezza l Istituto, che gode dell autonomia prevista dalla Convenzione che lo istituisce e dall Accordo di Sede con l Italia, si ispira ai principi fondamentali della normativa

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

I.I.S.S CM: CTIS00900X IN CASO

I.I.S.S CM: CTIS00900X IN CASO ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIOREE V. I. CAPIZZI -BRONTE I.I.S.S "V. IGNAZIO CAPIZZI" BRONTE Liceo Classico - Liceo Artistico - Liceo Scientifico - I.P.S.I.A. CM: CTIS00900X OPUSCOLOO INFORMATIVO

Dettagli

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe CORSO BASE DI SPECIALIZZAZIONE DI PREVENZIONE INCENDI Analisi di rischio e individuazione delle misure di sicurezza equivalenti. Individuazione delle misure di prevenzione e/o di protezione che permettono

Dettagli

Manuale d uso. Manuale d uso EPIC 10 codice articolo 5400321-03 Rev. H

Manuale d uso. Manuale d uso EPIC 10 codice articolo 5400321-03 Rev. H Manuale d us Manuale d us EPIC 10 cdice articl 5400321-03 Rev. H INDICE Indice... 1 Intrduzine... 4 1. Cnfezine... 5 1.1 Elenc dei cmpnenti del sistema... 5 1.2 Dati Tecnici... 5 2. Descrizine dell apparecchiatura...

Dettagli

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Innocenzo Mastronardi, Ingegnere Civile, professionista antincendio, PhD student in S.O.L.I.P.P. XXVI Ciclo Politecnico di Bari INTRODUZIONE Con l

Dettagli

SOAP qwerty Manuale Utente. Ver.1.0.20101105. Contenuti

SOAP qwerty Manuale Utente. Ver.1.0.20101105. Contenuti Ver.1.0.20101105 Cntenuti SOAP QWERTY 1. Per la Vstra Sicurezza... 4 2. Prfil del telefn... 7 3. Prim utilizz... 9 Installare la SIM Card... 9 Installare la Memry card... 11 Installare la Batteria... 12

Dettagli

Guida alla Convenzione TELEFONIA MOBILE 5

Guida alla Convenzione TELEFONIA MOBILE 5 TELEFONIA MOBILE 5 Realizzat da azienda cn sistema di gestine per la qualità certificat ISO 9001:2008 Smmari 1. PREMESSA... 4 1.1 CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE SIM IN CONVENZIONE AI DIPENDENTI DELLE AMMINISTRAZIONI...

Dettagli

La sicurezza sul lavoro

La sicurezza sul lavoro La sicurezza sul lavoro 1-La storia della sicurezza sul lavoro in Italia 2-I decreti legislativi 626, 81 e i successivi provvedimenti integrativi 3- Il T.U. 81 sostituisce completamente il D. Lgs. 626/94

Dettagli

Risposta esatta. Quesito

Risposta esatta. Quesito 1 2 Quesito Si definisce gas compresso: A) un gas conservato ad una pressione maggiore della pressione atmosferica; B) un gas liquefatto a temperatura ambiente mediante compressione; C) un gas conservato

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO (ai sensi dell articolo 26 del D.Lgs. 81/2008) Allegato

Dettagli

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122 MINISTERO DELLA SALUTE UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE DELL ORGANIZZAZIONE E DEL BILANCIO UFFICIO VIII EX DGPOB LOTTO 2. AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE DEL COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA

Dettagli

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco Ing. Marco Patruno Forum Prevenzione Incendi Milano : 1 ottobre 2014

Dettagli

SPINE PER GLI IMPIANTI ELETTRICI

SPINE PER GLI IMPIANTI ELETTRICI SPINE PER GLI IMPIANTI ELETTRICI Una spina elettrica è un cnnettre elettric che può essere inserit in una presa di crrente cmplementare. Per mtivi di sicurezza, il lat cstantemente stt tensine è sempre

Dettagli

PREVENZIONE DEL TROMBOEMBOLISMO VENOSO NEL PAZIENTE NEUROLOGICO ALLETTATO

PREVENZIONE DEL TROMBOEMBOLISMO VENOSO NEL PAZIENTE NEUROLOGICO ALLETTATO PREVENZIONE EL TROMBOEMBOLISMO VENOSO NEL PAZIENTE NEUROLOGIO ALLETTATO 1. Intrduzine ed biettivi 3 2 Sinssi delle raccmandazini 4 3. Ictus cerebri ischemic acut 10 3.1 Prfilassi meccanica 10 3.2 Prfilassi

Dettagli

La retta è il luogo geometrico dei punti che soddisfano la seguente relazione

La retta è il luogo geometrico dei punti che soddisfano la seguente relazione RETTE Definizine intuitiva La retta linea retta è un dei tre enti gemetrici fndamentali della gemetria euclidea. Viene definita da Euclide nei sui Elementi cme un cncett primitiv. Un fil di ctne di spag

Dettagli

CONTENUTO INTRODUZIONE. Descrizione della piattaforma Servizio di ricezione di dati Servizio di trading Materiale di supporto.

CONTENUTO INTRODUZIONE. Descrizione della piattaforma Servizio di ricezione di dati Servizio di trading Materiale di supporto. CONTENUTO INTRODUZIONE Descrizine della piattafrma Servizi di ricezine di dati Servizi di trading Materiale di supprt INIZIARE A LAVORARE CON VISUAL CHART V Requisiti del sistema Cme ttenere i dati di

Dettagli

D.M. 20 MAGGIO 1992, n. 569

D.M. 20 MAGGIO 1992, n. 569 D.M. 20 MAGGIO 1992, n. 569 Preambolo Il Ministro per i beni culturali e ambientali, di concerto con il Ministro dell'interno: Vista la legge 1º giugno 1939, n. 1089 (Gazzetta Ufficiale 8 agosto 1939,

Dettagli

PER IMPIEGHI SPECIALI FINO A 1000 VOLT PROGRAMMA. T Giraviti VDE. T Assortimenti VDE. T Pinze VDE. T Cricchetti VDE

PER IMPIEGHI SPECIALI FINO A 1000 VOLT PROGRAMMA. T Giraviti VDE. T Assortimenti VDE. T Pinze VDE. T Cricchetti VDE ER IMIEGHI SECIALI FINO A 1000 VOL ROGRAMMA Giraviti VDE inze VDE Cricchetti VDE Assrtimenti VDE 1 2 UENSILI GEDORE VDE utti gli utensili i sicurezza GEDORE mlgati VDE in plastica mrbia sn tati i islament

Dettagli

LA PREVENZIONE INCENDI NEI LUOGHI DI LAVORO

LA PREVENZIONE INCENDI NEI LUOGHI DI LAVORO LA PREVENZIONE INCENDI NEI LUOGHI DI LAVORO OBBLIGHI, CONTROLLI E PROCEDURE GIUGNO 2004 A cura del settore Qualità, Ambiente e Sicurezza sul lavoro Dott. Maurizio Santonocito 2 Indice Premessa Pag. 5 Parte

Dettagli

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO La presente tariffa individua le prestazioni che il professionista è chiamato a fornire : A per la richiesta del parere di conformità B per il rilascio del

Dettagli

Per risolvere le equazioni alle differenze si può utilizzare il metodo della Z-trasformata.

Per risolvere le equazioni alle differenze si può utilizzare il metodo della Z-trasformata. 8.. STRUMENTI MATEMATICI 8. Equazini alle differenze. Sn legami statici che legan i valri attuali (all istante k) e passati (negli istanti k, k, ecc.) dell ingress e k e dell uscita u k : u k = f(e 0,

Dettagli

Quadri fissi con interruttore automatico tipo NXPLUS C fino a 24 kv, isolati in gas

Quadri fissi con interruttore automatico tipo NXPLUS C fino a 24 kv, isolati in gas www.siemens.cm/medium-vltage-switchgear Quadri fissi cn interruttre autmatic tip NXPLUS C fin a kv, islati in gas Quadri di media tensine Catalg HA 5. 0 Answers fr infrastructure and cities. R-HA5-6.tif

Dettagli

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili RICHIAMO AL TESTO UNICO PER LA SICUREZZA D.lgs.vo 9 aprile 2008 n 81 Dott. Ing Luigi ABATE DPR N NN 37 3712 12 gennaio 1998 regolamento

Dettagli

1. Lessicologia vs terminologia... 4 2. Lessico comune e lessico specialistico... 4 3. I linguaggi speciali... 6 4. Cenni storici... 6 5.

1. Lessicologia vs terminologia... 4 2. Lessico comune e lessico specialistico... 4 3. I linguaggi speciali... 6 4. Cenni storici... 6 5. 1. Lessiclgia vs terminlgia... 4 2. Lessic cmune e lessic specialistic... 4 3. I linguaggi speciali... 6 4. Cenni strici... 6 5. La nrmazine terminlgica... 7 6. Dalla lessicgrafia alla termingrafia, dai

Dettagli

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773;

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773; Decreto Ministeriale del 12/09/2003 Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per l'installazione e l'esercizio di depositi di gasolio per autotrazione ad uso privato, di capacita' geometrica

Dettagli

L ASCENSORE. Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. COS È L ANACAM. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore.

L ASCENSORE. Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. COS È L ANACAM. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore. L ASCENSORE Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore. Cosa fare? Cosa non fare? Questo pieghevole è offerto dal vostro ascensorista

Dettagli

rigenerazione urbana volti a promuovere la riqualificazione Pulsano, viale dei Micenei n.70. PREMESSA

rigenerazione urbana volti a promuovere la riqualificazione Pulsano, viale dei Micenei n.70. PREMESSA RELAZIONE TECNICA OGGETTO: Prgett di un intervent sit in Pulsan, lc. La Fntana, viale dei Micenei n.70 inserit nei prgrammi integrati di rigenerazine urbana vlti a prmuvere la riqualificazine di città

Dettagli

(Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione).

(Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione). (Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione). CIRCOLARE N 4 del 1 MARZO 2002 OGGETTO: Linee guida per

Dettagli

anno scolastico/school YEAR 2015/2016

anno scolastico/school YEAR 2015/2016 MODULO D ISCRIZIONESERVIZIO TRASPORTO ALUNNI PER LE FAMIGLIE DELLA CANADIAN SCHOOL OF MILAN SCHOOL BUS APPLICATION FORM FOR THE STUDENTS OF CANADIAN SCHOOL OF MILAN ann sclastic/school YEAR 2015/2016 SCRIVERE

Dettagli

Ingegneria, Qualità e Servizi Engineering Process Owner

Ingegneria, Qualità e Servizi Engineering Process Owner Engineering Prcess Owner ING. FABIO GIANOLA Dati Anagrafici Nat a Milan il 25/11/1968. Nazinalità: Italiana Residenza: Milan Prfessine: Da Nvembre 2013 Amministratre Unic di I.Q.S. Ingegneria Qualità e

Dettagli

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO C O M U N E D I R O V E R B E L L A Via Solferino e San Martino, 1 46048 Roverbella Tel. 0376/6918220 Fax 0376/694515 PEC PROTOCOLLO : roverbella.mn@legalmail.it RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI

Dettagli

referente e-mail PEC referente identificatore titolo descrizione

referente e-mail PEC referente identificatore titolo descrizione referente e-mail PEC referente identificatre titl descrizi Avv. Pal Brgia - resp. cmu.mnterdibisacciacb@legalmail.it Settre Affari Gerali Avv. Pal Brgia - resp. cmu.mnterdibisacciacb@legalmail.it Settre

Dettagli

IL MINISTRO DELL INTERNO

IL MINISTRO DELL INTERNO D.M. 16 maggio 1987, n. 246 (G.U. n. 148 del 27 giugno 1987) NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE IL MINISTRO DELL INTERNO Vista la legge 27 dicembre 1941, n. 1570: Vista

Dettagli

3) MECCANISMI DI RILASSAMENTO

3) MECCANISMI DI RILASSAMENTO 3) MECCANSM D RLASSAMENTO nuclei eccitati tendn a cedere l'energia acquisita ed a ritrnare nella "psizine" di equilibri. meccanismi del rilassament sn mlt cmplessi (sprattutt nei slidi) e pssn essere classificati

Dettagli

GLI AMMORTIZZATORI SOCIALI

GLI AMMORTIZZATORI SOCIALI GLI AMMORTIZZATORI SOCIALI Ringraziamenti Diverse persne hann cntribuit a quest lavr. Tra queste ringrazi l Avv. Rsari Salnia, che nel nstr ambiente, è cnsiderat il miglir giuslavrista di Rma ed il su

Dettagli

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI Art. 1 Oggetto del capitolato Il presente appalto prevede: la

Dettagli

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007)

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) COMUNE DI NORMA Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) Articolo 1 SCOPI DEL REGOLAMENTO 1. L Amministrazione Comunale, in

Dettagli

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio 5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio Pag. 1 di 36 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PER LA SALUTE E LA SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO ai sensi degli artt. 17, 28 e 29 del D.lgs 81/08

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

CORSO ANTINCENDIO BASE

CORSO ANTINCENDIO BASE Evento formativo Corso di addestramento CORSO ANTINCENDIO BASE 1. Premessa Il D.Lgs. 81/2008 e D.M. 10.03.98 stabiliscono, tra l altro, i criteri per la valutazione dei rischi incendio nei luoghi di lavoro

Dettagli

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 CARTA SEMPLICE FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 ALL A.S.L. N. CN2 ALBA BRA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro Via Vida

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE Sede legale: Via G. Cusmano, 24 90141 PALERMO C.F. e P. I.V.A.: 05841760829 Dipartimento Provveditorato e Tecnico Servizio Progettazione e Manutenzioni Via Pindemonte, 88-90129 Palermo Telefono: 091 703.3334

Dettagli

INFORMAZIONE DEGLI STUDENTI

INFORMAZIONE DEGLI STUDENTI Istituto Tecnico Commerciale Statale Antonio Pacinotti Via Benedetto Croce, 34 - Pisa tel:050-23520 fax:050-40848 www.itcpacinotti.pisa.it pitd01000g@istruzione.it INFORMAZIONE DEGLI STUDENTI OPUSCOLO

Dettagli

(Fonte: Vademecum Nextville 2013, Efficienza energetica, gli incentivi per il risparmio energetico, le rinnovabili termiche e la cogenerazione )

(Fonte: Vademecum Nextville 2013, Efficienza energetica, gli incentivi per il risparmio energetico, le rinnovabili termiche e la cogenerazione ) CERTIFICATI BIANCHI (TITOLI DI EFFICIENZA ENERGETICA TEE) (Fnte: Vademecum Nextville 2013, Efficienza energetica, gli incentivi per il risparmi energetic, le rinnvabili termiche e la cgenerazine ) 1) MECCANISMO

Dettagli

Annual General Meeting AGM 3-6 Aprile 2014

Annual General Meeting AGM 3-6 Aprile 2014 Annual General Meeting AGM 36 Aprile 2014 Erasmus Student Netwrk Annual General Meeting 2014 Milan Italia COS'E' ESN? Erasmus Student Netwrk (ESN) è una delle più grandi assciazini studentesche in Eurpa.

Dettagli

Capitolato Tecnico. Pagina 1

Capitolato Tecnico. Pagina 1 Gara a procedura aperta per l affidamento dei servizi di facchinaggio della sede di SACE sita in Roma Piazza Poli 37/42 - CIG 5778360584 Pagina 1 1 PREMESSA 3 2 Oggetto dell Appalto 3 3 Durata dell Appalto

Dettagli

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO SICUREZZA SUL LAVORO In-Formare è già prevenire Questo Mini-Manuale è aggiornato alle più recenti disposizioni 2014 sulla salute, l igiene e la sicurezza sul lavoro: Testo Unico, D.Lgs. 81/2008 e, in particolare,

Dettagli

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E FUOCO DEL VIGILI Meno carte più sicurezza Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E Premessa La semplificazione per le procedure di prevenzione incendi entra in vigore

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI (Emanato con D.R. n. 57 del 21 gennaio 2015) INDICE Pag. Art. 1 - Oggetto 2 Art. 2 - Procedura

Dettagli

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio.

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio. Milano lì Ns. Rif.: 13 novembre 2013 820038.309 Agli Ordini e Collegi aderenti al C.I.P.I. loro sedi K:\Ufficio\07 Documenti\CIPI\820038 Comitato interpr. prevenzione incendi\820038 corrispondenza dal

Dettagli

Curriculum Vitae Europass

Curriculum Vitae Europass Curriculum Vitae Eurpass Infrmazini persnali Cgnme(i/)/Nme(i) Gentili Marc Cittadinanza italiana Sess Occupazine desiderata/settre prfessinale Maschile Espert Senir Esperienza prfessinale Date Lavr psizine

Dettagli

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA LINEE GUIDA DI PREVENZIONE INCENDI DA APPLICARSI AGLI UFFICI INDIVIDUATI AL PUNTO 89 DELL ELENCO ALLEGATO AL D.M. 16.02.82. Punto 89) Aziende ed uffici nei

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

elettrotecnico/elettrotecnica

elettrotecnico/elettrotecnica Delibera n. 748 del 24.06.2014 ordinamento formativo per la professione oggetto di apprendistato di elettrotecnico/elettrotecnica 1. Il profilo professionale 2. Durata e titolo conseguibile 3. Referenziazioni

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n. Spazio riservato al Servizio Urbanistica AGIBILITA' n del L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.160 ) l sottoscritt...

Dettagli