COMUNE DI SASSARI Provincia di Sassari

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNE DI SASSARI Provincia di Sassari"

Transcript

1 Studi Tecnic Per. Ind. Mnica Cassese Via Milan, Sassari (SS) Tel. 079/ Studi Tecnic Gem. Peppin Masia Via Napli Algher (SS) Tel COMUNE DI SASSARI Prvincia di Sassari Azienda ISTITUTO COMPRENSIVO MONTE ROSELLO ALTO VIA MANZONI N. 1/A COMUNE DI SASSARI E- mail: Datre di Lavr Dtt ssa Rita Pala Spanedda Elabrat: PIANO DI EMERGENZA PRIMARIA VIA BOTTEGO A - SASSARI D.M D. Lgs. 9 aprile 2008, n 81 RSPP: Per Ind Cassese Mnica Data: 05/12/2012 Pian di Emergenza

2 Studi Tecnic Per. Ind. Mnica Cassese Via Milan, Sassari (SS) Tel. 079/ Studi Tecnic Gem. Peppin Masia Via Napli n Algher (SS) Tel PIANO DI SICUREZZA ED EVACUAZIONE (D.M D. Lgs. n. 81 del ) AZIENDA ISTITUTO COMPRENSIVO MONTE ROSELLO ALTO SASSARI COMUNE SASSARI PROVINCIA SASSARI EDIFICIO PRIMARIA VIA BOTTEGO A - SASSARI INDIRIZZO VIA BOTTEGO N. 5 - SASSARI COMMITTENTE DIRIGENTE SCOLASTICO Dtt ssa Rita Pala Spanedda TECNICO PER IND CASSESE MONICA Classi 4 Alunni 94 Dcenti 14 Persnale ATA 2 Dirigente Sclastic D.S.G.A. Assistenti Amm.vi TOTALE PRESENZE 110 Ente prprietari dell edifici: COMUNE DI SASSARI Pian di Emergenza 1

3 Studi Tecnic Per. Ind. Mnica Cassese Via Milan, Sassari (SS) Tel. 079/ Studi Tecnic Gem. Peppin Masia Via Napli n Algher (SS) Tel PIANO DI EMERGENZA PREMESSA In riferiment alle nrme indicate nel D.M. 10 marz 1998 (G.U. n. 81 del ), in attuazine dell art. 46 cmma 3 del D. Lgs. n. 81 del 9 aprile 2008, è redatt il presente pian di sicurezza e di valutazine del rischi incendi in relazine ai lughi di lavr dell Istitut Cmprensiv Mnte Rsell Alt Sassari pless Scula Primaria Via Btteg A, nde prre in essere le misure, i prvvedimenti, gli accrgimenti e i mdi di azine intesi a ridurre la prbabilità dell insrgenza di un incendi ed eventualmente a limitarne le cnseguenze. Il seguente pian ha cme finalità: 1. salvaguardare le vite umane 2. prteggere i beni aziendali 3. tutelare l ambiente. Per asslvere a queste imprtanti funzini il seguente dcument deve essere cntinuamente aggirnat e mdificat gni vlta che vengn a mancare i requisiti per una sua crretta e rapida attuazine. Resta sttintes l bblig di peridici test di cadenza almen annuale per verificarne la funzinalità e riscntrare eventuali errri mancanze. DESCRIZIONE DELL ATTIVITA E DEL CICLO LAVORATIVO L Istitut Cmprensiv Mnte Rsell Alt di Sassari svlge le attività di istruzine nei cnfrnti degli alunni, nell specific gli stessi svlgn le attività didattiche nell edifici ubicat in Via Btteg A c/ scula Primaria. IMPIANTI E MACCHINARI UTILIZZATI Le attrezzature utilizzate durante le fasi lavrative sn le seguenti: Descrizine Impiant Termic Ubicazine Estern adiacente al fabbricat L edifici è dtat dei seguenti presidi antincendi: Estintri a parete. MEZZI DI ESTINZIONE INCENDI Tutti i presidi sn psti in psizine segnalata, visibile e facilmente raggiungibile, cme indicat nelle planimetrie ubicate negli atri della scula e negli ambienti dell stess edifici. Pian di Emergenza 2

4 Studi Tecnic Per. Ind. Mnica Cassese Via Milan, Sassari (SS) Tel. 079/ Studi Tecnic Gem. Peppin Masia Via Napli n Algher (SS) Tel GESTIONE DELLA SICUREZZA SEGNALETICA, ILLUMINAZIONE, PIANO ANTINCENDIO GENERALITA' Il Dirigente Sclastic Dtt ssa Rita Pala Spanedda, il Per Ind Cassese Mnica in qualità di R.S.P.P. e gli addetti alle emergenze prvvederann affinché nel crs dell'esercizi nn sian alterate le cndizini di sicurezza e sia applicat il pian di sicurezza, di emergenza e di evacuazine. In particlare: i sistemi di vie di uscita e di circlazine interne sarann tenuti cstantemente sgmbri da qualsiasi materiale che pssa staclare l'esd delle persne e cstituire pericl per la prpagazine di un incendi; prima dell'inizi di qualsiasi attività all intern della scula verrà cntrllata la funzinalità del sistema di vie di uscita e il crrett funzinament degli impianti e delle attrezzature di sicurezza; sarann mantenuti efficienti gli impianti elettrici, in cnfrmità a quant previst dalle nrmative vigenti; sarann presi pprtuni prvvedimenti di sicurezza in ccasine di situazini particlari, quali manutenzini e sistemazini aziendali; sarà fatt sservare il diviet di fumare negli ambienti e nei psti ve tale diviet è previst per mtivi di sicurezza. SEGNALETICA DI SICUREZZA Si applican le vigenti dispsizini sulla segnaletica di sicurezza, espressamente finalizzate alla sicurezza antincendi, di cui al Decret Legislativ 14 agst 1996, n. 493, le prescrizini di cui alla direttiva 92/58/CEE del 24 giugn 1992 (indicazini presenza idranti, estintri e vie di fuga) csì cme integrate dal D.Lgs. 81/08. In particlare la cartellnistica indicherà: le uscite di sicurezza; i percrsi per il raggiungiment delle uscite di sicurezza; l'ubicazine dei mezzi di estinzine incendi le aree sicure ed adibite al radun in cas di emergenza, di prnt intervent e di crdinament delle fasi perative. Inltre, nell atri sn stati affissi cartelli cntenenti la Planimetria Generale delle aree, ed in gni ambiente sn stati affissi degli stralci delle spraccitate planimetrie e le indicazini relative al cmprtament del persnale e di eventuali esterni in cas d'incendi di altr pericl e cn l infrmazine per le squadre di sccrs sulla psizine di: accessi e vie di esd (in relazine alla viabilità principale di zna); mezzi di estinzine dispnibili; psizine quadri elettrici principali; In particlare la segnaletica distribuita nell edifici, cmprendente: Pian di Emergenza 3

5 Studi Tecnic Per. Ind. Mnica Cassese Via Milan, Sassari (SS) Tel. 079/ Studi Tecnic Gem. Peppin Masia Via Napli n Algher (SS) Tel Segnali di diviet vietan un cmprtament che ptrebbe far crrere causare un pericl (diviet di access alle persne estranee a lughi dve ci vule una determinata cmpetenza, diviet di fumare, diviet di usare fiamme libere, diviet di usare acqua sul fuc su cmpnenti elettrici in esercizi, diviet di frmare depsiti di sstanze infiammabili di materiali sparsi); Segnali di avvertiment avvertn del rischi pericl (avvertiment di presenza tensine elettrica, avvertiment di alte temperature, avvertiment della presenza di sstanze particlari, presenza di acidi e di altre sstanze periclse); Segnali di prescrizine prescrivn un determinat cmprtament (prescrizine dell us dei mezzi di prtezine quali guanti, cchiali, ecc, prescrizine di nn manmettere i dispsitivi di sicurezza attivi, prescrizine di nn intervenire su macchine in mviment cn presenza di tensine elettrica); Segnali di salvataggi di sccrs frniscn indicazini relative alle uscite di sicurezza dei mezzi di sccrs di salvataggi (indicazini delle uscite di sicurezza, indicazine dei percrsi dell esd per l evacuazine, indicazine della cassetta per il prnt sccrs e della pstazine per il ricver degli infrtunati, indicazine del pst telefnic per attivare la prcedura della chiamata ai sccrsi esterni, indicazine del radun pst sicur estern); Segnali di infrmazine frniscn infrmazini generiche specifiche (infrmazini generali sulla sicurezza aziendale sec. D. Lgs. 81/08, infrmazini sul prim sccrs, infrmazini sulla scelta dell estintre più idne, infrmazine sulle nrme cmprtamentali in cas di emergenza, infrmazini sull us crrett dei Dispsitivi di Prtezine Individuali, infrmazini sul crdinament in cas di aggressine di un eventuale fuc, infrmazine in merit alla psizine dei dispsitivi generali di cmand). Particlare attenzine si è psta per il ricnsciment delle vie di esd anche da parte di persne che nn hann dimestichezza cn l edifici al fine di cnsentire un svlgiment rapid ed rdinat del prcess di evacuazine in cas di emergenza. A tal fine, si è prvvedut al ricnsciment delle vie di uscita mediante psizinament di una precisa segnaletica standardizzata ed inltre per l identificazine permanente delle stesse si è previst un sistema di segnaletica luminsa alimentat da fnte energetica autnma che cnsente, per capacità di illuminament, la visibilità della segnaletica anche in atmsfera cntaminata da fum. Tutti i segnali 4 Pian di Emergenza

6 Studi Tecnic Per. Ind. Mnica Cassese Via Milan, Sassari (SS) Tel. 079/ Studi Tecnic Gem. Peppin Masia Via Napli n Algher (SS) Tel hann dimensini, cnfigurazine, simblgia e caratteristiche crmatiche-clrimetriche cnfrmi a quant prescritt dalle nrme ISO, UNI e direttive CEE. In particlare, per le dimensini dei segnali ci si è attenuti alle raccmandazini ISO di sservare la seguente frmula: A = L 2 /2000 dve: A è la superficie del segnale espressa in mq ed L è la distanza misurata in metri, alla quale il segnale deve essere ancra ricnscibile. Nella seguente tabella vengn riprtate, a titl d esempi, le dimensini dei cartelli in funzine delle distanze da 5 a 30 metri. DISTANZA DIMENSIONE MINIMA CARTELLO QUADRATO RETTANGOLARE CIRCOLARE D (m) L (cm) b x h (cm) D (cm) x x x x x x CHIAMATA DEI SERVIZI DI SOCCORSO I servizi di sccrs sarann avvertiti in cas di necessità tramite telefnia fissa mbile dal crdinatre da altr addett all up prepst e nminat per iscritt. La prcedura di chiamata è chiaramente indicata nella sezine relativa. INFORMAZIONE E FORMAZIONE DEGLI ADDETTI Gli addetti al servizi antincendi sarann adeguatamente infrmati sui rischi prevedibili, sulle misure da sservare per prevenire gli incendi e sul cmprtament da adttare in cas di pericl. In particlare, i respnsabili e gli addetti al servizi di prnt intervent sarann in grad di prtare il più prnt ed efficace ausili alle squadre di sccrs estern in cas di incendi altr pericl, prpri perché cinvlti in prima persna nella gestine dei lughi, dei mezzi e delle emergenze. Pian di Emergenza 5

7 Studi Tecnic Per. Ind. Mnica Cassese Via Milan, Sassari (SS) Tel. 079/ Studi Tecnic Gem. Peppin Masia Via Napli n Algher (SS) Tel ISTRUZIONI DI SICUREZZA Nei punti strategici e quindi in gni pian sarà cllcata, in vista e ben illuminata, una planimetria generale del relativ pian, mentre al Pian Terra dell inter fabbricat, recante la dispsizine dei presidi antincendi e le indicazini dei percrsi da seguire per raggiungere le uscite. In particlare essa riprterà l ubicazine: delle vie di uscita; dei mezzi e degli impianti di estinzine; dei dispsitivi di arrest degli impianti elettrici; dei vari ambienti di pertinenza cn indicazine delle relative destinazini d'us; le istruzini fndamentali di Sicurezza valide sia per i lavratri che per gli eventuali esterni presenti nell edifici. Su gni planimetria verrà indicat un simbl specific che indichi Vi siete qui e la planimetria sarà stampata cn l rientament giust riferit all rientament dell sservatre. PIANO DI SICUREZZA ANTINCENDIO, di EMERGENZA e di EVACUAZIONE Tutti gli adempimenti necessari per una crretta gestine della sicurezza antincendi sn pianificati nella sezine relativa; dve vengn riprtati in particlare: i cntrlli; gli accrgimenti per prevenire gli incendi; gli interventi manutentivi; l'infrmazine e l'addestrament al persnale del servizi d rdine e agli addetti; le istruzini per gli eventuali esterni presenti nell edifici; le prcedure da attuare in cas di incendi pericl. Il tutt nel chiar intent di attuare e pianificare le misure di prevenzine e di prtezine antincendi per ridurre l insrgenza di un incendi e di limitarne le cnseguenze qualra ess si verifichi. REGISTRO DI SICUREZZA ANTINCENDIO Nel cas specific è richiest tale adempiment: ess è stat crdinat cn le attuali manutenzini peridiche; le specifiche cntenute sn riprtate nella sezine relativa. FORMAZIONE ED INFORMAZIONE DEL PERSONALE Buna parte delle specifiche cmpetenze da destinare ai prepsti alla sicurezza e al prnt intervent sn cntenute nel presente dcument. Le varie sezini che cmpngn la presente dcumentazine sn state rganizzate perché esse sian divulgate a tutti i livelli aziendali e sian ggett di incntri peridici specifici. In tale ttica, il persnale dipendente tutt sarà adeguatamente infrmat sui rischi prevedibili, sulle misure da sservare per prevenire gli incendi e sul cmprtament da adttare in cas di incendi. Nel crs dell ann verrann tenute almen due pprtune esercitazini antincendi e di gestine di una eventuale emergenza: il tutt verrà anntat nel registr antincendi della scula. Sarann pprtunamente definiti i cmpiti e crdinate le varie mansini (chiamata dei sccrsi esterni, cntrll dell evacuazine, gestine dei presidi antincendi, affiancament delle squadre di sccrs esterne, etc.). Pian di Emergenza 6

8 Studi Tecnic Per. Ind. Mnica Cassese Via Milan, Sassari (SS) Tel. 079/ Studi Tecnic Gem. Peppin Masia Via Napli n Algher (SS) Tel NORME ESSENZIALI IN CASO D EMERGENZA Le indicazini sui prvvedimenti ed i cmprtamenti che, in cas di emergenza, dvrann mantenere sia i dipendenti che tutte le eventuali persne presenti, sarann espsti in md ben evidente su cartelli cnfrmi alla nrmativa vigente. L utilizzazine delle attrezzature di estinzine incendi sarà sempre assicurata durante le re di attività da persnale in grad di effettuare le perazini di prim intervent in cas di necessità (ed all up frmate cme previst dal D. Lgs. 81/08). In particlare le nrme di sicurezza antincendi per i lavratri pssn riassumersi nei paragrafi seguenti. DIVIETI E LIMITAZIONI Nei lcali della scula negli uffici di segreterie e Direzine è vietat l us di fiamme libere, di frnelli a gas d elettrici, di stufe elettriche cn resistenza a vista, di stufe a chersene e di gni apparecchi prtatile di riscaldament cttura. È inltre vietat cstituire depsiti di sstanze infiammabili di sstanze che pssn per la vicinanza reagire tra lr prvcand incendi e/ esplsini. È, infine, vietat l spegniment dell illuminazine nei lcali e nelle aree di pertinenza dve transitan le persne, prima che tutte sian uscite all apert si sian state prtate in lug sicur. SQUADRA ANTINCENDIO È stata istituita una pprtuna squadra antincendi e ciò in relazine alle dimensini della struttura, al numer degli ccupanti e al livell di rischi incendi individuat nella scula e negli uffici. Nell immediat futur chi nn è stat frmat dvrà cmpletare la frmazine terminare la frmazine iniziata, secnd le indicazini del D.M.10 marz 1998 attravers un crs ricnsciut della durata minima di re 8, dai cntenuti previsti dall allegat IX del Decret citat in funzine della entità del Rischi Incendi. PIANO DI SICUREZZA ANTINCENDIO Tutti devn cnscere i cntenuti e la strutturazine del presente Pian di Sicurezza Antincendi e la sua attuazine, in particlare in merit a: i cntrlli; gli accrgimenti per prevenire gli incendi; gli interventi manutentivi; l'infrmazine e l'addestrament al persnale; le istruzini per gli estranei; le prcedure da attuare in cas di incendi; le nrme cmprtamentali da tenere da parte di ciascun. REGISTRO DELLA SICUREZZA ANTINCENDIO I crdinatri delle emergenze insieme agli altri addetti prvvederà a registrare i cntrlli e gli interventi di manutenzine sui seguenti impianti ed attrezzature, finalizzate alla sicurezza antincendi: attrezzature ed impianti di spegniment; impianti elettrici (distribuzine, quadri e apparecchiature cmplementari); dispsitivi di sicurezza e cntrll a servizi degli impianti dell edifici (impiant elettric e relativi quadri; impiant di messa a terra; centrale termica e sala tecnica; addestrament antincendi frnit al persnale. Tale registr sarà aggirnat peridicamente e res dispnibile in ccasine dei cntrlli delle autrità cmpetenti. Pian di Emergenza 7

9 Studi Tecnic Per. Ind. Mnica Cassese Via Milan, Sassari (SS) Tel. 079/ Studi Tecnic Gem. Peppin Masia Via Napli n Algher (SS) Tel PIANO DI EMERGENZA E DI EVACUAZIONE Il persnale nn avente incarichi specificati è tenut ad avere dimestichezza sl cn i cntenuti di cui ai successivi punti PUNTO 1 REGOLE PER LA SICUREZZA E LA PREVENZIONE Di seguit sn riprtate le indicazini/prescrizini per la sicurezza, che vann cnsegnate a tutte le maestranze attravers prcedura verbalizzata: Imparare csa fare in cas di incendi (punt 3). Imparare a manvrare un estintre (punt 4). Nn tenere carte vicin a prese di crrente. Fumare sl dve nn è vietat. Spegnere accuratamente i mzzicni nel psacenere a terra. Nn gettare carte nel psacenere in prssimità di mzzicni ancra accesi. Tenere in rdine i punti di passaggi sgmbri da cavi elettrici, fili d altr. Lasciare sempre sgmbr l'access agli estintri, ai sistemi antincendi e alle uscite di emergenza. Nn cprire la cartellnistica di emergenza: antincendi, uscite, pericli. Prendere cnfidenza cn la psizine degli estintri e dei lughi. Abituarsi a guardare, all'inizi delle attività, l'estintre più vicin e la psizine degli addetti al servizi d rdine. Urlare sl in cas di pericl imminente. Sfrzarsi di mantenere la calma in gni situazine. Nn interferire cn le attrezzature elettriche e nn pulirle cn acqua ggetti umidi. Nn struire le prese d'aria di raffreddament degli apparecchi elettrici. Nn cercare di eseguire interventi di riparazine e nn manmettere impianti di alcun genere: chiedi l'intervent del servizi di manutenzine. Nn cmpiere di prpria iniziativa perazini manvre che nn sian di cmpetenza e per le quali nn si è ricevut idne addestrament. Utilizzare gli strumenti idnei al lavr che si deve cmpiere, assicurandsi che sian in bun stat e sl dp averne appres il crrett md d'us. Prima di cmpiere qualsiasi tip di perazine, analizzare i rischi che tale perazine cmprta e trvare sluzini per minimizzarli. Crreggere sempre chi si cmprta in maniera pc sicura. Aiutare le persne estranee a prendere cnfidenza cn le aree dell Azienda. Riferire immediatamente all'addett alla sicurezza di qualunque pratica situazine insicura, vunque essa si presenti. RACCOMANDAZIONI IN CASO DI INCENDIO Nel cas in cui si rilevi sspetti dell esistenza di un principi di incendi (presenza di fum, dre di bruciat, presenza di fiamme), nn lasciarsi prendere dal panic (un principi di incendi si può spegnere agevlmente utilizzand un pann, gli estintri dispnibili) e prvvedere immediatamente a: richiamare l attenzine di altr persnale presente, richiedendne cllabrazine; disattivare le apparecchiature elettriche e/ a gas installate nel lcale interessat (eventualmente tgliere tensine al quadr di repart generale); azinare i dispsitivi antincendi dispnibili, evitand di esprre a rischi la prpria persna; usare crrettamente l estintre più vicin (attenersi alle indicazini presenti); nn abbandnare le aree finché nn si è certi che l incendi nn pssa riprendere; in cas di incendi nn cntrllabile telefnare immediatamente al 115 (Vigili del Fuc) secnd la prcedura riprtata a fianc della pstazine telefnica per la chiamata di prnt intervent estern; è asslutamente vietat l us dell ascensre: usare le scale esistenti cn calma; Pian di Emergenza 8

10 Studi Tecnic Per. Ind. Mnica Cassese Via Milan, Sassari (SS) Tel. 079/ Studi Tecnic Gem. Peppin Masia Via Napli n Algher (SS) Tel tutt il persnale e le persne estranee presenti devn lentamente e senza panic avviarsi vers le uscite di sicurezza percrrend le vie di esd predispste e raggiungere il lug sicur previst per il radun e la crdinazine delle emergenze: una vlta che tutti sn usciti dal lcale richiudere sempre dietr di se le prte ma mai a chiave; ricrdare che il fum stratifica nelle parti alte dei lcali e che in bass si trva quindi aria più respirabile (usare per respirare, nel cas, un pann umid sulla bcca); infrmare immediatamente i prpri superiri e i respnsabili prepsti alla Emergenza e al Prim Sccrs; nn prendere iniziative persnali e nn crdinate dai prepsti alla sicurezza. RACCOMANDAZIONI IN CASO DI PERICOLO GRAVE Nel cas in cui sia segnalata sspettata l esistenza di un pericl grave ed immediat prvvedere senza esitazini a: richiamare, evitand il panic, l attenzine di tutte le persne presenti; infrmare dettagliatamente i prepsti alla sicurezza e attendere, nel cas, istruzini; abbandnare in tempi rapidi in maniera rdinata e senza panic i lughi ritenuti periclsi sggetti a pericl grave ed immediat. RACCOMANDAZIONI IN CASO DI EVACUAZIONE Nel cas in cui sia stat richiest di abbandnare le prprie pstazini e l edifici: durante l evacuazine aiutare le persne prtatrici di handicap ferite; accertarsi che tutti i presenti abbian abbandnat l edifici; il Crdinatre delle emergenze attende in prssimità dell ingress della struttura l arriv dei Vigili del Fuc delle Frze dell Ordine (Carabinieri e Plizia, qualra allertati) e frnisce in maniera dettagliata tutte le infrmazini del cas; rientrare nell edifici sl dp che il Crdinatre delle emergenze abbia autrizzat il rientr. Regle pratiche di prevenzine: RACCOMANDAZIONI DI PREVENZIONE Evitare l accumul ltre il cnsentit di sstanze facilmente infiammabili (alcl, carte scilte, invlucri di plistirl espans, ecc.). Tutte le maestranze devn immediatamente segnalare al Servizi di Prevenzine e Prtezine Aziendale eventuali manmissini malfunzinamenti relativi ai presidi antincendi presenti (estintri. Evitare di fumare, sprattutt ve tale diviet è affiss. Evitare di ingmbrare cn depsiti inpprtuni le attrezzature di sccrs (estintri, azinamenti di emergenza) le uscite di sicurezza. Evitare di usare fiamme libere in tutti i lcali frnelli di qualsiasi tip evitare scaldavivande e stufe di qualsiasi genere, phn e altre apparecchiature elettriche in cattiv stat. Verificare sempre la dislcazine degli estintri. Pian di Emergenza 9

11 Studi Tecnic Per. Ind. Mnica Cassese Via Milan, Sassari (SS) Tel. 079/ Studi Tecnic Gem. Peppin Masia Via Napli n Algher (SS) Tel L allarme può essere GENERALE LOCALE PUNTO 2 ALLARME In cas di allarme GENERALE tutti dvrann abbandnare le aree ccupate. In cas di allarme LOCALE sl le persne presenti nelle aree interessate verrann invitate ad abbandnare l area la zna. Per abbandnare le aree in maniera sicura: Interrmpere immediatamente qualunque attività in crs. Chiudere le finestre (se ve ne sn). Uscire senza indugi dalla stanza. Chiudere le prte dietr di se (se ve ne sn) e mai a chiave. Recarsi senza crrere vers le uscite vers il lug di radun se ess viene indicat se è cnsciut. Pian di Emergenza 10

12 Studi Tecnic Per. Ind. Mnica Cassese Via Milan, Sassari (SS) Tel. 079/ Studi Tecnic Gem. Peppin Masia Via Napli n Algher (SS) Tel PUNTO 3 COSA FARE IN CASO D INCENDIO In cas d incendi, attenersi alle seguenti istruzini: appena si scpre un incendi, gridare AL FUOCO per richiamare l'attenzine di altre persne dei respnsabili. Giudicare se l'entità dell'incendi è tale da pter essere affrntat cn un estintre. In cas affermativ, intervenire tempestivamente e sl se si sa manvrare ed azinare un estintre (dare crs alle istruzini previste nel punt 4 Ubicazine ed utilizz Estintri ). In cas cntrari (vver se l'incendi tende ad assumere prprzini preccupanti) chiamare i Vigili del Fuc. Ai Vigili indicare chiaramente: - Il punt precis in cui si sta sviluppand l'incendi (area stanza); - se sn cinvlte persne; - csa sta bruciand (apparecchi elettrici, carta, arredi altr); - il nme di chi chiama. Farsi ripetere il tutt, accertandsi che le infrmazini sian state cmprese. Pian di Emergenza 11

13 Studi Tecnic Per. Ind. Mnica Cassese Via Milan, Sassari (SS) Tel. 079/ Studi Tecnic Gem. Peppin Masia Via Napli n Algher (SS) Tel PUNTO 4 UBICAZIONE ED UTILIZZO DEGLI ESTINTORI UBICAZIONE Dve si trvan (cntrllare sempre peridicamente): secnd schematizzazine e segnalazine planimetrica, vver secnd quant indicat nella tabella di cui al paragraf MEZZI DI ESTINZIONE INCENDI. UTILIZZO Cme si usan: 1. Asprtare l'estintre dalla sua sede e pggiarl verticalmente per terra. 2. Mettere il palm della man ausiliaria (sinistra) stt la leva più bassa dell'estintre e sllevarl per trasprtarl vers il lug dell'incendi. 3. Prsi ad una distanza dal fuc di circa 2-3 mt (se il fuc è dentr una stanza prsi furi da essa) e pggiare l'estintre per terra in psizine verticale lcalizzand la spina di sicurezza. 4. Prsi dalla parte dell'impugnatura della spina di sicurezza, mettere il palm della man ausiliaria (sinistra) sulla parte givale del serbati dell'estintre e impugnare la spina di sicurezza cn la man da lavr (destra). 5. Tgliere cn la man da lavr (destra) la spina di sicurezza cn un strapp secc avend l'accrtezza di tenere ferm l'estintre cn la man ausiliaria. 6. Rimettere il palm della man ausiliaria (sinistra) stt la leva più bassa dell'estintre ed afferrare la lancia cn la man da lavr (destra). 7. Sllevare l'estintre cn la man ausiliaria e prcedere vers il fuc fin ad una distanza nn superire a 2-3 mt. 8. Prre il pllice della man ausiliaria spra la leva più alta. 9. Direzinare la lancia vers le fiamme cn la man da lavr e stringere cn la man ausiliaria le due leve. 10. Indirizzare il gett alla base delle fiamme, iniziare dalla parte in fiamme più vicina all'peratre. Dvend usare più estintri cntempraneamente, le persne che li utilizzan devn trvarsi dall stess lat rispett alle fiamme. Bisgna sempre dare la frnte alle fiamme e le spalle alla via di fuga, se ciò nn fsse pssibile nn prcedere all'estinzine, dare l'allarme e iniziare l'evacuazine. Se circa a 2 mt di distanza la temperatura nn è sstenibile dare l'allarme e prcedere all'evacuazine. Pian di Emergenza 12

14 Studi Tecnic Per. Ind. Mnica Cassese Via Milan, Sassari (SS) Tel. 079/ Studi Tecnic Gem. Peppin Masia Via Napli n Algher (SS) Tel USO DELL'ESTINTORE Fiamme e fum rendn il fuc difficile da spegnere, perciò bisgna prsi cn il vent dietr le spalle e spegnere il fuc dall'alt vers il bass. Nn spruzzare cn l'estintre inutilmente e sempre dall'alt vers il bass. In un incendi di mdeste dimensini, interrmpere l'ergazine sl ad incendi spent ed utilizzare la rimanenza per bnificare la zna. Un incendi di medie dimensini nn va mai spent da sli,ma bisgna utilizzare più estintri, un per vlta, attaccand le fiamme cntempraneamente da più parti, facend cnvergere il gett senza frnteggiarsi. Oli e benzina accesi,situati in cntenitri aperti, nn vann mai spenti usand l'estintre dall'alt, ma rientand il gett dell'estintre sul brd del cntenitre, cercand di rmpere la fiamma per permettere il sffcament dell'incendi. Una vlta usat, l'estintre va sstituit cn un identic pien. Pian di Emergenza 13

15 Studi Tecnic Per. Ind. Mnica Cassese Via Milan, Sassari (SS) Tel. 079/ Studi Tecnic Gem. Peppin Masia Via Napli n Algher (SS) Tel PUNTO 5 ISTRUZIONI PARTICOLARI PER GLI ADDETTI ALL EMERGENZA Rispettare sempre le seguenti regle fndamentali: Tenere aggirnata la lista del persnale addett all emergenza. Avere cura di averla sempre a prtata di man. Fare sempre mente lcale alle persne presenti nelle aree aziendali, cn particlare attenzine ad eventuali prtatri di handicap. In cas di incendi Tenere presente le istruzini generali cntenute nel: PUNTO 3 Csa fare in cas di incendi. PUNTO 4 Ubicazine ed utilizz Estintri. Prvvedere affinché tutti gli estintri dispnibili vengan avvicinati al lug dve l'incendi si è sviluppat. In cas di allarme Ricrdarsi di essere respnsabile del persnale e dei visitatri. Fare una rapida ispezine dei lcali delle aree assicurandsi che le prcedure previste in cas di allarme vengan rispettate dai clleghi. In particlare assicurarsi che: Gli eventuali visitatri sian usciti. Eventuali visitatri prtatri di handicap sian prtati all'estern. Le persne sian uscite dagli ambienti. Le finestre e le prte sian state chiuse. Dirigere le persne vers l'uscita. Raggiunt il lug di radun, cntrllare sempre la presenza del persnale facend l'appell. Pian di Emergenza 14

16 Studi Tecnic Per. Ind. Mnica Cassese Via Milan, Sassari (SS) Tel. 079/ Studi Tecnic Gem. Peppin Masia Via Napli n Algher (SS) Tel PUNTO 6 ISTRUZIONI IN CASO D ALLARME PER GLI ADDETTI ALL EMERGENZA In cas di Allarme: in cas di incendi, infrmarsi dve quest è stat segnalat e quindi recarsi sul pst per tentare di spegnerl utilizzand gli estintri; in cas di impssibilità di dmare l'incendi cn i mezzi in dtazine, prtarsi a distanza di sicurezza ppure raggiungere l'estern; all'arriv dei Vigili dei Fuc, infrmarli e mettersi a lr dispsizine. PUNTO 7 - ISTRUZIONI IN CASO D ALLARME PER L ADDETTO ALLE CHIAMATE Alla richiesta di allarme vers i Vigili del Fuc gli altri Organi di Pubblica Sicurezza per Emergenza sanitaria: interrmpere qualsiasi attività in crs e rispndere immediatamente, cercand di avere la psizine esatta del lug dell'incendi e la sua natura della situazine di pericl (rdine pubblic tip di emergenza sanitaria). Farsi dire chiaramente: il punt precis in cui si sta sviluppand l'incendi il tip di altr pericl; nel cas d incendi, csa sta bruciand (apparecchi elettrici - carta - arredi altr); il nme di chi ha cmunicat tali dati; ripetere a chi le ha cmunicate le infrmazini ricevute e farsi dare la cnferma; attivare la prcedura di allarme avvertend il respnsabile alle cmunicazini snre; pribire a chiunque l'access alle aree interessate dall event e ai lcali; nel cas d incendi telefnare ai Vigili dei Fuc: 115, accertandsi che l'allarme sia stat ricevut; nel cas di questini di rdine pubblic telefnare ai Carabinieri: 112, e alla Plizia 113, accertandsi che l'allarme sia stat ricevut; nel cas di emergenza sanitaria telefnare al Prnt Sccrs: 118, accertandsi che l'allarme sia stat ricevut. PUNTO 8 - ISTRUZIONI IN CASO DI PRESENZA DI ALUNNI PERSONALE OSPITI DISABILI Nell ann sclastic in crs risultan essere presenti n. 4 alunni disabili che in cas di emergenza ptrebber nn reagire prntamente, pertant sn state previste delle particlari prcedure per il persnale sclastic. Principalmente è stat previst che gli ambienti dve l stess svlge prevalentemente le attività didattiche sian al pian terra ed in prssimità delle uscite di sicurezza al fine di agevlare l esd e permettere una immediata evacuazine. Il persnale sclastic dvrà adttare nell specific cas quant previst dal D.M.10 marz 1998 e dalla Circlare n. 4 del 1 marz 2002A emanata dal Minister dell Intern. Si ricrda pertant che nel mment in cui dvesser gravitare all intern dell edifici persne cn limitazini fisiche, tempranee permanenti, alle capacità fisiche, mentali, sensriali mtrie si dvrann adttare i seguenti principi generali: prevedere ve pssibile il cinvlgiment dei disabili durante l rganizzazine dell emergenza; cnsiderare le difficltà specifiche presenti per le persne estranee ai lughi di lavr; Pian di Emergenza 15

17 Studi Tecnic Per. Ind. Mnica Cassese Via Milan, Sassari (SS) Tel. 079/ Studi Tecnic Gem. Peppin Masia Via Napli n Algher (SS) Tel cnseguire adeguati standard di sicurezza per tutti senza determinare alcuna frma di discriminazine tra i lavratri e gli alunni; prgettare la sicurezza per i lavratri gli alunni cn inabilità in un pian rganic, che incrementi la sicurezza di tutti e nn attravers piani speciali separati da quelli degli altri alunni. In cas di emergenza dvrà essere incaricat un numer di persne adeguat in base alla gravità della situazine di handicap presente; gli addetti incaricati avrann il cmpit di assistere all esd le persne cn limitazini fisiche. Più precisamente essend il tip di deambulazine grave (persna su sedia a rtelle) gli addetti incaricati all assistenza per ciascun disabile dvrann essere almen due per riuscire a trasprtarl, mentre nel cas di un grad di inabilità minre limitare i mvimenti (per esempi persna cn stampelle persna cn prblemi agli arti inferiri) sarà sufficiente incaricare un unica persna addetta all assistenza. Nel cas dvesse verificarsi la presenza di persne nn udenti si dvrà incaricare un addett che ha il cmpit di avvisare tali persne in cas di segnale di allarme e/ cmunque in cas di necessità, mentre se si dvesse verificare la presenza di persne nn vedenti si dvrà incaricare almen una persna che avrà il cmpit di guidarle all estern. Tale valutazine dvrà essere effettuata gni qualvlta se ne presenti la necessità anche per inabilità tempranee, cme per esempi un alunn cn un art inferire fratturat che necessita di assistenza per l evacuazine, nel cas di una dnna in gravidanza. Pian di Emergenza 16

18 Studi Tecnic Per. Ind. Mnica Cassese Via Milan, Sassari (SS) Tel. 079/ Studi Tecnic Gem. Peppin Masia Via Napli n Algher (SS) Tel PREDISPOSIZIONI ED INCARICHI: DESIGNAZIONE NOMINATIVI DESIGNAZIONE NOMINATIVI A cura del Dirigente Sclastic Dtt ssa Rita Pala Spanedda, sn stati identificati i cmpiti da assegnare al persnale. In particlare dvrann essere effettuate le seguenti designazini di incaric: Designazine del respnsabile e del su sstitut addett all'emanazine dell'rdine di evacuazine che al verificarsi di una situazine di emergenza assuma il crdinament delle perazini di evacuazine e di prim sccrs: perazini che ptrann essere crdinate direttamente dal lug sicur pst di ritrv (sempre che quest ultim nn sia interessat da eventi gravi); Designazine del persnale incaricat della diffusine dell'rdine di evacuazine; Designazine del persnale respnsabile dei cntrlli delle perazini di evacuazine; Designazine dei persnale incaricat di assicurare all'estern il persnale e/ visitatri cn senza handicap; Designazine del persnale incaricat di effettuare le chiamate di sccrs ai Vigili del Fuc, alle Frze dell'ordine, al prnt Sccrs e ad gni altr rganism ritenut necessari; Designazine del persnale incaricat dell'us e dei cntrll dell'efficienza degli estintri; Designazine del persnale addett al cntrll qutidian della praticabilità delle uscite di sicurezza e dei percrsi per raggiungerle. I predetti incarichi dvrann essere riprtati in appsita dispsizine di servizi a cura del respnsabile della sicurezza, cme indicat nella tabella riprtata qui di seguit, che dvrà essere aggirnata ad gni mdifica. Pian di Emergenza 17

19 Studi Tecnic Per. Ind. Mnica Cassese Via Milan, Sassari (SS) Tel. 079/ Studi Tecnic Gem. Peppin Masia Via Napli n Algher (SS) Tel MODULO DI ASSEGNAZIONE INCARICHI ISTITUTO COMPRENSIVO MONTE ROSELLO ALTO SASSARI - PRIMARIA VIA BOTTEGO A - SASSARI La seguente tabella riprta gli incarichi assegnati ed i nminativi delle persne incaricate: MANSIONE COGNOME E NOME Crdinatre dell emergenza NOCE BATTISTINA Crdinatre Addett antincendi NOCE BATTISTINA DAU STEFANIA NUVOLI PAOLO BOLOGNESI ANTONIO GAMBELLA MARIA GRAZIA TESTONE MARIA RITA Addetti Prim Sccrs NUVOLI PAOLO BOLOGNESI ANTONIO Addetti Antincendi e Prim Sccrs alunni disabili Addetti Evacuazine NOCE BATTISTINA DAU STEFANIA NUVOLI PAOLO BOLOGNESI ANTONIO GAMBELLA MARIA GRAZIA TESTONE MARIA RITA Addetti Antifum Pian di Emergenza 18

20 Studi Tecnic Per. Ind. Mnica Cassese Via Milan, Sassari (SS) Tel. 079/ Studi Tecnic Gem. Peppin Masia Via Napli n Algher (SS) Tel APRIFILA (1) / CHIDIFILA (2) PRIMARIA VIA BOTTEGO A SASSARI CLASSE 4 A CLASSE 4 B CLASSE 5 A 1) ACHENZA ANDREA 1) ANGIONI SARAH 1) BUSSU GIADA 2) USAI MARIA LUISA 2) URGU MARCO 2) TANCA VIOLA CLASSE 5 B 1) CALVIA VALENTINA 2) UNIDA STEFANO Pian di Emergenza 19

Prot. n. 6570/A23 Roma, 09/12/2015. Circolare n. 27

Prot. n. 6570/A23 Roma, 09/12/2015. Circolare n. 27 M I N I S T E R O D E L L I S T R U Z I O N E D E L L U N I V E R S I T À E D E L L A R I C E R C A U F F I C I O S C O L A S T I C O R E G I O N A L E P E R I L L A Z I O L I C E O S T A T A L E C L A

Dettagli

PIANO DI SICUREZZA ED EVACUAZIONE. Grafill Editoria Tecnica. Comune COMUNE DI Palermo Provincia PA. Azienda. Committente. Elaborato.

PIANO DI SICUREZZA ED EVACUAZIONE. Grafill Editoria Tecnica. Comune COMUNE DI Palermo Provincia PA. Azienda. Committente. Elaborato. FireStp PSE : Pian di Sicurezza ed Evacuazine Cmune COMUNE DI Palerm Prvincia PA Azienda Grafill Editria Tecnica Cmmittente Elabrat PIANO DI SICUREZZA ED EVACUAZIONE Tecnic: Data: FireStp PRO Pian di Sicurezza

Dettagli

ISTITUTO TECNICO AERONAUTICO A. FERRARIN CATANIA

ISTITUTO TECNICO AERONAUTICO A. FERRARIN CATANIA ISTITUTO TECNICO AERONAUTICO A. FERRARIN CATANIA PROCEDURE D EMERGENZA PREVISTE DAL PIANO DI EVACUAZIONE La nrma relativa alla predispsizine di un pian di evacuazine dell ambiente sclastic è citata nel

Dettagli

Cabina MT/BT. Prescrizioni particolari:

Cabina MT/BT. Prescrizioni particolari: Prescrizini Particlari e Verifiche Ultim aggirnament: dicembre 2008 Prescrizini particlari: Nelle cabine elettriche d'utente MT/BT ccrre installare il cmand di emergenza se l'attività alimentata dalla

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA TRENTO

PIANO DI EMERGENZA TRENTO Pag. 1 PIANO DI EMERGENZA secnd quant previst dal D. Lgs. n. 81/2008 PER TUTTE LE SEDI DELLA FONDAZIONE BRUNO KESSLER TRENTO Data N di revisine Natura della mdifica Ottbre 1999 0 Emissine dcument Lugli

Dettagli

DIPARTIMENTO GIUSTIZIA MINORILE CENTRO PER LA GIUSTIZIA MINORILE PER LA CALABRIA E LA BASILICATA CATANZARO DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI

DIPARTIMENTO GIUSTIZIA MINORILE CENTRO PER LA GIUSTIZIA MINORILE PER LA CALABRIA E LA BASILICATA CATANZARO DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DIPARTIMENTO GIUSTIZIA MINORILE CENTRO PER LA GIUSTIZIA MINORILE PER LA CALABRIA E LA BASILICATA CATANZARO DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI (Art. 26, D.Lgs 9 aprile 2008 n. 81) OGGETTO: Prcedura

Dettagli

Le figure del sistema di Prevenzione aziendale secondo il D.Lgs.81/08

Le figure del sistema di Prevenzione aziendale secondo il D.Lgs.81/08 Le figure del sistema di Prevenzine aziendale secnd il D.Lgs.81/08 Le figure del sistema SICUREZZA Rappresentante dei lavratri per la sicurezza (RLS). Datre di lavr (DL), prepsti e dirigenti. Respnsabile

Dettagli

MODULISTICA PRIVACY PAGINA 2 20 GIUGNO 2006

MODULISTICA PRIVACY PAGINA 2 20 GIUGNO 2006 LA PRIVACY MODULISTICA PAGINA 2 20 GIUGNO 2006 PREMESSA Il Cdice della Privacy prevede che, per effettuare legittimamente il trattament dei dati persnali, si attuin una serie di incmbenti frmali quali

Dettagli

ACCESSO STABILIMENTO VISITATORI ESTERNI

ACCESSO STABILIMENTO VISITATORI ESTERNI 30/11/2015 Pagina 1 di 7 INDICE REVISIONI REV DATA MODIFICA REDATTA: VERIFICATA: EMESSA: DATORE DI LAVORO: 00 01.12.2014 Prima emissine Cialdni Maletta Ilaria RSPP Alè Giuseppe Cialdni Sante Zandò 01 12.11.2015

Dettagli

art. 46 D.Lgs 81/2008 e s.m.i. (D.M. 10 MARZO 1988)

art. 46 D.Lgs 81/2008 e s.m.i. (D.M. 10 MARZO 1988) art. 46 D.Lgs 81/2008 e s.m.i. (D.M. 10 MARZO 1988) CORSO DI FORMAZIONE per ADDETTI alla prevenzine INCENDI, ltta antincendi e gestine delle emergenze CORSO DI TIPO C : rischi di incendi elevat Durata

Dettagli

ELETTRONICA GENERALE

ELETTRONICA GENERALE ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE MAX PLANCK REGOLAMENTO PER L USO DEL LABORATORIO DI ELETTRONICA GENERALE A - Aspetti Generali 1) Tutti i dcenti che, a qualsiasi titl, utilizzan il labratri devn: a)

Dettagli

Tale autocertificazione non è comunque consentita, nonostante il numero dei lavoratori,

Tale autocertificazione non è comunque consentita, nonostante il numero dei lavoratori, Sede Operativa: Viale Svezia 20 35020 Pnte San Niclò (PD) Tel. 049/8033033 Fax 049/8591204 www.idramanagement.cm inf@idramanagement.cm Oggett: dcument di valutazine dei rischi pubblicate le prcedure standardizzate

Dettagli

Data Inizio : Non Specificato Termine : Non Specificato Gruppo : Costo : 3000 EUR Location : Viterbo, Roma, Latina Livello :

Data Inizio : Non Specificato Termine : Non Specificato Gruppo : Costo : 3000 EUR Location : Viterbo, Roma, Latina Livello : Data Inizi : Nn Specificat Termine : Nn Specificat Grupp : Cst : 3000 EUR Lcatin : Viterb, Rma, Latina Livell : Crs ASPP-RSPP mdul Atec B (dal B1 al B9) Crs prfessinalizzante per la figura esterna di Respnsabili

Dettagli

AL SERVIZIO DI PREVENZIONE E SICUREZZA AMBIENTI DI LAVORO - ASL AT

AL SERVIZIO DI PREVENZIONE E SICUREZZA AMBIENTI DI LAVORO - ASL AT Allegat B AL SERVIZIO DI PREVENZIONE E SICUREZZA AMBIENTI DI LAVORO - ASL AT SCHEDA INFORMATIVA PER LA NOTIFICA RELATIVA A COSTRUZIONE, AMPLIAMENTO O RISTRUTTURAZIONE DI EDIFICI O LOCALI DA ADIBIRE AD

Dettagli

Comune COMUNE DI ORBASSANO (provincia di Torino) Azienda S.I.TO S.p.A. Interporto di Torino. Prima Strada, 2 10043 Orbassano (To)

Comune COMUNE DI ORBASSANO (provincia di Torino) Azienda S.I.TO S.p.A. Interporto di Torino. Prima Strada, 2 10043 Orbassano (To) Pian di Emergenza ed Evacuazine aree cmuni Cmune COMUNE DI ORBASSANO (prvincia di Trin) Azienda S.I.TO S.p.A. Interprt di Trin Prima Strada, 2 10043 Orbassan (T) Elabrat PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE

Dettagli

Sistema di Gestione della Salute e della Sicurezza sul Lavoro

Sistema di Gestione della Salute e della Sicurezza sul Lavoro Sistema di Gestine della Salute e della Sicurezza sul Lavr versine 1.0 - settembre 2009 1 REVISIONE Prima stesura Versine 1.0 DATA REVISIONE REDAZIONE APPROVAZIONE DATA APPROVAZIONE Revisine 1 2 PREMESSA

Dettagli

QUADRO NORMATIVO E PROFILI DI RESPONSABILITÁ

QUADRO NORMATIVO E PROFILI DI RESPONSABILITÁ Guastalla, 16 Dicembre 2015 Ai Dcenti Al Persnale Ata Al Dsga Sit Web Oggett: Direttiva bblig vigilanza sugli alunni e prevenzine infrtuni. QUADRO NORMATIVO E PROFILI DI RESPONSABILITÁ La vigilanza sugli

Dettagli

Falegnameria (Scheda)

Falegnameria (Scheda) Ultim aggirnament: 1 feb. 2007 Falegnameria Sistema di alimentazine: TT, TN Nrme di riferiment: Nrma CEI 64-8 "Impianti elettrici utilizzatri a tensine nminale nn superire a 1000 V in crrente alternata

Dettagli

DA COMPILARSI A CURA DELL AZIENDA OSPITANTE ---------------------------------------------------------------------

DA COMPILARSI A CURA DELL AZIENDA OSPITANTE --------------------------------------------------------------------- ALLEGATO I DA COMPILARSI A CURA DELL AZIENDA OSPITANTE --------------------------------------------------------------------- Mlte aziende inserisc la valutazine dei rischi dell studente in alternanza scula-lavr

Dettagli

Impianti elettrici nelle strutture alberghiere Caratteristiche generali dell impianto elettrico (prima parte)

Impianti elettrici nelle strutture alberghiere Caratteristiche generali dell impianto elettrico (prima parte) Impianti elettrici nelle strutture alberghiere Caratteristiche generali dell impiant elettric (prima parte) Pubblicat il 21/01/2008 Aggirnat al: 21/01/2008 di Gianluigi Saveri 1 Generalità Le strutture

Dettagli

IMPIANTO ELETTRICO DI ILLUMINAZIONE E SICUREZZA DI GALLERIE STRADALI

IMPIANTO ELETTRICO DI ILLUMINAZIONE E SICUREZZA DI GALLERIE STRADALI Illuminazine e sicurezza gallerie Ultim aggirnament: 1 nv. 2006 IMPIANTO ELETTRICO DI ILLUMINAZIONE E SICUREZZA DI GALLERIE STRADALI Sistema di alimentazine: TT, TN Nrme di riferiment: Nrma CEI 64-8 "Impianti

Dettagli

STUDIO TECNICO A. BORGOGNI & A. PISPICO I N G E G N E R I A S S O C I A T I

STUDIO TECNICO A. BORGOGNI & A. PISPICO I N G E G N E R I A S S O C I A T I Cmmessa: ASPSIENA090915AI\PROGETTO File: RAI011015_0 Data: 27/10/2015 ASP AZIENDA PUBBLICA SERVIZI ALLA PERSONA CITTA DI SIENA STRUTTURA CAMPANSI VIA CAMPANSI N 18 - SIENA (SI) RELAZIONE TECNICA LAVORI

Dettagli

Via Versilia, 2 Roma

Via Versilia, 2 Roma pag 1 di 16 Via Versilia, 2 Rma pag 2 di 16 INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE... 3 2. RESPONSABILITÀ... 3 3. Caratteristiche generali dell stabile... 3 4. Organizzazine per la gestine dell emergenza...

Dettagli

RISCHIO INCENDI BOSCHIVI

RISCHIO INCENDI BOSCHIVI pag. PE05.1 PIANO DI EMERGENZA SPEDITIVO RISCHIO INCENDI BOSCHIVI COMPITI DELLE FUNZIONI DI SUPPORTO Nella sttstante tabella vengn riprtate le Funzini di supprt che devn essere attivate nel cas si manifesti

Dettagli

Oggetto : norme e leggi europee concernenti produzione ed istallazione di Cancelli a battente. Contenuto

Oggetto : norme e leggi europee concernenti produzione ed istallazione di Cancelli a battente. Contenuto A VV. M AURIZIO I ORIO 20122 Milan, Crs di Prta Vittria, 17 Tel. +39. 335.13.21.041 ; +39. 348.25.19.305 ; +39.02 36593383 ; Fax +39.02 36594845 : +30.0373 779119 Indirizzi e-mail : avv.maurizi.iri@fastpiu.it

Dettagli

COME AIUTARE TUO FIGLIO A STUDIARE E A FARE I COMPITI A CASA

COME AIUTARE TUO FIGLIO A STUDIARE E A FARE I COMPITI A CASA Istitut Cmprensiv Enric Fermi Scula Secndaria di prim grad G.B. Rubini Rman di Lmbardia Rman di Lmbardia - BG! COME AIUTARE TUO FIGLIO A STUDIARE E A FARE I COMPITI A CASA LE INDICAZIONI DELLA SCUOLA PER

Dettagli

Data Inizio : Non Specificato Termine : Non Specificato Gruppo : Costo : 3500 EUR Location : Viterbo, Roma, Latina Livello :

Data Inizio : Non Specificato Termine : Non Specificato Gruppo : Costo : 3500 EUR Location : Viterbo, Roma, Latina Livello : Data Inizi : Nn Specificat Termine : Nn Specificat Grupp : Cst : 3500 EUR Lcatin : Viterb, Rma, Latina Livell : Crs RSPP estern Mdul A + B cmplet + C (D.Lgs 81/08 e successivi D.Lgs. 195/03) Crs di base

Dettagli

Gruppo Comunale di Protezione Civile - Zenson di Piave (TV) P.O.S. (Procedure Operative Standard) Esercitazione Standard

Gruppo Comunale di Protezione Civile - Zenson di Piave (TV) P.O.S. (Procedure Operative Standard) Esercitazione Standard Grupp Cmunale di Prtezine Civile - Zensn di Piave (TV) P.O.S. (Prcedure Operative Standard) Esercitazine Standard 1 Massim Rig ver 1.0 26/10/2009 Piazza II Giugn, 6-31050 Zensn di Piave (TV) - Telefn 0421.344164

Dettagli

Ascensori e montacarichi (Prescrizioni particolari e verifiche)

Ascensori e montacarichi (Prescrizioni particolari e verifiche) Ascensri e mntacarichi (Prescrizini particlari e verifiche) Ultim aggirnament: 1 apr. 2008 Prescrizini particlari Cmand di emergenza (vedi scheda "Cmand di emergenza"): In base al DM 8/3/85 il cmand di

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA E DI EVACUAZIONE

PIANO DI EMERGENZA E DI EVACUAZIONE Istituto di Istruzione Superiore Piero Sraffa PIANO DI EMERGENZA E DI EVACUAZIONE Documento redatto ai sensi dell art. 18, comma 1del D. Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 coordinato al D.Lgs. 3 agosto 2009, n.

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO RIVAROLO Scuola e Sicurezza Semplici norme di comportamento in caso di emergenze Glossario emergenze e figure di riferimento 1 Piano di Emergenza: insieme di norme e di istruzioni

Dettagli

Questo opuscolo fatto dagli studenti per gli studenti intende comunicare in modo semplice e diretto i principali contenuti di un importante

Questo opuscolo fatto dagli studenti per gli studenti intende comunicare in modo semplice e diretto i principali contenuti di un importante Quest puscl fatt dagli studenti per gli studenti intende cmunicare in md semplice e dirett i principali cntenuti di un imprtante prvvediment che tcca la vita sclastica.tratt del recente D.Lgs. 81/2008

Dettagli

SCADENZE A CHI SI RIVOLGE DESCRIZIONE Febbraio- Aprile

SCADENZE A CHI SI RIVOLGE DESCRIZIONE Febbraio- Aprile 1. Che cs è AROF? AROF, che letteralmente significa Anagrafe Reginale Obblig Frmativ, è un sistema infrmatic, nat nel 2004, per far frnte alla legge sull bblig frmativ (Legge 9 del gennai 1999). Le due

Dettagli

D.M. 10 marzo 1998. Piano Emergenza Evacuazione

D.M. 10 marzo 1998. Piano Emergenza Evacuazione Piano Emergenza Evacuazione Il D.M 10 marzo 1998 prevede che, a seguito della VDRI deve essere predisposto e tenuto aggiornato, in forma scritta, dal Datore di Lavoro un Piano di Emergenza Antincendio,

Dettagli

Griglia di valutazione della scuola secondaria

Griglia di valutazione della scuola secondaria Griglia di valutazine della scula secndaria Criteri CONOSCENZE COMPETENZE e indicatri desunti dal frmat SAPERE F. Cmunicare G. Individuare cllegamenti e relazini Cnsce i cntenuti in riferiment alle discipline

Dettagli

Tabarelli Giulio -Ingegnere Ambientale REGIONE DEL VENETO PROVINCIA DI VERONA COMUNE DI SOMMACAMPAGNA

Tabarelli Giulio -Ingegnere Ambientale REGIONE DEL VENETO PROVINCIA DI VERONA COMUNE DI SOMMACAMPAGNA REGIONE DEL VENETO PROVINCIA DI VERONA COMUNE DI SOMMACAMPAGNA PROGETTO DI NUOVA REALIZZAZIONE IMPIANTO DI RECUPERO RIFIUTI INERTI DEL COMPARTO EDILE SCAVI MEC S.R.L. Via dell Industria, 27 Smmacampagna

Dettagli

Manuale d uso e manutenzione

Manuale d uso e manutenzione Manuale d us e manutenzine Archivi Cmpattabile TECROLL Dcument generic riferit al prdtt Tecnrll. Per dettagli specifici riferiti ad gni singl impiant persnalizzat cntattare l Uffici Tecnic de La Tecnica

Dettagli

Ai docenti Al DSGA Al personale ATA Al sito web Atti

Ai docenti Al DSGA Al personale ATA Al sito web Atti prot. n. 6329/D9 Foggia 10/10/2015 Ai docenti Al DSGA Al personale ATA Al sito web Atti Circolare n.17 a.s. 2015-16 Oggetto: D.L.vo 81/2008 prove evacuazione In relazione all oggetto, a quanto previsto

Dettagli

ESTRATTO DAL PIANO DI EMERGENZA

ESTRATTO DAL PIANO DI EMERGENZA ESTRATTO PIANO DI EMERGENZA ISIS CIPRIANO FACCHINETTI COMUNE DI CASTELLANZA VIA AZIMONTI N 5 TEL.0331-635718 FAX 0331679586 ESTRATTO DAL PIANO DI EMERGENZA (Copia per il personale docente) Pagina 1 di

Dettagli

PROCEDURE DI EMERGENZA E DI EVACUAZIONE

PROCEDURE DI EMERGENZA E DI EVACUAZIONE PROCEDURE DI EMERGENZA E DI EVACUAZIONE C 1 - Compiti della Squadra di Evacuazione per funzione SCHEDA 1 - COMPITI DEL COORDINATORE DELLE EMERGENZE Ricevuta la segnalazione di "inizio emergenza" il Coordinatore

Dettagli

Titolo I Definizioni. ART. 1 (Campo di applicazione e definizione dei soggetti)

Titolo I Definizioni. ART. 1 (Campo di applicazione e definizione dei soggetti) Reglament per la sicurezza e la salute dei lavratri sul lug di lavr della Scula Nrmale Superire emanat cn D.D. n.168 del 29 marz 2006 e affiss all Alb Ufficiale in data 29 marz 2006 Titl I Definizini ART.

Dettagli

MANUALE USO E MANUTENZIONE INFISSI IN LEGNO

MANUALE USO E MANUTENZIONE INFISSI IN LEGNO MANUALE USO E MANUTENZIONE INFISSI IN LEGNO Manuale Us e Manutenzine infissi Pagina 1 di 12 F.LLI PANDOLFI INDICE Infrmazini pag. 3 Premessa. Avvertenze. Us Finestre/Prtefinestre/Prtni pag. 4 Apertura/chiusura

Dettagli

PROCEDURA DI ALLARME BLS/DAE INDICAZIONI PER LA GESTIONE E MOBILIZZAZIONE DEI COMPONENTI DELLE RETE DI FIRST RESPONDER CONTONALE

PROCEDURA DI ALLARME BLS/DAE INDICAZIONI PER LA GESTIONE E MOBILIZZAZIONE DEI COMPONENTI DELLE RETE DI FIRST RESPONDER CONTONALE PROCEDURA DI ALLARME BLS/DAE INDICAZIONI PER LA GESTIONE E MOBILIZZAZIONE DEI COMPONENTI DELLE RETE DI FIRST RESPONDER CONTONALE Versine 1.5 del 1 febbrai 2010 Indice Indice... 2 Intrduzine... 3 Ambiti...

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE SERVIZIO DI VIDEORIPRESA E TRASMISSIONE TELEVISIVA O A MEZZO WEB DELLE RIUNIONI DEL CONSIGLIO COMUNALE

REGOLAMENTO COMUNALE SERVIZIO DI VIDEORIPRESA E TRASMISSIONE TELEVISIVA O A MEZZO WEB DELLE RIUNIONI DEL CONSIGLIO COMUNALE REGOLAMENTO COMUNALE SERVIZIO DI VIDEORIPRESA E TRASMISSIONE TELEVISIVA O A MEZZO WEB DELLE RIUNIONI DEL CONSIGLIO COMUNALE Apprvat cn deliberazine del Cnsigli cmunale n. 73 dd.28.09.2010 IL PRESIDENTE

Dettagli

SOMMARIO STUDIO TECNICO CONTE & PEGORER VIA SIORA ANDRIANA DEL VESCOVO, 7 31100 TREVISO - 2 -

SOMMARIO STUDIO TECNICO CONTE & PEGORER VIA SIORA ANDRIANA DEL VESCOVO, 7 31100 TREVISO - 2 - SOMMARIO 1. PREMESSA... 3 2. DESCRIZIONE DELLE SEZIONI IMPIANTISTICHE... 3 3. RESPONSABILITÀ E COMPETENZE... 5 3.1. COMPETENZE DEL RESPONSABILE DEL... 5 4 IL MONITORAGGIO E CONTROLLO AMBIENTALI... 6 5

Dettagli

Chi deve fare la valutazione dei rischi

Chi deve fare la valutazione dei rischi VALUTARE I RISCHI L biettiv della lezine è frnire le cnscenze di base ai Rappresentanti dei lavratri per la sicurezza per metterli in cndizine di partecipare al prcess di valutazine dei rischi. Verrann

Dettagli

Prot.3350/a10 Del 15/12/2015 Al Personale Docente e A.T.A. della scuola

Prot.3350/a10 Del 15/12/2015 Al Personale Docente e A.T.A. della scuola MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE ORSA MAGGIORE 00144 Rma Via dell Orsa Maggire, 112 Municipi IX Sede Amministrativa

Dettagli

COMUNE DI GRUARO. Assessorato alla Protezione Civile

COMUNE DI GRUARO. Assessorato alla Protezione Civile COMUNE DI GRUARO Assessrat alla Prtezine Civile INDICE 1.1 Premessa...3 1.2 Scenari di rischi...3 2. PROCEDURE...3 2 1. RISCHIO DA EVENTI AD ELEVATO IMPATTO AMBIENTALE 1.1 Premessa Questa classe di eventi

Dettagli

POLITICA DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

POLITICA DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO Manuale e dcumenti Dcumenti per la sicurezza Prcedure Gestinali Mdulistica Gestinali DISTRIBUZIONE CONTROLLATA Revisine Data Funzini e nminativi R-SGSL RSPP MC RLS PREP 00 20/10/14 Beltramelli Marc Campini

Dettagli

COMUNE di IMPRUNETA Provincia di Firenze SERVIZIO GESTIONE DEL TERRITORIO UFFICIO EDILIZIA PUBBLICA E PRIVATA

COMUNE di IMPRUNETA Provincia di Firenze SERVIZIO GESTIONE DEL TERRITORIO UFFICIO EDILIZIA PUBBLICA E PRIVATA COMUNE di IMPRUNETA Prvincia di Firenze SERVIZIO GESTIONE DEL TERRITORIO UFFICIO EDILIZIA PUBBLICA E PRIVATA (spazi riservat all uffici Prtcll) (spazi riservat all uffici Edilizia Privata) Al Dirigente

Dettagli

ASCENSORI E MONTACARICHI

ASCENSORI E MONTACARICHI Ascensri e mntacarichi Ultim aggirnament: 1 apr. 2008 ASCENSORI E MONTACARICHI Sistema di alimentazine: TT, TN Nrme di riferiment: Nrma CEI 64-8 "Impianti elettrici utilizzatri a tensine nminale nn superire

Dettagli

Direzione Didattica "Carlo Collodi"

Direzione Didattica Carlo Collodi Direzine Didattica "Carl Clldi" C.s B. Crce,26 Trin Pless Rdari Via Piacenza,16 Trin Pag 2 di 19 CARATTERISTICHE DEL PLESSO (Descrizine generale) TIPOLOGIA Nid d infanzia Scula d infanzia Scula Primaria

Dettagli

1.2 Redazione del Piano di Intervento Personalizzato (PIP) e costruzione del gruppo classe... 3

1.2 Redazione del Piano di Intervento Personalizzato (PIP) e costruzione del gruppo classe... 3 Allegat B PROCEDURE PER LA GESTIONE DELLA DOTE LOGISTICA 1. DOTE FORMAZIONE... 2 1.1 Prentazine della dte... 2 1.2 Redazine del Pian di Intervent Persnalizzat (PIP) e cstruzine del grupp classe... 3 1.3

Dettagli

Direzione Didattica "Carlo Collodi"

Direzione Didattica Carlo Collodi Direzine Didattica "Carl Clldi" C.s B. Crce,26 Trin Pless Clldi C.s B. Crce 26 Trin Pag 2 di 19 CARATTERISTICHE DEL PLESSO (Descrizine generale) TIPOLOGIA Nid d infanzia Scula d infanzia Scula Primaria

Dettagli

COMUNE DI SERMONETA (Provincia di Latina) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI

COMUNE DI SERMONETA (Provincia di Latina) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI COMUNE DI SERMONETA (Prvincia di Latina) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI Apprvat cn deliberazine di Cnsigli Cmunale n. 43 in data 22/12/2012 Entrat in vigre il 08/01/2012

Dettagli

Il servizio Mobilità Elettrica Calenzano è finalizzato alla promozione della mobilità di veicoli elettrici.

Il servizio Mobilità Elettrica Calenzano è finalizzato alla promozione della mobilità di veicoli elettrici. Allegat A) DISCIPLINARE PER LA FRUIZIONE DEL SERVIZIO MOBILITA ELETTRICA CALENZANO (ACCESSO CON DISPOSITIVO CODIFICATO ALL USO DEI PUNTI DI RICARICA PER VEICOLI ELETTRICI) FINALITA DEL SERVIZIO Il servizi

Dettagli

E/Fiscali - Rel. 04.03.01

E/Fiscali - Rel. 04.03.01 E/Fiscali - Rel. 04.03.01 Rimini, 09 gennai 2015 E/Fiscali - Fix 04.03.01 Dcumentazine di rilasci TSS S.p.A. 26/01/2015 Pag. 1 di 14 INDICE 1 FIX 04.03.01 DI E/FISCALI... 3 2 NOTE DI INSTALLAZIONE... 4

Dettagli

E.mail: info@dadaconsulting.com www.dadaconsulting.com

E.mail: info@dadaconsulting.com www.dadaconsulting.com Criteri di qualificazine dei frmatri di salute e sicurezza Decret iintermiiniisteriialle 6 marz 2013 E.mail: inf@dadacnsulting.cm www.dadacnsulting.cm e VISTO il decret legislativ 9 aprile 2008, n. 81,

Dettagli

del 12/02/2014 LMS SRL Sede: Lonigo (VI) Ambito: ambiente ARGOMENTI AFFRONTATI ED ATTIVITÀ SVOLTA

del 12/02/2014 LMS SRL Sede: Lonigo (VI) Ambito: ambiente ARGOMENTI AFFRONTATI ED ATTIVITÀ SVOLTA ARGOMENTI AFFRONTATI ED ATTIVITÀ SVOLTA EMISSIONI IN ATMOSFERA: relativamente alle emissini in atmsfera nn è stat pssibile visinare la dcumentazine in quant nn ancra reperibile in azienda; sn state tuttavia

Dettagli

VADEMECUM INCLUSIONE

VADEMECUM INCLUSIONE www.ictramnti.gv.it Autnmia Sclastica n. 24 Istitut Cmprensiv Statale G. Pascli Via Orsini - 84010 Plvica - Tramnti (SA) - Tel e Fax. 089876220 - C.M. SAIC81100T - C.F. 80025250657 Email :saic81100t@istruzine.it-

Dettagli

Distributori di carburanti liquidi per autotrazione (benzina, gasolio)

Distributori di carburanti liquidi per autotrazione (benzina, gasolio) Distributre benzina gasli Ultim aggirnament: 1 apr. 2009 Distributri di carburanti liquidi per auttrazine (benzina, gasli) Sistema di alimentazine: TT, TN-S, Nrme di riferiment: Nrma CEI 64-8 "Impianti

Dettagli

e/fiscali - Rel. 04.01.03

e/fiscali - Rel. 04.01.03 e/fiscali - Rel. 04.01.03 Mntebelluna, 07 nvembre 2013 e/fiscali - Fix 04.01.03 Dcumentazine di rilasci 24 ORE Sftware S.p.A. 07/11/2013 Pag. 1 di 13 INDICE 1 FIX 04.01.03 DI E/FISCALI... 3 2 NOTE DI INSTALLAZIONE...

Dettagli

Prot. A00DRAB 2688 L Aquila, 24.02.2011 REGIONE ABRUZZO AI GESTORI DELLE SCUOLE PARITARIE DI OGNI ORDINE E GRADO DELLA REGIONE ABRUZZO

Prot. A00DRAB 2688 L Aquila, 24.02.2011 REGIONE ABRUZZO AI GESTORI DELLE SCUOLE PARITARIE DI OGNI ORDINE E GRADO DELLA REGIONE ABRUZZO Minister dell Istruzine, dell Università e della Ricerca UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER L ABRUZZO DIREZIONE GENERALE - L AQUILA Uffici di Vigilanza e Crdinament delle Scule nn Statali, Paritarie e nn

Dettagli

BREVE APPROFONDIMENTO SULLE PRINCIPALI MISURE DI SICUREZZA

BREVE APPROFONDIMENTO SULLE PRINCIPALI MISURE DI SICUREZZA BREVE APPROFONDIMENTO SULLE PRINCIPALI MISURE DI SICUREZZA MISURE DI SICUREZZA PASSIVA: Resistenza al fuoco delle strutture e delle porte Compartimentazione Comportamento al fuoco dei materiali MISURE

Dettagli

Carta dei Servizi. educativi e amministrativi del 3 circolo didattico di Adrano

Carta dei Servizi. educativi e amministrativi del 3 circolo didattico di Adrano DIREZIONE DIDATTICA STATALE 3 CIRCOLO San Nicl Pliti Via dei Diritti del Fanciull, 45 95031 - ADRANO (CT) Tel. 095/7695676 - Fax 095/7602241 Cd. Meccangrafic: CTEE09000V Cdice fiscale 93067380878 email

Dettagli

IMPIANTO ELETTRICO DI ILLUMINAZIONE STRADALE

IMPIANTO ELETTRICO DI ILLUMINAZIONE STRADALE Illuminazine stradale Ultim aggirnament: 1 apr. 2009 IMPIANTO ELETTRICO DI ILLUMINAZIONE STRADALE Sistema di alimentazine: TT, TN Nrme di riferiment: Nrma CEI 64-8 "Impianti elettrici utilizzatri a tensine

Dettagli

L Istituto Comprensivo statale Martin Luther King Caltanissetta di

L Istituto Comprensivo statale Martin Luther King Caltanissetta di Reg. cntratti N 225 Prt.n.0005107/C41 del 06 Nvembre 2014 CIG:ZD611CCB7D CONTRATTO DI PRESTAZIONE D'OPERA PROFESSIONALE OCCASIONALE RELATIVO ALLA GESTIONE DELLA SICUREZZA IN QUALITA DI R.S.P.P. ai sensi

Dettagli

Testo unico dell apprendistato (D.Lgs. 14 settembre 2011, n. 167)

Testo unico dell apprendistato (D.Lgs. 14 settembre 2011, n. 167) Test unic dell apprendistat (D.Lgs. 14 settembre 2011, n. 167) Cntratti cllettivi nazinali del lavr (CCNL) Accrd del 23 aprile 2012 tra Regine del Venet e Parti Sciali per la frmazine degli apprendisti

Dettagli

e/fiscali - Rel. 04.01.01

e/fiscali - Rel. 04.01.01 e/fiscali - Rel. 04.01.01 Mntebelluna, 17 ttbre 2013 e/fiscali - Fix 04.01.01 Dcumentazine di rilasci 24 ORE Sftware S.p.A. 14/10/2013 Pag. 1 di 14 INDICE 1 FIX 04.01.01 DI E/FISCALI... 3 2 NOTE DI INSTALLAZIONE...

Dettagli

NORME DI COMPORTAMENTO IN SITUAZIONI DI EMERGENZA Procedura Di Evacuazione

NORME DI COMPORTAMENTO IN SITUAZIONI DI EMERGENZA Procedura Di Evacuazione NORME DI COMPORTAMENTO IN SITUAZIONI DI EMERGENZA Procedura Di Evacuazione ANNO SCOLASTICO 2013/2014 PER TUTTO IL PERSONALE Via Vulcano, 12-95047 Paternò (CT) Tel./Fax 095841054 e-mail ctee06800n@istruzione.it

Dettagli

e-mail : tssd01000l@istruzione.it tssd01000l@pec.istruzione.it BANDO

e-mail : tssd01000l@istruzione.it tssd01000l@pec.istruzione.it BANDO LICEO ARTISTICO Enric e Umbert NORDIO Distrett sclastic n. XVII - 34143 TRIESTE Via Calvla, 2 - Tel. (040) 30.06.60 - Fax (040) 3798960 - Cd. fisc. 80019860321 Prt.n. 4782/C14a www.isanrdi.gv.it e-mail

Dettagli

Guida per la compilazione on-line delle domande di partecipazione al concorso

Guida per la compilazione on-line delle domande di partecipazione al concorso Cnferiment degli incarichi di funzini didattiche a persnale dell Azienda Ospedaliera Universitaria Federic II Guida per la cmpilazine n-line delle dmande di partecipazine al cncrs Intrduzine La prcedura

Dettagli

Principi di sicurezza nell attrezzare aree di soccorso. Ester Baldi Infermiera IRCCS Don Carlo Gnocchi Firenze

Principi di sicurezza nell attrezzare aree di soccorso. Ester Baldi Infermiera IRCCS Don Carlo Gnocchi Firenze Principi di sicurezza nell attrezzare aree di sccrs Ester Baldi Infermiera IRCCS Dn Carl Gncchi Firenze Obiettivi: Cncett e frme di rischi nel cntest dell emergenza Cme riuscire a ridurre i rischi Cncett

Dettagli

Prot. n. A00DRAB 365 L Aquila, 16.01.2013. OGGETTO: Riconoscimento della parità scolastica - Indicazioni operative. Anno scolastico 2013/2014.

Prot. n. A00DRAB 365 L Aquila, 16.01.2013. OGGETTO: Riconoscimento della parità scolastica - Indicazioni operative. Anno scolastico 2013/2014. Respnsabile del prcediment: Agnese Giusti - Tel:. 0862/574220 e-mail: agnese.giusti@istruzine.it Minister dell Istruzine, dell Università e della Ricerca Uffici Sclastic Reginale per l Abruzz Direzine

Dettagli

doc 05 PIANO DI EMERGENZA (Pianificazione dell esodo) SCUOLA PRIMARIA SANTA MARIA BAMBINA 1 di 23

doc 05 PIANO DI EMERGENZA (Pianificazione dell esodo) SCUOLA PRIMARIA SANTA MARIA BAMBINA 1 di 23 PIANO DI EMERGENZA (Pianificazione dell esodo) I S T I T U T O C O M P R E N S I V O E S T 1 V I A A. D E L V E R R O C C H I O, 3 2 8 B r e s c i a SCUOLA PRIMARIA SANTA MARIA BAMBINA 1 di 23 PREMESSA

Dettagli

della Mappa Censuaria del Comune di Salo/Campoverde. Pratica Edilizia n.. all Ordine/Albo de della provincia di al n,

della Mappa Censuaria del Comune di Salo/Campoverde. Pratica Edilizia n.. all Ordine/Albo de della provincia di al n, Spett.le Amministrazine Cmunale di Salò Oggett: Dichiarazine attestante la tiplgia di intervent in relazine a quant dispst dal punt 9.2 delle Dispsizini inerenti all efficienza energetica allegate alla

Dettagli

Si citano, a titolo esemplificativo, alcune situazioni di emergenza:

Si citano, a titolo esemplificativo, alcune situazioni di emergenza: 1. Probabili cause di pericolo Si citano, a titolo esemplificativo, alcune situazioni di emergenza: incendio all interno dell edificio incendio esterno all edificio o nelle vicinanze crolli dovuti a cedimenti

Dettagli

DOCUMENTAZIONE PER LA RICHIESTA DELLA TESSERA DEL TIFOSO Siamo noi

DOCUMENTAZIONE PER LA RICHIESTA DELLA TESSERA DEL TIFOSO Siamo noi DOCUMENTAZIONE PER LA RICHIESTA DELLA TESSERA DEL TIFOSO Siam ni ADEGUATA VERIFICA IMPORTANTE Tutti i crdinatri dei Centri Crdinament Inter Club, per pter gestire le richieste prvenienti dai Club, dvrann

Dettagli

Regione Siciliana Rafforzamento delle capacità d azione delle Autorità per l Amministrazione della Giustizia della Regione Siciliana Progettazione

Regione Siciliana Rafforzamento delle capacità d azione delle Autorità per l Amministrazione della Giustizia della Regione Siciliana Progettazione Regine Siciliana Raffrzament delle capacità d azine delle Autrità per l Amministrazine della Giustizia della Regine Siciliana Prgettazine Struttura Siti Web Prcure Milan, 8 Maggi 2013 INDICE 1 MAPPA DEL

Dettagli

opuscolo informativo per gli insegnanti e alunni EMERGENZA TERREMOTO

opuscolo informativo per gli insegnanti e alunni EMERGENZA TERREMOTO INDICE 1. DEFINIZIONE DI EMERGENZA...2 1.1....2 2. ADDETTI GESTIONE EMERGENZA...3 3. SEGNALETICA...4 4. COMPITI DEL PERSONALE NELL EMERGENZA...5 4.1. COLLABOTORI SCOLASTICI E A.T.A....5 4.2. INSEGNANTI..

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G.PUECHER di ERBA

ISTITUTO COMPRENSIVO G.PUECHER di ERBA Sn stati elabrati e deliberati dal Cllegi dei Dcenti: Patt pedaggic di Istitut, di Pless, di Team Prgrammazine di Istitut, di Pless, di Sezine Criteri di sservazine cndivisi Criteri per la predispsizine

Dettagli

SCHEDA C1. 6 STUDENTI APRI-FILA / CHIUDI-FILA / SOCCORSO. All ordine di evacuazione dell edificio:

SCHEDA C1. 6 STUDENTI APRI-FILA / CHIUDI-FILA / SOCCORSO. All ordine di evacuazione dell edificio: SCHEDA C1. 6 STUDENTI APRI-FILA / CHIUDI-FILA / SOCCORSO All ordine di evacuazione dell edificio: - mantengono la calma, seguono le procedure stabilite e le istruzioni del docente; - gli apri-fila devono

Dettagli

ASSISTENTE FAMILIARE

ASSISTENTE FAMILIARE ALLEGATO 1 ASSISTENTE FAMILIARE DESCRIZIONE SINTETICA L Assistente familiare è una figura cn caratteristiche pratic-perative, la cui attività è rivlta a garantire assistenza a persne autsufficienti e nn,

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA FASCICOLO DI CLASSE *****

PIANO DI EMERGENZA FASCICOLO DI CLASSE ***** PIANO DI EMERGENZA FASCICOLO DI CLASSE ***** PROCEDURE NORME DI COMPORTAMENTO A.S. 2008/2009 Allegato E NORME DI COMPORTAMENTO PER I RESPONSABILI DI CLASSE (DOCENTI) IN CASO DI EMERGENZA 1. In caso di

Dettagli

Procedura operativa per l'organizzazione del servizio alternativo di fornitura gas mediante carri bombolai

Procedura operativa per l'organizzazione del servizio alternativo di fornitura gas mediante carri bombolai Prcedura perativa per l'rganizzazine del servizi alternativ di frnitura gas mediante carri bmblai La presente prcedura descrive le mdalità di attivazine e di ergazine del servizi alternativ di frnitura

Dettagli

T R A. (in caso di libero professionista) il libero professionista, nato a. il e residente a nella Via. (nato a il ), nella qualità di

T R A. (in caso di libero professionista) il libero professionista, nato a. il e residente a nella Via. (nato a il ), nella qualità di SCHEMA DI CONTRATTO PER L AFFIDAMENTO DELLA FUNZIONE DI RESPONSABILE DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE (RSPP), PER IL PERIODO 11.04.2011-31.12.2013, ai sensi del D.Lgs. n. 81 del 09/04/2008 e ss.mm.ii.

Dettagli

Relatori: * Dr. Romeo Di Giuseppe - # Dr. Palmerino Masciotta. Abstract. Introduzione e scopo dello studio. Materiali e Metodi

Relatori: * Dr. Romeo Di Giuseppe - # Dr. Palmerino Masciotta. Abstract. Introduzione e scopo dello studio. Materiali e Metodi La valutazine dei rischi per la sicurezza e per la salute degli peratri di un servizi veterinari: l esperienza della ASL RM B * e della ASL RM C #. Relatri: * Dr. Rme Di Giuseppe - # Dr. Palmerin Mascitta

Dettagli

DOMANDA DI LICENZA TEMPORANEA PER SPETTACOLI E TRATTENIMENTI PUBBLICI NELL'AMBITO DI SAGRE, FIERE O ALTRE MANIFESTAZIONI

DOMANDA DI LICENZA TEMPORANEA PER SPETTACOLI E TRATTENIMENTI PUBBLICI NELL'AMBITO DI SAGRE, FIERE O ALTRE MANIFESTAZIONI Bll (nn dvut dalle ONLUS) Al Cmune di Mntecchi Emilia DOMANDA DI LICENZA TEMPORANEA PER SPETTACOLI E TRATTENIMENTI PUBBLICI NELL'AMBITO DI SAGRE, FIERE O ALTRE MANIFESTAZIONI Il sttscritt Cgnme Nme Cdice

Dettagli

PIANO PROTEZIONE CIVILE COMUNALE Comune di Arsiero. Relazione Generale. Modello d intervento RISCHIO IDRAULICO PIANO DI EMERGENZA SPEDITIVO

PIANO PROTEZIONE CIVILE COMUNALE Comune di Arsiero. Relazione Generale. Modello d intervento RISCHIO IDRAULICO PIANO DI EMERGENZA SPEDITIVO PIANO PROTEZIONE CIVILE COMUNALE Cmune di Arsier Capitl QN QT MR Relazine Generale Mdell d intervent RISCHIO IDRAULICO pag. PE02.1 PIANO DI EMERGENZA SPEDITIVO RISCHIO IDRAULICO COMPITI DELLE FUNZIONI

Dettagli

Organizzazione e gestione dell emergenza nella Scuola 1

Organizzazione e gestione dell emergenza nella Scuola 1 Organizzazione e gestione dell emergenza nella Scuola 1 GESTIONE DELLE EMERGENZE CHE COS E L EMERGENZA Si può definire emergenza tutto ciò che appare come condizione insolita e pericolosa che può presentarsi

Dettagli

NORME GENERALI DI EMERGENZA - IN CASO DI INCENDIO (contenute nel piano di evacuazione)

NORME GENERALI DI EMERGENZA - IN CASO DI INCENDIO (contenute nel piano di evacuazione) NORME GENERALI DI EMERGENZA - IN CASO DI INCENDIO (contenute nel piano di evacuazione) FASE DI INDIVIDUAZIONE DI UN PERICOLO Chi si avvede dell incendio, nel limite del possibile ed in funzione delle proprie

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA Servizio di Prevenzione e Protezione PIANO DI EMERGENZA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA Servizio di Prevenzione e Protezione PIANO DI EMERGENZA PIANO DI EMERGENZA Identificazione delle emergenze e delle situazioni incidentali Le emergenze e le situazioni incidentali ipotizzate ai fini di questo piano sono relative allo sversamento di prodotti

Dettagli

Comunicazione Organizzativa

Comunicazione Organizzativa N : 01/2013 Alert apprfndimenti cntrparti e beni (annulla e sstituisce la Oggett: Cmunicazine Organizzativa n. 22/2011) Firma: Amministratre Delegat Data di pubblicazine: 24/01/ 2013 Data di validità:

Dettagli

Guida all Elenco Regionale del Volontariato di Protezione Civile

Guida all Elenco Regionale del Volontariato di Protezione Civile Direzine Generale della Presidenza Settre : Sistema Reginale di Prtezine Civile Guida all Elenc Reginale del Vlntariat di Prtezine Civile VERSIONE_1 : GENNAIO 2008 www.regine.tscana.it http://servizi.prtezinecivile.tscana.it/

Dettagli

MODULO DI RICHIESTA AGGIORNAMENTO DELL ISTANZA: AGGIORNAMENTO, INSERIMENTO O CANCELLAZIONE RESPONSABILI TECNICI E AMMINISTRATIVI (PERSONE FISICHE)

MODULO DI RICHIESTA AGGIORNAMENTO DELL ISTANZA: AGGIORNAMENTO, INSERIMENTO O CANCELLAZIONE RESPONSABILI TECNICI E AMMINISTRATIVI (PERSONE FISICHE) MODULO DI RICHIESTA AGGIORNAMENTO DELL ISTANZA: AGGIORNAMENTO, INSERIMENTO O CANCELLAZIONE RESPONSABILI TECNICI E AMMINISTRATIVI (PERSONE FISICHE) ANAGRAFICA (cme da art. 5, c. 1, lett. a), del D.P.R.

Dettagli

LA SICUREZZA NELL AMBIENTE SCOLASTICO

LA SICUREZZA NELL AMBIENTE SCOLASTICO LA SICUREZZA NELL AMBIENTE SCOLASTICO dispensa informativa per docenti e non docenti A CURA DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE PREMESSA Le informazioni contenute nella presente dispensa sono nozioni

Dettagli

MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RI ER A UFFI IO S OLASTI O REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO OMPRENSIVO DANTE ALIGHIERI

MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RI ER A UFFI IO S OLASTI O REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO OMPRENSIVO DANTE ALIGHIERI MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RI ER A UFFI IO S OLASTI O REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO OMPRENSIVO DANTE ALIGHIERI Via P. TOGLIATTI N 1-01033 IVITA ASTELLANA (0761 513390 fax 0761

Dettagli

PIANO EMERGENZA (Pianificazione dell esodo)

PIANO EMERGENZA (Pianificazione dell esodo) Liceo Scientifico C. Cavalleri - Parabiago SEDE STACCATA Via dei Partigiani,1 - Canegrate PIANO EMERGENZA (Pianificazione dell esodo) Il Datore di Lavoro Prof. Luciano Bagnato.. data / /.. Rev. 06 del

Dettagli

Istituto Comprensivo Gherardi

Istituto Comprensivo Gherardi Informazione sulla sicurezza nella scuola Istituto Comprensivo Gherardi Via Taroni, 4-48022 Lugo (RA) Tel. 0545/22112 - Fax 0545/25674 PROCEDURE PER L ATTUAZIONE DEL PIANO DI EMERGENZA (per tutto il personale

Dettagli

4) Controllare che gli allievi apri fila e serra fila eseguano correttamente i compiti;

4) Controllare che gli allievi apri fila e serra fila eseguano correttamente i compiti; COMPITI DEGLI APRI-FILA E CHIUDI-FILA - Ogni aprifila, in caso di emergenza, ha il compito di aprire le porte e guidare i compagni verso le zone di raccolta; - I serra-fila hanno il compito di assistere

Dettagli