ALLEGATO C AREE DI ATTIVITA A RISCHIO REATO, REATI ASSOCIABILI E PRESIDI ORGANIZZATIVI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ALLEGATO C AREE DI ATTIVITA A RISCHIO REATO, REATI ASSOCIABILI E PRESIDI ORGANIZZATIVI"

Transcript

1 Realizzazione di programmi di formazione e di servizi a favore del personale finanziati con contributi pubblici Area di attività a rischio diretto con riferimento ai Corruzione pubblica 1 Truffa in danno dello Stato o di altro ente pubblico Truffa aggravata per il conseguimento di erogazioni pubbliche Indebita percezione di contributi, finanziamenti o altre erogazioni da parte dello Stato o di altro ente pubblico Malversazione a danno dello Stato o di altro Ente Pubblico LGO: Ottenimento e gestione di contributi erogati da Enti Pubblici per programmi di formazione LGO: Ottenimento di contributi per servizi a favore del personale dipendente LGO: Acquisizione e gestione incarichi professionali a terzi Gestione degli adempimenti obbligatori nei confronti della Pubblica Amministrazione (anche finalizzati all ottenimento e/o al rinnovo di autorizzazioni, licenze e/o concessioni pubbliche) Area di attività a rischio diretto con riferimento ai Corruzione pubblica 1 Truffa in danno dello Stato o di altro Ente Pubblico LGO: Gestione degli adempimenti per l ottenimento e il rinnovo di autorizzazioni, licenze e concessioni da parte della Pubblica Amministrazione e delle Autorità Pubbliche di Vigilanza LGO: Acquisizione e gestione incarichi professionali a terzi 1 Facciamo, in particolare, riferimento ai seguenti reati: Induzione indebita a dare o promettere utilità (art. 319-quater c.p.); Pene per il corruttore (art. 321 c.p.): con particolare riguardo alle pene per chi dà o promette utilità al pubblico ufficiale o all incaricato di pubblico servizio nell ambito dei reati previsti dagli art. 318 c.p. (corruzione per l esercizio della funzione), 319 c.p. (corruzione per un atto contrario ai doveri d ufficio) e 320 c.p. (Corruzione di persona incaricata di pubblico servizio); Istigazione alla corruzione (art. 322 c.p.).

2 Gestione dei rapporti con la Pubblica Amministrazione o con le Autorità Pubbliche di vigilanza in occasione di verifiche e controlli Gestione dei procedimenti giudiziali, extragiudiziali o arbitrali Area di attività a rischio diretto con riferimento ai Corruzione pubblica 1 Truffa in danno dello Stato o di altro Ente Pubblico Ostacolo all esercizio delle funzioni delle Autorità Pubbliche di Vigilanza Area di attività a rischio diretto con riferimento ai Corruzione pubblica 2 LGO: Gestione dei rapporti con le autorità pubbliche in occasione di verifiche ed accertamenti LGO: Acquisizione e gestione incarichi professionali a terzi LGO: Gestione dei contenziosi giudiziari LGO: Acquisizione e gestione incarichi professionali a terzi" LGO: Gestione Cambi Merce Gestione della contabilità clienti e fornitori Area di attività a rischio diretto con riferimento ai in danno dei soci o dei LGO: Gestione dei cambi merce Comunicazione del 3 marzo 2012 emessa dal Direttore Amministrazione, Affari Legali e Fiscali e relativa ai controlli per paesi a rischio terrorismo e paesi in black list relativi ai processi di gestione della fatturazione attiva e della contabilità fornitori 2 Facciamo, in particolare, riferimento ai seguenti reati: Induzione indebita a dare o promettere utilità (art. 319-quater c.p.); Pene per il corruttore (art. 321 c.p.): con particolare riguardo alle pene per chi dà o promette utilità al pubblico ufficiale o all incaricato di pubblico servizio nell ambito del reato previsto dall art. 319-ter c.p. (Corruzione in atti giudiziari); Istigazione alla corruzione (art. 322 c.p.).

3 Gestione dei rapporti intercompany in danno dei soci o dei LGO: Gestione contratti infragruppo Area Italia Procedura per le operazioni con parti correlate Predisposizione delle relazioni finanziarie annuali e infrannuali Area di attività a rischio diretto con riferimento ai in danno dei soci o dei Illegale ripartizione degli utili e delle riserve LGO: Predisposizione del bilancio di esercizio di Società e della relazione sulla gestione LGO: Predisposizione del bilancio consolidato LGO: Acquisizione e gestione incarichi professionali a terzi relativi ai processi di gestione del Consolidato e delle Chiusure Contabili 3 Facciamo, in particolare, riferimento ai seguenti reati: Induzione indebita a dare o promettere utilità (art. 319-quater c.p.); Pene per il corruttore (art. 321 c.p.), con particolare riguardo alle pene previste per chi dà o promette denaro o altra utilità al pubblico ufficiale o all incaricato di pubblico servizio nell ambito dei reati previsti dagli articoli 318 c.p. (corruzione per l esercizio della funzione), 319 c.p. (corruzione per un atto contrario ai doveri d ufficio), 319-ter c.p. (Corruzione in atti giudiziari) e 320 c.p. (Corruzione di persona incaricata di pubblico servizio); Istigazione alla corruzione (art. 322 c.p.) Peculato, concussione, induzione indebita a dare o promettere utilità, corruzione e istigazione alla corruzione di membri degli organi delle Comunità europee e di funzionari delle Comunità europee e di Stati esteri (art. 322-bis c.p.)

4 Gestione delle operazioni straordinarie Gestione dei rapporti con il Collegio Sindacale e con i soci Area di attività a rischio diretto con riferimento ai in danno dei soci o dei Indebita restituzione dei conferimenti Illegale ripartizione degli utili e delle riserve Illecite operazioni sulle azioni o quote sociali proprie o della società controllante Operazioni in pregiudizio dei Formazione fittizia del capitale Abuso di informazioni privilegiate Aggiotaggio Manipolazione del mercato Area di attività a rischio diretto con riferimento al reato di: Impedito controllo LGO: Gestione e Comunicazione delle informazioni privilegiate LGO: Acquisizione e gestione incarichi professionali a terzi Manuale contabile LGO: Gestione dei rapporti con la Società di Revisione, con il Collegio Sindacale e con i Soci Acquisizione di informazioni riservate Area di attività a rischio diretto con riferimento ai

5 Gestione e comunicazione delle informazioni privilegiate Area di attività a rischio diretto con riferimento ai Abuso di informazioni privilegiate Manipolazione del mercato Aggiotaggio LGO: Gestione e Comunicazione delle informazioni privilegiate Gestione delle risorse finanziarie (gestione di incassi e pagamenti) Area di attività a rischio diretto con riferimento ai Impiego di danaro, beni o utilità di provenienza illecita Reati con finalità di terrorismo o di eversione dell ordine democratico previsti dal codice penale e dalle leggi speciali in danno dei soci o dei LGO: Gestione pagamenti Comunicazione del 3 marzo 2012 emessa dal Direttore Amministrazione, Affari Legali e Fiscali e relativa ai controlli per paesi a rischio terrorismo e paesi in black list relativi ai processi di gestione degli incassi e dei pagamenti

6 Gestione dei rapporti con istituti di credito e società di factoring Gestione dei rapporti con assicurazioni Area di attività a rischio diretto con riferimento al reato di: in danno dei soci o dei Area di attività a rischio diretto con riferimento al reato di: relativi al processo di gestione del factoring crediti commerciali LGO: Gestione dei rapporti con istituti di credito e società di factoring LGO: Gestione dei rapporti con le Assicurazioni Gestione dei fondi cassa LGO: Gestione del fondo cassa

7 Gestione degli acquisti di beni e servizi Area di attività a rischio diretto con riferimento ai Ricettazione Impiego di danaro, beni o utilità di provenienza illecita Impiego di cittadini di Paesi Terzi il cui soggiorno è irregolare LGO: Gestione degli acquisti di beni e servizi relativi al processo di gestione degli acquisti di Gruppo in danno dei soci o dei

8 Acquisizione e gestione incarichi professionali Area di attività a rischio diretto con riferimento ai Impiego di danaro, beni o utilità di provenienza illecita LGO: Acquisizione e gestione incarichi professionali a terzi in danno dei soci o dei

9 Negoziazione, stipula ed esecuzione di contratti di cambio merce con investitori pubblicitari Area di attività a rischio diretto con riferimento ai Ricettazione Impiego di danaro, beni o utilità di provenienza illecita Contraffazione, alterazione o uso di marchi o segni distintivi ovvero di brevetti, modelli e disegni Contraffazione di indicazioni geografiche o denominazioni di origine dei prodotti agroalimentari Introduzione nello stato e commercio di prodotti con segni falsi Truffa in danno dello Stato o di altro Ente Pubblico Delitti in materia di violazione del diritto d autore LGO: Gestione cambi merce relativi al processo di vendita di pubblicità in cambio merce in danno dei soci o dei

10 Gestione del magazzino Ricettazione Impiego di danaro, beni o utilità di provenienza illecita Impiego di cittadini di Paesi terzi il cui soggiorno è irregolare in danno dei soci o dei LGO: Gestione Magazzino Cambi Merce relativi al processo di gestione del magazzino di Promoservice

11 Gestione della vendita di beni e servizi ottenuti in cambio merce Area di attività a rischio diretto con riferimento ai Contraffazione, alterazione o uso di marchi o segni distintivi ovvero di brevetti, modelli e disegni Introduzione nello stato e commercio di prodotti con segni falsi Vendita di prodotti industriali con segni mendaci Fabbricazione e commercio di beni realizzati usurpando titoli di proprietà industriale Vendita di sostanze alimentari non genuine come genuine Frode nell esercizio del commercio Turbata libertà dell industria e del commercio Illecita concorrenza con minaccia e violenza Delitti in materia di violazione del diritto d autore Truffa in danno dello Stato o di altro Ente Pubblico LGO: Gestione dei cambi merce relativi al processo di gestione della vendita di merce di Promoservice in danno dei soci o dei

12 Gestione dei crediti Gestione delle spese di trasferta Gestione delle spese per liberalità e sponsorizzazioni, rappresentanza e omaggistica a terzi in danno dei soci o dei in danno dei soci o dei in danno dei soci o dei LGO: Gestione Cambi Merce relativi ai processi di gestione dell affidamento e del credito Procedura: Nota spese e servizi di viaggio per i dipendenti relativi al processo di gestione delle note spese LGO: Gestione degli omaggi a terzi LGO: Gestione delle spese per liberalità

13 Selezione e assunzione del personale Amministrazione del personale (gestione del payroll) Gestione del personale (definizione del sistema incentivante, riconoscimento di promozioni / incrementi retributivi / fringe benefit) Area di attività a rischio diretto con riferimento al reato di: Impiego di cittadini di Paesi terzi il cui soggiorno è irregolare in danno dei soci o dei in danno dei soci o dei LGO: Selezione ed assunzione del personale relativi al processo di gestione dei payroll Piano e regolamento MBO

14 Gestione dei sistemi informativi aziendali (gestione delle licenze software, gestione della sicurezza fisica e logica, segregazione dei compiti, gestione dei siti internet) Area di attività a rischio diretto con riferimento a: Delitti informatici e trattamento illecito di dati 4 Delitti in materia di violazione del diritto d autore Area di attività a rischio strumentale: in danno dei soci o dei LGO: Sicurezza informatica LGO: Gestione utenze e profili autorizzativi sistema gestionale e contabile SAP LGO: Utilizzo di Sistemi di Controllo per l'accesso alle aree aziendali riservate Modello Privacy relativi al processo di gestione dei sistemi informativi 4 Con la voce Delitti informatici e trattamento illecito di dati (art. 24bis, D.Lgs. 231/01) si intendono i seguenti reati (in blu quelli ritenuti astrattamente applicabili alla Società): Falsità in un documento informatico pubblico o avente efficacia probatoria (art. 491 bis c.p.); Accesso abusivo ad un sistema informatico o telematico (art. 615 ter c.p.); Detenzione e diffusione abusiva di codici di accesso a sistemi informatici o telematici (art. 615 quater c.p.); Diffusione di apparecchiature, dispositivi o programmi informatici diretti a danneggiare o interrompere un sistema informatico o telematico (art. 615 quinquies c.p.); Intercettazione, impedimento o interruzione illecita di comunicazioni informatiche o telematiche (art. 617 quater c.p.); Installazione di apparecchiature atte ad intercettare, impedire o interrompere comunicazioni informatiche o telematiche (art. 615 quinquies c.p.); Danneggiamento di informazioni, dati e programmi informatici (art. 635 bis c.p.); Danneggiamento di informazioni, dati e programmi informatici utilizzati dallo Stato o da altro ente pubblico o comunque di pubblica utilità (art. 635 ter c.p.); Danneggiamento di sistemi informatici o telematici (art. 635 quater c.p.); Danneggiamento di sistemi informatici o telematici di pubblica utilità (art. 635 quinquies c.p.); Frode informatica del certificatore di firma elettronica (art. 640 quinquies c.p.)

15 Gestione degli adempimenti legislativi finalizzati alla tutela della salute e la sicurezza sul lavoro (anche nell ambito di contratti di appalto) Area di attività a rischio diretto con riferimento ai Omicidio colposo e Lesioni colpose gravi o gravissime, commesse con violazione delle norme sulla tutela della salute e sicurezza sul lavoro MA SIC - Manuale del Sistema di Gestione della Salute e Sicurezza sui luoghi di Lavoro PL SIC - Politica per la Salute e Sicurezza sui luoghi di Lavoro PG SIC 01 - Identificazione dei pericoli, valutazione e controllo dei rischi per la salute e la sicurezza PG SIC 02 - Identificazione e gestione delle prescrizioni tecnico-legali PG SIC 03 - Politica, Obiettivi e Riunione Periodica PG SIC 04 - Risorse, ruoli, responsabilità e poteri PG SIC 05 - Informazione, formazione e addestramento dei lavoratori in materia di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro PG SIC 06 - Comunicazione, partecipazione e consultazione PG SIC 07 - Controllo della documentazione PG SIC 08 - Controllo operativo PG SIC 09 - Gestione delle emergenze PG SIC 10 - Monitoraggio e misurazione delle prestazioni PG SIC 11 - Investigazione e analisi degli incidenti PG SIC 12 - Non conformità, azioni correttive e azioni preventive PG SIC 13 Audit PO SIC MD/HO 01 - Dispositivi di Protezione Individuale PO SIC MD/HO 02 - Sorveglianza sanitaria PO SIC MD/HO 03 - Appalti PO SIC MD/HO 04 - Cantieri temporanei o mobili PO SIC MD/HO 05 - Gestione delle emergenze sanitarie PO SIC MD/HO 06 - Gestione delle emergenze - incendi ed evacuazioni

16 Gestione degli adempimenti legislativi finalizzati alla tutela dell ambiente Area di attività a rischio diretto con riferimento a: reati ambientali LGO: Adempimenti finalizzati alla tutela dell ambiente LGO Gestione del magazzino cambi merce

Meda Pharma SpA Modello di Organizzazione Gestione e Controllo - Allegato A Documento di mappatura dei processi sensibili

Meda Pharma SpA Modello di Organizzazione Gestione e Controllo - Allegato A Documento di mappatura dei processi sensibili Meda Pharma SpA - Allegato A al Modello Organizzativo Reato non rilevante Reato rilevante Articolo D.Lgs Fattispecie iilecito amministrativo Anno introduzione Reato Articolo 23 D. Lgs. Inosservanza delle

Dettagli

APPENDICE 1. Reati commessi nei rapporti con la pubblica amministrazione (artt. 24 e 25 del Decreto);

APPENDICE 1. Reati commessi nei rapporti con la pubblica amministrazione (artt. 24 e 25 del Decreto); APPENDICE 1 REATI ED ILLECITI (Generale)* I II Reati commessi nei rapporti con la pubblica amministrazione (artt. 24 e 25 del Decreto); Reati informatici e trattamento illecito di dati (art. 24 bis del

Dettagli

S T U D I O L E G A L E A S S O C I A T O T O S E L L O & P A R T N E R S

S T U D I O L E G A L E A S S O C I A T O T O S E L L O & P A R T N E R S S T U D I O L E G A L E A S S O C I A T O T O S E L L O & P A R T N E R S 35131 PADOVA - Piazzale Stazione n. 6 - tel. 049.8759866-049.654879 - fax 049.8753348 C.F./P.IVA 04351050283 avvocati@studiolegaletosello.it

Dettagli

Si elencano di seguito i reati attualmente ricompresi nell ambito di applicazione del D.Lgs. 231/2001:

Si elencano di seguito i reati attualmente ricompresi nell ambito di applicazione del D.Lgs. 231/2001: MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO AI SENSI DEL D.LGS. 231/2001 ADECCO ITALIA S.P.A. - ELENCO DEI REATI 231 - Si elencano di seguito i reati attualmente ricompresi nell ambito di applicazione

Dettagli

Mappa delle attività a rischio reato nella Fondazione Torino Wireless 2015

Mappa delle attività a rischio reato nella Fondazione Torino Wireless 2015 Mappa delle attività a rischio reato nella Fondazione Torino Wireless 2015 PREMESSA: per compilare le tabelle che seguono sono stati inizialmente presi in considerazione tutti i reati previsti dal D.lgs.

Dettagli

MAPPATURA DELLE AREE DI RISCHIO EX D. LGS. 231/01

MAPPATURA DELLE AREE DI RISCHIO EX D. LGS. 231/01 LAURO CANTIERI VALSESIA S.P.A. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO MAPPATURA DELLE AREE DI RISCHIO EX D. LGS. 231/01 Premessa Ai fini dell efficace predisposizione di un Modello Organizzativo,

Dettagli

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO EX D.LGS. 231/01 1

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO EX D.LGS. 231/01 1 MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO EX D.LGS. 231/01 1 ALITALIA SOCIETÀ AEREA ITALIANA S.p.A. ALLEGATO 1 ELENCO REATI 1 Adottato con delibera del 25/03/2016. INDICE I Reati previsti dal Decreto

Dettagli

APPENDICE 1. Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo D. Lgs. 231/2001 APPENDICE 1

APPENDICE 1. Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo D. Lgs. 231/2001 APPENDICE 1 Pagina 1 di 7 APPENDICE 1 Il D.Lgs 231/2001, recante la disciplina in tema di responsabilità amministrativa delle persone giuridiche, superando il principio che individuava nella persona fisica l unico

Dettagli

ELENCO REATI PRESUPPOSTO PREVISTI DAL D. LGS. 231/2001 AGGIORNATO AL 7/7/2011

ELENCO REATI PRESUPPOSTO PREVISTI DAL D. LGS. 231/2001 AGGIORNATO AL 7/7/2011 ELENCO REATI PRESUPPOSTO PREVISTI DAL D. LGS. 231/2001 AGGIORNATO AL 7/7/2011 Reati contro la Pubblica Amministrazione (art. 24 e art. 25, D.Lgs. 231/01) - Malversazione a danno dello Stato o di altro

Dettagli

- ALLEGATO A E B (FATTISPECIE DEI REATI E ARTICOLI DEL CODICE PENALE RICHIAMATI DALL ART 4 DEL D.LGS. 231/2001)

- ALLEGATO A E B (FATTISPECIE DEI REATI E ARTICOLI DEL CODICE PENALE RICHIAMATI DALL ART 4 DEL D.LGS. 231/2001) MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO DI WIND RETAIL S.R.L. AI SENSI DEL DECRETO LEGISLATIVO N. 231/2001 Responsabilità amministrativa della Società - ALLEGATO A E B (FATTISPECIE DEI REATI E

Dettagli

ALLEGATO 1 TABELLA REATI/ILLECITI PRESUPPOSTO DELLA RESPONSABILITA' EX DLGS 231/01

ALLEGATO 1 TABELLA REATI/ILLECITI PRESUPPOSTO DELLA RESPONSABILITA' EX DLGS 231/01 ALLEGATO 1 TABELLA REATI/ILLECITI PRESUPPOSTO DELLA RESPONSABILITA' EX DLGS 231/01 1. Indebita percezione di erogazioni, truffa in danno dello Stato o di un ente pubblico o per il conseguimento di erogazioni

Dettagli

ELENCO DEI REATI PRESUPPOSTO

ELENCO DEI REATI PRESUPPOSTO ELENCO DEI REATI PRESUPPOSTO Reati contro la Pubblica Amministrazione (art. 24 e 25): Malversazione a danno dello Stato o di altro Ente Pubblico (art. 316 bis, cod. pen.); Indebita percezione di erogazioni

Dettagli

Allegato 1 - I REATI PREVISTI DAL D.LGS. 231/2001

Allegato 1 - I REATI PREVISTI DAL D.LGS. 231/2001 Allegato 1 - I REATI PREVISTI DAL D.LGS. 231/2001 a) REATI IN TEMA DI EROGAZIONI PUBBLICHE (Art. 24, D. Lgs. n. - Malversazione a danno dello Stato (art. 316-bis c.p.): qualora, dopo aver ottenuto dallo

Dettagli

FATTISPECIE DI REATO PREVISTE DAL D.LGS. 231/01 E DALLA L. 190/2012. 2.1 Truffa ai danni dello Stato (art. 640, comma 2, c.p.).

FATTISPECIE DI REATO PREVISTE DAL D.LGS. 231/01 E DALLA L. 190/2012. 2.1 Truffa ai danni dello Stato (art. 640, comma 2, c.p.). FATTISPECIE DI REATO PREVISTE DAL D.LGS. 231/01 E DALLA L. 190/2012 N. CATEGORIE DI REATO N. FATTISPECIE DI REATO 1.1 Concussione (art. 317 c.p.). 1.2 Corruzione di persona incaricata di pubblico servizio

Dettagli

Manuale di Organizzazione, Gestione e Controllo. ex Decreto Legislativo n. 231/2001

Manuale di Organizzazione, Gestione e Controllo. ex Decreto Legislativo n. 231/2001 Manuale di Organizzazione, Gestione e Controllo ex Decreto Legislativo n. 231/2001 Rev. 0 del 01/02/2011 Indice 1 INTRODUZIONE... 12 2 FINALITÀ... 16 3 MAPPATURA DEI REATI E IDENTIFICAZIONE DEI RISCHI...

Dettagli

Modello di ORGANIZZAZIONE GESTIONE e CONTROLLO

Modello di ORGANIZZAZIONE GESTIONE e CONTROLLO Pag. 1 di 4 Consorzio Train Modello di ORGANIZZAZIONE GESTIONE e CONTROLLO conforme ai requisiti del D.lgs. 8 giugno 2001, n. 231, e smi Indice Pag. 2 di 4 I) PARTE GENERALE INTRODUZIONE 1 PRESENTAZIONE

Dettagli

Organismo di Vigilanza COMMERCIO E FINANZA LEASING E FACTORING MODELLO ORGANIZZATIVO AI SENSI DEL DECRETO LEGISLATIVO 231/2001

Organismo di Vigilanza COMMERCIO E FINANZA LEASING E FACTORING MODELLO ORGANIZZATIVO AI SENSI DEL DECRETO LEGISLATIVO 231/2001 Organismo di Vigilanza COMMERCIO E FINANZA LEASING E FACTORING MODELLO ORGANIZZATIVO AI SENSI DEL DECRETO LEGISLATIVO 231/2001 INDICE Presupposti di esclusione della responsabilità dell ente... 3 1. MODELLO

Dettagli

2,5 0,36 0,36 0,36 0,36 0,36 0,36 0,36 4,3 2,5 0,36 0,36 0,36 0,36 0,36 0,36 0,36 3,58 2,5 0,36 0,36 0,36 0,36 0,36 0,36 0,36 4,3

2,5 0,36 0,36 0,36 0,36 0,36 0,36 0,36 4,3 2,5 0,36 0,36 0,36 0,36 0,36 0,36 0,36 3,58 2,5 0,36 0,36 0,36 0,36 0,36 0,36 0,36 4,3 SO.RI. SPA Calcolo probabilità fattori di rischio 1 2 3 4 5 6 7 Calcolo Impatto Elementi di impatto Calcolo Rischio ex ante n. Tipologia di rischio reato reato Attività/processo sensibile correlato Media

Dettagli

Cassa del Trentino S.p.A. Analisi delle attività sensibili ex D.Lgs. 231/01 art. 6 comma 2. Relazione di sintesi

Cassa del Trentino S.p.A. Analisi delle attività sensibili ex D.Lgs. 231/01 art. 6 comma 2. Relazione di sintesi Cassa del Trentino S.p.A. Analisi delle attività sensibili ex D.Lgs. 231/01 art. 6 comma 2 Relazione di sintesi Marzo 2013 INDICE 1. PREMESSA... 3 1.1. DEFINIZIONE DEGLI OBIETTIVI... 3 1.2. METODOLOGIA...

Dettagli

- I Modelli Organizzativi Dott. Lorenzo G. Pascali lorenzo.pascali@scons.it

- I Modelli Organizzativi Dott. Lorenzo G. Pascali lorenzo.pascali@scons.it La Corporate Governance nelle recenti best practices - I Modelli Organizzativi Dott. Lorenzo G. Pascali lorenzo.pascali@scons.it 27 Febbraio 2012 1 INTRODUZIONE Con il D. Lgs. 231/2001, il legislatore

Dettagli

Modelli Organizzativi di controllo e di gestione ex D.Lgs. 231/01

Modelli Organizzativi di controllo e di gestione ex D.Lgs. 231/01 Studio Porcaro Commercialisti Modelli Organizzativi di controllo e di gestione ex D.Lgs. 231/01 La responsabilità amministrativa dipendente da reato delle persone giuridiche Studio Porcaro Commercialisti

Dettagli

Dlgs D.lgs. 231/01. e Modelli di organizzazione, gestione e controllo

Dlgs D.lgs. 231/01. e Modelli di organizzazione, gestione e controllo Dlgs D.lgs. 231/01 Responsabilità amministrativa delle società e Modelli di organizzazione, gestione e controllo 1 D.lgs. 231/2001: introduce 2 grandi novità per l ordinamento italiano (Necessità di allinearsi

Dettagli

PREMESSE. - soggetti che occupano una posizione apicale all interno dell ente ( ossia chi esercita, anche di fatto, le funzioni di rappresentanza,

PREMESSE. - soggetti che occupano una posizione apicale all interno dell ente ( ossia chi esercita, anche di fatto, le funzioni di rappresentanza, 1. Il regime di responsabilità amministrativa delle persone giuridiche per i reati commessi nel loro interesse ai sensi del D.Lgs. n. 231 del 2001 Il D.Lgs. 8 giugno 2001, n. 231 (di seguito Decreto ),

Dettagli

ALLEGATO 1 ELENCO REATI PRESUPPOSTO

ALLEGATO 1 ELENCO REATI PRESUPPOSTO ALLEGATO 1 ELENCO REATI PRESUPPOSTO Premessa Il presente elenco dei reati include l elenco di tutti i reati presupposto definiti dal Dlgs 231 dell 8 giugno 2001, recante la Disciplina della responsabilità

Dettagli

Modello 231 di Organizzazione e di Gestione Decreto Legislativo8 giugno 2001 n. 231

Modello 231 di Organizzazione e di Gestione Decreto Legislativo8 giugno 2001 n. 231 VALVITAL S.p.A. 1 Modello 231 di Organizzazione e di Gestione Decreto Legislativo8 giugno 2001 n. 231 Approvato dal Consiglio di Amministrazione con delibera assembleare del _22/07/2014 Presidente Segretario

Dettagli

A.P.A.M. S.P.A. (AZIENDA PUBBLICI AUTOSERVIZI MANTOVA S.P.A.) MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO DELLA SOCIETÀ D. LGS.

A.P.A.M. S.P.A. (AZIENDA PUBBLICI AUTOSERVIZI MANTOVA S.P.A.) MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO DELLA SOCIETÀ D. LGS. A.P.A.M. S.P.A. (AZIENDA PUBBLICI AUTOSERVIZI MANTOVA S.P.A.) MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO DELLA SOCIETÀ D. LGS. 231/2001 (approvato dal Consiglio di Amministrazione con delibera del

Dettagli

L importante è sempre. l affidabilità. da oggi è davvero semplice: scegliete di adeguarvi al Dlgs. 231, al resto pensiamo noi!

L importante è sempre. l affidabilità. da oggi è davvero semplice: scegliete di adeguarvi al Dlgs. 231, al resto pensiamo noi! L importante è sempre l affidabilità da oggi è davvero semplice: scegliete di adeguarvi al Dlgs. 231, al resto pensiamo noi! Introduzione al Dlgs 231 ed elementi fondamentali Cos'è? Il Decreto Legislativo

Dettagli

Modello di organizzazione gestione e controllo ai sensi del D.Lgs 231/2001

Modello di organizzazione gestione e controllo ai sensi del D.Lgs 231/2001 Modello di organizzazione gestione e controllo ai sensi del D.Lgs 231/2001 Parte Speciale Sezione Delitti informatici e trattamento illecito di dati ELENCO DELLE REVISIONI REV. DATA NATURA DELLE MODIFICHE

Dettagli

MAGGIOLI S.p.A. Maggioli S.p.A. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE GESTIONE E CONTROLLO. ai sensi del Decreto Legislativo 8 giugno 2001, n. 231 PARTE SPECIALE

MAGGIOLI S.p.A. Maggioli S.p.A. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE GESTIONE E CONTROLLO. ai sensi del Decreto Legislativo 8 giugno 2001, n. 231 PARTE SPECIALE Maggioli S.p.A. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE GESTIONE E CONTROLLO ai sensi del Decreto Legislativo 8 giugno 2001, n. 231 PARTE SPECIALE Approvato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 2 settembre

Dettagli

Modello organizzativo 231 OTIS Servizi S.r.l. OTIS SERVIZI Srl. Sede Legale in Cassina de Pecchi (MI) Via Roma n. 108

Modello organizzativo 231 OTIS Servizi S.r.l. OTIS SERVIZI Srl. Sede Legale in Cassina de Pecchi (MI) Via Roma n. 108 OTIS SERVIZI Srl Sede Legale in Cassina de Pecchi (MI) Via Roma n. 108 MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO ai sensi del Decreto Legislativo 8 giugno 2001, n. 231 sulla Responsabilità Amministrativa

Dettagli

Matteo Colombo Esperto in materia di Privacy e D.Lgs. 231/2001, Amministratore Delegato di Labor Project

Matteo Colombo Esperto in materia di Privacy e D.Lgs. 231/2001, Amministratore Delegato di Labor Project Matteo Colombo Esperto in materia di Privacy e D.Lgs. 231/2001, Amministratore Delegato di Labor Project IL MANUALE È AD USO ESCLUSIVO DEI CORSISTI: NE È VIETATA LA RIPRODUZIONE 1 Il D.Lgs. 231/01 Il D.Lgs.

Dettagli

Introduzione al D.lgs 231/2001

Introduzione al D.lgs 231/2001 1. IL DECRETO LEGISLATIVO 8 GIUGNO 2001 N. 231 1.1. LA RESPONSABILITÀ AMMINISTRATIVA DEGLI ENTI Il D. Lgs. 8 giugno 2001, n. 231, che reca la Disciplina della responsabilità amministrativa delle persone

Dettagli

ALLEGATO 1. SCHEDA EVIDENZA Rischio Reati ex D. Lgs. 231/2001

ALLEGATO 1. SCHEDA EVIDENZA Rischio Reati ex D. Lgs. 231/2001 ALLEGATO 1 SCHEDA EVIDENZA Rischio Reati ex D. Lgs. 231/2001 Funzione aziendale: Periodo : All Organismo di Vigilanza di Equitalia Servizi S.p.A. Premesso che: Equitalia Servizi S.p.A. ha predisposto il

Dettagli

REATI NEI RAPPORTI CON LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

REATI NEI RAPPORTI CON LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE ALLEGATO 2 REATI NEI RAPPORTI CON LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE 1) CORRUZIONE La corruzione consiste in un accordo tra un privato ed un pubblico ufficiale o un incaricato di pubblico servizio mediante il

Dettagli

Indice SEZIONE PRIMA...3 PREMESSA...3. I Soggetti...4. I Reati...5. Le Sanzioni...6 ADOZIONE DEI MODELLI DI ORGANIZZAZIONE E DI GESTIONE...

Indice SEZIONE PRIMA...3 PREMESSA...3. I Soggetti...4. I Reati...5. Le Sanzioni...6 ADOZIONE DEI MODELLI DI ORGANIZZAZIONE E DI GESTIONE... MODELLO ORGANIZZATIVO D. Lgs. 231/2001 Data emissione: Luglio 2006 Indice SEZIONE PRIMA...3 PREMESSA...3 I Soggetti...4 I Reati...5 Le Sanzioni...6 ADOZIONE DEI MODELLI DI ORGANIZZAZIONE E DI GESTIONE...8

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 231/01 e s.m.i. Compliance aziendale, responsabilità d'impresa, analisi del rischio e Modelli di Organizzazione e Gestione

DECRETO LEGISLATIVO 231/01 e s.m.i. Compliance aziendale, responsabilità d'impresa, analisi del rischio e Modelli di Organizzazione e Gestione ANDREA MENEGOTTO DECRETO LEGISLATIVO 231/01 e s.m.i. Compliance aziendale, responsabilità d'impresa, analisi del rischio e Modelli di Organizzazione e Gestione Rev. 00 novembre 2012 Il decreto legislativo

Dettagli

RESPONSABILITA AMMINISTRATIVA DEGLI ENTI ex D.lgs. 231/01

RESPONSABILITA AMMINISTRATIVA DEGLI ENTI ex D.lgs. 231/01 RESPONSABILITA AMMINISTRATIVA DEGLI ENTI ex D.lgs. 231/01 MODELLO DI ORGANIZZAZIONE GESTIONE E CONTROLLO Allegato II MANUALE DEI RISCHI E DEI CONTROLLI INDICE PREMESSA... 3 1. UNITÀ ORGANIZZATIVE AZIENDALI...

Dettagli

1/2 (e non può comunque essere superiore ad Euro 103.291,38)

1/2 (e non può comunque essere superiore ad Euro 103.291,38) FAQ sul MOG 1. Che cos è il D. Lgs. 231/2001? Il D. Lgs. 231/2001 entrato in vigore il 4 luglio 2001, individua le disposizioni normative concernenti la disciplina della responsabilità amministrativa delle

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex Dlgs 231/2001 20 dicembre 2010

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex Dlgs 231/2001 20 dicembre 2010 ALLEGATO A. A.1 contro la Pubblica Amministrazione (artt. 24 e 25 del Dlgs 231/2001)... 2 A.2 societari (art. 25 ter del Dlgs 231/2001)... 3 A.3 Legenda altri reati previsti dal Dlgs 231/2001... 9 1 A.1

Dettagli

CEAM S.r.l. Sede Legale in Calderara di Reno (BO) Via Pradazzo 4/2 ALLEGATO 1 ELENCO REATI PRESUPPOSTO

CEAM S.r.l. Sede Legale in Calderara di Reno (BO) Via Pradazzo 4/2 ALLEGATO 1 ELENCO REATI PRESUPPOSTO CEAM S.r.l. Sede Legale in Calderara di Reno (BO) Via Pradazzo 4/2 ALLEGATO 1 ELENCO REATI PRESUPPOSTO MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO ai sensi del Decreto Legislativo 8 giugno 2001, n.

Dettagli

PARTE SPECIALE 3 Altri reati

PARTE SPECIALE 3 Altri reati MODELLO ORGANIZZATIVO ai sensi del D.Lgs. 231/2001 PAGINA 1 DI 13 - SOMMARIO 1. TIPOLOGIA DI REATI... 3 1.1 DELITTI CONTRO LA PERSONALITA INDIVIDUALE... 3 1.2 SICUREZZA SUL LAVORO... 3 1.3 RICETTAZIONE,

Dettagli

BREVE SINTESI DEL MOGC

BREVE SINTESI DEL MOGC BREVE SINTESI DEL MOGC 1. Il d.lgs. 231/01 Con il decreto legislativo 231 del 2001 è stata introdotta la responsabilità amministrativa degli enti in conseguenza di reati commessi o tentati, da soggetti

Dettagli

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE GESTIONE E CONTROLLO

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE GESTIONE E CONTROLLO MODELLO DI ORGANIZZAZIONE GESTIONE E CONTROLLO D. LGS. 231/2001 Il presente Modello è stato approvato dall Assemblea dei Soci di Pessina Tubi S.p.A. in data 05/06/2014. Pagina 2 di (172) SOMMARIO SOMMARIO...3

Dettagli

Elenco dei Reati ex D. Lgs. 231/2001

Elenco dei Reati ex D. Lgs. 231/2001 Elenco dei Reati ex D. Lgs. 231/2001 di Chiara Assicurazioni Versione del: Settembre 2012 Approvata dall OdV del: 18/09/2012 Approvata dal CdA del: 24/09/2012 Pag. 1 Elenco Reati Versione del Settembre

Dettagli

CHECK LIST della società AMIU S.P.A. (allegato C del Modello Organizzativo)

CHECK LIST della società AMIU S.P.A. (allegato C del Modello Organizzativo) CHECK LIST della società AMIU S.P.A. (allegato C del Modello Organizzativo) 1. REATI SOCIETARI 2. REATI CONTRO LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE 3. REATI SOCIETARI E FALSE COMUNICAZIONI SOCIALI 4. REATI AMBIENTALI

Dettagli

La responsabilità amministrativa delle persone giuridiche: i Modelli Organizzativi ex D. Lgs. 231/01

La responsabilità amministrativa delle persone giuridiche: i Modelli Organizzativi ex D. Lgs. 231/01 La responsabilità amministrativa delle persone giuridiche: i Modelli Organizzativi ex D. Lgs. 231/01 Studio Legale avv. Paolo Savoldi Bergamo, Via G. Verdi 14 Oggetto del Decreto 231/01 Il Decreto 231/01

Dettagli

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO EX D.LGS 231/2001

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO EX D.LGS 231/2001 MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO EX D.LGS 231/2001 1. PREMESSA Il D.Lgs. 8 giugno 2001 n. 231 ( D.Lgs.231/01 ), recante la Disciplina della responsabilità amministrativa delle persone giuridiche,

Dettagli

Modello Organizzativo D.Lgs. 231/01 COM METODI S.p.A.

Modello Organizzativo D.Lgs. 231/01 COM METODI S.p.A. Modello Organizzativo D.Lgs. 231/01 COM METODI S.p.A. PARTE GENERALE e ORGANISMO di VIGILANZA 3 Adeguamento ed aggiornamento del Modello adottato dal Consiglio di Amministrazione con delibera del 21 gennaio

Dettagli

Modello di Organizzazione Gestione e Controllo. ai sensi del D. Lgs. 231/2001

Modello di Organizzazione Gestione e Controllo. ai sensi del D. Lgs. 231/2001 Modello di Organizzazione Gestione e Controllo ai sensi del D. Lgs. 231/2001 1 Le origini del decreto 1977 (USA): Foreign Corrupt Practices Act 1995 (UE): Convenzione sulla tutela finanziaria delle Comunità

Dettagli

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO EX D.LGS. 231/2001

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO EX D.LGS. 231/2001 MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO EX D.LGS. 231/2001 Approvato dal Consiglio di Amministrazione il 22 ottobre 2007 ed aggiornato da ultimo il 22 aprile 2013 INDICE PARTE GENERALE... 5 PREMESSA...

Dettagli

Spencer Stuart Italia S.r.l. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO EX DECRETO LEGISLATIVO 8 GIUGNO 2001, N. 231

Spencer Stuart Italia S.r.l. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO EX DECRETO LEGISLATIVO 8 GIUGNO 2001, N. 231 Spencer Stuart Italia S.r.l. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO EX DECRETO LEGISLATIVO 8 GIUGNO 2001, N. 231 Pag. 1 di 213 20/06/2014 INDICE DEFINIZIONI... 6 PREMESSA... 9 PARTE GENERALE...

Dettagli

DELITTI CONTRO L INDUSTRIA ED IL COMMERCIO MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO. CONSIP S.P.A. a socio unico ***** PARTE SPECIALE K

DELITTI CONTRO L INDUSTRIA ED IL COMMERCIO MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO. CONSIP S.P.A. a socio unico ***** PARTE SPECIALE K MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO AI SENSI DEL D. LGS. 231/2001 DI CONSIP S.P.A. a socio unico ***** PARTE SPECIALE K DELITTI CONTRO L INDUSTRIA ED IL COMMERCIO 1 IL RISCHIO SPECIFICO DEI

Dettagli

ELENCO DEI REATI PREVISTI DAL D.LGS. 231/2001 E SS.MM.II. (aggiornato al 26 ottobre 2011)

ELENCO DEI REATI PREVISTI DAL D.LGS. 231/2001 E SS.MM.II. (aggiornato al 26 ottobre 2011) ELENCO DEI REATI PREVISTI DAL D.LGS. 231/2001 E SS.MM.II. (aggiornato al 26 ottobre 2011) Reati commessi nei rapporti con la Pubblica Amministrazione (art. 24, D.Lgs. 231/01) Malversazione a danno dello

Dettagli

Elenco dei Reati ex D. Lgs. 231/2001

Elenco dei Reati ex D. Lgs. 231/2001 Elenco dei Reati ex D. Lgs. 231/2001 Versione del: Ottobre 2015 Approvata dall OdV del: 5 novembre 2015 Approvata dal CdA del: 5 novembre 2015 1 di 57 INDICE 1. I REATI PRESUPPOSTO... 3 1.1. ARTICOLO 24

Dettagli

LIBRO SECONDO. Dei delitti in particolare TITOLO III. Dei delitti contro l'amministrazione della giustizia CAPO III

LIBRO SECONDO. Dei delitti in particolare TITOLO III. Dei delitti contro l'amministrazione della giustizia CAPO III LIBRO SECONDO Dei delitti in particolare TITOLO III Dei delitti contro l'amministrazione della giustizia CAPO III Della tutela arbitraria delle private ragioni Articolo 392 Esercizio arbitrario delle proprie

Dettagli

ALLEGATO A ELENCO REATI PRESUPPOSTO DELLA RESPONSABILITA AMMINISTRATIVA DELLE SOCIETA E DEGLI ENTI EX D.

ALLEGATO A ELENCO REATI PRESUPPOSTO DELLA RESPONSABILITA AMMINISTRATIVA DELLE SOCIETA E DEGLI ENTI EX D. ALLEGATO A ELENCO REATI PRESUPPOSTO DELLA RESPONSABILITA AMMINISTRATIVA DELLE SOCIETA E DEGLI ENTI EX D. Lgs. 231/2001 1 INDICE Art. 24 Reati contro il patrimonio della Pubblica Amministrazione... 5 Truffa

Dettagli

Riferimento PRO-MIR-011 IT Rev.1 Pag.1 de 50. Modello Organizzativo ai sensi del Dlgs 231/01 PARTE SPECIALE ÍNDICE

Riferimento PRO-MIR-011 IT Rev.1 Pag.1 de 50. Modello Organizzativo ai sensi del Dlgs 231/01 PARTE SPECIALE ÍNDICE Riferimento PRO-MIR-011 IT Rev.1 Pag.1 de 50 PARTE SPECIALE INDICE Errore. Il segnalibro non è definito. PARTE SPECIALE Errore. Il segnalibro non è definito. PREMESSA 1 STRUTTURA DELLA PARTE SPECIALE...

Dettagli

INDIVIDUAZIONE E VALUTAZIONE DEI RISCHI

INDIVIDUAZIONE E VALUTAZIONE DEI RISCHI RHRG00 INDIVIDUAZIONE E VALUTAZIONE DEI RISCHI Rev. 01 2014.10.20 Pagine 10 Pagina 1 RHRG00 REVISIONE 01 INDIVIDUAZIONE E VALUTAZIONE DEI RISCHI RAVENNA HOLDING S.P.A. Via Trieste, 90/A - 48122 Ravenna

Dettagli

Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo

Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo Approvazione del CDA del 06/08/2014 Modifiche apportate con CDA del 05/11/2015 UnipolSai Assicurazioni S.p.A. Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo (ai sensi del D.Lgs. 231/2001) Indice PARTE

Dettagli

Elenco dei Reati ex D. Lgs. 231/2001

Elenco dei Reati ex D. Lgs. 231/2001 Elenco dei Reati ex D. Lgs. 231/2001 Versione del: Novembre 2014 Approvata dall OdV del: 27/11/2014 Approvata dal CdA del: 27/11/2014 Pag. 1 Elenco Reati Versione del Novembre 2014 INDICE 1. I REATI PRESUPPOSTO...

Dettagli

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO EX D.LGS. 231/2001

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO EX D.LGS. 231/2001 MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO EX D.LGS. 231/2001 Approvato dal Consiglio di Amministrazione il 9 settembre 2013 INDICE PARTE GENERALE... 5 PREMESSA... 6 1. IL DECRETO LEGISLATIVO n. 231/2001...

Dettagli

BOTTO POALA S.p.A. BOTTO POALA S.P.A.

BOTTO POALA S.p.A. BOTTO POALA S.P.A. Pagina 1 di 9 BOTTO POALA S.P.A. ELENCO DEI REATI-PRESUPPOSTO DELLA RESPONSABILITÀ AMMINISTRATIVA DEGLI ENTI EX D.LGS. N. 231/2001 AGGIORNATO ALLA GAZZETTA UFFICIALE DEL 26 OTTOBRE 2011 approvato dal C.D.A.

Dettagli

SERAM SpA - PROTOCOLLO N.4 RAPPORTI CON LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE GENNAIO 2013

SERAM SpA - PROTOCOLLO N.4 RAPPORTI CON LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE GENNAIO 2013 Attività sensibile: ADEMPIMENTI CONNESSI AL RISPETTO DELL AMBIENTE, DELLA SALUTE E DELLA SICUREZZA SUI LUOGHI DI LAVORO. Nota sul contenuto: Complesso delle attività volte a garantire il pieno rispetto

Dettagli

Modello Organizzativo ex D.Lgs. 231/01 Cesve Servizi Informatici Bancari S.p.A. Consortile

Modello Organizzativo ex D.Lgs. 231/01 Cesve Servizi Informatici Bancari S.p.A. Consortile Modello Organizzativo ex D.Lgs. 231/01 Cesve Servizi Informatici Bancari S.p.A. Consortile Doc_Dlgs 231 Modello Organizzativo pag. 1 di 14 v1.0 del 24.04.2012 Sommario 1. Scopo del documento... 3 2. Ambito

Dettagli

Elenco dei Reati ex D. Lgs. 231/2001

Elenco dei Reati ex D. Lgs. 231/2001 Elenco dei Reati ex D. Lgs. 231/2001 Versione del: Maggio 2015 Approvata dall OdV del: 06/5/2015 Approvata dal CdA del: 07/5/2015 Pag. 1 Elenco Reati Versione del Maggio 2015 INDICE 1. I REATI PRESUPPOSTO...

Dettagli

ALLEGATO A ANALISI DEI RISCHI REATO

ALLEGATO A ANALISI DEI RISCHI REATO C P ALLEGATO A ANALISI DEI RISCHI REATO Ai sensi della legge 190 /2102 e degli art. 24 e 25 del d. lgs31/2001 CP Ticino Malpensa Revisione 03 del 18/11 2014 ANALISI DEI RISCHI REATO CP Ticino Malpensa

Dettagli

CARPANEDA & ASSOCIATI. Il ruolo del modello organizzativo e gestionale ex 231 nelle società di factoring. Michele Carpaneda 16 maggio 2006

CARPANEDA & ASSOCIATI. Il ruolo del modello organizzativo e gestionale ex 231 nelle società di factoring. Michele Carpaneda 16 maggio 2006 Il ruolo del modello organizzativo e gestionale ex 231 nelle società di factoring Michele Carpaneda 16 maggio 2006 Corporate Governance La Corporate Governance è l insieme dei processi per indirizzare

Dettagli

Parte generale - Allegato A. Allegato A - Fattispecie di reato previste dal D. Lgs. 231/01 e modalità di commissione

Parte generale - Allegato A. Allegato A - Fattispecie di reato previste dal D. Lgs. 231/01 e modalità di commissione Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D.Lgs. 231/01 Parte generale - Allegato A Fattispecie di reato previste dal D. Lgs. 231/01 e modalità di commissione 1 dicembre 2014 (rev. 1) Speziarisorse

Dettagli

L.E.G.O. Legatoria Editoriale Giovanni Olivotto S.p.A. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO EX DECRETO LEGISLATIVO 8 GIUGNO 2001, N.

L.E.G.O. Legatoria Editoriale Giovanni Olivotto S.p.A. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO EX DECRETO LEGISLATIVO 8 GIUGNO 2001, N. L.E.G.O. Legatoria Editoriale Giovanni Olivotto S.p.A. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO EX DECRETO LEGISLATIVO 8 GIUGNO 2001, N. 231 Pag. 1 di 244 07/10/2014 INDICE DEFINIZIONI... 6 PREMESSA...

Dettagli

IREN S.p.A. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO AI SENSI DEL DECRETO LEGISLATIVO 8 GIUGNO 2001, N. 231

IREN S.p.A. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO AI SENSI DEL DECRETO LEGISLATIVO 8 GIUGNO 2001, N. 231 Modello di organizzazione, gestione e controllo ex D.Lgs. n. 231/2001 IREN S.p.A. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO AI SENSI DEL DECRETO LEGISLATIVO 8 GIUGNO 2001, N. 231 Revisione Approvazione

Dettagli

I Compendi Superiori. diretti da Roberto GAROFOLI

I Compendi Superiori. diretti da Roberto GAROFOLI I Compendi Superiori diretti da Roberto GAROFOLI propone: I COMPENDI SUPERIORI : DIRITTO CIVILE DIRITTO PENALE PARTE GENERALE DIRITTO PENALE PARTE SPECIALE DIRITTO AMMINISTRATIVO Roberto GAROFOLI DIRITTO

Dettagli

PARTE SPECIALE Sezione IV. Reati contro industria e commercio

PARTE SPECIALE Sezione IV. Reati contro industria e commercio PARTE SPECIALE Sezione IV Reati contro industria e commercio PARTE SPECIALE Sezione IV Sommario 1.Le fattispecie di Reati Presupposto (Artic 25 bis 1 D lgs 231/01)... 3 2.Processi Sensibili... 5 3.Regole

Dettagli

Parte speciale Reati informatici

Parte speciale Reati informatici Parte speciale Reati informatici Modello di organizzazione, gestione e controllo ex D.Lgs 231/2001 L Amministratore delegato APPROVAZIONE Il Presidente del CdA STATO DEL DOCUMENTO Redazione Revisione Modifica

Dettagli

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE GESTIONE E CONTROLLO ai sensi del Decreto Legislativo dell 8 giugno 2001 n. 231 (approvato dal CdA in data 17 marzo 2010)

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE GESTIONE E CONTROLLO ai sensi del Decreto Legislativo dell 8 giugno 2001 n. 231 (approvato dal CdA in data 17 marzo 2010) MODELLO DI ORGANIZZAZIONE GESTIONE E CONTROLLO ai sensi del Decreto Legislativo dell 8 giugno 2001 n. 231 (approvato dal CdA in data 17 marzo 2010) PARTE GENERALE Modello di organizzazione, gestione e

Dettagli

Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo Parte Generale MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO PARTE GENERALE

Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo Parte Generale MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO PARTE GENERALE Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo Parte Generale MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO PARTE GENERALE Mod. DV13A Ed. 12/2012 Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo Parte

Dettagli

SALVI SAPONARA & ASSOCIATI

SALVI SAPONARA & ASSOCIATI Via Tibullo 10-00193 Roma Tel (+39) o6 97996050 Fax (+39) 06 97996056 D.lgs 231/01 e responsabilità amministrativa (penale) delle società. Sostanziale obbligo di adozione di specifici modelli organizzativi

Dettagli

Elenco dei Reati ex D. Lgs. 231/2001

Elenco dei Reati ex D. Lgs. 231/2001 Elenco dei Reati ex D. Lgs. 231/2001 Versione del: Aprile 2015 Approvata dall OdV del: 23/4/2015 Approvata dal CdA del: 07/5/2015 Pag. 1 Elenco Reati Versione dell Aprile 2015 INDICE 1. I REATI PRESUPPOSTO...

Dettagli

Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ai sensi del D. Lgs. n. 231 del 8/6/2001. Allegato 1 I reati previsti dal D. Lgs. n.

Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ai sensi del D. Lgs. n. 231 del 8/6/2001. Allegato 1 I reati previsti dal D. Lgs. n. Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ai sensi del D. Lgs. n. 231 del 8/6/2001 Allegato 1 I reati previsti dal D. Lgs. n. 231/2001 Edizione settembre 2015 INDICE 1. REATI CONTRO LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE...

Dettagli

RESPONSABILITÀ DI IMPRESA (D.L. 231/01) E PRIVACY AREA LAZIO E AREA MARCHE

RESPONSABILITÀ DI IMPRESA (D.L. 231/01) E PRIVACY AREA LAZIO E AREA MARCHE RESPONSABILITÀ DI IMPRESA (D.L. 231/01) E PRIVACY AREA LAZIO E AREA MARCHE D&D srl offre servizi di consulenza per la responsabilità d impresa (D. Lgs. n. 231/01) e la privacy agli Enti, alle PMI e alle

Dettagli

Linee Guida. per l adozione, l implementazione e l attuazione del Modello di organizzazione, gestione e controllo

Linee Guida. per l adozione, l implementazione e l attuazione del Modello di organizzazione, gestione e controllo Linee Guida per l adozione, l implementazione e l attuazione del Modello di organizzazione, gestione e controllo Ai sensi dell art. 6, 3 comma, del Decreto Legislativo 8 giugno 2001, n. 231 «Disciplina

Dettagli

Modello di Organizzazione egestione (D. Lgs.n. 231/2001) Approvato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 25-10-2013 PARTE SPECIALE

Modello di Organizzazione egestione (D. Lgs.n. 231/2001) Approvato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 25-10-2013 PARTE SPECIALE Modello di Organizzazione egestione (D. Lgs.n. 231/2001) Approvato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 25-10-2013 PARTE SPECIALE EMILIA ROMAGNA FACTOR S.p.A. Abbreviato: EMIL-RO FACTOR S.p.A.

Dettagli

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO D. LGS. 231/2001

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO D. LGS. 231/2001 SASOL ITALY S.P.A. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO D. LGS. 231/2001 PARTE GENERALE TESTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI SASOL ITALY S.P.A. NELLA SEDUTA DEL 24 SETTEMBRE 2013

Dettagli

BULGARI ITALIA S.p.A.

BULGARI ITALIA S.p.A. BULGARI ITALIA S.p.A. CODICE DI COMPORTAMENTO ai fini del Modello di Organizzazione, gestione e controllo ex D.lgs. 231/01 Bulgari Italia S.p.A. Codice di comportamento ex D.Lgs. 231/2001 INDICE 1. PREMESSA:

Dettagli

Codice Etico e di comportamento aziendale

Codice Etico e di comportamento aziendale Codice Etico e di comportamento aziendale 2 Codice Etico > Indice Indice Premessa Principi generali Destinatari Valore contrattuale 1. Comportamento negli affari 1.1 Regali od altre utilità 1.2 Donazioni

Dettagli

ENTE AUTONOMO PER LE FIERE DI VERONA

ENTE AUTONOMO PER LE FIERE DI VERONA ENTE AUTONOMO PER LE FIERE DI VERONA MODELLO DI ORGANIZZAZIONE E DI GESTIONE A i s e n s i d e l D. L g s. 8 g i u g n o 2 0 0 1 n. 2 3 1 e s u c c e s s i v e m o d i f i c h e e i n t e g r a z i o n

Dettagli

Codice Etico e di Condotta

Codice Etico e di Condotta ABIOGEN PHARMA S.P.A. CODICE ETICO E DI CONDOTTA Revisione n 2 Versione n 3 1 Premessa Il presente Codice Etico e di condotta ( Codice Etico ) è stato approvato nella sua prima versione - dal Consiglio

Dettagli

IL PROGRAMMA 2016. MODULO I - I PRINCIPI GENERALI DEL DIRITTO PENALE DELL IMPRESA 1 22 gennaio 2016-15.00-19.00

IL PROGRAMMA 2016. MODULO I - I PRINCIPI GENERALI DEL DIRITTO PENALE DELL IMPRESA 1 22 gennaio 2016-15.00-19.00 IL PROGRAMMA 2016 MODULO I - I PRINCIPI GENERALI DEL DIRITTO PENALE DELL IMPRESA 1 22 gennaio 2016-15.00-19.00 Il diritto penale dell impresa nell evoluzione legislativa e giurisprudenziale: le norme e

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo

Modello di organizzazione, gestione e controllo Modello di organizzazione, gestione e controllo Decreto legislativo 8 giugno 2001 n. 231 SINTESI principi e regole del sistema del Modello di organizzazione e gestione Le ragioni di adozione del modello

Dettagli

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE GESTIONE E CONTROLLO ai sensi del D.lgs. 8 giugno 2001 n. 231

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE GESTIONE E CONTROLLO ai sensi del D.lgs. 8 giugno 2001 n. 231 MODELLO DI ORGANIZZAZIONE GESTIONE E CONTROLLO ai sensi del D.lgs. 8 giugno 2001 n. 231 Elenco delle Funzioni aziendali coinvolte nelle Attività Sensibili di Fujitsu Technology Solutions S.p.A. Vers. 2.0

Dettagli

Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo

Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo Approvazione del CDA del 06/08/2014 Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo (ai sensi del D.Lgs. 231/2001) Indice PARTE GENERALE... 3 1 INTRODUZIONE... 4 1.1 DEFINIZIONI... 4 1.2 IL DECRETO LEGISLATIVO

Dettagli

VALUTAZIONE DEL RISCHIO AI SENSI D.Lgs. 231 del 2001

VALUTAZIONE DEL RISCHIO AI SENSI D.Lgs. 231 del 2001 VALUTAZIONE DEL RISCHIO AI SENSI D.Lgs. 231 del 2001 INDICE 1 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE...3 1.1 PREMESSA... 3 1.2 SCOPO... 3 1.3 CAMPO DI APPLICAZIONE... 3 2 METODOLOGIA DI ANALISI DEL RISCHIO DI REATO...4

Dettagli

NADIREX INTERNATIONAL SRL

NADIREX INTERNATIONAL SRL MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO NADIREX INTERNATIONAL SRL AI SENSI DEL D. LGS. N. 231 DEL 2001 INDICE CAPITOLO I -PARTE GENERALE: IL D. LGS. N. 231 DEL 2001 1.1. Il regime di responsabilità

Dettagli

Modello di organizzazione e di gestione ex Decreto Legislativo 8 giugno 2001, n. 231

Modello di organizzazione e di gestione ex Decreto Legislativo 8 giugno 2001, n. 231 Modello di organizzazione e di gestione ex Decreto Legislativo 8 giugno 2001, n. PARTE SPECIALE (definizione degli illeciti e mappatura delle attività sensibili) (Adottato con deliberazione del Consiglio

Dettagli

Modello di Organizzazione Gestione e Controllo ai sensi del Decreto Legislativo 8 giugno 2001, N. 231

Modello di Organizzazione Gestione e Controllo ai sensi del Decreto Legislativo 8 giugno 2001, N. 231 Modello di Organizzazione Gestione e Controllo ai sensi del Decreto Legislativo 8 giugno 2001, N. 231 Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo approvato dal Consiglio di Amministrazione di Ansaldo

Dettagli