Giordano Biserni [2007] OSSERVATORIO NAZIONALE AMBIENTE E TRAUMI (ONAT)

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Giordano Biserni [2007] OSSERVATORIO NAZIONALE AMBIENTE E TRAUMI (ONAT) www.iss.it/stra"

Transcript

1 ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ DIPARTIMENTO AMBIENTE E CONNESSA PREVENZIONE PRIMARIA REPARTO AMBIENTE E TRAUMI OSSERVATORIO NAZIONALE AMBIENTE E TRAUMI (ONAT) Giordano Biserni I moderni dispositivi delle Forze di Polizia per il controllo delle infrazioni al Codice della Strada. La tecnologia nel contrasto alle violazioni può bastare? [2007] Pubblicato in Salute e Sicurezza Stradale: l'onda Lunga del Trauma, a cura di Franco Taggi e Pietro Marturano, C.A.F.I. Editore, Roma, 2007, pp L ONAT/ISS ringrazia C.A.F.I. Editore (www.cafieditore.com) che ha generosamente messo a disposizione il presente articolo per una sua maggiore diffusione ai fini della ricerca e della prevenzione. Il contenuto di questa pubblicazione può essere utilizzato citando la fonte nel modo seguente: Giordano Biserni, I moderni dispositivi delle Forze di Polizia per il controllo delle infrazioni al Codice della Strada. La tecnologia nel contrasto alle violazioni può bastare?, in Salute e Sicurezza Stradale: l'onda Lunga del Trauma, a cura di Franco Taggi e Pietro Marturano, C.A.F.I. Editore, Roma, 2007, pp

2 ...PRIMA I moderni dispositivi delle forze di polizia per il controllo delle infrazioni al CdS La tecnologia nel contrasto alle violazioni può bastare? di Giordano Biserni Premessa La tecnologia da quella più elementare a quella più fine, si sa, costituisce da secoli il barometro del progresso dell uomo, questo vale anche per la mobilità. Il primo più grande e insuperato risultato, in direzione di un vero salto di qualità nella capacità di muoversi dell essere umano, è stata l invenzione della ruota, che ha accelerato in modo impensabile la sua vocazione alla mobilità in senso orizzontale prima col traino animale e umano, poi - molto dopo - col motore. Con la ruota, l uomo ha scoperto anche l ebbrezza, oltre che l utilità, della velocità. Subito ha trovato il modo di sfidarsi, di scaricare la sua adrenalina nell emozione della vittoria, catalizzatore di prestigio. Le corse con le bighe trainate dai cavalli bianchi e neri nel circuito costruito sulla polvere nel film Ben Hur, rimangono il più appassionante ed emozionante esempio della capacità attrattiva della velocità orizzontale per l uomo nella veste di protagonista o di semplice spettatore. I Ben Hur di oggi guidano Ferrari o Yamaha si chiamano Schumacher o Valentino Rossi. E cambiata la pista, ovviamente i cavalli sono d acciaio, ma l adrenalina e l emozione sono circa le stesse. Con il progredire della velocità è aumentato anche parallelamente il fattore di rischio ad essa collegato. Ed ecco che è emersa la necessità di limitare, con legge, la velocità in talune condizioni. I romani stabilirono già delle regole alla circolazione nell area dell Urbe, regole che nel tempo sono diventate sempre più puntuali e limitative. Veniamo ai tempo moderni. Si pensi a quale ruolo riveste oggi l elettronica per sviluppare potenza e quindi velocità nei veicoli, la stessa elettronica l uomo l ha anche sviluppata per misurare e sanzionare gli eccessi nella velocità. Stranamente così come l uomo ha molta confidenza con la velocità orizzontale e diffida fin dalla nascita di quella verticale (chi si butterebbe da un terzo piano se non per ammazzarsi? Eppure la velocità d impatto è uguale ad uno scontro a 50 km/h contro una pianta), così sviluppa un amichevole sentimento di fiducia su tutto ciò che l elettronica gli può offrire per far girare e ruggire meglio il motore alloggiato sotto il cofano della sua macchina. Nello stesso tempo diffida di tutti gli strumenti, che con lo stesso ausilio, cioè l elettronica - si chiamino Autovelox, Telelaser, Tutor o Provida vanno a verificare e controllare 85

3 Salute e sicurezza stradale: l onda lunga del trauma le capacità performanti del suo mezzo a due o quattro ruote. La prima è un elettronica amica e positiva, la seconda è sentita nemica e negativa. Da sempre il progresso tecnologico è servito per migliorare la qualità della vita, ma anche per violare la norma e commettere reati. Un esempio: l utilità del bancomat, che ci permette di girare con sempre meno denaro in tasca proprio grazie all elettronica. Ma la stessa tecnologia permette ad alcuni soggetti criminali di alto profilo di carpire, utilizzando la stessa scienza, codici e password e quindi compiere reati. Grazie ancora all elettronica la polizia riesce spesso ad intercettare l azione criminosa mandando i tecnici a riflettere in galera. In piccolo accade lo stesso sulla strada. L elettronica ha migliorato le qualità prestazionali del veicolo, ma nel contempo offre enormi possibilità di violare le regole della circolazione. La stessa elettronica è utilizzata dalle forze di polizia per accertare le violazioni. Ma è poi utilizzata anche dai costruttori di apparecchiature anti autovelox per la segnalazione dei rilevatori elettronici della velocità, i cosiddetti Radar Detector. Il ruolo della tecnologia al fianco delle forze dell ordine Fatta questa ampia premessa torniamo all argomento che dà il titolo a questa riflessione. La tecnologia al servizio delle forze dell ordine per il contrasto delle violazioni al codice della strada serve? Da quali strumenti principali è costituita? Deve affiancare l operatore di polizia o ne deve diventare il sostanziale e progressivo sostituto? Alla prima domanda rispondiamo subito di sì. La tecnologia serve eccome. Però non può diventare metodo quasi esclusivo per la rilevazione di alcune infrazioni, in particolare quelle relative alla velocità per la rilevazione delle quali esiste un ampio ventaglio di moderne ed efficaci apparecchiature. Ma non è la sola norma di comportamento che, violata, alza la soglia del rischio. Si pensi alla mancata distanza di sicurezza, al sorpasso, al mancato rispetto di uno stop o di una precedenza. Vediamo però prima qual è il rapporto quantitativo della divisa con il sistema mobilità del nostro Paese. E noto che in generale la proporzione fra forze dell ordine e abitanti in Italia è piuttosto elevata, questo in generale. Si tratta di vedere la quantità delle forze di polizia dedicate al sistema di controllo delle strade. Qui si deve subito dire che la grande eterogeneità fra polizie dello Stato e locali, ancora oggi impedisce un reale coordinamento capace di evitare inutili sovrapposizioni e doppioni nei controlli di alcune strade e vuoti assolutamente ingiustificati e rischiosi nei controlli di altre. Quella del reale coordinamento delle forze di polizia è una pagina che si è fermata ai titoli del capitolo, ma non segue ancora la stesura del testo. Se andiamo ad analizzare da vicino l organismo deputato dal codice della strada in via principale ai servizi di polizia stradale cioè la Polstrada, specialità della Polizia di Stato istituzione che l estensore di questo articolo conosce meglio per avervi militato per 30 anni traiamo qualche utile elemento di riflessione. 86

4 ...PRIMA L organico e il numero delle pattuglie della Polizia Stradale Secondo i decreti del 1989, sugli organici dei vari settori della Polizia di Stato, la Specialità Polizia Stradale dovrebbe avere un organico complessivo di circa fra agenti, sovrintendenti, ispettori e funzionari direttivi. Fino al 2003/2004, l organico ricoperto sfiorava le unità. Secondo alcune indicazioni, a causa dei pensionamenti e della mancata sostituzione del personale, lo scarto di circa unità fra organico previsto (già insufficiente) e quello effettivo dovrebbe essersi ulteriormente ampliato. Il testo Polizia Stradale cinquant anni distribuito dal Ministero dell Interno nel 1997 in occasione dei primi 50 anni di vita della Specialità, riporta i seguenti dati: Nel 1960 la forza effettiva era di unità che effettuavano pattuglie in un anno. (Nota: Vi erano diversi e ben più lunghi orari di servizio settimanale. Si facevano, fino a metà degli anni 70, anche turni di 24 ore di pronto impiego. Oggi assolutamente inverosimili. Nel 1960 circolavano 3-4 milioni di veicoli). Nel 1970 la forza effettiva era di unità che effettuavano pattuglie in un anno. Nel 1980 la forza effettiva era di unità che effettuavano pattuglie in un anno. Nel 1990 la forza effettiva era di unità che effettuavano pattuglie in un anno. Nel 1996 la forza effettiva era di unità che effettuavano pattuglie in un anno. Stiamo parlando però di anni in cui il parco veicoli superava i 30 milioni di mezzi, di cui oltre 20/25 milioni di auto. Secondo i dati distribuiti in occasione delle varie Feste della Polizia nel 2001 la Polizia Stradale ha effettuato pattuglie, nel 2002 le pattuglie sono state , nel 2004 ne sono state indicate Nel 2005 secondo i dati rilevabili dal sito le pattuglie della Polizia Stradale sono state complessivamente , di cui nella rete autostradale. Nel 2006 sono state in totale di cui in autostrada (44%). In pratica una media di pattuglie al giorno, divise in 4 turni. Il che vuol dire che ce ne sono mediamente (più di giorno e meno di notte) 350 ogni turno. Veramente poche se si considera che sono distribuite nei km di autostrade e oltre km di statali e strade principali. E quindi evidente che in un quadro complessivo di questa portata il supporto dei dispositivi tecnici per fronteggiare i comportamenti a rischio della strada non è solo utile ma indispensabile, anche in considerazione di un sistema, giustamente, molto garantista che richiede elementi probanti sempre più credibili. Anche se - va detto - nel nostro Paese i professionisti del ricorso i ricercatori del cavillo perduto, spesso trovano un attenzione meritevole di miglior causa, 87

5 Salute e sicurezza stradale: l onda lunga del trauma demolendo davanti ai giudici, in particolare quelli di pace, gli elementi probanti offerti dalle moderne strumentazioni. Sembra quasi che per molti conducenti sia meglio pagare somme significative al professionista difensore che allo Stato. Probabilmente la possibile perdita di punti della patente, unico strumento ad elevata efficacia dissuasiva, induce a ricorrere comunque. Ma questa è una storia che da sola meriterebbe lo spazio di un intero testo. Ne parleremo più avanti. Le principali apparecchiature impiegate nei servizi di polizia stradale Ma quali sono, ci chiedevamo, le principali apparecchiature in dotazione alle forze di polizia. Diciamo subito che le più numerose e significative sono quelle deputate al controllo della velocità, la regina di tutte le violazioni. Chi non ha mai superato un limite di velocità urbano o autostradale alzi la mano! L art. 345 del regolamento di esecuzione del Codice della Strada stabilisce che le apparecchiature destinate a controllare l osservanza dei limiti di velocità devono essere costruite in modo da raggiungere detto scopo fissando la velocità del veicolo in un dato momento in modo chiaro ed accertabile, tutelando la riservatezza dell utente. Ne derivano vari sistemi di controllo, tutti omologati, ma con caratteristiche di accertamento diverse. Su questo versante la storia è antica e parte dagli anni 60, iniziata con sistemi radar primordiali, con basi di misurazione costituite da tubi inchiodati trasversalmente sulla strada che attivavano il meccanismo di misurazione attraverso la pressione delle ruote dei veicoli in transito, fino alle modernissime tecnologie di oggi. Tecnologie che in alcuni casi nascono per l accertamento a contestazione immediata - Autovelox con l ausilio di due pattuglie, una accerta e la seconda ferma il veicolo, il Telelaser sistema a puntamento, Provida sistema di registrazione in movimento della velocità al seguito del veicolo controllato. Altri apparecchi rilevatori con l ausilio di fotocamera, con accertamento successivo, in particolare gli Autovelox utilizzati nelle strade e in speciali condizioni che secondo la normativa vigente permettono la contestazione differita, o i Tutor nella rete autostradale. Vediamo succintamente le principali apparecchiature di controllo della velocità. Autovelox Le varie tipologie di Autovelox utilizzano il sistema di rilevamento detto A piccola base. In pratica viene misurato il tempo impiegato dal vicolo a percorrere un piccolo spazio. Con l ausilio di un elaboratore elettronico incorporato, in base al tempo rilevato, l apparecchio è in grado di calcolare istantaneamente le velocità del veicolo (1). Ne esistono diversi modelli sempre più innovativi. E forse lo strumento di misurazione della velocità più utilizzato e conosciuto. 88

6 ...PRIMA Telelaser Strumento di misurazione funzionante con l emissione di un raggio laser puntato sul veicolo del quale si vuole controllare la velocità. Le parti attive del Telelaser sono costituite da un mirino, cui viene puntato il bersaglio, dal display su cui appare la misurazione della velocità, dal diodo integrato da ottica di emissione e ricezione, nonché dal grilletto. (2) Il raggio laser deve rimanere puntato sul veicolo per almeno tre decimi di secondo, che è il tempo necessario ad elaborare il rilevamento. Una volta effettuata la misurazione, la velocità del veicolo viene visualizzata sul display del Telelaser. La portata massima del Telelaser non supera i 1200 metri. Ma solitamente viene utilizzato su distanze decisamente inferiori. Provida PROVIDA 2000 è un dispositivo installato a bordo degli autoveicoli delle Forze di Polizia ed è omologato per la rilevazione della velocità di un veicolo inseguito. La funzionalità del dispositivo è basata su un sistema di telemetria azionato dall operatore che apre e chiude i parametri di tempo/distanza del veicolo inseguito sulla base di punti di riferimento fissi da lui scelti lungo il percorso. Provida 2000 è costituito da una telecamera di elevate prestazioni, dotata di zoom, da un videoregistratore e dalla vera e propria unità di elaborazione che visualizza sia le immagini sia tutti i parametri relativi alla sessione quali data/ora/località/tempo di avvio/fine rilevazione, distanza di inizio/fine rilevazione. Per consentire la completa inoppugnabilità della contestazione tutta la sequenza di inseguimento viene registrata ed eventualmente in caso di contestazione immediata può essere stampato il frame con tutti gli estremi dei dati rilevati. Il dispositivo è stato omologato dal Ministero delle Infrastrutture e Trasporti nel Febbraio del 2001 ed è stato adottato da Polizia Stradale, Carabinieri, Guardia di Finanza, Polizie Municipali per circa 600 unità installate, mentre in tutto il mondo Provida 2000 è in uso alle Forze di Polizia di 40 Paesi. Il distributore italiano è la Sintel Italia che ha tra l altro implementato, utilizzando il flusso video, ulteriori funzioni quali la Trasmissione immagini ed il riconoscimento automatico delle targhe. Tutor Si tratta del più recente e forse meno conosciuto sistema di controllo della velocità. Forniamo per questo alcune utili informazioni Tutor è quel sistema di controllo della velocità media in tratti autostradali di km circa di estensione, brevettato come strumento di contrasto alla velocità da Autostrade per l Italia e gestito, ovviamente, dalla Polizia Stradale. Vediamo come funziona: alcuni sensori, affondati nell asfalto sulla carreggiata, funzionano come fotocellule e rilevano la classe del veicolo che sta passando: camion, autovettura, pullman, moto. A questo punto inviano i dati alla telecamera montata su un portale che riprende il veicolo in movimento e la sua targa. 89

7 Salute e sicurezza stradale: l onda lunga del trauma Registra poi l ora del passaggio e la data. Questi elementi vengono confrontati poi con quelli successivi del portale che riprende e registra il veicolo in uscita dal tratto. Il paragone viene effettuato con la velocità media legale necessaria per compiere il tragitto. Va poi detto che il sistema di controllo Tutor al primo gennaio 2007 copre 435,8 km di carreggiata pari al 7,63% della rete Aspi, in particolare il 42,83% delle tratte con tasso di mortalità elevato, > 1. Nel 2007 è poi prevista l installazione del sistema Tutor sulla Roma - Napoli per un totale di 378 km. L elenco delle installazioni attive: A14 sud Faenza - Forlì - Cesena nord (29,1 km) A13 sud Occhiobello - Ferrara nord (7,2 km) A4 est: Seriate - Grumello (8,6 km) A4 ovest: Ospitaletto - Rovato (5,0 km) A26 sud: Masone - allacciamento A26/A10 (4,2 km) A14 sud e nord: Pescara W - Cerignola E (km 381,7) Quindi i km di carreggiata totali ad oggi sono 435,8. I tratti nei quali il sistema Tutor è stato installato più recentemente, cioè quelli della A26 e della A14 tratto Pescara - Cerignola, si caratterizzano per un tasso di mortalità superiore a 1 (morti ogni 100 milioni di km percorsi) quando il tasso medio di mortalità della rete di Autostrade per l Italia è di 0,62. Le infrazioni complessive Se prendiamo in esame l ultimo periodo con dati conosciuti: 1 settembre - 14 novembre 2006 vediamo che il sistema Tutor è stato attivato per 780 ore complessive (viene attivato per alcune ore al giorno nelle varie tratte), su 34 postazioni. Il numero totale delle violazioni accertate nel periodo preso in esame e stato di Vediamo la tipologia dei mezzi. Nel 70% dei casi si è trattato di autovetture o moto, nel 30% veicoli industriali e appena 40 il numero complessivo di pullman. Per questi ultimi tipi di veicoli si è trattato ovviamente del superamento dei limiti previsti per le rispettive categorie di mezzi. Altre apparecchiature sono poi utilizzate dalle forze di polizia per il contrasto ad ulteriori gravi violazioni al codice della strada. Prima fra tutte la guida in stato di ebbrezza. Per questa violazione vengono utilizzate apposite apparecchiature. Etilometro Per l accertamento del superamento dei limiti di assunzione di alcolici viene utilizzato nel nostro Paese l etilometro, misuratore del tasso alcolemico del sangue attraverso l esame di un campione di aria alveolare espirata. Il sistema prevede una procedura particolarmente garantista con due misura- 90

8 ...PRIMA zioni dell espirato a distanza di 5 minuti l una dall altra, tenendo conto della misurazione che ha dato il risultato più basso. Precursori alcol Sulla base della normativa che regola il sistema di verifica del consumo di alcolici per i conducenti di veicoli è consentito all operatore di attivare controlli preliminari all accertamento con l etilometro, utilizzando appositi precursori che possono essere del tipo usa e getta o veri apparecchi che consentono la riutilizzazione, rilevando una prima misura dell alcol ingerito analizzando l espirato a distanza e senza boccaglio. Alla positività di questa prima misurazione preliminare deve seguire la verifica con l etilometro che costituirà la vera prova di accertamento della condizione di guida in stato di ebbrezza. Fonometri Si tratta di strumenti abilitati alla misurazione dell emissione dei rumori, ricordiamo in proposito la legge quadro sull inquinamento acustico, ma sono strumenti abilitati anche alla misurazione delle emissioni sonore del veicolo al momento dell utilizzo, in particolare quelle sulla funzionalità dei dispositivi silenziatori degli scarichi dei veicoli. Ricordiamo che un tempo l attenzione sugli scarichi veniva puntata dalle forze di polizia anche sulla qualità dei gas emessi con uno strumento denominato opacimetro (un misuratore della densità dei gas di scarico). Strumento che di fatto non viene più utilizzato (e qui abbiamo le nostre perplessità), in particolare dopo l entrata in vigore della nova normativa che obbliga i veicoli alla revisione ogni due anni e ogni anno per quelli pesanti. Pesatrici mobili Per verificare la regolarità dei pesi dei veicoli, in particolare quelli adibiti al trasporto merci, viene utilizzata dalle forze di polizia e dalla Polstrada in particolare la Pesatrice mobile. Si tratta di apposito strumento idoneo alla misurazione della massa gravante su ciascuna ruota a differenza delle pesatrici fisse (sempre più rare e impraticabili), piattaforme sulle quali viene sistemato il veicolo e si procede ad una unica pesatura. C è da dire che l utilizzo delle pesatrici mobili richiede particolari capacità con l adozione di alcune precise regole per garantire misure di peso precise, con precisi livellamenti, superfici piane e orizzontali cioè senza significative variazioni di pendenza sia longitudinali che orizzontali (1) Esistono anche altre apparecchiature delle quali omettiamo la sommaria descrizione per il loro raro utilizzo. Ricordiamo solo in questa sede che manca la dotazione di precursori per l utilizzo generalizzato nella verifica preliminare dell assunzione di sostanze, denominati Drug test. 91

9 Salute e sicurezza stradale: l onda lunga del trauma La Polizia Stradale, salvo pochi limitatissimi esperimenti, non è in grado oggi di contestare una guida in stato di ebbrezza da stupefacenti, a meno che il sospetto non accetti di sottoporsi a test ospedalieri. Questo dato non merita altro commento. Elenco delle quantità delle tecnologie in uso alla Polizia Stradale al 1 gennaio 2007 Etilometri 764 Fonometri 171 Autovelox 425 Provida 160 Telelaser 218 (di cui 44 completi di Microdigicam) Traffipax 2 Velomatic 12 Pesatrici mobili 422 Precursori alcol 352 Autodetector 50 Ruolo dei misuratori di velocità e loro impiego Lo abbiamo visto con la necessaria descrizione di particolari, la tecnologia più utilizzata e più variegata dalle forze di polizia nel contrasto alle violazioni della strada è quella che punta sulla madre di tutte le violazioni: il superamento del limite di velocità. Si tratta di una sorta di attrazione fatale per i conducenti del nostro Paese. Infatti nonostante sia scattata a metà 2006 una sorta di operazione Trasparenza con l indicazione su vari siti, - ad iniziare da quello ufficiale della Polizia di Stato ma anche su e su molti portali di giornali quotidiani - delle esatte postazioni dei misuratori di velocità fissi, e negli ultimi mesi anche di quelli mobili della Polizia Stradale e di alcune Polizie Locali, le sanzioni per superamento dei limiti di velocità non calano. Tutt altro. Nel 2006 la Polizia Stradale ha contestato violazioni per superamento dei limiti di velocità ai sensi dell art. 142 CdS, con incremento dell 11,5% rispetto alle del Sulla sola rete autostradale, dove come si è detto sono stati installati i primi sistemi Tutor per la rilevazione della velocità media in lunghi tratti, ampiamente pubblicizzati le infrazioni sono state , con un incremento del 20% rispetto alle del Insomma la velocità piace, attira, la si sottostima nella sua reale capacità di generare rischio. Siamo tuttavia convinti che l utilizzo disinvolto di misuratori di velocità là dove è facile rilevare la sanzione, ma dove non esiste un oggettivo e reale pericolo, non solo non serva alla causa, ma addirittura nuoccia. 92

10 ...PRIMA Ci spieghiamo meglio. L articolo 1 del codice della strada ci dice che le norme e i provvedimenti attuativi si ispirano al principio della sicurezza stradale. E allora evidente che il primo obiettivo nell utilizzo dei misuratori di velocità deve essere proprio quello della sicurezza e non quello della cassa come spesso sembra avvenire. Suggeriamo il principio adottato in medicina. Prima di ricorrere ad una cura si deve accertare l esistenza della malattia, fatta la diagnosi si passa alla cura, e poi si verificano gli effetti. La malattia è data da una sinistrosità significativa (non dal solo limite) nel tratto di strada sottoposto a controlli, accertata con una verifica preliminare, solo successivamente si adotta una sana cura fatta anche di misuratori di velocità. Dopo la cura si dovranno poi verificare i risultati, cioè il calo degli incidenti. Diversamente la cura va cambiata. Patente a punti - Considerazioni La patente a punti, insieme all adozione del patentino per i ciclomotoristi, è stata ed è sicuramente la maggiore e più efficace misura di impatto psicologico per il conducente. Mentre le sanzioni, anche incrementate biennalmente, sono destinate a non spaventare più di tanto chi è abbiente o chi mette nel conto il rischio sanzione in rapporto al suo mancato guadagno (professionisti, imprenditori, autotrasportatori), i punti prelevati alla patente, col rischio revoca, rimangono il più forte elemento dissuasivo del sistema controlli. Il vero problema risiede nel fatto che passata l iniziale e favorevole spinta dissuasiva, già efficace addirittura nella fase di annuncio, è scattato l effetto spaventapasseri: all inizio gli uccelli volano lontano, poi appena scoprono che non spara ed è mite, ci si posano sopra. Questo è accaduto con la PaP. Il conducente si è accorto velocemente che non è poi così facile perdere i punti (sentenza Corte Costituzionale nr. 27 del 24 gennaio 2005, Giudici di Pace, guidava il nonno ) non è poi così difficile recuperarli. Se sono bravo (o fortunato) per due anni, me ne regalano due, oppure mi ridanno quelli che ho perduto. I corsi per il recupero di 6 o 9 punti sono sedute rischiose solo per la perdita di tempo. Non esiste nessuna verifica di qualità. In teoria un soggetto che è stato sorpreso ubriaco alla guida potrebbe frequentarli portandosi dietro un fiasco di vino, bevendo per distrarsi. Il regalo poi dei due punti biennali per buona condotta non si capisce perché chi compie il proprio dovere debba essere premiato, sarebbe come se uno pretendesse due portafogli perché per 2 anni non ha borseggiato sono un vero pacco dono inaspettato per la commissione di violazioni gravi. Due esempi. Con i 20 punti in dotazione alla seconda violazione per guida in stato di ebbrezza - stesso esempio per chi ha superato di oltre 40 km/h il limite - si va in revoca patente se non si è fatto in tempo a frequentare corsi di recupero. Con i 2 semplici punti regalati, ci si può ubriacare per 2 volte perdendo punti, continuando a guidare dopo la sospensione, senza andare in revoca 93

11 Salute e sicurezza stradale: l onda lunga del trauma patente perché rimangono 2 punti in dotazione. Stesso discorso per la velocità. Rimane un bonus per correre una seconda volta a 200 km/h. Può essere veramente efficace in questo modo, e alla lunga, il sistema patente a punti? Conclusioni In medicina, ne abbiamo parlato in precedenza, di ogni patologia si ricerca l eziologia. Ma prima di tutto bisogna sapere di cosa si tratta. Serve la conoscenza epidemiologica del fenomeno, che in Italia non è mai pronta. Ad oggi, a 2007 iniziato, abbiamo solo pochi dati parziali del In Spagna, in Gran Bretagna ed in Francia, i portali internet governativi hanno pubblicato nei giorni scorsi i dati parziali del 2006, ma quelli definitivi e completi saranno pronti a breve. Perché in Italia ciò non è possibile? L Asaps ha da tempo proposto l istituzione di un catasto della sinistrosità, al quale partecipino tutti (organi di polizia, di soccorso tecnico e sanitario, ospedali, medici curanti), inserendo in tempo reale tutti i dati realmente importanti al monitoraggio di un fenomeno che il ministro dei trasporti israeliano ha recentemente definito come una piaga ancor maggiore del terrorismo. E infine, a nostro parere, si deve istituire il vincolo di destinazione dei proventi contravvenzionali, investendo ciò che perviene dalla trasgressione alla sicurezza stradale, ma con un sistema di reale verifica e sanzione per chi non ottempera. Il fatturato della violenza stradale è ancora troppo alto, serve un forte e complessivo impegno per abbassarlo ai livelli imposti dall Unione europea. Un ultima osservazione. Se con una domanda secca ci chiedessero quali sono i più moderni ed efficaci dispositivi per il controllo delle infrazioni risponderemmo: gli agenti in divisa ben visibili sulla strada, in numero adeguato, affiancati - solo affiancati - dalla più fine tecnologia. NOTE 1 Apparecchiature nei servizi di polizia stradale di Giandomenico Protospataro Edizioni Egaf 2 M. Leoni e U. Terracciano, in Problematiche in tema di Autovelox, Cedam, III, ed. 2000, p.13 ss.. 94

Quanto alcol sto bevendo? Moltiplica per 8!

Quanto alcol sto bevendo? Moltiplica per 8! www.iss.it/stra ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ DIPARTIMENTO AMBIENTE E CONNESSA PREVENZIONE PRIMARIA REPARTO AMBIENTE E TRAUMI OSSERVATORIO NAZIONALE AMBIENTE E TRAUMI (ONAT) Franco Taggi Quanto alcol sto

Dettagli

LE DIMENSIONI QUANTITATIVE DEL PROBLEMA

LE DIMENSIONI QUANTITATIVE DEL PROBLEMA LE DIMENSIONI QUANTITATIVE DEL PROBLEMA In Italia, nel 2008, gli incidenti stradali sono stati 218.963. Hanno determinato 4.731 morti e 310.739 feriti, per un costo sociale di circa 30 miliardi di Euro

Dettagli

ARGOMENTI DA TRATTARE CON I TESTIMONIAL DI 2^ E DI 4^ COME FORZE DELL ORDINE E PERSONALE SANITARIO

ARGOMENTI DA TRATTARE CON I TESTIMONIAL DI 2^ E DI 4^ COME FORZE DELL ORDINE E PERSONALE SANITARIO ARGOMENTI DA TRATTARE CON I TESTIMONIAL DI 2^ E DI 4^ COME FORZE DELL ORDINE E PERSONALE SANITARIO Azione 4 M.F.TEORICO Classe 2^ 1) PREDISPOSIZIONE DELLA SEDE DELL INCONTRO E DELL ACCOGLIENZA (A cura

Dettagli

ISTRUZIONI PER L USO...NON PER L ABUSO! DAL 13 NOVEMBRE 2010 PER MOLTI LOCALI È OBBLIGATORIO DOTARSI DI ETILOMETRO O PRECURSORE.

ISTRUZIONI PER L USO...NON PER L ABUSO! DAL 13 NOVEMBRE 2010 PER MOLTI LOCALI È OBBLIGATORIO DOTARSI DI ETILOMETRO O PRECURSORE. VADEMECUM ALCOOL DEF:Layout 1 15/02/11 10:57 Pagina 1 Federazione Italiana Esercenti Pubblici e Turistici Polizia di Stato ISTRUZIONI PER L USO...NON PER L ABUSO! DAL 13 NOVEMBRE 2010 PER MOLTI LOCALI

Dettagli

A cura dei ragazzi del biennio ITIS Coordinatore: prof Donato Saini

A cura dei ragazzi del biennio ITIS Coordinatore: prof Donato Saini Progetto: SICUREZZA STRADALE 2007 Sede Centrale ISISS Mostra informativa sui pericoli dell alcol A cura dei ragazzi del biennio ITIS Coordinatore: prof Donato Saini per mille : questi illustri sconosciuti

Dettagli

FORUM P.A. 23/5/2007 INTERVENTO DELL ASSESSORE CARMELO ALBERTO D ADDESE

FORUM P.A. 23/5/2007 INTERVENTO DELL ASSESSORE CARMELO ALBERTO D ADDESE Assessorato Lavori Pubblici e Infrastrutture - Trasporto e Mobilità - Patrimonio - Sport e Benessere - Personale - Polizia Municipale - Onoranze Funebri FORUM P.A. 23/5/2007 INTERVENTO DELL ASSESSORE CARMELO

Dettagli

Il ruolo del Credito in Sardegna

Il ruolo del Credito in Sardegna Il ruolo del Credito in Sardegna Seminario del 16 luglio 2007 Vorrei circoscrivere il perimetro del mio intervento alle problematiche che coinvolgono il target di clientela di Artigiancassa. Noi infatti

Dettagli

Assicurazione e Responsabilità Civile e Penale

Assicurazione e Responsabilità Civile e Penale Assicurazione e Responsabilità Civile e Penale Pagina 1 La responsabilità civile grava (è): sul conducente; sul proprietario del veicolo in solido. Non grava sul proprietario quando può dimostrare che

Dettagli

Uso in italia del personal transporter

Uso in italia del personal transporter Uso in italia del personal transporter L utilizzo del personal transporter non è, allo stato, regolato da alcuna norma del Codice della Strada italiano. L unica trattazione è una lettera del Ministero

Dettagli

SCOOTER A BASSO IMPATTO AMBIENTALE

SCOOTER A BASSO IMPATTO AMBIENTALE SCOOTER A BASSO IMPATTO AMBIENTALE Associazione Nazionale Ciclo Motociclo Accessori Premessa La produzione attuale di scooter superiori a 50cc e omologati EURO 3 è pressoché totalmente a 4 tempi. Attraverso

Dettagli

Soluzioni avanzate per la mobilità urbana Relatore: Mario PERRETTA

Soluzioni avanzate per la mobilità urbana Relatore: Mario PERRETTA Soluzioni avanzate per la mobilità urbana Relatore: Mario PERRETTA Perché? Perché? Autostrade//Tech nasce per mettere a frutto il Know How tecnologico di Autostrade//per l Italia, relativamente agli ITS,

Dettagli

Privacy e videosorveglianza: novità dal Garante Privacy. Michele Iaselli

Privacy e videosorveglianza: novità dal Garante Privacy. Michele Iaselli Privacy e videosorveglianza: novità dal Garante Privacy Michele Iaselli In materia di rapporti fra privacy e videosorveglianza, al di là dei principi generali fissati dal codice in materia di protezione

Dettagli

Premessa. Dott. Giovanni Serpelloni Capo Dipartimento Politiche Antidroga Presidenza del Consiglio dei Ministri

Premessa. Dott. Giovanni Serpelloni Capo Dipartimento Politiche Antidroga Presidenza del Consiglio dei Ministri Premessa Dott. Giovanni Serpelloni Capo Dipartimento Politiche Antidroga Presidenza del Consiglio dei Ministri Il presente opuscolo riporta i dati emersi dal primo anno di sperimentazione del Progetto

Dettagli

COMUNE DI CARDANO AL CAMPO

COMUNE DI CARDANO AL CAMPO COMUNE DI CARDANO AL CAMPO Provincia di Varese COMANDO POLIZIA LOCALE Telefono: 0331-266244 / 348-2665961 - Fax: 0331-266252 e - mail: poliziam@comune.cardanoalcampo.va.it ARTICOLO INFRAZIONE PUNTI IMPORTO/SANZIONE

Dettagli

ITS Intelligent Transport Systems

ITS Intelligent Transport Systems corso di Teoria e Tecnica della Circolazione + Trasporti e Territorio a.a. 2013-2014 ITS Intelligent Transport Systems TRAFFIC ENFORCEMENT SYSTEMS (sistemi di accertamento automatico delle infrazioni)

Dettagli

Le multe per infrazioni al Codice della Strada

Le multe per infrazioni al Codice della Strada Le multe per infrazioni al Codice della Strada Riferimenti normativi Nuovo codice della strada (D.lgs. 30 aprile 1992, n. 285 e successive modificazioni); Regolamento di esecuzione e di attuazione del

Dettagli

CAPITOLO 7 SICUREZZA

CAPITOLO 7 SICUREZZA CAPITOLO 7 SICUREZZA COMUNE DI SERIATE ANNUARIO STATISTICO COMUNALE 2007 Attività di prevenzione e controllo Gli agenti di Polizia Locale nel 2007 in servizio diurno sono dodici, cui se ne aggiungono tre

Dettagli

Alcuni indici statistici derivabili dai dati della Patente a Punti e dalle statistiche degli incidenti stradali verbalizzati

Alcuni indici statistici derivabili dai dati della Patente a Punti e dalle statistiche degli incidenti stradali verbalizzati www.iss.it/stra ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ DIPARTIMENTO AMBIENTE E CONNESSA PREVENZIONE PRIMARIA REPARTO AMBIENTE E TRAUMI OSSERVATORIO NAZIONALE AMBIENTE E TRAUMI (ONAT) Franco Taggi Alcuni indici statistici

Dettagli

L epidemiologia degli incidenti stradali in Veneto

L epidemiologia degli incidenti stradali in Veneto Venezia, 26/11/2007 L epidemiologia degli incidenti stradali in Veneto Paolo Spolaore Francesco Zambon SER Sistema Epidemiologico Regionale Incidenti stradali SCENARIO Mondo: 1,2 milioni morti all anno

Dettagli

Circolare N.132 del 5 Settembre 2013

Circolare N.132 del 5 Settembre 2013 Circolare N.132 del 5 Settembre 2013 Sconto del 30% se si pagano le multe entro 5 giorni dalla contestazione dell infrazione Gentile cliente con la presente intendiamo informarla che la legge di conversione

Dettagli

Comune di Medicina Provincia di Bologna REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA

Comune di Medicina Provincia di Bologna REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA Comune di Medicina Provincia di Bologna REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA Approvato con Delibera del Consiglio Comunale n.125 del 28/09/2015 1 INDICE Articolo 1 Oggetto pag. 3 Articolo

Dettagli

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 25 ottobre 2013 INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 Audio da min. 12:00 a 20:45 su http://www.radio24.ilsole24ore.com/player.php?channel=2&idprogramma=focuseconomia&date=2013-10-25&idpuntata=gslaqfoox,

Dettagli

5 da 84,00 a 335,00. 3 da 168,00 a 674,00. 6 da 527,00 a 2.108,00. 10 da 821,00 a 3.287,00. 10 da 318,00 a 1.272,00. 4 da 41,00 a 168,00

5 da 84,00 a 335,00. 3 da 168,00 a 674,00. 6 da 527,00 a 2.108,00. 10 da 821,00 a 3.287,00. 10 da 318,00 a 1.272,00. 4 da 41,00 a 168,00 Art. 141 Comma 9, 3 periodo Articolo Norma violata Punti Velocità non regolata in relazione alle condizioni ambientali Non più operativo abrogato dalla Legge 214/2003 Sanzione amministrava 5 da 84,00 a

Dettagli

RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DEI SERVIZI E SULL ATTIVITÀ SVOLTA 2004.

RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DEI SERVIZI E SULL ATTIVITÀ SVOLTA 2004. RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DEI SERVIZI E SULL ATTIVITÀ SVOLTA 2004. Presentazione del Presidente dell Autorità. Roma, 6 luglio 2004. Orientamenti per l azione futura. Considerate la dinamica e la complessità

Dettagli

Tutti, ma proprio tutti, si fermano al passaggio a livello

Tutti, ma proprio tutti, si fermano al passaggio a livello Siamo arrivati così alla fine di questa piccola esplorazione nel mondo della sicurezza ferroviaria. La prossima volta che attraverserete la ferrovia, siamo sicuri che guarderete i binari con occhi diversi,

Dettagli

LA STRADA MARCIAPIEDE CORSIA CORSIA RISERVATA. Normalmente la strada è composta da:

LA STRADA MARCIAPIEDE CORSIA CORSIA RISERVATA. Normalmente la strada è composta da: COMUNE DI SIENA L uomo, nell antichità, si spostava a piedi o a dorso di animali, l invenzione della ruota portò una grande innovazione, i trasporti si fecero sempre più veloci ed i commerci favorirono

Dettagli

ASPETTI PARTICOLARI: LE LIMITAZIONI ALL USO DEI CONTANTI E DEI TITOLI AL PORTATORE

ASPETTI PARTICOLARI: LE LIMITAZIONI ALL USO DEI CONTANTI E DEI TITOLI AL PORTATORE ASPETTI PARTICOLARI: LE LIMITAZIONI ALL USO DEI CONTANTI E DEI TITOLI AL PORTATORE L art. 49 del DLGS n. 231/07 vieta il trasferimento di denaro contante, libretti e/o titoli al portatore fra soggetti

Dettagli

Ordinanza sul controllo della circolazione stradale

Ordinanza sul controllo della circolazione stradale Ordinanza sul controllo della circolazione stradale (OCCS) Modifica del 1 luglio 2015 Il Consiglio federale svizzero ordina: I L ordinanza del 28 marzo 2007 1 sul controllo della circolazione stradale

Dettagli

OPUSCOLO INFORMATIVO PER I TURISTI ITALIANI A VARSAVIA

OPUSCOLO INFORMATIVO PER I TURISTI ITALIANI A VARSAVIA KOMENDA STOŁECZNA POLICJI Źródło: http://www.policja.waw.pl/pl/informator-dla-turystow/19542,opuscolo-informativo-per-i-turisti-italiani-a-varsavia.ht ml Wygenerowano: Środa, 22 czerwca 2016, 19:44 OPUSCOLO

Dettagli

Progetto TI MUOVI. Sottoprogetto LA STRADA E LE SUE REGOLE

Progetto TI MUOVI. Sottoprogetto LA STRADA E LE SUE REGOLE Progetto TI MUOVI Sottoprogetto LA STRADA E LE SUE REGOLE LA BUONA STRADA A cura della I A (anno scolastico 2009-2010) Scuola secondaria di primo grado CARLO LEVI - I.C. King GRUGLIASCO IL NOSTRO PERCORSO

Dettagli

Tabella dei punti decurtati dalla "patente a punti" secondo il nuovo codice della strada

Tabella dei punti decurtati dalla patente a punti secondo il nuovo codice della strada Tabella dei punti decurtati dalla "patente a punti" secondo il nuovo codice della strada Descrizione Punti Articolo sottratti Art. 141 Comma 9, 2 periodo Gare di velocità con veicoli a motore decise di

Dettagli

Linee Guida. La concretezza dell oggetto di lavoro

Linee Guida. La concretezza dell oggetto di lavoro Linee Guida A partire dalle esperienze sviluppate dai singoli partner in relazione al coinvolgimento attivo dei giovani all interno delle specifiche realtà locali, il team di lavoro ha elaborato le seguenti

Dettagli

Progetto finanziato dal Dipartimento per le Politiche Antidroga della Presidenza del Consiglio dei Ministri

Progetto finanziato dal Dipartimento per le Politiche Antidroga della Presidenza del Consiglio dei Ministri Progetto finanziato dal Dipartimento per le Politiche Antidroga della Presidenza del Consiglio dei Ministri Con questo breve opuscolo vogliamo darti qualche informazione rispetto ai danni che l uso e

Dettagli

LA SICUREZZA DEI MINORI A BORDO DEGLI AUTOBUS

LA SICUREZZA DEI MINORI A BORDO DEGLI AUTOBUS LA SICUREZZA DEI MINORI A BORDO DEGLI AUTOBUS Nadia Amitrano Servizio Innovazioni Tecnologiche ASSTRA - ROMA 1 I PRINCIPALI DATI DI ASSTRA I PRINCIPALI DATI DELLE AZIENDE ADERENTI AD ASSTRA Membri associati

Dettagli

Tempi, diaframmi, sensibilità

Tempi, diaframmi, sensibilità Nicola Focci Settembre 2011 Questo articolo illustra i tre parametri fondamentali per utilizzare una macchina fotografica (tempi, diaframmi, sensibilità) e li «cala» nell operatività concreta (profondità

Dettagli

TNT IV. Il Diavolo è meno brutto di come ce lo dipingono!!! (Guarda il video)

TNT IV. Il Diavolo è meno brutto di come ce lo dipingono!!! (Guarda il video) TNT IV Il Diavolo è meno brutto di come ce lo dipingono!!! (Guarda il video) Al fine di aiutare la comprensione delle principali tecniche di Joe, soprattutto quelle spiegate nelle appendici del libro che

Dettagli

RIFLESSOMETRO. Reale Sicurezza Attiva su Strada e al Lavoro

RIFLESSOMETRO. Reale Sicurezza Attiva su Strada e al Lavoro RIFLESSOMETRO Reale Sicurezza Attiva su Strada e al Lavoro Applicazione disponibile per tutti i cellulari e tablet con sistema operativo ios e Android Sistema brevettato e protetto da copyright Per informazioni

Dettagli

dati e statistiche sulla sicurezza stradale in italia

dati e statistiche sulla sicurezza stradale in italia dati e statistiche sulla sicurezza stradale in italia Le dimensioni quantitative del problema In Italia, nel, gli stradali sono stati 230.871. Questi hanno determinato 5.131 e 325.850, con un costo sociale

Dettagli

Dr. Domenico Rosati Giudice di Pace Coordinatore di Scandiano

Dr. Domenico Rosati Giudice di Pace Coordinatore di Scandiano Dr. Domenico Rosati Giudice di Pace Coordinatore di Scandiano TERMINE: 60gg dalla contestazione o dalla notificazione, sia per verbali con sanzioni pecuniarie, sia con aggiunta di sanzioni accessorie SOGGETTI

Dettagli

www.dirittoambiente.net

www.dirittoambiente.net www.dirittoambiente.net NESSUN LIMITE PER SALVARE UN ANIMALE IN DIFFICOLTA Giudice di Pace di Offida, sentenza n.1 del 9 gennaio 2012 a cura dell Avv. Carla Campanaro Una recentissima sentenza del Giudice

Dettagli

10/9/2015 *** NORMATTIVA Stampa ***

10/9/2015 *** NORMATTIVA Stampa *** APPENDICE X Art. 241 (Attrezzature delle imprese e dei consorzi abilitati alla revisione dei veicoli) 1. Le attrezzature e le strumentazioni di cui devono essere dotati le imprese ed i consorzi abilitati

Dettagli

COMUNE DI SENIGALLIA POLIZIA MUNICIPALE RESOCONTO DELL ATTIVITA OPERATIVA SVOLTA NELL ANNO 2011

COMUNE DI SENIGALLIA POLIZIA MUNICIPALE RESOCONTO DELL ATTIVITA OPERATIVA SVOLTA NELL ANNO 2011 COMUNE DI SENIGALLIA POLIZIA MUNICIPALE RESOCONTO DELL ATTIVITA OPERATIVA SVOLTA NELL ANNO 2011 RESOCONTO ATTIVITA SVOLTA IN MATERIA DI POLIZIA STRADALE ATTIVITA DI ACCERTAMENTO DELLE VIOLAZIONI TOTALE

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE POLIDORI, VIGNALI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE POLIDORI, VIGNALI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 999 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI POLIDORI, VIGNALI Disposizioni per la razionalizzazione della gestione delle acque e istituzione

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico 1 VISTO il decreto legislativo 7 settembre 2005, n. 209, recante il Codice delle assicurazioni private ed in particolare l articolo 132, recante Obbligo a contrarre;

Dettagli

Tabella completa dei punteggi previsti dall art.126-bis Articolo Violazione commessa Punti

Tabella completa dei punteggi previsti dall art.126-bis Articolo Violazione commessa Punti Tabella completa dei punteggi previsti dall art.6-bis Articolo Violazione commessa Punti Velocità non commisurata alle situazioni ambientali, di sicurezza (intersezioni, centri abitati ecc.) e di visibilità

Dettagli

Verifiche Periodiche di Impianti Elettrici. - Linee Guida per gli adempimenti di Legge -

Verifiche Periodiche di Impianti Elettrici. - Linee Guida per gli adempimenti di Legge - SERVIZIO PREVENZIONE E RISCHIO TECNOLOGICO Verifiche Periodiche di Impianti Elettrici - Linee Guida per gli adempimenti di Legge - a cura della Direzione Tecnico-Scientifica Direttore dott. Eduardo Patroni

Dettagli

Regole sulla circolazione. Violazioni alla segnaletica

Regole sulla circolazione. Violazioni alla segnaletica Articoli C. d. S. Punti Violazioni che comportano la perdita punti Velocità art. 141, comma 8 5 Circolare a velocità non commisurata alle particolari condizioni in cui si svolge la circolazione art. 142,

Dettagli

Tavola 1 Incidenti stradali, morti e feriti

Tavola 1 Incidenti stradali, morti e feriti PRINCIPALI EVIDENZE DELL INCIDENTALITÀ STRADALE IN ITALIA I numeri dell incidentalità stradale italiana Nel 2011, in Italia si sono registrati 205.638 incidenti stradali, che hanno causato 3.860 morti

Dettagli

Intervento dell Avv. Nicolino De Cantis - Componente della Commissione Giuridica Provinciale dell Automobile Club di Verona

Intervento dell Avv. Nicolino De Cantis - Componente della Commissione Giuridica Provinciale dell Automobile Club di Verona Intervento dell Avv. Nicolino De Cantis - Componente della Commissione Giuridica Provinciale dell Automobile Club di Verona Congresso Commissioni giuridiche ACI- Napoli - Riflessioni su : Patente di guida

Dettagli

www.italy-ontheroad.it

www.italy-ontheroad.it www.italy-ontheroad.it Rotonda, rotatoria: istruzioni per l uso. Negli ultimi anni la rotonda, o rotatoria stradale, si è molto diffusa sostituendo gran parte delle aree semaforizzate, ma l utente della

Dettagli

Progetti strategici per il Territorio Snodo di Jesi Messa in sicurezza e riqualificazione SS76

Progetti strategici per il Territorio Snodo di Jesi Messa in sicurezza e riqualificazione SS76 Progetti strategici per il Territorio Snodo di Jesi Enrico Pastori TAVOLO TECNICO ALLARGATO Jesi, 19 novembre 2009 Indice della presentazione Stato di fatto Obiettivi del progetto Descrizione del progetto

Dettagli

Drink-driving in Italy. Dibattito Safe & Sober 14 dicembre 2009 Roma Palazzo Marini

Drink-driving in Italy. Dibattito Safe & Sober 14 dicembre 2009 Roma Palazzo Marini Drink-driving in Italy Dibattito Safe & Sober 14 dicembre 2009 Roma Palazzo Marini Umberto Guidoni, Segretario Generale Fondazione ANIA per la Sicurezza Stradale Le Compagnie di assicurazione per la sicurezza

Dettagli

I SOLDI DELL UE. Alcuni miti da sfatare. Frodi a ruota libera? Miliardi svaniti nel nulla? I conti sono una barzelletta? Commissione europea

I SOLDI DELL UE. Alcuni miti da sfatare. Frodi a ruota libera? Miliardi svaniti nel nulla? I conti sono una barzelletta? Commissione europea I SOLDI DELL UE Alcuni miti da sfatare Frodi a ruota libera? Miliardi svaniti nel nulla? I conti sono una barzelletta? Commissione europea In breve I titoli a sensazione citati in copertina sono molto

Dettagli

Missione Mobilità Milano, 7 aprile 2014. Intervento di Daniele Capezzone. Presidente Commissione Finanze della Camera PACCHETTO AUTO

Missione Mobilità Milano, 7 aprile 2014. Intervento di Daniele Capezzone. Presidente Commissione Finanze della Camera PACCHETTO AUTO Missione Mobilità Milano, 7 aprile 2014 Intervento di Daniele Capezzone Presidente Commissione Finanze della Camera PACCHETTO AUTO Facendo riferimento all anno 2012, il prelievo fiscale sulla filiera auto

Dettagli

Città di Tortona Provincia di Alessandria

Città di Tortona Provincia di Alessandria Città di Tortona Provincia di Alessandria Settore Polizia Municipale Educazione stradale Introduzione L Educazione stradale o l educazione al rischio stradale ed alla mobilità sostenibile è disposta dall

Dettagli

L uso dei dispositivi di sicurezza in Italia. I dati del Sistema Ulisse

L uso dei dispositivi di sicurezza in Italia. I dati del Sistema Ulisse L uso dei dispositivi di sicurezza in Italia. I dati del Sistema Ulisse di Giancarlo Dosi L utilità dei dispositivi di sicurezza L utilità del casco e delle cinture di sicurezza è ormai fuori discussione.

Dettagli

ALCOOL E DROGHE CAMBI DI DIREZIONE CIRCOLAZIONE IN AUTOSTRADA. Articoli C.d.S Punti Violazioni che comportano la perdita punti

ALCOOL E DROGHE CAMBI DI DIREZIONE CIRCOLAZIONE IN AUTOSTRADA. Articoli C.d.S Punti Violazioni che comportano la perdita punti Articoli C.d.S Punti Violazioni che comportano la perdita punti ALCOOL E DROGHE art. 86, comma e 7 art. 87, comma 7 e 8 Guidare in stato di ebbrezza Guida in condizioni di alterazione fisica e psichica

Dettagli

Segnalazione veicoli non assicurati

Segnalazione veicoli non assicurati Segnalazione veicoli non assicurati Perche scegliere TARGHA193? Quando una soluzione è nuova, come quella della segnalazione veicoli non-assicurate/revisionate, è cosa saggia affrontare l acquisto con

Dettagli

È ALLARME NAZIONALE!!

È ALLARME NAZIONALE!! Il contesto La sicurezza delle persone, nella circolazione stradale, rientra tra le finalità primarie di ordine sociale ed economico perseguite dallo Stato. Questo è quanto afferma l articolo n.1 del Codice

Dettagli

Circolari della Fondazione Studi

Circolari della Fondazione Studi ANNO 2014 CIRCOLARE NUMERO 12 Circolari della Fondazione Studi Le Circolari n.12 del 29.05.2014 Niente Sanzioni se non si installa il POS POS PER I PROFESSIONISTI: NORMATIVA A decorrere dal prossimo 30

Dettagli

LA SOSTITUZIONE DEI CERCHIONI DI UN AUTOVEICOLO.

LA SOSTITUZIONE DEI CERCHIONI DI UN AUTOVEICOLO. LA SOSTITUZIONE DEI CERCHIONI DI UN AUTOVEICOLO. Con questo argomento, di grande attualità, iniziamo un percorso informativo mirato alla categoria degli autoriparatori gommisti. Questo primo appuntamento

Dettagli

Epidemiologia del trauma cranico in Romagna ed effetti della legge 472/99

Epidemiologia del trauma cranico in Romagna ed effetti della legge 472/99 www.iss.it/stra ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ DIPARTIMENTO AMBIENTE E CONNESSA PREVENZIONE PRIMARIA REPARTO AMBIENTE E TRAUMI OSSERVATORIO NAZIONALE AMBIENTE E TRAUMI (ONAT) Chiara Begliomini, Franco Servadei,

Dettagli

Commissione Finanze della Camera dei deputati. Audizione Assogasliquidi/Federchimica

Commissione Finanze della Camera dei deputati. Audizione Assogasliquidi/Federchimica Commissione Finanze della Camera dei deputati Riforma della disciplina delle tasse automobilistiche e altre disposizioni concernenti l'imposizione tributaria sui veicoli (AC 2397) Audizione Assogasliquidi/Federchimica

Dettagli

Gli incidenti stradali in Emilia-Romagna: 2011 (dati provvisori progetto MIStER)

Gli incidenti stradali in Emilia-Romagna: 2011 (dati provvisori progetto MIStER) Gli incidenti stradali in Emilia-Romagna: 2011 (dati provvisori progetto MIStER) Nel corso del 2011 sul territorio della regione Emilia-Romagna si sono verificati 20.415 incidenti (268 in più rispetto

Dettagli

Capitolo. Sosta, fermata, definizioni stradali. 6.1 Sosta

Capitolo. Sosta, fermata, definizioni stradali. 6.1 Sosta . S. p. A 6 Sosta, fermata, definizioni stradali Capitolo br i 6.1 Sosta La sosta è la sospensione della marcia del veicolo protratta nel tempo. La sosta non è consentita: Es se li in corrispondenza o

Dettagli

ART. 1. (Disposizioni in materia di assicurazione r.c. auto)

ART. 1. (Disposizioni in materia di assicurazione r.c. auto) SCHEMA DI DISEGNO DI LEGGE RECANTE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI ASSICURAZIONE R.C. AUTO ART. 1 (Disposizioni in materia di assicurazione r.c. auto) 1. Al decreto legislativo 7 settembre 2005, n. 209, e successive

Dettagli

SALUTE E SICUREZZA nell autotrasporto: le condizioni psicofisiche

SALUTE E SICUREZZA nell autotrasporto: le condizioni psicofisiche SERVIZIO SANITARIO REGIONALE EMILIA ROMAGNA Azienda Unità Sanitaria Locale di Bologna Dipartimento di Sanità Pubblica SALUTE E SICUREZZA nell autotrasporto: le condizioni psicofisiche Giorgio Ghedini Medico

Dettagli

Safety Tutor UN SISTEMA PER LA SICUREZZA STADALE. Principi opera+vi, pun+ di forza ed efficacia del sistema

Safety Tutor UN SISTEMA PER LA SICUREZZA STADALE. Principi opera+vi, pun+ di forza ed efficacia del sistema 1 Safety Tutor UN SISTEMA PER LA SICUREZZA STADALE Principi opera+vi, pun+ di forza ed efficacia del sistema SafetyTutor Idea di base Il sistema nasce in stretta collaborazione con la Polizia Stradale

Dettagli

Fiom Cgil Basilicata

Fiom Cgil Basilicata Osservatorio sull industria metalmeccanica Fiom Cgil Basilicata PRODUTTIVITA e PRODUZIONI FIAT SATA 1 Davide Bubbico (Università di Salerno) Giuseppe Cillis Osservatorio sull industria metalmeccanica (Fiom

Dettagli

Prefettura di Firenze Area III Procedimenti Sanzionatori

Prefettura di Firenze Area III Procedimenti Sanzionatori Prefettura di Firenze Area III Procedimenti Sanzionatori PROGRAMMA STRATEGIE DI PREVENZIONE SOSTANZE D ABUSO IN MATERIA DI SICUREZZA STRADALE, in collaborazione con il Comune di Firenze - Assessorato alle

Dettagli

venerdì 28 giugno 2013, 17:22

venerdì 28 giugno 2013, 17:22 A tutto Gas 1 Cambiare il mondo si può A tutto Gas Un modo semplice e rivoluzionario di fare la spesa venerdì 28 giugno 2013, 17:22 di Silvia Allegri A tutto Gas 2 A tutto Gas 3 A tutto Gas 4 A tutto Gas

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

RAPPORTO DI SOSTENIBILITA CONTRIBUTO DI AMBIENTE E RISPARMIO ENERGETICO DI ACEA LUCE

RAPPORTO DI SOSTENIBILITA CONTRIBUTO DI AMBIENTE E RISPARMIO ENERGETICO DI ACEA LUCE RAPPORTO DI SOSTENIBILITA CONTRIBUTO DI AMBIENTE E RISPARMIO ENERGETICO DI ACEA LUCE Non compromettere il futuro delle prossime generazioni cercando di soddisfare i bisogni del presente ; in quest ottica

Dettagli

ANALISI DI UN SALTO DI LORENZO STRATTA Nella colonna a sinistra le sequenze di un salto di Lorenzo Stratta a 3.80 (record personale Asti, 24 ottobre

ANALISI DI UN SALTO DI LORENZO STRATTA Nella colonna a sinistra le sequenze di un salto di Lorenzo Stratta a 3.80 (record personale Asti, 24 ottobre 1 2 3 ANALISI DI UN SALTO DI LORENZO STRATTA Nella colonna a sinistra le sequenze di un salto di Lorenzo Stratta a 3.80 (record personale Asti, 24 ottobre 2010). Per meglio valutare e commentare l esecuzione

Dettagli

COMUNE DI RAVENNA MEDAGLIA D ORO AL VALOR MILITARE PARTITA IVA 00354730392 SERVIZIO SUAP ED ATTIVITA ECONOMICHE

COMUNE DI RAVENNA MEDAGLIA D ORO AL VALOR MILITARE PARTITA IVA 00354730392 SERVIZIO SUAP ED ATTIVITA ECONOMICHE ID 991877645 COMUNE DI RAVENNA MEDAGLIA D ORO AL VALOR MILITARE PARTITA IVA 00354730392 SERVIZIO SUAP ED ATTIVITA ECONOMICHE P.G. n. 30154/2014 ORDINANZA TL n. 299/2014 DISCIPLINA COMUNALE DEGLI ORARI

Dettagli

«FOCUS» ANIA: R.C. AUTO

«FOCUS» ANIA: R.C. AUTO «FOCUS» ANIA: R.C. AUTO -- Numero 2 -- Marzo 2004 STATISTICA TRIMESTRALE R.C. AUTO () EXECUTIVE SUMMARY Con la disponibilità dei dati per l intero 2003 relativi ad un campione di imprese esercitanti il

Dettagli

I dati integrati dei sistemi di sorveglianza sugli eventi infortunistici in ambito stradale anno 2012

I dati integrati dei sistemi di sorveglianza sugli eventi infortunistici in ambito stradale anno 2012 AZIENDA USL ROMA F Dipartimento di Prevenzione I dati integrati dei sistemi di sorveglianza sugli eventi infortunistici in ambito stradale anno 2012 Nel 2010 l Assemblea Generale delle Nazioni Unite ha

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Pos obbligatorio dal 30 giugno per imprese e lavoratori autonomi Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che dal 30 giugno 2014

Dettagli

REGOLAMENTO RELATIVO AI CRITERI PER L APPLICAZIONE DELE SANZIONI DISCIPLINARI ALLE IMPRESE DI AUTOTRASPORTO (ART. 21 LEGGE 298/74)

REGOLAMENTO RELATIVO AI CRITERI PER L APPLICAZIONE DELE SANZIONI DISCIPLINARI ALLE IMPRESE DI AUTOTRASPORTO (ART. 21 LEGGE 298/74) Servizio Protezione Civile, Trasporti e Mobilità REGOLAMENTO RELATIVO AI CRITERI PER L APPLICAZIONE DELE SANZIONI DISCIPLINARI ALLE IMPRESE DI AUTOTRASPORTO (ART. 21 LEGGE 298/74) Con il decreto legislativo

Dettagli

Incidenti stradali in Italia nel 2014

Incidenti stradali in Italia nel 2014 Incidenti stradali in Italia nel 2014 Roberta Crialesi, Silvia Bruzzone Istat 4 Roma, 3 novembre 2015 ACI - Automobile Club d Italia Sala Assemblea Gli incidenti stradali I principali risultati per l anno

Dettagli

REVISIONE AUTO. Che cos è. Il Codice della Strada (art. 80) prevede che i veicoli a motore (ed i loro rimorchi)

REVISIONE AUTO. Che cos è. Il Codice della Strada (art. 80) prevede che i veicoli a motore (ed i loro rimorchi) REVISIONE AUTO Che cos è Il Codice della Strada (art. 80) prevede che i veicoli a motore (ed i loro rimorchi) durante la circolazione siano tenuti in condizioni di massima efficienza, in modo da garantire

Dettagli

http://alca.intra.infocamere.it/esam/esamiquestservlet

http://alca.intra.infocamere.it/esam/esamiquestservlet Pagina 1 di 6 NORME DI COMPORTAMENTO TAXI ED AUTONOLEGGIO CON CONDUCENTE 1) Qual è la formula assicurativa R.C.A. che premia l'assicurato che nel corso dell'anno non ha provocato danni a terzi? A [*] Bonus-Malus

Dettagli

Uso di prodotti fitosanitari e tutela della salute

Uso di prodotti fitosanitari e tutela della salute SERVIZIO INTERCOMUNALE POLIZIA LOCALE MEDIA PIANURA VERONESE - DISTRETTO VR 5 C (Provincia di Verona) Bovolone - Angiari - Concamarise - Isola Rizza Oppeano - Palù Roverchiara Salizzole - San Pietro di

Dettagli

Centronic SunWindControl SWC411

Centronic SunWindControl SWC411 Centronic SunWindControl SWC411 IT Istruzioni per il montaggio e l impiego del trasmettitore da parete per il controllo della funzione sole/vento Informazioni importanti per: il montatore l elettricista

Dettagli

Regole sulla circolazione. Violazioni alla segnaletica

Regole sulla circolazione. Violazioni alla segnaletica Articoli C. d. S. Punti Violazioni che comportano la perdita punti Velocità art. 141, comma 8 5 Circolare a velocità non commisurata alle particolari condizioni in cui si svolge la circolazione art. 142,

Dettagli

Capitolo 7. Politiche per la sicurezza. Verso chi rivolgiamo il nostro impegno: Tutta la cittadinanza Polizia Locale Forze dell Ordine

Capitolo 7. Politiche per la sicurezza. Verso chi rivolgiamo il nostro impegno: Tutta la cittadinanza Polizia Locale Forze dell Ordine Capitolo 7 Politiche per la sicurezza Linee guida dal programma di mandato Programmi: Settore Vigilanza e tutela ambientale: Vigilanza. Protezione civile. Verso chi rivolgiamo il nostro impegno: Tutta

Dettagli

Cercare è per metà trovare

Cercare è per metà trovare Introduzione Cercare è per metà trovare Cercare su Internet Un Web nella Rete Struttura del libro I n t r o d u z i o n e La prima edizione del libro che avete tra le mani nasceva nel 2005. Si trattava

Dettagli

COMANDO POLIZIA MUNICIPALE

COMANDO POLIZIA MUNICIPALE COMANDO POLIZIA MUNICIPALE Staff Comandante Ufficio Informazioni Istituzionali Campagna di sensibilizzazione al Codice della Strada Ripassiamo il Codice della Strada.- ART. 189 - Comportamento in caso

Dettagli

Soluzione degli esercizi sul moto rettilineo uniformemente accelerato

Soluzione degli esercizi sul moto rettilineo uniformemente accelerato Liceo Carducci Volterra - Classe 3 a B Scientifico - Francesco Daddi - 8 novembre 00 Soluzione degli esercizi sul moto rettilineo uniformemente accelerato Esercizio. Un corpo parte da fermo con accelerazione

Dettagli

QUADRO NORMATIVO PER LE RETI

QUADRO NORMATIVO PER LE RETI 1 QUADRO NORMATIVO PER LE RETI ELETTRICHE DI DISTRIBUZIONE GESTITE DA ENEL DISTRIBUZIONE S.P.A. 1.1 INTRODUZIONE Nel presente capitolo verrà illustrato per grandi linee il quadro normativo Italiano che

Dettagli

NUOVA CULTURA DELLA SICUREZZA, DUE GRANDI VERITA

NUOVA CULTURA DELLA SICUREZZA, DUE GRANDI VERITA NUOVA CULTURA DELLA SICUREZZA, DUE GRANDI VERITA Non si è raggiunto l obiettivo! E necessario inaugurare un grande cantiere fatto di: Cultura della sicurezza Tecnologia della sicurezza Prevenzione Controlli

Dettagli

IL DIRETTORIO DELLA BANCA D ITALIA

IL DIRETTORIO DELLA BANCA D ITALIA REGOLAMENTO DEL 18 LUGLIO 2014 Regolamento per l organizzazione e il funzionamento della Unità di Informazione Finanziaria per l Italia (UIF), ai sensi dell art. 6, comma 2, del d.lgs. 21 novembre 2007,

Dettagli

Esercizi sul moto rettilineo uniformemente accelerato

Esercizi sul moto rettilineo uniformemente accelerato Liceo Carducci Volterra - Classe 3 a B Scientifico - Francesco Daddi - 8 novembre 010 Esercizi sul moto rettilineo uniformemente accelerato Esercizio 1. Un corpo parte da fermo con accelerazione pari a

Dettagli

Presentazione. del Forum Assonime delle Imprese Regolate (F.A.I.R.)

Presentazione. del Forum Assonime delle Imprese Regolate (F.A.I.R.) Presentazione del Forum Assonime delle Imprese Regolate (F.A.I.R.) Roma, 18 luglio 2002 Il Forum delle imprese regolate, che oggi viene inaugurato, vuole essere un luogo permanente di consultazione e scambio

Dettagli

Alcol al volante. Per una guida sicura verso il futuro. upi Ufficio prevenzione infortuni

Alcol al volante. Per una guida sicura verso il futuro. upi Ufficio prevenzione infortuni Alcol al volante Per una guida sicura verso il futuro upi Ufficio prevenzione infortuni Salute! Molti incidenti stradali sono causati da un conducente in stato di ebbrezza. Sotto l influenza dell alcol

Dettagli

Legge Regionale 24 febbraio 2005, n. 39 - Disposizioni in materia di energia

Legge Regionale 24 febbraio 2005, n. 39 - Disposizioni in materia di energia Legge Regionale 24 febbraio 2005, n. 39 - Disposizioni in materia di energia (come modificata dalla LR 23 novembre 2009, n. 71 e s.m.i.) Capo IV Razionalizzazione della produzione e dei consumi, risparmio

Dettagli

La piattaforma I-BUS Autostrade//Tech. Torino 16/11/2011

La piattaforma I-BUS Autostrade//Tech. Torino 16/11/2011 La piattaforma I-BUS Autostrade//Tech Torino 16/11/2011 Agenda Presentazione Autostrade // Tech Autostrade // Tech: Il ruolo nella mobilità I Bus turistici e la mobilità urbana Prospettive a livello nazionale

Dettagli

ACI ISTAT 2011: MENO INCIDENTI (-2,7%), MORTI (-5,6%) E FERITI

ACI ISTAT 2011: MENO INCIDENTI (-2,7%), MORTI (-5,6%) E FERITI Roma, 31 ottobre 2012 ACI ISTAT 2011: MENO INCIDENTI (-2,7%), MORTI (-5,6%) E FERITI (-3,5%) Obiettivo UE 2010 (-50% morti sulle strade): Italia non raggiunge target nemmeno nel 2011 ma fa meglio della

Dettagli

Roma, 15 marzo 2007. Prot. n. 3498-2007/DPF/UFF. All Ufficio XY. Oggetto:

Roma, 15 marzo 2007. Prot. n. 3498-2007/DPF/UFF. All Ufficio XY. Oggetto: Roma, 15 marzo 2007 MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE Dipartimento per le Politiche Fiscali Ufficio Federalismo Fiscale Reparto IV Prot. n. 3498-2007/DPF/UFF All Ufficio XY Oggetto: Legge 27 dicembre

Dettagli

Dinamica del veicolo in moto aberrante

Dinamica del veicolo in moto aberrante II WORKSHOP Tecniche ed analisi scientifica per la ricostruzione dei sinistri stradali Dinamica del veicolo in moto aberrante Francesco Timpone Salone dei Quadri - Sessa Aurunca (CE) 05 dicembre 2013 Definizioni

Dettagli