L amore nelle opere di William Shakespeare

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L amore nelle opere di William Shakespeare"

Transcript

1 L amore nelle opere di William Shakespeare Se parlate d amor, parlate piano (Don Pedro, Molto Rumore Per Nulla, atto III, scena I) Misteriosa biografia William Shakespeare era Inglese? Forse si può affrontare questa annosa questione sulla base di una polisemia che porti ad una pluralità dei modi d indagine, piuttosto che rincorrere una riconoscimento che arrivi alla immanenza della connotazione univoca. Inglese? Le notizie della nascita di un W.S. a Stratford e una sua brevissima (tre anni) frequenza in una scuola locale dimostrano piuttosto il contrario: un personaggio come Shakespeare famosissimo già ai suoi tempi non poteva non lasciare appena qualche traccia. Moglie, figli e tomba, forse qualche falso storico ben confezionato. Dove aveva imparato tanta conoscenza? Quali i suoi maestri? Risposte che indirizzano a un personaggio parallelo, ma forse egli stesso il personaggio. John Florio 1. Un intellettuale di cui invece (e stranamente sino alla comparsa del personaggio Shakespeare) si sa moltissimo; egli era d origine italiana e in stretti rapporti con Giordano Bruno con cui scrisse la commedia Love s 1 John Florio nacque a Londra nel 1553 da Michelangelo Florio, un erudito italiano riparato a Londra per motivi religiosi e personaggio molto introdotto nell ambiente dell aristocrazia inglese. 1

2 Labour s lost che, secondo lo studioso J. Harding, fu rielaborata da Florio e Will (uno Shaksper da Stratford) erroneamente considerato l'unico ed esclusivo Shakespeare. Florio nel 1583 diventò tutore del Conte di Southampton, Henry Wriotesley. Lo stesso H.W. cui sono dedicati i 126 sonetti a firma di W.S.? Coincidenza che Florio e W.S. conoscessero il personaggio? Eppure F. e S. pare non si siano mai incontrati. Per incontrasi infatti bisogna essere due persone diverse Alcuni studiosi hanno analizzato il rapporto Florio-Shakespeare: il Tassinari scrive Shakespeare? E il nome d arte di John Florio ; John Harding, che ha dedicato anni di ricerca al rapporto Florio-Shakespeare, aggiunge che intorno al 1584 Florio firmava con lo pseudonimo di John Soowthern, tradotto in italiano Giovanni che proviene dal sud. In questo caso Italia del Sud. Alcuni Paesi o Città tentano di candidarsi a luogo natale di W.S. Ne segnalo uno tra gli ultimi: Messina, forte del rinvenimento della trascrizione del battesimo (lo stesso 1564) di un Michele Agnolo Florio (!) figlio del medico Giovanni Florio (tradotto John Florio) e della nobildonna Guglielmina Crolla Lanza 2 (tradotto Willelmina Shake Speare (doppio cognome). Questo Michelangelo Florio studio latino, greco e storia presso i Francescani di Messina 3 prendendone il saio, ma a 15 anni fu costretto a fuggire con la famiglia in Veneto, a causa delle idee calviniste del padre, condannato al rogo dal Sant'Uffizio per aver pubblicato un libello sgradito alla Chiesa cattolica. I primi dubbi sulla nazionalità del Bardo vennero colti proprio in Italia, nei primi anni venti del secolo scorso, quando venne ritrovato un volume di proverbi, I secondi frutti, scritto nel XVI secolo da uno scrittore calvinista del Nord Italia, tale Michelangelo Crollalanza. Molti di questi detti sono gli stessi utilizzati da William Shakespeare nell Amleto. Coincidenza? E la prima. Qualche anno più tardi il professor Besta, dell'università di Palermo, annotò le perplessità che provenivano anche da alcuni biografi del sommo poeta. Il quesito é sempre quello: William Shakespeare era veramente Inglese? O, come ha sostenuto il Prof. Iuvara, era originario di Messina? 2 Lo Stemmario Crollalanza, ovvero il Dizionario Storico-Blasonico di G. B. Crollalanza, Pisa 1886 è considerato la "Bibbia Araldica" ed è riconosciuto da tutte le società araldiche come la fonte storica più autorevole delle famiglie nobili o notabili italiane. La famiglia è oriunda milanese. Giovanni Alboino, nel 1147 seguì Corrado III alla seconda crociata. Per il valore mostrato nei tornei fu soprannominato Crolla-Lancia. Suo figlio, Cristoforo stabilì la sua famiglia a Piuro nel contado di Chiavenna, dove si rifugiò dopo la distruzione di Milano (Federico Barbarossa, 1162) mentre suo nipote Cesare si trasferì a Palermo al seguito di Federico II di Svevia che lo nominò Revisore perpetuo delle vettovaglie. Poco dopo la metà del XVI secolo i fratelli Panfilo, Girolamo e Giovanni Andrea Crollalanza di Piuro si stabilirono a Piacenza, aprendo una casa commerciale che con ricchissimi banchi in Amburgo e Londra. 3 S insediarono in Sicilia nel 1255 iniziando quell imponente chiesa ritratta da Antonello da Messina nella Pietà Correr. 2

3 Questa attribuzione di paternità fa sorridere gli Inglesi che usano l arma dell ironia per non affrontare a sufficienza l argomentazione. Messina? Quella piccola città del sud del sud Europa? Affresco nel Palazzo Bazan, XVI secolo Un momento. La Messina di metà Cinquecento con oltre abitanti era più grande di Londra, che ne contava Era una delle capitali del Rinascimento e le sue costruzioni erano in muratura (e non di legno) con disegni e dettagli scultorei dei migliori architetti dell epoca, quasi tutti formati alla scuola di Michelangelo. Messina, ancor prima di Roma, aveva un piano regolatore ante litteram, aveva l acqua portata da un acquedotto sotterraneo, un Università fondata direttamente da Sant Ignazio 4, un Palazzo reale in costruzione, un fiorente commercio (e produzione) della seta, un sistema di navi commerciali e da corsa 5 pari (e di rinforzo) a quello dei Cavalieri di Malta Non era l attuale Messina che giace sopra quell altra città (terremotata e bombardata) di cui porta solo il nome. 4 Nel 1548, Ignazio de Loyola fondò a Messina il primo Collegio dei Gesuiti al mondo, ovvero il Messanense Collegium Prototypum Societatis Iesu. Dopo questo i Gesuiti ne fonderanno molti altri nel mondo facendo dell'insegnamento il segno distintiv0 dell'ordine. Il Collegium in seguito si trasformerà nel Messanense Studium Generale e nell'università di Messina 5 I corsari avevano una patente reale, i pirati no. 3

4 Incrocio con due delle Quattro Fontane sec. XVI e succ., illustrazione dell Autore C è una Messina descritta da W.S.? Sì, è quella presente in Antonio e Cleopatra (1608), Racconto d inverno (1611) e principalmente Molto rumore per nulla. Nella prima dimostra che l Autore conosceva bene un episodio messinese del 36 a.c. e anche Plutarco che l aveva scritta nella sua Vita d Antonio. Nell ultima, interamente ambientata a Messina, W.S. racconta una Città, cui assegna un vantaggio: W.S. ci porge un opera in cui la letteratura fa parte di quei rari fenomeni storici in grado di illuminarne altri, in modo circolare a volte deformato ellittico invece di esserne soltanto illuminata o peggio determinata In MRPN Egli non nomina una chiesa o un monumento messinese, perché a quell epoca non c era ancora bisogno di guide. Shakespeare racconta la città con una profonda analisi e trasposizione in versi della società messinese della fine del 500. Se le date sopra riportate sono esatte lui è vissuto a Messina solo i primi 15 anni. Dunque racconta ciò che ha percepito nella prima adolescenza. Il convento dei francescani della sua prima educazione, sintetizzato nell intelligente ed arguto Frate Francesco celebrante del mancato matrimonio dei protagonisti della commedia. S. ambienta il matrimonio in una chiesa che doveva essere proprio quella di S. Francesco d Assisi fondata nel 1254 quando S. Francesco era ancora vivo, seconda solo alla Cattedrale, e 4

5 la dice sede di una tomba di famiglia mai violata. Descrive una nobiltà locale (Leonato, Governatore di Messina), saggia e prudente nei confronti degli occupanti spagnoli tutto intrigo ed inganni; descrive un ceto medio che vuole scimmiottare gli aristocratici mutuandone il peggio e la bassa forza della ronda di notte quasi colta perché due su tre sanno scrivere. Ciò non li esime dall essere presi in giro dalla classe veramente colta che li racconta come nelle vecchie barzellette sui Carabinieri. D altronde questa contrapposizione di culture regge spesso il lato teatrale delle commedie di Shakespeare. Aristocratici colti e preoccupati di come vestirsi e popolo argutamente spiccio ed efficace nelle sue azioni. Quando i malfattori ricchi hanno bisogno dei malfattori poveri sono quest ultimi a stabilire il prezzo. I messinesi Leonato, Frate Francescano, Era, Beatrice e Dogberry/Corniolo 6 in MRPN sono eticamente positivi in contrapposizione ai cortigiani aragonesi che hanno mentalità, comportamenti e linguaggio differenti. Dogberry possiede l arguzia popolare, ha il compito di smascherare le macchinazioni della corte (rappresentata come luogo di menzogne e falsità) e di cercare di guarirla. L aragonese Don Pedro pronuncia la frase rebus dovranno seppellirla a faccia in su. Cosa significa? Tutti vengono sepolti così. E allora? Viene in aiuto un antica metafora messinese che connota una persona superba o semplicemente orgogliosa ca nasca addritta (con il naso tirato in alto). Descrizione fedele di Beatrice innamorata di Benedetto, ma orgogliosa anche da morta. (Una strana coincidenza è pare il rinvenimento di un testo teatrale di Michele Agnolo Florio intitolato Troppu traficu ppi nnienti oggi rielaborato da Andrea Camilleri. Mettiamo pure un punto di domanda e concediamoci il dubbio che sia lo stesso tradotto in Much Ado About Nothing ) Tante coincidenze forse troppe uniscono i nomi Florio-Shakespeare. Il mistero sulla biografia di W.S. potrebbe essere proprio una tramacapolavoro di Shakespeare-Florio che dovendo fuggire da Messina a causa della persecuzione religiosa (Il padre era calvinista) si rifugia a Venezia (stessa casa di Otello), poi a Verona (innamorato di una certa Giulietta) e Milano (La Tempesta) per finire in Inghilterra in casa di uno Shakespeare cugino della madre. Magari discendente da quel ramo piurese (Chiavenna) che aveva fiorente banco a Londra, magari che aveva già tradotto in inglese il suo nome Crolla Lanza in Shakespeare. Mentre W.S. camminava sul filo del rasoio della mancanza d identità, l altro Florio era un autorità indiscussa nell ambito della letteratura e del teatro (anche Sovrintendente ai Teatri Reali). Con una complicazione dalle tinte gialle. 6 Dogberry (duro come il legno corniolo, o dolce - sotto la scorza come la corniola, nome messinese di un uva bianca dagli acini allungati), è Ufficiale di pace e verace personaggio del ceto medio. Il suo linguaggio non è a livello dei cortigiani e queste sue difficoltà linguistiche generano scene divertenti. Egli recita in una imprecisa forma inglese polisemica, usando l italiano, il simil-spagnolo, la gesticolazione e/o usando alcuni malapropism ossia numerosi buffi scambi di parole. Dogberry recita: Comparisons are odorous, palabras, neighbour Verges (i.e., odious; Act 3, Scene V). 5

6 John Florio (Londra 1553-Fulham 1625), da fonti inglesi è detto figlio di Michelangelo Florio 7, nato durante il regno di Edoardo VI e audefinitosi sempre «an Englishman in Italian». Nella fonte italiana John è al contrario il padre di Michelangelo. A meno di un nonno Michelangelo, un figlio John e un nipote ancora Michelangelo. Alla fine i nomi che si ricavano da questo voluto polverone sono John Florio, traducendo il nome del padre; William Shakespeare, traducendo il nome della madre; il William preso a prestito da un defunto figlio del guantaio/commerciante di pellami Shakespeare di Stratford; il John Soowthern Giovanni che proviene dal sud. In aggiunta potrebbero esserci due William Shakespeare: l attore che il contemporaneo scrittore Ben Jonson dice avere poca conoscenza del latino e meno del greco e il drammaturgo che si firma W.S., Egli è profondo conoscitore di musica, letteratura latina e greca, etichetta di corte, termini giuridici e marinari, che descrive l Italia e dimostra carattere e spirito italiano Alla fine, sino ai giorni nostri resta irrisolto un puzzle ben orchestrato e aiutato dalla mancata pubblicazione della biblioteca (340 volumi e forse una biografia vera) di W.S o J. Florio lasciata a Lord Pembroke e dispersa. D altronde il fare confusione sulla propria identità 8 era il meno che il Grande potesse fare per sfuggire all Inquisizione inglese e al suo ribaltamento con la restaurazione cattolica voluta dalla regina Bloody Mary. Analisi comparata Ci piacerebbe, ma nessuno può documentare date e paternità. Possiamo capirne di più confrontando le opere e la scrittura di Florio e Shakespeare. Chiunque cerchi chiarimenti sul linguaggio di Shakespeare e alle sue straordinarie capacità grammaticali deve fare riferimento A World of Words dizionario italo-inglese che Florio cominciò a preparare alla fine del Cinquecento. Lì è presente la tecnica che Shakespeare userà con (troppa) grande padronanza per comporre parole ed elaborare idee e concetti. Tecniche linguistiche già praticate nei First Fruits e Second Fruits (1578): entrambi testimoniano l esistenza di uno Shakespeare ante litteram perché in Inghilterra, prima di Florio nessuno aveva usato quelle strutture linguistiche e Shakespeare le utilizzerà solo dopo Florio. Un esempio è nella Tempesta, grammaticalmente modellata sui Saggi di Montaigne tradotti e pubblicati da Florio nel Nello stesso anno - e giusto per finire - Florio tradusse in italiano il Basilikon Doron (Dono Divino) uno scritto che è fondamentale per molti lavori di W.S. e soprattutto per Misura per Misura e Macbeth. Il Sovrintendente reale Florio l avrebbe mai permesso a un Shakespeare da Stratford? Conclusione 7 Un esule italiano proveniente da Lucca. Sappiamo poco sulla madre di Giovanni, ma si pensa che fosse una inglese che Michelangelo conobbe negli ambiti di lord Burghley ossia William Cecil, consigliere della regina Elisabetta I. Ciò spiegherebbe la notevole competenza e conoscenza che Florio aveva della lingua inglese. 8 Segnalazione: ci sono due Università che hanno un Master programme sull argomento dell identità di Shakespeare: - Concordia University (Oregon, USA) -Brunel University (London, U.K.) 6

7 Tutto ciò basta per avvicinare i due personaggi e dimostrarne l origine messinese? No. Ciò significherebbe sconvolgere Messina con una paternità inaspettata e ancor più doversi assumere l onere di aver culturalmente formato il più grande scrittore di tutti i tempi. Poi i Messinesi dovrebbero almeno intitolargli una strada e farsi promotori di (almeno uno) Convegno Scespiriano di Riconoscimento. Imparando anche dagli Inglesi come si valorizza un patrimonio culturale. Conclusioni? Nessuna, solo dibattiti aperti e ipertesti da archivi ormai esausti. Florio o Shakespeare, Inghilterra o Italia interessa assai poco. La nostra fortuna è di avere una Autore d eccellenza che continua a influenzare la letteratura mondiale ed essere il più apprezzato e rappresentato sui palcoscenici della Terra. Giuseppe Provenzale Via Rombon 53, Milano

PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015

PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015 Scuola Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE FRATELLI CASETTI CREVOLADOSSOLA (VB) WWW.iccasetti.gov.it PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015 RELIGIONE CATTOLICA COMPETENZE CHIAVE - competenze sociali

Dettagli

Verona: rifugio del Sommo Poeta

Verona: rifugio del Sommo Poeta Verona: rifugio del Sommo Poeta La nostra fantastica avventura in Veneto incomincia a Verona, importante centro d arte e letteratura italiana. Appena arrivati, dopo un introduzione da parte della guida

Dettagli

Patrimonio dell' Umanità dell'unesco SOFIA SILVIA ZAIN TIZIANO

Patrimonio dell' Umanità dell'unesco SOFIA SILVIA ZAIN TIZIANO Patrimonio dell' Umanità dell'unesco SOFIA SILVIA ZAIN TIZIANO Patrimonio dell' Unesco quando e perché Firenze è la città artistica per eccellenza, patria di molti personaggi che hanno fatto la storia

Dettagli

In occasione della Festa del Torrone svoltasi il 21 e 22 novembre 2009, i bambini e le bambine delle classi 5 a A della scuola primaria Miglioli, 4 a

In occasione della Festa del Torrone svoltasi il 21 e 22 novembre 2009, i bambini e le bambine delle classi 5 a A della scuola primaria Miglioli, 4 a CON LE PICCOLE GUIDE A SPASSO PER LA CITTA In occasione della Festa del Torrone svoltasi il 21 e 22 novembre 2009, i bambini e le bambine delle classi 5 a A della scuola primaria Miglioli, 4 a A e 4 a

Dettagli

a. Legga questo primo brano e scelga il titolo corretto tra i tre proposti:

a. Legga questo primo brano e scelga il titolo corretto tra i tre proposti: Recupero TVI per matricole straniere a.a. 2010-11 Rosella Bozzone Costa - Lingua Italiana (13049 e 92020) Materiale 1b (Rg) TEST D INGRESSO Data Nome Cognome Matr.: Risultato della prova: PROVA DI COMPRENSIONE

Dettagli

SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO

SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO La mia vita ad Auschwitz-Birkenau e altri esili a cura di Marcello Pezzetti e Umberto Gentiloni Silveri Il volume è frutto della collaborazione della Provincia di Roma

Dettagli

L Italia e l Europa nel XVI secolo

L Italia e l Europa nel XVI secolo L Italia e l Europa nel XVI secolo L Italia era un paese formato da stati regionali, divisi e fragili, che nel XV secolo erano rimasti in pace a vicenda visto l accordo di Lodi del 1454. Questo equilibrio

Dettagli

Eraldo Canegallo. Anno Domini 1630 Quando la peste si fermò a Podigliano

Eraldo Canegallo. Anno Domini 1630 Quando la peste si fermò a Podigliano Eraldo Canegallo Anno Domini 1630 Quando la peste si fermò a Podigliano Sant Agata Fossili Dicembre 2001 Introduzione La presente ricerca si riferisce alla parrocchia di Sant Agata, sita nel comune di

Dettagli

Shakespeare in love. a cura di Simona Bernaschi e Paola Carta

Shakespeare in love. a cura di Simona Bernaschi e Paola Carta ISTITUTO COMPRENSIVO P.M. CORRADINI ANNO SCOLASTICO 2009/2010 Scuola Secondaria I grado C.d.C. II D LIM: progettazione unità didattica interdisciplinare Shakespeare in love a cura di Simona Bernaschi e

Dettagli

Curricolo di Religione Cattolica

Curricolo di Religione Cattolica Curricolo di Religione Cattolica Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria - L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sugli elementi fondamentali della vita di Gesù

Dettagli

GUIDA ALLA NAVIGAZIONE

GUIDA ALLA NAVIGAZIONE GUIDA ALLA NAVIGAZIONE 1. Accesso al sito La consultazione di AMAtI è subordinata alla registrazione al sito. Per registrarsi è necessario contattare la redazione all indirizzo francesca.simoncini@unifi.it.

Dettagli

Francesco nacque ad Assisi nel 1182, da Pietro di Bernardone, ricco mercante di stoffe

Francesco nacque ad Assisi nel 1182, da Pietro di Bernardone, ricco mercante di stoffe Francesco nacque ad Assisi nel 1182, da Pietro di Bernardone, ricco mercante di stoffe preziose, e da Madonna Pica; la madre gli mise nome Giovanni; ma, tornato il padre dal suo viaggio in Francia, cominciò

Dettagli

LA BIBBIA. composto da 46 libri, suddivisi in Pentateuco Storici Sapienziali Profetici 5 16 7 18

LA BIBBIA. composto da 46 libri, suddivisi in Pentateuco Storici Sapienziali Profetici 5 16 7 18 GRUPPOQUINTAELEMENTARE Scheda 02 LA La Parola di Dio scritta per gli uomini di tutti i tempi Antico Testamento composto da 46 libri, suddivisi in Pentateuco Storici Sapienziali Profetici 5 16 7 18 Nuovo

Dettagli

Dante Alighieri. Classi seconde. Scuola secondaria Galileo Galilei

Dante Alighieri. Classi seconde. Scuola secondaria Galileo Galilei Dante Alighieri Classi seconde Scuola secondaria Galileo Galilei Dante Alighieri La vita Dante Alighieri nasce a Firenze nel 1265 in questa casa La famiglia appartiene alla piccola nobiltà cittadina La

Dettagli

ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011

ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 FINALITA OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO CONTENUTI Acquisire atteggiamenti di stima e sicurezza di se e degli altri Scoprire attraverso i racconti

Dettagli

Unità Pastorale Cristo Salvatore. Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi

Unità Pastorale Cristo Salvatore. Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi Unità Pastorale Cristo Salvatore Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi 2 3 Introduzione LE DIMENSIONI DELLA FORMAZIONE CRISTIANA In qualsiasi progetto base di iniziazione

Dettagli

L Inghilterra Tudor ha visto due dei sovrani più forti che mai si siano seduti sul trono inglese: Enrico VIII e sua figlia Elisabetta I.

L Inghilterra Tudor ha visto due dei sovrani più forti che mai si siano seduti sul trono inglese: Enrico VIII e sua figlia Elisabetta I. Che cosa simboleggia la rosa dei Tudor? La rosa dei Tudor simboleggia l unione tra le famiglie inglesi dei Lancaster e degli York. Il simbolo della rosa Tudor fu il risultato del matrimonio tra Enrico

Dettagli

ALLEGATO 3. Elemento architettonico: la prospettiva dal Battistero alla Cattedrale nel suo intrecciarsi di linee e percorsi.

ALLEGATO 3. Elemento architettonico: la prospettiva dal Battistero alla Cattedrale nel suo intrecciarsi di linee e percorsi. Elemento architettonico: la prospettiva dal Battistero alla Cattedrale nel suo intrecciarsi di linee e percorsi. 1 2 3 La Cattedrale di Padova La Cattedrale rappresenta il cuore e l espressione più viva

Dettagli

S C H E D A D I D A T T I C A

S C H E D A D I D A T T I C A Giulietta e Romeo a r 2 TA TE AT RO n a m i t t e In s o l o Andiamo a Giocare in Teatro! D FA N SCHEDA DIDATTICA Questa è una breve biografia del compositore russo Sergej Prokofiev. Nato nel 1891 e morto

Dettagli

Allegato n.5 RELIGIONE CATTOLICA TANTI DONI, UN SOLO DONATORE La scuola dell'infanzia, attraverso le attività proposte, realizza un contesto

Allegato n.5 RELIGIONE CATTOLICA TANTI DONI, UN SOLO DONATORE La scuola dell'infanzia, attraverso le attività proposte, realizza un contesto Allegato n.5 RELIGIONE CATTOLICA TANTI DONI, UN SOLO DONATORE La scuola dell'infanzia, attraverso le attività proposte, realizza un contesto educativo nel quale l'apprendimento si accorda all'essere e

Dettagli

A cura di Mario Fortunato

A cura di Mario Fortunato MILENA AGUS VINCENZO CONSOLO IVAN COTRONEO ANDREA DE CARLO PAOLO DI PAOLO DACIA MARAINI MARIA PACE OTTIERI SANDRA PETRIGNANI PULSATILLA ELISABETTA RASY L ATTESA A cura di Mario Fortunato 2010 Fondazione

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Traguardi Obiettivi di apprendimento Contenuti

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Traguardi Obiettivi di apprendimento Contenuti RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Scoprire nell'ambiente i segni che richiamano ai cristiani e a tanti credenti la presenza di Dio Creatore e Padre Descrivere l'ambiente di vita di Gesù nei suoi aspetti

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA DIREZIONE DIDATTICA II CIRCOLO - MONDOVI Insegnanti: CRAVERO ELENA FIORENTINO STEFANIA SALVAGNO MARIA ANNO SCOLASTICO 20-20 Traguardi per lo sviluppo delle competenze

Dettagli

Assunta Pieralli nasce nel 1807 in un piccolo paese chiamato Lippiano appartenente alla diocesi di Città di Castello.

Assunta Pieralli nasce nel 1807 in un piccolo paese chiamato Lippiano appartenente alla diocesi di Città di Castello. Biografia e Opere Assunta Pieralli nasce nel 1807 in un piccolo paese chiamato Lippiano appartenente alla diocesi di Città di Castello. Assunta Pieralli era di costituzione fragile e dall aspetto pallido

Dettagli

vivo noi tra VERSIONE MISTA strumenti per una didattica inclusiva Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti Digitali integrativi

vivo noi tra VERSIONE MISTA strumenti per una didattica inclusiva Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti Digitali integrativi Gruppo Scuola Nuova Percorsi facilitati per lo sviluppo e la valutazione della competenza religiosa è vivo tra noi strumenti per una didattica inclusiva Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti

Dettagli

UNITA n 2. Costruzione di un albero genealogico personale (fino a quattro generazioni). DALLA NOSTRA STORIA ALLA STORIA DELLA NOSTRA FAMIGLIA

UNITA n 2. Costruzione di un albero genealogico personale (fino a quattro generazioni). DALLA NOSTRA STORIA ALLA STORIA DELLA NOSTRA FAMIGLIA UNITA n 2 Costruzione di un albero genealogico personale (fino a quattro generazioni). DALLA NOSTRA STORIA ALLA STORIA DELLA NOSTRA FAMIGLIA INDIETRO NEL TEMPO Dalla MIA GENERAZIONE alla generazione dei

Dettagli

La posizione dei nostri monumenti

La posizione dei nostri monumenti Foro romano Autori: Luca Gray Beltrano, Irene Bielli, Luca Borgia, Alessandra Caldani e Martina Capitani Anno: 2013, classe: 1 N Professoressa: Francesca Giani La posizione dei nostri monumenti Tempio

Dettagli

Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V

Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V Istituto Comprensivo G Pascoli - Gozzano Anno scolastico 2013/2014 Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V Obiettivi di apprendimento al termine della classe terza della scuola

Dettagli

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo Giulio Bevilacqua Via Cardinale Giulio Bevilacqua n 8 25046 Cazzago San Martino (Bs) telefono 030 / 72.50.53 - fax 030 /

Dettagli

PROGETTO LAUREE SCIENTIFICHE -MATEMATICA 2006/2007 Modelli Matematici per la Società Incontro del 15.02.07

PROGETTO LAUREE SCIENTIFICHE -MATEMATICA 2006/2007 Modelli Matematici per la Società Incontro del 15.02.07 PROGETTO LAUREE SCIENTIFICHE -MATEMATICA 2006/2007 Modelli Matematici per la Società Incontro del 15.02.07 CODICI MONOALFABETICI E ANALISI DELLE FREQUENZE (organizzata da Francesca Visentin) Riprendiamo

Dettagli

RELIGIONE SCUOLA PRIMARIA

RELIGIONE SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CLASSE PRIMA SCUOLA PRIMARIA 1 - IO NELLA CLASSE 1. Presentarsi nella propria particolarità 2. Capire che ognuno ha un posto 3. Comprendere che in classe non si è soli Presentazione degli insegnanti

Dettagli

1. RIVELATO IN GESU CRISTO

1. RIVELATO IN GESU CRISTO SCHEDA 4 (per operatori) 1. RIVELATO IN GESU CRISTO Nota introduttiva L incontro sulla figura di Gesù ha lo stesso stile narrativo del precedente. Se Dio è origine del bisogno d amore e della capacità

Dettagli

Ci hanno impressionato le grandi fosse rotondeggianti dove i romani facevano la calce: le calcare.

Ci hanno impressionato le grandi fosse rotondeggianti dove i romani facevano la calce: le calcare. Secondo noi le cose significative della zona archeologica di Villa Clelia sono molte: innanzitutto la cappella di San Cassiano, di cui oggi restano solo le fondamenta in sassi arrotondati, di forma quadrata.

Dettagli

Programmazione annuale

Programmazione annuale Istituto Comprensivo Bassa Anaunia Denno AREA RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA PRIMARIA Programmazione annuale Anno scolastico 2012/13 Docenti: SP BORGHESI PATRIZIA GRANDI MARISA LEONARDI VIOLA ZUECH GIUDITTA

Dettagli

La chiesa di S. Giovanni ai campi conserva sulla muratura esterna e all interno una serie di affreschi di notevole valore storico-artistico

La chiesa di S. Giovanni ai campi conserva sulla muratura esterna e all interno una serie di affreschi di notevole valore storico-artistico Gli affreschi La chiesa di S. Giovanni ai campi conserva sulla muratura esterna e all interno una serie di affreschi di notevole valore storico-artistico Affreschi dell abside maggiore Entro una mandorla,

Dettagli

BREVE STORIA DELLA LINGUA ITALIANA

BREVE STORIA DELLA LINGUA ITALIANA BREVE STORIA DELLA LINGUA ITALIANA Introduzione. Nei film del Neorealismo, spesso gli attori non parlano in italiano standard, ma parlano in dialetto. Cosa sono i dialetti? Come sono nati? 1. Dal latino

Dettagli

Programma D'Area - L.R. 19 agosto 1996 N 30 Piano di Recupero di Iniziativa Pubblica del Complesso dell'arcispedale Sant'Anna

Programma D'Area - L.R. 19 agosto 1996 N 30 Piano di Recupero di Iniziativa Pubblica del Complesso dell'arcispedale Sant'Anna 1949 Planimetria generale dell Arcispedale S. Anna Padiglione della divisione oculistica Adriana Ascoli (1948-1949) Tra il 1948 e il 1949 fu costruito il padiglione della divisione oculistica. Progettato

Dettagli

I fondi e gli archivi musicali

I fondi e gli archivi musicali I fondi e gli archivi musicali La Biblioteca ha acquisito, in pochi anni, importanti documenti musicali relativi a musicisti e nobildonne trapanesi con l obiettivo di divenire un punto di riferimento privilegiato

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA L I.R.C., come ogni altra materia curricolare, contribuisce allo sviluppo delle competenze per l apprendimento

Dettagli

Le fonti della storia

Le fonti della storia Le fonti della storia Per comprendere bene queste pagine devi conoscere il significato delle parole autoctono ed editto. Aiutati con il dizionario: Autoctono:... Editto:.... La storia è una scienza che

Dettagli

Davanti allo specchio di un anniversario

Davanti allo specchio di un anniversario Davanti allo specchio di un anniversario 1. La religiosità popolare è una porzione della cultura di un territorio e di una società, un elemento costitutivo della comune identità. Lo è perché riguarda tutti,

Dettagli

LA CHIESA NEL RINASCIMENTO

LA CHIESA NEL RINASCIMENTO LA CHIESA NEL RINASCIMENTO SI PERCEPISCE L URGENTE NECESSITA DI UN RINNOVAMENTO DI TUTTA LA CHIESA IL LIVELLO DI DECADENZA AVEVA RAGGIUNTIO IL CAMPO RELIGIOSO, MORALE E CIVILE LA VITA MORALE DI ALCUNI

Dettagli

CLASSE PRIMA CONOSCENZE ABILITA COMPETENZE. -Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre

CLASSE PRIMA CONOSCENZE ABILITA COMPETENZE. -Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre CLASSE PRIMA CONOSCENZE ABILITA COMPETENZE -Scoprire un mondo intorno a sé; un dono stupendo il creato -Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre -L alunno/a sa: -riflettere su Dio

Dettagli

Si parla molto oggi di quanti preferiscono

Si parla molto oggi di quanti preferiscono COPERTINA Natale: una grata dipendenza da Cristo Il messaggio per i lettori di 30Giorni di sua grazia Rowan Williams, arcivescovo di Canterbury Si parla molto oggi di quanti preferiscono spiritualità a

Dettagli

TRA OTTOCENTO E NOVECENTO

TRA OTTOCENTO E NOVECENTO GIUSEPPE DI BENEDETTO PALERMO TRA OTTOCENTO E NOVECENTO LA CITTÀ ENTRO LE MURA nella collezione fotografica di Enrico Di Benedetto Giuseppe Di Benedetto PALERMO TRA OTTOCENTO E NOVECENTO La città entro

Dettagli

I PROMESSI SPOSI (Unità didattiche per gli studenti stranieri di recente immigrazione dell ITIS J. TORRIANI di Cremona)

I PROMESSI SPOSI (Unità didattiche per gli studenti stranieri di recente immigrazione dell ITIS J. TORRIANI di Cremona) I PROMESSI SPOSI (Unità didattiche per gli studenti stranieri di recente immigrazione dell ITIS J. TORRIANI di Cremona) Unità 1 In prima e in seconda ITIS noi studiamo I PROMESSI SPOSI. Che cosa è? I Promessi

Dettagli

La Chiesa di Sant Aniello a Caponapoli : un ponte tra passato, presente e futuro.

La Chiesa di Sant Aniello a Caponapoli : un ponte tra passato, presente e futuro. ! La Chiesa di Sant Aniello a Caponapoli : un ponte tra passato, presente e futuro.... solo a partire da uno sguardo a ritroso che sa di non poter mai cogliere il passato così com era, può nascere un nuovo

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA. Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria

RELIGIONE CATTOLICA. Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare i contenuti

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

PREMESSA ALLA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA CIRCOLO L. DA VINCI Anno scolastico 2012/2013

PREMESSA ALLA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA CIRCOLO L. DA VINCI Anno scolastico 2012/2013 DIREZIONE DIDATTICA STATALE LEONARDO DA VINCI Via Virgilio, 1 Mestre (VE) Tel. 041/614863 Fax 041/5346917 Cod. Fisc. 82011580279 * * * * * PREMESSA ALLA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI CIRCOLO L. DA VINCI

Dettagli

Testata: Il Mattino Data: 22 Settembre 2013 Pag.: 39-43

Testata: Il Mattino Data: 22 Settembre 2013 Pag.: 39-43 Testata: Il Mattino Data: 22 Settembre 2013 Pag.: 39-43 Testata: Il Mattino Data: 22 Settembre 2013 Pag.: 49 Testata: Corriere dell Irpinia Data: 22 Settembre 2013 Pag.: 12 Testata: Ottopagine Data: 22

Dettagli

La parola ROSARIO deriva dalla lingua latina e significa GIARDINO DI ROSE o MAZZO DI ROSE. Quando noi recitiamo il Rosario, rivolgiamo a Maria, la

La parola ROSARIO deriva dalla lingua latina e significa GIARDINO DI ROSE o MAZZO DI ROSE. Quando noi recitiamo il Rosario, rivolgiamo a Maria, la La parola ROSARIO deriva dalla lingua latina e significa GIARDINO DI ROSE o MAZZO DI ROSE. Quando noi recitiamo il Rosario, rivolgiamo a Maria, la mamma di Gesù, tante preghiere; ogni preghiera ricorda

Dettagli

Enrico VIII (28 giugno 1491 28 gennaio 1547) era il terzo figlio di Enrico VII e di Elisabetta di York. Re d'inghilterra e Signore d'irlanda (in

Enrico VIII (28 giugno 1491 28 gennaio 1547) era il terzo figlio di Enrico VII e di Elisabetta di York. Re d'inghilterra e Signore d'irlanda (in Enrico VIII Enrico VIII (28 giugno 1491 28 gennaio 1547) era il terzo figlio di Enrico VII e di Elisabetta di York. Re d'inghilterra e Signore d'irlanda (in seguito re d'irlanda) dal 22 aprile 1509 fino

Dettagli

Musica, arti e creatività. Musica e poesia: una partitura nel testo parlato Relazione a due voci di ANNALISA SPADOLINI e MICHELE TORTORICI

Musica, arti e creatività. Musica e poesia: una partitura nel testo parlato Relazione a due voci di ANNALISA SPADOLINI e MICHELE TORTORICI Musica, arti e creatività Il fondamento filosofico del fare musica tutti nel sistema formativo Convegno internazionale di studi IV Edizione Roma, 31 marzo - 1 aprile 2011 Musica e poesia: una partitura

Dettagli

CHARLES DARWIN di Fabio Ferrari

CHARLES DARWIN di Fabio Ferrari CHARLES DARWIN di Fabio Ferrari La vita Le scoperte Le conseguenze delle sue teorie La vita Un ritratto di Darwin da giovane Charles Darwin nacque nel 1809 in Inghilterra da una famiglia colta e portata

Dettagli

NATALE DEL SIGNORE (ANNO C) Messa del giorno Grado della Celebrazione: Solennità Colore liturgico: Bianco

NATALE DEL SIGNORE (ANNO C) Messa del giorno Grado della Celebrazione: Solennità Colore liturgico: Bianco NATALE DEL SIGNORE (ANNO C) Messa del giorno Grado della Celebrazione: Solennità Colore liturgico: Bianco INTRODUZIONE Il tempo di Natale è un tempo di doni - un dono dice gratuità, attenzione reciproca,

Dettagli

Il Cem LIRA per le scuole Proposte per l anno scolastico 2014 15

Il Cem LIRA per le scuole Proposte per l anno scolastico 2014 15 Il Cem LIRA per le scuole Proposte per l anno scolastico 2014 15 Scuola secondaria inferiore GLI SPETTACOLI TEATRALI IN INGLESE Scuola di musica riconosciuta per l'anno scolastico 2014/2015 con determinazione

Dettagli

Proposta di restauro ex-convento domenicano di San Clemente in Brescia

Proposta di restauro ex-convento domenicano di San Clemente in Brescia Proposta di restauro ex-convento domenicano di San Clemente in Brescia Chiesa san Clemente Chiostro piccolo Cortile e Loggia dei frati Chiostro grande Situazione oggi Progetto del chiostro grande Associazione

Dettagli

Una data speciale in tutto il mondo : 12 Ottobre 1492

Una data speciale in tutto il mondo : 12 Ottobre 1492 Progetto : Io con te Una data speciale in tutto il mondo : 12 Ottobre 1492 Il 12 Ottobre ricorre un avvenimento molto importante per la Storia: la scoperta dell America. Il protagonista di questo evento

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA Scuola dell Infanzia di VESTRENO A.S. 2013/2014

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA Scuola dell Infanzia di VESTRENO A.S. 2013/2014 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA Scuola dell Infanzia di VESTRENO A.S. 2013/2014 Insegnante: BARINDELLI PAOLA PREMESSA: L insegnamento della Religione Cattolica nella scuola dell Infanzia

Dettagli

L ultima cena fu dipinta da Leonardo da Vinci tra il 1494 e il 1498 nel refettorio del convento di Santa Maria delle Grazie a Milano.

L ultima cena fu dipinta da Leonardo da Vinci tra il 1494 e il 1498 nel refettorio del convento di Santa Maria delle Grazie a Milano. 2. Storia, politica, filosofia e arte nel Rinascimento Un esempio di prospettiva: L ultima cena di Leonardo L ultima cena fu dipinta da Leonardo da Vinci tra il 1494 e il 1498 nel refettorio del convento

Dettagli

IL CREATO DONO DI DIO. Dio Padre ha pensato a me come dono per gli altri

IL CREATO DONO DI DIO. Dio Padre ha pensato a me come dono per gli altri IL CREATO DONO DI DIO I bambini sono abituati a vedere gli elementi del creato come oggetti usuali in quanto facenti parte del loro universo percettivo, per questo è importante che possano scoprire il

Dettagli

Addio a Daniel Stern Teresa Borino, didatta Istituto di Gestalt HCC Italy, Palermo

Addio a Daniel Stern Teresa Borino, didatta Istituto di Gestalt HCC Italy, Palermo Addio a Daniel Stern Teresa Borino, didatta Istituto di Gestalt HCC Italy, Palermo E con profonda commozione e viva partecipazione che scriviamo della scomparsa di Daniel Stern, psicoanalista americano

Dettagli

I nostri sogni e desideri cambiano il mondo.

I nostri sogni e desideri cambiano il mondo. PRESENTAZIONE Giornalino sul FATTO DA I BAMBINI DELLA 4^B CON L AIUTO DELL INS.TE (PISCHEDDA ELISABETTA) DELLA SCUOLA ELEMENTARE ITALO CALVINO DELL ISTITUTO COMPRENSIVO DI BEINASCO ANNO SCOLASTICO 2005/2006

Dettagli

La storia della carta stampata dal papiro a www.quotidiano.net

La storia della carta stampata dal papiro a www.quotidiano.net La storia della carta stampata dal papiro a www.quotidiano.net Uno dei primi supporti per la scrittura, che precedettero la carta, fu il papiro. Questo veniva ottenuto già verso il 3500 a.c. in Egitto,

Dettagli

L arte in una stanza viaggio intorno al mondo di Toschi

L arte in una stanza viaggio intorno al mondo di Toschi Istituto Comprensivo «G.B.Toschi» Baiso Concorso di idee io amo i beni culturali 2012-2013 L arte in una stanza viaggio intorno al mondo di Toschi Una stanza per l arte Lo Studiolo Lo studiolo è un ambiente

Dettagli

Tre minuti per Dio SHALOM

Tre minuti per Dio SHALOM Tre minuti per Dio SHALOM Tre minuti per Dio SHALOM Editrice Shalom - 22.05.2005 Santissima Trinità Libreria Editrice Vaticana (testi Sommi Pontefici), per gentile concessione Fondazione di Religione Santi

Dettagli

Istituto Comprensivo I. Nievo di San Donà di Piave(VE) PROGRAMMAZIONE DIDATTICA -CLASSI PARALLELE- SCUOLA PRIMARIA IRC

Istituto Comprensivo I. Nievo di San Donà di Piave(VE) PROGRAMMAZIONE DIDATTICA -CLASSI PARALLELE- SCUOLA PRIMARIA IRC Istituto Comprensivo I. Nievo di San Donà di Piave(VE) PROGRAMMAZIONE DIDATTICA -CLASSI PARALLELE- SCUOLA PRIMARIA IRC A.S. 2008-2009 IRC (Insegnamento della Religione Cattolica) PREMESSA Il percorso didattico

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA Anno Scolastico 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE TERZA DELLA SCUOLA PRIMARIA

SCUOLA PRIMARIA Anno Scolastico 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE TERZA DELLA SCUOLA PRIMARIA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale di Calolziocorte Via F. Nullo,6 23801 CALOLZIOCORTE (LC) e.mail: lcic823002@istruzione.it - Tel: 0341/642405/630636

Dettagli

La Riforma protestante

La Riforma protestante La Riforma protestante Alla fine del XV secolo la Chiesa attraversava una nuova crisi a causa delle corruzione e della decadenza dei costumi ecclesiastici. Gli studiosi umanisti avviarono uno studio critico

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014. Scuola Primaria Classe 1^ - sez. B

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014. Scuola Primaria Classe 1^ - sez. B PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014 Scuola Primaria Classe 1^ - sez. A Disciplina Religione Cattolica Ins. STRIKA LUCIANA Presentazione della classe Livello cognitivo

Dettagli

UN ANNO DI MUSICA CON IL MAESTRO GIUSEPPE VERDI

UN ANNO DI MUSICA CON IL MAESTRO GIUSEPPE VERDI UN ANNO DI MUSICA CON IL MAESTRO GIUSEPPE VERDI PERCORSO INTERDISCIPLINARE DI MUSICA TECNOLOGIA IMMAGINE ITALIANO STORIA Classi 4 C e 5 B a.s. 2013 /2014 Il 10 ottobre 2013 noi alunni di tutta la Scuola

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE di EDUCAZIONE RELIGIOSA anno scolastico 2009-2010

PROGRAMMAZIONE ANNUALE di EDUCAZIONE RELIGIOSA anno scolastico 2009-2010 PROGRAMMAZIONE ANNUALE di EDUCAZIONE RELIGIOSA anno scolastico 2009-2010 DIO DIPINGE I COLORI DELLA VITA CHE DONO LA FESTA... HO UN AMICO DI NOME GESU A CHIESA COME SEGNO VIVENTE D 但 MORE Insegnanti: Cambareri

Dettagli

SCRIVIAMO UN IPERTESTO IN HTML

SCRIVIAMO UN IPERTESTO IN HTML SCRIVIAMO UN IPERTESTO IN HTML COMPONENTI DI UN IPERTESTO: home-page (prima pagina) pagine successive STRUTTURA DI UN IPERTESTO: ad albero Home-page Pagina1 Pagina 2 Pagina 1.1 Pagina 1.2 lineare Indice

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE ANNO SCOLASTICO 2015/2016 CLASSE PRIMA L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali

Dettagli

ti scrivo... padrino Ma,

ti scrivo... padrino Ma, Caro padrino ti scrivo... Se Ti I N T R O D U Z I O N E hai tra le mani questo opuscolo è perché qualcuno ti ha chiesto di fargli da madrina o da padrino... forse una coppia di amici che ti vogliono padrino

Dettagli

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI Silenzio e Parola: cammino di evangelizzazione Cari fratelli e sorelle, all avvicinarsi della Giornata

Dettagli

Bagliori d autore 2015

Bagliori d autore 2015 Festival nazionale di letteratura Bagliori d autore 2015 Dal 20 al 29 Marzo Emesso il: 28/02/2015 Versione: 2.0 Shakespeare Le gioie violente hanno violenta fine BAGLIORI D AUTORE La più importante rassegna

Dettagli

Io sono dono di Dio. Progetto educativo Di Religione Cattolica. Servizio Educativo San Michele Arcangelo Villanova del Ghebbo

Io sono dono di Dio. Progetto educativo Di Religione Cattolica. Servizio Educativo San Michele Arcangelo Villanova del Ghebbo Io sono dono di Dio Progetto educativo Di Religione Cattolica Servizio Educativo San Michele Arcangelo Villanova del Ghebbo Anno scolastico 2014 2015 PREMESSA L insegnamento della Religione Cattolica nella

Dettagli

CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA

CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Traguardi per lo sviluppo delle competenze L alunno riflette su Dio Creatore e Padre significato cristiano del Natale L alunno riflette sui dati fondamentali

Dettagli

Lo studio di una famiglia di notai: il caso dei Boncetani da Vicopisano.

Lo studio di una famiglia di notai: il caso dei Boncetani da Vicopisano. Lo studio di una famiglia di notai: il caso dei Boncetani da Vicopisano. L'idea di questo progetto nasce grazie ad una ricerca fatta al fine di sapere qualcosa di più sulle milizie mercenarie straniere

Dettagli

Per ricordare meglio le parole nuove, scrivile e contemporaneamente leggile ad alta voce.

Per ricordare meglio le parole nuove, scrivile e contemporaneamente leggile ad alta voce. Consiglio Per ricordare meglio le parole nuove, scrivile e contemporaneamente leggile ad alta voce. La mia famiglia Federico ci presenta la sua famiglia. Guarda il disegno e completa con i nomi della famiglia.

Dettagli

Forum di Arti Sceniche e Formazione del Pubblico. Cittadinanza Attiva e Storia Condivisa

Forum di Arti Sceniche e Formazione del Pubblico. Cittadinanza Attiva e Storia Condivisa Forum di Arti Sceniche e Formazione del Pubblico Cittadinanza Attiva e Storia Condivisa La Fondazione Teatro Politeama Teatro del Piemonte, la Città di Bra e la Residenza Multidisciplinare delle 2 Province,

Dettagli

Istituto Comprensivo Perugia 9

Istituto Comprensivo Perugia 9 Istituto Comprensivo Perugia 9 Anno scolastico 2015/2016 Programmazione delle attività educativo didattiche SCUOLA PRIMARIA Disciplina RELIGIONE CLASSE: PRIMA L'alunno: - Riflette sul significato dell

Dettagli

Modulo 1 Unità 1. Santa Teresa Civitavecchia Roma Olbia. Q1. Completa le frasi con le parole della lista.

Modulo 1 Unità 1. Santa Teresa Civitavecchia Roma Olbia. Q1. Completa le frasi con le parole della lista. Andare a gonfie vele Q1. Completa le frasi con le parole della lista. Roma vele Islanda Olbia vacanza quarantenne Sardegna Sicilia In traghetto Fabio è stato in con la famiglia a Santa Teresa, che si trova

Dettagli

Non sapevo veramente cosa aspettarmi Pensavo sarebbe stato qualcosa di simile a quello che avevo fatto a casa mia a Briarwood. Pensavo di trovare famiglie senza casa, gente povera, e senso di isolamento.

Dettagli

Mercoledì 28 Gennaio 2015. Nasce. 1706: John Baskerville, stampatore (inventore del carattere omonimo) 1887: Arthur Rubinstein, pianista

Mercoledì 28 Gennaio 2015. Nasce. 1706: John Baskerville, stampatore (inventore del carattere omonimo) 1887: Arthur Rubinstein, pianista Mercoledì 28 Gennaio 2015 Nasce 1706: John Baskerville, stampatore (inventore del carattere omonimo) 1887: Arthur Rubinstein, pianista 1912: Jackson Pollock, pittore Muore 814 d.c.: muore all'età di 71

Dettagli

VIII ISTITUTO Comprensivo E: Vittorini SR Indicatori di Apprendimento SCUOLA PRIMARIA Anno scolastico 2014 2015

VIII ISTITUTO Comprensivo E: Vittorini SR Indicatori di Apprendimento SCUOLA PRIMARIA Anno scolastico 2014 2015 ITALIANO VIII ISTITUTO Comprensivo E: Vittorini SR Indicatori di Apprendimento SCUOLA PRIMARIA Anno scolastico 2014 2015 - Ascoltare, comprendere e comunicare oralmente in modo significativo. - Leggere

Dettagli

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I NUCLEI FONDANTI Dio e l uomo 1. Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre e che fin dalle origini ha voluto stabilire un alleanza con l uomo. 2. Conoscere Gesù di Nazareth, Emmanuele

Dettagli

Parrocchia di San Sperate CORSO DI FORMAZIONE PER CATECHISTI 2012-13

Parrocchia di San Sperate CORSO DI FORMAZIONE PER CATECHISTI 2012-13 Parrocchia di San Sperate CORSO DI FORMAZIONE PER CATECHISTI 2012-13 LE FONTI DELLA CATECHESI RINNOVAMENTO DELLA CATECHESI Al capitolo VI il Documento di Base indica 4 fonti per la catechesi: 1. la SACRA

Dettagli

Curricolo verticale di Religione Cattolica

Curricolo verticale di Religione Cattolica Curricolo verticale di Religione Cattolica Classe Prima Primaria Indicatori Obiettivi di apprendimento 1. DIO E L UOMO 2. LA BIBBIA E LE ALTRE FONTI 3. IL LINGUAGGIO RELIGIOSO 1.1 Scoprire che la vita,

Dettagli

Sono parole che volentieri riprendo con voi, sicuro che aiuteranno la nostra fede e la nostra vita anche per il futuro.

Sono parole che volentieri riprendo con voi, sicuro che aiuteranno la nostra fede e la nostra vita anche per il futuro. Ci ritroviamo in Cattedrale per celebrare la santa Messa di ringraziamento per il dono di Papa Benedetto XVI ed anche per pregare per la Chiesa chiamata, per la responsabilità dei cardinali, ad eleggere

Dettagli

Il contesto storico L'arte rinascimentale Cosa s'intende per Rinascimento La Prospettiva Corpi proporzionati Luce e ombra : il chiaroscuro

Il contesto storico L'arte rinascimentale Cosa s'intende per Rinascimento La Prospettiva Corpi proporzionati Luce e ombra : il chiaroscuro Prof.Giuseppe Torchia Il contesto storico L'arte rinascimentale Cosa s'intende per Rinascimento La Prospettiva Corpi proporzionati Luce e ombra : il chiaroscuro IL RINASCIMENTO IL CONTESTO STORICO LUCE

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA Per sviluppare una competenza di area occorre in primo luogo promuovere l acquisizione delle relative conoscenze e abilità in modo che esse

Dettagli

CATALOGAZIONE DEL FONDO LIBRARIO DEL SACRO MONTE DELLA MADONNA DEL SASSO. www.madonnadelsasso.org

CATALOGAZIONE DEL FONDO LIBRARIO DEL SACRO MONTE DELLA MADONNA DEL SASSO. www.madonnadelsasso.org CATALOGAZIONE DEL FONDO LIBRARIO DEL SACRO MONTE DELLA MADONNA DEL SASSO www.madonnadelsasso.org 1 La storia I fondi librari conservati alla Madonna del Sasso sono attualmente di proprietà dei Cappuccini

Dettagli

WORKSHOP DRAMMATURGIA DELL OGGETTO

WORKSHOP DRAMMATURGIA DELL OGGETTO WORKSHOP DRAMMATURGIA DELL OGGETTO 1 SOMMARIO PREMESSA... 3 CONTENUTI. Drammaturgia dell oggetto... 5 MODALITÀ DI SVOLGIMENTO... 7 DESTINATARI... 7 OBIETTIVI E FINALITÀ DIDATTICHE... 7 2 PREMESSA Dire

Dettagli

MARIA GIUSEPPA DEI SACRI CUORI

MARIA GIUSEPPA DEI SACRI CUORI MARIA GIUSEPPA DEI SACRI CUORI Figura n. 1 Serva di Dio M. Giuseppa dei SS. Cuori. UNA MONACA ADORATRICE MARIA GIUSEPPA DEI SACRI CUORI MARIANNA FORTUNATA CHERUBINI La Monaca Adoratrice amata dalla Napoli

Dettagli

La Fontana del villaggio

La Fontana del villaggio La Fontana del villaggio Anch io posso attingere alla sorgente! Scuola dell'infanzia Maria Immacolata Monteortone Abano Terme PD PROGETTO EDUCATIVO DIDATTICO RELIGIOSO Anno Scolastico 2013/2014 Premessa

Dettagli