Azienda USL n. 12 di Viareggio Dipartimento di Prevenzione U.F. Prevenzione Igiene e Sicurezza nei Luoghi di Lavoro

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Azienda USL n. 12 di Viareggio Dipartimento di Prevenzione U.F. Prevenzione Igiene e Sicurezza nei Luoghi di Lavoro"

Transcript

1 Azienda USL n. 12 di Viareggio Dipartimento di Prevenzione U.F. Prevenzione Igiene e Sicurezza nei Luoghi di Lavoro A dieci anni dall entrata in vigore del D.Lgs 494/96, (Attuazione della direttiva 92/57/CEE concernente le prescrizioni minime di sicurezza e di salute da attuare nei cantieri temporanei o mobili) l Unità Funzionale Prevenzione Igiene e Sicurezza nei Luoghi di Lavoro (U.F. P.I.S.L.L.), dell Azienda USL n.12 Viareggio ha svolto un indagine per conoscere la reale applicazione di tale norma. Oltre l esperienza acquisita dal personale dipendente durante i controlli effettuati negli anni, è stato ritenuto di dover dare voce anche ai datori di lavoro delle imprese edili e ai coordinatori che devono verificare l applicazione delle norme di sicurezza nei cantieri. Per raggiungere lo scopo è stata chiesta la collaborazione agli ordini e collegi professionali della provincia di Lucca (ingegneri, architetti, geometri e periti) e alle associazioni dei datori di lavoro: Associazione Industriali, Confartigianato, Confederazione Nazionale Artigiani (CNA), Comitato Paritetico Territoriale di Lucca (CPT), Comitato Toscano Paritetico di Firenze (CTP), Lega delle Cooperative Toscane, Sistema Edile (raggruppamento di imprese). Il metodo scelto è stato un questionario rivolto: ai liberi professionisti iscritti presso gli albi professionali della provincia di Lucca, relativamente a coloro che hanno frequentato lo specifico corso di 1 ore e ricoprono all atto pratico il ruolo di coordinatori per la sicurezza, sia durante la progettazione che durante l esecuzione dell opera, alle imprese edili con sede legale in provincia di Lucca escludendo gli impiantisti (elettricisti, idraulici, ecc). Le domande sono state redatte dall UF PISLL in collaborazione con: un rappresentante di ciascun ordine e collegio professionale della provincia di Lucca, Confartigianato, CNA, Associazione Industriali, CPT Lucca e Sistema Edile. Per avere un confronto tra le due parti in causa, alcune domande sono state proposte sia alle imprese che ai liberi professionisti. Il questionario doveva essere compilato in forma anonima; al fine di semplificarne la compilazione, le domande avevano risposte multiple già scritte ed era sufficiente barrare la casella con la risposta prescelta. In quelle riservate ai professionisti, ad alcune domande era richiesto di rispondere indicando la percentuale della frequenza di accadimento (%). Via Garibaldi, PIETRASANTA (LU) tel fax uff edilizia indirizzo internet C.F. e P.I

2 Gli ordini, i collegi e le associazione dovevano inviare ai loro iscritti il questionario, recuperare le schede compilate e inoltrarle alla ASL, garantendo l anonimato. L invio poteva essere fatto anche per posta ordinaria, direttamente all Azienda USL. Una parte delle schede è stata distribuita anche dall U.F. PISLL. La raccolta delle schede compilate è avvenuta da novembre 6 a febbraio 7. Nonostante tutte le associazioni dei datori di lavoro fossero favorevoli all iniziativa, alcune non hanno dato seguito alla cosa, di conseguenza una parte delle imprese sono rimaste escluse. Sono state riconsegnate 81 schede ritenendole un numero sufficiente anche se inferiore alle aspettative. Migliore è stata la risposta dei coordinatori; hanno riconsegnato la scheda: 26 ingegneri, 21 architetti, 38 geometri e periti, per un totale di 95 liberi professionisti, su un totale stimato di circa 5 unità. Non esiste un elenco di coloro che effettivamente ricoprono tale ruolo. La percentuale di ogni singola risposta è stata arrotondata, per cui la somma dei valori in alcuni casi dà come risultato 99 o 1 invece di %. Il coordinatore del settore edile Balestrero Renato

3 Questionario rivolto ai liberi professionisti che svolgono funzioni di coordinatore per la progettazione o per l esecuzione dell opera secondo il DL.gs 494/96 Hanno risposto 95 liberi professionisti suddivisi in: zone di lavoro abituali: 21 Architetti Lucca: 83 % 26 Ingegneri Massa: 1 % 38 Geometri Pisa: 7 % Periti Pistoia: 6 % altre province: 4 % 1) nella sua esperienza di lavoro quando viene nominato coordinatore per la progettazione? lavoro privato lavoro pubblico a) all atto della progettazione esecutiva 21 % 62 % b) a progettazione terminata, prima dell affidamento della gara d appalto % 26 % c) a progettazione terminata, prima dell inizio dei lavori in cantiere 53 % 12 % d) quando il cantiere edile è già stato allestito 6 % 1 % A B C D privato pubblico 2) ha avuto difficoltà nell applicazione del D.Lgs 494/96? SI: 93, 7% NO: 6,3 % Se SI, in quale ambito? (si possono dare fino a tre risposte) a) gestione dei lavoratori autonomi 26 % f) redazione dei piani di sicurezza 1 % b) verifica dei requisiti tecnico professionali 14 % g) calcolo della stima dei costi 9 % c) allegato due, rischi particolari 6 % h) redazione del fascicolo tecnico 8 % d) rapporti con il committente 14 % i) invio della notifica preliminare % e) applicazione dei piani di sicurezza ai lavori in cant. 23 %

4 3) esistono delle difficoltà derivanti dall interpretazione della normativa relativa alla redazione dei PSC? a) ci sono state delle difficoltà ma ad oggi sono state superate 49 % b) si, la normativa non è chiara 14 % c) si, la normativa è macchinosa 37 % 4) in quale momento la ditta esecutrice ha consegnato il POS al coordinatore per l esecuzione? a) prima dell accesso in cantiere 39 % b) dopo che ha iniziato i lavori in cantiere 35 % c) dopo che ha iniziato i lavori in cantiere, su mia insistente richiesta 26 % 5) come vengono redatti i Piani Operativi di Sicurezza? a) secondo quanto previsto dal DPR 222/3 che fissa i contenuti minimi % b) in maniera accettabile, anche se non rispettando totalmente il DPR 222/3 24 % c) in modo parziale, solo in parte rispecchiano i lavori in cantiere 19 % d) in modo generico, potrebbero essere utilizzati in tutti i cantieri 37 % A B C D redazione POS 6) può capitare che una ditta inizi a lavorare senza che il coordinatore per l esecuzione ne sia a conoscenza? a) si, in tutti i cantieri 3 % b) si, nella maggior parte dei cantieri 18 % c) si, in qualche cantiere 62 % d) no, non mi è mai capitato 17 % 7) i piani di sicurezza (PSC e POS) vengono consultati dalle imprese esecutrici e dai lavoratori autonomi? a) si, sempre 3 % b) si, qualche volta 63 % c) no, mai 34 %

5 A B C consultazione piani sicurezza 8) in qualità di coordinatore per l esecuzione, quante volte fa un sopralluogo in cantiere? a) almeno una volta alla settimana 55 % b) almeno una volta ogni 15 giorni 11 % c) dipende dalle lavorazioni che si svolgono in cantiere 31 % d) un giorno fisso la settimana (es. tutti i martedì) 3 % 9) è mai stato chiamato in cantiere da una ditta esecutrice per decidere su come fare un lavoro? a) si, è una cosa che succede spesso 13 % b) si, qualche volta 3 % c) no, mai % ) dopo aver dato disposizioni per ripristinare la sicurezza, dopo quanto tempo la ditta li esegue? a) nella stessa giornata 37 % b) dopo qualche giorno 31 % c) al sopralluogo di verifica successivo non sono ancora stati eseguiti 15 % d) dopo vari richiami 17 % 11) le è mai capitato di sospendere i lavori in cantiere per pericolo grave o imminente? a) si, ma la ditta ha continuato a lavorare 8 % b) si, la ditta ha fatto i lavori che gli sono stati indicati 48 % c) no, mai 44 % 12) come si comporta il committente quando viene informato dell obbligo di nominare i coordinatori? privato pubblico a) accetta malvolentieri per questioni economiche 44 % 6 % b) accetta malvolentieri perché non ne vede l utilità 18 % 2 % c) accetta la cosa, non vuole problemi di nessun tipo in cantiere 26 % 5 % d) accetta la cosa perché capisce che la sicurezza sul lavoro è una cosa importante 11 % 42 %

6 5 4 A B C D privato pubblico 13) ha mai chiesto un intervento del committente o al responsabile dei lavori a causa del mancato rispetto dei piani di sicurezza da parte di una ditta esecutrice? a) no 28 % b) qualche volta 7 % c) spesso 2 % 14) nel caso abbia comunicato al committente o al responsabile dei lavori e per conoscenza alla ditta, il mancato rispetto dei piani di sicurezza da parte di dell impresa stessa, che cosa è riuscito ad ottenere? privato pubblico a) niente, il committente non è intervenuto 21 % 8 % b) il committente è intervenuto con la ditta e il cantiere è stato sistemato 29 % 36 % c) il committente mi ha detto di lasciar perdere e di mandare avanti i lavori 12 % 5 % d) la ditta ha fatto ciò che gli veniva richiesto senza intervento del committente 36 % 51 % e) il committente è intervenuto e la ditta è stata sostituita con un'altra 2 % % A B C D E privato pubblico

7 15) come calcola i costi per la sicurezza? a) analiticamente 56 % b) a percentuale 29 % c) a forfait 16 % Trim. 2 Trim. 3 Trim. costi sicurezza 16) in presenza di più lavoratori autonomi che concorrono all esecuzione dello stesso lavoro (impresa di fatto) come si è comportato relativamente al POS? a) ho chiesto il POS, che mi è stato consegnato 39 % b) ho chiesto il POS, che mi è stato consegnato dopo molte insistenze, perchè ritenevano di essere esclusi dall obbligo di redazione 4 % c) ho chiesto il POS, che nonostante le mie insistenze non mi è stato consegnato 21 % 17) secondo la sua esperienza con la presenza del PSC il coordinatore per l esecuzione: a) ha ottenuto una maggiore attenzione al rispetto della normativa antinfortunistica 37 % b) è riuscito a guidare la successione delle fasi lavorative e quindi a programmare l avanzamento del cantiere 15 % c) si è limitata alla gestione della sicurezza delle singole fasi di lavoro secondo l avanzamento del cantiere come deciso dall impresa e dal direttore lavori 48 %

8 Questionario rivolto ai datori di lavoro delle imprese edili della provincia di Lucca Lucca: 8 % Massa: 5 % Zone di lavoro abituali delle imprese che hanno risposto: Pisa: 3 % Pistoia: 6 % altre province: 5 % 1) Quando le viene consegnato di solito il Piano di Sicurezza e Coordinamento (PSC)? a) alla richiesta del preventivo 7 % b) dopo l affidamento dei lavori, prima dell allestimento del cantiere 49 % c) dopo l inizio dei lavori in cantiere 38 % d) dopo l inizio dei lavori in cantiere, su mia richiesta 4 % e) dopo un sopralluogo della ASL o altri organi di vigilanza 2 % 5 4 A B C D E consegna PSC 2) il PSC relativo ai lavori da svolgere in cantiere, viene letto dal datore di lavoro o da un altro soggetto dell impresa? a) si, sempre (se avete dato questa risposta non rispondete alla domanda n.5) 26 % b) si, qualche volta 39 % c) no, da nessuno (se avete dato questa risposta passate direttamente alla domanda n.5) 35 % 4 A B C lettura PSC

9 3) quando il PSC viene letto, da chi viene letto? (è possibile dare più risposte) a) dal datore di lavoro 4 % b) dal direttore di cantiere- capo cantiere- caposquadra 32 % c) assistente di cantiere, dipendente o non dipendente 24 % d) amministratore ragioniere 3 % e) rappresentante dei lavoratori 1 % f) medico competente % 4) prevalentemente per quale motivo il PSC viene letto? a) rende il lavoro in cantiere più sicuro 64 % b) facilita il mio lavoro 15 % c) le ditte presenti contemporaneamente in cantiere lavorano con maggior ordine 19 % d) per verificare i costi della sicurezza 2 % 5) se il PSC non viene letto, per quale motivo? (si posso dare fino a tre risposte) a) sono troppo lunghi 23 % b) sono difficili da leggere 5 % c) sono tutti uguali 27 % d) sono di difficile attuazione 4 % e) non servono a niente 11 % f) non c è scritto niente di nuovo % g) sono solo una raccolta di leggi 13 % h) non ho tempo per leggerli 9 % A B C D E F G H motivazione non lettura PSC 6) chi redige di solito il Piano Operativo di Sicurezza (POS) per i lavori svolti dalla sua ditta? a) io, personalmente 23 % b) un mio dipendente 22 % c) un professionista esterno 47 % d) il commercialista o un consulente amministrativo esterno 7 %

10 7) quando viene redatto di solito il POS per i lavori da svolgere in cantiere? a) prima dell inizio dei lavori 46 % b) dopo l inizio dei lavori 49 % c) quando viene richiesto dalla ASL o dal coordinatore per la sicurezza 5 % 8) il POS viene redatto: a) dopo aver letto il PSC 24 % b) senza aver letto il PSC, sulla base del lavoro da svolgere 41 % c) senza aver letto il PSC, genericamente 25 % d) fotocopiando un POS redatto per un altro cantiere % 5 4 A B C D redazione POS 9) durante i lavori in cantiere consulta i piani di sicurezza? a) si, sempre 6 % b) si, qualche volta 46 % c) no, mai 48 % 5 4 A B C consultazione POS ) ha mai chiamato il coordinatore per l esecuzione per risolvere dei problemi di sicurezza che si presentano in cantiere? a) no, mai % b) qualche volta 63 % c) si, sempre 8 %

11 11) le è mai capitato di accettare l appalto di un lavoro e di dover poi individuare anche i coordinatori? a) no, mai 26 % b) si, succede spesso 23 % c) si, qualche volta mi è capitato 51 % 12) quante volte il coordinatore per l esecuzione viene in cantiere per controllare il rispetto dei piani di sicurezza? a) almeno una volta alla settimana 14 % b) almeno una volta ogni 15 giorni 32 % c) dipende dalle lavorazioni che si svolgono in cantiere 27 % d) un giorno fisso alla settimana % e) dopo un intervento della ASL o altre organizzazioni esterne 1 % f) raramente 26 % 13) come viene utilizzata la somma in denaro individuata nel PSC per la sicurezza in cantiere? a) viene utilizzata per la sicurezza in cantiere 25 % b) non viene presa in considerazione 57 % c) conosco poco l argomento 8 % d) non c è questa voce % A B C D utilzzo costi sicurezza 14) nella sua esperienza di lavoro quale è stata la più frequente di queste situazioni? a) di essermi direttamente occupato di individuare i coordinatori per la sicurezza 31 % b) di non aver mai visto il coordinatore per l esecuzione nonostante fosse un cantiere rilevante 12 % c) di non aver mai visto il PSC benché fosse un lavoro grande 14 % d) di aver redatto il POS senza aver visto il PSC che non mi era stato consegnato. 44 %

7 novembre 2008 Forum di Omegna PROVINCIA DEL VCO. MINISTERO DEL WELFARE Regione Piemonte Direzione Provinciale del Lavoro del VCO

7 novembre 2008 Forum di Omegna PROVINCIA DEL VCO. MINISTERO DEL WELFARE Regione Piemonte Direzione Provinciale del Lavoro del VCO Ordine degli Ingegneri della Provincia del VCO Collegio dei Geometri della Provincia del VCO Ordine degli Architetti delle Provincie di Novara e VCO Collegio dei periti della Provincia del VCO PROVINCIA

Dettagli

REGOLE DI BUONA PRASSI PER IL COORDINATORE DELLA SICUREZZA

REGOLE DI BUONA PRASSI PER IL COORDINATORE DELLA SICUREZZA REGOLE DI BUONA PRASSI PER IL COORDINATORE DELLA SICUREZZA IN RIFERIMENTO DELLA DIRETTIVA CANTIERI D.L.vo 494/96 e D.L.vo 528/99; DPR 222/03; D.L.vo 276/03 Le regole di seguito indicate rappresentano un

Dettagli

FASE DI PROGETTAZIONE DELL OPERA

FASE DI PROGETTAZIONE DELL OPERA Premessa La presente relazione è stata elaborata in ottemperanza a quanto disposto dall art. 18, comma 1, lettera f) del DPR 554/99 (Regolamento di attuazione alla legge quadro in materia di lavori pubblici

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE PER LA SICUREZZA DEL LAVORO NEI CONTRATTI D APPALTO, D OPERA O DI SOMMINISTRAZIONE

CAPITOLATO SPECIALE PER LA SICUREZZA DEL LAVORO NEI CONTRATTI D APPALTO, D OPERA O DI SOMMINISTRAZIONE ALLEGATO 6 CAPITOLATO SPECIALE PER LA SICUREZZA DEL LAVORO NEI CONTRATTI D APPALTO, D OPERA O DI SOMMINISTRAZIONE Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente Capitolato, alle seguenti espressioni sono

Dettagli

AZIENDA U.S.L. RIMINI Unità Operativa Prevenzione e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro

AZIENDA U.S.L. RIMINI Unità Operativa Prevenzione e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro AZIENDA U.S.L. RIMINI Unità Operativa Prevenzione e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro PROCEDURE DEL COORDINATORE PER LA GESTIONE DEL CANTIERE P.S.C., IMPOSTAZIONE E ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE: APPLICAZIONE

Dettagli

Il ruolo del coordinatore alla sicurezza: dubbi ed interpretazioni

Il ruolo del coordinatore alla sicurezza: dubbi ed interpretazioni "La vigilanza sulla sicurezza e salute dei lavoratori nella realizzazione delle grandi opere infrastrutturali: risultati e prospettive." Azienda Sanitaria Firenze Il ruolo del coordinatore alla sicurezza:

Dettagli

Sogin - Linee Guida sui cantieri temporanei o mobili

Sogin - Linee Guida sui cantieri temporanei o mobili Sogin - Linee Guida sui cantieri temporanei o mobili 1. PREMESSA La disciplina dei cantieri temporanei e mobili ha trovato preciso regolamentazione nel Decreto Legislativo 9 aprile 2008, n. 81, e nel successivo

Dettagli

Protocollo di intesa a programmare, ferme restando le specifiche. competenze di ogni soggetto, interventi di prevenzione congiunti e

Protocollo di intesa a programmare, ferme restando le specifiche. competenze di ogni soggetto, interventi di prevenzione congiunti e PROTOCOLLO DI INTESA IN MATERIA DI SICUREZZA, IGIENE NEI LUOGHI DI LAVORO E LEGALITA NELLA REALIZZAZIONE DI UNA NUOVA RESIDENZA UNIVERSITARIA IN PISA Protocollo di intesa a programmare, ferme restando

Dettagli

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Corso di laurea in Ingegneria Edile CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Anno Accademico 2011/2012 Definire: Obbiettivi della lezione Rischi Interferenziali - DUVRI e PSC Rischi Propri - POS Conoscere gli aspetti

Dettagli

PIANO DI SICUREZZA E CORDINAMENTO (redatto in conformità all art. 100 e dell allegato XV del D.Lgs 81/08)

PIANO DI SICUREZZA E CORDINAMENTO (redatto in conformità all art. 100 e dell allegato XV del D.Lgs 81/08) PIANO DI SICUREZZA E CORDINAMENTO (redatto in conformità all art. 100 e dell allegato XV del D.Lgs 81/08) Foiano della Chiana, via del Duca n 13 tel. e fax: 0575 1831380 - fax: 0575 1781745 email: info@overarch.it

Dettagli

Ruolo e responsabilità del Committente

Ruolo e responsabilità del Committente www.ordingbo.it Ordine degli Ingegneri della Provincia di Bologna Ruolo e responsabilità del Guida alla sicurezza dei cantieri Coordinatore Premessa Prevenire è meglio che curare. Molti degli incidenti

Dettagli

Compiti e responsabilità dei Coordinatori

Compiti e responsabilità dei Coordinatori Seminario Tecnico sui piani di sicurezza e di coordinamento: ruolo del C.S.P. E DEL C.S.E. Pistoia, 26 ottobre 2010 Compiti e responsabilità dei Coordinatori dott. ing. Biagio Mugnieco Direzione Provinciale

Dettagli

Normativa di riferimento

Normativa di riferimento SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N. 3 ALTO FRIULI DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Prevenzione e sicurezza ambienti di lavoro CADUTE DALL ALTO

Dettagli

IL COMMITTENTE NEI LAVORI EDILI

IL COMMITTENTE NEI LAVORI EDILI COLLEGIO DEI GEOMETRI E GEOMETRI LAUREATI DELLA PROVINCIA DI SIENA IL COMMITTENTE NEI LAVORI EDILI GUIDA PRATICA SUGLI OBBLIGHI E REPONSABILITA DEL COMMITTENTE E DEL RESPONSABILE DEI LAVORI PREMESSA Con

Dettagli

CAPO II NORME PER LA PREVENZIONE DEGLI INFORTUNI SUL LAVORO NELLE COSTRUZIONI E NEI LAVORI IN QUOTA

CAPO II NORME PER LA PREVENZIONE DEGLI INFORTUNI SUL LAVORO NELLE COSTRUZIONI E NEI LAVORI IN QUOTA TITOLO IV CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI DLGS 81/200 08 CAPO I MISURE PER LA SALUTE E SICUREZZA NEI CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI CAPO II NORME PER LA PREVENZIONE DEGLI INFORTUNI SUL LAVORO NELLE COSTRUZIONI

Dettagli

AZIENDA UNITÀ SANITARIA LOCALE RIMINI

AZIENDA UNITÀ SANITARIA LOCALE RIMINI AZIENDA UNITÀ SANITARIA LOCALE RIMINI Unità Operativa Prevenzione e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro U.O.-P.S.A.L. Programma cantieri 2006 09/03/2006 1 MODALITA OPERATIVE DELL ADDETTO ALLA VIGILANZA

Dettagli

Nell ambito di gruppi di lavoro

Nell ambito di gruppi di lavoro Commento Riconosciuta l utilità delle best practice dal disegno di legge delega per il TU Da Parma, le regole della buona prassi per il coordinatore della sicurezza di Vittorio Gherri, tecnico del CSE

Dettagli

GILBERTO LOFFREDO. Rimini, via Macanno, 20 p.e.: gilberto.loffredo@katamail.com

GILBERTO LOFFREDO. Rimini, via Macanno, 20 p.e.: gilberto.loffredo@katamail.com GILBERTO LOFFREDO Rimini, via Macanno, 20 p.e.: gilberto.loffredo@katamail.com Comitato Paritetico Territoriale Per la Prevenzione Infortuni l Igiene e l Ambiente di Lavoro della Provincia di Rimini 2

Dettagli

FASCICOLO DI DOCUMENTI OBBLIGATORI IN CANTIERE D R. M A R R O C C O L U C I O M E D I C O D E L L A V O R O

FASCICOLO DI DOCUMENTI OBBLIGATORI IN CANTIERE D R. M A R R O C C O L U C I O M E D I C O D E L L A V O R O FASCICOLO DI DOCUMENTI OBBLIGATORI IN CANTIERE D R. M A R R O C C O L U C I O M E D I C O D E L L A V O R O Documenti concernenti gli obblighi a carico del Datore di Lavoro Nomine e attestati di formazione

Dettagli

Massa Marittima 14 Marzo 2014

Massa Marittima 14 Marzo 2014 SICUREZZA NEI CANTIERI DEI LAVORI DI MESSA IN SICUREZZA DELLE AREE EX MINERARIE DELLA PROVINCIA DI GROSSETO Massa Marittima 14 Marzo 2014 NORMATIVA DI RIFERIMENTO La normativa che regola la gestione della

Dettagli

Il decreto legislativo 494/96. Geom. Stefano Fiori

Il decreto legislativo 494/96. Geom. Stefano Fiori Il decreto legislativo 494/96 Geom. Stefano Fiori EVOLUZIONE NORMATIVA DEFINIZIONI Articolo 1 1. Il presente decreto legislativo prescrive misure per la tutela e per la sicurezza dei Lavoratori nei cantieri

Dettagli

PROGETTO PRELIMINARE

PROGETTO PRELIMINARE INTERVENTI DI RIQUALIFICAZIONE E RINATURAZIONE DEL TRATTO FINALE DELLA ROGGIA CAVOLTO IN COMUNE DI MERONE Interventi per il miglioramento delle acque e degli habitat nella Valle del Lambro (Lambro vivo)

Dettagli

PREVENZIONE E SICUREZZA SUL LAVORO NEI CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI PRESCRIZIONI LEGISLATIVE

PREVENZIONE E SICUREZZA SUL LAVORO NEI CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI PRESCRIZIONI LEGISLATIVE PREVENZIONE E SICUREZZA SUL LAVORO NEI CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI PRESCRIZIONI LEGISLATIVE IL DATORE DI LAVORO OBBLIGHI FONDAMENTALI DEL DATORE DI LAVORO: effettuare la valutazione dei rischi, redigere

Dettagli

SCHEMI LETTERE DI NOTIFICA SCHEMA DI AUTOCERTIFICAZIONE SCHEMI LETTERE DI DESIGNAZIONE SCHEMA LETTERA DI INFORMAZIONE AI LAVORATORI

SCHEMI LETTERE DI NOTIFICA SCHEMA DI AUTOCERTIFICAZIONE SCHEMI LETTERE DI DESIGNAZIONE SCHEMA LETTERA DI INFORMAZIONE AI LAVORATORI SCHEMI LETTERE DI NOTIFICA SCHEMA DI AUTOCERTIFICAZIONE SCHEMI LETTERE DI DESIGNAZIONE SCHEMA LETTERA DI INFORMAZIONE AI LAVORATORI SCHEMA DEL VERBALE DI RIUNIONE PERIODICA Modello A) BOZZA DI LETTERA

Dettagli

UNIVERSITÀ DI PISA FACOLTÀ DI INGEGNERIA. Ciclo di Seminari Sicurezza Cantieri Temporanei e Mobili

UNIVERSITÀ DI PISA FACOLTÀ DI INGEGNERIA. Ciclo di Seminari Sicurezza Cantieri Temporanei e Mobili UNIVERSITÀ DI PISA FACOLTÀ DI INGEGNERIA Presidenza della Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Edile e delle Costruzioni Civili Ciclo di Seminari Sicurezza Cantieri Temporanei e Mobili Aggiornamento

Dettagli

Anno 2001. Anno 2000. Anno 1999

Anno 2001. Anno 2000. Anno 1999 Nel 2007 il CPT Lucca ha acquisito l incarico di sviluppare un impegnativo progetto di corsi in collaborazione con Cassa edile lucchese e Scuole edile lucchese per la formazione degli addetti al montaggio,

Dettagli

PREVENZIONE E SICUREZZA SUL LAVORO NEI CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI PRESCRIZIONI LEGISLATIVE

PREVENZIONE E SICUREZZA SUL LAVORO NEI CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI PRESCRIZIONI LEGISLATIVE PREVENZIONE E SICUREZZA SUL LAVORO NEI CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI PRESCRIZIONI LEGISLATIVE IL DATORE DI LAVORO OBBLIGHI FONDAMENTALI DEL DATORE DI LAVORO: effettuare la valutazione dei rischi, redigere

Dettagli

1. Premessa 3. 2. Riferimenti normativi 3. 3. Contenuti del Piano di Sicurezza e Coordinamento 4. 4. Allegati del PSC 7

1. Premessa 3. 2. Riferimenti normativi 3. 3. Contenuti del Piano di Sicurezza e Coordinamento 4. 4. Allegati del PSC 7 INDICE 1. Premessa 3 2. Riferimenti normativi 3 3. Contenuti del Piano di Sicurezza e Coordinamento 4 4. Allegati del PSC 7 pagina 2 di 7 1. Premessa Il Piano di Sicurezza e Coordinamento è redatto per

Dettagli

TESTO UNICO SULLA SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO (Dlgs 81/2008)

TESTO UNICO SULLA SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO (Dlgs 81/2008) Dipartimento di Prevenzione Azienda USL3 di Pistoia TESTO UNICO SULLA SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO (Dlgs 81/2008) Il ruolo del Ing. Massimo Selmi Pistoia, 26.10.2010 IMPRESA AFFIDATARIA Impresa titolare

Dettagli

Valutazione dei rischi in cantiere: il P.O.S.

Valutazione dei rischi in cantiere: il P.O.S. Valutazione dei rischi in cantiere: il P.O.S. Carmine Del Basso Tecnico della Prevenzione S.Pre.S.A.L. Cosa dice la norma La valutazione dei rischi Il Datore di Lavoro valuta tutti i rischi: per la sicurezza

Dettagli

Le malattie professionali da esposizione a:

Le malattie professionali da esposizione a: Le malattie professionali da esposizione a: AMIANTO RUMORE VIBRAZIONI MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI Mauro Valiani Con il decreto 81/2008 (impropriamente Testo Unico..), è cambiato il modo di concepire

Dettagli

Inizio campagna : 2012

Inizio campagna : 2012 Nel 2012 è iniziata l attività di vigilanza presso le varie sedi oggetto di allestimento e disallestimento stand fieristici. L attività è stata preceduta da una lettera di chiarimenti e da diversi incontri

Dettagli

LA NUOVA GUIDA CEI 0-10 PER LA MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI ELETTRICI

LA NUOVA GUIDA CEI 0-10 PER LA MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI ELETTRICI LA NUOVA GUIDA CEI 0-10 PER LA MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI ELETTRICI PREMESSA Il panorama delle disposizioni all interno delle quali si pone la manutenzione è cambiato e si avverte la necessità di individuare

Dettagli

Relazione Attività ANNO 2006

Relazione Attività ANNO 2006 Relazione Attività ANNO 2006 L'8 maggio 2006 il CPT Lucca ha assunto una nuova apprendista che, oltre a partecipare ad un importante programma per la sua formazione professionale anche presso Comitati

Dettagli

Sicurezza e prevenzione D.lgs 81/08

Sicurezza e prevenzione D.lgs 81/08 Sicurezza e prevenzione D.lgs 81/08 L obbiettivo di tale documento è quello di fornire all amministratore chiarezza proprio sulle responsabilità specifiche del suo ruolo e, non meno importante, di proporre

Dettagli

GESTIONE DELLE LAVORAZIONI ESTERNE

GESTIONE DELLE LAVORAZIONI ESTERNE P446.06 GESTIONE DELLE LAVORAZIONI ESTERNE Pagina 1 di 5 GESTIONE DELLE LAVORAZIONI ESTERNE INDICE 1. Scopo... 2 2. Campo di Applicazione... 2 3. Terminologia, Definizioni, Abbreviazioni... 2 4. Responsabilita...

Dettagli

COME STA IL TUO CANTIERE?

COME STA IL TUO CANTIERE? Vademecum per l impresa e il cantiere 15x21 30-04-2010 10:56 MAGGIO 2010 Pagina 1 COME STA IL TUO CANTIERE? UNA VISITA TECNICA DEL CTP PUÒ EVITARTI COMPLICAZIONI PRENOTALA ADESSO METTI IN REGOLA IL TUO

Dettagli

Dr. Carmelo Scarcella Direttore Generale ASL Brescia

Dr. Carmelo Scarcella Direttore Generale ASL Brescia Implementazione di sistemi di gestione della salute e sicurezza sul lavoro nelle Aziende Sanitarie Lombarde e ricadute nella realizzazione di Opere Pubbliche Dr. Carmelo Scarcella Direttore Generale ASL

Dettagli

Rilevazione degli oneri sostenuti dalle imprese per adempiere agli obblighi informativi nell area Sicurezza sul lavoro Anno 2010

Rilevazione degli oneri sostenuti dalle imprese per adempiere agli obblighi informativi nell area Sicurezza sul lavoro Anno 2010 Rilevazione degli oneri sostenuti dalle imprese per adempiere agli obblighi informativi nell area Sicurezza sul lavoro Anno 2010 Questionario II - Adempimenti per cantieri temporanei o mobili CODICE DITTA

Dettagli

PiMUS: Il Ruolo del Coordinatore in fase di Esecuzione. PiMUS: Il Ruolo del Coordinatore in fase di Esecuzione. di Farina Geom.

PiMUS: Il Ruolo del Coordinatore in fase di Esecuzione. PiMUS: Il Ruolo del Coordinatore in fase di Esecuzione. di Farina Geom. di Farina Geom. Stefano Bologna, 6 giugno 2007 Il D.Lgs. 235/03 integra e modifica il D.Lgs. 626/1994 ovvero introduce degli obblighi per il DATORE DI LAVORO Il D.Lgs. 235/03 integra e modifica il D.Lgs.

Dettagli

ISISS Piana di Lucca Porcari (LU) Corso serale Istruzione adulti a.s. 2015-16 - UDA

ISISS Piana di Lucca Porcari (LU) Corso serale Istruzione adulti a.s. 2015-16 - UDA PIANO DELLE UNITA DI APPRENDIMENTO Indirizzo : I.T.E.T. A. Benedetti Via Roma 121 Porcari (Lu) Articolazione : Costruzioni, Ambiente e Territorio Terzo Periodo Didattico - Classe V Disciplina: GESTIONE

Dettagli

COORDINATORE DELLA SICUREZZA NEI CANTIERI

COORDINATORE DELLA SICUREZZA NEI CANTIERI Pagina 2 di 6 1. PROFILO E COMPETENZE 1.1. PROFILO 1.2. COMPETENZE Il Coordinatore della sicurezza nei cantieri, temporanei o mobili, in fase di Progettazione CSP ed in fase di Esecuzione CSE (di seguito

Dettagli

Una delle attività che la Direzione Lavori. Giacomo Moretti

Una delle attività che la Direzione Lavori. Giacomo Moretti 8 contabilità lavori parte III Giacomo Moretti L analisi degli standard di qualità, le cui prime due puntate apparse sui numeri 53 e 54 della rivista erano dedicate all E02 Direzione Lavori, affronta ora

Dettagli

GESTIONE DEGLI APPALTI. Copyright Diritti riservati

GESTIONE DEGLI APPALTI. Copyright Diritti riservati GESTIONE DEGLI APPALTI Copyright Diritti riservati GESTIONE DEGLI APPALTI RIF. D. LGS. 81/08 s.m.i. Articolo 26 - Obblighi connessi ai contratti d appalto o d opera o di somministrazione Titolo IV Cantieri

Dettagli

Le politiche delle Regioni per la promozione della. salute e della sicurezza nei cantieri edili: Le linee guida DPR 222/03

Le politiche delle Regioni per la promozione della. salute e della sicurezza nei cantieri edili: Le linee guida DPR 222/03 Le politiche delle Regioni per la promozione della salute e della sicurezza nei cantieri edili: Le linee guida DPR 222/03 Ing. Marco Masi Regione Toscana Settore Prevenzione e Sicurezza DPR 222/2003 :

Dettagli

COMUNE DI CASORATE PRIMO OBBLIGHI E RESPONSABILITA DEL COMMITTENTE NELL EDILIZIA PRIVATA

COMUNE DI CASORATE PRIMO OBBLIGHI E RESPONSABILITA DEL COMMITTENTE NELL EDILIZIA PRIVATA COMUNE DI CASORATE PRIMO OBBLIGHI E RESPONSABILITA DEL COMMITTENTE NELL EDILIZIA PRIVATA Definizioni Committente: figura che commissiona il lavoro indipendentemente dall entità e dall importo, diventa

Dettagli

La Sicurezza nei luoghi di lavoro: - Corso di Aggiornamento per Coordinatori per la Sicurezza in fase di Progettazione e di Esecuzione dei lavori

La Sicurezza nei luoghi di lavoro: - Corso di Aggiornamento per Coordinatori per la Sicurezza in fase di Progettazione e di Esecuzione dei lavori La Sicurezza nei luoghi di lavoro: - Corso di Aggiornamento per Coordinatori per la Sicurezza in fase di Progettazione e di Esecuzione dei lavori Modulo II Le figure responsabili della sicurezza: i Coordinatori

Dettagli

Responsabile dei corsi Corrado Bernardi CPTLucca Giorni settimanali

Responsabile dei corsi Corrado Bernardi CPTLucca Giorni settimanali Sede Cassa edile lucchese e Scuola edile lucchese Comitato Paritetico Marmo Ordine degli Architetti della provincia di Lucca Collegio dei Geometri della provincia di Lucca Ordine degli Ingegneri della

Dettagli

Questa guida è destinata:

Questa guida è destinata: PREMESSA Questa guida è destinata: - ai privati cittadini - ai proprietari di immobili - agli amministratori di condominio - ai titolari di aziende (anche agricole) - ai "responsabili di procedimento"

Dettagli

Soggetto Documento dovuto Documento opportuno Quando Data Note. scritto con esplicitazione delle incombenze specifiche.

Soggetto Documento dovuto Documento opportuno Quando Data Note. scritto con esplicitazione delle incombenze specifiche. - COMMITTENTE E RESPONSABILE DEI LAVORI - Affidamento incarichi ai Affidamento incarico professionisti: incarico progettazione e/o D.L. scritto con esplicitazione delle incombenze specifiche. Committente

Dettagli

Quaderno della sicurezza 1 CASO : LAVORI PRIVATI SOGGETTI A DIA ESEGUITI DA 5 LAVORATORI AUTONOMI

Quaderno della sicurezza 1 CASO : LAVORI PRIVATI SOGGETTI A DIA ESEGUITI DA 5 LAVORATORI AUTONOMI ESEMPI PRATICI : LAVORI PRIVATI SOGGETTI A DIA 1 CASO : AUTONOMI Obblighi del COMMITTENTE : 1. Il Committente NON è tenuto a nominare né il CSP, né il CSE, anche se i 5 lavoratori autonomi lavorano contemporaneamente;

Dettagli

IL COMMITTENTE PUBBLICO UN PIANO PER GARANTIRE SICUREZZA AI CANTIERI EDILI

IL COMMITTENTE PUBBLICO UN PIANO PER GARANTIRE SICUREZZA AI CANTIERI EDILI Direzione IL COMMITTENTE PUBBLICO UN PIANO PER GARANTIRE SICUREZZA AI CANTIERI EDILI venerdì 30 maggio 2008 Caselle Torinese Jet Hotel Direzione PRESENTAZIONE DIRIGENTE REFERENTE SICUREZZA CANTIERI SCR

Dettagli

Il coordinatore in materia di salute e sicurezza nei cantieri ai sensi del D.L.vo 494/96

Il coordinatore in materia di salute e sicurezza nei cantieri ai sensi del D.L.vo 494/96 Il coordinatore in materia di salute e sicurezza nei cantieri ai sensi del D.L.vo 494/96 Giornata di Studio 8 Giugno 2006 Ing. Sandro Vescovi INFN - LNF Il settore delle Costruzioni presenta un rischio

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER L UTENTE

NOTA INFORMATIVA PER L UTENTE DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE SERVIZIO PREVENZIONE E SICUREZZA AMBIENTI DI LAVORO Regione Lazio NOTA INFORMATIVA PER L UTENTE D.Lgs. 81/08: PRINCIPALI ADEMPIMENTI PER I COMMITTENTI DI OPERE EDILI Azienda

Dettagli

Edilizia, urbanistica e ambiente Parte 9: Coordinamento della sicurezza in fase di esecuzione dell opera

Edilizia, urbanistica e ambiente Parte 9: Coordinamento della sicurezza in fase di esecuzione dell opera Edilizia, urbanistica e ambiente Parte 9: Coordinamento della sicurezza in fase di esecuzione dell opera Premessa Il presente documento è stato elaborato dal Gruppo di Lavoro Standard di qualità ai fini

Dettagli

COME STA IL TUO CANTIERE?

COME STA IL TUO CANTIERE? Vademecum per l impresa e il cantiere 15x21 30-04-2010 10:56 maggio 2010 Pagina 1 COME STA IL TUO CANTIERE? UNA VISITA TECNICA DEL CTP PUÒ EVITARTI COMPLICAZIONI PRENOTALA ADESSO METTI IN REGOLA IL TUO

Dettagli

Progetto Coordinatori della Provincia di Varese

Progetto Coordinatori della Provincia di Varese Informiamo e comunichiamo che è operativo il Progetto Coordinatori della Provincia di Varese che vede coinvolti i seguenti promotori: ASL della Provincia di Varese Dipartimento di prevenzione medico S.I.S.L.;

Dettagli

COMUNE DI ANZOLA DELL'EMILIA

COMUNE DI ANZOLA DELL'EMILIA COMUNE DI ANZOLA DELL'EMILIA PROVINCIA DI BOLOGNA C O P I A DETERMINAZIONE : AREA LAVORI PUBBLICI E AMBIENTE SERVIZIO LAVORI PUBBLICI E MANUTENZIONE CONFERIMENTO INCARICO RELATIVO AGLI ADEMPIMENTI DI COORDINATORE

Dettagli

D. Lgs. 9 Aprile 2008 n. 81

D. Lgs. 9 Aprile 2008 n. 81 D. Lgs. 9 Aprile 2008 n. 81 TITOLO IV CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI QUADRO GENERALE e CAPO I DIVO PIOLI TUTELA DELLA SALUTE E DELLA SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO Attuazione art. 1 L. 123/2007 D.Lgs. 81/08

Dettagli

Dott.ssa Maria Gabriella Pregnolato

Dott.ssa Maria Gabriella Pregnolato Dott.ssa Maria Gabriella Pregnolato Decreto legislativo 14 agosto 1996, n. 494 Articolo 5 Obblighi del coordinatore per l'esecuzione dei lavori 1. Durante la realizzazione dell opera, il coordinatore per

Dettagli

SCHEMA AVVISO PUBBLICO

SCHEMA AVVISO PUBBLICO SCHEMA AVVISO PUBBLICO FORMAZIONE DI UN ELENCO DI PROFESSIONISTI CUI AFFIDARE INCARICHI DI TECNICI DI CUI AGLI ARTT. 90 E 91 E SERVIZI DI CUI ALL ALL. IIA CATEGORIA 12 DEL CODICE DEI CONTRATTI PUBBLICI

Dettagli

Devi fare un lavoro? Devi aprire un cantiere? Allora sei un...committente!

Devi fare un lavoro? Devi aprire un cantiere? Allora sei un...committente! Devi fare un lavoro? Devi aprire un cantiere? Allora sei un...committente! Sicurezza sul lavoro: Ruolo e responsabilità del COMMITTENTE Con la collaborazione delle Associazioni di Categoria del territorio

Dettagli

SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI IL PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA P.O.S.

SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI IL PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA P.O.S. SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI IL PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA P.O.S. La versione aggiornata del Testo Unico: Rev. 13^ - Maggio 2013 TITOLO IV - CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI CAPO I - MISURE PER LA SALUTE

Dettagli

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. COMMITTENTE Il soggetto per conto del quale l'intera opera viene realizzata

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. COMMITTENTE Il soggetto per conto del quale l'intera opera viene realizzata CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI CAPO 1 Articolo 89 - DEFINIZIONI COMMITTENTE Il soggetto per conto del quale l'intera opera viene realizzata RESPONSABILE DEI LAVORI soggetto che può essere incaricato dal

Dettagli

... 1 PUNTATA parte prima La storia dei costi della sicurezza

... 1 PUNTATA parte prima La storia dei costi della sicurezza Cari colleghi da alcuni di Voi mi giunge, sempre più spesso, la richiesta di aiuto relativamente alla STIMA DEI COSTI DELLA SICUREZZA che, indubbiamente, rappresenta uno degli aspetti più controversi e

Dettagli

INFORMAZIONI PERSONALI

INFORMAZIONI PERSONALI INFORMAZIONI PERSONALI Nome e Cognome CRISTIAN BIGGI Indirizzo VIA CHIODO, 1/C CEPARANA (SP) Telefono Tel. ufficio 0187/940165 fax 0187/933996 E-mail info@geometrabiggi.it Sito internet www.geometrabiggi.it

Dettagli

ALLEGATO. Parte prima. Parte seconda I MODULI PER LA GESTIONE DELLE PROCEDURE DI SICUREZZA LE SCHEDE DELLE MACCHINE E ATTREZZATURE

ALLEGATO. Parte prima. Parte seconda I MODULI PER LA GESTIONE DELLE PROCEDURE DI SICUREZZA LE SCHEDE DELLE MACCHINE E ATTREZZATURE ALLEGATO Parte prima I MODULI PER LA GESTIONE DELLE PROCEDURE DI SICUREZZA Parte seconda LE SCHEDE DELLE MACCHINE E ATTREZZATURE Servizio Tecnico di Bacino Geom. Mauro Corbelli Pag. 98 Il presente allegato

Dettagli

Coordinamento della sicurezza in fase di esecuzione dell opera

Coordinamento della sicurezza in fase di esecuzione dell opera Standard di qualità ai fini della qualificazione professionale della categoria dei geometri Specifica E09 Edilizia, urbanistica e ambiente Coordinamento della sicurezza in fase di esecuzione dell opera

Dettagli

TECNICO PER L AFFIDAMENTO DELL INCARICO DI COORDINATORE DELLA SICUREZZA IN FASE DI PROGETTAZIONE (D.

TECNICO PER L AFFIDAMENTO DELL INCARICO DI COORDINATORE DELLA SICUREZZA IN FASE DI PROGETTAZIONE (D. ACEA S.p.A. DISCIPLINARE TECNICO PER L AFFIDAMENTO DELL INCARICO DI COORDINATORE DELLA SICUREZZA IN FASE DI PROGETTAZIONE (D. Lgs. 81/2008 - Art. 89 punto 1 lett. e) e Art. 91) Roma, marzo 2015 Disciplinare

Dettagli

Produzione edilizia e sicurezza a.a. 2009-2010. Lo schema. TITOLO II Luoghi di lavoro

Produzione edilizia e sicurezza a.a. 2009-2010. Lo schema. TITOLO II Luoghi di lavoro Scienza dell Architettura e dell Ingegneria Edile TITOLO IV D.LGS. 81/08 POS Produzione edilizia e sicurezza a.a. 2009-2010 Lo schema TITOLO I CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI CAPO II SISTEMA ISTITUZIONALE

Dettagli

Sicurezza nei lavori in presenza di rischi elettrici

Sicurezza nei lavori in presenza di rischi elettrici Con la pubblicazione della IV edizione della Norma CEI 11-27: Lavori su impianti elettrici sono state introdotte alcune sostanziali modifiche rispetto alla precedente edizione che non è più applicabile

Dettagli

Collaborazione con aziende terze:

Collaborazione con aziende terze: Collaborazione con aziende terze: la cooperazione è garantita? Lavorare contemporaneamente, successivamente, insieme, ma mai uno contro l altro. Perché la mancanza di coordinamento causa interruzioni di

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome STEFANO FRANCESCONI Indirizzo VIA DEBBIA NUOVA N 6 54038 MONTIGNOSO (MS) Telefono 0585/8271207 ufficio Fax 0585/348197 E-mail stefano.francesconi@comune.montignoso.ms.it

Dettagli

Seminario regionale La sicurezza nei cantieri forestali

Seminario regionale La sicurezza nei cantieri forestali Seminario regionale La sicurezza nei cantieri forestali 14 giugno 2012 - Fenestrelle (TO) ASL CN2 Alba-Bra Servizio di Prevenzione e Sicurezza Ambienti di Lavoro (S.Pre Pre.S.A.L.) TITOLO IV D.L.gs 81/08

Dettagli

QUALIFICAZIONE DELLA DITTA SPAZI CONFINATI

QUALIFICAZIONE DELLA DITTA SPAZI CONFINATI QUALIFICAZIONE DELLA DITTA SPAZI CONFINATI QUALIFICAZIONE DELL IMPRESA La qualificazione per quanti intendono operare negli spazi confinati (imprese, lavoratori autonomi e imprese familiari) si fonda sul

Dettagli

GESTIONE DEL CANTIERE E SICUREZZA DELL'AMBIENTE DI LAVORO

GESTIONE DEL CANTIERE E SICUREZZA DELL'AMBIENTE DI LAVORO GESTIONE DEL CANTIERE E SICUREZZA DELL'AMBIENTE DI LAVORO Modulo 1 bis:ruoli e responsabilità in cantiere a cura dell'ing. Laura Nucifora a.s. 2014/15 1 Personale di cantiere Figure tecniche che dirigono

Dettagli

Corso di aggiornamento per coordinatori della sicurezza. Corso di aggiornamento per coordinatori CEFAS Ing. Giancarlo Napoli e Dott.

Corso di aggiornamento per coordinatori della sicurezza. Corso di aggiornamento per coordinatori CEFAS Ing. Giancarlo Napoli e Dott. Corso di aggiornamento per coordinatori della sicurezza Corso di aggiornamento per coordinatori CEFAS Ing. Giancarlo Napoli e Dott. Sandro Celli Le figure del titolo IV del Dlgs 81/2008 Soggetti destinatari

Dettagli

REGIONE TOSCANA Giunta Regionale

REGIONE TOSCANA Giunta Regionale REGIONE TOSCANA Giunta Regionale Direzione Generale Diritto alla Salute e Politiche di Solidarietà COORDINAMENTO INTERREGIONALE IN SANITA Prot. n. GEN/433/A.060.050 Roma, 28 maggio 2010 da citare nella

Dettagli

Corso di aggiornamento per coordinatori della sicurezza

Corso di aggiornamento per coordinatori della sicurezza Corso di aggiornamento per coordinatori della sicurezza TITOLO IV "Ruoli, responsabilità e sanzioni nel settore pubblico e privato Argomenti: - Principi contenuti nel «Codice degli appalti D.lgs 12 aprile

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo OVIDIO BIGONGIARI VIA PANTANETO, 102 MASSAROSA Telefono 0584/976558 CELL. 329/3803304 Fax 0584

Dettagli

Modena, lì 5 maggio 2008. Personale ispettivo. Nucleo Carabinieri. Prot. n. 5780/2008 Allegati n. Risposta al foglio del

Modena, lì 5 maggio 2008. Personale ispettivo. Nucleo Carabinieri. Prot. n. 5780/2008 Allegati n. Risposta al foglio del Modena, lì 5 maggio 2008 Direzione Provinciale del Lavoro di Modena p.za Cittadella 8, Modena - tel.059/222410-224955 - fax 059/224946 sito: www.dplmodena.it e-mail: urp@dplmodena.it Al Al Personale ispettivo

Dettagli

La Norma OHSAS 18001 e la 626

La Norma OHSAS 18001 e la 626 Il nuovo obbligo gestionale La Norma OHSAS 18001 e la 626 Alberto Andreani Via Mameli, 72 int. 201/C 61100 PESARO 0721.403718 andreani@pesaro.com Perché implementare un SGSL quando già si rispetta la 626?

Dettagli

Coordinatore per la progettazione. Coordinatore per l esecuzione

Coordinatore per la progettazione. Coordinatore per l esecuzione Committente e/o Responsabile dei lavori Impresa affidataria, Imprese esecutrici e Lavoratori autonomi Committente CHI E : soggetto per conto del quale l intera opera viene realizzata, indipendentemente

Dettagli

REGIONE LOMBARDIA Assessorato Sanità

REGIONE LOMBARDIA Assessorato Sanità REGIONE LOMBARDIA Assessorato Sanità IL CAPO CANTIERE Organizzato da ASL 3 Monza in collaborazione con Circolo Geometri di Monza e Brianza Relatori: Geom. Giuseppe Redaelli MCIOB Data, 22 novembre 2005

Dettagli

23/11/2011 1. Caserma Casalmaggiore: riqualificazione facciata

23/11/2011 1. Caserma Casalmaggiore: riqualificazione facciata LA GESTIONE PROGETTUALE ED OPERATIVA DELLA SICUREZZA NEGLI INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA DI IMMOBILI PUBBLICI PER L ANNO L 2012. IL MODELLO DELLA PROVINCIA DI CREMONA Realizzato grazie alla collaborazione

Dettagli

Via G. Garibaldi, 2-23891 Barzano (Lc) Tel 039 9272557 - Fax 039 9212955 amministrazione@gruppo-prisma.com - www.gruppo-prisma.com

Via G. Garibaldi, 2-23891 Barzano (Lc) Tel 039 9272557 - Fax 039 9212955 amministrazione@gruppo-prisma.com - www.gruppo-prisma.com G r u p p o P r i s m a T r e S. r. l. S e r v i z i d i C o n s u l e n z a p e r I m p r e s e E d i l i, S t u d i P r o f e s s i o n a l i O r g a n i z z a z i o n e G e s t i o n a l e e d O p e

Dettagli

il Cantiere Sicuro Notiziario dell E.S.E.B. - ENTE SISTEMA EDILIZIA BRESCIA

il Cantiere Sicuro Notiziario dell E.S.E.B. - ENTE SISTEMA EDILIZIA BRESCIA il Cantiere Sicuro Notiziario dell E.S.E.B. - ENTE SISTEMA EDILIZIA BRESCIA informazioni per la sicurezza in cantiere 01 Ente Sistema Edilizia Brescia - via della Garzetta, 51-25133 Brescia ENTE SISTEMA

Dettagli

CANTIERI TITOLO IV (ARTT. 88-160)

CANTIERI TITOLO IV (ARTT. 88-160) CANTIERI TITOLO IV (ARTT. 88-160) All interno di un cantiere già avviato deve entrare un impresa di due soci, chiamati dal committente per la realizzazione di un soppalco in ferro, e quindi non in subappalto.

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Telefono 050/938547 Fax 050/502534 E-mail Cerri Gabriele n. 25 Loc. Crespignano 56011 PISA - Calci

Dettagli

COMUNE DI ZIANO PIACENTINO PROVINCIA DI PIACENZA

COMUNE DI ZIANO PIACENTINO PROVINCIA DI PIACENZA COMUNE DI ZIANO PIACENTINO PROVINCIA DI PIACENZA AVVISO DI SELEZIONE PER CONFERIMENTO INCARICO DI SERVIZI ATTINENTI L INGEGNERIA E L ARCHITETTURA DI IMPORTO INFERIORE A 100.000,00 EURO MEDIANTE PROCEDURA

Dettagli

REGOLAMENTO D ISTITUTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE

REGOLAMENTO D ISTITUTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE LICEO SCIENTIFICO STATALE Fulcieri Paulucci di Calboli Via Aldo Moro, 13-47100 FORLI Tel 0543-63095 Fax 0543-65245 e-mail: fops040002@istruzione.it casella di posta elettronica certificata: fops040002@pec.istruzione.it

Dettagli

DICHIARAZIONE RELATIVA AGLI ADEMPIMENTI CONNESSI AI PIANI DI SICUREZZA (A CURA DELL IMPRESA APPALTATRICE)

DICHIARAZIONE RELATIVA AGLI ADEMPIMENTI CONNESSI AI PIANI DI SICUREZZA (A CURA DELL IMPRESA APPALTATRICE) DICHIARAZIONE RELATIVA AGLI ADEMPIMENTI CONNESSI AI PIANI DI SICUREZZA (A CURA DELL APPALTATRICE) OGGETTO: Appalto per realizzazione sistema di accumulo calore presso la Centrale termica di integrazione

Dettagli

Soggetti coinvolti nel procedimento

Soggetti coinvolti nel procedimento In allegato alla dichiarazione di Codice fiscale Soggetti coinvolti nel procedimento Il sottoscritto Cognome Nome Codice Fiscale Valendosi della facoltà prevista dall'articolo 47 del Decreto del Presidente

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO TORTONA A FUNZIONIGRAMMA SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE SUI LUOGHI DI LAVORO (D.Lgs. 81/2008)

ISTITUTO COMPRENSIVO TORTONA A FUNZIONIGRAMMA SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE SUI LUOGHI DI LAVORO (D.Lgs. 81/2008) ISTITUTO COMPRENSIVO TORTONA A FUNZIONIGRAMMA SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE SUI LUOGHI DI LAVORO (D.Lgs. 81/2008) Ruoli Identità Funzioni Datore di lavoro (DdL) Dirigente scolastico Cfr. art.18

Dettagli

EDILIZIA PRIVATA SICUREZZA CANTIERI MOBILI DOCUMENTAZIONE PREVISTA DAL D.LGS. 81/2008 RELATIVA ALL IMPRESA/DITTA CHE ESEGUE I LAVORI

EDILIZIA PRIVATA SICUREZZA CANTIERI MOBILI DOCUMENTAZIONE PREVISTA DAL D.LGS. 81/2008 RELATIVA ALL IMPRESA/DITTA CHE ESEGUE I LAVORI EDILIZIA PRIVATA SICUREZZA CANTIERI MOBILI DOCUMENTAZIONE PREVISTA DAL D.LGS. 81/2008 RELATIVA ALL IMPRESA/DITTA CHE ESEGUE I LAVORI L articolo 90 sopracitato, dunque, pone a carico del soggetto richiedente

Dettagli

ALLEGATO 1 - Dichiarazione del datore di lavoro dell'impresa appaltatrice

ALLEGATO 1 - Dichiarazione del datore di lavoro dell'impresa appaltatrice ALLEGATO 1 - Dichiarazione del datore di lavoro dell'impresa appaltatrice DICHIARAZIONE DEL DATORE DI LAVORO DELL IMPRESA APPALTATRICE IN MERITO AL POSSESSO DEI REQUISITI TECNICO PROFESSIONALI OBBLIGATORI

Dettagli

Massimo Caroli Coordinatore della sicurezza

Massimo Caroli Coordinatore della sicurezza Massimo Caroli, Geometra. Dottore in Ingegneria della Sicurezza, Direttore di cantiere di grandi opere di ingegneria civile (disinquinamento Golfo di Napoli, parcheggio multipiano aeroporto di Fiumicino),

Dettagli

D.Lgs. 81/08 TITOLO IV

D.Lgs. 81/08 TITOLO IV D.Lgs. 81/08 TITOLO IV CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI CAPO I LE NOVITA RILEVANTI DIVO PIOLI Art. 89 C 1 c RESPONSABILE DEI LAVORI SOGGETTO CHE PUÒ ESSERE INCARICATO, DAL COMMITTENTE, DELLA PROGETTAZIONE

Dettagli

CAPO I PROGETTAZIONE DI OPERE E LAVORI PUBBLICI

CAPO I PROGETTAZIONE DI OPERE E LAVORI PUBBLICI DISCIPLINA PER LA RIPARTIZIONE DELL INCENTIVO PER LA PROGETTAZIONE O PER LA REDAZIONE DI ATTI DI PIANIFICAZIONE EX. ART. 18 LEGGE 109/94 E SUCCESSIVE INTEGRAZIONI AGGIORNATO ALLA LEGGE 415/98 e s.m.i.

Dettagli

P.S.C. Allegato 9 ELABORATO SICUREZZA

P.S.C. Allegato 9 ELABORATO SICUREZZA ELABORATO P.S.C. Allegato 9 PROGRAMMA DI INFORMAZIONE SICUREZZA E FORMAZIONE SUL Pagina 1 di 6 1. PROGRAMMA DI INFORMAZIONE E FORMAZIONE ALLA SICUREZZA... 3 1.1. INFORMAZIONE DELLE MAESTRANZE... 3 1.2.

Dettagli