Regione Autonoma Friuli - Venezia Giulia

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Regione Autonoma Friuli - Venezia Giulia"

Transcript

1 DEC. N. 506 /DRPC/98 Regione Autonoma Friuli - Venezia Giulia L ASSESSORE ALLA PROTEZIONE CIVILE VISTA la legge regionale 31 dicembre 1986, n. 64, che disciplina l organizzazione delle strutture ed interventi di competenza regionale in materia di protezione civile ; ATTESO che con proprio decreto n. 258/DRPC/96 di data 20 giugno 1996 è stato dichiarato lo stato di emergenza sul territorio regionale, ai sensi dell art. 9, 2 comma della citata legge regionale, a seguito della straordinaria ondata di maltempo e delle precipitazioni atmosferiche di eccezionale intensità a carattere continuativo a decorrere dal giorno 19 giugno 1996; VISTO il decreto del Presidente del Consiglio dei ministri di data 27 giugno 1996, concernente la dichiarazione dello stato di emergenza nei territori delle province di Udine e Pordenone colpiti dalle avversità atmosferiche e dagli eventi alluvionali del giorno 22 giugno 1996; VISTA l ordinanza n di data 27 giugno 1996, pubblicata sulla G.U. n. 153 di data 2 luglio 1996, della Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento della protezione civile, relativa agli interventi urgenti diretti a fronteggiare i danni conseguenti agli eventi alluvionali del giorno 22 giugno 1996 sul territorio delle province di Udine e Pordenone; RILEVATO che l art. 1 della stessa ordinanza individua i Comuni che sono stati colpiti da detto evento calamitoso, al fine di provvedere agli interventi di emergenza finalizzati al soccorso delle popolazioni, alle attività di assistenza ed agli interventi necessari alla salvaguardia della incolumità pubblica e privata; VISTO il decreto legge 12 novembre 1996, n. 576, convertito, con modificazioni, in legge 31 dicembre 1996, n. 677, recante: Interventi urgenti a favore delle zone colpite dagli eventi calamitosi dei mesi di giugno e ottobre 1996 ; VISTO, in particolare, l art. 4, comma 8 del citato decreto legge n. 576/96, convertito in L. 677/96, con il quale viene demandato alle Regioni di provvedere alla concessione di contributi a favore di privati danneggiati dagli eventi alluvionali in argomento, nonché di disciplinare con propri provvedimenti le relative disposizioni operative; CONSIDERATO che sono, tra l altro, da disciplinare: le modalità per determinare la percentuale di contributo in rapporto al valore deei danni subiti, nel rispetto dei limiti massimi prescritti dallo stesso decreto legge, le modalità per la concessione ed erogazione dei contributi medesimi, nel rispetto dei vincoli posti dalla normativa statale; CONSIDERATO, altresì, che il medesimo art. 4, comma 4 della suddetta legge, prevede che le Regioni possano avvalersi, per l accertamento dei danni, l assegnazione e l erogazione dei contributi, dei Comuni colpiti dagli eventi alluvionali in argomento e individuati dall art. 1 dell ordinanza n. 2451/1996; RAVVISATA, pertanto la necessità di determinare le disposizioni operative per la concessione dei contributi di cui al citato D.L. 576/96;

2 RICORDATO che, ai sensi dell art. 8 dell ordinanza della Presidenza del Consiglio dei Ministri n. 2451/96, la Giunta regionale, con deliberazione n di data e n di data , ha disposto il riparto dei fondi stanziati dalla medesima ordinanza ministeriale per il ristoro dei danni subiti dai privati e dalle imprese a seguito degli eventi alluvionali in argomento; RICORDATO altresì che i suddetti contributi costituiscono anticipazione sulle provvidenze che verranno erogate ai privati ai sensi del D.L. 576/96, secondo le disposizioni operative del presente decreto; RITENUTO di provvedere, ai sensi del D.L. 576/96, convertito in legge 677/96, e della L.R. 64/86, all approvazione delle necessarie disposizioni operative, finalizzate al riparto fra i soggetti interessati delle provvidenze previste dall art. 4, comma 10, dello stesso decreto legge; VISTO il D.P.G.R. 0437/Pres dd ; D E C R E T A Sono approvate, ai sensi dell art. 4, comma 8, del D.L. 576/96, convertito in L. 677/96, e della L.R. 64/86, per i motivi indicati in premessa, le disposizioni operative per la concessione dei contributi ai privati aventi diritto, danneggiati dagli eventi calamitosi del giugno 1996, secondo l allegato articolato, che fa parte integrante del presente atto. Il presente provvedimento sarà pubblicato sul Bollettino Ufficiale della Regione. Trieste, 10 giugno 1998 L ASSESSORE ALLA PROTEZIONE CIVILE - Gianfranco Moretton - SS/gbd

3 DISPOSIZIONI OPERATIVE PER LA CONCESSIONE A FAVORE DEI PRIVATI DI CONTRIBUTI A FONDO PERDUTO DI CUI ALL ART. 4 DEL D.L , N. 576 CONVERTITO IN LEGGE , N DISPOSIZIONI GENERALI Le presenti disposizioni disciplinano, ai sensi e per gli effetti di cui all art. 4, comma 8 del decreto legge 12 novembre 1996 n. 576, convertito in legge 31 dicembre 1996, n. 677 (di seguito denominato decreto legge), la concessione dei contributi a fondo perduto a favore dei soggetti i cui beni immobili o mobili sono stati distrutti o gravemente danneggiati dagli eventi alluvionali del 19 e 22 giugno 1996 nei Comuni delle Province di Udine e Pordenone di cui all ordinanza del Ministro dell Interno, delegato per il coordinamento della protezione civile, n del 27 giugno Le percentuali dei contributi sono determinate, nel rispetto dei limiti massimi stabiliti dal decreto legge, sulla base della disponibilità finanziaria di 22 miliardi di lire, dando priorità agli interventi di ricostruzione, nuova costruzione ed acquisto dei beni immobili ad uso abitativo, distrutti o per i quali non vi siano possibilità di ripristino. Tutti i contributi di cui alle presenti disposizioni sono concessi al netto delle anticipazioni (contributi di prima assistenza) erogate ai sensi del decreto n. 323/DRPC/96 e della deliberazione n. 1009/97. Non costituiscono anticipazioni ai fini di cui alla presente disposizione i contributi destinati all autonoma sistemazione dei nuclei familiari evacuati. Qualora per i danni subiti a seguito degli eventi alluvionali siano stati concessi contributi da parte di enti pubblici o indennizzi da parte di compagnie assicuratrici, ai sensi di quanto previsto dall art. 7 del decretolegge, i contributi di cui alle presenti disposizioni sono erogati fino alla concorrenza dell eventuale differenza tra l ammontare dei danni e le somme già concesse dagli enti pubblici o dalle compagnie assicuratrici, comunque nel rispetto dei limiti massimi previsti per ciascuna tipologia di contributo dal presente decreto. In caso di indennizzi da parte di compagnie assicuratrici, il contributo è integrato con un ulteriore somma pari ai relativi premi assicurativi pagati dal 1 giugno 1991 alla data dell alluvione. Tale somma integrativa non può superare, comunque, la metà dell indennizzo corrisposto dalle compagnie assicuratrici. Per l assegnazione e l erogazione dei contributi, la Regione si avvale dei Sindaci dei Comuni territorialmente competenti. 2

4 L erogazione i soggetti aventi diritto potrà avvenire anche con provvedimenti singoli. 2. EROGAZIONE DEI FONDI DA PARTE DELLA REGIONE Sulla base dei dati relativi ai danni subiti dai privati, comunicati dai Comuni alla Regione ed eventualmente rideterminati a seguito dell attività di controllo esercitata dall Amministrazione regionale sugli anticipi corrisposti, vengono erogati ai Comuni i fondi necessari alla liquidazione dei saldi dei contributi spettanti, in applicazione dei criteri stabiliti dal presente decreto. I Sindaci provvedono ad informare i cittadini aventi titolo dell avvenuta disponibilità dei fondi, affinché gli stessi possano, entro i termini prescritti, inoltrare la documentazione necessaria ad ottenere il saldo del contributo, o l accordo provvisorio, qualora richiesto. 3. TITOLARITA DEL CONTRIBUTO IN CASO DI MORTE DEL BENEFICIARIO Gli eredi sono ammessi a subentrare nel contributo spettante al cuius, previa presentazione al Comune di una dichiarazione sostitutiva di atto notorio, ai sensi della legge n. 15/68, da cui risulti la qualità di erede. La medesima dichiarazione può essere resa da un erede anche a nome dei coeredi, con l indicazione delle quote spettanti. In tal caso, il contributo va ripartito pro-quota fra gli eredi. 4. BENI IMMOBILI DISTRUTTI O PER I QUALI NON VI E POSSINILITA DI RIPRISTINO (art. 4, comma 1 decreto legge) 4.1 Soggetti beneficiari Beneficiano del contributo previsto dall art. 4, comma 1, del decreto-legge, i proprietari e titolari di diritti reali di godimento di beni immobili ad uso di propria residenza principale alle date del 19 e 22 giugno I proprietari dei beni immobili diversi da quelli ad uso di propria residenza principale beneficiano dei contributi di cui al successivo punto Oggetto del contributo 3

5 Sono oggetto del contributo di cui sopra i beni immobili distrutti o per i quali non vi sia possibilità di ripristino per effetto degli eventi alluvionali. Sono esclusi dal contributo gli immobili, o le porzioni di immobile, costruiti in violazione delle norme urbanistiche ed edilizie, senza che sia intervenuta sanatoria. 4.3 Ammontare del contributo Il contributo a fondo perduto è concesso per la ricostruzione, per la nuova costruzione o per l acquisto di un alloggio di civile abitazione nello stesso Comune ove è sito l immobile distrutto o per il quale non vi sia possibilità di ripristino. Qualora il proprietario provveda alla nuova costruzione od all acquisto di un alloggio in comune diverso, in luogo del contributo di cui al presente punto 4 è concesso il contributo di cui al successivo punto 5. Il contributo è calcolato in un somma pari al costo per metro quadrato per la superficie utile abitabile dell unità immobiliare ricostruita, di nuova costruzione o acquistata. La superficie utile abitabile non può essere superiore a quella dell unità immobiliare distrutta o per la quale non vi sia possibilità di ripristino, e comunque fino ad un limite massimo di 200 metri quadrati. Il costo a metro quadrato non può essere superiore ai limiti massimi di costo per gli interventi di nuova edificazione di edilizia residenziale sovvenzionata, così come determinati dalla Regione con Decreto del Presidente della Giunta regionale 16 maggio 1997, n. 0165/Pres. In conformità alla legge 5 agosto 1978, n. 457 (supplemento straordinario del Bollettino Ufficiale della Regione n. 5 del ): Lire (unmilioneottocentomila) al mq più IVA, in caso di ricostruzione nei comuni compresi nella fascia A di cui all art. 3 del citato DPGR , n. 0165/Pres. Lire (unmilionesettecentomila) al mq più IVA, nel caso di ricostruzione in tutti i comuni non Compresi nella fascia A. 4.4 Termine dei lavori La ricostruzione, la nuova costruzione o l acquisto dovranno essere effettuati, a pena di decadenza dal contributo, entro il termine di 12 mesi dalla data di pubblicazione del presente decreto sul Bollettino Ufficiale della Regione, motivatamente prorogabile di altri 6 mesi. La decadenza è disposta dal Sindaco che provvede al recupero degli acconti corrisposti. 4

6 4.5 Acconto provvisorio Nel caso di ricostruzione o di nuova costruzione il danneggiato ha facoltà di richiedere un acconto che sarà calcolato nella misura del 50% del contributo massimo concedibile, su presentazione di istanza corredata da dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà ai sensi dell art. 4 della legge , n. 15, attestante che sono stati effettuati lavori per un importo almeno pari all anticipo corrisposto ai sensi della deliberazione della Giunta regionale n. 1009/97. Nel caso di acquisto di alloggio, il danneggiato ha facoltà di richiedere un acconto non superiore alla quota risultante dal contratto preliminare da allegare, in copia autentica, all istanza, e comunque in misura non superiore al 50% del contributo massimo concedibile. Qualora il danneggiato intenda richiedere l acconto, deve presentare istanza al Sindaco entro 30 giorni dalla pubblicazione del presente decreto sul Bollettino Ufficiale della Regione. Il contributo è soggetto alla condizione risolutiva dell effettiva ricostruzione o costruzione o acquisto di un alloggio nel medesimo comune. 4.6 Erogazione del contributo definitivo Al termine dei lavori di ricostruzione o di nuova costruzione, ovvero dopo la stipula del contratto di compravendita dell alloggio, i proprietari interessati inoltrano al Sindaco, e comunque entro 24 mesi dalla pubblicazione del presente decreto sul Bollettino Ufficiale della Regione, pena la decadenza dal beneficio, la documentazione di seguito elencata per l erogazione della quota a saldo: A. Dichiarazione sostitutiva ai sensi dell art. 4 della legge n. 15/1968, contenete: a) l ammontare degli eventuali contributi percepiti da altri enti pubblici, gli eventuali indennizzi percepiti da parte di compagnie assicuratrici ed i relativi premi corrisposti dal 1 giugno 1991 alla data dell alluvione; b) l indicazione dei metri quadrati di superficie utili abitabili dell immobile distrutto o per il quale non c è possibilità di ripristino, i metri quadrati di superficie utili abitabili dell immobile ripristinato, costruito o acquistato, nonché la spesa sostenuta, compreso l eventuale costo del terreno per la nuova costruzione; c) in caso di ricostruzione o di nuova costruzione, la data di fine lavori; B. contratto di compravendita nel caso di acquisto di alloggio. 5

7 Ai fini dell erogazione del saldo, il Sindaco dispone un sopralluogo dei tecnici comunali attestante l esecuzione dei lavori previsti dalla perizia di stima giurata e presentata ai sensi del decreto n. 323/DRPC/96. Di detto sopralluogo verrà redatto apposito verbale, il cui originale verrà trasmesso alla Direzione regionale della protezione civile assieme al rendiconto di cui al punto 7. Una copia dello stesso verbale verrà rilasciata al soggetto danneggiato. Il Sindaco, sulla base delle istanze presentate, dei documenti agli atti e degli ulteriori atti istruttori, determina l importo definitivo del contributo ed entro 60 giorni dal ricevimento della documentazione, dispone l erogazione della quota a saldo, detraendovi gli eventuali contributi percepiti da parte di enti pubblici e gli indennizzi da parte di compagnie assicuratrici. In quest ultimo caso, l ammontare complessivo del contributo è integrato con un ulteriore somma pari ai premi corrisposti dal 1 giugno 1991 alla data degli eventi alluvionali. Tale somma integrativa non può superarre, comunque, la metà dell indennizzo corrisposto dalle compagnie assicuratrici. 5. BENI IMMOBILI GRAVEMENTE DANNEGGIATI (art. 4, comma 4 decreto-legge) 5.1 Soggetti beneficiari Beneficiano del contributo previsto dall art. 4, comma 4, del decreto-legge, i proprietari di beni immobili che siano stati gravemente danneggiati dagli eventi alluvionali del 19 e 22 giugno Sono compresi tra i soggetti beneficiari del contributo di cui al presente punto i proprietari di beni immobili distrutti o per i quali non vi sia possibilità di ripristino, non adibiti ad uso di residenza principale, nonché i proprietari di immobili adibiti ad uso di residenza principale che provvedono alla ricostruzione, ovvero alla nuova costruzione ad all acquisto di un alloggio in Comune diverso rispetto a quello in cui si trova l immobile distrutto. 5.2 Oggetto del contributo Sono oggetto del contributo di cui sopra i beni immobili ad uso abitativo ed a uso non abitativo censiti al Nuovo Catasto Urbano nella categoria catastale A, comprese le eventuali pertinenze (garage, contine, soffitte, box), escluse le categorie A/9, A/10, A/11. 6

8 Sono esclusi dal contributo gli immobili o le porzioni di immobili costruiti in violazione delle norme urbanistiche ed edilizie, senza che sia intervenuta sanatoria. 5.3 Ammontare del contributo Il contributo a fondo perduto è concesso nella percentuale determinata ai sensi del punto 1, e comunque non oltre il 75% del valore del danno accertato. 5.4 Termine dei lavori I lavori di ripristino degli immobili gravemente danneggiati dovranno essere effettuati, a pena di decadenza dal contributo, entro il termine di 8 mesi dalla data di pubblicazione del presente decreto sul Bollettino Ufficiale della Regione, motivatamente prorogabile di altri 4 mesi. La decadenza è disposta dal Sindaco che provvede al recupero acconti corrisposti. degli 5.5 Acconto provvisorio Il danneggiato ha facoltà di richiedere un acconto che sarà calcolato nella misura del 50% del contributo massimo concedibile, su presentazione di istanza corredata di dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà ai sensi dell art. 4 della legge , n. 15, attestante che sono stati effettuati lavori per un importo almeno pari all anticipo corrisposto ai sensi della deliberazione della Giunta regionale n. 1009/97. Qualora il danneggiato intenda richiedere l acconto, deve presentare istanza al Sindaco entro 30 giorni dalla pubblicazione del presente decreto sul Bollettino Ufficiale della Regione. Il contributo è soggetto alla condizione risolutiva dell effettivo ripristino dell alloggio danneggiato. 5.6 Erogazione del contributo I beneficiari dei contributi devono presentare ai Sindaci dei Comuni interessati, entro 18 mesi dalla data di pubblicazione del presente decreto sul Bollettino Ufficiale della Regione, pena la decadenza dal contributo, una dichiarazione sostitutiva di atto notorio, ai sensi della L. n. 15/1968, attestante: a) La data di fine lavori; 7

9 b) I contributi corrisposti da altri enti pubblici, nonché gli eventuali indennizzi percepiti da parte di compagnie assicuratrici ed i relativi premi corrisposti dal 1 giugno 1991 alla data dell alluvione. Ai fini dell erogazione del saldo, il Sindaco dispone un sopralluogo dei tecnici comunali attestante l esecuzione dei lavori previsti dalla perizia di stima giurata e presentata ai sensi del decreto n. 323/DRPC/96. Di detto sopralluogo verrà redatto apposito verbale, il cui originale verrà trasmesso alla Direzione regionale della protezione civile assieme al rendiconto di cui al punto 7. Una copia dello stesso verbale verrà rilasciata al soggetto danneggiato. Il Sindaco, sulla base delle istanze presentate, dei documenti agli atti e degli ulteriori atti istruttori, determina l importo definitivo del contributo ed entro 60 giorni dal ricevimento della documentazione, dispone l erogazione della quota a saldo, detraendovi gli eventuali contributi percepiti da parte di compagnie assicuratrici. In quest ultimo caso, l ammontare complessivo del contributo è integrato con un ulteriore somma pari ai premi corrisposti dal 1 giugno 1991 alla data dell evento alluvionale. Tale somma integrativa non può superare, comunque, la metà dell indennizzo corrisposto dalle compagnie assicuratrici. Il contributo va commissionato ai lavori effettivamente eseguiti, così come accertati dal sopralluogo tecnico. 6. BENI MOBILI (art. 4, comma 5 decreto-legge) 6.1 Soggetti beneficiari Beneficiano del contributo previsto dall art. 4, comma 5, del decreto legge i soggetti residenti ed il personale militare avente sede operativa nei comuni di cui all ordinanza D.P.C. n. 2451/1996, che abbiano subito la distruzione od il danneggiamento grave di beni mobili e di beni mobili registrati, in loro proprietà al momento degli eventi alluvionali del 19 e 22 giugno 96. Sono esclusi dal beneficio i soggetti collettivi in qualsiasi forma costituiti ed i soggetti pubblici. 6.2 Oggetto del contributo Sono oggetto del contributo i beni mobili ed i beni mobili registrati, con esclusione dei beni per i quali sono previsti i contributi di cui all art. 5 del decreto legge ovvero i contributi di cui alla legge 14 febbraio 1992, n. 185 Nuova disciplina del Fondo di Solidarietà nazionale. 8

10 6.3 Ammontare del contributo Il contributo a fondo perduto è concesso nella percentuale determinata ai sensi del punto 1, e comunque non oltre il 40% del valore del danno accertato, nel limite massimo complessivo di lire (cinquantamilioni) per nucleo familiare. 6.4 Erogazione del contributo I beneficiari dei contributi devono presentare ai Sindaci, entro 3 mesi dalla data di pubblicazione del presente decreto sul Bollettino Ufficiale, pena la decadenza dal beneficio, l autocertificazione resa ai sensi della legge n. 15/1968, contenente: A. La dichiarazione di aver provveduto al ristoro dei danni subiti dai beni mobili, secondo quanto previsto dalla perizia di stima giurata; B. L ammontare degli eventuali contributi percepiti da altri enti pubblici, gli eventuali indennizzi percepiti da parte di compagnie assicuratrici ed i relativi premi corrisposti dal 1 giugno 1991 alla data dell alluvione. Il Sindaco, sulla base delle istanze presentate, dei documenti agli atti e degli ulteriori atti istruttori, determina l importo definitivo del contributo ed entro 60 giorni dal ricevimento della documentazione, dispone l erogazione della quota a saldo, detraendovi gli eventuali contributi percepiti da parte di enti pubblici e gli indennizzi da parte di compagnie assicuratrici. In tal caso l ammontare complessivo del contributo è integrato con un ulteriore somma pari agli importi pagati a titolo di premio assicurativo dal 1 giugno 1991 alla data dell alluvione, nella misura massima della metà dell indennizzo corrisposto dalle compagnie assicuratrici. 7. PRESENTAZIONE DEL RENDICONTO Non appena concluse tutte le erogazioni dei contributi a saldo, e comunque entro il termine perentorio di 30 mesi dalla data di pubblicazione delle presenti disposizioni sul Bollettino Ufficiale della Regione, il Sindaco trasmetterà alla Direzione regionale della protezione civile, a titolo di rendiconto, la documentazione, in originale, inoltrata dai beneficiari al Sindaco stesso per l erogazione del contributo, i provvedimenti adottati dagli organi competenti per la determinazione e l erogazione dei contributi, nonché gli originali dei relativi mandati di pagamento. 9

11 VISTO: L ASSESSORE ALLA PROTEZIONE CIVILE - Gianfranco Moretton - SS/bc 10

Regione Umbria. DECRETO DEL COMMISSARIO DELEGATO (Decreto Presidente Consiglio Ministri 23 marzo 2013) 9 agosto 2013, n. 1

Regione Umbria. DECRETO DEL COMMISSARIO DELEGATO (Decreto Presidente Consiglio Ministri 23 marzo 2013) 9 agosto 2013, n. 1 DECRETO DEL COMMISSARIO DELEGATO (Decreto Presidente Consiglio Ministri 23 marzo 2013) 9 agosto 2013, n. 1 D.P.C.M. 23 marzo 2013 Ordinanza del Commissario delegato n. 10 del 24 giugno 2013. Criteri, procedure

Dettagli

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE 2 Supplemento ordinario n. 1 al «Bollettino Ufficiale» - serie generale - n. 37 del 14 agosto 2013 PARTE PRIMA LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE Sezione II DECRETI DEL PRESIDENTE DELLA

Dettagli

Regione Umbria. DECRETO DEL COMMISSARIO DELEGATO (Decreto Presidente Consiglio Ministri 23 marzo 2013) 9 agosto 2013, n. 2

Regione Umbria. DECRETO DEL COMMISSARIO DELEGATO (Decreto Presidente Consiglio Ministri 23 marzo 2013) 9 agosto 2013, n. 2 Regione Umbria DECRETO DEL COMMISSARIO DELEGATO (Decreto Presidente Consiglio Ministri 23 marzo 2013) 9 agosto 2013, n. 2 D.P.C.M. 23 marzo 2013 Ordinanza del Commissario delegato n. 10 del 24/06/2013.

Dettagli

Giulia L'ASSESSORE REGIONALE ALLA PROTEZIONE CIVILE COMMISSARIO DELEGATO

Giulia L'ASSESSORE REGIONALE ALLA PROTEZIONE CIVILE COMMISSARIO DELEGATO DECRETO N. 179/CD/2004 di data 11 giugno 2004 Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia Oggetto: Ordinanza del Presidente del Consiglio dei Ministri n. 3309 di data 11 settembre 2003 e seguenti. Decreto n.

Dettagli

Ordinanza n. 63 del 29 maggio 2013

Ordinanza n. 63 del 29 maggio 2013 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 63 del 29 maggio 2013 Assegnazione di

Dettagli

Pr o v i n c i a d i Sa l e r n o

Pr o v i n c i a d i Sa l e r n o BANDO DI CONCORSO Contributi integrativi ai canoni di locazione - Anno 2014 Legge 9 dicembre 1998, n.431, art.11; Fondo Nazionale per il sostegno all accesso alle abitazioni in locazione E indetto un bando

Dettagli

ALLEGATO 1. REGIONE LIGURIA - Giunta Regionale Dipartimento Ambiente Protezione Civile ed Emergenza - Settore

ALLEGATO 1. REGIONE LIGURIA - Giunta Regionale Dipartimento Ambiente Protezione Civile ed Emergenza - Settore ALLEGATO 1 PROCEDURA PER IL RILEVAMENTO DEL DANNO OCCORSO E PER LA GESTIONE TECNICO AMMINISTRATIVA DELLE FASI DI RIPRISTINO E RICOSTRUZIONE CONSEGUENTI AD EVENTI CALAMITOSI 1.) PRINCIPI GENERALI La presente

Dettagli

5 Contributo Autonoma Sistemazione

5 Contributo Autonoma Sistemazione 5 Contributo Autonoma Sistemazione CAS A valere sulle risorse finanziarie di cui all articolo 3 dell Ordinanza del Capo del Dipartimento della protezione civile (OCDPC) n. 232 del 30 marzo 2015 viene stimata

Dettagli

Comune di Mentana Provincia di Roma

Comune di Mentana Provincia di Roma BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI INTEGRATIVI A SOSTEGNO DEL PAGAMENTO DEI CANONI DI LOCAZIONE ANNUALITA FINANZIARIA 2013 IL RESPONSABILE DEL SETTORE SERVIZI ALLA PERSONA - VISTO l articolo 11 della

Dettagli

PARTE SECONDA. DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 27 luglio 2015, n.1515. di un programma di recupero e razionalizzazione

PARTE SECONDA. DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 27 luglio 2015, n.1515. di un programma di recupero e razionalizzazione 32941 PARTE SECONDA Deliberazioni del Consiglio e della Giunta DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 27 luglio 2015, n.1515 Programma di recupero e razionalizzazione degli immobili e degli alloggi di edilizia

Dettagli

FONDO PENSIONE APERTO AURORA PREVIDENZA SEZIONE I: NORME GENERALI

FONDO PENSIONE APERTO AURORA PREVIDENZA SEZIONE I: NORME GENERALI Allegato alla Nota Informativa FONDO PENSIONE APERTO AURORA PREVIDENZA DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI FONDO PENSIONE SEZIONE I: NORME GENERALI Articolo 1. Oggetto 1.1 Il presente documento disciplina le

Dettagli

FONDO PENSIONE DIPENDENTI GRUPPO AXA

FONDO PENSIONE DIPENDENTI GRUPPO AXA Allegato alla Nota Informativa FONDO PENSIONE DIPENDENTI GRUPPO AXA DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI FONDO PENSIONE SEZIONE I: NORME GENERALI Articolo 1. Oggetto 1.1 Il presente documento disciplina le modalità

Dettagli

PROVINCIA DI PADOVA REGOLAMENTO REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER L ACQUISTO, COSTRUZIONE, RISTRUTTURAZIONE E RECUPERO PRIMA CASA.

PROVINCIA DI PADOVA REGOLAMENTO REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER L ACQUISTO, COSTRUZIONE, RISTRUTTURAZIONE E RECUPERO PRIMA CASA. COMUNE DI SANT URBANO PROVINCIA DI PADOVA REGOLAMENTO REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER L ACQUISTO, COSTRUZIONE, RISTRUTTURAZIONE E RECUPERO PRIMA CASA. Allegato alla Delibera di Consiglio

Dettagli

MODALITA ATTUATIVE PER LA CONCESSIONE DELLE AGEVOLAZIONI

MODALITA ATTUATIVE PER LA CONCESSIONE DELLE AGEVOLAZIONI 2 ALLEGATO A) UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE LIGURIA OBIETTIVO COMPETITIVITA REGIONALE E OCCUPAZIONE PROGRAMMA OPERATIVO 2007-2013 Parte Competitività COFINANZIATO DAL F.E.S.R. - FONDO EUROPEO

Dettagli

BANDO PER L ASSEGNAZIONE DEI CONTRIBUTI AD INTEGRAZIONE DEI CANONI DI LOCAZIONE

BANDO PER L ASSEGNAZIONE DEI CONTRIBUTI AD INTEGRAZIONE DEI CANONI DI LOCAZIONE BANDO PER L ASSEGNAZIONE DEI CONTRIBUTI AD INTEGRAZIONE DEI CANONI DI LOCAZIONE ANNO 2015 indetto ai sensi della Legge 9 dicembre 1998, n. 431, del Decreto del Ministero dei Lavori Pubblici 7 giugno 1999,

Dettagli

Parte riservata all ufficio

Parte riservata all ufficio Tecnico comunale Numero sopralluogo Parte riservata all ufficio MODELLO A - PRIVATI Marca da bollo Data sopralluogo Spazio riservato all Ufficio Protocollo Al COMUNE DI PROVINCIA DI EVENTI ALLUVIONALI

Dettagli

COMUNE DI COLLI DEL TRONTO Provincia di Ascoli Piceno

COMUNE DI COLLI DEL TRONTO Provincia di Ascoli Piceno COMUNE DI COLLI DEL TRONTO Provincia di Ascoli Piceno P.zza Garibaldi, 1-63030 Colli del Tronto - Tel. n. 0736/890626-55 - Fax. 0736/890831 - C.F. 00355250440 Ufficio Tecnico Comunale DISCIPLINARE PER

Dettagli

COMUNE DI SAN VITO AL TAGLIAMENTO

COMUNE DI SAN VITO AL TAGLIAMENTO COMUNE DI SAN VITO AL TAGLIAMENTO PROVINCIA DI PORDENONE CAP 33078 L.R.6/2003 ART.6 e L.431/98 ART.11 INTERVENTI A SOSTEGNO DELLE LOCAZIONI ASSESSORATO ALLA TUTELA SOCIALE Vista la Legge Regionale 07.03.2003

Dettagli

Ordinanza n. 39 del 6 Agosto 2015

Ordinanza n. 39 del 6 Agosto 2015 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 39 del 6 Agosto 2015 Integrazioni e modifiche

Dettagli

Beneficiari del finanziamento

Beneficiari del finanziamento CONTRIBUTI PER LA RICOSTRUZIONE (riparazione e ripristino di edifici dichiarati temporaneamente inagibili o parzialmente inagibili - schede aedes con esito b / c (ORDINANZA N.29 DEL 28/08/2012 e n. 32

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 32 DEL 30-12-1985 REGIONE SARDEGNA. Fondo per l' edilizia abitativa.

LEGGE REGIONALE N. 32 DEL 30-12-1985 REGIONE SARDEGNA. Fondo per l' edilizia abitativa. Legge 1985032 Pagina 1 di 7 LEGGE REGIONALE N. 32 DEL 30-12-1985 REGIONE SARDEGNA Fondo per l' edilizia abitativa. Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE SARDEGNA N. 53 del 30 dicembre 1985 Il Consiglio

Dettagli

COMUNE DI MASSA POLITICHE SOCIALI, DELLA CASA E PARI OPPORTUNITA UFFICIO CASA

COMUNE DI MASSA POLITICHE SOCIALI, DELLA CASA E PARI OPPORTUNITA UFFICIO CASA COMUNE DI MASSA POLITICHE SOCIALI, DELLA CASA E PARI OPPORTUNITA UFFICIO CASA BANDO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI AD INTEGRAZIONE DEI CANONI DI LOCAZIONE Indetto ai sensi dell art. 11 della legge 9

Dettagli

Abrogazione e sostituzione integrale del regolamento n 3 del 23 ottobre 2001: Regolamento di attuazione della legge regionale n. 25 del 6 luglio 2001.

Abrogazione e sostituzione integrale del regolamento n 3 del 23 ottobre 2001: Regolamento di attuazione della legge regionale n. 25 del 6 luglio 2001. Abrogazione e sostituzione integrale del regolamento n 3 del 23 ottobre 2001: Regolamento di attuazione della legge regionale n. 25 del 6 luglio 2001. Art. 1 (Finalità) 1. Il presente regolamento viene

Dettagli

IntegrazionePensionisticaAurora

IntegrazionePensionisticaAurora IntegrazionePensionisticaAurora Piano individuale pensionistico di tipo assicurativo Fondo Pensione DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI Il presente documento costituisce parte integrante della Nota informativa

Dettagli

L.R. 9.3.2007, n. 4 INIZIATIVE A FAVORE DELL EDILIZIA SOSTENIBILE

L.R. 9.3.2007, n. 4 INIZIATIVE A FAVORE DELL EDILIZIA SOSTENIBILE giunta regionale 8^ legislatura ALLEGATO A Dgr n. 1579 del 17/06/2008 pag. 1/7 L.R. 9.3.2007, n. 4 INIZIATIVE A FAVORE DELL EDILIZIA SOSTENIBILE Modalità per la concessione e la liquidazione delle agevolazioni

Dettagli

2002 - Aggiornamento CE0601ur11 VOCE E 6.1 LRG/XI,1. TURISMO ED INDUSTRIA ALBERGHIERA L.R. 27 giugno 1988,n. 36

2002 - Aggiornamento CE0601ur11 VOCE E 6.1 LRG/XI,1. TURISMO ED INDUSTRIA ALBERGHIERA L.R. 27 giugno 1988,n. 36 LEGGE REGIONALE 27 giugno 1988,n. 36 «Incentivi per l ammodernamento,potenziamento e qualificazione delle strutture ed infrastrutture turistiche in Lombardia». (B.U. 29 giugno 1988, n. 26, 2º suppl. ord.)

Dettagli

Allegato 2 Avviso per l individuazione degli alloggi sfitti di edilizia residenziale pubblica da recuperare gestiti dalle A.R.T.E.

Allegato 2 Avviso per l individuazione degli alloggi sfitti di edilizia residenziale pubblica da recuperare gestiti dalle A.R.T.E. Allegato 2 Avviso per l individuazione degli alloggi sfitti di edilizia residenziale pubblica da recuperare gestiti dalle A.R.T.E. 1. Premesse In attuazione del Piano nazionale di edilizia abitativa di

Dettagli

L.R. 08 Novembre 2004, n. 12 Disposizioni in materia di definizione di illeciti edilizi (1)

L.R. 08 Novembre 2004, n. 12 Disposizioni in materia di definizione di illeciti edilizi (1) L.R. 08 Novembre 2004, n. 12 Disposizioni in materia di definizione di illeciti edilizi (1) SOMMARIO Art. 1 - Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 - Opere abusive suscettibili di sanatoria Art. 3 -

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CALABRIA

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CALABRIA Poste Italiane - Spedizione in a.p. Tab. D Aut. DCO/DC - CZ/038/2003 valida dal 4 febbraio 2003 Supplemento straordinario n. 6 al n. 17 del 16 settembre 2003 PartiIeII-Anno XXXIV REPUBBLICA ITALIANA BOLLETTINO

Dettagli

DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI

DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI Il presente documento disciplina le modalità di liquidazione anticipata dell ammontare della posizione pensionistica individuale da parte del Fondo (di seguito, Anticipazione),

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI STRAORDINARI. in favore di

AVVISO PUBBLICO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI STRAORDINARI. in favore di All. A AVVISO PUBBLICO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI STRAORDINARI in favore di ASSOCIAZIONI ONLUS CHE HANNO SUBITO DANNI A CAUSA DEGLI ECCEZIONALI EVENTI ATMOSFERICI DEL 5 MARZO 2015 Si rende noto che

Dettagli

Fondo Pensione Nazionale di Previdenza Complementare per i Lavoratori della Logistica SEZIONE I: NORME GENERALI

Fondo Pensione Nazionale di Previdenza Complementare per i Lavoratori della Logistica SEZIONE I: NORME GENERALI Allegato alla Nota Informativa SEZIONE I: NORME GENERALI Articolo 1. Oggetto 1.1 Il presente documento disciplina le modalità di liquidazione anticipata dell ammontare della posizione pensionistica individuale

Dettagli

art. 1 Oggetto e finalità art. 2 Definizioni

art. 1 Oggetto e finalità art. 2 Definizioni Attenzione: la copertina del decreto presidenziale va stampata su carta intestata della presidenza, che ha già il cartiglio Regolamento recante la definizione di criteri e modalità per la concessione di

Dettagli

Assessorato alla Solidarietà Sociale e Sanità

Assessorato alla Solidarietà Sociale e Sanità Assessorato alla Solidarietà Sociale e Sanità B A N D O D I C O N C O R S O PER LA PARTECIPAZIONE AL FONDO PER IL SOSTEGNO ALL'ACCESSO ALLE ABITAZIONI IN LOCAZIONE - ANNO 2011 (Art. 11, Legge n. 431/1998)

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 82 DEL 16-09-1982 REGIONE ABRUZZO

LEGGE REGIONALE N. 82 DEL 16-09-1982 REGIONE ABRUZZO Legge 1982082 Pagina 1 di 11 LEGGE REGIONALE N. 82 DEL 16-09-1982 REGIONE ABRUZZO Provvidenze regionali per l' edilizia abitativa: agevolazioni finanziarie a cooperative edilizie per la costruzione di

Dettagli

COMITATO INTERMINISTERIALE PER LA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA

COMITATO INTERMINISTERIALE PER LA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA COMITATO INTERMINISTERIALE PER LA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA DELIBERA 6 febbraio 2014. Sisma regione Abruzzo - Ricostruzione degli immobili privati - Assegnazione delle somme stanziate dal decretolegge n.

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento della Protezione Civile

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento della Protezione Civile Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento della Protezione Civile Procedura per la ricognizione dei fabbisogni per il ripristino delle strutture e delle infrastrutture pubbliche e private danneggiate,

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI E BENEFICI ECONIMICI AD ENTI PUBBLICI, ASSOCIAZIONI E SOGGETTI PRIVATI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI E BENEFICI ECONIMICI AD ENTI PUBBLICI, ASSOCIAZIONI E SOGGETTI PRIVATI REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA PROVINCIA DI UDINE COMUNE DI MUZZANA DEL TURGNANO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI E BENEFICI ECONIMICI AD ENTI PUBBLICI, ASSOCIAZIONI E SOGGETTI PRIVATI

Dettagli

DETERMINAZIONE N. 34 DEL 8/4/2015. lo Statuto Speciale per la Sardegna e le relative norme di attuazione;

DETERMINAZIONE N. 34 DEL 8/4/2015. lo Statuto Speciale per la Sardegna e le relative norme di attuazione; Subentro emergenza alluvione 2013 Prot. 123 Pos. I.4.3. DETERMINAZIONE N. 34 DEL 8/4/2015 Oggetto: Impegno, liquidazione e pagamento della somma di euro 208.873,36 in favore del Consorzio di Bonifica della

Dettagli

COMUNE DI OLBIA. Provincia Olbia-Tempio. Avviso pubblico

COMUNE DI OLBIA. Provincia Olbia-Tempio. Avviso pubblico Allegato 1) COMUNE DI OLBIA Provincia Olbia-Tempio Avviso pubblico per l erogazione di contributi economici di solidarietà a sostegno della ripresa e dello sviluppo socio-economico della comunità olbiese

Dettagli

A. TITOLO REGIONE SICILIA L.R. 20 dicembre 1975, n. 79 Nuove norme per l incentivazione dell attività edilizia delle cooperative nella Regione

A. TITOLO REGIONE SICILIA L.R. 20 dicembre 1975, n. 79 Nuove norme per l incentivazione dell attività edilizia delle cooperative nella Regione A. TITOLO REGIONE SICILIA L.R. 20 dicembre 1975, n. 79 Nuove norme per l incentivazione dell attività edilizia delle cooperative nella Regione Modificata con L.R. 1 agosto 1977, n. 79 Modifiche alla legge

Dettagli

COMUNE DI PALMI AREA POLITICHE DEL WELFARE

COMUNE DI PALMI AREA POLITICHE DEL WELFARE COMUNE DI PALMI AREA POLITICHE DEL WELFARE REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI DI TIPO SOCIO-ASSISTENZIALE AI CITTADINI E ALLE ASSOCIAZIONI DI VOLONTARIATO ART. 1- OGGETTO DEL REGOLAMENTO

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 33 DEL 24-04-1980 REGIONE PUGLIA

LEGGE REGIONALE N. 33 DEL 24-04-1980 REGIONE PUGLIA Legge 1980033 Pagina 1 di 9 LEGGE REGIONALE N. 33 DEL 24-04-1980 REGIONE PUGLIA

Dettagli

Articolo 1. Articolo 2. La cui l attività non risulti cessata al momento della presentazione della domanda.

Articolo 1. Articolo 2. La cui l attività non risulti cessata al momento della presentazione della domanda. Allegato A Disposizioni per la concessione di agevolazioni alle imprese danneggiate dagli eventi alluvionali di cui all Ordinanza del Presidente del Consiglio dei Ministri n. 4002/2012 Articolo 1 Finalità

Dettagli

INFORMATIVA IUC Imposta Municipale Propria (IMU) ACCONTO ANNO 2015 ACCONTO IMU 2015

INFORMATIVA IUC Imposta Municipale Propria (IMU) ACCONTO ANNO 2015 ACCONTO IMU 2015 INFORMATIVA IUC Imposta Municipale Propria (IMU) ACCONTO ANNO 2015 SOGGETTI IMU L imposta è dovuta dai PROPRIETARI e dai TITOLARI DI DIRITTI REALI (usufrutto, uso, abitazione, enfiteusi, superficie) per

Dettagli

REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO 9 INTERVENTO DI RECUPERO FINALIZZATO ALL ABITAZIONE DEL RICHIEDENTE

REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO 9 INTERVENTO DI RECUPERO FINALIZZATO ALL ABITAZIONE DEL RICHIEDENTE REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO 9 Mod. C Lavori pubblici, edilizia residenziale, politica della casa, autorità di bacino U.O.A. Politica della Casa, Edilizia Residenziale Pubblica, Riqualificazione e Recupero

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 3 DEL 1-02-1977 REGIONE PUGLIA

LEGGE REGIONALE N. 3 DEL 1-02-1977 REGIONE PUGLIA Legge 1977003 Pagina 1 di 9 LEGGE REGIONALE N. 3 DEL 1-02-1977 REGIONE PUGLIA

Dettagli

Città di Roncade Provincia di Treviso

Città di Roncade Provincia di Treviso Città di Roncade Provincia di Treviso REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI SU MUTUI PER ACQUISTO, COSTRUZIONE, RISTRUTTURAZIONE DELLA PRIMA CASA Approvato con Delibera di Consiglio Comunale

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA COMUNE DI MOLTENO Provincia di Lecco REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 38 del 25.10.2012 Modificato con deliberazione di

Dettagli

Parte riservata all ufficio

Parte riservata all ufficio Tecnico comunale Numero sopralluogo Data sopralluogo Parte riservata all ufficio MODELLO - IMPRESE Marca da bollo Spazio riservato all Ufficio Protocollo Al COMUNE DI PROVINCIA DI AVVERSITA ATMOSFERICHE

Dettagli

Art. 1 (Finalità e ambito di applicazione)

Art. 1 (Finalità e ambito di applicazione) REGOLAMENTO di ESECUZIONE dell articolo 8, comma 72, della legge regionale 18 gennaio 2006, n. 2, (legge finanziaria 2006), riguardante i criteri e le modalità di presentazione delle domande, di erogazione

Dettagli

REGIONE LIGURIA 1. OBIETTIVI E TIPOLOGIA DI AGEVOLAZIONE

REGIONE LIGURIA 1. OBIETTIVI E TIPOLOGIA DI AGEVOLAZIONE REGIONE LIGURIA BANDO PER L ASSEGNAZIONE DI AGEVOLAZIONI A SOSTEGNO DELLE FAMIGLIE CON ALMENO UN FIGLIO MINORE PER LA RISTRUTTURAZIONE ED ADEGUAMENTO DELLA PRIMA CASA DI ABITAZIONE 1. OBIETTIVI E TIPOLOGIA

Dettagli

Comune di Cormons Servizio socio - assistenziale ALLEGATO 1

Comune di Cormons Servizio socio - assistenziale ALLEGATO 1 Comune di Cormons Servizio socio - assistenziale ALLEGATO 1 Bando per la concessione di contributi economici per l abbattimento delle spese per i canoni di locazione di immobili ad uso abitativo - anno

Dettagli

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres.

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. Regolamento attuativo dell articolo 9, commi da 26 a 34 della

Dettagli

DECRETO DEL COMMISSARIO DELEGATO PER GLI EVENTI ALLUVIONALI DEL SETTEMBRE 2006 N. 3/CDA DEL 30/10/2006

DECRETO DEL COMMISSARIO DELEGATO PER GLI EVENTI ALLUVIONALI DEL SETTEMBRE 2006 N. 3/CDA DEL 30/10/2006 1 DECRETO DEL COMMISSARIO DELEGATO PER GLI EVENTI ALLUVIONALI DEL SETTEMBRE 2006 N. 3/CDA DEL 30/10/2006 Oggetto: Criteri e modalità per la concessione dei contributi di cui all art. 4, c. 5, dell Ordinanza

Dettagli

FONDO PENSIONE NAZIONALE ANTICIPAZIONI REGOLAMENTO

FONDO PENSIONE NAZIONALE ANTICIPAZIONI REGOLAMENTO FONDO PENSIONE NAZIONALE ANTICIPAZIONI REGOLAMENTO Art.1 - Oggetto Art.2 - Condizioni per ottenere l Anticipazione Art.3 - Importo dell Anticipazione Art.4 - Spese sanitarie per terapie e interventi straordinari

Dettagli

FONDO PENSIONE DEI DIPENDENTI DELLA HEWLETT-PACKARD ITALIANA S.r.l. E DI ALTRE SOCIETA DEL GRUPPO HEWLETT-

FONDO PENSIONE DEI DIPENDENTI DELLA HEWLETT-PACKARD ITALIANA S.r.l. E DI ALTRE SOCIETA DEL GRUPPO HEWLETT- FONDO PENSIONE DEI DIPENDENTI DELLA HEWLETT-PACKARD ITALIANA S.r.l. E DI ALTRE SOCIETA DEL GRUPPO HEWLETT- DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI FONDO PENSIONE SEZIONE I: NORME GENERALI Articolo 1. Oggetto 1.1

Dettagli

LA GIUNTA COMUNALE DELIBERA

LA GIUNTA COMUNALE DELIBERA OGGETTO: Criteri per la ripartizione del Fondo per il sostegno all accesso alle abitazioni in locazione di cui all art. 11, L. 431/98. Anno 2006. Approvazione Bando. LA GIUNTA COMUNALE Su proposta dell

Dettagli

SCHEMA DI AVVISO RECANTE CRITERI E MODALITA PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI PER L ACQUISTO DELLA PRIMA CASA A FAVORE DI FAMIGLIE IN DIFFICOLTA

SCHEMA DI AVVISO RECANTE CRITERI E MODALITA PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI PER L ACQUISTO DELLA PRIMA CASA A FAVORE DI FAMIGLIE IN DIFFICOLTA Allegato A) SCHEMA DI AVVISO RECANTE CRITERI E MODALITA PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI PER L ACQUISTO DELLA PRIMA CASA A FAVORE DI FAMIGLIE IN DIFFICOLTA In attuazione di quanto disposto dalla Deliberazione

Dettagli

CAPO I GIOVANI COPPIE E NUBENDI

CAPO I GIOVANI COPPIE E NUBENDI CRITERI ATTUATIVI dell articolo 54 della legge provinciale n. 1 del 22 aprile 2014 concernente disposizioni attuative in materia di edilizia abitativa agevolata per gli anni 2015 2018, approvati con deliberazioni

Dettagli

Giunta Regionale della Campania. Bollettino Ufficiale della Regione Campania n. 40 del 4 settembre 2006

Giunta Regionale della Campania. Bollettino Ufficiale della Regione Campania n. 40 del 4 settembre 2006 Bollettino Ufficiale della Regione Campania n. 40 del 4 settembre 2006 REGIONE CAMPANIA - Giunta Regionale - Seduta del 3 agosto 2006 - Deliberazione N. 1336 Area Generale di Coordinamento - N. 18 - Assistenza

Dettagli

L.R. n.27 del 28. 12.2006 Legge finanziaria regionale per l esercizio 2007 (estratto degli articoli riguardanti l Edilizia Residenziale Pubblica)

L.R. n.27 del 28. 12.2006 Legge finanziaria regionale per l esercizio 2007 (estratto degli articoli riguardanti l Edilizia Residenziale Pubblica) L.R. n.27 del 28. 12.2006 Legge finanziaria regionale per l esercizio 2007 (estratto degli articoli riguardanti l Edilizia Residenziale Pubblica) CAPO III Edilizia residenziale pubblica Art. 48 (Alienazione

Dettagli

Settore Socio-Assistenziale e Sanitario Ufficio Servizi Sociali serviziosociale@comunesantateresagallura.it tel. 0789/740912 Fax.

Settore Socio-Assistenziale e Sanitario Ufficio Servizi Sociali serviziosociale@comunesantateresagallura.it tel. 0789/740912 Fax. COMUNE DI SANTA TERESA GALLURA Provincia di Olbia Tempio Piazza Villamarina 07028 tel 0789 740900 fax 0789 754794 info@comunesantateresagallura.it Settore Socio-Assistenziale e Sanitario Ufficio Servizi

Dettagli

OGGETTO: LA GIUNTA REGIONALE. SU PROPOSTA dell Assessore alle Politiche della Casa; VISTO lo Statuto della Regione Lazio;

OGGETTO: LA GIUNTA REGIONALE. SU PROPOSTA dell Assessore alle Politiche della Casa; VISTO lo Statuto della Regione Lazio; OGGETTO: Direttive per l attuazione dei programmi da realizzare da parte delle Associazioni e Cooperative ONLUS, Fondazioni, Congregazioni non assimilabili alle cooperative edilizie ai sensi dell art.

Dettagli

CITTA DI VIGEVANO REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI CONTRIBUTI SU MUTUI FINALIZZATI ALL ACQUISTO DELLA PRIMA CASA DA PARTE DI GIOVANI FAMIGLIE

CITTA DI VIGEVANO REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI CONTRIBUTI SU MUTUI FINALIZZATI ALL ACQUISTO DELLA PRIMA CASA DA PARTE DI GIOVANI FAMIGLIE CITTA DI VIGEVANO REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI CONTRIBUTI SU MUTUI FINALIZZATI ALL ACQUISTO DELLA PRIMA CASA DA PARTE DI GIOVANI FAMIGLIE Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale in data 19/12/2001

Dettagli

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali. Il Ministro dell economia e delle finanze. di concerto con

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali. Il Ministro dell economia e delle finanze. di concerto con DECRETO 18 aprile 2016, n.4293 Ripartizione delle risorse del fondo per gli investimenti nel settore lattiero caseario ai sensi dell articolo 1, commi 214-217, della legge 23 dicembre 2014, n. 190 (legge

Dettagli

Comune di San Lorenzo in Campo

Comune di San Lorenzo in Campo Comune di San Lorenzo in Campo BANDO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI PER L AFFITTO PER L ANNO 2015 LEGGE 431/1998 Art. 11 IL RESPONSABILE SERVIZI SOCIALI Rende noto VISTA la Legge 9 dicembre 1998 n. 431,

Dettagli

Allegato alla Nota Informativa FONDO PENSIONE DIPENDENTI DELLA CASA DA GIOCO DI SAINT-VINCENT GIOCHI TRADIZIONALI DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI

Allegato alla Nota Informativa FONDO PENSIONE DIPENDENTI DELLA CASA DA GIOCO DI SAINT-VINCENT GIOCHI TRADIZIONALI DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI Allegato alla Nota Informativa FONDO PENSIONE DIPENDENTI DELLA CASA DA GIOCO DI SAINT-VINCENT GIOCHI TRADIZIONALI DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI SEZIONE I: NORME GENERALI Articolo 1. Oggetto 1.1 Il presente

Dettagli

FONDO PENSIONE PER IL PERSONALE DELLA BANCA POPOLARE DI ANCONA E DELLE SOCIETA CONTROLLATE DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI FONDO PENSIONE

FONDO PENSIONE PER IL PERSONALE DELLA BANCA POPOLARE DI ANCONA E DELLE SOCIETA CONTROLLATE DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI FONDO PENSIONE Allegato alla Nota Informativa FONDO PENSIONE PER IL PERSONALE DELLA BANCA POPOLARE DI ANCONA E DELLE SOCIETA CONTROLLATE DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI FONDO PENSIONE SEZIONE I: NORME GENERALI Articolo

Dettagli

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI ORDINANZA DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 30 dicembre 2010 Interventi urgenti di protezione civile diretti a fronteggiare i danni conseguenti agli eccezionali eventi atmosferici che hanno colpito

Dettagli

Regolamento per l'erogazione Errore. Il segnalibro non è definito. di contributi a titolo di prestito d'onore Errore. Il segnalibro non è definito.

Regolamento per l'erogazione Errore. Il segnalibro non è definito. di contributi a titolo di prestito d'onore Errore. Il segnalibro non è definito. Regolamento per l'erogazione Errore. Il segnalibro non è definito. di contributi a titolo di prestito d'onore Errore. Il segnalibro non è definito. APPROVATO CON DELIBERAZIONE COMUNALE N 46 DEL 11-05-2009

Dettagli

FONDO PENSIONE APERTO TESEO

FONDO PENSIONE APERTO TESEO FONDO PENSIONE APERTO TESEO istituito dalla Società Reale Mutua di Assicurazioni (Gruppo Reale Mutua) iscritto all Albo tenuto dalla COVIP con il n. 17 Documento sulle anticipazioni (redatto ai sensi del

Dettagli

UNIPOL FUTURO PRESENTE

UNIPOL FUTURO PRESENTE Unipol Futuro Presente Piano individuale pensionistico di tipo assicurativo Fondo Pensione Iscritto all albo tenuto dalla Covip con il n. 5050 UNIPOL FUTURO PRESENTE Documento sulle anticipazioni Il presente

Dettagli

Comune di Cupra Marittima Provincia di Ascoli Piceno

Comune di Cupra Marittima Provincia di Ascoli Piceno BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER LA CONCESSIONE DEI CONTRIBUTI FINALIZZATI A SOSTENERE L'ACCESSO ALLE ABITAZIONI IN LOCAZIONE PRIVATA, AI SENSI DELL'ARTICOLO 11 DELLA LEGGE 9 DICEMBRE 1998. N. 431. ANNO

Dettagli

REGOLAMENTO DEGLI ANTICIPI SULLA POSIZIONE INDIVIDUALE

REGOLAMENTO DEGLI ANTICIPI SULLA POSIZIONE INDIVIDUALE CASSA DI PREVIDENZA DEL PERSONALE DELLA CASSA DI RISPARMIO DI PADOVA E ROVIGO Fondo Pensione Complementare iscritto al n. 1016 dell Albo dei Fondi Pensione - I Sezione Speciale Ente morale riconosciuto

Dettagli

Ordinanza n. 23 del 26 marzo 2014

Ordinanza n. 23 del 26 marzo 2014 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 23 del 26 marzo 2014 Smontaggio e deposito

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 56 DEL 28-11-1986 REGIONE VALLE D'AOSTA. Norme per la concessione di finanziamenti agevolati a favore delle cooperative edilizie.

LEGGE REGIONALE N. 56 DEL 28-11-1986 REGIONE VALLE D'AOSTA. Norme per la concessione di finanziamenti agevolati a favore delle cooperative edilizie. Legge 1986056 Pagina 1 di 12 LEGGE REGIONALE N. 56 DEL 28-11-1986 REGIONE VALLE D'AOSTA Norme per la concessione di finanziamenti agevolati a favore delle cooperative edilizie. Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE

Dettagli

REGOLAMENTO CONTRIBUTI ED INTERVENTI PER EMERGENZA ABITATIVA

REGOLAMENTO CONTRIBUTI ED INTERVENTI PER EMERGENZA ABITATIVA REGOLAMENTO CONTRIBUTI ED INTERVENTI PER EMERGENZA ABITATIVA Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 34 del 22/04/2013 REGOLAMENTO CONTRIBUTI ED INTERVENTI PER EMERGENZA ABITATIVA Art. 1 AMBITO

Dettagli

OGGETTO: ULTERIORI DISPOSIZIONI PER LA REGIONE SARDEGNA COLPITA DALL ALLUVIONE DEL NOVEMBRE 2013

OGGETTO: ULTERIORI DISPOSIZIONI PER LA REGIONE SARDEGNA COLPITA DALL ALLUVIONE DEL NOVEMBRE 2013 Prot. n. F09/RNS Bologna, 17 gennaio 2014 OGGETTO: ULTERIORI DISPOSIZIONI PER LA REGIONE SARDEGNA COLPITA DALL ALLUVIONE DEL NOVEMBRE 2013 - RIPRESA DEI VERSAMENTI E FINANZIAMENTI AGEVOLATI A FAVORE DELLE

Dettagli

VALORE PENSIONE Piano individuale pensionistico di tipo assicurativo Fondo Pensione Documento sulle anticipazioni (ed. 01/14)

VALORE PENSIONE Piano individuale pensionistico di tipo assicurativo Fondo Pensione Documento sulle anticipazioni (ed. 01/14) VALORE PENSIONE Piano individuale pensionistico di tipo assicurativo Fondo Pensione Documento sulle anticipazioni (ed. 01/14) Pagina 2 di 6 - Documento sulle anticipazioni Edizione 01.2014 Valore Pensione

Dettagli

COMUNE DI APOLLOSA Provincia di Benevento

COMUNE DI APOLLOSA Provincia di Benevento COMUNE DI APOLLOSA Provincia di Benevento Prot. 6262 BANDO DI CONCORSO Legge 9 dicembre 1998, n. 431 art. 11- Fondo Nazionale per il sostegno all accesso alle abitazioni in locazione. Erogazione contributi

Dettagli

MODALITA ATTUATIVE PER LA CONCESSIONE DELLE AGEVOLAZIONI

MODALITA ATTUATIVE PER LA CONCESSIONE DELLE AGEVOLAZIONI Allegato A) UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE LIGURIA OBIETTIVO COMPETITIVITA REGIONALE E OCCUPAZIONE PROGRAMMA OPERATIVO 007-013 Parte Competitività COFINANZIATO DAL F.E.S.R. - FONDO EUROPEO

Dettagli

COMUNE DI ROBASSOMERO PROVINCIA DI TORINO REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI A TITOLO DI PRESTITO D ONORE

COMUNE DI ROBASSOMERO PROVINCIA DI TORINO REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI A TITOLO DI PRESTITO D ONORE COMUNE DI ROBASSOMERO PROVINCIA DI TORINO REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI A TITOLO DI PRESTITO D ONORE Adottato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 40 del /29.11.2013 INDICE GENERALE

Dettagli

DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI

DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI Il presente documento integra il contenuto della Nota Informativa relativa all offerta pubblica di adesione al fondo pensione aperto a contribuzione definita Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita

Dettagli

Modalità attuative per la concessione delle agevolazioni

Modalità attuative per la concessione delle agevolazioni DOCUMENTO A) Modalità attuative per la concessione delle agevolazioni Il presente documento disciplina le modalità e le condizioni di accesso ai contributi previsti ai sensi della l.r. n. 1/2010 e s.m.i.

Dettagli

Il presente Regolamento è pubblicato nel Bollettino Ufficiale della Regione Toscana.

Il presente Regolamento è pubblicato nel Bollettino Ufficiale della Regione Toscana. notificazione della cartella di pagamento a pena di decadenza, allegando copia della documentazione attestante il reddito di cui al comma 2. 4. Sulle somme il cui pagamento è stato rateizzato si applicano

Dettagli

4a Tutela della salute l.r. 45/2013 1 PREAMBOLO... 1. 1 CAPO I - Oggetto... 2. 2 Art. 1 - Oggetto... 2

4a Tutela della salute l.r. 45/2013 1 PREAMBOLO... 1. 1 CAPO I - Oggetto... 2. 2 Art. 1 - Oggetto... 2 4a Tutela della salute l.r. 45/2013 1 Legge regionale 2 agosto 2013, n. 45 famiglie e dei lavoratori in difficoltà, per la coesione e per il contrasto al disagio sociale. Interventi di sostegno finanziario

Dettagli

COMUNE di. L anno 2012, il giorno. del mese di.. in, presso.. alle ore. tra

COMUNE di. L anno 2012, il giorno. del mese di.. in, presso.. alle ore. tra Allegato A alla delibera avente per oggetto: Piano nazionale di edilizia abitativa. D.P.C.M. 16 luglio 2009. Accordo di Programma tra il Ministero delle Infrastrutture e i Trasporti e la Regione Piemonte

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI PER LA RISTRUTTURAZIONE DI FACCIATE

REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI PER LA RISTRUTTURAZIONE DI FACCIATE COMUNE DI SESTU PROVINCIA DI CAGLIARI ASSESSORATO URBANISTICA EDILIZIA PRIVATA REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI PER LA RISTRUTTURAZIONE DI FACCIATE Allegato alla deliberazione del Consiglio

Dettagli

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 Modalità attuative

Dettagli

DICHIARA DA COMPILARE SOLO IN CASO DI EVACUAZIONE DEL PROPRIO NUCLEO FAMILIARE A SEGUITO DI ORDINANZA SINDACALE DI SGOMBERO O ALTRO PROVVEDIMENTO.

DICHIARA DA COMPILARE SOLO IN CASO DI EVACUAZIONE DEL PROPRIO NUCLEO FAMILIARE A SEGUITO DI ORDINANZA SINDACALE DI SGOMBERO O ALTRO PROVVEDIMENTO. Comune di Rometta Provincia di Messina Area: Servizi Ambiente Territorio Infrastrutture Al Comune di Rometta Oggetto: Eventi calamitosi del 22.11.2011 scheda segnalazione danni Il/La sottoscritto/a, nato/a

Dettagli

COMUNE DI SPINEA UFFICIO SERVIZI SOCIALI E POLITICHE PER LA CASA

COMUNE DI SPINEA UFFICIO SERVIZI SOCIALI E POLITICHE PER LA CASA COMUNE DI SPINEA UFFICIO SERVIZI SOCIALI E POLITICHE PER LA CASA REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE TEMPORANEA DI ALLOGGI IN CONVENZIONE CON IL COMUNE DI VENEZIA E ALTRI ALLOGGI PER INTERVENTI DI ASSISTENZA

Dettagli

REGIONE PIEMONTE Settore Rapporti con le Autonomie locali

REGIONE PIEMONTE Settore Rapporti con le Autonomie locali REGIONE PIEMONTE Settore Rapporti con le Autonomie locali ALLEGAT O Contributi alle Unioni di Comuni, istituite entro il 31/12/2013, alle Comunità montane ed alle Convenzioni plurifunzionali tra Comuni,

Dettagli

ALLEGATO D. Procedure operative

ALLEGATO D. Procedure operative Commissario Delegato per il superamento dell emergenza che ha colpito i territori delle province di Varese, Como, Lecco e Bergamo nei giorni dal 15 al 18 luglio 2009 O.P.C.M. 20 aprile 2010 n. 3867 e O.P.C.M.

Dettagli

Campo nell' Elba, 8 gennaio 2013

Campo nell' Elba, 8 gennaio 2013 Domanda di ammissione all' agevolazione per le imprese danneggiate dagli eventi alluvionali di cui all' ordinanza del Presidente della Giunta Regionale n. 135 del 12 dicembre 2012 Campo nell' Elba, 8 gennaio

Dettagli

15/01/2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 5. Regione Lazio. Atti della Giunta Regionale e degli Assessori

15/01/2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 5. Regione Lazio. Atti della Giunta Regionale e degli Assessori Regione Lazio Atti della Giunta Regionale e degli Assessori Deliberazione 30 dicembre 2014, n. 929 Contributi a favore delle famiglie in difficoltà per l'acquisto della prima casa ai sensi dell'art. 9,

Dettagli

Bando di concorso per l assegnazione di contributi ad integrazione dei canoni di locazione - Anno 2015

Bando di concorso per l assegnazione di contributi ad integrazione dei canoni di locazione - Anno 2015 PROVINCIA DI FIRENZE Tel. (055) 819941 Bando di concorso per l assegnazione di contributi ad integrazione dei canoni di locazione - Anno 2015 Il presente bando è emanato ai sensi dell art. 11 della legge

Dettagli

Ordinanza n 105 del 12 settembre 2013. Programma Operativo Municipi Ulteriore rimodulazione

Ordinanza n 105 del 12 settembre 2013. Programma Operativo Municipi Ulteriore rimodulazione IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n 105 del 12 settembre 2013 Programma Operativo

Dettagli

Oggetto: BANDO PER LA PARTECIPAZIONE AL FONDO PER IL SOSTEGNO ALL'ACCESSO ALLE ABITAZIONI IN LOCAZIONE ANNO 2004. APPROVAZIONE.

Oggetto: BANDO PER LA PARTECIPAZIONE AL FONDO PER IL SOSTEGNO ALL'ACCESSO ALLE ABITAZIONI IN LOCAZIONE ANNO 2004. APPROVAZIONE. COMUNE DI PONTE SAN NICOLÒ PRO VINCIA DI PADOVA VERBALE DI DELIBERAZIO NE DI GIUNTA CO MUNALE N 65 DEL 24/05/2005 Oggetto: BANDO PER LA PARTECIPAZIONE AL FONDO PER IL SOSTEGNO ALL'ACCESSO ALLE ABITAZIONI

Dettagli

IL MINISTRO DEL TESORO, DEL BILANCIO E DELLA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA di concerto con IL MINISTRO DEI TRASPORTI E DELLA NAVIGAZIONE

IL MINISTRO DEL TESORO, DEL BILANCIO E DELLA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA di concerto con IL MINISTRO DEI TRASPORTI E DELLA NAVIGAZIONE DECRETO 17 dicembre 1999, n. 539 (pubblicato nella G.U.R.I. dell 8 febbraio 2000 serie generale n. 31) Regolamento recante condizioni e modalità dell intervento del Fondo centrale di garanzia per il credito

Dettagli