Borghi Autentici d Italia Progetto Comunita Ospitale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Borghi Autentici d Italia Progetto Comunita Ospitale"

Transcript

1 Borghi Autentici d Italia Progetto Comunita Ospitale RETE BAI Sardegna Progetto finanziato dalla Regione Autonoma della Sardegna ai sensi dell'art.4 della Legge Regionale n 6 del 15 marzo 2012 (Legge Finanziaria)

2 La vision della Comunità Ospitale La Comunità Ospitale è un luogo e una destinazione in cui gli ospiti/turisti si sentono Cittadini seppure temporanei identificandosi nel ritmo dolce della vita di borgo Un luogo dove (ri) trovare una dimensione più vera e autentica Una luogo pensato per visitatori desiderosi di poter fare un esperienza : la scoperta di luoghi, persone, saper fare, il silenzio, la qualità del cibo, la positività delle relazioni umane

3 La CO si organizza per essere tale I cittadini, gli operatori economici e gli amministratori pubblici condividono: una strategia unica di accoglienza una visione comune in grado di assicurare all ospite una permanenza indimenticabile, basata sulla partecipazione e sulla scoperta dei particolari. Un coinvolgimento permanente da parte della comunità una Comunità Ospitale inclusiva e che aspira sempre più alla qualità diffusa e ad una crescita economica e sociale sostenibile

4 OBIETTIVO: FAR DIVENTARE IL BORGO UNA DESTINAZIONE TURISTICA E CULTURALE

5 I 10 strumenti della Comunità Ospitale 1. La rete tra le strutture ricettive: le strutture ricettive esistenti (B&B, agriturismi, hotel, ecc) collaborano stabilmente per creare economie di scala e si dotano di una disciplina volontaria sulla qualità (Carta dell Ospitalità) 2. RRD (Rete Ricettiva Diffusa) 3. La Casa degli Ospiti: locali solitamente comunali dove vengono svolte attività comuni e di sistema (salone delle feste con cucina, attrezzature per meeting, show room per esposizione prodotti) 4. Rete dei Ristoranti a km zero: i ristoranti condividono un protocollo per valorizzare la cucina tradizionale locale e l uso di materie prime agroalimentari locali e a basso impatto ambientale 5. Cartellone degli eventi: la CO programma tutti gli eventi tali da creare occasioni di visita e di attrazione sul territorio

6 I 10 strumenti della Comunità Ospitale Programma di fruizione del territorio e delle sue risorse: a partire dalle risorse culturali e naturali del territorio, queste devono essere rese fruibili e organizzate, in maniera tale da poter essere inserite in proposte commerciali Sapori del Borgo: aziende di produzione di prodotti agroalimentari tipici e dell artigianato tradizionale sono coinvolte nel progetto sia nell ambito della costruzione di un programma di fruizione sia per la commercializzazione dei prodotti tipici Bottega dei Borghi Autentici: un corner in un punto vendita esistente per la commercializzazione di prodotti dei borghi Bai Sardegna Tutor dell Ospite: una figura professionale e relazionale di riferimento per i visitatori del borgo Il comune protagonista dell Ospitalità: la gestione dei servizi collettivi costituiscono una componente cruciale dell ospitalità (segnaletica, mobilità, gestione raccolta rifiuti, spazi pubblici, ecc)

7 I vantaggi di essere una Comunità Ospitale Un marchio (Borghi Autentici) ormai affermato e diffuso, che esprime uno stile riconoscibile e uno standard di qualità all interno del sistema nazionale di luoghi, di specificità e un contenuto culturale condiviso fra la pubblica opinione. ogni borgo e la sua Comunità Ospitale costituiscono un unicum. Ogni offerta, pertanto, è originale e distinguibile un insieme di strumenti di comunicazione della singola comunità, della rete BAI Sardegna e dei Borghi Autentici nazionale che si rivolgono ad un target selezionato e interessato (newsletter, BAI Club, social network, ecc) un Tour Operator (BAI TOUR SRL) esclusivamente dedicato alla valorizzazione dell offerta turistica dei borghi e delle Comunità Ospitali

8 Il Piano delle strategie BAI Sardegna Comunità Ospitale: sviluppo di una rete di destinazioni turistiche, culturali, ambientali e produttive su modella della Comunità Ospitale Botteghe dei Sapori: creazione di corner in punti vendita esistenti per la vendita di prodotti dei borghi BAI Sardegna Segnaletica: Studio, realizzazione e installazione di segnaletica stradale BAI Lancio e accompagnamento del progetto Cooperative di Comunità Segreteria regionale

9 Il programma d intenti Comunità Ospitale Un documento programmatico che verrà sottoscritto da parte dell amministrazione e degli operatori interessati, finalizzato a formalizzare: la condivisione del progetto e della visione Comunità Ospitale l impegno da parte della comunità ad attuare alcuni punti programmatici previsti nell ambito dell annualità 2012/2013 l individuazione di un comitato di pilotaggio che ha il compito di coordinare il progetto in sede locale (2 operatori e un componente dell amministrazione comunale)

10 Punti programmatici del PI Casa dell Ospite: promozione, organizzazione e realizzazione di una casa dell Ospite, ovvero un centro di accoglienza e animazione turistica che potrà prevedere un ufficio informazioni, uno spazio comune attrezzato, altre funzioni promozionali (show room, punti di degustazione, aule didattiche, biblioteche, reception unica e integrata, ecc) sarà effettuata un indagine delle strutture a disposizione per valutare l adattamento di strutture esistenti allo scopo e/o l integrazione con le attività già in essere

11 Punti programmatici del PI Carta dell Ospitalità: un disciplinare di qualità per gli operatori della ricettività Menu L anima del territorio : iniziativa che coinvolge gli operatori della ristorazione per la promozione e l adozione di un menu unico e riconoscibile del borgo basato su piatti e/o prodotti tipic della tradizione

12 Punti programmatici del PI Comunicazione Condivisione di un piano di comunicazione condiviso della destinazione e messa a punto di materiali, strumenti e supporti commerciali finalizzati a: dotare la "destinazione" di una immagine coordinata (logotipo, lettering, romance); costruire materiale promozionale di base (brochure e/o folder) unici in grado di esprimere i caratteri dei luoghi, il dispositivo coordinato "Comunità Ospitale" e le caratteristiche e condizioni di accesso ai servizi di ospitalità; Diffusione, presso tutte le strutture locali, dei sottoscrittori dei materiali promozionali ed indicativi della "Destinazione" (Folder, brochure, vetrofanie, vele manifesti, ecc...) Creazione di un sito web dedicato, indicativamente denominato Bolotana Comunità Ospitale

13 Sito web della Comunità Ospitale Attività previste per il progetto web Raccolta contenuti da parte della segreteria regionale BAI (Dott.ssa Daniela Madau): - testi, video e foto di strutture ricettive, ristorative, servizi, musei, calendario eventi, biografia tutor Pubblicazione entro il 30 giugno 2013 Il layout del sito sarà identico a quello di Galtellì

14 Punti programmatici del PI Tutor dell Ospite Perché il tutor dell ospite La Comunità Ospitale è un luogo dove i turisti si sentono parte della comunità e ricercano un esperienza umana di relazione con il luogo, i cibi e soprattutto con le persone. Sono turisti che apprezzano un clima propenso ad accogliere, a condividere e far scoprire le piccole cose. Pur essendo un approccio, comune a tutta la comunità, il tutor è una figura centrale ed essenziale perché rappresenta il biglietto da visita, il punto di contatto e di riferimento dell ospite solo una persona del posto, con passione e conoscenza del suo territorio, può suggerire e condividere un esperienza dei luoghi

15 Punti programmatici del PI Tutor dell Ospite Cosa farà il tutor all interno della Comunità Ospitale È il punto di riferimento per chi intende visitare il borgo: darà informazioni, suggerimenti, indirizzerà il visitatore verso i servizi disponibili, e le modalità di fruizione del territorio e delle sue risorse. Se possibile, si renderà disponibile a incontrare le persone o a dargli il benvenuto Avrà una pagina dedicata nel sito web della comunità ospitale con una breve biografia e foto In altri termini: è la persona a cui vorremmo fare riferimento quando visitiamo un posto che non conosciamo, qualcuno che ci sappia consigliare su dove andare a mangiare bene, o che ci indirizzi per esempio a scoprire qualcosa di "fuori dal comune"

16 Punti programmatici del PI Tutor dell Ospite Il candidato ideale una persona con conoscenza e passione per il suo territorio e di cosa offre in termini di strutture, cose da fare e da vedere una persona con un carattere estroverso, disponibilità verso il prossimo, predisposizione all'accoglienza, volontà e motivazione di condividere cosa c'è di bello nel borgo, a favorire la scoperta idealmente, ma non necessariamente, che sa parlare almeno un'altra lingua straniera (inglese) vive stabilmente nel borgo, quindi ha già un'altra fonte di reddito, che potrebbe essere in prospettiva incrementata da questo ruolo

17 Punti programmatici del PI Tutor dell Ospite Chi può fare il tutor chiunque ma alcune tipologie di persone possono avere una maggiore motivazione a farlo, ad esempio: una guida turistica una persona impiegata nel centro informazioni turistiche un pensionato, magari impegnato in attività di promozione del borgo il gestore di una struttura ricettiva Indipendentemente dall attività che uno svolge, che non è rilevante ai fini del ruolo, ciò che è più importante è ovviamente l'approccio di condivisione e la predisposizione della persona ai rapporti interpersonali

18 Attività previste e tempistica per il tutor dell ospite Entro il 10 giugno 2013: Individuazione del tutor della comunità e invio della biografia con foto del tutor alla Segreteria BAI Sardegna in maniera tale da poter pubblicare il sito web entro il Sabato 6 luglio o sabato 13 luglio 2013: incontro preliminare di conoscenza e informazione con tutti i tutor delle comunità ospitali, in cui verranno condivisi gli obiettivi, il senso del ruolo, i contenuti della funzione e le prospettive operative all interno del progetto CO 6-7 settembre 2013: seminario residenziale di formazione su: strategie turismo esperienziale, approccio relazionale con l ospite, organizzazione della funzione

19 Referente progetto Comunità ospitale Dott.ssa Elena Zuliani Segreteria Regionale BAI Dott.ssa Daniela Madau

Comunità Ospitali. gente che ama ospitare

Comunità Ospitali. gente che ama ospitare Comunità Ospitali gente che ama ospitare Cos'è una Comunità Ospitale? La Comunità Ospitale è un luogo e una destinazione in cui gli ospiti/turisti si sentono Cittadini seppure temporanei identificandosi

Dettagli

linee guida per lo sviluppo del progetto strategico: "BRISIGHELLA NUOVA 2.0 - COMUNITÀ OSPITALE" Sabato 1 Dicembre 2012

linee guida per lo sviluppo del progetto strategico: BRISIGHELLA NUOVA 2.0 - COMUNITÀ OSPITALE Sabato 1 Dicembre 2012 linee guida per lo sviluppo del progetto strategico: "BRISIGHELLA NUOVA 2.0 - COMUNITÀ OSPITALE" Sabato 1 Dicembre 2012 VERSO LA COMUNITÀ OSPITALE DI BRISIGHELLA concept La Comunità Ospitale è un luogo

Dettagli

CARTA DEL TURISMO RESPONSABILE DI COMUNITA CONCA BARESE

CARTA DEL TURISMO RESPONSABILE DI COMUNITA CONCA BARESE CARTA DEL TURISMO RESPONSABILE DI COMUNITA CONCA BARESE Noi cittadini, Associazioni, Operatori economici ed Istituzioni delle comunità ricadenti sul territorio del GAL CONCA BARESE, sottoscriviamo questo

Dettagli

STRADA DEL GUSTO NORD SARDEGNA

STRADA DEL GUSTO NORD SARDEGNA DISCIPLINARE DI QUALITÀ DELLA STRADA DEL GUSTO NORD SARDEGNA INDICE 1. PREMESSA... 3 1.1. TIPOLOGIE DI AZIENDE AMMESSE NELL ITINERARIO...5 2. REQUISITI DI QUALITÀ... 6 2.1. AZIENDE, CONSORZI E COOPERATIVE

Dettagli

Sardara Comunità Ospitale...."gente che ama ospitare" Carta dell Ospitalità

Sardara Comunità Ospitale....gente che ama ospitare Carta dell Ospitalità Sardara Comunità Ospitale..."gente che ama ospitare" Carta dell Ospitalità Il senso della "Comunità Ospitale" Le "Comunità Ospitali" rappresentano un innovativo modello di offerta turistica per una vacanza

Dettagli

DISTRETTO RURALE DI QUALITÀ SICANI

DISTRETTO RURALE DI QUALITÀ SICANI Mod.6_E CHEK LIST AZIENDA AGRICOLA MULTIFUNZIONALE N. ordine dell Elenco richiedenti marchio collettivo DRQ Sicani Protocollo n. del / / Struttura ricettiva denominata: Sita in: Via Comune n. Iscr. C.C.IA.A.

Dettagli

Salone del turismo rurale

Salone del turismo rurale Salone del turismo rurale 5-8 novembre 2015 Il Salone del Turismo Rurale E il primo evento in Italia interamente dedicato al turismo e allo stile di vita rurale. 1 edizione Palaexpo Veronafiere 5-8 novembre

Dettagli

DISCIPLINARE MARCHIO OSPITALITA ITALIANA RISTORANTI ITALIANI NEL MONDO

DISCIPLINARE MARCHIO OSPITALITA ITALIANA RISTORANTI ITALIANI NEL MONDO DISCIPLINARE MARCHIO OSPITALITA ITALIANA RISTORANTI ITALIANI NEL MONDO Disciplinare Ristoranti Italiani nel Mondo Pagina 1/7 INDICE PREMESSA COS E IL MARCHIO OSPITALITA ITALIANA RISTORANTI ITALIANI NEL

Dettagli

IL PATTO PER EXPO 2015 GLI IMPEGNI PREVISTI NEL PATTO. inoltre:

IL PATTO PER EXPO 2015 GLI IMPEGNI PREVISTI NEL PATTO. inoltre: IL PATTO PER EXPO 2015 GLI IMPEGNI PREVISTI NEL PATTO Con l adesione al Patto mi impegno a: - Promuovere la cultura autodisciplinare e dell etica di mercato monitorando e garantendo la qualità dei servizi;

Dettagli

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT SAINT-MARCEL MARCEL Storia di un idea CONVEGNO INTERNAZIONALE Esperienze di turismo in ambiente alpino:

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER L INTEGRAZIONE

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER L INTEGRAZIONE PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER L INTEGRAZIONE FINALITA Il presente documento denominato Protocollo di Accoglienza è un documento che nasce da una più dettagliata esigenza d informazione relativamente all

Dettagli

TURISMO SCHEDA DI VALUTAZIONE SULL AVANZAMENTO DELLE AZIONI PREVISTE DAL PIANO DI AZIONE REGIONALE

TURISMO SCHEDA DI VALUTAZIONE SULL AVANZAMENTO DELLE AZIONI PREVISTE DAL PIANO DI AZIONE REGIONALE TURISMO SCHEDA DI VALUTAZIONE SULL AVANZAMENTO DELLE AZIONI PREVISTE DAL PIANO DI AZIONE REGIONALE OBIETTIVO AZIONI REALIZZATE 1. Migliorare le condizioni di accessibilità delle strutture turistiche 1.1

Dettagli

Circuito turistico integrato

Circuito turistico integrato ospiti di valore Circuito turistico integrato Terre di Siena Ospiti di Valore Codice di comportamento Art. 1 - Valori delle Terre di Siena Lo sviluppo economico delle Terre di Siena dipende dalla capacità

Dettagli

Carta delle imprese per il Turismo Sostenibile nel Parco Lombardo della Valle del Ticino 2010

Carta delle imprese per il Turismo Sostenibile nel Parco Lombardo della Valle del Ticino 2010 Carta delle imprese per il Turismo Sostenibile nel Parco Lombardo della Valle del Ticino 2010 Progetto LA SOSTENIBILITÀ COME PERCORSO DI QUALITÀ PER LE AZIENDE TURISTICHE DEL PARCO DEL TICINO www.networksvilupposostenibile.it

Dettagli

PHOINIX percorso archeologiconaturalistico

PHOINIX percorso archeologiconaturalistico IN COLLABORAZIONE CON SETTORE PROMOZIONE DEL TERRITORIO Comune di Cabras PHOINIX percorso archeologiconaturalistico Report dell incontro di presentazione del 10 aprile 2015 Progettisti: Arch. Pier Paolo

Dettagli

Marchio Ospitalità Italiana Ristoranti Italiani nel Mondo

Marchio Ospitalità Italiana Ristoranti Italiani nel Mondo Marchio Ospitalità Italiana Ristoranti Italiani nel Mondo Marchio Ospitalità Italiana Ristoranti Italiani nel Mondo Obiettivi Sviluppare e promuovere le tradizioni dei prodotti agroalimentari italiani

Dettagli

SCHEMA DI RELAZIONE TECNICA

SCHEMA DI RELAZIONE TECNICA C O M U N E DI A S S E M I N I Provincia di Cagliari Procedura aperta per l affidamento del servizio, per la durata di anni due, prorogabili di anni uno, di organizzazione esposizione e commercializzazione,

Dettagli

INVITO A PRESENTARE MANIFESTAZIONI DI INTERESSE A PARTECIPARE ALL ANIMAZIONE DI PIAZZETTA PIACENZA PADIGLIONE ITALIA

INVITO A PRESENTARE MANIFESTAZIONI DI INTERESSE A PARTECIPARE ALL ANIMAZIONE DI PIAZZETTA PIACENZA PADIGLIONE ITALIA INVITO A PRESENTARE MANIFESTAZIONI DI INTERESSE A PARTECIPARE ALL ANIMAZIONE DI PIAZZETTA PIACENZA PADIGLIONE ITALIA PER LA PROMOZIONE DEL SISTEMA CULTURALE, SCIENTIFICO, TURISTICO, SPORTIVO ED ENOGASTRONOMICO

Dettagli

Bologna Abstract: Hotel School S. Cristina è incontro tra formazione e accoglienza, turismo come esperienza e gioia dei sensi, sapori della città e

Bologna Abstract: Hotel School S. Cristina è incontro tra formazione e accoglienza, turismo come esperienza e gioia dei sensi, sapori della città e Hotel School S. Cristina: fare, gustare, sperimentare un altro punto di vista su Bologna Abstract: Hotel School S. Cristina è incontro tra formazione e accoglienza, turismo come esperienza e gioia dei

Dettagli

XVII MEETING REGIONALE CNA PENSIONATI EMILIA ROMAGNA TURISMO SOCIALE E MARKETING TERRITORIALE

XVII MEETING REGIONALE CNA PENSIONATI EMILIA ROMAGNA TURISMO SOCIALE E MARKETING TERRITORIALE XVII MEETING REGIONALE CNA PENSIONATI EMILIA ROMAGNA TURISMO SOCIALE E MARKETING TERRITORIALE Relazione del Presidente Regionale CNA Pensionati- Giovanni Giungi A noi viene voglia, nonostante questa valle

Dettagli

DISTRETTO RURALE DI QUALITÀ SICANI

DISTRETTO RURALE DI QUALITÀ SICANI CHEK LIST Mod.6_G SERVIZI N. ordine dell Elenco richiedenti marchio DRQ Sicani Protocollo n. del / / Struttura ricettiva denominata: Sita in: Via Comune n. Iscr. C.C.IA.A. di n. in data / / P.IVA di cui

Dettagli

Stefania Cerutti. Università degli Studi del Piemonte Orientale

Stefania Cerutti. Università degli Studi del Piemonte Orientale Marketing territoriale, l approccio integrato delle filiere Stefania Cerutti Università degli Studi del Piemonte Orientale Agenda il territorio come sistema il marketing del territorio i prodotti turistici

Dettagli

Come sviluppare una strategia social per la promozione della propria struttura. www.claudiazarabara.it Dicembre 2015

Come sviluppare una strategia social per la promozione della propria struttura. www.claudiazarabara.it Dicembre 2015 Come sviluppare una strategia social per la promozione della propria struttura www.claudiazarabara.it Dicembre 2015 Utenti Internet nel mondo Utenti Internet in Europa Utenti Internet in Italia Utenti

Dettagli

Marchio Ospitalità Italiana Ristoranti Italiani nel Mondo

Marchio Ospitalità Italiana Ristoranti Italiani nel Mondo Marchio Ospitalità Italiana Ristoranti Italiani nel Mondo Marchio Ospitalità Italiana Ristoranti Italiani nel Mondo Obiettivi Sviluppare e promuovere le tradizioni dei prodotti agroalimentari italiani

Dettagli

Catalogo delle Azioni del PO FESR 2014-2020 Confronto con il partenariato

Catalogo delle Azioni del PO FESR 2014-2020 Confronto con il partenariato Catalogo delle Azioni del PO FESR 2014-2020 Confronto con il partenariato Dott.ssa Elena Iacoviello Dipartimento Presidenza Ufficio Turismo Terziario Promozione Integrata 1 Gli Obiettivi Tematici R.A.

Dettagli

PROGETTO DI COOPERAZIONE TRANSNAZIONALE

PROGETTO DI COOPERAZIONE TRANSNAZIONALE PROGETTO DI COOPERAZIONE TRANSNAZIONALE TITOLO: LA RETE INTERNAZIONALE DEGLI SHOW ROOM NELLE AREE RURALI PARTNERS: GAL PUGLIESI ( Gal Luoghi del Mito- capofila_, Gal Alto Salento, Gal Terre Del Primitivo),

Dettagli

BREND. COS È E PERCHÉ È UTILE ALLA TUA AZIENDA?

BREND. COS È E PERCHÉ È UTILE ALLA TUA AZIENDA? BREND. COS È E PERCHÉ È UTILE ALLA TUA AZIENDA? BREND. COS È E PERCHÉ È UTILE ALLA TUA AZIENDA? BREND è un nuovo polo multiespositivo, che nasce in stretta correlazione con Padiglione Italia Expo2015,

Dettagli

Rimini Bike Hotels 2013. A Rimini un nuovo Club di Prodotto per la vacanza attiva

Rimini Bike Hotels 2013. A Rimini un nuovo Club di Prodotto per la vacanza attiva Rimini Bike Hotels 2013 A Rimini un nuovo Club di Prodotto per la vacanza attiva aprile 2012 LO SCENARIO DI RIFERIMENTO Oggi il turismo e le motivazioni che lo alimentano sono profondamente cambiate Ci

Dettagli

PRESENTAZIONE Firenze 2014

PRESENTAZIONE Firenze 2014 PRESENTAZIONE Firenze 2014 INDICE Presentazione generale del progetto... pg 3 Obiettivi... pg 3 Le caratteristiche del nuovo sito e-commerce... pg 3 Strumenti di promozione del progetto web.... pg 4 I

Dettagli

IL DECALOGO DELL OSPITALITÀ ITALIANA RISTORANTI ITALIANI NEL MONDO

IL DECALOGO DELL OSPITALITÀ ITALIANA RISTORANTI ITALIANI NEL MONDO IL DECALOGO DELL OSPITALITÀ ITALIANA RISTORANTI ITALIANI NEL MONDO Revisione n. 2 25 novembre 2010 PREMESSA La cucina italiana è il frutto di un secolare processo storico della nostra società, da sempre

Dettagli

DISCIPLINARE DI ADESIONE RASSEGNA GASTRONOMICA: Tutti a tavola! Pesce in cassola e frittura

DISCIPLINARE DI ADESIONE RASSEGNA GASTRONOMICA: Tutti a tavola! Pesce in cassola e frittura ATTUAZIONE ASSE 4 FEP 2007-2013 Mis. 4.1 Sviluppo sostenibile delle zone di pesca PSL Pesca e sviluppo sostenibile nel Nord Sardegna GAC Nord Sardegna Az. 244. RASSEGNA GASTRONOMICA: Tutti a tavola! Pesce

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA CANDIDATURA AL BANDO VALORIZZAZIONE 2015 SEZIONE N. 2 GIACIMENTI CULTURALI

LINEE GUIDA PER LA CANDIDATURA AL BANDO VALORIZZAZIONE 2015 SEZIONE N. 2 GIACIMENTI CULTURALI LINEE GUIDA PER LA CANDIDATURA AL BANDO VALORIZZAZIONE 2015 SEZIONE N. 2 GIACIMENTI CULTURALI a. STUDIO SCIENTIFICO Lo studio dovrà essere redatto in un testo tra le 3.000 e le 10.000 battute e dovrà giustificare

Dettagli

Bando di partecipazione per la prima edizione di ManinArte Artigianato diffuso tra le vie del centro storico

Bando di partecipazione per la prima edizione di ManinArte Artigianato diffuso tra le vie del centro storico Bando di partecipazione per la prima edizione di ManinArte Artigianato diffuso tra le vie del centro storico La scadenza per la presentazione delle domande è fissata alle ore 12.00 di lunedì 25 maggio

Dettagli

Nutrire il pianeta, energia per la vita. Progetto di Elena Cazzaniga - Elena Riva Azienda Agricola La Botanica - Birago (MB)

Nutrire il pianeta, energia per la vita. Progetto di Elena Cazzaniga - Elena Riva Azienda Agricola La Botanica - Birago (MB) Nutrire il pianeta, energia per la vita Expo 2015 Sarà l'occasione anche per ripensare e riacquistare i vecchi saperi e sapori legati ai mestieri del cibo e dell'accoglienza. Includerà tutto ciò che riguarda

Dettagli

PERCORSI FORMATIVI PER LE IMPRESE TURISTICHE CATALOGO FORMATIVO 2014/15

PERCORSI FORMATIVI PER LE IMPRESE TURISTICHE CATALOGO FORMATIVO 2014/15 PERCORSI FORMATIVI PER LE IMPRESE TURISTICHE CATALOGO FORMATIVO 2014/15 Sommario Presentazione generale...3 1. LA QUALITA e IL MARCHIO OSPITALITA ITALIANA...4 1.1 Elementi base della qualità totale nelle

Dettagli

Sviluppo sostenibile locale: Agenda 21 come processo partecipato e condiviso del nostro territorio

Sviluppo sostenibile locale: Agenda 21 come processo partecipato e condiviso del nostro territorio CoMoDo. Comunicare Moltiplica Doveri (art direction, grafica, fotografia Marco Tortoioli Ricci) Provincia di Terni in collaborazione con i Comuni della provincia Sviluppo sostenibile locale: Agenda 21

Dettagli

Chi siamo: Trame Territoriali è una Società di servizi non profit e una OLTA Tour Operator On Line

Chi siamo: Trame Territoriali è una Società di servizi non profit e una OLTA Tour Operator On Line TRAME TERRITORIALI Chi siamo: Trame Territoriali è una Società di servizi non profit e una OLTA Tour Operator On Line Cosa facciamo: Trame valorizza il territorio attraverso l identificazione, la selezione,

Dettagli

Il prodotto turistico

Il prodotto turistico Il prodotto turistico caratteristiche, elementi principali ed esempi pratici Nadia von Jacobi, Università di Pavia, IUSS, Politecnico di Milano Bernhard Bauer, Università di Vienna, Politecnico di Milano

Dettagli

Terre di Siena Ospiti di valore Un patto tra residenti e ospiti. Fiorenza Guerranti Direttore APT Siena

Terre di Siena Ospiti di valore Un patto tra residenti e ospiti. Fiorenza Guerranti Direttore APT Siena Terre di Siena Ospiti di valore Un patto tra residenti e ospiti Fiorenza Guerranti Direttore APT Siena - SEMINARIO 13 SETTEMBRE 2007 - SEMINARIO 13 SETTEMBRE 2007 Per la promozione turistica di una destinazione

Dettagli

SAPERI IN CAMPAGNA PROGRAMMA INTERREGIONALE COMUNICAZIONE ED EDUCAZIONE ALIMENTARE PROGRAMMA OPERATIVO 2005. Allegato alla deliberazione n.

SAPERI IN CAMPAGNA PROGRAMMA INTERREGIONALE COMUNICAZIONE ED EDUCAZIONE ALIMENTARE PROGRAMMA OPERATIVO 2005. Allegato alla deliberazione n. PROGRAMMA INTERREGIONALE COMUNICAZIONE ED EDUCAZIONE ALIMENTARE PROGRAMMA OPERATIVO 2005 SAPERI IN CAMPAGNA 1 PREMESSA Le nuove generazioni e la Sardegna: un rapporto che occorrerebbe rinsaldare attraverso

Dettagli

AGIRE POR Sviluppo locale orientato alle pari opportunità Sardegna Calabria Pacchetti Integrati di Agevolazione (PIA) Turismo e beni culturali BANDO

AGIRE POR Sviluppo locale orientato alle pari opportunità Sardegna Calabria Pacchetti Integrati di Agevolazione (PIA) Turismo e beni culturali BANDO Presidenza del Consiglio dei Ministr Dipartimento per i Diritti le Pari Opportun CALABRIA AGIRE POR Sviluppo locale orientato alle pari opportunità Sardegna Calabria Pacchetti Integrati di Agevolazione

Dettagli

Formazione e mobilità in Key Q

Formazione e mobilità in Key Q Formazione e mobilità in Key Q Giovanni Zonin Rovigno 12 aprile 2011 Sviluppo Curricula Didattici Obiettivo: definire, condividere, discutere e validare il piano didattico per tutti i moduli e le sessioni

Dettagli

I vantaggi per le strutture ricettive e le attività commerciali convenzionate

I vantaggi per le strutture ricettive e le attività commerciali convenzionate I vantaggi per le strutture ricettive e le attività commerciali convenzionate Normalmente nel Turismo sono proposti servizi creati ad hoc per le due macro categorie di clientela: B2B e B2C I SERVIZI PER

Dettagli

Promuovere il territorio per promuovere il turismo

Promuovere il territorio per promuovere il turismo Promuovere il territorio per promuovere il turismo Da territorio a destinazione turistica Dare risposte alla domanda di sviluppo di un territorio A livello nazionale A livello locale Per uno sviluppo a

Dettagli

DISCIPLINARE DELLA STRADA DEI VINI E DEI SAPORI DELLA PROVINCIA DI FERRARA

DISCIPLINARE DELLA STRADA DEI VINI E DEI SAPORI DELLA PROVINCIA DI FERRARA DISCIPLINARE DELLA STRADA DEI VINI E DEI SAPORI DELLA PROVINCIA DI FERRARA #################### Art. 1 Caratteri generali della Strada dei Vini e dei Sapori della Provincia di Ferrara Art. 2 Standard di

Dettagli

PROGETTO TUSCIA WELCOME

PROGETTO TUSCIA WELCOME PROGETTO TUSCIA WELCOME Valorizzazione e promozione del turismo integrato e sostenibile nella Tuscia Viterbese (Allegato alla determinazione del Segretario Generale n. 96 del 24/03/2014) Art. 1 Progetto

Dettagli

artigianato sardo tradizione, arte e design progetto preliminare di valorizzazione e promozione commercializzazione e tutela

artigianato sardo tradizione, arte e design progetto preliminare di valorizzazione e promozione commercializzazione e tutela artigianato sardo tradizione, arte e design progetto preliminare di valorizzazione e promozione commercializzazione e tutela francesco morandi sommario azione 1 _ il marchio ISOLA azione 2 _ la rete degli

Dettagli

ICS-L. Impresa Creativa per lo Sviluppo Locale

ICS-L. Impresa Creativa per lo Sviluppo Locale ICS-L Impresa Creativa per lo Sviluppo Locale Cosa è Ics-l Portale di e-commerce territoriale per promuovere e facilitare l acquisto dei prodotti delle aziende agroalimentari e artigianali della Val di

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI FINALITÀ Il presente documento denominato Protocollo di Accoglienza è una guida dettagliata d informazione riguardante l integrazione degli alunni

Dettagli

Nasce novità Obiettivo

Nasce novità Obiettivo Il Progetto Nasce la Cooperativa nel Giugno 2003 La novità dell iniziativa sta nel desiderio di questi ragazzi di non abbandonare il luogo in cui sono nati e cresciuti per trovare lavoro, ma di sfruttare

Dettagli

La Via Francigena Istruzioni per l uso

La Via Francigena Istruzioni per l uso La Via Francigena Istruzioni per l uso Un seminario formativo dedicato agli operatori turistici, ai funzionari pubblici e alle associazioni che vogliono conoscere meglio la Via Francigena e lo slow tourism

Dettagli

BUSINESS MODEL LE AREE DI BUSINESS

BUSINESS MODEL LE AREE DI BUSINESS RICERCHIAMO I MIGLIORI PRODOTTI TIPICI ENO E AGRO ALIMENTARI ITALIANI COMUNICHIAMO IL VALORE E LE TRADIZIONI CHE ESSI RAPPRESENTANO ACCORCIAMO LA FILIERA ATTRAVERSO 4 STRUMENTI: EVENTI, E-COMMERCE, SHOW

Dettagli

QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE PER IL RICONOSCIMENTO DEI MUSEI E DELLE RACCOLTE MUSEALI DI ENTE LOCALE EDI INTERESSE LOCALE

QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE PER IL RICONOSCIMENTO DEI MUSEI E DELLE RACCOLTE MUSEALI DI ENTE LOCALE EDI INTERESSE LOCALE QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE PER IL RICONOSCIMENTO DEI MUSEI E DELLE RACCOLTE MUSEALI DI ENTE LOCALE EDI INTERESSE LOCALE DATI GENERALI Dati informativi - descrittivi Denominazione del museo o della

Dettagli

COMITATO PROMOTORE DEL GRUPPO DI AZIONE LOCALE COLLINE JONICHE QUESTIONARIO E SCHEDA PER LA RACCOLTA PROPOSTE

COMITATO PROMOTORE DEL GRUPPO DI AZIONE LOCALE COLLINE JONICHE QUESTIONARIO E SCHEDA PER LA RACCOLTA PROPOSTE Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali Commissione Europea Regione Puglia COMITATO PROMOTORE DEL GRUPPO DI AZIONE LOCALE COLLINE JONICHE QUESTIONARIO E SCHEDA PER LA RACCOLTA PROPOSTE

Dettagli

Articolazione enogastronomia Secondo biennio 5 anno Terzo anno Quarto Quinto anno

Articolazione enogastronomia Secondo biennio 5 anno Terzo anno Quarto Quinto anno AL PARLAMENTO ITALIANO CAMERA DEI DEPUTATI - SENATORI AL MINISTRO DELL ISTRUZIONE Oggetto: Petizione - Riforma professionali IPSSAR secondo biennio e quinto scolastico proposta di modifica e integrazione.

Dettagli

Procedura per la candidatura

Procedura per la candidatura Procedura per la candidatura alla Bandiera arancione del Touring Club Italiano 1. COS È LA BANDIERA ARANCIONE... 2 2. GLI OBIETTIVI... 2 3. I REQUISITI... 2 4. I CRITERI DI ANALISI... 3 5. IL PERCORSO

Dettagli

CIRCOLO DIDATTICO DI NARNI SCALO ANNO SCOLASTICO 2011-2012 PROGETTO COMUNICAZIONE ED EDUCAZIONE ALIMENTARE

CIRCOLO DIDATTICO DI NARNI SCALO ANNO SCOLASTICO 2011-2012 PROGETTO COMUNICAZIONE ED EDUCAZIONE ALIMENTARE CIRCOLO DIDATTICO DI NARNI SCALO ANNO SCOLASTICO 2011-2012 PROGETTO COMUNICAZIONE ED EDUCAZIONE ALIMENTARE MANGIA, SALTA RIDI L Educazione Alimentare, oggi ha assunto un ruolo fondamentale nella determinazione

Dettagli

Pubblica Amministrazione Turistica. Aspetti generali Compiti

Pubblica Amministrazione Turistica. Aspetti generali Compiti Pubblica Amministrazione Turistica Aspetti generali Compiti Cenni storici Nel periodo tra le due guerre iniziò a maturare una maggiore consapevolezza del ruolo che il turismo poteva svolgere nell economia

Dettagli

Cibo, libri e... FIERA DI GENOVA

Cibo, libri e... FIERA DI GENOVA Cibo, libri e... FIERA DI GENOVA 21, 22, 23 Giugno 2013 FIERA DEL LIBRO E DEL TURISMO ENOGASTRONOMICO L editoria enogastronomica da alcuni anni registra una crescita notevole. I media hanno dato e continuano

Dettagli

Presentazione Evento. 24/30 Novembre 2014

Presentazione Evento. 24/30 Novembre 2014 Presentazione Evento 24/30 Novembre 2014 Brescia Gustosa è un collettore di eventi mirati alla promozione e valorizzazione delle caratteristiche e delle eccellenze del nostro territorio, bresciano e italiano,

Dettagli

Turismo di Comunità in Val di Rabbi

Turismo di Comunità in Val di Rabbi Turismo di Comunità in Val di Rabbi Sintesi del progetto Il Turismo di Comunità : definizione Il turismo responsabile di comunità è una nuova forma di accoglienza turistica, recentemente sviluppatasi in

Dettagli

COME CATTURARE I MOMENTI CHE CONTANO: raggiungere le persone giuste con il messaggio giusto al momento giusto, ogni volta.

COME CATTURARE I MOMENTI CHE CONTANO: raggiungere le persone giuste con il messaggio giusto al momento giusto, ogni volta. COME CATTURARE I MOMENTI CHE CONTANO: raggiungere le persone giuste con il messaggio giusto al momento giusto, ogni volta. Parlare di sessione online è ormai obsoleto: oggi non si va più online, si vive

Dettagli

IL PIANO DI SVILUPPO LOCALE SVILUPPO DELL OLTREPO PAVESE. Uno strumento per lo sviluppo delle imprese e del territorio

IL PIANO DI SVILUPPO LOCALE SVILUPPO DELL OLTREPO PAVESE. Uno strumento per lo sviluppo delle imprese e del territorio IL PIANO DI SVILUPPO LOCALE DELLA FONDAZIONE PER LO SVILUPPO DELL OLTREPO PAVESE Uno strumento per lo sviluppo delle imprese e del territorio LA FONDAZIONE PER LO SVILUPPO DELL OLTREPO PAVESE La Fondazione

Dettagli

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA Prot. n. (APA/01/D-294AA) LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA Visti: - la Legge 27 luglio 1999, n. 268 "Disciplina delle Strade del Vino"; - il D.M. 12 luglio 2000 Fissazione degli standard minimi di

Dettagli

CENTRO TURISTICO STUDENTESCO E GIOVANILE IL NETWORK CTS

CENTRO TURISTICO STUDENTESCO E GIOVANILE IL NETWORK CTS CENTRO TURISTICO STUDENTESCO E GIOVANILE IL NETWORK CTS I partecipanti all Assemblea Generale CTS del 2004 ad Atene PROTAGONISTI CON CTS Il Centro Turistico Studentesco e giovanile (CTS) è l associazione

Dettagli

Portualità. Dal 20 al 25 ottobre Dalle 10 alle 23. Navigo & Yare. Chiostri dell Umanitaria Via Daverio, 7 - Milano. Comuni, turismo & mare

Portualità. Dal 20 al 25 ottobre Dalle 10 alle 23. Navigo & Yare. Chiostri dell Umanitaria Via Daverio, 7 - Milano. Comuni, turismo & mare Dal 20 al 25 Dalle 10 alle 23 Chiostri dell Umanitaria Via Daverio, 7 - Milano Portualità Navigo & Yare Comuni, turismo & mare Alta Formazione Martedì 20 19,00-22,00 continuativo Giornalisti + PR + Editori

Dettagli

SERVIZI OFFERTI Il Museo della Città eroga i seguenti servizi:

SERVIZI OFFERTI Il Museo della Città eroga i seguenti servizi: CARTA DEI SERVIZI DEL COMUNE DI SASSARI Settore Sviluppo Locale, Politiche Culturali e Marketing Turistico Macro categoria attività Museo della Città Finalità attività Il Museo della Città, è il luogo

Dettagli

La nostra missione. AFC luxury advertising & events

La nostra missione. AFC luxury advertising & events La nostra missione nasce forte di un esperienza trentennale di Alessandro Francesco Colombo nel settore del turismo, degli eventi, dei servizi e della pubblicità ed offre una competenza sviluppata a livello

Dettagli

Totale delle ore di attività 198

Totale delle ore di attività 198 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE Via Domizia Lucilla Programmazione annuale A.S. 201/15 Mod. 7.1.A rev.

Dettagli

MESSINA 2020 - VERSO IL PIANO STRATEGICO

MESSINA 2020 - VERSO IL PIANO STRATEGICO MESSINA 2020 - VERSO IL PIANO STRATEGICO TAVOLO CON GLI ISTITUTI SCOLASTICI Verbale Incontro del 10 marzo 2009 ASSISTENZA TECNICA A CURA DI: RAGGRUPPAMENTO TEMPORANEO DI IMPRESE: NOMISMA SPA EURESGROUP

Dettagli

UNA GRANDE OPPORTUNITÀ PER UN BUSINESS PIU APPETIBILE.

UNA GRANDE OPPORTUNITÀ PER UN BUSINESS PIU APPETIBILE. UNA GRANDE OPPORTUNITÀ PER UN BUSINESS PIU APPETIBILE. cos è RISAMORE è il primo franchising del riso, un importante opportunità per chi vuole cimentarsi nel mondo della ristorazione, in Italia e nel mondo,

Dettagli

VOLONTARIATO, EXPO 2015 ED IL SISTEMA DEI CENTRI DI SERVIZIO PER IL VOLONTARIATO

VOLONTARIATO, EXPO 2015 ED IL SISTEMA DEI CENTRI DI SERVIZIO PER IL VOLONTARIATO VOLONTARIATO, EXPO 2015 ED IL SISTEMA DEI CENTRI DI SERVIZIO PER IL VOLONTARIATO PREMESSA L Italia, che ospiterà l Esposizione Universale del 2015, si caratterizza per un tessuto associativo tra i più

Dettagli

I prodotti della nostra terra non fanno il giro della Terra

I prodotti della nostra terra non fanno il giro della Terra I prodotti della nostra terra non fanno il giro della Terra Progetto rivolto alle classi della scuola primaria dell Emilia Romagna per l anno scolastico 2010-2011 COLDIRETTI Coldiretti, con un milione

Dettagli

VIII Edizione del Forum delle Camere di Commercio dell Adriatico e dello Ionio TAVOLO DEL TURISMO

VIII Edizione del Forum delle Camere di Commercio dell Adriatico e dello Ionio TAVOLO DEL TURISMO VIII Edizione del Forum delle Camere di Commercio dell Adriatico e dello Ionio TAVOLO DEL TURISMO Intervento del Dott. Michele De Vita Segretario Generale Forum 1 Attività svolte dal tavolo del turismo

Dettagli

RITI E TRADIZIONI: attività di conoscenza e fruizione di eventi tradizionali, artigianato, usi e costumi locali.

RITI E TRADIZIONI: attività di conoscenza e fruizione di eventi tradizionali, artigianato, usi e costumi locali. DISCOVERING SALENTO Un mondo di cose da fare. Che non hai mai fatto. Dal 15 novembre 2014 al 6 gennaio 2015 vieni a scoprire il Salento delle meraviglie. Ti aspettano circa 200 attività gratuite in un

Dettagli

RIUNIONE DIPARTIMENTO DATA: 11/02/2015 ACCOGLIENZA TURISTICA ORA INIZIO: 14.00

RIUNIONE DIPARTIMENTO DATA: 11/02/2015 ACCOGLIENZA TURISTICA ORA INIZIO: 14.00 RIUNIONE DIPARTIMENTO DATA: 11/02/2015 ACCOGLIENZA TURISTICA ORA INIZIO: 14.00 specificare il tipo di riunione: di dipartimento, gruppo per materia, gruppo di progetto, commissione,ecc ORA FINE: 16.00

Dettagli

OGGETTO: APPROVAZIONE PROTOCOLLO D INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO L'ANFITEATRO MORENICO DI IVREA. PAESAGGIO E CULTURA" VERSO EXPO 2015

OGGETTO: APPROVAZIONE PROTOCOLLO D INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO L'ANFITEATRO MORENICO DI IVREA. PAESAGGIO E CULTURA VERSO EXPO 2015 OGGETTO: APPROVAZIONE PROTOCOLLO D INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO L'ANFITEATRO MORENICO DI IVREA. PAESAGGIO E CULTURA" VERSO EXPO 2015 LA GIUNTA COMUNALE PREMESSO che: la Regione Piemonte ha

Dettagli

DISTRETTO NEORURALE DELLE TRE ACQUE DI MILANO Agricoltura, ambiente e turismo tra Villoresi, Ticino e Naviglio Pavese

DISTRETTO NEORURALE DELLE TRE ACQUE DI MILANO Agricoltura, ambiente e turismo tra Villoresi, Ticino e Naviglio Pavese DISTRETTO NEORURALE DELLE TRE ACQUE DI MILANO Agricoltura, ambiente e turismo tra Villoresi, Ticino e Naviglio Pavese Manifesto per l adesione delle aziende Il Distretto Neorurale delle tre acque di Milano

Dettagli

SEMINARIO PROVINCIALE A.SCUO.LA.

SEMINARIO PROVINCIALE A.SCUO.LA. SEMINARIO PROVINCIALE A.SCUO.LA. UN MODELLO UN MODELLO MARGHERITA LAI SEMINARIO PROVINCIALE A.SCUO.LA. Cosa è l Alternanza MODELLI: L alternanza scuola lavoro: UN NUOVO MODO DI FARE SCUOLA SEMINARIO PROVINCIALE

Dettagli

********************** VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

********************** VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE ORIGINALE COMUNE DI PARELLA Provincia di Torino ********************** VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 35 Del 15/10/2014 Oggetto: APPROVAZIONE PROTOCOLLO D'INTESA PER LA REALIZZAZIONE

Dettagli

LA FESTA DEL FUORISTRADA

LA FESTA DEL FUORISTRADA ENDURO RESORT e GETUP! MAGAZINE presentano LA FESTA DEL FUORISTRADA Sabato 2 - Domenica 3 Aprile 2011 Agriturismo La Torretta Borgo Priolo (PV) IL TARGET La festa del fuoristrada si rivolge ai fuoristradisti

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO NORD 1 BRESCIA

ISTITUTO COMPRENSIVO NORD 1 BRESCIA ISTITUTO COMPRENSIVO NORD 1 BRESCIA Codice fiscale : 98156990172 SINTESI PIANO OFFERTA FORMATIVA A.S. 2013/2014 SINTESI PROGETTO / ATTIVITA Sezione 1 Descrittiva 1.1 Denominazione progetto Indicare codice

Dettagli

Il PROGETTO OSPITALITÀ ITALIANA RISTORANTI ITALIANI NEL MONDO

Il PROGETTO OSPITALITÀ ITALIANA RISTORANTI ITALIANI NEL MONDO Il PROGETTO OSPITALITÀ ITALIANA RISTORANTI ITALIANI NEL MONDO Settembre 2011 1 Premessa La cucina italiana è il frutto di un secolare processo storico della nostra società, da sempre protagonista di significativi

Dettagli

REGIONE LAZIO Assessorato Ambiente e Cooperazione tra i Popoli PROGETTI INTEGRATI TERRITORIALI DELLE AREE PROTETTE

REGIONE LAZIO Assessorato Ambiente e Cooperazione tra i Popoli PROGETTI INTEGRATI TERRITORIALI DELLE AREE PROTETTE REGIONE LAZIO Assessorato Ambiente e Cooperazione tra i Popoli PROGETTI INTEGRATI TERRITORIALI DELLE AREE PROTETTE Agenzia Regionale Parchi Fabio Brini PIT aree protette Condizioni e opportunità per la

Dettagli

ALLEGATO 1 SCHEMA DI PROTOCOLLO DI INTESA PER LA COSTITUZIONE DEL PARTENARIATO TER- PREMESSO:

ALLEGATO 1 SCHEMA DI PROTOCOLLO DI INTESA PER LA COSTITUZIONE DEL PARTENARIATO TER- PREMESSO: ALLEGATO 1 SCHEMA DI PROTOCOLLO DI INTESA PER LA COSTITUZIONE DEL PARTENARIATO TER- RITORIALE DEL SISTEMA AMBIENTALE E CULTURALE DI [INSERIRE DENOMINAZIONE SAC] PREMESSO: che il Programma Operativo (PO)

Dettagli

Accordo di collaborazione decentrata SVILUPPO LOCALE INCENTRATO SULLA VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO CULTURALE

Accordo di collaborazione decentrata SVILUPPO LOCALE INCENTRATO SULLA VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO CULTURALE Accordo di collaborazione decentrata SVILUPPO LOCALE INCENTRATO SULLA VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO CULTURALE Il presente accordo nasce a seguito: - dell Accordo Quadro sottoscritto in data 13.10.2005,

Dettagli

VIE MICAELICHE E DEI SANTI PATRONI DI SICILIA

VIE MICAELICHE E DEI SANTI PATRONI DI SICILIA VIE MICAELICHE E DEI SANTI PATRONI DI SICILIA Programma di riferimento: Progetto di Eccellenza Progettazione e realizzazione di itinerari dedicati al segmento religioso (art. comma 228 della Legge 296/2006)

Dettagli

IL POSITIONING DEL PRODOTTO

IL POSITIONING DEL PRODOTTO IL POSITIONING DEL PRODOTTO Obiettivi: Far riconoscere i fattori fondamentali attraverso cui l azienda individua e interpreta gli orientamenti della clientela Acquisire consapevolezza dell'importanza di

Dettagli

Monteriggioni e la Via Francigena Work in progress. Rossana Giannettoni Assessore turismo e cultura del Comune di Monteriggioni

Monteriggioni e la Via Francigena Work in progress. Rossana Giannettoni Assessore turismo e cultura del Comune di Monteriggioni Monteriggioni e la Via Francigena Work in progress Rossana Giannettoni Assessore turismo e cultura del Comune di Monteriggioni Il contesto: Monteriggioni Monteriggioni tra Siena e Firenze e tra il Chianti,

Dettagli

A SCUOLA CON GUSTO. Progetto di educazione alimentare, sensoriale e del gusto

A SCUOLA CON GUSTO. Progetto di educazione alimentare, sensoriale e del gusto A SCUOLA CON GUSTO Progetto di educazione alimentare, sensoriale e del gusto Il progetto A SCUOLA CON GUSTO Il progetto A SCUOLA CON GUSTO, giunto oggi alla quarta edizione, mira ad avvicinare adulti e

Dettagli

IL POSITIONING DEL PRODOTTO TURISTICO

IL POSITIONING DEL PRODOTTO TURISTICO IL POSITIONING DEL PRODOTTO TURISTICO Far riconoscere i fattori fondamentali attraverso cui l azienda individua e interpreta gli orientamenti della clientela Acquisire consapevolezza dell'importanza di

Dettagli

PROMOZIONE E COMMERCIALIZZAZIONE DEGLI HOTEL ECOLOGICI DELLA PROVINCIA DI RIMINI

PROMOZIONE E COMMERCIALIZZAZIONE DEGLI HOTEL ECOLOGICI DELLA PROVINCIA DI RIMINI PROMOZIONE E COMMERCIALIZZAZIONE DEGLI HOTEL ECOLOGICI DELLA PROVINCIA DI RIMINI Il progetto Le Associazioni Albergatori di Rimini e Riccione insieme alla Provincia di Rimini, hanno progettato il nuovo

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SOCIALI

CARTA DEI SERVIZI SOCIALI CARTA DEI SERVIZI SOCIALI (ai sensi della L. n. 328/2000 e della L. R. n. 4/2007) Centro Diurno e Sostegno Educativo Domiciliare Aggiornata al Gennaio 2015 Consorzio C.S. Potenza CONFCOOPERATIVE FEDERSOLIDARIETA

Dettagli

CARTA DEI DIRITTI DELL'UTENTE DEL MUSEO DI STORIA NATURALE ED ARCHEOLOGIA DI MONTEBELLUNA

CARTA DEI DIRITTI DELL'UTENTE DEL MUSEO DI STORIA NATURALE ED ARCHEOLOGIA DI MONTEBELLUNA CARTA DEI DIRITTI DELL'UTENTE DEL MUSEO DI STORIA NATURALE ED ARCHEOLOGIA DI MONTEBELLUNA Il fruitore di servizi del museo ha diritto A) A ricevere in modo chiaro ed efficace tutte le informazioni sul

Dettagli

DIARIO DI LABORATORIO

DIARIO DI LABORATORIO Comune di Saluzzo Comune di Melpignano Progetto Pilota: Borghi della Felicità LAB. N 3 LABORATORIO SUI TEMI: CULTURA E IDENTITA' ECONOMIA DELL ESPERIENZA E OSPITALITA' COMUNE DI SALUZZO A. PRESENTAZIONE

Dettagli

Le castagne della Valle del Lujo

Le castagne della Valle del Lujo Le castagne della Valle del Lujo Istituto Tecnico Agrario Statale di Bergamo Classe 5 C a.s. 2007/2008 Banca Tutor Banca Popolare di Bergamo Credito Varesino Le castagne della Valle del Lujo EXECUTIVE

Dettagli

Andar per Mare M a r c h e - C r o a z i a

Andar per Mare M a r c h e - C r o a z i a Andar per Mare M a r c h e - C r o a z i a Premessa Il progetto denominato Andar per Mare vuole essere il momento promozionale dell attività della pesca nella Regione Marche, che è una delle più importanti

Dettagli

UN ORTO DI CLASSE Curare la terra, nutrire la vita.

UN ORTO DI CLASSE Curare la terra, nutrire la vita. UN ORTO DI CLASSE Curare la terra, nutrire la vita. Progetto rivolto alle classi della scuola primaria e secondaria di primo grado dell Emilia Romagna a.s. 2014-2015 Novità 2014/15 KIT PER ORTO DEL CONTADINO

Dettagli

Profilo professionale: PROMOTORE CONGRESSUALE Livello: 3

Profilo professionale: PROMOTORE CONGRESSUALE Livello: 3 Profilo professionale: PROMOTORE CONGRESSUALE Livello: 3 Competenze Materie Competenze associate C1 C2 SENSIBILIZZAZIONE DEI GRUPPI DI INTERESSE ORGANIZZAZIONE DI CONGRESSI, SEMINARI, MEETING, CONVENTION,

Dettagli

PROGETTO ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO

PROGETTO ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO PROGETTO ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO L alternanza scuola-lavoro, istituita tramite L. 53/2003 e Decreto Legislativo n. 77 del 15 aprile 2005 e successivamente innovata e regolamentata con i D.P.R. 15 marzo

Dettagli